Sei sulla pagina 1di 6

LA

 CELLULA  EUCARIOTE  ANIMALE  E  I  TESSUTI    


 
In  natura  ci  sono  molti  tipi  di  cellule.  Esse  cambiano  in  base  all’organismo  a  cui  appartengono  ed  
alla  funzione  che  svolgono.  Resta  il  fatto,  però,  che  pur  nelle  differenze  funzionali  e  organiche,  le  
cellule   presentano   una   struttura   molto   simile.   Tutte   le   cellule,   infatti,   possiedono   il   DNA   come  
materiale   genetico,   hanno   gli   stessi   tipi   di   reazioni   chimiche   e   sono   tutte   circondate   da   una  
membrana  esterna.  Ogni  cellula  svolge  di  fatto  le  stesse  funzioni:  
 
• Assimila  le  sostanze  nutritive  
• Elimina  i  prodotti  di  scarto  
• Sintetizza  materiale  cellulare  
• Spesso  si  muove  e  si  riproduce  
 
Nei   prossimi   paragrafi   vedremo   nel   dettaglio   come   è   formata   la   cellula   animale,   quali   funzioni  
svolge  e  come  comunica  con  le  altre  cellule.  
 
Dimensione  e  confini  della  cellula  eucariote  animale  
 
Una   cellula   eucariote   (che   possiede   un   nucleo   e   degli   organuli),   tipica   degli   organismi   vegetali   e  
animali,   ha   un   diametro   che   varia   dai   10   ai   30   μm   (micrometri);   è   quindi   abbastanza   grande   se  
pensiamo  che  una  cellula  procariote,  tipica  dei  batteri,  ha  un  diametro  di  soli  2  μm.  
Le  sostanze,  come  l’ossigeno,  le  molecole  alimentari  o  i  prodotti  di  scarto,  entrano  ed  escono  dalla  
cellula,   attraversando   la   membrana   cellulare.   Queste   sostanze   rappresentano   i   prodotti   del  
metabolismo   cellulare,   ossia   l’insieme   di   tutte   le   attività   chimiche   che   si   svolgono   all’interno   della  
cellula   stessa.   Tanto   più   il   metabolismo   è   attivo,   tanto   più   gli   scambi   tra   l’interno   della   cellula   e  
l’ambiente  esterno  devono  essere  rapidi.  
Come   già   accennato,   l’ambiente   interno   della   cellula   è   separato   dall’ambiente   esterno   da   una  
membrana  cellulare  (rappresentata  in  figura),  spessa  da  7  a  9   μm  e  formata  da  un  doppio  strato  
fosfolipidico,   ossia   un   doppio   strato   di   molecole   fosfolipidiche,   posizionate   con   le   code   idrofobe  
verso   l’interno   (in   cui   è   immerso   il   colesterolo)   e   le   teste   idrofile   all’esterno.   La   membrana  
cellulare   contiene   anche   numerose   proteine,   chiamate   proteine   integrali   di   membrana,   che  
sporgono  sia  all’interno  sia  all’esterno  della  cellula  e  hanno  la  funzione  di  trasportare  le  molecole  
dentro   e   fuori.   Ci   sono   poi,   nella   parte   interna,   quella   cioè   citoplasmatica,   delle   proteine  
periferiche   di   membrana,  
legate   a   quelle   integrali.  
Essendo   la   struttura   della  
membrana   cellulare  
estremamente   flessibile   e  
fluida,   questo   modello   di  
struttura   viene   detto  
modello  a  mosaico  fluido.  
Le   due   superfici   della  
membrana   cellulare  
(quella   interna   e   quella  
esterna)   sono  
estremamente   differenti   per   la   loro   composizione   chimica   (molecole   lipidiche   e   proteiche).   Ad  
esempio,   all’esterno   le   proteine   integrali   sono   legate   a   corte   catene   di   carboidrati,   che   formano   le  
glicoproteine.    
1  
 
Struttura  della  cellula  eucariote  animale  
 
Come  si  vede  nella  figura,  una  cellula  è  formata  da  molti  organuli,  ognuno  dei  quali  ha  una  propria  
struttura  e  funzione,  che  vedremo  nel  dettaglio  qui  di  seguito.  
 

