Sei sulla pagina 1di 56

LE CANNE FUMARIE

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE,


L’INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE

OTTOBRE 2014
Questo manuale di progettazione, installazione e manutenzione
degli impianti si prefigge lo scopo di fornire delle linee guida e
di approfondire alcuni temi per i professionisti del settore delle
canne fumarie.

Gli autori riportano alcune parti di normative o leggi vigenti


ed esprimono considerazioni personali che non costituiscono
interpretazioni vincolanti per il lettore il quale, nell’ambito della
propria autonomia professionale, rimane l’unico responsabile del
proprio operato.

Gli stralci di leggi vigenti e/o di normative sono tratte dal testo
riportato nelle pubblicazioni ufficiali, alle quali comunque ci si
dovrà riferire per ricavare il testo completo e per qualsiasi ulteriore
necessità ed esigenza.

© Termocom s.r.l. - Tutti i diritti riservati

Questa pubblicazione non può essere in tutto o in parte copiata,


fotocopiata o riprodotta senza il consenso di Termocom
Indice

Capitolo 1 Leggi e Norme di riferimento


Quadro legislativo .......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 5
Quadro normativo .......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 5

Capitolo 2 Decreto Ministeriale n° 37 del 22 gennaio 2008


Abrogazioni ............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 6
Campo di applicazione ............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................ 6
Abilitazioni ............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 6.
Requisiti tecnico-professionali ................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 6
Progettazione degli impianti ......................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 6
Dichiarazione di conformità ............................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 7.
Legenda alla dichiarazione di conformità ................................................................................................................................................................................................................................................................... 8
Quando e a chi va rilasciata .............................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 8

Capitolo 3 Decreto Legislativo n° 152


Campo di applicazione ............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................ 9
Denuncia di installazione o modifica ................................................................................................................................................................................................................................................................................. 9
Caratteristiche tecniche ......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 10.
Valori limite di emissione .................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 10.
Controlli e sanzioni ........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................ 10
Abrogazioni ............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 10

Capitolo 4 Classificazione e designazione dei materiali secondo UNI EN 1856


Classificazione e designazione dei prodotti secondo UNI EN 1856 .......................................................................................................................................................................................... 11
Placca di identificazione......................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 12

Capitolo 5 Classificazione e designazione dei materiali secondo UNI EN 1443


Classificazione e designazione dei prodotti secondo UNI EN 1443 .......................................................................................................................................................................................... 13

Capitolo 6 Classificazione e designazione materiali secondo UNI EN 14471


Classificazione e designazione dei prodotti secondo UNI EN 14471 ...................................................................................................................................................................................... 14.

Capitolo 7 UNI TS 11278:2008 Criteri di selezione dei materiali


Scopo e campo di applicazione ................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 15
Placca di identificazione della canna fumaria ....................................................................................................................................................................................................................................................... 15.
Requisiti minimi della canna fumaria - camino - condotto - canale da fumo utilizzato per l’evacuazione
dei prodotti della combustione da apparecchi alimentati con combustibili gassosi e dei vapori di cottura ............................................................... 15.
Requisiti minimi della canna fumaria - camino - condotto - canale da fumo utilizzato per l’evacuazione dei
prodotti della combustione da apparecchi alimentati con combustibili liquidi ................................................................................................................................................... 17.
Requisiti minimi della canna fumaria - camino - condotto - canale da fumo utilizzato per l’evacuazione dei
prodotti della combustione da apparecchi alimentati con combustibili solidi ...................................................................................................................................................... 18
Applicazione della UNI TS 11278:2008 ............................................................................................................................................................................................................................................................................. 20

3
Indice
Indice

Capitolo 8 Impianti con potenza < 35 kW


Camini singoli al servizio di apparecchi di tipo B con potenza < 35 kW.......................................................................................................................................................................... 24
Canne fumarie collettive al servizio di apparecchi di tipo B con potenza < 35 kW C.C.R. .................................................................................................................... 27
Camini singoli al servizio di apparecchi di tipo C con potenza < 35 kW ........................................................................................................................................................................ 29
Canne fumarie collettive al servizio di apparecchi di tipo C con potenza < 35 kW ........................................................................................................................................ 30

Capitolo 9 Verifica, risanamento, ristrutturazione e intubamento - UNI 10845


Requisiti di un sistema asservito ad apparecchi a GAS - Generalità ..................................................................................................................................................................................... 32
Requisiti di un sistema asservito ad apparecchi a GAS - Risanamento tramite intubamento con funzionamento
in depressione .................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 33
Requisiti di un sistema asservito ad apparecchi a GAS - Risanamento tramite intubamento con funzionamento
in pressione ............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 34

Capitolo 10 Impianti < 35 kW funzionanti in condensazione - UNI 11071


Progettazione, installazione impianti funzionanti con caldaie a condensazione o affini ..................................................................................................................... 36

Capitolo 11 Aperture di ventilazione e aerazione < 35 kW - UNI 7129


Installazione degli apparecchi di utilizzazione...................................................................................................................................................................................................................................................... 39
Ventilazione e aerazione dei locali di installazione ....................................................................................................................................................................................................................................... 39
Posizione e dimensioni delle aperture di ventilazione e di aerazione................................................................................................................................................................................. 40

Capitolo 12 Quote di sbocco - UNI 7129


Schemi delle quote di sbocco delle canne fumarie ....................................................................................................................................................................................................................................... 41

Capitolo 13 Impianti con potenza > 35 kW - Dlgs 152 parte II allegato IX e Norma UNI 11528/14
Camini singoli al servizio di apparecchi di potenzialità > 35 kW............................................................................................................................................................................................. 44

Capitolo 14 Canne fumarie al servizio di generatori di calore a legna - UNI 10683


Requisiti di installazione delle canne fumarie al servizio di generatori di calore alimentati a legna
o da altri biocombustibili solidi con potenza termochimica al focolare < 35 kW
(per generatori di calore alimentati da combustibili solidi con potenzialità > 35 kW vedere capitolo 13) ................................................................ 48

Capitolo 15 Impianti domestici preesistenti al 13 marzo 1990 - 10738


Verifica dell’efficienza dei sistemi di scarico dei prodotti della combustione ......................................................................................................................................................... 49
Verifica della ventilazione ................................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 49
Verifica dell’aerazione .............................................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 50

Capitolo 16 Elementi di geometria


Cilindro e parallelepipedo rettangolo .................................................................................................................................................................................................................................................................................. 51

Capitolo 17 Unità di misura


Unità di misura del sistema internazionale SI ...................................................................................................................................................................................................................................................... 52
Tavole di conversione per le unità SI .................................................................................................................................................................................................................................................................................. 53

4
CAPITOLO 4 - Classificazione e designazione dei materiali secondo UNI EN
Capitolo 1
Leggi e Norme di riferimento

Quadro legislativo
DECRETO LEGISLATIVO n° 152 del 3 aprile 2006 (Sostitutiva della Legge n° 615 e D.P.R. n° 1391)
Norme in materia ambientale

LEGGE n° 1083 del 6 dicembre 1971


Norme per la sicurezza dell’impiego del gas combustibile

DECRETO MINISTERIALE n° 37 del 22 gennaio 2008 (Sostitutiva della Legge n° 46 e D.P.R. n° 447)

LEGGE n° 10 del 9 gennaio 1991


D.P.R. n° 412 del 26 agosto 1993
D.P.R. n° 551 del 21 dicembre 1999
Norme per l’attuazione del piano energetico nazionale in materia d’uso razionale del risparmio energetico
e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia

Quadro normativo
UNI 7129/08 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione
UNI 8364/07 parti 1 - 2 - 3 Impianti di riscaldamento: esercizio; conduzione; controllo e manutenzione
UNI 10640/97 Canne fumarie collettive ramificate per apparecchi di tipo B a tiraggio naturale
UNI 10641/13 Canne fumarie e camini a tiraggio naturale per apparecchi a gas di tipo C con
ventilatore nel circuito di combustione
UNI 10738/98 Impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico preesistenti alla data
del 13 marzo 1990
UNI 10845/00 Sistemi per l’evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad
apparecchi alimentati a gas, criteri di verifica, risanamento, ristrutturazione e
intubamento
UNI EN 1443/05 Camini - Requisiti generali
UNI 11071/05 Impianti a gas per uso domestico asserviti ad apparecchi a condensazione e
affini
UNI 10683/05 Generatori di calore alimentati a legna o da altri biocombustibili solidi -
Requisiti di installazione
UNI EN 13384 - 1/06 Metodi di calcolo termico e fluido dinamico - Parte 1: Camini asserviti a un
solo apparecchio
UNI EN 13384 - 2/04 Metodi di calcolo termico e fluido dinamico - Parte 2: Camini asserviti a più
apparecchi da riscaldamento
UNI EN 1856-1/05 Requisiti per camini metallici - Parte 1: Prodotti per sistemi camini
UNI EN 1856-2/06 Requisiti per camini metallici - Parte 2: Condotti interni e canali da fumo
metallici
UNI EN 14471/05 Sistemi di camini con condotti interni di plastica
UNI EN 11278/08 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici - Scelta e corretto
utilizzo in funzione del tipo di applicazione e relativa designazione del prodotto
UNI 11528/14 Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kW - Progettazione, installazione e
messa in servizio

5
Capitolo 2
Decreto Ministeriale n° 37 del 22 gennaio 2008
ABROGAZIONI
Con questo decreto vengono abrogati il D.P.R. 447/1991, gli articoli da 107 a 121 del Testo unico dell’Edilizia e la legge 46/1990,
ad eccezione degli articoli 8, 14 e 16.

CAMPO DI APPLICAZIONE
Si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione d’uso. Quindi ad impianti di
riscaldamento comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione, delle condense e di ventilazione ed aerazione dei
locali; ad impianti per la distribuzione e l’utilizzazione di gas di qualsiasi tipo comprese le opere di evacuazione dei prodotti della
combustione e ventilazione ed aerazione dei locali. Si applica anche ad altre tipologie di impianti, che non tratteremo perché non
pertinenti alle tipologie di impianti considerati in questo manuale.

ABILITAZIONI
Sono abilitate le imprese nelle quali l’imprenditore individuale o il legale rappresentante ovvero un tecnico preposto dagli stessi è
in possesso dei requisiti tecnico professionali. Il responsabile tecnico può svolgere tale funzione per una sola impresa e la qualifica
è incompatibile con ogni altra attività continuativa.

REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI
I requisiti tecnico-professionali sono i seguenti:
- Laurea in materia tecnica specifica;
- Diploma/Qualifica di scuola secondaria superiore (specifica) + un periodo di inserimento (continuativo alle dirette dipendenze
di un’Impresa del settore) di almeno 2 anni;
- Titolo/Attestato di formazione professionale + periodo di inserimento (continuativo alle dirette dipendenze di un’Impresa del
settore) di almeno 4 anni;
- Prestazione lavorativa con qualifica “specializzato” (escluso l’apprendistato ed il periodo svolto come operaio qualificato) in
un’Impresa del settore per un periodo di almeno 3 anni.

PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI


In linea generale, la progettazione è sempre necessaria per l’installazione, la trasformazione e l’ampliamento degli impianti
(sottoposti al nostro interesse) e per tutti i tipi di impianti richiamati nel decreto ad esclusione degli impianti di sollevamento
(soggetti a specifiche disposizioni di legge).
Il decreto specifica che, fatta salva l’osservanza delle normative più rigorose in materia di progettazione, la redazione del progetto:
- al di sotto di determinate soglie dimensionali, può essere effettuata dal Responsabile tecnico dell’Impresa abilitata;
- al di sopra di tali soglie, deve essere effettuata da un Professionista iscritto all’Albo di competenza.
Esempi di soglie dimensionali fissate dal decreto:
- impianti di riscaldamento dotati di canne fumarie collettive ramificate;
- impianti a Gas con portata termica superiore a 50 kW o dotati di canne fumarie collettive ramificate (riguardo a quest’ultima
indicazione si ritiene che l’obbligo sia implicitamente riferito anche alle canne collettive ed ai casi di intubamento multiplo).
I progetti devono essere elaborati secondo la regola d’arte.
I progetti in conformità alla vigente normativa e alle indicazioni delle guide e alle norme dell’UNI, del CEI o di altri enti di
normazione facenti parte degli stati membri dell’unione europea si considerano redatti secondo la regola d’arte.

6
Capitolo 2 - Decreto Ministeriale n° 37 del 22 gennaio 2008

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ
Il nuovo decreto presenta una nuova modulistica consistente in due modelli di dichiarazione di conformità:
- L’allegato I: simile a quello precedentemente utilizzato previsto per le attività delle imprese installatrici;
- L’allegato II: è ad uso degli uffici tecnici delle imprese non installatrici.
Riportiamo di seguito il testo per l’allegato I.

7
Capitolo 2 - Decreto Ministeriale n° 37 del 22 gennaio 2008

LEGENDA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ


1) Come esempio nel caso di impianti a gas, con “altro” si può intendere la sostituzione di un apparecchio installato in modo fisso.
2) Indicare: nome, cognome, qualifica e quando ne ricorra l’obbligo ai sensi dell’art. 5, comma 2, estremi di iscrizione nel relativo
albo professionale, del tecnico che ha redatto il progetto.
3) Citare la o le norme tecniche e di legge, distinguendo tra quelle riferite alla progettazione, all’esecuzione e alle verifiche.
4) Qualora l’impianto eseguito su progetto sia variato in opera, il progetto presentato alla fine dei lavori deve comprendere le
verifiche realizzate in corso d’opera. Fa parte del progetto la citazione della pratica di prevenzione incendi (ove richiesta).
5) La relazione deve contenere, per i prodotti soggetti a norme, la dichiarazione di rispondenza alle stesse completata, ove
esistente, con riferimenti a marchi, certificati di prova, ecc. rilasciati da istituti autorizzati.
Per altri prodotti (da elencare) il firmatario deve dichiarare che trattasi di materiali, prodotti e componenti conformi a quanto
previsto dagli art. 5 e 6. La relazione deve dichiarare l’idoneità rispetto all’ambiente di installazione.
Quando rilevante ai fini del buon funzionamento dell’impianto, si devono fornire indicazioni sul numero e caratteristiche
degli apparecchi installati o installabili; ad es. per il gas: 1°) numero, tipo e potenza degli apparecchi; 2°) caratteristiche dei
componenti il sistema di ventilazione dei locali; 3°) caratteristiche del sistema di scarico dei prodotti della combustione;
4°) indicazioni sul collegamento elettrico degli apparecchi, ove previsto.
6) Per schema dell’impianto realizzato si intende la descrizione dell’opera come eseguita (si fa semplice rinvio quando questo è
stato redatto da un professionista abilitato e non sono state apportate varianti in corso d’opera).
Nel caso di trasformazione, ampliamento e manutenzione straordinaria, l’intervento deve essere inquadrato, se possibile, nello
schema dell’impianto preesistente. Lo schema citerà la pratica prevenzione incendi (ove richiesto).
7) I riferimenti sono costituiti dalle norme dell’impresa esecutrice e dalla data della dichiarazione. Per gli impianti o parti di
impianti costruiti prima dell’entrata in vigore del decreto in riferimento alle dichiarazioni di conformità, può essere sostituito
dal rinvio a dichiarazioni di rispondenza (art. 7 comma 6).
Nel caso che parte dell’impianto sia predisposto da altra impresa (ad es. ventilazione e scarico dei fumi negli impianti a gas), la
dichiarazione deve riportare gli analoghi riferimenti per dette parti.
8) Esempio: eventuali certificati dei risultati delle verifiche eseguite sull’impianto prima della messa in esercizio o trattamenti per
pulizia, disinfezione, ecc.
9) Al termine dei lavori l’impresa installatrice è tenuta a rilasciare al committente la dichiarazione di conformità degli impianti nel
rispetto delle norme di cui all’art. 7. Il committente o il proprietario è tenuto ad affidare i lavori di installazione, di trasformazione,
di ampliamento e di manutenzione degli impianti di cui art. 1 ad imprese abilitate ai sensi dell’art. 3.

