Sei sulla pagina 1di 4

Economia degli Intermediari Finanziari

Esercizi di preparazione all’esame

ES.1
Tizio può scegliere tra ricevere il suo primo salario di 120.000€ in uguali pagamenti mensili di
10.000€ o in un unico pagamento annuale al termine di ciascun anno. Se l’attuale tasso d’interesse
annuale fosse pari al 12% (soggetto a capitalizzazione mensile), quale salario alla fine dell’anno
egli richiederebbe per preferire quell’opzione rispetto ai pagamenti mensili?

Soluzione

Vogliamo determinare il livello del salario alla fine dell’anno, che ci rende indifferenti tra
pagamenti mensili e annuali. Quindi, dobbiamo conoscere il valore attuale, al termine dell’anno, di
12 pagamenti mensili di 10.000€.
Prima dobbiamo calcolare il valore presente scontato, all’inizio dell’anno, di questo flusso di
pagamenti. La formula generale per il calcolo del valore presente scontato P0, dato il pagamento
mensile fisso c, è la seguente:
T
1
P0  c   (1)
t 1 1  i 
t

dove il primo pagamento viene ricevuto al termine del primo mese (questo implica che anche
l’importo della prima retribuzione dovrà essere scontato dato il tasso d’interesse i). Utilizzando la
formula della serie geometrica1 e semplificando, otteniamo:
T
 1 
1  
 1 i 
P0  c  (2)
i

Riassumendo le informazioni a nostra disposizione:

T = 12 (ossia 12 mesi)
c = 10.000€
0.12
i  0.01
12

1
La formula standard per le serie geometrica è la seguente:
1  xT 1
1  x  x 2  ...  xT 
1 x
In alcuni casi – come nel caso presentato in tale esercizio - può essere utile riscrivere la formula nel seguente modo:
1  xT 1 1  xT
x  x 2  ...xT  1  x
1 x 1 x
1
dove, ai fini dell’esercizio, x 
1 i
T
 1 
1  
 1  0.01 
P0  10.000   112.550 ,775 €
0.01
P0 indica il valore presente scontato, all’inizio dell’anno, dei 12 pagamenti mensili. Tuttavia, ai fini
della soluzione del problema, ci interessa conoscere il valore attuale, al termine dell’anno, di questo
flusso di pagamenti. Dunque, considerando un tasso d’interesse mensile pari all’1%, e sapendo che
la capitalizzazione degli interessi maturati è attuata su base mensile, il valore attuale al tempo T sarà
uguale a:
PT  P0  1  i 
T
(3)
PT  112.550,775  1,01  126.825,03 €
12

In alternativa, per semplificare i calcoli, è possibile calcolare PT anche utilizzando l’espressione (2)
per P0 nell’equazione (3) per PT e sostituendo in un momento successivo i valori delle variabili
rilevanti. In questo modo, otteniamo:
T
 1 
1  
1 i 
PT  c    1  i 
T

1  i T  1  1  i T
PT  c
1  i
T

PT  c 
1  i T  1
i

PT  10.000 
1  0,01 12
1
 126.825,03 €
i
Ossia il valore attuale, al termine dell’anno, di 12 pagamenti mensili sarà pari a 126.825, 03 €. In tal
caso, Tizio sarà indifferente tra le due soluzioni.

ES.2
Caio ha acquistato un titolo di stato statunitense del valore nominale (o face value) di 1.000$, che
avrà scadenza fra sette anni. Questo titolo prevede il pagamento di una cedola semestrale,
determinata secondo un tasso di rendimento fisso annuale del 5%, ed il primo pagamento di coupon
sarà ricevuto esattamente fra sei mesi. Il tasso d’interesse annuale di mercato (soggetto a
capitalizzazione semestrale) è pari al 6%.
A) Qual è il valore attuale di questo titolo, nel caso in cui Caio intenda venderlo in questo
momento? (In caso di cifre decimali, il valore può essere approssimato alla 2° cifra
decimale, cioè al centesimo di $)
B) Quale sarebbe il valore attuale del titolo, qualora si trattasse di un’obbligazione zero
coupon?
C) Si assuma che il tasso d’interesse annuale di mercato aumenti dal 6% al 7%. Quale sarebbe
il valore attuale dei titoli obbligazionari considerati nei punti A e B?

