Sei sulla pagina 1di 9

lezione di dizione con casalis 6/02/2014

(14.15)
La vocale E con accento grave “è”

La “è” tonica aperta italiana deriva spesso dalla “è” breve e dal dittondo “ae” del latino
classico.
Faerrum, saepe, praesto.
Il dittongo è un insieme di due vocali.
Fèrro, sièpe, prèsto_ Immaginate di dire questa “ae” velocemente.
Far scendere la mandibola mentre si pronuncia la è tonica aperta, immaginando di dire
una A.
N.B: esasperate le vocali allʼinizio.
N.B: tutte le vocali senza accento tonico sono atone, per cui sono chiuse!

La E può avere suono aperto nei seguenti casi:

1) Nel dittongo iè.


es. dièci_ ièri_ mièi_ niènte_ pièdi_ chièsa_ corrière.
Il dittongo iè vince sempre, allʼinterno della parola, su ogni altro tipo di E che sia
presente.

Eccezioni: a_ I suffissi delle derivazioni etniche_ ateniése, marsigliése;


poiché prendono spunto dalle parole come piémontese.
b_ I suffissi del diminutivo iétto, iétta_ magliétta, vecchiétto, fischiétto;
poiché derivano dai diminutivi come bimbétto.
c_ I suffissi in iézza_ ampiézza, gaiézza;
poiché sono simili alle parole bellézza, monnézza.
d_ Chiérico, bigliétto.

N.B: Per imparare la dizione levate tutte le consonanti in una parola e, inseriti gli accenti
giusti, provate a leggere soltanto con le vocali.
lezione di dizione con casalis 6/02/2014

2) Quando è seguito da vocale.


es. idèa_ fèudi_ dèi(sostantivo).

Eccezioni: a_Nelle forme sincopate_ déi (perché costituito da DE+I), quéi, péi.
N.B_ “Déi nèi”.
b_ la desinenza éi del passato remoto_ credéi, potéi.
Andrèi è aperto perché è condizionale.
c_ Le forme poetiche derivate dall’imperfetto (poiché l’imperfetto è sempre stretto)_
vedéa, soléa.
“ era il maggio doloso, e tu solévi così menare il giorno”
Il condizionale è sempre aperto.

3) Quando è seguita da consonante più due vocali.


es. assèdio_ critèrio_ commèdia_ presèpio (anche presèpe)_ mèdio_ egrègia.

Eccezioni: a) in casi in cui la E sia seguita dalle sillabe gui, gua, guo (anche guì, guà, guò)
diléguo, séguito, trégua, inséguire.
b) Vocaboli frégio, sfrégio.

4) Nelle terminazioni in èllo, èlla o vezzeggiativi.


es. castèllo_ coltèllo_ fringuèllo_ ombrèllo_ catenèlla_ bèllo_ mantèllo.

Eccezioni: a) le preposizioni articolate néllo, nélla, délla, déllo.


b) gli aggettivi dimostrativi quéllo, quélla, quélli, quélle. .
c) le parole stélla, capéllo.
N.B: “che bèlle stélle”.

5) In quei nomi di origine stranièra che sono tronchi o che terminano con una consonante.
es. caffè_ thè_ bignè_ hotèl_ sèt_ rècord.

6) In alcune esclamazioni: bèh (deriva da bène), ohimè, dèh.

Il rafforzativo: si usa raddoppiare le consonanti allʼinizio di una parola che si vuole


enfatizzare ( “ma ssenti”).

7) Nelle desinenze èi, èbbe, èbbero del condizionale: farèi, mangerèbbe, porterèbbero.

N.B_ Regola dellʼ A C A C C A per il condizionale del verbo essere.


io sarèi A
tu sarésti C
egli sarèbbe A
noi sarémmo C
voi saréste C
essi sarèbbero A

N.B: “Vuòi che ti dia del v°i?!”


Il passato remoto è spesso chiuso (non sempre).

8) Nelle terminazioni in èda, ède, èdo.


es. cèdo_ corrèdo_ erède_ schèda_ congèdo.
lezione di dizione con casalis 6/02/2014

Eccezioni: a) le forme verbali di crédere e védere.


b) i vocaboli féde e mercéde.
Mercèdes è aperto.

9) Nelle terminazioni in èca.


es: discotèca_ enotèca_ tèca.

