Sei sulla pagina 1di 2774

Manuale d'Impiego del

Sistema ARCHITECT

G5-6874/R05
Indice generale

Importante .....................................................................................Importante-1
Novità ......................................................................................................................... Importante-3
Servizio Clienti ...........................................................................................................Importante-4
Finalità d'uso ............................................................................................................. Importante-5
Diritti di proprietà .......................................................................................................Importante-6
Esonero da responsabilità ........................................................................................ Importante-7
Copyright del software ed esonero da responsabilità ............................................ Importante-9
Certificazioni di conformità del Sistema ARCHITECT .......................................... Importante-11
Certificazioni di conformità dell'ARCHITECT iARM ...............................................Importante-12
Marchi di fabbrica ...................................................................................................Importante-13
Etichettatura del sistema ........................................................................................ Importante-14
Guida all'uso del manuale ...........................................Guida all'uso del manuale-1
Documentazione stampata ............................................................. Guida all'uso del manuale-2
Struttura del manuale d'impiego stampato ............................. Guida all'uso del manuale-2
Convenzioni utilizzate nella documentazione stampata ......... Guida all'uso del manuale-4
Documentazione online ...................................................................Guida all'uso del manuale-6
Convenzioni utilizzate nella documentazione online .............. Guida all'uso del manuale-8
Descrizione della finestra Help ..............................................Guida all'uso del manuale-10
Descrizione dell'immagine interattiva di accesso alle procedure
.............................................................................................Guida all'uso del manuale-20
Uso della documentazione online ................................................ Guida all'uso del manuale-23
Suggerimenti per l'uso della documentazione online ...........Guida all'uso del manuale-23
Procedure per l'uso della documentazione online ............... Guida all'uso del manuale-26
Uso e funzioni ............................................................................................. 1-1
Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT ............................................................................1-2
Componenti principali del Sistema ARCHITECT ..............................................................1-2
Sistema integrato ARCHITECT ......................................................................................... 1-2
Sistema ARCHITECT c4000 ..............................................................................................1-3
Sistema ARCHITECT c8000 ..............................................................................................1-4
Sistema ARCHITECT c16000 ............................................................................................1-5
Sistema ARCHITECT i2000 ...............................................................................................1-6
Sistema ARCHITECT i2000SR .......................................................................................... 1-7
Sistema ARCHITECT i1000SR ........................................................................................... 1-9
Centro di controllo del sistema ..............................................................................................1-11
Componenti standard del CCS ....................................................................................... 1-11
Componenti opzionali del CCS ....................................................................................... 1-14
Software del Sistema ARCHITECT .................................................................................1-14
Moduli di analisi ......................................................................................................................1-30
Modulo di analisi (Sistema c) ......................................................................................... 1-30
Moduli di analisi (Sistema i) ............................................................................................1-93
Componenti facoltativi ................................................................................................... 1-154
Campionatori .........................................................................................................................1-162
RSH - campionatore robotico (c8000/c16000/i2000SR) ............................................. 1-162
RSH - campionatore robotico (c4000/i1000SR/ci4100) ...............................................1-167
RSH Extension (RSHx) .................................................................................................. 1-173
SSH - campionatore standard (i2000) ......................................................................... 1-175

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Indice generale-i


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Campionatore con carosello LAS (i2000) ....................................................................1-178


Materiale consumabile richiesto ..........................................................................................1-181
Materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT .....................................................1-181
Materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT c ................................................ 1-182
Materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT i ................................................. 1-194
Accessori necessari ............................................................................................................. 1-202
Carrelli portacampioni ................................................................................................... 1-202
Piastre dei carrelli portacampioni (RSH - tranne c4000/i1000SR/ci4100) ................. 1-203
Piastre dell'RSHx ........................................................................................................... 1-203
Carosello dei campioni LAS (i2000) .............................................................................1-204
Segmenti dei reagenti (c4000) ..................................................................................... 1-204
Adattatore per cartuccia reagenti (c4000) .................................................................. 1-205
Segmenti dei reagenti (c8000) ..................................................................................... 1-206
Adattatori per cartucce dei reagenti (c8000) .............................................................. 1-207
Segmenti dei reagenti (c16000) ................................................................................... 1-210
Adattatori per cartucce dei reagenti (c16000) ............................................................ 1-211
Carrelli portareagenti (i1000SR) .................................................................................... 1-212
Tipi di stato del sistema ....................................................................................................... 1-214
Stato del campionatore ................................................................................................. 1-215
Stato del modulo di analisi ............................................................................................1-218
Attività automatiche del modulo di analisi ...........................................................................1-226
Risciacquo del sistema (Sistema c) ............................................................................. 1-226
Risciacquo del sistema (Sistema i) .............................................................................. 1-227
Avvinamento del sistema (Sistema i) ........................................................................... 1-228
Lavaggio del modulo di analisi (Sistema c) ................................................................. 1-228
Rotazione automatica dei caroselli dei reagenti (Sistema c) ..................................... 1-228
Procedure di installazione e requisiti speciali .................................................. 2-1
Installazione o rilocazione del sistema ....................................................................................2-2
Installazione del sistema ................................................................................................... 2-2
Controllo del sistema .........................................................................................................2-2
Rilocazione del sistema .....................................................................................................2-3
Configurazione del sistema ......................................................................................................2-4
Schermo Configurazione - Impostazioni sistema .............................................................2-4
Schermo Configurazione - Impostazioni dosaggio ........................................................ 2-64
Schermo Configurazione - Impostazioni CQ-Cal .........................................................2-148
Installazione e backup del software ....................................................................................2-199
Schermo Utilità - Installazione software .......................................................................2-199
Schermo Utilità - Aggiornamenti sistema ..................................................................... 2-201
Schermo Utilità - Backup software ...............................................................................2-203
Mail Abbott ............................................................................................................................2-207
Schermo Mail Abbott ..................................................................................................... 2-207
Gestione dei file di dosaggio ............................................................................................... 2-213
Installazione o cancellazione di un file di dosaggio .................................................... 2-213
Importazione di un file di dosaggio (Sistema c) .......................................................... 2-214
Esportazione di un file di dosaggio (Sistema c) ..........................................................2-216
Gestione dei file di manutenzione e di diagnostica ............................................................2-217
Installazione o cancellazione di un file per procedure di manutenzione o di
diagnostica .............................................................................................................. 2-217
Principi di funzionamento ............................................................................. 3-1
Principi di funzionamento del Sistema c .................................................................................3-2

Indice generale-ii Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Metodo fotometrico ............................................................................................................3-2


Metodo potenziometrico .................................................................................................... 3-6
Esecuzione dosaggi (c4000) .......................................................................................... 3-12
Esecuzione dosaggi (c8000/c16000) .............................................................................3-17
Metodo di analisi del dosaggio indiretto (Sistema c) .................................................... 3-22
Funzione SmartWash (Sistema c) .................................................................................. 3-23
Funzione OSS (Sistema c) ............................................................................................. 3-24
Indici di interferenza campioni (Sistema c) ....................................................................3-24
Principi di funzionamento del Sistema i ................................................................................ 3-27
Metodo CMIA ................................................................................................................... 3-27
Esecuzione dosaggi (i2000/i2000SR) ..............................................................................3-31
Esecuzione dosaggi (i1000SR) ........................................................................................ 3-44
Caratteristiche e specifiche di prestazione del sistema ..................................... 4-1
Caratteristiche di prestazione .................................................................................................. 4-2
Caratteristiche di prestazione del Sistema c ................................................................... 4-2
Caratteristiche di prestazione del Sistema i .....................................................................4-2
Specifiche e requisiti ................................................................................................................ 4-3
Specifiche generali ............................................................................................................ 4-3
Capacità del sistema ......................................................................................................... 4-6
Specifiche fisiche .............................................................................................................. 4-9
Specifiche relative a peso e forza d'appoggio del sistema .......................................... 4-11
Spazi liberi attorno al sistema .........................................................................................4-16
Specifiche e requisiti elettrici ..........................................................................................4-22
Parametri di sicurezza elettrica ...................................................................................... 4-25
Specifiche del sistema ottico (Sistema c) ..................................................................... 4-25
Specifiche e requisiti riguardanti acqua e liquido di scarico ........................................ 4-25
Specifiche e requisiti della pompa di scarico esterna .................................................. 4-27
Specifiche e requisiti ambientali ..................................................................................... 4-28
Specifiche del computer e dell'interfaccia .....................................................................4-29
Specifiche e requisiti della stampante ........................................................................... 4-30
Requisiti per le etichette con codice a barre .................................................................4-31
Specifiche e requisiti dell'ARM .............................................................................................. 4-38
Specifiche fisiche dell'ARM .............................................................................................4-38
Requisiti di spazio dell'ARM ............................................................................................ 4-38
Requisiti elettrici dell'ARM ...............................................................................................4-39
Parametri di sicurezza elettrica dell'ARM ...................................................................... 4-39
Requisiti relativi all'acqua utilizzata nell'ARM ................................................................ 4-39
Requisiti ambientali dell'ARM .......................................................................................... 4-40
Istruzioni operative ...................................................................................... 5-1
Inizializzazione, pausa e spegnimento del sistema ................................................................ 5-3
Spegnimento e accensione del CCS ................................................................................5-3
Spegnimento e riaccensione, inizializzazione e messa in pausa del modulo di analisi
e del campionatore ..................................................................................................... 5-7
Spegnimento e accensione dell'ARM (i2000/i2000SR) ..................................................5-21
Spegnimento di emergenza ............................................................................................ 5-23
Spegnimento di lunga durata (Sistema i) .......................................................................5-28
Pianificazione della giornata (funzione premium) ................................................................ 5-29
Come accedere alla videata Pianifica la giornata .........................................................5-29
Schermo Pianifica la giornata .........................................................................................5-30
Gestione delle scorte dei materiali consumabili ...................................................................5-42

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Indice generale-iii


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Schermi Stato scorte .......................................................................................................5-42


Procedure del Sistema ARCHITECT - gestione delle scorte dei materiali consumabili
......................................................................................................................................5-56
Procedure del Sistema c - gestione delle scorte dei materiali consumabili ................5-58
Procedure del Sistema i - gestione delle scorte dei materiali consumabili .................5-79
Stima per l'allarme scorte basse .................................................................................. 5-103
Gestione delle scorte dei reagenti ...................................................................................... 5-109
Schermo Stato reagenti ................................................................................................ 5-109
Schermo Storico reagenti ............................................................................................. 5-129
Procedure del Sistema ARCHITECT - gestione delle scorte dei reagenti ................. 5-132
Procedure del Sistema c4000 - gestione delle scorte dei reagenti ...........................5-139
Procedure del Sistema c8000/c16000 - gestione delle scorte dei reagenti ............. 5-155
Requisiti per il caricamento dei caroselli dei reagenti (Sistema c) ............................5-170
Procedure del Sistema i2000/i2000SR - gestione delle scorte dei reagenti .............. 5-171
Procedure del Sistema i1000SR - gestione delle scorte dei reagenti ........................ 5-178
Richieste di campioni dei pazienti e controlli ......................................................................5-190
Richiesta automatica ..................................................................................................... 5-190
Schermi e schermate relativi alle richieste di analisi paziente ...................................5-193
Schermo Richiesta controllo e relative schermate ......................................................5-215
Schermo Stato richieste ................................................................................................5-231
Schermo Stato del campione ....................................................................................... 5-242
Gestione dei campioni ..........................................................................................................5-250
Requisiti dei campioni ....................................................................................................5-250
Caricamento di campioni (RSH) ................................................................................... 5-256
Caricamento di campioni (carosello campioni - c8000/c16000) ................................5-273
Caricamento di campioni (SSH) ................................................................................... 5-276
Caricamento di campioni (campionatore con carosello LAS - i2000) ....................... 5-287
Avvio o ripresa dell'analisi dei campioni ...................................................................... 5-289
Analisi dei campioni .......................................................................................................5-292
Scaricamento dei campioni ...........................................................................................5-301
Verifica, ripetizione e rilascio dei risultati dei pazienti e CQ ............................................. 5-309
Verifica e rilascio dei risultati dei pazienti ................................................................... 5-309
Verifica e rilascio dei risultati CQ .................................................................................5-328
Verifica dei retest per i risultati dei pazienti, i risultati CQ e le eccezioni ................. 5-344
Risultati dei pazienti e CQ memorizzati .............................................................................. 5-349
Risultati memorizzati dei campioni dei pazienti ........................................................... 5-349
Risultati CQ memorizzati ............................................................................................... 5-363
Gestione delle eccezioni ......................................................................................................5-376
Schermo Stato eccezioni .............................................................................................. 5-376
Schermo Eccezioni memorizzate ..................................................................................5-390
Analisi del controllo di qualità ..............................................................................................5-394
Applicazione delle regole di Westgard .........................................................................5-395
Schermo Grafico Levey-Jennings .................................................................................5-397
Schermo Verifica sommario CQ ...................................................................................5-407
Schermo Rapporti CQ ................................................................................................... 5-413
Stampa dei rapporti ..............................................................................................................5-416
Stampa di un rapporto ...................................................................................................5-416
Stampa del Rapporto lista delle richieste .................................................................... 5-419
Stampa del Rapporto Levey-Jennings ..........................................................................5-419
Stampa del Rapporto analisi CQ .................................................................................. 5-420
Stampa del Rapporto sommario CQ ............................................................................ 5-421

Indice generale-iv Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Stampa di un Rapporto storico di manutenzione per un determinato mese ..............5-422


Stampa di un Rapporto storico di manutenzione per una determinata procedura ....5-422
Stampa del Rapporto procedura .................................................................................. 5-423
Stampa del Rapporto registro storico dei messaggi ................................................... 5-424
Stampa del Rapporto registro scorte (funzione premium) ..........................................5-425
Stampa di un Rapporto dei parametri del dosaggio per determinati dosaggi ........... 5-426
Stampa di un Rapporto dei parametri del dosaggio per tutti i dosaggi ......................5-426
Visualizzazione di un ordine di stampa nella coda di stampa .................................... 5-427
Cancellazione di un ordine di stampa .......................................................................... 5-428
Stampa di una schermata ............................................................................................. 5-428
Finestre - stampa dei rapporti ...................................................................................... 5-429
Gestione del LIS ................................................................................................................... 5-431
Come cancellare la trasmissione in attesa ..................................................................5-431
Come attivare/disattivare l'host o le connessioni HL7 secondarie ............................. 5-431
Finestra Comunicazione LIS ......................................................................................... 5-432
Procedure di calibrazione ..............................................................................6-1
Calibrazione dei dosaggi ..........................................................................................................6-2
Criteri guida per l'esecuzione della calibrazione ............................................................. 6-2
Regole di campionamento per la calibrazione .................................................................6-3
Metodi di calibrazione (fotometrico - Sistema c) ............................................................ 6-4
Metodo di calibrazione (potenziometrico - Sistema c) ....................................................6-4
Metodi di calibrazione (Sistema i) .................................................................................... 6-5
Tipi di calibrazione (Sistema c) ........................................................................................ 6-5
Tipi di calibrazione (Sistema i) ......................................................................................... 6-8
Memorizzazione della curva di calibrazione .................................................................... 6-9
Schermo Richiesta calibrazione ..................................................................................... 6-10
Controllo della calibrazione ................................................................................................... 6-16
Controllo della calibrazione .............................................................................................6-16
Schermo Stato calibrazione ............................................................................................ 6-17
Schermo Storico calibrazione ......................................................................................... 6-26
Procedure - controllo della calibrazione ........................................................................ 6-30
Precauzioni e limiti d'uso .............................................................................. 7-1
Requisiti di carattere generale .................................................................................................7-2
Precauzioni e requisiti per il funzionamento del sistema .......................................................7-3
Requisiti per il trattamento del materiale consumabile .......................................................... 7-5
Requisiti per il trattamento dei campioni .................................................................................7-8
Limiti dell'interpretazione dei risultati .................................................................................... 7-10
Rischi .........................................................................................................8-1
Responsabilità dell'operatore ...................................................................................................8-2
Icone di sicurezza .....................................................................................................................8-3
Rischi biologici .......................................................................................................................... 8-5
Rischi chimici ............................................................................................................................ 8-7
Trattamento e smaltimento dei rifiuti .....................................................................................8-10
Pulizia degli schizzi .................................................................................................................8-11
Requisiti per la procedura di decontaminazione .................................................................. 8-12
Rischi elettrici ......................................................................................................................... 8-15
Rischi meccanici .....................................................................................................................8-16
Rischi di lesioni fisiche ...........................................................................................................8-18

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Indice generale-v


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Assistenza e manutenzione ........................................................................... 9-1


Manutenzione ............................................................................................................................9-2
Indicazioni per la manutenzione ........................................................................................9-2
Schermo Manutenzione .....................................................................................................9-3
Schermo Registro manutenzione ....................................................................................9-13
Tipi di stato della manutenzione ..................................................................................... 9-18
Descrizione delle categorie e delle procedure di manutenzione ..................................9-19
Manutenzione definita dall'utente (funzione premium) ............................................... 9-110
Sostituzione dei componenti ................................................................................................ 9-118
Sostituzione dei componenti del Sistema c4000 ......................................................... 9-118
Sostituzione dei componenti del Sistema c8000 ......................................................... 9-183
Sostituzione dei componenti del Sistema c16000 .......................................................9-252
Sostituzione dei componenti del Sistema i2000/i2000SR ............................................ 9-320
Sostituzione dei componenti del Sistema i1000SR ...................................................... 9-355
Sostituzione dei componenti facoltativi ........................................................................ 9-388
Individuazione e soluzione dei problemi ........................................................ 10-1
Approccio all'individuazione e soluzione dei problemi ......................................................... 10-2
Variabili di individuazione e soluzione dei problemi della categoria Sistema
(Sistema c) ................................................................................................................10-4
Variabili di individuazione e soluzione dei problemi della categoria Sistema
(Sistema i) ................................................................................................................. 10-5
Variabili di individuazione e soluzione dei problemi della categoria Reagenti
(Sistema c) ................................................................................................................10-6
Variabili di individuazione e soluzione dei problemi della categoria Reagenti
(Sistema i) ................................................................................................................. 10-7
Variabili di individuazione e soluzione dei problemi della categoria Operatore .......... 10-7
Variabili di individuazione e soluzione dei problemi della categoria Ambiente ............10-8
Schermo Registri sistema ...................................................................................................... 10-9
Schermo Registri sistema - Registri dei messaggi di errore .........................................10-9
Schermo Registri sistema - Aggiornamenti software .................................................. 10-11
Schermo Registri sistema - Registro scorte (funzione premium) ...............................10-12
Accesso allo schermo Registri sistema ....................................................................... 10-13
Procedure - schermo Registri sistema ......................................................................... 10-13
Finestre - schermo Registri sistema .............................................................................10-17
Codici di errore ..................................................................................................................... 10-21
Codici di errore generici (0001-0999) .......................................................................... 10-21
Codici di errore dosaggio-specifici (1000-1999) ....................................................... 10-118
Codici di errore della manutenzione (2000-2999) .....................................................10-185
Codici di errore del sensore di rilevazione del livello del liquido (3000-3999) ........10-240
Codici di errore del lettore del codice a barre (4000-4999) .................................... 10-323
Codici di errore della robotica e dei sensori (5000-5999) ........................................10-345
Codici di errore del sistema ottico (6000-6999) ........................................................10-422
Codici di errore della temperatura (7000-7999) ........................................................10-432
Codici di errore hardware del computer (8000-8999) .............................................. 10-450
Codici di errore software (9000-9999) .......................................................................10-484
Problemi riscontrati ............................................................................................................ 10-546
Problemi riscontrati con il modulo di analisi (Sistema c) ..........................................10-546
Problemi riscontrati con il modulo di analisi (Sistema i) ...........................................10-559
Problemi riscontrati con i risultati dei campioni (Sistema c) .................................... 10-562
Problemi riscontrati con i risultati dei campioni (Sistema i) ......................................10-580

Indice generale-vi Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Problemi riscontrati con i campionatori ......................................................................10-617


Problemi riscontrati con il CCS (centro di controllo del sistema) ............................ 10-620
Problemi riscontrati con le periferiche ....................................................................... 10-643
Diagnostica del sistema ..................................................................................................... 10-664
Schermo Diagnostica .................................................................................................. 10-664
Descrizione delle categorie e delle procedure di diagnostica ..................................10-670
Azioni correttive di diversa natura ..................................................................................... 10-722
Procedure correttive per i moduli di analisi ............................................................... 10-722
Procedure correttive per il campionatore .................................................................. 10-736
Procedura correttiva per il CCS ................................................................................. 10-742
Procedure correttive per l'ARM .................................................................................. 10-743
Procedura correttiva per LAS ..................................................................................... 10-746
Procedure correttive per il LIS ....................................................................................10-747
Procedura correttiva AAT ............................................................................................10-749
Procedure correttive per il trascinamento (carryover) del reagente ........................10-750
Esempi di rapporti stampati .......................................................................... A-1
Rapporto dati di assorbanza (Sistema c) ............................................................................... A-3
Rapporto parametri del dosaggio (Sistema c) ....................................................................... A-6
Rapporto parametri del dosaggio (Sistema i) .......................................................................A-15
Rapporto dettagli curva di calibrazione - Potenziometrico (Sistema c) ............................. A-20
Rapporto dettagli curva di calibrazione - Lineare (Sistema c) ............................................A-23
Rapporto dettagli curva di calibrazione - Usa fattore cal/Bianco (Sistema c) .................. A-26
Rapporto dettagli curva di calibrazione - Aggiustamento (Sistema i) .................................A-29
Rapporto dettagli curva di calibrazione - Completa (Sistema i) ......................................... A-32
Rapporto dettagli curva di calibrazione - Indice (Sistema i) ............................................... A-35
Rapporto sommario curva di calibrazione ............................................................................ A-38
Rapporto dettagli delle eccezioni ..........................................................................................A-40
Rapporto stato delle eccezioni ..............................................................................................A-43
Rapporto registro scorte (funzione premium) .......................................................................A-45
Rapporto Levey - Jennings .................................................................................................... A-47
Rapporto storico di manutenzione .........................................................................................A-50
Rapporto registro storico dei messaggi ................................................................................ A-52
Rapporto lista delle richieste ................................................................................................. A-54
Rapporto stato delle richieste ................................................................................................A-56
Rapporto paziente .................................................................................................................. A-58
Rapporto Pianifica la giornata (funzione premium) ............................................................. A-60
Rapporto procedura, basilare ................................................................................................A-64
Rapporto procedura, tabellare .............................................................................................. A-66
Rapporto analisi CQ ...............................................................................................................A-68
Rapporto dettagli dei risultati CQ .......................................................................................... A-71
Rapporto lista dei risultati CQ ............................................................................................... A-74
Rapporto sommario CQ ......................................................................................................... A-76
Rapporto storico reagenti ...................................................................................................... A-78
Rapporto errore di carico dei reagenti ..................................................................................A-80
Rapporto stato dei reagenti (tranne i1000SR) .......................................................................A-82
Rapporto stato dei reagenti (i1000SR) .................................................................................. A-84
Rapporto lista ripetizioni di analisi .........................................................................................A-86
Rapporto dettagli dei risultati .................................................................................................A-88
Rapporto lista dei risultati ...................................................................................................... A-91
Rapporto campione ................................................................................................................ A-93

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Indice generale-vii


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Rapporto campione - laboratorio .......................................................................................... A-95


Rapporto stato campione .......................................................................................................A-97
Rapporto registro messaggi temporanei ...............................................................................A-99
Rapporto registro installazione TSB ....................................................................................A-101
Verifica delle prestazioni dei dosaggi del Sistema i ......................................... B-1
Limite del bianco - metodo 1 ...................................................................................................B-3
Limite del bianco - scheda dati per il metodo 1 ..............................................................B-4
Limite del bianco - esempio di scheda dati per il metodo 1 ...........................................B-5
Sensibilità analitica - metodo 1 ............................................................................................... B-6
Sensibilità analitica - scheda dati per il metodo 1 .......................................................... B-7
Sensibilità analitica - esempio di una scheda dati per il metodo 1 ............................... B-8
Sensibilità analitica - metodo 2 ............................................................................................... B-9
Sensibilità analitica - scheda dati per il metodo 2 ........................................................ B-10
Sensibilità analitica - grafico per il metodo 2 ................................................................B-11
Sensibilità analitica - esempio di una scheda dati per il metodo 2 ............................. B-12
Sensibilità analitica - esempio di un grafico per il metodo 2 ....................................... B-13
Limite di rilevazione - metodo 1 ............................................................................................ B-14
Limite di rilevazione - scheda dati per il metodo 1 ....................................................... B-15
Limite di rilevazione - esempio di scheda dati per il metodo 1 .................................... B-16
Sensibilità funzionale - metodo 1 (diluizione in serie) ......................................................... B-17
Sensibilità funzionale - scheda dati del metodo 1 per la diluizione in serie ............... B-18
Sensibilità funzionale - esempio di scheda dati del metodo 1 per la diluizione in serie
......................................................................................................................................B-19
Sensibilità funzionale - metodo 2 ..........................................................................................B-20
Sensibilità funzionale - scheda dati per il metodo 2 .....................................................B-21
Limite di quantificazione - metodo 1 .....................................................................................B-22
Limite di quantificazione - scheda dati per il metodo 1 ................................................ B-23
Limite di quantificazione - esempio di scheda dati per il metodo 1 .............................B-24
Precisione - metodo 1 ............................................................................................................B-25
Precisione - scheda dati per il metodo 1 .......................................................................B-26
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - metodo 1 ........................................B-27
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - scheda dati per il metodo 1 ...B-29
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - grafico per il metodo 1 ...........B-30
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - metodo 1 - esempio di scheda
dati .............................................................................................................................B-31
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - esempio di grafico per il
metodo 1 ................................................................................................................... B-32
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione – metodo 2 .......................................B-33
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - scheda dati per il metodo 2 ...B-34
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - grafico per il metodo 2 ...........B-35
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - esempio di scheda dati per il
metodo 2 ................................................................................................................... B-36
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - esempio di grafico del metodo
2 .................................................................................................................................B-37
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - metodo 3 ........................................B-38
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - scheda dati per il metodo 3 ...B-39
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - grafico per il metodo 3 ...........B-40
Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - esempio di scheda dati per il
metodo 3 ................................................................................................................... B-41

Indice generale-viii Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Range dei valori riportati/Verifica della calibrazione - esempio di grafico per il


metodo 3 ................................................................................................................... B-42
Verifica della diluizione automatica - metodo 1 ...................................................................B-43
Verifica della diluizione automatica - scheda dati per il metodo 1 .............................. B-44
Verifica della diluizione automatica - esempio di scheda dati per il metodo 1 ...........B-45
Confronto dei metodi - metodo 1 (correlazione) ..................................................................B-46
Confronto dei metodi - scheda dati del metodo di correlazione 1 ...............................B-47
Confronto dei metodi - metodo 2 (concordanza) .................................................................B-48
Confronto dei metodi - scheda dati del metodo di concordanza 2 ..............................B-49
Confronto dei metodi - foglio di calcolo del metodo di concordanza 2 .......................B-50
Confronto dei metodi - esempio di foglio di calcolo del metodo di concordanza 2 ... B-51
Specificità analitica - metodo 1 ............................................................................................ B-52
Range di riferimento - metodo 1 ........................................................................................... B-53
Modelli matematici ...................................................................................... C-1
Metodi di calcolo dei dati del Sistema c ............................................................................... C-2
Metodi di calcolo dei dati fotometrici ...............................................................................C-2
Metodo di calcolo dei dati potenziometrico .....................................................................C-8
Metodi di calcolo dei dati del Sistema i .............................................................................. C-13
Metodo punto punto (Sistema i) .....................................................................................C-13
Metodo di regressione lineare (Sistema i) .................................................................... C-13
Metodi 4PLC (Sistema i) .................................................................................................C-15
Metodo di dosaggio cutoff (Sistema i) .......................................................................... C-17
Metodo di riferimento (Sistema i) ...................................................................................C-18
Metodi di aggiustamento del Sistema i ............................................................................... C-19
Metodo tecnica di rapporto (Sistema i) ......................................................................... C-19
Metodo di trasformazione lineare (Sistema i) ............................................................... C-20
Metodo di aggiustamento parametri (Sistema i) ........................................................... C-20
Metodo di aggiustamento forma della curva (Sistema i) ............................................. C-21
Numeri di listino .......................................................................................... D-1
Numeri di listino dei materiali consumabili (Sistema c) .........................................................D-2
Numeri di listino dei materiali consumabili (Sistema i) .......................................................... D-3
Numeri di listino dei kit accessori (c4000) ............................................................................. D-4
Numeri di listino dei kit accessori (c8000) ............................................................................. D-7
Numeri di listino dei kit accessori (c16000) ......................................................................... D-10
Numeri di listino dei kit accessori (Sistema i) ...................................................................... D-13
Numeri di listino degli accessori addizionali .........................................................................D-16
Numeri di listino dei supporti elettronici ................................................................................D-17
Numeri di listino dei componenti del CCS ............................................................................ D-18
Descrizione degli elementi degli schermi .........................................................E-1
Icone e menu ............................................................................................................................E-2
Pulsanti ..................................................................................................................................... E-6
Descrizione dei campi ............................................................................................................E-15
Schermi e finestre dell'icona Generale ..........................................................................E-15
Schermi e finestre dell'icona Richieste ..........................................................................E-26
Schermi e finestre dell'icona Risultati ............................................................................E-46
Schermi e finestre dell'icona CQ-Cal .............................................................................E-69
Schermi e finestre dell'icona Eccezioni ....................................................................... E-103
Schermi e finestre dell'icona Reagenti ........................................................................ E-117
Schermi e finestre dell'icona Scorte ............................................................................ E-128

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Indice generale-ix


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Schermi e finestre dell'icona Sistema ..........................................................................E-141


ARCHITECT iARM ........................................................................................ F-1
Componenti ...............................................................................................................................F-2
Parti principali e connessioni ...................................................................................................F-3
Monitor touchscreen ................................................................................................................ F-6
Schermo iniziale ................................................................................................................ F-6
Barra degli strumenti - Menu principale ...........................................................................F-7
Barra delle funzioni - Menu di manutenzione e diagnostica ...........................................F-7
Specifiche e requisiti ................................................................................................................F-9
Specifiche fisiche .............................................................................................................. F-9
Requisiti di spazio .............................................................................................................. F-9
Requisiti elettrici .................................................................................................................F-9
Parametri di sicurezza elettrica ...................................................................................... F-10
Requisiti relativi all'acqua utilizzata nell'ARM ................................................................ F-10
Requisiti ambientali ..........................................................................................................F-10
Funzionamento ....................................................................................................................... F-12
Mettere l'iARM nello stato di Pronto ...............................................................................F-12
Interrompere l'iARM ......................................................................................................... F-12
Effettuare uno spegnimento di emergenza ....................................................................F-12
Avviare il trasferimento del tampone di lavaggio dall'iARM .......................................... F-13
Sostituire il tampone di lavaggio concentrato sull'iARM ............................................... F-14
Operare in modalità Filling Station ................................................................................. F-16
Manutenzione e diagnostica .................................................................................................. F-22
Configurare una porta per la connessione ad un modulo di analisi ARCHITECT .......F-22
Modificare l'opzione di trasferimento del tampone di lavaggio in Automatico ............ F-23
Calibrare la cannuccia del tampone .............................................................................. F-24
Controllo degli strumenti ................................................................................................. F-27
Risciacquo dell'iARM ....................................................................................................... F-27
Sostituzione del gruppo della cannuccia del tampone di lavaggio concentrato ......... F-28
Pulire le superfici esterne dell'iARM .............................................................................. F-30
Individuazione e soluzione dei problemi ................................................................................F-31
Codice di errore: 0003 Errore pressione in uscita ........................................................ F-32
Codice di errore: 0004 Errore conduttività alta ............................................................. F-33
Codice di errore: 0005 Errore conduttività bassa ..........................................................F-35
Codice di errore: 0006 Errore di allagamento ............................................................... F-36
Codice di errore: 0007 Tampone di lavaggio concentrato vuoto ................................. F-37
Codice di errore: 0008 Errore di fallimento della decontaminazione (solo in modalità
Filling Station) ........................................................................................................... F-37
Codice di errore: 0009 Errore range della temperatura ............................................... F-38
Codice di errore: 0010 Errore di sensore del livello scollegato ................................... F-38
Codice di errore: 0012 Errore inizializzazione meter .................................................... F-39
Codice di errore: 0013 Errore checksum meter ............................................................F-40
Codice di errore: 0014 Errore di timeout ASTM 1381 (errore di comunicazione) ...... F-41
Codice di errore: 0016 Errore stallo del motore ............................................................F-42
Codice di errore: 0017 Troppi moduli ............................................................................ F-43
Codice di errore: 0018 Errore di stato della cannuccia del serbatoio (solo in modalità
Filling Station) ........................................................................................................... F-44
Codice di errore: 0019 Errore della cannuccia del serbatoio scollegata (solo in
modalità Filling Station) ............................................................................................ F-44
Codice di errore: 0020 Errore serbatoio pieno (solo in modalità Filling Station) ........ F-44

Indice generale-x Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

Codice di errore: 0021 Errore di calibrazione della cannuccia .................................... F-45


Codice di errore: 0024 Errore di sovracorrente del motore ..........................................F-46
Codice di errore: 0025 Errore di sovracorrente della valvola .......................................F-46
Codice di errore: 0026 Errore di fusibile del motore bruciato ...................................... F-47
Codice di errore: 0027 Errore di fusibile della valvola bruciato ................................... F-48
Codice di errore: 0030 Errore del sensore della conduttività scollegato .....................F-49
Codice di errore: 0031 Procedura FSR ..........................................................................F-49
Codice di errore: 0032 Sensore di allagamento scollegato ......................................... F-50
Codice di errore: 0033 Sensore della pressione scollegato .........................................F-50

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Indice generale-xi


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Indice generale

NOTE

Indice generale-xii Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Importante
Prefazione
La ringraziamo di aver scelto il Sistema ARCHITECT per il Suo laboratorio. I
sistemi ARCHITECT rappresentano lo stato dell'arte attuale in fatto di
automazione di laboratorio, tecnologia dei dosaggi e modularità.
• Facilità d'uso
– La capacità d'integrazione del sistema e l'interfaccia software utente
comune offrono la possibilità di gestire i campioni e di riportare i
risultati singolarmente.
– Il controllo "touch screen" permette un facile utilizzo.
– L'interfaccia software utente di immediata comprensione riduce i tempi
di apprendimento.
– La funzione di Help?, integrata al software del sistema, permette
l'accesso immediato alle informazioni sulla schermata, finestra o sul
messaggio di errore attualmente visualizzati.
– Il manuale d'impiego online rappresenta la fonte più veloce, accessibile,
completa ed accurata di informazioni.
– Le procedure di manutenzione programmata vengono visualizzate in
una lista apposita (Da fare), per la consultazione automatica e una
maggiore facilità d'esecuzione.
– Un protocollo di manutenzione, aggiornato automaticamente dopo
l'esecuzione di ogni procedura, offre un rapporto aggiornato ed
accurato sullo stato della manutenzione.
• Gestione dei campioni
– I carrelli portacampioni sono in grado di alloggiare tipi diversi di
provette.
– I campionatori permettono di caricare fino a
• 180 campioni (Sistema ci4100).
• 365 campioni (Sistema ci8200/ci16200).
• 100 campioni (Sistema c4000).
• 215 campioni (Sistema c8000/c16000).
• 125 campioni (Sistema i2000).
• 250 campioni (Sistema i4000).
• 65 campioni (Sistema i1000SR).
• 135 campioni (Sistema i2000SR).
• 285 campioni (Sistema i4000SR).
– Il campionamento multi-dimensionale permette di eseguire analisi di
routine, prioritarie, retest automatici e test reflex.
– Il rilevamento dei coaguli assicura un campionamento accurato.
– Con il campionatore robotico (RSH)
• Gli indicatori forniscono informazioni in tempo reale relativamente
allo stato del campione in esame.
• Il design del campionatore consente l'accesso continuo ai
campioni.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Importante-1


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Prefazione Importante

• Individuazione e soluzione dei problemi semplificata


– L'accesso diretto all'help del messaggio di errore permette di
identificare la causa probabile e fornisce informazioni relative
all'intervento correttivo.
– Il modello di individuazione e soluzione dei problemi garantisce un
approccio pratico e sistematico per l'effettiva risoluzione dei problemi.

Tra gli argomenti di questo capitolo figurano i seguenti:


• Novità, pagina Importante-3
• Servizio Clienti, pagina Importante-4
• Finalità d'uso, pagina Importante-5
• Diritti di proprietà, pagina Importante-6
• Esonero da responsabilità, pagina Importante-7
• Copyright del software ed esonero da responsabilità, pagina Importante-9
• Certificazioni di conformità del Sistema ARCHITECT, pagina Importante-11
• Certificazioni di conformità dell'ARCHITECT iARM, pagina Importante-12
• Marchi di fabbrica, pagina Importante-13
• Etichettatura del sistema, pagina Importante-14

Importante-2 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Importante Novità

Novità
Di seguito sono descritte le nuove funzioni della versione software 9.20 del
Sistema ARCHITECT.

Modulo ICT

I riferimenti al modulo ICT nel manuale d'impiego sono stati aggiornati con le
informazioni relative al miglioramento del modulo ICT che rimuove l'o-ring ICT
come componente separato.

Controllo della manutenzione migliorato

La durata delle procedure di manutenzione viene ora controllata dal software al


fine di documentare in modo più accurato nel Registro manutenzione il
completamento delle procedure di manutenzione. All'utente verrà richiesto di
completare la procedura quando quest'ultima risulta in esecuzione da oltre 2
ore. Se una procedura non viene completata entro 12 ore, ne viene registrato il
tentativo ma non viene registrata come completata.

Migliorie all'HL7

Sono state aggiunte notifiche che informano l'operatore quando:


• un rack è stato rimosso dall'RSH;
• il campionamento è stato completato, quale campione è stato campionato
correttamente e quale test presenta un errore di campionamento.

Opzione codice a barre ISBT

Le opzioni di lettura codice a barre Codice 128 includono ora anche i codici a
barre ISBT.

Miglioria a Mail Abbott

Migliorato il recupero foglietti illustrativi tramite Mail Abbott.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Importante-3


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Servizio Clienti Importante

Servizio Clienti
Per informazioni sul Sistema ARCHITECT, contattare il Servizio Clienti Abbott o
consultare le informazioni di contatto specifiche per il Paese su
www.abbottdiagnostics.com.

Importante-4 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Importante Finalità d'uso

Finalità d'uso
Il sistema ARCHITECT Abbott è previsto esclusivamente per uso diagnostico in
vitro .
Il Sistema ARCHITECT Abbott è concepito per eseguire automaticamente:
• analisi chimiche sfruttando la tecnica fotometrica e potenziometrica
• dosaggi immunologici avvalendosi della tecnica di rilevazione CMIA
(dosaggio chemiluminescente a cattura di microparticelle)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Importante-5


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Diritti di proprietà Importante

Diritti di proprietà
I programmi software e la relativa documentazione del Sistema ARCHITECT
sono protetti da copyright (©1998, 2016 Abbott Laboratories, Abbott Park,
Illinois). Tutti i diritti riservati.
Il software ed il manuale sono stati realizzati esclusivamente per l'uso con il
Sistema ARCHITECT e per applicazioni nel settore della diagnostica in vitro
come specificato nelle istruzioni operative.
Le informazioni, i documenti e le rispettive rappresentazioni grafiche in allegato
(a cui si fa qui riferimento nel complesso con il termine "Informazioni") sono
proprietà esclusiva di Abbott Laboratories. Viene concesso di accedere a queste
Informazioni a condizione che:
• la menzione del copyright figuri su tutte le copie;
• vengano utilizzate per l'uso dei prodotti ABBOTT da parte di personale della
Abbott debitamente addestrato o a solo titolo informativo;
• non vengano in alcun modo modificate e
• le rappresentazioni grafiche non vengano estrapolate dal contesto.

Spetta a ciascun operatore assumersi l'intera responsabilità e rispondere di tutti


i rischi derivanti dall'uso delle Informazioni. Le Informazioni vengono presentate
"IN QUANTO TALI" e non sono esenti da imprecisioni di natura tecnica o da
errori tipografici. La Abbott Laboratories si riserva il diritto di integrare,
cancellare o modificare il testo di queste Informazioni in qualsiasi momento e
senza alcun previo avviso.

Importante-6 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Importante Esonero da responsabilità

Esonero da responsabilità
Tutti gli esempi (stampate, rappresentazioni grafiche, visualizzazioni, schermate,
ecc.) sono da intendersi esclusivamente a scopo informativo ed illustrativo e non
devono essere utilizzati per valutazioni cliniche o di manutenzione. I dati riportati
sugli esempi di stampate e sulle schermate non corrispondono ai nomi reali dei
pazienti né ai risultati effettivi dei test.
Le Informazioni sono state concepite per essere utilizzate da personale
addestrato della Abbott Laboratories, da personale a conoscenza o con
esperienza nell'uso e nella manutenzione del prodotto in questione, oppure
operante sotto la diretta supervisione e con la collaborazione dei rappresentanti
del servizio commerciale o di assistenza della Abbott Laboratories.
La Abbott Laboratories o le sue filiali non potranno in nessun caso essere
ritenute responsabili per qualsiasi danno o perdita subiti in seguito all'uso delle
Informazioni da parte di personale non adeguatamente addestrato dalla Abbott
Laboratories. Tale esonero non è applicabile al personale a conoscenza o con
esperienza nell'uso e nella manutenzione del prodotto in questione, operante
sotto la diretta supervisione e con la collaborazione dei rappresentanti del
servizio commerciale o di assistenza della Abbott Laboratories.
Non è permesso instaurare alcun rapporto confidenziale nel caso in cui un
operatore qualsiasi facente uso delle Informazioni rilasci alla Abbott Laboratories
una dichiarazione orale, scritta o in formato elettronico (ad esempio sotto forma
di feedback, domande, commenti, suggerimenti, proposte, ecc.). Tale
dichiarazione ed eventuali informazioni inoltrate sono da considerare di natura
non confidenziale e la Abbott sarà libera di riprodurre, pubblicare o utilizzare tali
informazioni per qualsiasi scopo, compresi senza limiti la ricerca, lo sviluppo, la
produzione, la manutenzione, l'uso o la vendita di prodotti che si riferiscono a
tali informazioni. Chiunque invii delle informazioni alla Abbott è ritenuto
pienamente responsabile del contenuto e della sua veridicità e accuratezza,
nonché del rispetto dei diritti di proprietà di qualunque altro soggetto coinvolto.
La Abbott Laboratories non si impegna a fornire consulenza né assistenza
medica.
L'aggiornamento delle informazioni può essere trasmesso in formato cartaceo o
elettronico. Per essere sicuri di utilizzare sempre le informazioni più aggiornate,
fare riferimento in modo sistematico ai documenti più recenti.
Il rispettivo numero di pagine indicato nell'Indice generale o nell'Indice analitico
può essere soggetto a cambiamenti in seguito ai continui aggiornamenti
apportati al presente manuale.
Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, registrata o
trasmessa in qualsiasi forma o modo senza previa autorizzazione scritta di
Abbott Laboratories.

Uso dei dati su AbbottLink

Raccolta dei dati:

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Importante-7


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Esonero da responsabilità Importante

Il software AbbottLink di Abbott raccoglie solamente dati sulle attività e sugli


strumenti. Non raccoglie e non ha accesso a informazioni sensibili sulla salute
dei pazienti o ad altre informazioni di identificazione personale ("Dati personali").
Uso dei dati:
AbbottLink è previsto per la trasmissione di dati sul funzionamento di sistemi
connessi che possono essere usati da Abbott e da terzi che forniscono servizi e
prodotti correlati per individuazione e soluzione dei problemi, gestione dei
reclami, monitoraggio della prestazione, miglioramento dei prodotti, ricerca,
sviluppo, gestione delle scorte, analisi dei dati sull'utilizzo, fatturazione e altri
obiettivi correlati. Inoltre, AbbottLink può essere utilizzato per inviare
aggiornamenti del sistema, per fornire servizi remoti e per facilitare la consegna
al Cliente da parte di Abbott di servizi e prodotti di terzi. I termini e le condizioni
di utilizzo da parte del Cliente di tali servizi e prodotti di terzi devono essere
forniti separatamente al Cliente da parte dei rispettivi terzi.
Non viene trasmesso e non si ha accesso a nessun dato personale per uso
aziendale.
Assicurazione di privacy sui dati:
Tutti i dati personali vengono rimossi dai dati sul funzionamento prima del
recupero tramite AbbottLink. È importante che i nostri clienti non inseriscano dati
personali in nessun campo SID (identificazione del campione) o destinato ai
commenti.
Durante la condivisione dello schermo dello strumento per l'assistenza remota
(Remote Support Instrument Screen Sharing), i dati sono accessibili e trasferiti
sulla base del consenso fornito dall'utente in occasione di ogni singolo episodio
di condivisione dello schermo. Fare riferimento alla scheda del consenso,
visualizzata sullo schermo del proprio analizzatore, quando si usufruisce di tale
servizio.

Importante-8 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Importante Copyright del software ed esonero da responsabilità

Copyright del software ed esonero da


responsabilità
Boost Software License - Versione 1.0 - 17 agosto 2003
Alle persone e alle organizzazioni che hanno ottenuto una copia del software e
della relativa documentazione coperti da questa licenza (il "Software"), viene
concesso gratuitamente di usare, riprodurre, visualizzare, distribuire, eseguire e
trasmettere il Software, preparare opere derivate del Software e di permettere a
terzi a cui viene fornito il Software di fare altrettanto, a condizione che:
Gli avvisi sul copyright del Software e la relativa dichiarazione completa, inclusa
la concessione di licenza precedente, questa limitazione e la seguente
declinazione di responsabilità, devono essere inclusi in tutte le copie del
Software, complete o parziali, e in tutte le opere derivate del Software, a meno
che tali copie o opere derivate siano esclusivamente nel formato di codice
oggetto eseguibile per computer generato da un processore nel linguaggio di
origine.
IL SOFTWARE VIENE FORNITO "COSÌ COM'È" SENZA GARANZIA DI ALCUN
TIPO, ESPRESSA O IMPLICITA, COMPRESE, SENZA ALCUNA LIMITAZIONE, LE
GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ, DI IDONEITÀ AD UNO SCOPO
PARTICOLARE, TITOLO E NON VIOLAZIONE. IN NESSUN CASO, I DETENTORI
DEL COPYRIGHT O CHIUNQUE DISTRIBUISCA IL SOFTWARE SARANNO
RITENUTI RESPONSABILI PER EVENTUALI DANNI E ALTRE RESPONSABILITÀ,
INDIPENDENTEMENTE DAL FATTO CHE TALI DANNI SIANO DERIVANTI DAL
CONTRATTO, ATTO ILLECITO O ALTRO, DERIVANTI O CONNESSI AL
SOFTWARE, AL SUO USO O COMUNQUE RICONDUCIBILI AL SOFTWARE.
Copyright 2008, Google Inc.
Tutti i diritti riservati.
La ridistribuzione e l'utilizzo del codice sorgente o in forma binaria, con o senza
modifiche, sono consentiti, purché siano soddisfatte le seguenti condizioni:
• La ridistribuzione del codice sorgente deve conservare le stesse indicazioni
di copyright qui presenti, questa lista di condizioni e la seguente
declinazione di responsabilità.
• La ridistribuzione del formato binario deve riprodurre le indicazioni del
copyright qui presenti, questa lista di condizioni e la seguente declinazione
di responsabilità nella documentazione e/o altro materiale fornito con la
distribuzione.
• Né il nome Google Inc. né i nomi dei suoi contributori possono essere usati
per promuovere le opere derivate da questo software senza previa specifica
autorizzazione scritta.

QUESTO SOFTWARE È FORNITO DAI DETENTORI DEL COPYRIGHT E DAI


CONTRIBUTORI "COSÌ COM'È" E SI DECLINA OGNI GARANZIA, ESPLICITA O
IMPLICITA, COMPRENDENDO, SENZA LIMITARSI A QUESTO, LE GARANZIE
IMPLICITE DI COMMERCIABILITÀ E IDONEITÀ PER UNO SCOPO SPECIFICO.
NÉ IL TITOLARE DEL COPYRIGHT NÉ I CONTRIBUTORI SONO RESPONSABILI

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Importante-9


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Copyright del software ed esonero da responsabilità Importante

PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI, INCIDENTALI, SPECIALI, ESEMPLARI O


CONSEQUENZIALI (CIÒ COMPRENDE, SENZA LIMITARSI A QUESTO,
L'ACQUISIZIONE DI BENI O SERVIZI SOSTITUTIVI, LA PERDITA DELL'USO
DELLE APPARECCHIATURE, DI DATI O DI PROFITTI, O L'INTERRUZIONE
DELL'ATTIVITÀ) DERIVANTI IN QUALUNQUE MODO E PER OGNI IPOTESI DI
RESPONSABILITÀ, SE IN CONTRATTO, DI RESPONSABILITÀ OGGETTIVA, O
ATTO ILLECITO (INCLUSA LA NEGLIGENZA O ALTRE FATTISPECIE),
DALL'USO DI QUESTO SOFTWARE, ANCHE SE AVVISATI DELLA POSSIBILITÀ
DEL VERIFICARSI DI QUESTI DANNI.
Il codice generato dal compilatore del buffer di applicazione del protocollo è di
proprietà del titolare del file di input usato per generarlo. Il codice non è
autonomo e deve essere associato a una libreria di supporto. La libreria di
supporto è coperta dalla licenza precedente.

Importante-10 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Importante Certificazioni di conformità del Sistema ARCHITECT

Certificazioni di conformità del Sistema


ARCHITECT
Il Sistema ARCHITECT è stato collaudato ed è risultato conforme ai seguenti
standard:
• UL 61010A-1 o UL61010-1 Safety Requirements for Electrical Equipment for
Measurement, Control, and Laboratory Use - Part 1 General Requirements
(Requisiti di sicurezza per apparecchiature elettriche per la misurazione, il
controllo e l'uso in laboratorio - Parte 1 Requisiti generali)
• CAN/CSA-C22.2 No. 1010.1 o CAN/CSA-C22.2 No. 61010.1 Safety
Requirements for Electrical Equipment for Measurement, Control, and
Laboratory Use - Part 1 General Requirements (Requisiti di sicurezza per
apparecchiature elettriche per la misurazione, il controllo e l'uso in
laboratorio - Parte 1 Requisiti generali)
• 21CFR Part 1040.10: Performance Standards for Light Emitting Products
(Standard di prestazione per prodotti ad emissione di luce)
• IEC 60825-1: Safety of Laser Products (Class 1 Laser Products) (Sicurezza
dei prodotti laser di classe 1)
• Direttiva 2002/96/EC: Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche
• Marchio CE

IVDD (Direttiva diagnostici in vitro) 98/79/EC


Fabbricante Abbott Laboratories
Diagnostics Division
Abbott Park, IL 60064 USA
Mandatario nella Comunità Europea Abbott
Max-Planck-Ring 2
65205 Wiesbaden
Germany
+49-6122-580

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Importante-11


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Certificazioni di conformità dell'ARCHITECT iARM Importante

Certificazioni di conformità dell'ARCHITECT iARM


L'ARCHITECT iARM Il è stato collaudato ed è risultato conforme ai seguenti
standard:
• IEC/EN UL 61010-1 Safety Requirements for Electrical Equipment for
Measurement, Control, and Laboratory Use - Part 1 General Requirements
(Requisiti di sicurezza per apparecchiature elettriche per la misurazione, il
controllo e l'uso in laboratorio - Parte 1 Requisiti generali)
• CAN/CSA-C22.2 No. 61010-1 Safety Requirements for Electrical Equipment
for Measurement, Control, and Laboratory Use - Part 1 General
Requirements (Requisiti di sicurezza per apparecchiature elettriche per la
misurazione, il controllo e l'uso in laboratorio - Parte 1 Requisiti generali)
• Direttiva 2002/96/EC: Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche
• Marchio CE

Direttiva EMC 2004/108/EC


Direttiva LVD 2006/95/EC
Fabbricante Abbott Laboratories
Diagnostics Division
Abbott Park, IL 60064 USA
Mandatario nella Comunità Europea Abbott
Max-Planck-Ring 2
65205 Wiesbaden
Germany
+49-6122-580

Importante-12 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Importante Marchi di fabbrica

Marchi di fabbrica
AbbottLink, ARCHITECT, i1000SR, i2000, i2000SR, i4000SR, c4000, c8000,
c16000, ci4100, ci8200, ci16200, Chemiflex, AxSYM e MasterCheck sono
marchi commerciali registrati di Abbott Laboratories in diverse giurisdizioni.
i4000, i6000, i8000, Sistema c, Sistema i, ARCHITECT ARM, FlexRate e
SmartWash sono marchi commerciali di Abbott Laboratories in diverse
giurisdizioni.
ACCELERATOR, ACCELERATOR APS, ACCELERATOR p540 e ACCELERATOR
a3600 sono marchi commerciali di Abbott Laboratories in diverse giurisdizioni.
Tutti i nomi ed i marchi di fabbrica dei prodotti della Abbott Laboratories sono di
proprietà o su licenza della Abbott Laboratories, delle sue società affiliate o
consociate. Non è permesso l'uso di nessun marchio di fabbrica Abbott, della
ragione sociale, della veste commerciale o della denominazione del prodotto
senza previa autorizzazione scritta della Abbott Laboratories, eccezion fatta per
l'identificazione del prodotto o dei servizi offerti dalla Abbott Laboratories. Tutti
gli altri marchi di fabbrica, nomi dei prodotti e denominazioni commerciali sono
proprietà delle rispettive società. Tutti i diritti riservati.
Tranne nei casi summenzionati, non si fa concessione alcuna per quanto
concerne licenze o diritti espressi o impliciti, protetti da brevetto, marchio di
fabbrica o da un diritto di proprietà di Abbott Laboratories.
I seguenti brevetti statunitensi sono importanti per il Sistema ARCHITECT c o i
suoi componenti.
4,533,457 4,619,739 4,647,362 4,678,755
4,797,192 5,025,389 5,413,770

I seguenti brevetti statunitensi sono importanti per il Sistema ARCHITECT i o i


suoi componenti.
5,468,646 5,536,049 5,543,524 5,545,739
5,565,570 5,669,819 5,682,662 5,723,795
5,795,784 Des. 397,938 Des. 401,699 Des. 401,697
Des. 401,700 5,783,699 5,856,194 5,859,429
Des. 404,829 Des. 406,901 5,915,282 5,915,583
5,938,120 Des. 413,539 5,965,828 6,022,746
6,063,634 6,150,113 6,153,377 6,162,645
6,413,780 6,562,298 6,588,625

Sono vigenti altri di tali brevetti e domande di registrazione negli Stati Uniti ed in
altri paesi.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Importante-13


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Etichettatura del sistema Importante

Etichettatura del sistema


I simboli riportati nella seguente tabella sono riprodotti sulle etichette apposte
sul Sistema ARCHITECT.

