Sei sulla pagina 1di 374

Capitolo 0

Indice degli argomenti

Impianto distribuzione ranghi

mod. DISPV

Manuale di Istruzione

modello: DISPV

ordine n: IPC13IM00014.1.1

cliente: FERRERO de MEXICO S.A. de C.V.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 0. 1/8


Capitolo 0
MANUALE DI ISTRUZIONE Impianto distribuzione ranghi

Titolo originale: Manuale di istruzione uso e manutenzione di Impianto distribuzione ranghi.


Tutti i diritti sono riservati, compresi quelli di traduzione.
È vietata la riproduzione anche parziale di questa pubblicazione senza l’autorizzazione della CM-OPM
S.p.A.

Pagina 0. 2/8 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 0
Indice degli argomenti

12066 Monticello d’Alba (CN), via SS 231, 8/a


Tel.: (39) 0173.465.603 - Fax.: (39) 0173.465.687
e.mail: opmsales@opm.it

ISTRUZIONI D’USO

Impianto distribuzione ranghi

mod. DISPV
INSIEME AD OGNI MACCHINA VIENE FORNITA UNA COPIA DI QUESTO MANUALE

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 0. 3/8


Capitolo 0
MANUALE DI ISTRUZIONE Impianto distribuzione ranghi

INDICE DEGLI ARGOMENTI TRATTATI

SEZIONE INTRODUZIONE
CAPITOLO 1 CARATTERISTICHE OPERATIVE GENERALI

1.1. CONSIDERAZIONI GENERALI ....................................................................................................................................3


1.2. CONSULTAZIONE DEL MANUALE .............................................................................................................................4
1.3. DICHIARAZIONI ...........................................................................................................................................................5
1.4. COLLAUDO, GARANZIA E RESPONSABILITÀ ...........................................................................................................8
1.5. NORME DI RIFERIMENTO ..........................................................................................................................................9
1.6. CONDIZIONI AMBIENTALI ........................................................................................................................................ 10
1.7. TERMINOLOGIA DEL MANUALE .............................................................................................................................. 11
1.8. SIMBOLOGIA DEL MANUALE ................................................................................................................................... 12
1.9. RICHIESTA DI INTERVENTO – ASSISTENZA TECNICA .......................................................................................... 13
1.10. ORDINAZIONE PEZZI DI RICAMBIO ......................................................................................................................... 14

CAPITOLO 2 NORME DI SICUREZZA

2.1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA ...............................................................................................................................3


2.2. DEFINIZIONE DEI TERMINI DI SICUREZZA ...............................................................................................................6
2.3. SIMBOLI ED ADESIVI DI SICUREZZA .........................................................................................................................7
2.4. CORRETTO UTILIZZO DELL’IMPIANTO .....................................................................................................................8
2.5. OBBLIGHI DELL’UTILIZZATORE .................................................................................................................................8
2.6. PERSONALE DI SERVIZIO ADDETTO ........................................................................................................................9
2.7. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ........................................................................................................... 10
2.7.1. Indumenti ................................................................................................................................................................... 10
2.7.2. Calzature (protezione dei piedi) ................................................................................................................................. 11
2.7.3. Guanti (protezione delle mani) .................................................................................................................................... 11
2.7.4. Occhiali (protezione degli occhi) ................................................................................................................................. 11
2.7.5. Caschi (protezione del capo) ...................................................................................................................................... 11
2.8. POSTAZIONE DI LAVORO ........................................................................................................................................ 12
2.8.1. Mappa delle postazioni di lavoro ................................................................................................................................. 12
2.9. DISPOSITIVI DI SICUREZZA ..................................................................................................................................... 13
2.9.1. Protezioni fisse ........................................................................................................................................................... 13
2.9.2. Protezioni mobili ......................................................................................................................................................... 14
2.9.3. Pulsanti di emergenza ................................................................................................................................................ 15
2.9.4. Interruttore generale ................................................................................................................................................... 16
2.10. SEGNALATORI VISIVI E ACUSTICI .......................................................................................................................... 17
2.10.1. Dispositivo lampeggiante ............................................................................................................................................ 17
2.10.2. Acustico...................................................................................................................................................................... 17
2.11. NOTE SULL’UTILIZZO DELL’IMPIANTO.................................................................................................................... 18
2.11.1. Uso previsto ............................................................................................................................................................... 18
2.11.2. Uso non consentito ..................................................................................................................................................... 18
2.12. EMISSIONE DI RUMORE .......................................................................................................................................... 19

Pagina 0. 4/8 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 0
Indice degli argomenti

2.13. ZONE PERICOLOSE DELLA MACCHINA.................................................................................................................. 20


2.13.1. Rischi ineliminabili ...................................................................................................................................................... 21
2.13.2. Rischi residui .............................................................................................................................................................. 21

SEZIONE MOVIMENTAZIONE
CAPITOLO 3 MOVIMENTAZIONE, INSTALLAZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE

3.1. AVVERTENZE DI SICUREZZA ....................................................................................................................................3


3.2. VERIFICHE PRIMA DELL’INSTALLAZIONE ................................................................................................................4
3.3. SPEDIZIONE E TRASPORTO......................................................................................................................................5
3.3.1. Tipologia di imballo .......................................................................................................................................................6
3.3.2. Identificazione ..............................................................................................................................................................6
3.3.3. Attrezzature necessarie ................................................................................................................................................6
3.3.4. Disimballo e sollevamento ............................................................................................................................................7
3.3.5. Rimozioni materiali di scarto .........................................................................................................................................8
3.4. PIAZZAMENTO ............................................................................................................................................................9
3.5. NOZIONI GENERALI SULLE TECNICHE DI FONDAZIONE ...................................................................................... 10
3.6. SPAZIO NECESSARIO ALL’OPERATORE ................................................................................................................ 11
3.7. CONDIZIONI AMBIENTALI ........................................................................................................................................ 11
3.8. CABLAGGIO ED ALLACCIAMENTI............................................................................................................................ 12
3.8.1. Verifiche preliminari .................................................................................................................................................... 12
3.8.2. Collegamento alla linea elettrica ................................................................................................................................. 13
3.8.3. Collegamento alla rete di distribuzione aria ................................................................................................................. 14
3.8.4. Regolazione pressione dell’aria .................................................................................................................................. 15
3.8.5. Regolazione del lubrificatore dell’aria (se presente) .................................................................................................... 15
3.8.6. Scaricatore di condensa (c) ........................................................................................................................................ 16
3.8.7. Utilizzo dello scaricatore di condensa ......................................................................................................................... 16
3.8.8. Mappa allacciamenti ................................................................................................................................................... 17
3.9. REINSTALLAZIONE ................................................................................................................................................... 18
3.9.1. Immagazzinamento .................................................................................................................................................... 18
3.10. DEMOLIZIONE E SMALTIMENTO ............................................................................................................................. 19
3.10.1. Materiali che compongono la macchina ...................................................................................................................... 19
3.10.2. Prodotti di consumo .................................................................................................................................................... 19
3.10.2.1. Batterie ....................................................................................................................................................................... 19
3.10.2.2. Olii riduttori ................................................................................................................................................................. 19
3.11. MESSA A PUNTO ...................................................................................................................................................... 20
3.12. PRIMO AVVIAMENTO ............................................................................................................................................... 20
3.13. MARCATURA ............................................................................................................................................................. 21
3.14. CARATTERISTICHE DELL’IMPIANTO ....................................................................................................................... 22
3.14.1. Impianto ..................................................................................................................................................................... 22
3.14.2. Condizioni ambientali.................................................................................................................................................. 22
3.14.3. Caratteristiche pneumatiche ....................................................................................................................................... 22
3.15. COMPONENTI COMMERCIALI ................................................................................................................................. 23

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 0. 5/8


Capitolo 0
MANUALE DI ISTRUZIONE Impianto distribuzione ranghi

SEZIONE OPERATORE
CAPITOLO 4 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

4.1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA ...............................................................................................................................3


4.2. PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO ...............................................................................................................................5
4.2.1. Funzionamento della zona ingresso .............................................................................................................................6
4.3. FORMATI GESTITI .................................................................................................................................................... 10

CAPITOLO 5 UTILIZZO DEI COMANDI

5.1. Condizione di utilizzazione............................................................................................................................................3


5.2. Posizionamento pulsantiere ..........................................................................................................................................4
5.3. Pulsantiere ...................................................................................................................................................................5
5.3.1. Pulsantiera scarto .........................................................................................................................................................6
5.3.2. Pulsantiere zona 1-2-3..................................................................................................................................................9
5.3.3. Pulsantiere zona 4-5 ................................................................................................................................................... 11
5.3.4. Pannello di comando (1) ............................................................................................................................................. 13
5.3.5. Pannello di comando (2) gamba 5 .............................................................................................................................. 16
5.3.6. Pulsantiera quadro elettrico ........................................................................................................................................ 18
5.3.7. Colonna di segnalazione zone 1-2-3-4-5 e zona scarto ingresso ................................................................................ 19
5.4. Utilizzo del pannello operatore .................................................................................................................................... 20
5.4.1. Pagina principale ........................................................................................................................................................ 20
5.4.2. Tasti touch screen ...................................................................................................................................................... 21
5.4.2.1. Struttura programma................................................................................................................................................... 22
5.4.3. MENU’ PRINCIPALE .................................................................................................................................................. 23
5.4.3.1. MANUALE .................................................................................................................................................................. 24
5.4.3.1.1. SELEZIONE MODALITA’ MACCHINA ........................................................................................................................ 25
5.4.3.1.2. MANUALE .................................................................................................................................................................. 26
5.4.3.2. FORMATI DI PRODUZIONE ...................................................................................................................................... 29
5.4.3.3. CONFIGURAZIONE ................................................................................................................................................... 30
5.4.3.3.1. PARAMETRI MANUTENTORE .................................................................................................................................. 32
5.4.3.3.2. Diagnostica motori ...................................................................................................................................................... 38
5.4.3.3.3. ABILITAZIONE FORMATI .......................................................................................................................................... 40
5.4.3.3.4. CONTROLLO VELOCITA’ .......................................................................................................................................... 41
5.4.3.3.5. MODO DI FUNZIONAMENTO .................................................................................................................................... 42
5.4.3.3.6. CONSUMO ENERGETICO ........................................................................................................................................ 43
5.4.3.3.7. CONFIGURAZIONE PANNELLO ............................................................................................................................... 44
5.4.3.3.8. STORICO ALLARMI ................................................................................................................................................... 45
5.4.3.4. SVUOTAMENTO ........................................................................................................................................................ 46
5.4.3.5. LAYOUT PROTEZIONI .............................................................................................................................................. 47

Pagina 0. 6/8 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 0
Indice degli argomenti

CAPITOLO 6 SEGNALAZIONI DI ALLARME

6.1. LISTA ALLARMI ...........................................................................................................................................................3


6.1.1. Guasti e rimedi .............................................................................................................................................................3
6.1.2. Segnalazioni di allarme.................................................................................................................................................3

SEZIONE MANUTENZIONE
CAPITOLO 7 MANUTENZIONE E LUBRIFICAZIONE

7.1. NOTE GENERALI SULLE NORME DI SICUREZZA .....................................................................................................3


7.2. PROCEDURA GENERALE ..........................................................................................................................................4
7.3. VERIFICHE ED INTERVENTI MANUTENTIVI ..............................................................................................................5
7.3.1. Natura e frequenza di verifiche ed interventi di manutenzione ......................................................................................5
7.3.2. Manutenzione ...............................................................................................................................................................5
7.3.3. Pulizia della macchina ..................................................................................................................................................6
7.3.3.1. Pulizia esterna ..............................................................................................................................................................6
7.3.3.2. Pulizia interna ...............................................................................................................................................................6
7.3.4. Schede di manutenzione ordinaria ................................................................................................................................7

SEZIONE RICERCA GUASTI


CAPITOLO 8 RIPARAZIONI E DIAGNOSTICA

8.1. AVVERTENZE GENERALI ...........................................................................................................................................3


8.2. METODOLOGIA GENERALE DI INTERVENTO...........................................................................................................4
8.2.1. Diagrammi di flusso ......................................................................................................................................................4
8.3. RICERCA GUASTI ..................................................................................................................................................... 13
8.3.1. Diagrammi di flusso .................................................................................................................................................... 13
8.3.2. Allarmi e segnalazioni ................................................................................................................................................. 22

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 0. 7/8


Capitolo 0
MANUALE DI ISTRUZIONE Impianto distribuzione ranghi

SEZIONE RICAMBI
CAPITOLO 9 PARTI DI RICAMBIO

9.1. COME SI RICHIEDE L’ASSISTENZA TECNICA ..........................................................................................................3


9.2. COME SI RICHIEDONO I RICAMBI .............................................................................................................................5
9.3. PARTI DI RICAMBIO GRUPPO N. ...............................................................................................................................3

CAMBIO FORMATO
CAPITOLO 10 CAMBIO FORMATO

10.1. CAMBIO FORMATO.....................................................................................................................................................3

Pagina 0. 8/8 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 1
Impianto distribuzione ranghi

CAPITOLO 1

CARATTERISTICHE OPERATIVE GENERALI

Sommario
1.1. Considerazioni generali ...................................................................................................................... 3
1.2. Consultazione del manuale ................................................................................................................ 4
1.3. Dichiarazioni ....................................................................................................................................... 5
1.4. Collaudo, garanzia e responsabilità ................................................................................................... 5
1.5. Norme di riferimento ........................................................................................................................... 9
1.6. Condizioni ambientali ....................................................................................................................... 10
1.7. Terminologia del manuale ................................................................................................................ 11
1.8. Simbologia del manuale ................................................................................................................... 12
1.9. Richiesta di intervento – assistenza tecnica .................................................................................... 13
1.10. Ordinazione pezzi di ricambio .......................................................................................................... 14

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 1. 1/14


Capitolo 1
MANUALE DI ISTRUZIONE Caratteristiche operative generali

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 1. 2/14 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 1
Impianto distribuzione ranghi

1.1. Considerazioni generali

L’impianto è un sistema di trasporto di prodotti alimentari nudi (Kinder Chocolate)


provenienti da un impianto a monte, con il compito di distribuirli alle macchine e/o sistemi
di confezionamento ad esso connessi.

La macchina non può essere utilizzata per altri tipi di prodotti senza l’espressa
autorizzazione o le eventuali modifiche strutturali da parte della CM-OPM S.p.A.

La linea è stata progettata per garantire i migliori risultati premettendo che tutte le istruzioni
operative e di manutenzione nonché tutte le raccomandazioni contenute in questo manuale
siano rispettate.

Per ottenere i migliori risultati, CM-OPM S.p.A. si raccomanda che vengano eseguite
regolarmente tutte le operazioni di pulizia e di manutenzione, per mantenere l’impianto
nelle condizioni migliori.

È di particolare importanza l’addestramento del personale responsabile dell’impianto, tanto


per quanto riguarda il suo uso come per la sua manutenzione, il controllo delle procedure
operative e tutte le norme di sicurezza contenute nel presente manuale.

Gambe trasporto
flowpack

Dorsale Scarico
principale scarti

Ingresso prodotto

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 1. 3/14


Capitolo 1
MANUALE DI ISTRUZIONE Caratteristiche operative generali

1.2. Consultazione del manuale

Il presente manuale è stato organizzato in modo che l’utilizzatore possa trovare facilmente e
velocemente le informazioni richieste per il funzionamento e la manutenzione dell’impianto.
L’operatore dovrà leggerlo nella sua totalità e con molta attenzione, assicurandosi di aver capito
perfettamente le informazioni ivi contenute.

La funzione secondaria del presente manuale è quella di essere utilizzato come documentazione di
riferimento e di consultazione, ogni volta che risulti necessario eseguire una procedura o
un’operazione.
Pertanto va mantenuto sempre a disposizione del personale addetto alle varie operazioni di
manutenzione e degli operatori, in modo che possa essere consultato in qualsiasi momento.

La consultazione di questo manuale è facilitata dalla presenza dell’indice generale, che consente di
localizzare immediatamente l’argomento che interessa e dall’indice di ogni capitolo, ripetuto per
ognuno di essi.

I capitoli sono evidenziati dall’intestazione riportata in basso al centro, in modo da facilitare la ricerca
del capitolo stesso.

Per maggiore chiarezza sono stati inseriti alcuni simboli di sicurezza a lato di taluni paragrafi per
evidenziarne l’importanza e la facilità di individuazione per il lettore.

Porre particolare attenzione a tali note!

Pagina 1. 4/14 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 1
Impianto distribuzione ranghi

1.3. Dichiarazioni

Dichiarazione di conformità CE
Carle&Montanari-OPM S.p.A., via Trebbia 22, I-20089 Rozzano (MI), Italia, in qualità di fabbricante
della macchina di seguito indicata:

Tipo DISPV
Descrizione Impianto di distribuzione ranghi
Matricola IPC13IM00014.1.1

DICHIARA

 che tale macchina è una machina ai sensi e per gli effetti della direttiva 2006/42/CE e successive
modifiche e/o integrazioni e sulla stessa è stata apposta la marcatura “CE”

 che tale macchina è conforme alle seguenti direttive europee (incluse eventuali successive
modifiche e/o integrazioni):
2006/42/CE
2004/108/CE
2006/95/CE

 che la Società autorizzata a costituire il fascicolo tecnico è Carle&Montanari-OPM S.p.A., via


Trebbia 22, I-20089 Rozzano (MI), Italia

Monticello d’Alba / Rozzano, ….…./…….../………

___________________________ ___________________________
CM-OPM S.p.A. CM-OPM S.p.A.
Silvano Sarotto Alessandro Davico

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 1. 5/14


Capitolo 1
MANUALE DI ISTRUZIONE Caratteristiche operative generali

Attestazione di marcatura CE
Cliente: FERRERO de MEXICO S.A. de C.V.
Modello: DISPV
Matricola: IPC13IM00014.1.1

La Carle&Montanari-OPM S.p.A. con sede legale in Rozzano (MI), Italia, in via Trebbia 22 –
Località Quinto de Stampi, nelle persone di Alessandro Davico e Franco Lumini,

DICHIARA
Che sul macchinario in oggetto è stato apposto il marchio CE, conforme a quanto prescritto
dall’allegato III della Direttiva Macchine (2006/42/CE) e successive modifiche ed integrazioni.

Monticello d’Alba ….…./…….../……….

CM-OPM S.p.A. CM-OPM S.p.A.


Silvano Sarotto Alessandro Davico

Pagina 1. 6/14 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 1
Impianto distribuzione ranghi

Dichiarazione del fabbricante CE


DIRETTIVA 2002/95/CE (Direttiva RoHS) del Parlamento europeo e del consiglio del 27 Gennaio
2003, sulla restrizione dell’uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche
ed elettroniche.
DIRETTIVA 2002/96/CE (Direttiva RAEE) del Parlamento europeo e del consiglio del 27 Gennaio
2003, sui rifiuti d’apparecchiature elettriche ed elettroniche.
In riferimento alle Direttive in oggetto, ed in particolare agli ALLEGATI “I A” e “I B” della Direttiva
2002/96/CE, la CM-OPM S.p.A., dichiara che i propri prodotti.

NON RIENTRANO NEL CAMPO D’APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/95/CE

La Direttiva in oggetto prevede, inoltre, specifiche ESENZIONI tra le quali al punto 6


dell’ALLEGATO della Direttiva 2002/95/CE… 6) Piombo come elemento di lega nell’acciaio contenente
fino allo 0,35 % di piombo in peso, alluminio contenente fino allo 0,4 % di piombo in peso e leghe di rame
contenenti fino al 4 % di piombo in peso… Le materie prime utilizzate da CM-OPM S.p.A., per la
realizzazione dei propri componenti, rientrano in tali limiti d’ESENZIONE.
Tutti i trattamenti superficiali e le materie plastiche, presenti nei prodotti CM-OPM S.p.A., non
contengono le sostanze proibite elencate dalla Direttiva 2002/95/CE

Monticello d’Alba ….…./…….../……….

CM-OPM S.p.A. CM-OPM S.p.A.


Silvano Sarotto Alessandro Davico

Dichiarazione del fabbricante CE – REACH

DIRETTIVA 2006/121/CE (Direttiva REACH) del Parlamento europeo e del consiglio del 18
Dicembre 2006, sulla restrizione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze
chimiche.

In riferimento alle Direttive in oggetto, la CM-OPM S.p.A., dichiara che i prodotti da essa
commercializzati sono stati pre-registrate dai nostri fornitori alla data del 1 Dicembre 2008.

S’informa altresì che i prodotti CM OPM S.p.A., all’origine non contengono in percentuale
complessiva accedente 0.1% alcuna SVHCs (sostanze altamente preoccupanti).

Monticello d’Alba ….…./…….../……….

CM-OPM S.p.A. CM-OPM S.p.A.


Silvano Sarotto Alessandro Davico

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 1. 7/14


Capitolo 1
MANUALE DI ISTRUZIONE Caratteristiche operative generali

1.4. Collaudo, garanzia e responsabilità

Collaudo
L’intera macchina viene inviata al cliente predisposta per l’installazione, dopo aver superato i test
ed i collaudi previsti dal costruttore, in conformità con le leggi in vigore.

Garanzia
Durante i dodici mesi di garanzia, CM-OPM S.p.A. si impegna a fornire gratuitamente, quelle parti
di sua produzione che risultassero essere difettose.
Dette parti dovranno essere ritornate a CM-OPM S.p.A. con spedizione in porto franco.
La garanzia si intende applicabile qualora siano state rispettate le condizioni di corretta
manutenzione, impiego e periodica verifica delle parti istallate così come descritto nei manuali.

Sono escluse dalla garanzia tutte le spese di viaggio, vitto, alloggio, trasporto e mano d’opera
riguardanti l’eventuale sostituzione dei particolari da parte di tecnici CM-OPM S.p.A. non ritenute
difettose, le quali saranno interamente a carico del Committente.
Dalla garanzia sono altresì escluse tutte le parti soggette ad usura.

Per quanto riguarda i componenti di commercio verrà applicata la garanzia prevista dal fornitore.
Non sarà riconosciuto alcun compenso per spese, danni o mancati utili sostenuti dal cliente.

L’installazione di parti commerciali o elementi lavorati a disegno non conformi alle specifiche CM-
OPM S.p.A., fa decadere la garanzia così come l’utilizzo improprio dell’impianto.
Il periodo di garanzia (12 mesi) è da intendersi calcolando un impiego di 8h giorno per
5gg/settimana.

Responsabilità
CM-OPM S.p.A. non è comunque responsabile per anomalie nel funzionamento o guasti generici,
provocati dall’utilizzo non consentito della macchina o da interventi e/o modifiche effettuate da
persone esterne non autorizzate dalla stessa CM-OPM S.p.A.

Pagina 1. 8/14 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 1
Impianto distribuzione ranghi

1.5. Norme di riferimento

DIRETTIVE COMUNITARIE

Macchine 2006/42/CEE
Bassa Tensione 2006/95/CE
Compatibilità Elettromagnetica EMC 2004/108/CE
Rischio Esposizione al Rumore 86/188 CEE

NORME TECNICHE

UNI EN 12100-1 Aprile 2005 Sicurezza della macchina - Valutazione dei rischi

UNI EN 12100-2 Aprile 2005 Sicurezza della macchina - Specifiche e principi tecnici

UNI EN 340 Ottobre 2004 Abbigliamento protettivo - requisiti generali

UNI EN ISO 13850 Novembre 2008 Dispositivi d’arresto e di emergenza, principi per la
progettazione.

UNI EN ISO 13857 Maggio 2005 Distanze di sicurezza per impedire il raggiungimento delle
zone pericolose con gli arti superiori.

UNI EN 349 Novembre 2008 Distanze minime per evitare lo schiacciamento delle parti
del corpo.

EN 60204-1 Settembre 2006 Equipaggiamento elettrico a bordo macchina requisiti


generali

DECRETI LEGISLATIVI ITALIANI

D.Lgs 17/2010 Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la
direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori.

D.Lgs.81/2008 Protezione dei lavoratori contro i rischi causati dall’esposizione al rumore durante il
lavoro.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 1. 9/14


Capitolo 1
MANUALE DI ISTRUZIONE Caratteristiche operative generali

1.6. Condizioni ambientali

Le condizioni ambientali di lavoro della macchina devono seguire le seguenti indicazioni:

Temperatura 0°C ÷ +40°C


Umidità 10% ÷ 85% (non condensata)

La macchina deve essere posizionata in ambiente chiuso e riparato dagli agenti


atmosferici.

Le condizioni ambientali diverse da quelle specificate possono causare gravi danni alla macchina
ed in particolare alle apparecchiature elettroniche.

Il posizionamento della macchina in ambienti non corrispondenti a quanto indicato


fa decadere la garanzia per gli organi da sostituire.

Lo stoccaggio della macchina non in funzione consente una variazione della temperatura
compresa tra i -10°C ed i +70°C ferme restando le altre precauzioni.

Pagina 1. 10/14 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 1
Impianto distribuzione ranghi

1.7. Terminologia del manuale

Nella stesura letteraria del manuale sono state adottate delle terminologie tecniche, per chiarezza
è stato prodotto un glossario.

ASSIEMI Insieme di più parti o gruppi della macchina smontati e legati


insieme per il trasporto.
AUTOFRENANTE Motore dotato di freno elettromeccanico utilizzato per mantenere la
posizione in assenza di tensione.
AUTOLUBRIFICATI Cuscinetti dotati di lubrificazione a vita.
BIPLANARI Cuscinetti provvisti di anelli di scorrimento situati su due piani
ortogonali.
CELLA DI CARICO Dispositivi elettronici atti a rilevare un peso.
DISTANZIALI Elementi meccanici utilizzati per mantenere separati due gruppi.
ELETTRICO Macchina o dispositivo azionato elettricamente.
FERRITICO Lega contenente ferro.
GUIDACATENA Incavo all’interno del quale scorre la catena.
IEC International Electrotechnical Commission (Commissione
Internazionale per gli standard Elettrotecnici).
MULETTO Carrello elevatore.
OLEODINAMICO Macchina o dispositivo azionato da olio in pressione.
PACKING-LIST Elenco apposto sulla cassa di spedizione delle parti di macchina in
esse contenute.
PARAPIEDI Supporti posti sulle pedane di ispezione onde evitare il rischio di
inserire un piede o una gamba tra il piano di calpestio ed il
corrimano.
PNEUMATICO Macchina o dispositivo azionato da aria compressa.
POLIZENE Materiale plastico in polietilene ad alta densità (marchio registrato).
TASSELLI CHIMICI Elementi di fissaggio di gruppi meccanici al pavimento o alle pareti.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 1. 11/14


Capitolo 1
MANUALE DI ISTRUZIONE Caratteristiche operative generali

1.8. Simbologia del manuale

Sul manuale verranno utilizzati i seguenti simboli per evidenziare indicazioni ed avvertenze
particolarmente importanti:

Questo simbolo indica il divieto di eseguire determinate manovre e/o


operazioni con l’impianto, che in certe condizioni, possono minacciare la
sicurezza dell’operatore e dell’impianto stesso.
Leggere attentamente la nota a fianco.

DIVIETO

Questo simbolo indica importanti messaggi di pericolo, fondamentali per


la sicurezza dell’operatore e dell’impianto.
Leggere attentamente la nota a fianco.

PERICOLO

Questo simbolo indica l’esistenza di un pericolo provocato dall’energia


elettrica.

PERICOLO
ELETTRICO

IMPORTANTE! Questo simbolo indica una nota del manuale considerata


particolarmente importante.

Pagina 1. 12/14 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 1
Impianto distribuzione ranghi

1.9. Richiesta di intervento – assistenza tecnica

Ogni richiesta di intervento al servizio di Assistenza Tecnica Clienti devono essere inoltrate via fax
al seguente indirizzo:

CM-OPM S.p.A.
Servizio Assistenza Tecnica Clienti
Tel. (39) 0173.465631
fax (39) 0173.465687
mail product.support@cm-opm.it

Specificando:

1. tipo di macchina, matricola, numero di serie e anno di installazione;


2. difetti riscontrati;

3. indirizzo esatto dello stabilimento dove è installata la macchina.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 1. 13/14


Capitolo 1
MANUALE DI ISTRUZIONE Caratteristiche operative generali

1.10. Ordinazione pezzi di ricambio

Ogni richiesta relativa a pezzi di ricambio deve essere inoltrata via fax al seguente indirizzo:

CM-OPM S.p.A.
Servizio Assistenza Tecnica Clienti
Tel. (39) 0173.465631
Fax (39) 0173.465687
mail product.support@cm-opm.it

Specificando:

1. Modello della macchina;


2. Numero di matricola (vedere frontespizio manuale);
3. Codice del pezzo da ordinare (vedere manuale pezzi di ricambio allegato);
4. Quantità richiesta;
5. Mezzo di spedizione;

Inoltre, per ogni materiale elettrico, indicare quanto segue:

6. Numero dello schema elettrico;


7. Sigla dell’apparecchiatura riportata sullo schema (reperibile sull’apparecchiatura
stessa);
8. Numero di posizione dell’apparecchiatura sullo schema elettrico (nella parte
superiore della pagina).

Vi preghiamo inoltre di indicare se si tratta di ordine esecutivo o di una richiesta di prezzi, di


specificare la data di consegna da voi richiesta, l’indirizzo di spedizione e quello di
fatturazione ed eventuali istruzioni di spedizione.
Comunicate anche il nome, il telefono e il fax della persona che sarà il nostro interlocutore
futuro per tutto ciò che riguarda le forniture di pezzi di ricambio.
Dopo aver ricevuto il Vs. ordine, vi invieremo la nostra conferma d’ordine con l’indicazione dei
prezzi, della data di consegna definitiva e delle condizioni di fornitura.

Pagina 1. 14/14 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

CAPITOLO 2

NORME DI SICUREZZA

Sommario

2.1. Note generali di sicurezza .................................................................................................................... 3


2.2. Definizione dei termini di sicurezza ...................................................................................................... 6
2.3. Simboli ed adesivi di sicurezza ............................................................................................................. 7
2.4. Corretto utilizzo dell’impianto ................................................................................................................ 8
2.5. Obblighi dell’utilizzatore ........................................................................................................................ 8
2.6. Personale di servizio addetto ................................................................................................................ 9
2.7. Dispositivi di protezione individuale .................................................................................................... 10
2.7.1. Indumenti ..................................................................................................................................... 10
2.7.2. Calzature (protezione dei piedi).................................................................................................. 11
2.7.3. Guanti (protezione delle mani) .................................................................................................... 11
2.7.4. Occhiali (protezione degli occhi).................................................................................................. 11
2.7.5. Caschi (protezione del capo) ....................................................................................................... 11
2.8. Postazione di lavoro ........................................................................................................................... 12
2.8.1. Mappa delle postazioni di lavoro ................................................................................................. 12
2.9. Dispositivi di sicurezza ........................................................................................................................ 13
2.9.1. Protezioni fisse ............................................................................................................................ 13
2.9.2. Protezioni mobili .......................................................................................................................... 14
2.9.3. Pulsanti di emergenza ................................................................................................................. 15
2.9.4. Interruttore generale .................................................................................................................... 16
2.10. Segnalatori visivi e acustici ............................................................................................................. 17
2.10.1. Dispositivo lampeggiante ............................................................................................................. 17
2.10.2. Acustico ....................................................................................................................................... 17
2.11. Note sull’utilizzo dell’impianto ......................................................................................................... 18
2.11.1. Uso previsto ................................................................................................................................. 18
2.11.2. Uso non consentito ...................................................................................................................... 18
2.12. Emissione di rumore ....................................................................................................................... 19
2.13. Zone pericolose della macchina ...................................................................................................... 20
2.13.1. Rischi ineliminabili ....................................................................................................................... 21
2.13.2. Rischi residui ............................................................................................................................... 21

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 1/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 2. 2/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

2.1. Note generali di sicurezza

Le norme di seguito elencate devono essere lette attentamente per divenire parte fondamentale della
pratica giornaliera nella conduzione e manutenzione di tutte le apparecchiature, al fine di prevenire
qualsiasi tipo d’infortunio alle persone e/o danneggiamenti alle cose.

