Sei sulla pagina 1di 37

Nuovo approccio alla preghiera di liberazione

di Mère Agnès Mariam de la Croix

Intervento svolto al Convegno Internazionale AIE 2008


(liberamente tradotto dal francese da Fr. Maximus a S.R.P.
Cp., per gli Esorcisti di lingua italiana)
http://www.sise.org.mx/fr/nouvelle_approche.php

Liberazione dal Male:


Presentazione di un metodo
Ho l'onore di condividere con voi questo metodo, proponendovi
di applicarlo in modo abituale e pregandovi di comunicarmi la
vostra opinione per migliorarlo o fissarlo definitivamente prima
di presentarlo al Dicastero delle Chiese Universali.
INTRODUZIONE

LA GENESI DI QUESTO METODO

• Si basa su trentacinque anni di ricerca in teologia spirituale ed


in discernimento degli spiriti.

• Si basa su esperienze pratiche.

• Ho iniziato ad applicarlo a scala internazionale dal 2006.

• Quando la televisione cristiana in Libano mi chiese di trattare in


diretta il tema dell’occultismo.

• Durante e dopo la trasmissione, i fedeli telefonavano dai quattro


angoli del mondo per farsi aiutare, a volte erano casi difficili...

• Ho avuto la prontezza di spirito di prendere nota e, molto


rapidamente, dare a ciascuno un numero... per ricordarmi il caso
e seguirlo.

• Questa formula faceva un bene immediato. Uno dei casi più


spettacolari fu quello di un uomo d’affari libanese, emigrato in
Guadalupa. Da trent’anni soffriva di un problema psicologico
consistente in un'elefantiasi ossessiva nasale. Cristiano entusiasta,
quest'uomo non era mai incappato nella magia, eccetto... gli
incantesimi che gli aveva insegnato la madre fin dalla sua
adolescenza. Chiamato Rakwé, Cad, incantesimo, questa
imprecazione incantatoria alla quale era stato iniziato è bastata a
legarlo per trent’anni ad una ossessione morbosa, che nessuna
medicina, né trattamento era riuscito a sradicare.

• In una conversazione telefonica di mezz’ora, è stato liberato...

GERARCHIA LOCALE INFORMATA

• Ho scritto una relazione alla gerarchia locale: Patriarchi


Maronita e Greco-Melchita Cattolico, al Vescovo di Beyrouth ed
al Vescovo di Homs.

• Grazie al Patriarca Maronita, ho istituito nell'ambito della


APECL un sottocomitato per la vita spirituale e le devozioni
popolari.

• Con un gruppo di sacerdoti impegnati nella pastorale spirituale


ed il mio ex vescovo di Homs, lavoriamo nell'ambito del
Comitato Episcopale per la fede e la Bibbia.

• Il Presidente di questo comitato, S.E. Mons. Joseph Kallas,


Vescovo Greco-Melchita di Beyrouth e Jbeil ha una nota che ho
proposto di fare giungere a quest'assemblea e che vi trasmetterò
alla fine della mia relazione.

• Con l'approvazione dei miei Vescovi, ho dunque sviluppato


questo metodo e l’ho applicato su centinaia di casi che vanno
della semplice ossessione fino alle vessazioni serie. Ho notato un
successo del 90%. La maggior parte delle persone mi richiama da
due anni per ringraziare il Signore per il fatto che tutti i sintomi
sono spariti.

SINTOMI E CASI ALLEVIATI


• Incubi o spaventose visioni notturne.

• Esperienze sporadiche o croniche di violenze con un'entità


spirituale non identificata.

• Mali fisici diversi, stato di salute instabile.

• Tensione, timori ingiustificati, emergenza, angoscia,


depressione, disperazione, desiderio di morire o timore
sproporzionato della morte o della malattia.

• Ossessioni insistenti, falsi fenomeni mistici.

• Blocco di ogni relazione emozionale e di ogni progetto


matrimoniale, fallimenti ripetuti, maledizioni, malintesi, tristezze,
stanchezza, isolamento.

• Persecuzione generale ingiustificata, malattie ricorrenti, morte,


rovine implacabili ecc...

I casi più difficili

• Purtroppo sono quelli causati da sacerdoti o religiosi che usano


nel loro ministero l’esoterismo, la magia, il vaudou, lo spiritismo,
la radioestesia o il Santo Crisma per sacrilegi ...

• I santuari cristiani nei quali si continua ad esercitare riti pagani.

• L'esposizione ai fenomeni cristiani erronei (apparizioni e falsi


miracoli), che creano legami più pericolosi poiché usufruiscono
di una copertura spirituale più profonda e possono generare
fenomeni mistici illusori (infiltrazione d'olio su immagini o sui
corpi, ossessioni religiose fino a rasentare la pazzia), o penose
vessazioni.

• Nel quadro della stregoneria, il diavolo ha il potere di


manifestarsi sulla persona legata da un sortilegio attraverso
un'influenza erotica onirica o destata. Si tratta del famoso Krini,
demone coniuge, succube o incuba, della persona umana che si
riserva, la quale si vede nell'impossibilità di avere relazioni
normali con un coniuge umano.

• Molte persone, possedute, e che erano oggetto di ripetuti


esorcismi da molti anni, senza grande risultato, sono state
completamente alleviate.

• Questo metodo dimostra la sua efficacia con i figli stregati che


soffrono d’insonnia, incubi e spaventi notturni. Una sola
preghiera, preferibilmente in presenza dei loro genitori, basta ad
alleviarli immediatamente e definitivamente.

• Solo gli uomini o le donne che hanno ceduto carnalmente


all'adulterio, utilizzando questo peccato per preparare una
“pozione d'amore”, non hanno potuto essere liberati, perché essi
sono vincolati dalla propria volontà.

LEGAMI CON L'OCCULTO SINTOMI, CAUSE E


SOLUZIONI
Introduzione

DA DOVE PROVENGONO QUESTI SINTOMI?

• Se c'è stata una qualunque contaminazione con l’occultismo


possono manifestarsi vari sintomi fra cui alcuni segni
d'infestazione. Il nostro metodo li sradica facilmente con la
potenza del nome di Gesù e del suo Sangue Prezioso.

