Sei sulla pagina 1di 77

Comune

Comunedi
di
FOSSALTA
FOSSALTADI
DIPIAVE
PIAVE

PIANO REGOLATORE
GENERALE

Regolamento
Edilizio

-1-
INDICE

PARTE PRIMA – DISPOSIZIONI GENERALI .................................................................... 6

TITOLO I° - NATURA E SCOPI DEL REGOLAMENTO......................................................................................... 6


Articolo 1 - CONTENUTO, LIMITI E VALIDITÀ DEL REGOLAMENTO [1] ........................................................ 6
Articolo 2 - RICHIAMO A DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI [1] .......................................... 6
Articolo 3 - RESPONSABILITÀ DEI COMMITTENTI, DEI PROGETTISTI, DEI DIRETTORI E DEGLI
ASSUNTORI DEI LAVORI - REQUISITI DEI PROGETTISTI E DEI DIRETTORI DEI LAVORI [1] ................. 7

TITOLO II° - SPORTELLO UNICO PER L’EDILIZIA E RESPONSABILE DEL SERVIZIO............................ 8


Articolo 4 - SPORTELLO UNICO PER L’EDILIZIA [1] ............................................................................................ 8
Articolo 5 - RESPONSABILE DEL SERVIZIO - RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO [1] .......................... 8

TITOLO III° - DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI .............................................................................. 9


Articolo 6 - DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI [1] ................................................................................ 9

TITOLO IV° - TITOLI ABILITATIVI ....................................................................................................................... 10


Articolo 7 - ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA [1] ........................................................................................................ 10
Articolo 8 - ATTIVITÀ EDILIZIA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI [1] ............................................. 10
Articolo 9 - INTERVENTI SUBORDINATI A PERMESSO DI COSTRUIRE [1] ................................................... 11
Articolo 10 - INTERVENTI SUBORDINATI A DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ [1] ....................................... 11
Articolo 11 - [1] .......................................................................................................................................................... 12
Articolo 12 - DOMANDE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, DI GIUDIZIO PRELIMINARE - DENUNCIA
DI INIZIO ATTIVITÀ [1] ......................................................................................................................................... 12
Articolo 13 - NORME PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI [1] ................................................................ 13
Articolo 14 - PERMESSO DI COSTRUIRE [1] ......................................................................................................... 18
Articolo 15 - [1] ........................................................................................................................................................... 19
Articolo 16 - EVIDENZA DEGLI ATTI [1] ............................................................................................................... 19
Articolo 17 - ONEROSITÀ DEGLI INTERVENTI [1] .............................................................................................. 19

TITOLO V° - COMMISSIONE EDILIZIA INTEGRATA [1] .................................................................................. 20


Articolo 18 - ATTRIBUZIONI DELLA COMMISSIONE EDILIZIA INTEGRATA [1] ......................................... 20
Articolo 19 - COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE EDILIZIA INTEGRATA [1] ........................................ 20
Articolo 20 - FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE EDILIZIA INTEGRATA[1] .................................... 21

TITOLO VI° - ESECUZIONE E CONTROLLO DELLE OPERE .......................................................................... 22


Articolo 21 - PUNTI DI LINEA E DI LIVELLO [1] .................................................................................................. 22
Articolo 22 - INIZIO E ULTIMAZIONE DEI LAVORI [1] ...................................................................................... 22
Articolo 23 - OCCUPAZIONI E MANOMISSIONI DI SUOLO E SOTTOSUOLO PUBBLICO [1] ............... 23
Articolo 24 - VIGILANZA SULLE COSTRUZIONI [1] ........................................................................................... 23
Articolo 25 - PROVVEDIMENTI PER OPERE NON AUTORIZZATE O ESEGUITE IN DIFFORMITÀ [1] . 23
Articolo 26 - ANNULLAMENTO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE [1] .............................................................. 24

TITOLO VII° - USO DEI FABBRICATI E DEI MANUFATTI ............................................................................... 25


Articolo 27 - CERTIFICATO DI AGIBILITÀ - CERTIFICATO DI COLLAUDO [1] ............................................. 25

TITOLO VIII° – DISPOSIZIONI DI CARATTERE IDRAULICO[1] .................................................................... 26


Articolo 28 – VERIFICA DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA [1] ........................................................................... 26
Articolo 29 – VALUTAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA [1] ................................................................. 27
Articolo 30 – NORME PRECAUZIONALI [1] .......................................................................................................... 27
Articolo 31 – ATTESTAZIONI [1] ............................................................................................................................. 28
Articolo 32 – [1] .......................................................................................................................................................... 29
Articolo 33 – [1] .......................................................................................................................................................... 29

-2-
PARTE SECONDA - NORME RELATIVE ALLA EDIFICAZIONE ................................... 30

TITOLO I° - CARATTERISTICHE EDILIZIE ......................................................................................................... 30


Articolo 34 - DEFINIZIONE DI PARTICOLARI ELEMENTI ARCHITETTONICI ............................................... 30
Articolo 35 – DISTANZE DAI CONFINI [1]............................................................................................................. 31
Articolo 36 - COSTRUZIONI ACCESSORIE ............................................................................................................ 31
Articolo 37 - PRESCRIZIONI EDILIZIE PARTICOLARI ........................................................................................ 32

TITOLO II° - ASPETTO ESTERNO DEGLI EDIFICI E DEGLI SPAZI .............................................................. 34


Articolo 38 - DECORO DEGLI EDIFICI ................................................................................................................... 34
Articolo 39 - DECORO DEGLI SPAZI ...................................................................................................................... 34
Articolo 40 - ELEMENTI CHE SPORGONO DALLE FACCIATE ED AGGETTANO SUL SUOLO PUBBLICO
..................................................................................................................................................................................... 34
Articolo 41 - ILLUMINAZIONE SOTTERRANEI .................................................................................................... 35
Articolo 42 - COMIGNOLI, ANTENNE, MENSOLE E SOVRASTRUTTURE VARIE ......................................... 35
Articolo 43 - RECINZIONE DELLE AREE PRIVATE ............................................................................................. 36
Articolo 44 - ALBERATURE ..................................................................................................................................... 36
Articolo 45 - COPERTURE ........................................................................................................................................ 36
Articolo 46 - SCALE ESTERNE ................................................................................................................................ 37
Articolo 47 - MARCIAPIEDI ..................................................................................................................................... 37
Articolo 48 - PORTICI ................................................................................................................................................ 37

TITOLO III° - PRESCRIZIONI DI CARATTERE SPECIALE .............................................................................. 38


Articolo 49 - RINVENIMENTI DI CARATTERE ARCHEOLOGICO O STORICO ARTISTICO ......................... 38
Articolo 50 - INDICAZIONI STRADALI ED APPARECCHI PER I SERVIZI COLLETTIVI ............................... 38
Articolo 51 - NUMERI CIVICI ................................................................................................................................... 38

PARTE TERZA – NORME IGIENICO SANITARIE........................................................... 39

TITOLO I° - PRESCRIZIONI IGIENICO - COSTRUTTIVE ................................................................................. 39


Articolo 52 - IGIENE DEL SUOLO E DEL SOTTOSUOLO .................................................................................... 39
Articolo 53 - TIPO, MATERIALI E DIMENSIONI DELLE FONDAZIONI ............................................................ 39
Articolo 54 - PROTEZIONE DALL’UMIDITA’........................................................................................................ 39
Articolo 55 - REQUISITI TERMICI, IGROTERMICI DI VENTILAZIONE E DI ILLUMINAZIONE NELLE
COSTRUZIONI EDILIZIE ......................................................................................................................................... 40
Articolo 56 - ISOLAMENTO ACUSTICO ................................................................................................................. 40
Articolo 57 - FUMI, POLVERI ED ESALAZIONI .................................................................................................... 40

TITOLO II° - FOGNATURE ........................................................................................................................................ 41


Articolo 58 - FOGNATURE PRIVATE ...................................................................................................................... 41
Articolo 59 - CONDOTTI E BACINI A CIELO APERTO ........................................................................................ 41
Articolo 60 - CONDOTTI CHIUSI ............................................................................................................................. 41
Articolo 61 - DEPURAZIONE DEGLI SCARICHI ................................................................................................... 41
Articolo 62 - ALLACCIAMENTI ............................................................................................................................... 42
Articolo 63 - FOGNATURE DELLE LOTTIZZAZIONI ........................................................................................... 42
Articolo 64 - FOGNATURE SINGOLE ..................................................................................................................... 42
Articolo 65 - PRESCRIZIONI PARTICOLARI ......................................................................................................... 42
Articolo 66 - IMMONDIZIE ....................................................................................................................................... 43

TITOLO III° - REQUISITI DEGLI AMBIENTI INTERNI ..................................................................................... 44


Articolo 67 - PARAMETRI ABITATIVI ................................................................................................................... 44
Articolo 68 - CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI EDIFICI E DELLE ABITAZIONI .................................. 44
Articolo 69 - LOCALI ABITABILI ............................................................................................................................ 45
Articolo 70 - SOTTOTETTI O MANSARDE ............................................................................................................ 45
Articolo 71 - CUCINE ................................................................................................................................................. 45
Articolo 72 - LOCALI PER I SERVIZI IGIENICI ..................................................................................................... 45
Articolo 73 - SCALE ED ASCENSORI, RINGHIERE E PARAPETTI .................................................................... 46
Articolo 74 - CORRIDOI E DISIMPEGNI ................................................................................................................. 47
Articolo 75 - LOCALI A PIANO TERRA, SEMINTERRATI E SCANTINATI....................................................... 47

-3-
TITOLO IV° - COSTRUZIONI DI SPECIALE DESTINAZIONE .......................................................................... 48
Articolo 76 - EDIFICI E LOCALI DI USO COLLETTIVO....................................................................................... 48
Articolo 77 - BARRIERE ARCHITETTONICHE ...................................................................................................... 48
Articolo 78 - STABILIMENTI INDUSTRIALI, DEPOSITI, MAGAZZINI, AUTORIMESSE. ............................... 48
Articolo 79 - EDIFICI RESIDENZIALI NELLE ZONE DESTINATE AD USI AGRICOLI. .................................. 49
Articolo 80 - [1] ........................................................................................................................................................... 49

PARTE QUARTA – STABILITA’ E SICUREZZA DELLE COSTRUZIONI ....................... 50

TITOLO I° - NORME DI BUONA COSTRUZIONE ................................................................................................ 50


Articolo 81 - STABILITA’ DELLE COSTRUZIONI................................................................................................. 50
Articolo 82 - MANUTENZIONE E RESTAURI ........................................................................................................ 50
Articolo 82 bis - MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER MANUTENZIONE IN QUOTA [1] .................. 50
Articolo 83 - PROVVEDIMENTI PER COSTRUZIONE PERICOLANTI ............................................................... 51

TITOLO II° - PREVENZIONE DAI PERICOLI DI INCENDIO ............................................................................ 52


Articolo 84 - LOCALI PER LAVORAZIONI E DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI ED
INFIAMMABILI ......................................................................................................................................................... 52
Articolo 85 - IMPIEGO DI STRUTTURE LIGNEE .................................................................................................. 52
Articolo 86 - PREVENZIONE DAI PERICOLI DI INCENDIO ................................................................................ 52
Articolo 87 - PARTICOLARE PREVENZIONI CAUTELATIVE ............................................................................ 54
Articolo 88 - USO DI GAS IN CONTENITORI DEPOSITI DI GPL CON CAPACITA’ COMPLESSIVA NON
SUPERIORE A 5 mc ................................................................................................................................................... 54
Articolo 89 - COLLAUDO DI COMPETENZA DEI VIGILI DEL FUOCO. ............................................................ 55

TITOLO III° - RISPARMIO ENERGETICO NEL RISCALDAMENTO DEGLI EDIFICI ................................ 56


Articolo 90 - SFERA DI APPLICAZIONE ................................................................................................................ 56
Articolo 91 - POTENZIALITA’ TERMICA INSTALLATA ..................................................................................... 56
Articolo 92 - PROGETTO DELL’IMPIANTO ........................................................................................................... 56
Articolo 93 - APERTURE VETRATE ........................................................................................................................ 57
Articolo 94 - COMPOSIZIONE DEGLI EDIFICI ...................................................................................................... 57
Articolo 95 - INERZIA TERMICA DELLE PARETI ................................................................................................ 57
Articolo 96 - REGOLAZIONE AUTOMATICA DELLA TEMPERATURA ........................................................... 57

TITOLO IV° - NORME TECNOLOGICHE .............................................................................................................. 58


Articolo 97 - NORME GENERALI ............................................................................................................................ 58
Articolo 98 - TERMINOLOGIA ................................................................................................................................. 58
Articolo 99 - REQUISITI TERMICI E IGROMETRICI ............................................................................................ 59
Articolo 100 - REQUISITI ILLUMINOTECNICI ..................................................................................................... 60
Articolo 101 - REQUISITI ACUSTICI - INQUINAMENTO SONORO ................................................................... 60
Articolo 102 - REQUISITI RELATIVI ALLA PUREZZA DELL’ARIA .................................................................. 61
Articolo 103 - REQUISITI RELATIVI AI SERVIZI TECNOLOGICI ...................................................................... 62
Articolo 104 - REQUISITI RELATIVI ALLA FRUIBILITA’ ................................................................................... 63
Articolo 105 - REQUISITI RELATIVI ALLA SICUREZZA .................................................................................... 63
Articolo 106 - REQUISITI RELATIVI ALLA IMPERMEABILITA’ E SECCHEZZA............................................ 64
Articolo 107 - REQUISITI RELATIVI ALLA DURABILITA’................................................................................. 64
Articolo 108 - REQUISITI ECOLOGICI .................................................................................................................... 64

TITOLO V° - CAUTELE DA OSSERVARE NELL’ESECUZIONE DEI LAVORI .............................................. 66


Articolo 109 - OPERE PROVVISIONALI ................................................................................................................. 66
Articolo 110 - SCAVI E DEMOLIZIONI ................................................................................................................... 66
Articolo 111 - MOVIMENTO ED ACCUMULO DEI MATERIALI ........................................................................ 67

PARTE QUINTA – NORME TRANSITORIE [1]............................................................... 68

TITOLO I° - DIPOSIZIONI TRANSITORIE PER L'ATTUAZIONE LEGGE REGIONALE 08 LUGLIO 2009,


N° 14 “INTERVENTI A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO

-4-
DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007 N. 16 IN
MATERIA DI BARRIERE ARCHITETTONICHE” ................................................................................................ 68
Articolo 112 - AMBITO DI APPLICAZIONE [1]...................................................................................................... 68
Articolo 113 - DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI [1] ......................................................................................... 69
Articolo 114 - MODALITÀ DEGLI INTERVENTI [1] ............................................................................................. 70
Articolo 115 - TITOLO ABILITATIVO EDILIZIO E PROCEDIMENTO [1] .......................................................... 72
Articolo 116 - ONERI E INCENTIVI [1] ................................................................................................................... 72
Articolo 117 - LIMITI TEMPORALI [1] .................................................................................................................... 73

-5-
PARTE PRIMA – DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I° - NATURA E SCOPI DEL REGOLAMENTO

Articolo 1 - CONTENUTO, LIMITI E VALIDITÀ DEL REGOLAMENTO [1]

1. Il presente Regolamento Edilizio (d‘ora in poi “RE”) contiene le norme intese a disciplinare
in tutto il territorio comunale le modalità costruttive, con particolare riguardo al rispetto
delle normative tecnico-estetiche, igienico-sanitarie, di sicurezza e di vivibilità degli
immobili e delle relative pertinenze.
2. In particolare, la lottizzazione delle aree, le costruzioni in genere e le opere descritte ai
successivi articoli 8, 9, 10 e 11.
3. Avendo il RE natura di fonte normativa secondaria, ai sensi delle disposizioni sulla legge in
generale, le sue norme hanno validità ed efficacia quando non contrastino con atti normativi
primari.

Articolo 2 - RICHIAMO A DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI [1]

1. Sulla disciplina delle attività di cui ai successivi articoli 8, 9, 10 e 11, oltre alle
disposizioni del RE, si richiamano anche il Piano Regolatore Generale e le sue Norme di
Attuazione (d'ora in poi “NdA del PRG”), il Regolamento Comunale d'Igiene e le Leggi
Generali e Speciali della Repubblica Italiana (in modo particolare, il DPR 6 giugno
2001, n° 380, d’ora in poi “Testo Unico”) e della Regione Veneto (in particolare le leggi
regionali 27 giugno 1985, n° 61 e 23 aprile 2004, n° 11). [2]
2. Si applicano altresì le norme della pianificazione superiore (Piano Territoriale Regionale
di Coordinamento, Piano Territoriale Provinciale, eventuali Piano d’Area e Piani di
Settore: Piano di Assetto Idrogeologico, Piano di Abbattimento delle Barriere
Architettoniche, Piano di Classificazione Acustica, Regolamenti in materia di protezione
dalle emissioni elettromagnetiche).
3. Si applicano infine le norme del Piano di Protezione Civile di cui all’articolo 109/2 della
Legge Regionale 13 aprile 2001, n° 11.

-6-
Articolo 3 - RESPONSABILITÀ DEI COMMITTENTI, DEI PROGETTISTI, DEI DIRETTORI
E DEGLI ASSUNTORI DEI LAVORI - REQUISITI DEI PROGETTISTI E DEI DIRETTORI
DEI LAVORI [1]

1. L'osservanza del RE non limita la responsabilità stabilita dalla legge per i Titolari degli
interventi, i Progettisti, i Direttori e gli Assuntori dei lavori.
2. I Progettisti e i Direttori dei lavori devono essere, nell'ambito delle rispettive competenze,
ingegneri, architetti, geometri, periti industriali edili, periti agrari o dottori in agraria, iscritti ai
rispettivi albi professionali.
3. Per richiamare i singoli professionisti a un più vigile senso di responsabilità nei riguardi della
società e per difenderli da inopportune richieste dei committenti, tendenti a modificare i rapporti
dell'opera progettata con la normativa, il Responsabile del Servizio deferisce ai rispettivi Ordini
e Collegi professionali, affinché siano presi provvedimenti disciplinari, coloro che, nella veste
di Progettisti, di Direttori dei lavori o di Collaudatori addetti a uno qualsiasi dei controlli
previsti, o per opera diretta o per negligenza od omissione, dichiarino dati non conformi alla
realtà od operino in difformità dalle norme o dal progetto approvato.

-7-
TITOLO II° - SPORTELLO UNICO PER L’EDILIZIA E RESPONSABILE DEL
SERVIZIO

Articolo 4 - SPORTELLO UNICO PER L’EDILIZIA [1]

1. Il Comune costituisce l’ufficio denominato “Sportello Unico per l’Edilizia”, con i compiti di
cui all’articolo 5 del Testo Unico.

Articolo 5 - RESPONSABILE DEL SERVIZIO - RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO [1]

1. Il Sindaco, con proprio decreto, nomina il Responsabile del Servizio. [2]


2. Il Responsabile del Servizio è responsabile delle incombenze del Testo Unico e del RE.
3. Il Responsabile del Servizio nomina il Responsabile del Procedimento. [2]

-8-
TITOLO III° - DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI

Articolo 6 - DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI [1]

1. Gli interventi edilizi sono definiti dall’articolo 3 del Testo Unico.

-9-
TITOLO IV° - TITOLI ABILITATIVI

Articolo 7 - ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA [1]

Possono essere eseguiti senza titolo abilitativo, nel rispetto delle norme del Codice Civile, gli
interventi di cui all’articolo 6 del Testo Unico, nonché:
a. le opere di assoluta urgenza o di necessità immediata ordinate dal Sindaco o dal
Responsabile del Servizio;
b. le opere elencate nella Circolare Ministero LL.PP., Direzione Generale
dell'Urbanistica, in data 16 novembre 1977, a eccezione delle "tettoie di protezione
dei mezzi meccanici", che sono soggette a Permesso di Costruire;
c. la costruzione di baracche da cantiere;
d. le protezioni stagionali agricole, orticole e floricole;
e. recinzioni in zona agricola costituite da pali infissi su terreno privi di fondazione e
rete metallica di altezza non superiore a ml. 1,80, all’interno del lotto di proprietà e
non fronteggianti aree pubbliche;
f. l’abbattimento di alberi di alto fusto e di essenze arboree in genere con altezza
inferiore a quindici metri esclusi quelli compresi in ambiti vincolati o nell’atlante
degli alberi storico monumentali redatto dalla Provincia di Venezia;
g. le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere
geognostico;
h. installazione di controfinestre purché l’edificio non sia ubicato in zona di tutela
ambientale e in zona territoriale omogenea “A” e l’edificio con sia gravato da grado
di protezione ai sensi del vigente P.R.G.;
i. intonacature, coloriture, decorazioni pittoriche, rivestimenti ed ornamenti di
qualunque genere sulle pareti esterne negli edifici non ricadenti nelle aree vincolate,
ai sensi del D.Lgs n. 42 del 22.1.2004 Codice dei Beni Ambientali o nelle Z.T.O. A
e l’edificio con sia gravato da grado di protezione ai sensi del vigente P.R.G.;
j. installazione di impianti per il raffrescamento dei locali posti in posizione non
visibile dalle pubbliche vie, con esclusione degli impianti industriali, aventi
potenzialità frigorifera inferiore a quella indicata all’art. 5 – 2° comma lett. f) del
D.M. 37/08. [2]

Articolo 8 - ATTIVITÀ EDILIZIA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI [1]

L’attività edilizia delle pubbliche Amministrazioni è disciplinata dall’articolo 7 del Testo Unico.

- 10 -
Articolo 9 - INTERVENTI SUBORDINATI A PERMESSO DI COSTRUIRE [1]

1. Sono subordinati a Permesso di Costruire gli interventi di cui all’articolo 10 del Testo
Unico, con le specificazioni dell’articolo 3.1.e.
2. Sono subordinati altresì a Permesso di Costruire:
a. gli ampliamenti, le modifiche e le sopraelevazioni di edifici esistenti;
b. le modifiche della destinazione d’uso delle costruzioni;
c. gli impianti sportivi all’aperto;
d. le sistemazioni di aree aperte al pubblico;
e. le costruzioni di strade, di ponti e di manufatti stradali;
f. le varianti di qualunque natura da apportare alle opere elencate nel presente articolo.
3. In alternativa al Permesso di Costruire, possono essere realizzati mediante denuncia di
inizio attività gli interventi di cui all’articolo 22.3 del Testo Unico.

