Sei sulla pagina 1di 9

Lo storico scellerato

Scritti su Manfredo Tafuri

a cura di
Orazio Carpenzano

con
Marco Pietrosanto
Donatella Scatena

Quodlibet
DiAP Dipartimento di Architettura e © 2019 Indice
Progetto Quodlibet srl
Direttore Orazio Carpenzano via Giuseppe e Bartolomeo Mozzi, 23
Macerata
Sapienza Università di Roma www.quodlibet.it

prima edizione
/ teorie
d iap print xxxx 2019
Collana a cura del
Gruppo Comunicazione del DiAP isbn
Coordinatore Cristina Imbroglini 978-88-229-0225-2
9 Nota introduttiva
copertina
Manfredo Tafuri, Londra 1969, scritta
comitato scientifico
11 Lo storico scellerato
autografa a pennarello
Orazio Carpenzano
Carmen Andriani
Roberta Amirante stampa
Jordi Bellmunt xxxxxxxx 21 L’uomo, l’intellettuale, l’accademico
Renato Bocchi Giusi Maria Letizia Rapisarda
Giovanni Corbellini courtesy
Giovanni Durbiano Vieri Quilici, p. 98
Carlo Gasparrini Giusi Maria Letizia Rapisarda,
Sara Marini copertina, pp. 12, 23, 31, 36, 44, Letture e testimonianze
Luca Molinari 54, 118, 132, 138 Il senso di un progetto storico
Alessandra Muntoni
Franco Purini
Joseph Rykwert 37 Manfredo Tafuri
Andrea Sciascia Paolo Portoghesi
Zeila Tesoriere
Ilaria Valente 45 Un’amicizia asimmetrica
Herman van Bergeijk
Franco Purini
Franco Zagari

Ogni volume della collana è 55 Il più attivo, il più esposto, il più agguerrito
sottoposto alla revisione di referees Colloquio con Giorgio Piccinato
esterni al Dipartimento di Architettura
e Progetto scelti tra i componenti del
67 L’architetto e la memoria. Un frammento su Manfredo
Comitato Scientifico.
Tafuri giovane
Lucio Valerio Barbera

83 Architettura e metropoli, le seduzioni della critica


Alessandra Muntoni
indice indice

99 L’architettura militante 197 Prima che tutto cominciasse


Colloquio con Vieri Quilici Colloquio con Gianni Accasto

107 Austromarxismo e città: dalla “gaia apocalisse” 211 Progetto e critica della città. I primi anni di attività di
a Vienna Rossa Manfredo Tafuri 1959-1968
Alfredo Passeri Federico Rosa

119 Agli albori delle convenzioni 221 L’anticamera tafuriana. Riflessioni sul metodo e sulla
Valerio Paolo Mosco città territorio
Luca Porqueddu
127 Boschi fatati
Cherubino Gambardella
Frammenti di una ricerca trasversale
133 La distanza critica dal contemporaneo
Colloquio con Antonino Saggio 235 Il confronto con la scuola di Warburg. Per cambiare
l’idea di Rinascimento come età dell’oro
139 Manfredo Tafuri: from Criticism to History. Breaking Andri Gerber
the Solid Mandala
Herman van Bergeijk 245 Manfredo Tafuri e la sostenibile debolezza di
via Giulia
Luca Montuori
Il giovane Tafuri
Sintesi di una ricerca più ampia 257 I conti con la storia. Manfredo Tafuri sul Concorso
per i nuovi uffici della Camera dei Deputati a Roma
149 Manfredo Tafuri, Ludovico Quaroni e Bruno Zevi. Manuela Raitano
Anatomia di una microstoria in margine al verbale di
un Consiglio di Facoltà 271 Tafuri vs Sacripanti, o della questione ideologica in
Piero Ostilio Rossi architettura
Alfonso Giancotti
169 Gli anni della formazione
Colloquio con Enrico Fattinnanzi 281 Il “progetto” storico oltre confine. Manfredo Tafuri
negli Stati Uniti
183 Gli esordi romani di Manfredo Tafuri. Dalla didattica Anna Giovannelli
del progetto a un diverso approccio alla Storia
dell’architettura 291 Il disinganno. Manfredo Tafuri e il lavoro immateriale
Antonio Riondino Lina Malfona

