Sei sulla pagina 1di 1

LUNEDÌ — 8 GIUGNO 2020 7•

Il futuro dell’istruzione Primo Piano

La fotografia degli atenei IL MINISTRO

Gli universitari fuori sede Gli sconti sulle tasse «Già da luglio
Il piano del ministro dell’Università Gaetano Manfredi
lauree in presenza»
Vivono nella città Frequentano Sono NO TAX AREA
dove studiano da pendolari fuori sede Il tetto della no tax area Sotto questa soglia
passerà da 13.000 lo studente non paga «L’indirizzo dato a livello
1,7 MILIONI
di studenti 16,7% 49,8% 33,5% a 20.000 € di Isee le tasse universitarie governativo è che già da
L’AREA DI SCONTO luglio, lì dove possibile, si
284.000 846.000 570.000 L’area di sconto Prima c’erano possa tornare a svolgere
alle rate sarà compresa quattro fasce comprese sedute di laurea in
tra 20.000 e 30.000 € tra 15.000 e 30.000 € presenza perché la
I BENEFICIARI discussione della tesi in
Gli affitti Negli Atenei italiani 750.000 studenti presenza ha un grande
nelle grandi sono iscritti circa beneficeranno del taglio valore simbolico. Certo
città 1,7 milioni di studenti delle tasse universitarie bisogna farlo con i
L’AUTOCERTIFICAZIONE distanziamenti giusti, con
Prezzo medio
Roma Milano Bologna Firenze Gli studenti potranno Dovranno auto-certificare pochi familiari e con
per studente
passare nella no tax area perdite legate alla pandemia meno feste. Ma questa è
per affittare
un appartamento
461 € 514 € 396 € 422 € o in quella scontata da Covid-19 la direzione». Lo ha detto
in condivisione L’ESEMPIO: il ministro per
“Nei tre mesi di emergenza mio padre ha perso il posto di lavoro” l’Università, Gaetano
Fonte: Rapporto Eurostudent, Federconsumatori L’Ego-Hub Manfredi

