Sei sulla pagina 1di 14

Pronti...

via classe quinta TOMO l

UNITÀ A
Il bilancio d’esercizio: Dalla Situazione contabile finale
Tutorial
significato e formazione al bilancio d’esercizio

ESERCIZIO
Al 31/12/n – dopo le scritture di assestamento – la S.p.A. Alfa presenta la seguente Situazione
contabile, suddivisa nell’area patrimoniale e in quella economica:
Situazione contabile – Area patrimoniale
Attività Passività
Fabbricati 200.000 Debiti v/ fornitori 113.000
Impianti 150.000 Debiti v/ Istituti di previdenza 38.000
Arredamento 50.000 Erario c/ ritenute operate 15.000
Attrezzature commerciali 70.000 Ratei passivi 1.900
Costi d’impianto 7.000 Fornitori c/ fatture da ricevere 22.000
Crediti v/ clienti 145.000 Fondo rischi su crediti 3.000
Risconti attivi 7.420 Fondo ammortamento fabbricati 54.000
Clienti c/ fatture da emettere 80.000 Fondo ammortamento impianti 35.000
Cambiali attive 12.000 Fondo ammortamento arredamento 33.600
Magazzino merci 55.000 Fondo amm. attrezzature commerciali 44.000
Crediti per Iva 1.200 Fondo ammortamento costi d’impianto 4.200
Titoli in portafoglio 19.800 Mutui passivi 45.000
Disaggio su prestiti 5.000 Prestiti obbligazionari 100.000
Banca c/c attivi 11.120 Debiti per TFR 19.000
Denaro in cassa 5.000 Debiti per imposte sul reddito 20.000
Ratei attivi 1.800 Capitale sociale 200.000
Riserva legale 30.000
Riserva statutaria 18.000
Utile dell’esercizio 24.640
Totale attività 820.340 Totale passività 820.340

Situazione contabile – Area economico-reddituale


Componenti negativi Componenti positivi
Merci c/ acquisti 512.500 Merci c/ vendite 780.000
Costi per servizi 76.580 Resi su acquisti 5.000
Spese bancarie diverse 30 Utile su titoli 150
Fitti passivi 2.000 Merci c/ rimanenze finali 55.000
Salari e stipendi 80.000 Interessi attivi su titoli 2.000
Oneri sociali 30.000 Costruzioni interne 50.000
Resi su vendite 2.000 Interessi attivi bancari 1.500
Merci c/ esistenze iniziali 50.000 Plusvalenze ordinarie 6.000
Interessi passivi su mutui 4.900 Sopravvenienze attive 8.000
Svalutazione crediti 3.000
Ammortamento fabbricati 14.000
Ammortamento disaggio su prestiti 1.500
Interessi passivi su obbligazioni 6.000
Ammortamento impianti 25.000
Ammortamento arredamento 13.600
F Mondadori Education

Ammortamento attrezzature commerciali 24.000


Ammortamento costi d’impianto 1.400
Minusvalenze ordinarie 7.500
Trattamento di fine rapporto 9.000
Imposte sul reddito d’esercizio 20.000
Totale componenti negativi 883.010
Utile dell’esercizio 24.640
Totale a pareggio 907.650 Totale componenti positivi 907.650

1/5 Esercizi commentati Il bilancio d’esercizio: significato e formazione


Limitandoti per semplicità ai valori dell’esercizio n, redigi il bilancio d’esercizio secondo le dispo-
sizioni civilistiche, tenendo presente quanto segue:
n i titoli rappresentano investimenti a breve termine effettuati dall’azienda per impiegare tempora-
nee eccedenze di liquidità;
n tra i crediti v/ clienti, euro 10.000 hanno scadenza superiore ai 12 mesi;
n i mutui passivi sono rimborsabili a quote capitali annue costanti di euro 5.000;
n i prestiti obbligazionari sono stati emessi nell’esercizio n  2 e sono rimborsabili in 6 anni a quo-
te costanti, a partire dall’anno n  1.