Non tentare di mettere in funzione la macchina finché non ne sia stato compreso
chiaramente il funzionamento.
Se sorgono dubbi, nonostante avere letto attentamente e completamente il presente
manuale, rivolgersi al Servizio assistenza CM-OPM S.p.A.

Assicurarsi che tutte le prescrizioni concernenti la sicurezza siano a conoscenza di tutto il personale
coinvolto nell’uso, pulizia e manutenzione dell’impianto.

Prima di avviare la macchina, l’operatore deve verificare l’eventuale presenza di difetti


visibili sui dispositivi di sicurezza e sulla macchina.
In tal caso, notificare immediatamente alla CM-OPM S.p.A. ogni evidente rottura della
struttura del sistema o di ogni altra parte funzionale.

Non avviare mai la macchina prima di avere avvisato e allontanato tutto il personale nei dintorni della
stessa.

Verificare quotidianamente il corretto funzionamento di tutti gli interruttori e i dispositivi di sicurezza.

I dispositivi di sicurezza non devono mai essere rimossi o resi inefficaci quando l’impianto è in fase di
produzione.

Gli interruttori di sicurezza non devono in alcun caso andare in corto circuito.

Durante le operazioni di manutenzione, regolazione o riparazione potrebbe essere necessario


escludere dal servizio alcuni dispositivi di sicurezza. Quest’operazione deve essere eseguita solo da
personale autorizzato.

È fatto obbligo il mantenimento in perfette condizioni, di tutte le targhe recanti i segnali di sicurezza o
di pericolo, nel caso in cui fossero danneggiate, devono essere tempestivamente sostituite.

L’operatore deve essere pratico della funzione e della posizione dei tasti di ARRESTO e di
EMERGENZA.

Sostituire le parti ritenute guaste con ricambi originali, garantite dall’azienda costruttrice.

Non tentare mai soluzioni azzardate!

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 3/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

Non operare con le mani o oggetti bagnati quando la macchina è connessa alla rete elettrica.

Tutti i lavori su parti sotto tensione devono essere eseguiti solo dal personale autorizzato.
Prima di iniziare i lavori l’impianto dovrà essere scollegato dalla rete elettrica utilizzando
l’interruttore principale collocato nell’armadio elettrico.

Non eseguire giunzioni di alcun genere nelle connessioni elettriche dei circuiti elettrici.

Nel caso d’interventi di manutenzione all’interno delle protezioni bisognerà:

a. LUCCHETTARE L’INTERRUTTORE GENERALE;


b. TOGLIERE LE CHIAVI DAL LUCCHETTO;
c. PORTARLE CON SÉ DURANTE TUTTO IL TEMPO DELL’INTERVENTO.

Non azionare la macchina in modo automatico con le protezioni fisse e/o mobili smontate.

Non intervenire per nessun motivo su parti in movimento, anche se per sbloccare un inceppamento.

Non indossare indumenti, ornamenti, accessori che possano rimanere impigliati negli organi in
movimento.

Mantenere il suolo e/o la pedana della zona circostante la macchina costantemente pulita sia da
ingombri che da acqua.

Portare sempre occhiali di protezione, protettori auricolari e ogni altro dispositivo di protezione
personale nelle zone che lo richiedono.

Prestare la massima attenzione a tutti i segnali di precauzione, ammonimento e pericolo posti sulla
macchina.

Applicare e fare rispettare sempre le norme di sicurezza; nel caso sorgesse qualche dubbio, prima di
agire, consultare nuovamente il presente manuale.

È vietato inibire le sicurezze.

È vietato ispezionare la macchina durante il funzionamento.

È vietato sedersi e/o appoggiarsi sopra i dispositivi di protezione alle persone.

È vietato appoggiarsi alla macchina durante il funzionamento.

È vietato sedersi e/o appoggiarsi sopra i componenti della macchina.

È vietato modificare le parti della macchina.

È vietato applicare alla macchina ulteriori dispositivi.

Pulire i componenti delle macchine, i pannelli e i comandi, con panni soffici e asciutti.

È vietato usare alcun tipo di solvente, come alcool o benzina o diluente per la pulizia di tutte le
superfici.

Controllare le macchine come stabilito all’atto dell’ordine.

È vietato fare eseguire interventi sulla macchina da personale con qualifica diversa da quella richiesta
dalla tabella del paragrafo “NUMERO DEGLI OPERATORI”.

Non introdurre le mani, le braccia o qualsiasi parte del corpo in prossimità di organi in movimento.

Pagina 2. 4/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

Per la ricerca o la rimozione di qualsiasi causa di avaria od inconvenienti, adottare tutte le precauzioni,
descritte nel manuale, idonee a prevenire qualsiasi danno alle persone e/o cose e/o animali domestici.

Prima di iniziare qualsiasi lavorazione, concentrare tutta la propria attenzione su ciò che ci si accinge
a fare.

Occorre essere estremamente attenti e mantenere sempre vigile l’attenzione e la prontezza di riflessi;
queste sono condizioni fondamentali per l’operatore.
Qualora l’operatore fosse soggetto ad un malessere o condizionamento fisico sfavorevole, anche
leggero, che possa ridurre il grado di vigilanza, dovrà evitare di mettere in funzione la macchina o
agire sulle apparecchiature aggregate o accessorie e conseguentemente informare il responsabile
dell’impianto.

Non azionare la macchina né le apparecchiature, quando si è sotto l’influenza dell’alcool, di


psicofarmaci o di droghe.

L’abbigliamento dell’operatore dovrà essere più idoneo possibile, vale a dire non troppo ampio e privo
di parti svolazzanti e appigli.

Non bisogna portare cinture, anelli, bracciali e catenine. I capelli lunghi devono essere trattenuti da
un’apposita rete.

È vietato l’utilizzo di queste macchine a personale disabile.

È assolutamente vietato arrampicarsi o salire sulla macchina.

È vietato l’utilizzo di queste macchine ai minori di 18 anni.

La macchina deve essere utilizzata solo ed esclusivamente per gli usi a cui è stata destinata e
secondo quanto stabilito contrattualmente con la CM-OPM S.p.A.

NON USARE LA MACCHINA PER USI DIVERSI DA QUELLI INDICATI DAL MANUALE.
NON LAVORARE PRODOTTI E CONFEZIONI DIVERSE DA QUELLE INDICATI NEL MANUALE.
NON AUMENTARE LA VELOCITÀ DELLA MACCHINA OLTRE IL VALORE INDICATO NEL
MANUALE.

L’uso improprio della macchina può essere causa di pericoli per il personale addetto alla conduzione e
danneggiare la macchina stessa;
Prima di dar corso a usi diversi da quello consentito, contattare la CM-OPM S.p.A. per
l’autorizzazione.

Per qualsiasi eventuale problema che potesse insorgere durante la vita operativa della macchina e
comunque non contemplato nella presente documentazione tecnica, si dovrà contattare il nostro
Servizio di Assistenza Clienti, al fine di risolvere il problema nel minor tempo possibile.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 5/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

2.2. Definizione dei termini di sicurezza

Nel presente manuale, in relazione alla sicurezza, si farà uso dei seguenti termini:

Zona pericolosa ogni zona all’interno e/o in prossimità della macchina nella quale la
presenza di una persona esposta costituisce un rischio per la sicurezza
e la salute di questo personale.

Persona esposta chiunque venga a trovarsi, sia completamente che parzialmente, in una
zona pericolosa.

Operatore persona incaricata di installare, far funzionare, regolare, eseguire la


manutenzione, pulire, riparare, trasportare parti della macchina e tutte le
altre attività necessarie alla conduzione.

Componenti di sicurezza componente appositamente progettato dal costruttore e messo in


commercio separatamente dalla macchina per poter assolvere le
funzioni di sicurezza.
Si riterrà, quindi, componente di sicurezza quel meccanismo il cui
mancato funzionamento pregiudichi la sicurezza delle persone esposte.

Pagina 2. 6/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

2.3. Simboli ed adesivi di sicurezza

Sulla macchina possono essere presenti dei segnali per evidenziare: divieti, indicazioni ed
avvertenze particolarmente importanti:

Questo simbolo indica la presenza di un rischio di schiacciamento degli arti


superiori.
Di fronte a questo segnale, l’operatore dovrà avvicinarsi alla macchina
solo quando è ferma e priva di tensione elettrica.

Questo simbolo indica la presenza di un rischio di elettrocuzione.


Di fronte a questo segnale, l’operatore dovrà avvicinarsi alla macchina
solo quando è certo che sia priva di tensione elettrica.
In ogni caso avvicinarsi sempre con indosso i guanti dielettrici.

Questo simbolo indica la presenza di un rischio di eiezione.


Di fronte a questo segnale, l’operatore dovrà avvicinarsi alla macchina
solo quando è certo che sia ferma.
In ogni caso avvicinarsi sempre con indosso gli occhiali protettivi.

Questo simbolo indica il divieto di smontare i carter.


Di fronte a questo segnale, l’operatore dovrà mantenere i carter
sempre montati.

Questo simbolo indica il divieto di lubrificare gli organi in moto.


Di fronte a questo segnale, l’operatore dovrà eseguire la
manutenzione della macchina quando questa è ferma.

Questo simbolo è di carattere mnemonico, indica infatti:


la necessità di lucchettare l’interruttore generale e di togliere la chiave
prima di effettuare la manutenzione.

Questo simbolo indica la presenza di un rischio di ustione.


Di fronte a questo segnale, l’operatore dovrà avvicinarsi alla macchina
solo quando è certo che sia ferma e prestare attenzione agli arti
superiori indossando i guanti di protezione.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 7/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

2.4. Corretto utilizzo dell’impianto

L’impianto è un sistema di trasporto di prodotti alimentari nudi (Kinder


Chocolate) provenienti da un impianto a monte, con il compito di distribuirli
alle macchine e/o sistemi di confezionamento.

L’impianto non può essere utilizzato per altri tipi di prodotti senza l’espressa autorizzazione o le
eventuali modifiche strutturali da parte della CM-OPM S.p.A.

2.5. Obblighi dell’utilizzatore

L’utilizzatore dell’impianto dovrà assicurarsi che:

L’impianto sia destinato solo ed esclusivamente per gli impieghi preposti e convenuti in
contratto.

Le istruzioni di servizio siano a completa disposizione del personale addetto e che


quest’ultimo sia stato correttamente istruito circa l’utilizzo dell’impianto, e che rispetti tutte le
normative di sicurezza, di antinfortunistica e le specifiche della macchina stessa.

L’accesso alle funzioni protette della macchina da interruttori a chiave sia limitato al personale
autorizzato.

Pagina 2. 8/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

2.6. Personale di servizio addetto

Scelta e qualifica del personale


Gli operatori sono così classificati:

OPERATORE GENERICO personale non specializzato in grado di condurre la macchina


attraverso l’uso dei comandi disposti sulla pulsantiera ed
Livello 01 eseguire funzioni semplici di avviamento o ripristino della
produzione in seguito a sosta forzata.

MANUTENTORE MECCANICO tecnico qualificato in grado di condurre la macchina in


condizioni normali, di operare il cambio di formato, intervenire
Livello 1 sugli organi meccanici per effettuare tutte le regolazioni,
interventi di manutenzione e riparazioni necessarie.
Non è abilitato a interventi sull’impianto elettrico in
presenza di tensione.

MANUTENTORE ELETTRICO tecnico qualificato in grado di condurre la macchina in


condizioni normali, è preposto a tutti gli interventi di natura
Livello 2 elettrica di regolazione, di manutenzione e di riparazione.
Può inoltre testare il ciclo operativo della macchina tramite la
valigetta di programmazione.
È il solo abilitato ad operare in presenza di tensione
all’interno dell’armadio elettrico e nelle scatole di
derivazione.

SUPERVISORE tecnico qualificato ad interventi più complessi.

Livello 02

TECNICO ESTERNO tecnico qualificato messo a disposizione dal produttore o dal


distributore di sofisticati componenti commerciali, in grado di
Livello 1 o 2 intervenire per modifiche, riparazioni o sostituzioni.

TECNICO OPM tecnico qualificato messo a disposizione dalla CM-OPM S.p.A.


o da un suo agente per effettuare operazioni di natura
Livello 3 complessa, l’installazione e la messa in opera.

I livelli indicati in questa sezione sono riportati anche nel capitolo 6 dedicato alla descrizione
dei messaggi del display

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 9/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

2.7. Dispositivi di protezione individuale

È obbligo del datore di lavoro provvedere ad informare il personale sui seguenti


argomenti inerenti la sicurezza nell’utilizzo della macchina:

1 Rischi da infortunio;
2 Dispositivi predisposti per la sicurezza dell’operatore;
3 regole antinfortunistiche generali previste da direttive internazionali e dalla
legislazione del Paese di destinazione delle macchine.

L’operatore, prima di iniziare il lavoro, deve conoscere la disposizione ed il funzionamento dei


comandi e le caratteristiche della macchina, e deve avere letto integralmente il presente manuale ed
eventualmente i manuali allegati.

L’operatore deve sempre


1. Prestare la massima attenzione a tutti i segnali di precauzione, ammonimento o
pericolo posti sulla macchina.

2. Usare i guanti per interventi di manutenzione sulla macchina.

3. Non indossare indumenti, ornamenti od accessori che possano rimanere impigliati in


organi in movimento.

4. Portare gli occhiali di sicurezza, protettori auricolari ed ogni altro dispositivo di


protezione nelle zone che lo richiedano.

Applicare e fare rispettare sempre le norme di sicurezza, nel caso sorgesse qualche
dubbio consultare nuovamente il presente manuale prima di agire.

I dispositivi di protezione individuali che gli operatori adibiti all’uso della macchina devono avere in
dotazione, dovranno risultare conformi alla legislazione vigente e in relazione all’azione che devono
compiere essere i seguenti:

2.7.1. Indumenti

Gli indumenti di cui devono essere dotati gli operatori devono essere di
materiale resistente al tipo di prodotto da trattare, inoltre dovranno
consentire una perfetta mobilità nei movimenti che l’operatore deve
compiere.
Le estremità di questi indumenti devono rimanere ben aderenti al corpo
(tipo elastici) soprattutto sulle caviglie, sui polsi, sul collo e sulla pancia, al
fine di evitare che una parte svolazzante di indumento entri a contatto con
organi in movimento, generando così gravi pericoli.
Inoltre l’indumento dovrà garantire l’assoluta impenetrabilità del prodotto.

Pagina 2. 10/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

2.7.2. Calzature (protezione dei piedi)

Devono avere il sottopiede anatomico antistress per il comfort del piede e la


parte superiore deve essere impenetrabile al contatto con il prodotto da
utilizzare. Devono arrivare a coprire totalmente la caviglia facendo una
sovrapposizione con i pantaloni e devono essere del tipo a sfilamento rapido
per consentire una rapida evacuazione del piede nel caso di contatto
accidentale con il prodotto. Devono anche permettere una corretta
traspirazione del piede stesso.

2.7.3. Guanti (protezione delle mani)

Devono essere idonei alla mano dell’operatore che dovrà indossarli e devono
essere di lunghezza sufficiente per ricoprire l’indumento elasticizzato al polso
dell’operatore. Devono garantire una presa sicura e rapida oltre a garantire
un’alta prestazione di resistenza al prodotto da manipolare. Devono anche
garantire protezioni e confortevolezza contro le basse e alte temperature ed
un buon assorbimento del sudore.

2.7.4. Occhiali (protezione degli occhi)


Devono essere di dimensioni idonee al viso dell’operatore che dovrà
indossarli.
Devono avere un ampio campo visivo per garantire una buona
visualizzazione dell’ambiente e della macchina stessa.

2.7.5. Caschi (protezione del capo)


Devono avere un’ottima resistenza sia agli urti sia al contatto con il prodotto
stesso. La bardatura deve essere regolabile. Il casco deve essere dotato di
fascia antisudore frontale e di sottogola per permettere un corretto fissaggio.
Il materiale con cui viene realizzato deve consentire di resistere sia alle alte
che alle basse temperature. Deve consentire all’operatore di avere un
ottimo comfort per potergli garantire uno svolgimento del proprio compito in
modo corretto e sicuro.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 11/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

2.8. Postazione di lavoro

La macchina è totalmente automatica per le operazioni previste durante il normale


funzionamento.
Gli interventi degli operatori della macchina, (con qualifica di conduttore della macchina di primo
livello), sono riferiti alla supervisione del funzionamento della macchina tramite le pulsantiere,
all’eliminazione degli eventuali intasamenti e pulizia della macchina.

2.8.1. Mappa delle postazioni di lavoro

La figura seguente illustra la normale postazione di lavoro (PL) degli operatori.

PL

PL

PL

Pagina 2. 12/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

2.9. Dispositivi di sicurezza

2.9.1. Protezioni fisse


La macchina è fornita di protezioni perimetrali e, all’occorrenza, interne alla macchina dimensionate
e posizionate in conformità alla norma progettuale EN 294 paragrafi 4.3.2.2. e 4.5.1.
Tali protezioni sono fissate al telaio della macchina e si possono rimuovere utilizzando chiavi
adeguate.
Una volta rimosse non restano in posizione e cadono, come richiesto dalla UNI EN 1200-2.
L’operazione può rendersi necessaria per un intervento di manutenzione straordinaria per cui si
richiede la presenza di un tecnico meccanico specializzato ed adeguatamente formato.

Il codice PF e le linee visualizzate in colore rosso, indicato sulla mappa, individua la posizione dei
protettori fissi.

La rimozione di una protezione deve avvenire con la macchina ferma, con l’interruttore
generale aperto, lucchettato e senza pressione nel circuito pneumatico.

NON UTILIZZARE MAI LA MACCHINA SENZA LE PROTEZIONI FISSE E MONTATE

La macchina non è provvista di protezioni fisse.

PF PF

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 13/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

2.9.2. Protezioni mobili


Le protezioni fisse sono interrotte da porte a compasso o scorrevoli provviste di microinterruttori di
sicurezza che intervengono ad ogni apertura della protezione, attivando un arresto d’emergenza.
Il codice PM, e le linee visualizzate in colore giallo indicato sulla mappa, individuano la posizione dei
protettori mobili asserviti dal dispositivo di sicurezza, il codice PM code e le linee visualizzate in
colore verde individuano un cancello con apertura tramite chiave codificata.

Non eliminare la funzione dei microinterruttori di sicurezza con


modifiche elettriche o meccaniche.
NON UTILIZZARE MAI LA MACCHINA SENZA LE
PROTEZIONI ATTIVE

Particolare delle protezioni mobili posizionale lungo la prima sezione della dorsale della distribuzione
ranghi, uguale disposizione e tipologia è presente nelle altre due sezioni della dorsale.

PM

PM

Pagina 2. 14/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

2.9.3. Pulsanti di emergenza

La macchina è provvista di pulsanti d’emergenza a fungo di colore rosso su sfondo giallo, che
provoca una fermata istantanea della macchina prevalente su tutte le altre operazioni.

Questo dispositivo di sicurezza deve essere utilizzato:

1. In caso di pericolo imminente o incidente meccanico;


2. Quando la macchina è già in arresto dopo breve durata per garantire il mantenimento
dell’arresto della macchina.

Questo pulsante deve essere mantenuto premuto in caso di:

a. Interventi di manutenzione
b. Operazioni che richiedano l’accesso e la permanenza dell’operatore all’interno della zona
pericolosa.

Prima di ripristinare la funzione del pulsante d’emergenza, attraverso


la sua riarmatura ruotandolo ed estraendolo, si dovrà accertare che
tutti gli operatori siano usciti dalla zona pericolosa della macchina.
Per riavviare la macchina dopo un arresto di emergenza è
indispensabile premere il tasto START.
NON UTILIZZARE IL PULSANTE D’EMERGENZA PER GLI
ARRESTI DI SERVIZIO.

PE PE
PE PE PE PE PE

PE PE PE PE PE PE

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 15/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

2.9.4. Interruttore generale

La maniglia dell'interruttore elettrico generale si trova sul


quadro elettrico, nella parte anteriore, ed è bloccabile
mediante lucchetto nella posizione di interruttore aperto.

L'interruttore generale deve essere disinserito nel caso di:

1. pericolo elettrico;
2. intervento elettrico sulla macchina o sul quadro
elettrico;
3. intervento meccanico sulla macchina.

L'interruttore generale deve essere bloccato con lucchetto


nella posizione di aperto nel caso di:

1. operazioni di manutenzione;
2. interventi sulla macchina in posizioni non
direttamente visibili dal quadro elettrico.

AVVERTENZA PER IL MANUTENTORE


ELETTRICO/MECCANICO:

All'interno dell'armadio elettrico possono essere presenti


alcuni circuiti che non sono interrotti dal dispositivo di
sezionamento dell'alimentazione.
Tali circuiti sono protetti mediante una lamina in plexiglass
che evita i contatti accidentali, e provvisti di una targhetta di
avvertimento.

Pagina 2. 16/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

2.10. Segnalatori visivi e acustici

2.10.1. Dispositivo lampeggiante

Un dispositivo lampeggiante segnala, attraverso il lampeggio del colore


rosso, un arresto di emergenza in atto, compresi gli arresti di servizio, in
questo caso lampeggerà la luce gialla.

2.10.2. Acustico

Collegato al dispositivo lampeggiante è presente un segnalatore acustico,


per segnalare eventuali anomalie nel funzionamento della linea o
situazioni d’emergenza.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 17/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

2.11. Note sull’utilizzo dell’impianto

2.11.1. Uso previsto

La macchina in oggetto è stata progettata, costruita e venduta per essere utilizzata come
descritto nel paragrafo “Corretto utilizzo dell’impianto”.

Il tipo dei prodotti trattabili, sono riportati in dettaglio nel capitolo 3, “Caratteristiche dell’impianto”.

È ASSOLUTAMENTE VIETATO
1. Modificare il ciclo della macchina;
2. Lavorare prodotti diversi da quelli indicati;
3. Sostituire o modificare le velocità dei componenti della macchina;
4. Sostituire pezzi con ricambi non originali;
5. Modificare gli allacciamenti elettrici per by-passare i dispositivi di sicurezza;
6. Rimuovere o modificare i carter di protezione;
7. Utilizzare la macchina in ambienti con atmosfera esplosiva e/o aggressiva.

Prima di ogni eventuale modifica è obbligatorio contattare la CM-OPM S.p.A. per il benestare
relativo.

2.11.2. Uso non consentito


Sono considerati usi non consentiti tutti gli usi diversi da quelli descritti nel paragrafo “Uso previsto”.

L’uso non consentito della macchina comporta la decadenza immediata della garanzia.

Pagina 2. 18/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

2.12. Emissione di rumore

La macchina è stata progettata e costruita in modo da ridurre alla sorgente la rumorosità della
macchina.

Misurazioni effettuate nella postazione operatore su di una macchina appartenente alla stessa serie
hanno portato a determinare i seguenti valori:

I valori rilevati sono i seguenti:

1 livello di pressione acustica di picco ponderato A: LAp = 75 dB(A)

La misurazione del livello di pressione acustico equivalente ponderato A risulta essere realizzato in
conformità alla norma EN ISO 3744.
Come previsto da tale norma, la macchina viene posizionata con il centro in corrispondenza del centro
del parallelepipedo di riferimento fittizio, l’asse longitudinale diretto come l’asse x e la parte anteriore
rivolta verso il punto 1 (vedi fig. seguente).

Osservazione:
Dopo il posizionamento della macchina, si è atteso il tempo di pre-riscaldamento del motore,
raggiungendo la temperatura di normale esercizio della macchina.
La strumentazione utilizzata per l’esecuzione delle misure è la seguente:

• Fonometro digitale multifunzione Lafayette mod. DT-8820 classe 1 alle prescrizioni delle norme
IEC 651 e IEC 804
• Calibratore di livello sonoro 4230 classe 1 conforme alle prescrizioni delle norme IEC 942

Se la macchina viene inserita in un ambiente riverberante o in presenza di altre fonti di rumore ed il


livello di esposizione quotidiana personale risulta superiore a 85 dB(A), vi è in condizione di rischio;
quindi in questo caso è obbligo del datore di lavoro prevedere per il lavoratore dispositivi di protezione
individuale (cuffie, tappi).

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 19/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

2.13. Zone pericolose della macchina

Zone pericolose: sono quelle zone in cui sono presenti pericoli durante le normali operazioni. Queste
zone sono protette mediante i dispositivi di protezione elencati nel paragrafo “2.9 Dispositivi di
sicurezza” (conformemente alla EN 619).
Poiché i rischi maggiori si hanno quando un operatore entra nella zona pericolosa per regolare,
pulire, effettuare la manutenzione della macchina o eseguire altre operazioni manuali che si rendono
necessarie, dette operazioni devono essere compiute con la massima attenzione.
L’accesso di un operatore alla zona pericolosa, che può avvenire attraverso una protezione apribile,
comporta l’immediato arresto della macchina e di tutti gli organi mobili posti all’interno di detta zona.
In situazioni non di emergenza per l’accesso alla zona pericolosa si raccomanda di procedere nel
modo seguente:

1. premere il pulsante di arresto ed attendere che la macchina si fermi;


2. premere un pulsante di emergenza;
3. nel caso si debba permanere all'interno della zona pericolosa, premere il pulsante di
emergenza posto sulla pulsantiera generale di comando e prelevare la chiave relativa
portandola con sé.

Postazioni operatore: sono le zone occupate dal personale che si occupa della sorveglianza durante
il suo normale funzionamento.

Sorveglianza: Le zone per la sorveglianza della macchina non rappresentano alcun rischio per
l'operatore in quanto esterne alla zona pericolosa.
Ricordiamo che la macchina non necessita della sorveglianza costante di un
operatore, poiché in caso di anomalia nel funzionamento, è la macchina stessa
che richiama l'attenzione del personale mediante segnale acustico.

Pagina 2. 20/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 2
Impianto distribuzione ranghi

2.13.1. Rischi ineliminabili


La macchina è stata progettata e realizzata con caratteristiche appropriate per assicurare la sicurezza
dell’operatore. Comunque, esistono dei rischi ineliminabili in alcune zone:

Zone di accesso alla macchina


Queste zone sono pericolose poiché presentano un ostacolo al passaggio costituito da un tubolare
posto in orizzontale che sostiene le protezioni apribili.
Se si ritiene necessario entrare nella macchina porre attenzione nello scavalcare tali ostacoli.

2.13.2. Rischi residui


La macchina è stata progettata e realizzata con gli opportuni accorgimenti al fine di garantire la
sicurezza dell'utilizzatore.

Esistono comunque alcuni rischi residui:

a) Rischio residuo di schiacciamento: quando l'operatore entra nella zona pericolosa per
eseguire delle operazioni di regolazione e/o manutenzione, in quanto un altro operatore
potrebbe cercare di rimettere in marcia la macchina.

Per eliminare questo rischio occorre:


1. Accedere alle zone pericolose seguendo scrupolosamente le indicazioni
fornite, e comunque mantenendo il cancello di accesso aperto durante tutto il
tempo di intervento;
2. Accertarsi che non ci sia alcuna persona nella zona pericolosa prima di
riavviare la macchina dopo un allarme “Emergenza premuta”;

b) Rischio residuo di scivolamento e/o caduta: dell’operatore durante le operazioni di


manutenzione e/o riparazione degli organi posti alla sommità della macchina.
È necessario accedere a tali organi con molta attenzione, munendosi degli appositi
strumenti di protezione, di idonee attrezzature e di apposite scale dotate degli opportuni
parapetti in armonia con i decreti legge che regolamentano la sicurezza.

c) Rischio residuo di scivolamenti e/o caduta: dell’operatore durante l’attraversamento dei


trasporti, anche quando sono fermi.
d) Rischio residuo di pizzicamento degli arti: dell’operatore in corrispondenza dei trasporti
in ingresso ed in uscita dalla macchina.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 2. 21/22


Capitolo 2
MANUALE DI ISTRUZIONE Norme di sicurezza

Rischio schiacciamento per posizione


relativa tra penna mobile con penna
fissa successiva

Rischio impigliamento tra nastro in


movimento e parti fisse

Esempi lungo la prima sezione della dorsale della distribuzione ranghi.

Rischio schiacciamento per posizione


Rischio di trascinamento passaggio relativa penna basculante con parti
all’interno del metal detector fisse o mobili

Pagina 2. 22/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

CAPITOLO 3

MOVIMENTAZIONE, INSTALLAZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE

Sommario
3.1. Avvertenze di sicurezza ................................................................................................................... 3
3.2. Verifiche prima dell’installazione ...................................................................................................... 4
3.3. Spedizione e trasporto ..................................................................................................................... 5
3.3.1. Tipologia di imballo ........................................................................................................................ 6
3.3.2. Identificazione ................................................................................................................................ 6
3.3.3. Attrezzature necessarie ................................................................................................................. 6
3.3.4. Disimballo e sollevamento ............................................................................................................. 7
3.3.5. Rimozioni materiali di scarto.......................................................................................................... 8
3.4. Piazzamento ..................................................................................................................................... 9
3.5. Nozioni generali sulle tecniche di fondazione ................................................................................ 10
3.6. Spazio necessario all’operatore ..................................................................................................... 11
3.7. Condizioni ambientali ..................................................................................................................... 11
3.8. Cablaggio ed allacciamenti ............................................................................................................ 12
3.8.1. Verifiche preliminari ..................................................................................................................... 12
3.8.2. Collegamento alla linea elettrica ................................................................................................. 13
3.8.3. Collegamento alla rete di distribuzione aria ................................................................................ 14
3.8.4. Regolazione pressione dell’aria................................................................................................... 15
3.8.5. Regolazione del lubrificatore dell’aria (se presente) ................................................................... 15
3.8.6. Scaricatore di condensa (c) ......................................................................................................... 16
3.8.7. Utilizzo dello scaricatore di condensa ......................................................................................... 16
3.8.8. Mappa allacciamenti .................................................................................................................... 17
3.9. Reinstallazione ............................................................................................................................... 18
3.9.1. Immagazzinamento ..................................................................................................................... 18
3.10. Demolizione e smaltimento ............................................................................................................ 19
3.10.1. Materiali che compongono la macchina ...................................................................................... 19
3.10.2. Prodotti di consumo ..................................................................................................................... 19
3.10.2.1. Batterie ................................................................................................................................. 19
3.10.2.2. Olii riduttori ........................................................................................................................... 19
3.11. Messa a punto ................................................................................................................................ 20
3.12. Primo avviamento........................................................................................................................... 20
3.13. Marcatura ....................................................................................................................................... 21
3.14. Caratteristiche dell’impianto ........................................................................................................... 22
3.14.1. Impianto ....................................................................................................................................... 22
3.14.2. Condizioni ambientali .................................................................................................................. 22
3.14.3. Caratteristiche pneumatiche ........................................................................................................ 22
3.15. Componenti commerciali ................................................................................................................ 23

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 1/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 3. 2/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.1. Avvertenze di sicurezza

IL PRESENTE CAPITOLO È DESTINATO A PERSONALE SPECIALIZZATO ED


ADEGUATAMENTE ADDESTRATO.

GLI INTERVENTI DI CARICO E SCARICO IMPLICANO UN ELEVATO PERICOLO PER LE


PERSONE!

Le attività di movimentazione descritte nel presente paragrafo devono essere effettuate solo da
personale qualificato appositamente addestrato per eseguire con sicurezza operazioni di carico e
scarico e di movimentazioni, mediante equipaggiamenti di sollevamento quali gru o carrelli elevatori.

Il personale locale dovrà essere a conoscenza delle regole di prevenzione degli infortuni.

È necessaria la presenza di personale CM-OPM S.p.A. durante le operazioni di spostamento


della macchina per il suo posizionamento.
Tutti i pezzi imballati che compongono la macchina devono essere riposti affinché siano
facilmente prelevati dal personale CM-OPM S.p.A. per il necessario montaggio.

Prima di ogni movimentazione accertarsi sempre che il mezzo di sollevamento con i relativi attrezzi
(funi, ganci, ecc.) sia idoneo a sollevare il carico da muovere.

Verificare che la stabilità del carico non possa essere origine di pericoli e/o incidenti.

In caso di movimentazioni di colli le cui dimensioni non consentono una sufficiente visibilità, è
necessaria l’assistenza di un operatore a terra.

Assicurarsi che i veicoli e le strutture logistiche impiegate siano conformi all’utilizzo ed in perfette
condizioni operative.