Emilia-Romagna Toscana

Fuorisede in calo, Studenti a casa


in fumo 80 milioni Affari al collasso
BOLOGNA FIRENZE

Piazza Verdi, a Bologna, cuore della città universitaria è Il rettore dell’università di Firenze Luigi Dei ci crede: «Ri-
vuota. Non ci sono i soliti cori ‘dottore, dottore’, né stu- L’università di Pavia è la vera ’città universitaria’ della Lombardia niziamo le lezioni in presenza, nelle aule sicure aperte
denti travestiti con bottiglioni di spumanti in mano. No- per tutti». E in particolare «vogliamo che le matricole
nostante tra marzo e aprile i laureati siano stati oltre 6mi- facciano ingresso come normalmente accade». Ma le di-
la, più del 2019, il cuore della città universitaria è deser- Lombardia verse cittadelle universitarie, nel centro storico e in peri-
to. Esami, lezioni e discussioni online hanno fatto spari- feria, potrebbero risentire di pesanti assenze. La didatti-
re i 36mila fuorisede, poco meno della metà degli iscrit- ca sarà garantita anche a distanza. Gli affari per affitti,
ti totali che sono 85mila. «Questo significa per Bologna
un impatto economico rilevante, di diverse decine di mi-
lioni di euro», spiega il prorettore vicario dell’Alma Ma-
Molti non potranno bar e ristoranti a prezzi fissi, no. Stesso copione a Pisa.
Stanze in affitto, localini del centro città: l’ateneo pisa-
no e le sue migliaia di studenti rappresentano un consi-
ter Mirko Degli Esposti. Secondo Nomisma, se si consi- stente motore per l’economia. Ed ora che proprio l’Uni-
dera circa un migliaio di euro (tra affitto sui 350-500 eu-
ro e consumi) di spesa pro-capite per studente ogni me-
più pagare l’affitto versità di Pisa ha fatto sapere di aver prorogato la didat-
tica a distanza fino al 31 dicembre 2020, l’effetto domi-
se e circa 10mila euro all’anno, la prospettiva è quella di no si fa sentire. Pub e pizzerie semivuoti nei giorni feria-
mandare in fumo dai 70 agli 80 milioni a fronte di un MILANO li, e il mercato delle locazioni che vacilla, con una valan-
calo di iscrizioni di circa il 20 per cento. Basta considera- ga di disdette anticipate per le stanze ai fuori sede.
re i consumi per capire al situazione. Ascom-Confcom- Di solito questo è il periodo in cui le nuove matricole
Milano, capitale degli studi universitari, con 183mila
mercio ha calcolato che, in queste ultime tre settimane, cercano un immobile (il canone medio è di 300/350 eu-
per bar, ristoranti e pub della zona universitaria, il calo è iscritti nei cinque diversi atenei cittadini, non teme un ro a posto letto). Ma i fuori sede non arriveranno, alme-
contraccolpo economico devastante dal blocco - si spe-
stato di circa l’80 per cento. Solo considerando le feste no fino a dicembre. La didattica a distanza, esami e lau-
ra temporaneo - delle lezioni e degli esami in presenza.
di laurea, dicono le stime di Confesercenti, si parla di ree online: sarebbe fatale anche per una ‘città campus’
Ma il peso dei fuori sede e dei tanti pendolari che da tut-
perdite di circa 3 milioni di euro al mese, quasi dieci cal- come Siena. Per questo il rettore dell’ateneo Francesco
ta la Lombardia convergono sulla metropoli per l’istru-
colando i tre mesi di brindisi mancati nei circa 120 locali Frati sta cercando tutte le soluzioni per ripartire con le
zione d’eccellenza di tantissimi corsi è comunque mol-
interessati. Il prorettore Degli Esposti, però, vede co- lezioni nelle aule. I mesi di lockdown hanno messo a ri-
to rilevante. Una matricola su dieci, in Italia, è a Milano.
munque positivo: «Stiamo facendo di tutto, a partire dal schio l’economia che si regge sui due atenei (c’è anche
tema degli affitti, per attrarre i nostri studenti in città. Solo l’indotto degli stranieri, 14mila in tutto, pesa per l’università per stranieri). Ci sono 14mila studenti fuori-
duecento milioni di euro l’anno. L’intera massa dei gio-
Dobbiamo aver chiaro che sono una risorsa non solo sede a Siena, calcolando che ognuno di loro spende da-
vani e meno giovani iscritti in città - senza contare l’in-
per Bologna, ma per l’Italia». gli 800 ai mille euro al mese, la città campus rischia di
dotto generato - muove ogni anno pagamenti per 670
Rosalba Carbutti veder bruciare 250milioni di euro l’anno.
milioni di euro. Cifra che si dividono negli affitti dei fuori
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA
sede (alti), nelle librerie, nei negozi, nei trasporti e an-
che nei locali per feste e pause pranzo. Tutto fermo, fin-
tanto che non riprenderà davvero la vita di ateneo.
Ma la vera città universitaria, in Lombardia, per dimen-
sioni e numero di studenti per abitante è Pavia. Sono
23mila gli iscritti e un terzo arriva da fuori regione. E la
sospensione dell’attività ha portato tutti a fare ritorno a
casa subito nelle prime settimane del lockdown, con le-
zioni e anche esami a distanza. Una situazione che ha
avuto e avrà ancora pesanti ripercussioni sull’indotto
portato in città. E anche gli stessi studenti lamentano dif-
ficoltà economiche. «In parecchi - conferma Simone
Agutoli, segretario del Coordinamento per il diritto allo
studio Udu Pavia - ci chiedono aiuto: chi non usa più la
Via Zamboni, cuore della cittadella universitaria di Bologna casa in affitto e chi non se la può più permettere». Il Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Firenze
Stefano Zanette
© RIPRODUZIONE RISERVATA