• Chiariamo i termini:

INFILTRAZIONE
Chiamo infiltrazione la promiscuità ottenuta dal maligno per
investire parzialmente l'uomo nelle sue componenti psico-
somatiche o il suo ambiente materiale. È un modo di manifestare
la sua potenza su questo mondo (Cf. 1Gv 5,19) ed anche un
modo di alleviarsi agendo fuori dell'abisso (Cf. Lc. 8,31).

INFEZIONE
• All'interno dell'infiltrazione distinguo, con P. Gabriele Amorth,
la vessazione e l’ossessione che sono come le infezioni causate
dall'infiltrazione.

• Il segno principale di un'infezione è il kriné o demone


congiunto.

• Non si tratta ancora di un possesso.

POSSESSIONE
• Questo metodo non riguarda i casi di possessione per i quali
esistono già le norme dalla Chiesa.

• Tuttavia è prezioso, come lo vedremo, per la diagnosi.

N.B.
• Un patto può causare una promiscuità molto forte del maligno,
senza realizzarsi inevitabilmente in un possesso. Quest'ultimo del
resto sarà nei due sensi e richiederà non soltanto “di far uscire” il
maligno, ma di assicurarsi prima di tutto, che la volontà del
paziente sia di “divorziare” da lui.

• Ci sono casi dove non è il maligno che “possiede” la persona,


ma dove la persona “lo possiede” con l'abdicazione totale della
sua volontà. In questo caso il nostro metodo è necessario.

Non confondere infiltrazione con il possesso


• Secondo la nostra esperienza, alcuni casi d'infiltrazione sono
abbastanza vicini ad un possesso.

• Il maligno gradisce attirare l'attenzione con il vociferare e segni


spettacolari, qualsiasi azione nel settore dell'incarnazione sono
“un sollievo” per lui.

• In tutti i casi, indipendentemente dalla ragione del possesso, una


volta che è stabilita e che l’esorcismo diventa una necessità, è
utile passare per il presente metodo come “preparazione” a questa
chirurgia ultima e ci si renderà conto che, a volte, c'è liberazione
e, dunque, che l’esorcismo non è necessario.

QUALE È QUESTO METODO?


1. Fondamento biblico
2. Le diverse tappe del metodo LEV (lev = cuore)

LIBERAZIONE DELLA VOLONTÀ

• Questo metodo parte dal principio che i demoni, oltre al caso di


possesso, non hanno il potere di superare i limiti di un'azione di
persuasione sottile (tentazione) o di dissuasione violenta (prova).
• Per agire più “direttamente” nella persona, queste forze hanno
bisogno di un permesso da parte di Dio (per il possesso o per
l'infiltrazione) e di un compromesso dell'uomo, che seducono a
questo scopo, per andare contro la volontà di Dio.

• Il peccato, infatti, è già una compromissione con il maligno la


cui potenza si esercita sul mondo intero (Cf. 1 Gv 5,19).

• Le opere di magia, stregoneria, divinazione, spiritismo,


esoterismo, false spiritualità, religioni non cristiane; sono, a gradi
diversi, “i mezzi” insegnati dagli angeli decaduti ed utilizzati
dagli uomini (Cf. Gen. 6), per stabilire un commercio occulto
diretto e permettere un'influenza malefica contraria al regno di
Dio.

• Perché da Genesi 6?

GENESI 6 E LIBRO DI ENOCH

• Il testo misterioso di Genesi è chiarito nel libro di Enoch che ha


un'autorità apostolica poiché citato dall'apostolo Giuda.

• Cerchiamo di chiarire le cause di fenomeni d'influenza diretta


del maligno sulla persona umana, oltre al possesso.

•Vogliamo dimostrare che la volontà della persona ha un ruolo


determinante per la sua liberazione.

Riportiamo qui di seguito i due testi:

GENESI 6,2 -4.


2 i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne
presero per mogli quante ne vollero. 3 Allora il Signore disse:
“Il mio spirito non resterà sempre nell’uomo, perché egli è carne
e la sua vita sarà di centoventi anni”.
4 C’erano sulla terra i giganti a quei tempi - e anche dopo -
quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste
partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell’antichità,
uomini famosi.

LIBRO DI ENOCH

• E ciascuno di loro si scelse una donna, ed abitarono con loro,


essi insegnarono agli uomini la stregoneria, incantesimi, e le
proprietà di radici e alberi (Cf. 7,10).

• Samyaza (il capo degli angeli), ha anche insegnato agli uomini


la stregoneria, lui che si era posto al di sopra tutti i suoi compagni
(Cf, 9,6).

Gen 6,5
5 Il Signore vide che la malvagità degli uomini era grande sulla
terra e che ogni disegno concepito dal loro cuore non era altro
che male.

• Questa afflizione deriva dal apostasia dell’umanità che si è


deliberatamente defilata dal suo carattere (che la voleva orientata
a Dio), volgendosi ad un amichevole scambio con i demoni.

• Ogni peccato è un commercio con il diavolo, perché è l'opera


del diavolo (cf. Gv. 8,41) e il seme del diavolo (Cf. 1 Gv. 3,9).

• Ma la stregoneria è un commercio diretto, attraverso una


seduzione che cerca di realizzare una unione "matrimonio" con la
quale il diavolo vuole usurpare, simulandolo, il primato assoluto
di Dio nel cuore dell'uomo che la Bibbia paragona al matrimonio.
• Sarebbe interessante ricordare alcuni concetti biblici, che sono
delle pietre miliari nella storia della salvezza, contro l'efficacia
dell’occultismo d’"infiltrarsi" nel cuore dell’uomo e che sono: lo
scudo della fede, della speranza e della carità. Questi concetti
stanno alla base di una pastorale che mira ad una fede pertinente
ed efficace.

• Si vedrà che queste pratiche appartengono ad un peccato quasi


dimenticato: l'idolatria.

BASI E NOZIONI BIBLICHE

• Rivelazione di Dio, del suo nome, attraverso la storia: alleanza


e benedizione.

• La risposta è la FEDE e l'amore.

• Il culto vero: Tenda della riunione e tempio.

• Il nostro Dio è un Dio GELOSO.

• Profanare il suo NOME.

• L'IDOLATRIA: prostituzione e maledizione.

• Il Cristo distrugge le opere del diavolo.