6 7
indice

299 Manfredo Tafuri legge Giovan Battista Piranesi Nota introduttiva


Angela Raffaella Bruni

313 Rossi attraverso Tafuri: “Cose che sono solo sé stesse”


Cinzia Capalbo

323 Storia e Progetto allo specchio. Il desengaño rossiano


negli occhi di Manfredo Tafuri
Rocco Murro
Il presente volume è composto da quattro parti: “Letture e testimo-
335 L’elaborazione della crisi, da “Contropiano” alla Sfera nianze”, “Il giovane Tafuri”, “Frammenti di una ricerca trasversale” e
e il labirinto “Documenti”.
L’obiettivo è offrire alle nuove generazioni di architetti e ricercatori
Marco Pietrosanto
un arcipelago di segnali e testi che configurano prospettive e problemi
sulla complessa figura di Manfredo Tafuri, cercando di raccontare, a
349 La de-strutturazione dell’ideologia architettonica. Gli partire dalla sua formazione, il suo rapporto con la Facoltà di Architet-
anni di “Contropiano” tura di Roma prima dell’approdo allo iuav di Venezia.
Donatella Scatena La struttura del lavoro, per parti autonome, si sviluppa attraverso
contributi di architetti e studiosi che comprendono più generazioni, tra
quelli attivi sulla scena romana dagli anni ’60, contemporanei di Tafu-
ri, coloro i quali lo hanno conosciuto come professore, maestro, fino a
Documenti quelli che invece lo hanno perlopiù apprezzato attraverso i suoi scritti.
Il contrappunto, tra le diverse percezioni generazionali, produce
366 La Facoltà di Architettura di Roma nel 1963 ipotesi e riflessioni che rendono evidente la complessità, la ricchezza e
Foto di Gabriele Milelli l’attualità del suo pensiero. La geografia che scaturisce da questa cora-
lità di saggi si caratterizza per l’indagine sulle elaborazioni teoriche e
l’azione culturale del periodo romano e sugli elementi di continuità/ di-
372 Documenti e foto della mostra Vienna Rossa
scontinuità con la produzione allo iuav. Tafuri emerge come riferimen-
Foto di Alfredo Passeri
to culturale per la generazione delle rivolte studentesche di Valle Giu-
lia, quelle del ’63 e del ’68, e poi come lo studioso di architettura più
378 Manfredo Tafuri progettista. Attività di in sintonia con lo Zeitgeist della società italiana dalla metà degli anni
sperimentazione progettuale. 1961-1963 ’60 almeno fino alla fine degli anni ’80. Il volume osserva la radicaliz-
zazione della sua posizione, attraverso l’adesione alla linea operaista
402 Attività didattica di Manfredo Tafuri. 1961-1994 e successivamente a quella del pci, verso il marxismo. Parallelamente
affiora il suo distacco dal progetto, osservato da un’altra prospettiva,
per comprenderne meglio il ruolo, le implicazioni e le conseguenze
408 Manfredo Tafuri. Studi, incontri, opere. 1935-1994 politiche, economiche e sociali.
Emerge, inoltre, che Tafuri abbandona il progetto in coincidenza con
il suo trasferimento a Venezia e il suo graduale e inesorabile allontana-
419 Indice dei nomi mento dalla critica militante; viene analizzato il suo “scellerato” attacco
verso quei tanti architetti che si erano spesi, dal suo punto di vista, a

8 9
anna giovannelli

americani, Tafuri vuole tracciare i contorni di un “alfabeto es- Il disinganno.


