Sei sulla pagina 1di 6

1

Corso di formazione per insegnanti di scuola dell’infanzia e primaria - a.s. 2018/19

Titolo: “IL METODO VENTURELLI PER LA SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA”

Relatrice: Dott.ssa Doris Battistini

MATERIALE RIASSUNTIVO PER GLI INSEGNANTI

PERCHÉ È IMPORTANTE INSEGNARE UNA BUONA SCRITTURA MANUALE

Per attuare un’opera di prevenzione della disgrafia


Per stimolare la specializzazione dell’emisfero sinistro del cervello
Per realizzare un migliore sviluppo grafo-motorio
Per favorire l’apprendimento dei solchi grafici più funzionali
Per migliorare la capacità di riconoscimento e di memorizzazione delle lettere
Per migliorare la capacità di concentrazione e di autocorrezione allo scritto
Per aumentare il grado di correttezza ortografica
Per migliorare in qualità e quantità la produzione scritta
Per migliorare il generale rendimento scolastico, soprattutto allo scritto
Per promuovere l’autostima e la motivazione

ABILITÀ DI SVILUPPO PER LA SCRITTURA MANUALE


1. Lo sviluppo cognitivo
2. Lo sviluppo percettivo
3. Lo sviluppo motorio
4. Il controllo della mano

ABILITÀ CHE PRECORRONO LA PRESA DELLA PENNA


Presa del cucchiaio con le dita (3-4 anni)
Lavarsi e asciugarsi le mani (3 - 4 anni)
Usare le forbici (a partire dai 3 anni e ½)
Abbottonarsi e sbottonarsi (4 anni – 4 e ½)
Mettersi le scarpe a strappo (4 e ½ - 5 anni)
Allacciarsi le scarpe (5-6 anni)
Aprire e chiudere una chiusura lampo (5 e ½ - 6 anni)
2

PREREQUISITI PER LA SCRITTURA MANUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA :


• Adeguata motricità fine:
- nell’uso delle forbici;
- nel colorare entro i contorni;
- nella presa dello strumento grafico
• Riconoscere la mano più abile per scrivere
• Eseguire movimenti dall’alto verso il basso, da sinistra a destra e in senso antiorario
• Eseguire tracciati di pregrafismo
• Copiare forme geometriche
• Scrivere le lettere in stampato del proprio nome

Test di integrazione visivo-motoria di K. Beery

IL METODO VENTURELLI

Prova di copia di figure e di tracciati (1^ e 2^ parte) in A. Venturelli, “Guida al Metodo


Venturelli”, ed. Raffaello.
3

Gli elementi analizzati nella prova di “Copia di tracciati” secondo precisi protocolli, riguardano
aspetti della Forma:
- copia di tracciati rettilinei e di forme geometriche;
- copia di tracciati di pregrafismo;

ma anche aspetti relativi alla Spazialità:


- ordine sequenza;
- tenuta del rigo;
- simmetria;
- numero degli elementi;
- distinzione grandezze;

nonché caratteristiche relative alla Motricità:


- qualità del tratto;
- curvilineità;
- continuità.

Mentre la prima parte della “Copia di tracciati” rende conto della capacità del bambino di
affrontare in particolare l’insegnamento della scrittura in stampato maiuscolo all’inizio della classe
prima di scuola primaria (con riferimento in particolare al Test di integrazione visuo-motoria di K.E.
Beery), la seconda parte della prova è attinente alle abilità coinvolte in tracciati di pregrafismo che
preparano al corsivo.

La presentazione delle lettere in stampato maiuscolo:

Le “famiglie” delle lettere in stampato maiuscolo (tratto da “Imparo a scrivere” di A. Venturelli/V. Valenti,
ed. Raffaello, Monte S. Vito, 2016).
4

Criteri metodologici
• Dal gesto alla forma
• Dal processo al prodotto grafico
• Gradualità, sistematicità, continuità
• Dal piano verticale a quello orizzontale
• Dal grande al piccolo
• Dal semplice al complesso

SEQUENZA METODOLOGICA: fasi di apprendimento per gli esercizi di pregrafismo e di


corsivo secondo tale metodo:

1. osservazione;
2. comprensione del compito;
3. memorizzazione;
4. esecuzione;
5. autocorrezione;
6. ripetizione;
7. generalizzazione dell’abilità.