QUANDO E A CHI VA RILASCIATA


Va rilasciata in caso di nuovo impianto, di trasformazione, di ampliamento, di manutenzione straordinaria o per altri motivi come
ad esempio la sostituzione di apparecchio a gas installato in modo fisso.
La dichiarazione va consegnata al committente al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalla normativa
vigente, comprese quelle di funzionalità dell’impianto.
In caso di rifacimento parziale di impianti, il progetto, la dichiarazione di conformità e l’attestazione di collaudo si riferiscono alla
sola parte oggetto di rifacimento, ma tengono conto della sicurezza e funzionalità dell’intero impianto.
Le copie della dichiarazione devono essere cinque; la prima va conservata dall’impresa installatrice (archivio), la seconda va
conservata dal committente, la terza va consegnata allo sportello unico del comune in cui è stato effettuato l’intervento, la quarta
alla Camera di commercio di appartenenza dell’impresa installatrice (in caso di nuovi impianti realizzati in edifici aventi già il
certificato di agibilità, sarà lo sportello unico del comune ad inviarne una copia alla CCIAA), la quinta all’azienda erogatrice di gas,
energia elettrica, acqua.

8
Capitolo 3
Decreto Legislativo n° 152
Tratteremo la Parte Quinta al Titolo II del Dlgs del 3 aprile 2006 n° 152 inerente gli impianti termici civili.

CAMPO DI APPLICAZIONE
Questa parte del decreto disciplina gli impianti termici civili aventi potenza termica nominale inferiore a:
- 1 MW per gruppi elettrogeni a cogenerazione;
- 0,3 MW per impianti di combustione alimentati ad olio combustibile;
- 3 MW per impianti di combustione alimentati a metano, a GPL o a biogas.

DENUNCIA DI INSTALLAZIONE O MODIFICA


Nel caso di installazione o di modifica di un impianto termico civile di potenza termica nominale superiore al valore di soglia
(come tale si intende 0,035 MW), deve essere trasmessa all’autorità competente mediante un modulo (allegato IX parte I in fianco)
un’apposita denuncia redatta dall’installatore e messa a disposizione del soggetto tenuto alla trasmissione.
ALLEGATO IX - Impianti termici civili
Parte I - modulo di denuncia
Io sottoscritto .......................................................................................................................................................................................................... in possesso dei requisiti di cui
q all’articolo 109 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001 n° 380
q all’articolo 11 del decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993 n° 412
dichiaro:
q di aver installato un impianto termico civile avente le seguenti caratteristiche, presso .................................................................
..........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

q di essere responsabile dell’esercizio e della manutenzione di un impianto termico civile avendo le seguenti
caratteristiche, presso ...................................................................................................................................................................................................................................................................................
.........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

1. Potenza termica nominale dell’impianto (MW):


2. Combustibili utilizzati:
3. Focolari:
numero totale:
potenza termica nominale di ogni focolare (MW):
4. Bruciatori e griglie mobili:
numero totale:
potenzialità e tipo del singolo dispositivo (MW):
apparecchi e accessori:
5. Canali da fumo:
sezione minima (m2):
sviluppo complessivo (m):
apertura di ispezione:
6. Camini:
sezioni minime (cm2):
altezze delle bocche in relazione agli ostacoli e alle strutture circostanti:
7. Durata del ciclo di vita dell’impianto:
8. Manutenzioni ordinarie che devono essere effettuate per garantire il rispetto dei
valori limite di emissione per l’intera durata del ciclo di vita dell’impianto:
9. Manutenzioni straordinarie che devono essere effettuate per garantire il rispetto
dei valori limite di emissione per l’intera durata del ciclo di vita dell’impianto:
10. Varie:
Dichiaro che tale impianto è conforme ai requisiti previsti dalla legislazione vigente in materia di prevenzione
e limitazione dell’inquinamento atmosferico ed è idoneo a rispettare i valori limite di emissione previsti da
tale legislazione per tutto il relativo ciclo di vita, ove siano effettuate le manutenzioni necessarie.
........................................................................................................... , lì ....................................................................................................................................................................................................................................................................

9
Capitolo 3 - Decreto Legislativo n° 152

CARATTERISTICHE TECNICHE
Per gli impianti termici civili di potenza termica nominale superiore al valore di soglia (come tale si intende 0,035 MW) si devono
rispettare le caratteristiche tecniche previste dalla parte II dell’allegato IX del decreto in base al tipo di combustibile utilizzato.
(Cap. 9 - pag. 26).

VALORI LIMITE DI EMISSIONE


I valori limite di emissione degli impianti di potenza termica nominale superiore al valore di soglia (come tale si intende 0,035
MW) e che utilizzano combustibili diversi da biomasse e biogas, come previsto dalla parte III dell’allegato IX del decreto, deve
essere al massimo di 50 mg/Nm³ per un’ora di funzionamento.
Il tenore volumetrico di ossigeno nell’effluente gassoso anidro è pari al 3% per combustibili liquidi e gassosi e pari al 6% per
combustibili solidi.
Questi valori devono essere controllati almeno annualmente dal responsabile dell’esercizio e della manutenzione dell’impianto e
di conseguenza allegati al libretto di centrale al quale devono essere anche allegati i documenti che attestano l’espletamento delle
manutenzioni necessarie a garantire il rispetto dei valori limite.

CONTROLLI E SANZIONI
L’installatore che non redige la denuncia o la redige in modo incompleto è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria da
516 € a 2.582 €.
In caso di esercizio di un impianto termico civile non conforme alle caratteristiche tecniche sopra richiamate, sono puniti con
una sanzione amministrativa pecuniaria da 516 € a 2.582 € l’installatore e il responsabile dell’esercizio e della manutenzione
dell’impianto (ove questi sia obbligato a redigere la denuncia).
Nel caso in cui l’impianto non rispetti i valori limite di emissione sono puniti con una sanzione amministrativa pecuniaria da 516
€ a 2.582€:
- il responsabile dell’esercizio e della manutenzione (nei casi in cui l’impianto non è soggetto all’obbligo di verifica);
- l’installatore e il responsabile dell’esercizio e della manutenzione (se non è stato verificato il rispetto dei valori limite di
emissione);
- il responsabile dell’esercizio e della manutenzione (se si è verificato il rispetto dei valori limite e se dal libretto di centrale non
risultano regolarmente effettuati i controlli e le manutenzioni prescritti o è stata superata la durata stabilita per il ciclo di vita
dell’impianto).
Viene punito con una sanzione amministrativa pecuniaria da 516 € a 2.582 € il responsabile dell’esercizio e della manutenzione
dell’impianto che non effettua il controllo annuale delle emissioni o non allega al libretto di centrale dei dati ivi previsti.
Inoltre, oltre alle sanzioni previste per dichiarazioni mendaci, l’autorità competente, ove accerti che l’impianto non rispetta le
caratteristiche tecniche o i valori limite di emissione, impone con un provvedimento l’adeguamento entro un determinato termine
oltre il quale l’impianto non può essere utilizzato. In caso di mancato rispetto del provvedimento si applica l’art 650 del C.P..
(Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d’ordine
pubblico o d’igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato [337, 338, 389, 450 comma 2, 509], con l’arresto fino a
tre mesi o con l’ammenda fino a 206 euro).

ABROGAZIONI
Vengono abrogati, escluse alcune disposizioni richiamate nel decreto per le quali si prevede l’ulteriore vigenza, la legge 13/07/1966
n° 615 ed il D.P.R. 22/12/1970 n° 1391.

10
Capitolo 4 - Classificazione e designazione
dei materiali secondo UNI EN 1856
CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEI PRODOTTI SECONDO UNI EN 1856/1-2
Dal 1° aprile 2005 è diventata obbligatoria (in rispondenza alla direttiva CEE/89/106 sui prodotti da costruzione) la marcatura CE
dei camini metallici.

Queste norme (UNI EN 1856-1 e UNI EN 1856-2) prevedono che i camini metallici siano dotati di una dichiarazione di conformità
che specifichi i requisiti prestazionali del prodotto come già indicati dalla UNI EN 1443.

La dichiarazione deve riportare le seguenti informazioni:


• Temperatura
Deve essere specificata la temperatura massima di utilizzo T100 / T160 / T200 / T400 / T600
Esempio: T160 = temperatura max di impiego 160 °C
• Pressione
Sono designate nel seguente modo:
N = Pressione negativa; P = Pressione positiva; H = Pressione positiva elevata
inoltre la specificazione numerica (1; 2) classifica le perdite ammesse
• Resistenza alla condensa
Dovrà essere specificato il funzionamento:
D per un funzionamento a secco, W per un funzionamento a umido
• Resistenza alla corrosione
La classe di resistenza alla corrosione dovrà essere specificata nel seguente modo:
V1 - Combustibili gassosi con funzionamento sia a secco che a umido
V2 - Combustibili gassosi, liquidi e legna per caminetti aperti con funzionamento sia a secco che a umido
V3 - Combustibili gassosi, liquidi e solidi solo con funzionamento a secco • Vm - senza Test
• Materiale
Dovrà essere specificato il materiale di costruzione e lo spessore in centesimi di millimetro
Esempio: L50040 dove L50 è il materiale utilizzato, Acciaio Inox AISI 316L (1.4404), 040 è lo spessore 0,4 mm
• Resistenza al fuoco
La resistenza al fuoco di fuliggine sarà dichiarata con G = Sì ; O = No
inoltre dovrà essere specificata la distanza minima in mm da materiali infiammabili

Esempio di designazione

SISTEMA CAMINO EN 1856-1 T160 P1 W V2 L50040 O50

Descrizione prodotto
Numero della norma
Livello di temperatura
Livello di pressione
Resistenza alla condensa
(W = umido; D = secco)
Resistenza alla corrosione
Specifiche della parete interna
Resistenza al fuoco
(G = SÌ ; O = NO)
e distanza minima da materiali
combustibili (in mm)

Rif. Norme: UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443 11


Capitolo 4
Classificazione e designazione dei materiali secondo UNI EN 1856

PLACCA DI IDENTIFICAZIONE

Istruzione per la compilazione della placca di identificazione


La targhetta dati di impianto deve essere applicata nelle immediate vicinanze del camino, in posizione visibile.
La targhetta deve essere compilata dall’installatore e deve riportare le seguenti informazioni:
1) Designazione secondo la norma EN 1443 del camino
2) Diametro interno nominale del camino (in mm)
3) Distanza minima da materiale combustibile (in mm)
4) Dati dell’installatore
5) Data di installazione

Esempi di compilazione placca per SERIE 100 - 800


Al punto 1: Designazione secondo la norma 1443 del camino
Correlazione tra norma EN 1443 e norma EN 1856-1

Norma 1443 Norma 1856-1 Tipo di combustibile


EN1443 T200 P1 W 2 050 EN1856-1 T200 P1 W V2 L50040 O50 GAS, GASOLIO IN PRESSIONE

Camino EN 1443 T200 P1 W 2 O50

N° della norma corrispondente


Classe di temperatura
Classe di resistenza alla pressione
Classe di resistenza alla condensa
Classe di resistenza alla corrosione
Distanza da materiali combustibili
Al punto 2: Compilare inserendo il diametro stampigliato sul tubo o sulla scatola, espresso in mm
Al punto 3: Inserire la distanza da materiali combustibili
Al punto 4: Inserire il nome e l’indirizzo dell’installatore
Al punto 5: Inserire la data di installazione

12 Rif. Norme: UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443


Capitolo 5 - Classificazione e designazione
dei materiali secondo UNI EN 1443
CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEI PRODOTTI SECONDO UNI EN 1443
I camini devono essere classificati secondo le seguenti caratteristiche di prestazione:
• Temperatura
• Pressione
• Resistenza alla condensa
• Resistenza alla corrosione
• Resistenza al fuoco di fuliggine e distanza da materiali combustibili

Classe di Temperatura:
• da T080 a T600 con temperatura nominale di esercizio da 80 a 600 °C

Classe di pressione e tenuta ai Gas:

Portata di dispersione Pressione di prova


Classi
l x s-1 x m-2 Pa
N1 2,0 40 per camini in p. Negativa
N2 3,0 20 per camini in p. Negativa
P1 0,006 200 per camini in p. Positiva
P2 0,120 200 per camini in p. Positiva
H1 0,006 5000 per camini in p. Pos. Elevata
H2 0,120 5000 per camini in p. Pos. Elevata

Classe di resistenza alla condensa:


• W camini con funzionamento a umido
• D camini con funzionamento a secco

Classe di resistenza alla corrosione:


Corrosione provocata dai prodotti GAS Oli combustibili con tenore di zolfo Oli combustibili con tenore di zolfo
di combustione utilizzando ≤ allo 0,2% e legno naturale > 0,2% e combustibili minerali,
come combustibili solidi e torba

Classe di resistenza alla corrosione 1 2 3

Classe di resistenza al fuoco di fuliggine e distanza da materiali combustibili:


• O per camini senza resistenza al fuoco di fuliggine
• G per camini con resistenza al fuoco di fuliggine
La distanza della superficie esterna del camino da materiali combustibili deve essere data come xx; dove xx è l’intero valore in
millimetri.