senziale” di modelli tipologici generati dalla sperimentazione
progettuale; vuole cioè confrontare queste esperienze nei terri-
Manfredo Tafuri e il lavoro immateriale
tori ben delineati dalla volontà di strutturalità del linguaggio di
Lina Malfona
Rossi, privo di tentativi di manipolazione ingenua che si rifugia
negli spazi del boudoir, per abitare la grande dimensione geo-
grafica dell’opera di Gregotti o esplorare il sistema delle clas-
sificazioni tipologiche ascalari di Purini. Ma la manipolazione
può diventare invece uno strumento critico e operativo, come
nel caso dei New York Five, ossia un “laboratorio analitico” Con la conclusione amara del saggio Lavoro intellettuale e
che sperimenta le potenzialità combinatorie dell’oggetto nelle sviluppo capitalistico1, Manfredo Tafuri aveva manifestato una
proprie interne articolazioni, in cui “il procedimento del mon- profonda sfiducia nella possibilità che l’architettura potesse con-
taggio” diviene un procedimento didattico che costruisce i bi- tinuare a orientare i processi sociali. Sfiducia che interessava la
joux indiscrets. classe degli architetti e degli intellettuali, il cui ruolo, secondo
Prima di Princeton, Tafuri aveva conosciuto e raccontato La Tafuri, era minacciato e sarebbe stato irrimediabilmente corro-
città americana con G. Ciucci, F. Dal Co e M. Manieri Elia, e so, a partire dagli anni ’70, dall’organizzazione capitalistica della
anche in quella circostanza aveva lavorato su un crinale critico società e del lavoro. Una denuncia dal peso fortissimo, dunque, e
riscrivendo le vicende del concorso per il Chicago Tribune16. con conseguenze determinanti per l’architettura italiana.
Sarà proprio Diana Agrest qualche anno dopo, sulle pagine Manfredo Tafuri abbracciò la concezione di utopia di Karl
di “Oppositions” ad elaborare un’analisi molto precisa della Mannheim, intesa come “visione strutturale della totalità che è
figura architettonica del grattacielo17 con numerosi rimandi e diviene, trascendimento del puro dato, sistema di orientamen-
proprio alle vicende del concorso per il “Chicago Tribune”, to teso a rompere i legami dell’ordine esistente per riconqui-
tratteggiando nel suo saggio un chiaro riferimento alle rifles- starli a un più alto e diverso livello”2, laddove con l’espressione
sioni critiche di Tafuri sul grattacielo e sugli sviluppi della City. “visione strutturale”, Mannheim intendeva la produzione di un
Il dialogo intellettuale dunque continua, soprattutto dentro gli cambiamento sociale, economico e politico come fine ultimo
spazi della critica europea e americana, quegli spazi in cui Tafu- dell’utopia. Ma dal momento che ormai da tempo gli strumenti
ri più di ogni altro ha saputo costruire gli orizzonti significativi di controllo non sono più soltanto nelle mani degli architetti
di un progetto storico, la cui eredità sopravvive ancora nella e dato che ogni azione progettuale necessita di essere mediata
ricerca architettonica oltre confine. con diverse forze in campo e diversi specialismi, è sempre più
difficile pervenire a visioni strutturali. Se “interscambiabilità,
polivalenza e preparazione al colloquio interdisciplinare” sono
1
Cfr. M. Tafuri, Lavoro intellettuale e sviluppo capitalistico, “Contropiano”,
2, 1970.
16
M. Tafuri, La montagna disincantata. Il grattacielo e la City, in G. Ciucci, F. 2
M. Tafuri, Progetto e utopia. Architettura e sviluppo capitalistico (1973),
Dal Co, M. Manieri Elia, M. Tafuri, La città americana dalla guerra civile al New Laterza, Roma-Bari 2007, p. 52. Cfr. K. Mannheim, Ideologia e utopia (1929), il
Deal, Laterza, Roma-Bari 1973, pp. 415-549. Mulino, Bologna 1952. Questa definizione presenta un conflitto tra utopia come
17
D. Agrest, Architectural Anagrams: The Symbolic Performance of Skyscrap- modello calato nella dinamica reale dei processi politico-economici e il suo caratte-
ers, “Oppositions”, 11, New York 1977, pp. 26-51. re di anticipazione sperimentale proiettata nel futuro.

