Sei sulla pagina 1di 19

Ritmica & Groove R&G 37p

➅➄➃➂
➅➄➃➁
➅➄➃➀
➅➄➂➁
➅➄➂➀
➅➄➁➀
➅➃➂➁
➅➃➂➀
➅➃➁➀
➅➂➁➀
➄➃➂➁
➄➃➂➀
➄➃➁➀
➄➂➁➀
➃➂➁➀

➅➃➂➀

© 1997 guitar (3.7)


Armonia & Tastiera A&T 11

F <-> III° <- > II° <-> I°


F <-> III° <- > II° <-> I°
F <-> II° I° <- > III°

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


i percorsi della conoscenza (armonica)
Cominiciamo a zoommare su queste... parti strette (close voicing); fra quelli elencati nella
tabella (cioè: tutte le combinazioni matematicamente possibili fra 4 voci terziane)
estraiamo i soli voicings ‘chiusi’, a parti strette; oltre all’ovvio 1357 basterà cercare tutti
quelli che presentino sequenze senza spazi fra 1 e 3, fra 3 e 5, fra 5 e 7 e... fra 7 e 1.
Quindi: 1357 - 3571 - 5713 - 7135

Questa disposizione delle voci, nonostante sia la più comprensibile, e armonicamente


lineare, è certamente anche la meno... chitarristica. Per evitarci tendiniti in agguato
cominceremo a lavorare... fra un po’! Quando avremo scoperto un sistema efficace e
funzionale per l’organizzazione delle voci.

Alla fine del lavoro sistematico che stiamo intraprendendo saremo in possesso (si
spera...) di una conoscenza armonica della tastiera tramite la gestione del voicing.
Per prima cosa selezioneremo -di volta in volta- una delle famiglie armoniche note:

∆ 7; min7; domin.7; °7; ø. E magari (poi) anche: m∆ 7; ∆ 7( 11); ∆ 7( 5) ...

Poi ‘piazzeremo’ il nostro voicing -di volta in volta diverso- su un gruppo di corde
(riferendoci alla precedente tabellina-tortura); da qui seguiremo due percorsi, diversi e
complementari:

1) latitudinale, attraverso la tastiera (perpendicolare alle corde), muovendo ogni voce


verso il basso (o anche verso l’alto, a tua scelta) fino ad arrivare al prossimo rivolto dello
stesso accordo; tipo il lavoro già visto per le triadi:

❺ ❺✪ ❺✪ ❸ ✪❸

❸ ❸


(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (fondamentale)

2) longitudinale, lungo la tastiera (parallelo ai tasti), muovendo ogni voce verso il basso (o
anche verso l’alto, a propria scelta) fino ad arrivare al prossimo rivolto dello stesso accordo:

❺ ✪ ❸
❸ ❺ ✪
✪ ❸ ❺

(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto)

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Armonia & Tastiera A&T 12
più accordi, più tastiera
block chords ? DROP IT ! [DROP2]
Cominciamo ad addentrarci nello studio di accordi e tastiera appena impostato...

Finora abbiamo ottenuto accordi con la procedura esotericamente (?!) chiamata terziana::
sovrapporre terze una sull’altra, partendo dalla nota più bassa -la tonica-, fino ad ottenere triadi e
tetradi. Risultato: i cosiddetti close–voicings, o parti strette; poi siamo arrivati a disposizioni diverse
delle voci (rivolti) muovendo all’ottava superiore la nota più bassa dell’accordo, ottenendo così il I
rivolto (3a al basso), il II rivolto (5a al basso), il III rivolto (7a al basso); e cioé spostando, di volta in
volta, a partire dal close–voicing, la nota più bassa di un’8va verso l’alto.
Un’altra possibile nomenclatura di una formazione armonica (accordo) dipende invece dalla voce che
occupa la parte più alta: Iª posizione (tonica al canto), IIª posizione (3a al canto), IIIª posizione (5a al
canto), IVª posizione (7a al canto).
Le nomenclature prescindono dal raggruppamento (stretto/lato) delle parti.

