Sei sulla pagina 1di 15

Soluzione: miscela fisicamente omogenea e chimicamente

eterogenea costituita da 2 o più componenti .


A seconda dello stato fisico, le soluzioni si distinguono in gassose,
liquide o solide:
-sono soluzioni solide le leghe metalliche (acciaio: Fe + C; ottone: Cu +
Zn; ottone: Cu + Zn);
-sono soluzioni gassose tutti i miscugli di gas (aria);
-sono soluzioni liquide i miscugli omogenei di solidi, liquidi o gas in un
liquido (rispettivamente: acqua salata, acqua e vino, acqua gassata).
Una soluzione è sempre formata da un solvente (sostanza capace di
sciogliere; generalmente è quella presente in maggior quantità) e da
un soluto (la sostanza disciolta; generalmente è quella presente in
minor quantità).
Nelle soluzioni acquose il solvente è l’acqua.
Solubilità: massa in grammi che, ad una data temperatura, si
trova completamente disciolta in 100g di solvente quando la soluzione
è satura.
Soluzione satura: la quantità di soluto disciolto ha
raggiunto il limite della solubilità (saturazione della soluzione), oltre il
quale il soluto non si discioglie più. Oltre il limite della solubilità si
osserva la comparsa del corpo di fondo.
Soluzione sovrasatura: la quantità di soluto disciolto è
notevolmente superiore alla saturazione e si osserva un cospicuo corpo
di fondo.
Soluzione concentrata: la quantità di soluto disciolto è
prossima alla saturazione.
Soluzione diluita: la quantità di soluto disciolto è
notevolmente inferiore alla saturazione.
La concentrazione esprime la quantità di soluto presente in
soluzione.
La concentrazione delle soluzioni si può esprimere in vari modi:

Concentrazione percentuale:
-peso/peso (%p/p), grammi di soluto disciolti in 100g di soluzione:

-peso/volume (%p/v), grammi di soluto disciolti in 100mL di soluzione:

-volume/volume (%v/v), millilitri di soluto liquido disciolti in 100mL di


soluzione:
Nota la densità (ρ) della soluzione, si può passare dalla concentrazione
%p/p alla concentrazione %p/V (e viceversa) con la relazione:

Parti per milione (ppm): parti di soluto presenti su un


milione di parti.

Parti per miliardo (ppb): parti di soluto presenti su un


miliardo di parti.
peso/peso peso/volume volume/volume
Ppm mg/Kg mg/L μL/L
μg/Kg μg/L nL/L
Ppb
ng/g ng/mL pL/mL
Molarità (M): numero di moli di soluto disciolte in 1L di
soluzione.

Molalità (m): numero di moli di soluto disciolte in 1Kg di


solvente.
Normalità (N): numero di equivalenti di soluto disciolti in 1L
di soluzione.

Sostanza Peso equivalente Esempio


H2SO4/2 = 98/2 = 49
Acidi peso molecolare/numero degli ioni H+ H3PO4/3 = 98/3 = 32.7
HCl/1 = 36.45/1 = 36.45
NaOH/1 = 40/1 = 40
Idrossidi peso molecolare/numero degli ioni OH- Ca(OH)2/2 = 74/2 = 37
Al(OH)3/3 = 78/3 = 26
KClO4/1 = 138.45/1 = 138.45
Sali Peso molecolare/valenza dello ione CrCl3/3 = 158.35/3 = 52.78
Al2(SO4)3/6 = 342/6 = 57
Frazione molare (x): data una soluzione contenente
almeno 2 soluti diversi, si definisce la frazione molare di un soluto
come il rapporto tra il numero di moli del soluto considerato e il
numero di moli totali di soluto presenti in soluzione.
Data una soluzione contenente 2 soluti, A e B, la frazione molare di A è

Diluizione: diluire una soluzione vuol dire abbassare la sua


concentrazione. Quando si diluisce si aggiunge acqua; per calcolare il
volume di acqua necessario per raggiungere la concentrazione
desiderata, si fa riferimento alla formula:
M1V1 = M2V2
dove
M1 = molarità della soluzione iniziale (da diluire); V1 = volume della soluzione iniziale;
M2 = molarità della soluzione finale (diluita); V2 = volume della soluzione finale.
ESERCIZI

