Sei sulla pagina 1di 32

Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 1

Manuale di Uso e Manutenzione


del Sincronario Galattico
Anno della
Tempesta Risonante Blu
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 2

IL CALENDARIO UNIVERSALE DELLE 13 LUNE


Questo manuale è la chiave per il calendario universale delle 13 Lune. Il calendario è uni-
versale perché l’informazione in esso contenuta può essere descritta in termini puramente
simbolici. Il calendario è stato concepito per la gente di tutto il pianeta, a prescindere dalla
lingua parlata. Ciò è possibile anche grazie al fatto che il calendario stesso è interamente basa-
to su numeri. Numeri desunti osservando i cicli del tempo naturale, validi per tutti coloro che
vivono su questo pianeta.
Questo calendario è per tutto il pianeta, unifica tutti nel tempo naturale. In questo
manuale troverete semplici spiegazioni sul significato di ogni simbolo e le descrizioni delle
energie ad essi associate.

PERCHè 13 LUNE ? CICLI LUNARI E ROTAZIONI SOLARI


Il numero di lune piene in un singolo anno solare non è costante; in alcuni anni ve ne
sono dodici, in altri tredici. Nell’arco di 19 anni i due cicli (solare e lunare) si ricongiungono,
essendoci nello stesso giorno solare la corrispondenza con la stessa fase lunare. Con questo
rompicapo si sono cimentati tutti coloro che si sono occupati del calendario. Il Calendario
delle Tredici Lune integra i cicli della Terra con quelli della Luna e del Sole in modo armonio-
so, risolvendo il problema.
La Luna fa qualcosa di molto interessante: nella sua rotazione attorno alla Terra,
mostra a quest’ultima sempre la stessa faccia. Questa proprietà è nota con il nome di ‘rota-
zione sincrona’.
Vi sono diversi cicli lunari, tra cui: il sinodico, cioè il tempo che intercorre tra una luna
piena e l’altra, pari a 29,5 giorni; ed il siderale, che misura il tempo impiegato dalla Luna a
ritornare nello stesso punto del cielo - 27,3 giorni. Il numero intero medio tra questi due cicli
è 28. Ventotto giorni è anche la durata media del ciclo mestruale femminile, del bioritmo
emotivo e delle maree. 28 è il numero lunare, e corrisponde all’aspetto ‘femminile’ del tempo.
La Luna ruota intorno alla Terra 13 volte in un anno. L’anno solare corrisponde al ciclo
‘maschile’ del tempo. Dividendo la durata dell’anno solare per il ciclo femminile di 28 giorni,
si ottengono 13 Lune di 28 giorni, per un totale di 364 giorni. Più un giorno, detto ‘Giorno
Fuori dal Tempo’, che si celebra ogni anno nell’ultimo giorno dell’anno delle 13 Lune, corri-
spondente al 25 Luglio nel calendario gregoriano.
Il calendario cosiddetto gregoriano (erroneamente ascritto a Papa Gregorio XIII, che nel
1582 promulgò una riforma che apportava lievi ritocchi al calendario giuliano del 45 a.C.) è
formato da mesi irregolari e disuguali. Viceversa, nel Calendario delle 13 Lune, ogni Luna ha
28 giorni. Ciò costituisce un grande vantaggio, poiché permette di fare calcoli facilmente. Il
primo giorno di ogni Luna è anche il primo giorno della settimana - sempre.
Se il 15 Gennaio è martedì, che giorno sarà il 15 Febbraio, o il 15 Marzo, o il 15 Aprile? La
risposta a questa domanda, nel gregoriano, richiede calcoli disagevoli. L’anno può essere divi-
so in quattro parti uguali, ognuna di 91 giorni, o 13 settimane. è una soluzione elegante ad
una complessa equazione matematica che equilibra tutti i cicli temporali più vicini a noi; è
accurata, armonica e significativa. è una misura uguale, costante. Se qualcuno vi proponesse
una squadra o un regolo con unità di misura irregolari, disuguali, li usereste? è esattamente
quello che facciamo usando il calendario gregoriano!
Il Calendario delle 13 Lune armonizza i cicli del Sole e della Luna, rendendo possibile il
calcolo dei giorni festivi con accuratezza. Al contrario, il gregoriano non lo permette; ad esem-
pio, le festività che si celebrano in giorni infrasettimanali cambiano giorno della settimana
ogni anno, tornando a ripetersi in maniera uguale soltanto ogni 28 anni. Inoltre, nel
Calendario delle 13 Lune, equinozi e solstizi cadono sempre nello stesso giorno dell’anno.
2
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 3

Il Calendario delle 13 Lune è autenticamente globale. è stato interamente creato in base


all’osservazione ed utilizza solo numeri - anziché riferimenti culturali. Non riflette alcuna
ideologia. Non ha pregiudizi culturali.
PERCHè CAMBIARE?
Usare un calendario artificiale e disuguale, irregolare ed irrazionale ha prodotto una cultu-
ra globale altrettanto artificiale, irregolare ed irrazionale. Il risultato è una divergenza dal tempo
naturale (il tempo in cui vivono tutte le specie del nostro pianeta) che ha portato conseguenze
profonde nel nostro ambiente. La nostra cultura meccanica e tecnologica è insostenibile, ed
abbiamo raggiunto un punto di crisi globale. O cambiamo il nostro comportamento a livello di
specie umana, o rischiamo l’estinzione. Il Calendario delle 13 Lune corregge questa deviazione
dalla natura e pone in essere uno standard di misura armonioso e regolare, in sintonia con i cicli
del tempo naturale - che possiamo utilizzare per correggere il nostro errore nel tempo.
QUANTO è IMPORTANTE UN CALENDARIO?
Il nostro calendario influenza tutto ciò che facciamo. è lo strumento che coordina tutte le
attività nella nostra società. Se contiene il seppur minimo errore, la somma del totale di esse-
ri umani che ripetono quell’errore lo amplificherà. Il calendario influenza anche la nostra
mente e la nostra capacità di pensare. Se pensiamo al nostro cervello come allo hardware e ai
nostri pensieri come al software, il calendario corrisponde al sistema operativo. Tutti gli altri
‘programmi’ ne sono influenzati. è questo il vero ‘baco del millennio’ nel calendario gregoria-
no: una frequenza disarmonica di base che ci condiziona a pensare meccanicamente, con con-
seguenze che coinvolgono tutto il pianeta.

COSA RAPPRESENTANO I SIMBOLI?


I simboli rappresentano diverse energie associate a ciascun giorno. Questo manuale con-
tiene le istruzioni per la lettura e l’interpretazione di questi simboli.
Al di sopra delle quattro settimane ci sono i simboli corrispondenti ai sette giorni della
settimana. Inoltre ogni giorno ha il suo simbolo, o ‘glifo’, corrispondente al Kin del Giorno
secondo il Dreamspell, che è un’interpretazione moderna dello Tzolkin, il calendario sacro dei
Maya. Esso è formato dalle permutazioni dei 20 glifi con i numeri (scritti in notazione Maya
punto/barra, dove un punto equivale ad uno, e una barra a cinque) da 1 a 13. Questi ultimi ven-
gono detti ‘toni’, come in una scala musicale. Questo sistema di computo fu usato dai Maya per
creare quello che a tutt’oggi è il sistema calendrico più accurato ed onnicomprensivo mai rea-
lizzato su questo pianeta. Nell’incorporare questo computo, il Calendario delle 13 Lune divie-
ne ‘galatticamente sincronizzato’. Il Calendario delle 13 Lune, di per sé, sincronizza la Terra
con il Sole e la Luna. Con il Dreamspell, la sincronizzazione si estende a tutti gli altri pianeti
del sistema solare, alla nostra stella ed al suo viaggio nel nostro settore della galassia.
13:20 E 12:60
Questo sistema di computo è riflesso anche nella nostra biologia. Il 13 corrisponde alle 13
Lune, ma anche al numero delle nostre principali articolazioni o giunture - il nostro ‘movi-
mento’. Il 20 corrisponde al numero delle nostre dita di mani e piedi - la nostra ‘misura’.
Usandoli insieme possiamo creare un modo di sincronizzare il movimento e la misura di qua-
lunque tempo! Insieme, questi due numeri creano quella che chiamiamo la ‘frequenza’ del
tempo naturale, la proporzione 13:20. Il tempo meccanico può invece essere indicato dai
numeri 12 (come i mesi e le ore del quadrante dell’orologio) e 60 (come i 60 secondi di un
minuto, ed i 60 minuti di un’ora), in una proporzione 12:60 - la frequenza del tempo mecca-
nico. 13:20 è spirale e frattale. 12:60 è circolare e lineare.
3
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 4

HUNAB KU
Hunab Ku è il nome che i Maya davano al principio creativo supremo, o "datore unico di
movimento e misura". Il ‘movimento’ corrisponde alle nostre articolazioni o giunture principa-
li (e alle 13 lune), mentre la ‘misura’ corrisponde alle 20 dita delle mani e dei piedi (e ai 20 glifi).
Hunab Ku va visualizzato come il centro della galassia, il cui movimento e misura è il tempo,
la forza che tiene in perfetta sincronizzazione i movimenti di tutti i corpi celesti della galassia.

IN LAK’ECH
In Lak’ech è il saluto Maya, che significa "Io sono un altro te stesso". Dirlo comporta una
identificazione totale con l’altra persona; un essere non separato da te, semplicemente un
altro aspetto del Sé Superiore. In Lak’ech rompe gli argini dell’identità, dell’ego e della perso-
nalità, e ci ricollega come kin.

13 LUNE
Ogni luna è composta da quattro settimane perfette di sette giorni, per un totale di 28
giorni in ogni luna.

IL POTERE DEL 4
Il potere del quattro è rappresentato dall’uso di quattro colori: Rosso, Bianco, Blu e
Giallo. Ognuno di questi colori corrisponde anche ad una direzione e ad una funzione energe-
tica. Rosso, il primo colore, inizia; corrisponde all’est, la direzione del sole nascente. Ciò che
viene iniziato dal Rosso viene poi raffinato o elaborato dal Bianco, corrispondente al Nord.
Quindi vi è il Blu, colore dell’Ovest, che trasforma ciò che il Bianco ha raffinato. Infine c’è il
Giallo, corrispondente al Sud, che matura o raccoglie ciò che il Blu ha trasformato.
Questa sequenza di colori si ripete nel kin del giorno. I glifi si dividono in quattro fami-
glie di colore, ognuna delle quali conta cinque glifi dello stesso colore. Si ripete altresì nella
sequenza delle quattro settimane di ogni luna; in tal modo, possiamo pianificare le attività di
ogni settimana usando il potere armonico del numero e del colore, per ottenere il massimo
dalle nostre azioni in ogni luna.

LE QUATTRO SETTIMANE
Settimana Uno ROSSA Inizia la Conoscenza
Settimana Due BIANCA Raffina l’Umiltà
Settimana Tre BLU Trasforma la Pazienza
Settimana Quattro GIALLA Matura il Potere

IL SISTEMA DI NOTAZIONE PUNTO/BARRA


Il sistema di notazione Maya punto/barra è uno dei sistemi matematici più eleganti mai
creati. Utilizza solo tre segni di notazione: un punto che simboleggia l’unità, una barra che sim-
boleggia cinque, ed il glifo di una conchiglia che rappresenta lo zero. Invece del nostro sistema
di progressione decimale, cioè basato sul 10, i Maya usavano la progressione vigesimale, basa-
ta sul 20. I numeri da 1 a 19 vengono espressi da combinazioni di punti e barre. Il glifo di una
conchiglia rappresenta lo zero. I numeri vengono scritti in verticale, salendo ad un livello supe-
riore ogni qualvolta si raggiunga 20 o una sua potenza (400, 8.000, 160.000, ecc.).