Tenersi a distanza dai carichi sospesi, assicurarsi che funi e cinghie di sollevamento siano in perfette
condizioni e correttamente inserite nei relativi ganci, questi ultimi dovranno essere dotati di leva di
sicurezza.

Durante le operazioni di movimentazione, gli operatori dovranno essere muniti degli appropriati
mezzi di protezione personale, come: guanti, scarpe con suola antiscivolo e casco da lavoro.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 3/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

3.2. Verifiche prima dell’installazione

L’installazione e la regolazione dell’impianto devono essere effettuate esclusivamente


dal personale CM-OPM S.p.A.
Predisporre comunque l’installazione in modo da evitare eventuali ritardi.
Tutte le caratteristiche tecniche dell’impianto necessarie alla corretta installazione sono
riportate nel presente capitolo.

Prima dell’installazione dell’impianto è necessario effettuare le seguenti verifiche:

1. Verificare che la superficie di installazione sia sufficiente, considerando lo spazio supplementare


necessario per il montaggio.

2. Contrassegnare la posizione dell’armadio elettrico.

3. Predisporre i punti di allacciamento utenze come da paragrafo “Mappa allacciamenti”.

4. Accertarsi che l’altezza e la larghezza per il passaggio siano sufficienti (lasciare comunque una
distanza di 800÷1000 mm da muri, pilastri, e tutto ciò che può creare impedimenti al
funzionamento e alla manutenzione).

5. Accertarsi che la portata specifica del pavimento sia sufficiente a sopportare il peso
dell’impianto. (Almeno 2 tonnellate/m 2 e una resistenza alla compressione di 10 kg/cm 2).

6. Premunirsi di una gru con portata sufficiente al sollevamento della macchina e dei suoi
componenti.

Pagina 3. 4/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.3. Spedizione e trasporto

La CM-OPM S.p.A. in funzione delle modalità di trasporto e della tipologia dei prodotti da spedire
utilizza imballi adeguati a garantire l’integrità e la conservazione durante il trasporto.
La macchina, dopo il montaggio ed il collaudo in fabbrica, viene smontata, suddivisa in assiemi
secondo un piano di carico stabilito in funzione delle sue dimensioni, dei mezzi di trasporto
disponibili e della destinazione.
Un assieme può essere formato da uno o più gruppi.
Le dimensioni (lunghezza, larghezza, altezza) ed il peso di ogni assieme sono riportati sulla bolla
(macchine destinate in Italia) o sul packing-list (macchine destinate all'estero).
I diversi assiemi sono predisposti per essere movimentati mediante gru, carroponte o muletto.
Il peso dell’assieme è ricavabile dall’elenco sotto riportato:

IMPORTANTE !

Al ricevimento della macchina verificare con il trasportatore che l’imballo sia integro, che non abbia
subito danni durante il trasporto o non sia stato aperto volontariamente per sottrarre parti all’interno.

Controllare che la fornitura corrisponda alle specifiche dell’ordine di acquisto e verificare con i
documenti di spedizione che la consegna sia completa.

Nel caso gli imballi siano danneggiati esternamente, aprirli alla presenza del trasportatore e
controllare che l’impianto non abbia subito danni.

Descrivere gli eventuali danni riscontrati sui documenti di spedizione ed informare immediatamente
l’ufficio spedizione della CM-OPM S.p.A.

Se gli imballi non presentano anomalie, controllare comunque esternamente l’impianto entro le 24
ore successive alla consegna.

In caso di danni visibili dovuti al trasporto, informare immediatamente il trasportatore, la compagnia


di assicurazione, nonché la società CM-OPM S.p.A.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 5/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

3.3.1. Tipologia di imballo


La macchina può essere imballata in casse di legno, in container oppure spedita direttamente sul
pianale del camion.
Le casse recano indicato all'esterno, oltre all'indirizzo, il numero della cassa, il peso netto e lordo, le
dimensioni, il lato alto e basso, la posizione in cui deve essere presa per sollevarla e trasportarla ed
il packing-list con l’elenco di tutti i pezzi contenuti nella cassa.
Qualunque sia il mezzo di trasporto utilizzato il costruttore adotta protezioni adeguate contro gli
agenti atmosferici, quali coperture in polietilene e cuffie in accoppiato barriera termo saldato.

3.3.2. Identificazione
Tutte le parti in cui la macchina è suddivisa per il trasporto sono identificate con il tipo di macchina,
scritti in nero su etichetta con sfondo bianco.

3.3.3. Attrezzature necessarie

1. carrello elevatore da 50 q.;


2. autogrù di portata minima di 50 q. e con corse del braccio telescopico adeguate;
3. piattaforma sopraelevante per le operazioni di montaggio.

Ancoraggio a pianale rimorchio a bilico automezzo con tasselli in legno.


Qualora il trasporto avvenga con l’utilizzo di container, i colli vanno adeguatamente fissati alle pareti
con cinghie e sul fondo con tasselli in legno.
Numero operatori: tre.

Pagina 3. 6/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.3.4. Disimballo e sollevamento

Al fine di garantire la movimentazione sicura della macchina, attenersi scrupolosamente alle


seguenti indicazioni generali:

1. Trasportare la macchina ancora imballata il più vicino possibile al luogo di installazione,


quindi procedere al disimballo avendo cura di verificare che il contenuto corrisponda alla lista
di spedizione.
2. Rimuovere la copertura e togliere tutti i componenti smontati e le parti accessorie. Liberare
con molta cura tutto il materiale utilizzato per l’imballaggio della macchina.
3. Separare la base della macchina dal pianale, rimuovendo, se presenti, i tappi di fissaggio
laterali in legno o le viti di bloccaggio passanti inserite sotto il piano di appoggio
4. Sollevare, nei punti evidenziati, i gruppi provvisti di golfari o inserirli nei punti indicanti
l’applicazione degli stessi. Agganciare saldamente le funi ai golfari e al gancio della gru o
paranco. Per i gruppi non attrezzati con golfari, o per i quali non è possibile tale applicazione,
utilizzare fasce posizionandole in modo che il peso sia bilanciato.
5. Nel sollevamento delle macchine, con carrello elevatore a forche piane, verificare
preventivamente che la lunghezza delle forche sia almeno equivalente alla lunghezza della
macchina.

Esempio di movimentazione di una sezione della dorsale

(Immagine di riferimento)

Nel sollevamento delle parti della macchina con carrello elevatore a forche piane, posizionare degli
spessori in legno tra le forche e la macchina per non danneggiare la parte inferiore dei diversi
tronconi.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 7/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

IMPORTANTE !
Lo smaltimento del materiale d’imballo è di competenza del cliente, e deve avvenire
in conformità con le normative del Paese in cui si installa la macchina.

  IMPORTANTE !
 Le operazioni di trasporto descritte debbono essere eseguite da personale
qualificato, preparato a eseguire in condizioni di sicurezza il carico, lo scarico e il
trattamento dell’imballaggio, che conosca l’uso delle attrezzature di
sollevamento e sia informato sulle vigenti norme di sicurezza.

 Accertarsi che la portata dei mezzi di sollevamento e trasporto sia adeguata al


peso degli elementi.
 Non sostare o passare sotto le parti che vengono movimentate; non salire su
di esse.
 Sollevare lentamente con il carrello elevatore, controllando che il peso sia
correttamente bilanciato.
 Sollevare lentamente con la gru, controllando che il peso sia correttamente
bilanciato e tutte le cinghie utilizzate siano tese della stessa entità, non
creando compressioni su parti delicate.
 Impiegare attrezzature di sollevamento (catene, funi, ganci, ecc.) di portata
adeguata e provvisti di marcatura CE.

La portata nominale di un carrello elevatore non corrisponde mai a quella effettiva che varia in
funzione dell'altezza alla quale si svolge l'operazione e dal baricentro del carico rispetto al dorso
delle forche.

a) cassa: prendere la cassa nelle posizioni indicate mediante il


pittogramma catena e mantenerla nella posizione indicata dai
pittogrammi.

b) macchine: Il sollevamento deve essere fatto con cura per evitare che le
zanche del muletto, le fasce o i ganci di sollevamento delle gru
danneggino parti delicate della macchina.

3.3.5. Rimozioni materiali di scarto


Nel caso il cliente abbia richiesto particolari grassi protettivi sulla macchina, sarà sua cura ripulirla
prima del montaggio.

Pagina 3. 8/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.4. Piazzamento

Una volta tracciati gli ingombri della macchina sul pavimento, posizionare i vari gruppi nel luogo
prescelto, allinearli e collegarli tra loro, e metterli in bolla registrandone l’altezza tramite i piedi
regolabili con l’ausilio di una livella.

ATTENZIONE!
Non avviare la macchina quando non è
perfettamente livellata.

I vari gruppi della macchina devono essere


fissate tra loro con le apposite staffe di
collegamento.
La macchina è provvista di una serie di piedi e
piastre di appoggio che devono essere fissate
alla pavimentazione a mezzo di tasselli ad
espansione; anche le eventuali protezioni in
rete perimetrali devono essere fissate alla
pavimentazione a mezzo di tasselli ad
espansione. Tutti i tasselli vengono forniti in
Piede
dotazione alla macchina.
Svitare il controdado “1”, regolare l’altezza
attraverso la vite del piede “2”, quindi, serrare il
controdado “1”.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 9/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

3.5. Nozioni generali sulle tecniche di fondazione

La macchina non necessita di interventi particolari sulle fondazioni, è però necessario, da parte del
cliente, accertarsi che tali fondazioni siano in grado di reggere il carico della macchina.
Per avere la certezza di ottenere una pavimentazione in tolleranza con il peso della macchina, il
carico dovrà rientrare nei seguenti parametri:

1. carico minimo 20000N/m2

2. forza di tensione di 100 N/cm2

Si tenga presente che la macchina dispone di piedi di


appoggio, il carico quindi, sarà distribuito e graverà solo sui
piedi, diventando dei punti di carico concentrato.

Punto di carico concentrato


Pt dove: Pt è il peso totale
= Pc Pc è il carico concentrato
4

Pagina 3. 10/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.6. Spazio necessario all’operatore

Lo spazio necessario all’operatore per un utilizzo corretto della macchina ed agli addetti alla
manutenzione deve essere tassativamente di almeno 80/100 cm.
Tale spazio deve essere lasciato lungo il perimetro della macchina soggetto alla presenza
dell’operatore. Considerare inoltre che, nel caso in cui le caratteristiche fisiche e/o le necessità di
movimentazione per eseguire le operazioni sopracitate in modo corretto e sicuro o se gli operatori
dovessero richiederlo, tale spazio deve essere portato ad un valore superiore a quello sopra
indicato.

3.7. Condizioni ambientali

Occorre prestare attenzione alle condizioni ambientali nelle quali la macchina oggetto della fornitura
deve operare. La temperatura dell’ambiente non dovrà mai scendere sotto i 10 °C e non dovrà mai
superare i 40 °C in quanto ciò potrebbe causare dei malfunzionamenti alla macchina.
L’umidità dovrà essere tra il 10 e l’85% senza condensa.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 11/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

3.8. Cablaggio ed allacciamenti

ATTENZIONE
Le attività descritte nel presente paragrafo devono essere eseguite solamente da personale
qualificato, e precisamente:
tecnico CM-OPM S.p.A. con l’aiuto di manovalanza locale;
tecnico addestrato che ha seguito corsi di specializzazione e formazione ed ha esperienza
in merito ad installazione, messa in funzione e manutenzione degli impianti, ed è a
conoscenza delle regole sulla prevenzione degli infortuni.

a) Portare all’interno del quadro elettrico tutti i cavi elettrici dei vari assiemi, che per la
spedizione sono stati scollegati, e ricollegarli secondo il codice numerico che portano
indicato.
In caso di necessità consultare lo schema elettrico.
b) Collegare tutti i cavi di messa a terra della macchina.
c) Assicurarsi del corretto cablaggio delle fasi controllando il senso di rotazione di ogni singolo
motore elettrico;

3.8.1. Verifiche preliminari


Prima di eseguire il collegamento elettrico alla linea verificare che:

a) le masse siano connesse al circuito di protezione (verifica visiva);


b) tutte le parti attive siano protette, come minimo IP20 (verifica visiva);
c) l’intensità di corto circuito prevista ai morsetti di collegamento dell’interruttore generale sia
compatibile con il suo potere di interruzione riportato sullo schema elettrico;
d) i valori della frequenza e della tensione di alimentazione della macchina (vedi targhetta
applicata al quadro elettrico) corrispondano ai valori della rete di alimentazione;
e) si abbia la continuità dei circuiti di protezione che devono presentare una resistenza inferiore
a 0,1 ohm (nel caso eseguire una verifica in accordo alle modalità espresse dalla Norma IEC
13/1);
f) la sezione dei cavi elettrici utilizzati sia adeguata;
g) siano stati predisposti i punti per gli allacciamenti come da “Mappa allacciamenti”.
h) si abbia un corretto funzionamento dei dispositivi differenziali nel caso siano previsti.

Prima di eseguire il collegamento alla rete di distribuzione aria verificare che l’impianto di fornitura di
aria compressa:

a) sia dotato di saracinesca;


b) garantisca alla macchina la quantità di aria alla giusta pressione;
c) il serbatoio dell'aria compressa predisposto sia correttamente dimensionato.

Pagina 3. 12/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.8.2. Collegamento alla linea elettrica

a) Collegare i tre cavi di fase più il cavo di protezione, portandoli all’interno dell’armadio
elettrico, utilizzando la morsettiera predisposta sull'interruttore generale (vedi schema
elettrico).
Il collegamento della macchina alla rete deve essere effettuato nel rispetto della
regolamentazione in vigore nel paese dell'utilizzatore.

b) Assicurarsi della corretta sequenza delle fasi controllando il senso di rotazione della
macchina.

La macchina è stata costruita secondo quanto indicato da:

Direttiva CEE N. 2006/95 (DIRETTIVA BASSA TENSIONE)


Norma UNI EN 60204 – 1

- Entrata alimentazione trifase della rete (A).


- Collegamento della massa all’apposita bandella
del quadro (B). A A A

(immagine di riferimento)

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 13/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

3.8.3. Collegamento alla rete di distribuzione aria


La macchina, dotata di azionamenti pneumatici, necessita della presenza di una linea di
distribuzione di aria compressa.
È consigliabile applicare alla linea di distribuzione aria, se non è già presente, un ulteriore
scaricatore di condensa.

Prima di collegare il gruppo di depurazione-lubrificazione aria della macchina alla rete di


distribuzione aria, verificare che l’impianto di alimentazione di aria compressa:

a) garantisca alla macchina la quantità di aria necessaria alla giusta pressione;


b) sia dotato di saracinesca.

Gli allacciamenti alle predisposizioni di rete sono indicati nel paragrafo “Mappa allacciamenti”.

Allacciamento
pneumatico

(immagine di riferimento)

Pagina 3. 14/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.8.4. Regolazione pressione dell’aria


Per effettuare una corretta regolazione dell’aria bisogna agire nel seguente modo:

B
1. Alzare la manopola (A) liberandola.
2. Ruotarla fino a quando la lancetta del
manometro (B) segnerà la pressione di 6
bar.
3. Bloccare la manopola (A) abbassandola

3.8.5. Regolazione del lubrificatore dell’aria (se presente)


Si tratta di un lubrificatore proporzionale. La quantità d’olio spruzzato diminuisce al diminuire della
portata d’aria che lo attraversa.

• La frequenza con cui vengono cedute gocce


d’olio mentre il sistema è in funzione, può A
essere osservata attraverso la specola A;
• il numero di gocce può essere aumentato
ruotando la vite di regolazione B verso
sinistra.
Il valore previsto è di 1 goccia ogni 20 secondi.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 15/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

3.8.6. Scaricatore di condensa (c)


Lo scaricatore di condensa, serve ad evacuare
l’acqua raccolta dal gruppo di trattamento dell’aria.
È provvisto di un filtro per separare l’aria da ogni
impurità

È importante controllare periodicamente l’efficienza


del filtro.
Un malfunzionamento di questo organo è causa di un
probabile danneggiamento delle elettrovalvole e dei
cilindri pneumatici.

3.8.7. Utilizzo dello scaricatore di condensa


Il rubinetto di scarico della condensa, può essere
utilizzato in modo manuale o semiautomatico.
In condizioni normali il rubinetto funziona in modo C
semiautomatico; in presenza di pressione rimane
chiuso, quando la pressione cessa la sua azione, il
rubinetto si apre scaricando il contenuto della tazza.
Se risultasse necessario scaricare la condensa in
presenza di pressione, cioè durante il normale
funzionamento della macchina, sarà sufficiente
premere verso l'alto il rubinetto.

Questa operazione deve essere eseguita solo dal personale specializzato ed


autorizzato alla manutenzione.

Ruotando il pulsante in senso antiorario, si ottiene la chiusura completa del rubinetto; in questa
condizione la condensa non viene mai scaricata dalla tazza.

Pagina 3. 16/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.8.8. Mappa allacciamenti

POS.1 Entrata aria compressa

POS.2 Allacciamento elettrico

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 17/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

3.9. Reinstallazione

ATTENZIONE
Le attività descritte nel presente paragrafo devono essere eseguite solamente da
personale qualificato, e precisamente:
tecnico CM-OPM S.P.A. con l’aiuto di manovalanza locale;
tecnico addestrato che ha seguito corsi di specializzazione e formazione ed ha
esperienza in merito ad installazione, messa in funzione e manutenzione degli impianti, ed
è a conoscenza delle regole sulla prevenzione degli infortuni.

Per smantellare la macchina, in caso di vendita, reinstallazione o immagazzinamento presso il


cliente, procedere secondo la seguente procedura generale di smontaggio:

a. decidere, in base alle dimensioni del mezzo di trasporto a disposizione e del numero di
parti in cui si vuole suddividere la macchina, come scomporla ed in quali parti;

b. posizionare gli organi mobili della macchina nella posizione più favorevole per il trasporto;

c. in corrispondenza dei punti di congiunzione numerare tutte le parti che verranno separate,
in modo da rendere più immediato il futuro rimontaggio;

d. togliere l'alimentazione elettrica e pneumatica;

e. staccare tutti i cavi elettrici operando nel modo seguente:


1. scollegare i cavi nel quadro elettrico;
2. sfilarli dalle canale fino al gruppo a cui sono attaccati;

f. smontare meccanicamente la macchina suddividendola nelle parti stabilite;

g. fermare mediante blocchi meccanici, fermi o legando tutte le parti che durante il trasporto
possono muoversi o scorrere;

h. sostituire il tappo provvisto di sfiato con un tappo cieco nei motoriduttori che potrebbero
trovarsi in posizione tale da perdere olio.

Per il nuovo piazzamento ed allacciamento fare riferimento ai relativi paragrafi di questo manuale.

3.9.1. Immagazzinamento

In caso di stoccaggio prolungato, lasciare la macchina al riparo della pioggia e dal vento e
possibilmente in luogo asciutto.

Proteggere particolarmente bene le parti elettriche, i quadri elettrici e le consolle di comando e tutte
le parti molto sensibili all’umidità ed alle basse temperature.

Pagina 3. 18/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.10. Demolizione e smaltimento

Il costruttore prevede una vita stimata in 60.000 ore di funzionamento nelle normali condizioni di
utilizzo.
Alla fine del ciclo di vita reale, la ditta utilizzatrice deve procedere all’alienazione della macchina nel
rispetto delle normative vigenti prevedendo innanzitutto lo svuotamento dei fluidi lubrificanti e la
pulizia generale dei vari elementi e successivamente alla separazione dei pezzi che costituiscono la
macchina.
Dopo aver smontato la macchina secondo la precedente procedura di smontaggio, occorre separare
i vari materiali in accordo con quanto prescrive la normativa del Paese in cui la macchina deve
essere eliminata. La macchina non contiene componenti o sostanze pericolose che necessitano di
procedure particolari di rimozione.

3.10.1. Materiali che compongono la macchina


Per quanto concerne l’eliminazione occorre tenere presente che i materiali di cui è costituita la
macchina non sono di natura pericolosa e consistono essenzialmente in:

1. acciaio ferritico verniciato, plastificato o galvanizzato;


2. materiale plastico in polietilene, caricato o no, o adiprene;
3. elastomeri;
4. olio per ingranaggi;
5. olio per motoriduttori;
6. motori elettrici;
7. cavi elettrici con relative guaine;
8. dispositivi elettronici di controllo e attuazione.
9. piedi di sostegno ed i materiali di gomma derivati

ATTENZIONE
Durante il processo di smaltimento sarà necessario attenersi alla norme vigenti nel paese.
Conservare i materiali inquinanti come olii ed i solventi solo in fusti metallici.

3.10.2. Prodotti di consumo


Per quanto riguarda lo smaltimento dei prodotti di consumo, osservare le seguenti regole:

3.10.2.1. Batterie
La batteria PLC dovrà essere sostituita da un manutentore elettricista.
Le batterie usate non dovranno essere smaltite con i rifiuti comuni, ma dovranno essere
consegnate presso gli appositi centri di smaltimento.

3.10.2.2. Olii riduttori


Gli olii esausti, i residui oleosi e gli oggetti impregnati d’olio devono essere smaltiti attraverso gli
appositi punti di raccolta, e non scaricati nelle canalizzazioni urbane.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 19/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

3.11. Messa a punto

Prima della messa in funzione della macchina effettuare un controllo generale dei suoi componenti
principali:

1. Effettuare un controllo particolarmente accurato di tutti i collegamenti, i fissaggi ed il serraggio


dei bulloni che potrebbero essersi allentati con il trasporto o la messa in opera.

2. Controllare inoltre la tensione delle trasmissioni a catena e lo scorrimento delle parti in


movimento ingrassandole se dovessero presentare la superficie pulita da lubrificazione.

3. Controllare il giusto senso di rotazione dei motori elettrici e che i riduttori, lubrificati con olio,
siano riempiti sino al giusto livello.

4. Verificare che la valvola di intercettazione manuale dell’aria sia aperta.

5. Controllare che la pressione sui manometri dei gruppi di entrata dell’aria sia quella prescritta.

6. Verificare i collegamenti elettrici fissati dai passacavi, la stabilità dei finecorsa e delle fotocellule
sui loro supporti.

7. Controllare che la tensione di rete sia corrispondente alla tensione di entrata nel trasformatore
all’interno del quadro elettrico e che le viti dei contatti elettrici non siano allentate.

8. Eseguire la pulizia delle lenti delle fotocellule e nel caso vi sia proiettore e ricevitore controllarne
la coassialità.

3.12. Primo avviamento

L’impianto, prima di essere messo in funzione, necessita di una procedura di primo avvio.
Questa risulta necessaria anche dopo un lungo periodo di inattività.

Prima di procedere alla messa in funzione della macchina verificare la presenza di eventuali intralci
alle movimentazioni.

Verificare sul display del pannello di comando che sia impostato il giusto tipo di formato che si
intende operare.

Regolare le guide dei trasporti nella posizione corretta.

All’atto del primo avviamento della macchina occorre controllare tutti i movimenti, facendo compiere
alla macchina un ciclo completo in manuale dal quadro di comando e poi azionare il ciclo automatico
della macchina, seguendo attentamente punto per punto le istruzioni del capitolo 4 PRINCIPIO DI
FUNZIONAMENTO.

Pagina 3. 20/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.13. Marcatura

Sulla macchina è collocata la targhetta di identificazione (CE).


Sulla targa sono incisi tutti i dati di riconoscimento dell’impianto, questi dati dovranno sempre apparire
in ogni documento comunicativo fra l’utilizzatore e l’azienda costruttrice, per esempio in ogni richiesta
di assistenza oppure per la richiesta di parti di ricambio, ecc.

È ASSOLUTAMENTE VIETATO ASPORTARE O MANOMETTERE LE TARGHE DI


IDENTIFICAZIONE.

Targhetta di identificazione CE

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 21/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

3.14. Caratteristiche dell’impianto

L’impianto fornito presenta le seguenti caratteristiche:

3.14.1. Impianto
Denominazione Impianto di distribuzione ranghi
Modello DISPV
Anno di costruzione 2013
Cliente FERRERO de MEXICO S.A. de C.V.
Matricola IPC13IM00014.1.1

3.14.2. Condizioni ambientali


Clima
Temperatura (°C) 0÷40
Umidità (%) 80 senza condensa
Altezza sul livello del mare (m) 1000 come altitudine massima
Tensioni
Tensione di linea (V) 480
Frequenza (Hz) 60
Tensione ausiliari (Vcc) 24
Tensione strumentazione (V) 110
Connessione di potenza
Potenza installata (kW) 37
Grado di protezione (IP) 54 protezione motori

3.14.3. Caratteristiche pneumatiche


Pressione (bar) 7 di alimentazione
Consumo aria (Nl/min) 30

Pagina 3. 22/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 3
Impianto distribuzione ranghi

3.15. Componenti commerciali

Salvo richieste specifiche da parte del cliente, la componentistica commerciale utilizzata è la


seguente:

Componenti meccanici
ARNOLD catene
ASKUBAL snodi
BIKON calettatori
CHIARA tenditore catena
ELESA volantini ed indicatori digitali
FESTO cilindri e componentistica pneumatica
FIPS boccole
LEGRIS raccordi
INA cuscinetti, manicotti a sfere e guide lineari
KOYO supporti a flangia
MWM freno pneumatico
OROBICA ventose
PIAB generatori di vuoto mediante aria compressa
POGGI cinghie dentate
RULMECA rulli folli in plastica
SEW motoriduttori
SKF cuscinetti a sfere
STIEBER ruote libere
TELEMECANIQUE chiusure di sicurezza
VICTOR bussole
VUOTOTECNICA filtri del vuoto

Componenti elettrici
ELCIS encoder
PILZ circuiti di sicurezza
SICK fotocellule
SIEMENS PLC
TELEMECANIQUE dispositivi di segnalazione e di comando
W.M. alimentatori

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 3. 23/24


Capitolo 3
MANUALE DI ISTRUZIONE Movimentazione, installazione e caratteristiche tecniche

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 3. 24/24 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 4
Flowpack MULTIPACK

CAPITOLO 4

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

Sommario
4.1. Note generali di sicurezza ................................................................................................................... 3
4.2. Principio di funzionamento................................................................................................................... 5
4.2.1. Funzionamento della zona ingresso ............................................................................................ 6
4.3. Formati gestiti ...................................................................................................................................... 9

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 4. 1/10


Capitolo 4
MANUALE DI ISTRUZIONE Principio di funzionamento

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 4. 2/10 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 4
Flowpack MULTIPACK

4.1. Note generali di sicurezza

Il funzionamento della macchina è soggetto ai principi generali di sicurezza adottati negli impianti
industriali.

In modo particolare, date le condizioni di utilizzo tipiche per questa macchina, si dovranno seguire le
prescrizioni seguenti:

A I dispositivi di protezione non devono mai essere rimossi o resi inefficaci; in


particolare nessun interruttore di sicurezza deve essere cortocircuitato.
Quando si eseguono lavori di manutenzione sulla macchina, potrebbe essere
necessario disattivare temporaneamente i dispositivi di sicurezza: questa operazione
deve essere eseguita solo da personale autorizzato ed adeguatamente addestrato.

B È RIGOROSAMENTE VIETATO rimanere all’interno delle protezioni della macchina


quando è in marcia.
L’accesso è possibile solo al personale autorizzato ed adeguatamente addestrato,
durante l’attività di regolazione o cambio formato, e solo a macchina ferma.
Prima di effettuare la ripartenza assicurarsi che non vi sia nessuno all’interno delle
protezioni.

C Non mettere le mani vicino alle parti in rotazione della macchina.


Non indossare indumenti che possano impigliarsi nelle parti in movimento (sciarpe,
foulard, anelli, bracciali, orologi, ecc.).
Per chi porta capelli lunghi, utilizzare fermagli o cuffie che li racchiudano.

PERICOLO DI MORTE

D Tutti i lavori su parti sotto tensione devono essere effettuate solo dal
personale autorizzato.

Prima di iniziare i lavori l’impianto dovrà essere scollegato utilizzando


l’interruttore generale collocato sull’armadio elettrico.

Se ciò non è possibile, è indispensabile la presenza di un secondo operatore,


questo dovrà posizionarsi vicino all’interruttore generale, per intervenire
immediatamente, la macchina in caso di emergenza.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 4. 3/10


Capitolo 4
MANUALE DI ISTRUZIONE Principio di funzionamento

Prima dell’utilizzo assicurarsi che siano stati effettuati tutti i controlli indicati nel paragrafo MESSA A
PUNTO del capitolo 3 e soprattutto:

• che la tensione in entrata non superi il valore nominale;

• che tutte le connessioni elettriche, pneumatiche e del vuoto siano eseguite correttamente;

• i tensionamenti dei nastri trasportatori prima dell’avviamento al fine di prevenire danni allo
stesso;

• che non vi siano viti o parti della macchina allentate;

• che il senso di rotazione dei motori sia corretto, in accordo con le indicazioni applicate sullo
stesso; in caso contrario, cambiare la posizione delle tre fasi;

• controllare la lista allarmi sul display.

Pagina 4. 4/10 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 4
Flowpack MULTIPACK

4.2. Principio di funzionamento

L’impianto è un sistema di trasporti a nastri alimentati lungo una dorsale principale a cui sono
ortogonalmente collegati un nastro di trasporto uscita scarti e 5 gambe laterali.

Ingresso prodotto

Nastro uscita
scarti

Dorsale
principale

Gambe trasporto
flowpack

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 4. 5/10


Capitolo 4
MANUALE DI ISTRUZIONE Principio di funzionamento

4.2.1. Funzionamento della zona ingresso

I prodotti giungono all’ingresso della dorsale in corrispondenza del primo tratto del tappeto (A) e,
tramite un vomero di guida, vengono allineati per costituire il rango.

Vomero di
guida
A

Nastro uscita
scarti

Dorsale
principale

Pagina 4. 6/10 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 4
Flowpack MULTIPACK

Fotocellula Metal detector

Nastro
uscita scarti

Il passaggio attraverso una fotocellula ed un metal detector permette la rilevazione di eventuali


anomalie.
Tramite la penna mobile vengono inviati al nastro uscita scarti sottostante i ranghi identificati
anomali.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 4. 7/10


Capitolo 4
MANUALE DI ISTRUZIONE Principio di funzionamento

Penna mobile

B
In prossimità di ogni derivazione laterale, i prodotti vengono rilasciati, tramite i movimenti della
relativa penna mobile, ed inviati al trasporto laterale sottostante.
Il carrello sottostante è costituito da un trasportatore (B) parallelo a quelli della dorsale e da un altro
trasportatore (C) parallelo alle derivazioni laterali.
Il primo trasportatore si riempie ricevendo i prodotti dalla penna mobile e, arretrando di circa 200
mm, scarica il rango sul secondo trasportatore.

Pagina 4. 8/10 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 4
Flowpack MULTIPACK

4.3. Formati gestiti

L’impianto di distribuzione ranghi gestisce il prodotto Kinder Barrette (nudo) illustrato nell’immagine
di riferimento sottostante.

