Sei sulla pagina 1di 5

TRG - Tecniche di rappresentazioni grafiche

Sviluppo di solidi
tratto dal libro di testo p.62-63

Lo sviluppo dei solidi è una importante tecnica di rappresentazione


che riguarda molteplici rami dell’attività artigianale, progettuale e
artistica: taglio degli abiti, confezionamento di prodotti e imballaggi
(packaging), realizzazione di prodotti in latta o rame come scatole,
lattine, grondaie, ecc.
Molto importanti sono anche gli sviluppi utilizzati nel settore
meccanico e impiantistico, per esempio le tubazioni
Sviluppare un solido vuol dire:
• ribaltare su un piano le superfici che lo compongono
•disegnare la forma della superficie esterna del solido con il minor
numero di tagli possibili.

Per poter comprendere i principi su cui si basa lo sviluppo dei solidi


occorre possedere elementi base della geometria solida.

Copyright © Ulrico Hoepli Editore S.p.A. 2014


La geometria solida è la parte della geometria che studia i solidi,
cioè le figure geometriche formate da punti tutti compresi in uno
spazio tridimensionale; pertanto, i solidi geometrici sono corpi o
figure a tre dimensioni (3D).
Si definiscono poliedri i solidi delimitati da poligoni piani.

Un poliedro è caratterizzato dai seguenti elementi:


• volume: lo spazio interno alla figura solida;

• faccia: ciascuna delle forme geometriche che delimitano il


volume;

• spigolo: il segmento di intersezione di due facce;

• vertice: il punto in cui convergono almeno tre facce di un


poliedro.
Copyright © Ulrico Hoepli Editore S.p.A. 2014
Un poliedro è regolare se le facce che lo costituiscono sono
poligoni regolari e uguali. Sono poliedri regolari i seguenti:
• tetraedro, la cui superficie è costituita da quattro triangoli
equilateri;

• esaedro o cubo, delimitato da sei quadrati

• ottaedro, delimitato da otto triangoli equilateri


Per sviluppo di un solido s’intende il disporre su un
unico piano tutte le facce del solido

Generalmente gli sviluppi non sono procedimenti complicati

Esempio: I parallelepipedi sono figure solide aventi per facce sei


parallelogrammi, a due a due uguali e paralleli.

Copyright © Ulrico Hoepli Editore S.p.A. 2014


Tav.25:Eseguire su foglio A4 il seguente sviluppo
di un prisma esagonale (titolo) completando il
disegno con l’opportuno

Valuta