290 291
lina malfona il disinganno. manfredo tafuri e il lavoro immateriale

le caratteristiche che vengono richie- Sarebbe un’imprudenza sperare con troppa fiducia che alla fine lo spi-
ste dal capitalismo alla “forza-lavoro rito prevarrà. I cavalieri del rasoio sono astuti: non bandiscono l’artista
dalla città, bensì lo accolgono ma a certe condizioni, da loro imposte. La
intellettuale”3, la riduzione dell’intel-
neutralità benevola elimina l’attrito, e mantiene l’atrio dell’arte prudente-
lettuale stesso a un inconsapevole arti- mente chiuso ai disturbatori. Se una certa esperienza si rivela eccezionale,
sta sembra essere la strategia che Tafuri basta moltiplicarla, e ben presto eccezionale non sarà più. Baudelaire pre-
elabora in opposizione, in attesa di un vedeva che un giorno questa tolleranza distruttiva sarebbe stata esaltata
cambiamento completo dei rapporti di come una forma di “progresso”: in questo compiacente ricettacolo, in
questo amichevole abisso, le energie anarchiche della creazione sarebbero
lavoro, come base per la formulazione
state messe a bagno fino all’annullamento. Potategli la stravaganza, ren-
di nuove utopie. detelo sobrio e lo distruggerete5.
A questo punto, ci si chiede se da-
gli anni ’70 ad oggi tale cambiamento Ma le parole taglienti con cui Wind si congeda dal lettore non
sia avvenuto e, in caso affermativo, in cadono nel vuoto. Esse sembrano essere state colte dallo studioso
che misura esso abbia contribuito alla di scienze sociali Maurizio Lazzarato che, con minore foga ma
modificazione della figura dell’intellet- probabilmente con maggiore lucidità, descrive la trasformazione
tuale. Possiamo ritenere che tale figura dell’intellettuale in “lavoratore cooperativo” in questi termini:
H.W. Corbett, sia ancora dotata di alcuni margini di autonomia, oppure essa “il nuovo slogan delle società occidentali è che dovremmo tutti
City of Future, è rimasta intrappolata all’interno degli stessi sistemi e apparati
1913.
‘diventare soggetti’. La gestione partecipativa è una tecnologia
sociali, politici ed economici nei quali il cambiamento sarebbe del potere, una tecnologia ideata per creare e controllare i ‘pro-
dovuto avvenire? Per rispondere a questi interrogativi, si ricorre cessi soggettivi’”6.
al confronto tra le posizioni dello storico dell’arte Edgar Wind, Confrontando queste due posizioni, ne risulta che il motto
che si espresse sulle condizioni imposte al lavoro creativo nel “become subject”, utilizzato dall’attuale società capitalista ed
momento in cui esso si prestava a diventare lavoro dipendente evidenziato da Lazzarato, non è altro che la messa in atto di
(Arte e anarchia, 1963), e il sociologo Maurizio Lazzarato, che quella “moltiplicazione dell’eccezionale” di cui parlava Edgar
riflette sull’attuale trasformazione della classe lavorativa in una Wind, sulla scorta di Baudelaire. Ma se l’artista di Wind poteva
“classe creativa dipendente”(Immaterial Labor, 1996), vale a ancora scegliere una via di fuga, l’intellettuale di Lazzarato, di-
dire, una classe di “lavoratori cooperativi”, di “trasmettitori” venuto “lavoratore cooperativo”, subisce la trasformazione ar-
di informazioni, di abili comunicatori e venditori di “prodotti” rendendosi ad essa, credendo che il patto con il capitalismo sia
intellettuali, dotati di quelli che Richard Sennett chiama dialogic vantaggioso.
skills4. Successivamente, si analizzerà nello specifico la posizione Come nel processo descritto da Wind, l’attività di questo la-
di Manfredo Tafuri all’interno di questo dibattito. voratore viene normalizzata da condizioni di lavoro che egli stes-
Denunciando la condizione dell’artista, plagiato da un siste- so accetta di buon grado, con l’illusione di “diventare soggetto”.
ma dell’arte che ne limita fortemente l’autonomia e ne sminuisce La conclusione di Lazzarato è:
la carica innovativa, Edgar Wind così conclude il suo libro:

5
E. Wind, Arte e anarchia (1963), Adelphi, Milano 2007, p. 131.
3
M. Tafuri, Lavoro intellettuale e sviluppo capitalistico, cit., p. 268. 6
M. Lazzarato, Immaterial Labor, in P. Virno, M. Hardt (a cura di), Radical
4
R. Sennett, Together: The Rituals, Pleasures, and Politics of Cooperation, Yale Thought in Italy: a Potential Politics, University of Minnesota Press, Minneapolis
University Press, New Haven 2012, p. 6. 1996, pp. 132-141.

292 293
lina malfona il disinganno. manfredo tafuri e il lavoro immateriale

Se il lavoro richiede cooperazione e coordinamento collettivo, al- tentativi di collusione con le ragioni del mercato, con diversi
lora i soggetti di quella produzione devono essere abili nella comu- livelli di approfondimento9.
nicazione e attivamente partecipi al lavoro di gruppo. […] Così il
Com’è noto, Manfredo Tafuri consolidò la sua visione nega-
lavoratore diventa un semplice trasmettitore di codificazioni e deco-
dificazioni, i cui messaggi trasmessi devono essere ‘chiari e privi di tiva della realtà, frutto di un’analisi severa del tardo capitalismo
ambiguità’, all’interno di un contesto comunicativo che è stato com- avvalendosi dell’approccio filosofico di Massimo Cacciari e della
pletamente normalizzato dalla gestione amministrativa. […] L’ordine “dialettica negativa” di Theodor Adorno e Max Horkheimer10.
amministrativo di “diventare soggetti della comunicazione” minaccia Leggendo alcuni passi di The Culture Industry. Enlightenment
di essere ancora più totalitario che la precedente rigida divisione tra
and Mass Deception11, infatti, si comprende come il pensiero di
lavoro intellettuale e lavoro manuale (tra idee ed esecuzione), perché il
capitalismo cerca di coinvolgere anche la personalità e la soggettività questi autori abbia segnato profondamente lo scritto di Tafuri
dei lavoratori all’interno della produzione del valore7. Lavoro intellettuale e sviluppo capitalistico. La mass deception,
di cui parlano Adorno e Horkheimer, infatti, è la monumenta-
Se Edgar Wind denunciava le condizioni imposte all’attivi- lizzazione del mercato, da cui derivano la normalizzazione e la
tà creativa, comprendendone il rischio, Maurizio Lazzarato de- standardizzazione. Ma forse anche qualcosa di più profondo: la
scrive queste condizioni con spietata lucidità. Tra questi opposti mass deception è il disinganno, l’accettazione della collusione
modi di guardare all’attività creativa e intellettuale si colloca il e il compromesso con il sistema dominante. Per i due autori,
pensiero di Manfredo Tafuri, che interrogandosi sui rapporti tra già nel 1944, l’intellettuale non ha altra possibilità di esprimersi
