Sei sulla pagina 1di 125

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POWERLINE :

INTERNET ELETTRICA
La trasmissione dei dati attraverso la rete elettrica

Tesi di

Bruno Roberto Lazzoni


presentata per la discussione della Laurea di I Livello in

Ingegneria elettrica
Anno accademico 2003/2004

Relatore: Prof. Ing. Dott. Dante Casini

Controrelatore: Prof. Ing. Dott. Andrea Tellini

Università degli Studi di Pisa, 30 Aprile 2004


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

POWERLINE :

INTERNET ELETTRICA
La trasmissione dei dati attraverso la rete elettrica

Tesi di

Bruno Roberto Lazzoni


presentata per la discussione della Laurea di I Livello in

Ingegneria elettrica
Anno accademico 2003/2004

Relatore: Prof. Ing. Dott. Dante Casini

Controrelatore: Prof. Ing. Dott. Andrea Tellini

Università degli Studi di Pisa, 30 Aprile 2004


a Jasmine
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

Estratto della tesi di laurea in Ingegneria Elettrica

di

Bruno Roberto Lazzoni

“POWERLINE : INTERNET ELETTRICA”


La trasmissione dei dati attraverso la rete elettrica

Relatore: Prof. Ing. Dott. Dante Casini


Controrelatore: Prof. Ing. Dott. Andrea Tellini

L’obiettivo della tesi è fornire un panorama sullo stato attuale della tecnologia
“PowerLine Communications”, commercialmente nota come “Internet Elettrica”, che
permette la trasmissione su reti elettriche di informazioni codificate mediante la tecnica di
modulazione dei segnali che si basa sul principio delle onde convogliate.

La nuova tecnologia permette di trasmettere i segnali portanti, codificanti le


informazioni, sulle reti elettriche già esistenti: data la loro capillarità di distribuzione nel
territorio, PLC rappresenta il futuro delle telecomunicazioni per la fornitura di servizi
sia in ambito civile, quali l’accesso alla rete Internet, l’audio, la telefonia, il video on-
demand, le applicazioni di demotica; sia in ambito industriale, quali la realizzazione di
reti locali per la telegestione ed il telecontrollo delle macchine automatiche.

L’impiego di questa tecnologia prospetta un elevato guadagno alle compagnie


elettriche od anche ai soli proprietari o gestori degli impianti di distribuzione essendo
capillarmente diffusi verso l’utenza finale, sia civile che industriale, ed ottimamente
strutturati nelle dorsali con elevati margini di ridondanza e capacità trasmissiva.

L’analisi, studiati i vantaggi e le attuali applicazioni, ne valuta le prospettive future.


SOMMARIO
POWERLIN E : IN TERN ET ELETTRICA
La trasmissione dei dati attraverso la rete elettrica

INTRODUZIONE LA TECNOLOGIA “POWERLINE COMMUNICATION” .......... II


CAPITOLO 1 CENNI STORICI.................................................................................................2
1.1 LE PRIMI APPLICAZIONI DELLA TECNOLOGIA POWERLINE .................................................... 2
1.2 GLI ULTIMI TRENT 'ANNI............................................................................................................ 2
1.3 A I GIORNI NOSTRI ...................................................................................................................... 2
• 1.3.1 Il progetto Digital PowerLine di AEM a Milano ..............................................2
• 1.3.2 Le sperimentazioni ENEL.....................................................................................2
• 1.3.3 Nortel......................................................................................................................2
1.4 CONCLUSIONI ............................................................................................................................. 2
CAPITOLO 2 LA TECNOLOGIA ..............................................................................................2
2.1 POWERLINE COMMUNICATIONS.............................................................................................. 2
2.2 IL PRINCIPIO DELLE ONDE CONVOGLIATE ............................................................................... 2
2.3 SCHEMA LOGICO DI APPLICAZIONE DELLE PLC ..................................................................... 2
2.4 LA NORMATIVA.......................................................................................................................... 2
2.5 STANDARD PRESENTI SUL MERCATO....................................................................................... 2
• 2.5.1 Standard X-10........................................................................................................2
• 2.5.2 Standard Intellon CEBus.....................................................................................2
• 2.5.3 Standard Echelon LONWorks..............................................................................2
• 2.5.4 Standard Intelogis PLUG-IN ...............................................................................2
2.6 CONSIDERAZIONI....................................................................................................................... 2
CAPITOLO 3 LE LINEE ELETTRICHE AD ALTA FREQUENZA...............................2
3.1 INTRODUZIONE........................................................................................................................... 2
3.2 COMPORTAMENTO DELLA RETE ELETTRICA "ESTERNA" IN BT.................................. 2
• 3.2.1 Propagazione del segnale....................................................................................2
• 3.2.2 Rumore....................................................................................................................2
• 3.2.3 Considerazioni.......................................................................................................2
3.3 COMPORTAMENTO DELLA RETE ELETTRICA "INTERNA" IN BT. ........................................... 2
• 3.3.1 Propagazione del segnale....................................................................................2
• 3.3.2 Rumore....................................................................................................................2
• 3.3.3 Considerazioni.......................................................................................................2
3.4 CONCLUSIONI ............................................................................................................................. 2
CAPITOLO 4 LE INTERFERENZE ELETTROMAGNETICHE .....................................2
4.1 PREMESSA ................................................................................................................................... 2
4.2 LIVELLI DI EMISSIONI STANDARD ............................................................................................ 2
4.3 L'"ESPERIMENTO M ANCHESTER" ............................................................................................ 2
4.4 DISTURBI DOVUTI ALLE PLC.................................................................................................... 2
• 4.4.1 Servizi soggetti all'interferenza delle PLC.........................................................2
4.5 DEFINIZIONE DI NORMATIVE ADEGUATE ................................................................................ 2
• 4.5.1 L'NB30 tedesca ......................................................................................................2
• 4.5.2 Il "chimney approach"..........................................................................................2
4.6 CONSIDERAZIONI....................................................................................................................... 2

30 Aprile 2004 Introduzione I


CAPITOLO 5 LE TECNICHE DI TRASMISSIONE............................................................2
5.1 INTRODUZIONE........................................................................................................................... 2
5.2 TECNICHE DI TRASMISSIONE..................................................................................................... 2
• 5.2.1 Spread Spectrum....................................................................................................2
• 5.2.2 OFDM .....................................................................................................................2
5.3 M EDIA A CCESS CONTROL LAYER........................................................................................... 2
• 5.3.1 Elementi fondamentali..........................................................................................2
• 5.3.2 Analisi del MAC.....................................................................................................2
• 5.3.3 Organizzazione del MAC Layer..........................................................................2
CAPITOLO 6 APPLICAZIONI DELLE PLC.........................................................................2
6.1 A PPLICAZIONI DELLA TECNOLOGIA POWERLINE COMMUNICATION ................................... 2
• 6.1.1 La filodiffusione.....................................................................................................2
• 6.1.2 La Domotica...........................................................................................................2
• 6.1.3 Cantone Ticino.......................................................................................................2
6.2 LA SPERIMENTAZIONE PLC A GROSSETTO............................................................................. 2
6.3 A PPLICAZIONI COMMERCI ALI................................................................................................... 2
• 6.3.1 Merloni e Ariston...................................................................................................2
• 6.3.2 Il sistema “CentralTest” Beghelli.......................................................................2
• 6.3.3 Il Telegestore Enel.................................................................................................2
• 6.3.4 Il sistema MyHome di BTicino.............................................................................2
• 6.3.5 Domustech..............................................................................................................2
6.4 L’IMPIEGO SOCIALE DELLE PLC .............................................................................................. 2
• 6.4.1 Il software QualiHome..........................................................................................2
• 6.4.2 Trento, la domotica in aiuto dei disabili............................................................2
6.5 I PRODOTTI.................................................................................................................................. 2
• 6.5.1 Il mercato americano............................................................................................2
• 6.5.2 Il Power Switch di Digicom.................................................................................2
• 6.5.3 Building Automation .............................................................................................2
• 6.5.4 Lon Powerline modem..........................................................................................2
• 6.5.5 Netgear PowerLine...............................................................................................2
CAPITOLO 7 LO SVILUPPO DELLE PLC............................................................................2
7.1 INTRODUZIONE........................................................................................................................... 2
7.2 LIMITI ATTUALI DELLA TECNOLOGIA PLC ............................................................................. 2
7.3 LE TECNOLOGIE CONCORRENTI................................................................................................ 2
7.4 LO SVILUPPO DELLA POWERLINE............................................................................................. 2
7.5 IL PROGETTO PALAS................................................................................................................ 2
7.6 IL PROGETTO OPERA ............................................................................................................... 2
7.7 LE A SSOCIAZIONI DI PRODUTTORI ........................................................................................... 2
• 7.7.1 Home Plug PowerLine Alliance..........................................................................2
• 7.7.2 PLC Forum.............................................................................................................2
• 7.7.3 Altre associazioni e forum....................................................................................2
7.8 CONCLUSIONI ............................................................................................................................. 2
BIBLIOGRAFIA ............................................................................................................................... II
A RTICOLI E RELAZIONI....................................................................................................................II
LIBRI ..................................................................................................................................................II
LINKS.................................................................................................................................................II
TESI E PUBBLICAZIONI .....................................................................................................................II
GLOSSARIO .................................................................................................................................. - 2 -
ACRONIMI .................................................................................................................................... - 2 -

30 Aprile 2004 Introduzione II


Introduzione

La tecnologia “Powerline Communication”

L’obiettivo di questa tesi è analizzare, dopo un breve excursus storico, lo stato


attuale, sia progettuale che applicativo, della tecnologia “PowerLine Communications”,
di seguito PLC, commercialmente nota come “Internet Elettrica”, che permette la
trasmissione su reti elettriche di informazioni codificate mediante la tecnica di
modulazione dei segnali che si basa sul principio delle onde convogliate.

La nuova tecnologia permette di trasmettere i segnali portanti, in genere digitalizzati


e trasmessi con protocollo IP, sulle reti elettriche già esistenti: data la loro capillarità di
distribuzione nel territorio e verso l’utente finale, PLC rappresenta il futuro delle
telecomunicazioni per la fornitura di servizi, specie nell’”ultimo miglio”, sia in ambito
civile, quali l’accesso alla rete Internet, l’audio, la telefonia, il video anche on-demand, le
applicazioni di demotica; sia in ambito industriale, quali la realizzazione di reti locali
per la telegestione ed il telecontrollo delle macchine automatiche o a controllo numerico,
nonché degli impianti di segnalazione, emergenza e sicurezza.

L’impiego di questa tecnologia prospetta un elevato guadagno alle compagnie


elettriche od anche ai soli proprietari o gestori degli impianti di distribuzione dell’energia
elettrica: essi, infatti, sono capillarmente diffusi verso l’utenza finale, sia civile che
industriale, e sono contemporaneamente ottimamente strutturati nelle dorsali con elevati
margini di ridondanza e capacità trasmissiva.

L’applicazione dei sistemi di trasmissione di segnali codificati può essere utilizzata


sia dai gestori stessi per telecontrollare e automatizzare i propri apparati terminatori
della rete distributiva, sia per fornire direttamente o indirettamente servizi ad alto valore
aggiunto e di elevato contenuto tecnologico come l’accesso ad Internet ad elevata qualità e
capacità, potendo raggiungere flussi dati prossimi a quelli standard delle reti locali.

30 Aprile 2004 Introduzione III


Al vantaggio patrimoniale di sfruttare un mezzo già cablato, sia esternamente che
internamente all’utenza da servire, si aggiunge anche il vantaggio socio economico di
poter fornire servizi ad alto contenuto tecnologico anche in quelle zone isolate, come ad
esempio i paesi di montagna, o tecnologicamente arretrate, come la maggior parte dei
paesi in via di sviluppo, dove gli attuali operatori di telecomunicazione non investono per
il basso indice di redditività finanziaria: ovunque, infatti, è oramai diffusa una presa
terminale di un impianto elettrico. Inoltre, la tecnologia permette a persone portatrici di
disabilità di vario genere di poter usufruire di tutti i vantaggi della tecnologia moderna.

La tecnologia, che si fonda su un principio fisico noto da tempo, è ancora poco


sviluppata rispetto alle sue potenzialità in quanto il mezzo trasmissivo non risulta a
priori idoneo a trasmettere segnali ad alta frequenza, essendo stato progettato e
realizzato, e soprattutto gestito e mantenuto, per trasmettere segnali elettrici a bassa
frequenza: pertanto la maggior parte delle applicazioni, per altro diffuse più di quel che
sia lecito aspettarsi, sono state fino ad oggi sviluppate prevalentemente in ambito locale
con bassi flussi trasmissivi, quindi come alternativa alla trasmissione dei dati su cavo di
rame apposito, le cosiddette Local Area Network (LAN), in specie per remotizzare
servizi quali la telelettura dei contatori o il telecontrollo di impianti di climatizzazione e
di allarme; cioè l’accesso a Internet in banda larga in alternativa alle tecnologie xDSL.

Nel presente e nel futuro prossimo, sia per la sempre maggior diffusione anche in
Europa della deregulation nella fornitura di servizi di telecomunicazione e di
distribuzione dell’energia elettrica, sia per il naturale sviluppo tecnologico che permettono
più efficaci tecniche di sfruttamento del canale trasmissivo, sta notevolmente aumentando
la prospettiva d’impiego della tecnologia powerline con progetti caratterizzati da altissimi
flussi trasmissivi da realizzare anche fra reti locali distanti fra loro, con un’adeguata
struttura trasmissiva capace di raggiungere elevate distanze, le cosiddette Wide Area
Network (WAN), o reti geografiche, e le Metropolitan Area Network (MAN).

Powerline è una tecnologia versatile ed integrativa: la sua applicazione, infatti, non


elimina ma integra le reti di trasmissione di dati già esistenti in ambito locale,

30 Aprile 2004 Introduzione IV


sfruttando la rete elettrica a bassa tensione presente in tutte le abitazioni o uffici,
combinandosi anche con quelle esistenti fra gli edifici, anch’esse prevalentemente in bassa
tensione, risolvendo in tal senso pure il problema della copertura del cosiddetto ultimo
miglio o local loop, cioè la fornitura di servizi flat nel tratto normato unbundling.

Pertanto lo scopo principale di questa analisi prospettica è di capire le effettive


potenzialità della rete elettrica in bassa tensione e le eventuali problematiche legate al suo
sfruttamento per la trasmissione di servizi di telecomunicazioni.

Per questo dopo un breve percorso storico e una presentazione dei sistemi ormai
affermati e standardizzati, analizzeremo le caratteristiche che il canale trasmissivo
presenta fino a frequenze di 30 MHz, per passare poi allo studio di eventuali problemi
di compatibilità elettromagnetica e quindi di un'adeguata tecnica di trasmissione e di un
eventuale MAC (acronimo di Media Access Control), cioè di quell'insieme di regole che
stabilisce come e quando il mezzo fisico è accessibile ad ogni nodo o elemento del sistema.

Si presenteranno, poi, gli attuali progetti in corso, approfondendo l’analisi, perché


vicino, dell’esperimento dell’ENEL a Grosseto e si analizzeranno i possibili sviluppi
sia di ricerca che di ingegnerizzazione e commercializzazione di questa tecnologia, con
particolare riferimento ai problemi normativi di standardizzazione e di interferenza.

Infine si citeranno alcuni prodotti in commercio, in parte oggetto di questo studio.

Completano la trattazione una esauriente bibliografia ad oggi disponibile.

Augurando al lettore una piacevole lettura che valga quale stimolo di interesse
nell’approfondire ciò che ancora si conosce poco, si ricorda che la presente trattazione ha
il solo scopo di riorganizzare le informazioni attualmente disponibili, ovvero reperite, per
illustrare i principi di funzionamento, le applicazioni ed i possibili sviluppi dei sistemi di
trasmissione su linee elettriche, la PowerLine Communication.

30 Aprile 2004 Introduzione V


Ringrazio la mia famiglia per l’affettuosa
collaborazione ed il prezioso incoraggiamento
L'uomo più saggio

non è colui che sa;

ma chi sa di non sapere.

Socrate
CAPITOLO 1
CENN I STORICI
1.1 Le primi applicazioni della tecnologia powerline
La storia dei sistemi di trasmissione su linee elettriche è legata al secolo
scorso ed allo sviluppo che in esso hanno avuto i dispositivi elettronici.

L'idea della tecnologia powerline si basa sul principio fisico delle onde
convogliate in modo da sfruttare la rete di distribuzione dell'energia
elettrica per la trasmissione delle informazioni, oltre che della potenza
elettromotrice: la grossa e fondamentale innovazione è sul fronte della
tecnologia applicata che può sfruttare algoritmi sempre più affinati per la
modulazione e demodulazione dei segnali, nonché una sempre crescente
capacità di calcolo dei microprocessori, oltre alla loro miniaturizzazione.

La prima applicazione significativa risale al primo ventennio, quando si


pensò di sfruttare la rete elettrica già
cablata per raggiungere aree molto
remote, sia per controllare a tali
distanze la rete distributiva, sia per
trasmettere la voce: le comunicazioni
elettriche impiegavano frequenze sotto
i 150 KHz (EN50065-11) con intensità
di irradiazione così elevata da creare
forti disturbi in quanto sia le linee fra
le sottostazioni, tipicamente a 11 KV,
sia i trasformatori provocavano
altissime attenuazioni: inoltre, era
1 La rete di distribuzione elettrica
necessario non interferire con le
radiofrequenze impiegate per la navigazione aerea e la radiodiffusione.

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 1


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

L'uso di sistemi in bassa frequenza su linee di alta tensione, soprattutto


per la trasmissione di segnali legati al monitoraggio, al controllo remoto e
alla voce, prevedeva sistemi di accoppiamento in alta tensione installati sia
in serie che in parallelo con i circuiti di alta tensione: le bobine di blocco in
serie dovevano trasferire il carico sulle linee elettriche e sostenere il livello
di corrente; gli accoppiatori capacitivi dovevano sostenere le tensioni.

Erano disponibili sia la tecnica di trasmissione fase-fase che quella fase-


terra che garantiva minore attenuazione, migliori rapporti segnale rumore,
minori variazioni del livello di attenuazione dovute alle condizioni
atmosferiche, minor livello di segnali irradiati. Nel sistema fase-terra la
perdita del conduttore di fase produceva anche la perdita di segnale, nel
sistema fase-fase solo un leggero aumento dell'attenuazione.

Queste reti ad alto voltaggio, e con scarse discontinuità, fornivano la


più stabile struttura possibile per le comunicazioni su linee elettriche pur
presentando il difetto del rumore, principalmente generato da archi
elettrici, tale per cui il rapporto segnale rumore non permetteva di superare
distanze di circa 200 Km.

Alternativamente a questa tecnica, con lo sviluppo del Ripple Control2,


toni ad audio frequenza (AF) sul segnale elettrico in bassa tensione per
trasmettere solo comandi 'on/off ', si modulava la frequenza principale
con dei burst3 di segnale ad audio frequenza, ognuno dei quali durava
diversi cicli della frequenza principale (Davos, 1929): un certo numero dei
burst in AF veniva poi unito per formare un segnale codice che poteva
essere ricevuto e decifrato lungo vari punti della rete. Era anche possibile
usufruire di diversi servizi sulla stessa linea trasmissiva utilizzando
differenti audio frequenze con circuiti accordati nel ricevitore che
rilevavano solo i segnali relativi alle applicazioni di cui erano destinatari.

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 2


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Le applicazioni consistevano nel telecomandare segnali di semplice


switching quali, ad esempio, l’accensione o lo spegnimento dei lampioni
dell'illuminazione pubblica.

Essendo costoso sia il dispositivo per modulare il segnale principale


con segnali in audio frequenza, sia la manutenzione del Ripple Control,
agli inizi degli anni ’60 vennero impiegate delle tecniche per rendere la
trasmissione più economica e meno sensibile ai disturbi ed alle
interferenze, migliorando la ricezione: Peak Depression, con cui il segnale
è reso discreto attorno a zero Volt con picchi da 200/300 A che davano
origine alla codifica dell’informazione; Cyclocontrol, con cui si avevano in
34 cicli a disposizione 165 indirizzi discreti con quattro possibili istruzioni.

Non potendo lavorare in banda base per la troppa potenza necessaria a


sovrastare il rumore, furono impiegate le frequenze tra i 150 e i 450 KHz
(1936 Bell Telephone Laboratories), perché sotto questo range si avevano
problemi di accoppiamento, mentre sopra di elevata attenuazione e
interferenza dovuta alle stazioni radio: il sistema, in grado di coprire
distanze di circa 30 km, era progettato per lavorare sulla rete di
distribuzione rurale americana, composta da un conduttore monofase a 7
KV e 60 Hz, con un filo neutro in basso che di tanto in tanto era interrato.

1.2 Gli ultimi trent'anni

Negli ultimi decenni lo sviluppo si è concentrato sostanzialmente


sull'automazione delle funzioni di distribuzione, come la lettura automatica
del contatore, il controllo selettivo del carico e la gestione a distanza della
rete, sulle bande di frequenza stabilite dal CENELEC 4. Lo scopo era
generalmente quello di sviluppare un sistema capace di aiutare gli utenti a
cambiare la forma della loro curva di assorbimento. Stabilizzando tale
curva su tutto l'arco delle 24 ore i produttori di energia elettrica potevano
ridurre i costi di produzione: picchi di richiesta, come avviene ad esempio

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 3


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

nell'ore dei pasti, richiedono infatti l'uso di impianti veloci nel collegarsi
alla rete ma in genere costosi da avviare come le centrali a gas. Rendere
quindi la richiesta di energia il più possibile costante e diffusa su tutto
l'arco del giorno consentirebbe l'utilizzo di impianti più economici da
gestire, giustificando così, con una diminuzione dei costi di produzione, le
maggiori complessità introdotte da questi sistemi.

Inoltre questo sistema di gestione della rete consentirebbe facilmente


l'implementazione di servizi aggiuntivi, altrimenti costosi da realizzare
singolarmente, come la lettura automatica del contatore e il monitoraggio
continuo della rete. Tutti questi studi hanno portato sicuramente ad una
migliore conoscenza della rete e delle sue caratteristiche ma, salvo rare
eccezioni, non sono sfociati in prodotti o servizi dal grande successo
commerciale, prevalentemente per il basso, se non negativo, rapporto
investimenti/benefici in termini economici.

Alcuni dei più importanti progetti:

Ø anni '70, compagnia elettrica Wisconsin (USA): realizza un


sistema sulle sue linee di distribuzione che permette una
completa gestione dei carichi ed una lettura remota dei contatori
di luce, acqua e gas mediante l’impiego di un apposito
trasponder5 domestico;

Ø anni ’80, South Eastern Electricity Board (GB): sviluppa un


dispositivo nominato CALMS (Credit And Load Management
System) che si basa su un terminale domestico "intelligente" in
grado di utilizzare diversi mezzi di comunicazione (non
solamente le linee elettriche) per aumentare lo scambio di
informazioni tra l'utente e il gestore dell'energia. I servizi offerti
erano la misura e registrazione della domanda e del suo picco, la
selezione remota delle tariffe, le informazioni sui carichi elettrici

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 4


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

e sui consumi per aiutare la pianificazione e il controllo della


rete, il controllo remoto di consumi e tariffe, la lettura remota di
3 contatori, i pagamenti a distanza, la limitazione dei carichi per
rientrare in un certo tipo di tariffazione o come servizio minimo
di emergenza ed infine supplire alla mancanza di collegamenti di
terra nelle abitazioni degli utenti;

Ø anni '80, consorzio inglese THORN EMI: collauda, con circa


1000 utenti, un particolare sistema di telecontrollo basato su un
microprocessore progettato e realizzato direttamente e che
sfrutta una modulazione di tipo Spread Spectrum6, che fino ad
allora era stata usata quasi esclusivamente per comunicazioni in
ambito militare, per cercare di superare i problemi legati al
rumore della rete di distribuzione in bassa tensione, offrendo i
seguenti servizi: registratore multi tariffa per i contatori acqua,
gas, luce; funzioni di controllo e switch remoti per
riscaldamento acqua e ambienti; registrazione dell'assorbimento
su tutte le 24 ore, a passi di mezz'ora, per l'analisi delle variazioni
dei carichi; visualizzazione nel tempo del consumo di luce,
acqua e gas con previsione di spesa; rilevamento di
manomissioni;

Ø anni '80, ENEL: esperimento sulla propria rete per usare le linee
in bassa tensione come mezzo per la trasmissione dati,
ottimizzando l'uso delle risorse disponibili per generare energia
elettrica e controllarne il consumo da parte degli utenti,
fornendo i seguenti servizi: lettura remota del consumo
continuo degli utenti connessi; aggiornamento giornaliero dei
carichi; limitazione al limite contrattuale del consumo di energia
dell'utente; registrazione nell'arco di un mese dei picchi di
potenza; limitazione del consumo globale di energia di tutti gli

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 5


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

utenti per sopperire a momentanee carenze di disponibilità;


confronto tra potenza globale erogata da ogni sottostazione e
somma di tutte le potenze di ogni singolo utente per individuare
eventuali perdite sulla rete; rilevazione di eventuali tentativi di
manomissione;

Ø anni '90, Datawatt (Olanda e Svizzera) sviluppa il sistema


Robcom, basato sulla tecnica Spread Spectrum Frequency
Hopping, che lavorava sia sulle linee a bassa tensione, per la
gestione dei carichi, che su quelle a media, per automatizzare la
distribuzione, fornendo i seguenti servizi: monitoraggio del
flusso di energia lungo la rete; localizzazione dei guasti;
misurazione e controllo continuo del livello di tensione in alcuni
punti della rete; commutazione tariffe; cicli di carico; perdite di
carico; lettura remota del contatore; localizzazione guasti.

Oltre a quelli sinteticamente sopra riportati, agli inizi dell’ultimo


decennio del secolo scorso, NOR.WEB (Regno Unito), in collaborazione
con Open University, iniziò a studiare il sistema o modello cosiddetto
“PowerLine Communications”.

Lo scopo iniziale del progetto era la


fornitura di servizi interni rivolti
all’utente dell’energia elettrica che però
non giustificavano i grandi investimenti
impegnati per istallare le infrastrutture
necessarie alla loro diffusione su larga
2 PLC alternativa all'utimo miglio
scala; pertanto furono progettati servizi
più appetibili dai consumatori come il trasferimento di voce e dati: ma
questo richiedeva l'utilizzo di “data rate”7 molto più elevati di quelli che le
bande di frequenza assegnate dal CENELEC consentivano. Allora

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 6


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

NORWEB, per la prima volta, iniziò a studiare la possibilità di usare


frequenze più grandi di 1MHz sulla rete a bassa tensione. In pratica, la
prima vera alternativa al segnale telefonico per coprire l’ultimo miglio.

L'avvio fu molto promettente e portò alla realizzazione dimostrativa di


una rete telefonica su linea elettrica a Manchester (GB), basata sulla
tecnologia CT28 e su equipaggiamenti telefonici prodotti dalla consociata
NORTEL Networks; seguì la commercializzare del servizio Internet ad
alta velocità su linee elettriche basato su frequenze più grandi di 1MHz.

Quel progetto però terminò per insolvenza delle società gestrici


intravedendo per le PLC solamente lo sbocco nel ristretto mercato
dell'home automation, vincolate come erano dalla normativa e dalla
tecnica a data rate e bande troppo piccole per realizzare quei servizi di
grande diffusione che sembravano invece caratterizzare il crescente
mercato delle telecomunicazioni.