Esempio di designazione secondo UNI EN 1443


Camino EN 1443 T400 P1 W 1 G50

N° della norma corrispondente


Classe di temperatura
Classe di resistenza alla pressione
Classe di resistenza alla condensa
Classe di resistenza alla corrosione
Distanza da materiali combustibili

Rif. Norme: UNI EN 1443 13


Capitolo 6
Classificazione e designazione dei materiali secondo UNI EN 14471
CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEI PRODOTTI SECONDO UNI EN 14471

Questa norma definisce i requisiti prestazionali per sistemi di camini in materiale plastico in condizioni di
funzionamento a umido W o a secco D
I sistemi di camini devono essere classificati in conformità alle seguenti caratteristiche prestazionali:
- Classe di temperatura:
T100 / T120 / T140 / T160 / T200 / T400 / T600
- Classe di pressione:
N1 e N2 = Pressione negativa; P1 e P2 = Pressione positiva; H1 e H2 = Pressione positiva elevata
- Classe di resistenza al fuoco:
G = resistenti al fuoco; O = non resistenti al fuoco
- Classe di resistenza alla condensa:
D funzionamento a secco; W funzionamento a umido
- Classe di resistenza alla corrosione:

Corrosione provocata dai prodotti GAS Oli combustibili con tenore di zolfo Oli combustibili con tenore di zolfo
di combustione utilizzando ≤ allo 0,2% e legno naturale > 0,2% e combustibili minerali,
come combustibili solidi e torba

Classe di resistenza alla corrosione 1 2 3

- Distanza da materiali combustibili:


è data in Oxx dove xx è la distanza espressa in mm (es. O50 - O = 50 mm)
- Classe di locazione:
I = installazione interna; E = sia per installazioni interne sia per installazioni esterne
- Classe di reazione al fuoco:
A1 o A2 = incombustibile; B = molto poco infiammabile; C = poco infiammabile; D = infiammabile
E = poche proprietà di reazione al fuoco; F = non classificabile
- Classe di rivestimento:
L0 = installabili solo in cavedi di classe 0; L1 = installabili anche in cavedi non di classe 0; L = anche non rivestibili

Esempio di designazione secondo UNI EN 14471

EN 14471 T120 P1 O W 1 O50 I F LO

N° della norma corrispondente


Classe di temperatura
Classe di pressione
Classe di resistenza al fuoco
Classe di resistenza alla condensa
Classe di resistenza alla corrosione
Distanza da materiali combustibili
Classe di locazione
Classe di reazione al fuoco
Classe di rivestimento

14 Rif. Norme: UNI EN 1443


Capitolo 7 - UNI TS 11278:2008
Criteri di selezione dei materiali
SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE
Stabilisce i criteri di selezione di canne fumarie, camini, condotti e canali da fumo in materiali metallici rigidi e condotti per
intubamento flessibili in base all’apparecchio utilizzatore impiegato.
Si possono utilizzare condotti metallici flessibili nel solo caso di intubamento di camini, canne fumarie e vani tecnici già esistenti
e per lo scarico dei vapori di cottura.
La Norma UNI TS 11278:2008 si applica a camini, canali da fumo, condotti per apparecchi C6, canne fumarie e condotti per
intubamento utilizzati per l’evacuazione dei prodotti della combustione, ivi compresi i vapori di cottura, asserviti ad apparecchi in
funzione del tipo di combustibile utilizzato.

PLACCA DI IDENTIFICAZIONE DELLA CANNA FUMARIA


L’installatore deve posizionare nelle vicinanze del camino/canna fumaria la placca del camino fornita dal fabbricante come
richiesto da UNI EN 1856 (Cap. 5 - pag. 13).

REQUISITI MINIMI DELLA CANNA FUMARIA - CAMINO - CONDOTTO - CANALE DA FUMO UTILIZZATO PER L’EVACUAZIONE
DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE DA APPARECCHI ALIMENTATI CON COMBUSTIBILI GASSOSI E DEI VAPORI DI COTTURA
Non sono ammessi prodotti con classe di temperatura inferiore a T140 (140 °C) tranne nel caso di installazione di apparecchi da
cottura e di caldaie a condensazione o affini. Nello schema che segue si riportano le classi di pressione richieste per il sistema di
evacuazione fumi in funzione del tipo di apparecchio installato, del suo funzionamento e della sua ubicazione:
  Tipo di apparecchio Raccordo Sistema di evacuazione fumi
apparecchio/camino Tipologia Ubicazione Pressione di Classe
Tipologia e classe esercizio min di
min di pressione pressione

C.C.R. Interna/Esterna Negativa N1


Camino singolo Interna/Esterna Negativa N1
senza ventilatore Canale da fumo N1 Camino intubato Interna Negativa N1
Tipo B
con ventilatore Condotto di scarico P1 Camino singolo Esterna Negativa N1
Positiva P2
Interna Negativa P1
Condotto intubato Interna Negativa/Positiva P1

Camino singolo Interna/Esterna Negativa N1


senza ventilatore Canale da fumo N1 Condotto intubato Interna Negativa N1
Tipo C6
con ventilatore Condotto di scarico P1 Canna collettiva Esterna Negativa N1

Interna Negativa P1
Camino singolo Esterna Positiva P2
Negativa N1
Interna Negativa P1
Condotto intubato Esterna Negativa/Positiva P1

Per quanto concerne la resistenza ad umido (impermeabilità), la norma prescrive che la canna fumaria al servizio di apparecchi di
tipo C a condensazione o al servizio di apparecchi di cottura deve essere di classe W (resistente all’umidità). In merito alla resistenza
alla corrosione, i prodotti che sono stati sottoposti a prova di corrosione e l’hanno superata vengono designati con la sigla V1 o V2 o
V3 (Cap. 5 - pag. 13), quelli invece che non l’hanno effettuata o non l’hanno superata vengono designati con la sigla Vm.

Rif. Norme: UNI TS 11278 - UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443 15


Capitolo 7 - UNI TS 11278:2008 - Criteri di selezione dei materiali

Nello schema che segue viene riportata, in funzione della tipologia di apparecchio e alla condizione di funzionamento, la
correlazione tra le classi o il livello di resistenza alla corrosione della UNI EN 1443 e della UNI EN 1856-1, per prodotti che hanno
superato la prova di corrosione:
 Tipo di apparecchio Classe di Classe di Classe di  Tipo di apparecchio Classe di Classe di Classe di
resistenza resistenza resistenza resistenza resistenza resistenza
alla alla alla alla alla alla
corrosione condensa corrosione corrosione condensa corrosione
UNI 1443 UNI 1856-1 UNI 1443 UNI 1856-1
V1 GAS V1
V2 1 W V2
Condensazione
D V3 2 W V2
GAS V1 OIL
W V2 con S ≤ 0,2%
1
Tipo B e C6
2 D V2 (- V1 idoneo funzionamento a umido e secco con utilizzo di gas naturale, GPL
V3 con zolfo ≤ 50 mg/m³; - V2 idoneo funzionamento a umido e secco con utilizzo
OIL
con S ≤ 0,2% W V2 di gas naturale, GPL con zolfo > 50 mg/m³; - V3 idoneo funzionamento a secco
con utilizzo di gas naturale, GPL con zolfo > 50 mg/m³)

Nel caso di designazione Vm (senza prova o non superata) lo schema seguente mette in relazione, in funzione della tipologia di
apparecchio e della modalità di funzionamento (D o W), il materiale (tipo e spessore) minimo ammesso e la classe di resistenza
alla corrosione secondo la UNI EN 1443.

Tipo di apparecchio Tipo B e C6

Classe di resistenza alla


corrosione UNI 1443 GAS 1 2 OIL con S ≤ 0,2%

Classe di resistenza alla


condensa D W D W

11 (alluminio 99%) - EN AW 1200A - L11150 11 (alluminio 99%) - EN AW 1200A - L11150 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50060 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060
Tipo di
materiale, 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50060 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100
qualità
materiale n°, 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060
sigla e
spessore
70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060 80 (vetrificato/porcellanato) - L80080

80 (vetrificato/porcellanato) - L80080

Tipo di apparecchio Condensazione

Classe di resistenza alla


corrosione UNI 1443 GAS 1 2 OIL con S ≤ 0,2%

Classe di resistenza alla


condensa W W

11 (alluminio 99%) - EN AW 1200A - L11150 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060


Tipo di materiale,
qualità materiale n°, 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100
sigla e spessore
70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060

Per camino/canale da fumo/condotto/canna fumaria asservito ad apparecchi con combustibili gassosi non è richiesta la resistenza
al fuoco di fuliggine.

16 Rif. Norme: UNI TS 11278 - UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443


Capitolo 7 - UNI TS 11278:2008 - Criteri di selezione dei materiali

REQUISITI MINIMI DELLA CANNA FUMARIA - CAMINO - CONDOTTO - CANALE DA FUMO METALLICI UTILIZZATI PER
L’EVACUAZIONE DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE DI APPARECCHI ALIMENTATI CON COMBUSTIBILI LIQUIDI
Non sono ammessi prodotti con classe di temperatura inferiore a T200 (200 °C) tranne nel caso di installazione di apparecchi a
condensazione o affini.
Nello schema che segue si riportano le classi di pressione richieste per il sistema di evacuazione fumi in funzione del tipo di
apparecchio installato, del suo funzionamento e della sua ubicazione:

  Sistema di evacuazione fumi


Tipo di apparecchio Raccordo
apparecchio/camino Tipologia Ubicazione Pressione di Classe
Tipologia e classe esercizio min di
min di pressione pressione

Camino singolo Interna/Esterna Negativa N1

Aspirato Canale da fumo N1 Condotto intubato Interna Negativa N1

Pressurizzato Canale da fumo N1 Camino singolo Interna/Esterna Negativa N1

Condotto intubato Interna Negativa N1

Condotto di scarico P1 Camino singolo Esterna Negativa N1

Positiva P2

Interna Negativa N1

Condotto intubato Interna Negativa/Positiva N1

Per quanto concerne la resistenza ad umido (impermeabilità), la norma prescrive che la canna fumaria al servizio di apparecchi
di tipo aspirato può essere di classe D o di classe W. Per apparecchi a condensazione o affini deve essere di classe W (resistente
all’umidità).
In merito alla resistenza alla corrosione, i prodotti che sono stati sottoposti a prova di corrosione e l’hanno superata vengono
designati con la sigla V1 o V2 o V3 (Cap. 5 - pag. 13), quelli invece che non l’hanno effettuata o non l’hanno superata vengono
designati con la sigla Vm.
Nello schema che segue viene riportata, in funzione della tipologia di apparecchio e alla condizione di funzionamento, la
correlazione tra le classi o il livello di resistenza alla corrosione della UNI EN 1443 e della UNI EN 1856-1, per prodotti che hanno
superato la prova di corrosione:

 Tipo di apparecchio Classe di Classe di Classe di  Tipo di apparecchio Classe di Classe di Classe di
resistenza resistenza resistenza resistenza resistenza resistenza
alla alla alla alla alla alla
corrosione condensa corrosione corrosione condensa corrosione
UNI 1443 UNI 1856-1 UNI 1443 UNI 1856-1
V1 GAS V1
V2 1 W V2
Condensazione
D V3 2 W V2
GAS V1 OIL
con S ≤ 0,2%
Aspirato e 1 W V2
Pressurizzato 2 D V2 (- V1 idoneo funzionamento a umido e secco con utilizzo di gas naturale, GPL
OIL V3 con zolfo ≤ 50 mg/m³; - V2 idoneo funzionamento a umido e secco con utilizzo
con S ≤ 0,2% W V2 di gas naturale, GPL con zolfo > 50 mg/m³; - V3 idoneo funzionamento a secco
3 D V2 con utilizzo di gas naturale, GPL con zolfo > 50 mg/m³)
OIL V3
con S ≥ 0,2%

Rif. Norme: UNI TS 11278 - UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443 17


Capitolo 7 - UNI TS 11278:2008 - Criteri di selezione dei materiali

Nel caso di designazione Vm (senza prova o non superata), lo schema seguente mette in relazione, in funzione della tipologia di
apparecchio e della modalità di funzionamento (D o W), il materiale (tipo e spessore) minimo ammesso e la classe di resistenza
alla corrosione secondo la UNI EN 1443.
  Tipo di apparecchio Aspirato e Pressurizzato

Classe di resistenza alla


GAS 1 2 OIL con S ≤ 0,2%
corrosione UNI 1443
Classe di resistenza alla D W D W
condensa
50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50060 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50060 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060

Tipo di materiale, 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060


50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100
qualità materiale n°,
sigla e spessore
70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060

80 (vetrificato/porcellanato) - L80080 80 (vetrificato/porcellanato) - L80080

  Tipo di apparecchio Condensazione


Classe di resistenza alla GAS 1 2 OIL con S ≤ 0,2%
corrosione UNI 1443
Classe di resistenza alla
condensa W W

Tipo di materiale, 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060
qualità materiale n°,
sigla e spessore

Per camino/canale da fumo/condotto/canna fumaria asservito ad apparecchi con combustibili liquidi è richiesta la resistenza al
fuoco di fuliggine.

REQUISITI MINIMI NELLA CANNA FUMARIA - CAMINO - CONDOTTO - CANALE DA FUMO METALLICI UTILIZZATI PER
L’EVACUAZIONE DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE DI APPARECCHI ALIMENTATI CON COMBUSTIBILI SOLIDI
Non è consentito l’utilizzo di prodotti flessibili nel canale da fumo o raccordo.
Non sono ammessi prodotti con classe di temperatura inferiore a T400 (400 °C) tranne nel caso di installazione di apparecchi
alimentati a pellet per cui è richiesta una classe di temperatura T200.
Nello schema che segue si riportano le classi di pressione richieste per il sistema di evacuazione fumi in funzione del tipo di
apparecchio installato, del suo funzionamento e della sua ubicazione:
  Tipo di apparecchio Raccordo Sistema di evacuazione fumi
apparecchio/camino Tipologia Ubicazione Pressione di Classe
Tipologia e classe esercizio min di
min di pressione pressione

Camino singolo Interna/Esterna Negativa N1

Aspirato Canale da fumo N1 Condotto intubato Interna Negativa N1

Pressurizzato Canale da fumo N1 Camino singolo Interna/Esterna Negativa N1

Condotto intubato Interna Negativa N1

Condotto di scarico P1 Camino singolo Esterna Negativa N1

Positiva P2

Interna Negativa N1

Condotto intubato Interna Negativa/Positiva N1

18 Rif. Norme: UNI TS 11278 - UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443


Capitolo 7 - UNI TS 11278:2008 - Criteri di selezione dei materiali

Per quanto concerne la resistenza ad umido (impermeabilità), la norma prescrive che la canna fumaria al servizio di apparecchi a
combustibili solidi può essere di classe D o di classe W.
In merito alla resistenza alla corrosione, i prodotti che sono stati sottoposti a prova di corrosione e l’hanno superata vengono
designati con la sigla V2 o V3 (Cap. 5 - pag. 13), quelli invece che non l’hanno effettuata o non l’hanno superata vengono designati
con la sigla Vm.
Nello schema che segue viene riportata, in funzione della tipologia di apparecchio e alla condizione di funzionamento. la
correlazione tra le classi o il livello di resistenza alla corrosione della UNI EN 1443 e della UNI EN 1856-1, per prodotti che hanno
superato la prova di corrosione:

 Tipo di apparecchio Classe di Classe di Classe di (- V2 idoneo funzionamento a umido e secco nel caso di
resistenza resistenza resistenza combustibili solidi tipo legna per caminetti aperti; - V2 e
alla alla alla
corrosione condensa corrosione V3 idoneo funzionamento a secco per tutti i combustibili
UNI 1443 UNI 1856-1 solidi)
OIL V2
con S ≤ 0,2% D V3
Aspirato e 2 W V2
Pressurizzato 3 D V2
OIL V3
con S ≥ 0,2%

Nel caso di designazione Vm (senza prova o non superata) lo schema seguente mette in relazione, in funzione della tipologia di
apparecchio e della modalità di funzionamento (D o W), il materiale (tipo e spessore) minimo ammesso e la classe di resistenza
alla corrosione secondo la UNI EN 1443.