Presenta poi lo stralcio della Nota integrativa riguardante i movimenti intervenuti nelle immobiliz-
zazioni relativamente agli impianti, tenuto conto che:
n sono stati costruiti impianti in economia per euro 30.000;
n sono stati ceduti impianti per euro 40.000 ammortizzati per il 60%;
n il valore iniziale degli impianti era pari a euro 120.000.
F Mondadori Education

2/5 Esercizi commentati Il bilancio d’esercizio: significato e formazione


SVOLGIMENTO
Le Immobilizzazioni sono
esposte al netto dei relativi Bilancio d’esercizio della S.p.A. Alfa
fondi di ammortamento.
Stato patrimoniale

Attivo Passivo
A) CREDITI V/ SOCI  A) PATRIMONIO NETTO

B) I – capitale 200.000
t

IMMOBILIZZAZIONI
I Immobilizzazioni immateriali  IV – riserva legale 30.000
1) costi d’impianto e di ampliamento 2.800 V – riserva statutaria 18.000
Totale 2.800 IX – utile dell’esercizio 24.640

II Immobilizzazioni materiali Totale 272.640


1) terreni e fabbricati 146.000 B) FONDI RISCHI E ONERI 
2) impianti e macchinari 115.000
3) attrezzature industriali e commerciali 26.000 C) TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO 19.000
4) altri beni 16.400
Totale 303.400 D) DEBITI 
1) obbligazioni 100.000

s
III Immobilizzazioni finanziarie  di cui euro 75.000 esigibili oltre l’esercizio
Totale immobilizzazioni (B) 306.200 successivo
C) ATTIVO CIRCOLANTE 4) debiti verso banche (per mutui) 45.000
I Rimanenze di cui euro 40.000 esigibili oltre l’esercizio
4) prodotti finiti e merci 55.000 successivo
7) debiti verso fornitori 135.000
Totale 55.000 12) debiti tributari 35.000

s
II Crediti 13) debiti verso Istituiti di previdenza 38.000
1) verso clienti 234.000 Totale
t

353.000
di cui euro 10.000 esigibili oltre l’esercizio successivo
4-bis) crediti tributari 1.200
Totale 235.200 E) RATEI E RISCONTI 1.900

III Attività finanziarie che non costituiscono


immobilizzazioni
6) altri titoli 19.800
Totale 19.800 I debiti tributari includono i saldi
dei conti DEBITI PER IMPOSTE
IV Disponibilità liquide
e ERARIO C/ RITENUTE OPERATE.
1) depositi bancari e postali 11.120
3) denaro e valori in cassa 5.000
Totale 16.120
Totale attivo circolante (C) 326.120
D) RATEI E RISCONTI 14.220
di cui euro 5.000 disaggio su prestiti
Totale attivo 646.540 Totale passivo 646.540

Nella voce Crediti v/ clienti sono incluse Poiché il prestito è rimborsato in 6 anni a partire dall’anno n  1, al 31/12/n restano da
anche le cambiali attive e le fatture da rimborsare 4 quote annuali, delle quali 3 scadono oltre l’esercizio successivo. Quindi:
emettere; il valore iscritto in bilancio è al euro (100.000 : 4) ¼ euro 25.000 quota annua
netto del fondo rischi su crediti. euro (25.000  3) ¼ euro 75.000 oltre l’esercizio successivo
F Mondadori Education

3/5 Esercizi commentati Il bilancio d’esercizio: significato e formazione


Conto economico
A) VALORE DELLA PRODUZIONE
I ricavi sono al netto dei resi su vendite:
1) ricavi delle vendite e delle prestazioni 778.000

t
euro (780.000  2.000) = euro 778.000
4) incrementi di immobilizzazioni per lavori interni 50.000
5) altri ricavi e proventi 6.000
Totale A 834.000

I costi di acquisto sono al netto dei resi B) COSTI DELLA PRODUZIONE


a fornitori:
t
6) per merci, materie sussidiarie e di consumo 507.500
euro (512.500  5.000) ¼ euro 507.500
7) per servizi 76.610
8) per godimento beni di terzi 2.000
9) per il personale:
a) salari e stipendi 80.000
b) oneri sociali 30.000
c) trattamento di fine rapporto 9.000
10) ammortamenti e svalutazioni:
a) ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali 1.400
b) ammortamenti delle immobilizzazioni materiali 76.600
d) svalutazione dei crediti 3.000
Vi è un incremento delle rimanenze
11) variazione delle rimanenze di materie prime, sussidiarie,
t

