Sei sulla pagina 1di 52

MANUAL PORTABOBINAS TSH AUT.

Enero, 2006

NORBOX EMBALAGENS, S.A.


PORTABOBINAS TSH AUT.
Número de Serie: 40-1068
Portabobine TSH Automatico

MANUALE PORTABOBINE TSH AUTOMATICO


(REVISIONE A)

Fabbricante – M. Torres, Diseños Industriales, S.A.

Versión 1.0 Página 2 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico
INDICE
COPYRIGHT................................................................................................................................ 5
AVVISO........................................................................................................................................ 5
MARCHIO CE.............................................................................................................................. 5
NORME DI SICUREZZA.............................................................................................................. 7
OSSERVAZIONE GENERALE.................................................................................................... 9
TRATTAMENTO DEI RESIDUI.................................................................................................... 9
1. CONDIZIONI DI UTILIZZO PREVISTE.............................................................................11
2. DATI TECNICI................................................................................................................... 11
2.1. DIMENSIONI GENERALI.......................................................................................... 12
2.2. EMISIÓN DE RUIDO AEREO...................................................................................12
3. MANUTENZIONE.............................................................................................................. 14
3.1. TRASPORTO............................................................................................................ 14
3.1.1. TRASPORTO IN CAMION....................................................................................14
3.1.2. TRASPORTO MARITTIMO...................................................................................14
3.2. ISTALLAZIONE......................................................................................................... 14
3.2.1. PRELIMINARI....................................................................................................... 14
3.2.2. ISTALLAZIONE..................................................................................................... 16
3.3. ALIMENTAZIONE..................................................................................................... 18
3.3.1. ELETTRICA.......................................................................................................... 18
3.3.2. PNEUMATICA...................................................................................................... 18
4. DESCRIZIONE.................................................................................................................. 19
4.1. TELAI........................................................................................................................ 20
4.2. ASSE BRACCI.......................................................................................................... 20
4.3. BRACCI..................................................................................................................... 21
4.3.1. CONO................................................................................................................... 21
4.3.2. SISTEMA ESPULSORE.......................................................................................22
4.3.3. FRENO PNEUMATICO........................................................................................ 22
4.4. GRUPPO SPOSTAMENTO BRACCI........................................................................23
4.5. GRUPPO ELEVAZIONE BRACCI.............................................................................24
4.6. CENTRALE IDRAULICA........................................................................................... 24
4.7. BARRIERA DI SCUREZZA (OPZIONALE)...............................................................25
4.8. SISTEMA DI ALLINEAMENTO DELLA BOBINA......................................................26
4.9. PANEL DE CONTROL.............................................................................................. 27
5. FUNZIONAMENTO........................................................................................................... 28
5.1. COMANDI................................................................................................................. 28
5.1.1. GENERALES........................................................................................................ 28
5.1.2. PULSANTI STAZIONE 1.......................................................................................30
5.1.3. PULSANTI STAZIONE 2.......................................................................................31
5.1.4. PULSANTIERE BRACCI PORTABOBINE............................................................32
5.1.4.1. PULSANTIERA STAZIONE 1......................................................................32
5.1.4.2. PULSANTIERA STAZIONE 2......................................................................32
5.2. MANOVRE................................................................................................................ 33
5.2.1. MESSA IN FUNZIONE......................................................................................... 33
5.2.2. CARICO MANUALE.............................................................................................. 33
5.2.3. SCARICO MANUALE........................................................................................... 35
5.2.4. CICLO DI CARICO AUTOMATICO.......................................................................37
5.2.5. CICLO DI SCARICO AUTOMATICO....................................................................38

Versione 1.0 Pagina 3 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
5.2.6. CONDIZIONI DELLE BOBINE..............................................................................41
5.2.7. ALLINEAMENTO E POSIZIONAMENTO..............................................................41
5.2.8. SPEGNIMENTO................................................................................................... 41
6. REGOLAZIONI E MANUTENZIONE.................................................................................42
1.1. 42
1. LOCALIZZAZIONE DI AVARIE........................................................................................ 54

Versione 1.0 Pagina 4 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

1. COPYRIGHT
Il copyright del presente manuale è di proprietà di M. Torres Diseños Industriales S.A.
con tutti i diritti riservati. In conformità con le leggi di proprietà intellettuale, non può
essere in alcun modo riprodotto senza il previo consenso per iscritto di M. Torres
Diseños Industriales S.A.

 M. Torres Diseños Industriales S.A.. Tutti i diritti riservati.

AVVISO
Le informazioni contenute nel presente manuale, tra cui le specifiche dei prodotti, sono
soggette a modifiche senza preavviso.

MARCHIO CE
I nostri prodotti sono conformi alle disposizioni:

 Direttiva sulle macchine: 98/37/CE.

 Direttiva sul materiale elettrico destinato ad essere impiegato entro determinati


limiti di tensione: 73/23/CEE.

 Direttiva sulla compatibilità elettromagnetica: 89/336/CEE.

Versione 1.0 Pagina 5 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

NORME DI SICUREZZA
Prima dell'istallazione, verificare che il materiale non sia stato danneggiato.

Prima di iniziare il montaggio e la messa in funzione, leggere attentamente le


istruzioni d'uso.

ATTENZIONE:

Gli elementi sotto tensione e i pezzi in rotazione nelle macchine elettriche


possono provocare ferite gravi e mortali.

Il montaggio, la connessione, la messa in funzione, nonché i lavori di


manutenzione e di riparazione devono essere eseguiti da personale
qualificate e osservando:

 Le istruzioni dei manuali corrispondenti

 Le istruzioni di funzionamento e gli schemi di connessione dei diversi


componenti dell'impianto

 Le norme di sicurezza e prevenzione vigenti a livello nazionale/regionale

Prima di iniziare i lavori di pulizia e/o manutenzione è obbligatorio scollegare


l'alimentazione elettrica e pneumatica.

Assicurarsi che tutta l'aria sia stata espulsa dalla macchina.

Assicurarsi che la pressione idraulica di tutti i circuiti di distribuzione sia priva


di pressione

L'interruttore generale dell'alimentazione dispone della possibilità di applicare 3


serrature di blocco per la sicurezza degli operai durante lo svolgimento delle
operazioni di pulizia e/o di manutenzione, per garantire che la corrente non
venga attivata accidentalmente.

Se la macchina è in funzione non ostacolare mai il percorso delle parti mobili.

Non interferire nel percorso dei bracci del portabobine e delle corsie di
trasporto delle bobine. Non salire sui bracci o sui coni.

ATTENZIONE: Quando la macchina è in funzione, prestare particolare


attenzione ai bordi del nastro di carta, a causa dell'imminente pericolo
di taglio.

Per aprire l'armadio elettrico è obbligatorio scollegare l'interruttore generale.


Solo personale autorizzato può ripristinare la tensione della macchina con
l'armadio elettrico aperto.

Versione 1.0 Pagina 6 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
ATTENZIONE:

Toccare elementi elettrici può causare la morte anche dopo aver scollegato il
dispositivo di alimentazione elettrica.

Assicurarsi della caduta di voltaggio delle sorgenti di alimentazione o delle


altre sorgenti con possibilità di tensione permanente.
Verificare se esiste tensione di altre sorgenti esterne alla macchina
(collegamento con altri dispositivi).

Versione 1.0 Pagina 7 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
OSSERVAZIONE GENERALE
È imprescindibile rispettare le istruzioni e le osservazioni dei differenti manuali
per ottenere un funzionamento corretto e poter usufruire, in caso di necessità,
alla garanzia.

Quando si ricevono le macchine verificare che non siano state danneggiate


durante il trasporto. Se così fosse, formulare immediatamente il reclamo al
vettore.