(immagine di riferimento)

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 4. 9/10


Capitolo 4
MANUALE DI ISTRUZIONE Principio di funzionamento

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 4. 10/10 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

CAPITOLO 5

UTILIZZO DEI COMANDI

Sommario
5.1. Condizione di utilizzazione ................................................................................................................... 3
5.2. Posizionamento pulsantiere .................................................................................................................. 4
5.3. Pulsantiere ............................................................................................................................................ 5
5.3.1. Pulsantiera scarto ........................................................................................................................ 6
5.3.2. Pulsantiere zona 1-2-3 ................................................................................................................. 9
5.3.3. Pulsantiere zona 4-5 .................................................................................................................. 11
5.3.4. Pannello di comando (1) ............................................................................................................ 13
5.3.5. Pannello di comando (2) gamba 5 ............................................................................................. 16
5.3.6. Pulsantiera quadro elettrico ....................................................................................................... 18
5.3.7. Colonna di segnalazione zone 1-2-3-4-5 e zona scarto ingresso ............................................. 19
5.4. Utilizzo del pannello operatore ........................................................................................................... 20
5.4.1. Pagina principale ....................................................................................................................... 20
5.4.2. Tasti touch screen ..................................................................................................................... 21
5.4.2.1. Struttura programma .............................................................................................................. 22
5.4.3. MENU’ PRINCIPALE ................................................................................................................. 23
5.4.3.1. MANUALE.............................................................................................................................. 24
5.4.3.1.1. SELEZIONE MODALITA’ MACCHINA .......................................................................... 25
5.4.3.1.2. MANUALE ...................................................................................................................... 26
5.4.3.2. FORMATI DI PRODUZIONE ................................................................................................. 29
5.4.3.3. CONFIGURAZIONE .............................................................................................................. 30
5.4.3.3.1. PARAMETRI MANUTENTORE ..................................................................................... 32
5.4.3.3.2. Diagnostica motori ......................................................................................................... 38
5.4.3.3.3. ABILITAZIONE FORMATI ............................................................................................. 40
5.4.3.3.4. CONTROLLO VELOCITA’ ............................................................................................. 41

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 1/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.3.5. MODO DI FUNZIONAMENTO....................................................................................... 42


5.4.3.3.6. CONSUMO ENERGETICO ........................................................................................... 43
5.4.3.3.7. CONFIGURAZIONE PANNELLO .................................................................................. 44
5.4.3.3.8. STORICO ALLARMI ...................................................................................................... 45
5.4.3.4. SVUOTAMENTO ................................................................................................................... 46
5.4.3.5. LAYOUT PROTEZIONI ......................................................................................................... 47

Pagina 5. 2/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.1. Condizione di utilizzazione

L’impianto è stato progettato ed introdotto sul mercato con lo scopo di trasportare in ranghi prodotti
alimentari nudi (Kinder Chocolate) provenienti da un impianto a monte, con il compito di distribuirli alle
macchine e/o sistemi di confezionamento ad esso connessi.

È assolutamente vietato utilizzare per scopi diversi la macchina.

L’utilizzazione delle macchina può avvenire in condizioni ambientali quali:

Temperatura massima: +40° C


Temperatura minima: 0° C

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 3/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.2. Posizionamento pulsantiere

Pulsanti di emergenza

PC Pulsanti di comando

HMI Pannello di comando

PC PC
HMI HMI
PC PC PC PC PC
PE PE
PE PE PE PE PE

PE PE PE PE PE PE
PC PC PC PC PC PC

Pagina 5. 4/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.3. Pulsantiere

Attenzione: pericolo di morte!

Energia elettrica
L’impianto è fatto funzionare da un dispositivo di controllo situato nell’armadio elettrico.
Per ragioni di sicurezza, l’armadio elettrico deve stare permanentemente chiuso.

L’armadio elettrico può essere aperto solo dal personale autorizzato.

L’interruttore generale della porta del quadro elettrico è usato per attivare o escludere la tensione
all’impianto ed al pannello operatore.

Durante le fasi manutentive dell’impianto o ogni qualvolta sia


necessario un intervento tecnico sulla macchina, per essere certi
dell’assenza di tensione, l’interruttore deve essere spento.

Sul quadro elettrico, accanto all’interruttore generale, è presente una spia luminosa che si accende
quando l’alimentazione è inserita.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 5/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.3.1. Pulsantiera scarto

START ATTIVAZIONE SCARTO


PALETTA 1 CONTINUO

STOP ATTIVAZIONE
PALETTA 2

RICHIESTA
RESET APERTURA
CARTER

Pagina 5. 6/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

Pulsante «START»

Pulsante luminoso di colore verde.


Avvia il ciclo, ossia i movimenti di tutte le parti della macchina. Blocca tutti i ripari
mobili asserviti. È acceso quando la macchina è avviata

Selettore «ATTIVAZIONE PALETTA 1»

Selettore non luminoso a due posizioni (posizione centrale neutra).


Selettore di attivazione/disattivazione automatico del primo allineatore per
permettere, in caso di necessità, di essere sottoposto a manutenzione.

Selettore «SCARTO CONTINUO»

Selettore non luminoso a due posizioni (posizione centrale neutra).


Selettore di attivazione/disattivazione del funzionamento del trasporto laterale di
scarto posto a inizio dorsale.

Pulsante «STOP»

Pulsante non luminoso di colore rosso.


Si concludono le operazioni in corso, poi la macchina si ferma in fase, con cicli di
stazione completati.

Non deve essere utilizzato per gli arresti di emergenza, ma solo per i fermi di servizio.

Selettore «ATTIVAZIONE PALETTA 2»

Selettore non luminoso a due posizioni (posizione centrale neutra).


Selettore di attivazione/disattivazione automatico del secondo allineatore per
permettere, in caso di necessità, di essere sottoposto a manutenzione.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 7/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

Pulsante «RESET»

Pulsante luminoso di colore giallo.


Per ripartire dopo che si è verificata un’emergenza (ed è stata rimossa la causa
che l’ha originata). Questo pulsante inserisce tutti gli apparecchi ausiliari.

Pulsante «RICHIESTA APERTURA CARTER»

Pulsante luminoso di colore giallo.


Permette di avviare la procedura di apertura dei carter. Premendo questo pulsante
la macchina avvia la procedura di stop in fase.

Pulsante «ARRESTO D’EMERGENZA»

Pulsante a fungo di colore rosso su fondo giallo.


Posto a salvaguardia dell’operatore e della macchina deve essere premuto in
caso di pericolo. La sua attivazione arresta immediatamente il funzionamento
della macchina senza togliere tensione al quadro generale.

Non deve essere usato per i fermi di servizio, ma solo per gli arresti d’emergenza.

La sua attivazione non esclude i rischi residui della macchina; per la loro completa
eliminazione è necessario attivare ulteriori procedure.

Per ripristinare le condizioni operative si dovrà:

1 Eliminare la causa dell’arresto

2 Ruotare il pulsante in senso orario per riarmarlo

3 Premere il pulsante di START posto sul pannello di comando.

Pagina 5. 8/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.3.2. Pulsantiere zona 1-2-3

START STOP RESET RICHIESTA SCARTO


APERTURA RANGO
CARTER

Pulsante «START»

Pulsante luminoso di colore verde.


Avvia il ciclo, ossia i movimenti di tutte le parti della macchina. Blocca tutti i ripari
mobili asserviti. È acceso quando la macchina è avviata

Pulsante «STOP»

Pulsante non luminoso di colore rosso.


Si concludono le operazioni in corso, poi la macchina si ferma in fase, con cicli di
stazione completati.

Non deve essere utilizzato per gli arresti di emergenza, ma solo per i fermi di servizio.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 9/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

Pulsante «RESET»

Pulsante luminoso di colore giallo.


Per ripartire dopo che si è verificata un’emergenza (ed è stata rimossa la causa
che l’ha originata). Questo pulsante inserisce tutti gli apparecchi ausiliari.

Pulsante «RICHIESTA APERTURA CARTER»

Pulsante luminoso di colore giallo.


Permette di avviare la procedura di apertura dei carter. Premendo questo pulsante
la macchina avvia la procedura di stop in fase.

Selettore «SCARTO RANGO»

Selettore non luminoso a due posizioni (posizione centrale neutra).


Selettore di attivazione/disattivazione della funzione di scarto del rango in carico.

Pulsante «ARRESTO D’EMERGENZA»

Pulsante a fungo di colore rosso su fondo giallo.


Posto a salvaguardia dell’operatore e della macchina deve essere premuto in
caso di pericolo. La sua attivazione arresta immediatamente il funzionamento
della macchina senza togliere tensione al quadro generale.

Non deve essere usato per i fermi di servizio, ma solo per gli arresti d’emergenza.

La sua attivazione non esclude i rischi residui della macchina; per la loro completa
eliminazione è necessario attivare ulteriori procedure.

Per ripristinare le condizioni operative si dovrà:

1 Eliminare la causa dell’arresto

2 Ruotare il pulsante in senso orario per riarmarlo

3 Premere il pulsante di START posto sul pannello di comando.

Pagina 5. 10/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.3.3. Pulsantiere zona 4-5

START STOP RESET RICHIESTA SCARTO SCARTO


APERTURA RANGO RANGO
CARTER

Pulsante «START»

Pulsante luminoso di colore verde.


Avvia il ciclo, ossia i movimenti di tutte le parti della macchina. Blocca tutti i ripari
mobili asserviti. È acceso quando la macchina è avviata

Pulsante «STOP»

Pulsante non luminoso di colore rosso.


Si concludono le operazioni in corso, poi la macchina si ferma in fase, con cicli di
stazione completati.

Non deve essere utilizzato per gli arresti di emergenza, ma solo per i fermi di servizio.

Pulsante «RESET»

Pulsante luminoso di colore giallo.


Per ripartire dopo che si è verificata un’emergenza (ed è stata rimossa la causa
che l’ha originata). Questo pulsante inserisce tutti gli apparecchi ausiliari.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 11/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

Pulsante «RICHIESTA APERTURA CARTER»

Pulsante luminoso di colore giallo.


Permette di avviare la procedura di apertura dei carter. Premendo questo pulsante
la macchina avvia la procedura di stop in fase.

Selettore «SCARTO RANGO»

Selettore non luminoso a due posizioni (posizione centrale neutra).


Selettore di attivazione/disattivazione della funzione di scarto del rango in carico.

Selettore «ABILITAZIONE PALETTA»

Selettore non luminoso a due posizioni (posizione centrale neutra).


Selettore di attivazione/disattivazione automatico del terzo allineatore per
permettere, in caso di necessità, di essere sottoposto a manutenzione.

Pulsante «ARRESTO D’EMERGENZA»

Pulsante a fungo di colore rosso su fondo giallo.


Posto a salvaguardia dell’operatore e della macchina deve essere premuto in
caso di pericolo. La sua attivazione arresta immediatamente il funzionamento
della macchina senza togliere tensione al quadro generale.

Non deve essere usato per i fermi di servizio, ma solo per gli arresti d’emergenza.

La sua attivazione non esclude i rischi residui della macchina; per la loro completa
eliminazione è necessario attivare ulteriori procedure.

Per ripristinare le condizioni operative si dovrà:

1 Eliminare la causa dell’arresto

2 Ruotare il pulsante in senso orario per riarmarlo

3 Premere il pulsante di START posto sul pannello di comando.

Pagina 5. 12/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.3.4. Pannello di comando (1)

Allen-Bradley PANEL VIEW PLUS1000

RESET RESET START STOP


AVARIA

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 13/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

Pulsante «RESET»

Pulsante luminoso di colore blu.


Se premuto la macchina si azzera ed è pronta a riprendere il ciclo di lavoro.

Pulsante «RESET AVARIE»

Pulsante luminoso di colore giallo.


Per ripartire dopo che si è verificata un’emergenza (ed è stata rimossa la causa
che l’ha originata). Questo pulsante inserisce tutti gli apparecchi ausiliari.

Pulsante «START»

Pulsante luminoso di colore verde.


Avvia il ciclo, ossia i movimenti di tutte le parti della macchina. Blocca tutti i ripari
mobili asserviti. È acceso quando la macchina è avviata.

Pulsante «STOP»

Pulsante non luminoso di colore rosso.


Si concludono le operazioni in corso, poi la macchina si ferma in fase, con cicli di
stazione completati.

Non deve essere utilizzato per gli arresti di emergenza, ma solo per i fermi di servizio.

Pagina 5. 14/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

Pulsante «ARRESTO D’EMERGENZA»

Pulsante a fungo di colore rosso su fondo giallo.


Posto a salvaguardia dell’operatore e della macchina deve essere premuto in
caso di pericolo. La sua attivazione arresta immediatamente il funzionamento
della macchina senza togliere tensione al quadro generale.

Non deve essere usato per i fermi di servizio, ma solo per gli arresti d’emergenza.

La sua attivazione non esclude i rischi residui della macchina; per la loro completa
eliminazione è necessario attivare ulteriori procedure.

Per ripristinare le condizioni operative si dovrà:

1 Eliminare la causa dell’arresto

2 Ruotare il pulsante in senso orario per riarmarlo

3 Premere il pulsante di START posto sul pannello di comando.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 15/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.3.5. Pannello di comando (2) gamba 5

Allen-Bradley PANEL VIEW PLUS1000

RESET START STOP


AVARIA

Pagina 5. 16/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

Pulsante «RESET AVARIE»

Pulsante luminoso di colore giallo.


Per ripartire dopo che si è verificata un’emergenza (ed è stata rimossa la causa
che l’ha originata). Questo pulsante inserisce tutti gli apparecchi ausiliari.

Pulsante «START»

Pulsante luminoso di colore verde.


Avvia il ciclo, ossia i movimenti di tutte le parti della macchina. Blocca tutti i ripari
mobili asserviti. È acceso quando la macchina è avviata.

Pulsante «STOP»

Pulsante non luminoso di colore rosso.


Si concludono le operazioni in corso, poi la macchina si ferma in fase, con cicli di
stazione completati.

Non deve essere utilizzato per gli arresti di emergenza, ma solo per i fermi di servizio.

Pulsante «ARRESTO D’EMERGENZA»

Pulsante a fungo di colore rosso su fondo giallo.


Posto a salvaguardia dell’operatore e della macchina deve essere premuto in
caso di pericolo. La sua attivazione arresta immediatamente il funzionamento
della macchina senza togliere tensione al quadro generale.

Non deve essere usato per i fermi di servizio, ma solo per gli arresti d’emergenza.

La sua attivazione non esclude i rischi residui della macchina; per la loro completa
eliminazione è necessario attivare ulteriori procedure.

Per ripristinare le condizioni operative si dovrà:

1 Eliminare la causa dell’arresto

2 Ruotare il pulsante in senso orario per riarmarlo

3 Premere il pulsante di START posto sul pannello di comando.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 17/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.3.6. Pulsantiera quadro elettrico

24V 24V ON
ON OFF

Selettore a chiave «24V ON - OFF»

Selettore a chiave non luminoso a due posizioni.


Permette di attivare/disattivare l’alimentazione a 24V.

Spia luminosa «24V ON»


Spia luminosa di colore bianco.
Si illumina quando il selettore a chiave è in posizione ON.

Pagina 5. 18/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.3.7. Colonna di segnalazione zone 1-2-3-4-5 e zona scarto ingresso

Luce rossa Lampeggiante Allarme o emergenza.

Fissa Macchina in attesa (mancanza


Luce arancio prodotti).

Fissa Macchina in ciclo.


Lampeggiante Macchina in marcia ma è in corso
Luce verde un’avaria.
Spenta Macchina ferma.

La sirena segnala la presenza di un allarme.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 19/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4. Utilizzo del pannello operatore

5.4.1. Pagina principale

Il terminale operatore grafico è uno strumento molto utilizzato nel settore industriale nell’ambito
delle interfacce uomo-macchina (HMI).
Nell'isola è stato impiegato un terminale operatore “touch screen” grafico universale per la
visualizzazione di immagini, messaggi e la parametrizzazione dei dati di processo.

Pagina 5. 20/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.4.2. Tasti touch screen

Sono dei pulsanti sensibili posti all’interno dello schermo.

SIGNIFICATO ICONE

Premendo questo pulsante è possibile abilitare la marcia della macchina in


modo manuale.

Premendo questo pulsante è possibile accedere alla sezione dei formati e


delle ricette.

Premendo questo pulsante è possibile accedere alla pagina di setup della


macchina.

Premendo questo pulsante è possibile accedere alla pagina di attivazione


svuotamento macchina.

Se premuto permette di tornare alla pagina principale del touch screen.

Se premute permettono di passare da una pagina all’altra del menù.

Se premuto consente di tornare alla pagina principale del menù.

Se premuto conferma l’operazione attiva sul pannello.

Se premuto annulla l'operazione attiva sul pannello prima che venga


attivata.

Se premuto permette di tornare alla pagina di provenienza.

Premendo questo pulsante è possibile accedere alla sezione del layout


protezioni.

Se premuto permette di richiamare, da qualsiasi pagina dell’interfaccia


operatore, la pagina riassuntiva dei messaggi.

Se premuto permette di richiamare, da qualsiasi pagina dell’interfaccia


operatore, una videata di descrizione del significato dei vari pulsanti.

Se premute permettono di cambiare la lingua di comunicazione verso


l’operatore in funzione della bandiera rappresentativa.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 21/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.2.1. Struttura programma

MENU’

SEZIONE SEZIONE SEZIONE SEZIONE SEZIONE


MANUALE FORMATI DI CONFIGURAZION SVUOTAMENTO LAYOUT
PRODUZIONE EE PROTEZIONI

DATA E PARAMETRI BYPASS DIAGNOSTICA STATISTICHE STORICO ABILITAZIONE


ORA MANUTENTORE MOTORI PRODUZIONE ALLARMI FORMATI

CONTROLLO MODO DI PASSWORD IMPOSTAZIONE CONSUMO CONFIGURAZIONE


VELOCITA’ FUNZIONAMENTO TURNI ENERGIA PANNELLO

Pagina 5. 22/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.4.3. MENU’ PRINCIPALE 1

4 5 6 7 8
Dalla videata del Menù principale, tramite pulsanti sensibili, è possibile accedere a tutte le sezioni di controllo
della macchina, la videata include inoltre un riquadro informativo, presente in tutte le videate, in cui sono
visualizzati data e formato in lavorazione, infine è presente un pulsante che, se premuto, consente di
accedere ad una videata riportante l’elenco degli allarmi.
MODALITA’, ORA E DATA, IL TASTO DI INFORMAZIONI, IL TASTO
1
TACITA E IL FORMATO IN LAVORAZIONE,

2 AREA PER LA VISUALIZZAZIONE DEI MESSAGGI DELLA MACCHINA

3 AREA PER LA VISUALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI DELLA MACCHINA

COMANDI
4 PULSANTE PER ACCESSO ALLA SEZIONE COMANDI MANUALI
MANUALI
FORMATI DI PULSANTE PER ACCESSO ALLA SEZIONE FORMATI DI
5
PRODUZIONE PRODUZIONE

6 CONFIGURAZIONE PULSANTE PER ACCESSO ALLA SEZIONE CONFIGURAZIONE

7 SVUOTAMENTO PULSANTE PER ACCESSO ALLA SEZIONE DI SVUOTAMENTO

LAYOUT
8 PULSANTE PER ACCESSO ALLA SEZIONE LAYOUT PROTEZIONI
PROTEZIONI

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 23/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.1. MANUALE

Dalla videata del “MENU’ PRINCIPALE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (4) accedere al
menù MANUALE.

2
MODALITA’ AUTOMATICA O MANUALE, VIENE VISUALIZZATA LA MODALITA’
CICLO IN CORSO:
1
“MODE: OPERATOR” INDICA CHE E’ ABILITATA LA MODALITA’ MANUALE “MODE
AUTO” INDICA CHE E’ ABILITATA LA MODALITA’ AUTOMATICA

IN ASSENZA DI UN LOGIN SPECIFICO PER ACCEDERE


ALLE VIDEATE IN CUI SONO PRESENTI I COMANDI
MANUALI, L’ICONA VISUALIZZATA È DI QUESTO TIPO.
2
EFFETTUATO IL LOGIN SPECIFICO PER ACCEDERE ALLE
VIDEATE IN CUI SONO PRESENTI I COMANDI MANUALI,
L’ICONA VISUALIZZATA È DI QUESTO TIPO.
.
2A

2B

Pagina 5. 24/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.4.3.1.1. SELEZIONE MODALITA’ MACCHINA

Se si è effettuato il LOGIN, e si possiedono le autorizzazioni necessarie, dalla videata del “Menù principale” è
possibile, con la pressione del pulsante sensibile (2B), accedere alla videata relativa alla selezione della
modalità della macchina.
Quando la macchina è in CICLO AUTOMATICO la pagina visualizzata sarà caratterizzata dalla presenza di un
INDICATORE MULTISTATO (1).
La pagina sarà visualizzata ma non sarà possibile utilizzare il comando di selezione manuale per accedere
alle videate.
1

2 3

Quando la macchina è predisposta per le attività di OPERATIVITÀ MANUALE, la pagina visualizzata sarà
caratterizzata dalla presenza di un SELETTORE (2).
Disponendo il selettore sensibile sulla posizione OPER verrà attivata la modalità MANUALE.
Sarà dunque possibile, attraverso il pulsante sensibile (3) accedere alle videate in cui sono presenti i diversi
comandi manuali.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 25/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.1.2. MANUALE

Dalla videata del “SELEZIONE MODALITA’ MACCHINA” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile
(3), accedere alla videata MANUALE - PRINCIPALE
La visualizzazione è analoga per tutte le videate della modalità MANUALE PRINCIPALE, a titolo di esempio
si mostra quella relativa all’elemento “CINTA DE ESTRADA”

2 3
In questa riquadro è possibile visualizzare i diversi dispositivi della macchina presenti
1 nella ZONA 1, ad ognuno di essi sono associate le videate con i comandi manuali
relativi.

2 In questa posizione è possibile tornare alla videata MENU’ PRINCIPALE

3 In questa posizione è possibile accedere alle videate delle altre zone della macchina.

Pagina 5. 26/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

La visualizzazione è analoga per tutte le videate della modalità MANUALE, a titolo di esempio si mostra
quella relativa all’elemento “CINTA DE ESTRADA” e “TRASLADOR” relative all’elemento “CARRO 1”:

2 2

5 4

1 In questa riquadro è possibile visualizzare la posizione del dispositivo indicato.

Premendo sui tasti sensibili è possibile attivare il movimento di riposizionamento,


2
visualizzato nel riquadro (1)

3 In questa posizione è possibile visualizzare il valore della variabile indicata.

4 In questa posizione è possibile accedere alle altre videate del dispositivo descritto.

5 In questa posizione è possibile tornare alla videata MANUALE – PRINCIPALE ZONA

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 27/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

2 2

1 In questa posizione e’ possibile visualizzare lo stato delle parti del dispositivo

Pagina 5. 28/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.4.3.2. FORMATI DI PRODUZIONE

Dalla videata del “MENU’ PRINCIPALE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (5) accedere al
menù FORMATI DI PRODUZIONE.

1 In questa posizione e’ possibile visualizzare la produzione selezionata correntemente

Premendo sui tasti sensibili è possibile visualizzare le diverse produzioni fra le quali è
possibile scegliere

In questa posizione e’ possibile confermare e salvare la ricetta selezionata.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 29/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.3. CONFIGURAZIONE

Dalla videata del “Menù principale” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (6) accedere al menù
CONFIGURAZIONE.

2 3

5
4

6
7

8
9

1 PARAMETRI Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione


MANUTENTORE dei parametri manutentore.
2 BYPASS Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione di
bypass.
3 DIAGNOSTICA MOTORI Premendo questo pulsante è possibile accedere alla sezione di
diagnostica motori.
4 STATISTICHE Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione
PRODUZIONE della statistica di produzione.
5 STORICO ALLARMI Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione di
visualizzazione dello storico allarmi.
6 ABILITAZIONE FORMATI Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione di
abilitazione dei formati di produzione.
7 CONTROLLO DELLA Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione di
VELOCITA’ controllo della velocità.
8 MODO DI Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione di
FUNZIONAMENTO modalità di funzionamento delle 5 linee di alimentazione flowpack.
9 In questa posizione è possibile passare alla videata
CONFIGURAZIONE PAG.2

Pagina 5. 30/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

10 11 12

13

14

15

10 DATA E ORA Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione di


data e ora.
11 PASSWORD Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione
della password utenti.
12 IMPOSTAZIONE TURNI Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione di
impostazione dei turni di produzione.
13 CONSUMO ENERGETICO Premendo in questa posizione è possibile accedere alla sezione di
attivazione del risparmio energetico.
14 CONFIGURAZIONE Premendo questo pulsante si visualizza la videata di diagnostica e
PANNELLO configurazione del pannello operatore.
15 In questa posizione è possibile passare alla videata
CONFIGURAZIONE PAG.1

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 31/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.3.1. PARAMETRI MANUTENTORE

Dalla videata “CONFIGURAZIONE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (1) accedere al menù
PARAMETRI MANUTENTORE.
La visualizzazione è analoga per tutte le videate della modalità PARAMETRI MANUTENTORE, a titolo di
esempio si mostra quella relativa all’elemento “CARRO 1”

Pagina 5. 32/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

1 2

In questa posizione e’ possibile visualizzare la rappresentazione schematica del


1 dispositivo, delle icone circolari colorate segnaleranno quali elementi del dispositivo
siano in funzione “ON” o non in funzione “OFF”

2 In questa posizione e’ possibile visualizzare il valore della variabile descritta

In questa posizione è possibile passare alle altre videate parametri manutentore per il
3
dispositivo descritto.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 33/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

In questa area è possibile identificare gli elementi del dispositivo e le variabili che ne
1
caratterizzano il funzionamento, con le quali può interagire il manutentore.

Pagina 5. 34/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

In questa area è possibile identificare gli elementi del dispositivo e le variabili che ne
1
caratterizzano il funzionamento, con le quali può interagire il manutentore.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 35/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

In questa area è possibile identificare gli elementi del dispositivo e le variabili che ne
1
caratterizzano il funzionamento, con le quali può interagire il manutentore.

Pagina 5. 36/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

In questa area è possibile identificare gli elementi del dispositivo e le variabili che ne
1
caratterizzano il funzionamento, con le quali può interagire il manutentore.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 37/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.3.2. Diagnostica motori

Dalla videata “CONFIGURAZIONE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (3) accedere al menù
DIAGNOSTICA MOTORI.

Con la pressione del pulsante sensibile è possibile accedere alla lista dei codici errore
1
dei servomotori Kinetix.
Da questa pagina principale è possibile visualizzare le informazioni sulla diagnostica
motori, tramite i pulsanti di scorrimento è possibile selezionare un dispositivo della
2
macchina e con la pressione del pulsante sensibile di funzione è possibile caricare in
memoria i messaggi di servizio.

Pagina 5. 38/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

In questa pagina è rappresentata l’interfaccia dove è possibile selezionare una specifica


1
serie di errori che si vuole visualizzare.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 39/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.3.3. ABILITAZIONE FORMATI

Dalla videata “Configurazione” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (6) accedere al menù
ABILITAZIONE FORMATI.

In questa pagina è rappresentata l’interfaccia tipo per abilitare/disabilitare dei formati


1 presenti nella memoria del controllo; premendo sul tasto a lato del formato scelto si
attiva/disattiva la funzione.

Pagina 5. 40/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.4.3.3.4. CONTROLLO VELOCITA’

Dalla videata “CONFIGURAZIONE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (7) accedere al menù
CONTROLLO VELOCITA’.
La visualizzazione è analoga per tutte le videate, a titolo di esempio si mostra quella relativa all’elemento
“FLOWPACK 1”.

1 In questa posizione è possibile visualizzare ed interagire con i parametri descritti.

In questa posizione è visualizzato un selettore che permette di identificare se l’elemento


2
visualizzato è l’elemento jolly nel flusso di produzione oppure è un elemento operativo.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 41/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.3.5. MODO DI FUNZIONAMENTO

Dalla videata “CONFIGURAZIONE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (8) accedere al menù
MODO DI FUNZIONAMENTO.

In questa unica pagina di esempio è rappresentata l’interfaccia che consente di attivare


1 o disattivare, tramite i pulsanti sensibili di selezione, la messa in servizio delle 5 linee di
alimentazione alle flowpack.

Pagina 5. 42/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.4.3.3.6. CONSUMO ENERGETICO

Dalla seconda videata “CONFIGURAZIONE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (13)
accedere al menù CONSUMO ENERGETICO.

In questa pagina di esempio è rappresentata l’interfaccia tipo dove sono raffigurati i


1
valori e i contatori dei parametri elettrici di alimentazione e il consumo della macchina.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 43/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.3.7. CONFIGURAZIONE PANNELLO

Dalla seconda videata “CONFIGURAZIONE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (14)
accedere al menù CONFIGURAZIONE PANNELLO.

In questa pagina è rappresentata l’interfaccia di diagnostica pannello, con la pressione


1 dei pulsanti sensibili è possibile cancellare uno o tutti i messaggi e impostare la
configurazione del pannello.

Pagina 5. 44/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.4.3.3.8. STORICO ALLARMI

Dalla seconda videata “CONFIGURAZIONE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (5) accedere
al menù STORICO ALLARMI.

In questa pagina è rappresentata l’interfaccia di storico allarmi, con la pressione dei


1 pulsanti sensibili è possibile cancellare uno o tutti i messaggi di allarme e impostare la
configurazione del pannello.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 45/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

5.4.3.4. SVUOTAMENTO

Dalla videata del “MENU’ PRINCIPALE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (7) accedere al
menù SVUOTAMENTO.

In questa pagina è rappresentata l’interfaccia di svuotamento, con la pressione del


1
pulsante sensibile, come descritto dalla pagina, è possibile inizializzare la procedura.

Pagina 5. 46/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

5.4.3.5. LAYOUT PROTEZIONI

Dalla videata del “MENU’ PRINCIPALE” è possibile, con la pressione del pulsante sensibile (8) accedere al
menù LAYOUT PROTEZIONI.

In questa pagina è rappresentata l’interfaccia tipo dove viene visualizzato il layout delle
1 protezioni delle diverse zone della dorsale principale, per ogni protezione è visualizzato
un indicatore che segnala lo stato della zona.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 47/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

Per ogni protezione è visualizzato un indicatore che segnala con il suo colore lo stato
della protezione:
1
 ROSSO: protezione aperta;
 VERDE: protezione chiusa.

Pagina 5. 48/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 5
Impianto distribuzione ranghi

Da una qualunque videata nella quale compaia il pulsante sensibile è possibile accedere con la
sua pressione, alla seguente videata.

In questa videata è visualizzato l’elenco degli allarmi e messaggi registrati per la


1 macchina, inoltre, premendo sul pulsante sensibile presente nella parte inferiore della
pagina, è possibile accedere alla pagina dello storico degli allarmi.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 5. 49/50


Capitolo 5
MANUALE DI ISTRUZIONE Utilizzo dei comandi

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 5. 50/50 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 6
Impianto distribuzione ranghi

CAPITOLO 6

SELEZIONE DI ALLARME

Sommario
6.1. LISTA ALLARMI .................................................................................................................................. 3
6.1.1. GUASTI E RIMEDI ............................................................................................................................ 3
6.1.2. SEGNALAZIONI DI ALLARME ............................................................................................................. 3

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 6. 1/6


Capitolo 6
MANUALE DI ISTRUZIONE Selezione di allarme

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 6. 2/6 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 6
Impianto distribuzione ranghi

6.1. LISTA ALLARMI

6.1.1. Guasti e rimedi


Messaggi - Inconvenienti
La diagnostica ordinaria e le segnalazioni all’operatore sono gestite da programmi opportuni e
inviate all’esterno tramite le righe del display del pannello principale.

Si possono riscontrare tre livelli di messaggi:


Livello1: messaggi informativi senza intervento operatore.
Livello2: messaggi di avarie per cui è richiesto l’intervento dell’operatore.
Livello3: messaggi di avarie per cui è richiesto l’intervento di un tecnico specializzato.

ATTENZIONE:
Ogni messaggio di livello 3 richiede l’intervento della manutenzione.

 AVVERTENZA
In caso di persistenza dell’errore e del messaggio di livello 2 anche a fronte di vari tentativi di
ripristino, l’operatore deve comunque richiedere l’intervento di un tecnico specializzato.

6.1.2. Segnalazioni di allarme

I messaggi di livello 1 possono riguardare:

 la verifica che non siano in atto impedimenti fisici che ostacolano il corretto funzionamento
della macchina,
 la presa di visione o monitoraggio di un’informazione sullo stato della macchina o di uno
specifico dispositivo.

Allarmi di livello 2

I messaggi di livello 2 possono riguardare:

 la segnalazione e la verifica dello stato di emergenza della macchina,


 la verifica della causa e condizione di un intasamento nel flusso dei materiali e dei prodotti,
 la richiesta di esecuzione di un comando indicato,
 la verifica dei parametri in relazione alla produzione scelta,
 l’esecuzione di un’operazione di rifornimento di materiale e prodotti per il funzionamento
della macchina.