  Tipo di apparecchio Aspirato e Pressurizzato

Classe di resistenza alla


OIL con S ≤ 0,2% 1 2 OIL con S ≤ 0,2%
corrosione UNI 1443
Classe di resistenza alla
condensa D W D

50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100 50 (acciaio inox 316L) - 1.4404 - L50100
Tipo di materiale,
qualità materiale n°, 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060 70 (acciaio inox 904L) - 1.4539 - L70060
sigla e spessore
80 (vetrificato/porcellanato) - L80080 80 (vetrificato/porcellanato) - L80080

Per camino/canale da fumo/condotto/canna fumaria asservito ad apparecchi con combustibili solidi è richiesta la resistenza al
fuoco di fuliggine; va considerato a parte il caso di apparecchio alimentato a pellet conforme alla UNI/TS 11263 per cui è ammessa
la lettera O.

Rif. Norme: UNI TS 11278 - UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443 19


Capitolo 7 - Applicazione della UNI TS 11278:2008

SCELTA DEL MATERIALE IN BASE ALLA TIPOLOGIA DI IMPIANTO


Di seguito faremo degli esempi sulla tipologia corretta di materiale da utilizzare in funzione della tipologia di apparecchio da
allacciare alla canna fumaria.
In base alle tabelle descritte nelle pagine precedenti si evince che non è consentito l’utilizzo di materie
prime come acciaio inox AISI 304 con Vm o alluminio con spessore minore di 1,5 mm.

ESEMPIO 1) Installazione di caldaia a combustibile gassoso di Tipo C6

  Combustibile Gassoso

Tipo apparecchio Tipo C6

Esterna Intubamento
Tipologia di installazione

Collettiva Singola Singola Collettiva

Tipologia di funzionamento
Depressione Pressione Pressione Depressione

T140-N1-W-V1/2-L50040-O T140-P1-W-V1/2-L50040-O T140-P1-W-V1/2-L50040-O T140-N1-W-V1/2-L50040-O

T140-N1-D-V1/2/3-L50040-O T140-P1-D-V1/2/3-L50040-O T140-P1-D-V1/2/3-L50040-O T140-N1-D-V1/2/3-L50040-O


Designazione
minima T140-N1-W-Vm-L50100-O T140-P1-W-Vm-L50100-O T140-P1-W-Vm-L50100-O T140-N1-W-Vm-L50100-O
necessaria
T140-N1-W-Vm-L70060-O T140-P1-W-Vm-L70060-O T140-P1-W-Vm-L70060-O T140-N1-W-Vm-L70060-O

T140-N1-D-Vm-L50060-O T140-P1-D-Vm-L50060-O T140-P1-D-Vm-L50060-O T140-N1-D-Vm-L50060-O

T140-N1-D-Vm-L70060-O T140-P1-D-Vm-L70060-O T140-P1-D-Vm-L70060-O T140-N1-D-Vm-L70060-O

Tipologia di funzionamento Depressione Depressione

T140-N1-W-V1/2-L50040-O T140-N1-W-V1/2-L50040-O
Designazione
minima T140-N1-D-V1/2/3-L50040-O T140-N1-D-V1/2/3-L50040-O
necessaria
T140-N1-W-Vm-L50100-O T140-N1-W-Vm-L50100-O

T140-N1-W-Vm-L70060-O T140-N1-W-Vm-L70060-O

T140-N1-D-Vm-L50060-O T140-N1-D-Vm-L50060-O

T140-N1-D-Vm-L70060-O T140-N1-D-Vm-L70060-O

* Altri apparecchi a camera stagna non vengono trattati nella norma ma a nostro parere si considerano assimilabili a questa
stessa tipologia di apparecchi.

20 Rif. Norme: UNI TS 11278 - UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443


Capitolo 7 - Applicazione della UNI TS 11278:2008

ESEMPIO 2) Installazione di caldaia a combustibile gassoso di Tipo B

  Combustibile Gassoso

Tipo apparecchio Tipo B

Esterna Intubamento

Tipologia di installazione
Collettiva (CCR) Singola Singola Collettiva (CCR)

Tipologia di funzionamento Depressione Pressione Depressione

T140-N1-W-V1/2-L50040-O T140-P1-W-V1/2-L50040-O T140-N1-W-V1/2-L50040-O

T140-N1-D-V1/2/3-L50040-O T140-P1-D-V1/2/3-L50040-O T140-N1-D-V1/2/3-L50040-O


Designazione
minima T140-N1-W-Vm-L50100-O T140-P1-W-Vm-L50100-O T140-N1-W-Vm-L50100-O
necessaria
T140-N1-W-Vm-L70060-O T140-P1-W-Vm-L70060-O T140-N1-W-Vm-L70060-O

T140-N1-D-Vm-L50060-O T140-P1-D-Vm-L50060-O T140-N1-D-Vm-L50060-O

T140-N1-D-Vm-L70060-O T140-P1-D-Vm-L70060-O T140-N1-D-Vm-L70060-O

Tipologia di funzionamento Depressione Depressione

T140-N1-W-V1/2-L50040-O T140-N1-W-V1/2-L50040-O
Designazione
minima T140-N1-D-V1/2/3-L50040-O T140-N1-D-V1/2/3-L50040-O
necessaria
T140-N1-W-Vm-L50100-O T140-N1-W-Vm-L50100-O

T140-N1-W-Vm-L70060-O T140-N1-W-Vm-L70060-O

T140-N1-D-Vm-L50060-O T140-N1-D-Vm-L50060-O

T140-N1-D-Vm-L70060-O T140-N1-D-Vm-L70060-O

Rif. Norme: UNI TS 11278 - UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443 21


Capitolo 7 - Applicazione della UNI TS 11278:2008

ESEMPIO 3) Installazione di caldaia a combustibile gassoso a condensazione


  Combustibile Gassoso

Tipo apparecchio Condensazione

Esterna Intubamento

Tipologia di installazione
Collettiva Singola Singola Collettiva

Tipologia di funzionamento Depressione Pressione Pressione Depressione

Designazione T140-N1-W-V1/2-L50040-O T140-P1-W-V2-L50040-O T140-P1-W-V1/2-L50040-O T140-N1-W-V1/2-L50040-O


minima
necessaria T140-N1-W-Vm-L50100-O T140-P1-W-Vm-L50100-O T140-P1-W-Vm-L50100-O T140-N1-W-Vm-L50100-O

T140-N1-W-Vm-L70060-O T140-P1-W-Vm-L70060-O T140-P1-W-Vm-L70060-O T140-N1-W-Vm-L70060-O

Tipologia di funzionamento Depressione Depressione

Designazione T140-N1-W-V1/2-L50040-O T140-N1-W-V1/2-L50040-O


minima
necessaria T140-N1-W-Vm-L50100-O T140-N1-W-Vm-L50100-O

T140-N1-W-Vm-L70060-O T140-N1-W-Vm-L70060-O

ESEMPIO 4) Installazione di caldaia a combustibile liquido a condensazione

  Combustibile Liquido

Tipo apparecchio Condensazione

Esterna Intubamento

Tipologia di installazione
Singola Singola

Tipologia di funzionamento Depressione Pressione Pressione

Designazione T200-N1-W-V1/2-L50040-O T200-P2-W-V1/2-L50040-O T200-N1-W-V1/2-L50040-O


minima
T200-N1-W-Vm-L70060-O T200-P2-W-Vm-L70060-O T200-N1-W-Vm-L70060-O
necessaria

22 Rif. Norme: UNI TS 11278 - UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443


Capitolo 7 - Applicazione della UNI TS 11278:2008

ESEMPIO 5) Installazione di caldaia a combustibile liquido di tipo aspirato o pressurizzato


  Combustibile Liquido

Tipo apparecchio Aspirato e Pressurizzato

Esterna Intubamento

Tipologia di installazione
Singola Singola

Tipologia di funzionamento Depressione Pressione Depressione


solo pressurizzato

T200-N1-W-V1/2-L50040-O T200-P2-W-V1/2-L50040-O T200-N1-W-V1/2-L50040-O

T200-N1-D-V1/2/3-L50040-O T200-P2-D-V1/2/3-L50040-O T200-N1-D-V1/2/3-L50040-O


Designazione
minima T200-N1-W-Vm-L50100-O T200-P2-W-Vm-L50100-O T200-N1-W-Vm-L50100-O
necessaria
T200-N1-W-Vm-L70060-O T200-P2-W-Vm-L70060-O T200-N1-W-Vm-L70060-O

T200-N1-D-Vm-L50060-O T200-P2-D-Vm-L50060-O T200-N1-D-Vm-L50060-O

T200-N1-D-Vm-L70060-O T200-P2-D-Vm-L70060-O T200-N1-D-Vm-L70060-O

ESEMPIO 6) Installazione di caldaia a combustibile solido di tipo aspirato o pressurizzato


  Combustibile Solido

Tipo apparecchio Aspirato e Pressurizzato

Esterna Intubamento

Tipologia di installazione
Singola Singola

Tipologia di funzionamento Depressione Pressione Depressione


solo pressurizzato

T400-N1-W-V1/2-L50040-O T400-P2-W-V1/2-L50040-O T400-N1-W-V1/2-L50040-O

T400-N1-D-V1/2/3-L50040-O T400-P2-D-V1/2/3-L50040-O T400-N1-D-V1/2/3-L50040-O


Designazione
minima T400-N1-W-Vm-L50100-O T400-P2-W-Vm-L50100-O T400-N1-W-Vm-L50100-O
necessaria
T400-N1-W-Vm-L70060-O T400-P2-W-Vm-L70060-O T400-N1-W-Vm-L70060-O

T400-N1-D-Vm-L50060-O T400-P2-D-Vm-L50060-O T400-N1-D-Vm-L50060-O

T400-N1-D-Vm-L70060-O T400-P2-D-Vm-L70060-O T400-N1-D-Vm-L70060-O

Rif. Norme: UNI TS 11278 - UNI EN 1856 1/2 - UNI EN 1443 23


Capitolo 8 - Impianti con potenza < 35 kW

CAMINI SINGOLI AL SERVIZIO DI APPARECCHI DI TIPO B Sistema singolo intubato


CON POTENZA < 35 kW
L’impianto di scarico fumi completo deve essere fornito e
installato nel rispetto delle normative vigenti emanate dagli
organismi di normalizzazione ed essere realizzato alla regola
d’arte (DM 37/08).

Canale da fumo - Requisiti generali


Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Deve essere nello stesso ambiente in cui è installato l’apparecchio
o al massimo nel locale adiacente.
Deve essere smontabile e ispezionabile.
Deve essere installato in modo da consentire le normali
dilatazioni termiche.
Avere la presa di controllo dei fumi nel caso di caldaie o caldaie
combinate (riscaldamento + acqua sanitaria) vedi norma UNI
10389.
Deve essere fissato alla canna fumaria e non sporgere all’interno
di essa.
Deve avere un diametro non minore di quello del tubo di scarico
dell’apparecchio.
Non deve avere dispositivi di intercettazione (serrande o
valvole).
Non deve essere allacciato al canale da fumo dell’apparecchio lo
scarico dei vapori delle cappe.

Disposizioni aggiuntive per i canali da fumo di apparecchi


con scarico verticale
Deve avere pendenza minimo del 5% (3°).
Non deve avere lunghezza maggiore di ¼ dell’altezza efficace B
della canna fumaria e comunque non maggiore di 2500 mm.
Deve avere al massimo 3 cambiamenti di direzione (massimo 2
curve + allacciamento alla canna fumaria). Max 2500
Deve avere il tratto verticale non minore di due diametri.
Min 500 mm

Disposizioni aggiuntive per i canali da fumo di apparecchi


con scarico orizzontale 2 Ø Min

Deve avere pendenza minimo del 5% (3°).


Deve avere al massimo 2 cambiamenti di direzione (massimo 1
B
curva + allacciamento alla canna fumaria).
Non deve avere lunghezza maggiore di ¼ dell’altezza efficace
della canna fumaria e comunque non maggiore di 1500 mm.

24 Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10845 - UNI EN 13384/1 - UNI TS 11278
Capitolo 8 - Impianti con potenza < 35 kW

Collettori di scarico per apparecchi di tipo B Sistema singolo esterno


È consentito allacciare al massimo due apparecchi posizionati
all’interno dello stesso locale, collegando i due generatori
tramite un collettore o tramite due raccordi a tee uno sopra
l’altro, nella canna fumaria, ad una distanza minima di 250 mm
tra gli assi orizzontali dei due tee.
I due apparecchi collegati devono avere una differenza di
portata termica non maggiore del 30% rispetto all’apparecchio
con portata termica maggiore.
Non è consentito collegare apparecchi non similari tra loro.
Questo tipo di soluzione deve comunque rispettare i requisiti
generali citati prima.

Canna fumaria
Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Deve avere andamento prevalentemente verticale ed essere
priva di qualsiasi strozzatura.
Non deve avere più di due cambiamenti di direzione con
inclinazione massimo di 30% o di 45%, in questo caso è
necessario fare una verifica del corretto funzionamento.
Deve essere presente alla base una camera di raccolta con tappo
d’ispezione a tenuta d’aria e di uno scarico condensa di altezza
pari ad almeno 500 mm.
Deve avere sezione interna circolare, quadrata o rettangolare. In
questi ultimi due casi gli angoli devono essere arrotondati con
raggio non minore di 20 mm.
Sezioni idraulicamente equivalenti sono ammesse purché il
rapporto tra il lato maggiore e quello minore del rettangolo,
circoscritto alla sezione stessa, non sia maggiore di 1,5.
Deve essere priva di mezzi meccanici di aspirazione, tuttavia è
consentito l’utilizzo di tali mezzi purché questi anche in caso di
mal funzionamento consentano l’evacuazione all’esterno dei Max 2500
prodotti della combustione.
In caso di intubaggio il cavedio o vano tecnico utilizzato deve
Min 500 mm

essere ad uso esclusivo del sistema.


Deve essere dotata di un libretto, riportante le modalità di 2 Ø Min
installazione, d’uso e manutenzione forniti dal costruttore.
Per il dimensionamento degli impianti di questa tipologia si
utilizza il metodo di calcolo della UNI EN 13384-1.
B

Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10845 - UNI EN 13384/1 - UNI TS 11278 25
Capitolo 8 - Impianti con potenza < 35 kW

Sistema singolo esterno con 2 allacci Sistema singolo esterno con collettore

Min 500 mm

Min 250 mm
Min 500 mm

B B
B B

26 Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10845 - UNI EN 13384/1 - UNI TS 11278
Capitolo 8 - Impianti con potenza < 35 kW

CANNE FUMARIE COLLETTIVE AL SERVIZIO DI APPARECCHI DI Sistema C.C.R.


TIPO B CON POTENZA < 35 kW C.C.R. Canna collettiva coassiale ramificata
Le canne fumarie devono essere funzionanti in depressione.

L’impianto di scarico fumi completo deve essere fornito ed installato


nel rispetto delle normative vigenti emanate dagli organismi di
normalizzazione ed essere realizzato alla regola d’arte (DM 37/08).

Le C.C.R. costituiscono un “SISTEMA UNICO” per l’evacuazione dei fumi


provenienti da più apparecchi ad esse collegate.
Eventuali sostituzioni di apparecchi, componenti o modifiche al sistema
possono alterare le condizioni di funzionamento e comportare pericolo
per gli utenti del sistema stesso.

Canna fumaria
B

Condotto primario
Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali metallici
e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Deve essere a tenuta dei prodotti della combustione, delle condense e
termicamente isolata.
Deve essere realizzata con materiali adatti a resistere nel tempo alle
normali sollecitazioni meccaniche, al calore ed all’azione dei prodotti B
della combustione ed alle loro eventuali condense.

