Sei sulla pagina 1di 76

Carico limite

delle fondazioni superficiali

Terzaghi (1943)
Meyerhof (1963)
Rocce (1968)
Brinch Hansen (1970)
Vesic (1975)
Richards (1993)
EC7-2004 (2004)

http://bar-ingegneria.forumfree.it

MANUALE TEORICO
CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

CALIFFO
MANUALE TEORICO

A cura di
Giuseppe DI MAURO

Con contributi di:


Zax2013
AFazio

Con la partecipazione ed i suggerimenti degli amici del forum:


http://bar-ingegneria.forumfree.it

In copertina:
Solimano il Magnifico
Ismail Acar Collection 2012 – Turkish & Islamic Art Museum – Istanbul

MANUALE TEORICO
CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

INDICE

NOTE DELL’AUTORE.................................................................................................................................................................................................3
SIMBOLOGIA ...............................................................................................................................................................................................................4
PARTE I - IL CALCOLO DELLA CAPACITA’ PORTANTE .................................................................................................................................6
1 PREMESSA.........................................................................................................................................................................................................7
2 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI...............................................................................................................................................................7
2.1 Tipi di rottura per superamento del carico limite............................................................................................................................................8
2.2 Le dimensioni efficaci della fondazione ............................................................................................................................................................8
2.3 Il calcolo in presenza di terreno stratificato ...................................................................................................................................................11
2.4 Il calcolo in presenza di falda ..........................................................................................................................................................................13
3 LA CAPACITA’ PORTANTE IN PRESENZA DI SOLE AZIONI STATICHE........................................................................................16
3.1 L’espressione trinomia per il calcolo della capacità portante.......................................................................................................................16
3.2 La formulazione di Terzaghi (1943)................................................................................................................................................................17
3.3 La formulazione di Meyerhof (1963) ..............................................................................................................................................................20
3.4 L’espressione generalizzata di Brinch Hansen (1970) ...................................................................................................................................22
3.5 La versione generalizzata di Vesić (1975).......................................................................................................................................................29
3.6 La formula dell’Eurocodice 7 (EN 1997-1:2004/AC:2009) ...........................................................................................................................32
3.7 La formula “custom” implementata in Califfo...............................................................................................................................................34
3.8 La formula della normativa sismica greca (EAK 2000) ................................................................................................................................37
3.9 Contributi di altri autori all’espressione di Nγ ...............................................................................................................................................38
3.10 Indicazioni circa la scelta del valore dell’angolo di resistenza a taglio ........................................................................................................40
3.11 Considerazioni sull’uso delle varie formule in condizioni statiche ...............................................................................................................41
4 LA CAPACITA’ PORTANTE DELLE FONDAZIONI SU TERRENI COMPRESSIBILI ......................................................................43
4.1 La riduzione del valore dei parametri del terreno proposta da Terzaghi (1943) ........................................................................................44
4.2 La modifica di Vesić (1973) alla proposta di Terzaghi ..................................................................................................................................44
4.3 L’applicazione di fattori correttivi, proposta da Vesić (1973) ......................................................................................................................45
5 LA CAPACITA’ PORTANTE DELLE FONDAZIONI SUPERFICIALI SU ROCCIA............................................................................46
6 LA CAPACITA’ PORTANTE IN PRESENZA DI AZIONI SISMICHE ....................................................................................................49
6.1 Il calcolo pseudo-statico degli effetti inerziali del sisma ................................................................................................................................49
6.2 La scelta dei metodi sismici “globali” .............................................................................................................................................................50
6.3 La determinazione dei coefficienti sismici kh e kv...........................................................................................................................................51
6.4 Il metodo di Richards, Elms & Budhu (1993).................................................................................................................................................52
6.5 Il metodo di Budhu & Al-Karni (1993) ...........................................................................................................................................................54
6.6 Il metodo di Paolucci & Pecker (1997)............................................................................................................................................................56
6.7 Il metodo di Maugeri & Novità (2004) ............................................................................................................................................................58
6.8 Il metodo di Cascone et al. (2004)....................................................................................................................................................................59
6.9 Considerazioni sull’uso delle varie formule in condizioni sismiche..............................................................................................................60

MANUALE TEORICO Pag. 1 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

7 LA VERIFICA NEI CONFRONTI DELLO SCORRIMENTO ...................................................................................................................63


PARTE II - LA STIMA DEI CEDIMENTI ...............................................................................................................................................................65
8 INTRODUZIONE.............................................................................................................................................................................................66
9 LA STIMA DEI CEDIMENTI NEI TERRENI INCOERENTI ...................................................................................................................66
9.1 Il metodo di Fox (1948).....................................................................................................................................................................................67
PARTE III - APPENDICE E BIBLIOGRAFIA ........................................................................................................................................................68
10 APPENDICE .....................................................................................................................................................................................................69
10.1 Il fattore di forma sc nella formula di Brinch Hansen (1970)........................................................................................................................69
10.2 Il fattore di profondità dc nella formula di Brinch Hansen (1970) ...............................................................................................................70
10.3 Il fattore di forma sγ determinato sperimentalmente da de Beer (1967) ......................................................................................................70
11 BIBLIOGRAFIA ..............................................................................................................................................................................................72
11.1 Documenti effettivamente consultati da cui è stato tratto un contributo .....................................................................................................72
11.2 Documenti originali contenenti le ulteriori trattazioni citate nel presente manuale ...................................................................................73

MANUALE TEORICO Pag. 2 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

NOTE DELL’AUTORE

Questo manuale è aperto ai suggerimenti, alle collaborazioni e soprattutto alle critiche. Potete
postare le vostre opinioni sul forum all’indirizzo web http://bar-ingegneria.forumfree.it oppure
inviare le vostre e-mail all’indirizzo reversi@tin.it e tutto quanto perverrà sarà tenuto in opportuna
considerazione al fine di migliorare il contenuto del manuale.

Nel caso vogliate contribuire a scrivere parte del testo o correggere quanto già scritto, siete pregati
di inviare i vostri file in formato .doc, .rtf o .txt per agevolare il copia/incolla. Il testo del manuale è
liberamente selezionabile proprio per facilitare e stimolare la collaborazione esterna.

Al momento, sarebbe immensamente gradita l’offerta di realizzare le figure del manuale che ancora
mancano, oltre alla segnalazione di eventuali errori.

Si ringraziano Zax2013 per la realizzazione della copertina e parte delle figure ed AFazio per il suo
tangibile contributo.

Giuseppe DI MAURO

MANUALE TEORICO Pag. 3 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

SIMBOLOGIA

bc , bq , bγ coefficienti correttivi per inclinazione del piano di posa


c coesione efficace (per semplicità indicata senza apice)
ca adesione efficace (pari alla coesione efficace o a una sua frazione propria)
cu resistenza, o coesione, non drenata (misurata in termini di tensioni totali)
dc , dq , dγ coefficienti correttivi per l’approfondimento del piano di posa
dw profondità del piano di falda rispetto al piano di posa
eB eccentricità del carico nella direzione del lato B della fondazione
eL eccentricità del carico nella direzione del lato L della fondazione
gc , gq , gγ coefficienti correttivi per l’inclinazione del pendio
h altezza dello strato di terreno
ic, iq , iγ coefficienti correttivi per inclinazione del carico
k0 coefficiente di spinta a riposo
kh, kv coefficienti sismici, rispettivamente orizzontale e verticale
khi, khk coefficienti sismici orizzontali, rispettivamente per effetto inerziale e cinematico
q sovraccarico laterale, pari al carico agente sul piano di posa lateralmente alla fondazione
qtot sovraccarico laterale espresso in termini di tensioni totali
qult capacità portante ultima del terreno di fondazione
sc , sq , sγ coefficienti correttivi per la forma della fondazione
wd cedimenti differiti nel tempo
wi cedimenti immediati
wtot cedimento totale
x, y, z riferimento globale, definito dalla direzione di gravità e dal piano ad essa normale
x', y', z' riferimento locale, definito dal piano di posa della fondazione e dalla sua normale

A' area efficace della fondazione (pari al prodotto B'xL')


B lato minore della fondazione (pari al diametro nel caso di fondazione circolare)
B' lato minore della fondazione efficace
D approfondimento del piano di posa
Dr densità relativa (parametro richiesto per le sabbie)
Eed modulo edometrico del terreno
Es modulo elastico, o di Young, del terreno
G modulo di taglio del terreno
HB componente orizzontale del carico nel riferimento globale parallela al lato B
HL componente orizzontale del carico nel riferimento globale parallela al lato L
H'B componente del carico nel riferimento locale parallela al lato B'
H'L componente del carico nel riferimento locale parallela al lato L'
ICR indice di rigidità critico
IR indice di rigidità di Vesić
K A, K P coefficienti di spinta attiva e passiva, rispettivamente
L lato maggiore della fondazione (pari al diametro nel caso di fondazione circolare)
L' lato maggiore della fondazione efficace
MB componente del momento flettente nel riferimento globale nel piano del lato B
ML componente del momento flettente nel riferimento globale nel piano del lato L
M'B componente del momento flettente nel riferimento locale nel piano del lato B'
M'L componente del momento flettente nel riferimento locale nel piano del lato L'
N componente verticale del carico nel riferimento globale
MANUALE TEORICO Pag. 4 di 74
CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

N' componente del carico normale al piano di posa, nel riferimento locale
Nc, Nq , Nγ fattori di capacità portante
OCR Over Consolidation Ratio, grado di sovraconsolidazione del terreno
Qult carico ultimo sopportabile dal terreno di fondazione
RQD Rock Qualità Designation (parametro richiesto per le rocce)
SS fattore di amplificazione stratigrafica (cfr. NTC 2008)
ST fattore di amplificazione topografica (cfr. NTC 2008)

α angolo alla base della zona attiva


β angolo di inclinazione del pendio
γ peso dell’unità di volume del terreno (simbolo di utilizzo generale)
γ' peso efficace dell’unità di volume del terreno sotto falda (simbolo di utilizzo generale)
γn peso dell’unità di volume del terreno naturale (nelle condizioni in cui si trova in sito)
γq peso dell’unità di volume del terreno posto lateralmente alla fondazione
γsat peso dell’unità di volume del terreno saturo
γw peso dell’unità di volume dell’acqua (assunto pari a 10 kN/m3)
δ angolo di attrito lungo una parete di contatto
ζ c, ζ q , ζ γ coefficienti riduttivi di Vesić per rottura locale o punzonamento
η angolo di inclinazione del piano di posa nella direzione di B
θ angolo di inclinazione della sollecitazione sismica rispetto alla direzione di gravità
ν coefficiente di Poisson del terreno
φ angolo di resistenza a taglio in termini di tensioni efficaci (per semplicità, senza apice)
π angolo (in radianti) che sottende una semicirconferenza (pari a 3,1415 rad)
σ tensione normale efficace (per semplicità indicata senza apice)

MANUALE TEORICO Pag. 5 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

PARTE I
-
IL CALCOLO DELLA CAPACITA’ PORTANTE

MANUALE TEORICO Pag. 6 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

1 PREMESSA

CALIFFO è un software per il calcolo della capacità portante e dei cedimenti di fondazioni
superficiali sviluppato in forma collaborativa nel forum http://bar-ingegneria.forumfree.it e messo
liberamente a disposizione degli utilizzatori, conforme alle vigenti Norme Tecniche per le
Costruzioni.

Per quanto possibile, tutte le formule e le relazioni implementate nel codice sono state ricavate
dai documenti originali o, in mancanza di questi, da autorevoli pubblicazioni nelle quali le stesse
erano riportate.

Il presente manuale non vuole in alcun modo sostituirsi alle fonti di riferimento utilizzate per la
codifica del programma, tutte riportate in bibliografia. Esso si propone unicamente di fornire una
guida teorica agli utilizzatori del programma, illustrando le formule con le quali il programma
ottiene i vari risultati e proponendo una serie di esempi svolti manualmente per consentire la
validazione dei calcoli effettuati.

Peraltro, il manuale affronta la sola parte geotecnica, la cui trattazione nella normativa tecnica
vigente è data come nota. Nel manuale, invece, è data come nota la conoscenza della normativa
tecnica in vigore (attualmente NTC 2008 emanate con D.M. Infrastrutture 14 gennaio 2008 e
successiva Circolare 2 febbraio 2009, n. 617), cui si rimanda per eventuali approfondimenti. Non
c’è dubbio, quindi, che il programma debba essere usato solo con la necessaria consapevolezza delle
operazioni effettuate.

2 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI

La capacità portante ultima qult di un terreno, ovvero la tensione limite che quel terreno è in
grado di sopportare in condizioni di incipiente rottura, dipende da numerosi fattori, i principali dei
quali sono rappresentati dalle caratteristiche fisico-meccaniche del terreno stesso, dal tipo e dalla
forma della fondazione, dalle dimensioni di quest’ultima, nonché dal tipo di rottura che si ammette
possa verificarsi in quel terreno per effetto dei carichi che gli vengono applicati.

MANUALE TEORICO Pag. 7 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

2.1 Tipi di rottura per superamento del carico limite

In letteratura tecnica, sebbene non sia possibile prevedere con assoluta certezza il meccanismo di
rottura che si potrà innescare, è noto che la rottura del terreno per superamento del carico limite può
avvenire secondo 3 modalità:
rottura generale per taglio, o globale: tipica di un terreno poco compressibile (sabbia densa o
argilla fortemente sovraconsolidata), è caratterizzata dalla formazione di superfici di
scorrimento ben definite e da un diagramma carico-cedimenti che presenta un tratto elastico
lineare iniziale, un massimo in corrispondenza di qult e un successivo tratto discendente, ad
indicare un comportamento post-critico di tipo rammollente;
rottura per taglio locale, o plasticizzazione locale: tipica di un terreno mediamente
compressibile (sabbia mediamente densa o argilla debolmente sovraconsolidata), è caratterizzata
dalla formazione di superfici di scorrimento che non giungono fino al piano di posa della
fondazione, ma si arrestano all’interno del terreno. Il relativo diagramma carico-cedimenti non
mostra un picco marcato rendendo difficoltoso individuare qult oltre il quale si manifesta un
comportamento post-critico di tipo incrudente;
rottura per punzonamento: tipica di un terreno molto compressibile (sabbia sciolta o argilla
molle), è caratterizzata da una rottura appena accennata al di sotto della fondazione, il cui
affondamento è reso possibile dalla formazione di piani di taglio verticali senza generare
superfici di scorrimento. Il corrispondente diagramma carico-cedimenti presenta un ridotto tratto
elastico con curvature molto piccole cosicché il raggiungimento di qult è individuato da un
prefissato valore del cedimento.
In definitiva, la modalità secondo cui potrà verificarsi la rottura dipende sostanzialmente dalla
compressibilità del terreno, aspetto ben noto sotto il profilo qualitativo ma non ancora in maniera
completa sotto il profilo quantitativo.

Dopo aver introdotto le formule per il calcolo della capacità portante nel caso di rottura generale,
saranno quindi trattate in uno specifico capitolo le proposte rinvenibili in letteratura tecnica per
tener conto di una possibile differente modalità di rottura legata alla compressibilità del terreno.

2.2 Le dimensioni efficaci della fondazione

Se la fondazione non esercita ovunque sul terreno una tensione di compressione, poiché il terreno
non è capace di reagire a sforzi di trazione, l’area effettivamente reagente sarà inferiore all’area
d’impronta della fondazione.

Affinché l’area reagente effettiva sia inferiore all’area d’impronta della fondazione è condizione
necessaria che il carico sia eccentrico rispetto al baricentro della sezione, ma non condizione
sufficiente, potendosi comunque avere un carico applicato in un punto interno del nocciolo centrale
d’inerzia della sezione, senza parzializzazione della stessa.

Tutte le formule per il calcolo della capacità portante sono però state ricavate nelle ipotesi di
carico centrato per cui, anche in presenza di lieve eccentricità non in grado di produrre la
parzializzazione della sezione, è sempre necessario ricondurre la sezione geometrica ad una sezione
“fittizia” soggetta a carico centrato.

Per tener conto dell’eccentrità del carico, Meyerhof (1953) ha perciò introdotto il concetto di
dimensioni efficaci della fondazione, che dovranno essere utilizzate nelle usuali formule per il
calcolo della capacità portante in luogo delle reali dimensioni geometriche:

MANUALE TEORICO Pag. 8 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 B' = B − 2eB
 (B' ≤ L') (2.1)
 L' = L − 2eL
L’area efficace A' = B '⋅L' così definita sarà dunque la minima area di contatto il cui baricentro
coincide con il punto di applicazione del carico: ciò implica che operando con le dimensioni efficaci
si agisce comunque a vantaggio di sicurezza.

Dimensioni efficaci di una fondazione rettangolare BxL (Meyerhof, 1953).

Le eccentricità eB ed eL che intervengono nelle 2.1 si ottengono dal rapporto tra le corrispondenti
componenti del momento agente ed il carico normale N:
eB = M L / N
 (2.2)
eL = M B / N
Le dimensioni efficaci definite dalla 2.1 trovano applicazione propria solo nel caso di una
fondazione rettangolare di dimensioni geometriche BxL, ma possono essere estese a fondazioni di
sezione generica ricorrendo alla determinazione di una sezione rettangolare equivalente.

Si riportano nel seguito le soluzioni implementate nel programma per la determinazione della
sezione rettangolare equivalente nel caso di una fondazione circolare e nel caso di sezione generica.

In una fondazione circolare di raggio R soggetta ad un carico eccentrico, il punto di applicazione


del carico si localizza ad una distanza e = M/N dal baricentro geometrico della sezione. In tal caso,
la sezione efficace (nel senso di Meyerhof) avrà forma pressoché ellittica di semiassi:
 Be / 2 = R − e
 (2.3)
 Le / 2 = R 2 − e 2

MANUALE TEORICO Pag. 9 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Tale sezione ha un’area:


 e 
Aeff = 2 ⋅  R 2 arccos − e R 2 − e 2  (2.4)
 R 
La sezione rettangolare equivalente, i cui lati soddisfano alla condizione di mantenere invariato il
rapporto tra i semiassi dell’area efficace, avrà pertanto dimensioni individuate da:
 B' = Aeff ⋅ Be / Le

 (2.5)
 L' = Aeff ⋅ Le / Be

Sezione rettangolare equivalente di una fondazione circolare di raggio R caricata eccentricamente.

Nel caso di una fondazione di sezione generica, il programma procede in maniera analoga,
determinando la sezione rettangolare equivalente BxL avente baricentro coincidente con quello della
sezione originaria e stessa area.

La procedura consiste nell’individuare dapprima gli assi principali d’inerzia della sezione
(indicati con 1 e 2, per distinguerli dagli assi x e y del riferimento originario) e rispetto a questi
viene costruito il rettangolo equivalente di dimensioni:

 I
B = A ⋅ 1
 I2 (2.6)

L = A / B

MANUALE TEORICO Pag. 10 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Rispetto agli assi del riferimento originario, tale rettangolo sarà ruotato di un angolo:
 2 I xy 
α = 0,5 arctan 

(2.7)
 I yy − I xx 

Sezione rettangolare equivalente di una fondazione di sezione generica.

Le dimensioni efficaci vengono poi calcolate con riferimento alla sezione rettangolare
equivalente.

2.3 Il calcolo in presenza di terreno stratificato

Nel caso in cui il terreno di fondazione sia stratificato si dispone, per ciascuno strato, dei relativi
valori delle grandezze geotecniche.

Le varie formulazioni per il calcolo della capacità portante considerano però un terreno
omogeneo, facendo dipendere il calcolo da un unico valore dell’angolo di resistenza a taglio, della
coesione efficace, del peso dell’unità di volume e via dicendo.

Per utilizzare tali formule si impone dunque la ricerca di un valore rappresentativo di ciascuno di
questi parametri in funzione degli effettivi valori che caratterizzano ciascuno strato.

La soluzione implementata nel programma consiste nel ricavare una media aritmetica ponderata
dei parametri geotecnici di ciascuno strato di terreno, nella quale i pesi sono rappresentati dalle
altezze dei vari strati. La profondità significativa entro cui estendere la media può essere impostata
dall’utente mediante la scelta tra differenti opzioni presenti nel menu “Strumenti/Preferenze utente”.

MANUALE TEORICO Pag. 11 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Schema di fondazione su terreno stratificato.

La prima opzione consente di effettuare tale media entro una profondità definita come multiplo
della larghezza B della fondazione. Il valore proposto di default è 2B.

Pertanto, supponendo di non variare la profondità di default per il calcolo dei parametri del
terreno equivalente, se entro l’altezza 2B al disotto del piano di posa vengono riscontrati n strati di
terreno, di altezza rispettiva pari ad hi, detto pi il generico parametro rappresentativo dello strato i-
esimo, il valore mediato di p che verrà considerato nei calcoli è dato da:
p1h1 + p 2 h2 + ... + p n hn p1h1 + p 2 h2 + ... + p n hn
p= = (2.8)
h1 + h2 + ... + hn 2B

Nella 2.8 si può notare come lo strato n-esimo non venga considerato per l’intera sua altezza, ma
solo per l’aliquota hn che rientra entro la profondità significativa 2B, cioè per una altezza:
hn = 2B – h1 – h2 – … – hn–1 (2.9)
L’espressione 2.8 vale per tutti i parametri del terreno ad eccezione dell’angolo di resistenza a
taglio, per il quale la media ponderata (Bowles, 1991, 1997) è effettuata sulla sua tangente con la
formula:
h1 tan φ1 + h2 tan φ2 + ... + hn tan φn h1 tan φ1 + h2 tan φ2 + ... + hn tan φn
tan φ = = (2.10)
h1 + h2 + ... + hn 2B

MANUALE TEORICO Pag. 12 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

La seconda opzione prevista dal programma consente invece di effettuare la media per il calcolo
dei parametri del terreno equivalente entro la profondità raggiunta dal cuneo elastico, la quale viene
in tal caso determinata automaticamente.

2.4 Il calcolo in presenza di falda

La presenza di una falda prossima alla superficie del terreno influenza il valore ultimo di capacità
portante perché il terreno al disotto del livello di falda, soggetto alla spinta verso l’alto dell’acqua
nella quale risulta immerso, esercita un minore effetto stabilizzante nei confronti della rottura.

