Sei sulla pagina 1di 361

Obiettivi di apprendimento

Traguardi

Curricolo

a te riale ile
con lm sc a ricab
e
digita GERMANA GIROTTI

NAVIGAzioni
Percorsi e strumenti per orientarsi
nella scuola che cambia

2 MATEMATICA
Guida didat tica Per l a Promozione delle comPetenze

Competenze
Didattica inclusiva

Cittadinanza e Costituzione

Valutazione

Indicazioni Libro Web


© 2014 by Mondadori Education S.p.A., Milano
Tutti i diritti riservati

www.mondadorieducation.it

Questo ebook contiene materiale protetto da copyright e non può essere copiato, riprodotto, trasferito, distribuito, noleggiato, licenziato o
trasmesso in pubblico, o utilizzato in alcun altro modo ad eccezione di quanto è stato specificamente autorizzato dall’editore, ai termini e alle
condizioni alle quali è stato acquistato o da quanto esplicitamente previsto dalla legge applicabile.
Qualsiasi distribuzione o fruizione non autorizzata di questo testo così come l’alterazione delle informazioni elettroniche sul regime dei diritti
costituisce una violazione dei diritti dell’editore e dell’autore e sarà sanzionata civilmente e penalmente secondo quanto previsto dalla Legge
633/1941 e successive modifiche.

Questo ebook non potrà in alcun modo essere oggetto di scambio, commercio, prestito, rivendita, acquisto rateale o altrimenti diffuso senza il
preventivo consenso scritto dell’editore. In caso di consenso, tale ebook non potrà avere alcuna forma diversa da quella in cui l’opera è stata
pubblicata e le condizioni incluse alla presente dovranno essere imposte anche al fruitore successivo.

Coordinamento Maria Cristina Scalabrini


Redazione Editmedia s.r.l. – Omegna (VB), Daria Brambilla Pisoni, Fabiana Polese
Progetto Grafico Tiziana Barigelletti
Impaginazione Editmedia s.r.l. – Omegna (VB), Sergio Rossi
Copertina Tiziana Barigelletti
Disegni Cristina Grottoli

Contenuti Digitali
Progettazione Fabio Ferri, Rachele Massei
Redazione Daria Brambilla Pisoni
Realizzazione Design&Concept
Realizzazione
Incolonnatore
Interattivo Bitress

Il Laboratorio di didattica digitale è a cura di Paola Limone.

Per eventuali e comunque non volute omissioni e per gli aventi diritto tutelati dalla legge, l’editore dichiara la piena disponibilità.

La realizzazione di un libro scolastico è un’attività complessa che comporta controlli di varia natura. Essi riguardano sia la correttezza
dei contenuti che la coerenza tra testo, immagini, strumenti di esercitazione e applicazioni digitali. È pertanto possibile che, dopo la
pubblicazione, siano riscontrabili errori e imprecisioni.

Mondadori Education ringrazia fin da ora chi vorrà segnalarli a:

Servizio Clienti Mondadori Education


e-mail servizioclienti.edu@mondadorieducation.it
numero verde 800 123 931
Unità 2 I NUMERI DA 0 A 200
schede

INDICE 65
66
67
68
Indicazioni didattiche per il docente
Guido, il cioccolataio
Gruppi di gruppi
Contiamo per gruppi
e materiali
scaricabili

69 Gruppi da 10
70 Centinaia, decine e unità
71 Facciamo cambio
4 NavigAzioni e la nuova scuola 72 Piatti, lunghi e unità
14 Progettazione disciplinare per il curriculum 73 Centinaia sull’abaco
Matematica • Classe seconda 74 Abaco con tre aste
75 Quadro delle... 200 palline!
ACCOGLIENZA E VERIFICHE D’INGRESSO 76 Fino a 200!
77 Ordinare e confrontare
22 Indicazioni didattiche per il docente 78 Centinaia, decine, unità
23 I numeri da 0 a 20 • 1 79 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Numeri da 0 a 200
24 I numeri da 0 a 20 • 2
25 Addizioni e sottrazioni
26 Problemi
27 Regioni e linee
28 Confronti e percorsi Unità 3 L’ADDIZIONE

82 Indicazioni didattiche per il docente


Percorso 1 • NUMERI 84 Mettere insieme
85 Aggiungere
86 Addizioni con le palline!
Unità 1 I NUMERI DA 0 A 100
87 Aggiungi 1, aggiungi 10
29 Indicazioni didattiche per il docente 88 Addizioni... più difficili!
31 Gruppi e unità 89 Tappa alla decina!
32 Raggruppare per 10 90 Addizioni in colonna
33 Cambiare con i lunghi 91 Addizioni con i BAM
34 Tutto in unità 92 Addizioni con l’abaco
35 Cambio con l’abaco 93 Addizioni con il cambio
36 Abachi e cambio 94 In colonna oltre il 100!
37 Decine e unità 95 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Addizione
38 Lunghi e abachi
39 Da 21 a 30
40 Numeri da 0 a 30
41 Da 31 a 40 Unità 4 LA SOTTRAZIONE
42 Numeri da 0 a 40
43 Da 41 a 50 98 Indicazioni didattiche per il docente
44 Numeri da 0 a 50 100 Calcolare il resto
45 Da 51 a 60 101 Calcolare quanto manca
46 Numeri da 0 a 60 102 Calcolare la differenza
47 Da 61 a 70 103 Sottrazioni con le palline!
48 Numeri da 0 a 70 104 Togli 1, togli 10
49 Da 71 a 80 105 Tappa alla decina!
50 Numeri da 0 a 80 106 Sottrazioni... più difficili!
51 Da 81 a 90 107 Sottrazioni in colonna
52 Numeri da 0 a 90 108 Sottrazioni con i BAM
53 Da 91 a 99 109 Sottrazioni con l’abaco
54 Numeri da 0 a 99 110 Sottrazioni con il cambio
55 Fino a 100... con le monete! 111 In colonna oltre il 100!
56 Quadro delle... 100 palline! 112 Operazioni al contrario
57 Case delle decine amiche 113 Quanto manca?
58 Quadro dei... 100 numeri! 114 Trucchi per calcoli veloci
59 Unità e decine con le palline! 115 Catene e tabelle
60 Palline... in ordine! 116 Addizioni e sottrazioni
61 Stimare e arrotondare 117 Problemi più o meno?
62 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Numeri da 0 a 100 118 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Sottrazione

schede e materiali scaricabili. 1


Unità 5 LA MOLTIPLICAZIONE Percorso 2 • SPAZIO E FIGURE
121 Indicazioni didattiche per il docente
Unità 1 LE POSIZIONI E I PERCORSI
123 Addizione ripetuta
124 Moltiplicazione 181 Indicazioni didattiche per il docente
125 Schieramenti in riga 183 Destra e sinistra • 1
126 Schieramenti in colonna 184 Destra e sinistra • 2
127 Disegna lo schieramento 185 Posizioni
128 Gira lo schieramento 186 Istruzioni per i percorsi
129 Gli incroci 187 Percorsi e istruzioni
130 Incroci speciali 188 Mappe e coordinate
131 Tabellina del 2 189 Percorsi sulla mappa
132 Il paio 190 Griglie e coordinate
133 La coppia 191 Percorsi obliqui
134 Tabellina del 3 192 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Posizioni e percorsi
135 Doppio e triplo
136 Tabellina del 4
137 Tabellina del 5 Unità 2 LO SPAZIO E LE FIGURE
138 Tabellina del 6 195 Indicazioni didattiche per il docente
139 Tabellina del 7 197 Forme nella realtà
140 Tabellina dell’8 198 I solidi
141 Tabellina del 9 199 Sviluppo dei solidi
142 Tabellina del 10 200 Rotolano o strisciano?
143 Tabelline... al completo! 201 Poliedri e solidi rotondi
144 Problemi... con le tabelline 202 Facce, spigoli, vertici
145 Moltiplicazioni in colonna 203 Dai solidi alle figure piane
146 Moltiplicazioni con il cambio • 1 204 Semplici e intrecciate
147 Moltiplicazioni con il cambio • 2 205 Linee curve – linee rette
148 Problemi più o per? 206 Direzione delle rette
149 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Moltiplicazione 207 Linee spezzate – linee miste
208 Confini e regioni
Unità 6 LA DIVISIONE 209 Lati e vertici
210 Tanti poligoni
152 Indicazioni didattiche per il docente 211 Simmetria interna
154 Distribuire 212 Simmetria esterna
155 Dividere per distribuire 213 Avanti, indietro – in su, in giù
156 Problemi di distribuzione 214 Gira, gira
157 Raggruppare 215 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Spazio e figure
158 Dividere per raggruppare 218 Test
159 Problemi di raggruppamento
160 Schieramenti • 1
161 Schieramenti • 2 Percorso 3 • MISURE
162 Divisioni esatte
163 Divisioni esatte con la tabella Unità 1 CONFRONTARE E MISURARE
164 Divisioni con il resto
165 Divisioni con le tabelline 219 Indicazioni didattiche per il docente
166 Divisioni 221 Confronto e ordine
167 Divisioni in colonna • 1 222 Misurare con il corpo
168 Divisioni in colonna • 2 223 Misurare con gli oggetti
169 Metà e terza parte 224 Misurare con i regoli • 1
170 La dozzina 225 Misurare con i regoli • 2
171 Pari e dispari 226 Misurare con il righello • 1
172 Operazioni al contrario 227 Misurare con il righello • 2
173 Moltiplicazioni e divisioni • 1 228 Misurare con il metro
174 Moltiplicazioni e divisioni • 2 229 Misurare il peso • 1
175 Problemi per o diviso? 230 Misurare il peso • 2
176 Problemi con le 4 operazioni 231 Misurare la capacità • 1
177 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Divisione 232 Misurare la capacità • 2
180 Test 233 I percorsi dei folletti

2
234 Cornicette e quadretti 286 Disegno per due problemi
235 Costruzioni con i cubetti 287 Problemi illustrati • 1
236 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 288 Problemi illustrati • 2
• Confrontare e misurare 289 Numeri e parole
290 Operatori in parola
Unità 2 IL TEMPO E IL DENARO 291 Dal problema al disegno
292 Dal problema allo schema
239 Indicazioni didattiche per il docente 293 Capire il problema • 1
240 Orologio: le ore • 1 294 Capire il problema • 2
241 Orologio: le ore • 2 295 Problemi con il diagramma • 1
242 Orologio: i minuti 296 Problemi con il diagramma • 2
243 Orologio: le ore e i minuti 297 Problemi in tabella
244 Calendario 298 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Problemi
245 Centesimi
246 Monete e banconote Unità 3 I DATI E LE PREVISIONI
247 Spese per tutti
248 In bicicletta 301 Indicazioni didattiche per il docente
249 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Tempo e denaro 302 Animali preferiti
252 Test 303 Programmi in televisione
304 Alunni
305 Bevande
Percorso 4 • RELAZIONI, DATI E PREVISIONI 306 Presenti e assenti
307 Gelato
Unità 1 GLI INSIEMI E LE RELAZIONI 308 Luglio al parco
309 Previsioni con le figurine
253 Indicazioni didattiche per il docente 310 Palline e forme
254 Ballo con le streghe 311 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Dati e previsioni
255 Attenti alle parole! 314 Test
256 Mettere insieme
257 Attenzione al “non” PROVE DI COMPETENZA
258 Gruppi con il “non” • 1
E RIFLESSIONE SUGLI APPRENDIMENTI
259 Gruppi con il “non” • 2
260 Gelati per gli amici 315 Apprendere per sviluppare competenze
261 Brrr... che freddo! 317 Tabelle per la rilevazione
262 Che cosa dice la freccia? delle competenze matematiche e trasversali
263 Relazioni... numeriche 318 Giochi di società
264 Adesivi colorati 320 Conti in fattoria
265 Pasticcini golosi 322 Paese della geometria
266 Verifiche – Liv. 1, 2, 3 • Insiemi e relazioni 324 Facciamo festa
326 Al circo
Unità 2 I PROBLEMI 328 Tabella dell’alunno per la riflessione
sugli apprendimenti
269 Indicazioni didattiche per il docente
271 Problemi... quotidiani PROVE NAZIONALI
272 Problemi... matematici
273 Testo del problema 330 Questionario di matematica
274 Parole giuste
275 Domanda del problema • 1
DIARIO DI BORDO
276 Domanda del problema • 2
277 Dati del problema 337 Suggerimenti per la didattica digitale
278 Dal disegno ai dati
279 Scopri i dati
280 Dati inutili
281
282
Dati mancanti
Disegni da compeltare
LEGENDA DELLE ABBREVIAZIONI
283 Disegno giusto • 1 PRESENTI NEGLI OBIETTIVI AL PIEDE
284 Disegno giusto • 2
285 Dal disegno al testo OdA Obiettivo di apprendimento
CC Competenze-chiave
RD Riferimenti disciplinari

3
NAVIGAZIONI E LA NUOVA SCUOLA
Oggi la scuola è immersa in un paesaggio educativo assai più ricco di stimoli che nel
passato e l’apprendimento scolastico è solo una delle tante esperienze che consen-
tono a un bambino di acquisire competenze.
Contemporaneamente la realtà sociale non ha più la stabilità di un tempo, le fami-
glie sono spesso allargate e gli adulti di riferimento, sempre più numerosi, hanno in
parte perso la loro capacità di trasmettere regole e limiti.
Per queste ragioni alla scuola è assegnato un duplice e importante mandato:
• ricomporre i diversi saperi per ridurne la frammentazione, promuovendo negli
studenti la capacità di dare senso alla varietà delle loro esperienze;
• guidare i ragazzi al rispetto dei diritti di ognuno, alla creazione e condivisione
di regole, al confronto e all’integrazione con culture diverse, al fine di sviluppare
un’identità aperta e consapevole.
A seguito della diffusione delle tecnologie di comunicazione, la scuola non detiene
più il monopolio delle informazioni e dei modi di apprendere, ma ha acquisito un
fondamentale ruolo di “guida” in un mondo tanto variegato e complesso: è sua
inderogabile responsabilità condurre gli alunni ad acquisire e consolidare le cono-
scenze e le competenze di base che sono indispensabili per l’uso consapevole del
sapere diffuso e che, contemporaneamente, favoriscono l’autonomia nell’imparare
lungo l’intero arco della vita.
La scuola è tenuta a definire le proprie finalità sempre a partire dalla persona che ap-
prende; lo studente deve essere posto al centro dell’azione educativa in tutti i suoi
aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, etici, spirituali, religiosi.
In quest’ottica i docenti sono chiamati a realizzare percorsi formativi sempre più ri-
spondenti alle inclinazioni personali degli studenti, nella prospettiva di valorizzare gli
aspetti peculiari della personalità di ognuno. Parallelamente, devono dedicare partico-
lare attenzione alla formazione della classe come gruppo, alla promozione dei legami
cooperativi fra i suoi componenti, alla gestione dei conflitti che inevitabilmente scatu-
riscono dalla socializzazione. La scuola si deve costruire come luogo accogliente, dove
si impara insieme agli altri e si impara meglio nella relazione con gli altri.
La nuova collana NavigAzioni vuole proprio intercettare i bisogni degli insegnanti e
degli alunni offrendo percorsi e strumenti per orientarsi nella scuola che cambia.

IL NUOVO CURRICOLO: LE PAROLE-CHIAVE


Il curricolo è un insieme di esperienze didattiche adeguatamente organizzate e
Dalle Indicazioni concretamente attuate nelle singole istituzioni scolastiche. Ogni scuola progetta ed
al curricolo elabora il proprio curricolo in riferimento ai contenuti prescrittivi delle Indicazioni
nazionali, nel rispetto dell’autonomia scolastica e della libertà di insegnamento. Il
curricolo viene predisposto all’interno del Piano dell’Offerta Formativa (POF) con
riferimento al profilo dello studente al termine del primo ciclo d’istruzione, ai tra-
guardi per lo sviluppo delle competenze, agli obiettivi di apprendimento per ogni di-
sciplina. La presenza sul territorio di numerosi Istituti comprensivi consente spesso
la progettazione di un curricolo dell’Istituto comprensivo, che agevola la relazione
fra tre tipologie di scuola caratterizzate ognuna da specifiche identità educative e
facilita il raccordo con il secondo ciclo del sistema di istruzione.

Nella scuola si è parlato per molto tempo di materie per indicare l’organizzazione dei
Aree disciplinari contenuti estrapolati dall’universo del sapere, concetti trasmessi per lo più attraverso
e discipline i libri di testo. La disciplina fa risaltare invece l’attività del soggetto che apprende, le
modalità di indagine che usa e i vari linguaggi che acquisisce perlustrando i diversi
campi del sapere. Le discipline sono state storicamente separate le une dalle altre

4 documenti ministeriali.
ma, in realtà, sono caratterizzate da vaste aree di connessione che rendono impro-
ponibili rigide separazioni. Per questa ragione nelle Indicazioni le discipline non
sono più aggregate in aree precostituite per non limitare l’intreccio solo tra materie
affini; è lasciato ai docenti il compito di collaborare, in modo da offrire visioni uni-
ficanti delle conoscenze attinte dai diversi campi. Ogni scuola poi, in autonomia,
sceglie come realizzare la trasversalità tra le discipline.

Al termine della classe quinta della scuola primaria vengono fissati i traguardi per
lo sviluppo delle competenze relativi alle diverse discipline. Tali traguardi sono pre- Traguardi
scrittivi per tutto il territorio nazionale e costituiscono i criteri per la valutazione per lo sviluppo
delle competenze attese. Le scuole hanno la possibilità e la responsabilità di orga- delle competenze
nizzare autonomamente i propri curricoli, scegliendo quei percorsi culturali e didat-
tici che meglio possano concorrere a un’azione educativa finalizzata allo sviluppo
globale di tutti gli alunni.

Gli obiettivi di apprendimento si riferiscono alle singole discipline e indicano co-


noscenze e abilità indispensabili per il raggiungimento dei traguardi per lo svi- Obiettivi
luppo delle competenze. Gli obiettivi sono organizzati in periodi didattici lunghi di apprendimento
(triennio o quinquennio nella scuola primaria), per cui devono essere contestualiz-
zati e scanditi nell’itinerario progettuale dei docenti al fine di assicurare una progres-
siva ed efficace acquisizione degli apprendimenti da parte di tutti gli alunni.

La valutazione degli alunni, inserita nelle diverse fasi iniziali, intermedie e finali
Valutazione
della progettazione curricolare, deve assolvere prioritariamente alla sua funzione
formativa, al fine di regolare costantemente i processi di apprendimento e di per-
fezionare l’azione progettuale dei docenti. In ogni scuola i risultati delle verifiche e
delle valutazioni sommative periodiche, che devono essere in linea con gli obiettivi
e i traguardi previsti dalle Indicazioni e declinati nel curricolo d’Istituto, devono es-
sere prontamente comunicati alle famiglie secondo un contratto compartecipato di
corresponsabilità educativa. Ogni istituzione scolastica è inoltre tenuta a compiere in
itinere efficaci e puntuali azioni di autovalutazione dei singoli processi e delle rela-
tive componenti, al fine di ottimizzare e migliorare costantemente il piano dell’offerta
formativa.
La qualità del sistema scolastico complessivo viene poi puntualmente monitorata
e resa pubblica attraverso le rilevazioni e le misurazioni degli apprendimenti ef-
fettuate dall’INVALSI (Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo
di Istruzione e di Formazione) per mezzo di prove predisposte e somministrate nei
diversi ordini di scuola per l’accertamento delle competenze acquisite, con riferi-
mento ai traguardi e agli obiettivi previsti dalle Indicazioni e in linea con i sistemi di
valutazione esterna utilizzati negli altri Paesi europei.
Obbligo di ogni comunità scolastica è infine quello di promuovere e garantire mo-
menti di riflessione sugli apprendimenti del singolo e del gruppo (metacogni-
zione), con la finalità di permettere a ogni allievo di acquisire consapevolezza del
proprio modo di apprendere, di comprendere le cause delle possibili difficoltà di ap-
prendimento e di conquistare una corretta dose di autostima personale fondata sulle
attitudini personali, sui propri punti di forza e sulle capacità individuali.

Una delle finalità prioritarie della nuova scuola è la formazione di alunni “compe-
tenti”, alunni cioè capaci di mobilitare autonomamente le proprie risorse e di saper
Certificazione
agire in risposta a determinate situazioni, in una serie differenziata di contesti, sia
delle competenze
scolastici sia appartenenti al mondo reale. Nell’esercitare una competenza l’allievo è

5
chiamato a fare intervenire le sue risorse in termini di conoscenze, abilità cognitive,
abilità pratiche, capacità, attitudini, motivazioni, responsabilità personali e sociali.
Le Indicazioni fissano, in forma essenziale nel “Profilo delle competenze al ter-
mine del primo ciclo di istruzione”, le competenze attribuite alle discipline di
insegnamento e al completo esercizio della cittadinanza che un ragazzo deve dimo-
strare di aver conseguito al termine del primo ciclo di istruzione. Tali competenze
assumono come orizzonte di riferimento il quadro delle competenze-chiave per
l’apprendimento definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Unione eu-
ropea (vedasi “Apprendere per sviluppare competenze” a pagina 315 della Guida).
I docenti hanno il compito di stilare un curricolo efficace e ben articolato che, sulla
base dei traguardi fissati a livello nazionale, preveda percorsi finalizzati alla promo-
zione, rilevazione e valutazione delle competenze. Inoltre devono porre particolare
attenzione al modo in cui ogni alunno mobilita le proprie risorse (conoscenze, abi-
lità, capacità, atteggiamenti, emozioni…), per gestire le situazioni che ogni giorno
si trova ad affrontare, sfruttando al meglio le proprie capacità e attitudini. Dopo una
attenta osservazione, una completa documentazione e valutazione, gli insegnanti
potranno certificare le competenze attraverso modelli adottati a livello nazionale al
termine della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria di primo grado.

Per completare il quadro delle competenze è fondamentale anche prendere in con-


Cittadinanza siderazione quelle che attraversano i rapporti interpersonali e civili, ossia le compe-
e Costituzione tenze di cittadinanza.
La scuola italiana ha condiviso con l’Europa, fin dal 2007, le seguenti competenze
di cittadinanza: imparare a imparare, progettare, comunicare, collaborare e parteci-
pare, agire in modo autonomo e responsabile, risolvere problemi, individuare colle-
gamenti e relazioni, acquisire e interpretare informazioni.
È compito fondamentale dei docenti promuovere l’educazione alla cittadinanza at-
tiva attraverso esperienze significative che consentano agli alunni di imparare a cu-
rare in modo autonomo la propria persona e l’ambiente in cui vivono (che siano
la scuola e i suoi sussidi, la casa, i luoghi dello svago) e ad avere rispetto degli altri
maturando atteggiamenti collaborativi, cooperativi e di solidarietà. Le compe-
tenze per l’esercizio della cittadinanza attiva devono essere favorite sempre nell’am-
bito di tutte le attività di apprendimento, cogliendo al volo qualsiasi opportunità che
ciascuna disciplina può offrire.
La scuola dell’infanzia ha posto le prime basi per l’esercizio della cittadinanza attiva
ma spetta alla scuola primaria potenziare gli apprendimenti per formare bambini e
ragazzi sicuri di sé, cittadini responsabili in grado di vivere una vita sana e soddisfa-
cente, dando il proprio valido contributo alla società.

L’APPRENDIMENTO NELLA SCUOLA PRIMARIA


La Scuola Primaria è l’ambiente educativo di apprendimento nel quale ogni bam-
bino ha l’opportunità di sviluppare le dimensioni emotive, affettive e sociali. Pro-
muove l’acquisizione di diversi tipi di linguaggio e un primo livello di padronanza
delle conoscenze e delle abilità, consente di esercitare diversi stili cognitivi per
favorire lo sviluppo del pensiero critico, aiutando il passaggio dal “sapere comune”
al “sapere scientifico”; ciò al fine di poter affrontare positivamente l’incertezza e la
mutevolezza degli scenari presenti e futuri. La scuola definisce le proprie finalità a
partire dalla persona che apprende, conservando l’originalità del percorso indivi-
duale, ma favorendo le aperture offerte dalla rete di relazioni che legano il bambino
alla famiglia e agli ambiti sociali.

6
La Scuola Primaria svolge correttamente il suo ruolo quando trasmette apprendi-
menti significativi in modo da garantire a ogni alunno il successo formativo, inteso
Un ambiente
come completa realizzazione della persona umana.
per apprendere
Una corretta trasmissione dei saperi prevede alcune condizioni indispensabili, anche
di ordine pratico e organizzativo quali, ad esempio, un uso flessibile degli spazi
scolastici e dei sussidi a disposizione: l’aula non è luogo esclusivo di residenza
della medesima classe per cinque anni, ma si apre, mettendo a disposizione i propri
sussidi. Qualora nella scuola solo alcune classi dispongano di una LIM, è necessa-
rio organizzare rotazioni e spostamenti per consentire ad altri alunni di approfittare
di uno strumento tanto utile quanto “divertente”. Anche in scuole con spazi ridotti
è opportuno cercare di allestire angoli attrezzati e piccoli laboratori da destinare ai
primi approcci operativi con le scienze, la tecnologia, le attività espressive e corporee.

I bambini che entrano nella scuola hanno già maturato una loro “ingenua”, ma non
per questo meno significativa, visione del mondo e della vita. Possiedono un loro
personale patrimonio di conoscenze, valori e comportamenti acquisiti attraverso la
famiglia, i media, le precedenti esperienze scolastiche. La scuola si propone di valo-
rizzare le esperienze e le conoscenze degli alunni mediante una adeguata azione
didattica, che consenta a ogni bambino di dare significato a ciò che già conosce,
creando le basi per i suoi apprendimenti futuri.

In una classe convivono alunni che manifestano diversi stili, diversi ritmi, diversi
modi di rispondere alle molte sollecitazioni che il contesto formativo attiva: la vita
della classe è un’occasione preziosa di crescita per la personalità di ogni bambino.
Occorre però che ogni bambino sia integrato e non solamente inserito nella classe
e questo implica il riconoscimento delle diversità di cui ogni alunno è portatore: la
sua presenza deve risultare significativa dal punto di vista non solo cognitivo, ma
anche affettivo e relazionale.
La scuola ha il compito di costruire strumenti validi per affrontare una situazione
in cui la disomogeneità della classe è un dato di fatto progettando e attuando in-
terventi adeguati nei confronti degli alunni che evidenziano bisogni educativi
speciali con percorsi mirati che prevedano l’uso, anche in sede di valutazione, di
strumenti e misure idonee per rafforzare l’autostima ed evitare frustrazioni. A tal
fine la scuola deve utilizzare sia le forme di flessibilità previste dall’autonomia sia le
opportunità offerte dalle tecnologie (computer, LIM, tablet, software dedicati).

L’apprendimento è esplorazione e scoperta personale e il compito della scuola è


quello di mettere l’alunno nelle condizioni di andare oltre le conoscenze già elabo-
rate, proiettandosi verso nuove esperienze.
Per rendere possibile la scoperta è necessario impostare un apprendimento che si
fonda sulla problematizzazione, stimolando gli alunni a pensare in termini perso-
nali, formulare ipotesi e congetture, prospettare soluzioni alternative a uno stesso
quesito. La scoperta di un individuo è sempre un’operazione di trasformazione e ri-
ordinamento di fatti evidenti, che permette di procedere al di là di questi fatti, verso
una nuova intuizione.

La formazione e la crescita personale non si realizzano solo attraverso un percorso


individuale. È fondamentale sfruttare la dimensione sociale degli apprendimenti in-
Apprendimento
coraggiando tutte le forme di interazione possibili: apprendimento cooperativo,
cooperativo
supporto fra pari, aiuto reciproco, sia all’interno della classe sia con alunni di classi
ed età diverse.

7
I bambini che operano in gruppo imparano a sentirsi responsabili non solo del loro
personale apprendimento, ma anche dell’apprendimento degli altri membri del
gruppo, quindi acquisiscono senso di responsabilità personale e, nello stesso tempo,
rispetto e considerazione dell’altro. Durante lo svolgimento di qualsiasi attività coo-
perativa, alcune parti di lavoro possono essere svolte individualmente ma i compo-
nenti del gruppo devono procedere in modo interattivo, verificando gli uni con gli
altri la catena del ragionamento, le conclusioni e le difficoltà; in tal modo gli studenti
si insegnano a vicenda.
Gli alunni inseriti all’interno di gruppi cooperativi sviluppano la fiducia nelle proprie
capacità, la leadership, la comunicazione, imparano a prendere decisioni e a difen-
dere il proprio punto di vista, si addestrano nella gestione dei conflitti nei rapporti
interpersonali. Inoltre acquisiscono la capacità di valutare l’efficacia del proprio la-
voro e il funzionamento del gruppo, e individuano insieme i cambiamenti necessari
per migliorarne l’efficienza.
Il lavoro di gruppo può allargarsi anche al di fuori della scuola e in quest’ottica di-
vengono funzionali e indispensabili le nuove tecnologie, che consentono un’aper-
tura al mondo attraverso il web e la possibilità di comunicare con coetanei di altre
scuole o paesi.

Durante il percorso della Scuola Primaria l’alunno deve acquisire la consapevolezza


Riflessione sugli del proprio modo di apprendere. Al fine di “imparare ad apprendere” deve svilup-
apprendimenti pare alcune fondamentali competenze: la capacità di prendere atto dei propri errori
e individuare le ragioni di un insuccesso, ma anche riconoscere i propri punti di
forza, stimare le proprie abilità e valutare i progressi compiuti. Affinché ciò avvenga
in modo graduale ma sistematico, l’insegnante deve porsi come guida e facilitatore,
mettendo in atto alcuni utili accorgimenti: incoraggiare il bambino a verbalizzare
frequentemente i propri processi cognitivi e le strategie preferite, abituarlo alla di-
scussione mirata e alla individuazione collettiva delle possibili soluzioni, sviluppare
la partecipazione attiva al processo di apprendimento individuando e scoraggiando
qualsiasi atteggiamento di passività.
Il docente deve inoltre fornire le procedure di lavoro e svilupparne la padronanza,
non lasciare mai solo un bambino che non sa come cominciare, ma aiutarlo ad ap-
plicare procedimenti, metodi e strategie opportune, utilizzare spesso elogi e incorag-
giamenti che facilitano la ripetizione dell’azione corretta e aiutano il bambino a non
avere timore di mostrare le proprie capacità. Procedendo in tal modo, l’insegnante
può trasmettere all’alunno un adeguato senso di fiducia nelle sue possibilità, colti-
vando in lui la convinzione che è fondamentale lavorare per apprendere e per matu-
rare modalità di pensiero efficaci e costruttive.
A pagina 328 della Guida viene proposta una utile scheda per la riflessione sui
personali processi di apprendimento che può essere somministrata più volte nel
corso dell’anno scolastico, di preferenza al termine di attività particolarmente signi-
ficative, per promuovere in ogni alunno la progressiva consapevolezza del proprio
modo di apprendere.

Una ulteriore opportunità per favorire l’operatività degli alunni è la realizzazione


Didattica di attività didattiche in forma di laboratorio; qualsiasi situazione che presenta il
laboratoriale carattere dell’apprendimento attivo può trasformare in laboratorio uno spazio all’in-
terno della scuola, non necessariamente attrezzato in modo particolare, o può por-
tare a operare nel territorio vicino o lontano dalla scuola.
Nel laboratorio, inteso come un luogo dove si mette in atto una pratica del fare, lo
studente diventa protagonista di un processo di costruzione di conoscenze che gli

8
permettono di essere coinvolto in una situazione collettiva di scambio comunicativo
tra pari. Il bambino impara a rielaborare conoscenze attraverso l’esperienza diretta,
a cercare soluzioni a situazioni problematiche, a elaborare nuovi percorsi. Il labo-
ratorio è la modalità di lavoro che più di ogni altra incoraggia la ricerca e la proget-
tualità, rendendo l’alunno consapevole del proprio modo di imparare attraverso il
confronto e la valutazione delle proprie idee.

In particolare, la didattica laboratoriale risulta utile per eseguire i compiti di realtà,


Compiti di realtà
ovvero quelle attività didattiche autentiche in cui la progettazione e lo sviluppo del
lavoro sono finalizzati alla realizzazione di un prodotto concreto. L’operatività as-
sume quindi un carattere sociale e cooperativo e produce nuove competenze in am-
bienti attivi e compartecipati.
Particolare attenzione va posta alla valutazione di un compito autentico: deve essere
una “valutazione per l’apprendimento” più che “dell’apprendimento”, in quanto il
suo scopo è quello di migliorare continuamente la prestazione degli allievi più che
quello di porsi quale giudizio finale del percorso intrapreso. Lo scopo di un compito
di realtà infatti non è tanto produrre contenuti, ma promuovere l’acquisizione di
competenze all’interno di un contesto comunicativo e relazionale in cui strumenti,
attrezzature, materiali e tempi siano preventivamente progettati e predisposti per il
raggiungimento di un risultato compreso, condiviso ed eventualmente rivisto e per-
fezionato in un ciclo di miglioramento continuo.

Sono sempre più numerosi gli alunni che, per svariate tipologie di difficoltà, preoc-
cupano gli insegnanti. La scuola deve garantire a questi bambini la completa in- Piano Didattico
clusione, attraverso un progetto che coinvolga non solo gli insegnanti, ma anche i Personalizzato
compagni di questi alunni e le loro famiglie. per i BES
La CM n. 8 del 6 marzo 2013 prevede che ogni istituzione scolastica crei un gruppo
di lavoro per l’inclusione scolastica, con il compito di rilevare gli alunni con Biso-
gni Educativi Speciali (BES). Vengono definiti BES tutti quei bambini che vivono
una situazione particolare che li ostacola nell’apprendimento e nello sviluppo.
Le difficoltà di questi alunni possono essere globali e generalizzate, come l’autismo,
o più specifiche (dislessia, disgrafia, discalculia), settoriali (disturbi del linguaggio,
disturbi psicologici d’ansia), possono derivare da svantaggio economico, culturale e
sociale, risultare permanenti o anche transitorie.
Tutti gli alunni BES per i quali non è presente certificazione clinica o diagnosi richie-
dono la “presa in carico” da parte di tutto il team di docenti coinvolto che, al fine di
aiutare l’alunno BES a realizzare pienamente le proprie potenzialità, deve elaborare
un Piano Didattico Personalizzato (PDP).
La CM n. 8 illustra chiaramente la funzione del PDP: «È lo strumento in cui si
possono includere progettazioni didattico-educative calibrate sui livelli minimi
attesi per le competenze in uscita (di cui moltissimi alunni con BES, privi di qual-
sivoglia certificazione diagnostica, abbisognano), strumenti programmatici utili in
maggior misura rispetto a compensazioni o dispense, a carattere squisitamente di-
dattico-strumentale. Ove non sia presente certificazione clinica o diagnosi, il Consi-
glio di classe o il team dei docenti motivano opportunamente, verbalizzandole,
le decisioni assunte sulla base di considerazioni pedagogiche e didattiche; ciò al
fine di evitare contenzioso».
Il PDP quindi è un prezioso strumento di lavoro in itinere per gli insegnanti e ha
la funzione di documentare alle famiglie le strategie di intervento programmate per
l’alunno. Per aiutare l’insegnante nella preparazione del PDP, nelle indicazioni didat-
tiche delle diverse Unità vengono suggerite alcune possibili strategie di intervento.

9
LA MATEMATICA OGGI
«Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone
e delle comunità, sviluppando le capacità di mettere in stretto rapporto il “pensare” e
il “fare” e offrendo strumenti adatti a percepire, interpretare e collegare tra loro feno-
meni naturali, concetti e artefatti costruiti dall’uomo, eventi quotidiani. In particolare,
la matematica dà strumenti per la descrizione scientifica del mondo e per affrontare
problemi utili alla vita quotidiana; contribuisce a sviluppare la capacità di comunicare
e discutere, di argomentare in modo corretto, di comprendere i punti di vista e le argo-
mentazioni degli altri.» (da “Indicazioni Nazionali per il curricolo 2012”)

Gli adulti e anche i bambini, influenzati dai genitori o dagli amici più grandi, spesso
considerano la matematica una materia fredda, poco comprensibile, fatta di formule
da mandare a memoria, non creativa e per nulla simpatica. La Scuola Primaria ha la
grande responsabilità di modificare questa forma di pensiero, costruendo fin dalla
più tenera età percorsi matematici che stimolino attività di pensiero produttive, non
solo riproduttive, coltivando il gusto e il piacere di “fare matematica” attraverso
la curiosità e la ricerca. Talvolta gli insegnanti puntano a rafforzare, in particolar
modo in quegli alunni che hanno più difficoltà, le abilità tecniche, e così ad esempio
fanno imparare a memoria le formule di geometria, piuttosto che guidare gli alunni
a scoprirle attraverso la manualità e il ragionamento, puntando anche su attività
molto piacevoli. Sicuramente in matematica è assai utile imparare, ricordare formule
e fare esercizi, ma parallelamente bisogna procedere con una forma di matematica
relazionale basata sui ragionamenti, sui problemi, sulla valutazione dei processi.
Molti genitori valutano il buon lavoro di un docente dal numero di quaderni e di
esercizi che fa completare ai suoi alunni. La matematica invece va vissuta, sperimen-
tata e “giocata”. Spesso gli alunni eseguono alla perfezione le quattro operazioni,
ma non sanno quando applicarle nella soluzione di un problema perché non pos-
siedono i percorsi logici per farne un uso proficuo e consapevole. Nella matematica
della Scuola Primaria sono fondamentali il laboratorio per progettare, sperimentare,
discutere e il gioco per elaborare strategie e imparare a rispettare regole condivise.
E allora quale attività è più divertente che allestire a scuola un supermercato o una
banca con tanto di scatole di prodotti alimentari e non e fac-simili di monete e ban-
conote (si trovano già pronte in commercio in scatole-gioco). In tal modo i bambini
possono giocare a “fare i grandi” e comprare, vendere, allestire svendite, fare mutui
e rate... e acquisiscono la capacità di trasferire le loro conoscenze matematiche alla
realtà quotidiana, trasformandole in astrazione.
Un aiuto significativo può venire alla matematica dalle nuove tecnologie digitali
(LIM, PC, tablet) e dai contenuti disponibili in rete; in particolare la LIM è uno stru-
mento che offre numerosi stimoli percettivi e sussidi di disegno utilissimi, consente
di visualizzare, animare e memorizzare i vari passaggi di una elaborazione.
La tecnologia è strumento prezioso nelle mani dell’adulto; ma il suo valore ag-
giunto rispetto alla didattica tradizionale dipende dall’uso che ne fa. Non deve ser-
vire semplicemente ad ampliare le capacità strumentali proponendo esercizi in una
veste diversa; oggi ci sono bambini che sanno fare costruzioni perfette con i mat-
toncini sul tablet ma, messi davanti a una vera scatola di costruzioni, non sanno
da che parte incominciare. Per questo ben vengano gli strumenti tecnologici; non
per fare addestramento, bensì per sviluppare competenze sollecitando riflessione e
partecipazione. Quindi è compito del docente andare alla ricerca di programmi che
propongano una matematica bella e divertente, ma che contemporaneamente gui-
dino l’alunno alla scoperta, coinvolgendolo nella costruzione dell’apprendimento.

10
Purtroppo questa ricerca non è cosa facile e richiede molto tempo e pazienza; il sito
Mondadori offre numerosi materiali, sia interattivi sia statici, per la costruzione e
il consolidamento delle conoscenze e come strumenti compensativi; altri materiali
utili si possono trovare digitando in un motore di ricerca le parole-chiave “Materiali
LIM matematica Scuola Primaria”.
Le Nuove Indicazioni prevedono anche “l’uso consapevole e motivato delle calco-
latrici”; la calcolatrice è entrata a scuola nei primi anni Novanta e dalla maturità
dell’estate 2012 è ammessa senza vincoli. Al momento, invece, nella Scuola Primaria
è argomento ancora sufficientemente dibattuto che coinvolge non solo gli insegnanti,
ma anche le famiglie degli studenti. D’altra parte, è un oggetto che, sicuramente, i
bambini hanno visto anche prima di andare a scuola ed è considerato un aiuto per
fare i conti e per non sbagliarli; spesso i genitori la utilizzano per verificare i risultati
di un compito eseguito a casa dai propri figli. Quindi non è uno strumento da demo-
nizzare, ma semplicemente va utilizzato in modo adeguato per aiutare gli alunni a
fare esperienza con i numeri, con le operazioni tra essi, con le loro proprietà.
Usare la calcolatrice rinforza le capacità algoritmiche e strategiche dello studente,
basta imparare a usarla con intelligenza. Infatti non è possibile risolvere un qualsiasi
problema con la sola calcolatrice; se non si sa mettere in campo un ragionamento,
la calcolatrice serve a poco; prima viene sempre il cervello umano, poi gli strumenti.
In conclusione è fondamentale che l’insegnante proceda nello studio della mate-
matica senza mai perdere d’occhio le altre discipline; la matematica è lo strumento
indispensabile per esplorare e percepire le relazioni e le strutture che regolano la na-
tura e per realizzare le più spettacolari opere dell’ingegno umano sulla Terra e anche
oltre...: pensiamo alla costruzione della Stazione Spaziale e agli studi per la ricerca
di altre forme di vita in un ambiente ormai non più del tutto sconosciuto.
La costruzione del pensiero matematico è un processo lungo, progressivo e gra-
duale; non è un percorso lineare, ma piuttosto una spirale che torna più e più volte
sugli stessi concetti a livelli di complessità sempre superiori, che deve avere un’at-
tenzione forte al linguaggio, inteso sia come linguaggio matematico, sia come lin-
guaggio comune, quello che permette di “spiegarsi”. Quindi, per evitare che alle
difficoltà di procedura e di ragionamento si aggiungano anche difficoltà linguistiche,
è consigliabile che i docenti affianchino alle esercitazioni di calcolo, misura... nume-
rose attività di decodificazione linguistica dei testi matematici, con molta attenzione
al significato e all’uso di alcuni specifici vocaboli, per quanto possibile in collabora-
zione con l’insegnante di italiano.