Nel caso le macchine non venissero istallate immediatamente, stoccarle in un


locale asciutto, al riparo da polvere e da umidità.

Nel presente manuale appaiono diversi simboli che richiedono un'attenzione


particolare.

I simboli utilizzati sono i seguenti:

Indica un'avvertenza generale.

Indica un'avvertenza elettrica.

Osservazione importante per un funzionamento sicuro e affidabile.

 Leggere questo manuale attentamente e conservarlo in un luogo sicuro.

TRATTAMENTO DEI RESIDUI


(Tenere in conto le prescrizioni vigenti)

 La maggior parte delle macchine deve essere trattata e trasformata in rottami di


acciaio.

 I rulli devono essere trattati e trasformati in rottami di alluminio.

 Le parti piccole dei bracci e degli assi del portabobine devono essere trattati e
trasformati in residui di plastica.

 Nel caso di componenti commerciali seguire le istruzioni dei manuali


corrispondenti.

 Ferodi dei freni. Seguire le normative nazionali.

Resti, frammenti, residui, container, dispositivi e indumenti contaminati saranno


raccolti, riciclati e smaltiti in sacchi sigillati e impermeabili o altri contenitori sigillati e
impermeabili.

 Oli e grassi. Recuperare e trattare gli oli utilizzati.

Versione 1.0 Pagina 8 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
2. CONDIZIONI DI UTILIZZO PREVISTE
Il portabobine TSH è uno sbobinatore di nastri di carta che permette di lavorare in una
stazione con una bobina mentre se ne prepara un'altra nella seconda stazione

L'uso corretto della macchina consiste in:

 Non effettuare lavori differenti rispetto a quelli per cui è stata progettata la
macchina come:

 Utilizzare la macchina con altri fini che non siano lo sbobinamento di bobine.
 Trattare altri oggetti che non siano bobine di carta.
 Utilizzare la macchina come mezzo di accesso di persone ad altre parti
dell'impianto.
 Non effettuare misurazioni con la macchina in moto.

 Non superare la capacità di lavoro della macchina.

 Essere maneggiata da personale esperto e istruito nell'utilizzo della macchina.

 Lavorare con i sistemi di sicurezza di cui è provvista la macchina, controllarli ed


effettuare la manutenzione come indicato nel manuale di istruzioni.

 Osservare le misure di sicurezza indicate nei cartelli appesi alla macchina e nel
manuale di istruzioni.

 Osservare le misure di sicurezza di tipo generale legalmente esigibili che possono


influire sul funzionamento della macchina, nonché quelle che richieste dal centro di
lavoro.

3. DATI TECNICI

SPECIFICHE TECNICHE TSR

Diametro massimo bobina 1550 mm.


Diametro minimo bobina 350 mm.
Larghezza massima bobina 2500 mm.
Larghezza minima bobina 900 mm.
Peso massimo da sollevare 4000 kg.
Potenza istallata 12,7 kVA
Peso totale macchina 6000 kg.
Ciclo automatico della macchina con 70 s.
scarico della vecchia bobina e caricamento Scarico :24 s.
della nuova, compreso il movimento della Corsia: 15 s.
corsia. Carico: 31 s.

Versione 1.0 Pagina 9 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
3.1. DIMENSIONI GENERALI
Ejemplo para una bobina de características:

 Diametro massimo bobina: 1550 mm.

 Larghezza massima bobina: 2500 mm.

* Dimensioni soggette a modifiche tecniche.

3.2. EMISIÓN DE RUIDO AEREO


In conformità con il punto 1.7.4.f della Direttiva 98/37/CE sono state effettuate le
seguenti misurazioni:

 Livello di pressione sonora ponderato A nella stazione di lavoro: 60 dB.


 Livello massimo pressione sonora ponderato A nel lato operaio: 64 dB.
 Livello massimo pressione sonora ponderato A nel lato motori: 73 dB.

Le misurazioni sono state effettuate con un sonometro digitale Neurtek 840029, nº


di serie 0107940, conforme alla scala di decibel ponderata A.

Versione 1.0 Pagina 10 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

4. MANUTENZIONE

4.1. TRASPORTO

4.1.1. TRASPORTO IN CAMION


Il portabobine è disposto su una base di legno, co i bracci bloccati nella loro
posizione superiore per evitare qualsiasi movimento durante il trasporto.

4.1.2. TRASPORTO MARITTIMO


Nel caso in cui il trasporto sia via mare, la macchina è, come nel caso
precedente, disposta su una base di legno ed è inserita in un sacco autosigillante
a sua volta introdotto in una cassa di legno per evitare l'ossidazione per la
condensazione che si produce durante il trasporto.

Come nel caso precedente il portabobine è disposto su una base di legno, con i
bracci bloccati nella loro posizione superiore per evitare qualsiasi movimento
durante il trasporto.

4.2. ISTALLAZIONE

4.2.1. PRELIMINARI
Per una corretta istallazione è necessario:

 Una gru capace di sollevare un peso di 10.000 Kg o un camion-gru capace di


sollevare un peso di 20.000 Kg.

 Le braghe (quattro da 4 m.) devono essere capaci di sopportare 4.000 Kg


ciascuna.

Per il corretto utilizzo del portabobine si devono collocare le braghe come

6000 kg.

indicato nell'immagine sottostante.

Versione 1.0 Pagina 11 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

4.2.2. ISTALLAZIONE
 Sollevare la macchina sotto al ponte dopo aver marcato sul suolo il centro
della linea per ondulare e il centro della macchina. Chiedere al cliente di
fornire un buon riferimento per il luogo dover marcare la linea (se le corsie
sono già istallate, il centro delle corsie sarà il centro della macchina).

In questa immagine si vedono delle


corsie già istallate e sono marcati il
centro della linea per ondulare e il centro
della macchina, che in questo caso è la
metà della distanza tra le corsie.

 Marcare sul bancale del portabobine TSH i centri della macchina.

 Con l'aiuto di una gru a ponte collocare il portabobine sulle piastre di


livellamento di cui dispone la macchina, avvicinando il più possibile il centro
della linea per ondulare e della macchina.

 In seguito, con l'aiuto di leve e martinetti idraulici, spostare la macchina fino ad


allineare perfettamente il centro della stessa e della linea per ondulare.

ANCLAJE QUIMICO

TORNILLO DE NIVELACIÓN

CHAPA DE NIVELACIÓN

Versione 1.0 Pagina 12 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
A questo punto si dovrà procedere come segue.

 Collocare un piatto calibrato sugli assi e su questo la riga per realizzare il


livellamento dei quattro angoli della macchina.

 Una volta effettuato un primo avvicinamento (il più esatto possibile) a livello
ottico, collocare un livello di precisione a bolla sul braccio, per una regolazione
più precisa.

 Una volta che la macchina è livellata e centrata, procedere a prendere un


riferimento di parallelo con la macchina del cliente. Per fare ciò, misurare le
distanze tra il preriscaldatore con cui si lavorerà e l'asse della stazione
corrispondente. Muovere il portabobine fino a raggiungere la stessa misura sui
due lati.

Quando si effettua questa regolazione, occorre prestare attenzione a non


spostare eccessivamente il portabobine dal suo centro di macchina, poiché
altrimenti non rimarrà centrato rispetto alle corsie.

 Una volta sicuri che la macchina sia a livello, parallela e centrata con la
macchina, fissarla al suolo mediante “tasselli meccanici o chimici”, a seconda
del fissaggio che si sia deciso di utilizzare.

Nel caso di “tasselli chimici”, consultarne le caratteristiche per sapere che


tipo di punta utilizzare (diametro) e, una volta realizzato il foro, occorre
pulirlo perfettamente con aria compressa.