Condotto secondario
Deve avere andamento verticale ed essere priva di strozzature lungo la
sua lunghezza.
Deve essere adeguatamente coibentata per evitare i fenomeni di
congelamento e di condensa.
Deve essere correttamente distanziata mediante intercapedine d’aria o
da isolanti da materiali infiammabili.
Sia per il condotto secondario sia per quello primario, deve avere
sezione interna circolare, quadrata o rettangolare. B
In questi ultimi due casi gli angoli devono essere arrotondati con raggio
non minore di 20 mm.
Sezioni idraulicamente equivalenti sono ammesse purché il rapporto
tra il lato maggiore e quello minore del rettangolo, circoscritto alla
sezione stessa, non sia maggiore di 1,5.
Deve essere priva di qualsiasi mezzo di aspirazione ausiliario e mandata
Min 500 mm

posto in corrispondenza delle immissioni ai vari piani.


Ai condotti secondari devono essere collegati solo apparecchi similari
tra loro e devono avere una differenza di portata termica non maggiore B
del 30% rispetto all’apparecchio con portata termica maggiore.

Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10640 - UNI TS 11278 27


Capitolo 8 - Impianti con potenza < 35 kW

Deve essere allacciato un solo apparecchio per piano. Collegamento indipendente ultimo allaccio
Una C.C.R. può servire al massimo 6 piani (5+1) in quanto l’ultimo
condotto secondario scarica direttamente in atmosfera tramite lo
stesso comignolo senza immettersi nel condotto primario. In un
sistema da 2 a 5 piani l’ultimo condotto secondario può immettersi
nel primario ad una altezza non minore di 2 metri.
L’altezza del tratto terminale non può mai essere inferiore a 3 m.

Min 3000 mm

Min 2000 mm
Il condotto secondario deve avere per tutti i piani un’altezza almeno Condotto
pari all’altezza di un piano ed entrare nel primario con un elemento secondario
deviatore con angolo di 135° rispetto alla verticale.
Il diametro idraulico del secondario non deve mai essere inferiore
a 120 mm e comunque con sezione non inferiore al diametro del
primario.
Alla base del condotto primario la C.C.R. deve avere una camera
di ispezione con portello a tenuta d’aria di altezza minimo di
500 mm e deve essere previsto uno scarico condense alla base. B Condotto
Deve essere priva di mezzi meccanici di aspirazione, tuttavia è
primario
consentito l’utilizzo di tali mezzi purché questi anche in caso di mal
funzionamento consentano l’evacuazione all’esterno dei prodotti
della combustione.
Nella C.C.R. non si deve verificare alcuna sovrappressione (solo all’accensione e per non più di 60 secondi è ammesso il funzionamento
in pressione).
La C.C.R. deve essere dotata di un libretto, riportante le modalità di installazione, d’uso e manutenzione forniti dal costruttore, con
copia del progetto allegato.
La C.C.R. deve essere calcolata secondo il metodo di calcolo della UNI 10640 o della UNI EN 13384-2.
Per le C.C.R. è obbligatorio il progetto eseguito da un tecnico abilitato.
Se il dimensionamento della canna fumaria viene effettuato secondo la UNI EN 13384-2 è consentito realizzare una canna fumaria
monoflusso (vedi norma UNI 7129:2008 e UNI EN 13384-2).

Canale da fumo - Requisiti generali

Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Deve essere nello stesso ambiente in cui è installato l’apparecchio o al massimo nel locale adiacente.
Deve essere smontabile e ispezionabile.
Deve essere installato in modo da consentire le normali dilatazioni termiche.
Avere la presa di controllo dei fumi nel caso di caldaie o caldaie combinate (riscaldamento + acqua sanitaria) - vedi norma UNI
10389.
Deve essere fissato alla canna fumaria e non sporgere all’interno di essa.
Deve avere un diametro non minore di quello del tubo di scarico dell’apparecchio.
Non deve avere dispositivi di intercettazione (serrande o valvole).
Non deve essere allacciato al canale da fumo dell’apparecchio lo scarico dei vapori delle cappe.
Valgono le stesse disposizioni aggiuntive previste per i canali da fumo di apparecchi con scarico verticale o orizzontale per i camini
singoli (vedi pag. 24).

28 Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10640 - UNI TS 11278


Capitolo 8 - Impianti con potenza < 35 kW

CAMINI SINGOLI AL SERVIZIO DI APPARECCHI DI TIPO C CON Camino singolo intubato


POTENZA < 35 kW
L’impianto di scarico fumi completo deve essere fornito ed
installato nel rispetto delle normative vigenti emanate dagli
organismi di normalizzazione ed essere realizzato alla regola
d’arte (DM 37/08).

Canna fumaria
Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Deve essere dimensionata secondo il metodo di calcolo UNI EN

Min 2000 mm
13384-1.
Deve avere sezione interna circolare, quadrata o rettangolare. In
questi ultimi due casi gli angoli devono essere arrotondati con
raggio non minore di 20 mm.
Sezioni idraulicamente equivalenti sono ammesse purché il

Aria comburente
rapporto tra il lato maggiore e quello minore del rettangolo,
circoscritto alla sezione stessa, non sia maggiore di 1,5.
Deve avere un solo apparecchio allacciato per piano.
Deve avere un’altezza utile minima di 2 metri.
Deve avere andamento prevalentemente verticale ed essere
priva di qualsiasi strozzatura. C
Non deve avere più di due cambiamenti di direzione con
inclinazione massimo di 30% o di 45%, in questo caso è
necessario fare una verifica del corretto funzionamento.

Aria comburente
Deve essere presente alla base una camera di raccolta con tappo
d’ispezione a tenuta d’aria e ßuno scarico condensa di altezza
pari ad almeno 500 mm.
Devono avere i condotti combinati di aspirazione/scarico, se
adiacenti o coassiali, stagni tra loro, con sezioni terminali al di
fuori della zona di reflusso dei fumi. C
Deve essere priva di mezzi meccanici di aspirazione, tuttavia è
consentito l’utilizzo di tali mezzi purché questi anche in caso di
Aria comburente

mal funzionamento consentano l’evacuazione all’esterno dei


prodotti della combustione.
In caso di intubaggio il cavedio o vano tecnico utilizzato deve
essere ad uso esclusivo del sistema.
Deve essere dotata di un libretto, riportante le modalità di
installazione, d’uso e manutenzione forniti dal costruttore.
Per il dimensionamento degli impianti di questa tipologia si
C
utilizza il metodo di calcolo della UNI EN 13384-1.

Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10641 - UNI 10845 - UNI EN 13384/1 - UNI TS 11278 29
Capitolo 8 - Impianti con potenza < 35 kW

CANNE FUMARIE COLLETTIVE AL SERVIZIO DI APPARECCHI Sistema collettivo esterno


DI TIPO C CON POTENZA < 35 kW
L’impianto di scarico fumi completo deve essere fornito ed
installato nel rispetto delle normative vigenti emanate dagli
organismi di normalizzazione ed essere realizzato alla regola
d’arte (DM 37/08).

Le canne fumarie collettive costituiscono un “SISTEMA UNICO”


per l’evacuazione dei fumi provenienti da più apparecchi ad esse
collegate.

Min 2000 mm
Eventuali sostituzioni di apparecchi, componenti o modifiche 30° o 4

al sistema possono alterare le condizioni di funzionamento e
comportare pericolo per gli utenti del sistema stesso.

Aria comburente
Canna fumaria
Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Deve essere dimensionata secondo il metodo di calcolo UNI
EN 13384-2 per impianti collettivi da 2 a 5 piani, mentre per i C
sistemi collettivi da 6, 7 e 8 piani si utilizza il metodo di calcolo
UNI CIG 10641 con l’aggiunta dell’apertura di compensazione
alla base della canna fumaria.
Deve avere sezione interna circolare, quadrata o rettangolare. In

Aria comburente
questi ultimi due casi gli angoli devono essere arrotondati con
raggio non minore di 20 mm.
Sezioni idraulicamente equivalenti sono ammesse purché il
rapporto tra il lato maggiore e quello minore del rettangolo,
circoscritto alla sezione stessa, non sia maggiore di 1,5.
Deve avere un solo apparecchio allacciato per piano, fino ad un C
massimo di 8 piani, a tale proposito si specifica che se si effettua
il dimensionamento della canna fumaria secondo la norma UNI
EN 13384-2 è ammesso allacciare fino a due apparecchi per
piano per un massimo di 5 piani.
Aria comburente

Deve avere un’altezza utile minima di 2 metri.


Deve avere andamento prevalentemente verticale ed essere
priva di qualsiasi strozzatura.
Non deve avere più di due cambiamenti di direzione con
inclinazione massimo di 30% o di 45%, in questo caso è
necessario fare una verifica del corretto funzionamento. C
Deve essere presente alla base una camera di raccolta con tappo
d’ispezione a tenuta d’aria e uno scarico condensa di altezza pari
ad almeno 500 mm.

30 Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10641 - UNI EN 13384/2 - UNI TS 11278
Capitolo 8 - Impianti con potenza < 35 kW

Deve avere i condotti combinati di aspirazione/scarico, se Sistema collettivo combinato


adiacenti o coassiali, stagni tra loro, con sezioni terminali al di con condotti separati - intubato
fuori della zona di reflusso dei fumi.
Deve essere priva di mezzi meccanici di aspirazione, tuttavia è
consentito l’utilizzo di tali mezzi purché questi anche in caso di
mal funzionamento consentano l’evacuazione all’esterno dei
prodotti della combustione.
In caso di intubaggio il cavedio o vano tecnico utilizzato deve
essere ad uso esclusivo del sistema.
Ad una canna fumaria possono essere collegati da 1 a 8
apparecchi.
Nel caso di 7 e 8 apparecchi deve essere prevista una apertura di
compensazione alla base della canna fumaria posizionata sopra
la camera di raccolta ad una quota non inferiore a 500 mm dal
fondo del condotto.

Min 2000 mm
L’apertura di compensazione deve essere rivolta o collegata
all’esterno e protetta da una griglia a maglie fitte.
Deve avere al di sopra del primo allaccio e nel tratto terminale
della canna fumaria un foro per il rilievo della temperatura e
della pressione.
Possono essere allacciati solo apparecchi di tipo C a camera
stagna con ventilatore nel circuito di combustione con portate
termiche nominali che non differiscano di oltre il 30% in meno
rispetto la massima installabile ed alimentati dallo stesso
combustibile. C

Aria comburente
Deve essere dotata di un libretto, riportante le modalità di
installazione, d’uso e manutenzione forniti dal costruttore.
Per le canne fumarie collettive è obbligatorio il progetto eseguito
da un tecnico abilitato.

C
Compensazione

Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10641 - UNI EN 13384/2 - UNI TS 11278 31
Capitolo 9
Verifica, risanamento, ristrutturazione e intubamento - UNI 10845
REQUISITI DI UN SISTEMA ASSERVITO AD APPARECCHI A GAS

Generalità
Un sistema si ritiene idoneo all’esercizio quando sussistono tutti i requisiti di funzionalità, caratteristiche strutturali e tenuta come
prescritto dalla norma UNI 10845, tramite le seguenti prove:
- Verifica di funzionalità;
- Verifica delle caratteristiche strutturali;
- Verifica della tenuta.
I requisiti d’idoneità di un sistema devono essere verificati nei seguenti casi:
- Eventi di tipo accidentale possono aver compromesso o modificato il corretto funzionamento del sistema;
- Interventi di tipo edilizio che possono modificare o compromettere il corretto funzionamento del sistema;
- Sostituzione di impianti funzionanti con combustibili solidi o liquidi con impianti funzionanti con combustibili gassosi;
- Sostituzione di apparecchi di tipo diverso o dello stesso tipo ma non similari;
- Ogni qualvolta il sistema non risulti non funzionale e non adeguabile ai sensi della norma;
- Su specifica richiesta dell’utente.
Il requisito di funzionalità di un sistema in esercizio deve essere verificato nei seguenti casi:
- Modifiche ed ampliamenti dell’impianto di adduzione del gas che possono determinare variazione della condizione di
funzionamento del sistema;
- Sostituzione di apparecchi con apparecchi similari;
- Ogni qualvolta si riscontri un’anomalia del funzionamento del sistema.
Un sistema risulta essere funzionale al tipo di apparecchio cui è asservito quando, sottoposto alle verifiche sopra citate, soddisfa le
condizioni di:
- Adeguato afflusso di aria comburente;
- Assenza di riflusso dei prodotti della combustione verso l’ambiente interno;
- Corretta evacuazione dei prodotti della combustione.

Le caratteristiche strutturali di un sistema si ritengono adeguate se, sottoposto alle verifiche sopra citate, soddisfa le condizioni:
- Le aperture di ventilazione per l’adduzione dell’aria comburente agli apparecchi raccordati al sistema risultano libere, di adeguata
superficie e protette con opportune griglie dove richiesto;
- Gli altri cambiamenti del sistema sono realizzati con materiali adatti e non devono presentare segni di deterioramento,
danneggiamento, crepe o fessurazioni. In particolare i camini, le canne fumarie e i condotti intubati devono avere andamento
verticale ed eventuali deviazioni di percorso o di sezioni devono comunque consentire il corretto funzionamento del sistema;
- La posizione e la quota di sbocco devono essere conformi a quanto prescritto dalla UNI 7129;
- La camera di raccolta deve essere di adeguata altezza.

Per ritenere a tenuta un camino, canna fumaria o condotto intubato, bisogna effettuare una prova in pressione dalla quale deve
risultare che i valori di perdita riscontrati non siano maggiori di quelli prescritti dalla norma.

Le modalità di esecuzione delle verifiche citate sono esplicate nella norma UNI 10845 par. 6.

Attenzione: in caso di interventi su camini o canne fumarie realizzate con materiali contenenti amianto, devono essere applicate ed
osservate tutte le disposizioni legislative vigenti disciplinate dalla legge n° 257 del 27 marzo 1992 - Norme relative alla cessazione
dell’impiego dell’amianto.

32 Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10845 - UNI EN 13384 1 - UNI TS 11278
Capitolo 9 - Verifica, risanamento, ristrutturazione e
intubamento - UNI 10845

REQUISITI DI UN SISTEMA ASSERVITO AD APPARECCHI Sistema singolo intubato in depressione


A GAS - RISANAMENTO TRAMITE INTUBAMENTO CON
FUNZIONAMENTO IN DEPRESSIONE S S

Cavedio
Deve essere di materiale di classe 0 di reazione al fuoco (UNI
9177) ed essere utilizzato esclusivamente per il nuovo sistema.
Se S > 20 mm
Deve essere privo di ostruzioni o restringimenti tali da Inserire coibentazione
pregiudicarne la congruenza strutturale.
Deve avere la superficie interna del condotto perfettamente Esalazione Esalazione
pulita (non ci devono essere scorie o fuliggine).
Deve essere di sezione sufficiente e adeguata ad accogliere
il nuovo sistema; non deve presentare danni strutturali che
ne compromettano l’integrità; deve essere protetto in modo
che non possano penetrare gli agenti atmosferici; deve essere
ispezionabile alla base con portello a tenuta se in corrispondenza
di locali interni. Deve essere considerato parte integrante del
nuovo sistema, in particolare per il calcolo e la valutazione della
resistenza termica globale di parete.
Nei casi in cui sia prevista un’intercapedine, tra il condotto
intubato e la struttura del cavedio utilizzata per l’adduzione
di aria comburente per alimentare gli apparecchi raccordati al
sistema, essa deve essere aperta alla sommità con superficie
uguale o superiore alla sezione del condotto fumi, deve essere
ispezionabile ed adeguatamente dimensionata.
La tenuta dei condotti di scarico fumi in depressione deve essere
verificata ad una prova di 40 Pa.