4
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 5

FAMIGLIE TERRESTRI
Quando viviamo il Calendario delle 13 Lune insieme ad altri, formiamo le Famiglie
Terrestri, la forma organizzativa sociale di base del calendario. Ogni Famiglia Terrestre è
responsabile del servizio sociale quotidiano: cucinare, pulire, riciclare, ed ogni altro servizio
necessario. Ciò significa che, ogni cinque giorni, quattro li dedichiamo a seguire le nostre
varie ricerche creative o contemplative, mentre il quinto giorno ci unifichiamo con la nostra
Famiglia Terrestre. Ogni Famiglia Terrestre ha un glifo per ogni colore; ogni glifo, esattamen-
te come ogni tono, è contrassegnato da un numero di codice. La Famiglia Terrestre cui ognu-
no di noi appartiene dipende dal numero di punti con cui si scrive il codice del glifo. I glifi che
si scrivono senza punti (Sole, Serpente, Cane ed Aquila) formano la Famiglia Polare, detta
anche famiglia della barra. I glifi i cui numeri di codice si scrivono con un punto (Drago,
Allacciatore dei Mondi, Scimmia, Guerriero) formano la Famiglia Cardinale, detta anche
famiglia di un punto, e così via. Riesci a trovare la tua famiglia?
è straordinario come, negli anni, il giorno del nostro compleanno possa cadere sempre e
soltanto in un glifo della nostra stessa Famiglia Terrestre. Quel kin determina la cosiddetta
"missione karmica" dell’anno, valida per i 365 giorni successivi. In tal modo, nell’arco di 52
anni, ognuno di noi impersona tutti i kin della propria Famiglia Terrestre! Al compimento del
52° anno di età, ritorniamo a compiere gli anni esattamente nel nostro stesso kin di nascita,
nella nostra identità galattica. Ciò segnala la fine di un ciclo e la sua ripartenza. Nelle comu-
nità indigene, il compimento dei 52 anni di età segnala l’ingresso nel cerchio degli anziani
della comunità. è bene pertanto essere amorevoli nei rapporti con i membri della nostra stes-
sa Famiglia Terrestre, poiché essi sono altrettanti riflessi di noi stessi nelle varie tappe del
ciclo dei 52 anni. Essi ci offrono un’opportunità di rivedere ciò che siamo stati, o di avere
un’anticipazione di ciò che saremo!

Nel sito archeologico di El Tajin, patria dei voladores totonachi e della Piramide delle 365
Nicchie, è stato rinvenuto il pannello decorato qui riprodotto, che raffigura un versamento
rituale di sangue dai genitali, pratica alla quale si sottoponevano i sacerdoti iniziati.
5
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 6

ANELLO SOLARE DELLA TEMPESTA RISONANTE BLU


Tempesta Risonante Blu, kin 59, 2012-2013, è l’ultimo anno prima del grande cambio di
Eone. Qualcosa di culminante e drammatico, che non ha precedenti – per molta gente e per
molte ragioni.
In termini dei Bolontiku, i nove Signori Siriani del Tempo e del Destino, quest’anno rap-
presenta il nono Lha o Signore del Tempo, Corpo Lha di Conoscenza Primordiale. Come
implica il nome di questo Lha, il suo potere creativo è una capacità senza uguali di ripulire il
mondo non solo dalle quattro direzioni cardinali, ma anche da sopra e da sotto. Ciò rappre-
senta una pulizia cosmica della Terra senza precedenti. Ma ci sono anche i venti turchese, il
colore dell’alba – dunque è una pulizia in preparazione dell’alba del nuovo Eone.

L’Oracolo: Tempesta Risonante Blu, kin 59


Canalizzo al fine di catalizzare
Ispirando energia
Sigillo la matrice dell’autogenerazione
Con il tono risonante della sintonia
Sono guidato dal potere della magia

Lettura Annuale

Precetto Rinri: Rispetta te stesso e fa’ lo stesso con gli altri.


Il Ciclo si chiude come arcobaleno di saggezza universale.
Questo è l’anno finale del fascio quadriennale Seme Autoesistente–Tempesta Risonante
(2009-2013), il fascio quadriennale finale dei 16 anni del Cubo della Legge. è un anno crucia-
le, in cui termina il Grande Ciclo e inizia un ciclo nuovo.
Le Lune 1-5 completano le 7 Generazioni Perdute di Pacal Votan, iniziate nella Luna Cristallo
dell’Anno del Mago Ritmico Bianco. Notiamo che le ultime 7 Lune (complete) del 2012 corri-
spondono alle 7 Generazioni Perdute nel Telektonon di Pacal Votan.
Nella sesta Luna di quest’anno la Luna esce dal raggio di sincronizzazione galattica di 5.125
anni. Scopo di questo raggio è mettere la Terra in sincronizzazione con il piano universale di
unificazione cosmica. Il punto culminante di sincronizzazione cade nel giorno 9 della Luna
Ritmica, Kin 207. (Particolare attenzione va riposta nelle pratiche del 7:7::7:7, basate sulle
quattro serie di cicli di compressione del tempo frattale, che sono la chiave per la compren-
sione della Fine del Ciclo).
Successivamente alla Luna Ritmica, la “Luna Fuori dal Tempo,” nel raggio c’è un intervallo di
sette Lune (216 giorni) che si completa nel Kin 164, Seme Galattico Giallo, 26 luglio 2013.
Nei 16 anni del Cubo della Legge, quest’anno completiamo lo stadio finale del fascio quadrien-
nale Seme-Tempesta, 2009-2013, noto con il nome di:
Un Altare Mistico Dentro Una Pietra Mistica – TELEKTONON
Nella formula dell’Enigma della Pietra, la chiave evolutiva cosmica spirituale per i quattro
anni dell’Altare Mistico è nella formula della parola magica TEL-EK-TON-ON. è questo codi-
ce mantrico che crea l’altare mistico del tempo. La pietra mistica è la nuova fondazione del
tempo universale che è alla base della noosfera.
● TEL – Anno del Seme 4, 2009-10, Potere dei Lontani Veggenti – Cubo 13, Viandante del
Cielo.
● EK – Anno della Luna 5, 2010-11, Potere di Colui Che è Nato nelle Stelle di Ricordare –
6
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 7

Cubo 14, Mago.


Sette Anni del Mistero della Pietra completi—Ristabilimento della memoria cosmica
nella noosfera.
TON – Anno del Mago 6, 2011-2012, Potere del Suono di Diventare Visione – Cubo 15,
Aquila – Primo stadio Alfa di UR, poteri e abilità magiche iniziano a ritornare.
● ON – Anno della Tempesta 7, 2012-2013, 144.000 cubicati dentro – Cubo 16, Guerriero –
Secondo stadio Omega di UR, nuova cosmologia del Cubo, redenzione della proporzione
dell’intervallo del 7 all’alba del 7° Giorno della Creazione, trionfo della noosfera.

è importante comprendere che la parola TEL-EK-TON-ON è una formula mantrica magica,


che vibra nei quattro anni dell’Altare Mistico come intonazione di Hunab Ku, l’iper-suono
finale generato dal raggio di sincronizzazione di 5.125. è questo suono che genera l’accelera-
zione risonante per il salto quantico della Convergenza Armonica del 2012.
L’Enigma della Pietra continua dopo l’intonazione della parola TEL-EK-TON-ON con la
seguente invocazione, essenziale per la comprensione della natura interamente spirituale del
ciclo finale di quattro anni dei 16 anni del Cubo della Legge:
Sei veggenti ascoltano
Mentre il settimo pronuncia
Il nome di colui che nacque sulla lontana stella
Che non ha altro Dio all’infuori dell’UNO
Il cui nome non può essere conosciuto
Il nome di colui che nacque sulla lontana stella è, naturalmente, TEL-EK-TON-ON. Coloro che
ascoltano quest’intonazione sono i sei veggenti – i tre messaggeri speciali del Risveglio:
Buddha, Cristo e Maometto; e le loro tre voci speciali: Padmasambhava, S. Giovanni
Evangelista e Quetzalcoatl. Il settimo che intona il nome di colui che nacque sulla lontana stel-
la è Pacal Votan.
L’Anno della Tempesta Risonante è così codificato dall’ultima sillaba mantrica “ON”, il potere
indistruttibile dei 144.000 dentro il Cubo: Nuovo Cielo, Nuova Terra, Auto-Perfezione Divina.
Con il mantra “ON”, evochiamo il potere indistruttibile dei 144.000 all’interno del Cubo.
Grazie al Manitù Planetario i 144.000 cubicati all’interno del cubo della propria divina auto-
perfezione camminano sulla Terra come Maghi di un tempo sconosciuto a tutti meno che a
loro.
Il Manitù Planetario è l’anima del mondo auto-realizzata che pervade il mondo naturale, la
Noosfera. Esso rappresenta la trasmissione del cervello galattico sulla Terra ed il Banco psi
che si attiva e “si accende” grazie all’attività cosciente che connette i fasci stellari, le rune, i
codoni, ecc. L’intero programma ha come scopo quello di gettare le fondamenta di una fonda-
mentale riorganizzazione della mente—tutto è funzione di un ordine matematico armonico.
Questi 144.000 all’interno del cubo completano l’anno finale del ciclo finale di auto-perfezio-
ne nella frequenza temporale 13:20. Notate che, se sommiamo i valori dei codoni dei quattro
quadranti della quattro Rune di UR, il risultato è 144. (24 + 32 + 40 + 48 = 144!)
Mai come ora è il momento di mettere in pratica tutto ciò che sappiamo; purificare il corpo e
la mente e ritornare alla semplicità dell’ordine organico e dei ritmi universali del tempo 13:20.
Quest’anno siamo chiamati ad esercitarci nelle pratiche telepatiche iniziate nell’Anno del
Seme Auto-Esistente.
Scopo di tali pratiche è: 1) rafforzare la rete telepatica della Terra – obiettivo del progetto
CREST13; e 2) Stablire comunicazioni extra-terrestri, cioè collegarci con l’intelligenza galatti-
ca che comprende il campo psico-magnetico solar-terrestre.
7
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 8

Quest’anno completa l’attivazione finale dei Nove Grandi Lha o Bolontiku, i Nove Signori del
Tempo a guardia della tomba di Pacal Votan, della Terra tutta e del nuovo tempo. Ognuno di loro
è a guardia di un potere della divina perfezione nell’inconscio durante gli anni dal 2004 al 2013.
Quest’anno risvegliamo il Nono Grande Lha, Corpo Lha di Conoscenza Primordiale, quello
che chiude il ciclo come Arcobaleno di Saggezza Universale ed attiva Shambhala sulla Terra.
Il nono ed ultimo Grande Lha porta il messaggio: “Ciò che è vecchio è finito. L’eone sta pas-
sando. è l’alba dell’era solare del Sesto Sole della coscienza, la noosfera. Non c’è più un IO,
siamo uno. Siamo nel nuovo corso della Terra cosmica.”
Messaggio di Valum Votan per l’Anno della Tempesta Risonante:
Energeticamente, dobbiamo ora lasciarci alle spalle ciò che è vecchio. Abitudini, stili di
vita, illusioni che producono intossicazione e seduzioni sono come una catasta di foglie
morte, che al momento giusto saranno travolte da un ciclone che le disperderà per sem-
pre nel suo turbinio. Non lasciarti travolgere insieme a tutto ciò che è vecchio, quando
soffierà quel vento! Purificati ora!
Nota: il ciclo di 216 giorni (22 dicembre – 26 luglio) è un tempo di unificazione ed integrazio-
ne spirituale planetaria. è il tempo in cui si formerà un nuovo essere evolutivo in stato embrio-
nale, che germinerà per sette lune mistiche (Lune 7-13), prima di dare alla luce se stesso il 26
luglio 2013 con il Ritorno del Popolo di OMA (Original Matrix Attained, Matrice Originale
Realizzata) ed il varo della Nave del Tempo Terra 2013. Queste sette Lune si sviluppano nel
ciclo di 216 giorni della cubatura della Terra (vedi L’Onda di Densità della Spirale Galattica).
Nel Mistero della Pietra ci troviamo ora nelle profondità dei favolosi tunnel del tempo, uscia-
mo dalla Nuova Gerusalemme del Monte UR, regno dell’ottavo Bolontinku, e Venti Turchese
Che Soffiano Poderosi, ed entriamo nel tunnel del tempo del Monte Shambhala, OMA, regno
del 9° Bolontiku, Corpo Lha di Conoscenza Primordiale. Lha significa “picco montuoso all’al-
ba, quando riceve la prima luce.”
Il Nono ed ultimo Bolontiku significa: “1) Lha o Spirito della Terra; 2) Invocazione della Terra
al Sole; 3) La risposta del Sole; e 4) Trasformazione della Terra.” (H. P. Blavatsky, Secret
Doctrine, Vol. 2. P. 22).
L’Isola del Tempo Interiore annuncia l’alba della Nuova Era Solare, 2013 ed oltre. Ma se non
farete questo viaggio, il viaggio non sarà per voi. Applicatevi ora alla conoscenza!
Il senso della profezia del 2012, impiantata in data 9.13.0.0.0 (692 d.C.), è realizzato dal
Mistero della Pietra, che è stabilito sulle fondamenta del potere del nove – Bolontiku – e del
tredici – Oxlahuntiku, I Signori del Tempo Cosmico e della Presenza Cosmica, rappresentati
da 13 Lune/13 Baktun o un Anello del Tempo.
I sette anelli del Tempo di Mezzo (2004-2011) rappresentavano la riabilitazione dell’interval-
lo del tempo perduto nell’Eternità (7), il riallineamento della storia umana con la Storia
Cosmica, e il salto di transizione tra il tempo 12:60 ed il tempo 13:20.
La Fine del Ciclo è un balzo evolutivo. È una rara opportunità di sperimentare questo
tipo di passaggio. Un balzo evolutivo nella coscienza è un evento cosmico che può essere
sperimentato consciamente con una mente che conosca se stessa. In una tale mente non
c’è posto per fantasie o congetture. Una volta domata la mente, ritornata al proprio ini-
zio, molte cose possono essere rivelate. Per conoscere la mente bisogna innanzitutto sot-
tomettersi completamente ad un Potere Superiore. Poi devi rinunciare a qualcosa. Ci
vuole tempo per conoscere la mente, il che vuol dire che bisogna ridefinire le priorità. La
reale disciplina spirituale richiede esercizio, altrimenti non lascerai mai il confortevole,
familiare circuito chiuso mentale che chiami ‘te stesso’.
—Colui Che Chiude il Ciclo
8
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 9