(RF  EI) che si iscrive con segno ‘‘meno’’


di consumo e merci  5.000
14) oneri diversi di gestione 7.500
Totale B 788.610

Differenza tra valore e costi della produzione (A-B) 45.390


C) PROVENTI E ONERI FINANZIARI
16) altri proventi finanziari
Sono gli interessi su titoli e gli utili
c) da titoli iscritti nell’attivo circolante che non costituiscono partecipazioni 2.150
t

su titoli.
d) proventi diversi dai precedenti 1.500
17) interessi e altri oneri finanziari  12.400
t

Questa voce comprende gli interessi Totale (1617)  8.750


passivi e la quota di ammortamento del
disaggio. D) RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITÀ FINANZIARIE 
E) PROVENTI E ONERI STRAORDINARI
20) proventi straordinari 8.000
Totale 8.000

Risultato prima delle imposte 44.640


22) imposte dell’esercizio 20.000
23) utile dell’esercizio 24.640
F Mondadori Education

4/5 Esercizi commentati Il bilancio d’esercizio: significato e formazione


Nota integrativa

Movimenti intervenuti nelle immobilizzazioni materiali

Impianti e
Descrizione
macchinari
Fondo ammortamento al 31/12/n 35.000 Costo originario 120.000
 ammortamento esercizio n  25.000  Fondo ammortamento  34.000

t
þ storno fondo per cessione 24.000
Valore di bilancio al 31/12/n  1 86.000
Fondo ammortamento all’1/1 34.000 Acquisizioni dell’esercizio n þ 40.000

t
Costi patrimonializzati per lavori interni þ 30.000
Cessioni dell’esercizio n  16.000
Ammortamento dell’esercizio n  25.000
Valore di bilancio al 31/12/n 115.000

Il valore delle acquisizioni può essere calcolato determinando prima il valore finale che sarebbe risultato in
mancanza di acquisizioni, dato dalla seguente somma algebrica:
(86.000 þ 30.000  16.000  25.000) ¼ euro 75.000
Poi, dato che il valore finale delle immobilizzazioni è pari a euro 115.000, si deduce che nel corso dell’anno
n ne sono state acquisite per: euro (115.000  75.000) ¼ euro 40.000.
F Mondadori Education

5/5 Esercizi commentati Il bilancio d’esercizio: significato e formazione


Pronti... via classe quinta TOMO l

UNITÀ B
Le analisi di bilancio Tutorial
per indici Dagli indici agli schemi sintetici di bilancio

ESERCIZIO
Dall’analisi del bilancio della Assamat S.p.A. sono emersi i seguenti indicatori:
n Indice di autonomia finanziaria 0,35
n Indice di elasticità degli impieghi 0,25
n Capitale circolante netto  760.000
n ROE 3,76%
n ROI 4,30%
n ROS 3,58%

Costruisci gli schemi sintetici dello Stato patrimoniale e del Conto economico sapendo che:
n il capitale proprio ammonta a euro 1.330.000, di cui euro 1.000.000 è il capitale sociale
n la variazione delle rimanenze di prodotti finiti e gli altri ricavi caratteristici da iscrivere nel Valo-
re della produzione ammontano complessivamente a euro 100.000
n tra i Costi della produzione non sono presenti valori extracaratteristici
n la differenza tra i Proventi e gli Oneri finanziari è negativa ed è pari a euro 80.400
n le imposte ammontano a euro 33.000

SVOLGIMENTO
1. Noti il capitale proprio e l’indice di autonomia finanziaria si determina il totale delle fonti di fi-
nanziamento:
Capitale proprio
Autonomia finanziaria ¼ ¼ 0,35
s

Totale finanziamenti
0,35 corrisponde al 35%

Si imposta la seguente proporzione:


100 : 35 ¼ x1 : 1:330:000
s

da cui: x1 ¼ euro 3:800:000 Totale fonti di finanziamento

A un totale fonti di 100 corrisponde un capitale proprio di 35.


A quanto ammonta il totale dei finanziamenti se il capitale proprio è di euro 1.330.000?