 
 
 
NUCLEO.   E’   un   grosso   corpo   sferico   posto   al   centro   della   cellula.   Esso   è   circondato   da   una  
membrana  nucleare,  fatta  da  due  membrane  (costituite  da  un  doppio  strato  fosfolipidico)  fuse  tra  
loro  ad  intervalli,  che  creano  i  pori  nucleari  (permettono  il  passaggio  di  sostanze).  All’interno  del  
nucleo   ci   sono   i   cromosomi   (che   contengono   DNA):   se   la   cellula   non   è   nello   stato   di   divisione,   essi  
sono   visibili   come   una   massa   di   filamenti,   detti   cromatina.   All’interno   del   nucleo   c’è   un’altra  
struttura  molto  visibile:  il  nucleolo.  Esso  è  il  punto  in  cui  vengono  prodotti  i  ribosomi,  organuli  sui  
quali   gli   aminoacidi   diventano   proteine.   Il   nucleo   ha   la   funzione   di   portare   le   informazioni  
ereditarie,  influenzando  l’attività  dell’intera  cellula.  
 
CITOPLASMA.  E’  tutto  ciò  che  sta  intorno  al  nucleo.  Esso  ha  una  parte  fluida,  detta  citosol,  che  è  
una   soluzione  di  ioni,  piccole   molecole   (come   aminoacidi  e  zuccheri)   e  proteine.  Inoltre   contiene  i  
ribosomi,   cioè   complessi   di   RNA-­‐proteine,   fondamentali   per   la   sintesi   delle   molecole   proteiche.   La  
maggior   parte   del   citoplasma   di   una   cellula   eucariote   contiene   dei   compartimenti,   circondati   da  
membrane,   detti   organuli,   tenuti   fermi   dal   citoscheletro,   un   insieme   di   filamenti   proteici   che  
mantengono   al   forma   della   cellula   e   dirigono   il   traffico   molecolare.   Tra   gli   organuli   della   cellula  
animale,  ricordiamo:  
• Reticolo   endoplasmatico:   è   formato   da   una   rete   di   sacchi   appiattiti,   canali   e   tubuli.   Il  
reticolo   endoplasmatico   ruvido   contiene   i   ribosomi   ed   è   la   sede   della   sintesi   proteica,  
mentre  quello  liscio  ne  è  la  continuazione  ed  ha  la  funzione  di  metabolizzare  i  carboidrati  e  
sintetizzare  i  lipidi.  

2  
 
• Apparato  di  Golgi:  fatto  da  pile  di  sacchi  appiattiti,  ha  la  funzione  di  ricevere  le  vescicole  
che   provengono   dal   reticolo   endoplasmatico,   inglobando   i   prodotti   finali   in   vescicole   di  
trasporto  per  trasferirli  in  altre  parti  della  cellula.    
• Lisosomi:   sono   vescicole   prodotte   dall’apparato   di   Golgi,   che   contengono   gli   enzimi  
coinvolti   in   alcuni   reazioni   chimiche.   In   sostanza,   questi   enzimi   demoliscono   proteine,  
polisaccaridi   e   lipidi,   riducendoli   in   piccole   molecole,   riutilizzate   poi   dalla   cellula.   Inoltre   i  
lisosomi  partecipano  alla  distruzione  dei  batteri  con  i  globuli  bianchi  (sistema  immunitario).  
• Mitocondri:  sono  organuli  in  cui  avviene  il  processo  di  respirazione  cellulare,  da  cui  si  libera  
energia.  
• Citoscheletro:   che,   come   abbiamo   già   detto,   fissa   gli   organuli   nel   citoplasma   e   mantiene   la  
forma  della  cellula.  Esso  è  formato  da  filamenti  di  actina  e  microtubuli.  
• Ciglia   e   flagelli:   sono   strutture   che   si   estendono   dalla   superficie   della   cellula.   Quando   sono  
lunghe   sono   dette   flagelli,   quando   sono   corte   sono   dette   ciglia.   La   loro   utilità   è   quella   di  
ripulire  la  superficie  cellulare.  
 