Allarmi di livello 3

I messaggi di livello 3 possono riguardare:

 l’esecuzione di una operazione di calibrazione da effettuare per il dispositivo segnalato,


 la segnalazione e la verifica dello stato di avaria o anomalia meccanica di un dispositivo,
 la segnalazione e la verifica dello stato di avaria o anomalia elettrica di un dispositivo,
 la segnalazione e la verifica dello stato di avaria o anomalia pneumatica di un dispositivo,
 l’indicazione del livello della batteria tampone del PLC, ove previsto.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 6. 3/6


Capitolo 6
MANUALE DI ISTRUZIONE Selezione di allarme

Livello
Descrizione messaggio Rimedio
messaggio
Verificare all’interno degli armadi elettrici
consultando lo schema elettrico per
3 Circuit Breakers Tripped individuare il componente oggetto
dell’avaria ripristinare il termico scattato
per ripartire con il ciclo produttivo
Verificare il corretto funzionamento dei
3 Airpressure missing componenti pneumatici, avvalersi del
codice errore per identificare i dispositivi
Verificare la corretta posizione del
3 Fault Not Calibrated dispositivo ed eventualmente eseguire la
calibrazione del dispositivo
Verificare che l'operazione segnalata
1 Module Stop
dall'interfaccia sia quella prevista
Verificare le cause dello scarto sul prodotto.
Verificare il corretto funzionamento del
metaldetector, identificare il o i dispositivi
2 Reject Product from Metal Detector che sono fonte della causa dello scarto.
Effettuare o pianificare manutenzione
secondo le verifiche effettuate in base al
livello di criticità del dispositivo
Verificare le cause dello scarto sul prodotto.
Verificare le cause dell'eccesso di scarto,
identificare il o i dispositivi che sono fonte
2 Reject Product Too Hight della causa dello scarto. Effettuare o
pianificare manutenzione secondo le
verifiche effettuate in base al livello di
criticità del dispositivo
Verificare la posizione del dispositivo ed
eventualmente attuare un riposizionamento
2 Not phased
prima di eseguire nuovamente il comando
per cui la sua posizione non è adeguata
Verificare i motivi dell'overtracking nella
zona individuata dalla segnalazione di
3 OverTracking belt
allarme, se il dispositivo risulta strategico
eventualmente prevedere manutenzione
Eseguire l'abilitazione del dispositivo
2 Warning Device disable attraverso l'interfaccia:verificare di avere i
diritti per accedere alla procedure
Eseguire il controllo sul prodotto sulla linea
ed attraverso l'interfaccia:verificare di avere
2 Warning Product wrong
i diritti per accedere alla procedure
associate
Verificare che la procedura indicata sia
quella prevista ed il corretto funzionamento
2 Warning cycle in progress
attraverso l'interfaccia, eventualmente
consultare il manuale di istruzioni

Pagina 6. 4/6 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 6
Impianto distribuzione ranghi

Verificare la corretta impostazione dei


2 Warning parameter limits too low
parametri
Verificare la causa dell'errore, ed
3 Fault calibration eventualmente effettuare nuovamente la
procedura di calibrazione
Verificare la corretta impostazione dei
2 Fault parameter input error
parametri
Verificare la natura dell'avaria leggendo
3 Fault Drive anche il codice di errore sul display
dell’azionamento
Verificare le cause del ritardo e la corretta
operatività del dispositivo, identificare il
2 Fault Timeout
componente attraverso il codice
identificativo
Verificare le cause dell’extracorsa,
riposizionare l’asse all’interno della zona di
lavoro e ripristinare la macchina con il tasto
2 Fault overtravel position “Reset”. Effettuare o pianificare
manutenzione secondo le verifiche
effettuate in base al livello di criticità del
dispositivo
Verificare la natura dell'avaria, se non
vengono riscontrate irregolarità sul
2 Fault product presence check
prodotto verificare il corretto
funzionamento del dispositivo di rilevazione
Verificare le connessioni di rete ai nodi
3 Fault Net driver
dislocati lungo l'impianto
Verificare leggendo anche il codice di errore
sul display dell’azionamento per
3 Fault cycle sequence wrong
identificare la posizione e la natura
dell'avaria.
Verificare la corretta impostazione dei
2 Fault parameter input error
parametri
Verificare i motivi della segnalazione,
3 Fault Safe off consultare i codici identificativi ed anche lo
schema elettrico
Verificare che non ci siano impedimenti
2 Fault Limit Torque Motor
meccanici o intasamenti
Verificare i motivi dell'emergenza, quando
sussistono le condizioni resettare e riavviare
1 Emergency PushButton pressed
il ciclo in automatico, verificare il codice
identificativo del componente
Series OFF STOP Interrupted (Check STOP
3 Eseguire il controllo indicato sul dispositivo
PUSHBUTTON)
Controllare la protezione termica nel
3 Presence 24 Volt armadio elettrico - consultare lo schema
elettrico

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 6. 5/6


Capitolo 6
MANUALE DI ISTRUZIONE Selezione di allarme

Assicurarsi che non siano in atto operazioni


1 Guard open di pulizia o manutenzione, chiudere il riparo
e riavviare il ciclo automatico
Verificare il corretto funzionamento del
3 Cabinet temperature
sistema di condizionamento della cabina
Verificare le connessioni di rete ai nodi
3 Fieldbus node faulted
dislocati lungo l'impianto
Verificare la natura dell'avaria leggendo
3 Fault status anche il codice di errore sul display
dell’azionamento
Verificare la causa e la natura dell'avaria,
3 CPU NOT RUNNING
eventualmente riavviare il sistema
Verificare all’interno degli armadi elettrici
consultando lo schema elettrico per
3 Circuit Breakers Tripped individuare il componente oggetto
dell’avaria ripristinare il termico scattato
per ripartire con il ciclo produttivo
Verificare la natura dell'avaria leggendo
3 Fault Network Node N __ Drive anche il codice di errore sul display
dell’azionamento

Pagina 6. 6/6 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

CAPITOLO 7

MANUTENZIONE E LUBRIFICAZIONE

Sommario
7.1. Note generali sulle norme di sicurezza ................................................................................................ 3
7.2. Procedura generale ............................................................................................................................. 4
7.3. Verifiche ed interventi manutentivi ....................................................................................................... 5
7.3.1. Natura e frequenza di verifiche ed interventi di manutenzione ................................................... 5
7.3.2. Manutenzione .............................................................................................................................. 5
7.3.3. Pulizia della macchina ................................................................................................................. 6
7.3.3.1. Pulizia esterna ......................................................................................................................... 6
7.3.3.2. Pulizia interna .......................................................................................................................... 6
7.3.4. Schede di manutenzione ordinaria .............................................................................................. 7

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 1/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 7. 2/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

7.1. Note generali sulle norme di sicurezza

IL PRESENTE CAPITOLO È DESTINATO ESCLUSIVAMENTE AL PERSONALE


SPECIALIZZATO

a) Le operazioni di manutenzione e di riparazione devono essere eseguite esclusivamente da personale


specializzato e addestrato, con la qualifica e nel numero indicati nella scheda di descrizione degli
interventi, la macchina dovrà essere arrestata con il PULSANTE DI EMERGENZA PREMUTO e
l’INTERRUTTORE GENERALE CHIUSO E LUCCHETTATO.

b) NON INTERVENIRE su organi in moto neppure con l’aiuto di oggetti o utensili, se non nei casi
specifici richiamati nel presente manuale utilizzando le precauzioni descritte.

c) Prima di eseguire lavori sull’impianto elettrico assicurarsi che SIA STATA TOLTA LA TENSIONE.

d) I lavori sulle parti pneumatiche devono essere eseguiti in ASSENZA DI PRESSIONE.

e) È ASSOLUTAMENTE VIETATA la manomissione, la rimozione e la modifica dei dispositivi di


sicurezza della macchina.
In tali casi il costruttore declina ogni responsabilità sulla sicurezza della macchina.

f) NON MODIFICARE parti di macchina per adattarvi altri dispositivi se non previa autorizzazione da
parte della CM-OPM S.p.A.; in caso di modifiche non autorizzate la CM-OPM S.p.A. non si riterrà
responsabile delle conseguenze.

g) Le attività descritte nel presente paragrafo devono essere ESEGUITE SOLAMENTE da personale
qualificato e precisamente:
1 TECNICI CM-OPM S.p.A. con l’aiuto di manovalanza locale
2 TECNICO ADDESTRATO CHE HA SEGUITO i corsi di specializzazione e formazione ed ha
esperienza in merito ad installazione, messa in funzione e manutenzione degli impianti ed é a
conoscenza delle regole sulla prevenzione degli infortuni.

h) Se qualche difetto dovesse minacciare la sicurezza di funzionamento, LA MACCHINA DEVE ESSERE


FERMATA IMMEDIATAMENTE.

i) UTILIZZARE ESCLUSIVAMENTE i pezzi di ricambio CM-OPM S.p.A che dovranno essere montati
solo dal personale specializzato.

l) USARE SOLO i lubrificanti specificati nel presente manuale.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 3/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

7.2. Procedura generale

Prima di intraprendere un’azione manutentiva è necessario applicare la seguente procedura generale:

1) posizionare i vari elementi mobili della macchina nella condizione più comoda per l'intervento di
manutenzione da compiere;

2) disinserire l’alimentazione elettrica e pneumatica;

3) lucchettare l’interruttore generale nella posizione di chiuso;

4) la chiave dovrà essere conservata dal capo manutentore, il quale non la cederà a nessuno;

5) eseguire le operazioni di manutenzione o riparazione attenendosi a quanto specificato nella rispettiva


descrizione su questo manuale;

6) terminate tutte le operazioni inserire di nuovo le alimentazioni elettrica e pneumatica ed accertarsi,


prima di rimettere in funzione la macchina, che:
1. tutte le sicurezze siano funzionanti;
2. tutti gli attrezzi utilizzati siano stati riposti;
3. tutte le parti mobili siano state fissate;
4. tutte le persone abbiano abbandonato le zone di pericolo;

7) verificare che il funzionamento della macchina sia corretto prima di rimetterla in produzione.

Pagina 7. 4/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

7.3. Verifiche ed interventi manutentivi

7.3.1. Natura e frequenza di verifiche ed interventi di manutenzione


La verifica sistematica del funzionamento di alcuni organi della macchina fra quelli maggiormente sollecitati
e soggetti ad usura può evitare futuri inconvenienti di funzionamento e contribuire a mantenere la
macchina ai massimi livelli di produttività garantendo una operatività costante nel tempo.

7.3.2. Manutenzione
La manutenzione è l’insieme di operazioni organizzate che devono essere compiute sugli organi della
macchina in modo periodico e sistematico.

La manutenzione ordinaria si articola in:


1) verifica dello stato di funzionamento delle varie parti, compresa la ritaratura della strumentazione di
controllo
2) eliminazione o correzione di anomalie, anche di quelle che, pur non costituendo motivo immediato
di pericolo o disservizio tecnico, possono portare ad inconvenienti in seguito al loro perdurare.

La manutenzione straordinaria consiste nella sostituzione completa di parti o organi della macchina che
hanno raggiunto la loro vita media, al fine di prevenire rotture che provocano arresti della macchina e della
produzione.

Per ogni intervento di manutenzione ordinaria o straordinaria si riportano la frequenza calcolata in ore di
funzionamento, I'operatore abilitato ad eseguire l’operazione, il tempo mediamente necessario ed una
descrizione dettagliata della procedura di intervento.

La frequenza calcolata per ogni intervento ed il tempo necessario ad eseguirlo sono puramente indicativi al
fine di permettere una programmazione della manutenzione. Solo dopo un continuo servizio di
manutenzione ed una sua analisi critica, è possibile determinare le reali necessità in accordo con le
principali esigenze dell'azienda.

Riportiamo di seguito due tabelle riassuntive con indicati i vari interventi di manutenzione, la rispettiva
frequenza e l'eventuale presenza del gruppo sulla macchina.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 5/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

7.3.3. Pulizia della macchina

Le operazioni di pulizia debbono essere eseguite con la macchina scollegata dalle fonti di
energia (alimentazioni elettriche e pneumatiche sezionate).

Non è possibile indicare scadenze periodiche, in quanto la necessità della pulizia è legata all’utilizzo della
macchina, alle condizioni ambientali ed a eventi accidentali.

7.3.3.1. Pulizia esterna

La qualifica richiesta per la pulizia delle sole parti della macchina esterne o accessibili a protezioni
aperte è la seguente: 01 (operatore).
Per la pulizia delle parti interne si richiedono qualifiche superiori.

Pulire i rivestimenti delle macchine, i pannelli ed i comandi con panni soffici, asciutti o leggermente
imbevuti di una blanda soluzione detergente.

• Non impiegare alcun solvente, come alcool, benzina, ecc...

• Impiegare solo detergenti neutri.

I filtri del ventilatore dell’armadio elettrico devono essere


sostituiti regolarmente (quando presenti)

7.3.3.2. Pulizia interna

Per la pulizia delle parti interne della macchina, accessibili a carter smontati, si richiede n. 1 operatore con
la seguente qualifica: 1 (manutentore).

Attrezzature consigliabili:

• lampada d’ispezione portatile conforme alle norme vigenti;

• attrezzatura per soffiatura o aspirazione, secondo quanto ritenuto più opportuno.

• Non impiegare alcun solvente, come alcool, benzina, ecc…

• Impiegare solo detergenti neutri.

Rimontare accuratamente i carter alla fine dell’operazione.

Pagina 7. 6/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

7.3.4. Schede di manutenzione ordinaria

Quotidianamente verificare, attraverso un controllo visivo, la condizione di usura generale della macchina;
questa ispezione deve avvenire per prevenire eventuali rotture o malfunzionamenti dovuti alle condizioni di
utilizzo in relazione all’ambiente, per esempio un uso in un ambiente invaso da vapore, oppure, in
presenza di climi particolarmente caldi, ecc…
La seguente tabella elenca le operazioni di manutenzione ordinaria consigliate con il riferimento alla
relativa scheda descrittiva.

Item. Cod. Tipo d’intervento Frequenza (ore)


24 168 720 2160 2880
Interventi meccanici
1. OM1 Ingrassaggio elementi della dorsale •
2. OM2 Pulizia del filtro aria compressa •
3. OM3 Pulizia nastri dorsale principale e carrelli •
4. OM4 Sostituzione nastri dorsale principale
Tensionamento e sostituzione cinghie dentate dei
5. OM5 •
carrelli
6. OM6 Sostituzione nastri carrelli
7. OM7 Pulizia raschietti dorsale principale •
8. OM8 Pulizia raschietti carrello •
9. OM9 Pulizia rullo di contrasto carrello •
10. OM10 Pulizia allineatori dorsale principale •
11. OM11 Controllo protezioni perimetrali •

Item. Cod. Tipo d’intervento Frequenza (ore)


120 500 1000
Interventi elettrici
1. OE1 Ispezionare fotocellule •
2. OE2 Verificare funzionamento differenziale •
3. OE3 Controllare usura dei contattori •
4. OE4 Controllare circuito di protezione •
5. OE5 Controllare batteria del PLC •

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 7/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

Manutenzione meccanica

Pagina 7. 8/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

INGRASSAGGIO ELEMENTI DELLA DORSALE OM1

FREQUENZA: 168 ore

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore meccanico

TEMPO NECESSARIO: 20 minuti

MATERIALE NECESSARIO: Grasso compatibile con la presenza di prodotti alimentari non incartati.

1) Procedere con relativo ingrassatore immettendo 2 o 3 pompate di lubrificante negli ingrassatori


presenti nelle penne di rinvio dei singoli tratti di dorsale, penne e rinvii del carello estraibile.
Esempi di punti di ingrassaggio e ingrassatore sono evidenziati nelle figure seguenti.

Ingrassare

Ingrassare
Ingrassare

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 9/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

Ingrassare

Ingrassare

(Immagine di riferimento)

Pagina 7. 10/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

PULIZIA FILTRO ARIA COMPRESSA OM2

FREQUENZA: 720 ore

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore meccanico

TEMPO NECESSARIO: 5 minuti

1) Svitare la valvola (V) posta al fondo della boccetta (B).

2) Verificare che il soffio di aria che ne viene fuori elimini la condensa.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 11/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

PULIZIA NASTRI DORSALE PRINCIPALE E CARRELLI OM3

FREQUENZA: Ogni turno di lavoro

OPERATORE ABILITATO: 2 Manutentori meccanici

TEMPO NECESSARIO: 15 minuti

1) Pulire la superficie del nastro con acqua fredda o tiepida e una spugna, asciugare con cura dopo la
pulizia.

2) In presenza di incrostazioni resistenti, usare una soluzione di detergente saponoso neutro e acqua
tiepida, asciugare con cura dopo la pulizia.

Non usare solventi a base di idrocarburi o composti aromatici, l’uso di tali non è ammesso
per la pulizia di componenti destinati ad entrare in contatto con prodotti alimentari.

Pagina 7. 12/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

SOSTITUZIONE NASTRI DORSALE PRINCIPALE OM4

OPERATORE ABILITATO: 2 Manutentori meccanici

TEMPO NECESSARIO: 30 minuti

1) I nastri della dorsale principale sono posti in tensione da un sistema pneumatico dotato di gruppo
trattamento aria dedicato la cui regolazione consente di regolarne la tensione.
2) Smontare i carter e ruotare la leva (L1) per allentare la tensione pneumatica dei tappeti.

3) Abbassare le leve (L2) di sostegno ruotandola di 90°.

L1
(Immagine di riferimento)

L2
L2

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 13/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

L3

(Immagine di riferimento)

Pagina 7. 14/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

5) Estrarre la piastra (P) agendo sulla maniglia (M).

L3

(Immagini di riferimento)

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 15/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

6) Estrarre tutte le lamiere (L) di scorrimento nastro.

(Immagini di riferimento)

Pagina 7. 16/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

7) Sfilare lateralmente il tappeto (T).

(Immagini di riferimento)

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 17/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

8) Per rimontare il tappeto eseguire le operazioni inverse accertandosi di centrare il tappeto rispetto al
trasportatore.

(Immagine di riferimento)

9) Rimontare i carter di protezione.

Pagina 7. 18/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

TENSIONAMENTO E SOSTITUZIONE CINGHIE DENTATE DEI CARRELLI OM5

FREQUENZA: 720 ore

OPERATORE ABILITATO: 2 Manutentori meccanici

TEMPO NECESSARIO: 20 minuti

1) Smontare i carter di protezione e verificare, per ogni cinghia dentata presente sui carrelli, lo stato
d’usura.
Se dal controllo si riscontra un consumo eccessivo oppure un allungamento superiore al 2% occorre
procedere con la sostituzione della cinghia agendo sulla leva (L).

2) Verificare i corrispondenti pignoni (folli e motorizzati); sostituire quelli in evidente stato di usura.

3) Al termine verificare il tensionamento delle cinghie e procedere all’eventuale regolazione agendo


sugli appositi tenditori (C).

Il tensionamento della cinghia deve essere tale da garantire un funzionamento regolare.

(Immagine di riferimento)

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 19/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

SOSTITUZIONE NASTRI CARELLI OM6

OPERATORE ABILITATO: 2 Manutentori meccanici

TEMPO NECESSARIO: 20 minuti

1) Smontare il fermo (F) ed estrarre il carrello.

2) Smontare il carter di protezione e allentare le manopole (M) su entrambi i lati.

(Immagini di riferimento)

Pagina 7. 20/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

3) Allentare la maniglia (MA) e portare il tappeto largo in posizione verticale.

MA

(Immagini di riferimento)

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 21/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

4) Avvitare l'attrezzatura di sostegno e smontare la penna di estremità con l’apposita chiave.

(Immagini di riferimento)

5) Estrarre la penna di estremità (P).

Pagina 7. 22/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

6) Smontare la piastra (P) di bloccaggio supporto (PS), svitando i pomelli (PO).

PS
PO

(Immagini di riferimento)

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 23/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

7) Sostenendo il tappeto con l'attrezzatura menzionata sfilarlo lateralmente.

Attrezzatura
sostegno tappeto

(Immagini di riferimento)

Pagina 7. 24/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

8) Per il tappeto a scomparsa, scoprire il trasportatore (T), se fosse nascosto dal tappeto largo
(T1), agendo manualmente sulla cinghia (C) come raffigurato nelle immagini sottostanti.

T1

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 25/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

9) Allentare la tensione del tappeto estraendo il perno molleggiato (PM) e ruotando la leva (L) con rullo
tenditore.

PM L

(Immagini di riferimento)

Pagina 7. 26/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

10) Estrarre la guida (G).

(Immagini di riferimento)

11) Estrarre le lamiere (L).

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 27/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

12) Smontare la penna di estremità (P) agendo sulle viti di bloccaggio (V), afferrare quindi il tappeto
dell’estremità liberata dalla penna e portarla verso l’altra estremità.

V
(Immagini di riferimento)

Pagina 7. 28/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

13) Sfilare il rullo (R) di estremità dall’apposita sede.

(Immagini di riferimento)

14) Sfilare il tappeto lateralmente.

15) Rimontare i tappeti eseguendo le operazioni inverse.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 29/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

PULIZIA RASCHIETTI DORSALE PRINCIPALE OM7

FREQUENZA: Ogni turno di lavoro

OPERATORE ABILITATO: 2 Manutentori meccanici

TEMPO NECESSARIO: 10 minuti

1) Estrarre come indicato e pulire con panno imbevuto in sostanza detergente.

Raschietto

(Immagine di riferimento)

Pagina 7. 30/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

PULIZIA RASCHIETTI CARRELLO OM8

FREQUENZA: Ogni turno di lavoro

OPERATORE ABILITATO: 2 Manutentori meccanici

TEMPO NECESSARIO: 10 minuti

1) Estrarre come indicato e pulire con panno imbevuto in sostanza detergente.

Raschietto

(Immagini di riferimento)

Raschietto

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 31/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

PULIZIA RULLO DI CONTRASTO CARRELLO OM9

FREQUENZA: 168 ore

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore meccanico

TEMPO NECESSARIO: 10 minuti

1) Estrarre come indicato e pulire con panno imbevuto in sostanza detergente.

Rullo di contrasto
carrello

(Immagine di riferimento)

Pagina 7. 32/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

PULIZIA ALLINEATORI DORSALE PRINCIPALE OM10

FREQUENZA: Ogni turno di lavoro

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore meccanico

TEMPO NECESSARIO: 5 minuti

1) Sollevare il pomello (P) ed estrarre il raschietto o allineatore (A) per pulirlo da eventuali residui di
prodotto.

A
P

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 33/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

CONTROLLO DELLE PROTEZIONI PERIMETRALI OM11

FREQUENZA: Ogni turno di lavoro

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore meccanico

TEMPO NECESSARIO: 15 minuti

1) Verificare che tutti i sistemi di sicurezza siano efficienti e che la macchina entri in emergenza
all’apertura delle protezioni.

2) Al termine di ogni operazione di sostituzione o ispezione rimontare accuratamente tutte le protezioni.

Pagina 7. 34/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

Tabella olii e grassi

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 35/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

Pagina 7. 36/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 37/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

Manutenzione elettrica

Pagina 7. 38/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

ISPEZIONARE FOTOCELLULE OE1

FREQUENZA 500 ORE

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore elettrico

TEMPO NECESSARIO: 1 ora

la frequenza dell’intervento dipende molto dall’ambiente in cui è posizionato il quadro,


AVVERTENZE
se è particolarmente sporco o polveroso occorre aumentarne la frequenza.

1) Pulire accuratamente il sistema ottico di tutte le fotocellule presenti sulla macchina.


Rimuovere il filtro e pulirlo con aria compressa.
2) (Se interponendo la mano tra il proiettore ed il ricevitore, il led di controllo della fotocellula si
accende e si spegne l'alimentatore è corretto).

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 39/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

VERIFICARE FUNZIONAMENTO DIFFERENZIALE OE2

FREQUENZA 120 ORE

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore elettrico

TEMPO NECESSARIO: 5 minuti

1) Aprire il quadro elettrico.

2) Ripristinare l’alimentazione del quadro elettrico ruotando l’interruttore generale.

3) Premere il pulsante di test che si trova sul differenziale.

4) Verificare che il relè differenziale intervenga.

5) Se il relè non interviene sostituire il differenziale con uno nuovo di uguali caratteristiche.

6) Riarmare mediante il pulsante apposito.

Pagina 7. 40/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

CONTROLLARE USURA DEI CONTATTORI OE3

FREQUENZA 1000 ORE

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore elettrico

TEMPO NECESSARIO: 15 minuti

1) Aprire il quadro elettrico contenente i contattori.

2) Ripristinare l'alimentazione del quadro elettrico ruotando l'interruttore generale.

3) Porre la macchina in marcia automatica ed osservare i contattori durante il loro funzionamento.

4) Sostituire i contattori che "sfiammano" con contattori di uguali caratteristiche.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 41/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

CONTROLLARE CIRCUITO DI PROTEZIONE OE4

FREQUENZA 1000 ORE

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore elettrico

TEMPO NECESSARIO: 30 minuti


Ispezionare visivamente tutti i collegamenti di terra, all’interno del quadro elettrico e fra le varie
1) parti della macchina, controllando che siano in ordine.

Eseguire una verifica strumentale del circuito di protezione, con modalità e strumentazione
2) conformi a quanto prescritto dalla Norma vigente nel paese di utilizzo della macchina.
In caso di carenza di tale normativa fare riferimento alla CEI 17-13/1 par.8.3.3.

Pagina 7. 42/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 7
Impianto distribuzione ranghi

CONTROLLARE BATTERIA DEL PLC OE5

FREQUENZA 1000 ORE

OPERATORE ABILITATO: 1 Manutentore elettrico

TEMPO NECESSARIO: 5 minuti

1) Aprire il quadro elettrico contenente il PLC.


Verificare che il led “battery low” posto sul PLC sia spento; se è acceso sostituire la batteria con
2) un’altra uguale sempre a macchina alimentata elettricamente per non perdere la memoria del
software di funzionamento.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 7. 43/44


Capitolo 7
MANUALE DI ISTRUZIONE Manutenzione e lubrificazione

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 7. 44/44 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

CAPITOLO 8

RIPARAZIONE E DIAGNOSTICA

Sommario
8.1. Avvertenze generali.......................................................................................................................... 3
8.2. Metodologia generale di intervento .................................................................................................. 4
8.2.1. Diagrammi di flusso ....................................................................................................................... 4
8.3. Ricerca guasti ................................................................................................................................. 13
8.3.1. Diagrammi di flusso ..................................................................................................................... 13
8.3.2. Allarmi e segnalazioni .................................................................................................................. 22

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 1/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 8. 2/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

8.1. Avvertenze generali

IL PRESENTE CAPITOLO È DESTINATO ESCLUSIVAMENTE AL PERSONALE


SPECIALIZZATO

La maggior parte delle anomalie e dei problemi che intervengono durante il funzionamento della
macchina vengono prontamente segnalati dalla macchina stessa automaticamente:

- le segnalazioni sono soltanto delle comunicazioni che la macchina dà all’operatore


mantenendo comunque lo stato di marcia

- gli allarmi o emergenze provocano l’arresto della macchina con un richiamo (di rete o a
bordo macchina) di avvenuto arresto in emergenza; per rimettere in marcia la macchina è
necessario eliminare la causa che ha provocato l'emergenza (la competenza delle gestioni
dei segnali di emergenza è di competenza del committente).

L’operatore generico: esegue una prima ricerca del guasto e, nel caso ne sia abilitato, rimuove le
cause dell'anomalia e ripristina il corretto funzionamento della macchina.

Il manutentore elettrico/meccanico: interviene in un secondo tempo, nel caso l’operatore non sia
riuscito ad identificare la causa del problema oppure il ripristino del corretto funzionamento della
macchina comporti l'esecuzione di operazioni per le quali non è abilitato.

Riportiamo di seguito:

a) metodologia generale di intervento: è una guida per affrontare in modo organico e


sistematico le anomalie ed i malfunzionamenti che si possono presentare durante il
funzionamento della macchina. Infatti l’adozione di una corretta procedura di ricerca del
guasto aumenta notevolmente le possibilità di individuarne le cause e ne riduce i tempi
necessari.

b) tabelle delle segnalazioni e degli allarmi: elenco completo di tutte le segnalazioni e gli
allarmi con le possibili cause, gli eventuali rimedi e gli operatori abilitati ad intervenire.

c) elenco di malfunzionamenti: elenco che riporta malfunzionamenti che, in base


all'esperienza, talvolta si sono presentati su macchine simili. Per ogni malfunzionamento si
riportano le possibili cause e gli eventuali rimedi.

È molto importante per il buon funzionamento utilizzare la macchina conformemente a quanto


concordato nel contratto di fornitura all’atto dell’acquisto.
Il mancato rispetto di questa prescrizione è la causa della maggior parte dei malfunzionamenti.

In ogni caso se, dopo aver compiuto i passi indicati, non si riesce a ripristinare il funzionamento
corretto della macchina rivolgersi all’assistenza CM-OPM.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 3/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

8.2. Metodologia generale di intervento

8.2.1. Diagrammi di flusso

Possibili situazioni anomale in


cui la macchina può trovarsi

Situazioni sotto il controllo del Situazioni al di fuori del


sistema (maggior parte dei casi) controllo del sistema
(situazioni rare dovute a
rotture o guasti accidentali
degli organi o dei dispositivi
della macchina)

1 2 3 4/5
Macchina in Macchina in attesa Macchina in attesa Ciclo macchina
allarme con segnalazione non corretto
(senza alcuna
segnalazione)
Operatore generico Operatore generico Manutentore
Operatore generico elettrico / meccanico

Pagina 8. 4/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

1
Macchina in allarme
Operatore generico

Ricercare possibile causa di allarme


leggere informazioni su display vedi
elenco delle emergenze

SI Esiste una evidente NO


causa di allarme?

Causa di allarme NO
eliminabile dall'operatore
generico?

SI

Rimuovere la causa Richiedere intervento


di allarme manutentore elettrico

Eseguire la marcia automatica


della macchina e controllare poi
attentamente il ciclo successivo

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 5/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

2
Macchina in attesa con segnalazione
Operatore generico

Identificare causa di attesa


(vedi tabella Segnalazioni)

Causa che richiede NO Attendere che


l'intervento la situazione si
dell’operatore? normalizzi

SI

Intervenire rimuovendo la
causa e ripristinando il
funzionamento corretto

Pagina 8. 6/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

3
Macchina in attesa
(senza alcuna segnalazione)
Operatore generico

Identificare in quale fase del ciclo


la macchina si trova

Apparentemente sussistono Indagare sulla


NO
tutte le condizioni perché condizione
l’operazione venga eseguita? mancante

SI Esiste una evidente causa di NO


arresto?

Causa di allarme eliminabile NO Richiedere intervento


dall'operatore generico? manutentore elettrico

Rimuovere la causa di allarme

Eseguire la marcia automatica


della macchina e controllare poi
attentamente il ciclo successivo

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 7/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

4
Macchina non esegue il ciclo
automatico correttamente
Manutentore elettrico

Identificare da quale dispositivo dipende


il movimento che non è eseguito

NO La posizione ed il
funzionamento del dispositivo
sono corretti?

SI

La scheda di uscita SI Rivolgersi alla


funziona assistenza CM-
correttamente? OPM
Ripristinare il
dispositivo o la sua
NO
corretta posizione

Sostituire la scheda di uscita

Porre la macchina in marcia


automatica

Pagina 8. 8/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

5
L'ATTUATORE NON ESEGUE
L'OPERAZIONE RICHIESTA
manutentore elettrico

NO Segnale di uscita dell’attuatore


in questione è presente sulla
scheda del PLC?

SI

L’attuatore è un motore o un SI
cilindro pneumatico?

NO

5.1 5.2 5.3


Mancanza del segnale Motore elettrico Cilindro pneumatico
corrispondente
all’attuatore sulla
scheda di uscita del
PLC

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 9/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

5.1
Mancanza segnale di uscita sulla scheda
del PLC relativo ad un attuatore
Manutentore elettrico

SI Ripristinare
Manca alimentazione alla alimentazione
scheda? scheda
NO

Controllare facendo riferimento


allo schema elettrico e al
programma software lo stato
degli ingressi necessari per
abilitare l’uscita, indicato dai
led, sulle rispettive schede

NO Ripristinare o
Manca un ingresso? sostituire
scheda uscita
SI

Controllare il dispositivo di controllo


corrispondente (micro, sensore):
- alimentazione
- posizionamento
- collegamenti cablaggio

Sensore:
- distanza tra dispositivo e sensore

Ripristinare o
Funziona tutto NO sostituire
correttamente? elemento
difettoso
SI

Il segnale di ingresso è Sostituire la


presente sulla scheda del NO
scheda di
PLC senza l’accensione del ingresso
corrispondente led?