Ulteriori progetti si sono susseguiti negli anni, alcuni perseguiti altri


abbandonati (Siemens), soprattutto per lo sfruttamento della rete in bassa
tensione, con un crescendo in termini di frequenze di lavoro e di flussi di
trasmissione: nessuno però ancora con uno sbocco economico e
commerciale sufficiente a garantire la larga diffusione delle PLC.

1.3 Ai giorni nostri

Ad oggi, con progetti pilota in corso in diverse città del mondo, si tenta
di sperimentare efficaci e vantaggiosi sistemi di trasmissione dati basati
sulle PLC soprattutto in termini di possibile alternativa per "l'ultimo
miglio" o lacal loop.

In particolare, in Europa, sono presenti:

• in Germania, la compagnia elettrica Rwe offre nell’Essen i


servizi del Powerline, con abbonamenti dai costi abbastanza

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 7


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

contenuti (25 euro al mese). Nella città di Mannheim esiste


l’estensione più ampia commercialmente rilevante di utenti (oltre
20.000) Grazie a un altro operatore tedesco, la EnBw e nel
Baden-Wüttemberg, nella Germania sud orientale, è la prima
città a essere completamente connessa con Powerline. A
Dresda, invece, Power.Com avrebbe deciso di abbandonare il
progetto;

• in Austria, nella città di Linz, con "Speed-Web";

• in Svezia, nell’isola di Gotland con il marchio "ENkom"

• in Polonia, nella città di Cracovia;

• in Scozia, nella città di Crieff e Campbeltown da "Broadband";

• in Francia, ove EDF, la società energetica di proprietà pubblica


ha testato con successo questa tecnologia in una scuola in
Bretagna;

• in Svizzera, con gli esperimenti della Ascom Powerline


Communication, che ha risolto il problema del rumore generato
dalle interferenze dell’innesco/disinnesco dei carichi domestici,
come un forno microonde, con un algoritmo che cambia in
continuazione la frequenza, sperimentato anche in un grattacielo
di Honk Kong;

• in Israele, ove la società Main.net, per inviare i dati


dall’abitazione alla sottostazione locale, usa prodotti che
utilizzano frequenze tra 1 e 30 MHz.

Invece gli Stati Uniti sembrano essere maggiormente attratti dall'uso di


questa tecnologia all’interno delle abitazioni ove si vedono dei piccoli
apparecchi elettronici che consentono di trasformare la rete elettrica di

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 8


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

casa in una rete locale, ad


esempio la stampante, collegata
alla rete elettrica, può essere
pilotata dal personal computer
installato nella stanza accanto.

Analizziamo, ora, nel seguito


3 PLC in edificio privato o pubblico
alcuni progetti e sperimentazioni.

• 1.3.1 Il progetto Digital PowerLine di AEM a Milano

L’Azienda Elettrica Municipale di Milano, tramite la propria società di


telecomunicazioni Citytel (oggi Metroweb), ha avviato il primo test
tecnologico del genere eseguito sul territorio nazionale, in quel di Milano.

Il progetto Digital PowerLine (DPL), che è anche il nome del sistema


sviluppato da Northern Telecom United Utilities, prevede l'uso di due
periferiche all'interno dell'abitazione del cliente: una per il collegamento al
contatore elettrico; l'altra, collegata alla prima, per la connessione al
personal computer che, senza modem, deve solo essere dotato della solita
scheda di rete ethernet.

Dal contatore i dati raggiungono la più vicina cabina di bassa tensione


per essere convogliati su
fibra ottica, mediante
apposita interfaccia, fino a
raggiungere il provider di
servizi. I pacchetti di bit

4 Loschema PLC di AEM


viaggiano alla velocità di 1
Mbps. In realtà la velocità
effettiva è nominale e dipende molto dal carico generale della rete: più è
alto il numero di utenti collegati nello stesso istante, minore è la velocità
disponibile per il singolo accesso: comunque, all’epoca del progetto,

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 9


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Digital PowerLine offriva il vantaggio di essere connessi ad Internet in


modo permanente ed a basso costo, giacchè utilizzava cavi già installati
risolvendo così il problema dell'"ultimo miglio".

Lo svantaggio principale, riscontrato in sede di sperimentazione, fu la


locazione del contatore elettrico del cliente perché il sistema ne richiede la
connessione diretta con la prima periferica: un requisito che restringe
molto la potenziale clientela perché nel nostro paese la maggior parte dei
contatori elettrici dei palazzi è situata nel sottoscala. In questi casi non è
possibile realizzare la conessione a meno di spostare il contatore, con
conseguente aggravio di costi, nell'appartamento del cliente; ovvero di
“riportare” una presa utente dell’impianto elettrico al vano contatori.

A settembre del 2001 United Utilities, uno dei partner del progetto
Digital Powerline, ha annunciato che, nonostante la provata capacità della
tecnologia DPL, i volumi previsti e i profitti all’interno del competitivo
mercato dell’accesso a banda larga venivano considerati insufficienti per
giustificare l’investimento richiesto: di comune accordo i partner hanno
quindi deciso di sospendere il progetto.

• 1.3.2 Le sperimentazioni ENEL

L'Enel, già dal 1995 esegue test di trasmissione dati rete elettrica in
alcuni quartieri di Roma, Milano, Firenze e Bologna.

I test a Roma non riguardavano il collegamento alla rete Internet ma la


trasmissione dati: i clienti della compagnia elettrica nazionale possono
controllare le proprie bollette elettriche attraverso il televisore per mezzo
di un apposito decoder collegato alla rete elettrica.

A Bologna e Firenze, invece, sono stati avviati esperimenti per la


fornitura agli utenti sia di tipo residenziale che SOHO, di servizi di
telefonia e di accesso a Internet.

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 10


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• 1.3.3 Nortel

Nortel, sempre dal 1995 ha condotto alcuni esperimenti di trasmissione


dati su linee elettriche ad alta tensione raggiungendo velocità di 2 Gbps,
circa 4 volte quella della fibre ottiche.

1.4 Conclusioni

In conclusione, al di là degli specifici interessi dei vari gruppi industriali,


la principale differenza fra il mercato americano e quello europeo è legata
al numero di abitazioni che ogni trasformatore delle centrali di
trasformazione serve: dalle 5 alle 10 nel Nord America contro le circa 150
dell'Europa. Siccome il segnale delle PLC non può, chiaramente,
attraversare i trasformatori, in ogni sottostazione di trasformazione deve
essere installata un'apparecchiatura per supportare il segnale. Perciò, a
parità di utenti serviti, nel contesto nord americano i costi di installazione
per consentire la copertura dell'ultimo miglio siano in teoria molto più
difficili da ammortizzare: ciò rende di conseguenza questo tipo di
applicazione molto meno invitante.

1 EN50065-1 Trasmissione dei segnali sulle reti elettriche a bassa tensione nella banda di frequenza da 3 kHz a 148,5 kHz -- Parte 1: Regole generali, bande di frequenza,

e disturbi elettromagnetici. Direttiva 89/336/EEC.

2 Ripple Control Sistema messo a punto sulla rete elettrica olandese. Consiste nella sovrapposizione di un segnale a 1000-2000 Hz sul normale segnale elettrico (50 Hz).

Tale segnale viene individuato dai dispositivi appositamente progettati, come scaldabagni e forni, che vengono staccati dalla rete elettrica. Può essere utile

nei momenti di punta per non mandare in crisi gli impianti.

3 Burst Traffico dati interattivo tra mittente e ricevente. Ne esistono diversi tipi: Normal, trasporta le informazioni utente (TCH) o di segnalazione (BCCH,

SACCH, FACCH, SDCCH); Frequency correction (FB), utilizzato dal canale FCH; Synchronization (SB), utilizzato dal canale SCH; Access (AB),

utilizzato dal canale RACH; Dummy (DB), usato quando nessun altro canale richiede un burst da inviare. Non trasporta informazioni.

4 CENELEC Comitato europeo di standardizzazione elettrotecnica, con sede a Bruxelles, nato nel 1973 dalla fusione dei CENELCOM e CENEL, è composto dai

Comitati Nazionali di Elettrotecnica di 28 paesi Europei, con prossimo allargamento ad altri 7. Vi lavorano oltre 35.000 tecnici ed ha come scopo

principale l’analisi, studio e preparazione di standard nel campo dell’elettrotecnica per lo sviluppo del mercato europeo per i servizi elettrici.

5 Trasponder o identificatore elettronico. Circuito elettronico passivo contenente un codice di 64 bit (numero di identificazione) unico, consiste in un chip collegato ad

una ferite di carbone con un'antenna di rame. Si legge con un modulo di radio -frequenza collegato all'antenna che invia un'onda a bassa frequenza (<

200KHz) che con una certa energia elettromagneticava a caricare il chip in qualche millisecondo passando di nuovo attraverso l'antenna: il chip si scarica e

manda un'onda che ripassando nell'antenna con un'altra modulazione, arriva al lettore visualizzando sul display il codice base dell'oggetto identifi cato. Di

diverse forme e dimensioni, quello base, "Read/Only", con codice inalterabile programmato alla produzione; quello più sofisticato, "Read/Write", con

codice programmabile a piacere; il "Multipage" con codice programmato inalterabile e oltre sedici "pagine", in chiaro o criptate, programmabili a piacere.

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 11


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

6 Spread Spectrum (spettro espanso) Tecnologia di trasmissione delle onde elettromagnetiche per la realizzazione dei ponti radio così definiti “a banda estesa”. Nata verso il

1945 in ambito militare, è molto affidabile anche in condizioni d'esercizio estreme, consente una comunicazione praticamente non identificabile (non vi è

alcuna portante) e non intercettabile. Dal 1985 è stata concessa la licenza ad uso commerciale (FCC) solo in tre bande di frequenza (902 a 928 MHz,

2.4000 a 2.4835 GHz e 5.725 a 5.850 GHz): in ambito comunitario, ETS 300-328, le trasmissioni sono limitate in potenza ed in banda e perciò idonee

solo per collegamenti fino a distanze di qualche decina di chilometri. La trasmissione avviene con cicliche contrazioni ed espansioni all’interno del range

assegnato, senza impegnare permanentemente una specifica frequenza, cioè senza portante. L’espansione dello spettro, attraverso cui si realizza la forte

riduzione delle interferenze, può essere ottenuto con tre tecniche differenti: (1) Direct Sequenze (DS) con cui si moltiplica (o meglio "correla") la sequenza

di informazione in banda base con una sequenza PN, detta propriamente di espansione, avente frequenza di simbolo molto maggiore (ne cessariamente

almeno 10 volte) rispetto alla stessa sequenza di informazione;si ottiene così l’effetto di distribuire lo spettro del segnale su una banda tanto più ampia

quanto più lunga è la sequenza PN utilizzata. Il trasmettitore trasmette, a parità di potenza, una maggiore "quantità di informazione"; pagando

l’incremento con un maggiore impiego della risorsa radio: in fase di ricezione, in cui il segnale viene moltiplicato per la stessa sequenza PN che ha

prodotto l’espansione, il segnale utile verrà compresso nella sua banda originale.; (2) Frequency Hopping (FH) con cui l’espansione è ottenuta facendo

propriamente "saltare" il segnale, ovvero la porzione di banda B che lo stesso occupa in banda base, su un certo numero di frequenze portanti, scelte in

base ad una logica regolata da una sequenza PN (nota, come nel caso DS, solo al trasmettitore ed al ricevitore interessati alla comunicazione in atto): il

segnale, cioè, modula, nel corso del tempo di salto Th, una portante sempre diversa. +++ Appare quind i evidente che un sistema FH di fatto non altera in

alcun modo la distribuzione spettrale del segnale originale, contrariamente a quanto avviene nel caso DS, pertanto trasmettitore e ricevitore avranno

sempre a che fare con segnali che possiamo a tutti gli effetti definire a banda stretta; Infine, (3) Time Hopping (TH), che però non ha avuto alcun

sviluppo.

7 data rate velocità di trasferimento di un flusso dati: anche Baud. Indica la larghezza della banda e rappresenta la quantità di dati che transitano nell’unità di tempo

(secondo)

8 CT2 tecnologia di trasmissione impiegata per i telefoni senza fili, di prima generazione, con una modulazione digitale. Sviluppato nel Regno Unito, il CT2

adotta la tecnologia numerica, si configura come uno standard ETSI, è con il GSM uno dei più diffusi sistemi telefonici a tecnologia digitale del mondo.

Nato come un servizio di telefonia cordless per l'interno di edifici, con le sue estensioni è anche usato nelle applicazioni telepoint, nelle quali l'accesso alla

rete fissa è raggiunto attraverso stazioni base di bassa potenza in luoghi pubblici, che offrono agli utenti la possibilità di fare e ricevere chiamate sul loro

portatile.

30 Aprile 2004 Cap. 1 – Cenni storici 12


CAPITOLO 2
LA TECN OLOGIA
2.1 PowerLine Communications
La tecnologia PowerLine Communications,”comunicazioni su linee di
potenza”, è una tecnica di trasporto delle informazioni digitali sulle
preesistenti linee elettriche, solitamente adibite al trasporto di potenza
elettrica e quindi “disponibili” come vettori per altri tipi di informazioni
purché non collidenti con i segnali elettrici.

Le linee elettriche sono state costruite per trasportare segnali a basse


frequenze; quindi il rame che le costituisce non è di eccellente qualità, cioè
non è solitamente bonificato: inoltre, lungo il percorso del
cavo/conduttore esistono diverse giunzioni che non disturbano la
trasmissione dei segnali elettrici, perché a bassa frequenza.

Nonostante la scarsa qualità del supporto trasmissivo, dal punto di vista


delle telecomunicazioni, i segnali digitalizzati possono sfruttare i cavi delle
linee elettriche grazie al principio delle onde convogliate, mediante il quale
si “convogliano” segnali di diverse frequenze sullo stesso cavo,
separandoli all’arrivo con opportuni filtri selettivi.

Il problema principale è quello di superare i molti trasformatori presenti


nelle reti elettriche, in quanto è necessaria la continuità fisica per il
trasporto del segnale convogliato in frequenza; inoltre è necessario limitare
al massimo la potenza delle sottoportanti onde evitare che i cavi, e la rete
nel suo complesso, oltre che i supporti meccanici che la costituiscono, si
trasformino in vere e proprie antenne e quindi generino campi
elettromagnetici che vanno ad interferire con l’ambiente circostante,
nuocendo sia alle persone, incompatibilità in senso ambientale, sia agli
apparati, incompatibilità strumentale. Infine è necessario che le

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 13


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

trasmissioni powerline non siano influenzate da altri tipi di trasmissione in


frequenza onde evitare che il segnale trasmesso venga talmente disturbato
da non poter essere più trasmesso integralmente.

2.2 Il principio delle onde convogliate

L'idea di fondo non è certo innovativa e ripercorre esperienze del


passato basate sul principio fisico delle onde convogliate, grazie alla quale
è possibile far "convivere" segnali ad elevata frequenza (dati) con la
tensione di rete (energia elettrica).

La grossa e fondamentale innovazione è sul fronte della tecnologia


applicata che può sfruttare algoritmi sempre più sofisticati per la
modulazione e demodulazione dei segnali: il segnale relativo alle
informazioni da trasmettere viene codificato con una tecnica di
modulazione in diversi range di frequenze, ognuna identificante una
sottoportante rispetto a quella principale del segnale elettrico: queste
sottoportanti possono “convogliare” le onde relative alle informazioni, di
media od alta frequenza, sullo stesso supporto (cavo costituito da una
copia di conduttori) ove si propaga il segnale elettrico, la cui frequenza è
molto più bassa, 50 Hz in Europa e 60 Hz negli U.S.A. .

Con opportuni filtri in ingresso ed in uscita dalla rete elettrica, i segnali


digitalizzati vengono separati dalla portante del segnale elettrico mediante
la tecnica della fasatura: ogni sottoportante è identificata da una ben
precisa frequenza sulla quale viene accordato il relativo filtro sia in
ingresso che in uscita.

I diversi dispositivi da raggiungere vengono infine riconosciuti con lo


stesso principio in quanto ad ognuno di essi viene assegnato un codice di
riconoscimento basato su una determinata frequenza: solo il dispositivo
che si accorderà sull’apposito filtro selettivo con il valore a lui destinato
potrà ricevere l’informazione codificata.

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 14


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Ovviamente questa operazione deve essere compiuta con estrema


precisione e velocità, anche per permettere un adeguato “bit rate”, o flusso
di dati, come vedremo nel seguito in dettaglio.

Questa tecnologia è considerata “nuova”, pur essendo il principio


fisico noto da tempo come abbiamo osservato nel capitolo precedente,
perché solo negli ultimi 15 anni è iniziata una vera e propria
sperimentazione per collegare utenti distanti fra di loro sfruttando le linee
elettriche: principalmente perché solo negli ultimi decenni si sono
sviluppati potenti ed al tempo stesso piccoli processori in grado di
svolgere i numerosi calcoli necessari a modulare e demodulare i segnali
nelle diverse frequenze delle sottoportanti.

2.3 Schema logico di applicazione delle PLC

La scelta progettuale è stata quella di limitare la tecnologia PLC al


cosiddetto “ultimo miglio” o “local loop”, cioè quel tratto della rete
elettrica che va dall’ultima sottostazione di trasformazione fino all’utenza
finale: nella prima i segnali codificati si inseriscono in apposite reti di
telecomunicazioni, in genere in fibra ottica; nella seconda giugono
direttamente alla presa di corrente ove, con opportuni apparati, saranno
separati dal segnale elettrico, che per altro viene impiegato per dare
alimentazione all’apparato stesso, e confluiranno nel terminale dell’utente.

Lo schema logico è assai semplice ed intuitivo: l’informazione viene


campionata in un segnale digitale, assegnando le relative frequenze che
costituiranno le sottoportanti della modulazione: questa operazione
avviene in un “modem” che viene posto quale interfaccia fra la dorsale
della rete di telecomunicazione e la rete elettrica. In genere questo modem
è posto nelle cabine di trasformazione delle sottostazioni più vicine
all’utente e si collega ad una rete in fibra ottica. Il segnale “convogliato”
viaggia assieme al segnale elettrico e si propaga su tutta la rete: presso

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 15


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

l’utenza è installato un altro modem per demodulare il segnale separandolo


prima da quello elettrico, poi decodificando l’informazione per renderla
disponibile all’utente. L’apparato dell’utente potrà essere un computer, con
una normale scheda di rete di tipo ethernet, ovvero un telefono od un
televisore digitali.

Nel diagramma della figura si


evidenzia un esempio di una
generica configurazione per
l’erogazione di servizi voce e
Internet su rete elettrica. Il
personal computer è collegato
via Ethernet a un terminatore di
rete (network termination unit)
connesso a un telefono e alla rete
elettrica, che fornisce servizi di
5 Schema PLC su rete elettrica comunicazione (1), a cui è
possibile collegare anche un dispositivo integrato che offre funzioni per la
rilevazione del consumo dell’elettricità (2). Il terminatore di rete può
comunicare direttamente con un concentratore a bassa tensione installato
nella sottostazione, oppure, per una configurazione multi utente, con un
terminatore di accesso (3 e 4) che interconnette ciascun edificio al
concentratore. Quest’ultimo controlla l’accesso tra i terminatori e la rete a
bassa tensione. Dalla sottostazione i dati viaggiano passando sulla rete a
media tensione per poi giungere alla stazione principale da dove vengono
poi indirizzati sul backbone dell’azienda elettrica. Un concentratore
regionale si incarica inoltre di collegare al backbone i segmenti provenienti
dai diversi quartieri. Presso il centro di controllo della utility sono presenti
infine un gestore di rete e un server per fornire applicazioni in modalità
ASP (Application Service Provisioning).

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 16


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Lo sviluppo degli ultimi anni si deve anche al fatto di poter offrire


all’utente finale un’insieme di servizi ad alto valore aggiunto (voce, dati,
video) di tipo “flat rate” senza pagamenti a scatti (in genere proporzionali
al tempo), ma installando dei semplici apparati sull’infrastruttura di rete è
già presente, quindi eliminando inutili e costosi cablaggi e le relative opere.

Le caratteristiche tecniche della connettività permettono con la


tecnologia Power Line attuale di portare all'interno delle abitazioni flussi
da 2 fino a 10 Mbits; simile anche alle più recenti offerte ADSL 9.

Vi sono due tipi di tecnologia PLC:

Ø a banda stretta, utilizza la banda di frequenza 9-148,5 kHz si


basa sulla norma CENELEC EN 50065 e permette una
velocità di trasmissione dati che può raggiungere i 150 kbit/s;

Ø a banda larga, utilizza la banda di frequenza 1,6 – 30 MHz e


permette una trasmissione dati a velocità più elevate (ad. es.
applicazioni Internet e multimediali). Per questo tipo di tecnica
non vi è ancora per ora una norma internazionale.

Le interferenze possono essere eliminate ricorrendo alla normativa.

2.4 La normativa
In Europa i range frequenziali a disposizione per eventuali sistemi di
comunicazione su linee elettriche in bassa tensione sono quelli stabiliti dal
CENELEC (Committee European de Normalisation Electrotechnique)
nella norma EN50065-1 del 1991.

Questa consente l'uso di un range di frequenze che va da 3 KHz a


148,5 KHz, suddiviso in 5 sottobande ognuna con scopo diverso:

• Banda A (da 40 KHz a 90 KHz) ad uso esclusivo delle industrie


fornitrici di energia elettrica;

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 17


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• Banda B (da 110 KHz a 125 KHz) per sistemi che richiedono
presenza continua di canale disponibile, occasionalmente può
essere utilizzata per inviare altri tipi di segnalazioni;

• Banda C (da 125 KHz a 140 KHz) per sistemi che funzionano in
time sharing 10 o a burst, e che quindi non occupano
continuativamente il canale;

• Banda D (da 140 KHz a 150 KHz) per sistemi di sicurezza e


antincendio;

• Banda E (da 3 KHz a 8,5 KHz) ancora per sistemi che usano
continuativamente il canale.

La regolamentazione Nord Americana e Giapponese è più permissiva,


consentendo l'uso di frequenze fino a 525 kHz, cioè fino alle soglie del
campo di trasmissione della radiodiffusione AM.

Date queste premesse, meglio


ristrettezze, normative
consideriamo che la larghezza
della banda disponibile per un
qualunque sistema di
comunicazione è direttamente
6 Confronto fra la normativa Nord legata al bit rate, nel senso che
Americana e CENELEC
più sono alti i bit rate11 che si
vogliono raggiungere più grande sarà la banda necessaria al sistema: quindi
un qualunque tipo di limitazione sulla larghezza di banda disponibile si
traduce in un limite al valore massimo del bit rate ottenuto.

Per fare un confronto equo tra diversi sistemi conviene allora riferirsi
ad un parametro detto "efficienza di banda"

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 18


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Rb
efficienza di banda ρ =
W
Equazione 1 – Efficienza di banda

dove Rb è il bit rate del sistema mentre W è la larghezza della banda


occupata.

Supponendo di utilizzare un dispositivo efficiente sulle linee elettriche,


considerando le limitazioni imposte dalla normativa sulla banda, si ha:

• Banda A: bit rate massimo di 1 Mbps in downstream 12 e di 480


kbps in upstream 13;

• Banda B: bit rate massimo di 285 kbps in downstream e di 144


kbps in upstream;

• Banda C: bit rate massimo di 285 kbps in downstream e di 144


kbps in upstream;

• Banda D: bit rate massimo di 190 kbps in downstream e di 96 kbps


in upstream;

• Banda E: bit rate massimo di 104 kbps in downstream e di 53 kbps


in upstream.

Questo significa che, potendo utilizzare contemporaneamente le bande


A, B e E al massimo data rate consentito (si consideri però che le bande B
e C possono essere utilizzate solo per brevi slot temporali), si otterrebbe
un bit rate (ipotetico) di 1,5 Mbps in downstream e di 700 kbps in
upstream, da dividere poi chiaramente tra tutti gli utenti del sistema.

Nella normativa Nord Americana le prestazioni sono ovviamente


leggermente migliori.

Pertanto, se l’ obbiettivo è quello di offrire servizi più evoluti di un


semplice controllo remoto, come appunto un collegamento Internet a

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 19


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

larga banda, video di alta qualità o anche semplicemente collegare in LAN


dei computer, il sistema è assolutamente insufficiente.

Emerge quindi il primo grande nodo che "lega" l'attuale sviluppo delle
PLC: la mancanza di una nuova e, alla luce delle recenti potenzialità
tecnologiche, più adeguata normativa di assegnazione delle frequenze.

In particolare, per poter raggiungere bit rate adeguati a garantire servizi


di grande interesse commerciale il range ottimale di lavoro sembra essere
quello compreso tra 1 MHz e 30 MHz, anche se questo apre la porta a
tutta una nuova serie di problemi legati alla compatibilità con i sistemi che
già operano in questa banda come, ad esempio, servizi di radiodiffusione e
di controllo/aiuto alla aeronavigazione.

2.5 Standard presenti sul mercato

In questi anni le industrie impegnate nelle PLC hanno sviluppato un


certo numero di standard che, nel rispetto delle normative frequenziali,
sono caratterizzati da bit rate relativamente bassi, e quindi indirizzati
soprattutto alla realizzazione di sistemi di controllo/lettura remota della
rete e del contatore, o di "home automation": sono quindi sistemi che
concettualmente appartengono al passato delle PLC, ma che da un punto
di vista di mercato continuano ad essere gli unici prodotti disponibili basati
su linee elettriche

Analizziamo, quindi, quelli che sono i più significativi, e cioè: X-10,


Intellon CEBus, Echelon LONWorks, Intelogis PLUG-IN.

• 2.5.1 Standard X-10

La tecnologia era stata sviluppata per integrare a basso costo dispositivi


di illuminazione e di controllo: l' X10 è un sistema solamente
unidirezionale e permette a dispositivi compatibili di comunicare tra loro
sfruttando l'impianto elettrico in bassa tensione della casa: in pratica senza

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 20


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

nessun filo aggiuntivo si può controllare da qualunque parte dell'abitazione


l'illuminazione o un qualunque altro dispositivo elettrico. Un
controllore/trasmettitore è inserito in una normale presa elettrica o
installato al posto di un interruttore di corrente, mentre tra il dispositivo
che vogliamo controllare e la presa elettrica a cui è connesso viene inserito
un modulo X-10. Il controllore/trasmettitore comunica poi con i vari
moduli sfruttando le linee elettriche come mezzo di trasmissione.

L' X-10 per trasmettere dati binari sfrutta una Modulazione d'Ampiezza
(AM). Per differenziare i simboli la portante usa il punto di
attraversamento dello zero da parte dell'onda sinusoidale di tensione a 60
Hz nel passaggio dal semiciclo positivo a quello negativo o viceversa. I
ricevitori sincronizzati accettano la portante ad ogni punto di
attraversamento dello zero (viene scelto questo punto perché sulle linee
elettriche è quello che presenta meno rumore e interferenza da parte di
altri dispositivi). Per ridurre gli errori l' X-10 richiede due attraversamenti
dello zero per trasmettere i simboli binari: quindi ogni bit necessita di un
ciclo completo a 60 Hz. La velocità di trasmissione è quindi limitata a 60
bit al secondo. Generalmente un comando completo è formato da due
pacchetti con un gap di tre cicli tra l'uno e l'altro. Ogni pacchetto contiene
due identici messaggi di 11 bit (cioè di 11 cicli) ciascuno: quindi un
comando completo necessita di 47 cicli, che si traduce in un tempo di
trasmissione di circa 0,8 sec.