Come  le  cellule  scambiano  materiali  con  l’ambiente  
 
Ora   che   abbiamo   visto   com’è   formata   una   cellula   eucariote,   dobbiamo   focalizzarci   sul   modo   in   cui  
essa   comunica   con   l’esterno   e   con   le   altre   cellule   e,   quindi,   come   trasferisce   i   propri   materiali  
molecolari  e  chimici  all’esterno.  Di  fatto,  la  membrana  cellulare  è  selettivamente  permeabile,  ciò  
significa  che  permette  il  passaggio  di  alcune  sostanze  e  lo  impedisce  ad  altre.  
Il  meccanismo  attraverso  il  quale  le  sostanze  si  spostano  all’interno  della  cellula  è  detto  diffusione  
ed  avviene  secondo  gradiente  di  concentrazione  (cioè  le  sostanze  si  spostano  da  una  regione  in  cui  
la   concentrazione   delle   loro   molecole   è   maggiore   ad   una   in   cui   è   minore;   viceversa   si   chiama  
contro   gradiente).   Un   tipo   particolare   di   diffusione,   visibile   nella   cellula   è   l’osmosi,   ossia   un  
trasferimento   di   acqua   secondo   gradiente,   che   riesce   a   passare   dalla   membrana   cellulare   in   modo  
controllato.  
Non  tutte  le  sostanze,   però,   passano   facilmente  come   l’acqua;  è,   quindi,   necessario   l’intervento   di  
proteine   trasportatrici.   Le   proteine   trasportatrici   si   occupano   di   trasferire   per   lo   più   ioni   e   piccole  
molecole.  Alcune  di  queste  proteine,  però,  possono  passare  attraverso  la  membrana  solo  se  c’è  un  
gradiente   di   concentrazione   favorevole;   in   questo   caso   si   parla   di   diffusione   facilitata.   Altre  
proteine,   invece,   passano   contro   gradiente   di   concentrazione,   creando   un   processo   che   richiede  
molta  energia,  detto  trasporto  attivo.    
Se  le  molecole  da  trasportare  sono  di  grosse  dimensioni,  come  polisaccaridi  o  proteine,  il  trasporto  
avviene   per   mezzo   di   vescicole   che   fuoriescono   dalla   membrana   cellulare   o   che   si   fondono   con  
essa.  In  questo  caso,  si  possono  notare  due  tipi  di  trasporto:  
 
• Esocitosi:   le   vescicole   si   spostano   dall’apparato   di   Golgi   alla   superficie   della   cellula,   si  
fondono  con  la  membrana  cellulare  ed  espellono  il  loro  contenuto  all’esterno;  
• Endocitosi:   è   il   contrario  
dell’esocitosi   ed   il   contenuto   viene  
riversato  all’interno  della  cellula,  facendo  
ripiegare   la   membrana   cellulare   intorno  
alla   molecola,   creando   così   una   vescicola  
che   si   sposta   all’interno.   Se   la   sostanza   da  
trasportare  è  solida,  il  processo  si  chiama  
fagocitosi;   se   la   sostanza   è   liquida,   si  
chiama   pinocitosi;   mentre   alcuni   tipi   di  
3  
 
sostanze,   come   il   colesterolo,   vengono   introdotte   facendo   appello   a   delle   proteine   di  
membrana  che  fungono  da  recettori  della  molecola  da  inserire.  In  questo  caso  si  parla  di  
endocitosi  mediata  da  recettori.  
 
Naturalmente   dobbiamo   considerare   il   fatto   che   le   cellule   degli   organismi   pluricellulari,   come  
l’uomo,   sono   organizzate   in   tessuti,   ossia   dei   gruppi   di   cellule   specializzate   che   svolgono   una  
funzione  comune.  A  loro  volta  i  tessuti  sono  coordinati  per  formare  gli  organi,  ognuno  dei  quali  ha  
una  propria  funzione.  Data  questa  premessa,  è  fondamentale  che  ogni  cellula  possa  comunicare  
con  le  altre,  affinché  possano  collaborare  per  un  funzionamento  armonico  di  tessuti  e  organi.    
Il   passaggio   delle   sostanze   tra   una   cellula   e   l’altra   è   permesso   dalle   giunzioni   comunicanti,  
agglomerati   di   piccoli   canali,   circondati   da   proteine,   che   trasferiscono   ioni   e   piccole   molecole  
(come  ATP  o  aminoacidi)  da  una  cellula  all’altra.  
 