I MATERIALI DELLA GUIDA


I materiali proposti nei cinque volumi della Guida sono suddivisi in quattro percorsi:
Numeri – Spazio e figure – Misure – Relazioni, dati e previsioni.
I nuclei tematici definiti nelle Indicazioni sono invece soltanto tre (Numeri – Spazio
e figure – Relazioni, dati e previsioni) in quanto la misura è stata eliminata come
contenuto, ma mantenuta come processo declinato in ognuno dei nuclei tematici
(ad esempio in Spazio e figure si trova come obiettivo di apprendimento: “confron-
tare e misurare angoli utilizzando proprietà e strumenti”; in Numeri, invece, “uti-
lizzare scale graduate in contesti significativi per le scienze e per la tecnica”). Nella
Guida si è scelto di mantenere un percorso specifico dedicato a questo argomento
molto corposo e impegnativo, prevedendo comunque collegamenti con tutti gli altri
percorsi e viceversa. La ricerca per parole-chiave nel sito (cartella “Biblioteca”) per-
mette di individuare rapidamente tutte le schede che lavorano con le misure.

11
I quattro percorsi sono ulteriormente suddivisi in unità, ognuna delle quali com-
prende una serie di schede operative che focalizzano l’attenzione su uno specifico
argomento. Le schede di ogni unità sono strutturate secondo l’ordine ragionato e
progressivo ritenuto più conveniente all’interno di un percorso di apprendimento
concettualmente e didatticamente valido per la classe, ma ogni docente può sfrut-
tare al meglio gli strumenti proposti, secondo le modalità e le scansioni temporali
ritenute più idonee al proprio curricolo.

Ogni percorso è preceduto da alcune pagine destinate ai docenti con semplici indica-
Pagine per zioni metodologiche, proposte e consigli per la realizzazione di attività da svolgere
l’insegnante in classe e alcuni suggerimenti didattici per aiutare i bambini discalculici o con evi-
denti difficoltà di apprendimento.

Le schede sono presentate secondo un itinerario organico molto graduale; la chia-


Schede operative rezza e l’immediatezza delle modalità operative consentono all’alunno di eseguire
in maniera autonoma le esercitazioni che, quindi, possono essere proposte, sia come
attività individuali (esercitazioni, approfondimenti, verifiche...) sia come esercita-
zioni di gruppo svolte in collaborazione e/o in cooperazione o addirittura essere
assegnate per il lavoro da svolgere a casa. Alcune schede possono inoltre essere
utilizzate dall’insegnante quali prove di competenza se inserite all’interno di un per-
corso programmato e adattate secondo i criteri di scansione temporale e le modalità
organizzative e metodologiche richieste dal tipo di prova.
In calce a numerose schede sono proposti alcuni possibili collegamenti con le com-
petenze-chiave europee e con le relative discipline di riferimento. Questa scelta offre
al docente la possibilità di ampliare l’utilizzo della scheda, sfruttandone il contenuto
o l’argomento per introdurre ulteriori attività fondamentali per l’acquisizione delle
competenze trasversali e personali.

A conclusione di ogni unità vengono proposte prove di verifica in tre diversi livelli
Verifiche di difficoltà.
VERIFICA LIVELLO 1 – Valutazione delle abilità e/o conoscenze di base.
VERIFICA LIVELLO 2 – Valutazione delle competenze acquisite.
VERIFICA LIVELLO 3 – Valutazione delle competenze consolidate e sviluppate.
Le schede possono essere somministrate secondo criteri stabiliti dal docente in rela-
zione alle personali esigenze di valutazione: tutte e tre le prove a tutti gli alunni in
momenti diversi del percorso di apprendimento; una sola prova per alunno, scelta
a seconda delle competenze individuali; una prima prova (la prima o la seconda) a
tutti gli alunni e la terza prova da riservarsi solo agli alunni più capaci per valoriz-
zare le eccellenze. Le prove consentiranno all’insegnante di acquisire significativi
elementi di conoscenza per puntuali adeguamenti indispensabili per la progetta-
zione di interventi personalizzati di recupero o approfondimento.

Ogni percorso si conclude con un test che consiste in una serie di domande, ognuna
Test seguita da diverse possibili risposte, una sola delle quali è corretta; le altre, dette
distrattori, sono verosimili. In ambito matematico questo tipo di quesito ha una
particolare valenza, poiché le domande a scelta multipla forzano delle forme di ra-
gionamento logico e sono quindi particolarmente utili. Infatti attraverso i quesiti a
scelta multipla non si testa solo la memorizzazione degli argomenti oggetto del Test,
anzi, è proprio attraverso il ragionamento, il confronto tra le alternative proposte e
lo scarto dei distrattori che si perviene alla scelta corretta.
Sul sito vengono proposti ulteriori test, uno per ogni unità della Guida.

12
Le Prove di Competenza consentono di indagare, documentare e valutare le compe-
tenze disciplinari e trasversali degli alunni in riferimento ai Traguardi per lo sviluppo Prove
delle competenze al termine della Scuola Primaria e al Profilo delle competenze al di Competenza
termine del primo ciclo di istruzione. Prima della somministrazione di ogni prova, i
docenti possono stabilire un’adeguata unità di tempo, che tenga conto del rapporto
tempo/azione di lavoro. Ogni scheda prevede due distinte sezioni di operatività: la-
voro individuale per la verifica delle conoscenze, delle abilità e delle competenze
matematiche del singolo e attività in gruppo per l’osservazione delle competenze
personali e procedurali mediante le azioni collaborative e/o cooperative dei pari.
Le competenze indagate riguardano la specifica disciplina della matematica, il cui
sviluppo e consolidamento però contribuiscono a sviluppare progressivamente le
competenze-chiave europee, ossia quelle competenze di cui ogni persona ha biso-
gno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva e l’inclusione
sociale. Tali competenze devono essere continuo punto di riferimento per tutti gli
insegnanti della scuola dell’obbligo.
I risultati delle prove possono essere registrati nelle tabelle A e B di pagina 317 che
consentono di rilevare e valutare il livello di competenza disciplinare dimostrato
nell’esecuzione della prova o delle prove individuali e di osservare, registrare e
documentare le competenze trasversali e trasferibili, relative alle competenze chiave
europee e di cittadinanza osservate durante l’esecuzione dei compiti di realtà.

A chiusura del volume viene proposto un Questionario di matematica che richiama


Simulazione
nella sua struttura la Prova nazionale di valutazione esterna (INVALSI). I quesiti
di una prova
proposti mirano a valutare il possesso di una matematica non centrata sull’applica-
nazionale
zione di regole, ma su concetti fondamentali che costituiscono un fattore di crescita
di valutazione
per l’alunno e un adeguato strumento di conoscenza della realtà.
esterna
Affinché le pagine possano efficacemente assolvere al loro compito, è importante
che si stabiliscano a priori le modalità e i tempi della somministrazione, tenendo
conto dei criteri adottati finora dal sistema di valutazione nazionale. Oltre che un
valido strumento per misurare gli apprendimenti degli studenti, la prova può diven-
tare uno strumento di riflessione per l’insegnante che, confrontandone i risultati con
altre tipologie di prove valutative, potrà farsi un quadro chiaro e completo delle ca-
pacità dei suoi alunni e, se necessario, mettere in atto azioni correttive di riduzione
o ampliamento del proprio piano di lavoro.
Sul sito sono disponibili i seguenti materiali:
Materiali
• il catalogo di tutte le schede del volume a cui sono state assegnate delle parole-
aggiuntivi
chiave, permettendo così la ricerca per argomenti e temi;
scaricabili
• i documenti della programmazione, le tabelle delle competenze (pagina 317)
dal sito
e alcuni esercizi, proposti in Word e modificabili dall’insegnante secondo le esi-
genze della classe;
• gli esercizi interattivi per approfondire gli argomenti;
• i test di fine Unità;
• i file audio di alcuni problemi;
• i file video di argomenti matematici (costruzione di figure, frazioni ecc.);
• PDF con schede compensative aggiuntive per BES;
• i testi delle nuove Indicazioni nazionali e dei Quadri di riferimento della prova
di Matematica dell’istituto INVALSI.
Per avere accesso al materiale docente, chiedere il codice per l’insegnante e la pro-
cedura di attivazione al proprio rappresentante di zona.
Sul Canale primaria Mondadori vengono periodicamente riportati tutti gli aggior-
namenti dei documenti ministeriali.

13
PROGETTAZIONE DISCIPLINARE
PER IL CURRICULUM
MATEMATICA • CLASSE SECONDA
NUMERI
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Primaria
• L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA


• Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre...
• Leggere e scrivere i numeri naturali in notazione decimale, avendo consapevolezza della notazione posizionale; confrontarli e
ordinarli, anche rappresentandoli sulla retta.
COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE
PERCORSO 1 Numeri UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100 Competenza matematica:
• comprendere il significato
• Effettuare e registrare raggruppamenti del primo ordine. 31
della notazione posizionale;
• Effettuare e registrare raggruppamenti del primo ordine in base dieci. 32 • conoscere termini e simboli
specifici della disciplina;
• Operare cambi. 33 - 36 • applicare processi matematici
• Costruire numeri in base dieci. 37, 38 al quotidiano;
• acquisire fatti numerici.
• Conoscere e operare con i numeri fino a 99. 39 - 54
• Costruire il numero 100 con le monete dei centesimi. 55 La competenza in campo
tecnologico:
• Conoscere e operare con i numeri fino a 100. 56, 58, 59 • utilizzare strumenti per il calcolo.
• Comporre i numeri fino a 100 operando con decine. 57
Imparare a imparare:
• Conoscere l’ordinalità dei numeri fino a 100. 60 • acquisire e applicare nuove
• Avviare ad attività di stima e arrotondamento. 61 conoscenze;
• organizzare e sistematizzare
Verifica livello 1 • L’alunno legge e scrive i numeri da 0 a 100 e associa i nuovi apprendimenti.
62
correttamente il simbolo alla quantità.
Verifica livello 2 • L’alunno riordina e confronta i numeri da 0 a 100. 63
Verifica livello 3 • L’alunno riconosce il valore posizionale delle cifre nei numeri
64
da 0 a 99.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA


• Leggere e scrivere i numeri naturali in notazione decimale, avendo consapevolezza della notazione posizionale; confrontarli
e ordinarli, anche rappresentandoli sulla retta.
COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE
PERCORSO 1 Numeri UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200 Competenza matematica:
• comprendere il significato
• Effettuare e registrare raggruppamenti del secondo ordine. 66 - 68 della notazione posizionale;
• Effuttuare e registrare raggruppamenti del secondo ordine in base dieci. 69, 70
• conoscere termini e simboli
• Operare i cambi. 71 specifici della disciplina.

• Riconoscere il valore posizionale delle cifre nei numeri fino a 199. 72 - 74, 78

14 schede Word personalizzabili della Programmazione.


Progettazione disciplinare - NUMERI

• Conoscere e operare con i numeri fino a 200. 75, 76 Competenza in campo


tecnologico:
• Confrontare e ordinare i numeri noti. 77 • utilizzare strumenti per il calcolo.

Verifica livello 1 • L’alunno legge e scrive i numeri da 0 a 200 e associa Imparare a imparare:
79
correttamente il simbolo alla quantità. • acquisire e applicare nuove
conoscenze;
Verifica livello 2 • L’alunno riordina e confronta i numeri fino a 200. 80 • organizzare e sistematizzare
i nuovi apprendimenti.
Verifica livello 3 • L’alunno riconosce il valore posizionale delle cifre nei numeri
81
fino a 199.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA


• Eseguire mentalmente semplici operazioni con i numeri naturali e verbalizzare le procedure di calcolo.
• Eseguire le operazioni con i numeri naturali con gli algoritmi scritti usuali.

COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE
PERCORSO 1 Numeri UNITÀ 3 L’addizione Competenza matematica:
• comprendere e eseguire
• Operare con l’addizione in situazioni rappresentate graficamente. 84, 85 procedure.
• Padroneggiare strategie di calcolo veloce. 86 - 89
Competenza in campo
• Eseguire addizioni in colonna con due addendi senza cambio. 90 tecnologico:
• utilizzare strumenti per il calcolo;
• Eseguire addizioni in colonna con due o tre addendi con il cambio. 91 - 94
• applicare abilità e metodo
Verifica livello 1 • L’alunno individua l’addizione come operazione risolutiva di lavoro.
con l’ausilio della rappresentazione grafica; esegue semplici addizioni a mente e 95
addizioni in colonna senza il cambio. Comunicazione
nella madrelingua:
Verifica livello 2 • L’alunno illustra e risolve una situazione problematica di • comprendere testi di tipo
96
addizione; esegue addizioni a mente e in colonna. diverso;
• sviluppare argomentazioni;
Verifica livello 3 • L’alunno risolve situazioni problematiche di addizione; esegue
97 • affinare il linguaggio.
addizioni a mente applicando strategie di calcolo; esegue addizioni in colonna.

PERCORSO 1 Numeri UNITÀ 4 La sottrazione Competenza matematica:


• comprendere ed eseguire
• Operare con la sottrazione in situazioni rappresentate graficamente. 100 - 102 procedure;
103 - 106, • utilizzare schemi e
• Padroneggiare strategie di calcolo veloce.
114, 116 rappresentazioni di vario tipo.
• Eseguire sottrazioni in colonna senza cambio. 107
Competenza in campo
• Eseguire sottrazioni in colonna con il cambio. 108 - 111 tecnologico:
• utilizzare strumenti per il calcolo;
• Comprendere che l’addizione e la sottrazione sono operazioni inverse. 112
• applicare abilità e metodo
• Calcolare a mente mediante la ricerca del complementare. 113 di lavoro.

• Completare successioni numeriche. 115 Comunicazione


nella madrelingua:
• Risolvere problemi di addizione o sottrazione. 117
• comprendere testi di tipo diverso;
Verifica livello 1 • L’alunno individua la sottrazione come operazione risolutiva con • individuare ed elaborare
l’ausilio della rappresentazione grafica; esegue semplici sottrazioni 118 informazioni;
a mente e sottrazioni in colonna senza il cambio. • sviluppare argomentazioni;
• affinare il linguaggio.
Verifica livello 2 • L’alunno illustra e risolve una situazione problematica di
119
sottrazione; esegue sottrazioni a mente e in colonna.
Verifica livello 3 • L’alunno risolve situazioni problematiche di sottrazione; esegue
120
sottrazioni a mente applicando strategie di calcolo; esegue sottrazioni in colonna.

15
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA
• Eseguire mentalmente semplici operazioni con i numeri naturali e verbalizzare le procedure di calcolo.
• Conoscere con sicurezza le tabelline della moltiplicazione dei numeri fino a 10.
• Eseguire le operazioni con i numeri naturali con gli algoritmi scritti usuali.
• Contare a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre...
COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE
PERCORSO 1 Numeri UNITÀ 5 La moltiplicazione Competenza matematica:
• utilizzare schemi
• Operare con la moltiplicazione mediante addizione ripetuta. 123, 124 e rappresentazioni di vario tipo;
• Operare con la moltiplicazione come schieramento. 125 - 128 • applicare processi matematici
al quotidiano;
• Operare con la moltiplicazione come incrocio. 129, 130 • comprendere ed eseguire
• Acquisire la capacità di contare “per 2”. 131 procedure.

• Comprendere e applicare il concetto di “paio”. 132 Imparare a imparare:


• organizzare e sistematizzare
• Comprendere e applicare il concetto di “coppia”. 133
i nuovi apprendimenti.
• Acquisire la capacità di contare “per 3”. 134
Competenza in campo
• Comprendere e applicare il concetto di “doppio” e “triplo”. 135 tecnologico:
• Acquisire la capacità di contare “per 4”. 136 • applicare abilità e metodo
di lavoro.
• Acquisire la capacità di contare “per 5”. 137
Comunicazione
• Acquisire la capacità di contare “per 6”. 138
nella madrelingua:
• Acquisire la capacità di contare “per 7”. 139 • conoscere e utilizzare nuovi
vocaboli;
• Acquisire la capacità di contare “per 8”. 140 • comprendere testi di tipo diverso;
• Acquisire la capacità di contare “per 9”. 141 • individuare ed elaborare
informazioni;
• Acquisire la capacità di contare “per 10”. 142 • sviluppare argomentazioni;
• Padroneggiare strategie di calcolo veloce. 143 • affinare il linguaggio.

• Operare con la moltiplicazione in situazioni rappresentate graficamente. 144


• Eseguire moltiplicazioni in colonna senza cambio. 145
• Eseguire moltiplicazioni in colonna con il cambio. 146, 147
• Risolvere problemi di addizione o moltiplicazione. 148

Verifica livello 1 • L’alunno individua la moltiplicazione come operazione risolutiva


con l’ausilio della rappresentazione grafica; esegue moltiplicazioni in colonna senza 149
cambio.

Verifica livello 2 • L’alunno illustra e risolve una situazione problematica di


150
moltiplicazione; esegue moltiplicazioni a mente e in colonna.
Verifica livello 3 • L’alunno risolve situazioni problematiche di moltiplicazione;
151
esegue moltiplicazioni a mente e in colonna.

16
Progettazione disciplinare - NUMERI

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA


• Eseguire mentalmente semplici operazioni con i numeri naturali e verbalizzare le procedure di calcolo.
• Conoscere con sicurezza le tabelline della moltiplicazione dei numeri fino a 10.
• Eseguire le operazioni con i numeri naturali con gli algoritmi scritti usuali.

COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE
PERCORSO 1 Numeri UNITÀ 6 La divisione Competenza matematica:
• applicare processi matematici
• Operare con la divisione in situazioni rappresentate graficamente. 154 - 159 al quotidiano;
• Operare con la divisione come schieramento. 160, 161 • utilizzare schemi
e rappresentazioni di vario tipo;
• Eseguire divisioni in riga senza resto. 162 • comprendere e eseguire
• Padroneggiare strategie di calcolo veloce. 163, 165, 166 procedure.
• Eseguire divisioni in riga con il resto. 164 Competenza in campo
tecnologico:
• Eseguire divisioni in colonna senza resto. 167
• applicare abilità e metodo
• Eseguire divisioni in colonna con il resto. 168 di lavoro.

• Comprendere e applicare i concetti di “metà” e “terza parte”. 169 Comunicazione


• Comprendere e applicare i concetti di “dozzina” e “mezza dozzina”. 170 nella madrelingua:
• comprendere testi di tipo diverso;
• Riconoscere numeri pari e numeri dispari. 171 • conoscere e utilizzare nuovi
vocaboli;
• Comprendere che la moltiplicazione e la divisione sono operazioni inverse. 172
• individuare e elaborare
• Cogliere la relazione tra moltiplicazione e divisione. 173 informazioni;
• sviluppare argomentazioni;
• Risolvere problemi di moltiplicazione o divisione. 174 • affinare il linguaggio.
• Risolvere problemi con le quattro operazioni. 175
Verifica livello 1 • L’alunno individua la divisione come operazione risolutiva;
176
esegue divisioni mediante l’ausilio della rappresentazione grafica.
Verifica livello 2 • L’alunno illustra e risolve situazioni problematiche di divisione;
177
esegue divisioni con l’ausilio della tabellina.

Verifica livello 3 • L’alunno risolve situazioni problematiche di divisione; esegue


divisioni senza resto e con resto; comprende la relazione tra moltiplicazione e 178
divisione.

17
SPAZIO E FIGURE
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria
• Riconosce e rappresenta forme del piano e dello spazio, relazioni e strutture che si trovano in natura o che sono sta-
te create dall’uomo.
• Descrive, denomina e classifica figure in base a caratteristiche geometriche, ne determina misure, progetta e costrui-
sce modelli concreti di vario tipo.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA


• Comunicare la posizione di oggetti nello spazio fisico, sia rispetto al soggetto, sia rispetto ad altre persone o oggetti, usando
termini adeguati (sopra/sotto, davanti/dietro, destra/sinistra. dentro/fuori).
• Eseguire un semplice percorso partendo dalla descrizione verbale o dal disegno, descrivere un percorso che si sta facendo e dare
le istruzioni a qualcuno perché compia un percorso desiderato.
COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE
PERCORSO 2 Spazio e figure UNITÀ 1 Posizioni e percorsi Competenza in campo
tecnologico:
• Conoscere e usare gli indicatori spaziali destra/sinistra. 183, 184 • applicare abilità e metodo
• Localizzare posizioni nello spazio. 185 di lavoro.
• Eseguire percorsi sul piano quadrettato. 186, 187 Competenza in campo
• Individuare la casella di una mappa mediante coordinate. 188 digitale:
• operare con software didattici.
• Individuare la casella di una mappa mediante coordinate. 189
• Individuare la posizione di un punto nel piano mediante coordinate. 190 Competenza matematica:
• organizzare il movimento
• Identificare e rappresentare graficamenti percorsi orientati. 191 nello spazio.
Verifica livello 1 • L’alunno conosce gli indicatori spaziali destra/sinistra
(rispetto all’osservatore); traduce istruzioni date con vettori di direzione 192 Imparare a imparare:
in percorsi sul piano quadrettato. • prolungare i tempi
di concentrazione.
Verifica livello 2 • L’alunno conosce gli indicatori spaziali destra/sinistra
(rispetto ad altro elemento); codifica percorsi dati mediante vettori 193
di direzione.
Verifica livello 3 • L’alunno individua la posizione di un punto nel piano
194
mediante coordinate.
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA
• Riconoscere, denominare e descrivere figure geometriche.
• Disegnare figure geometriche e costruire modelli materiali anche nello spazio
COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE
PERCORSO 2 Spazio e figure UNITÀ 2 Lo spazio e le figure Comunicazione
nella madrelingua:
• Conoscere le principali figure geometriche solide. 197, 198 • conoscenza del vocabolario;
• Sviluppare sul piano le figure geometriche solide. 199 • uso di termini specifici.
• Classificare le figure geometriche solide. 200, 201 Competenza in campo
• Riconoscere gli elementi principali dei poliedri. 202 tecnologico:
• applicare abilità e metodo
• Riconoscere figure geometriche piane. 203 di lavoro;
• Classificare le linee. 204 • analizzare modelli
e rappresentazioni grafiche.
• Riconoscere linee rette e linee curve. 205
• Riconoscere la direzione delle linee rette nel piano. 206
• Riconoscere linee spezzate e linee miste. 207

18
Progettazione disciplinare - MISURE

• Riconoscere poligoni e non poligoni. 208 Competenza in campo


digitale:
• Riconoscere gli elementi principali dei poligoni. 209 • operare con software didattici.
• Riconoscere e classificare poligoni. 210
Imparare a imparare:
• Individuare e produrre simmetrie. 211, 212 • migliorare l’ordine e la cura
degli elaborati.
• Avviare al concetto di traslazione. 213
• Avviare al concetto di rotazione. 214
Verifica livello 1 • L’alunno riconosce linee e figure geometriche. 215
Verifica livello 2 • L’alunno denomina le principali figure geometriche. 216
Verifica livello 3 • L’alunno descrive le principali figure geometriche. 217

MISURE
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Primaria
• Utilizza strumenti per il disegno geometrico (riga) e i più comuni strumenti di misura.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA


• Misurare grandezze (lunghezze, tempo, ecc.) utilizzando sia unità arbitrarie sia unità e strumenti convenzionali (metro, orologio, ecc.).
COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE
PERCORSO 3 Misure UNITÀ 1 Confrontare e misurare Competenza in campo
scientifico e tecnologico:
• Stabilire una relazione d’ordine tra più elementi. 221 • prendere dimestichezza con
• Misurare lunghezze utilizzando unità arbitrarie. 222 - 225 la misura e i suoi strumenti.
226 - 228, Competenza matematica:
• Misurare lunghezze utilizzando unità di misura convenzionali.
233 • organizzare il movimento
• Misurare pesi utilizzando unità arbitrarie. 229, 230 nello spazio;
• applicare il pensiero
• Misurare capacità utilizzando unità arbitrarie. 231, 232 matematico per risolvere
• Avviare al concetto di misura della superficie. 234 problemi in situazioni
quotidiane.
• Avviare al concetto di misura del volume. 235
Competenze sociali
Verifica livello 1 • L’alunno legge sullo strumento misurazioni di lunghezza
236 e civiche:
in centimetri; effettua confronti secondo il peso e la capacità.
• partecipare e collaborare
Verifica livello 2 • L’alunno legge sullo strumento misurazioni di lunghezza nel gruppo dei pari.
237
in centimetri e millimetri; misura pesi e capacità con unità arbitrarie.
Verifica livello 3 • L’alunno esegue con lo strumento misurazioni di
lunghezza in centimetri e millimetri; misura superfici e volumi con unità 238
arbitrarie.

19
PERCORSO 3 Misure UNITÀ 2 Il tempo e il denaro Competenza matematica:
• conoscenza del calcolo;
• Misurare durate temporali con unità convenzionali. 240 - 244 • applicare il pensiero
• Conoscere e utilizzare le monete e le banconote in euro. 245, 246 matematico per risolvere
problemi in situazioni
• Conoscere e utilizzare il denaro. 247, 248 quotidiane.
Verifica livello 1 • L’alunno sa leggere le ore antimeridiane e pomeridiane;
conosce il valore del denaro corrente.
249 Competenze sociali e civiche:
• partecipare e collaborare
Verifica livello 2 • L’alunno sa leggere l’orologio; sa effettuare cambi con nel gruppo dei pari.
250
il denaro corrente.
Verifica livello 3 • L’alunno comprende la funzione e l’uso di alcuni strumenti Imparare a imparare:
convenzionali per la rappresentazione del tempo (orologio, calendario); sa 251 • organizzare i tempi di lavoro.
operare con il denaro corrente.

RELAZIONI, DATI E PREVISIONI


Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Primaria
• Ricerca dati per ricavare informazioni e costruisce rappresentazioni (tabelle e grafici).
• Ricava informazioni anche dai dati rappresentati in tabelle e grafici.
• Riconosce e quantifica, in casi semplici situazioni di incertezza.
• Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.
• Riesce a risolvere facili problemi in tutti gli ambiti di contenuto, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo
sia sui risultati.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA


• Classificare numeri, figure, oggetti in base a una o più proprietà, utilizzando rappresentazioni opportune, a seconda dei contesti
e dei fini.
• Argomentare sui criteri che sono stati usati per realizzare classificazioni e ordinamenti assegnati.
• Leggere e rappresentare relazioni e dati con diagrammi, schemi e tabelle.
COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE

PERCORSO 4 Relazioni, dati e previsioni UNITÀ 1 La classificazione Comunicazione


nella madrelingua:
• Comprendere il significato dei quantificatori. 254, 255 • ampliare il patrimonio lessicale.
• Classificare in base a una caratteristica comune. 256
Competenza matematica:
• Comprendere l’uso del connettivo logico NON. 257 • argomentare le proprie scelte;
• utilizzare schemi
• Classificare in base alla negazione di una caratteristica. 258, 259
e rappresentazioni di vario tipo;
• Classificare in base a più attributi. 260, 261 • analizzare dati e fatti
della realtà.
• Riconoscere e rappresentare relazioni. 262, 263
• Riconoscere e rappresentare le coppie ordinate in un prodotto cartesiano. 264, 265 Competenze sociali e civiche:
• partecipare e collaborare
Verifica livello 1 • L’alunno riconosce i quantificatori, classifica in base a un nel gruppo dei pari.
266
attributo o per negazione di un attributo.
Verifica livello 2 • L’alunno sa usare i quantificatori e rappresenta classificazioni
267
e relazioni.
Verifica livello 3 • L’alunno sa classificare in base a più attributi e riconosce
268
le coppie ordinate in un prodotto cartesiano.

20
Progettazione curricolare - RELAZIONI, DATI E PREVISIONI

PERCORSO 4 Relazioni, dati e previsioni UNITÀ 2 I problemi Competenza matematica:


• argomentare le proprie scelte;
• Analizzare situazioni quotidiane per cercare soluzioni adeguate. 271, 272
• analizzare dati e fatti della realtà;
• Comporre un testo problemico. 273 • utilizzare schemi
e rappresentazioni di vario tipo.
• Completare un testo problemico. 274
• Riconoscere il ruolo della domanda. 275, 276 Senso di iniziativa
• identificare problemi e ricercare
• Analizzare i dati. 277
soluzioni.
• Inserire dati in un testo incompleto. 278, 279
Comunicazione
• Identificare dati inutili. 280
nella madrelingua:
• Identificare dati mancanti. 281 • cercare, comprendere, utilizzare
e elaborare informazioni;
• Rappresentare un problema. 282 - 284
• comprendere testi di tipo
• Riconoscere il testo di un problema corrispondente a un’immagine data. 285 diverso;
• comprendere una situazione
• Inventare il testo di un problema da un’immagine data. 286
comunicativa;
• Comprendere il significato dei quantificatori. 287 • conoscere vocaboli specifici
della disciplina;
• Risolvere problemi illustrati. 288
• leggere e interpretare immagini.
• Riconoscere il significato di parole-numero. 289, 290
Imparare a imparare:
• Schematizzare la soluzione di un problema. 291, 292
• utilizzare le informazioni
• Comprendere il problema. 293, 294 possedute per risolvere semplici
problemi d’esperienza.
• Risolvere problemi mediante l’uso del diagramma a blocchi. 295, 296
• Risolvere problemi mediante l’uso di tabelle. 297
Verifica livello 1 • L’alunno riconosce in un problema la domanda adatta
298
e la corretta rappresentazione iconica.
Verifica livello 2 • L’alunno sa analizzare e rappresentare graficamente i dati
299
di un problema.
Verifica livello 3 •L’alunno comprende in modo approfondito il testo
300
di un problema e individua la corretta rappresentazione schematica.
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3a DELLA SCUOLA PRIMARIA
• Leggere e rappresentare relazioni e dati con diagrammi, schemi e tabelle.
COLLEGAMENTO CON LE
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 2a PAGINA
COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE
PERCORSO 4 Relazioni, dati e previsioni UNITÀ 3 Dati e previsioni Competenza matematica:
• raccogliere dati dal quotidiano
• Utilizzare dati per completare istogrammi. 302
e formalizzarli in termini
• Leggere e interpretare istogrammi. 303, 304 matematici.
• Utilizzare dati per completare istogrammi. 305
Imparare a imparare:
• Leggere e interpretare ideogrammi. 306 • gestire efficacemente
le informazioni.
• Utilizzare dati per completare ideogrammi. 307
• Intuire la possibilità del verificarsi o meno di un evento. 308, 309 Competenze sociali e civiche:
• partecipare in modo efficace
• Effettuare le prime valutazioni dell’incertezza di un evento. 310
e costruttivo;
Verifica livello 1 • L’alunno sa leggere grafici; intuisce la possibilità del verificarsi o • collaborare nel gruppo dei pari.
311
meno di un evento.
Verifica livello 2 • L’alunno sa rappresentare dati; effettua semplici valutazioni
312
dell’incertezza di un evento.
Verifica livello 3 • L’alunno sa leggere e interpretare dati; effettua semplici
313
valutazioni di probabilità.

21
ACCOGLIENZA
E VERIFICHE D’INGRESSO
Al rientro dalle vacanze il team di insegnanti deve dedicare molta attenzione alla
L’accoglienza
creazione di un contesto ambientale, emotivo e sociale coinvolgente per con-
degli alunni sentire un soddisfacente reinserimento di tutti gli alunni dopo la pausa estiva.
Star bene a scuola, in un clima sereno e stimolante di comunicazione e co-
operazione, attiva un processo formativo motivante che porta gli alunni ad
acquisire fiducia in se stessi e negli altri.
Il primo giorno deve assumere un carattere di ritrovo, scambio e condivisione
delle esperienze vissute durante il periodo estivo: è dedicato all’accoglienza
degli alunni e al racconto delle attività svolte durante l’estate. L’insegnante
deve coinvolgere tutti i bambini nei racconti, in particolar modo gli eventuali
nuovi iscritti, per prevenire qualsiasi difficoltà o disagio che può scaturire nel
passaggio da una scuola a un’altra.
Se in classe sono presenti alunni nuovi è anche consigliabile dedicare un po’
di tempo allo svolgimento di semplici giochi per aiutarli a imparare i nomi
dei compagni.

Nei giorni successivi l’insegnante può proporre agli alunni delle sintetiche
Le prove
prove d’ingresso.
d’ingresso Le prove indagheranno sull’acquisizione dei concetti matematici di base af-
frontati nel corso del precedente anno scolastico, ma non dovranno essere
troppo numerose per non rischiare di annoiare o demotivare gli alunni, sco-
raggiando in tal modo l’entusiasmo con il quale affrontano il ritorno a scuola.
Le prove presenti nella Guida sono state strutturate con indicazioni semplici
e con esempi che suggeriscono come procedere per svolgere gli esercizi più
complessi.
Alla conclusione delle prove l’insegnante sarà in grado di individuare gli
obiettivi non pienamente raggiunti e programmare quindi azioni di recupero
e rinforzo prima di iniziare con la programmazione per il nuovo anno.

Tra gli alunni che evidenziano Bisogni Educativi Speciali rientrano anche i
Alunni con BES bambini con DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento). In particolare, la
discalculia evolutiva è una disabilità che impedisce a soggetti intellettiva-
mente normodotati di raggiungere adeguati livelli di rapidità e di correttezza
in operazioni di calcolo e numerazione avanti e indietro, lettura e scrittura di
numeri, giudizi di grandezza tra numeri; talvolta può venire ostacolata anche
l’efficienza del ragionamento aritmetico e del problem solving matematico.
Gli specialisti hanno stabilito che una corretta diagnosi di discalculia si può
effettuare al completamento del 3° anno della scuola primaria, ma già dal 2°
anno si possono rilevare indicatori di rischio che consentono di anticipare
una diagnosi di DSA. Compito degli insegnanti è quello di mettere in atto
interventi di identificazione, il più possibile precoce, dei casi sospetti con
conseguente comunicazione alla famiglia e richiesta di valutazione da parte
degli specialisti, al fine di adottare i necessari provvedimenti dispensativi e
compensativi oltre a una didattica e una valutazione personalizzate.
Per gli alunni sospetti DSA è consigliabile preparare prove d’ingresso sem-
plificate e personalizzate anche con l’aiuto di specifici materiali di supporto
(vedasi a esempio Le Nuove Mappe DSA di Juvenilia).

22 schede Word personalizzabili, audio dei problemi.


SCHEDA
1

ESSO
I NUMERI DA 0 A 20 • 1

PRO E
D’INGRV
1 Conta e scrivi il numero nel riquadro.

............. .............

............. .............

............. .............

............. .............

............. .............

2 Conta le caramelle e cancella con una ✘ i numeri


che non corrispondono al disegno.

14 15 16 11 13 10 17 20 19

3 Leggi il numero e disegna gli elementi che mancano.


© Mondadori Education

9 14

ACCOGLIENZA Prove d’ingresso per l’accertamento delle competenze di base.


COMPETENZE DI INGRESSO Conoscere i numeri da 0 a 20.
23
SCHEDA
2
D’INGRESSO

I NUMERI DA 0 A 20 • 2
PROVE

1 Scrivi sulla linea i numeri mancanti.

0 ............ 2 ............ 4 ............ 6 ............ 8 ............ 10 ............ 12 ............ 14 ............ 16 ............ 18 ............ 20

2 Scrivi il numero che precede e il numero che segue.

............. 12 ............. ............. 6 ............. ............. 18 ............. ............. 14 .............

............. 1 ............. ............. 19 ............. ............. 5 ............. ............. 11 .............

............. 17 ............. ............. 15 ............. ............. 13 ............. ............. 4 .............

3 Completa con il segno > (MAGGIORE), < (MINORE) o = (UGUALE).

8 5 6 9 18 4 13 17

20 2 14 7 15 19 11 11

12 16 10 15 1 10 19 13

4 Metti in ordine i numeri:


◗ dal minore al maggiore. ◗ dal maggiore al minore.
13 • 5 • 0 • 16 • 20 • 14 10 • 1 • 12 • 7 • 19 • 13

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

18 • 15 • 6 • 3 • 11 • 8 4 • 17 • 2 • 13 • 16 • 20
© Mondadori Education

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

ACCOGLIENZA Prove d’ingresso per l’accertamento delle competenze di base.


24 COMPETENZE DI INGRESSO Ordinare e confrontare i numeri da 0 a 20.
SCHEDA
3

ESSO
ADDIZIONI E SOTTRAZIONI

PRO E
D’INGRV
1 Esegui le addizioni sulla linea dei numeri.

9 ⫹ 5 = ....................

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

13 ⫹ 4 = ....................

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

2 Esegui le sottrazioni sulla linea dei numeri.

12 – 7 = ....................

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

18 – 5 = ....................

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

3 Conta.

7 ⫹ 2 = .................... 15 ⫹ 5 = .................... 8 – 4 = .................... 18 – 7 = ....................


9 ⫹ 4 = .................... 11 ⫹ 6 = .................... 6 – 0 = .................... 20 – 5 = ....................
3 ⫹ 0 = .................... 14 ⫹ 2 = .................... 7 – 7 = .................... 16 – 9 = ....................

4 Completa secondo l’ordine degli operatori.


⫹4 –5 ⫹8 –3 ⫹6
3 ............. ............. ............. ............. 13
–5 ⫹2 –4 ⫹8 – 10
© Mondadori Education

19 ............. ............. ............. ............. 10

ACCOGLIENZA Prove d’ingresso per l’accertamento delle competenze di base.


COMPETENZE DI INGRESSO Eseguire addizioni e sottrazioni entro il 20.
25
SCHEDA
4
D’INGRESSO

PROBLEMI
PROVE

Leggi, cerchia i numeri che trovi nel problema e sottolinea la domanda. Illustra
il problema, poi esegui l’operazione e rispondi.

1 Anna ha raccolto nell’orto 9 pomodori e 5 carote.


Quanti ortaggi ha raccolto in tutto?

Operazione ............................................................. = .............................

Risposta ...................................................................................................................................................................................................................................................................... .

2 La mamma ha comprato 12 succhi di frutta.


I suoi bambini ne bevono subito 3.
Quanti succhi rimangono?

Operazione ............................................................. = .............................


© Mondadori Education

Risposta ...................................................................................................................................................................................................................................................................... .

ACCOGLIENZA Prove d’ingresso per l’accertamento delle competenze di base.


26 COMPETENZE DI INGRESSO Risolvere problemi.
SCHEDA
5

ESSO
REGIONI E LINEE

PRO E
D’INGRV
1 Disegna secondo le indicazioni.

dentro l’aiuola fuori del laghetto


fuori dell’aiuola dentro il laghetto
sul confine dell’aiuola sul confine del laghetto

2 Ripassa di rosso le linee aperte e intrecciate


e di verde le linee chiuse e semplici.

◗ Cerchia di arancione una linea aperta e semplice


© Mondadori Education

e cerchia di blu una linea chiusa e intrecciata.

ACCOGLIENZA Prove d’ingresso per l’accertamento delle competenze di base.


COMPETENZE DI INGRESSO Riconoscere confini e regioni; classificare linee.
27
SCHEDA
6
D’INGRESSO

CONFRONTI E PERCORSI
PROVE

1 Ordina con i numeri dalla casa più alta alla più bassa.

............. ............. ............. ............. .............

2 Ordina con i numeri dalla matita più lunga alla più corta.

.............

.............

.............

.............

.............

3 Conta i passi che fa il gatto Batuffolo per arrivare al latte, poi completa.
= vale 1 passo
© Mondadori Education

◗ Batuffolo ha fatto ............. passi.

ACCOGLIENZA Prove d’ingresso per l’accertamento delle competenze di base.


28 COMPETENZE DI INGRESSO Misurare per confronto e per conteggio.
PERCORSO 1 • NUMERI
UNITÀ 1 I NUMERI DA 0 A 100
Nel corso della prima classe i bambini hanno consolidato la conoscenza dei
Raggruppare e
numeri fino al 20 mentre in seconda costruiscono, inizialmente, i numeri fino
operare cambi
a 100 e poi fino a 200.
L’insegnante ripropone le attività di raggruppamento, inizialmente può farlo in
basi diverse, invitando i bambini a simulare situazioni di “cambio” attraverso
la manipolazione di elementi vari (palline, bottoni…) e con le monete da 1,
2 e 5 euro (1 moneta da 2 euro si cambia con 2 da 1 euro, 1 banconota da 5
euro con 5 monete da 1 euro). L’unità non prevede schede specifiche sulle basi
da 2 a 9 per non sovraccaricare gli alunni con troppe esercitazioni scritte, ma
è consigliabile proporre numerosi esercizi a livello operativo. Le attività della
Guida conducono invece i bambini all’uso corretto e ragionato della base dieci
che è quella che, per ragioni biologiche (10 dita) e storiche, si utilizza comune-
mente, aiutandoli a comprendere la differenza tra cifra e numero e abituandoli
ad avere costantemente presente il fatto che le cifre indicano valori diversi a se-
conda del posto che occupano. Prima di proporre le schede è necessario realiz-
zare ancora numerose attività pratiche di raggruppamento e di cambio anche
attraverso l’uso del materiale strutturato; i BAM, in particolare, consentono di
cogliere il valore polinomiale del numero mentre l’abaco quello posizionale.

Quando gli alunni padroneggiano l’aspetto sintattico del numero (valore po- I numeri
sizionale delle cifre), l’insegnante può lavorare sugli aspetti lessicali, di car-
fino a 99
dinalità e ordinalità, di confronto e ordine con i numeri fino a 99.
Attraverso un percorso graduale che presenta i numeri di dieci in dieci, i bambini
rafforzano il concetto di valore posizionale e apprendono i nomi dei numeri.
Attribuire il nome ai numeri non è un’attività facile poiché si basa non solo su
competenze di tipo verbale ma prevede la connessione tra il simbolo scritto e la
corrispondente quantità. Si consiglia quindi di fare numerosi esercizi di lettura
a voce alta e di dettato di numeri. È utile promuovere anche una riflessione col-
lettiva su come si formano i nomi dei numeri e sulle regolarità lessicali.
Gli esercizi di confronto inizialmente possono avvenire tra numeri apparte-
nenti alla stessa decina, in modo che il bambino si trovi a focalizzare l’atten-
zione su una sola cifra significativa (quella delle unità). Mano a mano che si
procede con i numeri, i confronti diventano più ampi e l’insegnante precisa
che è necessario partire dal confronto delle cifre delle decine e, solo quando
queste sono uguali, passare a confrontare le cifre delle unità; in tal modo gli
alunni imparano ad effettuare confronti senza dover ricorrere all’uso di sup-
porti materiali quali la rappresentazione della quantità o la linea dei numeri.
Per quanto riguarda il riordinamento si consiglia di proporre inizialmente un
numero limitato di numeri (da cinque a sei), per passare poi a sequenze di
dieci o più numeri da riordinare in ordine crescente o decrescente. Un valido
aiuto agli alunni in difficoltà è la costruzione della linea dei numeri da 0 a 100
realizzata girando intorno alle pareti della classe, su ogni numero della linea
si possono evidenziare in rosso le decine e in blu le unità.