La presentazione delle famiglie delle cifre:

CRITERI DI APPRENDIMENTO DEL CORSIVO:

Disposizione spaziale (regolarità e armonia):


 spazio dei margini (superiore, inferiore, destro e sinistro)
 spazio tra le righe e le parole
 larghezza tra lettre e all’interno delle lettere
 allineamento delle lettere sul rigo
 inclinazione e direzione assiale delle lettere
 disposizione delle lettere sulle tre zone grafiche

Direzioni dei movimenti grafici:


• dall’alto verso il basso
• da sinistra verso destra, in modo progressivo e curvilineo, con tendenza al collegamento tra
lettere
5

• in senso antiorario negli occhielli

Principali movimenti del corsivo:

• la ghirlanda: alla base delle lettere “i”, “u”, “r” e “t” e di molti collegamenti letterali;
• l’asola: movimento tipico della “e” e della “l”;
• le aste con ripasso del tratto (della “t”);
• l’arcata, tipica delle lettere “n” e “m”;
• l’ovale che caratterizza la “a” e le lettere derivate.

Modello di corsivo minuscolo (Metodo Venturelli)

Le lettere in corsivo, a gruppi per affinità di gesto (tratto da “Imparo a scrivere”, op. cit.).

Bibliografia essenziale

AVV. (2008), Disgrafia: la fatica di scrivere, Atti del Convegno Nazionale sulla Disgrafia, 12-13 aprile
2008, Faenza, www.convegnodisgrafia.it.
AVV. (2012), Dalla fatica… al piacere di scrivere, Atti del 2° Convegno Nazionale sulla Disgrafia, settembre
2012, Faenza, www.convegnodisgrafia.it.
ASSOCIATION DEONTOLOGIQUE EUROPEENNE DE GRAPHOLOGIE (1999), Études sur l’apprentissage de
l’écriture en Europe, Expansion Scientifique Publications, Paris.
DE AJURIAGUERRA J. / AUZIAS M. / DENNER A. (1971), L’écriture de l’enfant, volume 1° e 2°, Delachaux
et Niestlé, Neuchâtel-Paris.
LE BOULCH J. (1984), Lo sviluppo psicomotorio dalla nascita a 6 anni, Armando, Roma.
OLIVAUX R. (1988), Pédagogie de l’écriture et graphothérapie, Masson, Paris.
SERRATRICE G. / HABIB M. (1993), L’écriture et le cerveau. Mécanismes neuro-physiologiques, Masson,
Paris.
VAYER P. (1973), Educazione psicomotoria nell’età prescolastica, Armando, Roma.
VENTURELLI A. (2000), Come imparare il gesto grafico, Lo Scarabeo, Bologna.
VENTURELLI A. (2004), Dal gesto alla scrittura, Mursia, Milano.
VENTURELLI A. (2009), Il corsivo: una scrittura per la vita. Prevenzione e recupero della disgrafia, Mursia,
Milano.
6
VENTURELLI A. (2011), Lettere in fondo al mare. Libretto operativo di avvio alla scrittura, Mursia, Milano.
VENTURELLI A. (2011), Scrivere: l’abilità dimenticata. Una prospettiva pedagogica sulla disgrafia, Mursia,
Milano.
VENTURELLI A. / VALENTI V. (2015), Alla conquista della scrittura e non solo…, (Guida didattica, Libro
operativo per i 3-4-5 anni), Mursia, Milano.
VENTURELLI A. / VALENTI V. (2016), Imparo a scrivere e Guida al Metodo Venturelli (Allegati al libro
adozionale per la classe prima di scuola primaria Prima fila), Raffaello, Monte San Vito.
ZEKRI-HURSTEL R. (2001), Un nouveau regard sur l’élève, Editions du Rouergue, France-Quercy.

Siti web e indirizzi e.mail di riferimento :

Venturelli Alessandra: sito: www.disgrafiaevolutivaventurelligrafologia.it ; indirizzo e.mail:


venturelli.alessandra@gmail.com.
Associazione Italiana Disgrafie: www.associazioneitalianadisgrafie.it; indirizzo e.mail:
presidente@associazioneitalianadisgrafie.it.
Associazione GraficaMente: www.associazionegraficamente.it ; indirizzo e.mail:
graficamente.onlus@gmail.com.
Master in consulente didattico e rieducatore della scrittura per la prevenzione e il recupero delle difficoltà
grafo-motorie, edizione a.a. 2016/17, link: http://www.unife.it/studenti/pfm/mast/2016-
2017/consulentegrafo, per info: Associazione GraficaMente.