Con questo tipo di fissaggio occorre tenere in conto che se gli strati di
calcestruzzo non sono sufficientemente spessi se quando si effettua il foro
vengono trapassati, cercando di utilizzare il tassello chimico è probabile
che non faccia presa e la miscela vada verso il basso.

Non superare le coppie di serraggio consigliate dai fabbricanti dei tasselli.


Verificare che il processo di fissaggio non cambi il livellamento della
macchina.

 Nel caso si debba istallare una linea completa di portabobine TSH può essere
necessario lasciare tutti i bancali alla stessa altezza (nel caso in cui il ponte
vada montato sui portabobine).

Versione 1.0 Pagina 13 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

 Se ciò avvenisse, si dovrà misurare il livello del suolo nella posizione in cui
andranno i portabobine e vedere qual è la più alta.

 Quindi livellare questo portabobine con il primo.

 Poi livellare gli altri 4 portabobine e collocarli alla stessa altezza del primo.

4.3. ALIMENTAZIONE

4.3.1. ELETTRICA
 Tensione: 3 x 400 VAC

 Potenza istallata: 16 kVA

 Frequenza: 50 Hz.

 Coseno di φ (medio): 0,8

 Sezione massima del collegamento: 6 mm2

* Valori standard. Altre tensioni su richiesta.

4.3.2. PNEUMATICA
Per poter controllare i freni sono necessarie due linee di pressione controllata,
una per stazione. Tali linee si collegano al distributore situato sul lato operaio.

STAZIONE 2

STAZIONE 1

Versione 1.0 Pagina 14 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
5. DESCRIZIONE
Questa macchina è suddivisa in due stazioni di lavoro, denominate “stazione 1” (quella
a sinistra, guardando dal lato dell'operaio) e la “stazione 2” (quella di destra). Ciascuna
stazione funziona in modo indipendente per mezzo del pannello centrale di controllo e
non devono essere azionati simultaneamente i movimenti di ciascuna stazione.

PANEL DE CONTROL Y ARMARIO ELECTRICO

CUSCINETTO DEVIAZIONE USCITA


CENTRAL E IDRAULICA

LATO MOTORI STAZIONE 2

STAZIONE 1

LATO OPERAIO

FRENO TELAIO LATO OPERAIO


CONO ASSE BRACCIO BRACCIO

GRUPPO DI ELEVAZIONE CILINDRO DI SPOSTAMENTO DEI BRACCI

Le principali parti che costituiscono il portabobine sono:

 Telai, adibiti al supporto della struttura della macchina.


 Asse bracci, che supporta i due bracci di ciascuna stazione di lavoro. Sono
denominati “asse bracci stazione 1” e “asse bracci stazione 2”.
 Bracci, per prendere e sorreggere le bobine
 Gruppo di spostamento dei bracci, per realizzare i movimenti di apertura e di
chiusura dei bracci e per allineare la bobina.
 Gruppo elevazione bracci, serve per alzare e abbassare i bracci.
 Rullo deviazione uscita, funge d'appoggio per il nastro di carta nel percorso della
bobina all'unità di giunzione.
 Centrale idraulica, alimenta i cilindri idraulici di elevazione dei bracci.
 Pannello di controllo, attraverso il quale l'operaio aziona la macchina.

Versione 1.0 Pagina 15 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

Mentre il portabobine è in funzionamento, non interferire per nessun


motivo nel percorso delle parti mobili.

Mantenere pulita la zona di lavoro.

Mantenere pulita la zona degli assi e dei bracci del portabobine.

5.1. TELAI
Su di essi vanno montati gli assi dei bracci. º

 Telaio lato operaio, sul cui è situato il pannello di controllo.

 Telaio lato motori, su ci è situata la centrale idraulica.

PANNELLO DI CONTROLLO

TELAIO LATO OPERAIO CENTRALE IDRAULICA

TELAIO LATO MOTORI


5.2. ASSE BRACCI

Si trova appoggiato sui telai del portabobine e supporta i bracci della macchina.

I bracci effettuano un movimento rotatorio prodotto da un cilindro idraulico che


agisce sull'asse dei bracci e li fa girare sul loro asse. Vedi 4.5.

ASSE BRACCI

Versione 1.0 Pagina 16 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

5.3. BRACCI

Prendono e sostengono la bobina. Vi sono due bracci per ciascuna stazione, i quali
sono dotati dei seguenti dispositivi:

 Coni, che entrano nel mandrino della bobina per sostenerla.

 Sistema espulsore, per estrarre il mandrino dei coni per lo scaricamento della
bobina.

 Freni, la cui finalità è frenare la bobina per controllare la tensione di


sbobinamento della nastro di carta.

ASSE BRACCI

CONO

FRENO

5.3.1. CONO
È la parte del braccio che si introduce nel mandrino per sorreggere la bobina.
Quando entra nel mandrino le sue linguette si espandono facendo pressione su
di esso, per evitare lo scorrimento.

A seconda del tipo di coni, questa espansione può essere:

 Espansione assiale

 Espansione radiale

 Espansione pneumatica

 Altre possibilità

Versione 1.0 Pagina 17 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

5.3.2. SISTEMA ESPULSORE


Il sistema espulsore è formato da un blocco su cui si agisce idraulicamente per
estrarre il mandrino o la bobina dai coni.

LINGUETTA FRENO PNEUMATICO

FLANGIA DI
ESPULSIONE

CONO

CILINDRO ESPULSORE
In caso di guasto nell'alimentazione elettrica o di arresto di emergenza, il
sistema espulsore rimarrà senza pressione idraulica.

In caso di guasto dell'alimentazione pneumatica o di arresto di emergenza, i


coni con espansione pneumatica rimarranno con le linguette espanse.

5.3.3. FRENO PNEUMATICO


I coni sono uniti mediante assi ai freni pneumatici che rendono possibile una
tensione del nastro nello sbobinamento conforme con le condizioni di lavoro
richieste. Il freno pneumatico è controllato da un regolatore di pressione con
indicazione nel manometro della pressione di frenata.

Versione 1.0 Pagina 18 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

5.4. GRUPPO SPOSTAMENTO BRACCI


Si utilizza per spostare i bracci in senso orizzontale. Questi si spostano lungo delle
guide situate sull'asse dei bracci del portabobine.

Dos cilindros hidráulicos por estación son los encargados de dar movimiento a los
brazos en su desplazamiento.

CILINDRO DESPLAZAMIENTO BRAZOS

Il gruppo spostamento bracci possiede i seguenti movimenti:

 Aprire bracci. Consiste in trasportare orizzontalmente i bracci sull'asse


corrispondente in senso opposto in modo che si allontanino tra di loro.

 Chiudere bracci. Consiste in trasportare orizzontalmente i bracci sull'asse


corrispondente in senso opposto in modo che si avvicinino tra di loro.

 Trasportare bracci verso il lato operaio. Consiste in trasportare


orizzontalmente i bracci sull'asse corrispondente nello stesso senso in modo
che si avvicinino alla posizione operaio.

 Trasportare bracci verso il lato motore. Consiste in trasportare


orizzontalmente i bracci sull'asse corrispondente nello stesso senso in modo
che si allontanino dalla posizione operaio.

Versione 1.0 Pagina 19 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

5.5. GRUPPO ELEVAZIONE BRACCI


In ciascuna stazione esiste un cilindro idraulico situato nel medio della macchina
che agisce sull'asse del braccio, e fa salire o scendere i bracci corrispondenti.