2. Noti il capitale investito e l’indice di elasticità degli impieghi si determina l’attivo corrente:
Attivo corrente
Elasticità degli impieghi ¼ ¼ 0,25
s

Capitale investito
F Mondadori Education

Il Capitale investito corrisponde al totale


finanziamenti, ovvero euro 3.800.000

Si imposta la seguente proporzione:

100 : 25 ¼ 3:800:000 : x2 da cui x2 ¼ euro 950.000 Attivo corrente

1/3 Esercizi commentati Le analisi di bilancio per indici


3. Noti il capitale investito e l’attivo corrente si determina l’attivo immobilizzato:
euro (3.800.000  950.000) ¼ euro 2.850.000 Attivo immobilizzato

4. Noti il capitale circolante netto e l’attivo corrente si determina il passivo corrente:


760:000 ¼ 950:000  x3 da cui x3 ¼ euro 1.710.000 Passivo corrente

s
Dato che il Ccn è negativo, l’importo del Passivo
corrente supera quello dell’Attivo corrente

5. Noti il totale delle fonti di finanziamento, il capitale proprio e il totale del passivo corrente si de-
termina l’importo delle passività consolidate:
x4 ¼ euro (3.800.000  1.330.000  1.710.000) ¼ euro 760.000 Passività consolidate

6. Noti il capitale proprio e il ROE si determina il reddito netto d’esercizio:


Reddito netto d’esercizio
ROE ¼ ¼ 3,76%
Capitale proprio
100 : 3,76 ¼ 1:330:000 : x5

s
x5  euro 50.000 Utile netto

A un capitale proprio di 100 corrisponde un reddito netto d’esercizio di 3,76.


Dato un Capitale proprio di euro 1.330.000, a quanto ammonta il Reddito netto?

7. Noti il capitale investito e il ROI si determina il reddito operativo:


Reddito operativo
ROI ¼ ¼ 4,30%
Capitale investito
100 : 4,30 ¼ 3:800:000 : x6
s
x6 ¼ euro 163.400 Reddito operativo

A ogni 100 euro di capitale investito corrisponde un reddito operativo di 4,30. Dato un
capitale investito di euro 3.800.000, a quanto ammonta il reddito operativo?

8. Noti il reddito operativo e il ROS si determinano i ricavi netti di vendita:


Reddito operativo
ROS ¼ ¼ 3,58%
Ricavi netti di vendita
100 : 3,58 ¼ x7 : 163:400 x7  euro 4.560.000 Ricavi netti di vendita

9. Si determinano ora gli altri valori per completare lo schema sintetico del Conto economico.

x8 ¼ euro (4.560.000 þ 100.000) ¼ euro 4.660.000 Totale A


s

Il Valore della produzione si ottiene sommando ai ricavi di vendita l’importo della variazione
delle rimanenze dei prodotti finiti e degli altri ricavi caratteristici, fornito dal testo.

x9 ¼ euro (4.660.000  163.400) ¼ euro 4.496.600 Totale B


s

Il totale dei Costi della produzione si trova sottraendo al Totale A il Reddito operativo, fatto
F Mondadori Education

coincidere con la differenza (A  B) (per ipotesi iniziale, tra i costi della produzione non vi
sono oneri extracaratteristici).

x10 ¼ euro (50.000 þ 33.000) ¼ euro 83.000 Utile lordo prima delle imposte
s

L’Utile netto è dato dalla differenza tra l’Utile lordo e le imposte; conseguentemente l’Utile
lordo è la somma tra l’Utile netto e le imposte

2/3 Esercizi commentati Le analisi di bilancio per indici


Stato Patrimoniale riclassificato: schema sintetico
Impieghi Fonti
Attivo corrente 950.000 Passivo corrente 1.710.000
Attivo immobilizzato 2.850.000 Passività consolidate 760.000
Capitale proprio 1.330.000

s
Capitale investito 3.800.000 Totale fonti 3.800.000

Il Capitale proprio è formato dal Capitale sociale di euro 1.000.000 e da riserve per euro 330.000
(compresa la quota dell’utile dell’esercizio da accantonare in sede di riparto)

Conto economico: schema sintetico


Valore della produzione (Totale A) 4.660.000
Costi della produzione (Totale B) 4.496.600
t

Reddito operativo (A - B) 163.400


Risultato della gestione finanziaria  80.400
Reddito al lordo delle imposte 83.000
Imposte sul reddito 33.000
Reddito netto d’esercizio 50.000