10) Nelle desinenze in èndo dei verbi, ovvero i gerundi.


N.B: en+ qualche cosa in genere è aperto.

Eccezioni: scéndo e véndo.

11) Nelle terminazioni degli aggettivi e dei nomi in èndo, ènda.


es: agènda_ merènda_ stupèndo.

12) Nei suffissi dei sostantivi e degli aggettivi derivanti da numerali in ènne.
es: ventènne_ decènne_ sesantènne_ cinquènne.

13) Nei suffissi di sostantivi derivati da numerali in ènnio.


es: millènnio_ biènnio.

14) Nelle terminazioni in ènso, ènsa, ènse.


es: dènsa_ pènso_ melènso_ mènsa.

15) Nelle desinenze del participio presente in ènte.


es: credènte_ perdènte_ vivènte_ presènte_ tendènte.

16) Nelle terminazioni in ènto, ènta, ènte.


es: polènta_ gènte_ sovènte_ contènto_ vènto_ lènto_ corrènte_ precedènte.

Eccezioni: a) Il verbo méntire e il sostantivo ménte.


“ménto sapèndo di méntina”
b) trénta, seménte, ménta.
c) gli avverbi che finiscono con ménte: cospicuaménte, cordialménte, allegraménte.
d) i vocaboli uscenti in ménto: framménto, rinveniménto.

17) Nelle terminazioni in ènza.


es: sentènza_ violènza_ assènza_ semènte.

18) Nei suffissi dei nomi etnici in èno.


es: cilèno_ rumèno.

19) Nelle terminazioni in èrbo.


es: acèrbo_ supèrbo_ vèrbo_ sèrbo.

20) Nelle terminazioni in èrro.


es: fèrro_ guèrra_ sèrra_ tèrra.

21) Nelle terminazioni dei sostantivi in èma.


es: emblèma_ anatèma_ xilèma_ schèma_ tèma.

eccezioni: a) voce del verbo temère.


lezione di dizione con casalis 6/02/2014

22) Nei suffissi in èdine.


es: salsèdine_ raucèdine_ torpèdine_ rèdini.

23) Nelle terminazioni in èrno, èrna.


es: quadèrno_ matèrno_ salèrno_ quintèrno.

24) Nelle terminazioni in èrso, èrsa.


es: pervèrso_ dispèrso.

25) Nelle terminazioni in èrto.


es: apèrto_ copèrto_ incèrto_ soffèrta_ èrta.

N.B:“state allʼèrta a priòri”.

26) Nelle terminazioni in èrvo.


es: cèrvo_ nèrvo_ impèrvo_ impèrvio.

27) Nei suffissi dei superlativi in èrrimo.


es: integèrrimo.

28) Nei suffissi dei numerali ordinali in èsimo.


es: tredicèsimo_ ventèsimo.

29) Nelle terminazioni in èstro, èstra, èstre.


es: maldèstro_ rupèstre_ capèstro.

30) Nelle terminazioni dei vocaboli in èsi.


es: turchèsi_ mimèsi_ catechèsi_ parèsi.

31) Nelle desinenze dellʼinfinito in èndere.


es: tèndere_ vèndere_ prèndere_ appèndere.

Eccezioni: scéndere e véndere.

32) Nelle desinenze del passato remoto in ètti, ètte, èttero.


es: dovètti_ credètti_ stèttero.

La vocale E con accento acuto: “é”

La tonica chiusa italiana (é) deriva spesso dalla “e” lunga (e-) e dalla “i” del latino classico:

Esempi: ce-ra = céra; se-men= séme; vitrum= vétro.

La “e” ha suono chiuso nei seguenti casi:

1) In quasi tutti i monosillabi


es: é (congiunzione)_ mé_ cé_ né_ té_ vé, ché_ ré (monarca)_ tré_ lé...

Eccezioni: bèh! dèh! (interiezioni), thè (bevanda), rè (nota musicale).


lezione di dizione con casalis 6/02/2014

2) Nelle parole tronche in ché


es: poiché_ giacché_ perché_ sicché_ benché.

3) Nelle terminazioni in éccio, éccia


es: pescheréccio_ libéccio_ cicaléccio_ cortéccia_ léccio.

Eccezioni: fèccia.

4) Nei sostantivi terminanti in éfice.


es: carnéfice_ pontéfice.