Soluzione

A) Il titolo obbligazionario in questione prevede sia il pagamento di una cedola semestrale per la
durata di 7 anni (quindi per la precisione di 14 cedole semestrali) sia il rimborso del valore
nominale del titolo, per l’importo di 1.000$, al termine dei sette anni. La formula generale per il
calcolo del valore presente scontato di un titolo obbligazionario è:
T
Ft C
P0    t T T (4)
t 1 1  i  1  i 
t

1. In tal caso, l’ammontare della cedola Ft si calcola moltiplicando il valore nominale del titolo per
il tasso di rendimento fisso annuale, diviso per il numero delle cedole pagate durante l’anno.
Dunque, Caio riceve un pagamento pari a 25€ ogni semestre.
5
1000 
C r 100  25 $
Ft  F  t T 
2 2
Poiché tale cedola semestrale ha un valore costante nel tempo, e tenendo conto della conseguente
capitalizzazione semestrale del tasso d’interesse di mercato, possiamo riscrivere la (4):
T
1 Ct T
P0  F   
t 1 1  i6  1  i6 T
t

2. Per scontare il flusso dei pagamenti semestrali, bisogna considerare che in tal caso il primo
pagamento viene effettuato al termine del primo periodo, cioè fra sei mesi. Questo ha implicazioni
per la formula della serie geometrica da impiegare. In tal caso, utilizzando una trasformazione della
formula standard per le serie geometriche, già descritta nella nota 1, possiamo considerare che:
T
 1 
1   
F  1  i6  Ct T
P0   
1  i6 1  1 1  i6 T
1  i6
T
 1 
1   
F  1  i6  Ct T
P0   
1  i6 i6 1  i6 T
1  i6
T
 1 
1   
 1  i6  Ct T
P0  F  
i6 1  i6 T
dove i6 definisce il tasso d’interesse semestrale di mercato (pari al tasso d’interesse annuale di
mercato i12 diviso per 2, ovvero in tal caso 0,03). T indica il numero complessivo di periodi (in tal
caso T=14, ossia 2 semestri per 7 anni).
14
 1 
1  
 1  0,03  Ct T
P0  25  
0,03 1  i6 T
 
3. Inoltre, bisogna ricordare che questo titolo prevede, al termine dell’ultimo periodo, il rimborso
del capitale, ossia il pagamento del valore nominale del suddetto titolo, da scontare in relazione al
numero dei periodi T. Quindi abbiamo:
1
1
P0  25 
1,03
14

1000
0,03 1  0,0314

P0  282,40  661,12  943,52 $

B) Nel caso di un’obbligazione zero coupon, non è previsto il pagamento della cedola, ma è
previsto solo il pagamento del valore nominale del titolo. In questo caso:
C
P0  t T T
1  i 
Sostituendo i valori:
1000
P0   661,12 $
1  0,0314

C) Supponiamo che il tasso d’interesse annuale di mercato sia ora pari al 7%. Di conseguenza, il
tasso semestrale di mercato sará pari al 3,5%. Possiamo quindi utilizzare la formula indicata
nell’equazione (4), con il procedimento giá esaminato, modificando soltanto il tasso d’interesse
semestrale di mercato, cioè i6 = 0,035. Di conseguenza, per il coupon bond (ossia il titolo
obbligazionario con il pagamento della cedola), abbiamo:
T
 1 
1   
 1  i6  Ct T
P0  F  
i6 1  i6 T
14
 1 
1  
 1  0,035  1000
P0  25  
0,035 1  0,035T
P0  273,01  617,78  890,79 $
Invece, per lo zero coupon bond, abbiamo:
Ct T
P0 
1  i6 T
1000
P0   617,78 $
1  0,03514