Nell’oracolo, la Tempesta Risonante Blu (Plutone SP) completa la prima armonica della
Rotazione Galattica n°36 dalla Convergenza Armonica. Tempesta Risonante Blu, Kin 59, rap-
presenta il bardo tra la disincarnazione (Kin 58) e la nascita (Kin 60) di Pacal Votan. è anche
il Codone 59, che codifica l’eptade 22, in cui si chiude il Ciclo (giorno 9 della Luna Ritmica,
Kin 207). Il Codone 59 è Dissolvere: L’Ottava Galattica Suona la Mente dello Spazio.
L’oracolo della Quinta Forza consiste in: kin guida Scimmia 7 (Venere SP), Kin 111; l’analogo
è Sole 7 (Plutone GK), Kin 20; l’antipode è Luna 7 (Mercurio GK), Kin 189; l’occulto è Vento
7 (Urano GK), Kin 202.
Lo schema di quest’oracolo sul circuito di 28 giorni del Telektonon indica una grande ricon-
nessione con il primo circuito: quello di Ricarica Alfa-Omega, ristabilimento della metaco-
scienza solar/galattica. Questo circuito del Telektonon è una forma propria e una struttura di
movimento del tempo in relazione alla sfera superiore nel circuito interplanetario, che può
essere conosciuto sulla Terra attraverso il circuito biotelepatico di 28 giorni.
Naturalmente il tono Risonante enfatizza ulteriormente la trasformazione tramite sintonizza-
zione diretta, per realizzare un nuovo modo di essere che sia irradiato dal nucleo interiore
auto-generativo. Il segno occulto, Vento 7, indica un nuovo canale della comunicazione dello
spirito che si apre.
Negli archetipi galattici Hunab Ku 21, la Tempesta Risonante Blu può essere letta come segue:
l’energia del Trasformatore Risonante è guidata dal Magio; sostenuta dall’Illuminato; sfida-
ta/rafforzata dal Guaritore; e riceve aiuto occulto dall’Alta Sacerdotessa/ Essenza dello
Spirito.
Il Giorno Fuori dal Tempo, Notte Risonante Blu, Kin 163 (Saturno GK), è il segno del Sogno
che apre all’abbondanza spirituale della Sincronizzazione Galattica.
Nei codici delle 20 Tavole della Legge del Tempo siamo ora nell’ultimo dei 16 anni del Cubo
della Legge, il tredicesimo anno del ciclo della Seconda Creazione. Per analogia del tempo
frattale, passiamo attraverso gli anni da –4487 a –3187, Seconda Creazione realizzata, La
Redenzione Universale Diventa la Via dell’Evoluzione. Quadrante Stellare Sud, Fonte Divina
Telektonon.
“ON” è l’ottavo stadio della Via dell’Esercitare il Potere, 16° fascio stellare, la Consapevolezza
Cosmica Invoca il Manitù Planetario CA (Cosmic Awareness, Consapevolezza Cosmica), il
Cervello Galattico in Terra: 2013, Cielo in Terra. Questo avviene nell’Onda Incantata del
Guerriero (Saturno SP, 16ª onda), in cui radializziamo i tunnel che collegano Cielo e Terra.
Qui, le armoniche del cubo divengono inseparabili dall’attivazione cromocellulare.
Quest’anno segna anche l’ingresso nella sedicesima ed ultima posizione finale del cubo nel
grande Telektonon: l’Intelligenza del Cubo del Guerriero – Camelot realizzata nel Castello
Giallo del Sud, Corte del Dare.
Camelot Galattica o Shambhala rappresenta il regno mitico quadri-dimensionale in cui vera
lealtà, comprensione e servizio sono completamente ristabiliti sulla Terra. In questo ciclo di
Camelot, la redenzione universale diventa la via dell’evoluzione.
Nota: nelle pratiche dell’ordine sincronico delle 20 Tavole della Legge del Tempo e del
7:7::7:7 ci sono le definizioni delle Ultime Sette Lune dei 13 baktun, della Luna Fuori dal
Tempo, e delle sette Lune Mistiche. Queste ultime derivano dalle 20 Tavole della Legge del
Tempo, che definiscono un ciclo di 208 Lune o 832 settimane che corrispondono alle 832 per-
mutazioni in 13 stadi dei 64 codoni (esagrammi dello I Ching) del DNA: 64 x 13 = 832 = 16 x
52. Le 832 permutazioni sono esattamente lo stesso numero di settimane nel ciclo di 16 anni
che ebbe inizio il 26 luglio 1997, per terminare il 25 luglio 2013.
Il senso ultimo dell’impegnarsi telepaticamente nelle 20 Tavole consiste nel riportarci in un
9
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 10

punto in cui siamo già stati prima – solo che questa volta, invece di essere colpiti dal raggio
12:60, siamo portati attraverso la Storia, redenti e battezzati nel Nuovo Tempo, e ci viene data
l’opportunità di agganciare un universo parallelo.
In questo modo, le 20 Tavole definiscono un programma di 16 anni per dotare gli umani di
un sistema per riorganizzare le loro vite e le loro menti in accordo con l’ordine sincronico del
tempo quadri-dimensionale.
“Raccogliendo la trama della nona tessitura di Bolon Ik, la visione del Corpo Lha di
Conoscenza Primordiale, Io dichiaro: per il mio potere di Intelligenza del Guerriero e per la
lettera mistica “R”, possa il Ponte Arcobaleno della Profezia essere realizzato come
Excalibur, i Nove Signori del Tempo senza paura! Possano i 144.000 prendere il comando e
possa UR prevalere come Cielo in Terra!”

NOTA SULLA POSIZIONE NEL CUBO DELLE 20 TAVOLE


Nelle 20 tavole dei Sedici Anni del Cubo della Legge siamo nella posizione n.16
(Guerriero), quarto e ultimo stadio dell’Altare Mistico.

LA MEDITAZIONE DELLA MENTE NATURALE


La pratica per il risveglio della mente naturale è straordinariamente semplice. è la
forma ed esperienza più umana che si possa avere, ed è al contempo il luogo della dignità
naturale. Tutti possono farla. Dobbiamo solo sederci e stare tranquilli. La maniera natura-
le è sedersi per terra, su un cuscino comodo e stabile, in modo da tenere le spina dorsale
eretta e di stare seduti con le gambe incrociate. Sedersi a terra in questo modo, su un cusci-
no, è la posizione più naturale. Se tuttavia, per qualsiasi motivo, ciò non fosse possibile,
allora va bene anche sedersi su una sedia, con i piedi saldamente poggiati al suolo e la
schiena dritta, senza adagiarsi allo schienale della sedia.
Mantenere eretta la spina dorsale significa già di per sè risvegliarsi e rimanere svegli.
Il mento leggermente tendente verso il basso, gli occhi socchiusi, con lo sguardo fisso sulla
punta del naso, verso il suolo di fronte a noi. Gli occhi si tengono aperti per evitare di
addormentarsi, o di sconfinare nel regno della fantasia – il che succede facilmente quan-
do gli occhi sono chiusi. Il punto non è sfuggire alla realtà, me vedere e sperimentare la
mente naturale, senza agire in alcun modo su di essa. Le mani comodamente appoggiate
sulle ginocchia, con i palmi rivolti verso il basso. Questa è la posizione naturale di un esse-
re umano sveglio e presente. Mentre siamo seduti, controlliamo la postura: la spina dorsa-
le deve essere eretta, deve sostenerci. La capacità di fare questo è ciò che distingue l’esse-
re umano da praticamente qualunque altro animale. Attenzione alla postura!
Ora, in questa posizione, non bisogna fare nient’altro se non osservare la propria respi-
razione. Respiriamo normalmente. Quando diveniamo più coscienti dei nostri pensieri – a
prescindere dalla natura o dal contenuto dei pensieri – dobbiamo semplicemente etichet-
tarli come “pensieri” – e, nell’esalare, dissolverli. Nell’istante immediatamente preceden-
te all’esalazione, proprio quando il pensiero viene dissolto, lì si trova la “breccia” tra i pen-
sieri. Occorre imparare a riconoscere, coltivare e prendere dimestichezza con questa brec-
cia. è il seme della mente naturale, la chiave del nostro vero e autentico sè.

Cerchiamo di mantenere l’esercizio per 45 minuti circa, o un’ora. Dobbiamo giungere


alla realizzazione che, semplicemente mantenendo questa posizione, e a prescindere da
quello che sta succedendo nella nostra mente, siamo pace. Stiamo resistendo agli impulsi
dei pensieri non esaminati, che ci spingono a fare cose, mentre rimaniamo in una posizio-
10
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 11

ne completamente non aggressiva. Immaginiamo che tutti sul pianeta facciano questo per
un’ora, ogni mattina, prima di iniziare la propria giornata. Non credete che tutto il piane-
ta starebbe in pace?
è necessario insistere sull’importanza di mantenere questa posizione – è il 99% della
pratica dell’esperienza della mente naturale, poiché questo è realmente l’unico modo in cui
possiamo sperimentare la nostra mente naturale. Se non sappiamo che cos’è la mente
naturale, non possiamo dire di essere nel tempo naturale. D’altra parte, si può affermare
che sperimentiamo la mente naturale quando guidiamo un’automobile, realizziamo lavori
di artigianato, giochiamo, facciamo giardinaggio – il che è probabilmente vero. Tuttavia,
mentre siamo impegnati in queste attività, a volte siamo preoccupati per qualcosa. Non
stiamo veramente dedicando tutto il nostro essere a sperimentare direttamente la natura
della nostra mente e del nostro sé originario – escludendo tutto il resto. Questo è precisa-
mente il punto di questo esercizio: avere la pura, essenziale esperienza di vedere la propria
mente – questo, e nient’altro.

La rappresentazione di uomini-scimmia nell’iconografia Maya (qui a Copan)


richiama la figura di Hanuman, il Re delle Scimmie della tradizione induista,
generalmente ritratto armato di una pesante mazza.

11
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:00 Pagina 12

L’ONDA INCANTATA - IL POTERE DEL 13


Ogni luna è collegata alle altre in una progressione armonica a 13 fasi, detta ‘onda incan-
tata’. In questa scala musicale dell’onda incantata, ogni luna corrisponde ad un tono. Puoi
usare i toni e l’onda incantata per pianificare cosa farai in ogni luna, o anche cosa intendi rea-
lizzare durante tutto l’anno. Ogni tono ha un’energia o funzione. Ad esempio, se formuli l’in-
tenzione nella luna magnetica, o nel tono magnetico di un’onda incantata, puoi seguire que-
st’onda fino alla manifestazione, in un modo che conferisce potere alle tue azioni e ai tuoi pen-
sieri grazie al modello armonico del tempo naturale. Questa può essere un’esperienza molto
potente. Seguendo un’onda incantata, tono dopo tono, per 13 giorni, puoi creare quest’espe-
rienza per te stesso. Provaci. Entrando nella forma d’onda del tempo naturale, possiamo ini-
ziare a renderci conto di quanto il ritmo del tempo meccanico influenzi il nostro comporta-
mento. Prova a vedere come ci si sente ad entrare in sintonia con te stesso e con la natura!
Un’onda incantata di 13 Lune prende il nome di ‘Onda Incantata del Servizio Planetario’.
L’obiettivo, nel seguire questa progressione, è quello di unificare la nostra mente collettiva, il
nostro spirito e la nostra volontà. Le domande da porci in ogni luna sono:
Luna Magnetica del Proposito: Qual è il mio proposito annuale?
Luna Lunare della Sfida: Qual è la mia sfida?
Luna Elettrica del Servizio: Come posso servire meglio?
Luna Autoesistente della Forma: Qual è la forma dell’azione?
Luna Intonante della Radianza: Come posso irradiare il comando?
Luna Ritmica dell’Uguaglianza: Come posso organizzarmi per l’uguaglianza?
Luna Risonante della Sintonia: Come posso armonizzare il mio servizio?
Luna Galattica dell’Integrità: Vivo davvero ciò in cui credo?
Luna Solare dell’Intenzione: Come posso raggiungere il mio proposito?
Luna Planetaria della Manifestazione:
Come posso perfezionare ciò che faccio?
Stabilisce la base dell’azione

Converte l’azione

Luna Spettrale della Liberazione:


Come posso liberarmi e lasciar andare?
Luna Cristallo della Cooperazione:
Come posso consacrarmi a tutto ciò che vive?
Luna Cosmica della Presenza:
Come posso espandere la mia gioia ed il
mio amore?

