Sei sulla pagina 1di 108

11 V 002

Certified Quality
Management System

1 1
20
io
e L ugl
Edizion

PRODOTTI PER IL SETTORE FERROVIARIO


PRESENTAZIONE

Questo catalogo presenta la capicorda in rame, a compres- connettori elettrici ed utensili A tale scopo è stato intrapre-
gamma dei nostri prodotti più sione, isolati e non isolati” cor- per la loro installazione, ac- so un impegnativo progetto
diffusi per l’impiego ferroviario. risponde alle norme: ISO 9002 cessori per cavi, sistemi per la che ha coinvolto il processo
Indichiamo per ognuno l’appli- - 1987 EN 29002 - 1987 siglatura industriale, attrez- aziendale in tutte le sue fun-
cazione e le istruzioni per un BS 5750: Part 2: 1987. zature e prodotti per applica- zioni: dalla fase di progetta-
corretto utilizzo. In seguito, il 22 Dicembre zioni ferroviarie. Riparazione, zione e disegno, alla scelta
I nostri collaboratori della rete 1992, Cembre S.p.A. ha revisione e taratura delle at- dei materiali e dei processi
commerciale sono inoltre di ottenuto la certificazione trezzature ed utensili.”. impiegati, fino alla gestione
sponibili a fornire informazioni ISO 9001 per “la Progettazione Questo garantisce un unifor- attenta e consapevole delle
più dettagliate ed i nostri tecnici e la Fabbricazione di accessori me ed elevato livello qualitati- fasi produttive.
a studiare soluzioni nuove per per cavi, connettori elettrici e vo dei prodotti e dei servizi che Attraverso la definizione di
applicazioni particolari. relativi utensili”. Cembre offre a tutti i propri linee di comportamento ris-
Oggi le attività della sede prin- clienti. pettose dell’ambiente e di
cipale di Brescia, degli uffici procedure operative rigo-
regionali in Italia, delle società Cembre S.p.A. ha valutato rosamente in linea con le
controllate in Gran Bretagna, e riconosciuto come pas- disposizioni vigenti in ter-
Francia, Spagna, Germania e saggio fondamentale del mini di tutela ambientale,
Stati Uniti sono gestite secon- proprio sviluppo l’istituzione Cembre S.p.A. ha ottenuto
do le prescrizioni di un unico di un Sistema di Gestione la Certificazione Ambientale
Cembre S.p.A. ha ottenuto Sistema Qualità; tale Sistema Ambientale armonizzato che contraddistingue le azien-
in data 14 Dicembre 1990, Qualità è stato giudicato con- secondo lo spirito e la lette- de più sensibili e attente alle
dal Lloyd’s Register Quality forme alle prescrizioni della ra della norma UNI EN ISO problematiche correlate alla
Assurance (LRQA) di Londra, norma ISO 9001:2008 dal 14001:2008. tutela dell’ambiente.
la certificazione che il Sistema Lloyd’s Register Certification
della Qualità adottato nella per la “Progettazione, produ-
“Produzione di connettori e di zione e commercializzazione di

Centri di
produzione

Cembre S.p.A.,
Sede di Brescia
si sviluppa su un’area
di circa 115.000 m 2

Cembre Ltd.
sede di Curdworth (Birmingham)
INDICE
Pag.

SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO TIPO AR 60.......................................................................2
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO TIPO AR 260D ..................................................................6
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO TIPO CCV... .......................................................................8
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO TIPO AR 60A-29 ..............................................................10
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO TIPO AR 67.....................................................................12
SISTEMI OLEODINAMICI PER L’INSTALLAZIONE ALLE ROTAIE DEI CONTATTI ELETTRICI ...........................................................................................14
GIUNTI RACCORDATORI PER FILI DI CONTATTO SAGOMATI TIPO FTGW ...............................................................................................................15
TESTA OLEODINAMICA TRANCIAFILI DI CONTATTO TIPO RH-TFC ........................................................................................................................16
TRANCIAFILI DI CONTATTO - ALTRE VERSIONI DISPONIBILI ................................................................................................................................17
DISPOSITIVO AD-GW PER L’ALLINEAMENTO DEI FILI DI CONTATTO SAGOMATI DURANTE LE OPERAZIONI DI GIUNZIONE ............................................18
SISTEMI PER LA RADDRIZZATURA DEI FILI DI CONTATTO SAGOMATI ..................................................................................................................19
UTENSILE MECCANICO TIPO HP-MS1170 PER SELLETTE MS 1170 PER PENDINI ................................................................................................19
TESTE OLEODINAMICHE TRANCIADADI TIPO RHTD ..........................................................................................................................................20
POMPE OLEODINAMICHE .............................................................................................................................................................................21
POMPA ELETTRO-OLEODINAMICA PORTATILE TIPO B70M-P24 ..........................................................................................................................22
ACCESSORI A RICHIESTA PER LA POMPA ELETTRO-OLEODINAMICA PORTATILE TIPO B70M-P24 ............................................................................23
UTENSILI OLEODINAMICI PER L’INSTALLAZIONE DI CONNETTORI ELETTRICI A COMPRESSIONE ...............................................................................24
TESTE OLEODINAMICHE PER L’INSTALLAZIONE DI CONNETTORI ELETTRICI A COMPRESSIONE ................................................................................25
UTENSILI OLEODINAMICI PER L’INSTALLAZIONE DI CONNETTORI ELETTRICI A COMPRESSIONE ...............................................................................26
PRESSA OLEODINAMICA PER L’INSTALLAZIONE DI CONNETTORI ELETTRICI A COMPRESSIONE ...............................................................................27
ACCESSORI E RICAMBI ................................................................................................................................................................................27
UTENSILI OLEODINAMICI TRANCIAFUNI ..........................................................................................................................................................28
UTENSILE OLEODINAMICO A BATTERIA TRANCIAFUNI ......................................................................................................................................29
TRAPANI PER ROTAIE ED APPARECCHI DEL BINARIO TIPO LD ...........................................................................................................................30
ACCESSORI FORNITI A CORREDO DEI TRAPANI PER ROTAIE ..............................................................................................................................33
ACCESSORI A RICHIESTA DEI TRAPANI PER ROTAIE .........................................................................................................................................34
FRESE, PUNTE, ADATTATORI E MATERIALI DI CONSUMO ..................................................................................................................................37
CORRETTO IMPIEGO DEGLI ACCESSORI INERENTI AI TRAPANI PER ROTAIE DI PRODUZIONE CEMBRE ......................................................................38
ESEMPI DI FORATURA DELLE ROTAIE E DEGLI APPARECCHI DEL BINARIO ...........................................................................................................40
TRONCATRICE AUTOMATICA PER ROTAIE TIPO RDS-14P-AA .............................................................................................................................42
CARRELLO TIPO CS-SD ................................................................................................................................................................................44
AVVITATORI PORTATILI AD IMPULSI TIPO NR-11P, NR-13E ................................................................................................................................45
TRAPANI PORTATILI PER TRAVERSE IN LEGNO TIPO SD-9P, SD-10E ...................................................................................................................48
PANDROLATRICI .........................................................................................................................................................................................52
PRODOTTI PER LINEE AV/AC........................................................................................................................................................................56
PRODOTTI PER LINEE TRADIZIONALI ..............................................................................................................................................................62
CORREDI PER CONNESSIONI INDUTTIVE .........................................................................................................................................................78
PIASTRINE AMMORTIZZATRICI......................................................................................................................................................................80
CAPICORDA RINFORZATI ANTIVIBRANTI .........................................................................................................................................................82
CAPICORDA PREISOLATI PER CONTROPIASTRE DEL RELÈ TIPO FS 58 ................................................................................................................83
MORSETTERIE UNIPOLARI A SERRAGGIO INDIRETTO PER IMPIANTI LUCE e FORZA MOTRICE .................................................................................84
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE - STAMPANTE A TRASFERIMENTO TERMICO, SU ROTOLO, ROLLY 2000.....................................................................86
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE ........................................................................................................................................................................92
GUIDA ALLA SCELTA DELLE MATRICI .............................................................................................................................................................94
CORRISPONDENZE UTILI ..............................................................................................................................................................................97
ALLEGATI ..................................................................................................................................................................................................98

1
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE
ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO

AR 60
BREV.

FS: CAT. 846/PROG. 961 - 962

a
d

*Per diametri di foratura e spessori diversi contattare la Cembre

Costituito da: Si applica con:


FS: CAT. 846/PROG. 961 a – Bussola tipo AR 60-1 in rame utensile tipo HTEP (FS: CAT. 846/PROG. 963)
protetto elettroliticamente per vite M12. oppure utensile tipo RHTEP
oppure utensile tipo BTEPD2
(vedi pag. 3 e 14)

{
b – Vite tipo AR 60-3X in acciaio inossidabile,
M12 con testa scaricata.
FS: CAT. 846/PROG. 962 c – Rondella piana.
d – Dado autofrenante in acciaio inossidabile.

OMOLOGAZIONE S. IT/A.5.1. 02601 del 29-08-90


FS

ISTRUZIONE TECNICA TC.T/TC.C/ES.I-18-605 del 12-10-92


CAT. 846/PROG. 961-962 = AR 60

APPLICAZIONI:
• Trasmissione delle correnti codificate e ritorno TE su linee equipaggiate con blocco automatico
• Connessioni di alimentazione e ricezione nei circuiti di binario ad una fuga di rotaia isolata
• Connessioni trasversali od a “Z”
• Ritorno TE al negativo delle sottostazioni elettriche
• Collegamenti di strutture metalliche alle rotaie di ritorno TE
• Collegamenti di continuità elettrica delle rotaie (connessioni longitudinali)
• Connessioni elettriche dei cuori di scambi in acciaio fuso al manganese (lato rotaia)
• Drenaggi elettrici da strutture metalliche interrate verso i binari

2
CORRETTA INSTALLAZIONE

A
Forare il gambo della rotaia con un utensile Ø 19 mm; se Infilare l’ogiva calibrata 0G 13.2 oppure 0G 13.2 T dal lato
 questo è già forato, ravvivare opportunamente la superficie
del foro.
 flangiato della bussola, facendone fuoriuscire l’estremità fi-
lettata. Assicurarsi che il pistone, dell’utensile impiegato, sia
completamente arretrato. Avvitare l’ogiva, mediante l’appo-
sito calibro, nella sede filettata dell’utensile.

∅ 19 mm

 Inserire nel foro il calibro “passa-non passa” CAL 19.20: il


foro potrà essere utilizzato per le successive operazioni solo
se passa la parte verde e non passa la parte rossa. Nel caso
Azionare l’utensile. Viene esercitata, in questo modo, una
in cui non passasse la parte verde, si dovrà riprendere il foro
con una punta Ø 19 mm; se invece passasse la parte rossa  trazione dell’ogiva calibrata che passa attraverso il foro della
bussola deformandola fino ad ottenere un ottimo accoppia-
si dovrà riforare il gambo della rotaia come descritto in pre-
cedenza (il foro è idoneo se compreso entro Ø 19÷20 mm). mento con la rotaia.

SI NO

 Applicare nel foro del gam-


bo della rotaia la bussola in  Il rigonfiamento della bussola,
che deborda dal foro, crea un
rame tipo AR 60-1. ulteriore bloccaggio con la ro-
taia stessa.

B
Intestare il cavo col capocorda e posizionarlo sulla bussola
 Inserire nella bussola in rame, la vite con testa scaricata
AR 60-3X, in modo che il filetto sporga dal lato flangiato della  con la vite nel foro d’attacco. Inserire la rondella piana e
serrare il dado autofrenante alla coppia consigliata.
bussola; la testa della vite ingloberà la parte debordante della
bussola.

C (Nm)

D
Cu Al
M12 80 50

3
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE
ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO

L’attacco alla rotaia AR60 viene preferito ad altre soluzioni in quanto è di facile e pratica installazione in qualsiasi condizione
ambientale mediante un semplice utensile portatile, che rende la qualità del lavoro costante indipendentemente dalla volontà
dell’operatore. L’impiego di un utensile riduce inoltre i tempi di montaggio con conseguente vantaggio economico in fase di
installazione.
Grazie al principio di “estrusione” della bussola in rame, il sistema non è strettamente legato alla dimensione ed alla qualità
del foro eseguito sulla rotaia.


Vista schematica, in
sezione, dell’operazio-
ne di estrusione

 

Severi test eseguiti sia in laboratorio che in varie condizioni di esercizio hanno confermato la validità della soluzione sia dal
punto di vista elettrico (bassissima e costante resistenza nel tempo), che di tenuta meccanica e di protezione agli agenti atmo-
sferici (contatto perfettamente protetto ed inattaccatto dall’ossidazione).

Esempi di prove elettriche

Cicli di invecchiamento accelerato Correnti di forte intensità Rilevazioni in esercizio

Esempi di prove in ambiente salino

Esame nella zona di contatto dopo prove di immersione e lunga esposizione.

4
APPLICAZIONI TIPICHE
Punti di utilizzo del sistema AR 60
Punti di utilizzo del sistema AR 67

Trasmissione delle correnti codificate e ritorno Giunti elettrici a “S”


TE su linee equipaggiate con blocco automatico

Connessioni AC e TE sui cuori di scambi in acciaio fuso al manganese

Connessioni di alimentazione, ricezione e “Z” Collegamenti di ritorno TE come rientro in Collegamenti di strutture metalliche alle ro- Drenaggi elettrici da strutture metalliche inter-
nei circuiti di binario ad una sola fuga di rotaia sottostazione taie di ritorno TE rate verso i binari
isolata

Es. di linee equipaggiate con BLOCCO AUTOMATICO.


L’efficienza del circuito di ritorno TE viene garantita nei collegamenti elettrici dall’impiego del sistema AR60, infatti la corrente che percor-
re le due fughe di rotaia deve essere la più equilibrata per evitare i fenomeni di saturazione negli indotti delle connessioni induttive.

Es. di impiego del sistema


AR60 nella realizzazione di
giunti elettrici a “S” su una
tratta in allestimento control-
lata da CIRCUITO DI BINARIO
AD AUDIO FREQUENZA.

Le caratteristiche ed i vantaggi del sistema sono


stati descritti sulla rivista edita dal Collegio Ingegne-
ri Ferroviari Italiani “LA TECNICA PROFESSIONALE”
e su altre riviste internazionali del settore.

Il sistema AR60 è utilizzato da tutte le maggiori Società Ferroviarie Europee


e si è dimostrato affidabile in tutte le condizioni di impiego.

5
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE
ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO

AR 260D
BREV.
GATO
OMOLO
DB AG

e
c

Costituito da: Si applica con:


a – Bussola tipo AR 260-1 in rame protetto utensile tipo HTEP (FS: CAT. 846/PROG. 963)
elettroliticamente per vite M12. oppure utensile tipo RHTEP
b – Vite M 12x70 in acciaio inossidabile. oppure utensile tipo BTEPD2
c – Boccola tipo AR 260-2 in lega di rame protetta elettroliticamente. (vedi pag. 7 e 14)
d – Rondella piana.
e – Dado autofrenante in acciaio inossidabile.

Il sistema AR 260D consente di ottenere con uno stesso contatto


due connessioni elettriche affidabili poste ognuna su un lato della rotaia.

APPLICAZIONI:
• Collegamenti in genere di ritorno TE
• Connessioni per circuiti di binario

6
CORRETTA INSTALLAZIONE

Forare il gambo della rotaia con un utensile Ø 19 mm; se


 questo è già forato, ravvivare opportunamente la superficie
del foro.
 Il contatto doppio così ottenuto può
essere ora utilizzato per il collega-
mento di uno o due conduttori.

∅ 19 mm

 Intestare i cavi mediante capicorda e posizionarli sul contatto


doppio estruso, uno per ciascun lato.
 Inserire nel foro il calibro “passa-non passa” CAL 19.20: il
foro potrà essere utilizzato per le successive operazioni solo
se passa la parte verde e non passa la parte rossa. Nel caso
in cui non passasse la parte verde, si dovrà riprendere il foro
con una punta Ø 19 mm; se invece passasse la parte rossa
si dovrà riforare il gambo della rotaia come descritto in pre-
cedenza (il foro è idoneo se compreso entro Ø 19÷20 mm).

Eseguire la conessione infilando il bullone nei fori d’attacco


SI NO
 avendo cura di posizionare una rondella prima sotto la testa
del bullone ed un’altra prima del dado autofrenante.
Serrare il dado alla coppia consigliata.

Applicare nel foro del gambo del-


 la rotaia la bussola in rame tipo
AR 260-1 ed accoppiare, sul lato
opposto del gambo, la boccola
AR 260-2
C (Nm)

Infilare l’ogiva calibrata 0G 13.2 oppure 0G 13.2 T dal lato D


 flangiato della bussola, facendolo passare attraverso la boc-
cola e facendone fuoriuscire l’estremità filettata. Assicurarsi
Cu Al
M12 80 50
che il pistone, dell’utensile impiegato, sia completamente
arretrato. Avvitare l’ogiva, mediante l’apposito calibro, nella
sede filettata dell’utensile.
N.B. Utensile da
equipaggiare
con rondella
Ø 38 mm

Azionare l’utensile. Viene esercitata, in questo modo, una


 trazione dell’ogiva calibrata che passa attraverso il foro della
bussola deformandola fino ad ottenere un ottimo accoppia-
Esempio
di utilizzo
mento sia con la rotaia che la boccola.

7
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE
ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO

CCV 120 R-60 per corda Cu sez. 120 mm 2

Impiego:
b a c d
Ritorno TE sui cuori di scambi in Composto da:
acciaio fuso al manganese a) bussola AR 60-1 (FS: CAT. 846/PROG. 961)
b) connettore CCV 120 R
Contatto e collegamento elettrico lato piastrina.
c) rondella AR 62-2, scaricata
(Vedi Allegato 5a)
d) dado autofrenante in acciaio inossidabile
Contatto e collegamento elettrico TE alla rotaia con
direzione di uscita del conduttore perpendicolare al

CCV 120R
gambo della rotaia.

Vedere la corretta installazione a pag. 66

CCV 120 F-60 per cavo flex Cu sez. 120 mm 2


CCV 95 F-60 per cavo flex Cu sez. 95 mm 2

Impiego: Impiego:
Connessioni induttive da 500 A Connessioni induttive da 300 A
Contatto e collegamento elettrico alla rotaia con direzione Contatto e collegamento elettrico alla rotaia con direzione
di uscita del cavo, perpendicolare al gambo della rotaia di uscita del cavo, perpendicolare al gambo della rotaia
dei cavi provenienti dagli attacchi esterni. dei cavi provenienti dagli attacchi esterni.
(Vedi Allegato 2c) (Vedi Allegato 1c)
Ritorno TE sui cuori di scambi in
CCV 95F

acciaio fuso al manganese


Contatto e collegamento elettrico lato piastrina. b a c d
(Vedi Allegato 5b) Composto da:
a) bussola AR 60-1 (FS: CAT. 846/PROG. 961)
b) connettore CCV 95 F (con colletto dimensionato per
accogliere oltre al conduttore anche il rivestimento
b a c d isolante del cavo al quale è destinato).
Composto da: c) rondella AR 62-2, scaricata
a) bussola AR 60-1 (FS: CAT. 846/PROG. 961) d) dado autofrenante in acciaio inossidabile
b) connettore CCV 120 F (con colletto dimensionato per
accogliere oltre al conduttore anche il rivestimento
isolante del cavo al quale è destinato).
CCV 95F

c) rondella AR 62-2, scaricata


d) dado autofrenante in acciaio inossidabile

Vedere la corretta installazione a pag. 66 Vedere la corretta installazione a pag. 64

8
Questi sistemi consentono il collegamento elettrico alla rotaia con direzio-
ne di uscita del conduttore perpendicolare al gambo della rotaia.
Sono ideali, date le caratteristiche di robustezza, per resistere alle sol-
lecitazioni meccaniche impresse dai convogli sui binari di corsa e per il

2a

2 2b

collegamento dei ritorni TE sui


cuori di scambi in acciaio fuso al
manganese. Grazie al sistema di
estrusione della bussola AR 60-1
(FS CAT. 846/PROG. 961) già
compresa nel corredo si ottiene
un contatto elettrico a bassa re-
sistenza ed affidabile anche nel
collegamento delle piastrine già
forate predisposte alla base dei
cuori al Mn dei deviatoi.
1) Esempio di collegamento elettrico alla
Vedere anche a pag. 72 il sistema di con- rotaia con direzione di uscita del cavo
nessione CCV 150C-AC-60 per l'utilizzo perpendicolare alla rotaia.
dei seguenti conduttori:
- Corda alluminio-acciaio sez. 150 mm2 2) Esempio di collegamento elettrico
Ø 15,85 mm2. sui cuori di scambi in acciaio fuso al
- Cavo di alluminio sez. 185 mm2. manganese realizzato con corda rigida.
2a) Sistema AR 60 lato rotaia.
2b) Sistema CCV 120 R-60 lato piastrina.

3) Esempio di collegamento elettrico sui


cuori di scambi in acciaio fuso al man-
ganese realizzato con cavo flessibile.
3a) Sistema AR 60 lato rotaia.
3b) Sistema CCV 120 F-60 lato piastrina.
3

3a 3b

9
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE
ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO

per spessori da 28 a 33 mm

AR 60A-29
BREV.

e
Esempio di foratura e connessione su cuori di deviatoi per linee ad alta velocità.
b

Costituito da: Si applica con:


a – Bussola tipo AR 60-1 in rame protetto utensile tipo HTEP (FS: CAT. 846/PROG. 963)
elettroliticamente per vite M12. oppure utensile tipo RHTEP
b – Vite M 12x80 in acciaio inossidabile. oppure utensile tipo BTEPD2
c – Rondella tipo AR 62-2 scaricata in acciaio protetta elettroliticamente. richiedendo separatamente il KIT Rondella tipo
d – Rondella piana. AR60.29-INST
e – Dado autofrenante in acciaio inossidabile. (vedi pag. 11 e 14)

APPLICAZIONI:
• Collegamenti in genere di ritorno TE
• Connessioni per circuiti di binario

10
CORRETTA INSTALLAZIONE

Infilare l’ogiva calibrata 0G 13.2 0G oppure 0G 13.2 T dal


 Forare il gambo della
rotaia con un utensile  lato flangiato della bussola, facendone fuoriuscire l’estre-
mità filettata. Assicurarsi che il pistone, dell’utensile impie-
Ø 19 mm; se questo
è già forato, ravvivare gato, sia completamente arretrato. Avvitare l’ogiva, me-
opportunamente la su- diante l’apposito calibro, nella sede filettata dell’utensile.
perficie del foro.

∅ 19 mm
� �
Inserire nel foro il calibro “passa-non passa” CAL 19.20:
 il foro potrà essere utilizzato per le successive operazioni
solo se passa la parte verde e non passa la parte rossa.
Nel caso in cui non passasse la parte verde, si dovrà ri-
prendere il foro con una punta Ø 19 mm; se invece pas- Azionare l’utensile.
sasse la parte rossa si dovrà riforare il gambo della rotaia
come descritto in precedenza (il foro è idoneo se compreso
 Viene esercitata, in
questo modo, una tra-
entro Ø 19÷20 mm). zione dell’ogiva calibra-
ta che passa attraver-
so il foro della bussola
deformandola fino ad
ottenere un ottimo
� SI accoppiamento con la
rotaia.

 Bussola
estrusa.

NO

 Equipaggiare l'utensile con il KIT Rondella tipo


AR60.29-INST
Inserire prima nella rondella AR62-2 e poi nella bussola
7 mm  AR60-1 la vite, in modo che il filetto sporga dal lato flangia-
to della bussola.

SI

10 mm  Intestare il cavo col capocorda e posizionarlo sulla bussola


con la vite nel foro d’attacco. Inserire la rondella piana e
serrare il dado autofrenante alla coppia consigliata.

Applicare nel foro del gam-


 bo della rotaia la bussola in
rame tipo AR60-1
C (Nm) C

� D
Cu Al
M12 80 50

11
SISTEMA DI CONNESSIONE ELETTRICA ALLE ROTAIE
ED AGLI APPARECCHI DEL BINARIO

PER IMPIANTI DI SICUREZZA E SEGNALAMENTO

AR 67
BREV.

FS: CAT. 846/PROG. 959-960

a d

Costituito da: Si applica con:


FS: CAT. 846/PROG. 959 a – Bussola tipo AR 67-1 in rame utensile tipo HTEP (FS: CAT. 846/PROG. 963)
protetto elettroliticamente oppure utensile tipo RHTEP
per vite M6. oppure utensile tipo BTEPD2
(vedi pag. 13 e 14)

{
b – Vite tipo AR 67-3X in acciaio Richiedendo separatamente il kit di installazione
inossidabile, M6 con testa scaricata. KIT AR 67-INST composto da (vedi pag. 13 e 14):
FS: CAT. 846/PROG. 960 c – Rondella piana in acciaio inox.
d – Dado autofrenante in acciaio inossidabile. FS: CAT. 846/PROG. 964
 Calibro CAL 8.85
 Adattatore M9M5
 Ogiva OG 6.5

OMOLOGAZIONE I/ST/022/0451 del 14-12-95


FS

CAT. 846/PROG. 959-960 = AR 67

APPLICAZIONI:
Connessioni di:
• alimentazione
• ricezione
• continuità
nei circuiti
di binario

12
CORRETTA INSTALLAZIONE

Forare il gambo della rotaia con un utensile Ø 8 mm; se


 questo è già forato, ravvivare opportunamente la superficie
del foro.
 Azionare l’utensile. Viene esercitata, in questo modo, una
trazione dell’ogiva calibrata che passa attraverso il foro della
bussola deformandola fino ad ottenere un ottimo accoppia-
mento con la rotaia.

∅ 8 mm

 Inserire nel foro il calibro “passa-non passa” CAL 8.85: il foro


potrà essere utilizzato per le successive operazioni solo se
passa la parte verde e non passa la parte rossa. Nel caso in
cui non passasse la parte verde, si dovrà riprendere il foro
con una punta Ø 8 mm; se invece passasse la parte rossa si
dovrà riforare il gambo della rotaia (il foro è idoneo se com-
preso entro Ø 8÷8.5 mm).

 Il rigonfiamento della bussola, che


deborda dal foro, crea un ulteriore
bloccaggio con la rotaia stessa.

SI NO

 Inserire nella bussola in rame, la vite con testa


scaricata AR 67-3X, in modo che sporga dal lato flangiato
della bussola; la testa della vite ingloberà la parte debordante
della bussola.
 Applicare nel foro del gambo del-
la rotaia la bussola in rame tipo
AR 67-1.

Avvitare a fondo mediante cacciavite l’adattatore M9M5


  nella sede filettata dell’utensile: infilare l’ogiva calibrata
OG 6.5  dal lato flangiato della bussola, facendone fuoriu-
scire l’estremità filettata. Assicurarsi che il pistone dell’uten-
Intestare il cavo col capocorda e posizionarlo sulla bussola
sile sia completamente arretrato. Avvitare l’ogiva, mediante
il calibro CAL 8.85  nella sede filettata dell’adattatore in
 con la vite nel foro d’attacco. Inserire la rondella piana e
serrare il dado autofrenante alla coppia consigliata.
precedenza montato sull’utensile.