La tabella del 100 realizzata con le monete da 1 centesimo è un utile stru- La tabella dei
mento per realizzare semplici operazioni di cambio e anticipa il passaggio 100 numeri
al raggruppamento di secondo ordine. La stessa tabella, se realizzata con le
palline o con i numeri, consente di numerare facilmente per 1 o per 10 o di
schede Word personalizzabili, schede aggiuntive,
esercizi interattivi, strumenti compensativi per BES.
29
individuare gli ordinali fino a 100. Sempre grazie alle file di dieci palline, si
possono far eseguire esercizi di composizione più complessi e le prime atti-
vità di stima.

Alunni con BES Qualora l’insegnante ipotizzi per uno o più alunni una possibile discalculia,
è bene ricordare che per quanto riguarda l’ambito numerico, essa interessa :
• il riconoscimento e la denominazione dei simboli numerici,
• la scrittura dei numeri,
• l’associazione del simbolo numerico alla quantità corrispondente,
• la numerazione in ordine crescente e decrescente.
Un bambino con discalculia, pur se in grado di denominare le singole cifre,
può non differenziare il 32 dal 23 perché la sua difficoltà consiste nell’inca-
pacità ad attribuire significato alla posizione delle cifre all’interno dell’in-
tero numero.
Alla base di questa difficoltà ci possono essere problemi di orientamento
spaziale e di organizzazione sequenziale che si evidenziano anche sia nella
lettura che nella scrittura dei numeri (il numero 9 viene confuso con il 6; il 3
viene scritto al contrario così come altri numeri…). Confondere queste cifre
significa non attribuirle alla giusta quantità, per cui è facile che anche sem-
plici esercizi vengano svolti in modo inesatto.
La discalculia comporta anche difficoltà nella numerazione: il bambino rie-
sce a numerare in senso progressivo, ma non riesce o fatica molto, a nume-
rare in senso regressivo. Secondo vari studi alla base della discalculia ci sono
carenze relative alle abilità percettivo-motorie e una insufficienza di espe-
rienze concrete. Per aiutare questi bambini, quindi è necessario incoraggiarli
ad usare materiali di manipolazione (multibase, abaco, ma anche schemi
di palline, tabelle, diagrammi…) in modo da rendere tutto più trasparente
e concreto. Naturalmente sarà compito dell’insegnante assicurarsi che tali
materiali favoriscano l’apprendimento non in maniera meccanica ma aiutino
ad acquisire importanti conoscenze di base mediante il ragionamento. Per
quanto riguarda l’attività scritta, può essere utile usare quaderni con qua-
dretti da 1/2 cm fino alla classe quinta cercando di lasciare sempre un bello
spazio tra un esercizio e l’altro.

Scheda per scheda

Schede Contenuti Indicazioni didattiche e metodologiche


1–8 Raggruppamenti e cambi. L’idea di cambio si consolida con i BAM grazie ai quali gli alunni possono
operare mantenendo la percezione della numerosità dei gruppi. Per raffor-
zare il concetto di valore posizionale si consigliano anche numerosi eserci-
zi con l’abaco, da svolgersi regolarmente sia concretamente che su scheda.
9 – 24 I numeri fino a 99: Mano a mano che si propone una nuova decina arricchire la linea dei nu-
riconoscimento, valore meri realizzata sulle pareti della classe. Far ripetere spesso la sequenza dei
posizionale, confronto, numeri in avanti e all’indietro in modo che l’apprendimento si consolidi e
ordinamento. automatizzi.
25 – 31 I numeri fino a 100: Nella tabella del 100 ogni numero ha un suo preciso riferimento posizio-
consolidamento. nale e consente al bambino il riconoscimento immediato della quantità.
Memorizzare la tabella e la posizione dei numeri consentirà poi agli alunni
di operare senza difficoltà nel calcolo mentale.

30
SCHEDA
1

GRUPPI E UNITÀ
Raggruppare significa formare dei gruppi di elementi secondo
un numero assegnato. Gli elementi non raggruppati si contano
“uno a uno” e si indicano con il nome di unità.

NUMERI
1 Raggruppa secondo le indicazioni, poi rispondi e registra nella tabella.
◗ Raggruppa per 4.

Quanti gruppi? ...............

Quanti elementi
non raggruppati (unità)? ...............

GRUPPI UNITÀ

............... ...............

◗ Raggruppa per 8.

Quanti gruppi? ...............

Quanti elementi
non raggruppati (unità)? ...............

GRUPPI UNITÀ

............... ...............

◗ Raggruppa per 10.

Quanti gruppi? ...............

Quanti elementi
non raggruppati (unità)? ...............

GRUPPI UNITÀ
© Mondadori Education

............... ...............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Effettuare e registrare raggruppamenti del primo ordine. • CC La competenza matematica (comprendere il
significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
31
SCHEDA
2

RAGGRUPPARE PER 10
1 Raggruppa per 10, registra nella tabella e completa. Osserva l’esempio.

Il gruppo di dieci unità si chiama decina (da).


NUMERI

decine unità
da u
............... ...............

1 decina e 3 unità

decine unità
da u
............... ...............

............... decina e ............... unità

decine unità
da u
............... ...............

............... decina e ............... unità

decine unità
da u
............... ...............

............... decina e ............... unità


© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Effettuare e registrare raggruppamenti del primo ordine in base dieci. • CC La competenza matematica
32 (comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
3

CAMBIARE CON I LUNGHI


1 Raggruppa per dieci, cambia e registra. Osserva l’esempio.

1 da 1u

NUMERI
Ricorda:

da u
............... ...............

............... decina e ............... unità

da u
............... ...............

............... decina e ............... unità

da u
............... ...............

............... decine e ............... unità


© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Operare cambi. • CC Competenza matematica (comprendere il significato della notazione posizionale).
• RD Matematica (calcolo in colonna).
33
SCHEDA
4

TUTTO IN UNITÀ
1 Cambia tutto in unità e completa. Osserva l’esempio.
NUMERI

1 decina e 4 unità valgono come 14 unità.

............... decine e ............... unità valgono come .............. unità.

............... decina e ............... unità valgono come .............. unità.


© Mondadori Education

............... decina e ............... unità valgono come .............. unità.


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Operare cambi. • CC Competenza matematica (comprendere il significato della notazione posizionale).
34 • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
5

CAMBIO CON L’ABACO


1 Osserva, leggi e completa.

NUMERI
da u da u da u
9
Ogni asta dell’abaco Quando hai Ora hai ............... decina
può contenere al 10 unità devi fare e ............... unità.
massimo ............... palline, un .....................................................................
cioè ............... unità.

2 Disegna le palline e registra. Osserva l’esempio.

⫹1 ⫹1 ⫹1 ⫹1

da u da u da u da u da u
1 da 2 u 1 da 3 u ............ da ............ u ............ da ............ u ............ da ............ u

⫹1 ⫹1 ⫹1 ⫹1

da u da u da u da u da u
© Mondadori Education

............ da ............ u ............ da ............ u ............ da ............ u ............ da ............ u ............ da ............ u
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Operare cambi. • CC Competenza in campo tecnologico (utilizzare strumenti per il calcolo).
• RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
35
SCHEDA
6

ABACHI E CAMBIO
1 Raggruppa per 10, cambia e registra. Osserva l’esempio.
NUMERI

da u da u da u
1 2 ............... ............... ............... ...............

da u da u da u
............... ............... ............... ............... ............... ...............

da u da u da u
© Mondadori Education

............... ............... ............... ............... ............... ...............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Operare cambi. • CC Competenza in campo tecnologico (utilizzare strumenti per il calcolo).
36 • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
7

DECINE E UNITÀ
1 Raggruppa, rappresenta sull’abaco e completa.

da e ............. u = 13

NUMERI
.............

10 1 3 = .............

tredici
da u

............. da e ............. u = .............


............. 1 ............. = .............
..............................................................................

da u

2 da e ............. u = .............
............. 1 0 = .............
..............................................................................

da u

............. da e ............. u = .............


............. 1 ............. = .............
ventiquattro
da u
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Costruire numeri in base dieci. • CC Competenza in campo tecnologico (utilizzare strumenti
per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
37
SCHEDA
8

LUNGHI E ABACHI
1 Raggruppa, rappresenta con i regoli e con l’abaco.
NUMERI

da u
............... ...............

1 decina e ............. unità = .............. 1 da e ............. u = ............. 10 1 4 = 14

da u
............... ...............

............. decina e ............. unità = .............. ............. da e ............. u = ............. ................ 1 ................ = ................

da u
............... ...............
© Mondadori Education

....................................................................................................... = .............. ......................................................... = ............. ................ 1 ................ = ................


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Costruire numeri in base dieci. • CC Competenza in campo tecnologico
38 (utilizzare strumenti per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
9

DA 21 A 30
1 Raggruppa per 10 e rispondi. Registra in tabella, completa
e scrivi in lettere il numero ottenuto.

NUMERI
da u
............... ...............

20 1 1 = .............
Quanti gruppi da 10 hai formato? ...............
ventuno
Quante conchiglie non hai raggruppato? ...............

da u
............... ...............

............. 1 ............. = .............


Quanti gruppi da 10 hai formato? ...............
Quante conchiglie non hai raggruppato? ............... ....................................................................

da u
............... ...............

............. 1 ............. = .............


Quanti gruppi da 10 hai formato? ...............
Quante conchiglie non hai raggruppato? ............... ....................................................................

2 Leggi i numeri scritti nelle tabelle e disegna sul quaderno


i raggruppamenti corrispondenti.

da u da u da u da u da u
© Mondadori Education

2 7 2 3 2 0 2 9 2 5
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 30. • CC Competenza matematica (comprendere
il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
39
SCHEDA
10

NUMERI DA 0 A 30
1 Scrivi i numeri che mancano sulla linea dei numeri.
NUMERI

11 ............. ............. ............. 15 ............. ............. ............. ............. ............. 21 ............. ............. ............. ............. 26 ............. ............. ............. 30

2 Scrivi il numero che viene prima (precedente).

...............
26 ...............
11 ...............
25 ...............
9 ...............
15 ...............
28 ...............
1

3 Scrivi il numero che viene dopo (successivo).

29 ...............
12 ...............
21 ...............
17 ...............
9 ...............
26 ...............
10 ...............

4 Segui i suggerimenti e poi completa con il segno > (MAGGIORE),


< (MINORE) o = (UGUALE).
◗ Osserva la cifra delle decine:

25 15 18 28 16 6 28 19 7 27

◗ Osserva la cifra delle unità:

13 19 21 20 16 18 24 24 29 26

5 Riscrivi i numeri dal minore 6 Riscrivi i numeri dal maggiore


al maggiore (in ordine crescente). al minore (in ordine decrescente).

24 • 19 • 15 • 25 • 8 22 • 6 • 27 • 18 • 21
© Mondadori Education

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 30. • CC Competenza matematica
40 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
11

DA 31 A 40
1 Raggruppa per 10 e rispondi. Registra in tabella, completa
e scrivi in lettere il numero ottenuto.

NUMERI
da u
............... ...............

30 1 3 = .............
Quanti gruppi da 10 hai formato? ...............
........................................................................
Quante stelle marine non hai raggruppato? ...............

da u
............... ...............

............. 1 ............. = .............


Quanti gruppi da 10 hai formato? ...............
........................................................................
Quante stelle marine non hai raggruppato? ...............

da u
............... ...............

............. 1 ............. = .............


Quanti gruppi da 10 hai formato? ...............
Quante stelle marine non hai raggruppato? ...............
........................................................................
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 40. • CC Competenza matematica
(comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
41
SCHEDA
12

NUMERI DA 0 A 40
1 Scrivi i numeri che mancano sulla linea dei numeri.
NUMERI

21 ............. ............. ............. ............. ............. ............. 28 ............. ............. ............. ............. ............. ............. 35 ............. ............. ............. ............. .............

2 Scrivi il numero precedente e il numero successivo.

............. 24 ............. ............. 34 ............. ............. 39 ............. ............. 27 .............

............. 36 ............. ............. 30 ............. ............. 33 ............. ............. 25 .............

3 Scrivi il numero che sta al centro.

28 ............. 30 16 ............. 18 24 ............. 26 9 ............. 11

32 ............. 34 29 ............. 31 14 ............. 16 35 ............. 37

4 Colora solo le farfalle con i numeri minori di 32.

16 26 39 20
28 40 28

31 35 3 25 17 28

5 Colora solo i fiori con i numeri maggiori di 25.

15 23 40 24
20 38
35
13
26 14
38 34
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 40. • CC Competenza matematica
42 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
13

DA 41 A 50
1 Ogni piatto contiene 10 ciliegie. Rispondi, poi registra in tabella,
completa e scrivi in lettere il numero ottenuto.

NUMERI
da u
............... ...............

40 1 2 = .............

Quanti decine di ciliegie? ...............


..........................................................................
Quante ciliegie fuori dai piatti? ...............

da u
............... ...............

............. 1 ............. = .............

Quanti decine di ciliegie? ...............


..........................................................................
Quante ciliegie fuori dai piatti? ...............

da u
............... ...............

............. 1 ............. = .............

Quanti decine di ciliegie? ...............


..........................................................................
Quante ciliegie fuori dai piatti? ...............
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 50. • CC Competenza matematica
(comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
43
SCHEDA
14

NUMERI DA 0 A 50
1 Scrivi i numeri che mancano sulla linea dei numeri.
NUMERI

............. ............. 33 ............. ............. ............. ............. ............. ............. 40 ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. 48 ............. .............

2 In ogni riquadro cerchia di rosso il numero maggiore e di blu


il numero minore (osserva la cifra delle decine).

11 21 35 26 14 24 5 37

31 41 19 41 34 4 21 49

3 In ogni riquadro cerchia di rosso il numero maggiore e di blu


il numero minore (osserva la cifra delle unità).

25 29 36 38 17 15 41 49

27 26 35 34 16 11 43 42

4 Riscrivi i numeri:

◗ in ordine crescente. ◗ in ordine decrescente.


35 • 18 • 36 • 49 • 47 • 5 • 20 21 • 44 • 13 • 6 • 37 • 45 • 32

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

5 Completa le catene numeriche. Osserva l’esempio.

13 13 13 13 13 13 13
9 12 ............. ............. ............. ............. ............. 30

–2 –2 –2 –2 –2 –2 –2
© Mondadori Education

48 46 ............. ............. ............. ............. ............. 34


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 50. • CC Competenza matematica
44 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
15

DA 51 A 60
1 Conta i blocchi multibase (BAM) e completa. Osserva l’esempio.

NUMERI
5 da e 1 u = 51 ............... da e ............... u = ............... ............... da e ............... u = ...............
cinquantuno ........................................................................................... ...........................................................................................

............... da e ............... u = ............... ............... da e ............... u = ............... ............... da e ............... u = ...............


........................................................................................... .......................................................................................... ...........................................................................................

6 da e 0 u = 60
...........................................................................................
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 60. • CC Competenza in campo tecnologico
(utilizzare strumenti per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
45
SCHEDA
16

NUMERI DA 0 A 60
1 Scrivi i numeri che mancano sulla linea dei numeri.
NUMERI

............. ............. 43 ............. ............. ............. 47 ............. ............. ............. ............. 52 ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. 60

2 In ogni numero cerchia di rosso la cifra delle decine e di blu la cifra delle unità,
poi completa con il segno > (MAGGIORE), < (MINORE) o = (UGUALE).

31 43 56 59 14 41 48 58

26 36 51 51 54 58 36 26

8 18 40 30 33 53 60 59

3 Scopri qual è il numero e scrivilo in cifre.

1 da, 7 u = ......................... 1 da, 5 u = ......................... 2 da, 8 u = .........................


5 da, 2 u = ......................... 0 da, 7 u = ......................... 6 da, 0 u = .........................
4 da, 0 u = ......................... 5 da, 6 u = ......................... 4 da, 3 u = .........................
3 da, 9 u = ......................... 3 da, 4 u = ......................... 5 da, 1 u = .........................

4 Scrivi tutti gli operatori; poi completa con i numeri mancanti.


Osserva gli esempi.
12 12 12 .............. ..............

35 37 ............. ............. 43 .............

–2 .............. –2 .............. ..............


© Mondadori Education

59 57 ............. ............. ............. .............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 60. • CC Competenza matematica
46 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
17

DA 61 A 70
1 Disegna i BAM corrispondenti alla scomposizione, poi completa.

NUMERI
6 da e 3 u = ............... 6 da e 8 u = ...............
60 1 ............... = ............... ............... 1 ............... = ...............

sessantatrè .................................................................................................................

6 da e 5 u = ............... 7 da e 0 u = ...............
............... 1 ............... = ............... ............... 1 ............... = ...............

................................................................................................................. .................................................................................................................

2 Leggi i numeri scritti nelle tabelle e rappresentali sul quaderno con i BAM.

da u da u da u da u da u
© Mondadori Education

6 1 6 4 6 9 6 6 6 7
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 70. • CC Competenza in campo tecnologico
(utilizzare strumenti per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
47
SCHEDA
18

NUMERI DA 0 A 70
1 Scrivi i numeri che mancano sulla linea dei numeri.
NUMERI

............. ............. ............. ............. ............. 56 ............. ............. ............. ............. ............. ............. 63 ............. ............. ............. ............. ............. ............. 70

2 Osserva l’esempio e completa. 3 Scrivi il numero in cifre.

da u 6 da, 7 u = .........................
quarantuno 41 40 1 1 4 1 8u = .........................
sessantadue ............. ....................................... ............. .............
1 da, 5 u = .........................
cinquantaquattro 2 da, 3 u = .........................
............. ....................................... ............. .............
4 da = .........................
trentasette ............. ....................................... ............. .............
5 da, 3 u = .........................
diciannove
4 da, 9 u = .........................
............. ....................................... ............. .............

sessantasei ............. ....................................... ............. .............


7 da = .........................
ventinove ............. ....................................... ............. .............
2 da, 8 u = .........................

4 Colora di arancione i petali con il 5 Colora di azzurro i petali con il


numero minore di quello al centro. numero maggiore di quello al centro.

17 64
51 64 26 55
49 39
46 15 63 13 70
69 61
63 67 50 36
29 27 6
35 52 48 25
33
32

6 Riscrivi i numeri in ordine crescente.

23 • 65 • 48 • 31 • 9 • 70 • 17 • 54 • 21 • 68 • 13 • 57
© Mondadori Education

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 70. • CC Competenza matematica
48 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
19

DA 71 A 80
1 Osserva il numero rappresentato su ogni abaco e completa.

NUMERI
da u da u da u

7 da, 1 u = .................... ................. da, ................. u = .................... ................. da, ................. u = ....................
70 1 1 = .................... ................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = ....................

settantuno .............................................................................................. ..............................................................................................

da u da u da u
................. da, ................. u = .................... ................. da, ................. u = .................... ................. da, ................. u = ....................
................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = ....................

.............................................................................................. .............................................................................................. ..............................................................................................

8 da, 0 u = 80
................. 1 ................. = ....................

..............................................................................................
© Mondadori Education

da u da u
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 80. • CC Competenza in campo tecnologico
(utilizzare strumenti per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
49
SCHEDA
20

NUMERI DA 0 A 80
1 Scrivi i numeri che mancano sulla linea dei numeri.
NUMERI

............. ............. 63 ............. ............. ............. ............. ............. ............. 70 ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. 80

2 Per ogni numero scrivi il precedente e il successivo.

............. 35 ............. ............. 26 ............. ............. 4 .............

............. 68 ............. ............. 47 ............. ............. 63 .............

............. 74 ............. ............. 52 ............. ............. 55 .............

............. 19 ............. ............. 76 ............. ............. 30 .............

3 Colora di verde i numeri minori di quello al centro


e di rosso i numeri maggiori.

38 52 70 36 53 44 59 13
25 63 49 38
13 64 66 9 61 28 65 48

4 Completa con il numero in cifre o in parola.


venticinque ............... settantaquattro ...............

.................................................................................................................... 69 .................................................................................................................... 56
.................................................................................................................... 47 .................................................................................................................... 18
trentotto ............... settantotto ...............

5 Riscrivi i numeri in ordine decrescente.


77 • 58 • 11 • 26 • 34 • 43 • 75 • 36 • 7 • 64 • 57 • 79
© Mondadori Education

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 80. • CC Competenza matematica
50 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
21

DA 81 A 90
1 Disegna le palline su ogni abaco, poi completa. Osserva l’esempio.

NUMERI
da u da u da u
8 da, 1 u = 81 8 da, 5 u = .................... 8 da, 3 u = ....................
80 1 1 = 81 ................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = ....................

ottantuno .............................................................................................. ..............................................................................................

da u da u da u
8 da, 8 u = .................... 8 da, 6 u = .................... 8 da, 9 u = ....................
................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = ....................

.............................................................................................. .............................................................................................. ..............................................................................................

da u da u da u
8 da, 2 u = .................... 8 da, 7 u = .................... 9 da, 0 u = ....................
................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = ....................
© Mondadori Education

.............................................................................................. .............................................................................................. ..............................................................................................

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 90. • CC Competenza in campo tecnologico
(utilizzare strumenti per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
51
SCHEDA
22

NUMERI DA 0 A 90
1 Scrivi i numeri che mancano sulla linea dei numeri.
NUMERI

71 ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. 90

2 Colora il quadratino che contiene il numero adatto.

71 < 56 89 38 > 25 47 16 < 12 21

47 > 74 46 52 < 88 25 84 > 48 90

81 < 18 89 75 > 85 57 69 < 39 71

3 Inserisci i numeri dati al posto giusto.


Attenzione all’ordine crescente o decrescente.

55 • 66 • 51 • 63 74 • 40 • 28 • 65 • 48
49 ............. ............. 58 ............. ............. 67 ............. 37 ............. ............. ............. 72 .............

57 • 65 • 83 • 71 • 49 28 • 86 • 13 • 79 • 52
90 ............. ............. ............. ............. ............. 41 ............. ............. 64 ............. 31 ............. .............

4 Ricomponi i numeri e confrontali con il segno <, > o =.

3 da, 4 u 3 da, 9 u 8 da 8u 5 da, 1 u 1 da, 5 u


34 ............... ............... ............... ............... ...............

16 u 1 da, 6 u 2 da, 7 u 8u 4 da, 4 u 6 da, 6 u


© Mondadori Education

............... ............... ............... ............... ............... ...............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 90. • CC Competenza matematica
52 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
23

DA 91 A 99
1 Completa con le palline o i numeri mancanti. Poi scrivi in parola il numero ottenuto.

NUMERI
da u da u da u
9 da, 1 u = .................... 9 da, 7 u = .................... ................. da, ................. u = ....................
90 1 1 = .................... ................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = ....................

novantuno .............................................................................................. ..............................................................................................

da u da u da u

9 da, 8 u = .................... ................. da, ................. u = .................... 9 da, 5 u = ....................


................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = ....................

.............................................................................................. .............................................................................................. ..............................................................................................

da u da u da u
................. da, ................. u = .................... 9 da, 6 u = .................... ................. da, ................. u = ....................
................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = .................... ................. 1 ................. = ....................
© Mondadori Education

.............................................................................................. .............................................................................................. ..............................................................................................

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 99. • CC Competenza in campo tecnologico
(utilizzare strumenti per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
53
SCHEDA
24

NUMERI DA 0 A 99
1 Scrivi i numeri che mancano sulla linea dei numeri.
NUMERI

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. 99

2 Completa con un numero adatto.

64 < ............... 37 < ............... 51 > ............... 7 > ...............


13 > ............... 9 < ............... 27 < ............... 33 < ...............
84 = ............... 76 > ............... 42 > ............... 68 < ...............
95 > ............... 16 = ............... 39 > ............... 46 > ...............

3 Osserva le cifre nei cerchi e scegli due cifre per formare


il numero maggiore e due cifre per formare il numero minore.
Osserva l’esempio.

7 3 9
5 6 1

2 0 8

numero maggiore: 75 numero maggiore: ............... numero maggiore: ...............


numero minore: ............... numero minore: ............... numero minore: ...............

4 Indica con una ✘ se le uguaglianze sono vere (V) o false (F).

1 da e 7 u = 17 V F 39 u = 39 V F 4 da = 4 V F

9 u = 90 V F 5 da e 5 u = 10 V F 3 u e 5 da = 8 V F
4 u e 7 da = 47 V F 6 da e 9 u = 69 V F 7 u e 4 da = 47 V F
© Mondadori Education

77 u = 14 V F 7u=7 V F 16 u = 16 V F
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 99. • CC Competenza matematica
54 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
25

FINO A 100... CON LE MONETE!


1 Raggruppa come nell’esempio e poi completa.

NUMERI

10 monete da 1 centesimo = ............... centesimi


10 monete da 10 centesimi = .................... centesimi = 1 euro
5 monete da 20 centesimi =
20 1 20 1 20 1 20 1 20 = .................... centesimi = ............... euro
© Mondadori Education

2 monete da 50 centesimi = 50 1 50 = .................... centesimi = ............... euro


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Costruire il numero 100 con le monete dei centesimi. • CC Competenza matematica (applicare il pensiero
matematico per risolvere problemi in situazioni quotidiane). • RD Matematica (relazioni e dati).
55
SCHEDA
26

QUADRO DELLE... 100 PALLINE!


1 Osserva e rispondi alle domande.

Quante palline ci sono


NUMERI

in mezza riga? ....................


Quante palline ci sono
in una riga? ....................

Quante palline ci sono


in mezza colonna? ....................
Quante palline ci sono
in una colonna? ....................

Quante palline ci sono


in tutto? ....................

2 Osserva il quadro delle 100 palline e cerca di individuare


quelle indicate con un veloce colpo d’occhio; poi colorale come richiesto.

rosso le palline n. 10 – 30 – 50 – 70 – 90
verde le palline n. 20 – 40 – 60 – 80 – 100
giallo le palline n. 5 – 35 – 45 – 75 – 85
azzurro le palline n. 55 – 65 – 15 – 25 – 95

3 Conta velocemente le palline e scrivi il numero. © Mondadori Education

......................... ......................... .........................

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 100. • CC Competenza matematica
56 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
27

CASE DELLE DECINE AMICHE


1 Completa con le decine che mancano per arrivare al numero scritto
nel tetto di ogni casetta. Osserva gli esempi.
40

NUMERI
30 40 ...............

20 30 ............... 30 ...............

20 0 20 ............... 20 ...............

10 10 10 ............... 10 ...............

0 20 0 ............... 0 ...............

70
60 70 ...............

50 60 ............... ............... ...............

50 ............... ............... ............... ............... ...............

40 ............... ............... ............... ............... ...............

30 ............... ............... ............... ............... ...............

20 ............... ............... ............... ............... ...............

10 ............... ............... ............... ............... ...............

0 ............... ............... ............... ............... ...............

100
90 100 ...............

80 90 ............... ............... ...............

80 ............... ............... ............... ............... ...............

............... ............... ............... ............... ............... ...............

............... ............... ............... ............... ............... ...............

............... ............... ............... ............... ............... ...............

............... ............... ............... ............... ............... ...............

............... ............... ............... ............... ............... ...............

............... ............... ............... ............... ............... ...............

............... ............... ............... ............... ............... ...............


© Mondadori Education

............... ............... ............... ............... ............... ...............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Comporre i numeri fino a 100 operando con decine. • CC Competenza matematica
(acquisire fatti numerici). • RD Matematica (calcolo in colonna).
57
SCHEDA
28

QUADRO DEI... 100 NUMERI!


1 Procedi secondo le indicazioni. Leggi e osserva l’esempio.
Cerchia il numero 37.
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ◗ Spostati a destra ( ) di un posto.
NUMERI

11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Arrivi a 38.
21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 La freccia vale: ⫹ 1 (1 u).
31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 ◗ Spostati a sinistra ( ) di un posto.
Arrivi a ...............
41 42 43 44 45 46 47 48 49 50
La freccia vale: – 1 (1 u).
51 52 53 54 55 56 57 58 59 60
◗ Spostati in alto ( ) di un posto.
61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 Arrivi a ...............
71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 La freccia vale: – 10 (1 da).
81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 ◗ Spostati in basso ( ) di un posto.
91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 Arrivi a ...............
La freccia vale: ⫹ 10 (1 da).

2 Spostati sulla tabella secondo le indicazioni delle frecce


e scrivi i numeri che ottieni.
1 posto a destra 1 posto a sinistra 1 posto in alto 1 posto in basso

21 22 46 87 31 76

83 5 48 72 35

17 86 53 24 95

3 Completa secondo le indicazioni delle frecce. Osserva l’esempio.


– 10 ⫹ 10 – 10 ⫹ 10 – 10 ⫹ 10

17 27 37 48 88
56 16 25
© Mondadori Education

84 34 41
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 100. • CC Competenza matematica
58 (comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
29

UNITÀ E DECINE CON LE PALLINE!


1 Colora le palline secondo le indicazioni e rispondi. Osserva l’esempio.

NUMERI
Colora 1 decina Colora 1 decina
e poi ancora 17 unità. e poi ancora 11 unità.
Quante palline Quante palline
hai colorato? ............... hai colorato? ...............

Colora 3 decine Colora 5 decine


e poi ancora 16 unità. e poi ancora 24 unità.
Quante palline Quante palline
hai colorato? ............... hai colorato? ...............

2 Componi. Osserva l’esempio.

1 da, 15 u 1 da, 19 u 3 da, 18 u 2 da, 17 u


© Mondadori Education

2 da, 5 u = 25 ........... da, ........... u = ........... ........... da, ........... u = ........... ........... da, ........... u = ...........
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 100. • CC Competenza matematica
(comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
59
SCHEDA
30

PALLINE... IN ORDINE!
1 Colora le palline secondo le indicazioni. Osserva l’esempio.

nero la sedicesima
NUMERI

giallo l’ottantaseiesima
verde chiaro la trentesima
blu la quarantanovesima
rosso la ventottesima
arancione la centesima
azzurro la sessantatreesima
viola la cinquantunesima
marrone la novantasettesima
rosa la settantaquattresima
verde scuro la trentaduesima

2 La scuola di vela ha organizzato una regata alla quale hanno partecipato


100 imbarcazioni. Leggi con attenzione e completa.

◗ La barca “Zefiro” è arrivata subito dopo la trentacinquesima,


quindi è arrivata ...................................................................................................
◗ La barca “Tramontana” è arrivata per ultima,
quindi è arrivata ...................................................................................................
◗ La barca “Scirocco” è arrivata appena prima della quarantottesima,
quindi è arrivata ...................................................................................................
◗ Prima della barca “Libeccio” sono arrivate 23 barche; “Libeccio”
è arrivata ...................................................................................................

3 Scrivi in lettere i seguenti numeri ordinali.

46° .................................................................................................................................................................................................................................

21° .................................................................................................................................................................................................................................

78° .................................................................................................................................................................................................................................
© Mondadori Education

94° .................................................................................................................................................................................................................................

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100


ODA Conoscere l’ordinalità dei numeri fino a 100. • CC Competenza matematica
60 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Educazione fisica.
SCHEDA
31

STIMARE E ARROTONDARE
1 Osserva la palline. Dai un’occhiata senza contare,
poi indica con una ✘ la risposta giusta.

NUMERI
◗ Quante palline ci sono? 20 50 ◗ Quante palline ci sono? 30 40

◗ Ora per verificare conta le palline. Hai indovinato i numeri giusti? Sì No

2 Osserva le linee dei numeri, poi rispondi.

41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77
◗ Qual è il numero che finisce ◗ Qual è il numero che finisce
con zero più vicino a 47? .............. con zero più vicino a 71? ..............

53 88
◗ Qual è la decina più vicina a 53? .............. ◗ Qual è la decina più vicina a 88? ..............

3 Rispondi sul quaderno senza l’aiuto delle linee.

◗ Qual è la decina più vicina a 77? ◗ Qual è la decina più vicina a 22?
© Mondadori Education

◗ Qual è la decina più vicina a 6? ◗ Qual è la decina più vicina a 34?


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100
ODA Avviare ad attività di stima e arrotondamento. • CC Competenza matematica
(applicare processi matematici al quotidiano). • RD Matematica (calcolo mentale).
61
LIVELLO
1
VERIFICA

NUMERI DA 0 A 100
1 Colora le palline come indicato.

Colora 20 palline Colora 50 palline Colora 80 palline


2 Conta le palline e scrivi il numero.

........................
........................

3 Colora con lo stesso colore il numero scritto in lettere e in cifre.

cinquantaquattro 19 47 trentacinque
novantatré 54 22 ventidue
© Mondadori Education

settantacinque 93 66 quarantasette
diciannove 75 35 sessantasei

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100 • VERIFICA LIVELLO 1 Rilevazione e valutazione


delle abilità e/o conoscenze di base.
62 COMPETENZA L’alunno legge e scrive i numeri da 0 a 100 e associa correttamente il simbolo alla quantità.
LIVELLO
2

VERIFICA
NUMERI DA 0 A 100
1 Scrivi il numero precedente e il numero successivo.

............. 18 ............. ............. 51 ............. ............. 25 ............. ............. 56 .............

............. 34 ............. ............. 62 ............. ............. 88 ............. ............. 64 .............

............. 78 ............. ............. 49 ............. ............. 93 ............. ............. 39 .............

............. 96 ............. ............. 7 ............. ............. 27 ............. ............. 76 .............

2 Riscrivi i numeri in ordine decrescente.


72 • 92 • 49 • 84 • 56 • 21 • 37 54 • 76 • 26 • 45 • 37 • 67 • 49

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

3 Riscrivi i numeri in ordine crescente.


59 • 24 • 78 • 35 • 87 • 69 • 43 • 15 • 38 • 96 • 84 • 2 • 54 • 83

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

4 In ogni sacchetto colora di rosso la pallina con il numero maggiore


e di blu quella con il numero minore.

74 53 99 8 54 45
69
47 39 28 38 97 26 58 62

5 Completa con il segno > (MAGGIORE), < (MINORE) o = (UGUALE).

8 5 6 9 18 4 13 17
© Mondadori Education

20 2 14 7 15 19 11 11

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100 • VERIFICA LIVELLO 2 Verifica del consolidamento
e dello sviluppo delle competenze.
COMPETENZA L’alunno riordina e confronta i numeri da 0 a 100.
63
LIVELLO
3
VERIFICA

NUMERI DA 0 A 100
1 Scrivi in cifre e in lettere il numero rappresentato con i BAM.

................... ................... ...................

.................................................................... .................................................................... ....................................................................

2 Rappresenta su ogni abaco il numero scritto in lettere e scrivilo in cifre.

da u da u da u

trentacinque sessantasette novantotto


................... ................... ...................

3 Scrivi il numero in cifre.


2 da, 5 u = ................... 8 da, 1 u = ................... 1 da, 5 u = ...................
9 da = ................... 6 u, 4 da = ................... 2 u, 9 da = ...................
1 da, 7 u = ................... 3 u = ................... 4 da, 5 u = ...................
© Mondadori Education

6 da, 4 u = ................... 7 da, 7 u = ................... 6 da = ...................


7 u = ................... 6 u, 3 da = ................... 2 da, 3 u = ...................
5 da, 9 u = ................... 4 da = ................... 5 u = ...................
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 1 I numeri da 0 a 100 • VERIFICA LIVELLO 3 Verifica delle competenze
acquisite.
64 COMPETENZA L’alunno riconosce il valore posizionale delle cifre nei numeri da 0 a 99.
PERCORSO 1 • NUMERI
UNITÀ 2 I NUMERI DA 0 A 200

Per stimolare l’esigenza di formare gruppi del secondo ordine è necessario


Il gruppo
predisporre molte attività concrete a partire da basi minori di 10 in modo che le
di unità del
situazioni siano facilmente dominabili dagli alunni. Si consiglia di utilizzare il
secondo ordine
materiale presente in classe (pennarelli, gettoni, gessi, recipienti piccoli come
bicchieri o sacchetti e altri più grandi come scatole, piatti di carta o cestini…).
L’insegnante propone ad esempio di raggruppare un adeguato numero di pen-
narelli in gruppi da tre, sistemare ogni gruppo in un barattolo e poi collocare
tre barattoli in una scatola. Fa seguire l’operazione pratica da numerose do-
mande-stimolo (Quanti pennarelli sciolti? Quanti pennarelli in ogni barattolo?
Quanti barattoli in ogni scatola?…), poi chiede di rappresentare graficamente
la situazione sul quaderno e infine di registrare in tabella. A questo punto i
bambini si rendono conto che la tabella abituale non è più sufficiente, ma deve
essere prolungata di una colonna, collocata a sinistra di quella dei raggruppa-
menti del primo ordine.
Si suggerisce di lavorare anche con il materiale multibase sempre partendo
dalla fase di manipolazione e utilizzando il termine “piatto” per indicare il rag-
gruppamento di secondo ordine. Per rafforzare l’idea del cambio è fondamen-
tale l’uso dell’abaco: facendo aggiungere una unità al numero 99, gli alunni
non avranno difficoltà nell’evidenziare la necessità di inserire una nuova astic-
ciola a sinistra dell’asta delle decine.

Gli alunni con difficoltà di apprendimento e, in particolare i soggetti con so-


spetta discalculia, faticano a capire il funzionamento del sistema di notazione Alunni con BES
numerica a base dieci. L’insegnante quindi deve affiancarli e guidarli nel co-
struire, pronunciare e scrivere correttamente i nuovi numeri e, se necessario,
lasciare a loro disposizione il materiale multibase e l’abaco durante lo svolgi-
mento delle schede. Particolare attenzione va posta agli esercizi di confronto
e riordinamento ricordando ai bambini di partire dal confronto delle cifre di
maggiore valore, le centinaia, e solo quando queste sono uguali, di passare a
confrontare le decine e poi le unità.

Scheda per scheda


Schede Contenuti Indicazioni didattiche e metodologiche
1 • 2 • 3 Raggruppamenti in basi Completare gli esercizi con tutta la classe facendo precedere ogni raggruppa-
diverse. mento sulla scheda dalla corrispondente attività di manipolazione.
4–9 Raggruppamenti in basi Prima di proporre le schede, svolgere numerose attività di manipolazione con
dieci. materiale strutturato e non.
10 – 13 Numeri fino a 200: I bambini che sanno operare con sicurezza con i numeri fino a 100 non hanno, di
riconoscimento, valore solito, difficoltà nell’affrontare in modo analogo queste nuove attività, utilizzando
posizionale, confronto, in modo proficuo la tabella. Con gli alunni che, per difficoltà logico-spaziali, non
ordinamento. riescono a orientarsi sulla tabella, può essere utile operare ancora con sequenze
e linee dei numeri, anche parziali.

schede Word personalizzabili, schede aggiuntive, esercizi interattivi. 65


SCHEDA
1

GUIDO, IL CIOCCOLATAIO
1 Guido confeziona i suoi cioccolatini prima in sacchetti e poi in scatole.
Osserva i disegni, rispondi alle domande e registra nella tabella.
NUMERI

◗ Quanti sono i cioccolatini sciolti? .............


◗ Quanti sono i cioccolatini in
ogni sacchetto? .............
◗ Quanti sono i sacchetti fuori
dalla scatola? .............
◗ Quanti sono i sacchetti nella scatola? .............
1
◗ Quante sono le scatole di sacchetti? ............. ............... ...............

◗ Quanti sono i cioccolatini sciolti? .............


◗ Quanti sono i cioccolatini in
ogni sacchetto? .............
◗ Quanti sono i sacchetti fuori
dalla scatola? .............
◗ Quanti sono i sacchetti nella scatola? .............
◗ Quante sono le scatole di sacchetti? .............
© Mondadori Education

............... ............... ...............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Effettuare e registrare raggruppamenti del secondo ordine. • CC Competenza matematica
66 (comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
2

GRUPPI DI GRUPPI
1 Le ciliegie sono raggruppate per quattro; registra il risultato in tabella.

NUMERI
GRUPPI
GRUPPI UNITÀ
DI GRUPPI


1 .................... ....................

2 Le uova sono state raggruppate per sei; registra il risultato in tabella.

GRUPPI
GRUPPI UNITÀ
DI GRUPPI


© Mondadori Education

.................... .................... ....................

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Effettuare e registrare raggruppamenti del secondo ordine. • CC Competenza matematica
(comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
67
SCHEDA
3

CONTIAMO PER GRUPPI


1 Raggruppa secondo le indicazioni e registra in tabella il risultato.
Osserva l’esempio.
◗ Raggruppa per 3.
NUMERI

GRUPPI
GRUPPI UNITÀ
DI GRUPPI


.................... .................... ....................

◗ Raggruppa per 4.

GRUPPI
GRUPPI UNITÀ
DI GRUPPI


.................... .................... ....................

◗ Raggruppa per 5.

GRUPPI
GRUPPI UNITÀ
DI GRUPPI


© Mondadori Education

.................... .................... ....................

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Effettuare e registrare raggruppamenti del secondo ordine. • CC Competenza matematica
68 (comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
4

GRUPPI DA 10
1 Procedi secondo le istruzioni, rispondi e completa.

◗ Raggruppa le stelline in

NUMERI
gruppi da 10; usa la matita
colorata rossa. Come si
chiama un gruppo di 10
elementi?
…………………..................................................................................................

◗ Ora raggruppa 10 decine


con la matita colorata
verde.
Hai formato un nuovo
gruppo:

Il gruppo di dieci decine si chiama centinaio


e si indica con il simbolo h.

2 Procedi secondo le istruzioni, rispondi e completa.

◗ Forma gruppi da 10
con la matita colorata
rossa. Quante decine hai
formato? ….........................................................................
◗ Raggruppa 10 decine con
la matita colorata verde.
Come si chiama il gruppo di
dieci decine? ……………………....................................
◗ Registra in tabella:
centinaia decine unità
h da u
◗ Sono avanzate delle decine? Sì No
© Mondadori Education

◗ Sono avanzate delle unità? Sì No ............... ............... ...............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Effettuare e registrare raggruppamenti del secondo ordine in base dieci. • CC Competenza matematica
(comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
69
SCHEDA
5

CENTINAIA, DECINE E UNITÀ


1 Raggruppa per 10 e registra in tabella. Osserva l’esempio.
NUMERI

centinaia decine unità


h da u
............... ............... ...............

centinaia decine unità


h da u
............... ............... ...............

centinaia decine unità


h da u
© Mondadori Education

............... ............... ...............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Effettuare e registrare raggruppamenti del secondo ordine in base dieci. • CC Competenza matematica
70 (comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
6

FACCIAMO CAMBIO
1 Raggruppa 10 decine (lunghi), cambiale con 1 centinaio (piatto) e registra.