Schema di fondazione su terreno con presenza di falda.

Tale influenza si ha fino alla profondità massima raggiunta dalle superfici di rottura, oltre la
quale la presenza di falda non produce più alcun effetto sulla capacità portante. Convenzionalmente,
sebbene il programma sia in grado di calcolarla esattamente, detta profondità massima è assunta pari
a 2B al disotto del piano di posa, corrispondente a 2B+D rispetto al piano campagna.

Pertanto, qualora la falda si trovi ad una profondità non superiore a 2B+D rispetto al piano
campagna, se ne dovrà tenere conto in sede di calcolo, distinguendo il caso di condizioni drenate (in
cui si opera con tensioni efficaci) dal caso di condizioni non drenate (in cui si opera con tensioni
totali).

MANUALE TEORICO Pag. 13 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

In generale, il calcolo in presenza di falda può essere ricondotto al calcolo in presenza di terreno
stratificato assumendo che il piano di falda costituisca una superficie (eventualmente fittizia) di
separazione tra strati del terreno.

A tal fine, in fase di definizione dei parametri geotecnici di ciascuno strato, per tutti gli strati al
disopra del piano di falda si utilizzerà il peso γn dell’unità di volume del terreno naturale, misurato
nelle condizioni in cui questo si trova in sito (che potrà anche coincidere con γsat se il terreno
naturale ha un grado di saturazione S = 1); per tutti gli strati al disotto del piano di falda si utilizzerà
il peso γsat dell’unità di volume del terreno saturo.

Naturalmente, se indichiamo con γw il peso specifico dell’acqua (assunto costante e pari a 10


kN/m3), in condizioni drenate il peso efficace dell’unità di volume del terreno sommerso sarà
espresso dalla nota relazione γ' = γsat – γw.

2.4.1 Falda ad una profondità inferiore alla profondità del piano di posa

Indicando con dw il livello della falda rispetto al piano campagna, risultando in tal caso dw ≤ D,
per operare correttamente, si dovranno considerare 3 strati di terreno:
un primo strato, esteso dal piano campagna alla profondità dw del piano di falda, cui sarà
attribuito il peso specifico naturale γqn misurato in sito;
un secondo strato, esteso dalla profondità dw alla profondità D del piano di posa, cui sarà
attribuito il peso specifico saturo γqsat;
un terzo strato, al disotto del piano di posa, cui sarà attribuito il peso specifico saturo γsat.
In condizioni drenate, il programma provvederà automaticamente a calcolare il peso specifico
efficace γ' = γsat – γw per il terreno al disotto del piano di posa e ad assumere, per il terreno al
disopra del piano di posa, un peso specifico equivalente mediato sull’altezza D:
γ qn ⋅ d w + γ q '⋅( D − d w ) γ qn ⋅ d w + (γ qsat − γ w ) ⋅ ( D − d w )
γ q (eq) CD = = (2.11)
D D
In condizioni non drenate, il programma assumerà il peso specifico saturo γsat per il terreno al
disotto del piano di posa e, per il terreno al disopra del piano di posa, un peso specifico equivalente:
γ qn ⋅ d w + γ qsat ⋅ ( D − d w )
γ q (eq) CND = (2.12)
D

2.4.2 Falda a quota compresa tra la quota del piano di posa e la quota limite 2B+D

Indicando ancora con dw il livello della falda rispetto al piano campagna, risultando in questo
caso D < dw ≤ 2B+D, si dovranno considerare i seguenti 3 strati di terreno:
un primo strato, esteso dal piano campagna alla profondità D del piano di posa, cui sarà
attribuito il peso specifico naturale γqn misurato in sito;
un secondo strato, esteso dal piano di posa alla profondità dw del piano di falda, cui sarà
attribuito il peso specifico naturale γn misurato in sito;
un terzo strato, al disotto del piano di falda, cui sarà attribuito il peso specifico saturo γsat.
In condizioni drenate, il programma provvederà automaticamente ad assumere il peso specifico
naturale γqn per il terreno al disopra del piano di posa e a calcolare, per il terreno al disotto del piano
di posa, un peso specifico equivalente mediato sull’altezza 2B:

MANUALE TEORICO Pag. 14 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

γ n ⋅ (d w − D) + γ '⋅(2 B + D − d w ) γ n ⋅ (d w − D) + (γ sat − γ w ) ⋅ (2 B + D − d w )
γ (eq) CD = = (2.13)
2B 2B
In condizioni non drenate, il programma assumerà il peso specifico naturale γqn per il terreno al
disopra del piano di posa e, per il terreno al disotto del piano di posa, un peso specifico equivalente:
γ n ⋅ (d w − D) + γ sat ⋅ (2 B + D − d w )
γ (eq) CND = (2.14)
2B

2.4.3 Presenza contemporanea di falda e di terreno stratificato

Questo caso non è altro che una generalizzazione di quanto esposto nei precedenti paragrafi. Dal
punto di vista operativo, si procederà come segue:
il piano di posa ed il piano di falda saranno considerati come superfici (eventualmente fittizie) di
separazione tra strati;
a ciascuno strato sarà attribuito il peso specifico naturale se sopra falda ovvero il peso specifico
saturo se sotto falda;
per la definizione del peso specifico equivalente, si applicherà in maniera generalizzata
l’equazione 2.8 introducendo nella media, per ciascuno strato sotto falda, il peso specifico saturo
ovvero il peso specifico efficace in funzione delle condizioni di analisi (rispettivamente, a breve
o lungo termine).

Schema di fondazione su terreno stratificato con presenza di falda.

MANUALE TEORICO Pag. 15 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

3 LA CAPACITA’ PORTANTE IN PRESENZA DI SOLE AZIONI STATICHE

In questo capitolo saranno esposte brevemente le principali nozioni teoriche relative al calcolo
della capacità portante in presenza di sole azioni statiche, nell’ipotesi di rottura generale per taglio.
Si rimanda invece ad un capitolo successivo il calcolo della capacità portante in presenza anche di
azioni sismiche.

Per ciascun autore viene fornita la formulazione proposta per il calcolo in condizioni drenate e,
successivamente, in un sottoparagrafo, la formulazione proposta per il calcolo in condizioni non
drenate.

Ciò non perché si sia voluta dare una minore importanza al caso non drenato, ma solo perché in
condizioni drenate la formula è più complessa e richiede un’esposizione più ampia. Sarà poi
semplice passare all’esposizione della formula per le condizioni non drenate avendo già acquisito
parte delle espressioni e della simbologia.

3.1 L’espressione trinomia per il calcolo della capacità portante

L’espressione originaria per la valutazione della capacità portante delle fondazioni superficiali
con metodologie classiche ha la seguente forma trinomia:
qult = cN c + qN q + 0,5γBN γ (3.1)

Tale espressione è stata ricavata nell’ipotesi di poter sovrapporre i contributi alla resistenza a
taglio del terreno offerti rispettivamente dalla coesione, dal sovraccarico agente sul piano di posa e
dall’attrito opposto dal terreno allo scorrimento lungo le superfici di rottura, ciascuno valutato
assumendo nulli gli altri due.

I parametri che compaiono nella formula trinomia hanno il seguente significato:


c è la coesione efficace;
q = γqD è il sovraccarico agente alla profondità del piano di posa, dato dal prodotto del peso di
volume γq del terreno sovrastante il piano di posa per l’approfondimento D della fondazione;
γ è il peso di volume del terreno al disotto del piano di posa (coincidente o meno con γq);
B è la dimensione minore della fondazione, ovvero il diametro nel caso di fondazione circolare;
Nc, Nq ed Nγ sono invece i cosiddetti “fattori di capacità portante” in genere (ma non sempre)
funzioni solo dell’angolo φ di resistenza a taglio efficace del terreno al disotto del piano di posa.
E’ evidente che la 3.1 non permette di tener conto di tutte le possibili condizioni geometriche e di
carico che possono presentarsi nella pratica per cui numerosi autori hanno fornito dei contributi
teorici grazie ai quali è stato possibile estendere l’espressione originaria ai casi reali, mediante
l’introduzione di opportuni fattori correttivi, pur mantenendone la forma trinomia.

L’espressione più generale è pertanto la seguente:


qult = cN c sc d c ic g c bc + qN q s q d q iq g q bq + 0,5γB' N γ sγ d γ iγ g γ bγ (3.2)

In questa:
s è lo “shape factor”, fattore di forma;
d è il “depth factor”, fattore di profondità;
i è il “load inclination factor”, fattore di inclinazione del carico;
MANUALE TEORICO Pag. 16 di 74
CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

g è il “ground inclination factor”, fattore di inclinazione del terreno (fondazione su pendio);


b è il “base inclination factor”, fattore di inclinazione del piano di posa;
B' è la dimensione minore efficace della fondazione.
In base alle assunzioni teoriche poste a fondamento dei propri calcoli, autori diversi hanno
ricavato espressioni diverse per ciascun fattore correttivo: di conseguenza, appare appropriato
utilizzare, per ciascuna formulazione, l’espressione ricavata dal rispettivo autore evitando di
combinare tra loro espressioni ottenute a partire da ipotesi differenti.

In generale, tuttavia, vi è pressoché unanime accordo sulle espressioni da attribuire ai fattori di


capacità portante Nc ed Nq che, in quasi tutte le formulazioni implementate nel programma,
coincidono con le originarie espressioni ottenute rispettivamente da Prandtl (1921) e Reissner
(1924) in applicazione della teoria della plasticità, successivamente dimostrate come esatte da
Shield (1954):
N c = ( N q − 1) cot φ (3.3)
 φ
N q = e π tan φ tan 2  45° +  (φ in gradi) (3.4a)
 2
La seconda di queste, esprimendo l’angolo di resistenza a taglio in radianti, può essere riscritta
come:
π φ 
N q = eπ tan φ tan 2  +  (φ in radianti) (3.4b)
 4 2
Altrettanto non può invece dirsi per Nγ, variabile entro limiti molto ampi, come si vedrà meglio
più avanti. La ragione principale dello sviluppo di così numerose teorie per l’espressione di Nγ ed il
loro scarso accordo con i risultati sperimentali risiede nella difficoltà di individuare un valore
rappresentativo di φ ai fini del calcolo della capacità portante [DAS, 1987].

Il termine relativo ad Nγ non dà comunque un contributo significativo a qult e per esso può
pertanto essere utilizzato qualunque valore ragionevole [BOWLES, 1991].

Per quanto attiene alla forma delle superfici di rottura (nel caso di rottura generale), è possibile
individuare 3 zone da queste definite:
1. una zona centrale elastica, detta zona attiva, immediatamente al disotto della fondazione, a
forma di triangolo isoscele con lati inclinati di un angolo α sull’orizzontale, il cui valore non
è ben determinato e dovrà pertanto essere oggetto di una ulteriore ipotesi;
2. una zona laterale di taglio radiale, detta zona di Prandtl, a forma di triangolo mistilineo, il cui
B
lato inferiore è costituito da una spirale logaritmica di equazione r = eθ tan φ ;
2 cos α
3. una zona esterna di resistenza passiva, detta zona di Rankine, anch’essa a forma di triangolo
isoscele con i lati inclinati di un angolo 45° – φ/2 sull’orizzontale.

3.2 La formulazione di Terzaghi (1943)

Le ipotesi assunte da Terzaghi sono le seguenti:


(a) stato piano di deformazioni al disotto della fondazione (vero solo con fondazione nastriforme
di lunghezza illimitata);
(b) carico verticale e centrato;

MANUALE TEORICO Pag. 17 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

(c) angolo α alla base della zona attiva sotto la fondazione pari a φ;
(d) il contributo di resistenza a taglio lungo la superficie di contatto tra la zona di Prandtl e la
zona di Rankine può essere trascurato;
(e) il terreno laterale a quota superiore a quella del piano di fondazione può essere schematizzato
nel calcolo come un sovraccarico equivalente (pertanto le superfici di rottura considerate da
Terzaghi giungono fino alla quota del piano di posa).

Modello per il calcolo della capacità portante di Terzaghi (1943).

Al fine di eliminare le limitazioni dovute all’ipotesi (a), Terzaghi introdusse dei coefficienti di
forma da applicare nei casi di fondazione di lunghezza finita, ottenendo così la seguente
espressione:
qult = cN c sc + qN q + 0,5γBN γ sγ (3.5)

In questa:
N c = ( N q − 1) cot φ (3.3)
 3π φ 
2 −  tan φ
 4 2
e
Nq = (φ in radianti) (3.6)
π φ 
2 cos  + 
2

 4 2
tan φ  K pγ 
Nγ =  − 1 (3.7)
2  cos φ 
2

Diagramma dei fattori di forma ricavati da Terzaghi.

MANUALE TEORICO Pag. 18 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Il fattore Nγ, oltre che dell’angolo φ, risulta funzione del parametro Kpγ, assimilabile ad un
coefficiente di spinta passiva, di cui però non è stata fornita l’espressione numerica. La valutazione
di Nγ può pertanto essere effettuata solo per via grafica, ricorrendo al diagramma pubblicato da
Terzaghi.

Scorrendo gli esempi svolti dallo stesso autore, oltre ad un ulteriore valore riportato sul grafico di
Nγ, è comunque possibile risalire ai seguenti 4 valori, da considerarsi, pertanto, esatti:
Nγ = 0 per φ = 0°; Nγ = 36 per φ = 34°; Nγ = 260 per φ = 44°; Nγ = 780 per φ = 48°.
Al fine di minimizzarne gli scostamenti rispetto a quelli originariamente determinati dall’autore,
sono stati implementati in Califfo, sotto forma tabellare, i valori di Nγ letti di grado in grado
direttamente dal grafico fornito da Terzaghi. Ove necessario, il programma provvede poi a calcolare
i valori di Nγ anche per angoli non interi mediante una interpolazione lineare tra i 2 valori più vicini.

A titolo di esempio, si riportano i valori di Nγ letti dal grafico pubblicato da Terzaghi ogni 2,5°:
φ° Nγ φ° Nγ φ° Nγ φ° Nγ
0° 0,000 12,5° 1,286 25° 10,280 35° 42,545
2,5° 0,228 15° 2,140 27,5° 14,741 37,5° 69,480
5° 0,446 17,5° 3,085 30° 20,426 38,86° 100,000
7,5° 0,664 20° 4,626 32,5° 28,929 44° 260,000
10° 0,883 22,5° 6,950 34° 36,000 48° 780,000
I fattori di forma, che presumibilmente Terzaghi ricavò dai risultati dei test condotti da Golder
(1941), assumono invece i seguenti valori:
Tipo di fondazione nastriforme circolare quadrata
sc 1,00 1,30 1,30
sγ 1,00 0,60 0,80
Relativamente al valore del coefficiente sc nel caso di fondazione a sezione quadrata o circolare,
è opportuno segnalare come esso sia oggi concordemente ritenuto differente nei due casi, risultando
maggiore per una fondazione circolare rispetto ad una fondazione di forma quadrata.

La formula di Terzaghi non tiene in conto né l’inclinazione del carico, né la sua eccentricità per
cui è evidentemente inapplicabile quando il carico agente orizzontalmente o il momento sollecitante
non possano essere trascurati.

Infine, è bene precisare che solo per D ≤ B il contributo alla resistenza offerto dalla superficie di
contatto tra la zona di Prandtl e la zona di Rankine può essere trascurato senza apprezzabili effetti
sul valore limite della capacità portante; invece, quanto più D > B, tanto più la formula di Terzaghi
tende ad essere conservativa.

3.2.1 Calcolo in condizioni non drenate

In condizioni non drenate, con l’usuale significato dei simboli, Terzaghi ricavò le espressioni:
3 
qult =  π + 1 ⋅ cu sc + qtot (fondazione ruvida) (3.8)
2 
qult = (π + 2) ⋅ cu sc + qtot (fondazione liscia) (3.9)

MANUALE TEORICO Pag. 19 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

3.3 La formulazione di Meyerhof (1963)

L’originaria formulazione di Meyerhof risale alle sue pubblicazioni del 1951 (in cui sono forniti i
soli fattori di capacità portante per carico verticale e fondazione nastriforme) e del 1953 (in cui è
proposta la sua estensione a casi più generali), ma la sua versione consolidata risale al 1963, che si
differenzia dalla precedente per la definitiva sistemazione data ai coefficienti correttivi.

Le ipotesi assunte da Meyerhof sono le seguenti:


(a) stato piano di deformazioni al disotto della fondazione (vero solo con fondazione nastriforme
di lunghezza illimitata);
(b) carico verticale e centrato;
(c) angolo α alla base della zona attiva sotto la fondazione pari a 45° + φ/2;
(d) la zona di Prandtl si estende parzialmente al disopra del piano di posa della fondazione e la
zona di Rankine, estesa fino al piano di campagna, è sovrastata da un cuneo di terreno libero.

Modello per il calcolo della capacità portante di Meyerhof (1963).

Al fine di eliminare le limitazioni dovute alle ipotesi (a) e (b), nonché di incrementare il
contributo alla resistenza offerto dalla zona di Rankine (che aveva dovuto approssimare negli
sviluppi analitici), Meyerhof introdusse dei coefficienti correttivi, ottenendo così la seguente
espressione:
qult = cN c sc d c ic + qN q sq d q iq + 0,5γB ' N γ sγ d γ iγ (3.10)

In essa, Nc ed Nq coincidono con le espressioni 3.3 e 3.4 determinate da Prandtl e Reissner,


mentre Nγ vale:
N γ = ( N q − 1) tan(1,4φ ) (3.11)

Per quanto riguarda invece i fattori correttivi, indicando con θ° l’inclinazione del carico rispetto
alla verticale (in valore assoluto), sono state proposte le seguenti espressioni:

MANUALE TEORICO Pag. 20 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 B' 2 φ
sc = 1 + 0,2 L' tan  45° + 2 
  
 (3.12)
s = s = 1 + 0,1 B' tan 2  45° + φ  (φ > 10°)
γ
 q L'  2

 D  φ
d c = 1 + 0,2 B tan 45° + 2 
  
 (3.13)
d = d = 1 + 0,1 D tan  45° + φ  (φ > 10°)
γ
 q B  2

  θ° 
2

ic = iq = 1 − 
  90° 
 2
(3.14)
  θ°
iγ = 1 − φ °  (φ > 0°)
  
Benché ciò abbia scarsi riscontri nella pratica ingegneristica, si noti come i coefficienti di forma
e di profondità non siano definiti per 0° < φ ≤ 10°, caso in cui si resta nell’incertezza sul rispettivo
valore. Per rendere comunque possibile il calcolo, Califfo estende la definizione di tali fattori ad
ogni valore di φ.

Secondo BOWLES [1991, 1997] i coefficienti di forma e di inclinazione del carico non andrebbero
mai applicati contemporaneamente ed in effetti, su entrambe le edizioni consultate, tale autore
propone 2 distinte equazioni, escludendo una volta i coefficienti i ed una volta i coefficienti s.

Di questa avvertenza non è stato possibile trovare traccia in altre pubblicazioni; tuttavia, un
altrettanto riconosciuto autore [DAS, 2009], benché lasci intendere che sia possibile combinare tutti i
fattori, scrivendo: “The general ultimate bearing capacity equation for a rectangular foundation …
can be extended to account for an inclined load”, negli esempi di calcolo risolti con la formulazione
di Meyerhof, esamina solo il caso di carico inclinato su fondazione di lunghezza infinita.

A dire il vero, nella sua pubblicazione originale, Meyerhof propone un’equazione in cui
compaiono solo i coefficienti d ed i, ma qui si ritiene che la mancata presenza dei fattori s sia dovuta
all’affermazione, fatta precedentemente, secondo cui i fattori N di capacità portante di una
fondazione rettangolare si ottengono dai corrispondenti fattori relativi a fondazioni nastriformi
moltiplicati per i coefficienti di forma della fondazione in esame.

Si ponga attenzione al terzo termine della formula trinomia, in cui occorre introdurre la larghezza
efficace B' e non quella geometrica B, come correttamente riportato in DAS [2009] ed in BOWLES
[1997], ma non in BOWLES [1991]. Allo stesso modo, si noti come le dimensioni efficaci vadano
utilizzate per calcolare i fattori di forma ma non quelli di profondità.

Comunemente, si ritiene che la formula di Meyerhof sovrastimi la capacità portante, per cui
potrebbe essere utile (oltre che ragionevole) non considerare i fattori di profondità per D < B, per
l’inaffidabile contributo alla resistenza offerto da uno strato di terreno troppo superficiale.

Un ulteriore miglioramento potrebbe consistere nell’utilizzare, in luogo dell’espressione 3.9, il


fattore Nγ proposto da Loukidis & Salgado (2010) ed ottenuto mediante interpolazione dei valori
numerici di Nγ determinati da Martin (2005) con il metodo delle caratteristiche:
MANUALE TEORICO Pag. 21 di 74
CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

N γ = ( N q − 0,6) tan(1,33φ ) (3.15)

3.3.1 Calcolo in condizioni non drenate

L’equazione proposta da Meyerhof, completa dei coefficienti correttivi per forma, profondità ed
inclinazione del carico è la seguente:
qult = (π + 2) ⋅ cu sc d c ic + qtot (3.16)

I fattori correttivi che compaiono nella 3.16 si ricavano dalle espressioni:


 B'
sc = 1 + 0,2
 L'
 D
d c = 1 + 0,2 (3.17)
 B
  θ° 
2

ic = 1 − 
  90° 

3.4 L’espressione generalizzata di Brinch Hansen (1970)

Considerando i risultati noti fino a quel momento e riprendendo due suoi precedenti studi (1955,
1961), Brinch Hansen suggerì che la maniera più semplice di estendere l’equazione trinomia per il
calcolo della capacità portante consisteva nell’adottare, per definizione, l’espressione generalizzata:
qult = cN c sc d c ic g c bc + qN q s q d q iq g q bq + 0,5γB' N γ sγ d γ iγ g γ bγ (3.2)

In questa, Nc ed Nq coincidono con le espressioni 3.3 e 3.4 determinate da Prandtl e Reissner,


mentre per Nγ è fornita l’espressione empirica:
N γ = 1,5 ⋅ ( N q − 1) tan φ (3.18)

Schema di riferimento per il calcolo della capacità portante di Brinch Hansen (1970).