C (Nm)

D
Cu
M6 10

13
SISTEMI OLEODINAMICI PER L’INSTALLAZIONE ALLE ROTAIE
DEI CONTATTI ELETTRICI*

*AR 60..., AR 260..., CCV...-60, AR 67


HTEP (FS: CAT. 846/PROG. 963)
Utensile oleodinamico tipo HTEP-S, ad azionamento manuale,
con testa direttamente collegata al corpo pompante mediante
tubo flessibile lungo 900 mm.
- Nº 2 ogive tipo OG 13.2 calibrate, in acciaio speciale.
- Calibro tipo CAL 19.20 da utilizzare sia per il controllo della
foratura del gambo della rotaia, sia per avvitare l’ogiva calibra-
ta alla testina dell’utensile HTEP-S.
- Rondella Ø 38 adatta all’estrusione di contatti doppi Dimensioni:
tipo AR 260... corpo pompante: lunghezza 275 mm
- Custodia metallica di contenimento tipo VAL HTEP. larghezza 130 mm
Dimensioni testa: lunghezza 106 mm
Peso totale: 3 kg
RHTEP
Testa oleodinamica tipo RHTEP-S da applicare alle pompe oleo-
dinamiche sviluppanti una pressione nominale di 600-700 bar.
- Nº 2 ogive tipo OG 13.2 calibrate, in acciaio speciale.
- Calibro CAL 19.20 da utilizzare sia per il controllo della foratu-
ra del gambo della rotaia sia per avvitare l’ogiva calibrata alla
testa.
- Rondella Ø38 adatta all’estrusione di contatti doppi tipo Dimensioni:
AR260... lunghezza: 106 mm
- Custodia metallica di contenimento tipo VAL RHTEP. Peso: 1,1 kg

BTEPD2 OG 13.2 T
Sistema composto da: Ogiva calibrata 13,2 mm composta da tirante ed
- Utensile oleodinamico portatile azionato a batteria, inserto conico che semplifica e velocizza l’opera-
con testa direttamente collegata al corpo mediante zione di avvitamento/svitamento della stessa agli
tubo flessibile lungo 900 mm. utensili di estrusione.
OVE
- N°2 Ogive tipo OG13.2 cali- NU

brate in acciaio speciale. Li-Ion


IE

BAT TER
- Calibro tipo CAL 19.20
da utilizzare sia per il
controllo della foratura KIT AR 67 INST (FS: CAT. 846/PROG. 964)
del gambo della rotaia, Comprendente:
sia per avvitare l’ogiva – Calibro CAL 8.85
calibrata alla testa. – Adattatore M9M5
- Batteria di riserva. – Ogiva OG 6.5
- Caricabatteria. Per l’installazione dei contatti elettrici tipo AR 67
- Cinghia da polso e tracolla.
- Sacca di tela.

Per l’installazione dei contatti elettrici tipo AR 67 richiedere separatamente il KIT AR 67 INST.
Per l’installazione dei contatti elettrici tipo AR 60A-29 richiedere separatamente il Kit Rondella tipo AR60.29-INST.

ESTRATTORE PER LA RIMOZIONE DALLE ROTAIE DELLE BUSSOLE TIPO AR 60-1


KIT ECR 19 + ECR 1
Per la rimozione dalle rotaie di
bussole inerenti ai contatti elet-
trici tipo AR 60, è disponibile a
richiesta lo specifico KIT ECR19
(tirante+punzone) e posizionatore
ECR 1. L’impiego di questo estrat-
tore è illustrato in figura.

14
GIUNTI RACCORDATORI PER FILI DI CONTATTO SAGOMATI

Il giunto permette di giuntare e nello stesso tempo raccordare un filo di contatto nuovo con quello consu-
mato esistente in impianto. Lo specifico profilo del giunto evita l'onerosa e difficoltosa operazione manuale
di rastrematura del filo nuovo, assicurando perciò una zona di scorrimento al pantografo uniforme e senza
discontinuità; l'impiego di questi giunti consente anche di ridurre al minimo i tempi di intervento.
Oltre ai test di laboratorio le sperimentazioni in esercizio hanno evidenziato il buon comportamento della
giunzione sia su linee a 180 km/h che a velocità inferiori ma con forti assorbimenti di corrente (linee in
pendenza).

GIUNTO COPPIA DI FILO DI CONTATTO SAGOMATO


RACCORDATORE SERRAGGIO
Tipo Nm SEZIONE (mm2) Ø (mm) NORMA DI RIFERIMENTO

FTGW 100 100 11,8 FS: TE/19 Ed. 1983

12,9 UNEL 70611-71


FTGW 120 65 120
13,2 EN 50149 (tipo AC-120 in Cu e CuAg 0,1)

FTGW 150 150 14,5 FS: TE/19 Ed. 1983

I giunti sono approvati dalla Rete Ferroviaria Italiana rif. RFI-DMA-IM.ETE\A0011\P\2004\0000035


del 09/04/2004 e conformi alla Specifica Tecnica TE55 Ed. Dic. 2003

TESTA OLEODINAMICA TRANCIAFILI DI CONTATTO TIPO RH-TFC

Testa oleodinamica tranciafili di con-


tatto, con matrici intercambiabili,
per effettuare il taglio perfettamente
perpendicolare e senza deformazione
della sagoma del filo, per una corret-
ta ed agevole installazione dei giunti a
piena trazione (vedi pag. 16-17 per la scelta
degli utensili disponibili).

L'utilizzo di questa testa consente la semplificazione delle operazioni


ed una riduzione dei tempi di intervento necessari alla preparazione
della giunzione.
fili di contatto
nuovo o taglio
consumato ortogonale

Per facilitare e velocizzare la fase di pre-


parazione dei fili di contatto può risultare
utile effettuare il taglio perpendicolare
con l'utensile appropriato.

15
TESTA OLEODINAMICA TRANCIAFILI DI CONTATTO TIPO RH-TFC

RH-TFC
Campo di applicazione:
adatta al taglio dei fili sagomati per linee aeree di contatto e di conduttori in genere.
Presione massima di esercizio: 600-700 bar (10,000 psi)
Dimensioni:
lunghezza 196 mm
larghezza leva di bloccaggio chiusa 159 mm
larghezza leva di bloccaggio aperta 257 mm
Peso: 3,1 kg

Completa di custodia in materiale plastico tipo VAL P15


adatta al contenimento della testa e fino a 4 gruppi di matrici.
- Dimensioni 315 x 300 x 95 mm - Peso 0,93 kg
GRUPPI MATRICI

MFC-AC100 Gruppo matrice da impiegare con la testa RH-TFC per il taglio del filo sagomato
secondo Norma Tecnica TE/19 Sez.100 mm2 diametro 11,8 mm.

MFC-AC120 Gruppo matrice da impiegare con la testa RH-TFC per il taglio del filo sagomato
Sez.120 mm2 UNEL 70611-71 diametro 12,9 mm. ed EN 50149 diametro 13,2 mm.

MFC-BC150 Gruppo matrice da impiegare con la testa RH-TFC per il taglio del filo sagomato
secondo Norma Tecnica TE/19 Sez.150 mm2 diametro 14,5 mm.

MFC-D14,5 Gruppo matrice da impiegare con la testa RH-TFC per il taglio dei seguenti
conduttori: corda portante in rame CAT.785/PROG.125 Sez. 120 mm2
formazione 19x2,8 mm diametro 14 mm e corda in alluminio impiegata come
trefolo di terra CAT.785/PROG.208 Sez. 125 mm2 formazione 19x2,9 mm
diametro 14,5 mm.

MFC-D16,1 Gruppo matrice da impiegare con la testa RH-TFC per il taglio della corda
portante in rame CAT.785/PROG.153 Sez. 155 mm2 formazione 37x2,3 mm
diametro 16,1 mm.

Per il suo funzionamento è sufficiente abbinarla ad una delle seguenti pompe oleodinamiche (vedi pag. 21):
HTP ad azionamento manuale, PO 7000 ad azionamento a pedale, B70M-P24 elettro-oleodinamica portatile azionata da un motore in
corrente continua a 24 Vcc alimentata da batteria interna per un impiego autonomo o da fonte esterna a 24 Vcc.

Funzionamento: �

Tre semplici operazioni...


2

� Inserire il gruppo matrici all’interno della testa.


1

� Posizionare il conduttore all’interno del gruppo � 1


matrici con la lama in corrispondenza del punto di
taglio desiderato e chiudere le matrici portando la 2
leva verso il basso; a questo punto il conduttore sarà
pronto per il taglio.

� Azionare la pompa; la lama avanzerà fino al com-
pleto taglio del conduttore che avverrà in modo netto
e preciso senza deformazione del conduttore stesso.

16
TRANCIAFILI DI CONTATTO - ALTRE VERSIONI DISPONIBILI

HT-TFC
Utensile oleodinamico ad azionamento manuale a due velocità.

Campo di applicazione: vedi RH-TFC a pag. 16

Dimensioni:
lunghezza 373 mm
larghezza leva di bloccaggio chiusa 159 mm
larghezza leva di bloccaggio aperta 257 mm
Peso: 3,6 kg

Completo di custodia in materiale plastico tipo VAL P17


adatta al contenimento dell’ utensile e fino a 5 gruppi di matrici.
- Dimensioni 470 x 384 x 110 mm

vo
uo
N

vo
uo
N

OPPI A
B-TFC2
Utensile oleodinamico a due velocità ad azionamento a batteria.
D
V
EL
OC I TÀ

Campo di applicazione: vedi RH-TFC a pag. 16

Dimensioni:
lunghezza 293 mm
larghezza leva di bloccaggio chiusa 99 mm
larghezza leva di bloccaggio chiusa 352 mm
Peso: (batteria inclusa) 5 kg

Completo di custodia in materiale plastico tipo VAL P12


adatta al contenimento dell’ utensile e fino a 4 gruppi di matrici.
- Dimensioni 496 x 370 x 137 mm

Corredo composto da:


- Utensile completo di batteria, cinghia da polso e tracolla
- Batteria di riserva
OVE
NU - Caricabatterie
Li-Ion - Custodia
IE

BAT TER

Accessori a richiesta:
BPS 230.14, alimentatore da rete (230V-60Hz).
CFC 12-24ICN, Caricabatterie con attacco per
accendisigari.

BPS 230.14
CFC 12-24ICN

17
DISPOSITIVO AD-GW PER L’ALLINEAMENTO DEI FILI DI CONTATTO
SAGOMATI DURANTE LE OPERAZIONI DI GIUNZIONE

AD-GW
Il dispositivo AD-GW, velocizza l’intervento in linea del
Personale TE nell’applicazione dei giunti a piena trazione
sul filo di contatto (morsetti giuntafilo) e annulla gli “im-
previsti” legati a questo tipo di attività.
Viene fornito già completo del morsetto manovratore
HC-GW per filo di contatto.

ruote sagomate
Morsetto
filo di manovratore
contatto

filo di contatto da mantenere punto di taglio filo di contatto nuovo


GRAPPAFILO
GRAPPAFILO

ALZATIRA
gancio
filo di contatto da sostituire

Con il morsetto manovratore si allineano le gole Con il morsetto manovratore si corregge, se


del filo nuovo al profilo delle ruote sagomate necessario, anche la curvatura delle testate di
e quindi si serra il volantino dell’AD-GW (lato entrambi i fili di contatto.
alzatira).

18
SISTEMI PER LA RADDRIZZATURA DEI FILI DI CONTATTO SAGOMATI

MSGW
Raddrizzatore meccanico per fili di contatto sagomati, consen-
te di raddrizzare facilmente ed in continuo le sezioni di filo più
comuni come ad esempio: 100-120-150 mm2.

Caratteristiche Generali:
• Dimensioni in mm: • Peso: 6,8 kg
431

290
234
Coppie matrici, per raddrizzare il filo di contatto sagomato, da impiegare
con la testa tipo ECW-H in dotazione al Personale TE TE:
Queste matrici permettono di raddrizzare gibbosità localizzate sul filo; grazie al
loro profilo calibrato ed alla notevole potenza della testa si ottiene sullo stesso punto
del filo un ottimo risultato in una sola operazione.

MSGW 100-H
Per filo di contatto diametro 11,8 mm sez. 100 mm2
MSGW 150-H
Per filo di contatto diametro 14,5 mm sez. 150 mm2

UTENSILE MECCANICO PER SELLETTE MS 1170 PER PENDINI

HP-MS 1170
Utensile meccanico per sellette MS 1170
per pendini.
L'impronta di chiusura della selletta è
studiata affinchè non si producano deforma-
zioni indesiderate della selletta nella zona
in cui puo’ scorrere la corda portante; si
evita percio’ il rischio che la corda portante
stessa possa essere incisa riducendo quindi
le proprie prestazioni.
L’utensile è munito di dispositivo di fine Sellette in rame per l’appoggio
corsa per il controllo dell'operazione. del filo Ø 5 mm del pendino
sulla corda portante

19
TESTE OLEODINAMICHE
TRANCIADADI

RHTD 1724
Testa oleodinamica tranciadadi per il taglio di dadi aventi la dimen-
sione dell’esagono da 17 a 24 mm; è munita di innesto rapido a
bloccaggio automatico maschio per il collegamento ad una pompa
avente pressione di esercizio 600-700 bar.
La testa è molto utile nei lavori di sostituzione TE in quanto può
essere usata con facilità nei seguenti particolari inerenti alla linea
di contatto:
• Staffa normale portaisolatore I 621 per corde portanti
• Attacchi per bracci di poligonazione alla mensola
• Attacco della mensola al palo
• Attacco del tirante alla mensola
• Morsetti a cavallotto per funi portanti e filo sagomato

Viene fornito con robusta custodia


in materiale plastico tipo VAL P4

Campo di applicazione:
adatta a tranciare dadi da esagono 17 mm (M10)
a esagono 24 mm (M16)
Pressione nominale di esrcizio: 600-700 bar
Peso: 1,76 kg

RHTD 3241-T
Testa oleodinamica tranciadadi completa di innesto rapido maschio
a bloccaggio automatico. Per il suo funzionamento è necessario
abbinarla ad una pompa oleodinamica sviluppante una pressione
nominale di 700 bar.
La testa è particolarmente utile nei lavori di manutenzione all’arma-
mento in quanto può liberare in pochi secondi ed in un'unica opera-
zione i chiavardini fortemente ossidati sugli attacchi “K” delle rotaie.

Viene fornito con robusta custodia


77
in materiale plastico tipo VAL P4

Campo di applicazione:
41

adatta a tranciare dadi da esagono 27 mm (M18)


a esagono 41 mm (M27) 222

Pressione nominale di esrcizio: 600-700 bar


Peso: 4,9 kg
75,5

21,5

CAMPO DI APPLICAZIONE
DOPPIA LAMA LAMA SINGOLA
CON LAMA MOBILE E FISSA
CON LAMA MOBILE E FISSA MARCATE “B” MARCATE “A”* UNA LAMA MOBILE MARCATA “B” E PIASTRINA DI RISCONTRO “C”

DADI ESAGONALI DADI QUADRI BUSSOLE DI FISSAGGIO DADI ESAGONALI DADI QUADRI

* lame con profilo speciale

20
POMPE OLEODINAMICHE

B70M-P24 24V
Pompa elettro-oleodinamica portatile, azionata da un motore in 3.3Ah
corrente continua a 24V, alimentata da batteria interna per un Ni-MH
impiego autonomo; la pompa è munita di una apposita presa
che ne consente l’eventuale collegamento ad una fonte esterna
a 24 Vcc.
È corredata dai seguenti accessori:
– Tubo flessibile per alta pressione, lungo 3 m, intestato alle
estremità con innesti rapidi a bloccaggio automatico maschio
e femmina.
– Pulsantiera per il comando a distanza
– Tracolla
– Caricabatteria esterno
– Robusta sacca di tela per il contenimento
ed il trasporto degli accessori sopra elencati.
Accessori fornibili a richiesta:
– Batteria di riserva
– Cavi di collegamento fonte esterna 24 VDC:
• ESC 300 CEE (lungo 3 m con presa CEE)
• ESC 600 (lungo 6 m con pinze a coccodrillo)
– Pedaliera di comando trasportabile RCP-B70
– Pulsantiera di comando integrata di tubo flessibile ERCH-WH Presione di esercizio: 700 bar
– Zaino di trsporto TRS-B70
Dimensioni:
– Aggancio per scala a pioli SH-B70
lunghezza 390 mm
– Cassetta metallica per carrelli TE VAL B70-TE
larghezza 163 mm
– Contenitore carrellato VAL-P18
altezza 323 mm
– Alimentatore da rete 115-230V EPS 115-230.24
– Alimentatore da rete 230V ~ 50-60Hz BPS 230.24 Peso: (senza accessori) 9,2 kg

Vedere anche le pagine 22-23

PO 7000
Pompa oleodinamica ad azionamento a pedale, con avanzamento
a due velocità, sviluppante una pressione nominale di 700 bar; è
provvista di tubo flessibile per alta pressione lungo 3 m, completo
di innesto rapido femmina a bloccaggio automatico. Viene fornita in
una robusta valigetta di plastica.

Presione nominale di esercizio: 700 bar


Dimensioni:
lunghezza 680 mm
larghezza 200 mm
altezza 163 mm
Peso: 9,8 kg

HTP
Pompa oleodinamica ad azionamento manuale sviluppante una
pressione di 600 bar.
È munita di innesto rapido a bloccaggio femmina per il collegamen-
to delle teste oleodinamiche come ad esempio il tipo RH-TFC (per il
taglio del filo di contatto), RHTD 1724 (per il taglio di dadi) oppure
RHTEP (per l’installazione dei contatti elettrici alle rotaie). Viene
fornita in una custodia metallica.

Presione nominale di esercizio: 600 bar


Dimensioni:
larghezza 130 mm
Peso: 2,2 kg

21
POMPA ELETTRO OLEODINAMICA PORTATILE B70M-P24
La pompa elettro oleodinamica portatile B70M-P24
è estremamente versatile, grazie all’elevato rendi-
mento ed alla leggerezza che la contraddistinguono,
è uno strumento indispensabile per eseguire in si-
curezza, collegata alle varie teste, rilevanti interventi
con minimo dispendio di tempo (vedi anche pag 21).

RHTEP
Per l’estruzione dei con-
tatti elettrici alle rotaie ed
apparecchi del binario.
(Pag. 14)

RH-TFC

I
Per il taglio perpendicolare

N
e senza deformazione dei
O fili sagomati di contatto
I nell’esecuzione
Z
A C A dei giunti a
P P L I piena trazione.
(Pag. 16)
ECW-H TC 025
Per la compressione dei Per il taglio di conduttori
connettori elettrici per appli- e funi metalliche fino a
cazioni TE (Catenaria, SSE, Ø 24 mm. (Pag. 28)
RHTD 1724
RHC 131 Per il taglio dei dadi nei
Linee Primarie).
Per la compressione dei con- lavori di sostituzione TE.
(Pag. 25) TC 050Y
nettori elettrici per applicazio- (Pag. 20)
ni IS e TE. (Pag. 25) Per il taglio di conduttori
e corde Alluminio-Acciaio
fino a Ø 50 mm
RHTD 3241-T
Per il taglio dei dadi forte-
(Pag. 29)
mente ossidati sugli attacchi
“K” delle rotaie.
(Pag. 20)

ACCESSORI A CORREDO

 Batteria 24VDC 3.3Ah.


  Pulsantiera per il comando a distanza.
 Tubo flessibile per alta pressione, lungo 3 m, intestato alle
estremità con innesti rapidi a bloccaggio automatico
maschio e femmina.
 Caricabatteria autoventilato.
 Tracolla da agganciare agli appositi anelli previsti sulla pompa.
  Sacca di tela per il contenimento ed il trasporto Oltre all’impiego autonomo mediante bat-
degli accessori. teria estraibile, la pompa è munita di una
apposita presa che ne consente l’even-
tuale collegamento ad una fonte esterna
a 24 VDC come ad esempio quella pre-
sente sui carrelli in dotazione al perso-
nale del Settore TE






22
ACCESSORI A RICHIESTA PER LA POMPA ELETTRO-OLEODINAMICA TIPO B70M-P24
ESC 300CEE ESC 600
Cavo di collegamento a fonte esterna 24 VDC Cavo di collegamento a fonte esterna 24 VDC
intestato con connettore adatto al collegamen- intestato con connettore adatto al collegamento
to della pompa da un lato e con presa normaliz- della pompa da un lato e con pinze a molla
zata CEE dall’altro. Lunghezza 3 metri. dall’altro. Lunghezza 6 metri.

EPS 115-230.24
alimentatore da rete
115-230V
ERCH-WH
Pulsantiera di comando integrata di tubo
BPS 230.24 alimentatore da rete. flessibile per alta pressione lunghezza
Caratteristiche principali: 3 metri. Questa soluzione consente
INPUT 230V~ 50-60Hz; OUTPUT 24V… oltre al comando di
protezione termica e da corto circuito. avanzamento e
Corrente massima: fino a 4A in uso continuo; rilascio della
18A per 50 s; 25A per 8 s. pompa anche
il sostegno
della testa
oleodinamica
TRS-B70 collegata.
Zaino di trasporto
Robusto zaino di tela adatto
al contenimento della pompa
ed al suo trasporto. Lo zai-
no è provvisto di cinghie per
assicurarlo all’operatore e di VAL B70-TE
anello laterale che consente Cassetta metallica studiata
l’aggancio della pulsantiera per essere fissata al carrello
tramite moschettone. TE con lo scopo di alloggiare
la pompa elettro-oleodina-
mica a batteria B70M-P24
pronta all’uso per i vari inter-
SH-B70
venti lavorativi.
Aggancio per scala a pioli
La VAL B70-TE può essere
Sistema d’aggancio della pompa
fissata mediante agganci
ad una scala a pioli per render-
idonei ai più comuni carrelli
ne più agevole l’utilizzo da parte
in dotazione alla Rete Ferro-
dell’operatore.
viaria Italiana.
Per il collegamento del tubo oleodinamico alla pompa
inserita nella cassetta, è necessario il raccordo an-
golare tipo Q38L-FM munito di innesti rapidi maschio
e femmina a bloccaggio automatico (vedi pag. 23).

Agganci per
Carrello
VAL B70-TE
Fipem F93 S4
Fipem F93 S
KIT AG 1
Keller K 301
Saem S45
Mer Mec 250 ASG
KIT AG 2
MTH Orel 9
VAL-P18
Contenitore carrellato con
maniglia telescopica.
È caratterizzato da un vano
principale per il contenimento
della pompa e da due ripiani.

RCP-B70
Pedaliera di comando trasportabile
costituita da pedale destro di comando,
provvisto di protezione, e da
pedale sinistro di rilascio.
Con l’insieme viene fornita
anche un’asta centrale per
agevolarne lo spostamento;
il cavo di collegamento è lungo Es. MTH Orel 9
3 metri.

23
vo
uo

UTENSILI OLEODINAMICI PER L’INSTALLAZIONE DI

N
CONNETTORI ELETTRICI A COMPRESSIONE uo
vo

N
OVE
NU
B 131-C OPPI A
Li-Ion

IE
D

• Utensile oleodinamico portatile azionato a batteria adatto alla in- V


EL
OCIT
À BAT TER
stallazione di connettori elettrici a compressione su conduttori in
genere fino a 400 mm2, e particolarmente adatto per l’esecuzio-
ne di impianti IS e TE.
• Utilizza la serie di matrici ad innesto semicircolare comune agli
utensili ed alle teste da 120-130 kN di produzione Cembre
• Azionabile in tutte le fasi di utilizzo con una sola mano.
• Grazie all’equilibratura delle masse ed alla testa ruotabile di 180°
risulta estremamente versatile e maneggevole.
• Pulsanti di azionamento e rilascio meccanicamente interbloccati;
il primo integrato nel secondo e sagomato in modo da evitare
azionamenti accidentali. Ciò permette anche di eseguire le opera-
zioni di azionamento e rilascio con lo stesso dito e senza allentare
la presa sull’utensile.
• Ciclo di lavoro gestito da microprocessore che provvede automa-
ticamente allo spegnimento del motore a fine compressione in
modo da limitare il consumo energetico. Corredo composto da:
• Al rilascio del pulsante di azionamento viene automaticamente • Utensile base con batteria,
visualizzato lo stato di carica della batteria consentendo all’opera- e tracolla
tore una rapida stima dell’autonomia residua. • Batteria di riserva
• Sistema di raffreddamento ad aria convogliata: l’aria fresca entran- • Caricabatteria
te percorre condotti diversi dall’aria calda uscente; le prese d’aria • Custodia a doppio fondo adat-
sono sagomate per impedire l’introduzione di corpi estranei. ta al contenimento anche di
• Funzionamento silenzioso e praticamente esente da vibrazioni. 14 coppie matrici ad innesto
• Corpo in materiale plastico antiurto, sagomato ergonomicamente. semicircolare
• Presa per alimentazione da fonte esterna a 12÷14.4 VDC.

Forza sviluppata: 130 kN Accessori fornibili a richiesta: ESC 600


Dimensioni: • Cavo tipo ESC 600 per il collega-
lunghezza 420 mm mento a fonte esterna 12÷14,4 VDC
altezza 250 mm • BPS 230.14 alimentatore da rete
profondità 100 mm • CFC 12-24ICN caricabatteria con
Peso: (con batteria) 7,1 kg attacco per accendisigari
CFC 12-24ICN
BPS 230.14

HT 120
HT 131-C HT 120
Utensili oleodinamici ad azionamento manuale, con avanza- Forza sviluppata: 120 kN
mento a due velocità, particolarmente adatti all’esecuzione Dimensioni:
di impianti IS e TE. lunghezza 488 mm
Sono forniti in una robusta e pratica custodia in materiale larghezza 138 mm
Peso: 5,7 kg
plastico provvista di appositi alveoli per il contenimento di n°
14 coppie matrici.

HT 131-C
Forza sviluppata: 130 kN
Dimensioni:
lunghezza 473 mm
larghezza 144 mm
Peso: 5,2 kg

Questi utensili sono particolarmente


adatti per l’esecuzione di impianti IS e TE.

24
TESTE OLEODINAMICHE PER L’INSTALLAZIONE DI
CONNETTORI ELETTRICI A COMPRESSIONE

RHC 131 Presione nominale di esercizio: 700 bar


Testa oleodinamica completa di innesto rapido maschio a bloccag- Forza sviluppata: 130 kN
gio automatico. Per il suo funzionamento è necessario abbinarla Dimensioni:
ad una pompa oleodinamica sviluppante una pressione nominale lunghezza 232 mm
di 700 bar. larghezza 124 mm
Questo utensile è particolarmente adatto per l’esecuzione Peso: 3,9 kg
di impianti IS e TE.

VAL P26
Custodia in materiale plastico adatta al contenimento della testa
oleodinamica tipo RHC 131 e di nº 14 coppie di matrici.

VAL MAT
Valigetta metallica adatta al contenimento di nº 15 coppie di ma-
trici per utensili oleodinamici tipo HT 120, HT 131-C e RHC 131.

VAL P26

ECW-H
Testa oleodinamica completa di innesto rapido maschio a bloccag-
gio automatico. Per il suo funzionamento è necessario abbinarla Presione nominale di esercizio: 700 bar
ad una pompa oleodinamica sviluppante una pressione nominale Forza sviluppata: 230 kN
di 700 bar. Dimensioni:
Questo utensile è particolarmente adatto per l’esecuzione di im- lunghezza 302 mm
pianti per la trazione elettrica (TE). larghezza 109 mm
Peso: 5,5 kg
VAL ECW-H
Custodia metallica adatta al contenimento della testa oleodinamica
tipo ECW-H e di nº 10 coppie di matrici.