Tessuti  e  organi  dell’essere  umano  
 
Una  delle  caratteristiche  principali  dell’uomo,  oltre  ad  essere  un  vertebrato,  con  un  endoscheletro  
che  sostiene  il  corpo  e  cresce  con  esso,  è  che  mantiene  una  ben  precisa  organizzazione  strutturale:  
essa  è  di  tipo  gerarchico,  alla  cui  base  c’è  la  cellula.  Il  corpo  umano  è  costituito  da  milioni  di  cellule  
specializzate,  che  si  organizzano  in  tessuti  (gruppi  di  cellule  che  hanno  la  stessa  funzione).  Formati  
dai  tessuti  e  coordinati  da  essi,  ci  sono  gli  organi,  raggruppati  a  loro  volta  in  apparati  (o  sistemi).  
L’unione   degli   apparati,   che   lavorano   in   modo   armonico,   costituiscono   l’intero   organismo   (vedere  
figura).  

 
 
 
Gli  scienziati  hanno  distinto  circa  200  tipi  di  cellule,  classificate  in  quattro  tipi  di  tessuti:  
 
Tessuti  epiteliali.  Sono  costituiti  da  strati  di  cellule  che  formano  un  rivestimento  protettivo  
intorno  ad  ogni  organo  e  a  tutto  il  corpo.  I  tessuti  epiteliali  differiscono  tra  di  loro  in  base  
alle   cellule   che   li   compongono   e   possono   essere:   squamosi,   cubici   o   cilindrici.   Inoltre   i  
tessuti   epiteliali   possono   essere   formati   da   un   solo   strato   di   cellule,   come   il   rivestimento  
del   sistema   circolatorio   (epitelio   semplice)   oppure   da   diversi   strati,   come   l’epidermide  
4  
 
(epitelio   composto).   La   superficie   del   tessuto   epiteliale   è,   solitamente,   attaccata   ad   uno  
strato  sottostante  di  polisaccaridi  e  proteine  fibrose,  chiamato  membrana  basale.  Spesso  
gli   epiteli   che   rivestono   i   canali   interni   del   corpo   secernono   del   muco   per   lubrificarne   la  
superficie.   Altre   cellule   epiteliali   si   trovano   raggruppate,   fino   a   formare   delle   ghiandole,  
che  secernono  prodotti  importanti  del  nostro  corpo,  come  il  sudore  o  la  saliva.  
 
Tessuti  connettivi.  Essi  tengono  uniti,  sostengono  e  proteggono  gli  altri  tessuti.  Le  cellule  
dei  tessuti  connettivi  sono  separate  tra  loro  da  materiale  extracellulare,  sintetizzato  dalle  
cellule   del   tessuto   stesso   e   costituito   da   una   sostanza   fondamentale   e   fibre.   I   principali  
tessuti  connettivi  del  corpo  umano  sono  le  ossa,  il  sangue  e  la  linfa.    
 
Tessuto   muscolare.   Le   cellule   di   questo   tessuto   sono   in   grado   di   contrarsi   e   permettono  
anche   il   più   piccolo   movimento   del   corpo.   La   contrazione   è   data   dall’interazione   tra   due  
proteine:   l’actina   e   la   miosina.   La   striatura   di   alcuni   tessuti   muscolari   è   data   da  
raggruppamenti  di  queste  due  proteine.  Esistono  tre  tipi  di  tessuto  muscolare:    
ü il   muscolo   scheletrico,   composto   da   muscoli   striati,   spesso   volontari,  
perché   sotto   il   controllo   della   nostra   volontà.   Tale   muscolo   è   solitamente  
attaccato   ad   una   o   più   ossa,   direttamente   o   mediante   delle   strisce   di  
tessuto   connettivo   (i   tendini)   o,   se   si   tratta   di   articolazioni   come   il  
ginocchio,  da  legamenti  che  contengono  un  liquido  lubrificante.    
ü il   muscolo   cardiaco,   che   è   striato   e   costituisce   la   parete   del   cuore   ed   è  
involontario,  perché  non  possiamo  controllarlo  volontariamente.  
ü il  muscolo  liscio,  che  circonda  le  pareti  degli  organi  interni  e,  come  quello  
cardiaco,  è  involontario.  
 
