Sei sulla pagina 1di 108

Università degli Studi di Padova

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE ED AMBIENTALE


CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN
INGENGERIA CIVILE

PROGETTO DI PONTI
A.A.2014/2015

Esercitazione
Aggiornamento normativo di un ponte a cassoncini in c.a.p.
secondo NTC08 e Eurocodici

Docente: Prof. Claudio Modena


Ing. Giovanni Tecchio

Studente: Elisa Saler


Matr 1084195

1
2
Sommario

1 Descrizione delle opere .............................................................................................5


1.1 Caratteristiche generali dell’opera...................................................................5
1.2 Fasi Costruttive ...............................................................................................5
2 Metodo di calcolo.......................................................................................................6
2.1 Codici di calcolo ..............................................................................................6
2.1.1 Straus 7( release 7.2.1) ..........................................................................6
2.1.2 Vcaslu.....................................................................................................6
3 Normativa di riferimento ............................................................................................6
4 Caratteristiche dei materiali impiegati ........................................................................7
4.1 Calcestruzzo per travi in C.A.P. ......................................................................7
4.2 Calcestruzzo per strutture gettate in opera (soletta e traversi)........................7
4.3 Acciaio in barre ad aderenza migliorata per cemento armato saldabile
(ove richiesto) .................................................................................................7
4.4 Acciaio in reti e tralicci elettrosaldati ad aderenza migliorata per cemento
armato controllato in stabilimento saldabile (ove richiesto) .............................8
5 Caratteristiche geometriche delle sezioni ..................................................................9
5.1 Sezione a cassoncino .....................................................................................9
5.2 Sezione composta .........................................................................................9
5.2.1 Larghezza collaborante di soletta ...........................................................9
5.2.2 Calcolo dell’inerzia torsionale delle travi composte .............................. 10
5.3 Sezione del traverso di testata ...................................................................... 10
6 Analisi dei carichi ..................................................................................................... 11
6.1 Azioni permanenti ......................................................................................... 11
II FASE:finiture dell'impalcato ........................................................................... 11
6.2 Azioni accidentali .......................................................................................... 11
6.2.1 Incremento dinamico dei carichi mobili ................................................. 13
6.3 Azioni meteoriche ......................................................................................... 13
6.3.1 Azioni dovute al vento .......................................................................... 13
6.4 Ritiro e deformazioni differite ........................................................................ 13
6.5 Sollecitazioni termiche .................................................................................. 14
effetti globali sull’impalcato ............................................................................................ 14
6.6 Metodo di ripartizione di Massonnet ............................................................. 14
6.6.1 L.d.i per i M flettenti della trave di bordo ............................................... 16
6.7 Metodo di ripartizione “a graticcio di travi”..................................................... 17
6.7.1 Costruzione del modello ....................................................................... 17
6.7.2 Linea di influenza per i M flettenti della trave di bordo .......................... 18
6.8 Metodo di ripartizione basato sul modello Fem con elementi “plate” ............ 21
6.8.1 Costruzione del modello ....................................................................... 21
6.8.2 Confronto dei coefficienti di ripartizione del carico fra i vari modelli...... 23
6.9 Calcolo dei P.d.s dovuti ai carichi mobili ....................................................... 24
6.9.1 Mflettenti delle le travi principali ............................................................ 24
6.9.2 Mflett trasversali ................................................................................... 27
6.9.3 Mtorcenti per le travi principali .............................................................. 29
6.9.4 Mtorcente per i traversi di testata ......................................................... 32
6.9.5 MFlettenti per i traversi di testata.......................................................... 33
7 Dimensionamento dell’armatura di precompressione .............................................. 34
7.1 Fuso limite..................................................................................................... 34
3
8 Verifiche agli SLE delle travi .................................................................................... 41
8.1 Verifica delle tensioni di esercizio (travi principali) ........................................ 41
8.1.1 Caratteristiche sezione ......................................................................... 41
8.1.2 Fasi tensionali dei trefoli ....................................................................... 43
8.1.3 Zone di variazione dell’armatura........................................................... 44
8.1.4 Verifica tensionale della sezione di attivazione della
precompressione (x=1.339m) ............................................................... 44
8.1.5 Verifica tensionale della sezione di mezzeria.............................................. 61
9 Verifica agli SLU delle travi ...................................................................................... 78
9.1 Verifiche a flessione ...................................................................................... 78
9.2 Verifiche a taglio ........................................................................................... 81
9.3 Verifiche a torsione e taglio+torsione ............................................................ 86
9.4 Verifica al sollevamento ................................................................................ 88
10 Verifica agli SLE dei traversi .................................................................................... 91
10.1 Verifica a fessurazione .................................................................................. 91
11 Verifica agli SLU dei traversi ................................................................................... 92
11.1 Verifica a tensoflessione ............................................................................... 92
11.2 Verifica a taglio ............................................................................................. 92
11.3 Verifica a torsione ......................................................................................... 93
12 Verifica della soletta di continuità per deformazioni globali imposte ........................ 94
12.1 Effetti dovuti alla rotazione di una sola trave caricata ................................... 94
12.2 Verifica a tensoflessione (SLU) ..................................................................... 95
12.3 Verifica a fessurazione (SLE)........................................................................ 97
13 verifiche locali .......................................................................................................... 98
13.1 Analisi dei carichi .......................................................................................... 98
13.2 Calcolo delle sollecitazioni allo SLU per i tratti intermedi di soletta ............... 99
13.2.1 Modello a trave ..................................................................................... 99
13.2.2 Modello bidimensionale ...................................................................... 100
13.3 Verifica a tensoflessione ............................................................................. 102
13.4 Verifica a taglio ........................................................................................... 103
13.5 Calcolo delle sollecitazioni allo SLU per le zone di inizio e fine impalcato .. 103
13.6 Verifiche a tensoflessione della soletta in testata (SLU) ............................. 103
13.7 Verifica a taglio ........................................................................................... 105
13.8 Verifica a fessurazione ................................................................................ 106
13.8.1 Verifica della zona di testata per FII ................................................... 106
13.9 Verifica a fatica ........................................................................................... 107
13.9.1 Zone intermedie.................................................................................. 108
13.9.2 Zone di testata .................................................................................... 108

4
1 DESCRIZIONE DELLE OPERE
1.1 Caratteristiche generali dell’opera
L'opera oggetto di relazione è un ponte realizzato in calcestruzzo armato precompresso, con travi
prefabbricate pretese (fili aderenti), con traversi e soletta gettati in opera. L’impalcato è realizzato
su 4 luci in semplice appoggio, con soletta di continuità fra le campate di lunghezza 1.50m, per una
luce complessiva di 140 m. La struttura presenta un profilo ad altezza costante per tutte le campate,
che risulta complessivamente pari a 2.10m.
Le otto travi principali sono a cassoncino di altezza 180 cm, e risultano disposte ad interasse pari a
315 cm con una luce di calcolo fra gli appoggi di 31.90 m, inferiore rispetto alla distanza di retrotrave
dal momento che si realizza un franco di 80 cm in testata; il collegamento fra le nervature principali
è realizzato tramite soletta di 30 cm di spessore, ottenuta ricorrendo a lastre prefabbricate di tipo
predalle di 4 cm e successivo getto di altezza 26 cm. In questo modo è possibile evitare il ricorso a
costose opere di casseratura; i traversi sono stati disposti solo in testata.
La larghezza totale del nuovo impalcato ammonta complessivamente a 25.50 m, componendosi di
due sedi viarie da 9.50 m (due corsie da 3.75 m e relativa banchina da 1.50 m per senso di marcia)
cui si affiancano, protetti da adeguato guard-rail, i rispettivi marciapiedi.

1.2 Fasi Costruttive


La realizzazione dell'opera avviene per fasi, in ognuna delle quali può cambiare lo schema statico o
la sezione reagente della struttura:
- FASE A:
Costruzione dei prefabbricati in stabilimento
- FASE B:
Trasporto degli elementi prefabbricati
- FASE C:
Posa in opera delle travi a cassoncino, posa delle predalle e getto della soletta e dei traversi
di testata
- FASE D:
Getto dei cordoli e operazioni di finitura.

Si esamineranno le sollecitazioni sulla trave dovute a:

a) - precompressione a cavi aderenti


b) - rilassamento dell’acciaio da precompressione
c) - fenomeni di ritiro e viscosi delle travi precompresse;
d) - peso del getto della soletta;
e) - peso della pavimentazione, dei cordoli e delle barriere;
f) - ritiro differenziale fra trave e soletta;
g) - gradiente termico di ±5°C tra estradosso ed intradosso;
h) - carichi mobili, in diverse configurazioni.

I fenomeni a), b), c), d) agiscono su una sezione reagente composta dai soli elementi prefabbricati,
mentre i fenomeni e), f), g), h) agiscono sulla sezione completa di soletta collaborante.

5
2 METODO DI CALCOLO
La presente relazione strutturale di calcolo illustra il progetto nei suoi aspetti generali.
Lo studio delle strutture è stato condotto secondo i metodi della scienza delle costruzioni
supponendo i materiali elastici, omogenei ed isotropi.
La ricerca dei parametri di sollecitazione è stata fatta secondo le disposizioni di carico più gravose
avvalendosi di codici di calcolo automatico per l'analisi strutturale.
Le verifiche di resistenza delle sezioni sono state eseguite secondo il metodo delle stati limite.

2.1 Codici di calcolo


Tutti i codici di calcolo automatico utilizzati per il calcolo e la verifica delle strutture e la redazione
della presente relazione di calcolo sono di sicura ed accertata validità e sono stati impiegati
conformemente alle loro caratteristiche.

2.1.1 Straus 7( release 7.2.1)


Programma di calcolo strutturale agli elementi finiti della G+D Computing commercializzato dalla
HSH srl. Esegue il calcolo di strutture spaziali composte da elementi mono- e/o bi- dimensionali
anche con non linearità di materiale o con effetti dinamici. Codesto software è fra i programmi
strutturali ad elementi finiti più diffusi al mondo con svariate applicazioni e di comprovata
affidabilità.

2.1.2 Vcaslu
Free-download software per le verifiche delle sezioni in C.A., sviluppato dal prof. P.Gelfi del
Dipartimento di Ingegneria Strutturale dell’ Università di Brescia. Esegue le verifiche con il metodo
delle tensioni ammissibili e/o degli stati limite, per sollecitazioni di presso-tensoflessione retta o
deviata, permette la costruzione dei campi resistenti e sollecitanti della sezione in esame.

3 NORMATIVA DI RIFERIMENTO
Il progetto è stato sviluppato in osservanza alla vigente normativa tecnica. Il progetto si richiama
particolarmente alle seguenti normative:

 [NTC08]: Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni (G.U. n. 29 del 4 febbraio 2008 – Suppl.
Ordinario n.30)
 [C_NTC08]: Circolare del Min. Infrastrutture e Trasporti 2 febbraio 2009, n. 617 Istruzioni per
l’applicazione delle “Nuove norme tecniche per le costruzioni” di cui al decreto ministeriale del 14
gennaio 2008. (G.U. n. 47 del 26 febbraio 2009 – Suppl. Ordinario n. 27)
 [EC1 2] Eurocodice 1 Basi di calcolo e azioni sulle strutture - Parte 2 - Carichi da traffico sui ponti.
 [EC2 1-1]: Eurocodice 2 Progettazione delle strutture di calcestruzzo Parte 1-1: Regole generali e
regole per gli edifici [EN 1992-1-1]
 [EC2 2]: Eurocodice 2 Progettazione delle strutture di calcestruzzo Parte 2: Regole generali – Ponti di
calcestruzzo [EN 1992-2]
6
4 CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI
Salvo indicazioni diverse espressamente indicate negli elaborati grafici, sono previsti i seguenti
materiali:

4.1 Calcestruzzo per travi in C.A.P.

Peso specifico 25 kN/m3


Resistenza cubica caratteristica a 28 giorni 55 MPa
Cemento tipo 52.5 R
Classe di esposizione ambientale XF4 – Gelo/Disgelo; XC3 carbonatazione
Rapporto massimo a/c 0.55
Contenuto minimo di cemento 350 kg/m3
Classe di consistenza (slump test) S3
Copriferro minimo1: trefoli 50 mm
armatura lenta 40 mm

4.2 Calcestruzzo per strutture gettate in opera (soletta e traversi)

Peso specifico 25 kN/m3


Resistenza cubica caratteristica a 28 giorni 35 MPa
Cemento tipo 32.5 R
Classe di esposizione ambientale XD3 azione cloruri da sali disgelanti
Rapporto massimo a/c 0.5
Contenuto minimo di cemento 320 kg/m3
Classe di consistenza (slump test) S3
Copriferro minimo 50 mm

4.3 Acciaio in barre ad aderenza migliorata per cemento armato saldabile (ove
richiesto)
Tipo di acciaio: B450C ad aderenza migliorata, controllato in stabilimento

Tensione caratteristica di snervamento 450 MPa


Tensione caratteristica di rottura 540 MPa
Allungamento percentuale A5  12%
Rapporti di duttilità fy/fyk  1.35
(ft/fy)medio  1.13

1
Il copriferro viene calcolato secondo quanto previsto dall’EC2 1-1 al §4.4.1 e secondo la Circolare C_NTC08 al
§C4.1.6.1.3; i valori risultano coincidenti
7
4.4 Acciaio in reti e tralicci elettrosaldati ad aderenza migliorata per cemento
armato controllato in stabilimento saldabile (ove richiesto)
Tipo di acciaio: B450A ad aderenza migliorata

Tensione caratteristica di snervamento 450 MPa


Tensione caratteristica di rottura 540 MPa
Allungamento percentuale A5  8%
Rapporti di duttilità fy/fyk  1.10

N.B.: I valori non descritti di resistenza a rottura e in esercizio dei materiali sono riportati in
seguito, nei paragrafi dove si tratta della verifica delle sezioni.

8
5 CARATTERISTICHE GEOMETRICHE DELLE SEZIONI
Si riportano di seguito le principali caratteristiche geometrico-inerziali delle sezioni degli elementi
prefabbricati, e dell'impalcato completo con soletta collaborante, utilizzate nella schematizzazione
della struttura.

5.1 Sezione a cassoncino


Le travi principali in C.A.P. sono realizzate con travi prefabbricate in stabilimento con armature
pretese tramite trefoli aderenti di lunghezza complessiva pari a 33.50 m, e luce di calcolo pari a
L=35-(1.5-0.8*2)=31.90m
L’ altezza è pari a
h~1/18L=1.80 m

Le travi hanno sezione costante, fatta eccezione per le posizioni d’armatura dei cavi pretesi, che
subiscono delle variazioni lungo il tracciato per far ricadere il cavo equivalente all’interno del fuso
limite. Le caratteristiche geometriche e d’inerzia sono riassunte in figura, quelle inerziali nella
tabella successiva.