Il costo di un nodo X-10 varia da 10 € per un ricevitore a 55 € per


un'unità di comando completa. Si tratta quindi di una tecnologia piuttosto
a buon mercato, ma il suo funzionamento piuttosto rudimentale e
soprattutto le ridotte caratteristiche in termini di velocità e di
"intelligenza", limitano le sue applicazioni a semplici sistemi di allarme o di
controllo remoto di apparecchiature elettriche.

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 21


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• 2.5.2 Standard Intellon CEBus

Intellon si basa sullo standard CEBus14 aperto che prevede differenti


specifiche di strato fisico per la realizzazione di sistemi di comunicazione
su linee elettriche o su altri media. I prodotti di Intellon, principalmente
concepiti per realizzare una possibilità di controllo della rete domestica,
sono costituiti da due elementi fondamentali: un transceiver (che
implementa la tecnica Spread Spectrum) e un microcontrollore (che
esegue il protocollo).

Il transceiver trasmette i pacchetti dati a circa 10 kbps usando, come già


anticipato, tecniche di modulazione a spettro espanso: ognuno di questi
contiene l'indirizzo del mittente e del destinatario. Il protocollo CEBus usa
un modello di comunicazione di tipo peer-to-peer15 così che ogni nodo
della rete ha accesso al canale ogni volta. Per evitare collisioni viene usato,
come per Ethernet 16, il protocollo CSMA/CDRC (Carrier Sense Multiple
Access/Collision Detection and Resolution). In pratica il protocollo MAC
(acronimo di Media Access Control, cioè di quell'insieme di regole che
stabilisce come e quando il mezzo fisico può essere accessibile ad ogni
nodo) richiede ad ogni nodo della rete di aspettare ad inviare i propri
pacchetti fino a che la linea non è libera, "clear", cioè finché nessun altro
pacchetto è stato trasmesso.

Negli strati superiori, il CEBus prevede un CAL (Common Application


Language) che consente ai dispositivi di scambiarsi comandi e richieste di
stato, usando un vocabolario e una sintassi di comando comune.

Il CAL considera ogni dispositivo elettrico come formato da un


insieme di parti, dette "contesti", con caratteristiche comuni a tutti i
dispositivi. Per esempio il controllo audio di un televisore, di uno stereo, di
un CD player o di un VCR è un contesto del CAL. Ogni contesto è poi
suddiviso in tanti "oggetti", ognuno dei quali rappresenta una determinata

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 22


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

funzione di controllo del contesto: tornando all'esempio del controllo


audio, oggetti sono: il volume, i bassi, gli alti, il tasto mute, ecc. ecc. Ogni
oggetto è infine definito come un set di "istanze variabili" che specificano
le operazioni delle funzioni degli oggetti, come il livello corrente o quello
di default dell'oggetto "volume". Utilizzando le specifiche del CAL,
Intellon garantisce che i suoi prodotti possono comunicare con qualunque
altro dispositivo CAL compatibile.

Intellon offre una vasta gamma di prodotti, che vanno dal semplice
chip fino alla piattaforma completa, a seconda del livello di integrazione
che si vuole raggiungere. Nonostante il sistema di Intellon risulti più
evoluto e funzionale dell' X-10 i suoi costi più elevati non ne hanno
consentito lo stesso grado di diffusione sul mercato.

Il CEBus è conosciuto anche come EIA/ANSI-600 dalla sigla di


standardizzazione.

• 2.5.3 Standard Echelon LONWorks

Echelon, come Intellon, ha realizzato un protocollo di comunicazione


di tipo peer-to-peer che implementa la tecnica CSMA, ed offre quindi una
vasta gamma di prodotti per realizzare un completo sistema di controllo
della rete caratterizzato da un esclusivo e sofisticato MAC. Gli elementi
caratterizzanti il sistema LONWORKS sono sostanzialmente tre: il chip17
NEURON, il protocollo LONTALK e il LONWORKS Network Service.

Il NEURON è un chip disponibile in due versioni, entrambe


caratterizzate da tre processori a 8 bit con più di 10 kbyte di RAM18 ed
altrettanti di ROM19, che su power line è capace, grazie a modulazioni di
tipo Spread Spectrum, di 10 kbps. Il cuore del sistema è comunque il
protocollo LONTALK: uno standard internazionale aperto espressamente
concepito per le esigenze di controllo. Questo, insieme ad altre
caratteristiche, è implementato direttamente sul chip NEURON così da

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 23


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

realizzare su un singolo chip un sistema di controllo completo capace di


supportare diversi mezzi di comunicazione (compresi fibre ottiche, linee
elettriche, doppino telefonico, cavo coassiale ed infrarossi). Recentemente
Echelon ha consentito al suo sistema di interfacciarsi con gli altri tipi di
transceiver presenti su power line, e il massimo bit rate raggiungibile è
stato portato a 1,25 Mbps.

Il sistema si completa con il LONWORKS Network Services (LNS),


un potente sistema operativo per la connessione e lo sviluppo della rete
dei dispositivi di controllo. In pratica permette l'installazione, la
configurazione, il monitoraggio, la manutenzione e il controllo della rete di
controllo LONWORKS. LNS è compatibile con tutti i sistemi (PC20,
MAC21, UNIX22, ecc.) e il suo server supporta, a livello di strato di
trasporto, sia il protocollo LONTALK che il TCP/IP 23.

Si tratta quindi di un sistema completo e sofisticato: risulta, però,


troppo costoso per semplici applicazioni domestiche, e quindi il suo
impiego è limitato ad applicazioni industriali o commerciali.

LONWorks è conosciuto anche come ANSI/EIA 701.9-A-1999 dal


processo di standardizzazione ANSI/EIA recentemente abilitato.

Una particolare applicazione del sistema LONWorks di Echelon è


l'accordo con il gruppo Merloni per la realizzazione di un sistema di
elettrodomestici "intelligenti" con il marchio AristonDigital, e il sistema
Domus Tech del gruppo Olivetti-Tecnost.

• 2.5.4 Standard Intelogis PLUG-IN

Questo è un protocollo di controllo di rete, inizialmente realizzato dalla


Intelogis, strettamente collegato al modello OSI (Open System
Interconnection) 24: dei sette livelli che caratterizzano infatti il modello OSI
tutti meno due (lo strato di presentazione e quello di sessione) sono

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 24


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

definiti nello stack del protocollo PLUG-IN. Ecco le associazioni tra i


cinque strati dell'OSI e quelli del protocollo PLUG-IN:

• Applicazione (Application layer)--PLUG-IN Intelogis Common


Application Layer (iCAL) Protocol;

• Strato di Rete (Network layer)--PLUG-IN Power Line Exchange


(PLX) Protocol;

• Trasporto (Transport layer)--PLUG-IN PLX Protocol;

• Strato di Collegamento (Data Link layer)--PLUG-IN PLX


Protocol;

• Strato Fisico (Physical layer)--PLUG-IN Digital Power Line


(DPL);

Come protocollo di strato di applicazione PLUG-IN usa lo stesso


generico CAL del CEBus ma anziché usare un modello di tipo peer-to-
peer adotta una topologia di tipo client/server25. Questo consente di
allocare la maggior parte dell'"intelligenza" di ogni singolo nodo di
applicazione PLUG-IN in un'unità centralizzata detta Application Server.
Si realizza cioè una struttura simile a quella di un computer con un'unità
centrale particolarmente potente e veloce che controlla e gestisce tutte le
varie periferiche (che in questo caso potrebbero essere ad esempio gli
interruttori della luce). Queste risultano essere così piuttosto semplici ed
economiche non dovendo comunicare direttamente tra loro ma solo
eseguire gli ordini dell'"intelligenza" centrale.

Negli strati più bassi il protocollo PLX definisce le regole per le


operazioni degli strati di collegamento, rete e trasporto, anche se la sua
funzione principale è quella di definire la porzione di MAC appartenente
allo strato di collegamento. In particolare usa un protocollo di accesso al
mezzo composto da due meccanismi di accesso separati: DSMA

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 25


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

(Datagram Sensing Multiple Access) e CTP (Centralized Token Passing).


Il primo serve per stabilire l'ingresso nel sistema dei nodi 45

finora inattivi (il concetto è lo stesso utilizzato da Ethernet), il secondo


per la gestione del sistema a regime, cioè con un certo numero di nodi
attivi.

Nello strato fisico il protocollo DPL, per inviare segnali digitali sulla
linea elettrica, usa una modulazione di tipo FSK (Frequency Shift Keying)
con due o più frequenze distinte in una banda piuttosto ristretta. Questa
scelta consentirebbe, secondo Intelogis, di contenere i costi rispetto a
realizzazioni basate su tecniche di modulazione a spettro espanso (più
complicate e quindi più costose da realizzare), e soprattutto sembrerebbe
maggiormente compatiblie con la normativa europea (si ricordi che
CENELEC prevede bande più ristrette rispetto al Nord America). La
soluzione PLUG-IN DPL a singolo canale consente velocità dell'ordine di
350 kbps, mentre quella a canali e portanti multiple garantirebbe fino ad
un picco di 1 Mbps, il tutto con una BER 26 di 10-9 e 80 dB di dinamica.

2.6 Considerazioni

Questi che abbiamo visto sono gli standard di sistemi su linee elettriche
più affermati. Meritano inoltre di essere menzionati, perché piuttosto
interessanti, il sistema della Adaptive Networks composto da ben tre
versioni, tutte basate su modulazioni di tipo Spread Spectrum e
caratterizzate rispettivamente da un bit rate di 4,8 kbps (per lo standard
CENELEC), 19,2 kbps e 100 kbps (queste ultime per lo standard Nord
Americano); lo Smart House sviluppato da Smart House Limited
Partnership for National Association of Home Builders e accreditato di un
bit rate di picco di 50 kbps; e l'ultima evoluzione (datata 2001) del sistema
PLUG-IN Intelogis, che adesso si chiama Inari, ha infatti in listino
l'IPL0201 (discendente diretto del PassPort PLUG-IN Network), che

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 26


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

viene presentato come un prodotto da 2 Mbps (il data throughput medio


in realtà non va però oltre i 700 kbps.

I sistemi finora realizzati risultano in ogni caso concepiti, e confinati dai


loro bit rate, per applicazioni di controllo e gestione centralizzata o remota
di apparecchiature elettriche, cioè per il mercato dell'home automation: ma
questo mercato, di sicura espansione, non consente di sfruttare appieno il
grosso vantaggio legato all'utilizzo della tecnologia PLC, cioè la diffusione
capillare (come nessun altro mezzo disponibile soprattutto fuori dalle
abitazioni) delle linee elettriche. Ne consegue l'esigenza di superare gli
attuali vincoli progettuali e legislativi, lavorando con frequenze più elevate.

Per quanto riguarda la


realizzazione di una LAN il mezzo
di riferimento continua ad essere
Ethernet, che nonostante il prezzo

7 Esempio di miniaturizzazione piuttosto elevato (soprattutto se


apparato PLC vogliamo realizzare LAN in
abitazioni private) è comunque capace di un bit rate minimo sempre
intorno ai 10 Mbps (la versione "Fast" raggiunge addirittura i 100 Mbps ed
oggi sono in commercio schede anche con bit rate di alcuni Gbps).

La tabella seguente mostra i requisiti in termini di larghezza di banda, e


quindi di bit rate, necessari alle applicazioni più comuni:
Tabella 1 - Requisiti larghezza di banda

Applicazione Range tipico d’impiego


da a
Voce 5 Kbps 20 Kbps
Multiplayer 20 Kbps 80 Kbps
Dial-up Internet 36 Kbps 56 Kbps
MPEG Audio 80 Kbps 200 Kbps
Print Sharing 80 Kbps 800 Kbps
Servizi Broadband 100 Kbps 1 Mbps

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 27


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

File Sharing 300 Kbps 40 Mbps


MPEG Video 4 Mbps 8 Mbps
Diventa quindi di importanza fondamentale analizzare il
comportamento, seppur superficialmente, delle linee elettriche ad alte
frequenze, ben superiori cioè di quelle stabilite dalle vigenti normative.

9 ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) Tecnica trasmissiva asimmetrica (cioè caratterizzata da
differenti capacità trasmissive da e verso l'utente) che consente di fornire capacità fino 8
Mbit/s verso l'utente e di 800 kbit/s verso la rete, con doppini di lunghezza massima di 3 km.;
10 Time sharing tecnica di trasmissione dei segnali che prevede una condivisione del dato nell’unità di tempo;
11 Bit Rate quantita' di bit trasferiti ad un entita' software per la codifica in un determinato formato (cfr.
mp3, mpc), espressa in Kbit/sec. Per i file audio compressi, la qualita' audio dei CD viene
raggiunta generalmente con un bitrate di 128 Kbit/sec. Nella fase di codifica, il bitrate puo'
rimanere costante (CBR) oppure, con la variazione opportuna di questa quantita (VBR,
Variable Bit Rate), si puo' migliorare la qualita' audio ma non necessariamente la
compressione. Infatti, all'aumentare della complessita' del segnale audio (p.e. un suono
prodotto da piu' strumenti musicali), segue un aumento del bitrate e quindi della dimensione
del file. Diversamente, se il suono e' piu' semplice in termini di quantita' di armoniche (cfr.
Serie di Fourier), si ha una riduzione del bitrate (p.e. da 128 a 96 Kbit/sec);
12 Downstream flusso dati in download, cioè misurato dalla rete di prelievo verso l’utente utilizzatore;
13 Upstream flusso dati in upload, cioè misurato dall’utentefornitore verso la rete di destinazione;
14 CeBus Standard CeBus EIA/ANSI 600;
15 Peer to peer condivisione di risorse e di servizi tra computer. Queste risorse e questi servizi comprendono
scambio di informazioni, cicli di computazione, spazio su disco per i file. Una rete peer to peer
sfrutta la potenza di calcolo dei client connessi ad essa. Grazie al modello P2P, i computer
possono comunicare e condividere i file e altre risorse, invece di passare attraverso un server
centralizzato. Ciascun computer (nodo) e' responsabile del passaggio dei dati alle altre
macchine. Le connessioni non nascono spontaneamente, ma devono essere richieste da una
delle parti in causa. A differenza dell'approccio client-server, chi richiede la connessione non e'
ad un livello gerarchico inferiore; infatti entrambi i partecipanti sono alla pari (peer). In una
architettura peer to peer i computer che sono stati tradizionalmente usati solo come client
comunicano tra di loro e possono agire sia da client che da server, assumendo un ruolo che e'
molto efficiente per la rete. Questo riduce notevolmente il carico sui server.;
16 Ethernet sistema di reti ideato nel 1972 da Robert Metcalfe e David Bloggs presso PARC e sviluppato
dalla INTEL, XEROX e DIGITAL nel 1979. È una rete a diffusione di tipo bus con un
controllo operativo decentralizzato. Utilizza cavi UTP o coassiali per una comunicazione
efficiente e veloce tra host che non devono superare la distanza di 1.5 km. In Ethernet si
possono trasmettere 10 Mbit al sec. Per IEEE 802.3 si intende l'Ethernet a 10 Mbps;
17 Chip dall'inglese, scheggia, coriandolo. Il chip è la lastrina di silicio su cui sono impressi circuiti,
diodi e transistor (se ne contano a milioni su una sola lastrina); questo insieme di componenti
è detto circuito integrato. Tale circuito elettronico si ottiene, con le tecniche della
microelettronica, dalla lavorazione di un solo blocco di silicio. Chip e' un termine generico,
esistono chip per costruire CPU e quelli per costruire memorie (RAM). Per chip si intende
anche il pannello di plastica (vd. gif animata) che oltre ad essere una protezione, dissipa il
calore e permette la connessione con altri circuiti integrati (scheda madre) tramite pin (piedini);
18 RAM Random Access Memory. Prodotta per la prima volta nel 1970 dalla Intel, la RAM e' la
memoria del computer chiamata anche memoria centrale, principale o fisica. Puo' essere
statica o dinamica (cfr. DRAM) e permette alla CPU l'esecuzione di programmi, del sistema

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 28


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

operativo e delle operazioni di sistema. La CPU può scrivere e leggere i dati molto
velocemente nella RAM (con un accesso anche inferiore ai 12 nanosecondi). Queste
prestazioni vengono offerte dalle DIMM (8 ns) o dalla cache. Una cella di memoria è
composta da 4 o 6 transistor e non ha bisogno di refresh come accade per la DRAM. Il
processo di memorizzazione risulta essere molto più lento se l'accesso avviene nel hard disk,
per motivi meccanici. La SDRAM e' una memoria di tipo sincrono, cioe' rispetta un tipo di
sincronia con il segnale di clock del processore. Questa particolarita' riduce i tempi di accesso a
tale memoria;
19 ROM Read Only Memory, memoria a sola lettura. Le ROM sono costituite da chip (vd. immagine di
chip EPROM a lato) per la memorizzazione dell'informazione. Possono contenere parte del
software di sistema o altro software. Il nome stesso indica che questa memoria viene utilizzata
per la sola lettura, quindi non può essere modificata, ad eccezione delle memorie tipo
EPROM. Una ROM, al contrario di una memoria RAM, non e' volatile, ovvero, allo
spegnimento del computer, i dati nella ROM rimangono memorizzati;
20 PC Personal Computer. Nel 1981 e' uscito il primo PC ed ha assunto questa denominazione
perche' utilizzato per scopi personali, date le limitate prestazioni dei processori commerciali di
allora. In quel anno IBM produsse i PC-IBM! Successivamente il termine PC e' stato assunto
da tutti i computer che hanno adottato i processori Intel o compatibili, quali Cyrix, AMD con
i sistemi operativi della famiglia Microsoft, quali MS-DOS, Windows e OS/2. Naturalmente il
binomio PC e Windows non e' inscindibile, ci sono ad esempio PC con sistema Linux;
21 MAC Tratto dal nome di una qualita' di mele californiane, il Macintosh di Apple e' un computer nato
dall'esperienza di Steve Jobs, Steve Wozniak e dai suoi collaboratori all'interno della Xerox.
Jobs inizialmente lavorò su un computer prototipo denominato LISA. Nel gennaio 1984
lanciò il Mac, la prima piattaforma grafica di Apple;
22 UNIX famiglia di sistemi operativi. Unix fu realizzato nel 1969 nei Bell Laboratories da Ken
Thompson, Dennis Ritchie. Dall'assembly fu tradotto in C per diffonderlo su altri sistemi (il C
e' il linguaggio realizzato dagli stessi autori di Unix). Sviluppato sul processore a 32 bit
Motorola 68000, di fatto è uno standard per i calcolatori a uso scientifico e universitario;
ultimamente diffuso anche sui personal computer, come il noto LINUX;
23 TCP/IP Transmission Control Protocol / Internet Protocol. Questo stack di protocolli fu realizzato
nel 1974 da Vincent Cerf (foto a lato) e Robert Kahn. Altri protocolli meno efficienti hanno
preceduto il TCP/IP. Solo nel 1983 si e’ adottato ufficialmente questo stack, soprattutto
nell’ambiente universitario per lo scambio di email. Il modello offre una visione schematica dei
possibili protocolli da adottare per la realizzazione di applicazione in una qualche rete. Lo
stack TCP/IP e' un modello di riferimento simile al modello OSI, solo che quest'ultimo e'
assai piu' generico. Infatti, mentre nel modello OSI per ciascun livello possono esistere piu'
protocolli (teoricamente interscambiabili, senza dover modificare quelli presenti nei livelli
superiori o inferiori), nel TCP/IP non e' sempre possibile. Infatti nel Livello Network esiste
solamente il protocollo IP. Il modello TCP/IP risulta essere una descrizione dei protocolli
esistenti, diversamente dal modello OSI, dove la realizzazione del modello ha preceduto quella
dei protocolli. Rispetto al modello OSI, nel TCP/IP mancano i seguenti livelli: Presentazione,
Sessione, Fisico e Data Li nk (collegamento dati). Questi ultimi due livelli, vengono visti dal
livello di Rete come un unico livello, non specificato dal TCP/IP. Si specifica solo l'interfaccia
che connette l'host alla rete per permettere l'invio e la ricezione dei pacchetti IP (cfr. PPP). Vd.
TCP, IP rispettivamente al Livello Trasporto e al Livello Network;
24 OSI interconnessione di sistemi aperti. E' un modello di architettura definito dall'ISO. Secondo
questo schema un Protocollo è costituito da uno o più livelli e ogni livello ha un unico
compito da svolgere, ciascuno di questi conosce solo le funzioni svolte dai due livelli adiacenti
e utilizza i servizi di quello inferiore. I livelli, con le loro caratteristiche e standard, sono:

Livello Breve descrizione Standard

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 29


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

(7) APPLICAZIONE Servizi che eseguono le applicazioni dell'utente: EDI, CMIP, DTP,
condivisione delle risorse, trasferimento delle X.400, VT, MMS,
informazioni tra le applicazioni di rete, accesso ad JTM, RDA
archivi remoti,controlli di sicurezza, inizio
trasmissione e di disponibilità, gestione di database.

(6) PRESENTAZIONE I dati codificati che sono stati trasmessi vengono Connection-oriented
convertiti a seconda dei formati consentendone la Presentation,
visualizzazione su monitor e stampanti.
Connectionless
Presentation
Protocol

(5) SESSIONE Gestione della connessione tra nodi specifici della CONS e CLNS
rete, sincronizza il trasferimento di informazione tra
questi.

(4) TRASPORTO Stabilito il percorso di comunicazione, fornisce il OSI TP


controllo di una sessione di comunicazione, della
(classi 1, 2, 3, 4)
connessione e del flusso di dati a prescindere da quali
sistemi siano in comunicazione.

(3) RETE Suddivide i messaggi in pacchetti per un Internet protocol, (ES-


instradamento più efficiente e li indirizza per poterli IS & IS-IS), X.25,
passare al livello 2. Definisce il percorso tra i nodi (ISDN)
comunicanti (routing) ossia tra nodo originante,
quelli intermedi e di destinazione.

(2) COLLEGAMENTO DATI Compone i messaggi per la trasmissione, controlla FDDI, 802.6, LAP B,
l'integrità dei messaggi ricevuti, l'accesso al canale, il LAP
flusso e il traffico.

(1) FISICO Si occupa degli aspetti elettrici, meccanici e LAN Media standards,
funzionali dei vari nodi della rete. Questo livello S.21, ISDN Interface
attiva e disattiva la connessione fisica, gestisce le
periferiche e controlla gli errori nei circuiti.

25 Client/server Il server e' il computer che per mezzo di uno o piu' processi, gestisce ed offre dei servizi
all'utente tramite un'applicazione chiamata client (un altro processo). Possono essere anche
molti gli utenti che contemporaneamente accedono tramite il loro client alle informazioni
(risorse) offerte dal server. La comunicazione avviene con la richiesta di un servizio da parte
del client e la conseguente realizzazione del compito da parte del server, utilizzando i
protocolli necessari per la comunicazione, per esempio quelli dello stack TCP/IP. Per compito
si intende il funzionamento di qualcosa come i database, l'elaborazione on-line (server-side,
ossia prodotta dal server e successivamente inviata al client), videogames, le pagine web,
sistemi di posta elettronica, newsgroup, ecc. Un esempio ludico: i giochi Client/Server sono
quelli che hanno bisogno di almeno due computer collegati tra loro (quindi in rete) e di due
programmi: per esempio se pensiamo ad un gioco di gare automobilistiche, ebbene il
programma del computer centrale a cui siete collegati che gestisce coordinate, carburante e
condizioni di gara e' il server, che oltre a controllare il gioco terra' conto anche delle auto di
ciascun utente collegato il quel momento insieme a voi. Il client invece e' il vostro computer
che ha bisogno di un programma freeware o di rado ottenibile versando una piccola quota
(shareware). Questo programma client fornisce l'utente di un'interfaccia che consente di
interagire sia con la vostra automobile che con quella degli altri utenti connessi al server;
26 BER il Bit Error Rate è un indicatore che misura la qualità trasmissiva del sistema di comunicazion:
è solitamente definito in funzione di altri parametri, il rate di trasmissione e la potenza
ricevuta. Non mostra ne indica l’origine dell’errore trasmesso.

30 Aprile 2004 Cap. 2 – La tecnologia 30


CAPITOLO 3
LE LINEE ELETTRICHE AD ALTA FREQUEN ZA
3.1 Introduzione
Il campo frequenziale d'uso delle linee elettriche in bassa tensione è
piuttosto ristretto e localizzato su frequenze relativamente basse.

L’analisi e lo studio approfondito della problematica, per altro non


oggetto della presente trattazione e per la quale si rimanda alla bibliografia
indicata, evidenzia che il mezzo presenta inoltre una topologia
estremamente varia ed incerta, un notevole livello di attenuazione e di
rumore e, soprattutto questo è il difetto peggiore, le frequenze variano con
la connessione/disconnessione alla rete dei vari carichi, cioè dei vari
dispositivi elettrici collegati alla rete costituita dai cavi di trasmissione.

L'effetto, in termini di dipendenza dell'attenuazione dalla frequenza, è


praticamente quello indicato in figura.

Nonostante tutto, grazie


soprattutto all'utilizzo di
modulazioni a spettro espanso o
di tipo FSK, si è riusciti a
produrre dispositivi con un buon
livello di efficienza, pur se
caratterizzati da bit rate piuttosto
8 Andamento dell'attenuazione bassi.

È proprio per aumentare il valore di questi che si devono introdurre


frequenze e bande di lavoro più alte, e quindi utilizzare le linee elettriche in
una zona ancora poco conosciuta in termini di comportamento: ad oggi
questo è l’oggetto principale di profondi studi, e la letteratura a
disposizione è quindi ancora piuttosto scarsa.

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 31


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Nel seguito si riportano gli esiti di alcuni studi che caratterizzano in


termini di attenuazione e rumore il comportamento ad alte frequenze delle
linee elettriche in bassa tensione, distinguendo innanzitutto tra la parte di
rete all'interno degli edifici e quella all'esterno.

3.2 Comportamento della rete elettrica "esterna" in BT.

Da un punto di vista
topologico la rete elettrica in bassa
tensione (che va dall'ultima
sottostazione alle singole
abitazioni), detta anche "local loop
9 Rete di distribuzione elettrica access network", è strutturata ad
albero o stella, con una struttura con delle stazioni base, costituite da
sottostazioni che ospitano il trasformatore, e una serie di celle.

Mentre la rete telefonica fissa


è caratterizzata tutta da
collegamenti punto-punto
(sottostazione e utenti), per lo
studio delle telecomunicazioni
l'insieme dei conduttori elettrici
10 Unità di accesso dell'ultimo miglio di distribuzione, e dei rami che
portano alle abitazioni, costituiscono invece la struttura logica di un bus.

• 3.2.1 Propagazione del segnale

Gli studi di analisi hanno individuato un modello di canale per poi


confrontarlo con l'effettivo comportamento della rete che si evince da
misure reali. Consideriamo il canale lineare tempo invariante, e quindi
completamente descritto dalla sua funzione di trasferimento H(f) o dalla
risposta impulsiva h(t). Ciò può sembrare una forzatura, visto che le linee
elettriche hanno, per loro natura, caratteristiche tempovarianti, ma gli studi

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 32


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

fatti hanno rilevato che i cambiamenti della funzione di trasferimento della


rete elettrica esterna sono minimi, e che quindi questo tipo di approccio è
corretto. Il rumore può cambiare nel tempo le sue proprietà statistiche; ma
le sue caratteristiche fondamentali rimangono le stesse: varierà solo il
valore dei parametri.

Il modello lineare tempoinvariante è indicato nel seguente schema

Figura 11 Modello generale di canale

la propagazione del segnale lungo la linea elettrica è afflitta da


un'attenuazione (che risulta essere direttamente dipendente dalla frequenza
f e dalla distanza d dal trasmettitore), e dall'effetto di numerose riflessioni
dovute alle giunzioni in serie tra cavi di differenti impedenze caratteristiche
e alle diramazioni verso le case.