CILINDRO DI ELEVAZIONE

5.6. CENTRALE IDRAULICA


Situata sul telaio lato motori, fornisce pressione ai cilindri idraulici della macchina.

CENTRALE IDRAULICA

Versione 1.0 Pagina 20 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

5.7. BARRIERA DI SCUREZZA (OPZIONALE)


Il suo scopo è di rilevare la presenza dell'operaio nella zona di lavoro durante
l'esecuzione di movimenti automatici e quindi evitare il rischio di possibili incidenti.

La barriera di sicurezza è formata da:

 Due emissori nel lato operaio.

 Due recettori nel lato motori.

 Quattro specchi riflettenti intermedi per la deviazione del fascio.

Se il portabobine è in funzione in ciclo automatico e la barriera è attraversata da


qualcuno o da qualcosa il ciclo automatico viene fermato e viene attivato il segnale

EMISSORE

di allarme.

Mantenere pulite le fotocellule e i riflettori.

Mantenere pulita la zona tra le fotocellule e i riflettori.

Per resettare il segnale di allarme della barriera di sicurezza una volta attivata
occorre premere il pulsante “barriera reset” del pannello centrale.

RESET BARRIERA DI SICUREZZA

Versione 1.0 Pagina 21 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

5.8. SISTEMA DI ALLINEAMENTO DELLA BOBINA.


Il portabobine è dotato di un sistema di allineamento di bobine automatico, mediante
righe analogiche collocate nella parte inferiore dell'asse dei bracci, e di sensori di
ultrasuoni che vanno collocati nella parte superiore di ciascun braccio.

L'allineamento della bobina può essere effettuato in modo manuale mediante gli
appositi pulsanti situati nella pulsantiera centrale (vedi capitolo 5) o mediante lo
schermo tattile (vedi “Manuale Schermo Tattile”).

SENSORE DI ULTRASUONI RIGA ANALOGICA

Versione 1.0 Pagina 22 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

5.9. PANEL DE CONTROL


Desde aquí el operario inicia y dirige las distintas secuencias de movimientos que la
máquina realiza.

En este panel se encuentran ubicados el piloto de tensión, el interruptor general y


los pulsadores.

Los elementos que encontramos en él son los siguientes:

 Piloto de tensión

 Interruptor general

 Pulsador subir brazos

 Pulsador cerrar brazos

 Pulsador desplazamiento brazos lado motores

 Pulsador bajar brazos

 Pulsador abrir brazos

 Pulsador desplazamiento brazos lado operario

PANEL DE CONTROL Y ARMARIO ELÉCTRICO

Versione 1.0 Pagina 23 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
6. FUNZIONAMENTO

38 39 40 41 42 48 47 46 45 44

27 28

30
29 31

4 2 37 43 14 16
3 1 15 17

5 7 18 20
6 32 33 34 19
35

8 9 10 21 22 23

11 12 13 24 25 26

36
6.1. COMANDI

Prima di mettere in funzione i comandi è assolutamente necessario


ricevere le informazioni adeguate e osservare le istruzioni del
“Manuale del TSH”.

6.1.1. GENERALES
27.- PULSANTE “Sicurezza Abbassare Bracci”. Di colore bianco.
È un pulsante di sicurezza per la discesa dei bracci, sia dalla stazione 1
sia dalla 2.

28.- PULSANTE “Sicurezza Aprire Bracci”. Di colore bianco. Pulsante


di sicurezza apertura bracci della stazione 1 e 2.

29.- SELETTORE “Manuale – Automatico”. Di colore nero. Selettore


di modalità di lavoro manuale o automatico.

Versione 1.0 Pagina 24 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

30.- PULSANTE SPIA “Errore Ciclo Automatico”. Di colore giallo.


Pulsante spia che indica errore nel ciclo automatico di carico - scarico
del portabobine. Quando avviene l'errore la spia si accende. Se si
preme il pulsante 30 si resetta il ciclo di carico o scarico che ha
prodotto l'errore.

31.- PULSANTE SPIA “Reset Barriera Fotocellule”. Di colore giallo.


Pulsante spia per resettare il sistema di sicurezza a fotocellule della
barriera.

32.- PULSANTE SPIA “Macchina ON”. Di colore bianco. Serve per


riarmare la macchina dopo un arresto d'emergenza o dopo uno
scollegamento totale della macchina.
La spia si accende quando la macchina viene riarmata, quindi quando
è pronta per l'utilizzo.

33.- SPIA “Macchina con Tensione”. Di colore bianco. Spia che


indica che la macchina è in tensione e l'interruttore generale è su ON.

34.- SPIA “Errore Elettrico”. Di colore giallo.


Indica errore nel motore del portabobine, delle corsie o in uno dei
circuiti ausiliari del comando. Si illuminerà quando c'è un errore: nel
funzionamento dei motori del portabobine o delle corsie, nei ventilatori
o nel somministro a uno dei circuiti di manovra.

35.- PULSANTE “Arresto di Emergenza”. Pulsante a fungo di color


rosso. Pulsante “FUNGO” di arresto di emergenza. Attivandolo tutti i
dispositivi di potenza e delle parti mobili vengono bloccati.

36.- Interruttore Generale. Di colore rosso. L'interruttore generale


interrompe la tensione alla macchina.

Versione 1.0 Pagina 25 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
6.1.2. PULSANTI STAZIONE 1

8.- PULSANTE “Alzare Bracci”. Di colore bianco. Pulsante di salita dei


bracci della stazione 1.

9.- PULSANTE “Chiudere Bracci”. Di colore bianco. Pulsante chiudere


bracci stazione 1.

10.- PULSANTE “Spostare Bracci verso Lato Motori”. Di colore


bianco. Pulsante spostamento bracci stazione 1 verso il lato motori.

11.- PULSANTE “Abbassare Bracci”. Di colore bianco. Pulsante di


discesa bracci stazione 1.
Premendo 11 e 27 entro 1 secondo vengono abbassati i bracci della
stazione 1. Se si smette di premere uno dei due pulsanti i bracci della
stazione 1 smetteranno di scendere.

12.- PULSANTE “Aprire Bracci”. Di colore bianco. Pulsante di apertura


bracci stazione 1.
Premendo “12” e “28” entro 1 secondo si produce l'apertura dei bracci
della stazione 1. Smettendo di premerli, i bracci della stazione 1
smetteranno di aprirsi.

13.- PULSANTE “Spostare Bracci verso Lato Operaio”. Di colore


bianco. Pulsante spostamento bracci della stazione 1 verso il lato
operaio

1.- PULSANTE SPIA “Carico automatico". Di colore bianco.


Inizia il ciclo di carico automatico della stazione 1. Premendolo il carrello
trasporta la bobina fino a centrarla tra i bracci del portabobine. Quindi i
bracci prendono la bobina, la alzano e la allineano.
La spia si illumina e viene emesso un segnale acustico durante
l'esecuzione del ciclo.
3.- PULSANTE SPIA “Scarico automatico". Di colore bianco.
Pulsante spia di scarico automatico della bobina della stazione 1.
Premendolo il resto della bobina viene lasciato sul carrello di scarico e i
bracci del portabobine si alzano ad una posizione ottimale per facilitare
l'uscita del carrello con il resto della bobina.
La spia si illumina permanentemente mentre avvengono i movimenti e il
segnale acustico suona.

Versione 1.0 Pagina 26 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
6.1.3. PULSANTI STAZIONE 2

21.- PULSANTE “Spostare Bracci verso Lato Motori”. Di colore bianco.


Pulsante spostamento bracci dalla stazione 2 verso il lato motori

22.- PULSANTE “Chiudere Bracci”. Di colore bianco. Pulsante chiudere


bracci della stazione 2.