CARATTERISTICHE INERZIALI
Ac (cm2) 8486,98
YG,c (cm) 81,46
Jxx,c (cm )4 3,40E+07
x ,c (cm) 63,27
Wu,c (cm3) 3,45E+05
Wl,c (cm3) 4,17E+05
2
As (6φ16) (cm ) 12,06

5.2 Sezione composta


Il getto della soletta determina una modifica della sezione resistente, che diventa composta da due
calcestruzzi di caratteristiche diverse, che devono essere omogeneizzati per il calcolo delle proprietà
inerziali attraverso il coefficiente
n=Esol/Ecass=33.72/42.27=0.798

5.2.1 Larghezza collaborante di soletta


Secondo quanto indicato dall’NTC08 al §4.3.2.3 per le strutture miste in relazione alla definizione
della soletta collaborante si può fissare

9
beff = i = 315 cm

5.2.2 Calcolo dell’inerzia torsionale delle travi composte


Per il calcolo di Jt si semplifica il problema considerando la sezione composta trave- soletta come
sezione chiusa(analizzabile con la teoria di Bredt). Si ritiene trascurabile il contributo dei due sbalzi
laterali.

4 2 4 2
Jt   =4*25220/[90/30+2*152.79/13+199.33/30*1/0.798)=73.891*106 cm4
ds li
 
i
c i

dove si indica
Ω= area racchiusa dal perimetro medio esterno della sezione d’ impalcato;
ds= lunghezza infinitesima di integrazione
δ= spessore della striscia di integrazione

SOLETTA SEZ
COMPOSTA
h sol (cm) 30 210
bcoll ( cm) 315
Rck (Mpa) 35 55
n 0,94
A (cm2) 9450,00 17362,41
yG (cm) 195,00 139,50
Jxx, (cm4) 708750,00 9,06*107
x (cm) 8,66 72,22
Jt 73.891*106

5.3 Sezione del traverso di testata


Secondo quanto indicato dall’NTC08 al §4.3.2.3 per le strutture miste in relazione alla definizione
della soletta collaborante si può fissare
10
beff = btrav = 118 cm

SOLETTA
bcoll ( cm) 118
Rck (Mpa) 35
n 0.94
A (cm2) 13440
yG (cm) 117.66
Jxx (cm4) 55744171.87
Jyy (cm4) 6603205.00
Jt 9380750.00

6 ANALISI DEI CARICHI


Si riporta di seguito il computo dei soli carichi che interessano l’impalcato.

6.1 Azioni permanenti


Si considerano i carichi agenti su una singola trave dell’impalcato.

I FASE:getto della soletta


Peso proprio trave prefabbricata 8486.24*10-4*25=21.67 kN/m
Peso proprio soletta 9450*10-4*25=23.62 kN/m
Totale fase I 45.29 kN/m

II FASE:finiture dell'impalcato
Pavimentazione stradale: 22*(0.16*9.75*2)= 70.79 kN/m
Parapetti e guard-rail 2*0.5+4*1.5= 7.00 kN/m
Velette 2*0.05*0.7*25= 1.75 kN/m
Cordoli: [2*(1.75*0.20*25)+1.8*0.2*25] = 26.50 kN/m
Totale fase II: 1/8*(106.25)=13.25 kN/m

6.2 Azioni accidentali


Per la definizione dei carichi accidentali da traffico si fa riferimento al §5.1.3.3 dell’NTC08.
11
12
6.2.1 Incremento dinamico dei carichi mobili
I carichi dinamici vengono moltiplicati per un coefficiente di amplificazione che tenga conto delle
variazioni che possono subire. Si utilizza il Dynamic Amplification Factor definito in EC1-3 Table 2.1
and Table 2.6.
5 per carichi da traffico, il coefficiente ha valori che variano tra 1 e 3 in base all’intensità di
variazione dei carichi stessi. Si assume 1,5, valore medio ideale per forze in genere che variano
dolcemente, ma che tiene anche conto del fatto che cambiamenti improvvisi possono accadere.
5 = 1.5

6.3 Azioni meteoriche


6.3.1 Azioni dovute al vento
La pressione dovuta al vento è assunta pari a:
p = 2.50 kN/m2
L’azione del vento interessa i mezzi in transito sul ponte, quando carico, per un'altezza a partire dal
piano stradale di 3.00 m.
htot=1.80+0.30+0.16+3.00=5.26m
Fv=5.26*2.5=13.15 kN/m
applicata ad un’altezza pari a 2.63 m dal bordo inferiore della trave.

6.4 Ritiro e deformazioni differite


Si utilizza il procedimento approssimato alla Mörsch per la valutazione dello stato di sollecitazione
indotto da ritiro: si immagina che la soletta sia svincolata dalla trave e libera di ritirarsi e che subisca
integralmente la diminuzione volumetrica Δ; successivamente per ripristinare la congruenza si
applicano due forze di trazione nel baricentro della soletta isolata capaci di produrre la stessa
deformazione dovuta al ritiro, ma di segno opposto. L’intensità di queste forze è
E
N ritiro  Ac E Ec  c
*

1 
dove si tiene conto del modulo ridotto per tener conto dello scorrimento viscoso che tenderebbe a
consentire al materiale di deformarsi a tensione costante.
Si considera poi di ripristinare il collegamento fra la soletta e la trave, rimuovendo le forze σcAc
previste dal modello; tali forze sono ora fornite dalle reazioni elastiche della soletta, che tende ad
accorciarsi ma è impedita dalle staffe di collegamento. Per la trave composta resa omogenea si
genera quindi un momento:
M ritiro  N ritiro e
essendo e la distanza fra il baricentro dell'area di soletta e quello della sezione composta

13
I dettagli di calcolo sono riportati nel paragrafo relativo alle verifiche delle travi principali; nel caso
in cui gli effetti della precompressione siano prevalenti e dunque l’accorciamento delle trave
principale per viscosità diventi preponderante, i segni delle azioni fin qui discusse sono da
considerarsi invertiti.

6.5 Sollecitazioni termiche


L’azione termica viene schematizzata come un t  5 C o differenziale fra soletta e trave secondo
quanto indicato dall’NTC08 per i ponti ferroviari. Il valore si ritiene accettabile per ponti stradali
poiché i ponti ferroviari tendono ad avere limiti di deformabilità minori, quindi a vantaggio della
sicurezza.
Il coefficiente di dilatazione termica vale:
 = 1*10-5

t   5 C o

Per il calcolo degli effetti si procede anche qui per via semplificata come per il ritiro differenziale
(l’effetto di una temperatura maggiore all’intradosso è analogo a quello di un maggior ritiro della
soletta rispetto alla trave).

EFFETTI GLOBALI SULL’IMPALCATO


Lo studio interessa una singola campata, essendo lo schema statico adottato di campate
semplicemente appoggiate, tutte di ugual luce di calcolo L=31.90m. Nei paragrafi seguenti verranno
sviluppati tre diversi modelli di calcolo per lo studio della ripartizione dei carichi, per poter
confrontare i risultati e dimostrare la validità o i limiti degli stessi.

6.6 Metodo di ripartizione di Massonnet


È un metodo manuale, che consiste nel trattare il complesso travi+traversi+soletta come una lastra
ortotropa equivalente, trattando l’impalcato come una struttura continua che si comporta in
maniera diversa nelle due direzioni principali. Il metodo non fa alcuna ipotesi sulla rigidezza
flessionale e torsionale di travi e traversi, tuttavia si fanno a priori delle ipotesi
- il graticcio effettivo viene sostituito con uno a maglie infinitesime avente le stesse rigidezze
medie flessionali e torsionali
-è possibile effettuare l’analisi armonica della struttura in direzione longitudinale (la forma
del carico coincide con quello della deformata e il rapporto p/w è costante in direzione long.)
La prima ipotesi porta ad approssimazioni accettabili per impalcati retti, se il numero di traversi è
sufficientemente elevato ( ≥3) e se il carico è ripartito, ed è sostanzialmente soddisfatta per il ponte
di studio; la seconda vera solo per campate semplicemente appoggiate.

14
Si calcolano pertanto i parametri del graticcio equivalente, facendo riferimento per le travi alle
caratteristiche inerziali della sezione mista (cassoncino+soletta).

Schematizzazione dell’impalcato con il metodo di Massonnet

Trave:
EJ p
E * 9.06 *10^7
p    2.88 *10^5E rigidezza flessionale per m lineare
i 315
GJ E * 73891000
 p  t, p   1.02 *10^5E rigidezza torsionale per m lineare
i 2.3 * 315
E E
G 
2(  1) 2.3
Traverso:

EJ e E (0.94 * 55744171.87)
e    1.64 *10^ 4
l1 3190
E
GJ t , E
E (0.94 * 6603205)
e    8.45 *10^ 2 E
l1 2.3 * 3190
  102834
Parametro di torsione  p e   0.75
2  p e 2 2.88 *10^5 *16412

b  p 1260 4 2.88 *10^5


Parametro di irrigidimento  4   0.81
l e 3190 1.64 *10^ 4

Si nota come il metodo di Massonnet risulta sufficientemente corretto quando si utilizzano travi a
sezione aperta, mentre dà valori meno attendibili per sezioni chiuse per le quali il parametro α>1 e
quindi la rigidezza torsionale diventa dominante.
Si osserva inoltre che θ≥0.3 quindi il metodo di Engesser-Courbon non è applicabile.

Il metodo consente di calcolare tramite tabellazioni


w( y) mx
K   Coefficiente di maggiorazione del valor medio
w mx

15
Kα rappresenta sia il rapporto tra la deformata in un punto per effetto del carico lineare e quella
che si avrebbe nello stesso punto se si ripartisse lo stesso carico su tutta la larghezza del ponte, sia
quello fra i momenti flettenti dovuti a carichi siffatti.
Dalle tabelle si deducono i valori per K 0 (α=0) e K1 (α=1), per valori intermedi si deve interpolare,
con la formula
K  K 0  ( K1  K 0 )  .
Il metodo viene utilizzato inizialmente per la costruzione della linea di influenza per il M della trave
di bordo, che insieme alla trave centrale risulta essere la più sollecitata; sulla base dell’andamento
ottenuto si stabilirà il confronto con gli altri modelli di calcolo

6.6.1 L.d.i per i M flettenti della trave di bordo

MASSONET TRAVE DI BORDO


n Travi 8 TRAVE
i travi 3,15 ρp/E 2,88E+05
Y trave bordo 11,025 γp/E 101988,96
b 12,6
α torsione 0,75 TRAVERSO
θ irrigidimento 0,81 ρe/Ecap 16412,19093
Y/b 0,875 γe/Ecap 845,27

K0 K1 Kα Kα
Y/b lim Y/b lim Y/b lim Y/b lim
inf sup Y/b lim inf Y/b lim sup inf sup Y/b
θ2=0,8 0,75 1 0,75 1 0,75 1 0,875
-b -0,353 -0,2094 0,1695 0,1177 0,0991 0,0736 0,0863
-3/4b -0,2834 -0,353 0,2358 0,1695 0,1658 0,0991 0,1324
-b/2 -0,1844 -0,4717 0,3389 0,2516 0,2683 0,1541 0,2112
-b/4 0,0123 -0,4898 0,5089 0,3923 0,4419 0,2734 0,3577
0 0,401 -0,2595 0,7738 0,6259 0,7235 0,5065 0,6150
b/4 1,0694 0,4362 1,1547 0,9971 1,1432 0,9215 1,0323
b/2 2,0353 1,8428 1,6381 1,5588 1,6917 1,5971 1,6444
3/4b 3,1419 4,1195 2,1023 2,3534 2,2425 2,5915 2,4170
b 4,1195 7,1154 2,3534 3,3539 2,5915 3,8611 3,2263

K0 K1 Kα Kα
Y/b lim Y/b lim Y/b lim Y/b lim
inf sup Y/b lim inf Y/b lim sup inf sup Y/b
θ2=0,85 0,75 1 0,75 1 0,75 1 0,875
-b -0,2663 -0,0733 0,1409 0,0949 0,0860 0,0722 0,0791
-3/4b -0,2409 -0,2663 0,2019 0,1409 0,1422 0,0860 0,1141
-b/2 -0,1858 -0,4412 0,3009 0,217 0,2353 0,1283 0,1818
-b/4 -0,029 -0,5289 0,4703 0,3524 0,4030 0,2336 0,3183
0 0,3351 -0,3753 0,7432 0,5852 0,6882 0,4557 0,5719
b/4 1,0113 0,2705 1,1478 0,9678 1,1294 0,8738 1,0016
b/2 2,0271 1,7181 1,6753 1,566 1,7227 1,5865 1,6546
3/4b 3,1979 4,1963 2,1851 2,4385 2,3217 2,6755 2,4986
b 4,1963 7,5588 2,4385 3,5623 2,6755 4,1011 3,3883

16
θ=0,81 Valori finali Kα
-b 0,0856
Valori Y
-3/4b 0,1306 4

-b/2 0,2083 3
-b/4 0,3537
0 0,6107 2
b/4 1,0293 1
b/2 1,6433
3/4b 2,4088 0
-1,5 -1 -0,5 0 0,5 1 1,5
b 3,2101

6.7 Metodo di ripartizione “a graticcio di travi”2


6.7.1 Costruzione del modello
Il metodo è basato su una schematizzazione con elementi finiti monodimensionali tipo beam sia
per le travi principali, che per i traversi e per la soletta, che viene suddivisa in strisce e per la quale
si trascura l’effetto piastra legato alla struttura bidimensionale e si ammettono delle discontinuità
delle tensioni longitudinali in corrispondenza dei tagli fittizi.
Le travi principali entrano nello schema a graticcio con le caratteristiche inerziali specificate in sede
di predimensionamento, cioè con sezione mista (cassoncino+soletta) omogeneizzata; si tiene così
implicitamente conto del contributo della larghezza collaborante di soletta con le travi principali nel
funzionamento globale longitudinale, mentre la funzione di elemento ripartitore è assegnata alle
strisce di larghezza unitaria con cui viene discretizzata la soletta stessa in direzione trasversale.
A tal proposito è da valutare opportunamente lo spessore equivalente di calcolo da assegnare alle
strisce di soletta per non sottostimare la rigidezza effettiva, dal momento che la deformabilità
trasversale dell’impalcato è influenzata dalla forte rigidezza torsionale delle travi a cassoncino; si
procede costruendo un modello piano della sezione trasversale e ricavando lo spessore
equivalente di soletta nei due casi:

1) imposizione di una traslazione rigida per Fnota ad un cassoncino, vincolato quello


adiacente
2) imposizione di una rotazione dovuta a M noto.

Dal nostro studio è risultata più conservativa per le travi principali (quindi soletta più sottile) la
soluzione nel caso 1), di cui si riportano i dettagli di calcolo.

2
Questa sezione non è stata aggiornata
17
Modello piano

Deformata 15%

Si impone F=10 kN a Gcassoncino. In output si ottiene δmax=0.0014cm.

F 12EJ *  12 * (3.8 *10 4 ) * s 3 *100


 
  l 3*  3153

si ricava:
s=36.6 cm

6.7.2 Linea di influenza per i M flettenti della trave di bordo3


Il confronto con le altre schematizzazioni dell’impalcato viene sviluppato calcolando i coefficienti Kα
di Massonnet: si considera come sezione di raffronto la mezzeria della campata, (il rapporto
M/Mmedio è costante lungo la trave essendo lo schema statico a trave semplicemente appoggiata)
e si calcolano i Mmezz sulle diverse travi dovuti al carico unitario distribuito su tutto l’impalcato e a
quello lineare eccentrico sulla trave in esame.