VAL-H
Valigetta metallica adatta al contenimento di nº 12 coppie di matri-
ci adatte alla testa oleodinamica tipo ECW-H.

RHU 520
Testa oleodinamica completa di innesto rapido maschio a bloccag-
gio automatico.
Per il suo funzionamento è necessario abbinarla ad una pompa ole-
odinamica sviluppante una pressione nominale di 700 bar.
Questo utensile è particolarmente adatto ad eseguire l’installa-
zione dei connettori per linee primarie.

VAL 520
Custodia metallica adatta al contenimento della te-
sta oleodinamica tipo RHU 520.

VAL MAT 520


Valigetta metallica adatta al contenimento di nº 10
coppie di matrici adatte alla testa tipo RHU 520.

Presione nominale di esercizio: 700 bar


Forza sviluppata: 520 kN
Dimensioni:
lunghezza 306 mm
larghezza 200 mm
Peso: 18 kg

25
UTENSILI OLEODINAMICI PER L’INSTALLAZIONE DI
CONNETTORI ELETTRICI A COMPRESSIONE

B 51
Utensile oleodinamico portatile azionato a batteria a 2 velocità adat-
to alla installazione di connettori elettrici a compressione; utilizza la uo
vo

N
serie di matrici comune agli utensili HT 51 di produzione Cembre.
Azionabile in tutte le fasi di utilizzo con una sola mano.
Grazie all’equilibratura delle masse ed alla testa ruotabile di 180°, uo
vo

risulta estremamente versatile e maneggevole.

N
Provvisto di valvola di massima pressione e di visualizzazione auto-
matica dello stato di carica della batteria, consente di controllare D
OPPI A

la corretta esecuzione delle compressioni e di conoscere in ogni V


EL
OCIT
À

momento l’autonomia residua.


La silenziosità e l’assenza di vibrazioni rendono il suo utilizzo estre- OVE
NU
Li-Ion
mamente confortevole; il corpo in materiale plastico assicura ade-

IE
guata protezione in tutte le condizioni di impiego. BAT TER

Corredo composto da: Forza sviluppata: 50 kN


• Utensile base con batteria, Dimensioni:
cinghia da polso e tracolla lunghezza 297 mm
• Batteria di riserva altezza 302 mm
• Caricabatteria
profondità 94 mm
• Custodia adatta al conteni-
mento anche di 21 coppie Peso: (con batteria) 3,7 kg
matrici

CFC 12-24ICN
Accessori fornibili a richiesta:
• BPS 230.14 alimentatore da rete
• CFC 12-24ICN caricabatteria con
attacco per accendisigari

BPS 230.14

HT 51
Utensile oleodinamico ad azionamento manuale a 2 velocità di
nuova concezione, leggero, maneggevole e di ridotte dimensioni
di ingombro, è ideale per l’utilizzo in quadri elettrici e in spazi
angusti.
Viene fornito completo di custodia VAL P1 in materiale plastico
adatta al contenimento dell’utensile e di n° 20 coppie di matrici.
Forza sviluppata: 50 kN
Dimensioni:
lunghezza 380 mm
larghezza 130 mm
Peso: 2,7 kg

HT 45
Utensile oleodinamico ad azionamento manuale; risulta parti-
colarmente pratico per l’installazione dei capicorda CCS16…,
AC40/10… e connettori CCV16… nell’esecuzione dei circuiti di
binario tradizionali (alimentazioni, continuità e ricezioni).
VAL P1-N
Custodia in materiale plastico adatta al contenimento
dell’utensile oleodinamico tipo HT 45 e di nº 20 coppie
di matrici.
Forza sviluppata: 50 kN
Dimensioni:
lunghezza 346 mm
larghezza 130 mm
Peso: 2,0 kg

26
PRESSA OLEODINAMICA PER L’INSTALLAZIONE DI
CONNETTORI ELETTRICI A COMPRESSIONE

CPU 1230-H
Pressa oleodinamica composta da:
– Testa oleodinamica tipo ECW-H, completa di innesto rapido ma-
schio a bloccaggio automatico.
– Pompa oleodinamica tipo PO 7000, a pedale, con avanzamento a
due velocità, completa di tubo flessibile per alta pressione, lungo
3 m, ed innesto rapido femmina a bloccaggio automatico per il
collegamento alla testa.
– Custodia metallica per il contenimento della pressa e di nº 12
coppie di matrici.
Questo utensile è particolarmente adatto per l’esecuzione
di impianti per la trazione elettrica (TE).

Presione nominale di esercizio: 700 bar


Forza sviluppata: 230 kN
Dimensioni pompa: lunghezza 680 mm
lunghezza larghezza 200 mm
larghezza altezza 163 mm
Dimensioni testa: lunghezza 302 mm
larghezza 109 mm
Peso totale: 15,3 kg

ACCESSORI E RICAMBI
TUBI FLESSIBILI
TF 300-Q 38 FM
Tubo flessibile lungo 3 m, provvisto di innesto rapido femmina a
bloccaggio automatico ad una estremità e di innesto rapido ma-
schio a bloccaggio automatico all’altra estremità.

TF 600-Q 38 FM
Tubo flessibile lungo 6 m, provvisto di innesto rapido femmina a
bloccaggio automatico ad una estremità e di innesto rapido ma-
schio a bloccaggio automatico all’altra estremità.

TF 300-Q 38 F
Tubo flessibile lungo 3 m, provvisto di innesto rapido femmina a
bloccaggio automatico ad una estremità e filettatura maschio all’al-
tra estremità.
INNESTI RAPIDI
Q 38-M
Innesto rapido maschio a bloccaggio
automatico per teste oleodinamiche. Q 38-M Q 38-F Q 38-MS

Q 38-MS
Innesto rapido maschio a bloccaggio
automatico per tubi flessibili.

Q 38-F
Innesto rapido femmina a bloccaggio
automatico per pompe oleodinamiche
e tubi flessibili.

RACCORDO ANGOLARE
Q 38L-FM
Raccordo angolare provvisto di innesti rapidi maschio e femmina a
bloccaggio automatico (vedi l’impiego a pag. 23)

27
UTENSILI OLEODINAMICI TRANCIAFUNI
Utensili oleodinamici adatti ad effettuare il taglio di conduttori e funi
in rame, aldrey, alluminio, alluminio-acciaio ed acciaio (per le capa-
cità di taglio consultare la tabella TAB 1).

HT-TC026
Utensile oleodinamico a due velocità ad azionamento manuale,
adatto al taglio di conduttori e funi metalliche fino ad un Ø max. di
25 mm.
Viene fornito in robusta sacca di tela.

Dimensioni:
lunghezza 382 mm
larghezza 129 mm
Peso: 3,2 kg

TC 025
Testa oleodinamica, completa di innesto rapido maschio a bloccag-
gio automatico per il collegamento a pompa oleodinamica svilup-
pante una pressione nominale d’olio di 700 bar,
Adatta ad effettuare il taglio di conduttori e funi metalliche fino ad
un Ø max. di 25 mm.
Viene fornita in robusta sacca di tela.

Dimensioni:
lunghezza 213 mm
larghezza 82 mm
Peso: 2,0 kg

TAB. 1
C A PA C I T À D I TA G L I O
Max diametro esterno tagliabile (mm)
Carico Rottura
MATERIALE a trazione HT-TC026
(daN/mm2) TC 025 B-TC026
RAME ≤ 41 25
ALLUMINIO ≤ 20 25
ALDREY ≤ 34 25
ESEMPI INDICATIVI:
ACCIAIO ≤ 180 7 x 3,0 : Ø est. = 9,0 mm
FUNI

19 x 2,1 : Ø est. = 10,5 mm


19 x 2,3 : Ø est. = 11,5 mm
ACCIAIO FLESSIBLE
E

≤ 180 18
(n° fili ≥ 200)
CAVI

25

ESEMPI INDICATIVI:
ALLUMINIO- ACCIAIO ≤ 180 26 x 2,50 + 7 x 1,95 : Ø est. = 15,85
26 x 3,06 + 7 x 2,38 : Ø est. = 19,38
26 x 3,60 + 7 x 2,80 : Ø est. = 22,80

≤ 60 13
ACCIAIO
≤ 42 16
TONDI

≤ 30 20
RAME
≤ 25 23
ALLUMINIO ≤ 16 25

28
UTENSILI OLEODINAMICI TRANCIAFUNI

Utensili oleodinamici adatti ad effettuare il taglio di cavi in rame,


alluminio, e corde alluminio-acciaio fino ad un Ø max. di 50 mm.

HT-TC 051Y
Utensile oleodinamico a due velocità ad azionamento manuale.
Viene fornito in robusta sacca di tela.

Dimensioni:
lunghezza 503 mm
larghezza 129 mm
Peso: 4,7 kg

TC 050Y
Testa oleodinamica, completa di innesto rapido maschio a bloc-
caggio automatico per il collegamento a pompe oleodinamiche
sviluppanti una pressione nominale d’olio di 700 bar.
Viene fornita in robusta sacca di tela.

Dimensioni:
lunghezza 331 mm
larghezza 112 mm
Peso: 3,3 kg

Questi utensili non sono adatti al taglio di tondi in acciaio.

UTENSILE OLEODINAMICO A BATTERIA TRANCIAFUNI


B-TC026 vo
uo
Utensile oleodinamico portatile a batteria a due velocità adatto ad
N

effettuare il taglio di conduttori e funi in rame, alluminio, aldrey,


acciaio e alluminio-acciaio fino ad un Ø max di 25 mm (consultare
vo
la TAB. 1). Le lame sono realizzate in acciaio speciale ad elevata uo
N

resistenza ed opportunamente trattato.


La testa è facilmente apribile per poter effettuare il taglio di funi
OPPI A
passanti; grazie all’equilibratura delle masse ed alla testa ruotabile V
D

EL À
OCIT
di 180°, risulta estremamente versatile e maneggevole.
Provvisto di valvola di massima pressione e di visualizzazione auto-
OVE
matica dello stato di carica della batteria, consente di controllare il NU
fine corsa delle lame e di conoscere in ogni momen- Li-Ion
IE

to l’autonomia residua. BAT TER


La silenziosità e l’assenza di vibrazioni rendo-
no il suo utilizzo estremamente confortevole; il
corpo in materiale plastico assicura adeguata
protezione in tutte le condizioni di impiego.

Dimensioni:
lunghezza 295 mm
altezza 302 mm
profondità 94 mm
Peso: (con batteria) 4,0 kg
CFC 12-24ICN
Corredo composto da:
• Utensile base con batteria, Accessori fornibili a richiesta:
cinghia da polso e tracolla
• BPS 230.14 alimentatore da rete
• Batteria di riserva
• CFC 12-24ICN caricabatteria con
• Caricabatteria
• Custodia in materiale plastico attacco per accendisigari BPS 230.14

29
TRAPANI PER ROTAIE ED APPARECCHI DEL BINARIO

LD-1P
CARATTERISTICHE GENERALI:
•Motore: a scoppio 2 tempi
•Cilindrata: 48,6 cc
•Carburante: miscela 2% (1:50)
•Avviamento: a strappo con avv. automatico
•Frizione: centrifuga con intervento automatico
•Potenza: 1,4 Kw
•Peso con dispositivo DBG-F2: 19 Kg.
orme
nf

a
Capacità di foratura: Ø 7÷33 mm • co


EN13977

a
• Con frese frontali: Ø 13÷33 mm
c

e
per spessori fino a 50 mm onform
• Con punte elicodali speciali:: Ø 7÷22 mm
per spessori fino a 45 mm

AGGIORNAMENTO N° 1
ALLA NOTIZIA TECNICA
N° 05 Ed. 1997

- Sistema per la foratura in verticale dei nuovi deviatoi


- Dispositivo di bloccaggio / sbloccaggio “rapido
rapido” alla rotaia
- Nuovi utensili di foratura

A
NIC
TEC O
IZIA . 1997 BINA
RI
NOTN° 05 Ed CCHI
DEL
PARE E

NCF
P
I AP VIARI
DEGL FERRO RI

azione S
EE
AIIE LAVO
RO TTA
AZ IONI - TE -
LLE PLIC e IS
RA DE LLE AP uadr

Omolog I 11002
RATU NE le sq
per
LA FO eto
mpl
a co
stem
Un si

DP
DI V I S I O N E I N F R A S T R U T T U R A
DIREZIONE TECNICA
TECNOLOGIE DI BASE

I
NIC I
EC IC
I T TR
VIZ ELET
ER
- S NTI
TE MPIA
RE I
A O
AS VIZI

LD-2E
E R
S

CARATTERISTICHE GENERALI:
• Motore: elettrico monofase
• Tensione di alimentazione: 220/230V 50Hz
• Potenza nominale: 1800 W orme
nf
a

• Peso con dispositivo DBG-F2: 17 Kg


• co

EN13977
a

Capacità di foratura: Ø 7÷33 mm c


e

onform
• Con frese frontali: Ø 13÷33 mm
per spessori fino a 50 mm
• Con punte elicodali speciali: Ø 7÷22 mm
per spessori fino a 45 mm

NCF
m o lo g azione S
O 02
DPI 110

30
TRAPANI PER ROTAIE ED APPARECCHI DEL BINARIO

LD-3PF orme
nf

a
• co
CARATTERISTICHE GENERALI:


EN13977

a
• Motore: a scoppio 2 tempi c

e
• Cilindrata: 48,6 cc onform
• Carburante: miscela 2% (1:50)
• Avviamento:: a strappo con avv. automatico
• Frizione:: centrifuga con intervento automatico Capacità di foratura:
foratura Ø 7÷38 mm
• Potenza: 1,4 kW • Con frese frontali:
frontali Ø 13÷38 mm
• Peso con dispositivo DBG-F2: 19 kg per spessori fino a 50 mm
• Con punte elicodali speciali:
special Ø 7÷27,5 mm
per spessori fino a 45 mm

LD-41P
CARATTERISTICHE GENERALI:
orme
• Motore: a scoppio 4 tempi
• Cilindrata: 35,8 cc nf

a
• co


• Carburante: benzina senza piombo EN13977

a
• Avviamento:: a strappo con avv. automatico
c

e
• Frizione:: centrifuga con intervento automatico onform
• Potenza: 1 kW
• Peso con dispositivo DBG-F2: 19,5 kg Capacità di foratura:
foratura Ø 7÷38 mm
• Con frese frontali:
frontali Ø 13÷38 mm
CF per spessori fino a 50 mm
o lo g a zione SN
Om 02 • Con punte elicodali speciali:
speciali Ø 7÷27,5 mm
DPI 110 per spessori fino a 45 mm

LD-4EF
orme
CARATTERISTICHE GENERALI: nf

a
• co


Motore: elettrico monofase a due velocità EN13977

a
• Tensione di alimentazione:: 220/230V 50 Hz c

e
• Potenza nominale: 1800W onform
• Peso con dispositivo DBG-F2: 17 kg
La velocità del motore del trapano LD-
4EF è regolabile, tramite un interrutto-
Capacità di foratura: Ø 7÷40 mm
re, in relazione al diametro del foro da
• Con frese frontali: Ø 13÷40 mm eseguire.
per spessori fino a 50 mm Raccomandiamo la velocità standard
• Con punte elicodali speciali:: Ø 7÷27,5 mm per fori di diametro inferiore a Ø28 mm
per spessori fino a 45 mm e la bassa velocità per fori di diametro
compreso tra Ø28 e Ø38 mm.

LD-12B
CARATTERISTICHE GENERALI:
Motore:: elettrico alimentato a batteria PACCO BATTERIA
• Tensione di alimentazione:: 24 VDC 24 VDC 16 Ah
• Potenza nominale: 345W
• Peso con dispositivo DBG-F2:: 17 kg

Capacità di foratura:: Ø 7÷19 mm

PACCHI BATTERIA DA RICHIEDERE


SEPARATAMENTE:
– BP 24-16: 24 VDC 16 Ah, 17 kg
– BP 24-10: 24 VDC 10 Ah, 11 kg

COMPLETI DI:
• Display con stato di carica batteria
• Fusibile PACCO BATTERIA
• Caricabatteria 24 V 2A max. 24 VDC 10 Ah

31
TRAPANI PER ROTAIE ED APPARECCHI DEL BINARIO
I trapani Cembre sono il risultato di un progetto finalizzato a risolvere con sicurezza il problema della foratura di rotaie in ambito ferroviario anche nelle
condizioni più critiche. Con l’ausilio di opportuni accessori, da richiedere separatamente, è possibile effettuare con precisione forature conformemente
a quanto indicato nei disegni FS per le esigenze dei settori di specializzazione IS, TE e LAVORI. Grazie alle dimensioni contenute è possibile, ad esempio,
forare senza manomettere l’armamento gli aghi interni dei deviatoi inglesi doppi 46-60 UNI per la successiva applicazione della tiranteria di manovra
e controllo. È previsto l’utilizzo di punte elicoidali speciali e di frese frontali. Al trapano è allacciabile, mediante innesto rapido, un gruppo per la refrige-
razione automatica dell’utensile. Il peso limitato del trapano ne rende agevole il trasporto e permette ad un singolo operatore di eseguire rapidamente
forature in modo completamente autonomo.
Esempi di alcuni sistemi di bloccaggio:

al gambo delle rotaie ed agli apparecchi del binario alla suola delle rotaie
Questo sistema a braccio mobile permette di operare in condi- Con questo sistema a slitta il trapano risulta essere fuori sagoma
zioni di tratta libera o dove sono previsti sistemi di sicurezza per per cui può essere lasciato allacciato alla rotaia anche durante
l’avvistamento del treno. In ogni caso le operazioni di sbloccaggio il passaggio dei treni. In queste condizioni è possibile forare la
e spostamento del trapano dalla rotaia possono essere effettuate rotaia tra le due traverse.
rapidamente. In queste condizioni è possibile forare anche in cor- (tranne il modello LD-41P)
rispondenza delle traverse.

alle staffe d’attacco degli zatteroni ai traversi di sostegno delle casse di manovra
Questi sistemi di bloccaggio consentono la taratura del deviatoio e la successiva foratura in verticale degli zatteroni per:
il fissaggio degli stessi in corrispondenza dei contraghi il fissaggio dei traversi per deviatoi con tiranteria unificata

al gambo delle rotaie a gola


H

Questo sistema a braccio mobile “allungato” consente, in accoppiamento alla maschera specifica, di posizionare il trapano su ambedue i lati della rotaia a gola.

32
ACCESSORI FORNITI A CORREDO
DEI TRAPANI PER ROTAIE

DISPOSITIVO DBG-F2
a braccio mobile per il bloccaggio del trapano al gambo delle rotaie ed agli
apparecchi del binario, completo delle seguenti terminazioni:
– TDB 1 per aghi di deviatoi e cuori composti
– TDB 3 per la ripresa di fori esistenti su rotaie per la successiva applicazione
di connessioni elettriche e per il fissaggio delle cassette di alimentazione
degli elementi riscaldanti per contraghi di deviatoi 46-50 UNI
– TDB 6 per rotaie e contraghi (sostituisce il precedente TDB 2)

PUNTE PILOTA
per il comando del sistema di refrigerazione:
per frese frontali adatte alla foratura di spessori fino a 25 mm
– n°1 PP 1 diametro 7 mm
– n°1 PP 2 diametro 8 mm
per frese frontali adatte alla foratura di spessori fino a 50 mm
– n°1 PPL 1 diametro 7 mm
– n°1 PPL 2 diametro 8 mm

DISTANZIALE TIPO DPE


per consentire la lubrorefrigerazione attraverso le punte elicoidali speciali.

ADATTATORE TIPO ARE


per un'eventuale refrigerazione esterna degli utensili di foratura, da impiegare
con il gruppo di refrigerazione SR 5000

GRANI M 8X10
– n°4 per bloccaggio frese o punte su albero-mandrino

VITI T.C.E.I. 6X16


– n°4 per fissaggio maschere di foratura su piastra frontale

VITI T.C.E.I. 6X25


– n°4 per fissaggio maschere di foratura su piastra frontale

SERIE ATTREZZI
– n° 1 chiave a brugola da 5 mm
– n° 1 chiave a brugola da 6 mm
– n° 1 chiave a brugola, con impugnatura, da 4 mm
– n° 1 chiave per candela d’accensione
(nei modelli con motore a scoppio)
– n° 1 pennello
MISURINO PER LA PREPARAZIONE DELLA MISCELA (nei modelli con motore a scoppio)

CONFEZIONE OLIO PER RIDUTTORE AD INGRANAGGI

GRUPPO DI REFRIGERAZIONE TIPO SR 5000

33
ACCESSORI A RICHIESTA
DEI TRAPANI PER ROTAIE

CUSTODIA METALLICA VAL LD


per il contenimento sia del trapano completo del dispositivo di bloccaggio
DBG-F2, sia del dispositivo di bloccaggio DBSN e della valigetta VAL MPA
porta accessori. A richiesta è possibile fornire anche il modello VAL LD-L
per il contenimento dei trapani completi del dispositivo DBG-LF2 (per le
rotaie a gola).

MASCHERE DI POSIZIONAMENTO SU ROTAIE E CONTRAGHI


per poter eseguire forature in conformità a quanto previsto sui disegni FS:
FS
– MPAF 46 UNI su ASSE FORATURA armamento 46 E 4 (ex 46 UNI)
MPAF... – MPAF 50 UNI su ASSE FORATURA armamento 50 E 5 (ex 50 UNI)
– MPAFN UIC 60 su ASSI FORATURA/NEUTRO armamento 60 E 1 (ex UIC 60).

MASCHERE DI POSIZIONAMENTO UNIVERSALE


– MPAU adatta sia per la ripresa di fori già esistenti su armamenti vari sia
per la foratura di rotaie in disuso (es. RA 36 ecc.).
MPAU – MPDU per la foratura di rotaie con regolazione dell'altezza.
MPDU

SPA/2-HSB
Dispositivo che consente la regolazione
dell'altezza di foratura da utilizzare in
combinazione con la maschera MPAU

SQUADRETTE DI POSIZIONAMENTO
per la foratura delle testate delle rotaie a distanza ed interasse stabilito in
conformità ai disegni FS senza la necessità di effettuarne la tracciatura; da
usare in accoppiamento con le maschere MPAF...:
– SPA 46 UNI per rotaie 46 E 4 (ex 46 UNI)
– SPA 60–50 UNI per rotaie 60 E 1 - 50 E 5 (ex 60 - 50 UNI)

MORSETTO MRF
da applicare come riferimento al fungo delle rotaie 46 E 4 - 50 E 5 - 60 E 1
(ex 46 - 50 - 60 UNI) per ottenere, in accoppiamento alle squadrette SPA...,
la foratura in linea delle testate delle rotaie ad interasse stabilito.

VALIGETTA METALLICA VAL MPA


adatta al contenimento degli accessori sopra elencati e degli utensili di foratura.

0
L = 50

SISTEMI DI POSIZIONAMENTO A VARIE DISTANZE SU ROTAIE


L'assemblaggio dei vari componenti il sistema consente di risolvere numer-
ose esigenze di foratura ad interassi vari.
0
L = 30
Tipo Descrizione
MRF-U300-S  Posizionatore con scala graduata 300 mm.
MRF-U500-S  Posizionatore con scala graduata 500 mm.
 CAV MRFU  Coppia di morsetti per rotaie tradizionali
CAVY MRFU  Coppia di morsetti per rotaie a gola o “Y”
 BH 200-MRFU  Blocchetti di prolunga h=20 mm
BH 305-MRFU  Blocchetti di prolunga h=30,5 mm
BH 365-MRFU  Blocchetti di prolunga h=36,5 mm

34
ACCESSORI A RICHIESTA
DEI TRAPANI PER ROTAIE

ACCESSORI PER LA FORATURA DEI DEVIATOI

MASCHERE PER IL POSIZIONAMENTO SU AGHI DI DEVIATOI


per forature di MANOVRA e CONTROLLO con distanza dalla suola secondo
gli standard FS,
FS senza la necessità di effettuare la tracciatura orizzontale
dell'ago con il truschino:
– MPD 46 UNI per aghi di deviatoi 46 UNI
– MPD 50 UNI per aghi di deviatoi 50 UNI
– MPD 60 UNI per aghi di deviatoi 60 UNI

MASCHERA DI POSIZIONAMENTO MPV


per la foratura verticale degli zatteroni , da usare in accoppiamento alle
morse MBZ-C/L oppure MBZ 120-80.

MORSA MBZ-C/L
per la taratura e successiva foratura degli zatteroni dei deviatoi con manovra
elettrica L90, P64 e P80 tiranteria unificata. Da impiegare in accoppiamento
alla mschera MPV e tampone di centraggio TP21-25.

TAMPONE DI CENTRAGGIO TP 21-25


da usare in accoppiamento alle morse MBZ-C/L oppure MBZ 120-80
per ottenere il corretto allineamento del trapano con l'asse del foro da
eseguire.

ESTRATTORE ESTP
per tamponi di centraggio TP 21-25.

VALIGETTA METALLICA VAL MBZ/L


Adatta al contenimento degli accessori di foratura dei deviatoi (con riferi-
mento alle morse MBZ-C/L sopra indicati).

MASCHERE DI POSIZIONAMENTO PER ELEMENTI RISCALDANTI


per il fissaggio ai contraghi delle cassette di alimentazione degli elementi
riscaldanti elettrici per contraghi di deviatoi:
– MPR 46 UNI per contraghi 46 UNI
– MPR 50 UNI per contraghi 50 UNI

MORSA MBZ 120-80


per il bloccaggio degli zatteroni (dimensioni 120x80 mm) alle relative staffe.
L'impiego di questa morsa di bloccaggio, in accoppiamento alla maschera
MPV, consente la foratura degli zatteroni relativi ai deviatoi con manovra
elettrica 46 - 50 - 60 UNI e degli inglesi doppi 46 - 60 UNI in prossimità
dei contraghi sia interni che esterni, in conformità alle prescrizioni di posa
FS, senza la necessità di rimuovere i cuscinetti di scorrimento degli aghi.

SUPPORTO SZ 75–50
per il bloccaggio degli zatterini inerenti ai fermadeviatoi elettrici tipo FS
55 dei deviatoi con manovra a mano 46-50-60 UNI. Da impiegare in
accoppiamento alla morsa MBZ 120–80.

35
ACCESSORI A RICHIESTA DEI TRAPANI PER ROTAIE

ACCESSORI PER LA FORATURA DI ROTAIE A GOLA

DISPOSITIVO DBG-LF2
a braccio mobile per il bloccaggio del trapano al gambo delle rotaie a gola
per linee tranviarie completo della
terminazione TDB7.

H
MASCHERE DI POSIZIONAMENTO SU ROTAIE A GOLA
per poter eseguire forature ad altezza stabilita da entrambi i lati della rotaia:
- MPAF RI 60 N per rotaie RI 60, RI 60N
- MPAF I UNI per rotaie Ir, Ic, li
- MPAF NP4AM per rotaie NP4, NP4a, NP4aM, NP4aS

Con le maschere di posizionamento MPAF RI 60 N, MPAF I UNI e MPAF NP4AM si devono utilizzare le frese serie A...L (lunghe),
in alternativa è possibile utilizzare le frese della serie A... (corte) e le punte elicoidali serie PE... con i seguenti accessori:

PROLUNGA PFA1 + PUNTA PILOTA PPDF2

con frese corte della serie A...