NUMERI
h da u
............... ............... ...............

h da u
© Mondadori Education

............... ............... ...............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Operare cambi. • CC Competenza matematica (comprendere il significato della notazione posizionale).
• RD Matematica (calcolo in colonna).
71
SCHEDA
7

PIATTI, LUNGHI E UNITÀ


1 Registra nella tabella le quantità rappresentate con i BAM.
Poi scrivi ogni numero in lettere.
NUMERI

h da u
............... ............... ...............

cento .............................................................................................................................................................

h da u
............... ............... ...............

.......................................................................................................................................................................................

h da u
............... ............... ...............
© Mondadori Education

.......................................................................................................................................................................................

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Riconoscere il valore posizionale delle cifre nei numeri fino a 199. • CC Competenza in campo
72 tecnologico (utilizzare strumenti per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
8

CENTINAIA SULL’ABACO
1 Osserva, leggi e completa.

11u 1 1 da

NUMERI
h da u h da u h da u
Sull’abaco Se aggiungi 1 u, le u Le decine sono
è rappresentato diventano …............; le devi diventate …............; le devi
il numero …............. cambiare con …............ da. cambiare con …............ h.

2 Registra sull’abaco le quantità rappresentate con i BAM,


poi scrivi ogni numero in lettere.

….............................................................................

h da u …............................................................................

….............................................................................
© Mondadori Education

h da u …............................................................................

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Riconoscere il valore posizionale delle cifre nei numeri fino a 199. • CC Competenza in campo
tecnologico (utilizzare strumenti per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
73
SCHEDA
9

ABACO CON TRE ASTE


1 Scrivi in cifre e in lettere i numeri rappresentati su ogni abaco.
NUMERI

h da u h da u h da u
............... ............... ............... ............... ............... ............... ............... ............... ...............

....................................................................... ....................................................................... .......................................................................

....................................................................... ....................................................................... .......................................................................

h da u h da u h da u
............... ............... ............... ............... ............... ............... ............... ............... ...............

....................................................................... ....................................................................... .......................................................................

....................................................................... ....................................................................... .......................................................................

2 Rappresenta su ogni abaco il numero scritto in lettere poi scrivilo in cifre.

h da u h da u h da u
............... ............... ............... ............... ............... ............... ............... ............... ...............
© Mondadori Education

centosettanta centonovantotto centocinquantatrè


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200
ODA Riconoscere il valore posizionale delle cifre nei numeri fino a 199. • CC Competenza in campo
74 tecnologico (utilizzare strumenti per il calcolo). • RD Tecnologia; Matematica (calcolo in colonna).
SCHEDA
10

QUADRO DELLE… 200 PALLINE!


1 Osserva e rispondi alle domande.

NUMERI
Quante palline in ogni riquadro? ……................. Quante palline in tutto? …….................

2 Cerca di individuare le palline indicate con un veloce colpo d’occhio,


poi colorale come richiesto.
rosso le palline numero 20 – 40 – 60 – 80 – 100
grigio le palline numero 110 – 130 – 150 – 170 – 190 – 200
verde le palline numero 15 – 35 – 45 – 75 – 85
giallo le palline numero 105 – 125 – 145 – 165 – 185
azzurro le palline numero 47 – 71 – 123 – 158 – 164 – 189 – 196
3 Conta velocemente le palline e scrivi il numero in cifre e in lettere.

……........................

……........................................................................

……........................................................................
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 200. • CC Competenza matematica
(conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo in colonna).
75
SCHEDA
11

FINO A 200!
1 Completa la tabella con i numeri da 101 a 200.
101 102 103 110
NUMERI

134 135 136


142
151 152
162
171 176 177 178
183 186
200

2 Spostati sulla tabella secondo le indicazioni delle frecce


e scrivi i numeri che ottieni. Osserva gli esempi.

1 posto a destra 1 posto a sinistra 1 posto in alto 1 posto in basso


177 178 138 151 186
135 136 168 124 197

152

162 139 187 193 145 116 174 151 128


176 110 145 162 184 159 131 129 147

186

3 Completa secondo le indicazioni delle frecce.


–1 ⫹1 – 10 ⫹ 10 – 10 ⫹ 10

138 150 115


© Mondadori Education

159 180 163


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200
ODA Conoscere e operare con i numeri fino a 200. • CC Competenza matematica
76 (conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo mentale).
SCHEDA
12

ORDINARE E CONFRONTARE
1 In ogni riquadro cerchia di rosso il numero maggiore e di blu il numero minore
(osserva la cifra delle unità).

NUMERI
135 139 196 193 171 170 186 183
137 138 198 194 174 177 182 184

2 In ogni riquadro cerchia di rosso il numero maggiore e di blu il numero minore


(osserva la cifra delle decine).

120 130 186 190 191 141 174 119


140 150 138 155 151 131 193 146

3 In ogni numero cerchia di verde la cifra delle centinaia, di rosso la cifra delle
decine e di blu la cifra delle unità. Poi confronta i numeri e completa con il
segno > (MAGGIORE), < (MINORE) o = (UGUALE).

187 167 140 190 164 146 98 198

135 156 118 181 106 109 175 198

166 199 173 85 137 159 143 125

4 Riscrivi i numeri in ordine crescente.

138 • 165 • 102 • 183 • 167 • 120 176 • 194 • 83 • 141 • 155 • 116

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

5 Riscrivi i numeri in ordine decrescente.


105 • 150 • 155 • 115 • 145 • 185 198 • 163 • 171 • 184 • 117 • 136
© Mondadori Education

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200


ODA Confrontare e ordinare i numeri noti. • CC Competenza matematica
(conoscere termini e simboli specifici della disciplina). • RD Matematica (calcolo).
77
SCHEDA
13

CENTINAIA, DECINE, UNITÀ


1 Completa. Osserva l’esempio.

1h 6 da 8u 1h 9 da 3u 1h 4 da 1u
NUMERI

100 1 60 1 8 = 168 ..........…. 1 ..........…. 1 ........ = .........…. ..........…. 1 ..........…. 1 ........ = .........….
1h 8 da 1h 7 da 6u 1h 2 da 8u

.....…. 1 .....…. = .....…. ..........…. 1 ..........…. 1 ........ = .........…. ...........…. 1 ..........…. 1 ........ = .........….
1h 1 da 9u 1h 5u 1h 5 da 4u

..........…. 1 ..........…. 1 ........ = .........…. .....…. 1 .....…. = .....…. ..........…. 1 ..........…. 1 ........ = .........….

2 Completa. Osserva l’esempio.


h da u
centoventitrè 123 100 1 20 1 3 1 2 3
centoquarantasette
centosettantadue
centonovantaquattro
centonove
centottantacinque
centocinquantasei
centotrentuno

3 Scrivi i numeri formati da:

1 h, 9 da, 5 u = .........…. 1 h = .........…. 1 h, 2 da, 6 u = .........….


1 h, 6 u = .........…. 1 h, 3 da, 7 u = .........…. 1 h, 4 u = .........….
1 h, 4 da, 1 u = .........…. 1 h, 6 da, 5 u = .........…. 1 h, 5 da, 2 u = .........….
© Mondadori Education

1 h, 4 da = .........…. 10 da = .........…. 1 h, 8 da, 8 u = .........….


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200
ODA Riconoscere il valore posizionale delle cifre nei numeri fino a 199. • CC Competenza matematica
78 (comprendere il significato della notazione posizionale). • RD Matematica (calcolo in colonna).
LIVELLO
1

VERIFICA
NUMERI DA 0 A 200
1 Conta le palline e scrivi il numero in cifre e in lettere.

……........................

…….............................................................

……...............................................................

……........................

……...............................................................

……...............................................................

2 Completa con il numero in cifre o in lettere.


centoventisette ............…. ……….....................................................................................……… 160
……….....................................................................................……… 185 centodiciannove ............….

centodue ............…. ……….....................................................................................……… 132


……….....................................................................................……… 191 centosessantasei ............….
© Mondadori Education

centoquarantaquattro ............…. ……….....................................................................................……… 158


……….....................................................................................……… 176 centottantatrè ............….

centoquindici ............…. ……….....................................................................................……… 195

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200 • VERIFICA LIVELLO 1 Per la rilevazione e la valutazione
delle abilità e/o conoscenze di base.
COMPETENZA L’alunno legge e scrive i numeri da 0 a 200 e associa correttamente il simbolo alla quantità.
79
LIVELLO
2
VERIFICA

NUMERI DA 0 A 200
1 Completa le tabelle.

PRECEDENTE NUMERO SUCCESSIVO PRECEDENTE NUMERO SUCCESSIVO

100 128
163 182
145 198
190 99
179 116
156 131

2 Completa con il segno > (MAGGIORE), < (MINORE) o = (UGUALE).

153 123 121 112 191 119 99 100

109 190 154 154 137 127 167 165

145 154 140 150 100 103 159 159

3 Riscrivi i numeri in ordine decrescente.

105 • 164 • 144 • 193 • 184 • 170 111 • 131 • 174 • 113 • 101 • 195

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

4 Riscrivi i numeri in ordine crescente.


© Mondadori Education

178 • 132 • 195 • 110 • 160 • 187 • 152 • 106 • 159 • 127 • 144 • 166

............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. ............. .............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200 • VERIFICA LIVELLO 2 Verifica del consolidamento
e dello sviluppo delle competenze.
80 COMPETENZA L’alunno riordina e confronta i numeri da 0 a 200.
LIVELLO
3

VERIFICA
NUMERI DA 0 A 200
1 Registra nella tabella le quantità rappresentate con i BAM,
poi scrivi il numero in lettere.

h da u h da u
............... ............... ............... ............... ............... ...............

……….....................................................................................…....................................…………. ……….....................................................................................…..................................

2 Rappresenta su ogni abaco il numero scritto in lettere, poi scrivilo in cifre.

h da u h da u h da u
............... ............... ............... ............... ............... ............... ............... ............... ...............

centotrentasei centonovantaquattro centocinque


3 Completa come indicato nell’esempio.
1 h, 7 da, 5 u 1 h, 9 da, 6 u 1 h, 4 da, 3 u
100 ⫹ 70 ⫹ 5 = 175 ...............…. ⫹............... ⫹.......... = ...............….. ...............…. ⫹............... ⫹.......... = ...............…..
1 h, 5 da 1 h, 3 da, 1 u 1 h, 2 da, 1 u
© Mondadori Education

.............…. ⫹ ............... = ...............….. ...............…. ⫹............... ⫹.......... = ...............….. ...............…. ⫹............... ⫹.......... = ...............…..
1 h, 6 da, 9 u 1 h, 4 u 1 h, 6 da
...............…. ⫹............... ⫹.......... = ...............….. .............…. ⫹ ............... = ...............….. .............…. ⫹ ............... = ...............…..

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 2 I numeri da 0 a 200 • VERIFICA LIVELLO 3 Verifica delle competenze
acquisite.
COMPETENZA L’alunno riconosce il valore posizionale delle cifre nei numeri da 0 a 199.
81
PERCORSO 1 • NUMERI
UNITÀ 3 L’ADDIZIONE
Sul piano concreto delle attività quotidiane, “mettere insieme” e “aggiun-
I problemi additivi
gere” sono azioni che rispondono a finalità diverse; le loro rappresentazioni
mentali sono invece unitarie e, a livello numerico, prevedono un unico modo
di rappresentazione e risoluzione, cioè mediante l’addizione.
In classe seconda l’insegnante ripropone situazioni problematiche riconduci-
bili sia all’unione di insiemi disgiunti, sia alla modificazione di uno stato
iniziale mediante aggiunta di elementi. In entrambi i casi dovrà porre par-
ticolare attenzione alla tipologia degli elementi da riunire, facendo in modo
che siano sempre omogenei, cioè “sufficientemente simili” per dare un senso
all’operazione del contarli insieme.

Calcolo a mente Il calcolo orale è fondamentale in quanto costituisce la base di quello scritto,
ma dà anche all’alunno la possibilità di liberarsi, quanto più possibile, dall’im-
pegno della scrittura; richiede numerose abilità che si integrano e arricchiscono
tra di loro, prefiggendosi uno scopo che trova la sua utilità nella vita quotidiana.
È necessario suggerire agli alunni più strategie per eseguire i calcoli a
mente, poi ciascuno adotterà quelle che sente più accessibili e vicine alle
proprie caratteristiche cognitive (memorizzazione di fatti numerici, in par-
ticolare le coppie additive del 10, il significato posizionale delle cifre degli
addendi, composizione e scomposizione dei numeri…). Le strategie proposte
dalle schede, sebbene siano da utilizzare solo mentalmente, sono spiegate
attraverso la scrittura dei vari passaggi per poter essere correttamente comu-
nicate; inizialmente anche i bambini possono fare per scritto tutti i passaggi,
in modo da visualizzarli più chiaramente ma poi dovranno abbandonare la
fase di scrittura e pervenire al risultato mentalmente. I bambini che hanno
difficoltà ad automatizzare o personalizzare le strategie vengono chiamati ad
eseguire i calcoli alla lavagna, dove illustrano verbalmente le strategie seguite
e pronunciano a voce alta i risultati parziali.

Calcolo scritto È opportuno che gli alunni ricorrano al calcolo mentale il più spesso possibile e
il passaggio all’esecuzione dell’operazione in colonna deve essere motivato da
una effettiva semplificazione dei calcoli, troppo complessi da eseguire in riga.
L’acquisizione degli automatismi di calcolo deve avvenire però non solo mec-
canicamente, ma in modo che gli alunni capiscano la necessità e il significato
di ciò che stanno facendo. L’insegnante deve operare con molta gradualità e
l’algoritmo dell’operazione deve essere il traguardo finale di operazioni con-
crete, effettuate con materiale opportuno, quale i blocchi multibase e l’abaco.
Inizialmente si lavorerà alla lavagna e parallelamente sul quaderno, ma sem-
pre collettivamente; solo quando gli alunni avranno raggiunto un’adeguata
sicurezza sarà possibile farli esercitare in modo individuale.
Per aiutare nella fase di incolonnamento è consigliabile far tracciare a matita
dei semplici schemi con due linee orizzontali e una verticale (vedere scheda
7); la lunghezza dello schema varierà a seconda del numero degli addendi.
È importante che i bambini si abituino da subito a sommare prima le unità
e poi le decine, azione che è indispensabile nelle addizioni con il cambio.
Queste ultime sono più complesse e richiedono molto esercizio; per evitare
facili dimenticanze, si consiglia di far scrivere sempre, nella colonna relativa,
il numero delle decine ottenute con il cambio.

82 schede Word personalizzabili, schede aggiuntive,


esercizi interattivi, strumenti compensativi per BES, audio dei problemi.
Operando con il materiale multibase o con l’abaco, l’alunno rafforza e con-
solida il concetto di cambio; nel momento in cui viene chiamato a svolgere
un’operazione alla lavagna verbalizza a voce alta i vari passaggi dell’algo-
ritmo ma, per semplicità, può utilizzare i termini “riporto” e “riportare”,
come indicato nella scheda 10. L’insegnante decide, in base alle proprie esi-
genze e alle capacità o richieste del gruppo-classe, se presentare le addizioni
solo dopo aver completato il percorso sui numeri fino al 99 o se proporle pa-
rallelamente allo studio dei numeri. In questo secondo caso deve avere l’accor-
tezza di proporre addizioni il cui risultato rientri nell’ultima decina studiata.

I soggetti con sospetta discalculia e, in generale, gli alunni con difficoltà di ap-
Alunni con BES
prendimento, dimostrano di avere una memoria di lavoro molto scarsa: non
ricordano i fatti matematici e non riescono a memorizzare procedure di calcolo
più avanzate; quindi, anche di fronte a calcoli semplici, procedono per unità,
usando sempre le dita.
Per aiutare questi alunni è fondamentale ricorrere a numerosi materiali di
manipolazione, per rendere le procedure il più possibile trasparenti e con-
crete e, con grande pazienza, guidarli a memorizzare alcuni semplici fatti
numerici e processi di calcolo a mente, ricorrendo anche all’uso di faci-
litatori analogici, come la tabella delle 100 palline. Il linguaggio utilizzato
per descrivere le operazioni numeriche deve essere molto semplice e l’inse-
gnante deve ripetere le spiegazioni fino a che non è certo che gli alunni ne
abbiano compreso completamente il significato. I bambini con particolari
difficoltà ad orientarsi nello spazio grafico, traggono molto vantaggio dalla
costruzione degli schemi per impostare le operazioni in colonna, ma possono
anche faticare molto a costruirli da soli; quindi è consigliabile che l’inse-
gnante li costruisca per loro direttamente sul quaderno, o fornisca schede con
gli schemi vuoti, che il bambino andrà poi a completare con le operazioni.

Scheda per scheda

Schede Contenuti Indicazioni didattiche e metodologiche


1•2 Situazioni di addizione. Le schede servono solo da stimolo e vanno riprese dall’insegnante, che
riproporrà altre situazioni, prendendo spunto dalla vita di classe e dalle
esperienze vissute dai bambini.
3–6 Calcolo a mente. La tabella del 100 consente di avviare al calcolo usando strategie a for-
te componente percettiva (conteggio per 10; coppie additive del 10). Solo
dopo aver verificato che tutti i bambini riconoscono con sicurezza la cifra
dell’unità e quella della decina, si propongono le attività della scheda 4; nel
corso (o alla fine) degli esercizi, l’insegnante guiderà gli alunni a riflettere
sulla facilitazione offerta dall’uso delle strategie che sono stati invitati ad
usare.
Si consiglia invece di perseguire in modo molto graduale le modalità di
calcolo proposte dalle schede 5 e 6, che richiedono un certo carico cogniti-
vo. È necessario dedicare un periodo lungo ad attività collettive e guidate
dall’insegnante, prima che il bambino passi ad un uso automatico e consa-
pevole delle strategie, che si ottiene con l’esercizio costante.
7 – 10 Addizioni in colonna. Si suggerisce di proporre le schede 8 e 9 dopo numerose attività con il ma-
teriale da svolgersi con l’intera classe o a piccoli gruppi. In chiusura alla
scheda 7 ci sono blocchetti di operazioni con risultati via via più alti da
eseguire man mano che si presentano le nuove decine di numeri.
11 Addizioni in colonna È una scheda di approfondimento, che può essere posticipata alla classe
oltre il 100. terza.

83
SCHEDA
1

METTERE INSIEME
L’ADDIZIONE è l’operazione che mette insieme due o più
quantità. Il simbolo dell’addizione è 1, che si legge PIÙ.
NUMERI

Leggi i problemi, completa ed esegui le operazioni.

1 Pietro raccoglie nel frutteto 7 mele rosse e 5 mele gialle


e le sistema in un cestino da regalare a nonna Rosa.
Quante mele ha raccolto in tutto?
◗ Disegna nel cesto le mele raccolte ◗ Scrivi l’operazione che
da Pietro e colorale. fai per trovare il totale
delle mele:

................................................................... = ...................

◗ Rispondi:
In tutto Pietro ha
raccolto ....................................................................

2 Nonna Rosa, per ringraziare Pietro, ha preparato 2 ciambelline,


8 bignè e 4 cannoli. Quanti dolci ha preparato in tutto?

◗ Disegna nel vassoio i dolci preparati ◗ Scrivi l’operazione che


dalla nonna. fai per trovare il totale
dei dolci:

................................................................... = ...................

◗ Rispondi:
In tutto la nonna ha
preparato .......................................................
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione


ODA Operare con l’addizione in situazioni rappresentate graficamente.
84 • CC Comunicazione nella madrelingua (comprendere testi di tipo diverso). • RD Italiano.
SCHEDA
2

AGGIUNGERE
L’ADDIZIONE è l’operazione che aggiunge una quantità a un’altra.

Leggi i problemi, completa ed esegui le operazioni.

NUMERI
1 Sulla riva dello stagno c’erano 7 aironi. Dopo un po’ ne sono arrivati
in volo altri 5. Quanti aironi ci sono ora sulla riva dello stagno?
◗ Disegna gli aironi che arrivano dopo.

◗ Scrivi l’operazione che fai


per trovare il totale degli aironi: ................................................................... = ...................
◗ Rispondi: Tutti gli aironi ora sono .............................................................................................................

2 Mamma Riccio deve fare provviste per l’inverno: ieri aveva raccolto
12 grosse castagne, oggi ha trovato 6 ghiande dolcissime.
Quanti frutti ha raccolto Mamma Riccio fino ad ora?
◗ Disegna le castagne e poi aggiungi le ghiande.

◗ Scrivi l’operazione che fai


per trovare il totale dei frutti: ................................................................... = ...................
◗ Rispondi: In tutto i frutti sono .........................................................................................................................
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione


ODA Operare con l’addizione in situazioni rappresentate graficamente.
• CC Comunicazione nella madrelingua (comprendere testi di tipo diverso). • RD Italiano.
85
SCHEDA
3

ADDIZIONI CON LE PALLINE!


1 Colora le palline indicate dagli addendi e conta. Osserva l’esempio.
NUMERI

20 1 30 = 50 70 1 10 = .................... 40 1 50 = ....................

10 1 26 = .................... 50 1 37 = .................... 30 1 48 = ....................


© Mondadori Education

30 1 35 = .................... 60 1 19 = .................... 40 1 51 = ....................


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
86 (applicare abilità e metodo di lavoro ). • RD Matematica (operazioni di base).
SCHEDA
4

AGGIUNGI 1, AGGIUNGI 10
Aggiungere 1 a un numero significa aggiungere 1 unità.
Quando aggiungi 1 a un numero ottieni il suo successivo.

NUMERI
1 Cerchia di blu le cifre delle unità, poi calcola.
Se sei in difficoltà aiutati con la linea dei numeri. Osserva gli esempi.

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

6 ⫹1=7 13 ⫹ 1 = ............... 23 ⫹ 1 = ............... 24 ⫹ 1 = ...............


9 ⫹ 1 = ............... 17 ⫹ 1 = ............... 28 ⫹ 1 = ............... 27 ⫹ 1 = ...............
15 ⫹ 1 = ............... 14 ⫹ 1 = ............... 21 ⫹ 1 = ............... 26 ⫹ 1 = ...............
18 ⫹ 1 = ............... 12 ⫹ 1 = ............... 29 ⫹ 1 = ............... 25 ⫹ 1 = ...............

2 Cerchia le cifre delle unità, poi calcola senza l’aiuto della linea.

3 5 ⫹ 1 = ............... 58 ⫹ 1 = ............... 56 ⫹ 1 = ............... 34 ⫹ 1 = ...............


19 ⫹ 1 = ............... 7 ⫹ 1 = ............... 64 ⫹ 1 = ............... 46 ⫹ 1 = ...............
3 ⫹ 1 = ............... 63 ⫹ 1 = ............... 81 ⫹ 1 = ............... 68 ⫹ 1 = ...............

Aggiungere 10, 20, 30… a un numero significa


aggiungere 1, 2, 3… decine. Le unità non cambiano.

3 Cerchia di rosso le cifre delle decine, poi calcola. Osserva gli esempi.

1 3 ⫹ 1 0 = 23 4 ⫹ 1 0 = ............... 1 7 ⫹ 2 0 = 37 8 ⫹ 3 0 = 38
14 ⫹ 10 = ............... 15 ⫹ 10 = ............... 6 ⫹ 20 = ............... 15 ⫹ 30 = ...............
26 ⫹ 10 = ............... 29 ⫹ 10 = ............... 11 ⫹ 20 = ............... 23 ⫹ 30 = ...............

4 Calcola.

23 ⫹ 20 = ............... 20 ⫹ 16 = ............... 27 ⫹ 40 = ............... 40 ⫹ 12 = ...............


40 ⫹ 9 = ............... 6 ⫹ 30 = ............... 50 ⫹ 19 = ............... 26 ⫹ 30 = ...............
© Mondadori Education

11 ⫹ 30 = .............. 30 ⫹ 34 = ............... 7 ⫹ 80 = ............... 50 ⫹ 45 = ...............


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro ). • RD Matematica (operazioni di base).
87
SCHEDA
5

ADDIZIONI… PIÙ DIFFICILI!


1 Colora le palline indicate dagli addendi e conta. Il calcolo è più facile se:
(1) rappresenti separatamente gli addendi;
(2) sommi le decine totali con le unità totali. Osserva gli esempi.
NUMERI

24 ⫹ 13 = 31 ⫹ 32 =

20 ⫹ 10 ⫹ 4 ⫹ 3 = 37 30 ⫹ 30 ⫹ 1 ⫹ 2 = .....................

12 ⫹ 14 = 25 ⫹ 15 =

............... ⫹ ............... ⫹ .......... ⫹ .......... = .................... ............... ⫹ ............... ⫹ .......... ⫹ .......... = ....................

2 Calcola senza l’aiuto delle palline.

11 ⫹ 13 ............................................................................. = ............... 12 ⫹ 15 ............................................................................. = ...............


© Mondadori Education

26 ⫹ 12 ............................................................................. = ............... 35 ⫹ 23 ............................................................................. = ...............

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione


ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
88 (applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
SCHEDA
6

TAPPA ALLA DECINA!


1 Scrivi la decina successiva a ogni numero dato. Osserva gli esempi.
7 10 13 20 26 ............... 59 ............... 41 ...............

NUMERI
14 ............... 35 ............... 54 60 73 ............... 37 ...............

22 ............... 18 ............... 46 ............... 33 ............... 52 ...............

2 Esegui le addizioni: fai tappa alla decina successiva e


colora le palline con tre tinte diverse. Osserva l’esempio.

817 81215 10 1 5 = ...............

915 91114 10 1 4 = ...............

719 71316 10 1 6 = ...............

15 1 6 15 1 5 1 1 20 1 1 = ...............

18 1 9 18 1 2 1 7 20 1 7 = ...............

17 1 7 17 1 3 1 4 20 1 4 = ...............

3 Calcola: fai tappa alla decina più vicina.

27 1 5 27 1 3 1 2 = ............... 39 1 6 39 1 .............. 1 .............. = ...............


46 1 6 .............. 1 .............. 1 .............. = ............... 74 1 9 .............. 1 .............. 1 .............. = ...............
37 1 4 .............. 1 .............. 1 .............. = ............... 69 1 3 .............. 1 .............. 1 .............. = ...............
© Mondadori Education

58 1 8 .............. 1 .............. 1 .............. = ............... 16 1 7 .............. 1 .............. 1 .............. = ...............


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro ). • RD Matematica (operazioni di base).
89
SCHEDA
7

ADDIZIONI IN COLONNA
Le operazioni più difficili si eseguono in colonna;
incolonnare significa scrivere i numeri uno sotto l’altro:
le unità sotto le unità e le decine sotto le decine.
NUMERI

1 Esegui le addizioni in colonna e calcola: addiziona prima le unità


e poi le decine. Osserva l’esempio.
14 1 12 = 24 1 13 = 15 1 11 = 27 1 12 =
da u da u da u da u
1 4 1 .......... .......... 1 .......... .......... 1 .......... .......... 1
1 2 = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
2 6 .......... .......... .......... .......... .......... ..........

13 1 13 = 12 1 11 = 20 1 14 = 12 1 15 =
da u da u da u da u
.......... .......... 1 .......... .......... 1 .......... .......... 1 .......... .......... 1
.......... .......... = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

21 1 17 = 16 1 22 = 17 1 12 = 26 1 13 =
da u da u da u da u
.......... .......... 1 .......... .......... 1 .......... .......... 1 .......... .......... 1
.......... .......... = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

Esegui le addizioni in colonna sul quaderno.

2 3 4 5 6
33 1 24 = 42 1 21 = 56 1 21 = 43 1 43 = 52 1 36 =
24 1 25 = 13 1 33 = 33 1 33 = 71 1 16 = 40 1 25 =
© Mondadori Education

15 1 31 = 11 1 46 = 25 1 41 = 39 1 60 = 74 1 23 =
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione
ODA Eseguire addizioni in colonna con due addendi senza cambio. • CC Competenza matematica
90 (comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
8

ADDIZIONI CON I BAM


1 Esegui le addizioni in colonna con l’aiuto dei BAM.
Osserva il cambio, conta i BAM ottenuti e scrivi il risultato.

NUMERI
da u da u

1 6 1

1 7 =

.......... ..........

da u
1 6
=
1 7

2 Ora disegna tu i BAM, raggruppa e cambia.

da u da u

2 8 1

1 4 =
© Mondadori Education

.......... ..........

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione


ODA Eseguire addizioni in colonna con due addendi con il cambio. • CC Competenza in campo tecnologico
(utilizzare strumenti per il calcolo) • Competenza matematica (comprendere e eseguire procedure).
• RD Matematica (relazioni e dati).
91
SCHEDA
9

ADDIZIONI CON L’ABACO


1 Leggi le istruzioni per eseguire le addizioni con il cambio e l’aiuto dell’abaco,
poi completa.
NUMERI

• Metti sull’abaco 1 decina e 3 unità (13), 13 1 18 = ...............


poi aggiungi 1 decina e 8 unità (18).
• Ottieni 2 decine e 11 unità, ma l’asta
dell’abaco può contenere solo 9 unità.
• Cambia 10 unità con 1 decina e
sistemala nell’asta delle decine.
• Conta le palline su ogni asta: ci sono
3 decine e 1 unità (31).
da u da u

28 1 34 = ............... 35 1 16 = ...............

da u da u da u da u

19 1 17 = ............... 26 1 18 = ...............

da u da u da u da u
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione


ODA Eseguire addizioni in colonna con due addendi con il cambio. • CC Competenza in campo tecnologico
(utilizzare strumenti per il calcolo) • Competenza matematica (comprendere e eseguire procedure).
92 • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
10

ADDIZIONI CON IL CAMBIO


1 Leggi le istruzioni per eseguire le addizioni in colonna con il cambio,
poi esegui le operazioni.

NUMERI
• Metti in colonna gli addendi. 15 ⫹ 28 =
• Addiziona le unità: 5 ⫹ 8 = 13:
scrivi 3 nella colonna delle unità da u
⫹1
e riporta 1 decina nella colonna
1 5 ⫹ addendo
delle decine.
• Addiziona le decine: 2 8 = addendo
1 ⫹ 1 ⫹ 2 = 4; 4 3 somma o totale
scrivi 4 nella colonna delle decine.

17 ⫹ 19 = 15 ⫹ 15 = 18 ⫹ 13 = 16 ⫹ 14 =
da u da u da u da u

.......... .......... ⫹ .......... .......... ⫹ .......... .......... ⫹ .......... .......... ⫹


.......... .......... = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

11 ⫹ 19 ⫹ 4 = 12 ⫹ 18 ⫹ 16 = 9 ⫹ 14 ⫹ 18 = 5 ⫹ 17 ⫹ 17 =
da u da u da u da u

.......... .......... ⫹ .......... .......... ⫹ .......... .......... ⫹ .......... .......... ⫹


.......... .......... ⫹ .......... .......... ⫹ .......... .......... ⫹ .......... .......... ⫹
.......... .......... = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
© Mondadori Education

.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione


ODA Eseguire addizioni in colonna con due o tre addendi e con il cambio. • CC Competenza matematica
(comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
93
SCHEDA
11

IN COLONNA OLTRE IL 100!


1 Esegui le addizioni in colonna senza cambio.
132 1 45 = 108 1 91 = 174 1 15 =
NUMERI

h da u h da u h da u
1 3 2 1 .......... .......... .......... 1 .......... .......... .......... 1
4 5 = .......... .......... .......... = .......... .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

130 1 60 = 143 1 54 = 150 1 18 =


h da u h da u h da u
.......... .......... .......... 1 .......... .......... .......... 1 .......... .......... .......... 1
.......... .......... .......... = .......... .......... .......... = .......... .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

2 Esegui le addizioni in colonna con il cambio.


86 1 52 = 92 1 45 = 77 1 61 =
h da u h da u h da u
8 6 1 .......... .......... .......... 1 .......... .......... .......... 1
5 2 = .......... .......... .......... = .......... .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

145 1 28 = 163 1 17 = 124 1 59 =


h da u h da u h da u
.......... .......... .......... 1 .......... .......... .......... 1 .......... .......... .......... 1
.......... .......... .......... = .......... .......... .......... = .......... .......... .......... =
© Mondadori Education

.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione


ODA Eseguire addizioni in colonna con il cambio. • CC Competenza matematica
94 (comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
LIVELLO
1

VERIFICA
ADDIZIONE
Leggi i problemi e osserva il disegno, poi esegui l’operazione e rispondi.

1 La nonna ha preparato 5 barattoli di


marmellata di fragole e 3 barattoli di
marmellata di pesche.
Quanti barattoli di marmellata in tutto?

Operazione ................................................................... = ...................


Risposta In tutto .......................................................................................................
.................................................................................................................................................................................... .

2 Nel parcheggio della scuola ci sono 7 auto.


Dopo un po’ si aggiungono altre 4 auto.
Quante sono ora le auto?

Operazione ................................................................... = ...................


Risposta Ora ........................................................................................................................
.................................................................................................................................................................................... .

3 Esegui le addizioni a mente.


7 1 9 = ................ 19 1 5 = ................ 34 1 8 = ................ 41 1 6 = ................
8 1 5 = ................ 11 1 7 = ................ 27 1 6 = ................ 39 1 8 = ................
3 1 6 = ................ 13 1 6 = ................ 44 1 2 = ................ 28 1 9 = ................
9 1 4 = ................ 17 1 9 = ................ 25 1 10 = ................ 36 1 7 = ................
© Mondadori Education

4 Esegui le addizioni in colonna senza cambio sul quaderno.


18 1 20 = 24 1 12 = 17 1 32 = 35 1 14 =
13 1 15 = 11 1 35 = 21 1 16 = 30 1 19 =
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione • VERIFICA LIVELLO 1 Per la rilevazione e la valutazione
delle abilità e/o conoscenze di base.
COMPETENZA L’alunno individua l’addizione come operazione risolutiva con l’ausilio della
rappresentazione grafica; esegue semplici addizioni a mente e addizioni in colonna senza il cambio.
95
LIVELLO
2
VERIFICA

ADDIZIONE
1 Leggi il problema e disegna, poi esegui l’operazione e rispondi.
Un gruppo di bambini partecipa a una gara di sci; 6 sono già scesi lungo
la pista, 5 sono in attesa del via.
Quanti bambini partecipano in tutto alla gara di sci?

Operazione ................................................................... = ...................


Risposta ............................................................................................................................................................................................................................................................ .

2 Esegui le addizioni a mente.


13 ⫹ 1 = ................ 18 ⫹ 10 = ................ 16 ⫹ 20 = ................ 50 ⫹ 7 = ................
27 ⫹ 1 = ................ 35 ⫹ 10 = ................ 24 ⫹ 30 = ................ 11 ⫹ 20 = ................
44 ⫹ 1 = ................ 46 ⫹ 10 = ................ 8 ⫹ 40 = ................ 30 ⫹ 23 = ................
56 ⫹ 1 = ................ 73 ⫹ 10 = ................ 17 ⫹ 30 = ................ 14 ⫹ 10 = ................
© Mondadori Education

3 Esegui le addizioni in colonna con il cambio sul quaderno.


17 ⫹ 13 = 35 ⫹ 16 = 45 ⫹ 35 = 26 ⫹ 29 =
28 ⫹ 14 = 19 ⫹ 18 = 16 ⫹ 16 = 34 ⫹ 38 =

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione • VERIFICA LIVELLO 2 Verifica del consolidamento


e dello sviluppo delle competenze.
COMPETENZA L’alunno illustra e risolve una situazione problematica di addizione; esegue addizioni a mente
96 e in colonna.
LIVELLO
3

VERIFICA
ADDIZIONE
1 Leggi i problemi, poi esegui le operazioni e rispondi.

Marta chiede al fiorista di Nel salvadanaio di Samuele ci


fare un mazzo di fiori con sono 24 euro. La nonna, per il
9 rose e 6 tulipani. suo compleanno, gli regala 5 euro
Quanti fiori ci sono nel mazzo? che Samuele mette nel
salvadanaio.
Quanti euro ha ora Samuele?

Operazione ............................................................................. Operazione .............................................................................


Risposta ................................................................................................... Risposta ...................................................................................................
............................................................................................................................................. . ............................................................................................................................................. .

2 Completa le tabelle con i risultati delle operazioni.

⫹ 7 9 5 6 ⫹ 10 20 30 40

35 19

74 23

28 35

63 46

3 Esegui le addizioni. Osserva l’esempio.


14 ⫹ 12 10 ⫹ 10 ⫹ 4 ⫹ 2 = ............... 42 ⫹ 25 ............................................................................. = ...............
23 ⫹ 15 .............................................................................. = ............... 31 ⫹ 58 ............................................................................. = ...............
© Mondadori Education

4 Esegui le addizioni in colonna senza cambio e con il cambio sul quaderno.


26 ⫹ 35 = 71 ⫹ 19 = 45 ⫹ 31 = 57 ⫹ 36 =
32 ⫹ 24 = 63 ⫹ 28 = 28 ⫹ 39 = 31 ⫹ 45 =

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 3 L’addizione • VERIFICA LIVELLO 3 Verifica delle competenze acquisite.
COMPETENZA L’alunno risolve situazioni problematiche di addizione; esegue addizioni a mente
applicando strategie di calcolo; esegue addizioni in colonna.
97
PERCORSO 1 • NUMERI
UNITÀ 4 LA SOTTRAZIONE
Come già fatto per l’addizione, si suggerisce di riproporre la sottrazione at-
I problemi traverso situazioni problematiche graduali e il più possibile vicine all’espe-
di sottrazione rienza dei bambini. I problemi di sottrazione presentano difficoltà linguisti-
che dovute alla complessità delle forme verbali attraverso cui questa opera-
zione viene espressa (quanto resta, quanto manca, qual è la differenza…),
quindi è consigliabile iniziare con problemi molto semplici, con numeri fa-
cilmente dominabili dagli alunni, in modo che la comprensione del testo non
sia complicata dalle difficoltà di calcolo, e accompagnare la risoluzione con
una rappresentazione iconica o simbolica.
L’insegnante può avviare il percorso a partire dai problemi di resto, i più
vicini alle esperienze quotidiane degli alunni, che riescono con facilità a in-
dividuare la quantità di partenza corrispondente al minuendo, dalla quale il
problema chiede di “portare via” un sottoinsieme di elementi corrispondente
al sottraendo. In un secondo tempo si possono proporre i problemi di com-
plemento che si differenziano da quelli di resto poiché dall’insieme di par-
tenza viene “isolato”, ma non portato via, un sottoinsieme. Questa tipologia
di problemi mette spesso in difficoltà gli alunni che faticano a individuare gli
elementi da isolare; per aiutarli si consiglia di far segnare con una crocetta gli
elementi che non sono da prendere in considerazione ai fini della risposta.
Così facendo si rafforza anche l’analogia con i problemi di resto. Infine l’in-
segnante ripropone i problemi di differenza che richiedono di confrontare
la numerosità di due insiemi; nella rappresentazione iconica, quindi, devono
essere presenti sia la quantità che corrisponde al minuendo sia quella che
corrisponde al sottraendo. Va ricordato che per aiutare i bambini a capire che
si risolvono con la sottrazione anche le situazioni di confronto per l’indivi-
duazione della differenza, è necessario che gli elementi corrispondenti alle
due quantità vengano disposti in modo che siano evidenti le parti in corri-
spondenza biunivoca.

Anche per la sottrazione è opportuno suggerire agli alunni più strategie per
Calcolo a mente eseguire i calcoli a mente, poi ciascuno adotterà quelle più accessibili e vicine
alle proprie caratteristiche cognitive. Le attività proposte dalle schede sono sug-
gerimenti che l’insegnante potrà approfondire proponendo ai bambini ulteriore
materiale per imparare a usare ogni strategia in modo automatico.

L’insegnante è invitato a proporre l’algoritmo della sottrazione con molta


Calcolo scritto gradualità, attraverso numerose operazioni concrete effettuate con il mate-
riale opportuno (blocchi multibase e abaco).
Per aiutare nella fase di incolonnamento è consigliabile continuare ad uti-
lizzare gli schemi con l’indicazione esplicita della colonna delle unità e di
quella delle decine.
Nel caso di sottrazioni con il cambio è necessario procedere con molta atten-
zione, operando con il materiale fino a che gli alunni non hanno rafforzato e
consolidato il passaggio dal gruppo (decina) alle unità che lo compongono.
Al momento della traduzione sintetica dell’operazione con i soli numeri,
l’alunno potrà verbalizzare a voce alta i vari passaggi dell’algoritmo utiliz-
zando, per semplicità, i termini “prestito” e “chiedere in prestito”, come
indicato nella scheda 11.

98 schede Word personalizzabili, schede aggiuntive,


esercizi interattivi, strumenti compensativi per BES, audio dei problemi.
Le sottrazioni possono presentare molte difficoltà per gli alunni con sospetta
Alunni con BES
discalculia i quali faticano a contare a lungo all’indietro e, in generale, a
usare metodi di ragionamento che procedono a rovescio. Per aiutarli è utile
proporre, seppur molto lentamente, il modello della ricerca del complemen-
tare, che consente di trovare la distanza tra due numeri, sperimentando che
la sottrazione può avere luogo anche “in avanti”. Questa tecnica di calcolo
sarà utile comunque a tutti gli alunni quando, in classe terza, dovranno ese-
guire le operazioni di sottrazione all’interno della divisione in colonna.
Nell’eseguire le sottrazioni in colonna è importante far evidenziare sempre
i prestiti e proporre inoltre numerose sottrazioni con la presenza dello 0 sia
a minuendo, sia a sottraendo.
Agli alunni con particolari difficoltà di ordine spaziale è bene ricordare spesso
che, nell’incolonnare una sottrazione, va sempre sistemato il numero mag-
giore in alto e che si procede dall’alto verso il basso; per aiutarli si possono
affiancare agli schemi delle frecce che ricordino la direzione in cui procedere.

