Sei sulla pagina 1di 2

18/5/2020 Coronavirus - Dagli indici storici ai flussi di cassa prospettici: la valutazione del rischio crisi aziendale nelle società

nelle società pubbliche

Stampa Chiudi

18 Mag 2020

Coronavirus - Dagli indici storici ai flussi di


cassa prospettici: la valutazione del rischio
crisi aziendale nelle società pubbliche
di Cesare Spezia e Marco Bertocchi

L’emergenza della pandemia COVID19 sta creando forti tensioni nella gestione economico
finanziaria degli enti locali, sotto diversi punti di vista. In questo complesso e delicato scenario
entra in gioco anche il rapporto tra gli enti locali e le proprie società partecipate, che nei prossimi
mesi si snoderà lungo un sentiero tortuoso. Occorrerà, infatti, adottare soluzioni atte a garantire,
contemporaneamente:
- la disponibilità di risorse liquide per far fronte tempestivamente ai pagamenti;
- il mantenimento degli equilibri di bilancio degli enti locali;
- la continuità aziendale delle società partecipate, prevenendo situazioni di crisi aziendale che
possano impattare anche sui bilanci degli enti stessi;
- un sostegno economico adeguato ai diversi attori della collettività locale, per favorire la ripresa.
Le leve di intervento per ricercare questo delicato equilibrio sono molteplici ed investono gli enti
locali nel loro duplice ruolo di soci e di committenti dei servizi offerti dalle società da loro
partecipate.
Focalizzandoci in questo articolo sul loro ruolo di soci, gli enti sono tenuti ad esercitare il
controllo sulle proprie società partecipate al fine di verificare il raggiungimento degli obiettivi
assegnati e prevenire il verificarsi di eventuali squilibri economico finanziari che potrebbero
impattare in modo rilevante per il loro bilancio.
Con riferimento a questo aspetto, assume cruciale importanza l’aggiornamento dei programmi di
valutazione del rischio di crisi aziendale, ex articolo 6, c. 2 , Dlgs 175/2016, che formano parte
integrante della relazione sul governo societario da presentare unitamente al bilancio di esercizio
2019.
L’aggiornamento dei programmi di valutazione del rischio di crisi aziendale
Contestualmente al bilancio d’esercizio 2019, infatti, le società a controllo pubblico devono
presentare la relazione sul governo societario, ex art. 6, c. 4 Tusp, contenente il programma di
valutazione del rischio di crisi aziendale, nonché una relazione di monitoraggio e verifica dello
stesso al 31/12/19.
L’aggiornamento del programma di valutazione del rischio aziendale, previsto dall’art. 6, c. 2,
Tusp, costituisce un’occasione assai importante, per le società stesse ma anche per gli enti soci,
per disporre di un sistema di allerta in grado di rilevare tempestivamente la presenza di eventuali
situazioni squilibrio economico patrimoniale e finanziario, tema che assume particolare rilevanza
nei prossimi mesi.
L’articolo 6, c. 2 , Tusp non definisce con precisione quali debbano essere gli strumenti a supporto
della valutazione del rischio aziendale, lasciandone la scelta agli amministratori delle società
partecipate. Il successivo Dlgs 14/2019, Codice Crisi Insolvenza (Cci), che si applica anche alle

quotidianoentilocali.ilsole24ore.com/print/ADnbI4P/0 1/2
18/5/2020 Coronavirus - Dagli indici storici ai flussi di cassa prospettici: la valutazione del rischio crisi aziendale nelle società pubbliche

società a partecipazione pubblica, definisce con maggior precisione all’articolo 14 quali siano gli
indicatori di rischio, fornendone una sintetica elencazione. Le indicazioni fornite da tale articolo
sono utili anche alle società pubbliche, che sono comunque tenute a predisporre e ad aggiornare i
propri programmi di valutazione del rischio aziendale, stante la mancata sospensione degli
obblighi previsti dal Tusp.
Dagli indici di bilancio ai flussi di cassa prospettici
Uno degli spunti più rilevanti forniti dall’articolo 14 del Cci consiste nella necessità di adottare
sistemi di allerta basati su un’ottica di forward looking.
Metodologicamente, in passato si è data preferenza all’utilizzo degli indici di bilancio per valutare
il rischio dell’attività aziendale. Gli indici hanno il pregio di essere semplici da calcolare, di
sintetizzare con chiarezza tutti gli aspetti della gestione aziendale, di avere una prassi consolidata
nella loro interpretazione (esempio, tramite lo schema DuPont) e di fornire una previsione
sull’andamento futuro della gestione, ipotizzando una continuità dell’ambiente economico.
Questa ultima ipotesi, valida in tempi normali, è venuta a mancare con la crisi attuale, che in
molti settori ha formato una discontinuità molto forte con il passato esercizio.
Il citato articolo 14 del Cci definisce con chiarezza come l’ambito del controllo preventivo del
rischio non sia il presente ma il futuro, prescrivendo la durata di 6 mesi per la sostenibilità dei
debiti e di 12 mesi per la continuità aziendale: e il principale strumento indicato è la valutazione
della adeguatezza dei flussi di cassa futuri a onorare le obbligazioni aziendali.
Il legislatore quindi ha implicitamente ma chiaramente indicato la necessità di realizzare un
budget economico e finanziario per valutare il rischio, sulla base del quale verificare le dinamiche
finanziarie mettendo infatti al primo posto il calcolo del Dscr (Debt Service Cover
Ratio)prospettico. Gli indici riprendono quindi il loro ruolo di sintesi di dinamiche complesse,
sintesi però che si può realizzare correttamente solo se si dispone dell’analisi dei flussi monetari
prospettici.
La verifica della continuità aziendale
Altro aspetto essenziale del controllo del rischio è quello della verifica della continuità aziendale.
Ancora, l’indicazione fornita dal budget e soprattutto dall’analisi degli scostamenti tra previsione
e consuntivo è il metodo per rilevare con precisione la presenza e la dimensione della crisi, come
già il legislatore aveva indicato tramite la previsione di una funzione di controllo interno in grado
di “trasmettere periodicamente all'organo di controllo relazioni sulla regolarità e l'efficienza della
gestione” (art. 6, c. 3, lett. b) Tusp).
E non dimentichiamo come tali relazioni sono da inoltrare anche agli enti locali soci, ai quali
compete il monitoraggio periodico dell’andamento delle società e l’analisi degli eventuali
scostamenti dagli obiettivi prefissati, anche per adottare tempestivamente le eventuali azioni
correttive (Corte dei Conti Emilia Romagna, 84/2018).
Ne discende quindi, in seguito alla crisi COVID19, l’opportunità di un più stretto monitoraggio sui
conti delle società partecipate, ed eventualmente la sollecitazione ad aggiornare con sollecitudine
i programmi di valutazione del rischio di crisi aziendale, ex art. 6, c. 2 Tusp e, qualora ne
ricorrano le condizioni, ad adottare un nuovo piano di risanamento, ai sensi dell’articolo 14, c. 2,
Tusp, che incorpori le azioni necessarie a rispristinare gli equilibri economico-finanziari
compromessi.

P.I. 00777910159 - Copyright Il Sole 24 Ore - All rights reserved

quotidianoentilocali.ilsole24ore.com/print/ADnbI4P/0 2/2