Legenda dei simboli utilizzati sulle etichette

Etichetta Descrizione

Mandatario nella Comunità Europea

Fabbricante

Dispositivo medico-diagnostico in vitro

Fabbricante

Data di produzione

Numero di serie

Corrente alternata
Laser

Attenzione: rischio di scossa elettrica

Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche


NOTA: indica che l'oggetto deve essere gettato in un
contenitore per la raccolta differenziata delle
apparecchiature elettriche ed elettroniche e non in
quello dei rifiuti generici.

Limiti di temperatura

Importante-14 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Importante Etichettatura del sistema

Etichetta Descrizione

Usare entro/data di scadenza

Consultare le istruzioni per l'uso

Attenzione, consultare i documenti allegati

Numero di lotto

Quantità

Unità

Rischi biologici

Biorischio

Attenzione: superficie incandescente

Attenzione, pericolo di pungersi con l'ago

Disco dei dosaggi

Versione

Unità convenzionali

Unità standard internazionale

Coppette dei campioni

Liquido detergente ICT

Soluzione detergente liofilizzata ICT

Additivo per il bagno di incubazione

Soluzione di preattivazione (Pre-Trigger)

Soluzione di attivazione (Trigger)

Tampone di lavaggio concentrato

Tampone di lavaggio

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Importante-15


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Etichettatura del sistema Importante

Etichetta Descrizione

Cartucce di reazione

Setto

Tappi di ricambio

Diluente manuale multidosaggio

Numero di catalogo/numero di listino

Soluzione di lavaggio acida

Soluzione di lavaggio alcalina

Soluzione di riferimento ICT

Detergente A

Detergente B

Per l'uso con

Seguendo le procedure approvate, possono essere


ripristinate le specifiche iniziali dello strumento. Inoltre
vengono effettuati tutti gli aggiornamenti approvati e
obbligatori.
Distribuito da

Distribuito negli USA da

Prodotto da

Prodotto per

Prodotto del Giappone

Prodotto di Singapore

Prodotto da

Prodotto per Abbott da

Revisione

Kit

Importante-16 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Importante Etichettatura del sistema

Legenda dei simboli utilizzati esclusivamente sulle etichette dell'ARCHITECT iARM

Etichetta Descrizione
Attenzione: la pressione dell'acqua in entrata non deve
superare i 30 psig.

Attenzione: non calpestare, superficie non adatta

Attenzione: non sedersi sopra, superficie non adatta

Scarico in uscita

Scarico in uscita per forza della gravità

Raccordo di immissione dell'acqua

Attenzione: messa a terra di protezione richiesta

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Importante-17


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Etichettatura del sistema Importante

NOTE

Importante-18 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale
Introduzione
La documentazione relativa al Sistema ARCHITECT comprende il Manuale
d'Impiego del Sistema ARCHITECT, disponibile sia su supporto cartaceo che
online e l'Help del Sistema ARCHITECT.
Si consiglia di prendere confidenza con la struttura, le funzioni e le possibilità di
utilizzo di ciascuno di questi formati in cui viene messa a disposizione la
documentazione tecnica. Imparare ad utilizzare la documentazione significa
infatti risparmiare tempo, prevenire problemi e familiarizzare con le funzioni del
Sistema ARCHITECT.
La documentazione si suddivide in:
• Documentazione stampata, pagina Guida all'uso del manuale-2
• Documentazione online, pagina Guida all'uso del manuale-6
• Uso della documentazione online, pagina Guida all'uso del manuale-23

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-1


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione stampata Guida all'uso del manuale

Documentazione stampata
La versione stampata del Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT contiene
istruzioni dettagliate per l'uso e la manutenzione del Sistema ARCHITECT. È un
valido ausilio per imparare ad interagire con il sistema e rimane anche in seguito
un'indispensabile guida di riferimento.
Gli argomenti trattati in questo capitolo sono i seguenti:
• Struttura del manuale d'impiego stampato, pagina Guida all'uso del manuale-
2
• Convenzioni utilizzate nella documentazione stampata, pagina Guida all'uso
del manuale-4

Struttura del manuale d'impiego stampato


Il Manuale d'impiego stampato del Sistema ARCHITECT è strutturato nel modo
seguente:
Importante Fare riferimento a questo capitolo per
reperire informazioni importanti, quali:
• il Servizio Clienti
• finalità d'uso del sistema
• marchi di fabbrica
Guida all'uso del manuale Fare riferimento a questo capitolo per
reperire informazioni quali:
• struttura del contenuto
• funzioni della documentazione di
accompagnamento
• uso di entrambi i manuali d'impiego,
su supporto cartaceo e elettronico e
dell'help online
Capitolo 1 Questo capitolo serve ad identificare:
Uso e funzioni • i componenti principali del sistema
• i principi fondamentali dell'interfaccia
utente
• gli stati operativi dei moduli di analisi
e del campionatore
Capitolo 2 Fare riferimento a questo capitolo per
Procedure di installazione e requisiti reperire informazioni quali:
speciali • preparazione del locale e
posizionamento dello strumento
• installazione del software di sistema e
di dosaggio
• configurazione del sistema in base
alle esigenze specifiche del proprio
laboratorio
Capitolo 3 Fare riferimento a questo capitolo per
Principi di funzionamento avere una spiegazione relativa a:
• tecnologia di dosaggio

Guida all'uso del manuale-2 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione stampata

• modalità di conversione da parte del


sistema delle misurazioni in dati e
rapporti utili
Capitolo 4 Fare riferimento a questo capitolo per
Caratteristiche e specifiche di reperire informazioni, quali:
prestazione del sistema • dimensioni dello strumento
• capacità del sistema
• requisiti elettrici
Capitolo 5 In questo capitolo viene spiegato come
Istruzioni operative eseguire le varie fasi previste per
l'esecuzione dei dosaggi.
Capitolo 6 Utilizzare questo capitolo per imparare
Procedure di calibrazione come:
• eseguire le calibrazioni dei dosaggi
• verificare i risultati delle calibrazioni
completate
Capitolo 7 Rivedere attentamente questo capitolo per
Precauzioni e limiti d'uso avere informazioni sulle azioni o condizioni
che possono incidere su:
• integrità del Sistema ARCHITECT
• accuratezza dei risultati delle analisi
dei pazienti
Capitolo 8 Utilizzare questo capitolo per prendere
Rischi familiarità con le icone di sicurezza
applicate sullo strumento e riportate nel
manuale che segnalano situazioni
potenzialmente pericolose.
Capitolo 9 Fare riferimento a questo capitolo per
Assistenza e manutenzione reperire informazioni quali:
• descrizione di tutte le procedure di
manutenzione
• istruzioni sull'esecuzione di procedure
di manutenzione programmata e
occasionali
• istruzioni dettagliate per la
sostituzione dei componenti
Capitolo 10 Fare riferimento a questo capitolo per
Individuazione e soluzione dei problemi reperire informazioni quali:
• nozioni basilari per l'individuazione e
la soluzione dei problemi
• informazioni sulle cause probabili e le
azioni correttive per i problemi
riscontrati ed i codici di errore
• descrizione di tutte le procedure di
diagnostica
• istruzioni per l'esecuzione delle
procedure di diagnostica
Appendici Fare riferimento alle appendici per ottenere
informazioni su:
• rapporti
• verifica delle prestazioni dei dosaggi
• modelli matematici

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-3


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione stampata Guida all'uso del manuale

• numeri di listino
• elementi degli schermi e delle finestre
Glossario Fare riferimento a questo capitolo per le
definizioni dei termini relativi al Sistema
ARCHITECT.
Indice analitico Utilizzare questo elenco alfabetico degli
argomenti trattati in cui poter reperire
informazioni specifiche sul sistema.
Registro delle revisioni Fare riferimento a questo capitolo per un
sommario delle revisioni apportate al
manuale d'impiego.

Convenzioni utilizzate nella documentazione stampata


Le convenzioni rappresentano una serie di standard definiti e sono utilizzate per
trasmettere determinate informazioni in modo chiaro e comprensibile. Le
convenzioni utilizzate nel manuale stampato del Sistema ARCHITECT sono
pensate per facilitare la ricerca, la lettura, la comprensione e l'uso delle
informazioni disponibili.

Convenzioni tipografiche

Descrizione Uso
Carattere corsivo Rimanda ad informazioni correlate.
Carattere grassetto Evidenzia delle parole chiave all'interno
delle procedure. Per esempio, nelle fasi
numerate delle procedure sono stampati in
grassetto i nomi di:
• icone ed opzioni del menu
• pulsanti
• tasti di funzione
• elenchi e tabelle e le rispettive
selezioni possibili
• opzioni e caselline da barrare
Numeri tra parentesi, per esempio [1], [2] Rimandano ad aree specifiche di
ecc. un'illustrazione nell'ambito di una
procedura.

Convenzioni relative al contenuto

Descrizione Uso
Tabelle dei requisiti all'inizio di ogni Forniscono le informazioni che è
procedura necessario conoscere prima di eseguire
una procedura. Tali informazioni variano da
procedura a procedura e possono
includere quanto segue:
• prerequisiti per l'esecuzione della
procedura
• stato del modulo richiesto per
eseguire la procedura

Guida all'uso del manuale-4 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione stampata

Descrizione Uso
• livello di accesso richiesto
all'operatore per eseguire la
procedura
• tempo richiesto per completare la
procedura
• strumenti richiesti per eseguire la
procedura
• parti di ricambio o accessori da avere
sempre a portata di mano
Elenco delle informazioni correlate che Rimandi ad informazioni correlate che
figurano alla fine delle procedure, se possono rivelarsi utili per l'esecuzione della
previste procedura.
Elenco delle procedure correlate che Rimanda a procedure che possono essere
figurano alla fine delle descrizioni degli eseguite a partire da schermi e finestre
schermi e delle finestre, se previste specifici.

Convenzioni grafiche

Descrizione Uso
Simboli di sicurezza (fare riferimento al Identificano attività che possono esporre il
proposito alla sezione Icone di sicurezza, personale a potenziali pericoli.
pagina 8-3) e segnalazioni di pericolo o
di avvertimento

Simbolo e parola di avvertimento Consiglia le precauzioni da prendere per


"Importante" evitare di compromettere il funzionamento
del sistema ed i risultati delle analisi.

Parola di avvertimento "Nota" Evidenzia informazioni rilevanti per


l'argomento in questione.

Riferimenti numerici su illustrazioni, Indica l'area descritta nella tabella che


fotografie e rapporti segue.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-5


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione online Guida all'uso del manuale

Documentazione online
La documentazione online è concepita per fornire tutte le informazioni
necessarie nel modo più veloce, semplice ed accurato possibile.
Il contenuto del Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT online include
istruzioni dettagliate per l'uso e la manutenzione del Sistema ARCHITECT. Si
può accedere al manuale online dal software del CCS (centro di controllo del
sistema).
Accesso al manuale operativo online tramite il software del sistema

Legenda:
1. Opzione del menu Manuale d'impiego: visualizza il manuale d'impiego online.
2. Manuale d'impiego online: visualizza il contenuto del Manuale d'Impiego del
Sistema ARCHITECT in formato elettronico.

L'Help? del Sistema ARCHITECT è parte integrante del software del sistema del
CCS e garantisce l'accesso diretto alle informazioni relative allo schermo, alla
finestra o al messaggio d'errore attualmente visualizzato. L'Help? fornisce in
sintesi le informazioni contenute nel manuale d'impiego e può essere richiamato
per avere informazioni relative a:
• uno schermo o una finestra - a partire dallo schermo o dalla finestra stessa
• un messaggio d'errore - a partire dal messaggio d'errore, dalla finestra
Dettagli delle eccezioni e dallo schermo Registri sistema

Guida all'uso del manuale-6 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione online

Accesso all'Help? (schermo o finestra)

Legenda:
1. Pulsante Help: visualizza informazioni utili relative allo schermo o alla finestra
attualmente visualizzati.
2. Help?: visualizza informazioni dettagliate sullo schermo o sulla finestra. Il contenuto
dell'Help include informazioni introduttive, link che rimandano alle descrizioni di tutti
i campi e link alle procedure eseguibili a partire dallo schermo e dalla finestra in
questione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-7


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione online Guida all'uso del manuale

Accesso all'Help? (messaggio d'errore)

Legenda:
1. Pulsante Help (messaggio d'errore): visualizza informazioni utili relative al
messaggio d'errore attuale.
2. Help?: visualizza informazioni dettagliate sul messaggio d'errore incluse le azioni
correttive richieste per risolvere il problema.

La documentazione online non riportata in questa sottosezione include:


• Suggerimenti per l'uso della documentazione online, pagina Guida all'uso
del manuale-23
• Procedure per l'uso della documentazione online, pagina Guida all'uso del
manuale-26

La documentazione online riportata in questa sottosezione include:


• Convenzioni utilizzate nella documentazione online, pagina Guida all'uso del
manuale-8
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Descrizione dell'immagine interattiva di accesso alle procedure, pagina Guida
all'uso del manuale-20

Convenzioni utilizzate nella documentazione online


Le convenzioni rappresentano una serie di standard definiti e sono utilizzate per
trasmettere determinate informazioni in modo chiaro e comprensibile. Le
convenzioni utilizzate nel manuale online del Sistema ARCHITECT sono pensate
per facilitare la ricerca, la lettura, la comprensione e l'uso delle informazioni
disponibili.

Guida all'uso del manuale-8 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione online

Convenzioni tipografiche

Descrizione Uso
Carattere grassetto Evidenzia delle parole chiave all'interno
delle procedure. Per esempio, nelle fasi
numerate delle procedure sono stampati in
grassetto i nomi di:
• icone ed opzioni del menu
• pulsanti
• tasti di funzione
• elenchi e tabelle e le rispettive
selezioni possibili
• opzioni e caselline da barrare
Testo blu sottolineato Indica dei link ad informazioni correlate.
Numeri tra parentesi, per esempio [1], [2] Rimandano ad aree specifiche di
ecc. un'illustrazione nell'ambito di una
procedura.

Convenzioni relative al contenuto

Descrizione Uso
Tabelle dei requisiti all'inizio di ogni Forniscono le informazioni che è
procedura necessario conoscere prima di eseguire
una procedura. Tali informazioni variano da
procedura a procedura e possono
includere quanto segue:
• prerequisiti per l'esecuzione della
procedura
• stato del modulo richiesto per
eseguire la procedura
• livello di accesso richiesto
all'operatore per eseguire la
procedura
• tempo richiesto per completare la
procedura
• strumenti richiesti per eseguire la
procedura
• parti di ricambio o accessori da avere
sempre a portata di mano
Elenco delle informazioni correlate che Rimanda ad informazioni addizionali
figurano alla fine delle procedure, se relative alle procedure.
previste
Elenco delle procedure correlate che Rimanda a procedure che possono essere
figurano alla fine delle descrizioni degli eseguite a partire da schermi o finestre
schermi e delle finestre, se previste specifici.

Convenzioni grafiche

Descrizione Uso
Simboli di sicurezza (fare riferimento al Identificano attività che possono esporre il
proposito alla sezione Icone di sicurezza, personale a potenziali pericoli.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-9


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione online Guida all'uso del manuale

Descrizione Uso
pagina 8-3) e segnalazioni di pericolo o
di avvertimento

Simbolo e parola di avvertimento Consiglia le precauzioni da prendere per


"Importante" evitare di compromettere il funzionamento
del sistema ed i risultati delle analisi.

Simbolo e parola di avvertimento "Nota" Evidenzia informazioni rilevanti per


l'argomento in questione.

Riferimenti numerici su illustrazioni e Indica l'area descritta nella tabella che


fotografie segue.
Riferimenti numerici sui rapporti Indicano l'area descritta nella tabella che
segue e fungono da link ipertestuali ad una
data informazione.

Descrizione della finestra Help


La documentazione online (Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT e Help
del Sistema ARCHITECT) è concepita per la visualizzazione e l'uso online e si
può consultare tramite una finestra Help, che fornisce diversi elementi per
permettere all'operatore di accedere velocemente ad informazioni e funzioni
desiderate.
Esempio di finestra Help - manuale d'impiego online

Guida all'uso del manuale-10 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione online

Legenda:
1. Barra del titolo: indica il nome della finestra dell'Help.
2. Barra delle funzioni: contiene i pulsanti usati per visualizzare gli argomenti nella
rispettiva area, per stampare un argomento o per chiudere la finestra dell'Help.
Fare riferimento al proposito alla sezione Barra delle funzioni della finestra Help,
pagina Guida all'uso del manuale-12.
3. Area di navigazione: usata per cercare e visualizzare degli argomenti. Fare
riferimento al proposito alla sezione Area di navigazione della finestra Help
(manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del manuale-14.
4. Area degli argomenti: utilizzata per visualizzare il contenuto degli argomenti e
richiamarne le informazioni correlate. Fare riferimento al proposito alla sezione
Area degli argomenti della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-13.
5. Pulsante Help on Help: serve a selezionare una lista di task/procedure necessarie
per l'utilizzo della documentazione online.
6. Pulsante Riduci a icona: selezionare per ridurre la finestra dell'Help ad un'icona
sulla barra delle applicazioni nella parte inferiore dello schermo. Per visualizzare la
finestra ridotta ad icona, selezionare l'icona stessa.

Pulsante Ingrandisci/Ripristina: selezionare per ingrandire la finestra dell'Help a


tutto schermo oppure per riportarla alla grandezza e posizione che aveva prima
di essere ingrandita.

Pulsante Esci: selezionare per chiudere la finestra dell'Help.

Esempio della finestra Help - Help? (schermo o finestra)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-11


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione online Guida all'uso del manuale

Legenda:
1. Barra del titolo: indica il nome della finestra dell'Help.
2. Barra delle funzioni: contiene i pulsanti usati per visualizzare gli argomenti nella
rispettiva area, per stampare un argomento o per chiudere la finestra dell'Help.
3. Area degli argomenti: utilizzata per visualizzare il contenuto degli argomenti e
richiamarne le informazioni correlate.
4. Pulsante Riduci a icona: selezionare per ridurre la finestra dell'Help ad un'icona
sulla barra delle applicazioni nella parte inferiore dello schermo. Per visualizzare la
finestra ridotta ad icona, selezionare l'icona stessa.

Pulsante Ingrandisci/Ripristina: selezionare per ingrandire la finestra dell'Help a


tutto schermo oppure per riportarla alla grandezza e posizione che aveva prima
di essere ingrandita.

Pulsante Esci: selezionare per chiudere la finestra dell'Help.

La sezione dedicata alla descrizione della finestra Help passa in rassegna i


seguenti argomenti:
• Barra delle funzioni della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-12
• Area degli argomenti della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-
13
• Area di navigazione della finestra Help (manuale d'impiego online), pagina
Guida all'uso del manuale-14

Barra delle funzioni della finestra Help


La barra delle funzioni, situata sotto la barra del titolo della finestra Help,
contiene dei pulsanti di comando che consentono di accedere velocemente ai
comuni ausili di navigazione e ai comandi per stampare e chiudere.
Previous (Precedente)
(Manuale d'impiego online) Serve a visualizzare l'argomento
precedente elencato nel sommario.

Next (Successivo)
(Manuale d'impiego online) Serve a visualizzare l'argomento
successivo elencato nel sommario.

Back (Indietro)
Serve a visualizzare l'ultimo argomento che si è richiamato.

Forward (Avanti)
Serve a visualizzare l'argomento successivo in una sequenza
di argomenti precedentemente richiamati.

Home (Pagina iniziale)

Guida all'uso del manuale-12 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione online

Serve a richiamare le procedure in sintesi. (Non disponibile


per i codici di errore)

Print (Stampa)
Serve a stampare l'argomento attuale o tutti gli argomenti
riferiti ad una particolare intestazione.

Novità
Serve a visualizzare la descrizione delle nuove funzioni.

Close (Chiudi)
Serve per chiudere la finestra Help.

Area degli argomenti della finestra Help


L'area degli argomenti, situata sotto la barra delle funzioni, è l'area della finestra
Help in cui viene visualizzato il contenuto del manuale online. Oltre al contenuto,
i singoli argomenti possono comprendere altri ausili per la navigazione (per
esempio, ipertesto e image maps) e multimedia.
Esempio dell'area degli argomenti - Help?

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-13


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione online Guida all'uso del manuale

Procedure correlate...
• Visualizzazione delle informazioni correlate, pagina Guida all'uso del
manuale-38
• Riproduzione di video e animazioni, pagina Guida all'uso del manuale-39

Area di navigazione della finestra Help (manuale d'impiego online)


L'area di navigazione, situata sotto la barra delle funzioni e a sinistra dell'area
degli argomenti, è il campo della finestra Help che offre le funzioni basilari per
la navigazione.
NOTA: Se nell'area di navigazione è visualizzata solo una parte del titolo
dell'argomento, è possibile cliccare e trascinare il bordo destro dell'area per
allargarla.
Area di navigazione e opzioni

L'area comprende quattro opzioni che possono essere usate per ricercare e
visualizzare le informazioni nel Manuale d'Impiego online del Sistema
ARCHITECT:
• Opzione Contents (Sommario) (manuale d'impiego online), pagina Guida
all'uso del manuale-15
• Opzione Index (Indice) (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-17
• Opzione Search (Ricerca) (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso
del manuale-18

Guida all'uso del manuale-14 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione online

• Opzione Favorites (Preferiti) (manuale d'impiego online), pagina Guida


all'uso del manuale-19

Procedure correlate...
• Uso dell'indice generale (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-29
• Uso dell'indice (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-30
• Ricerca di un termine (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-30
• Aggiunta o rimozione di un argomento dalla lista dei preferiti (manuale
d'impiego online), pagina Guida all'uso del manuale-43

Opzione Contents (Sommario) (manuale d'impiego online)


L'opzione Contents dell'area di navigazione serve a visualizzare l'indice
generale, che mostra come sono organizzate le informazioni nel Manuale
d'Impiego online del Sistema ARCHITECT; fare riferimento al proposito alla
sezione Struttura del manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso del
manuale-15. Gli argomenti contrassegnati dall'icona di un libro e dal segno più
(+) contengono uno o più sottoargomenti. Gli argomenti contrassegnati dall'icona
simboleggiante una pagina non contengono sottoargomenti.
Opzione Contents (Sommario)

Procedure correlate...
• Uso dell'indice generale (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-29
• Come visualizzare in sequenza il contenuto (manuale d'impiego online),
pagina Guida all'uso del manuale-29

Struttura del manuale d'impiego online


Il Manuale d'impiego online del Sistema ARCHITECT è strutturato nel modo
seguente:

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-15


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione online Guida all'uso del manuale

Importante Fare riferimento a questo capitolo per


reperire informazioni importanti, quali:
• il Servizio Clienti
• finalità d'uso del sistema
• marchi di fabbrica
Guida all'uso del manuale Fare riferimento a questo capitolo per
reperire informazioni quali:
• struttura del contenuto
• funzioni della documentazione di
accompagnamento
• uso di entrambi i manuali d'impiego,
su supporto cartaceo e elettronico e
dell'help online
Capitolo 1 Questo capitolo serve ad identificare:
Uso e funzioni • i componenti principali del sistema
• i principi fondamentali dell'interfaccia
utente
• gli stati operativi dei moduli di analisi
e del campionatore
Capitolo 2 Fare riferimento a questo capitolo per
Procedure di installazione e requisiti reperire informazioni quali:
speciali • preparazione del locale e
posizionamento dello strumento
• installazione del software di sistema e
di dosaggio
• configurazione del sistema in base
alle esigenze specifiche del proprio
laboratorio
Capitolo 3 Fare riferimento a questo capitolo per
Principi di funzionamento avere una spiegazione relativa a:
• tecnologia di dosaggio
• modalità di conversione da parte del
sistema delle misurazioni in dati e
rapporti utili
Capitolo 4 Fare riferimento a questo capitolo per
Caratteristiche e specifiche di reperire informazioni, quali:
prestazione del sistema • dimensioni dello strumento
• capacità del sistema
• requisiti elettrici
Capitolo 5 In questo capitolo viene spiegato come
Istruzioni operative eseguire le varie fasi previste per
l'esecuzione dei dosaggi.
Capitolo 6 Utilizzare questo capitolo per imparare
Procedure di calibrazione come:
• eseguire le calibrazioni dei dosaggi
• verificare i risultati delle calibrazioni
completate
Capitolo 7 Rivedere attentamente questo capitolo per
Precauzioni e limiti d'uso avere informazioni sulle azioni o condizioni
che possono incidere su:
• integrità del Sistema ARCHITECT

Guida all'uso del manuale-16 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione online

• accuratezza dei risultati delle analisi


dei pazienti
Capitolo 8 Utilizzare questo capitolo per prendere
Rischi familiarità con le icone di sicurezza
applicate sullo strumento e riportate nel
manuale che segnalano situazioni
potenzialmente pericolose.
Capitolo 9 Fare riferimento a questo capitolo per
Assistenza e manutenzione reperire informazioni quali:
• descrizione di tutte le procedure di
manutenzione
• istruzioni sull'esecuzione di procedure
di manutenzione programmata e
occasionali
• istruzioni dettagliate per la
sostituzione dei componenti
Capitolo 10 Fare riferimento a questo capitolo per
Individuazione e soluzione dei problemi reperire informazioni quali:
• nozioni basilari per l'individuazione e
la soluzione dei problemi
• informazioni sulle cause probabili e le
azioni correttive per i problemi
riscontrati ed i codici di errore
• descrizione di tutte le procedure di
diagnostica
• istruzioni per l'esecuzione delle
procedure di diagnostica
Appendici Fare riferimento alle appendici per ottenere
informazioni su:
• rapporti
• verifica delle prestazioni dei dosaggi
• modelli matematici
• numeri di listino
• elementi degli schermi e delle finestre
Registro delle revisioni Fare riferimento a questo capitolo per
informazioni sulle revisioni del manuale
d'impiego.

Opzione Index (Indice) (manuale d'impiego online)


L'opzione Index dell'area di navigazione visualizza un elenco alfabetico di tutte le
voci dell'indice contenute nel Manuale d'impiego online del Sistema ARCHITECT.
Le voci sono indicizzate in base al soggetto e all'importanza ed includono termini
per tutti i livelli di know-how e per tutti i tipi di informazioni, dalle più generiche a
quelle specifiche.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-17


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione online Guida all'uso del manuale

Opzione Index (Indice)

Procedure correlate...
• Uso dell'indice (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-30

Opzione Search (Ricerca) (manuale d'impiego online)


L'opzione Search nell'area di navigazione consente di individuare tutte le
apparizioni (per un massimo di 500) di una parola o una frase all'interno del
Manuale d'impiego online del Sistema ARCHITECT. Il numero dei risultati trovati
può essere ristretto tramite la ricerca avanzata che serve a raffinare la ricerca.
NOTA: se nell'area di navigazione dell'opzione Search è visualizzata solo una
parte del titolo, è possibile cliccare e trascinare il bordo destro dell'area oppure
la colonna del titolo.

Guida all'uso del manuale-18 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione online

Opzione Search (Ricerca)

Procedure correlate...
• Ricerca di un termine (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-30
• Ricerca avanzata (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-32

Opzione Favorites (Preferiti) (manuale d'impiego online)


L'opzione Favorites nell'area di navigazione consente di richiamare gli argomenti
che sono stati aggiunti alla lista dei preferiti, ossia agli argomenti che l'operatore
desidera consultare più frequentemente. La lista viene salvata ed è disponibile
ogni volta che si apre il Manuale d'impiego online del Sistema ARCHITECT.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-19


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione online Guida all'uso del manuale

Opzione Favorites (Preferiti)

Procedure correlate...
• Aggiunta o rimozione di un argomento dalla lista dei preferiti (manuale
d'impiego online), pagina Guida all'uso del manuale-43
• Visualizzazione di un argomento nella lista dei preferiti (manuale d'impiego
online), pagina Guida all'uso del manuale-38
• Assegnazione di un nuovo nome ad un argomento della lista dei preferiti
(manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del manuale-43

Descrizione dell'immagine interattiva di accesso alle procedure


Per immagine interattiva di accesso alle procedure si intende una image map
online che visualizza le categorie delle attività connesse alle operazioni e
presenta dei link di rimando a liste di task e procedure. L'immagine interattiva di
accesso alle procedure viene utilizzata per accedere rapidamente alle istruzioni
passo passo necessarie per l'espletamento delle proprie mansioni principali.

Guida all'uso del manuale-20 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Documentazione online

Immagine interattiva di accesso alle procedure

Legenda:
1. Help on Help: consente di accedere a procedure associate all'uso della
documentazione interattiva.
2. Risultati memorizzati: consente di accedere ad informazioni quali la ritrasmissione,
la stampa e l'archiviazione dei risultati di analisi dei pazienti e dei controlli.
3. Controllo di qualità: consente di accedere a procedure quali la revisione dei dati dei
grafici Levey-Jennings e la stampa dei rapporti CQ.
4. Setup: consente di accedere a procedure quali la configurazione e visualizzazione
del sistema, i dosaggi, le impostazioni CQ/Cal, l'installazione del software e dei
dosaggi e la stampa dei rapporti.
5. Troubleshooting: consente di accedere a procedure quali lo spegnimento di
emergenza, la revisione dei registri del sistema, l'esecuzione della diagnostica, la
sostituzione dei componenti e la stampa dei rapporti di diagnostica.
6. Manutenzione: consente di accedere a procedure quali la manutenzione,
l'approvazione dei registri di manutenzione e la stampa dei rapporti.
7. Analisi dei campioni: consente di accedere a procedure quali la preparazione al
funzionamento, la richiesta di analisi, il caricamento e l'analisi dei campioni, la
revisione dei risultati e la stampa dei rapporti.

Procedure correlate...
• Visualizzazione e uso dell'immagine interattiva di accesso alle procedure,
pagina Guida all'uso del manuale-28

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-21


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Documentazione online Guida all'uso del manuale

Liste dei task


Le liste dei task sono argomenti online ai quali si può accedere dall'immagine
interattiva di accesso alle procedure. Ogni argomento contiene una lista di task
corrispondenti alla categoria selezionata sull'immagine interattiva di accesso alle
procedure oppure alla corrispettiva attività. Sotto ogni task si trova una lista di
link che rimandano alle procedure associate.
Esempio di una lista di task (manutenzione)

Legenda:
1. Voce della lista dei task in forma estesa
2. Voce della lista dei task in forma sintetica

Guida all'uso del manuale-22 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

Uso della documentazione online


La documentazione online è pensata per aiutare l'operatore a ricercare
velocemente e facilmente le informazioni necessarie per:
• portare a termine un task
• riprendere le normali operazioni a seguito della comparsa di un errore
• individuare e risolvere un problema
• ottimizzare la prestazione dei task
• comprendere i principi di funzionamento e le prestazioni del sistema

L'uso della documentazione interattiva comprende:


• Suggerimenti per l'uso della documentazione online, pagina Guida all'uso del
manuale-23
• Procedure per l'uso della documentazione online, pagina Guida all'uso del
manuale-26

Suggerimenti per l'uso della documentazione online


La documentazione online è concepita per fornire tutte le informazioni
necessarie nel modo più veloce, semplice ed accurato possibile. Una piena
comprensione del funzionamento e delle modalità d'impiego della presente
documentazione contribuirà al conseguimento di risultati migliori.
Vi sono ad esempio diversi modi per reperire informazioni. Il metodo più veloce e
semplice dipende tra l'altro dalla documentazione online utilizzata e dal tipo di
informazione ricercate.
Le tabelle seguenti forniscono suggerimenti utili per usare l'Help del Sistema
ARCHITECT ed il Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT online qualora si
ricerchino informazioni specifiche.

Se si usa l'Help?

Per... Occorre...
Visualizzare una descrizione dello schermo Fare riferimento alla sezione Accesso
o della finestra attuale all'Help?, pagina Guida all'uso del
manuale-27.
Visualizzare una lista delle procedure che 1. Fare riferimento alla sezione Accesso
si possono eseguire a partire dallo all'Help?, pagina Guida all'uso del
schermo o dalla finestra attuale manuale-27.
2. Fare riferimento alla sezione Come
visualizzare in sequenza un
argomento, pagina Guida all'uso del
manuale-37 per visualizzare la lista
delle procedure riportata sotto
"Procedure correlate".

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-23


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

Per... Occorre...
Visualizzare le fasi di una procedura 1. Fare riferimento alla sezione Accesso
eseguibile a partire dallo schermo o dalla all'Help?, pagina Guida all'uso del
finestra attuale manuale-27.
2. Fare riferimento alla sezione Come
visualizzare in sequenza un
argomento, pagina Guida all'uso del
manuale-37 e selezionare quindi una
delle voci della lista riportata sotto
"Procedure correlate".

Individuare la posizione di una parte 1. Per la finestra Esecuzione della


hardware quando si esegue una procedura manutenzione fare riferimento alla
di manutenzione sezione Accesso all'Help?, pagina
Guida all'uso del manuale-27.
2. Per i grafici relativi alla manutenzione,
fare riferimento alla sezione
Visualizzazione delle informazioni
correlate, pagina Guida all'uso del
manuale-38.

Cercare la descrizione di una procedura 1. Per la finestra Esecuzione della


quando si eseguono procedure di manutenzione fare riferimento alla
manutenzione e di diagnostica sezione Accesso all'Help?, pagina
Guida all'uso del manuale-27.
2. Per la descrizione delle categorie e
delle procedure di manutenzione, fare
riferimento alla sezione
Visualizzazione delle informazioni
correlate, pagina Guida all'uso del
manuale-38.

Visualizzare tutte le procedure connesse Fare riferimento alla sezione


all'esecuzione di un'operazione in Visualizzazione e uso dell'immagine
particolare interattiva di accesso alle procedure,
pagina Guida all'uso del manuale-28.
Ricercare una parola Fare riferimento alla sezione Uso del
glossario, pagina Guida all'uso del
manuale-36.
Visualizzare gli argomenti che contengono Fare riferimento alla sezione
informazioni correlate Visualizzazione delle informazioni correlate,
pagina Guida all'uso del manuale-38.
Visualizzare ulteriori informazioni su un Fare riferimento alla sezione Accesso
codice di errore, incluse le azioni correttive all'Help?, pagina Guida all'uso del
suggerite manuale-27.

Se si usa il manuale d'impiego online

Per... Occorre...
Avere una visione generale del contenuto Uso dell'indice generale (manuale
del Manuale d'Impiego online del Sistema d'impiego online), pagina Guida all'uso del
ARCHITECT manuale-29

Guida all'uso del manuale-24 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

Per... Occorre...
Visualizzare una sequenza di argomenti Come visualizzare in sequenza il contenuto
associati (manuale d'impiego online), pagina Guida
all'uso del manuale-29
Cercare la descrizione di uno schermo o Eseguire una delle seguenti procedure:
una finestra particolare • Uso dell'indice (manuale d'impiego
online), pagina Guida all'uso del
manuale-30
• Ricerca di un termine (manuale
d'impiego online), pagina Guida
all'uso del manuale-30
Visualizzare le procedure che possono Selezionare il testo blu sottolineato che si
essere eseguite a partire da un trova nel testo o alla fine dell'argomento,
determinato schermo sotto Procedure correlate.
Visualizzare tutte le procedure connesse Fare riferimento alla sezione
all'esecuzione di un'operazione in Visualizzazione e uso dell'immagine
particolare interattiva di accesso alle procedure,
pagina Guida all'uso del manuale-28.
Cercare e visualizzare una determinata Eseguire una delle seguenti procedure:
procedura • Uso dell'indice (manuale d'impiego
online), pagina Guida all'uso del
manuale-30
• Ricerca di un termine (manuale
d'impiego online), pagina Guida
all'uso del manuale-30
Ricercare una parola Fare riferimento alla sezione Uso del
glossario, pagina Guida all'uso del
manuale-36.
Visualizzare gli argomenti che contengono Fare riferimento alla sezione
informazioni correlate Visualizzazione delle informazioni correlate,
pagina Guida all'uso del manuale-38.
Visualizzare velocemente gli argomenti più 1. Aggiungere gli argomenti alla lista dei
frequentemente consultati preferiti. Fare riferimento in proposito
alla sezione Aggiunta o rimozione di
un argomento dalla lista dei preferiti
(manuale d'impiego online), pagina
Guida all'uso del manuale-43.
2. Fare riferimento alla sezione
Visualizzazione di un argomento nella
lista dei preferiti (manuale d'impiego
online), pagina Guida all'uso del
manuale-38.

Visualizzare ulteriori informazioni su un Ricercare i codici di errore, facendo


codice di errore, incluse le azioni correttive riferimento alla sezione Ricerca di un
suggerite termine (manuale d'impiego online), pagina
Guida all'uso del manuale-30.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-25


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

Procedure per l'uso della documentazione online


Le seguenti procedure forniscono istruzioni su come richiamare ed utilizzare il
Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT online e l'Help del Sistema
ARCHITECT:
• Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso del manuale-26
• Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso del manuale-27
• Visualizzazione e uso dell'immagine interattiva di accesso alle procedure,
pagina Guida all'uso del manuale-28
• Uso dell'indice generale (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-29
• Come visualizzare in sequenza il contenuto (manuale d'impiego online),
pagina Guida all'uso del manuale-29
• Uso dell'indice (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-30
• Ricerca di un termine (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-30
• Ricerca avanzata (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-32
• Uso del glossario, pagina Guida all'uso del manuale-36
• Come visualizzare in sequenza un argomento, pagina Guida all'uso del
manuale-37
• Visualizzazione delle informazioni correlate, pagina Guida all'uso del
manuale-38
• Come richiamare un argomento già visualizzato, pagina Guida all'uso del
manuale-38
• Visualizzazione di un argomento nella lista dei preferiti (manuale d'impiego
online), pagina Guida all'uso del manuale-38
• Riproduzione di video e animazioni, pagina Guida all'uso del manuale-39
• Stampa degli argomenti dalla documentazione online, pagina Guida all'uso del
manuale-39
• Chiudere la finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-41
• Modificare le dimensioni e la posizione della finestra Help, pagina Guida
all'uso del manuale-42
• Aggiunta o rimozione di un argomento dalla lista dei preferiti (manuale
d'impiego online), pagina Guida all'uso del manuale-43
• Assegnazione di un nuovo nome ad un argomento della lista dei preferiti
(manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del manuale-43

Accesso al manuale d'impiego online


Eseguire questa procedura per visualizzare il Manuale d'Impiego del Sistema
ARCHITECT online sul CCS (centro di controllo del sistema) o su un computer
autonomo su cui è stato installato il CD-ROM contenente il manuale.
Prerequisito Non applicabile

Guida all'uso del manuale-26 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

Stato del modulo Qualsiasi


Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per accedere al manuale operativo online dal CCS, procedere come segue:
Selezionare dapprima l'icona Generale nella barra del menu ed in seguito
Manuale d'impiego.
Il manuale d'impiego online si apre in una finestra dell'Help e compare la pagina
iniziale nell'area degli argomenti.
Per accedere al manuale operativo online da un computer autonomo, procedere
come segue:
Cliccare l'icona Start, puntare il cursore dapprima su Programs e poi su
ARCHITECT System Operations Manual e cliccare in seguito sull'opzione
relativa alla lingua del manuale d'impiego.
Il manuale d'impiego online si apre in una finestra dell'Help e compare la pagina
iniziale nell'area degli argomenti.

Informazioni correlate...
• Documentazione online, pagina Guida all'uso del manuale-6
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10

Accesso all'Help?
Eseguire questa procedura per richiamare l'Help del Sistema ARCHITECT sul
CCS (centro di controllo del sistema).
Prerequisito Non applicabile
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per accedere all'Help?, procedere come segue:

Selezionare il tasto help che si trova nell'angolo inferiore destro di ogni


schermo o finestra software.
In questo modo si apre l'Help? e viene visualizzato il contenuto relativo allo
schermo o alla finestra attuale.
Per accedere all'Help? per i messaggi dei codici di errore, effettuare una delle
seguenti operazioni:
• Selezionare il pulsante help nel messaggio d'errore.

Selezionare il pulsante di aiuto Errore? nella finestra Dettagli delle
eccezioni.
• Selezionare F7 - Errore? dallo schermo Registri sistema.
In questo modo si apre l'Help? e viene visualizzato il contenuto relativo al
messaggio d'errore attuale.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-27


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

Informazioni correlate...
• Documentazione online, pagina Guida all'uso del manuale-6
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10

Visualizzazione e uso dell'immagine interattiva di accesso alle procedure


Eseguire questa procedura per visualizzare una lista delle procedure correlate
ad un determinato task e le istruzioni associate alle singole procedure.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26 o Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso
del manuale-27
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per visualizzare ed usare l'immagine interattiva di accesso alle procedure,


procedere come segue:
1. Selezionare il pulsante Home sulla barra delle funzioni.
L'immagine interattiva di accesso alle procedure compare nell'area degli
argomenti.
2. Selezionare una categoria nell'immagine interattiva di accesso alle
procedure per visualizzare una lista dei task corrispondenti.
Il contenuto dell'argomento corrispondente alla selezione effettuata
compare nell'area degli argomenti con una lista espandibile dei rispettivi
task.
3. Selezionare uno o più task contraddistinti dal simbolo della freccia verso
destra per visualizzare una lista dei subtask o delle procedure
corrispondenti.
La freccia verso destra diventa una freccia verso il basso ed appare una
lista dei subtask o delle procedure.
NOTA: i task contraddistinti dal simbolo della freccia verso il basso possono
essere selezionati per visualizzare la lista in forma sintetica.
4. Ripetere la fase 3 fino a quando non appare la procedura desiderata, quindi
selezionare la procedura.
Il contenuto della procedura appare nell'area degli argomenti.
5. Selezionare il pulsante Back (indietro) per ritornare alla lista dei task
(facoltativo) .

Informazioni correlate...
• Barra delle funzioni della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-12
• Descrizione dell'immagine interattiva di accesso alle procedure, pagina Guida
all'uso del manuale-20
• Liste dei task, pagina Guida all'uso del manuale-22

Guida all'uso del manuale-28 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

Uso dell'indice generale (manuale d'impiego online)


Eseguire questa procedura per visualizzare la lista degli argomenti trattati nel
Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT online e per visualizzarne il
contenuto.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per utilizzare l'indice generale, procedere come segue:


1. Selezionare l'opzione Contents (Sommario) nell'area di navigazione.
2. Selezionare i simboli + accanto alle icone simboleggianti un libro.
NOTA: per visualizzare la lista in forma sintetica si può usare il simbolo.
3. Utilizzare la barra di scorrimento sulla destra dell'area di navigazione per
visualizzare l'intero contenuto.
4. Selezionare il titolo di un argomento.
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Opzione Contents (Sommario) (manuale d'impiego online), pagina Guida
all'uso del manuale-15
• Struttura del manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso del manuale-15

Come visualizzare in sequenza il contenuto (manuale d'impiego online)


Eseguire questa procedura per visualizzare una sequenza di argomenti correlati,
esattamente come se si sfogliassero le pagine di un libro. È possibile iniziare da
qualsiasi punto dell'indice generale, ma sarebbe più logico iniziare da
un'intestazione o da un sottotitolo.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per visualizzare in sequenza il contenuto, procedere come segue:


1. Selezionare dapprima l'opzione Contents (Sommario) nell'area di
navigazione ed in seguito il titolo di un argomento.
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.
2. Per visualizzare l'argomento successivo elencato nell'indice generale,
selezionare il pulsante Next (Successivo) sulla barra delle funzioni.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-29


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

3. Ripetere la fase 2 per il numero di volte desiderato.


4. Per visualizzare l'argomento precedente elencato nell'indice generale,
selezionare il pulsante Previous (Precedente) (facoltativo) .

Informazioni correlate...
• Barra delle funzioni della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-12
• Struttura del manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso del manuale-15

Uso dell'indice (manuale d'impiego online)


Eseguire questa procedura per richiamare una lista delle voci dell'indice e
visualizzarne il contenuto.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore
Per utilizzare l'indice, procedere come segue:
1. Selezionare l'opzione Index nell'area di navigazione.
2. Digitare una parola o far scorrere la lista.
3. Selezionare dapprima la voce desiderata e quindi Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.
OPPURE
Se la voce selezionata appare in più di un argomento, compare la finestra
di dialogo Topics Found (Argomenti trovati) in cui si può evidenziare
l'argomento desiderato e selezionare di seguito Display (Visualizza).

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Opzione Index (Indice) (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso del
manuale-17

Ricerca di un termine (manuale d'impiego online)


Eseguire questa procedura per effettuare una ricerca di base di una parola o
una frase particolare usata nel Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT. Se

Guida all'uso del manuale-30 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

per esempio si cerca la parola create, verranno visualizzati tutti gli argomenti
che contengono questa parola.
NOTA: I risultati della ricerca potrebbero non sortire l'esito sperato. In alcuni
casi non tutte le parole sono evidenziate. Nelle lingue diverse dall'inglese:
• la stessa parola può comparire con dei caratteri accentati o non accentati.
• potranno essere evidenziate le corrispondenze perfette, anche nei casi dei
caratteri accentati o non accentati.
• non potranno figurare parole con i caratteri accentati o non latini.

Le regole generali per impostare una ricerca sono le seguenti:


• Introdurre la parola o la frase sia in caratteri minuscoli che maiuscoli. Le
ricerche non sono condizionate alle maiuscole o minuscole.
• Introdurre qualsiasi combinazione di lettere (a-z) e numeri (0-9). Non è
possibile ricercare lettere singole (a, b, c ecc.). Anche i segni di
punteggiatura quali punto, due punti, punto e virgola, virgola e trattino
vengono ignorati.

Per effettuare una ricerca mirata e restringere il numero di risultati trovati, fare
riferimento alla sezione Ricerca avanzata (manuale d'impiego online), pagina
Guida all'uso del manuale-32.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per ricercare un termine, procedere come segue:


1. Selezionare l'opzione Search (Ricerca) nell'area di navigazione.
2. Introdurre la parola o la frase desiderate, oppure selezionare la freccia
verso il basso per scegliere uno dei termini di ricerca usati in
precedenza.
NOTA: utilizzare le virgolette per specificare un gruppo di parole specifico,
per esempio "sample processing". Senza le virgolette, il sistema ricercherà
"sample" E "processing", ossia visualizzerà argomenti che contengono le
singole parole ma non necessariamente il gruppo di parole indicato.
3. Selezionare List Topics (Lista argomenti).
Appariranno il numero dei risultati trovati e una lista di argomenti che
contengono la parola o la frase ricercata, classificata in base alla
frequenza (numero di volte che compare in un argomento).
4. Selezionare l'opzione Title (Titolo) per ordinare la lista degli argomenti in
ordine alfabetico (facoltativo) .
5. Selezionare dapprima un argomento nella lista Select Topics to display
(Seleziona argomenti da visualizzare) ed in seguito Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-31


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

NOTA: se nell'area di navigazione dell'opzione Search è visualizzata solo


una parte del titolo, è possibile cliccare e trascinare il bordo destro dell'area
oppure la colonna del titolo.

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Opzione Search (Ricerca) (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso
del manuale-18

Ricerca avanzata (manuale d'impiego online)


Effettuare questa procedura per effettuare una ricerca mirata e restringere il
numero di risultati trovati. Una ricerca avanzata può essere eseguita anche
utilizzando le seguenti opzioni:
• operatori booleani - elementi qualificativi che permettono di puntualizzare la
ricerca creando una relazione tra le parole.
• espressioni booleane complesse - una combinazione di operatori, uno
all'interno dell'altro, che consentono di raffinare ancora ulteriormente la
ricerca.
• caratteri jolly - caratteri della tastiera usati per ricercare termini senza
digitare una voce completa
• solo risultati precedenti
• parole simili
• solo titoli degli argomenti

NOTA: se nell'area di navigazione dell'opzione Search è visualizzata solo una


parte del titolo, è possibile cliccare e trascinare il bordo destro dell'area oppure
la colonna del titolo.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per eseguire una ricerca avanzata usando gli operatori booleani, procedere
come segue:
1. Selezionare dapprima l'opzione Search (Ricerca) nell'area di navigazione e
quindi introdurre i termini desiderati.
2. Puntare il cursore nel punto in cui si desidera usare un operatore booleano
e selezionare quindi la freccia verso destra per visualizzare una lista di
operatori.
3. Selezionare l'operatore booleano che si desidera aggiungere (vedi sezione
Descrizione degli operatori booleani, pagina Guida all'uso del manuale-35).
4. Ripetere le fasi 2 e 3 per aggiungere ulteriori operatori (facoltativo) .

Guida all'uso del manuale-32 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

NOTA: gli operatori booleani possono essere immessi manualmente oppure


si può selezionare il pulsante con la freccia verso destra e quindi
l'operatore da aggiungere.
5. Selezionare List Topics (Lista argomenti).
Appariranno il numero dei risultati trovati e una lista di argomenti che
contengono la parola o la frase ricercata, classificata in base alla
frequenza (numero di volte che compare in un argomento).
6. Selezionare l'opzione Title (Titolo) per ordinare la lista degli argomenti in
ordine alfabetico (facoltativo) .
7. Selezionare dapprima l'argomento desiderato e quindi Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.

Per eseguire una ricerca avanzata usando le espressioni booleane


complesse, procedere come segue:
1. Selezionare dapprima l'opzione Search (Ricerca) nell'area di navigazione e
quindi introdurre l'espressione nidificata (vedi sezione Descrizione delle
espressioni booleane complesse, pagina Guida all'uso del manuale-36).
NOTA: gli operatori booleani possono essere immessi manualmente oppure
si può selezionare il pulsante con la freccia verso destra e quindi
l'operatore da aggiungere.
2. Selezionare List Topics (Lista argomenti).
Appariranno il numero dei risultati trovati e una lista di argomenti che
contengono la parola o la frase ricercata, classificata in base alla
frequenza (numero di volte che compare in un argomento).
3. Selezionare l'opzione Title (Titolo) per ordinare la lista degli argomenti in
ordine alfabetico (facoltativo) .
4. Selezionare dapprima l'argomento desiderato e quindi Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.

Per eseguire una ricerca avanzata usando un carattere jolly, procedere come
segue:
1. Selezionare dapprima l'opzione Search (Ricerca) nell'area di navigazione e
quindi introdurre i caratteri jolly (vedi sezione Descrizione dei caratteri jolly,
pagina Guida all'uso del manuale-36).
2. Selezionare List Topics (Lista argomenti).
Appariranno il numero dei risultati trovati e una lista di argomenti che
contengono la parola o la frase ricercata, classificata in base alla
frequenza (numero di volte che compare in un argomento).
3. Selezionare l'opzione Title (Titolo) per ordinare la lista degli argomenti in
ordine alfabetico (facoltativo) .
4. Selezionare dapprima l'argomento desiderato e quindi Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-33


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

Per eseguire una ricerca avanzata solo tra i risultati precedenti, procedere
come segue:
1. Selezionare dapprima l'opzione Search (Ricerca) nell'area di navigazione ed
introdurre quindi la parola o la frase che si desidera ricercare.
2. Selezionare la casella da barrare Search previous results (Ricerca risultati
precedenti) per cercare un termine tra i risultati dell'ultima ricerca
nell'ambito della sessione attuale dell'help.
3. Selezionare List Topics (Lista argomenti).
Appariranno il numero dei risultati trovati e una lista di argomenti che
contengono la parola o la frase ricercata, classificata in base alla
frequenza (numero di volte che compare in un argomento).
4. Selezionare l'opzione Title (Titolo) per ordinare la lista degli argomenti in
ordine alfabetico (facoltativo) .
5. Selezionare dapprima l'argomento desiderato e quindi Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.
NOTA: se questa funzione viene usata per ultimo, l'opzione Search
(Ricerca) si apre con la casellina da barrare Search previous results
(Ricerca risultati precedenti) selezionata. Per ricercare in tutti i file del
manuale d'impiego è necessario deselezionare questa casella.

Per eseguire una ricerca avanzata per parole simili, procedere come segue:
1. Selezionare dapprima l'opzione Search (Ricerca) nell'area di navigazione ed
introdurre quindi la parola o la frase che si desidera ricercare.
2. Selezionare la casella da barrare Match similar words (Trova parole simili).
NOTA: questa opzione di ricerca adatta le forme dei termini onde allargare
il contesto, per esempio la parola create viene trovata anche come creating,
to create, created ecc.
Questa opzione non è attiva per le lingue diverse dall'inglese.
3. Selezionare List Topics (Lista argomenti).
Appariranno il numero dei risultati trovati e una lista di argomenti che
contengono la parola o la frase ricercata, classificata in base alla
frequenza (numero di volte che compare in un argomento).
4. Selezionare l'opzione Title (Titolo) per ordinare la lista degli argomenti in
ordine alfabetico (facoltativo) .
5. Selezionare dapprima l'argomento desiderato e quindi Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.
NOTA: se questa funzione viene usata per ultimo, l'opzione Search
(Ricerca) si apre con la casellina da barrare Match similar words (Trova
parole simili) selezionata. Deselezionare questa casellina.

Per eseguire una ricerca avanzata solo tra i titoli degli argomenti, procedere
come segue:

Guida all'uso del manuale-34 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

1. Selezionare dapprima l'opzione Search (Ricerca) nell'area di navigazione ed


introdurre quindi la parola o la frase che si desidera ricercare.
2. Selezionare la casella da barrare Search titles only (Ricerca solo titoli).
3. Selezionare List Topics (Lista argomenti).
Appariranno il numero dei risultati trovati e una lista di argomenti che
contengono la parola o la frase ricercata, classificata in base alla
frequenza (numero di volte che compare in un argomento).
4. Selezionare l'opzione Title (Titolo) per ordinare la lista degli argomenti in
ordine alfabetico (facoltativo) .
5. Selezionare dapprima l'argomento desiderato e quindi Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.
NOTA: se questa funzione viene usata per ultimo, l'opzione Search
(Ricerca) si apre con la casellina da barrare Search titles only (Ricerca
solo titoli) selezionata. Per ricercare in tutti i file del manuale d'impiego è
necessario deselezionare questa casella.

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Opzione Search (Ricerca) (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso
del manuale-18

Descrizione degli operatori booleani


Gli operatori booleani (AND, OR, NOT e NEAR) sono dei qualificatori che
aiutano a perfezionare la ricerca creando una relazione tra le parole. Se non
viene specificato alcun operatore, viene usato automaticamente AND. Per
esempio, digitare centro controllo sistema equivale a scrivere centro AND
controllo AND sistema.
La tabella seguente mostra come usare ciascun operatore.

Uso degli operatori booleani

Per cercare Usare Ottenendo come risultato


Entrambe le parole all'interno dello modulo AND analisi Una lista di argomenti contenenti sia la
stesso argomento parola "modulo" che la parola "analisi".
Una delle due parole in un modulo OR analisi Una lista di argomenti contenenti o la
argomento parola "modulo" o la parola "analisi" o
entrambe le parole.
La prima parola senza la seconda modulo NOT analisi Una lista di argomenti contenenti la
parola "modulo," ma non la parola
"analisi".
Entrambe le parole nello stesso modulo NEAR analisi Una lista di argomenti contenenti la
argomento, una accanto all'altra parola "modulo" a massimo otto parole di
distanza (sia prima che dopo) da
"analisi".