SI

Rivolgersi alla Porre la macchina in


assistenza CM- marcia automatica
OPM

Pagina 8. 10/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

5.2
Motore elettrico
Manutentore elettrico

NO
Magnetotermico scattato?

SI

SI
Esiste una causa evidente?
(es. presenza ostacoli)

NO

Rimuovere la causa Riarmare il magnetotermico


e riarmare il ed azionare il motore in
magnetotermico manuale

NO Magnetotermico
scatta nuovamente?

SI

Indagare su eventuali cause meccaniche che Il problema si trova nella


possono ostacolare il movimento del motore: parte di circuito tra uscita
-corpi estranei incastrati fra i movimenti PLC e motore, controllare
-rottura di cuscinetti quindi:
-aumento eccessivo degli attriti -teleruttore
-perdita di isolamento dei conduttori elettrici -collegamenti elettrici
(motore surriscaldato)

Ripristinare o sostituire

Porre la macchina in
marcia automatica

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 11/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

5.3
Cilindro pneumatico
Manutentore elettrico

Cilindro esegue parzialmente il SI


movimento? (Si blocca prima di
arrivare a finecorsa)

Rimuovere l’ostacolo
NO
che impedisce il
corretto movimento
Controllare:
- che la corrispondente uscita del PLC sia attiva
- l’elettrovalvola si eccita
- collegamento elettrico (fili e morsetti)
- lo scarico dell’aria dell’elettrovalvola non sia
intasato

Ripristinare o sostituire

Porre la macchina in
marcia automatica

Pagina 8. 12/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

8.3. Ricerca guasti

8.3.1. Diagrammi di flusso


La macchina può, attraverso una condizione, segnalare un malfunzionamento.

Queste anomalie non sempre sono causate da guasti meccanici o malfunzionamenti elettrici,
potrebbero essere generati da un componente mal-regolato oppure da un pezzo usurato.

La diagnostica è stata suddivisa in relazione ai difetti, e per ciascuno di essi sono indicati i possibili
rimedi.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 13/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

PULSANTI EMERGENZA

Pulsante SI
Emergenza Abilitare il Pulsante
premuto

NO

Doppio anello di SI
PILZ chiuso Sostituire la PILZ

NO

Contatti Pulsante SI
Emergenza non Sostituire
corretti

NO

Terminali in SI
morsettiera Collegare o sostituire
scollegati

NO

Filo a bordo SI
macchina usurati Riparare
e/o tranciati

NO

Scheda di SI
ingresso al PLC Sostituire
guasta

NO
Chiamare centro assistenza
cliente della CM-OPM S.p.A.

Pagina 8. 14/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

SICUREZZE MACCHINA

Fotocellule e Micro SI Abilitare la sicurezza


di sicurezza attivati attivata

NO

Carter di protezione SI Chiudere il carter


aperti aperto

NO

Doppio anello su SI Sostituire la PILZ


PILZ chiuso

NO

Contatti delle SI
sicurezze non Sostituire
corrette

NO

Terminali in SI
morsettiera Collegare o sostituire
scollegati

NO

Filo a bordo SI
macchina usurati Riparare
e/o tranciati

NO

Scheda di SI
ingresso al PLC Sostituire
guasta

NO

Chiamare centro assistenza


cliente della CM-OPM S.p.A.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 15/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

BLOCCO TERMICO
sovracorrente nel motore relativa al magnetotermico scattato

L’assorbimento del motore


SI Sostituire il motore
è uguale o inferiore al dato
riportato nelle targhe

NO

Esistono evidenti ostacoli SI


al movimento interessato Togliere gli ostacoli
dal motore

NO

Esistono attriti SI Togliere gli attriti

NO

I cavi dentro la
scatola non sono SI Proteggere e/o
protetti e/o si allontanare i fili
toccano

NO

L’avvolgimento SI
del motore è Sostituire
difettoso

NO

Manca una fase SI Riparare


nell’avvolgimento

NO

ChiamareNO centro assistenza


cliente della CM-OPM S.p.A.

Pagina 8. 16/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

BLOCCO INVERTER

Verificare il codice di errore che appare


sul display dell’Inverter

PULSANTE EMERGENZA QUADRO

Pulsante SI
emergenza Abilitare la sicurezza
premuto

NO

Contatto non SI
Sostituire
corretto

NO

Terminale in
SI Collegare o sostituire
morsettiera
scollegato

NO

Scheda di SI
ingresso al Sostituire
PLC guasta

NO

Chiamare centro assistenza


cliente della CM-OPM S.p.A.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 17/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

SICUREZZA ZONA INGRESSO TRASPORTATORI

Fotocellule SI Ripristinare
non allineate
l’allineamento

NO

Terminali in
morsettiera SI Collegare o sostituire
non collegati

NO

Fili a bordo
macchina SI Sostituire
usurati o
tranciati

NO

Scheda di
ingresso al
SI Sostituire
PLC guasta

NO

Chiamare centro assistenza


cliente della CM-OPM S.p.A.

Pagina 8. 18/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

SICUREZZA CONTATTORE CFM

Il CFM è SI
incollato ai Sostituire
contattori

NO

Il contatto SI
non è Ripristinare
corretto

NO

Scheda di SI
ingresso al Sostituire
PLC guasta

NO

Chiamare centro assistenza


cliente della CM-OPM S.p.A.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 19/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

PULSANTE EMERGENZA TRASPORTI

Pulsante SI
emergenza Abilitare la sicurezza
premuto

NO

Contatto non SI
è corretto Sostituire

NO

Terminale in SI
morsettiera Collegare o sostituire
scollegato

NO

Scheda di SI
ingresso al Sostituire
PLC guasta

NO

Chiamare centro assistenza


cliente della CM-OPM S.p.A.

Pagina 8. 20/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 8
Impianto distribuzione ranghi

EMERGENZA ENCODER NASTRO MOBILE

Innesto di SI
collegamento Avvitare l’innesto
svitato

NO

Filo di SI
collegamento Sostituire
rotto

NO

Impostazione
del tempo sul SI Correggere il tempo
PLC non sulla pulsantiera
corretto

NO

Scheda di SI
ingresso al Sostituire
PLC guasta

NO

Chiamare centro assistenza


cliente della CM-OPM S.p.A.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 8. 21/22


Capitolo 8
MANUALE DI ISTRUZIONE Riparazione e diagnostica

8.3.2. Allarmi e segnalazioni


La diagnostica ordinaria e le segnalazioni all’operatore sono gestite da programmi opportuni e inviate
all’esterno tramite le righe del display del pannello principale.

Si possono riscontrare tre livelli di messaggi:

• livello1: messaggi informativi senza intervento operatore

• livello2: messaggi di avarie per cui è richiesto l’intervento dell’operatore

• livello3: messaggi di avarie per cui è richiesta l’intervento di un tecnico specializzato.

Ogni messaggio di livello 3 richiede l’intervento della manutenzione.

In caso di persistenza dell’errore e del messaggio di livello 2 anche a fronte di vari


tentativi di ripristino, l’operatore deve comunque richiedere l’intervento di un tecnico
specializzato.

Pagina 8. 22/22 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 9
Impianto distribuzione ranghi

CAPITOLO 9

PARTI DI RICAMBIO

Sommario
9.1. Come si richiede l’assistenza tecnica .............................................................................................. 3
9.2. Come si richiedono i ricambi ............................................................................................................ 5

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9. 1/6


Capitolo 9
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9. 2/6 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9
Impianto distribuzione ranghi

9.1. Come si richiede l’assistenza tecnica

Nel caso abbiate un incongruenza nel funzionamento della macchina, procedere come segue:
1. Fotocopiare il modulo inserito nella pagina successiva.
2. Completare gli spazi preposti seguendo queste indicazioni:

- UFFICIO ASSISTENZA E RICAMBI -


Fax. (39) 0173.465687
E-mail: product.support@cm-opm.it

B MODULO DI RICHIESTA DI ASSISTENZA TECNICA A

C D

F H
E
G I

A. Numero di pagine di richiesta di assistenza (esempio: se la descrizione posizione "L"


Vi occupa 2 moduli, nel primo scrivere "1/2" e nel secondo "2/2").
B. Numero di matricola della macchina in oggetto per evitare errori.
C. Anagrafica dello stabilimento dove inviare il tecnico.
D. Anagrafica dello stabilimento dove inviare la fattura.
Nome e cognome della persona responsabile della manutenzione (scrivere in
E.
stampatello).
F. Numero di telefono di chi richiede l'intervento.
G. Numero di telefax a cui spedire l'offerta d'intervento.
H. Data di richiesta d'intervento.
I. Data richiesta per l'intervento.
L. Descrizione dell'errato funzionamento o del guasto. In questa finestra descrivete in
quale fase del ciclo é accaduto l'inconveniente, in quale posizione si é arrestato
l'impianto e l'eventuale messaggio del display.

3. Inviare, al numero di telefax indicato, una copia del modulo completato in ogni sua
parte. Come risposta, Vi sarà inviato, nel più breve tempo possibile, una offerta
completa di prezzo, consegna, data e condizioni d'intervento.

Se la richiesta ci perviene sotto un’altra forma o tramite un modulo non


completamente compilato, la CM-OPM S.p.A. declina ogni responsabilità per
ogni eventuale tipo di disguido.

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9. 3/6


Capitolo 9
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

- UFFICIO ASSISTENZA E RICAMBI -


Fax. (39) 0173.465687
E-mail: product.support@cm-opm.it
Matricola Pagina
macchina
MODULO DI RICHIESTA DI ASSISTENZA TECNICA

Indirizzo dello stabilimento Indirizzo dove inviare la fattura

Nome del richiedente Numero telefono Data invio richiesta

Numero telefax Data richiesta per l’intervento

Descrizione errato funzionamento o guasto

Pagina 9. 4/6 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9
Impianto distribuzione ranghi

9.2. Come si richiedono i ricambi

Nel caso abbiate un incongruenza nel funzionamento della macchina, procedere come segue:
1. Fotocopiare il modulo inserito nella pagina successiva.
2. Completare gli spazi preposti seguendo queste indicazioni:

- UFFICIO ASSISTENZA E RICAMBI -


Fax. (39) 0173.465687
E-mail: product.support@cm-opm.it

B MODULO DI RICHIESTA OFFERTA PARTI DI RICAMBIO A

C D

F H
E
G I
Numero Denominazione Descrizione Pos. Q.tà
tavola tavola
L M N O P

A. Numero di pagine di richiesta di assistenza (esempio: se la descrizione posizione "L"


Vi occupa 2 moduli, nel primo scrivere "1/2" e nel secondo "2/2").
B. Numero di matricola della macchina in oggetto per evitare errori.
C. Anagrafica dello stabilimento dove inviare il tecnico.
D. Anagrafica dello stabilimento dove inviare la fattura.
Nome e cognome della persona responsabile della manutenzione (scrivere in
E.
stampatello).
F. Numero di telefono di chi richiede l'intervento.
G. Numero di telefax a cui spedire l'offerta d'intervento.
H. Data di richiesta d'intervento.
I. Data richiesta per l'intervento.
L. Numero di riferimento della tavola sulla mappatura inserita nel manuale.
M. Numero e denominazione della tavola.
N. Denominazione del ricambio.
O. Numero di posizione del ricambio sulla tavola.
P. Quantità richiesta del ricambio.

3. Inviare, al numero di telefax indicato, una copia del modulo completato in ogni sua
parte. Come risposta, Vi sarà inviato, nel più breve tempo possibile, una offerta
completa di prezzo, consegna e condizioni di vendita.

Se la richiesta ci perviene sotto un'altra forma o tramite un modulo non


completamente compilato, la CM-OPM S.p.A. declina ogni responsabilità per
ogni eventuale tipo di disguido.

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9. 5/6


Capitolo 9
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

- UFFICIO ASSISTENZA E RICAMBI -


Fax. (39) 0173.465687
E-mail: product.support@cm-opm.it
Matricola Pagina
macchina
MODULO DI RICHIESTA OFFERTA PARTI DI RICAMBIO

Indirizzo dello stabilimento Indirizzo dove inviare la fattura

Nome del richiedente Numero telefono Data invio richiesta

Numero telefax Data richiesta per l’intervento

Numero Denominazione Descrizione Pos. Q.tà


tavola tavola

Pagina 9. 6/6 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

CAPITOLO 9-R

LOCALIZZAZIONE PARTI DI RICAMBIO

Sommario

9.3. Parti di ricambio gruppo n. PAA002042D ............................................................................................. 3


9.4. Parti di ricambio gruppo n. PAA002052D ........................................................................................... 17
9.5. Parti di ricambio gruppo n. PAA002043D ........................................................................................... 25
9.6. Parti di ricambio gruppo n. PAA002044D ........................................................................................... 33
9.7. Parti di ricambio gruppo n. PAA002409D ........................................................................................... 41
9.8. Parti di ricambio gruppo n. TA04180D ............................................................................................... 47
9.9. Parti di ricambio gruppo n. PAA002056D ........................................................................................... 51
9.10. Parti di ricambio gruppo n. PAA002055D ....................................................................................... 55
9.11. Parti di ricambio gruppo n. TA04262D ............................................................................................ 59
9.12. Parti di ricambio gruppo n. PAA002051D ....................................................................................... 63
9.13. Parti di ricambio gruppo n. PAA002231D ....................................................................................... 67
9.14. Parti di ricambio gruppo n. TA04506D ............................................................................................ 71
9.15. Parti di ricambio gruppo n. PAA002235D ....................................................................................... 75
9.16. Parti di ricambio gruppo n. PAA002031D ....................................................................................... 79
9.17. Parti di ricambio gruppo n. PAA002049D ....................................................................................... 83
9.18. Parti di ricambio gruppo n. PAA002046D ....................................................................................... 87
9.19. Parti di ricambio gruppo n. PAA002053D ....................................................................................... 91
9.20. Parti di ricambio gruppo n. PAA002035D ....................................................................................... 95
9.21. Parti di ricambio gruppo n. PAA002226D ....................................................................................... 99
9.22. Parti di ricambio gruppo n. PAA002057D ..................................................................................... 103
9.23. Parti di ricambio gruppo n. TA04169D .......................................................................................... 107
9.24. Parti di ricambio gruppo n. TA04177D .......................................................................................... 111
9.25. Parti di ricambio gruppo n. PAA002365D ..................................................................................... 115
9.26. Parti di ricambio gruppo n. PAA002856D ..................................................................................... 119
9.27. Parti di ricambio gruppo n. PAA002990D ..................................................................................... 125
9.28. Parti di ricambio gruppo n. PAA002630D ..................................................................................... 131
9.29. Parti di ricambio gruppo n. PAA002652D ..................................................................................... 137
9.30. Parti di ricambio gruppo n. PAA002439D ..................................................................................... 141
9.31. Parti di ricambio gruppo n. PAA002421D ..................................................................................... 149
9.32. Parti di ricambio gruppo n. PAA002050D ..................................................................................... 159

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 1/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 2/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.3. Parti di ricambio gruppo n. PAA002042D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 3/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Pagina 9-R. 4/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


CILINDRO DOPPIO EFF. DNC-40-16 0-
1 163343 NR 1 1 **
PPV-A
2 174391 FLANGIA OSCILLANTE SNCB-40 NR 1

3 174405 FLANGIA OSCILLANTE SNCL-40 NR 2

4 2110200 BOCCOLA DIM.025*30*20 S.1193/2 NR 1

5 2121900 BOCCOLA COLLETTO DIM.18*25*30 NR 2

6 302/0/061/16 INSERTO AUTOFIL. M6 FIL.E. NR 8

7 302/0/080/16 INSERTO AUTOFIL. M8 FIL.E. NR 7

8 33891 SUPPORTO A CERNIERA LNG-40 NR 1


SMT-8M-A-PS-24V-E-0,3-M8D
9 574334 SENSORE DI FINECORSACON NR 1 / *
CONNETTORE M8 ROTANTE
10 6002/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE1,784 NR 40 / *

11 6364/A6*24 SPINA CILINDRICA TEMP./RETT. NR 2

12 6604/A8*7*50 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1

13 7435/10E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

14 7435/12E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 2

15 7435/15E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 20

16 7437/62I ANELLO ELASTICO INTERNO NR 1

17 BES M12 SENSORE BES M12 CON CONN. NR 2


NASTRO LARGH=1000 SV=6700 AD
18 FNB5EQ1000/6700 NR 1 1 ***
ANELLO CHIUSO Sp 1.3mm
19 DNC 40 STELO DNC 40 STELO NR 1

20 GN33124 GN 615-M6-KSN PRESSORE FILETT NR 2

21 GN33134 GN 615-M8-KSN PRESSORE FILETT NR 1

22 GN615 SFERA SFERA PRESSORE A MOLLA NR 2

23 HP30 TAPPO HP30 NR 1

24 KA10D TESTA A SNODO MASCHIO D=10 M10 NR 2 2 *

25 KAL10D TESTA A SNODO MASCHIO SX D=10 NR 2 2 *


TESTA A SNODO PER CILINDRO D=12
26 KJ10DM10*1,25 NR 3
M12*1,25
27 KJ12DM12*1,25 TESTA A SNODO PER CILINDRO NR 1 1 *

28 KR22PP PERNO FOLLE A RULLINI D=22 M10x1 NR 2 1 *

29 KWVE25BS CARRELLO KWVE 25-B-S NR 2 1 *

30 MPL/x430P/MJ72AA MOTORE MPL-A/B430P-MJ72AA NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 5/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 PAP003440D TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

32 PAP003440S TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

33 PAP003441D TRAVERSA NR 1

34 PAP003443D TRAVERSA NR 1

35 PAP003444D TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

36 PAP003444S TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

37 PAP003609D LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 2

38 PAP003618D LAMIERA SOTTOTAPPETO MOBILE NR 1

39 PAP003620D PIANO SOSTEGNO NASTRO NR 1

40 PAP003664D RETE NR 1

41 PAP003665D LEVA NR 1

42 PAP003666D PIASTRA FISSAGGIO KOYO NR 2

43 PAP003669D RETE NR 1

44 PAP003670D SCIVOLO NR 1

45 PAP003671D QUADRELLO NR 2

46 PAP003673D RETE NR 1

47 PAP003673S RETE NR 1

48 PAP003674D RETE NR 1

49 PAP003677D RETE NR 1

50 PAP003690D LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 1

51 PAP003691D LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 1

52 PAP003691S LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 1

53 PAP003696D FIANCATA LATO MOTORE NR 1

54 PAP003710D FIANCATA NR 1

55 PAP003741D FIANCATA LATO MOTORE NR 1

56 PAP003742D FIANCATA LATO OP. NR 1


ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
57 PS004/8/1 NR 40
S=1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
58 PS012/18/1 NR 2
S=1
59 SBB206 CUSCINETTO SIGILLATO SBB206 NR 1

60 SFERA ASKUBAL SFERA TESTA A SNODO ASKUBAL NR 8

Pagina 9-R. 6/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


61 SP00131D BARRA FILETTATA M5 NR 4

62 SP00705D DISTANZIALE d=12 D=18 NR 1

63 TL00156 FRECCIA PER LAYOUT NR 2

64 TP00215D TUBO NR 1

65 TP00216D TASSELLO NR 2

66 TP00217D PIASTRINA MICRO NR 1

67 TP00218D BOCCOLA NR 2

68 TP00219D RULLO NR 2

69 TP00220D PERNO NR 2

70 TP00261D RULLO D=42.4 NR 2

71 TP00322D RULLO D=42.4 TEFLONATO NR 5 1 *

72 TP00327D RULLO DI COMANDO NR 1

73 TP00958D DISTANZIALE NR 1

74 TP01038D FERMO PER RULLO NR 2

75 TP02771D PIASTRINA CONTENIMENTO RULLO NR 4

76 TP03538D BOCCOLA ISOLANTE NR 4

77 TP03910D TRAVERSA MOBILE NR 1

78 TP03911D TRAVERSA FISSA NR 1

79 TP03912D PIASTRA DI SCORRIMENTO NR 1

80 TP03913D PERNO NR 1

81 TP03925D DISCO NR 2

82 TP03941D COLONNETTA NR 1

83 TP03942D TASSELLO NR 2

84 TP04806D PERNO NR 2

85 TP04826D PIASTRA LATO MOTORE NR 1

86 TP04827D PIASTRA LATO ESTRAZIONE NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 7/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


87 TP04828D TRAVERSINO SOSTEGNO LAMIERE NR 6

88 TP04829D SUPPORTO TRAVERSINO NR 16

89 TP04836D SUPPORTO RULLO ESTERNO NR 8

90 TP04838D SUPPORTO RULLO NR 4

91 TP04853D TRAVERSINO NR 4

92 TP04916D SUPPORTO NR 1

93 TP04920D COPERCHIO NR 2

94 TP04930D COLONNETTA NR 2

95 TP04932D CARTER NR 2

96 TP04933D ALBERO DI COLLEGAMENTO NR 1

97 TP04934D LEVA NR 2

98 TP04935D FLANGIA NR 2

99 TP04937D PIATTO NR 4

100 TP04980D PIASTRA ANTIROTAZIONE NR 1

101 TP04998D BOCCOLA PER SUPPORTO KOYO NR 4

102 TP05019D STAFFA PER CENTRATORE NR 1

103 TP05025D PERNO ATTACCO CIL. NR 2

104 TP05028D PERNO PER BRACCIO DI REAZIONE NR 1

105 TP05108D SUPPORTO RULLO NR 2

106 TP05356D STAFFA SENSORI NR 1

107 TP05374D PIASTRA CARTER CENTRATORE NR 2

108 TP05375D CARTER CENTRATORE NR 1

109 TP05796D TASSELLO NR 1

110 TP05849S CARTER NR 1

111 TP06178D RULLO PIANO PER PENNA DIA 16 NR 20

112 TP06180D TASSELLO DI ESTREMITA NR 10

113 TP06181D TASSELLO DI ESTREMITA NR 10

Pagina 9-R. 8/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


114 TP06183D DISTANZIALE NR 4

115 TP06184D PERNO NR 10

116 TP07601D PANNELLO NR 1

117 TP07642D FLANGIA RULLO NR 1

118 TP07659D DISTANZIALE NR 6

119 TP08185D PIASTRINA BLOCCO RULLO NR 2

120 TP08186D SUPPORTO RULLO NR 4

121 TP08535D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

122 TP08536D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

123 TP08537S LAMA NR 1

124 TP08538D RETE NR 1

125 TP08552D FLANGIA RULLO MOTORE NR 1

126 TP08639D DISTANZIALE ISOLANTE NR 2

127 TP08645D FLANGIA NR 1

128 TP08650D DISTANZIALE CARRO RETRATTILE NR 2

129 TP08651D PIANO APPOGGIO LAMIERA NR 1

130 TP08652D TRAVERSINO SOSTEGNO LAMIERE NR 2

131 TP08653D PERNO RULLO PENNA RETRATT. NR 2

132 TP08654D RULLO D=42.4 AISI NR 1

133 TP08655D RULLO D=42.4 TEFLONATO NR 1

134 TP08693D DISTANZIALE FIANCATE NR 5

135 TP08697D PIASTRA NR 1

136 TP08774D DISTANZIALE DIA=10 NR 2

137 TP08887D STAFFA NR 2

138 TP08887S STAFFA NR 2

139 TP08894D STAFFA PER CILINDRO NR 1

140 TP09372D RETE NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 9/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


141 TP09378D VASCHETTA NR 1

142 TP09379D SUPPORTO VASCHETTA NR 1

143 TP09866D FIANCATA NR 1

144 TP09868D FIANCATA NR 1

145 TP09869D DISTANZIALE ISOLANTE NR 2

146 TS00752D CORPO CILINDRO NR 2

147 536297 CILINDRO COMPATTO NR 2

148 7060 08 10 RACCORDO REGOLATORE FLUSSO NR 4

149 536269 CILINDRO COMPATTO NR 2

150 TS00791D CILINDRO COMPATTO NR 2


RACCORDO REGOLATORE DI
151 70600610 NR 4
FLUSSO
152 624/2RS CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 40

153 SA47TAQA100/4 RIDUTTORE SA47TAQA100/4 M1/B NR 1


GUIDA LINEARE L=470 CON FORI
154 TKVD25U470/25/25 NR 1 1 *
FILETTATI M6
SUPPORTO FLANGIA TONDA IN
155 UCFC207 NR 1
GHISA
SUPPORTO FLANGIA OVALE IN
156 UCFL205 NR 1 1 *
GHISA D=25

Pagina 9-R. 10/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 11/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Pagina 9-R. 12/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 13/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Pagina 9-R. 14/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allestimento Penna Retrattile PAA002042D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 15/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 16/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.4. Parti di ricambio gruppo n. PAA002052D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 17/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002052D

Pagina 9-R. 18/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002052D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 174405 FLANGIA OSCILLANTE SNCL-40 NR 2

2 2110200 BOCCOLA DIM.025*30*20 S.1193/2 NR 1

3 2121900 BOCCOLA COLLETTO DIM.18*25*30 NR 2

4 6002/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 24

5 6304/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 2

6 6364/A6*24 SPINA CILINDRICA TEMP./RETT. NR 2

7 6604/A8*7*50 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1

8 7435/10E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

9 7435/12E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 2

10 7435/15E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 12

11 7435/20E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 2

12 7437/62I ANELLO ELASTICO INTERNO NR 1

13 BES M12 SENSORE BES M12 CON CONN NR 2

14 SA47TAQA100/4 RIDUTTORE SA47TAQA100/4 M1/A NR 1


NASTRO LARGH=1000 SV=4250 Sp.1.3
15 FNB5E1000/4250 NR 1 1 ***
AD ANELLO CHIUSO
16 GN.33433 PRESSORE A MOLLA GN 615.3-M8-K NR 1

17 KJ10DM10*1,25 TESTA A SNODO PER CILINDRO NR 3

18 MPL/x430P/MJ72AA MOTORE MPL-A/B430P-MJ72AA NR 1

19 PAP003384D TRAVERSA FISSA NR 1

20 PAP003385D CARTER NR 2

21 PAP003440D TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 2

22 PAP003440S TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 2

23 PAP003441D TRAVERSA NR 2

24 PAP003454D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

25 PAP003455D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

26 PAP003456D LAMA NR 1

27 PAP003606D FIANCATA LATO MOTORE NR 1

28 PAP003607D FIANCATA NR 1

29 PAP003608D LAMIERA SCORRIMENTO NASTRO NR 1

30 PAP003609D LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 19/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002052D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 PAP003680D LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 1

32 PAP003684D FIANCATA PIVOT NR 1

33 PAP003685D FIANCATA PIVOT NR 1

34 PAP003686D RETE NR 1

35 PAP003910D TRAVERSA NR 1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
36 PS004/8/1 NR 40
S=1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
37 PS012/18/1 NR 2
S=1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
38 PS035/45/0,5 NR 1
S=0
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
39 PS32/45/0,5 NR 5
S=0
40 SBB206 CUSCINETTO SIGILLATO SBB206 NR 1

41 SFERA ASKUBAL SFERA TESTA A SNODO ASKUBAL NR 3

42 SP00131D BARRA FILETTATA M5 NR 4

43 TL00156 FRECCIA PER LAYOUT NR 2

44 TP00215D TUBO NR 1

45 TP00216D TASSELLO NR 2

46 TP00217D PIASTRINA MICRO NR 1

47 TP00218D BOCCOLA NR 2

48 TP00219D RULLO NR 2

49 TP00220D PERNO NR 2

50 TP00261D RULLO D=42.4 NR 1

51 TP00322D RULLO D=42.4 TEFLONATO NR 4

52 TP00327D RULLO DI COMANDO NR 1

53 TP00958D DISTANZIALE NR 1

54 TP01038D FERMO PER RULLO NR 2

55 TP02771D PIASTRINA CONTENIMENTO RULLO NR 2

56 TP03910D TRAVERSA MOBILE NR 1

57 TP03912D PIASTRA DI SCORRIMENTO NR 1

58 TP03913D PERNO NR 1

59 TP03925D DISCO NR 2

60 TP03941D COLONNETTA NR 1

Pagina 9-R. 20/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002052D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


61 TP03942D TASSELLO NR 2

62 TP04806D PERNO NR 2

63 TP04826D PIASTRA LATO MOTORE NR 1

64 TP04827D PIASTRA LATO ESTRAZIONE NR 1

65 TP04828D TRAVERSINO SOSTEGNO LAMIERE NR 5

66 TP04829D SUPPORTO TRAVERSINO NR 10

67 TP04836D SUPPORTO RULLO ESTERNO NR 6

68 TP04838D SUPPORTO RULLO NR 2

69 TP04853D TRAVERSINO NR 4

70 TP04916D SUPPORTO NR 1

71 TP04920D COPERCHIO NR 2

72 TP04930D COLONNETTA NR 2

73 TP04932D CARTER NR 2

74 TP04933D ALBERO DI COLLEGAMENTO NR 1

75 TP04934D LEVA NR 2

76 TP04935D FLANGIA NR 2

77 TP04937D PIATTO NR 4

78 TP04980D PIASTRA ANTIROTAZIONE NR 1

79 TP04998D BOCCOLA PER SUPPORTO KOYO NR 4

80 TP05019D STAFFA PER CENTRATORE NR 1

81 TP05025D PERNO ATTACCO CIL. NR 2

82 TP05028D PERNO PER BRACCIO DI REAZIONE NR 1

83 TP05062D SUPPORTO RULLO NR 2

84 TP05108D SUPPORTO RULLO NR 2

85 TP05332D PIASTRINA CONTENIMENTO RULLO NR 2

86 TP05356D STAFFA SENSORI NR 1

87 TP05374D PIASTRA CARTER CENTRATORE NR 2

88 TP05375D CARTER CENTRATORE NR 1

89 TP05733D DISTANZIALE NR 8

90 TP05796D TASSELLO NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 21/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002052D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


91 TP05849S CARTER NR 1

92 TP06178D RULLO PIANO PER PENNA DIA 16 NR 20

93 TP06180D TASSELLO DI ESTREMITA NR 10

94 TP06181D TASSELLO DI ESTREMITA NR 10

95 TP06183D DISTANZIALE NR 4

96 TP06184D PERNO NR 10

97 TP07601D PANNELLO NR 1

98 TP07642D FLANGIA RULLO NR 1

99 TP07658D PIASTRINA NR 2

100 TP07659D DISTANZIALE NR 6

101 TP07751D RULLO NR 1

102 TP07752D ALBERO DIA 20 NR 1

103 TP07755D FLANGIA NR 2

104 TP07756D PERNO NR 2

105 TP07757D PIASTRA NR 2

106 TP07758D BOCCOLA FIPS NR 2

107 TP08538D RETE NR 1

108 TP08552D FLANGIA RULLO MOTORE NR 1

109 TP08693D DISTANZIALE FIANCATE NR 1

110 TP08900D TASSELLO NR 2

111 TS0000049 SFERA PRESSORE NR 1

112 TS00752D CORPO CILINDRO NR 2

113 536297 CILINDRO COMPATTO NR 2

114 7060 08 10 RACCORDO REGOLATORE FLUSSO NR 4

115 536269 CILINDRO COMPATTO NR 2

116 TS00791D CILINDRO COMPATTO NR 2


RACCORDO REGOLATORE DI
117 70600610 NR 4
FLUSSO
118 624/2RS CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 40
SUPPORTO FLANGIA TONDA IN
119 UCFC207 NR 1
GHISA

Pagina 9-R. 22/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002052D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 23/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 24/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.5. Parti di ricambio gruppo n. PAA002043D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 25/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002043D

Pagina 9-R. 26/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002043D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 174405 FLANGIA OSCILLANTE SNCL-40 NR 2