Qualcosa di intrigantemente utile succede se operiamo sugli accordi -per ora solo quelli a 4 voci- da
un punto di vista e con una procedura diversi e per certi versi contrari a quelli descritti testè (oibò!).
1) Come voicing di partenza usiamo sempre il close–voicing (che è compreso, notiamolo, entro una sola
ottava); numeriamone le (quattro) voci, dalla più acuta (voce 1) alla più bassa (voce 4):
voce 1: ........... 7 1 3 5 [voce acuta, soprano]
voce 2: ........... 5 7 1 3 [voce medio-acuta, contralto]
voce 3: ........... 3 5 7 1 [voce medio-bassa, tenore]
voce 4: ........... 1 3 5 7 [voce bassa, basso (baritono?)]
(fondamentale) (I rivolto) (II rivolto) (III rivolto)

2) per il voicing successivo abbassiamo di un’ottava una delle due voci centrali, la prima (voce 2):
voce 1: .......... 7 1 3 5
(voce 2) *** *** *** ***
voce 3: .......... 3 5 7 1
voce 4: .......... 1 3 5 7
*** *** *** ***
voce 2: .......... 5 7 1 3
(II rivolto) (III rivolto) (fondamentale) (I rivolto)

Partiamo dal rivolto chiuso; quando la seconda voce ‘cade’ (drops) verso il basso, il voicing risultante
- non più stretto ma lato (qualcuno lo chiama semi-lato) - viene chiamato drop 2, a prescindere da quale
sia la nota che si trova al basso (tonica, 3a, 5a, o 7a); cioè, in definitiva, da quale rivolto sia.
L’effetto è di apertura armonica, per gli spazi [silenzi] che si aprono: uno fra la voce più alta (canto),
e le due centrali, e l’altro fra le stesse due voci centrali e la voce più bassa (quella che si è mossa).
La gamma armo-melodica supera l’ottava ed è compresa entro una decima ( + 3a).

close voicing (parti strette)

v1 v1 ❸
v2 v3
v3
v4 v4
v2
❼ ❀
❺ ⑦
✪ ⑤

drop 2
© 1999guitar C.A.P. (drop it)
Si passa alla pratica; andiamo ad approfondire la conoscenza
armonica della tastiera tramite la gestione del .

Su le maniche e giù le mani; prima ancora di toccare la chitarra, ricorda:


non sarebbe male un approccio VIS (Visualizza, Immagina, Suona)...

Seleziona una famiglia armonica (∆ 7, min7, domin.7, etc.), e


‘piazza’ il tuo drop2 su un gruppo di corde (riferisciti pure alla
tabella-di-marcia/tortura); da qui si diramano i due percorsi,
diversi e paralleli, che seguiranno due direzioni:

1) latitudinalmente, attraverso la tastiera (perpendicolare


alle corde), muovendo ogni voce verso il basso (o anche verso l’alto,
a tua scelta) fino ad arrivare al prossimo rivolto dello stesso
accordo; partiamo ad esempio con la famiglia ∆ 7:


✪ ❺ ❺ ✪
❼ ❸ ❼ ❸ ❼ ❸
❺ ❺✪

(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto)

➄➃➂➁

2) longitudinalmente, lungo la tastiera (parallelo ai tasti),


muovendo ogni voce verso il basso (o anche verso l’alto, a tua
scelta) fino ad arrivare al prossimo rivolto dello stesso accordo:

❸ ❺ ❼ ✪
❼ ✪ ❸ ❺
❺ ❼ ✪ ❸
✪ ❸ ❺ ❼

(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto)

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Armonia & Tastiera A&T 13

block chord ? drop it ! [DROP3]


Finora abbiamo:
1) selezionato il close voicing come struttura armonica di base;
2) abbassato di un’ottava la voce 2 (contata a partire dalla nota
al canto; nella melodia, la più alta), ottenendo così, dopo il primo
c(lose)v(oicing)lose, una seconda disposizione delle voci, stavolta a
open voicing: il... drop2.

Proseguiamo questo lavoro di ‘caduta’ delle voci:


3) per un ulteriore rivolto, sempre a partire dal c.v. abbassiamo
di un’ottava l’altra delle due voci centrali, la voce 3:
voce 1: ........ 7 1 3 5
voce 2: ........ 5 7 1 3
(voce 3) *** *** *** ***
voce 4: ........ 1 3 5 7
*** *** *** ***
*** *** *** ***
voce 3: ........ 3 5 7 1
(I rivolto) (II rivolto) (III rivolto) (fondamentale)

Quando la terza voce si trasferisce in basso, il risultato prende


il nome di... drop 3; lo spazio armonico si apre fra la coppia di voci
superiori e quella sottostante; quest’ultima distanziata, a propria
volta, di ben due spazi armonici dalla voce più bassa.
La gamma armo-melodica supera l’ottava ed è compresa entro
una 12ma ( + 5a).

close voicing (parti strette)

v3
v1
v2
v1
v2 ❸
v4
v4
v3 ✪
❺ ⑦

drop 3

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Continuiamo ad approfondire la conoscenza armonica della
tastiera tramite la gestione pratica del .