MANUALE TEORICO Pag. 22 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Per la determinazione dei coefficienti correttivi che compaiono nella 3.2 occorrerà distinguere il
caso di carico verticale (ovvero normale al piano di posa) dal caso di carico inclinato rispetto alla
normale al piano di posa, trattato in un successivo paragrafo.

Nel caso di carico non inclinato, per i fattori di forma sq ed sγ Brinch Hansen suggerisce di
adottare le espressioni proposte da de Beer (1967) mentre per ottenere sc si dovrà usare la legge di
correlazione che lega i termini relativi alla coesione con quelli relativi al sovraccarico (si invita a
leggere l’appendice per la sua giustificazione teorica):
 1 − sq 1 − sq
sc = s q − = sq −
 N q −1 N c tan φ
 B'
s q = 1 + sin φ (3.19)
 L'
 B'
sγ = 1 − 0,4 L'


Autori più recenti (Das, fra quelli consultati) ritengono invece più appropriata la terna dei fattori
di de Beer nella versione modificata da Vesić (1970), comunque rispettosa della citata legge di
correlazione (cfr. appendice), in cui però sq è espresso in funzione di tan φ invece che di sin φ:
 N q B'
sc = 1 +
 N c L'
 B'
s q = 1 + tan φ (3.19')
 L'
 B'
sγ = 1 − 0,4 L'

Solamente BOWLES fa una commistione di espressioni e, mentre nella 4a ed. italiana [1991]
erano adottate in toto le 3.19', nella 5a ed. internazionale [1997] per sq è proposta la seconda delle
3.19 e per sc è proposta la prima delle 3.19', tra loro non coerenti (cfr. appendice).

Nel caso di carico non inclinato, le espressioni analitiche proposte per i fattori di profondità sono
le seguenti, espresse in funzione della larghezza efficace:
1− dq 1− dq
dc = dq − = dq − (3.20a)
N q −1 N c tan φ
 2 D
d q = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) B ' ( D ≤ B' )
 (3.20b)
d q = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) 2 arctan D  ( D > B' )
  B' 
dγ = 1 (3.20c)

Nelle formule 3.20b vale la precisazione che la funzione arctan deve restituire i valori in radianti.

Per la 3.20a, BOWLES [1991, 1997] suggerisce le relazioni di seguito riportate, tratte da VESIĆ
[1973], che però specifica molto chiaramente che tali relazioni valgono per φ = 0. In questo manuale
non si concorda con Bowles, perché in tal caso dc non sarebbe coerente con dq (cfr. appendice):

MANUALE TEORICO Pag. 23 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 D
d c = 1 + 0,4 B ( D ≤ B)
 (3.20a')
d c = 1 + 0,4 arctan D  ( D > B)
 B
Infatti, utilizzando le espressioni 3.20a' (la prima delle quali – a meno di B in luogo di B' – è
stata formulata da Brinch Hansen nella pubblicazione del 1961, mentre la seconda è stata proposta
da Vesić nel 1973), si dovrebbe coerentemente utilizzare, come suggerito dallo stesso Brinch
Hansen (1961):
dc − 1
dq = dc − (3.20b')
Nq

Per le 3.20b, sempre BOWLES [1991, 1997] consiglia di adottare nel calcolo dei coefficienti di
profondità la larghezza reale B anziché la larghezza efficace:
 2 D
 d q = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) ( D ≤ B)
B
 (3.20b'')
d q = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) 2 arctan D  ( D > B)
 B
Tale suggerimento, proposto per primo da VESIĆ [1973], è senza dubbio condivisibile perché
cautelativo, considerata la ridotta affidabilità di cui godono i coefficienti di profondità. Sebbene si
possa dunque concordare con Bowles e Vesić, il programma, nel rispetto della formulazione
originale di Brinch Hansen, opera per default con le dimensioni efficaci. Tuttavia, nel menu
Strumenti/Preferenze utente, è comunque presente l’opzione per impostare l’uso delle dimensioni
reali, indicando così al programma di adottare le 3.20b'' in luogo delle 3.20b.

Qualora il piano di posa sia inclinato, detto η (in valore assoluto) l’angolo formato da questo con
l’orizzontale, i fattori di inclinazione della base, validi anche in presenza di carico inclinato, sono:
 1 − bq 1 − bq
bc = bq − N − 1 = bq − N tan φ
 q c
 − 2η tan φ
bq = e (η in radianti) (3.21)
 − 2 , 7η tan φ
bγ = e


Per la prima delle 3.21, BOWLES [1991, 1997] suggerisce la relazione di seguito riportata, sulla
quale qui non si concorda per quanto già detto nell’esposizione delle formule 3.20 (cfr. appendice):
η°
bc = 1 − (η° in gradi) (3.21')
147°
Nel caso di fondazione su pendio, detto β (in valore assoluto) l’angolo che questo forma con
l’orizzontale, i coefficienti correttivi, validi anche in presenza di carico inclinato, sono dati da:
 1− gq 1− gq
gc = g q − = gq −
 N q −1 N c tan φ (3.22)
 g = g = (1 − 0,5 tan β ) 5
 q γ

MANUALE TEORICO Pag. 24 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Si precisa che Brinch Hansen non ha lasciato alcuna formulazione per il coefficiente gc e, poiché
in tal caso questo non ha correlazione con gq, si rimane nell’incertezza sul valore da attribuirgli. Se
però si tiene conto, come lo stesso Brinch Hansen (1970) osserva, che il grafico della funzione gq ha
lo stesso andamento della iq, per analogia, appare ragionevole attribuire alla prima delle 3.22
l’espressione qui riportata [DAS, 2009].

Per la prima delle 3.22, BOWLES [1991, 1997] suggerisce invece la seguente relazione, sulla
quale qui non si concorda per quanto già detto nell’esposizione delle formule 3.20 (cfr. appendice):
β°
gc = 1 − (β° in gradi) (3.22')
147°

3.4.1 Il caso del carico inclinato rispetto alla normale al piano di posa (condizioni drenate)

Nel caso di un carico inclinato rispetto alla normale al piano di posa, occorrerà distinguere la
condizione in cui è presente la sola componente nella direzione di B' dalla condizione in cui è
presente una componente non nulla nella direzione di L' (indipendentemente dalla presenza o meno
della componente parallela a B').

Nel primo caso, infatti, il calcolo si limiterà ai soli coefficienti relativi alla componente parallela
a B', mentre nel secondo caso, per esaminare la doppia possibilità di rottura, occorrerà comunque
determinare tutti i coefficienti correttivi (ponendo eventualmente icB = iqB = iγB = 1 in mancanza
della corrispondente componente del carico), operando poi come specificato in seguito.

Detta HB la componente del carico parallela a B' (in valore assoluto) ed N la sua componente
normale al piano di posa (diretta verso il basso), indicando con ηB (in valore assoluto) l’angolo
formato dalla dimensione minore B' con l’orizzontale, i fattori correttivi per una possibile rottura
nella direzione di B' sono:
 1 − iqB 1 − iqB
icB = iqB − = iqB −
 N q −1 N c tan φ
 5
  0,5 H B 
iqB = 1 −  (ηB° in gradi) (3.23)
  N + B ' L' c cot φ 
 5
i = 1 − (0,7 − η B ° / 450°) ⋅ H B 
 γB  N + B ' L' c cot φ 

Oltre a non poter raggiungere valori superiori all’unità, è bene precisare che nessuno dei fattori di
inclinazione del carico può essere negativo. Se ciò dovesse accadere, si dovrà assumere una capacità
portante nulla in quanto, per il significato fisico della frazione entro parentesi, vorrebbe dire che la
componente trasversale del carico è così elevata da vincere l’attrito alla base della fondazione.

Si fa anche notare che BOWLES [1991, 1997], a denominatore delle espressioni 3.23, in luogo
della coesione c inserisce l’adesione ca che si sviluppa tra fondazione e terreno, accortezza che pare
ragionevole trattandosi di materiali differenti. Qualora nelle 3.23 si utilizzi l’adesione, in base alle
proprie considerazioni sulla rugosità della base, si potrà scegliere un valore 0,60 < ca/c < 1,00.

Analogamente, detta HL la componente del carico parallela ad L' (in valore assoluto) ed N la sua
componente normale al piano di posa (diretta verso il basso), indicando con ηL (in valore assoluto)

MANUALE TEORICO Pag. 25 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

l’angolo formato dalla dimensione maggiore L' con l’orizzontale, i fattori correttivi per una
possibile rottura nella direzione di L' sono:
 1 − iqL 1 − iqL
 i = i − = i −
N q −1 N c tan φ
cL qL qL

 5
  0,5 H L 
iqL = 1 −  (ηL° in gradi) (3.23')
  N + B' L' c cot φ 
 5
i = 1 − (0,7 − η L ° / 450°) ⋅ H L 
 γL  N + B' L' c cot φ 

In entrambi i casi, dovranno essere calcolati i coefficienti di forma e di profondità per ciascuna
delle due possibili ipotesi di rottura con le espressioni di seguito indicate:
 1 − s qB 1 − s qB
scB = s qB − = s qB −
 N q −1 N c tan φ
 iqB B'
s qB = 1 + sin φ (3.24)
 L'
 iγB B'
sγB = 1 − 0,4 ( scartare se < 0,6)
i L '
 γL

 1 − s qL 1 − s qL
scL = s qL − = s qL −
 N q −1 N c tan φ
 iqL L'
s qL = 1 + sin φ (3.24')
 B'
 iγL L'
sγL = 1 − 0,4 ( scartare se < 0,6)
 iγB B '

 1 − d qB 1 − d qB
d cB = d qB − = d qB −
 N q −1 N c tan φ
 2 D
d qB = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) ( D ≤ B' )
 B' (3.25)
 D
d qB = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) 2 arctan  ( D > B' )
  B' 
d = 1
 γB
 1 − d qL 1 − d qL
d cL = d qL − = d qL −
 N q −1 N c tan φ
 2 D
d qL = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) ( D ≤ L' )
 L' (3.25')
 D
d qL = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) 2 arctan  ( D > L' )
  L' 
d = 1
 γL

MANUALE TEORICO Pag. 26 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Determinati tutti i coefficienti correttivi, per procedere al calcolo della capacità portante ultima
occorrerà effettuare i confronti a coppie dei termini che compaiono nelle equazioni trinomie
costruite, rispettivamente, con i coefficienti relativi alle ipotesi di rottura nell’una e nell’altra
direzione.

Tra i 2 termini relativi alla coesione si adotterà quello di valore inferiore, così come dovrà
adottarsi il minore tra i 2 termini relativi al sovraccarico. Come conseguenza del teorema degli stati
corrispondenti, valida anche ai fini della verifica dei calcoli, entrambi questi contributi dovranno
pervenire dalla stessa componente del carico.

Per quanto riguarda il termine relativo al peso proprio, si adotterà quello corrispondente al
coefficiente sγ ≥ 0,6. Per la particolare struttura dell’espressione di sγ, infatti, uno dei 2 coefficienti
sarà necessariamente inferiore a 0,6. Tale condizione equivale ad adottare il valore sγ corrispondente
al minore tra i 2 prodotti iγBB' e iγLL'.

Qualora si voglia eseguire il calcolo dei coefficienti di profondità secondo il suggerimento di


Bowles, nel menu Strumenti/Preferenze utente si potrà selezionare l’apposita opzione per l’uso delle
dimensioni reali.

3.4.2 Calcolo in condizioni non drenate

Per la stima della capacità portante in condizioni non drenate, Brinch Hansen (1970) ha ritenuto
più plausibile assumere una formulazione additiva dei coefficienti correttivi piuttosto che una
formulazione moltiplicativa. Inoltre, ha ipotizzato di poter trascurare il contributo del sovraccarico
in quanto il termine relativo alla coesione è di solito dominante. Volendo, per completezza,
considerare anche tale termine l’espressione proposta è la seguente:
qult = (π + 2) ⋅ cu (1 + sc + d c − ic − bc − g c ) + qtot (3.26)

E’ immediato notare dalla 3.26 che la forma e l’approfondimento della fondazione forniscono un
contributo favorevole alla capacità portante, mentre l’inclinazione del carico, del piano di posa o del
pendio forniscono un contributo sfavorevole.

Distinguendo i 2 casi riferiti alla presenza delle 2 possibili componenti HB ed HL del carico, i
coefficienti correttivi proposti da Brinch Hansen valgono rispettivamente:
 i B'
scB = 0,2 cB
 L'
 D
d cB = 0,4 (3.27)
 B'
 HB
icB = 0,5 − 0,5 1 −
 B ' L ' cu

MANUALE TEORICO Pag. 27 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 i L'
scL = 0,2 cL
 B'
 D
d cL = 0,4 (3.27')
 L'
 HL
icL = 0,5 − 0,5 1 −
 B' L' cu

Si precisa che le espressioni di dc contenute nelle 3.27 e 3.27' valgono solo se D ≤ B' (ovvero
D ≤ L'), altrimenti:

 D
d cB = 0,4 arctan B' ( D > B' )
 (3.27'')
d = 0,4 arctan D ( D > L' )
 cL L'
In presenza di carico normale al piano di posa, sono nulli i coefficienti di inclinazione i per cui in
questo caso il coefficiente di forma sc non è più dipendente da questi (altrimenti sarebbe sempre
identicamente nullo) e vale l’espressione (Skempton, 1951):
B'
sc = 0,2 (3.28)
L'
Il coefficiente di profondità, invece, nel caso di carico normale al piano di posa, avrà
l’espressione di dcB tratta dalle 3.27 o 3.27'' in funzione del rapporto D/B.

In ogni caso, invece, si assumerà:


 2η
bc = π + 2
 (η, β in radianti) (3.29)
 g = 2β
 π +2
c

Ripetendo il calcolo nei 2 casi, la capacità portante ultima sarà data dal minore dei 2 valori qult,B e
qult,L.

3.4.3 Considerazioni finali

Da quanto sopra esposto, si evidenzia il fatto che la generalizzazione effettuata da Brinch Hansen
non parte da un approccio teorico ma rappresenta piuttosto un tentativo, seppur molto sistematico,
di raccogliere e presentare i risultati raggiunti fino a quel momento fornendo, altresì, uno strumento
analitico per poterli applicare contemporaneamente.

La maggior parte delle relazioni proposte rappresentano interpolazioni di dati numerici ottenuti
dallo stesso Brinch Hansen o da altri. Ad esempio, la formula proposta per Nγ è un’espressione
empirica il cui grafico risulta compreso tra la curva Nγ di Meyerhof (che si ritiene prossima al limite
superiore di Nγ) ed i valori numerici di Nγ individuati sperimentalmente da Odgaard per φ = 20° e
φ = 40°.

MANUALE TEORICO Pag. 28 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Inoltre, provenendo da diverse fonti, le relazioni proposte da Brinch Hansen non rappresentano
un corpus organico anche se, comunque, l’autore si è sempre mantenuto a favore di sicurezza.

3.5 La versione generalizzata di Vesić (1975)

Con la prima edizione del Foundation Engineering Handbook, del quale egli stesso curò il
capitolo 3 dedicato alla capacità portante delle fondazioni superficiali, Vesić propose la sua variante
all’espressione generalizzata di Brinch Hansen:
qult = cN c sc d c ic g c bc + qN q s q d q iq g q bq + 0,5γB ' N γ sγ d γ iγ g γ bγ (3.2)

In questa, Nc ed Nq coincidono con le note espressioni 3.3 e 3.4 determinate da Prandtl e


Reissner, mentre per il terzo fattore di capacità portante è riproposta un’espressione che Vesić aveva
già ottenuto nel 1973 interpolando i valori numerici di Nγ determinati da Caquot & Kerisel (1953):
N γ = 2 ⋅ ( N q + 1) tan φ (3.30)

Altra differenza con l’espressione di Brinch Hansen consiste nel fatto che sia i fattori di forma
che quelli di profondità non presentano alcuna dipendenza dall’inclinazione del carico.

Per i primi, modificando gli originari fattori di de Beer (1967), Vesić (1970) ha proposto:
 N q B'
sc = 1 +
 N c L'
 B'
s q = 1 + tan φ (3.19')
 L'
 B'
sγ = 1 − 0,4 L'

Per i secondi, precisando che la funzione arctan deve restituire i valori in radianti:
1− dq 1− dq
dc = dq − = dq − (3.20a)
N q −1 N c tan φ
 2 D
d q = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) B ( D ≤ B)
 (3.20b)
d q = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) 2 arctan D  ( D > B)
 B
dγ = 1 (3.20c)

Per quanto riguarda i fattori di forma, è bene precisare che nei documenti originali di Vesić essi
sono espressi in termini di dimensioni geometriche della fondazione, e non in termini di dimensioni
efficaci come riportato nella 3.19'. Ciò è dovuto al fatto che gli stessi sono stati definiti prima
ancora che fosse introdotta la correzione per carico eccentrico.

In Califfo, applicando un’interpretazione estensiva della correzione per carico eccentrico, i fattori
di forma sono calcolati con le dimensioni efficaci, coerentemente con le formule sopra riportate; il
programma prevede comunque un’opzione per utilizzare, nel calcolo dei coefficienti di forma, le
dimensioni reali.

MANUALE TEORICO Pag. 29 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

A proposito dei fattori di profondità, Vesić raccomanda espressamente di adottare il loro


contributo (sempre favorevole, perché sempre maggiori dell’unità) con molta cautela, sia nei casi in
cui il terreno al disopra del piano di posa sia un terreno di riporto sistemato dopo la realizzazione
della fondazione, sia quando il piano di posa sia molto superficiale ed ancora quando il terreno
laterale sia relativamente compressibile. Parimenti, non è opportuno utilizzare i fattori di profondità
quando D >> B perché in tal caso essi forniscono un incremento non realistico della capacità
portante, essendo ormai noto che ad elevate profondità è più probabile che si verifichi una rottura
per punzonamento piuttosto che una rottura generale per taglio.

Schema di riferimento per il calcolo della capacità portante di Vesić (1975).

In presenza di un carico inclinato rispetto alla normale al piano di posa, detta H la sua
componente parallela al piano di posa (in valore assoluto) ed N la sua componente normale al piano
di posa (diretta verso il basso), i fattori correttivi per carico inclinato valgono:
 1 − iq 1 − iq
ic = iq − N − 1 = iq − N tan
 q c φ
 m
  H 
iq = 1 −  (3.31)
  N + B ' L ' c cot φ 
 m +1

i = 1 − H 

 γ  N + B' L' c cot φ 

Come già per Brinch Hansen, oltre a non poter raggiungere valori superiori all’unità, nessuno dei
fattori di inclinazione del carico può essere negativo perché altrimenti, per il significato fisico della
frazione entro parentesi, vorrebbe dire che la componente trasversale del carico è così elevata da
vincere l’attrito alla base della fondazione.

Anche in questo caso, BOWLES [1991, 1997] pone a denominatore delle 3.31 l’adesione ca che si
sviluppa tra fondazione e terreno. Qualora nelle 3.31 si utilizzi l’adesione, in luogo della coesione c,
si potrà scegliere un valore 0,60 < ca/c < 1,00, in base alle proprie considerazioni sulla rugosità della
base.

MANUALE TEORICO Pag. 30 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Nelle 3.31, se θ (in valore assoluto) è l’angolo formato dalla componente H con la direzione di L,
facendo bene attenzione ad utilizzare le reali dimensioni geometriche B ed L, si ha:

m = mL cos 2 θ + mB sin 2 θ

 2+ L/B
m L = (θ ≤ 90°) (3.32)
 1+ L / B
 2+ B/L
mB = 1 + B / L

Qualora il piano di posa sia inclinato, detto η (in valore assoluto) l’angolo formato da questo con
l’orizzontale, i fattori di inclinazione della base, valgono:
 1 − bq 1 − bq
bc = bq − = bq −
 Nq −1 N c tan φ (η < π/4, in radianti) (3.33)
b = b = (1 − η tan φ ) 2
 q γ

Nel caso di fondazione su pendio, detto β (in valore assoluto) l’angolo che questo forma con
l’orizzontale, i coefficienti correttivi, sono dati da:
 1− gq 1− gq
gc = g q − = gq −
 N q −1 N c tan φ (β < π/4, β < φ) (3.34)
 g = g = (1 − tan β ) 2
 q γ

Nel caso di fondazione su pendio, Vesić (1975, pag. 131, fig. 3.18) fa anche notare che nel
secondo termine dell’equazione trinomia, la corretta espressione del sovraccarico è:
q = γ q D cos β (3.35)

Egli aggiunge inoltre che qualora β < φ/2 è ammesso trascurare i preesistenti sforzi di taglio nel
terreno, ma ove risulti φ/2 < β < φ la determinazione della capacità portante dovrà essere affiancata
ad una verifica di stabilità globale.

