Sei sulla pagina 1di 7

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

Scuola dell’Infanzia – Primaria - Secondaria di I grado


“ Paride del Pozzo” - Pimonte

Progetto Scuolambiente
Anno scolastico 2008/2009

Moduli di
educazione ambientale e alla sostenibilità
Premessa
Modulo 1 : Progetto Scuolambiente
 Fase A: “Differenziamola anche a scuola”
 Fase B :Scuolambiente
Modulo 2 : Progetto “La mia Scuola”
 Glocal Ecology
Modulo 3 : Interazioni con Enti e Associazioni presenti sul
territorio
 Iscrizione delle classi al
WWF
 Partecipazione ai
programmi didattici di Legambiente
 Il Parco incontra le
scuole (Parco dei Monti Lattari)
 Collaborazione ai
Progetti “SmartRec” del Comune di Pimonte e
“Una vita naturalmente a colori” (raccolta
differenziata)

Premessa
L’educazione svolge un ruolo fondamentale per il perseguimento delle
sfide poste dallo sviluppo sostenibile e, dunque per l’acquisizione di quella
responsabilità civile che nasce dallo sviluppo integrato dell’identità e della
cittadinanza, dal senso di appartenenza a un territorio.
Il ruolo dell’educazione ambientale è stato riconosciuto già dal 1965 e da
allora ha suscitato il crescente interesse dei governi e della comunità
internazionale fino alla decisione adottata in occasione del vertice di
Johannesburg di dedicare il decennio 2005-2014 all’EDUCAZIONE PER
LO SVILUPPO SOSTENIBILE.
Le attività educative volte alla promozione dello sviluppo sostenibile
richiedono l’impegno e la collaborazione di tutti i soggetti, governativi e
non, che sono attivi nel territorio e che hanno delle competenze ed
esperienze da spartire.
Ecco dunque il ruolo di primaria importanza delle scuole e degli insegnanti,
ma anche quello delle amministrazioni chiamate a governare i territori,
come quello delle imprese.
“TUTTO E’ CONNESSO” metafora di un sistema aperto e complesso di
relazioni che non sono solo rapporti tra istituzioni ma, cosa più
importante, tra uomini che sanno confrontarsi e “lavorare di concerto”.
Alla fine
L’educazione ambientale è un processo per
Non conserveremo altro che quello che
mezzo del quale gli individui acquisiscono
amiamo
consapevolezza ed attenzione verso il loro
E non ameremo altro che le cose che
ambiente; acquisiscono e scambiano
comprendiamo
conoscenze, valori, attitudini, esperienze,
E non comprenderemo altro
come anche la determinazione e la
Che le cose che abbiamo imparato a
motivazione che li metterà in grado di agire,
conoscere.
individualmente o collettivamente, per
risolvere i problemi attuali e futuri
Poesia di Baba Dioum, Zaire
dell’ambiente.
L’Avviso pubblico della Regione Campania per la presentazione dei
progetti “Differenziamola anche a scuola” e “Scuolambiente” recita :
“l’urgenza dell’avvio di percorsi sulla sensibilizzazione sul tema dei
rifiuti sollecita l’immediato contributo delle comunità scolastiche
attraverso lo sviluppo di progetti innovativi, nella piena attuazione
della missione educativa ed istituzionale che la scuola deve avere”.
La nostra Istituzione scolastica pertanto recepisce l’invito della
regione Campania a presentare progetti sul tema in oggetto, frutto di
una programmazione territoriale integrata di interventi di educazione
ambientale, per la partecipazione di soggetti di culture e generazioni
differenti.

Finalità
 Aumentare la percentuale complessiva di raccolta differenziata.
 Sviluppare la cultura del recupero e del riciclo per uno sviluppo
sostenibile.
 Veicolare le buone pratiche alle famiglie e all’ambiente sociale
attraverso la scuola

Obiettivi
o Promuovere atteggiamenti e comportamenti consapevoli e
responsabili vero l’ambiente.
o Educare i giovani ad un approccio sistemico verso le problematiche
ambientali, approfondendo svariate modalità di interventi.
4
o Favorire un approccio multidisciplinare alle tematiche ambientali.
o Sollecitare la comprensione del collegamento tra protezione della
natura e corretta gestione del territorio.
o Favorire un’azione integrata di apertura della comunità scolastica al
territorio, anche attraverso momenti di incontro e scambio tra la
scuola, i cittadini e il mondo della ricerca.

Fase 1 “Differenziamola anche a scuola”


Attività
Il nostro progetto, come richiesto dall’Avviso pubblico della Regione
Campania, prevede la realizzazione immediata della raccolta
differenziata dei rifiuti nella scuola, grazie all’attivazione di uno
specifico accordo con l’Ente Comunale e con altri soggetti deputati
alla raccolta.
Sarà predisposto contemporaneamente un piano di sensibilizzazione e
divulgazione delle attività previste, rivolto alle famiglie e all’ambiente
sociale, con la realizzazione di volantini e manifesti ad opera degli
alunni stessi.
La scuola richiederà al CONAI le attrezzature necessarie ad
effettuare la raccolta differenziata di carta, cartone, plastica e
materiale leggero, stabilirà il sito dove sistemare i contenitori senza
intralciare il buon andamento delle attività scolastiche e si occuperà
di registrare, attraverso il suo referente, ogni ritiro di rifiuti.

Fase 2 “Scuolambiente”
Contenuti
 L’ambiente intorno a noi
 I rifiuti: CICLO E RICICLO
 L’inquinamento

5
Il progetto LA MIA SCUOLA si propone di fare della scuola un centro
di cultura attiva ed interattiva con il territorio, un cardine di
raccordo con tutte le altre istituzioni che si occupano della
formazione, sia favorendo l’apertura della scuola oltre l’orario
curricolare, sia concretizzando collaborazioni in rete con Enti e
Associazioni presenti sul territorio.
Tali finalità vengono perseguite attraverso la realizzazione di moduli
didattici e laboratori di tipo disciplinare, interdisciplinare e
relazionale.
All’interno della progettazione trova spazio l’educazione ambientale
alla quale è dedicato il laboratorio dal titolo “Glocal Ecology” che
comprende le attività del Progetto Scuole Aperte e quelle finanziate
dal Fondo di Istituto.

Glocal Ecology
Descrizione delle attività previste
 Sensibilizzazione all’ambiente e attivazione di pratiche per
la differenziazione e la riduzione dei rifiuti
 Educazione a comportamenti individuali legati all’etica
sociale
 Orientamento all’assunzione di comportamenti inclusivi in un
ottica di mondialità
 Educazione alla legalità come pratica di cittadinanza attiva
6
La scuola attraverso la propria progettualità intraprende iniziative di
collaborazione e interrelazione con Enti ed Associazioni a livello
nazionale e locale.
Per il corrente anno scolastico alcune classi hanno fatto richiesta di
iscrizione al WWF come classi Panda per realizzare percorsi didattici
legati a vari argomenti.
L’Istituto ha stipulato protocolli d’intesa con associazioni presenti sul
territorio per la realizzazione di unità didattiche e per avvalersi
dell’ausilio di esperti.
È ripresa, per il secondo anno, la partecipazione al progetto ”Il Parco
incontra le scuole” svolto in collaborazione con l’Ente Parchi e
l'Associazione Legambiente.
Inoltre l'Istituto collabora con il Comune di Pimonte nell’attuazione
del progetto SmartRec e “Una vita naturalmente a colori” per avviare
una più soddisfacente attività di raccolta differenziata sul territorio.