Ricordati di non scordare... l’approccio VIS (Visualizza, Immagina, Suona)...

Visto che il drop2 lo abbiamo già ‘incrociato’ con la famiglia tonale


maggiore (∆ 7), tanto per variare, per il lavoro col drop3 scegliamo
un’altra famiglia: quella min(7). Disponiamo il nostro voicing in
un’area di tastiera e su un set di corde; poi, anche per questo drop3
lavoriamo sui soliti due percorsi (longitudinale/latitudinale), diversi e
paralleli; ripetendo la stessa, duplice procedura con spostamenti per
due direttrici:

1) latitudinale, attraverso la tastiera (perpendicolare alle corde),


muovendo ogni voce in basso (o anche in alto, a tua scelta) fino ad
arrivare al prossimo rivolto dello stesso accordo:


❸ ❸ ❼
❺ ❺
❼ ✪ ❸ ✪

✪ ❼ ❺ ❺ ❼

(fondamentale) (3° rivolto) (2° rivolto) (1° rivolto)

➄➂➁➀ ➅➃➂➁

2) longitudinale, lungo la tastiera (parallelo ai tasti), muovendo


ogni voce verso il basso (o anche verso l’alto, a tua scelta) fino ad
arrivare al prossimo rivolto dello stesso accordo:

❼ ✪ ❸ ❺
❺ ❼ ✪ ❸
✪ ❸ ❺ ❼

❸ ❺ ❼ ✪
(1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto) (fondamentale)

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Armonia & Tastiera A&T 14

block chord ? drop it ! [DROP2&3]


Ancora un passo nel lavoro di ‘caduta’ delle voci; finora abbiamo:
1) selezionato il close voicing come struttura armonica di base;
2) abbassato di un’ottava la voce 2, ottenendo così un secondo
voicing, stavolta open: il drop2;
3) abbassato di un’ottava (dal close voicing) l’altra delle due voci
centrali (voce3): il drop3.

4) ora, un altro voicing: abbassiamo di un’ottava (sempre dal


c.v.) entrambe le voci centrali (voce 2 e voce 3):
voce 1: ........ 7 1 3 5
(voce 2) *** *** *** ***
(voce 3) *** *** *** ***
voce 4: ........ 1 3 5 7
*** *** *** ***
voce 2: ........ 5 7 1 3
voce 3: ........ 3 5 7 1
(I rivolto) (II rivolto) (III rivolto) (fondamentale)

Questo è il drop 2&3; il voicing si allarga, l’armonia si apre


ulteriormente.
La gamma armo–melodica è sempre oltre l’ottava, ma compresa
entro una 12ma ( + 5a).

close voicing (parti strette)

v1 v1 ❸
v3 v2
v4
v4
v2 ❀
v3
❺ ⑦
✪ ⑤

drop 2&3

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Continuiamo ad approfondire la conoscenza armonica della
tastiera tramite la gestione pratica del .

Ricordati di non scordare... l’approccio VIS (Visualizza, Immagina, Suona)...

Abbiamo già impostato il lavoro sulle prime due famiglie


armoniche (∆ 7, min7); ora proseguiamo con un’altra, la domin.7
(settime di prima specie), per il nostro ultimo ‘gioiello’, il drop2&3
sempre sui due percorsi, diversi e paralleli:

1) latitudinalmente, attraverso la tastiera (perpendicolare alle


corde, anche se cominciamo a stare un po’ strettini...), muovendo
ogni voce in basso (o anche in alto, a tua scelta) fino ad arrivare al
prossimo rivolto dello stesso accordo:

➎✪ ✪
❼ ❼ ✪
❸ ❸ ❸ ➎ ❸
✪ ❼ ➎ ➎ ❼

(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto)

2) longitudinalmente, lungo la tastiera (parallelo ai tasti),


muovendo ogni voce verso il basso (o anche verso l’alto, a tua
scelta) fino ad arrivare al prossimo rivolto dello stesso accordo:


➎ ❼ ✪

❼ ✪ ❸ ➎
❸ ➎ ❼ ✪
✪ ❸ ➎ ❼

(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto)

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Armonia & Tastiera A&T 15

block chord ? drop it ! [DROP2&4]


Ulteriore passo nel lavoro di ‘caduta’ delle voci; ricorda:
1) close voicing;
2) drop2: a partire dal close voicing, abbiamo abbassato di
un’ottava la voce 2;
3) drop3: (sempre dal c.v.) abbassando di un’ottava l’altra delle
due voci centrali, la voce3;
4) drop2&3: (sempre dal c.v.) abbassando di un’ottava
entrambe le voci centrali (2 e 3);

5) un quinto voicing lo ricaviamo dall’abbassamento di un’ottava


di un’altra coppia di voci: voce 2 e voce 4:

voce 1: .......... 7 1 3 5
(voce 2) *** *** *** ***
voce 3: .......... 3 5 7 1
(voce 4) *** *** *** ***
*** *** *** ***
voce 2: .......... 5 7 1 3
*** *** *** ***
voce 4: .......... 1 3 5 7

Abbiamo trovato il drop 2&4; voicing e armonia sempre più


aperti; qui non abbiamo più voci contigue, e le due parti centrali
sono separate da ben due voci.
Gamma armo–melodica di una 14ma, quasi due ottave ( + 7a).

close voicing (parti strette)

v1 v1 ❸
v2
v3
v4
v3
v2
❼ ❀
v4

✪ ⑤

drop 2&4

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Continuiamo con l’ approfondimento pratico della conoscenza
armonica della tastiera tramite la gestione del .

Abbiamo già impostato il lavoro sulle prime tre famiglie armoniche


( ∆ 7, min7, domin.7); accediamo a un’altra: min7( 5); ma, dei due
percorsi, diversi e paralleli, tralasciamo quello ‘latitudinale’, e cioè
quello perpendicolare alle corde, che comincia davvero a mostrar... le
corde; il nostro voicing drop2&4 è troppo ‘largo’ per una tastiera
così stretta, con la sua risicata mezza dozzina di corde.
Per spostarci in questa direzione - attraverso le corde- sarà
meglio, a questo punto, aggiungere lavoro in longitudinale, con altri
gruppi di corde; tanto, se selezioniamo un voicing ‘disegnabile’ sul
gruppo di corde ➀ ➁ ➃ ➄, abbiamo disponibile solo un altro ‘set’, quel
➁ ➂ ➄ ➅, oltre il quale non è che ci siano altre scelte; troppi sono i
limiti introdotti dall’ampia apertura armonica del drop2&4...

Allora su le maniche e giù le mani; prima ancora di toccare la chitarra,


ricorda: non sarebbe male un approccio VIS (Visualizza, Immagina, Suona).

Disponiamo le voci longitudinalmente lungo la tastiera (parallele ai


tasti), muovendo ogni voce in basso (o anche in alto, a tua scelta)
fino ad arrivare al prossimo rivolto dello stesso accordo:

❼ ✪ ❸ ➎
❸ ➎ ❼ ✪

➎ ❼ ✪ ❸
✪ ❸ ➎ ❼

(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto)

Raddoppiamo il lavoro di disposizione longitudinale delle voci,


sempre per la famiglia semidiminuita, e ancora in versione drop2&4,
selezionando un altro set di corde, scegliendo fra... l’unico rimasto
(verosimile), ➁ ➂ ➄ ➅:

❼ ✪ ❸ ➎
❸ ➎ ❼ ✪

➎ ❼ ✪ ❸
✪ ❸ ➎ ❼
(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto)

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Armonia & Tastiera A&T 16

block chord ? drop it ! [DROP2&3&2 (D3,double DROP2)]


Riepilogo delle puntate precedenti; partenza sempre da:
1) close voicing [numerando le voci da 1 a 4, dalla più alta/melodia/canto alla più bassa];
2) dal close voicing abbiamo abbassato di un’ottava la voce 2: il drop2;
3) poi (sempre dal c.v.) abbassato di un’ottava l’altra voce centrale, la voce3: il drop3;
4) poi (sempre dal c.v.) giù di un’ottava entrambe le voci centrali (2 e 3): il drop2&3;
5) poi quinto voicing: abbassiamo (sempre dal c.v.) di un’ottava di altre due voci (2 e 4): drop2&4.

