Sei sulla pagina 1di 13

4.

1 QUOTATURA

Parte 4 La quotatura di un disegno è un'operazione abbastanza AutoCAD disegna le quote me-


FUNZIONI complessa; oltre al rispetto delle norme, bisogna far diante i comandi contenuti nel
AVANZATE sì che il disegno risulti chiaro e preciso. Questa esigenza menu Quotatura e nella Barra
comporta numerose scelte per definire le caratteristiche degli strumenti Quotature, at-
della singola quota: quale freccia terminale usare, dove tivabile nella finestra che appare
1 1
disporre il testo e quanto debba essere grande, a che
distanza disegnare le linee di misura.
selezionando Barre degli stru-
menti nel menu Strumenti.

La quotatura eseguita al computer presenta però dei


vantaggi: può essere aggiunta su un disegno esistente,
può essere visualizzata e stampata oppure no, può
essere modificata in modo parziale o globale.
Per default (cioè per impostazione predefinita) AutoCAD
esegue una quotatura associativa, cioè legata
all'elemento da quotare; modificando l'elemento, essa
viene automaticamente cambiata.

Si possono creare anche disegnare quote non asso-


ciative, cioè indipendenti dall'elemento quotato.

La creazione di quote associative è controllata dalla


finestra Opzioni nel menu Strumenti; nella scheda
Preferenze utente appare sulla destra l'area Quotatura
associativa con il pulsante Rendi nuove quote asso-
ciative, che con un segno di spunta segnala la sua Menu Quotatura
attivazione.
Barra degli strumenti Quotature

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.1 USO DI UNO STILE DI QUOTA

Parte 4 AutoCAD esegue la quota secondo uno stile predefinito se ne può avere un'anteprima delle sue proprietà nella
FUNZIONI oppure creato dal disegnatore; uno stile di quota è casella a fianco, e con un clic sul pulsante Imposta
AVANZATE caratterizzato da numerose variabili, quali tipi di linee corrente esso viene applicato alle quote da disegnare.
e frecce, testo, unità, tolleranze, ecc.
L'attivazione di uno stile di quota si può anche realizzare
1 1
Se dal menu Quotatura si sceglie Stile viene visualiz-
zata la finestra di dialogo Gestione stili di quota; essa
dalla Barra degli strumenti Stili oppure dalla Barra
degli strumenti Quotature.
consente di scegliere uno stile di quotatura già esistente, In essa l'ultima casella a destra permette di aprire
oppure di crearne di nuovi. l'elenco degli stili esistenti tra cui selezionare quello
Selezionando uno stile nell'elenco visualizzato a sinistra, desiderato.

Barra degli strumenti Stili

Finestra Gestione stili di quota

Barra degli strumenti Quotature

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.2 INSERIMENTO DI QUOTE

Parte 4 I comandi contenuti nel menu Quotatura consentono


FUNZIONI di inserire quote di diverso tipo:
AVANZATE
• Lineare: è il tipo più comune,
definito da due punti (estremi
1 1
dell'elemento da quotare) e dal-
la distanza dall'elemento stes-
so;
• Allineata: crea quote allineate
a un elemento inclinato;
• Coordinata: disegna la quota-
tura per coordinate relative a
un'origine;

Si possono anche disegnare


quote di Raggi, Diametri e An-
goli; a una prima quota lineare
se ne possono aggiungere altre
in parallelo (Linea base) oppure
in serie (Continua).

Altri comandi controllano parti-


colari varianti (Obliqua e Multi-
direttrice).

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.2.1 QUOTE LINEARI E ALLINEATE

Parte 4 Quota lineare se il testo di quota deve essere inclinato di un certo


FUNZIONI angolo, con O oppure V si specifica se la quota deve
AVANZATE Scelto Lineare nel menu Quotatura, si avvia un dialogo essere verticale o orizzontale, con R se la linea di
per la definizione della quota. quota è inclinata.