3.5.1 Calcolo in condizioni non drenate

La formula generalizzata adottata da Vesić nel caso di condizioni non drenate è la seguente:
qult = (π + 2) ⋅ cu sc d c ic g c bc + qtot + 0,5γB ' N γ (3.36)

Si noti in essa la presenza del termine che fornisce il contributo del peso proprio, nel quale:
N γ = −2 sin β (3.37)

I fattori correttivi da utilizzare nella 3.36 valgono:

MANUALE TEORICO Pag. 31 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 B'
sc = 1 + 0,2 L'

d = 1 + 0,4 D ( D ≤ B)
 c B

d c = 1 + 0,4 arctan D ( D > B)
 B
 mH
(angoli in radianti) (3.38)
ic = 1 −
 B' L' cu N c

 g c = 1 − 2β
 π +2
 2η
bc = 1 −
 π +2

3.6 La formula dell’Eurocodice 7 (EN 1997-1:2004/AC:2009)

La formula per il calcolo della capacità portante suggerita dall’Eurocodice 7, appendice D, punto
D.4 (con valore solo informativo, e non prescrittivo), consiste nell’espressione trinomia
generalizzata a meno di alcuni fattori correttivi, che vengono omessi:
qult = cN c sc bc ic + qN q s q bq iq + 0,5γB ' N γ sγ bγ iγ (3.39)

Come già altre formule, Nc ed Nq sono definiti dalle note espressioni 3.3 e 3.4, mentre per Nγ è
proposta l’espressione (valida solo se la fondazione è sufficientemente ruvida, ragione per cui è
fissata la condizione che l’angolo d’attrito fondazione/terreno sia δ ≥ φ/2):
N γ = 2 ⋅ ( N q − 1) tan φ (3.40)

I fattori correttivi per forma, inclinazione della base (con angolo η rispetto all’orizzontale,
espresso in valore assoluto) ed inclinazione del carico (con componenti H parallela al piano di posa
ed N normale ad esso) sono invece dati da:
 1 − sq sq N q − 1
sc = sq − =
 N q −1 N q −1
 B'
sq = 1+ sin φ ( per fondazioni di forma generica)
 L'
sq = 1 + sin φ ( per fondazioni quadrate o circolari ) (3.41)

 sγ B'
= 1 − 0,3 ( per fondazioni di forma generica)
 L'
s = 0,7 ( per fondazioni quadrate o circolari )
 γ


 1 − bq bq N q − 1
b = b − =
N c tan φ Nq −1
c q
 (η in radianti) (3.33)
b = b = (1 − η tan φ ) 2
 q γ

MANUALE TEORICO Pag. 32 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 1 − iq iq N q − 1
 i = i − =
Nq −1 N q −1
c q

 m
  H 
iq = 1 −  (3.31)
  N + B' L' c cot φ 
 m +1
i = 1 − H 

 γ  N + B' L' c cot φ 

Nelle 3.31, se θ è l’angolo formato dalla componente H con la direzione di L', si ha:

m = mL cos 2 θ + mB sin 2 θ

 2 + L' / B '
m L = (θ ≤ 90°) (3.42)
 1 + L' / B '
 2 + B' / L'
mB = 1 + B' / L'

Nelle 3.31, vale inoltre la condizione che la componente del carico parallela al piano di posa
deve soddisfare la limitazione H ≤ ( N + B ' L' c cot φ ) che fisicamente implica l’assenza di
scorrimento sul piano di posa.

Da un esame delle espressioni fornite, si verifica immediatamente che la formulazione adottata è


quella di Vesić, con alcune piccole eccezioni. Ad esempio, il fattore Nγ è cautelativamente più basso
di quello proposto da Vesić, ma allo stesso tempo è più alto di quello proposto da Brinch Hansen.

Appare inoltre opportuno segnalare la doppia definizione dei fattori di forma sq ed sγ,
rispettivamente valide l’una in generale e l’altra solo per fondazioni quadrate o circolari. Tale
specifica definizione induce ad una piccola riflessione: infatti, se una fondazione rettangolare per
geometria si riduce ad una fondazione in cui B' = L' per effetto dell’eccentricità dei carichi,
l’applicazione della prima o della seconda espressione è assolutamente indifferente. Il che
renderebbe quindi inutile la seconda definizione.

A parere dell’autore di questo manuale, la seconda espressione va pertanto applicata quando la


fondazione è quadrata o circolare con riferimento alle reali dimensioni geometriche e non alle
eventuali dimensioni efficaci (alla stregua di come si opera con la formula di Terzaghi). Questa è
l’interpretazione effettivamente implementata in Califfo. Qualora tale interpretazione non sia
condivisa, l’utente può superarla rendendo artificiosamente diverse le 2 dimensioni, anche di 1 solo
cm.

Infine, si vuole solo accennare alla errata definizione di H data dall’EC7, secondo cui H è la
componente orizzontale del carico, mentre è evidente che essa è la componente parallela al piano di
posa.

3.6.1 Calcolo in condizioni non drenate

L’equazione proposta dall’Eurocodice 7, appendice D, punto D.3 è la seguente:


qult = (π + 2) ⋅ cu sc bc ic + qtot (3.43)

I fattori correttivi che in essa compaiono si ricavano dalle espressioni:


MANUALE TEORICO Pag. 33 di 74
CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 B'
sc = 1 + 0,2 (ovvero sc = 1,2 per fondazioni quadrate o circolari )
 L'
 2η
bc = 1 − (3.44)
 π +2
 H
ic = 0,5 + 0,5 1 −
 B ' L ' cu

Si può osservare come nelle 3.44 il fattore ic contenga un segno positivo davanti al radicale,
mentre l’espressione di Brinch Hansen, da cui questo deriva, prevedeva il segno negativo. Ciò è
giustificato dal fatto che la formula di Brinch Hansen in condizioni non drenate ha una
formulazione additiva (ed è perciò richiesto ic = 0 nel caso di carico verticale) mentre l’EC7
propone una formulazione moltiplicativa (e quindi, se il carico è verticale, richiede ic = 1).

Inoltre, nelle 3.44, la componente del carico parallela al piano di posa deve soddisfare la
limitazione H ≤ B' L' cu che fisicamente significa assenza di scorrimento sul piano di posa (a meno
dell’attrito aggiuntivo dovuto al carico normale, che viene in questo caso trascurato a vantaggio di
sicurezza).

L’EC7 precisa altresì che il fattore di forma definito dalle 3.44 vale per sezioni rettangolari,
mentre per sezioni quadrate o circolari si assumerà sc = 1,2 in merito alla quale definizione si
ripropone l’osservazione già espressa nel precedente paragrafo.

3.7 La formula “custom” implementata in Califfo

Si tratta di una formulazione personalizzata realizzata dagli autori del programma per combinare
le espressioni dei vari coefficienti che, alla data attuale, compaiono nella letteratura tecnica più
recente e, come tale, non può essere ricondotta ad alcun autore specifico. Sostanzialmente, è stata
ottenuta dalla formulazione generalizzata di Vesić adattata in base ai risultati delle ricerche condotte
presso il “Centre for Geotechnical Science & Engineering” dell’Università di Newcastle.

La sua espressione formale è rappresentata dalla trinomia generalizzata, ormai ampiamente nota:
qult = cN c sc d c ic g c bc + qN q s q d q iq g q bq + 0,5γB ' N γ sγ d γ iγ g γ bγ (3.2)

In questa, Nc ed Nq assumono le espressioni 3.3 e 3.4 determinate da Prandtl e Reissner, mentre il


terzo fattore di capacità portante assume l’espressione proposta da Loukidis & Salgado (2010):
N γ = ( N q − 0,6) tan(1,33φ ) (3.15)

L’espressione 3.15 è stata ottenuta mediante interpolazione dei valori numerici di Nγ determinati
da Martin (2005) con il metodo delle caratteristiche e proposti in forma tabellare: se l’utente lo
preferisce, potranno quindi essere usati direttamente tali valori selezionando in Califfo l’apposita
opzione disponibile nel menu “Sub-teoria per Nγ”.

I coefficienti di forma e di profondità sono tratti da Lyamin et al. (2007) ed hanno,


rispettivamente, la seguente espressione:

MANUALE TEORICO Pag. 34 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 1 − sq
 cs = s −
N q −1
q

 0 , 7 −0 , 01φ 1−0 ,16 D / B
 D  B' 
s q = 1 + (0,098φ − 1,64)    (φ in gradi) (3.45)
 B  L' 
 B'
sγ = 1 + (0,0336φ − 1)
 L'

 1− dq
d c = d q −
 N q −1
 −0 , 27
 D
d q = 1 + (0,0036φ + 0,393)  (φ in gradi) (3.46)
  B' 
d γ = 1



Si precisa che, nell’articolo originale, il coefficiente sq è espresso in funzione del rapporto D/B'
che tuttavia è stato qui modificato in D/B a scopo conservativo. Per la stessa ragione è stato invece
mantenuto il rapporto D/B' nell’espressione del coefficiente dq.

I coefficienti correttivi per inclinazione del carico (con componenti H parallela al piano di posa
ed N normale ad esso) sono derivati da quelli originariamente proposti da Vesić e tengono conto dei
risultati teorici di Hjiaj et al (2004) secondo cui la loro espressione originaria non è cautelativa. In
questa formulazione, prendendo spunto dai suggerimenti di Bowles (1997), si è perciò ritenuto
opportuno incrementare di una unità il valore degli esponenti, in modo da avere 2 ≤ m+1 ≤ 3 e
3 ≤ m+2 ≤ 4:
 1 − iq iq N q − 1
ic = iq − =
 N q −1 N q −1
 m +1
  H 
iq = 1 −  (3.47)
  N + B ' L ' c cot φ 
 m+ 2
i = 1 − H 

 γ  N + B' L' c cot φ 

Per quanto riguarda il calcolo di m nelle 3.47, se θ è l’angolo formato dalla componente H con la
direzione di L', si ha:

m = mL cos 2 θ + mB sin 2 θ

 2 + L' / B '
m L = (θ ≤ 90°) (3.42)
 1 + L' / B '
 2 + B' / L'
mB = 1 + B' / L'

Nelle 3.47, vale inoltre la condizione che la componente del carico parallela al piano di posa
deve soddisfare la limitazione H ≤ ( N + B ' L' c cot φ ) che fisicamente implica l’assenza di
scorrimento sul piano di posa.

MANUALE TEORICO Pag. 35 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Qualora il piano di posa sia inclinato, detto η (in valore assoluto) l’angolo formato da questo con
l’orizzontale, i fattori di inclinazione della base, valgono (Vesić, 1975):
 1 − bq 1 − bq
bc = bq − = bq −
 Nq −1 N c tan φ (η < π/4, in radianti) (3.33)
b = b = (1 − η tan φ ) 2
 q γ

Nel caso di fondazione su pendio, detto β (in valore assoluto) l’angolo che questo forma con
l’orizzontale, i coefficienti correttivi, sono dati da (Vesić, 1975):
 1− gq 1− gq
gc = g q − = gq −
 N q −1 N c tan φ (β < π/4, β < φ) (3.34)
 g = g = (1 − tan β ) 2
 q γ

3.7.1 Calcolo in condizioni non drenate

La formula custom adottata da Califfo nel caso di condizioni non drenate è la seguente:
qult = (π + 2) ⋅ cu sc d c ic g c bc + qtot (3.48)

I coefficienti correttivi di forma e di profondità sono tratti da Salgado et al. (2004):


 B' D
sc = 1 + C1 ⋅ + C 2 ⋅
 L' B
 (3.49)
d = 1 + 0,27 D
 c B
I fattori moltiplicativi C1 e C2 che compaiono nell’espressione di sc sono funzioni della forma
della fondazione e si ricavano dalla seguente tabella:
B'/L' 1 (cerchio) 1 (quadrato) 0,50 0,33 0,25 0,20
C1 0,163 0,125 0,156 0,159 0,172 0,190
C2 0,210 0,219 0,173 0,137 0,110 0,090
Le equazioni paraboliche che approssimano per difetto i valori in tabella (esclusa la fondazione
di forma circolare) sono espresse da:
 2
2,23  B'  3,1635 B' 1,6835
 1
C = ⋅   − ⋅ + (comunque ≤ 0,190)
 6  L'  6 L' 6
 2
(3.50)
 1,91  B'  3,2595 B' 0,0355
C 2 = − 6 ⋅  L'  + 6 ⋅ L' − 6 (comunque ≥ 0)

I coefficienti correttivi per inclinazione del carico, della base e del pendio sono invece ricavati
dalla formulazione di Vesić (1975) incrementando del 10% il termine sottrattivo in ic per tener
conto dei risultati teorici di Hjiaj et al (2004) secondo cui l’espressione originaria non è cautelativa:

MANUALE TEORICO Pag. 36 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 1,1 ⋅ mH
ic = 1 − B' L' c N
 u c

 2β
gc = 1 − (angoli in radianti) (3.51)
 π +2
 2η
bc = 1 − π + 2

3.8 La formula della normativa sismica greca (EAK 2000)

La normativa sismica greca propone una formula per il calcolo della capacità portante delle
fondazioni superficiali ottenuta dalla combinazione di espressioni proposte da varie fonti.

La sua espressione formale è la seguente:


qult = cN c sc ic + qN q sq iq + 0,5γB' N γ sγ iγ (3.52)

In tale formula, tutti i fattori N di capacità portante sono valutati con le stesse espressioni adottate
dall’Eurocodice 7 (2004).

I coefficienti di forma sono ripresi dalla formulazione di Vesić (1970) con una leggera modifica
per il solo sγ:
 N q B'
 sc = 1 + N L'
 c

 B'
sq = 1 + tan φ (3.53)
 L'
 B'
sγ = 1 − 0,3 L'

I coefficienti di inclinazione del carico, invece, presentano espressioni diverse per ciascuna delle
componenti di H. Per la componente del taglio parallela alla direzione di B si ha:
 1 − iqB iqB N q − 1
icB = iqB − =
 N q − 1 N q −1
 3
  0,7 H B 
iqB = 1 −  (3.54)
  N + B ' L ' c cot φ 
 3
i = 1 − HB 

 γB  N + B' L' c cot φ 

Per la componente del taglio parallela alla direzione di L si ha invece:

MANUALE TEORICO Pag. 37 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 1 − iqL iqL N q − 1
icL = iqL − N − 1 = N − 1
 q q

 HL
iqL = 1 − (3.55)
 N + B' L' c cot φ
 HL
iγL = iqL = 1 −
 N + B' L' c cot φ

In presenza di entrambe le componenti del taglio, il generico coefficiente i da introdurre


nell’espressione della capacità portante sarà ottenuto mediante interpolazione in questo modo:
 HL
tan θ = H
 B
 (θ° in gradi) (3.56)
i = i 1 − θ  + i θ
 B
 90° 
L
90°

Si fa esplicitamente notare che l’espressione sopra riportata dell’angolo θ è invertita rispetto a


quella presente sulla norma greca EAK 2000 (formulata come tan θ = HB/HL) in quanto si avrebbe
l’assurdo, con l’espressione originaria, che i = iB in presenza di solo HL e viceversa.

3.8.1 Calcolo in condizioni non drenate

L’equazione proposta dalla norma EAK 2000, appendice G, punto G.2 è la seguente:
qult = (π + 2) ⋅ cu sc ic + qtot (3.57)

I coefficienti correttivi di forma e di inclinazione del carico sono dati da:


 B'
sc = 1 + 0,2 ⋅ L'

 (3.58)
ic = 0,5 + 0,5 1 − H
 B ' L ' cu

Qualora il taglio abbia componenti in entrambe le direzioni, si calcoleranno separatamente i due


coefficienti icB ed icL e si procederà alla loro interpolazione come nel caso drenato.

3.8.2 Considerazioni finali

Come è immediato vedere, la norma greca non tiene conto, nell’espressione generale,
dell’approfondimento della fondazione rispetto al piano campagna, dell’inclinazione del piano di
posa e dell’eventuale pendio. Essa specifica però che, in presenza di queste ulteriori condizioni, si
lascia al progettista l’onere di tenerne conto mediante l’introduzione di opportuni altri coefficienti
correttivi oppure mediante una più rigorosa analisi.

3.9 Contributi di altri autori all’espressione di Nγ

Oltre alle formulazioni complete esposte nei precedenti paragrafi, sono rinvenibili in letteratura
tecnica numerosi studi finalizzati ad individuare l’espressione più appropriata per il fattore di
capacità portante Nγ.

MANUALE TEORICO Pag. 38 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

La maggior parte di questi studi è stata condotta per via numerica ed i valori ottenuti sono stati
successivamente interpolati con un’espressione generale. Per questo motivo, per un certo campo di
variabilità dell’angolo φ, qualcuna di tali espressioni può essere più affidabile di altre, ma rimane
tuttora l’incertezza sulla forma chiusa, ricavata per via analitica, che possa essere considerata come
l’espressione generale di Nγ.

Si riepilogano qui di seguito le espressioni attualmente implementate nel programma.


 φ° 
N γ = 2( N q + 1) tan φ tan  45° +  (Chen, 1975) (3.59)
 5
N γ = e 0, 66+5,11 tan φ tan φ (Michalowski, 1997) (3.60)
π + 3π tan φ
2

Nγ = e 6
(tan φ ) 5
(Hjiaj et al., 2005) (3.61)
N γ = ( N q − 0,6) tan(1,33φ ) (Loukidis & Salgado, 2010) (3.62)
N γ = 0,1045e 9, 6φ (Poulos et al., 2001) (3.63)
N γ = 1,1 ⋅ ( N q − 1) tan 1,3φ (Spangler & Handy, 1982) (3.64)
N γ = 0,01e 0, 25φ (Feda, 1961) (3.65)
6φ °
Nγ = (Krizek, 1965) (3.66)
40 − φ °
N γ = e ( 0,173φ −1,646 ) (Ingra & Baecher, 1983) (3.67)
N γ = e ( 0,173φ −2, 046) (Ingra & Baecher, 1983) (3.68)
N γ = (2 N q + 1) ⋅ (tan φ )1,35 (Zhu et al., 2001) (3.69)
N γ = (2 N q + 1) ⋅ tan(1,07φ ) (Zhu et al., 2001) (3.70)
N γ = (2 N q + 1) ⋅ (tan φ )1, 45 (Zhu et al., 2001) (3.71)
N γ = 1,8 ⋅ ( N q − 1) tan φ (Brinch Hansen, 1961) (3.72)

Per le espressioni sopra riportate, è opportuno aggiungere le seguenti informazioni:


l’espressione di Chen rappresenta un limite superiore, quindi fornisce valori di Nγ leggermente
più elevati se confrontati con altre espressioni;
l’espressione di Michalowski, pur rappresentando anch’essa un limite superiore, fornisce valori
di Nγ più bassi di quella di Chen perché più accurata e ricavata ipotizzando un differente
meccanismo di rottura. Vale la pena segnalare che tale espressione, ai fini pratici, fornisce
all’incirca gli stessi valori dell’espressione di Vesić (1973) per cui è bene riguardare anche
quest’ultima come un limite superiore;
l’espressione di Poulos et al., ottenuta interpolando i risultati numerici di Booker (1969), vale
per φ > 0 espresso in radianti. Per il calcolo in condizioni non drenate (φ = 0), per definizione, si
assumerà Nγ = 0;
l’espressione di Feda vale per φ espresso in gradi. Da un confronto con altre espressioni, essa
appare notevolmente inaccurata, poiché conduce ad una sottostima di Nγ fino a 30° e ad una
sovrastima, anche notevole, al crescere di φ oltre 30°;
l’espressione di Krizek è l’unica proposta in forma algebrica, a differenza di tutte le altre che
prevedono funzioni trigonometriche o esponenziali: essa può dunque essere calcolata con carta e
penna. Essa tuttavia vale solo per Nγ nella formulazione di Terzaghi ed è applicabile
nell’intervallo 0° ≤ φ° ≤ 35°. Da aggiungere che Krizek fornì espressioni algebriche anche per
Nc ed Nq, qui non contemplate;

MANUALE TEORICO Pag. 39 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

le espressioni di Ingra & Baecher indicate come 3.67 e 3.68 valgono rispettivamente per L/B = 6
ed L/B = 1. Utilizzarle per altri valori di L/B è una forzatura, in quanto ricavate empiricamente
da prove su fondazioni reali aventi detti rapporti di forma;
l’espressione di Zhu et al. indicata come 3.69 è stata ottenuta nell’ipotesi di angolo alla base
della zona attiva pari a φ, corrispondente all’assunzione fatta da Terzaghi. Poiché il metodo
utilizzato da Zhu et al. nel ricavare Nγ è particolarmente accurato, deve ritenersi che
l’espressione fornita sia la migliore approssimazione di tale coefficiente nell’ipotesi assunta. Si
fa notare tuttavia che il fattore Nq da introdurre nella formula riportata, così come nelle 2
successive, non è quello di Terzaghi, bensì quello di Reissner [ZHU ET AL., 2001];
l’espressione di Zhu et al. indicata come 3.70 è stata ottenuta nell’ipotesi di angolo alla base
della zona attiva pari a 45° + φ/2, corrispondente all’assunzione fatta da Meyerhof e Vesić. Tale
espressione concorda bene con quella di Vesić fino ad un angolo φ di circa 35° mentre quella di
Meyerhof fornisce valori ad essa inferiori;
l’espressione di Zhu et al. indicata come 3.71 è stata ottenuta facendo variare l’angolo alla base
della zona attiva fino a ricavare il valore minimo di Nγ, che gli autori dichiarano essere
l’assunzione operata da Brinch Hansen (un riscontro effettuato sui documenti originali di Brinch
Hansen non ne ha però fornito conferma). E’ facilmente verificabile come l’espressione 3.71
fornisca valori superiori a quella di Brinch Hansen che, essendo derivata empiricamente, deve
pertanto ritenersi alquanto cautelativa.
Oltre alle espressioni analitiche sopra riportate, il programma implementa, sotto forma tabellare,
i valori numerici di Nγ determinati da Kumbhojkar (1993) e da Martin (2005). A tal proposito, si
deve aggiungere quanto segue:
i valori tabellati da Kumbhojkar (1993) sono stati determinati per via numerica sul modello di
Terzaghi (1943) per cui è opportuno che vadano applicati solo con tale formulazione. Essi
forniscono il valore di Nγ per angoli di resistenza a taglio fino a 50°: i valori per angoli decimali
sono ricavati mediante interpolazione lineare;
i valori tabellati da Martin (2005) sono ritenuti essere i valori esatti di Nγ e possono essere usati
con qualunque formulazione, tranne quella di Terzaghi (1943) perché ricavata con un differente
meccanismo di rottura. Tali valori sono tabellati per angoli di resistenza a taglio fino a 60°: i
valori per angoli decimali sono ricavati mediante interpolazione lineare.

3.10 Indicazioni circa la scelta del valore dell’angolo di resistenza a taglio

Tutte le espressioni per il calcolo della capacità portante delle fondazioni superficiali sono state
ricavate nell’ipotesi di uno stato di deformazione piana nel terreno al disotto del piano di posa. Ciò
è una diretta conseguenza dell’assunzione, negli sviluppi delle varie teorie, di una fondazione
nastriforme illimitata.

Per le ipotesi da cui discendono, i fattori di capacità portante Nc, Nq ed Nγ dovrebbero quindi
essere calcolati utilizzando l’angolo di resistenza a taglio φps ricavato da una prova in condizioni di
deformazione piana (ad esempio, una prova di taglio diretto). Altrettanto andrebbe fatto con il
calcolo dei coefficienti correttivi che dipendono dal valore dell’angolo di resistenza a taglio.