RIVELAZIONE DI DIO AD ISRAELE ATTRAVERSO LA


STORIA

• Eb. 1,1 – 2
1 Dio, che aveva già parlato nei tempi antichi molte volte e in
diversi modi ai padri per mezzo dei profeti, ultimamente, 2 in
questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha
costituito erede di tutte le cose e per mezzo del quale ha fatto
anche il mondo.

NOE’

• Nel diluvio, Dio salva Noé e conclude con lui una prima
alleanza: l’intenzione irrevocabile di Dio è di salvare l'uomo,
perciò Dio promette di non colpire più nessun vivente a causa del
peccato dell'uomo.

Gen. 9,11
11 Io stabilisco la mia alleanza con voi: non sarà più distrutto
nessun vivente dalle acque del diluvio, né più il diluvio devasterà
la terra”.

ABRAHAM Gen. 17,1 -10

1 Quando Abram ebbe novantanove anni, il Signore gli apparve


e gli disse:
“Io sono Dio onnipotente:
cammina davanti a me
e sii integro.
2 Porrò la mia alleanza
tra me e te
e ti renderò numeroso
molto, molto”.
3 Subito Abram si prostrò con il viso a terra e Dio parlò con lui:
4 “Eccomi:
la mia alleanza è con te
e sarai padre
di una moltitudine di popoli.
5 Non ti chiamerai più Abram
ma ti chiamerai Abraham
perché padre di una moltitudine
di popoli ti renderò.
6 E ti renderò molto, molto fecondo; ti farò diventare nazioni e
da te nasceranno dei re. 7 Stabilirò la mia alleanza con te e con
la tua discendenza dopo di te di generazione in generazione,
come alleanza perenne, per essere il Dio tuo e della tua
discendenza dopo di te. 8 Darò a te e alla tua discendenza dopo
di te il paese dove sei straniero, tutto il paese di Canaan in
possesso perenne; sarò il vostro Dio”.
9 Disse Dio ad Abramo: “Da parte tua devi osservare la mia
alleanza, tu e la tua discendenza dopo di te di generazione in
generazione. 10 Questa è la mia alleanza che dovete osservare,
alleanza tra me e voi e la tua discendenza dopo di te: sia
circonciso tra di voi ogni maschio.

MOSÈ

• Rivelazione del NOME (Es. 3)

• Suggellamento dell'alleanza nel sangue spruzzato

Es. 24,7-8 7
Quindi prese il libro dell’alleanza e lo lesse alla presenza del
popolo. Dissero: “Quanto il Signore ha ordinato, noi lo faremo e
lo eseguiremo! ”. 8 Allora Mosè prese il sangue e ne asperse il
popolo, dicendo: “Ecco il sangue dell’alleanza, che il Signore ha
concluso con voi sulla base di tutte queste parole! ”.
Il CULTO

• Fare risiedere il NOME di DIO perché gli uomini possano


invocarlo nella sua CASA

Es. 20,24
24 Farai per me un altare di terra e, sopra, offrirai i tuoi
olocausti e i tuoi sacrifici di comunione, le tue pecore e i tuoi
buoi; in ogni luogo dove io vorrò ricordare il mio nome, verrò a
te e ti benedirò.

Es. 25:22:
22 Io ti darò convegno appunto in quel luogo: parlerò con te da
sopra il propiziatorio, in mezzo ai due cherubini che saranno
sull’arca della Testimonianza, ti darò i miei ordini riguardo agli
Israeliti.

2Sam. 7,13
13 Egli edificherà una casa al mio nome e io renderò stabile per
sempre il trono del suo regno.

1Re 8:29
29 Siano aperti i tuoi occhi notte e giorno verso questa casa,
verso il luogo di cui hai detto: Lì sarà il mio nome! Ascolta la
preghiera che il tuo servo innalza in questo luogo.

LA FEDE D’ISRAELE,
ereditata da Abramo, legalizzata da Mosè, richiamata dai profeti
e completata da Gesù è:

• Di credere in un solo Dio, conosciuto personalmente (dal suo


nome).
• Fare alleanza con lui.

• Rendergli un culto.

• Amarlo con tutto il proprio essere.

• Riconoscerlo quale fonte di benedizione.

Dt. 6,4 - 6 4
Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, il Signore è uno solo.
5 Tu amerai il Signore tuo Dio con tutto il cuore, con tutta
l’anima e con tutte le forze. 6 Questi precetti che oggi ti dò, ti
stiano fissi nel cuore;

Un peccato ignorato: l'infedeltà e idolatria

• profanare il nome di Dio

• infedeltà è una delle principali prostituzione

• essa culmina in una alleanza con Satana

• fonte di maledizione

Il nostro Dio è un Dio geloso

Dt. 6,14-15 14
Non seguirete altri dei, divinità dei popoli che vi staranno
attorno, 15 perché il Signore tuo Dio che sta in mezzo a te, è un
Dio geloso; l’ira del Signore tuo Dio si accenderebbe contro di
te e ti distruggerebbe dalla terra.

Non profanare il nome di Dio


Lv. 22,32-33
Non profanerete il mio santo nome, perché io mi manifesti santo
in mezzo agli Israeliti. Io sono il Signore che vi santifico, 33 che
vi ho fatto uscire dal paese d’Egitto per essere vostro Dio. Io
sono il Signore”.

Es. 20,3
non avrai altri dei di fronte a me.

Es. 20,23
Non fate dei d’argento e dei d’oro accanto a me: non fatene per
voi!

Es. 22,20
Non molesterai il forestiero né lo opprimerai, perché voi siete
stati forestieri nel paese d’Egitto.

Es. 23,32
Ma tu non farai alleanza con loro e con i loro dei;

Es. 23,24
tu non ti prostrerai davanti ai loro dei e non li servirai; tu non ti
comporterai secondo le loro opere, ma dovrai demolire e dovrai
frantumare le loro stele.

Es. 34,16
Non prendere per mogli dei tuoi figli le loro figlie, altrimenti,
quando esse si prostituiranno ai loro dei, indurrebbero anche i
tuoi figli a prostituirsi ai loro dei.

Lev. 20,6
Se un uomo si rivolge ai negromanti e agli indovini per darsi alle
superstizioni dietro a loro, io volgerò la faccia contro quella
persona e la eliminerò dal suo popolo.