1.Calcolare la concentrazione di 250mL di una soluzione acquosa


contenente 10g di cloruro di zinco. Sapendo che la densità dell’acqua a
25°C è pari a 0.997g/cm3, esprimere il risultato in:

a) Molarità
b) Molalità
c) Normalità
d) % p/V
e) Ppm
Il cloruro di zinco ha formula ZnCl2.
mM (ZnCl2) = (65.39 + 35.45 . 2) = 136.29g/mol
n ZnCl2 = m(g)/mM(g/mol) = (10/136.29)mol = 7.3 . 10-2 mol
V = 250mL = 0.25L
peso di 250mL di acqua:
ρ = m(g)/V(mL)  m(g) = ρ * V(mL) = (0.997g/mL) * (250mL) = 249.25g

a) Molarità  M = n(mol)/V(L) = (7.3 . 10-2 mol )/(0.25L) = 0.29M


b) Molalità  m = n(mol)/Kg(solvente) = (7.3 . 10-2 mol )/(0.24925Kg)
= 0.29mol/Kg
c) Normalità  N = neq/V(L) = (0.1467eq)/(0.25L) = 0.59N
neq = m(g)/peso equivalente(g/eq) = 10/68.145 = 0.1467
peso equivalente = peso molecolare/valenza dello ione
= 136.29/2 = 68.145
d) % p/V  %p/V = 10g/250mL = 4.0 . 10-2g/mL
e) Ppm  mg/L = 10000mg/0.25L = 40000ppm
ESERCIZI

2.Che volume di acqua si deve aggiungere a 50mL di una soluzione di


HCl 1M per diluirla fino a 0.3M?

Diluizione: M1V1 = M2V2,


Dove M1 = 1M; V1 = 50mL = 0.05L
M2 = 0.3M; V2 = ?

V2 = M1V1/M2 = 1M*0.05L/0.3M = 0.167L = 167mL

Volume di acqua da aggiungere = (167 – 50)mL = 117mL


ESERCIZI
3.Dati 100mL di una soluzione acquosa contenente 5.0g di nitrato di
zinco e 5.0g di nitrato di alluminio, calcolare:

a) la frazione molare del nitrato di zinco;


b) la frazione molare del nitrato di alluminio.

Nitrato di zinco: Zn(NO3)2  n = m(g)/mM(g/mol) = 2.6 . 10-2mol


Nitrato di alluminio: Al(NO3)3  n = m(g)/mM(g/mol) = 2.3 . 10-2mol

x (Zn(NO3)2 ) = (2.6 . 10-2mol)/ ((2.6 + 2.3) . 10-2mol) = 0.53


x (Al(NO3)3 ) = 1 – 0.53 = 0.47
Legge di Raoult
La tensione di vapore è la pressione del gas in equilibrio col suo liquido.

Legge di Raoult per le soluzioni diluite (solvente + soluto):


l’abbassamento della tensione di vapore del solvente (Δp) è
proporzionale alla frazione molare del soluto (x).
Δp = p0 . x
Dove
Δp = p0 - p
p0 = tensione di vapore del liquido puro;
p = tensione di vapore della soluzione.

Legge di Raoult per le miscele ideali (solvente A + solvente B):


la tensione di vapore di un componente della miscela è proporzionale
alla sua frazione molare.
ptot = pA + pB = p0A . xA + p0B . xB
ESERCIZI

4. La tensione di vapore dell’acqua a 28°C è di 28.35mmHg.


Calcolare la tensione di vapore di una soluzione contenente 34.0g di
glucosio (formula: C6H12O6) in 500g di acqua a 28°C.

Δp = p0 . x
mMglucosio = 180g/mol
nglucosio = (34.0g)/(180g/mol) = 0.19mol
nacqua = (500g)/(18g/mol) = 27.8mol
x = (nglucosio)/(nglucosio + nacqua) = 6.8 . 10-3

Δp = p0 . x = 28.35mmHg . 6.8 . 10-3 = 0.19mmHg


p = p0 – Δp = (28.35 – 0.19)mmHg = 28.16mmHg
ESERCIZI
5. La tensione di vapore dell’acqua a 50°C è di 92mmHg.
18.1g di un composto organico disciolti in 100g di acqua provocano
una diminuzione della tensione di vapore di 5mmHg.
Calcolare la massa molare (peso molecolare) del composto.

Δp = p0 . x  x = Δp/p0 = 5/92 = 5.4 . 10-2

x = (nsoluto)/(nsoluto + nacqua)  nsoluto = (x . nacqua)/(1-x)


nacqua = (100g)/(18g/mol)= 5.55mol
nsoluto = 0.32mol
n(mol) = m(g)/mM(g/mol)  mM = m(g)/n(mol) = 18.1g/0.32mol
= 56.6g/mol
ESERCIZI
6. Qual è la frazione molare di acetato di etile (mM = 88g/mol) in una
miscela di acetato di etile e di acetato di propile (mM = 102g/mol) che
a 60°C ha una tensione di vapore di 250mmHg?
A 60°C, la tensione di vapore dell’acetato di etile è 415mmHg, mentre
la tensione di vapore dell’acetato di propile è 127mmHg.

ptot = pA + pB = p0A . xA + p0B . xB

xB = 1 – xA  ptot = pA + pB = p0A . xA + p0B . (1 – xA)

xA = (ptot – p0B)/(p0A-p0B) = 0.43