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-35


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

Descrizione delle espressioni booleane complesse


Le espressioni complesse rappresentano una combinazione di operatori, uno
all'interno dell'altro, che consentono di raffinare ulteriormente la ricerca. Le
espressioni tra parentesi vengono valutate per prime. Per esempio, una ricerca
per calibrazione NOT (valida OR fallita) troverà argomenti contenenti la parola
"calibrazione" senza la parola "valida" oppure "fallita".
Senza le parentesi la ricerca verrà eseguita da sinistra verso destra e verranno
trovati tutti gli argomenti contenenti la parola "calibrazione" senza la parola
"valida", oppure gli argomenti contenenti la parola "fallita".
Le combinazioni possono interessare fino a cinque livelli. L'esempio che segue
mostra un'espressione nidificata usando due livelli:
calibrazione AND ((valida OR fallita) NEAR curva)
La ricerca troverà argomenti contenenti la parola "calibrazione" usata con le
parole "valida" e "curva" accanto, oppure argomenti contenenti la parola
"calibrazione" con le parole "fallita" e "curva" accanto.

Informazioni correlate...
• Descrizione degli operatori booleani, pagina Guida all'uso del manuale-35

Descrizione dei caratteri jolly


Le espressioni jolly sono caratteri della tastiera usati per rappresentare uno o
più caratteri reali. Vengono usati per ricercare termini senza digitare una voce
completa, bensì:
• usando un punto interrogativo che sostituisce un carattere singolo
• usando un asterisco che sostituisce un numero qualsiasi di caratteri

NOTA: il punto interrogativo o l'asterisco non possono essere i soli caratteri


usati.
La tabella seguente mostra come usare l'asterisco come carattere jolly.

Uso dell'asterisco come carattere jolly

Per cercare Usare Ottenendo come risultato


Risultati che iniziano con caratteri o op* Una lista di argomenti contenenti i termini "operatore,"
numeri specifici "operativo," "operazione" ecc.
Risultati che iniziano e finiscono con 80*86 Una lista di argomenti contenenti i numeri "80186,"
caratteri o numeri specifici "80286," "80386," ecc.
Risultati che finiscono con caratteri o *25 Una lista di argomenti contenenti i numeri "125," "1025,"
numeri specifici "12025," ecc.
Risultati che contengono caratteri o *15* Una lista di argomenti contenenti i numeri "15," "215,"
numeri specifici "3015," ecc.

Uso del glossario


Eseguire questa procedura per ricercare una definizione.

Guida all'uso del manuale-36 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso


del manuale-26 o Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso
del manuale-27
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per utilizzare il glossario, procedere come segue:


1. Selezionare il pulsante Glossary sulla barra delle funzioni.
Viene visualizzato il glossario.
2. Selezionare la lettera desiderata.
Compare una lista in ordine alfabetico dei termini e delle definizioni che
iniziano con la lettera selezionata.
3. Utilizzare la barra di scorrimento sulla destra dell'area degli argomenti, se
necessario, per visualizzare la parola desiderata.

Informazioni correlate...
• Barra delle funzioni della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-12
• Area degli argomenti della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-13

Come visualizzare in sequenza un argomento


Eseguire questa procedura per visualizzare in sequenza tutto il contenuto di un
argomento o per controllare quale parte del contenuto venga visualizzata nella
finestra dell'Help.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26 o Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso
del manuale-27
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per visualizzare in sequenza un argomento, procedere come segue:


1. Per sfogliare il contenuto, utilizzare la freccia verso il basso, posta
nell'angolo inferiore destro degli argomenti dotati di una barra di
scorrimento.
In questo modo si scorre il contenuto e la casella di scorrimento indica la
posizione attuale all'interno dell'argomento.
2. Selezionare la freccia verso l'alto o il basso per avanzare o retrocedere di
poche linee alla volta (facoltativo) .
3. Selezionare uno spazio vuoto sopra o sotto la casellina di scorrimento per
avanzare o retrocedere di più linee alla volta (facoltativo) .
4. Trascinare la casella di scorrimento fino alla posizione desiderata
(facoltativo) .

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-37


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

Informazioni correlate...
• Area degli argomenti della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-13

Visualizzazione delle informazioni correlate


Eseguire questa procedura per visualizzare informazioni aggiuntive, quali
un'ulteriore spiegazione, una definizione, delle procedure e altro.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26 o Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso
del manuale-27
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per visualizzare le informazioni complementari, procedere come segue:


1. Selezionare l'ipertesto (testo blu sottolineato).
L'informazione aggiuntiva appare nell'area degli argomenti.
2. Per ritornare all'argomento precedentemente visualizzato, premere il
pulsante Back (Indietro) sulla barra delle funzioni (facoltativo) .

Informazioni correlate...
• Barra delle funzioni della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-12
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10

Come richiamare un argomento già visualizzato


Eseguire questa procedura per richiamare uno o più argomenti già visualizzati
nella sessione dell'help in corso.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26 o Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso
del manuale-27
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per richiamare un argomento già visualizzato, procedere come segue:


1. Per richiamare l'ultimo argomento visionato, selezionare il pulsante Back
(Indietro) sulla barra delle funzioni.
2. Selezionare il pulsante Forward (Avanti) per richiamare l'argomento
successivo di una sequenza di argomenti visionata in precedenza.

Informazioni correlate...
• Barra delle funzioni della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-12

Visualizzazione di un argomento nella lista dei preferiti (manuale d'impiego online)


Eseguire questa procedura per richiamare uno o più argomenti nella lista dei
preferiti.

Guida all'uso del manuale-38 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso


del manuale-26
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per visualizzare un argomento nella lista dei preferiti, procedere come segue:
1. Selezionare l'opzione Favorites (Preferiti) nell'area di navigazione.
2. Selezionare dapprima l'argomento desiderato nella lista Topics (Argomenti)
e successivamente l'opzione Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Opzione Favorites (Preferiti) (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso
del manuale-19

Riproduzione di video e animazioni


Eseguire questa procedura per visionare e riprodurre videoclip e animazioni.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26 o Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso
del manuale-27
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per riprodurre videoclip e animazioni, procedere come segue:


1.
Selezionare il pulsante filmato a sinistra delle immagini multimediali.
Il videoclip o l'animazione vengono caricati ed ha inizio la riproduzione. Al di
sotto dell'immagine compaiono tre pulsanti, che corrispondono ai tasti
standard play , pausa e stop su qualsiasi videoregistratore o lettore
CD.

2.
Selezionare il pulsante filmato dopo avere riprodotto il video o
l'animazione per ritornare all'immagine di partenza.

Informazioni correlate...
• Area degli argomenti della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-13

Stampa degli argomenti dalla documentazione online


Eseguire questa procedura per stampare l'argomento attualmente visualizzato o
tutti gli argomenti sotto un titolo.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-39


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso


del manuale-26 o Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso
del manuale-27
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per stampare gli argomenti a partire dalla documentazione interattiva, procedere


come segue:
1. Selezionare il pulsante Print (Stampa) sulla barra delle funzioni.
Se per richiamare gli argomenti si utilizza l'opzione Contents (Sommario),
apparirà la finestra Print Topics (Stampa argomenti) con l'opzione Print the
selected topic (Stampa l'argomento selezionato) selezionata.
OPPURE
Compare la finestra Print con l'opzione General selezionata.
2. Eseguire le fasi a e b oppure solo b in base alla finestra visualizzata.
a. Sulla finestra Print Topics selezionare OK per stampare l'argomento
selezionato oppure selezionare l'opzione Print the selected heading
and all subtopics (Stampa l'intestazione selezionata e tutti i sottotitoli)
e quindi OK.

Compare la finestra Print con l'opzione General selezionata.

Guida all'uso del manuale-40 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

b. Sulla finestra Print (Stampa), seguire le istruzioni riportate di seguito:


Opzione Istruzioni
Printer (Stampante) • Non cambiare la selezione se si stampa dal CCS (centro di
controllo del sistema).
Print to file (Stampa • Non selezionare questa opzione.
su file)
Find Printer (Cerca • Non selezionare questa opzione.
stampante)
Page Range • Non cambiare la selezione predefinita All (Tutte le pagine).
(Pagine)
Number of copies • Selezionare la freccia verso l'alto per aumentare il numero
(Numero di copie) di copie (facoltativo) .
• Non selezionare l'opzione Collate (Fascicola).
Print (Stampa) • Selezionare per stampare.

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Barra delle funzioni della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-12

Chiudere la finestra Help


Eseguire questa procedura per chiudere la finestra Help.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26 o Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso
del manuale-27
Stato del modulo Qualsiasi

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-41


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

Livello accesso Registrazione come operatore generico


operatore

Per chiudere la finestra Help, procedere come segue:


Selezionare il pulsante Close (Chiudi) sulla barra delle funzioni.
In questo modo si chiude la finestra Help.

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Barra delle funzioni della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-12

Modificare le dimensioni e la posizione della finestra Help


Eseguire questa procedura per cambiare la dimensione e la posizione della
finestra Help e la larghezza delle rispettive aree. Sono incluse inoltre fasi per:
• ingrandire la finestra Help
• ridimensionare le aree di navigazione e degli argomenti (manuale d'impiego
online)
• modificare la larghezza o l'altezza della finestra Help
• spostare la finestra Help

Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso


del manuale-26 o Accesso all'Help?, pagina Guida all'uso
del manuale-27
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per ingrandire la finestra Help, procedere come segue:


Selezionare il pulsante Ingrandisci nell'angolo in alto a destra della finestra
Help.
La finestra Help viene ingrandita a tutta pagina. Per riportarla alla dimensione e
posizione originarie, selezionare il pulsante Ripristina .
Per ridimensionare le aree di navigazione e degli argomenti (manuale d'impiego
online), procedere come segue:
1. Posizionare il cursore sulla linea che divide le due aree.
Il cursore diventa una doppia freccia .
2. Trascinare la linea divisoria verso destra o verso sinistra.

Per modificare l'altezza o la larghezza della finestra Help, procedere come


segue:
1. Posizionare il cursore nell'angolo in basso, in alto, a sinistra o a destra della
finestra Help.
Il cursore diventa una doppia freccia .

Guida all'uso del manuale-42 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Guida all'uso del manuale Uso della documentazione online

2. Trascinare l'angolo nella direzione desiderata.

Per spostare la finestra Help, procedere come segue:


1. Posizionare il cursore sulla barra del titolo.
2. Trascinare la finestra Help fino a portarla alla posizione desiderata.

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10

Aggiunta o rimozione di un argomento dalla lista dei preferiti (manuale d'impiego online)
Eseguire questa procedura per aggiungere uno o più argomenti alla lista dei
preferiti, in modo da poterli richiamare più velocemente, oppure per rimuovere
un argomento che non si utilizza più.
NOTA: Quando viene rilasciata una nuova versione del manuale d'impiego,
occorre eventualmente riconfigurare la lista dei preferiti a causa dell'aggiunta o
cancellazione degli argomenti.
Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso
del manuale-26
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per aggiungere un argomento alla lista dei preferiti, procedere come segue:
1. Visualizzare l'argomento desiderato.
2. Selezionare l'opzione Favorites (Preferiti) nell'area di navigazione.
3. Selezionare Add (Aggiungi).
Il titolo dell'argomento compare nella lista degli argomenti.

Per cancellare un argomento dalla lista dei preferiti, procedere come segue:
1. Selezionare l'opzione Favorites (Preferiti) nell'area di navigazione.
2. Selezionare dapprima l'argomento desiderato nella lista Topics (Argomenti)
e successivamente l'opzione Remove (Rimuovi).
Il titolo dell'argomento non figurerà più nella lista degli argomenti.

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Opzione Favorites (Preferiti) (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso
del manuale-19

Assegnazione di un nuovo nome ad un argomento della lista dei preferiti (manuale


d'impiego online)
Eseguire questa procedura per rinominare un argomento nella lista dei preferiti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Guida all'uso del manuale-43


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso della documentazione online Guida all'uso del manuale

Prerequisito Accesso al manuale d'impiego online, pagina Guida all'uso


del manuale-26
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore

Per rinominare un argomento nella lista dei preferiti, procedere come segue:
1. Selezionare l'opzione Favorites (Preferiti) nell'area di navigazione.
2. Selezionare dapprima l'argomento desiderato nella lista Topics (Argomenti)
e successivamente l'opzione Display (Visualizza).
Il contenuto appare nell'area degli argomenti.
3. Immettere il nuovo nome nella casella di introduzione dati Current topic
(Argomento attuale) e selezionare quindi Add (Aggiungi).
4. Selezionare il vecchio nome dell'argomento e quindi Remove (Rimuovi)
(facoltativo) .

Informazioni correlate...
• Descrizione della finestra Help, pagina Guida all'uso del manuale-10
• Opzione Favorites (Preferiti) (manuale d'impiego online), pagina Guida all'uso
del manuale-19

Guida all'uso del manuale-44 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Capitolo 1 Uso e funzioni
Introduzione
Grazie al design modulare ed alla possibilità di integrazione di cui sono dotati, gli
analizzatori della famiglia ARCHITECT permettono di eseguire su una singola
workstation un'ampia gamma di dosaggi.
Con un'interfaccia software intuitiva, una visualizzazione in tempo reale dei
diversi stati in cui può trovarsi il sistema, una "to-do list" per gli interventi di
manutenzione programmati, l'operatore è in grado di ridurre al minimo la
necessità di interagire con il sistema a fronte di livelli di produttività ottimali.
Gli argomenti trattati sono i seguenti:
• Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT, pagina 1-2
Questa sezione offre una descrizione generale delle diverse configurazioni
possibili con il Sistema ARCHITECT.
• Centro di controllo del sistema, pagina 1-11
In questa sezione viene riportata una descrizione dettagliata del sistema
informatico, che include sia l'hardware che il software, e che funge da
interfaccia con il Sistema ARCHITECT.
• Moduli di analisi, pagina 1-30
Questa sezione descrive in dettaglio ogni singolo modulo di analisi, compresi
i relativi componenti hardware.
• Campionatori, pagina 1-162
Questa sezione contiene una descrizione minuziosa di ciascun singolo
sistema di trasporto dei campioni, inclusi i corrispettivi componenti hardware.
• Materiale consumabile richiesto, pagina 1-181
In questa sezione viene presentato il materiale consumabile necessario per il
funzionamento di ogni singolo sistema.
• Accessori necessari, pagina 1-202
Questa sezione offre una panoramica degli accessori richiesti per il
funzionamento di ogni singolo sistema.
• Tipi di stato del sistema, pagina 1-214
Questa sezione offre una trattazione completa ed esaustiva di tutti i diversi
stati in cui può trovarsi ogni singolo sistema.
• Attività automatiche del modulo di analisi, pagina 1-226
Questa sezione passa in rassegna le attività eseguite automaticamente dal
modulo o dai moduli di analisi.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-1


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT Capitolo 1

Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT


Il design modulare che caratterizza la famiglia di analizzatori ARCHITECT
permette di collegare fisicamente i diversi moduli di analisi, la cui funzione è di
eseguire tutte le attività relative al processamento dei campioni, in maniera tale
da costituire un'unica workstation o un unico sistema. La configurazione del
proprio sistema dipende dal modulo o dai moduli di analisi presenti.
Gli analizzatori che fanno capo alla famiglia del Sistema ARCHITECT possono
essere configurati in modo da effettuare l'analisi di campioni con metodi
potenziometrici o fotometrici e/o con la metodologia CMIA (dosaggio
immunologico chemiluminescente a cattura di microparticelle).
Tra le sezioni che offrono una visione d'insieme del sistema figurano le seguenti:
• Componenti principali del Sistema ARCHITECT, pagina 1-2
• Sistema integrato ARCHITECT, pagina 1-2
• Sistema ARCHITECT c4000, pagina 1-3
• Sistema ARCHITECT c8000, pagina 1-4
• Sistema ARCHITECT c16000, pagina 1-5
• Sistema ARCHITECT i2000, pagina 1-6
• Sistema ARCHITECT i2000SR , pagina 1-7
• Sistema ARCHITECT i1000SR, pagina 1-9

Componenti principali del Sistema ARCHITECT


Indipendentemente dal tipo, ciascun Sistema ARCHITECT presenta tre
componenti principali:
• Centro di controllo del sistema, pagina 1-11: fornisce una stessa
interfaccia utente per tutte le configurazioni del Sistema ARCHITECT.
• Moduli di analisi, pagina 1-30: eseguono tutte le attività relative all'analisi
dei campioni, dall'aspirazione alla lettura finale. La configurazione del
proprio sistema dipende dal tipo e dal numero di moduli di analisi disponibili.
• Campionatori, pagina 1-162: trasportano i campioni attraverso un Sistema
ARCHITECT. Indipendentemente dal numero e dal tipo di moduli di analisi
presenti, ciascun sistema dispone di un unico campionatore principale.

Sistema integrato ARCHITECT


Il sistema integrato ARCHITECT è un sistema completamente automatizzato per
analisi di chimica clinica e immunologiche, composto da un modulo di analisi del
Sistema c e da uno del Sistema i che assieme formano un'unica workstation.
I sistemi integrati comprendono:
• ARCHITECT ci4100 composto da un modulo di analisi del Sistema c4000 e
da uno del Sistema i1000SR
• ARCHITECT ci8200 composto da un modulo di analisi del Sistema c8000 e
da uno del Sistema i2000SR

Capitolo 1-2 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT

• ARCHITECT ci16200 composto da un modulo di analisi del Sistema c16000


e da uno del Sistema i2000SR

Figura 1.1: Componenti principali di un sistema integrato

Legenda:
1. Centro di controllo del sistema, pagina 1-11: computer che, grazie all'interfaccia
centralizzata di cui è dotato, permette all'operatore di controllare il funzionamento
del modulo (o dei moduli) di analisi e dei rispettivi componenti. Il computer può
essere collocato su un supporto o all'interno del coperchio laterale destro del
modulo di analisi del Sistema i.
2. Modulo di analisi (Sistema c), pagina 1-30: modulo di diagnostica che esegue
l'analisi dei campioni in base a metodi potenziometrici e fotometrici.
3. Moduli di analisi (Sistema i), pagina 1-93: modulo di diagnostica con possibilità di
analisi con ordine di priorità che utilizza il metodo CMIA (dosaggio immunologico
chemiluminescente a cattura di microparticelle).
4. RSH - campionatore robotico (c4000/i1000SR/ci4100): modulo di trasporto che
convoglia i campioni al modulo (o ai moduli) di analisi onde sottoporli al test ed alla
ripetizione del test (retest).
Fare riferimento al proposito alla sezione RSH - campionatore robotico (c4000/
i1000SR/ci4100), pagina 1-167.
Fare riferimento al proposito alla sezione RSH - campionatore robotico (c8000/
c16000/i2000SR), pagina 1-162.

Sistema ARCHITECT c4000


L'ARCHITECT c4000 è un sistema aperto, completamente automatizzato per
analisi di chimica clinica, che permette un accesso sia di tipo random (casuale)
che continuo nonché l'analisi di campioni con ordine di priorità.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-3


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT Capitolo 1

Figura 1.2: Componenti principali del Sistema c4000

Legenda:
1. Modulo di analisi c4000, pagina 1-30: modulo di diagnostica che esegue l'analisi
dei campioni in base a metodi potenziometrici e fotometrici.
2. RSH - campionatore robotico (c4000/i1000SR/ci4100), pagina 1-167: modulo di
trasporto che convoglia i campioni al modulo (o ai moduli) di analisi onde sottoporli
al test ed alla ripetizione del test (retest).
3. Centro di controllo del sistema, pagina 1-11: computer che, grazie all'interfaccia
centralizzata di cui è dotato, permette all'operatore di controllare il funzionamento
del modulo (o dei moduli) di analisi e dei rispettivi componenti.

Sistema ARCHITECT c8000


L'ARCHITECT c8000 è un sistema aperto, completamente automatizzato per
analisi di chimica clinica, che permette un accesso sia di tipo random (casuale)
che continuo nonché l'analisi di campioni con ordine di priorità.

Capitolo 1-4 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT

Figura 1.3: Componenti principali di un Sistema c8000

Legenda:
1. Modulo di analisi c8000, pagina 1-32: modulo di diagnostica che esegue l'analisi
dei campioni in base a metodi potenziometrici e fotometrici.
2. RSH - campionatore robotico (c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-162: modulo di
trasporto che convoglia i campioni al modulo (o ai moduli) di analisi onde sottoporli
al test ed alla ripetizione del test (retest).
3. Centro di controllo del sistema, pagina 1-11: computer che, grazie all'interfaccia
centralizzata di cui è dotato, permette all'operatore di controllare il funzionamento
del modulo (o dei moduli) di analisi e dei rispettivi componenti. Il computer può
essere collocato su un supporto o all'interno del coperchio laterale destro del
modulo di analisi.

Sistema ARCHITECT c16000


L'ARCHITECT c16000 è un sistema aperto, completamente automatizzato per
analisi di chimica clinica, che permette un accesso sia di tipo random (casuale)
che continuo nonché l'analisi di campioni con ordine di priorità.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-5


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT Capitolo 1

Figura 1.4: Componenti principali del Sistema c16000

Legenda:
1. Modulo di analisi c16000, pagina 1-34: modulo di diagnostica che esegue l'analisi
dei campioni in base a metodi potenziometrici e fotometrici.
2. RSH - campionatore robotico (c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-162: modulo di
trasporto che convoglia i campioni al modulo (o ai moduli) di analisi onde sottoporli
al test ed alla ripetizione del test (retest).
3. Centro di controllo del sistema, pagina 1-11: computer che, grazie all'interfaccia
centralizzata di cui è dotato, permette all'operatore di controllare il funzionamento
del modulo (o dei moduli) di analisi e dei rispettivi componenti. Il computer può
essere collocato su un supporto o all'interno del coperchio laterale destro del
modulo di analisi.

Sistema ARCHITECT i2000


L'ARCHITECT i2000 è un sistema completamente automatizzato per analisi
immunologiche che permette un accesso sia di tipo random (casuale) che
continuo nonché l'analisi di campioni con ordine di priorità. Un'unica workstation
può essere costituita da un massimo di quattro moduli di analisi.

Capitolo 1-6 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT

Figura 1.5: Componenti principali del Sistema i2000

Legenda:
1. Modulo di analisi i2000, pagina 1-94: modulo di diagnostica che esegue l'analisi
dei campioni in base al metodo CMIA (dosaggio immunologico chemiluminescente
a cattura di microparticelle).
2. SSH - campionatore standard (i2000), pagina 1-175: modulo di trasporto che
convoglia i campioni al modulo (o ai moduli) di analisi onde sottoporli al test.
3. Centro di controllo del sistema, pagina 1-11: computer che, grazie all'interfaccia
centralizzata di cui è dotato, permette all'operatore di controllare il funzionamento
del modulo (o dei moduli) di analisi e dei rispettivi componenti.

Sistema ARCHITECT i2000SR


L'ARCHITECT i2000SR è un sistema completamente automatizzato per analisi
immunologiche che permette un accesso sia di tipo random (casuale) che
continuo nonché l'esecuzione di analisi con ordine di priorità e la ripetizione
automatica delle analisi. L'ARCHITECT i4000SR System ha due moduli di analisi
i2000SR uniti in maniera tale da costituire un'unica workstation.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-7


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT Capitolo 1

Figura 1.6: Componenti principali del Sistema i2000SR

Legenda:
1. Modulo di analisi i2000SR , pagina 1-97: modulo di diagnostica con possibilità di
analisi con ordine di priorità che utilizza il metodo CMIA (dosaggio immunologico
chemiluminescente a cattura di microparticelle).
2. RSH - campionatore robotico (c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-162: modulo di
trasporto che convoglia i campioni al modulo (o ai moduli) di analisi onde sottoporli
al test ed alla ripetizione del test (retest).
3. Centro di controllo del sistema, pagina 1-11: computer che, grazie all'interfaccia
centralizzata di cui è dotato, permette all'operatore di controllare il funzionamento
del modulo (o dei moduli) di analisi e dei rispettivi componenti. Il computer può
essere collocato su un supporto o all'interno del coperchio laterale destro del
modulo di analisi.

Capitolo 1-8 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT

Figura 1.7: i4000SR System

Sistema ARCHITECT i1000SR


ARCHITECT i1000SR è un sistema completamente automatizzato per analisi
immunologiche che permette un accesso sia di tipo random (casuale) che
continuo nonché l'esecuzione di analisi con ordine di priorità e la ripetizione
automatica delle analisi.
Figura 1.8: Componenti principali del Sistema i1000SR

Legenda:
1. Modulo di analisi i1000SR , pagina 1-100: modulo di diagnostica con possibilità di
analisi con ordine di priorità che utilizza il metodo CMIA (dosaggio immunologico
chemiluminescente a cattura di microparticelle).

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-9


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Visione d'insieme del Sistema ARCHITECT Capitolo 1

2. RSH - campionatore robotico (c4000/i1000SR/ci4100), pagina 1-167: modulo di


trasporto che convoglia i campioni al modulo (o ai moduli) di analisi onde sottoporli
al test ed alla ripetizione del test (retest).
3. Centro di controllo del sistema, pagina 1-11: computer che, grazie all'interfaccia
centralizzata di cui è dotato, permette all'operatore di controllare il funzionamento
del modulo (o dei moduli) di analisi e dei rispettivi componenti.

Capitolo 1-10 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

Centro di controllo del sistema


Il CCS (centro di controllo del sistema) è un computer che funge da interfaccia
software con il Sistema ARCHITECT e che, all'occorrenza, può essere
interfacciato con un computer host. Il CCS permette di effettuare le seguenti
procedure:
• configurare il sistema
• immettere richieste di analisi di campioni dei pazienti, di controlli e
calibrazioni
• controllare i risultati delle analisi dei campioni dei pazienti, dei controlli e
delle calibrazioni
• controllare il modulo o i moduli di analisi ed il campionatore
• eseguire le procedure di diagnostica e manutenzione del sistema
• ricevere da un computer host le richieste di analisi ed i dati diagnostici
• trasferire ad un computer host i risultati delle analisi

Tra gli argomenti trattati nel seguito figurano:


• Componenti standard del CCS, pagina 1-11
• Componenti opzionali del CCS, pagina 1-14
• Software del Sistema ARCHITECT, pagina 1-14

Componenti standard del CCS


I componenti standard del CCS (centro di controllo del sistema) sono illustrati
nella seguente figura.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-11


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Centro di controllo del sistema Capitolo 1

Figura 1.9: Componenti standard del CCS

Legenda:
1. Monitor touch-screen: permette di effettuare selezioni direttamente sul monitor
sfiorando i campi che contengono testo e grafici o le icone e le voci dei menu
nonché i tasti della barra delle funzioni visualizzati.
2. CPU (processore centrale): alloggia il microprocessore ed altri componenti del
computer.
NOTA: la posizione dei componenti della CPU (central processing unit) può
cambiare in seguito ad aggiornamenti apportati all'hardware.
3. Dischetto floppy: usato per importare ed esportare i file di dosaggio (Sistema c).
4. Drive DVD/CD-RW: è utilizzato per le seguenti funzioni:
– installazione dei file di dosaggio, manutenzione e diagnostica
– aggiornamento del software del sistema
– archiviazione dei risultati dei pazienti e del controllo di qualità e dei dati della
curva di calibrazione
– archiviazione dei registri del sistema ai fini dell'individuazione e soluzione dei
problemi
– backup del database software
– importazione dati CQ e calibrazione
5. Tastiera: è usata insieme al mouse e/o al touch-screen per l'immissione di
informazioni. L'operatore può usare la tastiera come strumento alternativo per
espletare la maggior parte delle funzioni.
6. Mouse (dispositivo di puntamento): è usato insieme al touch-screen e/o alla tastiera
per effettuare selezioni sullo schermo.
7. Hub di rete e pannello posteriore della CPU, pagina 1-13 (non illustrato): permette
il collegamento tra il CCS e i moduli per lo scambio di informazioni.

Capitolo 1-12 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

8. Flash drive USB: è usato per le seguenti funzioni:


– importazione dei dati CQ e di calibrazione
– importazione ed esportazione dei file di dosaggio (Sistema c)
– archiviazione dei registri del sistema ai fini dell'individuazione e soluzione dei
problemi

Informazioni correlate...
• Componenti opzionali del CCS, pagina 1-14

Hub di rete e pannello posteriore della CPU


L'hub di rete è un dispositivo esterno che serve a garantire il collegamento delle
linee di comunicazione, permettendo il trasferimento elettronico di informazioni
tra il CCS (centro di controllo del sistema) ed il modulo o i moduli di analisi. I
cavi si dipartono dall'hub e convergono verso i connettori ethernet sul retro del
CCS e dei moduli di analisi.
Le ulteriori porte I/O (input/output) ed i connettori presenti sul pannello
posteriore della CPU (processore centrale) servono ad allacciare altri dispositivi
esterni, quali tastiera, mouse, stampante e monitor.
NOTA: la posizione dei componenti della CPU (central processing unit) può
cambiare in seguito ad aggiornamenti apportati all'hardware e all'hub di rete.
Figura 1.10: Hub di rete e pannello posteriore della CPU

Legenda:
1. CPU (processore centrale - vista posteriore): è dotato di porte I/O (input/output) e
di connettori per l'allacciamento di dispositivi esterni.
2. Porta Ethernet: permette il collegamento fisico tra l'hub di rete e il CCS, rendendo
in tal modo possibile la comunicazione tra il CCS e il modulo (o i moduli) di analisi.
3. Porte Ethernet: permettono il collegamento fisico tra l'hub di rete e i singoli moduli,
rendendo in tal modo possibile la comunicazione tra il modulo (o i moduli) di analisi
e il CCS.
4. Porta per scanner e tastiera: permette il collegamento del lettore del codice a barre
e della tastiera.
5. Porta per il mouse: permette il collegamento del mouse.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-13


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Centro di controllo del sistema Capitolo 1

6. Porta com1: permette il collegamento dell'interfaccia touch-screen.


7. Porta per la stampante: permette il collegamento della stampante.
8. Porta per il video: permette il collegamento del monitor.

Componenti opzionali del CCS


Tra i componenti opzionali disponibili per il CCS (centro di controllo del sistema)
figurano:
• stampante: fornisce una copia su carta dei risultati delle analisi e dei
rapporti del sistema.
• lettore del codice a barre: rappresenta per l'utente un facile mezzo di
lettura dei codici a barre dei campioni, facilitandone così l'identificazione.
• UPS (gruppo di continuità): fornisce corrente elettrica alla CPU in caso di
interruzione di corrente, permettendo così di memorizzare i dati, se
necessario, e di eseguire una procedura controllata di spegnimento del
sistema (shutdown).
• modem esterno: collega il Sistema ARCHITECT alla linea telefonica,
consentendo in tal modo la comunicazione con il personale del Servizio
Clienti Abbott sia a scopo di addestramento che di individuazione e
soluzione dei problemi.
• carrello per computer - supporta i componenti del CCS.
• altoparlanti: forniscono l'audio.

Software del Sistema ARCHITECT


Il software del Sistema ARCHITECT rappresenta il programma informatico o
l'insieme di istruzioni per l'interpretazione delle informazioni relative al sistema
ed ai dosaggi, il calcolo dei risultati e l'interfacciamento per il controllo
dell'hardware del sistema.
Gli argomenti trattati in questa sezione sono i seguenti:
• Descrizione dell'interfaccia software, pagina 1-14
• Schermi, pagina 1-16
• Finestre, pagina 1-18
• Messaggi, pagina 1-19
• Prompt, pagina 1-20
• Tasto Refresh, pagina 1-20
• Navigazione nel software, pagina 1-21
• Schermo Principale, pagina 1-22
• Log on dell'utente, pagina 1-25
• Funzioni premium, pagina 1-28

Descrizione dell'interfaccia software


L'interfaccia software è quella parte del programma informatico con la quale
l'operatore si trova ad interagire ogniqualvolta effettua delle selezioni ed immette
delle informazioni nel sistema. Il software del Sistema ARCHITECT offre

Capitolo 1-14 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

un'interfaccia grafica GUI (graphical user interface), che è un tipo di formato di


visualizzazione. Grazie all'interfaccia GUI è possibile eseguire dei comandi o
operare delle scelte selezionando icone, pulsanti, voci da una lista ed altri
elementi grafici. A tale scopo ci si può avvalere del mouse, del monitor dotato di
touch-screen e/o della tastiera.
L'interfaccia software è condivisibile da tutti i sistemi ARCHITECT.
Figura 1.11: Struttura dell'interfaccia software

Legenda:
1. Icone: rappresentano una categoria dello schermo. Selezionando un'icona, il suo
colore cambia passando dal verde al grigio e un menu compare al di sotto
dell'icona stessa. Fare riferimento in merito alla sezione Icone e menu, pagina E-
2.
2. Menu: indica le opzioni disponibili per la categoria selezionata (icona).
Selezionando un'opzione del menu, viene visualizzato il corrispettivo schermo. Fare
riferimento alla sezione Icone e menu, pagina E-2.
3. Schermi: rappresenta la via di accesso a tutte le informazioni e funzioni relative al
sistema. Fare riferimento al proposito alla sezione Schermi, pagina 1-16.
4. Pulsanti: permettono di eseguire delle operazioni relative allo schermo attualmente
visualizzato e coincidono con i tasti di funzione sulla tastiera. Per attivare alcuni di
questi pulsanti potrebbe essere necessario effettuare prima una selezione sullo
schermo. Fare riferimento al proposito alla sezione Pulsanti, pagina E-6.
5. Finestre: visualizza ulteriori dettagli o funzioni relativamente allo schermo
visualizzato. Fare riferimento al proposito alla sezione Finestre, pagina 1-18.
6. Messaggi o prompt: si tratta di messaggi informativi o di errore in seguito ai quali
l'operatore può decidere di ultimare una procedura oppure di affrontare la
situazione contingente. Fare riferimento al proposito alla sezione Messaggi, pagina
1-19 o Prompt, pagina 1-20.
7. Pulsante Help: permette di accedere all'Help contestuale per lo schermo, la finestra
o il messaggio di errore visualizzati.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-15


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Centro di controllo del sistema Capitolo 1

Schermi
Per visualizzare uno schermo è sufficiente selezionare l'icona corrispondente ed
in seguito un'opzione del menu. Questo schermo è considerato lo schermo
"attivo" grazie al quale è possibile accedere a tutte le informazioni e funzioni
relative al sistema.
A seconda del tipo di modulo scelto e delle selezioni effettuate dall'operatore, lo
schermo si può presentare sotto diverse forme (schermate informative).
Figura 1.12: Esempio di schermo

Legenda:
1. Icone: garantiscono l'accesso ad un menu nel quale sono elencati i relativi schermi.
Fare riferimento al proposito alla sezione Icone e menu, pagina 1-17.
2. Barra del titolo: identifica lo schermo "attivo".
3. Zona informazioni: visualizza i dati disponibili e permette di operare delle selezioni
e/o di immettere delle informazioni utili per espletare le diverse funzioni.
4. Pulsanti della barra delle funzioni: permettono di eseguire delle operazioni relative
allo schermo attualmente visualizzato e coincidono con i tasti di funzione sulla
tastiera. Per attivare alcuni di questi pulsanti potrebbe essere necessario effettuare
prima una selezione sullo schermo. Fare riferimento al proposito alla sezione
Pulsanti della barra delle funzioni, pagina 1-17.
5. Pulsante Help: permette di accedere all'Help contestuale per lo schermo, la finestra
o il messaggio di errore visualizzati.

Per una descrizione di tutti gli elementi che compaiono su una schermata o in
una finestra, fare riferimento alla sezione Descrizione degli elementi degli
schermi, pagina E-1.
Nella schermata compaiono:
• Icone e menu, pagina 1-17

Capitolo 1-16 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

• Pulsanti della barra delle funzioni, pagina 1-17

Icone e menu
Icone e menu rappresentano gli elementi di navigazione a disposizione
dell'operatore per richiamare gli schermi desiderati. Inoltre, le icone fungono da
spie lampeggianti allo scopo di attirare l'attenzione dell'operatore su una
situazione particolare venutasi a creare nel sistema e che richiede il suo
intervento.
Figura 1.13: Esempio di icone e di un menu

Legenda:
1. Icone: rappresentano una categoria dello schermo. Selezionando un'icona, il suo
colore cambia passando dal verde al grigio e un menu compare al di sotto
dell'icona stessa.
2. Menu: indica le opzioni disponibili per la categoria selezionata (icona).
Selezionando un'opzione del menu, viene visualizzato il corrispettivo schermo.

NOTA: è possibile accedere alle icone mediante le icone corrispondenti sulla


tastiera, come illustrato nella figura sottostante.
Figura 1.14: Icone corrispondenti sulla tastiera

Pulsanti della barra delle funzioni


Si tratta dei pulsanti che compaiono nella parte inferiore di ogni schermo e
grazie ai quali l'operatore può effettuare delle operazioni o richiamare le finestre
relative al rispettivo schermo. Corrispondono ai tasti di funzione sulla tastiera,
ovvero l'operatore può utilizzare indifferentemente gli uni o gli altri.
I pulsanti della barra delle funzioni sono di due tipi:
• Sempre attivi sullo schermo: si contraddistinguono per i caratteri impressi di
colore bianco e per essere sempre attivi (sfondo di colore nero). Ad
esempio, a partire dallo schermo Stato richieste è sempre possibile
selezionare F3 - Trova.
• Attivi in relazione al contesto: si contraddistinguono per i caratteri impressi
di colore giallo e per essere attivi (sfondo di colore nero) o inattivi (sfondo
di colore grigio) a seconda delle selezioni effettuate di volta in volta
dall'operatore sullo schermo. Ad esempio, a partire dallo schermo Stato
richieste è possibile selezionare il tasto di funzione F5 - Dettagli solo dopo
aver selezionato una richiesta.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-17


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Centro di controllo del sistema Capitolo 1

Figura 1.15: Pulsanti della barra delle funzioni riferiti allo schermo e al
contesto

Legenda:
1. Pulsanti della barra delle funzioni riferiti allo schermo: sono sempre attivi per lo
schermo attualmente visualizzato.
2. Pulsanti della barra delle funzioni riferiti al contesto: sono attivi solo dopo che è
stata effettuata una selezione sullo schermo.

Finestre
Nelle finestre sono riportate ulteriori informazioni o funzioni relative allo schermo
"attivo". Si può accedere alle finestre selezionando un pulsante sullo schermo.
La finestra compare in alto o in sovrimpressione rispetto allo schermo attivo.

Capitolo 1-18 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

Figura 1.16: Esempio di finestra

Legenda:
1. Barra del titolo: identifica la finestra "attiva".
2. Zona informazioni: visualizza i dati disponibili e permette di operare delle selezioni
e/o di immettere delle informazioni utili per espletare le diverse funzioni.
3. Pulsante Help: permette di accedere all'Help contestuale per lo schermo, la finestra
o il messaggio di errore visualizzati.

Per una descrizione di tutti gli elementi che compaiono su una schermata o in
una finestra, fare riferimento alla sezione Descrizione degli elementi degli
schermi, pagina E-1.

Messaggi
I messaggi trasmettono informazioni importanti durante il normale funzionamento
del sistema. Appaiono in sovrimpressione rispetto allo schermo o alla finestra
attualmente visualizzati e richiedono una conferma da parte dell'operatore.
L'interazione con l'interfaccia utente viene interrotta fintanto che il messaggio
continua ad essere visualizzato.
Figura 1.17: Esempio di messaggio

Il tipo di messaggio è indicato da uno dei due simboli situati nella parte sinistra
della finestra.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-19


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Centro di controllo del sistema Capitolo 1

Attenzione: indica una situazione che richiede un intervento


correttivo da parte dell'operatore secondo quanto descritto nel
testo del messaggio.
Informazione: trasmette un feedback o altre informazioni utili.

Prompt
Grazie ai prompt, l'operatore può decidere se continuare o annullare
l'operazione richiesta. Appaiono in sovrimpressione rispetto allo schermo o alla
finestra attualmente visualizzati e richiedono una risposta da parte
dell'operatore. L'interazione con l'interfaccia utente viene interrotta fintanto che il
messaggio di prompt continua ad essere visualizzato.
Figura 1.18: Esempio di prompt

Tasto Refresh
Con il tasto Refresh è possibile aggiornare i dati dello schermo che non
vengono attualizzati automaticamente. Il tasto è collocato nell'angolo superiore
destro dello schermo ed è attivato quando nel sistema vi sono nuovi dati da
visualizzare. I seguenti schermi vengono aggiornati automaticamente.
• Stato del campione
• Stato richieste
• Stato reagenti - schermata Modulo
• Stato reagenti - schermata Visualizza tutto

Capitolo 1-20 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

Figura 1.19: Esempio di tasto Refresh

Navigazione nel software


L'interfaccia software del Sistema ARCHITECT è stata studiata in modo tale da
permettere all'operatore di accedere con facilità e sistematicità alle informazioni
relative al sistema, alle funzioni software nonché all'Help contestuale. Per
navigare attraverso gli schermi e le finestre ci si può servire del mouse
(dispositivo puntatore), del monitor dotato di touch-screen e/o della tastiera.
Figura 1.20: Navigazione nel software

Legenda:
1. Selezionare un'icona per richiamare un menu che riporta l'elenco delle relative
opzioni. Fare riferimento alla sezione Icone e menu, pagina 1-17.
2. Nel menu selezionare un'opzione per richiamare la schermata d'interesse. Fare
riferimento alla sezione Icone e menu, pagina 1-17.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-21


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Centro di controllo del sistema Capitolo 1

3. Selezionare un pulsante della barra delle funzioni per effettuare un'operazione


oppure per richiamare una finestra correlata allo schermo in questione.
NOTA: per attivare alcuni pulsanti della barra delle funzioni potrebbe essere
necessario effettuare prima una selezione sullo schermo.
4. Selezionare il pulsante help per accedere all'Help contestuale per lo schermo, la
finestra o il messaggio di errore visualizzati.

Quando si accede a uno schermo con pulsanti di scorrimento, è possibile


navigare ulteriormente nei menu utilizzando la tastiera.
Tasto Funzione
Pag Su Consente di sfogliare una pagina alla volta verso l'alto.
Pag Giù Consente di sfogliare una pagina alla volta verso il basso.
Home Consente di passare all'inizio della lista.
Fine Consente di passare alla fine della lista.

Schermo Principale
A partire dallo schermo principale si possono visionare le seguenti informazioni
chiave relative al sistema:
• Stato del campionatore, pagina 1-215: viene visualizzato sulla grafica del
campionatore.
NOTA: la grafica relativa allo stato del campionatore non viene visualizzata
per un modulo di analisi i2000SR configurato con un LAS (laboratory
automation system).
• Stato del modulo di analisi, pagina 1-218: viene visualizzato sulla grafica del
modulo di analisi.
• stato delle analisi in corso: viene visualizzato sul pulsante di stato delle
richieste. Questo pulsante si può selezionare per richiamare lo schermo
Stato richieste.
• stato dei reagenti: viene visualizzato sul pulsante di stato dei reagenti.
Questo pulsante si può selezionare per richiamare lo schermo Stato
reagenti.
• stato della curva di calibrazione (Sistema c ): viene visualizzato sul pulsante
di stato della calibrazione. Questo pulsante si può selezionare per
richiamare lo schermo Stato calibrazione.
• stato scorte e livello rifiuti: viene visualizzato sul pulsante di stato delle
scorte. Questo pulsante si può selezionare per richiamare lo schermo Stato
scorte.
• numero di richieste di analisi in attesa di essere ripetute: viene visualizzato
sul pulsante di stato dei retest. Questo pulsante si può selezionare per
richiamare lo schermo Stato retest.
• numero di eccezioni in attesa di verifica: viene visualizzato sul pulsante di
stato delle eccezioni. Questo pulsante si può selezionare per richiamare lo
schermo Stato eccezioni.

Capitolo 1-22 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

Inoltre, se il proprio sistema è configurato per questi componenti opzionali,


compariranno anche i pulsanti di stato relativi alla stampante, al LIS, ARM, LAS
e RSHx, nonché il tasto Cerca camp..
Un'icona con simbolo di avvertimento indica una condizione che richiede
l'attenzione e l'intervento dell'operatore.
Figura 1.21: Schermo Principale

Per una descrizione di questi campi, fare riferimento alla sezione Descrizione dei
campi dello schermo Principale, pagina E-15.
Per informazioni su come visualizzare questo schermo, fare riferimento alla
seguente sezione Come richiamare lo schermo Principale, pagina 1-24.

Procedure correlate...
• Log on (operatore generico), pagina 1-25
• Log on (amministratore del sistema), pagina 1-26
• Log off, pagina 1-27
• Come cancellare la trasmissione in attesa, pagina 5-431
• Come attivare/disattivare l'host o le connessioni HL7 secondarie, pagina 5-
431
• Accensione del CCS, pagina 5-3
• Spegnimento del CCS, pagina 5-4
• Spegnimento e riaccensione del CCS, pagina 5-5
• Inizializzazione del modulo di analisi e/o del campionatore, pagina 5-16
• Messa in pausa del modulo di analisi, pagina 5-16
• Messa in pausa dell'RSH, pagina 5-17
• Messa in pausa del carosello dei campioni (c8000/c16000), pagina 5-18
• Messa in pausa del nastro di carico dei campioni (SSH), pagina 5-20

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-23


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Centro di controllo del sistema Capitolo 1

• Messa in pausa del campionatore con carosello LAS (i2000), pagina 5-20
• Avvio o ripresa dell'analisi dei campioni (RSH e SSH), pagina 5-290
• Avvio o ripresa dell'analisi dei campioni (campionatore con carosello LAS -
i2000), pagina 5-291

Come richiamare lo schermo Principale


Effettuare la seguente procedura per visualizzare lo schermo Principale.
Prerequisito Non applicabile
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore
Materiale Non applicabile

Per accedere allo schermo Principale, procedere come segue:


Selezionare dapprima l'icona Generale nella barra del menu ed in seguito
l'opzione Principale.
In tal modo compare lo schermo Principale. Il tipo di informazioni visualizzate
dipende dalla configurazione del proprio sistema nonché dallo stato dei test in
corso.

Informazioni correlate...
• Schermo Principale, pagina 1-22
• Stato del campionatore, pagina 1-215
• Stato del modulo di analisi, pagina 1-218

Finestra - schermo Principale


Dallo schermo Principale si può richiamare la Finestra Log on, pagina 1-24.

Finestra Log on
In questa finestra è possibile connettersi al sistema in qualità di:
• operatore generico: questa registrazione è necessaria di modo che l'ID
dell'operatore appaia su stampati e rapporti
• amministratore del sistema: questa registrazione è richiesta per procedere
alla configurazione del sistema, configurazione del dosaggio, eseguire
procedure di diagnostica specifiche nonché per approvare il registro di
manutenzione.

Capitolo 1-24 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

Figura 1.22: Finestra Log on (amministratore del sistema)

Per una descrizione di questi campi, fare riferimento alla sezione Descrizione dei
campi della finestra Log on, pagina E-19.

Procedure correlate...
• Log on (operatore generico), pagina 1-25
• Log on (amministratore del sistema), pagina 1-26
• Modifica della password dell'amministratore del sistema (controllo della
password non richiesto), pagina 2-26
• Log off, pagina 1-27

Log on dell'utente
Il logon utente rappresenta l'identificazione che controlla l'accesso a
determinate funzioni del CCS (centro di controllo del sistema). I due tipi di
registrazione utente disponibili sono:
• operatore generico: richiesto per stampare l'ID operatore dell'utente attuale
su stampati e rapporti.
• registrazione come amministratore: richiesta per espletare funzioni di
amministrazione, quali le impostazioni di configurazione, l'esecuzione di
procedure diagnostiche specifiche e l'approvazione del registro di
manutenzione.

Oltre a ciò, il personale del Servizio Clienti Abbott può assegnare uno user
name ed una password temporanea agli operatori che richiedono assistenza
nell'individuazione e risoluzione di problemi onde autorizzarli ad accedere a
funzioni specifiche oltre a quelle consentite dal log on in qualità di
amministratore.
La sezione dedicata al log on dell'utente passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Log on (operatore generico), pagina 1-25
• Log on (amministratore del sistema), pagina 1-26
• Log off, pagina 1-27

Log on (operatore generico)


Effettuare la seguente procedura per far sì che l'ID dell'operatore compaia su
diversi schermi e rapporti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-25


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Centro di controllo del sistema Capitolo 1

NOTA: benché sia possibile utilizzare il sistema senza registrarsi, è comunque


necessario effettuare il log on se occorre che l'ID dell'operatore appaia su
stampati e rapporti del sistema.
Se il sistema è configurato in modo da richiedere il log on con password è
necessario registrarsi.
Per configurare il sistema in modo che richieda il log on con password, fare
riferimento alla sezione Modifica dei requisiti per l'accesso controllato da
password (funzione premium), pagina 2-24.
Per informazioni su come effettuare il log on in qualità di amministratore del
sistema, fare riferimento alla seguente sezione Log on (amministratore del
sistema), pagina 1-26.
Prerequisito Come richiamare lo schermo Principale, pagina 1-24
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore
Materiale Non applicabile

Per connettersi al sistema (in qualità di operatore generico), procedere come


segue:
1. Nello schermo Principale, selezionare F2 - Log off se la finestra di log on
non è visualizzata.
In tal modo compare la finestra Log on.
2. Introdurre la propria ID operatore nel campo d'immissione dati User name
(max. 12 caratteri alfanumerici).
3. Introdurre la password dell'operatore nel campo Password.
NOTA: Se il sistema non è configurato in modo da richiedere il log on con
password, il campo della password non viene visualizzato.
4. Premere Invio o selezionare Eseguito per connettersi.
La propria ID operatore compare nell'angolo superiore sinistro dello
schermo Principale.

Informazioni correlate...
• Log on dell'utente, pagina 1-25
• Schermo Principale, pagina 1-22
• Finestra Log on, pagina 1-24
• Finestra Configura il centro di controllo del sistema, pagina 2-51

Log on (amministratore del sistema)


Effettuare la seguente procedura onde poter accedere alle funzioni di
amministratore del sistema, quali le impostazioni di configurazione, l'esecuzione
di procedure diagnostiche specifiche e l'approvazione del registro di
manutenzione.

Capitolo 1-26 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

Per informazioni su come effettuare il log on in qualità di operatore generico,


fare riferimento alla precedente sezione Log on (operatore generico), pagina 1-
25.
Per configurare un nuovo nome operatore per l'amministratore e la password,
fare riferimento alla sezione Configurazione del nome operatore e della
password (funzione premium), pagina 2-9.
Per modificare la password dell'amministratore quando non è richiesto il
controllo tramite password, fare riferimento alla sezione Modifica della password
dell'amministratore del sistema (controllo della password non richiesto), pagina
2-26.
Prerequisito Come richiamare lo schermo Principale, pagina 1-24
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Amministratore del sistema
operatore
Materiale Non applicabile

Per connettersi al sistema (in qualità di amministratore), procedere come segue:


1. Nello schermo Principale selezionare F2 - Log off.
In tal modo compare la finestra Log on.
2. Inserire l'ID amministratore nel campo di immissione dati Nome operatore.
NOTA: L'ID amministratore predefinita del sistema è ADMIN.
3. Introdurre la password dell'amministratore del sistema nel campo
Password.
4. Premere Invio o selezionare Eseguito per connettersi.
La propria ID amministratore compare nell'angolo superiore sinistro dello
schermo Principale.

Informazioni correlate...
• Log on dell'utente, pagina 1-25
• Schermo Principale, pagina 1-22
• Finestra Log on, pagina 1-24
Log off
Effettuare la seguente procedura per disconnettersi dal sistema.
NOTA: Se i campioni sono in fase di analisi quando l'operatore si disconnette o
il tempo di inattività del sistema scade, viene utilizzata l'ID dell'operatore
registratosi in precedenza fino a quando non accede un operatore diverso.
Prerequisito Come richiamare lo schermo Principale, pagina 1-24
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Qualsiasi
operatore
Materiale Non applicabile

Per disconnettersi dal sistema, procedere come segue:

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-27


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Centro di controllo del sistema Capitolo 1

1. Nello schermo Principale selezionare F2 - Log off.


In tal modo compare la finestra Log on.
2. Premere sulla tastiera il tasto Canc per cancellare il nome dell'operatore.
Lo schermo di log on rimane visibile fino a quando non accede un nuovo
operatore.

Informazioni correlate...
• Log on dell'utente, pagina 1-25
• Schermo Principale, pagina 1-22
• Finestra Log on, pagina 1-24

Funzioni premium
Il software del sistema include delle funzioni premium accessibili unicamente
dopo l'attivazione.
Queste funzioni vengono attivate inserendo un codice di attivazione. È possibile
valutare queste funzioni per 30 giorni inserendo un codice di attivazione
temporaneo. Per ulteriori informazioni relative alle funzioni premium, rivolgersi al
rappresentante delle vendite di area.
Le funzioni premium sono specifiche di una versione software. Le funzioni della
versione software 7.00 del Sistema ARCHITECT includono:
• Confronto della curva di calibrazione - consente di visualizzare la curva di
calibrazione corrente e quelle precedenti nella stessa finestra.
• Interfaccia utente migliorata - comprende una migliore risoluzione, icone
aggiornate, un numero maggiore di voci in elenco per pagina e un nuovo
schema colore.
• Pianifica la giornata - ausilio per la preparazione dell'attività giornaliera,
onde massimizzare il flusso di lavoro del laboratorio.
• Manutenzione definita dall'utente - consente di aggiungere procedure di
manutenzione con inserimento di testo specifiche per il laboratorio.

Le funzioni della versione software 8.00 del sistema ARCHITECT comprendono:


• monitoraggio del controllo per kit e disabilitazione del kit del reagente a
causa di un controllo non riuscito - permette di configurare il sistema in
modo tale da disabilitare automaticamente un kit del reagente quando un
livello di controllo non riesce.
• Miglior controllo della password - è possibile configurare il sistema in modo
da prevedere nome utente e password individuali.
• Richiesta di un controllo dopo la calibrazione - permette di configurare il
sistema in modo da richiedere almeno un livello di controllo prima che le
analisi del paziente vengano eseguite con una nuova curva di calibrazione.
• Monitoraggio della scadenza della calibrazione e del numero di lotto del
controllo - quando configurato, il sistema verifica che il lotto del calibratore
e del controllo non sia scaduto prima di consentire l'aggiunta di una
richiesta di calibratore o controllo.

Capitolo 1-28 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Centro di controllo del sistema

• Allarme scorte basse per le soluzioni di rifornimento e caricate nel sistema -


offre la possibilità di definire una soglia alternativa a quella predefinita con
limite inferiore del 20% per l'allarme di soluzioni di rifornimento e caricate
sul sistema.
• Monitoraggio del numero di lotto delle soluzioni di rifornimento e caricate
sul sistema, nonché della data di scadenza - la finestra Aggiorna scorte
comprende i campi per i numeri di lotto e le date di scadenza per le
soluzioni di rifornimento e caricate sul sistema.

