Sei sulla pagina 1di 5

Pianificazione Programmazione e Controllo di Gestione

Il Processo di pianificazione e insieme di programmazione e relativo controllo della gestione costituisce un momento,
o meglio un atteggiamento essenziale dell'attività d'impresa. L'intero processo è la naturale conseguenza o messa in
pratica del termine Organizzata riportato a livello giuridico nella definizione d'impresa e di imprenditore.

 L'impresa si organizza continuamente e cerca di anticipare i tempi al fine di mantenere e/o di sviluppare la
propria presenza sul mercato.
 Primo momento essenziale è rappresentato dalla previsione, ovvero dalla capacità di individuare lo scenario
prossimo futuro sulla base delle proprie conoscenze e delle altre informazioni relative al proprio settore, al
contesto economico-sociale e alle condizioni ambientali in generale.

Direzione e Controllo di Gestione


Direzione e Controllo sono due momenti dello stesso processo.
 La Direzione fissa gli obiettivi e individua strumenti e processi per raggiungerli.
 Il Controllo definisce gli obiettivi a breve e analizza i risultati conseguiti al fine di migliorare il processo
decisionale.
Alla base di ogni percorso o processo di determinazione degli obiettivi vi è l'insieme di informazioni necessarie alla
formulazione di previsioni che a loro volta permettono di configurare lo scenario futuro nel quale l'impresa andrà a
sviluppare i propri piani e programmi.

Processo di direzione e controllo


Le Fasi
– Definizione Obiettivi generali
– Individuazione linee di azione
– Piani e Programmi
– Reporting
– Riscontro
– Analisi scostamenti
– Rettifica

Pianificazione e Programmazione
La pianificazione fissa gli obiettivi di medio/lungo termine e individua azioni e strumenti per perseguirli.
Con la pianificazione, effettuata sulla base delle previsioni, l'azienda inizia ad assumere un ruolo attivo.
Si distinguono 2 livelli:
PIANIFICAZIONE GLOBALE - per l'impresa nel suo complesso
PIANIFICAZIONE SETTORIALE - per singoli settori o singole funzioni

Le fasi della Pianificazione


– Raccolta e selezione delle informazioni
– Definizione degli obiettivi
– Individuazione Linee di azione
– Individuazione Strategia

La strategia è la linea di azione ritenuta al termine del processo la più idonea per il raggiungimento degli obiettivi
prefissati.

Definizione degli obiettivi


Ruolo fondamentale nel processo di pianificazione è chiaramente la definizione degli obiettivi. Gli obiettivi rivestono
un ruolo importante anche nei confronti del personale, andando a costituire un sistema incentivante e di
responsabilizzazione.
Due livelli di obiettivi
Obiettivi Globali
Livelli di redditività, equilibrio finanziario, mantenimento livello occupazionale, ecc

Obiettivi Specifici
Incremento produzione, aumento quote di mercato, Aumento fatturato, ecc
I documenti della Pianificazione
PIANI
PROGRAMMI
BUDGET
La Pianificazione si riferisce ad un periodo di 3 anni. Con riferimento all'esercizio amministrativo e/o a periodi più
brevi si parla di Programmazione.

Il Controllo di Gestione
Il Controllo è un attività continua e finalizzata ad una doppia verifica.
Raggiungimento Obiettivi – CONTROLLO EFFICACIA
Consumo risorse – CONTROLLO EFFICIENZA

La fase del controllo oltre a svilupparsi attraverso la rilevazione dei dati, costituisce soprattutto un nuovo punto di
partenza per la pianificazione e la programmazione.
Requisiti della fase del controllo

– Localizzato – Deve individuare le aree dove intervenire


– Approfondito – Analizzare ogni variabile
– Tempestivo – ogni intervento deve essere fatto in tempo utile
– Sistematico – va fatto costantemente
– Concomitante – va effettuato durante la gestione stessa
– Rapido
– Economico – I vantaggi apportati devono essere superiori ai costi

La funzione del controllo è mutata molto nel corso degli ultimi decenni. Dal monitoraggio dei dati esclusivamente
quantitativi, si è passati ad una funzione in grado di interpretare i numeri e fornire pareri in merito a piani e
programmi.
Il Business Plan
Idea, Programma Messa in pratica

Chi è l'Imprenditore?
E' un intuitivo, E' un creativo, E' un amante del rischio. Ha un'Idea di Business

Chi è l'Imprenditore?