Canna fumaria o condotto intubato


Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Deve garantire nel tempo le caratteristiche di tenuta e resistenza
alle normali sollecitazioni meccaniche, termiche e chimiche, Per tipo C aspirazione
aria comburente
particolarmente la resistenza all’azione delle condense e dei
prodotti della combustione.
Il sistema deve potere essere ispezionabile tramite camera
di raccolta e scarico condensa per consentire le operazioni di
controllo e pulizia.
Il condotto deve avere andamento verticale; sono ammessi 2
cambiamenti di direzione con angolo rispetto alla verticale di CoB
non più di 45°.
Non è consentito effettuare dei restringimenti, eventuali
allargamenti sono ammessi ma solo con elementi conici.
Deve essere dotata di un libretto d’uso e manutenzione forniti
dal costruttore.

Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10641 - UNI 10845 - UNI EN 13384 1/2 - UNI TS 11278 33
Capitolo 9 - Verifica, risanamento, ristrutturazione e
intubamento - UNI 10845

REQUISITI DI UN SISTEMA ASSERVITO AD APPARECCHI Sistema singolo intubato in pressione


A GAS - RISANAMENTO TRAMITE INTUBAMENTO CON con intercapedine ventilata
FUNZIONAMENTO IN PRESSIONE
Si Se Si Se
Cavedio
Deve essere di materiale di classe 0 di reazione al fuoco (UNI
9177) ed essere utilizzato esclusivamente per il nuovo sistema.
Deve essere privo di ostruzioni o restringimenti tali da L Ø min
pregiudicarne la congruenza strutturale. Se ≥ Si per Ø 80 L = 110 mm
Se ≥ Si per Ø 80 Ø min = 113 mm
Deve avere la superficie interna del condotto perfettamente
pulita (non ci devono essere scorie o fuliggine).
Deve essere di sezione sufficiente e adeguata ad accogliere il nuovo

Ventilazione
Ventilazione
sistema; non deve avere danni strutturali che ne compromettano
l’integrità; deve essere protetto in modo che non possano
penetrare gli agenti atmosferici; deve essere ispezionabile alla
base con portello a tenuta se in corrispondenza di locali interni.
Nel caso l’intercapedine libera di ventilazione venga utilizzata
anche per l’adduzione dell’aria comburente degli apparecchi
collegati al sistema, non è necessario realizzare l’apertura di
ventilazione alla base.
Deve essere considerato parte integrante del nuovo sistema, in
particolare per il calcolo e la valutazione della resistenza termica
globale di parete. Nel caso di condotti intubati funzionanti
con pressione positiva rispetto all’ambiente, inseriti in camini,
canne fumarie o vani tecnici posti all’esterno dell’edificio e non
addossati a locali abitati, non è necessario prevedere la sezione
libera di ventilazione precedentemente indicata.
Nei casi in cui sia prevista un’intercapedine, tra il condotto
intubato e la struttura del cavedio utilizzata per l’adduzione
di aria comburente per alimentare gli apparecchi raccordati al
sistema, essa deve essere aperta alla sommità con superficie
uguale o superiore alla sezione del condotto fumi, essere
ispezionabile e deve essere adeguatamente dimensionata.
La tenuta del cavedio deve essere verificata ad una prova di 40
Pa. Aspirazione aria
comburente

Canna fumaria o condotto intubato


Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
C
Ventilazione

Deve garantire nel tempo le caratteristiche di tenuta e resistenza


alle normali sollecitazioni meccaniche, termiche e chimiche,
particolarmente la resistenza all’azione delle condense e dei
prodotti della combustione.

34 Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10845 - UNI EN 13384 1 - UNI TS 11278
Capitolo 9 - Verifica, risanamento, ristrutturazione e
intubamento - UNI 10845

Il sistema deve potere essere ispezionabile tramite camera Sistema singolo intubato in pressione
di raccolta e scarico condensa per consentire le operazioni di con intercapedine ventilata
controllo e pulizia.
Il condotto deve avere andamento verticale; sono ammessi 2
per aspirazione aria comburente
cambiamenti di direzione con angolo rispetto alla verticale di
non più di 45°.
Non è consentito effettuare dei restringimenti, eventuali
allargamenti sono ammessi ma solo con elementi conici. Ventilazione e
In ogni caso è vietato l’utilizzo di componenti con giunzione aspirazione aria
longitudinale aggraffata o comunque discontinua. comburente
Nel caso in cui si preveda l’inserimento di più condotti funzionanti
in pressione positiva rispetto all’ambiente, la sezione libera
netta dell’intercapedine di ventilazione deve essere almeno
equivalente alla somma delle sezioni di tutti i condotti.
Nel caso in cui si preveda l’inserimento di più condotti funzionanti
in pressione positiva rispetto all’ambiente, la distanza tra la
parete di ciascun condotto e quella di ogni altro condotto e la
parete interna del cavedio deve essere di almeno 2 cm (vedi
esempi).
La tenuta dei condotti di scarico fumi in pressione deve essere
verificata ad una prova di 200 Pa.
Deve essere dotata di un libretto d’uso e manutenzione forniti
dal costruttore.

Esempi di intubamento di più condotti in un unico vano tecnico

Canale da fumo
Aspirazione aria comburente

coassiale aria/fumi

Rif. Norme: UNI 7129 - UNI 10641 - UNI 10845 - UNI EN 13384/1 - UNI TS 11278 35
Capitolo 10
Impianti < 35 kW funzionanti in condensazione - UNI 11071
PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FUNZIONANTI Sistema singolo esterno
CON CALDAIE A CONDENSAZIONE O AFFINI
Gli apparecchi a condensazione o affini possono generare
dei prodotti della combustione, riguardo specialmente alla
temperatura e alla composizione, prossime al punto di rugiada.
L’evacuazione dei prodotti della combustione può essere
realizzata in uno dei seguenti modi:
- In camino/canna fumaria collettiva operante in depressione;
- In camino operante in pressione positiva rispetto all’ambiente
di installazione collocato all’esterno dell’unità abitativa e non
addossato ad essa;
- Tramite un condotto per intubamento funzionante con
pressione positiva rispetto all’ambiente di installazione in
vani tecnici dell’edificio;
- Tramite un condotto per intubamento operante in
depressione;
- Diretto a parete (nei casi consentiti) o a tetto a mezzo di
terminale.
I diversi sistemi per l’evacuazione dei prodotti della combustione
devono essere realizzati tenendo conto dei seguenti requisiti di
carattere generale:
- Allo scopo di evitare la formazione di ghiaccio la temperatura
della parete intera del sistema non deve essere minore di 0 °C;
- La tenuta del camino/canna fumaria deve essere garantita
dal costruttore del sistema secondo quanto previsto dalla
norma UNI EN 1443;
- Il materiale utilizzato deve essere di classe V2 secondo la
norma UNI EN 1443 e quindi adatto a resistere all’azione delle
condense;
- La superficie esterna o la struttura dei vani tecnici deve essere
di classe 0 di reazione al fuoco.
Il raccordo degli apparecchi al camino/canna fumaria deve
essere effettuato a mezzo di un canale da fumo o di un condotto
di evacuazione dei prodotti della combustione ed essi devono
soddisfare le seguenti caratteristiche:
- Essere a tenuta e resistere a sollecitazioni meccaniche e
chimiche;
- Essere collegati a tenuta con materiali resistenti al calore e
alla corrosione;
- Essere collocati in vista e facilmente smontabili;
- Essere saldamente collegati alla canna fumaria;
- Essere a tenuta all’imbocco della canna fumaria e non
sporgere all’interno della stessa;
- Avere lo stesso diametro per tutta la lunghezza (nel caso la
canna fumaria sia di diametro < a quello del canale da fumo
deve essere inserita una riduzione conica all’imbocco del
camino).

36 Rif. Norme: UNI 11071 - UNI 7129 - UNI 10845 - UNI EN 13384 1 - UNI TS 11278
Capitolo 10
Impianti < 35 kW funzionanti in condensazione - UNI 11071

Camini funzionanti in pressione positiva (prescrizioni aggiuntive a quelle citate nei requisiti di carattere generale):
- Non è consentito l’utilizzo di organi ausiliari di aspirazione;
- Deve essere presente alla base sotto l’imbocco del canale da fumo una camera di raccolta con tappo d’ispezione a tenuta d’aria
e uno scarico condensa (la sua realizzazione è obbligatoria nei casi di scarico verticale privo di comignolo o nei casi in cui sia
richiesta dal costruttore dell’apparecchio);
- Il comignolo, dove previsto, deve avere una sezione utile di uscita almeno doppia a quella del camino;
- Il comignolo, dove previsto, deve funzionare come aspiratore statico favorendo la dispersione dei fumi;
- Sono vietati estrattori dinamici o meccanici.

Sistema intubato funzionante in pressione positiva o negativa rispetto all’ambiente (prescrizioni aggiuntive a
quelle citate nei requisiti di carattere generale):
- Il sistema deve essere ispezionabile e deve consentire le previste operazioni di pulizia e di manutenzione ordinaria e straordinaria;
- Devono essere adottati opportuni accorgimenti al fine di evitare il ristagno delle eventuali condense;
- Deve essere privo di eventuali ostruzioni o restringimenti;
- Nel caso sia prevista l’aspirazione dell’aria comburente dall’intercapedine tra il condotto e il vano tecnico, tale intercapedine
deve essere aperta alla sommità ed ispezionabile;
Nel caso si realizzi un condotto intubato funzionante in pressione negativa sono ammessi due cambi di direzione con incidenza
non maggiore di 45°.

Nel caso si realizzi un condotto intubato funzionante in pressione positiva sono da rispettare le seguenti prescrizioni aggiuntive:
- Non è consentito l’utilizzo di componenti con giunzione longitudinale aggraffata o comunque discontinua;
- Eventuali restringimenti e/o cambiamenti di direzione devono essere verificati da un calcolo o espressamente dichiarati idonei
dal costruttore;
- Deve essere prevista un’intercapedine ventilata (Cap. 9 - pag. 33-34).

Sistema per lo smaltimento delle condense:


- Deve essere realizzato in modo da impedire il riutilizzo delle condense da parte dell’utilizzatore;
- Deve essere direttamente collegato al sistema di scarico delle condense sia del generatore sia del sistema fumario;
- Realizzare una disgiunzione al fine di permettere l’ispezionabilità del collegamento tra l’apparecchio e il sistema di smaltimento
delle condense;
- Essere posizionato in modo da evitare il congelamento del liquido attraversante le tubazioni di recupero condense;
- Essere realizzato in modo da evitare la pressurizzazione dei condotti di attraversamento del liquido di recupero;
- Avere collegamento libero con sfiato in aria (è consentito
l’allacciamento al sifone dei sanitari);
- A meno che il costruttore dell’apparecchio
non dichiari espressamente idoneo
l’apparecchio a ricevere anche le condense Sifone Sifone
provenienti dal sistema di scarico dei caldaia scarico
prodotti della combustione, deve essere fumi
presente un sistema per lo scarico delle Dispositivo di
condense alla base del camino. trattamento
delle condense Scarico con
inclinazione
> 3%

Rif. Norme: UNI 11071 - UNI 7129 - UNI 10641 - UNI 10845 - UNI EN 13384/1 - UNI TS 11278 37
Capitolo 10
Impianti < 35 kW funzionanti in condensazione - UNI 11071

Requisiti specifici per sistemi multipli Sistema multiplo intubato


È consentito realizzare sistemi intubati multipli purché si rispettino le in pressione
prescrizioni scritte prima; inoltre bisogna rispettare le seguenti condizioni:
- Tra la parete esterna di ogni condotto intubato e la parete interna del
camino/canna fumaria/vano tecnico esistente dell’edificio, deve essere
mantenuta una distanza non minore di 2 cm;
- Tra la parete esterna del condotto per intubamento e quella di ogni altro
condotto deve essere mantenuta una distanza non minore di 2 cm.
Nel caso si preveda l’intubamento di più condotti funzionanti in pressione,

Ventilazione

Ventilazione
la sezione libera netta dell’intercapedine di ventilazione deve essere
almeno pari alla somma delle sezioni utili dei condotti intubati.
Esempi di intubamento di più condotti in un unico vano tecnico

Caldaie
a
condensazione
Ventilazione

La sezione S4 deve essere ≥ alla somma delle sezioni S1 + S2


La sezione S4 deve essere ≥ alla somma delle sezioni S1 + S2 + S3

38 Rif. Norme: UNI 11071 - UNI 7129 - UNI 10845 - UNI EN 13384 1 - UNI TS 11278
Capitolo 11
Aperture di areazione e ventilazione - UNI 7129
INSTALLAZIONE DEGLI APPARECCHI DI UTILIZZAZIONE
Sia negli impianti di nuova progettazione sia nelle ristrutturazioni non è consentito l’installazione e l’utilizzo di apparecchi privi
del dispositivo di sorveglianza di fiamma. Gli apparecchi devono essere installati ad almeno 1,5 m da contatori elettrici o del gas.
È vietata l’installazione di apparecchi nelle parti comuni dell’edificio come scale, androni, cantine, vie di fuga, ecc. se non posizionati
all’interno di vani tecnici di pertinenza di ogni singola unità immobiliare e accessibili solo dall’utilizzatore.

VENTILAZIONE E AERAZIONE DEI LOCALI DI INSTALLAZIONE


Per gli apparecchi di cottura:
- l’aerazione può essere ottenuta mediante cappe a tiraggio naturale, cappa aspirante elettrica, elettroventilatore collocato
sulla parte alta di una parete del locale di installazione o con aerazione di tipo diretto soltanto se la portata termica nominale
complessiva degli apparecchi di cottura non è maggiore di 11,7 kW e la portata termica nominale massima complessiva riferita
agli apparecchi di tipo A e agli apparecchi di cottura installati nel medesimo locale non è maggiore di 15 KW.
La portata oraria di ricambio di aria deve essere almeno pari a 1,72 m3/h per ogni kW riferito alla portata termica nominale
massima complessiva degli apparecchi di cottura.
- La ventilazione può essere realizzata in modo diretto o in modo indiretto.
Per gli apparecchi di tipo A l’aerazione e la ventilazione devono essere ottenute solo in modo diretto, in ogni caso il locale di
installazione di questo tipo di apparecchio deve essere sempre aerato e ventilato.
Per gli apparecchi di tipo B il locale di installazione deve essere sempre ventilato e inoltre deve sempre essere aerato; la ventilazione
di questi locali può essere ottenuta sia in modo diretto sia in modo indiretto.
Per gli apparecchi di tipo C non è necessario realizzare aperture di ventilazione.
L’aerazione diretta può essere realizzata mediante aperture permanenti, condotti singoli o attraverso sistemi di ricambio d’aria
controllati.
La ventilazione diretta può essere realizzata mediante aperture permanenti, attraverso condotti singoli o collettivi o attraverso
sistemi di ventilazione meccanica controllata a semplice o a doppio flusso.