5) Nei sostantivi terminanti in éggia.


es: postéggio_ campéggio_ parchéggio_ manéggio.

Eccezioni: pèggio, règgia, sèggio.

6) Nei suffissi degli avverbi in ménte.


es: dolceménte_ qualunqueménte_ indubbiaménte.

7) Nelle terminazioni in ménto.


es: laménto_ corteggiaménto_ ménto.

8) Nelle terminazioni in ésco, ésca.


es: affrésco_ ésca_ pittorésco.

“ésco a pésca con lʼésca e una pèsca”

9) Nelle terminazioni in éso, ésa, ése.


es: paése_ péso_ coéso_ maggése_ cortése_ fésa_ malintéso_ marchése_ spésa.

Eccezioni: chièsa, obèso, blèso.

10) Nei suffissi dei sostantivi in ésimo.


es: battésimo_ umanésimo_ medésimo_ quarésima.

Eccezioni: crèsima, infinitèsimo (perché riferito ai numeri).

11) Nelle terminazioni dei sostantivi e degli aggettivi in éssa.


es: comméssa_ proméssa_ méssa_ stéssa.

Eccezioni: comprèssa, ossèssa, prèssa, rèssa.

12) Nei suffissi dei sostantivi collettivi in éta.


es: fruttétto_ meléta_ pinéta_ vignéto.

13) Nei suffissi dei diminutivi e collettivi in étto.


es: bimbétto_ piccolétto_ furbétto_ librétto_ mottétto_ quintétto_ quartétto.

14) Nelle terminazioni in équo, équa.


es: séguo_ adéguo_ trégua.
lezione di dizione con casalis 6/02/2014

15) Nei suffissi degli aggettivi in évole.


es: confortévole_ piacévole_ lodévole_ serviziévole.

16) Nelle terminazioni in ézzo, ézza.


es: bellézza_ carézza_ dolcézza_ lézzo_ olézzo_ brézza_ pettegolézzo.

17) Nelle preposizioni articolate.


es: quél_ quéllo_ quélle_ quélla_ quélli_ dél_ déllo_ délla_ délle.

18) Nei pronomi personali.


es: ésso_ éssa_ égli_ élla.

Eccezioni: lèi.

19) Negli aggettivi dimostrativi.


es: quésto_ quésta_ quéllo.

20) Nelle desinenze del passato remoto in éi, ésti, éste, émmo, érono.
es: potéi_ credéi_ volémmo_ perdéste_ potérono.

21) Nelle desinenze rémo, réte del futuro.


es: andrémo_ diréte_ faréte_ vedrémo.

“né vedrémo delle bèlle méntre v°i né vedréte delle bèlle”.

22) Nelle desinenze dellʼinfinito della seconda coniugazione (ére).


es: avére_ temére_ piacére_ godére.

23) Nei composti della seconda coniugazione


es: avérlo_ sapérlo_ avérti.

24) Nelle desinenze dellʼimperfetto congiuntivo: éssi, ésse, éssimo, éste, éssero.
es: dovéssi_ dovésse_ potéssero_ stéssero.

25) Nelle desinenze del condizionale résti, réste, rémmo.


es: potrésti_ potréste_ potrémmo.

26) Nelle desinenze del presente indicativo e dellʼimperativo éte.


es: credéte_ rompéte_ prendéte_ dovéte_ avéte.

27) Il finale delle desinenze dellʼimperfetto indicativo in éva, évo, évi, évano.
es: dovévo_ potévo_ dovévi_ dovévano.
lezione di dizione con casalis 6/02/2014

La vocale O con l’accento grave (ò)

La ò tonica apèrta italiana deriva spesso dalla o bréve e dal dittongo au del latino classico.
aurum, lòcus, buòno.

La lettera O ha suono apèrto néi seguènti casi:

1) Nei vocaboli tronchi, compresi i vocaboli del futuro e del passato remoto.
es: ciò_ falò_ andrò_ arrivò_ sennò_ nò!

2) In quéi vocaboli di origine stranièra che sono entrati a far parte del nostro linguaggio.
es: biberòn_ pòster_ repòrter.

3) Nel dittongo uò.


es: tuòno_ suòno_ aiuòla_ uòvo_ buòno

Eccezioni: a) nei suffissi in u°so, u°sa: affett°so, acqu°so


b) nei vocaboli langu°re, liqu°re (poiché la desinenza finale vince su uò)

4) Quando è seguita da consonante più due vocali.


es: stòria, sòcio, orològio, baldòria, elògio.