1 1
Specificare origine della prima linea di estensione o
<seleziona oggetto>: 14.84

16
.9
1
A questo messaggio si può rispondere in due modi:

9.19
1. Selezionando un punto, che verrà considerato come
inizio dell'elemento da quotare; in questo caso il dialogo
prosegue con:
Orizzontale Verticale Ruotata
Specificare origine seconda linea di estensione:

2. Premendo INVIO e selezionando una intera entità


con determinazione automatica delle estremità delle 17
Quota allineata .47
linee di estensione.
Dopo aver risposto alle richieste in uno dei due modi Scegliendo invece Allineata dal
precedenti, , il dialogo procede con: menu Quotatura si crea una quota
con linea di quota parallela ai punti
Specificare la posizione della linea di quota o [testoM/ di origine delle linee di estensione.
Testo/Angolo /Orizzontale/ Verticale/Ruotata]: Allineata

Prima di definire con un clic la posizione della linea di NOTA BENE


ESERCIZI quota, si possono attivare le opzioni tra parentesi Nelle impostazioni e nel dialogo AutoCAD definisce le
ES 4.01 digitando la relativa lettera maiuscola. Con M o con T linee di misura come linee di quota, mentre le linee
si può immettere il testo della quota, con A si definisce di riferimento sono chiamate linee di estensione.

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.2.2 QUOTE IN SERIE E IN PARALLELO

Parte 4 Quote in serie Quote in parallelo


FUNZIONI
AVANZATE Dopo aver disegnato una prima quota lineare, se ne Se dopo aver disegnato una prima quota lineare si
possono ottenere altre secondo una quotatura in serie. vuole realizzare una quotatura in parallelo, si seleziona
la quota a cui fare riferimento, si sceglie Linea base
1 1
Per realizzare questo, dopo aver selezionato la quota
a cui agganciarsi, si sceglie Continua nel menu Quo-
nel menu Quotatura e si indica il punto per cui deve
passare la successiva linea di estensione.
tatura e si indica il punto per cui deve passare la
successiva linea di estensione. Le quote disegnate in questo modo vengono automa-
ticamente distanziate con un incremento definito nelle
variabili di quotatura.
15 clic

15 clic

15 20 clic

15 clic

35

15 20 25

15
35
ESERCIZI NOTA BENE
Nelle impostazioni e nel dialogo AutoCAD definisce le 60
ES 4.02
ES 4.03 linee di misura come linee di quota, mentre le linee
di riferimento sono chiamate linee di estensione.

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.2.3 QUOTATURA DI DIAMETRI, RAGGI E ANGOLI

Parte 4 Quote di diametri Quote di raggi


FUNZIONI
AVANZATE Scegliendo Diametro nel menu Quotatura, viene Analogamente a quanto detto per i diametri, scegliendo
richiesta la selezione del cerchio da quotare e succes- Raggio nel menu Quotatura, viene richiesta la sele-
sivamente la posizione della linea di quota. La posizione zione del cerchio o dell'arco. Le impostazioni dello stile
1 1
del cursore definisce anche la posizione interna o
esterna delle frecce.
consentono di ottenere linee interne oppure esterne
al cerchio o arco. Il testo è automaticamente preceduto
Il testo delle quote di diametro viene preceduto auto- dalla lettera R.
maticamente dal simbolo Ø.
Se però lo si vuole eliminare si può digitare il testo
desiderato quando il dialogo lo richiede; si può anche Quote di angoli
selezionare la quota, aprire la finestra Proprietà aperta
dal menu Edita e digitare la modifica nel campo Testo. Se nel menu Quotatura si seleziona Angolare, si può
quotare l'angolo formato da due linee o da un arco.
Volendo quotare un diametro con 22.00 Nel caso di un angolo formato da due linee si seleziona
una linea non passante per il centro, la prima linea e la seconda, quindi si indica la posizione
si disegna una quota orizzontale o dell’arco di quota e del testo.
verticale; gli estremi delle linee di
estensione si possono indicare me- clic
diante Osnap Quadrante. clic
45°

clic
1 2 3 4

ESERCIZI

ES 4.04

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.2.4 QUOTATURA DI COORDINATE

Parte 4 Volendo quotare le coordinate, si sceglie Coordinata


FUNZIONI nel menu Quotatura; rispondendo alle richieste suc-
AVANZATE cessive si indica il punto, la coordinata (x oppure y) e
la lunghezza della linea di riferimento (detta "direttrice").

