Sei sulla pagina 1di 17

FORMULARIO DI FISICA

26 settembre 2007

Indice
1 Costanti 3
1.1 Costante di gravitazione universale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.2 Costante dei gas perfetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.3 Costante di Bolltzman . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.4 Costante di Planck . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.5 Carica dell’elettrone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.6 Massa dell’elettrone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.7 Massa del protone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

2 Meccanica 5
2.1 Accelerazione nel moto circolare uniforme . . . . . . . . . . . . . . 5
2.2 Accelerazione nel moto circolare vario . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.3 Moto piano in coordinate polari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.4 Teorema dell’energia cinetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.5 Teorema dell’energia meccanica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.6 Teorema di Koenig . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.7 Prima legge cardinale dei sistemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.8 Seconda legge cardinale dei sistemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.9 Seconda legge cardinale dei sistemi (Polo fisso oppure uguale al
centro di massa) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.10 Momento di Inerzia (Sistema discreto) . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.11 Momento di Inerzia (Sistema continuo) . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.12 Teorema di Huygens-Steiner . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.13 Centro di massa (discreto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.14 Centro di massa (continuo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

1
3 Termodinamica 8
3.1 Dilatazione termica lineare dei solidi . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3.2 Principio zero della termodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3.3 Secondo principio della termodinamica (enunciato di Clausius) . . . 8
3.4 Secondo principio della termodinamica (enunciato di Lord Kelvin) . 8
3.5 Definizione di calore specifico molare . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3.6 Legge di Boyle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3.7 Prima legge di Gay Lussac . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3.8 Seconda legge di Gay Lussac . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3.9 Equivalente meccanico della caloria . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3.10 Relazione tra energia potenziale e forza di un campo . . . . . . . . 9
3.11 Primo principio della termodinamica secondo Angelini . . . . . . . 9
3.12 Legge di Avogadro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3.13 Rendimento di una qualunque macchina termica reversibile che fun-
zioni usando DUE sorgenti di calore a temperature T1 e T2 , con
T2 > T1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.14 Uguaglianza di clausius . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.15 Disuguaglianza di clausius . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.16 Disuguaglianza di clausius . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.17 Definizione di entropia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

4 Elettromagnetismo 11
4.1 Forza di Lorenz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
4.2 Equazioni di Maxwell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
4.3 Velocita’ della luce nel vuoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
4.4 Equazione di continuita’ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
4.5 Legge di Ohm per un conduttore cilindrico di sezione S e lunghezza l 11
4.6 Legge di Ohm in forma differenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
4.7 Densita’ di corrente e velocita’ dei portatori . . . . . . . . . . . . . 11
4.8 Equazione di Poisson . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
4.9 Equazione di Laplace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.10 Corrente di magnetizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.11 Potenziale vettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.12 Potenziale vettore e corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.13 regolette con il tensore di ricci (con la convenzione degli indici ripetiu-
ti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.14 regoletta del tensore di ricci (con la convenzione degli indici ripetiuti) 12
4.15 Rotore di un vettore (con la convenzione degli indici ripetiuti) . . . 12
4.16 Relazione fra i vettori elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.17 Relazione fra i vettori magnetici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.18 Teorema di Ampere (MKSA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

2
4.19 Capacita’ di un condensatore piano . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.20 Energia immagazzinata in un condensatore piano . . . . . . . . . . 13
4.21 Legge di carica del condensatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.22 Legge di Faraday . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.23 Legge di Gauss . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.24 Legge di Laplace per la forza magnetica . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.25 Legge di Laplace per il campo magnetico . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.26 Contributo a campo magnetico dovuto a un filo . . . . . . . . . . . 14
4.27 Definizione di differenza di potenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.28 Energia potenziale di una carica elettrica in un potenziale esterno . 14
4.29 Energia elettrostatica di configurazione di un sistema di cariche . . 14
4.30 Potenziale generato da un dipolo elettrico . . . . . . . . . . . . . . 14
4.31 Raggio di Bohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.32 Energia potenziale di un dipolo elettrico in un campo esterno . . . 14
4.33 Campo prodotto da un dipolo elettrico . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.34 Densita’ energetica del campo elettromagnetico . . . . . . . . . . . 15
4.35 Teorema di Poynting . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

5 Meccanica dei fluidi 16


5.1 Legge di Pascal . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
5.2 Legge di Stevino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
5.3 Legge di Archimede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
5.4 Teorema di Bernoulli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