3
Questa sezione non è stata aggiornata
18
Modello a graticcio con carico lineare unitario sulla trave di bordo

Mflettenti per carico unitario lineare eccentrico

Mflettenti per carico unitario distribuito

19
Graticcio
Mmedio= 16.156KNm

momento [KNm] trave Y[m]

Mtr8= 1.4408 tr8 -11.025-b Kalfa= 0.08918


Mtr7= 2.1231 tr7 -7.875-3/4b Kalfa= 0.131412
Mtr6= 3.5589 tr6 -4.725-b/2 Kalfa= 0.220283
Mtr5= 6.3288 tr5 -1.575-1/4b Kalfa= 0.391731
Mtr4= 11.4041 tr4 1.5751/4b Kalfa= 0.705874
Mtr3= 20.225 tr3 4.725b/2 Kalfa= 1.251857
Mtr2= 33.7788 tr2 7.8753/4b Kalfa= 2.09079
Mtr1= 48.3304 tr1 11.025b Kalfa= 2.991483

20
N.B.=I valori dei coeff. Kalfa per le ascisse riportate in grafico sono ottenuti per interpolazione
lineare.

6.8 Metodo di ripartizione basato sul modello Fem con elementi “plate”4

6.8.1 Costruzione del modello

Un modello più aderente alla realtà si è ottenuto schematizzando con elementi monodimensionali
travi e traversi e con elementi 2-D la soletta; il grado di raffinamento della mesh è stato valutato
utilizzando come parametro di riferimento un valore dei “Normalised Jumps” ( massima differenza
dei valori nodali in ogni nodo rapportata all’intero range del contour ) inferiore al 10٪, fatti salvi
alcuni punti singolari .
Per una interpretazione più immediata dei risultati, è stata realizzata una beam posta nel
baricentro delle travi a cassone con EJ=1 collegata ai nodi dei plate che formano la sezione del
cassoncino: è stato così possibile ottenere i risultati direttamente in termini di Mtrave moltiplicando
i M ottenuti dall’output del programma per l’effettiva rigidezza flessionale della trave.

Discretizzazione per il modello ad elementi plate

(N.B.= per una migliore visualizzazione la soletta è resa visibile solo su metà impalcato)

4
Questa sezione non è stata aggiornata
21
Mflettenti per carico unitario distributo

Plate
Mmedio= 12.2165KNm

momento [KNm] trave Y[m]

Mtr8= 4.3763 tr8 -11.025-b Kalfa= 0.358229


Mtr7= 4.9294 tr7 -7.875-3/4b Kalfa= 0.403503
Mtr6= 5.7139 tr6 -4.725-b/2 Kalfa= 0.46772
Mtr5= 6.8075 tr5 -1.575-1/4b Kalfa= 0.557238
Mtr4= 9.4059 tr4 1.5751/4b Kalfa= 0.769934
Mtr3= 14.5403 tr3 4.725b/2 Kalfa= 1.190218
Mtr2= 22.9561 tr2 7.8753/4b Kalfa= 1.879106
Mtr1= 32.0053 tr1 11.025b Kalfa= 2.619842

22
6.8.2 Confronto dei coefficienti di ripartizione del carico fra i vari modelli

Linea di influenza dei momenti della trave di bordo:


confronto tra metodo Massonet, modello a graticcio e modello con
plate.
Gaiccio
Coeffiienti di amplificazione del momento

4
3,5
3
2,5
graticcio
2
(Kalfa)

massonnet
1,5 plate
1
0,5
0
-b -3/4b -b/2 -1/4b 0 1/4b b/2 3/4b b
Posizione trasversale del carico

GRATICCIO MASSONNET PLATE


-b 0.067973618 0.104388045 0.335591
-3/4b 0.110149219 0.151399724 0.380866
-b/2 0.175613194 0.231772127 0.435612
-1/4b 0.305598482 0.378410622 0.512479
0 0.548069553 0.631564146 0.663586
1/4b 0.977558476 1.037934888 0.980076
b/2 1.669091831 1.632093704 1.534662
3/4b 2.537743547 2.376945801 2.249474
b 3.4372342 3.140121078 2.99021

L’andamento dei coefficiente Kα è quello tipico di un impalcato piuttosto largo per il quale non è
possibile considerare una sezione trasversale soggetta a sole rotazioni e traslazioni rigide (le curve
ottenute tenderebbero in tal caso ad approssimare una retta), dal momento che la deformazione
della sezione che accompagna la rotazione è notevole.
Dal confronto risulta che tutti e tre i metodi adottati approssimano bene la soluzione reale, e che
non c’è un metodo in assoluto più conservativo; per tale motivo per il calcolo dei parametri di
sollecitazione ci si potrà avvalere di uno o dell’altro indifferentemente.

23
6.9 .Calcolo dei P.d.s dovuti ai carichi mobili
6.9.1 Mflettenti delle le travi principali
Si fa riferimento sempre alla trave di bordo; il Mmax in mezzeria è ottenuto con la disposizione di
carichi accidentali riportata in figura:

Per le posizioni delle colonne di carico sopra riportate, i valori che si ottengono con le tabellazioni
di Massonnet sono

e - pos
Carico carico e/b Ka Ka/n
q1 9,45 0,75 2,4088 0,301104387
q2 6,3 0,5 1,6433 0,205418459
q3 3,15 0,25 1,0293 0,128657798
ACC DISTR q1- -3,15 -0,25 0,3537 0,044214813
q2- -6,3 -0,5 0,2083 0,026033413
q3- -9,45 -0,75 0,1306 0,01632402
q
rimanente 0 0 0,6107 0,076340056
f1 12,6 1 3,2101 0,401260547
FOLLA
f2 -12,6 -1 0,0856 0,010700444

Si riporta solo in questo caso anche la soluzione ottenuta con il graticcio, un pò più cautelativa,
perché è stata utilizzata per il dimensionamento delle travi in precompresso.

24
Disposizione delle colonne di carico per Mmax,Tbordo

M[kNm]

25
V[kN]

Per il calcolo del Vmax all’appoggio si è dovuta considerare un’altra disposizione longitudinale dei
carichi, che viene riportata in figura per la singola colonna di carico:

Disposizione long. del carico per Vmax,app

V [kN]

26
Riepilogo risultati:

Posizione x[m] 0.00 1.339 4.00 8.00 15.95(mezz.)


Mmax [kNm] - 708.81 1933.70 3312.93 4408.05
Vmax [kN] 552.73 506.35 414.12 275.50 -

I valori riportati vanno amplificati con il coefficiente dinamico ϕ5=1.5 e con il coefficiente di
combinazione γ=1.5 per le verifiche allo SLU.

6.9.2 Mflett trasversali5


I momenti di ripartizione trasversale, nell’ambito dell’applicazione del metodo di Massonnet,sono
dati dalla formula:

My= b*sin(πx/l)*ΣiPi*μα,i
μα,i = μ0+ (μ0 – μ1) √α

Dalla formula risulta chiaro che le peggiori sollecitazioni trasversali si hanno in corrispondenza della
sezione di mezzeria ( sin(πx/l)= sin(πl/2 /l) = sin(π/2) = 1) mentre per i traversi di estremità si ha
(sin(πx/l)= sin(πl/l) = sin(π) = 0).
È prassi attribuire il momento calcolato alla soletta nel qual caso siano assenti traversi intermedi.

Pi = (Σ(qa+qb))/L dove L=31,9 m

5
Questa sezione non è stata modificata
27
sezione di mezzeria ( sin(x/l)= sin(l/2 /l) = sin(/2) = 1) mentre per i traversi di estremità si ha
( sin(x/l)= sin(l/l) = sin() = 0)
E' prassi attribuire il momento calcolato alla soletta nel qual caso siano assenti traversi intermedi.
Pi = ((qa+qb))/L dove L=31,9 m

n°travi= 8 soletta centro


i travi= 3.15
Y= 6.5
b= 12.6
= 0.838 dalle tabelle10^4
= 0.881
Y/b = 0.515873

0 1  alfa  alfa
Ym/b YM/b Ym/b YM/b Ym/b YM/b Y/b
= 0.8 0.5 0.75 0.5 0.75 0.5 0.75 0.515873
-b -190.26 -40.36 -116.42 -61.13 -120.953 -59.8551 -117.073
-3/4b -191.09 -51.62 -134.1 -75.19 -137.598 -73.7432 -133.544
-b/2 -174.58 -58.87 -154.75 -94.64 -155.967 -92.4443 -151.934
-1/4b -96.49 -50.49 -162.98 -117.59 -158.899 -113.471 -156.014
0 112.98 -6.18 -107.53 -129.22 -93.9942 -121.667 -95.7512
1/4b 535.32 101.29 141.94 -85.93 166.0872 -74.4377 150.8158
b/2 1228.84 298.48 891.97 122.2 912.6484 133.0208 863.1483
3/4b -335.4 593.82 -4.97 753.86 -25.2531 744.0361 23.59065
b -1793.25 -1550.08 -476.68 -445.87 -557.496 -513.651 -554.712

0 1  alfa  alfa
Ym/b YM/b Ym/b YM/b
= 0.9 0.5 0.75 0.5 0.75 0.5 0.75 0.515873
-b -73.57 -6.89 -73.06 -36.76 -73.0913 -34.9265 -70.6681
-3/4b -123.99 -30.64 -90.79 -48.71 -92.8279 -47.6008 -89.9564
-b/2 -160.52 -51.9 -115.15 -67.09 -117.935 -66.1576 -114.648
-1/4b -140.44 -60.77 -136.64 -92.61 -136.873 -90.6555 -133.939
0 16.72 -34.93 -111.53 -115.24 -103.658 -110.31 -104.08
1/4b 420.82 61.7 89.53 -96.79 109.8659 -87.0613 97.36259
b/2 1167.25 270.98 809.38 74.96 831.3475 86.99249 784.0869
3/4b -262.75 614.66 -25.24 698.13 -39.8193 693.0063 6.709296
b -1547.25 -1453.58 -406.28 -411.46 -476.317 -475.429 -476.261

L.d.I del Mtrasv per la sezione in posizione y=6,5m


= 0.881
= 0.838 1000
800
alfa 600
(alfa)

-b -99.4394 400
-3/4b -116.981 200
-b/2 -137.765 0
-1/4b -147.626 -200
-400
0 -98.9161
-600
1/4b 130.5036
-b -3/4b -b/2 -1/4b 0 1/4b b/2 3/4b b
b/2 833.1049
3/4b 17.17573 Posizione trasversale del carico
b -524.901

Mtrasv dovuto ai carichi mobili

28
Mtrasv dovuto ai carichi mobili

carico valori Y Y/b μalfa Mi


F1 1.87 -12.6 -1 -99.4394 -0.2343
P1 34.70219 9.25 0.734127 68.98076 2.756218
P2 34.70219 6.5 0.515873 781.2999 24.74134
P3 34.70219 5.75 0.456349 710.4285 20.40007
P4 34.70219 3 0.238095 119.5788 1.909283
P5 34.70219 -3 -0.2381 -145.306 -2.32006
P6 34.70219 -5.75 -0.45635 -139.487 -4.00539
P7 34.70219 -6.5 -0.51587 -136.446 -4.32081
P8 34.70219 -9.25 -0.73413 -118.3 -4.72685
F2 1.87 12.6 1 -524.901 -1.23677

Mtot+= 25.69598 kNm


Mtot-= -8.20061 kNm

I valori riportati vanno amplificati con il coefficiente dinamico ϕ5 = 1.5 e con il coefficiente di
combinazione γ=1.5 per le verifiche allo SLU.

M+SLU,mobili=25.69*1.5*1.254= 48.33 kNm


+ 2
M SLU,perm=1.5*1/8*(4.91+7.5)*1.95 = 8.85 kNm
57.18 > 41.54 ottenuto dalle verifiche locali,
ed è quindi il valore dimensionante per l’armatura di soletta nelle zone intermedie.
I ferri già disposti in precedenza As=6φ16/m, Às=4φ16/m , soddisfano anche questa condizione.

6.9.3 Mtorcenti per le travi principali


Per massimizzare il M torcente è necessario considerare una disposizione diversa delle colonne di
carico sulla sezione trasversale, riportata in figura:

La trave più sollecitata risulta essere una delle centrali.


Per il calcolo dei Mtorcenti si usano ancora le tabellazioni di Massonnet, e valgono le relazioni
Mxy= (2γp/(γp+γe))*cos(πx/l)*ΣiPi*ταi

ταi = τ1√α

29
Le peggiori sollecitazioni torcenti si hanno in corrispondenza delle sezioni estreme
(cos(πx/l)= cos(π2l/l) = cos(2π) = 1)

MASSONET TRAVE DI CENTRALE


n Travi 8 TRAVE
i travi 3,15 ρp/E 2,88E+05
Y trave bordo 1,575 γp/E 101988,96
b 12,6
α torsione 0,75 TRAVERSO
θ irrigidimento 0,81 ρe/Ecap 16412,19093
Y/b 0,125 γe/Ecap 845,27

τ1 τα τα
Y/b lim Y/b lim
inf sup Y/b lim inf Y/b lim sup Y/b
θ2=0,8 0 0,25 0 0,25 0,125
-b -0,093087 -0,057187 -0,0805 -0,0495 -0,0650
-3/4b -0,101584 -0,067423 -0,0879 -0,0583 -0,0731
-b/2 -0,099996 -0,080361 -0,0865 -0,0695 -0,0780
-b/4 -0,093602 -0,090451 -0,0810 -0,0783 -0,0796
0 0 -0,076444 0,0000 -0,0661 -0,0331
b/4 0,093602 0,01762 0,0810 0,0152 0,0481
b/2 0,099996 0,115105 0,0865 0,0996 0,0930
3/4b 0,101584 0,13923 0,0879 0,1205 0,1042
b 0,093087 0,144846 0,0805 0,1253 0,1029

τ1 τα τα
Y/b lim Y/b lim
inf sup Y/b lim inf Y/b lim sup Y/b
θ2=0,9 0 0,25 0 0,25 0,125
-b -0,074625 -0,042818 -0,0646 -0,0370 -0,0508
-3/4b -0,086903 -0,054039 -0,0752 -0,0468 -0,0610
-b/2 -0,099996 -0,069998 -0,0865 -0,0606 -0,0735
-b/4 -0,093602 -0,086633 -0,0810 -0,0750 -0,0780
0 0 -0,081598 0,0000 -0,0706 -0,0353
b/4 0,093602 0,013518 0,0810 0,0117 0,0463
b/2 0,099996 0,111936 0,0865 0,0968 0,0917
3/4b 0,086903 0,12665 0,0752 0,1096 0,0924
b 0,074625 0,124259 0,0646 0,1075 0,0860

30
θ=0,81 Valori finali τα
-b -0,0636
-3/4b -0,0719
-b/2 -0,0776
-b/4 -0,0795
0 -0,0333
b/4 0,0479
b/2 0,0929
3/4b 0,1030
b 0,1012

Carico
Carico Int. Reazione Carico sinusoidale
agente Ampiezza Dist Appoggio Carico vincolare sinusoidale corretto
- 0 300 9570,00 18,7760
Q1 99,82
- 1,2 300 9210,00 18,7760
- 0 200 6380,00 12,5173
Q2 47,99
- 1,2 200 6140,00 12,5173
- 0 100 3190,00 6,2587
Q1 30,62
- 1,2 100 3070,00 6,2587
q1 31,9 15,95 27 13737,735 34,3775
q2 31,9 15,95 7,5 3816,0375 9,5493
q3 31,9 15,95 7,5 3816,0375 9,5493
qrim 31,9 15,95 1,25 636,00625 1,5915
f1 31,9 15,95 6,25 3180,03125 7,9577
f2 31,9 15,95 6,25 3180,03125 7,9577
RA1' 2066,641967
RA1 1489,2125
1,387741486

Carico e - pos carico e/b τα P [kN/m] P*tau Mxyi


q1+Q1 9,45 0,75 0,1030 99,82 10,28 202,3444
q2+Q2 6,3 0,5 0,0929 47,99 4,46 87,7655

ACC q3+Q3 3,15 0,25 0,0479 30,62 1,47 28,8914


DISTR q1+Q1 -3,15 -0,25 -0,0795 99,82 -7,93 -156,0971
q2+Q2 -6,3 -0,5 -0,0776 47,99 -3,72 -73,2743
q3+Q3 -9,45 -0,75 -0,0719 30,62 -2,20 -43,3327
q rim 0 0 -0,0333 1,59 -0,05 -1,0428
f1 12,6 1 0,1012 7,96 0,81 15,8561
FOLLA
f2 -12,6 -1 -0,0636 7,96 -0,51 -9,9591
17,01 334,8574

I valori evidenziati sono quelli entrano nel calcolo del Mtorc; i valori da tabella vanno amplificati
per il coeff.dinamico ϕ5 = 1.5 (e per il coeff di combinazione 1.5 per SLU).