Qualora si disponga del valore dell’angolo di resistenza a taglio φtx ottenuto da una prova
triassiale si può ricavare il valore φps in condizioni di deformazione piana mediante una delle tante
correlazioni proposte in letteratura tecnica. Ad esempio, BUDHU (2011) suggerisce la seguente:
9
φ ps = φtx (3.73)
8
MANUALE TEORICO Pag. 40 di 74
CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

La relazione 3.73 comporta un incremento del 12,5% del valore di φtx che potrebbe, in alcuni
casi, rivelarsi eccessivo. Più cautelativa appare quindi la regola pratica [BRINCH HANSEN, 1970]:
φps = 1,1 φtx (3.74)
I risultati sperimentali confermano che l’introduzione di φps nelle formule di capacità portante
rappresenta il modo corretto di operare nel caso di fondazioni di forma allungata ma si riscontrano
ancora differenze tra i risultati teorici e quelli sperimentali nel caso delle fondazioni di forma
quadrata o ad essa assimilabile. Per tener conto di queste differenze, Meyerhof (1963) ha proposto:
 B
φ ps = 1,1 − 0,1  ⋅ φtx (3.75)
 L
Altra relazione comunemente usata è quella proposta da Lade & Lee (1976):
φps = 1,5 φtx – 17° (φtx > 34°) (3.76)
Qualora si usi la 3.76 è comunque bene, come suggerito da Bowles (1991, 1997), limitare la
correzione a non più di 5°.

Il valore di calcolo dell’angolo di resistenza a taglio in Califfo deve essere deciso dall’utente, in
quanto ritenuta una scelta di carattere progettuale. Le considerazioni qui esposte devono quindi
servire al progettista per operare a monte la propria scelta del valore di φ da inserire nel programma.

3.11 Considerazioni sull’uso delle varie formule in condizioni statiche

La disponibilità di così tante formule per il calcolo della capacità portante deve indurre ad una
attenta riflessione prima ancora dell’utilizzo di una qualsiasi di esse.

Ciascuna formula è stata infatti ricavata sotto precise ipotesi, che non sempre possono ritenersi
verificate nel caso reale oggetto del calcolo. Inoltre, i coefficienti correttivi, il cui utilizzo può far
variare di molto il risultato finale, sono tutti di natura semiempirica e vanno perciò usati con
accortezza.

Intanto bisogna avere coscienza che il calcolo condotto con la formula trinomia è intrinsecamente
approssimato, sebbene a favore di sicurezza [MICHALOWSKI, 1997]. Esso si basa infatti sull’ipotesi
di sovrapposizione di 3 termini, ciascuno calcolato assumendo nulli gli altri.

E’ stato dimostrato [SHIELD, 1954] che per un terreno privo di peso la capacità portante di una
fondazione nastriforme si può ottenere analiticamente in forma chiusa e vale:
qult = cN c + qN q (γ = 0) (3.77)

La formula 3.77, nella quale i fattori di capacità portante Nc ed Nq hanno le note espressioni di
Prandtl e Reissner, per quanto esatta, è però riferita ad una condizione irreale, poiché non esiste
alcun terreno privo di peso. Tradizionalmente, essa viene poi integrata con l’aggiunta di un terzo
termine calcolato nell’ipotesi di un terreno dotato di peso ma privo di coesione e di sovraccarico:
qult = 0,5γBN γ (c = 0; q = 0) (3.78)

L’approssimazione intrinseca, oltre alla non linearità tanto del legame costitutivo del terreno
quanto della distribuzione delle pressioni sul piano di posa in condizioni di incipiente collasso, sta
nel fatto che le superfici di rottura da cui discende la 3.77 non coincidono con quelle da cui

MANUALE TEORICO Pag. 41 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

discende la 3.78. Nella sostanza, i 3 termini dell’equazione trinomia non sono tra loro coerenti
perché si riferiscono a superfici di rottura differenti.

Come si è avuto modo di vedere nei precedenti paragrafi, fatta eccezione per Terzaghi che
ipotizzò un angolo φ, tutti gli altri autori hanno assunto un angolo alla base della zona attiva pari a
45° + φ/2. Tale ipotesi è quella più realistica, anche se, a rottura, si è visto che l’angolo in questione
risulta leggermente inferiore.

Ciò significa che il volume di terreno mobilitato nelle ipotesi di Terzaghi (da cui deriva il
contributo dovuto al peso proprio) e le superfici di rottura da lui considerate (lungo cui si sviluppa il
contributo dovuto alla resistenza a taglio) non corrispondono alla situazione reale e conducono ad
una sottostima della capacità portante.

Inoltre, Terzaghi sostituì il terreno al disopra del piano di posa con un sovraccarico equivalente
rinunciando così al contributo offerto da questo nei confronti della rottura, senza peraltro introdurre
dei coefficienti correttivi di profondità per poterlo eventualmente rimettere in conto.

Ed ancora, egli introdusse dei fattori di forma per i soli termini legati alla coesione e al peso
proprio, ma non per il termine legato al sovraccarico. Ma questa è una violazione del teorema degli
stati corrispondenti, dal quale deriva che non può esistere il coefficiente sc senza che esista sq, in
quanto correlati l’uno con l’altro.

Infine, non è tuttora chiaro quali siano stati gli sviluppi analitici che hanno condotto Terzaghi a
dare quella particolare formulazione al fattore di capacità portante Nγ.

Se ne deve concludere che la formula di Terzaghi, qualora si voglia perseguire una progettazione
corretta, moderna ed economicamente valida, deve essere abbandonata. Al più, la si potrà utilizzare
qualora le incertezze siano tali da far preferire una sottostima della capacità portante a discapito,
ovviamente, del costo finale della fondazione. In tali casi, appare comunque più indicato introdurre
nella formula di Terzaghi il valore di Nγ determinato con l’espressione di Zhu et al. (2001),
senz’altro più accurato per le ipotesi assunte.

BOWLES [1991, 1997] suggerisce di applicare la formula di Terzaghi ai terreni maggiormente


coesivi poiché, per tali terreni, a suo dire, altre formulazioni tendono a sovrastimare il carico limite.

Tutte le altre formulazioni, quanto ad angolo alla base della zona attiva si equivalgono (salvo
verificare quanto affermato da Zhu et al (2001) in merito al valore dell’angolo assunto da Brinch
Hansen (1970) che tuttavia dai documenti originali non emerge), ed infatti tutte propongono per Nc
ed Nq le espressioni di Prandtl e Reissner, che possono essere utilizzate a fini pratici senza
commettere errori apprezzabili [MICHALOWSKI, 1997].

Resta il problema di capire quale formula può rivelarsi più adatta al caso specifico. L’evidenza
che alcune formulazioni prevedono un maggior numero di coefficienti correttivi non implica affatto
che debbano essere ritenute migliori, giacché, per propria natura, tali coefficienti non poggiano su
una solida base teorica derivando in gran parte da analisi a posteriori di dati empirici.

Ad esempio, si noti la contraddizione nell’andamento dei fattori di forma. In tutte le formulazioni


sc ed sq sono sempre maggiori dell’unità, assumono il valore massimo per una fondazione quadrata
e decrescono al crescere di L, fino a valere 1 per fondazione nastriforme. Il coefficiente sγ, invece, al

MANUALE TEORICO Pag. 42 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

crescere di L, per Meyerhof è decrescente, mentre per Brinch Hansen e Vesić è crescente,
assumendo, per fondazione quadrata, il valore minimo.

L’esempio sopra riportato è utile, quindi, per capire che i coefficienti correttivi vanno guardati
sempre con grande attenzione.

In qualche modo, per la scelta dell’espressione più appropriata, si può pensare di farsi guidare dal
criterio cronologico, attribuendo una maggiore affidabilità alle formulazioni che sono state proposte
successivamente grazie alla maggior quantità di dati empirici e studi teorici di cui l’autore ha potuto
disporre.

In questa ottica, tra le formulazioni canoniche proposte dal programma (escludendo cioè la
formulazione “custom”), si dovrebbe attribuire la più elevata affidabilità all’espressione riportata
nell’Eurocodice 7. In un certo senso, ciò appare ragionevole, fatte però le dovute considerazioni
rispetto alla formula di Vesić, da cui essa deriva.

Innanzitutto, si nota l’uso da parte dell’EC7 di un diverso fattore Nγ, probabilmente ripreso dalla
norma tedesca DIN 4017 che lo ha adottato sulla base delle prove empiriche effettuate da Muhs
(1971).

Per quanto detto in precedenza, poiché l’espressione di Nγ proposta da Vesić è da ritenersi un


limite superiore [MICHALOWSKI, 1997], la sua sostituzione appare giustificata.

Si nota poi che l’Eurocodice 7 non prevede coefficienti correttivi né per l’approfondimento del
piano di posa, né per fondazioni in prossimità di un pendio.

Per quanto attiene ai primi, considerato l’inaffidabile contributo alla resistenza offerto da uno
strato di terreno troppo superficiale (ma anche nel caso in cui questo sia costituito da terreno
riportato al termine della fase di costruzione), può essere effettivamente utile (oltre che ragionevole)
non considerare i fattori di profondità per D < B. Per profondità più elevate, invece, può diventare
inutilmente penalizzante trascurare tale contributo.

Per profondità molto elevate, addirittura, tali coefficienti forniscono contributi irrealistici, sui
quali sarebbe gravissimo fare affidamento. A tali profondità, infatti, la fondazione non è più in
grado di mobilitare il terreno instaurando il meccanismo di rottura generale e potrà aversi, con
maggiore probabilità, una rottura per punzonamento [VESIĆ, 1973].

La mancanza, nell’EC7, dei coefficienti correttivi per l’approfondimento del piano di posa deve
perciò essere letta come un segnale di attenzione all’uso di tali coefficienti. Nulla vieta, al
progettista accorto, di applicarli coscientemente.

Per quanto riguarda la mancanza dei secondi, invece, l’EC7 vuole in tal modo indicare che la
semplicità dell’approccio mediante coefficienti correttivi è inadeguata ad affrontare il problema
della capacità portante in prossimità di un pendio, nel qual caso si dovrà quindi fare uso di altre
metodologie di analisi più appropriate.

MANUALE TEORICO Pag. 43 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

4 LA CAPACITA’ PORTANTE DELLE FONDAZIONI SU TERRENI COMPRESSIBILI

Come anticipato nel capitolo 2, la rottura generale per taglio di un sistema fondazione-terreno si
ha sicuramente solo nel caso di terreno incompressibile (sabbia densa o argilla fortemente
sovraconsolidata).
In presenza di un terreno mediamente compressibile (sabbia mediamente densa o argilla
debolmente sovraconsolidata), c’è invece la possibilità che si produca una rottura locale e, nel caso
di un terreno molto compressibile (sabbia sciolta o argilla molle), potrà aversi addirittura il
fenomeno del punzonamento.
Ne deriva che, in fase di dimensionamento di una fondazione su terreno compressibile, dovranno
prevedersi nel calcolo opportuni accorgimenti atti a limitare il valore del carico limite proprio al
fine di scongiurare la possibilità che si produca una rottura locale ovvero il punzonamento.

4.1 La riduzione del valore dei parametri del terreno proposta da Terzaghi (1943)

Terzaghi (1943) ha trattato in maniera estesa il meccanismo di rottura generale per taglio e solo
brevemente i rimanenti, limitandosi a suggerire che, in tali casi, appare ragionevole stimare la
capacità portante delle fondazioni superficiali introducendo, nei termini della ormai nota equazione
trinomia, valori opportunamente ridotti dei parametri del terreno (coesione efficace c ed angolo di
resistenza a taglio φ efficace) in luogo di quelli effettivi:
 2
crid = 3 c
 (4.1)
tan φ = 2 tan φ
 rid
3
Egli non ha però fornito alcun criterio pratico per poter individuare le condizioni in cui si possa
ammettere o escludere la possibilità di una rottura locale o per punzonamento invece di una rottura
generale per taglio.

4.2 La modifica di Vesić (1973) alla proposta di Terzaghi

La proposta di Terzaghi, prevedendo un abbattimento tout court dei valori dei parametri del
terreno c e φ, produce una discontinuità netta tra il valore di capacità portante in ipotesi di rottura
generale e l’analogo valore in ipotesi di rottura locale o punzonamento.

La realtà fisica, invece, mostra che al graduale aumentare della compressibilità del terreno
corrisponde una altrettanto graduale diminuzione della capacità portante, senza bruschi salti.

Utilizzando i risultati di prove empiriche di collassi di fondazioni su sabbia, Vesić (1973) ha


suggerito di modificare le relazioni proposte da Terzaghi introducendo una gradualità nella
variazione dell’angolo φ, cui corrisponde una variazione graduale della capacità portante:
crid = 0

 2 3 2 (4.2)
tan φrid =  3 + Dr − 4 Dr  tan φ
  
Le relazioni 4.2 si applicano solo alle sabbie e solo nell’intervallo di densità relativa 0 ≤ Dr ≤ 2/3.

MANUALE TEORICO Pag. 44 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Sebbene le 4.2 costituiscano un miglioramento delle 4.1, permane comunque l’incertezza circa
un valido criterio che consenta di individuare la modalità di rottura che ci si può attendere.

4.3 L’applicazione di fattori correttivi, proposta da Vesić (1973)

Un’indicazione quantitativa circa il possibile meccanismo di rottura può essere ottenuta


attraverso la valutazione dell’indice di rigidità, introdotto da Vesić (1973):
G
IR = (4.3)
c + σ ' tan φ
con il seguente significato dei termini:
G è il modulo di taglio del terreno;
c è la coesione efficace del terreno;
σ' è la tensione litostatica alla profondità D + B/2 dal piano campagna;
φ è l’angolo di resistenza a taglio in termini di tensioni efficaci.
Il meccanismo di rottura si trae dal confronto di IR con il valore critico:
 B  φ 
  3, 30 − 0 , 45  cot  45°−  
I CR = 0,5 ⋅ e  L  2 
(4.4)

Se IR ≥ ICR si avrà una rottura generale per taglio, se IR < ICR il meccanismo di rottura sarà per
plasticizzazione locale o punzonamento.

Nell’ipotesi IR < ICR e quindi di rottura locale o punzonamento, si potrà calcolare la capacità
portante della fondazione adottando una qualsiasi delle formulazioni proposte introducendo ulteriori
3 fattori correttivi per tener conto della compressibilità del terreno:
 1− ζ q
ζ c = ζ q −
 N q −1
 (4.5)
( 3, 07 sin φ )(log 2 I R ) 
  B
  − 4 , 4 + 0 , 6  tan φ +
1+ sin φ

ζ q = ζ γ = e  L 

Le espressioni 4.5 non possono assumere valori maggiori dell’unità. Si precisa inoltre che la
funzione log nelle 4.5 rappresenta il logaritmo decimale, e non quello neperiano.

4.3.1 Calcolo in condizioni non drenate

In condizioni non drenate, nell’ipotesi di terreno compressibile (IR < ICR), l’unico coefficiente
correttivo, anch’esso non maggiore dell’unità, si applica al solo termine Nc e vale:
B
ζ c = 0,32 + 0,12 + 0,60 log I R (4.6)
L

4.3.2 Il metodo per il calcolo del modulo di taglio G implementato nel programma

In mancanza di dati provenienti da prove dirette sul terreno, si può ottenere il valore del modulo
di taglio G che consente di calcolare l’indice di rigidità IR del complesso terreno-fondazione
attraverso il metodo analitico implementato nel programma.

Si parte dall’espressione del coefficiente di spinta a riposo generalizzata da Schmidt (1966):


MANUALE TEORICO Pag. 45 di 74
CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

k 0 = (1 − sin φ ) ⋅ (OCR ) a (4.7)

L’esponente a implementato di default nel programma vale a = sin φ, in modo che la 4.7 assuma
l’espressione proposta da Mayne & Kulhawy (1982):
k 0 = (1 − sin φ ) ⋅ (OCR ) sin φ (4.8)

E’ comunque possibile attribuire a tale esponente il valore che si preferisce, ad esempio a = 0,5
che si ritiene senz’altro più appropriato nel caso di argille sovraconsolidate, ottenendo così:

k 0 = (1 − sin φ ) ⋅ (OCR) (4.9)

Il grado di sovraconsolidazione predefinito nel programma è OCR = 1, corrispondente ad un


terreno normalconsolidato. Con tale valore, l’espressione generalizzata 4.7 si riduce alla originaria
formulazione di Jaky (1944):
k 0 = 1 − sin φ (4.10)

Disponendo dell’effettivo valore del grado di sovraconsolidazione, l’utente può comunque


inserire il valore di OCR più opportuno. Noto k0, si calcola il modulo di Poisson con la relazione:
k0
ν= (4.11)
1 + k0

Calcolato v e disponendo del modulo edometrico Eed, che viene prelevato dai dati inseriti
dall’utente nella maschera principale, si calcola il modulo di Young, o modulo elastico, del terreno:
(1 −ν − 2ν 2 )
E s = Eed ⋅ (4.12)
1 −ν
Infine, si calcola il modulo di taglio con la relazione:
Es
G= (4.13)
2 ⋅ (1 + ν )
In ogni caso, l’utente può intervenire in qualunque passaggio, inserendo i valori effettivamente
misurati nel terreno. In tal caso, tutti i valori dei parametri che seguono il parametro inserito
dall’utente saranno resi coerenti con questo adottando nel calcolo il valore reale.

5 LA CAPACITA’ PORTANTE DELLE FONDAZIONI SUPERFICIALI SU ROCCIA

Nel caso in cui la fondazione sia realizzata su roccia si può ricorrere al calcolo della capacità
portante mediante l’uso della formula trinomia solo con un artificio: bisogna infatti definire dei
parametri fittizi, rappresentativi delle caratteristiche reali della roccia, ma che consentano di trattare
la stessa alla stregua di un terreno, proprio al fine di poter applicare il tradizionale calcolo della
capacità portante.

Per questo passaggio preliminare si può ricorrere a vari strumenti, il più affidabile dei quali è
senz’altro il programma freeware RocLab, realizzato dall’equipe del dott. Evert Hoek e reso
disponibile sul sito http://www.rocscience.com previa registrazione. Tale programma, a partire dalla
classificazione della roccia secondo il criterio generalizzato di Hoek-Brown, è in grado di fornire in

MANUALE TEORICO Pag. 46 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

output i valori di c e φ che consentono di procedere con il calcolo della capacità portante secondo
metodi tradizionali.

Noti che siano i valori richiesti in input, il carico limite è determinato con l’espressione
generalizzata:
qult = cN c sc d c ic g c bc + qN q s q d q iq g q bq + 0,5γB ' N γ sγ d γ iγ g γ bγ (3.2)

In questa formulazione, i fattori di capacità portante assumono le espressioni proposte da Stagg


& Zienkiewicz (1968):

 4 φ
 N c = 5 tan  45° + 2 
  
 6 φ
 N q = tan  45° +  (φ in gradi) (5.1)
  2
Nγ = N q + 1


I coefficienti correttivi qui proposti, invece, sono tratti dalla formulazione di Vesić (1975) e
tengono conto delle modifiche introdotte dall’Eurocodice 7 (ripristino degli originari coefficienti di
forma e calcolo dei coefficienti di inclinazione del carico con le dimensioni efficaci).

I coefficienti di forma hanno quindi l’originaria espressione proposta da de Beer (1967) e fatta
propria da Brinch Hansen (1970):
 1 − sq 1 − sq
 sc = s q − = sq −
 Nq −1 N c tan φ
 B'
sq = 1 + sin φ (3.19)
 L'
 B'
sγ = 1 − 0,4 L'


I coefficienti di profondità, precisando che la funzione arctan deve restituire i valori in radianti,
hanno l’espressione proposta da Brinch Hansen (1970) e riadottata da Vesić (1975):
1− dq 1− dq
dc = dq − = dq − (3.20a)
N q −1 N c tan φ
 2 D
d q = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) B ( D ≤ B)
 (3.20b)
d q = 1 + 2 tan φ (1 − sin φ ) 2 arctan D  ( D > B)
 B
dγ = 1 (3.20c)

I coefficienti di inclinazione del carico derivano dalla formulazione dell’Eurocodice 7 (2004),


che ha ripreso, con modifiche, l’iniziale proposta di Vesić (1975):

MANUALE TEORICO Pag. 47 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 1 − iq iq N q − 1
 i = i − =
Nq −1 N q −1
c q

 m
  H 
iq = 1 −  (3.31)
  N + B' L' c cot φ 
 m +1
i = 1 − H 

 γ  N + B' L' c cot φ 

Nelle 3.31, se θ è l’angolo formato dalla componente H con la direzione di L', si ha:

m = mL cos 2 θ + mB sin 2 θ

 2 + L' / B '
m L = (θ ≤ 90°) (3.42)
 1 + L' / B '
 2 + B' / L'
mB = 1 + B' / L'

Nelle 3.31, vale inoltre la condizione che la componente del carico parallela al piano di posa
deve soddisfare la limitazione H ≤ ( N + B ' L' c cot φ ) che fisicamente implica l’assenza di
scorrimento sul piano di posa.

I fattori di inclinazione della base, indicando con η (in valore assoluto) l’angolo formato dal
piano di posa con l’orizzontale, hanno l’espressione proposta da Vesić (1975):
 1 − bq 1 − bq
bc = bq − = bq −
 Nq −1 N c tan φ (η < π/4, in radianti) (3.33)
b = b = (1 − η tan φ ) 2
 q γ

Anche nel caso di fondazione su pendio, indicando con β (in valore assoluto) l’angolo che questo
forma con l’orizzontale, i coefficienti correttivi sono tratti da Vesić (1975):
 1− gq 1− gq
gc = g q − = gq −
 N q −1 N c tan φ (β < π/4, β < φ) (3.34)
 g = g = (1 − tan β ) 2
 q γ

Naturalmente, nel caso di fondazione su pendio, la corretta espressione del sovraccarico è:


q = γ q D cos β (3.35)

La capacità portante determinata con la formula 3.2 è tuttavia valida solo per roccia integra, ma
deve essere opportunamente ridotta nel caso di roccia fratturata. In tale ultimo caso, possiamo
ridurre qult in funzione del Rock Quality Designation, indicato con RQD ed espresso in termini
decimali, secondo la relazione proposta da Bowles (1991, 1997):
qult ,rid = qult (RQD) 2 (5.2)

E’ bene precisare che, qualora il piano di posa sia stato approfondito con uno scavo a sezione
ampia o addirittura con uno sbancamento, sarà opportuno rinunciare all’applicazione dei coefficienti
di profondità poiché il riempimento non possiederà certo la stessa resistenza alla rottura della roccia
che costituisce il piano di posa.