Articolo 10 - INTERVENTI SUBORDINATI A DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ [1]

1. Sono realizzabili mediante denuncia di inizio attività (d’ora in poi “DIA”) gli interventi non
riconducibili ai precedenti articoli 7 e 9.
2. Sono in particolare realizzabili mediante DIA:
a. le opere di manutenzione straordinaria, di restauro e di risanamento conservativo;
b. gli interventi di ristrutturazione edilizia diversi da quelli di cui all’articolo 10.1.c del
Testo Unico;
c. le opere costituenti pertinenze o impianti tecnologici al servizio di edifici esistenti,
comprese quelle di cui al Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n° 152;
d. le demolizione di opere elencate nel precedente articolo 9, nonché di quelle elencate
in questo articolo;
e. gli scavi e i movimenti di terra che non riguardino la coltivazione di cave;
f. i collocamenti, la modifica e la rimozione di stemmi, targhe, decorazioni, addobbi
esterni, vetrinette, distributori automatici, tende esterne, lapidi e simili, prospettanti
su spazi pubblici o aperti al pubblico;
g. i collocamenti di protezioni stagionali (non agricole, né orticole, né floricole) e il
plateatico esterno a servizio delle attività commerciali di ristorazione purché a
carattere provvisorio;
h. le nuove costruzioni, gli ampliamenti, le sopraelevazioni di muri di cinta, di
cancellate e di altre recinzioni;
i. i collocamenti di fontane, monumenti, chioschi, edicole, distributori di carburante
per uso privato, gazebi, pergolati in legno e pompeiane senza copertura e simili;
j. le costruzioni di edicole funerarie, di tombe e di altre decorazioni cimiteriali;
k. le intonacature, le coloriture, le decorazioni pittoriche, i rivestimenti e gli ornamenti
di qualunque genere sulle pareti esterne degli edifici ricadenti nelle aree vincolate di
cui al D.Lgs. n° 42 del 22/01/2004 nonché in Z.T.O. “A” e degli edifici gravati da
grado di protezione ai sensi del vigente P.R.G., che comportino l'uso di materiali e di
colori diversi da quelli esistenti;
l. l’abbattimento di alberi d'alto fusto con caratteristiche diverse da quelli di cui alla
lett. f) del precedente art. 7, le sistemazioni delle aree a bosco, la sistemazione di
parchi, fatta eccezione per gli interventi connessi alla normale conduzione dei fondi

- 11 -
agricoli;
m. le costruzioni di accessi pedonali e carrabili;
n. i collocamenti di impianti tecnici (acquedotti, fognature, linee elettriche, antenne,
opere di irrigazione e simili);
o. le costruzioni accessorie e decorative, ancorché prefabbricate e non infisse al suolo;
p. le modifiche prospettiche e della forometria esterna degli edifici;
q. le modifiche e le varianti di qualunque natura da apportare alle opere elencate nel
presente articolo. [2]
3. Sono realizzabili mediante DIA alternativa gli interventi di cui all’articolo 22.3 del Testo
Unico.

Articolo 11 - [1]

Articolo 12 - DOMANDE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, DI GIUDIZIO PRELIMINARE


- DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ [1]

1. Le domande di Permesso di Costruire, bollate a termini di legge, redatte sui modelli a


stampa rilasciati dal Comune e corredate dalla prova dell'avvenuto versamento di eventuali
diritti disposti a termini di legge, debbono essere indirizzate allo Sportello Unico con
allegati i disegni in duplice copia, compilati secondo le norme elencate nel successivo
articolo 13, l’autocertificazione di cui all’articolo 20.1 del Testo Unico e i pareri di cui
all’articolo 5.3 del Testo Unico.
2. Il Responsabile del Servizio può richiedere un numero maggiore di copie degli elaborati di
cui al comma precedente.
3. La domanda e le copie di tutti i disegni debbono essere firmate per esteso dal Soggetto
Legittimato ai sensi dell’articolo 11 del Testo Unico, dal Progettista, dal Direttore dei lavori
e dall'Assuntore dei lavori, salva la facoltà di cui al comma successivo.
4. I nominativi del Direttore dei lavori e dell'Assuntore dei lavori possono essere comunicati
all'atto della dichiarazione di inizio dei lavori secondo il disposto del successivo articolo 22.
5. Dev’essere indicato nella domanda il domicilio dei firmatari e il codice fiscale.
6. Qualora la documentazione allegata alla domanda risultasse incompleta ovvero fosse
necessario apportare modifiche di modesta entità al progetto, tali da consentirne
l’approvazione, il Responsabile del Servizio notifica la richiesta di adeguata integrazione; si
applica in tal caso il disposto dell’articolo 5 del Testo Unico. [2]
7. Il Responsabile del Servizio chiede il parere degli Enti e degli Organi competenti, che non
sia già stato allegato alla domanda, e ne dà comunicazione al Soggetto Legittimato di cui al
precedente comma 3.
8. Le integrazioni di cui al comma 6, devono avvenire entro il termine massimo di 180 giorni
dalla data di ricevimento della richiesta. Decorso inutilmente detto termine, si procederà,
senza ulteriore preavviso, all’archiviazione della pratica edilizia con l’applicazione di
quanto previsto dalla normativa generale sul procedimento. [3]
9. Qualunque progetto può essere preceduto da un più semplice elaborato di massima, allegato
alla domanda in bollo sottoscritta dal Soggetto Legittimato e dal Progettista, intesa a
ottenere un giudizio preliminare, sia urbanistico che compositivo, che non impegna in alcun

- 12 -
modo il Comune.
10. L’articolo 23 del Testo Unico disciplina la DIA.
11. L’istruttoria tecnica dei progetti presentati dovrà certificare anche la regolarità degli
immobili esistenti e l’effettiva capacità edificatoria, avuto riguardo degli eventuali
frazionamenti fondiari intervenuti nel tempo. [4]

Articolo 13 - NORME PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI [1]

1. I disegni di progetto (e dello stato di fatto) devono essere riprodotti in copia eliografica o
simile e piegati nelle dimensioni di cm 21 x 30.
2. Essi devono in ogni caso contenere:
a. una breve relazione redatta sul modello di cui al precedente articolo 12;
b. una planimetria della località, aggiornata sul posto alla data di presentazione del
progetto, in scala non inferiore a 1:2.000, che comprenda punti di riferimento atti a
individuare con precisione la località ove s’intenda eseguire l'opera o collocare il
manufatto progettato;
c. la destinazione dell'area secondo il PRG, con la relativa normativa, nonché le servitù
e i vincoli di qualsiasi genere relativi all'area in esame;
d. la indicazione della "quota zero" di cui all'articolo 19 delle NdA del PRG.
3. Nel caso in cui la località nella quale s’intenda eseguire l'opera o collocare il manufatto
risulti compresa in zone nelle quali è obbligatoria la preventiva approvazione di uno
Strumento Urbanistico Attuativo ai sensi dell'articolo 3 delle NdA del PRG, i disegni
devono espressamente riportare uno stralcio planimetrico e normativo di tale strumento, con
gli estremi dell'approvazione, e devono rispettarne le norme specifiche di attuazione.
4. I progetti devono inoltre contenere: [2]

 A. per le nuove costruzioni (nell’accezione dell’articolo 10 del Testo Unico, con le


specificazioni dell’articolo 3.1.e):
a. planimetria, in scala 1:500, rilevata topograficamente, con la indicazione del lotto sul
quale deve sorgere l'edificio, completa di tutte le quote orizzontali e verticali atte a
individuarne l'andamento planimetrico e altimetrico, prima e dopo la sistemazione delle
aree, compresi i fabbricati esistenti nei lotti limitrofi con le relative altezze e distacchi,
gli allineamenti stradali quotati, sia dei fabbricati che delle recinzioni, e la larghezza
delle strade prospettanti il lotto; devono altresì essere riportate le indicazioni quotate
della planivolumetria di progetto e la quota zero di cui all'articolo 19d delle NdA del
PRG;
b. planimetria, in scala 1:200, della sistemazione dell'area con particolare riferimento agli
accessi pedonali e carrabili, agli spazi per il parcheggio e la manovra dei veicoli, alle
aree a verde con le relative alberature, alle pavimentazioni, agli spazi riservati al
posizionamento dei contenitori per la raccolta dei rifiuti, agli eventuali punti luce esterni
e alla recinzione; per la recinzione sono richiesti gli elaborati di cui al successivo punto
“o”;
c. tutte le piante dei vari piani, quando non siano identiche tra loro, in scala non inferiore a
1:100, quotate e recanti la precisa indicazione della destinazione dei locali con
particolare riferimento ai capannoni industriali, ai laboratori artigianali, ai magazzini e
ai depositi, per i quali dev’essere indicata la specifica attività;
d. pianta delle coperture, in scala 1:100, con l'indicazione dei volumi tecnici;

- 13 -
e. tutti i prospetti esterni, in scala 1:100, con l'indicazione dei volumi tecnici;
f. almeno una sezione verticale quotata, in scala 1:100, con l'indicazione della quota zero
di cui all'articolo 19d delle NdA del PRG;
g. almeno un particolare del prospetto principale dell'edificio, esteso a tutta la sua altezza,
in scala 1:20, con l'indicazione dei materiali e dei colori;
h. planimetria del fabbricato, in scala 1:200, con l'indicazione degli impianti relativi
all'approvvigionamento idrico e allo smaltimento delle acque usate e meteoriche, quotati
ed estesi fino alle reti collettrici;
i. i dati metrici relativi alla superficie fondiaria corrispondente, alla superficie coperta, al
volume, all'altezza del fabbricato, all'area destinata a parcheggio e agli indici di
fabbricazione;
j. dichiarazione ai sensi dell’articolo 46 del DPR n. 445/00 in merito alla titolarità ad
intervenire ovvero copia dell'atto notarile di proprietà con allegato estratto autentico di
mappa o tipo di frazionamento, rilasciati dall'Ufficio Tecnico Erariale in data non
anteriore a sei mesi dalla presentazione del progetto; oppure documenti da cui risulti il
titolo per ottenere il Permesso di Costruire, diverso dalla proprietà;
k. dichiarazione IPA, qualora necessaria.

 B. per i complessi edilizi di notevole estensione:

a. gli elaborati di cui ai precedenti commi c), d), e) e f), possono essere rappresentati in
scala 1:200; quello di cui al precedente comma h) in scala 1:500.

 C. per gli ampliamenti, le notifiche, le sopraelevazioni, i restauri, i risanamenti


conservativi, le ristrutturazioni edilizie e urbanistiche, le manutenzioni straordinarie:

a. le stesse indicazioni dei precedenti commi A. e B., sia per lo stato attuale, sia per la
definitiva sistemazione;
b. la evidenziazione delle modifiche dello stato attuale, indicate in colore (rosso e giallo)
indelebile;
c. fotocopia delle licenze o delle concessioni edilizie o dei Permessi di Costruire relative
all'esistente o delle denunce catastali relative, necessarie e sufficienti a dimostrare la
legittimità dello stato di fatto, anche in relazione alle destinazioni d'uso;
d. adeguata documentazione fotografica.

 D. per gli interventi su edifici di categoria A e B, così come definiti dagli articoli 11, 12
e 13 delle NdA del PRG, oltre quanto già prescritto dai commi precedenti:

a. le parti strutturali (murature, solai, travature, coperture) ritenute originali e quelle


sostituite, ma corrispondenti all’impianto originale;
b. gli elementi decorativi originali (stipiti, architravi, cornici, parapetti, scale, basamenti,
colonne, lesene, ringhiere) e quelli sostituiti in epoche successive, ma di pregio e tipici
dell’espressione artistico-architettonica dell’epoca in cui sono stati eseguiti;
c. le parti strutturali e gli elementi decorativi realizzati in epoche successive all’impianto
originario, che lo abbiano deturpato o reso illeggibile, nonché le demolizioni proposte
per il suo recupero;
d. le parti strutturali e gli elementi decorativi realizzati in completamento o in ampliamento
del corpo edilizio originario;

 inoltre:

- 14 -
e. i grafici dello stato di fatto vanno accompagnati dal corredo storico-documentale
disponibile e da un’esauriente documentazione fotografica;
f. nella cartografia di progetto, redatto in conformità alle prescrizioni della categoria di
appartenenza dell’edificio, devono essere valorizzate le parti strutturali, gli elementi
decorativi storici o di valore architettonico;
g. in sede di progetto è ammessa la dimostrazione di appartenenza dell’edificio o di parte
funzionale di questo a diversa categoria da quella prevista dal PRG, per l’avviamento
delle procedure di cui all’articolo 78 delle NdA del PRG;
h. le modalità di presentazione dei progetti sopra descritte sono graduate in relazione
all’importanza dell’edificio e dell’intervento.

 E. per le modifiche delle destinazioni d'uso delle costruzioni:

a. piante e almeno una sezione, quotate, in scala 1:100, dello stato attuale del
fabbricato, con l'indicazione delle attuali e delle richieste destinazioni d'uso.

 F. per le opere di urbanizzazione:

a. rilievo topografico, in scala 1:500 con le relative quote planialtimetriche;


b. profili e sezioni, in scala adeguata, delle opere;
c. particolari costruttivi dei manufatti, in scala adeguata;
d. per le aree, comunque collocate nel territorio comunale, obbligate alla realizzazione di
nuove opere di urbanizzazione, i progetti esecutivi delle stesse, dovranno essere sottosposti
all’esame del competente Consorzio di Bonifica. [3]

 G. per gli scavi e i movimenti di terra, gli impianti sportivi all'aperto, l'abbattimento
di alberi, le sistemazioni delle aree a bosco, le sistemazioni di parchi e di aree aperte al
pubblico, le costruzioni di accessi pedonali e carrabili, le costruzioni di strade, di ponti
e di manufatti stradali:

a. planimetria, in scala 1:500, quotata, dello stato attuale e della definitiva sistemazione di
progetto, con l'indicazione delle sezioni stradali, delle sezioni di escavo, dei rilevati,
delle alberature da abbattere (nei casi previsti) e dei manufatti da costruire;
b. piante, prospetti, sezioni dei manufatti, quotati, in scala adeguata.

 H. per le pertinenze e gli impianti tecnologici al servizio di edifici esistenti, le


infrastrutture e gli impianti tecnici, le torri, i tralicci e i ripetitori:

a. planimetria e profilo, in scala adeguata;


b. piante, prospetti e sezioni, quotati, in scala adeguata, dei manufatti.

 I. per i depositi di merci e di materiali all’aperto:

a. planimetria dell'area, in scala 1:200, con l'indicazione degli spazi destinati al deposito,
della recinzione, delle zone alberate, delle attrezzature fisse e della viabilità;
b. adeguata documentazione fotografica.

- 15 -
 L. per le demolizioni e le rimozioni:

a. piante e almeno una sezione, quotate, in scala non inferiore a 1:200, dello stato attuale del
manufatto, con l'indicazione in colore (giallo) indelebile delle parti da demolire;
b. adeguata documentazione fotografica.

 M. per le opere previste al punto k) del precedente articolo 10:

a. prospetti, in scala 1:200;


b. particolari, in scala 1:20;
c. indicazioni dei materiali e dei colori.

 N. per le costruzioni e i collocamenti di manufatti leggeri e delle opere di cui ai punti


f), g), i), j) e o) del precedente articolo 10:

a. planimetria quotata, in scala 1:200;


b. prospetti e sezioni quotati, in scala 1:20;
c. indicazioni dei materiali e dei colori;
d. adeguata documentazione fotografica.

 O. per le nuove costruzioni, ampliamenti, sopraelevazioni di recinzioni:

a. planimetria, in scala 1:500, con l'andamento planimetrico della recinzione e tutte le quote
orizzontali, riferite a caposaldi, necessarie per il tracciamento;
b. sezione e prospetto-tipo della recinzione, in scala 1:20, con l’indicazione dei materiali;
c. sezione quotata, in scala 1:100, dello spazio pubblico sul quale la recinzione prospetta.

 P. per le varianti da apportare a progetti approvati:

a. il progetto approvato con le varianti richieste indicate in colore (rosso e giallo) indelebile;
b. le tavole definitive dello stato modificato.

5. Gli elaborati costituenti gli Strumenti Urbanistici Attuativi sono elencati dalla LR 61/85.

6. I Piani di Recupero, di iniziativa pubblica o privata, relativi a interventi in qualunque zona


del territorio comunale, sono composti dai seguenti elaborati:

a. cartografia dello stato di fatto, estesa ad ambito sufficientemente ampio, su base in


scala 1:200 derivante da rilievo topografico planialtimetrico, con i contenuti
dell'articolo 12 della LR 61/85 necessari in rapporto alle dimensioni del Piano, con
adeguata documentazione sulla legittimità dell'esistente;
b. indagine conoscitiva preliminare, la quale, dovendo garantire che il Piano non
contrasti con l'eventuale valore di bene ambientale e architettonico della zona, deve
documentare tale valore attraverso rigorose indagini storiche sulla formazione del
tessuto insediativo, tipologiche sull'originario impianto architettonico dell'edificato,
morfologiche sui valori formali dei singoli edifici e del loro insieme; deve quindi
valutare la consistenza degli elementi autentici e di pregio, interni ed esterni, le
condizioni igieniche e sanitarie, la consistenza statica; deve riguardare tutti i piani
degli edifici, nonché le aree scoperte;
c. adeguata documentazione fotografica di tutti i fronti, con punti di ripresa

- 16 -
sufficientemente vicini per cogliere i dettagli e sufficientemente lontani per
documentare la conformazione delle coperture;
d. cartografia di progetto, come al punto a), con tutte le indicazioni necessarie e
sufficienti alla completa comprensione dell'intervento, compresa la dettagliata
definizione delle destinazioni d'uso, delle urbanizzazioni, dell'arredo urbano;
e. norme di attuazione, contenenti disposizioni sulla validità e la efficacia del Piano,
sui modi di attuazione, sugli indici e sui carichi edilizi, sulle unità minime di
intervento, sui tipi di intervento e perciò sui gradi di protezione, sulle tipologie, sulle
destinazioni d'uso, sull'arredo urbano pubblico e privato, sui vincoli, sui materiali e
le tecnologie, sulle urbanizzazioni;
f. elenco catastale delle proprietà, aggiornato alla data di progetto in base ai Registri
Immobiliari dell'Ufficio Ipoteche;
g. convenzione (nel caso di P di R di iniziativa privata), con i contenuti dell'articolo 63
della LR 61/85;
h. relazione illustrativa, contenente, fra l'altro, l'indicazione dei tempi, dei costi, delle
priorità.

7. Qualora il Piano di Recupero intenda proporre anche esito architettonico e costituisca perciò
anche domanda di Permesso di Costruire, gli elaborati del Piano sono integrati con tutti gli
elaborati del progetto architettonico, ai sensi del presente articolo, in fascicolo separato.
8. I Piani di lottizzazione sono composti dai seguenti elaborati:
a. relazione;
b. copia dell'atto notarile di proprietà con allegato estratto autentico di mappa o tipo di
frazionamento, rilasciato dall'Ufficio Tecnico Erariale in data non anteriore a sei
mesi dalla data di presentazione del progetto, oppure documento da cui risulti altro
titolo, diverso dalla proprietà;
c. rilievo topografico, in scala 1:500, della zona nella quale si inserisce la lottizzazione,
esteso alle aree limitrofe per una fascia di almeno ml 50, con l'indicazione del
terreno, delle strade e dei fabbricati esistenti, con le relative quote planialtimetriche;
d. progetto di lottizzazione, quotato planialtimetricamente, in scala 1:200 o 1:500, con
l'indicazione delle strade, delle piazze, dei marciapiedi, dei parcheggi e della relativa
segnaletica, delle alberature, del verde pubblico e degli spazi pubblici, delle aree
edificabili con le relative indicazioni planivolumetriche; delle altre opere di
urbanizzazione primaria (fognature e scarichi industriali, approvvigionamento
idrico, gas, pubblica illuminazione, rete telefonica, rete dell'energia elettrica per uso
domestico e industriale con le relative cabine di trasformazione e simili); è richiesto,
in questa fase, solo un progetto di massima;
e. sezioni trasversali e profili longitudinali delle strade, quotati, in scala adeguata, con
l'indicazione dei materiali di pavimentazione, delle cordonate, dei pozzetti, delle
cunette, nonché delle pendenze e delle quote;
f. progetto delle zone destinate a verde pubblico, con l'indicazione delle alberature e
degli impianti (panchine, giochi e simili), in scala 1:200;
g. progetto delle opere di urbanizzazione secondaria di carattere edilizio; è richiesto, in
questa fase, solo un progetto di massima;
h. indicazione delle destinazioni d’uso dei fabbricati e delle aree;
i. schema della convenzione di cui al successivo articolo 15;
j. computo metrico-estimativo;
k. capitolato speciale delle opere di urbanizzazione;
l. norme di attuazione specifiche del Piano, fatte salve quelle generali del PRG.

- 17 -
9. È facoltà del Responsabile del Servizio chiedere ulteriori delucidazioni, relazioni illustrative
e specialistiche (in particolare geognostiche), grafici, fotografie, plastici, fotomontaggi,
campionature in corso d'opera, planivolumetrie, modine, simulacri in sito e comunque ogni
altra documentazione necessaria per l'esatta valutazione dell'opera per la quale è richiesto il
Permesso di Costruire o è presentata la D.I.A..

Articolo 14 - PERMESSO DI COSTRUIRE [1]

1. Il Testo Unico disciplina:


a. le caratteristiche del Permesso di Costruire (articolo 11);
b. i presupposti per il rilascio (articolo 12);
c. la competenza al rilascio (articolo 13);
d. la facoltà di deroga (articolo 14);
e. l’efficacia temporale e la decadenza (articolo 15);
f. il procedimento per il rilascio (articolo 20);
g. l’intervento regionale sostitutivo (articolo 21).

2. I provvedimenti del Responsabile del Servizio sono notificati al Soggetto Legittimato entro
i termini stabiliti dalla legge, con decorrenza dalla data di presentazione della domanda,
come risulta dal protocollo comunale.
3. Tale notifica, in caso di assenso, non costituisce rilascio del Permesso di Costruire.
4. Qualora la domanda di cui al precedente articolo 12 sia stata accolta e il Soggetto
Legittimato abbia adempiuto a quanto richiesto dal Responsabile del Servizio nel
provvedimento di cui al secondo comma del presente articolo, il Responsabile del Servizio
rilascia il Permesso di Costruire.
5. Il Permesso di Costruire è pubblicato all'albo pretorio per i quindici giorni successivi a
decorrere dal giorno festivo successivo alla data del rilascio ed è disponibile con i relativi
atti di progetto presso la sede comunale, dove chiunque può prenderne visione, secondo le
modalità stabilite dal Comune.
6. [2]
7. [2]
8. Il Permesso di Costruire è rilasciato salvi e impregiudicati i diritti dei terzi, anche ai fini
dell'applicazione delle norme di legge e di regolamento e delle norme del RE, anche se il
provvedimento del Responsabile del Servizio non contenga espressa menzione al riguardo.
9. Il Permesso di Costruire non esonera le parti interessate dall'obbligo di attenersi a dette
leggi e regolamenti sotto la propria completa responsabilità.
10. Il Permesso di Costruire è valido esclusivamente per la persona fisica o giuridica alla quale
è intestato.
11. Il Responsabile del Servizio concede, su richiesta dei Soggetti Legittimati, la variazione di
intestazione del Permesso di Costruire, senza che si modifichino in alcun modo i termini di
validità e di decadenza del permesso originario.
12. Gli eventuali cambiamenti del Progettista, del Direttore dei lavori e dell'Assuntore dei lavori
devono essere immediatamente comunicati al Responsabile del Servizio mediante lettera
raccomandata A.R. dagli interessati dimissionari; analoga comunicazione dev’essere
sottoscritta dagli interessati subentranti.
13. Il Permesso di Costruire per variante in corso d'opera non modifica in alcun modo i termini
di validità e di decadenza del permesso originario.

- 18 -
14. Ai sensi della legge 7 agosto 1990, n° 241, il Comune è dotato di Regolamento per
l'Adozione degli atti in materia edilizia.