Estende il ritmo dell’azione


12
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 13

COME CALCOLARE LA PROPRIA IDENTITà GALATTICA


Per trovare l’identità galattica di nascita si usa la Bussola Galattica contenuta nel
Dreamspell (L’Incantesimo del Sogno) – Il Viaggio della Nave del Tempo Terra 2013,
pub-blicato in italiano da WIP Edizioni nell’autunno del 2003.
Esistono delle tabelle, pubblicate in diversi Paesi, che facilitano i calcoli relativi, es. for-
nendo le identità galattiche del primo giorno di ogni mese degli ultimi 100 anni.
Ci asteniamo deliberatamente dal pubblicare tali tabelle poiché questi strumenti, al di
là delle loro nobili intenzioni, finiscono col far perdere l’abitudine di usare la Bussola
Galattica del Dreamspell e ostacolano la comprensione della MATEMAGICA Maya.
Tuttavia diamo qui le istruzioni per risalire all’identità galattica di nascita a partire dal-
l’identità galattica del compleanno solare di quest’anno. Questo sistema di calcolo si basa
sul fatto che, nei 52 anni del Castello del Destino (quindi nei cicli di 52 anni della propria
vita), ognuno di noi assume l’identità galattica risultante dalla combinazione di uno dei 4
sigilli solari della propria famiglia terrestre di appartenenza (vedi penultima pagina del
Calendario a colori), in successione, con uno dei 13 toni galattici, in sequenza da 1 a 13. Ciò
comporta che, ogni 4 anni, ognuno di noi torni ad assumere l’identità galattica del proprio
segno solare di nascita (dunque al compimento di un numero di anni che sia un multiplo di
4), mentre ritorniamo ad assumere il nostro tono galattico di nascita ogni 13 anni (quindi
al compimento di anni multipli di 13). La nostra identità galattica di nascita (segno e tono)
si ripete nel giorno del nostro compleanno solare solo al compimento del 52° anno di età, e
poi al 104°.
Esempio: una persona che festeggi il proprio compleanno il giorno di Natale 2012,
assumerà per un anno l’identità e la missione karmica della Scimmia Elettrica Blu (tono 3).
Sapendo quanti anni compie questa persona, possiamo calcolare la sua identità galattica di
nascita:
SEGNO SOLARE: se si compie un numero di anni pari ad un multiplo di 4, il segno
solare di nascita sarà lo stesso del compleanno attuale (es. chi compie 4, 8, 12, 16, 24, 28,
32, 36, 40 anni, ecc.), cioè, nel ns. esempio, Scimmia Blu.
Poiché negli altri compleanni anni il segno solare può variare soltanto tra i segni della
stessa famiglia terrestre (vedi penultima pagina del Sincronario - nel ns. esempio, tra i segni
della Famiglia Cardinale, cioè Drago Rosso, Allacciatore dei Mondi Bianco, Scimmia Blu e
Guerriero Giallo), chi compie un numero di anni pari ad un multiplo di 4 + 1 (es. 25, 29, 33,
37, 41, ecc.) sarà del segno precedente della stessa famiglia (nel ns. esempio, Allacciatore dei
Mondi Bianco); se il numero di anni compiuti sarà pari ad un multiplo di 4 + 2 (es. 26, 30,
34, 38, 42, ecc.), il segno solare di nascita sarà l’antipode, cioè il secondo successivo - o pre-
cedente - della stessa famiglia (nel ns. esempio, Drago Rosso); se infine il numero di anni
compiuti sarà pari ad un multiplo di 4 + 3 (es. 27, 31, 35, 39, 43, ecc.), il segno solare di
nascita sarà quello successivo della stessa famiglia (nel ns. esempio, Guerriero Giallo).
TONO GALATTICO: se si compie un numero di anni pari a 13 o ad un suo multiplo (26,
39, 52, 65, 78, 91, 104, ecc.), il tono galattico di nascita sarà lo stesso del giorno del comple-
anno (nel ns. esempio, il tono 3, Elettrico).
Con lo stesso metodo di cui sopra, basterà conoscere il numero di anni compiuti per
risalire al tono galattico di nascita: se si compie un numero di anni pari a 13 o un suo mul-
tiplo + 1 (es. 14, 27, 40, 53, 66, ecc.), il tono galattico di nascita sarà quello precedente a
quello del compleanno (nel ns. esempio, tono 2, Lunare); se il numero di anni compiuti è
pari a 13 o un suo multiplo + 2 (es. 15, 28, 41, 54, 67, ecc.), il tono galattico di nascita sarà
il secondo precedente a quello del compleanno (nel ns. esempio, tono 1, Magnetico); se il
numero di anni compiuti è pari a 13 o un suo multiplo + 3 (es. 16, 29, 42, 55, 68, ecc.), il
tono galattico di nascita sarà il terzo precedente a quello del compleanno (nel ns. esempio,
tono 13, Cosmico), e così via; se il numero di anni compiuti è pari a 13 o un suo multiplo
meno 1 (es. 12, 25, 38, 51, 64, ecc.), il tono galattico di nascita sarà quello successivo a quel-
lo del compleanno (nel ns. esempio, tono 4, Autoesistente); se si compie un numero di anni
pari ad un multiplo di 13 meno 2 (es. 11, 24, 37, 50, 63, ecc.), il tono galattico di nascita sarà
il secondo successivo a quello del compleanno (nel ns. esempio, tono 5, Intonante); se si
compie un numero di anni pari ad un multiplo di 13 meno 3 (es. 10, 23, 36, 49, 62, ecc.), il
tono galattico di nascita sarà il terzo successivo a quello del compleanno (nel ns. esempio,
tono 6, Ritmico), e così via.
13
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 14

14
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 15

15
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 16

L E 2 0 T R I B ù S O LA RI
0 / 2 0 – S O L E G I A L L O – AHAU Illumina - Fuoco Universale - Vita
Plutone Sud : Matura Chakra della Corona, pollice destro
Il Sole, nostra stella, centro dell’eliocosmo, è la fonte primaria di calore, luce e vita.
Ruotando in spirali continue nello spazio, intorno a questa palla di fuoco, realizziamo che il Sole
è la chiave della nostra evoluzione su questo pianeta; i suoi raggi di luce ci portano informazio-
ne galattica tesa a favorire l’illuminazione. Onoriamo il Sole anche come nostra fiamma interio-
re, fonte costante di chiarezza, speranza ed ispirazione, che illumina il cammino dorato e ci guida
su di esso. Celebriamo il fuoco universale, che brucia senza fine e vive nel cuore di tutti.
1 – D R A G O R O S S O – IMIX Nutre - Nascita - Essere
Nettuno Est : Inizia Chakra della Gola, indice destro
Il Drago è la creatura primordiale che ci invita ad addentrarci nelle energie della Terra, a
tornare alla Fonte e a ricordare la nostra comune origine come esseri della Terra: Grande Madre,
nutrice, si cura di tutti noi. Entrando in uno spazio di auto-nutrimento e fiducia nel fatto che le
nostre necessità saranno soddisfatte, l’Universo fornisce tutta l’energia necessaria per sostener-
ci. Rendiamo grazie per i bisogni che sostengono la nostra esistenza, permettendoci di essere.
Troviamo il luogo in cui siamo in pace con la semplicità dell’essere e siamo riconoscenti per ogni
nuovo momento, così come viene. Divertiamoci nella scoperta del nostro processo di nascita
creativa, celebrando ogni creazione come un’espressione ispirata di vita.
2 – V E N T O B I A N C O – IK Comunica - Spirito - Respiro
Urano Nord : Raffina Chakra del Cuore, medio destro
Il vento è il respiro della vita, l’aria che tutti respiriamo come una sola famiglia planeta-
ria; le correnti che viaggiano nella nostra atmosfera, trasportando semi per lunghe distanze,
affinché possano raggiungere terreni fertili; la forza invisibile che porta vita e movimento.
Respiro più vibrazione uguale suono. Quando la voce articola la vibrazione, si formano le
parole e nasce la comunicazione. Allo stesso modo il vento, fischiando tra i rami degli alberi,
ululando nella notte o sussurrando dolcemente, diviene messaggero dello spirito. Torna al tuo
respiro e guarda quanta ispirazione ti attende nella calma interiore. Lascia che l’ispirazione di
ogni respiro raffini il tuo collegamento con lo Spirito. Rilassati, lascia andare, liberati... Lascia
che il vento porti il tuo spirito, mentre apri le ali e voli.

3 – N O T T E B L U – AKBAL Sogna - Abbondanza - Intuizione


Saturno Ovest : Trasforma Chakra del Plesso Solare, anulare destro
La notte è l’utero oscuro, protetto, in cui avviene il sogno e prevale l’intuizione. è il pozzo
della guida interiore, che ci parla attraverso i sentimenti, i sensi, o può giungerci anche in
flash d’immaginazione fantastica. è il regno del Grande Mistero, che informa le nostre intui-
zioni ed il nostro ispirato tempo del sogno. Da questo spazio, in cui all’immaginazione è per-
messo di regnare liberamente ed ai nostri sogni viene data piena forza, proviene la liberazio-
ne dell’abbondanza. Diventa guardiano del sogno planetario, la cui trama è intessuta con le
speranze e i desideri di tutti i bambini della Terra, delle generazioni passate, presenti e futu-
re. Sogna, immagina, e credi... Confida nella tua intuizione affinché ti guidi nel cammino.

4 – S E M E G I A L L O – KAN Focalizza - Fioritura - Consapevolezza


Giove Sud : Matura Chakra della Radice, mignolo destro
Il Seme custodisce, nel suo nucleo essenziale, la consapevolezza del proprio potenziale;
cerca le condizioni ideali per accrescere la propria evoluzione verso la fase di fioritura e frut-
tuosa maturità. Sintonizzandoti con la consapevolezza del tuo potenziale e di quali sono gli
elementi che sostengono la tua crescita, anche tu puoi mettere a fuoco che cosa desideri col-
16
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 17

tivare nella tua vita. Semina i tuoi progetti creativi nella terra più fertile che tu possa trovare;
nutrili, e permetti loro di giungere a fioritura; onora il tuo giardino sacro come te stesso;
ricorda che nel seme vi è l’impronta olografica di tutto il raccolto. Per piccolo che possa esse-
re, il tuo seme può realizzare il tuo potenziale interno superiore. Metti a fuoco i tuoi obiettivi
con attenzione, agisci in modo da favorire la crescita, ed anche tu fiorirai!

5 – S E R P E N T E R O S S O – CHICCHAN Sopravvive - Istinto - Forza vitale


Maldek Est : Inizia Chakra della Corona, alluce destro
Il serpente si muove ondulando, ventre a terra, in modo fluido verso la sua destinazione.
Sintonizzandoci al nostro collegamento terreno istintivo, diamo vita all’energia del serpente
interiore. Accrescendo la nostra kundalini, la forza vitale dentro di noi, e lasciando che l’ener-
gia si muova in spirali dal nostro collegamento radice alla terra, su verso la spina dorsale,
prendono vita i nostri istinti primari ed i nostri sensi. Questa accresciuta sensitività dei sensi
e l’impulso istintivo risvegliato ci donano il discernimento e la capacità di reagire rapidamen-
te agli stimoli, ciò che è necessario alla sopravvivenza. è la circolazione continua di questa
vitalità che ci dà la perseveranza di passare da una sfida all’altra, e di realizzare i nostri fini
evolutivi. Danza il serpente, portalo in vita. Celebra l’energia vitale di tutta la vita, lo spirito
della sensualità e della sacralità dell’intimità. Onora il corpo come un tempio dedicato alla
crescita dello spirito, ed il tuo potere sessuale del serpente ti assicurerà tutta la forza vitale
necessaria.