6) Quando tutto sembrerebbe finito, possiamo ancora ‘allargare’ l’armonia sbilanciandoci con un
intervento funambolico, ai limiti del... virtuosismo matematico-armonico (“Quando il gioco si fa duro, i
duri cominciano a giocare”, J. Belushi, Blues Brothers): prendiamo il drop 2&3 e abbassiamone la voce
2 di un’altra ottava, in più; risultante (dal close-voicing iniziale): voce 2, due (DUE) ottave sotto, voce
3 un’ottava sotto:

voce 1: .......... 7 1 3 5
(voce 2) *** *** *** ***
(voce 3) *** *** *** ***
voce 4: .......... 1 3 5 7
*** *** *** ***
(ex-v. 2, 8vb) *(5)* *(7)* *(1)* *(3)*
voce 3: .......... 3 5 7 1
*** *** *** ***
*** *** *** ***
voce 2: .......... 5 7 1 3
(II rivolto) (III rivolto) (fondamentale) (I rivolto)

Abbiamo generato il... mostro, ma... avrà un nome? Si potrebbe tentare con: drop3 & double-drop2.
Grande apertura armonica (spesso troppa, per una comune tastiera e una povera, sovraccarica mano
sinistra): due voci virtuali (=no sound) di ‘respiro’ fra ogni voce reale.
Gamma armo–melodica ampissima: dovremmo chiamarla 17ma, oltre le due ottave(2 + 3a).

Questi sono, in pratica, i 6 (sei) voicings reali, più o meno usati e utilizzabili; non c’è molto di più, a
meno di clamorosi futuri sviluppi matematici, con risvolti, imprevedivili, e soprattutto: inapplicabili
sulla chitarra (risvolti, non rivolti).

close voicing (parti strette)

v1 v1 ❸
v3 v2
v4
v4 ❺ ❀
v3
v2 ⑦
❼ ⑤


drop .......(?)

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Concludiamo il lavoro sulla tastiera per la gestione pratica del .

Abbiamo già lavorato con le principali famiglie armoniche:


∆ 7, min7, domin.7 e min7( 5);
disposte di volta in volta sulla tastiera secondo le caratteristiche del voicing in oggetto:
drop2, drop3, drop2&3, drop2&4.

Ovviamente (c’è davvero bisogno di dirlo?) ogni famiglia può essere incrociata
con ognuna delle varianti ottenute col trattamento ‘dropping’ (non confondere
con doping...); in ogni possibile rivolto.
Ci rimarrebbe ora questo strano, drop’, ultimo possibile per tastiere e mani normali.
Droppata finale; a drop insolito rispondiamo con famiglie... meno consuete: per prima la min( ∆ 7).
Ricorda l’approccio VIS (Visualizza, Immagina, Suona); prima visualizza, poi vai alla chitarra.

Ormai non possiamo più selezionare gruppi di corde, tanta è l’estensione (e poca la tastiera).
Disponiamo, le voci sull’intera tastiera, dove c’è posto; e muoviamole longitudinalmente (parallelamente
ai tasti) in basso (o anche in alto, a scelta) fino ad arrivare al prossimo rivolto dello stesso accordo:

❸ ➎ ❼ ✪
➎ ❼
✪ ❸
❼ ✪ ➎

✪ ❸ ➎ ❼
(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto)

Poi ripetiamo il lavoro di disposizione e moto longitudinale delle voci, sempre per la versione
drop2&4, andando a pescare da un’altra famiglia... non frequente: ∆ 7( 5); altresì nota come Maj7( 11):

❸ ➎ ❼ ✪

➎ ✪ ❸
❼ ❸
✪ ➎
✪ ❸ ➎ ❼
(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto)

E ancora ebbene sì, chi vuole strafare, strafatto sia! Chiosa e osa, stesso drop, con famiglia ∆ 7( 5);
(... ma non dimentichiamo di lavorare con... tutto: diminuiti, estesi, alterati...)

❸ ➎ ❼ ✪
➎ ❼
✪ ❸
❼ ➎
✪ ❸
✪ ❸ ➎ ❼
(fondamentale) (1° rivolto) (2° rivolto) (3° rivolto)
© 1999guitar C.A.P. (drop it)
i (6) circoli dei (4) rivolti
1 3 5 7 1 3 7 5

LEGENDA

5 7 1 3 F: Fondamentale 5 7 3 1
I: I° rivolto
II: II° rivolto
III: III° rivolto
1 5 7 3 in grassetto: tonica 1 5 3 7
(nel voicing; es: 3 5 7 1)

5 1 3 7 5 1 7 3

1 7 3 5 1 7 5 3

5 3 7 1 5 3 1 7
© 1999guitar C.A.P. (drop it)
fuorvianze, anzi...