Attivando le funzioni premium della versione 8.00 e 8.10 si rendono disponibili


anche le funzioni premium della versione 7.00.

Procedure correlate...
• Configurazione delle funzioni premium, pagina 2-12

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-29


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Moduli di analisi
I moduli di analisi eseguono tutte le attività relative all'analisi dei campioni,
dall'aspirazione alla lettura finale.
Salvo indicazioni contrarie, il termine modulo di analisi è utilizzato in modo
generico in tutto il manuale in riferimento a tutti i tipi di moduli.
Gli argomenti trattati in questa sezione sono i seguenti:
• Modulo di analisi (Sistema c), pagina 1-30
• Moduli di analisi (Sistema i), pagina 1-93
• Componenti facoltativi, pagina 1-154

Modulo di analisi (Sistema c)


I moduli di analisi del Sistema c eseguono tutte le attività relative all'analisi dei
campioni, dall'aspirazione alla lettura finale.
La sezione dedicata al modulo di analisi (Sistema c) passa in rassegna i
seguenti argomenti:
• Modulo di analisi c4000, pagina 1-30
• Modulo di analisi c8000, pagina 1-32
• Modulo di analisi c16000, pagina 1-34
• Tastiera del modulo di analisi (c4000), pagina 1-35
• Tastiera del modulo di analisi (c8000/c16000), pagina 1-36
• Area di analisi (c4000), pagina 1-37
• Vano di rifornimento e delle pompe (c4000), pagina 1-52
• Area di analisi (c8000), pagina 1-55
• Vano di rifornimento e delle pompe (c8000), pagina 1-70
• Area di analisi (c16000), pagina 1-75
• Vano di rifornimento e delle pompe (c16000), pagina 1-89

Modulo di analisi c4000


Il modulo di analisi c4000 è un analizzatore che esegue test di chimica clinica. È
in grado di processare un massimo di 400 test fotometrici e 600 test
potenziometrici all'ora, utilizzando fino a 90 reagenti conservati nell'area a
temperatura controllata del carosello dei reagenti.
Il campionatore utilizzato con il modulo di analisi c4000 è il campionatore
robotico (RSH) che assicura il posizionamento automatico dei campioni in vista
della ripetizione dell'analisi (retest).

Capitolo 1-30 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.23: Modulo di analisi c4000 (vista anteriore - RSH)

Legenda:
1. Coperchio anteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Sportello del vano di rifornimento e delle pompe: garantisce l'accesso all'area di
stoccaggio delle soluzioni di rifornimento nonché al vano delle pompe.
3. Sportello del cestello portaschede: garantisce l'accesso al cestello portaschede.

Figura 1.24: Modulo di analisi c4000 (vista posteriore - RSH)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-31


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Legenda:
1. Coperchio posteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Alimentatore elettrico principale: eroga energia elettrica al modulo di analisi.
3. Unità gestionale dell'alimentazione idrica: assicura la fornitura idrica.

Informazioni correlate...
• Area di analisi (c4000), pagina 1-37
• Area delle siringhe dei campioni e reagenti (c4000), pagina 1-55
• Componenti facoltativi, pagina 1-154
• Sistema ARCHITECT c4000, pagina 1-3
• Sistema integrato ARCHITECT, pagina 1-2
• Tastiera del modulo di analisi (c4000), pagina 1-35
• Vano di rifornimento e delle pompe (c4000), pagina 1-52

Modulo di analisi c8000


Il modulo di analisi c8000 è un analizzatore che esegue test di chimica clinica. È
in grado di processare un massimo di 800 test fotometrici e 600 test
potenziometrici all'ora, utilizzando fino a 56-65 reagenti conservati nell'area a
temperatura controllata di due caroselli reagenti.
Il campionatore utilizzato con il modulo di analisi c8000 è il campionatore
robotico (RSH) che assicura il posizionamento automatico dei campioni in vista
della ripetizione dell'analisi (retest).
Il modulo di analisi c8000 può anche essere configurato con un LAS (laboratory
automation system).
Figura 1.25: Modulo di analisi c8000 (vista anteriore - RSH)

Capitolo 1-32 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Legenda:
1. Coperchio anteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Tastiera del modulo di analisi (c8000/c16000), pagina 1-36: funge per l'operatore
da interfaccia locale utile per controllare l'area di analisi.
3. Sportello del vano di rifornimento: garantisce l'accesso al vano di rifornimento e di
stoccaggio delle soluzioni di rifornimento.
4. Sportello del vano delle pompe: assicura l'accesso al vano in cui sono alloggiate le
pompe.
5. Sportello del cestello portaschede: consente l'accesso al cestello portaschede.
6. Sportello di accesso alla CPU: assicura l'accesso alla CPU a seconda della
configurazione del modulo.

Figura 1.26: Modulo di analisi c8000 (vista posteriore - RSH)

Legenda:
1. Coperchio posteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Alimentatore elettrico principale: eroga energia elettrica al modulo di analisi.
3. Unità gestionale dell'alimentazione idrica: assicura la fornitura idrica.

Informazioni correlate...
• Area di analisi (c8000), pagina 1-55
• Area delle siringhe dei campioni e reagenti (c8000), pagina 1-74
• Componenti facoltativi, pagina 1-154
• Sistema integrato ARCHITECT, pagina 1-2
• Sistema ARCHITECT c8000, pagina 1-4

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-33


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

• Vano di rifornimento e delle pompe (c8000), pagina 1-70

Modulo di analisi c16000


Il modulo di analisi c16000 è un analizzatore che esegue test di chimica clinica.
È in grado di processare un massimo di 1600 test fotometrici e 600 test
potenziometrici all'ora, utilizzando fino a 56-65 reagenti conservati nell'area a
temperatura controllata di due caroselli reagenti.
Il campionatore utilizzato con il modulo di analisi c16000 è il campionatore
robotico (RSH) che assicura il posizionamento automatico dei campioni in vista
della ripetizione dell'analisi (retest).
Il modulo di analisi c16000 può anche essere configurato con un LAS
(laboratory automation system).
Figura 1.27: Modulo di analisi c16000 (vista anteriore - RSH)

Legenda:
1. Coperchio anteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Tastiera del modulo di analisi (c8000/c16000), pagina 1-36: funge per l'operatore
da interfaccia locale utile per controllare l'area di analisi.
3. Sportelli del vano di rifornimento e delle pompe:
– sinistro - garantisce l'accesso alle siringhe del campione e del reagente.
– centrale - garantisce l'accesso alla siringa del campione e del reagente e alle
pompe di lavaggio dell'ago.
– destro - garantisce l'accesso al vano di rifornimento e di stoccaggio delle
soluzioni di rifornimento e alle pompe della soluzione di lavaggio e di lavaggio
delle cuvette.
4. Sportello di accesso alla CPU: assicura l'accesso alla CPU a seconda della
configurazione del modulo.

Capitolo 1-34 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.28: Modulo di analisi c16000 (vista posteriore - RSH)

Legenda:
1. Coperchio posteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Coperchio di accesso alla pompa ICT: garantisce l'accesso alle pompe di
aspirazione ICT e della soluzione di riferimento.
3. Alimentatore elettrico principale: eroga energia elettrica al modulo di analisi.
4. Unità gestionale dell'alimentazione idrica: assicura la fornitura idrica.

Informazioni correlate...
• Area di analisi (c16000), pagina 1-75
• Area delle siringhe del campione e dei reagenti (c16000), pagina 1-92
• Componenti facoltativi, pagina 1-154
• Sistema ARCHITECT c16000, pagina 1-5
• Sistema integrato ARCHITECT, pagina 1-2
• Vano di rifornimento e delle pompe (c16000), pagina 1-89

Tastiera del modulo di analisi (c4000)


La tastiera del modulo di analisi c4000, situata sul lato destro del modulo
stesso, è un dispositivo di immissione utilizzato dall'operatore per eseguire
alcune procedure di diagnostica e di manutenzione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-35


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.29: Tastiera del modulo di analisi c4000

Legenda:
1. Tasti L1, L2, L3 e L4: usati per eseguire alcune procedure di diagnostica e di
manutenzione.

Tastiera del modulo di analisi (c8000/c16000)


La tastiera del modulo di analisi, situata sul lato destro del modulo stesso, è un
dispositivo di immissione utilizzato dall'operatore per sovrintendere alle attività
dell'area di analisi.

Capitolo 1-36 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.30: Tastiera del modulo di analisi c8000/c16000

Legenda:
1. Tasto Avvio:
– permette di azionare il modulo di analisi portandolo nello stato In corso e
preparandolo per la ricezione dei campioni.
– mette in funzione l'area di analisi dei campioni dopo una pausa programmata.
2. Tasto di avanzamento del carosello (2): se necessario, allinea dapprima il carosello
dei reagenti 2 e poi lo fa avanzare di un 1/3 di rotazione onde facilitare il
caricamento e la rimozione dei reagenti. Il LED si illumina non appena è consentito
accedere al carosello dei reagenti.
3. Tasto di avanzamento del carosello (1): se necessario, allinea dapprima il carosello
dei reagenti 1 e poi lo fa avanzare di un 1/3 di rotazione onde facilitare il
caricamento e la rimozione dei reagenti. Il LED si illumina non appena è consentito
accedere al carosello dei reagenti.
4. Tasto Pausa: permette di portare il modulo di analisi nello stato Pausa
programmata e di interrompere l'aspirazione di nuovi campioni. I test in corso
vengono portati a termine.
5. Tasto Stop: blocca ogni attività all'interno del modulo di analisi senza però
interrompere l'alimentazione elettrica.
6. Tasti L1, L2, L3, L4: usati per eseguire alcune procedure di diagnostica e di
manutenzione.
7. Display: permette di visualizzare alcune procedure di manutenzione e di
diagnostica.

Area di analisi (c4000)


Nell'area di analisi si svolgono le attività principali del modulo di analisi.
Campioni e reagenti vengono dispensati e miscelati in un carosello di reazione,
in cui ha luogo l'esecuzione del dosaggio.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-37


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.31: Componenti dell'area di analisi del Sistema ARCHITECT c4000

Legenda:
1. Componenti hardware per campioni: garantiscono l'aspirazione e la dispensazione
dei campioni.
2. Componenti hardware per reagenti: garantiscono l'aspirazione, la dispensazione e
l'identificazione dei reagenti.
3. Componenti hardware per il carosello di reazione: posizionano le cuvette per la
dispensazione e la miscelazione di campioni e reagenti, per analisi fotometriche o
potenziometriche, nonché per il lavaggio delle cuvette.

Informazioni correlate...
• Componenti hardware per campioni (c4000), pagina 1-38
• Componenti hardware per reagenti (c4000), pagina 1-41
• Carosello di reazione (c4000), pagina 1-45

Componenti hardware per campioni (c4000)


I componenti hardware previsti per l'uso con i campioni sono dei dispositivi atti
all'aspirazione e alla dispensazione dei campioni.
Figura 1.32: Componenti hardware per campioni (c4000)

Capitolo 1-38 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Legenda:
1. Braccio di aspirazione dei campioni: aspira e dispensa i campioni nelle cuvette.
2. Coppetta per il lavaggio dell'ago campionatore: utilizzata per asportare il liquido
residuo adeso sia all'esterno che all'interno dell'ago e sul puntale.
3. Posizione 1, 2 e 3 delle soluzioni di lavaggio dell'ago campione: alloggia le soluzioni
di lavaggio dell'ago per la funzione SmartWash e le procedure di manutenzione.

Informazioni correlate...
• Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio dell'ago
campionatore (c4000), pagina 1-39
• Area delle soluzioni di lavaggio dell'ago campione (c4000), pagina 1-40

Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio dell'ago


campionatore (c4000)
Il braccio di aspirazione dei campioni è un dispositivo per la rilevazione,
l'aspirazione, il trasferimento e la dispensazione dei campioni nelle cuvette.
Inoltre, ha anche la funzione di trasferire i campioni diluiti dalla cuvetta utilizzata
per la diluizione a quella riservata per la reazione. Il gruppo del braccio di
aspirazione dei campioni è dotato di un sistema di monitoraggio della pressione
e di rilevazione del livello del liquido che permette di riconoscere errori di
aspirazione.
La coppetta per il lavaggio dell'ago campionatore rappresenta una stazione di
lavaggio attiva, utilizzata per asportare il liquido residuo presente sia all'interno
che all'esterno dell'ago come pure sul puntale. Per evitare il carryover, l'ago
campionatore viene lavato ad ogni ciclo di aspirazione.
IMPORTANTE: per i sistemi con l'opzione sangue intero installata, l'esterno
dell'ago campionatore viene lavato prima della dispensazione nella cuvetta. È
necessario installare la coppetta di lavaggio modificata.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-39


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.33: Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio


dell'ago campionatore (c4000)

Legenda:
1. Braccio di aspirazione dei campioni: aspira e dispensa i campioni nelle cuvette.
2. Coppetta per il lavaggio dell'ago campionatore: asporta il liquido residuo adeso sia
all'esterno che all'interno dell'ago e sul puntale.

Area delle soluzioni di lavaggio dell'ago campione (c4000)


L'area delle soluzioni di lavaggio dell'ago campione serve per la conservazione
delle soluzioni di lavaggio degli aghi campionatori che vengono utilizzate per la
funzione SmartWash e nell'ambito delle procedure di manutenzione.
Un portasoluzioni di lavaggio dell'ago campione rimovibile inserito nell'area
alloggia tre provette campione. Le soluzioni di lavaggio dell'ago campione
vengono aggiunte direttamente nelle relative provette.
NOTA: Per volumi inferiori delle soluzioni di lavaggio, inserire le coppette dei
campioni nelle relative provette.

Capitolo 1-40 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.34: Area delle soluzioni di lavaggio dell'ago campione (c4000)

Legenda:
1. Posizione 1, 2 e 3 delle soluzioni di lavaggio dell'ago campione: alloggia le soluzioni
di lavaggio dell'ago per la funzione SmartWash e le procedure di manutenzione.
2. Portasoluzioni di lavaggio dell'ago campione: portasoluzioni di lavaggio dell'ago
campione rimovibile.

Componenti hardware per reagenti (c4000)


I componenti hardware previsti per l'uso con i reagenti sono dei dispositivi atti
all'aspirazione, alla dispensazione e all'identificazione dei reagenti.
Figura 1.35: Componenti hardware per reagenti (c4000)

Legenda:
1. Carosello dei reagenti: mantiene refrigerati i kit dei reagenti, le soluzioni di lavaggio
e i diluenti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-41


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

2. Braccio di aspirazione dei reagenti 1 e coppetta di lavaggio: il braccio di


aspirazione aspira e dispensa i reagenti nelle cuvette. La coppetta di lavaggio serve
per lavare sia l'esterno che l'interno dell'ago nonché il puntale.
3. Braccio di aspirazione dei reagenti 2 e coppetta di lavaggio: il braccio di
aspirazione aspira e dispensa i reagenti nelle cuvette. La coppetta di lavaggio serve
per lavare sia l'esterno che l'interno dell'ago nonché il puntale.
4. Lettore del codice a barre dei reagenti: legge le etichette con codice a barre
bidimensionale (2D) apposte sui reagenti Abbott pre-confezionati o le etichette con
codice a barre unidimensionale (1D) apposte sui reagenti definiti dall'utente.
5. Pulsante di accesso al carosello dei reagenti: apre e chiude il coperchio del
carosello dei reagenti ed indica quando vi è consentito l'accesso. Quando il
pulsante del carosello dei reagenti è:
On - si può accedere al carosello dei reagenti
Off - non si può accedere al carosello dei reagenti
6. Pulsante di avanzamento del carosello dei reagenti: indica quando si può far
avanzare i caroselli dei reagenti. Se la spia è:
On - il coperchio del carosello dei reagenti è aperto e i caroselli possono essere
fatti avanzare. Se premuto, il carosello interno ed esterno ruoteranno di un 1/5 di
giro.
Off - non si può far avanzare i caroselli dei reagenti.

Informazioni correlate...
• Carosello dei reagenti (c4000), pagina 1-42
• Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c4000), pagina 1-
43

Carosello dei reagenti (c4000)


Il carosello dei reagenti è refrigerato per la conservazione onboard di:
• kit dei reagenti (R1 e R2)
• soluzioni onboard
• diluenti dei campioni

Per ulteriori informazioni fare riferimento alla sezione Soluzioni onboard


(Sistema c), pagina 1-189.
Il carosello esterno/interno del carosello dei reagenti e i corrispettivi bracci di
aspirazione vengono controllati separatamente onde permettere ai reagenti di
essere aspirati e dispensati da ciascun braccio di aspirazione in modo
completamente autonomo.
Il carosello dei reagenti c4000 è suddiviso a sua volta in un carosello interno ed
in uno esterno, in grado di alloggiare un massimo di 90 cartucce di reagenti, a
seconda della configurazione dei segmenti. Nella seguente tabella sono riportate
la posizione e la capacità di ciascun carosello.
Carosello N. di segmenti Tipi di segmenti Capacità totale della
disponibili cartuccia
Esterno 10 Grande (contiene 4 Fino a 40 - 60 cartucce
cartucce)

Capitolo 1-42 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Carosello N. di segmenti Tipi di segmenti Capacità totale della


disponibili cartuccia
Piccolo (contiene 6
cartucce)
Interno 5 Grande (contiene 5 Fino a 25 - 30 cartucce
cartucce)
Piccolo (contiene 6
cartucce)

Per ulteriori informazioni sui segmenti dei reagenti disponibili fare riferimento alla
sezione Segmenti dei reagenti (c4000), pagina 1-204.
Per facilitarne l'identificazione, i reagenti possono essere muniti di etichette con
codice a barre.
Figura 1.36: Carosello dei reagenti a temperatura controllata (c4000)

Legenda:
1. Carosello interno del carosello dei reagenti: mantiene refrigerati i kit dei reagenti, le
soluzioni onboard e i diluenti dei campioni.
2. Carosello esterno del carosello dei reagenti: mantiene refrigerati i kit dei reagenti,
le soluzioni onboard e i diluenti dei campioni.

Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c4000)


I bracci di aspirazione dei reagenti 1 e 2 sono dispositivi previsti per la
rilevazione, l'aspirazione, il trasferimento e la dispensazione dei reagenti e delle
soluzioni onboard nelle cuvette. Questi bracci di aspirazione sono dotati di un
sistema di monitoraggio della pressione e di rilevazione del livello del liquido che
permette di riconoscere errori di aspirazione.
Le coppette per il lavaggio dei bracci di aspirazione dei reagenti sono stazioni di
lavaggio attive in grado di asportare l'eventuale liquido residuo presente sia
all'esterno che all'interno dell'ago nonché sul puntale.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-43


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.37: Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c4000)

Legenda:
1. Braccio di aspirazione dei reagenti 1: aspira e dispensa i reagenti nelle cuvette.
2. Coppetta per il lavaggio del braccio di aspirazione dei reagenti 1: lava sia l'esterno
che l'interno dell'ago nonché il puntale.
3. Braccio di aspirazione dei reagenti 2: aspira e dispensa i reagenti nelle cuvette.
4. Coppetta per il lavaggio del braccio di aspirazione dei reagenti 2: lava sia l'esterno
che l'interno dell'ago nonché il puntale.

Componenti hardware per il carosello di reazione (c4000)


I componenti hardware del carosello di reazione sono dispositivi atti a
posizionare le cuvette onde permettere la dispensazione e la miscelazione dei
campioni e dei reagenti, l'analisi fotometrica o potenziometrica nonché il
lavaggio delle cuvette.
Figura 1.38: Componenti hardware per il carosello di reazione (c4000)

Legenda:
1. Carosello di reazione: posiziona le cuvette per l'analisi dei campioni.
2. Segmenti delle cuvette: servono a tenere ferme le cuvette nel carosello di reazione.
3. Lampada: rappresenta la fonte luminosa per la misurazione fotometrica.
4. Unità di miscelazione: alloggia il miscelatore che miscela i campioni con i reagenti.
5. Lavacuvette: lava e asciuga le cuvette.

Capitolo 1-44 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

6. Unità ICT: esegue dosaggi potenziometrici (elettroliti) avvalendosi della tecnologia


ICT (Integrated Chip Technology).
7. Area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico: raccoglie l'acqua
fuoriuscita dal bagno di incubazione, l'acqua in eccesso dai bracci di aspirazione e
il liquido di scarico dalla coppetta della soluzione di riferimento ICT.
8. Area liquido di scarico ICT: raccoglie il liquido di scarico proveniente dalla coppetta
della soluzione di riferimento ICT e dall'unità ICT.
9. Pompa del liquido di scarico ad alta concentrazione: insieme al lavacuvette, aspira
il liquido di scarico dalle cuvette e lo convoglia nel contenitore opzionale
appositamente previsto per la raccolta del liquido di scarico ad alta concentrazione
oppure lo fa defluire direttamente nei tubi di scarico.

Informazioni correlate...
• Carosello di reazione (c4000), pagina 1-45
• Segmenti delle cuvette (c4000), pagina 1-46
• Lampada (c4000), pagina 1-46
• Unità di miscelazione (c4000), pagina 1-47
• Lavacuvette (c4000), pagina 1-48
• Unità ICT (c4000), pagina 1-48
• Area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico (c4000), pagina
1-50
• Area del liquido di scarico ad alta concentrazione ICT (c4000), pagina 1-49
• Pompa del liquido di scarico ad alta concentrazione (c4000), pagina 1-51

Carosello di reazione (c4000)


Il carosello di reazione è un dispositivo che:
• permette di realizzare diversi protocolli di analisi
• è composto da 9 segmenti di cuvette
• è circondato da un bagno di incubazione a 37°C
• ruota in senso orario per collocare le cuvette nelle seguenti posizioni:
– di dispensazione del campione
– di dispensazione del reagente R1
– di dispensazione del reagente R2
– di aspirazione dell'elettrolita ICT
– di miscelazione (2 posizioni)
– di lettura fotometrica
– di aspirazione del campione diluito

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-45


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.39: Carosello di reazione (c4000)

Segmenti delle cuvette (c4000)


I segmenti delle cuvette sono dei rack posti all'interno del carosello di reazione
in cui vengono sistemate le cuvette. Ciascun segmento è composto da 11
cuvette. Essendo 9 i segmenti, il carosello di reazione può quindi contenere 99
cuvette.
Figura 1.40: Segmento delle cuvette (c4000)

Lampada (c4000)
La lampada è un dispositivo ottico che funge da fonte luminosa per la
misurazione fotometrica.

Capitolo 1-46 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.41: Lampada (c4000)

Unità di miscelazione (c4000)


L'unità di miscelazione è un dispositivo composto da due miscelatori (1 e 2) che
miscelano insieme campioni e reagenti.
• Il miscelatore 1 (sul lato destro) mescola il campione (intero o diluito) con il
reagente 1.
• Il miscelatore 2 (sul lato sinistro) mescola la miscela costituita da campione
e reagente 1 con il reagente 2.

Le parti esterne del miscelatore vengono lavate al termine di ogni ciclo di


miscelazione.
Figura 1.42: Unità di miscelazione e miscelatori (c4000)

Legenda:
1. Miscelatore 1: miscela il campione con il reagente 1.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-47


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

2. Miscelatore 2: mescola la miscela data da campione/reagente 1 con il reagente 2.

Lavacuvette (c4000)
Il lavacuvette è un dispositivo dotato di otto ugelli che svolgono le seguenti
funzioni (da sinistra verso destra) prima e dopo l'uso di ciascuna cuvetta:
• ugello 1: aspira la miscela di campione e reagente e la elimina
• ugello 2: dapprima dispensa la soluzione di lavaggio alcalina per pulire la
cuvetta e poi la aspira e la elimina
• ugello 3: dapprima dispensa la soluzione di lavaggio acida per pulire la
cuvetta e poi la aspira e la elimina
• ugelli 4 e 5: dapprima dispensano acqua per sciacquare la cuvetta e poi la
aspirano e la eliminano
• ugello 6: dispensa acqua nella cuvetta per la misurazione del bianco
dell'acqua, che assicura l'integrità della cuvetta
• ugello 7: aspira e quindi elimina l'acqua rimasta nella cuvetta
• ugello 8: asciuga la cuvetta

Figura 1.43: Lavacuvette (c4000)

Unità ICT (c4000)


L'unità ICT (Integrated Chip Technology), composta dall'ago ICT e dal modulo
ICT, è utilizzata per l'esecuzione di analisi potenziometriche indirette. L'ago ICT
aspira il campione diluito mentre il modulo ICT misura simultaneamente gli ioni
Na+, K+ e Cl- tramite la tecnologia ICT (Integrated Chip Technology).

Capitolo 1-48 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.44: Unità ICT (c4000)

Legenda:
1. Ago ICT: collegato al modulo ICT nell'unità ICT. L'ago ICT aspira il campione diluito
dalle cuvette o la soluzione di riferimento ICT dalla rispettiva coppetta e li trasporta
nel modulo ICT per l'analisi.
2. Modulo ICT: collocato nell'unità ICT. Il modulo ICT esegue dosaggi potenziometrici
(elettroliti) avvalendosi della tecnologia ICT (Integrated Chip Technology).
3. Coppetta della soluzione di riferimento ICT: situata in corrispondenza dell'ago ICT
quando l'unità ICT si trova in posizione iniziale. La coppetta della soluzione di
riferimento ICT contiene la soluzione di riferimento preriscaldata che viene aspirata
dall'ago ICT e misurata dal modulo ICT. I sensori nella coppetta confermano
l'avvenuto riempimento della stessa e che sia stata aspirata una quantità sufficiente
di soluzione durante la misurazione.
4. Anello di riscaldamento della soluzione di riferimento ICT: tubo metallico stretto
collocato nel bagno incubatore. L'anello di riscaldamento della soluzione di
riferimento ICT riscalda la soluzione di riferimento fino a 37°C prima che la
soluzione riempia la rispettiva coppetta.

Area del liquido di scarico ad alta concentrazione ICT (c4000)


Il liquido di scarico proveniente dell'unità ICT viene raccolto in un vano per il
liquido di scarico ad alta concentrazione e quindi rimosso attraverso un apposito
tubo.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-49


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.45: Area del liquido di scarico ad alta concentrazione ICT (c4000)

Legenda:
1. Tubo per il liquido di scarico ad alta concentrazione proveniente dall'unità ICT:
convoglia il liquido di scarico dall'unità ICT nel vano di raccolta del liquido di
scarico ad alta concentrazione.

Area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico (c4000)


L'area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico è un vano di
raccolta del liquido di scarico che riceve l'acqua fuoriuscita dal bagno di
incubazione, l'acqua in eccesso dai bracci di aspirazione e il liquido di scarico
proveniente dalla coppetta della soluzione di riferimento ICT.
Il liquido di scarico proveniente dai bracci di aspirazione e dalla coppetta della
soluzione di riferimento ICT viene raccolto in un vano per il liquido di scarico a
bassa concentrazione e viene quindi rimosso mediante un apposito tubo.

Capitolo 1-50 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.46: Area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico


(c4000)

Legenda:
1. Tubo per R1: convoglia l'acqua deionizzata in eccesso dal braccio di aspirazione
dei reagenti 1 al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa concentrazione.
2. Tubo per R2: convoglia l'acqua deionizzata in eccesso dal braccio di aspirazione
dei reagenti 2 al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa concentrazione.
3. Tubo per campione: convoglia l'acqua deionizzata in eccesso dal braccio di
aspirazione del campione al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa
concentrazione.
4. Tubo per il liquido di scarico a bassa concentrazione proveniente dalla coppetta
della soluzione di riferimento ICT: convoglia il liquido di scarico dalla coppetta della
soluzione di riferimento ICT al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa
concentrazione.

Pompa del liquido di scarico ad alta concentrazione (c4000)


Insieme al lavacuvette, aspira il liquido di scarico dalle cuvette e lo convoglia nel
contenitore opzionale appositamente previsto per la raccolta del liquido di
scarico ad alta concentrazione oppure lo fa defluire direttamente nei tubi di
scarico.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-51


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.47: Pompa del liquido di scarico ad alta concentrazione (c4000)

Vano di rifornimento e delle pompe (c4000)


Il vano di rifornimento e delle pompe è l'area del modulo di analisi in cui
vengono conservate le pompe, le soluzioni di rifornimento nonché le siringhe e
le unità dei campioni e reagenti.
Figura 1.48: Vano di rifornimento e delle pompe (c4000)

Legenda:
1. Vano delle pompe: alloggia le pompe del modulo di analisi.

Capitolo 1-52 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

2. Vano delle soluzioni di rifornimento: permette la conservazione onboard della


soluzione di riferimento ICT e delle soluzioni di lavaggio alcalina ed acida.
3. Area delle siringhe dei campioni e dei reagenti: alloggia le siringhe e le rispettive
guide dei campioni e reagenti.

La sezione dedicata al vano di rifornimento e delle pompe (c4000) passa in


rassegna i seguenti argomenti:
• Vano delle pompe (c4000), pagina 1-53
• Vano delle soluzioni di rifornimento (c4000), pagina 1-54
• Area delle siringhe dei campioni e reagenti (c4000), pagina 1-55

Vano delle pompe (c4000)


Il vano delle pompe è l'area in cui sono alloggiate le pompe del modulo di
analisi. Grazie a queste pompe, viene fornita la pressione necessaria per
aspirare e dispensare i liquidi all'interno dei rispettivi componenti del modulo di
analisi nonché all'interno delle siringhe dei campioni e reagenti.
Figura 1.49: Pompe del modulo di analisi (c4000)

Legenda:
1. Pompa della soluzione di riferimento ICT: utilizza la siringa sulla destra per
trasferire la soluzione di riferimento ICT nella rispettiva coppetta. Una volta
misurata la soluzione di riferimento, la pompa della soluzione di riferimento ICT
utilizza la siringa sulla sinistra per svuotare la coppetta.
2. Pompa delle soluzioni di lavaggio: provvede a rifornire le cuvette con le soluzioni di
lavaggio alcalina ed acida diluite nell'ambito delle normali operazioni quotidiane e
delle procedure di manutenzione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-53


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

3. Pompa di aspirazione ICT: utilizza la siringa sulla destra per trasferire i campioni o
la soluzione di riferimento ICT nel modulo ICT per la misurazione. Al termine della
misurazione, la pompa di aspirazione ICT utilizza la siringa sulla sinistra per
aspirare il liquido di scarico proveniente dall'area del liquido di scarico ad alta
concentrazione ICT e convogliarlo verso l'apposito tubo.
4. Valvola di aspirazione ICT: controlla la direzione del flusso del liquido durante il
funzionamento della pompa di aspirazione ICT.
5. Pompa di lavaggio delle cuvette: fornisce acqua purificata al lavacuvette.
6. Pompe di lavaggio degli aghi: utilizzano acqua purificata per sciacquare gli aghi del
campione e dei reagenti.

Vano delle soluzioni di rifornimento (c4000)


Il vano delle soluzioni di rifornimento è l'area prevista per la conservazione
onboard della soluzione di riferimento ICT e delle soluzioni di lavaggio alcalina
ed acida. Il volume di ciascuna delle soluzioni di rifornimento viene monitorato
da singoli sensori che ne rilevano il peso. Il sensore viene attivato non appena il
volume rimanente della soluzione raggiunge il 20% circa o quando viene
raggiunto l'allarme per livello scarso (funzione premium) configurato.
Figura 1.50: Vano delle soluzioni di rifornimento (c4000)

Legenda:
1. Soluzione di riferimento ICT (Sistema c), pagina 1-187: viene aspirata e analizzata
dal modulo ICT prima e dopo ciascun campione e funge da potenziale riferimento
usato per calcolare i risultati.
2. Soluzione di lavaggio alcalina (Sistema c), pagina 1-188: utilizzata dal lavacuvette
per pulire le cuvette al termine dell'analisi dei campioni.
3. Soluzione di lavaggio acida (Sistema c), pagina 1-189: utilizzata dal lavacuvette per
pulire le cuvette al termine dell'analisi dei campioni.

Capitolo 1-54 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Area delle siringhe dei campioni e reagenti (c4000)


Nell'area delle siringhe dei campioni e dei reagenti sono alloggiate le siringhe e
le rispettive guide dei campioni e dei reagenti. Ciascuna guida supporta una
siringa la cui funzione è quella di controllare l'aspirazione e la dispensazione di
campioni o reagenti.
Figura 1.51: Siringhe dei campioni e dei reagenti (c4000)

Legenda:
1. Siringa dei campioni: aspira e dispensa il campione.
2. Siringhe dei reagenti 1 e 2: aspirano e dispensano i reagenti.

Area di analisi (c8000)


Nell'area di analisi si svolgono le attività principali del modulo di analisi.
Campioni e reagenti vengono dispensati e miscelati in un carosello di reazione,
in cui ha luogo l'esecuzione del dosaggio.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-55


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.52: Componenti dell'area di analisi del Sistema ARCHITECT c8000

Legenda:
1. Componenti hardware per campioni (c8000), pagina 1-56: garantiscono
l'aspirazione, la dispensazione e l'identificazione dei campioni.
2. Componenti hardware per reagenti (c8000), pagina 1-59: garantiscono
l'aspirazione, la dispensazione e l'identificazione dei reagenti.
3. Componenti hardware per il carosello di reazione (c8000), pagina 1-64:
posizionano le cuvette per l'aspirazione e la miscelazione di campioni e reagenti,
per analisi fotometriche o potenziometriche, nonché per il lavaggio delle cuvette.

Informazioni correlate...
• Componenti hardware per campioni (c8000), pagina 1-56
• Componenti hardware per reagenti (c8000), pagina 1-59
• Componenti hardware per il carosello di reazione (c8000), pagina 1-64

Componenti hardware per campioni (c8000)


I componenti hardware previsti per l'uso con i campioni sono dei dispositivi atti
all'aspirazione, alla dispensazione e all'identificazione dei campioni.
Figura 1.53: Componenti hardware per campioni (c8000)

Capitolo 1-56 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Legenda:
1. Carosello campioni (c8000), pagina 1-57: utilizzato per caricare campioni di
pazienti, calibratori e controlli.
2. Spie luminose: utilizzate per procurarsi l'accesso al carosello dei campioni nonché
per farlo avanzare. Fare riferimento alla sezione Carosello dei campioni e spie
luminose (c8000), pagina 1-58.
3. Lettore del codice a barre dei campioni: legge l'ID del carosello e dei campioni.
4. Braccio di aspirazione dei campioni: aspira e dispensa i campioni nelle cuvette.
Fare riferimento alla sezione Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il
lavaggio dell'ago campionatore (c8000), pagina 1-58.
5. Coppetta per il lavaggio dell'ago campionatore: utilizzata per asportare il liquido
residuo adeso sia all'esterno che all'interno dell'ago e sul puntale. Fare riferimento
alla sezione Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio dell'ago
campionatore (c8000), pagina 1-58.

Informazioni correlate...
• Carosello campioni (c8000), pagina 1-57
• Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio dell'ago
campionatore (c8000), pagina 1-58

Carosello campioni (c8000)


Il carosello dei campioni è un campionatore locale, dotato di 32 posizioni
refrigerate, utilizzato per caricare i campioni dei pazienti, i calibratori ed i
controlli previsti per l'uso in analisi di chimica clinica. Le posizioni 31 e 32 sono
riservate per le soluzioni caricate all'interno del sistema (onboard), utilizzate per
la funzione SmartWash e nell'ambito delle procedure di manutenzione.
I campioni da caricare possono essere contenuti in una provetta o in una
coppetta. Le provette con campioni dei pazienti, calibratori e controlli possono
essere provviste di etichetta con codice a barre per facilitarne l'identificazione.
In condizioni operative normali, i campioni caricati sul carosello hanno la priorità
rispetto a quelli presenti sul campionatore robotico RSH (robotic sample
handler) o sul LAS (laboratory automation system). Nell'evenienza di un guasto
all'RSH o al LAS, il carosello dei campioni può essere utilizzato come area
principale per caricare i campioni da sottoporre ad analisi di chimica clinica.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-57


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.54: Carosello dei campioni e spie luminose (c8000)

Legenda:
1. Carosello dei campioni: utilizzato per caricare campioni di pazienti, calibratori e
controlli.
2. Lettore del codice a barre del campione: legge l'ID del carosello e le etichette con
codice a barre applicate sulle provette dei campioni, calibratori e controlli.
3. Spia di accesso al carosello dei campioni (tasto quadrato): segnala all'operatore
quando è possibile accedere al carosello dei campioni e rappresenta un'alternativa
per interromperne provvisoriamente il funzionamento. Se la spia di accesso è:
– spenta (Off): il carosello dei campioni è in funzionamento e l'accesso non è
consentito.
– lampeggiante: è stato premuto il tasto della spia di accesso e il carosello dei
campioni sta entrando in pausa.
– accesa (On): si può accedere al carosello dei campioni.
4. Spia di avanzamento del carosello dei campioni (tasto rotondo): segnala
all'operatore quando è possibile fare avanzare il carosello dei campioni. Se la spia
di avanzamento è:
– accesa (On): si può far avanzare il carosello dei campioni.
– spenta (Off): è stato premuto il tasto della spia di avanzamento e il carosello
dei campioni sta avanzando di un 1/3 di rotazione oppure è chiuso.

Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio dell'ago


campionatore (c8000)
Il braccio di aspirazione dei campioni è un dispositivo per la rilevazione,
l'aspirazione, il trasferimento e la dispensazione dei campioni nelle cuvette.
Inoltre, ha anche la funzione di trasferire i campioni diluiti dalla cuvetta utilizzata
per la diluizione a quella riservata per la reazione. Il gruppo del braccio di
aspirazione dei campioni è dotato di un sistema di monitoraggio della pressione

Capitolo 1-58 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

e di rilevazione del livello del liquido che permette di riconoscere errori di


aspirazione.
La coppetta per il lavaggio dell'ago campionatore rappresenta una stazione di
lavaggio attiva, utilizzata per asportare il liquido residuo presente sia all'interno
che all'esterno dell'ago come pure sul puntale. Per evitare il carryover, l'ago
campionatore viene lavato ad ogni ciclo di aspirazione.
IMPORTANTE: per i sistemi con l'opzione sangue intero installata, l'esterno
dell'ago campionatore viene lavato prima della dispensazione nella cuvetta. È
necessario installare la coppetta di lavaggio modificata.
Figura 1.55: Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio
dell'ago campionatore (c8000)

Legenda:
1. Braccio di aspirazione dei campioni: aspira e dispensa i campioni nelle cuvette.
2. Coppetta per il lavaggio dell'ago campionatore: asporta il liquido residuo adeso sia
all'esterno che all'interno dell'ago e sul puntale.

Componenti hardware per reagenti (c8000)


I componenti hardware previsti per l'uso con i reagenti sono dei dispositivi atti
all'aspirazione, alla dispensazione e all'identificazione dei reagenti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-59


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.56: Componenti hardware per reagenti (c8000)

Legenda:
1. Carosello dei reagenti 1 (R1): mantiene refrigerati i kit dei reagenti ed i diluenti.
Fare riferimento alla sezione Caroselli dei reagenti (c8000), pagina 1-61.
2. Carosello dei reagenti 2 (R2): mantiene refrigerati i kit dei reagenti e le soluzioni
onboard. Fare riferimento alla sezione Caroselli dei reagenti (c8000), pagina 1-61.
3. Braccio di aspirazione dei reagenti 1 e coppetta di lavaggio: il braccio di
aspirazione aspira e dispensa i reagenti nelle cuvette. La coppetta di lavaggio serve
per lavare sia l'esterno che l'interno dell'ago nonché il puntale. Fare riferimento alla
sezione Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c8000), pagina 1-
62.
4. Braccio di aspirazione dei reagenti 2 e coppetta di lavaggio: il braccio di
aspirazione aspira e dispensa i reagenti nelle cuvette. La coppetta di lavaggio serve
per lavare sia l'esterno che l'interno dell'ago nonché il puntale. Fare riferimento alla
sezione Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c8000), pagina 1-
62.
5. Area delle soluzioni onboard R1: alloggia le soluzioni di lavaggio dell'ago per la
funzione SmartWash e le procedure di manutenzione. Fare riferimento alla sezione
Aree delle soluzioni onboard (c8000), pagina 1-63.
6. Area delle soluzioni onboard R2: alloggia le soluzioni di lavaggio dell'ago per la
funzione SmartWash e le procedure di manutenzione. Fare riferimento alla sezione
Aree delle soluzioni onboard (c8000), pagina 1-63.
7. Lettore del codice a barre dei reagenti R1: legge le etichette con codice a barre
bidimensionale (2D) apposte sui reagenti Abbott pre-confezionati o le etichette con
codice a barre unidimensionale (1D) apposte sui reagenti definiti dall'utente.
8. Lettore del codice a barre dei reagenti R2: legge le etichette con codice a barre
bidimensionale (2D) apposte sui reagenti Abbott pre-confezionati o le etichette con
codice a barre unidimensionale (1D) apposte sui reagenti definiti dall'utente.

Informazioni correlate...
• Caroselli dei reagenti (c8000), pagina 1-61
• Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c8000), pagina 1-
62
• Aree delle soluzioni onboard (c8000), pagina 1-63

Capitolo 1-60 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Caroselli dei reagenti (c8000)


I caroselli dei reagenti (R1 e R2) sono caroselli refrigerati per la conservazione
onboard di:
• kit dei reagenti (R1 e R2)
• soluzioni caricate nella posizione D1 (R1 e R2)
• diluenti del campione

Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla sezione Soluzioni onboard


(Sistema c), pagina 1-189.
I caroselli dei reagenti e i corrispettivi bracci di aspirazione vengono controllati
separatamente onde permettere ai reagenti di essere aspirati e dispensati da
ciascun braccio di aspirazione in modo completamente autonomo.
Il carosello dei reagenti 1 del Sistema c8000 è suddiviso a sua volta in un
carosello interno ed in uno esterno, in grado di alloggiare un massimo di 56-65
cartucce di reagenti, a seconda della configurazione dei segmenti. La posizione
e la portata di ciascun segmento sono indicate nella tabella sottostante.
Segmento Descrizione
Esterno A Un segmento reagenti a 12 posizioni per cartucce di grandi
dimensioni. Questo segmento include anche un punto di
riferimento (target) per la calibrazione dei bracci di aspirazione.
Esterno A, B e C Un segmento reagenti a 12 posizioni per cartucce di grandi
dimensioni o un segmento reagenti a 15 posizioni per cartucce di
piccole dimensioni.
Interno D Un segmento reagenti a 20 posizioni per cartucce di grandi
dimensioni. Questo segmento include anche un punto di
riferimento (target) per la calibrazione dei bracci di aspirazione.

Il carosello dei reagenti 2 del Sistema c8000 si compone di un unico carosello in


grado di alloggiare un massimo di 36-56 cartucce di reagenti, a seconda della
configurazione dei segmenti. La posizione e la portata di ciascun segmento sono
indicate nella tabella sottostante.
Segmento Descrizione
A Un segmento reagenti a 14 posizioni per cartucce di piccole
dimensioni. Questo segmento include anche un punto di
riferimento (target) per la calibrazione dei bracci di aspirazione.
B, C e D Un segmento reagenti a 9 posizioni per cartucce di grandi
dimensioni o un segmento reagenti a 14 posizioni per cartucce di
piccole dimensioni.

Per ulteriori informazioni sui segmenti reagenti disponibili, fare riferimento alla
sezione Segmenti dei reagenti (c8000), pagina 1-206.
Per facilitarne l'identificazione, i reagenti possono essere muniti di etichette con
codice a barre.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-61


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.57: Caroselli dei reagenti a temperatura controllata (c8000)

Legenda:
1. Carosello dei reagenti 1 (R1): previsto per la conservazione refrigerata di kit dei
reagenti e soluzioni onboard.
2. Carosello dei reagenti 2 (R2): previsto per la conservazione refrigerata di kit dei
reagenti e soluzioni onboard.

Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c8000)


I bracci di aspirazione dei reagenti 1 e 2 sono dispositivi previsti per la
rilevazione, l'aspirazione, il trasferimento e la dispensazione dei reagenti nelle
cuvette. Il braccio di aspirazione dei reagenti 1 serve inoltre a trasferire i diluenti
dei campioni dal carosello dei reagenti 1 in una cuvetta utilizzata per la
diluizione dei campioni onboard.
Le coppette per il lavaggio dei bracci di aspirazione dei reagenti sono stazioni di
lavaggio attive in grado di asportare l'eventuale liquido residuo presente sia
all'esterno che all'interno dell'ago nonché sul puntale.

Capitolo 1-62 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.58: Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c8000)

Legenda:
1. Braccio di aspirazione dei reagenti 1: aspira e dispensa i reagenti nelle cuvette.
2. Coppetta per il lavaggio del braccio di aspirazione dei reagenti 1: lava sia l'esterno
che l'interno dell'ago nonché il puntale.
3. Braccio di aspirazione dei reagenti 2: aspira e dispensa i reagenti nelle cuvette.
4. Coppetta per il lavaggio del braccio di aspirazione dei reagenti 2: lava sia l'esterno
che l'interno dell'ago nonché il puntale.

Aree delle soluzioni onboard (c8000)


Le aree dei reagenti riservate alle soluzioni onboard servono per la
conservazione delle soluzioni di lavaggio degli aghi che vengono utilizzate per la
funzione SmartWash e nell'ambito delle procedure di manutenzione. In ogni area
è presente un rack che alloggia due cartucce da 90 ml nelle posizioni E1 e E2.
La posizione D1 di ciascun carosello dei reagenti può essere impiegata anche
per il caricamento di soluzioni quando è necessaria una posizione aggiuntiva.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-63


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.59: Aree delle soluzioni onboard (c8000)

Legenda:
1. Area delle soluzioni onboard del carosello reagenti 1 (R1): alloggia le soluzioni di
lavaggio dell'ago per la funzione SmartWash e le procedure di manutenzione.
2. Area delle soluzioni onboard del carosello reagenti 2 (R2): alloggia le soluzioni di
lavaggio dell'ago per la funzione SmartWash e le procedure di manutenzione.

Componenti hardware per il carosello di reazione (c8000)


I componenti hardware del carosello di reazione sono dispositivi atti a
posizionare le cuvette onde permettere l'aspirazione e la miscelazione dei
campioni e dei reagenti, l'analisi fotometrica o potenziometrica nonché il
lavaggio delle cuvette.
Figura 1.60: Componenti hardware per il carosello di reazione (c8000)

Capitolo 1-64 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Legenda:
1. Carosello di reazione (c8000), pagina 1-65: posiziona le cuvette per l'analisi dei
campioni.
2. Segmenti delle cuvette (c8000), pagina 1-66: servono a tenere ferme le cuvette
nel carosello di reazione.
3. Lampada (c8000), pagina 1-66: rappresenta la fonte luminosa per la misurazione
fotometrica.
4. Unità di miscelazione (c8000), pagina 1-67: alloggia il miscelatore che miscela i
campioni con i reagenti.
5. Lavacuvette (c8000), pagina 1-68: lava e asciuga le cuvette.
6. Unità ICT (c8000), pagina 1-68: esegue dosaggi potenziometrici (elettroliti)
avvalendosi della tecnologia ICT (Integrated Chip Technology).
7. Area bagno incubatore/tracimazione rifiuti (c8000), pagina 1-69: raccoglie l'acqua
fuoriuscita dal bagno di incubazione, l'acqua in eccesso dai bracci di aspirazione e
il liquido di scarico dalla coppetta della soluzione di riferimento ICT e dall'unità ICT.

Informazioni correlate...
• Carosello di reazione (c8000), pagina 1-65
• Segmenti delle cuvette (c8000), pagina 1-66
• Lampada (c8000), pagina 1-66
• Unità di miscelazione (c8000), pagina 1-67
• Lavacuvette (c8000), pagina 1-68
• Unità ICT (c8000), pagina 1-68
• Area bagno incubatore/tracimazione rifiuti (c8000), pagina 1-69

Carosello di reazione (c8000)


Il carosello di reazione è un dispositivo che:
• permette di realizzare diversi protocolli di analisi
• è composto da 11 segmenti di cuvette
• è circondato da un bagno di incubazione a 37°C
• ruota in senso antiorario per collocare le cuvette nelle seguenti posizioni:
– di dispensazione del campione
– di dispensazione del reagente R1
– di dispensazione del reagente R2
– di aspirazione dell'elettrolita ICT
– di miscelazione (2 posizioni)
– di lettura fotometrica
– di aspirazione del campione diluito

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-65


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.61: Carosello di reazione (c8000)

Segmenti delle cuvette (c8000)


I segmenti delle cuvette sono dei rack posti all'interno del carosello di reazione
in cui vengono sistemate le cuvette. Ciascun segmento è composto da 15
cuvette. Essendo 11 i segmenti, il carosello di reazione può quindi contenere
165 cuvette.
Figura 1.62: Segmento delle cuvette (c8000)

Lampada (c8000)
La lampada è un dispositivo ottico che funge da fonte luminosa per la
misurazione fotometrica.

Capitolo 1-66 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.63: Lampada (c8000)

Unità di miscelazione (c8000)


L'unità di miscelazione è un dispositivo composto da due miscelatori (1 e 2) che
miscelano insieme campioni e reagenti.
• Il miscelatore 1 (sul lato sinistro) mescola il campione (intero o diluito) con
il reagente 1.
• Il miscelatore 2 (sul lato destro) mescola la miscela costituita da campione
e reagente 1 con il reagente 2.

Le parti esterne del miscelatore vengono lavate al termine di ogni ciclo di


miscelazione.
Figura 1.64: Unità di miscelazione e miscelatori (c8000)

Legenda:
1. Miscelatore 1: miscela il campione con il reagente 1.
2. Miscelatore 2: mescola la miscela data da campione + reagente 1 con il reagente
2.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-67


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Lavacuvette (c8000)
Il lavacuvette è un dispositivo dotato di otto ugelli che svolgono le seguenti
funzioni (da sinistra verso destra) prima e dopo l'uso di ciascuna cuvetta:
• ugello 1: aspira la miscela di campione e reagente e la elimina
• ugello 2: dapprima dispensa la soluzione di lavaggio alcalina per pulire la
cuvetta e poi la aspira e la elimina
• ugello 3: dapprima dispensa la soluzione di lavaggio acida per pulire la
cuvetta e poi la aspira e la elimina
• ugelli 4 e 5: dapprima dispensano acqua per sciacquare la cuvetta e poi la
aspirano e la eliminano
• ugello 6: dispensa acqua nella cuvetta per la misurazione del bianco
dell'acqua, che assicura l'integrità della cuvetta
• ugello 7: aspira e quindi elimina l'acqua rimasta nella cuvetta
• ugello 8: asciuga la cuvetta

Figura 1.65: Lavacuvette (c8000)

Unità ICT (c8000)


L'unità ICT (integrated chip technology), composta dall'ago ICT e dal modulo
ICT, è utilizzata per l'esecuzione di analisi potenziometriche indirette. L'ago ICT
aspira il campione mentre il modulo ICT misura simultaneamente gli ioni Na+, K+
e Cl- tramite la tecnologia ICT (Integrated Chip Technology).

Capitolo 1-68 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.66: Unità ICT (c8000)

Legenda:
1. Ago ICT: collegato al modulo ICT nell'unità ICT. L'ago ICT aspira il campione diluito
dalle cuvette o la soluzione di riferimento ICT dalla rispettiva coppetta e li trasporta
nel modulo ICT per l'analisi.
2. Modulo ICT: collocato nell'unità ICT. Il modulo ICT esegue dosaggi potenziometrici
(elettroliti) avvalendosi della tecnologia ICT (integrated chip technology).
3. Coppetta della soluzione di riferimento ICT: situata in corrispondenza dell'ago ICT
quando l'unità ICT si trova in posizione iniziale. La coppetta della soluzione di
riferimento ICT contiene la soluzione di riferimento preriscaldata che viene aspirata
dall'ago ICT e misurata dal modulo ICT. I sensori nella coppetta confermano
l'avvenuto riempimento della stessa e che sia stata aspirata una quantità sufficiente
di soluzione durante la misurazione.
4. Anello di riscaldamento della soluzione di riferimento ICT: tubo metallico stretto
collocato nel bagno incubatore. L'anello di riscaldamento della soluzione di
riferimento ICT riscalda la soluzione di riferimento fino a 37°C prima che la
soluzione riempia la rispettiva coppetta.

Area bagno incubatore/tracimazione rifiuti (c8000)


L'area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico è un vano di
raccolta del liquido di scarico che riceve l'acqua fuoriuscita dal bagno di
incubazione, l'acqua in eccesso dai bracci di aspirazione e il liquido di scarico
proveniente dalla coppetta della soluzione di riferimento ICT e dall'unità ICT.
Il liquido di scarico dei bracci di aspirazione e della coppetta della soluzione di
riferimento ICT viene raccolto in un vano per rifiuti a bassa concentrazione e
viene quindi smaltito attraverso il tubo per rifiuti a bassa concentrazione. Il
liquido di scarico dell'unità ICT viene raccolto in un vano per rifiuti ad alta
concentrazione e viene quindi smaltito attraverso il tubo per rifiuti ad alta
concentrazione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-69


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.67: Area bagno incubatore/tracimazione rifiuti (c8000)

Legenda:
1. Tubo per R1: convoglia l'acqua deionizzata in eccesso dal braccio di aspirazione
dei reagenti 1 al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa concentrazione.
2. Tubo per R2: convoglia l'acqua deionizzata in eccesso dal braccio di aspirazione
dei reagenti 2 al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa concentrazione.
3. Tubo per campione: convoglia l'acqua deionizzata in eccesso dal braccio di
aspirazione del campione al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa
concentrazione.
4. Tubo dei rifiuti a bassa concentrazione per la coppetta della soluzione di
riferimento ICT: convoglia il liquido di scarico dalla coppetta della soluzione di
riferimento ICT al vano rifiuti a bassa concentrazione.
5. Tubo dei rifiuti ad alta concentrazione per l'unità ICT: convoglia il liquido di scarico
dall'unità ICT al vano rifiuti ad alta concentrazione.

Vano di rifornimento e delle pompe (c8000)


Il vano di rifornimento e delle pompe è l'area del modulo di analisi in cui
vengono conservate le pompe, le soluzioni di rifornimento nonché le siringhe e
le unità dei campioni e reagenti.

Capitolo 1-70 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.68: Vano di rifornimento e delle pompe (c8000)

Legenda:
1. Vano delle pompe: alloggia le pompe del modulo di analisi.
2. Vano delle soluzioni di rifornimento: permette la conservazione onboard della
soluzione di riferimento ICT e delle soluzioni di lavaggio alcalina ed acida.
3. Area delle siringhe dei campioni e dei reagenti: alloggia le siringhe e le rispettive
guide dei campioni e reagenti.