Gdc. 8,33
Dopo la morte di Gedeone gli Israeliti tornarono a prostituirsi a
Baal e presero Baal- Berit come loro dio.

Os. 4,12
Il mio popolo consulta il suo pezzo di legno e il suo bastone gli
dá il responso, poichè uno spirito di prostituzione li svia e si
prostituiscono, allontanandosi dal loro Dio.

Os. 5,4
Non dispongono le loro opere per far ritorno al loro Dio, poichè
uno spirito di prostituzione è fra loro e non conoscono il
Signore.

Ap. 17,4
La donna era ammantata di porpora e di scarlatto, adorna
d’oro, di pietre preziose e di perle, teneva in mano una coppa
d’oro, colma degli abomini e delle immondezze della sua
prostituzione.

NOZIONI DI BENEDIZIONE E DI MALEDIZIONE

La benedizione viene dal NOME

Alla fine della formula di benedizione di Aronne in Numeri...

Num. 6,27
Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò”.
• Anche Cristo che rivela in sé, il NOME del Padre sale al cielo
benedicendo (Cf. Gv. 17).

Dt. 11,26-28
Vedete, io pongo oggi davanti a voi una benedizione e una
maledizione: 27 la benedizione, se obbedite ai comandi del
Signore vostro Dio, che oggi vi dò; 28 la maledizione, se non
obbedite ai comandi del Signore vostro Dio e se vi allontanate
dalla via che oggi vi prescrivo, per seguire dei stranieri, che voi
non avete conosciuti.

Dt. 11,29-30
Quando il Signore tuo Dio ti avrà introdotto nel paese che vai a
prendere in possesso, tu porrai la benedizione sul monte Garizim
e la maledizione sul monte Ebal. 30 Questi monti si trovano
appunto oltre il Giordano, dietro la via verso occidente, nel paese
dei Cananei che abitano l’Araba di fronte a Gàlgala presso le
Querce di More.

(Ho osservato che questi luoghi sono il centro della terra santa
se arriva fino al Libano).

“GLI DEI” DELLE NAZIONI:


la Scrittura dice che sono fatti “da mano d'uomo” e che incitano i
loro seguaci ad abomini

Dt. 4,28
Là servirete a dei fatti da mano d’uomo, dei di legno e di pietra, i
quali non vedono, non mangiano, non odorano.

Dt. 12,31
Non ti comporterai in tal modo riguardo al Signore tuo Dio;
perché esse facevano per i loro dei quanto è abominevole per il
Signore e che Egli detesta; bruciavano nel fuoco perfino i loro
figli e le loro figlie, in onore dei loro dei.

Per quanto riguarda “gli dei” delle nazioni, la Sacra Scrittura dice
che sono demoni

1Cor. 10,20
No, ma dico che i sacrifici dei pagani sono fatti a demòni e non a
Dio. Ora, io non voglio che voi entriate in comunione con i
demòni.

Ap. 9,20
Il resto dell’umanità che non perì a causa di questi flagelli, non
rinunziò alle opere delle sue mani; non cessò di prestar culto ai
demòni e agli idoli d’oro, d’argento, di bronzo, di pietra e di
legno, che non possono né vedere, né udire, né camminare;

Satana cerca di prendere il posto di Dio e dall'inizio inculca


all'uomo il desiderio di farlo

Ez. 28:2
“Figlio dell’uomo, parla al principe di Tiro: Dice il Signore Dio:
Poiché il tuo cuore si è insuperbito e hai detto: Io sono un dio,
siedo su un seggio divino in mezzo ai mari, mentre tu sei un
uomo e non un dio, hai uguagliato la tua mente a quella di Dio,

Ez. 28,17
Il tuo cuore si era inorgoglito per la tua bellezza, la tua saggezza
si era corrotta a causa del tuo splendore: ti ho gettato a terra e ti
ho posto davanti ai re che ti vedano.

2Ts. 2,4
colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene
detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio,
additando se stesso come Dio.

Gen. 3,4-5
Ma il serpente disse alla donna: “Non morirete affatto! 5 “Anzi,
Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi
e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male”.

Gesù è venuto a distruggere le opere del diavolo nell'uomo

1Gv. 3,8
Chi commette il peccato viene dal diavolo, perché il diavolo è
peccatore fin dal principio. Ora il Figlio di Dio è apparso per
distruggere le opere del diavolo.

Gesù ha già vinto il demonio

Gv 12,31-33
Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo
mondo sarà gettato fuori. Io, quando sarò elevato da terra, attirerò
tutti a me”. 33 Questo diceva per indicare di qual morte doveva
morire.

• Il Cristo è venuto a distruggere le opere del diavolo.

• Con il suo NOME il demone è cacciato.

• Con la sua obbedienza si è abbassato fino alla morte, che sigilla


l'alleanza nuova ed eterna con il suo sangue (Cf. Lc 22,20), così è
stato innalzato sopra ogni cosa nella sua Rissurezione e, nella
gloria, riceve il NOME che è sopra qualsiasi altro nome (Cf. Fil.
2).
• Con l'effusione dello Spirito Santo dà agli apostoli il potere di
rimettere i peccati (Cf. Gv. 20,22).

La via della salvezza

• Il Cristo e dopo di Lui, gli apostoli ci invitano a ricevere la


salvezza per l’annuncio della buona Notizia:

• Convertendoci

• Credendo alla buona notizia

• Facendoci battezzare nella morte e risurrezione di Cristo, nel


nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo entriamo
nell'alleanza nuova ed eterna per rendere a Dio il culto
eucaristico in spirito e verità.

At. 2,38
E Pietro disse: “Pentitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel
nome di Gesù Cristo, per la remissione dei vostri peccati; dopo
riceverete il dono dello Spirito Santo.

At 3,19
Pentitevi dunque e cambiate vita, perché siano cancellati i vostri
peccati

LE TAPPE DEL METODO LEV

• Il metodo LeV favorisce la dinamica dell'accompagnamento


spirituale come additivo alla preghiera di consegna. Aiuta i fedeli
a ritornare alle fonti della loro fede facendo loro prendere
coscienza dell'importanza delle loro scelte personali per garantire
l'autenticità del loro impegno battesimale. Li esercita al
combattimento spirituale manifestando loro la potenza salvifica
del NOME di Cristo e del suo sangue prezioso.