31
6.9.4 Mtorcente per i traversi di testata6
Analogamente a quanto visto in precedenza, si procede nel caso dei traversi.
n°traversi= 2 traverso di testata
i traversi= 31.9
Y= 15.95
b= 15.95
= 0.186
p= 110270*Et 110270
e= 720*Et 720
= 0.881
Y/b = 1

  alfa  alfa  alfa


Ym/b YM/b Ym/b YM/b Y/b
= 0.8 0.75 1 0.75 1 1
-b -0.01974 -0.01467 -0.01852828 -0.01377 -0.01739
-3/4b -0.025127 -0.01879 -0.023584604 -0.01763 -0.02214
-b/2 -0.032939 -0.02481 -0.030917073 -0.02328 -0.02902
-1/4b -0.043655 -0.03323 -0.040975282 -0.03119 -0.03846
0 -0.054649 -0.04242 -0.051294426 -0.03981 -0.04815
1/4b -0.056253 -0.0458 -0.052799966 -0.04298 -0.04956
b/2 -0.022042 -0.02501 -0.020688974 -0.02347 -0.01942
3/4b 0.112988 0.065642 0.106052345 0.061613 0.099542
b 0.289131 0.333011 0.271382983 0.312569 0.254724

  alfa  alfa  alfa


Ym/b YM/b Ym/b YM/b Y/b
= 0.9 0.75 1 0.75 1 1
-b -0.012643 -0.0088 -0.011866922 -0.00826 -0.01114
-3/4b -0.017302 -0.01213 -0.016239934 -0.01139 -0.01524
-b/2 -0.024735 -0.01748 -0.023216667 -0.01641 -0.02179
-1/4b -0.036188 -0.02588 -0.033966636 -0.02429 -0.03188
0 -0.050381 -0.03679 -0.047288413 -0.03453 -0.04439
1/4b -0.059076 -0.04526 -0.055449679 -0.04248 -0.05205
b/2 -0.034642 -0.03382 -0.032515536 -0.03174 -0.03052
3/4b 0.101087 0.048018 0.094881876 0.04507 0.089058
b 0.280437 0.333217 0.263222656 0.312763 0.247065

= 0.881 L.d.i del M TORC dei traversi


= 0.186 0.35
0.3
0.25

alfa 0.2
(alfa)

0.15
-b -0.055781
-3/4b -0.064465 0.1

-b/2 -0.073397 0.05


-1/4b -0.078852 0
0 -0.071233 -0.05
1/4b -0.034288 -0.1
b/2 0.048739 -b -3/4b -b/2 -1/4b 0 1/4b b/2 3/4b b
3/4b 0.163919 Posizione trasversale del carico
b 0.301753

6
Questa sezione non
Ipotizzando cheèPstata
sia aggiornata
tutto concentrato nel punto b ottengo questo valore del momento:
32
carico valore[KN] Y Y/b alfa Mi[KNm]
Ipotizzando che P sia tutto concentrato nel punto b ottengo questo valore del momento:

carico valore[KN] Y Y/b τalfa Mi[KNm]


Pi 1107 15.95 1 0.301753213 69.12524
Fi 59.8 15.95 85.75269 0.301753213 3.734137

T= 214.844 KNm

6.9.5 MFlettenti per i traversi di testata


Si fa riferimento alla sola azione del vento a ponte carico; l’azione statica orizzontale vale
come già specificato

pv=2.5 kN/m2 agente su un’altezza htot=1.80+0.30+0.16+3.00=5.26m

Il momento torcente distribuito che ne risulta vale:

m=2.5*5.26*2.635=34.72 kNm/m

e si può ritenere venga interamente assorbito come momento flettente sui traversi di estremità:

MF=34.72*31.90/2=553.72 kN/m

(il valore ottenuto va amplificato per il coefficiente di combinazione 1.5 per SLU).

33
7 DIMENSIONAMENTO DELL’ARMATURA DI PRECOMPRESSIONE
Il dimensionamento viene eseguito sulla base di una distribuzione di tensioni che rispetti la
precompressione integrale (secondo quanto riportato in figura): le condizioni di carico più restrittive
si hanno per la prima sezione utile in vicinanza all’appoggio (sez.1) a t=0,con tutta la
precompressione e solo il peso proprio, mentre la sezione 2(mezzeria), è in condizioni critiche a
t=inf. con precompressione ridotta per effetto delle perdite e tutti i carichi agenti.

7.1 Fuso limite


Si riporta il foglio di calcolo utilizzato per il calcolo del fuso limite geometrico, per la sezione
costituita dal solo cassoncino, e per quella composta cassoncino+soletta; le condizioni più gravose
riguarderanno

t=0 sez. cassoncino : raggiungimento della decompressione alla fibra superiore


(curva ep,low,C)
t=inf sez. composta : raggiungimento della decompressione alla fibra inferiore
(curva ep,up,C+S)

Dimensionamento della Precompressione


Carico agente su ogni trave
lunghezza trave L (m) 31,90
peso proprio trave estremità Pp(kN/m) 21,67
carico permanente Ia fase (sol.) GI (kN/m) 23,62
carico permanente IIa fase GII (kN/m) 13,25
carico acc. Fittizio Q(kN/m) 34,65

Dimensionamento della Precompressione


momento massimo agente M,mezz.(kNm) 12211
braccio forze interne b=0,8h (m) 1,68
stima delle perdite totali  20%
stima precompressione tempo inf. Zk 7268,59
stima precompressione tempo iniz. Z0(kN) 8722,31
stima Ap,inf Ap(cm2) 58,62
tensione di precompressione σp0 1488

34
Fuso limite geometrico
Si definisce l'intervallo di altezza (e1,e2), attorno al Gi (stato I) avente per estremi gli antipoli dei 2 assi neutri delle
distribuzioni di tensioni limiti,rispetto all'ellisse centrale d'inerzia della sezione ideale (o della sezione di cls, l'errore è
trascurabile).
assi neutri delle distribuzioni di tensioni limiti,rispetto all'ellisse centrale d'inerzia della sezione ideale
(o della sezione di cls, l'errore è trascurabile).
Nel caso della sezione a cassoncino, essendo le tensioni ammissibili a trazione nulle (precompressione integrale)
il nocciolo limite coincide con il nocciolo centrale d'inerzia;si introduce un errore trascurabile se si considerano i
parametri geometrici della sola sezione di cls anzichè dell' area omogeneizzata in fase di predimensionamento.

Effetto della precompressione: up=P0/Ai+(P0*e1/Ji)*yup=0 

low=P0/Ai+(P0*e2/Ji)*ylow=0 
Si ricava:
Cassoncino Sezione mista
e12=Iid2/yup e1(cm) 40,52 128,79
e22=Iid2/ylow e2(cm) -49,02 -37,39

Effetto dei carichi esterni (sez.cassoncino)


ep,low=e1+Mpp/P0

ep,up=e2+(Mpp+MgI)/P0

Effetto dei carichi esterni (sez.mista)


ep,low=e1+(Mpp+MgI)/P0

ep,up=e2+(Mpp+MgI)/P0+(MgII+Mq)/P0,inf

35
Fuso limite per la sezione a cassone
x Mpp MgI epp egI eplow,CASS epup,CASS eC.R.(t=0) yup ylow e1 e2 ep,max
(m) (kNm) (kNm) (cm) (cm) (cm) (cm) (cm)
0,00 0 0 0 0 40,52 -49,02 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
1,00 334,80 364,93 3,84 4,18 44,36 -40,99 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
2,00 647,93 706,24 7,43 8,10 47,95 -33,49 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
3,00 939,39 1023,93 10,77 11,74 51,29 -26,51 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
4,00 1209,19 1318,00 13,86 15,11 54,38 -20,04 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
4,00 1209,19 1318,00 13,86 15,11 54,38 -20,04 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
5,00 1457,31 1588,45 16,71 18,21 57,23 -14,10 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
6,00 1683,76 1835,27 19,30 21,04 59,82 -8,67 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
6,00 1683,76 1835,27 19,30 21,04 59,82 -8,67 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
7,00 1888,54 2058,48 21,65 23,60 62,17 -3,76 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
8,00 2071,65 2258,07 23,75 25,89 64,27 0,62 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
8,00 2071,65 2258,07 23,75 25,89 64,27 0,62 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
9,00 2233,09 2434,04 25,60 27,91 66,12 4,49 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
10,00 2372,87 2586,39 27,20 29,65 67,72 7,84 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
11,00 2490,97 2715,12 28,56 31,13 69,08 10,67 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
12,00 2587,40 2820,23 29,66 32,33 70,18 12,98 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
13,00 2662,16 2901,72 30,52 33,27 71,04 14,77 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
14,00 2715,25 2959,59 31,13 33,93 71,65 16,05 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
15,00 2746,67 2993,84 31,49 34,32 72,01 16,80 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
15,95 2756,45 3004,49 31,60 34,45 72,12 17,03 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
16,00 2756,42 3004,46 31,60 34,45 72,12 17,03 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
17,00 2744,51 2991,47 31,47 34,30 71,98 16,75 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
18,00 2710,92 2954,86 31,08 33,88 71,60 15,94 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
19,00 2655,66 2894,63 30,45 33,19 70,97 14,62 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
20,00 2578,73 2810,78 29,56 32,23 70,08 12,77 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
21,00 2480,13 2703,31 28,43 30,99 68,95 10,41 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
22,00 2359,86 2572,22 27,06 29,49 67,58 7,53 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
23,00 2217,92 2417,51 25,43 27,72 65,95 4,13 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
23,90 2071,65 2258,07 23,75 25,89 64,27 0,62 58,31 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
23,90 2071,65 2258,07 23,75 25,89 64,27 0,62 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
24,00 2054,32 2239,18 23,55 25,67 64,07 0,21 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
25,00 1869,04 2037,23 21,43 23,36 61,95 -4,23 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
26,00 1662,09 1811,65 19,06 20,77 59,58 -9,19 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
27,00 1433,47 1562,46 16,43 17,91 56,95 -14,67 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
27,90 1209,19 1318,00 13,86 15,11 54,38 -20,04 54,52 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
27,90 1209,19 1318,00 13,86 15,11 54,38 -20,04 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
28,00 1183,18 1289,65 13,57 14,79 54,08 -20,66 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
29,00 911,22 993,22 10,45 11,39 50,97 -27,18 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
30,00 617,60 673,17 7,08 7,72 47,60 -34,22 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
31,00 302,30 329,50 3,47 3,78 43,99 -41,77 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
31,90 0,00 0,00 0,00 0,00 40,52 -49,02 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46
32,65 -265,32 -289,20 -3,04 -3,32 37,48 -55,37 40,30 -98,54 81,46 40,52 -49,02 75,46

36
FUSO LIMITE(sez.cassoncino) t=t0
-120 ylow
-100
-80 yup

-60
ep,low,C
eccentricità e [cm]

-40
-20
-1,30,7 2,7 4,7 6,7 8,710,712,714,716,718,720,722,724,726,728,730,732,7 e2

0
e1
20
40 ep,max
60
80 Andament
o del cavo
100 risultante
ascissa trave [m] ep,up,C