6 Relativita’ speciale 17
6.1 Trasformazioni di Lorenz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17

1 Costanti
1.1 Costante di gravitazione universale
2
−11 N m
G = 6.6 × 10 (1)
Kg 2

1.2 Costante dei gas perfetti


R = 8.314 Joule/(Kelvin mol)

1.3 Costante di Bolltzman


kB = 1.38 × 10−23 J/K (2)

3
1.4 Costante di Planck
h = 6.6 × 10−34 J × s (3)

1.5 Carica dell’elettrone


e = 1.6 × 10−19 C (4)

1.6 Massa dell’elettrone


me = 9.1 × 10−31 Kg (5)

1.7 Massa del protone


mp = 1.67 × 10−27 Kg (6)

4
2 Meccanica
2.1 Accelerazione nel moto circolare uniforme
v2
~a = N̂ = ω 2 RN̂ (7)
R

2.2 Accelerazione nel moto circolare vario


v2 dv v2 dω
a= N̂ + T̂ = N̂ + RT̂ (8)
R dt R dt

2.3 Moto piano in coordinate polari


In un sistema di riferimento in coordinate polari, Orθ di versori ρ̂ (diretto nella
direzione del raggio e avente verso uscente dall’origine) e η̂ (avente direzione per-
pendicolare a r e verso degli angoli crescenti), l’accelerazione si esprime nel modo
seguente:

~a = ar ρ̂ + aθ η̂ (9)
dove
2
ar = ddt2r − r( dθ
dt
)2 ,
2 (10)
aθ = r ddt2θ + 2 dr dθ
dt dt
.

2.4 Teorema dell’energia cinetica


Il lavoro fatto da tutte le forze (interne ed esterne) agenti su di un sistema materiale
e’ uguale alla variazione di energia cinetica del sistema.

L(tutte) = T(f in) − T(in) = ∆T (11)

2.5 Teorema dell’energia meccanica


Il lavoro fatto su un sistema materiale da tutte (comprese quelle interne) le forze
non conservative e’ uguale alla variazione dell’energia meccanica del sistema. Con-
seguentemente, se tutte le forze agenti sul sistema sono conservative l’energia
meccanica si conserva.
L(non cons) = ∆E (mecc) (12)

5
2.6 Teorema di Koenig
L’energia cinetica totale di un sistema di punti, visto da un certo sistema di rifer-
imento e’ uguale a qella posseduta da un punto di massa uguale alla massa totale
del sistema che si muove con velocita’ uguale a quella del centro di massa, piu’
l’energia cinetica del sistema rispetto al sistema del centro di massa (che ha origine
in G e orientazione invariabile rispetto al sistema del laboratorio).
1 2
T = Mtot vG + TGREL (13)
2

2.7 Prima legge cardinale dei sistemi


La somma di tutte le forze esterne agenti su un sistema materiale e’ uguale alla
derivata ripetto al tempo della quantita’ di moto totale del sistema stesso
N
(ext)
~ (tot)
dQ
~ (ext) = F~i
X
R = (14)
i=1 dt

2.8 Seconda legge cardinale dei sistemi


Preso un polo qualsiasi O0 (anche mobile), La somma di tutti i momenti delle forze
esterne agenti su un sistema materiale e’ uguale alla derivata rispetto al tempo
del momento angolare del sistema piu’ il prodotto esterno tra la QdM totale del
sistema e la velocita’ del polo.
N ~
(ext) ~ tot + dLo0
X
~τi = ~vo0 ∧ Q (15)
i=1 dt

2.9 Seconda legge cardinale dei sistemi (Polo fisso oppure


uguale al centro di massa)
.
N ~
~ o (ext) )i = dLo
X
(τ (16)
i=1 dt

2.10 Momento di Inerzia (Sistema discreto)


i=N
mi d2i
X
I= (17)
i=1

6
2.11 Momento di Inerzia (Sistema continuo)
Z Z Z Z Z Z
2
I= d dm = d2 ρ(x, y, z)dV (18)

2.12 Teorema di Huygens-Steiner


Il momento di inerzia di un sistema rispetto ad un certo asse e’ uguale a quello del
sistema rispetto ad un asse parallelo all’asse dato e passante per i centro di massa
del sistema, piu’ il prodotto della massa totale del sistema per il quadrato della
distanza fra i due assi
I = IG + Mtot d2 (19)