Articolo 15 - [1]

Articolo 16 - EVIDENZA DEGLI ATTI [1]

1. Il Permesso di Costruire e i disegni allegati, firmati dal Responsabile del Servizio, devono
essere disponibili in cantiere per essere esibiti agli agenti preposti al controllo.
2. Per gli interventi soggetti a Permesso di Costruire e a DIA alternativa dev’essere apposto
all'esterno del cantiere e ben visibile, un tabellone delle dimensioni di ml 1,00 x 1,50 nel
quale debbono essere indicati:
a. l'oggetto e la destinazione della costruzione;
b. il Progettista;
c. il Direttore dei lavori;
d. l'Assuntore dei lavori;
e. il Titolare e gli estremi del Permesso di Costruire o della DIA relativa alle opere di
cui al precedente articolo 10.2.a), b), c), d), h), m) e della DIA alternativa.

Articolo 17 - ONEROSITÀ DEGLI INTERVENTI [1]

1. Gli interventi soggetti a Permesso di Costruire e quelli per i quali è ammessa la facoltà della
DIA alternativa, comportano la corresponsione del contributo di cui agli articoli 16, 17, 18 e
19 del Testo Unico.
2. Si applicano le norme degli articoli 42 e 43 del Testo Unico.

- 19 -
TITOLO V° - COMMISSIONE EDILIZIA INTEGRATA [1]

Articolo 18 - ATTRIBUZIONI DELLA COMMISSIONE EDILIZIA INTEGRATA [1]

1. È istituita la Commissione Edilizia Integrata, ai sensi dell’art. 4 comma 2 del T.U.


sull’edilizia con competenza nell’esprimere il proprio parere sull’esame delle pratiche
relative ad interventi ricadenti in zone sottoposte a vincolo ambientale e/o archeologico, ai
sensi della L.R n. .63/94 e successive modifiche e/o integrazioni. [2]
2. La Commissione Edilizia Integrata si esprime nell’ambito delle funzioni subdelegate in
materia dalla L.R. n. 63/94, valutando le caratteristiche estetiche degli edifici sottoposti a
vincolo paesaggistico ambientale e/o archeologico e può fissare particolari modalità
costruttive e tipologie di finiture ritenute necessarie ai fini dell’inserimento dell’opera
progettata nell’ambiente circostante in conformità al vincolo di zona. [2]
3. [3]
4. La Commissione Edilizia Integrata può inoltre essere sentita dal Sindaco e/o dal
Responsabile del Servizio su quanto ha attinenza a problemi urbanistici ed edilizi in genere.
[2]
5. [3]

Articolo 19 - COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE EDILIZIA INTEGRATA [1]

1. La Commissione Edilizia Integrata è composta di 1 membro di diritto e di 5 membri eletti


dal Consiglio Comunale. [2]
2. E’ membro di diritto è il capo dell’Ufficio Tecnico Comunale o un tecnico suo delegato, che
funge da Presidente.
3. I membri eletti dal Consiglio Comunale sono scelti tra esperti, con voto limitato ad uno:
a) tre esperti in materia di tutela e di salvaguardia del territorio;
b) due esperti in materia di bellezze naturali e di tutela dell'ambiente, ai sensi della LR 31
ottobre 1994, n° 63, che integrano la Commissione per la specifica materia.
In ogni caso è garantita la elezione di almeno un rappresentante della minoranza.
4. I membri elettivi rimangono in carica per un periodo massimo non superiore alla durata del
Consiglio Comunale che li ha nominati; dopo la decadenza del Consiglio Comunale, la
Commissione Edilizia esercita le proprie funzioni secondo quanto previsto dal D.L. 293/94
convertito in L. 444/94. Esercitano comunque le loro funzioni fino alla nomina dei
successori. [2]
5. Non può essere eletto a far parte della Commissione chi sia Consigliere o Assessore
Comunale del Comune di Fossalta di piave, diverso dal Presidente, e chi sia parente di
primo o secondo grado, affine di primo grado, adottante o adottato di altro componente la
Commissione.
6. I pareri della Commissione non sono vincolanti e per ogni diversa determinazione, il
Responsabile del Servizio dovrà dare congrua motivazione del suo provvedimento, che deve
essere trasmesso alla Commissione alla sua prima successiva seduta. [2]

- 20 -
7. Spetta ai membri della Commissione Edilizia Integrata un gettone di presenza, oltre al
rimborso delle spese sostenute per partecipare alle riunioni; il Consiglio Comunale delibera
sulla entità di tale gettone. [2]
8. Assiste alle riunioni, con le funzioni di Segretario e senza diritto di voto, un dipendente
comunale.

Articolo 20 - FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE EDILIZIA INTEGRATA[1]

1. La Commissione Edilizia Integrata si riunisce ordinariamente, su convocazione del


Presidente. [2]
2. L'avviso di convocazione è comunicato ai membri almeno quattro giorni prima di ogni
seduta.
3. Per la validità delle riunioni della Commissione Edilizia Integrata, che avvengono in
seduta privata, è necessaria la presenza del Presidente e di almeno tre altri membri con la
presenza di almeno uno dei membri esperti nominati ai sensi della L.R. 63/94. [2]
4. Qualora uno dei membri elettivi risulti assente per tre volte consecutive senza valida
giustificazione, il Consiglio Comunale può dichiararlo dimissionario e provvedere alla
sua sostituzione.
5. Il Consiglio Comunale sostituisce altresì quei membri che per qualunque motivo non
possono continuare a coprire l'incarico; i membri eletti in sostituzione restano in carica
fino allo scadere del mandato dell'intera Commissione. [2]
6. I pareri della Commissione sono assunti a maggioranza dei voti dei presenti. [2]
7. Qualora ne ravvisi l'opportunità o questi ne facciano domanda scritta al Presidente, la
Commissione può sentire i Progettisti. [2]
8. La Commissione può, qualora ne ravvisi la necessità, effettuare sopralluoghi, al fine di
acquisire tutti gli elementi necessari per una esatta valutazione delle opere per le quali è
richiesto il suo parere. [2]
9. Il Presidente ha facoltà di incaricare uno dei membri della Commissione a fungere da
relatore su particolari progetti. [2]
10. Dei pareri espressi dalla Commissione, il Segretario redige un verbale, di cui dà lettura
all'inizio della seduta successiva, e che è sottoscritto dal Presidente, dai Commissari e dal
Segretario. [2]
11. Sugli elaborati esaminati dalla Commissione il Segretario appone la dicitura "esaminato
dalla Commissione Edilizia Integrata nella seduta del...". [2]
12. La dicitura è firmata dal Segretario.
13. Quando la Commissione è chiamata a trattare argomenti nei quali si trovi direttamente o
indirettamente interessato uno dei suoi membri, questi, se presente, deve denunciare tale
sua posizione, astenendosi dall'assistere all'esame, alla discussione e al giudizio relativi
all'argomento stesso. [2]
14. Dell'osservanza di tale prescrizione dev’essere presa nota nel verbale.

- 21 -
TITOLO VI° - ESECUZIONE E CONTROLLO DELLE OPERE

Articolo 21 - PUNTI DI LINEA E DI LIVELLO [1]

1. Prima di dare inizio ai lavori il Titolare del Permesso di Costruire deve richiedere al
Responsabile del Servizio l'approvazione dei punti fissi di linea e di livello (allineamenti e
quote verticali), che devono essere osservati scrupolosamente, particolarmente per ciò che
riguarda la quota zero di cui all'articolo 19d delle NdA del PRG. [2]
2. L'Ufficio Tecnico Comunale, qualora ritenuto necessario, effettua sopralluogo entro dieci
giorni dalla domanda e redige, in contraddittorio con la parte, un verbale che richiama i
grafici approvati. [2]
3. L'Assuntore dei lavori è tenuto a fornire personale e mezzi d'opera necessari per tali
operazioni.
4. Qualora i lavori siano iniziati senza adempiere alle prescrizioni del presente articolo, oltre
ad applicare le sanzioni previste dal RE a carico del Titolare contravventore, il Responsabile
del Servizio ha la facoltà di ordinare la sospensione dei lavori.

Articolo 22 - INIZIO E ULTIMAZIONE DEI LAVORI [1]

1. L'inizio dei lavori si configura quando gli immobili esistenti sono in qualunque modo
manomessi al fine di dar corso, in modo non fittizio, ai lavori autorizzati.
2. L'ultimazione dei lavori si configura quando tutti i lavori autorizzati sono stati compiuti;
solo ai fini dell'applicazione del successivo articolo 81 l'ultimazione si riferisce alle sole
strutture.
3. Inizio ed ultimazione dei lavori devono essere denunciati dal titolare del Permesso di
Costruire e/o della DIA entro dieci giorni dall'inizio e dall'ultimazione effettivi. [2]
4. Contemporaneamente alla denuncia di inizio dei lavori devono essere presentati tutti i
documenti richiesti per legge.
5. Nei casi previsti dal precedente articolo 21 la denuncia di inizio coincide con la richiesta di
approvazione dei punti fissi di linea e di livello.
6. Nei casi previsti dal successivo articolo 27 la denuncia di ultimazione coincide con la
richiesta del Certificato di Agibilità.
7. In mancanza di tali denunce si applicano le sanzioni previste dal RE a carico dei
contravventori e si assumono come data di inizio dei lavori la data del ritiro del Permesso
di Costruire o di efficacia della DIA e come data di ultimazione quella dell'accertamento
comunale oppure dichiarata con autocertificazione. [2]
8. Qualora non siano stati indicati nella domanda di cui al precedente articolo 12, i nominativi
del Direttore e dell'Assuntore dei lavori devono risultare dalla denuncia di inizio dei lavori.
9. In tal caso la denuncia di inizio dev’essere sottoscritta anche da questi e deve contenerne
l'indicazione del domicilio.

- 22 -
Articolo 23 - OCCUPAZIONI E MANOMISSIONI DI SUOLO E SOTTOSUOLO
PUBBLICO [1]

1. Ove per l'esecuzione di opere autorizzate sia necessaria la occupazione temporanea o


permanente o la manomissione di suolo o sottosuolo o spazio aereo pubblico, l'interessato
deve presentare apposita domanda al Responsabile del Servizio e ottenerne l'autorizzazione.
2. La domanda deve precisare l'ubicazione, la durata e lo scopo dell'opera e deve contenere
sufficienti indicazioni grafiche atte a localizzarla.
3. Le modalità di occupazione e di esecuzione sono fissate nell'autorizzazione; in ogni caso i
lavori devono essere condotti con le cautele necessarie a garantire la pubblica incolumità.
4. Il Responsabile del Servizio ha la facoltà di revocare l'autorizzazione e di imporre il
ripristino, provvedendovi d'ufficio ai sensi di legge e a spese dell'interessato in caso di
inadempienza, dopo che siano trascorsi due mesi dall'interruzione dei lavori, non causata da
ragioni climatiche.
5. La tassa di occupazione è determinata in base al relativo Regolamento comunale.
6. In caso di manomissione, a garanzia del ripristino, il Responsabile del Servizio subordina il
rilascio dell'autorizzazione al versamento di una congrua cauzione, che è restituita dopo che
le pavimentazioni, i manufatti e gli impianti pubblici siano stati ripristinati a perfetta regola
d'arte, secondo le prescrizioni riportate nell’autorizzazione, opportunamente certificate dal
Tecnico Comunale e comunque, dopo che sia trascorso almeno un anno dalla ultimazione
dei lavori. [2]
7. In caso di inadempienza, si procede d'ufficio, ai sensi di legge e a spese dell'interessato.

Articolo 24 - VIGILANZA SULLE COSTRUZIONI [1]

1. Ai sensi degli articoli 27 e 28 del Testo Unico, il Responsabile del Servizio esercita la
vigilanza sulle costruzioni che si eseguono nel territorio del Comune, per assicurarne la
rispondenza alle norme di legge e del RE e alle modalità esecutive fissate nel Permesso di
Costruire, in ogni fase della costruzione e anche dopo il rilascio del Certificato di Agibilità,
allo scopo di accertare eventuali variazioni abusive della destinazione d'uso; per tale
vigilanza il Responsabile del Servizio si avvale di agenti da lui delegati.
2. Essi denunciano eventuali trasgressioni alle competenti autorità nei modi e nei termini
previsti dalla legge.

Articolo 25 - PROVVEDIMENTI PER OPERE NON AUTORIZZATE O ESEGUITE IN


DIFFORMITÀ [1]

1. Il Responsabile del Servizio applica le procedure di cui agli articoli 29, 30, 31, 32, 33, 34,
35, 36, 37, 38, 39, 40, 41, 44, 45, 46, 47, 48, 49, 50 e 51 del Testo Unico.
2. Successivamente può ordinare la rimozione, la rimessa in pristino o lo sgombero di opere e
di oggetti, a spese del contravventore, applicando nel contempo le sanzioni previste dalla
legge.

- 23 -
3. Il Responsabile del Servizio ordina altresì la sospensione dei lavori anche quando risulti che
il Direttore dei lavori non abbia assunto l'effettiva direzione o l'abbia abbandonata, senza
essere stato sostituito.

Articolo 26 - ANNULLAMENTO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE [1]

1. Salve la facoltà e le procedure dell’articolo 39 del Testo Unico, il Responsabile del Servizio
può annullare il Permesso di Costruire per motivi di illegittimità, configuratisi
particolarmente a seguito di errate dichiarazioni o rappresentazioni progettuali.

2. Le costruzioni totalmente o parzialmente eseguite in base a Permesso di Costruire


successivamente annullato, devono essere ridotte in pristino secondo quanto previsto dalla
legge.

3. [2]

- 24 -
TITOLO VII° - USO DEI FABBRICATI E DEI MANUFATTI

Articolo 27 - CERTIFICATO DI AGIBILITÀ - CERTIFICATO DI COLLAUDO [1]

1. Gli articoli 24 e 25 del Testo Unico disciplinano le caratteristiche del Certificato di Agibilità
e i procedimenti di rilascio.
2. Gli interventi di cui alla lettera c) dell’articolo 24.2 del Testo Unico sono i seguenti:
a. ampliamenti;
b. ristrutturazioni;
c. restauri e risanamenti conservativi.
3. Il rilascio del Certificato di Agibilità non sana in alcun modo eventuali irregolarità edilizie e
urbanistiche.
4. Oltre a quanto previsto dall’art. 25 del T.U., la domanda di rilascio del Certificato di
Agibilità, è corredata dalla documentazione prevista, conformemente alla modulistica
comunale, nonché dalla documentazione fotografica, datata e firmata dal professionista
direttore dei lavori, di tutte le fronti dell’edificio e dell’insieme dell’intervento [2]
5. Si applicano al collaudo statico le norme degli articoli 53 e 67 del Testo Unico.
6. Il Responsabile del Servizio ha comunque la facoltà, qualora ne ravvisi a suo giudizio
l'opportunità, di richiedere un certificato di collaudo statico anche per le opere, manufatti o
impianti non previsti dal Testo Unico.
7. Per le lottizzazioni, il collaudo è espletato secondo le modalità previste dalla convenzione di
cui al precedente articolo 15.
8. Anche in questo caso sono richiesti i documenti di cui agli articoli 24 e 25 del Testo Unico.
9. Il rilascio del certificato di agibilità è, inoltre, subordinato alle disposizioni di cui al
successivo art. 31. [3]

- 25 -
TITOLO VIII° – DISPOSIZIONI DI CARATTERE IDRAULICO[1]

Articolo 28 – VERIFICA DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA [1]

1. Per gli interventi di nuova edificazione di volumetria superiore a metri cubi 1000, o
comunque comportanti una riduzione della superficie permeabile di pertinenza superiore a
metri quadrati 200, deve essere predisposta una verifica di compatibilità idraulica del
progetto, avente le finalità di cui all’Allegato A della deliberazione di Giunta Regionale del
Veneto n.1322 del 10 Maggio 2006, come integrato con deliberazione di Giunta Regionale
del Veneto n.1841 del 19 Giugno 2007, recante le “Modalità operative e indicazioni
tecniche” relative alla “Valutazione di compatibilità idraulica per la redazione degli
strumenti urbanistici”. Nel documento, sono indicate le misure compensative o mitigatorie
che il proprietario del bene ritiene di porre in essere, anche con riferimento a fossati,
compluvi, invasi, tubazioni di convogliamento acque, eventualmente esistenti nell’area di
intervento o ai confini della medesima.
2. La verifica di compatibilità, da certificarsi in apposita relazione redatta a cura del
progettista, si perfeziona con l’acquisizione del parere favorevole espresso al riguardo dal
Consorzio di Bonifica competente.
3. Per interventi relativi a nuova edificazione, di volumetria superiore a quella di cui al comma
1, ma inferiore a metri cubi 2000, o comunque comportanti una riduzione della superficie
permeabile di pertinenza inferiore a metri quadrati 1000, non è richiesto il parere di cui al
comma 2, purchè, nell’ambito della verifica di compatibilità idraulica, siano previsti sistemi
idonei al trattenimento delle acque piovane gravanti su superfici impermeabili, quali tetti ed
aree pavimentate facenti riferimento alle pertinenze del lotto edificato, per il tempo
necessario a consentire un regolare smaltimento nella rete fognaria.
Di norma, per tali interventi:
- potrà essere realizzato un anello di raccolta delle acque meteoriche con tubazioni di
adeguato diametro, comunque non inferiore a DN 500 mm, circoscritto all’edificio
collettato, confluente in un manufatto di laminazione, con idoneo foro di emissione posto
alla quota di scorrimento della condotta medesima, dotato di stramazzo a quota tale da
impedire il funzionamento a pressione della stessa.
Tale dispositivo, del quale dovrà essere garantita la costante manutenzione, deve consentire
una portata allo scarico non superiore a quella antecedente la costruzione.
- per le superfici adibite a parcheggio, cortili e viali d’accesso, è preferibile l’uso di
materiali drenanti ed assorbenti, posati su appositi sottofondi che garantiscano una buona
infiltrazione nel terreno.
- è sconsigliato il ricorso ai piani interrati, salvo l’adozione di accorgimenti che impediscano
l’ingressione delle acque provenienti da possibili allagamenti interessanti le aree esterne. [2]
4. Il Comune può comunque disporre ulteriori verifiche e prescrizioni.
5. La verifica di compatibilità idraulica tiene conto di un valore del tempo di ritorno pari a
cinquanta anni.
6. Le disposizioni di cui ai precedenti non si applicano agli interventi edilizi inclusi negli
strumenti urbanistici attuativi per i quali è stato acquisito il parere di compatibilità espresso
dall’autorità idraulica competente.

- 26 -
Articolo 29 – VALUTAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA [1]

1. Nella documentazione dei Piani Urbanistici Attuativi (PUA), di iniziativa pubblica o privata
o di loro varianti che comportino aumento di superficie urbanizzata, nonché ai fini della
redazione di progetti preliminari di opere di urbanizzazione pubbliche o private
convenzionate (quali parcheggi scambiatori, impianti sportivi, plessi scolastici, attrezzature
di interesse comune), deve essere inclusa quella prevista dall’Allegato A alla deliberazione
di Giunta Regionale del Veneto n.1322 del 10 Maggio 2006, come integrato con
deliberazione di Giunta Regionale del Veneto n.1841 del 19 Giugno 2007, recante le
“Modalità operative e indicazioni tecniche” relative alla “Valutazione di compatibilità
idraulica per la redazione degli strumenti urbanistici”.
2. Le misure compensative e/o di mitigazione del rischio eventualmente previste nella
Valutazione vanno inserite nella convenzione che regola i rapporti fra comune e soggetti
privati.
3. La documentazione è redatta e sottoscritta a cura del progettista.
4. La valutazione di compatibilità, da certificarsi in apposita relazione redatta a cura del
progettista, si perfeziona con l’acquisizione del parere favorevole espresso al riguardo
secondo le competenze e modalità previste dalla deliberazione di Giunta Regionale del
Veneto n. 1322 del 10 Maggio 2006, come integrata con deliberazione di Giunta Regionale
del Veneto n. 1841 del 19 Giugno 2007 .
5. Il collaudatore delle opere di urbanizzazione è tenuto ad accertare l’avvenuta realizzazione
di quanto previsto e prescritto a salvaguardia delle condizioni di invarianza idraulica,
nonché a farne esplicito riferimento nel certificato di collaudo. Tale disposizione è riportata
nel disciplinare di incarico.
6. Il Comune effettua comunque verifiche a campione in merito alla realizzazione di quanto
previsto.
7. La valutazione di compatibilità idraulica tiene conto di un valore del tempo di ritorno pari a
cinquanta anni.

Articolo 30 – NORME PRECAUZIONALI [1]

1. Le quote d’imposta degli interventi edilizi ed urbanistici non debbono comportare


limitazioni alla capacità di deflusso delle acque dei terreni circostanti, né produrre una
riduzione del volume di invaso preesistente.
2. Il calpestio del piano terra degli edifici di nuova costruzione deve essere fissato ad una
quota tale da non consentire l’ingresso delle acque di possibili allagamenti interessanti le
aree esterne.
3. Gli eventuali piani interrati sono impermeabilizzati al di sotto del calpestio del piano terra e
sono previste aperture – quali rampe o bocche di lupo – solo a quote superiori.
4. I locali interrati o seminterrati di nuova realizzazione e ogni infrastruttura realizzata a quota
inferiore del piano campagna, devono essere dotati di impianti idonei al sollevamento delle
acque in recipienti tali da poter garantire adeguata capienza anche in caso di allagamento
delle aree esterne ed in assenza di energia elettrica. La manutenzione deve essere possibile,
in condizioni di sicurezza, anche in caso di allagamento delle aree esterne.

5. Gli atti abilitativi di cui all’art. 28 sono rilasciati previa presentazione di atto d’obbligo
registrato, con il quale il richiedente rinuncia a pretese di risarcimento danni in caso di

- 27 -
allagamento di locali interrati. Analoga rinuncia sarà contenuta nelle convenzioni di cui
all’art. 29.
6. Le nuove cabine elettriche di distribuzione pubblica, comprese quelle di consegna di Media
Tensione e trasformazione di terzi, collegate a linee con tensione nominale pari o inferiore a
30kV, ancorché presenti entro il volume di altri edifici, devono essere collocate al di sopra
del piano campagna, fuori da avvallamenti e/o abbassamenti dello stesso, e comunque in
una posizione che ne garantisca la funzionalità anche in caso di fenomeni di allagamento
delle aree circostanti.
7. La realizzazione di impianti di sollevamento di persone o cose, sia pubblici, sia privati, deve
uniformarsi a criteri tali da garantire l’esercizio in sicurezza delle attrezzature costituenti
l’impianto anche nel caso di interruzione dell’energia elettrica, per il tempo necessario a
consentire l’evacuazione o lo sgombero degli ambienti residenziali, commerciali e di
servizio.
8. Nella progettazione di nuovi impianti e reti tecnologiche quali impianti di semaforia,
segnaletica elettronica ed illuminazione pubblica, stazioni radio per le telecomunicazioni,
punti di diffusione del segnale per reti wireless, cancelli o meccanismi di apertura/chiusura
automatizzate, devono essere adottati gli accorgimenti utili a garantirne il corretto
funzionamento o lo sblocco manuale, in assenza di energia elettrica, in condizioni di
allagamento delle aree esterne.
9. I permessi di costruire e gli atti di approvazione dei progetti di lavori pubblici danno
espressamente atto del rispetto delle presenti disposizioni.