Tappe del metodo LeV

1. Ascolto ed anamnesi.

2. Sintesi e diagnosi.

3. Passo di liberazione.

Passo di liberazione LeV

1. Conversione.

2. Dichiarazione di liberazione della volontà.

3. Invocazione del sangue del Cristo.

4. Se necessario preghiera di consegna.

1. Ascolto ed anamnesi
Quando una persona sperimenta sintomi d'infiltrazione,
vessazione od ossessione, è importante che la si comprenda con
pazienza e fino alla fine, orientandola con domande opportune a
situare e rivelare ogni pratica o esposizione all'occulto o
all’esoterismo ecc.... nella propria vita o in quella della propria
famiglia attuale o passata. L'anamnesi è già una presa di
coscienza da parte della persona stessa.

2. Diagnosi
Una volta realizzata l'anamnesi ci si impegnerà a chiarire alla
persona dove e come si situano le ragioni dell'infiltrazione e i
diversi settori di compromissione volontaria o d'esposizione
involontaria al mondo dell'occulto che si rileva in essa.

Esorcismo esplorativo?
Sono contraria all'utilizzo del esorcismo esplorativo per
individuare una possessione e ciò per le seguenti ragioni:

• Per il maligno, che è spirito, l’esorcismo in pectore è un


esorcismo reale.

• Ma se non c'è possesso un esorcismo - che proclama


ufficialmente in nome della Chiesa che lo spirito cattivo è
personalmente dentro la persona, dà allo spirito cattivo la libertà
di manifestarsi come se fosse là, ciò lo delizia particolarmente,
poiché odia la sua impotenza nell'abisso.

• Persone esorcizzate senza ragione sono state raggiunte da


“manifestazioni” senza fine, considerate come “probatorie” del
possesso e dopo dieci anni di preghiere erano allo stesso punto.

• Una sola LeV ha fatto cessare definitivamente queste


manifestazioni...

• Un'ipotesi sarebbe che l’esorcismo, fin dalla prima volta,


avrebbe stabilito l'infiltrazione ma avrebbe permesso senza fine
al maligno di fare credere che è là...

Basi della diagnosi


• Ci si impegnerà a mettere in luce: il modo in cui vive questa
persona, la sua infanzia, ciò che ha vissuto di traumatico nella sua
infanzia, il suo quadro familiare, il grado di religiosità, tutto ciò
che riguarda la sua vita morale, i sintomi che esperimenta ecc ...
• Si controllerà se ci sono incubi ricorrenti? Occulte visioni,
sensazioni di essere osservato in modo soprannaturale e altri
fenomeni ...

Sintesi e diagnosi
• Si farà poi una sintesi della storia (forse non immediatamente,
se vogliamo consultare un esperto o prendere tempo per la
preghiera).

• Ci occupiamo di dimostrare la causa e l'effetto e si consegnerà


la diagnosi sulla base dei principi di discernimento degli spiriti,
sulla conoscenza dei percorsi nascosti, l'esperienza di traumi
psico-spirituali e le loro conseguenze.

Da evitare
• per la diagnosi evitare l'uso di metodi "esoterici" o
semplicemente "magici" che non liberano la persona, nonostante
risultati immediati, che però rafforzano il legame.

• Ci limiteremo ad una sobria invocazione del Suo Nome e


all’invocazione del Sangue di Cristo interamente basata sulla
fede nella potenza salvifica di Cristo.

• Non è un miracolo, ma la causa del miracolo. Non


dimentichiamo che i maghi del faraone sono stati in grado di
replicare 9 su 10 piaghe d'Egitto.

• Si ricorda che Mosè colpì la roccia due volte nel libro dei
numeri, la prima volta come Dio gli aveva detto e la seconda
volta è stata una magia per la quale egli è stato punito.

Num. 20,9-13 9
Mosè dunque prese il bastone che era davanti al Signore, come il
Signore gli aveva ordinato. 10 Mosè e Aronne convocarono la
comunità davanti alla roccia e Mosè disse loro: “Ascoltate, o
ribelli: vi faremo noi forse uscire acqua da questa roccia? ”. 11
Mosè alzò la mano, percosse la roccia con il bastone due volte e
ne uscì acqua in abbondanza; ne bevvero la comunità e tutto il
bestiame. 12 Ma il Signore disse a Mosè e ad Aronne: “Poiché
non avete avuto fiducia in me per dar gloria al mio santo nome
agli occhi degli Israeliti, voi non introdurrete questa comunità
nel paese che io le dò”. 13 Queste sono le acque di Mèriba, dove
gli Israeliti contesero con il Signore e dove Egli si dimostrò
santo in mezzo a loro.

Conclusione della diagnosi


• Se la diagnosi rivela una causa psichica, si orienterà la persona
verso un esperto cristiano interessato alla cura delle anime
sensibili.

• Se la diagnosi rivela un'infiltrazione si informerà la persona,


senza spaventarla e riducendo al minimo la potenza del maligno
di fronte alla onnipotenza di Cristo.

• Gli si proporrà il passo di liberazione della propria volontà


(LeV) che si fa in due tempi.

TAPPE DEL METODO LEV


Il metodo prevede due tappe: la conversione e il rilascio-
liberazione della volontà.

A. La conversione, che comporta:

1. L'accettazione personale della Salvezza in Cristo attraverso il


pentimento.
2. Contrizione e confessione dei peccati.

3. Rinnovo del battesimo.

4. La domanda (l’invocazione-richiesta) dello Spirito Santo in


previsione del combattimento spirituale.

B. Liberazione della volontà, che comporta:

1. Dichiarazione di ritiro e ritrattazione della sua volontà da ogni


pratica occulta.

2. Dichiarazione di ritiro e ritrattazione della sua volontà e della


volontà degli altri che praticano l'occultismo (nrd. La persona
deve dichiarare la sua volontà a staccarsi da ogni opera del male
e dell’occulto e deve staccarsi, rompendo ogni legame, con
quanti operano il male).

