Sei sulla pagina 1di 8

La sostituzione del datore di lavoro è consentita, nel nostro ordinamento, nella perduranza dello

stesso rapporto di lavoro cioè il rapporto di lavoro prosegue ininterrottamente senza soluzione di
continuità nonostante il cambiamento, nonostante la modificazione soggettiva di una delle due parti.
La sostituzione può avvenire in due modi: 1. per effetto di un accordo ai sensi dell'art.1406 C.C. Per
cessione del contratto di lavoro ad un altro datore di lavoro ma è necessario il consenso del
lavoratore ceduto
2. per trasferimento d'azienda dove il lavoratore è addetto, è un effetto legale automatico e
necessario

Fenomeno giuridico
E' il decentramento produttivo che comprende tutte le tecniche con le quali un'impresa dismette o
esternalizza la gestione diretta di alcune parti della propria produttività o alcuni servizi che sono
estranei alle sue competenze di base. L'imprenditore cede a terzi parti del proprio ciclo
produttivo concentrando tutte le proprie risorse sul core business. Tutto ciò avviene
principalmente per la riduzione dei costi ma anche delle responsabilità che derivano dalla gestione.
Questo fenomeno di concentrare le risorse produttive attiene a quegli ambiti di libertà che sono
garantiti dall'art.41 della Costituzione.
Vantaggio esternalizzazione: il fatto che sia il terzo, che dovrebbe essere un soggetto più
competente, ad organizzare e gestisce l'attività del servizio, compra le risorse.
Realizzazione
Questi processi di esternalizzazione o dismissione si realizzano a discrezione dell'imprenditore che
può scegliere le modalità:
– cessione di un ramo d'azienda (trasferimento di una organizzazione produttiva dotata di
autonomia funzionale)
– appaltando a terzi lo svolgimento dell'attività o del servizio (trasferimento soltanto
dell'attività o del servizio)
Spesso queste modalità vengo utilizzate anche insieme perchè nella pratica spesso accade che in una
prima fase che è la vera e propria esternalizzazione, l'impresa attraverso il primo strumento, si libera
o dismette una determinata attività. In una seconda fase invece (internalizzazione) l'impresa ,
attraverso il secondo strumento, riacquisisce sul piano economico la gestione dell'attività.
Effetti/garanzie che l'ordinamento prevede
1. i rapporti di lavoro che aderiscono all'azienda proseguono automaticamente con il nuovo
datore -effetto legale inderogabile del passaggio dei lavoratori dal cedente al cessionario
2. conservazione dei diritti da parte dei lavoratori- lascia le parti nella stessa posizione
contrattuale precedente
Sono due garanzie che servono a tutelare le posizioni dei lavoratori occupati nell'azienda ceduta.
Interessi
1. del datore di lavoro
2. del lavoratore : stabilità occupazione
3. dell'impresa : conservazione della propria organizzazione necessaria per la continuazione
dell'attività
Disciplina
Art. 2112 del Codice Civile e art.47 legge 428/1990 (procedura sindacale). Le modifiche avvenute
negli anni sostanzialmente si sono indirizzate verso una duplice direzione: da un lato avviare la
fattispecie considerata dall'articolo del codice civile incidendo sulla nozione del bene oggetto del
trasferimento (azienda o ramo d'azienda) e dall'altro lato modificare la disciplina soprattutto a tutela
degli interessi dei lavoratori e anche le tutele individuali.
Opposizione dei lavoratori
Potrebbe essere meno favorevole perchè la cessione potrebbe esporre i lavoratori ceduti a un
peggioramento delle proprie condizioni di lavoro.
Nozione trasferimento d'azienda
Prima del 2001 non c'era una nozione d'azienda ai sensi dell'art.2112, ora invece con la modifica di
quest'ultimo articolo, si precisa che questa prosecuzione di lavoro automatica opera in tutti i casi in
cui vi sia il mutamento nella titolarità di un'attività economica organizzata con o senza fini di
lucro. Dal 2001 si specifica che l'attività economica organizzata sia preesistente al trasferimento e
conservi nel trasferimento la propria identità. Vuol dire che sono trasferibili le organizzazioni
effettivamente utilizzate per lo svolgimento di un'attività economica prima del trasferimento e
quest'ultimo non può essere l'occasione per modificare o disgregare la destinazione dell'azienda.