Articolo 31 – ATTESTAZIONI [1]

1. Il rilascio del certificato di agibilità relativo agli interventi di cui agli artt. 28, 29 e 30 è
subordinato all’acquisizione da parte del Comune dell’attestazione del Direttore dei Lavori
inerente la corretta esecuzione delle relative opere.
2. Il Comune subordina il rilascio del certificato di Agibilità all’attestazione di compatibilità
del progetto di allacciamento alla rete fognaria delle acque bianche o miste, emessa dal
soggetto gestore.
3. Detta attestazione deve fare esplicito riferimento all’idoneità della rete di collettamento a
ricevere e smaltire in condizioni di sicurezza le ulteriori acque derivanti dall’intervento
edilizio previsto.
4. Ai fini del rilascio dell’attestazione di cui al comma 2, il soggetto gestore della rete fognaria
può porre condizioni finalizzate a garantire il trattenimento delle acque di supero all’interno
dell’area di pertinenza, in recipienti appositamente realizzati, in modo da convogliarle alla
fognatura, con sistemi idonei, in tempi successivi alle precipitazioni meteoriche.
5. L’attestazione di compatibilità emessa dal gestore della rete fognaria deve essere allegata
alla richiesta di agibilità relativa all’intervento realizzato, unitamente alla certificazione del
Direttore dei Lavori, inerente l’avvenuto rispetto delle prescrizioni eventualmente impartite
dal sopra detto soggetto gestore.
6. Il Comune, avvalendosi eventualmente dei soggetti gestori della rete fognaria, è tenuto ad
effettuare controlli a campione, con particolare riguardo agli interventi di maggiore
consistenza.-

- 28 -
Articolo 32 – [1]

Articolo 33 – [1]

- 29 -
PARTE SECONDA - NORME RELATIVE ALLA EDIFICAZIONE

TITOLO I° - CARATTERISTICHE EDILIZIE

Articolo 34 - DEFINIZIONE DI PARTICOLARI ELEMENTI ARCHITETTONICI

1. Si definiscono i seguenti elementi architettonici:


a) cortile: è l’area libera scoperta destinata ad illuminare e ventilare anche locali abitabili,
delimitata in tutto o in parte da fabbricazione lungo il suo perimetro, anche nel caso in cui la
delimitazione sia determinata da muri di cinta aventi una altezza maggiore o uguale a ml.
2,50 con rapporto tra pieni e vuoti superiore a 1/6. L’altezza delle pareti è misurata dalla più
bassa quota di calpestio del cortile;
b) patio: è l’area scoperta destinata a illuminare e ventilare locali abitabili appartenenti ad un
unica unità abitativa, completamente delimitato da fabbricazione lungo il suo perimetro,
l’altezza delle pareti è misurato dalla più bassa quota di calpestio del patio;
c) lastrico solare: è la copertura di un volume edilizio delimitato da pareti verticali da esso
emergenti, l’altezza delle pareti è misurata a partire dalla più bassa quota di calpestio del
lastrico;
d) cavedio: è l’area libera scoperta delimitata da fabbricati lungo tutto il suo perimetro è
destinata ad illuminare e ventilare solo locali non abitabili, cioè non destinati alla
permanenza di persone. Le dimensioni minime dei cavedi non dovranno essere inferiori alle
seguenti:

fino a ml. 8,50 di h.


AREA LATO MINORE DIAMETRO
mq. 13,15 ml. 3,50 ml. 4,20

da ml. 8,50 a ml. 12,50


di h.
AREA LATO MINORE DIAMETRO
mq. 16,00 ml. 4,00 ml. 4,50

e) sottotetto non praticabile: sarà considerato non praticabile il piano accessibile situato al di
sotto delle falde delle coperture, con altezza media ponderale non superiore a ml. 1,90 .
Tali piani potranno essere dotati di lucernari e/o finestrature perimetrali di superficie
complessiva non superiore a 1/20 del piano di calpestio e potranno essere adibiti
esclusivamente a ripostiglio. [1]
2. I cortili ed i lastrici solari devono avere una superficie non inferiore al 25% della somma delle
superfici delle pareti che li circondano. La distanza minima tra le pareti opposte deve essere
quella stabilita dagli articoli relativi al distacco tra i fabbricati riducibile a ml. 6,00 nel caso di
pareti non finestrate o dotate di sole luci (articoli 900 – 901 del Codice Civile). [2]

- 30 -
3. [3]
4. Ove il cortile sia interessato dalla proiezione di balconi o poggioli, le aree corrispondenti alle
proiezioni di detti balconi o poggioli non può superare il 20% dell’area del cortile stesso.
5. Nel caso di cortili delimitati da muri di cinta, le superfici di questi muri vanno computate al fine
della determinazione del rapporto tra superficie del cortile e superficie dei muri di perimetro.
6. I patii devono avere una superficie non inferiore al 40% della somma delle superfici delle pareti
che li circondano. La distanza minima tra le pareti deve essere maggiore dell’altezza massima e
maggiore di 6,00 ml.. [2]
7. [4]
8. I cortili e i lastrici solari devono essere muniti di opportune pavimentazioni e canalizzazioni atte
a convogliare le acque meteoriche.
9. I cortili e i patii devono essere facilmente accessibili dall’esterno anche a mezzo di locali
comuni di disobbligo e devono avere un marciapiedi di larghezza non inferiore a ml. 1,00 lungo
tutto lo sviluppo dei muri perimetrali.
10. Qualora nella sezione orizzontale del cortile non si possa iscrivere un cerchio di diametro
almeno uguale alla media delle altezze dei fronti che vi prospettano, si applicano le disposizioni
del successivo articolo 36.
11. La superficie del cavedio non deve essere inferiore al 7% della somma delle superfici delle
pareti di perimetro del cavedio stesso ferme restando le superfici minime di cui alla lettera d)
del precedente comma 1. [2]
12. Devono essere previste la pavimentazione, lo smaltimento delle acque meteoriche ed una
efficace ventilazione con diretta comunicazione verso l’esterno, alla base del cavedio.
13. Nei cavedi possono affacciarsi solo locali di servizio e di disobbligo.

Articolo 35 – DISTANZE DAI CONFINI [1]

1. Le costruzioni dovranno rispettare le distanze minime dai confini così come stabilito negli
appositi articoli delle Norme Tecniche di Attuazione per ogni Z.T.O..
2. In deroga a tale prescrizione e ferme restando le distanze stabilite dal D.M. 1° aprile 1968, n°
1404 nonché quelle minime previste tra edifici e/o corpi di fabbrica, la distanza dai confini di
proprietà potrà essere ridotta previa stipula di apposita convenzione tra le parti.

Articolo 36 - COSTRUZIONI ACCESSORIE

1. Nelle zone residenziali di nuova formazione tutti i locali accessori, quali autorimesse,
magazzini, lavanderie, legnaie, ecc., devono far parte del fabbricato principale ed essere
armonicamente composti con esso, sia nella forma, sia nel materiale.
2. Sono vietate le nuove costruzioni accessorie isolate, anche a carattere provvisorio se
volumetricamente computabili ai sensi dell’art. 6 delle Norme Tecniche di Attuazione del
P.R.G.. Nei limiti e con le caratteristiche stabiliti dal medesimo art. 6 e nel rispetto della
distanza minima dai confini di ml. 1,50, salvo diverso accordo sottoscritto tra le parti con firma
autenticata e di almeno ml. 5,00 dalla proprietà pubblica, è ammessa per ogni lotto fondiario:
a). l’installazione di una legnaia o casetta in legno o materiale plastico;
b). l’ installazione di attrezzature di supporto e di servizio alla residenza, quali gazebo,

- 31 -
pergolati, pompeiane;
c). l’ installazione di strutture a sbalzo isolate. [1]
3. Per i fabbricati esistenti nelle zone residenziali, ove la superficie del lotto lo consenta, sono
ammessi locali quali autorimesse, magazzini, lavanderie, legnaie, ecc., staccati dal fabbricato
principale, qualora ne sia dimostrata l’assoluta necessità e l’impossibilità di realizzarli a ridosso
del fabbricato stesso.
4. E’ ammessa la costruzione di locali nel sottosuolo, destinati esclusivamente a vani accessori,
anche in eccezione alla normativa sul distacco dai confini purchè contenuti entro un rapporto
massimo di 2/5 del volume edificabile o edificato, nel rispetto delle distanze minime stabilite
dal codice civile.
5. Deve comunque essere assicurata la stabilità del suolo.
6. I relativi permesso di costruire e/o denuncia di inizio attività sono soggetti al contributo previsto
dall’art. 16 del D.P.R. 06/06/2001, n° 380 con le eccezioni previste dalla normativa vigente. [2]

Articolo 37 - PRESCRIZIONI EDILIZIE PARTICOLARI

1. Oltre alle vigenti disposizioni legislative, in ogni nuovo edificio e/o nell’area di pertinenza, nei
casi previsti dall’art. 46 delle Norme Tecniche di Attuazione, devono essere previsti almeno 16
mq., di cui almeno 11 a garage e/o posto auto, per ricovero automezzi e magazzino - ripostiglio
per ogni unità abitativa. E’ comunque fatto salvo quanto disposto dalla legge n° 122/1990.[1]
2. La stessa prescrizione riguarda anche i nuovi alloggi ricavati attraverso la ristrutturazione e/o
l’ampliamento di edifici esistenti; anche gli alloggi originari devono sottostare alla stessa
norma.
3. I locali interrati senza sovrastante costruzione che abbiano una superficie superiore alla metà
della superficie coperta del fabbricato ed il cui estradosso sia ad una quota non superiore a ml.
1,20 rispetto alla quota media del piano di campagna, prima della sua definitiva sistemazione,
devono essere coperti da uno strato di terreno coltivato a giardino di spessore di almeno cm. 50;
qualora siano destinati ad uso pubblico, l’estradosso dovrà essere convenientemente
pavimentato ed attrezzato. [2]
4. L’ubicazione, il dimensionamento e la conformazione architettonica di costruzioni di natura
particolare e di modeste dimensioni ed aventi pubblica utilità quali: cabine elettriche, idrovie,
serbatoi, tralicci, ecc., sono valutati caso per caso, in funzione delle specifiche necessità e nel
rispetto dei caratteri ambientali; detti impianti debbono in ogni caso disporre di area propria
recintata e collocarsi al di fuori degli spazi pubblici riservati alle attività collettive e se del caso
essere protetti da alberi.
5. Detti impianti non vanno considerati ai fini del calcolo della cubatura ammessa per la zona
interessata e potranno essere concessi anche in difformità alle distanze delle strade previste per
la zona medesima con un rispetto minimo dei confini di ml. 1,50.
6. Per gli edifici esistenti è ammessa la realizzazione a confine di un garage per ciascun alloggio di
altezza massima non superiore a ml. 2,50 e superficie coperta massima di 16 mq., qualora
vengano realizzati interessando almeno due proprietà contigue, che per la saturazione dei
parametri di piano non ne consentano altrimenti la costruzione. [3]
7. Dovranno, in ogni caso, essere rispettati gli allineamenti e le eventuali linee di inviluppo
previsti nelle tavole di P.R.G..
8. [4]
9. Gli impianti di riscaldamento devono essere progettati e realizzati in modo da consentire
l’adozione di sistemi di termoregolazione e di contabilizzazione del calore per ogni singola

- 32 -
unità immobiliare.
10. Nei progetti di edifici di nuova costruzione e di ristrutturazioni rilevanti degli edifici esistenti è
obbligatorio prevedere l’utilizzo di fonti rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di
elettricità e per il raffrescamento nella misura minima stabilita dall’art. 11 del Decreto
legislativo 03/03/2011, n° 28. [5]
11. I pannelli possono essere installati anche in forma aggregata, a servizio di più unità immobiliari.
[6]

- 33 -
TITOLO II° - ASPETTO ESTERNO DEGLI EDIFICI E DEGLI SPAZI

Articolo 38 - DECORO DEGLI EDIFICI

1. Le costruzioni devono rispettare nel loro aspetto esterno il decoro edilizio ed inserirsi
armonicamente nel contesto urbano.
2. A tale riguardo il Responsabile del Servizio ha facoltà di imporre ai proprietari l’esecuzione di
opere (intonacature, tinteggiature, ecc.) e la rimozione di elementi (scritte, insegne, decorazioni,
coloriture, sovrastrutture di ogni genere, ecc.) contrastanti con le caratteristiche ambientali, al
fine di conseguire soluzioni più corrette, anche se preesistenti alla data di approvazione del
presente Regolamento. [1]
3. Qualora, a seguito di demolizioni o interruzione dei lavori, parti di edifici visibili da luoghi
aperti al pubblico costituiscano deturpamento dell’ambiente è facoltà Responsabile del Servizio
di imporre ai proprietari la loro sistemazione. [1]
4. Il Responsabile del Servizio può, ingiungendo l’esecuzione delle opere di cui ai commi
precedenti, indicare la modalità di esecuzione e fissare i termini dell’inizio e dell’ultimazione
dei lavori, riservandosi l’intervento sostitutivo ai sensi della Legislazione vigente. [1]

Articolo 39 - DECORO DEGLI SPAZI

1. Gli spazi devono rispettare nel loro aspetto il decoro urbano; devono pertanto avere una
specifica destinazione, essere convenientemente sistemati e ove possibile, arborati.
2. A tale riguardo il Responsabile del Servizio ha la facoltà di imporre la manutenzione e la
conservazione del verde, dei fossati, delle siepi, ecc. e la rimozione di oggetti, depositi e
materiali, insegne e quanto altro possa deturpare l’ambiente o costituire pregiudizio per la
pubblica incolumità. [1]
3. E’ ammessa l’affissione di manifesti e cartelli pubblicitari unicamente negli spazi indicati dal
Comune nel rispetto delle caratteristiche ambientali.
4. Il Responsabile del Servizio ha facoltà di imporre la recinzione e la manutenzione dei terreni
non coltivati, privi di specifica destinazione, indecorosi o pericolosi. [1]
5. Il Responsabile del Servizio può, ingiungendo l’esecuzione delle opere di cui ai commi
precedenti, indicare le modalità di esecuzione e fissare i termini dell’inizio e della ultimazione
dei lavori riservandosi l’intervento sostitutivo ai sensi della legislazione vigente. [1]

Articolo 40 - ELEMENTI CHE SPORGONO DALLE FACCIATE ED AGGETTANO SUL


SUOLO PUBBLICO

1. Gli aggetti su spazio pubblico sono regolamentati nel modo seguente:


a) fino a ml. 4,50 di altezza sono ammessi solo in corrispondenza dei marciapiedi, per
sporgenza non superiori a cm. 50 e in ogni caso con sporgenza massima che disti almeno

- 34 -
cm. 50 dal filo esterno del marciapiede;
b) oltre a ml. 4,50 di altezza sono consentiti, anche in mancanza di marciapiede, a condizione
che la sporgenza non superi il 10% della larghezza media dello spazio prospettante con un
massimo di ml. 1,00. In casi particolari e documentati, possono essere consentite eccezioni
ai predetti commi, a condizione che sul marciapiede venga realizzata una barriera fissa, che
impedisca l’insinuarsi di mezzi di trasporto sotto gli aggetti. Gli sbalzi e gli sporti non
possono superare la larghezza di ml. 1,50, salvo i casi di allineamento con sporti esistenti a
lato. Nelle strade di larghezza inferiore a ml. 6,00, è vietato ogni aggetto sulla sede stradale.
2. Debbono inoltre essere osservare le seguenti prescrizioni:
1) per tende davanti ad aperture: sono ammesse le tende ricadenti su spazio pedonale aperto al
pubblico; la loro altezza dal suolo deve essere in ogni punto non inferiore a ml. 2,20 e la
proiezione della sporgenza massima deve distare almeno cm. 50 dal filo esterno del
marciapiede; l’apposizione delle tende può essere vietata quando esse costituiscono ostacolo
al traffico o comunque limitano la visibilità e in tutti i casi che a giudizio
dell’Amministrazione Comunale costituiscano pregiudizio al decoro degli edifici;
2) per lanterne, lampade, fanali, insegne e altri infissi: qualsiasi elemento da applicare alle
facciate degli edifici deve rispettare i limiti di sporgenza definiti nel 1° comma del presente
articolo.
3. [1]
4. I serramenti prospettanti spazi aperti al pubblico; ad una altezza inferiore a ml. 4,00 devono
potersi aprire senza sporgere dal parametro esterno.

Articolo 41 - ILLUMINAZIONE SOTTERRANEI

1. Sotto i portici e sui marciapiedi relativi a nuove costruzioni poste sulla linea stradale, sono
ammesse le finestre in piano orizzontale a livello del suolo, per dare luce ai sotterranei, purchè
siano ricoperte da elementi trasparenti a superficie scabra, staticamente idonei, collocati a
perfetto livello del suolo; possono venire praticate negli zoccoli dei fabbricati o nelle alzate dei
gradini e devono sempre essere munite di opportune difese.

Articolo 42 - COMIGNOLI, ANTENNE, MENSOLE E SOVRASTRUTTURE VARIE

1. Gli eventuali elementi emergenti oltre le coperture devono essere risolti architettonicamente ed
eseguiti con materiali di provata solidità, sicurezza e resistenza agli agenti atmosferici.
1.bis – Relativamente agli impianti solari termici realizzati sulle coperture, classificati come
”impianti non integrati”, ai sensi del D.M. 19/02/2007, il Comune ha facoltà di vietarne
l’installazione e/o di imporre l’adozione di particolari accorgimenti e soluzioni atte a rispettare,
quanto più possibile, il decoro edilizio e l’inserimento armonico nel contesto urbano. [1]
2. L’installazione di antenna televisiva in tutti i nuovi edifici coni destinazione residenziale deve
avvenire con l’impianto centralizzato di portata tale da servire almeno due apparecchi riceventi
per alloggio.

- 35 -
Articolo 43 - RECINZIONE DELLE AREE PRIVATE

1. Per le recinzioni delle aree private valgono le seguenti prescrizioni:


a) entro i limiti delle zone residenziali, le recinzioni delle aree private devono essere realizzate
con siepi, cancellate, grigliati, muri o altro materiale ritenuto idoneo dal Responsabile del
Servizio. Le recinzioni prospicienti le aree pubbliche ad uso pubblico possono avere altezza
media non superiore a ml. 1,50 di cui la parte cieca non può essere superiore a ml. 1,00. Esse
devono inoltre avere una percentuale minima di foratura pari ad almeno un sesto della
superficie essendo esclusi dal computo gli accessi. Le recinzioni tra proprietà private devono
avere altezza non superiore a ml. 1,50 di cui la parte cieca non può essere superiore a ml.
1,00 elevabile a ml. 1,50 in presenza di formale consenso da parte della proprietà confinante.
Le altezze sono misurate rispettivamente dalla quota media dell’area pubblica prospettante e
dal piano campagna. Al fine di uniformare altezze, materiali d’uso e allineamenti con
preesistenze limitrofe, il Responsabile del Servizio può stabilire parametri e modalità
d’esecuzione diversi da quelli sopra indicati; fissare allineamenti e imporre l’arretramento
del fronte fino a un massimo di ml. 3,00. Allo stesso modo, soluzioni particolari potranno
essere consentite o richieste per recinzioni di proprietà di particolare valore architettonico o
ambientale; [1]
b) entro i limiti delle zone destinate ad impianti industriali o ad essi assimilati è consentita
l’altezza massima di ml. 3,00; l’altezza è misurata dalla quota media dell’area pubblica
prospettante o dal piano di campagna nel caso di recinzioni poste fra proprietà diverse.
Possono essere realizzare anche recinzioni piene; al fine di uniformare altezze, materiali
d’uso e allineamenti con preesistenze limitrofe potranno essere comunque imposte modalità
di esecuzione e parametri diversi da quelli indicati.[2];
c) entro i limiti delle zone destinate ad usi agricoli, forma, dimensione e materiali sono definiti
in base alle caratteristiche ambientali ed alle esigenze funzionali, ferme restando le
esclusioni previste all’art. 7, 1° comma, lett. e). [3]
2. Nelle zone A B C D E, la posa in opera sulle recinzioni di reti di teli ombreggianti, è parificata
per caratteristiche e di conseguenza dimensioni e distanze, alle recinzioni stesse. [4]

Articolo 44 - ALBERATURE

1. Tutti gli spazi scoperti non pavimentati, in prossimità ed al servizio degli edifici, debbono
essere sistemati e mantenuti a verde possibilmente arborato.
2. Qualora si proceda alla messa a dimora di piante di alto fusto a carattere ornamentale, la scelta
delle essenze dovrà essere fatta nel rispetto delle caratteristiche morfologiche e delle condizioni
ecologiche locali.

Articolo 45 - COPERTURE

1. Le coperture costituiscono elementi di rilevante interesse architettonico e figurativo, esse


devono pertanto essere concepite sia in relazione alle caratteristiche dell’ambiente circostante
che delle soluzioni proposte per l’intero edificio.

- 36 -
Articolo 46 - SCALE ESTERNE

1. Sono ammesse le scale esterne non coperte per il solo accesso al piano primo e al piano
interrato.
2. Sono sempre ammesse le scale di sicurezza.
3. [1]

Articolo 47 - MARCIAPIEDI

1. Lungo le proprietà poste in fregio a spazi pubblici il Comune provvede a sistemare i


marciapiedi. A tale scopo i proprietari devono cedere la superficie fronteggianti le rispettive
proprietà. [1]
2. [2]
3. Qualora la cessione non venisse effettuata nel termine fissato dal Comune, questi avrà titolo per
l’acquisizione dell’area. [1]
4. Se un solo accesso serve non unicamente a proprietari frontisti, ma anche a proprietari di
immobili prospettanti verso l’interno, la quota assegnata per il marciapiede dell’intero prospetto
è a carico di tutti i proprietari frontisti e interni.
5. Nel caso in cui l’edificio sorga in arretrato, rispetto al limite del suolo pubblico e l’area
rimanente compresa tra questo e l’edificio non venga recintata per essere riservata all’uso
privato, l’area stessa deve essere pavimentata a cura e spese del proprietario. [1]

Articolo 48 - PORTICI

1. I portici e i passaggi coperti, gravati da servitù di pubblico passaggio, devono essere costruiti
ed ultimati in ogni loro parte a cura e spese del proprietario.
2. Il pavimento dei portici, destinati ad uso pubblico deve essere costruito con materiale
riconosciuto idoneo dal Comune.
3. Le opere di manutenzione dei portici sono a carico del proprietario.
4. Il Responsabile del Servizio fissa i termini di inizio ed ultimazione dei lavori e si riserva
l’intervento sostitutivo ai sensi della legislazione vigente. [1]
5. Sono a carico del proprietario l’installazione dell’impianto di illuminazione e la fornitura dei
corpi illuminati, secondo le modalità e i tipo stabiliti dal Comune.
6. Al Comune spettano la manutenzione dell’impianto di illuminazione e gli oneri derivanti dalla
fornitura di energia elettrica.
7. Le aree costituenti i portici e i passaggi coperti rimangono di proprietà privata, essendo però
gravate da servitù perpetua di pubblico transito.
8. L’ampiezza dei portici, misurata tra il parametro interno degli elementi di sostegno e il filo del
muro o della vetrina di fondo, non può essere minore di ml. 2,50; mentre l’altezza non deve
essere inferiore a ml. 2,80 salvo diverse indicazioni espresse caso per caso.
9. Eventuali portici in continuazione di altri esistenti devono per conto adeguarsi alle dimensioni
di ampiezza dei medesimi.