Tutto questo si traduce nella presenza di cammini multipli e di fading 27


selettivo in frequenza, cioè in una funzione di trasferimento di questo tipo:

N
H (f )= ∑ g i • A ( f , d i )• e j 2 π fτ i

i =1

Equazione 2 La funzione di trasferimento

dove ogni cammino i è caratterizzato da un certo peso g, da una certa


distanza d e da un certo ritardo t (dato dal rapporto tra la distanza d e la
velocità di fase vp). Il termine A rappresenta l'attenuazione: la sua

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 33


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

dipendenza dalla frequenza e dalla distanza si può rappresentare, tramite


opportuni parametri a0, a1 e k, così:

A( f , d ) = e −α ( f )•d = e − (a0 + a1• f )•d


k

Equazione 3 Espressione dell'attenuazione

Sostituendo tutto nella (2) ottengo il modello della funzione di


trasferimento:

g i • e − (a 0 + a1 • f )• d i • e j 2 π fτ i
N
H (f )= ∑
k

i =1

Equazione 4 Modello della Funzione di trasferimento

dove si suole identificare come:

- gi il fattore peso;

e − (a0 + a1 • f )• di
k
- il termine di attenuazione;

- e j 2πfτ i il termine del ritardo

L'accuratezza della (2) dipende chiaramente dal numero N di cammini


considerati. Si tratta comunque di un modello estremamente comodo,
visto che con un ristretto numero di parametri riesco a rappresentare il
comportamento della funzione di trasferimento nel range di frequenza che
va da 500 kHz a 20 MHz.

Essendo la struttura di questa parte di rete elettrica estremamente varia


ogni collegamento presenterà caratteristiche proprie in termini di
propagazione del segnale e di rumore. Con opportune misure è stato
analizzato che i link che presentano similitudini in termini di lunghezza,
del tipo dei cavi o del numero delle diramazioni, hanno anche
caratteristiche simili in termini di attenuazione. Ciò permette di
raggruppare i vari tipi di canale secondo i loro elementi più rappresentativi,

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 34


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

cioè secondo criteri legati alla loro lunghezza, al tipo di cavi e al numero
delle diramazioni, e di sfruttare il modello definito prima per creare una
serie di "canali di riferimento" (RC), ciascuno a rappresentanza di un
preciso gruppo di link.

Per esempio si cosiderino quattro canali di riferimento e, con l'ausilio


del nostro modello, ricaviamoci (dopo aver opportunamente
dimensionato i vari parametri), la corrispondente risposta in frequenza ed
impulsiva:

• RC1: link di 100 m senza diramazioni.

• RC2: link di 110 m con 6 diramazioni.

• RC3: link di 210 m con 8 diramazioni.

• RC4: link che si possono trovare in aree residenziali senza una


precisa struttura.

12 Risposta di frequenza ed impulsiva di RC1, RC2, RC3 e RC4

Un confronto tra la risposta in frequenza ed impulsiva calcolate


matematicamente con quelle effettivamente misurate sul canale ha
dimostrato la bontà del modello adottato.

• 3.2.2 Rumore

Dopo aver analizzato la distorsione a cui possono essere soggetti i


segnali, si valuta ora l'altra grande causa di disturbo per i segnali trasmessi
su linea elettrica: il rumore.

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 35


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Innanzitutto, a differenza di quanto avviene su molti mezzi di


comunicazione, su powerline il rumore non è additivo Gaussiano bianco,
ma si può considerare composto da cinque distinti contributi:

13 Rumore additivo sulle linee elettriche nel range delle alte frequenze

1. Rumore di fondo colorato: è l'effetto di numerose sorgenti di rumore a


bassa potenza. La sua densità spettrale di potenza (PSD: Power
Spectral Density) varia molto lentamente nel tempo, e si mantiene
su bassi valori che diminuiscono con l'aumentare della frequenza;

2. Rumore a banda stretta: rumore concentrato in una ristretta banda di


frequenze, principalmente causato dalle stazioni di radiodiffusione
ad onde medie e corte. Il suo livello generalmente varia durante la
giornata: più alto la notte a causa della riflessione atmosferica;

3. Rumore impulsivo periodico, asincrono alla frequenza principale:


principalmente causato dall'accensione/spegnimento di dispositivi
elettrici e caratterizzato da uno spettro a righe discrete intervallate
secondo la frequenza di ripetizione (compresa tra 50 e 200 kHz);

4. Rumore impulsivo periodico, sincrono con la frequenza principale: costituito


da impulsi di breve durata (qualche microsecondo) con frequenza
di ripetizione di 50 o 100 Hz, generalmente causato dai dispositivi
elettrici che funzionano in sincronia con la frequenza principale, la
sua PSD diminuisce all'aumentare della frequenza;

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 36


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

5. Rumore impulsivo asincrono: generato dai transitori degli interruttori e


caratterizzato da impulsi arbitrari della durata compresa tra i
microsecondi e i millisecondi, è sicuramente la componente più
fastidiosa visto che la sua PSD può facilmente superare di 50 dB il
livello delle altre.

Le prime tre componenti, che


risultano stazionarie su periodi di
secondi, minuti e qualche volta
anche di ore, si possono considerare
insieme come rumore di fondo; le
componenti quattro e cinque che
15 Esempio di rumore di fondo
hanno invece variazioni nell'ordine
di microsecondi o
millisecondi e producono
dei picchi anche notevoli
sulla PSD totale del
rumore, si considerano
globalmente come
14 Rumore impulsivo asincrono
rumore impulsivo.

Dall’analisi delle misure a banco alcuni studi hanno evidenziato che la


componente di rumore dominante è quella a banda stretta, causata
dall'interferenza delle stazioni radio: particolarmente visibili risultano
infatti gli effetti delle bande di diffusione di 49m, 41m, 32m e 25m.
L'effetto del rumore a banda stretta si ritrova anche sotto i 5 MHz, benché
dai 2 MHz in giù l'effetto prevalente è dovuto al rumore colorato. Tra i 10
e i 16 MHz righe di diversa ampiezza ma equispaziate evidenziano invece
l'effetto del rumore impulsivo periodico (la spaziatura di 100 kHz
corrisponde ad un periodo di ripetizione di 10 µs).

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 37


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Per quanto riguarda il rumore impulsivo conviene sottolineare


nuovamente che proprio a causa delle sue brevissime ed improvvise
variazioni è senza dubbio la fonte di disturbo più pericolosa, soprattutto la
componente legata al rumore impulsivo asincrono.

Questi impulsi, provocati dai transitori di una qualunque


commutazione che avviene sulla rete, caratterizzati da durata e tempo di
arrivo arbitrari, provocano un innalzamento della PSD legata al solo
rumore di fondo anche di 60 dB, che si traduce in un probabile errore sul
bit o sul burst che viene trasmesso in quell’istante.

Emerge pertanto la necessità di realizzare un efficace modello statistico


per quanto riguarda ampiezza e larghezza degli impulsi e il loro tempo di
interarrivo: come evidenziato in una recente tesi sull’argomento, la
distribuzione risulta praticamente esponenziale, con valori medi
rispettivamente di circa 100/200 mV; 108,46 µs; 1,67 sec. .

• 3.2.3 Considerazioni

Dall’analisi del comportamento in alta frequenza della rete elettrica


"esterna" sia in termini di distorsione del segnale, la cui propagazione sulla
rete è ben rappresentata dal modello
a cammini multipli (3.3), sia in
termini di disturbi dovuti alle
componenti di rumore, emerge che il
progetto di un qualunque sistema di
comunicazioni ad alta frequenza che

Tabella 2 Capacità del canale a 20 MHz sfrutti le linee elettriche si deve


basare su queste considerazioni.

Circa i vantaggi di poter lavorare con bande e frequenze più elevate,


riportiamo qui accanto il risultato di uno studio sulla capacità dei canali di
riferimento effettuato considerando una banda di circa 20 MHz e una

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 38


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

potenza del segnale di 1 W (pur non avendo ancora affrontato problemi di


compatibilità elettromagnetica questo ci consente di mantenere la PSD del
segnale a livelli più che ragionevoli). Pur con le dovute approssimazioni,
oltre alla grande potenzialità del sistema, appare comunque evidente il
miglioramento in termini di capacità del canale (C) rispetto alla situazione
che si presentava lavorando entro le attuali bande standard.

3.3 Comportamento della rete elettrica "interna" in BT.


La parte della rete elettrica in bassa tensione localizzata all'interno delle
varie abitazioni presenta una varietà topologica ancora maggiore di quella
esterna, dovuta chiaramente alla struttura degli edifici, alla realizzazione
dell'impianto e al tipo di cavi. Risulta quindi estremamente difficile definire
in maniera univoca le sue caratteristiche sia in termini di attenuazione del
segnale che di rumore.

I risultati di uno studio hanno rilevato, tramite misurazioni della


funzione di trasferimento e del livello di rumore distribuite ad intervalli
regolari su tutte le 24 ore, la dipendenza dal tempo del canale.

Infatti, le linee elettriche non sono sicuramente il mezzo più vicino a


quello ideale, ed è soprattutto la potenziale ed intrinseca non stazionarietà
delle sue caratteristiche a costituire il problema maggiore nella
progettazione di un qualsiasi sistema di comunicazione. Negli studi
condotti sulla rete esterna era emerso che almeno la funzione di
trasferimento si poteva considerare stazionaria, e questo infatti aveva
portato agevolmente alla costruzione di un efficace modello di canale.

• 3.3.1 Propagazione del segnale

Dagli studi fatti emerge un andamento in modulo e fase della funzione


di trasferimento caratterizzato da un valore di attenuazione piuttosto
elevato con delle profonde cadute, tipiche dell'interferenza distruttiva

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 39


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

dovuta ai cammini multipli. La


presenza di questi appare
chiaramente anche dall'andamento
della risposta impulsiva.

Per capire la variazione nel tempo


si sono effettuate misure su tutte le
24 ore ad intervalli regolari (circa 3
min.): studiando poi l'andamento
18 Modulo e fase della funzione di
della deviazione standard trasferimento di linea elettrica ufficio
normalizzata (?) dei valori raccolti
(definita come il rapporto tra deviazione standard e valor medio) si è
rilevato che più ? è bassa più "costanti" sono i valori, salvo per alcuni
valori di frequenza dove l'attenuazione ha dei grandissimi picchi, e quindi
sia l'ampiezza che la fase della funzione di trasferimento si possono
considerare con buona approssimazione stazionarie (almeno nell'arco della
giornata).

17 Deviazione standard normalizzata 17 Deviazione standard normalizzata del


della fase modulo

• 3.3.2 Rumore

Per quanto riguarda il rumore, ferme restando il tipo di componenti e le


loro caratteristiche (già osservate sulla rete esterna) è importante rilevare
che nel range che va da 200 kHz a 30 MHz il rumore di fondo si può
considerare come bianco (più l'effetto di interferenze a banda stretta

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 40


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

causate dalle stazioni radio), a


differenza di quanto avveniva nel
range fino a 150 kHz dove, invece, il
livello di rumore (decisamente più
elevato) diminuiva al crescere della
frequenza.
20 Rumore di fondo fino a 200 MHz
Per quanto riguarda la variazione
nel tempo, seguendo gli stessi criteri
presentati nel caso della risposta in
frequenza, dall'andamento della
deviazione standard normalizzata ?
emerge che, escludendo le frequenze
dove l'interferenza a banda stretta è
19 Rumore di fondo fino a 1 MHz
particolarmente elevata, la PSD del
rumore si può considerare piuttosto costante nel tempo. Particolarmente
visibile è l'effetto dell'interferenza a banda stretta intorno ai 27 MHz:
questo è provocato dalle stazioni radio nella banda cittadina che non
trasmettendo ininterrottamente sono fonte appunto di una elevata
instabilità dei livelli di rumore. In generale comunque questo effetto, cioè
instabilità del livello del rumore, è presente su tutte le frequenze dove si
localizzano interferenze legate a stazioni radio a causa del fatto che il
livello stesso del segnale interferente non è costante. Infatti la maggior
parte delle stazioni radio che trasmette sotto i 30 MHz usano modulazioni
di ampiezza, dove per risparmiare energia spesso la potenza della portante
viene arbitrariamente ridotta: non è difficile quindi trovare anche dei
momenti in cui l'interferenza sparisce completamente.

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 41


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• 3.3.3 Considerazioni

Si deve osservare che ci si riferisce a misure compiute nell'arco di un


giorno su una rete ben determinata: quindi non sono assolutamente da
escludere sia eventuali variazioni su periodi più lunghi (mesi o anni) che
comportamenti nettamente diversi con reti diverse.

Comunque, il comportamento della rete elettrica interna somiglia a


quello del canale della telefonia mobile, ed è quindi agli schemi di
trasmissione/ricezione già affermati su di esso che conviene comunque far
riferimento per un qualunque progetto mirato ad utilizzare questa parte
della rete elettrica come mezzo di trasmissione.

3.4 Conclusioni

Realizzare un sistema di comunicazioni adatto a lavorare con il modello


sopra descritto si riduce quindi a cercare semplicemente di affinare quelle
che sono le tecniche già usate con successo in bassa frequenza (Spread
Spectrum) o in altri campi (OFDM 28) adattandole alle caratteristiche tipiche
del canale.

E' importante inoltre rilevare come, in termini di rumore, se da un lato


il salire con le frequenze di lavoro sembra rendere meno sensibile il canale
a quei disturbi tipici dell'uso a bassa frequenza (legati principalmente ai
vari dispositivi elettrici connessi), dall'altro fa nascere il problema,
soprattutto sulla rete esterna, dell'interferenza dovuta a tutti quei sistemi
che già lavorano in questo range (principalmente stazioni di
radiodiffusione).

Si tratta di un punto estremamente delicato da affrontare che implica


automaticamente il dover considerare anche problemi di interferenza
nell'altro verso (cioè disturbi provocati dalle PLC sui sistemi già esistenti),
e soprattutto la necessità della definizione di una nuova ed apposita

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 42


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

normativa che regoli la "convivenza", sia in termini di uso di frequenze


che di livelli di emissione, tra tutti quei sistemi che affollano, o dovrebbero
affollare, questo range di frequenza.

27 Fading fenomeno in base al quale un segnale di tipo elettromagnetico, viaggiando via etere lungo
percorsi continuamente variabili, giunge al ricevitore con intensità e fase discontinua. Questo
fatto può essere determinato, per esempio, nel caso delle trasmissioni tra cellulari, dal fatto che
il trasmettitore/ricevitore si sposta continuamente costringendo le onde elettromagnetiche ad
effettuare percorsi continuamente variabili con attenuazioni quindi diverse. Lo stesso può
essere determinato dal continuo e lento variare delle condizioni di temperatura, umidità,
pressione, pulviscolo dell'atmosfera, entro la quale avviene la propagazione, fatto questo che
determina attraverso fenomeni di riflessione, rifrazione, diffusione, delle onde, la ricezione di
un segnale con ampiezza e fase continuamente variabile
28 OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing) Metodo di modulazione della portante radio a
divisione di frequenza basato sulla trasmissione di simboli ortogonali, utilizzato nelle reti
IEEE 802.11° e IEEE 802.11g. In questo caso esprime la tecnica con la quale i dati vengono
veicolati su lla rete elettrica, utilizzando 84 frequenze dai 4,3 ai 20,9 MHz .

30 Aprile 2004 Cap. 3 – Le linee elettriche ad alta frequenza 43


CAPITOLO 4
LE IN TERFEREN ZE ELETTROMAGN ETICHE
4.1 Premessa
Se quello della compatibilità elettromagnetica è un punto estremamente
delicato per qualsiasi dispositivo elettronico, per i sistemi di trasmissione
su linee elettriche lo è ancora di più: questo è infatti l'altro grande nodo
ancora da dipanare, insieme a quello di assegnazione delle frequenze, per
sbloccare definitivamente lo sviluppo delle PLC.

Le normative attualmente in vigore infatti riguardano solo le frequenze


(o bande) standard, e quindi solo i dispositivi a bassi bit rate (che
ampiamente le rispettano): lavorando però ad alte frequenze, e quindi
cercando di realizzare dispositivi con elevati bit rate da un lato si ha la
maggiore tendenza, a queste frequenze, ad irradiare da parte dei vari cavi
elettrici (la maggioranza dei quali non è schermata), dall'altro il fatto che
nel range di frequenze di interesse sono presenti ormai da lungo tempo
molti altri servizi con cui non si può interferire.

In pratica la mancanza di un piano di assegnazione delle bande di


lavoro e la definizione dei livelli di radiazione per i dispositivi ad alte
frequenze su linee elettriche sono due problemi strettamente collegati, nel
senso che senza una adeguata assegnazione delle frequenze di lavoro non
si riesce nemmeno a stabilire esattamente i limiti entro cui le emissioni
elettromagnetiche possono stare e viceversa.

In sostanza quindi l'unico vero grande nodo che vincola lo sviluppo


delle PLC è la necessità di una accurata standardizzazione, cioè di una
adeguata legislazione che ne regolamenti l'uso e che soprattutto fornisca
(auspicabilmente) un riferimento internazionale unico ed inequivocabile:
tutto per il momento viene ancora affidato infatti al buon senso (più o

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 44


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

meno) dei singoli paesi, contribuendo così ad una frammentazione del


potenziale mercato che certo non aiuta a reperire gli investimenti necessari
allo sviluppo di questi sistemi.

4.2 Livelli di emissioni standard

La normativa CENELEC EN50065 che assegna, a livello europeo, le


bande di funzionamento per i dispositivi a bassa frequenza su linee
elettriche, definisce anche il livello massimo di potenza utilizzabile e
quindi, indirettamente, anche quello delle emissioni. La tabella sotto

Tabella 3 La normativa CENELEC EN50065


fornisce un quadro riassuntivo di questa normativa.

Inoltre è bene ricordare che le emissione radiate e condotte di tutti quei


dispositivi elettronici che rientrano nella categoria "Information
Technology Equipment" (ITE) e "Electronic Data Processing" (EDP),
cioè tutti i dispositivi caratterizzati da un segnale di clock uguale o
maggiore di 9 kHz, dovrebbero sottostare alla normativa CISPR 22
(International Special Committee on Radio Interference). L'uso del
condizionale è d'obbligo perchè questa normativa non è stata tradotta in
legge da tutti i paesi.

La CISPR 22, che suddivide i dispositivi in due categorie: "A"


(dispositivi per uso commerciale) e "B" (dispositivi per uso domestico), è
brevemente riassunta nella tabella sottostante.

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 45


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Tabella 4 La normativa CISPR 22

Dall’analisi della tabella risultano quindi accuratamente regolati solo i


dispositivi che operano alle basse frequenze, mentre i sistemi per le alte
frequenze, cioè quelli caratterizzati da bit rate più elevati, da un punto di
vista legislativo si trovano in una sorta di "terra di nessuno" che ogni
nazione al momento gestisce come meglio crede.

4.3 L'"Esperimento Manchester"

Come accennato, l’unico vero esempio applicativo dele tecnologie PLC


è quello di Manchester della NOR.WEB DPL Ltd che aveva lo scopo di
realizzare e commercializzare sistemi di comunicazione a larga banda su
linee elettriche: in particolare l'attenzione era rivolta ad un sistema
chiamato DPL (Digital Power Line) già oggetto di numerosi test a partire
dal 1995.

L'obbiettivo di questo sistema, che lavorava su due slot frequenziali


(2,2-3,5 MHz e 4,2-5,8 MHz) ed era capace di 1Mbps, era quello di fornire
ai vari utenti un servizio di telefonia e di Internet a larga banda su linea
elettrica: dalle varie sottostazioni di trasformazione DPL inviava sulle linee

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 46


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

elettriche segnali ad alta frequenza, che venivano poi separati da quelli a


bassa frequenza che supportavano l'energia elettrica (quindi a 50 Hz)
attraverso appositi dispositivi detti CU (Unità di Condizionamento) posti
all'interno di ogni abitazione. Questi provvedevano a smistare l'energia
elettrica alle varie prese della casa, mentre i segnali dati venivano inviati via
coassiale ad un apposito modulo detto Service Unit al quale potevano
essere connessi, simultaneamente e senza interferenze, vari dispositivi di
comunicazione (come avviene con l'ISDN), detti CPE (Customer
Premises Equipment).

I test applicativi durati oltre due anni evidenziarono da un punto di


vista di funzionamento in senso stretto un esito positivo, mentre da un
punto di vista di compatibilità elettromagnetica si ebbero risultati negativi.

Sembra infatti che nelle zone di funzionamento del DPL certe


frequenze fossero profondamente disturbate: particolarmente colpiti
risultarono la BBC, certi radioamatori e il servizio britannico di emergenza
radiodiffuso.

Tra le varie cause una sembra, tra l'altro, legata alla forma dei pali
dell'illuminazione pubblica, che finivano per comportarsi come tante
antenne irradiando così il segnale del DPL: questo oltre a disturbare i
servizi sopracitati finiva anche per rendere facilmente intercettabile il
traffico dati.

Dopo lunghi dibattiti l'Agenzia Amministrativa per le


Radiocomunicazioni del Governo di Sua Maestà stabilì per le interferenze
dovute a PLC un livello di soglia di 0 dBV/m, che, fisicamente
irraggiungibile, portò alla prematura ma definitiva chiusura di NOR.WEB,
ufficialmente motivata con il fatto che le potenzialità delle PLC non erano
sufficienti a giustificare la quantità di investimenti necessari al loro
sviluppo.

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 47


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Evitando qualunque tipo di considerazione politica o di costume, per


cui questa sicuramente non è la sede adeguata, un primo importante fatto
che comunque emerge dall'esperienza di NOR.WEB è quanto sia
potenzialmente pericolosa, e quindi economicamente poco invitante, una
situazione di "vuoto normativo": soprattutto poi quando questa non si
traduce in una regolamentazione capace sia di tutelare i servizi esistenti che
di lasciare margini di sviluppo per nuove applicazioni.

4.4 Disturbi dovuti alle PLC

Inviare segnali ad alta frequenza sulla rete elettrica, composta


essenzialmente da cavi non schermati, crea inevitabilmente un certo livello
di irradiazione: a quelle frequenze il segnale tende infatti ad abbandonare il
conduttore. Questo fa sì che sia l'impianto elettrico stesso delle varie
abitazioni che eventuali "oggetti" metallici ad esso connesso (come ad
esempio i lampioni dell'illuminazione pubblica) si comportino come tante
antenne che irradiano il segnale nelle loro vicinanze: il livello complessivo
del disturbo e il suo grado di diffusione dipenderanno quindi oltre che dal
numero di utenti connesso anche dal tipo di zona in cui si opera
(chiaramente più elevato in area cittadina dove la densità di popolazione è
maggiore, meno marcato in zone rurali).

Ai tempi dell'esperimento di NOR.WEB l'Agenzia Amministrativa per


le Radiocomunicazioni (RA) del Regno Unito commissionò a Smith
Group Limited uno studio per valutare l'effettivo impatto delle emissioni
radiate da sistemi di comunicazione ad alta frequenza operanti su linee
elettriche. In questo studio venne sviluppato un opportuno modello,
convalidato poi da misurazioni reali, per quantificare il livello complessivo
delle emissioni radiate in diversi scenari nel range 30 kHz-3 GHz, e
definire così i livelli massimi di interferenza tollerabili dai vari servizi
coinvolti.

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 48


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

In particolare vennero esaminate le emissioni (anche in campo lontano)


dei singoli cavi, quelle delle abitazioni, quelle di diversi modelli di lampioni
(metallici, metallici con collegamento di massa, metallici con messa a terra,
plastici) in configurazioni diverse (lampione singolo o più lampioni), e di
eventuali altri oggetti in contatto con la rete elettrica.

Dalle misure effettuate, si rilevò che piccoli valori del segnale


interferente (anche ben al disotto del valore del rumore di fondo)
provocavano comunque un sensibile aumento del livello complessivo di
rumore, sia nell'intorno della sorgente di rumore (condizione di campo
vicino) sia, con la dovuta attenuazione, ad una certa distanza da essa: i
segnali ad alta frequenza infatti tendono a propagarsi sia lungo l'orizzonte
che verso il cielo dove in certe condizioni si può verificare anche l'effetto
di riflessione ionosferica che contribuisce ad aumentare notevolmente il
tratto percorso dal segnale interferente (fortunatamente questo fenomeno
è limitato a particolari condizioni atmosferiche e a certe frequenze
critiche).

In sostanza quindi diventa molto importante non solo il livello di


emissioni delle varie sorgenti, ma anche il loro numero e soprattutto la
loro densità, visto che la zona interessata dal disturbo finisce per essere
ben più ampia del semplice intorno dove è posizionato il dispositivo
interferente.

L’accortezza di stabilire delle zone di interdizione all'uso delle PLC


(soluzione semplice e intuitiva per tutelare dai disturbi il funzionamento di
installazioni ed antenne di servizi particolarmente sensibili) non garantisce
però automaticamente protezione assoluta dall'interferenza generata da
questi dispositivi: segnali interferenti, propagandosi lungo il terreno e
sfruttando magari anche la riflessione ionosferica, possono infatti arrivare
da altri dispositivi PLC posizionati in zone ben più lontane.

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 49


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Uno studio effettuato per valutare gli effetti anche a grandi distanze, ha
dato risultati che sono stati poi confrontati con quelli rilevati testando in
maniera analoga sistemi xDSL (x Digital Subscriber Line), che lavorano su
una base concettualmente analoga a quella delle PLC. Entrambi questi
sistemi infatti inviano segnali a radiofrequenza su conduttori metallici: cavi
telefonici per sistemi xDSL, cavi elettrici per sistemi PLC.

Tra l'altro è stato anche simulato e calcolato l'effetto complessivo, in


termini di livello di campo elettrico irradiato, che si avrebbe se ogni
sottostazione delle principali città inglesi (e, per confronto, quelle del
bacino della Ruhr) fosse equipaggiata con dispositivi di trasmissione ad
alta frequenza su linee elettriche ciascuno con un certo livello di emissione.

In pratica, anziché considerare l'effetto di tutte le singole abitazioni si


considera direttamente quello delle varie sottostazioni, ciascuna vista come
se fosse un'antenna isotropica, a cui i gruppi di utenti sono connessi.

Viene anche valutata l'ampiezza delle zone di interdizione all'uso di


PLC da posizionare intorno ad installazioni di servizi particolarmente
suscettibili all'interferenze: la tabella successiva mostra ad esempio le
distanze suggerite per la frequenza di 3 MHz considerando principalmente
gli effetti della propagazione lungo l'orizzonte.

Tabella 5 Distanza suggerite a 3 MHz dai sistemi PLC

Dai risultati dello studio condotto da York EMC Services emerge che a
parità di bit rate sistemi di comunicazione su linee elettriche sembrano
contribuire maggiormente all'innalzamento del livello complessivo di
rumore rispetto a sistemi tipo ADSL o VDSL: addirittura mentre in questi

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 50


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

sistemi il contributo delle componenti legate alla propagazione atmosferica


risulta normalmente trascurabile (rispetto a quello legato alla propagazione
lungo l'orizzonte) nelle PLC può anche arrivare ad innalzare di 2-3 dB la
soglia complessiva di rumore.

• 4.4.1 Servizi soggetti all'interferenza delle PLC

Analizziamo, ora, nel dettaglio a chi può nuocere veramente


l'interferenza prodotta da PLC.