37
Fuso limite per la sezione mista
x Mpp MgI MgII+Mq Mtot epp egI egII+q epup,C+S eplow,C+S eC.R.(C+S) yup ylow e1 e2 ep,max
(m) (kNm) (kNm) (kNm) (kNm) (cm) (cm) (cm) (cm) (cm) (cm)
0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0 0,00 0 -37,39 128,79 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
1,00 334,80 .. 364,93 .. 740,12 1439,85 3,84 4,18 10,18 -19,19 136,81 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
2,00 647,93 706,24 1432,33 2786,50 7,43 8,10 19,71 -2,16 144,32 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
3,00 939,39 1023,93 2076,64 4039,96 10,77 11,74 28,57 13,69 151,30 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
4,00 1209,19 1318,00 2673,05 5200,23 13,86 15,11 36,78 28,36 157,76 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
4,00 1209,19 1318,00 2673,05 5200,23 13,86 15,11 36,78 28,36 157,76 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
5,00 1457,31 1588,45 3221,55 6267,30 16,71 18,21 44,32 41,85 163,71 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
6,00 1683,76 1835,27 3722,15 7241,18 19,30 21,04 51,21 54,16 169,14 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
6,00 1683,76 1835,27 3722,15 7241,18 19,30 21,04 51,21 54,16 169,14 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
7,00 1888,54 2058,48 4174,84 8121,87 21,65 23,60 57,44 65,30 174,04 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
8,00 2071,65 2258,07 4579,63 8909,36 23,75 25,89 63,01 75,25 178,43 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
8,00 2071,65 2258,07 4579,63 8909,36 23,75 25,89 63,01 75,25 178,43 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
9,00 2233,09 2434,04 4936,52 9603,65 25,60 27,91 67,92 84,03 182,30 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
10,00 2372,87 2586,39 5245,50 10204,76 27,20 29,65 72,17 91,63 185,65 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
11,00 2490,97 2715,12 5506,58 10712,66 28,56 31,13 75,76 98,05 188,48 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
12,00 2587,40 2820,23 5719,75 11127,38 29,66 32,33 78,69 103,30 190,79 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
13,00 2662,16 2901,72 5885,02 11448,90 30,52 33,27 80,97 107,36 192,58 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
14,00 2715,25 2959,59 6002,39 11677,22 31,13 33,93 82,58 110,25 193,85 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
15,00 2746,67 2993,84 6071,85 11812,35 31,49 34,32 83,54 111,96 194,61 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
15,95 2756,45 3004,49 6093,46 11854,41 31,60 34,45 83,83 112,49 194,84 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
16,00 2756,42 3004,46 6093,40 11854,29 31,60 34,45 83,83 112,49 194,84 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
17,00 2744,51 2991,47 6067,06 11803,03 31,47 34,30 83,47 111,84 194,55 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
18,00 2710,92 2954,86 5992,80 11658,58 31,08 33,88 82,45 110,01 193,75 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
19,00 2655,66 2894,63 5870,65 11420,94 30,45 33,19 80,77 107,01 192,42 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
20,00 2578,73 2810,78 5700,59 11090,10 29,56 32,23 78,43 102,83 190,58 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
21,00 2480,13 2703,31 5482,63 10666,07 28,43 30,99 75,43 97,47 188,22 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
22,00 2359,86 2572,22 5216,76 10148,84 27,06 29,49 71,77 90,93 185,34 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
23,00 2217,92 2417,51 4902,99 9538,42 25,43 27,72 67,45 83,21 181,94 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
23,90 2071,65 2258,07 4579,63 8909,36 23,75 25,89 63,01 75,25 178,43 116,35 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
23,90 2071,65 2258,07 4579,63 8909,36 23,75 25,89 63,01 75,25 178,43 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
24,00 2054,32 2239,18 4541,31 8834,80 23,55 25,67 62,48 74,31 178,02 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
25,00 1869,04 2037,23 4131,73 8037,99 21,43 23,36 56,84 64,24 173,58 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
26,00 1662,09 1811,65 3674,25 7147,99 19,06 20,77 50,55 52,98 168,62 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
27,00 1433,47 1562,46 3168,86 6164,79 16,43 17,91 43,60 40,55 163,14 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
27,90 1209,19 1318,00 2673,05 5200,23 13,86 15,11 36,78 28,36 157,76 112,56 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
27,90 1209,19 1318,00 2673,05 5200,23 13,86 15,11 36,78 28,36 157,76 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
28,00 1183,18 1289,65 2615,56 5088,40 13,57 14,79 35,98 26,94 157,14 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
29,00 911,22 993,22 2014,37 3918,81 10,45 11,39 27,71 12,16 150,63 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
30,00 617,60 673,17 1365,27 2656,03 7,08 7,72 18,78 -3,81 143,59 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
31,00 302,30 329,50 668,26 1300,06 3,47 3,78 9,19 -20,95 136,03 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
31,90 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 -37,39 128,79 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50
32,65 -265,32 -289,20 -586,53 -1141,05 -3,04 -3,32 -8,07 -51,82 122,43 96,10 -70,50 139,50 128,79 -37,39 133,50

38
FUSO LIMITE(sez.composta) t=tinf
-150 ylow
-130
-110
-90 yup
-70
-50
-30 ep,up,C+S
-1,4 0,7 2,7 4,7 6,7 8,710,712,714,716,718,720,722,724,726,728,730,732,7
eccentricità e [cm]

-10
10 e2
30
50
70 e1
90
110
130 ep,max
150
170
ep,low,C+S
190
210
230 Andamento
del cavo
ascissa trave [m] risultante

39
40
8 VERIFICHE AGLI SLE DELLE TRAVI
8.1 Verifica delle tensioni di esercizio (travi principali)
Le sezioni di verifica in esercizio sono:
a) d’appoggio x=0.00
b) di taglio massimo x=1.397m
c) di minimo momento (gancio di sollevamento) x=
d) di prima variazione armatura x=4.00m
e) di seconda variazione armatura x=8.00m
f) di massimo momento x=15.95m (dall’appoggio sinistro)

8.1.1 Caratteristiche sezione


Cassoncino precompresso Armatura lenta cassoncino Soletta
h (cm) 180  =As/Ac  0,001 h sol (cm) 30
2
Ac (cm2) 8486,98 As (6φ16) (cm ) 12,06 bcoll ( cm) 315
YG,c (cm) 81,46 YG,s =YG,c (cm) 81,46 Asol (cm2) 9450,00
Jxx,c (cm4) 3,40E+07 Jxx,s (cm4) 33968,93 Ysol (cm) 195,00
x ,c (cm) 63,27 x,s (cm) 53,07 Jxx,sol (cm4) 708750,00
Wu,c (cm3) 3,45E+05  x ,sol (cm) 8,66
Wl,c (cm3) 4,17E+05

41
Sezione ideale Ac+Asol Armatura lenta Ac+As
E (Gpa) 36,28
h (cm) 210,00 r =As/Ac 0,001
Ai (cm2) 17362,414 As (6φ20) (cm2) 18,85
YG,i (cm) 139,50 YG,s =YG,c (cm) 139,50
Jxx,i (cm4) 9,06E+07 Jxx,s (cm4) 90562,74
rx ,i (cm) 72,22 rx,s (cm) 69,31

Acciaio per precompressione


Posizione N. trefoli Tipo armatura Atrefolo yp Ap Jp
(cm2) (cm) (cm2)
(cm4)
1 23 trefolo 1/2' - Ø12,5mm 0,930 6,00 21,39 6125,41
2 23 trefolo 1/2' - Ø12,5mm 0,930 10,00 21,39 3571,89
3 25 trefolo 1/2' - Ø12,5mm 0,930 15,00 23,25 1459,28
4 21 trefolo 1/2' - Ø12,5mm 0,930 20,00 19,53 166,80
5 16 trefolo 1/2' - Ø12,5mm 0,930 25,00 14,88 64,23
6 2 trefolo 1/2' - Ø12,5mm 0,930 30,00 1,86 93,17
7 2 trefolo 1/2' - Ø12,5mm 0,930 170,00 1,86 40235,18
8 4 trefolo 1/2' - Ø12,5mm 0,930 174,00 3,72 84906,91
C.R. 116 22,92 107,880 136622,86

CARATTERISTICHE DEI MATERIALI


Cls per precompresso Cls della soletta
Tfinale Tin(32 h)
res. caratteristica Rck (MPa) 55,00 42,50 45
fck(Mpa) 45,00 35,28 35,00
res. media a trazione fctm (MPa) 3,80 3,29 3,21
res. caratt. a trazione fctk (MPa) 2,66 2,30 2,25
modulo di Young Ec (GPa) 36,28 30,00 34,08
c 1,50 1,50  1,50
res a compress.-SLU fcd (MPa) 25,50 19,99 19,83
tensione aderenza (considero barre ad aderenza migliorata) fbd (MPa) 3,37
res. a trazione - SLU fctd (MPa) 1,77 1,53 1,50
coeff.di omogeneizz. n' = 0,94

42
Acciaio ordinario
tensione car. A rottura ftk(MPa) 540,00
tensione caratteristica di snervamento fyk(MPa) 450,00
Coefficiente di sicurezza p 1,15
resistenza di calcolo fyd(MPa) 391
modulo di Young Es(GPa) 210
coeff.di omogeneizz. n 5,79

Acciaio armonico
tensione car. a rottura fptk (MPa) 1.860,00
tensione caratteristica all'1% di deformazione sotto carico fp(1)k(MPa) 1.670,00
Coefficiente di sicurezza p 1,15
resistenza di calcolo fptd(MPa) 1617,39
modulo di Young Es(GPa) 195
coeff.di omogeneizz. n 5,37

8.1.2 Fasi tensionali dei trefoli


Fino alla fase 5 la sezione reagente è quella del solo cassoncino, poi è la sezione composta.

Coeff. di
combinazione
STATO TENSIONALE DEI TREFOLI QUASI
RARA PERM.
Fase 0 Tiro delle armature 1,00 1,00
Fase 1 Rilassamento dei trefoli dopo la maturazione accelerata 1,00 1,00
Fase 2A Perdita elastica al taglio dei trefoli 1,00 1,00
Fase 2B Azione del peso proprio dopo il taglio dei trefoli (Fase di appoggio) 1,00 1,00
Fase 3 Prima parte delle perdite per fluage e ritiro del calcestruzzo (3÷60 gg) 1,00 1,00
Fase 4 Secondo rilassamento 1,00 1,00
Fase 5 Azione del carico permanente portato di prima fase (con sez.resistente il cassoncino) 1,00 1,00
Azione del carico permanente portato di seconda fase (con sezione resist.
Fase 6 cassoncino+soletta) 1,00 1,00
Fase 7 Azione del ritiro differenziale fra trave e soletta e fluage (60 gg÷infinito) 1,00 1,00
Fase 8 Azione dei carichi mobili 0,75 0,00
Fase 9 Delta termico fra soletta e cassoncino 0,60 0,50

43
8.1.3 Zone di variazione dell’armatura

Acciaio per precompressione


Sezione Posizione N. trefoli Tipo armatura Atrefolo yp Ap Jp spi Zd,0
(cm2) (cm) (cm2) (cm4) (MPa) (kN)
trefolo 1/2' -
1 0 0,930 0,00 0,00 1488 0,00
Ø12,5mm 6,00
trefolo 1/2' -
2 0 0,930 0,00 0,00 1488 0,00
Ø12,5mm 10,00
trefolo 1/2' -
3 4 0,930 3,72 952,32 1488 553,54
Ø12,5mm 15,00
trefolo 1/2' -
4 21 0,930 19,53 8612,73 1488 2906,06
Ø12,5mm 20,00
trefolo 1/2' -
5 16 0,930 14,88 10058,88 1488 2214,14
Ø12,5mm 25,00
trefolo 1/2' -
6 2 0,930 1,86 1787,46 1488 276,77
Ø12,5mm 30,00
trefolo 1/2' -
7 2 0,930 1,86 53123,46 1488 276,77
Ø12,5mm 170,00
trefolo 1/2' -
8 4 0,930 3,72 112626,72 1488 553,54
Ø12,5mm 174,00
0-4m C.R. 49 41,16 45,570 187161,57 6780,82

N.
Posizione Tipo armatura Atrefolo yp Ap Jp spi Zd,0
trefoli
11 (cm2) (cm) (cm2) (cm4) (MPa) (kN)
trefolo 1/2' -
1 19 0,930 10,23 368,28 1488 1522,22
Ø12,5mm 6,00
trefolo 1/2' -
2 19 0,930 17,67 2138,07 1488 2629,30
Ø12,5mm 10,00
trefolo 1/2' -
3 21 0,930 17,67 4523,52 1488 2629,30
Ø12,5mm 15,00
trefolo 1/2' -
4 16 0,930 19,53 8612,73 1488 2906,06
Ø12,5mm 20,00
trefolo 1/2' -
5 2 0,930 14,88 10058,88 1488 2214,14
Ø12,5mm 25,00
trefolo 1/2' -
6 2 0,930 1,86 1787,46 1488 276,77
Ø12,5mm 30,00
trefolo 1/2' -
7 4 0,930 1,86 53123,46 1488 276,77
Ø12,5mm 170,00
trefolo 1/2' -
8 94 0,930 3,72 112626,72 1488 553,54
Ø12,5mm 174,00
4-8m C.R. 0 26,94 87,420 193239,12 13008,1

8.1.4 Verifica tensionale della sezione di attivazione della precompressione


(x=1.339m)
Nella zona in prossimità delle teste non si può ritenere valida la teoria di D.S.V., dal momento
che la precompressione deve ancora svilupparsi completamente; è necessario dunque determinare
la prima sezione utile in cui possano valere le normali verifiche tensionali sul c.a.p.
Nei sistemi pretesi la trasmissione della precompressione viene affidata alla formazione di tensioni
tangenziali di aderenza fra acciaio e cls che si sviluppano lungo un tratto
La lunghezza di introduzione della precompressione viene calcolata secondo l’EC2 parte 1-1 come
riportato nella seguente tabella.

44
CALCOLO DELLA LUNGHEZZA DI TRASMISSIONE (EC2 1-1 8.10.2)
lunghezza di trasmissione (8.10.2.2 (2))
coeff. Tipologia armatura: trefoli ηp1 3,2 -
cattiva aderenza η1 0,7 -
resistenza di calcolo a trazione fctd 1,53 Mpa
rilascio graduale α1 1,25 -
trefoli α2 0,19 -
diametro nominale armatura precompressione Ф 12,5 mm
tensione dopo taglio σpm0 1210,14 Mpa
tensione di aderenza uniforme fbpt 3,44 MPa
lunghezza di trasmissione Lpt 1045 mm
lunghezza di trasmissione verif locali Lpt1 836 mm
lunghezza di trasmissione slu Lpt2 1254 mm
Lunghezza di diffusione (8.10.2.2 (4))
"altezza utile" d 1732 mm
lunghezza di diffusione Ldisp 2139 mm
Quota lunghezza a partire dall'appoggio (si sottrae retrotrave) Lp=Lpt2-80cm 1339 mm

Considerando la distanza di retrotrave la sezione di introduzione della precompressione risulta


essere a 1.339 m dall’appoggio.

FIBRE DI BUSEMANN PER LA TRAVE A CASSONCINO (Sez. X=1,339m)

Formule:
X2+Y2+bY+c=0
FIBRE DI BUSEMANN PER LA TRAVE A
CASSONCINO (Sez. X=1.339 m)
b=(yp2+r0,p2-r0,c2-yc2)/(yc-yp)= -113,116219 y Ac As Ap
Fibra
c=-byp-yp2-r0,p2= -1423,7605 (cm) (cm2) (cm2) (cm2)
2*r=2*RADQ(b2/4-c)= 135,98 k1 -11,43 2689,27 3,82 24,97
k2 124,55 5797,71 8,24 16,88
tot 8486,98 12,06 41,85
yk1=-b/2-RADQ(b2/4-c)
Ap1=Ap*(-yp+yk2)/2r
Ap2=Ap*(-yp+yk1)/2r

45
FASE 0: TIRO DELLE ARMATURE
Fase 0: tiro delle armature
yp Ap σspi Zd,0
Posizione N. trefoli
(cm) (cm2) (MPa) (kN)
1 0 6,00 0,00 1488 0,00
2 0 11,00 0,00 1488 0,00
3 4 16,00 3.72 1488 553.54
4 21 21,00 19,53 1488 2906,06
5 16 26,00 14,88 1488 2214,14
6 2 31,00 1,86 1488 276,77
7 2 169,00 1,86 1488 276,77
8 4 174,00 3,72 1488 553,54
Totale 23,15 41,85 6227,28

Formule:
y C S Zd,0 Zd,0(k1)=Zd,0*(yk2-yp)/(2r)
F0 (cm) (kN) (kN) (kN) Zd,0(k2)=Zd,0*(yp-yk1)/(2r)
k1 -11,43 0 0 4643,59 0,75
k2 124,55 0 0 1583,69 0,254314416
0 0 6227,28