- 37 -
TITOLO III° - PRESCRIZIONI DI CARATTERE SPECIALE

Articolo 49 - RINVENIMENTI DI CARATTERE ARCHEOLOGICO O STORICO ARTISTICO

1. Qualsiasi ritrovamento di interesse storico-artistico o archeologico deve essere


immediatamente denunciato al Sindaco e alla Soprintendenza alla Antichità, sospendendo nel
contempo eventuali lavori in corso, per un periodo massimo di giorni trenta, trascorsi i quali, nel
silenzio delle Autorità cui la denuncia è stata presentata, i lavori possono venire ripresi.
2. Si applicano comunque le vigenti disposizioni per la tutela delle cose di interesse storico-
artistico o archeologico.

Articolo 50 - INDICAZIONI STRADALI ED APPARECCHI PER I SERVIZI COLLETTIVI

1. Al Comune è riservata la facoltà di applicare nelle proprietà private, previo avviso agli
interessati, gli indicatori stradali e gli apparecchi per i servizi collettivi e particolarmente:
a) tabelle indicanti i nomi delle vie e delle piazze;
b) segnaletica stradale e turistica;
c) piastrine dei capisaldi per le indicazioni altimetriche e per la localizzazione di saracinesche,
idranti ed altre infrastrutture;
d) mensole, ganci, tubi, palme per la pubblica illuminazione, semafori, orologi elettrici e simili;
e) quadri per affissioni e simili.
2. Tali applicazioni sono eseguite a cura e spese del Comune e nel rispetto della Legislazione
vigente.
3. I proprietari degli immobili interessati sono tenuti al rispetto degli elementi sopracitati; non
possono coprirli o nasconderli e sono tenuti al loro ripristino qualora vengano distrutti o
danneggiati per fatti loro imputabili.

Articolo 51 - NUMERI CIVICI

1. All’atto del rilascio del certificato di cui al precedente articolo 27, il Comune assegna
all’immobile il numero civico e da disposizioni in merito all’applicazione della relativa piastrina
fornita dal Comune. [1]
2. Le spese per la fornitura della targhetta del numero civico e la relativa posa in opera sono a
carico del proprietario dell’immobile. [1]
3. E’ riservata comunque al Comune la facoltà di variare la numerazione civica o di sostituire la
segnaletica relativa.

- 38 -
PARTE TERZA – NORME IGIENICO SANITARIE

TITOLO I° - PRESCRIZIONI IGIENICO - COSTRUTTIVE

Articolo 52 - IGIENE DEL SUOLO E DEL SOTTOSUOLO

1. Prima di intraprendere nuove costruzioni o modificare costruzioni esistenti, deve essere


garantita la salubrità del suolo e del sottosuolo, secondo le prescrizioni del presente articolo, le
buone regole dell’arte del costruire e le norme del Regolamento di Igiene vigente.
2. In particolare è vietato costruire su terreni paludosi, golenali, franosi o comunque soggetti ad
allagamenti o a ristagni di acqua, negli avvallamenti e nelle anfrattuosità naturali ed artificiali
del terreno.
3. E’ vietato inoltre impostare fondazioni di nuove costruzioni su terreni utilizzati in precedenza
come deposito di immondizie, letame, residui putrescibili, se non quando la riconseguita
salubrità del suolo e del sottosuolo sia stata riconosciuta dall’organismo competente per
territorio secondo la normativa vigente. [1]
4. Si fa esplicito riferimento a quanto espresso in materia dal D.M. 11/3/1988.
5. Per tutte le zone indicate con apposita grafia nei cartogrammi di progetto, ricadenti in aree
caratterizzate da terreni denominati “scadenti” e “pessimi”, evidenziate in giallo e arancione
dalla carta delle penalità ai fini edificatori (tav. 10.9 di analisi del P.R.G.), è necessaria
un’indagine di carattere geologico-tecnico (altezze arrivo acque, sia in caso di esondazione o in
caso di impossibilità di smaltimento; calcolo dei cedimenti differenziali; ecc.). La verifica della
stratigrafia in profondità non dovrà essere inferiore ai 5 metri dalla quota di piano campagna. [2]

Articolo 53 - TIPO, MATERIALI E DIMENSIONI DELLE FONDAZIONI

1. I tipi, i materiali e le dimensioni delle fondazioni sono definiti in funzione della natura del
terreno, delle sue caratteristiche meccaniche e delle sollecitazioni cui sono Sottoposte.
2. In particolare le palificazioni di fondazione in zone interessate con materiali non soggetti a
degrado.

Articolo 54 - PROTEZIONE DALL’UMIDITA’

1. Tutti gli edifici devono essere protetti dall’umidità del suolo e del sottosuolo.
2. Le relative sovrastrutture devono pertanto essere isolate dalle fondazioni mediante opportuna
impermeabilizzazione, che impedisca l’imbibizione delle murature per capillarità.

- 39 -
3. I locali di piano terra, abitabili ai sensi del successivo articolo 69, qualora non esista sottostante
cantinato devono essere sopraelevati di almeno cm. 50 rispetto al piano campagna circostante ad
eccezione degli interventi di ristrutturazione, restauro e manutenzione straordinaria per i quali
può essere mantenuta la stessa quota del pavimento esistente con l’obbligo della formazione di
un sottostante vespaio in ghiaione dello spessore di almeno cm. 50 o abbassato qualora
l’edificio sia vincolato o assoggettato a grado di protezione.
4. I pavimenti relativi devono perciò essere impostati su vespaio ventilato, dello spessore di
almeno cm. 50, oppure su solaio con sottostante camera d’aria o cantinato.
5. Per i locali abitabili è ammessa la costruzione di tamponamenti in pannelli di tipo prefabbricato
con qualsiasi altro materiale purchè idonei a garantire l’isolamento termico e acustico ai sensi
della normativa vigente.
6. Al fine della riduzione delle barriere architettoniche, il piano terra dei negozi sarà posto a quote
analoghe a quelle dei punti vendita limitrofi esistenti; eventuali nuovi negozi isolati potranno
avere il piano terra impostato a quota inferiore a +50 cm. purché vengano adeguatamente risolti
i problemi di isolamento attraverso l’impiego di sistemi costruttivi e materiali atti allo scopo.
7. In ogni caso la realizzazione di piani cantinati sotto agli spazi vendita è da considerarsi
risolutiva in tal senso.

Articolo 55 - REQUISITI TERMICI, IGROTERMICI DI VENTILAZIONE E DI


ILLUMINAZIONE NELLE COSTRUZIONI EDILIZIE

1. Particolari accorgimenti e adeguati materiali devono essere adottati al fine di realizzare un


sufficiente isolamento nei locali abitabili; a tal fine valgono le norme di cui alla legge 10
9/01/91.

Articolo 56 - ISOLAMENTO ACUSTICO

1. Particolari accorgimenti e adeguati materiali devono essere adottati al fine di realizzare un


adeguato isolamento acustico nei locali abitabili.
2. Si richiama il disposto degli articoli 97 e seguenti.

Articolo 57 - FUMI, POLVERI ED ESALAZIONI

1. Il Responsabile del Servizio sentiti gli Enti competenti preposti al controllo, ha la facoltà di
imporre l’adozione di adeguati provvedimenti al fine di evitare inquinamenti atmosferici ed altri
danni e disagi relativi alla presenza di fumi, polveri, esalazioni, ecc., di varia natura,
conformemente al Decreto Legislativo 03/04/2006 n° 152 ed al Regolamento Comunale di
Igiene. [1]
2. Il Responsabile del Servizio fissa i termini dell’inizio e della ultimazione dei lavori e si riserva
l’intervento sostitutivo ai sensi della legislazione vigente. [1]

- 40 -
TITOLO II° - FOGNATURE

Articolo 58 - FOGNATURE PRIVATE

1. Viene richiamato il rispetto della normativa posta dal Decreto Legislativo 03/04/2006 n° 152
per la tutela delle acque dall’inquinamento, e dalla relativa normativa di applicazione statale,
regionale e locale. [1]

Articolo 59 - CONDOTTI E BACINI A CIELO APERTO

1. Nei corpi idrici superficiali (laghi, torrenti, fiumi, canali, fossi, ecc.) e artificiali (bacini o altri
corpi idrici superficiali creati da un’attività umana) è fatto divieto di immettere direttamente
acque usate per usi domestici, industriali, ecc., diverse da quelle meteoriche. [1]

Articolo 60 - CONDOTTI CHIUSI

1. Le acque usate devono essere immesse in condotti chiusi di adeguato materiale e di idonee
sezione e pendenza e convogliate verso opportuni impianti di depurazione e quindi trasferite in
corsi d’acqua di portata costante e sufficiente alla diluizione.

Articolo 61 - DEPURAZIONE DEGLI SCARICHI

1. In assenza di una rete di fognatura idonea, tutte le acque usate, sia domestiche che industriali,
devono essere depurate e smaltite secondo le prescrizioni dell’Autorità competente in materia di
igiene, ai sensi del Decreto Legislativo 03/04/2006, n° 152, del P.R.R.A. approvato dal C.R. con
provvedimento 01/09/1989, N° 962 e successiva normativa di applicazione. [1]
2. Il Responsabile del Servizio ha comunque la facoltà di richiedere particolari trattamenti atti ad
assicurare l’integrità e la stabilità dei manufatti, la salubrità del territorio e delle acque e la
sopravvivenza della flora e della fauna. [1]
3. Il Responsabile del Servizio può, ingiungendo l’esecuzione delle opere, di cui ai commi
precedenti, indicare le modalità di esecuzione e fissare i termini dell’inizio e dell’ultimazione
dei lavori, riservandosi l’intervento sostitutivo ai sensi della legislazione vigente. [1]
4. Si rimanda in ogni caso al regolamento Comunale sulle fognature.

- 41 -
Articolo 62 - ALLACCIAMENTI

1. Gli allacciamenti dei privati alle reti comunali di fognatura (per acque usate e meteoriche),
saranno concessi nell’osservanza delle norme contenute nel regolamento comunale sulle
fognature.

Articolo 63 - FOGNATURE DELLE LOTTIZZAZIONI

1. Le reti di fognatura delle lottizzazioni devono essere dello stesso tipo di quelle comunali.
2. Il Responsabile del Servizio ha comunque la facoltà, sulla base dei programmi deliberati dal
Comune, di richiedere che dette reti siano di tipo diverso da quelle esistenti e costruite con
materiali e concetti tecnici tali da adeguarle alle programmate strutture comunali. [1]
3. Nel caso in cui mancano le reti comunali o consorziali e non siano ancora stati perfezionati i
programmi relativi, il lottizzatore deve prevedere in sede di progetto, lo sviluppo della rete
secondo le prescrizioni del Comune e impegnarsi, per sè e per gli aventi causa,
all’allacciamento a proprio carico di tali impianti, quando siano realizzate le reti comunali.
4. Per l’attivazione della rete di fognatura prima del completamento delle reti comunali il
lottizzatore dovrà realizzare un impianto di depurazione privato.
5. L’attivazione delle reti è in ogni caso, subordinata al nulla osta dell’Ente gestore. [1]

Articolo 64 - FOGNATURE SINGOLE

1. In mancanza di rete comunale o consorziale idonea, non è ammesso l’inserimento di acque usate
nella rete pluviale.
2. Le fosse private pertanto devono essere del tipo prescritto dai regolamenti comunali e
consorziali.

Articolo 65 - PRESCRIZIONI PARTICOLARI

1. Le condutture che convogliano le acque usate devono essere costruite con materiali
impermeabili ed inattaccabili; devono avere sezioni e pendenze sufficienti e giunti ermetici;
devono essere munite di esalatori di diametro opportuno, prolungati sopra la linea di colmo del
tetto.
2. Ogni bocchetta di scarico deve essere munita di sifone.
3. Le acque meteoriche devono essere convogliate dalle coperture al suolo mediante apposite
tubazioni, il tratto terminale delle quali, nel caso in cui queste siano franteggianti spazi aperti al
pubblico, deve essere costruito con tubazione di ghisa o acciaio per una altezza non inferiore al
ml. 2,00 e prolungato fino al pozzetto di raccordo.
4. Sono consentiti i doccioni quando siano richiesti da particolari soluzioni architettoniche e
comunque mai su spazi aperti al pubblico.

- 42 -
Articolo 66 - IMMONDIZIE

1. I rifiuti solidi urbani e assimilabili dovranno essere raccolti e smaltiti in conformità al disposto
dell’apposito Regolamento. [1]

2. Nella progettazione di nuovi edifici di tipo condominiale dovrà essere prevista, all’interno della
proprietà, un’area idonea per la collocazione dei contenitori, in posizione prontamente e
liberamente raggiungibile dagli operatori, dalla pubblica via. Tale area dovrà essere
adeguatamente sistemata e pavimentata in modo da non recare offesa al decoro e all’igiene e
dimensionata in ragione al numero delle utenze servite. [2]

3. Le indicazioni di cui al comma 2 sono prescrittive anche per gli interventi di ristrutturazione
totale. [2]

- 43 -
TITOLO III° - REQUISITI DEGLI AMBIENTI INTERNI

Articolo 67 - PARAMETRI ABITATIVI

1. In ogni abitazione deve essere assicurata una superficie abitabile non inferiore a mq. 14 per
ciascuno dei primi quattro abitanti e mq. 10 per ciascuno dei successivi.
2. Le stanze da letto devono avere una superficie minima di mq. 9 se per una persona e di mq. 14
se per due persone.
3. Ogni abitazione deve essere dotata di una stanza di soggiorno di almeno mq. 14.
4. Sono ammesse abitazioni monostanza, purchè abbiano una superficie comprensiva dei servizi,
non inferiore a mq. 28 se per una persona e a mq. 38 se per due persone.
5. [1]
6. La superficie massima delle nuove abitazioni fruenti di mutuo agevolato, di cui all’art. 16 della
legge 5/8/1978 N° 457 misurata la netto dei muri perimetrali e di quelli interni, non può
superare, pena la decadenza dei benefici, previsti dalla presente legge, mq. 95, oltre a mq. 18
per autorimessa o posto macchina.

Articolo 68 - CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI EDIFICI E DELLE ABITAZIONI

1. Salva diversa normativa statale prevalente, gli edifici residenziali che comprendono abitazioni
fruenti di contributo dello Stato, ai sensi della legge 5/8/1978 N° 457, devono avere le seguenti
caratteristiche:
a) altezza virtuale non superiore a m. 4,50, calcolata come rapporto tra i metri cubi totali vuoto
per pieno dell’edificio e la somma delle superfici utili abitabili delle abitazioni;
b) altezza netta delle abitazioni e dei loro vani accessori, misurata tra pavimento e soffitto, fatte
salve le inferiori altezze previste dal successivo articolo, non inferiore a metri 2,70 per gli
ambienti abitativi e per i vani accessori non inferiore a metri 2,40.
2. Per l’edilizia residenziale, anche non fruente di contributi pubblici sono consentite:
a) l’installazione nelle abitazioni dei servizi igienici e la realizzazione nei fabbricati di scale, in
ambienti non direttamente aereati, alle condizioni previste negli articoli 18 e 19 della legge
27 maggio 1975 N° 166;
b) altezze nette degli ambienti e dei vani accessori delle abitazioni,misurate tra pavimento e
soffitto non inferiori a mt. 2,70 per gli ambienti abitativi e mt. 2,40 per i vani accessori.
3. Le disposizioni del presente articolo, ad eccezione di quella contenuta nella lettera a) del
secondo comma, non si applicano per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente,
previo parere del competente settore dell’ASL. [1]

- 44 -
Articolo 69 - LOCALI ABITABILI

1. Sono considerati locali di abitazione permanente e locali di abitazione ai fini dell’applicazione


del presente Regolamento, tutti quei locali in cui la permanenza di una o più persone non abbia
carattere di saltuarietà (abitazioni, uffici, negozi, convivenze, ecc.).
2. Sono considerati locali non abitabili quelli adibiti a cantina, garage, magazzino deposito,
archivio, implicanti la presenza solo saltuaria di persone e quelli sussidiari delle abitazioni,
destinati a servizi igienici, dispensa, disimpegno, ingresso, ecc..
3. I locali di abitazione permanente debbono avere:
a) superficie minima di pavimento di almeno mq. 9,00, con la larghezza minima di ml. 2,50;
b) cubatura minima di mc. 24,50;
c) superficie di illuminazione ed areazione, direttamente comunicante con l’esterno, pari
almeno a 1/8 della superficie del pavimento del locale.
4. Per i pianiterra adibiti ad attività ed usi collettivi è prescritta l’altezza minima di ml. 3,00 per i
piani successivi e per i locali residenziali ml.2,70.
5. Per i negozi alti almeno ml. 4,60 sono ammessi i soppalchi, purchè la loro superficie non superi
il 40% della superficie totale del negozio, siano disimpegnati unicamente dal negozio medesimo
ed abbiano un’altezza minima di ml. 2,20.

Articolo 70 - SOTTOTETTI O MANSARDE

1. I sottotetti facenti parte integrante ed indissolubile di una unità abitativa possono essere
dichiarati abitabili qualora l’altezza interna della parte più bassa sia almeno ml. 1,80 e possano
disporre di una altezza media di almeno ml. 2,50.
2. I sottotetti che da soli vengono a costituire un’unità abitativa dovranno soddisfare alle
caratteristiche stabilite al precedente articolo 67, ed essere opportunamente isolati
termicamente.
3. In questi casi l’altezza minima interna non potrà essere inferiore a ml. 1,90 e quella media dovrà
risultare di ml. 2,70.

Articolo 71 - CUCINE

1. Le cucine, oltre ai requisiti richiesti dall’art. 69 precedente devono comunque essere fornite di
due condotti verticali prolungati sopra la linea di colmo del tetto, di cui uno per l’areazione
dell’ambiente e l’altro per l’eventuale convogliamento dei fumi di combustione.

Articolo 72 - LOCALI PER I SERVIZI IGIENICI

1. Tutti gli alloggi devono essere provvisti di almeno un locale di servizio igienico, dotato di: WC,
bidet, lavabo e vasca da bagno o doccia ed avente i seguenti requisiti:

- 45 -
a) superficie non inferiore a mq. 4,00;
b) aerazione ed illuminazione dirette dall’esterno, mediante finestra di superficie non inferiore
a mq. 0,80. [1]
2. Le pareti devono essere rivestite di materiale lavabile fino all’altezza di almeno ml. 2,00.
3. Solamente le camere da letto possono comunicare direttamente con i locali per servizi igienici.
4. Quando l’alloggio sia provvisto di più di un locale di servizio igienico, almeno uno deve
possedere i requisiti sopraindicati; i rimanenti potranno essere di superficie inferiore e sprovvisti
di aerazione diretta dall’esterno come sopra specificato ma aerati e illuminati artificialmente.
5. Negli alloggi composti da più di tre camere da letto dovrà essere realizzato un secondo servizio
igienico.
6. In conformità all’art. 18 della legge 27/5/1975 N° 166, è consentita l’installazione dei servizi
igienici in ambienti non direttamente aerati ed illuminati dall’esterno, a condizione che:
a) ciascuno di detti ambienti sia dotato di un idoneo sistema di ventilazione forzata, che
assicuri un ricambio medio orario non inferiore a cinque volte la cubatura degli ambienti
stessi;
b) gli impianti siano collegati ad acquedotti che diano garanzie funzionamento continuo e gli
scarichi siano dotati di efficiente e distinta ventilazione primaria e secondaria;
c) ciascuno di detti ambienti sia privo dell’installazione di apparecchi a fiamma libera.

Articolo 73 - SCALE ED ASCENSORI, RINGHIERE E PARAPETTI

1. Le rampe di scale che costituiscono parte comune o siano di uso pubblico, devono avere una
larghezza minima di cm.120; le rampe di scale che non costituiscono parte comune o non sono
di uso pubblico devono avere larghezza minima di cm. 80; devono comunque essere aerate e
illuminate attraverso fori ricavati su parete verticale esterna, di superficie non inferiore a 1/10
della superficie del vano scale.
2. Per gli edifici collettivi e di uso pubblico si applicano le vigenti disposizioni in materia ed i
relativi regolamenti.
3. Per le scale che servono fabbricati di non più di quattro piani abitabili, è ammessa l’aerazione e
l’illuminazione dall’alto, mediante lucernario apribile di superficie non inferiore ad un terzo di
quella del vano scala.
4. Possono essere illuminati ed aerati dal vano scala soltanto gli ingressi degli alloggi.
5. Tutti i fabbricati con tre o più piani abitabili oltre il piano terreno, devono essere dotati di
impianto di ascensore.
6. Nel caso in cui il vano ascensore sia attiguo a camere da letto, devono essere attuate le
provvidenze indicate al precedente articolo 56.
7. L’impianto di ascensore in tutte le sue parti ed elementi, deve essere rispondente alle
caratteristiche indicate dalla legislazione vigente in materia.
8. Le ringhiere ed i parapetti di balconi e terrazze dovranno avere altezza minima di cm. 100
eventuali forature dovranno essere dimensionate in modo tale da non consentire il passaggio di
una sfera di cm. 10 di diametro.
9. In conformità all’art. 19 della legge 27 maggio 1975 N° 166, è consentita la realizzazione di
scale e relativi disimpegni anche senza finestrature sull’esterno a condizione che:
a) risultino adeguatamente garantite tutte le condizioni di sicurezza e di igiene;
b) le scale ed i disimpegni siano dotati di una idonea ventilazione diretta per le scale ed anche
indiretta per i disimpegni.

- 46 -
Articolo 74 - CORRIDOI E DISIMPEGNI

1. I corridoi e i disimpegni delle abitazioni possono essere illuminati ed aerati in modo indiretto.
2. L’altezza minima è fissata in ml. 2,40; la larghezza minima è fissata in ml. 1,00 nel rispetto
comunque delle ulteriori indicazioni contenute nel capo IV, art. 8.l.9 del D.M. 14/6/89 N° 236.