Il diagramma di sinistra : la ‘foto’ di un Se volessimo (dello stesso voicing) una


voicing, una possibile distribuzione di voci: lettura più consueta, dal basso all’alto,
qui un ‘classico’ DROP 2. potremmo procedere dalla tonica (1), in
Il DROP -di per sè- è definito dall’alto verso senso orario :
il basso (a partire dalla nota della melodia, 1, 5, 7, 3; dove 1 è la tonica, bassa (T).
al canto, in genere la più alta, che non è Ora, anziché ridisegnare tutti i diagrammi,
necessariamente la tonica) : voce 1, 2, 3, 4. basterà invertire il senso di lettura (che qui
Questo stesso DROP(2), tradotto in gradi da antiorario diventa orario), cambiando -
armonici sarebbe : ovviamente- di volta in volta il punto di
voce1 = 3a partenza. Quindi, mentre di solito si tende a
voce2 = 7a partire dalla nota al basso, che definisce il
voce3 = 5a riferimento armonico, per il sistema-DROP
voce4 = 1a(T) invece tutto ruota intorno alla nota più alta,
la melodia, al canto.

E’ evidente un PERICOLO... Se parto da questo 3 , 7 , 5 , 1 , quale sarà il


prossimo rivolto? La tentazione è quella di
Può essere fuorviante riferirsi ai DROPS con un spostare la prima cifra (3) in fondo;
circolo ‘aritmetico’, cioè riferito ai numeri dei 3,7,5,1 diventa 7,5,1,3.
gradi (trascurando i pieni e i vuoti, cioè la... Che però è diventato un... DROP3 !?!
densità !) E continunado a... ‘rivoltare’ così, certo la
Se infatti, per ‘rivoltare’ i voicings situazione non migliora : in-cia-mpia-mo
(ridisegnare i diagrammi), si provasse a (... d-d-drop!?) e cadiamo su configurazioni
cambiare meccanicamente il punto di di voicings che non sono più dello stesso tipo
riferimento tonale, potremmo essere indotti di DROP; come risulta evidente dai diagrammi
in un processo errato! seguenti :

3,7,5,1 : D ROP 2 7,5,1,3 : D ROP 3 5,1,3,7 : DROP2&4 1,3,7,5 : DROP2&3

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Assolutamente essenziale quindi tener conto degli spazi fra le voci (che è proprio la
caratteristica sonora essenziale di queste... parti late), l’equilibrio (squilibrio?) fra pieni e vuoti.
È infatti la distribuzione delle voci (vuoti/pieni) a definire il DROP e la sua densità (quindi, la sua
sonorità).
Cerchiamo dunque un procedimento efficace per arrivare a ottenere e visualizzare i rivolti
corretti. Per una procedura efficace bisognerà inserire, nella rappresentazione-diagramma,
sempre tutte le 4 voci (v1,v2,v3,v4), quelle effettivamente suonate ma anche quelle ‘saltate’;
solo così, ‘riv oltando’, il tipo di DROP si manterrà costante per ogni vocing:

3,7,5,1 : DROP2 1,5,3,7 : DROP2 7,3,1,5 : DROP2 5,1,7,3 : DROP2

Il dettaglio -essenziale/esiziale- che dobbiamo notare è di tipo grafico: la disposizione di cerchi


bianchi/cerchi neri (pieni/vuoti):

Disposizione/densità : identica per ognuno dei quattro


diagrammi/voicings.
A partire dalla nota al canto, in giù (senso antiorario):
❍ voce1, nota al canto (c)
● -- niente nota --
❍ voce2
❍ voce3
● -- niente nota --
❍ voce4
● -- niente nota --
● -- niente nota --
es : DROP2 (❍ torna la nota la canto...)
Ecco la distribuzione delle voci, la densità e quindi ecco il suono, di questo DROP-voicing (DROP2).
Come già esemplificato e specificato nella tabella riassuntiva di un paio di pagine addietro.
Nelle prossime (2) pagine cerchiamo una sintesi, anche grafica, di questi... circoli di drops !