1 1
10.50

0.00
0.00

16.00

33.00
NOTA BENE
Se si vuole spostare l’origine degli assi x e y, si attiva
nel menu Strumenti il comando Nuovo UCS con
opzione Origine nel sottomenù.

ESERCIZI

ES 4.05

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.2.5 QUOTATURA IN ASSONOMETRIA

Parte 4 Volendo quotare le assonometrie, si sceglie Allineata


FUNZIONI nel menu Quotatura; ciò produce linee di quota allineate
AVANZATE con il segmento scelto, ma con linee di estensione
perpendicolari ad esso.

1 1
20
0

50
10
0

Per modificare l'inclinazione delle linee di estensione


si seleziona Obliqua nel menu Quotatura, si indicano
le quote da modificare e si digita il nuovo angolo.
Per esempio nella figura è stato immesso un valore
30 per l'angolo della quota 50, un valore 150 per la
quota 200, un valore 210 per la quota 100.

0
20
50

ESERCIZI
10
ES 4.06 0

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.2.6 QUOTATURA CON TOLLERANZE

Parte 4 Nelle lavorazioni bisogna attenersi a scostamenti delle • Metodo: nell'elenco a discesa si può scegliere tra
FUNZIONI dimensioni entro valori accettabili: sono queste le 24.02
24 23.98
AVANZATE tolleranze dimensionali. Base Limiti
+0.2
24–0.2 24±0.2
Per fare in modo che il valore di una quota sia accom- Deviazione Simmetrica
1 1
pagnato dall'indicazione della tolleranza, bisogna
disporre di uno stile di quota che preveda questa
• Precisione: si definiscono i decimali successivi ai
valori interi;
indicazione. • Valore superiore e Valore inferiore: si digitano i
valori degli scostamenti. Se però il metodo scelto è
Ciò è possi- Simmetrica, è attiva solo la casella Valore superiore.
bile selezio- • Scala per altezza: si immette il fattore di definizione
nando Stile dell'altezza dei caratteri della tolleranza rispetto a
nel menu quelli della quota;
Quotatura, • Posizione verticale: se il metodo adottato è Simme-
con l'apertura trica o Deviazione, si sceglie tra Mezzo, Alto o Basso.
della finestra
Gestione Nella parte de-
stili di quota stra della finestra
che contiene viene mostrata
i pulsanti l'anteprima delle
Nuovo (per creare un nuovo stile di quota) oppure impostazioni
Modifica (per modificare uno stile esistente). scelte.

In ambedue i casi la finestra successiva contiene Con OK si chiu-


diverse schede, tra le quali la scheda Tolleranze. de la finestra e lo
ESERCIZI stile creato o mo-
Nell'area denominata Formato tolleranza si possono dificato appliche-
ES 4.07
definire: rà le tolleranze.

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.2.7 MULTIDIRETTRICI

Parte 4 Le multidirettrici sono annotazioni scritte affiancate Superficie da


ad una linea (segmento, spezzata o curva) con freccia rettificare
FUNZIONI e verniciare
AVANZATE diretta verso un elemento del disegno.

Selezionando Multidirettrice nel menu Quotatura, Superficie da levigare


1 2
nella Barra dei comandi appare la richiesta
Specificare la posizione della punta della freccia della
direttrice o [Linea di collegamento direttrice prima /
Contenuto prima /OPzioni] <OPzioni>:
Esempi di
Se si preme il tasto INVIO, appaiono altre richieste per multidirettrici
definire:
Le multidirettrici possono essere realizzate con stili
• tipo di direttrice (dirittta o curva); disponibili attraverso il comando Stile multidirettrice
• linea di collegamento (si oppure no, a quale distanza); nel menù Formato, che apre la seguente finestra.
• tipo di contenuto (testo multilinea, blocco, nessuno);
• numero massimo di punti per la linea direttice;
• vincoli per il primo e il secondo angolo della linea;
• uscita, per uscire dalla definizione delle opzioni.
Dopo aver disegnato la linea direttrice si digita il testo
dell’annotazione come un qualsiasi testo multilinea.
Questo testo può essere modificato come già indicato
a pag. 3.3.4 e 3.3.5.