3. Invocazione del sangue di Cristo.

4. Liberazione attraverso l’invocazione del Nome di Cristo.

CONVERSIONE

La dichiarazione LEV, messa per iscritto, diventa per la persona


il primo un passo di conversione e un'arma per il combattimento
spirituale.

Accettazione della salvezza in Gesù


• Ogni persona che desidera essere liberata da un'infiltrazione
qualunque, dovrebbe ricevere l’annuncio della Buona Notizia in
Gesù e della potenza del suo NOME che ci salva dai nostri
peccati e ci fa entrare nel regno di Dio.

• Per essere consegnata totalmente ed essere liberata, la persona


deve accettare la salvezza in Gesù, essere pentita e confessare i
propri peccati.

• Il pentimento dei peccati passati o attuali e la loro confessione


al sacerdote è una condizione sine qua non del successo di
qualsiasi passo di consegna.

• Occorrerà aiutare i fedeli a confessarsi bene: molti non sanno


che l’aborto, la gelosia attiva, il rifiuto di perdonare sono peccati
da confessare.

• Occorre confessarsi di qualsiasi atto, anche minuscolo


riguardante l'occulto e rinunciare alle sue opere di peccato e di
oscurità.

• Confessione sincera e piena nel sacramento della


riconciliazione.

• Dichiarare ufficialmente dinanzi ad almeno a due testimoni


l’atto di rinuncia alle opere di oscurità (occultismo e derivati,
divinazione, esoterismo, religioni non cristiane, false spiritualità
cristiane, superstizioni, influenze da un ministero sacerdotale
corrotto…).

IMPORTANTE
• A causa della disaffezione del sacramento della riconciliazione,
i fedeli dovrebbero sapere che non si può essere liberati dalle
stregonerie prima di avere confessato e rinunciato ai suoi peccati;
ad esempio: dopo avere liberato la volontà si sentirà un
miglioramento per una settimana o due ma i sintomi ritorneranno
con una aumentata recrudescenza se non ci si confessa o se si
ripete il peccato dell’occultismo senza confessione!!!

RINNOVO DEL BATTESIMO


Attraverso il rinnovo del battesimo, si risale alle fonti
dell'alleanza nuova ed eterna, in modo che la persona,
rinunciando a Satana ed alle sue opere, si consegni a Cristo
secondo gli insegnamenti della Chiesa.

Formula di rinnovo del battesimo (che può essere modificata)


Io N…, rinnovo gli impegni del mio battesimo e rinuncio a
Satana, alle sue pompe, alle sue opere, alle sue illusioni, alle sue
menzogne ed ai suoi agenti e mi consegno a Gesù come il mio
Signore, il mio Dio ed il mio Salvatore ed accetto gli
insegnamenti della Chiesa Una, Santa, Cattolica ed Apostolica.

RINNOVO DELLA CONFERMAZIONE

Rinnovando il sacramento si ripristina nella persona la sua


accettazione della grazia dello Spirito Santo che: ci fa soldati di
Cristo e ci arma per la lotta spirituale ci fortifica nel Signore e
nella sua onnipotente forza ci abilita a combattere contro principi
delle tenebre di questo mondo

Ef. 6,10-13
Per il resto, attingete forza nel Signore e nel vigore della sua
potenza. 11 Rivestitevi dell’armatura di Dio, per poter resistere
alle insidie del diavolo. 12 La nostra battaglia infatti non è
contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati
e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra,
contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti. 13
Prendete perciò l’armatura di Dio, perché possiate resistere nel
giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le
prove.

Formula per rinnovare la grazia dello Spirito Santo

Chiedo al Signore Gesù Cristo, la grazia di rinnovare in me il


dono dello Spirito Santo, per essere rafforzato nel cammino e nel
combattimento spirituale.

Va ricordato che il combattimento spirituale è la realtà quotidiana


di ogni cristiano affinché Cristo regni sulla nostra vita.

LIBERAZIONE DELLA VOLONTÀ

L'importanza della volontà


La volontà umana è la chiave che apre la persona a qualsiasi
rapporto, ed è lei che apre la porta all’infiltrazione diabolica.

• Giuridicamente, tutte le relazioni libere sono un accordo


volontario.

• Nella Bibbia il termine volontà è dato da “Leb” cuore; sede


della volontà-libertà, e più tardi, nel post-esilio, da “Volere” (Cf.
Es. 7,10; 10,11, Sal. 40,8; 103,21; 143,10 ) in greco thelema che
è il termine oggi in vigore.

• Essa è, sia la volontà personale, sia la volontà di un genitore, di


un amico o di un nemico che abbia praticato l'occulto in mio
favore o contro di me.

• E’ questo il particolare accento posto al metodo che vi


proponiamo, e cioè la liberazione personale della volontà,
rispetto a sé e rispetto agli altri.
A. La volontà personale
• Nel primo caso, di un'esposizione o di una pratica personale,
occorre rinunciare esplicitamente ad ogni legame dell’occulto
nella propria vita e ad ogni sua pratica, altrimenti il maligno si
vanterà “di un diritto di passaggio” non revocato.

• Secondo la mia esperienza ci sono persone che sembrano


possedute ma che, in realtà “possiedono” il demone con un
compromesso interno, con un difetto ecc.

B. La volontà degli altri


• Nel caso in cui sono altri, familiari o nemici, che praticano
l'occulto per la persona, occorre sempre che lo spirito maligno
ottenga il suo “visto” d'infiltrazione indifferentemente dalla
volontà zelante dei genitori, amici o nemici per mezzo della quale
si vuol fare il male.

Staccare la propria volontà da quella degli altri


Tutte le persone hanno il diritto di staccare la propria volontà
rispetto alla volontà degli altri, dei genitori, di qualsiasi altro, e
rispetto alle generazioni passate o presenti, pur rispettando il
quarto comandamento. Finché non lo ha fatto, il maligno si
concede “un diritto” d'infiltrazione, nel caso di pratiche propizie
all'infiltrazione stessa.

Dichiarazione di ritiro e di recupero della volontà

Perché questo titolo?


• Si tratta “di una dichiarazione” personale, ufficiale, dinanzi a
testimoni, di carattere giuridico.

• “Si ritira” al maligno la facoltà di usufruire del consenso della


nostra volontà ottenuto da noi in modo implicito o esplicito o per
mezzo di pratiche occulte fatte da terze persone che ci hanno
presi di mira.