Potenziali vittime di questi effetti sono tutti quei servizi che operano
nello stesso range di frequenze dei sistemi considerati, in particolare tra 0,5
e 30 MHz sono presenti:

• Servizi di radiodiffusione. Sono essenzialmente di due tipi: Onde


Medie (MF) (da 0,5265 a 1,6065 MHz) e Onde Corte (HF) (da 3,9
a 26,1 MHz), utilizzano modulazioni AM ed occupano bande da 9
a 18 kHz. Per questi servizi un livello di segnale interferente
all'antenna ricevente di 15 dBµV/m può iniziare ad essere
dannoso, salvo eccezioni ancora più restrittive, come, ad esempio,
per quell'attività conosciuta come "DXing" (l'ascolto di
trasmissioni radiodiffuse in zone oltre la loro area di copertura)
dove avendo spesso a che fare con segnali superiori di appena 6-10
dB al livello di rumore, il minimo aumento di quest'ultimo può
provocare forti disturbi.

• Radioamatori. Generalmente sfruttano antenne montate sui tetti


delle abitazioni o nei giardini per ricevere segnali anche piuttosto
deboli (spesso non più di 6 dB sopra al rumore di fondo) su bande
tipiche di circa 2,2-3 kHz. Anche piccoli aumenti del livello del
rumore di fondo possono compromettere quindi questa attività.

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 51


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• Servizi mobili. In genere sono servizi marittimi, aeronautici, terrestri,


civili o militari: la maggior parte dei quali trasmette in onde corte
per coprire lunghe distanze (soprattutto quando la distanza tra la
stazione mobile e quella di terra più vicina è tale da non poter usare
trasmissioni in VHF). Le stazioni di terra sono installazioni
piuttosto grandi e dotate di ricevitori molto sensibili, mentre quelle
mobili sono di dimensioni e sensibilità più ridotte. Considerando
l'importanza di tali servizi Smith Group suggerisce di proibire l'uso
di qualsiasi dispositivo su linee elettriche nelle zone dove sono o
possono essere presenti queste installazioni: quindi non solo porti,
aeroporti o basi militari, ma anche lungo costa o nelle zone di terra
"vicine" a certe rotte aeree.

• Servizi fissi. Si tratta di collegamenti punto-punto in HF


generalmente utilizzati per servizi meteorologici, militari o per la
trasmissione di particolari dati aeronautici, spesso curati anche da
organizzazioni governative o come la BBC. Le raccomandazioni
sono le stesse dei servizi mobili.

• Servizi di emergenza. Sono limitati ad un ristretto range di frequenze:


da 0,495 a 0,505 MHz e da 2,1735 a 2,1905 MHz per l'emergenza
marittima; 3,023 MHz per la ricerca e il soccorso notturno; 5,680
MHz per la ricerca e il soccorso diurno. Il livello di interferenza alle
stazioni di terra che implementano questi servizi deve essere il più
contenuto possibile e le frequenze dedicate a questi servizi non
possono essere utilizzate.

• Ricerca spaziale e radioastronomia.

• Servizi di radiolocalizzazione (anche aeronautica).

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 52


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

4.5 Definizione di normative adeguate

Come abbiamo già anticipato la mancanza di una normativa unica che


regoli l'utilizzo ad alte frequenze dei sistemi PLC (in termini di frequenze
di lavoro e dei corrispondenti livelli di emissione) lascia liberi i vari stati di
gestire la situazione nel modo che credono più opportuno.

Nel Regno Unito questa situazione al momento si è tradotta, come


abbiamo visto, in una legislazione particolarmente penalizzante lo sviluppo
di questi sistemi. Questa però non è l'unica strada seguita
(fortunatamente): diamo quindi un'occhiata a quelle che sembrano essere,
al momento, le proposte e le realtà più significative in questo contesto.

• 4.5.1 L'NB30 tedesca

La Germania, il paese europeo più attivo nel settore delle PLC, decise
di colmare questa lacuna avviando nel 1997 un lavoro congiunto, tra il
Ministero dell'Economia (BMWi) e l'Autorità per la Regolamentazione
delle Poste e Telecomunicazioni (Reg TP), di revisione della legge per le
telecomunicazioni con l'obbiettivo di garantire, compatibilmente con i
sistemi già attivi, ampi margini di sviluppo alle PLC.

Il risultato di questo lavoro, diventato poi legge (entrata in vigore nel


2003), oltre ad assegnare con esattezza le bande di funzionamento per
sistemi di comunicazioni su
linee elettriche ne fissa anche i
livelli di emissione massimi,
forte di uno studio
estremamente accurato e
dettagliato sull'EMC di questi
Tabella 6 Distanza suggerite a 3 MHz dai sistemi, secondo una normativa
sistemi PLC
conosciuta come NB30,

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 53


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

riassunta nelle tabella 7.

Mentre gli slot frequenziali previsti sono sostanzialmente:

• 9-525 kHz per servizi di telemetria e a banda stretta.

• 1,6-10 MHz per sistemi PLC a banda larga esterni.

• 10-30 MHz per sistemi PLC a banda larga all'interno delle


abitazioni.

In particolare vengono definite le seguenti sottobande: 9-95 kHZ; 9-


148,5 kHz; 100-148,5 kHz; 148,5-525 kHz; 526 kHz-1,6 MHz; 1,6-10
MHz; 1,9-25 MHz; 10-30 MHz.

• 4.5.2 Il "chimney approach"

Una strada estremamente interessante alternativa a quella intrapresa


dalla Germania è quella delle cosiddette "ciminiere": questo tipo di
approccio consiste nel considerare delle "eccezioni", dette appunto
ciminiere, al livello massimo di campo interferente stabilito in modo da
non alterare il livello complessivo di rumore.

L'altezza, la larghezza e la posizione delle ciminiere dipenderà


chiaramente non solo dalle frequenze considerate ma eventualmente
anche dalle zone di ubicazione dei sistemi.

Su questo genere di normativa stanno lavorando congiuntamente anche


ETSI (European Telecommunications Standards Institute) e CENELEC
nell'intento appunto di fornire entro breve tempo un riferimento comune,
almeno a livello europeo, e tale da consentire un unica base di sviluppo per
i sistemi di comunicazione ad alta frequenza su linee elettriche.

Tra l'altro questa normativa prevede una suddivisione dello spettro utile
in due parti:

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 54


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• 2-10 MHz per sistemi "esterni", cioè per la copertura dell'ultimo


miglio.

• 10-30 MHz per sistemi operanti all'interno delle abitazioni.

4.6 Considerazioni

I risultati che emergono dai vari studi effettuati sulle PLC legati
soprattutto all'entità dei disturbi prodotti non sempre risultano coincidenti,
anzi spesso si scontrano, oltre che tra loro, anche con quanto dichiarato
dai vari gruppi industriali.

Si ha la sensazione quindi che le PLC devono ancora essere oggetto di


profonde investigazioni prima di poter arrivare a valutarne a fondo
l'effettivo impatto in termini di compatibilità elettromagnetica.

E' comunque auspicabile che in tempi brevi l'uso delle PLC venga
precisamente regolamentato varando normative transnazionali, in modo
da agevolare così il lavoro di ricerca e sviluppo (che può essere indirizzato
in modo più preciso) e da evitare soprattutto il rischio di uno
"spezzettamento" del mercato sia in termini legislativi che di convivenza di
prodotti.

È forte infatti il rischio di ritrovarsi tra un pò con prodotti efficienti ma


totalmente incompatibili tra loro. Una situazione del genere potrebbe
portare in certi casi a delle conseguenze assurde: si immagini ad esempio di
ritrovarsi con i dispositivi che operano all'interno delle abitazioni
totalmente incompatibili con quelli che invece lavorano all'esterno, magari
perché essendo realizzati da gruppi diversi finiscono semplicemente per
sovrapporsi in frequenza.

Nell'ancora poco definito contesto attuale risulta anche difficile, tra


l'altro, parlare con precisione degli eventuali modi per ridurre il livello delle
emissioni. Comunque uno degli elementi su cui si può intervenire è

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 55


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

sicuramente la potenza: la soluzione più intuitiva per ridurre il livello del


segnale irradiato è infatti quella di diminuire la densità spettrale di potenza
trasmessa, magari compensando il minor tratto di linea elettrica coperto
dal segnale (abbassando infatti la potenza trasmessa gli effetti
dell'attenuazione e del rumore si fanno sentire di più) con l'utilizzo di
opportuni ripetitori.

Un'altra possibilità valutata è quella di realizzare un sistema di controllo


della potenza in modo da variare i livelli trasmessi a seconda del contesto:
ad esempio potenza più bassa verso utenti più vicini, più alta per quelli più
distanti.

Si può prendere in considerazione anche l'uso di opportuni filtri


(concettualmente simili alle CU del sistema NOR.WEB) per isolare magari
porzioni di linee elettriche caratterizzate da particolari efficienze radiative.

30 Aprile 2004 Cap. 4 – Le interferenze elettromagnetiche 56


CAPITOLO 5
LE TECN ICHE DI TRASMISSION E
5.1 Introduzione
La progettazione/realizzazione di un sistema di comunicazione che
sfrutti la trasmissione di segnali ad alta frequenza sulla rete elettrica deve
determinare anche la tecnica di trasmissione impiegata e un adeguato
MAC (Media Access Control) che consenta l'utilizzo contemporaneo del
mezzo da parte più utenti.

Conviene sottolineare infatti che, tra tutti gli strati che compongono il
modello OSI, stiamo concentrando la nostra attenzione su quelli più bassi,
cioè sullo strato fisico e su quello di collegamento dati (in particolare il
MAC layer è il primo sottostrato del Data Link layer e fa in pratica da
cuscinetto tra gli strati superiori e quello fisico), cioè su quegli strati
maggiormente legati e influenzati nella loro struttura, al mezzo di
trasmissione utilizzato: sugli strati cioè che caratterizzano maggiormente i
diversi sistemi di comunicazione.

5.2 Tecniche di trasmissione


Considerando che, come abbiamo visto, le caratteristiche del mezzo di
propagazione alle alte frequenze non si discostano molto da quelle
presentate alle basse frequenze, le stesse tecniche di modulazione utilizzate
per i dispositivi che lavorano su bande standard (come abbiamo visto
principalmente FSK e Spread Specrum) sembrano quindi risultare adatte.

In particolare avendo a disposizione un range di frequenze ben più


ampio di quello garantito dalle bande standard le tecniche di modulazione
a spettro espanso sembrano adattarsi ancora meglio a questo contesto.

30 Aprile 2004 Cap. 5 – Le tecniche di trasmissione 57


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• 5.2.1 Spread Spectrum

Senza entrare troppo nei dettagli di queste tecniche ormai ampiamente


note è importante però ricordare che nell'ambito delle PLC si riscontrano
esempi di utilizzo oltre che della "classica" DS (Direct Sequence,
probabilmente il metodo Spread Spectrum maggiormente usato nei
sistemi di comunicazione) anche del Frequency Hopping (FH) dove il
segnale viene trasmesso in uno slot frequenziale che viene cambiato ad
ogni intervallo di bit.

Questa tecnica, benché più costosa (a causa delle numerose frequenze


che bisogna generare e dei relativi filtri di canale) e più sensibile ai disturbi
a larga banda della DS, mostra infatti una maggiore immunità ai jamming 29
e una distribuzione più uniforme sulla banda dell'energia del segnale (nei
sistemi DS l'energia del segnale trasmesso è infatti distribuita secondo la
funzione sinc(x), generata dalla moltiplicazione del bit d'informazione con
la sequenza di codice).

Particolarmente interessante risulta anche il cosiddetto sistema "chirp"


(per esteso: swept-frequency pulse-chirp system) adottato tra l'altro dallo
standard CEBus: facendo variare nell'intervallo di bit la frequenza del
segnale secondo una legge lineare, sembra infatti riunire i vantaggi delle
precedenti tecniche, associando così alla robustezza all'interferenza tipica
dei sistemi DS quella distribuzione uniforme dell'energia sulla banda che
caratterizza invece il segnale generato con il FH.

In ogni caso comunque l'obbiettivo di queste tecniche, ottenuto


"distribuendo" (in modi diversi) il segnale trasmesso su tutta la banda
disponibile, è sia quello di rendere la trasmissione più resistente agli effetti
del rumore, sia di contenere notevolmente il livello del segnale trasmesso,
in modo da avere così meno problemi in termini di irradiazione e di

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 58


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

compatibilità elettromagnetica con gli altri sistemi operanti su queste


bande.

Questi importanti vantaggi si pagano però con un'efficienza di banda


piuttosto bassa, cioè con la necessità quindi di occupare ampie porzioni di
spettro per poter avere dei bit rate piuttosto elevati.

Ciò, considerando l'attuale mancanza di uno specifico piano di


assegnazione delle frequenze, può costituire un ostacolo notevole
all'implementazione di questa tecnica.

• 5.2.2 OFDM

La tecnica però che attualmente sembra offrire potenzialità ancora


maggiori con questo tipo di sistemi, come con tutti quelli caratterizzati da
canali piuttosto "ostili", è l'OFDM (Orthogonal Frequency Division
Multiplexing). Si suddivide il flusso dati complessivo ad alta velocità che
deve essere trasmesso in tanti flussi paralleli di velocità molto più bassa;
ognuno di questi va a modulare una ben precisa portante di una numerosa
serie (dette anche sottoportanti) tutte ravvicinate tra loro: queste,
trasmesse simultaneamente, finiranno così per occupare ciascuna una
ristrettissima parte della banda complessiva a disposizione. L'ortogonalità
che caratterizza anche il nome si ottiene distanziando tra loro le
sottoportanti dell'inverso dei bit rate di ognuna: questo fa sì che quando
andiamo a fare la FFT (Fast Fourier Transform30) del segnale ricevuto su
un intervallo temporale uguale al bit rate della portante considerata, il
valore di ogni punto della FFT è funzione solo dei bit che hanno
modulato quella portante e non è influenzato dai dati che modulano tutte
le altre (non si risente quindi di interferenza di cocanale).

Se la banda occupata da ogni sottoportante è sufficientemente piccola


la risposta in frequenza del canale si può considerare piatta su quelle
frequenze e quindi piuttosto semplice da equalizzare.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 59


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Questo, rispetto al trasmettere su tutta la banda disponibile un unico


flusso dati ad alta velocità, consente sia di proteggersi meglio dagli effetti
del fading selettivo che, allocando opportunamente le portanti, di evitare
di lavorare in quelle zone di canale dove l'attenuazione ed il rumore sono
più difficili da trattare.

Per modulare le singole sottoportanti si possono utilizzare svariati


metodi tra cui BPSK31, QPSK32 e QAM33 (anche nelle rispettive versioni
differenziali) con costellazioni più o meno estese a seconda
dell'attenuazione e del fading del canale.

In trasmissione le forme d'onda dell'OFDM si generano usando


l'inversa della FFT (iFFT) sul gruppo di sottoportanti modulate (in
ricezione si farà poi l'operazione inversa): si ottiene così un "simbolo"
OFDM di durata pari all'inverso della distanza tra le varie sottoportanti,
quindi molto più lungo dei simboli associati al data rate iniziale, e per
questo già di per sé molto più immune agli effetti del fading selettivo. Per
migliorare ulteriormente la situazione in testa al simbolo OFDM viene poi
aggiunto un prefisso ciclico che in pratica non è altro che la replica degli
ultimi microsecondi del simbolo stesso.

Questo serve per mantenere l'ortogonalità e combattere gli effetti


dell'interferenza intersimbolica (ISI) dovuta al fatto che il ritardo
presentato dal canale non è purtroppo costante con la frequenza: quindi
senza prefisso ciclico alcuni simboli finirebbero per sovrapporsi.
Dimensionando opportunamente la lunghezza del prefisso (che deve
essere almeno pari alla peggiore variazione del ritardo rilevata sul canale) e
aspettando che questo sia terminato prima di iniziare a prendere i
campioni per la FFT si riesce invece a garantire l'integrità di ogni simbolo.

Si tratta quindi di una tecnica piuttosto complessa ma molto efficace la


cui idea risale addirittura agli anni '60. Solo recentemente però ha iniziato a

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 60


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

prendere veramente campo, non solo per quanto riguarda le PLC, grazie
soprattutto ai recenti sviluppi in campo elettronico che hanno consentito
di avere a basso costo DSP (Digital Signal Processing) estremamente
veloci. Tra l'altro i recenti sistemi DAB (Digital Audio Broadcasting) e
DVB (Digital Video Broadcasting) sfruttano proprio questa tecnica.

Questa tecnica è caratterizzata da una efficienza di banda piuttosto


elevata (anche 5 bit/s/Hz) che ben si sposa quindi con l'obbiettivo di
garantire bit rate elevati, ma purtroppo richiede rapporti segnale rumore
piuttosto alti e che quindi è potenzialmente soggetta a creare problemi di
interferenza con gli altri sistemi.

5.3 Media Access Control Layer


Per tutti quei sistemi, come quelli oggetto del nostro studio, dove il
mezzo fisico deve essere condiviso tra più utenti il Media Access Control è
un elemento estremamente importante: il mezzo a disposizione non avrà
mai infatti una capacità infinita e quindi un corretto criterio di gestione e di
sfruttamento di questa risorsa tra i vari utenti consentirà di sfruttare a
fondo le potenzialità del nostro sistema.

• 5.3.1 Elementi fondamentali

Cerchiamo quindi di vedere innanzitutto quali sono i fattori


fondamentali da considerare per la progettazione del MAC di un sistema
di comunicazione su linee elettriche, concentrandoci in particolare sullo
scenario più complesso tra quelli possibili: l'utilizzo della rete elettrica per
coprire l'ultimo miglio.

In questo caso infatti il numero di utenti da servire è sicuramente


superiore rispetto a quello che si avrebbe utilizzando le power line per
realizzare delle LAN private, e una particolare attenzione deve poi essere

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 61


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

posta nel collegamento tra il nostro sistema e la principale dorsale dati, che
normalmente è realizzata con altre tecniche (fibre ottiche o xDSL, ad es.).

In pratica: la linea elettrica supporta il flusso dati nel tratto che va dalla
stazione base, che di solito è la stazione di trasformazione (o sottostazione,
dove avviene anche il collegamento con la WAN "esterna"), ad opportuni
contatori posizionati all'interno di ogni abitazione, dove ci sarà il
collegamento con la LAN interna (magari realizzata anch'essa su linee
elettriche, ma non necessariamente). Da un punto di vista topologico, la
parte di rete elettrica che stiamo considerando è estremamente varia
dipendendo da molti fattori (tutti determinanti nella progettazione del
sistema):

• Locazione della rete:

o area residenziale urbana

o area residenziale rurale

o area industriale

o area commerciale

• Densità degli utenti:

o numero di utenti della rete (piccolo-medio-grande)

o concentrazione degli utenti (case singole-gruppi di case-


condomini)

• Lunghezza della rete (corta-media-lunga)

• Struttura della rete-numero di sottosezioni

Per comodità noi ci rifaremo ad una rete media (come emerge da


rilevazioni statistiche) così composta:

• Numero di utenti: 250-400

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 62


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• Numero di sezioni: 5

• Numero di utenti per sezione: 50-80

• Lunghezza: 500 m

Le direzioni di trasmissione saranno due:

• Downlink/downstream dalla stazione base agli utenti

• Uplink/upstream dagli utenti alla stazione base

Quindi in downlink il segnale trasmesso dalla stazione base (posizionata


come abbiamo già detto al trasformatore) arriva a tutti gli utenti connessi a
quella stazione. In uplink però il segnale inviato dal singolo utente non
arriva solo alla stazione base ma è ricevuto anche da tutti gli altri utenti.

In pratica quindi a dispetto di tutte le considerazioni topologiche, che


associano alla rete una forma ad albero, la rete elettrica in bassa tensione (o
una qualunque sua parte) ha la struttura logica di un bus e come tale andrà
considerata nella definizione del MAC.

Il canale fisico disponibile verrà quindi suddiviso (in termini di


ripartizione della capacità di trasmissione complessiva) in tanti canali logici
di opportuna capacità che il MAC poi gestirà indipendentemente dalle
tecniche di accesso multiplo adottate. Chiaramente il significato fisico di
questi canali cambierà a seconda che si stia lavorando con CDMA (Code
Division Multiple Access) piuttosto che con OFDMA (Orthogonal
Frequency Division Multiple Access), ma a livello logico comunque
l'effetto sarà sempre quello di una ripartizione tra i diversi utenti della
capacità di trasmissione complessiva.

Un altro aspetto molto importante da tenere in considerazione nella


definizione del MAC è quello dei servizi che possono essere offerti: a
questi è legato infatti il successo commerciale del sistema.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 63


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Quindi, senza considerare tutti quei servizi tipici dei sistemi su


powerline che ormai ben conosciamo (come home automation, gestione
dell'energia, sistemi di allarme, ecc.), quello telefonico, visto la sua grande
appetibilità sul mercato, è senz'altro il primo servizio a dover essere
garantito. A questo bisogna poi sicuramente aggiungere la trasmissione di
dati (Internet), un servizio di trasmissione CBR (Costant Bit Rate) a
grande capacità (fondamentale per i video) e eventualmente altri servizi più
sofisticati, tipo VBR (Variable Bit Rate), con particolari garanzie di QoS
(Quality of Service).

Si precisa che per CBR si intendono tutte quelle applicazioni che


necessitano di un bit rate ben preciso, se questo non viene raggiunto e
mantenuto non possono operare. Una capacità più elevata da parte della
rete non apporta nessun miglioramento qualitativo.

Per VBR si intendono invece quelle applicazioni che per operare


richiedono un bit rate minimo: ogni aumento della capacità della rete porta
ad un miglioramento della qualità del servizio, fino ad un valore limite
(peak bandwidth) oltre il quale non si hanno più miglioramenti
significativi.

Per QoS si intende la misura complessiva del livello del servizio offerto
all'utente basata sul loro grado di soddisfazione (che sarà chiaramente
legato a parametri diversi a seconda delle applicazioni). Ad esempio il QoS
di un servizio di trasferimento di file si valuterà considerando la velocità di
trasferimento o la precisione del file ricevuto.

Ricapitolando allora i servizi da considerare si possono


fondamentalmente riunire in quattro gruppi:

• Servizi a commutazione di circuito: come telefonia ed altri servizi


CBR di capacità più o meno elevata;

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 64


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• Servizi a commutazione di pacchetto: come trasmissione dati senza


garanzie di QoS;

• Servizi specifici per PLC;

• Trasmissione dati con garanzia di QoS: come servizi VBR;

Altro elemento importante da considerare riguarda la tecnica di


trasmissione usata. Considerando, anche per quanto emerso all'inizio di
questo capitolo, l'impiego dell'OFDM si hanno allora tre diverse
possibilità di gestione della capacità totale del sistema da tener conto nello
sviluppo del MAC:

1. Canale di trasmissione di capacità fissa: formato cioè da un numero


ben preciso di sottoportanti tutte con la stessa capacità di
trasmissione (fissa);

2. Canale di trasmissione di capacità variabile: formato cioè da un


numero ben preciso di sottoportanti ciascuna con capacità di
trasmissione variabile;

3. Canale di trasmissione di capacità predefinita e quindi formato da


un numero di sottoportanti variabile a seconda delle loro singole
capacità trasmissive.

Nel caso 1 il canale è formato sempre dalle stesse sottoportanti, quindi


l'indisponibilità anche di una sola di esse (magari perché disturbata)
provoca la completa indisponibilità del canale.

Nel caso 2 il sistema può invece evitare l'indisponibilità del canale


diminuendo la capacità delle sottoportanti disturbate (compatibilmente
con il disturbo): questo porterà però ad una diminuzione della capacità
totale del canale con probabili disturbi al servizio supportato, a meno di
non riallocare i canali sui vari servizi in funzione delle capacità disponibili.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 65


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Nel caso 3 il canale non è mai formato dalle stesse sottoportanti, che
vengono di volta in volta raggruppate a seconda delle loro singole capacità
e della capacità di trasmissione complessiva richiesta.

Oltre alla possibilità di riallocare in caso di disturbo i vari canali, per


continuare a garantire la trasmissione, il sistema deve essere protetto il più
possibile dagli effetti delle inevitabili fonti di disturbo presenti sulla rete.

Le possibili fonti di disturbo della trasmissione si possono


sostanzialmente raggruppare in rumore di fondo e rumore impulsivo. Il
primo tipo di disturbo si può efficacemente combattere scegliendo un
adeguato SNR34 (rapporto segnale rumore), cercando cioè di mantenere il
livello del segnale trasmesso sufficientemente al di sopra di quello del
rumore di fondo: chiaramente però la potenza del segnale non può essere
aumentata a dismisura, anche per non avere poi troppi problemi di
irradiazione. Maggiori difficoltà si hanno con il secondo tipo di disturbi
che come abbiamo visto hanno un livello di potenza ben maggiore di
quello del rumore di fondo, anche se su un ristretto intervallo di tempo.

Innanzitutto si deve cercare di trasmettere simboli con durata maggiore


di quella che mediamente può avere il disturbo: l'utilizzo dell'OFDM è
appropriato. In ogni caso per mantenere la probabilità di errore su livelli
accettabili è bene prevedere sia meccanismi FEC (Forward Error
Correction) anche se questo inciderà negativamente sulla capacità di
trasmissione del mezzo, sia ARQ (Automatic Repeat Request).

Chiaramente la possibilità di utilizzo contemporaneo di entrambi questi


meccanismi dipenderà dal tipo di servizio effettuato: ad esempio nel caso
di traffico voce l'uso di un meccanismo ARQ introdurrebbe dei ritardi
insopportabili (considerando anche quelli inevitabilmente introdotti dal
mezzo di trasmissione).

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 66


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• 5.3.2 Analisi del MAC

Dopo aver definito gli elementi più importanti da considerare in fase di


progettazione vediamo ora più da vicino le possibilità di caratterizzazione
del MAC.

Innanzitutto bisogna accoppiare al metodo di accesso al canale (che nel


nostro caso sarà ovviamente l'OFDMA) un modo duplex di trasmissione.
Sostanzialmente esistono due possibili schemi: l'FDD (Frequency Division
Duplex) e il TDD (Time Division Duplex). Ciascuno di questi può essere
caratterizzato in uno dei seguenti modi:

• Modo duplex simmetrico (cioè stessa capacità per entrambe le


direzioni di trasmissione downlink e uplink);

• Modo duplex asimmetrico (capacità differenti, ma di valore fisso,


su direzioni diverse);

• Modo duplex dinamico.

Considerando la possibilità di supportare un traffico di tipo Internet la


soluzione più adeguata sembra essere quella con capacità diverse tra
downlink e uplink (con quest'ultima più piccola). In genere infatti i vari
utenti trasmettono file molto più piccoli di quelli che scaricano dai vari
server.

Il modo duplex dinamico, variando la percentuale di capacità assegnata


alle due direzioni secondo la situazione del traffico, consentirebbe uno
sfruttamento migliore della rete ma risulta molto più complesso da
realizzare.

Per quanto riguarda invece l'organizzazione dell'accesso alla capacità di


trasmissione si hanno le seguenti possibilità:

• Accesso fisso

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 67


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• Accesso dinamico

Brevemente il primo assegna ad ogni utente una ben precisa capacità


(canale o numero di canali). In pratica un canale è associato ad un utente,
o ad un gruppo di utenti, indipendentemente dal bisogno di trasmettere o
meno dati in quel momento: si tratta di una soluzione più indicata per un
traffico continuo come quello telefonico che per un traffico a pacchetti
come quello dati.

Per questo tipo di trasmissione risulta più adeguato l'accesso dinamico,


che a sua volta è diviso in due tipi di protocolli: contention protocol con
collisioni e arbitration protocol senza collisioni.