Attualmente il mezzo tecnico giuridico, cioè la tipologia negoziale attraverso cui viene realizzato il
trasferimento, è irrilevante.
Dopo il trasferimento il cessionario è libero di apportare,all'organizzazione acquisita, tutte le
modifiche che ritiene più opportune.
Disciplina collettiva
Art.2112 al terzo comma non garantisce l'immutabilità della disciplina sindacabile applicabile al
rapporto di lavoro quindi ne deriva che i lavoratori trasferiti non hanno un diritto a conservare la
disciplina sindacale. I contratti collettivi vigenti possono essere istituiti da altri contratti collettivi di
pari livello applicabili all'impresa del cessionario.
Procedura sindacale
Art.47 legge 428/1990 disciplina che il trasferimento di un'azienda, con più di 15 lavoratori, deve
formare oggetto di una procedura di informazione e consultazione sindacale (preventiva). La
procedura si articola in due fasi , una necessaria e obbligatoria (informazione) e una seconda fase
che è soltanto eventuale (esame congiunto) perchè richiesta dal sindacato.

ARTICOLI IMPORTANTI
Statuto dei lavoratori
Art. 4.
Impianti audiovisivi.
1. Gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a
distanza dell'attività dei lavoratori possono essere impiegati esclusivamente per esigenze
organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale e
possono essere installati previo accordo collettivo stipulato dalla rappresentanza sindacale unitaria o
dalle rappresentanze sindacali aziendali. In alternativa, nel caso di imprese con unità produttive
ubicate in diverse province della stessa regione ovvero in più regioni, tale accordo può essere
stipulato dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. In
mancanza di accordo, gli impianti e gli strumenti di cui al primo periodo possono essere installati
previa autorizzazione delle sede territoriale dell'Ispettorato nazionale del lavoro o, in alternativa, nel
caso di imprese con unità produttive dislocate negli ambiti di competenza di più sedi territoriali,
della sede centrale dell'Ispettorato nazionale del lavoro. I provvedimenti di cui al terzo periodo sono
definitivi.
2.La disposizione di cui al comma 1 non si applica agli strumenti utilizzati dal lavoratore per
rendere la prestazione lavorativa e agli strumenti di registrazione degli accessi e delle presenze.
3. Le informazioni raccolte ai sensi dei commi 1 e 2 sono utilizzabili a tutti i fini connessi al
rapporto di lavoro a condizione che sia data al lavoratore adeguata informazione delle modalità
d'uso degli strumenti e di effettuazione dei controlli e nel rispetto di quanto disposto dal decreto
legislativo 30 giugno 2003, n. 196.
Art. 7.
Sanzioni disciplinari.
Le norme disciplinari relative alle sanzioni, alle infrazioni in relazione alle quali ciascuna di esse
può essere applicata ed alle procedure di contestazione delle stesse, devono essere portate a
conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti. Esse devono applicare
quanto in materia è stabilito da accordi e contratti di lavoro ove esistano.
Il datore di lavoro non può adottare alcun provvedimento disciplinare nei confronti del lavoratore
senza avergli preventivamente contestato l'addebito e senza averlo sentito a sua difesa.
Il lavoratore potrà farsi assistere da un rappresentante dell'associazione sindacale cui aderisce o
conferisce mandato.
Fermo restando quanto disposto dalla legge 15 luglio 1966, n. 604, non possono essere disposte
sanzioni disciplinari che comportino mutamenti definitivi del rapporto di lavoro; inoltre la multa
non può essere disposta per un importo superiore a quattro ore della retribuzione base e la
sospensione dal servizio e dalla retribuzione per più di dieci giorni.
In ogni caso, i provvedimenti disciplinari più gravi del rimprovero verbale non possono essere
applicati prima che siano trascorsi cinque giorni dalla contestazione per iscritto del fatto che vi ha
dato causa.