La sezione dedicata al vano di rifornimento e delle pompe (c8000) passa in


rassegna i seguenti argomenti:
• Vano delle pompe (c8000), pagina 1-71
• Vano delle soluzioni di rifornimento (c8000), pagina 1-73
• Area delle siringhe dei campioni e reagenti (c8000), pagina 1-74

Vano delle pompe (c8000)


Il vano delle pompe è l'area in cui sono alloggiate le pompe del modulo di
analisi. Grazie a queste pompe, viene fornita la pressione necessaria per
aspirare e dispensare i liquidi all'interno dei rispettivi componenti del modulo di
analisi nonché all'interno delle siringhe dei campioni e reagenti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-71


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.69: Pompe del modulo di analisi (c8000)

Legenda:
1. Pompa della soluzione di riferimento ICT: utilizza la siringa sulla destra per
trasferire la soluzione di riferimento ICT nella rispettiva coppetta. Una volta
misurata la soluzione di riferimento, la pompa della soluzione di riferimento ICT
utilizza la siringa sulla sinistra per svuotare la coppetta.
2. Pompa delle soluzioni di lavaggio: provvede a rifornire il lavacuvette con le soluzioni
alcalina ed acida diluite per il lavaggio delle cuvette richiesto nelle normali
operazioni quotidiane nonché nell'ambito delle procedure di manutenzione.
3. Pompa di aspirazione ICT: utilizza la siringa sulla destra per trasferire i campioni o
la soluzione di riferimento ICT nel modulo ICT per la misurazione. Al termine della
misurazione, la pompa di aspirazione ICT utilizza la siringa sulla sinistra per
aspirare i rifiuti dall'area del bagno incubatore/tracimazione rifiuti e convogliarli
verso il tubo rifiuti ad alta concentrazione.
4. Valvola di aspirazione ICT: controlla la direzione del flusso del liquido durante il
funzionamento della pompa di aspirazione ICT.
5. Pompa di lavaggio delle cuvette: fornisce acqua purificata al lavacuvette.
6. Pompa di lavaggio degli aghi: utilizza acqua purificata per sciacquare gli aghi del
campione e dei reagenti.
7. Pompa (a soffietto) del liquido di scarico ad alta concentrazione: insieme al
lavacuvette, aspira il liquido di scarico dalle cuvette e lo convoglia nel flacone
opzionale appositamente previsto per la raccolta del liquido di scarico ad alta
concentrazione oppure lo fa defluire direttamente nei tubi di scarico. Il modulo di
analisi c8000 è dotato di una pompa di scarico di tipo a soffietto o peristaltico.

Capitolo 1-72 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.70: Pompa (peristaltica) del liquido di scarico ad alta concentrazione

La pompa (peristaltica) del liquido di scarico ad alta concentrazione è collocata


sul retro, sotto il coperchio posteriore del modulo di analisi.

Vano delle soluzioni di rifornimento (c8000)


Il vano delle soluzioni di rifornimento è l'area prevista per la conservazione
onboard della soluzione di riferimento ICT e delle soluzioni di lavaggio alcalina
ed acida. Il volume di ciascuna delle soluzioni di rifornimento viene monitorato
da singoli sensori che ne rilevano il peso. Il sensore viene attivato non appena il
volume rimanente della soluzione raggiunge il 20% circa o quando viene
raggiunto l'allarme per livello scarso (funzione premium) configurato.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-73


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.71: Vano delle soluzioni di rifornimento (c8000)

Legenda:
1. Soluzione di riferimento ICT (Sistema c), pagina 1-187: viene aspirata e analizzata
dal modulo ICT prima e dopo ciascun campione e funge da potenziale riferimento
usato per calcolare i risultati.
2. Soluzione di lavaggio alcalina (Sistema c), pagina 1-188: utilizzata dal lavacuvette
per pulire le cuvette al termine dell'analisi dei campioni.
3. Soluzione di lavaggio acida (Sistema c), pagina 1-189: utilizzata dal lavacuvette per
pulire le cuvette al termine dell'analisi dei campioni.

Area delle siringhe dei campioni e reagenti (c8000)


Nell'area delle siringhe dei campioni e dei reagenti sono alloggiate le siringhe e
le rispettive guide dei campioni e dei reagenti. Ciascuna guida supporta una
siringa la cui funzione è quella di controllare l'aspirazione e la dispensazione di
campioni o reagenti.

Capitolo 1-74 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.72: Siringhe dei campioni e dei reagenti (c8000)

Legenda:
1. Siringa dei campioni: aspira e dispensa il campione.
2. Siringhe dei reagenti 1 e 2: aspirano e dispensano i reagenti.

Area di analisi (c16000)


Nell'area di analisi si svolgono le attività principali del modulo di analisi.
Campioni e reagenti vengono dispensati e miscelati in un carosello di reazione,
in cui ha luogo l'esecuzione del dosaggio.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-75


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.73: Componenti dell'area di analisi del sistema ARCHITECT c16000

Legenda:
1. Componenti hardware per campioni: garantiscono l'aspirazione, la dispensazione e
l'identificazione dei campioni.
2. Componenti hardware per reagenti: garantiscono l'aspirazione, la dispensazione e
l'identificazione dei reagenti.
3. Componenti hardware per il carosello di reazione: posizionano le cuvette per
l'aspirazione e la miscelazione di campioni e reagenti, per analisi fotometriche o
potenziometriche, nonché per il lavaggio delle cuvette.

Informazioni correlate...
• Componenti hardware per campioni (c16000), pagina 1-76
• Componenti hardware per reagenti (c16000), pagina 1-79
• Componenti hardware per il carosello di reazione (c16000), pagina 1-83

Componenti hardware per campioni (c16000)


I componenti hardware previsti per l'uso con i campioni sono dei dispositivi atti
all'aspirazione, alla dispensazione e all'identificazione dei campioni.
Figura 1.74: Componenti hardware per campioni (c16000)

Capitolo 1-76 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Legenda:
1. Carosello campioni: utilizzato per caricare campioni di pazienti, calibratori e
controlli.
2. Spie luminose: utilizzate per procurarsi l'accesso al carosello dei campioni nonché
per farlo avanzare.
3. Lettore del codice a barre del campione: legge l'ID del carosello e dei campioni.
4. Braccio di aspirazione dei campioni: aspira e dispensa i campioni nelle cuvette.
5. Coppetta per il lavaggio dell'ago campionatore: utilizzata per asportare il liquido
residuo adeso sia all'esterno che all'interno dell'ago e sul puntale.

Informazioni correlate...
• Carosello campioni (c16000), pagina 1-77
• Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio dell'ago
campionatore (c16000), pagina 1-78

Carosello campioni (c16000)


Il carosello dei campioni è un campionatore locale, dotato di 32 posizioni
refrigerate, utilizzato per caricare i campioni dei pazienti, i calibratori ed i
controlli previsti per l'uso in analisi di chimica clinica. Le posizioni 31 e 32 sono
riservate per le soluzioni caricate all'interno del sistema (onboard), utilizzate per
la funzione di lavaggio (SmartWash) e nell'ambito delle procedure di
manutenzione.
I campioni da caricare possono essere contenuti in una provetta o in una
coppetta. Le provette con campioni dei pazienti, calibratori e controlli possono
essere provviste di etichetta con codice a barre per facilitarne l'identificazione.
In condizioni operative normali, i campioni caricati sul carosello hanno la priorità
rispetto a quelli presenti sul campionatore robotico RSH (robotic sample
handler) o sul LAS (laboratory automation system). Nell'evenienza di un guasto
all'RSH o al LAS, il carosello dei campioni può essere utilizzato come area
principale per caricare i campioni da sottoporre ad analisi di chimica clinica.
Figura 1.75: Carosello dei campioni e spie luminose (c16000)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-77


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Legenda:
1. Carosello campioni: utilizzato per caricare campioni di pazienti, calibratori e
controlli.
2. Lettore del codice a barre dei campioni: legge l'ID del carosello e le etichette con
codice a barre applicate sulle provette dei campioni, calibratori e controlli.
3. Spia di accesso al carosello dei campioni (tasto quadrato): segnala all'operatore
quando è possibile accedere al carosello dei campioni e rappresenta un'alternativa
per interromperne provvisoriamente il funzionamento. Se la spia di accesso è:
– spenta (Off): il carosello dei campioni è in funzionamento e l'accesso non è
consentito.
– lampeggiante: è stato premuto il tasto della spia di accesso e il carosello dei
campioni sta entrando in pausa.
– accesa (On): si può accedere al carosello dei campioni.
4. Spia di avanzamento del carosello dei campioni (tasto rotondo): segnala
all'operatore quando è possibile fare avanzare il carosello dei campioni. Se la spia
di avanzamento è:
– accesa (On): si può far avanzare il carosello dei campioni.
– spenta (Off): è stato premuto il tasto della spia di avanzamento e il carosello
dei campioni sta avanzando di un 1/3 di rotazione oppure è chiuso.

Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio dell'ago


campionatore (c16000)
Il braccio di aspirazione dei campioni è un dispositivo per la rilevazione,
l'aspirazione, il trasferimento e la dispensazione dei campioni nelle cuvette.
Inoltre, ha anche la funzione di trasferire i campioni diluiti dalla cuvetta utilizzata
per la diluizione a quella riservata per la reazione. Il gruppo del braccio di
aspirazione dei campioni è dotato di un sistema di monitoraggio della pressione
e di rilevazione del livello del liquido che permette di riconoscere errori di
aspirazione.
La coppetta per il lavaggio dell'ago campionatore rappresenta una stazione di
lavaggio attiva, utilizzata per asportare il liquido residuo presente sia all'interno
che all'esterno dell'ago come pure sul puntale. Per evitare il carryover, l'ago
campionatore viene lavato ad ogni ciclo di aspirazione.

Capitolo 1-78 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.76: Braccio di aspirazione dei campioni e coppetta per il lavaggio


dell'ago campionatore (c16000)

Legenda:
1. Braccio di aspirazione del campione: aspira e dispensa i campioni nelle cuvette.
2. Coppetta di lavaggio dell'ago campionatore: asporta il liquido residuo adeso sia
all'esterno che all'interno dell'ago e sul puntale.

Componenti hardware per reagenti (c16000)


I componenti hardware previsti per l'uso con i reagenti sono dei dispositivi atti
all'aspirazione, alla dispensazione e all'identificazione dei reagenti.
Figura 1.77: Componenti hardware per reagenti (c16000)

Legenda:
1. Carosello dei reagenti 1 (R1): mantiene refrigerati i kit dei reagenti, i diluenti e le
soluzioni onboard.
2. Carosello dei reagenti 2 (R2): mantiene refrigerati i kit dei reagenti e le soluzioni
onboard.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-79


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

3. Bracci di aspirazione dei reagenti R1A e R1B e coppette di lavaggio: i bracci di


aspirazione sono previsti per l'aspirazione e la dispensazione dei reagenti nelle
cuvette. Le coppette di lavaggio sono previste per il lavaggio sia dell'esterno che
dell'interno dell'ago nonché del puntale.
4. Bracci di aspirazione dei reagenti R2A e R2B e coppette di lavaggio: i bracci di
aspirazione sono previsti per l'aspirazione e la dispensazione dei reagenti nelle
cuvette. Le coppette di lavaggio sono previste per il lavaggio sia dell'esterno che
dell'interno dell'ago nonché del puntale.
5. Lettori del codice a barre dei reagenti: leggono le etichette con codice a barre
bidimensionale (2D) apposte all'esterno dei reagenti preconfezionati Abbott o le
etichette con codice a barre 1D apposte all'esterno dei reagenti definiti
dall'operatore.

Informazioni correlate...
• Caroselli dei reagenti (c16000), pagina 1-80
• Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c16000), pagina 1-
82

Caroselli dei reagenti (c16000)


I caroselli dei reagenti (R1 e R2) sono caroselli refrigerati per la conservazione
onboard di:
• kit di reagenti
• diluenti del campione
• soluzioni onboard

Per ulteriori informazioni, fare riferimento alle sezioni Soluzioni onboard


(Sistema c), pagina 1-189 e Aree delle soluzioni onboard (c16000), pagina 1-
83.
I caroselli dei reagenti e i corrispettivi bracci di aspirazione vengono controllati
separatamente onde permettere ai reagenti di essere aspirati e dispensati da
ciascun braccio di aspirazione in modo completamente autonomo. Per garantire
una maggiore capacità analitica, il Sistema c16000 utilizza una funzione basata
su una linea doppia che permette di accoppiare i dosaggi per ciascuna serie
analitica. Il sistema aspira i reagenti per i due dosaggi: un dosaggio è destinato
su una linea A designata e l'altro su una linea B designata, nello stesso ciclo
analitico.
Entrambi i caroselli dei reagenti sono suddivisi in un carosello interno ed in uno
esterno, in grado di alloggiare un massimo di 56-65 cartucce di reagenti. La
posizione e la capacità di ciascun segmento del carosello sono riportate nella
seguente tabella.
Carosello Segmento Descrizione
Esterno Esterno A, B e C Un segmento dei reagenti a 12 posizioni previsto
(linea A) per cartucce di grandi dimensioni o un segmento
dei reagenti a 15 posizioni per cartucce di piccole
dimensioni. Il segmento A dei reagenti a 12
posizioni è dotato di tacca di riferimento per la
calibrazione dei bracci di aspirazione.

Capitolo 1-80 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Carosello Segmento Descrizione


Interno Interno D Un segmento dei reagenti a 20 posizioni previsto
(linea B) per cartucce di grandi dimensioni. Anche questo
segmento è dotato di tacca di riferimento per la
calibrazione dei bracci di aspirazione.

Le aree ombreggiate nella figura sottostante indicano la posizione dei segmenti


utilizzati per i reagenti della linea A (esterna). L'area non ombreggiata
rappresenta la posizione dei reagenti per la linea B (interna).
Figura 1.78: Posizioni della linea A e B sui caroselli dei reagenti

Per ulteriori informazioni sui segmenti dei reagenti disponibili, fare riferimento
alla sezione Segmenti dei reagenti (c16000), pagina 1-210.
Per facilitarne l'identificazione, i reagenti possono essere muniti di etichette con
codice a barre.
Figura 1.79: Caroselli dei reagenti a temperatura controllata (c16000)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-81


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Legenda:
1. Carosello dei reagenti 1 (R1): mantiene refrigerati i kit dei reagenti, le soluzioni
onboard e i diluenti.
2. Carosello dei reagenti 2 (R2): mantiene refrigerati i kit dei reagenti e le soluzioni
onboard.

Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio (c16000)


I bracci di aspirazione dei reagenti 1 (A e B) e 2 (A e B) sono dispositivi previsti
per la rilevazione, l'aspirazione, il trasferimento e la dispensazione dei reagenti
nelle cuvette. Il braccio di aspirazione dei reagenti 1 serve inoltre a trasferire i
diluenti dei campioni dal carosello dei reagenti 1 nelle cuvette utilizzate per la
diluizione dei campioni onboard.
Le coppette per il lavaggio dei bracci di aspirazione dei reagenti sono stazioni di
lavaggio attive in grado di asportare l'eventuale liquido residuo presente sia
all'esterno che all'interno dell'ago nonché sul puntale.
Figura 1.80: Bracci di aspirazione dei reagenti e coppette di lavaggio
(c16000)

Legenda:
1. Bracci di aspirazione dei reagenti R1A e R1B: aspirano e dispensano i reagenti
nelle cuvette.
2. Coppetta per il lavaggio del braccio di aspirazione dei reagenti 1: lava sia l'esterno
che l'interno dell'ago nonché il puntale.
3. Bracci di aspirazione dei reagenti R2A e R2B: aspirano e dispensano i reagenti
nelle cuvette.
4. Coppetta per il lavaggio del braccio di aspirazione dei reagenti 2: lava sia l'esterno
che l'interno dell'ago nonché il puntale.

Capitolo 1-82 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Aree delle soluzioni onboard (c16000)


Le soluzioni onboard sono soluzioni di lavaggio utilizzate per pulire gli aghi, i
miscelatori e le cuvette imputate alla funzione di lavaggio (SmartWash) e
nell'ambito delle procedure di manutenzione.
Queste soluzioni sono conservate nelle posizioni 1, 2 e 3 dei segmenti dei
reagenti C e D su entrambi i caroselli dei reagenti R1 e R2.

Componenti hardware per il carosello di reazione (c16000)


I componenti hardware del carosello di reazione sono dispositivi atti a
posizionare le cuvette onde permettere l'aspirazione e la miscelazione dei
campioni e dei reagenti, l'analisi fotometrica o potenziometrica nonché il
lavaggio delle cuvette.
Figura 1.81: Componenti hardware per il carosello di reazione (c16000)

Legenda:
1. Carosello di reazione: posiziona le cuvette per l'analisi dei campioni.
2. Segmenti delle cuvette: servono a tenere ferme le cuvette nel carosello di reazione.
3. Lampada: rappresenta la fonte luminosa per la misurazione fotometrica.
4. Unità di miscelazione: alloggia il miscelatore che miscela i campioni con i reagenti.
5. Lavacuvette: lava e asciuga le cuvette.
6. Unità ICT: esegue dosaggi potenziometrici (elettroliti) avvalendosi della tecnologia
ICT (Integrated Chip Technology).
7. Area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico: raccoglie l'acqua
fuoriuscita dal bagno di incubazione, l'acqua in eccesso dai bracci di aspirazione e
il liquido di scarico dalla coppetta della soluzione di riferimento ICT e dall'unità ICT.

Informazioni correlate...
• Carosello di reazione (c16000), pagina 1-84
• Segmenti delle cuvette (c16000), pagina 1-84
• Lampada (c16000), pagina 1-85
• Unità di miscelazione (c16000), pagina 1-85
• Lavacuvette (c16000), pagina 1-86
• Unità ICT (c16000), pagina 1-87

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-83


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

• Area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico (c16000), pagina


1-88

Carosello di reazione (c16000)


Il carosello di reazione è un dispositivo che:
• permette di realizzare diversi protocolli di analisi
• è composto da 15 segmenti di cuvette
• è circondato da un bagno di incubazione a 37°C
• ruota in senso antiorario per collocare le cuvette nelle seguenti posizioni:
– di dispensazione del campione
– di dispensazione del reagente R1
– di dispensazione del reagente R2
– di aspirazione dell'elettrolita ICT
– di miscelazione (2 posizioni)
– di lettura fotometrica
– di aspirazione del campione diluito

Figura 1.82: Carosello di reazione (c16000)

Segmenti delle cuvette (c16000)


I segmenti delle cuvette sono dei rack posti all'interno del carosello di reazione
in cui vengono sistemate le cuvette. Ciascun segmento delle cuvette è composto
da 11 coppie di cuvette (22 cuvette). Con 15 segmenti di cuvette, il carosello di
reazione contiene 165 coppie di cuvette per un totale di 330 cuvette (22 cuvette
x 15 segmenti di cuvette).

Capitolo 1-84 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.83: Segmento delle cuvette (c16000)

Lampada (c16000)
La lampada è un dispositivo ottico che funge da fonte luminosa per la
misurazione fotometrica.
Figura 1.84: Lampada (c16000)

Unità di miscelazione (c16000)


L'unità di miscelazione è un dispositivo composto da due coppie di miscelatori
(1A, 1B e 2A, 2B) che miscelano insieme campioni e reagenti.
• La coppia di miscelatori 1 (sul lato sinistro) mescola il campione (intero o
diluito) con il reagente 1.
• La coppia di miscelatori 2 (sul lato destro) mescola la miscela costituita da
campione e reagente 1 con il reagente 2.

Le parti esterne di ciascun miscelatore vengono lavate al termine di ogni ciclo di


miscelazione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-85


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.85: Unità di miscelazione e miscelatori (c16000)

Legenda:
1. Miscelatore 1: mescola il campione con il reagente 1.
2. Miscelatore 2: mescola la miscela data da campione + reagente 1 con il reagente
2.

Lavacuvette (c16000)
Il lavacuvette è un dispositivo dotato di otto coppie di ugelli che svolgono le
seguenti funzioni (da sinistra verso destra) prima e dopo l'uso di ciascuna
cuvetta:
• coppia di ugelli 1: aspira la miscela di campione e reagente e la elimina
• coppia di ugelli 2: dapprima dispensa la soluzione di lavaggio alcalina per
pulire la cuvetta e poi la aspira e la elimina
• coppia di ugelli 3: dapprima dispensa la soluzione di lavaggio acida per
pulire la cuvetta e poi la aspira e la elimina
• coppia di ugelli 4 e 5: dapprima dispensano acqua per sciacquare la
cuvetta e poi la aspirano e la eliminano
• coppia di ugelli 6: dispensa acqua nella cuvetta per la misurazione del
bianco dell'acqua, che assicura l'integrità della cuvetta
• coppia di ugelli 7: aspira e quindi elimina l'acqua rimasta nella cuvetta
• coppia di ugelli 8: asciuga la cuvetta

Capitolo 1-86 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.86: Lavacuvette (c16000)

Unità ICT (c16000)


L'unità ICT, composta dall'ago ICT e dal modulo ICT, è utilizzata per
l'esecuzione di analisi potenziometriche indirette. L'ago ICT aspira il campione
mentre il modulo ICT misura simultaneamente gli ioni Na+, K+ e Cl- tramite la
tecnologia ICT (Integrated Chip Technology).
Figura 1.87: Unità ICT (c16000)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-87


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Legenda:
1. Ago ICT: collegato al modulo ICT dell'unità ICT. L'ago ICT aspira il campione diluito
dalle cuvette oppure la soluzione di riferimento ICT dalla relativa coppetta e li
dispensa nel modulo ICT per l'analisi.
2. Modulo ICT: collocato nell'unità ICT. Il modulo ICT esegue dosaggi potenziometrici
(elettroliti) avvalendosi della tecnologia ICT (Integrated Chip Technology).
3. Coppetta della soluzione di riferimento ICT: situata in corrispondenza dell'ago ICT
quando l'unità ICT si trova in posizione iniziale. La coppetta della soluzione di
riferimento ICT contiene soluzione di riferimento preriscaldata che viene aspirata
dall'ago ICT e misurata dal modulo ICT. I sensori nella coppetta confermano il
riempimento completo della stessa e l'aspirazione di una quantità sufficiente di
soluzione durante la misurazione.
4. Anello di riscaldamento della soluzione di riferimento ICT: è un tubo di metallo
stretto posizionato nel bagno di incubazione. L'anello di riscaldamento della
soluzione di riferimento ICT riscalda la soluzione di riferimento a 37°C prima che
venga dispensata nella coppetta della soluzione di riferimento ICT.

Area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico (c16000)


L'area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico è un vano di
raccolta del liquido di scarico che riceve l'acqua fuoriuscita dal bagno di
incubazione, l'acqua in eccesso dai bracci di aspirazione e il liquido di scarico
proveniente dalla coppetta della soluzione di riferimento ICT e dall'unità ICT.
Il liquido di scarico proveniente dai bracci di aspirazione e dalla coppetta della
soluzione di riferimento ICT viene raccolto in un vano per il liquido di scarico a
bassa concentrazione e quindi rimosso mediante un apposito tubo. Il liquido di
scarico proveniente dall'unità ICT viene raccolto in un vano per il liquido di
scarico ad alta concentrazione e quindi rimosso attraverso un apposito tubo.
Figura 1.88: Area di tracimazione bagno di incubazione/liquido di scarico
(c16000)

Capitolo 1-88 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Legenda:
1. Tubo per R1 (A e B): convoglia l'acqua deionizzata in eccesso dai bracci di
aspirazione dei reagenti 1 al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa
concentrazione.
2. Tubo per campione: convoglia l'acqua deionizzata in eccesso dal braccio di
aspirazione del campione al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa
concentrazione.
3. Tubo per R2A: convoglia l'acqua deionizzata in eccesso dai bracci di aspirazione
dei reagenti 2 al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa concentrazione.
4. Tubo della soluzione di lavaggio alcalina: convoglia la soluzione di lavaggio alcalina
diluita dalla pompa per la soluzione di lavaggio nel vano di raccolta del liquido di
scarico a bassa concentrazione.
5. Tubo per il liquido di scarico a bassa concentrazione proveniente dalla coppetta
della soluzione di riferimento ICT: convoglia il liquido di scarico dalla coppetta della
soluzione di riferimento ICT al vano di raccolta del liquido di scarico a bassa
concentrazione.
6. Tubo per il liquido di scarico ad alta concentrazione proveniente dall'unità ICT:
convoglia il liquido di scarico dall'unità ICT nel vano di raccolta del liquido di
scarico ad alta concentrazione.
7. Tubo per R2B: convoglia l'acqua deionizzata nel bagno incubatore per compensare
la perdita di acqua durante le normali attività di analisi.

Vano di rifornimento e delle pompe (c16000)


Il vano di rifornimento e delle pompe è l'area del modulo di analisi in cui
vengono conservate le pompe, le soluzioni di rifornimento nonché le siringhe e
le unità dei campioni e reagenti.
Figura 1.89: Vano di rifornimento e delle pompe (c16000)

Legenda:
1. Area delle siringhe dei campioni e dei reagenti: alloggia le siringhe e le rispettive
guide dei campioni e reagenti.
2. Vano delle pompe: alloggia le pompe del modulo di analisi.
3. Vano delle soluzioni di rifornimento: permette la conservazione onboard della
soluzione di riferimento ICT e delle soluzioni di lavaggio alcalina ed acida.

La sezione dedicata al vano di rifornimento e delle pompe (c16000) passa in


rassegna i seguenti argomenti:
• Vani delle pompe (c16000), pagina 1-90
• Vano delle soluzioni di rifornimento (c16000), pagina 1-91

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-89


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

• Area delle siringhe del campione e dei reagenti (c16000), pagina 1-92

Vani delle pompe (c16000)


I vani delle pompe sono le aree in cui sono alloggiate le pompe del modulo di
analisi. Grazie a queste pompe, viene fornita la pressione necessaria per
aspirare e dispensare i liquidi all'interno dei rispettivi componenti del modulo di
analisi nonché all'interno delle siringhe dei campioni e reagenti.
Nel vano delle pompe sulla parte anteriore del modulo di analisi sono alloggiate
le pompe di lavaggio dell'ago, della soluzione di lavaggio e per il lavaggio delle
cuvette.
Figura 1.90: Vano delle pompe c16000 (vista anteriore)

Legenda:
1. Pompe di lavaggio degli aghi: utilizzano acqua purificata per sciacquare gli aghi del
campione e dei reagenti.
2. Pompa della soluzione di lavaggio: provvede a rifornire le cuvette con le soluzioni
alcalina ed acida diluite durante le normali operazioni quotidiane nonché nell'ambito
delle procedure di manutenzione.
3. Pompa di lavaggio delle cuvette: fornisce acqua purificata al lavacuvette.

Nel vano delle pompe nella parte posteriore del modulo di analisi sono alloggiate
le pompe ICT e per il liquido di scarico ad alta concentrazione.

Capitolo 1-90 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.91: Vani delle pompe c16000 (vista posteriore)

Legenda:
1. Pompa di aspirazione ICT: utilizza la siringa sulla destra per dispensare i campioni
o la soluzione di riferimento ICT nel modulo ICT per la misurazione. Una volta
effettuata la misurazione, la pompa di aspirazione ICT utilizza la siringa sulla
sinistra per aspirare il liquido di scarico dall'area di tracimazione bagno di
incubazione/liquidi di scarico e convogliarlo nel tubo del liquido di scarico ad alta
concentrazione. La valvola di aspirazione ICT controlla la direzione del flusso del
liquido mentre la pompa di aspirazione ICT continua la sua attività.
2. Pompa della soluzione di riferimento ICT: utilizza la siringa sulla destra per
dispensare la soluzione di riferimento ICT nella corrispettiva coppetta. Una volta
misurata la soluzione di riferimento, la pompa della soluzione di riferimento ICT
utilizza la siringa sulla sinistra per raccogliere tutto il liquido presente nella
coppetta.
3. Pompa di scarico dei rifiuti ad alta concentrazione: insieme al lavacuvette, aspira il
liquido di scarico dalle cuvette e lo convoglia nel contenitore opzionale
appositamente previsto per la raccolta dei rifiuti ad alta concentrazione oppure lo fa
defluire direttamente nei tubi di scarico.

Vano delle soluzioni di rifornimento (c16000)


Il vano delle soluzioni di rifornimento è l'area prevista per la conservazione
onboard della soluzione di riferimento ICT e delle soluzioni di lavaggio alcalina
ed acida. Il volume di ciascuna delle soluzioni di rifornimento viene monitorato
da singoli sensori che ne rilevano il peso. Il sensore viene attivato non appena il
volume rimanente della soluzione raggiunge il 20% circa o quando viene
raggiunto l'allarme per livello scarso (funzione premium) configurato.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-91


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.92: Vano delle soluzioni di rifornimento (c16000)

Legenda:
1. Soluzione di riferimento ICT (Sistema c), pagina 1-187: viene aspirata e analizzata
dal modulo ICT prima e dopo ciascun campione e funge da potenziale riferimento
usato per calcolare i risultati.
2. Soluzione di lavaggio alcalina (Sistema c), pagina 1-188: utilizzata dal lavacuvette
per pulire le cuvette al termine dell'analisi dei campioni.
3. Soluzione di lavaggio acida (Sistema c), pagina 1-189: utilizzata dal lavacuvette per
pulire le cuvette al termine dell'analisi dei campioni.

Area delle siringhe del campione e dei reagenti (c16000)


Nell'area delle siringhe dei campioni e dei reagenti sono alloggiate le siringhe e
le rispettive guide dei campioni e dei reagenti. Ciascuna guida supporta una
siringa la cui funzione è quella di controllare l'aspirazione e la dispensazione di
campioni o reagenti.

Capitolo 1-92 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.93: Siringhe del campione e dei reagenti (c16000)

Legenda:
1. Siringa del campione: aspira e dispensa il campione.
2. Siringhe del reagente R1 (A e B): aspirano e dispensano il reagente.
3. Siringhe del reagente R2 (A e B): aspirano e dispensano il reagente.

Moduli di analisi (Sistema i)


I moduli di analisi del Sistema i eseguono tutte le attività relative all'analisi dei
campioni, dall'aspirazione alla lettura finale.
La sezione dedicata ai moduli di analisi (Sistema i) passa in rassegna i seguenti
argomenti:
• Modulo di analisi i2000, pagina 1-94
• Modulo di analisi i2000SR , pagina 1-97
• Tastiera del modulo di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-99
• Modulo di analisi i1000SR , pagina 1-100
• Area di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-102

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-93


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

• Vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i2000/i2000SR), pagina 1-120


• Area di analisi (i1000SR), pagina 1-129
• Vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i1000SR), pagina 1-142

Modulo di analisi i2000


Un modulo di analisi i2000 è un analizzatore che esegue dosaggi immunologici.
È in grado di processare un massimo di 200 test CMIA (dosaggi immunologici
chemiluminescenti a cattura di microparticelle) all'ora, utilizzando fino a 25 kit di
reagenti onboard (100 e/o 500 test) conservati nell'area a temperatura
controllata del carosello dei reagenti.
Il modulo di analisi i2000 può essere configurato con il campionatore SSH
(standard sample handler, campionatore standard) o con il campionatore con
carosello LAS (Laboratory Automation System). Segue un'elencazione di quanto
verrà illustrato nelle seguenti figure:
• Modulo di analisi i2000 (vista anteriore - SSH), pagina 1-94
• Modulo di analisi i2000 (vista posteriore - SSH), pagina 1-95
• Modulo di analisi i2000 (vista anteriore - campionatore con carosello LAS),
pagina 1-96
• Modulo di analisi i2000 (vista posteriore - campionatore con carosello LAS),
pagina 1-97

Figura 1.94: Modulo di analisi i2000 (vista anteriore - SSH)

Legenda:
1. Coperchio anteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Tastiera del modulo di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-99: funge per l'operatore
da interfaccia locale utile per controllare l'area di analisi.

Capitolo 1-94 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

3. Sportello del vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti: consente di accedere


all'area di stoccaggio delle soluzioni di rifornimento nonché all'area in cui vengono
raccolti i rifiuti solidi.
4. Sportello del cestello portaschede: consente l'accesso al cestello portaschede.

Figura 1.95: Modulo di analisi i2000 (vista posteriore - SSH)

Legenda:
1. Coperchio posteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Pannello di accesso posteriore all'area di analisi: permette l'accesso ai componenti
dell'area di analisi.
3. Pannello dell'alimentazione elettrica: permette l'accesso ai componenti per
l'erogazione dell'energia elettrica.
4. Pannello del vano delle pompe: permette l'accesso alle pompe e al sistema del
vuoto.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-95


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.96: Modulo di analisi i2000 (vista anteriore - campionatore con


carosello LAS)

Legenda:
1. Coperchio anteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Tastiera del modulo di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-99: funge per l'operatore
da interfaccia locale utile per controllare l'area di analisi.
3. Coperchio del braccio di aspirazione dei campioni: funge da protezione per il
braccio di aspirazione dei campioni durante lo spostamento verso il binario LAS.
4. Sportello del vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti: consente di accedere
all'area di stoccaggio delle soluzioni di rifornimento nonché all'area in cui vengono
raccolti i rifiuti solidi.
5. Sportello del cestello portaschede: consente l'accesso al cestello portaschede.

Capitolo 1-96 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.97: Modulo di analisi i2000 (vista posteriore - campionatore con


carosello LAS)

Legenda:
1. Coperchio posteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Pannello di accesso posteriore all'area di analisi: permette l'accesso ai componenti
dell'area di analisi.
3. Pannello dell'alimentazione elettrica: permette l'accesso ai componenti per
l'erogazione dell'energia elettrica.
4. Pannello del vano delle pompe: permette l'accesso alle pompe ed al sistema del
vuoto.

Informazioni correlate...
• Area di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-102
• Vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i2000/i2000SR), pagina 1-120
• Componenti facoltativi, pagina 1-154
• Sistema ARCHITECT i2000, pagina 1-6

Modulo di analisi i2000SR


Un modulo di analisi i2000SR è un analizzatore che esegue dosaggi
immunologici. È in grado di processare un massimo di 200 test CMIA (dosaggi
immunologici chemiluminescenti a cattura di microparticelle) all'ora, utilizzando
fino a 25 kit di reagenti onboard (100 e/o 500 test) conservati nell'area a
temperatura controllata del carosello dei reagenti, ed è dotato della funzione di
processamento Stat (urgenze).

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-97


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Il campionatore utilizzato con il modulo di analisi i2000SR è il campionatore


robotico (RSH) che posiziona automaticamente i campioni in vista della
ripetizione dell'analisi (retest).
Il modulo di analisi i2000SR può anche essere configurato con un LAS
(laboratory automation system).
Figura 1.98: Modulo di analisi i2000SR (vista anteriore - RSH)

Legenda:
1. Coperchio anteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Tastiera del modulo di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-99: funge per l'operatore
da interfaccia locale utile per controllare l'area di analisi.
3. Sportello del vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti: consente di accedere
all'area di stoccaggio delle soluzioni di rifornimento nonché all'area in cui vengono
raccolti i rifiuti solidi.
4. Sportello del cestello portaschede: consente l'accesso al cestello portaschede.
5. Sportello di accesso alla CPU: consente di accedere alla CPU a seconda della
configurazione del modulo.

Capitolo 1-98 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.99: Modulo di analisi i2000SR (vista posteriore - RSH)

Legenda:
1. Coperchio posteriore dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che
eseguono le operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Pannello di accesso posteriore all'area di analisi: permette l'accesso ai componenti
dell'area di analisi.
3. Pannello dell'alimentazione elettrica: permette l'accesso ai componenti per
l'erogazione dell'energia elettrica.
4. Pannello del vano delle pompe: permette l'accesso alle pompe ed al sistema del
vuoto.

Informazioni correlate...
• Area di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-102
• Vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i2000/i2000SR), pagina 1-120
• Componenti facoltativi, pagina 1-154
• Sistema integrato ARCHITECT, pagina 1-2
• Sistema ARCHITECT i2000SR , pagina 1-7

Tastiera del modulo di analisi (i2000/i2000SR)


La tastiera del modulo di analisi, situata sul lato sinistro del modulo stesso, è un
dispositivo di immissione utilizzato dall'operatore per sovrintendere alle attività
dell'area di analisi.
ATTENZIONE: Parti in movimento. La spia di accesso non si spegne
quando lo strumento è in stato di manutenzione. Quando viene eseguita
una procedura diagnostica o di manutenzione, il coperchio del modulo di
analisi può essere aperto, ma tali operazioni possono esporre gli
operatori a parti in movimento che potrebbero rappresentare un pericolo

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-99


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

per l'incolumità fisica. Procedere con cautela quando si apre il


coperchio. Fare riferimento al proposito alla sezione Rischi meccanici,
pagina 8-16.
Figura 1.100: Tastiera di un modulo di analisi i2000/i2000SR

Legenda:
1. Tasto Avvio:
– permette di azionare il modulo di analisi portandolo nello stato In corso e
preparandolo per la ricezione dei campioni.
– mette in funzione l'area di analisi dei campioni dopo una pausa programmata.
2. Tasto di avanzamento del carosello: consente di allineare il carosello dei reagenti e
di farlo avanzare di cinque posizioni per facilitare il caricamento dei reagenti.
3. Spia di accesso: se accesa, indica che il modulo di analisi si trova nello stato
Riscaldamento o Pronto e che è quindi possibile accedere al carosello dei reagenti.
NOTA: Fare riferimento all'indicazione di Attenzione all'inizio della presente sezione.
4. Tasto Stop: blocca ogni attività all'interno del modulo di analisi senza però
interrompere l'alimentazione elettrica.
5. Tasti L1, L2, L3, L4: usati per eseguire alcune procedure di diagnostica e di
manutenzione.

Modulo di analisi i1000SR


i1000SR è un analizzatore che esegue dosaggi immunologici. È in grado di
processare un massimo di 100 test CMIA (dosaggi immunologici
chemiluminescenti a cattura di microparticelle) all'ora, utilizzando il protocollo
STAT (urgenze) one step 11. È in grado di caricare fino a 25 kit di reagenti
onboard (100 test) conservati nell'area a temperatura controllata del carosello
dei reagenti, ed è dotato della funzione di processamento Stat (urgenze).

Capitolo 1-100 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.101: Modulo di analisi i1000SR (vista anteriore)

Legenda:
1. Coperchio dell'area di analisi: permette di accedere ai componenti che eseguono le
operazioni relative all'esecuzione del dosaggio.
2. Braccio articolato CCS: consente l'accesso a monitor, tastiera e mouse del CCS.
3. Sportello del vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti: consente di accedere
all'area di stoccaggio delle soluzioni di rifornimento nonché all'area in cui vengono
raccolti i rifiuti.
4. Cestello portaschede e sportello centrale del CCS: consente l'accesso al cestello
portaschede e ai componenti del CCS.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-101


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.102: Modulo di analisi i1000SR (vista posteriore)

Legenda:
1. Pannello posteriore CCS: consente l'accesso ai connettori presenti sul pannello
posteriore della CPU del CCS.
2. Pannello posteriore del cestello portaschede: consente l'accesso alla scheda
principale del cestello portaschede e all'alimentazione elettrica.
3. Pannello posteriore della fluidica: consente l'accesso ai componenti della fluidica.

Informazioni correlate...
• Area di analisi (i1000SR), pagina 1-129
• Vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i1000SR), pagina 1-142
• Componenti facoltativi, pagina 1-154
• Sistema integrato ARCHITECT, pagina 1-2
• Sistema ARCHITECT i1000SR, pagina 1-9

Area di analisi (i2000/i2000SR)


Nell'area di analisi si svolgono le attività principali del modulo di analisi.
Campioni e reagenti vengono dispensati e miscelati nelle cartucce di reazione
lungo il percorso di analisi, in cui ha luogo l'esecuzione del dosaggio.

Capitolo 1-102 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.103: Componenti hardware dell'area di analisi del Sistema


ARCHITECT i2000/i2000SR)

Legenda:
1. Componenti hardware per campioni (i2000/i2000SR), pagina 1-104: permettono
l'aspirazione e la dispensazione dei campioni.
2. Componenti hardware per reagenti (i2000/i2000SR), pagina 1-107: permettono
l'aspirazione e la dispensazione dei reagenti.
3. Componenti hardware del percorso di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-111:
posizionano le cartucce di reazione onde permettere l'aspirazione e la miscelazione
dei reagenti nonché le fasi di lavaggio e l'esecuzione delle analisi CMIA.

Informazioni correlate...
• Mappa dell'area di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-103

Mappa dell'area di analisi (i2000/i2000SR)


Le mappe dell'area di analisi sono collocate all'interno dei coperchi, sia quello
anteriore che quello posteriore, dell'area di analisi di un Sistema ARCHITECT
i2000/i2000SR ed hanno la funzione di facilitare la localizzazione dei componenti
nell'ambito delle procedure di sostituzione dei componenti o di individuazione e
soluzione di problemi eventualmente verificatesi con i moduli di analisi. Sulla
mappa ciascun componente è contraddistinto da una lettera e/o da un numero.
Il modulo di analisi i2000SR è dotato di ulteriori componenti, evidenziati sulla
mappa in rosa (ST, STW, VTXST, STD, STS). Questi componenti vengono
utilizzati durante l'analisi dei protocolli di dosaggio STAT (urgenze).

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-103


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.104: Mappa dell'area di analisi (i2000/i2000SR)

Per la descrizione di ciascun componente, fare riferimento alla sezione


Componenti hardware per campioni (i2000/i2000SR), pagina 1-104, Componenti
hardware per reagenti (i2000/i2000SR), pagina 1-107, o Componenti hardware
del percorso di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-111.

Componenti hardware per campioni (i2000/i2000SR)


I componenti hardware previsti per l'uso con i campioni sono dei dispositivi atti
all'aspirazione e alla dispensazione dei campioni.

Capitolo 1-104 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.105: Componenti hardware dell'area di analisi relativi ai campioni


(i2000/i2000SR)

Legenda:
1. Bracci di aspirazione dei campioni e STAT (i2000/i2000SR), pagina 1-105 (S e ST):
aspirano e dispensano i campioni nelle cartucce di reazione (RV).
2. Siringhe dei campioni e STAT (i2000/i2000SR), pagina 1-106 (SS e STS):
controllano l'aspirazione e la dispensazione dei campioni.
3. Stazioni di lavaggio dei campioni e STAT (i2000/i2000SR), pagina 1-107 (SW e
STW): utilizzate per asportare il liquido residuo adeso all'interno dell'ago e sul
puntale.

La sezione riguardante i componenti hardware campioni (i2000/i2000SR) tratta i


seguenti argomenti:
• Bracci di aspirazione dei campioni e STAT (i2000/i2000SR), pagina 1-105
• Siringhe dei campioni e STAT (i2000/i2000SR), pagina 1-106
• Stazioni di lavaggio dei campioni e STAT (i2000/i2000SR), pagina 1-107
Bracci di aspirazione dei campioni e STAT (i2000/i2000SR)
I bracci di aspirazione dei campioni e STAT (indicati rispettivamente con le
lettere S e ST sulla mappa dell'area di analisi) sono dei dispositivi atti alla
rilevazione, aspirazione, trasferimento e dispensazione dei campioni nelle
cartucce di reazione. Il braccio di aspirazione dei campioni trasferisce inoltre i
campioni pretrattati in una nuova cartuccia di reazione dopo il periodo di
incubazione richiesto. Questi bracci di aspirazione sono dotati di un sistema di
monitoraggio della pressione e di rilevazione del livello del liquido che permette
di riconoscere errori di aspirazione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-105


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.106: Bracci di aspirazione dei campioni e STAT (i2000/i2000SR)

Legenda:
1. Braccio di aspirazione del campione
2. Braccio di aspirazione STAT

Siringhe dei campioni e STAT (i2000/i2000SR)


Le siringhe dei campioni e STAT (contrassegnate rispettivamente dalle lettere
SS e STS sulla mappa dell'area di analisi) sono dei dispositivi che controllano
l'aspirazione e la dispensazione dei campioni.
Figura 1.107: Esempio di una siringa dei campioni o STAT (i2000/i2000SR)

Capitolo 1-106 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Stazioni di lavaggio dei campioni e STAT (i2000/i2000SR)


Le stazioni di lavaggio dei campioni e STAT (contraddistinte rispettivamente
dalle lettere SW e STW sulla mappa dell'area di analisi) sono stazioni di
lavaggio passive in cui gli aghi campionatore e STAT garantiscono l'eliminazione
di campione in eccesso e il liquido residuo viene rimosso all'interno dell'ago e
sul puntale.
Figura 1.108: Esempio di una stazione di lavaggio dei campioni o STAT
(i2000/i2000SR)

Componenti hardware per reagenti (i2000/i2000SR)


I componenti hardware previsti per l'uso con i reagenti sono dei dispositivi atti
all'aspirazione, alla dispensazione e all'identificazione dei reagenti.
Figura 1.109: Componenti hardware del modulo di analisi relativi ai reagenti
(i2000/i2000SR)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-107


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Legenda:
1. Carosello dei reagenti: refrigerato e con monitoraggio della temperatura, serve a
conservare i kit dei reagenti. Fare riferimento alla sezione Carosello dei reagenti e
lettore del codice a barre (i2000/i2000SR), pagina 1-108.
2. Lettore del codice a barre dei reagenti: legge le etichette con codice a barre 2D
(bidimensionale) apposte sui flaconi dei reagenti. Fare riferimento alla sezione
Carosello dei reagenti e lettore del codice a barre (i2000/i2000SR), pagina 1-108.
3. Bracci di aspirazione dei reagenti (i2000/i2000SR), pagina 1-109 (R1 e R2): aspirano
e dispensano i reagenti nelle cartucce di reazione (RV).
4. Siringhe dei reagenti (i2000/i2000SR), pagina 1-110 (R1S e R2S): aspirano e
dispensano i reagenti.
5. Stazioni di lavaggio dei reagenti (i2000/i2000SR), pagina 1-110 (R1W e R2W):
eliminano il liquido residuo adeso all'interno dell'ago e sulle superfici esterne.

La sezione Componenti hardware per reagenti (i2000/i2000SR) passa in


rassegna i seguenti argomenti:
• Carosello dei reagenti e lettore del codice a barre (i2000/i2000SR), pagina 1-
108
• Bracci di aspirazione dei reagenti (i2000/i2000SR), pagina 1-109
• Siringhe dei reagenti (i2000/i2000SR), pagina 1-110
• Stazioni di lavaggio dei reagenti (i2000/i2000SR), pagina 1-110
Carosello dei reagenti e lettore del codice a barre (i2000/i2000SR)
Il carosello dei reagenti è un dispositivo di rotazione che presenta le seguenti
caratteristiche:
• contiene un massimo di 25 kit di reagenti (75 flaconi singoli) provvisti di
codice a barre, conservati in un'aerea refrigerata ed a temperatura
controllata.
• è suddiviso in tre anelli contraddistinti da un colore diverso che corrisponde
alla striscia colorata delle etichette applicate sulla parte superiore dei
flaconi dei reagenti.
• garantisce la sospensione delle microparticelle grazie alla rotazione
ininterrotta dei rispettivi flaconi.
• ruota in modo tale da collocare i flaconi nelle posizioni predisposte per
l'aspirazione e la dispensazione dei reagenti.

Capitolo 1-108 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.110: Carosello dei reagenti (i2000/i2000SR)

Bracci di aspirazione dei reagenti (i2000/i2000SR)


I bracci di aspirazione dei reagenti (identificati dalle lettere R1 e R2 sulla mappa
dell'area di analisi) sono dispositivi per la rilevazione, l'aspirazione, il
trasferimento e la dispensazione dei reagenti nelle cartucce di reazione. Ogni
braccio di dispensazione dei reagenti è dotato di un sistema di monitoraggio
della pressione e di rilevazione del livello del liquido che permette di riconoscere
errori di aspirazione.
Figura 1.111: Braccio di aspirazione dei reagenti (R1 - i2000/i2000SR)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-109


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.112: Braccio di aspirazione dei reagenti (R2 - i2000/i2000SR)

Siringhe dei reagenti (i2000/i2000SR)


Le siringhe dei reagenti (evidenziate dalle lettere R1S e R2S sulla mappa
dell'area di analisi) sono dispositivi preposti al controllo dell'aspirazione e della
dispensazione dei reagenti.
Figura 1.113: Esempio di una siringa dei reagenti (R1 o R2 - i2000/i2000SR)

Stazioni di lavaggio dei reagenti (i2000/i2000SR)


Le stazioni di lavaggio dei reagenti (segnalate dalle lettere R1W e R2W sulla
mappa dell'area di analisi) sono stazioni di lavaggio attive che eliminano
l'eventuale liquido residuo presente sia all'interno dell'ago che sulle superfici

Capitolo 1-110 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

esterne. Inoltre, un generatore di vuoto asciuga l'esterno dell'ago. In questa


stazione di lavaggio viene anche lavata ed asciugata la parte dell'ago che viene
inserita nel flacone di reagente.
Figura 1.114: Esempio di una stazione di lavaggio dei reagenti (R1 o R2 -
i2000/i2000SR)

Componenti hardware del percorso di analisi (i2000/i2000SR)


Il percorso di analisi è un binario circolare coperto sul quale si trovano le
stazioni di incubazione, di aspirazione e di lavaggio richieste dal protocollo di
analisi. Lungo il percorso di analisi le cartucce di reazione (RV) avanzano ad
intervalli di 18 secondi e vengono scaricate nelle posizioni stabilite affinché
abbia luogo la reazione CMIA. Per ulteriori informazioni sulla reazione CMIA,
fare riferimento alla sezione Tecnologia CMIA e sequenza di reazione, pagina 3-
27

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-111


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.115: Componenti hardware del percorso di analisi (i2000/i2000SR)

Legenda:
1. Deviatore di carico (i2000/i2000SR), pagina 1-113 (LD): sposta le cartucce richieste
per l'analisi dal binario interno a quello esterno del percorso di analisi.
2. Sportello di accesso alle cartucce di reazione (RV) (i2000/i2000SR), pagina 1-114
(RVA): utilizzato solo a scopi di diagnostica. Consente l'accesso ad una posizione
del binario esterno.
3. Caricatore e contenitore delle cartucce di reazione (i2000/i2000SR), pagina 1-114
(RVL): permette la conservazione onboard delle cartucce e le trasporta lungo il
percorso di analisi.
4. Deviatore STAT (i2000SR), pagina 1-115 (STD): sposta le cartucce, richieste per le
analisi di urgenza (STAT) e presenti su un modulo di analisi i2000SR, dal binario
interno a quello esterno del percorso di analisi.
5. Miscelatori Vortex (i2000/i2000SR), pagina 1-115 (VTX1, VTX2, VTX3 e VTXST):
miscelano la miscela di reazione onde assicurare la risospensione delle
microparticelle.
6. Deviatore delle aree di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-116 (WZD): convoglia le
cartucce di reazione verso uno dei due percorsi. Lungo uno dei due percorsi le
cartucce vengono trasportate fino all'area di lavaggio in cui ha effettivamente luogo
il lavaggio, mentre lungo l'altro percorso le cartucce vengono fatte avanzare fino a
superare l'area di lavaggio.
7. Testate delle aree di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-116 (WZ1, WZ2):
dispensano il tampone di lavaggio e rimuovono ed eliminano l'analita non legato
dalla miscela di reazione nella cartuccia di reazione.
8. Motore del percorso di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-117 (PPM): fa ruotare il
disco del percorso di analisi, che mantiene in posizione le cartucce di reazione, e
sposta queste ultime di posizione in posizione.
9. Testata pre-trigger/trigger (i2000/i2000SR), pagina 1-118 (PT/T): dispensa dapprima
la soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e successivamente quella di attivazione
(Trigger) nella cartuccia di reazione.

Capitolo 1-112 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

10. Lettore CMIA (i2000/i2000SR), pagina 1-118 (CMIA): misura l'emissione


chemiluminescente proveniente dalla cartuccia di reazione e genera dati
corrispondenti alla quantità di luce rilevata.
11. Braccio del liquido di scarico (i2000/i2000SR), pagina 1-119 (A): rimuove il liquido
dalle cartucce di reazione prima di scaricarle nel contenitore per rifiuti solidi.
12. Espulsore delle cartucce di reazione (i2000/i2000SR), pagina 1-119 (UL): rimuove le
cartucce usate dal percorso di analisi e le scarica nel contenitore dei rifiuti solidi al
termine del test.

La sezione riguardante i componenti hardware del percorso di analisi (i2000/


i2000SR) passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Deviatore di carico (i2000/i2000SR), pagina 1-113
• Sportello di accesso alle cartucce di reazione (RV) (i2000/i2000SR), pagina 1-
114
• Caricatore e contenitore delle cartucce di reazione (i2000/i2000SR), pagina 1-
114
• Deviatore STAT (i2000SR), pagina 1-115
• Miscelatori Vortex (i2000/i2000SR), pagina 1-115
• Deviatore delle aree di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-116
• Testate delle aree di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-116
• Motore del percorso di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-117
• Testata pre-trigger/trigger (i2000/i2000SR), pagina 1-118
• Lettore CMIA (i2000/i2000SR), pagina 1-118
• Braccio del liquido di scarico (i2000/i2000SR), pagina 1-119
• Espulsore delle cartucce di reazione (i2000/i2000SR), pagina 1-119
Deviatore di carico (i2000/i2000SR)
Il deviatore di carico (indicato dalle lettere LD sulla mappa dell'area di analisi) è
un dispositivo che sposta le cartucce di reazione richieste per le analisi di
routine dal binario interno a quello esterno del percorso di analisi.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-113


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.116: Deviatore di carico (i2000/i2000SR)

Sportello di accesso alle cartucce di reazione (RV) (i2000/i2000SR)


Lo sportello di accesso alle cartucce di reazione (identificato dalle lettere RVA
sulla mappa dell'area di analisi) è un'apertura tramite la quale è possibile
accedere ad una posizione sul binario esterno. Utilizzare questo sportello
unicamente a scopi di diagnosi del sistema ed accertarsi che resti sempre
chiuso durante il funzionamento del sistema.
Figura 1.117: Sportello di accesso alle cartucce di reazione (i2000/i2000SR)

Caricatore e contenitore delle cartucce di reazione (i2000/i2000SR)


L'unità costituita dal caricatore e dal contenitore delle cartucce di reazione
(contrassegnata dalle lettere RVL sulla mappa dell'area di analisi) è un
dispositivo che permette la conservazione onboard delle cartucce nonché il loro
trasporto lungo il percorso di analisi.