2.13 Centro di massa (discreto)


P−
−→
−→ OPi mi
OG = P (20)
mi

2.14 Centro di massa (continuo)


R
−→ ~rdm
OG = R (21)
dm

7
3 Termodinamica
3.1 Dilatazione termica lineare dei solidi
L(T2 ) ' L(T1 )(1 + λ∆T ) = L(T1 )(1 + λ(T2 − T1 )) (22)
dove λ e’ il coefficiente di dilatazione lineare. Per i coefficienti di dilatazine
superficiale e volumica si ha rispettivamente: σ = 2λ e k = 3λ

3.2 Principio zero della termodinamica


Due corpi a temperatura diversa, messi a contatto tra loro, prima o poi raggiungono
una temperatura comune di equilibrio. La temperatura di equilibrio e’ intermedia
fra le due temperature di partenza.
m1 c1 t1 + m2 c2 t2
te = (23)
m1 c1 + m2 c2

3.3 Secondo principio della termodinamica (enunciato di


Clausius)
E’ impossibile realizzare una trasformazione (termodinamica) che abbia come unico
risultato il passaggio di calore da un corpo a temperatura minore a un corpo a
temperatura maggiore.

3.4 Secondo principio della termodinamica (enunciato di


Lord Kelvin)
E’ impossibile realizzare una macchina (ciclica) che abbia come unico risultato la
produzione di lavoro sfruttando una sola sorgente di calore.

3.5 Definizione di calore specifico molare


Il calore specifico molare c di un gas perfetto (senza specificazione del tipo di
trasformazione che il sistema esegue) e’ definita come
1 δQ
c= (24)
n dT
P dV
c = cv + (25)
n dT

8
3.6 Legge di Boyle
P V = P0 V0 = cost (26)
(per una trasf. isoterma).

3.7 Prima legge di Gay Lussac


V (t) = V (0)(1 + αt) (27)
(per una trasf. isobara), e dove t e’ la temperatura centigrada, V (0) e’ il volume
alla temperatura di 0◦ C, e alla pressione atmosferica α = 1/273.16 ◦ C −1

3.8 Seconda legge di Gay Lussac


P (t) = P (0)(1 + αt) (28)
(per una trasf. isvolumica), dove t e’ la temperatura centigrada, e dove P (0) e’ la
pressione a temperatura di 0◦ C, α = 1/273.16 ◦ C −1

3.9 Equivalente meccanico della caloria


1 cal = 4.184 Joule (piccola caloria)
1 kcal = 4184 Joule (grande caloria)

3.10 Relazione tra energia potenziale e forza di un campo


F~campo = −∇U
~ (29)

3.11 Primo principio della termodinamica secondo Angeli-


ni
L(ext) + Q(sist) = ∆U (int) + ∆E (mecc) (30)

3.12 Legge di Avogadro


Una mole di qualunque gas, alla temperatura di zero gradi centigradi e alla pres-
sione di una atmosfera occupa un volume di 22.4 litri. Conseguentemente n moli
di un qualsiasi gas, in condizioni normali, occupano un volume di n × 22.4 litri

9
3.13 Rendimento di una qualunque macchina termica re-
versibile che funzioni usando DUE sorgenti di calore
a temperature T1 e T2 , con T2 > T1
T1
η (rev) = 1 − (31)
T2

3.14 Uguaglianza di clausius


I 
δQ 
=0 (32)
T rev

3.15 Disuguaglianza di clausius


I 
δQ 
<0 (33)
T irr

3.16 Disuguaglianza di clausius


Z B  δQ 
< S B − SA (34)
A T irr

3.17 Definizione di entropia


Z B  δQ 
SB − SA = (35)
A T rev

10
4 Elettromagnetismo
4.1 Forza di Lorenz
F~ = q E
~ + q~v ∧ B
~ (36)

4.2 Equazioni di Maxwell


~ ·E
∇ ~ = ρ
0
~ ~
∇·B =0
(37)
~ ×E
∇ ~ = − ∂ B~
∂t
~ ×B ~ = µ0~j + 1 dE~
∇ c2 dt

4.3 Velocita’ della luce nel vuoto


1
c= √ (38)
 0 µ0

4.4 Equazione di continuita’


~ · ~j = − ∂ρ
∇ (39)
∂t

4.5 Legge di Ohm per un conduttore cilindrico di sezione


S e lunghezza l
l
R=ρ (40)
S

4.6 Legge di Ohm in forma differenziale


J~ = σ E
~ (41)

4.7 Densita’ di corrente e velocita’ dei portatori


J~ = ρ~v (42)

4.8 Equazione di Poisson


ρ
∇2 φ = − (43)
0

11
4.9 Equazione di Laplace
∇2 φ = 0 (44)

4.10 Corrente di magnetizzazione


J~M = ∇
~ ×M
~ (45)