2 2110200 BOCCOLA DIM.025*30*20 S.1193/2 NR 1

3 2121900 BOCCOLA COLLETTO DIM.18*25*30 NR 2

4 6002/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 32

5 6304/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 2

6 6364/A6*24 SPINA CILINDRICA TEMP./RETT. NR 2

7 6604/A8*7*50 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1

8 7435/10E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

9 7435/12E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 2

10 7435/15E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 16

11 7435/20E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 2

12 7437/62I ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

13 BES M12 SENSORE BES M12 CON CONN NR 2

14 SA47TAQA100/4 RIDUTTORE SA47TAQA100/4 M1/A NR 1


NASTRO LARGH=1000 SV=6300
15 FNB5E1000/6300 NR 1 1 ***
Sp.1.3 AD ANELLO CHIUSO
16 GN.33433 PRESSORE A MOLLA GN 615.3-M8-K NR 1

17 KJ10DM10*1,25 TESTA A SNODO PER CILINDRO NR 3

18 MPL/x430P/MJ72AA MOTORE MPL-A/B430P-MJ72AA NR 1

19 PAP003384D TRAVERSA FISSA NR 1

20 PAP003385D CARTER NR 2

21 PAP003440D TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 2

22 PAP003440S TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 2

23 PAP003441D TRAVERSA NR 1

24 PAP003448D TRAVERSA NR 1

25 PAP003454D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

26 PAP003455D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

27 PAP003456D LAMA NR 1

28 PAP003609D LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 3

29 PAP003680D LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 1

30 PAP003681D FIANCATA LATO MOTORE NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 27/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002043D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 PAP003683D LAMIERA SCORRIMENTO NASTRO NR 1

32 PAP003684D FIANCATA PIVOT NR 1

33 PAP003685D FIANCATA PIVOT NR 1

34 PAP003686D RETE NR 1

35 PAP003694D FIANCATA LATO ESTRAZIONE NR 1

36 PAP003910D TRAVERSA NR 1

37 PAP007513D PROTEZIONE PIVOT NR 1


ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
38 PS004/8/1 NR 40
S=1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
39 PS012/18/1 NR 2
S=1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
40 PS035/45/0,5 NR 1
S=0
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
41 PS32/45/0,5 NR 5
S=0
42 SBB206 CUSCINETTO SIGILLATO SBB206 NR 1

43 SFERA ASKUBAL SFERA TESTA A SNODO ASKUBAL NR 3

44 SP00131D BARRA FILETTATA M5 NR 4

45 TL00156 FRECCIA PER LAYOUT NR 2

46 TP00215D TUBO NR 1

47 TP00216D TASSELLO NR 2

48 TP00217D PIASTRINA MICRO NR 1

49 TP00218D BOCCOLA NR 2

50 TP00219D RULLO NR 2

51 TP00220D PERNO NR 2

52 TP00261D RULLO D=42.4 NR 2

53 TP00322D RULLO D=42.4 TEFLONATO NR 5

54 TP00327D RULLO DI COMANDO NR 1

55 TP00958D DISTANZIALE NR 1

56 TP01038D FERMO PER RULLO NR 2

57 TP02771D PIASTRINA CONTENIMENTO RULLO NR 4

58 TP03910D TRAVERSA MOBILE NR 1

59 TP03912D PIASTRA DI SCORRIMENTO NR 1

60 TP03913D PERNO NR 1

Pagina 9-R. 28/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002043D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


61 TP03925D DISCO NR 2

62 TP03941D COLONNETTA NR 1

63 TP03942D TASSELLO NR 2

64 TP04806D PERNO NR 2

65 TP04826D PIASTRA LATO MOTORE NR 1

66 TP04827D PIASTRA LATO ESTRAZIONE NR 1

67 TP04828D TRAVERSINO SOSTEGNO LAMIERE NR 9

68 TP04829D SUPPORTO TRAVERSINO NR 18

69 TP04836D SUPPORTO RULLO ESTERNO NR 8

70 TP04838D SUPPORTO RULLO NR 4

71 TP04853D TRAVERSINO NR 4

72 TP04916D SUPPORTO NR 1

73 TP04920D COPERCHIO NR 2

74 TP04930D COLONNETTA NR 2

75 TP04932D CARTER NR 2

76 TP04933D ALBERO DI COLLEGAMENTO NR 1

77 TP04934D LEVA NR 2

78 TP04935D FLANGIA NR 2

79 TP04937D PIATTO NR 4

80 TP04980D PIASTRA ANTIROTAZIONE NR 1

81 TP04998D BOCCOLA PER SUPPORTO KOYO NR 4

82 TP05019D STAFFA PER CENTRATORE NR 1

83 TP05025D PERNO ATTACCO CIL. NR 2

84 TP05028D PERNO PER BRACCIO DI REAZIONE NR 1

85 TP05062D SUPPORTO RULLO NR 2

86 TP05108D SUPPORTO RULLO NR 2

87 TP05332D PIASTRINA CONTENIMENTO RULLO NR 2

88 TP05356D STAFFA SENSORI NR 1

89 TP05374D PIASTRA CARTER CENTRATORE NR 2

90 TP05375D CARTER CENTRATORE NR 1

91 TP05733D DISTANZIALE NR 8

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 29/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002043D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


92 TP05796D TASSELLO NR 1

93 TP05849S CARTER NR 1

94 TP06178D RULLO PIANO PER PENNA DIA 16 NR 20

95 TP06180D TASSELLO DI ESTREMITA NR 10

96 TP06181D TASSELLO DI ESTREMITA NR 10

97 TP06183D DISTANZIALE NR 4

98 TP06184D PERNO NR 10

99 TP07601D PANNELLO NR 1

100 TP07642D FLANGIA RULLO NR 1

101 TP07658D PIASTRINA NR 2

102 TP07659D DISTANZIALE NR 6

103 TP07751D RULLO NR 1

104 TP07752D ALBERO DIA 20 NR 1

105 TP07755D FLANGIA NR 2

106 TP07756D PERNO NR 2

107 TP07757D PIASTRA NR 2

108 TP07758D BOCCOLA FIPS NR 2

109 TP08538D RETE NR 1

110 TP08552D FLANGIA RULLO MOTORE NR 1

111 TP08693D DISTANZIALE FIANCATE NR 2

112 TP08900D TASSELLO NR 2

113 TS0000049 SFERA PRESSORE NR 1

114 TS00752D CORPO CILINDRO NR 2

115 536297 CILINDRO COMPATTO NR 2

116 7060 08 10 RACCORDO REGOLATORE FLUSSO NR 4

117 536269 CILINDRO COMPATTO NR 2

118 TS00791D CILINDRO COMPATTO NR 2


RACCORDO REGOLATORE DI
119 70600610 NR 4
FLUSSO
120 624/2RS CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 40
SUPPORTO FLANGIA TONDA IN
121 UCFC207 NR 1
GHISA

Pagina 9-R. 30/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002043D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 31/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 32/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.6. Parti di ricambio gruppo n. PAA002044D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 33/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002044D

Pagina 9-R. 34/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002044D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 174405 FLANGIA OSCILLANTE SNCL-40 NR 2

2 2110200 BOCCOLA DIM.025*30*20 S.1193/2 NR 1

3 2121900 BOCCOLA COLLETTO DIM.18*25*30 NR 2

4 6002/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 36

5 6364/A6*24 SPINA CILINDRICA TEMP./RETT. NR 2

6 6604/A8*7*50 LINGUETTA ARROTONDATA FORMA NR 1

7 7435/10E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

8 7435/12E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 2

9 7435/15E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 18

10 7437/62I ANELLO ELASTICO INTERNO NR 1

11 BES M12 SENSORE BES M12 CON CONN NR 2

12 SA47TAQA100/4 RIDUTTORE SA47TAQA100/4 M1/A NR 1


NASTRO LARGH=1000 SV=6310
13 FNB5E1000/6310 NR 1 / ***
Sp.1.3 AD ANELLO CHIUSO
14 GN.33433 PRESSORE A MOLLA GN 615.3-M8-K NR 1

15 KJ10DM10*1,25 TESTA A SNODO PER CILINDRO NR 3

16 MPL/x430P/MJ72AA MOTORE MPL-A/B430P-MJ72AA NR 1

17 PAP003384D TRAVERSA FISSA NR 1

18 PAP003385D CARTER NR 2

19 PAP003440D TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 2

20 PAP003440S TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 2

21 PAP003441D TRAVERSA NR 1

22 PAP003448D TRAVERSA NR 1

23 PAP003454D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

24 PAP003455D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

25 PAP003456D LAMA NR 1

26 PAP003609D LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 5

27 PAP003637D FIANCATA LATO ESTRAZ. NASTRO NR 1

28 PAP003663D FIANCATA LATO MOTORE NR 1


ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
29 PS004/8/1 NR 40
S=1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
30 PS012/18/1 NR 2
S=1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 35/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002044D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 SBB206 CUSCINETTO SIGILLATO SBB206 NR 1

32 SFERA ASKUBAL SFERA TESTA A SNODO ASKUBAL NR 3

33 SP00131D BARRA FILETTATA M5 NR 4

34 TL00156 FRECCIA PER LAYOUT NR 2

35 TP00215D TUBO NR 1

36 TP00216D TASSELLO NR 2

37 TP00217D PIASTRINA MICRO NR 1

38 TP00218D BOCCOLA NR 2

39 TP00219D RULLO NR 2

40 TP00220D PERNO NR 2

41 TP00261D RULLO D=42.4 NR 3

42 TP00322D RULLO D=42.4 TEFLONATO NR 5

43 TP00327D RULLO DI COMANDO NR 1

44 TP00958D DISTANZIALE NR 1

45 TP01038D FERMO PER RULLO NR 2

46 TP02771D PIASTRINA CONTENIMENTO RULLO NR 6

47 TP03910D TRAVERSA MOBILE NR 1

48 TP03912D PIASTRA DI SCORRIMENTO NR 1

49 TP03913D PERNO NR 1

50 TP03925D DISCO NR 2

51 TP03941D COLONNETTA NR 1

52 TP03942D TASSELLO NR 2

53 TP04806D PERNO NR 2

54 TP04826D PIASTRA LATO MOTORE NR 1

55 TP04827D PIASTRA LATO ESTRAZIONE NR 1

56 TP04828D TRAVERSINO SOSTEGNO LAMIERE NR 9

57 TP04829D SUPPORTO TRAVERSINO NR 18

58 TP04836D SUPPORTO RULLO ESTERNO NR 8

59 TP04838D SUPPORTO RULLO NR 6


60 TP04853D TRAVERSINO NR 4

Pagina 9-R. 36/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002044D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


61 TP04916D SUPPORTO NR 1

62 TP04920D COPERCHIO NR 2

63 TP04930D COLONNETTA NR 2

64 TP04932D CARTER NR 2

65 TP04933D ALBERO DI COLLEGAMENTO NR 1

66 TP04934D LEVA NR 2

67 TP04935D FLANGIA NR 2

68 TP04937D PIATTO NR 4

69 TP04980D PIASTRA ANTIROTAZIONE NR 1

70 TP04998D BOCCOLA PER SUPPORTO KOYO NR 4

71 TP05019D STAFFA PER CENTRATORE NR 1

72 TP05025D PERNO ATTACCO CIL. NR 2

73 TP05028D PERNO PER BRACCIO DI REAZIONE NR 1

74 TP05108D SUPPORTO RULLO NR 2

75 TP05356D STAFFA SENSORI NR 1

76 TP05374D PIASTRA CARTER CENTRATORE NR 2

77 TP05375D CARTER CENTRATORE NR 1

78 TP05733D DISTANZIALE NR 8

79 TP05796D TASSELLO NR 1

80 TP05849S CARTER NR 1

81 TP06178D RULLO PIANO PER PENNA DIA 16 NR 20

82 TP06180D TASSELLO DI ESTREMITA NR 10

83 TP06181D TASSELLO DI ESTREMITA NR 10

84 TP06183D DISTANZIALE NR 4

85 TP06184D PERNO NR 10

86 TP07601D PANNELLO NR 1

87 TP07642D FLANGIA RULLO NR 1

88 TP07658D PIASTRINA NR 2

89 TP07659D DISTANZIALE NR 6

90 TP08538D RETE NR 1

91 TP08552D FLANGIA RULLO MOTORE NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 37/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002044D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


92 TP08693D DISTANZIALE FIANCATE NR 2

93 TS0000049 SFERA PRESSORE NR 1

94 TS00752D CORPO CILINDRO NR 2

95 536297 CILINDRO COMPATTO NR 2

96 7060 08 10 RACCORDO REGOLATORE FLUSSO NR 4

97 536269 CILINDRO COMPATTO NR 2

98 TS00791D CILINDRO COMPATTO NR 2


RACCORDO REGOLATORE DI
99 70600610 NR 4
FLUSSO
100 624/2RS CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 40
SUPPORTO FLANGIA TONDA IN
101 UCFC207 NR 1
GHISA

Pagina 9-R. 38/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Tapp. PAA002044D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 39/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 40/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.7. Parti di ricambio gruppo n. PAA002409D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 41/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Motorizzazione e tensionamento PAA002409D

Pagina 9-R. 42/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Motorizzazione e tensionamento PAA002409D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 174405 FLANGIA OSCILLANTE SNCL-40 NR 2
BOCCOLA COLLETTO DIM.18*25*30
2 2121900 NR 2 4 *
S.2751/18
3 6002/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 4

4 6364/A6*24 SPINA CILINDRICA TEMP./RETT. NR 2

5 6604/A8*7*50 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1

6 6641 POMELLO BT.25P - M6x16 NR 2

7 7435/1 ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 4

8 7437/62I ANELLO ELASTICO INTERNO NR 1


ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
9 PS012/18/1 NR 2
S=1
TESTA A SNODO PER CILINDRO D=10
10 KJ10DM10*1,25 NR 2 4 *
M10 1,25
11 SBB206 CUSCINETTO SIGILLATO SBB206 NR 1

12 SFERA ASKUBAL SFERA TESTA A SNODO ASKUBAL NR 2

13 TL00156 FRECCIA PER LAYOUT NR 1

14 TP00321D PERNO PER RULLO NR 1

15 TP00322D RULLO D=42.4 TEFLONATO NR 1

16 TP00327D RULLO DI COMANDO NR 1

17 TP04826D PIASTRA LATO MOTORE NR 1

18 TP04827D PIASTRA LATO ESTRAZIONE NR 1

19 TP04853D TRAVERSINO NR 4

20 TP04916D SUPPORTO NR 1

21 TP04920D COPERCHIO NR 2

22 TP04930D COLONNETTA NR 2

23 TP04931D CARTER NR 2

24 TP04932D CARTER NR 2

25 TP04933D ALBERO DI COLLEGAMENTO NR 1

26 TP04934D LEVA NR 2

27 TP04935D FLANGIA NR 2

28 TP04937D PIATTO NR 4

29 TP04998D BOCCOLA PER SUPPORTO KOYO NR 4

30 TP08552D FLANGIA RULLO MOTORE NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 43/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Allest. Motorizzazione e tensionamento PAA002409D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 TP05025D PERNO ATTACCO CIL. NR 2

32 TP08538D RETE NR 1

33 TP07642D FLANGIA RULLO NR 1

34 TS00752D CORPO CILINDRO NR 2

35 536297 CILINDRO ADN-40-60-A-P-A NR 2 1 *

36 7060 08 10 RACCORDO REGOLATORE FLUSSO NR 4


SUPPORTO FLANGIA TONDA IN
37 UCFC207 NR 1
GHISA

Pagina 9-R. 44/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Allest. Motorizzazione e tensionamento PAA002409D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 45/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 46/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.8. Parti di ricambio gruppo n. TA04180D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 47/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Tamburo Comando TA04180D

Pagina 9-R. 48/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Tamburo Comando TA04180D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 6604/A8*7*50 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1

2 7437/62I ANELLO ELASTICO INTERNO NR 1


CUSCINETTO SIGILLATO SBB206
3 SBB206 NR 1 1 *
D=30 D=62 L=16
4 TP00327D RULLO DI COMANDO NR 1 2 *

5 TP04916D SUPPORTO NR 1

6 TP04998D BOCCOLA PER SUPPORTO KOYO NR 4

7 TP07642D FLANGIA RULLO NR 1

8 TP08552D FLANGIA RULLO MOTORE NR 1


SUPPORTO FLANGIA TONDA IN
9 UCFC207 NR 1 1 *
GHISA D=35 CON CENTRAGGIO D=90

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 49/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Tamburo Comando TA04180D

Pagina 9-R. 50/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.9. Parti di ricambio gruppo n. PAA002056D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 51/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Tamburo PAA002056D

Pagina 9-R. 52/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Tamburo PAA002056D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


CUSCINETTO ORIENTABILE A SFERE
1 2205E/2RS1 NR 1 2 *
d=25 D=52 S=18
CUSCINETTO ORIENTABILE A SFERE
2 2207E/2RS1 NR 1 2 *
d=35 D=72 S=23
3 6604/A8*7*50 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1

4 7435/25E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

5 7435/35E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

6 7437/72I ANELLO ELASTICO INTERNO NR 1

7 TP08534D FLANGIA LATO MOTORE NR 1

8 TP08937D RULLO DI COMANDO DIA 100 NR 1 1 *

9 TP08938D FLANGIA MOTORIZZAZIONE NR 1

10 TP08939D FLANGIA LATO ESTRAZIONE NR 1

11 TP08940D FLANGIA LATO ESTRAZIONE NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 53/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Tamburo PAA002056D

Pagina 9-R. 54/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.10. Parti di ricambio gruppo n. PAA002055D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 55/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Tensionamento PAA002055D

Pagina 9-R. 56/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Tensionamento PAA002055D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità

1 6364/A6*24 SPINA CILINDRICA TEMP./RETT. NR 2

2 TP04920D COPERCHIO NR 2

3 TP04930D COLONNETTA NR 2

4 TP04935D FLANGIA NR 2

5 TP04969D ALBERO DI COLLEGAMENTO NR 1

6 TP04995D LEVA NR 1

7 TP04995S LEVA NR 1

8 TP05146D BOCCOLA FIPS NR 2 2 *

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 57/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Tensionamento PAA002055D

Pagina 9-R. 58/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.11. Parti di ricambio gruppo n. TA04262D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 59/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione TA04262D

Pagina 9-R. 60/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione TA04262D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 MPL/x430P/MJ72AA MOTORE MPL-A/B430P-MJ72AA NR 1

2 TP05028D PERNO PER BRACCIO DI REAZIONE NR 1

3 TP05796D TASSELLO NR 1
RIDUTTORE SA47TAQA100/4 M1/A
i=17 62 BRACCIO DI REAZ 315
ALBERO CAVO DIA 30 -
4 SA47TAQA100/4 NR 1 / **
LUBRIFICAZIONE A NORME NSF-H1
CON SCHEDA TECNICA E
CERTIFICAZIONE

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 61/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione TA04262D

Pagina 9-R. 62/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.12. Parti di ricambio gruppo n. PAA002051D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 63/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione PAA002051D

Pagina 9-R. 64/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione PAA002051D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


RIDUTTORE SA47TAQA100/4 M1/A
i=17 62 BRACCIO DI REAZ 315
ALBERO CAVO DIA 30 -
1 SA47TAQA100/4 NR 1 1 **
LUBRIFICAZIONE A NORME NSF-H1
CON SCHEDA TECNICA E
CERTIFICAZIONE
2 MPL/x430P/MJ72AA MOTORE MPL-A/B430P-MJ72AA NR 1

3 TP05028D PERNO PER BRACCIO DI REAZIONE NR 1

4 TP05796D TASSELLO NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 65/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione PAA002051D

Pagina 9-R. 66/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.13. Parti di ricambio gruppo n. PAA002231D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 67/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione Leverismo Pivot PAA002231D

Pagina 9-R. 68/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione Leverismo Pivot PAA002231D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 MPL/B320P/MJ74AA MOTORE MPL-B320P-MJ74AA NR 1
RIDUTTORE SHZ47AQH100/3 M4/B
i=56.61 - D=30BOCCOLA DI
SERRAGGIO IN AA CCOPPIATO A
2 SHZ47AQH100/3 MOTORE MPL-B320PCON ALBERO D NR 1 1 **
IA 16 LUBRIFICAZIONE A NORME
NSF-H1 CON SCHEDA TECNICA E
CERTIFICAZIONE

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 69/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione Leverismo Pivot PAA002231D

Pagina 9-R. 70/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.14. Parti di ricambio gruppo n. TA04506D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 71/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione TA04506D

Pagina 9-R. 72/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione TA04506D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 MPL/x430P/MJ72AA MOTORE MPL-A/B430P-MJ72AA NR 1
RIDUTTORE SA47TAQA100/4 M1/A
i=17 62 BRACCIO DI REAZ 315
ALBERO CAVO DIA 30 -
2 SA47TAQA100/4 NR 1 / **
LUBRIFICAZIONE A NORME NSF-H1
CON SCHEDA TECNICA E
CERTIFICAZIONE

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 73/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione TA04506D

Pagina 9-R. 74/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.15. Parti di ricambio gruppo n. PAA002235D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 75/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione e leverismi carrello PAA002235D

Pagina 9-R. 76/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione e leverismi carrello PAA002235D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 PAA002235D0000 MOTOR. E LEVERISMI CARRELLO NR 5

2 PAP003450D ALBERO LEVERISMO NR 5

3 PAP003451D DISTANZIALE NR 5

4 PAP003452D FLANGIA NR 5

5 PERNO NR 20

6 TIRANTE NR 10
TESTA A SNODO MASCHIO SX D=16
7 KAL16D NR 10 2 *
M16
8 KA16D TESTA A SNODO MASCHIO D=16 M16 NR 10 2 *
SUPPORTO FLANGIA TONDA IN GHIS
9 UCFC207 NR 5 / *
A D=35 CON CENTRAGGIO D=90
RIDUTTORE KHZAQH100/3 M1/B
i=58.60 ALBERO CAVO D=30 CON
BOCCOLA DI S ERRAGGIO IN AFORO
SEMIGIUNTO LATO MOTORE DIA = 16
10 KHZ37AQH100/3 NR 5 1 **
mm x MOTORE MPL-B320P
LUBRIFICAZIONE A NORME NSF-H1
CON SCHEDA TECNICA E
CERTIFICAZIONE
ROSETTA ELASTICA SPACCATA TIPO
11 1751/B8 NR 55
B ZN B
DADO BASSO ZN/B PER STAMPO
12 5589M16 NR 10
850x310 DX
13 5589M16SX DADO BASSO SINISTRO ZN/B NR 10

14 5739M12 45 VITE TE GAMBO INT.FILETTATO ZN B NR 20

15 5739M8 25 VITE TE GAMBO INT.FILETTATO ZN B NR 30

16 5739M8 35 VITE TE GAMBO INT.FILETTATO ZN B NR 25

17 6592/12 ROSETTA PIANA ZN/B NR 20

18 6592/16 ROSETTA PIANA ZN/B NR 20

19 7473M16 DADO AUTOBLOCCANTE ZN/B NR 40

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 77/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Motorizzazione e leverismi carrello PAA002235D

Pagina 9-R. 78/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.16. Parti di ricambio gruppo n. PAA002031D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 79/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Penna PAA002031D

Pagina 9-R. 80/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Penna PAA002031D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


CUSCINETTO RAD. A SFERE d=4
1 624/2RS NR 20x13 30 *
D=13 S=5
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
2 PS004/8/1 NR 20
S=1
3 PAP003440D TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

4 TP06178D RULLO PIANO PER PENNA DIA 16 NR 10

5 TP06180D TASSELLO DI ESTREMITA NR 5

6 TP06181D TASSELLO DI ESTREMITA NR 5

7 TP06183D DISTANZIALE NR 2

8 TP06184D PERNO NR 5

9 PAP003441D TRAVERSA NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 81/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Penna PAA002031D

Pagina 9-R. 82/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.17. Parti di ricambio gruppo n. PAA002049D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 83/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Penna PAA002049D

Pagina 9-R. 84/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Penna PAA002049D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 PAP003443D TRAVERSA NR 1

2 PAP003444D TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

3 PAP003444S TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1


ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
4 PS004/8/1 NR 20
S=1
5 TP06178D RULLO PIANO PER PENNA DIA 16 NR 10

6 TP06180D TASSELLO DI ESTREMITA NR 5

7 TP06181D TASSELLO DI ESTREMITA NR 5

8 TP06183D DISTANZIALE NR 2

9 TP06184D PERNO NR 5
CUSCINETTO RAD. A SFERE d=4
10 624/2RS NR 20 / *
D=13 S=5

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 85/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Penna PAA002049D

Pagina 9-R. 86/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.18. Parti di ricambio gruppo n. PAA002046D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 87/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Penna PAA002046D

Pagina 9-R. 88/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Penna PAA002046D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 PAP003440D TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

2 PAP003440S TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

3 PAP003448D TRAVERSA NR 1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
4 PS004/8/1 NR 20
S=1
5 TP06178D RULLO PIANO PER PENNA DIA 16 NR 10

6 TP06180D TASSELLO DI ESTREMITA NR 5

7 TP06181D TASSELLO DI ESTREMITA NR 5

8 TP06183D DISTANZIALE NR 2

9 TP06184D PERNO NR 5
CUSCINETTO RAD. A SFERE d=4
10 624/2RS NR 20 / *
D=13 S=5

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 89/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Penna PAA002046D

Pagina 9-R. 90/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.19. Parti di ricambio gruppo n. PAA002053D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 91/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Penna carrello PAA002053D

Pagina 9-R. 92/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Penna carrello PAA002053D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 684ZZ CUSCINETTO RAD. A SFERE d=4 D NR 204 30 *

2 PAP003445D TRAVERSA NR 1

3 PAP003446D TASSELLO DI ESTREMITA NR 1

4 PAP003446S TASSELLO DI ESTREMITA NR 1


ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
5 PS004/8/1 NR 24
S=1
6 TP07698D PERNO NR 6

7 TP07704D TASSELLO NR 5

8 TP07705D TASSELLO NR 6

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 93/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Penna carrello PAA002053D

Pagina 9-R. 94/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.20. Parti di ricambio gruppo n. PAA002035D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 95/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Centratore Trasporto Metal PAA002035D

Pagina 9-R. 96/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Centratore Trasporto Metal PAA002035D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 2110200 BOCCOLA DIM.025*30*20 S.1193/25 NR 1 1 *

2 7435/10E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1


TESTA A SNODO PER CILINDRO D=10
3 KJ10DM10*1,25 NR 1 / *
M10 1,25
4 SFERA ASKUBAL SFERA TESTA A SNODO ASKUBAL NR 1

5 SP00131D BARRA FILETTATA M5 NR 4

6 TP00958D DISTANZIALE NR 1

7 TP01038D FERMO PER RULLO NR 2

8 TP03910D TRAVERSA MOBILE NR 1

9 TP03911D TRAVERSA FISSA NR 1

10 TP03912D PIASTRA DI SCORRIMENTO NR 1

11 TP03913D PERNO NR 1

12 TP03925D DISCO NR 2

13 TP03941D COLONNETTA NR 1

14 TP03942D TASSELLO NR 2

15 TP04806D PERNO NR 2

16 TP04980D PIASTRA ANTIROTAZIONE NR 1

17 TP05019D STAFFA PER CENTRATORE NR 1

18 TP05108D SUPPORTO RULLO NR 2


CILINDRO ADN-32-10-A-P-A ADN-32-
19 536269 NR 2 / *
10-APA
20 TS00791D CILINDRO COMPATTO NR 2
RACCORDO REGOLATORE DI
21 70600610 NR 4
FLUSSO

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 97/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Centratore Trasporto Metal PAA002035D

Pagina 9-R. 98/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.21. Parti di ricambio gruppo n. PAA002226D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 99/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Centratore con ripari PAA002226D

Pagina 9-R. 100/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Centratore con ripari PAA002226D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


BOCCOLA DIM.025*30*20
1 1 2110200 NR 2 *
S.1193/25
ANELLO ELASTICO
2 1 7435/10E NR
ESTERNO
TESTA A SNODO PER
3 1 KJ10DM10*1,25 NR / *
CILINDRO
4 1 PAP003384D TRAVERSA FISSA NR

5 2 PAP003385D CARTER NR
SFERA TESTA A SNODO
6 1 SFERA ASKUBAL NR
ASKUBAL
7 4 SP00131D BARRA FILETTATA M5 NR

8 1 TP00958D DISTANZIALE NR

9 2 TP01038D FERMO PER RULLO NR

10 1 TP03910D TRAVERSA MOBILE NR

11 1 TP03912D PIASTRA DI SCORRIMENTO NR

12 1 TP03913D PERNO NR

13 2 TP03925D DISCO NR

14 1 TP03941D COLONNETTA NR

15 2 TP03942D TASSELLO NR

16 2 TP04806D PERNO NR

17 2 TP04807D RONDELLA NR

18 1 TP04980D PIASTRA ANTIROTAZIONE NR

19 1 TP05019D STAFFA PER CENTRATORE NR

20 2 TP05108D SUPPORTO RULLO NR

21 8 TP05733D DISTANZIALE NR

22 2 536269 CILINDRO COMPATTO NR 1 *

23 2 TS00791D CILINDRO COMPATTO NR


RACCORDO REGOLATORE
24 4 70600610 NR
DI FLUSSO

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 101/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Centratore con ripari PAA002226D

Pagina 9-R. 102/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.22. Parti di ricambio gruppo n. PAA002057D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 103/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Centratore su dosatore PAA002057D

Pagina 9-R. 104/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Centratore su dosatore PAA002057D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 2110200 BOCCOLA DIM.025*30*20 S.1193/25 NR 1 / *

2 7435/10E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1


TESTA A SNODO PER CILINDRO D=10
3 KJ10DM10*1,25 NR 1 / *
M10 1,25
4 SFERA ASKUBAL SFERA TESTA A SNODO ASKUBAL NR 1

5 SP00131D BARRA FILETTATA M5 NR 4

6 TP00958D DISTANZIALE NR 1

7 TP01038D FERMO PER RULLO NR 2

8 TP03910D TRAVERSA MOBILE NR 1

9 TP03911D TRAVERSA FISSA NR 1

10 TP03912D PIASTRA DI SCORRIMENTO NR 1

11 TP03913D PERNO NR 1

12 TP03925D DISCO NR 2

13 TP03941D COLONNETTA NR 1

14 TP04806D PERNO NR 2

15 TP04980D PIASTRA ANTIROTAZIONE NR 1

16 TP05019D STAFFA PER CENTRATORE NR 1

17 TP05108D SUPPORTO RULLO NR 2


CILINDRO ADN-32-10-A-P-A ADN-32-
18 536269 NR 2 / *
10-APA
19 TS00791D CILINDRO COMPATTO NR 2
RACCORDO REGOLATORE DI
20 70600610 NR 4
FLUSSO

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 105/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Centratore su dosatore PAA002057D

Pagina 9-R. 106/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.23. Parti di ricambio gruppo n. TA04169D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 107/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Rilevatore sbandamento T04169D

Pagina 9-R. 108/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Rilevatore sbandamento T04169D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità

1 TP00215D TUBO NR 1

2 TP00216D TASSELLO NR 2

3 TP00217D PIASTRINA MICRO NR 1

4 TP00218D BOCCOLA NR 2 4 *

5 TP00219D RULLO NR 2 4 **

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 109/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Rilevatore sbandamento T04169D

Pagina 9-R. 110/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.24. Parti di ricambio gruppo n. TA04177D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 111/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Rullo TA04177D

Pagina 9-R. 112/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Rullo TA04177D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 6002/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE1,784 NR 4 20 *

2 7435/15E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 2


RULLO D=42.4 TEFLONATO DOUBLE
3 TP00261D NR 1 3 *
BEARING

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 113/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Rullo TA04177D

Pagina 9-R. 114/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.25. Parti di ricambio gruppo n. PAA002365D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 115/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Leverismi pivot PAA002365D

Pagina 9-R. 116/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Leverismi pivot PAA002365D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 KA16D TESTA A SNODO MASCHIO D=16 M16 NR 2 / *
TESTA A SNODO MASCHIO SX D=16
2 KAL16D NR 2 / *
M16
3 MPL/B320P/MJ74AA MOTORE MPL-B320P-MJ74AA NR 1