Esempio di realizzazione di aperture di ventilazione diretta

La ventilazione indiretta è realizzabile purché il locale di installazione


dell’apparecchio di utilizzazione e il locale per l’aria comburente siano
entrambi privi di apparecchi di tipo A.
Nei casi in cui la ventilazione indiretta è ammessa, il locale per l’aria
comburente deve essere messo in comunicazione con il locale di
installazione tramite una apertura permanente; non deve essere
un bagno, una camera da letto, un locale a rischio d’incendio; non
deve costituire parte comune dell’immobile e deve essere messo in
depressione rispetto al locale da ventilare.
Esempio di ventilazione indiretta

Rif. Norme: UNI 7129 39


Capitolo 11
Aperture di areazione e ventilazione - UNI 7129

POSIZIONE E DIMENSIONI DELLE APERTURE DI VENTILAZIONE ED AERAZIONE


Nel locale in cui sono installati apparecchi di tipo A l’apertura di aerazione deve essere posizionata in prossimità del soffitto (min
100 cm2) e l’apertura di ventilazione deve essere posizionata in prossimità del pavimento (min 100 cm2).
Nel locale in cui sono installati apparecchi di cottura l’apertura di aerazione deve essere posizionata in prossimità del soffitto (min
100 cm2) ed essere realizzata nel locale stesso di installazione dell’apparecchio di cottura; l’apertura di ventilazione deve essere
posizionata in prossimità del pavimento (min 100 cm2) e può essere realizzata nel locale stesso di installazione dell’apparecchio
di cottura.
Nel locale in cui sono installati apparecchi di tipo B l’apertura di ventilazione può essere posizionata a qualsiasi quota rispetto al
livello del pavimento, e deve essere dimensionata seguendo la seguente formula: St = K x Q ≥ 100 cm2 dove K è il coefficiente di
ventilazione pari a 6 cm2/kW e Q è la portata termica nominale massima degli apparecchi installati nel medesimo locale espressa
in kilowatt.
È consentito suddividere la sezione in una o più aperture, ciascuna delle quali deve avere sezione minima di 100 cm2.
Se nel locale di installazione di apparecchi di tipo B o in locali direttamente comunicanti sono presenti estrattori elettromeccanici
la sezione di ventilazione utile totale deve essere maggiorata come segue:

Portata massima m3/h Velocità entrata aria m/s Maggiorazione cm2


fino a 50 ~ 1 140
da 50 fino 100 ~ 1 280
da 100 fino 150 ~ 1 420

L’utilizzo di estrattori elettromeccanici non deve influenzare la corretta evacuazione dei prodotti della combustione degli
apparecchi di tipo B.
Per questo motivo è necessario effettuare una prova di tiraggio facendo funzionare l’estrattore alla sua potenza massima e
l’apparecchio a gas alle potenze nominali massima e minima.

Le aperture di aerazione devono avere le seguenti caratteristiche:


- Devono essere protette mediante griglie;
- Devono essere accessibili per effettuare le operazioni di manutenzione;
- Devono essere realizzate nel locale di installazione;
- Devono avere una superficie netta non minore di 100 cm2.

L’apertura di aerazione può essere effettuata anche con un condotto di aerazione ad uso esclusivo, tale condotto però deve essere
impermeabile ai fumi e deve avere una sezione netta utile non minore di 150 cm2.
Le aperture di ventilazione devono avere una superficie netta non minore di 100 cm2 e comunque tale sezione deve essere calcolata
secondo la formula sopra riportata.
Le aperture di ventilazione possono essere realizzate nella muratura, sulle porte o sugli elementi finestrati di pareti del locale
d’installazione o del locale per l’aria comburente rivolte verso l’esterno, possono essere anche ricavate maggiorando la fessura
tra le porte rivolte verso l’esterno e il pavimento del locale di installazione oppure realizzate su serramenti rivolti verso l’esterno.
L’apertura di ventilazione può essere effettuata anche con un condotto di ventilazione o condotti collettivi, essi però devono essere
impermeabili ai fumi ed avere una sezione netta utile non minore di 150 cm2.

40 Rif. Norme: UNI 7129


Capitolo 12
Quote di sbocco - UNI 7129
SCHEMI DELLE QUOTE DI SBOCCO DELLE CANNE FUMARIE

Tetti con pendenze > 10°

are 90°
ad
i ris
o pe
pett tto
i ris α
ad
are

α = inclinazione del tetto > 10° C

Area di rispetto
Simbolo Descrizione Sistema fumario operante Sistema fumario operante
Cappe aspiranti
in depressione in pressione
B Altezza sopra il 500 mm 500 mm 500 mm
colmo del tetto
C Distanza misurata a 90° 1300 mm 500 mm 500 mm
dalla superficie del tetto

Tetti piani con ostacolo o edificio senza aperture - canne fumarie funzionanti in depressione

Dist > 2 m Dist > 2 m


min 0,5 m
min 1 m

Rif. Norme: UNI 7129 41


Capitolo 12
Quote di sbocco - UNI 7129

Tetti piani con ostacolo o edificio senza aperture - canne fumarie funzionanti in pressione Dist ≤ 1,2 m
Dist > 1,2 m

min 0,5 m
min 0,5 m

Tetti piani con ostacolo o edificio con aperture - canne fumarie funzionanti in depressione
Dist > 5 m Dist ≤ 3 m

min 0,5 m
Dist tra 3 m e 5 m
min 1 m

deve superare
il filo superiore
dell’apertura

Tetti piani con ostacolo o edificio con aperture - canne fumarie funzionanti in pressione
Dist > 4 m Dist ≤ 2,5 m
min 0,5 m

Dist tra 2,5 m e 4 m


min 0,5 m

deve superare
il filo superiore
dell’apertura

42 Rif. Norme: UNI 7129


Capitolo 12
Quote di sbocco - UNI 7129

  A
Quote di sbocco in prossimità di lucernai
A

A C

Zone di rispetto
Simbolo Descrizione Sistema fumario operante Sistema fumario operante Cappe
in depressione in pressione aspiranti
Distanza dal filo superiore o
A 1000 600 600
laterale di aperture o finestre
Distanza dal filo inferiore di
B 3000 2500 2500
aperture o finestre
Altezza sopra aperture
C 1000 1000 1000
o finestre

  A
A
Quote di sbocco in prossimità di abbaini

Zone di rispetto
Simbolo Descrizione Sistema fumario operante Sistema fumario operante Cappe
in depressione in pressione aspiranti
Distanza laterale
A 1500 600 600
da abbaino
Altezza sopra il colmo
B 1000 600 600
della struttura dell’abbaino
Distanza frontale
C 3000 2500 2500
da abbaino

Rif. Norme: UNI 7129 43


Capitolo 13
Impianti con potenza > 35 kW - Dlgs 152 parte II allegato IX
CANNE FUMARIE AL SERVIZIO DI APPARECCHI DI Sistema singolo intubato
POTENZIALITÀ > 35 kW
L’impianto di scarico fumi completo deve essere fornito ed
installato nel rispetto delle normative vigenti emanate dagli
organismi di normalizzazione ed essere realizzato alla regola
d’arte (DM 37/08).

Canna fumaria
Per il dimensionamento degli impianti di questa tipologia si
utilizza il metodo di calcolo della UNI EN 13384-1 per i camini
singoli e della UNI EN 13384-2 per il sistema a collettore.
È obbligatorio il progetto eseguito da un tecnico abilitato.
Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Deve essere a tenuta dei prodotti della combustione, delle
condense e termicamente isolata.
Deve essere realizzata con materiali idonei per garantire la
resistenza alle normali sollecitazioni meccaniche, chimiche,
al calore e alle condense. In particolare i materiali impiegati
devono essere resistenti alla corrosione.
I camini che passano dentro locali abitati o sono incorporati
nell’involucro dell’edificio devono essere dimensionati in modo
da evitare sovrappressioni. Deve essere realizzata con materiali
incombustibili.
Deve avere andamento verticale ed essere priva di strozzature
lungo la sua lunghezza.
Deve garantire che siano evitati fenomeni di condensa.
Essere correttamente distanziata mediante intercapedine d’aria
o da isolanti da materiali infiammabili.
Deve avere sezione interna circolare, quadrata o rettangolare. In
questi ultimi due casi gli angoli devono essere arrotondati con
raggio non minore di 20 mm. Sezioni idraulicamente equivalenti
sono ammesse purché il rapporto tra il lato maggiore e quello
minore del rettangolo, circoscritto alla sezione stessa, non sia
maggiore di 1,5.
Più generatori di calore possono essere collegati allo stesso
camino soltanto se fanno parte dello stesso impianto termico,
in questo caso i generatori di calore dovranno immettere in
collettori dotati, ove necessario, ciascuno di propria serranda di
intercettazione.
Devono essere predisposti alla base due fori per effettuare le > 35 kW
operazioni di analisi e campionamento dei fumi, per impianti
con potenza termica nominale superiore a 580 kW i fori per il
campionamento devono essere predisposti anche alla sommità
dei camini in posizione accessibile.

44 Rif. Norme: Dlgs 152 - UNI EN 13384 1/2


Capitolo 13 - Impianti con potenza > 35 kW
Dlgs 152 parte II allegato IX

Deve essere presente alla base sotto l’imbocco del canale da Sistema collettore esterno
fumo una camera di raccolta con tappo d’ispezione a tenuta
d’aria e uno scarico condensa.
Deve avere una sezione utile di uscita almeno doppia a quella
del camino.
Deve essere conformata in modo da non ostacolare il tiraggio e
favorire la dispersione dei fumi.
Deve risultare più alta di almeno un metro rispetto al colmo dei
tetti, ai parapetti e a qualunque altro ostacolo distante meno di
10 metri.
Le bocche dei camini, situati ad una distanza compresa tra 10 e
50 metri da aperture di locali abitati, devono essere a quota non
inferiore a quella del filo superiore dell’apertura più alta.
Deve essere dotata di un libretto, riportante le modalità di
installazione, d’uso e manutenzione forniti dal costruttore.

Canale da fumo
Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Deve avere in ogni tratto una pendenza del 5%.
Deve essere adeguatamente coibentato e la temperatura sulla
superficie esterna non deve superare i 50 °C.
Sulle pareti devono essere predisposte aperture per le ispezioni
e la pulizia ad intervalli non superiori a 10 metri ed una ad ogni
testata di tratto rettilineo.

Collettore

Somma delle potenze


delle caldaie > 35 kW

Rif. Norme: Dlgs 152 - UNI EN 13384 1/2 45


Capitolo 13
Impianti a gas con potenza > 35 kW - Norma UNI 11528/14
CANNE FUMARIE AL SERVIZIO DI APPARECCHI A GAS DI PORTATA Sistema singolo intubato
TERMICA > DI 35 Kw
L’impianto di scarico fumi completo deve essere fornito ed installato
nel rispetto delle normative vigenti emanate dagli organismi di
normalizzazione ed essere realizzato alla regola d’arte (DM 37/08).
La Norma UNI 11528 fornisce i criteri per la progettazione,
l’installazione e la messa in servizio degli impianti civili extradomestici
a gas. La Norma UNI 11528 aggiorna pertanto la parte della UNI
7129/72 relativa agli impianti a gas per apparecchi aventi portata
termica nominale maggiore di 35 kW. In tutti i casi l’evacuazione dei
prodotti della combustione deve avvenire a TETTO per mezzo di una
canna fumaria. La Norma UNI 11528 si applica inoltre ai collettori di
evacuazione dei prodotti della combustione per 2 o più apparecchi
similari con potenza complessiva > di 35kW.

CANNA FUMARIA
Per il dimensionamento degli impianti di questa tipologia si utilizza
il metodo di calcolo della Norma UNI EN 13384-1 per camini singoli
e della Norma UNI EN 13384-2 per sistemi in batteria o in cascata
qualora la portata termica complessiva risulti maggiore di 35 kW.
Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 e UNI EN 14471).
Deve essere a tenuta dei prodotti della combustione, delle condense
e termicamente isolata. Deve essere realizzata con materiali idonei
per garantire la resistenza alle normali sollecitazioni meccaniche,
chimiche, al calore e alle condense. In particolare i materiali impiegati
devono essere resistenti alla corrosione. Essere correttamente
distanziata da materiali infiammabili mediante intercapedine
d’aria o da isolanti. Deve essere previsto alla base una camera di
raccolta e smaltimento della condensa; è ammesso convogliare la
condensa verso il generatore di calore solamente se espressamente
dichiarato dal fabbricante di quest’ultimo. Deve essere di sezione
interna circolare, quadrata o rettangolare. In questi ultimi due casi la
raggiatura degli angoli deve essere minimo di 20 mm. Altre sezioni
sono ammesse ma con rapporto tra lato maggiore e lato minore non
superiore a 1.5. Sono ammessi non più di due cambi di direzione con
inclinazione massima di 45°. Eventuali altre soluzioni devono essere
verificate tramite calcolo e dimensionamento opportuni e non avere
mai valori in contropendenza.
La canna fumaria può funzionare in: Depressione rispetto
all’ambiente; Pressione positiva, solo se installato all’esterno e non
addossato all’abitazione; Pressione positiva, solo se il condotto per
intubamento è installato in un vano tecnico dell’edificio.
In tutti i casi in cui il sistema di scarico fumi funzioni in pressione
positiva e sia installato all’interno dei fabbricati deve essere prevista > 35 kW
una prova di tenuta da allegare alla dichiarazione di conformità.
La classe di temperatura ammessa non può essere inferiore a T200,
solamente nel caso di installazione di caldaie a condensazione è
ammessa una classe di temperatura minima di T120.