L'accesso dinamico con contention protocol non consente il pieno


sfruttamento della rete e soprattutto non assicura garanzie di QoS per quei
servizi che necessitano di brevi tempi di attesa.

L’accesso dinamico senza collisioni si può realizzare tramite metodi


token passing, di polling e di reservation. I primi due assicurano buone
garanzie di QoS ma all'aumentare del numero di utenti sulla rete i tempi di
attesa possono diventare troppo lunghi, specie per un certo tipo di servizi,
a causa del tempo necessario al "testimone" o al messaggio di
interrogazione per compiere il giro di tutte le stazioni della rete.

Sistemi di accesso dinamico con protocollo riservato risultano invece


adatti per traffico ibrido (mix di traffico dovuto alla presenza di diversi tipi
di servizi): in questo caso la richiesta di una certa capacità di trasmissione
da parte dell'utente (una specie di prenotazione) arriva (per essere valutata)
alla stazione base che controlla quella parte di rete, sfruttando un accesso
fisso o dinamico. Questa, considerando l'ampio ventaglio di servizi che si
vuole offrire, sembra essere la soluzione migliore per sistemi su linee
elettriche. Per essere implementata necessita però di utilizzare parte della
capacità di trasmissione (cioè un certo numero di canali) per trasmettere

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 68


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

informazioni di segnalazione cioè di realizzare un apposito canale di


segnalazione, come il canale D del sistema ISDN.

• 5.3.3 Organizzazione del MAC Layer

Dopo aver stabilito il criterio di accesso e quello di gestione della


capacità disponibile cerchiamo ora di organizzare meglio alcuni aspetti del
MAC.

Considerando l'ampia gamma di servizi che devono essere supportati la


soluzione più logica è quella di riservare trattamenti diversi a servizi diversi
stabilendo opportune priorità.

Tanto per fare un esempio, consideriamo due tra le diverse tipologie di


servizi offerti come quello telefonico (cioè un tipo di servizio CBR) e la
trasmissione dati senza connessione specifica (a commutazione di
pacchetto): si può decidere di dare priorità al traffico voce. Stabilendo
quindi canali con capacità di 64 kbps (in modo da allocare su ciascuno una
connessione voce) tutti quelli disponibili verranno subito assegnati al
traffico telefonico, i rimanenti verranno poi usati dal traffico dati. In
pratica l'arrivo di ogni nuova connessione voce provoca un abbassamento
di 64 kbps della capacità di trasmissione dati (le sottrae cioè un canale).

La parte di capacità dedicata al traffico dati (cioè quella rimanente


rispetto alla capacità di trasmissione complessiva) verrà poi ripartita tra i
vari utenti che devono trasmettere dati, secondo la tipologia dei servizi,
tramite il canale di segnalazione e il protocollo che lo gestisce.

Le caratteristiche dei disturbi che possono influenzare la trasmissione


sembrano suggerire per una migliore organizzazione del traffico dati, una
suddivisione dei dati trasmessi dai vari utenti in piccoli segmenti di durata
prefissata (e chiaramente compatibile con quella dei disturbi). In questo
modo infatti si rischia di danneggiare solo una parte dei dati da trasmettere

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 69


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

(cioè uno o più segmenti), e comunque la ritrasmissione dei segmenti


danneggiati (gestita dall'ARQ) richiederebbe soltanto una piccola porzione
della capacità trasmissiva totale.

Questa scelta chiaramente si paga con un aumento della complessità


delle operazioni richieste: il flusso dati deve essere infatti "impacchettato"
nei vari segmenti (e poi ovviamente "spacchettato") e ad ogni segmento
bisognerà anche aggiungere tutta una serie di etichette. Tutto questo in
pratica porterà quindi ad un aumento del tempo necessario alla
trasmissione.

Per quanto riguarda l'organizzazione del canale di segnalazione, per non


gravare troppo sull'intera capacità trasmissiva del sistema conviene
utilizzare per questo scopo uno solo tra i vari canali a disposizione.
Bisognerà poi scegliere un adeguato protocollo di segnalazione che dovrà
garantire una efficiente trasmissione delle richieste di connessione da parte
dei vari utenti verso la stazione base. In tal senso la similitudine con le
esigenze di organizzazione della segnalazione nelle reti wireless, dovuta
all'uso di tecniche di trasmissione e alla presenza di disturbi simili, sembra
suggerire l'utilizzo di soluzioni analoghe.

In particolare dal confronto tra l'ALOHA (che viene analogamente


impiegato infatti anche sulla rete GSM) e il metodo d'accesso tramite
polling il primo sembra garantire una maggiore velocità di accesso (almeno
finchè il numero di collisioni rimane basso) e una maggiore insensibilità ai
disturbi.

Un'ottimizzazione di entrambe le soluzioni risulta comunque possibile.

29 Jaming jamming disturbo elettronico intenzionale. Nella sicurezza informatica, inserimento deliberato
di segnali o rumore per impedire il normale funzionamento di un sistema
30 FFT La FFT è un algoritmo sviluppato negli anni ’60 per il calcolo veloce della DFT, Trasformata
Discreta di Fourier, grazie al quale si ha una riduzione rilevante del numero di operazioni da
compiere. La DFT, permette di ottenere la conversione Tempo/Frequenza;

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 70


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

31 BPSK E' l'acronimo di Bi-Phase Shift Keying, e individua una tecnica per il trasporto
dell'informazione basata sull'utilizzo di 2 possibili fasi per la portante: una buona
caratteristica di questa tecnica è l'andamento costante dell'ampiezza della portante,
che permette di utilizzare la massima potenza del trasmettitore, appena inferiore al
valore che inizia a produrre fenomeni di distorsione. L'aspetto negativo è l'elevata
occupazione di banda;
32 QPSK Quadrature Phase Shift Keying: metodo di modulazione della portante radio basato sul
cambio di fase, utilizzato nelle reti IEEE 802,11b;
33 QSA Quadrature Amplitude Modulation. Tecnica di modulazione che definisce il singolo simbolo
utilizzando sia l'ampiezza che la fase del segnale. LRE utilizza varie modalità di modulazione
QAM (QAM-256, QAM-128, QAM-64, QAM-32, QAM-16, QAM-8 e QAM-4). La scelta
della modulazione appropriata viene fatta in base alle specifiche di linea e di velocità. La
frequenza utilizzata varia da 300 Hz a 3,4 KHz.
34 SNR Signal to Noise Ratio: misura la qualità di una trasmissione su un canale audio in una rete
locale o in Internet. Rappresenta il rapporto fra l’ampiezza del segnale audio (digitale o
analogico) e l’ampiezza del rumore di fondo: è espresso in dB;

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 71


CAPITOLO 6
APPLICAZION I DELLE PLC
6.1 Applicazioni della tecnologia Powerline Communication
La tecnologia Powerline sin dal suo inizio ha avuto un forte sviluppo
industriale: anzi, possiamo dire che sono proprio i produttori ad averla
diffusa, a prescindere da regole e normative, definendo anche gli standard.

L’applicazione delle onde convogliate da parecchi decenni aveva


generato diverse applicazioni commerciali con dispositivi che trovavano la
loro naturale applicazione nei casi in cui non fosse richiesto un altissimo
grado di sicurezza (trasmissione unidirezionale): ad esempio nei sistemi di
controllo e comando carichi elettrici; oppure quando il risparmio in
termini di cablaggio sia tale da accettare un ridotto grado di sicurezza nella
segnalazione rispetto ai sistemi filari.

Nella tabella seguente si riassumono le principali:

Sistemi di Segnalazione: Allarme bagno

Ospedali chiamata degenti

Sistemi di Controlli Tecnologici: Impianti di gestione tecnica

Illuminazione

Gestione comandi remoti

Sistemi di Sicurezza: Rivelazione Intrusione

Segnalazione incendio
Tabella 7 - Tipologia applicazione onde convogliate

che hanno permesso, e permettono tutt’oggi, i seguenti vantaggi:

riduzione del cablaggio

flessibilità dei dispositivi

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 72


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

architettura aperta

facilità di installazione

riduzione dei costi aggiuntivi (opere murarie, ecc.)

oltre, in particolare, alla possibilità di trasmettere le informazioni anche


in assenza di tensione, utilizzando gli accumulatori e le batterie tampone.

Oggi, con la tecnologia PLC, è possibile, tramite un impulso trasmesso


ad un attuatore, poter aprire una porta, una finestra, utilizzare il telefono,
la radio, la televisione, il video registratore, accendere una luce, ascoltare
della musica, ed altri particolari funzioni di comando: l’insieme di queste
applicazioni in ambito domestico o nei piccoli uffici ha dato vita ad una
nuova disciplina nota con l’appellativo di “Domotica”, cioè l’uso delle
telecomunicazioni convogliate su rete elettrica per automatizzare la
maggior parte delle funzioni più comuni nella vita domestica.

L’attività PLC è in corso da parte di circa 60 power utility nel mondo su


26 nazioni. Esistono 11 esperienze già commerciali, di cui la più
importante è a Mannheim, dove ci sono alcune migliaia di utenti paganti.

• 6.1.1 La filodiffusione

Prima di analizzare alcune delle applicazioni della tecnologia PLC, è


d’uopo ricordare quella che è stata, ed è ancora, la maggior diffusione
commerciale dell’uso della tecnica delle onde convogliate in Italia: la
filodiffusione, il sistema di trasmissione dei tre canali audio Radio Rai,
oltre ad altri tre tematici (Sinfonica, Classica, Moderna), consistente
nell’emettere dei segnali acustici da un impianto trasmittente a diversi
impianti riceventi sfruttando la rete telefonica urbana della ex S.I.P., ora
Telecom Italia: la filodiffusione può a tutti gli effetti considerarsi come
l’antesignana della tecnologia PowerLine Communication.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 73


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

I trasmettitori della filodiffusione funzionano nella banda delle onde


lunghe e, per ascoltare i programmi, occorre ricorrere ad un apparecchio
ricevente che venga collegato al filtro inserito all'arrivo della linea
telefonica ed utilizzare un apposito adattatore/rilevatore già provvisto di
tasti per la ricezione dei 6 canali audio, di cui uno anche stereo: infatti ,
viene usata la parte superiore dello spettro impiegabile sul doppino
telefonico nel tratto centrale-utente; il segnale dei primi 4 canali è mono e
viene trasmesso in banda laterale doppia; i canali 5 e 6 sono trasmessi in
modulazione d'ampiezza, banda laterale doppia, e trasportano il canale
destro e sinistro del canale detto Filodiffusione 5, che è così stereofonico.

La larghezza di banda è di 15 kHz, quindi la qualità musicale è


comparabile con quella del CD, anzi superiore perché non vi sono
conversioni analogico-digitale e digitale-analogica e le uniche distorsioni
sono quelle presenti sul doppino nel tratto “centrale Telecom/utente”:
queste sono trascurabili perché le frequenze portanti sono molto alte
(anche 300 KHz) e la larghezza di banda è relativamente stretta (30 KHz);
essendo lineari, sono facilmente correggibili con equalizzatore analogico.

La produzione musicale prevedeva programmi registrati su nastro per


magnetofono a lunga durata e, fino al 1970, erano replicati 2 volte nella
stessa giornata con trasferimento dei nastri magnetici da una città all'altra
cosicché nello stesso giorno gli impianti di Filodiffusione di Roma,
Milano, Torino e Napoli trasmettevano programmi diversi: dopo il 1970,
con nastri di lunga durata, il ciclo produttivo venne ampliato a 18 ore
giornaliere complessive e continuate di nuove trasmissioni, mentre le
restanti 6 ore andavano in replica. Nel 1995 le trasmissioni con nastro
vennero integrate con dirette dagli studi delle sedi regionali di Napoli e
Cagliari, che arricchirono la programmazione di nuove rubriche con suono
di qualità digitale: dopo la sperimentazione del 1994, l’intera trasmissione
avvenne con tecnologia digitale con sistemi Media Touch System (MTS) e

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 74


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

dal 2001, con il sistema di digitalizzazione del suono in formato MPEG2


Netia, si ottiene la gestione automatizzata via computer.

Come l’esperienza della filodiffusione insegna, l’impiego della tecnica


delle onde convogliate, e quindi della tecnologia powerline
communication, richiede quindi: disponibilità di una rete ampia e diffusa
capillarmente, già strutturata ed ottimamente gestita; servizi di interesse
dell’utente finale da immettere nella rete per raggiungere la potenziale
richiesta del consumatore; disponibilità ad investire in tecnologia
innovativa; tempi di ammortamento del ritorno economico di parecchi
anni, vista la larga scala d’impiego.

• 6.1.2 La Domotica

Domotica è un neologismo derivato dal francese "domotique", a sua


volta contrazione della parola latina "domus" e di "informatique".

La gestione elettronica degli apparati domestici, è una tecnologia che si


è sviluppata negli ultimi decenni soprattutto grazie allo sviluppo delle
tecnologie innovative quali PowerLine Communication, che hanno
permesso la gestione automattizata degli apparati domestici sfruttando gli
impianti preesistenti, assieme allo sviluppo di software e sistemi applicativi
dedicati, fra i quali merita menzione Jini.

La domotica è nata per integrare gli impianti della casa in un sistema


unitario e in grado di convogliare i carichi di energia in una sorta di binario
dotato di “semaforo”: gli elettrodomestici di casa, disposti ordinatamente
in fila per uno, utilizzino il quantitativo a disposizione senza creare
sovraccarichi, senza far saltare la corrente cioè con un consumo più
razionale. È sufficiente assegnare una serie di priorità dei carichi (ad es,
quella del frigorifero sarà sempre massima) e il dispositivo domotico
stacca letteralmente dalla rete l’utilizzatore con priorità più bassa.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 75


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

“Buongiorno! Oggi è lunedì, ed è ora di alzarsi! Per te ci sono 5 nuovi


messaggi: 3 personali e due di lavoro. Vuoi ascoltarli? O preferisci prima
sentire le news? Attenzione: ricordati che alle 17.00 hai appuntamento dal
dentista. In cucina c’è il caffelatte con i biscotti che ti aspetta. Ti auguro
una splendida e radiosa giornata.”

Sarà il computer di casa ad interfaccia vocale, con la sua voce sintetica


ad accompagnarci nella giornata: legge i testi scritti, riconosce il “padrone”
ed esegue i comandi. Climatizzazione e riscaldamento sono regolabili
stanza per stanza, connessi alla rete domestica che controlla ogni
apparecchio, mentre tutto è connesso alla Rete globale, controllabile anche
a distanza. Prima di rientrare a casa, ad esempio, è sufficiente inviare un
sms col cellulare, per essere certi di trovare la temperatura giusta
nell’appartamento. È possibile anche sapere in anticipo cosa …è rimasto
nel frigorifero…ed eventualmente fare la spesa sul sito del supermercato.

Uno dei maggiori problemi della demotica sarà quello di riuscire a far
dialogare tra loro i diversi strumenti. I due linguaggi in concorrenza per
conquistare il primato del nuovo mercato sono JINI, proposto dalla Sun
Microsystems e CEBus Home Plug & Play, “sponsorizzato” da Microsoft.

Anche il tipo di rete domestica potrebbe essere diverso. La PowerLine


utilizza, per la trasmissione dei dati, i cavi dell’impianto elettrico, mentre la
Swap (Shared Wireless Access Protocol) è una rete radio a bassa
frequenza. Entrambe le soluzioni evitano il problema di avere grovigli di
cavi esposti

• 6.1.3 Cantone Ticino

Nel Canton Ticino è stato realizzato un progetto pilota, “Powerline


Ticino”, che coinvolge attivamente ENERTI (società delle principali
Aziende elettriche di distribuzione del Cantone) e l’Azienda Elettrica
Ticinese, già in fase commerciale, che permette di offrire il servizio a un

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 76


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

bacino di 7500 utenti che potranno collegarsi ad Internet ad alta velocità,


4,5 Mbps.

A partire dal
novembre 2002,
qualsiasi utente delle
principali località del
Cantone, su richiesta,
possono ricevere
gratuitamente il
modem che
21 21 La rete PLC nel Canton Ticino
permetterà loro di
accedere alla rete Internet: gli apparecchi PLC utilizzati sono prodotti dalla
società svizzera Ascom, leader a livello mondiale nella produzione di
apparecchiature con questa tecnologia.

La rete PLC è gestita da un unico centro di controllo al livello cantonale


situato presso il centro operativo delle AMB a Giubiasco; mentre la
connessione tra le varie aziende di distribuzione tramite fibre ottiche e
l’accesso finale alla rete internet saranno assicurati dall’AET, partner attivo
del progetto.

6.2 La sperimentazione PLC a Grossetto

Il progetto realizzato da Enel.it, società di informatica e telematica del


gruppo Enel, si svolge a Grosseto in stretta collaborazione con il Comune,
e permette la sperimentazione di una serie di tecnologie che servono
proprio a creare quella che prende il nome di "Internet elettrica".

La disponibilità di un accesso alternativo a banda larga consente di


veicolare verso le case dei cittadini diversi servizi innovativi per la casa e la
famiglia quali:

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 77


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Ø la connessione ad Internet;

Ø la video sorveglianza di ambienti;

Ø teleassistenza, quali il supporto medico e l’ assistenza agli


anziani;

Ø servizi educativi (e-learning);

Ø telelavoro;

Ø servizi al cittadino, con sportelli elettronici per i certificati o i


pagamenti;

Ø la scuola, con gli studenti che si possono collegare da casa,


oppure all'interno dello stesso istituto con la crazione di
comunità virtuali in cui è possibile studiare insieme da aule
distanti fra loro;

Ø automazione della casa;

Ø VoIP, telefonate con protocollo digitale, over IP, per l’ultimo


miglio fra l’utente e la centrale di interconnessione pubblica fra i
vari operatori telefnici.

La città di Grosseto, eletta a "laboratorio nazionale" con autorizzazione


provvisoria dal Ministero delle Comunicazioni fino alla fine di giugno
2004 per la sperimentazione di tecnologie innovative, è stata divisa in tre
zone in ognuna delle quali sono state applicate altrettante tecnologie
differenti: tutte a banda larga, ma con diversi livelli di velocità di
trasmissione dati e di affidabilità, dalla più veloce, ma ancora poco
“sviluppata”, alla più stabile, ma meno idonea alla commercializzazione.
La scelta di provare sistemi diversi contemporaneamente è giustificata,
secondo i responsabili del progetto, dall’esigenza di non congelare la
competizione e permettere quindi di migliorare rapidamente il sistema.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 78


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

L'intero processo ha coinvolto circa l’80 % della popolazione, con la


connessione di circa 5.000 famiglie/clienti che hanno partecipato alla
sperimentazione con adesione volontaria e completamente gratuita.

Gli apparati necessari, un decoder in grado di svolgere diverse funzioni


integrate tra rete elettrica e telefonica, sono stati forniti da Enel.it in
comodato d'uso insieme all'installazione ed al supporto tecnico,
garantendo l'assistenza da parte di uno staff tecnico specializzato e di un
call center per far fronte a tutte le esigenze degli aderenti all'iniziativa.

La trasmissione dei segnali, a 1,3 e 5 Mbps, richiede di installare presso


la casa dell'utente un modem di dimensioni ridotte da collegare
direttamente ad una delle prese elettriche della casa, da un lato, e ad un
personal computer, dall'altro. La propagazione del segnale avviene
attraverso i cavi dell'impianto elettrico fino ad un altro modem da
collocare all'esterno dell'edificio e da qui, lungo le linee di distribuzione a
bassa tensione, arriva alle cabine secondarie di trasformazione
(media/bassa tensione) cui sono collegate le diverse abitazioni per
l'alimentazione elettrica. Nelle cabine viene infine installato un altro
apparato d'interfaccia (master) che estrae il segnale dalle linee elettriche e
lo immette nella rete convenzionale di telecomunicazione (e viceversa).

Ad oggi il progetto/esperimento ha permesso di verificare che esistono


tutte le condizioni di competitività rispetto a tutte le altre tecnologie
alternative di trasmissione dati, tipo l’ADSL: bisogna che si creino i
presupposti di decisioni di massa critica che portino ad un abbattimento
dei costi per una soluzione commerciale diffusa:

Inoltre si devono superare i vincoli normativi, anche perché l’utilizzo


delle linee elettriche è condiviso fra più utilizzatori, ad esempio
l’infrastruttura della rete “pubblica”, vincolata all’emissione
elettromagnetica da disposizioni normative, e la parte domestica “privata”

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 79


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

ove non ci sono in assegnazioni di frequenza. Pertanto il rischio d’impresa


consiste nella possibilità che dopo aver scelto determinate frequenze, un
domani, assegnatene con normativa di diverso range, queste risultino ad
appannaggio di altri servizi.

Infine un ulteriore problema è la coesistenza dell’interferenza con gli


apparati che usufruiscono di frequenze similari e sono molto vicini alle
linee elettriche. Anche i punti di confine di tale interferenza e concorrenza
sono tutt’ora oggetto di defnizione.

Sviluppi futuri potranno prevedere lo studio delle modalità di


realizzazione di un sistema completo basato su tecnologia PLC in grado di
garantire una modalità di accesso aperto e a condizioni non discriminanti,
attraverso l'implementazione di un'architettura estremamente flessibile.

6.3 Applicazioni commerciali

Circa la presenza nel mercato delle applicazioni commerciali delle


tecnologie di trasmissione su rete elettrica, si deve separare il caso dei bassi
bit rate da quelli alti.

Infatti, per quanto precedentemente illustrato, se per i dispositivi


caratterizzati da bassi bit rate si è raggiunto un buon livello di maturità con
la presenza sul mercato di un gran numero di prodotti sviluppati
soprattutto per applicazioni di home automation o di controllo e gestione
remota dei carichi e del contatore, per quanto riguarda invece dispositivi a
banda larga non siamo ancora arrivati a quella che potremmo definire
come fase finale: la commercializzazione.

Nel seguito analizziamo alcune delle numerose applicazioni


commerciali.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 80


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• 6.3.1 Merloni e Ariston

Merloni elettrodomestici ha approntato una serie di dispositivi che


fanno uso del sistema WRAP (Web Ready Appliances Protocol) per
comunicare tramite rete elettrica e linea telefonica. Sviluppato
dall’omonimo spin off di Merloni elettrodomestici, per la rete elettrica il
WRAP utilizza il sistema LonTalk, il protocollo sviluppato da Echelon.

Merloni, con il marchio Ariston, commercializza uno degli


elettrodomestici di nuova generazione che entro pochi anni invaderanno le
nostre case: una lavatrice interattiva e multifunzionale, Margherita2000.

Grazie a tecnologie avanzate quali Wap ( wireless application protocol),


Umts ( universal mobile telecommunication system ) e Wrap ( web ready
appliances protocol ), in grado di gestire la comunicazione fra gli
elettrodomestici e di interagire attivamente con l'utente sia in casa che
fuori, e a un design a "misura d'uomo” facile da usare anche per utenza
poco incline all'uso dell'informatica, Margherita è in dialogo costante con
un call center, consente il controllo dei consumi e permette di
programmare e monitorare i lavaggi anche quando si è fuori casa; è in
grado di controllare il proprio funzionamento tramite la gestione
diagnostica remota e di inviare messaggi di allarme al Centro Servizi digital
in caso di emergenza.

“Leon@rdo” è invece un sistema di gestione digitale di più


elettrodomestici, collegati tra di loro in maniera paritetica attraverso un
collegamento interno attraverso la linea che fornisce corrente e sono
gestiti dall'utente attraverso un touchscreen a cristalli liquidi che contiene
un browser per navigare in Internet, spedire e ricevere e-mail, un database
per la lista della spesa, e un'agenda. Tutti gli elettrodomestici, inoltre, sono
forniti di software che suggeriscono all'utente per esempio come cuocere

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 81


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

una pietanza ( e-cooking) attraverso software aggiornabili via Internet e


soprattutto possono regolarsi e spegnersi automaticamente.

• 6.3.2 Il sistema “CentralTest” Beghelli

Il Sistema CentralTest Beghelli ad Onde Convogliate (CTOC) è un


sistema per illuminazione d’emergenza con il controllo di funzionamento
centralizzato: è costituito da una centrale e da un numero variabile di
lampade di emergenza dipendente dalla configurazione dell’impianto.

La comunicazione fra la centrale di controllo e gli apparecchi avviene


utilizzando una trasmissione digitale a onde convogliate sulla linea di
alimentazione a 220/230 Volt e consente di poter installare un impianto
per illuminazione d’emergenza con controllo centralizzato anche su
impianti esistenti, senza apportare modifiche all’impianto elettrico.

Su nuovi impianti vengono poi notevolmente ridotti i tempi di


installazione in quanto la scelta delle onde convogliate evita di dover
ricorrere alla posa di cavi dedicati per il colloquio tra la centrale e gli
apparecchi d’illuminazione.

• 6.3.3 Il Telegestore Enel

Il “Telegestore” è il nuovo contatore digitale che Enel sta


progressivamente inserendo nelle nostre case al posto di quelli tradizionali,
e permettono: una maggior precisione nella fornitura dell’energia; un più
preciso controllo dei carichi; la telelettura, eliminando fra l’altro la figura
del “letturista”; il monitoraggio istantaneo dei consumi e dei relativi costi;
la realizzazione di report sui consumi settimanali, mensili, per singola
abitazione, per scala o condominio, incentivando anche la pianificare con
strategie volte al risparmio anche su scala per limitare al massimo le
contestazioni connesse a fatturazioni basate su consumi presunti; la

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 82


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

possibilità din applicare tariffe diversicate per orari o per carico usufruito
dall’utente.

Esteticamente bianchi,
a differenza di quelli
usuali che erano neri,
contengono il modulo
elettronico per la
22 Il telegestore Enel
demodulazione del
segnale convogliato; incorporano un differenziale, che però comporta
problemi di selettività agli installatori ed impiantisti; permettono all’utente,
con un visore LCD, la lettura di diverse informazioni.

Sono gestiti direttamente dall'ENEL dalla centrale mediante onde


convogliate con la seguente architettura, i cui principali componenti sono:

ü il contatore elettronico, per la misura del consumo dell’energia


elettrica, la comunicazione da remoto dei dati relativi alla lettura
e la gestione a distanza del Cliente

ü il concentratore, installato in ciascuna cabina secondaria di Enel


Distribuzione, che consente di raccogliere i dati registrati dai
contatori ad esso collegati

ü il sistema centrale, raccoglie ed invia i dati a tutti i concentratori


e gestisce il sistema

ü la centrale operativa, gestisce l’acquisizione dei dati di misura e le


operazioni contrattuali con il contatore elettronico

La caratteristica particolare è la gestione precisa della limitazione alla


potenza erogata sulla linea servita: essendo governata da un
microprocessore, non permette più di approfittare, come nel passato, di

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 83


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

un certo lasco nella taratura che rimane quindi fissata, secondo normativa
contrattuale, esattamente al 10 % dalla soglia contrattualizzata.

• 6.3.4 Il sistema MyHome di BTicino

My Home è il sistema di automazione domestica di BTicino e


rappresenta un nuovo modo di realizzare l'impianto elettrico di casa e
permette di ricevere informazioni sullo stato dei carichi e comandare, via
telefono fisso o mobile o via Internet, gli elettrodomestici collegati alla
centrale di controllo per attivarli, scollegarli o forzarne l’attivazione.

A Faenza è presente lo showroom "La


casa intelligente" di Aurora, società
Partner My Home: un appartamento con
una dotazione completa del sistema My
Home che svolge la funzione di una
23 Il logo del sistema My mostra permanente, con dimostrazioni
Home pratiche sulle soluzioni di automazione
domestica e sul servizio My Home Web per il controllo della casa a
distanza.