lavoro intellettuale e capitalismo, assunse una posizione attorno se non lasciandosi incorporare dall’apparato, che gli fornisce il
alla quale si continua a riflettere tuttora: supporto economico chiedendogli però in cambio una sorta di
complicità.
Rimane comunque fisso che ogni strada di elaborazione esterna,
Inoltre, secondo Adorno e Horkheimer, l’industria della cul-
per il lavoro intellettuale, resta preclusa – scrive Tafuri –. L’unica illu-
sione di lavoro esterno può essere data dalla rivolta contro il lavoro tura si basa sul concetto di amministrazione, infatti “solo ciò
intellettuale stesso, espresso dalla sacralizzazione della sua impotenza: che è industrializzato e rigorosamente incorporato è perfetta-
esattamente ciò che tanta produzione artistica recente fa inconsape- mente adeguato a questo concetto di cultura”12. Infine, e qui si
volmente8. palesa il debito di Tafuri verso i maestri della Scuola di Franco-
forte, “chi resiste può sopravvivere solo attraverso l’incorpora-
È noto come questa posizione abbia prodotto un inten-
zione. Una volta schedato come dissidente dall’industria della
so dibattito nazionale e internazionale, tanto che un gruppo
cultura, si appartiene ad essa come il riformatore agrario ap-
di intellettuali ha interpretato il messaggio in maniera più o
meno consapevole, ripiegando verso una visione autonoma 9
Su questo argomento, si rimanda ai rapporti che Fredric Jameson ha deli-
della disciplina, intesa come pratica contemplativa, o meglio neato tra architettura e logiche culturali del tardo capitalismo. Cfr. F. Jameson,
come macchina celibe cioè produttrice di puro appagamento Postmodernism; or, The Cultural Logic of Late Capitalism, Duke University Press,
Durham 1991. Inoltre si fa riferimento anche agli scritti di Peggy Deamer sull’ere-
estetico. Un’altra schiera di intellettuali, invece, ha interpretato
dità di Manfredo Tafuri nelle scuole americane: P. Deamer (a cura di), The Archi-
Tafuri con sottile perspicacia, per orientarsi verso interessanti tect as Worker: Immaterial Labor, the Creative Class, and the Politics of Design,
commistioni con gli altri settori disciplinari. Senza avversare il Bloomsbury Academic, London-New York 2015, pp. 27-37.
capitalismo, quest’ultimo gruppo di intellettuali ha appoggiato
10
Cfr. J.-L. Cohen, La coupure entre architectes et intellectuels, ou les enseigne-
ments de l’italophilie (1984), Mardaga, Bruxelles 2015.
11
Cfr. T.W. Adorno, M. Horkheimer, Dialectic of Enlightenment (1944), a cura
7
M. Lazzarato, Immaterial Labor, cit. di G. Schmid Noerr, Stanford University Press, Stanford 1987, pp. 94-137
8
M. Tafuri, Lavoro intellettuale e sviluppo capitalistico, cit. 12
Ivi, 104.