46 Rif. Norme: UNI 11528/14


Capitolo 13 - Impianti a gas con potenza > 35 kW
Norma UNI 11528/14

Collegamento Camino - Apparecchio Sistema collettore esterno


Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 e UNI EN 14471).
Il collegamento tra generatore di calore e camino può avvenire per
mezzo di un:
Canale da fumo - Condotto di evacuazione dei prodotti della
combustione - Collettore fumi.
Il canale da fumo deve essere a tenuta dei prodotti della combustione,
delle condense e termicamente isolato. Deve essere realizzato con
materiali idonei per garantire la resistenza alle normali sollecitazioni
meccaniche, chimiche, al calore e alle condense. In particolare i
materiali impiegati devono essere resistenti alla corrosione. Essere
installato a vista e ispezionabile per tutto il suo sviluppo e consentire
le normali dilatazioni termiche. Essere installato in modo da evitare
fenomeni di ristagno delle condense con inclinazione di almeno il 5%.
Per il dimensionamento si deve utilizzare il metodo UNI EN 13384-1
e il suo diametro non risultare inferiore al diametro dell’uscita fumi
del generatore, nel caso il camino fosse di diametro inferiore si deve
utilizzare un raccordo conico di imbocco.
Sono vietati sistemi di serrande e se presenti devono essere eliminate.
Il collegamento tra camino e canale da fumo deve essere realizzato
tramite un raccordo a T. Una presa per il controllo fumi deve essere
presente sul canale da fumo.
Nel caso di “Condotto di evacuazione dei prodotti della combustione”
il collegamento al camino può essere realizzato per mezzo di un T,
una curva (gomito) oppure direttamente in verticale.
Caratteristiche del collettore:
Il collettore svolge la funzione di convogliatore dei prodotti della
combustione provenienti da 2 o più generatori di calore.
Possono essere collegati solo apparecchi dello stesso tipo, quindi
non possono essere collegati tipo B e tipo C insieme, o con diversi
combustibili o tradizionali e a condensazione allo stesso collettore.
In tutte le condizioni di funzionamento non si deve mai verificare
la fuoriuscita di prodotti della combustione in ambiente o il
ritorno degli stessi nei generatori spenti. Gli apparecchi collegati Collettore
al collettore devono essere installati nello stesso locale. Nel caso di
collettore orizzontale, è consentito attraversare un solo altro locale
per raggiungere il camino, escludendo locali ad uso abitativo, con
pericolo di esplosione. In tutti i casi è ammesso solo in locali aerabili.
Il collettore quando attraversa altri locali deve essere inserito in un
vano tecnico ispezionabile e con caratteristiche di resistenza al fuoco.
Comignolo:
Può essere o meno presente un comignolo allo sbocco della canna
fumaria, se presente deve avere le seguenti caratteristiche: Somma delle potenze
- Sezione di uscita almeno pari al doppio di quella del camino; delle caldaie > 35 kW
- Essere di forma tale da impedire l’entrata di pioggia e corpi estranei;
- Avere una forma tale da garantire la dispersione dei prodotti della
combustione anche in caso di venti provenienti da ogni direzione.

Rif. Norme: UNI 11528/14 47


Capitolo 14
Canne fumarie al servizio di generatori di calore a legna - UNI 10683
REQUISITI DI INSTALLAZIONE DELLE CANNE FUMARIE Sistema singolo esterno
AL SERVIZIO DI GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A
LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI CON POTENZA
TERMOCHIMICA AL FOCOLARE < 35 kW
L’impianto di scarico fumi completo deve essere fornito ed
installato nel rispetto delle normative vigenti emanate dagli
organismi di normalizzazione ed essere realizzato alla regola
d’arte (DM 37/08).

Canna fumaria
Deve essere di materiale conforme alle normative europee per la
certificazione CE dei materiali (UNI EN 1856-1/2 per i materiali
metallici e UNI EN 14471 per i materiali plastici).
Per il dimensionamento degli impianti di questa tipologia si
utilizza il metodo di calcolo della UNI EN 13384-1.
Deve essere a tenuta dei prodotti della combustione, delle
condense e termicamente isolata.
Deve essere realizzata con materiali idonei per garantire la
resistenza alle normali sollecitazioni meccaniche, chimiche,
al calore e alle condense. In particolare i materiali impiegati
devono essere resistenti alla corrosione.
Deve essere priva di strozzature lungo la sua lunghezza.
Deve essere correttamente distanziata mediante intercapedine
d’aria o da isolanti da materiali infiammabili.
I cambiamenti di direzione devono essere al massimo a 45°.
È consigliata la presenza sotto l’imbocco del canale da fumo di
una camera di raccolta con tappo d’ispezione a tenuta d’aria e di
uno scarico condensa.
Il comignolo deve avere una sezione utile di uscita almeno
doppia a quella del camino.
Il comignolo deve essere conformato in modo da non ostacolare
il tiraggio e favorire la dispersione dei fumi.
Sono vietati estrattori dinamici o meccanici.

Canale da fumo
È vietato l’utilizzo di tubi metallici flessibili.
Per i caminetti dove si devono raggiungere scarichi a soffitto
non coassiali con l’uscita fumi dell’apparecchio, i cambiamenti
di direzione non dovranno essere superiori a 45°.
Per il collegamento di stufe al camino si possono utilizzare
al massimo 2 curve a 90° e lo sviluppo orizzontale non può
superare i 2 metri lineari.
I dispositivi di regolazione manuale di tiraggio non devono
ostruire ermeticamente la sezione interna del condotto.

48 Rif. Norme: UNI 10683 - UNI EN 13384 1/2 - UNI TS 11278


Capitolo 15 - Impianti domestici
preesistenti al 13 marzo 1990 - UNI 10738
VERIFICA DELL’EFFICIENZA DEI SISTEMI DI SCARICO DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE
Apparecchi di cottura
Gli apparecchi di cottura dei cibi devono scaricare i prodotti della combustione in apposite cappe e comunque devono essere
collegate a condotti specificamente dedicati a tale uso o scaricare direttamente a parete.
Nei condotti dove scaricano le cappe non è possibile convogliare lo scarico di qualsiasi altro apparecchio.

Apparecchi di tipo B
Gli apparecchi di tipo B devono scaricare i prodotti della combustione in appositi camini, C.C.R. oppure direttamente a parete.
Il canale da fumo che collega l’apparecchio alla canna fumaria o camino deve presentare i seguenti requisiti:
- Non deve essere deteriorato da condense, per effetto del calore o da altre cause;
- Deve essere fissato in modo da impedire lo scollegamento accidentale;
- Deve ricevere lo scarico di un solo apparecchio;
- Non devono essere presenti serrande o altri sistemi di chiusura;
- Deve avere una sezione maggiore o uguale a quella dell’attacco del tubo di scarico dell’apparecchio;
- Nel caso il diametro della canna fumaria sia minore di quello del canale da fumo deve essere effettuato un raccordo conico.
È consentito lo scarico di due apparecchi in un apposito collettore purché siano installati nello stesso ambiente, siano per tipo e per
portata termica similari e che il collettore sia di sezione almeno pari alla somma delle sezioni dei due canali da fumo.
È consentito il collegamento dei due apparecchi (in alternativa al collettore) direttamente alla canna fumaria purché tra l’asse dei
due imbocchi al camino stesso vi sia una distanza non minore di 250 mm.

Apparecchi di tipo B a tiraggio forzato e di tipo C


I canali da fumo degli apparecchi di tipo B a tiraggio forzato e degli apparecchi di tipo C devono essere a tenuta dei prodotti della
combustione e non devono essere di tipo corrugato, ed in oltre non devono presentare corrosioni o deterioramenti.

Scarico a parete degli apparecchi di tipo B e di tipo C


Nel caso gli apparecchi scarichino direttamente a parete i fumi non devono fuoriuscire dagli edifici nelle vicinanze di eventuali
aperture quali finestre, porte finestre, aperture di ventilazione, ecc.

Scarico dei prodotti della combustione in camini o canne fumarie


I camini (si intendono i condotti singoli) possono ricevere lo scarico di un solo apparecchio, è consentito lo scarico di due apparecchi
ubicati nello stesso locale purché si rispettino le prescrizioni precedentemente descritte.
Le canne fumarie collettive (si intendono i condotti utilizzati per lo scarico di più apparecchi ubicati su diversi piani) possono
ricevere lo scarico di un solo apparecchio di tipo C per piano.
Le C.C.R. (canne fumarie collettive ramificate) possono ricevere lo scarico di un solo apparecchio di tipo B a tiraggio naturale,
tenendo presente che è consentito l’allaccio di un solo apparecchio per piano, che gli apparecchi allacciati devono avere una
portata termica nominale che non differisca del 30% tra loro e che ad ogni canna fumaria è possibile allacciare al massimo 8
apparecchi ed il nono deve scaricare attraverso il condotto secondario, direttamente nel comignolo.

VERIFICA DELLA VENTILAZIONE


Nei locali in cui sono installati apparecchi a gas di cottura e/o a circuito di combustione aperto è necessario che siano presenti una
o più aperture permanenti verso l’esterno e devono avere i seguenti requisiti:
- Avere complessivamente una sezione libera di 5,16 cm² per ogni kW di portata termica;
- Avere complessivamente una sezione libera di 5,16 cm² per ogni kW di portata termica dell’apparecchio con un minimo di 100
cm²;

Rif. Norme: UNI 10738 49


Capitolo 15
Impianti domestici preesistenti al 13 marzo 1990 - UNI 10738

- Se praticate in parete devono avere delle griglie, reti metalliche o altro che proteggano le stesse aperture e che non riducano la
sezione richiesta;
- Qualora siano praticate nella parte alta delle pareti o degli infissi devono essere maggiorate del 50%.

Per il calcolo del volume del locale di installazione può essere considerato anche il locale contiguo e comunicante senza
interposizione di porte purché non sia adibito a camera da letto, non vi siano installati altri apparecchi a gas e che non sia un
ambiente con pericolo di incendio.

Nei locali in cui sono installati apparecchi di tipo A non collegati ad un condotto di evacuazione dei prodotti della combustione
devono essere presenti due aperture, ciascuna di sezione minima 100 cm², una in posizione alta e l’altra in posizione bassa.
I locali contenenti apparecchi di tipo A non devono essere adibiti ad uso bagno, doccia o camera da letto.

I locali dove sono installati apparecchi di tipo C non sono soggetti a prescrizioni di ventilazione.

VERIFICA DELL’AERAZIONE
Nei locali in cui sono installati apparecchi di tipo A o di cottura non collegati ad un condotto di evacuazione dei prodotti della
combustione deve essere garantita una idonea aerazione sia per lo smaltimento dei prodotti della combustione sia per evitare la
formazione di miscele con tenore pericoloso di gas non combusto.

Nei locali in cui sono installati apparecchi di tipo A, oltre all’apertura di ventilazione, deve essere presente un’apertura di aerazione
posizionata nella parte alta del locale e deve avere una sezione netta di almeno 100 cm².

Nei locali in cui sono installati solo apparecchi di cottura privi della cappa, l’aerazione del locale deve essere soddisfatta da almeno
una delle seguenti prescrizioni:
- Deve essere presente un’elettroventilatore applicato alla parete esterna o collegato ad un apposito condotto di scarico verso
l’esterno, da mettere in funzione durante il periodo di funzionamento dell’apparecchio di cottura;
- Deve essere presente un foro, verso l’esterno, nella parte alta della parete di sezione netta non minore di 100 cm² (in alcuni casi
l’apertura di aerazione può coincidere con quella di ventilazione, in questi casi deve essere posizionata necessariamente nella
parte alta del locale e deve avere una sezione non minore di 250 cm².

50 Rif. Norme: UNI 10738


Capitolo 16
Elementi di geometria
CILINDRO
C
r H = altezza
d
d = diametro
r = raggio
C = circonferenza

Calcolo della circonferenza:


C=2πxr

H Calcolo della superficie laterale:


S=2πxrxH

Calcolo del diametro:


d=rx2

Calcolo del raggio:


r=d/2

Calcolo del volume:


V = π x r2 x H

B
PARALLELEPIPEDO RETTANGOLO

A H = altezza
A = lato A
B = lato B

Calcolo dell’area della base:


E C=AxB

Calcolo dell’area del lato D:


D D=AxH
H Calcolo dell’area del lato E:
E=BxH

Calcolo del volume:


V=CxH

C Calcolo della superficie laterale:


S=2xD+2xE

51
Capitolo 17
Unità di misura
UNITÀ DI MISURA DEL SISTEMA INTERNAZIONALE (SI)
Il sistema internazionale di Unità di misura è il sistema di unità di misura definito ed approvato dalle Conferenze Generali dei Pesi
e Misure ed è indicato con la sigla SI.
Esso, sulla base di sette grandezze fondamentali e due supplementari, stabilisce le corrispondenti unità di misura.
Grandezza Nome Simbolo
Lunghezza metro m
Massa kilogrammo kg

Fondamentali
Tempo secondo s
Corrente elettrica (intensità) ampere A
Temperatura termodinamica kelvin K
Intensità luminosa candela cd
Quantità di sostanza mole mol
Angolo piano radiante rad

Suppl.
Angolo solido steradiante sr

Unità di misura derivate dal sistema internazionale SI


Grandezza Unità SI Unità non SI
ha (ettaro)
a (ara)
Area m 2 aq mile (miglio quadrato)
ft2
in2
yd3
ft3
in3
Volume capacità m3
l (litro)
gal (gallone)
pint (pinta)
nodo
mph (miglio per ora)
Velocità m/s km/h
m/min
ft/s2
Accelerazione m/s2
in/s2
Frequenza Hz (hertz)
oz/in3
Massa volumica kg/m 3
kg/dm3
lb/ft3
gal/s
l/s
Portata in volume m3/ s
in3/s
ft3/s
t (tonnellata)
q (quintale)
Forza peso N (newton) N = kg*m/s2 kgf (kiloforza)
lb
oz
kgf*m
CV*m
kW*m
Lavoro Energia J (joule) J = N*m
cal
BTU
eV (elettronvolt)

52
Capitolo 17 - Unità di misura

Grandezza Unità SI Unità non SI


Atm (atmosfera normale)
At (atmosfera tecnica)
Bar
Pressione e Tensione
Pa (pascal) Pa = N/m2 Torr
mmhg
kgf/m2
kgf/mm2
mH2O
daN/mm2
kgf*m/s
Potenza W (watt) W = J / s
CV (cavallo vapore)
Potenziale elettrico V (volt) V = W/A
Resistenza elettrica Ω (ohm) Ω = V/A
°F (Fahrenheit)
Temperatura K (Kelvin) °C (grado Celsius) °Re (Réaumur)
°Rk (Rankine)
Coefficiente di dilatazione lineare K -1

Cal (grande caloria)


Quantità di calore Entalpia J (joule)
BTU (British thermal unit)
Entalpia massica J/kg
Flusso di calore W (watt)
Flusso di calore areico W/m2
Coefficiente di trasmissione termica W/(m2*K)
Conduttività termica W/(m2*K)
Coefficiente di diffusione termica m2/s
Capacità termica J/K

TAVOLE DI CONVERSIONE PER LE UNITÀ SI

1 kg(massa) = 1 kg 1 kg = 1 kg (massa)
1 kgf (forza o peso) = 9,80665 N 1 N = 0,101971 kgf (forza o peso)
1 atm (atm. normale) = 101325 Pa 1 Pa = 0,00000986923 atm (atm. normale)
1 at (atm. tecnica) = 98066,5 Pa 1 Pa = 0,0000101972 at (atm. tecnica)
1 kgf/cm2 = 98066,5 Pa 1 Pa = 0,0000101972 kgf/cm2
1 bar = 100000 Pa 1 Pa = 0,00001 bar
1 mm H2O = 9,80665 Pa 1 Pa = 0,101972 mm H2O
1 mm Hg = 133,322 Pa 1 Pa = 0,00750063 mm Hg
1 bar = 1,01972 kgf/cm2 1 kgf/cm2 = 0,980665 bar
1 m bar = 10,1982 mm H2O 1 mm H2O = 0,098665 m bar
1 km/h = 0,28 m/s 1 m/s = 3,6 km/h
1 kcal = 4186,8 J 1 J = 0,00023884 kcal
1 kf m = 9,80665 J 1 J = 0,101972 kf m
1 kWh = 3600000 J 1 J = 0,0000002777 kWh
1 kcal/h = 1,163 W 1 W = 0,859845 kcal/h
1 kcal = 4,1868 kJ 1 kJ = 0,238845 kcal
1 °C = 1 k 1 k = 1 °C

53
Note

54
RIVENDITORE AUTORIZZATO