Per rielaborare il Conto economico a valore aggiunto si dovrebbe suddividere il Totale B tra: Costi delle
materie consumate, Costo dei servizi consumati, Costo del personale, Ammortamenti e Accantonamenti
F Mondadori Education

3/3 Esercizi commentati Le analisi di bilancio per indici


Pronti... via classe quinta TOMO l

UNITÀ C
Il reddito d’impresa Tutorial
e il calcolo delle imposte Variazioni fiscali e calcolo dell’IRES e dell’IRAP

ESERCIZIO
Sulla base dei seguenti dati, determina, con riferimento alla S.p.A. Civard & C., un’impresa indu-
striale che occupa 10 dipendenti a tempo indeterminato, il carico fiscale (IRES e IRAP) nonché il
saldo imposte da versare.

Valore della produzione 650.000


Costi della produzione 320.000
Risultato prima delle imposte 290.000
Proventi su partecipazioni (dividendi) 14.000
Svalutazione crediti 2% dei crediti commerciali,
che ammontano a euro 145.000
Fondo rischi su crediti pre-assestamenti 4.500
Ammortamento impianti 20% di 300.000
Coefficiente fiscale di ammortamento degli impianti 15%
Plusvalenze realizzate nell’esercizio (rateizzate nel periodo
massimo consentito) 22.000
Plusvalenze realizzate nell’esercizio precedente e rateizzate
in 5 anni 35.000
Costi del personale non deducibili ai fini IRAP 180.000
Costi per collaborazioni a progetto 12.000
Compensi agli amministratori non ancora pagati
(gli amministratori sono ‘‘non professionisti’’) 10.800
Interessi attivi bancari 4.200
Acconti IRES dell’esercizio 45.524
Acconti IRAP dell’esercizio 13.340
IRAP deducibile dall’imponibile IRES riferibile alle spese
per il personale 12.200
F Mondadori Education

1/3 Esercizi commentati Il reddito d’impresa e il calcolo delle imposte


SVOLGIMENTO
Poiché sono percepiti da
una società di capitali, i Determinazione delle variazioni fiscali
dividendi non concorrono 1. Proventi su partecipazioni

t
a formare il reddito per il
95% del loro ammontare. euro (14.000  95%) ¼ euro 13.300 variazione in diminuzione del reddito fiscale
2. Svalutazione dei crediti commerciali
Poiché è inferiore al 5% di
4:500 : 145:000 ¼ x : 100 oltre lo 0,50%, la svaluta-
da cui: x ¼ euro 3,10% livello percentuale del fondo esistente zione fiscalmente ammessa

s
è pari allo 0,50% dei crediti
euro ð145:000  0,50%Þ ¼ euro 725 svalutazione fiscalmente ammessa di natura commerciale.

svalutazione crediti iscritta in bilancio euro 2.900


 svalutazione fiscalmente ammessa euro 725
variazione in aumento del reddito fiscale euro 2.175

3. Ammortamento degli impianti


ammortamento iscritto in bilancio euro 60.000

ss
20% di 300.000
 ammortamento fiscalmente ammesso euro 45.000 15% di 300.000
variazione in aumento del reddito fiscale euro 15.000

4. Rateizzazione delle plusvalenze realizzate nell’esercizio


euro (22.000 : 5) ¼ euro 4.400 quota annua di plusvalenza
euro 4.400 ¼ variazione in aumento del reddito fiscale
euro 22.000 ¼ variazione in diminuzione del reddito fiscale
La variazione in diminu-
zione per l’intero ammon-
tare della plusvalenza è
5. Rateizzazione della plusvalenza realizzata nell’esercizio precedente
euro (35.000 : 5) ¼ euro 7.000 quota annua ¼ variazione in aumento del reddito fiscale
t

già stata conteggiata nella


precedente dichiarazione
dei redditi. 6. Compensi liquidati agli amministratori ma non pagati
euro 10.800 ¼ variazione in aumento del reddito fiscale
s
I compensi agli amministratori costituiscono una variazione in aumento del reddito fiscale perché
sono deducibili per cassa e non per competenza. Saranno pertanto deducibili nell’esercizio in cui
verranno pagati.