Salvo analoghe procedure previste dai contratti collettivi di lavoro e ferma restando la facoltà di
adire l'autorità giudiziaria, il lavoratore al quale sia stata applicata una sanzione disciplinare può
promuovere, nei venti giorni successivi, anche per mezzo dell'associazione alla quale sia iscritto
ovvero conferisca mandato, la costituzione, tramite l'ufficio provinciale del lavoro e della massima
occupazione, di un collegio di conciliazione ed arbitrato,
composto da un rappresentante di ciascuna delle parti e da un terzo membro scelto di comune
accordo o, in difetto di accordo, nominato dal direttore dell'ufficio del lavoro. La sanzione
disciplinare resta sospesa fino alla pronuncia da parte del collegio.
Qualora il datore di lavoro non provveda, entro dieci giorni dall'invito rivoltogli dall'ufficio del
lavoro, a nominare il proprio rappresentante in seno al collegio di cui al comma precedente, la
sanzione disciplinare non ha effetto. Se il datore di lavoro adisce l'autorità giudiziaria, la sanzione
disciplinare resta sospesa fino alla definizione del giudizio.
Non può tenersi conto ad alcun effetto delle sanzioni disciplinari decorsi due anni dalla loro
applicazione.
Art. 18.
Reintegrazione nel posto di lavoro.
Il giudice, con la sentenza con la quale dichiara la nullità del licenziamento perché discriminatorio
ai sensi dell'articolo 3 della legge 11 maggio 1990, n. 108, ovvero intimato in concomitanza col
matrimonio ai sensi dell'articolo 35 del codice delle pari opportunità tra uomo e donna, di cui al
decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, o in violazione dei divieti di licenziamento di cui
all'articolo 54, commi 1, 6, 7 e 9, del testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e
sostegno della maternità e della paternità, di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, e
successive modificazioni, ovvero perché riconducibile ad altri casi di nullità previsti dalla legge o
determinato da un motivo illecito determinante ai sensi dell'articolo 1345 del codice civile, ordina al
datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, la reintegrazione del lavoratore nel posto di
lavoro, indipendentemente dal motivo formalmente addotto e quale che sia il numero dei dipendenti
occupati dal datore di lavoro. La presente disposizione si applica anche ai dirigenti. A seguito
dell'ordine di reintegrazione, il rapporto di lavoro si intende risolto quando il lavoratore non abbia
ripreso servizio entro trenta giorni dall'invito del datore di lavoro, salvo il caso in cui abbia richiesto
l'indennità di cui al terzo comma del presente articolo. Il regime di cui al presente articolo si applica
anche al licenziamento dichiarato inefficace perché intimato in forma orale.
Il giudice, con la sentenza di cui al primo comma, condanna altresì il datore di lavoro al
risarcimento del danno subito dal lavoratore per il licenziamento di cui sia stata accertata la nullità,
stabilendo a tal fine un'indennità commisurata all'ultima retribuzione globale di fatto maturata dal
giorno del licenziamento sino a quello dell'effettiva reintegrazione, dedotto quanto percepito, nel
periodo di estromissione, per lo svolgimento di altre attività lavorative. In ogni caso la misura del
risarcimento non potrà essere inferiore a cinque mensilità della retribuzione globale di fatto. Il
datore di lavoro è condannato inoltre, per il medesimo periodo, al versamento dei contributi
previdenziali e assistenziali.
Fermo restando il diritto al risarcimento del danno come previsto al secondo comma, al lavoratore è
data la facoltà di chiedere al datore di lavoro, in sostituzione della reintegrazione nel posto di
lavoro, un'indennità pari a quindici mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto, la cui richiesta
determina la risoluzione del rapporto di lavoro, e che non è assoggettata a contribuzione
previdenziale. La richiesta dell'indennità deve essere effettuata entro trenta giorni dalla
comunicazione del deposito della sentenza, o dall'invito del datore di lavoro a riprendere servizio,
se anteriore alla predetta comunicazione.