E' colui che esercita professionalmente un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio
di beni e/o servizi. Art. 2082 c.c.

L'Idea di business va approfondita, analizzata, condivisa, presentata eseguita in ogni momento della sua
realizzazione. L'attività d'impresa è soggetta a rischio ed ha come fine ultimo il raggiungimento di un utile
d'esercizio.

Il Business Plan
E' il documento che spiega e presenta il progetto di sviluppo dell'attività d'impresa. E' il piano di fattibilità dell'idea
di Business. Già nella sua fase di redazione ha una funzione determinante...

Serve a comprendere la possibilità di realizzazione dell'idea evidenziando i rischi, le necessità in termini di costi,
mezzi e tempi e prospettando le opportunità.

Il Business Plan mira a coinvolgere: l'Impresa e tutti i soggetti al suo interno, al fine di renderli
partecipi e responsabilizzarli; I soggetti esterni quali possibili finanziatori del progetto.

FORMA e STRUTTURA del Business Plan


 Deve essere chiaro e comprensibile.
 Deve avere una grafica elegante.
 Deve essere arricchito con grafici e tabelle.
 La copertina deve riportare tutti i dati anagrafici dell'azienda, il titolo del progetto, la data di redazione e
l'indice dei capitoli.

Il Business Plan si può presentare per una nuova attività di impresa o per nuovi sviluppi della stessa.

Le Parti che lo compongono:

–Piano descrittivo;
–Piano economico – finanziario;
–Studio di fattibilità

Il Piano descrittivo
1) Sintesi progetto – Executive summary
- Motivazioni
- Obiettivi
- Caratteristiche prodotto/servizio offerto
- Legame del prodotto/servizio con i bisogni
- Competitività
- Obiettivi economici e fabbisogni

2) L'Impresa
Storia azienda (per progetti di sviluppo)
Figure proprietari e apicali
Promotori e altre figure coinvolte
Mission aziendale
Dati aziendali ultimi anni (per progetti di sviluppo)
3) Analisi Ambiente esterno

Illustrazione dei risultati dell'analisi effettuata.


Il mercato di riferimento: dimensione, composizione,
prospettive, normative, ecc
Concorrenza
Parco fornitori e caratteristiche
Parco clienti e caratteristiche

4) Prodotto

Illustrazione approfondita inerente il prodotto/servizio da proporre.


Descrizione
Caratteristiche
Aspetti innovativi
Descrizione dei bisogni da soddisfare
Individuazione del consumatore al quale ci si vuole rivolgere

5) Marketing Plan
Strategia di Marketing che si intende seguire nella fase operativa. Scelta delle leve operative che si intendono
adottare e loro combinazione.
Prodotto
Prezzo
Distribuzione
Promozione
Personale
I punti 4 e 5 rispondono alle fondamentali domande:
Cosa si vuole vendere?
A chi si vuole vendere?
In che modo si crede si possa vendere?
Alla base della politica di Marketing chiaramente vi è la conoscenza del mercato e dei consumatori ai quali ci si vuole
rivolgere. Il Marketing Plan parte quindi da una attenta e approfondita analisi del
mercato.

6) Organizzazione e programmazione
Descrizione struttura organizzativa
Processo produttivo o di erogazione servizi
Figure responsabili e mansioni nell'organizzazione
Politica di Gestione dei lavoratori
Politiche della qualità
Politiche per la sicurezza sul lavoro

Il Piano Economico Finanziario


Costituisce la parte previsionale in termini numerici e monetari del progetto e serve a valutare la
convenienza del progetto stesso.

Si compone di vari prospetti:


Piano degli investimenti
Piano dei finanziamenti
Piano dei costi e ricavi
Bilancio previsionale
Piano degli Investimenti

E' l'elenco e il valore dei mezzi necessari per il processo produttivo. Il piano di investimenti prevede
l'elenco dettagliato dei beni immobili materiali e immateriali nonchè il capitale circolante necessario.
Il Piano di finanziamenti
Individua i mezzi finanziari necessari e le fonti relative, interne all'azienda o esterne.

Il Piano dei Costi e Ricavi


Serve per valutare se l'impresa è in grado di raggiungere un soddisfacente utile d'esercizio.

Il Bilancio Previsionale

Consiste nella redazione in termini di previsione dei due documenti di bilancio:


Conto Economico
Stato Patrimoniale
La redazione del bilancio previsionale viene completata con l'individuazione degli Indici.