FASE 1: RILASSAMENTO DEI TREFOLI DOPO MATURAZIONE ACCELERATA

teq 67926,54

ρ1000 (classe1) 8

μ=σpi/fpk 0,8

N. yp Ap Δσpr/σpi Δσpr ΔZd,1 Zd σspi


Posizione
trefoli
(cm) (cm2) (MPa) (MPa) (kN) (KN) (MPa)
1 0 6,00 0,00 0,172704 256,98 0,00 0,00 1231,02
2 0 10,00 0,00 0,172704 256,98 0,00 0,00 1231,02
3 4 15,00 3,72 0,172704 256,98 95,60 457,94 1231,02
4 21 20,00 19,53 0,172704 256,98 501,89 2404,17 1231,02
5 16 25,00 14,88 0,172704 256,98 382,39 1831,75 1231,02
6 2 30,00 1,86 0,172704 256,98 47,80 228,97 1232.02
7 2 170,00 1,86 0,172704 256,98 47,80 228,97 1231,02
8 4 174,00 3,72 0,172704 256,98 95,60 457,94 1231,02
Totale 23,15 111,60 - - 1171,08 5609,74

46
y C S Zd,1 Formule:
F1
(cm) (kN) (kN) (kN) Zd,1(k1)=Zd,1*(yk2-yp)/(2r)
k1 -6,79 0 0 4352,69 Zd,1(k2)=Zd,1*(yp-yk1)/(2r)
k2 126,81 0 0 1257,05
0 0 5609,74

80

60

40

20

FASE 2A: PERDITA ELASTICA AL TAGLIO DEI TREFOLI

y C S Zd,2a Formule:
Perdita elastica
(cm) (kN) (kN) (kN) ΔPel=Ap*Ep*Σ[j*Δσc(t)/Ecm(t)]
k1 -6,79 0 0,00 -73,83 Zd,2(k1)=Zd,1(k1)+DZ(k1)
ΔF k2 126,81 0 0,00 -21,32 C(k1)=-Zd,2(k1)*Ac1/(Ac1+nAs1)
k1 -6,79 -3977,16 -39,56 4278,86 S(k1)=-Zd,2(k1)*n*As1/(Ac1+nAs1)
F2a k2 126,81 -1201,01 -11,95 1235,73
-5229,68 5514,59

47
FASE 2B: AZIONE DEL PESO PROPRIO AL TAGLIO DEI TREFOLI
Sez. di verifica x(m) 1,339 M2b (kNm)= 443,23
N2b (kN)= 331,75

y C S Zd2,b Formule:

(cm) (kN) (kN) (kN) N2b=M2b/(2r)


DZ(k1)=N2b*Ap1*np/(Ac1+ns*As1+np*
k1 -6,79 308,36 3,07 20,32 Ap1)

ΔF k2 126,81 -322,43 -3,21 -6,11 DC(k1)=N2b*Ac1/(Ac1+n(As1+Ap1))


k1 -6,79 -3668,80 -36,49 4299,18 DS(k1)=N2b*As1n/(Ac1+n(As1+Ap1))
ATTENZIONE:
F2b k2 126,81 -1523,44 -15,15 1229,62 1,00 np ≠ ns

-5243,89 5528,80
ns 7
Tensioni sul cls np 6,5
y Δσ σcls Asse n-n Formule:
Livello (cm) (MPa) (MPa) (cm) sck1=CF2b(K1)/Ack1
k1 -6,79 1,07 -12,73
k2 126,81 -0,58 -2,72 163,06
Upper 180,00 -1,23 1,270 Formule:
Lower 0,00 0,99 -12,23 spk1=Zd,2b(K1)/Apk1

Tensioni sull'acciaio da Tensioni sull'acciaio da


precompressione precompressione
y σp Posizion yp σp
Livello
(cm) (MPa) e (cm) (MPa)
k1 -6,79 1471,60 1 6,00 0,00
k2 126,81 751,80 2 10,00 1375,76
3 15,00 1348,82
4 20,00 1321,89
5 25,00 1294,95
6 30,00 1268,01
7 170,00 524,53
8 174,00 497,59

48
FASE 3: PRIMA PARTE PERDITE PER RITIRO E FLUAGE DEL CALCESTRUZZO (3÷60 gg) EC2

Atmosfera con umidità relativa RH = 70%


Area sezione trasversale Ac(cm2)= 8.486,98
Perimetro esposto u (cm)= 1.105,43
dimensione fittizia 2Ac/u = 15,36
dimensione fittizia h0 (mm)= 153,55

Ritiro EC2 viscosità


fcm 53,00
kh 0,886 β(fcm) 2,31
t0 30
εca,infinito -0,0000875 β(t0) 0,48
RH 70,00
ritiro autogeno α1 0,75
eca∞ -0,0000875 α2 0,92
h0 153,55 φrh 1,31
bas(60) 0,787580745 φ0 1,45
bas(3) 0,292777648 α3 0,81
Deca(60,3) = -4,32953E-05 βh 443,47
ritiro per essiccamento 1500α3 1218,95
h0 153,55 βc(60,3) 0,44
bds(60,3) 0,428219395 φ(60,3) 0,64
Kh 0,886
εcd0 -0,000274375 Altra forma ec2
εcd(60,3) = -0,000104099 0,000186459
εcs,tot(60,3) = -0,000147394 0,000491454
proporzione per εc0 4 ads1
fck 40 -0,2750 0,12 ads2
fck 60 -0,27250 53,00 fcm
εcd0 -0,274375 10 fcm0
0,89609375 βRH
75% RH
100% RH0

y scls Δε C S Zd,3
Prime perdite per
ritiro e fluage cls (cm) (MPa) (-) (kN) (kN) (kN)
k1 -6,79 -12,73 -0,03% 208,51 -29,42 -194,91
ΔF k2 126,81 -2,72 -0,02% 89,99 -31,86 -60,74
k1 -6,79 - - -3460,29 -65,91 4104,27
F3 k2 126,81 - - -1433,45 -47,01 1168,88 1.00
-5006,66 5273,15

49
Tensioni sul cls

Livello y σcls Asse n-n


(cm) (MPa) (cm)
k1 -6,79 -12,01
k2 126,81 -2,56 162,95
Upper 180,00 1,21
Lower 0,00 -11,53

Tensioni sull'acciaio da precompressione

Posizion
y Δσpk σpk e yp Δσp σp
Livello (cm) (MPa) (MPa) (cm) (MPa) (MPa)
k1 -6,79 -66,72 1404,88 1 6,00 0,00 0,00
k2 126,81 -20,79 714,67 2 10,00 -60,60 1312,98
3 15,00 -58,88 1287,15
4 20,00 -57,17 1261,32
5 25,00 -55,45 1235,49
6 30,00 -53,73 1209,66
7 170,00 -6,29 496,73
8 174,00 -4,57 470,90

FASE 4: SECONDO RILASSAMENTO

t 500000,00

ρ1000 (classe1) 8

μ=σpi/fpk 0,8

ΔΔZd
N. yp Ap Δσpr/σpi Δσpr,∞ ΔZd,∞ ΔZd,3 gg (infinito,3gg)
Posizione
trefoli
(cm) (cm2) (MPa) (MPa) (kN) (kN) (kN)
1 0 6,00 0,00 0,000000 0,00 0,00 0,00 0,00
2 0 11,00 0,00 0,000000 0,00 0,00 0,00 0,00
3 4 16,00 3,72 0,232993 346,69 128,97 95,60 33,37
4 21 21,00 19,53 0,232993 346,69 677,09 501,89 175,20
5 16 26,00 14,88 0,232993 346,69 515,88 382,39 133,49
6 2 31,00 1,86 0,232993 346,69 64,48 47,80 16,69
7 2 169,00 1,86 0,232993 346,69 64,48 47,80 16,69
8 4 174,00 3,72 0,232993 346,69 128,97 95,60 33,37
Totale 23,15 111,60 -1579,88 -1171,08 -408,81

50
y C S Zd,4

(cm) (kN) (kN) (kN)


k1 -6,79 314,07 3,12 -317,20
ΔF k2 126,81 90,77 0,84 -91,61
k1 -6,79 -3146,22 -62,79 3787,07
F4 k2 126,81 -1342,68 -46,17 1077,27 1,00
-4597,85 4864,35

Tensioni
sul cls
Livello y scls Asse n-n Formule:
(cm) (MPa) (cm) sck1=CF4(K1)/Ack1
k1 -6,79 -10,92
k2 126,81 -2,40 164,35
Upper 180,00 1,00
Lower 0,00 -10,49
Gi 81,46 -4,20
Tensioni sull'acciaio da precompressione
Livello y spk Posizione N Trefoli yp Ap sp Zp
(cm) (MPa) (cm) (MPa)
k1 -6,79 1296,30 1 0 6,00 0,00 0,00 0,00
k2 126,81 658,66 2 0 10,00 0,00 1211,40 0,00
3 4 15,00 3,72 1187,54 441,77
4 21 20,00 19,53 1163,68 2272,66
5 16 25,00 14,88 1139,81 1696,04
6 2 30,00 1,86 1115,95 207,57
7 2 170,00 1,86 457,32 85,06
8 4 174,00 3,72 433,46 161,25
4864,35

FASE 5: AZIONE DEL CARICO PERMANENTE PORTATO DI Ia FASE (soletta)


Sezione di verifica x 1,339 M5 (kNm)= 483,12
N5 (kN)= 361,61
y C S Zd2,b
(cm) (kN) (kN) (kN)
k1 -6,79 340,27 2,80 18,54
ΔF k2 126,81 -353,17 -2,90 -5,54
k1 -6,79 -2805,95 -63,11 3805,62
F5 k2 126,81 -1786,61 -49,92 1071,74 1,00

np (tinf) 5,37
ns (tinf) 5,79

51
Tensioni sull'armatura lenta
y σs Asse n-n
Livello
(cm) (MPa) (cm)
k1 -6,79 -154,15
k2 126,81 -62,66 218,32
k1' 10,90 -142,04
k2' 176,86 -149,50

Tensioni sul cls


y σcls n-n di calclo Formule:
Livello
(cm) (MPa) (cm) sck1=CF5(K1)/Ack1
k1 -6,79 -9,74
k2 126,81 -3,19 191,80
Upper 180,00 -0,58
Lower 0,00 -9,41
k1' 10,90 -8,87
k2' 176,86 -0,73

Tensioni sull'acciaio da precompressione Tensioni sull'acciaio da precompressione


y σpk yp σp
Livello Posizione
(cm) (MPa) (cm) (MPa)
k1 -6,79 1302,65 1 6,00 0,00
k2 126,81 655,27 2 10,00 1216,46
k1' 10,90 1216,96 3 15,00 1192,23
k2' 176,86 412,79 4 20,00 1168,00
5 25,00 1143,77
6 30,00 1119,55
7 170,00 450,86
8 174,00 426,64

FIBRE DI BUSEMANN PER LA TRAVE A CASSONE CON SOLETTA

X2+Y2+bY+c=0
b= -187,7539912 y Ac As Ap Aitot
Fibra
c= 1927,030492 (cm) (cm2) (cm2) (cm2) (cm2)
2*r= 165,96 k1' 10,90 3908,27 4,24 37,26 4133,068783
k2' 176,86 13454,15 14,61 8,31 13583,35598
17362,41 18,85 45,57 17716,42477

52
FASE 6: AZIONE DEL CARICO PERMANENTE DI SECONDA FASE (permanenti portati)
Sezione di verifica x 1,339 M6 (kNm)= 271,01
N6 (kN)= 163,30

Azione del carico y C S Zd6


permanente 2a fase (cm) (kN) (kN) (kN)
k1' 10,90 154,42 0,97 7,91
ΔF6 k2' 176,86 -161,74 -1,02 -0,54 1,00
k1' 10,90 -3312,95 -59,30 4542,20
F6 k2' 176,86 -1542,77 -221,88 342,52

Tensioni sul cls


y Δσ σcls Asse n-n
Livello
(cm) (MPa) (MPa) (cm)
k1' 10,90 0,40 -8,48
k2' 176,86 -0,41 -1,15 202,82
Upper 210,00 -0,54 -0,54 ATTENZIONE: le tensioni sulla soletta vengono
Low,sol 180,00 -0,40 -0,40 calcolate a partire dalle delta sigma
Up,cass. 180,00 -0,43 -1,01
Lower 0,00 0,45 -8,96

Tensioni sul armatura lenta


y Δσ σs
Livello
(cm) (MPa) (MPa)
k1' 10,90 2,29 -139,76
k2' 176,86 -2,40 -151,90

Tensioni sull'acciaio da
Tensioni sull'acciaio da precompressione precompressione

Livello y Δσpk σpk Posizione yp σp


(cm) (MPa) (MPa) (cm) (MPa)
k1' 10,90 2,12 1219,08 1 6,00 0,00
k2' 176,86 -0,65 412,14 2 10,00 1218,58
3 15,00 1194,27
4 20,00 1169,96
5 25,00 1145,64
6 30,00 1121,33
7 170,00 450,35
8 174,00 426,04

53
FASE 7: RITIRO DIFFERENZIALE FRA SOLETTA E CASSONCINO + viscosità (60 gg -inf.)
Cassoncino:
Valutiamo gli effetti indotti dal ritiro e dalla viscosità sulla trave da 60 a infinito.

Atmosfera con umidità relativa RH 75%


Area sezione trasversale Aci (cm2) 17.362,41
Perimetro esposto u (cm) 1.105,43
dimensione fittizia 2Ac/u 31,41
dimensione fittizia h0 (mm) 314,13
parametri inerziali per il calcolo della perdita tensionale
Ick1 (mm⁴) 1,61E+11 zcpk1 (mm) 746,72
Ick2(mm⁴) 1,15E+11 zcpk2 (mm) 453,55

Ritiro EC2 viscosità


εc0 -0,000231875 φ(infinito,60) 1,70
kh 0,746467602
εcd,infinito -0,000173087
εca,infinito -0,0000875
εcs -0,000260587
ritiro autogeno
eca∞ -8,75E-05
eca60 -4,33E-05
Δεca(infinito,60) -4,42E-05
ritiro per essiccamento
εc0 -2,32E-04
ecd∞ -1,73E-04
Kh 0,746467602
εcd,60 -1,04E-04
Δεcd(infinito,60) -6,90E-05
Decs(infinito,60) -0,000113
proporzione per εc0
fck 40 -0,2750
fck 60 -0,21750
εc0 -0,000231875
Perdita totale di precompressione per ritiro e viscosità EC2
K1 K2
Ac1 2,88E+05 mm2 Ac2 5,61E+05 mm2
Ap1 2,92E+03 mm2 Ap2 1,64E+03 mm2
Ecm 3,63E+04 MPa Ecm 3,63E+04 MPa
Ep 1,95E+05 Mpa Ep 1,95E+05 Mpa
Δσp,c+s(K1) -43,889 MPa Δσp,c+s(K2) 1,08E+01 MPa
Δσc,c+s(K1) 3,10E-01 MPa Δσc,c+s(K2) -1,30E-02 Mpa
Δε 8,55E-06 - Δε -3,59E-07 -

54
y σcls Δε
Deformazione
(cm) (MPa) (-)
k1' 10,90 -8,79 8,55E-06
Δε k2' 176,86 -1,13 -3,59E-07
deformazione piano di contatto
εn soletta-trave 180,00 - -5,28E-07

y scls Δε C S Zd,3
Perdite per ritiro e fluage
cls (cm) (MPa) (-) (kN) (kN) (kN)
k1 10,90 -8,79 8,55E-06 -6,59 0,76 6,21
ΔF7 k2 176,86 -1,13 -3,59E-07 0,17 -0,11 -0,06
k1 10,90 - - -3319,55 -58,54 4548,42
F7 k2 176,86 - - -1542,60 -221,99 342,46
-5142,67 4890,88