Il giudice, nelle ipotesi in cui accerta che non ricorrono gli estremi del giustificato motivo
soggettivo o della giusta causa addotti dal datore di lavoro, per insussistenza del fatto contestato
ovvero perché il fatto rientra tra le condotte punibili con una sanzione conservativa sulla base delle
previsioni dei contratti collettivi ovvero dei codici disciplinari applicabili, annulla il licenziamento e
condanna il datore di lavoro alla reintegrazione nel posto di lavoro di cui al primo comma e al
pagamento di un'indennità risarcitoria commisurata all'ultima retribuzione globale di fatto dal
giorno del licenziamento sino a quello dell'effettiva reintegrazione, dedotto quanto il lavoratore ha
percepito, nel periodo di estromissione, per lo svolgimento di altre attività lavorative, nonché
quanto avrebbe potuto percepire dedicandosi con diligenza alla ricerca di una nuova occupazione.
In ogni caso la misura dell'indennità risarcitoria non può essere superiore a dodici mensilità della
retribuzione globale di fatto. Il datore di lavoro è condannato, altresì, al versamento dei contributi
previdenziali e assistenziali dal giorno del licenziamento fino a quello della effettiva reintegrazione,
maggiorati degli interessi nella misura legale senza applicazione di sanzioni per omessa o ritardata
contribuzione, per un importo pari al differenziale contributivo esistente tra la contribuzione che
sarebbe stata maturata nel rapporto di lavoro risolto dall'illegittimo licenziamento e quella
accreditata al lavoratore in conseguenza dello svolgimento di altre attività lavorative. In
quest'ultimo caso, qualora i contributi afferiscano ad altra gestione previdenziale, essi sono imputati
d'ufficio alla gestione corrispondente all'attività lavorativa svolta dal dipendente licenziato, con
addebito dei relativi costi al datore di lavoro. A seguito dell'ordine di reintegrazione, il rapporto di
lavoro si intende risolto quando il lavoratore non abbia ripreso servizio entro trenta giorni dall'invito
del datore di lavoro, salvo il caso in cui abbia richiesto l'indennità sostitutiva della reintegrazione
nel posto di lavoro ai sensi del terzo comma.
Il giudice, nelle altre ipotesi in cui accerta che non ricorrono gli estremi del giustificato motivo
soggettivo o della giusta causa addotti dal datore di lavoro, dichiara risolto il rapporto di lavoro con
effetto dalla data del licenziamento e condanna il datore di lavoro al pagamento di un'indennità
risarcitoria onnicomprensiva determinata tra un minimo di dodici e un massimo di ventiquattro
mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto, in relazione all'anzianità del lavoratore e tenuto
conto del numero dei dipendenti occupati, delle dimensioni dell'attività economica, del
comportamento e delle condizioni delle parti, con onere di specifica motivazione a tale riguardo.
Nell'ipotesi in cui il licenziamento sia dichiarato inefficace per violazione del requisito di
motivazione di cui all'articolo 2, comma 2, della legge 15 luglio 1966, n. 604, e successive
modificazioni, della procedura di cui all'articolo 7 della presente legge, o della procedura di cui
all'articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, e successive modificazioni, si applica il regime di
cui al quinto comma, ma con attribuzione al lavoratore di un'indennità risarcitoria onnicomprensiva
determinata, in relazione alla gravità della violazione formale o procedurale commessa dal datore di
lavoro, tra un minimo di sei e un massimo di dodici mensilità dell'ultima retribuzione globale di
fatto, con onere di specifica motivazione a tale riguardo, a meno che il giudice, sulla base della
domanda del lavoratore, accerti che vi è anche un difetto di giustificazione del licenziamento, nel
qual caso applica, in luogo di quelle previste dal presente comma, le tutele di cui ai commi quarto,
quinto o settimo.