23.- PULSANTE “Alzare Bracci”. Di colore bianco. Pulsante di salita


bracci stazione 2.

24.- PULSANTE “Spostare Bracci verso Lato Operaio”. Di colore


bianco. Pulsante spostamento bracci dalla stazione 2 verso il lato operaio

25.- PULSANTE “Aprire Bracci”. Di colore bianco. Pulsante di apertura


bracci della stazione 2.
Premendo “25” e “28” entro 1 secondo si produce l'apertura dei bracci
della stazione 2. Se si smette di premere uno qualsiasi di essi i bracci
della stazione 2 smetteranno di aprirsi.

26.- PULSANTE “Abbassare Bracci”. Di colore bianco. Pulsante di


discesa bracci stazione 2.
Premendo “27” e “26” entro 1 secondo vengono abbassati i bracci della
stazione 2. Se si smette di premere uno dei due pulsanti i bracci della
stazione 2 smetteranno di scendere.
15.- PULSANTE SPIA “Carico automatico". Di colore bianco.
Inizia il ciclo di carico automatico della stazione 2. Premendolo il carrello
trasporta la bobina fino a centrarla tra i bracci del portabobine. Quindi i
bracci prendono la bobina, la alzano e la allineano.
La spia si illumina e il segnale sonoro viene attivato durante l'esecuzione
del ciclo.
La spia si illumina permanentemente mentre avvengono movimenti e il
segnale sonoro suona.
17.- PULSANTE SPIA “Scarico automatico". Di colore bianco.
Pulsante spia di scarico automatico della bobina della stazione 2.
Premendolo il resto della bobina viene lasciato sul carrello di scarico e i
bracci del portabobine si alzano ad una posizione ottimale per facilitare
l'uscita del carrello con il resto della bobina.
La spia si illumina permanentemente mentre avvengono i movimenti e la
sirena suona.

Versione 1.0 Pagina 27 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

6.1.4. PULSANTIERE BRACCI PORTABOBINE

6.1.4.1. PULSANTIERA STAZIONE 1

PULSANTE. Di colore bianco.

Pulsante per far salire i bracci della


stazione 1.

2.- PULSANTE. Di colore bianco.


1 2 3 4
Pulsante di chiusura dei bracci della
stazione 1.

3.- PULSANTE. Di colore bianco.

Pulsante per muovere i bracci della 8 9 5 6


stazione 1 verso il lato operaio 7

4.- PULSANTE. Di colore bianco.

Pulsante per muovere i bracci della stazione 1 verso il lato motori

6.1.4.2. PULSANTIERA STAZIONE 2

1.- PULSANTE. Di colore bianco.

Pulsante per muovere i bracci della stazione


2 verso il lato motori
1 2 3 4
2.- PULSANTE. Di colore bianco.

Pulsante per muovere i bracci della stazione


2 verso il lato operaio

3.- PULSANTE. Di colore bianco.


5 6 8 9
Pulsante di chiusura dei bracci della 7
stazione 2.

4.- PULSANTE. Di colore bianco.

Pulsante per far salire i bracci della stazione 2.

Versione 1.0 Pagina 28 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico
6.2. MANOVRE

ATTENZIONE. Prima e durante la realizzazione di qualsiasi movimento,


è necessario prestare attenzione ai possibili colpi o urti con elementi
fissi o mobili situati nelle zone limitrofe (rulli, bobine, traverse, ecc).
Nel caso in cui il portabobine lavori con un sistema di trasporto di
bobine, un connettore o altre macchine, è fondamentale leggere i
corrispondenti manuali per valutare possibili limiti e/o incompatibilità
con le manovre che si descrivono a continuazione.

In funzione del modello e delle opzioni della macchina, è possibile che


non siano inclusi alcuni dei comandi e delle manovre che vengono
descritte a continuazione.

6.2.1. MESSA IN FUNZIONE


Il portabobine si mette in funzione girando su ON l'“Interruttore Generale” 36.
Vedi capitolo 5.

6.2.2. CARICO MANUALE


Immaginando un ciclo di carico manuale nella stazione 1, le condizioni per
iniziare sono le seguenti:

 Unità di connessione nella stazione 1. Spostare l'unità di connessione verso il


lato sinistro fino ad attivare il fine corsa corrispondente. (Questa manovra può
variare a seconda della sicurezza del connettore).

 Corsia nell'area di carico - scarico. Spostare il carrello verso la zona di carico-


scarico fino ad attivare il fine corsa corrispondente.

 Bracci del portabobine completamente aperti. Aprire i bracci fino a che si


attivino i fine corsa di apertura bracci.

 Bracci della stazione 1 completamente in alto. Alzare i bracci fino a


raggiungere il fermo del cilindro idraulico e si attivi il corrispondente fine corsa.

1. Collocare la bobina sulla corsia e mantenere premuto il pulsante “2” del


pannello centrale fino quando la bobina non entri nei bracci del portabobine.

2. Premeremo contemporaneamente i pulsanti “27” e “11” del pannello


centrale, facendo scendere i bracci fino a quando i coni non siano all'altezza
del mandrino.

3. Spostare il contatore (opzionale) con i pulsanti “5” e “7” del pannello


centrale, fino a quando i mandrini e i coni non siano allineanti.

4. Andare alla pulsantiera del braccio (stazione 1), dove il pulsante “1”
permetterà di correggere l'altezza dei bracci se fosse necessario.

5. Chiudere i bracci con il pulsante “2” della pulsantiera del braccio e


mantenerlo attivo fino a quando la manovra non si arresti per i rilevatori di
vicinanza "Flangia di espulsione posteriore".

Versione 1.0 Pagina 29 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

Prestare attenzione a non deformare o rompere i mandrini


nell'introdurvi i coni.

6. Alzare la bobina di circa 50 mm. dal suolo con il pulsante “1” della
pulsantiera del braccio.

7. Infine attivare momentaneamente i pulsanti “12” e “28” per scaricare


l'eccesso di pressione di tenuta che si è prodotto sulla bobina.

27
28
PULSANTIERA BRACCIO

1 2 3 4
2

8 9 5 6
7
11 12

6.2.3. SCARICO MANUALE


Immaginando un ciclo di scarico manuale nella stazione 1, le condizioni per
iniziare sono le seguenti:

 Unità di connessione nella stazione 1. Spostare l'unità di connessione verso il


lato sinistro fini ad attivare il fine corsa corrispondente. (Questa manovra può
variare a seconda della sicurezza del connettore).

1. Azionare contemporaneamente i pulsanti “27” e “11” del pannello centrale


fino a che la bobina non si appoggi sulla corsia. Premere il pulsante “8” circa
un decimo di secondo per centrare il cono con il mandrino della bobina.

2. Quindi azionare contemporaneamente i pulsanti “28” e “12” fino a quando i


bracci non si aprano completamente. Si arresterà attivando i corrispondenti
fine corsa.

Versione 1.0 Pagina 30 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

3. Attivare il pulsante “8” e alzare i bracci fino a raggiungere il fermo del


cilindro idraulico e che si attivi il corrispondente fine corsa.

4. Infine, attivare il pulsante “4” per spostare la bobina. Per fare ciò è
indispensabile che il contatore si trovi nella sua posizione centrale, spia “6”
accesa. Se così non fosse, premere i pulsanti “5” o “7” fino a ottenerlo. Sarà
allora possibile spostare la bobina.
27
28

11 12

Versione 1.0 Pagina 31 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

6.2.4. CICLO DI CARICO AUTOMATICO.


A continuazione viene descritto un ciclo automatico di carico della bobina nella
stazione 1 del portabobine. Le condizioni di inizio sono le stesse del carico
manuale:

 Unità di connessione nella stazione 1. Spostare l'unità di connessione verso il


lato sinistro fini ad attivare il fine corsa corrispondente. (Questa manovra può
variare a seconda della sicurezza del connettore).