PROLUNGA PFAD2

con punte della serie PE...

CUSTODIA METALLICA VAL LD-L


per il contenimento del trapano completo del dispositivo di bloccaggio DBG-LF2.

DISPOSITIVO DBSN
per il bloccaggio del trapano alla suola delle rotaie 46 E 4 - 50 E 5 -
60 E 1 (ex 46 - 50 - 60 UNI), da usare in accoppiamento alle maschere
MPAF... indicate a pag. 34.
Usando questo dispositivo il trapano risulta essere “fuori sagoma”
per cui può rimanere bloccato sulla rotaia anche durante il passaggio
dei treni. (Vedi pag 32).

36
FRESE, PUNTE, ADATTATORI E MATERIALI DI CONSUMO

FRESE FRONTALI PER ROTAIE IN ACCIAIO DI QUALITÀ 700 - 900 - 1100 (UIC 860.0)

Frese corte Principale impiego Frese lunghe Principale impiego

Ø mm Punta Punta
Tipo Tipo
pilota pilota

13 A 130
13,5 A 135 PP1
16 A 160 A 160L PPL1
17 A 170 A 170L Aghi dei deviatoi
18 A 180 A 180L
Connessioni per circuiti di ritotno della TE
19 A 190 AR 60
Connessioni elettriche per circuiti di ritotno TE ((AR 60)) A 190L AR 60N
per rotaie a gola ((AR 60N)) e per alcuni circuiti AV
20 A 200 A 200L
21 A 210 A 210L Aghi, contraghi e zatteroni dei deviatoi
22 A 220 A 220L
23 A 230 A 230L
24 A 240 A 240L PPL2
PP2
25 A 250 A 250L Zatteroni dei deviatoi
26 A 260 A 260L
27 A 270 A 270L*
28 A 280 Passaggio degli elementi riscaldanti su contraghi 46-50 UNI A 280L
29 A 290 Giunzione delle rotaie A 290L*
30 A 300 A 300L Giunzione delle rotaie a gola
32 A 320 Giunzione isolante delle rotaie A 320L
33 A 330
Spessore max foratura 25 mm Spessore max foratura 50 mm
Tutte le frese frontali consentono la refrigerazione automatica mediante il gruppo SR 5000 a corredo dei trapani *disponibile su richiesta

PUNTE ELICOIDALI SPECIALI PER ROTAIE IN ACCIAIO DI QUALITÀ 700 - 900 - 1100 (UIC 860.0)

Ø mm Tipo Adattatore Spaziatore Principale impiego


7 PE 70 APE 70 DPE
8 PE 80 APED 80 senza DPE Connessioni IS per circuiti di binario (AR 67)
9 PE 90 APE 90 DPE Fissaggio degli elementi riscaldanti ai contraghi dei deviatoi
13 PE 130 APED 130
13 PE 130 AR APED 130 senza DPE
13,5 PE 135 AR APED 135/165
17 PE 170 AR aghi dei deviatoi
19 PE 190 AR DPE Connessioni elettriche per circuiti di ritorno TE (AR 60)
21 PE 210 AR senza adattaore Aghi, contraghi e zatteroni dei deviatoi
24 PE 240 AR*
27,5 PE 275 AR*
Le punte elicoidali speciali della serie PE
PE... consentono la refrigerazione mediante il gruppo SR 5000 a corredo dei trapani.
Tutte le punte elicoidali della serie PE
PE... consentono la foratura di spessori fino a 45 mm
*solo per trapani LD-3PF; LD-41P; LD-4EF

FLUIDO LUBROREFRIGERANTE
Confezione da 3 litri da usare, in soluzione al 5÷10%, con frese frontali o punte elicoidali:
– tipo LR2

0 5 10 15 20 %

FLUIDO ANTICONGELANTE –5
–6 �
–7
Confezione da 3 litri da usare in caso di temperature –8 �
estremamente basse; in soluzione come da tabella. –9 � �
–10
– tipo LR3
T(°C)

MSC
Raccoglitore magnetico per trucioli di foratura

37
CORRETTO IMPIEGO DEGLI ACCESSORI INERENTI AI TRAPANI PER ROTAIE DI PRODUZIONE CEMBRE
INFORMAZIONI DESUNTE DAI SEGUENTI DOCUMENTI FERROVIE DELLO STATO: • NOTIZIA TECNICA N. 05 Ed. 1997 • DI/DMA.IM.SST/009/2106 del 11/09/03

ACCESSORI

INTERVENTO LAVORATIVO ELEMENTO DA FORARE FORO IMPIEGO MASCHERA DI POSIZIONAMENTO
SQUADRETTA DI
mm Tipo Posizione POSIZIONAMENTO
8 AR 67** Segnalamento
46 UNI MPAF 46 UNI
19 AR 60* Ritorno TE
CONNESSIONI 8 AR 67** Segnalamento
50 UNI MPAF 50 UNI
ELETTRICHE 19 AR 60* Ritorno TE

ROTAIA
8 AR 67** Segnalamento
60 UNI / UIC 60 MPAFN UIC 60 F/N
19 AR 60* Ritorno TE
Giunzione
46 UNI FS P46,3 FS P50,6 29 MPAF 46 UNI SPA 46 UNI
Giunzione isolante
GIUNZIONE 29 Giunzione
50 UNI Tipo 49 MPAF 50 UNI (1)
DELLE ROTAIE 32 Giunzione isolante
SPA 60-50 UNI

ROTAIA
29 Giunzione
60 UNI / UIC 60 MPAFN UIC 60 F
32 Giunzione isolante
46 UNI

38
MPAF 46 UNI
L 63 - L 88 - L 90
50 UNI 21 Fissaggio delle staffe MPAF 50 UNI
P 64 - P 75 - P 80 60 UNI / UIC 60 MPAFN UIC 60 N
P 75 60 UNI / UIC 60 30 Verrou C.C.
SE 92 60 UNI / UIC 60 Fermascambio (2) MPAFN UIC 60

CONTRAGO
21 F

TIPO FS
S01 - S02 - S03 60 UNI / UIC 60 Fermascambio di punta (2)
Manovra e T. Cannocchiale M
46 UNI 21 MPD 46 UNI
Controllo C
L 63 - L 88
Manovra M
50 UNI 21 MPD 50 UNI
Controllo C
21 Manovra M
46 UNI MPD 46 UNI
17 Controllo C
L 90
21 Manovra M
50 UNI MPD 50 UNI
17 Controllo C
46 UNI MPD 46 UNI

A G O
SIEMENS S700 RAPIDA 21 Manovra M
50 UNI MPD 50 UNI
Manovra

E L E T T R I C A
OLEODINAMICA
21 M
P 64 - P 80 60 UNI MPD 60 UNI
17 Controllo C
17 Zampa fermascambio MPD 60 UNI M
P 75 60 UNI
21 Manovra MPDU
SE 92 60 UNI Manovra
21 MPD 60 UNI M
S01 - S02 - S03 60 UNI Attuatori
ZATTERONI UNIFICATI
L 90 - P 64 - P 80 CAT. 831/PROG. 335 21 Fissaggio dei traversi MPV (6)

MANOVRA
(TIRANTERIA UNIFICATA)
** CAT. 846/PROG. 959-960
* CAT. 846/PROG. 961-962
ACCESSORI

INTERVENTO LAVORATIVO ELEMENTO DA FORARE FORO IMPIEGO MASCHERA DI POSIZIONAMENTO
mm Tipo Posizione
F= Asse di Foratura

46 UNI MPAF 46 UNI


50 UNI 21 Fissaggio del supporto MPAF 50 UNI
SCATOLA DI

CONTRAGO
60 UNI / UIC 60 MPAFN UIC 60 F
CONTROLLO POSIZIONE 46 UNI MPAF 46 UNI
AGHI TIPO FS 92 50 UNI 17 Fissaggio della zampa (4)

AGO
60 UNI MPD 60 UNI M
N= Asse Neutro

46 UNI MPAF 46 UNI


50 UNI 17 Blocchetto guida gancio (se previsto) MPAF 50 UNI
MANOVRA A MANO

CONTRAGO
60 UNI / UIC 60 MPAFN UIC 60 F
46 UNI MPD 46 UNI
(TIRANTERIA A GANCI)
50 UNI 21 Manovra MPD 50 UNI M

AGO
M= Manovra

60 UNI MPD 60 UNI


46 UNI MPAF 46 UNI
50 UNI 21 Fissaggio delle staffe MPAF 50 UNI

CONTRAGO
FERMADEVIATOIO 60 UNI / UIC 60 MPAFN UIC 60 F
46 UNI 17 MPD 46 UNI
C= Controllo

ELETTRICO
50 UNI 21 Controllo MPD 50 UNI C

AGO
TIPO FS 55

39
60 UNI 17 MPD 60 UNI
ZATTERINO 21 Fissaggio alle staffe MPV (3)(5)
46 UNI MPAF 46 UNI
21
50 UNI Fissaggio del supporto MPAF 50 UNI
FERMASCAMBIO

CONTRAGO
60 UNI / UIC 60
A CHIAVE TIPO FS 44 46 UNI MPD 46 UNI
(TIRANTERIA A GANCI) 50 UNI 17 Controllo MPD 50 UNI C

AGO
60 UNI MPD 60 UNI
46 UNI Fissaggio elementi riscaldanti e MPAF 46 UNI
(1) Per la foratura in linea delle testate delle rotaie, utilizzare come riferimento per le distanze il morsetto MRF.

(4) Utilizzare la maschera MPAU effettuando la bulinatura dell’ago, ad un’altezza di 70 mm dalla suola dell’ago.

50 UNI supporti dei riscaldatori per tiranteria MPAF 50 UNI


IMPIANTI DI 9
Fissaggio dei supporti dei riscaldatori
60 UNI / UIC 60 MPAFN UIC 60 F
RISCALDAMENTO per tiranteria
MPR 46 UNI
(3) Per il bloccaggio dello zatterino impiegare la morsa MBZ 120-80, il tampone di centraggio TP 21-25, l’estrattore ESTP.

DI TIPO ELETTRICO 46 UNI Fissaggio delle cassette di alimentazione


13

CONTRAGO
50 UNI degli elementi riscaldanti per contraghi MPR 50 UNI
PER DEVIATOI 46 UNI MPAF 46 UNI
(5) Utilizzare il supporto SZ 75-50 in accoppiamento alla morsa MBZ 120-80, il tampone di centraggio TP 21-25, l’estrattore ESTP.

28 Passaggio elemento riscaldante


(2) La precisione del sistema consente di effettuare il foro ∅ 21 mm salvo verifica che il supporto appoggi sulla suola del contrago.

50 UNI MPAF 50 UNI


46 UNI MPAF 46 UNI
PEDALE Fissaggio degli zatteroni
50 UNI 25 MPAF 50 UNI
FLUIDOELETTRICO P 70 60 UNI / UIC 60 MPAFN UIC 60 F
(6) Per il bloccaggio dello zatterone e le operazioni correlate, impiegare la morsa MBZ-C/L, il tampone di centraggio TP 21-25, l’estrattore ESTP.

46 UNI MPAF 46 UNI


SCARPA Fissaggio del supporto
50 UNI 25 MPAF 50 UNI

ROTAIA ROTAIA
FERMACARRO 60 UNI / UIC 60 MPAFN UIC 60 F
ESEMPI DI FORATURA DELLE ROTAIE E DEGLI APPARECCHI DEL BINARIO

Foratura degli aghi di deviatoi inglesi doppi e dei contraghi

Foratura in verticale degli zatteroni in prossimità dei contraghi su deviatoi con tiranteria tradizionale
utilizzando le morse di bloccaggio tipo MBZ 120-80

Foratura per la giunzione delle testate delle rotaie


Origine delle distanze

Per comodità
nelle figure non è stato
rappresentato il trapano
Origine delle distanze

Testate libere Testate in linea

Forature per circuiti elettrici di binario e ritorni TE secondo ISTRUZIONE TECNICA TC.T/TC. C/ES. I-18-605 del 12/10/92

40
ESEMPI DI FORATURA DELLE ROTAIE E DEGLI APPARECCHI DEL BINARIO

Foratura in verticale degli zatteroni su deviatoi con tiranteria unificata utilizzando le morse di bloccaggio tipo MBZ-C/L

Traverso posteriore della cassa di manovra:


posizioni di impiego delle morse MBZ-C/L

Queste morse si possono impiegare per il montaggio sia


dei deviatoi in opera (spazi più ristretti dovuto alla piazzuola
si servizio e protezione alla cassa) che fuori opera.

Dopo aver posato la tiranteria ed eseguite le operazioni di


regolazione e centraggio della cassa di manovra, si devono
effettuare i fori con l’ausilio di n. 2 morse tipo MBZ-C/L.

Foratura in verticale degli zatterini su deviatoi con manovra oleodinamica utilizzando le morse di bloccaggio tipo MBZ-C/L

41
TRONCATRICE AUTOMATICA
PER ROTAIE

RDS-14P-AA
L'unità è composta dalla troncatrice RDS-14P e dal braccio di Impiegata in modalità manuale offre comunque indubbi vantaggi
supporto attivo tipo AA-RDS. E’ una troncatrice di nuova conce- rispetto alle macchine attualmente presenti sul mercato:
zione, robusta e potente, adatta alla realizzazione di tagli precisi • Braccio di supporto costituito da due articolazioni che consentono
di rotaie ferroviarie; impiegata in modalità automatica, mediante di operare facilmente e con precisione nel piano di taglio e che
l’uso di un apposito braccio “attivo” di fissaggio alla rotaia, con- sgrava l’operatore dal peso della macchina durante il lavoro
sente l’esecuzione di tagli senza l’intervento diretto dell’operatore; • Taglio assistito da un dispositivo di controllo della velocità che
vengono così eliminati gli sforzi fisici, i rischi dovuti alle vibrazioni, ottimizza le prestazioni del disco per ottenere il minore consumo
quelli conseguenti all’inalazione delle polveri nocive, quelli dovuti e di conseguenza il maggior numero di tagli
alla proiezione di detriti e di residui incandescenti e minimizzati • Sistema automatico per il tensionamento della cinghia
quelli dovuti al rumore. • Impiego di dischi con diametro 400 mm e 350 mm
• Tagli perfettamente perpendicolari, indispensabili per le giunzioni
isolate delle rotaie
• Tempi di taglio da operatore esperto

Impatto sull’operatore:
• Vibrazioni: Zero
• Fatica: Zero
• Polveri Nocive: Zero
• Braccetto di supporto disco e mozzo per l’accoppiamento al
• Scintille: Zero braccio di fissaggio alla rotaia realizzati in un pezzo unico; ciò
• Fumi di scarico: Zero conferisce maggior rigidità e precisione di taglio
• Cuffia di protezione del disco con dispositivo di regolazione an-
• Rumore: Minimo golare insensibile alle vibrazioni, realizzata in fusione d’alluminio;
garantisce la sicurezza dell’operatore consentendo la migliore
Caratteristiche costruttive: visibilità
• Trasmissione a puleggia con frizione centrifuga • Manico per la movimentazione ed il trasporto della macchina
• Cinghia di trasmissione trapezoidale dentata, protetta da apposito carter sagomato in modo tale da assicurare la protezione al motore
• Sistema automatico brevettato per il tensionamento della cinghia • Sistema di spegnimento automatico a taglio ultimato
• Sistema elastico per lo smorzamento delle vibrazioni • Spegnimento a distanza mediante telecomando

42
TRONCATRICE AUTOMATICA
PER ROTAIE

Caratteristiche tecniche:
• Motore a scoppio Husqvarna: 2 tempi, ad accensione
elettronica con filtro aria a 5 stadi: 7,9 hp (5,8 kW) a 9750 rpm
• Capacità del serbatoio: 1,25 l
• Diametro disco di taglio: 350/400 mm
• Diametro albero supporto disco: 25,4 mm (1 in.)
• Dimensioni (senza disco)
- Lunghezza: 798 mm
- Larghezza: 285 mm • PA
- Altezza (con cuffia per disco da 400 mm): 440 mm G

DIN

TEN
• Pesi:
- Senza braccio di supporto: 18 kg
T

N
PE
- Peso del braccio di supporto standard: 8,8 kg Troncatrice RDS-14P
- Peso del braccio di supporto attivo: 18,8 kg

AA-RDS Accessori a richiesta:


• Braccio di supporto attivo che, prelevando il moto dalla macchina,
VAL RDS
simula il movimento dell’operatore durante la fase di taglio
Custodia per il contenimento della troncatrice RDS-14P e del
• Configurazione originale della morsa per un migliore e sicuro braccio di supporto attivo tipo AA-RDS.
accoppiamento alla rotaia da tagliare
• Indicatore dell’esatta posizione di taglio integrato nella morsa
SSR1
• Possibilità di ribaltare la troncatrice in modo facile e veloce per Supporto stabilizzatore
poter eseguire la ripresa del taglio sul lato opposto della rotaia per il taglio in automatico
senza la necessità di rimuovere la morsa ed il braccio di supporto di rotaie con lunghezza
• Snodi del braccio supportati da cuscinetti schermati, assemblati ridotta.
con gioco assiale nullo, per assicurare precisione nella ripresa
del taglio su due lati
Dischi di alta qualità
La troncatrice RDS-14P è ottimizzata per utilizzare i seguenti
dischi con marcatura RAIL:
HDS 350
355 x 25.4 mm
• Dispositivo di blocco del braccio di (14" x 1")
supporto in posizione “hold” per facilitare HDS 400
le operazioni di fissaggio e di avviamento 406 x 25.4 mm
della troncatrice (16" x 1")
Sostituendo il centramento della troncatrice si possono
utilizzare anche dischi: 350 x 22.23 mm (14" x 7/8")
Dimensioni dischi sopraindicate: diametro esterno x diametro centramento

SA-RDS
Braccio di supporto standard x tagli in modalità manuale da utiliz-
zare con troncatrice RDS-14P.

43
CARRELLO CS-SD

CS-SD Possibilità
Sul carrello di supporto CS-SD possono essere alloggiati di regolazione
sia gli avvitatori portatili NR-11P, NR-13E che i dell’inclinazione di ±5°
foratraverse portatili SD-9P, SD-10E.
É dotato di un pistone (molla a gas) che
provvede a mantenere in sospensione
orme
equilibrata gli attrezzi, rendendone maneg- nf

a
• co
gevole l’impiego. Con il carrello di supporto


EN13977

a
è possibile ottenere anche un’inclinazione
c

e
nell’uso verticale dell’attrezzatura onform
(foratraverse, avvitatore) di ± 5°.
L’uso del carrello non altera i circuiti
elettrici di binario grazie alle tre ruote Scomponibile, con asta
isolate; é progettato per essere facil- estraibile per agevolarne il
mente ripiegato ai fini di un trasporto agevole trasporto.
anche da parte di un solo operatore.

Caratteristiche generali:

• Peso: (senza asta estraibile) 17,5 kg


• Peso asta estraibile: 12 kg

• Dimensioni (mm):
430
800

Foratraverse portatile Avvitatore portatile ad impulsi


SD-9P + Carrello CS-SD NR-11P + Carrello CS-SD

(Vedi Pagina 45)

(Vedi Pag 48)

44
AVVITATORI PORTATILI AD IMPULSI

NR-11P
• PA
VA TA
ELE
Ideale per interventi in ambito ferroviario, G

m
PIA

DIN

TEN
grandi costruzioni edili e navali,
COP N
00
industria petrolchimica, interventi d‘emergenza. T

N
5
PE
IMPUGNATURA A DOPPIO COMANDO
2 MOTORE A SCOPPIO
a sicurezza intrinseca A 2 TEMPI
CON ACCENSIONE DIGITALE
SERBATOIO CAPIENTE E
FACILE DA RIFORNIRE PULSANTE DI
DECOMPRESSIONE
PER AVVIAMENTI
FACILITATI

CARTER PROTETTIVO
per proteggere il serbatoio ed
il motore da urti accidentali
SELETTORE PER LA REGOLAZIONE DI COPPIA
PRIMER
con 5 posizioni FLANGIA PER IL MONTAGGIO
DEL KIT DI INTERFACCIA
OPZIONALE PER IL
SELETTORE PER L‘INVERSIONE DEL MOTO CARRELLO DI SUPPORTO

ad innesto facilitato
RIDUTTORE COMPATTO E DI
NUOVA CONCEZIONE

FRIZIONE CENTRIFUGA

SMORZATORI
DI VIBRAZIONE

MANUBRIO A STRUTTURA
AVVOLGENTE PROTETTIVA,
STUDIATO ERGONOMICAMENTE

GRUPPO BATTENTE
Maggior coppia disponibile grazie
ad un sistema
innovativo brevettato
ATTACCO QUADRO DA 1“

45
AVVITATORI PORTATILI AD IMPULSI

Principali applicazioni:
L’accoppiamento al corpo motore mediante
Manutenzione e posa di binari e strutture ferroviarie, realizzazione di
supporti antivibranti, riduce la trasmissione di
grandi strutture in acciaio quali ponti ed intelaiature di edifici, interventi
vibrazioni verso l’operatore.
d’emergenza, cantieri navali, manutenzione di grandi mezzi in ambito
minerario, lavori in complessi industrali ed oleodotti.
Il manubrio a struttura
protettiva garantisce la piu’
naturale posizione dorso-
lombare dell’operatore ed
un uso agevole senza lesioni
ai polsi.

Ingombro ridottissimo tra asse


mandrino e base di appoggio
dell’avvitatore per l’uso in orizzon-
tale sulle chiavarde delle giunzioni
di rotaie anche in corrispondenza
delle traverse.

POSSIBILITÀ DI IMPIEGO DEGLI AVVITATORI PORTATILI NR-11P, NR-13E CON CARRELLO CS-SD

IN VERTICALE IN ORIZZONTALE

Kit di interfaccia KCS-NR


per l’uso in verticale degli avvitatori
con carrello di supporto CS-SD.

Kit di interfaccia KHOR-NR


per l’uso in orizzontale degli avvitatori
con carrello di supporto CS-SD.

Utilizzo con carrello di


supporto CS-SD, comune ai
foratraverse portatili SD-9P,
SD-10E mediante il sempli-
ce montaggio degli appositi
dispositivi di interfaccia (da
richiedere separatamente).

46
AVVITATORI PORTATILI AD IMPULSI
Caratteristiche generali: Chiavi a bussola esagonali, rettangolari,
quadrate, prolunghe e snodi, adattatori
MOTORE Tipo: Due tempi, monocilindrico, raffreddato ad aria e custodie.
Cilindrata: 55 C.C.
Capacità serbatoio: 1,2 l
Carburante:
N° Giri al minimo:
Miscela olio-benzina
2800 rpm ± 200
{
1:50 con Olio sintetico per Motori 2 tempi (2%)
1:25 con Olio minerale per Motori 2 tempi (4%)

N° Giri sotto carico: 7000 rpm ACCESSORI A RICHIESTA:


N° Giri Max a vuoto: 11500 rpm
Tipo Descrizione
ACCENSIONE Tipo: Digitale WL 38 Bussola esagonale 1” x 38 lunga
Candela: RAX 80 o equivalente WL 41 Bussola esagonale 1” x 41 lunga
W 46 Bussola esagonale 1” x 46 corta
CARBURATORE Tipo: A membrana W 21x28 (24UNI) Bussola rettangolare 1” x 21 x 28 (24 UNI)
GRUPPO BATTENTE Tipo: Camma e sfera WR 21x28 (24UNI) Bussola rettangolare 1” x 21 x 28 (24 UNI)
con diametro esterno ridotto
AD IMPULSI Attacco: 25,4 mm (1”)
Coppia Max: 2500 Nm
W 24x24 (22UNI) Bussola quadrata 1” x 24 x 24 (22 UNI)
W 21x21 (20UNI) Bussola quadrata 1” x 21 x 21 (20 UNI)
PRESTAZIONI Bulloni con diametro vite: fino a 33 mm XT 100 Prolunga 1” x 100 mm
Velocità libera mandrino: 1300 rpm SJ 1” Snodo da 1”
CLIP NR Clip per il fissaggio delle bussole al mandrino.
PESO A secco: 18,5 kg (40,7 lbs) Ø 47÷57 mm
CLIP NR 57 Clip per il fissaggio delle bussole al mandrino.
DIMENSIONI mm Ø 57÷67 mm
KCS-NR Kit di interfaccia per l’uso in verticale
dell’avvitatore con carrello di supporto CS-SD.
KHOR-NR Kit di interfaccia per l’uso in orizzontale
dell’avvitatore con carrello di supporto CS-SD.
CS-SD Carrello di supporto per avvitatore
NR-11P, foratraverse SD-9P e SD-10E.
VAL NR Custodia metallica per il contenimento sia
431

dell’avvitatore sia della valigetta VAL P20.


VAL P20 Valigetta in materiale plastico per il conteni-
mento delle bussole/accessori.
TELO TARPCOVER Telo di protezione realizzato in polietilene
027-NR HDPE stabilizzato ai raggi UV, campo di im-
piego compreso tra +70°C e –40°C
274

640

TELO TARPCOVER 027-NR VAL P20 VAL NR

AVVITATORE ELETTRICO PORTATILE AD IMPULSI NR-13E

NR-13E • PA
Caratteristiche generali: G
DIN

TEN

• Motore elettrico monofase


• Tensione di alimentazione: 220÷230V - 50 Hz T
N

• Potenza nominale: 3 kW
PE
• Peso: 21 Kg
V ATA
A ELE
Nm
PPI
CO
500
2
L’NR-13E è predisposto all'uso
con carrello di supporto CS-SD Dotato di dispositivo PRCD
(Portable Residual Current Device)

47
TRAPANI PORTATILI PER TRAVERSE IN LEGNO
orme
nf

a
NCF
azione S

• co


SD-9P EN13977 m o lo g
O 03

a
c DPI 110

e
onform

• Manopola dell’acceleratore con dispositivo di sicurezza per evitare


azionamenti involontari.

• Frizione centrifuga tra albero motore ed albero mandrino; con il


motore al minimo di giri la punta é ferma e la trasmissione del
moto viene abilitata automaticamente con l’azionamento dell’ac-
celeratore.

• Ammortizzatore tra albero motore ed il corpo del trapano per


ridurre le vibrazioni agli arti superiori dell’operatore.

• Manubrio ruotabile di 90° per consentire l’uso più comodo per


l’operatore.

• Leva di emergenza per l’ immediato sgancio della punta.

• Maniglia per un comodo trasporto ed elemento di unione con


carrello CS-SD

• Dispositivo per l’impostazione della massima profondità di fo-


ratura; la profondità impostata puo’ essere letta direttamente in
un’apposita zona graduata.

• Mandrino MND, caratterizzato da innesto a bloccaggio automatico


delle punte con codolo d’attacco Ø14 mm. (Punte: rif. DIS. FS 8469
-CAT. 744/PROG. 500-501-502-503)

• Mandrino MND1 intercambiabile, caratterizzato da innesto a


bloccaggio automatico delle punte a DIS. FS 7874 con codolo
d’attacco Ø16 mm.
Fornibile su richiesta.

• Efficace protezione della punta per tutta la sua lunghezza (325


mm) garantita da apposite molle che consentono inoltre l’estra-
zione automatica della punta dal legno ad operazione di foratura
ultimata, eliminando lo sforzo per l’operatore.