Articolo 75 - LOCALI A PIANO TERRA, SEMINTERRATI E SCANTINATI

1. I locali non abitabili al piano terra, i seminterrati e gli interrati devono avere un’altezza minima
di ml. 2,20. [1]
2. I locali che abbiano il pavimento a quota inferiore a quella del terreno circostante devono
rispettare le prescrizioni del primo e del secondo comma del precedente articolo 54.
3. Debbono altresì avere soglie sopraelevate rispetto alla quota media della strada immediatamente
prospicente e non avere collegamenti diretti alla fognatura se la quota dei collettori pubblici è
più elevata rispetto agli scarichi privati.
4. E’ ammessa in via subordinata, nelle zone A, B, C, D, l’edificazione di locali garages a quota
inferiore al piano campagna a condizione che siano adottati tutti gli accorgimenti tecnici e le
precauzioni necessarie per evitare rigurgiti o inconvenienti causati dalla pressione nella
fognatura.
5. In particolare quando le acque di scarico non possono defluire per caduta naturale, esse devono
essere sollevate alla fognatura stradale mediante pompe, la cui condotta di mandata deve essere
disposta in modo da prevenire rigurgiti all’interno anche in caso di sovrappressione del
collettore recipiente.
6. L’impianto di sollevamento deve essere dotato di un sistema di avviamento e arresto automatico
o autonomo, e di un sistema di allarme che entri in funzione in caso di mancato funzionamento.
7. In ogni caso dovranno essere idraulicamente isolati dalla rete fognaria, dal sottosuolo, dallo
scoperto e dalle strade. [2]
8. Nelle “aree interessate dagli allagamenti” individuate nella cartografia di Piano a scala 1:5000 è
vietata in ogni caso la realizzazione di piani interrati e la quota cui porre il piano d’imposta dei
fabbricati non potrà essere inferiore a 50 cm. Rispetto al piano campagna.[3]

- 47 -
TITOLO IV° - COSTRUZIONI DI SPECIALE DESTINAZIONE

Articolo 76 - EDIFICI E LOCALI DI USO COLLETTIVO

1. Le norme di abitabilità per gli edifici ed i locali di uso collettivo destinati alla riunione, allo
spettacolo, al divertimento, alla esposizione, al culto,al ristoro, al commercio, e altre simili
attività, esclusa la destinazione residenziale e direzionale possono essere modificate nei limiti
delle seguenti prescrizioni:
a) l’illuminazione naturale può essere sostituita da adeguata illuminazione artificiale,
riferimenti puntuali nella circolare 29/7/87 N° 38 della Giunta Regionale Veneto;
b) l’aerazione naturale può essere sostituita con aerazione artificiale; deve essere in ogni caso
assicurato il ricambio d’aria adeguato all’uso del locale, in ogni caso non inferiore a cinque
ricambi/ora.
2. Devono comunque essere osservate le particolari disposizioni prescritte da leggi e regolamenti
relativi a parametri e tipologiche.
3. Tali locali possono essere anche interrati purchè rispettino le prescrizioni della circolare N°
38/87 sopraccitata.

Articolo 77 - BARRIERE ARCHITETTONICHE

1. Nelle progettazioni di carattere urbanistico e nelle progettazioni di carattere edilizio devono


essere adottati tutti quegli accorgimenti atti ad eliminare le barriere architettoniche, favorendo
l’accessibilità e l’agibilità alle persone fisicamente impedite, attraverso l’impianto di idonea
strumentazione tecnica e lo studio di percorsi alternativi.
2. Oltre alle provvidenze, di cui al precedente articolo 72, sarà pertanto dedicata particolare cura
alla agibilità dei servizi, al dimensionamento ed alla idoneità dei percorsi interni ed esterni, alla
accessibilità ed alluso degli impianti tecnici in genere.
3. Per quanto non esplicitamente previsto da questo articolo, valgono le norme di cui all’art.l della
legge 9/1/1989 N° 13 nonchè le prescrizioni di cui al D.M. 14 giugno 1989 N° 236.
4. Ferme restando le disposizioni della L.R. 12/07/2007, n° 16, è ammessa in deroga al presente
Regolamento, la possibilità di utilizzo a fini abitativi di locali accessori aventi altezza non
inferiore a ml. 2,50 senza che ciò venga a costituire nuove unita immobiliari autonomamente
utilizzabili. Qualora l’intervento preveda la soppressione dell’autorimessa, dovrà essere
garantito il ricavo di appositi posti auto, anche scoperti, in misura almeno pari a quanto previsto
dall’art. 46 delle N.T.A. e dalla L. 122/89. [1]

Articolo 78 - STABILIMENTI INDUSTRIALI, DEPOSITI, MAGAZZINI, AUTORIMESSE.

- 48 -
1. Gli stabilimenti industriali, i depositi, i magazzini, le autorimesse ed i laboratori in genere,
devono sottostare alle norme ed alle prescrizioni stabilite dalle vigenti leggi, devono inoltre
uniformarsi alle prescrizioni generali del presente Regolamento, alle norme per i locali abitabili
e per quelli ad essi sussidiari.
2. Sono considerati locali abitabili, gli uffici, i refettori, gli spogliatoi, ecc..
3. Adeguati servizi igienici saranno previsti in ragione del numero degli addetti e comunque nel
rispetto della vigente legislazione in materia.
4. In particolare si fa riferimento a quanto espresso in materia dalla circolare 29/7/1987 N° 38
emanata dal Dipartimento per la Sanità della Regione Veneto.

Articolo 79 - EDIFICI RESIDENZIALI NELLE ZONE DESTINATE AD USI AGRICOLI.

1. Per gli edifici residenziali nelle zone destinate ad usi agricoli valgono le disposizioni dei
precedenti articoli 69 e seguenti.
2. Non sono ammessi nel corpo del fabbricato locali ad uso stalla e ricovero di animali, fienile,
granaio e depositi di materiali soggetti a fermentazione.

Articolo 80 - [1]

- 49 -
PARTE QUARTA – STABILITA’ E SICUREZZA DELLE
COSTRUZIONI

TITOLO I° - NORME DI BUONA COSTRUZIONE

Articolo 81 - STABILITA’ DELLE COSTRUZIONI

1. Ogni fabbricato deve essere realizzato secondo le migliori regole d’arte del costruire ed in
conformità alle vigenti disposizioni di legge, in ordine ai requisiti dei materiali da costruzione,
alle sollecitazioni, al calcolo, al dimensionamento ed alla esecuzione delle strutture ai fini di
assicurare la stabilità di ogni sua parte.

Articolo 82 - MANUTENZIONE E RESTAURI

1. I proprietari dei fabbricati hanno l’obbligo di provvedere alla manutenzione degli stessi in modo
da soddisfare permanentemente ai requisiti dell’articolo precedente, per salvaguardare la
pubblica incolumità.

Articolo 82 bis - MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER MANUTENZIONE IN QUOTA


[1]
1. Ai fini della prevenzione dei rischi d’infortunio, i progetti relativi agli interventi edilizi che
riguardano nuove costruzioni o gli interventi che prevedono il rifacimento del tetto su edifici
esistenti, qualora siano soggetti al rilascio del permesso di costruire o denuncia di inizio attività
(o S.C.I.A.), devono prevedere, nella documentazione allegata alla richiesta relativa al titolo
abilitativo o alla denuncia d’inizio attività (o S.C.I.A.), idonee misure preventive e protettive
che consentano, anche nella successiva fase di manutenzione, l’accesso, il transito e
l’esecuzione dei lavori in quota in condizioni di sicurezza.
2. Per le finalità del comma 1, dovranno essere rispettate le modalità esecutive previste dalla
deliberazione di Giunta Regionale n. 2774 del 22 settembre 2009 contenente istruzioni tecniche
sulle misure preventive e protettive.
3. La mancata previsione delle misure di cui al comma 1 costituisce causa ostativa al rilascio del
permesso di costruire o impedisce l’utile decorso del termine per l’efficacia della denuncia di
inizio attività a costruire.

- 50 -
4. Ad ultimazione dei lavori, con la domanda di rilascio del certificato di agibilità, ovvero con la
presentazione del collaudo a seguito di denuncia di inizio attività edilizia, dovrà essere
autocertificata dal direttore dei lavori la corretta esecuzione delle opere previste dal presente
articolo.
5. Il comune potrà procedere ad effettuare gli adeguati controlli sulla effettiva realizzazione delle
misure prima del rilascio del certificato di agibilità.
6. Gli interventi soggetti a sola comunicazione preventiva, come ‘installazione di impianti a
recupero energetico in copertura (solari termici, fotovoltaici, eolici) di cui all’art. 3 del D.Lgs n.
115/2008, e gli interventi di manutenzione straordinaria sul tetto indicati all’art. 5 della L. n.
73/2010 dovranno essere corredati da idonee misure preventive e protettive che consentano,
anche nella successiva fase di manutenzione, l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori in
quota in condizioni di sicurezza. La comunicazione preventiva all’installazione dovrà essere
integrata con la documentazione progettuale di seguito indicata.
a). Modalità operative:
I progetti delle misure preventive e protettive sono soggette a valutazione da parte dei
preposti servizi di prevenzione delle USL contestualmente all’espressione del parere
sanitario nei casi previsti dall’art. 5 DPR 380/2001. I progetti delle misure preventive e
protettive, per gli interventi edilizi non soggetti a parere sanitario da parte dei preposti
servizi di prevenzione delle USL, come indicato nell’art. 3 del D.Lgs. 115/2008, sono
autocertificati dal progettista dell’opera, fatta salva la possibilità dello stesso progettista di
richiedere il parare preventivo ai preposti servizi di prevenzione igiene e sicurezza degli
ambienti di lavoro delle USL.
b). Documentazione progettuale:
I sistemi di prevenzione dovranno essere redatti dal progettista con tavola grafica in scala
appropriata, di norma 1:100 indicante, tra l’altro, i percorsi e i sistemi di accesso alla
copertura, con i criteri previsti dall’allegato al DGR 2774 del 22/09/2009, tali grafici
saranno integrati con idonea relazione tecnica.
c). Conteggio volumetrico:
Eventuali percorsi interni, utili ai fini dell’accesso in sicurezza alla copertura, sono
conteggiati come volumi tecnici per una dimensione massima prevista dai punti A) e B)
dell’allegato al DGR 2774 del 22/09/ 2009 (h max = 1,80 e largh max 0,70).

Articolo 83 - PROVVEDIMENTI PER COSTRUZIONE PERICOLANTI

1. Qualora una casa, un muro, o in genere qualunque fabbricato o parte di esso costituisca pericolo
per la pubblica incolumità, il proprietario o il conduttore o l’inquilino hanno l’obbligo di farne
immediata denuncia al Sindaco e nei casi d’urgenza, di provvedere ad un sollecito
puntellamento.
2. Il Sindaco ricevuta la denuncia di cui al comma precedente e previo sopraluogo dell’Ufficio
comunale competente, notifica agli interessati i provvedimenti da adottare immediatamente,
riservandosi l’intervento sostitutivo a spese degli interessati.

- 51 -
TITOLO II° - PREVENZIONE DAI PERICOLI DI INCENDIO

Articolo 84 - LOCALI PER LAVORAZIONI E DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI ED


INFIAMMABILI

1. I locali destinati a lavorazione e deposito di materiali combustibili ed infiammabili, devono


rispondere ai requisiti prescritti dalla vigente legislazione in materia.
2. L’accertamento dei requisiti dovrà essere eseguito dal Comando Provinciale VV.FF., che
rilascerà in proposito apposita certificazione.

Articolo 85 - IMPIEGO DI STRUTTURE LIGNEE

1. In tutti quei casi in cui particolari condizioni ambientali, tradizioni costruttive lòcali o
qualificate scelte architettoniche richiedono l’uso dei materiali lignei, l’impiego di essi è
condizionato all’adozione di trattamenti ed accorgimenti atti a ridurre la possibilità di
combustione.

Articolo 86 - PREVENZIONE DAI PERICOLI DI INCENDIO

1) Preventivo nulla osta dei Vigili del Fuoco

Prima del rilascio del permesso di costruire e di installazione è richiesto il nulla osta del
Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco relativamente agli edifici, impianti e attività
esplicitamente inseriti nell’elenco contenuto nel D.P.R. 16.05.1959, n. 689 e nel D.M.
16/2/1982. [1]

2) Collaudi dei Vigili del Fuoco

Prima del rilascio dei certificati di abitabilità e di agibilità degli edifici e degli impianti di cui al
D.P.R. 16.05.1959, n. 689 e nel D.M. 16/2/1982 è richiesto il nulla osta del Comando
Provinciale dei VV.FF.

3) Particolari Norme di Legge o di buona tecnica:


1. edifici ad uso civile (compresi nel D.P.R. 16.05.1959, n. 689 e nel D.M. 16/2/82).
Strutture: le strutture degli edifici comprese quelle del tetto, dovranno essere
incombustibili e resistenti al fuoco. La durata della resistenza al fuoco deve
essere non inferiore a 120’. Per quelli con strutture in acciaio dovranno essere
rispettate le norme della Circolare del Ministero dell’Interno N° 91 del
14/9/1961.

- 52 -
Ubicazione: gli edifici devono essere circondati da strade idonee a consentire
l’avvicinamento e l’operatività dei mezzi speciali dei Vigili del Fuoco. I cortili
interni devono essere accessibili mediante androni carrai sui quali sia possibile
il transito dei mezzi citati.
Scale: le scale di norma devono essere realizzate entro gabbie, costituite da pareti
continue resistenti al fuoco almeno 120’. Ad ogni piano devono essere previste
ampie aperture di aerazione verso l’esterno, qualora detta condizione non sia
realizzabile, perchè trattasi di scale interne, alla sommità del vano devono
essere realizzate idonee aperture privie di serramenti. In relazione all’altezza
ed alla destinazione dell’ edificio potranno essere richieste scale a strutture
particolari quali:
− scala a prova di fumo;
− scala a prova di fumo interna;
− scala protetta.
2. Edifici industriali, artigianali e commerciali (compresi nel D.M. del 16/2/1982).
Struttura: le strutture portanti degli edifici dovranno essere incombustibili e resistenti al
fuoco. La durata della resistenza al fuoco dovrà essere comunque non inferiore
a 120’.
Compartimentazione: in relazione al rischio di incendio, al carico di fumo, al numero degli
addetti, ecc., devono essere previsti muri tagliafuoco atti a limitare e contenere
gli effetti di un eventuale sinistro. Di norma per sostanze combustibili la
superficie libera massima ammissibile non deve essere superiore a qualche
centinaio di metri quadrati. Per le sostanze infiammabili detta superficie è
dell’ordine di qualche decina di metri quadrati.
Aperture per sfogo calore e fumo: alla sommità delle coperture devono essere previsti
adeguati sfoghi per il calore e per i fumi di eventuale combustione.
Vie di uscita: devono essere predisposte uscite di sicurezza dirette verso l’esterno in numero
e posizioni tali che il massimo percorso per uscire verso spazi sicuri non sia in
ogni caso superiore a ml. 30.
3. Alberghi e pensioni.
Devono essere applicate le norme di cui alla Lettera Circolare del Ministero dell’Interno N°
27030/4122 del 21/10/1974.
4. Autorimesse.
Devono essere applicate alle norme di cui al Decreto Ministeriale 01.02.1986.
5. Impianti termici.
Gli impianti termici per le cui caratteristiche non sono soggetti alla legge contro
l’inquinamento atmosferico, sono regolamentati come appresso indicato:
− impianti alimentati da combustibili liquidi (oli combustibili e - gasoli) Circolare del
Ministero dell’Interno N° 73 del 29/7/1971;
− impianti alimentati da gas di rete con densità inferiore a 0,8 (metano) Circolare del
Ministero dell’Interno N° 68 del 25/11/1969;
− impianti alimentati da gas di petrolio liquefatto (GPL) Lettera Circolare del Ministero
dell’Interno N° 412/4l83 del 6/2/1975 D.M. 31/3/1984.
6. Rete idrica antincendio.
Tutti gli edifici di cui al D.M. 16.2/1982, devono essere muniti di impianto idrico
antincendio adeguato al carico di fuoco ed alla destinazione degli immobili.
In linea di massima detto impianto dovrà essere costituito da una rete in tubazione di ferro
zincato, ad uso esclusivo antincendio, protette contro il gelo e concepite in modo che sia
possibile avere l’acqua agli idranti per semplice apertura della relativa saracinesca. Gli
idranti UNI O 45-70 mm. muniti del corredo d’uso, devono essere derivati in numero e

- 53 -
posizione sufficiente a garantire la copertura di tutte le zone da proteggere. Essi devono
essere accessibili in modo agevole e sicuro. Le caratteristiche idrauliche di portata e
pressione saranno stabilite caso per caso dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.
7. Impianti elettrici.
La legge 1/3/1968 N° 186 “Disposizioni concernenti …….. omissis ………le installazioni
e gli impianti elettrici ed elettronici” indica quale riferimento per la realizzazione di corretti
impianti elettrici le Norme del Comitato Elettrotecnico Italiano (Norme CEI). [1]
8. Impianti per l’impiego del gas combustibile.
La legge 6/12/1971 N° 1083 “ Norme per la sicurezza dell’impiego del gas combustibile”
indica quale riferimento per la realizzazione di corretti impianti per il gas le norme dell’Ente
Nazionale di Unificazione (UNI) pubblicate in tabelle con la denominazione UNI GIG e
approvate con Decreto del Ministero dell’Industria e Commercio.
9. edifici di civile abitazione con altezza antincendi uguale o superiore a ml. 12;
Valgono le prescrizioni in materia contenute nel decreto 16.05.1987, n. 246.
Per quanto in contrasto con le presenti norme valgono le prescrizioni dei decreti e della
normativa vigente.

Articolo 87 - PARTICOLARE PREVENZIONI CAUTELATIVE

1. I cortili chiusi devono comunicare con gli spazi pubblici attraverso un passaggio carraio.
2. L’impianto interno per la distribuzione del gas deve poter essere isolato, mediante saracinesca
dalla rete collettiva di distribuzione; le tubazioni non possono attraversare le centrali termiche,
le cabine elettriche, i depositi di immondizie, i vani di ascensore e montacarico e le canne
fumarie, gli apparecchi utilizzatori installati in locali abitabili non possono essere alimentati da
pressione superiore a mm. 200 di colonna d’acqua.
3. Ogni impianto elettrico deve essere fornito di interruttori generali che selezionino e circuiti per
ogni unità immobiliare, interruttori, contatori e quadri elettrici, che siano installati in ambienti
ove possa presentarsi pericolo di incendio o di esplosione, devono essere a tenuta stagna.
4. I condotti di fumo devono essere costruiti con canne ad intercapedine di facile pulitura e di
sufficiente coibenza; devono essere provvisti di bocchette d’ispezione alla base ed essere
sopraelevati di almeno ml. 1,00 rispetto all’estradosso delle coperture; devono essere distanziati
di almeno 20 cm. da strutture lignee e non possono essere installati nelle murature di fienili e di
locali contenenti materiali combustibili.
5. Le costruzioni nelle quali siano collocati forni di pane, pasticceria e simili, forni di fusione e
simili, forni metallurgici, fucine, ecc., devono in ogni loro parte essere costruite con materiali
resistenti al fuoco.

Articolo 88 - USO DI GAS IN CONTENITORI DEPOSITI DI GPL CON CAPACITA’


COMPLESSIVA NON SUPERIORE A 5 mc

1. I contenitori di gas (bombole, ecc.) devono essere collocati in opportuni spazi o nicchie ricavati
all’esterno dei fabbricati ed isolati dai locali di abitazione; la tubazione fissa metallica di
erogazione provvista di rubinetti di intercettazione del flusso, nell’attraversamento delle

- 54 -
murature deve essere protetta da guaina metallica aperta verso l’esterno; i contenitori devono
essere salvaguardati contro eventuali manomissioni.
2. Per quanto si riferisce ai depositi di GPL con capacità complessiva non superiore a 5 mc. si fa
esplicito riferimento alle norme di sicurezza del D.M. 31/3/1984.

Articolo 89 - COLLAUDO DI COMPETENZA DEI VIGILI DEL FUOCO.

1. Prima del rilascio del certificato agibilità concernenti gli edifici di cui al precedente articolo 86,
è richiesto il collaudo del Comando Provinciale Vigili del Fuoco. [1]

- 55 -
TITOLO III° - RISPARMIO ENERGETICO NEL RISCALDAMENTO DEGLI
EDIFICI

Articolo 90 - SFERA DI APPLICAZIONE

1. Le presenti norme si riferiscono al riscaldamento invernale e si applicano agli edifici adibiti a


residenze, scuole, ambulatori, scuole materne, uffici, attività commerciali, in relazione alla
legge 9/01/91 N° 10, al D.P.R. 28/6/1977 N° 1052, al D.M. 10/3/1977 e al D.P.R. 7.10.1991 e
successive modifiche ed integrazioni.
2. Sono esclusi asili nido, edifici industriali, artigianali.

Articolo 91 - POTENZIALITA’ TERMICA INSTALLATA

1. I generatori di calore installati negli edifici dovranno avere una potenzialità termica di targa,
riferita a ogni metro cubo di volume abitabile e ad ogni grado di scarto fra temperatura interna
ed esterna minore o eguale ai valori Go indicati nella seguente tabella:

Tipo di edificio Volume abitabile Go (Kcal/hm.30C)


Indipendente Infer. a 250mc. 0,8
Indipendente fra 250 e 600mc. 0,7
(estremi inclusi)
Indipendente oltre 600mc. 0,6
Non Indipendente qualunque 0,6

in cui:
per volume abitabile si intende quello netto dai muri e solai; per edificio indipendente si intende la
casa singola isolata od a schiera. Tali valori Go tengono conto della maggiorazione per
intermittenze.

Articolo 92 - PROGETTO DELL’IMPIANTO

1. Il progetto dell’impianto termico dovrà:


a) indicare la temperatura interna prevista per gli ambienti (per la quale il valore raccomandato
è di 18°);
b) calcolare le dispersioni attraverso le pareti e le vetrate in base ad una temperatura esterna di
–5° tenendo conto dell’esposizione al vento delle pareti;
c) calcolare la quantità di calore necessaria per un rinnovo d’aria di una volta all’ora il volume
abitabile;

- 56 -
d) verificare che le condizioni indicati ai punti a, b, c, e con la potenzialità installata con i limiti
di cui all’art. 91, le disposizioni globali siano limitate in modo da mantenere a regime la
temperatura interna prevista (di norma 18°).
2. Il Direttore dei Lavori ed il Costruttore saranno solidamente responsabili verso il committente
dello effettivo ottenimento del santo termico previsto dal progetto, che verrà misurato al centro
dei locali a m. 1,50 dal pavimento;
3. I locali normalmente a temperatura inferiore a quelli scaldati (scale ecc.) sono considerati in
progetto non scaldati.

Articolo 93 - APERTURE VETRATE

1. La superficie delle vetrate, salvo quanto disposto dagli articoli 69-72-73, dovrà essere ridotta in
modo da contemperare le opposte esigenze di illuminazione e di isolamento termico.
2. Anche nel caso che dal progetto risulti assicurato il salto termico di cui al secondo comma
dell’art. 92 senza necessità di doppi vetri, sarà opportuna l’installazione degli stessi nelle vetrate
esposte a nord.

Articolo 94 - COMPOSIZIONE DEGLI EDIFICI

1. La composizione dell’edificio (in pianta ed elevazione) deve essere studiata in modo da ridurre
al massimo le pareti esterne a parità di volume.

Articolo 95 - INERZIA TERMICA DELLE PARETI

1. Ai fini del contenimento delle variazioni di temperatura le pareti verticali opache dovranno
avere un peso almeno pari a 85 kg./mq..

Articolo 96 - REGOLAZIONE AUTOMATICA DELLA TEMPERATURA

1. Gli impianti dovranno essere dotati di apparecchiatura automatica per la regolazione della
temperatura di mandata in funzione della temperatura esterna tranne che nel caso di sistemi che
non ne permettano l’installazione.
2. Sarà altresì opportuno adottare apparecchi di regolazione locale della temperatura.