Eccezione: incr°cio.

“ Incr°cio pericol°so”

5) Nelle terminazioni in òccio, òccia.


es: chiòccia.

Eccezioni “umide”: m°ccio, g°ccia, d°ccia.

6) Nelle terminazioni in òdo, òda.


es: chiòdo_ sòda_ mòda_ lòdo_ gòdo_ bròdo.

Eccezioni: a) le forme verbali di r°dere: io r°do etc..


b) il vocabolo c°da.

7) Nelle terminazioni in òge, ògio, ògia, òggia, òggio.


N.B: è lʼesatto contrario della E, poiché éggio ed égio è stretto.
es: piòggia_ pòggia.

8) Nelle terminazioni in òide.


es: tiròide_ asteròide.

9) Nelle terminazioni dei sostantivi in òlo, òla.


es: tritòlo_ stagnòla_ romagnòla_ picciòlo_ pignòla.

Eccezioni: ass°lo, v°lo, ass°lo, g°la (poiché deriva da gula, suono gutturale).
lezione di dizione con casalis 6/02/2014

“sono s°lo solétto”

10) Nelle terminazioni (specialmente) dei termini scientifici e medici in òsi, òsio.
es: ipnòsi_ ambròsio_ lattòsio_ ribòsio_ desossiribòsio.

11) Nelle terminazioni in òtto, òtta.


es: bòtta_ sempliciòtta_ cazzòtto_ tròtta_ cappòtto_ còtta_ pagnòtta.

Eccezioni: a) i derivati dal latino ducere_ cond°tta, trad°tto, sed°tto.


b) i termini ghi°tto, corr°tto, bancar°tta, s°tto, r°tto, g°tta, r°tto.

“si è r°tto il cruscòtto perché scòtta”

12) Nei suffissi dei sostantivi in òttolo, òttola.


es: viòttolo, collòttola, naneròttolo.

13) Nelle terminazioni in òlgia, òrgia.


es: bòlgia, òrgia.

14) Nei suffissi dei sostantivi òzzo, òzza.


es: piccòzzo, bacaròzzo, stròzza.

Eccezioni: g°zzo, singhi°zzo, c°zza, m°zzo, z°zzo, br°zzo, r°zzo.

15) Nelle desinenze in òlsi, òlse, òlsero.


es: tòlsi, tòlsero, còlsero.
Cogliere e togliere seguono la regola dellʼ ACACCA.

16) Nel participio passato in òsso.


es: commòsso, promòsso, mòsso.

17) Nelle terminazioni dei nomi propri in òldo.


es: Leopòldo, Pòldo.

18) Nelle terminazioni dei nomi propri in òlfo.


es: Rodolfo, Marcòlfo.

19) Nelle terminazioni in òmico, òrico, ònico, òlico.


es: còmico, òrico, napoleònico, eufòrico, canònico, supersònico.

La O tonica chiusa con accento acuto.

Deriva dalla O lunga e dalla U breve del latino classico.

La O ha suono chiuso nei seguenti casi:

1) Nei monosillabi terminanti con consonante.


es: c°n, n°n, c°l.

Eccezioni: sòl (nota musicale) e dòn.


lezione di dizione con casalis 6/02/2014

2) Nelle terminazioni in °ce.


es: atr°ce, cr°ce.

Eccezione: a) nei casi in cui la O è preceduta da U_ nuòce, cuòce.


b) il vocabolo precòce.

“Pèsca precòce”

3) Nelle terminazioni in °gna.


es: bis°gna, verg°gna, f°gna, car°gna, verg°gna.

4) Nei sufissi di aggettivi in °gnola.


es: amar°gnolo.

5) Nelle terminazioni di sostantivi e aggettivi in °io, °ia.


es: b°ia, mangiat°ia, ras°io, ing°io, frant°io, ferit°ia, scappat°ia, accappat°io.

Eccezioni: cu°io, mu°io, stu°io, ann°io, gi°ia, n°ia, stu°ia, salam°ia, b°ia.

6) Nelle terminazioni in °ne, °na,


es: azi°ne, missi°ne, poltr°na, cor°na.

7) Nelle terminazioni in zi°ne.


Es: azi°ne, dizi°ne, lezi°ne, situazi°ne