6 – A L L A C C I A T O R E D E I M O N D I B I A N C O – CIMI
Uguaglia - Morte - Opportunità
Marte Nord : Raffina Chakra della Gola, secondo dito del piede destro
L’Allacciatore dei Mondi sostiene il velo tra i regni della vita e della morte, presentando
le opportunità che si nascondono dietro la nostra esistenza quotidiana così come la conoscia-
mo. Surfando tra mondi, passato, presente e futuro, possiamo avere un barlume di ciò che
diviene possibile quando si stabiliscono i necessari contatti tra questi mondi diversi. Quando
ci abbandoniamo alla morte di una particolare forma di essere, di vecchi concetti o modelli,
permettiamo la ri-creazione di noi stessi, così come del mondo attorno a noi, in una forma
nuova, ispirata. Sul nostro pianeta esiste un ciclo naturale di morte e rinascita, allo scopo di
equalizzare il tutto, che ci rende consapevoli di quanto sono preziose le risorse necessarie al
mantenimento della vita. Lasciando andare ciò che, dentro di noi, non serve più, permettia-
mo all’energia di liberarsi e di rinnovarsi, portando equilibrio nelle nostre vite e generando
nuove opportunità.

7 – M A N O B L U – MANIK Conosce - Realizza - Guarigione


Terra Ovest : Trasforma Chakra del Cuore, dito medio del piede destro
è grazie alle nostre mani che abbiamo modo di realizzare, modellando i nostri sogni in
forma fisica. Quando cerchiamo di realizzare il servizio verso la Terra e verso tutti gli esseri
viventi, ogni azione diventa un atto di guarigione. Questo processo di guarigione - una medi-
tazione trasformativa in azione - inizia dal sé e irradia verso l’esterno, raggiungendo chi si
trova vicino a noi, ed aiutando costoro a guarire, così come tutto il pianeta. La mano sa, gra-
zie alla sua sensibilità all’energia, dove e quando è richiesta la guarigione, portando conforto
e sollievo al dolore, grazie al potere del contatto della mano. Sintonizzati con la tua conoscen-
za interiore, affinché ti guidi dove è richiesta l’energia di guarigione nella tua vita, portando
la tua consapevolezza su quegli aspetti che hanno bisogno di cura, attenzione o abbandono, in
modo da poter realizzare pienamente te stesso.

17
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 18

8 – S T E L L A G I A L L A – LAMAT Infonde Bellezza - Arte - Eleganza


Venere Sud : Matura Chakra del plesso solare,
penultimo dito del piede destro
La stella dimostra l’irradiazione della bellezza con la sua presenza piena d’arte. Arte, nel
senso più ampio della parola, è ogni espressione cosciente dei cicli e processi della creazione
- che si tratti di un albero, un fiore, una ragnatela, una danza, una canzone... La stella mostra
la sua innata brillantezza con eleganza e naturalezza. Permettendo a te stesso di brillare, la tua
arte - essendo un’espressione genuina del cuore - ispirerà i molti che percepiranno la tua luce,
anche a grande distanza. Ricorda che tu stesso sei un’opera d’arte. Sii elegante ed espressivo,
e potrai danzare con la vita come la Stella danza con la galassia.

9 – L U N A R O S S A – MULUC Purifica - Acque Universali - Flusso


Mercurio Est : Inizia Chakra della Radice, Mignolo del piede destro
La luna governa molti cicli, i flussi e riflussi dell’acqua, la fertilità e le emozioni sul nostro
pianeta. Governa le maree, il modo in cui le piante crescono ed estraggono il nutrimento dal
terreno, il ciclo mestruale femminile. In tutte queste fasi di tutti questi cicli vi è un processo
di iniziazione, purificazione e completamento, che si ripete e si rinnova continuamente. Le
onde sommergono la spiaggia con la marea, lasciandola liscia e ripulita, proprio come la luna
piena porta un flusso di emozioni ed energia, in modo che possa essere liberato e ripulito. La
luna ci chiama a celebrare tutti i procesi dell’Acqua Universale. Abbandonati al flusso...
Permetti a te stesso di farti portare e sostenere dalle acque della vita. Sarai pieno, e poi vuoto
- sarai purificato.

1 0 – C A N E B I A N C O – OC Ama - Cuore - Fedeltà


Mercurio Nord : Raffina Chakra della Corona, pollice sinistro
Il cane è la creatura che ama, il suo cuore è completamente aperto. Dagli la tua attenzio-
ne ed il tuo affetto, e sarà il tuo compagno fedele per tutta la vita. Il cane ama senza limitazio-
ni né aspettative. Ci ricorda che l’amore nasce nei nostri cuori, con l’auto-amore e l’auto-
accettazione, e poi naturalmente si espande all’esterno, per essere condiviso con gli altri.
Quando siamo felici con noi stessi, diventiamo esempi viventi di incarnazione dell’amore
incondizionato, amore che abbraccia tutti gli esseri, senza discriminazioni. Pratica la lealtà e
la compassione verso chi ti è vicino. Apri il tuo cuore. Abbraccia i cuori di tutti. Guarda a loro
come ad un’entità unificata, in risonanza con il cristallo che è al centro del nostro pianeta.
Laddove il mio cuore incontra il tuo cuore, c’è in realtà un solo Cuore.

1 1 – S C I M M I A B L U – CHUEN Gioca - Illusione - Magia


Venere Ovest : Trasforma Chakra della Gola, indice sinistro
La scimmia vuole giocare. è il giocherellone, l’illusionista, il jolly. La scimmia c’insegna a
non prendere la vita troppo sul serio, a trovare il lato umoristico di ogni situazione e a rico-
noscere la natura del gioco cosmico. Ridere, in ultima analisi, è guarire. Nella magia della
scimmia c’è molto di più di quanto possa apparire: ha il coraggio di sorridere di fronte ad una
situazione avversa; prende le cose alla leggera. Se abbiamo dimenticato di giocare con la vita,
possiamo essere certi che la Scimmia verrà a ricordarcelo! Se facciamo un progetto nel gior-
no della scimmia, è meglio essere pronti ad una bella risata quando si realizzaerà. Aspettati
l’inaspettato, specialmente a proposito degli avvenimenti magici. Trova la Scimmia dentro di
te, affinché ti faccia il solletico, e ti ricordi quanto può essere divertente la vita!

1 2 – U M A N O G I A L L O – EB Influenza - Libero Arbitrio - Saggezza


Terra Sud : Matura Chakra del Cuore, medio sinistro
La specialità dell’umano è la scelta. Il nostro libero arbitrio ci permette di esprimere le

18
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 19

nostre scelte: è così che apprende l’umano, per tentativi ed errori, sperimentando. Tuttavia,
non tutti i nostri esperimenti hanno successo, o sono piacevoli; alcuni possono essere doloro-
si. è importante scegliere con saggezza, il dono unico concesso all’umano nella ruota di medi-
cina della vita. Le nostre scelte influenzano le nostre stesse vite e le vite degli altri, più di
quanto noi stessi possiamo credere. Il libero arbitrio è l’essenza della vita umana, ma il para-
dosso è che se non esercitiamo la nostra saggezza, potremmo trovarci a non aver scelta. Chiedi
alla saggezza dell’Umano di influenzare le tue scelte, affinché le cose possano andare meglio.
Può essere difficile essere saggi, ma tutti possiamo imparare dai nostri errori e da quelli altrui,
per rendere più agevole il viaggio. Dopo tutto, siamo solo umani.

1 3 – V I A N D A N T E D E L C I E L O R O S S O – BEN
Esplora - Attenzione - Profezia
Marte Est : Inizia Chakra del Plesso Solare, anulare sinistro
Il Viandante del Cielo esplora. è l’eterno viaggiatore, i cui alleati sono le quattro direzio-
ni. Fa da collegamento tra il cielo e la terra, è il canale per la manifestazione celeste in terra.
è un conduttore di energia, il collegamento con il circuito divino che porta il risveglio della
coscienza. L’attenzione è l’irradiazione del Viandante del Cielo, qui ed ora. Praticando l’atten-
zione nella nostra esplorazione della vita, possiamo divenire incarnazione vivente della pro-
fezia. La profezia è informazione biologicamente attiva; il Viandante può attivare coloro che
gli sono vicini, portando a terra questa corrente celeste. Vivi la tua profezia e attiva la tua bio-
logia. Risvegliati!

1 4 – M A G O B I A N C O – IX Incanta - Atemporalità - Ricettività


Maldek Nord : Raffina Chakra della Radice, mignolo sinistro
Il Mago ha imparato il segreto dell’atemporalità. Nell’incessante meditazione del tempo
noi possiamo trovare il nostro centro e raggiungere un luogo incantato, il luogo della pura
magia, in cui possiamo pronunciare un incantesimo per ogni aspetto della nostra vita. Ogni
cosa che succede nel nostro mondo è sacra, se siamo ricettivi alle molteplici forme della mani-
festazione divina. La meditazione del mago è uno stato di trance lucido, in cui si possono
vedere tutte queste forme ed incantare quelle che servono il proposito superiore. Per vivere
questa magia ogni giorno dobbiamo perseverare nel cammino, consacrarci alla verità ed esse-
re aperti e ricettivi in ogni momento. Il mago parla con parole che hanno potere. Usa le tue
parole con saggezza, ed anche tu potrai vivere un’esistenza incantata. Entra in trance nel-
l’atemporalità, e troverai il tuo mago interiore.

1 5 – A Q U I L A B L U – MEN Crea - Visione - Mente


Giove Ovest : Trasforma Chakra della Corona, alluce sinistro
L’aquila vola alta nel cielo e vede tutto da lontano, in un’ampia prospettiva. Usa il tuo
potere di visione dell’aquila per trovare la chiarezza nella tua mente, dando uno sguardo d’in-
sieme alla tua situazione attuale. Nel contemplare tutte le tessere del puzzle, avrai una mag-
gior comprensione di ciò che è necessario per creare una visione globale. Quando sei sintoniz-
zato alla mente collettiva, la capacità di avere una prospettiva globale rafforza la tua creativi-
tà, e le tue creazioni assumono un nuovo significato ed una nuova intensità. Vola alto...
Veleggia sulle ali dell’aquila, e non ti dibatterai più nelle strettoie materiali della terza dimen-
sione. Permetti a te stesso di essere un visionario! Sii creativo! Eleva la tua mente!

1 6 – G U E R R I E R O G I A L L O – CJB Interroga - Intelligenza - Coraggio


Saturno Sud : Matura Chakra della Gola, secondo dito
del piede sinistro
La qualità del guerriero è l’intelligenza. Il guerriero spirituale non è un soldato, ma colui
che impegna il suo intelletto per discernere ciò che è utile nel mondo; la sua spada è la sua
19
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 20

mente. Ha la disciplina necessaria per spezzare tutte le illusioni e tutto ciò che, pur apparen-
do reale, è falso. Essere coraggiosi non significa non avere paura, ma agire nonostante la
paura. La paura è il carburante del guerriero sacro: egli deve usarla per compiere la sua ricer-
ca. Come i cavalieri Arturiani della tavola rotonda, è alla ricerca del sacro Graal della verità;
ciò può essere ottenuto soltanto interrogando, senza timore, ogni aspetto della realtà. Nessun
principio, idea o dogma devono essere accettati senza essere prima esaminati. Incomincia a
porti le giuste domande nella vita, ed il tuo guerriero interiore ti porterà alle risposte giuste.

17 – TERRA R O S S A – CABAN Evolve - Navigazione - Sincronicità


Urano Est : Inizia Chakra del Cuore, dito medio
del piede sinistro
La Terra è un essere vivente, un insieme; noi non esistiamo su di lei - siamo sue espres-
sioni. In quanto tali, non siamo altro che aspetti del suo essere. Ogni singolo aspetto è parte
di qualcosa di più grande. Lei ci organizza in modi sottili. Uscendo dalle illusioni della limita-
zione e della separazione, troviamo significato nelle sincronicità. Tutte le sincronicità hanno
luogo nel suo corpo generoso. Lei sogna la nostra esistenza; noi siamo la sua evoluzione.
Sapendo questo, possiamo navigare nella sua matrice. Ogni segno che ci viene inviato sul
cammino avrà un senso se usciamo dalla nostra separazione con lei, ed accettiamo il suo
piano divino. La nostra evoluzione non è separata dalla sua. Siamo una sola cosa.
Abbandonati alla sua sincronicità e potrai navigare sulla Terra con naturalezza. Ascolta i suoi
messaggi: il cuore della Terra, il suo nucleo di cristallo, ci chiama ogni giorno.

1 8 – S P E C C H I O B I A N C O – ETZNAB Riflette - Ciò che è Senza Fine - Ordine


Nettuno Nord : Raffina Chakra del Plesso Solare, quarto dito
del piede sinistro
Questo specchio è ben più di una riflessione statica; è una sala degli specchi che porta a
ciò che è senza fine. Le miriadi di galassie del nostro universo vagano nello spazio visibile, e
l’ordine è dappertutto, anche al di là di dove giunge il nostro occhio. Lo specchio riflette l’or-
dine di ciò che non ha fine, l’ordine naturale dell’universo - abbondante in ogni direzione,
irradiante da ogni centro verso la perfezione senza fine. Mettendo a fuoco questa riflessione
multidimensionale, possiamo osservare ogni aspetto di noi stessi; possiamo diventare il
nostro stesso riflesso, rifletterci verso gli altri. Insieme, possiamo riflettere infinitamente,
possiamo diventare specchio dell’infinito universo. Non avere paura di guardare nello spec-
chio, non vi è giudizio nella sua riflessione. è lo specchio delle possibilità senza fine. Se ciò
che vedi non ti piace, guarda ancora.