• Ma “ ritirare” la propria volontà non basta; occorre investire


attivamente la volontà.

• “Si recupera” la nostra volontà integrandola attivamente per


orientarla verso un totale abbandono alla Provvidenza Divina.

• Questa formula espone nei dettagli l'ingiunzione biblica


“eliminate il male in mezzo a voi”. Tutto il passo risponde
perfettamente alla parola del profeta Samuele.

1Sam. 7,3-4
Allora Samuele si rivolse a tutta la casa d’Israele dicendo: “Se è
proprio di tutto cuore che voi tornate al Signore, eliminate da
voi tutti gli dei stranieri e le Astàrti; fate in modo che il vostro
cuore sia indirizzato al Signore e servite lui, lui solo, ed egli vi
libererà dalla mano dei Filistei”. 4 Subito gli Israeliti
eliminarono i Baal e le Astàrti e servirono solo il Signore.

Nozioni bibliche sottostanti


Ritornate (shoubou = conversione ) conversione di tutto il vostro
cuore.
(bikhol libabkem) = volontà: togliete di mezzo a voi gli dei
stranieri e le loro Astàrti.
(Hasirou elohei nakar) = ritrattano: dirigere il vostro cuore verso
il Signore.
(lebabkhem) = recupero della volontà: per servire a Lui solo.

FORMULA DI LIBERAZIONE DELLA VOLONTÀ


• Cito qui la maggior parte delle pratiche, non è sempre
necessario enumerarle.
• Si potranno aggiungere o chiarire altre, secondo l'anamnesi
della persona da liberare.

Sotto la protezione del nome del nostro Signore Gesù ritiro e


recupero la mia volontà se l’ho consegnata da sola, in
cognizione di causa o per ignoranza, o se è stata consegnata da
altre persone alla mia conoscenza o alla mia insaputa, anche da
parte dei miei genitori o di parenti di qualsiasi grado di
relazione, nelle generazioni passate o presenti, per qualsiasi
pratica d'idolatria, con o senza sacrificio, di occultismo e di
stregoneria, di magia nera, di contro-magia.

• Qualsiasi forma di sorti, sortilegi, divinazione, veggenza


(caffèinomanzia, cristallomanzia, taromanzia, numerologia
astrologia, oroscopo ...) l'uso di piombo, del pendolo, le
imprecazioni, gli incantesimi, le maledizioni, la blasfèmia, la
gelosia e il malocchio, la medianità, lo spiritismo, l'influenza di
religioni non cristiane o false spiritualità cristiane, di ogni
superstizione e ogni autorità spirituale esercitata in un modo
incompatibile con grazia salvifica di Gesù Cristo.

Dichiaro tutte queste opere nulle e non avvenute e consegno con


tutto il mio cuore ogni opera dell’occulto alla Provvidenza del
Padre celeste. Chiedo perdono di tutto cuore per me stessa/o per
il male che ho fatto a me e agli altri. Ti chiedo perdono per chi
mi ha fatto del male. Signore Gesù Cristo versa il tuo
Preziosissimo Sangue su di me (i miei figli o la mia famiglia), e
su tutto ciò che ho (hanno) di lavami, purificami, difendimi e
rompi tutti i legami tra me e queste pratiche e tutte le loro
conseguenze sulla mia vita spirituale, psicologica, mentale,
fisica, emotiva, familiare, sociale, professionale, distruggi ogni
opera maligna del mio passato, nel presente e ogni sua
conseguenza nel mio futuro, attraverso l'intercessione della
Beata Vergine Maria, San Michele Arcangelo, degli angeli e dei
santi.

Alcune aggiunte necessarie


Spesso succede che alcune persone nel fare la dichiarazione si
sentono a disagio (vertigini, mal di testa, collo, addome, schiena,
o tutto il corpo). Si tratta di un segno o un compromesso o una
più grave infiltrazione; in tal caso è necessario prendere alcuni
provvedimenti.

In caso di compromissione
La persona che dichiara la formula LeV deve sapere che se ha
qualsiasi compromissione con un difetto, un peccato, o qualsiasi
pratica occulta, la dichiarazione si girerà contro essa. Un
sacerdote che mi aiutava a far dire la dichiarazione alla sua
famiglia è sparito, ha dovuto inizialmente confessarsi e quindi
fare la dichiarazione.

Il metodo LeV è un rivelatore


• Spesso il processo di guarigione non si esaurisce con la
dichiarazione. Dobbiamo mettere in guardia i fedeli.

• Una volta pronunciata la dichiarazione questa diventa un


rivelatore che, nei giorni o nei mesi successivi, metterà in rilievo
zone d'alienazione ignorate o nascoste.

• Da qui l'importanza di rimanere in contatto con la persona


liberata.

• Una Comunità religiosa che mi aveva chiamato per LeV a causa


“di un'infestazione” dei luoghi e delle relazioni comunitarie, mi
richiamò per dirmi che, dalla dichiarazione, erano iniziati vari
danni materiali : incendi, cose che volavano e rotture
irrazionali… Successivamente ho scoperto che la superiore
faceva, se pur in buona fede, uso del pendolo… Accettò di fare
una dichiarazione più precisa… e di confessarsi di sua questa
pratica.

• Alcune persone trovano costoso rinunciare ai vantaggi


finanziari assicurati dalla loro pratica dell’esoterismo. In tal caso,
la dichiarazione, fatta senza un vero distacco, servirà soltanto ad
aumentare i loro tormenti.

In caso d'infiltrazione più seria


Se i sintomi conseguenti alla dichiarazione lasciano concludere
che si è di fronte ad un'infiltrazione più seria si potrà ricorrere
alla seguente preghiera di consegna:

“In nome del nostro Signore Gesù, sia cacciato da me ogni


spirito maligno che si è infiltrato in qualsiasi modo, con
qualsiasi autorità, e che vada nell'abisso e non ritorni mai più
verso me”.

• Poi consiglio di prendere olio benedetto per segnarsi la fronte,


le mani ed il petto.

• È preferibile certamente che sia un sacerdote che faccia questa


preghiera.

Perché “all'abisso” e non “ai piedi della Croce”?


Nel vangelo il Signore rinvia gli spiriti maligni nell'abisso.