• Elemento di centraggio TPM200-26 intercambiabile sulla prote-


zione mobile PRM-U, inseribile nel foro delle piastre e cuscinetti
di comune impiego ferroviario.

Caratteristiche generali:

• Capacità di foratura: fino a Ø 20 mm con terminazione Motore a scoppio 2 tempi:


standard a corredo. • Cilindrata: 48.6 cc
Sono ottenibili forature fino a Ø 25 mm utilizzando le termi- • Potenza: 1,4 kW
nazioni intercambiabili TPM... fornibili a richiesta • Carburante: miscela al 2 % (1:50)
• Spessore max. di foratura: 200 mm • Avviamento: a strappo con riavvolgimento automatico
• Peso: 19 kg

48
TRAPANI PORTATILI PER TRAVERSE IN LEGNO

Il trapano portatile tipo SD-9P


è predisposto all’uso con carrello Esempi di impiego con carrello CS-SD.
di supporto CS-SD
(vedi pag 44).

Con il carrello si possono


realizzare con facilità e rapidità
forature in completa sicurezza
perfettamente verticali; è inoltre
possibile modificare in modo sem-
plice e veloce l’inclinazione della
punta a seconda della necessità
nel campo di ± 5°.
La forma e le dimensioni con-
sentono di liberare il binario
rapidamente.

Il trapano SD-9P può essere


impiegato sia come attrezzo
portatile che in modalità car-
rellata con carrello di suppoto
CS-SD.

49
TRAPANI PORTATILI PER TRAVERSE IN LEGNO

SD-10E
NCF
Caratteristiche generali: m o lo g azione S
O 03
• Motore elettrico monofase DPI 110
• Tensione di alimentazione: 220÷230V - 50 Hz
• Potenza nominale: 1800 W
• Capacità di foratura: fino a Ø 20 mm con terminazione
standard a corredo.
Sono ottenibili forature fino a Ø 25 mm utilizzando le
terminazioni intercambiabili TPM... fornibili a richiesta
• Spessore max. di foratura: 200 mm
• Peso: 18 Kg
orme
Il trapano SD-10E è predisposto all'uso con carrello di nf

a
• co
supporto CS-SD


EN13977

a
c

e
onform

ACCESSORI DEI TRAPANI PORTATILI PER TRAVERSE IN LEGNO A RICHIESTA

MND1
Mandrino opzionale caratterizzato da innesto rapido e bloccaggio automatico delle punte di
foratura, intercambiabile col mandrino standard "MND" é adatto a ricevere le punte a
DIS. FS 7874, con codolo di attacco Ø 16 mm e lunghezza 325 mm secondo:
CAT. 744 / PROG. 490 - 491 - 492 - 493 MND1

TPM...
Terminazioni della protezione mobile intercambiabili con quella standard “TPM200-26”, aventi
le seguenti caratteristiche:
TPM 190-24: per centraggio su piastre aventi fori Ø 24mm
(con punta Ø max 19mm).
TPM 220-26: per centraggio su piastre aventi fori Ø 26mm TPM...
(con punta Ø max 22mm).
TPM 250-31: per fori con punta Ø 25 mm

VAL P 6
Valigetta in materiale plastico per il contenimento sia degli accessori a corredo che delle punte
di foratura; la stessa è alloggiabile all’interno della cassetta del trapano

VAL SD
Custodia metallica per il contenimento
sia del trapano (motore a scoppio/elettrico) sia della
valigetta "VAL P 6" porta accessori. VAL P6

TELO TARPCOVER 026-SD


Telo di protezione realizzato in polietilene HDPE
stabilizzato ai raggi UV, campo di impiego compreso
tra +70°C e –40°C.

Punte di foratura con


codolo d'attacco Ø 14 mm
per mandrino standard MND
VAL SD
tipo: Ø mm

PV 140 14
PV 160 16
PV 180 18
PV 190 (3/4") 19,05 TELO TARPCOVER
325 mm
PV 200 20 026-SD
PV 210 21
PV 220 22
ø

ø14 mm

PV 250 25

50
TRAPANI PORTATILI PER TRAVERSE IN LEGNO

PROTEZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO DEI TRAPANI PER TRAVERSE


RUMORE
Protezione dei Lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro.
I trapani Cembre modello SD-9P, SD-10E sono stati progettati e costruiti tenendo conto di quanto stabilito dal Decreto
Legislativo N° 277/91, attuazione tra le altre, delle direttive CEE 80/1107 e 86/188 in materia di protezione dei
lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro, in particolare per
quanto riguarda il rischio di esposizione al rumore.
Ciò ha permesso di costruire un trapano per la foratura di traverse in legno, con rumorosità contenuta, in ottemperanza
a quanto definito nell’Art. 41, comma 1 e nell’Art. 46 comma 1 e 2 del suddetto D.Lgs.
L’esposizione dei lavoratori al rumore prodotto dall’apparacchiatura stessa, dipende dalla durata dei tempi di carico e
degli intervalli e quindi, in definitiva, dal numero di fori che vengono effettuati in una giornata lavorativa.
A titolo di esempio si segnala comunque che, per un lavoratore che utilizzi il trapano SD-9P in modo appropriato nell’ese-
cuzione di fori di ø18 mm con punta a verrina di tipo FS su traversa in legno di rovere spessore 16 cm. con realizzazione
di 141 fori/giorno, l’esposizione personale quotidiana al rumore, inputabile al solo uso del trapano, risulta uguale a 80
dB (A). Nelle stesse condizioni, realizzando 300 fori/giorno, l’esposizione quotidiana al rumore risulta essere 83 dB (A);
analogalmente, realizzando 480 fori/giorno, l’esposizione quotidiana al rumore risulta essere 85 dB (A).
I trapani per la foratura di traverse ferroviarie in legno modelli Cembre SD-9PCS, SD-9P, SD-10E sono rispondenti alle
norme EN 292-2, ISO 7000, CEE 80/1107 e CEE 86/188, in conformità alle disposizioni delle direttive 2006/42/
CE e 2004/108/CE concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine”.
Ogni singola macchina è, per questo, provvista di Marcatura CE ed accompagnata da Dichiarazione di Conformità.

VIBRAZIONI (Direttiva 2006/42/CE, allegato 1, punto 2.2.1.1).


Rilievi condotti sui trapani Cembre per traverse in legno, modelli SD-9P, SD-10E, secondo le indicazioni delle norme
a
UNI ENV 25349 e 28662 parte 1 , in condizioni di utilizzo ampiamente rappresentative rispetto a quelle normalmente
riscontrabili, attestano che il valore quadratico medio ponderato in frequenza, dell’accelerazione cui sono sottoposte le
membra superiori è, per ciascuno degli assi biodinamici di riferimento, rispettivamente di:

SD-9P SD-10E
3,17 m/sec2 sull’asse X 3,72 m/sec2 sull’asse X
3,70 m/sec2 sull’asse Y 2,35 m/sec2 sull’asse Y
3,12 m/sec2 sull’asse Z 1,84 m/sec2 sull’asse Z

51
PANDROLATRICI nf
orme

a
• co


EN13977

a
c

e
onform
PCM-2P per fermagli tipo “e”
Particolarmente adatta in lavori di regola-
zione del binario, è idonea anche all’impiego
su tratte di binari in costruzione, rinnova-
mento di quelle esistenti ed operazioni di
manutenzione in genere.

Rimuove o
inserisce
simultaneamen-
te due fermagli
grazie a due
morse indipen-
denti azionate
contemporane-
amente.

Lavoro doppio o singolo


Mediante la posizione della
leva è possibile predisporre Binari in costruzione
l'azionamento di una o con- L'inserimento dei fermagli non
temporaneamente entram- produce rotazioni indesiderate alle
be le morse di lavoro. traverse grazie alla indipendenza
reciproca delle morse.

Manovrabilità
Un singolo operatore esegue
il lavoro facilmente.

Illuminazione
notturna
È dotata di
impianto luci che
illumina le due
aree di lavoro.

Inserimento dei fermagli


A fine ciclo non vengono meccani- Estrazione dei fermagli
camente sovraccaricati grazie alla Sono trattenuti dall'unità per
presenza di un fine corsa. la sicurezza del personale.

52
PANDROLATRICI

CARATTERISTICHE TECNICHE
● Per ottenere la rimozione o l’inserimento dei fermagli l’unità è due morse per operare, se necessario, su uno solo dei due lati
già predisposta e pronta all’uso, non si devono quindi montare della rotaia sia per togliere che inserire i fermagli.
o smontare accessori. ● Per le linee in costruzione (quindi in assenza totale di pietrisco
● È rapidamente scomponibile (peso max. del componente 49 Kg) che vincolerebbe le traverse), l’inserimento dei fermagli non
e consente a due soli operatori il trasporto e la movimentazione produce rotazioni indesiderate alla traversa grazie all’indipen-
anche su terreni sconnessi. denza reciproca delle morse.
● Un singolo operatore esegue il lavoro facilmente. ● Non è particolarmente sensibile alla presenza di pietrisco sulla
● Rimuove o inserisce simultaneamente due fermagli grazie a traversa in quanto le morse non appoggiano sulla stessa.
due morse indipendenti azionate contemporaneamente. ● È azionata da un motore Honda benzina, quattro tempi (5,5 Hp),
● Ad inserzione ultimata dei fermagli, questi non vengono mec- SILENZIATO, munito di OIL ALERT e conforme alle normative CARB-
canicamente sovraccaricati grazie alla presenza di un fine EPA.
corsa. ● Non altera i circuiti di binario perché è dotata di ruote comple-
● I fermagli rimossi non vengono pericolosamente “proiettati”, tamente isolate.
perché trattenuti dall’unità stessa con notevoli benefici ai fini ● È dotata di impianto luci che illumina le aree di lavoro.
della SICUREZZA DEL PERSONALE. ● Pesi: gruppo pompa 49 Kg, gruppo morse 48 Kg, carrello 9 Kg,
● È anche possibile selezionare l’azionamento di una sola delle asta Kg 5.

ASSEMBLAGGIO DELL'UNITÀ PCM-2P

4
Sequenza 1-2-3-4
GRUPPO POMPA

2
senso di m CARRELLO
arcia

1
GRUPPO MORSE

3
ASTA

Scomponibilità
Consente a due soli operatori
di movimentarla facilmente
nel trasporto.

1 3

53
orme
nf

a
PANDROLATRICI CF

• co
zione SN


g a EN13977

a
Om o lo 04
DPI 110 c

e
onform
per fermagli
“PANDROL FASTCLIP”
La pandrolatrice è predisposta per l’estrazio-
ne e l’inserimento in sicurezza dei “PANDROL
FASTCLIP”senza che l’operatore debba mon-
tare o smontare accessori.

Sistema auto-frenante
La PCM-2P/FC soddisfa i requisiti
della EN13977.

Normalmente i “fastclip” possono trovarsi La pandrolatrice PCM-2P/FC può operare per


in 3 posizioni fondamentali così definite: ottenere tutte e tre le posizioni fondamentali
ISOLATORE DISTANZIALE del “fastclip”
CUFFIA ISOLATA
POSIZIONE
FASTCLIP
DI PARCHEGGIO POSIZIONE DI
POSIZIONE DI
Tutti i componenti sono SPALLA SUPPORTO INSTALLAZIONE
CAMBIO ISOLATORE
pronti per la fase di Il Fastclip trattiene
Il Fastclip è totalmente
inserimento. la rotaia.
arretrato e l’isolatore può
essere rimosso.

CARATTERISTICHE TECNICHE
• Il gruppo pompa è lo stesso di quello impiegato sulla pandro- • È anche possibile selezionare l’azionamento di una sola delle
latrice modello PCM-2P (vedi pag. 52) e di conseguenza chi è due morse per operare, se necessario, su uno solo dei due lati
già in possesso dell’unità PCM-2P potrà richiedere soltanto il della rotaia per ottenere tutte e tre le posizioni fondamentali dei
gruppo morse per PCM-2P/FC. “fastclip”.
• È rapidamente scomponibile, per cui può essere trasportata e • È azionata da un motore Honda benzina, quattro tempi (5,5 Hp),
movimentata agevolmente anche su terreni sconnessi. SILENZIATO, munito di OIL ALERT e conforme alle normative
• Per ottenere la rimozione o l’inserimento dei fermagli l’unità è CARB-EPA.
già predisposta e pronta all’uso, non si devono quindi montare • Non altera i circuiti di binario perché è dotata di ruote completa-
o smontare accessori. mente isolate.
• Un singolo operatore esegue il lavoro facilmente. • È dotata di impianto luci che illumina le aree di lavoro.
• Rimuove o inserisce simultaneamente due “fastclip” grazie a • Pesi: gruppo pompa 49 Kg, gruppo morse 66 Kg, carrello 9 Kg,
due morse indipendenti azionate contemporaneamente. asta 5 Kg.
• Ad inserzione ultimata dei “fastclip”, questi non vengono mecca- • L’impianto auto-frenante è rapido e facile da collegare e in-
nicamente sovraccaricati grazie alla presenza di un fine corsa terviene automaticamente quando l’operatore rilascia la leva
facilmente regolabile. della macchina.

Estrazione ed Inserimento dei fer-


magli “Pandrol FASTCLIP”.

54
PANDROLATRICI

ASSEMBLAGGIO DELL'UNITÀ

4
Sequenza 1-2-3-4-5-6 GRUPPO POMPA
PU-PCM-BS

senso di m
arcia
2
CARRELLO
SC-PCM 5
6

3
ASTA
CR-PCM
1
GRUPPO MORSE
CU-PCM2PFC/E

ACCESSORI A RICHIESTA

Telo Tarpcover 019-PCM


Telo opzionale per pandrolatrici serie PCM, realizzato in
Polietilene HDPE stabilizzato ai raggi UV, campo di impiego
compreso tra +70°C e –40°C.

MPC 6
Manometro per la verifica della corretta taratura della valvola
di massima pressione del circuito oleodinamico.

55
Per il collegamento delle cassette di sintonia al
centro del giunto elettrico ad “S” (lato giunto).

Per il collegamento delle cassette di sintonia e


di compensazione alla rotaia (lato rotaia AR67).

Per il collegamento delle cassette di sintonia e


di compensazione alla rotaia (lato rotaia AR60).
CCS 25 - M 12
PRODOTTI PER LINEE AV / AC

25
cavo Cu
flessibile
e

25
cavo
in acciaio

Per il collegamento delle cassette di sintonia e


di compensazione (lato cassetta).
CCV 25 - AC E10

56
HT120
ed utensili e teste
della linea 130 kN

cavo Cu

19 mm

cavo in acciaio

guaina protettiva isolante

15 mm 21 mm

cavo Cu

15 mm

cavo in acciaio

guaina protettiva isolante

14 mm 15 mm

57
Per il collegamento delle cassette di sintonia e
di compensazione alla rotaia (lato rotaia AR60).
CCC 35 - M 12/1

CCC35
35
cavo misto
Cu
+
acciaio Per il collegamento delle cassette di sintonia e
di compensazione alla rotaia (lato cassetta).
CCV 35 - AC E10
PRODOTTI PER LINEE AV / AC

58
HT120
ed utensili e teste
della linea 130 kN

CCC35
guaina protettiva isolante

15 mm 30 mm

MCCC 35-C 3

CCC35
verificare presenza dell’impronta sferica

guaina protettiva isolante

14 mm 15 mm
MCCC 35-C 2

verificare presenza dell’impronta sferica

59
Collegamenti elettrici
2A 30.23 - M 12
110 Lato rotaia (AR60).

Cavo in

2A30
acciaio
Ø conduttore
16,10 mm
form.
1+6+12+18x
(24 x 0,40)

Collegamenti elettrici
Lato rotaia (AR60). 2A 37.23 - M 12
110

2A37
Cavo in
acciaio
Ø conduttore
Lato connessione induttiva.
18 mm 2A 37.23 - 2M 10/30 AS
PRODOTTI PER LINEE AV / AC

form.
931 x 0,40

2A37
Collegamenti elettrici
Ritorni TE e alimentazione 2A 60.29 - M 12
Posti Tecnologici all’aperto (lato rotaia).
2A60

240
cavo misto
120 Cu
+ Ritorni TE e alimentazione
120 acciaio Posti Tecnologici all’aperto (lato connessione
2A 60.29 - 2M 10/30
induttiva).
2A60

60
HT120
ed utensili e teste
MK28... ME30... della linea 130 kN

2A30
30 mm
ME 30-C 1 ME 30-H 1
+ + + +
MK 28L-C 1 MK 28-H 1

K28 A30 2 A30

MK28... ME37...

2A37

ME 37-C 1 ME 37-H 1
33 mm
+ + + +
MK 28L-C 1 MK 28-H 1

K28 A37 2 A37

MK34-H ME60-H
MK34-C ME60-C
2A60

ME 60-C 2 ME 60-H 1
54 mm + + + +
MK 34-C 2 MK 34-H 1

K34 A60 2 A60

Vedi Allegato 9

61
CONDUTTORE CONNETTORI
APPLICAZIONI
Sez. mm2 TIPO
Circuiti di binario ad una fuga di rotaia isolata
collegamenti di continuità. AC 40/10-M6
filo acciaio
zincato
4 mm.

Circuiti di binario ad una fuga di rotaia isolata


collegamento, lato cassetta di alimentazione o ri-
cezione, dei cavi provenienti dalle rotaie.
CCV 16 E 10
(Cassette in policarbonato)
Vedi Allegato 4

collegamento, lato cassetta di alimentazione o ri-


cezione, dei cavi provenienti dalle rotaie.
CCV 16 E 15
(Previsto per manutenzione su cassette con fon-
do metallico)
Vedi Allegato 4
PRODOTTI PER LINEE TRADIZIONALI

16 collegamento, lato rotaia, dei cavi provenienti dal-


le cassette di alimentazione o ricezione.
CCS 16 - M 6 CCS 16 - M 12
cavo Cu
flessibile Vedi Allegato 4

collegamenti di continuità

(per Sistema AR 67) (per Sistema AR 60)

Connessioni induttive da 300 - 500 A


inserimento della corrente codificata sugli attac-
chi esterni.
CCS 16 - M 8
Vedi Allegati 1 e 2

Drenaggi elettrici da strutture metalliche


interrate CCS 25 - M 12

25
cavo Cu
flessibile Giunti elettrici ad “S” CCS 25 - M 6 CCS 25 - M 8
Vedi pag. 54-55.
56-57.

Linee aeree di alimentazione del blocco


automatico
giunzione a piena trazione PT 35 N
LINEE AEREE

35
corda Cu
CAT. 785
PROG. 131
terminazione CA 35 - M 12/N

62 – 56 –
UTENSILI OLEODINAMICI
CORRETTA INSTALLAZIONE HT120
HT 120
HT 51 ed 131-C
HT utensiliRHC
e teste
131 ECW-H
B 51 della Blinea 130 kN
131-C
SEQUENZA COMPRESSIONI coppia matrici CONTROLLO
MAC 40/10-50 COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI
1
Tipo N° Tipo N° Tipo N°
2 1
Codice stampigliato Codice
dalle matrici 4 4 40/10 riportato sul
capocorda MAC 40/10-50 2 MAC 40/10-C 1
coppia matrici
MAC 40/10-C

1
SEQUENZA COMPRESSIONI

LUNGHEZZA DA SGUAINARE
15 mm

CONTROLLO

codice riportato codice stampigliato


sul connettore dalle matrici
1
SEQUENZA COMPRESSIONI
MCCS 16-50 1 MCCS 16-C 1

LUNGHEZZA DA SGUAINARE

17 mm
CONTROLLO

codice stampigliato 16 CCS 16 codice riportato


dalle matrici sul capocorda
1
2 1
SEQUENZA COMPRESSIONI

LUNGHEZZA DA SGUAINARE

19 mm
MCCS 25-50 2 MCCS 25-C 1
CONTROLLO

codice stampigliato 25 CCS 25 codice riportato


dalle matrici sul capocorda

PREPARAZIONE

8 4 4

SEQUENZA COMPRESSIONI

4 3 2 1 1 2 3 4
2 1 1 2
M 118-50 M 118 - C M 118 - H
2
SEQUENZA COMPRESSIONI 1
3 2 2
3 2 1

N°=numero compressioni
63
CONDUTTORE CONNETTORI
APPLICAZIONI
Sez. mm2 TIPO
Connessioni induttive da 300 A Sistema di connessione elettrica alle rotaie ed agli apparecchi del binario
contatto e collegamento elettrici alla rotaia con
direzione, di uscita del cavo, perpendicolare al
CCV 95 F - 60
gambo della rotaia dei cavi provenienti dagli at-
tacchi esterni.
Vedi Allegato 1c.
b
a c d
composto da
a) bussola AR 60-1 (FS: CAT. 846/PROG. 961)
b) connettore CCV 95 F
c) rondella AR 62 - 2, scaricata
d) dado autofrenante in acciaio inossidabile

Connessioni induttive da 300 A


collegamento alle rotaie, dei cavi provenienti dagli
attacchi esterni.
2A 19.19 - M 12
Vedi Allegato 1

95 collegamento di terra fra l’attacco centrale ed il 2A 19.19 - M 10


cavo Cu
PRODOTTI PER LINEE TRADIZIONALI

contenitore metallico.
flessibile Vedi Allegati 1, 2 e 3.

collegamento agli attacchi esterni, dei cavi pro-


venienti dalle rotaie.
2A 19.19 - 2 M 10/30 AS
Vedi Allegato 1
Rilevatori di squilibrio
collegamento dei cavi provenienti dalle rotaie e
dalla connessione induttiva.
Valvola Soulé
collegamento, al centro delle connessioni indut-
tive, dei cavi provenienti dalla valvola di tensione.
Collegamenti a terra di strutture metalliche 2A 19.19 - M 16

Valvola Soulé
collegamento, alla valvola di tensione, dei cavi
A 19 - M 12
provenienti dal centro delle connessioni induttive.

collegamento, alla valvola di tensione, dei con-


duttori provenienti dal palo.
2A 19 - M 12
95
Cu

collegamento, al palo, dei conduttori provenien-


ti dalla valvola di tensione.
2A 19 - M 16

64
UTENSILI OLEODINAMICI
CORRETTA INSTALLAZIONE HT 120
HT120
HT 51 HT
ed 131-C
utensiliRHC 131
e teste ECW-H
B 51 dellaBlinea
131-C
130 kN
(per la corretta installazione della bussola AR60 -1 vedere pag. 3 sequenza “A”)
2 1 COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI
4 3 2 1
SEQUENZA COMPRESSIONI Tipo N° Tipo N° Tipo N°

95F
LUNGHEZZA DA SGUAINARE
D C
(Nm)
27 mm M12 80
CONTROLLO ME 37-50 4 ME 37-C 2 ME 37-H 2

95F

il codice stampigliato dalle matrici deve essere lo


stesso di quello riportato sul connettore

SEQUENZA COMPRESSIONI
MK 21-.. ME 19-..
2 2
2 1 2 1
2A19

LUNGHEZZA DA SGUAINARE

ME 19-50 2 ME 19-C 1 ME 19-H 1


+ + + + + +
MK 21B-50 2 MK 21-C 1 MK 21-H 1
26 mm
CONTROLLO K 21

codice stampigliato A 19 2 A 19 codice riportato


dalle matrici sul capocorda

SEQUENZA COMPRESSIONI 2 1 1
1 2 1
2 1 4 3 2 1
A19

2A19

CONTROLLO 4 2 2

ME 19-50 ME 19-C ME 19-H

codice stampigliato codice riportato


dalle matrici A 19 A 19 A 19 sul capocorda
4 2 2

N°=numero compressioni
65
CONDUTTORE CONNETTORI
APPLICAZIONI
Sez. mm2 TIPO
Ritorno TE sui cuori di scambi in acciaio Sistema di connessione elettrica alle rotaie ed agli apparecchi del binario
fuso al manganese

contatto e collegamento elettrici dal lato piastrina.


Vedi Allegato 5a.
CCV 120 R - 60

120
corda Cu
b a c d

composto da
a) bussola AR 60-1 (FS: CAT. 846/PROG. 961)
b) connettore CCV 120 R
c) rondella AR 62 - 2, scaricata
d) dado autofrenante in acciaio inossidabile

Connessioni induttive da 500 A Sistema di connessione elettrica alle rotaie ed agli apparecchi del binario
PRODOTTI PER LINEE TRADIZIONALI

contatto e collegamento elettrici alla rotaia con


direzione, di uscita del cavo, perpendicolare al
CCV 120 F - 60
gambo della rotaia dei cavi provenienti dagli at-
tacchi esterni.
Vedi Allegato 2c.

Ritorno TE sui cuori di scambi in acciaio b a c d


fuso al manganese composto da
a) bussola AR 60-1 (FS: CAT. 846/PROG. 961)
contatto e collegamento elettrici dal lato piastrina. b) connettore CCV 120 F
Vedi Allegato 5b. c) rondella AR 62 - 2, scaricata
d) dado autofrenante in acciaio inossidabile

Connessioni induttive da 500 A


collegamento, alle rotaie, dei cavi provenienti dagli
attacchi esterni. - Ved. Allegato 2
2A 24.21 - M 12
Circuiti di binario ad una fuga di rotaia isolata

120 connessioni trasversali od a “Z”. - Ved. Allegato 4


cavo Cu Collegamenti di ritorno TE alla rotaia
flessibile
Vedi Allegato 5b

Collegamenti a terra di strutture metalliche 2A 24.21 - M 16

Connessioni induttive da 500 A 2A 24.21 - 2 M 10/30 AS


collegamento agli attacchi esterni, dei cavi prove-
nienti dalle rotaie.
Vedi Allegato 2
Rilevatori di squilibrio
collegamento dei cavi provenienti dalle rotaie e
dalla connessione induttiva.
Valvola Soulé
collegamento, al centro delle connessioni indut-
tive, dei cavi provenienti dalla valvola di tensione.

66
UTENSILI OLEODINAMICI
CORRETTA INSTALLAZIONE HT 120
HT120
HT 51 HT
ed 131-C
utensiliRHC 131
e teste ECW-H
B 51 dellaBlinea
131-C
130 kN
(per la corretta installazione della bussola AR60-1 vedere pag. 3 sequenza “A”)
1
COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI
SEQUENZA COMPRESSIONI 2 1 Tipo N° Tipo N° Tipo N°

2 1 1

CONTROLLO
D C
(Nm)
M12 80
R

il codice stampigliato dalle matrici


deve essere lo stesso di quello
riportato sul connettore

(per la corretta installazione della bussola AR60-1 vedere pag. 3 sequenza “A”)
2 1

SEQUENZA COMPRESSIONI
4 3 2 1 ME 37 - 50 ME 37 - C ME 37 - H
4 2 2

LUNGHEZZA DA SGUAINARE

C
27 mm D (Nm)
M12 80
CONTROLLO

il codice stampigliato dalle matrici deve essere lo


stesso di quello riportato sul connettore

MK 23-.. ME 24-..
SEQUENZA COMPRESSIONI
2 1
2 1 2 1

LUNGHEZZA DA SGUAINARE

ME 24-50 2 ME 24-C 1 ME 24-H 1


+ + + + + +
K 23 MK 23-50 2 MK 23-C 1 MK 23-H 1
29 mm

CONTROLLO

codice stampigliato A 24 2 A 24 codice riportato


dalle matrici sul capocorda
N°=numero compressioni
67
CONDUTTORE CONNETTORI
APPLICAZIONI
Sez. mm2 TIPO
Collegamenti palo-rotaia
Collegamenti di strutture metalliche alle rotaie di
CA 95S - M 12
ritorno TE.
Lato rotaia.

tondo Fe
12 mm.
Collegamenti palo-rotaia
Collegamenti di strutture metalliche alle rotaie di
CA 95S - M 16
ritorno TE.
Lato palo.