1 9 – T E M P E S T A B L U – CAUAC Catalizza - Auto-generazione - Energia


Plutone Ovest : Trasforma Chakra della Radice, mignolo
del piede sinistro
La tempesta è una delle espressioni naturali di energia più pure: il suo impatto raggiun-
ge tutti, imponendo rispetto ed umiltà. Tuttavia, le radici della tempesta sono umili: sempli-
ci gocce di pioggia; l’evaporazione dagli oceani si accumula fino a che si combina con la forza
del vento, producendo qualcosa di poderoso e trasformativo. è una lezione per noi, se voglia-
mo abbracciare l’energia della tempesta. Cerca il centro della tempesta. Resta calmo, mentre
tutto cambia attorno a te. Resta fermo, mentre tutto intorno a te si sta trasformando. Più forte
è l’energia della tempesta, più è importante rimanere centrati; quando siamo centrati siamo
in grado di catalizzare grandi cambiamenti, apparentemente senza agire. Sii auto-generante,
proprio come la tempesta che ritorna al mare. Sii responsabile della tua energia: grandi cose
sono possibili grazie alla tempesta. Non perdere il tuo centro, o finirai bagnato fradicio!

20
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 21

I 13 TONI GALATTICI DELLA CREAZIONE


1 – HUN - T O N O M A G N E T I C O d e l P r o p o s i t o - Unifica, Attrae, Proposito
Il processo di tutta la creazione incomincia ed è tutt’uno con la Fonte. Da questa unità
deriva l’unificazione del proposito superiore. Quando il proposito è identificato in unione con
la Terra e con la Fonte di tutta la vita, diviene magnetico, ed attrae a sé tutta l’energia e le
risorse necessarie alla sua realizzazione. Questo è di per se stesso un atto unificante - una cele-
brazione dell’unità di tutta la vita e dell’energia creativa che ci spinge tutti ad evolvere come
un insieme unificato.

2 – KA - T O N O L U N A R E d e l l a S f i d a -Polarizza, Stabilizza, Sfida


Dall’unificazione del proposito deriva la stabilizzazione della polarità. La natura del
nostro universo è tale che la polarizzazione è una fase necessaria nel processo della creazio-
ne, un’espansione dell’uno in due estremi polari. Espresso come Nord/Sud, yin/yang,
maschile/femminile, o altri aspetti della polarizzazione del sé, il tono lunare richiama ad una
stabilizzazione di questi aspetti dentro di noi. In una data situazione, la polarizzazione tra i
due estremi ci permette di identificare la sfida, riconoscendo che i due aspetti non sono buoni
né cattivi, ma ci aiutano semplicemente ad equilibrarci a vicenda, nell’equilibrio assoluto del
tutto. Contemplando gli aspetti polari del sé, ed abbracciando la sfida, vi è così una base da
cui possono svilupparsi la crescita e la creatività.

3 – OX - T O N O E L E T T R I C O d e l S e r v i z i o - Attiva, Vincola, Servizio


Dalla stabilizzazione della polarità deriva l’attivazione del servizio. Nasce una terza,
nuova forma creativa che ha l’energia dinamica di una corrente elettrica o della forza vitale
universale, che trova la sua canalizzazione creativa nel servizio. Insieme alla Fonte Unica e
con l’energia collettiva della famiglia planetaria, i doni e le abilità di ognuno di noi vengono
messi a buon frutto, in modo che siano la Terra e tutti gli esseri viventi a beneficiarne. è un’at-
tivazione di vasta portata, con il microcosmo ed il macrocosmo che si sostengono reciproca-
mente in modo che se qualcuno influenza il mondo esterno con energia creativa positiva, è
verosimile che si realizzi l’esperienza di un effetto risonante a livello personale. La vera gioia
e la giusta ricompensa vengono dal dare incondizionatamente, per il puro amore dell’essere
al servizio del pianeta.

4 – CAN - T O N O A U T O E S I S T E N T E d e l l a F o r m a - Definisce,
Misura, Forma
All’attivazione del servizio segue la definizione della forma. Tutte le forme nate dal pro-
cesso della creazione sono auto-esistenti, cioè auto-definite, complete di per se stesse, respon-
sabili della propria struttura interna e manifestazione. Con il quarto tono ci viene data l’op-
portunità di portare in esistenza le visioni creative, definendo la forma in cui devono essere
costruite. Quattro è la misura di base nei cicli del tempo naturale, è la struttura che definisce
ogni costrutto naturale. Nell’accettare il potere della forma auto-esistente, ognuno di noi
rivendica il potere di definire la propria realtà.

5 – HO – T O N O I N T O N A N T E d e l l a R a d i a n z a - Rafforza,
Irradia, Comando
Dalla definizione della forma deriva il potere della radianza. La quinta forza porta un tono
armonico che, una volta suonato, rafforza la forma con l’energia dell’espansione radiale. Nel
collegarci con il nostro proprio nucleo radiante di luce, con il sostegno della forza vitale e del-
l’essenza del nostro cuore, possiamo irradiare verso l’esterno, e questo processo produrrà un
auto-rafforzamento naturale. In questo punto, assumere il controllo del processo creativo,
contando sulle proprie abilità e risorse, abbiamo l’opportunità di dare a tutto il processo una
poderosa infusione di energia, che porterà ad una nuova fase dell’evoluzione.

21
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 22

6 – UAC - TO NO R ITM IC O d e ll’ Ugu ag li an z a - Organizza, Bilancia, Uguaglianza


Dal rafforzamento della radianza deriva l’equilibrio dell’uguaglianza. Ancora una volta
siamo di fronte alla sfida di trovare l’equilibrio interiore ed in diverse aree della nostra vita.
La natura ci mostra il perfetto equilibrio all’interno dei ritmi naturali dei cicli vitali, ed è a
questo che dobbiamo guardare per l’integrazione dei nostri ritmi quotidiani. Ciò significa
organizzare la nostra vita in modo tale da restare in equilibrio con noi stessi, nel lavoro come
nel gioco, come nei rapporti. Nel nocciolo di tutti gli atti di equilibrio c’è un’uguaglianza natu-
rale, che può essere raggiunta solo viaggiando dentro di noi, per trovare la fonte dell’autenti-
co equilibrio interiore.

7 – UC –T T O N O R I S O N A N T E d e l l a S i n t o n i a - Canalizza, Ispira, Sintonia


All’equilibrio dell’uguaglianza segue la canalizzazione della sintonia. Al centro del potere
del tredici, il settimo tono è la possibilità di ricevere ispirazione direttamente dalla Fonte, e ci
richiama all’allineamento con i nostri aspetti, sogni, visioni superiori. Nel riconoscere che,
come esseri umani, siamo prodotti della creazione della Fonte della Vita originale, prendiamo
atto che noi stessi siamo canali di questo stesso spirito creativo. Nel divenire consapevoli delle
diverse energie e vibrazioni con cui veniamo in contatto, e che ci influenzano quotidianamen-
te, possiamo accrescere la nostra capacità di discernimento, riconoscendo quali di esse ci ser-
vono, e di quali possiamo fare a meno. Raffinando la nostra sensibilità alle energie risonanti,
si raggiunge uno stato di sintonia e l’ispirazione fluisce liberamente dentro di noi, rendendo-
ci veicoli per la realizzazione del nostro potenziale creativo assoluto.

8 – UAXAC - T O N O G A L A T T I C O d e l l ’ I n t e g r i t à - Armonizza, Modella,


Integrità
Dalla canalizzazione della sintonia deriva l’armonizzazione con integrità. L’ottavo tono
suona l’ottava galattica. Fa appello all’armonizzazione di tutti gli aspetti, persone ed energie
coinvolte in un particolare processo creativo, in base all’integrità. Agire con integrità signifi-
ca far seguire l’azione all’enunciazione, rimanendo in linea con ciò che crediamo essere la
verità superiore, in ogni situazione. Fare da modello per queste qualità richiede una forte con-
vinzione della bontà dell’agire senza ego, al servizio del tutto, ed una determinazione a lavo-
rare su tutti quegli aspetti, interni ed esterni, che hanno bisogno di armonizzazione. Una volta
raggiunta l’armonia, l’insieme collettivo viene elevato ad un nuovo livello di attivazione, e l’in-
terscambio creativo diviene parte del nostro processo dinamico evolutivo.

9 – BOLON - T O N O S O L A R E d e l l ’ I n t e n z i o n e - Pulsa, Realizza, Intenzione


Dal modellare l’integrità deriva la realizzazione dell’intenzione. Nato dalla mente e dallo
spirito, l’intento è visione diretta all’energia e all’azione - un fattore chiave nel rafforzare ogni
processo di manifestazione. Si realizza come pulsazione vibratoria, che viene inviata
all’Universo, comunicando lo scopo, il sogno, e la realizzazione definitiva della visione creati-
va. Nel chiarire il proprio intento e nel metterlo a fuoco in tutte le conseguenti azioni, movi-
menti e sforzi, ciascuno porta dentro di sé l’impronta vibratoria che quella manifestazione
prenderà, imbrigliando l’originaria energia magnetica del proposito.

1 0 – LAHUN - T O N O P L A N E T A R I O d e l l a M a n i f e s t a z i o n e -
Perfeziona, Produce, Manifestazione
Alla realizzazione dell’intenzione segue il perfezionamento della manifestazione. Siamo
qui alla realizzazione del processo creativo, che produce in forma tangibile o fisica il sogno che
era stato seminato. Nel volgere la nostra attenzione al perfezionamento di questa creazione,
ci rendiamo conto che, per quanto giochiamo un ruolo vitale nel produrre ed elaborare le
manifestazioni creative, tutto ciò che è creato, essendo della Terra e provenendo dalla stessa
fonte, in definitiva tutto è perfetto così com’è. Non vi è alcun bisogno di aspettative, o di com-
battere: occorre solo abbandonarsi dolcemente al flusso ed apprezzare il magnifico, stratifica-
to processo della creazione che si svolge ogni giorno sotto i nostri occhi.
22
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 23

1 1 - HUNLAHUN - T O N O S P E T T R A L E d e l l a L i b e r a z i o n e - Dissolve,
Lascia andare, Liberazione
Alla perfezione della manifestazione segue la liberazione. Una volta attualizzata la crea-
zione, occorre lasciar andare tutto ciò che è attaccamento alla forma che ha assunto. Ciò per-
mette alla creazione di generare energia di per se stessa, e di assumere energia con il tono
della liberazione. è anche un’opportunità per dissolvere le strutture esistenti, e tutti quegli
elementi che possano essere di ostacolo al proseguimento del processo in corso. Da questa
dissoluzione deriva una nuova emersione vitale, dovuta a tutte le energie immagazzinate o
stagnanti che sono state liberate. Come in tutti i processi vitali, arriva il momento in cui il vec-
chio da’ luogo al processo di morte e decomposizione, così che l’energia possa essere riciclata
e rigenerata, affinché sia data una nuova possibilità alla vita, in una nuova, brillante forma.

1 2 - KALAHUN - T O N O C R I S T A L L O d e l l a C o o p e r a z i o n e - Consacra,
Universalizza, Cooperazione
Dalla liberazione deriva la consacrazione alla cooperazione. Dopo aver lasciato andare i
vecchi modelli e strutture che non servono più, ora è possibile cristallizzare una nuova forma,
insieme a coloro che sono simili a noi nella mente e nello spirito. è il momento di riunirsi ed
unire le forze per creare una visione che abbia risonanza universale. Impegnandoci genuina-
mente in spirito di cooperazione, in modo che chiunque si senta spinto a devolvere le proprie
energie e risorse ad un sogno o scopo collettivo, il potere della manifestazione generato dal
tutto acquisisce maggior potenza.

1 3 - OXLAHUN - T O N O C O S M I C O d e l l a P r e s e n z a - Presenza, Persevera,


Trascende,
Dalla consacrazione alla cooperazione discende la perseveranza nella presenza. Una volta
passati attraverso tutte le fasi della creazione, giunge il momento in cui va trovata la tranquil-
lità e la calma interiore: la dolce forza della presenza, che dà vita ad un nuovo movimento.
Semplicemente concentrandosi sul momento presente e sul respiro, l’energia può circolare in
modo tale da non esaurirsi mai, rinnovandosi continuamente. In tal modo, il tredicesimo tono
c’insegna il segreto dell’eleganza della perseveranza, nel farci esperire il ‘volo magico’, in cui
l’energia di un ciclo completato torna alla fonte, da cui avrà origine l’onda successiva. Ciò può
essere anche espresso come la trascendenza assoluta, che ci consente di superare le limitazio-
ni e di imbrigliare la forza della forma dinamica della spirale, per evolvere ad un nuovo livel-
lo di comprensione e ad una possibilità di procedere nel nostro viaggio nella creazione.