4 PAP003619D ALBERO PER BASCULANTE NR 1

5 PAP003621D PIASTRA NR 1

6 PAP003622D PIASTRA FISSAGGIO KOYO NR 1

7 PAP003623D LEVA BASCULANTE NR 2

8 PAP003624D LEVA BASCULANTE NR 1

9 PAP003625D PERNO NR 2

10 SFERA ASKUBAL SFERA TESTA A SNODO ASKUBAL NR 4

11 SHZ47AQH100/3 RIDUTTORE SHZ47AQH100/3 M4/B NR 1

12 TP03298D RISCONTRO NR 2

13 TP08861D PERNO NR 4

14 TP08862D TIRANTE NR 2
SUPPORTO FLANGIA TONDA IN
15 UCFC206 NR 1 1 *
GHISA D=30 CON CENTRAGGIO D=80

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 117/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Leverismi pivot PAA002365D

Pagina 9-R. 118/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.26. Parti di ricambio gruppo n. PAA002856D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 119/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Paletta allineamento ranghi PAA002856D

Pagina 9-R. 120/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Paletta allineamento ranghi PAA002856D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 6364/A5*20 SPINA CILINDRICA TEMP./RETT. NR 1

2 CONNETTORE M8 CONNETTORE M8 FEMMINA NR 1


RIDUTTORE LPB070F-MF1-5-0D1 PER
MOTORE AB MPL-B320P ALBERO
3 CP05383D NR 1 1 **
MOT.D16LUB RIFICAZIONE
ALIMENTARE FDA
4 GN10935 DIN 39-ST-16-E IMPUGNATURA NR 1

5 HP30 TAPPO HP30 NR 1


TESTA A SNODO E SNODI SFERICI
6 KUA8 NR 1 1 *
MASCHIO D=8 M8
TESTA A SNODO E SNODI SFERICI
7 KUAL8 NR 1 1 *
MASCHIO SX D=8 M8
8 MPL/B320P/MJ74AA MOTORE MPL-B320P-MJ74AA NR 1

9 PAP004267D GUIDA NASTRO NR 2

10 PAP004268D PIASTRA NR 1

11 PAP004269D PIASTRA NR 1

12 PAP004270D PIASTRA NR 1

13 PAP004271D DISTANZIALE NR 2

14 PAP004272D PIASTRA NR 1

15 PAP004273D PIASTRINA NR 2

16 PAP004274D LEVA NR 1

17 PAP004275D LEVA NR 1

18 PAP004276D ALBERO NR 1

19 PAP004277D PIASTRA NR 1

20 PAP004278D DISTANZIALE NR 1

21 PAP004279D PALETTA NR 1

22 PAP004280D CORSOIO PER FTC NR 1

23 PAP004281D CORSOIO PER FTC NR 1

24 PAP004282D CORSOIO PER FTC NR 1

25 PAP004283D PIASTRA NR 1

26 PAP004284D VASCHETTA NR 1

27 PAP004285D STAFFA NR 1

28 PAP004285S STAFFA NR 1

29 PAP004286D STAFFA CATARIFRANGENTE NR 1

30 PAP006333D DISTANZIALE M8 DX SX NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 121/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Paletta allineamento ranghi PAA002856D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 TP05611D MORSETTO NR 3

32 TP07932D PIASTRINA DI RISCONTRO NR 2

33 TP08596D CANALINA PER GUIDA NR 1

34 TP08597D GUIDA NR 1

35 TP08664D MORSETTO FTC NR 2

36 TP08665D PIASTRINA NR 4

37 TP08672D DISTANZIALE NR 2

38 TP08686D MORSETTO PER FTC NR 1

39 TP08743D CORSOIO PER FTC NR 1

40 TP08744D SUPPORTO FTC NR 1

41 WL100L/F2231 FOTOCELLULA WL100L-F2231 NR 1

42 PL10F CATARIFRANGENTE PL 10F NR 1


SUPPORTO FLANGIA OVALE IN
43 UFL003 NR 2 1 *
ALLUMINIO D=17

Pagina 9-R. 122/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Paletta allineamento ranghi PAA002856D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 123/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 124/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.27. Parti di ricambio gruppo n. PAA002990D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 125/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Vomeri compattatori ranghi PAA002990D

Pagina 9-R. 126/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Vomeri compattatori ranghi PAA002990D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


MOLLA A GAS L=205,5 CORSA=06 0
1 94684 NR 2 1 *
F=800N
BOCCOLA COLLETTO DIM.20*25*30
2 2122000 NR 2 2 *
S.2533/20
3 541051 INTERRUTTORE DI SICUREZZA NR 1

4 541080 INTERRUTTORE DI SICUREZZA NR 1

5 6002/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE1,784 NR 4 / *

6 7437/32I ANELLO ELASTICO INTERNO NR 2

7 CP03110D AGGANCIO NR 1

8 CP03111D ANCORAGGIO NR 1
ATTREZZO DI SERRAGGIO MTC.320-
9 GGAS505 NR 1 1 *
T2X
10 CP03113D TIRANTE NR 1

11 23083 FISSAGGIO PER MOLLA A GAS NR 2


CINGH. HABIBLUE PUR 25X5 FDA
12 PUR 25X5/1285 CON GUIDA CENTRALE NR 2 1 ***
SV=1285VULCANIZZATO PVS6 6x4
13 JP00229D RASCHIETTO NR 1

14 JP00229S RASCHIETTO NR 1

15 MOLLA A GAS STE MOLLA A GAS STELO D8 NR 2

16 MPL/B320P/MJ72AA MOTORE MPL-B320P-MJ72AA NR 2

17 PAP004451D SPALLA PER VOMERE NR 1

18 PAP004451S SPALLA PER VOMERE NR 1

19 PAP004452D TRAVERSA PER VOMERI NR 1

20 PAP004453D COLONNETTA NR 1

21 PAP004453S COLONNETTA NR 1

22 PAP004454D TRAVERSA NR 1

23 PAP004455D SUPPORTO NR 1

24 PAP004456D PIASTRA MOTORE NR 2

25 PAP004457D RULLO MOTORE CON GOLA NR 2

26 PAP004458D DISTANZIALE NR 2

27 PAP004459D CORPO VOMERE NR 1

28 PAP004459S CORPO VOMERE NR 1

29 PAP004460D PULEGGIA CONDOTTA CON GOLA NR 2

30 PAP004461D PERNO NR 2

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 127/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Vomeri compattatori ranghi PAA002990D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 PAP004462D GUIDA NR 2

32 PAP004463D MORSETTO NR 2

33 PAP004464D DISTANZIALE NR 4

34 PAP004465D PIASTRA NR 2

35 PAP004466D TRAVERSINO NR 1

36 PAP004467D PATTINO NR 2

37 PAP004468D ALBERO NR 1

38 PAP004519D STAFFA NR 1

39 SP01034D COLONNA NR 2

Pagina 9-R. 128/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Vomeri compattatori ranghi PAA002990D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 129/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 130/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.28. Parti di ricambio gruppo n. PAA002630D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 131/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Nastro scarto PAA002630D

Pagina 9-R. 132/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Nastro scarto PAA002630D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 541051 INTERRUTTORE DI SICUREZZA NR 1

2 541080 INTERRUTTORE DI SICUREZZA NR 1


CUSCINETTO RAD. A SFERE d=20
3 6304/2RS1 NR 2 / *
D=52 S=15
4 6604/A6*6*50 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1

5 7435/20E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 2


NASTRO LARGH=300 SV=4250 DA
6 FAB5E300/4250 NR 1 / ***
ANELLO CHIUSO sp=1.3
7 PAP003948D DISTANZIALE NR 1

8 PAP003953D TELAIO NR 1

9 PAP003953S TELAIO NR 1

10 PAP003963D FIANCATA LATO MOTORE NR 1

11 PAP003964D FIANCATA NR 1

12 PAP003965D FLANGIA LATO MOTORE SEW NR 1

13 PAP003969D TUNNEL NR 1

14 PAP003980D MANIGLIONE NR 1

15 PAP003981D LAMIERA DI COPERTURA NR 2

16 PAP003982D GUIDA DI CONTENIMENTO NR 2

17 PAP003983D GUIDA NR 2

18 PAP003984D BANDELLA NR 2

19 SP01048D DISTANZIALE d=6.5 D=15 NR 4

21 TP02713D GUIDA NR 4

22 TP02934D TASSELLO NR 1

23 TP04343D COLONNETTA M6 NR 2

24 TP05820D MORSETTO NR 2

25 TP06173D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

26 TP06174D RASCHIETTO NR 1

27 TP06425D BLOCCHETTO NR 2

28 TP06435D RULLO GOMMATO MOTOR. NR 1 1 *

29 TP06436D FLANGIA NR 1

30 TP06438D ALBERO DIA 20 NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 133/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Nastro scarto PAA002630D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 TP06439D RULLO NR 1

32 TP06441D SPESSORE NR 1

33 TP07627D DISTANZIALE NR 2

34 TP07667D SOSTEGNO RUOTA NR 4

35 TP08035D DISTANZIALE NR 4

36 TP08441D STAFFA NR 1

37 TP08442D STAFFA NR 1

38 TP08716D STAFFA NR 4

39 TP09840D FIANCATINA SX NR 1

40 TP09844D CARTER NR 1

41 TP09845D DISTANZIALE NR 2

42 TP09846D FIANCATINA NR 1

43 TP09847D PIASTRA NR 2

44 TP09848D CARTER NR 2

45 TP09849D VASCHETTA NR 1

46 TP09851D COLONNETTA NR 4

47 TP09855D PIASTRINA NR 1

48 TS0000049 SFERA PRESSORE NR 1

49 RHOA-12.088.9002 MANIGLIA A SEZIONE OVALE NR 1

50 TS01466D RUOTA NR 4
SUPPORTO GIREVOLE M20 CON
51 25305 FB/FR NR 4
FORO
SUPPORTO FLANGIA OVALE IN
52 UFL005 NR 1 1 *
ALLUMINIO D=25
MOTORIDUTTORE 60Hz 480V P=
53 WAF30DRS71S4 0.37Kw i=19.5 n=71 giri/minP.MONT. M1 NR 1 1 **
A/SM 180OLIO ALIMENTARE H1

Pagina 9-R. 134/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Nastro scarto PAA002630D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 135/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 136/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.29. Parti di ricambio gruppo n. PAA002652D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 137/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Vasca raccolta scarti metal PAA002652D

Pagina 9-R. 138/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Vasca raccolta scarti metal PAA002652D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 1000-17 LINGUETTA H=18 NR 1 1 *
CHIUSURA 1/4 DI GIRO PRESA A
2 1000-U150 NR 1 1 *
FARFALLA CON CHIAVE
4 9203A/M5/8ZI RIVETTO TESTA SVASATA FINE M5 NR 8

3 48501 CMM.SST-40-SH-5 CERNIERA INOX NR 4

5 CMM.SST-PERNO PERNO CERNIERA NR 2

6 CONNETTORE M12 CONNETTORE M12 FEMMINA NR 1

7 PL30A CATARIFRANGENTE NR 1

8 SICK VL 18 FOTOCELLULA NR 1

9 SP00119D MORSETTO NR 2

10 TP02982D LINGUETTA NR 1

11 TP02983D DISTANZIALE NR 1

12 PAP004013D DISTANZIALE NR 1

13 PAP004012D TUNNEL NR 1

14 PAP004011D PORTA NR 1

15 PAP004010D TRAVERSINO NR 1

16 PAP004009D VASCA INTERNA RACCOLTA NR 1

17 TP05464D LAMIERA NR 2

18 TP05469D CARTER NR 1

19 PAP004008D TELAIO VASCA CONTAMINATI NR 1

20 PAP004015D PARATIA NR 1

21 PAP004017D PARATIA NR 1

22 10567 PIEDE DI SOSTEGNO CON BASE NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 139/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Vasca raccolta scarti metal PAA002652D

Pagina 9-R. 140/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.30. Parti di ricambio gruppo n. PAA002439D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 141/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Nastro uscita carrello PAA002439D

Pagina 9-R. 142/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Nastro uscita carrello PAA002439D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


CILINDRO COMPATTO ADNGF-25-5-P-
1 554229 NR 2 1 **
A
CUSCINETTO RAD. A SFERE d=12
2 6001/2RS1 NR 6 4 *
D=28 S=8
CUSCINETTO RAD. A SFERE d=17
3 6203/2RS1 NR 2 2 *
D=40 S=12
CUSCINETTO RAD. A SFERE d=4
4 624/2Z NR 6 4 *
D=13 S=5
CUSCINETTO RAD. A SFERE d=25
5 63005/2RS1 NR 2 2 *
D=47 S=16
6 6604/A6*6*20 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1

7 6604/A8*7*40 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1


MICROCUSCINETTO d=4 D=8 S=3 =8
8 684ZZ NR 24 20 *
S=3
9 7435/12E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 6

10 7435/17E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

11 7437/47I ANELLO ELASTICO INTERNO NR 1

12 CP02193D STELO NR 2

13 NIP/A2 INGRASSATORE A PRESSIONE NR 3

14 VD2 TAPPO DI CHIUSURA NR 3


NASTRO LARGH.250 Sv=2675 Sp.1.2
15 F5EXWT05 250/2675 NR 1 1 ***
AD ANELLO CHIUSO
16 GN.33434 PRESSORE A MOLLA GN 615.3-M8-K NR 2

17 GN10935 DIN 39-ST-16-E IMPUGNATURA FI NR 1


MANOPOLA ZIGRINATA DIN 6303-M8-
18 GN30173 NR 1 1 *
A-NI
19 GN33134 GN 615-M8-KSN PRESSORE FILETT NR 4
PERNO FOLLE A RULLINI D=30
20 KR30PP NR 2 2 *
M12x1,5
21 KRE30PP PERNO FOLLE ECCENTRICO NR 1 1 *

22 KWVE25BL CARRELLO KWVE 25-B-L NR 2 2 *

23 MPL/B320P/MJ72AA MOTORE MPL-B320P-MJ72AA NR 1

24 MR84ZZ MICROCUSCINETTO d=4 D=9 S=4 NR 36 15 *

25 PAL000148D KINDER CHOCOLATE NR 1

26 PAP003699D DISTANZIALE NR 1

27 PAP003700D LAMIERA DI COPERTURA NR 1

28 PAP003701D PIASTRA NR 1

29 PAP003702D FIANCATA NR 1

30 PAP003703D DEFLETTORE INTERNO NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 143/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Nastro uscita carrello PAA002439D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 PAP003704D CANALINA PER GUIDA LATERALE NR 1

32 PAP003705D GUIDA LATERALE MOBILE NR 1

33 PAP003729D SPALLA LATO ROTELLE NR 1

34 PAP003730D SPALLA LATO PATTINI NR 1

35 PAP003732D TRAVERSA NR 1

36 PAP003733D SOSTEGNO GUIDA NR 2

37 PAP003734D DEFLETTORE NR 1

38 PP09501D PIASTRINA NR 1

39 PP09502D PIASTRINA NR 1

40 PP09509D PERNO FILETTATO NR 1

41 PP09513D RULLO PIANO PER PENNA DIA 16 NR 1

42 PP09517D PIASTRINA NR 1

43 PP09525D RULLO D=40 NR 1 1 **

44 PP09527D ALBERO NR 1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
45 PS004/8/1 NR 12
S=1
47 TP00444D DISTANZIALE 25 30 NR 1

48 TP03681D DISTANZIALE NR 1
PULEGGIA L075 PER CINGHIA
49 TP05136D NR 1 1 *
TUTMOVE
50 TP05137D DISTANZIALE NR 1

51 TP06109D PERNO DIA 4 PER PENNA DIA 9 NR 2

52 TP06330D FLANGIA NR 1

53 TP06331D ALBERO DI RINVIO NR 1

54 TP06332D DISTANZIALE NR 1

55 TP06338D ALBERO NR 2

56 TP06339D RULLO INTERNO NASTRO D=33.4 NR 2

57 TP06340D TASSELLO NR 3

58 TP06341D PIASTRINA NR 3

59 TP06347D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

60 TP06348D RASCHIETTO NR 1

Pagina 9-R. 144/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Nastro uscita carrello PAA002439D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


61 TP06349D RULLO CONICO PER PENNA DIA 16 NR 2

62 TP06350D SUPPORTO PENNA DIA 16 NR 1

63 TP06351D TASSELLO LATERALE PENNA DIA 16 NR 1

64 TP06351S TASSELLO LATERALE PENNA DIA 16 NR 1

65 TP06352D SUPPORTO CENTRALE PENNA NR 2

66 TP06460D SUPPORTO TENDITORE NR 1

67 TP07717D RULLO DI COMANDO D=100 NR 1 1 *

68 TP07728D SQUADRETTA DI CONTENIMENTO NR 2

69 TP07733D PIASTRA MOTORE NR 1

70 TP07734D SPALLA PER MOTORIZZAZIONE NR 1

71 TP07735D PULEGGIA TUTMOVE Z=28 NR 1 1 *

72 TP07793D DISTANZIALE NR 2

73 TP08976D NERVATURA NR 2

74 TP08977D TASSELLO NR 1

75 TP08978D PIASTRINA NR 1

76 TP08979D TASSELLO PER VITE REGISTRO NR 2

77 TP08981D DEFLETTORE NR 1

78 TP08983D BANDELLA FISSAGGIO CILINDRI NR 1

79 TP08984D BANDELLA NR 1

80 TP10011D PIASTRA NR 1

81 TP10012D PIASTRA NR 1

82 TP10404D POMPA INGRASSAGGIO MANUALE NR 1 1 *

83 TS0000049 SFERA PRESSORE NR 2


CINGHIA DENTATA TUTMOVE 6mm
84 240L075 NR 1 2 ***
PASSO 3/8

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 145/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Nastro uscita carrello PAA002439D

Pagina 9-R. 146/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Nastro uscita carrello PAA002439D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 147/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Nastro uscita carrello PAA002439D

Pagina 9-R. 148/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.31. Parti di ricambio gruppo n. PAA002421D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 149/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Corpo carrello estraibile PAA002421D

Pagina 9-R. 150/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Corpo carrello estraibile PAA002421D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 174405 FLANGIA OSCILLANTE SNCL-40 NR 2

2 2110200 BOCCOLA DIM.025*30*20 S.1193/2 NR 1

3 2205E/2RS1 CUSCINETTO ORIENTABILE A SFERE NR 1

4 2207E/2RS1 CUSCINETTO ORIENTABILE A SFERE NR 1

5 2519VE20/60SH PUFFER FIL. MASCHIO D=25 H=19 NR 2

6 6002/2RS1 CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 20

7 6364/A6*24 SPINA CILINDRICA TEMP./RETT. NR 2

8 6364/A8*40 SPINA CILINDRICA TEMP./RETT. NR 1

9 6604/A8*7*50 LINGUETTA ARROTONDATA NR 1

10 67511 VOLANTINO A LOBI VC.254/40 B-M NR 1

11 684ZZ CUSCINETTO RAD. A SFERE d=4 D NR 204

12 7435/10E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

13 7435/12E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 2

14 7435/15E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 10

15 7435/25E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

16 7435/35E ANELLO ELASTICO ESTERNO NR 1

17 7437/72I ANELLO ELASTICO INTERNO NR 1

18 9203A/M5/8 RIVETTO TESTA SVASATA FINE M5 NR 4

19 BES M12 SENSORE BES M12 CON CONN NR 3

20 BES12BS1 STAFFA PER SENSORE M12 NR 1


BOCC. CIL. AUTOLUB. d=10 D=12
21 PAP1010P10 NR 2 2 *
L=10
NASTRO LARGH=1000 SV=1810
22 FAB5E1000/1835 NR 1 1 ***
Sp=1.3 AD ANELLO CHIUSO
23 1030/01 PROFILO PER VETRO L=1200 NR 1

24 GN.33433 PRESSORE A MOLLA GN 615.3-M8-K NR 1


TESTA A SNODO PER CILINDRO D=10
25 KJ10DM10*1,25 NR 3 / *
M10 1,25
26 MPL/x430P/MJ72AA MOTORE MPL-A/B430P-MJ72AA NR 1

27 PAP003440D TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

28 PAP003440S TASSELLO PENNA ESTREMITA NR 1

29 PAP003441D TRAVERSA NR 1

30 PAP003445D TRAVERSA NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 151/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Corpo carrello estraibile PAA002421D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


31 PAP003446D TASSELLO DI ESTREMITA NR 1

32 PAP003446S TASSELLO DI ESTREMITA NR 1

33 PAP003454D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

34 PAP003455D SUPPORTO RASCHIETTO NR 1

35 PAP003457S LAMA NR 1

36 PAP003707D TRAVERSA NR 2

37 PAP003708D DISTANZIALE FIANCATE NR 2

38 PAP003709D DISTANZIALE NR 1

39 PAP003713D RIPARO NR 1

40 PAP003714D PANNELLO INTERNO NR 1

41 PAP003715D SUPPORTO CASSETTO NR 1

42 PAP003716D CASSETTO NR 1

43 PAP003717D TAMPONE NR 2

44 PAP003718D MANIGLIONE NR 1

45 PAP003720D LAMIERA SOTTONASTRO NR 1

46 PAP003721D DISTANZIALE NR 1

47 PAP003722D RINFORZO ORIZZONTALE NR 1

48 PAP003723D STAFFA PER CATENA PORTACAVI NR 1

49 PAP003724D MANIGLIONE NR 1

50 PAP003725D PERNO PER BRACCIO DI REAZIONE NR 1

51 PAP003726D CASSETTA ELETTRICA NR 1

52 PAP003727D STAFFA NR 2

53 PAP003728D GUIDA PER ROTELLE NR 1

54 PAP003858D SCIVOLO NR 1

55 PAP003859D FIANCATA LATO ESTRAZ. NASTRO NR 1

56 PAP003860D FIANCATA LATO MOTORE NR 1

57 PAP003861D PARATIA NR 1

58 PAP003862D SUPPORTO NR 2

59 PAP003862S SUPPORTO NR 2

60 PAP003863D TRAVERSA NR 1

Pagina 9-R. 152/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Corpo carrello estraibile PAA002421D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


61 PAP003863S TRAVERSA NR 1

62 PAP003864D GUIDA CASSETTO NR 1

63 PAP003864S GUIDA CASSETTO NR 1

64 PAP003865D GUIDA LATERALE CARRELLO NR 2

65 PAP003866D VASCA NR 2

66 PAP003867D VASCA NR 1

67 PAP003868D SOSTEGNO CANALINA PORTACAVI NR 1


ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
68 PS004/8/1 NR 44
S=1
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
69 PS012/18/1 NR 2
S=1
70 SFERA ASKUBAL SFERA TESTA A SNODO ASKUBAL NR 3

71 SP00131D BARRA FILETTATA M5 NR 4

72 TKVD25/520 GUIDA LIN. TKVD25/520/20/20 NR 1 1 *

73 TL00156 FRECCIA PER LAYOUT NR 1

74 TP00215D TUBO NR 1

75 TP00216D TASSELLO NR 2

76 TP00217D PIASTRINA MICRO NR 1

77 TP00218D BOCCOLA NR 2

78 TP00219D RULLO NR 2

79 TP00220D PERNO NR 2

80 TP00322D RULLO D=42.4 TEFLONATO NR 4

81 TP00958D DISTANZIALE NR 1

82 TP01038D FERMO PER RULLO NR 2

83 TP02771D PIASTRINA CONTENIMENTO RULLO NR 2

84 TP03681D DISTANZIALE NR 1

85 TP03910D TRAVERSA MOBILE NR 1

86 TP03911D TRAVERSA FISSA NR 1

87 TP03912D PIASTRA DI SCORRIMENTO NR 1

88 TP03913D PERNO NR 1

89 TP03925D DISCO NR 2

90 TP03941D COLONNETTA NR 1

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 153/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Corpo carrello estraibile PAA002421D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


91 TP04806D PERNO NR 2

92 TP04836D SUPPORTO RULLO ESTERNO NR 2

93 TP04838D SUPPORTO RULLO NR 2

94 TP04920D COPERCHIO NR 2

95 TP04930D COLONNETTA NR 2

96 TP04935D FLANGIA NR 2

97 TP04969D ALBERO DI COLLEGAMENTO NR 1

98 TP04973D PERNO ATTACCO CIL. NR 2

99 TP04978D PERNO NR 1

100 TP04980D PIASTRA ANTIROTAZIONE NR 1

101 TP04995D LEVA NR 1

102 TP04995S LEVA NR 1

103 TP05019D STAFFA PER CENTRATORE NR 1

104 TP05108D SUPPORTO RULLO NR 2

105 TP05146D BOCCOLA FIPS NR 2

106 TP05356D STAFFA SENSORI NR 1

107 TP05488D SUPPORTO RUOTA NR 4

108 TP06178D RULLO PIANO PER PENNA DIA 16 NR 10

109 TP06180D TASSELLO DI ESTREMITA NR 5

110 TP06181D TASSELLO DI ESTREMITA NR 5

111 TP06183D DISTANZIALE NR 2

112 TP06184D PERNO NR 5

113 TP07658D PIASTRINA NR 2

114 TP07659D DISTANZIALE NR 6

115 TP07698D PERNO NR 6

116 TP07704D TASSELLO NR 5

117 TP07705D TASSELLO NR 6

118 TP07800D SOSTEGNO CASSETTA ELETTRICA NR 1

119 TP08345D TASSELLO PER MICRO NR 1

120 TP08534D FLANGIA LATO MOTORE NR 1

Pagina 9-R. 154/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Corpo carrello estraibile PAA002421D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


121 TP08791D BLOCCHETTO NR 2

122 TP08792D TASSELLO NR 1

123 TP08793D LEVA BLOCCAGGIO FIANCATE NR 1

124 TP08794D FORCELLA NR 1

125 TP08937D RULLO DI COMANDO DIA 100 NR 1

126 TP08938D FLANGIA MOTORIZZAZIONE NR 1

127 TP08939D FLANGIA LATO ESTRAZIONE NR 1

128 TP08940D FLANGIA LATO ESTRAZIONE NR 1

129 TP08992D FIANCATA CENTRALE NR 1

130 TP08994D DEFLETTORE NR 1

131 TP08996D DEFLETTORE NR 1

132 TP08997D PARATIA NR 1

133 TP08998D CARTER INFERIORE NR 1

134 TP09000D CARTER NR 1

135 TP09001D RINFORZO NR 1

136 TP09002D CARTER NR 1

137 TP09003D CARTER ANTERIORE NR 1

138 TP09004D LEXAN NR 1

139 TP09007D CONTROPIASTRA NR 1

140 TP09016D CARTER NR 1

141 TP09017D STAFFA NR 2

142 TP09018D CARTER NR 1

143 TS0000049 SFERA PRESSORE NR 1

144 TS00742D CILINDRO COMPATTO NR 2


CILINDRO ADN-40-50-A-P-A ADN-40-
145 536296 NR 2 1 *
50-A-P-A
146 7060 08 10 RACCORDO REGOLATORE FLUSSO NR 4

147 536269 CILINDRO COMPATTO NR 2

148 TS00791D CILINDRO COMPATTO NR 2

149 GN.27431 MANIGLIA NR 2


RACCORDO REGOLATORE DI
150 70600610 NR 4
FLUSSO

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 155/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Corpo carrello estraibile PAA002421D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


151 23603+FR SUPPORTO GIREVOLI ZETA + M40 NR 2

152 RHOA-12. MANIGLIA A SEZIONE OVALE NR 2

153 23678 SUPPORTO FISSO D=100 + M40 NR 2


TERMINALE PER CATENA
154 1025/34P NR 2
PORTACAVI
CATENA PORTACAVI E2 MINI
155 B15i/025/100 NR 1 1 *
SVILUPPO 671 mm 22 PASSI
156 1030/04 GOMMA DI BLOCCAGGIO L=1200 NR 1

157 624/2RS CUSCINETTO RAD. A SFERE NR 20

158 SA47TAQA100/4 RIDUTTORE SA47TAQA100/4 M1/B NR 1

Pagina 9-R. 156/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Corpo carrello estraibile PAA002421D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 157/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Corpo carrello estraibile PAA002421D

Pagina 9-R. 158/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

9.32. Parti di ricambio gruppo n. PAA002050D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 159/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Gruppo pivot PAA002050D

Pagina 9-R. 160/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Gruppo pivot PAA002050D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


1 PAA002050D0000 GRUPPO PIVOT Ln=1000 NR 5

2 PAP003680D LAMIERA SCORRIM. NASTRO NR 5

4 PAP003684D FIANCATA PIVOT NR 5

3 PAP003685D FIANCATA PIVOT NR 5

5 PAP003686D RETE NR 5

6 PAP003910D TRAVERSA NR 5

7 PIASTRINA CONTENIMENTO RULLO NR 10

8 TRAVERSINO SOSTEGNO LAMIERE NR 10

9 SUPPORTO TRAVERSINO NR 20

10 SUPPORTO RULLO ESTERNO NR 10

11 SUPPORTO RULLO NR 10

12 SUPPORTO RULLO NR 10

13 PIASTRINA CONTENIMENTO RULLO NR 10

14 TP07751D RULLO NR 5

15 TP07752D ALBERO DIA 20 NR 5

16 FLANGIA NR 10

17 PERNO NR 10

18 PIASTRA NR 10

19 BOCCOLA FIPS NR 10 2 *

20 TASSELLO NR 10

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 161/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Descrizione N. Tavola

Gruppo pivot PAA002050D

Pos. Codice Descrizione U.M. Qtà Q.c. Priorità


CUSCINETTO RAD. A SFERE d=20
21 6304/2RS1 NR 10
D=52 S=15
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
22 PS035/45/0,5 NR 5
S=00,5
ANELLO DI SPESSORAMENTO PS
23 PS32/45/0,5 NR 25
S=00,5
ANELLO ELASTICO ESTERNO PER
24 7435/20E NR 10
ALBERI
ROSETTA ELASTICA SPACCATA TIPO
25 1751/B6 NR 10
B ZN B
VITE TE GAMBO PARZ.FILETTATO
26 5737M6 30P NR 70
ZN/B
VITE TE GAMBO PARZ.FILETTATO
27 5737M6*35P NR 10
ZN/B
VITE TE GAMBO PARZ.FILETTATO ZN
28 5737M8 50P NR 20
B
29 5739M10 30 VITE TE GAMBO INT.FILETTATO ZN B NR 20

30 5739M6 12 VITE TE GAMBO INT.FILETTATO ZN B NR 20

31 5739M6 14 VITE TE GAMBO INT.FILETTATO ZN B NR 20

32 5739M6 20 VITE TE GAMBO INT.FILETTATO ZN B NR 20

33 5739M8 30 VITE TE GAMBO INT.FILETTATO ZN B NR 40


VITE TCEI GAMBO INT.FILETTATO ZN
34 5931M6 16 NR 20
B
VITE TSPEI GAMBO INT.FILETTATO
35 5933M4 10 NR 15
ZN B
VITE TSPEI GAMBO INT.FILETTATO
36 5933M4 12 NR 15
ZN B
VITE TSPEI GAMBO INT.FILETTATO
37 5933M6 20 NR 30
ZN B
38 6592/10 ROSETTA PIANA ZN/B NR 20

39 6592/6 ROSETTA PIANA ZN/B NR 130

40 6592/8 ROSETTA PIANA ZN/B NR 60

Pagina 9-R. 162/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 9-R
Impianto Distribuzione Ranghi

Descrizione N. Tavola

Gruppo pivot PAA002050D

Revisione 00 – GEN-2014 Pagina 9-R. 163/164


Capitolo 9-R
MANUALE DI ISTRUZIONE Parti di ricambio

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 9-R. 164/164 Revisione 00 – GEN-2014


Capitolo 10
Impianto distribuzione ranghi

CAPITOLO 10

CAMBIO FORMATO

Sommario
10.1. Cambio formato ................................................................................................................................ 3

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 10. 1/4


Capitolo 10
MANUALE DI ISTRUZIONE Cambio formato

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 10. 2/4 Revisione 00 – GEN - 2014


Capitolo 10
Impianto distribuzione ranghi

10.1. Cambio formato

La macchina oggetto della presente documentazione tecnica non prevede operazioni di cambio
formato.

Revisione 00 – GEN - 2014 Pagina 10. 3/4


Capitolo 10
MANUALE DI ISTRUZIONE Cambio formato

Pagina lasciata volutamente bianca

Pagina 10. 4/4 Revisione 00 – GEN - 2014