 Corsia nell'area di carico - scarico. Spostare il carrello verso la zona di carico-


scarico fino ad attivare il fine corsa corrispondente.

 Bracci del portabobine completamente aperti. Aprire i bracci fino a quando


non si attivino i fine corsa di apertura bracci.

 Bracci della stazione 1 completamente in alto. Alzare i bracci fino a


raggiungere il fermo del cilindro idraulico e si attivi il corrispondente fine corsa.

 Nel caso di barriera di sicurezza, che questa non venga attraversata.

Quando le condizioni precedenti vengono raggiunte, premere il pulsante spia


“Carico Automatico” 1 per iniziare il ciclo di carico automatico:

 La corsia inizia il suo movimento a velocità rapida in direzione del


portabobine.

 Quando la bobina della carta passa davanti alla fotocellula il controllo del PLC
inizia a calcolare la larghezza della bobina che sta entrando.

 Quando questa fotocellula smette di rilevare la bobina, termina il calcolo della


larghezza della bobina e viene inviato un segnale di velocità lenta alla corsia.

 Il PLC calcola la posizione di arresto per lasciare la bobina centrata rispetto ai


bracci del portabobine e ordina di fermare la corsia quando la bobina è
centrata rispetto ai bracci del portabobine.

 In questo momento i bracci del portabobine iniziano la discesa.

 Quando la fotocellula della barriera, localizzata nel centro del cono, rileva il
mandrino della bobina, termina il movimento di discesa centrando il cono
rispetto al mandrino.

 Cominciano a chiudersi i bracci fino a quando le rondelle di espulsione non


arrivano nella loro posizione posteriore e termina il movimento di chiusura.

 Premere quindi per alzare i bracci.

Se durante il movimento di chiusura dei bracci in ciclo automatico di carico, viene


attivato il rilevatore di sicurezza di flessione dell'asse, il ciclo si fermerà e si
accenderà il pulsante spia “Errore Ciclo Automatico”.

Versione 1.0 Pagina 32 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

6.2.5. CICLO DI SCARICO AUTOMATICO.


Condizioni previe a un ciclo automatico di scarico della bobina:

 Unità di connessione nella stessa stazione da cui si desidera scaricare la


bobina.

 È possibile effettuare lo scarico automatico solo da una stazione che non sta
lavorando.

Per scaricare in ciclo automatico una bobina della stazione 1 premere il pulsante
spia “Scarico Automatico” 3 e si eseguirà la seguente sequenza:

1. I bracci inizieranno il loro movimento di discesa fino a che la bobina si


appoggi sulla corsia o il cilindro idraulico arrivi alla fine del suo percorso
meccanico. In entrambi i casi si rileva la fine del movimento per mezzo di un
pressostato idraulico ubicato nella camera di salita del cilindro (vedi capitolo
regolazioni).

2. Di seguito il portabobine inizia il suo movimento di apertura dei bracci.

3. Dopo 9 secondi dall'inizio del movimento di apertura, si attiveranno i cilindri


per estrarre la bobina dai coni. Passati 5 secondi o se i bracci completano il
loro movimento di apertura, i cilindri di espulsione ritorneranno alla loro
posizione iniziale.

4. Quando i bracci arrivano alla fine del loro percorso nel movimento di
apertura, questo termina e si ordina di alzare i bracci.

5. Quando i bracci raggiungono la fine del loro percorso superiore si ordina di


muovere la corsia a velocità rapida in direzione contraria rispetto al
portabobine.

6. Quando la bobina che si scarica raggiunge la posizione di carico-scarico della


corsia cessa il movimento e il ciclo automatico di scarico.

Versione 1.0 Pagina 33 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

MODELLO PORTABOBINE TSH AUTOMÁTICO MODELLO PORTABOBINE TSH AUTOMÁTICO


CICLO ENTRATA BOBINA CICLO ENTRATA BOBINA

ENTRATA NUOVA BOBINA ARRIVO E ARRESTO BOBINA, CENTRATA TRA I CONI

MODELLO PORTABOBINE TSH AUTOMÁTICO MODELLO PORTABOBINE TSH AUTOMÁTICO


CICLO ENTRATA BOBINA CICLO ENTRATA BOBINA

DISCESA BRACCI
RILEVAMENTO DIAMETRO
RILEVAMENTO DELLA POSIZIONE DEL MANDRINO
POSIZIONAMENTO DELLA BOBINA

MODELLO PORTABOBINE TSH AUTOMÁTICO MODELLO PORTABOBINE TSH AUTOMÁTICO


CICLO ENTRATA BOBINA CICLO ENTRATA BOBINA

CHIUSURA BRACCI
RILEVAMENTO BOBINA CARICATA - ELEVAZIONE BOBINA
- FINE DEL CICLO DI ENTRATA DELLA BOBINA

Versione 1.0 Pagina 34 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

MODELLO PORTABOBINE TSH AUTOMÁTICO MODELLO PORTABOBINE TSH AUTOMÁTICO


CICLO USCITA BOBINA CICLO USCITA BOBINA

- DISCESA BRACCI
1- APERTURA BRACCI
- RILEVAMENTO APPOGGIO BOBINA SU CARRELLO
2- USCITA ESPULSORI

MODELLO PORTABOBINE TSH AUTOMÁTICO


CICLO USCITA BOBINA

- ELEVAZIONE BRACCI
- USCITA BOBINA
- FINE DEL CICLO USCITA BOBINA

Versione 1.0 Pagina 35 23/4/2004


Portabobine TSH Automatico

6.2.6. CONDIZIONI DELLE BOBINE


 L'operaio deve assicurarsi che le bobine di carta siano in buone condizioni di
lavoro.

 La carta che entrerà nella linea di produzione non deve essere rotta o sporca.

 I bordi delle bobine non devono essere danneggiati o graffiati. Se lo fossero è


molto probabile che la carta si rompa durante il processo di sbobinamento.

 L'operaio deve controllare le condizioni dei mandrini prima e durante l'inizio


dello sbobinamento. Se fossero fuori posizione o danneggiati è consigliabile
non terminare tale bobina per evitare rotture impreviste.

6.2.7. ALLINEAMENTO E POSIZIONAMENTO


 Quando si carica una nuova bobina l'operaio deve allinearla con quella con la
quale sta lavorando in quel momento.

 Le bobine devono essere sostenute dai bracci, con i coni completamente


introdotti nei mandrini.

6.2.8. SPEGNIMENTO
Il portabobine si spegne girando su OFF l'“Interruttore Generale” 36 (vedi 5.1.1).
Per i lavori di manutenzione, la disconnessione può essere garantita bloccando
l'interruttore mediante serrature.

Versione 1.0 Pagina 36 23/4/2004


Portabobinas: TSH

Versión 1.0 Página 37 04/06/2020


Portabobine TSH Automatico

7. REGOLAZIONI E MANUTENZIONE

REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH PAGINA: 1

CONTROLLO CODICE SCHEDA PERIODICITÀ


LIVELLAMENTO BRACCI MP – 100 1 ANNO

REGOLAZIONE FINE CORSA SICUREZZA CON IL


MP – 120
GIUNTATRICE

VALVOLA 2 MP – 145 1 ANNO


VALVOLA 3 MP – 150 1 ANNO
REGOLAZIONI

VALVOLA REGOLAZIONE DI PRESSIONE MP – 160 1 ANNO

LIVELLI OLI IDRAULICI MP – 200 6 MESI


INGRASSAGGI

PUNTI DI INGRASSAGGIO MP – 205 3 MESI

PASTIGLIE FRENI MP – 215


USURA
PULIZIA

Versión 1.0 Página 38 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
1 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-100 LIVELLAMENTO BRACCI (1 di 3) Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto

3 ore
Chiave dinamometrica da 8 a 1,5kg
Macchina

Macchina ferma
Istruzioni da seguire

 Assicurarsi che gli assi dei bracci siano perfettamente livellati. In caso contrario, procedere
al loro livellamento.