Sempre a Copan, è ricor-


rente il motivo dell’uomo-
scimmia, peraltro già pre-
sente nelle sculture della
tradizione Olmeca.

23
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 24

IL POTERE DEL 7 - I GIORNI DELLA SETTIMANA ED I CHAKRA


Ciascun giorno della settimana è rappresentato da un simbolo universale, detto anche ‘plasma radia-
le’. Fondamentalmente, ognuno di essi identifica un giorno della settimana; idealmente, essi vanno usati
nelle meditazioni. Ogni simbolo corrisponde anche ad uno dei sette chakra o centri energetici del corpo.
Meditando i simboli dei plasma sul chakra proprio del giorno della settimana, colleghiamo i nostri centri
energetici all’energia di ogni giorno.
Centro corporeo Chakra Azione
Giorno 1 - DALI Corona Sahasrara COLPISCE
Giorno 2 - SELI Radice Muladhara FLUISCE
Giorno 3 - GAMMA Terzo Occhio Agyan PACIFICA
Giorno 4 - KALI Sacrale Svadhisthana STABILISCE
Giorno 5 - ALFA Gola Visuddha LIBERA
Giorno 6 - LIMI Plesso Solare Manipura PURIFICA
Giorno 7 - SILIO Cuore Anahata SCARICA
Meditando sui simboli eccitiamo un’energia che corrisponde all’energia ‘plasmica’. I plasma sono
forze elettriche sottili formate da numeri uguali di ioni ed elettroni. Sono perfetti per la focalizzazione
delle meditazioni telepatiche, essendo plasmiche le stesse onde cerebrali. I plasma si trovano anche nel-
l’atmosfera del pianeta, ed appaiono in forma di Aurore Boreali ed Australi.
Ogni giorno della settimana ha anche la sua affermazione, che può essere pronunciata nel visualiz-
zare il simbolo del plasma del giorno nel chakra corrispondente.
Le affermazioni dei plasma/chakra sono tratte da "Le Sette Auto-Affermazioni di Padmasambhava",
il ‘secondo Buddha’. Il suo nome significa "Nato Loto". Nato miracolosamente da un fiore di loto nel bel
mezzo dell’Oceano di Latte (la galassia della Via Lattea), fu scoperto nel regno indiano di Oddiyana, nel
nord ovest dell’antica India, otto anni dopo la morte o paranirvana di Buddha. In risposta alle domande
del Re Indrabhuti, suo scopritore, pronunciò le "Sette Auto-Affermazioni":
Dali (Giallo) ha la forma di una croce, dà inizio alla settimana e corrisponde alla forza sensoriale pri-
maria del ‘calore’ - "Mio padre è consapevolezza intrinseca". (la ‘consapevolezza intrinseca’ si riferisce
alla fondamentale consapevolezza auto-esistente, che è scevra da qualsivoglia concettualizzazione.)
Seli (Rosso) ha la forma di un’onda triplice, corrisponde alla forza sensoriale secondaria della ‘luce’ -
"Mia madre è la sfera assoluta" (la sfera è la forma perfetta, e rappresenta pertanto la natura della real-
tà, che è già perfetta di per se stessa.)
Gamma (Bianco) ha la forma di un angolo retto, e congiunge la forza sensoriale del calore con quella
della luce, dando vita al ‘potere di colpire’; completa un ‘quantum sensoriale’, che comprende i primi tre
giorni della settimana. - "Il mio lignaggio è l’unione di consapevolezza intrinseca e sfera assoluta" (si rife-
risce all’innata perfezione ed auto-liberazione dell’essere nel qui ed ora, ogni momento.)
Kali (Blu) ha la forma di una lettera A, e fa da ponte tra i primi tre giorni della settimana (quantum
sensoriale) e gli ultimi tre (quantum telepatico). La sua è un’energia di catalizzazione. - "Il mio nome è il
glorioso Nato Loto" (praticando questi Precetti, la coscienza si realizza in immacolata purezza, come la
nascita di Colui Che E’ Nato Loto, lo stesso Padmasambhava)
Alfa (Giallo) ha la forma di una A al rovescio, e dà inizio al ‘quantum telepatico’. Usandolo come foca-
lizzatore, possiamo visualizzare mentalmente noi stessi in collegamento con il Polo Sud del pianeta. - "Il
mio paese è la sfera assoluta non-nata" (Qui il termine ‘non-nato’ si riferisce alla condizione indistrutti-
bile ed incondizionata che pervade l’intero universo dal suo inizio senza inizio. Quando questa sfera asso-
luta non-nata è il proprio ‘paese’, significa che l’ego è stato trasceso, e vi è una totale identificazione del
proprio essere e delle proprie azioni con questa qualità universale, indistruttibile e non-nata.)
Limi (Rosso) ha una forma somigliante al pi greco, ed è il secondo elemento del ‘quantum telepatico’;
ci collega visivamente al Polo Nord della Terra. - "Consumo pensieri dualistici come cibo" (è l’insegna-
mento di base per la coltivazione del non-ego nel momento. Sviluppando la consapevolezza intrinseca,
siamo in grado di riconoscere istantaneamente tutti quei pensieri che trasmettono sentimenti di egoismo
o mancanza di compassione, e di reciderli alla radice.)
Silio (Bianco) ha la forma di una T con la linea orizzontale ondulata, e completa il ‘quantum telepati-
co’ nonché la settimana. Ci collega al centro, cioé al chakra centrale del cuore, ed al centro della Terra. La
settimana si chiude con una meditazione in cui inviamo quest’energia in tutte le direzioni. - "Il mio com-
pito è di realizzare le azioni del Buddha" ( indica colui che si è risvegliato o la cui mente è illuminata. Si
riferisce al potenziale di illuminazione che è in ogni essere, compreso te stesso)

24
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 25

LA MEDITAZIONE QUOTIDIANA DEL PROGETTO RINRI


Il Progetto Rinri (parola giapponese che significa ‘illuminazione etica’) comprende una serie di eserci-
zi telepatici per l’unificazione del campo mentale. La meditazione è molto semplice, e prevede una visua-
lizzazione mentale che ha per oggetto un magnete blu nella prima metà dell’anno (fino al giorno 14 della
Luna 7) e rosso nella seconda metà (dal giorno 15 della Luna 7 fino alla fine dell’anno solar-galattico).
Nella prima metà dell’anno le équipes di crononauti dell’emisfero settentrionale - quindi anche noi -
si attivano, inviando mentalmente il magnete blu alle squadre di telepati dell’emisfero Sud, facendolo
passare per il centro della Terra. Nella seconda metà dell’anno la polarità s’inverte, e le équipes del Nord
ricevono passivamente il magnete rosso trasmesso dal Sud.
Ogni giorno il magnete, blu o rosso, viene trasmesso e/o ricevuto dal/nel chakra corrispondente alla
famiglia cui appartiene il glifo del giorno (vedi diagramma delle famiglie terrestri nella penultima pagina
del sincronario a colori).
Quindi nei giorni kin Polari il chakra attivato è quello della Corona; nei giorni kin Cardinali si attiva
il chakra della Gola; nei giorni kin Centrali si attiva il chakra del Cuore; nei giorni kin Segnale si attiva il
chakra del Plesso Solare; infine, nei giorni kin Portale si attiva il chakra Radice.

25
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 26

COME COMPLETARE LO SCHEMA DELL’AFFERMAZIONE DEL GIORNO


A pagina 12 sono riportate, in corri-
spondenza della 20 tribù solari, tre parole-
chiave: azione, funzione e potere creativo di
ogni glifo. Queste parole-chiave si utilizzano Anno Luna
in sequenza per costruire l’affermazione Tempesta Risonante Blu Planetaria
quotidiana, unitamente alla qualità della del Cane
Cellula del Tempo cui appartiene il glifo del Kin del Giorno Kali 11
giorno, nonché all’azione, funzione e potere
creativo di ciascun tono galattico (vedi kin 61 - Drago
tabella a pag. 12), al potere creativo del kin
guida ed eventualmente alla qualità di kin
Solare Rosso
polare o di portale di attivazione galattica.
è così che si ottiene l’affermazione del
giorno come risulta dal Libro dei Kin (che fa Potere Creativo Funzione Azione
parte del Dreamspell). L’esempio riportato A
Perfeziona Produce Manifestazione
nello schema si riferisce al Drago Solare
Rosso, kin 61, giorno Kali 11 della decima Onda Incantata del Potere di
luna, Luna Planetaria.
Nello spazio (A) vanno inserite le tre
Viandante del Cielo Rosso Esplorazione
parole-chiave della Luna in corso (in questo Potere settimanale Armonica
caso la decima, quindi quelle relative al tono
Raffina l’umiltà 16 Input Cristallo
planetario). B
Nello spazio (B) si scrive il potere setti-
manale in cui cade il kin del giorno (in que-
sto caso il secondo, quindi “l’Umiltà Affermazione
Raffina”) e poi, di seguito, numero e titolo
dell’armonica di cui esso fa parte (dal Libro Pulso Nutrire
dei Kin del Dreamspell).
Nello spazio iniziale dell’Affermazione Realizzando Essere
(1) va la prima parola-chiave del tono 9 l’Input Nascita
(solare), verbo da coniugare al presente
indicativo in prima persona singolare; nella Solare Intenzione
casella (2) si scrive la prima parola-chiave Potere della Navigazione
del glifo (Drago Rosso); nello spazio (3) va la
terza parola-chiave del tono, che è sempre
un verbo transitivo, coniugato al gerundio
presente; nella casella (4) va il sostantivo
che figura come 2a parola-chiave del glifo.
Nello spazio (5) si scrive la funzione della Cellula del Tempo di cui fa parte il glifo del giorno (vedi pag. 12,
ripartizione dei glifi in 5 gruppi di 4 ciascuno); nella casella (6) va il sostantivo che figura come terza parola-
chiave del glifo; nello spazio (7) va inserito il nome del tono galattico del giorno, seguito dalla (8) seconda
parola-chiave del tono, che ne rappresenta la funzione; lo spazio (9) va compilato con riferimento al glifo-
guida del kin del giorno (nell’esempio, la Terra Rossa – quindi “il potere della Navigazione”).
Lo spazio (10) va compilato solo se il kin del giorno è uno dei Kin Polari (glifi della Famiglia Polare con-
trassegnati dai toni 3, 4, 10, 11) e, a seguire, nel caso che il kin del giorno sia uno dei 52 Portali di Attivazione
Galattica (“Sono un portale di attivazione galattica; entra in me”). Il Drago Solare non lo è !

