Sei sulla pagina 1di 3

o

Un volume destinato a tutti coloro che desiderano argomentare correttamente, cioè '-O
()1
-"'"
W
sostenere una propria tesi o criticare una tesi awersaria, utilizzando gli strumenti del- -<

la logica, della dialettica e della retorica antiche e contemporanee. In un'epoca in cui


si è fatti bersaglio di messaggi e tesi di ogni genere, da parte di politici, pubblicitari,
giornalisti, intellettuali televisivi, oratori nazional-popolari, questo testo è un vade-
mecum necessario per chi continua a dare valore all'argomentazione razionale.

Giovanni Boniolo
Insegna Filosofia della scienza presso il Dipartimento di Filosofia dell'Università di
Padova. Tra i suoi scritti, la voce quadro "Filosofia della scienza" per gli aggiornamenti
aL. Geymonat, Storia della filosofia e del pensiero scientifico (Garzanti, Milano 1996).
Per la Bruno Mondadori ha curato Filosofia della fisica (1997), è autore di Metodo e
rappresentazioni del mondo: per un'altra filosofia della scienza (1999).

Paolo Vidali
Collabora presso l'insegnamento di Filosofia della scienza dell'Università di Padova
(Dipartimento di Filosofia). Ha pubblicato saggi di storia della filosofia e sulla raziona-
lità in epoca contemporanea (Metamorfosi, con G. Barbieri, Laterza, Roma-Bari 1986;
La ragione possibile, con G. Barbieri, Feltrinelli, Milano 1988), sulla teoria dei sistemi
e la comunicazione (Costruire la realtà. Comunicare, pensare e convivere come si-
stemi, con F.Neresini, Quattro venti, Urbino 1998).

I due autori, per la Bruno Mondadori, hanno scritto Filosofia della Scienza (1999) e so-
no curatori del manuale per le scuole superiori Argomentare. Corso di Filosofia (2002).

ISBN 88-424-9543-3

€ 10,50 (Lire 20.330)


46 La logica modale

Ma, come abbiamo visto nel cap. 2, § 2.1, hp 1\ q) è logicamente equi-


valente a (p -? q). Sostituendo nella [3] si ottiene:
del
p =- q = D (p -? q) [4]

Se, invece, si prende come primitivo l'operatore di necessità, allora


quello di possibilità si definisce come
del
Op = -, D -,p

Il quadrato In base a queste considerazioni, seguendo il filosofo peri patetico


d'opposizione
Teofrasto (IV secolo a.C.) ma utilizzando i moderni operatori logici,
della logica
moda le possiamo pensare a un quadrato logico d'opposizione in termini mo-
dali, come quello presentato qui sotto.

necessario impossibile
Dp D -,p
-,O-,p -,Op

Legenda
possibile contingente
-, D -,p -,Dp
Op O-,p

X contraddittori
enunciati

A questo punto, è opportuno fare alcune considerazioni sulle nozioni


di necessità, contingenza e possibilità, la cui interpretazione filosofica
non è affatto semplice e univoca.

Necessario 1. Necessario. L'uso di questa nozione in logica modale non fa riferi-


mento alla "necessità fisica non causale" ("Data una resistenza elettri-
ca di 3 ohm, se vogliamo che sia attraversata da una corrente di 2 am-
pere è necessario applicarle una differenza di potenziale di 6 volt"), né
alla "necessità fisica causale" ("È necessario che un metallo riscaldato
si dilati"). Né la necessità logica è apparentabile a uno qualsiasi di
questi concetti: "non alterabile" ("Ogni evento storico è necessario" =
"ogni evento storico è inalterabile"); "non abbandonabile" ("È neces-
sario credere che Dio esista" = "Non si può abbandonare la credenza

Potrebbero piacerti anche