Capitolo 1-114 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.118: Caricatore e contenitore delle cartucce di reazione (i2000/


i2000SR)

Deviatore STAT (i2000SR)


Il deviatore STAT (segnalato dalle lettere STD sulla mappa dell'area di analisi) è
un dispositivo che sposta le cartucce di reazione, richieste per le urgenze, dal
binario interno a quello esterno del percorso di analisi.
Figura 1.119: Deviatore STAT ( i2000SR)

Miscelatori Vortex (i2000/i2000SR)


I miscelatori Vortex (corrispondenti alle lettere VTX1, VTX2, VTX3 e VTXST
sulla mappa dell'area di analisi) sono dispositivi atti a mescolare la miscela di
reazione onde riportare in sospensione le microparticelle. La miscelazione al
Vortex delle cartucce di reazione ha luogo lungo il percorso di analisi.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-115


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.120: Miscelatori Vortex (i2000/i2000SR)

Deviatore delle aree di lavaggio (i2000/i2000SR)


Il deviatore delle aree di lavaggio (identificato con WZD sulla mappa dell'area di
analisi) è un dispositivo che convoglia le cartucce di reazione (RV) verso uno di
due percorsi. Lungo uno dei due percorsi le cartucce vengono trasportate fino
all'area di lavaggio in cui ha effettivamente luogo il lavaggio, mentre lungo l'altro
percorso le cartucce vengono fatte avanzare fino a superare l'area di lavaggio.
Figura 1.121: Deviatore delle aree di lavaggio (i2000/i2000SR)

Testate delle aree di lavaggio (i2000/i2000SR)


Le testate delle aree di lavaggio (indicate dalle lettere WZ1 e WZ2 sulla mappa
dell'area di analisi) sono dispositivi che servono a rimuovere ed eliminare
l'analita non legato dalla miscela di reazione nella cartuccia di reazione. Ogni
area di lavaggio ha quattro posizioni in cui si svolgono le seguenti operazioni:

Capitolo 1-116 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

• posizione 1: un magnete attira le microparticelle paramagnetiche sulla


parete della cartuccia di reazione, dopodiché il tampone di lavaggio viene
dispensato nella cartuccia di reazione tramite un ugello di dispensazione.
• posizioni 2 e 3: mentre si abbassano sul fondo della cartuccia di reazione,
negli aghi delle aree di lavaggio viene generato il vuoto. Inoltre, gli ugelli
dispensano tampone di lavaggio nella cartuccia di reazione. In queste
posizioni hanno luogo cicli addizionali di lavaggio e aspirazione.
• posizione 4: il liquido di scarico viene aspirato dalla cartuccia di reazione
tramite un ago delle aree di lavaggio.

Figura 1.122: Testata dell'area di lavaggio (WZ1 - i2000/i2000SR)

Motore del percorso di analisi (i2000/i2000SR)


Il motore del percorso di analisi (contraddistinto dalle lettere PPM sulla mappa
dell'area di analisi) è un dispositivo che fa ruotare il disco del percorso di
analisi, che a sua volta mantiene in posizione le cartucce di reazione e le fa
avanzare di posizione in posizione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-117


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.123: Motore del percorso di analisi (PPM - i2000/i2000SR)

Testata pre-trigger/trigger (i2000/i2000SR)


La testata della soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e di attivazione
(Trigger) (indicata dalle lettere PT/T sulla mappa dell'area di analisi) è un
dispositivo per la dispensazione sequenziale nelle cartucce di reazione della
soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e della soluzione di attivazione
(Trigger).
Figura 1.124: Testata della soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e
attivazione (Trigger) (PT/T - i2000/i2000SR)

Lettore CMIA (i2000/i2000SR)


Il lettore CMIA (segnalato dalle lettere CMIA sulla mappa dell'area di analisi) è
un dispositivo che misura l'emissione chemiluminescente proveniente dalle
cartucce di reazione e riporta la quantità di luce rilevata.

Capitolo 1-118 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.125: Lettore CMIA (CMIA - i2000/i2000SR)

Braccio del liquido di scarico (i2000/i2000SR)


Il braccio del liquido di scarico (indicato dalla lettera A sulla mappa dell'area di
analisi) è un dispositivo in grado di rimuovere il liquido residuo dalle cartucce di
reazione prima di scaricarle nel contenitore dei rifiuti solidi.
Figura 1.126: Braccio del liquido di scarico (A - i2000/i2000SR)

Espulsore delle cartucce di reazione (i2000/i2000SR)


L'espulsore delle cartucce di reazione (contrassegnato dalle lettere UL sulla
mappa dell'area di analisi) è un dispositivo atto a rimuovere le cartucce usate
dal percorso di analisi e a scaricarle nel contenitore dei rifiuti solidi al termine
del test.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-119


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.127: Espulsore delle cartucce di reazione (UL - i2000/i2000SR)

Vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i2000/i2000SR)


Il vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti serve per la conservazione onboard
delle soluzioni di rifornimento e per la raccolta dei rifiuti solidi.
Figura 1.128: Vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i2000/i2000SR)

Legenda:
1. Area di conservazione delle soluzioni pre-trigger/trigger (i2000/i2000SR), pagina 1-
121: permette la conservazione onboard delle soluzioni di preattivazione (Pre-
Trigger) e di attivazione (Trigger).

Capitolo 1-120 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

2. Area di conservazione del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-124:


permette la conservazione onboard del tampone di lavaggio.
3. Area di raccolta dei rifiuti solidi (i2000/i2000SR), pagina 1-128: permette la raccolta
delle cartucce di reazione usate.

La sezione dedicata al vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i2000/


i2000SR) passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Area di conservazione delle soluzioni pre-trigger/trigger (i2000/i2000SR),
pagina 1-121
• Area di conservazione del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-124
• Area di raccolta dei rifiuti solidi (i2000/i2000SR), pagina 1-128

Area di conservazione delle soluzioni pre-trigger/trigger (i2000/


i2000SR)
L'area di conservazione delle soluzioni Pre-Trigger/Trigger è quello spazio
all'interno del vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti riservato alla
conservazione onboard delle soluzioni di preattivazione (Pre-Trigger) e di
attivazione (Trigger), necessarie per le analisi.
Figura 1.129: Area di stoccaggio delle soluzioni Pre-trigger/Trigger (i2000/
i2000SR)

Legenda:
1. Piattaforma delle soluzioni pre-trigger/trigger (i2000/i2000SR), pagina 1-122:
contiene i flaconi delle soluzioni Pre-Trigger e Trigger.
2. Sensore di livello della soluzione trigger (i2000/i2000SR), pagina 1-123: rileva il
volume rimanente della soluzione Trigger.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-121


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

3. Sensore di livello della soluzione pre-trigger (i2000/i2000SR), pagina 1-122: rileva il


volume rimanente della soluzione Pre-Trigger.

La sezione dedicata all'area di stoccaggio delle soluzioni pre-trigger/trigger


(i2000/i2000SR) passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Piattaforma delle soluzioni pre-trigger/trigger (i2000/i2000SR), pagina 1-122
• Sensore di livello della soluzione pre-trigger (i2000/i2000SR), pagina 1-122
• Sensore di livello della soluzione trigger (i2000/i2000SR), pagina 1-123
Piattaforma delle soluzioni pre-trigger/trigger (i2000/i2000SR)
La piattaforma delle soluzioni Pre-Trigger e Trigger è una pedana collocata
all'interno del vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti che contiene i flaconi
delle soluzioni di preattivazione (Pre-Trigger) e di attivazione (Trigger).
Figura 1.130: Piattaforma delle soluzioni pre-trigger/trigger (i2000/i2000SR)

Legenda:
1. Soluzione trigger (Sistema i), pagina 1-198: usata per catalizzare la reazione
chemiluminescente che permette di effettuare la lettura finale.
2. Soluzione pre-trigger (Sistema i), pagina 1-198: usata per separare l'acridinio dal
coniugato legato al complesso di microparticelle, preparando così l'acridinio per
l'aggiunta della soluzione di attivazione (Trigger).

Sensore di livello della soluzione pre-trigger (i2000/i2000SR)


Il sensore di rilevazione del livello della soluzione Pre-Trigger è un dispositivo
situato nel flacone della corrispettiva soluzione e dotato di sensore galleggiante

Capitolo 1-122 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

magnetico, che indica quando il livello della soluzione è basso. Il sensore viene
attivato quando nel flacone restano all'incirca ancora 70 ml di soluzione.
Figura 1.131: Sensore di livello della soluzione di preattivazione (Pre-trigger)
(i2000/i2000SR)

Sensore di livello della soluzione trigger (i2000/i2000SR)


Il sensore di rilevazione del livello della soluzione Trigger è un dispositivo situato
nel flacone della corrispettiva soluzione e dotato di sensore galleggiante
magnetico, che indica quando il livello della soluzione è basso. Il sensore viene
attivato quando nel flacone restano all'incirca ancora 70 ml di soluzione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-123


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.132: Sensore di livello della soluzione di attivazione (Trigger) (i2000/


i2000SR)

Area di conservazione del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR)


L'area di conservazione del tampone di lavaggio è quello spazio all'interno del
vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti riservato alla conservazione onboard
del tampone di lavaggio, utilizzato per l'esecuzione delle analisi.

Capitolo 1-124 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.133: Area di conservazione del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR)

Legenda:
1. Serbatoio del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-126: permette la
conservazione onboard di un massimo di 25 litri di tampone di lavaggio.
2. Sensore di livello del tampone di lavaggio: aspira tampone di lavaggio dal serbatoio
e ne misura il volume rimanente. Fare riferimento alla sezione Sensore di
rilevazione del livello del tampone di lavaggio e gruppo di immissione del tampone di
lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-126.
3. Gruppo del tubo di immissione del tampone di lavaggio: dispensa il tampone di
lavaggio, contenuto nel recipiente per la preparazione del tampone di lavaggio o
preparato dal Sistema ARCHITECT ARM (modulo di ricostituzione automatico), nel
rispettivo serbatoio. Fare riferimento alla sezione Sensore di rilevazione del livello
del tampone di lavaggio e gruppo di immissione del tampone di lavaggio (i2000/
i2000SR), pagina 1-126.
4. Filtro del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-127: protegge i componenti
della fluidica eliminando le sostanze particolate.

La sezione dedicata all'area di conservazione del tampone di lavaggio (i2000/


i2000SR) passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Serbatoio del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-126
• Sensore di rilevazione del livello del tampone di lavaggio e gruppo di
immissione del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-126
• Filtro del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR), pagina 1-127

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-125


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Serbatoio del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR)


Il serbatoio del tampone di lavaggio è un contenitore onboard collocato nel vano
di rifornimento e di scarico dei rifiuti, con una capacità massima di 25 litri di
tampone di lavaggio.
Figura 1.134: Serbatoio del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR)

Sensore di rilevazione del livello del tampone di lavaggio e gruppo di


immissione del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR)
Il sensore di rilevazione del livello del tampone di lavaggio, collocato nel
corrispettivo serbatoio, è costituito da un tubo provvisto di tre sensori galleggianti
magnetici che indicano se il serbatoio è pieno (sensore superiore), se necessita
di essere riempito dall'ARCHITECT ARM (modulo di ricostituzione automatico)
(sensore intermedio) oppure se è vuoto (sensore inferiore).
Durante l'analisi dei campioni, il tubo del sensore di rilevazione del livello del
tampone di lavaggio trasporta il tampone di lavaggio dal serbatoio.
Il tubo del gruppo di immissione del tampone di lavaggio trasporta il tampone di
lavaggio, contenuto nel recipiente per la preparazione del tampone di lavaggio o
preparato dall'ARM, nel rispettivo serbatoio.

Capitolo 1-126 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.135: Sensore di rilevazione del livello del tampone di lavaggio e


gruppo di immissione del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR)

Filtro del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR)


Il filtro del tampone di lavaggio, collocato nell'area di conservazione del tampone
di lavaggio, è un sistema costituito da materiale adatto all'eliminazione delle
sostanze particolate che potrebbero danneggiare i componenti della fluidica del
sistema.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-127


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.136: Filtro del tampone di lavaggio (i2000/i2000SR)

Area di raccolta dei rifiuti solidi (i2000/i2000SR)


L'area di raccolta dei rifiuti solidi è quello spazio all'interno del vano di
rifornimento e di scarico dei rifiuti riservato al contenitore dei rifiuti solidi previsto
per la raccolta delle cartucce di reazione usate. Le cartucce di reazione
vengono convogliate direttamente all'interno del contenitore tramite uno scivolo
di scarico.
Figura 1.137: Area di raccolta dei rifiuti solidi (i2000/i2000SR)

Capitolo 1-128 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

La sezione dedicata all'area di raccolta dei rifiuti solidi (i2000/i2000SR) passa in


rassegna i seguenti argomenti:
• Scivolo di scarico e sportellino di chiusura (i2000/i2000SR), pagina 1-129
Scivolo di scarico e sportellino di chiusura (i2000/i2000SR)
Lo scivolo di scarico è un dispositivo collocato all'interno del vano di rifornimento
e di scarico dei rifiuti verso il quale vengono convogliate, spinte dalla forza di
gravità, le cartucce di reazione usate affinché cadano all'interno del contenitore
dei rifiuti solidi. Nel caso in cui il contenitore dei rifiuti solidi venga rimosso nel
corso delle analisi, lo sportellino di chiusura può trattenere fino a 50 cartucce di
reazione.
Figura 1.138: Scivolo di scarico e sportellino di chiusura (i2000/i2000SR)

Area di analisi (i1000SR)


Nell'area di analisi si svolgono le attività principali del modulo di analisi.
Campioni e reagenti vengono dispensati e miscelati nelle cartucce di reazione
lungo il percorso di analisi, in cui ha luogo il dosaggio.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-129


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.139: Componenti hardware dell'area di analisi del sistema


ARCHITECT i1000SR

Legenda:
1. Componenti hardware di dispensazione (i1000SR), pagina 1-131: garantiscono
l'aspirazione e la dispensazione di campioni e reagenti.
2. Componenti hardware del percorso di analisi (i1000SR), pagina 1-133: posizionano le
cartucce di reazione onde permettere l'aspirazione e la miscelazione dei campioni e
reagenti nonché le fasi di lavaggio e l'esecuzione delle analisi CMIA.

Informazioni correlate...
• Mappa dell'area di analisi (i1000SR), pagina 1-130

Mappa dell'area di analisi (i1000SR)


La mappa dell'area di analisi è collocata all'interno del coperchio dell'area di
analisi di un sistema ARCHITECT i1000SR ed ha la funzione di facilitare la
localizzazione dei componenti nell'ambito delle procedure di sostituzione dei
componenti o di individuazione e soluzione di problemi eventualmente
verificatesi con i moduli di analisi. Sulla mappa ciascun componente è
contraddistinto da una lettera e/o da un numero.

Capitolo 1-130 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.140: Mappa dell'area di analisi (i1000SR)

Per la descrizione di ciascun componente, fare riferimento alla sezione


Componenti hardware di dispensazione (i1000SR), pagina 1-131, o Componenti
hardware del percorso di analisi (i1000SR), pagina 1-133.

Componenti hardware di dispensazione (i1000SR)


I componenti hardware preposti alla dispensazione sono dispositivi che
garantiscono l'aspirazione e la dispensazione di campioni e reagenti.
Figura 1.141: Componenti hardware di dispensazione dell'area di analisi
(i1000SR)

Legenda:
1. Braccio di aspirazione (i1000SR), pagina 1-132 (P): aspira e dispensa campioni e
reagenti nelle cartucce di reazione.
2. Siringa (i1000SR), pagina 1-132 (PS): controlla l'aspirazione e la dispensazione di
campioni e reagenti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-131


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

3. Coppetta di lavaggio (i1000SR), pagina 1-133 (PW): utilizzata per eliminare il liquido
residuo presente sia all'interno dell'ago che sulle superfici esterne.

La sezione dedicata ai componenti hardware di dispensazione (i1000SR) passa


in rassegna i seguenti argomenti:
• Braccio di aspirazione (i1000SR), pagina 1-132
• Siringa (i1000SR), pagina 1-132
• Coppetta di lavaggio (i1000SR), pagina 1-133
Braccio di aspirazione (i1000SR)
Il braccio di aspirazione (P sulla mappa dell'area di analisi) è un dispositivo che
rileva, aspira, trasferisce e dispensa i campioni e reagenti nella cartuccia di
reazione. Il braccio di aspirazione trasferisce inoltre i campioni pretrattati in una
nuova cartuccia di reazione dopo il periodo di incubazione richiesto. Ogni unità
del braccio di aspirazione è dotata di un sistema di rilevamento del liquido/
monitoraggio della pressione che permette di identificare più facilmente gli errori
di aspirazione.
Figura 1.142: Braccio di aspirazione (i1000SR)

Siringa (i1000SR)
La siringa (PS sulla mappa dell'area di analisi) è un dispositivo che controlla
l'aspirazione e la dispensazione dei campioni e reagenti.

Capitolo 1-132 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.143: Esempio di siringa (i1000SR)

Coppetta di lavaggio (i1000SR)


La coppetta di lavaggio (PW sulla mappa dell'area di analisi) è una coppetta di
lavaggio attivo, utilizzata per asportare il liquido residuo presente sia all'interno
che all'esterno dell'ago. Inoltre, un generatore di vuoto asciuga l'esterno
dell'ago.
Figura 1.144: Esempio di coppetta di lavaggio (i1000SR)

Componenti hardware del percorso di analisi (i1000SR)


Il percorso di analisi è un binario circolare coperto sul quale si trovano le
stazioni di incubazione, di aspirazione e di lavaggio richieste dal protocollo di
analisi. Lungo il percorso di analisi le cartucce di reazione (RV) avanzano ad
intervalli di 18 secondi e vengono scaricate nelle posizioni stabilite affinché
abbia luogo la reazione CMIA. Per ulteriori informazioni sulla reazione CMIA,
fare riferimento alla sezione Tecnologia CMIA e sequenza di reazione, pagina 3-
27.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-133


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.145: Componenti hardware del percorso di analisi (i1000SR)

Legenda:
1. Caricatore e contenitore delle cartucce di reazione (i1000SR), pagina 1-135 (RVL):
permette la conservazione onboard delle cartucce e le trasporta lungo il percorso
di analisi.
2. Testata di lavaggio superiore (i1000SR), pagina 1-136 (UWM): convoglia il liquido di
scarico dalle cartucce di reazione dopo il lavaggio nell'area di scarico.
3. Testata di lavaggio (i1000SR), pagina 1-136 (WZ): dispensa il tampone di lavaggio e
rimuove ed elimina l'analita non legato dalla miscela di reazione nella cartuccia di
reazione.
4. Deviatore esterno dell'area di lavaggio (i1000SR), pagina 1-137 (WZOD): convoglia
le cartucce di reazione nel binario interno o le trattiene nel binario esterno.
5. Sportello di accesso alle cartucce di reazione (i1000SR), pagina 1-137 (RVA):
utilizzato solo a scopi di diagnostica. Consente l'accesso ad una posizione del
binario esterno.
6. Miscelatori (i1000SR), pagina 1-138 (VTX1, VTX2): mescola la miscela di reazione
onde riportare in sospensione le microparticelle.
7. Testata di lavaggio della soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e attivazione
(Trigger) (i1000SR), pagina 1-138 (PT/T): dispensa dapprima la soluzione di
preattivazione (Pre-Trigger) e successivamente quella di attivazione (Trigger) nella
cartuccia di reazione.
8. Lettore CMIA (i1000SR), pagina 1-139 (CMIA): misura l'emissione
chemiluminescente proveniente dalla cartuccia di reazione e genera dati
corrispondenti alla quantità di luce rilevata.
9. Percorso di analisi (i1000SR), pagina 1-139 (PP): qui le cartucce di reazione
vengono fatte avanzare, vengono posizionate nelle stazioni di analisi e vengono
regolate le temperature di incubazione necessarie per l'esecuzione del dosaggio.
10. Regolatore di scarico (i1000SR), pagina 1-140 (ULD): scarica le cartucce di
reazione utilizzate per il pretrattamento o la diluizione dei campioni dal binario
interno al contenitore dei rifiuti solidi.
11. Espulsore (i1000SR), pagina 1-140 (UL): rimuove le cartucce usate dal percorso di
analisi e le scarica nel contenitore dei rifiuti solidi al termine del test.

Capitolo 1-134 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

12. Motore del percorso di analisi (i1000SR), pagina 1-141 (PPM): fa ruotare il disco del
percorso di analisi, che mantiene in posizione le cartucce di reazione, e sposta
queste ultime di posizione in posizione.
13. Deviatore di entrata dell'area di lavaggio (i1000SR), pagina 1-141 (WZID): convoglia
le cartucce di reazione nell'area di lavaggio (binario esterno), in cui ha luogo un
lavaggio, oppure le trattiene nel binario interno.

La sezione dedicata ai componenti hardware del percorso di analisi (i1000SR)


passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Caricatore e contenitore delle cartucce di reazione (i1000SR), pagina 1-135
• Testata di lavaggio superiore (i1000SR), pagina 1-136
• Testata di lavaggio (i1000SR), pagina 1-136
• Deviatore esterno dell'area di lavaggio (i1000SR), pagina 1-137
• Sportello di accesso alle cartucce di reazione (i1000SR), pagina 1-137
• Miscelatori (i1000SR), pagina 1-138
• Testata di lavaggio della soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e attivazione
(Trigger) (i1000SR), pagina 1-138
• Lettore CMIA (i1000SR), pagina 1-139
• Percorso di analisi (i1000SR), pagina 1-139
• Regolatore di scarico (i1000SR), pagina 1-140
• Espulsore (i1000SR), pagina 1-140
• Motore del percorso di analisi (i1000SR), pagina 1-141
• Deviatore di entrata dell'area di lavaggio (i1000SR), pagina 1-141
Caricatore e contenitore delle cartucce di reazione (i1000SR)
L'unità costituita dal caricatore e dal contenitore delle cartucce di reazione
(contrassegnata dalle lettere RVL sulla mappa dell'area di analisi) è un
dispositivo che permette la conservazione onboard delle cartucce nonché il loro
trasporto lungo il percorso di analisi.
Figura 1.146: Caricatore e contenitore delle cartucce di reazione (i1000SR)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-135


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Testata di lavaggio superiore (i1000SR)


La testata di lavaggio superiore (contrassegnata dalle lettere UWM sulla mappa
dell'area di analisi) è un dispositivo che convoglia il liquido di scarico dalle
cartucce di reazione dopo il lavaggio nell'area di scarico.
Figura 1.147: Testata di lavaggio superiore (i1000SR)

Testata di lavaggio (i1000SR)


La testata dell'area di lavaggio (indicata dalle lettere WZ sulla mappa dell'area
di analisi) è un dispositivo che serve a rimuovere ed eliminare l'analita non
legato dalla miscela di reazione nella cartuccia di reazione. Ogni area di
lavaggio ha quattro posizioni in cui si svolgono le seguenti operazioni:
• posizione 1: un magnete attira le microparticelle paramagnetiche sulla
parete della cartuccia di reazione, dopodiché il tampone di lavaggio viene
dispensato nella cartuccia di reazione tramite un ugello erogatore.
• posizioni 2 e 3: mentre si abbassano sul fondo della cartuccia di reazione,
negli aghi dell'area di lavaggio viene generato il vuoto. Inoltre, gli ugelli
dispensano tampone di lavaggio nella cartuccia di reazione. In queste
posizioni hanno luogo cicli addizionali di lavaggio e aspirazione.
• posizione 4: il liquido di scarico viene aspirato dalla cartuccia di reazione
tramite un ago dell'area di lavaggio.

Capitolo 1-136 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.148: Testata di lavaggio (i1000SR)

Deviatore esterno dell'area di lavaggio (i1000SR)


Il deviatore esterno dell'area di lavaggio (indicato dalle lettere WZOD sulla
mappa dell'area di analisi) è un dispositivo che convoglia le cartucce di reazione
(RV) nel binario interno o le trattiene in quello esterno.
Figura 1.149: Deviatore esterno dell'area di lavaggio (i1000SR)

Sportello di accesso alle cartucce di reazione (i1000SR)


Lo sportello di accesso alle cartucce di reazione (identificato dalle lettere RVA
sulla mappa dell'area di analisi) è un'apertura tramite la quale è possibile
accedere ad una posizione sul binario esterno. Utilizzare questo sportello
unicamente a scopi di diagnosi del sistema ed accertarsi che resti sempre
chiuso durante il funzionamento del sistema.
Figura 1.150: Sportello di accesso alle cartucce di reazione (i1000SR)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-137


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Miscelatori (i1000SR)
I miscelatori Vortex (corrispondenti alle lettere VTX1 e VTX2 sulla mappa
dell'area di analisi) sono dispositivi atti a mescolare la miscela di reazione onde
riportare in sospensione le microparticelle. La miscelazione al Vortex delle
cartucce di reazione ha luogo lungo il percorso di analisi.
Figura 1.151: Miscelatori (i1000SR)

Testata di lavaggio della soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e


attivazione (Trigger) (i1000SR)
La testata della soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e di attivazione
(Trigger) (indicata dalle lettere PT/T sulla mappa dell'area di analisi) è un
dispositivo per la dispensazione sequenziale nelle cartucce di reazione della
soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e della soluzione di attivazione
(Trigger).

Capitolo 1-138 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.152: Testata di lavaggio della soluzione di preattivazione (Pre-


Trigger) e attivazione (Trigger) (i1000SR)

Lettore CMIA (i1000SR)


Il lettore CMIA (segnalato dalle lettere CMIA sulla mappa dell'area di analisi) è
un dispositivo che misura l'emissione chemiluminescente proveniente dalle
cartucce di reazione e riporta la quantità di luce rilevata.
Figura 1.153: Lettore CMIA (i1000SR)

Percorso di analisi (i1000SR)


Il percorso di analisi (indicato dalle lettere PP sulla mappa dell'area di analisi) è
un dispositivo che permette di spostare le cartucce di reazione, di posizionarle
nelle stazioni di analisi e regola le temperature di incubazione necessarie per
l'esecuzione del dosaggio.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-139


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.154: Percorso di analisi (i1000SR)

Regolatore di scarico (i1000SR)


Il regolatore di scarico (indicato dalle lettere ULD sulla mappa dell'area di
analisi) è un dispositivo che scarica le cartucce di reazione utilizzate per il
pretrattamento o la diluizione dei campioni dal binario interno al contenitore dei
rifiuti solidi.
Figura 1.155: Regolatore di scarico (i1000SR)

Espulsore (i1000SR)
L'espulsore (indicato dalle lettere UL sulla mappa dell'area di analisi) è un
dispositivo che rimuove le cartucce di reazione usate dal percorso di analisi e le
scarica nel contenitore dei rifiuti solidi al termine del test.

Capitolo 1-140 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.156: Espulsore (i1000SR)

Motore del percorso di analisi (i1000SR)


Il motore del percorso di analisi (contraddistinto dalle lettere PPM sulla mappa
dell'area di analisi) è un dispositivo che fa ruotare il disco del percorso di
analisi, che a sua volta mantiene in posizione le cartucce di reazione e le fa
avanzare di posizione in posizione.
Figura 1.157: Motore del percorso di analisi (i1000SR)

Deviatore di entrata dell'area di lavaggio (i1000SR)


Il deviatore di entrata dell'area di lavaggio (indicato dalle lettere WZID sulla
mappa dell'area di analisi) è un dispositivo che convoglia le cartucce di reazione
nell'area di lavaggio (binario esterno), in cui ha luogo un lavaggio, o le trattiene
nel binario interno.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-141


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.158: Deviatore di entrata dell'area di lavaggio (i1000SR)

Vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i1000SR)


Il vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti serve per la conservazione onboard
delle soluzioni di rifornimento e per la raccolta dei rifiuti solidi.
Figura 1.159: Vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i1000SR)

Legenda:
1. Area di stoccaggio delle soluzioni Pre-Trigger/Trigger (i1000SR), pagina 1-143:
permette la conservazione onboard delle soluzioni di preattivazione (Pre-Trigger) e
di attivazione (Trigger).
2. Area di stoccaggio del tampone di lavaggio (i1000SR), pagina 1-146: permette la
conservazione onboard del tampone di lavaggio.
3. Area di raccolta dei rifiuti (i1000SR), pagina 1-150: previsto per la raccolta dei rifiuti
liquidi e solidi.

Capitolo 1-142 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

La sezione dedicata al vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti (i1000SR)


passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Area di stoccaggio delle soluzioni Pre-Trigger/Trigger (i1000SR), pagina 1-143
• Area di stoccaggio del tampone di lavaggio (i1000SR), pagina 1-146
• Area di raccolta dei rifiuti (i1000SR), pagina 1-150

Area di stoccaggio delle soluzioni Pre-Trigger/Trigger (i1000SR)


L'area di conservazione delle soluzioni Pre-Trigger/Trigger è quello spazio
all'interno del vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti riservato alla
conservazione onboard delle soluzioni di preattivazione (Pre-Trigger) e di
attivazione (Trigger), necessarie per le analisi.
Figura 1.160: Area di stoccaggio delle soluzioni Pre-trigger/Trigger (i1000SR)

Legenda:
1. Vassoio delle soluzioni Pre-trigger/Trigger (i1000SR), pagina 1-144: contiene i
flaconi delle soluzioni Pre-Trigger e Trigger.
2. Sensore di rilevazione del livello della soluzione Trigger (i1000SR), pagina 1-145:
rileva il volume rimanente della soluzione Trigger.
3. Sensore di rilevazione del livello della soluzione Pre-Trigger (i1000SR), pagina 1-144:
rileva il volume rimanente della soluzione Pre-Trigger.

La sezione dedicata all'area di stoccaggio delle soluzioni pre-trigger/trigger


(i1000SR) passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Vassoio delle soluzioni Pre-trigger/Trigger (i1000SR), pagina 1-144

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-143


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

• Sensore di rilevazione del livello della soluzione Pre-Trigger (i1000SR), pagina


1-144
• Sensore di rilevazione del livello della soluzione Trigger (i1000SR), pagina 1-
145
Vassoio delle soluzioni Pre-trigger/Trigger (i1000SR)
La piattaforma delle soluzioni Pre-Trigger e Trigger è una pedana collocata
all'interno del vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti che contiene i flaconi
delle soluzioni di preattivazione (Pre-Trigger) e di attivazione (Trigger).
Figura 1.161: Vassoio delle soluzioni Pre-trigger/Trigger (i1000SR)

Legenda:
1. Soluzione trigger (Sistema i), pagina 1-198: utilizzata per indurre la reazione
chemiluminescente grazie alla quale si ottiene il valore di lettura finale.
2. Soluzione pre-trigger (Sistema i), pagina 1-198: usata per separare l'acridinio dal
coniugato legato al complesso delle microparticelle, preparando così l'acridinio per
l'aggiunta della soluzione di attivazione (Trigger).

Sensore di rilevazione del livello della soluzione Pre-Trigger (i1000SR)


Il sensore di livello della soluzione Pre-Trigger (di preattivazione) è un dispositivo
situato nel flacone della corrispettiva soluzione e dotato di sensore galleggiante
magnetico, che indica quando il livello della soluzione è basso. Il sensore viene
attivato quando nel flacone restano all'incirca ancora 70 ml di soluzione.

Capitolo 1-144 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.162: Sensore di rilevazione del livello della soluzione Pre-trigger


(i1000SR)

Sensore di rilevazione del livello della soluzione Trigger (i1000SR)


Il sensore di livello della soluzione Trigger (di attivazione) è un dispositivo situato
nel flacone della corrispettiva soluzione e dotato di sensore galleggiante
magnetico, che indica quando il livello della soluzione è basso. Il sensore viene
attivato quando nel flacone restano all'incirca ancora 70 ml di soluzione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-145


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.163: Sensore di rilevazione del livello della soluzione Trigger


(i1000SR)

Area di stoccaggio del tampone di lavaggio (i1000SR)


L'area di conservazione del tampone di lavaggio è quello spazio all'interno del
vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti riservato alla conservazione onboard
del tampone di lavaggio, utilizzato per l'esecuzione delle analisi.

Capitolo 1-146 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.164: Area di stoccaggio del tampone di lavaggio (i1000SR)

Legenda:
1. Serbatoio del tampone di lavaggio (i1000SR), pagina 1-147: permette la
conservazione onboard di un massimo di 12 litri di tampone di lavaggio.
2. Sensore di rilevazione del livello e gruppo del tubo di immissione del tampone di
lavaggio (i1000SR), pagina 1-148: dispensa tampone di lavaggio nel serbatoio e ne
misura il volume rimanente.
3. Sensore di rilevazione del livello e gruppo del tubo di immissione del tampone di
lavaggio (i1000SR), pagina 1-148: durante l'analisi, aspira il tampone di lavaggio dal
serbatoio.
4. Filtro del tampone di lavaggio (i1000SR), pagina 1-149: protegge i componenti della
fluidica eliminando le sostanze particolate.

La sezione dedicata all'area di conservazione del tampone di lavaggio (i1000SR)


passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Serbatoio del tampone di lavaggio (i1000SR), pagina 1-147
• Sensore di rilevazione del livello e gruppo del tubo di immissione del tampone
di lavaggio (i1000SR), pagina 1-148
• Filtro del tampone di lavaggio (i1000SR), pagina 1-149
Serbatoio del tampone di lavaggio (i1000SR)
Il serbatoio del tampone di lavaggio è un contenitore onboard collocato nel vano
di rifornimento e di scarico dei rifiuti, con una capacità massima di 12 litri di
tampone di lavaggio.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-147


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.165: Serbatoio del tampone di lavaggio (i1000SR)

Sensore di rilevazione del livello e gruppo del tubo di immissione del


tampone di lavaggio (i1000SR)
Il sensore di rilevazione del livello del tampone di lavaggio, collocato nel
corrispettivo serbatoio, è costituito da un tubo provvisto di tre sensori galleggianti
magnetici che indicano se il serbatoio è pieno (sensore superiore), se necessita
di essere riempito dall'ARCHITECT ARM (modulo di ricostituzione automatico)
(sensore intermedio) oppure se è vuoto (sensore inferiore).
Il sensore di rilevazione del livello del tampone dispensa il tampone di lavaggio
nel serbatoio. Durante l'analisi, il gruppo del tubo di immissione aspira il
tampone di lavaggio dal serbatoio.

Capitolo 1-148 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.166: Sensore di rilevazione del livello e tubo di immissione del


tampone di lavaggio (i1000SR)

Filtro del tampone di lavaggio (i1000SR)


Il filtro del tampone di lavaggio, collocato nell'area di stoccaggio del tampone di
lavaggio, è un sistema costituito da materiale adatto all'eliminazione della
sostanze particolate che potrebbero danneggiare i componenti della fluidica del
sistema.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-149


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.167: Filtro del tampone di lavaggio (i1000SR)

Area di raccolta dei rifiuti (i1000SR)


L'area di scarico dei rifiuti è quello spazio all'interno del vano di rifornimento e di
scarico dei rifiuti riservato al contenitore dei rifiuti solidi previsto per la raccolta
delle cartucce di reazione usate al contenitore del liquido di scarico. L'accesso
a questi contenitori è consentito tramite estrazione del cassetto dei rifiuti.
Figura 1.168: Area di raccolta dei rifiuti (i1000SR)

Legenda:
1. Cassetto dei rifiuti (i1000SR), pagina 1-151: previsto per la conservazione all'interno
del sistema dei contenitori dei rifiuti liquidi e solidi.

Capitolo 1-150 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

2. Contenitore del liquido di scarico (i1000SR), pagina 1-152: previsto per la


conservazione all'interno del sistema del liquido di scarico.
3. Contenitore dei rifiuti solidi (i1000SR), pagina 1-152: previsto per la raccolta
all'interno del sistema delle cartucce di reazione usate.
4. Vaschetta rifiuti (i1000SR), pagina 1-153: previsto per la raccolta di un massimo di
25 cartucce di reazione usate quando il contenitore dei rifiuti solidi viene rimosso
durante il processamento.

La sezione dedicata all'area di raccolta dei rifiuti solidi (i1000SR) passa in


rassegna i seguenti argomenti:
• Cassetto dei rifiuti (i1000SR), pagina 1-151
• Contenitore del liquido di scarico (i1000SR), pagina 1-152
• Contenitore dei rifiuti solidi (i1000SR), pagina 1-152
• Vaschetta rifiuti (i1000SR), pagina 1-153
Cassetto dei rifiuti (i1000SR)
Il cassetto dei rifiuti è quello spazio all'interno dell'area di scarico per la raccolta
dei contenitori dei rifiuti liquidi e solidi. Facendo scorrere questo cassetto fuori
dall'area di scarico si garantisce l'accesso ai contenitori dei rifiuti liquidi e solidi.
Figura 1.169: Cassetto dei rifiuti (i1000SR)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-151


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Contenitore del liquido di scarico (i1000SR)


Il contenitore del liquido di scarico è un recipiente per la raccolta dei rifiuti liquidi
provenienti dal sistema. Si tratta di un componente opzionale, necessario
soltanto se il sistema non è configurato per uno scarico a pavimento esterno.
Figura 1.170: Contenitore del liquido di scarico (i1000SR)

Contenitore dei rifiuti solidi (i1000SR)


Il contenitore dei rifiuti solidi è un recipiente per la raccolta delle cartucce di
reazione usate.

Capitolo 1-152 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.171: Contenitore dei rifiuti solidi (i1000SR)

Vaschetta rifiuti (i1000SR)


La vaschetta dei rifiuti è un contenitore per la raccolta delle cartucce di
reazione usate quando non è disponibile il contenitore dei rifiuti solidi. Nel caso
in cui il contenitore dei rifiuti solidi venga rimosso nel corso delle analisi, la
vaschetta può trattenere fino a 25 cartucce di reazione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-153


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.172: Vaschetta rifiuti (i1000SR)

Componenti facoltativi
Tra i componenti facoltativi per i moduli di analisi figurano:
• UPS (gruppo di continuità): fornisce temporaneamente corrente al modulo
di analisi in caso di blackout.
• contenitore del liquido di scarico ad alta concentrazione (Sistema c):
raccoglie il liquido di scarico ad alta concentrazione proveniente dalle
cuvette e dall'unità ICT.
• accessorio opzionale dell'ARM (i2000/i2000SR) e accessorio opzionale
dell'iARM: diluisce automaticamente il tampone di lavaggio concentrato che
viene quindi portato alla giusta concentrazione e lo trasferisce nell'apposito
serbatoio.
• pompa dei rifiuti esterna (ad eccezione di i1000SR): pompa il liquido di
scarico da uno o più moduli di analisi ad uno scarico elevato, posto in un
lavello.

La sezione passa in rassegna i seguenti argomenti:


• ARM - accessorio opzionale (i2000/i2000SR), pagina 1-154
• Accessori opzionali dell'iARM (Sistema i), pagina 1-159
• Pompa di scarico esterna (tranne i1000SR), pagina 1-160

ARM - accessorio opzionale (i2000/i2000SR)


ARCHITECT ARM (modulo di ricostituzione automatico) è un accessorio
opzionale del Sistema ARCHITECT i2000/i2000SR la cui funzione risiede nella
diluizione automatica del tampone di lavaggio concentrato che viene quindi
portato alla giusta concentrazione ed infine trasferito nell'apposito serbatoio.
L'ARM è collegato all'alimentazione idrica e contiene un serbatoio da 10 l di
tampone di lavaggio concentrato. Un unico motore a velocità costante attiva due

Capitolo 1-154 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

pompe con rapporto di 9:1 l'una rispetto all'altra, che aspirano i volumi adeguati
di acqua e tampone di lavaggio concentrato e li dispensano in una camera di
miscelazione.
I sensori verificano che l'acqua in entrata ed il tampone di lavaggio in uscita
corrispondano alle specifiche predefinite relative al contenuto di ioni ed alla
temperatura. Se tali standard non sono soddisfatti, il motore dell'ARM si arresta
automaticamente.
Figura 1.173: ARM (vista anteriore)

Legenda:
1. Tastiera dell'ARM (i2000/i2000SR), pagina 1-156: funge per l'operatore da
interfaccia locale utile per controllare l'ARM.
2. Sistema dei tubi: rileva il livello del tampone di lavaggio concentrato all'interno del
contenitore da 10 litri e trasferisce il tampone di lavaggio concentrato alla camera
di miscelazione all'interno dell'ARM.
3. Alloggiamento della fluidica e dell'elettronica: permette l'accesso al pannello delle
pompe ed alle schede dei circuiti.
4. Tampone di lavaggio concentrato (serbatoio da 10 l): tampone di lavaggio
concentrato diluito ad opera dell'ARM e dispensato ai moduli di analisi.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-155


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.174: ARM (vista posteriore)

Informazioni correlate...
• Connettori dell'ARM (i2000/i2000SR), pagina 1-157

Tastiera dell'ARM (i2000/i2000SR)


La tastiera dell'ARM è un dispositivo di immissione utilizzato dall'operatore per
far funzionare l'ARM (modulo di ricostituzione automatico).
Figura 1.175: Tastiera dell'ARM

Capitolo 1-156 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Legenda:
1. Tasto Avvio: serve per avviare il sistema. La spia verde sotto questo tasto si
accende durante il funzionamento e lampeggia quando il tampone di lavaggio viene
trasferito nel relativo serbatoio posizionato nel modulo di analisi.
2. Tasto di decontaminazione (usato dal personale del Servizio Clienti Abbott): serve
per avviare le procedure di decontaminazione.
3. Tasto di risciacquo-drenaggio: avvia un ciclo di risciacquo. Questo tasto non è
attivo quando l'opzione di trasferimento del tampone di lavaggio è impostata su
Automatico.
4. Tasto di sostituzione del tampone: serve per caricare il contenitore da 10 l di
tampone di lavaggio concentrato. La spia gialla si accende durante questa
procedura.
5. Tasto Stop: serve per arrestare la procedura attualmente in corso e/o per
interrompere la comunicazione con il CCS (centro di controllo del sistema). La spia
rossa si accende quando è stato premuto il tasto Stop.
6. Indicatore di errore di qualità dell'acqua: questa spia rossa si accende quando
l'acqua in entrata non soddisfa il valore minimo di resistività previsto. In questo caso
il sistema interrompe il trasferimento del tampone.
7. Indicatore di errore di qualità del tampone: questa spia rossa si accende quando la
miscela di tampone diluito non rientra nei limiti di accettabilità. La freccia verso
l'alto indica la presenza di una quantità insufficiente di acqua. La freccia verso il
basso indica la presenza di una quantità eccessiva di acqua. In questi due casi il
sistema interrompe il trasferimento del tampone.
8. Indicatore di liquido in eccesso: questa spia rossa si accende quando si rileva
liquido in eccesso nel vassoio salvagocce. In questo caso il sistema interrompe il
trasferimento del tampone.
9. Indicatore di temperatura dell'acqua: questa spia rossa si accende quando la
temperatura dell'acqua in entrata è al di fuori del range di 15-37°C. In questo caso
il sistema interrompe il trasferimento del tampone.
10. Indicatore di pressione bassa in entrata: questa spia rossa si accende quando la
pressione oppure la portata dell'acqua in entrata sono troppo basse. In questo caso
il sistema interrompe il trasferimento del tampone.
11. Indicatore di pressione alta in uscita: questa spia rossa si accende se la pressione
del tampone di lavaggio in uscita eccede il limite di pressione delle valvole di
immissione. In questo caso il sistema interrompe il trasferimento del tampone.
12. Indicatore del livello delle scorte: indica il volume di tampone ancora presente nel
contenitore.
3 barre accese = contenitore pieno
2 barre accese = contenitore pieno a metà (50%)
1 barra accesa = contenitore quasi vuoto (20%)
Nessuna barra accesa = contenitore vuoto (<2%) - La spia rossa si accende e
l'ARM si ferma.

Connettori dell'ARM (i2000/i2000SR)


I connettori di cui è dotato l'ARM (modulo di ricostituzione automatico) sono
delle porte grazie alle quali è possibile trasportare i liquidi da e verso l'ARM
nonché stabilire la comunicazione con il CCS (centro di controllo del sistema).

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-157


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Figura 1.176: Connettori sulla parte posteriore dell'ARM

1. Raccordo di emissione del tampone di lavaggio diluito:


rappresenta la connessione per il trasferimento del tampone di
lavaggio diluito al rispettivo serbatoio situato nel modulo di
analisi.
2. Porta di decontaminazione 1: rappresenta la connessione
grazie alla quale la soluzione di ipoclorito di sodio allo 0,5%
viene fatta circolare all'interno dell'ARM a fini di
decontaminazione.
3. Raccordo di immissione dell'acqua: rappresenta la connessione
dell'ARM al sistema di acqua deionizzata.

4. Porta per rifiuti 1 (pressurizzati): trasferisce i rifiuti pressurizzati


dal vassoio salvagocce, situato all'interno dell'ARM, alla pompa
dei rifiuti esterna o allo scarico a pavimento.
5. Porta di scarico gravitazionale per rifiuti 2: trasferisce i rifiuti
pressurizzati dal vassoio salvagocce, situato all'interno
dell'ARM, alla pompa dei rifiuti esterna o allo scarico a
pavimento.
6. Porta RS232: permette la comunicazione tra l'ARM ed il CCS.
7. Interruttore dell'alimentazione elettrica: viene utilizzato per
accendere e spegnere il sistema.

Capitolo 1-158 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.177: Connettori sulla parte superiore dell'ARM

1. Cavo del sensore: rappresenta la connessione tra il sistema dei


tubi e l'ARM.

2. Tubo di immissione del tampone di lavaggio concentrato:


rappresenta la connessione grazie alla quale il tampone di
lavaggio concentrato viene trasferito alla camera di
miscelazione dell'ARM.
3. Porta di decontaminazione 2: rappresenta la connessione
grazie alla quale l'acqua viene fatta circolare all'interno del
sistema ARM onde rimuovere la soluzione di ipoclorito di sodio
allo 0,5%.

Accessori opzionali dell'iARM (Sistema i)


L'iARM (modulo di ricostituzione automatico) è un accessorio opzionale del
Sistema ARCHITECT i la cui funzione risiede nella diluizione automatica
dell'ARCHITECT Concentrated Wash Buffer (tampone di lavaggio concentrato),
che viene quindi trasferito nell'apposito serbatoio.
L'iARM è collegato all'alimentazione idrica e contiene un serbatoio da 10 l di
tampone di lavaggio concentrato. Un unico motore attiva due pompe impostate
in modo da dispensare il rapporto corretto di acqua e di tampone di lavaggio
concentrato in una camera di miscelazione.
I sensori verificano che il tampone di lavaggio in uscita corrisponda alle
specifiche predefinite relative al contenuto di ioni ed alla temperatura. Se tali
standard non sono soddisfatti, il motore dell'iARM si arresta automaticamente.
L'iARM può essere usato da uno a quattro moduli di analisi ARCHITECT. I
serbatoi di tampone di lavaggio non possono essere più di quattro. Ad esempio,
è possibile collegare l'iARM a due ARCHITECT i4000SR Systems o a quattro
ARCHITECT i2000SR o i1000SR Systems. Ciascun esempio rappresenta
complessivamente quattro moduli di analisi.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-159


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Moduli di analisi Capitolo 1

Nella modalità Filling Station l'iARM può riempire un serbatoio di tampone di


lavaggio del Sistema ARCHITECT con tampone ricostituito che può essere usato
per riempire manualmente altri ARCHITECT Systems. Per la modalità Filling
Station si raccomanda di utilizzare un iARM standalone piuttosto che un iARM
collegato ad un modulo di analisi.
IMPORTANTE: Quando l'iARM non si trova nella modalità Filling Station è
necessario scollegare completamente sia il cavo sia i gruppi dei tubi della Filling
Station. Il mancato scollegamento del cavo e dei gruppi dei tubi potrebbe
provocare l'accidentale fuoriuscita di liquido.
Fare riferimento a ARCHITECT iARM, pagina F-1 per una visione d'insieme, le
specifiche ed i requisiti, le istruzioni operative, i rischi, la manutenzione e la
diagnostica, nonché l'individuazione dei problemi relativi all'ARCHITECT iARM.

Pompa di scarico esterna (tranne i1000SR)


La pompa di scarico esterna è un accessorio opzionale che trasporta i rifiuti da
uno o più moduli di analisi ad uno scarico rialzato, posto in un lavello, quando
non è disponibile uno scarico a pavimento.
Figura 1.178: Pompa di scarico esterna (parte anteriore)

Legenda:
1. Presa di alimentazione elettrica: fornisce corrente alla pompa di scarico esterna.
2. Interruttore dell'alimentazione elettrica: serve ad accendere e spegnere la pompa.
Quando il sistema è alimentato, la pompa viene attivata automaticamente dal
liquido di scarico.
3. Commutatore di selezione tensione: porta la tensione da 110v a 220v.
4. Commutatore per il funzionamento manuale: fornisce corrente alla pompa e la
attiva.

Capitolo 1-160 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Moduli di analisi

Figura 1.179: Pompa di scarico esterna (parte posteriore)

Legenda:
1. Connettore a sgancio rapido per scarico rifiuti: consente di collegare i tubi ad uno
scarico rialzato.
2. Connettore d'ingresso a sgancio rapido (4): consente di collegare i tubi del modulo
di analisi. Ad una pompa di scarico esterna possono essere collegati fino a quattro
moduli di analisi.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-161


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

Campionatori
Il campionatore è un sistema di trasporto utilizzato per caricare calibratori,
controlli e campioni di pazienti e per trasferirli al modulo o ai moduli di analisi.
Indipendentemente dal numero e dal tipo di moduli di analisi presenti, un unico
campionatore principale ha il compito di trasportare i campioni attraverso il
Sistema ARCHITECT.
NOTA: salvo indicazioni contrarie, il termine campionatore è utilizzato in modo
generico in tutto il manuale in riferimento a tutti i tipi di configurazione.
Questa sezione passa in rassegna i seguenti argomenti:
• RSH - campionatore robotico (c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-162
• RSH - campionatore robotico (c4000/i1000SR/ci4100), pagina 1-167
• RSH Extension (RSHx), pagina 1-173
• SSH - campionatore standard (i2000), pagina 1-175
• Campionatore con carosello LAS (i2000), pagina 1-178

RSH - campionatore robotico (c8000/c16000/i2000SR)


L'RSH (campionatore robotico) è un sistema di trasporto utilizzato per caricare
calibratori, controlli e campioni di pazienti e per trasferirli al modulo di analisi
c8000/c16000 e/o i2000SR. Grazie al design di cui è dotato, l'RSH permette un
processamento sia di tipo random (casuale) che continuo nonché di posizionare
i campioni in vista della ripetizione dell'analisi (retest). I campioni vengono
posizionati in due tipi di scomparti: scomparti per test di routine e scomparti per
test con ordine di priorità.
Figura 1.180: Componenti del campionatore robotico (c8000/c16000/i2000SR)

Legenda:
1. Coperchio dell'RSH: permette di accedere ai componenti dell'RSH.

Capitolo 1-162 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Campionatori

2. Tastiera dell'RSH (c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-167: funge per l'operatore da


interfaccia locale utile per controllare il campionatore.
3. Lettore del codice a barre dell'RSH: legge l'ID dei campioni e dei carrelli
portacampioni.
4. Scomparto a processamento prioritario (RSH - c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-
163: posiziona i campioni che devono essere analizzati con ordine di priorità.
5. Scomparto a processamento di routine (RSH - c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-
164: posiziona i campioni per le analisi di routine.
6. Guida posizionatrice dei carrelli portacampioni (c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-
166: posiziona i carrelli portacampioni onde consentire l'aspirazione dei campioni.
7. Meccanismo di trasporto dei portacampioni (c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-165:
trasporta i carrelli portacampioni dagli scomparti alla guida posizionatrice e
viceversa.

La sezione dedicata all'RSH - campionatore robotico (c8000/c16000/i2000SR)


passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Scomparto a processamento prioritario (RSH - c8000/c16000/i2000SR),
pagina 1-163
• Scomparto a processamento di routine (RSH - c8000/c16000/i2000SR),
pagina 1-164
• Meccanismo di trasporto dei portacampioni (c8000/c16000/i2000SR), pagina
1-165
• Guida posizionatrice dei carrelli portacampioni (c8000/c16000/i2000SR),
pagina 1-166
• Tastiera dell'RSH (c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-167

Scomparto a processamento prioritario (RSH - c8000/c16000/i2000SR)


Lo scomparto a processamento prioritario è quell'area nel sistema riservata ai
campioni che vanno analizzati con ordine di priorità. I campioni vengono caricati
nei rispettivi carrelli portacampioni e questi ultimi a loro volta nello scomparto a
processamento prioritario. Il meccanismo di trasporto del carrello portacampioni
preleva ciascun portacampioni e lo fa avanzare fino a superare il lettore del
codice a barre. Quest'ultimo identifica i campioni mentre il meccanismo di
trasporto del carrello portacampioni dapprima riporta i portacampioni negli
scomparti a processamento prioritario ed infine nel rispettivo modulo di analisi
per l'aspirazione dei campioni.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-163


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

Figura 1.181: Scomparto a processamento prioritario (c8000/c16000/i2000SR)

Legenda:
1. Scomparto a processamento prioritario: alloggia i carrelli portacampioni e posiziona
i campioni per le analisi con ordine di priorità.
2. Spia di stato: indica lo stato dell'analisi in corso e segnala all'operatore il momento
opportuno per intervenire:
– spie spente: non vi sono campioni caricati nelle posizioni.
– verde (spia sempre accesa): i campioni sono sì caricati ma l'analisi non è
ancora iniziata. È consentito accedere ai campioni.
– gialla (spia sempre accesa): l'analisi dei campioni è in corso. Non è consentito
accedere ai campioni.
– verde (spia lampeggiante): l'analisi è terminata. È consentito accedere ai
campioni.
NOTA: se si aggiunge o si ripete l'analisi di un campione prima che questo
venga scaricato, l'indicatore di scompartimento o sezione torna al colore giallo
mentre il campione viene nuovamente aspirato.
– gialla e verde (in alternanza): errore di lettura del codice a barre o altro tipo di
errore. È consentito accedere ai campioni.
3. Carrello portacampioni: alloggia cinque provette primarie, provette per aliquota o
coppette del campione che possono essere indifferentemente inserite all'interno del
portacampioni.

Scomparto a processamento di routine (RSH - c8000/c16000/i2000SR)


Lo scomparto a processamento ordinario (routine) è quell'area nel sistema
riservata ai campioni da sottoporre alle analisi di routine. Dapprima i campioni
vengono caricati nei carrelli portacampioni, poi questi ultimi a loro volta nelle
piastre corrispondenti ed infine le piastre vengono inserite all'interno dello
scomparto predisposto per il processamento dei test di routine. Il meccanismo di

Capitolo 1-164 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Campionatori

trasporto del carrello portacampioni preleva ciascun portacampioni e lo fa


avanzare fino a superare il lettore del codice a barre. Quest'ultimo identifica i
campioni mentre il meccanismo di trasporto del carrello portacampioni dapprima
riporta i portacampioni negli scomparti a processamento routinario ed infine nel
rispettivo modulo di analisi per l'aspirazione dei campioni.
Figura 1.182: Scomparto a processamento di routine (c8000/c16000/i2000SR)

Legenda:
1. Spia di stato: indica lo stato dell'analisi in corso e segnala all'operatore il momento
opportuno per intervenire:
– spie spente: non vi sono campioni caricati nelle posizioni.
– verde (spia sempre accesa): i campioni sono sì caricati ma l'analisi non è
ancora iniziata. È consentito accedere ai campioni.
– gialla (spia sempre accesa): l'analisi dei campioni è in corso. Non è consentito
accedere ai campioni.
– verde (spia lampeggiante): l'analisi è terminata. È consentito accedere ai
campioni.
NOTA: se si aggiunge o si ripete l'analisi di un campione prima che questo
venga scaricato, l'indicatore di scompartimento o sezione torna al colore giallo
mentre il campione viene nuovamente aspirato.
– gialla e verde (in alternanza): errore di lettura del codice a barre o altro tipo di
errore. È consentito accedere ai campioni.
2. Piastra del carrello portacampioni: supporta fino a cinque carrelli portacampioni.
3. Sportello dello scomparto: permette di accedere allo scomparto previsto per il
processamento dei test di routine.