Calcolo del reddito fiscale, dell’imponibile IRES e dell’imposta dovuta e da versare


Utile al lordo delle imposte euro 290.000
Variazioni in aumento
Svalutazione dei crediti euro 2.175
Ammortamenti non deducibili euro 15.000
Quota della plusvalenza rateizzata nell’esercizio euro 4.400
Plusvalenze rateizzate nell’esercizio precedente euro 7.000
Compensi agli amministratori euro 10.800 euro þ 39.375
euro 329.375
F Mondadori Education

Variazioni in diminuzione
Storno dell’intera plusvalenza realizzata nell’esercizio euro 22.000
Importo non deducibile dei dividendi euro 13.300
Quota dell’IRAP pagata nell’esercizio riferibile alle spese
per il personale euro 12.200 euro  47.500
Reddito fiscale e imponibile IRES euro 281.875

2/3 Esercizi commentati Il reddito d’impresa e il calcolo delle imposte


euro (281.875  27,50%) ¼ euro 77.516 IRES dovuta per l’esercizio n
IRES dovuta per l’esercizio n euro 77.516
20% degli interessi  ritenuta d’acconto su interessi bancari euro 840

t
attivi bancari  acconto IRES versato euro 45.524 euro 46.364
Saldo IRES da versare euro 31.152

Calcolo dell’imponibile IRAP e dell’imposta dovuta e da versare


Differenza tra valore e costo della produzione euro 330.000
þ costi non deducibili:
n compensi per collaborazioni a progetto euro 12.000
n svalutazione dei crediti euro 2.900
n compenso amministratori non professionisti euro 10.800
n costi del personale non deducibili euro 180.000 euro 205.700
Base imponibile al lordo delle deduzioni euro 535.700
 deduzione per lavoro dipendente (7.500  10) euro 75.000
Base imponibile IRAP euro 460.700

euro (460.700  3,90%) ¼ euro 17.967 IRAP dovuta


Percentualmente il carico fiscale è
euro (17.967  13.340) ¼ euro 4.627 IRAP da versare pari a:
euro (77.516 þ 17.967) ¼ euro 95.483 carico fiscale

s
95:483
 100 ¼ 32,93%
290:000
F Mondadori Education

3/3 Esercizi commentati Il reddito d’impresa e il calcolo delle imposte


Pronti... via classe quinta TOMO l

UNITÀ D
Strategie, pianificazione Tutorial
strategica e Calcolo del costo industriale e analisi
programmazione aziendale degli scostamenti

ESERCIZIO
Un’impresa ha prodotto gli articoli A01, B02 e C03. Alle tre produzioni sono stati imputati i seguenti
costi diretti:

Codice Materia prima Mano d’opera diretta


A01 euro 20.000 euro 3.000
B02 euro 50.000 euro 5.000
C03 euro 30.000 euro 2.000

La produzione è stata attuata in tre reparti dove sono stati localizzati i seguenti costi:

Reparto Articoli prodotti Totale costi Base di riparto


o
1 A01, B02, C03 euro 14.000 Costo della materia prima
o
2 B02 euro 5.000
o
3 A01, B02, C03 euro 12.000 Costo della mano d’opera diretta

Determina il costo di ciascun lotto di produzione.

Considerando poi che il volume di produzione effettivo è coinciso con quello standard, ovvero
1.000 unità, procedi all’analisi dello scostamento relativo alla materia prima imputata all’ articolo
A01 sulla base dei seguenti dati:

Valori standard unitari Valori effettivi unitari


Coefficiente di impiego kg 4,80 kg 5
Prezzo unitario euro 3,90 euro 4,00

SVOLGIMENTO
1. Determinazione del costo primo
s

Il costo primo è dato dalla somma di tutti i costi imputati


direttamente, ovvero materie prime e mano d’opera diretta
F Mondadori Education

Costi A01 B02 C03


Materia prima euro 20.000,00 euro 50.000,00 euro 30.000,00
Mano d’opera diretta euro 3.000,00 euro 5.000,00 euro 2.000,00
Costo primo euro 23.000,00 euro 55.000,00 euro 32.000,00

1/3 Esercizi commentati Strategie, pianificazione strategica e programmazione aziendale


2. Riparto dei costi indiretti

s
È necessario ripartire i costi del 1o e del 3o reparto in quanto
tutto il costo del reparto 2o è imputato solo ai prodotti B02