4.11 Potenziale vettore


~ =∇
B ~ ×A
~ (46)

4.12 Potenziale vettore e corrente


~ ·A
∇ ~ = µ0 ~j
4π (47)
~ = −µ0~j
∇2 A

4.13 regolette con il tensore di ricci (con la convenzione


degli indici ripetiuti)
Prodotto vettoriale
[~a × ~b]i = ijk aj bk (48)

4.14 regoletta del tensore di ricci (con la convenzione degli


indici ripetiuti)
ijk ilm = δjl δkm − δjm δkl (49)

4.15 Rotore di un vettore (con la convenzione degli indici


ripetiuti)
~ × V~ ]i = ijk ∂j Vk
[∇ (50)

4.16 Relazione fra i vettori elettrici


D~ = 0 E~ + P~
P~ = 0 χe E
~
D~ = 0 (1 + χe )E
~ = 0 r E
~ = E
~ (51)
r = (1 + χe )
 = 0 r

12
4.17 Relazione fra i vettori magnetici
~ = µ0 (H
B ~ +M ~ ) = µ0 (H
~ + χM H)
~ = µ0 (1 + χM )H
~
(1 + χM ) = µr (52)
~ = µ0 µr H
B ~ = µH~

4.18 Teorema di Ampere (MKSA)


I
B ~ = µ0 Iconc
~ · ds (53)
γ

4.19 Capacita’ di un condensatore piano


A
C = 0 (54)
d

4.20 Energia immagazzinata in un condensatore piano


1 2 Q2
E = CV = (55)
2 2C

4.21 Legge di carica del condensatore


... (56)

4.22 Legge di Faraday


~
dΦ(B)
Eindotta = − (57)
dt

4.23 Legge di Gauss


~ = 1 Qint
Z Z
~ · ds
E (58)
S 0
dove S e’ una superficie chiusa

4.24 Legge di Laplace per la forza magnetica


~ × B)
dF~ = i(dl ~ (59)

4.25 Legge di Laplace per il campo magnetico


~ = µ0 d~l × ~r
dB i (60)
4π r3

13
4.26 Contributo a campo magnetico dovuto a un filo
~ = µ0 d~l × ~r
dB i (61)
4π r3

4.27 Definizione di differenza di potenziale


Z B
~ · d~s = V (A) − V (B)
E (62)
A

4.28 Energia potenziale di una carica elettrica in un poten-


ziale esterno
U = qV (63)

4.29 Energia elettrostatica di configurazione di un sistema


di cariche
N
1X
Uconf = qi V (~
ri ) (64)
2 i=1
dove V (~ri ) e’ il potenziale generato nel punto ~ri da tutte le altre cariche diverse
dalla i-esima

4.30 Potenziale generato da un dipolo elettrico


1 p~ · ~r
V (~r) = (65)
4π0 r3

4.31 Raggio di Bohr


a0 = 0.5 × 10−10 m (66)

4.32 Energia potenziale di un dipolo elettrico in un campo


esterno
~
U = −~p · E (67)

4.33 Campo prodotto da un dipolo elettrico


(
Er =
(68)
Eθ =

14
4.34 Densita’ energetica del campo elettromagnetico
1~ ~ 1~ ~
u= D ·E+ B·H (69)
2 2

4.35 Teorema di Poynting


~ ·S
∇ ~ = − ∂u
~ + J~ · E (70)
∂t

15
5 Meccanica dei fluidi
5.1 Legge di Pascal
In un fluido omogeneo e in quiete, tutti i punti alla stessa quota rispetto al suolo
si trovano alla stessa pressione

5.2 Legge di Stevino


P (z) − P (z0 ) = ρg(z − z0 ) (71)

5.3 Legge di Archimede


Un corpo immerso in un fluido riceve una spinta dal fluido, diretta dal basso verso
l’alto, pari al peso del fluido spostato dal corpo stesso

5.4 Teorema di Bernoulli


1 1
P (z1 ) + ρgz1 + ρv12 = P (z2 ) + ρgz2 + ρv22 (72)
2 2
dove i due punti z1 e z2 appartengono allo stesso tubo di flusso infinitesimo.

16
6 Relativita’ speciale
6.1 Trasformazioni di Lorenz
 0

 x = γ(x − vt)
 0

y =y
(73)

 z0 = z
 0
 vx
t = γ(t − c2
)
dove
γ = √1
1−β 2 (74)
v
β= c

Equazioni di Lorenz in forma matriciale

X 0 = AX (75)

dove
X0 (76)

17