 Abbassare i bracci del portabobine fino al fermo meccanico del cilindro idraulico che li
governa, come mostra l'immagine sottostante.
 Posizionare un piatto sugli assi dei bracci. Il piatto servirà come riferimento per il livello di
regolazione di A che posizionerà il braccio rispetto all'asse.

Il valore di A dipende dalle dimensioni del portabobine.

R = 1000 A = 482

Zone della macchina su cui agire

Versión 1.0 Página 39 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
2 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-100 LIVELLAMENTO BRACCI (2 di 3) Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto

3 ore
Chiave dinamometrica da 8 a 1,5kg
Macchina

Macchina ferma
Istruzioni da seguire

 Allentare i bulloni di fissaggio (1) e quelli di elevazione (2). In questo modo il braccio rimane
libero e può girare sull'asse.

 Avvicinare il braccio fino al livello A sostenendolo con braghe o con altro mezzo.
 Serrare successivamente e uniformemente le viti di elevazione (2) fino a raggiungere il
livello A.

A deve essere uguale in ciascuna stazione, sebbene non siano importanti


Il livello
le piccole differenze (± 5 mm).

Serrando i bulloni di elevazione (2) sulle linguette il braccio del portabobine si alza
al far girare il dado del braccio sull'asse. Vedi figura sottostante.

Zone della macchina su cui agire

FRENO

2
1

FRENO

1
ASSE 2

DADO BRACCIO

Versión 1.0 Página 40 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
3 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-100 LIVELLAMENTO BRACCI (3 di 3) Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto

3 ore
Chiave dinamometrica da 8 a 1,5kg
Macchina

Macchina ferma
Istruzioni da seguire

 Una vola regolato il livello con i bulloni (2), fissare i bulloni di fissaggio (1) fino a quando il
dado del braccio non sia concentrico all'asse. Utilizzare un calibro da 0,1 mm.

 Quando il dado del braccio è concentrico all'asse, serrare i bulloni di fissaggio (1) con una
coppia massima di 20 Nm. Con questa operazione il dado del braccio è solidale all'asse.
Stringere poi i bulloni di elevazione (2) con una coppia massima di serraggio di 15 Nm.
Verificare che il valore del livello A non sia variato rispetto a quello precedentemente
regolato.

Ripetere le operazioni descritte per i bracci rimanenti.

Con un livello ottico verificare che il centro dei coni di una stessa stazione si mantenga a livello
con i bracci in alto, in basso e in posizione intermedia.

Zone della macchina su cui agire

FRENO

2
1

FRENO

ASSE 1
2

DADO BRACCIO

Versión 1.0 Página 41 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
4 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-120 FINE CORSA DI SICUREZZA CON IL GIUNTATRICE Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto

1 Set di chiavi allen 20 Minuti


1 Set di cacciaviti Macchina

Macchina ferma
Istruzioni da seguire

Existen por cada estación del portabobinas 1 final de carrera localizado en el bastidor lado
operario.

Su finalidad es detectar que los brazos del portabobinas estan en zona segura y habilitan el
movimiento de la unidad de empalme del empalmador.

I fine corsa sono di sicurezza con il giuntatrice, si regolano in modo tale che se i bracci sono
al disopra degli 800 mm rispetto al suolo l'unità di giunzione non si può muovere.

Queste misure si possono modificare regolando le apposite leve del portabobine.

Zone della macchina su cui agire

LEVA FINAL DE CARRERA

PRISIONERO DE AJUSTE

FINE CORSA

FINE CORSA

Versión 1.0 Página 42 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
5 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-145 VALVOLA 2 Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto

20 Minuti
1 Set di chiavi fisse
Macchina

Macchina ferma
Istruzioni da seguire

Questa valvola è ubicata nella camera di salita dei cilindri idraulici di elevazione. Il suo scopo
è consiste nel regolare il flusso di uscita di questa camera quando stanno scendendo i bracci.
Se il flusso che permette l'uscita d questa valvola è maggiore del flusso che entra nella
camera di discesa del cilindro idraulico nella manovra di discesa dei bracci, il braccio
scenderà a scatti.
La regolazione di questa valvola è interna e viene effettuata in fabbrica. In caso di problemi la
soluzione migliore è sostituirla con una nuova, già tarata correttamente in fabbrica.

Zone della macchina su cui agire

VALVOLA 2

VALVOLA 3

Versión 1.0 Página 43 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
6 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-150 VALVOLA 3 Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto

20 Minuti
1 Set di chiavi fisse
Macchina

Macchina ferma
Istruzioni da seguire
Questa valvola è ubicata nella camera di salita dei cilindri idraulici di elevazione. Il suo scopo
consiste nell'evitare la caduta del braccio al suolo in caso di rottura dei tubi idraulici di
alimentazione.
L'unica regolazione disponibile è la pressione del pilotaggio di questa valvola.
Può accadere che, dopo che viene interrotto il segnale di abbassare i bracci, questi
continuino ad abbassarsi per un certo periodo di tempo (scivolamento). Se ciò avvenisse è
perchè la pressione di pilotaggio di questa valvola non è correttamente tarata. La pressione
di pilotaggio di questa valvola è la pressione di discesa del cilindro (vedi schema idraulico).
Per risolvere il problema in questa valvola c'è una vite esterna a testa esagonale con
controdado.
Muovendo questa vite in senso orario è possibile che lo scivolamento, quando termina il
segnale di discesa, diminuisca e che addirittura scompaia.
Se agendo su questa vite di regolazione non si può eliminare lo scivolamento, cambiare la
valvola.

Zone della macchina su cui agire

VALVOLA 2

VALVOLA 3

Versión 1.0 Página 44 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
7 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-160 VALVOLA DI REGOLAZIONE DI PRESSIONE Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto


1 Set di chiavi fisse 20 Minuti
1 Set di chiavi allen
Macchina
1 Set di cacciaviti
Macchina ferma
Istruzioni da seguire

Questa valvola è il regolatore della pressione del circuito idraulico principale ed è ubicata
nella centrale idraulica.

La sua funzione è di regolare la massima pressione di uscita della centrale idraulica, che
deve essere di 120 bar.
La regolazione si effettua con il braccio del portabobine in posizione superiore (finale
percorso cilindro idraulico), togliere il fine corsa di arresto del movimento di salita e
mantenere il segnale elettrico di salita di quel braccio.
La pressione raggiunta sarà visibile nel manometro ubicato nella centrale idraulica.
Se si desidera regolare la pressione di uscita della centrale idraulica, agire sulla valvola
descritta in questo capitolo.
Zone della macchina su cui agire

MANOMETRO
VALVOLA

Versión 1.0 Página 45 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
8 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-200 LIVELLI OLI IDRAULICI Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto

20 Minuti
Macchina

Macchina ferma
Istruzioni da seguire

Mantenere il livello di olio nel serbatoio della centrale idraulica.

Se fosse necessario, aggiungere olio per circuiti idraulici attraverso il tappo di riempimento
per ottenere il livello adeguato nello spioncino.
Nell'immagine sottostante viene mostrata la distribuzione della centrale idraulica, nonché
alcuni oli equivalenti. Il rifornimento standard delle centrali idrauliche è “REPSOL HLP-68”.