Attraverso il software multimediale ed


interattivo “My Home Web”, l'offerta di
servizi per il controllo e la gestione a
distanza di una casa My Home, è
estremamente flessibile e personalizzabile:
si può tra le altre cose, consentire l'accesso 24 Il software per la telegestione
a My Home Web da parte di diverse
persone, definendo per ciascuna di esse un raggio di azione e specifiche
limitazioni. Ad esempio, permettere che certi componenti della famiglia
abbiano accesso soltanto ad alcuni comandi di illuminazione ed

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 84


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

automazione, riservando viceversa ad altri soltanto la navigazione nelle


aree più delicate di programmazione e visualizzazione.

Fra i servizi offerti dal sistema MyHome consideriamo ad esempio la


sicurezza: antifurto, il sistema di allarme rileva e segnala anche sul proprio
cellulare i tentativi di intrusione; allarmi, con la gestione di tutte le
situazioni di pericolo domestico (perdite di gas, allagamenti, black out e la
funzione del telesoccorso); il videocontrollo, con le telecamere che
consentono di sorvegliare i locali della propria abitazione attraverso il
videocitofono e di videoregistrare le immagini in caso di allarme e
visualizzare le immagini trasmesse dalle telecamere attraverso un'area
protetta e riservata del portale My Home; la protezione, con i sistemi
salvavita, per i sovraccarichi e le sovratensioni ed in caso di black out,
riattivare a distanza il centralino; le funzioni integrate, per integrare il
comfort con il controllo permettendo la gestione delle situazioni di
pericolo, ad esempio puoi attivare automaticamente le luci e le tapparelle
in caso di allarme antifurto per disorientare il malintenzionato, e attraverso
My Home Web si può in ogni momento monitorare la stanza dove è
scattato l'allarme.

Inoltre si hanno servizi dedicati al confort (clima, luce, suono,


automatismi); al risparmio (gestione dei carichi domestici a valle del
contatore Enel); all’audio/video; alla gestione dell’accesso ad Internet.

• 6.3.5 Domustech

Domustech, da poco acquistata da ABB in collaborazione con TIM, ha


creato il menu domotico che tramite il telefono cellulare permette di
attivare uno scenario, impartire un comando oppure verificare lo stato del
sistema: da qualsiasi luogo, accendere o spegnere il riscaldamento,
abbassare le tapparelle, attivare l’antifurto, o anche irrigare il giardino. Un
esempio di intelligenza domotica che fa risparmiare: un dispositivo inserito

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 85


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

su porte e finestre che, non appena vengono aperte, comunica alla valvola
del termosifone di interrompere il flusso di acqua calda.

Come per Bticino, anche Domustech prevede la telegestione della casa


domotizzata attraverso un portale web personalizzato: ad esempio
programmando, gestendo e verificando la gestione dei carichi elettrici:
nella figura, 1, 2, 3 sono i tre carichi che vengono disconnessi o connessi
secondo le proprie volontà, conuna specifica programmazione
userfriendly, ovvero a distanza via WEB con un semplice click del mouse.

6.4 L’impiego sociale delle PLC

Le PowerLine Communication si inseriscono anche nel quadro delle


tecnologie innovative che permettono lo sviluppo socio-economico delle
aree in via di sviluppo, ovvero l’impiego sociale a favore di persone
portatrici di disabilità o “escluse” dal progresso tecnologico.

Ad esempio si ottiene una maggiore coesione sociale riducendo il


fenomeno del nord e sud tecnologico, il cosiddetto digital divide, che si sta
attualmente verificando nel nostro paese nel processo di diffusione della
banda larga, e che ancor di più è diffuso nei Paesi in Via di Sviluppo:
siccome ovunque è presente ua rete elettrica per la fornitura di energia sia
ad uso domestico che industriale, ovunque con le PLC si possono fornire
anche servizi di connessione ad Internet e quindi di alfabetizzazione
informatica, la mancanza dei quali è all’origine del fenomeno di esclusione
socio-economica più importante e noto del nostro millennio, il cosiddetto
“Digital Divide”.

Un’ulteriore benefica applicazione riguarda la possibilità di avere in


commercio vari dispositivi utili alle esigenze del disabile grave,
permettendogli una vita più semplice con una maggiore autonomia,
nonostante la disabilità.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 86


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Infatti, fra i dispositivi a disosizine di questa categoria di persone, si


segnalano i sistemi che usano onde convogliate: sono dei satelliti che
collocati lungo i fili dell’impianto elettrico sono in comunicazione tra loro
e sono intercettabili in qualsiasi presa di corrente che si trova disposta
dentro l’abitazione. L’azionamento è dato da un trasmettitore a raggi
infrarossi, o a onde radio. Una centralina ricevente posta in un qualsiasi
punto dell’abitazione riceve un segnale e lo inoltra lungo la linea elettrica o
telefonica con una frequenza assegnata al canale selezionato per
telecomandare l’apparato o la funzione desiderata.

Merita segnalare, a tal proposito, i seguenti progetti o prodotti.

• 6.4.1 Il software QualiHome

QualiHome, della QualiLife S.A., è


un avanzato programma di controllo
dell’ambiente circostante direttamente
dal computer, molto flessibile: creato
per la piattaforma QualiWORLD, 25 IL Software QauliHome
permette all’utente di controllare e
gestire qualsiasi apparecchio elettrico quali lampade, letti elettrici, porte
automatiche, allarmi, ventilatori e molto più.

Particolarmente adatto a portatori di


disabilità che possono così avere un
controllo sul proprio ambiente circostante,
direttamente dal proprio PC e in totale
indipendenza. L’utente ha la possibilità di
26 Esempio di applicazione scegliere la soluzione di accesso al computer
QualiHome che preferisce e controllare la propria vita
senza dover utilizzare le mani, addirittura attraverso comandi vocali!

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 87


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

QualiHOME è compatibile con i più sofisticati sistemi di controllo


ambiente, utilizzando avanzate tecnologie quali i segnali a infrarosso (IR),
frequenze radio (RF), PowerLine (X10), WebDyn di IBM o EIB.

• 6.4.2 Trento, la domotica in aiuto dei disabili

Dal 2002 il Comune di Trento, assieme ad altre istituzioni provinciali e


ad alcuni dipartimenti di diverse Università italiane ha costituito il progetto
W.I.L.M.A., che prevede l’applicazione contemporanea delle tecnologie
Wi-Fi (Wireless Fidelity), che consente di collegarsi a Internet tramite il
proprio personal computer senza bisogno di cavi; e la tecnologia
Powerline, che permette di accedere ad Internet usando l’infrastruttura di
trasporto dell’energia elettrica.

Sempre a Trento, l'Istituto Trentino Edilizia Abitativa (Itea) ha dotato


alcuni alloggi pubblici nella città per aprire e chiudere le imposte,
accendere e spegnere la televisione, il forno a gas o l’impianto di
riscaldamento, tutto attraverso comandi vocali: l’obiettivo è di fornire
sussidio ai portatori di disabilità.

6.5 I prodotti

L’applicazione della tecnologia PowerLine non può prescindere dai


prodotti attualmente in commercio da parte dei principali produttori.

Tutti questi tipi di prodotti, nei vari standard, garantiscono velocità che
vanno da circa 200 Kbps ad oltre 15 Mbps ed il cui costo va da 25 ad oltre
400 €, al variare della velocità ma anche della qualità dell’algoritimo.

Per la distribuzione interna agli uffici ed alla casa di fatto viene usato
uno standard tecnologico, quello dell’Home Plug, un consorzio di aziende
che, in mancanza di uno standard internazionale, si sono dotati di uno
standard in modo da garantire la interoperabilità fra produttori differenti.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 88


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

La maggior parte dei prodotti si rivolge al cosiddetto mercato SOHO


(Small Office Home Office), in particolare dove ci sono dei problemi nello
stendere dei cavi. Alcuni limiti sono ancora il numero massimo di apparati
che si possono collegare in una stessa abitazione, in genere non più di 6, 8
al massimo, e la distanza massima, cioè la distanza oltre la quale le
prestazioni tendono a decadere, percui è consigliato di non superare più di
50/60 mt di sviluppo cavo, non di distanza fisica fra le prese utente.

• 6.5.1 Il mercato americano

Uno di questi sistemi è prodotto dall'americana NET CONNEXION,


ed è disponibile su quasi tutti i mercati europei (escluso quello italiano) ad
un costo estremamente basso (con circa 500 dollari si riesce ad installare
un sistema ad onde convogliate per il controllo ambientale).

Un sistema più semplice, ma di elevatissima flessibilità, è quello della X-


10 Powerhouse, distribuito in Europa dalla Celtel Ltd (UK), che consente
il controllo tramite infrarossi di 16 moduli ad onde convogliate.;
interessante, a questo proposito, osservare che il telecomando universale
proposto per tale sistema (il FOX 400E) è capace di pilotare non solo la
centralina ma, previa rapidissima programmazione, anche la maggior parte
dei dispositivi infrarossi di uso più comune.

Sistemi polifunzionali basati sull'uso delle onde convogliate sono a volte


dotati di interfacce di azionamento alternative. Tipico esempio, a questo
proposito, il sistema Butler in a Box (Mastervoice), in grado di offrire una
serie notevole di funzioni con una buona affidabilità e per mezzo di
un'interfaccia a riconoscimento vocale.

Per finire è importante rilevare che - almeno nell'esperienza americana -


molti sistemi ad onde convogliate si sono sviluppati con una logica
"software oriented", cosa relativamente infrequente in questo settore. In
sostanza si è prima di tutto consolidato un nucleo di controllo ambientale

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 89


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

formato da poche periferiche controllate da un sistema centrale dotato di


software opportuno (Dynasty). La flessibilità del software, il suo basso
costo, e la semplicità di installazione del tutto hanno incoraggiato i
produttori ad accrescere il numero delle periferiche disponibili, per coprire
una fascia molto larga di applicazioni. Sotto questo aspetto, il software in
questione ha costituito una sorta di standard di fatto (a livello consumer),
che ha facilitato la progettazione e la diffusione di componenti di costo
assai limitato. In U.S.A. esistono cataloghi appositi di componenti
'compatible with Dynasty', in grado di eseguire le più disparate funzioni di
controllo domestico, dal controllo degli accessi, alla gestione del telefono,
all'attivazione di utenze elettrocomandate, all'interazione con le periferiche
audio e video.

• 6.5.2 Il Power Switch di Digicom

PowerSWITCH è uno switch 10/100


Mbit/s fra i prodotti più diffusi con tecnologia
Powerline: è dotato di 4 porte Ethernet
10/100 Mbit/s a cui collegare direttamente
PC e stampanti; prevede una distanza
massima di 60 mt. fra due prese. Costa circa
27 Power Switch Digicom
250 € E.U. .

• 6.5.3 Building Automation

Con la linea DOCTEK del Sistema in RS 485, sono disponibili moduli


I/O digitali, analogici, generatori funzioni analogiche, timer, contatori
direzionali per gestione parcheggi, lettori badge magnetici, tastiere, display,
lettori barcode, modem radio da Rs485 a FSK.

• 6.5.4 Lon Powerline modem

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 90


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Modem onde convogliate basato sul chip


ST7537HS1, velocità fino a 2400bps, la
scheda di alimentazione è in standard 72mm
per poter essere fissata in un contenitore
industriale da guida DIN (art 01.005.010A)
Versione Kit ed Assemblata (la foto mostra il
28 Modem Lon - Scheda
modem sulla base di alimentazione): costo
circa 40 € E.U. .

• 6.5.5 Netgear PowerLine

La famiglia di prodotti PowerLine Netgear è stata insignita del premio


per il design e la tecnologia all’intenational Consumer Electronic nel 2002:
basata sullo standard HomePlug™ 1.0, è in grado di gestire velocità fino a
14 Mbps in qualunque punto nella casa.

30 Aprile 2004 Cap. 6 – Applicazione delle PLC 91


CAPITOLO 7
LO SVILUPPO DELLE PLC
7.1 Introduzione
Lo sviluppo della tecnologia PowerLine Communication risente
fortemente dei limiti già evidenziati nella trattazione precedente: difatti, se
per i dispositivi caratterizzati da bassi bit rate si è raggiunto un buon livello
di maturità con la presenza sul mercato di un gran numero di prodotti
sviluppati soprattutto per applicazioni di home automation o di controllo
e gestione remota dei carichi e del contatore, per quanto riguarda, invece,
dispositivi a banda larga, non siamo ancora giunti a quella che potremmo
definire come fase finale: la commercializzazione.

Anche per quanto riguarda la distribuzione in in aree geografiche estese,


oltre le sperimentazioni fatte, solo in Germania si è avuta una certa
diffusione, per altro in tendente abbandono per le scelte imprenditoriali
delle power utilità e delle major delle telecomunicazioni.

7.2 Limiti attuali della tecnologia PLC

Come è stato osservato, parlare di sviluppo significa trattare


innanzitutto i limiti dell’applicaizone attuale della tecnologia analizzata.

Questi si possono essenzialmente riassumere in:

Ø problemi di interferenze con i dispositivi che impiegano onde ad


alta frequenza, nello spazio circostante la rete impiegata per la
trasmissione con tecnologia powerline;

Ø problemi di analisi e di modellazione, e quindi di algoritmo


conseguente, per l’impiego dei cavi elettrici alle alte frequenze,
specialmente negli impianti di bassa tensione, assai diversi fra di
loro;

30 Aprile 2004 Cap. 7 – Lo sviluppo delle PLC 92


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Ø lunghezza dello sviluppo dei cavi dell’impianto elettrico anche in


ambito domestico;

Ø normativa per la regolamentazione dell’uso delle frequenze


impiegate da powerline, specie per l’impiego nella rete
distributiva media tensione/bassa tensione;

Ø disposizine fisica dei contatori nei palazzi degli utenti, che


impone o l’abbandono della tecnologia, o il collegamento di una
prese utente lato contatore.

Un ulteriore problema per Powerline può nascere con un’utenza che


utilizzi la connessione di continuo. Se un giovane rimane attaccato alla
linea, magari scaricando file pesanti come gli mp3 o i trailer video, in una
casa con più Pc, potrebbe generare un rallentamento generale.

Infatti una cabina ha una velocità che viene divisa tra gli utenti connessi
(una trentina) e quindi se un utente ecede nell’uso, prende lo “spazio” agli
altri: non ci sono comunque ripercussioni sul funzionamento della linea
elettrica. Inoltre, il sovraffollamento è un problema comune anche ad altre
tecnologie.

Tutto ciò permette di osservare che esistono ancora enormi margini di


sviluppo e di studio della tecnologia che, ricordiamo, è ai suoi albori,
seppur già ben presente nel mercato.

In sostanza si ha la sensazione che al momento i limiti maggiori di


questi sistemi siano più a livello burocratico che tecnologico, o meglio:
finché l'uso di questi dispositivi non verrà accuratamente regolamentato
rimarrà comunque difficile valutarne esattamente il reale potenziale.

A ciò si aggiungono le ovvie considerazioni di carattere economico,


percui comunque l’impiego della tecnologia deve risultare concorrente
rispetto alle tecnologie esistenti per la trasmissione di dati, e servizi da essi

30 Aprile 2004 Cap. 7 – Lo sviluppo delle PLC 93


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

veicolati. Analizziamo pertanto, prima di proseguire, quali sono le


tecnologie concorrenti e come si pone powerline in un confronto
tecnici/commerciale.

7.3 Le tecnologie concorrenti

Il mercato dell'home automation rimane sicuramente un mercato


interessante e con buone possibilità di espansione, ma non è minimamente
confrontabile, anzi ne è addirittura una piccola parte, con quello
potenzialmente offerto dai dispositivi ad alti bit rate.

Pur non avendo ancora raggiunto la piena maturità tecnologica


abbiamo visto infatti come le capacità teoriche di questi sistemi siano
altissime. Sicuramente sono presenti ancora alcune "ombre", come
dimostra il caso NOR.WEB o il recente abbandono della Siemens (che
continua però a produrre una linea di prodotti per home automation su
linee elettriche, detti Siemens@Home, presenti anche allo SMAU 2001),
principalmente legate a problemi di compatibilità elettromagnetica; ma i
margini di miglioramento sembrano comunque ancora ampi, soprattutto
poi se verranno presto supportati da una normativa adeguata o tale
comunque da definire con maggiore precisione lo scenario in cui questi
dispositivi si dovrebbero inserire, permettendo così un lavoro di sviluppo
più mirato ed efficace e sicuramente una migliore coesistenza tra le varie
soluzioni proposte.

Naturalmente, finchè la necessità di servizi (e quindi di dispositivi) a


banda larga è destinata ad aumentare, l'interesse intorno alle PLC rimarrà
senza dubbio elevato, potendo questi sistemi contare tra l'altro sul
notevole vantaggio di sfruttare un mezzo già installato (praticamente
quindi a costo zero) e capillarmente diffuso a livello mondiale come
nessun altro.

30 Aprile 2004 Cap. 7 – Lo sviluppo delle PLC 94


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Tabella 8 - Le tecnologie concorrenti

La tabella sopra mostra come, anche facendo un confronto con


tecnologie già affermate per collegamenti fissi, il potenziale delle PLC
rimanga elevato, sia che venga utilizzato per coprire l'ultimo miglio (finora
praticamente monopolio delle compagnie telefoniche) che per realizzare
LAN in ambienti commerciali o domestici (Home Networking).

Si consideri anche la concorrenza della rete di cablaggio televisiva,


diffusissima in America, che permette di arrivare a bit rate di circa 1,5
Mbps e che quindi, essendo anch’essa disponibile, risulterebbe utile: però,
siccome è stata progettata per fornire un servizio unidirezionale, il segnale
televisivo, mal si adatta a tutti i servizi digitali ” moderni” che prevedono
una forte interattività, cioè un notevole traffico dati anche nella direzione
utente => fornitore.

Anzi, proporzionalmente è proprio in quest'ultimo tipo di realizzazioni


che i vantaggi legati allo sfruttamento di un mezzo già disponibile ovunque
si fanno ancora più sentire: sicuramente infatti il budget che una famiglia
può dedicare a questo tipo di realizzazioni è molto più contenuto di quello
di una qualsiasi attività commerciale; inoltre in questo caso si tratta di
utilizzare sistemi assolutamente non invasivi per le strutture degli edifici
(cosa questa molto importante soprattutto in palazzi di particolare valore
storico) già tutti dotati infatti di impianto elettrico. In ogni caso poi gli
investimenti fatti per realizzare una LAN privata non rimarrebbero

30 Aprile 2004 Cap. 7 – Lo sviluppo delle PLC 95


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

assolutamente vincolati all'edificio ma potrebbero essere tranquillamente


spostati dall'impianto elettrico di una abitazione a quello di un'altra.

Recentemente, dalla seconda metà del 2001 ad oggi, nel mercato si


sono confermati i produttori già citati con versioni migliorate dei loro
prodotti, di cui non interessa in questa analisi riportare gli sviluppi tecnico
commerciali.

7.4 Lo sviluppo della Powerline


Appare evidente che il principale sviluppo consiste nello studiare nuovi
algoritmi per ottimizzare il flusso dei dati sia in relazione alla qualità del
cavo che fa da supporto trasmissivo, sia in relazione alle interferenze
elettromagnetiche generate e subite, sia in relazione agli standard da
definire, specie in ambito europeo.

Questo tipo di analisi e studi non può prescindere da na fattiva


collaborazione fra produttori ed enti di ricerca, coordinati da istituzioni
comunitarie, che possono dare l’indirizzo ed il necessario supporto
economico, oltre che offrire garanzie.

Ad esempio, attraverso l’analisi di un apposito gruppo di lavoro (Ceced


Convergence Working Group) sviluppatosi nel 2003 con sede a Bruxelles,
tra i principali produttori europei è stato definito e verrà ulteriormente
sviluppato e supportato il primo standard che permette la piena
interoperabilità degli elettrodomestici nell'ambito di un sistema di
automazione della casa (home automation oppure networked home).

Questo nuovo standard, denominato Chain (Ceced Home Automation


Interoperating Network), definisce le modalità per collegare gli
elettrodomestici in un sistema multimarca per il controllo e l'automazione
dei servizi base della casa: per esempio, controllo a distanza delle
apparecchiature; gestione dei carichi e dei fabbisogni di energia;

30 Aprile 2004 Cap. 7 – Lo sviluppo delle PLC 96


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

diagnostica remota e supporto automatico per la manutenzione; scarico e


aggiornamento di dati, programmi, servizi dal Web.

I prodotti che rispettano lo standard riceveranno una certificazione, da


definire in collaborazione con le principali associazioni internazionali che
sviluppano e mantengono i protocolli aperti di comunicazione per
l'automazione della casa, per garantire al consumatore la rispondenza
dell'elettrodomestico allo standard comune e la sua capacità di fornire
prestazioni e servizi nell'ambito del sistema di automazione della casa.

I collegamenti interni utilizzeranno la modalità Powerline (cioè, la rete


elettrica già installata) oppure la radiofrequenza. Saranno così evitati
interventi su struttura e finiture dell'edificio. L'installazione sarà semplice e
alla portata di un utente "evoluto" oppure del personale che normalmente
installa gli elettrodomestici, senza dover ricorrere a specialisti.

Anche nel rapporto della Task force del Ministero delle Comunicazioni
si sottolinea l’importanza dela tecnologia powerLine come alternativa
all’ultimo miglio, specie per le aree isolate o fortemente depresse socio-
economicamente. La tecnologia Powerline si inserisce nell’ambito dello
sviluppo della larga banda che è considerato strategico per il Paese.

Fra i vari progetti attualmente in corso in Europa, si ritiene opportuno


citarne uno di particolare interesse.

7.5 Il progetto PALAS

Per concludere questo studio, si ritiene utile anche segnalare il progetto


PALAS (Powerline as an Alternative Local Access): si tratta di un progetto
europeo nato nel Gennaio 2000 allo scopo di fornire un servizio di
consulenza tecnologica, economica e strategica per lo sviluppo e il
collaudo di sistemi PLC e per la riduzione del loro time-to-market.

30 Aprile 2004 Cap. 7 – Lo sviluppo delle PLC 97


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

7.6 Il progetto OPERA

Il progetto OPERA, (Open Powerline European Research Alliance) è


un progetto della Comunità Europea sviluppato nell’ambito del
Programma Quadro « Broadband for All », lanciato a Gennaio 2004.

Il progetto prevede due fasi distinte, di circa due anni ciascuna, e con
un budget di circa 20 milioni di euro.

Lo studio principale consiste nella valutazione degli sviluppi tecnici e


socio economici della tecnologia PowerLine per integrare lo sviluppo della
tecnologia xDSL nella diffusione in tutte le aree, specialmente in quelle
altamente svantaggiate, della connessione ad Internet e quindi
dell’informatizzazione.

Uno degli scopi è anche quello di giungere ad uno stanrd normativo


generale: per l’Itaia, partecipa del progetto, ENEL.it S.p.A: ed una società
di consulenza nel settore ICT.

Anche i produttori, singolarmente od associati, rappresentano una delle


fonti principali per lo sviluppo.

7.7 Le Associazioni di produttori


Recentemente, dalla seconda metà del 2001 ad oggi, nel mercato si
sono confermati i produttori già citati con versioni migliorate dei loro
prodotti, di cui non interessa riportare gli sviluppi tecnico commerciali: si
preferisce invece ricordare che, come già avvenuto nel passato per quasi
tutti i supporti trasmissivi via cavo, ed ora anche per quelli basati sulle
onde radio, anche in questo settore è nata un’associazione di produttori
diretti ed indiretti volta da un lato ad approfondire gli studi e lo sviluppo
tecnologico, dall’altro a consorziarsi per definire, in assenza di una
normativa, degli standard che abbiano anche il pregio di rendere
compatibili e quindi versatili i prodotti immessi nel commercio.

30 Aprile 2004 Cap. 7 – Lo sviluppo delle PLC 98


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

• 7.7.1 Home Plug PowerLine Alliance

Si tratta di un'associazione inizialmente fondata da


13 membri fra le più quotate società mondiali di
telecomunicazione (3Com, AMD, Cisco Systems,
Compaq, Conexant, Enikia, Intel, Intellon, Motorola, 29 Home Plug

Panosonic, S3's Diamond Multimedia, Tandy/RadioShack e Texas


Instruments), attualmente ne conta 80, nata con l'intento di definire le
specifiche per la realizzazione di prodotti per home network a larga banda
(Ethernet class) basati su line elettriche.

I piani di sviluppo di questa associazione (che conta di sviluppare il


PowerPacket di Intellon fino a 100 Mbps) hanno avuto per ogetto: la
presentazione delle prime specifiche (HomePlug 1.0) avvenuta nel primo
semestre del 2001; l'avvio di una serie di test in diverse case, nel 2002.

Particolare importante è che il PowerPacket (e quindi anche le


specifiche 1.0 di HomePlug PL. A.) non risulta compatibile con la linea di
standardizzazione proposta congiuntamente da ETSI e CENELEC che
assegna ai dispositivi operanti all'interno delle abitazioni il range di
frequenze 10-30 MHz, anticipando cioè uno dei problemi prospettati.

• 7.7.2 PLC Forum

A differenza delle altre


associazioni questa non è nata
per definire o sviluppare
30 PLC Forum
standard, ma per riunire,
rappresentare e difendere gli interessi di tutte le aziende che operano in
questo settore: è strettamente legata a tutti quegli organismi ed enti
governativi direttamente coinvolti nei vari processi di standardizzazione.

30 Aprile 2004 Cap. 7 – Lo sviluppo delle PLC 99


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

In particolare all'interno di questa associazione il gruppo CEA R-7.3


Committee sta lavorando per sviluppare uno standard per dispositivi di
home networking basati su linee elettriche.

• 7.7.3 Altre associazioni e forum

Altre associazioni sono: CEA, Consumer Electronic Association;


United Telecom Council, UTC, dal 1998; PowerLine Communication
association (PLCA), dal 2001, degli oltre 27 milioni di utenti nel mondo
delle PLC; Powerline Telekommunkations Forum, nato in Germania.

7.8 Conclusioni

Confidando di aver accompagnato il lettore in una analisi sufficiente


almeno a stimolare il proseguio dello studio, è importante ricordare che
dal 1997 si tiene annualmente, nella primavera, una conferenza mondiale
sulle PLC chiamata "International Symposium on Power-Line
Communications and its Applications (ISPLC)": 1997 Essen, Germania;
1998 Tokio, Giappone; 1999 Lancaster, Regno Unito; 2000 Limerick,
Irlanda; 2001 Malmö, Svezia; 2002; 2003; 2004 a Brussels, a Maggio.

La maggior parte della documentazione tecnica (e sicuramente la più


interessante) infatti viene generalmente prodotta in questa occasione.

./.