MANUALE TEORICO Pag. 48 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Inoltre, qualora l’espressione 3.2 fornisca valori di capacità portante superiori alla resistenza
ultima del materiale costituente la fondazione (nella quasi totalità dei casi realizzata in
calcestruzzo), la capacità portante dovrà necessariamente essere limitata a tale valore.

Infine, ma pare anche superfluo specificarlo, non vi è in questo caso distinzione tra condizioni
drenate e non drenate.

6 LA CAPACITA’ PORTANTE IN PRESENZA DI AZIONI SISMICHE

Il calcolo della capacità portante in condizioni sismiche rappresenta un’estensione del calcolo in
condizioni statiche. A tal fine, nella gran parte, i metodi presenti in letteratura tecnica giungono al
calcolo della capacità portante in condizioni sismiche mediante l’introduzione di ulteriori ed
opportuni coefficienti, con espressioni diverse da parte dei vari autori, da applicare ai termini della
classica formula trinomia.

Gli effetti da considerare, nel calcolo della capacità portante sismica, possono essere distinti in
effetti inerziali, costituiti dall’aggravio delle sollecitazioni che (attraverso la fondazione) sono
trasmesse al terreno dalla sovrastruttura soggetta all’azione sismica, ed effetti cinematici, costituiti
dalle sollecitazioni indotte direttamente nel terreno dall’azione sismica.

Alcuni metodi proposti in letteratura tecnica consentono di calcolare in maniera differenziata i


due effetti sopra descritti: di conseguenza, si ha la possibilità di tener conto del solo effetto inerziale
(comunque obbligatorio per normativa) oppure di considerarli entrambi. Altri metodi, invece, non
consentono di separare tali due effetti e sono perciò chiamati metodi sismici globali.

Nel seguito del capitolo si espongono i metodi di calcolo della capacità portante in condizioni
sismiche implementati nel programma, aggiungendo per ciascuno le necessarie precisazioni che lo
rendono correttamente applicabile.

In generale, ogni metodo può essere indifferentemente applicato a ciascuna delle formulazioni
presentate per il caso statico, ma ciò richiede, per ogni possibile combinazione di teorie, di operare
talvolta le scelte più opportune, di cui si dirà nel relativo paragrafo.

6.1 Il calcolo pseudo-statico degli effetti inerziali del sisma

Gli effetti inerziali del sisma possono essere messi in conto, in maniera molto semplice, con un
approccio pseudo-statico: a tal fine, è sufficiente introdurre nel calcolo della capacità portante,
condotto mediante una delle teorie classiche, gli sforzi derivanti dall’analisi sismica della
sovrastruttura.

Affinché ciò sia possibile, è evidentemente necessario adottare una teoria che consenta di tener
conto dell’eccentricità dei carichi e della loro inclinazione. Si può verificare immediatamente che,
escluso Terzaghi (1943), tutte le successive teorie sono adatte.

Operata quindi l’iniziale scelta della teoria, gli effettivi valori del taglio H e del momento M alla
base della fondazione, così come derivano dall’analisi sismica della sovrastruttura, consentono di
determinare gli opportuni coefficienti correttivi che, introdotti nel calcolo, forniscono la capacità
portante della fondazione in condizioni sismiche comprensiva dell’effetto inerziale.

MANUALE TEORICO Pag. 49 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Non è superfluo evidenziare che questo modo di operare è espressamente previsto dalle NTC
2008 al punto 7.11.5.3.1 – Fondazioni superficiali, nella parte in cui riporta:
Stato Limite Ultimo di collasso per carico limite
Le azioni derivano dall’analisi della struttura in elevazione come specificato al § 7.2.5. Le
resistenze sono i corrispondenti valori limite che producono il collasso del complesso fondazione-
terreno; esse sono valutabili mediante l’estensione di procedure classiche al caso di azione sismica,
tenendo anche conto dell’effetto dell’inclinazione e dell’eccentricità delle azioni in fondazione.

Detta possibilità viene ulteriormente ribadita nella Circolare applicativa, al punto C7.11.5.3.1 –
Fondazioni superficiali, nella parte in cui questa riporta:
L’effetto inerziale produce variazioni di tutti i coefficienti di capacità portante del carico limite
in funzione del coefficiente sismico Khi e viene portato in conto impiegando le formule
comunemente adottate per calcolare i coefficienti correttivi del carico limite in funzione
dell’inclinazione, rispetto alla verticale, del carico agente sul piano di posa.

Come già anticipato nella premessa di questo capitolo, è sempre obbligatorio considerare gli
effetti inerziali del sisma sulla capacità portante delle fondazioni. Qualora si segua l’approccio
pseudo-statico sarà invece facoltativo mettere o meno in conto anche gli effetti cinematici del sisma:
in tal caso, si dovrà però adottare un metodo che consenta di separare i due effetti per poterne
considerare solo questi ultimi, altrimenti si rischia di mettere doppiamente in conto l’effetto
inerziale del sisma qualora il metodo prescelto lo inglobi già all’interno dei coefficienti correttivi
proposti.

6.2 La scelta dei metodi sismici “globali”

Si è già detto che, in alternativa all’approccio pseudo-statico, è possibile tener conto dell’effetto
inerziale del sisma, nonché di quello cinematico, mediante un metodo sismico globale. L’uso di tali
metodi richiede tuttavia una maggiore attenzione da parte dell’utente perché essi prevedono già
l’effetto riduttivo, sulla capacità portante, prodotto dall’aggravio delle sollecitazioni in condizioni
sismiche.

I metodi sismici globali, infatti, si applicano mediante la sostituzione, entro la generica formula
trinomia statica, degli usuali fattori di capacità portante con analoghi fattori NcE, NqE ed NγE che
inglobano entrambi gli effetti del sisma, senza alcuna possibilità di poter separare l’effetto inerziale
da quello cinematico.

Ciò comporta che, in tal caso, il calcolo della capacità portante sismica deve essere condotto con
gli sforzi derivanti dall’analisi statica della struttura (che non contengono l’effetto inerziale del
sisma) e non con quelli derivanti dall’analisi sismica (che invece lo contengono). Determinata la qult
sismica si ottiene il carico limite Qult in condizioni sismiche mediante il prodotto qultxB'xL', ove B'
ed L' sono le dimensioni efficaci della fondazione.

Appare quindi evidente che l’uso più appropriato dei metodi sismici globali si manifesta nella
fase di predimensionamento delle fondazioni, quando si dispone delle sole sollecitazioni statiche, e
non nella successiva fase di verifica, quando sono ormai noti i risultati dell’analisi sismica della
sovrastruttura.

MANUALE TEORICO Pag. 50 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Utilizzando il programma Califfo, per effettuare il calcolo di capacità portante con un metodo
sismico globale, l’utente dovrà perciò introdurre i carichi derivanti dall’analisi statica, oltre che
nella corrispondente tabella, anche nella tabella dei carichi sismici, essendo questa la tabella di
riferimento adottata dal programma per i calcoli in condizioni sismiche. A tal proposito, nella
maschera che consente l’inserimento dei carichi sismici, Califfo prevede un apposito pulsante per
duplicare anche in questa i carichi statici già inseriti.

Per una discussione più ampia dei metodi sismici globali si rimanda comunque l’utente al
paragrafo 6.9.

6.3 La determinazione dei coefficienti sismici kh e kv

Tutti i metodi per il calcolo della capacità portante in condizioni sismiche prevedono come dato
di partenza il coefficiente sismico orizzontale kh. Alcuni di questi metodi, mettendo in conto anche
la componente del sisma in direzione verticale, prevedono come ulteriore dato il coefficiente
sismico verticale kv.

Nel presente paragrafo, anche al fine di chiarire le modalità operative del programma, si ritiene di
esprimere alcune considerazioni in merito a tali 2 coefficienti ed in particolare alla ulteriore
differenziazione del coefficiente sismico orizzontale in khi e khk introdotta nella pratica progettuale
corrente dalla Circolare esplicativa delle NTC 2008.

Per definizione, i coefficienti sismici non sono altro che le accelerazioni sismiche espresse in g
(accelerazione di gravità). Pertanto, indicando con ah ed av le accelerazioni, rispettivamente
orizzontale e verticale, indotte dal sisma sulle masse eccitate, sarà:
a h = k h ⋅ g
 (6.1)
a v = k v ⋅ g
Osservando che il prodotto di una massa per l’accelerazione di gravità ci fornisce il peso W di
quella massa, la 6.1 ha come conseguenza immediata che le forze sismiche cui sono soggette le
masse eccitate possono essere scritte come:
 Fh = k h ⋅ W
 (6.2)
 Fv = k v ⋅ W
In generale, i metodi sismici che si concretizzano nell’applicazione di ulteriori coefficienti
correttivi nella classica equazione trinomia, introducono nell’equilibrio limite, ciascuno secondo il
meccanismo di rottura ipotizzato, proprio le forze Fh ed Fv definite dalla 6.2.

Nell’applicazione di un generico metodo sismico, si pone quindi il problema di determinare, per


lo specifico sito di edificazione, gli adeguati valori da attribuire ai coefficienti sismici. E’ bene
inoltre precisare che, operando agli stati limite ultimi (tale è infatti la condizione di equilibrio
limite), dovranno ricercarsi i valori massimi di kh e kv.

Le NTC 2008 consentono di ricavare kv in funzione di kh, con la relazione kv = ± 0,5 kh. Per
ricavare kh, invece, possiamo invertire la prima delle 6.1:
ah ,max ag ag
kh = =S⋅ = S S ⋅ ST ⋅ (6.3)
g g g

MANUALE TEORICO Pag. 51 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

La relazione 6.3 presuppone la conoscenza dell’accelerazione sismica di progetto ag, che può
essere ricavata dallo spettro di progetto allo SLV. Affinché ciò sia possibile, è tuttavia necessario
conoscere il fattore di struttura q ed il periodo fondamentale T1 della struttura.

In fase di predimensionamento delle fondazioni, non c’è altra via che ipotizzare un valore di q e
stimare T1, posto che ne ricorrano le condizioni di applicabilità, con la relazione fornita dalle NTC
2008 (par. 7.3.3.2, formula 7.3.5):
T1 = C1 ⋅ H 3 / 4 (6.4)
In questa fase, il valore di kh così ottenuto potrà essere inserito in uno dei metodi sismici globali,
per ottenere una stima della capacità portante sismica della fondazione in progetto.

Se però la struttura e i carichi sono già definiti, è senz’altro più conveniente effettuare l’analisi
sismica della sovrastruttura ottenendo così gli sforzi effettivamente agenti sulla fondazione. In
questo caso, è ancora possibile utilizzare un metodo globale per la ricerca della capacità portante
sismica ma, disponendo degli effettivi valori degli sforzi, non è più opportuno invertire la 6.1 per
ricercare il coefficiente sismico, quanto piuttosto la 6.2:
Fh ,max HB
kh = = (6.5)
W N
Se l’analisi strutturale è già stata condotta, la 6.5 è sicuramente più appropriata della 6.3 (anche
conoscendo il reale fattore di struttura q e il reale periodo T1) perché la prima fornisce un valore del
coefficiente sismico costante per tutte le combinazioni di carico mentre la 6.5, tenendo conto degli
effettivi sforzi che si ottengono al variare delle combinazioni di carico analizzate, fornisce il
coefficiente sismico appropriato per ogni singola combinazione.

Volendo ora interpretare le considerazioni sopra svolte alla luce della differenziazione introdotta
dalla Circolare esplicativa delle NTC, non c’è dubbio che il coefficiente kh fin qui esaminato
corrisponda al khi della Circolare, mentre con la notazione khk deve intendersi il coefficiente fornito
dalla relazione (NTC 2008, par. 7.11.3.5.2, formula 7.11.3):
ah ,max ag ag
k hk = β S ⋅ = βS ⋅ S ⋅ = β S ⋅ S S ⋅ ST ⋅ (6.6)
g g g
Tale coefficiente risulta indipendente dalla specifica combinazione dei carichi perché attiene in
maniera specifica al solo terreno: quando si ricerca il solo effetto cinematico dell’azione sismica, si
dovrà perciò usare il coefficiente sismico khk facendo riferimento alla formula 6.6.

Infine, si ritiene di far notare come khk < khi perché è sempre β < 1. Ciò significa che utilizzando
un metodo globale con kh = khi si amplifica la riduzione di capacità portante dovuta all’effetto
cinematico del sisma. Se, così come è corretto, il metodo globale è usato in fase di
predimensionamento della fondazione, si potrà comunque affinare il calcolo in una fase successiva.

6.4 Il metodo di Richards, Elms & Budhu (1993)

Tale metodo si basa su un meccanismo di rottura semplificato, in cui sotto la fondazione sono
individuati 2 soli cunei di terreno, contrapposti l’un l’altro, e soggetti rispettivamente, sotto le azioni
sismiche, ad una rottura per spinta attiva e ad una rottura per spinta passiva.

MANUALE TEORICO Pag. 52 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Meccanismo di rottura di Richards, Elms & Budhu (1993).

Entrambi i cunei hanno la forma di un triangolo rettangolo, il primo con angolo alla base pari a:
 [1 + tan 2 (φ − θ )] ⋅ [1 + tan(δ + θ ) cot(φ − θ )] − tan(φ − θ ) 
α AE = (φ − θ ) + arctan   (6.7)
 1 + tan(δ + θ ) ⋅ [tan(φ − θ ) + cot(φ − θ )] 

il secondo con angolo alla base pari a:


 [1 + tan 2 (φ − θ )] ⋅ [1 + tan(δ − θ ) cot(φ − θ )] + tan(φ − θ ) 
α PE = −(φ − θ ) + arctan   (6.8)
 1 + tan(δ + θ ) ⋅ [tan(φ − θ ) + cot(φ − θ )] 

In condizioni sismiche (pedice E), il coefficiente di spinta attiva vale:


cos 2 (φ − θ )
K AE = 2
(6.9)
 sin(φ + δ ) sin(φ − θ ) 
cos θ cos(δ + θ ) ⋅ 1 + 
 cos(δ + θ ) 
quello di spinta passiva, invece, vale:
cos 2 (φ − θ )
K PE = 2
(6.10)
 sin(φ + δ ) sin(φ − θ ) 
cosθ cos(δ + θ ) ⋅ 1 − 
 cos(δ + θ ) 
Nelle formule sopra riportate, l’angolo δ è l’angolo d’attrito tra le 2 pareti verticali contrapposte
dei cunei, mentre θ è l’angolo che la sollecitazione indotta dal sisma individua rispetto alla
direzione di gravità. Indicando con kh e kv i coefficienti sismici orizzontale e verticale, risulta:
kh
θ = arctan (6.11)
1 − kv

In assenza di sisma, ponendo θ = 0, è possibile ricondurre la trattazione al caso statico. In tale


ipotesi, confrontando i risultati con quelli ottenuti mediante i tradizionali metodi statici, si è visto
che per δ = 0,5φ il meccanismo semplificato adottato da Richards et al. risulta sufficientemente
approssimato.

MANUALE TEORICO Pag. 53 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Forze mutue che intervengono nell’equilibrio limite dei cunei (modello di Richards, Elms & Budhu).

Assumendo quindi δ = 0,5φ e risolvendo le equazioni di equilibrio limite in presenza di sisma, si


trova una capacità portante espressa nella forma:
qultE = cN cE + qN qE + 0,5γB ' N γE (6.12)

I fattori di capacità portante sismica nell’equazione 6.12 valgono:



 N cE = ( N qE − 1) cot φ
 K PE
 N qE = (6.13)
 K AE
 K 
 N γE =  PE − 1 tan α AE
  K AE 
Il metodo di Richards et al. non consente di separare gli effetti inerziali del sisma da quelli
cinematici e pertanto rientra nella categoria dei metodi sismici globali.

6.5 Il metodo di Budhu & Al-Karni (1993)

Tale metodo si basa su un meccanismo di rottura “alla Prandtl”, nel quale i 3 cunei di terreno
sotto la fondazione sono però definiti da angoli più piccoli di quelli assunti per il caso statico.

MANUALE TEORICO Pag. 54 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Meccanismo di rottura di Budhu & Al-Karni (1993).

Forze mutue che intervengono nell’equilibrio limite dei cunei (modello di Budhu & Al-Karni).

Mediante l’equilibrio limite delle forze che tali cunei mutuamente si scambiano, si perviene ai
seguenti coefficienti correttivi da introdurre nell’equazione trinomia per ottenere la capacità
portante in condizioni sismiche:
 N
ec = cE = exp(−4,3 ⋅ k h1+ R )
 Nc

 N qE   5,3k h1, 2 
 q
e = = (1 − k ) exp −   (6.14)
  1 − k v 
v
 Nq

e = N γE = (1 − 2 k ) exp −  9k h 
1,1

 γ Nγ   
  1 − k v 
v
 3

In queste espressioni, con l’usuale significato dei simboli, si è posto:

MANUALE TEORICO Pag. 55 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

 c
 R = γH

 0,5 B π  (6.15)
H = exp tan φ  + D
 π φ  2 
 cos + 
  4 2
Anche il metodo di Budhu & Al-Karni rientra nella categoria dei metodi sismici globali poiché
non consente di separare gli effetti inerziali del sisma da quelli cinematici.

A tal proposito, proprio perché l’uso di un solo kh non consente di cogliere le differenze tra gli
effetti cinematici del sisma che si originano nel terreno e quelli inerziali derivanti dalla
sovrastruttura, appare più che opportuno specificare che i valori dei coefficienti correttivi espressi
dalle formule 6.14 vanno determinati utilizzando sempre khi in quanto questa è l’assunzione
implicita operata da Budhu & Al-Karni. Essa risulta comunque a vantaggio di sicurezza.

6.6 Il metodo di Paolucci & Pecker (1997)

Adottando un nuovo meccanismo di rottura per poter mettere in conto anche l’eccentricità del
carico e la sua inclinazione, Paolucci & Pecker (1997) hanno elaborato un metodo per il calcolo
della capacità portante in condizioni sismiche attraverso l’introduzione di opportuni coefficienti
correttivi da applicare alla tradizionale formula trinomia.

Meccanismo di rottura di Paolucci & Pecker (1997).

Il metodo proposto consente di valutare il solo effetto cinematico su un terreno dotato di attrito e
coesione ovvero entrambi gli effetti (cinematico ed inerziale) nel solo caso delle sabbie.

In entrambi i casi, i fattori di capacità portante statica utilizzati nel metodo sono quelli di Prandtl
(1921) per Nc, Reissner (1924) per Nq ed EC7 (2004) per Nγ, anche se in merito a quest’ultimo
fattore gli autori precisano che può comunque essere adottata qualunque altra formulazione di Nγ,
per via del minimo contributo che questo fornisce.

MANUALE TEORICO Pag. 56 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

6.6.1 Riduzione della capacità portante per l’effetto cinematico del sisma

Tale riduzione si ottiene mediante l’applicazione di ulteriori coefficienti correttivi a ciascuno dei
3 termini dell’equazione trinomia. La definizione di questi coefficienti è la seguente:
 N
 z c = cE = 1 − 0,36k h
 Nc
 0 , 35
 N qE  kh 
zq = = 1 −  (6.16)
 N q  tan φ 
 0 , 35
 z = N γE = 1 − k h 
 γ N γ  tan φ 

Si precisa, inoltre, che l’espressione analitica di zc è stata ricavata dagli autori del programma in
quanto Paolucci & Pecker ne hanno solo proposto la sua rappresentazione grafica. Ad ogni modo,
considerata la leggera curvatura verso il basso della curva rappresentativa, l’espressione lineare
adottata nel programma risulta a favore di sicurezza.

Per uniformità di simbologia con le vigenti Norme Tecniche per le Costruzioni, è bene
specificare che il coefficiente kh che compare nelle 6.16 corrisponde al khk definito nella Circolare
applicativa delle NTC 2008.

Naturalmente, affinché non si abbia lo scorrimento della fondazione sul piano di posa, deve
risultare kh = khk < tanφ, che è una condizione preliminare per la stabilità della fondazione, oltre che
per l’applicabilità del metodo.

6.6.2 Capacità portante sismica nelle sabbie

Nel caso di una fondazione su sabbia, e quindi di coesione nulla, dall’uguaglianza dei coefficienti
zq e zγ discende che gli stessi possono essere portati in evidenza e moltiplicare direttamente la
capacità portante statica qult,S. In tale caso, altresì, risulta anche possibile definire ulteriori
coefficienti che consentono di mettere in conto gli effetti inerziali del sisma ottenendo così la
formula:
0 , 35
 2 ⋅ζ ⋅ kh  
3 1,8
 k  k 
qult , E = ν h ⋅ν e ⋅ν i ⋅ qult ,S = 1 − h  ⋅ 1 −  ⋅ 1 − h  ⋅ qult , S (6.17)
 0,85   B   tan φ 

Nella 6.17, la simbologia adottata dagli autori non consente di differenziare i coefficienti sismici
che, riferendosi alla Circolare applicativa delle NTC 2008, risultano corrispondere a khi nei fattori vh
e ve ed a khk nel fattore vi.

Proprio in merito ai coefficienti che definiscono l’effetto inerziale, rispettivamente vh per


l’inclinazione del carico e ve per l’eccentricità, si ritiene opportuna una piccola precisazione: il
coefficiente sismico orizzontale kh che compare nelle espressioni di vh e ve della formula 6.17,
infatti, per gli autori (ma anche per le NTC 2008) rappresenta il rapporto di proporzionalità diretta
tra forza sismica orizzontale e carico verticale, definito dalla relazione H = khN. Vale inoltre la
relazione M = ζH.