Tensioni sul cls Formule:

Livello y Δσ σcls Asse n-n


(cm) (MPa) (MPa) (cm)
k1 10,90 -0,0169 -8,49
k2 176,86 0,0001 -1,15 202,76
Upper 210 -0,0540 -0,59
Low,sol 180,00 0,0009 -0,40
Up,cass. 180 0,0004 -1,01
Lower 0 -0,0180 -8,98

Tensioni sull'acciaio da precompressione Tensioni sull'acciaio da precompressione

y Δσpk σpk Posizione yp Δσp σp


Livello (cm) (MPa) (MPa) (cm) (MPa) (MPa)
k1 10,90 1,667 1220,75 1 6,00 0,00 0,00
k2 176,86 -0,070 412,07 2 10,00 1,666 1220,24
3 15,00 1,614 1195,88
4 20,00 1,562 1171,52
5 25,00 1,509 1147,15
6 30,00 1,457 1122,79
7 170,00 0,012 450,36
8 174,00 -0,040 426,00

55
Soletta:
Atmosfera con umidità relativa RH = 75%
Area sezione trasversale Ac (cm2)= 9.450,00
Perimetro esposto u (cm)= 630,00
2Ac/u = 30,00
dimensione fittizia h0 (cm)= 300,00

Ritiro EC2 viscosità


εcd0 -2,93E-04 φ(infinito) 1,70
kh 0,75
εcd,infinito -2,20E-04
εca,infinito -6,25E-05

εcs -2,82E-04
proporzione per εcd,0
fck 20 -0,3475
fck 40 -0,27500
εcd0 -0,00029313

Metodo semplificato alla Morsch:

Fase a): azione sulla soletta "separata"


(Fr=ÈsolAsol(εn-εcs)) Fr (kN) 3361,22 con Èsol=Esol/(1+finf)

Fase b): azione sulla sezione omogeneizzata Fr (kN) -3361,22


MG,i
(kNm) 1865,47
calcolo sollecitazioni indotte sulle fibre da presso-flessione per ritiro su sezione mista
Sforzo normale agente sulle fibre mista indotto N'7b(k1)
da M (k2)(kN) 1124,03
N"7b(k1)
(kN) -756,61 N''7b(k1')=Fr*(yk2'-yGi)/(2r)
N''7b(k2)
Ripartizione sforzo normale Fr sulle fibre mista (kN) -2604,61 N''7b(k2')=Fr*(-yk1'+yGi)/(2r)
-3361,22
y C S Zd7,b
(cm) (kN) (kN) (kN)
DF7 k1' 10,90 -1778,35 -11,17 -91,12
Faseb k2' 176,86 -1466,49 -23,21 -4,87 1,00

formula per il calcolo tensioni tot ritiro


Tensioni sul cls soletta fase a)+b)
s,sol,up=ssol,F6+Fr/Asol-Fr/Ai*Esol/Ecas-
Esol/EcasFr*(yG,s-yG,I)*(h-yGi)/Ji
Livello y ΔσFase a) ΔσFase b) Δσ σcls
k1' 10,90 -4,55 -4,55 -13,04
k2' 176,86 -1,09 -1,09 -2,24
Upper 210,00 3,56 -3,18 0,37 -0,22
Low,sol 180,00 3,56 -2,60 0,96 0,55
Up,cass. 180,00 -2,77 -2,77 -3,78
Lower 0 0,94 0,94 -8,04

56
Tensioni sull'acciaio da
precompressione Tensioni sull'acciaio da precompressione

Livello y Δσ Posizione yp Δσp σp


(cm) (MPa) (cm) (MPa) (MPa)
k1' 10,90 -24,45 1 6,00 0,00 0,00
k2' 176,86 -5,86 2 10,00 -24,44 1195,80
3 15,00 -23,88 1172,00
4 20,00 -23,32 1148,19
5 25,00 -22,76 1124,39
6 30,00 -22,20 1100,59
7 170,00 -6,74 443,62
8 174,00 -6,18 419,82

FASE 8 AZIONE DEI CARICHI MOBILI

Sezione di verifica x 1,339 M9 (kNm)= 708,81


N9 (kN)= 427,09

y C S Zd2,b N9=M9/(2r)
Azione dei carichi mobili (cm) (kN) (kN) (kN)
k1' 10,90 403,86 2,54 20,69
ΔF8 k2' 176,86 -423,03 -2,66 -1,40 1,00

Tensioni sul cls np 5,37 Formule:


y Δσ σc Asse n-n ns 5,79 Dsck1=DCF5(K1')/Ack1'
Livello
(cm) (MPa) (MPa) (cm)
k1' 10,90 1,03 -12,01
k2' 176,86 -1,08 -3,32 91,95
Upper 210 -1,41 -1,63 s,sol=ssol,F8+Esol/Ecas*((Dsck2-Dsck1)/(yck2-
Low,sol 180,00 -1,05 -0,50 yck1)*(y-yck1)+Dsck1)
Up,cass. 180 -1,12 -4,90
Lower 0 1,17 -6,87 scass=(sck2-sck1)/(yck2-yck1)*(y-yck1)+sck1

Tensioni sull'acciaio da
precompressione Tensioni sull'acciaio da precompressione
y Δσpk yp Δσp σp
Livello Posizione
(cm) (MPa) (cm) (MPa) (MPa)
k1' 10,90 5,55 1 6,00 0,00 0,00
k2' 176,86 -1,69 2 10,00 5,55 1201,35
3 15,00 5,33 1177,33
4 20,00 5,11 1153,31
5 25,00 4,89 1129,29
6 30,00 4,68 1105,26
7 170,00 -1,35 442,27
8 174,00 -1,57 418,25

57
FASE 9: DT negativo SULLA SOLETTA

diff. di temperatura Dt (°C)= -5


coeff.di dilatazione termica a 0,00001
deformazione termica εT -0,005%

Fase a): azione sulla soletta "separata" N (kN)= 1610,15 Nsol=eDt*Ec*Asol

Fase b): azione sulla sezione omogeneizzata N (kN) -1610,15


MG,i (kNm) 893,63
calcolo sollecitazioni indotte sulle fibre da presso-flessione per variazione termica su sezione mista

sforzo normale agente sulle fibre mista indotto


da M N'8(k1) (k2) (kN)= 538,45 N'8(k1')=MG,i/(2r)
N"8(k1) (kN)= -362,44 N"8(k1')=N"8*(yk2'-yGi)/(2r)
ripartizione sforzo normale N sulle fibre mista N"8(k2')=N"8*(-
N"8(k2) (kN)= -1247,70 yk1'+yGi)/(2r)

y C S Zd,8
(cm) (kN) (kN) (kN)
k1' 10,90 851,89 1,05 8,53
DF9 k2' 176,86 -1769,17 -11,12 -5,87 1,00

Tensioni sul cls


Asse
Livello y Ds scls n-n
(cm) (MPa) (MPa) (cm)
k1' 10,90 2,18 -9,83
k2' 176,86 -1,31 -4,63 324,84
Tensioni sul cls
Livello y ΔσFase a) ΔσFase b) Δσ σcls rara σcls s,sol,up=ssol,F6+N/As
qp ol-N/Ai*Esol/Ecas-
Upper 210,00 1,70 -1,52 0,18 -1,53 -1,54 Esol/EcasFr*(yG,s-
Low,sol 180,00 1,70 -1,25 0,46 -0,23 -0,27 yG,I)*(h-yGi)/Ji
Up,cass. 180,00 - -1,33 -1,33 -5,70 -5,56
Lower 0 - 2,30 2,30 -5,48 -5,71

Tensioni sull'acciaio da precompressione


y Δσp Posizion yp Δσp σp
Livello
(cm) e (cm) (MPa) (MPa)
k1' 10,90 2,29 1 6,00 0,00 0,00
k2' 176,86 -7,07 2 10,00 2,28 1203,63
3 15,00 2,00 1179,33
4 20,00 1,72 1155,03
5 25,00 1,44 1130,72
6 30,00 1,16 1106,42
7 170,00 -6,62 435,65
8 174,00 -6,91 411,35

58
FASE 9: DT positivo SULLA SOLETTA

diff. di temperatura Dt (°C)= +5


coeff.di dilatazione termica a 0,00001
deformazione termica εT -0,005%

Fase a): azione sulla soletta "separata" N (kN)= -1610,15 Nsol=eDt*Ec*Asol

Fase b): azione sulla sezione omogeneizzata N (kN) +1610,15


MG,i (kNm) -893,63
calcolo sollecitazioni indotte sulle fibre da presso-flessione per variazione termica su sezione mista

sforzo normale agente sulle fibre mista indotto


da M N'8(k1) (k2) (kN)= -538,45 N'8(k1')=MG,i/(2r)
N"8(k1) (kN)= 362,44 N"8(k1')=N"8*(yk2'-yGi)/(2r)
ripartizione sforzo normale N sulle fibre mista N"8(k2')=N"8*(-
N"8(k2) (kN)= 1247,70 yk1'+yGi)/(2r)

y C S Zd,8
(cm) (kN) (kN) (kN)
k1' 10,90 -851,89 -1,05 -8,53
DF9 k2' 176,86 1769,17 11,12 5,87 1,00

Tensioni sul cls


Asse
Livello y Ds scls n-n
(cm) (MPa) (MPa) (cm)
k1' 10,90 -2,18 -14,19
k2' 176,86 1,31 -2,00 204,15
Tensioni sul cls
Livello y ΔσFase a) ΔσFase b) Δσ σcls rara σcls qp s,sol,up=ssol,F6+N/A
-N/Ai*Esol/Ecas-
Upper 210,00 -1,70 1,52 -0,18 -1,74 -1,72 sol
Esol/EcasFr*(yG,s-
Low,sol 180,00 -1,70 1,25 -0,46 -0,78 -0,73 yG,I)*(h-yGi)/Ji
Up,cass. 180,00 - 1,33 1,33 -4,10 -4,24
Lower 0 - -2,30 -2,30 -8,25 -8,02

Tensioni sull'acciaio da precompressione


y Δσp Posizion yp Δσp σp
Livello
(cm) e (cm) (MPa) (MPa)
k1' 10,90 -2,29 1 6,00 0,00 0,00
k2' 176,86 7,07 2 10,00 -2,28 1199,07
3 15,00 -2,00 1175,33
4 20,00 -1,72 1151,59
5 25,00 -1,44 1127,85
6 30,00 -1,16 1104,11
7 170,00 6,62 448,90
8 174,00 6,91 425,16

59
Si sceglie di continuare le verifiche con Dt negativo poiché combinato con il ritiro differenziale
della soletta dà gli effetti peggiori per la struttura.

Tensioni finali c.c RARA Tensioni finali c.c QUASI


-1,17 PERMANENTE -0,13
0,04
0,78
-5,42
-4,44

-9,24 -10,34

RARA "sì" QUASI PERM. "sì"


Cls compr. Cls traz. Cls.soletta Acciaio Cls compr. Cls traz. Cls.soletta Acciaio

Fase1 - - - - - - - -
Fase2B ok ok - ok ok ok - ok
Fase3 ok ok - ok ok ok - ok
Fase4 ok ok - ok ok ok - ok
Fase5 ok ok - ok ok ok - ok
Fase6 ok ok ok ok ok ok ok ok
Fase7 ok ok ok ok ok ok ok ok
Fase8 ok ok ok ok - - - -
Fase9 ok ok ok ok ok ok ok ok

LIMITI TENSIONALI
C.a. precompresso
RARA QUASI PERM.
trazione sc=fctm/1,2 2,74 sc=fctm/1,2 2,74
t=0
Ambiente compr. sc=0,70fckj -24,69 sc=0,70fckj -24,69
molto
aggressivo trazione sc=fctm/1,2 3,16 sc=fctm/1,2 0,00
t=inf.
compr. sc=0,60fck -27,00 sc=0,45fck -20,25
C.a. soletta
Ambiente
compr. sc=0,60fck -27,00 sc=0,45fck -15,75
aggressivo

Acciaio (trefoli)

ss=0,9
t=0
0fp1k= 1488,00
t=inf. σs 1336,00

60
N.B.:la soletta è considerata in ambiente aggressivo perché sottoposta all'azione dei sali disgelanti.

8.2 Verifica tensionale della sezione di mezzeria


FIBRE DI BUSEMANN PER LA TRAVE A CASSONCINO (Sez. X=15.95 m)

Formule:
X2+Y2+bY+c=0
FIBRE DI BUSEMANN PER LA TRAVE A
CASSONCINO (Sez. X= 15.95 m)
b=(yp2+r0,p2-r0,c2-yc2)/(yc-yp)= -152,3516449 y Ac As Ap
Fibra
c=-byp-yp2-r0,p2= 1772,357245 (cm) (cm2) (cm2) (cm2)
2*r=2*RADQ(b2/4-c)= 126,97 k1 12,69 3890,29 5,53 102,41
k2 139,66 4596,69 6,53 9,19
tot 8486,98 12,06 111,60
yk1=-b/2-RADQ(b2/4-c)
Ap1=Ap*(-yp+yk2)/2r
Ap2=Ap*(-yp+yk1)/2r

FASE 0: TIRO DELLE ARMATURE


Fase 0: tiro delle armature
yp Ap σspi Zd,0
Posizione N. trefoli
(cm) (cm2) (MPa) (kN)
1 23 6,00 21,39 1488 3182,83
2 23 10,00 21,39 1488 3182,83
3 25 15,00 23,25 1488 3459,60

4 21 20,00 19,53 1488 2906,06


5 16 25,00 14,88 1488 2214,14
6 2 30,00 1,86 1488 276,77
7 2 170,00 1,86 1488 276,77

8 4 174,00 3,72 1488 553,54

Totale 22,92 107,88 16052,54

Formule:
y C S Zd,0 Zd,0(k1)=Zd,0*(yk2-yp)/(2r)
F0 (cm) (kN) (kN) (kN) Zd,0(k2)=Zd,0*(yp-yk1)/(2r)
k1 12,69 0 0 15238,11
k2 139,66 0 0 1367,97
0 0 16606,08

61
FASE 1: RILASSAMENTO DEI TREFOLI DOPO MATURAZIONE ACCELERATA (EQUIVALENTE A 3
GG)

teq 67926,54
ρ1000 (classe1) 8
μ=σpi/fpk 0,8

Posizion yp Ap Δσpr/σpi Δσpr ΔZd,1 Zd σspi


N. trefoli
e
(cm) (cm2) (MPa) (MPa) (kN) (KN) (MPa)
1 23 6,00 21,39 0,172704 256,98 549,69 2633,14 1231,016
2 23 10,00 21,39 0,172704 256,98 549,69 2633,14 1231,016
3 25 15,00 23,25 0,172704 256,98 597,49 2862,11 1231,016
4 21 20,00 19,53 0,172704 256,98 501,89 2404,17 1231,016
5 16 25,00 14,88 0,172704 256,98 382,39 1831,75 1231,016
6 2 30,00 1,86 0,172704 256,98 47,80 228,97 1231,016
7 2 170,00 1,86 0,172704 256,98 47,80 228,97 1231,016
8 4 174,00 3,72 0,172704 256,98 95,60 457,94 1231,016
Totale 22,92 107,88 - 2772,34 13280,20

y C S Zd,1 Formule:
F1
(cm) (kN) (kN) (kN) Zd,1(k1)=Zd,1*(yk2-yp)/(2r)
k1 12,69 0 0 12606,42 Zd,1(k2)=Zd,1*(yp-yk1)/(2r)
k2 139,66 0 0 1131,72
0 0 13738,14