294 295
lina malfona il disinganno. manfredo tafuri e il lavoro immateriale

partiene al capitalismo”13. In accordo con questo orientamento Piranesi traduce in immagini […] una lucida previsione di ciò che do-
ma con un più cupo pessimismo, in una sentenza in cui emerge vrà essere una società liberata dagli antichi valori e dalle conseguenti co-
strizioni da questi imposte. Non si dà altra possibilità, ormai, che quella
chiaramente un senso profondo di caduta e di perdita di spe-
dell’alienazione globale e volontaria, in forma collettiva. La costrizione è
ranza, Tafuri afferma: la nuova legge, con la quale è assurdo colloquiare: la resistenza a tale legge
inesprimibile è pagata con la tortura. Nella società totalmente alienata, il
Il problema è piuttosto pianificare la scomparsa del soggetto, an- libertino secentesco e settecentesco non ha più scampo: il suo “eroismo” è
nullare l’angoscia che deriva dal patetico (o dal ridicolo) resistere condannato, con indifferenza, da parte dello stesso incisore16.
dell’individuale di fronte alle strutture di dominio che lo stringono
da presso, indicare come terra promessa della pacificazione universale
A questo punto, all’intellettuale che non voglia essere nor-
[…] esattamente il volontario e mansueto sottomettersi a quelle strut-
ture di dominio. La salvezza non è più nella “rivolta” ma nella resa malizzato dalla struttura stessa dell’apparato, non rimane che
senza discrezione14. optare per l’autonomia e votarsi a un nomadismo perenne,
che lo porta a diventare imprenditore di sé stesso. Oppure tra-
Se in questa frase è racchiuso il debito di Manfredo Tafuri sformarsi in “intellettuale eteronomo”, capace di rispondere a
verso il pensiero degli autori tedeschi, anche il riferimento al pen- diverse esigenze, dalla produzione alla comunicazione, dall’a-
siero di Michel Foucault sugli apparati sociali è innegabile: bilità nel costruire relazioni all’abilità di condurre progetti.
Un intellettuale il cui lavoro si può esplicare solo se colloca-
talvolta i “creatori di soggettività” possono essere i nobili, quelli che,
to all’interno dei networks del potere e solo se inquadrato nei
secondo Nietzsche, dicono “noi siamo il bene…”, ma in altre condizioni i
creatori di soggettività sono gli esclusi, i mediocri, i peccatori, gli eremiti, protocolli di un sapere collettivo. Come scrivevano Adorno e
o le comunità monastiche, o gli eretici: un’intera tipologia di formazioni Horkheimer già nel 1944, “chi non si conforma è condannato
soggettive in movimento. […] Le produzioni della soggettività sfuggono ai all’impotenza economica che è estesa all’indigenza intellettua-
poteri e alle forme di conoscenza di un apparato sociale per essere reinse- le dell’eccentrico solitario. Disconnesso dal mainstream, egli
rite in altri, secondo forme che devono ancora svilupparsi15.
è senza dubbio condannato di inadeguatezza”17. In questa di-
mensione nomadica dell’intellettuale probabilmente si invera
In questo passo, Gilles Deleuze sembra evidenziare, pur som-
l’utopia dell’autonomia di una ricerca non più pilotata da isti-
messamente, la possibilità che quelli che definisce come i “crea-
tuzioni. Il ricercatore che diventa imprenditore di sé stesso è a
tori di soggettività” possano scardinare i limiti dell’apparatus,
metà tra il knowledge worker teorizzato da Peter Ducker – che
muovendosi da un apparato all’altro. Invece il pessimismo del
avrebbe avuto il controllo sui mezzi di produzione, realizzando
passo di Tafuri sembra negare questa possibilità. Come dire, ar-
una nuova società post-capitalista18 – e il freelance, sospeso tra
tisti, architetti e intellettuali, secondo Tafuri, non possono nulla
alta qualificazione e incertezza lavorativa19. Tuttavia, gravata
contro un sistema sempre più cristallizzato e sono impotenti di
da un senso di insicurezza che deriva da un sistema di lavoro
fronte alla macchina “infernale” del capitalismo. Appare interes-
a carattere temporaneo non regolamentato, con contratti che
sante rileggere a tal proposito ciò che Tafuri scriveva sulle Carce-
difficilmente agevolano il lavoro, tale nuova condizione intel-
ri, interpretando la poetica di Piranesi in questi termini:
16
M. Tafuri, Progetto e utopia, cit., p. 23.
17
T.W. Adorno, M. Horkheimer, Dialectic of Enlightenment, cit., p. 106.
13
Ibid. 18
Cfr. P. Ducker, The Age of Discontinuity: Guidelines to our Changing Soci-
14
M. Tafuri, Progetto e utopia, cit., pp. 68-69. ety, Harper & Row, New York 1969, p. 277.
15
G. Deleuze, What is a dispositif?, in T.J. Armstrong (a cura di), Michel 19
Cfr. R. Greenwald, Labor Rising: The Past and Future of American Workers,
Foucault Philosopher, Harvester Wheatsheaf, Hemel Hempstead 1992, p. 162. The New Press, New York 2012.

296 297
lina malfona

lettuale potrebbe facilmente regredire alle condizioni lavorative Manfredo Tafuri legge Giovan Battista Piranesi
dell’era preindustriale. La profezia di Ducker sull’avvento di
una società dove la forza lavoro prende il comando appare an- Angela Raffaella Bruni
cora come un’utopia, anzi essa è forse la favola che il nuovo
capitalismo consegna ai lavoratori, celata dietro la maschera
della cooperazione.