MANUALE TEORICO Pag. 57 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

In realtà, per ragioni che attengono alla struttura e alla distribuzione dei carichi, non è
necessariamente vero che, per tutte le combinazioni di carico, si abbia la suddetta proporzionalità
diretta tra H ed N sempre con lo stesso valore di khi. Di conseguenza, risulta operativamente più
conveniente esprimere vh e ve in funzione delle sollecitazioni determinate direttamente mediante
l’analisi della struttura, ottenendo così:
3 0 , 35
H   2⋅e 
1,8
 k 
qult , E = ν h ⋅ν e ⋅ν i ⋅ qult ,S = 1 −  ⋅ 1 −  ⋅ 1 − hk  ⋅ qult ,S (6.18)
 0,85 ⋅ N   B   tan φ 

Come già nel caso precedente, vale la limitazione kh = khk < tanφ.

6.7 Il metodo di Maugeri & Novità (2004)

Il metodo di Maugeri & Novità (2004) è stato sviluppato risolvendo il problema della
determinazione della capacità portante delle fondazioni superficiali in presenza di azioni sismiche
mediante il metodo delle caratteristiche.

Esso si concretizza nell’applicazione, alla classica espressione trinomia per il calcolo della
capacità portante statica, di ulteriori coefficienti correttivi che esprimono i rapporti tra i valori dei
fattori di capacità portante sismica, determinati per via numerica per particolari valori dell’angolo di
resistenza a taglio, e gli omologhi fattori di capacità portante statica nella formulazione di Vesić.

A tal proposito, in virtù dei rapporti che definiscono i coefficienti correttivi sismici, il metodo di
Maugeri & Novità sembrerebbe appropriato solo se associato alla formula di Vesić. In realtà, fatta
eccezione solamente per Terzaghi, è comunque possibile applicarlo in generale poiché tutte le
formulazioni condividono le stesse espressioni dei fattori di capacità portante, seppur con lievi
differenze nei valori di Nγ, che tuttavia incidono in misura limitata sul valore complessivo di qlim.

Inoltre, con l’introduzione di un ulteriore fattore f variabile da 0 a 1, è possibile stimare il solo


effetto cinematico (f = 0) oppure l’effetto globale del sisma in funzione dell’aliquota di taglio
sismico trasmessa dalla sovrastruttura alla fondazione (ponendo f = 1 si intende che sia trasmesso
alla fondazione l’intero taglio sismico).

Operativamente, per ottenere il solo effetto cinematico (f = 0) si applicheranno i coefficienti:


 N cE
hc 0 = =1
 Nc

 N qE
hq 0 = = F ⋅ k hk2 + G ⋅ k hk + 1 (6.19)
 Nq
 N γE
hγ 0 = = A ⋅ k hk + 1
 Nγ

I parametri che compaiono in queste espressioni sono forniti dalle seguenti funzioni polinomiali:
F = 43,29 ⋅ tan 3 φ − 105,80 ⋅ tan 2 φ + 81,09 ⋅ tan φ − 19,91 (6.20)
G = −2,8 ⋅ tan 3 φ + 6,66 ⋅ tan 2 φ − 4,61 ⋅ tan φ + 0,35 (6.21)
A = 7,23 ⋅ tan 3 φ − 18,39 ⋅ tan 2 φ + 15,22 ⋅ tan φ − 5,39 (6.22)

MANUALE TEORICO Pag. 58 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Nel caso in cui si voglia ottenere l’effetto sismico globale col massimo dell’intensità (f = 1), si
applicheranno i coefficienti:
 N cE
hc1 = = D ⋅ k hi2 + E ⋅ k hi + 1
 Nc

 N qE
hq1 = = H ⋅ k hi2 + I ⋅ k hi + 1 (6.23)
 Nq
 N γE
hγ 1 = = B ⋅ k hi2 + C ⋅ k hi + 1
 Nγ

Per la completa definizione delle espressioni 6.23 valgono le seguenti ulteriori relazioni:
D = 70,06 ⋅ tan 3 φ − 171,07 ⋅ tan 2 φ + 129,90 ⋅ tan φ − 29,61 (6.24)
E = 1,27 ⋅ tan φ − 1,07 (6.25)
H = 63,69 ⋅ tan 3 φ − 154,31 ⋅ tan 2 φ + 117,70 ⋅ tan φ − 26,34 (6.26)
I = −4,49 ⋅ tan φ + 10,58 ⋅ tan φ − 8,48 ⋅ tan φ − 0,22
3 2
(6.27)
B = −70,51 ⋅ tan 3 φ + 143,84 ⋅ tan 2 φ − 98,79 ⋅ tan φ + 27,64 (6.28)
C = 12,90 ⋅ tan φ − 35,04 ⋅ tan φ + 30,27 ⋅ tan φ − 12,48
3 2
(6.29)
Le funzioni polinomiali sopra riportate sono state modificate dall’autore del presente manuale
nell’espressione di E, per rimediare ad un presumibile errore di segno presente nell’articolo
originale. Dette funzioni per il calcolo dei coefficienti correttivi sono state successivamente riviste
da Maugeri, Castelli & Massimino (2006) – da cui è tratta la correzione – e da Maugeri & Castelli
(2008).

6.8 Il metodo di Cascone et al. (2004)

Il metodo di Cascone, Carfì, Maugeri & Motta (2004) consiste nell’applicare al solo fattore di
capacità portante Nγ due distinti coefficienti che mettono in conto rispettivamente l’effetto inerziale
e l’effetto cinematico del sisma:
N γE = N γ ⋅ eγi ⋅ eγk (6.30)

Questi due coefficienti correttivi sono ricavati espressamente per Nγ assumendo c = 0 e q = 0 per
cui, a rigore, vanno applicati solo per le sabbie. La loro estensione ad un generico terreno è perciò
fonte di una approssimazione non cautelativa in quanto i rimanenti termini dell’equazione trinomia
non sono soggetti ad alcuna riduzione.

Nelle ipotesi del metodo, gli autori affermano che i 2 effetti sono disaccoppiati ed è perciò
possibile, ove ciò possa essere necessario o preferibile, applicare uno solo dei coefficienti proposti
per ottenere separatamente il singolo effetto sismico. In tal senso, quindi, questo metodo può essere
visto come un metodo globale, se si applica la formulazione completa, oppure come un metodo
cinematico se si applica il solo coefficiente eγk.

Le espressioni dei coefficienti correttivi sono le seguenti:

MANUALE TEORICO Pag. 59 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

  k hk 
0 , 45

eγk = 1 − 
  tan φ  (6.31)

eγi = (1 − 0,7k hi )
5

Gli autori fanno inoltre notare che, in generale, si dovrebbe anche tener conto dell’effetto del
sisma sul peso di volume del terreno, il quale, per effetto delle accelerazioni indotte, subisce una
variazione del proprio valore secondo la seguente relazione:

γ E = γ (1 − k v ) 2 + k h2 (6.32)

Tale peso di volume γE in condizioni sismiche (che rappresenta una forza di volume riferita ad un
volume unitario) è inclinato sulla verticale di un angolo:
kh
θ = arctan (6.11)
1 − kv

La proiezione di γE sulla verticale, e quindi il valore del peso di volume utile ai fini del calcolo di
capacità portante, è ovviamente pari a:
γ vE = γ E ⋅ cos θ = (1 − k v ) ⋅ γ (6.33)

Si precisa che la 6.33 sopra riportata è l’espressione generale che fornisce la componente
verticale del peso di volume in condizioni sismiche (applicabile a tutti i metodi nei quali
l’accelerazione sismica sul terreno non sia altrimenti messa in conto). Nel loro metodo, Cascone et
al. assumono comunque kv = 0, per cui il peso di volume rimane invariato.

6.9 Considerazioni sull’uso delle varie formule in condizioni sismiche

Analogamente a quanto fatto nel paragrafo 3.10, si esprimono qui alcune considerazioni sulla
scelta e sul corretto uso delle varie formule disponibili in letteratura per il calcolo sismico.

Preliminarmente, si ritiene però necessario richiamare l’attenzione sul fatto che, nella letteratura
tecnica di ampia divulgazione (escludendo quindi le pubblicazioni specialistiche), a fronte di
un’estesa trattazione della capacità portante in condizioni statiche, il calcolo della capacità portante
in condizioni sismiche viene trattato solo in maniera vaga o addirittura omesso.

Questa constatazione non è secondaria e deve chiaramente far intendere che, allo stato attuale, il
calcolo della capacità portante in condizioni sismiche presenta margini di aleatorietà. Ed è tanto più
aleatorio nel caso in cui venga condotto con i cosiddetti metodi sismici globali di cui al paragrafo
che segue.

6.9.1 I metodi sismici globali (calcolo complessivo degli effetti cinematici ed inerziali)

Come anticipato, tra le formulazioni proposte dai vari autori per il calcolo della capacità portante
in condizioni sismiche, si attribuisce l’aggettivazione di metodo sismico globale a quelle
formulazioni che non consentono di differenziare l’effetto sismico inerziale da quello cinematico.

L’intento, senz’altro meritorio, di questi metodi è quello di consentire una stima della capacità
portante sismica di una fondazione superficiale senza conoscere, ovvero senza determinare, le
sollecitazioni cui essa sarà soggetta durante l’evento sismico.

MANUALE TEORICO Pag. 60 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Tutti gli autori che hanno sviluppato e proposto uno di tali metodi hanno infatti preso avvio dal
seguente problema: considerata una fondazione su cui agisce un carico N verticale e centrato, di cui
si è in grado di calcolare la capacità portante statica, si cerca di determinare la capacità portante
sismica di quella stessa fondazione soggetta a quello stesso N quando essa è investita da un sisma
caratterizzato da kh e kv.

Operativamente, oltre ovviamente alla geometria del sistema ed alla natura del terreno, è richiesta
quindi la conoscenza delle sollecitazioni statiche e del coefficiente sismico orizzontale kh e solo
talvolta la conoscenza del coefficiente sismico verticale kv. Tra le formulazioni implementate in
Califfo, ad esempio, è richiesto pure kv con i metodi di Richards et al. (1993) e di Budhu & Al-
Karni (1993); ciò non rappresenta comunque un problema, potendo ottenere kv come frazione
propria di kh (a tal fine, le NTC 2008 suggeriscono di adottare il coefficiente moltiplicativo 0,5).

Noti i dati di input, il calcolo si esegue come per il caso statico, introducendo nell’equazione
trinomia prescelta le dimensioni efficaci e i vari coefficienti correttivi (di forma, profondità,
inclinazione dei carichi, del piano di posa e del pendio) ed adottando in essa, in luogo dei
tradizionali fattori di capacità portante Nc, Nq ed Nγ i corrispondenti fattori di capacità portante in
condizioni sismiche NcE, NqE ed NγE.

Alcune formulazioni globali forniscono direttamente le espressioni dei fattori di capacità portante
sismica – per esempio Richards et al. (1993) –, altre invece forniscono dei coefficienti modificativi
del tradizionale fattore statico – per esempio Budhu & Al-Karni (1993), Paolucci & Pecker (1997),
Maugeri & Novità (2004), Cascone et al. (2004).

L’utilizzo di metodi siffatti ha un senso solo in fase di predimensionamento delle fondazioni


perché, in fase di progettazione esecutiva, potendo conoscere le sollecitazioni sismiche
effettivamente derivanti dall’analisi della struttura, non c’è ragione di assumere a base del calcolo le
sollecitazioni statiche.

Vi sono però anche altre ragioni che sconsigliano l’uso di questi metodi in fasi avanzate della
progettazione. In primo luogo, l’uso di un unico coefficiente sismico kh. E’ evidente che, in assenza
dell’analisi sismica della struttura, l’unico valore di kh che è possibile calcolare si ottiene mediante
l’equazione:
ah ,max ag ag
kh = =S⋅ = S S ⋅ ST ⋅ (6.3)
g g g
Questo implica l’assunzione di uno spettro di progetto allo SLV che non è noto a priori e perciò
richiede, a sua volta, una stima dei valori del fattore di struttura q e del periodo T1 cosicché il valore
di kh è affetto in partenza da un intrinseco grado di incertezza.

Non solo: eccezion fatta per Paolucci & Pecker (1997) e Cascone et al. (2004), che però sono
applicabili solo alle sabbie, i metodi sismici globali non consentono di introdurre separatamente
nelle formule i coefficienti sismici khi e khk cosicché sarà sempre usato il solo coefficiente khi (pari al
kh calcolato con la 6.3) nonostante khk sia più piccolo di questo secondo un fattore βS < 1.

Se la progettazione deve essere improntata a criteri di economicità, efficienza ed ottimizzazione


dell’opera, l’uso dell’unico coefficiente khi è concettualmente errato, ma non si può neppure pensare
che esso conduca a risultati a favore di sicurezza perché non siamo in grado di stabilire il livello di
affidabilità di nessuno di questi metodi, anche ammesso di aver utilizzato il valore più penalizzante

MANUALE TEORICO Pag. 61 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

di khi, che potrà tuttavia essere verificato solo a posteriori valutando, per ciascuna combinazione di
carico, i rapporti:
Fh ,max HB
kh = = (6.5)
W N
Altro problema che sconsiglia l’uso dei metodi sismici globali in fase esecutiva è rappresentato
dal fatto che l’unica sollecitazione proveniente dalla sovrastruttura che viene considerata nei metodi
sismici globali è il carico N risultante sulla fondazione. Ne deriva che, a parità di N, la stessa
fondazione condurrà sempre allo stesso valore della capacità portante sismica indipendentemente
dall’altezza della sovrastruttura. Un tale risultato è però evidentemente illogico: basta pensare alle
strutture a pendolo inverso (un serbatoio sopraelevato o una torre eolica, ad esempio) per rendersi
immediatamente conto che se la stessa massa è collocata ad altezze diverse il momento sismico sarà
notevolmente diverso, cosa che i metodi sismici globali non riescono ad evidenziare.

Ultimo problema, decisamente maggiore anche dei precedenti, consiste nell’obbligo di normativa
di considerare, nel calcolo sismico, un contributo pari al 30% del sisma in direzione ortogonale
rispetto alla direzione oggetto di analisi. Invece, tutti i metodi sismici globali sono stati ricavati per
via teorica assumendo una fondazione nastriforme sollecitata dal sisma nella sola direzione
ortogonale all’asse.

Si conclude perciò che questi metodi possono ritenersi utili solo in fase di predimensionamento
delle fondazioni, quando, pur non conoscendo le sollecitazioni sismiche che potranno derivare dal
calcolo, si ha necessità di assegnare comunque alle fondazioni delle dimensioni appropriate anche
per l’azione sismica.

6.9.2 Il predimensionamento delle fondazioni mediante l’uso dei metodi sismici globali

Per quanto detto innanzi, nelle fasi preliminari del progetto di un’opera destinata ad essere
realizzata in zona sismica, i metodi sismici globali si configurano come utili criteri di
predimensionamento delle fondazioni. Essi consentono infatti di stimare la capacità portante del
terreno in condizioni sismiche, in base alla quale potranno poi essere ipotizzate le dimensioni da
attribuire alla fondazione in progetto.

Data la variabilità dei risultati che si ottengono con la diversa scelta del metodo da applicare, la
capacità portante stimata in questa fase del progetto va perciò considerata niente più che una buona
indicazione. In tale ottica, può rivelarsi anche conveniente, in termini di tempo e di impegno
progettuale, evitare il calcolo raffinato delle sollecitazioni in condizioni statiche, limitandosi ad un
calcolo di massima, fatte salve le necessarie verifiche di capacità portante da effettuarsi
successivamente alla fase di analisi, quando ormai sono note le effettive sollecitazioni sulle
fondazioni in condizioni sismiche.

Dovendo prendere avvio dalle sollecitazioni statiche, e solo ai fini del calcolo della capacità
portante, si può infatti pensare di trascurare i momenti e i tagli all’estradosso della fondazione che
derivano dalla sovrastruttura e provocano, rispettivamente, l’eccentricità e l’inclinazione del carico.
Ciò è tanto più vero quanto più è elevato lo sforzo normale al piede dei pilastri cosicché si potrà
operare come se la fondazione fosse soggetta a solo sforzo normale verticale e centrato.

In quest’ultima ipotesi, se la fondazione è realizzata su un piano orizzontale (in modo che non sia
richiesta la scomposizione del carico lungo la normale al piano di posa e nel piano stesso), scelta la
teoria che si intende adottare, la capacità portante statica si può ottenere senza necessità di

MANUALE TEORICO Pag. 62 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

conoscere, né inputare alcuna sollecitazione. Andranno infatti determinati i soli coefficienti di forma
e di profondità, per i quali non è richiesta la conoscenza dello sforzo normale N, adottando nelle
relative espressioni i valori delle dimensioni geometriche di tentativo.

Introducendo in Califfo i necessari parametri di sito per il calcolo sismico, sarà quindi sufficiente
selezionare il metodo sismico globale che si preferisce per ottenere la capacità portante stimata in
condizioni sismiche.

Se invece la fondazione è realizzata su un piano di posa non orizzontale, è necessario introdurre


nella tabella delle sollecitazioni quanto meno il valore dello sforzo normale statico, perché in questo
caso occorre proiettare il carico lungo la normale al piano di posa e nel piano stesso affinché sia
possibile calcolare correttamente tutti i coefficienti correttivi. All’utente è richiesto comunque di
indicare il solo valore dello sforzo normale lungo la direzione di gravità, in quanto la scomposizione
nel sistema di riferimento locale viene effettuata automaticamente dal programma.

7 LA VERIFICA NEI CONFRONTI DELLO SCORRIMENTO

La verifica di una fondazione nei confronti dello scorrimento consiste nel controllare che l’entità
delle componenti di sollecitazione dirette parallelamente al piano di posa non sia tale da provocare
lo scorrimento della fondazione sul proprio piano di appoggio. Ciò è senz’altro garantito qualora la
risultante di dette componenti sia inferiore alla resistenza allo scorrimento Rscorr posseduta dalla
fondazione.

La resistenza che la fondazione è in grado di sviluppare nei confronti delle sollecitazioni che
tendono a determinarne il moto è, in generale, costituita da 3 contributi: attrito, coesione e resistenza
passiva del terreno mobilitato dallo scorrimento. Tutte le normative (e talvolta anche gli usuali testi
di geotecnica) trascurano però il contributo della resistenza passiva del terreno, poiché su di esso
non si può fare affidamento, trattandosi in generale di terreno disturbato e superficiale.

La formula implementata in Califfo considera perciò i soli contributi dell’attrito e della coesione:
 N tan δ
 Rscorr = + a ⋅ c ⋅ B'⋅L'
 γm
δ = tan(b ⋅ φ ) (cond. drenate) (7.1)

Il termine attritivo è proporzionale alla sollecitazione N che agisce in direzione normale al piano
di posa tramite un coefficiente d’attrito che, attraverso l’angolo δ, risulta funzione dell’angolo di
resistenza a taglio del terreno. Affinché si possa passare dall’angolo φ, da cui dipende l’attrito
interno del terreno, all’angolo δ, da cui dipende l’attrito terreno/fondazione, si introduce un
coefficiente riduttivo b in generale compreso tra 2/3 e 1.

Il termine attritivo è inoltre affetto da un coefficiente di sicurezza γm che, per default, è assunto
pari a 1 in condizioni statiche e pari a 1,25 in condizioni sismiche.

Il termine coesivo, invece, è, per definizione, proporzionale alla coesione c del terreno
moltiplicata per l’area di contatto tra fondazione e terreno (cautelativamente assunta pari all’area
efficace). Per tener conto che lo scorrimento in realtà non avviene internamente al terreno, ma

MANUALE TEORICO Pag. 63 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

all’interfaccia tra terreno e fondazione, si deve più propriamente fare riferimento all’adesione ca e si
introduce perciò un coefficiente riduttivo a in generale compreso tra 0,6 e 1.

In condizioni statiche il valore di default di a è pari a 0,8 mentre in condizioni sismiche è pari a 0
in accordo con quanto suggerito dall’Eurocodice 8 che raccomanda, in presenza di sisma, di
rinunciare al contributo di resistenza allo scorrimento offerto dalla coesione a vantaggio di
sicurezza.

In condizioni non drenate, risultando φ = 0 e c = cu, la precedente formula si riduce a:


Rscorr = a ⋅ cu ⋅ B'⋅L' (cond. non drenate) (7.2)

Tutti i valori dei coefficienti sopra menzionati sono comunque modificabili dall’utente
accedendo al menu Strumenti/Preferenze utente, dove è pure possibile indicare al programma di
usare nella verifica a scorrimento le dimensioni reali BxL in luogo delle dimensioni efficaci B'xL'.

MANUALE TEORICO Pag. 64 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

PARTE II
-
LA STIMA DEI CEDIMENTI

MANUALE TEORICO Pag. 65 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

8 INTRODUZIONE

La stima dei cedimenti delle fondazioni superficiali viene tradizionalmente espressa come
somma di diversi contributi: in alcuni testi essa viene espressa come somma di cedimenti elastici,
cedimenti di consolidazione primaria e cedimenti di consolidazione secondaria, su altri testi viene
invece espressa come somma di cedimenti immediati e cedimenti differiti nel tempo.

Nel seguito di questo manuale si preferirà fare riferimento alla seconda espressione, perché i
cedimenti che si manifestano nel terreno immediatamente dopo l’applicazione del carico non
necessariamente hanno natura elastica in quanto, gran parte delle volte, rimuovendo il carico non si
riscontra un ritorno alle condizioni iniziali.

L’espressione generale del cedimento che si adotta in questo manuale è quindi:


wtot = wi + wd (8.1)

Per la diversa natura dei terreni, solitamente i metodi di stima dei cedimenti vengono distinti in
due grandi classi, che racchiudono, rispettivamente, i metodi per la stima dei cedimenti nei terreni
incoerenti e quelli per la stima dei cedimenti nei terreni coesivi.

Questa distinzione è altresì resa necessaria dal tipo di prove che è possibile effettuare su uno
specifico terreno, in conseguenza della sua natura, e, per effetto di queste, dei diversi parametri
geotecnici che è possibile rilevare su di esso.