Il giudice applica la medesima disciplina di cui al quarto comma del presente articolo nell'ipotesi in
cui accerti il difetto di giustificazione del licenziamento intimato, anche ai sensi degli articoli 4,
comma 4, e 10, comma 3, della legge 12 marzo 1999, n. 68, per motivo oggettivo consistente
nell'inidoneità fisica o psichica del lavoratore, ovvero che il licenziamento è stato intimato in
violazione dell'articolo 2110, secondo comma, del codice civile. Può altresì applicare la predetta
disciplina nell'ipotesi in cui accerti la manifesta insussistenza del fatto posto a base del
licenziamento per giustificato motivo oggettivo; nelle altre ipotesi in cui accerta che non ricorrono
gli estremi del predetto giustificato motivo, il giudice applica la disciplina di cui al quinto comma.
In tale ultimo caso il giudice, ai fini della determinazione dell'indennità tra il minimo e il massimo
previsti, tiene conto, oltre ai criteri di cui al quinto comma, delle iniziative assunte dal lavoratore
per la ricerca di una nuova occupazione e del comportamento delle parti nell'ambito della procedura
di cui all'articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604, e successive modificazioni. Qualora, nel
corso del giudizio, sulla base della domanda formulata dal lavoratore, il licenziamento risulti
determinato da ragioni discriminatorie o disciplinari, trovano applicazione le relative tutele previste
dal presente articolo.
Le disposizioni dei commi dal quarto al settimo si applicano al datore di lavoro, imprenditore o non
imprenditore, che in ciascuna sede, stabilimento, filiale, ufficio o reparto autonomo nel quale ha
avuto luogo il licenziamento occupa alle sue dipendenze più di quindici lavoratori o più di cinque se
si tratta di imprenditore agricolo, nonché al datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, che
nell'ambito dello stesso comune occupa più di quindici dipendenti e all'impresa agricola che nel
medesimo ambito territoriale occupa più di cinque dipendenti, anche se ciascuna unità produttiva,
singolarmente considerata, non raggiunge tali limiti, e in ogni caso al datore di lavoro, imprenditore
e non imprenditore, che occupa più di sessanta dipendenti.
Ai fini del computo del numero dei dipendenti di cui all'ottavo comma si tiene conto dei lavoratori
assunti con contratto a tempo indeterminato parziale per la quota di orario effettivamente svolto,
tenendo conto, a tale proposito, che il computo delle unità lavorative fa riferimento all'orario
previsto dalla contrattazione collettiva del settore. Non si computano il coniuge e i parenti del
datore di lavoro entro il secondo grado in linea diretta e in linea collaterale. Il computo dei limiti
occupazionali di cui all'ottavo comma non incide su norme o istituti che prevedono agevolazioni
finanziarie o creditizie.
Nell'ipotesi di revoca del licenziamento, purché effettuata entro il termine di quindici giorni dalla
comunicazione al datore di lavoro dell'impugnazione del medesimo, il rapporto di lavoro si intende
ripristinato senza soluzione di continuità, con diritto del lavoratore alla retribuzione maturata nel
periodo precedente alla revoca, e non trovano applicazione i regimi sanzionatori previsti dal
presente articolo.
Nell'ipotesi di licenziamento dei lavoratori di cui all'articolo 22, su istanza congiunta del lavoratore
e del sindacato cui questi aderisce o conferisca mandato, il giudice, in ogni stato e grado del
giudizio di merito, può disporre con ordinanza, quando ritenga irrilevanti o insufficienti gli elementi
di prova forniti dal datore di lavoro, la reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro.
L'ordinanza di cui al comma precedente può essere impugnata con reclamo immediato al giudice
medesimo che l'ha pronunciata. Si applicano le disposizioni dell'articolo 178, terzo, quarto, quinto e
sesto comma del codice di procedura civile.
L'ordinanza può essere revocata con la sentenza che decide la causa.
Nell'ipotesi di licenziamento dei lavoratori di cui all'articolo 22, il datore di lavoro che non
ottempera alla sentenza di cui al primo comma ovvero all'ordinanza di cui all'undicesimo comma,
non impugnata o confermata dal giudice che l'ha pronunciata, è tenuto anche, per ogni giorno di
ritardo, al pagamento a favore del Fondo adeguamento pensioni di una somma pari all'importo della
retribuzione dovuta al lavoratore.
Art. 19.
Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali.
Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni
unità produttiva, nell'ambito:
a) (...) (1);
b) delle associazioni sindacali che siano firmatarie di contratti collettivi di lavoro applicati nell'unità
produttiva .
Nell'ambito di aziende con più unità produttive le rappresentanze sindacali possono istituire organi
di coordinamento.
(1) La lettera che recitava: "a) delle associazioni aderenti alle confederazioni
maggiormente rappresentative sul piano nazionale;" è stata abrogata dall'art. 1, D.P.R.
28 luglio 1995, n. 312.

Costituzione
Art. 36.
Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantita ` e qualita ` del suo
lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a se ´ e alla famiglia un’esistenza libera e
dignitosa. La durata massima della giornata lavorativa e ` stabilita dalla legge. Il lavoratore ha
diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non puo ` rinunziarvi.
Art. 37.
La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parita ` di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al
lavoratore [31]. Le condizioni di lavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale
funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione. La legge
stabilisce il limite minimo di eta ` per il lavoro salariato. La Repubblica tutela il lavoro dei minori
con speciali norme e garantisce ad essi, a parita ` di lavoro, il diritto alla parita ` di retribuzione.
Art. 38.
Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al
mantenimento e all’assistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati
mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidita ` e vecchiaia,
disoccupazione involontaria. Gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e all’avviamento
professionale. Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o
integrati dallo Stato. L’assistenza privata e ` libera.
Art. 39.
L’organizzazione sindacale e ` libera [18]. Ai sindacati non puo ` essere imposto altro obbligo se
non la loro registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge. E ` condizione
per la registrazione che gli statuti dei sindacati sanciscano un ordinamento interno a base
democratica. I sindacati registrati hanno personalita ` giuridica. Possono, rappresentati
unitariamente in proporzione dei loro iscritti, stipulare contratti collettivi di lavoro con efficacia
obbligatoria per tutti gli appartenenti alle categorie alle quali il contratto si riferisce.
Art. 40.
Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano.
Codice civile

art. 2094
È prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell'impresa,
prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione
dell'imprenditore
art. 2104
Il prestatore di lavoro deve usare la diligenza richiesta dalla natura della prestazione dovuta,
dall'interesse dell'impresa e da quello superiore della produzione nazionale.
Deve inoltre osservare le disposizioni per l'esecuzione e per la disciplina del lavoro impartite
dall'imprenditore e dai collaboratori di questo dai quali gerarchicamente dipende
art. 2105
Il prestatore di lavoro non deve trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con
l'imprenditore, né divulgare notizie attinenti all'organizzazione e ai metodi di produzione
dell'impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio
art. 2106
L'inosservanza delle disposizioni contenute nei due articoli precedenti può dar luogo
all'applicazione di sanzioni disciplinari, secondo la gravità dell'infrazione [e in conformità delle
norme corporative
art. 2110
In caso di infortunio, di malattia, di gravidanza o di puerperio, se la legge [o le norme corporative]
non stabiliscono forme equivalenti di previdenza o di assistenza, è dovuta al prestatore di lavoro la
retribuzione o un'indennità nella misura e per il tempo determinati dalle leggi speciali [dalle norme
corporative], dagli usi o secondo equità [38 Cost.].
Nei casi indicati nel comma precedente, l'imprenditore ha diritto di recedere dal contratto a norma
dell'articolo 2118, decorso il periodo stabilito dalla legge [dalle norme corporative], dagli usi o
secondo equità.
Il periodo di assenza dal lavoro per una delle cause anzidette deve essere computato nell'anzianità di
servizio
art. 2112
In caso di trasferimento d'azienda, il rapporto di lavoro continua con il cessionario ed il lavoratore
conserva tutti i diritti che ne derivano.
Il cedente ed il cessionario sono obbligati, in solido [1292], per tutti i crediti che il lavoratore aveva
al tempo del trasferimento. Con le procedure di cui agli articoli 410 e 411 del codice di procedura
civile il lavoratore può consentire la liberazione del cedente dalle obbligazioni derivanti dal
rapporto di lavoro.