Scheda per scheda

Schede Contenuti Indicazioni didattiche e metodologiche


1–3 Situazioni di sottrazione. Le schede servono solo da stimolo e vanno riprese dall’insegnante che
riproporrà altre situazioni prendendo spunto dalla vita di classe e dalle
esperienze vissute dai bambini.
4–7 Calcolo a mente. I bambini hanno già familiarizzato con le strategie di calcolo mentale
studiando l’addizione ma la sottrazione comporta la difficoltà del conta-
re all’indietro. L’insegnante quindi può proporre numerose attività anche
con materiale concreto e rappresentazioni iconiche facendo costantemente
riflettere gli alunni sui risultati ottenuti. Può anche dedicare un periodo
lungo ad attività collettive e guidate, cercando di motivare gli alunni con
giochi e esercizi in gruppo o a coppie. Qualora qualche strategia risulti
troppo complessa per la maggior parte degli alunni, è consigliabile rinviar-
la alla classe terza.
8 – 11 Sottrazioni in colonna. È bene che l’insegnante verifichi che i bambini osservino una corretta defi-
nizione spaziale, in modo che sia chiara la posizione e il valore delle cifre,
controlli che il calcolo proceda dall’alto verso il basso e, in caso di incer-
tezza, aiuti il bambino con frecce direzionali.
12 Sottrazioni oltre il 100. È una scheda di approfondimento che può essere posticipata alla classe
terza.
13 – 17 Addizioni e sottrazioni. Si suggerisce all’insegnante di guidare gli alunni a scoprire il rapporto tra
addizioni e sottrazioni, somiglianze e differenze tra le due operazioni, fa-
cendoli riflettere sulle facilitazioni che ne derivano al calcolo mentale.
18 Problemi. È importante che gli alunni procedano in parallelo con l’acquisizione dei
meccanismi di calcolo e la loro applicazione nella soluzione dei problemi.

99
SCHEDA
1

CALCOLARE IL RESTO
La SOTTRAZIONE è l’operazione che toglie una
quantità da un’altra e calcola quanto resta.
Il simbolo della sottrazione è –, che si legge meno.
NUMERI

Leggi i problemi, poi completa e esegui le operazioni.

1 In occasione della sua festa di compleanno Asia ha appeso 12


palloncini colorati alla recinzione del giardino. Durante la festa i suoi
amici ne hanno staccati 7. Quanti palloncini sono rimasti?
◗ Cancella con una ✘ i palloncini ◗ Scrivi l’operazione
che sono stati staccati. che fai per trovare i
palloncini rimasti:

................................................................... = ...................

◗ Rispondi: Sono rimasti


attaccati alla recinzione
………............……………....................................

2 Asia aveva posato sul tavolo del giardino un vassoio con 15 fette di
torta. Gli invitati ne hanno mangiate subito 9.
Quante fette sono rimaste?
◗ Cancella con una ✘ le fette ◗ Scrivi l’operazione che
mangiate. fai per trovare le fette
rimaste:

................................................................... = ...................

◗ Rispondi:
Sul vassoio sono rimaste
© Mondadori Education

……………………………………………………............................………..

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione


ODA Operare con la sottrazione in situazioni rappresentate graficamente. • CC Comunicazione nella
100 madrelingua (comprendere testi di tipo diverso). • RD Italiano.
SCHEDA
2

CALCOLARE QUANTO MANCA


La SOTTRAZIONE è l’operazione che calcola
quanto manca per completare una quantità.

NUMERI
Leggi i problemi, poi completa e esegui le operazioni.
1 Il gelataio ha preparato 9 coppe per un gruppo di amici. 5 coppe
sono al cioccolato, le altre sono alla crema.
Quante sono le coppe alla crema?
◗ Colora il gelato di ogni coppa con il colore adatto.

◗ Scrivi l’operazione
che fai per trovare il numero
delle coppe alla crema: ................................................................... = ...................

◗ Rispondi: Le coppe alla crema sono ...........................................................

2 Davanti al carretto dei gelati ci sono 15 bambini che aspettano in


coda il proprio turno; 8 sono maschi, le altre sono femmine.
Quante sono le femmine?
◗ Disegna i maschi e le femmine.

◗ Scrivi l’operazione che fai


per trovare il numero delle femmine: ................................................................... = ...................
© Mondadori Education

◗ Rispondi: Le femmine sono ...........................................................


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione
ODA Operare con la sottrazione in situazioni rappresentate graficamente. • CC Comunicazione nella
madrelingua (comprendere testi di tipo diverso). • RD Italiano.
101
SCHEDA
3

CALCOLARE LA DIFFERENZA
La SOTTRAZIONE è l’operazione che
calcola la differenza tra due quantità.
NUMERI

Leggi i problemi, poi completa e esegui le operazioni.

1 Lino, il contadino, ha 12 caprette e 9 pecorelle. Qual è la differenza


tra il numero delle caprette e quello delle pecorelle?
◗ Metti in corrispondenza con le frecce e cerchia la differenza.

◗ Scrivi l’operazione che fai


................................................................... = ...................
per trovare la differenza:
◗ Rispondi: La differenza tra il numero delle ................................................
e il numero delle ................................................ è di ....................

2 Lucrezia, la moglie di Lino, ha preparato dei formaggi: 10 caciotte e


6 mozzarelle. Quante caciotte in più?
◗ Metti in corrispondenza con le frecce e cerchia la differenza.

◗ Scrivi l’operazione che fai


................................................................... = ...................
per trovare la differenza:
© Mondadori Education

◗ Rispondi: Le caciotte in più sono ....................


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione
ODA Operare con la sottrazione in situazioni rappresentate graficamente. • CC Comunicazione nella
102 madrelingua (comprendere testi di tipo diverso). • RD Italiano.
SCHEDA
4

SOTTRAZIONI CON LE PALLINE!


1 Calcola: cancella con una riga le palline, puoi cancellarle dall’inizio
o dalla fine. Osserva gli esempi.

NUMERI
60 – 40 = .................... 90 – 50 = .................... 70 – 20 = ....................

30 – 9 = .................... 50 – 7 = .................... 40 – 8 = ....................

55 – 5 = .................... 68 – 4 = .................... 60 – 12 = ....................


© Mondadori Education

23 – 6 = .................... 36 – 16 = .................... 27 – 18 = ....................


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro ). • RD Matematica (operazioni di base).
103
SCHEDA
5

TOGLI 1, TOGLI 10
Togliere 1 a un numero significa togliere 1 unità.
Quando togli 1 a un numero ottieni il suo precedente.
NUMERI

1 Cerchia di blu le cifre delle unità, poi calcola. Se sei in difficoltà aiutati con la
linea dei numeri. Osserva l’esempio.

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

9–1=8 26 – 1 = ............... 27 – 1 = ............... 24 – 1 = ...............


5 – 1 = ............... 19 – 1 = ............... 30 – 1 = ............... 11 – 1 = ...............
1 3 – 1 = ............... 21 – 1 = ............... 25 – 1 = ............... 18 – 1 = ...............

2 Cerchia la cifra delle unità, poi calcola senza l’aiuto della linea.

5 6 – 1 = ............... 36 – 1 = ............... 65 – 1 = ............... 93 – 1 = ...............


49 – 1 = ............... 50 – 1 = ............... 44 – 1 = ............... 85 – 1 = ...............
8 – 1 = ............... 83 – 1 = ............... 31 – 1 = ............... 58 – 1 = ...............

Togliere 10, 20, 30… a un numero significa


togliere 1, 2, 3… decine. Le unità non cambiano.

3 Cerchia di rosso le cifre delle decine, poi calcola. Osserva gli esempi.

15 – 1 0 = 5 3 7 – 2 0 = 17 6 4 – 3 0 = 34 5 9 – 4 0 = 19
17 – 10 = ............... 54 – 20 = ............... 48 – 30 = ............... 86 – 40 = ...............
11 – 10 = ............... 43 – 20 = ............... 35 – 30 = ............... 65 – 40 = ...............

4 Calcola.
36 – 10 = ............... 63 – 20 = ............... 29 – 20 = ............... 82 – 50 = ...............
44 – 20 = ............... 91 – 10 = ............... 75 – 30 = ............... 66 – 30 = ...............
© Mondadori Education

58 – 30 = ............... 87 – 40 = ............... 48 – 10 = ............... 94 – 60 = ...............


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
104 (applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
SCHEDA
6

TAPPA ALLA DECINA!


1 Scrivi la decina precedente a ogni numero dato. Osserva gli esempi.

10 13 20 27 50 58 .............. 31 .............. 46

NUMERI
.............. 39 .............. 18 .............. 36 .............. 48 .............. 57
.............. 11 .............. 44 .............. 52 .............. 23 .............. 32

2 Esegui le sottrazioni: fai tappa alla decina precedente e traccia le ✘


di due colori diversi. Osserva l’esempio.

✘✘✘✘✘ ✘✘
12 – 7 12 – 2 – 5 10 – 5 = ...............

15 – 8 15 – 5 – 3 10 – 3 = ...............

13 – 9 ............... – ............... – ............... 10 – 6 = ...............

23 – 4 23 – 3 – 1 20 – 1 = ...............

21 – 6 21 – 1 – 5 20 – 5 = ...............

26 – 8 ............... – ............... – ............... ............... – ............... = ...............

3 Calcola.

35 – 8 35 – 5 – 3 = ............... 44 – 7 44 – .............. – .............. = ...............


73 – 6 .............. – .............. – .............. = ............... 93 – 5 .............. – .............. – .............. = ...............
61 – 4 .............. – .............. – .............. = ............... 58 – 9 .............. – .............. – .............. = ...............
© Mondadori Education

46 – 8 .............. – .............. – .............. = ............... 94 – 7 .............. – .............. – .............. = ...............


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
105
SCHEDA
7

SOTTRAZIONI… PIÙ DIFFICILI!


1 Il calcolo è più facile se scomponi il secondo numero della sottrazione in
decine e unità e cancelli le decine dall’alto e le unità dal basso.
Osserva gli esempi.
NUMERI

45 – 12 = 57 – 15 = 48 – 25 =
45 – 10 – 2 = 33 57 – 10 – 5 = ................. 48 – 20 – 5 = .................

63 – 31 = 79 – 46 = 56 – 23 =
63 – 30 – ............... = ................. 79 – 40 – ............... = ................. 56 – 20 – ............... = .....................

43 – 32 = 59 – 26 = 67 – 44 =
© Mondadori Education

43 – ............... – ............... = ................. 59 – ............... – ............... = ................. 67 – ............... – ............... = .................


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
106 (applicare abilità e metodo di lavoro ). • RD Matematica (operazioni di base).
SCHEDA
8

SOTTRAZIONI IN COLONNA
1 Esegui le sottrazioni in colonna e calcola: sottrai prima le unità e poi le decine.
Osserva l’esempio.

NUMERI
24 – 13 = 29 – 17 = 32 – 21 = 45 – 12 =
da u da u da u da u
2 4 – .......... .......... – .......... .......... – .......... .......... –
1 3 = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
1 1 .......... .......... .......... .......... .......... ..........

39 – 15 = 49 – 22 = 27 – 12 = 48 – 35 =
da u da u da u da u
.......... .......... – .......... .......... – .......... .......... – .......... .......... –
.......... .......... = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

42 – 20 = 38 – 24 = 26 – 11 = 39 – 19 =
da u da u da u da u
.......... .......... – .......... .......... – .......... .......... – .......... .......... –
.......... .......... = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

Esegui le sottrazioni in colonna sul quaderno.


2 3 4 5
46 – 23 = 58 – 41 = 75 – 32 = 66 – 24 =
54 – 11 = 65 – 23 = 68 – 51 = 73 – 50 =
59 – 38 = 47 – 12 = 59 – 13 = 86 – 42 =
47 – 14 = 56 – 34 = 67 – 46 = 67 – 37 =
© Mondadori Education

56 – 25 = 69 – 51 = 74 – 23 = 99 – 72 =
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione
ODA Eseguire sottrazioni in colonna senza cambio. • CC Competenza matematica
(comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
107
SCHEDA
9

SOTTRAZIONI CON I BAM


1 Esegui le sottrazioni in colonna con l’aiuto dei BAM. Osserva il cambio,
conta i BAM rimasti e scrivi il risultato.
NUMERI

da u da u

3 2 –


1 5 =
✘ ✘✘✘
✘✘

.......... ..........

da u
3 2 –
1 5
=

2 Ora disegna tu i BAM, fai il cambio e calcola.

da u da u

4 1 –

1 3 =
© Mondadori Education

.......... ..........

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione


ODA Eseguire sottrazioni in colonna con il cambio. • CC Competenza in campo tecnologico
(utilizzare strumenti per il calcolo) • Competenza matematica (comprendere e eseguire procedure).
108 • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
10

SOTTRAZIONI CON L’ABACO


1 Leggi le istruzioni per eseguire le sottrazioni con il cambio con l’aiuto
dell’abaco, poi completa.

NUMERI
• Metti sull’abaco 3 decine
e 2 unità (32). 32 – 15 = ...............
• Non puoi togliere 5 unità ✘ ✘
da 2 unità, quindi cambia ✘ ✘
1 decina con 10 unità. ✘
• Ora le decine sono 2 e le unità 12:
togli 1 decina e 5 unità (15). ✘
• Conta le palline rimaste su ogni ✘
asta: ottieni 1 decina e 7 unità da u da u
(17).

41 – 16 = ............... 24 – 18 = ...............

da u da u da u da u

36 – 29 = ............... 45 – 27 = ...............

da u da u da u da u
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione


ODA Eseguire sottrazioni in colonna con il cambio. • CC Competenza in campo tecnologico
(utilizzare strumenti per il calcolo) • Competenza matematica (comprendere e eseguire procedure).
• RD Matematica (relazioni e dati).
109
SCHEDA
11

SOTTRAZIONI CON IL CAMBIO


1 Leggi le istruzioni per eseguire le sottrazioni in colonna con il cambio, poi
esegui le operazioni.
NUMERI

• Metti in colonna i numeri. 43 – 18 =


• Parti dalle unità: non puoi
togliere 8 unità da 3 unità. da u
• Chiedi in prestito 1 decina: 3 1
le decine diventano 3 e le 4 3 – minuendo
unità 13. 1 8 = sottraendo
• Sottrai le unità: 13 – 8 = 5. resto o differenza
2 5
• Sottrai le decine: 3 – 1 = 2.

26 – 18 = 32 – 15 = 44 – 16 = 30 – 12 =
da u da u da u da u

.......... .......... – .......... .......... – .......... .......... – .......... .......... –


.......... .......... = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

55 – 38 = 40 – 21 = 52 – 16 = 34 – 25 =
da u da u da u da u

.......... .......... – .......... .......... – .......... .......... – .......... .......... –


.......... .......... = .......... .......... = .......... .......... = .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

Esegui le sottrazioni in colonna sul quaderno.


2 3
41 – 28 = 60 – 31 = 54 – 28 = 74 – 26 =
© Mondadori Education

35 – 16 = 56 – 19 = 75 – 46 = 82 – 43 =
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione
ODA Eseguire sottrazioni in colonna con il cambio. • CC Competenza matematica
110 (comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
12

IN COLONNA OLTRE IL 100!


1 Esegui le sottrazioni in colonna senza cambio.

156 – 34 = 187 – 43 = 195 – 61 =

NUMERI
h da u h da u h da u
1 5 6 – .......... .......... .......... – .......... .......... .......... –
3 4 = .......... .......... .......... = .......... .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

148 – 112 = 197 – 165 = 189 – 124 =


h da u h da u h da u
.......... .......... .......... – .......... .......... .......... – .......... .......... .......... –
.......... .......... .......... = .......... .......... .......... = .......... .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

2 Esegui le sottrazioni in colonna con il cambio.

183 – 49 = 127 – 45 = 108 – 71 =


h da u h da u h da u

1 8 3 – .......... .......... ..........


– .......... .......... ..........

4 9 = .......... .......... .......... = .......... .......... .......... =
.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

147 – 52 = 184 – 136 = 150 – 125 =


h da u h da u h da u

.......... .......... ..........


– .......... .......... ..........
– .......... .......... ..........

.......... .......... .......... = .......... .......... .......... = .......... .......... .......... =
© Mondadori Education

.......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... .......... ..........

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione


ODA Eseguire sottrazioni in colonna con il cambio. • CC Competenza matematica
(comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
111
SCHEDA
13

OPERAZIONI AL CONTRARIO
1 Leggi, osserva i disegni e completa.
NUMERI

7 barche a vela e 12 imbarcazioni in Il diagramma


5 barche a remi: tutto. completo:
in tutto …….….….. 5 sono barche a remi.
imbarcazioni. Allora le barche a vela
⫹5
sono …….….…... ⫹5

7 …….….….. …….….….. 12 7 12
–5 –5

2 Completa con i risultati e gli operatori mancanti.


⫹9 ⫹5 ⫹ 10 ⫹7

37 …….….….. 56 …….….….. 84 …….….….. 19 …….….…..

–9 – …….….….. …….….….. …….….…..

–6 –3 –8 –4

98 …….….….. 75 …….….….. 46 …….….….. 61 …….….…..

⫹ …….….….. ⫹ …….….….. …….….….. …….….…..

…….….….. …….….….. …….….….. …….….…..

…….….….. 19 …….….….. 73 …….….….. 65 …….….….. 41


© Mondadori Education

⫹7 ⫹ 10 –9 –6

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione


ODA Comprendere che l’addizione e la sottrazione sono operazioni inverse. • CC Competenza matematica
112 (utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni).
SCHEDA
14

QUANTO MANCA?
1 Osserva, conta i pallini e rispondi alla domanda.

Quanto manca per arrivare a 20? Quanto manca per arrivare a 30?

NUMERI
Mancano ………………. pallini. Mancano ………………. pallini.

2 Calcola il numero mancante: conta in avanti. Osserva come conta Carletto.

Tengo a mente 15 e poi conto in avanti fino a 19.


Da 15 per arrivare a 19 manca 4. Il numero
mancante è 4.
15 1 ………………. = 19 17 18
16 19
15

35 1 ………………. = 41 78 1 ………………. = 87 74 1 ………………. = 82 39 1 ………………. = 47


27 1 ………………. = 29 51 1 ………………. = 56 13 1 ………………. = 20 88 1 ………………. = 94
3 Calcola il risultato: conta in avanti. Osserva come conta Riccardo.

Tengo a mente 26 e poi conto in avanti fino a 31.


Da 26 per arrivare a 31 manca 5. Il risultato della
sottrazione è 5.
28 29
31 – 26 = ………………. 30
26 27
31

24 – 18 = ………………. 56 – 48 = ………………. 67 – 59 = ………………. 32 – 27 = ……………….


© Mondadori Education

51 – 43 = ………………. 93 – 87 = ………………. 85 – 77 = ………………. 91 – 88 = ……………….


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione
ODA Calcolare a mente mediante la ricerca del complementare. • CC Competenza matematica
(comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
113
SCHEDA
15

TRUCCHI PER CALCOLI VELOCI


1 Leggi i trucchi, osserva i passaggi per eseguire le operazioni e calcola.
NUMERI

Per aggiungere 9 a un numero aggiungi prima 10 e poi togli 1.

26 1 9 26 1 10 – 1 36 – 1 = …….….…..
37 1 9 …….….….. 1 …….….….. – …….….….. …….….….. – …….….….. = …….….…..

45 1 9 …….….….. 1 …….….….. – …….….….. …….….….. – …….….….. = …….….…..

Per togliere 9 a un numero togli prima 10 e poi aggiungi 1.

21 – 9 21 – 10 1 1 11 1 1 = …….….…..
45 – 9 …….….….. – …….….….. 1 …….….….. …….….….. 1 …….….….. = …….….…..

63 – 9 …….….….. – …….….….. 1 …….….….. …….….….. 1 …….….….. = …….….…..

Per aggiungere 11 a un numero aggiungi prima 10 e poi ancora 1.

7 1 11 7 1 10 1 1 17 1 1 = …….….…..
19 1 11 …….….….. 1 …….….….. 1 …….….….. …….….….. 1 …….….….. = …….….…..

36 1 11 …….….….. 1 …….….….. 1 …….….….. …….….….. 1…….….….. = …….….…..

Per togliere 11 a un numero togli prima 10 e poi ancora 1.

26 – 11 26 – 10 – 1 16 – 1 = …….….…..
44 – 11 …….….….. – …….….….. – …….….….. …….….….. – …….….….. = …….….…..
© Mondadori Education

51 – 11 …….….….. – …….….….. – …….….….. …….….….. – …….….….. = …….….…..

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione


ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
114 (applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
SCHEDA
16

CATENE E TABELLE
Completa secondo l’ordine degli operatori.

1 ⫹4 ⫹10 ⫹6 ⫹8 ⫹0 ⫹9 ⫹2
27 66

NUMERI
….…...... ….…...... ….…...... ….…...... ….…...... ….…......

2 – 9 –3 –7 – 20 –5 – 10 –4
95 ….…...... ….…...... ….…...... ….…...... ….…...... ….…......
37

3 ⫹5 –7 ⫹9 –1 ⫹10 –6 ⫹30
46 ….…...... ….…...... ….…...... ….…...... ….…...... ….…......
86

4 73 – 20 ⫹5 –6 ⫹9 –8 ⫹7 –2
58
….…...... ….…...... ….…...... ….…...... ….…...... ….…......

Completa le tabelle.

5 16 45 36 81
⫹4 …….….….. …….….….. …….….…..
– …….….…..
…….….…..
27 …….….…..
13 …….….…..
78 …….….…..

6 58 99 80 38
–9 …….….….. …….….….. …….….…..
⫹ …….….…..
…….….….. …….….…..
73 47 …….….…..
61 …….….…..

Scopri gli operatori, scrivili sui puntini poi completa le tabelle con i risultati
delle operazioni.
7
48 65 …….….…..
13 …….….…..
74 …….….…..
…….….….. …….….…..

39 …….….…..
24 …….….…..
86 …….….…..
57

8
57 …….….…..
45 …….….…..
60 …….….…..
82
…….….….. …….….…..
© Mondadori Education

64 11 …….….…..
34 …….….…..
93 …….….…..

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione


ODA Completare successioni numeriche. • CC Competenza matematica (utilizzare schemi
e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni).
115
SCHEDA
17

ADDIZIONI E SOTTRAZIONI
1 Calcola le addizioni e cerchia, in ogni coppia, quella che ti è stato
più facile eseguire.
NUMERI

3 1 9 = …….….….. 10 1 5 = …….….….. 6 1 13 = …….….….. 25 1 6 = …….….…..

9 1 3 = …….….….. 5 1 10 = …….….….. 13 1 6 = …….….….. 6 1 25 = …….….…..

◗ Osserva le addizioni e rispondi.


◗ Come sono fra di loro i risultati di ogni coppia di operazioni? ……..…….….…...............….…...
◗ Che cosa cambia da un’operazione all’altra della coppia? …….….…….….…...……...….…....…..….….….…
.….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….…......…..................................…..

◗ Colora la casella che completa correttamente la frase.


Una addizione diventa più semplice quando cominci a contare:

dall’addendo maggiore dall’addendo minore

2 Calcola le sottrazioni poi cambia l’ordine dei numeri e scrivi il risultato quando
è possibile.

9 – 5 = …….….….. 12 – 0 = …….….….. 20 – 10 = …….….….. 8 – 8 = …….….…..

5 – 9 = …….….….. …….….….. – …….….….. = …….….….. …….….….. – …….….….. = …….….….. …….….….. – …….….….. = …….….…..

◗ Colora le caselle che completano correttamente la frase.


Per poter eseguire la sottrazione, il primo numero (minuendo)
deve essere:

maggiore del secondo numero (sottraendo)


minore del secondo numero (sottraendo)
uguale al secondo numero (sottraendo)
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione


ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
116 (applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
SCHEDA
18

PROBLEMI PIÙ O MENO?


Leggi il testo di ogni problema, cerchia i dati in rosso e sottolinea la domanda.
Poi completa e risolvi.

1 Samuele ha 13 figurine della Juve, 2 Nel cestino c’erano 25 fragole.

NUMERI
8 dell’Inter e 32 del Milan. La mamma ne ha prese 12 per
Quante figurine ha in tutto? guarnire una torta.
Quante fragole sono rimaste
Risoluzione nel cestino?
Dati Risoluzione
13 ….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….…. Dati
8 ….….….….….….….….….….….….….….….….…..….….….….….….….….….….….….….….…. 25 ….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….…....….….
32 ….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….…..…...….….….….….….…. 12 ….….….….….….….….….….….….……..….….….….….….….….….….….….….….….…….
Operazione in riga e in colonna Operazione in riga e in colonna
……................….….. ……................….…..

….….….….….….….….….....…...…….….…. = .….….........….…. ….….….….….….….….…...........…….….…. = .….….........….….


……................….….. ……................….…..

……................….….. ……................….…..

Risposta ……................….…..
Risposta
.….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….…..….….….….….….….….….….…...... .….….….….….….….….….….….….….…….….….….….….….….….….….….….…..........….….….…

.….….….….….….….….….….….….….….….….….….…….….….….….….….….….….….…...….…...... . ….….......….….….….….….….….….….…..….….….….….….….….….….….….….….…...….…...... .

Leggi i problemi, cerchia i dati in rosso e sottolinea la domanda.


Poi risolvi sul quaderno.

3 Matteo vuole raggiungere la 4 Nel salvadanaio di Federica


sua baita in montagna. Fa 35 ci sono 39 euro e in quello di
chilometri in autobus e 7 a suo fratello Pietro ce ne sono
piedi. 27.
Quanti chilometri percorre in Quanti euro di differenza?
tutto per raggiungere la baita?
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione


ODA Risolvere problemi di addizione o sottrazione. • CC Comunicazione nella madrelingua (individuare e
elaborare informazioni). • RD Italiano.
117
LIVELLO
1
VERIFICA

SOTTRAZIONE
1 Leggi il problema, osserva il disegno, esegui l’operazione e rispondi.

Le galline hanno fatto 18 uova e


zia Matilde ne usa 6 per fare i suoi
dolci speciali.
Quante uova rimangono?
Operazione
................................................................... = ...................
Risposta Rimangono ..........................................................
.......................................................................................................................................................

Matilde ha preparato 20 dolcetti.


12 sono ciambelle, gli altri sono
grandi bignè alla panna.
Quanti sono i bignè?
Operazione
................................................................... = ...................
Risposta ..............................................................................................................

..................................................................................................................................................... .

2 Esegui le sottrazioni. Se sei in difficoltà aiutati con le dita.


9–6 = ................... 17 – 3 = ................... 34 – 8 = ................... 56 – 10 = ...................
5–5 = ................... 15 – 8 = ................... 61 – 3 = ................... 29 – 4 = ...................
7–4 = ................... 19 – 9 = ................... 95 – 9 = ................... 42 – 5 = ...................
8–0 = ................... 14 – 7 = ................... 86 – 7 = ................... 73 – 6 = ...................
© Mondadori Education

3 Esegui le sottrazioni in colonna senza cambio sul quaderno.


45 – 21 = ................... 77 – 45 = ................... 98 – 46 = ................... 59 – 33 = ...................
63 – 12 = ................... 84 – 33 = ................... 25 – 14 = ................... 68 – 25 = ...................
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione • VERIFICA LIVELLO 1 Rilevazione e valutazione delle abilità
e/o conoscenze di base.
COMPETENZA L’alunno individua la sottrazione come operazione risolutiva con l’ausilio della rappresentazione
118 grafica; esegue semplici sottrazioni a mente e sottrazioni in colonna senza il cambio.
LIVELLO
2

VERIFICA
SOTTRAZIONE
1 Leggi il problema, disegna, esegui l’operazione e rispondi.
Alice e Chiara contano i loro pupazzi di peluche.
Alice ne ha 9 e Chiara ne ha 15.
Quanti pupazzi hanno di differenza?

Disegno

Operazione
................................................................... = ...................

Risposta ..................................................................................................................................................................................................................................................................

2 Esegui le sottrazioni a mente.

75 – 1 = ................... 46 – 10 = ................... 34 – 20 = ................... 85 – 60 = ...................


94 – 1 = ................... 18 – 10 = ................... 55 – 30 = ................... 73 – 20 = ...................
38 – 1 = ................... 61 – 10 = ................... 68 – 40 = ................... 64 – 30 = ...................
57 – 1 = ................... 24 – 10 = ................... 93 – 50 = ................... 52 – 40 = ...................
© Mondadori Education

3 Esegui le sottrazioni in colonna con il cambio sul quaderno.


43 – 15 = ................... 90 – 32 = ................... 31 – 19 = ................... 55 – 26 = ...................
74 – 27 = ................... 62 – 56 = ................... 85 – 48 = ................... 94 – 59 = ...................
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 4 La sottrazione • VERIFICA LIVELLO 2 Verifica del consolidamento
e dello sviluppo delle competenze.
COMPETENZA L’alunno illustra e risolve una situazione problematica di sottrazione;
esegue sottrazioni a mente in colonna.
119
LIVELLO
3
VERIFICA

SOTTRAZIONE
1 Leggi i problemi, esegui le operazioni e rispondi.

Pietro ha disposto 18 birilli. Una comitiva di ragazzi


Lancia la palla e ne rimangono ha ordinato 13 pizze. Ne sono
in piedi 9. già arrivate in tavola 7.
Quanti birilli ha fatto cadere? Quante pizze mancano?

Operazione ................................................................................ Operazione ................................................................................


Risposta .............................................................................................. Risposta ..............................................................................................
...................................................................................................................................... ......................................................................................................................................

2 Esegui le sottrazioni. Osserva l’esempio.

38 – 15 38 – 10 – 5 = ............... 89 – 36 ................................................................. = ...............


64 – 41 ................................................................. = ............... 43 – 22 ................................................................. = ...............

57 – 23 ................................................................. = ............... 75 – 54 ................................................................. = ...............

96 – 52 ................................................................. = ............... 68 – 45 ................................................................. = ...............

3 Esegui le sottrazioni in colonna senza cambio e con il cambio sul quaderno.

73 – 46 = ................... 92 – 61 = ................... 24 – 15 = ................... 46 – 14 = ...................


58 – 32 = ................... 85 – 58 = ................... 60 – 23 = ................... 84 – 57 = ...................

4 Scopri gli operatori, scrivili sui puntini poi completa le tabelle


con i risultati delle operazioni.

19 40 …….….…..
75 …….….…..
38 …….….…..
…….….….. …….….…..

24 …….….…..
62 …….….…..
91 …….….…..
26
© Mondadori Education

73 36 …….….…..
84 …….….…..
60 …….….…..
…….….….. …….….…..

65 …….….…..
12 …….….…..
57 …….….…..
29

PERCORSO 1 Il numero • UNITÀ 4 La sottrazione • VERIFICA LIVELLO 3 Verifica delle competenze acquisite.
COMPETENZA L’alunno risolve situazioni problematiche di sottrazione; esegue sottrazioni a mente applicando
120 strategie di calcolo; esegue sottrazioni in colonna.
PERCORSO 1 • NUMERI
UNITÀ 5 LA MOLTIPLICAZIONE
L’approccio più immediato alla moltiplicazione è quello tramite l’addizione ri-
I problemi di
petuta, perché vicino alle esperienze di vita quotidiana del bambino. Si pre-
moltiplicazione
sentano gruppi equinumerosi di elementi e, per calcolarne il totale, i bambini
probabilmente proporranno di effettuare un’addizione; facendo loro notare che
uno stesso numero è ripetuto più volte, si introduce una notazione più rapida
attraverso una nuova operazione, la moltiplicazione. Si ricorda che il primo ter-
mine della moltiplicazione si riferisce al numero di elementi in ciascun gruppo e
il secondo indica il numero dei gruppi. Parallelamente, o in un secondo tempo,
si propone la moltiplicazione attraverso gli schieramenti, che mettono in evi-
denza molto chiaramente la struttura dell’operazione e permettono
di condurre gli alunni ad intuire la proprietà commutativa.
È opportuno proporre numerose attività di schieramento: prima in
palestra, disponendo i bambini in riga e in fila, poi in classe con ma-
teriale concreto e infine sul quaderno, facendo calcolare i totali sia
con l’addizione ripetuta, sia con la moltiplicazione.
In seguito l’insegnante può chiedere agli alunni se sanno che cos’è
un incrocio precisando che, nel linguaggio comune, il termine in-
dica il punto di incontro tra due strade.
Realizza quindi sul pavimento dell’aula o della palestra, una
mappa del quartiere (reale o immaginario) con nastri di co-
lori diversi che si incrociano perpendicolarmente, ad indicare
le strade, evidenzia gli incroci con cartoncini rotondi e poi
fa rappresentare le diverse situazioni sul quaderno. Ponendo
l’attenzione solo sugli incroci, gli alunni noteranno che sono
disposti come uno schieramento e quindi, per calcolarne il
totale, si procede con una moltiplicazione. Questo tipo di rap-
presentazione consente di dare significato intuitivo alle mol-
tiplicazioni nelle quali uno dei fattori è zero oppure uno
(n 3 1, n 3 0).

La memorizzazione delle tabelline è, probabilmente, una delle attività più


impegnative della classe seconda, anche se si protrae spesso per tutto il pe-
Le tabelline e il
riodo della scuola primaria. Costituisce però un obiettivo fondamentale se si calcolo a mente
vogliono evitare ripercussioni sull’autostima derivanti dal blocco degli ap-
prendimenti connessi (calcolo di moltiplicazioni e divisioni) con conseguente
frustrazione e senso di inadeguatezza. Le tabelline rappresentano una seria
prova di sforzo mentale e, per evitare che i bambini vengano colti dall’an-
sia, può essere utile proporle come una sorta di allenamento per vincere
una sfida con se stessi; in quest’ottica l’insegnante può organizzare giochi e
gare tra squadre. Per imparare le tabelline è fondamentale il lavoro svolto in
classe, ma è necessario anche l’esercizio a casa e quindi l’aiuto dei genitori,
perché la ripetizione e la pratica aiutano la memoria.

Anche per il calcolo delle moltiplicazioni in colonna è consigliabile utilizzare


Il calcolo scritto
gli schemi, sebbene l’operazione non preveda necessariamente un incolon-
namento ordinato, ma è importante abituare gli alunni a precise disposizioni
spaziali, dato che un’impostazione ordinata facilita l’esecuzione del calcolo.
schede Word personalizzabili, schede aggiuntive,
esercizi interattivi, strumenti compensativi per BES, audio dei problemi.
121
Per fare in modo che i bambini si abituino a operare prima con le unità e poi
con le decine, si possono far tracciare piccole frecce di colori diversi.
Nelle moltiplicazioni con il cambio, uno degli errori più frequenti è quello di
dimenticare che il riporto si aggiunge, quindi si può far scrivere il segno 1
davanti alla cifra riportata.

Gli alunni con sospetta discalculia faticano molto a comprendere il concetto


Alunni con BES
della moltiplicazione, quindi se l’insegnante nota che qualche bambino an-
che dopo lunghe esercitazioni, non riesce a imparare le tabelline, deve in-
coraggiarlo e agevolarlo cominciando con il proporgli quelle del 2 e del 5.
Quando il bambino avrà familiarizzato con queste tabelline molto semplici,
l’insegnante può procedere con le altre, ma sempre con un ritmo molto lento
e costante, mediante attività quasi giornaliere di breve durata, diversificate
e giocose.
Si consiglia di appendere alle pareti della classe una tabella su foglio quadret-
tato, sulla quale verranno riportate le tabelline a mano a mano che vengono
proposte. Per aiutare i bambini che hanno difficoltà di ordine spaziale si ri-
tagliano due strisce di carta trasparente di diversi colori, lunghe quanto la
tabella. Per calcolare il risultato, ad esempio di 5 3 3, una coppia di bambini
posiziona una striscia sopra la riga del 5 e l’altra sulla colonna del 3. Nella
casella in cui le strisce si sovrappongono, si legge il prodotto dei due fattori.
Nell’esecuzione delle moltiplicazioni in colonna occorre porre particolare at-
tenzione alla direzionalità d’esecuzione, aiutando sempre il bambino con
le frecce colorate.

Scheda per scheda

Schede Contenuti Indicazioni didattiche e metodologiche


1–2 Addizione ripetuta e Le schede sono suggerimenti per ulteriori esercizi, prendendo spunto dalla
moltiplicazione. vita di classe e dalle esperienze vissute dai bambini.

3–8 Schieramenti e incroci. In palestra far eseguire le attività con i nastri colorati. Quando i bambini
dimostrano sicurezza, somministrare le schede.
9 – 22 Tabelline. Le schede devono essere precedute e affiancate da attività giocose; se si
dispone di una LIM è possibile trovare su Internet una scelta vastissima di
canzoncine, filastrocche e giochi che, se usati bene, possono fare in modo
che il desiderio di cimentarsi in questi esercizi nasca dal bambino stesso.
23 – 25 Moltiplicazioni in colonna. Prima di proporre le schede individualmente, è bene eseguire numero-
se operazioni alla lavagna, verificando che l’alunno riesca a concentrarsi
completamente sull’algoritmo.
26 Problemi. Affiancare problemi di addizione e moltiplicazione per aiutare gli alunni
a riconoscere con facilità due operazioni che calcolano entrambe un tota-
le ma, mentre la prima è eseguibile solo tra quantità dello stesso tipo, la
moltiplicazione opera in genere su grandezze non omogenee. Nel percorso
4 verranno proposte numerose attività di analisi e comprensione del testo
di un problema.

122
SCHEDA
1

ADDIZIONE RIPETUTA
1 Osserva e completa.

Un’addizione ripetuta (con addendi tutti uguali)

NUMERI
può essere sostituita con una moltiplicazione.
Il segno della moltiplicazione è 3, che si legge PER.

2 1 2 1 2 = ………….... fragole.
2 fragole per 3 volte sono ………….... fragole.
2 3 3 = 6 fragole.

………….... 1 ………….... 1 ………….... 1 …………....= ………….... albicocche.


………….... albicocche per ………….... volte sono ………….... albicocche.

………….... 3 ………….... = ………….... albicocche.

………….... 1 ………….... = ………….... banane.


………….... banane per ………….... volte sono ………….... banane.
© Mondadori Education

………….... 3 ………….... = ………….... banane.

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Operare con la moltiplicazione mediante addizione ripetuta. • CC Competenza matematica
(applicare processi matematici al quotidiano). • RD Matematica (relazioni e dati).
123
SCHEDA
2

MOLTIPLICAZIONE
La moltiplicazione è l’operazione che
ripete più volte la stessa quantità.
NUMERI

1 Osserva e completa con l’addizione e con la moltiplicazione.

………….... ⫹ …………....⫹ …………....⫹ ………….... = ………….... ciliegie


………….... ⫻ ………….... = …………....

…………....⫹ ………….... = ………….... zampe


………….... ⫻ ………….... = …………....

…………...……………………………………………………………………………………… = ………….... ruote


………….... ⫻ ………….... = …………....

…………...……………………………………………………………………………………… = ………….... foglie


⫻ ………….... = …………....
© Mondadori Education

…………....

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Operare con la moltiplicazione mediante addizione ripetuta. • CC Competenza matematica
124 (applicare processi matematici al quotidiano). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
3

SCHIERAMENTI IN RIGA
Uno schieramento è il disegno ordinato per righe ( ) e per
colonne ( ) di un gruppo di elementi. Il numero totale degli
elementi di uno schieramento si ottiene con una moltiplicazione.

NUMERI
1 Cerchia di rosso le righe ( ), poi completa con l’addizione e la moltiplicazione.
Osserva l’esempio.

5 in ogni riga, 3 righe


………….... in tutto
5 1 5 1 5 = …………....

5 3 3 = …………....

………….... in ogni riga, ………….... righe


………….... in tutto
………….... 1 ………….... = …………....

………….... 3 ………….... = …………....

………….... in ogni riga, ………….... righe


………….... in tutto
………….... 1 ………….... 1 …………....1 …………....= …………....

………….... 3 ………….... = …………....

………….... in ogni riga, ………….... righe


………….... in tutto
………….... 1 ………….... 1 …………....1 ………….... 1 …………....= …………....
© Mondadori Education

………….... 3 ………….... = …………....


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Operare con la moltiplicazione come schieramento. • CC Competenza matematica
(utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni e dati).
125
SCHEDA
4

SCHIERAMENTI IN COLONNA
1 Cerchia di blu le colonne ( ), poi completa con l’addizione e la moltiplicazione.
Osserva l’esempio.
NUMERI

2 in ogni colonna, 7 colonne


in tutto
…………....

2 ⫹ 2 ⫹ 2 ⫹ 2 ⫹ 2 ⫹ 2 ⫹ 2 = …………....

2 ⫻ 7 = …………....

………….... in ogni colonna, ………….... colonne


………….... in tutto
………….... ⫹ ………….... ⫹ …………....⫹ ………….... ⫹

………….... ⫹ ………….... = …………....

………….... ⫻ ………….... = …………....

………….... in ogni colonna, ………….... colonne


………….... in tutto
………….... ⫹ ………….... ⫹ ………….... ⫹ …………....= …………....

………….... ⫻ ………….... = …………....

………….... in ogni colonna, ………….... colonne


………….... in tutto
………….... ⫹ ………….... ⫹ …………....⫹ ………….... ⫹ ………….... ⫹

………….... ⫹ ………….... ⫹ …………....= …………....


© Mondadori Education

………….... ⫻ ………….... = …………....


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Operare con la moltiplicazione come schieramento. • CC Competenza matematica
126 (utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
5

DISEGNA LO SCHIERAMENTO
1 Rappresenta ogni moltiplicazione con lo schieramento, poi conta e scrivi
il risultato. Usa sempre ✘ come nell’esempio.

7 3 5 = ………….... 4 3 4 = …………....

NUMERI
✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘
✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘
✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘
✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘
✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘

1 3 6 = ………….... 6 3 8 = …………....

10 3 3 = ………….... 9 3 2 = …………....
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Operare con la moltiplicazione come schieramento. • CC Competenza matematica
(utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni e dati).
127
SCHEDA
6

GIRA LO SCHIERAMENTO
1 Scrivi la moltiplicazione rappresentata da ogni schieramento, poi rispondi.
NUMERI

3 ………….... = …………....
………….... 3 ………….... = …………....
…………....

Quanti gelati in tutto? ………….... Quanti gelati in tutto? …………....