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


Armonia & Tastiera A&T 17
tabella riassuntiva
• Drop 2
( *** *** *** ***)
( *** *** *** ***)
voce 1: .......... 7 1 3 5
(voce 2) *** *** *** ***
voce 3: .......... 3 5 7 1
voce 4: .......... 1 3 5 7
*** *** *** ***
voce 2: .......... 5 7 1 3
(II rivolto) (III rivolto) (fondamentale) (I rivolto)

• Drop 3
( *** *** *** ***)
voce 1: ........ 7 1 3 5
voce 2: ........ 5 7 1 3
(voce 3) *** *** *** ***
voce 4: ........ 1 3 5 7
*** *** *** ***
*** *** *** ***
voce 3: ........ 3 5 7 1
(I rivolto) (II rivolto) (III rivolto) (fondamentale)

• Drop 2 & 3
( *** *** *** ***)
voce 1: ........ 7 1 3 5
(voce 2) *** *** *** ***
(voce 3) *** *** *** ***
voce 4: ........ 1 3 5 7
*** *** *** ***
voce 2: ........ 5 7 1 3
voce 3: ........ 3 5 7 1
(I rivolto) (II rivolto) (III rivolto) (fondamentale)

• Drop 2 & 4
voce 1: .......... 7 1 3 5
(voce 2) *** *** *** ***
voce 3: .......... 3 5 7 1
(voce 4) *** *** *** ***
*** *** *** ***
voce 2: .......... 5 7 1 3
*** *** *** ***
voce 4: .......... 1 3 5 7
(fondamentale) (I rivolto) (II rivolto) (III rivolto)

• Drop3 & double-Drop2 (ossia: Drop2+&3)


( *** *** *** ***)
( *** *** *** ***)
voce 1: .......... 7 1 3 5
(voce 2) *** *** *** ***
(voce 3) *** *** *** ***
voce 4: .......... 1 3 5 7
*** *** *** ***
(ex-v. 2, 8vb) *(5)* *(7)* *(1)* *(3)*
voce 3: .......... 3 5 7 1
*** *** *** ***
*** *** *** ***
voce 2: .......... 5 7 1 3
(II rivolto) (III rivolto) (fondamentale) (I rivolto)

© 1999guitar C.A.P. (drop it)


❍ voce1, nota al canto
DROP2 ● -- niente nota --
v1, v2,v3, v4
❍ voce3
❍ voce4
F: 3,7,5,1
● -- niente nota --
Ir: 5,1,7,3
❍ voce2
IIr: 7,3,1,5
● -- niente nota --
IIIr: 1,5,3,7
● -- niente nota --
(❍ torna la nota la canto...)
❍ voce1, nota al canto
DROP3 ❍ voce2
v1, v2,v3, v4
● -- niente nota --
❍ voce4
F: 5,3,7,1
● -- niente nota --
Ir: 7,5,1,3
● -- niente nota --
IIr: 1,7,3,5
❍ voce3
IIIr: 3,1,5,7
● -- niente nota --
(❍ torna la nota la canto...)
❍ voce1, nota al canto
DROP2&3 ● -- niente nota --
v1, v2,v3, v4
● -- niente nota --
❍ voce4
F: 5,7,3,1
● -- niente nota --
Ir: 7,1,5,3
❍ voce2
IIr: 1,3,7,5
❍ voce3
IIIr: 3,5,1,7
● -- niente nota --
(❍ torna la nota la canto...)
❍ voce1, nota al canto
DROP2&4 ● -- niente nota --
v1, v2,v3, v4
❍ voce3
● -- niente nota --
F: 7,3,5,1
● -- niente nota --
Ir: 1,5,7,3
❍ voce2
IIr: 3,7,1,5
● -- niente nota --
IIIr: 5,1,3,7
❍ voce4
(❍ torna la nota la canto...)
❍ voce1, nota al canto
● -- niente nota --
DROP3&dD2 ● -- niente nota --
❍ voce4
v1, v2,v3, v4
● -- niente nota --
F: 3,5,7,1 ● -- niente nota --
❍ voce3
Ir: 5,7,1,3 ● -- niente nota --
IIr: 7,1,3,5 ● -- niente nota --
❍ voce2
IIIr: 1,3,5,7 ● -- niente nota --
● -- niente nota --
(❍ torna la nota la canto...)

© 1999guitar C.A.P. (drop it)

Potrebbero piacerti anche