Il cessionario è tenuto ad applicare i trattamenti economici e normativi previsti dai contratti
collettivi nazionali, territoriali ed aziendali vigenti alla data del trasferimento, fino alla loro
scadenza, salvo che siano sostituiti da altri contratti collettivi applicabili all'impresa del cessionario.
L'effetto di sostituzione si produce esclusivamente fra contratti collettivi del medesimo livello.
Ferma restando la facoltà di esercitare il recesso ai sensi della normativa in materia di licenziamenti
[2118, 2119], il trasferimento d'azienda non costituisce di per sé motivo di licenziamento. Il
lavoratore, le cui condizioni di lavoro subiscono una sostanziale modifica nei tre mesi successivi al
trasferimento d'azienda, può rassegnare le proprie dimissioni con gli effetti di cui all'articolo 2119,
primo comma.
Ai fini e per gli effetti di cui al presente articolo si intende per trasferimento d'azienda qualsiasi
operazione che, in seguito a cessione contrattuale o fusione, comporti il mutamento nella titolarità
di un'attività economica organizzata, con o senza scopo di lucro, preesistente al trasferimento e che
conserva nel trasferimento la propria identità a prescindere dalla tipologia negoziale o dal
provvedimento sulla base del quale il trasferimento è attuato ivi compresi l'usufrutto o l'affitto di
azienda. Le disposizioni del presente articolo si applicano altresì al trasferimento di parte
dell'azienda, intesa come articolazione funzionalmente autonoma di un'attività economica
organizzata, identificata come tale dal cedente e dal cessionario al momento del suo trasferimento.
Nel caso in cui l'alienante stipuli con l'acquirente un contratto di appalto la cui esecuzione avviene
utilizzando il ramo d'azienda oggetto di cessione, tra appaltante e appaltatore opera un regime di
solidarietà.

art. 2113
Le rinunzie [1236] e le transazioni, che hanno per oggetto diritti del prestatore di lavoro derivanti da
disposizioni inderogabili della legge e dei contratti o accordi collettivi concernenti i rapporti di cui
all'articolo 409 del codice di procedura civile, non sono valide.
L'impugnazione deve essere proposta, a pena di decadenza [2964], entro sei mesi dalla data di
cessazione del rapporto o dalla data della rinunzia o della transazione, se queste sono intervenute
dopo la cessazione medesima.
Le rinunzie e le transazioni di cui ai commi precedenti possono essere impugnate con qualsiasi atto
scritto, anche stragiudiziale, del lavoratore idoneo a renderne nota la volontà.
art. 2118
Ciascuno dei contraenti può recedere dal contratto di lavoro a tempo indeterminato [1373], dando
preavviso nel termine e nei modi stabiliti [dalle norme corporative], dagli usi o secondo equità. In
mancanza di preavviso, il recedente è tenuto verso l'altra parte a un'indennità equivalente
all'importo della retribuzione che sarebbe spettata per il periodo di preavviso .La stessa indennità è
dovuta dal datore di lavoro nel caso di cessazione del rapporto per morte del prestatore di lavoro.
art. 2119
Ciascuno dei contraenti può recedere dal contratto [1373] prima della scadenza del termine, se il
contratto è a tempo determinato [2097], o senza preavviso, se il contratto è a tempo indeterminato,
qualora si verifichi una causa che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto . Se
il contratto è a tempo indeterminato, al prestatore di lavoro che recede per giusta causa compete
l'indennità indicata nel secondo comma dell'articolo precedente.
Non costituisce giusta causa di risoluzione del contratto il fallimento dell'imprenditore [2221] o
la liquidazione coatta amministrativa dell'azienda
art. 2125
Il patto con il quale si limita lo svolgimento dell'attività del prestatore di lavoro, per il tempo
successivo alla cessazione del contratto, è nullo se non risulta da atto scritto, se non è pattuito un
corrispettivo a favore del prestatore di lavoro e se il vincolo non è contenuto entro determinati
limiti di oggetto, di tempo e di luogo. La durata del vincolo non può essere superiore a cinque
anni, se si tratta di dirigenti, e a tre anni negli altri casi. Se è pattuita una durata maggiore, essa si
riduce nella misura suindicata.