………….... 3 ………….... = ………….... ………….... 3 ………….... = …………....


Quante caramelle in tutto? ………….... Quante caramelle in tutto? …………....

………….... 3 ………….... = ………….... ………….... 3 ………….... = …………....


Quanti pasticcini in tutto? ………….... Quanti pasticcini in tutto? …………....
© Mondadori Education

◗ Che cosa osservi? ………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………...........…....


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Operare con la moltiplicazione come schieramento (avvio alla proprietà commutativa). • CC Competenza
128 matematica (utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
7

GLI INCROCI
Quando le linee verticali ( ) incrociano le linee
orizzontali ( ), si formano degli incroci. Il numero
totale degli incroci si calcola con una moltiplicazione.

NUMERI
1 Segna gli incroci e completa. Osserva l’esempio.

Linee verticali: 4 Linee verticali: …………....


Linee orizzontali: 3 Linee orizzontali: …………....
Incroci: 12 Incroci: …………....
4 3 3 = ………….... ………….... 3 ………….... = …………....

Linee verticali: ………….... Linee verticali: …………....


Linee orizzontali: ………….... Linee orizzontali: …………....
Incroci: ………….... Incroci: …………....
3 ………….... = ………….... 3 ………….... = …………....
© Mondadori Education

………….... …………....

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Operare con la moltiplicazione come incrocio. • CC Competenza matematica
(utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni e dati).
129
SCHEDA
8

INCROCI SPECIALI
1 Segna gli incroci, quando puoi, e scrivi la moltiplicazione. Poi rispondi.
NUMERI

9 3 1 = ………….... 4 3 0 = …………....

………….... 3 ………….... = ………….... ………….... 3 ………….... = …………....

………….... 3 ………….... = ………….... ………….... 3 ………….... = …………....

◗ Che cosa succede quando rappresenti moltiplicazioni con il numero 1?


………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….............……………..................…………………………………………………

◗ Che cosa succede quando rappresenti moltiplicazioni con il numero 0?


© Mondadori Education

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..........................……....................………………………………………………

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Operare con la moltiplicazione come incrocio (moltiplicazioni con 0 e 1). • CC Competenza matematica
130 (utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
9

TABELLINA DEL 2
1 Per ogni schieramento scrivi due moltiplicazioni. Osserva l’esempio.

NUMERI
233=6 2 3 ………….... = ………….... ………….... 3 ………….... = …………....
332=6 4 3 ………….... = ………….... ………….... 3 ………….... = …………....

2 Completa. 3 Osserva le moltiplicazioni


dell’esercizio precedente e completa.

231=2 2 3 6 = ………….... 132=2 6 3 2 = …………....


2 3 2 = ………….... 2 3 7 = ………….... 232=4 7 3 2 = …………....
2 3 3 = ………….... 2 3 8 = ………….... 3 3 2 = ………….... 8 3 2 = 16
2 3 4 = ………….... 2 3 9 = ………….... 4 3 2 = ………….... 9 3 2 = …………....
2 3 5 = ………….... 2 3 10 = ………….... 5 3 2 = ………….... 10 3 2 = …………....

4 Completa secondo il comando della freccia. Osserva l’esempio.


12
La freccia dice:

0 2 …….….….. …….….….. …….….….. 10 …….….….. …….….….. …….….….. …….….…..


20

–2
La freccia dice:
© Mondadori Education

20 …….….….. …….….….. …….….…..


12 …….….….. …….….….. …….….….. …….….….. …….….…..
0

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Acquisire la capacità di contare “per 2”. • CC Imparare a imparare (organizzare e sistematizzare
i nuovi apprendimenti). • RD Italiano (abilità funzionali allo studio).
131
SCHEDA
10

IL PAIO
1 paio = 2 oggetti simili che si usano insieme.
NUMERI

1 Osserva e completa.

Quanti sci in tutto?


1 paio di sci
2 3 1 = …………....

Quanti scarponi in tutto?


2 paia di scarponi
2 3 2 = …………....

Quanti guanti in tutto?


3 paia di guanti
………….... 3 ………….... = …………....

Quante calze in tutto?


4 paia di calze
………….... 3 ………….... = …………....

Attenzione!
Un paio di forbici Un solo oggetto con 2 lame

2 A Martina piacciono molto gli occhiali stravaganti e i pantaloncini fantasia.


Disegna secondo le indicazioni.

◗ 5 paia di occhiali. ◗ 4 paia di pantaloncini.


© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Comprendere e applicare il concetto di “paio”. • CC Comunicazione nella madrelingua
132 (conoscere e utilizzare nuovi vocaboli). • RD Italiano.
SCHEDA
11

LA COPPIA
1 coppia = 2 elementi diversi che stanno insieme.

NUMERI
1 Cerchia ogni coppia, rispondi e completa con l’operazione. Osserva l'esempio.

Quante coppie? Quanti bambini?


3 2 3 3 = …………....

Quante coppie? Quanti sposi?


………….... 2 3 ………….... = …………....

Quante coppie? Quanti tennisti?


………….... ………….... 3 ………….... = …………....

Quante coppie? Quanti ballerini?


………….... ………….... 3 ………….... = …………....

Quante coppie? Quanti cani?


………….... ………….... 3 ………….... = …………....
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Comprendere e applicare il concetto di “coppia”. • CC Comunicazione nella madrelingua
(conoscere e utilizzare nuovi vocaboli). • RD Italiano.
133
SCHEDA
12

TABELLINA DEL 3
1 Per ogni schieramento scrivi due moltiplicazioni. Osserva l’esempio.
NUMERI

3 3 4 = ….…..... ….…..... 3 ….…..... = ….…..... ….…..... 3 ….…..... = ….….....


4 3 3 = ….…..... ….…..... 3 ….…..... = ….…..... ….…..... 3 ….…..... = ….….....

2 Completa. 3 Osserva le moltiplicazioni


dell’esercizio precedente e completa.

331=3 3 3 6 = ………….... 133=3 6 3 3 = …………....


3 3 2 = ………….... 3 3 7 = ………….... 2 3 3 = ………….... 7 3 3 = …………....
3 3 3 = ………….... 3 3 8 = ………….... 3 3 3 = ………….... 8 3 3 = …………....
3 3 4 = ………….... 3 3 9 = ………….... 4 3 3 = 12 9 3 3 = …………....
3 3 5 = ………….... 3 3 10 = ………….... 5 3 3 = …………... 10 3 3 = …………....

4 Inserisci il segno corretto: 1 o 3 ?

3 .............
2=5 3 .............
8 = 24 3 .............
7 = 10

3 .............
0=0 3 .............
1=3 3 .............
10 = 30

3 .............
9 = 12 3 .............
6=9 3 .............
7 = 21

3 .............
3=9 3 .............
4 = 12 3 .............
8 = 11
© Mondadori Education

3 .............
9 = 27 3 .............
1=4 3 .............
5 = 15
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Acquisire la capacità di contare “per 3”. • CC Imparare a imparare (organizzare e sistematizzare
134 i nuovi apprendimenti). • RD Italiano (abilità funzionali allo studio).
SCHEDA
13

DOPPIO E TRIPLO
Per trovare il doppio di un numero devi moltiplicare il numero per 2.

NUMERI
1 Osserva e completa con i disegni e i numeri.

QUANTITÀ DOPPIO OPERAZIONE

232=4
Il doppio di 2 è ….….....

3 3 2 = ….….....
Il doppio di 3 è ….….....

3 ….…..... = ….….....
….….....

Il doppio di 4 è ….….....

Per trovare il triplo di un numero devi moltiplicare il numero per 3.

2 Osserva e completa con i disegni e i numeri.

QUANTITÀ TRIPLO OPERAZIONE

2 3 3 = ….….....
Il triplo di 2 è ….….....

3 3 3 = ….….....
Il triplo di 3 è ….….....

3 ….…..... = ….….....
….….....

Il triplo di 4 è ….….....
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Comprendere e applicare il concetto di “doppio” e “triplo”. • CC Comunicazione nella madrelingua
(conoscere e utilizzare nuovi vocaboli). • RD Italiano.
135
SCHEDA
14

TABELLINA DEL 4
1 Completa. 2 Osserva le moltiplicazioni
dell’esercizio precedente e completa.
NUMERI

4 ⫻ 1 = ………….... 4 ⫻ 6 = ………….... 1 ⫻ 4 = ………….... 6 ⫻ 4 = …………....


4 ⫻ 2 = ………….... 4 ⫻ 7 = ………….... 2⫻4=8 7 ⫻ 4 = …………....
4 ⫻ 3 = ………….... 4 ⫻ 8 = ………….... 3 ⫻ 4 = ………….... 8 ⫻ 4 = 32
4 ⫻ 4 = ………….... 4 ⫻ 9 = ………….... 4 ⫻ 4 = ………….... 9 ⫻ 4 = …………....
4 ⫻ 5 = ………….... 4 ⫻ 10 = ………….... 5 ⫻ 4 = ………….... 10 ⫻ 4 = …………....

3 Completa secondo il comando della freccia. Osserva l’esempio.


–3
La freccia dice:

30 27 …….….….. …….….….. …….….….. …….….….. …….….….. …….….….. …….….….. …….….…..


0

–4
La freccia dice:

40 …….….….. …….….….. …….….….. …….….…..


20 …….….….. …….….….. …….….….. …….….…..
0

4 Colora allo stesso modo il piatto e il pasticcino corrispondente. Quale piatto


non ha il suo pasticcino? Indicalo con una ✘.
16 3⫻9
20 2⫻8 2 ⫻ 10
6
15
2⫻6 4⫻9
4⫻8
12 27 3⫻7
4⫻6
36 24
2⫻3 21 3⫻5
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Acquisire la capacità di contare “per 4”. • CC Imparare a imparare (organizzare e sistematizzare
136 i nuovi apprendimenti). • RD Italiano (abilità funzionali allo studio).
SCHEDA
15

TABELLINA DEL 5
1 Completa. 2 Osserva le moltiplicazioni
dell’esercizio precedente e completa.

NUMERI
5 3 1 = ………….... 5 3 6 = ………….... 1 3 5 = ………….... 6 3 5 = …………....
5 3 2 = ………….... 5 3 7 = ………….... 2 3 5 = ………….... 7 3 5 = …………....
5 3 3 = ………….... 5 3 8 = ………….... 3 3 5 = ………….... 8 3 5 = …………....
5 3 4 = ………….... 5 3 9 = ………….... 4 3 5 = ………….... 9 3 5 = …………....
5 3 5 = ………….... 5 3 10 = ………….... 5 3 5 = ………….... 10 3 5 = …………....

3 Completa la tabella.

3 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
0
1 5
2
3
4 36

4 Scrivi una moltiplicazione che ha come risultato il numero scritto nella stellina.
Osserva l’esempio.

433= 12 ………….... 3 ………….... = 28 ………….... 3 ………….... = 0

………….... 3 ………….... = 32 ………….... 3 ………….... = 9 ………….... 3 ………….... = 14

………….... 3 ………….... = 27 ………….... 3 ………….... = 36 ………….... 3 ………….... = 18


© Mondadori Education

………….... 3 ………….... = 16 ………….... 3 ………….... = 20 ………….... 3 ………….... = 24


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Acquisire la capacità di contare “per 5”. • CC Imparare a imparare (organizzare e sistematizzare
i nuovi apprendimenti). • RD Italiano (abilità funzionali allo studio).
137
SCHEDA
16

TABELLINA DEL 6
1 Completa. 2 Osserva le moltiplicazioni
dell’esercizio precedente e completa.
NUMERI

6 3 1 = ………….... 6 3 6 = ………….... 1 3 6 = ………….... 6 3 6 = …………....


6 3 2 = ………….... 6 3 7 = ………….... 2 3 6 = ………….... 7 3 6 = …………....
6 3 3 = ………….... 6 3 8 = ………….... 3 3 6 = ………….... 8 3 6 = …………....
6 3 4 = ………….... 6 3 9 = ………….... 4 3 6 = ………….... 9 3 6 = …………....
6 3 5 = ………….... 6 3 10 = ………….... 5 3 6 = ………….... 10 3 6 = …………....

3 Trasforma ogni addizione ripetuta in una moltiplicazione e calcola.


212121212 2 3 5 = …………....
31313 ………….... 3 ………….... = …………....

5151515 ………….... 3 ………….... = …………....

212 ………….... 3 ………….... = …………....

41414141414 ………….... 3 ………….... = …………....

4 Trasforma ogni moltiplicazione in una addizione ripetuta e calcola.


433 4 1 4 1 4 = …………....
335 ………….... 1 ………….... 1 ………….... 1 ………….... 1 ………….... = …………....

234 …………..……..……..……..……..……..……..…….....................……..……..……..……..……...…….... = …………....


535 …………..……..……..……..……..……..……..…….....................……..……..……..……..……...…….... = …………....

332 …………..……..……..……..……..……..……..…….....................……..……..……..……..……...…….... = …………....

5 Collega ogni moltiplicazione al suo risultato.

2 3 10 338 439 538 633

24 36 18 20 40

634 239 435 636 4 3 10


© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Acquisire la capacità di contare “per 6”. • CC Imparare a imparare (organizzare e sistematizzare
138 i nuovi apprendimenti). • RD Italiano (abilità funzionali allo studio).
SCHEDA
17

TABELLINA DEL 7
1 Completa. 2 Osserva le moltiplicazioni
dell’esercizio precedente e completa.

NUMERI
7 3 1 = ………….... 7 3 6 = ………….... 1 3 7 = ………….... 6 3 7 = …………....
7 3 2 = ………….... 7 3 7 = ………….... 2 3 7 = ………….... 7 3 7 = …………....
7 3 3 = ………….... 7 3 8 = ………….... 3 3 7 = ………….... 8 3 7 = …………....
7 3 4 = ………….... 7 3 9 = ………….... 4 3 7 = ………….... 9 3 7 = …………....
7 3 5 = ………….... 7 3 10 = …………..... 5 3 7 = ………….... 10 3 7 = …………....

3 Completa le tabelle.

3 7 0 3 5 6 1 3 4 9 7 2 3 0
5 ………..... ………..... ………..... ………..... ………..... ……….....
3 ………..... ………..... ………..... ………..... ………..... ……….....

3 9 2 4 3 8 0 3 3 7 5 9 1 4
4 ………..... ………..... ………..... ………..... ………..... ……….....
6 ………..... ………..... ………..... ………..... ………..... ……….....

4 Colora solo le nuvolette che contengono il risultato esatto.

638= 36 42 48 435= 20 24 16

539= 45 54 35 636= 30 46 36

335= 12 15 18 239= 12 18 16

436= 20 24 28 538= 30 40 45

5 Scrivi due moltiplicazioni per ogni risultato.

………….... 34 3 3 ………….... ………….... 32 6 3 …………....


24 21 12 30
© Mondadori Education

4 3 ………….... ………….... 33 2 3 ………….... ………….... 36


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Acquisire la capacità di contare “per 7”. • CC Imparare a imparare (organizzare e sistematizzare
i nuovi apprendimenti). • RD Italiano (abilità funzionali allo studio).
139
SCHEDA
18

TABELLINA DELL’8
1 Completa. 2 Osserva le moltiplicazioni
dell’esercizio precedente e completa.
NUMERI

8 3 1 = ………….... 8 3 6 = ………….... 1 3 8 = ………….... 6 3 8 = …………....


8 3 2 = ………….... 8 3 7 = ………….... 2 3 8 = ………….... 7 3 8 = …………....
8 3 3 = ………….... 8 3 8 = ………….... 3 3 8 = ………….... 8 3 8 = …………....
8 3 4 = ………….... 8 3 9 = ………….... 4 3 8 = ………….... 9 3 8 = …………....
8 3 5 = ………….... 8 3 10 = ………….... 5 3 8 = ………….... 10 3 8 = …………....

3 Colora allo stesso modo il riquadro della moltiplicazione e la pallina


con il risultato.

637 539 436 631 737 538


732 330 733 438 333 739
431 636 537 536 738 630

45 42 40 56
30
35 6
21
0 63
49
14 0
4 36 24 9 32

4 Completa le sequenze.
34 35 32 37
© Mondadori Education

2 ….…...... ….…......
3 ….…...... ….…......

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Acquisire la capacità di contare “per 8”. • CC Imparare a imparare (organizzare e sistematizzare
140 i nuovi apprendimenti). • RD Italiano (abilità funzionali allo studio).
SCHEDA
19

TABELLINA DEL 9
1 Completa. 2 Osserva le moltiplicazioni
dell’esercizio precedente e completa.

NUMERI
9 3 1 = ………….... 9 3 6 = ………….... 1 3 9 = ………….... 6 3 9 = …………....
9 3 2 = ………….... 9 3 7 = ………….... 2 3 9 = ………….... 7 3 9 = …………....
9 3 3 = ………….... 9 3 8 = ………….... 3 3 9 = ………….... 8 3 9 = …………....
9 3 4 = ………….... 9 3 9 = ………….... 4 3 9 = ………….... 9 3 9 = …………....
9 3 5 = ………….... 9 3 10 = ………….... 5 3 9 = ………….... 10 3 9 = …………....

3 Completa le tabelle.

3 7 3 4 3 3 3 8 3 6
5 0 4 7 1
3 8 2 5 3
6 7 1 6 8
4 6 5 4 6

4 Colora solo i palloncini che danno il risultato scritto sul mattoncino.

834 833 634


639
3 3 10 837
838
735 733 436
536 739
635 738 734
© Mondadori Education

30 56 24
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Acquisire la capacità di contare “per 9”. • CC Imparare a imparare (organizzare e sistematizzare
i nuovi apprendimenti). • RD Italiano (abilità funzionali allo studio).
141
SCHEDA
20

TABELLINA DEL 10
1 Completa. 2 Osserva le moltiplicazioni
dell’esercizio precedente e completa.
NUMERI

10 3 1 = ………….... 10 3 6 = ………….... 1 3 10 = ………….... 6 3 10 = …………....


10 3 2 = ………….... 10 3 7 = ………….... 2 3 10 = ………….... 7 3 10 = …………....
10 3 3 = ………….... 10 3 8 = ………….... 3 3 10 = ………….... 8 3 10 = …………....
10 3 4 = ………….... 10 3 9 = ………….... 4 3 10 = ………….... 9 3 10 = …………....
10 3 5 = ………….... 10 3 10 = ………….... 5 3 10 = ………….... 10 3 10 = …………....

3 Colora con la tinta corrispondente a ogni moltiplicazione.

335 marrone 736 rosso 536 rosa


934 nero 639 azzurro 339 arancione
835 giallo 738 viola 535 fucsia
438 blu 932 verde 237 grigio

40 32 54 25
40

25 25
54 40 42 56 56
54 32 25 25
15 32
40 30 14 56 14
40

18
18 27 18

18
27 15
27
18
40
36 40
36
© Mondadori Education

14
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Acquisire la capacità di contare “per 10”. • CC Imparare a imparare (organizzare e sistematizzare
142 i nuovi apprendimenti). • RD Italiano (abilità funzionali allo studio).
SCHEDA
21

TABELLINE… AL COMPLETO!
1 Ecco la tabella completa della moltiplicazione: puoi usarla per ripassare
le tabelline di tanto in tanto, oppure come aiuto per eseguire le moltiplicazioni.
Segui le istruzioni in basso e poi calcola.

NUMERI
3 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

1 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

2 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20

3 3 6 9 12 15 18 21 24 27 30

4 4 8 12 16 20 24 28 32 36 40

5 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50

6 6 12 18 24 30 36 42 48 54 60

7 7 14 21 28 35 42 49 56 63 70

8 8 16 24 32 40 48 56 64 72 80

9 9 18 27 36 45 54 63 72 81 90

10 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100

◗ Per eseguire la moltiplicazione 3 3 2:

◗ cerca il numero 3 sulla colonna grigia;


3 1 2 3 4
◗ cerca il numero 2 sulla riga grigia;
1 1 2 3 4
◗ all’incrocio tra la riga e la colonna trovi il risultato (6).
2 2 4 6 8
5 3 10 = ………….... 7 3 4 = ………….... 8 3 8 = …………....
3 3 6 9 12 10 3 6 = ………….... 5 3 3 = ………….... 7 3 5 = …………....
4 3 8 = ………….... 9 3 7 = ………….... 9 3 6 = …………....
© Mondadori Education

4 4 8 12 16
8 3 9 = ………….... 6 3 3 = ………….... 6 3 7 = …………....
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
143
SCHEDA
22

PROBLEMI… CON LE TABELLINE


Leggi, osserva il disegno e completa. Osserva gli esempi.

1 Marta ha comprato 5 confezioni


NUMERI

di succhi di frutta.
Ogni confezione contiene 3 succhi.
Quanti succhi ha comprato in tutto?

Operazione 3 3 5 = …………....
Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...

2 La nonna ha infornato 2 teglie


di biscotti. In ogni teglia ha messo
8 biscotti.
Quanti biscotti ha infornato in tutto?

Operazione 8 3 ………….... = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...

3
Nel cassetto della cattedra ci sono
4 scatole di penne rosse.
In ogni scatola ci sono 6 penne.
Quante penne ci sono in tutto?

Operazione ………………..……..……..……....…….... = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Operare con la moltiplicazione in situazioni rappresentate graficamente.
144 • CC Comunicazione nella madrelingua (comprendere testi di tipo diverso). • RD Italiano.
SCHEDA
23

MOLTIPLICAZIONI IN COLONNA
1 Leggi le istruzioni, poi esegui le moltiplicazioni in colonna.

13 3 2 =

NUMERI
• Metti in colonna il 1° fattore
(13) e il 2° fattore (2). da u
• Moltiplica il 2° fattore (2) per
le unità del 1° fattore (3): 1 3 3 1° fattore
2 3 3 = 6.
• Moltiplica il 2° fattore (2) per 2 = 2° fattore
le decine del 1° fattore (1):
2 3 1 = 2. 2 6 prodotto

da u da u da u da u
2 2 3 3 3 3 1 2 3 2 3 3

3 = 2 = 4 = 2 =
…...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...….

da u da u da u da u
2 0 3 2 1 3 1 1 3 3 2 3

3 = 4 = 5 = 3 =
…...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...….

Esegui le moltiplicazioni in colonna sul quaderno.

2 44 3 2 = 3 40 3 2 = 4 43 3 2 = 5 11 3 6 =
11 3 9 = 23 3 3 = 22 3 4 = 31 3 3 =
20 3 4 = 14 3 2 = 34 3 2 = 10 3 7 =
© Mondadori Education

21 3 3 = 32 3 2 = 41 3 2 = 13 3 3 =
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Eseguire moltiplicazioni in colonna senza cambio. • CC Competenza matematica
(comprendere ed eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
145
SCHEDA
24

MOLTIPLICAZIONI CON IL CAMBIO • 1


1 Leggi le istruzioni, poi esegui le moltiplicazioni in colonna con il cambio.
NUMERI

• Moltiplica il 2° fattore (3) per


le unità del 1° fattore (4):
14 3 3 =
3 3 4 = 12.
• Scrivi 2 sotto le unità e da u
riporta 1 decina nella colonna 1
delle decine. 1 4 3 1° fattore
• Moltiplica il 2° fattore (3) per
le decine del 1° fattore (1):
3 3 1 = 3. 3 = 2° fattore
• Aggiungi la decina del riporto 4 2 prodotto
(3 1 1 = 4) e scrivi 4 sotto
le decine.

da u da u da u da u

1 7 3 2 5 3 1 3 3 1 4 3

5 = 2 = 4 = 6 =
…...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...….

da u da u da u da u

1 5 3 1 2 3 1 3 3 1 6 3

2 = 8 = 5 = 2 =
© Mondadori Education

…...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...….

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Eseguire moltiplicazioni in colonna con il cambio. • CC Competenza matematica
146 (comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
25

MOLTIPLICAZIONI CON IL CAMBIO • 2


1 Esegui le moltiplicazioni in colonna.

15 3 4 = 12 3 6 = 19 3 2 = 14 3 4 =

NUMERI
da u da u da u da u

…...…. …...….
3 …...…. …...….
3 …...…. …...….
3 …...…. …...….
3
…...…. ......... = …...…. ......... = …...…. ......... = …...…. ......... =
…...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...….

24 3 3 = 39 3 2 = 18 3 3 = 46 3 2 =
da u da u da u da u

…...…. …...….
3 …...…. …...….
3 …...…. …...….
3 …...…. …...….
3
…...…. ......... = …...…. ......... = …...…. ......... = …...…. ......... =
…...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...….

16 3 6 = 13 3 6 = 17 3 3 = 28 3 3 =
da u da u da u da u

…...…. …...….
3 …...…. …...….
3 …...…. …...….
3 …...…. …...….
3
…...…. ......... = …...…. ......... = …...…. ......... = …...…. ......... =
…...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...…. …...….

Esegui le moltiplicazioni in colonna sul quaderno.

2 3 4 5
27 3 3 = 19 3 4 = 45 3 2 = 27 3 2 =
35 3 2 = 25 3 3 = 17 3 4 = 15 3 6 =
18 3 5 = 23 3 4 = 29 3 3 = 38 3 2 =
© Mondadori Education

28 3 2 = 36 3 2 = 24 3 4 = 14 3 5 =
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione
ODA Eseguire moltiplicazioni in colonna con il cambio. • CC Competenza matematica
(comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
147
SCHEDA
26

PROBLEMI PIÙ O PER?


Leggi il testo di ogni problema, cerchia i dati in rosso e sottolinea la domanda.
Poi completa e risolvi.
NUMERI

1 Il pasticcere ha preparato 63 2 Nella vetrina della pasticceria


bignè al cioccolato e 35 alla ci sono 3 vassoi. In ogni
crema. vassoio ci sono 25 pasticcini.
Quanti bignè ha preparato Quanti pasticcini ci sono
in tutto? in tutto in vetrina?
Risoluzione Risoluzione
Dati Dati
63 …………………………………………………………….. 25 ……………………………………………………………..
35 ……………………………………………………………… 3 …………………………….....………………………………….
Operazione in riga e in colonna Operazione in riga e in colonna
……................….….. ……................….…..
……………………. = ………… ……………………. = …………
……................….….. ……................….…..

……................….….. ……................….…..

Risposta: Risposta
……………………………………………………………………………………………………………………….… ……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………….....………. . ….………………………………………………………………………………………………….....………. .

Leggi i problemi, cerchia i dati in rosso e sottolinea la domanda.


Poi risolvi sul quaderno.

3 Per il torneo di palla prigioniera 4 Nel palazzo di via Verdi


sono state formate 7 squadre ci sono 24 finestre aperte
da 12 giocatori ciascuna. e 18 chiuse.
Quanti giocatori partecipano Quante finestre ha in tutto
al torneo? il palazzo?
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 5 La moltiplicazione


ODA Risolvere problemi di addizione o moltiplicazione. • CC Comunicazione nella madrelingua
148 (individuare ed elaborare informazioni). • RD Italiano.
LIVELLO
1

VERIFICA
MOLTIPLICAZIONE
1 Osserva gli schieramenti e completa le moltiplicazioni.

8 3 ………….... = ………….... 6 3 ………….... = ………….... 5 3 ………….... = ………….... 7 3 ………….... = …………....

Leggi i problemi, osserva il disegno, esegui l’operazione e rispondi.

2
Pietro ha comprato 3 confezioni
d’acqua. Ogni confezione contiene
6 bottiglie.
Quante bottiglie ha comprato in tutto?
Operazione
………………………………………..................…………….. = …………....
Risposta In tutto …………....…....….................................….......…....…......…..

3 Marta ha realizzato 5 braccialetti per


le amiche. In ogni braccialetto ha
messo 9 conchiglie.
Quante conchiglie ha usato in tutto?
Operazione
………………………………………..................…………….. = …………....
Risposta ...…....…...…....…...…..............................…………....….......…....….......…....…......…..
© Mondadori Education

4 Esegui le moltiplicazioni in colonna senza cambio sul quaderno.


12 3 3 = 21 3 2 = 13 3 2 = 20 3 4 =
11 3 4 = 30 3 3 = 11 3 6 = 23 3 3 =

PERCORSO 1 Moltiplicazione • UNITÀ 5 La moltiplicazione • VERIFICA LIVELLO 1 Rilevazione e valutazione


delle abilità e/o conoscenze di base.
COMPETENZA L’alunno individua la moltiplicazione come operazione risolutiva con l’ausilio
della rappresentazione grafica; esegue moltiplicazioni in colonna senza cambio.
149
LIVELLO
2
VERIFICA

MOLTIPLICAZIONE
1 Rappresenta ogni moltiplicazione con lo schieramento,
poi conta e scrivi il risultato. Usa sempre le ✘.
9 3 3 = ………….... 4 3 6 = …………....

✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘ ✘✘ ✘

2 Leggi il problema, disegna, esegui l’operazione e rispondi.


La nonna ha preparato per i suoi nipotini 3 sacchetti di caramelle.
Ogni sacchetto contiene 10 caramelle.
Quante caramelle ha usato in tutto?
Disegno
Operazione:

…………....…………....………….... = …………....

Risposta ...…………........…………........…………........…………...........…………........…………........…………........…………........…………........………….......................……........…………..........

3 Calcola a mente. 4 Calcola in colonna sul quaderno.

3 3 5 = ………….... 4 3 4 = ………….... 13 3 3 = ………….... 24 3 3 = …………....


© Mondadori Education

5 3 4 = ………….... 2 3 6 = ………….... 15 3 2 = ………….... 16 3 2 = …………....


2 3 8 = ………….... 3 3 7 = ………….... 11 3 5 = ………….... 12 3 3 = …………....
4 3 7 = ………….... 5 3 9 = ………….... 28 3 2 = ………….... 37 3 2 = …………....

PERCORSO 1 Moltiplicazione • UNITÀ 5 La moltiplicazione • VERIFICA LIVELLO 2 Verifica del consolidamento


e dello sviluppo delle competenze.
COMPETENZA L’alunno illustra e risolve una situazione problematica di moltiplicazione; esegue
150 moltiplicazioni a mente e in colonna.
LIVELLO
3

VERIFICA
MOLTIPLICAZIONE
1 Segna gli incroci e completa.

Linee verticali: ………….... Linee verticali: ………….... Linee verticali: …………....


Linee orizzontali: ………….... Linee orizzontali: ………….... Linee orizzontali: …………....
Incroci: ………….... Incroci: ………….... Incroci: …………....
………….... 3 ………….... = ………….... ………….... 3 ………….... = ………….... ………….... 3 ………….... = …………....

2 Leggi i problemi, esegui le operazioni e rispondi.

In un parcheggio ci sono 7 file di Tommaso ha preparato 8 cassette


auto. In ogni fila ci sono 9 auto. di meloni. In ogni cassetta ci
Quante auto ci sono in tutto nel sono 6 meloni. Quanti meloni
parcheggio? contengono in tutto le cassette?
Operazione ………………..……..……..……..………..……......………….......... Operazione ………………..……..……..……..………..……......…………..........
Risposta …............................................………………......………………............... Risposta …............................................………………......………………...............
.............................………………………………..........................………………………...…………………. .............................………………………………..........................………………………...………………….

3 Calcola a mente. 4 Calcola in colonna sul quaderno.

7 3 5 = ………….... 9 3 7 = ………….... 13 3 7 = ………….... 12 3 4 = …………....


9 3 6 = ………….... 6 3 5 = ………….... 33 3 2 = ………….... 18 3 5 = …………....
© Mondadori Education

8 3 3 = ………….... 10 3 9 = ………….... 19 3 4 = ………….... 11 3 7 = …………....


4 3 7 = ………….... 2 3 9 = ………….... 15 3 5 = ………….... 20 3 5 = …………....
8 3 8 = ………….... 7 3 8 = ………….... 24 3 3 = ………….... 47 3 2 = …………....
PERCORSO 1 Moltiplicazione • UNITÀ 5 La moltiplicazione • VERIFICA LIVELLO 3 Verifica delle competenze
acquisite
COMPETENZA L’alunno risolve situazioni problematiche di moltiplicazione; esegue moltiplicazioni
a mente e in colonna.
151
PERCORSO 1 • NUMERI
UNITÀ 6 LA DIVISIONE
I bambini si muovono con facilità nelle attività che richiedono di distribuire
I problemi di quaderni o materiali da gioco, fare gruppi di lavoro o raggruppamenti di
divisione oggetti, ma poi possono incontrare parecchie difficoltà quando si trovano
a dover codificare queste azioni con una operazione aritmetica. Per questa
ragione è importante introdurre la divisione partendo sempre da situazioni
reali e molto vicine all’esperienza dell’alunno, per passare poi con molta gra-
dualità alla rappresentazione grafica.
Per quanto riguarda la divisione per distribuzione, è opportuno in una prima
fase lasciare liberi i bambini di operare con materiale concreto, intervenendo
poi nello spiegare che il modo più corretto per eseguire tale divisione è quello
di fare i “turni di distribuzione”, cioè distribuire un oggetto per volta ad ogni
bambino, ripartendo sempre dal primo.
Un’altra azione a cui è collegata la divisione è quella del raggruppamento,
tecnica di cui i bambini dovrebbero già avere ampia padronanza per le atti-
vità svolte sui numeri, e il valore posizionale. Sarà quindi semplice per loro
capire che bisogna formare tanti gruppi di uno stesso numero di oggetti.
Per rafforzare i concetti presentati, l’insegnante può creare situazioni di
gioco in palestra: propone agli alunni di dividere la classe in 3 squadre (o
altro numero a seconda di quanti sono gli alunni), sceglie 3 capisquadra e
invita i bambini a disporsi, uno alla volta, dietro ai capisquadra. A distribu-
zione ultimata, l’insegnante spiegherà che si è operato con una divisione
di distribuzione, il cui risultato è il numero di alunni di ogni squadra. Sug-
gerisce poi agli alunni di formare squadre da 6 componenti ciascuna; ogni
alunno pronuncia un numero a partire da 1 e, arrivati a 6, il gruppo si stacca
e la prima squadra è formata. Si riparte da 1 per formare le altre squadre: in
questo caso, si sta operando con una divisione di raggruppamento e il risul-
tato dà il numero delle squadre. In molte situazioni ci saranno dei bambini
che resteranno fuori dalle squadre e saranno, a turno, le riserve. Nel risultato
della divisione i bambini “riserva” rappresentano il resto.
Le attività in palestra guidano gli alunni a capire che, anche per rappresen-
Schieramenti tare una divisione, può essere utile lo schieramento.
Nel caso della moltiplicazione, dovendo calcolare 3 3 3 3 4 = 12
4, si schierano 3 simboli su 4 colonne o 4 su 3 righe 4 3 3 = 12
e si calcola il totale. Per eseguire la divisione 12 : 3 si
schierano invece 12 elementi su 3 colonne e si con- 12 : 4 = 3
tano le righe o, viceversa si schierano su 3 righe e si 12 : 3 = 4
contano le colonne.
Con un solo schieramento quindi, si possono rappresentare ben quattro ope-
razioni. Facendo sperimentare numerose situazioni di moltiplicazione e di-
visione, negli alunni si consoliderà il concetto che nella moltiplicazione gli
elementi vengono considerati tutti insieme (totale), mentre nella divisione
vengono separati e ogni gruppo è considerato a sé. Dopo numerose espe-
rienze pratiche, i bambini giungeranno facilmente al concetto di operazione
inversa e saranno in grado di scoprire i numeri mancanti in frasi aperte
(…....... : 5 = 30); è importante anche, qualora non lo intuiscano da soli, sugge-
rire ai bambini che la moltiplicazione può essere usata per verificare se una
divisione è corretta.

152 schede Word personalizzabili, schede aggiuntive,


esercizi interattivi, strumenti compensativi per BES, audio dei problemi.
Prima di passare all’algoritmo di calcolo, è utile proporre ancora attività di
Divisioni esatte
raggruppamento che inducano i bambini a riflettere sul comportamento del
e con il resto
resto. Si raggruppano piccole quantità di elementi, si invitano i bambini
ad osservare “gli elementi avanzati” e a verbalizzare correttamente ciò che
hanno eseguito: il 3 nel 14 è contenuto 4 volte con il resto di 2. Per sollevare
l’alunno dalla fatica di memorizzare facendo sì che concentri la sua atten-
zione solo sull’algoritmo della divisione, è opportuno guidarlo, in un primo
tempo, al calcolo di divisioni esatte con l’aiuto della tavola pitagorica e solo
in seguito passare alla numerazione sulle dita. In caso di divisioni con il resto
può essere molto utile preparare strisce, come quelle della scheda 12, nelle
quali i quadratini consentono di visualizzare immediatamente il resto tra un
risultato e l’altro.

Gli alunni con sospetta discalculia e gli alunni con problemi legati all’ap-
Alunni con BES
prendimento, incontrano difficoltà in qualsiasi tipo di ragionamento con i
numeri, ancor più nell’interiorizzare l’algoritmo della divisione. Per evitare
che ciò incida sulla loro autostima, occorre concedergli molto tempo e molto
esercizio. Per limitare i carichi di memoria si consiglia di lasciare sempre a
disposizione la tabella della moltiplicazione.

Scheda per scheda


Schede Contenuti Indicazioni didattiche e metodologiche
1–6 Divisione di ripartizione e Le schede sono suggerimenti per ulteriori esercizi prendendo spunto dalla
contenenza. vita di classe e dalle esperienze vissute dai bambini.

7•8 Schieramenti. Far precedere la somministrazione delle schede da giochi in palestra e atti-
vità in classe, schierando oggetti sul banco o sulla LIM.
9 – 13 Divisioni esatte e con resto. Curare particolarmente il momento della verbalizzazione e assicurarsi che
gli alunni abbiano ben chiaro l’utilizzo della tabella e delle strisce con i
quadratini per contare i resti.
14 • 15 Divisioni in colonna. Proporre le divisioni in colonna solo quando gli alunni eseguono con sicu-
rezza le divisioni in riga; se permangono difficoltà posticipare le divisioni
in colonna alla classe terza.
16 • 17 Parole numeri. Come nella moltiplicazione, anche nella divisione si presentano alcuni vo-
caboli che nascondono numeri o operatori. Per aiutare la memorizzazione
è consigliabile preparare dei cartelloni murali con le parole proposte di
volta in volta e i relativi esempi.
18 Pari e dispari. Se sulle pareti dell’aula è stata appesa la linea dei numeri fino a 100, ora è
possibile cerchiare i numeri pari e dispari con due colori diversi. Approfit-
tare poi dei momenti di gioco per usare il classico conteggio del sorteggio
con il “pari o dispari... bim, bum, bam”.
19 – 21 Macchine e operatori. Prima di operare sulle schede, proporre il confronto fra situazioni di mol-
tiplicazione e divisione. Parallelamente alle attività scritte far esercitare gli
alunni oralmente anche con giochi e gare a punti.
22 • 23 Problemi. Affiancare prima problemi di moltiplicazione e divisione e poi problemi
con tutte le operazioni, per avviare l’alunno a una prima forma di catego-
rizzazione.

153
SCHEDA
1

DISTRIBUIRE
Leggi, segui le istruzioni e completa.
1 Distribuisci in numero uguale 6 meringhe sulle 3 torte: mettine una
NUMERI

su ogni torta, poi ricomincia da capo fino a che hai distribuito tutte
le meringhe. Usa le frecce e disegna un sulla torta per ogni meringa
distribuita.

◗ Numero di meringhe
in tutto: …………....
◗ Numero di torte: …………....
◗ Numero di meringhe
in ogni torta: …………....

Le 6 meringhe sono state distribuite in numero uguale su 3 torte.


Su ogni torta ci sono 2 meringhe.

2 Distribuisci in numero uguale 12 fragole in 4 coppe. Usa le frecce e


disegna un sulla coppa per ogni fragola distribuita.

◗ Numero di fragole
in tutto: …………....
◗ Numero di coppe: …………....
◗ Numero di fragole
in ogni coppa: …………....

Le ………….... fragole sono state distribuite in numero uguale su ………….... coppe.


© Mondadori Education

In ogni coppa ci sono ………….... fragole.


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Operare con la divisione in situazioni rappresentate graficamente. • CC Competenza matematica
154 (applicare processi matematici al quotidiano). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
2

DIVIDERE PER DISTRIBUIRE


L’operazione che distribuisce una quantità in parti uguali è
la divisione. Il segno della divisione è :, che si legge DIVISO.

NUMERI
Leggi, segui le istruzioni e completa.
1 Distribuisci in numero uguale i panini nei cestini.

◗ Numero di panini
in tutto: …………....
◗ Numero di cestini: …………....
◗ Numero di panini
in ogni cestino: …………....

8 panini distribuiti in numero uguale in 2 cestini corrispondono a …………....


panini in ogni cestino.
8 : 2 = …………....

2 Distribuisci in numero uguale le pizzette nei piatti.

◗ Numero di pizzette
in tutto: …………....
◗ Numero di piatti: …………....
◗ Numero di pizzette
in ogni piatto: …………....

pizzette distribuite in numero uguale in ………….... piatti corrispondono


…………....

a ………….... pizzette in ogni piatto.


© Mondadori Education

…………... : …………... = …………....


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Operare con la divisione in situazioni rappresentate graficamente. • CC Competenza matematica
(applicare processi matematici al quotidiano). • RD Matematica (relazioni e dati).
155
SCHEDA
3

PROBLEMI DI DISTRIBUZIONE
Leggi, osserva il disegno e completa.

1 Asia distribuisce in parti uguali


NUMERI

8 caramelle tra le sue 4 amiche.


Quante caramelle riceverà ogni
amica?

Operazione …………....……. : …………....……. = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...

2 Il pizzaiolo distribuisce in parti


uguali 12 fette di mozzarella
su 3 pizze.
Quante fette di mozzarella mette
su ogni pizza?

Operazione …………....…................…. = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...

3 Luca ha 15 palloni. Li sistema in


parti uguali in 5 contenitori.
Quanti palloni mette in ogni
contenitore?

Operazione …………....…................…. = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Operare con la divisione in situazioni rappresentate graficamente. • CC Comunicazione
156 nella madrelingua (comprendere testi di tipo diverso). • RD Italiano.
SCHEDA
4

RAGGRUPPARE
Leggi, segui le istruzioni e completa.

1 Raggruppa i gattini in gruppi da 3 gattini ciascuno.

NUMERI
◗ Numero di gatti
in tutto: …………....
◗ Numero di gatti
in ogni gruppo: …………....
◗ Numero di gruppi: ………….....