Realizzazione di impianti di messa a terra


Connessioni a “crocera” e derivazioni a “T” fra due
C 150 - C 120
PRODOTTI PER LINEE TRADIZIONALI

corde di rame di sezione 120 mm 2 ciascuna,


nell’esecuzione di maglie di terra e collegamenti
120 alle strutture metalliche come, ad es., nelle
sottostazioni elettriche. Vedi Allegato 7.
corda Cu
CAT. 785
PROG. 125

Valvola Soulé
collegamento, alla valvola, dei cavi provenienti dal
centro delle connessioni induttive.
A 24 - M 12

Circuiti di binario ad una fuga di rotaia isolata 2A 24 - M 12


connessioni trasversali od a “Z”.
Vedi Allegato 4.
Collegamenti di ritorno TE alla rotaia
Vedi Allegato 5.

120 Collegamenti palo-rotaia


lato rotaia.
Cu
Collegamenti a terra di strutture metalliche

Valvola Soulé
collegamento, alla valvola di tensione, dei con-
duttori provenienti dal palo.

Collegamenti palo-rotaia 2A 24 - M 16
lato palo.
Valvola Soulé
collegamenti, al palo, dei conduttori provenienti
dalla valvola di tensione.
Collegamenti a terra di strutture metalliche

68
UTENSILI OLEODINAMICI
CORRETTA INSTALLAZIONE HT 120
HT120
HT 51 HT
ed 131-C
utensiliRHC 131
e teste ECW-H
B 51 della Blinea 130 kN
131-C
SEQUENZA COMPRESSIONI
COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI
Tipo N° Tipo N° Tipo N°
6 3
3 2 1
6 5 4 3 2 1

MK 19-50 MK 19-C
6 3

Il collegamento lato rotaia deve essere effettuato in modo che l’uscita del tondo dal
capocorda sia parallela all’asse longitudinale della rotaia per circa 1 m.

1
SEQUENZA COMPRESSIONI 2 1 3

MC 185-C 3 MC 185-H 1

SEQUENZA COMPRESSIONI 2 1 1
1 2 1
2 1 4 3 2 1

4 2 2
CONTROLLO

ME 24-50 ME 24-C ME 24-H

A 24 A 24
codice stampigliato codice riportato
dalle matrici sul capocorda

4 2 2

A 24 A 24 2 A 24
codice stampigliato codice riportato
dalle matrici sul capocorda
N°=numero compressioni
69
APPLICAZIONI
TIPO
Collegamenti di ritorno TE
Capicorda diritti con foro
per vite M12
AA 150C-M12-AC
A V - A C

Collegamenti di ritorno TE AA 150C-M12-AC/315°


E D

Capicorda piegati a 45°


con foro per vite M12
T R A D I Z I O N A L I

150
corda Collegamento a strutture metalliche AA 150C-M16-AC
alluminio- Capicorda diritti con foro
acciaio per vite M16
Ø 15,85 mm
CAT.785
PROG.142
sia nuda
che rivestita

Collegamento di terra AA 150C-M10-AC


fra l’attacco centrale ed il
contenitore metallico
L I N E E

della Connessione
Induttiva.

Capicorda diritti
185 con foro per vite M10
cavo in
alluminio
Collegamento alle connessioni induttive AA 150C-2M10-30AS-AC
P E R

Capicorda diritti con attacco a


due fori per vite M10
interasse 28,5÷30 mm
P R O D O T T I

Collegamento al morsetto AA 150C-2M10-40-AC


T114 Cat. 774 / Prog. 262
Capicorda diritti con attacco a
due fori per vite M10
interasse 40 mm

Protetti mediante stagnatura elettrolitica, spessore 15 µm. La superficie interna dei capicorda destinata ad accogliere
il conduttore è ulteriormente protetta mediante grasso di contatto ad elevato punto di goccia.

70
UTENSILI OLEODINAMICI
CORRETTA INSTALLAZIONE HT120
ed utensili e teste ECW-H
della linea 130 kN
PREPARAZIONE DEI CONDUTTORI

• Ravvivare il conduttore mediante spazzola metallica


per la lunghezza indicata
• Inserire immediatamente il conduttore spazzolato
38 mm
all’interno del barrel del capocorda/connettore ravvivare
• Procedere alla compressione

PREPARAZIONE DELLE SUPERFICI

• Ravvivare opportunamente le superfici destinate ad


essere collegate al capocorda o che eventualmente
fossero ossidate o sporche grasso neutro di contatto tipo
• Collegare il capocorda proteggendo le superfici di CONTACTCEM C7
contatto mediante pennellatura con l’apposito grasso ravvivare
tipo CONTACTCEM C7

M215-C 3 M215-H 1

Se impiegati su conduttore isolato accolgono


anche una porzione di guaina che viene compressa
con la medesima coppia matrici per proteggere la
connessione da eventuali infiltrazioni

PROTEZIONE DEL CAPOCORDA

• A lavoro ultimato, per proteggere ulteriormente la


superficie esterna del capocorda, utilizzare lo spray
protettivo tipo PROTECTCEM C8 che forma un
sottilissimo velo protettivo trasparente, il quale non
essicca nel tempo, proteggendo così le superfici
metalliche dal contatto con l’ossigeno.

71
APPLICAZIONI
TIPO
Ritorno TE sui cuori di scambi in
acciaio fuso al manganese Sistema di connessione elettrica alle rotaie ed agli apparecchi del binario

contatto e collegamento elettrici CCV 150C-AC-60


A V - A C

dal lato piastrina.

150
corda
alluminio- Composto da
acciaio a) bussola AR 60-1 (FS: CAT. 846/PROG. 961)
E D

Ø 15,85 mm b) connettore CCV 150 AC protetto mediante stagnatura elettrolitica,


CAT.785 spessore 15 µm
PROG.142 c) rondella AR 62-2, scaricata
sia nuda d) dado autofrenante
T R A D I Z I O N A L I

che rivestita
Giunzione elettrica
LA 150C-AC
185
cavo in
alluminio

Giunzione di collo morto su linee


aeree PM 150 AC
L I N E E
P E R

Giunzione di piena trazione su linee


150 aeree PT 150 AC
corda Composto da:
alluminio-
acciaio
P R O D O T T I

Ø 15,85 mm
CAT.785 PT 150 AC/1 Giunto su anima in acciaio della corda
PROG.142

PT 150 AC/2 Giunto su mantello in alluminio della corda

La superficie interna dei connettori è protetta mediante grasso di contatto ad elevato punto di goccia.

72
UTENSILI OLEODINAMICI
CORRETTA INSTALLAZIONE HT120
ed utensili e teste ECW-H
Prima di procedere con l’installazione si raccomanda di eseguire la procedura di della linea 130 kN
preparazione dei conduttori e delle superfici come illustrato nella pagina precedente

grasso neutro di contatto tipo


CONTACTCEM C7
M215-C 3 M215-H 1
D C
(Nm)
M12 50
Esempio su conduttore isolato

Prima di procedere con l’installazione si raccomanda di eseguire la procedura di


preparazione dei conduttori e delle superfici come illustrato nella pagina precedente

M215-C 6 M215-H 2

2 2
1 1

5 4 3 2 1 1 2 3 4 5

M215-C 10 M215-H 4

5 4 3 2 1 1 2 3 4 5
10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

M108-C 20 M108-H 10

4 4
3 2 1 3
10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 7 8 9 10

M215-C 20 M215-H 8

73
Collegamenti elettrici
Lato rotaia (AR60).
2A 37.23 - M 12
150

2A37
cavo misto
110 Cu
+ 2A 37.23 - 2M 10/30 AS
40 Acc
Ø conduttore Lato connessione induttiva.

2A37
18,2 mm

Connessioni induttive da 300 A


collegamento dei cavi sull’attacco centrale.
2A 37.26 - 2 M 10/30 AS
Vedi allegato 1.

185
cavo Cu
flessibile
Impieghi vari 2A 37.26 - M 12
PRODOTTI PER LINEE TRADIZIONALI

Connessioni induttive da 750 - 1000 A


collegamento, alle rotaie, dei cavi provenienti
2A 60.29 - M12
dagli attacchi esterni.
Vedi allegato 3.

240 collegamento, agli attacchi esterni, dei cavi pro-

cavo Cu
venienti dalle rotaie. Vedi allegato 3.
collegamento, all’attacco centrale, dei cavi pro-
2A 60.29 - 2 M 10/30
flessibile venienti dal collettore del negativo della sotto-
stazione elettrica. Vedi Allegato 3.
Connessioni induttive da 500 A
collegamento dei cavi sull’attacco centrale.
Vedi allegato 2.
Collettore del negativo della Sottostazione
collegamento dei cavi provenienti dall’attacco
centrale delle connessioni induttive.

Collegamento degli alimentatori alle


CA 315 R - 2 M 14
230 sbarre di sottostazione
corda Cu
CAT. 785
PROG. 150
LINEE AEREE

Discese d’alimentazione delle linee


230 aeree di contatto L 230 - 115 M
corda Cu
CAT. 785 Vedi allegato 8.
PROG. 150
115
corda Cu
CAT. 785
PROG. 162

74
HT120
ed utensili e teste
della linea 130 kN

ME 37-C 1 ME 37-H 1
+ + + +
MK 28L-C 1 MK 28-H 1

ME 60-C 2 ME 60-H 1
+ + + +
MK 34-C 2 MK 34-H 1

MK 28-H 2

MPT 230 E-H 3


+ +
M 208-H 2

75
CONDUTTORE CONNETTORI
APPLICAZIONI
Sez. mm2 TIPO
Giunzioni a piena trazione per linee aeree Giunti omologati FS con lettera S.IT (EA/L.02)/ 001074 del 25
di contatto agosto 1989 e rispondenti ai carichi di trazione prescritti dalle
norme CEI EN 61284 ED. 2 GIU. 99 (classificazione CEI. 11-36).

PT 70 N
65 corda portante Ø 10,5 mm
Formazione 19x2,1 mm
corda Cu
CAT. 785
PROG. 158

120 corda portante Ø 14 mm PT 120


Formazione 19x2,8 mm
corda Cu
CAT. 785
PROG. 125
PRODOTTI PER LINEE TRADIZIONALI ED AV-AC

SEQUENZA COMPRESSIONI
155 corda portante Ø 16,1 mm PT 150
Formazione 37x2,3 mm
corda Cu
CAT. 785
PROG. 153

PT RR 160
160 corda portante Ø 16,45 mm
Formazione 37x2,35 mm
corda
LINEE AEREE

Cu - Cd
CAT. 785
PROG. 163

corda di alimentazione Ø 19,6 mm PT 230


230 Formazione 37x2,8 mm
corda Cu
CAT. 785
PROG. 150

Corda in alluminio impiegata come trefolo


di terra AA 150 - M 12
collegamento al palo.

125 collegamento al morsetto


T 114 CAT. 774/PROG. 262
AA 150 - 2 M 10/40
corda Al
CAT. 785
PROG. 208
Ø 14,5 mm
Formaz.:
19x2,9 mm

giunzione a piena trazione


T142 CAT. 779/PROG. 057
PT 120 A

76
UTENSILI OLEODINAMICI
CORRETTA INSTALLAZIONE HT 120
HT120
HT 51 HT
ed 131-C
utensiliRHC 131
e teste ECW-H RHU 520
B 51 della Blinea
131-C130 kN
PREPARAZIONE
COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI COPPIA MATRICI
Tipo N° Tipo N° Tipo N° Tipo N°

PT 70 N

5 4 3 2 1 1 2 3 4 5 M 158-50 10 M 158-C 10 M 158-H 6


2 1 1 2
3 3

PT 120
PT 150
M 208-C 16 M 208-H 8

8 7 6 5 4 3 2 1 1 2 3 4 5 6 7 8
4 3 2 1 1 2 3 4 M 232-C 16 M 232-H 8

PTRR 160

32 10
16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 14 15 16
5 4 3 2 1 5
MPT 230 E-H MPT 230 E-520
PT 230

24 8

12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
4 3 2 1 1 2 3 4

SEQUENZA COMPRESSIONI 6 4 2
2
1
4 3 2 1
6 5 4 3 2 1

6 4 2

PREPARAZIONE M 215 - 50 M 215 - C M 215 - H

SEQUENZA COMPRESSIONI
3 2 1 1 2 3
18 12 6
6 5 4 3 2 1 1 2 3 4 5 6
9 8 7 6 5 4 3 2 1 1 2 3 4 5 6 7 8 9

N°=numero compressioni
77
CORREDI PER CONNESSIONI INDUTTIVE
Ogni confezione contiene i capicorda ed i sistemi per contatti elettrici alla rotaia, necessari ad effettuare il collegamento di una con-
nessione induttiva.

KIT 1000 A
previsto per connessioni induttive di rientro in sottostazione da 750-1000 A (vedi Allegato 3).
Contiene:

COMPONENTI

Q.tà Tipo Impiego

4 2A 60.29-2M10/30 Capicorda per il collegamento dei cavi provenienti dalle rotaie sugli attacchi esterni della C.I.

4 2A 60.29-2M10/30 Capicorda per il collegamento dei cavi sull’attacco centrale della C.I.

4 2A 60.29-2M10/30 Capicorda per il collegamento dei cavi provenienti dall’attacco centrale della C.I. sul collettore del negativo della S.S.E.

4 2A 19.19-M10 Capicorda per il collegamento di terra tra l’attacco centrale della C.I. ed il contenitore metallico della C.I.

4 2A 60.29-M12 Capicorda per il collegamento dei cavi provenienti dagli attacchi esterni della C.I. sui contatti elettrici tipo AR 60

4 AR 60 Sistemi per realizzare i contatti elettrici sul gambo delle rotaie

78
CORREDI PER CONNESSIONI INDUTTIVE

KIT 300 A KIT 300 A/1


previsto per connessioni induttive di linea da 300 A. previsto per connessioni induttive di linea da 300 A.
Questo corredo consente di effettuare nº 4 collegamenti con dire- Questo corredo consente di effettuare nº 2 collegamenti con dire-
zione di uscita del cavo parallela all’asse longitudinale della rotaia zione di uscita del cavo perpendicolare al gambo della rotaia e nº
(vedi Allegato 1a-b). 2 collegamenti con direzione di uscita del cavo parallela all’asse
Contiene: longitudinale della rotaia (vedi Allegato 1c).
Contiene:

COMPONENTI COMPONENTI

Q.tà Tipo Impiego Q.tà Tipo Impiego


Capicorda per l’inserimento della Capicorda per l’inserimento della
2 CCS 16-M8 corrente codificata sugli attacchi 2 CCS 16-M8 corrente codificata sugli attacchi
esterni della C.I. esterni della C.I.
Capicorda per il collegamento dei cavi Capicorda per il collegamento dei cavi
4 2A 19.19-2M10/30 AS provenienti dalle rotaie sugli attacchi 4 2A 19.19-2M10/30 AS provenienti dalle rotaie sugli attacchi
esterni della C.I. esterni della C.I.

Capicorda per il collegamento dei Capicorda per il collegamento dei


2 2A 37.26-2M10/30 AS 2 2A 37.26-2M10/30 AS
cavi sull’attacco centrale della C.I. cavi sull’attacco centrale della C.I.

Capicorda per il collegamento di terra Capicorda per il collegamento di terra


4 2A 19.19-M10 tra l’attacco centrale della C.I. ed il 4 2A 19.19-M10 tra l’attacco centrale della C.I. ed il
contenitore metallico della C.I. contenitore metallico della C.I.
Capicorda per il collegamento dei cavi Capicorda per il collegamento dei cavi
4 2A 19.19-M12 provenienti dagli attacchi esterni della 2 2A 19.19-M12 provenienti dagli attacchi esterni della
C.I. sui contatti elettrici tipo AR 60 C.I. sui contatti elettrici tipo AR 60

Sistemi per realizzare i contatti Sistemi per realizzare i contatti


4 AR 60 2 AR 60
elettrici sul gambo delle rotaie elettrici sul gambo delle rotaie

Sistemi per realizzare il contatto ed


il collegamento elettrico sulla rotaia
2 CCV 95 F-60
con direzione, di uscita del cavo,
perpendicolare al gambo della rotaia.

KIT 500 A KIT 500 A/1


previsto per connessioni induttive di linea o di stazione da 500 A. previsto per connessioni induttive di linea o di stazione da 500 A.
Questo corredo consente di effettuare nº 4 collegamenti con dire- Questo corredo consente di effettuare nº 2 collegamenti con dire-
zione di uscita del cavo parallela all’asse longitudinale della rotaia zione di uscita del cavo perpendicolare al gambo della rotaia e nº
(vedi Allegato 2a-b). 2 collegamenti con direzione di uscita del cavo parallela all’asse
Contiene: longitudinale della rotaia (vedi Allegato 2c).
Contiene:

COMPONENTI COMPONENTI

Q.tà Tipo Impiego Q.tà Tipo Impiego


Capicorda per l’inserimento della Capicorda per l’inserimento della
2 CCS 16-M8 corrente codificata sugli attacchi 2 CCS 16-M8 corrente codificata sugli attacchi
esterni della C.I. esterni della C.I.
Capicorda per il collegamento dei cavi Capicorda per il collegamento dei cavi
4 2A 24.21-2M10/30 AS provenienti dalle rotaie sugli attacchi 4 2A 24.21-2M10/30 AS provenienti dalle rotaie sugli attacchi
esterni della C.I. esterni della C.I.

Capicorda per il collegamento dei Capicorda per il collegamento dei


2 2A 60.29-2M10/30 2 2A 60.29-2M10/30
cavi sull’attacco centrale della C.I. cavi sull’attacco centrale della C.I.

Capicorda per il collegamento di terra Capicorda per il collegamento di terra


4 2A 19.19-M10 tra l’attacco centrale della C.I. ed il 4 2A 19.19-M10 tra l’attacco centrale della C.I. ed il
contenitore metallico della C.I. contenitore metallico della C.I.
Capicorda per il collegamento dei cavi Capicorda per il collegamento dei cavi
4 2A 24.21-M12 provenienti dagli attacchi esterni della 2 2A 24.21-M12 provenienti dagli attacchi esterni della
C.I. sui contatti elettrici tipo AR 60 C.I. sui contatti elettrici tipo AR 60

Sistemi per realizzare i contatti Sistemi per realizzare i contatti


4 AR 60 2 AR 60
elettrici sul gambo delle rotaie elettrici sul gambo delle rotaie

Sistemi per realizzare il contatto ed


il collegamento elettrico sulla rotaia
2 CCV 120 F-60
con direzione, di uscita del cavo,
perpendicolare al gambo della rotaia.

79
PIASTRINE AMMORTIZZATRICI
Piastrine ammortizzatrici per la protezione dei capicorda alle vi-
brazioni e per prevenire fenomeni di svitamento dei dadi anche PS 01-M12
impiegando tipi più volte riutilizzati o non muniti del dispositivo di
frenatura.

Ø Vite
Tipo
mm
PS 01-M12 (per capicorda diritti)
12
PS Z1-M12 (per capicorda piegati a 45°)

PS Z1-M12

KIT AR60-01 KIT AR60-Z1

Corredi costituiti dal contatto elettrico alla rotaia AR 60 (CAT. 846/PROG. 961-962) e piastrina ammortizzatrice per impianti di
Trazione elettrica, Sicurezza e Segnalamento.

Ø Foro rotaia
Tipo
mm
KIT AR60-01 (per capicorda diritti)
19
KIT AR 60-Z1 (per capicorda piegati a 45°)

KIT 2A24.21-M12-01 KIT 2A24.21-M12/315°-Z1 2A24-M12/315° 2A24.21-M12/315°

Corredi costituiti dal capocorda diritto e Corredi costituiti dal capocorda piegato Capicorda con attacco piegato a 45° (da
dalla relativa piastrina ammortizzatrice. a 45° e dalla relativa piastrina ammor- impiegare con piastrine ammortizzatrici
tizzatrice. PSZ1-M12).

Sezione Sezione Sezione


Ø Vite Ø Vite Ø Vite
conduttore Cu Tipo conduttore Cu Tipo conduttore Cu Tipo
mm mm mm
mm2 mm2 mm2

95 (cavo flex.) KIT 2A19.19-M12-01 95 (cavo flex.) KIT 2A19.19-M12/315°-Z1 95 (cavo flex.) 2A19.19-M12/315°

120 (cavo flex.) 12 KIT 2A24.21-M12-01 120 (cavo flex.) 12 KIT 2A24.21-M12/315°-Z1 120 (cavo flex.) 12 2A24.21-M12/315°

120 (corda) KIT 2A24-M12-01 120 (corda) KIT 2A24-M12/315°-Z1 120 (corda) 2A24-M12/315°

80
PIASTRINE AMMORTIZZATRICI

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO F

Analizzando lo “stato di sforzo” di un capocor-


da fissato alla rotaia sollecitato da una forza zona di
alternata “F” si nota che la zona maggiormente massima
critica è quella della transizione tra il colletto F
sollecitazione
e l’attacco (schema 1) che risulta sollecitata a
flessione alternata.

Rotaia Rotaia

schema 1

Punti di
contatto
La funzione della piastrina ammortizzatrice è
quella di modificare lo “stato di sforzo” del
materiale contribuendo a scaricare le forze con
cui è sollecitato il capocorda.
Al serraggio del dado, la piastrina si deforma
elasticamente e va a contatto sia con la zona
d’ attacco del capocorda che nelle posizioni
indicate (schema 2). Rotaia Rotaia

schema 2

La forza indotta dal conduttore sul colletto del R R


capocorda verra’ contrastata dall’ azione “R”
che si scambiano reciprocamente capocorda e
piastrina (schema 3) F
R

Rotaia Rotaia

R
schema 3

Per lo studio e la messa a punto del prodotto si è


impiegata un’apparecchiatura in grado di sotto-
porre i campioni in prova ad accelerazioni anche
superiori a 25 g in svariate posizioni.

81
CAPICORDA RINFORZATI ANTIVIBRANTI
Serie KY I AL
D

O
GEN
IVI
R
I • P

puntali piatti
I capicorda della serie “KY” sono stati studiati per Sezione Cavo Dimensioni mm
offrire la massima affidabilità anche in situazioni mm2 Tipo Imballo
standard/minimo
(AWG) Ø B P L
particolarmente gravose come, ad esempio, nel
caso di apparecchiature soggette a sollecitazioni RKY-PP 12 4,5 3,0 13,0 23,8 3.500/100
meccaniche continue (vibrazioni di motori etc.); tra
RKY-PP 12/19 4,5 2,0 18,0 28,8 3.000/100
il colletto del capocorda e la camicetta in PA 6.6 0,25÷1,5
privo di alogeni è interposto un tubetto in rame (22÷16) RKY-PP 16/23 4,5 2,2 18,0 28,8 2.500/100
che, durante la compressione, si deforma sull’iso- BKY-PP 12 5,2 3,0 13,0 23,8 2.500/100
lante del conduttore contribuendo a migliorare la
tenuta meccanica globale e la qualità della con- BKY-PP 12/25 5,2 2,4 13,0 23,8 2.500/100
1,5÷2,5
nessione. La temperatura di utilizzo è da –20°C a (16÷14) BKY-PP 16/23 5,2 2,2 18,0 28,8 2.500/100
+105°C (+110°C per brevi transitori).
GKY-PP 12 7,0 4,0 14,0 27,0 1.000/100

4÷6 GKY-PP 17 7,0 2,0 18,0 31,0 1.000/100


(12÷10)
Per l’installazione utilizzare l’utensile tipo Crimpstar HP3

puntali tondi ad uncino


Sezione Cavo Dimensioni mm Sezione Cavo Dimensioni mm
Imballo mm2 Tipo Imballo
mm2 Tipo standard/minimo standard/minimo
(AWG) Ø B P L (AWG) Ø B P L X

RKY-P 8 4,5 1,9 9,0 19,8 3.500/100 RKY-PPL 30 4,5 3,0 16,8 28,2 2,1 3.000/100
RKY-P 10 4,5 1,9 10,0 20,8 3.500/100
0,25÷1,5 0,25÷1,5 RKY-PPL 46 4,5 4,6 16,8 28,2 2,1 3.000/100
(22÷16) RKY-P 12 4,5 1,9 12,0 22,8 3.000/100 (22÷16)
BKY-P 8 5,2 1,9 9,0 19,8 3.000/100
BKY-PPL 30 5,2 3,0 16,8 28,2 2,1 2.500/100
BKY-P 10 5,2 1,9 10,0 20,8 3.000/100
1,5÷2,5 1,5÷2,5 BKY-PPL 46 5,2 4,6 16,8 28,2 2,1 2.500/100
(16÷14) BKY-P 12 5,2 1,9 12,0 22,8 3.000/100 (16÷14)

GKY-P 14 7,0 2,8 14,0 27,0 1.500/100 GKY-PPL 46 7,0 4,6 17,2 30,2 2,4 1.000/100
4÷6 4÷6
(12÷10) (12÷10)
Per dimensioni d’attacco diverse da quelle elencate interpellare Cembre. Per l’installazione utilizzare l’utensile tipo Crimpstar HP3

Connettori ad innesto femmina totalmente rinforzati con camicetta in rame

I AL parzialmente preisolati in PA6.6 totalmente preisolati in PA6.6


D
O

Sezione Sezione
Imballo Imballo
GEN
IVI

Cavo mm2 Tipo Linguetta standard/minimo


Cavo mm2 Tipo Linguetta standard/minimo
(AWG) (AWG)
R

I • P RKF-F 305 2,8 x 0,5 3.500/100 RKF-F 405P 4,8 x 0,5 2.500/100
RKF-F 308 2,8 x 0,8 3.500/100 0,25÷1,5 RKF-F 408P 4,8 x 0,8 2.000/100
0,25÷1,5 RKF-F 405 4,8 x 0,5 3.000/100 (22÷16)
RKF-F 608P 6,35 x 0,8 1.000/100
- Ricavati da nastro di ottone. (22÷16) RKF-F 408 4,8 x 0,8 3.000/100
- Stagnati elettroliticamente. BKF-F 405P 4,8 x 0,5 2.000/100
RKF-F 608 6,35 x 0,8 2.500/100
1,5÷2,5 BKF-F 408P 4,8 x 0,8 2.000/100
- Camicetta isolante con
BKF-F 405 4,8 x 0,5 3.000/100 (16÷14)
introduzione facilitata. BKF-F 608P 6,35 x 0,8 1.000/100
1,5÷2,5 BKF-F 408 4,8 x 0,8 3.000/100
- La temperatura di utilizzo è da (16÷14) 4÷6
–20°C a +105°C (+110°C per BKF-F 608 6,35 x 0,8 2.000/100 GK-F 608P 6,35 x 0,8 1.000/100
(12÷10)
brevi transitori). 4÷6
GK-F 608 6,35 x 0,8 1.500/100
(12÷10) Per l’installazione utilizzare l’utensile tipo Crimpstar HP3

