Sei sulla pagina 1di 1

la materia

L’architettura è uno spazio esperienziale, e dovrebbe essere un’esperienza

Renato Bocchi la materia del vuoto


dinamica. Tutto questo è suggerito poeticamente negli studi di Renato
Bocchi qui pubblicati. Il primo tema di riflessione è il vuoto, la considera-
zione del cavo, del non detto, nello spazio dell’architettura; il secondo tema

del
è quello della luce. Lo spazio (e il vuoto) e la luce (e le ombre) sono due
mezzi astratti e sfuggenti, ma che influenzano la nostra vita. Nell’ultimo
testo l’autore accosta linguaggio e paesaggio, facendoli funzionare come
orazioni grammaticali, per regalarci un’immagine. Se il tipo di sintassi in

vuoto
natura è come un lampo, che si sviluppa tra il cielo e la terra, qui l’autore
raggiunge una inedita e suggestiva traslazione di forze per farci intendere
l’architettura. La cosa che più colpisce è la composizione di questi saggi in
capitoli riassunti in brevi haiku. Non sono tanto digressioni analitico-cri-
tiche o storico-artistiche ma presentazioni, accompagnate da un prezioso
materiale documentario, che tendono più a suggerire che ad asserire.
(dalla prefazione di Kosme de Barañano)
Renato Bocchi
E’ importante segnalare il criterio secondo cui i testi di questo libro sono
costruiti, soprattutto per il modo con cui vengono messe in relazione opere
desunte dal campo dell’arte con parallelismi verso l’architettura, attraverso
un approccio basato sull’analisi dettagliata e operativa dei modi progettuali
comuni ad entrambe le discipline, e comprendendo come la conoscenza
dell’architettura possa servire per agire, per progettare.
(dalla postfazione di Pablo Szelagowski)

Renato Bocchi (Trento, 1949) è professore di composizione architettonica e urbana


all’Università Iuav di Venezia, dove insegna anche Teorie dell’architettura. La sua
ricerca indaga primariamente i rapporti fra arte, architettura, città e paesaggio.
Dirige per l’editore Gangemi di Roma la collana “Spazio Paesaggio Architettura”
e per le edizioni Aracne di Roma la collana “Re-cycle Italy”, frutto di una ricerca
nazionale di cui è coordinatore. Questo volume sviluppa una specifica riflessione
aperta dal libro Progettare lo spazio e il movimento, Gangemi, Roma 2009.
architettura Universalia