I 18 gattini sono stati raggruppati in gruppi da 3.


Si sono formati 6 gruppi.

2 Raggruppa i pulcini in gruppi da 5 pulcini ciascuno.

◗ Numero di pulcini
in tutto: …………....
◗ Numero di pulcini
in ogni gruppo: …………....
◗ Numero di gruppi: …………....

I ………….... pulcini sono stati raggruppati in gruppi da …………....


© Mondadori Education

Si sono formati ………….... gruppi.


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Operare con la divisione in situazioni rappresentate graficamente. • CC Competenza matematica
(applicare processi matematici al quotidiano). • RD Matematica (relazioni e dati).
157
SCHEDA
5

DIVIDERE PER RAGGRUPPARE


L’operazione che forma gruppi con
lo stesso numero di elementi è la divisione.
NUMERI

Leggi, segui le istruzioni e completa.


1 Raggruppa i bambini in gruppi da 3.

◗ Numero di bambini
in tutto: …………....
◗ Numero di bambini
in ogni gruppo: …………....
◗ Numero di gruppi: …………....

………….... bambini raggruppati in gruppi da ………….... formano ………….... gruppi.


21 : 3 = …………....

2 Raggruppa i bambini in gruppi da 4.

◗ Numero di bambini
in tutto: …………....
◗ Numero di bambini
in ogni gruppo: …………....
◗ Numero di gruppi: …………....

………….... bambini raggruppati in gruppi da ………….... formano ………….... gruppi.


© Mondadori Education

……......……...…………... = …………....
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Operare con la divisione in situazioni rappresentate graficamente. • CC Competenza matematica
158 (applicare processi matematici al quotidiano). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
6

PROBLEMI DI RAGGRUPPAMENTO
Leggi, osserva il disegno e completa.

1 Alessio ha 25 roselline; forma

NUMERI
mazzolini da 5 fiori ciascuno.
Quanti mazzolini forma?

Operazione …………....……. : …………....……. = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...

2 Nicol ha 30 perle; prepara


braccialetti da 10 perle ciascuno.
Quanti braccialetti prepara?

Operazione …………....…................…. = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...

3 Martina ha 28 fragole; decora


ogni torta con 7 fragole.
Quante torte riesce a decorare?

Operazione …………....…................…. = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Operare con la divisione in situazioni rappresentate graficamente. • CC Comunicazione
nella madrelingua (comprendere testi di tipo diverso). • RD Italiano.
159
SCHEDA
7

SCHIERAMENTI • 1
1 Cerchia le righe, come nell’esempio, e completa.
NUMERI

Quante in tutto? ………….... Quanti in tutto? …………....

Quante righe? ………….... Quante righe? …………....

Quante in ogni riga? …………... Quanti in ogni riga? …………...

18 : 3 = ………….... …………... : …………... = …………....

2 Cerchia le colonne, come nell’esempio, e completa.

Quanti in tutto? ………….... Quante in tutto? …………....


Quante colonne? ………….... Quante colonne? …………....

Quanti in ogni colonna? …………... Quante in ogni colonna? …………...


© Mondadori Education

14 : 7 = ………….... …………... : …………... = …………....


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Operare con la divisione come schieramento. • CC Competenza matematica
160 (utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
8

SCHIERAMENTI • 2
1 Cerchia le righe, leggi e completa.

NUMERI
Quante in tutto? ………….... Quante in tutto? …………....
Quante in ogni riga? ………….. Quante in ogni riga? …………...
Quante righe? ………….... Quante righe? …………....
20 : 5 = ………….... …………... : …………... = …………....

2 Cerchia le colonne, leggi e completa.

Quante in tutto? ………….... Quanti in tutto? …………....

Quante in ogni colonna? …………... Quanti in ogni colonna? …………...

Quante colonne? ………….... Quante colonne? …………....


© Mondadori Education

21 : 3 = ………….... …………... : …………... = …………....


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Operare con la divisione come schieramento. • CC Competenza matematica
(utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni e dati).
161
SCHEDA
9

DIVISIONI ESATTE
1 Raggruppa e completa. Osserva l’esempio.

◗ Raggruppa per 3. ◗ Raggruppa per 6.


NUMERI

Quanti gruppi hai formato? ………….... Quanti gruppi hai formato? …………....
Avanzano elementi? Sì No Avanzano elementi? Sì No
Il 3 nel 12 è contenuto 4 volte. Il 6 nel 30 è contenuto ………….... volte.
12 : 3 = ………….... 30 : 6 = …………....

◗ Raggruppa per 8. ◗ Raggruppa per 7.

Quanti gruppi hai formato? ………….... Quanti gruppi hai formato? …………....
Avanzano elementi? Sì No Avanzano elementi? Sì No
L’8 nel 16 è contenuto ………….... volte. Il 7 nel 21 è contenuto ………….... volte.

16 : 8 = ………….... 21 : 7 = …………....
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Eseguire divisioni in riga senza resto. • CC Competenza in campo tecnologico
162 (applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
SCHEDA
10

DIVISIONI ESATTE CON LA TABELLA


1 Puoi usare la tabella della moltiplicazione anche per eseguire le divisioni:
segui le istruzioni, poi continua tu.

NUMERI
3 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 24 : 8 =
1 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ◗ cerca la riga
con la tabellina
2 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
dell’8;
3 3 6 9 12 15 18 21 24 27 30 ◗ trova sulla
4 4 8 12 16 20 24 28 32 36 40 tabellina dell’8
il numero 24;
5 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 ◗ osserva a
6 6 12 18 24 30 36 42 48 54 60 quale numero
corrisponde il 24
7 7 14 21 28 35 42 49 56 63 70 sulla prima riga
8 8 16 24 32 40 48 56 64 72 80 in alto:
il risultato è 3.
9 9 18 27 36 45 54 63 72 81 90
10 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100

36 : 4 = ………….... 18 : 3 = ………….... 18 : 9 = ………….... 21 : 7 = …………....


16 : 2 = ………….... 35 : 7 = ………….... 42 : 7 = ………….... 36 : 9 = …………....
50 : 10 = ………….... 48 : 6 = ………….... 56 : 8 = ………….... 35 : 5 = …………....
80 : 8 = ………….... 72 : 9 = ………….... 36 : 6 = ………….... 45 : 9 = …………....
21 : 3 = ………….... 30 : 5 = ………….... 72 : 8 = ………….... 90 : 10 = …………....
49 : 7 = ………….... 12 : 4 = ………….... 40 : 5 = ………….... 48 : 8 = …………....

2 Esegui le divisioni: aiutati con la tabella, poi completa le frasi.


7 : 1 = ………….... 6 : 6 = …………....
2 : 1 = ………….... 9 : 9 = ………….... ◗ Se dividi un numero per 1,
10 : 1 = ………….... 3 : 3 = ………….... il risultato è ………………..............................................................................
4 : 1 = ………….... 8 : 8 = ………….... ◗ Se dividi un numero per se stesso,
© Mondadori Education

9 : 1 = ………….... 5 : 5 = ………….... il risultato è ………………..............................................................................


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
163
SCHEDA
11

DIVISIONI CON IL RESTO


1 Raggruppa e completa. Osserva l’esempio.
NUMERI

◗ Raggruppa per 4. ◗ Raggruppa per 5.

Quanti gruppi hai formato? ………….... Quanti gruppi hai formato? …………....
Avanzano elementi? Sì No Avanzano elementi? Sì No
Il 4 nel 21 è contenuto 5 volte Il 5 nel 17 è contenuto …………....
con il resto di 1. volte con il resto di ………….....

21 : 4 = ………….... r ………….... 17 : 5 = ………….... r …………....

◗ Raggruppa per 3. ◗ Raggruppa per 6.

Quanti gruppi hai formato? ………….... Quanti gruppi hai formato? …………....
Avanzano elementi? Sì No Avanzano elementi? Sì No
Il 3 nel 20 è contenuto ………….... Il 6 nel 23 è contenuto …………....
volte con il resto di …………..... volte con il resto di ………….....

20 : 3 = ………….... r ………….... 23 : 6 = ………….... r …………....


© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Eseguire divisioni in riga con il resto. • CC Competenza in campo tecnologico
164 (applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
SCHEDA
12

DIVISIONI CON LE TABELLINE


1 Calcola le divisioni: osserva le tabelline; i quadratini ti aiutano
a calcolare il resto. Osserva gli esempi.

NUMERI
Divisioni senza resto Divisioni con resto

2 4 6 8 10 12 14 16 18 20

12 : 2 = 6 8 : 2 = ………….... 17 : 2 = 8 r 1 19 : 2 = ………….... r …………....


20 : 2 = ………….... 16 : 2 = ………….... 11 : 2 = ………….... r ………….... 13 : 2 = ………….... r …………....
14 : 2 = ………….... 18 : 2 = ………….... 15 : 2 = ………….... r ………….... 9 : 2 = ………….... r …………....

3 6 9 12 15 18 21 24 27 30

15 : 3 = ………….... 27 : 3 = ………….... 14 : 3 = ………….... r ………….... 16 : 3 = ………….... r …………....


24 : 3 = ………….... 30 : 3 = ………….... 20 : 3 = ………….... r ………….... 25 : 3 = ………….... r …………....
21 : 3 = ………….... 12 : 3 = ………….... 17 : 3 = ………….... r ………….... 29 : 3 = ………….... r …………....

4 8 12 16 20 24 28 32 36 40

28 : 4 = ………….... 40 : 4 = ………….... 15 : 4 = ………….... r ………….... 17 : 4 = ………….... r …………....


32 : 4 = ………….... 36 : 4 = ………….... 26 : 4 = ………….... r ………….... 9 : 4 = ………….... r …………....
12 : 4 = ………….... 16 : 4 = ………….... 35 : 4 = ………….... r ………….... 21 : 4 = ………….... r …………....

5 10 15 20 25 30 35 40
45 50

35 : 5 = ………….... 25 : 5 = ………….... 27 : 5 = ………….... r ………….... 19 : 5 = ………….... r …………....


50 : 5 = ………….... 15 : 5 = ………….... 41 : 5 = ………….... r ………….... 44 : 5 = ………….... r …………....
© Mondadori Education

5 : 5 = ………….... 20 : 5 = ………….... 36 : 5 = ………….... r ………….... 8 : 5 = ………….... r …………....


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
165
SCHEDA
13

DIVISIONI
1 Esegui le seguenti divisioni esatte.

: 7 : 4 : 9 : 8 : 6
NUMERI

21 16 9 64 18
7 20 36 32 36
35 28 54 48 60
63 32 72 40 42
49 12 81 56 54

Esegui le seguenti divisioni con il resto.


2 3 4
76 : 9 = ………….... r ………….... 46 : 6 = ………….... r ………….... 36 : 5 = ………….... r …………....
29 : 7 = ………….... r ………….... 21 : 4 = ………….... r ………….... 16 : 7 = ………….... r …………....
11 : 2 = ………….... r ………….... 42 : 5 = ………….... r ………….... 80 : 9 = ………….... r …………....
35 : 8 = ………….... r ………….... 64 : 9 = ………….... r ………….... 34 : 4 = ………….... r …………....
23 : 6 = ………….... r ………….... 44 : 10 = ………….... r …….... 61 : 8 = ………….... r …………....
15 : 4 = ………….... r ………….... 17 : 5 = ………….... r ………….... 43 : 5 = ………….... r …………....
57 : 8 = ………….... r ………….... 31 : 6 = ………….... r ………….... 58 : 9 = ………….... r …………....

5 Completa le sequenze.
:3
:9 :3 6 :2 :5
2
:4

81 ….…...... ….…......
20 ….…...... ….…......

:7 :2 24 :5 :3

42 ….…...... ….…......
30 ….…...... ….…......

:8 :4 :9 :2
© Mondadori Education

64 ….…...... ….…......
90 ….…...... ….…......

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Padroneggiare strategie di calcolo veloce. • CC Competenza in campo tecnologico
166 (applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Matematica (operazioni di base).
SCHEDA
14

DIVISIONI IN COLONNA • 1
1 Leggi le istruzioni, poi esegui le divisioni in colonna.

84 : 2 =

NUMERI
dividendo
• Considera le decine e conta quante da u
/
volte il 2 sta nell’8: il 2 nell’8 sta
4 volte con il resto di 0. 8 4 2 divisore
• Abbassa le unità e conta quante 8 4 2 quoziente
volte il 2 sta nel 4: il 2 nel 4 sta 0 4
2 volte con il resto di 0. 4
0 resto

6 9 3 2 4 2 5 0 5

4 4 4 9 3 3 7 7 7

3 6 2 6 6 6 8 0 2
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Eseguire divisioni in colonna senza resto. • CC Competenza matematica
(comprendere e eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
167
SCHEDA
15

DIVISIONI IN COLONNA • 2
1 Leggi le istruzioni, poi esegui le divisioni in colonna.

69 : 4 =
NUMERI

dividendo
• Considera le decine e conta quante da u
/
volte il 4 sta nel 6: il 4 nel 6 sta 1
volta con il resto di 2. 6 9 4 divisore
• Abbassa le unità a fianco delle 4 1 7 quoziente
decine avanzate e conta quante 2 9
volte il 4 sta nel 29: il 4 nel 29 2 8
sta 7 volte con il resto di 1. 1 resto

5 7 4 7 3 2 6 4 3

7 8 5 4 6 3 8 1 6

9 1 4 3 5 2 9 3 3
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Eseguire divisioni in colonna con il resto. • CC Competenza matematica
168 (comprendere ed eseguire procedure). • RD Matematica (relazioni e dati).
SCHEDA
16

METÀ E TERZA PARTE


Per trovare la metà di un numero, devi dividere il numero per 2.

NUMERI
1 Osserva e completa con i disegni e i numeri.

QUANTITÀ METÀ OPERAZIONE

8:2=4
La metà di 8 è ………….....

10 : 2 = …………....
La metà di 10 è ………….....

: ………….... = …………....
…………....

La metà di 6 è ………….....

Per trovare la terza parte di un numero, devi dividere il numero per 3.

2 Osserva e completa con i disegni e i numeri.

QUANTITÀ TERZA PARTE OPERAZIONE

12 : 3 = …………....
La terza parte di 12 è ………….....

9 : 3 = …………....
La terza parte di 9 è ………….....

: ……….... = …………....
…………....

La terza parte di 15 è ………….....


© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Comprendere e applicare i concetti di “metà” e “terza parte”. • CC Comunicazione
nella madrelingua (conoscere e utilizzare nuovi vocaboli). • RD Italiano.
169
SCHEDA
17

LA DOZZINA
1 Osserva i disegni e scrivi i numeri mancanti.
NUMERI

1 dozzina di uova = ………….... uova.

mezza dozzina di uova = mezza dozzina di uova =


………….... uova. ………….... uova.

2 Disegna:

1 dozzina di

mezza dozzina di

3 Raggruppa per 12 e completa.

………….... dozzine. ………….... dozzine.


4 Calcola e scrivi il totale.
2 dozzine e mezza 12 1 12 1 6 = …………....
3 dozzine 12 1 12 1 12 = …………....
© Mondadori Education

4 dozzine e mezza …………....…………....……….......…....……...........…….... = …………....

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Comprendere e applicare i concetti di “dozzina” e “mezza dozzina”. • CC Comunicazione
170 nella madrelingua (conoscere e utilizzare nuovi vocaboli). • RD Italiano.
SCHEDA
18

PARI E DISPARI
1 Numera per 2 e colora di giallo ogni numero che incontri. Poi completa.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

NUMERI
21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40

◗ I numeri colorati di giallo sono i numeri pari: i numeri pari


terminano per 0, 2, …………...., …………...., ………….....
◗ I numeri non colorati sono i numeri dispari: i numeri dispari
terminano per 1, 3, …………...., …………...., ………….....

2 Esegui le divisioni, poi completa le frasi.


1:2=0r1 8 : 2 = ………….... r ………….... 15 : 2 = ………….... r …………....
2 : 2 = ………….... r ………….... 9 : 2 = ………….... r ………….... 16 : 2 = ………….... r …………....
3 : 2 = ………….... r ………….... 10 : 2 = ………….... r ………….... 17 : 2 = ………….... r …………....
4 : 2 = ………….... r ………….... 11 : 2 = ………….... r ………….... 18 : 2 = ………….... r …………....
5 : 2 = ………….... r ………….... 12 : 2 = ………….... r …….......... 19 : 2 = ………….... r …………....
6 : 2 = ………….... r ………….... 13 : 2 = ………….... r ………….... 20 : 2 = ………….... r ………….....
7 : 2 = ………….... r ………….... 14 : 2 = ………….... r …………....
◗ Un numero che diviso per 2 dà resto 0 è un numero …………....………….....
◗ Un numero che diviso per 2 dà resto diverso da 0 è un
numero …………......................................………….....

3 Trascrivi i numeri nella tabella al posto giusto.


27 • 56 • 8 • 13 • 21 • 44 • 2 PARI DISPARI
19 • 91 • 16 • 20 • 75 • 82 • 49
55 • 26 • 1 • 23 • 38 • 64 • 17
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Riconoscere i numeri pari e i numeri dispari. • CC Comunicazione nella madrelingua
(leggere e capire nuovi vocaboli). • RD Italiano.
171
SCHEDA
19

OPERAZIONI AL CONTRARIO
1 Leggi, osserva i disegni e completa.
NUMERI

4 succhi in ogni 12 succhi in tutto. Il diagramma


confezione. 3 confezioni. completo:
3 confezioni. Allora i succhi in ogni
In tutto …….….….. succhi. confezione sono …….….…...
⫻3 ⫻3

4 …….….….. …….….….. 12 4 12
:3 :3

2 Completa con i risultati e gli operatori mancanti.

⫻7 ⫻4 ⫻3 ⫻8

5 …….….….. 9 …….….….. 10 …….….….. 7 …….….…..

:7 : …….….….. …….….….. …….….…..

:5 :2 :6 :9

45 …….….….. 20 …….….….. 42 …….….….. 72 …….….…..

⫻ …….….….. ⫻ …….….….. …….….….. …….….…..

…….….….. …….….….. …….….….. …….….…..

…….….….. 6 …….….….. 7 …….….….. 30 …….….….. 49


© Mondadori Education

⫻4 ⫻ 10 :5 :7
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Comprendere che la moltiplicazione e la divisione sono operazioni inverse. • CC Competenza matematica
172 (utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni).
SCHEDA
20

MOLTIPLICAZIONI E DIVISIONI • 1
1 Completa secondo l’esempio.
5 3 9 = 45 7 3 3 = ............... 8 3 5 = ............... 9 3 7 = ...............

NUMERI
45 : 5 = ............... 21 : 7 = ............... ............... : 5 = ............... ............... : 7 = ...............

45 : 9 = ............... 21 : 3 = ............... ............... : 8 = ............... ............... : 9 = ...............

4 3 6 = ............... 10 3 6 = ............... 3 3 4 = ............... 8 3 6 = ...............


............... : ............... = ............... ............... : ............... = ............... ............... : ............... = ............... ............... : ............... = ...............

............... : ............... = ............... ............... : ............... = ............... ............... : ............... = ............... ............... : ............... = ...............

2 Collega ogni divisione con l’operazione inversa corrispondente.

938 10 3 4 838
72 : 9 40 : 4 64 : 8
937 10 3 3 839

2 3 10 738 737
15 : 3 56 : 8 42 : 7
533 936 637

3 Completa con i numeri mancanti.

........... 3 3 = 27 ........... 3 8 = 64 ........... : 5 = 10 ........... :2=8


........... 3 7 = 35 ........... 3 5 = 15 ........... :9= 4 ........... :8=4
........... 3 4 = 16 ........... 3 6 = 48 ........... :3= 5 ........... :4=9
........... 3 9 = 54 ........... 3 10 = 90 ........... :6= 2 ........... :9=7

4 Leggi con attenzione e rispondi.


Sara pensa un numero, lo Luca pensa un numero, lo divide
moltiplica per 4 e ottiene 20. per 5 e ottiene 6.
Quale numero aveva pensato? Quale numero aveva pensato?
© Mondadori Education

Il numero ........... . Il numero ........... .


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Cogliere la relazione tra moltiplicazione e divisione. • CC Competenza matematica
(utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni).
173
SCHEDA
21

MOLTIPLICAZIONI E DIVISIONI • 2
1 Leggi con attenzione, poi completa con i risultati e gli operatori.

Il doppio Il triplo
NUMERI

9 32 …….….….. 10 33 …….….…..

La metà La terza parte


:2 :3

Il doppio Il quadruplo
…….….….. …….….…..
…….….….. 16 …….….….. 28
La metà La quarta parte
…….….….. …….….…..

Completa le tabelle.

2 7 5 1 4
…….….….. …….….….. …….….…..
33 : …….….…..
…….….…..
9 …….….…..
24 …….….…..
30 …….….…..

3 10 6 9 3
…….….….. …….….….. …….….…..
38 : …….….…..
…….….…..
56 …….….….. …….….…..
8 32 …….….…..

Scopri gli operatori, scrivili sui puntini, poi completa le tabelle con i risultati
delle operazioni.

4
4 …….….…..
2 …….….…..
6 …….….…..
5
…….….….. …….….…..

16 28 …….….…..
12 …….….…..
40 …….….…..

5
3 …….….…..
7 …….….…..
8 …….….…..
10 …….….…..
…….….…..

27 18 54 81
© Mondadori Education

…….….….. …….….….. …….….…..

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Cogliere la relazione tra moltiplicazione e divisione. • CC Competenza matematica
174 (utilizzare schemi e rappresentazioni di vario tipo). • RD Matematica (relazioni).
SCHEDA
22

PROBLEMI PER O DIVISO?


Leggi il testo di ogni problema, cerchia i dati in rosso e sottolinea la domanda.
Poi completa e risolvi.

NUMERI
1 Nell’armadio della classe ci sono 2 Lisa ha comprato 18 piantine di
4 scatole di gessi. Ogni scatola primule da distribuire in parti
contiene 24 gessi. uguali in 3 aiuole.
Quanti gessi ci sono in tutto? Quante piantine sistema in ogni
aiuola?
Risoluzione Risoluzione
Dati Dati
24 …………………………………………………………….. 18 ……………………………………………………………..
4 ……………………………………………………......………… 3 …………………………….....………………………………….

Operazione in riga e in colonna Operazione in riga


…....….….….…….

……………………. = ………… …....….….….…….


……………………. = …………

…....….….….…….

Risposta Risposta
………………………………………………………………………………………………………………………. ……………………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………………. . .
……………………………………………………………………………………………………………………….

Leggi i problemi, cerchia i dati in rosso e sottolinea la domanda.


Poi risolvi sul quaderno.

3 Nonna Ada distribuisce 20 4 Nel frigo del bar ci sono


crocchette fra i suoi 4 gatti. 5 scatole di cornetti. Ogni
Quante crocchette scatola contiene 12 cornetti.
toccheranno a ogni gatto? Quanti cornetti ci sono in
© Mondadori Education

tutto nel frigo?


PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione
ODA Risolvere problemi di moltiplicazione o divisione. • CC Comunicazione nella madrelingua
(individuare ed elaborare informazioni). • RD Italiano.
175
SCHEDA
23

PROBLEMI CON LE 4 OPERAZIONI


1 Collega ogni problema all’operazione che lo risolve, poi calcola e rispondi.

Per preparare i gusti alle creme Martina prepara le pesche


NUMERI

il gelataio acquista 3 dozzine di sciroppate. Distribuisce 42


uova. pesche in parti uguali in 7
Quante uova acquista in tutto?
1 barattoli. Quante pesche
in ogni barattolo?
Operazione .................................................................................... Operazione ....................................................................................
Risposta ................................................................................................ . Risposta ................................................................................................ .

Il panettiere ha appena sfornato .


Matteo ha 7 anni, la metà degli
85 pagnottine; 48 sono al latte, anni di sua sorella Lisa.
le altre all’olio. Quante sono le Quanti anni ha Lisa?
pagnotte all’olio?
Operazione ....................................................................................
– Operazione ....................................................................................
Risposta .................................................................................................. Risposta ................................................................................................ .

Un pastaio ha preparato 72 Nel giardino di Sara sono


tortelloni giganti alla ricotta. sbocciati 35 tulipani rossi
Li confeziona in pacchi da 9 e 28 tulipani gialli.
tortelloni ciascuno.
Quanti pacchi prepara?
3 Quanti tulipani in tutto?

Operazione .................................................................................... Operazione ....................................................................................


Risposta ................................................................................................ . Risposta ................................................................................................ .

6 coppie di amici pranzano Federico ha risparmiato 27 euro.


insieme al ristorante. Ne spende la terza parte per
Quante sedie occupano? acquistare un’automobilina.

Operazione ....................................................................................
: Quanti euro spende?
Operazione ....................................................................................
Risposta ................................................................................................ . Risposta ................................................................................................ .
© Mondadori Education

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione


ODA Risolvere problemi con le quattro operazioni. • CC Comunicazione nella madrelingua
176 (individuare ed elaborare informazioni). • RD Italiano.
LIVELLO
1

VERIFICA
DIVISIONE
Leggi esegui l’operazione e rispondi.

1 Camilla ha preparato 12
ciambelline da distribuire in parti
uguali fra i suoi 3 nipotini.
Quante ciambelline riceverà ogni
nipotino?
Operazione …………....…................…. = …………....
Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...
2
Fabio ha 20 caramelle e vuole
preparare dei sacchetti con 4
caramelle ciascuno.
Quanti sacchetti usa?

Operazione …………....…................…. = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...

3 Raggruppa come indicato, poi esegui le divisioni.

◗ Raggruppa per 3. ◗ Raggruppa per 5.


© Mondadori Education

Il 3 nel …………..... è contenuto Il 5 nel …………..... è contenuto


………….... volte. ………….... volte.

…………..... : 3 = …………..... …………..... : 5 = ………….....

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione • VERIFICA LIVELLO 1 Rilevazione e valutazione delle abilità e/o
conoscenze di base.
COMPETENZA L’alunno individua la divisione come operazione risolutiva; esegue divisioni mediante l’ausilio
della rappresentazione grafica.
177
LIVELLO
2
VERIFICA

DIVISIONE
Leggi i problemi, disegna, esegui l’operazione e rispondi.
1 Il panettiere ha preparato 18 focaccine e le confeziona in 3 sacchetti.
Quante focaccine mette in ogni sacchetto?

Operazione …………....…................…. = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...

2 Al torneo di minibasket partecipano 24 bambini. Si formano squadre


da 6 bambini ciascuna. Quante squadre si formano?

Operazione …………....…................…. = …………....


Risposta ………………..................................................................................................................……………..................................................................…………………………….…...

3 Calcola le divisioni: aiutati con le tabelline.

3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
21 : 3 = ………….... 18 : 3 = ………….... 25 : 3 = ………….... r ………….... 11 : 3 = ………….... r …………....
9 : 3 = ………….... 12 : 3 = ………….... 17 : 3 = ………….... r ………….... 28 : 3 = ………….... r …………....
© Mondadori Education

4 8 12 16 20 24 28 32 36 40

16 : 4 = ………….... 20 : 4 = ………….... 13 : 4 = ………….... r ………….... 35 : 4 = ………….... r …………....


28 : 4 = ………….... 4 : 4 = ………….... 22 : 4 = ………….... r ………….... 18 : 4 = ………….... r …………....
PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione • VERIFICA LIVELLO 2 Verifica del consolidamento e dello
sviluppo delle competenze.
COMPETENZA L’alunno illustra e risolve situazioni problematiche di divisione; esegue divisioni con l’ausilio
178 della tabellina.
LIVELLO
3

VERIFICA
DIVISIONE
1 Leggi i problemi, esegui le operazioni e rispondi.

Alberto ha 21 rose. Forma dei Il pasticcere ha 30 fiori di


mazzi da 7 rose ciascuno. zucchero. Li distribuisce in parti
Quanti mazzi prepara? uguali su 6 torte.
Quanti fiori mette su ogni torta?

Operazione ......................................................................................... Operazione .........................................................................................


Risposta ..................................................................................................... . Risposta ..................................................................................................... .

2 Esegui le seguenti divisioni 3 Esegui le seguenti divisioni con resto.


senza resto.
64 : 8 = ………….... 36 : 6 = ………….... 16 : 5 = ………….... r ………….... 51 : 7 = ………….... r …………....
36 : 9 = ………….... 12 : 4 = ………….... 31 : 4 = ………….... r ………….... 20 : 6 = ………….... r …………....
18 : 3 = ………….... 45 : 5 = ………….... 46 : 8 = ………….... r ………….... 17 : 2 = ………….... r …………....
21 : 7 = ………….... 80 : 10 = ………….... 67 : 9 = ………….... r ………….... 44 : 5 = ………….... r …………....
40 : 8 = ………….... 8 : 2 = ………….... 25 : 3 = ………….... r ………….... 33 : 9 = ………….... r …………....
72 : 9 = ………….... 42 : 6 = ………….... 42 : 8 = ………….... r ………….... 78 : 10 = ………….... r …………....

4 Completa le frasi: inserisci il numero giusto.


◗ 8 è la metà di …………..... ◗ 9 è la terza parte di ………….....
◗ 14 è il doppio di …………..... ◗ 15 è il triplo di ………….....
◗ …………..... è la metà di 20 ◗ …………..... è la terza parte di 21
◗ …………..... è il doppio di 9 ◗ …………..... è il triplo di 10

5 Leggi, calcola a mente e rispondi.

Pietro ha 16 figurine. Il suo La mamma ha preparato 27 biscotti.


© Mondadori Education

amico Alessio ne ha la metà. Chiara ne ha mangiati la terza parte.


Quante figurine ha Alessio? Quanti biscotti ha mangiato Chiara?
Risposta ................................................................................................... . Risposta ...............................................................................................................

PERCORSO 1 Numeri • UNITÀ 6 La divisione • VERIFICA LIVELLO 3 Verifica delle competenze acquisite.
COMPETENZA L’alunno risolve situazioni problematiche di divisione; esegue divisioni senza resto e con resto;
comprende la relazione tra moltiplicazione e divisione.
179
TEST
VERIFICA

Leggi con attenzione le seguenti domande


e indica con una ✘ la risposta giusta.
1 Osserva questa sequenza di 4 Nello schema la somma dei
numeri. Quali numeri sono numeri in orizzontale deve
coperti dalle macchie? essere uguale alla somma dei
numeri in verticale. Quale
29 29 29 29 numero va scritto nella casella
con il pallino?
35 26 17
2 9
A. 44 e 8 3 A. 4
B. 8 e 43 B. 6
5
C. 43 e 9 C. 8

2 Quale è la regola da seguire per 5 La classe prima è formata


completare la tabella? da 21 alunni e la classe
seconda da 24. Tutti i bambini
e 4 maestre, salgono su un
…….….…..
pullman da 54 posti per una
A. :1 gita scolastica. Quanti posti
3 1 B. :2 rimangono liberi sul pullman?
6 2 C. :3
9 3 A. 5 B. 7 C. 4

3 In una gara di corsa Andrea 6 Osserva questa linea dei


è arrivato secondo e Pietro numeri.
è arrivato settimo. Quanti
48 53 59
bambini sono arrivati dopo di
Andrea e prima di Pietro?
40 50 60
A. 6 B. 4 C. 3 Uno dei numeri nei riquadri
© Mondadori Education

è nella posizione sbagliata.


Quale?
A. 48 B. 53 C. 59

PERCORSO 1 Numeri
180 PROCESSO COGNITIVO Conoscere e padroneggiare numeri e procedure.
PERCORSO 2 • SPAZIO E FIGURE
UNITÀ 1 LE POSIZIONI E I PERCORSI
Per guidare gli alunni alla costruzione del concetto di spazio è necessario
L’orientamento
proporre attività che comprendano non solo verbalizzazioni e rappresenta-
spaziale
zioni grafiche ma anche numerose esperienze concrete di tipo psicomoto-
rio, affinché i bambini acquisiscano la consapevolezza del proprio corpo, in
relazione allo spazio e agli altri elementi che lo compongono. In questo senso
hanno una indiscussa valenza formativa geometrica tutti i giochi che si pos-
sono svolgere in cortile o in palestra (giochi con la palla, gioco dei quattro
cantoni, gioco della campana…), in quanto offrono contesti ricchi di espe-
rienze motivanti e regolamentate.
Prima di passare dalla fase corporea a quella più specificatamente manipola-
toria e di rappresentazione, verbale e grafica, è necessario riprendere alcuni
degli indicatori spaziali già proposti in classe prima, in particolare i concetti di
destra e sinistra, rispetto sia all’osservatore sia ad altro elemento.
L’insegnante può proporre diversi giochi: fa disporre gli alunni in
fila indiana e chiede di alzare il braccio destro, piegare la gamba
sinistra… e così via; oppure, disposti in riga con il viso rivolto
all’insegnante, li fa spostare tutti insieme verso destra o sinistra;
infine li divide a coppie per giocare al gioco dello specchio: uno
di fronte all’altro, i bambini devono muoversi contemporane-
amente secondo le consegne: “Alziamo tutti il braccio sinistro
verso l’alto, spostiamo in fuori la gamba destra ecc.”; durante lo
svolgimento dell’esercizio, l’insegnante fa notare ai bambini le
reciproche posizioni e chiede di esporre le loro osservazioni.

L’insegnante ripropone l’esecuzione di percorsi, dapprima su una


griglia che potrà essere disegnata sul pavimento, poi su carta (possibilmente I percorsi
centimetrata) utilizzando le frecce numerate. Per approfondire il concetto di
verso e direzione invita gli alunni, dopo aver completato un percorso, a scri-
vere le istruzioni del percorso inverso, guidandoli a osservare che le istruzioni
sono in ugual numero e le frecce che si corrispondono hanno la stessa dire-
zione (orizzontale, verticale) ma verso opposto (alto/basso, destra/sinistra).

Dopo varie esperienze corporee, spontanee o organizzate, i bambini hanno Mappe e griglie
preso coscienza dei loro spostamenti nello spazio reale e tridimensionale. Ma
occorre che l’insegnante li guidi a individuare i corretti riferimenti anche
sul piano per abituarli a fissare sistemi di riferimento, seppur ancora molto
semplici, ma che consentano di introdurre la nozione di coppia ordinata di
coordinate. Numerosi sono i giochi che consentono di creare un contesto
motivante alla individuazione di caselle e incroci mediante coordinate nume-
riche, il più conosciuto è “battaglia navale”, che può essere riproposto con le
medesime regole ma, sostituendo alle navi, simboli di giocattoli o animali…
Dopo la fase di gioco si passa alle attività su schede per guidare gli alunni
ad individuare una casella o un incrocio date le coordinate e, viceversa,
indicare le coordinate di un oggetto posto in una determinata posizione.
Si ripropongono i percorsi anche su mappe e griglie, sia con indicazioni pre-
valentemente verbali sia con il codice freccia-numero; grazie alle coordinate
gli alunni possono determinare con precisione e comunicare ai compagni il
punto di arrivo e di partenza.

schede aggiuntive. 181


I bambini con bisogni educativi speciali, spesso evidenziano scarse capa-
Alunni con BES cità di coordinazione e orientamento e una limitata consapevolezza dello
schema corporeo. Le cause possono essere diverse: irregolarità nella latera-
lizzazione, problemi motori trascurati o, semplicemente, forte emotività. L’in-
segnante che evidenzia queste difficoltà durante le attività e i giochi che pro-
pone all’aperto o in palestra, deve tener presente che, spesso, questi bambini
hanno bisogno di molto tempo per acquisire una lateralizzazione definita,
quindi nel corso di tutto l’anno scolastico, è opportuno riprendere attività
mirate all’esecuzione, pratica e su carta, di percorsi e alla individuazione di
posizioni con particolare attenzione alla fase corporea e di manipolazione.
Al momento della rappresentazione grafica l’insegnante deve rassicurare e
guidare gli alunni che hanno ancora difficoltà ad organizzarsi nello spazio
del foglio o del quaderno con ordine e precisione, lodando ogni loro passo in
avanti, per quanto piccolo.

Scheda per scheda

Schede Contenuti Indicazioni didattiche e metodologiche


1–3 Indicatori spaziali e posizioni. Le attività relative all’orientamento vanno svolte in collaborazione con le
insegnati di geografia, arte e immagine, educazione fisica. Prima di sommi-
nistrare le schede proporre quindi giochi e attività di tipo corporeo e mani-
polatorio. Ad esempio, per individuare punti nel piano, tracciare sul pavi-
mento una grande scacchiera con nove o più caselle; i bambini si muovono
sulla scacchiera secondo le indicazioni dell’insegnante o di un compagno.
4•5 Percorsi. Far eseguire percorsi su una griglia tracciata sul pavimento; durante l’ese-
cuzione il bambino può tenere il braccio teso in avanti per indicare la
direzione in cui si sta muovendo. Ogni passo deve corrispondere a un lato
del quadretto; in tal modo si può misurarne la lunghezza. L’insegnante fa
eseguire il medesimo percorso in senso inverso, contando i passi; poi chie-
de agli alunni se la lunghezza è cambiata o è rimasta invariata.
6–9 Mappe e griglie. Per abituare gli alunni a verbalizzare quanto realizzato graficamente con
un linguaggio corretto e appropriato, si introduce fin d’ora il termine “co-
ordinate”. È importante ricordare ai bambini di leggere prima le coordinate
delle colonne e poi quelle delle righe; l’ordine può essere evidenziato con
una freccia obliqua ( ).
Le schede 7 e 8 richiedono di individuare sulla griglia determinati punti da
cui partire per tracciare un percorso con spostamenti orizzontali o verticali;
la scheda 9 invece è propedeutica ad attività più complesse da eseguire sul
piano cartesiano, quali la costruzione di figure geometriche anche con lati
obliqui.

182
SCHEDA
1

DESTRA E SINISTRA • 1
1 Disegna:
◗ una albero a destra dello scivolo;
◗ una palla a sinistra dello scivolo.

E FIGUROE
SPAZI
◗ una aquilone a sinistra dell’altalena;
◗ un gatto a destra dell’altalena.

2 Colora:
◗ il pesce a destra delle alghe. ◗ il cavalluccio a sinistra del corallo.
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi


ODA Conoscere e usare gli indicatori spaziali destra/sinistra (rispetto all’osservatore). • CC Competenza
matematica (organizzare il movimento nello spazio). • RD Geografia (orientamento spaziale).
183
SCHEDA
2

DESTRA E SINISTRA • 2
1 Osserva i disegni e completa le frasi con destra o sinistra.
E FIGURE
SPAZIO

La bambina ha: La bambina ha:


◗ il pallone nella mano ......................................................... ◗ il pallone nella mano .........................................................
◗ la sciarpa nella mano ......................................................... ◗ la sciarpa nella mano .........................................................

2 Completa secondo le indicazioni.


Colora:
◗ di rosso la scarpa destra
e di giallo la scarpa sinistra;
◗ di verde il fiocco sulla tasca
sinistra e di arancione
il fiocco sulla tasca destra.

Disegna:
◗ un palloncino
nella mano sinistra;
◗ un fiore nella mano destra.
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi


ODA Conoscere e usare gli indicatori spaziali destra/sinistra (rispetto ad altro elemento). • CC Competenza
184 matematica (organizzare il movimento nello spazio). • RD Geografia (orientamento spaziale).
SCHEDA
3

POSIZIONI
1 Disegna gli oggetti nella posizione corretta. Osserva l’esempio.

Un al centro

Un in alto a destra

Una in alto al centro

E FIGUROE
SPAZI
Una in alto a sinistra

Un in centro a sinistra

Una in centro a destra

Una in basso a sinistra

Una in basso al centro

Una in basso a sinistra

2 Scrivi la posizione degli animaletti. Osserva gli esempi.

coniglio centro, destra


riccio .........................................................................................

coccinella .........................................................................................

lumaca .........................................................................................

farfalla .........................................................................................

pulcino centro
ape .........................................................................................

gatto .........................................................................................
© Mondadori Education

pesce .........................................................................................

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi


ODA Localizzare posizioni nello spazio. • CC Competenza matematica
(organizzare il movimento nello spazio). • RD Geografia (orientamento spaziale).
185
SCHEDA
4

ISTRUZIONI PER I PERCORSI


1 Leggi le istruzioni e traccia i percorsi a partire dal punto P, poi indica con
una ✘ la risposta esatta. Attenzione: il numero indica di quanti quadretti
devi procedere nel verso indicato dalla freccia.

3 2 5 1 3 1 3 1 1 2

◗ Il riccio
ha raggiunto:
E FIGURE
SPAZIO

la mela
la ghianda
P

Quanti è lungo il percorso del riccio? ....................

4 2 2 1 1 2 2 3 3 2 1 3

◗ Il coniglio
ha raggiunto:
l’insalata
la carota

P
© Mondadori Education

Quanti è lungo il percorso del coniglio? ....................


PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi
ODA Eseguire percorsi sul piano quadrettato. • CC Competenza matematica
186 (organizzare il movimento nello spazio). • RD Geografia (orientamento spaziale); Matematica (misura).
SCHEDA
5

PERCORSI E ISTRUZIONI
1 Osserva il percorso del topo per arrivare al formaggio, poi scrivi le istruzioni
con frecce e numeri.

E FIGUROE
A

SPAZI
2 Osserva il percorso del gatto per arrivare alla ciotola, poi scrivi le istruzioni con
frecce e numeri.

◗ Ora il gatto vuole tornare alla sua cesta e vuole fare lo stesso
percorso in senso opposto. Scrivi le istruzioni.

◗ Confronta le istruzioni dei due percorsi. Che cosa noti? ..........................................................


© Mondadori Education

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi


ODA Eseguire percorsi sul piano quadrettato. • CC Competenza matematica
(organizzare il movimento nello spazio). • RD Geografia (orientamento spaziale); Matematica (misura).
187
SCHEDA
6

MAPPE E COORDINATE
1 Scrivi vicino a ciascun disegno la coppia di numeri che indica la sua posizione
sulla griglia. Osserva l’esempio.

I due numeri che indicano la posizione di un elemento sul piano


quadrettato si chiamano coordinate: il primo numero è quello
che sta sotto, mentre il secondo è quello che sta di lato.
E FIGURE
SPAZIO

6
(..............., )
...............

5 (..............., )
...............

4 (..............., )
...............

(..............., )
...............
3
(..............., )
...............

2
(..............., )
...............