Meccanismo di trasporto dei portacampioni (c8000/c16000/i2000SR)


Si tratta di un meccanismo utilizzato per trasportare i carrelli portacampioni:
• da uno scomparto sull'RSH (campionatore robotico) al lettore del codice a
barre dell'RSH

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-165


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

• dal lettore del codice a barre dell'RSH ad una guida posizionatrice o di


nuovo sullo scomparto
• dalla guida posizionatrice di nuovo sullo scomparto

Figura 1.183: Meccanismo di trasporto dei portacampioni (c8000/c16000/


i2000SR)

Guida posizionatrice dei carrelli portacampioni (c8000/c16000/i2000SR)


Si tratta di un meccanismo sull'RSH (campionatore robotico) che posiziona i
carrelli portacampioni nella posizione di aspirazione del campione del rispettivo
modulo di analisi.
Ciascun modulo di analisi è dotato di una guida posizionatrice con quattro
posizioni:
• In un c8000/c16000, le posizioni 1 e 2 sono destinate ai carrelli
portacampioni degli scomparti di routine, la posizione 3 è riservata ai carrelli
portacampioni degli scomparti prioritari e la posizione 4 non viene utilizzata.
• In un i2000SR, le posizioni 1 e 2 sono destinate ai carrelli portacampioni a
cui accede il braccio di aspirazione per campioni di routine e le posizioni 3
e 4 sono riservate ai carrelli portacampioni a cui accede il braccio di
aspirazione STAT.

Figura 1.184: Guida posizionatrice dei portacampioni (c8000/c16000/i2000SR)

Capitolo 1-166 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Campionatori

Tastiera dell'RSH (c8000/c16000/i2000SR)


La tastiera dell'RSH (campionatore robotico) è un dispositivo di immissione
utilizzato dall'operatore per sovrintendere alle operazioni del campionatore.
Figura 1.185: Componenti della tastiera dell'RSH (c8000/c16000/i2000SR)

Legenda:
1. Tasto Avvio: serve per riprendere o avviare il trasporto dei campioni caricati negli
scomparti.
2. Tasto Pausa: mette in pausa il campionatore.
3. Tasto Stop: arresta il funzionamento del campionatore ma senza interromperne
l'alimentazione elettrica.

RSH - campionatore robotico (c4000/i1000SR/ci4100)


L'RSH (campionatore robotico) è un sistema di trasporto utilizzato per caricare
calibratori, controlli, campioni di pazienti e reagenti. Grazie al design di cui è
dotato, l'RSH permette un processamento sia di tipo random (casuale) che
continuo nonché di caricare/scaricare campioni e reagenti. I campioni vengono
posizionati in due tipi di sezioni: sezioni per test di routine e sezioni per test con
ordine di priorità. I carrelli portacampioni possono essere posizionati in qualsiasi
sezione dell'RSH. I carrelli portareagenti possono essere posizionati solamente
in una sezione del Sistema i1000SR.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-167


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

Figura 1.186: Componenti del campionatore robotico (c4000/i1000SR/ci4100)

Legenda:
1. Coperchio dell'area di analisi: permette l'accesso ai componenti dell'RSH.
2. Area di carico/scarico: posiziona i carrelli portacampioni e portareagenti (i1000SR)
per il carico e lo scarico.
3. Lettore del codice a barre:
– per i carrelli portacampioni - legge l'ID sulle etichette con codice a barre dei
campioni e dei portacampioni
– per i carrelli portareagenti (i1000SR) - legge le etichette con codice a barre 2D
apposte sui flaconi dei reagenti
4. Dispositivo di rotazione dei flaconi (i1000SR): orienta la posizione di colore rosa del
carrello portareagenti in modo che l'etichetta con codice a barre dei reagenti possa
essere letta.
5. Sistema di trasporto dei carrelli:
– per i carrelli portacampioni - trasferisce i carrelli dalle sezioni all'area di
aspirazione e viceversa.
– per i carrelli portareagenti (i1000SR) - trasferisce i carrelli dalle sezioni al
carosello dei reagenti e viceversa
6. Guida posizionatrice dei carrelli portacampioni: posiziona i carrelli portacampioni
per l'aspirazione del campione.
7. Area di aspirazione: posiziona i carrelli portacampioni per l'aspirazione del
campione.
8. Sezioni prioritarie:
– per i carrelli portacampioni - posiziona i campioni per analisi con ordine di
priorità
– Per i carrelli portareagenti (i1000SR) - posiziona i carrelli portareagenti per
caricarli sul carosello dei reagenti
9. Sezioni di routine:

Capitolo 1-168 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Campionatori

– per i carrelli portacampioni - posiziona i campioni per analisi di routine


– Per i carrelli portareagenti (i1000SR) - posiziona i carrelli portareagenti per
caricarli sul carosello dei reagenti

La sezione dedicata all'RSH - campionatore robotico (c4000/i1000SR/ci4100)


passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Sezioni prioritarie (RSH - c4000/i1000SR/ci4100), pagina 1-169
• Sezioni di routine (RSH - c4000/i1000SR/ci4100), pagina 1-170
• Sistema di trasporto dei carrelli e guida posizionatrice dei carrelli/area di
aspirazione (RSH - c4000/i1000SR/ci4100), pagina 1-172

Sezioni prioritarie (RSH - c4000/i1000SR/ci4100)


Nelle sezioni prioritarie vengono caricati sia carrelli portacampioni che
portareagenti (i1000SR).
• Per un carrello portacampioni - Dapprima i campioni vengono caricati nei
carrelli portacampioni e poi questi ultimi nella sezione prioritaria. Il
meccanismo di trasporto del carrello portacampioni preleva il portacampioni
e lo fa avanzare fino a superare il lettore del codice a barre. Quest'ultimo
identifica i campioni mentre il meccanismo di trasporto del carrello
portacampioni sposta i portacampioni nella rispettiva guida posizionatrice o
nell'area di aspirazione per l'aspirazione dei campioni.
• Per un carrello portareagenti (i1000SR) - Dapprima i flaconi dei reagenti
vengono caricati nei carrelli portareagenti e poi questi ultimi nella sezione
prioritaria. Il meccanismo di trasporto del carrello portareagenti preleva il
portareagenti e lo fa avanzare fino a superare il lettore del codice a barre.
Quest'ultimo identifica i kit dei reagenti mentre il meccanismo di trasporto
del carrello portareagenti carica i portareagenti sul carosello dei reagenti.

Il numero delle sezioni prioritarie può essere configurato:


• c4000 (range 0 - 7)
• i1000SR (range 0 - 7)
• ci4100 (range 0 - 10)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-169


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

Figura 1.187: Sezioni prioritarie (c4000/i1000SR/ci4100)

Legenda:
1. Sezioni prioritarie:
– Per i carrelli portacampioni - posiziona i campioni in vista delle analisi
prioritarie
– Per i carrelli portareagenti (i1000SR) - posiziona i carrelli portareagenti per
caricarli sul carosello dei reagenti
2. Spia di stato: indica lo stato dell'analisi in corso e segnala all'operatore il momento
opportuno per intervenire:
– Spie spente (off) - nessun portacampioni o portareagenti caricato nella
sezione.
– verde (spia sempre accesa) - carrelli portacampioni o portareagenti caricati,
ma l'analisi non è iniziata. È possibile accedere ai carrelli.
– gialla (spia sempre accesa) - carrelli portacampioni o portareagenti in fase di
analisi: accesso vietato.
– verde (spia lampeggiante) - l'analisi è terminata. È consentito accedere ai
carrelli portacampioni o portareagenti.
NOTA: se si aggiunge o si ripete l'analisi di un campione prima che questo
venga scaricato, l'indicatore di sezione torna al colore giallo mentre il
campione viene nuovamente aspirato.
– giallo (lampeggiante) - un carrello portareagenti viene scaricato per cui la
sezione non è disponibile per caricare i carrelli.
– giallo e verde (in alternanza) - errore di lettura del codice a barre o altro tipo
di errore. È consentito accedere ai carrelli.
3. Carrello portacampioni: alloggia cinque provette primarie, provette per aliquota o
coppette del campione che possono essere indifferentemente inserite all'interno del
portacampioni.
4. Carrello portareagenti (i1000SR): contiene fino a tre flaconi di reagenti. Per i
dosaggi con più di tre flaconi di reagenti sono necessari due carrelli portareagenti.

Sezioni di routine (RSH - c4000/i1000SR/ci4100)


Nelle sezioni di routine vengono caricati i carrelli portacampioni e portareagenti.

Capitolo 1-170 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Campionatori

• Per un carrello portacampioni - Dapprima i campioni vengono caricati nei


carrelli portacampioni e poi questi ultimi nella sezione di routine. Il
meccanismo di trasporto del carrello portacampioni preleva il portacampioni
e lo fa avanzare fino a superare il lettore del codice a barre. Quest'ultimo
identifica i campioni mentre il meccanismo di trasporto del carrello
portacampioni sposta i portacampioni nella rispettiva guida posizionatrice o
nell'area di aspirazione per l'aspirazione dei campioni.
• Per un carrello portareagenti (i1000SR) - Dapprima i flaconi dei reagenti
vengono caricati nei carrelli portareagenti e poi questi ultimi nella sezione di
routine. Il meccanismo di trasporto del carrello portareagenti preleva il
portareagenti e lo fa avanzare fino a superare il lettore del codice a barre.
Quest'ultimo identifica i kit dei reagenti mentre il meccanismo di trasporto
del carrello portareagenti carica i portareagenti sul carosello dei reagenti.

Figura 1.188: Sezioni di routine (c4000/i1000SR/ci4100)

Legenda:
1. Sezioni di routine:
– Per i carrelli portacampioni - posiziona i campioni in vista delle analisi di
routine
– Per i carrelli portareagenti (i1000SR) - posiziona i carrelli portareagenti per
caricarli sul carosello dei reagenti
2. Spia di stato: indica lo stato dell'analisi in corso e segnala all'operatore il momento
opportuno per intervenire:
– Spie spente (off) - nessun portacampioni o portareagenti caricato nella
sezione.
– verde (spia sempre accesa) - carrelli portacampioni o portareagenti caricati,
ma l'analisi non è iniziata. È possibile accedere ai carrelli.
– gialla (spia sempre accesa) - carrelli portacampioni o portareagenti in fase di
analisi: accesso vietato.
– verde (spia lampeggiante) - l'analisi è terminata. È consentito accedere ai
carrelli portacampioni o portareagenti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-171


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

NOTA: se si aggiunge o si ripete l'analisi di un campione prima che questo


venga scaricato, l'indicatore di sezione torna al colore giallo mentre il
campione viene nuovamente aspirato.
– giallo (lampeggiante) - un carrello portareagenti viene scaricato per cui la
sezione non è disponibile per caricare i carrelli.
– giallo e verde (in alternanza) - errore di lettura del codice a barre o altro tipo
di errore. È consentito accedere ai carrelli.
3. Carrello portacampioni: contiene cinque provette primarie, provette per aliquota o
coppette del campione che possono essere caricate su un carrello portacampioni.
4. Carrello portareagenti (i1000SR): contiene fino a tre flaconi di reagenti. Per i
dosaggi con più di tre flaconi di reagenti sono necessari due carrelli portareagenti.

Sistema di trasporto dei carrelli e guida posizionatrice dei carrelli/area di aspirazione (RSH -
c4000/i1000SR/ci4100)
Il sistema di trasporto dei carrelli è un meccanismo usato per trasportare i
carrelli da:
Per i carrelli portacampioni
• una sezione sull'RSH al lettore del codice a barre
• lettore del codice a barre alla guida posizionatrice dei carrelli/area di
aspirazione o di nuovo alla sezione
• guida posizionatrice dei carrelli/area di aspirazione nuovamente alla sezione

Per i carrelli portareagenti (i1000SR)


• una sezione sull'RSH al lettore del codice a barre e al sistema di rotazione
dei flaconi
• lettore del codice a barre e sistema di rotazione dei flaconi al carosello dei
reagenti o nuovamente alla sezione
• carosello dei reagenti nuovamente alla sezione

La guida posizionatrice dei carrelli e l'area di aspirazione sull'RSH facilitano il


posizionamento dei carrelli portacampioni nella posizione di aspirazione
appropriata.

Capitolo 1-172 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Campionatori

Figura 1.189: Sistema di trasporto dei carrelli e area di aspirazione (c4000/


i1000SR/ci4100)

Legenda:
1. Sistema di trasporto dei carrelli:
– per i carrelli portacampioni - trasferisce i carrelli dalle sezioni all'area di
aspirazione e viceversa
– per i carrelli portareagenti (i1000SR) - trasferisce i carrelli dalle sezioni al
carosello dei reagenti e viceversa
2. Guida posizionatrice dei carrelli portacampioni: posiziona i carrelli portacampioni
per l'aspirazione del campione.
3. Area di aspirazione: posiziona i carrelli portacampioni per l'aspirazione del
campione.

RSH Extension (RSHx)


L'RSHx è un sistema di trasporto aggiunto all'RSH dei moduli di analisi c8000 o
c16000 che li collega con il modulo ACCELERATOR p540. I controlli ed i
campioni dei pazienti vengono distribuiti negli scomparti prioritari e di routine
dell'RSHx sull'RSH per eseguire l'analisi con il Sistema ARCHITECT. Per
mantenere l'ordine di esecuzione dei calibratori, non usare l'RSHx per i
calibratori.
L'RSHx si collega ad un modulo di analisi c8000 o c16000 che può essere
integrato con un modulo di analisi i2000SR.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-173


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

Figura 1.190: RSH Extension (RSHx)

Legenda:
1. RSH Extension (RSHx).
2. Tastiera dell'RSH (c8000/c16000/i2000SR), pagina 1-167: funge per l'operatore da
interfaccia locale utile per controllare il campionatore.
3. Scomparto a processamento prioritario dell'RSHx, pagina 1-175: scomparto
prioritario dell'RSH progettato per l'uso con l'ACCELERATOR p540. Posiziona i
campioni che devono essere analizzati con ordine di priorità.
4. Scomparto a processamento di routine dell'RSHx, pagina 1-175: scomparto di
routine dell'RSH progettato per l'uso con l'ACCELERATOR p540. Posiziona i
campioni per le analisi di routine.

Figura 1.191: Vista interna dell'RSHx

Legenda:
1. Area di scambio portacampioni dell'RSHx, pagina 1-175: posiziona i carrelli
portacampioni per il trasferimento da e verso l'ARCHITECT RSH.
2. Area dell'RSHx di stoccaggio dei carrelli portacampioni vuoti, pagina 1-175: contiene
fino a 10 carrelli portacampioni vuoti aggiuntivi da usare con il modulo di
smistamento dell'ACCELERATOR p540.

La sezione relativa all'RSHx passa in rassegna i seguenti argomenti:


• Scomparto a processamento prioritario dell'RSHx, pagina 1-175

Capitolo 1-174 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Campionatori

• Scomparto a processamento di routine dell'RSHx, pagina 1-175


• Area di scambio portacampioni dell'RSHx, pagina 1-175
• Area dell'RSHx di stoccaggio dei carrelli portacampioni vuoti, pagina 1-175

Scomparto a processamento prioritario dell'RSHx


Lo scomparto prioritario dell'RSHx consiste in sezioni dello scomparto prioritario
dell'RSH riservate ai campioni ricevuti dall'ACCELERATOR p540 per i campioni
che devono essere analizzati con priorità. Da zero a sette sezioni sono
disponibili per la configurazione eseguita da un rappresentante Abbott.
L'accesso degli operatori a queste sezioni è bloccato.
Spia di stato:
Verde (fisso) - RSHx non è In corso.
Giallo (fisso) - RSHx è In corso.

Scomparto a processamento di routine dell'RSHx


Gli scomparti di routine dell'RSHx sono scomparti di routine dell'RSH,
contengono piastre RSHx e sono riservati ai campioni ricevuti
dall'ACCELERATOR p540 per le analisi di routine. Un c8000 standalone o un
c16000 ha tre scomparti RSHx (scomparti RSH 2-4) ed un sistema integrato ha
sei scomparti di routine RSHx (scomparti RSH 2-7). Le piastre RSHx sono
appositamente progettate per rimanere negli appositi scomparti di routine
dell'RSHx.
Spia di stato:
Verde (fisso) - RSHx non è In corso.
Giallo (fisso) - RSHx è In corso.

Area di scambio portacampioni dell'RSHx


L'area di scambio portacampioni RSHx è un'area di posizionamento fisso con
due posizioni che permette il trasferimento dei portacampioni tra
l'ACCELERATOR p540 e il Sistema ARCHITECT.

Area dell'RSHx di stoccaggio dei carrelli portacampioni vuoti


L'area di stoccaggio dei carrelli portacampioni vuoti contiene fino a 10 carrelli
portacampioni vuoti aggiuntivi da usare con il modulo di smistamento
dell'ACCELERATOR p540. Il numero di carrelli portacampioni vuoti nell'area di
stoccaggio varia a mano a mano che il sistema li usa.

SSH - campionatore standard (i2000)


L'SSH (campionatore standard) è un sistema di trasporto utilizzato per caricare
calibratori, controlli e campioni di pazienti e per trasportarli al modulo di analisi
i2000.
I campioni vengono dapprima caricati nei carrelli portacampioni che a loro volta
vengono poi posizionati sul rispettivo nastro di carico. Dapprima i lettori di codici
a barre identificano i campioni ed in seguito il campionatore provvede a

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-175


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

trasportare i carrelli portacampioni sul nastro di campionamento onde


permettere l'aspirazione dei campioni. Una volta aspirati i campioni, il nastro di
campionamento trasporta i carrelli portacampioni al nastro di scarico.
In base al numero di moduli di analisi disponibili, sono possibili due tipi di
configurazione per l'SSH:
• a monocorsia: permette il processamento dei campioni nei sistemi con
configurazione a modulo singolo. La capacità massima è di 125 campioni
(25 carrelli portacampioni à 5 campioni per carrello).
• a corsia doppia: permette il processamento dei campioni nei sistemi con
configurazione multimodulo (fino a quattro moduli di analisi). La capacità
massima è di 250 campioni (50 carrelli portacampioni à 5 campioni per
carrello).

Figura 1.192: Componenti dell'SSH (monocorsia)

Legenda:
1. Nastro di carico dei campioni (monocorsia): trasporta i carrelli portacampioni al
nastro di campionamento.
2. Carrelli portacampioni, pagina 1-202: alloggiano cinque provette primarie, provette
per aliquota o coppette del campione che possono essere indifferentemente
inserite all'interno del portacampioni.
3. Tastiera dell'SSH, pagina 1-177: funge per l'operatore da interfaccia locale utile
per controllare il campionatore.
4. Lettore del codice a barre del nastro di carico: legge l'ID del carrello portacampioni,
la posizione e l'ID del campione.
5. Lettore del codice a barre del nastro di campionamento: legge l'ID e la posizione
dei carrelli portacampioni. Non legge l'ID dei campioni.
6. Sportello sinistro di accesso al nastro di campionamento: permette l'accesso al
nastro di campionamento.
7. Sportello destro di accesso al nastro di campionamento: permette l'accesso al
nastro di campionamento.

Capitolo 1-176 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Campionatori

8. Nastro di campionamento: trasporta i carrelli portacampioni al braccio di


aspirazione dei campioni. Una volta aspirati i campioni, il carrello portacampioni
viene trasportato ad un altro modulo di analisi oppure al nastro di scarico.
9. Nastro di scarico dei campioni (monocorsia): rappresenta l'area in cui vengono
scaricati i carrelli portacampioni.

Figura 1.193: Configurazione dell'SSH (doppia corsia)

Legenda:
1. Nastro di carico dei campioni (doppia corsia): trasporta i carrelli portacampioni al
nastro di campionamento.
2. Nastro di scarico dei campioni (doppia corsia): rappresenta l'area in cui vengono
scaricati i carrelli portacampioni.

La sezione dedicata all'SSH - campionatore standard (i2000) passa in rassegna


i seguenti argomenti:
• Tastiera dell'SSH, pagina 1-177

Tastiera dell'SSH
La tastiera dell'SSH (campionatore standard) è un dispositivo di immissione
utilizzato dall'operatore per sovrintendere alle operazioni del campionatore.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-177


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

Figura 1.194: Tastiera dell'SSH

Legenda:
1. Tasto Avvio: serve per riprendere o avviare il trasporto dei campioni caricati sul
rispettivo nastro di carico.
2. Tasto Pausa: interrompe il funzionamento del nastro di carico per permettere il
caricamento dei carrelli portacampioni o dei campioni ad accesso prioritario.
3. Spia di pausa (gialla): si accende per indicare che il funzionamento del nastro di
carico è stato interrotto e che si possono quindi caricare ulteriori carrelli
portacampioni.
4. Tasto Indietro: inverte il senso di marcia del nastro di carico per facilitare il
caricamento dei carrelli portacampioni che trasportano campioni urgenti. Il tasto è
attivo soltanto se la spia di pausa è accesa.
5. Tasto Stop: arresta il funzionamento del campionatore ma senza interromperne
l'alimentazione elettrica.
6. Indicatori di corsia attiva (verdi; attivi solo con nastro di carico a doppia corsia):
indicano la corsia attualmente attiva. Lo scopo dell'indicatore di corsia è quello di
facilitare il caricamento in sistemi plurimodulari di carrelli portacampioni contenenti
campioni urgenti.

Campionatore con carosello LAS (i2000)


Il campionatore con carosello LAS (Laboratory Automation System) è un sistema
di trasporto utilizzato per caricare calibratori, controlli e campioni di pazienti e
per trasferirli al modulo di analisi i2000, integrato con un sistema di trasporto
LAS.
In caso di malfunzionamento del sistema di trasporto, il carosello LAS può
essere usato come area principale per il caricamento dei campioni. In condizioni
operative normali, quando cioè sia il binario di trasporto LAS che il carosello
LAS funzionano correttamente, i campioni caricati sul carosello hanno la priorità
rispetto a quelli presenti sul binario di trasporto LAS.

Capitolo 1-178 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Campionatori

Figura 1.195: Campionatore con carosello LAS (i2000)

Legenda:
1. Coperchio del carosello LAS: permette l'accesso al carosello dei campioni LAS.
2. Carosello dei campioni LAS (i2000), pagina 1-204: alloggia 20 provette primarie,
provette per aliquota o coppette del campione che possono essere
indifferentemente inserite all'interno del carosello.
3. Tastiera del campionatore con carosello LAS (i2000), pagina 1-179: funge per
l'operatore da interfaccia locale utile per controllare il carosello LAS.

La sezione dedicata al campionatore con carosello LAS (i2000) passa in


rassegna i seguenti argomenti:
• Tastiera del campionatore con carosello LAS (i2000), pagina 1-179

Tastiera del campionatore con carosello LAS (i2000)


La tastiera del campionatore con carosello LAS (Laboratory Automation System)
è un dispositivo di immissione utilizzato dall'operatore per sovrintendere alle
operazioni del campionatore.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-179


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Campionatori Capitolo 1

Figura 1.196: Tastiera del campionatore con carosello LAS (i2000)

Legenda:
1. Tasto Avvio: serve per riprendere o avviare l'analisi dei campioni caricati sul
carosello LAS.
2. Tasto Pausa: interrompe il funzionamento del carosello LAS dopo avere completato
l'aspirazione del campione attuale o del set di calibratori attuale.
3. Spia di pausa (gialla): si accende per indicare che il funzionamento del carosello
LAS è stato interrotto onde poter caricare o scaricare i campioni.
4. Tasto di avanzamento del carosello: muove in senso orario il carosello LAS di
cinque posizioni. Il tasto è attivo soltanto se la spia di pausa è accesa.
5. Tasto Stop: arresta il funzionamento del carosello LAS ma senza interromperne
l'alimentazione elettrica.

Capitolo 1-180 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Materiale consumabile richiesto


Il materiale consumabile è costituito da articoli non durevoli, soggetti quindi ad
essere sostituiti e ricostituiti, necessari per l'esecuzione dei dosaggi con il
Sistema ARCHITECT. È essenziale garantire che il materiale consumabile sia
presente sempre in quantità sufficiente.
ATTENZIONE: Molti dei materiali consumabili utilizzati con il Sistema
ARCHITECT sono miscele di sostanze chimiche e/o biologiche. Alcune
di queste miscele possono essere pericolose per l'operatore in presenza
di condizioni particolari. Fare riferimento alle avvertenze e/o alle
istruzioni riportate nella documentazione specifica del relativo dosaggio
(quale ad esempio un foglietto illustrativo o una scheda tecnica dei
reagenti), sulle etichette e nelle schede dei dati di sicurezza . Per
informazioni generali, fare riferimento alle sezioni Rischi biologici, pagina
8-5 e Rischi chimici, pagina 8-7.
In questa sezione vengono trattati i seguenti argomenti:
• Materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT, pagina 1-181
• Materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT c , pagina 1-182
• Materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT i , pagina 1-194

Materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT


Le coppette del campione vengono usate con ciascun Sistema ARCHITECT.
La coppetta del campione è un recipiente monouso da 1400 µl che contiene
campioni dei pazienti, calibratori o controlli. Il recipiente è graduato su volumi da
125, 500 e 1400 µl per facilitarne il riempimento, senza la necessità di ricorrere
quindi all'uso di pipette di precisione.
Per facilitare l'identificazione dei campioni, le coppette dei campioni possono
essere sistemate in provette dei campioni recanti etichette con codice a barre.
Figura 1.197: Coppette dei campioni

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-181


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

Materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT c


La sezione dedicata al materiale consumabile per il Sistema c ARCHITECT
passa in rassegna i seguenti argomenti:
• Kit e componenti dei reagenti (Sistema c), pagina 1-182
• Cartucce dei reagenti (Sistema c), pagina 1-183
• Calibratori (Sistema c), pagina 1-184
• Modulo ICT (Sistema c), pagina 1-185
• Calibratori ICT (Sistema c), pagina 1-186
• Liquido detergente ICT (Sistema c), pagina 1-186
• Soluzioni di rifornimento (Sistema c), pagina 1-187
• Soluzioni onboard (Sistema c), pagina 1-189
• Additivo per il bagno di incubazione (Sistema c), pagina 1-190
• Soluzioni utilizzate nelle operazioni giornaliere (c4000), pagina 1-191
• Soluzioni utilizzate nelle operazioni giornaliere (c8000/c16000), pagina 1-192

Kit e componenti dei reagenti (Sistema c)


I kit dei reagenti sono costituiti da una o più cartucce contenenti tutti i
componenti dei reagenti necessari per l'esecuzione di analisi fotometriche o
potenziometriche sul Sistema ARCHITECT c.
I kit dei reagenti possono essere conservati all'interno del sistema,
conformemente alle istruzioni specifiche per ciascun dosaggio. Per ulteriori
dettagli sulla conservazione onboard, fare riferimento alla rispettiva
documentazione dosaggio-specifica del produttore dei reagenti (quale ad es. un
foglietto illustrativo o una scheda tecnica dei reagenti).
Figura 1.198: Kit e componenti dei reagenti

Informazioni correlate...
• Etichette dei reagenti (Sistema c), pagina 1-183

Capitolo 1-182 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Etichette dei reagenti (Sistema c)


Le etichette dei reagenti servono ad identificare in modo univoco i reagenti, sono
applicate all'esterno dei reagenti preconfezionati Abbott e sono munite di un
codice a barre bidimensionale (2D) su cui sono memorizzate le seguenti
informazioni:
• nome del reagente
• numero di serie del reagente
• numero di lotto
• formato cartuccia
• data di scadenza
• periodo di stabilità onboard

Onde facilitare il caricamento dei reagenti nei rispettivi caroselli, la parte


superiore dell'etichetta apposta sui flaconi dei reagenti è contrassegnata da R1
o R2.
Figura 1.199: Etichette dei reagenti

Cartucce dei reagenti (Sistema c)


Le cartucce dei reagenti sono contenitori utilizzati nei caroselli dei reagenti e
fungono da supporto per i reagenti utilizzati durante le analisi. Esse possono
inoltre contenere soluzioni di lavaggio diluite, diluenti e l'additivo per il bagno di
incubazione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-183


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

Figura 1.200: Cartucce dei reagenti

Legenda:
1. Cartuccia grande (90 ml): bianca o incolore.
2. Cartuccia da 100 ml: marrone (disponibile solo con determinati reagenti
preconfezionati; non può essere ordinata separatamente).
3. Cartuccia da 20 ml: bianca
4. Cartuccia piccola (55 ml): bianca o incolore.
5. Flacone da 20 ml: marrone (disponibile solo con determinati reagenti
preconfezionati; non può essere ordinata separatamente).

Informazioni correlate...
• Adattatore per cartuccia reagenti (c4000), pagina 1-205
• Adattatori per cartucce dei reagenti (c8000), pagina 1-207
• Adattatori per cartucce dei reagenti (c16000), pagina 1-211

Calibratori (Sistema c)
I calibratori sono campioni contenenti concentrazioni note di analita. Il sistema
utilizza differenti tipi di calibratori (mono o multicostituenti). Per individuare i
calibratori da utilizzare nei rispettivi dosaggi, fare riferimento al foglietto
illustrativo allegato ai test di chimica clinica oppure alle schede tecniche accluse
ai reagenti Abbott.

Capitolo 1-184 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Figura 1.201: Calibratori

Modulo ICT (Sistema c)


Il modulo ICT è un chip integrato, situato all'interno dell'unità ICT, che contiene
gli Na+, K+ e Cl- e gli elettrodi di riferimento. La garanzia del modulo ICT copre
il processamento di 20.000 campioni oppure è valida per i tre mesi successivi
all'installazione, a seconda di quale di queste due condizioni risulti per prima
applicabile.
Figura 1.202: Modulo ICT

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-185


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

Calibratori ICT (Sistema c)


I calibratori ICT (con base di sieroalbumina bovina al 7%) e i calibratori di urina
ICT (con base acquosa) sono campioni con valori noti, utilizzati per calibrare il
modulo ICT. Ciascun set contiene una concentrazione bassa ed una alta.
Per informazioni sulla calibrazione, fare riferimento al foglietto illustrativo fornito
in allegato con i test di chimica clinica o alla scheda tecnica acclusa ai rispettivi
reagenti Abbott.
Figura 1.203: Calibratori ICT

Liquido detergente ICT (Sistema c)


Il liquido detergente ICT è un prodotto detergente preparato dall'operatore ed
utilizzato nell'ambito delle procedure di manutenzione quotidiane per pulire il
modulo ICT.
Il liquido detergente ICT viene fornito come prodotto bicomponente, costituito da
un liquido e da una polvere.
Per informazioni su come preparare il liquido detergente ICT, fare riferimento
alla sezione Preparazione del liquido detergente ICT (Sistema c), pagina 9-22.

Capitolo 1-186 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Figura 1.204: Liquido detergente ICT

Soluzioni di rifornimento (Sistema c)


Le soluzioni di rifornimento sono soluzioni liquide presenti nel sistema in grandi
quantità, utilizzate nell'analisi dei campioni. Le tre soluzioni di rifornimento sono
caricate su piattaforme dotate di sensori che ne rilevano il peso e sono
collocate dietro lo sportello del vano delle soluzioni di rifornimento del modulo di
analisi. Le soluzioni includono la soluzione di riferimento ICT (Sistema c), la
soluzione di lavaggio alcalina (Sistema c) e la soluzione di lavaggio acida
(Sistema c).
NOTA: per istruzioni specifiche sulla conservazione delle soluzioni di
rifornimento, fare riferimento alle etichette apposte sui rispettivi flaconi.
La sezione dedicata alle soluzioni di rifornimento (Sistema c) passa in rassegna
i seguenti argomenti:
• Soluzione di riferimento ICT (Sistema c), pagina 1-187
• Soluzione di lavaggio alcalina (Sistema c), pagina 1-188
• Soluzione di lavaggio acida (Sistema c), pagina 1-189

Soluzione di riferimento ICT (Sistema c)


La soluzione di riferimento ICT (flacone da 2000 ml) è uno standard a
concentrazione media. La soluzione viene aspirata e analizzata dal modulo ICT
prima e dopo ciascun campione, per ottenere un potenziale riferimento usato
per calcolare i risultati.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-187


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

Figura 1.205: Soluzione di riferimento

Soluzione di lavaggio alcalina (Sistema c)


La soluzione di lavaggio alcalina (flacone da 500 ml) è una soluzione utilizzata
dal lavacuvette per pulire le cuvette al termine dell'analisi dei campioni.
Figura 1.206: Soluzione di lavaggio alcalina

Capitolo 1-188 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Soluzione di lavaggio acida (Sistema c)


La soluzione di lavaggio acida (flacone da 500 ml) è una soluzione utilizzata dal
lavacuvette per pulire le cuvette al termine dell'analisi dei campioni.
Se diluita, la soluzione di lavaggio acida può essere utilizzata anche per il
lavaggio degli aghi. Fare riferimento in merito alla sezione Soluzioni onboard
(Sistema c), pagina 1-189.
Figura 1.207: Soluzione di lavaggio acida

Soluzioni onboard (Sistema c)


Le soluzioni onboard sono detergenti utilizzati per lavare gli aghi del campione e
dei reagenti, i miscelatori e le cuvette di reazione. Queste soluzioni vengono
utilizzate durante le analisi, allorché sia necessario procedere ad un ulteriore
lavaggio degli aghi o delle cuvette onde evitare le interferenze inter-dosaggi
(funzione di lavaggio SmartWash). Inoltre, possono anche essere utilizzate
nell'ambito di alcune procedure di manutenzione. Le soluzioni onboard
comprendono:
• soluzione di lavaggio acida allo 0,5% (una diluizione allo 0,5% della
soluzione di lavaggio acida)
• detergente A
• detergente B al 10% (una diluizione al 10% del detergente B)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-189


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

Figura 1.208: Soluzioni onboard

Additivo per il bagno di incubazione (Sistema c)


L'additivo per il bagno di incubazione è una soluzione antimicrobica che serve a
ridurre la contaminazione microbica nel bagno di incubazione. Il contenitore di
additivo viene collocato in uno dei caroselli dei reagenti ed è utilizzato per la
procedura di manutenzione giornaliera in completa automazione. Durante questa
procedura, la soluzione viene dispensata nel bagno di incubazione.
Figura 1.209: Additivo per il bagno di incubazione

Capitolo 1-190 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Soluzioni utilizzate nelle operazioni giornaliere (c4000)


Le tabelle sottostanti forniscono una breve descrizione con informazioni relative
alla finalità d'uso, alla stabilità onboard, alla collocazione e alla preparazione
delle soluzioni c4000 impiegate nell'attività giornaliera.

Tabella 1.1: Soluzioni di rifornimento (c4000)

Soluzione Finalità Stabilità onboard Posizione


Soluzione di Analisi ICT e Data di scadenza Piattaforma dotata di sensore per la
riferimento ICT manutenzione giornaliera indicata sul flacone rilevazione del peso nel vano delle
soluzioni di rifornimento
Soluzione di Lavaggio cuvette Data di scadenza Piattaforma dotata di sensore per la
lavaggio alcalina indicata sul flacone rilevazione del peso nel vano delle
soluzioni di rifornimento
Soluzione di Lavaggio cuvette Data di scadenza Piattaforma dotata di sensore per la
lavaggio acida indicata sul flacone rilevazione del peso nel vano delle
soluzioni di rifornimento

Tabella 1.2: Soluzioni di lavaggio dell'ago campione (c4000)

Soluzione Finalità Stabilità onboard Posizione


Soluzione di lavaggio Lavaggio dell'ago 1 giorno Posizione 1 sul portasoluzioni di lavaggio
acida allo 0,5% campionatore dell'ago campione
Detergente A Lavaggio dell'ago 1 giorno Posizione 2 sul portasoluzioni di lavaggio
campionatore dell'ago campione
Liquido detergente Procedura 6070 Non applicabile Posizione 3 sul portasoluzioni di lavaggio
ICT Manutenzione dell'ago campione
giornaliera

Tabella 1.3: Soluzioni del carosello dei reagenti (c4000)

Soluzione Finalità Stabilità onboard Posizione


Detergente A Lavaggio degli aghi dei Data di scadenza Posizione A1 sul carosello dei reagenti
reagenti indicata sul flacone (secondo la configurazione dello schermo
Stato scorte)
Detergente B al Lavaggio degli aghi dei 14 giorni Posizione A2 sul carosello dei reagenti
10% reagenti (secondo la configurazione dello schermo
Stato scorte)
Soluzione di Lavaggio degli aghi dei 30 giorni Posizione A3 sul carosello dei reagenti
lavaggio acida reagenti (secondo la configurazione dello schermo
allo 0,5% Stato scorte)
Diluente del Analisi ICT 30 giorni Carosello dei reagenti, qualsiasi posizione
campione ICT
Additivo per il Procedura 6070 Data di scadenza Carosello dei reagenti, posizione A4 (come
bagno di Manutenzione giornaliera indicata sul flacone configurato nella procedura 6070
incubazione Manutenzione giornaliera)
Soluzione salina Diluizione dei campioni Data di scadenza Carosello dei reagenti (secondo la
indicata sul flacone configurazione della videata Stato reagenti)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-191


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

Tabella 1.4: Preparazione della soluzione (c4000)

Soluzione Breve descrizione della preparazione Stabilità


Soluzione di lavaggio acida allo Miscelare insieme: Stessa scadenza della soluzione di
0,5% • 5 ml di soluzione di lavaggio rifornimento di lavaggio acida
Fare riferimento al proposito alla acida
sezione Preparare una soluzione • 995 ml di acqua purificata
di lavaggio acida 0,5% (c System), • Versare nell'apposito contenitore
pagina 5-61.
Detergente B al 10% Miscelare insieme: 14 giorni
Fare riferimento al proposito alla • 50 ml di detergente B
sezione Preparazione della • 450 ml di acqua purificata
soluzione detergente B al 10% • Versare nell'apposito contenitore
(Sistema c), pagina 5-64.
Liquido detergente ICT • Aggiungere 12 ml di liquido 14 giorni a 2°C - 8°C dalla
Fare riferimento al proposito alla detergente ICT nel flacone della preparazione
sezione Preparazione del liquido soluzione detergente liofilizzata
detergente ICT (Sistema c), ICT
pagina 9-22. • Miscelare delicatamente
capovolgendo

Soluzioni utilizzate nelle operazioni giornaliere (c8000/c16000)


Le tabelle sottostanti forniscono una breve descrizione con informazioni relative
alla finalità d'uso, alla stabilità onboard, alla collocazione e alla preparazione
delle soluzioni del Sistema c8000/c16000 impiegate nell'attività giornaliera.

Tabella 1.5: Soluzioni di rifornimento (c8000/c16000)

Soluzione Finalità Stabilità onboard Posizione


Soluzione di Analisi ICT e Data di scadenza Piattaforma dotata di sensore per la
riferimento ICT manutenzione giornaliera indicata sul flacone rilevazione del peso nel vano delle
soluzioni di rifornimento
Soluzione di Lavaggio cuvette Data di scadenza Piattaforma dotata di sensore per la
lavaggio alcalina indicata sul flacone rilevazione del peso nel vano delle
soluzioni di rifornimento
Soluzione di Lavaggio cuvette Data di scadenza Piattaforma dotata di sensore per la
lavaggio acida indicata sul flacone rilevazione del peso nel vano delle
soluzioni di rifornimento

Tabella 1.6: Soluzioni del carosello campioni (c8000/c16000)

Soluzione Finalità Stabilità onboard Posizione


Soluzione di lavaggio Lavaggio dell'ago 1 giorno Posizione 31 sul carosello dei campioni
acida allo 0,5% campionatore
Detergente A Lavaggio dell'ago 1 giorno Posizione 32 sul carosello dei campioni
campionatore
Liquido detergente Procedura 6070 Non applicabile Posizione 1 sul carosello dei campioni
ICT Manutenzione (come indicato nella procedura 6070
giornaliera Manutenzione giornaliera)

Capitolo 1-192 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Tabella 1.7: Soluzioni del carosello reagenti (c8000/c16000)

Stabilità
Soluzione Finalità Posizione
onboard
c8000 c16000
Detergente A Lavaggio degli Data di Caroselli dei reagenti 1 e 2: Caroselli dei reagenti 1 e 2
aghi dei reagenti scadenza D1, E1 o E2 (secondo la (carosello esterno e interno);
indicata sul configurazione dello schermo C1 e D1 (secondo la
flacone Stato scorte) configurazione dello schermo
Stato scorte)
Detergente B al Lavaggio degli 14 giorni Caroselli dei reagenti 1 e 2: Caroselli dei reagenti 1 e 2
10% aghi dei reagenti D1, E1 o E2 (secondo la (carosello esterno e interno);
configurazione dello schermo C2 e D2 (secondo la
Stato scorte) configurazione dello schermo
Stato scorte)
Soluzione di Lavaggio degli 30 giorni Caroselli dei reagenti 1 e 2: Caroselli dei reagenti 1 e 2
lavaggio acida aghi dei reagenti D1, E1 o E2 (secondo la (carosello esterno e interno);
allo 0,5% configurazione dello schermo C3 e D3 (secondo la
Stato scorte) configurazione dello schermo
Stato scorte)
Diluente del Analisi ICT 30 giorni Carosello dei reagenti 1, Carosello dei reagenti 1 (solo
campione ICT qualsiasi posizione il carosello esterno), qualsiasi
posizione
Additivo per il Procedura 6070 Data di Carosello dei reagenti 2, Carosello dei reagenti 1,
bagno di Manutenzione scadenza posizione A1 (come indicato posizione A1 (come indicato
incubazione giornaliera indicata sul nella procedura 6070 nella procedura 6070
flacone Manutenzione giornaliera) Manutenzione giornaliera)
Soluzione salina Diluizione dei Data di Carosello dei reagenti Carosello dei reagenti 1
campioni scadenza (secondo la configurazione (carosello esterno e interno,
indicata sul dello schermo Stato reagenti) secondo la configurazione
flacone dello schermo Stato reagenti)

Tabella 1.8: Preparazione della soluzione (c8000/c16000)

Soluzione Breve descrizione della preparazione Stabilità


Soluzione di lavaggio acida allo Miscelare insieme: Stessa scadenza della soluzione di
0,5% • 5 ml di soluzione di lavaggio rifornimento di lavaggio acida
Fare riferimento al proposito alla acida
sezione Preparare una soluzione • 995 ml di acqua purificata
di lavaggio acida 0,5% (c System), • Versare nell'apposito contenitore
pagina 5-61.
Detergente B al 10% Miscelare insieme: 14 giorni
Fare riferimento al proposito alla • 50 ml di detergente B
sezione Preparazione della • 450 ml di acqua purificata
soluzione detergente B al 10% • Versare nell'apposito contenitore
(Sistema c), pagina 5-64.
Liquido detergente ICT • Aggiungere 12 ml di liquido 14 giorni a 2°C - 8°C dalla
Fare riferimento al proposito alla detergente ICT nel flacone della preparazione
sezione Preparazione del liquido soluzione detergente liofilizzata
detergente ICT (Sistema c), ICT
pagina 9-22. • Miscelare delicatamente
capovolgendo

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-193


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

Materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT i


La sezione dedicata al materiale consumabile per il Sistema ARCHITECT i passa
in rassegna i seguenti argomenti:
• Kit e componenti dei reagenti (Sistema i), pagina 1-194
• Setti e tappi di ricambio (Sistema i), pagina 1-195
• Controlli ad analita singolo (Sistema i), pagina 1-196
• Controlli multicostituenti (Sistema i), pagina 1-196
• Calibratori (Sistema i), pagina 1-197
• Soluzioni di rifornimento (Sistema i), pagina 1-197
• Soluzione di condizionamento dell'ago (Sistema i), pagina 1-200
• Cartucce di reazione (Sistema i), pagina 1-201

Kit e componenti dei reagenti (Sistema i)


I kit dei reagenti sono costituiti da due o più flaconi contenenti tutti i componenti
dei reagenti indispensabili per l'esecuzione di un dosaggio con il Sistema
ARCHITECT i. Il formato della confezione dei reagenti può essere di due tipi:
• kit da 100 test
• kit da 500 test

NOTA: i kit dei reagenti da 500 test possono essere utilizzati soltanto sui sistemi
i2000/i2000SR.
I kit dei reagenti possono essere conservati all'interno del sistema,
conformemente alle istruzioni specifiche per ciascun dosaggio. Per ulteriori
dettagli sulla conservazione all'interno del sistema, fare riferimento ai foglietti
illustrativi acclusi ai relativi dosaggi.
Figura 1.210: Kit e componenti dei reagenti

Informazioni correlate...
• Etichette dei reagenti (Sistema i), pagina 1-195

Capitolo 1-194 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Etichette dei reagenti (Sistema i)


Le etichette dei reagenti servono ad identificare in modo univoco i reagenti, sono
applicate all'esterno dei reagenti preconfezionati Abbott e sono munite di codici
a barre bidimensionali (2D) su cui sono memorizzate le seguenti informazioni:
• nome del dosaggio
• numero di serie del reagente
• numero di lotto
• formato del test (numero di test per kit)
• data di scadenza
• periodo di stabilità onboard
• informazioni sulla curva di calibrazione principale per quei dosaggi che si
basano sul metodo di calibrazione a 2 punti

Le fascette colorate sulla parte superiore dell'etichetta dei reagenti, che


rimandano alla posizione corrispondente sul rispettivo carosello, facilitano il
caricamento dei reagenti.
Figura 1.211: Etichette dei reagenti

Setti e tappi di ricambio (Sistema i)


I setti sono delle membrane con fessure utilizzati per evitare l'evaporazione e la
contaminazione dei reagenti, nonché per garantirne l'integrità. L'operatore è
tenuto ad applicare i setti su tutti i flaconi di reagenti aperti prima di caricarli nel
modulo di analisi.
I tappi di ricambio sono di colore verde per indicare visivamente i flaconi di
reagenti già aperti. I tappi di ricambio devono venire applicati ai flaconi di
reagente già aperti e con setto già in posizione, quando vengono rimossi dal
modulo di analisi. Tali flaconi dei reagenti possono essere conservati, in
posizione verticale, in frigorifero.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-195


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

Figura 1.212: Setti e tappi di ricambio

Controlli ad analita singolo (Sistema i)


I controlli ad analita singolo sono campioni specifici dei rispettivi dosaggi,
contenenti concentrazioni note di analita. Di solito sono contrassegnati
dall'indicazione L (basso), M (medio) e H (alto), o Pos e Neg.
Figura 1.213: Controlli ad analita singolo

Controlli multicostituenti (Sistema i)


I controlli multicostituenti Abbott sono campioni contenenti più analiti. Per
permettere il monitoraggio delle prestazioni entro il rispettivo range clinico, sono
disponibili due o tre livelli di controlli:
• controlli multicostituenti (MCC) per dosaggi immunologici (liquidi):
contengono marker per dosaggi immunologici (compresi alcuni marker
tumorali).
• controlli multicostituenti (MCC) per marker tumorali (liofilizzati): contengono
tutti i marker tumorali disponibili per il Sistema ARCHITECT i.

Capitolo 1-196 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Figura 1.214: Controlli multicostituenti

Calibratori (Sistema i)
I calibratori sono campioni contenenti concentrazioni note di analita. I calibratori
ad analita singolo vengono utilizzati sul Sistema i. Per identificare i calibratori da
utilizzare con i rispettivi dosaggi, fare riferimento ai foglietti illustrativi dei singoli
dosaggi.
Figura 1.215: Calibratori

Soluzioni di rifornimento (Sistema i)


Le soluzioni di rifornimento sono soluzioni liquide presenti nel sistema in grandi
quantità, utilizzate nell'analisi dei campioni. Le tre seguenti soluzioni di
rifornimento sono caricate nel vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti di un
modulo di analisi del Sistema i ARCHITECT.
NOTA: per istruzioni specifiche sulla conservazione delle soluzioni di
rifornimento, fare riferimento alle etichette apposte sui rispettivi flaconi.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-197


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

La sezione dedicata alle soluzioni di rifornimento (Sistema i ) passa in rassegna


i seguenti argomenti:
• Soluzione pre-trigger (Sistema i), pagina 1-198
• Soluzione trigger (Sistema i), pagina 1-198
• Tampone di lavaggio concentrato (Sistema i), pagina 1-199

Soluzione pre-trigger (Sistema i)


La soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) è una soluzione a base di perossido
d'idrogeno, usata per separare l'acridinio dal coniugato legato al complesso
delle microparticelle, preparando così l'acridinio per l'aggiunta della soluzione di
attivazione (Trigger). Il flacone della soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) è
di colore nero.
IMPORTANTE: La stabilità nel sistema è di 28 giorni. Rimuovere la soluzione
e smaltirla, una volta superato il periodo di stabilità nel sistema.
Figura 1.216: Soluzione di preattivazione (Pre-Trigger)

Soluzione trigger (Sistema i)


La soluzione di attivazione (Trigger) è una soluzione a base di idrossido di sodio,
utilizzata per indurre la reazione chemiluminescente grazie alla quale si ottiene il
valore di lettura finale. Il flacone della soluzione di attivazione (Trigger) è
incolore.
IMPORTANTE: La stabilità nel sistema è di 28 giorni. Alcuni dosaggi
richiedono un periodo di stabilità inferiore. Per ulteriori informazioni fare
riferimento ai foglietti illustrativi dei dosaggi del Sistema i. Rimuovere la
soluzione e smaltirla, una volta superato il periodo di stabilità nel sistema.

Capitolo 1-198 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Figura 1.217: Soluzione di attivazione (Trigger)

Tampone di lavaggio concentrato (Sistema i)


Il tampone di lavaggio concentrato è una soluzione salina tamponata con
fosfato. Il tampone di lavaggio viene usato durante l'intero ciclo di analisi e viene
pompato ai gruppi di aspirazione del campione e dei reagenti, nonché alle due
aree di lavaggio.
Durante il funzionamento del sistema si può accedere al serbatoio situato nel
vano di rifornimento e di scarico dei rifiuti onde provvedere alla ricostituzione
delle scorte.
Il tampone di lavaggio concentrato, fornito nel flacone da 1 l, deve essere diluito
prima dell'uso, mentre quello fornito nel cubitainer da 10 l va utilizzato con
l'ARCHITECT ARM (modulo di ricostituzione automatico).

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-199


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Materiale consumabile richiesto Capitolo 1

Figura 1.218: Tampone di lavaggio concentrato (flacone da 1 l)

Figura 1.219: Tampone di lavaggio concentrato (cubitainer da 10 l)

Soluzione di condizionamento dell'ago (Sistema i)


La soluzione di condizionamento dell'ago è una soluzione a base di plasma
umano ricalcificato. Questa soluzione è necessaria in alcune procedure di
manutenzione per condizionare l'ago del braccio di aspirazione del campione
dopo averlo pulito, onde impedire il legame aspecifico degli analiti nell'ago.

Capitolo 1-200 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Materiale consumabile richiesto

Figura 1.220: Soluzione di condizionamento dell'ago

Cartucce di reazione (Sistema i)


Le cartucce di reazione (RV) sono contenitori monouso nei quali ha luogo la
reazione CMIA. Le cartucce di reazione vengono conservate sfuse nell'apposito
contenitore e caricate automaticamente, se necessario, lungo il percorso di
analisi. È possibile aggiungere delle nuove cartucce di reazione nel contenitore
in qualsiasi momento.
Figura 1.221: Cartuccia di reazione

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-201


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Accessori necessari Capitolo 1

Accessori necessari
Gli accessori sono componenti richiesti per l'esecuzione delle analisi sul Sistema
ARCHITECT. È fondamentale garantire la presenza nel sistema di scorte
sufficienti di tali accessori.
Gli accessori trattati in questa sezione sono i seguenti:
• Carrelli portacampioni, pagina 1-202
• Piastre dei carrelli portacampioni (RSH - tranne c4000/i1000SR/ci4100),
pagina 1-203
• Piastre dell'RSHx, pagina 1-203
• Carosello dei campioni LAS (i2000), pagina 1-204
• Segmenti dei reagenti (c4000), pagina 1-204
• Adattatore per cartuccia reagenti (c4000), pagina 1-205
• Segmenti dei reagenti (c8000), pagina 1-206
• Adattatori per cartucce dei reagenti (c8000), pagina 1-207
• Segmenti dei reagenti (c16000), pagina 1-210
• Adattatori per cartucce dei reagenti (c16000), pagina 1-211
• Carrelli portareagenti (i1000SR), pagina 1-212

Carrelli portacampioni
I carrelli portacampioni sono rack predisposti per essere utilizzati sull'RSH
(campionatore robotico) o sull'SSH (campionatore standard) per trasportare
campioni di pazienti, calibratori o controlli al braccio o ai bracci di aspirazione
del campione. I carrelli portacampioni sono muniti di codice a barre per
l'identificazione e alloggiano cinque provette primarie, provette per aliquota o
coppette campioni che possono essere indifferentemente inserite all'interno del
portacampioni.
I carrelli portacampioni sono dotati di un'etichetta del misuratore di livello del
campione per accertarsi che il volume di campione nella provetta primaria o per
aliquota sia sufficiente. Fare riferimento in merito alla sezione Etichetta del
misuratore di livello del campione, pagina 5-254.

Capitolo 1-202 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Accessori necessari

Figura 1.222: Carrelli portacampioni

Piastre dei carrelli portacampioni (RSH - tranne c4000/i1000SR/


ci4100)
Le piastre dei carrelli portacampioni rappresentano un accessorio, utilizzato per
alloggiare i portacampioni da caricare nell'RSH (campionatore robotico). Su
ciascuna piastra possono essere caricati fino a cinque carrelli portacampioni.
Figura 1.223: Piastre dei carrelli portacampioni (RSH - tranne c4000/i1000SR/
ci4100)

Piastre dell'RSHx
Le piastre dell'RSHx sono accessori utilizzati per contenere i carrelli
portacampioni negli scomparti di routine dell'RSH riservati all'uso con l'RSH
Extension (c8000, c16000, ci8200 e ci16200). Le piastre sono appositamente
progettate per rimanere negli appositi scomparti di routine dell'RSH.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-203


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Accessori necessari Capitolo 1

Figura 1.224: Piastra dell'RSHx

Carosello dei campioni LAS (i2000)


I caroselli dei campioni LAS vengono utilizzati sul campionatore con carosello
LAS (Laboratory Automation System) per trasportare campioni di pazienti,
calibratori o controlli al braccio di aspirazione dei campioni. I caroselli dei
campioni LAS sono muniti di codice a barre per l'identificazione e alloggiano 20
provette primarie, provette per aliquota o coppette campioni che possono essere
indifferentemente inserite all'interno del carosello.
Figura 1.225: Carosello dei campioni LAS

Segmenti dei reagenti (c4000)


I segmenti dei reagenti sono compartimenti posti in entrambi i caroselli dei
reagenti e servono a mantenere in posizione i reagenti ed i diluenti.