ESERCIZI

ES 4.08
In questa finestra si può scegliere uno stile già definito,
crearne di nuovi o modificare quelli esistenti.

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.2.7 MULTIDIRETTRICI

Parte 4 Se si volesse modificare uno stile di multidirettrice già


FUNZIONI esistente, si clicca sul pulsante Modifica, aprendo una
AVANZATE nuova finestra con tre schede.
Nella scheda Formato direttrice si possono definire:
2 2
• tipo di direttrice (retta o curva);
• colore;
• tipo e spessore di linea;
• forma e dimensioni della freccia.
Nella scheda Struttura direttrice:
• numero massimo di punti per la linea;
• angoli per il primo e il secondo segmento.
Nella scheda Contenuto direttrice:
• tipo di contenuto (testo, blocco, nessuno);
• proprietà del testo (stile, colore, altezza);
• collegamento (orizzontale, verticale); Finestra Modifica stile multidirettrice
con scheda Formato direttrice.

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.3 MODIFICA DELLO STILE DELLE QUOTE

Parte 4 Lo stile di una quota selezionata viene visualizzato: Finestra Proprietà con
elenco degli stili di
FUNZIONI
AVANZATE • nella casella Stile di quota della Barra degli strumenti quota disponibili
Stili;
• nella casella Stile della finestra Proprietà.
1 1 Per modificare lo stile di una quota si può selezionare
il nuovo stile dall'elenco che le precedenti caselle
permettono di aprire con la freccina alla loro destra.
memo
Per
visualizzare
una barra
degli Casella Stile di quota
strumenti, si con elenco degli stili
seleziona disponibili
Barre degli
strumenti nel
menu
Visualizza;
quindi, nella
finestra
Personalizza NOTA BENE
che appare, si Durante il lavoro nella casella Stile di quota appare
attiva con un lo stile di quota corrente; alla creazione di una quota
clic la barra essa assume quello stile.
desiderata.

ESERCIZI

ES 4.09

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010


4.1.4 MODIFICA DELLE QUOTE

Parte 4 Per modificare le caratteristiche geometriche di una Altre possibilità di modifica di una quota selezionata
FUNZIONI quota si può agire sui grip che appaiono su una quota compaiono nella parte superiore del menu di scelta
AVANZATE selezionata. rapida (in figura appaiono Posizione testo di quota,
Precisione e Stile di quota).
Selezionando il grip in corrispondenza della linea di
1 1
quota e muovendo il cursore, si può spostare la linea
di quota.
Menu di scelta rapida

Analogamente selezionando il grip disposto all'estremità


di una linea di estensione e muovendo il cursore, si
può spostare la linea di estensione; conseguente-
mente cambia il valore della quota.

Invece per modifiche al testo di una quota selezionata,


si sceglie Oggetto/Testo/Modifica nel menu Edita.
La conseguente finestra Formattazione testo consente
di modificare il valore della quota. Esso può essere
sostituito con un altro valore (che però non si adatterà
ai ridimensionamenti della quota); si può anche aggiun-
gere un simbolo (vedi pag. 2.2.4) oppure digitare un
testo.

Altro modo di modificare una


Finestra Formattazione testo quota si realizza con un doppio
ESERCIZI clic su di essa; si apre la fine-
Se invece si volesse modificare la posizione orizzontale stra Proprietà, in cui si posso-
ES 4.09
ES 4.10 del testo si può agire con il grip in corrispondenza del no si possono apportare singo-
testo di quota. le modifiche alla quota.

Sammarone, Disegno © Zanichelli editore 2010