82
CAPICORDA RINFORZATI ANTIVIBRANTI
Serie KY I AL
D

O
GEN
IVI
R
I • P

occhielli forcelle
Sez. Cavo Ø Dimensioni mm Sez. Cavo Ø Dimensioni mm
mm2 Vite Tipo Imballo mm2 Vite Tipo Imballo
standard/minimo standard/minimo
(AWG) mm Ø B M N L d (AWG) mm Ø B M N L d

3 RKY-M 3 4,5 5,5 5,0 2,5 18,5 3,2 3.000/100 3 RKY-U 3 4,5 5,7 6,5 4,5 22,0 3,2 3.000/100
3,5 RKY-M 3.5 4,5 5,5 5,0 2,5 18,5 3,7 3.000/100
3,5 RKY-M 3.5/1 4,5 6,6 6,3 3,1 20,4 3,7 3.000/100 3,5 RKY-U 3.5 4,5 5,7 6,5 4,5 22,0 3,7 3.000/100
4 RKY-M 4 4,5 6,6 6,3 3,1 20,4 4,3 3.000/100 4 RKY-U 4 4,5 6,4 6,5 4,5 22,0 4,3 3.000/100
5 RKY-M 5 4,5 8,0 7,0 3,8 21,8 5,3 3.000/100
5 RKY-U 5 4,5 8,1 6,5 4,5 22,0 5,3 3.000/100
6 RKY-M 6/1 4,5 11,6 11,0 5,8 27,8 6,4 2.500/100
8 RKY-M 8 4,5 11,6 11,0 5,8 27,8 8,4 2.500/100 6 RKY-U 6 4,5 9,5 6,5 4,5 22,0 6,4 3.000/100
0,25÷1,5 10 RKY-M 10 4,5 13,6 13,9 6,6 31,5 10,5 1.500/100 0,25÷1,5
(22÷16) (22÷16) 6 RKY-U 6/1 4,5 12,0 11,0 6,0 28,0 6,4 3.000/100
12 RKY-M 12 4,5 19,6 16,0 9,4 36,4 13,0 1.500/100
3 BKY-M 3 5,2 6,6 4,8 3,0 18,8 3,2 2.500/100 3 BKY-U 3 5,2 5,7 6,5 4,5 22,0 3,2 2.500/100
3,5 BKY-M 3.5 5,2 6,6 4,8 3,0 18,8 3,7 2.500/100
3,5 BKY-M 3.5/1 5,2 6,6 6,3 3,1 20,4 3,7 2.500/100 3,5 BKY-U 3.5 5,2 6,0 6,5 4,5 22,0 3,7 2.500/100
4 BKY-M 4 5,2 8,5 7,8 4,0 22,8 4,3 2.500/100 4 BKY-U 4 5,2 6,4 6,5 4,5 22,0 4,3 2.500/100
5 BKY-M 5 5,2 8,5 7,8 4,0 22,8 5,3 2.500/100
6 BKY-M 6/1 5,2 12,0 11,0 5,8 27,8 6,4 2.000/100 5 BKY-U 5 5,2 7,9 6,5 4,5 22,0 5,3 2.500/100
8 BKY-M 8 5,2 12,0 11,0 5,8 27,8 8,4 1.500/100 6 BKY-U 6 5,2 9,3 6,5 4,5 22,0 6,4 2.500/100
1,5÷2,5 10 BKY-M 10 5,2 13,6 13,9 6,6 31,5 10,5 1.500/100 1,5÷2,5
(16÷14) 12 BKY-M 12 5,2 19,2 16,0 9,4 36,4 13,0 1.000/100 (16÷14) 6 BKY-U 6/1 5,2 12,0 11,0 6,0 28,0 6,4 2.000/100
3,5 GKY-M 3.5 7,0 7,2 6,1 3,6 22,7 3,7 1.500/100
4 GKY-M 4 7,0 9,5 9,1 4,5 26,6 4,3 1.000/100 3,5 GKY-U 3.5 7,0 7,2 7,5 3,9 24,4 3,7 1.500/100
5 GKY-M 5 7,0 9,5 9,1 4,5 26,6 5,3 1.000/100 4 GKY-U 4 7,0 7,2 7,5 3,9 24,4 4,3 1.000/100
6 GKY-M 6 7,0 12,0 10,5 6,0 29,5 6,4 1.000/100
8 GKY-M 8 7,0 15,0 13,5 7,5 34,0 8,4 1.000/100 5 GKY-U 5 7,0 9,0 7,0 5,5 25,5 5,3 1.000/100
10 GKY-M 10 7,0 15,0 13,5 7,5 34,0 10,5 1.000/100
12 GKY-M 12 7,0 19,2 16,0 9,6 38,6 13,0 1.000/100 6 GKY-U 6 7,0 12,0 12,0 6,5 31,5 6,4 1.000/100
4÷6 14 GKY-M 14 7,0 32,0 25,2 16,0 54,2 15,0 500/100 4÷6
(12÷10) (12÷10) 8 GKY-U 8 7,0 14,0 10,5 7,0 30,5 8,4 1.000/100
16 GKY-M 16 7,0 32,0 25,2 16,0 54,2 17,0 500/100
Per dimensioni d’attacco diverse da quelle elencate interpellare Cembre.
Per l’installazione utilizzare l’utensile tipo Crimpstar HP3

occhielli isolati rinforzati antivibranti in PVC - RK, BK, GK


Sez. Cavo Ø Dimensioni mm
mm2 Vite Tipo Imballo
standard/minimo
(AWG) mm Ø B M N L d

7 RK-M 7 4,1 9,4 8,1 4,7 22,8 7,2 2.500/100


0,25÷1,5
(22÷16)

7 BK-M 7 4,6 10,0 7,8 5,0 22,8 7,2 2.000/100


1,5÷2,5
(16÷14)

7 GK-M 7 6,6 11,0 11,1 5,5 30,6 7,2 1.000/100


4÷6
(12÷10)
Per l’installazione utilizzare l’utensile tipo Crimpstar HP3 o HP3-K

CAPICORDA PREISOLATI IN PVC PER CONTROPIASTRE DEL RELÉ TIPO FS 58


Capicorda preisolati in PVC, ricavati da nastro di rame ETP, stagnati elettroliticamente, con attacco per vite M6.

R-M 6/2 R-M 6/2 BF-M 6/2


adatto per cavo in rame sez. 0,25÷1,5 mm . 2

BF-M 6/2
per cavo in rame sez. 1,5÷2,5 mm . 2

Per l’installazione utilizzare l’utensile tipo Crimpstar HP3

83
MORSETTERIE UNIPOLARI A SERRAGGIO INDIRETTO
PER IMPIANTI LUCE E FORZA MOTRICE

Esempio di
serie utilizzo delle

i ù®
ETAp
morsettiere
tipo Z35-26D
Z come nodo
equipotenziale
di terra

Esempio di utilizzo
delle morsettiere
tipo Z6-3 e Z6-5
all’interno di scatole
per uso civile Esempio di utilizzo
delle morsettiere tipo
Z35T-11 senza inter-
ruzione del montante
come nodo equipo-
tenziale di terra

Esempio di utilizzo

serie
delle morsettiere tipo Z50-10D

ini
® come nodo equipotenziale di terra

ZE TA m

Esempi di utilizzo dei morsetti


tipo Z25-1 e Z35-1 all’interno
di scatole di derivazione Esempi di utilizzo dei morsetti
tipo Z6-1, Z10-1 e Z16-1
all’interno di scatole di derivazione

serie ®
k
Istituto italiano del Z ETAbloc
Marchio di Qualità

Lloyd’s Register
of Shipping

Registro Italiano Navale

84
Z6
Morsettiere unipolari di collegamento
ZETApiù
Sezione Tensione Temperatura
e derivazione a 3, 5, 6 e 10 vie per Tipo N° Nominale Nominale Max di Grado di Autoestinguenza Dimensioni mm Peso gr. Imballo
Vie V Funzionam. Protezione
conduttori da 1 ÷ 6 mm2. mm2 °C
Compatte e robuste, ideali per l’ese- Z6-3 23x23xh27,5 15 30
cuzione rapida e sicura di impianti 3 (3 vie) 1÷6 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z6-3D 23x40xh36,5 18,5 10
elettrici di distribuzione civili ed indu- Z6-5 35x23xh27,5 23 20
striali. I morsetti, a serraggio indiret- 5 (5 vie) 1÷6 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z6-5D 35x40xh36,5 26,5 10
to, garantiscono un’ottima stabilità
Z6-6 23x43xh28,5 26 15
nel tempo della connessione ed hanno 6 (6 vie) 1÷6 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z6-6D 23x53xh34 31 10
l’estremità inferiore opportunamente
Z6-10 35x43xh28,5 41 10
sagomata per chiudere gli ingressi 10 (10 vie) 1÷6 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z6-10D 35x53xh33 46 15
eventualmente non utilizzati.
I fori d’ingresso sono provvisti di invito Z16-3 38x31,3xh38 52 20
conico per una facile e rapida introdu- 3 16 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z16-3D 38x50xh44 55,5 15
zione del conduttore. Z16-4 27x54xh37 50 15
4 16 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z16 Z16-4D 27x58xh43 54 10
Morsettiere unipolari di collegamento Z16-5N 61x31,5xh38 64,5 10
5 16 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
e derivazione a 3, 4, 5, 8 e 12 vie, Z16-5ND 61x50xh44 68 4
Z16-8 8 (2 vie) 16 35,5x50xh36,5 50 15
particolarmente indicate per la distri- + 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
buzione fase/terra in impianti elettrici Z16-8D (2÷6) (6 vie) 6 35,5x57xh42 56 10
Z16-12 12 (2 vie) 16 104,5x32,5xh36,5 115 8
civili ed industriali. + 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z16-12D (2÷10) (10 vie) 6 104,5x50xh42 125 5
Z35 Z35-3 53x48,5xh47 110 10
Morsettiere unipolari di collegamento 3 35 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z35-3D 53x54xh56 114 5
e derivazione a 3, 4 e 6 vie, partico- Z35-4 37x85xh42 129 5
larmente indicate per la distribuzione 4 35 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z35-4D 37x85xh48 133 5
fase/terra in impianti elettrici civili ed 6 (2 vie) 35
Z35-6 83x41xh43 130 8
industriali. + 450 85 IP 20 V-0 (UL 94)
Z35-6D (2+4) (4 vie) 16 83x49xh52 140 5
Z35 - Z50 Sezione Temperatura
Morsettiere unipolari di collegamento Tipo N° Nominale Max di Autoestinguenza Dimensioni mm Peso gr. Imballo
Vie Funzionam.
e derivazione a 10, 11 e 26 vie. mm2 °C
Particolarmente indicate per la realiz- 11 (1 via) 35
Z35T-11 + 85 V-0 (UL 94) 58x43xh42 70 10
zazione dei nodi equipotenziali di terra (1+10) (10 vie) 6
delle masse estranee negli impianti 26 (2 vie) 35
elettrici in locali adibiti ad uso medico, Z35-26D + 85 V-0 (UL 94) 151x50xh50 379 4
(2+24) (24 vie) 10
(Norma CEI 64-8 710) nell’impianti- 10 (2 vie) 50
stica residenziale e nel settore terzia- Z50-10D + 85 V-0 (UL 94) 77,5x55xh49 320 6
(2+8) (8 vie) 25
rio nei locali bagno/doccia (Norma D = Versione con attacco per guide DIN
CEI 64-8 / 3ª ed. 1992).

ZETAmini
Morsetti unipolari di collegamento e
ZETAmini
Sezione Tensione Temperatura
derivazione per conduttori da 0,5 ÷ Max di Grado di Imballo
Tipo Nominale Nominale Funzionam. Protezione Autoestinguenza Dimensioni mm Peso gr. standard/minimo
35 mm2. Compatti e robusti, ideali mm2 V °C
per l’esecuzione rapida e sicura di im-
Z2,5-1 2,5 7,6x20xh23,5 3 500/25
pianti elettrici di distribuzione civili ed
Z6-1 6 11,5x28xh29 6 250/25
industriali. I morsetti, a serraggio in-
diretto, garantiscono un’ottima sta- Z10-1 10 450 85 IP 20 V-0 (UL 94) 15,6x32xh32,5 11 100/10
bilità nel tempo della connessione. Z16-1 16 18x34xh38 15 100/10
I fori d’ingresso sono provvisti di invito Z25-1 25 20,8x42,5xh43,5 29 50/10
conico per una facile e rapida introdu- Z35-1 35 25x45xh51,5 37 40/10
zione del conduttore.

ZETAblock
ZETAblock
Sezione Tensione Corrente Corrente
Partitori da 100, 125 e 160 A con ri- N° Nominale Nominale Tensione Corrente Nominale Mas- Grado
N° Vie per mm2 di di di breve sima Dimensioni Peso Imballo
spettivamente 7, 14 e 12 vie per ogni Tipo Fasi ogni fase Impulso Nominale durata di picco di Auto- mm g
per ogni isolamento (Uimp) (In) ammissibile presunta estinguenza
fase. L’ampia gamma di sezioni colle- fase (Ui) (Icw) (Ipk)
gabili (da 1 a 50 mm2) e le dimensioni
7 (2 vie) 25
contenute rendono i partitori ideali Z 25-DP7-100 4 + 800 V 8 kV 100 A 3 kA 18 kA V-0 (UL 94) 70x84xh45 290 2
per il cablaggio in quadri di comando (2+5) (5 vie) 6
e distribuzione. (2 vie) 35
L’ingresso su due lati (ad esclu- 14 +
sione solamente del modello Z35- Z 35-DP14-125 4 (2 vie) 16 800 V 8 kV 125 A 4,2 kA 18 kA V-0 (UL 94) 137x83xh46 700 1
(2+2+10) +
DP14B-125) permette di distribuire i (10 vie) 6
conduttori in modo omogeneo ed or-
dinato, rendendo più agevole il cablag- (2 vie) 35
gio e gli eventuali successivi interventi 14 +
Z 35-DP14B-125 2 (2 vie) 16 800 V 8 kV 125 A 4,2 kA 18 kA V-0 (UL 94) 137x44xh46 360 2
su tutte le fasi. Il cablaggio viene ulte- (2+2+10) +
riormente facilitato dai fori di ingresso (10 vie) 6
con invito conico e dalle viti imperdibili (2 vie) 50
già allentate. I morsetti a serraggio 12 +
indiretto garantiscono un’ottima sta- Z 50-DP12-160 4 (4 vie) 25 800 V 8 kV 160 A 6 kA 18 kA V-0 (UL 94) 150x84xh48 780 1
(2+4+6) +
bilità nel tempo della connessione. (6 vie) 16

85
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE
STAMPANTE A TRASFERIMENTO TERMICO, SU ROTOLO, ROLLY 2000

HARDWARE, SOFTWARE
Rolly 2000 E ACCESSORI

Rolly 2000 lavora con i software di siglatura


PLOT
CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE REQUISITI DI SISTEMA
Genius e Advance Label, disponibili per gli am-
• Inserimento dati semplificato • PC Pentium III, equivalente o superiore
bienti operativi Windows®2000, XP e Vista.
• Molteplici tipi di contatore • 256 Mb di memoria RAM
La sua evoluzione è continua.
• Importazione files *.txt,*.cad,*.dbf e altri • Porta USB e ethernet
LABEL
Gli aggiornamenti sono scaricabili gratuitamen-
te anche collegandosi al sito:
www.cembre.it al menu Prodotti/Siglatura/
• Conversione MATRIX, ACS e Simplo,
importazione AutoCAD, Elecad, Spac,


Windows 2000, Xp, Vista, W7
100 Mb di spazio disponibile su HD
IGE-XAO, Excel e altri filtri personalizzati • Scheda video e monitor da 1024x768
Software.
• Utilizzo fonts di Windows • E’ possibile recuperare facilmente
• Numero verde assistenza tecnica l’aggiornameno del software
• Upgrade gratuito di ogni release collegandosi direttamente al sito internet:

www.cembre.it
SUITE

 Rolly2000
Advance
LABEL
Rolly2000 990910 è corredato dai seguenti articoli:
Stampante base
(Dimensioni: lunghezza 446mm, larghezza 242mm, altezza 274mm, peso 9kg)
Cavo di alimentazione
Cavo USB
Copertura protettiva
Nastro di stampa nero TPS-060 842112
Genius Suite - Software su CD
(comprensivo di driver di stampa, Licenza e Manuale d’uso)

ACCESSORIO per stampante, fornibile separatamente


Rolly2000-Cutter 990856

Modulo per il taglio in automatico delle etichette TTL e dei film adesivi TTF
Rolly2000-Cutter

NASTRI DI STAMPA TPS-060


monocromatici Colore Descrizione Tipo Imballo
nero Rif. PANTONE® Black C 842112 1
blu Rif. PANTONE® 2935 C * 842113 1

TPS-060 rosso
verde
Rif. PANTONE® 186 C
Rif. PANTONE® 354 C
* 842115
* 842114
1
1
argento * 842116 1
* Questi tipi sono disponibili a richiesta
Nastri di stampa in resina Pre-
mium, indelebile, resistente al Norme rispettate dalla stampa con i nastri TPS-060 su materiale Cembre
graffio e allo sfregamento, così Norma Descrizione
come previsto dalla norma CEI UNI EN ISO 4892-2 Resistenza ai raggi UV
16-7. Sono forniti con sviluppo CEI 16-7 Indelebilità della scritta
da 200m lineari, con larghezza CEI 23-11 / CEI EN 61058-1 Indelebilità della scritta
CEI EN 61010-1 / VDE 0411-1 Indelebilità della scritta
120mm. Area stampabile 104mm.
Cembre Indelebilità della scritta
E' garantita la leggibilità della scritta
86
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE
STAMPANTE A TRASFERIMENTO TERMICO, SU ROTOLO, ROLLY 2000

ETICHETTE PER STAMPANTI MATERIALI per etichette TTL e film TTF Tab. 1
a trasferimento termico,
su rotolo Materiale
WVYG YVYG SVYG PPYG
film PVC (outdoor) film PVC (outdoor) film PVC (outdoor) film Poliestere
CPYG
film Poliestere
WPYG
film Poliestere
grigio grigio
Colore bianco giallo
metallizzato metallizzato
trasparente bianco

TTL Superfice
Spessore micron
lucida
80
lucida
73
lucida
100
lucida
50
lucida
50
lucida
50
Temperatura -40°C a +80°C -40°C a +80°C -40°C a +80°C -40°C a +140°C -40°C a +140°C -40°C a +140°C
Le etichette per stampanti a tra- Temperatura di applicazione +10°C a +40°C +10°C a +40°C +10°C a +40°C +10°C a +40°C +10°C a +40°C +10°C a +40°C
Resistenza ai raggi UV      
sferimento termico sono prodotte
Adesivo permanente permanente permanente permanente permanente permanente
con materiali che non reagiscono
alla temperatura: questi materiali
sono trattati superficialmente per
accettare il pigmento del nastro
scaldato dalla testa di stampa
della stampante.
Le etichette sono normalmente fu-
stellate su rotolo con disposizione
orizzontale rispetto all’uscita dalla
stampante. Alcuni modelli, sono Per garantire il buon mantenimento delle etichette è consigliabile conservare i rotoli nella loro confezione originale e in
però fustellati verticalmente. luoghi non troppo caldi o soggetti a notevoli escursioni termiche; togliere le etichette dalla loro confezione soltanto al
momento dell’utilizzo e non esporre i materiali all’umidità per lunghi periodi.

ETICHETTE PER STAMPANTI


a trasferimento termico,
TTL Rettangolari
Dimensioni C D
Sviluppo orizzontale
Genius

Advance
su rotolo A x B mm
Tipo Piste
mm mm
Imballo
SW Code Label
5 x 12,7 8400001.... 5 82 158 49.500 •
A
6 x 15 8400101.... 3 57 158 26.655 4100 •

TTL B
6,3 x 14,3
6,3 x 19
8400003....
8400005....
4
3
77
72
108
158
34.220
25.665
4104 •

7 x 10 8400093.... 5 70 158 40.000 4113 •
Il diametro interno del rotolo misu- 7 x 15 8400008.... 4 77 158 32.000 4102 •
7 x 20 * 8401010.... 3 75 158 24.000 4101 •
ra 76,2mm.
8 x 12 8400091.... 4 65 158 29.080 4109 •
9 x 15 8400092.... 4 76 158 26.660 4107 •
Materiali disponibili: completare 9 x 20 8400017.... 3 72 158 19.995 4106 •
il tipo con la sigla del materiale, 9 x 38 8400094.... 2 88 158 13.300 4108 •
dopo aver consultato le caratteri- 10 x 32 8400081.... 2 73 158 12.300 •
stiche della Tab. 1 12 x 25 8400023.... 3 89 158 16.005 4112 •
12 x 35 8400088.... 2 80 158 10.660 4148 •
Vinile bianco (outdoor)

Vinile grigio met. (outdoor)

12 x 40 8400024.... 2 89 158 10.660 •


Vinile giallo (outdoor)

Poliestere grigio met.

12,7 x 50 8400028.... 2 111 138 8.000 •


Poliestere bianco

15 x 20 8400029.... 4 95 158 17.760 •


15 x 27 * 8401008.... 3 94 158 13.320 4120 •
15 x 34 8400030.... 2 77 135 6.500 •
15 x 78 8400031.... 1 89 158 4.440 •
18 x 30 8400032.... 3 103 158 11.415 4105 •
18 x 47 8400034.... 2 103 158 7.610 •
WVYG YVYG SVYG PPYG WPYG 21 x 70 8400070.... 1 76 158 3.330 •
22 x 40 8400038.... 2 89 135 4.800 4164 •
22 x 110 8400067.... 1 116 158 3.200 4165 •
25 x 45 8400073.... 2 99 158 5.710 •
C 25 x 80 8400075.... 1 86 120 2.100 •
25,7 x 50 8400041.... 2 111 135 4.200 •
30 x 50 8400042.... 1 60 158 2.420 •
30 x 80 8400072.... 1 86 158 2.420 •
30 x 100 8400044.... 1 111 158 2.420 •
D 34 x 60 8400066.... 1 66 165 3.200 4182 •
øi 37 x 74 8400049.... 1 82 158 2.000 •
40 x 60 8400050.... 1 72 158 1.860 4110 •
40 x 80 8400051.... 1 89 165 2.800 •
40 x 90 8400083.... 1 96 158 1.860 4121 •
50 x 80 8400053.... 1 89 165 2.200 •
52 x 105 8400054.... 1 111 163 2.100 4194 •
60 x 80 8400055.... 1 89 158 1.265 •
60 x100 8400056.... 1 111 220 1.850 4197 •
75 x 105 8400086.... 1 111 158 600 4199 •
* con angoli vivi

87
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE
STAMPANTE A TRASFERIMENTO TERMICO, SU ROTOLO, ROLLY 2000

ETICHETTE PER STAMPANTI


TTL Rettangolari Sviluppo verticale
a trasferimento termico, Dimensioni C D Genius Advance
su rotolo A x B mm
Tipo Piste
mm mm
Imballo
SW Code Label
63 x 45,5 8400052.... 2 103 165 3.600 •

TTL A 105 x 90
120 x 60
8400097....
8400057....
1
1
111 158
72 163
700
950

B 120 x 70 8400079.... 1 76 158 650 •


Il diametro interno del rotolo misu-
ra 76,2mm. 130 x 64,5 8400058.... 1 72 158 600 •
140 x 98 8400059.... 1 103 165 800 •
Materiali disponibili: completare
il tipo con la sigla del materiale, 180 x 51 8400095.... 2 111 125 540 •
dopo aver consultato le caratteri- 180 x 105 8400061.... 1 111 153 500 •
stiche della Tab. 1 a pag. 87
TTL Quadrate
Vinile bianco (outdoor)

Vinile grigio met. (outdoor)

16 x 16 * 8402000.... 5 103 158 21.050 •


Vinile giallo (outdoor)

Poliestere grigio met.

20 x 20 8403000.... 4 95 158 13.900 4201 •


A
Poliestere bianco

30 x 30 8403001.... 3 103 158 7.260 •

B 40 x 40 * 8402003.... 2 89 158 3.720 •


70 x 70 8403003.... 1 77 158 1.600 •
100 x 100 8403004.... 1 111 158 1.100 •
WVYG YVYG SVYG PPYG WPYG TTL Circolari
Ø 16 8404001.... 4 82 158 16.840 •
C
Ø 25 8404003.... 3 89 158 8.565 4122 •
Ø 50 8404005.... 2 111 158 3.010 •
*con angoli vivi

D
øi

TARGHETTE SEGNACAVO
su rotolo
TAR-ROLL
Le targhette TAR-ROLL, serieFLAT,
vengono utilizzate per la siglatura di TAR-ROLL
cavi, guaine, tubi e componentistica. Colore Dimensioni mm Tipo Imballo Genius SW Code Advance Label
bianco
Materiale: PVC rigido, 9x70 75099 1.450 4300 •
autoestinguente cl.V0 (UL 94) giallo
9x70 75049 1.450 4300 •

 Campo di temperatura
da - 30°C a + 80°C

TARGHETTE SEGNACAVO
senza tubetto, su rotolo
ETF-ROLL
Le targhette ETF-ROLL si utilizzano
con le fascette per siglare cavi,
ETF-ROLL Larghezza Max Fascetta 4,8mm. Area di stampa 11x35mm
Colore Dimensioni mm Tipo Imballo Genius SW Code Advance Label
guaine e tubi di grande diametro.
bianco
13x57 44192 1.775 4400 •
Materiale: PVC rigido,
autoestinguente cl.V0 (UL 94) giallo
13x57 44142 1.775 4400 •

 Campo di temperatura
da - 30°C a + 80°C

88
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE
STAMPANTE A TRASFERIMENTO TERMICO, SU ROTOLO, ROLLY 2000

FILM CONTINUO
a trasferimento termico, su rotolo

TTF
Il diametro interno del rotolo øi
misura 76mm.
Materiali disponibili: completare
il tipo con la sigla del materiale,
dopo aver consultato le caratteri-
stiche della Tab. 1 a pag. 87
Vinile bianco (outdoor)

Vinile grigio met. (outdoor)


Vinile giallo (outdoor)

Poliestere trasparente
Poliestere grigio met.

