Sei sulla pagina 1di 1

Italiani, popolo di superstiziosi: crollo di prenotazioni aeree per il giorno 17

Quanti venerdì 17 o venerdì 13 abbiamo superato nella nostra vita? Tanti. Forse tutti direi, eccezion
fatta per quei casi in cui ci facciamo talmente impressionare e suggestionare che ci capita qualcosa
di strano proprio nei giorni che “temiamo” di più e diamo subito la “colpa” alla sfortuna. Già, perchè gli
italiani sono molto superstiziosi. Forse non in modo estremo, ma se si rompe uno specchio o ci passa
davanti un gatto nero, qualche pensiero va immediatamente a cosa ci diceva di fare la nonna in
questi casi.

Gli italiani il 17 non prendono l’aereo


Il numero di viaggi e di prenotazioni il venerdì 17 è infatti calato vertiginosamente. Nello specifico si
parla di un calo del 21% ed è assurdo visto che, generalmente, il venerdì è uno dei giorni più ambiti
per partire e raggiungere amici o parenti per il weekend.
Restiamo in ambito “superstizioni” perchè in Italia, per non negare, abbiamo anche il paese più
sfortunato della penisola: Colobraro. Come vi avevamo già raccontato infatti siamo in Basilicata e
questo piccolo borgo non viene chiamato per nome ma solo “Quel paese”. Il motivo? Pare che
proprio il nome Colobraro porti sfortuna perchè, leggenda vuole, che le donne di questo borgo nel
passato fossero streghe.

Perchè il 17 porta sfortuna?


Ma perchè il 17 si dice porti sfortuna? Tutto deriva dal latino. Questo numero infatti si scrive XVII,
niente di male direte voi. Già, ma peccato che anagrammando le lettere venga fuori la parola “VIXI”
che in latino è il passato del verbo vivere. Quindi dire 17 è come dire sono morto. In barba a tutti
coloro che invece il giorno 17 sono nati!
C’è poco da fare comunque, il 17 porterà sempre male per alcuni di noi. Ma non è solo questo
numero che si dice porti sfortuna. Nei paesi orientali pare sia il 4 ad avere la croce di numero nero,
invece in America è il 13. Avete notato infatti che sui sedili in aereo ad esempio il posto numero 13
non esiste? Non è un caso, evitano di inserirlo, come la fila 13, per non creare disagi a coloro che
sono particolarmente superstiziosi.