Precariato, iper-sfruttamento, mobilità e gerarchia sono le più ovvie


caratteristiche del lavoro immateriale metropolitano. Al di là dell’etichetta
di lavoratore autonomo e indipendente, troviamo in realtà un intellettuale
“proletario”, riconosciuto come tale solo dal datore di lavoro che lo/la 1. Manfredo Tafuri e Giovan Battista Piranesi
sfrutta. È interessante notare che in questa sorta di esistenza completa-
mente dedicata al lavoro è diventato sempre più difficile distinguere il Dentro al libro di sfera c’è solo quella di Piranesi1.
tempo libero dall’orario di lavoro. […] Un lavoro poliedrico e autonomo
sta emergendo dunque come la forma dominante, rappresentata da un L’interesse di Manfredo Tafuri verso lo studio dei progetti,
tipo di ‘lavoratore intellettuale’ che è di fatto un imprenditore di sé stesso,
degli scritti e dell’unica opera realizzata di Giovan Battista Pi-
inserito all’interno di un mercato costantemente in movimento e all’inter-
no di reti che sono modificabili nel tempo e nello spazio20. ranesi, la sistemazione del complesso di Santa Maria del Prio-
rato all’Aventino in Roma, emerge nei suoi libri Teorie e storia
Si torna, dunque, al pensiero profetico di Manfredo Tafuri, dell’architettura del 1968, La sfera e il labirinto del 1980, e nel
che metteva in guardia dal disegno capitalista di oggettivazione testo Il complesso di Santa Maria del Priorato sull’Aventino, in
della scienza “dentro lo sviluppo”21 e che può essere ritenuto va- un saggio nel libro di Alessandro Bettagno, Piranesi, incisioni-
lido ancora oggi se si considera che la nuova classe intellettuale rami-legature-architetture, del 1981.
lavora indifferentemente per università, multinazionali e think Dal 1970 al 1980, i saggi di Tafuri su Piranesi sono tre e ogni
tank22. L’autonomia del lavoro intellettuale sembra continuare volta sempre più approfonditi.
ad essere, dunque, pura utopia. Il susseguirsi dei titoli, anche da solo, descrive la ricerca, il
pensiero: G.B. Piranesi: l’architettura come utopia negativa,
“Angelus Novus” (20, 1971); Giovan Battista Piranesi: l’uto-
pie négative dans l’architecture, “L’architecture d’aujourd’hui”
(184, 1976); e finalmente “L’architetto scellerato”: G.B. Piranesi,
l’eterotopia e il viaggio, primo capitolo di La sfera e il labirinto2

1
Da un’intervista a Manfredo Tafuri a proposito del suo libro La sfera e il labi-
rinto, in A. Terranova (a cura di), Alcuni temi e problemi tra progetto e storia. Inter-
vista a Manfredo Tafuri, “Rassegna di architettura e urbanistica”, xviii, 54, 1982.
2
Tafuri spiega le motivazioni del titolo La sfera e il labirinto in A. Terranova (a
20
M. Lazzarato, Immaterial Labor, cit. cura di), Alcuni temi e problemi tra progetto e storia, cit.: “Dentro al libro di sfera c’è
21
M. Tafuri, Progetto e utopia, cit., pp. 68-69. solo quella di Piranesi, che però non è determinante: non è quella, in fondo, cui mi ispi-
22
Cfr. E. Lipton, N. Confessore, B. Williams, Scholar or Lobbyist? Often Both ravo. Prendiamo la sfera. Sembrerebbe essere il luogo geometrico perfettamente certo,
as Links to Business Go Unseen, “The New York Times”, 9 agosto 2016, 1, A12- sicuro e razionale. Appunto, dotato di centro. Ma proviamo a leggerla spazialmente.
13; E. Lipton, B. Williams, Scholarship or Business? Think Tanks Blur the Line, La possiamo percorrere in due modi: come esterno e come interno, ma l’esterno e
“The New York Times”, 8 agosto 2016, 1, A12-13. l’interno non hanno relazione tra loro, sono due figure geometriche completamente

298 299