Capitolo 1-204 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Accessori necessari

Alcuni segmenti sono dotati di una tacca di riferimento (target) per la


calibrazione dei bracci di aspirazione, utilizzata per allineare all'occorrenza i
bracci di aspirazione dei campioni e dei reagenti.
I segmenti dei reagenti sono configurati nel modo seguente:
• Il carosello interno è composto da cinque segmenti. Ciascun segmento può
essere inserito in una posizione qualunque del carosello dei reagenti
interno.
• Il carosello esterno è composto da dieci segmenti. Ciascun segmento può
essere inserito in una posizione qualunque del carosello dei reagenti
esterno.

Figura 1.226: Segmenti dei reagenti (c4000)

Legenda:
1. Segmento dei reagenti interno, 5 posizioni
2. Segmento dei reagenti interno, 6 posizioni
3. Segmento dei reagenti esterno, 4 posizioni
4. Segmento dei reagenti esterno, 6 posizioni
5. Punto di riferimento della calibrazione per il segmento dei reagenti interno
6. Punto di riferimento della calibrazione per il segmento dei reagenti esterno

Adattatore per cartuccia reagenti (c4000)


Gli adattatori delle cartucce dei reagenti da 20 ml sono supporti utilizzati per
assicurare il corretto allineamento delle cartucce dei reagenti da 20 ml (flacone)
nel carosello dei reagenti esterno.
NOTA: L'adattatore per cartucce reagenti da 20 ml (flacone) può essere
collocato unicamente nel carosello esterno.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-205


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Accessori necessari Capitolo 1

Figura 1.227: Adattatore per cartuccia reagenti (c4000)

Legenda:
1. Adattatore per cartuccia reagenti da 20 ml: utilizzato con le cartucce dei reagenti
da 20 ml in formato flacone (carosello esterno)

Segmenti dei reagenti (c8000)


I segmenti dei reagenti sono compartimenti posti in entrambi i caroselli dei
reagenti e servono a mantenere in posizione i reagenti ed i diluenti.
Alcuni segmenti sono dotati di una tacca di riferimento (target) per la
calibrazione dei bracci di aspirazione, utilizzata per allineare all'occorrenza i
bracci di aspirazione dei campioni e dei reagenti.
I segmenti dei reagenti sono configurati per i caroselli dei reagenti 1 e 2 nel
modo seguente:
• il carosello dei reagenti 1 è composto da tre segmenti esterni e da un
segmento interno.
• il carosello dei reagenti 2 è composto da quattro segmenti esterni.

Capitolo 1-206 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Accessori necessari

Figura 1.228: Segmenti dei reagenti (c8000)

Legenda:
1. Segmento R2, 9 posizioni: può essere utilizzato nei segmenti B, C o D del carosello
reagenti 2.
2. Segmento R2, 14 posizioni:
– con target per la calibrazione dei bracci di aspirazione: può essere utilizzato
soltanto nel segmento A del carosello reagenti 2.
– senza target per la calibrazione dei bracci di aspirazione: può essere utilizzato
nei segmenti B, C o D del carosello reagenti 2.
3. Segmento interno R1, 20 posizioni, con target per la calibrazione dei bracci di
aspirazione: può essere utilizzato soltanto nel segmento D del carosello reagenti 1.
4. Segmento esterno R1, 15 posizioni: può essere utilizzato nei segmenti A, B o C del
carosello reagenti 1.
5. Segmento esterno R1, 12 posizioni:
– con target per la calibrazione dei bracci di aspirazione: può essere utilizzato
soltanto nel segmento A del carosello reagenti 1.
– senza target per la calibrazione dei bracci di aspirazione: può essere utilizzato
nei segmenti B o C del carosello reagenti 1.

Informazioni correlate...
• Adattatori per cartucce dei reagenti (c8000), pagina 1-207

Adattatori per cartucce dei reagenti (c8000)


Gli adattatori delle cartucce dei reagenti sono supporti utilizzati per mantenere in
posizione le cartucce dei reagenti di piccole dimensioni (cartuccia da 55 ml) e
da 20 ml (sia in formato cartuccia che flacone) e garantirne quindi il corretto
allineamento all'interno dei caroselli dei reagenti 1 e 2.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-207


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Accessori necessari Capitolo 1

Gli adattatori delle cartucce dei reagenti sono di due dimensioni e sono
configurati per le seguenti cartucce dei reagenti:
• adattatore per cartucce reagenti di piccole dimensioni: utilizzato per le
cartucce dei reagenti di piccole dimensioni (da 55 ml) e da 20 ml
(cartuccia)
• adattatore per cartucce reagenti da 20 ml: utilizzato per le cartucce dei
reagenti da 20 ml (flacone)

Figura 1.229: Adattatori per cartucce dei reagenti (c8000)

Legenda:
1. Adattatore per cartuccia reagenti da 20 ml: utilizzato con le cartucce dei reagenti
da 20 ml (flacone)
2. Adattatore per cartuccia reagenti di piccole dimensioni: utilizzato per le cartucce
dei reagenti di piccole dimensioni (da 55 ml) e da 20 ml

Nelle seguenti tabelle vengono illustrate le configurazioni possibili all'interno dei


caroselli dei reagenti 1 e 2 per i segmenti, le cartucce e gli adattatori caricati.

Tabella 1.9: Configurazioni delle cartucce dei reagenti nel carosello reagenti 1 (R1) (c8000)

Segmenti Posizioni Cartucce Adattatori


A (segmento esterno 12 posizioni (25 mm) Cartuccia grande (90 ml) Nessuno
con tacca di
riferimento per la
calibrazione dei
bracci di
aspirazione)

Capitolo 1-208 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Accessori necessari

Segmenti Posizioni Cartucce Adattatori


Cartuccia piccola (55 ml) Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Cartuccia da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Flacone da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente da
20 ml
Cartuccia da 100 ml Nessuno
A, B e C (segmenti 12 posizioni (25 mm) Cartuccia grande (90 ml) Nessuno
esterni)
Cartuccia piccola (55 ml) Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Cartuccia da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Flacone da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente da
20 ml
Cartuccia da 100 ml Nessuno
15 posizioni (17 mm) Cartuccia piccola (55 ml) Nessuno
Cartuccia da 20 ml Nessuno
D (segmento interno 20 posizioni (25 mm) Cartuccia grande (90 ml) Nessuno
con tacca di
riferimento per la
calibrazione dei
bracci di
aspirazione)
Cartuccia piccola (55 ml) Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Cartuccia da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Flacone da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente da
20 ml
Cartuccia da 100 ml Nessuno

Tabella 1.10: Configurazioni delle cartucce dei reagenti nel carosello reagenti 2 (R2) (c8000)

Segmenti Posizioni Cartucce Adattatori


A (segmento con 14 posizioni (17 mm) Cartuccia piccola (55 ml) Nessuno
tacca di riferimento
per la calibrazione
dei bracci di
aspirazione)
Cartuccia da 20 ml Nessuno
B, C e D 9 posizioni (25 mm) Cartuccia grande (90 ml) Nessuno
Cartuccia piccola (55 ml) Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Cartuccia da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Flacone da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente da
20 ml

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-209


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Accessori necessari Capitolo 1

Segmenti Posizioni Cartucce Adattatori


Cartuccia da 100 ml Nessuno
14 posizioni (17 mm) Cartuccia piccola (55 ml) Nessuno
Cartuccia da 20 ml Nessuno

Segmenti dei reagenti (c16000)


I segmenti dei reagenti sono sezioni poste in entrambi i caroselli dei reagenti e
servono a mantenere in posizione i reagenti ed i diluenti.
Alcuni segmenti sono dotati di una tacca di riferimento per la calibrazione dei
bracci di aspirazione, utilizzata per allineare all'occorrenza i bracci di
aspirazione dei campioni e dei reagenti.
I caroselli dei reagenti sono composti da tre segmenti esterni e da un segmento
interno.
Figura 1.230: Segmenti dei reagenti (c16000)

Legenda:
1. Segmento interno, 20 posizioni, con tacca di riferimento per la calibrazione dei
bracci di aspirazione: può essere utilizzato soltanto nel segmento D dei caroselli dei
reagenti 1 e 2.
2. Segmento esterno, 15 posizioni: può essere utilizzato nei segmenti A, B o C dei
caroselli dei reagenti 1 e 2.
3. Segmento esterno, 12 posizioni:
– con tacca di riferimento per la calibrazione dei bracci di aspirazione: può
essere utilizzato soltanto nel segmento A dei caroselli dei reagenti 1 e 2.

Capitolo 1-210 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Accessori necessari

– senza tacca di riferimento per la calibrazione dei bracci di aspirazione: può


essere utilizzato nei segmenti A, B o C dei caroselli dei reagenti 1 e 2.

Informazioni correlate...
• Adattatori per cartucce dei reagenti (c16000), pagina 1-211

Adattatori per cartucce dei reagenti (c16000)


Gli adattatori delle cartucce dei reagenti sono supporti utilizzati per mantenere in
posizione le cartucce dei reagenti di piccole dimensioni (cartuccia da 55 ml) e
da 20 ml (sia in formato cartuccia che flacone) e garantirne quindi il corretto
allineamento all'interno dei caroselli dei reagenti 1 e 2.
Gli adattatori delle cartucce dei reagenti sono di due dimensioni e sono
configurati per le seguenti cartucce dei reagenti:
• adattatore per cartucce reagenti di piccole dimensioni: utilizzato per le
cartucce dei reagenti di piccole dimensioni (da 55 ml) e da 20 ml
(cartuccia)
• adattatore per cartucce reagenti da 20 ml: utilizzato per le cartucce dei
reagenti da 20 ml (flacone)

Figura 1.231: Adattatori per cartucce dei reagenti (c16000)

Legenda:
1. Adattatore per cartucce reagenti da 20 ml: utilizzato per le cartucce dei reagenti da
20 ml (flacone)
2. Adattatore per cartucce reagenti di piccole dimensioni: utilizzato per le cartucce dei
reagenti di piccole dimensioni (da 55 ml) e da 20 ml (cartuccia)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-211


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Accessori necessari Capitolo 1

La seguente tabella riporta le configurazioni possibili all'interno dei caroselli dei


reagenti 1 e 2 per i segmenti, le cartucce e gli adattatori caricati.

Tabella 1.11: Configurazioni delle cartucce dei reagenti (c16000)

Segmenti Posizioni Cartucce Adattatori


A (segmento esterno 12 posizioni (25 Cartuccia grande (90 ml) Nessuno
con tacca di riferimento mm)
per la calibrazione dei
bracci di aspirazione)
Cartuccia piccola (55 ml) Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Cartuccia da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Flacone da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente da
20 ml
Cartuccia da 100 ml Nessuno
B e C (segmenti esterni) 12 posizioni (25 Cartuccia grande (90 ml) Nessuno
mm)
Cartuccia piccola (55 ml) Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Cartuccia da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Flacone da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente da
20 ml
Cartuccia da 100 ml Nessuno
15 posizioni (17 Cartuccia piccola (55 ml) Nessuno
mm)
Cartuccia da 20 ml Nessuno
D (segmento interno 20 posizioni (25 Cartuccia grande (90 ml) Nessuno
con tacca di riferimento mm)
per la calibrazione dei
bracci di aspirazione)
Cartuccia piccola (55 ml) Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Cartuccia da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente di
piccole dimensioni
Flacone da 20 ml Adattatore per cartuccia reagente da
20 ml
Cartuccia da 100 ml Nessuno

Carrelli portareagenti (i1000SR)


I carrelli portareagenti sono rack predisposti per essere utilizzati sull'RSH
(campionatore robotico) per trasportare i kit dei reagenti dalla sezione dell'RSH
al carosello dei reagenti. I portareagenti contengono fino a tre flaconi di
reagenti. Per i dosaggi con più di tre flaconi di reagenti sono necessari due
portareagenti.

Capitolo 1-212 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Accessori necessari

Figura 1.232: Carrello portareagenti (i 1000SR)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-213


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Tipi di stato del sistema Capitolo 1

Tipi di stato del sistema


Per stato del sistema si intende la modalità operativa attuale del Sistema
ARCHITECT. Le informazioni chiave, ossia quelle che forniscono una visione
d'insieme del sistema, compaiono sullo schermo Principale.
I moduli di analisi ed i campionatori possono presentare tipi di stato differenti.
Quanto ai tempi di transizione indicati, si tratta di valori approssimativi che
possono essere differenti per il modulo di analisi e per il campionatore.
Nel diagramma sottostante è raffigurato il passaggio dallo stato Offline a In
corso (tutti tranne c 4000/ i 1000SR/ ci4100).
Figura 1.233: Sequenza di tipi di stato per il modulo di analisi e il
campionatore (tutti tranne c4000/i1000SR/ci4100)

Nel diagramma sottostante è raffigurato il passaggio dallo stato Offline a In


corso (c4000/ i 1000SR/ ci4100).
Figura 1.234: Sequenza di tipi di stato per il modulo di analisi e il
campionatore (c4000/i1000SR/ci4100)

*Lo stato Pausa programmata è applicabile a tutti i moduli di analisi e sia al


campionatore RSH (campionatore robotico) che a quello con carosello LAS
(Laboratory Automation System). Nel caso dell'SSH (campionatore standard)
questo stato corrisponde a Nastro carico in pausa.

Capitolo 1-214 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Tipi di stato del sistema

**Se il modulo è acceso e nello stato Fermo, selezionare F8 - Avvio per avviare
lo stato In corso.
Le sezioni che trattano gli stati del sistema sono le seguenti:
• Stato del campionatore, pagina 1-215
• Stato del modulo di analisi, pagina 1-218

Stato del campionatore


Lo stato del campionatore viene visualizzato nella grafica del campionatore sullo
schermo Principale.
Figura 1.235: Grafica del campionatore

Il rispettivo tipo di stato del campionatore dipende dalla configurazione del


campionatore stesso. Per una descrizione dei diversi stati, fare riferimento alle
seguenti sezioni:
• Tipi di stato dell'RSH, pagina 1-215
• Tipi di stato dell'SSH, pagina 1-216
• Tipi di stato del campionatore con carosello LAS (i2000), pagina 1-217

Tipi di stato dell'RSH


I tipi di stato possibili per l'RSH (campionatore robotico) sono sette. Di ciascuno
viene fornita una descrizione dettagliata nella seguente tabella.

Tabella 1.12: Tipi di stato dell'RSH

Stato Sta ad indicare


Offline Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• l'alimentazione elettrica del campionatore è spenta.
• l'alimentazione elettrica è stata attivata, ma la comunicazione tra il campionatore e il
centro di controllo del sistema (CCS) non è stata ristabilita.
• la comunicazione tra il campionatore e il CCS è stata interrotta a causa di un errore
software o del sistema.
Fermo Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• l'alimentazione elettrica del campionatore è attivata ma non è stato selezionato F5 -
Start-up sullo schermo Principale.
• è stato selezionato F6 - Stop sullo schermo Principale.
• è stato selezionato il tasto Stop sulla tastiera del campionatore (tranne per c4000/
i1000SR/ci4100).
• è stata eseguita una procedura di diagnostica del campionatore.
• uno dei coperchi dell'RSH è stato aperto mentre il campionatore era in funzione (RSH
- tranne c4000/i1000SR/ci4100).
• il coperchio dell'area di analisi è stato aperto mentre il campionatore era in funzione
(RSH - c4000/i1000SR/ci4100).
• durante il funzionamento il campionatore ha rilevato un errore grave.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-215


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Tipi di stato del sistema Capitolo 1

Stato Sta ad indicare


Pronto Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• la procedura di inizializzazione è stata completata.
• lo stato Pausa programmata è terminato.
In corso Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• è stato selezionato F8 - Avvio sullo schermo Principale.
• è stato selezionato il tasto Avvio sulla tastiera del campionatore (tranne per c4000/
i1000SR/ci4100).
Pausa programmata Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• è stato selezionato F7 - Pausa sullo schermo Principale.
• è stato selezionato il tasto Pausa sulla tastiera del campionatore (tranne per c4000/
i1000SR/ci4100).
• nessuno dei moduli di analisi è disponibile per l'analisi dei campioni.
Inizializzazione È stato selezionato il tasto di avvio F8 - Avvio o F5 - Start-up. Si tratta di uno stato
temporaneo durante il quale il sistema esegue le seguenti funzioni di inizializzazione:
• riporta tutte le parti mobili del campionatore alla posizione iniziale.
• verifica il lettore del codice a barre.
Una volta portata a termine l'inizializzazione, lo stato cambia e passa a In corso o Pronto a
seconda della selezione operata (Avvio o Startup).
Manutenzione È in corso in un modulo una procedura di manutenzione che richiede l'uso dell'RHS.

Tipi di stato dell'SSH


I tipi di stato possibili per l'SSH (campionatore standard) sono sette. Di ciascuno
viene fornita una descrizione dettagliata nella seguente tabella.

Tabella 1.13: Tipi di stato dell'SSH

Stato Sta ad indicare


Offline Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• l'alimentazione elettrica del campionatore è spenta.
• l'alimentazione elettrica è stata attivata, ma la comunicazione tra il campionatore e il
centro di controllo del sistema (CCS) non è stata ristabilita.
• la comunicazione tra il campionatore e il CCS è stata interrotta a causa di un errore
software o del sistema.
Fermo Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• l'alimentazione elettrica del campionatore è attivata ma non è stato selezionato F5 -
Start-up sullo schermo Principale.
• è stato selezionato F6 - Stop sullo schermo Principale.
• è stato premuto il tasto Stop sulla tastiera del campionatore.
• è stata eseguita una procedura di diagnostica del campionatore.
• uno degli sportelli di accesso al nastro di analisi è stato aperto mentre il
campionatore era in funzione.
• durante il funzionamento il campionatore ha rilevato un errore grave.
Pronto La procedura di inizializzazione è stata completata.
In corso Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• è stato selezionato F8 - Avvio sullo schermo Principale.
• è stato premuto il tasto Avvio sulla tastiera del campionatore.
Nastro carico in Si è verificata una delle seguenti situazioni:
pausa • è stato selezionato F7 - Pausa sullo schermo Principale.
• è stato premuto il tasto Pausa sulla tastiera del campionatore.

Capitolo 1-216 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Tipi di stato del sistema

Stato Sta ad indicare


• sono trascorsi 60 secondi senza che alcun campione venisse caricato o la seduta
analitica avviata.
• il nastro di scarico è pieno.
• nessuno dei moduli di analisi è disponibile per l'analisi dei campioni.
Inizializzazione È stato selezionato il tasto di avvio F8 - Avvio o F5 - Start-up. Si tratta di uno stato
temporaneo durante il quale il sistema esegue le seguenti funzioni di inizializzazione:
• verifica i lettori del codice a barre del nastro di carico e di quello di campionamento.
• riporta tutte le parti mobili del campionatore alla posizione iniziale.
• avvia i nastri di carico e di campionamento.
Una volta portata a termine l'inizializzazione, lo stato cambia e passa a In corso o Pronto a
seconda della selezione operata (Avvio o Startup).
Manutenzione È in corso in un modulo una procedura di manutenzione che richiede l'uso dell'SSH.

Tipi di stato del campionatore con carosello LAS (i2000)


I tipi di stato possibili per il campionatore con carosello LAS (Laboratory
Automation System) sono sette. Di ciascuno viene fornita una descrizione
dettagliata nella seguente tabella.

Tabella 1.14: Tipi di stato del campionatore con carosello LAS (i2000)

Stato Sta ad indicare


Offline Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• l'alimentazione elettrica del campionatore LAS è spenta.
• l'alimentazione elettrica è stata attivata ma la comunicazione tra il carosello LAS e il
centro di controllo del sistema (CCS) non è stata ristabilita.
• la comunicazione tra il campionatore e il CCS è stata interrotta a causa di un errore
software o del sistema.
Fermo Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• l'alimentazione elettrica del carosello LAS è attivata ma non è stato selezionato F5 -
Start-up sullo schermo Principale.
• è stato selezionato F6 - Stop sullo schermo Principale.
• è stato premuto il tasto Stop sulla tastiera del campionatore con carosello LAS.
• è stata eseguita una procedura di diagnostica del campionatore.
• è stato aperto il coperchio del carosello LAS mentre questo era in funzione.
• durante il funzionamento il campionatore ha rilevato un errore grave.
Pronto Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• la procedura di inizializzazione è stata completata.
• il processamento di tutti i campioni sul carosello LAS è terminato.
• lo stato Pausa programmata è terminato.
NOTA: la spia di pausa è accesa.

In corso Si è verificata una delle seguenti situazioni:


• è stato selezionato F8 - Avvio sullo schermo Principale.
• è stato premuto il tasto Avvio sulla tastiera del campionatore con carosello LAS.
Pausa programmata Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• è stato selezionato F7 - Pausa sullo schermo Principale.
• è stato premuto il tasto Pausa sulla tastiera del campionatore con carosello LAS.
• nessuno dei moduli di analisi è disponibile per l'analisi dei campioni.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-217


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Tipi di stato del sistema Capitolo 1

Stato Sta ad indicare


Inizializzazione È stato selezionato il tasto di avvio F8 - Avvio o F5 - Start-up. Si tratta di uno stato
temporaneo durante il quale il sistema esegue le seguenti funzioni di inizializzazione:
• riporta il campionatore con carosello LAS alla posizione iniziale.
• verifica il lettore del codice a barre del nastro di campionamento.
Una volta portata a termine l'inizializzazione, lo stato cambia e passa a In corso o Pronto a
seconda della selezione operata (Avvio o Startup).
Manutenzione È in corso in un modulo una procedura di manutenzione che richiede l'uso del carosello
LAS.

Stato del modulo di analisi


Lo stato del modulo di analisi viene visualizzato nella grafica del modulo sullo
schermo Principale, in cui compaiono anche altre informazioni chiave relative al
sistema.
Figura 1.236: Stato del modulo di analisi

Il tipo di stato del modulo di analisi dipende dalla configurazione del proprio
sistema. Per una descrizione dei diversi stati, fare riferimento alle seguenti
sezioni:
• Tipi di stato del modulo di analisi (Sistema c), pagina 1-218
• Tipi di stato del modulo di analisi (i2000/i2000SR), pagina 1-221
• Tipi di stato dei moduli di analisi (i1000SR), pagina 1-223

Tipi di stato del modulo di analisi (Sistema c)


I tipi di stato possibili per i moduli di analisi del Sistema c sono otto. Di ciascuno
viene fornita una descrizione dettagliata nella seguente tabella.
Per un elenco delle operazioni che possono essere eseguite con i diversi tipi di
stato del modulo di analisi, fare riferimento alla sezione Tipi di stato e operazioni
associate del modulo di analisi del Sistema c , pagina 1-220.

Capitolo 1-218 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Tipi di stato del sistema

Tabella 1.15: Tipi di stato del modulo di analisi del Sistema c

Stato Sta ad indicare Operazioni non consentite


Offline Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile analizzare i campioni sul
• l'alimentazione elettrica del modulo di modulo.
analisi è spenta. Non è possibile caricare o scaricare i
• l'alimentazione elettrica è stata attivata reagenti in quanto il rispettivo carosello non
ma la comunicazione tra il modulo di è allineato correttamente.
analisi e il centro di controllo del sistema
(CCS) non è stata ristabilita.
• la comunicazione tra il modulo di analisi e
il CCS è stata interrotta a causa di un
errore software o del sistema.
Fermo Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile analizzare i campioni sul
• l'alimentazione elettrica del modulo di modulo.
analisi è attivata ma non è stato Non è possibile caricare o scaricare i
selezionato F5 - Start-up sullo schermo reagenti in quanto il rispettivo carosello non
Principale. è allineato correttamente.
• è stato selezionato F6 - Stop sullo
schermo Principale.
• è stato selezionato il tasto Stop sulla
tastiera del modulo di analisi (c8000/
c16000).
• è stata eseguita una procedura di
diagnostica del modulo di analisi.
• durante il funzionamento del modulo di
analisi si è verificato un errore grave.
Pronto Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• la procedura di inizializzazione è stata
completata (compresa quella della
temperatura).
• lo stato Pausa programmata è terminato.
Pausa programmata Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• è stato selezionato F7 - Pausa sullo
schermo Principale.
• le scorte sono esaurite.
• durante il funzionamento del modulo di
analisi è stato rilevato un errore.
In corso Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile aprire i coperchi del
• è stato selezionato F8 - Avvio sullo carosello dei reagenti.
schermo Principale.
• è stato premuto il tasto Avvio sulla tastiera
del modulo di analisi.
Inizializzazione* È stato selezionato il tasto di avvio F8 - Avvio o Non è possibile analizzare i campioni sul
F5 - Start-up. modulo.
Si tratta di uno stato temporaneo durante il Non è possibile caricare o scaricare i
quale il sistema esegue le seguenti funzioni di reagenti in quanto il rispettivo carosello non
inizializzazione: è allineato correttamente.
• inizializzazione dopo aver selezionato F5 -
Start-up:
– motori in posizione iniziale
– inizializzazione del lettore del codice
a barre dei reagenti

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-219


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Tipi di stato del sistema Capitolo 1

Stato Sta ad indicare Operazioni non consentite


• inizializzazione dopo avere selezionato il
tasto di avvio oppure F8 - Avvio:
– verifica dei sensori dei coperchi
– lettura dei reagenti
– lavaggio degli aghi
– verifica delle scorte
Una volta portata a termine l'inizializzazione, lo
stato cambia e passa a In corso o Pronto a
seconda della selezione operata (Avvio o
Startup).
Lettura in corso Il sistema si trova in uno stato temporaneo che Non è possibile analizzare i campioni sul
si verifica qualora venga selezionato F5 - Leggi modulo.
sullo schermo Stato reagenti. Una volta
completata la lettura, lo stato cambia e passa
a Pronto.
Manutenzione È in corso in un modulo una procedura di Non è possibile analizzare i campioni sul
manutenzione. modulo.

*Se si seleziona F8 - Avvio dallo stato Fermo, il sistema esegue le attività di


inizializzazione descritte per F5 - Start-up e F8 - Avvio.

Tabella 1.16: Tipi di stato e operazioni associate del modulo di analisi del Sistema c

Offline Fermo Pronto Pausa In corso Inizializzazione


program-
mata
Inizializzare un'analisi No Sì Sì Sì* Sì No
Caricare i reagenti No No Sì Sì** No No
Caricare i campioni sul No Sì Sì Sì No No
rispettivo carosello
(c8000/c16000)
Caricare le soluzioni di Sì Sì Sì No No No
rifornimento
Caricare le soluzioni Sì Sì Sì No No No
onboard
Svuotare il serbatoio del Sì Sì Sì No No No
liquido di scarico

Richiedere i campioni dei pazienti in qualunque stato.


Richiedere il CQ e le calibrazioni unicamente nello stato In corso per assicurarsi
che il sistema calcoli il volume di campione richiesto.
*Nello stato In corso non è necessario inizializzare l'analisi quando si
aggiungono i campioni.
**Controllare la tastiera del modulo di analisi per assicurarsi che sia consentito
accedervi prima di effettuare questa operazione (c8000/c16000).
**Controllare il tasto di accesso al carosello dei reagenti per assicurarsi che sia
consentito accedervi prima di effettuare questa operazione (c4000).

Capitolo 1-220 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Tipi di stato del sistema

Tipi di stato del modulo di analisi (i2000/i2000SR)


I tipi di stato possibili per i moduli di analisi i2000/i2000SR sono nove. Di
ciascuno viene fornita una descrizione dettagliata nella seguente tabella.
Per un elenco delle operazioni che possono essere eseguite con i diversi tipi di
stato del modulo di analisi, fare riferimento alla sezione Tipi di stato e operazioni
associate del modulo di analisi i2000/i2000SR , pagina 1-222.

Tabella 1.17: Tipi di stato dei moduli di analisi i2000 e i2000SR

Stato Sta ad indicare Operazioni non consentite


Offline Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile analizzare i campioni sul
• l'alimentazione elettrica del modulo di modulo.
analisi è spenta. Non è possibile caricare o scaricare i
• l'alimentazione elettrica è stata attivata reagenti in quanto il rispettivo carosello non
ma la comunicazione tra il modulo di è allineato correttamente.
analisi e il centro di controllo del sistema
(CCS) non è stata ristabilita.
• la comunicazione tra il modulo di analisi e
il CCS è stata interrotta a causa di un
errore software o del sistema.
Fermo Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile analizzare i campioni sul
• l'alimentazione elettrica del modulo di modulo.
analisi è attivata ma non è stato Non è possibile caricare o scaricare i
selezionato F5 - Start-up sullo schermo reagenti in quanto il rispettivo carosello non
Principale. è allineato correttamente.
• è stato selezionato F6 - Stop sullo
schermo Principale.
• è stato premuto il tasto Stop sulla tastiera
del modulo di analisi.
• è stata eseguita una procedura di
diagnostica del modulo di analisi.
• durante il funzionamento del modulo di
analisi si è verificato un errore grave.
Riscaldamento La procedura di inizializzazione è stata Non è possibile analizzare i campioni sul
completata ma non l'inizializzazione della modulo.
temperatura.
Pronto Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• la procedura di inizializzazione è stata
completata (compresa quella della
temperatura)
• lo stato Pausa programmata è terminato.
Pausa programmata Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile aprire i coperchi dell'area
• è stato selezionato F7 - Pausa sullo di analisi.
schermo Principale.
• le scorte sono esaurite.
• durante il funzionamento del modulo di
analisi è stato rilevato un errore.
In corso Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile aprire i coperchi dell'area
• è stato selezionato F8 - Avvio sullo di analisi.
schermo Principale.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-221


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Tipi di stato del sistema Capitolo 1

Stato Sta ad indicare Operazioni non consentite


• è stato premuto il tasto Avvio sulla tastiera
del modulo di analisi.
Inizializzazione* È stato selezionato il tasto di avvio F8 - Avvio o Non è possibile analizzare i campioni sul
F5 - Start-up. Si tratta di uno stato temporaneo modulo.
durante il quale il sistema esegue le seguenti Non è possibile caricare o scaricare i
funzioni di inizializzazione: reagenti in quanto il rispettivo carosello non
• inizializzazione dopo aver selezionato F5 - è allineato correttamente.
Start-up: Non è possibile caricare il tampone di
– motori in posizione iniziale lavaggio.
– inizializzazione del lettore del codice
a barre dei reagenti
– caricamento di cartucce di reazione
(RV) nell'anello interno del percorso
di analisi
– rimozione delle cartucce di reazione
dall'anello esterno del percorso di
analisi
• inizializzazione dopo avere selezionato il
tasto di avvio oppure F8 - Avvio:
– verifica dei sensori degli sportelli
– lettura dei reagenti e inizio
risospensione delle microparticelle
– lavaggio degli aghi
– verifica delle scorte
– esecuzione della lettura di
background
Una volta portata a termine l'inizializzazione, lo
stato cambia e passa a In corso o Pronto a
seconda della selezione operata (Avvio o
Startup).
Lettura in corso Il sistema si trova in uno stato temporaneo che Non è possibile analizzare i campioni sul
si verifica qualora venga selezionato F5 - Leggi modulo.
sullo schermo Stato reagenti. Una volta
completata la lettura, lo stato cambia e passa
a Pronto.
Manutenzione È in corso in un modulo una procedura di Non è possibile analizzare i campioni sul
manutenzione. modulo.

*Se si seleziona F8 - Avvio dallo stato Fermo, il sistema esegue le attività di


inizializzazione descritte per F5 - Start-up e F8 - Avvio.

Tabella 1.18: Tipi di stato e operazioni associate del modulo di analisi i2000/i2000SR

Offline Fermo/ Riscalda- Pausa Inizializza- Manutenzione


Lettura in mento/ program- zione
corso Pronto mata/In
corso
Inizializzare un'analisi No Sì Sì* Sì* No No
Sollevare il coperchio Sì Sì Sì No No Sì
dell'area di analisi
Caricare i reagenti No No Sì No No No

Capitolo 1-222 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Tipi di stato del sistema

Offline Fermo/ Riscalda- Pausa Inizializza- Manutenzione


Lettura in mento/ program- zione
corso Pronto mata/In
corso
Caricare le soluzioni di Sì Sì Sì No No No
preattivazione (Pre-
Trigger) e di attivazione
(Trigger)
Caricare il tampone di No Sì Sì Sì No No
lavaggio
Caricare le cartucce di Sì Sì Sì Sì Sì Sì
reazione
Svuotare il serbatoio del Sì Sì Sì Sì Sì Sì
liquido di scarico

Richiedere i campioni dei pazienti in qualunque stato.


Richiedere il CQ e le calibrazioni unicamente nello stato In corso per assicurarsi
che il sistema calcoli il volume di campione richiesto.
*Non è possibile inizializzare un'analisi nello stato Riscaldamento o In corso.

Tipi di stato dei moduli di analisi (i1000SR)


I tipi di stato possibili per il modulo di analisi i1000SR sono otto. Di ciascuno
viene fornita una descrizione dettagliata nella seguente tabella.
Per un elenco delle operazioni che possono essere eseguite con i diversi tipi di
stato del modulo di analisi, fare riferimento alla sezione Tipi di stato del modulo
di analisi i1000SR in base alle funzioni, pagina 1-225.

Tabella 1.19: Tipi di stato del modulo di analisi i1000SR

Stato Sta ad indicare Operazioni non consentite


Offline Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile analizzare i campioni sul
• l'alimentazione elettrica del modulo di modulo.
analisi è spenta. Non è possibile caricare o scaricare i
• l'alimentazione elettrica è stata attivata ma reagenti in quanto il rispettivo carosello non è
la comunicazione tra il modulo di analisi e il allineato correttamente.
centro di controllo del sistema (CCS) non è
stata ristabilita.
• la comunicazione tra il modulo di analisi e il
CCS è stata interrotta a causa di un errore
software o del sistema.
Fermo Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile analizzare i campioni sul
• l'alimentazione elettrica del modulo di modulo.
analisi è attivata ma non è stato selezionato Non è possibile caricare o scaricare i
F5 - Startup sullo schermo Principale. reagenti in quanto il rispettivo carosello non è
• è stato selezionato F6 - Stop sullo schermo allineato correttamente.
Principale.
• è stata eseguita una procedura di
diagnostica del modulo di analisi.
• durante il funzionamento del modulo di
analisi si è verificato un errore grave.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-223


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Tipi di stato del sistema Capitolo 1

Stato Sta ad indicare Operazioni non consentite


Riscaldamento La procedura di inizializzazione è stata Non è possibile analizzare i campioni sul
completata ma non l'inizializzazione della modulo.
temperatura.
Pronto Si è verificata una delle seguenti situazioni:
• la procedura di inizializzazione è stata
completata (compresa quella della
temperatura).
• lo stato Pausa programmata è terminato.
Pausa Si è verificata una delle seguenti situazioni: Non è possibile aprire il coperchio dell'area
programmata • è stato selezionato F7 - Pausa sullo di analisi.
schermo Principale.
• le scorte sono esaurite.
• durante il funzionamento del modulo di
analisi è stato rilevato un errore.
In corso È stato selezionato F8 - Avvio sullo schermo Non è possibile aprire il coperchio dell'area
Principale. di analisi.
Inizializzazione* Si tratta di uno stato temporaneo che si verifica Non è possibile analizzare i campioni sul
quando è selezionato il tasto di avvio F8 - Avvio modulo.
o F5 - Startup. Il sistema effettua le seguenti Non è possibile caricare o scaricare i
funzioni di inizializzazione: reagenti in quanto il rispettivo carosello non è
• inizializzazione dopo aver selezionato F5 - allineato correttamente.
Startup: Non è possibile caricare il tampone di
– verifica dei sensori dei coperchi lavaggio.
dell'area di analisi e del carosello dei
reagenti
– motori in posizione iniziale
– rimozione delle cartucce di reazione
dal percorso di analisi e aggiunta di
cartucce di reazione pulite in tutte le
23 posizioni
– inizializzazione del meccanismo
dell'area di lavaggio
– inizio risospensione delle
microparticelle
• inizializzazione dopo avere selezionato F8 -
Avvio:
– verifica dei sensori dei coperchi
dell'area di analisi e del carosello dei
reagenti
– verifica della presenza del contenitore
dei rifiuti solidi
– motori in posizione iniziale
– lavaggio degli aghi
– inizializzazione del meccanismo
dell'area di lavaggio
– esecuzione della lettura di background
Una volta portata a termine l'inizializzazione, lo
stato cambia e passa a In corso o Pronto a
seconda della selezione operata (Avvio o
Startup).
Manutenzione È in corso in un modulo una procedura di Non è possibile analizzare i campioni sul
manutenzione. modulo.

Capitolo 1-224 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Tipi di stato del sistema

*Se si seleziona F8 - Avvio dallo stato Fermo, il sistema esegue le attività di


inizializzazione descritte per F5 - Start-up e F8 - Avvio.

Tabella 1.20: Tipi di stato del modulo di analisi i1000SR in base alle funzioni

Offline Fermo Riscalda- Pausa Inizializza- Manutenzione


mento/ program- zione
Pronto mata/In
corso
Inizializzare un'analisi No Sì Sì* Sì* No No
Sollevare il coperchio Sì Sì Sì No No Sì
dell'area di analisi
Caricare i kit dei reagenti Sì Sì Sì** Sì** Sì No
sull'RSH
Rimuovere i kit dei No No Sì** Sì** No No
reagenti dal relativo
carosello
Caricare le soluzioni di Sì Sì Sì No No No
preattivazione (Pre-
Trigger) e di attivazione
(Trigger)
Caricare il tampone di No Sì Sì Sì No No
lavaggio
Caricare le cartucce di Sì Sì Sì Sì Sì Sì
reazione
Svuotare il serbatoio del Sì Sì Sì Sì Sì Sì
liquido di scarico

Richiedere i campioni dei pazienti in qualunque stato.


Richiedere il CQ e le calibrazioni unicamente nello stato In corso per assicurarsi
che il sistema calcoli il volume di campione richiesto.
*Non è possibile inizializzare un'analisi nello stato Riscaldamento o In corso.
**Il sistema carica o scarica i carrelli portareagenti quando il modulo di analisi si
trova nello stato Riscaldamento, Pronto, Pausa programmata o In corso e l'RSH
si trova nello stato In corso.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-225


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Attività automatiche del modulo di analisi Capitolo 1

Attività automatiche del modulo di analisi


Periodicamente, i fluidi vengono pompati attraverso i vari componenti del modulo
di analisi per rimuovere l'aria o le bolle d'aria eventualmente formatesi. È
essenziale accertarsi che all'interno del sistema siano presenti quantità di scorte
sufficienti per eseguire queste operazioni automatiche di risciacquo e di
avvinamento.
Gli argomenti trattati nel seguito sono:
• Risciacquo del sistema (Sistema c), pagina 1-226
• Risciacquo del sistema (Sistema i), pagina 1-227
• Avvinamento del sistema (Sistema i), pagina 1-228
• Lavaggio del modulo di analisi (Sistema c), pagina 1-228
• Rotazione automatica dei caroselli dei reagenti (Sistema c), pagina 1-228

Risciacquo del sistema (Sistema c)


Per risciacquo del sistema si intende un procedimento automatico atto a
rimuovere le bolle d'aria eventualmente presenti. Risciacqui periodici vengono
eseguiti all'inizio di una seduta analitica su tutti i bracci di aspirazione pompando
acqua purificata attraverso gli aghi fino alle coppette di lavaggio.
La soluzione di riferimento ICT e le soluzioni di lavaggio alcalina e acida
vengono utilizzate per l'esecuzione dei risciacqui automatici che hanno luogo
all'inizio di una seduta analitica, in seguito alla sostituzione di una o più delle
soluzioni di rifornimento.
Per ogni risciacquo del Sistema c4000 sono necessari:
• 2750 µl di soluzione di riferimento
• 60 µl di soluzione di lavaggio alcalina
• 40 µl di soluzione di lavaggio acida

Per ogni risciacquo del Sistema c8000 sono necessari:


• 2750 µl di soluzione di riferimento
• 60 µl di soluzione di lavaggio alcalina
• 40 µl di soluzione di lavaggio acida

Per ogni risciacquo del Sistema c16000 sono necessari:


• 2750 µl di soluzione di riferimento
• 120 µl di soluzione di lavaggio alcalina
• 80 µl di soluzione di lavaggio acida

NOTA: l'esecuzione della procedura di manutenzione 2155 Flush Bulk Solution


(Risciacquo con le soluzioni di rifornimento) non provoca un azzeramento del
timer per il risciacquo automatico.

Capitolo 1-226 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Attività automatiche del modulo di analisi

Informazioni correlate...
• Soluzione di riferimento ICT (Sistema c), pagina 1-187
• Soluzione di lavaggio alcalina (Sistema c), pagina 1-188
• Soluzione di lavaggio acida (Sistema c), pagina 1-189

Risciacquo del sistema (Sistema i)


Per risciacquo del sistema si intende un procedimento automatico atto a
rimuovere le bolle d'aria eventualmente presenti. Vengono effettuati risciacqui
periodici su tutti i bracci di aspirazione: il tampone di lavaggio viene pompato
attraverso gli aghi di tutti i bracci di aspirazione nelle stazioni di lavaggio. Le
aree di lavaggio e la testata delle soluzioni di preattivazione (Pre-Trigger) e
attivazione (Trigger) vengono risciacquate pompando liquido attraverso una
valvola bypass e nel tubo di scarico.
Per l'esecuzione dei risciacqui automatici si utilizzano tampone di lavaggio,
soluzione di preattivazione (Pre-Trigger) e soluzione di attivazione (Trigger). Si
procede al risciacquo automatico:
• qualora il sistema venga inizializzato a seguito dell'accensione
• ogni otto ore se lo stato del modulo di analisi è:
– Pronto e i coperchi dei moduli di analisi sono chiusi, oppure
– In corso e non vi sono analisi in fase di esecuzione

NOTA: l'esecuzione della procedura di manutenzione 2130 Flush Fluids


(Risciacquo della fluidica) (i2000/i2000SR) non provoca un azzeramento del
timer per il risciacquo automatico.
L'esecuzione della procedura di manutenzione 2137 Flush Fluids
(Risciacquo della fluidica) (i1000SR) non provoca un azzeramento del timer
per il risciacquo automatico.
• qualora si avvii una seduta analitica dopo aver sostituito una o più soluzioni

Nel caso in cui il sistema fosse rimasto inattivo per un periodo di tempo
prolungato, ad esempio durante il week-end (48 ore), occorre assicurarsi che
siano presenti scorte sufficienti per l'esecuzione di tutti i risciacqui previsti. Per
ogni risciacquo sono necessari:
• 460 ml di tampone di lavaggio (i2000)
• 522 ml di tampone di lavaggio (i2000SR)
• 75 ml di tampone di lavaggio (i1000SR)
• 14 ml di soluzione di preattivazione (Pre-Trigger)
• 14 ml di soluzione di attivazione (Trigger)

Per esempio, nell'arco di 48 ore vengono effettuati 6 risciacqui; di conseguenza,


saranno necessarie le seguenti scorte:
• 2,76 l di tampone di lavaggio (i2000)
• 3,13 l di tampone di lavaggio (i2000SR)

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-227


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Attività automatiche del modulo di analisi Capitolo 1

• 450 ml di tampone di lavaggio (i1000SR)


• 84 ml di soluzione di preattivazione (Pre-Trigger)
• 84 ml di soluzione di attivazione (Trigger)

Avvinamento del sistema (Sistema i)


Per avvinamento si intende il procedimento di cui il sistema si avvale per
dispensare le soluzioni nelle cartucce di reazione (RV) onde garantire
l'avvinamento del sistema della fluidica. Il sistema avvina periodicamente l'area
di lavaggio e gli ugelli di dispensazione delle soluzioni di preattivazione (Pre-
Trigger) e attivazione (Trigger) per eliminare eventuale aria dai tubi. Durante il
processo di avvinamento, il liquido viene pompato attraverso gli ugelli di
dispensazione e all'interno delle cartucce di reazione. Queste vengono infine
eliminate.
L'avvinamento ha luogo automaticamente all'inizio di ogni seduta analitica.

Lavaggio del modulo di analisi (Sistema c)


Per lavaggio del modulo di analisi si intende il procedimento atto a pulire i
componenti hardware che vengono a contatto con reagenti e campioni.
Nella seguente tabella viene riportata la descrizione delle soluzioni di lavaggio
utilizzate per ciascun componente hardware.
Componente Soluzione di lavaggio
Aghi del campione e • Vengono lavati con acqua purificata durante l'analisi.
dei reagenti • Se, in base alle impostazioni di dosaggio, è richiesta la
funzione SmartWash (Lavaggi), potrebbero eventualmente
essere eseguiti ulteriori lavaggi con le soluzioni di lavaggio
alcalina, acida o detergente.
• Vengono lavati automaticamente con detergente A ad
intervalli regolari.
Segmenti delle • Vengono lavati con acqua purificata e con le soluzioni di
cuvette lavaggio alcalina e acida prima e dopo ogni uso.
• Se, in base alle impostazioni di dosaggio, è richiesta la
funzione SmartWash (Lavaggi), potrebbero eventualmente
essere eseguiti ulteriori lavaggi con le soluzioni di lavaggio
alcalina, acida o detergente.
Miscelatori • Vengono lavati con acqua purificata durante l'analisi.
• Se, in base alle impostazioni di dosaggio, è richiesta la
funzione SmartWash (Lavaggi), potrebbero eventualmente
essere eseguiti ulteriori lavaggi con le soluzioni di lavaggio
alcalina, acida o detergente.
• Vengono lavati automaticamente con detergente A ad
intervalli regolari.

Rotazione automatica dei caroselli dei reagenti (Sistema c)


Per rotazione automatica del carosello dei reagenti 2 per il Sistema c8000 e dei
caroselli dei reagenti 1 e 2 per il Sistema c16000 si intende una rotazione
programmata che permette di stabilizzare la temperatura del carosello. Se
chiuso con il rispettivo coperchio e se lo stato del modulo di analisi è Pronto o In

Capitolo 1-228 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Capitolo 1 Attività automatiche del modulo di analisi

corso (senza analisi in esecuzione), il carosello dei reagenti ruota


automaticamente di 1/2 giro ogni 10 minuti.
Per rotazione automatica del carosello dei reagenti per il Sistema c4000 si
intende una rotazione programmata che permette di stabilizzare la temperatura
del carosello. Se chiuso con il rispettivo coperchio e se lo stato del modulo di
analisi è Pronto o In corso (senza analisi in esecuzione), il carosello dei reagenti
ruota automaticamente di 1 segmento ogni 12 minuti.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 1-229


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Uso e funzioni
Attività automatiche del modulo di analisi Capitolo 1

NOTE

Capitolo 1-230 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Capitolo 2 Procedure di installazione e requisiti speciali
Introduzione
Per garantire risultati accurati e prestazioni ottimali, il Sistema ARCHITECT deve
essere installato correttamente e successivamente configurato in modo tale da
soddisfare i requisiti specifici del proprio laboratorio.
Tra gli argomenti dedicati alle procedure di installazione ed ai requisiti speciali
figurano i seguenti:
• Installazione o rilocazione del sistema, pagina 2-2
In questa sezione vengono descritte le fasi da eseguire per l'installazione o il
trasloco del sistema.
• Configurazione del sistema, pagina 2-4
Questa sezione offre una descrizione di tutti gli schermi e finestre di
configurazione e riporta istruzioni dettagliate da seguire passo per passo
durante le procedure di configurazione.
• Installazione e backup del software, pagina 2-199
Questa sezione presenta una descrizione di tutti gli schermi e finestre
d'installazione e di backup del software come pure istruzioni dettagliate da
seguire passo per passo durante le procedure d'installazione e di backup.
• Mail Abbott, pagina 2-207
Fornisce una descrizione di tutte le schermate e finestre di Mail Abbott e le
istruzioni dettagliate per la gestione dei file di posta elettronica Abbott che
includono le informazioni ai clienti sui dischi dei dosaggi, gli inserti dei
dosaggi e le informazioni sull'assegnazione del valore per il calibratore del
Sistema c.
• Gestione dei file di dosaggio, pagina 2-213
In questa sezione viene descritto come installare nuovi file di dosaggio.
• Gestione dei file di manutenzione e di diagnostica, pagina 2-217
In questa sezione viene descritto come installare nuovi file per le procedure
di manutenzione e diagnostica.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 2-1


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Procedure di installazione e requisiti speciali
Installazione o rilocazione del sistema Capitolo 2

Installazione o rilocazione del sistema


L'installazione del Sistema ARCHITECT viene effettuata congiuntamente ad un
tecnico del Servizio Clienti Abbott.
Il presente capitolo si suddivide in:
• Installazione del sistema, pagina 2-2
• Controllo del sistema, pagina 2-2
• Rilocazione del sistema, pagina 2-3

Installazione del sistema


Prima di procedere all'installazione, l'assistente tecnico del Servizio Clienti
Abbott deve accertarsi che il sito sia preparato in modo adeguato.
Il locale in cui viene collocato il sistema deve essere conforme alle specifiche
ambientali nonché ai requisiti elettrici. Per ulteriori informazioni al riguardo, fare
riferimento alla sezione Specifiche e requisiti, pagina 4-3.
IMPORTANTE: il tecnico del Servizio Clienti Abbott provvede al disimballaggio,
al posizionamento ed all'installazione del Sistema ARCHITECT nonché al
disimballaggio dei kit degli accessori forniti insieme al sistema. Non disimballare
o installare il Sistema ARCHITECT da soli.
Per ulteriori informazioni sui singoli articoli inclusi nel kit degli accessori, fare
riferimento alla sezione Numeri di listino dei kit accessori (c4000), pagina D-4.
Per ulteriori informazioni sui singoli articoli inclusi nel kit degli accessori, fare
riferimento alla sezione Numeri di listino dei kit accessori (c8000), pagina D-7.
Per ulteriori informazioni sui singoli articoli inclusi nel kit degli accessori, fare
riferimento alla sezione Numeri di listino dei kit accessori (c16000), pagina D-
10.
Per ulteriori informazioni sui singoli articoli inclusi nel kit degli accessori, fare
riferimento alla sezione Numeri di listino dei kit accessori (Sistema i), pagina D-
13.
Durante l'installazione, il tecnico della Abbott provvede ad allestire e a
controllare il sistema.

Controllo del sistema


Non appena il Sistema ARCHITECT è in posizione ed è installato, devono essere
effettuate le seguenti procedure per verificarne il corretto funzionamento:
• Installazione o cancellazione di un file di dosaggio, pagina 2-213
• Configurazione delle impostazioni del sistema, pagina 2-6
• Configurazione dei dosaggi Abbott, pagina 2-69
• Configurazione dei dosaggi definiti dall'operatore, pagina 2-81
• Configurazione delle impostazioni CQ-Cal, pagina 2-150

Capitolo 2-2 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Installazione o rilocazione del sistema

• Richieste e calibrazioni di dosaggi


• Richieste ed analisi di controlli
• Esecuzione di test in base alle esigenze specifiche del rispettivo laboratorio.

Rilocazione del sistema


Per informazioni sulla rilocazione del Sistema ARCHITECT, contattare il tecnico
del Servizio Clienti Abbott. Il tecnico del Servizio Clienti Abbott preparerà il
sistema per la spedizione e lo installerà nel luogo di destinazione.

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 2-3


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Procedure di installazione e requisiti speciali
Configurazione del sistema Capitolo 2

Configurazione del sistema


La configurazione è un procedimento grazie al quale al Sistema ARCHITECT
vengono trasmesse le informazioni necessarie per soddisfare le esigenze
specifiche del rispettivo laboratorio. Il sistema viene configurato dall'operatore
durante l'installazione ma, se necessario, la configurazione può essere
modificata in seguito.
Dallo schermo Configurazione è possibile accedere alle finestre di dialogo per la
configurazione delle impostazioni del sistema, dei dosaggi e del controllo di
qualità-calibrazione (CQ-Cal.) L'accesso a queste finestre è controllato da una
password (logon). La registrazione in qualità di amministratore del sistema
permette di accedere a queste finestre per modificare la maggior parte delle
opzioni di configurazione. La registrazione come operatore generico permette di:
• visualizzare le impostazioni configurate
• configurare le opzioni di modalità di rilascio del computer host
• reinizializzare la comunicazione con il campionatore LAS standard

Per ulteriori informazioni sulle procedure di connessione al sistema, fare


riferimento alla sezione Log on dell'utente, pagina 1-25.
Tra gli argomenti vertenti sulla configurazione del sistema figurano:
• Schermo Configurazione - Impostazioni sistema, pagina 2-4
• Schermo Configurazione - Impostazioni dosaggio, pagina 2-64
• Schermo Configurazione - Impostazioni CQ-Cal, pagina 2-148

Schermo Configurazione - Impostazioni sistema


A partire da questa schermata l'operatore generico ha la possibilità di accedere
alle finestre in cui sono riportate informazioni dettagliate sulle impostazioni del
sistema configurate.
L'amministratore del sistema può richiamare le finestre in cui è possibile
configurare, tra l'altro, le seguenti impostazioni:
• Richiesta campione
• Modalità rilascio host
• Stampa dei rapporti
• Scorte dei reagenti
• Allarme scorte basse
• Password
• Centro controllo sistema
• Moduli
• Campionatore
• Lettore codice barre camp.

Capitolo 2-4 Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Configurazione del sistema

• Porte seriali
• Porte TCP/IP
• Funzioni premium
• ARCHITECT Advisor

Figura 2.1: Schermo Configurazione - Impostazioni sistema

Per una descrizione di questi campi, fare riferimento alla sezione Descrizione dei
campi dello schermo Configurazione - Impostazioni sistema, pagina E-154.
Per informazioni su come richiamare questa schermata, fare riferimento alla
sezione Come accedere allo schermo Configurazione - Impostazioni sistema,
pagina 2-5.

Procedure correlate...
• Configurazione delle impostazioni del sistema, pagina 2-6
• Visualizzazione delle impostazioni del sistema, pagina 2-13
• Modifica delle impostazioni del sistema, pagina 2-14

Come accedere allo schermo Configurazione - Impostazioni sistema


Per accedere alla schermata di configurazione delle impostazioni del sistema,
occorre effettuare la seguente procedura.
Prerequisito Non applicabile
Stato del modulo Qualsiasi
Livello accesso Registrazione come operatore generico
operatore
Materiale Non applicabile

Manuale d'Impiego del Sistema ARCHITECT Capitolo 2-5


G5-6874/R05 - 2016-04-29
Procedure di installazione e requisiti speciali
Configurazione del sistema Capitolo 2

Per accedere alla schermata Configurazione - Impostazioni sistema, procedere


come segue:
Selezionare dapprima l'icona Sistema nella barra del menu ed in seguito
l'opzione Configurazione.
Compare la schermata Configurazione - Impostazioni sistema.

Informazioni correlate...
• Schermo Configurazione - Impostazioni sistema, pagina 2-4

Procedure - schermo Configurazione - Impostazioni sistema


Le procedure che si possono eseguire a partire da questa schermata e dalle
corrispettive finestre sono raggruppate nelle seguenti categorie:
• Configurazione delle impostazioni del sistema, pagina 2-6
• Visualizzazione delle impostazioni del sistema, pagina 2-13
• Modifica d