Sei sulla pagina 1di 1

Gli atomi non hanno un contorno ben definito, in quanto la distanza degli elettroni rispetto al nucleo

varia in ogni istante ed è influenzata dalle condizioni energetiche dell'atomo, in particolare aumenta
all'aumentare della temperatura e diminuisce in seguito alla formazione di un legame chimico.
Per tale ragione le dimensioni degli atomi possono essere definite in diversi modi; in particolare si
utilizzano le seguenti grandezze (che sono caratteristiche per ciascun elemento chimico):

 raggio atomico: è una grandezza definita nell'ambito della meccanica quantistica e si riferisce
alla condizione di "atomo libero", cioè non legato a nessun altro atomo; [25]
 raggio covalente: corrisponde al raggio dell'atomo quando è legato ad altri atomi e può essere
considerato pari alla distanza tra i nuclei dei due atomi uniti dal legame chimico; tale grandezza
varia a seconda del tipo di legame chimico, il numero di atomi vicini (il numero di coordinazione) e
lo spin;
 raggio ionico: corrisponde alla grandezza dell'atomo quando è sotto forma di ione.
Nella tavola periodica degli elementi il raggio atomico tende ad aumentare quando ci si muove dall'alto
verso il basso lungo le colonne, mentre diminuisce andando da sinistra a destra (poiché l'aumento dei
protoni nel nucleo aumenta la sua capacità di attrazione degli elettroni orbitanti); di conseguenza
l'atomo con il raggio atomico più piccolo è l'atomo di elio (posizionato in alto a destra e avente raggio
atomico di 49 pm),[25] mentre uno degli atomi più grandi è l'atomo di cesio (posizionato in basso a
sinistra e avente raggio atomico di 334 pm).[25] Queste dimensioni sono migliaia di volte più piccole della
lunghezza d'onda della luce (400–700 nm) e per tale ragione gli atomi non possono essere rilevati
attraverso un microscopio ottico, mentre possono essere rilevati attraverso microscopi elettronici a
trasmissione (TEM) o microscopi a scansione per effetto tunnel (STM).

Orbitale atomico

Per avere un'idea della dimensione di un atomo, può essere utile confrontare tale dimensione con la
dimensione di oggetti più grandi, ad esempio:

 il diametro di un capello umano corrisponde a circa un milione di atomi di carbonio disposti in


fila;
 una goccia d'acqua contiene 2×1021 atomi di ossigeno e 4×1021 atomi di idrogeno;
 se una mela diventasse della dimensione della Terra, gli atomi nella mela sarebbero
approssimativamente delle dimensioni della mela originale.
Proprietà chimiche[modifica | modifica wikitesto]
Le proprietà chimiche di un atomo, cioè la sua capacità a formare legami con altri atomi, dipende
principalmente dalla sua struttura elettronica[12] (e quindi indirettamente dal numero di protoni, essendo
uguale il numero di elettroni e protoni di un atomo), mentre non è influenzata dal numero di neutroni.
Da ciò deriva l'utilità di classificare gli atomi nella tavola periodica degli elementi, dove a ciascun
elemento corrispondono gli isotopi aventi la stessa struttura elettronica, a prescindere dal numero di
neutroni.