Tessuto   nervoso.   Le   unità   fondamentali   del   tessuto   nervoso,   ossia   le   cellule   che   lo  
compongono  sono  i  neuroni,  che  trasmettono  gli  impulsi  nervosi.  Essi  si  differenziano  dalla  
cellula  studiata  precedentemente  per  la  forma.  Altre  cellule  importanti  del  tessuto  nervoso  
sono   le   cellule   gliali,   che   sostengono,   cibano   ed   isolano   i   neuroni.   Come   si   vede   nella  
figura,  un  neurone  è  costituito  da  un  corpo  cellulare,  che  contiene  il  nucleo  e  il  citoplasma;  
dai   dendriti,  
estensioni   che  
ricevono   gli   impulsi  
dagli   altri   neuroni;  
un   assone,   che   è  
l’estensione   del  
neurone   con   il  
compito   di  
trasportare  
velocemente   il  
segnale   chimico;  
terminazioni  
sinaptiche   (o  
diramazioni  
assoniche),  ossia  dei  filamenti  simili  ai  dendriti,  che  hanno  il  compito  di  trasferire  il  segnale  
ad  un  altro  neurone  (il  punto  in  cui  l’impulso  elettrico  viene  trasferito  si  chiama  sinapsi).  
Esistono,   a   livello   funzionale,   quattro   tipi   di   neurone:   sensoriale   (trasmette   informazioni  
sensoriali),  interneurone  (trasmette  il  segnale  all’interno  del  sistema  nervoso  centrale),  di  
5  
 
associazione  (trasmette  il  segnale  da  una  regione  all’altra  del  sistema  nervoso)  e  motorio  
(trasmette  i  segnali  dal  cervello  ai  muscoli  o  alle  ghiandole).  Questi  quattro  tipi  di  neuroni  
sono   connessi   tra   loro   e   quando   si   raggruppano   formano   i   nervi,   che   sono,   appunto   gruppi  
vasti  di  assoni  neuronali.  
 
Funzioni  dell’organismo  umano  
 
Le   strutture   e   i   processi   fisiologici   del   corpo   animale   hanno   senso,   se   pensiamo   alla   capacità   di  
adattamento  all’ambiente  circostante  ed  a  particolari  situazioni  problematiche  che  si  pongono.  Un  
organismo   affronta   tali   situazioni   utilizzando   il   proprio   patrimonio   di   istruzioni   genetiche   e,   in  
ottica   evoluzionistica,   un   organismo   sopravvive   se   è   stato   in   grado   di   trasmettere   ai   propri  
discendenti  queste  informazioni  (che  le  tramanderanno  a  loro  volta).    
Uno   dei   problemi   principali   dell’organismo   è   quello   di   mantenere   un   ambiente   interno  
sufficientemente   equilibrato   e   costante.   Tale   processo   di   mantenimento   si   chiama   omeostasi.  
Infatti   le   reazioni   chimiche   che   avvengono   nelle   cellule,   la   sintesi   e   il   mantenimento   della   loro  
struttura,   richiedono   variazioni   di   temperatura   blande   e   una   protezione   da   organismi   estranei,  
come   virus   o   batteri;   se   non   ci   fosse   omeostasi   la   cellula   (e   quindi   l’organismo)   non   potrebbe  
sopravvivere.  
L’omeostasi  permette  di  mantenere  costante  la  temperatura  interna  del  corpo  e  ci  difende  dalle  
malattie,   portate   da   microorganismi   infettivi   o   da   cellule   malate   all’interno   del   corpo   stesso.  
Inoltre   essa   permette   di   adattarsi   all’ambiente   esterno,   attraverso   un’attività   di   controllo   ed  
integrazione/coordinazione  tra  richieste  dell’ambiente  e  risposte  del  nostro  corpo.  Quindi  per  ogni  
richiesta,  c’è  una  risposta:  per  questo  motivo,  si  dice  che  l’omeostasi  permette  al  nostro  corpo  di  
effettuare  un  controllo  a  feedback.  

6  
 

Potrebbero piacerti anche