30 Aprile 2004 Cap. 7 – Lo sviluppo delle PLC 100


BIBLIOGRAFIA
Articoli e relazioni
v P.A. Brown, "Digital PowerLine (DPL) and Aircraft Communication Systems",
Nor.Web DPL Ldt, 14 July 1999, .PDF.
v Inari, "Powerline Coexistence", Powerline Communications White Paper,
March 2001, .PDF.
v PLCforum, "Articles of Association of the PLCforum Association", 23 March
2000, .PDF.
v Siemens, "Siemens@Home, la prima soluzione completa di teledomotica",
Comunicati Stampa SMAU 2001 (www.siemens.it/s_domotica.html), 18-22
Ottobre, 2001, Milano, Italia.
v Enel, “ENEL.IT La Sperimentazione Powerline Communications a Grosseto”,
01.02.2002, Italia
v Office Federal de la Communication, “Mise sur le marché et/ou exploitation
d’installations PLC en Suisse”, 28 Settembre 2001
v ASCOM, “PLC Education: solution LAN interne pour les écoles”, 2002, Suisse
v Domosys Corporation, “PowerBus Technology” Overview, Ottobre 2001
v NetworkWorld, “L’Internet Elettrica rinasce in Europa” 5 dicembre 2001, N.
19 Milano
v W.C.Y. Lee: Mobile Telecomunication System. McGraw-Hill, New York
(U.S.A.), 1989.
v W.C.Y. Lee: Mobile comunications design fundamentals. Howard W. Sams,
New York (U.S.A.), 1986.
v T.C. Bartee: Digital comunications. Howard W. Sams & Co., Indianapolis
(U.S.A.), 1986.
v B. Sklar: Digital comunications, fundamentals and applications. Englewood
Cliffs, New Jersey (U.S.A), 1988.
v M. Montanari, S. Pupolin: Sistemi di trasmissione a spettro espanso. Telettra,
Bologna, 1987.
v R.L. Pickholtz, L.B. Milstein, D.L. Shilling: Spread Spectrum for mobile
comunications. IEEE Trans. Veh. Technol. 1991
Libri
v IPCF, "Introduction to Powerline Communications",
www.powerlineworld.com/members/powerlineintro.html, 2001.
v W. Downey, P. Sutterlin, "Power Line Communication Technology Update",
www.echelon.com, 2001, .PDF.
v L.F. Montoya, "Power Line Communications: Performance Overview of the
Physical Layer of Avaible protocols", Thesis of Research, University of Florida,
1998, .PDF.

30 Aprile 2004 Bibliografia i


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

v Intelogis, "Intelogis PLUG-IN Technology", Powerline Communications


White Paper, November 1998, .PDF.
v C. Canino, "Trasmissione di Informazioni su Linee di Distribuzione
dell'Energia Elettrica", Tesi di Laurea, Università degli Studi di Pisa, Facoltà di
Ingegneria, Luglio 1998.
v W. Downey, P. Sutterlin, "Power Line Communication Applications Study",
www.echelon.com, 2001, .PDF.
v S. Martino, “Sistemi di Comunicazioni su linee elettriche” Tesi di Laurea,
università degli Studi di Pisa Facoltà di Ingegneria, Ottobre 2001
v S. Feindt, U. Leicht, "European PLC Market Observatory", PALAS Deliverable
D1, June 2000, .PDF.
v Adaptive Networks, "The Power Line as a Reliable High-Speed Networking
Medium: A Technical Overview", www.adaptivenetworks.com, 2000, .PDF.
v W. Downey, P. Sutterlin, "A Power Line Communication Tutorial-Challanges
and Technologies", www.echelon.com, 2001, .PDF.
v P.J. Langfeld, M. Zimmermann, K. Dostert, "Power Line Communication
System Design Strategies for Local Loop Access", Proceedings of the
Workshop Kommunikationstechnik, Technical Report ITUU-TR-1999/02,
pp.21-26, ISSN1433-9080, July 1999, .PDF.
v P.J. Langfeld, "The Capacity of Typical Powerline Reference Channels and
Strategies for System Design", Proceedings of the 5th International Symposium
on Power-Line Communications and its Applications, ISPLC-2001, April 4-6,
2001, Malmö, Sweden, pp. 271-278, .PDF.
v H. Hrasnica, A. Haidine, " Modeling MAC Layer for Powerline
Communications Networks", The International Society for Optical Engineering
(SPIE's), Symposium on Information Technologies, Conference "Internet,
Performance and Control of Network System", Boston MA, USA, November
5-8, 2000, .PDF.
v Intellon, "Intellon High Speed Power Line Communications", White Paper,
July 1999, .PDF.
v D. Hines, J. Newbury, J. Rogers, P. Maden, "European PLC Regulatory
Landscape", PALAS Deliverable D4, June 2000, .PDF.
v R.V. Womersley, R.D. Simmons, C.V. Tournadre, "Final Report on a Study to
Investigate PLT Radiation", The Smith Group Ltd for Radiocommunications
Agency (UK), 20 November 1998, .DOC.
Links
v http://www.enel.it
v http://www.mainnet-plc.com
v http://www.meroloni.com
v http://www.oneline-ag.de
v http://www.ascom.com
v http://www.echelon.com
v http://www.xeline.com

30 Aprile 2004 Bibliografia ii


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

v http://www.homeplug.com
v http://www.mainnet-plc.com
v http://www.wilmaproject.org/research-it.html
v http://www.plugtek.com/index.shtml
v http://www.mvv.de
v http://www.rwe-powerline.de
v http:// www.wilmaproject.org
Tesi e pubblicazioni
v L. Selander, "Power Line Communications: Channel Properties and
Communication Strategies", Tesi di Laurea, Department of Information
Technology, Lund University, 1999, .PDF
v O'Neal Jr., J.B. (1986) "The residential power circuit as a communication
medium," IEEE Trans. on Consumer Electronics, vol. CE-32, No. 3, pp. 567-
577.
v Malek, J.A. & Engstorm, J.R. (1976) "R.F. impedance of United States
and European power lines," IEEE Trans. on Elec. Comp., vol. EMC-18, pp.
36-38.
v Chan, M.H.L. & Donaldson, R.W. (1986) "Attenuation of communication
signals on residential and commercial intrabuilding power-distribution circuits,"
IEEE Trans. on Elec. Comp.,vol.EMC-28, pp. 220-230.
v Chan, M.H.L. & Donaldson, R.W. (1989) "Amplitude, Width, and Interarrival
Distributions for Noise Impulses on Intrabuilding Power Line Communication
Networks," IEEE Transactions on Electromagnetic Compatibility, Vol. 31, No.
3, pp. 320-323.
v Vines R.M., Trussell, H.J., Gale, L.J., & O'Neal, J.B. (1984) "Noise on
Residential Power Distribution Circuits," IEEE Transactions on
Electromagnetic Compatibility, Vol. EMC-26, No. 4, pp. 161-168.
v Douglas, D.A. (1981) "Potenitial transformer accuracy at 60 Hz voltages
above and below rating and at frequencies above 60 Hz," IEEE Transacctions
on Power Apparat. Syst., vol. PAS-100, pp. 1370-1375.
v Van Der Gracht, P.K. & Donaldson, R.W. (1985) "Communication Using
Pseudonoise Modulation on Electric Power Distribution Circuits," IEEE
Transactions on Communications, vol. COM-33, No. 9, pp. 964-974.
v Onunga, J.O. & Donaldson, R.W. (1989) "Personal Computer
Communications on Intrabuilding Power Line LAN's Using CSMA with
Priority Acknowledgments," IEEE Journal on Selected Areas in
Communications, Vol. 7, No. 2, pp. 180-191.
v Tanaka, M. (1988) "High frequency noise power spectrum, impedance
and transmission loss of power line in Japan on intrabuilding power line
communications," IEEE Transactions on Consumer Electronics,vol. 34, No. 2,
pp. 321-326, May 1988.
v Strassberg, D. (1996) "Powerline Communication: Wireless Technology,"
EDN, pp. 71-78.

30 Aprile 2004 Bibliografia iii


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

v Vuong, S.T. & Ma, A.H.T. (1989) "A Low-Cost and Portable Local Area
Network for Interconnecting PC's Using Electric Power Lines," IEEE Journal
on Selected Areas in Communications, vol. 7, No. 2, pp. 192-201.
v Karl, M. & Dostert, K. (1996) "Selection of an Optimal Modulation Scheme
for Digital Communications Over Low Voltage Power Lines," IEEE
internation symposium on spread spectrum, pp. 1087-1091.
v Chan, M.H.L. , Friedman, D. & Donaldson, R.W. (1994) "Performance
Enhancement Using Forward Error Correction on Power Line Communication
Channels," IEEE Transactions on Power Delivery, Vol. 9, No. 2, pp. 645-653.
v Dostert, K.M. (1990) "Frequency-Hoping Spread-Spectrum Modulation for
Digital Comminications Over Electrical Power Lines," IEEE Journal on
selected areas in communications, Vol. 8, No. 4, pp. 700-710.
v Kohno, R., Imai, H., Hatori, M. & Pasupathy, S. (1990) "An Adaptive
Canceller of Co-channel Interference for Spread -Spectrum Multiple-Access
Communication Networks in a Power Line," IEEE Journal on selected areas in
communications, vol. 8, No. 4, pp. 691-699.
v Ozawa, Y., Arai, T., Kohno, R. (1996) "Spread Spectrum Data
Transmission Systems Using the Earth Returning Circuit on a Low-voltage
Distribution Line," Proc. of IEEE ISSSTA'96, Mainz, Germany, pp. 1097-
1101.
v Marubayashi, G., Tachikawa, S. (1996) "Spread Spectrum Transmission on
Residential Power Line,"Proc. of IEEE ISSSTA'96, Mainz, Germany, pp. 1082-
1086.
v Hooijen, O.G. (1996) "A Robust System for Digital Data Transmission over
the Low Voltage Network Using Spread Spectrum Techniques," Proc. of IEEE
ISSSTA'96, Mainz, Germany, pp. 804-808.
v Radford, D. (1996) "Spread-spectrum data leap through ac power wiring,"
IEEE Spectrum, pp. 48-53.
v Nicholson, J.R. & Malek, J.A. (1973) "R. F. imprdance of power lines and
line impedance stabilization in conducted interference measurements," IEEE
Transactions on Electromagnetics Compatibility, Vol. EMC-15, pp. 84-86.
v Vines, R.M., Trussel, M.J., Shuey, K.C. & O'Neal Jr., J.B. (1985)
"Impedance of residential power-distribution circuit," IEEE Transactions on
Electromagnetics Compatibility, Vol. EMC-27, pp. 6-12.
v Nakagawa, M. & Hasegawa, T. (1991) "Spread Spectrum for Consumer
Communications - Applications of spread spectrum communications in Japan,"
IEICE Transactions, Vol. E 74, No. 5.
v Rice, B.F. (1996)"A Multiple-Sequence Spread Spectrum System for Powerline
Communications," 1996 IEEE International Symposium on Spread Spectrum
and Applications proceedings., pp. 809-815, Vol. 2.
v “Marchini, Simone (2001) “Sistemi di Comunicazioni su linee elettriche” –
università di Pisa
v Niwa, H., Katayama, M., Yamazato, T., Ogawa, A. & Isaka, N. (1996) "A
Spread-Spectrum System with Dual Processing Gains Designed for Cyclic

30 Aprile 2004 Bibliografia iv


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Noise in Power Line Communications," 1996 IEEE International Symposium


on Spread Spectrum and Applications proceedings., pp. 816-820, Vol. 2.
v Lehmann, K. (1996) "Data Transmission over 230V-Power-Lines using
Spread-Spectrum-Techniques," 1996 IEEE International Symposium on
Spread Spectrum and Applications proceedings., pp. 826-830, Vol. 2.
v Goodenough, F. (1996) "Chip Set Puts 100 Kbits/s of Data on Noisy Power
Lines," Electronic Design, pp. 177-183.

30 Aprile 2004 Bibliografia v


GLOSSARIO
ADSL .....................................(Asymmetric Digital Subscriber Line) Tecnica
trasmissiva asimmetrica (cioè caratterizzata da differenti
capacità trasmissive da e verso l'utente) che consente di
fornire capacità fino 8 Mbit/s verso l'utente e di 800
kbit/s verso la rete, con doppini di lunghezza massima
di 3 km.
Always on..............................Caratteristica di un collegamento trasmissivo che
consente di essere sempre "in linea".
ASP .........................................(Application Service Provider) E' un fornitore di un
servizio applicativo su Internet. Può essere un soggetto
diverso dall'Internet Service Provider che, normalmente,
fornisce il solo servizio di accesso ad Internet.
ATM .......................................(Asynchronous Transfer Mode) Tecnica asincrona di
trasporto di flussi numerici che prevede la
segmentazione delle informazioni in celle (o pacchetti)
di lunghezza fissa. Rispetto ai sistemi di trasporto
tradizionali consente una elevata flessibilità nella
gestione delle risorse di trasporto.
Backbone...............................Il livello gerarchicamente più elevato in una rete di
telecomunicazioni. Letteralmente significa "spina
dorsale". E' la definizione attribuita ad uno o più nodi
vitali ad alta velocità nella distribuzione a lunga distanza
e nello smistamento del traffico.
Banda......................................Misura dell’ampiezza del flusso di bit che possono
passare da un punto ad un altro (unità bps: bit per
second). Anche frequenza del segnale che può essere
trasmesso.
Campo....................................Distribuzione spaziale di intensità, direzione e verso di
effetti elettrici o magnetici radiati da un’assegnata
sorgente.
Città cablate ..........................Città in cui sono state realizzate infrastrutture
tecnologiche (posa di cavi, reti locali, etc.) che
consentono la fornitura diffusa di servizi a larga banda.
Attualmente, le realizzazioni più diffuse di città cablate
servono essenzialmente per mettere in comunicazione il
cittadino con la Pubblica Amministrazione (Comune,
Provincia, Regione e enti Statali).
Diafonia.................................Fenomeno di accoppiamento elettromagnetico tra i
segnali che viaggiano su portanti affasciati nello stesso
cavo. Quando il fenomeno è di grande entità può
degradare in modo inaccettabile la qualità della
trasmissione (specialmente la trasmissione dati). La
diafonia si distingue tra paradiafonia e telediafonia a

30 Aprile 2004 Glossario e Acronimi -1-


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

seconda che il disturbo in ricezione sia provocato da


trasmettitori vicini o lontani, rispettivamente.
Doppino ................................(o coppia simmetrica in rame) Un doppino telefonico è
costituito da due fili di rame e costituisce il portante
storicamente utilizzato per la telefonia analogica in area
d'accesso.
DLM / DLMS.....................Semplice protocollo per la telelettura dei contatori
elettrici.
Filtro .......................................Dispositivo per la selettività del segnale di una bassa
impedenza ad un’assegnata frequenza.
Flat-rate..................................Letteralmente: "tariffa piatta"; si tratta di una forma di
tariffazione, spesso usata nelle telecomunicazioni, in cui
l'importo addebitato all'utente per un certo servizio è
fisso e pre-determinato, su una definita base temporale,
indipendentemente dall'uso effettivo di quel servizio, da
parte dell'utente, nell'intervallo di tempo considerato.
Frequenza..............................Ampiezza di un parametro fisico che cambia nell’unità
di tempo, misurata in cicli per secondi o Hertz (Hz).
FTTB......................................(Fibre To The Building) Indica il cablaggio ottico fino
agli edifici. In questa topologia di rete, il collegamento
tra utente e centrale locale è realizzato mediante anelli in
fibra ottica, dedicati o condivisi a seconda della tipologia
degli utenti, che hanno lo scopo di convogliare il traffico
sugli anelli metropolitani, sempre in fibra, a più elevata
capacità.
FTTC......................................(Fibre To The Curb) Indica che il cablaggio ottico
giunge nelle immediate vicinanze dell'utente
(marciapiede, condominio, ecc.) e la distanza finale non
in fibra è ridotta a poche decine o centinaia di metri al
massimo.
FTTH .....................................(Fibre To The Home) Indica che il cablaggio ottico
entra nella casa dell'utente.
HDSL.....................................(High bit rate Digital Subscriber Line) E' una tecnica
trasmissiva simmetrica (cioè caratterizzata da uguali
capacità trasmissive da e verso l'utente) che consente di
fornire capacità di 2 Mbit/s.
HSCSD ..................................(High Speed Circuit switched data) Sistema per la
trasmissione di dati in una rete con compressione e
impacchettamento del canale (banda da 9,6 a 43,2
Kbps).
ICT..........................................(Information and Communication Technologies) E'
l'insieme delle tecnologie coinvolte nella realizzazione
della cosiddetta Società dell'Informazione.
Intensità di campo..............Ampiezza del vettore campo in un assegnato punto.

30 Aprile 2004 Glossario e Acronimi -2-


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Interferenza ..........................Indesiderato effetto di un campo in un altro


Inerente Protocol................(IP) Protocollo standard per la trasmissione di pacchetti
di dati in Internet
Incumbent.............................E' l'operatore telefonico dominante in un particolare
Paese.
ISDN......................................(Integrated Service Digital Network) E' la tecnologia che
ha realizzato una prima possibilità di introduzione delle
tecniche numeriche nell'area d'accesso.
Linee affittate .......................Sono le infrastrutture di telecomunicazioni che
forniscono capacità di trasmissione trasparente fra punti
terminali di rete e che non includono la commutazione
su richiesta.
Local Loop............................Sinonimo di rete d'accesso. Si riferisce all’ultimo miglio.
Massa......................................(elettrica) Insieme di elementi conduttori interconnessi
per avere uno stesso valore di potenziale elettrico.
m-bus......................................Interfaccia per la telelettura dei contatori elettrici.
Messa a terra.........................Collegamento alla massa elettrica.
MPEG....................................(Moving Picture Expert Group) Gruppo di
standardizzazione in ambito congiunto ISO/IEC, che si
occupa degli aspetti normativi dei sistemi multimediali.
Multicast ................................Tecnica che consente la trasmissione simultanea a un
insieme di utenti dello stesso elemento audio o video.
OLO .......................................(Other Licensed Operators) Termine generico con cui si
indicano gli operatori titolari di una licenza per la
trasmissione diversi dagli operatori dominanti
(incumbent).
Optical Networking............Introduzione nella rete di trasporto di funzioni di
permutazione, instradamento e protezione realizzate
interamente in ottico.
PA............................................Pubblica Amministrazione.
PMI.........................................Piccole e Medie Imprese.
Potenza ..................................Energia per unità di tempo.
Powerline...............................Tecnologia che consente la trasmissione di flussi
numerici utilizzando le esistenti linee di distribuzione
dell'energia elettrica.
Radiazione.............................Metodo con cui si propaga un campo elettrico o
magnetico da un sorgente elettrica
Rete d'accesso ......................E' quel segmento della rete di telecomunicazioni che
collega fisicamente i nodi periferici (dove sono alloggiate
le centrali locali) ai singoli utenti (sia residenziali sia
affari), per tratte che possono andare dalle centinaia di
metri a oltre 4 km (in Italia la lunghezza media è di 1.5

30 Aprile 2004 Glossario e Acronimi -3-


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

km, ed anche meno in ambito metropolitano). Spesso si


usa identificare questo segmento di rete come "ultimo
miglio", proprio per sottolineare che si tratta della parte
terminale della rete che collega gli utenti.
Router.....................................(letteralmente: instradatore) Dispositivo che connette
fisicamente fra di loro differenti reti usando lo stesso
protocollo di trasmissione, garantendo che la
trasmissione avvenga unicamente fra il sorgente ed il
destinatario.
Rumore..................................Segnale senza alcun significato od importanza.
SDH........................................(Synchronous Digital Hierarchy) Sono sistemi
trasmissivi sincroni caratterizzati da capacità che vanno
dai 155 Mbit/s a 2,5 Gbit/s.
SDSL ......................................(Symmetrical Digital Subscriber Line) Sono sistemi
simmetrici per la trasmissione su doppino con una
larghezza di banda che può raggiungere le decine di
Mbit/s.
Set Top Box..........................Dispositivo normalmente residente in casa dell'utente
finale che svolge molte funzioni, tra cui quella di
ricevere i flussi numerici compositi e renderli disponibili
per l' utilizzo ai vari dispositivi finali di visualizzazione.
Tipico esempio di Set Top Box è il decodificatore della
tv satellitare.
SOHO....................................(Small Office Home Office) Il termine SOHO è
utilizzato per indicare una tipologia di utenza che ha
esigenze di capacità e di qualità intermedie tra quelle
dell'utenza residenziale e quelle dell'utenza di tipo affari.
Un tipico esempio di SOHO è lo studio di un
professionista (avvocato, commercialista, etc.).
Streaming...............................Indica una modalità specifica di organizzare e trasferire
le informazioni video ed audio con lo scopo di
consentire al terminale ricevente la riproduzione delle
informazioni mano a mano che esse sono ricevute,
anziché attenderne la completa ricezione. In tal modo si
rende possibile un abbattimento dei ritardi di
riproduzione e, quindi, una migliore interazione fra le
parti comunicanti. I servizi "streaming" sono adatti per
comunicazioni interpersonali o diffusive.
Telecomunicazione .............Trasporto del segnale a distanza da un punto ad un
altro, tradizionalmente usa come carrier (mezzo di
trasporto) una linea fisica.
Trasformatore......................Macchina elettrica statica che permette il cambiamento
del valore di corrente/tensione senza variare l’energia
elettrica.

30 Aprile 2004 Glossario e Acronimi -4-


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

Unbundling...........................Accesso disaggregato alla rete locale (unbundling


dell'ultimo miglio). Indica la possibilità di utilizzare, da
parte di un operatore di telecomunicazioni, componenti
e servizi della rete locale di un altro operatore. Sotto il
profilo regolamentare tale espressione denota l'obbligo
di fornitura delle componenti della propria rete locale
agli operatori concorrenti.
VDSL .....................................(Very High bit rate Digital Subscriber Line) E'
sostanzialmente una evoluzione dei sistemi asimmetrici
ADSL verso capacità fino a 50 Mbit/s verso l'utente e
dell'ordine di alcuni Mbit/s verso la rete, per doppini di
lunghezza massima dell'ordine di alcune centinaia di
metri.
VHS ........................................(Video Home System) Sistema di registrazione del
segnale video analogico su nastri magnetici da mezzo
pollice.
WDM.....................................(Wavelength Division Multiplexing) Insieme delle
tecniche di multiplazione a divisione di lunghezza
d'onda che consentono di immaginare un incremento
considerevole (da 60 a 200 volte l'attuale) della capacità
trasportata da ogni singola fibra ottica.
WLL........................................(Wireless Local Loop) Area d'accesso realizzata con
tecniche radio. Tipicamente i sistemi WLL operano nel
campo delle frequenze da 3 GHz a 43 GHz.
xDSL.......................................(x Digital Subscriber Loop) Si intende un insieme di
tecniche trasmissive che consentono di fornire servizi a
larga banda in area d'utente utilizzando, come mezzi
trasmissivi, i doppini in rame già installati.

30 Aprile 2004 Glossario e Acronimi -5-


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

ACRON IMI

ADSL .....................................Asynchronous Digital Subscriber Line


AM ..........................................Amplitude Modulation
AMR.......................................Automatic Meter Reading
ARQ........................................Automatic Repeat Request
ASK ........................................Amplitude Shift Keying
ATM .......................................Asynchronous Transfer Mode
BPSK......................................Binary Phase Shift Keying
CAL ........................................Common Application Language
CATV ....................................Cable Television
CBR ........................................Costant Bit Rate
CD...........................................Carrier Detection
CDMA...................................Collision Detection Multiple Access
CDMA...................................Code Division Multiple Access
CDP........................................Communications Distribution Port
CDRC.....................................Collision Detection and Resolution
CEA........................................Consumer Electronics Association
CEA........................................Committee on Power Line Communications
CENELEC ...........................Committee European de Normalisation
Electrotechnique
CISPR.....................................International Special Committee on Radio Interference
CLEC.....................................Competitive Local Exchange Carrier
CPE.........................................Customer Premises Equipment
CSMA.....................................Carrier Sense Multiple Access
CTP.........................................Centralised Token Passing
CU...........................................Conditioning Unit
DAB........................................Digital Audio Broadcasting
DBPSK..................................Differential Binary Phase Shift Keying
DECT.....................................Digital Enhanced Cordless Technologies
DES........................................Data Encryption Standard
DLM / DLMS ....................Device Language Message
DPL ........................................Digital Power Line
DQPSK.................................Differential Quadrature Phase Shift Keying
DS............................................Direct Sequence
DNS .......................................Domain Name System

30 Aprile 2004 Glossario e Acronimi -6-


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

DSL ........................................Digital Subscriber Loop


DSMA....................................Datagram Sensing Multiple Access
DSP.........................................Digital Signal Processing
DVB........................................Digital Video Broadcasting
EDP........................................Electronic Data Processing
EDP........................................Electricity Distribution Port
EMC ......................................Electromagnetic Compatibility
EMR ......................................Electromagnetic Radiation
ETSI .......................................European Telecommunications Standards Institute
FDD.......................................Frequency Division Duplex
FDMA....................................Frequency Division Multiple Access
FEC.........................................Forward Error Correction
FFT ........................................Fast Fourier Transform
FH ...........................................Frequency Hopping
FSK.........................................Frequency Shift Keying
GHz .......................................Giga Hertz - 109 c/s
GW ........................................Giga Watt - 109 W
HDTV ...................................High Definition Television
HF ...........................................High Frequency
HSCSD ..................................High Speed Circuit Switched Data
HSCSD .................................High Speed Circuit Switched Data
Hz ...........................................Hertz - 1 c/s (cycle/second)
IBSP .......................................Internet Business Solutions Provider
IFFF ......................................Inverse Fast Fourier Transform
ILEC ......................................Independent Local Exchange Carrier
IP ............................................Internet Protocol
IPCF.......................................International Powerline Communications Forum
IPF ..........................................International Powerline Forum
ISDN .....................................Integrated Services Digital Network
ISI............................................Intersymbolic Interference
ISP ..........................................Internet Service Provider
ISPLC.....................................International Symposium on Power-Line
Communications and its Applications
ITE..........................................Information Technology Equipment
ITU .........................................International Telecommunications Union
Kbps.......................................Kilo Bits per Second = 103 Bit al secondo

30 Aprile 2004 Glossario e Acronimi -7-


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

KHz .......................................Kilo Hertz - 103 c/s


KM..........................................Kilo Meter = 103 metri
KW ........................................Kilo Watt - 103 W
LAN .......................................Local Area Network
MAC .......................................Media Access Control
Mbps.......................................Mega Bits per Second = 106 Bit al Secondo
MF...........................................Medium Frequency
MHz .......................................Mega Hertz - 106 c/s
MW ........................................Mega Watt - 106 W
NB30......................................Nutzungsbestimmung 30 zur
frequenzbereichzuweisungsplanverordnung
NP...........................................Network Port
OFDM ...................................Orthogonal Frequency Division Multiplexing
OFDMA................................Orthogonal Frequency Division Multiple Access
OSI..........................................Open System Interconnection
PL............................................Power Line
PLC ........................................Power Line Communications
PLT ........................................Power Line Telecommunications
PSD.........................................Power Spectral Density
PSTN .....................................Public Switched Telephone Network
PTF ........................................Powerline Telecommunications Forum
QAM.......................................Quadrature Amplitude Modulation
QoS ........................................Quality of Service
QPSK.....................................Quadrature Phase Shift Keying
RA ..........................................Radiocommunications Agency (UK)
SMPS .....................................Switch Mode Power Supply
SNR........................................Signal to Noise Ratio
TDD.......................................Time Division Duplex
TDM ......................................Time Division Multiplexing
TDMA...................................Time Division Multiple Access
TMA ......................................Telecommunications Managers Association (UK)
TWG .....................................Technical Working Group
UTC .......................................Utilities Telecommunications Council (USA)
VBR ........................................Variable Bit Rate
VDSL .....................................Very high bit rate Digital Subscriber Line
VHF........................................Very High Frequency

30 Aprile 2004 Glossario e Acronimi -8-


Bruno Roberto Lazzoni PowerLine: Internet elettrica

W .............................................Watt
WAN ......................................Wide Area Network
WLL........................................Wireless Local Loop

30 Aprile 2004 Glossario e Acronimi -9-

Potrebbero piacerti anche