Sei sulla pagina 1di 4

OCCHIO A …..

INVESTIRE IL TUO RISPARMIO


ISTRUZIONE PER L’USO
PER EVITARE RAGGI E BRUTTE SORPRESE

1) VERIFICA CHI SIA L’INTERLOCUTORE


o Se entri in banca, hai di fronte un impiegato dell’ufficio titoli.
o Se tratti a domicilio, incontri il “promotore finanziario” (chiedi il tesserino di
riconoscimento o la lettera d’accredito della banca) per verificare l’intermediario
(banca, SIM, SGR, ecc.) per il quale opera.
o Entrambi possono proporti solo i prodotti acquistabili presso o tramite la banca e/o
società finanziaria per la quale operano.
o Ricorda che sono “venditori” legati ad un’impresa, non sono consulenti indipendenti.

2) ALTO RENDIMENTO = RISCHIO ELEVATO


o Nella proposta d’investimento, non c’è alcun regalo! Il rendimento è collegato al
rischio del pagamento delle cedole e del rimborso a scadenza. Non esistono titoli a
rischio zero. Non esistono titoli a rischio basso, medio e alto. L’alto rendimento va
insieme al rischio
o Tutte le promesse di rendimento più elevato comportano un maggiore rischio: più
elevata è la promessa di rendimento, più è a rischio il capitale investito.
o L’emittente valutato rischioso è costrutto ad offrire rendimenti più elevati per
collocare i propri titoli.
o Le Agenzie che valutano i soggetti che emettono i titoli (rating) sono Moody's
(www. moodys.com), Standard & Poor’s e Fitch; chiedi se i titoli che ti vengono
proposti hanno il rating ed eventualmente quale. Fatti spiegare con chiarezza il suo
significato.
o Se il prodotto offerto è privo di rating, raddoppia la cautela e diffida, anche se Ti
dicono che il rating non è stato richiesto.

3) DECIDI TU……SE E’ NECESSARIO PRENDI UNA PAUSA DI


RIFLESSIONE
o Fatti indicare a quale categoria appartengano i prodotti che ti sono offerti.
o L’addetto allo sportello o il promotore è obbligato a rilasciare la documentazione
concernente le condizioni e il rischio dell’investimento che ti sta proponendo.
o Le promesse fatte a voce non hanno alcun valore, e difficilmente sono provabili,
pretendi sempre la documentazione scritta è l’unica che conta.
o Ricorda che l’investimento in azioni o in fondi comuni di investimento con una
componente azionaria comporta non solo la possibilità di aver un rendimento, ma
anche la perdita del capitale investito.
o Mantieni da parte i prospetti informativi. Leggili con calma prima di prendere
qualsiasi decisione e sottoscrivere il contratto d’acquisto; se non hai tutto chiaro, fatti
aiutare da chi è più esperto.
4) DIFFIDA DI PRODOTTI COMPLESSI
o I prodotti complessi, fra cui le obbligazioni strutturate, per la scarsa trasparenza, sono
difficilmente comprensibili al semplice risparmiatore e il loro acquisto rischia di
essere un atto di fede nella banca o nel “venditore”.
o Accertati di poter controllare facilmente e frequentemente l’andamento dei titoli
acquistati. I prodotti più adeguati per i risparmiatori sono quelli quotati sui mercati
uffici e regolamentati; la loro quotazione è possibile trovarla ai borsini della banca,
sui giornali, su Internet ecc..
o Stai attento ai prodotti che sono quotati solo dalla banca (obbligazioni bancarie): nel
caso di necessità di vendita non hai certezza del prezzo che è fatto dalla banca stessa
e, in alcuni casi non riusciresti neppure a vendere i titoli.
o Stai in guardia dalle catene di “santantonio”: sono quelle in cui il guadagno è legato
all’acquisto di più prodotti collegati tra loro e al tuo impegno di far sottoscrivere lo
stesso prodotto ad altri risparmiatori.
o Diffida degli strumenti derivati (swap, option, futures, ecc.) non sono prodotti adatti
ai piccoli risparmiatori.
o Ricorda che se acquisti prodotti emessi in valuta diversa dall’euro, corri il rischio
cambio e in più devi pagare un’ulteriore commissione. Se la valuta di emissione si
svaluta rispetto all’euro, sono a rischio non solo il rendimento e il capitale investito;
ma anche la differenza del cambio.
o Diffida dei prodotti senza valutazione ufficiale (rating).

5) CONTROLLA I COSTI……. E’ LA PARTE MENO TRASPARENTE


o Prima di sottoscrivere il contratto di compravendita fatti spiegare e fai riportare
chiaramente nel contratto tutti costi, diretti e indiretti, che dovrai sopportare durante
l’investimento.
o I costi riguardano spese o commissioni, che possono avere diverse modalità di
calcolo e riguardano il tipo di contratto d’investimento, ma anche il deposito
amministrato sul quale sono collocati i tuoi titoli e i costi del conto corrente intestato
a tuo nome dove la banca farà confluire tutti i movimenti di denaro riguardanti
l’investimento.