- 57 -
TITOLO IV° - NORME TECNOLOGICHE

Articolo 97 - NORME GENERALI

1. Gli edifici devono essere, nel loro complesso e in ogni locale confortevoli, funzionali, salubri,
sicuri.
2. Essi inoltre non devono provocare localmente e altrove l’inquinamento delle acque, dell’aria,
del suolo.
3. Le norme tecnologiche individuano e definiscono i requisiti che gli edifici devono avere, perchè
siano conseguiti gli obiettivi stabiliti dal comma precedente.
4. I detti requisiti sono:
− termici e igrometrici;
− illuminotecnici;
− acustici;
− relativi alla purezza dell’aria;
− relativi ai servizi tecnologici;
− relativi alla fruibilità;
− relativi alla sicurezza;
− relativi alla impermeabilità e secchezza;
− relativi alla durabilità;
− ecologici.
5. Si danno per ogni requisito norme generali alle quali devono essere conformi tutti gli edifici e
norme particolari alle quali devono essere conformi gli edifici secondo la loro destinazione
d’uso.
6. Le norme tecnologiche sono vincolanti per gli edifici di nuova costruzione, per gli edifici
sperimentali e in quanto compatibili con le soluzioni tecniche realizzabili nell’ambito delle
opere previste, per gli interventi su edifici esistenti o parte di essi.
7. Sono comunque vincolati per tutti gli edifici le disposizioni più restrittive, dettate da leggi o da
regolamenti.

Articolo 98 - TERMINOLOGIA

1. I termini più ricorrenti e le definizioni ad essi attinenti vengono così riassunte:


− locale: spazio di volume determinato, interamente separato dall’ambiente esterno o da locali
contigui, mediante parete;
− parete: concreta separazione di un locali dall’ambito esterno o da un altro locale contiguo;
solitamente la parete ha uno spessore determinato o è delimitata, l’una interna rivolta
verso il locale e l’altra esterna rivolta verso l’ambiente esterno o verso un locale
contiguo;
− isolamento acustico fra due locali: differenza tra il livello di pressione sonora nel locale in
cui vi è la sorgente sonora e il livello di pressione sonora nel locale disturbato aventi

- 58 -
in comune la parete in prova;
− coefficiente di ricambio: rapporto tra il volume d’aria introdotto ogni ora in un locale ed il
volume del locale medesimo;
− coefficiente volumetrico di dispersione termica di un locale o di un insieme di locali:
fabbisogno di calore di un locale o di insieme di locali, in regime stazionario, riferito
al volume netto unitario e alla differenza unitaria di temperatura fra l’interno e
l’esterno.
2. Per quanto riguarda la definizione di : livello rumore residuo, livello rumore ambientale e
livello differenziale di rumore, si fa riferimento all’allegato “A” del D.P.C.M. 01/03/1991.

Articolo 99 - REQUISITI TERMICI E IGROMETRICI

1. Gli edifici devono essere progettati e realizzati in generale secondo la legislazione vigente, in
particolare quella relativa alla sicurezza del lavoro e all’igiene del lavoro.
2. Per gli impianti elettrici, telecomunicazioni, ecc., si deve far riferimento alle norme C.E.I..
3. Inoltre gli edifici devono essere progettati e realizzati in modo che sia possibile stabilire e
mantenere in ogni locale, nei mesi freddi temperature dell’aria e delle superfici interne
compatibili con il benessere termico delle persone e con la buona conservazione delle cose e
degli elementi costitutivi degli edifici medesimi e almeno concepiti e realizzati in modo che non
vengano superate in locale, nei mesi caldi, le massime temperature dell’aria e delle superfici
interne ed eventualmente esterne compatibili con il benessere termico delle persone e con la
buona conservazione delle cose e degli elementi costitutivi degli edifici medesimi.
4. Gli edifici, nei quali sono installati impianti che non consentono il benessere termico delle
persone, devono essere progettati e realizzati in modo da consentire almeno la salvaguardia
della parità del bilancio termico delle medesime o nei posti di lavoro o qualora non dovesse
essere possibile, in appositi locali a questi adiacenti.
5. La temperatura superficiale interna delle parti riscaldate delle pareti e quella dei corpi scaldanti
non devono superare i valori compatibili con il benessere delle persone.
6. Sulle superfici interne delle pareti opache delle pareti non si devono avere condensazioni e
tracce di acqua permanenti.
7. La temperatura risultante secca degli alloggi non deve essere inferiore a 18° C., allorchè la
temperatura esterna è pari a – 5° C..
8. La temperatura superficiale interna delle parti opache delle pareti degli alloggi non deve essere
in alcun punto inferiore alla temperatura dell’aria, diminuita di 6° C., nei mesi freddi.
9. La temperatura dell’aria deve essere sufficientemente uniforme negli alloggi e in ogni loro
locale.
10. La velocità dell’aria nella zona dei locali occupata dalle persone, a serramenti chiusi, non deve
eccedere i seguenti valori:
− 0,25 m/sec., se i locali non sono destinati ad attività industriale;
− 0,25 m/sec. a 0,50 m/sec., si i locali sono destinati ad attività industriali a seconda del tipo di
attività e permanenza delle persone;
negli ambienti condizionati devono essere mantenute condizioni di temperatura e di umidità
relativa, compatibili con il benessere termico delle persone qualora sia prevista la permanenza
fissa delle medesime.

- 59 -
Articolo 100 - REQUISITI ILLUMINOTECNICI

1. Gli edifici devono essere ubicati,progettati e realizzati in modo che in ogni locale si abbiano
condizioni di illuminazione adeguate agli impegni visivi richiesti e compatibili con il benessere
delle persone.
2. L’illuminazione diurna dei locali abitabili deve essere naturale e diretta.
3. Possono tuttavia fruire di illuminazione diurna naturale e indiretta oppure di illuminazione
diurna artificiale:
a) i locali destinati a uffici, le cui dimensioni orizzontali non consentano l’illuminazione
naturale dei piani di utilizzazione, purchè delimitati da pareti perimetrali dotate di parti
trasparenti non inferiori a 1/2 delle medesime;
b) i locali aperti al pubblico destinati ad attività commerciali, culturali, ricreative;
c) i locali destinati ad attività che richiedono particolari condizioni di illuminazione artificiale;
d) i locali destinati a servizi igienici, le cabine di cottura, di superficie inferiore a 4,00 mq. e in
diretta comunicazione con altro locale di soggiorno dotato di illuminazione ed aerazione
diretta;
e) i locali destinati alla circolazione delle persone e delle cose;
f) i locali destinati alla permanenza di persone.
4. Le parti trasparenti delle pareti perimetrali esterne devono essere progettate e posizionati in
modo da permettere l’illuminazione dei piani di utilizzazione e la “visione lontana”.
5. Le parti trasparenti delle pareti perimetrali dei locali degli alloggi non devono avere aree
inferiori ad 1/8 del piano di calpestio dei locali medesimi.
6. Le parti trasparenti delle pareti perimetrali degli alloggi devono essere dotate di dispositivi
permanenti che consentano il loro oscuramento sia parziale che totale.
7. Norme dettagliate e comunque prevalentemente relative ad attività produttive-commerciali-
direzionali con presenza di addetti prolungata o saltuaria vanno recepite dalla circolare della
Giunta Regionale Veneto del 29/7/1987 n° 38.

Articolo 101 - REQUISITI ACUSTICI - INQUINAMENTO SONORO

1. Gli edifici devono essere ubicati, progettati e realizzati in modo che i livelli sonori degli
eventuali rumori da essi immessi negli edifici circostanti non superino i valori compatibili con
la destinazione d’uso di questi ultimi.
2. Gli edifici e gli impianti in essi installati devono essere progettati e realizzati in modo che i
livelli sonori non superino nei locali di elisione e nei locali disturbati i valori compatibili con la
loro destinazione d’uso.
3. In attesa della prevista zonizzazione, si fa esplicito riferimento a quanto espresso in materia
all’art. 6 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1° marzo 1991.
4. Eventuali regolamenti locali relativi ai limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti
abitatiti e nell’ambiente esterno nonchè la classificazione in zone individuate in relazione alla
diversa destinazione d’uso con i relativi limiti massimi diurni e notturni di inquinamento
sonoro, dovranno essere adeguati al Decreto medesimo.

- 60 -
Articolo 102 - REQUISITI RELATIVI ALLA PUREZZA DELL’ARIA

1. Gli edifici devono essere progettati e realizzati in modo che in ogni locale non vengano superate
le concentrazioni di sostanze inquinanti e di vapore acqueo compatibili con il benessere e la
salute delle persone e con la buona conservazione delle cose e degli elementi costitutivi degli
edifici medesimi.
2. I volumi minimi dei locali devono essere verificati in base alle portate di sostanza inquinanti e
di vapore acqueo prodotte dalle persone, alle concentrazioni ammissibili alle portare di aria
necessaria per l’alimentazione di eventuali modesti processi di combustione, ai ricambi
d’aria effettivamente realizzabili.
3. Le sostanze inquinanti prodotte da sorgenti che non siano le persone devono essere eliminate
presso le sorgenti medesime con idonei dispositivi.
4. I ricambi d’aria negli ambienti non dotati di impianti di condizionamento o ventilazione
meccanica permanenti devono essere ottenuti mediante apposite aperture (dei serramenti, di
parti di questi o altri dispositivi), onde consentire adeguate possibilità di ventilazione naturale
anche nei mesi invernali.
5. Gli edifici e i sistemi di ventilazione devono essere progettati e realizzati in modo da impedire
l’immissione e il riflusso dei medesimi dell’aria e degli impianti espulsi e per quanto possibile,
la mutua diffusione nei locali di esalazioni e di inquinamenti in essi prodotti.
6. I locali destinati ad uffici, attività commerciali, culturali e ricreative nei quali non sia possibile
effettuare una ventilazione naturale dovranno essere condizionati o ventilati meccanicamente a
seconda delle caratteristiche morfologiche e delle attività previste.
7. I locali destinati a servizi igienici, cabine di cottura, qualora gli stessi non siano muniti di
serramenti verso l’esterno, dovranno avere sistemi di espulsione forzata meccanica dell’aria.
8. Negli alloggi tale espulsione potrà avere funzionamento discontinuo qualora i singoli servizi
siano muniti di estrattori indipendenti.
9. I servizi, le cucine ecc. nei quali è prevista l’espulsione forzata dovranno avere porte progettate
in modo da consentire il passaggio dell’aria.
10. I volumi minimi del coefficiente di ricambio dell’espulsione meccanica saranno:
− servizi igienici:
a) espulsione continua 5
b) espulsione discontinua 12
− cabine di cottura:
a) espulsione continua 8
b) espulsione discontinua 14
11. I volumi o le superfici minime dei locali degli alloggi sono i seguenti:
− locali di soggiorno: 37,80 mc.
− locali di servizio:
a) cabina di cottura 3,50 mc.
b) cucina 24,30 mc.
c) bagno con più di due apparecchi e vasca 4,00 mq.
d) bagno con più di due apparecchi e doccia 3,50 mq.
e) gabinetto con meno di tre apparecchi senza vasca o piatto doccia 2.50 mq. [5]
12. Gli alloggi devono essere costituiti da uno o più locali di soggiorno, almeno da una cucina o da
una cabina di cottura e da un bagno con più di due apparecchi e vasca o piatto doccia.
13. La somma del volume dei locali di soggiorno, divisi o indivisi, non deve essere inferiore a
37,80 mc. per persona.
14. Il numero dei locali di servizio deve essere adeguato al numero di persone per cui l’alloggio è
destinato.
15. Il coefficiente di ricambio dei locali degli alloggi non deve essere inferiore a 0,75 mc./mc.h..

- 61 -
16. Il coefficiente di ricambio dei locali di soggiorno destinati al riposo delle persone non deve
essere inferiore a 32 p/V mc./mc.h., con p numero delle persone e V volume dei locali in mc.
17. Il coefficiente di ricambio dei locali di servizio deve essere stabilito in base alle loro specifiche
destinazioni e alle scelte progettuali.
18. I locali degli alloggi, devono avere serramenti esterni, dotati di parti apribili, progettati e
posizionati in modo da consentire una efficace ventilazione naturale.
19. L’area delle parti apribili, riferita al volume del locale, deve essere non meno di 1/20 di
mq./mc., nei locali di soggiorno, non meno di 1/27 di mq./mc., nei locali di servizio. Gli alloggi
e i sistemi di ventilazione devono essere progettati e realizzati in modo da impedire la diffusione
nei locali di servizio e la mutua diffusione in questi ultimi delle esalazioni in essi prodotte. I
materiali impiegati negli alloggi non devono emettere, ne poter emettere odori ed esalazioni.

Articolo 103 - REQUISITI RELATIVI AI SERVIZI TECNOLOGICI

1. Gli edifici devono essere dotati di impianti permanenti i quali, assieme con gli altri elementi
costitutivi degli edifici medesimi, assicurino il benessere delle persone e i servizi necessari alla
loro igiene, alla loro sicurezza, alle loro attività.
2. Gli impianti o i loro componenti comuni a più punti di utilizzazione, compresi i contatori,
devono essere ubicati in locali opportunamente dimensionati e finiti, facilmente accessibili alle
persone autorizzate.
3. Gli impianti e la loro installazione devono essere progettati e realizzati in modo che tutti i
componenti compresi tra i punti di allacciamento alle reti urbane e i punti di utilizzazione, siano
facilmente agibili per la condotta, per la manutenzione, per la sostituzione, per la rimozione.
4. Le sedi degli allacciamenti degli impianti alle reti urbane e delle diramazioni ai punti di
utilizzazione e i punti di utilizzazione medesimi, non devono permettere la diffusione di
esalazioni né l’accesso di animali e di insetti indesiderabili, negli edifici e nei loro locali.
5. La centralizzazione dei servizi tecnologici, di uno o più edifici, deve essere attuata nei casi in
cui contribuisca al raggiungimento degli obiettivi stabiliti al primo comma dell’art. 94.
6. Gli edifici devono essere dotati di impianti permanenti che possano assicurare in misura
sufficiente almeno i seguenti servizi:
− distribuzione dell’acqua potabile e della energia elettrica;
− raccolta e allontanamento delle acque meteoriche, delle acque usate, dei liquami, dei rifiuti
solidi ed eventualmente liquidi;
− riscaldamento;
− trasporto verticale delle persone e trasporto verticale delle cose, fatta eccezione per gli
edifici con meno di quattro piani di calpestio.
Il numero e le caratteristiche degli impianti dovrà essere proporzionato in base a:
destinazioni dell’edificio, tempi di smaltimento, tempo di attesa, numero delle fontane;
− telecomunicazioni interne, telecomunicazioni esterne, apparecchi termali esclusi.
La dotazione degli impianti relativi a tali servizi non è obbligatoria per gli edifici di quattro
piani di calpestio;
− protezione dai rischi connessi con la esistenza dell’impianto elettrico;
− protezione degli incendi;
− protezione dai fulmini;
Le acque usate e i liquami dovranno essere immessi nei collettori urbani attraverso eventuali
impianti di depurazione se richiesti.
7. Le acque meteoriche dovranno essere immesse nei collettori urbani.

- 62 -
8. Gli alloggi devono essere dotati di impianti permanenti che possano assicurare almeno i
seguenti altri servizi:
− distribuzione dell’acqua calda, apparecchi di produzione esclusi;
− distribuzione di gas di rete o del gas liquido;
− espulsione dei gas combusti.
9. Gli impianti permanenti installati negli alloggi devono essere adeguati al numero di persone cui
ciascun alloggio è destinato.

Articolo 104 - REQUISITI RELATIVI ALLA FRUIBILITA’

1. Gli arredi devono poter essere portati negli edifici e collocati nei locali agevolmente e attraverso
le normali vie di accesso.
2. Gli edifici devono poter essere puliti, disinfettati e disinfestati in ogni loro parte.
3. La manutenzione e la eventuale sostituzione degli elementi costitutivi degli edifici o di parte dei
medesimi elementi devono poter essere effettuate facilmente e celermente.
4. Gli edifici e i loro elementi costitutivi, sollecitati da azioni statiche e dinamiche prevedibile, non
devono subire deformazioni che siano incompatibili con il benessere delle persone e con la
buona conservazione delle cose.
5. Gli impianti di cui all’art.103 devono essere ubicati, progettati e realizzati in modo da non
immettere negli edifici esalazioni, fumo, vibrazioni.
6. Le parti opache delle pareti degli alloggi devono poter ricevere gli arredi murali.

Articolo 105 - REQUISITI RELATIVI ALLA SICUREZZA

1. Gli edifici e i loro elementi costitutivi, sollecitati da azioni statiche e dinamiche prevedibili,
devono permanere stabili.
2. Gli impianti e i depositi di manovra installati permanentemente negli edifici e i depositi di
combustibile devono essere ubicati, progettati e realizzati in modo da non consentire pericolo
per le persone o per le cose.
3. Gli edifici, in relazione alla destinazione, all’altezza, alle caratteristiche delle strutture portanti,
devono essere progettati e realizzati in modo da salvaguardare dai pericoli d’incendio
l’incolumità degli occupanti, compresi gli ammalati e gli inabili e quella dei soccorritori.
4. I materiali da costruzione non devono emettere, in caso d’incendio, fumi e gas tossici in
quantità tale da costituire pericolo per gli occupanti anche degli edifici circostanti.
5. I locali degli edifici, eccettuati quelli di cui ai punti b), c), d), e), f), dell’art. 100, devono avere
un adeguato numero di serramenti esterni facilmente accessibili dall’interno e dotati di una parte
apribile.
6. Le superfici vetrate non devono poter costituire pericolo per le persone.
7. I parapetti non devono poter essere scalabili, attraversabili o sfondabili per urto accidentale.
8. La loro altezza non deve essere inferiore a ml. 1,00.
9. Gli spazi destinati alla circolazione orizzontale e verticale, interni ed esterni degli edifici, non
devono avere sporti insidiosi, superfici di calpestio sdrucciolevoli, illuminazione
insufficiente.
10. L’illuminazione diurna artificiale di emergenza dei locali di cui ai punti b), e), dell’art. 101,

- 63 -
deve poter essere assicurata anche durante le interruzioni dell’energia elettrica di rete, fanno
eccezione i locali destinati a servizi igienici qualora appartengono ad alloggi.
11. L’illuminazione dei locali destinati alla circolazione delle persone e in genere, quella degli spazi
comuni ed interni degli edifici deve poter essere assicurate anche di notte.
12. L’illuminazione degli accessi, delle rampe, dei giardini e in generale, degli spazi comuni ed
esterni degli edifici deve poter essere permanentemente assicurata anche di notte.
13. I locali destinati alle attività delle persone devono essere progettati e realizzati in modo che
ciascuna persona possa fruire di uno spazio netto non inferiore a quello delimitato da un cilindro
verticale di raggio pari a 0,80 ml, alto 2,50 ml..

Articolo 106 - REQUISITI RELATIVI ALLA IMPERMEABILITA’ E SECCHEZZA

1. Le pareti permeabili degli edifici devono essere impermeabili alle acque meteoriche,
sufficientemente impermeabili all’aria, intrinsecamente asciutte. La permeabilità dell’aria dei
giunti apribili dei serramenti perimetrali non deve superare 5 mc./h m., allorchè la
sovrapressione è di 10 mm. di H2O.
2. Quella dei giunti apribili e fissi degli altri componenti delle pareti perimetrali e degli eventuali
disposizioni di manovra non deve eccedere, nelle stesse condizioni, il valore di 0,l mc./h m..
3. Gli elementi costitutivi degli edifici devono poter evacuare le acque di edificazione e le
eventuali acque di condensazione e permanere asciutti.
4. Gli elementi costitutivi degli edifici non devono potere essere imbibiti irreversibilmente dalle
acque meteoriche e da eventuali acque fluenti o freatiche o stagnanti.

Articolo 107 - REQUISITI RELATIVI ALLA DURABILITA’

1. Gli elementi costitutivi degli edifici non devono poter subire, per effetto di trattamenti di
disinfezione e disinfestazione e di trattamenti a questi assimilabili, danni che non possano essere
eliminati con operazione di normale manutenzione.
2. Le pareti e le loro superfici interne devono essere progettate e realizzate in modo che non
possano essere deteriorate da condensazioni passeggere.
3. Gli edifici e i loro elementi costitutivi devono essere progettati e realizzati in modo che non
possano essere degradati in tempi anormalmente brevi da agenti biologici o chimici o fisici.
4. Gli edifici e i loro elementi costitutivi, sollecitati da azioni statiche e dinamiche prevedibili, non
devono poter subire deformazioni che alterino il loro aspetto.
5. Gli edifici devono essere progettati e realizzati in modo che, con operazioni di normale
manutenzione, possono conservare nel tempo le loro prestazioni e il loro decoro.

Articolo 108 - REQUISITI ECOLOGICI

1. Gli edifici e i loro impianti devono essere progettati, realizzati, accessoriati e condotti in modo
che tutti i consumi energetici e le emissioni di sostanze inquinanti, nella accezione più lata,

- 64 -
vengano contenuti al massimo.
2. Il coefficiente volumetrico relativo alla dispersione termica ed ai ricambi d’aria degli alloggi
non deve superare il valore di 0,8 Kcal./mc.h °C.
3. Tutti gli impianti di riscaldamento, condizionamento e ventilazione centralizzati per edificio o
per gruppi di edifici, dovranno essere muniti di sistemi di regolazione automatica in funzione
della temperatura esterna, onde ridurre i consumi energetici.

- 65 -
TITOLO V° - CAUTELE DA OSSERVARE NELL’ESECUZIONE DEI LAVORI

Articolo 109 - OPERE PROVVISIONALI

1. Nell’esecuzione di opere edilizie (nuove costruzioni, ampliamenti, ristrutturazione e


demolizione di fabbricati esistenti, ecc.); si devono osservare tutte le cautele atte ad evitare ogni
pericolo o danno a persone e a cose e attenuare per quanto possibile, le molestie che i terzi
possano risentire dall’esecuzione delle opere stesse.
2. Qualora si eseguano opere edilizie in fregio a spazi aperti al pubblico, il proprietario deve
chiudere con adeguata recinzione il luogo destinato all’opera, lungo i lati prospicenti gli spazi
stessi.
3. In ogni caso devono sempre essere adottati provvedimenti atti a salvaguardare l’incolumità
pubblica, deve essere assicurata la possibilità di transito ed evitata la formazione di ristagrii di
acqua.
4. Le recinzioni provvisorie devono essere di aspetto decoroso, avere altezza non minore di ml.
2,00 ed essere costruite secondo gli allineamenti e le modalità prescritte dal Comune.
5. Le aperture che si praticano nelle recinzioni provvisorie, devono aprirsi verso l’esterno o essere
scorrevoli ai lati.
6. Gli angoli sporgenti delle recinziorii provvisorie o di altro genere di riparo, devono essere
evidenziati mediante zebratura e segnaletica stradale e muniti di luci rosse che devono rimanere
accese dal tramonto al levar del sole e comunque durante tutto il tempo in cui funziona
l’illuminazione pubblica.
7. Tutte le strutture provvisionali (ponti di servizio, impalcature, rampe, scale, parapetti e simili)
devono avere requisiti di resistenza, stabilità e protezione conformi alle disposizioni di legge per
la prevenzione degli infortuni sul lavoro.
8. Il punto più basso delle opere provvisionali soprastanti luoghi aperti al pubblico, deve distare
dal suolo non meno di ml. 4,00 ed avere il piano inferiore costruito in modo da riparare con
sicurezza lo spazio sottostante.
9. Il Sindaco ha comunque la facoltà di dettare particolari prescrizioni, fissando i termini per
l’esecuzione e riservandosi l’intervento sostitutivo a spese degli interessati.