1 2 3 4 5 6

2 Disegna gli elementi nella mappa, nella posizione indicata dalle coordinate.

(5, 2) (4, 5)
© Mondadori Education

(2, 3) (6, 4)
PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi
ODA Individuare la casella di una mappa mediante coordinate. • CC Competenza matematica
188 (organizzare il movimento nello spazio).• RD Geografia (orientamento spaziale)
SCHEDA
7

PERCORSI SULLA MAPPA


1 Osserva la mappa e procedi secondo le indicazioni.

E FIGUROE
SPAZI
6

1
1 2 3 4 5 6 7 8 9

◗ Individua la casella (5, 2) ◗ Individua la casella (3, 3)


e colorala di giallo. e colorala di blu.
◗ Parti dalla casella gialla e muoviti ◗ Parti dalla casella blu e muoviti
secondo le indicazioni: secondo le indicazioni:
3 caselle verso l’alto; 2 caselle verso il basso;
3 caselle a sinistra; 3 caselle a destra;
2 caselle verso l’alto; 1 casella verso l’alto;
5 caselle a destra; 2 caselle a destra;
2 caselle verso il basso. 6 caselle verso l’alto;
4 caselle a sinistra.
◗ Colora di rosso la casella che ◗ Colora di verde la casella che
hai raggiunto e scrivi le sue hai raggiunto e scrivi le sue
© Mondadori Education

coordinate (..............., ...............). coordinate (..............., ...............).


PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi
ODA Eseguire spostamenti nello spazio grafico mediante coordinate.• CC Competenza matematica
(organizzare il movimento nello spazio). • RD Geografia (orientamento spaziale).
189
SCHEDA
8

GRIGLIE E COORDINATE
1 Colora i pallini secondo le indicazioni poi collocali sulla griglia
come indicato dalle coordinate.

9
8
7
E FIGURE
SPAZIO

6
5
4
3
2
1

1 2 3 4 5 6 7 8 9

rosso (3, 2) blu (4, 4) azzurro (7, 8)


verde (1, 7) arancione (2, 3) rosa (3, 6)
giallo (8, 5) nero (5, 2) viola (6, 6)

2 Procedi secondo le indicazioni.


◗ Parti dal punto (3, 2) e segui il percorso indicato dalle frecce-numero:
1 1 2 2 4 2 2 2 4 2 3

◗ Disegna una nel punto in cui sei arrivato


e scrivi le sue coordinate:
(..............., ...............)
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi


ODA Individuare la posizione di un punto nel piano mediante coordinate.
• Eseguire spostamenti nello spazio grafico mediante coordinate.• CC Competenza matematica
190 (organizzare il movimento nello spazio).• RD Geografia (orientamento spaziale)
SCHEDA
9

PERCORSI OBLIQUI
1 Leggi e osserva.
◗ Il pallino si trova 5
nel punto (2, 2).
4
◗ Per indicare il suo spostamento
nel punto (5, 4), devi prima 3
andare nel punto (5, 2) 2

E FIGUROE
e poi nel punto (5, 4).

SPAZI
1
◗ Con le frecce numerate:
3 2 1 2 3 4 5 6

2 Registra lo spostamento obliquo con le frecce numerate.

6
5
da (8, 2) a (2, 5)
4
◗ Con le frecce numerate:
3 ......................................................................................................

2
1
1 2 3 4 5 6 7 8 9

3 Traccia sulla griglia


5
lo spostamento
da (3, 2) a (8, 4) 4
e registra con
le frecce numerate. 3
2
1
◗ Con le frecce numerate:
© Mondadori Education

...................................................................................................... 1 2 3 4 5 6 7 8 9
PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi
ODA Identificare e rappresentare graficamente percorsi orientati. • CC Competenza matematica
(organizzare il movimento nello spazio). • RD Geografia (orientamento spaziale).
191
LIVELLO
1
VERIFICA

POSIZIONI E PERCORSI
1 Colora: 2 Disegna:
◗ di rosso la palla ◗ un gatto a sinistra del cane;
a destra del cesto; ◗ un topo a destra del cane.
◗ di verde la palla
a sinistra del cesto.

3 Leggi le istruzioni e traccia i percorsi a partire dal punto P.

5 3 1 2 4 1 5 3 1 2 1 1
1 1 1 2 1 3

P
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi • VERIFICA LIVELLO 1 Prova per
la valutazione delle abilità e/o conoscenze di base.
COMPETENZA L’alunno conosce gli indicatori spaziali destra/sinistra (rispetto all’osservatore);
192 traduce istruzioni date con vettori di direzione in percorsi sul piano quadrettato.
LIVELLO
2

VERIFICA
POSIZIONI E PERCORSI
1 Indica con una ✘ se il bambino tiene la bandierina
nella mano destra (D) o nella mano sinistra (S).

D S D S D S D S

2 Osserva il percorso e scrivi le istruzioni


che permettono alla farfallina di raggiungere il fiore.

◗ Traccia di rosso uno dei percorsi che può fare la farfalla


© Mondadori Education

per arrivare alla foglia, poi scrivi le istruzioni.

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi • VERIFICA LIVELLO 2 Prova per
la valutazione delle competenze acquisite.
COMPETENZA L’alunno conosce gli indicatori spaziali destra/sinistra (rispetto ad altro elemento);
codifica percorsi dati mediante vettori di direzione.
193
LIVELLO
3
VERIFICA

POSIZIONI E PERCORSI
1 Colloca sulla griglia i punti indicati dalle coordinate e scrivi la lettera
corrispondente, poi unisci i punti in ordine alfabetico. Osserva gli esempi.

10
9
8
7
6
5
4
3
2
A R
1

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

A (4, 2) I (5, 7)
B (2, 4) L (7, 7)
C (2, 5) M (7, 6)
D (3, 5) N (10, 6)
E (3, 7) O (10, 5)
© Mondadori Education

F (4, 7) P (11, 5)
G (4, 9) Q (11, 4)
H (5, 9) R (9, 2)

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 1 Le posizioni e i percorsi • VERIFICA LIVELLO 3 Prova per
la valutazione delle competenze consolidate e sviluppate.
194 COMPETENZA L’alunno individua la posizione di un punto nel piano mediante coordinate.
PERCORSO 2 • SPAZIO E FIGURE
UNITÀ 2 LO SPAZIO E LE FIGURE
Prima di commentare le proposte didattiche va precisato che i concetti di fi-
gura, linea e poligono hanno una stretta connessione tra di loro, non specifi-
catamente lineare; sarà quindi l’insegnante a decidere secondo quale ordine
proporre agli alunni le schede dell’unità.

Per avviare lo studio delle figure geometriche, l’insegnante può portare gli
alunni all’aperto o farli avvicinare alle finestre, facendo osservare la forma Figure solide
delle case, dei tetti, del tronco degli alberi. Poi si procura modellini dei prin-
cipali solidi geometrici, li denomina e guida i bambini a metterli in relazione
con i vari elementi osservati. Quindi invita gli alunni a portare a scuola sca-
tole di forme diverse, chiede di individuare a quale modello di solido corri-
spondono, le ritaglia lungo gli spigoli e fa individuare e contare il numero
delle facce. Successivamente prepara alcune copie degli sviluppi dei solidi
principali (sul sito), li fa incollare su un cartoncino non troppo spesso ma
consistente e, dopo aver diviso i bambini in gruppi o a coppie, fa costruire i
solidi. Per alcuni alunni sarà un’attività piuttosto complessa e che necessita
dell’aiuto dell’insegnante, ma il risultato, anche se non perfetto, li potrà an-
che gratificare moltissimo.
In seguito chiede di provare a far “correre” i solidi sul pavimento, cercando di
individuare quelli che rotolano e quelli che non rotolano e li fa raggruppare
in due contenitori diversi: quelli che hanno almeno una faccia curva che li fa
rotolare (solidi rotondi), quelli le cui facce sono tutte “piatte” e non presen-
tano nessuna linea curva (poliedri). Per ogni poliedro fa individuare nuova-
mente le facce, poi gli spigoli, cioè quelle linee diritte che segnano l’incontro
tra due facce e infine i vertici, ossia i punti di incontro degli spigoli (per i
bambini le “punte” del solido); con i risultati delle osservazioni fa preparare
per ogni figura una “carta di identità”.

Per il passaggio alle figure piane, l’insegnante mette nuovamente a disposi-


zione dei bambini i modelli dei solidi, ma anche oggetti di uso comune (so- Figure piane
prammobili, formine per dolci, gomme di forme diverse…), sabbia o farina e
colori a tempera. Dispone sui banchi fogli di carta da pacco sui quali sparge
la farina o la sabbia, poi chiede ai bambini di fare l’impronta degli oggetti
messi a disposizione, oppure di intingere i solidi nella tempera e “stamparne”
l’impronta sul foglio. Le figure ottenute vengono poi ritagliate e classificate
in base alla forma. Per riprendere l’attività sul quaderno, i bambini ripas-
sano il contorno dei solidi con la matita e l’insegnante li guida a fare alcune
osservazioni con domande mirate, quali ad esempio: avete ottenuto tutti im-
pronte uguali? le impronte di un solido sono tutte della stessa forma? cono-
scete i nomi delle figure ottenute?

Dopo aver ripreso i concetti di linea aperta/chiusa, semplice/intrecciata, re-


gione/confine già trattati in classe prima, l’insegnante introduce i concetti di Linee e poligoni
linea spezzata, linea curva e linea mista, fino a giungere alla definizione
di poligono. Invita i bambini alla lavagna a disegnare liberamente figure, op-
pure inizia un disegno chiedendo a un alunno di completarlo in modo che
la figura finale risulti un poligono. Per ogni figura indica i vertici e i lati, poi
distribuisce riproduzioni di poligoni (sul sito) e chiede agli alunni di ripassare

schede aggiuntive. 195


i lati con colori diversi e di segnare i vertici con un pallino. Se si dispone di
una LIM, l’insegnante può realizzare vari poligoni e farli trascinare e ruotare
dai bambini per sperimentare che pur cambiando la posizione la forma ri-
mane invariata.

Per ritornare sul concetto di simmetria, introdotto in classe prima con attività
La simmetria di piegatura e ritaglio, si può proporre il gioco delle macchie. Ogni bambino
prende un foglio di carta, lo piega a metà e su una delle metà ottenute dipinge
una macchia di colore con il pennello, poi chiude il foglio e preme. Quando
si riaprono i fogli, l’insegnante guida gli alunni ad osservare che le due mac-
chie hanno la stessa forma e le stesse dimensioni ma si riflettono come im-
magini allo specchio. Organizzando attività per piccoli gruppi può risultare
molto proficuo usare degli specchietti per verificare la specularità delle due
parti simmetriche; inoltre, posizionando lo specchio sull’asse di simmetria,
diventa molto più semplice riprodurre o completare figure simmetriche.

Alunni con BES I bambini con difficoltà di apprendimento evidenziano spesso problemi di
orientamento, una lateralità non ben acquisita, maldestrezza o scarsa coordi-
nazione. Per aiutarli occorre fargli “vivere e toccare con mano” lo spazio e i
suoi elementi. Le figure geometriche vanno costruite con materiali vari e ma-
nipolate abituando l’alunno a fare previsioni e poi a verificarle, per scoprire
le prime semplici proprietà. In un angolo della classe si possono sistemare
delle scatole con modelli di figure geometriche solide e piane che i bambini
utilizzano anche per giocare. Un’esperienza piacevole e utile può essere la
costruzione di un plastico: si parte dalla mappa dove tracciare strade, una
piazza, un giardino, con alcune scatole invece si realizzano gli edifici che poi
vengono incollati sulla pianta. La costruzione del plastico aiuta gli alunni a
cogliere la differenza tra figure piane (la mappa) e solide (gli edifici).

Scheda per scheda

Schede Contenuti Indicazioni didattiche e metodologiche


1–6 Figure solide. Prima e contemporaneamente all’utilizzo delle schede, prevedere nume-
rose esperienze concrete di tipo psico-motorio che siano oggetto di rifles-
sione e descrizione verbale; questo tipo di attività si presta molto bene ad
essere svolto in forma laboratoriale organizzando, gruppi cooperativi.
7 – 14 Linee e poligoni. Nella fase manipolatoria è consigliabile riprodurre linee e figure con corde
o nastri, mentre nel momento della riproduzione grafica è importante sol-
lecitare l’uso del righello per tracciare linee diritte e precise. Man mano che
gli alunni scoprono un nuovo tipo di linea o di figura, riprodurne il modello
e il nome su un cartellone.
15 • 16 Simmetria. Prima di proporre le schede far esercitare i bambini sulla lavagna qua-
drettata. Se si dispone della LIM, in rete si trovano molte attività che, con
divertenti animazioni, guidano il bambino sia nella riproduzione di figure,
sia nella ricerca degli assi.
17 • 18 Traslazione - Rotazione. La scheda 17 introduce alla traslazione con la riproduzione di semplici
cornicette. La scheda 18 avvia al concetto di rotazione: prima di assegnar-
la, costruire con i bambini sia le bandierine sia le ruote, per poter speri-
mentare concretamente le rotazioni.

196
SCHEDA
1

FORME NELLA REALTÀ


1 Osserva la figura nel riquadro a sinistra; poi, tra gli oggetti a fianco,
colora quelli che hanno la stessa forma.

E FIGUROE
SPAZI
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Conoscere le principali figure geometriche solide. • CC Comunicazione nella madrelingua
(conoscenza del vocabolario; uso di termini specifici). • RD Italiano.
197
SCHEDA
2

I SOLIDI
1 Leggi con attenzione i nomi scritti a fianco alle figure, poi colora ciascuna
forma con il colore indicato.

Cubo Cono Prisma


rosso rosa azzurro
Piramide
verde
E FIGURE
SPAZIO

Sfera
Cilindro arancione
marrone

Parallelepipedo
giallo

Le figure che hai colorato


si dicono figure geometriche
solide, o semplicemente solidi.

2 Colora i solidi rappresentati sotto con gli stessi colori dell’esercizio precedente.

© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Conoscere le principali figure geometriche solide. • CC Competenza in campo tecnologico
198 (analizzare modelli e rappresentazioni grafiche). • RD Tecnologia.
SCHEDA
3

SVILUPPO DEI SOLIDI


Immagina che i solidi disegnati
siano delle scatole, che puoi aprire
lungo gli spigoli; in questo modo
ottieni il loro sviluppo, che ti
permette di vedere bene tutte le
facce del solido.

E FIGUROE
SPAZI
1 Colora allo stesso modo ogni solido e il suo sviluppo.
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Sviluppare sul piano le figure geometriche solide. • CC Competenza in campo tecnologico
(analizzare modelli e rappresentazioni grafiche). • RD Tecnologia.
199
SCHEDA
4

ROTOLANO O STRISCIANO?
1 Osserva i solidi e colora il pallino secondo le indicazioni.

solidi che solidi che solidi che


Rosso Blu Verde scivolano
scivolano rotolano e rotolano
E FIGURE
SPAZIO

© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Classificare le figure geometriche solide. • CC Competenza in campo tecnologico
200 (analizzare modelli e rappresentazioni grafiche). • RD Tecnologia.
SCHEDA
5

POLIEDRI E SOLIDI ROTONDI


La parte del solido che puoi toccare con le mani è la sua superficie.
• Se un solido può solo
“scivolare”, la sua superficie è
formata da facce tutte “piatte”
o meglio piane; il solido si
chiama poliedro.

E FIGUROE
SPAZI
• Se un solido può “rotolare” o
“rotolare e scivolare”, la sua
superficie è solo curva oppure
sia piana che curva; la figura
si chiama solido rotondo.

1 Osserva i solidi, poi colora di rosso i poliedri e di giallo i solidi rotondi.


© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Classificare le figure geometriche solide. • CC Comunicazione nella madrelingua
(conoscenza del vocabolario; uso di termini specifici). • RD Italiano.
201
SCHEDA
6

FACCE, SPIGOLI, VERTICI


1 Disegna un pallino su ogni vertice e ripassa di rosso gli spigoli,
poi completa. Osserva l’esempio.
vertice
Ha 8 vertici.
faccia spigolo Ha 12 spigoli.
Ha 6 facce.
E FIGURE
SPAZIO

Ha .................. vertici. Ha .................. vertici. Ha .................. vertici.


Ha .................. spigoli. Ha .................. spigoli. Ha .................. spigoli.
Ha .................. facce. Ha .................. facce. Ha .................. facce.

2 Osserva ogni coppia di figure e indica la risposta con una ✘


secondo le richieste.

La figura che ha La figura che ha La figura che ha


meno vertici: più facce: meno facce:
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Riconoscere gli elementi principali dei poliedri. • CC Competenza in campo tecnologico
202 (analizzare modelli e rappresentazioni grafiche). • RD Tecnologia.
SCHEDA
7

DAI SOLIDI ALLE FIGURE PIANE


1 Lisa ha tracciato il contorno della faccia su cui appoggiano i solidi
e ha ottenuto delle figure piane. Ripassa ogni figura con la matita colorata
rossa, poi scrivi il suo nome nel cartellino.

................................................................................................

E FIGUROE
SPAZI
................................................................................................

................................................................................................

................................................................................................

2 Colora le forme con i colori indicati:


Quadrato rosso Triangolo verde
Rettangolo blu Cerchio giallo
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Riconoscere figure geometriche piane. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Arte e immagine.
203
SCHEDA
8

SEMPLICI E INTRECCIATE
1 Osserva le scie lasciate nel cielo da aerei che compiono percorsi “acrobatici”;
ripassa di rosso la scia a sinistra e di verde quella a destra, poi rispondi con le ✘.
E FIGURE
SPAZIO

La scia rossa: La scia verde:


◗ forma uno o più incroci? Sì No ◗ forma uno o più incroci? Sì No
◗ è una linea: ◗ è una linea:
aperta chiusa aperta chiusa
semplice intrecciata semplice intrecciata

2 Ripassa le linee con i colori indicati:

rosso linee aperte e semplici


blu linee aperte e intrecciate
giallo linee chiuse e semplici
verde linee chiuse e intrecciate
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Classificare le linee. • CC Comunicazione nella madrelingua
204 (uso di termini specifici). • RD Italiano.
SCHEDA
9

LINEE CURVE – LINEE RETTE


1 Leggi e completa, poi indica con una ✘ la risposta esatta.
Oggi Tony vuole andare a trovare la sua amica Lorella.
Può scegliere tra due percorsi: seguili con il dito, poi ripassa di rosso
il percorso più breve e di blu quello più lungo.

E FIGUROE
SPAZI
◗ Il percorso che hai ripassato di rosso è una linea retta linea curva
◗ Il percorso che hai ripassato di blu è una linea retta linea curva

2 Ripassa di rosso le linee rette e di blu le linee curve.


© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Riconoscere linee rette e linee curve. • CC Comunicazione nella madrelingua
(uso di termini specifici). • RD Italiano.
205
SCHEDA
10

DIREZIONE DELLE RETTE


1 Osserva: la traiettoria di ogni mezzo in volo si può rappresentare
con una linea retta. Leggi e procedi secondo le indicazioni.

Ripassa la linea con il colore blu.


E FIGURE
SPAZIO

Hai ottenuto
una linea retta orizzontale.

Ripassa la linea con


il colore verde.

Hai ottenuto
una linea retta verticale.

Ripassa la linea con il colore rosso.

Hai ottenuto
una linea retta obliqua.

2 Traccia sul quaderno linee orizzontali con il colore blu, linee verticali con il
© Mondadori Education

colore verde e linee oblique con il colore rosso. Usa il righello.


PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure
ODA Riconoscere la direzione delle linee rette nel piano. • CC Comunicazione nella madrelingua
206 (uso di termini specifici). • RD Italiano.
SCHEDA
11

LINEE SPEZZATE – LINEE MISTE


1 Ripassa con colori diversi le due linee, leggi e completa.

Una linea formata solo da tratti Una linea formata da tratti


di linea retta si chiama di linea retta e di linea curva si
linea .............................................................................................. chiama linea ........................................................................................

E FIGUROE
SPAZI
2 Scrivi sotto a ogni linea se è spezzata o mista.

.................................................................... .................................................................... .................................................................... ....................................................................

.................................................................... .................................................................... .................................................................... ....................................................................

3 Ripassa con il colore rosso soltanto le linee spezzate, chiuse e semplici.


© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Riconoscere linee spezzate e linee miste. • CC Comunicazione nella madrelingua
(uso di termini specifici). • RD Italiano.
207
SCHEDA
12

CONFINI E REGIONI
1 Ripassa con il colore verde le linee che rappresentano un confine.
E FIGURE
SPAZIO

2 In queste figure ripassa il confine di verde, colora la regione interna di rosso e


la regione esterna di giallo.

3 Colora la regione interna solo nelle figure delimitate da una linea spezzata,
chiusa e semplice.

Le figure delimitate da una linea spezzata,


© Mondadori Education

chiusa e semplice si dicono poligoni.

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Riconoscere poligoni e non poligoni. • CC Comunicazione nella madrelingua
208 (uso di termini specifici). • RD Italiano.
SCHEDA
13

LATI E VERTICI
1 Osserva e completa con i termini mancanti.
lato

vertice ...............................................................

E FIGUROE
SPAZI
............................................................... ...............................................................

...............................................................
...............................................................

.....................................................

2 Completa la tabella: scrivi il numero dei lati e dei vertici di ogni poligono.

POLIGONO LATI VERTICI POLIGONO LATI VERTICI

................................. ................................. ................................. .................................

................................. ................................. ................................. .................................

................................. ................................. ................................. .................................

◗ Confronta il numero dei lati e dei vertici di ciascun poligono.


Che cosa noti?
© Mondadori Education

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Riconoscere gli elementi principali dei poligoni. • CC Competenza in campo tecnologico
(analizzare modelli e rappresentazioni grafiche). • RD Tecnologia.
209
SCHEDA
14

TANTI POLIGONI
I poligoni con tre lati si chiamano triangoli;
i poligoni con quattro lati si chiamano quadrilateri.

1 In ogni riquadro colora i poligoni indicati dal cartellino.


E FIGURE
SPAZIO

triangoli quadrilateri

2 Completa i disegni in modo che i poligoni che ottieni siano quelli indicati.

quadrato rettangolo
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Riconoscere e classificare poligoni. • CC Competenza in campo tecnologico
210 (analizzare modelli e rappresentazioni grafiche). • RD Tecnologia.
SCHEDA
15

SIMMETRIA INTERNA
La linea retta che divide una figura in due metà
sovrapponibili si chiama asse di simmetria.

1 Disegna l’asse di simmetria nelle seguenti figure. Usa il righello.

E FIGUROE
SPAZI
2 Disegna la parte simmetrica rispetto alla linea tratteggiata, poi colora.
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Individuare e produrre simmetrie. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Arte e immagine.
211
SCHEDA
16

SIMMETRIA ESTERNA
1 Riscrivi le parole in modo simmetrico rispetto all’asse. Se sei in difficoltà
appoggia uno specchietto sulla linea tratteggiata.
E FIGURE
SPAZIO

2 Disegna le figure simmetriche.

© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Individuare e produrre simmetrie. • CC Competenza in campo tecnologico
212 (applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Arte e immagine.
SCHEDA
17

AVANTI, INDIETRO – IN SU, IN GIÙ


1 Completa le cornicette: ripeti il disegno in orizzontale.

E FIGUROE
SPAZI
2 Completa le cornicette: ripeti il disegno in verticale.
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Avviare al concetto di traslazione. • CC Competenza in campo tecnologico
(applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Arte e immagine.
213
SCHEDA
18

GIRA, GIRA
1 Completa le girandole di bandiere. Segui le tracce.
E FIGURE
SPAZIO

2 Osserva la ruota: nella figura 1 è ferma. Sara la fa girare e, quando si ferma di


nuovo, la ruota si trova nella posizione della figura 2. Durante la rotazione
alcuni simboli sono caduti. Disegna al posto giusto i simboli che mancano.

figura 1 figura 2

3 Ora sulla ruota ci sono le lettere. Disegna nella corretta posizione le lettere
che sono cadute durante la rotazione.

L
S
A M
R

P R A
S
© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure


ODA Avviare al concetto di rotazione. • CC Competenza in campo tecnologico
214 (applicare abilità e metodo di lavoro). • RD Arte e immagine.
LIVELLO
1

VERIFICA
SPAZIO E FIGURE
1 Colora il solido che ha la stessa forma dell’oggetto.

2 Ripassa di rosso le linee spezzate e di verde le linee miste.

3 Colora di giallo i triangoli (tre lati) e di azzurro i quadrilateri (quattro lati).


© Mondadori Education

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure • VERIFICA LIVELLO 1 Prova per la valutazione
delle abilità e/o conoscenze di base.
COMPETENZA L’alunno riconosce linee e figure geometriche.
215
LIVELLO
2
VERIFICA

SPAZIO E FIGURE
1 Collega ogni figura solida al suo nome.

cilindro parallelepipedo sfera piramide cono cubo

2 Scrivi nei cartellini il nome delle linee scegliendo tra:


curva, spezzata, retta, mista.

....................................................................... ....................................................................... ....................................................................... .......................................................................

3 Osserva i poligoni e per ciascuno cerchia il nome corretto.


© Mondadori Education

triangolo triangolo triangolo triangolo


quadrilatero quadrilatero quadrilatero quadrilatero

PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure • VERIFICA LIVELLO 2 Prova per la valutazione
delle competenze acquisite.
216 COMPETENZA L’alunno denomina le principali figure geometriche.
LIVELLO
3

VERIFICA
SPAZIO E FIGURE
1 Osserva le figure e rispondi con le ✘.

◗ Quante facce ◗ Quante facce ◗ Quante facce


ha in tutto? ha in tutto? ha in tutto?
6 4 5 6 4 5 6 4 5
◗ Le facce sono: ◗ Le facce sono: ◗ Le facce sono:
tutte triangoli tutte triangoli tutte triangoli
triangoli e triangoli e triangoli e
quadrilateri quadrilateri quadrilateri
tutte quadrilateri tutte quadrilateri tutte quadrilateri

2 Disegna una linea mista, 3 Disegna una linea spezzata,


poi completa la regola. poi completa la regola.

Una linea mista è formata da Un linea spezzata


tratti di linea …………................................................. è formata solo da tratti
e di linea ………….................................................................. di linea ………………………...........................................

4 In ogni poligono disegna un pallino rosso sui vertici e ripassa di blu i lati,
poi completa.
© Mondadori Education

numero lati: …..................... numero lati: …..................... numero lati: ….....................


numero vertici: …..................... numero vertici: …..................... numero vertici: ….....................
PERCORSO 2 Spazio e figure • UNITÀ 2 Lo spazio e le figure • VERIFICA LIVELLO 3 Prova per la valutazione
delle competenze consolidate e sviluppate.
COMPETENZA L’alunno descrive le principali figure geometriche.
217
TEST
VERIFICA

Leggi con attenzione le seguenti domande


e indica con una ✘ la risposta giusta.

1 Quale di queste figure è un cubo?

A. B. C.

2 Da un cartoncino grigio è stato ritagliato un pezzo.


Qual è il pezzo che è stato ritagliato?

A. B. C.

3 Marco ha il suo nome stampato sulla maglietta.


Come lo vede scritto se si guarda allo specchio?
MARCO OCRAM OCRAM
A. B. C.

4 Sara muove una pedina sulla scacchiera che vedi sotto.


Parte dal punto segnato con
e muove la pedina:
4 caselle a destra
3 caselle in alto
2 caselle a sinistra
1 casella in alto
La pedina arriva nella casella segnata
© Mondadori Education

A. con
B. con
C. con

PERCORSO 2 Spazio e figure


218 PROCESSO COGNITIVO Conoscere e operare con le figure geometriche.
PERCORSO 3 • MISURE
UNITÀ 1 CONFRONTARE E MISURARE
Prima di passare alle unità di misura convenzionali si consiglia di stimolare Misurazione di
gli alunni all’uso di unità arbitrarie, inizialmente attraverso giochi in cortile lunghezze con
o in palestra. unità di misura
Un gioco che piace particolarmente è “regina, reginella”: uno dei bambini arbitrarie
svolge il ruolo della regina e tutti gli altri quello degli ambasciatori. Regina e
ambasciatori si pongono ai due estremi del campo da gioco. Ciascun amba-
sciatore, a turno, recita la seguente filastrocca:
«Regina reginella, quanti passi devo fare per arrivare al tuo castello con la
fede e con l’anello?»
La regina risponde assegnando al giocatore un certo numero di passi, asso-
ciato ad un animale. Ad esempio: 5 passi da leone, 4 passi da elefante, e così
via. Il giocatore deve eseguire il numero di passi assegnato, imitando il rela-
tivo animale. Scopo del gioco è raggiungere per primi la regina.
In classe l’insegnante propone di effettuare misurazioni di altezze e lun-
ghezze di oggetti e ambienti (porta, lavagna, aula…) con unità di misura
corporali (spanna, dito, piede, passo...). Le esperienze di misurazione evi-
denziano che, spesso, ogni alunno ottiene misure diverse da quelle del com-
pagno; per ovviare al problema si può nominare un alunno misuratore uf-
ficiale della classe: egli sarà lo strumento e la sua mano, il suo piede... sa-
ranno i campioni delle unità di misura.
Dopo vari tentativi e discussioni collettive, l’insegnante guida la classe a ca-
pire che neanche questa è una soluzione valida perché, con il passare del
tempo, la lunghezza del piede o della mano può cambiare; occorre quindi
individuare come campione un oggetto la cui lunghezza non si modifichi. Gli
alunni scoprono sicuramente molti oggetti adatti (gomme, matite, fermagli...)
e la classe, divisa in gruppi, può sperimentare i diversi campioni di misura.
Poiché, anche così facendo, i risultati ottenuti cambiano da gruppo a gruppo,
l’insegnante consiglia di utilizzare tutti il medesimo campione, cioè il regolo
arancione e, quando è necessaria una misura più precisa, anche il regolo
bianco.
Utilizzando i regoli è particolarmente comodo introdurre unità di misura
di lunghezza in rapporto tra di loro e quindi, realizzando concretamente i
cambi opportuni, esprimere una lunghezza in modi diversi: 1 arancione e 5
bianchi = 15 bianchi.
Riprendendo il percorso compiuto per le misurazioni di lunghezza, l’inse- Misurazione di
gnante propone agli alunni il peso di oggetti vari con l’ausilio di bilance a pesi con unità di
due bracci (si trovano in commercio sui cataloghi di materiale per la scuola misura arbitrarie
o possono essere realizzate con una gruccia e due bicchierini, così come già
indicato in Classe 1ª). I bambini ricercano diversi campioni per bilanciare
i due piatti (gomme, temperini, pennarelli, numeri in colore…) poi, divisi
nuovamente in gruppi, sperimentano le unità di misura individuate. Difficil-
mente con i campioni utilizzati i due piatti della bilancia andranno in equi-
librio, quindi il peso dell’oggetto potrà essere espresso con un intervallo tra
due numeri: tra 2 e 3 gomme.
Per avere più uniformità, si chiede agli alunni di usare un’unità di misura
uguale per tutti e l’insegnante può consigliare il pacco di zucchero da 1 kg.
Con questa unità di misura si chiede di esprimere una previsione sul peso di

schede aggiuntive, esercizi interattivi. 219


vari oggetti che l’insegnante sceglierà in modo idoneo per abituare i bambini
ad effettuare stime; in un secondo tempo la previsione viene verificata con la
tecnica del “soppesamento” e con la bilancia a due bracci.
Anche per le misurazioni di capacità si suggerisce di dividere la classe in
Misurazione di gruppi ognuno dei quali utilizza un diverso campione (bicchiere, tazzina,
capacità con vasetto di yogurt...) per individuare la capacità di un recipiente più grande.
unità di misura Durante le attività di travaso, molto amate dai bambini, il recipiente più
arbitrarie grande può essere svuotato o riempito contando i bicchieri o le tazze che
occorrono; in entrambe i casi può nascere direttamente dai bambini (o venir
suggerita dall’insegnante) la necessità di lasciare traccia sul recipiente più
grande del livello dell’acqua. In genere gli alunni consigliano di segnare una
tacchetta in corrispondenza della colonna d’acqua; è un’attività che sembra
banale, ma abitua all’attenzione e alla precisione.
Il confronto dei risultati ottenuti stimola la necessità di individuare una sola
unità di misura (ad esempio un bicchiere) con la quale effettuare misurazioni
condivise da tutta la classe.

Misurazione di Gli alunni usano già il righello, anche se spesso in modo inappropriato, poi-
lunghezze con ché solitamente fa parte del corredo del loro astuccio. Attraverso un’attenta
unità di misura osservazione dello strumento, l’insegnante fa notare le tacche più lunghe
convenzionali contrassegnate da numeri che scandiscono degli spazi di uguale lunghezza
e spiega che ognuno di questi spazi corrisponde a 1 cm. In seguito farà ri-
levare che anche lo spazio da una tacca e quella successiva è diviso in dieci
parti uguali, introducendo così il millimetro. È consigliabile proporre agli
alunni numerosi esercizi di uso e lettura del righello mostrando come posi-
zionarlo correttamente rispetto all’oggetto da misurare.

Alunni con BES Le attività di misura proposte in queste pagine vanno svolte per lo più in
forma laboratoriale e cooperativa. Così facendo diventano assai proficue per
i bambini con particolari bisogni educativi; la collaborazione con i pari, in-
fatti, aiuta a superare le difficoltà maturando fiducia nelle proprie possibilità.
In caso di bambini con problemi di tipo visuo-spaziale, potrebbero insorgere
difficoltà nell’uso del righello; se, nonostante l’aiuto dell’insegnante i risul-
tati non sono comunque soddisfacenti, è consigliabile rimandare l’uso dello
strumento alla classe terza.

Scheda per scheda

Schede Contenuti Indicazioni didattiche e metodologiche


1–8 Lunghezze. Le schede dalla 2 alla 5 stimolano l’osservazione e il confronto e fungono
da traccia per attività pratiche da svolgersi con la classe o nel piccolo grup-
po, utilizzando materiale comune o strutturato; necessitano della guida
e dell’aiuto dell’insegnante. Le schede 6 e 7 vanno somministrate indivi-
dualmente dopo numerose esercitazioni guidate, anche, se si dispone di
una LIM, con l’ausilio dello strumento righello.
9 – 12 Pesi e capacità. Come per le lunghezze le schede sono una traccia per attività pratiche
collettive o di gruppo.
13 – 15 Misure lineari, di superficie, di Le schede costituiscono un avvio alla misurazione di linee spezzate, su-
volume. perfici e volumi, concetti che verranno ripresi e approfonditi nei prossi-
mi anni. L’insegnante può trarre spunto per realizzare altre attività simili
approfittando dei momenti di gioco (costruzioni con i mattoncini) o per
arricchire il quaderno degli alunni con qualche bella decorazione.

220
SCHEDA
1

CONFRONTO E ORDINE
1 Ordina gli striscioni dal più corto (1) al più lungo (5):
metti i numeri nei riquadri.
FELICITÀ!
...........
BUONE VACA
N Z E!
...........

CIAO
...........

LA SCUOLA!
W A PRESTO!
........... ...........

2 Ordina i mezzi di trasporto dal più pesante al più leggero:


metti i numeri nei riquadri.

MISURE
........... ...........

...........

...........
...........

3 Ordina i recipienti da quello che contiene meno liquido a quello


che ne contiene di più: metti i numeri nei riquadri.

........... ...........

...........
© Mondadori Education

........... ...........

PERCORSO 3 Misure • UNITÀ 1 Confrontare e misurare


ODA Stabilire una relazione d’ordine tra più elementi. • CC Competenza in campo scientifico e tecnologico
(prendere dimestichezza con la misura e i suoi strumenti). • RD Scienze.
221
SCHEDA
2

MISURARE CON IL CORPO


Per misurare bisogna confrontare l’elemento da misurare con un
oggetto che viene usato come campione, cioè come unità di misura.
La misura è il numero di volte che l’unità di misura è contenuta
nell’elemento da misurare.
I popoli antichi usavano come unità di misura le parti del corpo.

1 Fai le seguenti misurazioni con le parti del corpo indicate,


poi registra in tabella.

lunghezza della matita ........................ dita


MISURE

lunghezza dell’astuccio ........................ dita

lunghezza del quaderno ........................ dita

lunghezza della finestra ........................ spanne

lunghezza della lavagna ........................ spanne

lunghezza della cattedra ........................ spanne

lunghezza dell’aula ........................ passi

lunghezza dell’atrio ........................ passi

lunghezza del corridoio ........................ passi

◗ Confronta le tue misure con quelle dei compagni.


Che cosa noti?..........................................................................................................................................................................................................................................
© Mondadori Education

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................

PERCORSO 3 Misure • UNITÀ 1 Confrontare e misurare


ODA Misurare lunghezze utilizzando unità arbitrarie. • CC Competenza in campo scientifico e tecnologico
222 (prendere dimestichezza con la misura e i suoi strumenti). • RD Scienze.
SCHEDA
3

MISURARE CON GLI OGGETTI


1 Usa come unità di misura gli oggetti disegnati, contali
e misura la lunghezza dei nastri, poi completa e rispondi.

Il nastro è lungo:
◗ ….….….….… graffette
◗ ….….….….… tappi
◗ ….….….….… gomme

MISURE
Il nastro è lungo:
◗ quasi ….….….….… graffette
◗ ….….….….… tappi
◗ poco più di ….….….….… gomme

2 Confronta le misure di ogni nastro con le diverse unità e rispondi.


◗ Ci sono gli stessi risultati? Sì No
◗ Perché? .….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….....
© Mondadori Education

◗ Confronta le tue risposte con quelle dei compagni.


PERCORSO 3 Misure • UNITÀ 1 Confrontare e misurare
ODA Misurare lunghezze utilizzando unità arbitrarie. • CC Competenza in campo scientifico e tecnologico
(prendere dimestichezza con la misura e i suoi strumenti). • RD Scienze.
223
SCHEDA
4

MISURARE CON I REGOLI • 1


1 Misura la lunghezza dei bastoncini di zucchero: usa come unità di misura
il regolo bianco. Osserva l’esempio, poi continua da solo.

9 regoli bianchi
MISURE

........... regoli bianchi

...........
regoli bianchi

........... regoli bianchi

........... regoli bianchi

2 Confronta le tue misure con quelle dei compagni.

◗ Avete ottenuto gli stessi risultati? Sì No


© Mondadori Education

◗ Perché?.….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….…
PERCORSO 3 Misure • UNITÀ 1 Confrontare e misurare
ODA Misurare lunghezze utilizzando unità arbitrarie. • CC Competenza in campo scientifico e tecnologico
224 (prendere dimestichezza con la misura e i suoi strumenti). • RD Scienze.
SCHEDA
5

MISURARE CON I REGOLI • 2


1 Colora il regolo di arancione e rispondi.

◗ Quanti regoli arancioni è lungo il bruco? ………………………………........................................................................................


◗ Il regolo ti ha permesso di fare una misurazione precisa o ti è
mancato un pezzettino?.................................................................................................................................................................................................

MISURE
2 Misura la lunghezza degli animaletti: usa come unità di misura il regolo
arancione e il regolo bianco, poi completa. Osserva l’esempio.

…………………… regolo arancione e …………………… regoli bianchi o …………………… regoli bianchi

…………………… regolo arancione e …………………… regoli bianchi o …………………… regoli bianchi

◗ Confronta le tue misure con quelle dei compagni.


◗ Che cosa noti?.….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….….....
© Mondadori Education

..........................................................................................................................................................................................................................................................................................................

PERCORSO 3 Misure • UNITÀ 1 Confrontare e misurare


ODA Misurare lunghezze utilizzando unità arbitrarie. • CC Competenza in campo scientifico e tecnologico
(prendere dimestichezza con la misura e i suoi strumenti). • RD Scienze.
225
SCHEDA
6

MISURARE CON IL RIGHELLO • 1


1 Osserva il righello. È diviso in 10 parti uguali e ogni parte si chiama
centimetro (cm). Scrivi quanti centimetri è lungo ogni pastello.

.….….….… cm
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

cm
MISURE

.….….….…

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

.….….….… cm
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

2 Misura la lunghezza dei pastelli con il tuo righello e completa.


Usa un righello lungo almeno 15 cm.

Ricorda di posizionare correttamente il righello


sull’oggetto da misurare: parti dallo zero.

.….….….… cm

.….….….… cm
© Mondadori Education

.….….….… cm
PERCORSO 3 Misure • UNITÀ 1 Confrontare e misurare
ODA Misurare lunghezze utilizzando unità di misura convenzionali. • CC Competenza in campo scientifico
226 e tecnologico (prendere dimestichezza con la misura e i suoi strumenti). • RD Scienze.
SCHEDA
7

MISURARE CON IL RIGHELLO • 2


1 Osserva il righello. Ogni centimetro è diviso in 10 parti uguali e ogni parte si
chiama millimetro (mm). Leggi le misure sui righelli e scrivi due possibili modi
per registrarle. Osserva gli esempi.

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

.….….….… cm o 40 mm

MISURE
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

.….….….… cm o .….….….… mm

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

.….….….… cm e .….….….… mm o 145 mm

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15
© Mondadori Education

.….….….… cm e .….….….… mm o .….….….… mm


PERCORSO 3 Misure • UNITÀ 1 Confrontare e misurare
ODA Misurare lunghezze utilizzando unità di misura convenzionali. • CC Competenza in campo scientifico
e tecnologico (prendere dimestichezza con la misura e i suoi strumenti). • RD Scienze.
227
SCHEDA
8

MISURARE CON IL METRO


1 Anna e Pietro hanno incollato due metri sulle pareti della loro stanza.
I metri misurano da 0 a 150 centimetri ma i bambini li hanno incollati in modo
diverso. Osserva i metri e scrivi quanto è alto ciascun bambino.

150 ◗ Quanto è alto Pietro?


................................... centimetri

0
100

50
MISURE

50

100
0

◗ Quanto è alta Anna?


................................... centimetri
150

2 Chiedi a sei compagni di classe la loro altezza in centimetri e scrivi i nomi e le


altezze nella tabella a sinistra poi riscrivili nella tabella a fianco in ordine dal più
alto al meno alto.

NOME ALTEZZA NOME ALTEZZA

.......................................................................... ...................... centimetri .......................................................................... ...................... centimetri


.......................................................................... ...................... centimetri .......................................................................... ...................... centimetri

................................................