9 LA STIMA DEI CEDIMENTI NEI TERRENI INCOERENTI

I terreni incoerenti, o non coesivi, come evidenziato dal loro stesso nome, sono caratterizzati
dall’assenza di coesione tra le singole particelle costituenti. Si tratta sostanzialmente di terreni
granulari con una significativa presenza di vuoti tra le singole particelle costituenti che consente a
tali terreni di dissipare pressoché istantaneamente le sovrapressioni indotte dai carichi applicati
nell’acqua interstiziale.

MANUALE TEORICO Pag. 66 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

In conseguenza di tale caratteristica, i terreni incoerenti manifestano un cedimento totale che può
identificarsi, senza apprezzabile margine di errore, con il cedimento immediato.

9.1 Il metodo di Fox (1948)

Il metodo di Fox (1948) consente di calcolare il cedimento elastico medio di una fondazione
rettangolare flessibile posta ad una profondità D sotto il piano campagna, assunto come quota z = 0.

Questo metodo fu elaborato da Fox presso il Building Research Station ancor prima della
seconda guerra mondiale e pubblicato solo nel 1948. In sostanza, esso consiste nell’integrazione dei
risultati di Mindlin (1936) su una superficie rettangolare. A sua volta, Mindlin aveva generalizzato
le formule di Boussinesq (1885) al caso di un carico puntuale posto ad una generica profondità al
disotto del piano di campagna.

Il terreno è assimilato ad un mezzo elastico omogeneo semi-indefinito ed il carico q che agisce


sull’impronta della fondazione è considerato uniforme. La fondazione è considerata flessibile.

L’espressione del cedimento medio elastico totale fornita da Fox è la seguente:


q ⋅ (1 + v) 5
wc = ⋅ ∑ β sYs
4πE ⋅ (1 − v) s =1
Mentre le 5 grandezze β1, …, β5, sono funzioni solo di v, le altre 5 grandezze Y1, …, Y5 sono a
loro volta espresse, oltre che in funzione delle dimensioni B ed L della fondazione, anche in
funzione di ulteriori 5 grandezze r0, …, r4 cosa che rende abbastanza tediosa l’applicazione del
metodo.

Qualora la fondazione sia rigida, invece che flessibile, Fox suggerisce di ridurre del 7,5% il
cedimento così calcolato in virtù del risultato teorico ottenuto da Timoshenko (1934) per aree di
impronta di forma circolare.

Il metodo di Fox è un metodo elastico puro, applicato per di più ad un terreno omogeneo semi-
indefinito: i risultati ottenuti con questo metodo non possono quindi tener conto degli scostamenti
del terreno reale dalle ipotesi assunte nel calcolo.

MANUALE TEORICO Pag. 67 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

PARTE III
-
APPENDICE E BIBLIOGRAFIA

MANUALE TEORICO Pag. 68 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

10 APPENDICE

10.1 Il fattore di forma sc nella formula di Brinch Hansen (1970)

La formula per la quale effettivamente Brinch Hansen (1970) propose le espressioni dei
coefficienti correttivi è la seguente:
qult = 0,5γB ' N γ sγ d γ iγ bγ + (q + c cot φ ) N q s q d q iq bq − c cot φ (A.1)

Tale formula vale solo se il terreno è orizzontale (nel qual caso i coefficienti g non sono presenti)
ed è giustificata dalla relazione, già dimostrata da Brinch Hansen (1953) quale diretta conseguenza
del teorema degli stati corrispondenti di Caquot (1934), tra i termini riferiti alla coesione ed i
termini riferiti al sovraccarico:
N c sc d c ic bc = ( N q s q d q iq bq − 1) cot φ (A.2)

Avendo adoperato la formula A.1, Brinch Hansen (1970) si limitò a fornire i soli coefficienti dei
termini Nq ed Nγ. I coefficienti del termine Nc sono perciò stati ricavati a ritroso dalla relazione A.2,
cosa in cui si è cimentato anche l’autore del presente manuale, operando come di seguito illustrato.

Poiché, per l’ipotesi di sovrapposizione degli effetti, ciascun contributo è calcolato assumendo
nulli tutti gli altri, per i fattori di forma vale la relazione:
N c sc = ( N q sq − 1) cot φ (A.3)

In questa, sostituendo N c = ( N q − 1) cot φ si ottiene:

( N q − 1) ⋅ sc = ( N q s q − 1)

Sottraendo ed aggiungendo a secondo membro lo stesso termine e poi raggruppando:


( N q − 1) ⋅ sc = N q sq − sq + sq − 1 = ( N q − 1) ⋅ s q − (1 − s q )

Infine, isolando sc, si ottiene la legge di correlazione:


1 − sq
sc = s q − (A.4)
N q −1

Per dimostrare la coerenza delle espressioni 3.19', oggi maggiormente adottate, sostituendo nella
A.4 il termine sq espresso con la funzione tangente dell’angolo φ:
B' B'
1 −1 − tan φ tan φ 
B' B ' B' 1 
sc = 1 + tan φ − L' = 1 + tan φ + L' = 1 + tan φ ⋅ 1 +
L' N q −1 L' N q −1 L'  N −1 
 q 
E poiché N c = ( N q − 1) cot φ sostituendo tale equivalenza entro la parentesi si trova facilmente:

B'  N q −1 +1   Nq  B' N q
sc = 1 + tan φ ⋅   = 1 + B' tan φ ⋅   = 1 + (c.v.d.)
L'  N −1  L'  N tan φ  L' N c
 q   c 
La correlazione A.4 non sarebbe invece verificata se sq fosse espresso con la funzione seno
dell’angolo φ.

MANUALE TEORICO Pag. 69 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

10.2 Il fattore di profondità dc nella formula di Brinch Hansen (1970)

Per quanto esposto nel precedente paragrafo, prendendo avvio da N c d c = ( N q d q − 1) cot φ ed


operando in maniera analoga, si ottiene la legge di correlazione:
1− dq 1− dq
dc = dq − = dq − (A.5)
N q −1 N c tan φ

Tale espressione differisce da quella pubblicata da BOWLES [1991, 1997] ed evidenzia un errore
nella corrispondente espressione pubblicata da DAS [2009], che ripropone lo stesso errore
commesso da VESIĆ [1973, pag. 57, formula 11].

Al fine di verificare la correttezza della A.5, confrontiamola con la relazione inversa fornita dallo
stesso BRINCH HANSEN [1961, pag. 42, formula 25]:
d c − 1 N q d c − d c + 1 d c ( N q − 1) + 1
d q = dc − = = (3.20b’)
Nq Nq Nq

Portando Nq al primo membro, sottraendo ed aggiungendo la stessa quantità, quindi raccogliendo


a fattor comune:
N q d q = N q d q − d q + d q = d q ( N q − 1) + d q = d c ( N q − 1) + 1

Isolando dc, infine si trova:


d q ( N q − 1) + d q − 1 dq −1 1− dq 1− dq
dc = = dq + = dq − = dq − (c.v.d.)
N q −1 N q −1 N q −1 N c tan φ

10.3 Il fattore di forma sγ determinato sperimentalmente da de Beer (1967)

Nei testi di geotecnica, ma anche nell’articolo originale di Brinch Hansen (1970), è riportato che
il fattore di forma sγ da questi utilizzato nell’espressione generalizzata della capacità portante è
tratto da DE BEER [1967].

Tale affermazione è senz’altro vera, perché effettivamente de Beer (1967, 1970) propose per sγ
l’espressione:
B'
sγ = 1 + 0,4 (3.19c)
L'
che non dipende dall’angolo di resistenza a taglio del terreno ma solo dal rapporto δ = B'/L' tra i lati
della fondazione. Tuttavia, si ritiene opportuno precisare che questa non è l’unica espressione
proposta per sγ e quindi la sua adozione nell’espressione generalizzata da parte di Brinch Hansen
(1970) deve essere considerata come una scelta effettuata dall’autore nell’ambito di 3 opzioni
ugualmente valide proposte da de Beer.

Gli esperimenti fatti da de Beer, per quanto numerosi, furono infatti condotti su fondazioni aventi
2 soli rapporti di forma, rispettivamente δ = 1 (fondazioni quadrate e circolari) e δ = 1/6, cosicché
solo in corrispondenza di tali valori de Beer poteva disporre di dati sperimentali. Confrontando tali
dati, de Beer trovò che valeva la seguente relazione:
sγ ,(δ =1 / 6 ) = 1,476 ⋅ sγ ,(δ =1) (A.6)

MANUALE TEORICO Pag. 70 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

Poiché in corrispondenza di δ = 0 (fondazione nastriforme), il coefficiente di forma deve valere


1, assumendo un andamento lineare del tipo sγ = 1 − mδ ed imponendo la condizione A.6 si trova:

sγ = 1− 0,363δ (A.7)

Se invece si assume che in corrispondenza di δ = 1 il coefficiente di forma debba valere 0,6 come
stimato da de Beer & Ladanyi (1961), nel rispetto della condizione A.6 si trova:
1 + 0,2δ
sγ = (A.8)
1+ δ
Infine, assumendo un andamento lineare tra il valore unitario per fondazioni nastriformi ed il
valore 0,6 per fondazioni quadrate, si ottiene:
sγ = 1− 0,4δ (3.19c)

Se riportiamo in un grafico le 3 curve che esprimono sγ al variare di δ si vede che la A.7 è la


meno cautelativa, la A.8 è la più cautelativa e la 3.19c si pone nel mezzo.

Probabilmente, la scelta di Brinch Hansen (1970), nell’incertezza dell’effettiva espressione da


attribuire ad sγ, è stata motivata proprio dall’andamento dei 3 grafici.

In un ottica di maggior sicurezza, la cautela avrebbe dovuto suggerire l’adozione della A.8 ma
vale comunque la pena considerare che il termine relativo ad Nγ non reca un grosso contributo al
valore di capacità portante ultima, cosicché una variazione del coefficiente sγ di qualche decimale in
più o in meno è del tutto accettabile.

Lo stesso de Beer, comunque, nei successivi sviluppi volti alla determinazione dei coefficienti sq
ed sc fece uso dell’espressione A.8.

MANUALE TEORICO Pag. 71 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

11 BIBLIOGRAFIA

Per la stesura del presente manuale l’autore si è avvalso di una estesa bibliografia; ove però da
una particolare pubblicazione non sia stata tratta un’informazione nuova rispetto a quanto già
acquisito da altre fonti, è stato scelto di non riportare il relativo riferimento bibliografico.

Ciò serve sia a non appesantire inutilmente la presente sezione con un elenco sterminato di testi,
sia per consentire a chi legge di poter ricercare quanto qui affermato direttamente alla fonte.

Alcuni documenti, tuttavia, sono risultati di difficile reperibilità per cui, dovendovi
necessariamente fare riferimento per una adeguata esposizione della teoria, è stato scelto di
riportarli in una specifica sotto-sezione, rendendo evidente che le informazioni che da essi
provengono sono in realtà state tratte da altre fonti.

11.1 Documenti effettivamente consultati da cui è stato tratto un contributo

AL-KARNI, A.A. (1993), Seismic settlement and bearing capacity of shallow footings on
cohesionless soil, PhD. Dissertation, The University of Arizona, Tucson.
AL-KARNI, A.A. & BUDHU, M. (2001), An experimental study of seismic bearing capacity of
shallow footings, Proc. 4th Int. Conf. on Recent Adv. in Geotech. Earthquake Eng. and Soil
Dynamics, San Diego.
BOWLES, J.E. (1991), Fondazioni. Progetto e analisi, 4a ed., McGraw-Hill, Milano.
BOWLES, J.E. (1997), Foundations. Analisys and design, 5th int. ed., McGraw-Hill, Singapore.
BRINCH HANSEN, J. (1961), A general formula for bearing capacity, Danish Geotechnical
Institute, Copenaghen, 11.
BRINCH HANSEN, J. (1970), A revised and extended formula for bearing capacity, Danish
Geotechnical Institute, Copenaghen, 28.
BUDHU, M. (2011), Soil mechanics and foundations, 3rd ed., John Wiley & Sons Inc., New York.
CASCONE, E., CARFÌ, G., MAUGERI, M. & MOTTA, E. (2004), Effetto dell’inerzia del terreno sul
fattore di capacità portante Nγ, IARG 2004, Trento.
DAS, B.M. (1987), Theoretical foundation engineering, 1st ed., Elsevier, Amsterdam.
DAS, B.M. (2009), Shallow foundations. Bearing capacity and settlement, 2nd ed., CRC Press,
Boca Raton.
DAS, B.M. (2010), Principles of geotechnical engineering, 7th ed., Cengage Learning, Stamford.
DE BEER, E.E. (1970), Experimental determination of the shape factors and the bearing capacity
factors of sand, Geotechnique, 20 (4), 387-411.
DE SIMONE, P. & RESTAINO, M. (1985), Il coefficiente di carico limite Nγ, Riv. It. Geot., 3, 137-
147.
DET NORSKE VERITAS (2002), DNV/Risø – Guidelines for design of wind turbines, 2nd ed., Jydsk
Centraltrykkeri, Copenhagen.
EAK 2000 (2001), Ellenikos Antiseismikos Kanonismos 2000, OASM, Atene.
EN 1997-1:2004/AC:2009 (2004, errata corrige 2009), Eurocode 7, Geotechnical design – Part
1: General rules, CEN, Brussels.
FOX, E.N. (1948), The mean elastic settlement of a uniformly loaded area at a depth below the
ground surface, Proc. 2nd Int. Conf. Soil Mech. Found. Eng., Parigi, 1, 129-132.
HJIAJ, M., LYAMIN, A.V. & SLOAN, S.W. (2005), Numerical limit analysis solutions for the
bearing capacity factor Nγ, Int. J. of Soils and Struc., 42, 1681-1704.
LOUKIDIS, D. & SALGADO, R. (2010), Equivalent friction angle in bearing capacity calculations
for footings on granular soils, Proc. 9th HSTAM Int. Congress on Mech., Limassol, 285-292.

MANUALE TEORICO Pag. 72 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

MAUGERI, M. & NOVITÀ, D. (2004), Numerical model for the evaluation of the soil inertia effects
on bearing capacity, Proc. XI Int. Conf. Soils Dyn. and Earth. Eng., Berkeley.
MAUGERI, M., CASTELLI, F. & MASSIMINO, M.R. (2006), Analisi, modellazione e miglioramento
sismico delle fondazioni di edifici esistenti, Riv. It. Geot., 4, 52-122.
MEYERHOF, G.G. (1951), The ultimate bearing capacity of foundations, Geotecnique, 2 (4), 301-
331.
MEYERHOF, G.G. (1963), Some recent research on the bearing capacity of foundations, Can.
Geotech. J., 1 (1), 16-26.
MICHALOWSKI, R.L. (1997), An estimate of the influence of soil weight on bearing capacity using
limit analysis, Soils and foundations, 37 (4), 57-64.
PAOLUCCI, R. & PECKER, A. (1997), Seismic bearing capacity of shallow strip foundations on dry
soils, Soils and foundations, 37 (3), 95-105.
PRANDTL, L. (1921), Über die eindringungsfestigkeit (härte) plastischer baustoffe und die
festigkeit von schneiden, Zeit. Angew. Mat. Mech., 1 (1), 15-20.
RICHARDS, R., ELMS, D.G. & BUDHU, M. (1993), Seismic bearing capacity and settlement of
foundations, J. Geotech. Eng., 119 (4), 662-674.
SALGADO, R. (2008), The engineering of foundations, McGraw-Hill, New York.
SCHMIDT, B. (1966), Discussion of “Earth pressures at rest related to stress history”, Can.
Geotech. J., 3 (4), 239-242.
SKEMPTON, A.W. (1951), The bearing capacity of clays, Proc. Building Research Congress,
London, 1, 180-189.
SMOLTCZYK, U. (2003), Geotechnical engineering handbook, Ernst & Sohn, Berlin.
TERZAGHI, K. (1943), Theoretical soil mechanics, John Wiley & Sons Inc., New York.
VESIĆ, A.S. (1973), Analysis of ultimate loads of shallow foundations, J. Soil Mech. Found. Div.,
ASCE, 99 (1), 45-73.
VESIĆ, A.S. (1975), Bearing capacity of shallow foundations, in Foundation Engineering
Handbook, 1st ed., Van Nostrand Reinhold Co., New York, 121-147.
ZHU, D.Y., LEE, C.F. & JIANG, H.D. (2001), A numerical study of the bearing capacity factor Nγ,
Can. Geotech. J., 38 (5), 1090-1096.
ZHU, M. & MICHALOWSKI, R.L. (2005), Shape factors for limit loads on square and rectangular
footings, J. Geotech. Geoenviron. Eng., 131 (2), 223-231.

11.2 Documenti originali contenenti le ulteriori trattazioni citate nel presente manuale

BOOKER, J.R. (1969), Application of theories of plasticity to cohesive frictional soils, Ph.D.
thesis, Sidney University, Sidney.
BOUSSINESQ, J. (1885), Application des potentials à l’étude de l’équilibre et du mouvement des
solides élastiques, Gauthier-Villars, Paris.
BRINCH HANSEN, J. (1953), Earth pressure calculation, Teknisk Forlag, Copenaghen.
BRINCH HANSEN, J. (1955), Simpel beregning af fundamenters bæreevne, Ingeniøren, 64 (4), 95-
100.
BUDHU, M. & AL-KARNI, A.A. (1993), The seismic bearing capacity of soils, Geotechnique, 43
(1), 181-187.
CAQUOT, A. (1934), Equilibre des massifs à frottement interne, Gauthier-Villars, Paris.
CAQUOT, A. & KERISEL, J (1953), Sue le terme de surface dans le calcul des fondations en milieu
pulvérulent, Proc. 3rd Int. Conf. Soil Mech. Found. Eng., Zurich, 1, 336-337.
CHEN, W.F. (1975), Limit analysis and soil plasticity, Elsevier, Amsterdam.
DE BEER, E.E. & LADANYI, B. (1961), Etude expérimentale de la capacité du sable sous des
fondations circulaires établies en surface, C. r. 5e Congr. Int. Méc. Sols Trav. Fond., Paris, 1.

MANUALE TEORICO Pag. 73 di 74


CALIFFO – Carico Limite delle Fondazioni Superficiali http://bar-ingegneria.forumfree.it

DE BEER, E.E. (1967), Proefondervindelijke bijdrage tot de studie van het gransdraagvermogen
van zand onder funderingen op staal. Bepaling von der vormfactor sb, Annales des Travaux
Publics de Belgique, 68 (6), 481-506; 69 (1), 41-88, 69 (4), 321-360; 69 (5), 395-442; 69 (6),
495-522, ripubblicati in inglese in versione ridotta in DE BEER [1970].
FEDA, J. (1961), Research on the bearing capacity of loose soil, Proc. 5th Int. Conf. Soil Mech.
Found. Eng., Parigi, 1, 635-642.
GOLDER, H.Q. (1941), The ultimate bearing pressure of rectangular footings, J. Inst. Civ. Eng.,
17 (2), 161-174.
INGRA, T.S. & BAECHER, G.B. (1983), Uncertainty in bearing capacity of sands, J. Geotech.
Eng., 109 (7), 899-914.
JAKY, J. (1944), The coefficient of earth pressure at rest, J. Soc. Hungarian Arch. Eng., 7, 355–
358.
KRIZEK, R.J. (1965), Approximation for Terzaghi’s bearing capacity factors, J. Soil Mech.
Found. Div., ASCE, 91 (2): 1-3.
KUMBHOJKAR, A.S. (1993), Numerical evaluation of Terzaghi’s Nγ, J. Geotech. Eng., 119 (3),
598-607.
LADE, P.V. & LEE, K.L. (1976), Engineering properties of soils, Engineering report, UCLA-
ENG-7652.
MARTIN, C.M. (2005), Exact bearing capacity calculations using the method of characteristics,
Proc. 11th Int. Conf. IACMAG, Torino, 4, 441-450.
MAUGERI, M. & CASTELLI, F. (2008), Adeguamento e miglioramento sismico delle fondazioni di
edifici esistenti, in Opere geotecniche in condizioni sismiche, MIR 2008, Torino, 207-239.
MAYNE, P.W. & KULHAWY, F.H. (1982), K0–OCR relationships in soil, J. Geotech. Div., ASCE,
108 (6), 851-872.
MEYERHOF, G.G. (1953), The bearing capacity of foundations under eccentric and inclined
loads, Proc. 3rd Int. Conf. Soil Mech. Found. Eng., Zurich, 1, 440-445.
MINDLIN, R.D. (1936), Force at a point in the interior of a semi-infinite solid, Physics, 7 (5),
195-202.
MUHS, H. (1971), Die experimentelle untersuchung der grenztragfähigkeit nichtbindiger boden
bei lotrechter belasatung, DEGBO-Mitteilungen, Berlin, 27.
POULOS, H.G., CARTER, J.P. & SMALL J.C. (2001), Foundations and retaining structures –
research and practice, Proc. 15th Int. Conf. Soil Mech. Found. Eng., Istanbul, 4, 2527-2606.
PURUSHOTHAMARAJ, P., RAMIAH, B.K. & VENKATAKRISHNA RAO, K.N. (1974), Bearing capacity
of strip footings in two layered cohesive-friction soils, Can. Geotech. J., 11 (1), 32-45.
REISSNER, H. (1924), Zum erddruckproblem, Proc. 1st Int. Conf. Appl. Mech., Delft, 295-311.
SHIELD, R.T. (1954), Plastic potential theory and Prandtl bearing capacity solution, J. Appl.
Mech., 21 (2), 193-194.
SPANGLER, M.G. & HANDY, R.L. (1982), Soil engineering, 4th ed., Harper and Row, New York.
STAGG, K.G. & ZIENKIEWICZ, O.C. (1968), Rock mechanics in engineering practice, John Wiley
& Sons Inc., New York.
TIMOSHENKO, S.P. (1934), Theory of elasticity, McGraw Hill, New York.
VESIĆ, A.S. (1970), Research on bearing capacity of soils, Inedito, citato in VESIĆ [1975].

MANUALE TEORICO Pag. 74 di 74