Sei sulla pagina 1di 7

Esercizi di esame di campi 2015-2019

1) Calcolare la massima energia elettrostatica in un condensatore piano a doppio strato. [S=20 cm2 , r1=
2.2, r2= 3, d1= 1 mm, d2= 2 mm, Rd1=150 kV/cm, Rd2=220 kV/cm].

d1 1
d2 2

2) Calcolare la distribuzione del campo elettrico e del potenziale del condensatore piano a tre strati.
Inoltre calcolare la differenza di potenziale massima applicabile tra gli elettrodi prima che
avvenga la rottura del dielettrico di uno strato [costanti dielettriche relative: r1=2.2,
r2=3.5;r3=5; rigidita’ dielettriche Rd1=150 kV/cm, Rd2=200 kV/cm; Rd3=500 kV/cm; dati
geometrici: d1=3 mm, d 2=5 mm, d 3=1 mm, S=10 cm2].

S
d1 1

d2 2

d3 
3)

4) Calcolare la massima energia elettrostatica immagazzinabile in un condensatore cilindrico a doppio strato


aumentando la tensione applicata agli elettrodi esterni senza che avvenga la rottura del dielettico. [R1=2
mm, R2=3 mm, R3=5 mm. Strato interno: rigidità dielettrica Rd1=150 kV/cm; costante dielettrica relativa
r1=2.2. Strato esterno: rigidità dielettrica Rd1=230 kV/cm; costante dielettrica relativa r2=2.6].

R2
R1
r1
R3 r2
5) Calcolare le capacita per unita’ di lunghezza del cavo coassiale in figura [raggi: R1=0.5 mm, R2=2 mm;
R3=2.5 mm; permettività relativa: r1=2.2, r2=4.0].

R2
R1
r1
R3 r2

6) Determinare la massima differenza di potenziale applicabile agli elettrodotti del condensatore cilindrico
a due strati in figura prima che si innescano fenomeni di scarica. Calcolare inoltre la carica e l’energia
elettrostatica immagazzinate nelle condizioni di massima differenza di potenziale applicata agli
elettrodotti. [R1=2 mm, R2=4 mm, R3=5 mm. Strato interno: rigidità dielettrica Rd1=120 kV/cm; costante
dielettrica relativa r1=2.4. Strato esterno: rigidità dielettrica Rd1=250 kV/cm; costante dielettrica relativa
r2=3].

R2
R1
r1
R3 r2

7) I due condensatori in figura sono connessi in parallelo. Calcolare la massima energia immagazzinabile
nel sistema di condensatori prima che avvenga la scarica. [Condensatore piano: S=0.03 m2, d1 = 1 mm,
d2 = 0.5 mm, r1 = 2.3, Rd1 = 180 kV/cm, r2 = 4, Rd2 = 240 kV/cm; Condensatore cilindrico: R1 = 7 mm,
R2 = 8 mm, R3 = 9 mm, lunghezza L = 0.5 m, Rdi = 150 kV/cm, ri = 2.4, Rde = 210 kV/cm; re = 3].

R2
S
R1
d1 r1 ri
d2 r2 R3 re

8) Calcolare le capacità parziali di una linea formata da 2 conduttori cilindrici paralleli sopra un piano
perfettamente conduttore. (diametro conduttori: d1=d2=1 cm, altezza conduttori: h1= 10 m, h2= 7 m,
distanza di separazione s=2 m)

h1 h2
9) Si calcolino le capacità proprie e mutue della linea trifase in figura applicando il metodo delle immagini
perfette. Si calcoli inoltre l’energia elettrostatica immagazzinata quando i conduttori sono alimentati da
una terna simmetrica di tensione concatenata V alla frequenza di rete.
[Dati: V = 220 kV, r0=1 cm, h1= h2= h3=15 m, D=5 m.].

10) Calcolare l’induttanza vista dai morsetti A-B del circuito magnetico in figura di sezione costante S
[permeabilità relativa del materiale ferromagnetico r=1000, sezione S=100 cm2numero di spire=50,
h=70 cm, a=100 cm, b=80 cm, traferro t=2 mm].

A B
I 


N h
t

a b

11) Calcolare l’induttanza vista dai morsetti A-B del circuito magnetico in figura di sezione costante S
[permeabilita’ relativa del materiale ferromagnetico r=1000, sezione S=20 cm2numero di
spire=100, =50; a=15 cm, b=20 cm, c=25 cm, traferro t=2 mm].