Riparto dei costi localizzati nel 1o reparto

s
I costi del 1o reparto sono suddivisi tra i tre lotti in funzione
del costo della materia prima

14:000
¼ 0,14 coefficiente di imputazione
20:000 þ 50:000 þ 30:000

0,14  20.000 euro 2.800,00 costi del 1o reparto imputati all’articolo A01
0,14  50.000 euro 7.000,00 costi del 1o reparto imputati all’articolo B02
0,14  30.000 euro 4.200,00 costi del 1o reparto imputati all’articolo C03
Totale costi del 1o reparto euro 14.000,00

Riparto dei costi localizzati nel 2o reparto

s
I costi del 2o reparto sono suddivisi tra i tre lotti in funzione
del costo della mano d’opera diretta

12:000
¼ 1,2 coefficiente di imputazione
3:000 þ 5:000 þ 2:000

1,2  3.000 euro 3.600,00 costi del 3o reparto imputati all’articolo A01
1,2  5.000 euro 6.000,00 costi del 3o reparto imputati all’articolo B02
1,2  2.000 euro 2.400,00 costi del 3o reparto imputati all’articolo C03
Totale costi del 3º reparto euro 12.000,00

3. Determinazione del costo industriale


s

La configurazione di costo industriale comprende i costi


diretti e i costi indiretti industriali

Costi A01 B02 C03


Materia prima euro 20.000,00 euro 50.000,00 euro 30.000,00
Mano d’opera diretta euro 3.000,00 euro 5.000,00 euro 2.000,00
Costo primo euro 23.000,00 euro 55.000,00 euro 32.000,00
Reparto 1o euro 2.800,00 euro 7.000,00 euro 4.200,00
Reparto 2o euro 0,00 euro 5.000,00 euro 0,00
Reparto 3o euro 3.600,00 euro 6.000,00 euro 2.400,00
Costo industriale euro 29.400,00 euro 73.000,00 euro 38.600,00
F Mondadori Education

2/3 Esercizi commentati Strategie, pianificazione strategica e programmazione aziendale


4. Analisi dello scostamento relativo alla materia prima imputata al lotto A01

s
Lo scostamento si trova dal confronto tra il costo standard e il costo effettivo della
materia prima

unità 1.000  kg 4,8  euro 3,9 ¼ euro 18.720 costo totale standard della materia prima
unità 1.000  kg 5,0  euro 4,0 ¼ euro 20.000 costo totale effettivo della materia prima
euro  1.280 scostamento sfavorevole della materia prima
s

Poiché la produzione effettiva è coincisa con


quella preventivata, lo scostamento complessivo
va scisso in scostamento di efficienza e
scostamento di prezzo

Scostamento di efficienza s
Lo scostamento di efficienza considera il volume effettivo di
produzione, il prezzo standard della materia prima e la differenza
tra il coefficiente di impiego standard e quello effettivo

unità 1.000  kg 4,8  euro 3,9 ¼ 18.720,00


unità 1.000  kg 5,0  euro 3,9 ¼ 19.500,00
Scostamento sfavorevole di efficienza  780,00

Scostamento di prezzo
s

Lo scostamento di prezzo considera il volume effettivo di


produzione, il coefficiente di impiego effettivo e la differenza tra
il prezzo standard e quello effettivodella materia prima

unità 1.000  kg 5,0  euro 3,9 ¼ 19.500,00


unità 1.000  kg 5,0  euro 4 ¼ 20.000,00
Scostamento sfavorevole di prezzo  500,00

Lo scostamento totale della materia prima è dunque cosı̀ composto:

Scostamento sfavorevole di efficienza  780,00


Scostamento sfavorevole di prezzo  500,00
Totale scostamento  1.280,00

Dall’analisi degli scostamenti si nota che l’azienda ha sostenuto maggiori costi per la materia pri-
ma inglobata nella produzione A01 per un totale di euro 1.280. È infatti stata acquistata, a un prez-
zo superiore di euro 500 rispetto a quanto preventivato, una materia prima con rendimenti inferiori
che hanno gravato sullo scostamento totale per euro 780.
F Mondadori Education

3/3 Esercizi commentati Strategie, pianificazione strategica e programmazione aziendale