6) FIRMA IL CONTRATTO! NO A MODULI FIRMATI IN BIANCO,


ASSEGNI NON INTESTATI …
o L’acquisto di qualsiasi prodotto finanziario deve avvenire solo con la sottoscrizione
di un ordine scritto. E’ possibile l’acquisto on line e telefonico; quest’ultimo deve
essere registrato (per provare, eventualmente, la corretta esecuzione dell’ordine di
compravendita che hai dato alla banca) e deve in ogni caso essere confermato per
iscritto.
o Devi firmare ogni singolo acquisto; non firmare mai moduli in bianco e soprattutto
non consegnarli al promotore. L’addetto della banca non può allo sportello accettare
ordini firmati ed eseguirli successivamente.
o Non devi MAI versare il controvalore dell’investimento in contanti, o con assegni
intestati al promotore o all’impiegato bancario, o in bianco. Se versi l'ammontare al
promotore puoi farlo solo con un assegno non trasferibile intestato alla banca (alla
SIM o all’SGR). Per il pagamento effettuato allo sportello sarà addebitato il tuo
conto corrente.
o Devi ricevere immediatamente copia dell’ordine d’acquisto con le eventuali clausole
particolari o in deroga (eccesso del rischio, operazione effettuata fuori dai mercati
regolamentati, o in conflitto di interessi) firmate specificatamente.
o Se decidi di operare on line utilizza solo siti certificati e controlla presso le autorità
chi sia l’intermediario che offre l’investimento; soprattutto che non sia sottoposto a
restrizioni e la sua attività sia sottoposto ad un’autorità di vigilanza.
o Evita le proposte che provengano dai paradisi fiscali o da siti Internet non certificati.
7) CAMBIA INVESTIMENTO SOLO QUANDO SEI CONVINTO. PER OGNI
COMPRAVENDITA DI TITOLI (SWITCH) PAGHI UNA COMMISSIONE.
o Ogni switch è un affare per la banca e per il promotore, ma per te è un costo certo!
Stai attento ai consigli, possono essere senza convenienza e finalizzati a continue
compravendita solo per fare commissioni.
o Disinvestire o investire deve essere frutto di una scelta ragionata, che ti garantisca ad
un altro prodotto che offra risultati migliori. Se non c’è questa convinzione, meglio
rispondere “no grazie”.

8) ATTENZIONE A MEDIATORI NON AUTORIZZATI


o Non tutti possono proporre un investimento Gli unici autorizzati sono le Società di
Intermediazione mobiliare (SIM), le banche italiane, le società di gestione di
risparmio (SGR), gli intermediari finanziari iscritti all’albo tenuto da Banca d’Italia,
gli agenti di cambio, le banche e le imprese di investimento di paesi Ue e le banche
extracomunitarie autorizzate.
o Ricorda che anche il Bancoposta raccoglie il risparmio.
o Fai attenzione a mediatori non autorizzati e diffida di certe pubblicità, possono essere
ingannevoli.

9) DOVE RECLAMARE SE NON SEI SODDISFATTO


o Se ritieni che l’intermediario non abbia svolto bene i propri doveri, puoi fare un
esposto all’ufficio reclami dell’intermediario (banca, società finanziaria, ecc.).
Questo è obbligato a risponderti entro 90 giorni.
o Se non sei soddisfatto e se il danno subito non supera 10.000,00 euro puoi rivolgerti
all’Ombudsman bancario (V. IV Novembre 114 - 00186 Roma). I ricorsi sono
gratuiti.
o Il reclamo deve essere sempre motivato e presentato in forma scritta.
o Per ogni evenienza, anche non strettamente non economica puoi presentare un
esposto alla Consob e alla Banca d’Italia.
o E’ sempre un tuo diritto rivolgerti alla magistratura per richiedere un risarcimento o
fare un esposto.

10) L’ADICONSUM E’ AL TUO FIANCO……………..


Adiconsum e le Associazioni dei Consumatori sono al tuo fianco per un consiglio, una
consulenza, per aiutarti a presentare un reclamo o fare un esposto.
Puoi rivolgerti al Settore Credito e Finanza per una consulenza e per i reclami verso la
banca e al Centro Giuridico per una consulenza legale, per azioni inibitorie o un ricorso
legale.
Per informazioni in tema di risparmio e servizi finanziari:
ADIFINANZA: mensile di informazione Inoltre:
www.adiconsum.it www.consob.it
consulenza@adiconsum.it www.pattichiari.it
www.anasf.it

Presso gli sportelli Adiconsum regionali e territoriali


(indirizzi sul nostro sito).