Zone della macchina su cui agire

OLI CILINDRI IDRAULICI


MINERAL OIL HLP/ISO VG 68
REPSOL - HLP-68
BP - ENERGOL HLP-
68
MOBIL - DTE-26
SHELL - TELLUS 68

Versión 1.0 Página 46 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
9 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-205 PUNTI DI INGRASSAGGIO Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto

20 Minuti
Cada 3 meses y siempre
que sea necesario. Macchina

Macchina ferma
Istruzioni da seguire

Ingrassare una ogni volta 3 mesi i punti di ingrassaggio indicati nella figura della pagina
successiva con i tipi di grasso consigliati o loro equivalenti.

 16 punti di ingrassaggio delle linguette di ciascun braccio.

 4 punti di ingrassaggio dei bulloni del pistone di elevazione dei bracci.

 4 punti di ingrassaggio dei cuscinetti dei coni.

 Los 4 puntos de engrase de los portarodamientos de los ejes-brazos.

Zone della macchina su cui agire

Versión 1.0 Página 47 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

TIPOS DE GRASA
GLS – EP: SHELL ALvANIA 2 EP
ESSO BEACON 2 EP
B P ENERGREASE LS EP
MOBILUX GREASE Nº 2

PUNTOS DE ENGRASE

PUNTOS DE ENGRASE

Versión 1.0 Página 48 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

Pagina
REGOLAZIONI E MANUTENZIONE: TSH
9 di 9
NORME DI MANUTENZIONE
CODICE OPERAZIONE Realizzatore

MP-215 PASTIGLIE FRENI Operaio di manutenzione

Strumenti necessari Osservazioni Tempo previsto

20 Minuti
1 Set di chiavi allen
6 Mesi
1 Set di cacciaviti Macchina

Macchina ferma
Istruzioni da seguire

Verificare lo stato delle pastiglie dei freni. Se si rileva che i freni non frenano correttamente o che
le pastiglie sono usurate si procederà alla loro sostituzione con altre nuove.
Il procedimento per cambiarle è il seguente:

 Interrompere l'alimentazione elettrica e pneumatica del portabobine.

 Scollegare il ventilatore e smontarlo.

 Allentare le viti (8) di fissaggio delle due metà del freno per poter togliere le pastiglie consumate.

 Sostiutuire le pastiglie consumate con altre nuove.

 Una volta collocate le pastiglie nuove seguire il processo inverso per rimontare il freno.

Zone della macchina su cui agire

DICO FRENO

VENTILATORE
VITI DI FISSAGGIO
FRENO FRENO

Versión 1.0 Página 49 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

8. LOCALIZZAZIONE DI AVARIE

LOCALIZZAZIONE DI AVARIE TSH AUTOMATICO

PROBLEMA CAUSA POSSIBILE SOLUZIONE

I bracci del portabobine agendo elettricamente non Cambiare il limitatore di pressione della centrale idraulica.
Verificare la pressione di uscita della
si muovono, né scendono né salgono in nessuna
centrale idraulica (120 bar circa). Cambiare la pompa idraulica della centrale.
stazione.

Verificare che la massima pressione di esercizio della centrale


Non si possono alzare bobine di gran peso (>3000 sia 120 bar.
Bassa pressione circuito idraulico.
kg.). Regolare il limitatore di pressione della centrale idraulica.
Cambiare il limitatore di pressione della centrale idraulica.
Verificare che il cilindro di elevazione dei bracci non abbia fughe
Fughe interne del cilindro elevazione interne.
I bracci del portabobine, dopo un certo periodo
bracci. Riparare il cilindro di elevazione dei bracci.
scendono al suolo.
Guasto della valvola antiritorno-pilotata. Regolare la valvola antiritorno-pilotata.
Cambiare la valvola antiritorno-pilotata.
Regolare la valvola di limitazione del flusso all'uscita del cilindro
Facendo scendere i bracci con il carico, questi
Valvola limitatrice del flusso. elevazione bracci.
scendono a scatti.
Cambiare la valvola limitatore flusso.

Versión 1.0 Página 50 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

LOCALIZZAZIONE DI AVARIE TSH AUTOMATICO

PROBLEMA CAUSA POSSIBILE SOLUZIONE


Fotocellula rilevazione larghezza della
Regolare o cambiare la fotocellula.
Nel ciclo di carico automatico, la bobina quando carta.
Regolare o cambiare il potenziometro o rilevatore posizione
entra nella corsia non rimane centrata con il Potenziometro o rilevatore posizione corsia
corsia.
portabobine. di carico.
Regolare la rampa di arresto del variatore di velocità.
Rampa variatore di velocità corsia.
Durante un carico automatico, i bracci non si
La fotocellula emissore-recettore del Pulire la fotocellula emissore-recettore.
fermano all'altezza del mandrino della bobina
rilevamento del mandrino non lo ha Raddrizzare la bobina rispetto all'asse della corsia.
scendono al suolo, dando errore di ciclo
rilevato. Fotocellula emissore-recettore rotta. Cambiarla.
automatico.
Verificare che non ci sia alcun oggetto che interrompe la
Non si può resettare la fotocellula della barriera di barriera di sicurezza.
Il fascio di emissione della fotocellula di Pulire le fotocellule e gli specchi dalla polvere.
sicurezza e quindi non si possono effettuare cicli
sicurezza non arriva al recettore. Riregolare le fotocellule e gli specchi usando il ”laser” di
automatici.
alimentazione.
Fotocellula emissore e recettore rotta. Cambiarla.
La bobina è molto spostata rispetto al
Durante un ciclo di carico, la bobina entra con il
centro del carrello di alimentazione e
carrello di alimentazione, ma i bracci non iniziano il
questo arriva al fine corsa prima che la Caricare la bobina centrata sul carrello di alimentazione.
loro movimento di discesa e di errore di ciclo di
bobina sia centrata con l'asse del
carico.
portabobine.

Quando si cerca di allineare la bobina caricata con Eccessivo sfregamento nelle linguette dei Ingrassare le linguette dei bracci del portabobine.
i bracci del portabobine, questi non si muovono. bracci del portabobine.

Versión 1.0 Página 51 13/10/2005


Portabobine TSH Automatico

LOCALIZZAZIONE DI AVARIE TSH AUTOMATICO

PROBLEMA CAUSA POSSIBILE SOLUZIONE

Verificare che arrivi segnale elettrico alle elettrovalvole e che


Durante uno scaricamento automatico o apertura queste funzionino.
Guasto elettrico o idraulico del circuito dei
dei bracci, i cilindri espulsori non escono e quindi Grande fuga idraulica in un cilindro espulsore che deriva tutta la
cilindri espulsori.
non è possibile scaricare la bobina. pressione al serbatoio. Verificare i cilindri.
Tubi idraulici danneggiati. Cambiarli.
Grande fuga idraulica in un cilindro espulsore che deriva tutta la
pressione al serbatoio. Verificare i cilindri.
Una volta che sono usciti i cilindri espulsori non
Guasto idraulico. Tubi idraulici danneggiati. Cambiarli.
retrocedono quando termina la manovra.
Verificare che arrivi segnale elettrico alle elettrovalvole e che
queste funzionino.
Il livello tra i bracci di una stessa stazione è Le linguette dei bracci dei portabobine
Riregolare le linguette dei bracci.
diverso. fanno gioco.

Non è possibile abbassare i bracci del portabobine L'operazione non viene effettuata Questa manovra coinvolge due pulsanti allo stesso tempo.
in manuale. correttamente. Verificare che si stanno premendo correttamente.

Versión 1.0 Página 52 13/10/2005