26
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 27

40 32
Liberazione Durevole
del Cuore Mente

L’Ordine Cosmico L’Ordine Binario Definisce il


Ritorna al Cuore della Terra Movimento dello Spazio

48 24
Raggiungere Ritorno
la Fonte Radiante

L’Architettura Libera La Via dell’Esercizio del Potere


l’Ordine dell’Insieme Ascende al Cielo

I 7 Postulati del Sistema Operativo Galattico


1. Noi siamo il pianeta. La nostra mente è la mente planetaria. La nostra unificazione galattica come un unico
insieme è la salvezza del pianeta e la resurrezione nella coscienza galattica. Ciò prende anche il nome di
Noosfera.
2. L’insieme della nostra coscienza planetaria è una operazione parallela all’interno di un sistema che compren-
de altre sei galassie - un grappolo di galassie o sistema Nova 7. Noi siamo una formazione all’interno di una
zona amministrativa coordinata dall’Assemblea Federale del Cosmo Intergalattico (AFCI).
3. Il mezzo comune ed unificante all’interno di quest0 sotto-ordine interglattico di realtà è la telepatia. Il siste-
ma della telepatia è coordinato dal linguaggio del numero, collettivamente trasmesso e compreso.
4. Invece dell’abc, c’è il 3-7-21. 3 x 7 = 21 x 21 = 441, il codice dell’indice di frequenza telepatica comune a tutti i
membri dell’AFCI.
5. Il 3-7-21 stabilisce il cubo 441, 1.3.3.1. Questo è il sistema operativo telepatico minimo per stabilire il codice
triplice sistema-ordinanza-ordine in tutto l’universo. Ciò prende anche il nome di misura di Hunab Ku.
6. La Legge del Tempo è il movimento di Hunab Ku ed è la Legge dell’Uno, 13:7, che stabilisce:
- la ruota della frequenza 13:20, il fattore di sincronizzazione universale;
- l’onda incantata, la ricapitolazione completa della cosmologia 13:7
- la matrice Tzolkin, indice del tempo cosmologico quadridimensionale e della personalità.
7. Per il nostro pianeta, che inizia l’ascensione nella coscienza galattica, lo standard unificante del tempo è il
sincronometro armonico di 28 giorni.Poiché esso è totalmente in funzione dell’onda incantata 13:7 della legge
dell’Uno, esso è il mezzo più semplice diretto ed immediato per realizzare il programma di unificazione della
coscienza galattica e per stabilire la base di apprendimento del 3-7-21, il sistema comune di linguaggio tele-
patico cosmico
27
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 28

MEDITAZIONE DEL PONTE ARCOBALENO


(OGNI GIORNO SILIO E 25 LUGLIO)
Scopo di questa meditazione è generare un’onda telepatica di amore che ci colleghi con il centro
della Terra, con gli alternatori dell’arcobaleno bipolare che mantengono l’equilibrio dei campi
magnetici della Terra – e con tutti gli altri kin che stanno praticando insieme la stessa meditazio-
ne. Stabilendo quest’onda telepatica terrestre, creiamo una matrice di comunicazione che porta la
noosfera (l’involucro mentale del pianeta) ancor più vicina alla manifestazione cosciente. Tale
matrice fornisce anche un campo protettivo di vibrazioni mentali autenticamente positive, che con-
corrono a mantenere il campo risonante terrestre in uno stato di armonia e pace.
Obiettivo di quest’esercizio di meditazione è la manifestazione del Ponte dell’Arcobaleno Terrestre, gli
alternatori notte/giorno del campo magnetico terrestre, entro la Fine del Ciclo, solstizio d’inverno 2012.
è il ponte arcobaleno della pace a lungo profetizzato, che collegherà permanentemente la terra tri-
dimensionale con la quarta dimensione e le dimensioni superiori, assicurandoci una pace e un’ar-
monia che non potranno essere corrotte.
Affinchè tutti gli esseri possano partecipare a tale meditazione, siano essi a conoscenza dell’ordine
sincronico o meno, offriamo questa versione universale della Meditazione Mondiale di Pace del
Ponte dell’Arcobaleno Circumpolare.
Potete farla da soli, o in gruppo – al mattino presto sarebbe l’ideale, ma ogni momento del giorno
va bene. Se siete in gruppo, raccoglietevi in circolo, seduti con le gambe incrociate. Fate alcuni
respiri profondi, inalando ciò che è negativo, trasmutandolo dentro di voi, e poi esalate ciò che è
positivo e purifcatorio.
Ora chiudete gli occhi.
Visualizzatevi al centro della Terra, ed osservate il suo nucleo, un enorme cristallo ottaedrico: quat-
tro facce del cristallo si uniscono nel vertice che punta verso il Polo Nord; le altre quattro facce ter-
minano con il vertice che, sull’asse terrestre, è allineato al Polo Sud. Attorno al cristallo ottaedrico
centrale c’è la membrana interna della Terra, come un tamburo che risuona la superficie della Terra
esterna. La metà superiore del cristallo ha due facce bianche e due rosse, mentre la metà inferiore
ha due facce blu e due gialle.
Ora entrate all’interno del cristallo.
Al centro di questo cristallo gigante si trova un punto brillantissimo, sorgente di un’abbagliante luce
bianca. Una colonna eterica o asse di luce si estende da nord a sud, a partire dal centro brillante, e rag-
giunge le estremità inferiore e superiore dell’asse terrestre, ai poli Nord e Sud della Terra.
Attorno a quest’asse verticale di luce, eterico e magnetico, vi sono due tubi di flusso a doppia spi-
rale, in cui scorre incessantemente l’energia plasmica. Avvolgendosi l’uno di fronte all’altro come
le due spirali del DNA, i tubi di flusso sono di colore blu e rosso. Trasportano ioni di plasma con
carica elettrica al punto di grande brillantezza al centro della Terra.
Sull’asse nord della colonna di luce, incastonato nei due tubi di flusso, si trova l’atomo rosso del
tempo. Sull’asse sud c’è invece l’atomo blu del tempo. Entrambi ruotano in direzioni reciprocamen-
te opposte – l’atomo rosso del Nord in senso orario, l’atomo blu del Sud in senso antiorario.
Gli atomi del tempo constano di sette punti: un punto centrale, i due vertici dell’asse, e due punti
ciascuno (quattro in tutto) equidistanti l’uno dall’altro, su entrambi i lati dell’asse centrale. I sei
punti esterni dell’atomo del tempo hanno una forma quasi perfettamente esagonale.
Il piano gravitazionale dell’ottaedro di cristallo emana orizzontalmente dal centro di luce abba-
gliante del cristallo, e si estende ai quattro punti che marcano le estremità dell’ottaedro di cristal-
lo, dove si incontrano i quattro vertici delle basi delle due piramidi che formano l’ottagono. Il piano
gravitazionale che collega questi quattro punti è come la base delle due piramidi, che si estendono
una verso il punto estremo a nord dell’ottaedro, l’altra verso l’estremo punto sud.
Lungo questo piano gravitazionale, esattamente in opposizione tra di loro, vi sono gli altri due
atomi del tempo – quello bianco e quello giallo. Essi sono del tutto simili agli atomi rosso e blu,
tranne che per il loro allineamento al piano gravitazionale, perpendicolare a quello degli atomi del
tempo polare.

28
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 29

Questi atomi del tempo bianco e giallo ruotano in un lento moto circolare, antiorario, da sinistra
verso destra attorno al punto di abbagliante luminosità centrale.
Una volta visualizzato l’ottaedro di cristallo al centro della Terra, con le sue otto facce, quattro
atomi del tempo, colonna di luce eterica e tubi di flusso spiraleggianti, visualizzate un grande flus-
so di plasma multicolore che, dal centro del cristallo, venga ‘sparato’ verso i due poli terrestri.
Ora siete passati dal centro della Terra ad un punto dello spazio da cui potete osservare il pianeta
dall’esterno. Potete ancora osservare l’ottaedro di cristallo al centro della Terra, e flussi di luce che
fuoriescono dai poli per unirsi e formare un grande doppio ponte dell’arcobaleno – gli alternatori
giorno/notte del campo magnetico terrestre resi visibili.
Due arcobaleni che collegano i poli Nord e Sud della Terra, a 180 gradi esatti di distanza l’uno dal-
l’altro. Con la Terra che ruota lentamente sul suo asse, il ponte dell’arcobaleno resta fermo, immo-
bile, costante.
Una volta completata la visualizzazione della Terra che ruota attorno al ponte arcobaleno, prende-
te questa immagine e mettetela nel vostro cuore. Immaginate ora i due flussi di luce che emanano
dalla vostra colonna centrale, al di sopra della vostra testa e al di sotto dei vostri piedi. Essi forma-
no un ponte arcobaleno attorno al vostro corpo, mantenendo la vostra aura in posizione.
Ora siete una sola cosa con la Terra. Il Ponte Arcobaleno della Pace Mondiale è reale. C’è tutta una
scienza dietro tutto ciò. Ciò che esiste nell’immaginazione, visualizzato da un numero sufficiente di
persone in un’onda telepatica di amore, col tempo diverrà realtà.

29
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 30

I. LE TRE PRATICHE CHöD DEL DHARMA


COSMICO, O CERIMONIA DI RECISIONE

Grotta del Cristallo, kin 252, anno del Seme


Cosmico – la coscienza viene recisa dall’attac-
camento a questo corpo
Grotta di Giada, kin 97, anno della Luna
Magnetica – l’anima viene recisa dall’attacca-
mento a questa vita
Grotta di Turchese, kin 202, anno del Mago
Lunare – la mente viene recisa dal suo attac-
camento a questo ego (senso del sé privato)
II. I DUE POTERI DEL DHARMA COSMICO
Grotta di Ossidiana, Potere dello Spirito, kin
47, anno della Tempesta Elettrica
Grotta di Onice, Mistero dello Spirito, kin 152,
anno del Seme Autoesistente
III. I DUE SPECIALI SIDDHI
(POTERI MAGICI) DEL DHARMA COSMICO
Grotta d’Oro dell’Essere Solare, Figlio del
Sole, kin 257, anno della Luna Intonante
Grotta d’Argento della saggezza Lunare,
Figlio della Luna, kin 102, anno del Mago
Ritmico
Emersione nella Sfera dell’Assoluto all’inter-
no della grande Camera Corallina degli
Iniziati dal Serpente alla Saggezza, kin 207,
anno della Tempesta Risonante. Fine del
Ciclo. Alba del sesto Sole della Coscienza.
Emerge l’homo noosfericus.

INVOCAZIONE ALLE SETTE DIREZIONI

Dall’Est, casa DElla lucE, possa la saggEzza aprirsi in aurora su Di noi


pErché possiamo vEDErE tutto con chiarEzza
Dal norD, casa DElla nottE, chE la saggEzza maturi DEntro Di noi
pErché possiamo conoscErE tutto Dal Di DEntro
Dall’ovEst, casa DElla trasformazionE, possa la saggEzza trasformarsi
in azionE corrEtta, pErché possiamo farE ciò chE va fatto

Dal suD, casa DEl solE EtErno, chE l’azionE corrEtta ci Dia il raccolto
pErché possiamo goDErE DEi frutti DEll’EssErE planEtario
Dall’alto, casa DEl ciElo, DovE si riuniscono gli antEnati E la gEntE DEllE stEllE
chE lE loro bEnEDizioni giungano a noi ora
Dal basso, casa DElla tErra, chE il battito DEl cuorE Di cristallo DEl pianEta
ci bEnEDica con la sua armonia, pErché possiamo por finE a tuttE lE guErrE
Dal cEntro, fontE DElla galassia, chE si trova DappErtutto allo stEsso tEmpo
chE tutto possa riconoscErsi comE lucE Di amorE mutuo
AH YUM HUNAB KU EVAN MAYA E MA HO !
(lode a hunab Ku, lode all’armonia di mente e natura!)
30
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 31

PAN - PLANET ART NETwORK - RETE D’ARTE PLANETARIA


Movimento Mondiale di Pace per il Calendario delle 13 Lune
Coordinamento Nazionale Antonio Serpente Autoesistente info@13lune.it
Nodo PAN Bologna Barbara Cane Planetario barbarafranchi@alice.it
Nodo PAN Milano Markut Allacciatore Magnetico mahatma2013@gmail.com
Nodo PAN Bergamo Rachele Aquila Autoesistente lunagrigia54@libero.it
Nodo PAN Napoli Francesco Scimmia Risonante francesco-guarracino@libero.it
Nodo PAN Vicenza Paola Aquila Elettrica paolasani@yahoo.it
Nodo PAN Rovigo Amedeo Specchio Magnetico merkaba04@libero.it
Nodo PAN Sardegna Pan Cane Solare arkcere@yahoo.it
Nodo PAN Friuli Venezia Giulia Donatella Umano Risonante naventae@libero.it
Nodo PAN Valle d’Itria Yoko Notte Intonante fotoimagica@gmail.com
Nodo PAN Romagna Valerio Serpente Spettrale v.donzetti@alice.it
Giardino di Pace del Nuovo Tempo Fiorella Viandante Lunare fiorellacapuano@ymail.com

Punti distribuzione materiale:


Imola Vanna Mago Risonante riflessi.arcobaleno@poaweb.it

Il PAN Italia - Rete d’Arte Planetaria - organizza serate di presentazione dei libri “Il Fattore Maya”
e “Cronache di Storia Cosmica” a cura del traduttore, e seminari di studio sul
Calendario delle 13 Lune e sulla Legge del Tempo, tenuti dai Facilitatori PAN.
I seminari sono articolati in tre livelli, ognuno dei quali dura un fine settimana.

I seminari, come la verità, non hanno un prezzo - hanno solo un costo. Chiunque sia interessato
e possa radunare un gruppo di persone interessate (minimo 13), può richiedere al PAN di fissare una
data di comune accordo nel luogo scelto dai richiedenti. Il costo del seminario, da dividere equamente
tra i partecipanti, è dato dal costo del locale scelto per il seminario (laddove non si trovi uno spazio
gratuito), più le spese vive affrontate per l’organizzazione (telefono, stampa, trasporti, ecc.), più il
rimborso delle spese di viaggio (treno A/R) e di ospitalità sostenute dal facilitatore.
Al termine del seminario, i facilitatori PAN possono accettare un’offerta libera, facoltativa e segreta.

INFO SEMINARI E CONFERENZE: info@13lune.it

email: info@13lune.it

31
Manuale Finale_Layout 1 15/06/12 18:01 Pagina 32

IL TEMPO NON è DENARO


IL TEMPO è ARTE

DOVE C’è CULTURA C’è PACE


DOVE C’è PACE C’è CULTURA