Articolo 110 - SCAVI E DEMOLIZIONI

1. Gli scavi ai margini di spazi aperti al pubblico devono essere condotti in modo da evitare lo
scoscendimento delle pareti, le quali devono pertanto essere adeguatamente sbadacchiate o
avere una pendenza rapportata alle caratteristiche del traffico e comunque non inferiore
all’angolo d’attrito del terreno.
2. Nelle opere di demolizione e specialmente nello stacco di materiali voluminosi e pesanti, si
devono usare tutte le cautele atte ad evitare danno a persone e a cose, scuotimenti del terreno e
conseguentemente danneggiamento ai fabbricati vicini.
3. Si devono comunque osservare le prescrizioni stabilite dal Regolamento di Polizia Urbana e
deve essere evitato il polverio.

- 66 -
Articolo 111 - MOVIMENTO ED ACCUMULO DEI MATERIALI

1. Nei luoghi aperti al pubblico è vietato il carico, lo scarico e l’accumulo dei materiali da
costruzione o di risulta da scavi o demolizioni.
2. Solo nel caso di assoluta necessità, il Responsabile del Servizio, a richiesta dell’interessato, può
autorizzare il carico, lo scarico e il deposito temporaneo dei materiali, con quelle norme e
cautele che, in ogni singolo caso verranno stabilite osservando le disposizioni del Regolamento
di Polizia Urbana, le norme per l’occupazione del suolo pubblico, nonchè le leggi vigenti in
materia di circolazione stradale, e di igiene. [1]

- 67 -
PARTE QUINTA – NORME TRANSITORIE [1]

TITOLO I° - DIPOSIZIONI TRANSITORIE PER L'ATTUAZIONE LEGGE


REGIONALE 08 LUGLIO 2009, N° 14 “INTERVENTI A SOSTEGNO DEL
SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA
SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007
N. 16 IN MATERIA DI BARRIERE ARCHITETTONICHE”

Articolo 112 - AMBITO DI APPLICAZIONE [1]

1. Gli interventi a sostegno del settore edilizio e per favorire l'utilizzo dell'edilizia sostenibile, di
cui agli articoli 2 e 3 della L.R. 8 luglio 2009, n. 14, sono ammessi sugli edifici ubicati in tutto il
territorio comunale, con l'esclusione di:
a). edifici ricadenti all'interno della “Zona A” - centro storico così come individuato nel PRG
vigente, con grado di protezione ai sensi del P.R.G. vigente; [2]
b). edifici vincolati ai sensi della parte seconda del decreto legislativo 22 gennaio 2004 , n. 42
"Codice dei beni culturali e dei paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio
2002, n. 137" e successive modificazioni;
c). edifici soggetti a grado di protezione 1 e 2 di tutela di cui agli artt. 48 e 77 delle Norme
Tecniche di Attuazione del PRG vigente;
d). edifici ricadenti nelle aree di inedificabilità assoluta quali l'area di golena del Fiume Piave,
la fascia di 10 metri dall'unghia degli argini dei canali, l'area di vincolo cimiteriale;
e). edifici anche parzialmente abusivi soggetti all'obbligo della demolizione;
f). edifici aventi destinazione commerciale il cui ampliamento è volto ad eludere o derogare le
disposizioni Regionali in materia di programmazione, insediamento ed apertura di grandi
strutture di vendita, centri commerciali e parchi commerciali;
g). edifici ricadenti in aree ad alta pericolosità idraulica e nelle quali non è consentita
l’edificazione ai sensi del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 “Norme in materia
ambientale” e successive modificazioni;
h). edifici oggetto di condono edilizio la cui destinazione d'uso sia in contrasto con quella
prevista dal PRG vigente;
i). edifici a destinazione produttiva individuati quali "attività da trasferire o bloccare" ai sensi
art. 48 delle Norme tecniche di Attuazione dei PRG vigente;
j). edifici non esistenti alla data dell'11/07/2009 o il cui progetto sia stato presentato al Comune
dopo il 31 marzo 2009;
k). edifici realizzati dopo il 31.12.1988 limitatamente all'applicazione dei disposti di cui
all'articolo 3 della L.R.14/09, così come modificato dall’art. 2 della L.R. 13/2011; [2]
2. È comunque ammesso, anche negli edifici ricadenti nei centri storici di cui all’articolo 2 del
decreto ministeriale n. 1444 del 1968 non sottoposti al vincolo di cui al comma 1, lettera b),

- 68 -
l’aumento della superficie utile di pavimento all’interno del volume autorizzato, nel rispetto dei
parametri igienico-sanitari previsti dalla normativa vigente. [3]

Articolo 113 - DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI [1]

1. In deroga alle previsioni dei regolamenti comunali e degli strumenti urbanistici e territoriali,
comunali, provinciali e regionali, sono consentiti i seguenti interventi di ampliamento:
 Ampliamenti di cui all’art. 2 della L.R. 14/09:
a). ampliamento degli edifici residenziali pari al 20 % del volume esistente;
b). ampliamento degli edifici residenziali in zona agricola adibiti a “prima casa” pari al 20
% del volume calcolato sulla volumetria massima assentibile ai sensi della vigente
normativa;
c). ampliamento degli edifici con destinazione diversa da residenziale pari al 20 % della
superficie coperta dell’edificio esistente ovvero pari al 20% della superficie di
pavimento, in caso di annessi agricoli;
d). ulteriore ampliamento del 10 % del volume o della superficie coperta in caso di utilizzo
di tecnologie che prevedano l’uso di fonti di energia rinnovabile con una potenza non
inferiore a 3 Kw., ancorché già installati;
e). La percentuale di cui alla lett. a) del presente comma 1 è elevata di un ulteriore 15 per
cento per gli edifici residenziali, purché vi sia un contestuale intervento di
riqualificazione dell’intero edificio che ne porti la prestazione energetica, come definita
dal decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192 “Attuazione della direttiva 2002/91/CE
relativa al rendimento energetico nell’edilizia” e dal decreto del Presidente della
Repubblica 2 aprile 2009, n. 59 “Regolamento di attuazione dell’articolo 4, comma 1,
lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, concernente attuazione
della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia” e successive
modificazioni, alla corrispondente classe B. [2]
 Ampliamenti di cui all’art. 3 della L.R. 14/09 finalizzati al rinnovamento del patrimonio
edilizio esistente:
a). ampliamento degli edifici residenziali con demolizione e ricostruzione, anche parziale,
secondo la percentuale di incremento proporzionale ai requisiti stabiliti dalla Regione
Veneto con D.G.R.V. n° 2499 del 04 Agosto 2009, con un massimo del 40 % del volume
demolito; [3]
b). ampliamento degli edifici non residenziali con demolizione e ricostruzione anche
parziale, ubicati in ZTO “D” secondo la percentuale di incremento proporzionale ai
requisiti stabiliti dalla Regione Veneto con D.G.R.V. n° 2499 del 04 Agosto 2009 , con
un massimo del 40 % della superficie coperta demolita; [3]
c). ampliamento degli annessi agricoli, con demolizione e ricostruzione anche parziale,
secondo la percentuale di incremento proporzionale ai requisiti stabiliti dalla Regione
Veneto con D.G.R.V. n° 2499 del 04 Agosto 2009 , con un massimo del 40 % della
superficie di pavimento demolita; [3]
d). ulteriore aumento di un 10% dei parametri sopra riportati nel caso in cui l’intervento
comporti una ricomposizione planivolumetrica con forme architettoniche diverse da

- 69 -
quelle esistenti comportanti la modifica dell’area di sedime nonché delle sagome degli
edifici originari e sia assoggettato ad un Piano Urbanistico Attuativo;
1 bis. Allo scopo di favorire l’installazione di impianti solari e fotovoltaici e altri sistemi di
captazione delle radiazioni solari sono consentiti i seguenti interventi: [4]
a) realizzazione di sistemi di captazione delle radiazioni solari addossati o integrati negli
edifici, quali serre bioclimatiche, pareti ad accumulo e muri collettori, atti allo
sfruttamento passivo dell’energia solare, semprechè correlati con il calcolo di progetto
degli impianti termomeccanici;
b) realizzazione di pensiline e tettoie su abitazioni esistenti finalizzate all’installazione di
impianti solari e fotovoltaici, così come definiti dalla normativa statale, di tipo integrato
o parzialmente integrato, fermo restando quanto previsto all’art. 42 del presente
Regolamento Edilizio, con potenza non superiore a 6 kWp.;
1 ter. Le strutture ed impianti di cui al comma 1 bis. non concorrono a formare cubatura sulle
abitazioni esistenti alla data dell’11/07/2009, ovvero su quelle il cui progetto è stato presentato
entro il 31/03/2009 e sono realizzabili anche in zona agricola. Esse devono essere realizzate nel
rispetto delle distanze di 5 metri dai confini di proprietà e di quelle tra fabbricati prevista dal
D.M. 1444/68, secondo le modalità e i limiti stabiliti con il provvedimento regionale di cui al
3° comma dell’art. 5 della L.R. 14/09 così come modificato dall’art. 3 della L.R. 13/11. E’,
comunque, fatto salvo quanto previsto dal decreto legislativo n. 42/2004 “Codice dei beni
culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137” e
successive modificazioni. [4]

2. Gli interventi di cui al comma 1 e 1 bis si applicano anche nelle aree individuate dal P.R.G.
come “inedificabili ai fini residenziali”, trattandosi di “aree a pericolosità moderata” secondo la
classificazione del P.A.I.. [5]

Articolo 114 - MODALITÀ DEGLI INTERVENTI [1]

1. Gli ampliamenti sono subordinati alle seguenti modalità:


a). il volume e/o la superficie coperta ammessi in ampliamento andranno contabilizzati
autonomamente rispetto all’edificio esistente. L’ufficio edilizia privata provvederà a
redigere un prospetto riepilogativo di ogni singolo intervento dal quale risulti l’ubicazione, il
volume o superficie realizzati, e il contributo di costruzione versato;
b). i sottotetti esistenti alla data del 31.03.2009 con le caratteristiche di cui all’art. 2 comma 1
lettere a) e b) della Legge Regionale n° 12 del 06.04.1999, privi di specifica destinazione,
concorrono alla formazione del volume dell’edificio esistente. L’ampliamento dovrà
prioritariamente essere realizzato utilizzando il sottotetto medesimo;
c). l’ampliamento deve essere realizzato in aderenza all’edificio esistente o utilizzando un corpo
edilizio contiguo già esistente. Ove ciò non risulti possibile oppure comprometta l’armonia
estetica del fabbricato esistente può essere autorizzata la costruzione di un corpo edilizio
separato; [2]

- 70 -
d). in zona agricola l’ampliamento è concesso anche mediante utilizzo degli annessi rustici
presenti all’interno dell’edificio esistente. Devono, comunque, essere rispettate le
indicazioni tipologiche degli artt. 69 e 70 delle NTA di PRG. Per gli edifici adibiti a prima
casa, nel caso in cui la volumetria esistente sia superiore a quella massima assentibile dalla
vigente normativa, l’ampliamento sarà calcolato sulla volumetria esistente;
e). non sono ammessi cambi di destinazione d’uso non compatibili con le destinazioni previste
dal PRG vigente. Si applicano, in ogni caso, i commi 2 bis e 2 ter dell’art. 9 della L.R. 14/09
così come modificato dall’art. 3 della L.R. 13/11; [3]
f). per edifici esistenti, anche ai fini del 4° comma dell’art. 3 della L.R. 14/2009, si intendono
quelli nei quali sia stato eseguito il rustico e completata la copertura;
g). gli interventi sono ammissibili solo qualora gli edifici siano serviti di opere di
urbanizzazione primaria ed in caso contrario solo nel caso in cui la ditta richiedente si
impegni a sostenere a propria cura e spese il costo per la realizzazione delle opere mancanti
nei modi e forme concordati con l’Ufficio Tecnico Comunale nelle forme previste dalla
legge vigente;
h). l’ampliamento con sopraelevazione è consentito solo per edifici con destinazione
residenziale e/o destinazioni compatibili con la residenza, così come elencate al comma 2
dell’art. 46 delle N.T.A., limitatamente ad un ulteriore piano, con il limite complessivo, per
le zone agricole, di tre piani fuori terra. Tale limitazione non opera nei casi in cui gli
interventi riguardino edifici oggetto di un piano attuativo per i quali ogni valutazione in
merito alla composizione planivolumetrica e al numero dei piani, sarà effettuata in sede di
approvazione del piano attuativo medesimo.
2. Ulteriori modalità per gli edifici a schiera e/o condominio:
a). nel caso di edifici a schiera l’intervento è consentito sulla base di un programma costruttivo
unitario (a prescindere dalla realizzazione dell’ampliamento di tutte le unità) ovvero a
seguito di dimostrata conoscenza dello specifico intervento da parte di tutti i proprietari
degli immobili della schiera; [3]
b). nel caso di edifici condominiali l’intervento è consentito in presenza dell’autorizzazione del
condominio comprovata da sottoscrizione del progetto da parte dell’amministratore
condominiale o di tutti i condomini;
c). nel caso di edifici residenziali plurifamiliari, con più di due alloggi e dotati di parti
esclusive, l’ampliamento è consentito, con le stesse restrizioni degli edifici a schiera; [3]
d). nel caso di edifici residenziali bifamiliari, non è necessario il programma costruttivo
unitario;
e). nel caso di edifici con destinazione produttiva in zona “D”, non è necessario il programma
costruttivo unitario;
f). nel caso di edifici con destinazione mista riconducibili alla tipologie condominiali e a
schiera, gli ampliamenti saranno autorizzabili con le stesse modalità di cui al precedente
punto a); [3]
g). il programma costruttivo dovrà essere ipotizzato in maniera armonica salvaguardando
l’estetica, le caratteristiche ed i materiali di costruzione dell’edificio esistente;
h). e’ ammesso, in aggiunta all’ampliamento consentito per un singolo alloggio, l’utilizzo di
una percentuale di ampliamento afferente ad altro alloggio, fermo restando il limite
complessivo del 20% sull’intero edificio.

- 71 -
Articolo 115 - TITOLO ABILITATIVO EDILIZIO E PROCEDIMENTO [1]

1. Gli interventi sopra descritti sono attuati tramite D.I.A.


2. Gli interventi contemplati dalle presenti norme transitorie saranno ammessi previa saturazione
delle possibilità edificatorie previste dal P.R.G.. La percentuale di ampliamento verrà calcolata
con riferimento al volume esistente alla data del 11/07/2009;
3. Nel caso in cui l’ampliamento sia ottenuto dalla sommatoria di quanto consentito dal PRG
vigente e dalla legge regionale n. 14/2009, nel principio di economicità degli atti, gli interventi
sono autorizzati tramite Permesso di Costruire.
4. Le DIA e le richieste di Permesso di costruire dovranno essere corredati dalla documentazione
prevista
a). attestazione del titolo di legittimazione;
b). asseverazione del professionista abilitato che sottoscrive la DIA, con la quale attesta la
conformità delle opere da realizzare agli strumenti urbanistici approvati e non in contrasto
con quelli adottati ed ai regolamenti edilizi vigenti, come integrati dalle norme di cui alla
legge regionale 14/09, nonché la sussistenza di tutte le condizioni cui il presente Titolo
subordina la realizzazione dell’intervento;
c). elaborati progettuali richiesti dall’articolo 13 del presente regolamento edilizio;
d). parere dell’autorità competente ai sensi dell’articolo 23, comma 4, del DPR n. 380/2001 e
successive modificazioni, nel caso di intervento su immobile vincolato;
e). documenti previsti dalla parte seconda del DPR n. 380/2001 qualora ne ricorrano i
presupposti;
f). autocertificazione sulla conformità del progetto alle norme di sicurezza e a quelle igienico-
sanitarie.
4 bis. Ai fini degli incrementi di cui agli artt. 2 e 5 della L.R. 14/2009, nonché degli incentivi di cui
all’art. 7 della medesima legge, la documentazione di cui al precedente comma 4. è integrata da: [2]
a). Progetto dell’impianto con la relativa relazione di calcolo che definisca i rendimenti
energetici;
b). Documentazione attestante la classificazione alla classe B, per i casi di cui al comma 5 bis
dell’art. 2 della L.R. 14/09 così come modificato dall’art. 3 della L.R. 13/11
5. Ai fini sanzionatori la classificazione degli interventi e del conseguente regime sanzionatorio è
quella definita dal DPR. 380/2001 “Testo Unico dell’Edilizia” e successive modifiche e
integrazioni indipendentemente che siano presentati a mezzo D.I.A. o Permesso di Costruire.

Articolo 116 - ONERI E INCENTIVI [1]

- 72 -
1. Per gli interventi di cui agli articoli 2 e 3 della L.R. 8 luglio 2009, n. 14, il contributo di
costruzione è ridotto del 60 per cento nell’ipotesi di edificio o unità immobiliari destinati a
prima abitazione del proprietario o dell’avente titolo.
1 bis. In deroga al comma 1, per gli interventi di cui agli articoli 2 e 3 della L.R. 8 luglio 2009, n.
14 che utilizzano fonti di energia rinnovabile con una potenza non inferiore a 3 kwh , il contributo
di costruzione: [2]
a). non è dovuto per gli edifici destinati a prima abitazione del proprietario o avente titolo;
b). è ridotto del 50 per cento per gli edifici adibiti ad uso diverso da quello di cui alla lettera a).

Articolo 117 - LIMITI TEMPORALI [1]

1. Gli incentivi di cui al presente titolo si applicano alle istanze presentate entro il 30/11/2013. [2]

- 73 -
NOTE AGLI ARTICOLI:
Art. 1: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 2: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 3: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 4: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 5: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 6: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 7: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 8: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 9: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 10: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 11: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010 ;
Art. 12: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[2] – Comma soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010 e reinserito con deliberazione del C.C.
n° 15 del 23/02/2012;
[3] – Comma soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010 e reinserito con deliberazione del C.C.
n° 15 del 23/02/2012;
[4] – Comma inserito con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 13: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[3] – Paragrafo così integrato con deliberazione del C.C. n° 29 del 28/04/2004 e approvato con D.G.R. n° 3715
del 28/11/2006;
Art. 14: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 15: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 16: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 17: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
TITOLO QUINTO: [1] – Titolo modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n° 26 del 31/03/2010;
Art. 18: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[3] – Comma soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 19: [1] – Articolo dapprima sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715
del 28/11/2006 e successivamente variato con deliberazioni del Consiglio Comunale n° 42 del
22/09/2007 e n° 26 del 31/03/2010 ;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 20: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;

- 74 -
Art. 21: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 22: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 23: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 24: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 25: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 26: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 27: [1] – Articolo così sostituito con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010 e reinserito con deliberazione del
C.C. n° 15 del 23/02/2012;
[3] – Comma aggiunto con deliberazione del C.C. n° 62 del 13/11/2008;
TITOLO OTTAVO: [1] – Titolo aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 62 del 13/11/2008;
Art. 28: [1] – Articolo prima soppresso con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 62 del 13/11/2008;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 29: [1] – Articolo prima soppresso con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 62 del 13/11/2008;
Art. 30: [1] – Articolo prima soppresso con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 62 del 13/11/2008;
Art. 31: [1] – Articolo prima soppresso con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006 e successivamente aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 62 del 13/11/2008;
Art. 32: [1] – Articolo soppresso con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 33: [1] – Articolo soppresso con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 34: [1] – Lettera così modificata con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[3] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 25 del 12/04/2001 e successivamente soppresso
con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[4] – Comma soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 35: [1] – Articolo soppresso con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993, reintrodotto e riformulato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010 e
successivamente modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n° 50 del 27/11/2013;
Art. 36: [1] – Comma così modificato con deliberazioni del C.C. n° 64 del 22/11/2006, n° 26 del 31/03/2010 e n° 15 del
23/02/2012;
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 37: [1] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993 e successivamente con deliberazione del C.C. n° 8 del 26/02/2002;
[2] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993;
[3] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993
[4] – Comma stralciato con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993
[5] – Comma aggiunto con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010 e così riformulato con deliberazione
del Consiglio Comunale n° 50 del 27/11/2013;
[6] – Comma aggiunto con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 38: [1] – Comma così modificato con deliberazioni del C.C. n° 39 del 01/04/2000 e n° 26 del 31/03/2010;
Art. 39: [1] – Comma così modificato con deliberazioni del C.C. n° 39 del 01/04/2000 e n° 26 del 31/03/2010;

- 75 -
Art. 40: [1] – Comma stralciato con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993
Art. 42: [1] – Comma inserito con deliberazione del C.C. n° 70 del 27/12/2008
Art. 43: [1] – Lettera così modificata con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993 e successivamente con deliberazioni del C.C. n° 26 del 31/03/2010 e n° 50 del 27/11/2013;
[2] – Lettera così modificata con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[3] – Lettera così modificata con deliberazione del C.C. . n° 26 del 31/03/2010;
[4] – Comma aggiunto con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 46: [1] – Comma stralciato con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993;
Art. 47: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[2] – Comma soppresso con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 48: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 51: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 52: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[2] – Comma aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 42 del 22/09/2007 in recepimento delle
prescrizioni date, in fase di approvazione, dalla Giunta Regionale con D.G.R. n° 3715 del 28/11/2006;
Art. 57: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 58: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 59: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 61: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 63: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 66: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
[2] – Comma aggiunto con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 67: [1] – Comma stralciato con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993;
Art. 68: [1] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993 e con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 72: [1] – Lettera così modificata con deliberazione del C.C. n° 11 del 02/02/2004 e relativa D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
Art. 75: [1] – Comma così modificato con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993;
[2] – Comma inserito con deliberazione del C.C. n° 29 del 28/04/2004 e approvato con D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006;
[3] – Comma inserito con deliberazione del C.C. n° 29 del 28/04/2004 e approvato con D.G.R. n° 3715 del
28/11/2006
Art. 77: [1] – Comma aggiunto con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 80: [1] – Articolo soppresso con deliberazione del C.C. n° 16 del 25/05/1992 e relativa D.G.R. n° 5352 del
26/11/1993;
Art. 82 bis: [1] – Articolo inserito con deliberazione del C.C. n° 76 del 16/11/2011;
Art. 86 [1] – Paragrafo modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 89: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
Art. 111: [1] – Comma modificato con deliberazione del C.C. n° 26 del 31/03/2010;
PARTE QUINTA: [1] – Parte aggiunta con deliberazione del Consiglio Comunale n° 56 del 28/10/2009;
Art. 112: [1] – Articolo aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 56 del 28/10/2009;
[2] – Paragrafo così modificato con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;
[3] – Comma inserito con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;
Art. 113: [1] – Articolo aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 56 del 28/10/2009;
[2] – Paragrafo inserito con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;
[3] – Paragrafo così modificato con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;
[4] – Comma inserito con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;
[5] – Comma modificato con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;
Art. 114: [1] – Articolo aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 56 del 28/10/2009;
[2] – Lettera così modificata con deliberazione del C.C. . n° 76 del 16/11/2011;
[3] – Lettera così modificata con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;
[4] – Lettera così modificata con deliberazione del C.C. . n° 26 del 31/03/2010;
Art. 115: [1] – Articolo aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 56 del 28/10/2009;
[2] – Comma inserito con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;
Art. 116: [1] – Articolo aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 56 del 28/10/2009;

- 76 -
[2] – Comma inserito con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;
Art. 117: [1] – Articolo aggiunto con deliberazione del Consiglio Comunale n° 56 del 28/10/2009.
[2] – Comma modificato con deliberazione del C.C. . n° 63 del 28/09/2011;

- 77 -