A B
I 
N1

t a
I2
N2

b c
12) Calcolare le induttanze proprie e mutue del circuito magnetico in figura di sezione costante S
[permeabilita’ relativa materiale magnetico r=1000, sezione S=10 cm2numero di spire=10, =20;
a=10 cm, b=20 cm, c=15 cm, traferri t=1 mm].

t

N1
I1 
a
t I2
N2

b c

13) Si calcoli l’impedenza vista tra i morsetti 1-2 [permeabilita’ relativa del nucleo magnetico: r=1000;
sezione costante del nucleo magnetico: S=4 cm2numero spire avvolgimenti=25, =10, altezza
media: h=6 cm; base media: b=5 cm; R=2 , C=1 mF, f=50 Hz].
b b

R
h
N1 N2

1 C 2

14) Si calcoli l’induttanza vista tra i morsetti A e B [permeabilita’ relativa del nucleo magnetico: r=1000;
sezione costante del nucleo magnetico: S=100 cm 2numero spire avvoilgimenti=50, =20, altezza
media: h=50 cm; base media: b=50 cm; traferro: t=2 mm].
b b

N1 N2 t h

A B
15) Si calcoli la frequenza di risonanza dell’impedenza vista tra i morsetti 1-2 [permeabilita’ relativa del
nucleo magnetico: r=1000; nucleo magnetico con sezione costante: S=4 cm2numero spire
avvolgimenti=50, =20; altezza nucleo: h=20 cm; basi nucleo: a=10 cm; b=20 cm; C=1 mF].

a b

h
N1 N2

C
1 2

16) Si calcoli l’induttanza vista tra i morsetti 1-2 [permeabilita’ relativa del nucleo magnetico: r=1000;
sezione costante del nucleo magnetico: S=100 cm2numero spire avvolgimenti=50, =20; altezza
media: h=100 cm; basi medie: a=80 cm; b=50 cm; traferro: t =3 mm].

a b

t h
N1 N2

1 2

17) Si calcoli l’impedenza vista tra i morsetti 1-2. Si calcoli inoltre la frequenza di risonanza. [=1000 rad/s;
permeabilita’ relativa del nucleo magnetico: r=1000; nucleo magnetico di sezione costante: S=10
cm2numero spire avvolgimenti=20, =50; altezza nucleo: h=10 cm; basi nucleo: a=6 cm; b=4 cm;
C=10 mF].

a b

h
N1 N2

1 2
18) Si calcoli il campo elettrico ed il potenziale nel punto P posto sulla superficie del terreno quando una
corrente I si disperde nell’impianto di terra in figura composto da due dispersori emisferici separati da
una distanza D. [corrente I=10000 A, resistività terreno = 100 m, raggio dispersori emisferici r1= 0.5
m, r2= 0.8 m, distanza D = 10 m].

r1= 0.5 m,\ I

D/2 D/2 d
r1 P r2


19) Si calcoli la resistenza di terra dell’impianto in figura composto da un dispersore cilindrico e da uno
emisferico [resistivita’ terreno = 100 m, lunghezza dispersore cilindrico l =1.5 m, diametro
dispersore cilindrico d = 2 cm, raggio dispersore emisferico r = 0.5 m]
\
I
d
r
 l

20) Si calcoli la massima differenza di potenziale tra due punti (P1 e P2) distanti un metro sulla superficie del
terreno quando una corrente I si disperde nell’impianto di terra in figura composto da un dispersore
cilindrico e da uno emisferico separati da una distanza D. [corrente I=100 A, resistività terreno = 100
m, lunghezza dispersore cilindrico l =1.5 m, diametro dispersore cilindrico d = 2 cm, raggio dispersore
emisferico r = 0.5 m, distanza di separazione (interasse) D = 10 m].

\
I
P2 P1 d
r
D l
21) Si calcoli il potenziale ed il campo elettrico nel punto P posto sulla superficie di separazione aria/terreno
ad una distanza equidistante dagli assi dei due dispersori di corrente, uno di forma cilindrica e l’altro di
forma emisferica, separati da una distanza D. I due dispersori sono collegati ad un generatore di corrente
I. Si assuma nullo il potenziale all’infinito. [I=50 A, resistività terreno = 100 m, lunghezza dispersore
cilindrico l =2 m, diametro dispersore cilindrico d = 2 cm, raggio dispersore emisferico r = 1 m, distanza
di separazione (interasse) D = 8 m].
\
I
d
P
r
l
D

22. Si consideri la rete di terra di figura costituita da due dispersori emisferici di raggio R01=0.5 m e R02=0.6
m, installati in un terreno di conducibilità t=0.01 S/m, che disperde una corrente I=100 A. Calcolare:
 La resistenza di terra dei due dispersori;
 Il valore di corrente dispersa da ciascun dispersore;
 il potenziale nei punti A, B, C di figura rispetto all’infinito.

I =100 A

A I1 B I2 C
t R01 R02
d/2 d/2

d = 10 m