TTF film continuo adesivo


Poliestere bianco

Genius Advance
Lunghezza m Larghezza mm Tipo Imballo
SW Code Label
125 105 8506000.... 1 •
125 80 8506001.... 1 •
125 35 8506003.... 1 •
WVYG YVYG SVYG PPYG CPYG WPYG

Materiale: PVC,
autoestinguente cl.V0 (UL 94),
TTF film continuo in PVC rigido
spessore 0,4mm Genius Advance
Colore Lunghezza m Larghezza mm Tipo Imballo
SW Code Label
DESIVO
 Campo di temperatura NON A bianco 25 100 8506002WVRG 1 •
da - 30°C a + 80°C giallo 25 100 8506002YVRG 1 •

STRISCE CONTINUE STRIP-ROLL-R


PER MODULI Colore Lunghezza Altezza Tipo N° di strisce Imballo
su rotolo 25 m 15 mm 13160 4 1
DESIVO
bianco
25 m 40 mm 13179 2 1
NON A 25 m 15 mm 13164 4 1

STRIP-ROLL
giallo
25 m 40 mm 13174 2 1

GENIUS SW CODE per la stampa delle strisce STRIP-ROLL


Le strisce STRIP-ROLL sono utiliz-
zabili per l'identificazione di com- LUNGHEZZA mm
ponenti modulari da quadro.
430 5002 5002
Materiale: PVC,
autoestinguente cl.V0 (UL 94) 630 5102
1.000 5202
 Campo di temperatura
da - 30°C a + 80°C

Utilizzabili con:
RTR-TAP e RTA-TAP profili

Materiale: film Poliestere


STRIP-ROLL-PY adesive
 Campo di temperatura
da - 40°C a + 140°C
Colore Lunghezza Altezza Tipo N° di strisce Imballo

Temperatura di applicazione bianco 25 m 15 mm 13189 4 1


da + 10°C a + 40°C
Utilizzabili:
direttamente sui componenti
89
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE
STAMPANTE A TRASFERIMENTO TERMICO, SU ROTOLO, ROLLY 2000

Alcuni esempi di impiego:

Connessioni induttive Segnali bassi (marmotte) Casse di manovra da deviatoio

Cassette dei circuiti di binario

Segnali alti (semafori)

90
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE
STAMPANTE A TRASFERIMENTO TERMICO, SU ROTOLO, ROLLY 2000

FASCETTE IN ACCIAIO INOX

L A Ø max serraggio Tenuta min.


Tipo Imballo
(mm) (mm) (mm) (kg)
GX200X4.5 200 50
GX300X4.5 300 76
4,5 46
GX370X4.5 370 102
GX520X4.5 520 156 100
GX370X7.9 370 102
GX680X7.9 680 7,9 207 114
GX1020X7.9 1020 312

PINZA PER FASCETTE IN ACCIAIO INOX

Tipo 5527030079

Per fascette con larghezza fino a a 7,9 mm


Completa di dispositivo di taglio
Peso: 0,56 Kg
Lunghezza: 180 mm

GMC-2751S
GMC-2907S
TARGHE IN ALLUMINIO
Imballo
Tipo Descrizione
Standard/minimo
Targa in alluminio, fondo bianco, dimensioni 225 x 120 mm,
angoli arrotondati, spessore 0,5 mm, con asole di fissaggio,
GMC-2751S 10 / 10
da impiegare come supporto alle etichette della serie
TTL 8400061… oppure GMC-2700S + TTL8400097…
Targa in alluminio, fondo bianco, dimensioni 430 x 120 mm,
GMC-2907S angoli arrotondati, spessore 0,5 mm, con asole di fissaggio, 10 / 10
per impieghi quali opere d’arte e vari.
Targa in alluminio, fondo bianco, dimensioni 115 x 200 mm,
angoli arrotondati, spessore 0,5 mm, con due fori ed asole di
GMC-2678S 300 / 10
fissaggio, da impiegare come eventuale supporto alle etichette
della serie TTL8400061....
GMC-2678S
Targa in alluminio, dimensioni 70 x 140 mm, angoli arrotonda-
GMC-2732S ti, spessore 0,5 mm, con due fori di fissaggio, da impiegare co- 50 / 50
me eventuale supporto alle etichette della serie TTL8400057....
GMC-2732S

ETICHETTE adesive di avvertimento in PVC outdoor (campo di temperatura da -40°C a + 80°C)


Imballo
Tipo Descrizione
Standard/minimo

Etichetta adesiva di avvertimento in vinile outdoor, simbolo


GMC-2700S 10 / 10
tensione elettrica, lato 120 mm, sfondo giallo, simbolo nero

91
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE

ETICHETTE ADESIVE ANL

ETICHETTE ALFANUMERICHE
in vinile, adesive

I II III V X

Per l’ordinazione aggiungere al tipo la sigla o il simbolo desiderati.

Dimensioni mm Etichette in Schede in Etichette in


Tipo
AxB ogni Scheda ogni Confezione ogni Confezione
ANL 374103-... 15x10 56 5 280 A
ANL 374107-... 38x22 16 5 80
ANL 374108-... 60x34 5 5 25
ANL 374110-... 124x70 1 10 10 B
NOTA: l’etichetta con la lettera “ I ” ha una larghezza inferiore rispetto alle altre. 1 1 + 1 1 + 1 + 1

A richiesta sono fornibili con qualsiasi combinazione numerica ed alfanumerica, anche progressiva. Esempio:
A A2 A23

SEGNACAVO ADESIVI KM

SEGNACAVO ADESIVI KM

Diametro Max. Lunghezza A del Area di Scrittura Segnacavo in ogni


Tipo Colore
avvolgibile mm Segnacavo mm C x B mm Pocket Pack
KM 05025 189109 bianco 10 50 15x25 90 KM C
KM 05025 184109 giallo 10 50 15x25 90 A
KM 07525 189115 bianco 14 75 25x25 60
KM 07525 184115 giallo 14 75 25x25 60
KM 15025 189123 bianco 38 150 25x25 30
KM 15025 184123 giallo 38 150 25x25 30 B

92
SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE

CARTELLINO WIT

CARTELLINO WIT Dimensioni Imballo


Tipo
in polipropilene,
IDENTIFICAZIONE

mm scatola / saccetto CAVO N.


1
2
CONDUTTORI

per l’identificazione WIT-W 56008 49 x 99 500/50


IMPIANTO 3
4
5
6

dei conduttori SCHEMA N. 7


8
9

Disponibile a richiesta in diverse lingue


NOTE 10
11
12
13
14
15
16

PENNARELLI INDELEBILI

PENNARELLI INDELEBILI Tipo Colore Descrizione Confezione


Pennarelli ad inchiostro indelebile, adatti
990409 nero indelebile, punta superfine 2
per svariate superfici, resistente alla luce
e all’acqua. 990417 nero indelebile, punta fine 2
990425 nero indelebile, punta media 2

ANELLI DI SIGLATURA FMS

ANELLI DI SIGLATURA FMS


piatti, alfanumerici

Materiale: PVC morbido di colore giallo, autoestinguente cl.VO (UL 94).

Tipo Lunghezza Confezione


FMS-04 32274-... A Z 0 9 500 pezzi
completare con la 4 mm
sigla a fianco
+ - = / . , : ; Y
~ Ω * ∆ ø
Gli elementi riportanti i simboli elettrici si identificano con i seguenti tipi:
GNDP Esempio: FMS-04 32274-GNDP ∆ DELTA Esempio: FMS-04 32274-DELTA
~
Y
AC Esempio: FMS-04 32274-AC STAR Esempio: FMS-04 32274-STAR
Ω OHM Esempio: FMS-04 32274-OHM ø DIA Esempio: FMS-04 32274-DIA

* AST Esempio: FMS-04 32274-AST GND Esempio: FMS-04 32274-GND

FMS-40 20314 senza stampa 40 mm 100 pezzi


FMH-7 990088 supporto per 7 anelli FMS-04 100 pezzi
FMH-12 990089 supporto per 12 anelli FMS-04 100 pezzi
FMH-18 990090 supporto per 18 anelli FMS-04 100 pezzi

93
GUIDA ALLA SCELTA DELLE MATRICI
UTENSILI OLEODINAMICI
CONDUTTORE CONNETTORI
HT 45 HT 51 B 51 HT120 ed utensili e teste della linea 130 kN ECW-H
SEZ. COPPIA MATRICI N° COPPIA MATRICI N° COPPIA MATRICI N° COPPIA MATRICI N°
NATURA TIPO
mm2 TIPO (*) TIPO (*) TIPO (*) TIPO (*)
Ø 4 mm Acciaio Zn AC 40/10 - M6 MAC 40/10 2 MAC 40/10-50 2 MAC 40/10-C 1
Ø 12 mm Acciaio CA 95 S-M... MK 19-50 6 MK 19-C 3
CCV 16 E10
16 Cavo Cu flex CCV 16 - E15 MCCS 16 1 MCCS 16-50 1 MCCS 16-C 1
CCS 16 - M...
Cavo Cu flex CCS 25 - M...
25 MCCS 25-50 2 MCCS 25-C 1
o in Acciaio CCV 25 - AC E10
Cavo misto CCC 35 - M 12/1 MCCC 35-C 3
35
Cu + Acciaio CCV 35 - AC E10 MCCC 35-C 2
MK 15-50
50 Cavo Cu flex CCS 50.16,16-M12 + 2+2 MCCS 50.16,5-C 1
MK 21B-50
ME 24-C
2x50 Cavo Cu flex 2A 24.15-M12-OV + 2+2
MR 24L-20-C
CCV 95F ME 37-50 4 ME 37-C 2 ME 37-C 2
Cavo Cu flex 2A19.19 - M... ME 19-50 ME 19-C ME 19-H
+ 2+2 + 1+1 + 1+1
95 2A19.19 - 2M10/30AS MK 21B-50 MK 21-C MK 21-H
A19 - M12 2 1 1
Cu ME 19-50 ME 19-C ME 19-H
2A19 - M... 4 2 2
Cavo in Acciaio ME 30-C ME 30-H

94
2A30.23 - M12 + 1+1 + 1+1
Ø cond. 16,10 mm MK 28L-C MK 28-H
110
Cavo in Acciaio 2A37.23 - M12 ME 37-C ME 37-H
+ 1+1 + 1+1
Ø cond. 18 mm 2A37.23 - 2M10/30 AS MK 28L-C MK 28-H
Cu CCV 120R 2 1 1
ME 37-50 ME 37-C ME 37-H
CCV 120F 4 2 2
Cavo Cu flex 2A24.21 - M... ME 24-50 ME 24-C ME 24-H
+ 2+2 + 1+1 + 1+1
120 2A24.21 - 2M10/30AS MK 23-50 MK 23-C MK 23-H
Corda Cu C150-C120 MC 185-C 3 MC 185-H 1
A24-M12 2 1 1
Cu ME 24-50 ME 24-C ME 24-H
2A24-M... 4 2 2
CC V 150C - AC - 60
AA 150C - M... - AC
150 Alluminio-Acciaio AA 150C - M12-AC/315° 3 1
M 215-C M 215-H
185 Cavo Alluminio AA 150C - 2M10-30AS-AC
AA 150C - 2M10-40-AC-AC
LA 150C-AC 6 1
PM 150 AC M 215-C 10 M 215-H 64
Corda
150 PT 150 AC/1 M 108-C 20 M 108-H 10
Alluminio-Acciaio
PT 150 AC/2 M 215-C 20 M 215-H 8
2A37.23 - M12 ME 37-C ME 37-H
150 Cavo misto Cu+Acc. + 1+1 + 1+1
2A37.23 - 2M10/30 AS MK 28L-C MK 28-H
2A37.26 - 2M10/30AS ME 37-C ME 37-H
185 Cavo Cu flex + 1+1 + 1+1
2A37.26 - M12 MK 28L-C MK 28-H
Cavo Cu flex e 2A 60.29 - M12 ME 60-C ME 60-H
240 + 2+2 + 1+1
cavo misto Cu+Acc. 2A 60.29 - 2M10/30 MK 34-C MK 34-H
(*) Nº di compressioni.
UTENSILI OLEODINAMICI
CORDA CONNETTORI
HT 45 HT 51 B 51 HT120 ed utensili e teste della linea 130 kN ECW-H
SEZ. NATURA FS: COPPIA MATRICI N° COPPIA MATRICI N° COPPIA MATRICI N° COPPIA MATRICI N°
TIPO
mm2 Ø mm (Form.) CAT/PROG. TIPO (*) TIPO (*) TIPO (*) TIPO (*)

PT 35 N 8 8 4 4
Cu
35 785/131 M 118 M 118-50 M 118-C M 118-H
7,5 (7x2,5)
CA 35 - M12/N 3 3 2 2

230 CA 315R - 2M14 MK 28-H 2


Cu
785/150
19,6 (37x2,8)
230 MPT 230E-H
L230-115M + 3+2
Cu
115 785/162 M 208-H
14 (37x2)
Cu
65 785/158 PT 70 N M 158-50 10 M 158-C 10 M 158-H 6
10,5 (19x2,1)
Cu
120 785/125 PT 120 M 208-C 16 M 208-H 8
14 (19x2,8)
Cu
155 785/153 PT 150 M 232-C 16 M 232-H 8
16,1 (37x2,3)
Cu - Cd
160 785/163 PTRR 160 32
16,45 (37x2,35)
MPT 230E-H
Cu
230 785/150 PT 230 24
19,6 (37x2,8)

95
Bronzo Morsetti per pendini
16 785/621 M 91/2-C (**) M 91/2-H (**)
6,2 (84x0,5) CAT/PROG 774/216 774/213

LINEE AEREE (TE)


Morsetti di alimentazione con rif. di
Cu compress. E 173 per filo sagomato
85 M 173L-C (**)
11,9 (37x1,7) CAT/PROG 902/188
e corda portante CAT/PROG 902/197

AA 150 - M12
6 4 2
AA 150 - 2M10/40

Al PT 120 A (T142 CAT/PROG 779/057) 18 12 6


125 785/208 M 215-50 M 215-C M 215-H
14,5 (19x2,3) Giunto T142 CAT/PROG 779/057

Flangia T141 CAT/PROG 779/058 (**) (**) (**)

Morsa T140 CAT/PROG 779/059


Aldrey Giunto, flangia e morsa con riferimento di
150 M 260-C (**)
15,75 (37x2,25) compressione E 260 (�)
Aldrey Giunto, flangia e morsa con riferimento di
150 M 264-H (**)
15,75 (37x2,25) compressione E 264 (��)
Acciaio
Fascetta MS 1055 MMS 1055 2
5
(*) Nº di compressioni. (**) Nº di compressioni secondo i riferimenti impressi sui connettori. TE = Trazione elettrica
(�) Aventi l’esagono di compressione uguale a 26,0 mm.
(� �) Aventi l’esagono di compressione uguale a 26,4 mm.
GUIDA ALLA SCELTA DELLE MATRICI
UTENSILI OLEODINAMICI
CORDA CONNETTORI
ECW-H RHU 520
SEZ. NATURA FS: COPPIA MATRICI N° COPPIA MATRICI N°
TIPO
mm2 Ø mm (Form.) CAT/PROG. TIPO (*) TIPO (*)
160 Cu-Cd 785/163 PTRR 160 32 10
MPT 230E-H MPT 230E-520

TE
230 Cu 785/150 PT 230 24 8

Acciaio Zn 785/139 Giunto in acciaio CAT/PROG 774/242


65,81
10,5 (19x2,1) 785/737(•) Morsa in acciaio CAT/PROG 774/241

Alumoweld Giunto in acciaio CAT/PROG 774/440


80,65 785/739 M 190-520
11,5 (7x3,83) Morsa in acciaio CAT/PROG 774/439

785/139
65,81-80,65 Acciaio Zn - Alumoweld 785/739 Giunto in acciaio (per giunzione mista) CAT/PROG 774/455
785/737(•)

Embolo interno di acciaio del giunto CAT/PROG 774/163


M 110-H M 110-520
Embolo interno in acciaio della morsa CAT/PROG 774/238
Alluminio/Acciaio
148,5 785/142 Manicotto esterno di alluminio del giunto CAT/PROG 774/163
15,85 (26x2,5+7x1,95)
Manicotto esterno di alluminio della morsa CAT/PROG 774/238 M 255-H M 255-520

96
Manicotto di riparazione CAT/PROG 774/211
(**)
Embolo interno di acciaio del giunto CAT/PROG 774/162
M 145-H M 145-520
Embolo interno in acciaio della morsa CAT/PROG 774/239
Alluminio/Acciaio (**)
222,35 785/141 Manicotto esterno di alluminio del giunto CAT/PROG 774/162
19,38 (26x3,06+7x2,38)

PRIMARIE
Manicotto esterno di alluminio della morsa CAT/PROG 774/239 M 295-H M 295-520
Manicotto di riparazione CAT/PROG 774/210
Embolo interno in acciaio del giunto CAT/PROG 774/230
M 160-520
Embolo interno in acciaio della morsa CAT/PROG 774/240
Alluminio/Acciaio
307,7 785/143 Manicotto esterno in alluminio del giunto CAT/PROG 774/230
22,8 (26x3,6+7x2,8)
Manicotto esterno in alluminio della morsa CAT/PROG 774/240 M 340-520
Manicotto di riparazione CAT/PROG 774/234
Embolo interno in acciaio del giunto CAT/PROG 774/454
M 220-520
Embolo interno in acciaio della morsa CAT/PROG 774/450
Alluminio/Acciaio Manicotto esterno in alluminio del giunto CAT/PROG 774/454
585,3 785/144
31,5 (54x3,5+19x2,1)
Manicotto esterno in alluminio della morsa CAT/PROG 774/450 M 440-520
Manicotto di riparazione CAT/PROG 774/456
TE = Trazione elettrica (*) Nº di compressioni. (**) Nº di compressioni secondo i riferimenti impressi sui connettori. (•) Fune in acciaio a zincatura maggiorata
GUIDA ALLA SCELTA DELLE MATRICI
UTENSILI OLEODINAMICI
CORDA CONNETTORI
HT120 ed utensili e teste della linea 130 kN ECW-H

SEZ. NATURA FS: COPPIA MATRICI N° COPPIA MATRICI N°


TIPO
mm2 Ø mm (Form.) CAT/PROG. TIPO (*) TIPO (*)
Bronzo Morsetti per pendini

LINEE AEREE (TE)


16 785/621 M 91/2-C (**) M 91/2-H (**)
6,2 (84x0,5) CAT/PROG 774/216 774/213
(*) Nº di compressioni. (**) Nº di compressioni secondo i riferimenti impressi sui connettori. TE = Trazione elettrica

Coppie di matrici per il taglio dei trefoli in alluminio, delle corde in Alluminio-Acciaio impiegate per linee primarie, senza intaccare l’anima di acciaio.
TESTA OLEODINAMICA
CORDA ALLUMINIO-ACCIAIO
ECW-H
SEZIONE Ø ESTERNO FORMAZIONE
CAT/PROG COPPIA MATRICI
mm2 mm nº fili x Ø (mm)
148,5 15,85 26x2,50 + 7x1,95 785/142 MB 3-H
222,35 19,38 26x3,06 + 7x2,38 785/141 MB 4-H

97
CORRISPONDENZE UTILI
CAT. PROG. Marca Descrizione
Per conduttore 95 mm2 A19-M16 oppure 2A 19-M16 (pag. 64)
779 049 T129
Per conduttore 120 mm2 A24-M16 oppure 2A24-M16 (pag. 68)
Per conduttore 95 mm2 A19-M12 oppure 2A 19-M12 (pag. 64)
779 053 T123
Per conduttore 120 mm2 A24-M12 oppure 2A24-M12 (pag. 68)
Per cavo 95 mm2 2A 19.19 - 2M10/30 AS (pag. 64)
779 056 T124
Per cavo 120 mm2 2A 24.21 - 2M10/30 AS (pag. 66)
779 057 T142 PT 120 A (pag. 76)
Per cavo 95 mm2 A 19-M12 (pag. 64)
779 062 T146
Per cavo 120 mm2 A 24-M12 (pag. 68)
779 063 T145 AA 150-M12 (pag. 76)
779 064 T144 AA 150-2M10/40 (pag. 76)
846 959 AR67-1
AR67 (pag. 12)
846 960 AR67-31 
846 961 AR60-1
AR60 (pag. 2)
846 962 AR60-31 
846 963 HTEP (pag. 14)
846 964 KIT AR67 INST. (pag. 14)
Allegato
1
CONNESSIONI INDUTTIVE DA 300 A

ESEMPI DI COLLEGAMENTO

a) quando i fori (più vicini alle ganasce b) quando i fori (più vicini alle ganasce c) quando i fori (più vicini alle ganasce
della giunzione isolante) praticati nel della giunzione isolante) praticati nel della giunzione isolante) praticati nel
gambo della rotaia, si trovano ad una gambo della rotaia, si trovano ad una gambo della rotaia, si trovano ad una
distanza non inferiore a 140 mm. distanza di circa 100 mm. distanza di circa 100 mm.

� AR 60 � 2 A 24.21 - M 12 � 2 A 37.26 - 2 M 10/30 AS


� CCV 95 F - 60 � CCS 16 - M 8 � 2 A 60.29 - 2 M 10/30
� CCV 120 F - 60 � 2 A 19.19 - 2 M 10/30 AS 2 A 19.19 - M 10
� 2 A 19.19 - M 12 � 2 A 24.21 - 2 M 10/30 AS C.I. = Connessione Induttiva

98
Allegato
2
CONNESSIONI INDUTTIVE DA 500 A

ESEMPI DI COLLEGAMENTO

a) quando i fori (più vicini alle ganasce b) quando i fori (più vicini alle ganasce c) quando i fori (più vicini alle ganasce
della giunzione isolante) praticati nel della giunzione isolante) praticati nel della giunzione isolante) praticati nel
gambo della rotaia, si trovano ad una gambo della rotaia, si trovano ad una gambo della rotaia, si trovano ad una
distanza non inferiore a 140 mm. distanza di circa 100 mm. distanza di circa 100 mm.

C.I. C.I. C.I.


500A 500A 500A

99
Allegato

Allegato
3 CONNESSIONI INDUTTIVE 4 CIRCUITI DI BINARIO AD UNA
DA 750-1000 A FUGA DI ROTAIA ISOLATA

Verso il
collettore del
negativo della
sottostazione
elettrica

� AR 60 � 2 A 60.29 - 2 M 10/30 � CCV 16 E 15


� AR 67 � 2 A 60.29 - 2 M 10/30 � CCS 16 - M 6
� 2 A 60.29 - M 12 � 2 A 19.19 - M 10 2 A 24 - M 12
� 2 A 60.29 - 2 M 10/30 � CCV 16 E 10 2 A 24.21 - M 12
C.I. = Connessione Induttiva

100
Allegato
RITORNO TE SUI CUORI DI SCAMBI 5
IN ACCIAIO FUSO AL MANGANESE

a) Corda Cu 120 mm2

b) Cavo flessibile Cu 120 mm2

� AR 60
� CCV 120 F - 60
� CCV 120 R - 60
� 2 A 24 - M 12
� 2 A 24.21 - M 12

Allegato
COLLEGAMENTI ALLA ROTAIA 6

I capicorda destinati al collegamento delle rotaie devono essere installati in modo che la direzione di uscita del cavo dal
capocorda sia parallela all’asse longitudinale delle rotaie: ciò eviterà al capocorda sollecitazioni gravose che potrebbero
anche comprometterne l’integrità.

NO SI
Allegato

Allegato
REALIZZAZIONI DI IMPIANTI DI 7 DISCESA D’ALIMENTAZIONE 8
TERRA CON CONNETTORI A “C” DELLE LINEE AEREE DI CONTATTO

CONNESSIONI A CROCERA corda portante sez. 120 mm2


(collegamento fra 2 conduttori
continui) DERIVAZIONI A “T”

connettore L230-115M corda di alimentazione sez. 230 mm2


Cor
da
se

11
z.

filo sagomato sez. 100 mm2

101
Allegato
9
GIUNTI ELETTRICI A “S”

� �

� �
Cassetta � �
di
sintonia

� �


� AR 60
� 2 A 24.15 - M12 - OV (per n° 2 cavi sez. 50 mm ) oppure n° 2 capicorda CCS50.16,5-M12
2

� AR 67
� CCS 25-M6
� 2339 AV (per n° 2 cavi sez. 50 mm o 95 mm )
2 2

� CCS 25-M8

102
NUOVE DENOMINAZIONI PROFILI
E QUALITÀ ROTAIE
Le norme europee UNI EN 13674-1 hanno fornito nuove denominazioni per i profili e le qualità di acciaio rispetto alle precedenti norme
UNI. Per tali denominazioni si riportano le seguenti equivalenze:

Nuova denominazione
Vecchia denominazione
(UNI EN 13674)
46 UNI 46E4
ROTAIE 50 UNI 50E5
60 UNI - 60 UIC 60E1
A 60U 60E1A2
BARRE
A 50U 50E1T1
900 A R260
1100 R320Cr
QUALITÀ
900 A trattata termicamente R350HT
700 -

103
NOTE

104
Cembre è presente sul mercato con altre linee di prodotto

“Accessori per Siglatura Industriale”

SISTEMA DI SIGLATURA
CON STAMPANTE A
TRASFERIMENTO TERMICO
SU ROTOLO

SISTEMA DI SIGLATURA
CON PLOTTER
SISTEMA DI SIGLATURA
CON STAMPANTE
A TRASFERIMENTO
TERMICO

RING
cablesys
SIGN
SISTEMA DI
SIGLATURA MANUALE

stick-onsys
ETICHETTE DI AVVERTIMENTO, DI DIVIETO,
DI PRESCRIZIONE, PER APPARECCHIATURE
TARGHETTE PER LA SIGLATURA DI MORSETTI E CAVI

“Accessori per Quadristica ed Impiantistica”

spiral

PRESSACAVI IN POLIAMMIDE CON GRADO DI PRESSACAVI IN OTTONE NICHELATO PRESSACAVI IN ACCIAIO INOX
PROTEZIONE IP 68 CON GRADO DI PROTEZIONE IP 68 CON GRADO DI PROTEZIONE IP 68

o ghi s
a ta l
c peci
ete i

fi
ci
R ichie d •

Il presente catalogo è limitato ad un


intento commerciale ed illustrativo.
Le procedure di utilizzo dei prodotti illustrati
non vanno desunte da questo documento,
ma dagli specifici manuali di uso e manutenzione
consegnati unitamente ai prodotti stessi.

Questo catalogo è di proprietà della Cembre.


Cembre si riserva di apportare variazioni e
Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata se non
miglioramenti ai prodotti senza preavviso.
previa autorizzazione scritta della Cembre

A cura della Cembre S.p.A. - stampa IGB Group Brescia.


Ufficio Vendite Nazionale
Sede Tel. 030 36921 - Fax. 030 2359431 • E-mail: Ufficio.Vendite@cembre.com
Cembre S.p.A. Uffici Vendite Regionali
Via Serenissima, 9 Milano Tel. 039 2103208 - Fax. 039 2148036 • E-mail: Ufficio.Milano@cembre.com
25135 Brescia (Italia) Brescia Tel. 030 36921 - Fax. 030 2359433 • E-mail: Ufficio.Brescia@cembre.com
Telefono: 030 36921 Padova Tel. 049 620093 - Fax. 049 720488 • E-mail: Ufficio.Padova@cembre.com
Telefax: 030 3365766 Bologna Tel. 051 383474 - Fax. 051 382846 • E-mail: Ufficio.Bologna@cembre.com
E-mail: info@cembre.com Firenze Tel. 055 790711 - Fax. 055 790711 • E-mail: Ufficio.Firenze@cembre.com

Cembre Ltd. Cembre S.a.r.l. Cembre España SL Cembre AS Cembre GmbH Cembre Inc.
Curdworth (Great Britain) Morangis (France) Madrid (España) Stokke (Norway) München (Deutschland) Edison, New Jersey (USA)
Tel.: 01675 470440 Tél.: 01 60 49 11 90 Teléfono: 91 485 25 80 Phone: 33361765 Telefon: 089/3580676 Tel.: (732) 225-7415
Fax: 01675 470220 Fax: 01 60 49 29 10 Télefax: 91 485 25 81 Telefax: 33361766 Telefax: 089/35806777 Fax: (732) 225-7414

www.cembre.it
Cod. 6260563