• Al villaggio di Qâra, noi abitammo nella canonica ed è in


questo caso che avevo effettuato le due preghiere di consegna,
dopo le quali due delle mie pazienti -la donna religiosa e la
giovane si erano sentite liberate (e lo sono fino ad oggi).

Poi abbiamo traslocato per raggiungere il monastero e dopo tre


anni un giovane sacerdote, nominato parroco, si stabilì in quella
canonica. Questo sacerdote, molto spirituale, mi confidava che
doveva far fronte a vari fenomeni straordinari in canonica come:
voci, rumori, porte che si aprono, il video del suo telefono poi,
visualizzava sempre ed indipendentemente dal numero, che
chiama o da cui è chiamato, una serie di 666666. Un giorno dei
giovani di Qâra avevano passato la notte in canonica e uno di
loro disse di aver visto, da sveglio, la notte, tre demoni…

Ho confidato a questo sacerdote con il permesso del vescovo e, in


un dialogo molto spirituale, che là avevo fatto una preghiera di
consegna SENZA precisare agli spiriti maligni dove andare e
che, con ogni probabilità, erano sempre “ai piedi della Croce…”,
cioè quella posta al vertice della chiesa parrocchiale. E che il
Signore permetteva di manifestare la loro promiscuità…

• Una mattina, dopo che questo caro curato aveva vissuto ogni
tipo di prova quotidiana, per due anni, gli proposi “di terminare”
la preghiera di consegna.

• Accettò, portò la sua stola, prese l'acqua benedetta e mi fece


dire a voce alta: “in seguito alla preghiera di consegna ed in
nome del nostro Signore Gesù che ogni spirito cattivo presente in
questi luoghi ai piedi della Croce, sia cacciato definitivamente,
che vada nell'abisso e non ritorni mai più”, poi asperse l’acqua
benedetta.

• In quel momento il telefono suonò, perché qualcuno chiamava


il curato. Quale sorpresa nel vedere che lo schermo non
visualizzava più 66666 ma 888888!!!!! Dopo questa preghiera,
tutti i segni maligni, diventati abituali, sparirono definitivamente.

• Secondo il parere dei santi Padri: sembra che sia meglio inviare
gli spiriti maligni nell'abisso, dove hanno la loro residenza per
l'eternità, come insegna anche la Scrittura.

In caso d'infestazione delle case raccomando:


1. Fare benedire la casa da un sacerdote.

2. A volte fare celebrare una messa.

3. I proprietari legali versino sale benedetto sulla soglia della casa


o i quattro angoli del loro terreno e pronunciano la preghiera
seguente:
“In nome di Nostro Signore Gesù che sia rotto qualsiasi
legame tra questa casa, questa famiglia ed ogni legame occulto,
Amen! e si chiude la porta.

LA CONVALESCENZA
• La dichiarazione LeV annulla il principio d’infiltrazione e il
pugno di ferro degli spiriti maligni causato da pratiche occulte,
ma non rimuovere le tracce che queste pratiche lasciano
nell'anima. Infatti non si tratta di una magia, ma un’invocazione
di liberazione spirituale sulla base di una fede viva e di un
sincero desiderio.

• Quindi, tale dichiarazione è seguita da un lungo periodo di


convalescenza, dove è importante vivere la vita cristiana con una
maggiore attenzione e una maggiore consapevolezza e dove si
impara a respingere la paura, la vergogna, le fobie e i pensieri
generati dai suggerimenti del diavolo. La convalescenza si basa
sulla fiducia nella Divina Provvidenza e nell’abbandono alla
volontà salvifica di Dio.
• Ci si armerà di una retta intenzione e di un sincero desiderio
unito alla volontà di tornare verso il bene. Respingendo
coscientemente qualsiasi reiterazione dallo stato morboso
precedente ricordando a sé stessi di avere ritirato da esso il
proprio impegno.

• Si invocherà il nome di Gesù per liberare se stessi da qualsiasi


reiterazione pregando così:
"Nel Nome del Signore Gesù che sia consegnato qualsiasi
male, per l’intercessione di Maria Vergine...

• Si dovrà avvicinarsi regolarmente ai sacramenti ed alla pratica


della vita cristiana, pregare di tutto cuore e soprattutto la
preghiera del Padre Nostro, chiedere l’intercessione della santa
vergine e leggere la Santa Bibbia.

• Ecco, in fiducia, il risultato di 30 anni di ministero nascosto e


visibile al servizio della liberazione delle persone create ad
immagine e somiglianza di Dio.

• Il mio desiderio è che ogni parrocchia, ogni Diocesi e la Sede


Apostolica, almeno una volta l'anno, faccia, attraverso il suo
pastore e, possibilmente con i fedeli, una confessione dei peccati
e una liberazione della volontà (LeV).

• Tuttavia chiedo le vostre preghiere poiché, avendo ottenuto


questa luce singolare, non ho ancora operato abbastanza per la
mia vera liberazione che è la mia unione incondizionata a Gesù.
La fede non è abbastanza, mi è chiesto di crescere nell'amore e…
di entrare nello spessore della Croce, ed è ciò, che è più difficile!

Mt. 7,22 22
Molti mi diranno in quel giorno: Signore, Signore, non abbiamo
noi profetato nel tuo nome e cacciato demòni nel tuo nome e
compiuto molti miracoli nel tuo nome? 23 Io però dichiarerò
loro: Non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da me, voi
operatori di iniquità.
24 Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in
pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa
sulla roccia. 25 Cadde la pioggia, strariparono i fiumi,
soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non
cadde, perché era fondata sopra la roccia.
Per l’intercessione della madre di Dio, salvaci, oh Salvatore!

POSIZIONE DI S.E. MONS. JOSEPH KALLAS,


Arcivescovo Greco-Melkita Cattolico di Beyrouth -Libano -,
Presidente della Commissione Episcopale Teologica e Biblica del
APECL.

Cause dell’abuso da parte degli esorcisti locali

• Mancanza di discernimento.

• Confusione tra possessione e malattie psichiche o fisiche.

• Confusione tra stato di peccato e stato di possessione.

• Gusto di “show” e situazioni impressionanti.

• Azioni in mancanza di comunione.

(Lettera pastorale d’interdizione degli esorcismi)