FASE 2A: PERDITA ELASTICA AL TAGLIO DEI TREFOLI

y C S Zd,2a Formule:
Perdita elastica
(cm) (kN) (kN) (kN) ΔPel=Ap*Ep*Σ[j*Δσc(t)/Ecm(t)]
k1 12,69 0 0,00 -213,82
ΔF k2 139,66 0 0,00 -19,20
k1 12,69 -10492,86 -104,37 12392,60
F2a k2 139,66 -1087,57 -10,82 1112,52
-11695,62 13505,12

62
FASE 2B: AZIONE DEL PESO PROPRIO AL TAGLIO DEI TREFOLI
Sez. di verifica x(m) 15,950 M2b (kNm)= 2756,45
N2b (kN)= 2170,93
Formule
y C S Zd2,b :
Fase 2b: Azione del
peso proprio (cm) (kN) (kN) (kN) N2b=M2b/(2r)
k1 12,69 1838,14 18,28 314,51
ΔF k2 139,66 -2122,23 -21,11 -27,59
k1 12,69 -8654,72 -86,09 12707,11
F2b k2 139,66 -3209,80 -31,93 1084,94 1,00 NB: np ≠ ns

-11982,54 13792,05
ns 7
Tensioni sul cls np 6,5
Formule
y Δσ σcls Asse n-n :
Livello (cm) (MPa) (MPa) (cm) sck1=CF2b(K1)/Ack1
k1 12,69 4,72 -22,25
k2 139,66 -4,62 -6,98 197,75
Formule
Upper 180,00 -7,58 -2,133 :
Lower 0,00 5,66 -23,77 spk1=Zd,2b(K1)/Apk1

Tensioni sull'acciaio da Tensioni sull'acciaio da


precompressione precompressione
y σp yp σp
Livello Posizione
(cm) (MPa) (cm) (MPa)
k1 12,69 1240,85 1 6,00 0,00
k2 139,66 1180,13 2 10,00 1241,66
3 15,00 1239,27
4 20,00 1236,87
5 25,00 1234,48
6 30,00 1232,09
7 170,00 1166,10
8 174,00 1163,71

63
FASE 3: PRIMA PARTE PERDITE PER RITIRO E FLUAGE DEL CALCESTRUZZO (3÷60 gg) EC2

Atmosfera con umidità relativa RH = 70%


Area sezione trasversale Ac (cm2)= 8.486,98
Perimetro esposto u (cm)= 1.105,43
Dimensione fittizia 2Ac/u = 15,36
Dimensione fittizia h0 (mm)= 153,55

Ritiro EC2 viscosità


fcm 53,00
kh 0,886 β(fcm) 2,31
t0 30
εca,infinito -0,0000875 β(t0) 0,48
RH 70,00
ritiro autogeno α1 0,75
eca∞ -0,0000875 α2 0,92
h0 153,55 φrh 1,31
bas(60) 0,787580745 φ0 1,45
bas(3) 0,292777648 α3 0,81
Deca(60,3) = -4,32953E-05 βh 443,47
ritiro per essiccamento 1500α3 1218,95
h0 153,55 βc(60,3) 0,44
bds(60,3) 0,428219395 φ(60,3) 0,64
Kh 0,886
εcd0 -0,000274375 Altra forma ec2
εcd(60,3) = -0,000104099 0,000186459
εcs,tot(60,3) = -0,000147394 0,000491454
proporzione per εc0 4 ads1
fck 40 -0,2750 0,12 ads2
fck 60 -0,27250 53,00 fcm
εcd0 -0,274375 10 fcm0
0,89609375 βRH
75% RH
100% RH0

Prime perdite y scls Δε C S Zd,3


per ritiro e
fluage cls (cm) (MPa) (-) (kN) (kN) (kN)
k1 12,69 -22,25 -0,04% 791,45 -51,36 -883,39
ΔF k2 139,66 -6,98 -0,03% 82,07 -36,39 -47,56
k1 12,69 - - -7863,27 -137,44 11823,72
F3 k2 139,66 - - -3127,73 -68,32 1037,38 1,00
-11196,77 12861,10

64
Tensioni sul cls Formule:

Livello y σcls Asse n-n sck1=CF3(K1)/Ack1


(cm) (MPa) (cm)
k1 12,69 -20,21
k2 139,66 -6,80 204,10
Upper 180,00 -2,54 Formule:
Lower 0,00 -21,55 spk1=Zd3(K1)/Apk1

Tensioni sull'acciaio da precompressione Tensioni sull'acciaio da precompressione

y Δσpk σpk Posizione yp Δσp σp


Livello (cm) (MPa) (MPa) (cm) (MPa) (MPa)
k1 12,69 -86,26 1154,59 1 6,00 -90,56 1155,97
k2 139,66 -4,64 1128,39 2 10,00 -87,35 1154,93
3 15,00 -84,14 1153,90
4 20,00 -80,92 1152,87
5 25,00 -77,71 1151,84
6 30,00 -74,49 1150,81
7 170,00 14,22 1122,34
8 174,00 17,43 1121,31

FASE 4: SECONDO RILASSAMENTO

t 500000,00
ρ1000 (classe1) 8
μ=σpi/fpk 0,8

ΔΔZd
N. yp Ap Δσpr/σpi Δσpr,∞ ΔZd,∞ ΔZd,3 gg (infinito,3gg)
Posizione
trefoli
(cm) (cm2) (MPa) (MPa) (kN) (kN) (kN)
1 23 6,00 21,39 0,232993 346,69 741,58 549,69 191,89
2 23 10,00 21,39 0,232993 346,69 741,58 549,69 191,89
3 25 15,00 23,25 0,232993 346,69 806,06 597,49 208,57
4 21 20,00 19,53 0,232993 346,69 677,09 501,89 175,20
5 16 25,00 14,88 0,232993 346,69 515,88 382,39 133,49
6 2 30,00 1,86 0,232993 346,69 64,48 47,80 16,69
7 2 170,00 1,86 0,232993 346,69 64,48 47,80 16,69
8 4 174,00 3,72 0,232993 346,69 128,97 95,60 33,37
Totale 22,92 107,88 -3740,13 -2772,34 -967,79

y C S Zd,4 Formule:
(cm) (kN) (kN) (kN) DZd,4(k1)=DZd,*(yk2-yp)/(2r)
k1 12,02 876,06 8,71 -884,77
ΔF k2 139,10 82,26 0,76 -83,02
k1 12,02 -6672,19 -123,78 10521,62
F4 k2 139,10 -3050,56 -67,82 961,61 1,00
-9914,35 11483,23

65
Tensioni sul cls
Livello y scls Asse n-n
(cm) (MPa) (cm)
k1 12,02 -17,33
k2 139,10 -6,58 216,83
Upper 180,00 -3,12
Lower 0,00 -18,35

Tensioni sull'acciaio da precompressione


Livello y spk Posizione N Trefoli yp Ap sp Zp
(cm) (MPa) (cm) (MPa)
k1 12,02 1066,82 1 0 6,00 21,39 1068,13 2284,73
k2 139,10 1039,14 2 0 10,00 21,39 1067,26 2282,87
3 4 15,00 23,25 1066,17 2478,85
4 21 20,00 19,53 1065,08 2080,10
5 16 25,00 14,88 1063,99 1583,22
6 2 30,00 1,86 1062,90 197,70
7 2 170,00 1,86 1032,41 192,03
8 4 174,00 3,72 1031,54 383,73
11483,23

FASE 5: AZIONE DEL CARICO PERMANENTE PORTATO DI Ia FASE (soletta)


Sezione di verifica x 15,950 M5 (kNm)= 3004,49
N5 (kN)= 2364,27
y C S Zd2,b
(cm) (kN) (kN) (kN)
k1 12,02 2063,21 16,97 284,09
ΔF k2 139,10 -2320,30 -19,08 -24,88
k1 12,02 -4608,98 -115,52 10805,71
F5 k2 139,10 -5453,12 -87,66 936,72 1,00

np (tinf) 5,37
ns (tinf) 5,79
Tensioni sull'armatura lenta
y σs Asse n-n
Livello
(cm) (MPa) (cm)
k1 12,02 -211,18
k2 139,10 -133,03 355,39
k1' 14,93 -209,40
k2' 181,37 -218,58

66
Tensioni sul cls
y σcls n-n di calclo Formule:
Livello
(cm) (MPa) (cm) sck1=CF5(K1)/Ack1
k1 12,02 -11,97
k2 139,10 -11,76 7124,26
Upper 180,00 -11,69
Lower 0,00 -11,99
k1' 14,93 -11,97
k2' 181,37 -11,69

Tensioni sull'acciaio da precompressione Tensioni sull'acciaio da precompressione


y σpk yp σp
Livello Posizione
(cm) (MPa) (cm) (MPa)
k1 12,02 1095,62 1 6,00 1099,57
k2 139,10 1012,25 2 10,00 1096,95
k1' 14,93 1093,72 3 15,00 1093,67
k2' 181,37 984,51 4 20,00 1090,39
5 25,00 1087,11
6 30,00 1083,83
7 170,00 991,97
8 174,00 989,35

FIBRE DI BUSEMANN PER LA TRAVE A CASSONE CON SOLETTA

X2+Y2+bY+c=0
b= -196,3019935 y Ac As Ap Aitot
Fibra
c= 2707,844833 (cm) 2
(cm ) 2 2
(cm ) (cm ) (cm2)
2*r= 166,44 k1' 14,93 4367,88 4,74 102,70 4947,273789
k2' 181,37 12994,53 14,11 5,18 13104,02921
17362,41 18,85 107,88 18051,303

67
FASE 6: AZIONE DEL CARICO PERMANENTE DI SECONDA FASE (permanenti portati)
Sezione di verifica x 15,95 M6 (kNm)= 1685,42
N6 (kN)= 1012,61

Azione del
y C S Zd6
carico
permanente 2a
fase (cm) (kN) (kN) (kN)
k1' 14,93 894,02 5,62 112,97
ΔF6 k2' 181,37 -1004,15 -6,31 -2,15 1,00
11345,
k1' 14,93 -4333,43 -93,68 39
F6 k2' 181,37 -18175,04 -327,14 507,87

Tensioni sul cls


y Δσ σcls Asse n-n
Livello
(cm) (MPa) (MPa) (cm)
k1' 14,93 2,05 -9,92
k2' 181,37 -2,30 -13,99 -391,24
Upper 210,00 -2,86 -2,86
Low,sol 180,00 -2,13 -2,13 ATTENZIONE: le tensioni sulla soletta vengono
Up,cass. 180,00 -2,26 -13,95 calcolate a partire dalle delta sigma
Lower 0,00 2,44 -9,56

Tensioni sul armatura lenta


y Δσ σs
Livello
(cm) (MPa) (MPa)
k1' 14,93 11,85 -197,55
k2' 181,37 -13,31 -231,88

Tensioni sull'acciaio da precompressione

Livello y Δσpk σpk Posizione yp σp


(cm) (MPa) (MPa) (cm) (MPa)
k1' 14,93 11,00 1104,72 1 6,00 1111,39
k2' 181,37 -4,15 980,36 2 10,00 1108,40
3 15,00 1104,66
4 20,00 1100,93
5 25,00 1097,19
6 30,00 1093,46
7 170,00 988,86
8 174,00 985,87

68
FASE 7: RITIRO DIFFERENZIALE FRA SOLETTA E CASSONCINO + viscosità (60 gg -inf.)
Cassoncino:
Valutiamo gli effetti indotti dal ritiro e dalla viscosità sulla trave da 60 a infinito.

Atmosfera con umidità relativa RH 75%


Area sezione trasversale Aci (cm2) 17.362,41
Perimetro esposto u (cm) 1.105,43
Dimensione fittizia 2Ac/u 31,41
Dimensione fittizia h0 (mm) 314,13
Parametri inerziali per il calcolo della perdita tensionale
Ick1 (mm⁴) 3,36E+11 zcpk1 (mm) 934,82
Ick2(mm⁴) 1,54E+11 zcpk2 (mm) 576,41

Ritiro EC2 viscosità

εc0 -0,000231875 φ(infinito,60) 1,70


kh 0,746467602
εcd,infinito -0,000173087
εca,infinito -0,0000875
εcs -0,000260587
ritiro autogeno
eca∞ -8,75E-05
eca60 -4,33E-05
Δεca(infinito,60) -4,42E-05
ritiro per essiccamento
εc0 -2,32E-04
ecd∞ -1,73E-04
Kh 0,746467602
εcd,60 -1,04E-04
Δεcd(infinito,60) -6,90E-05
Decs(infinito,60) -0,000113
proporzione per εc0
fck 40 -0,2750
fck 60 -0,21750
εc0 -0,000231875

Perdita totale di precompressione per ritiro e viscosità EC2


K1 K2
Ac1 3,85E+05 mm2 Ac2 4,64E+05 mm2
Ap1 9,86E+03 mm2 Ap2 9,25E+02 mm2
Ecm 3,63E+04 MPa Ecm 3,63E+04 MPa
Ep 1,95E+05 Mpa Ep 1,95E+05 Mpa
Δσp,c+s(K1) -41,434 MPa Δσp,c+s(K2) -1,00E+02 MPa
Δσc,c+s(K1) 8,26E-01 MPa Δσc,c+s(K2) 7,08E-02 Mpa
Δε 2,28E-05 - Δε 1,95E-06 -

69
y σcls Δε
Deformazione
(cm) (MPa) (-)
k1' 14,93 -10,75 2,28E-05
Δε k2' 181,37 -14,06 1,95E-06
deformazione
piano di
εn 180,00 - 2,12E-06
contatto
soletta-trave

y scls Δε C S Zd,3
Perdite per ritiro e
fluage cls (cm) (MPa) (-) (kN) (kN) (kN)
k1 14,93 -10,75 2,28E-05 -42,25 2,27 45,59
ΔF7 k2 181,37 -14,06 1,95E-06 -0,77 0,58 0,20
k1 14,93 - - -4375,68 -91,41 11390,98
F7 k2 181,37 - - -18175,81 -326,56 508,07
-22969,46 11899,05

Tensioni sul cls

Livello y Δσ σcls Asse n-n


(cm) (MPa) (MPa) (cm)
k1 14,93 -0,0967 -10,02
k2 181,37 -0,0006 -13,99 -405,13
Upper 210 -0,0053 -2,87
Low,sol 180,00 0,1226 -2,00
Up,cass. 180 -0,0014 -13,95
Lower 0 -0,1054 -9,66

Tensioni sull'acciaio da precompressione Tensioni sull'acciaio da precompressione

y Δσpk σpk Posizione yp Δσp σp


Livello (cm) (MPa) (MPa) (cm) (MPa) (MPa)
k1 14,93 4,439 1109,16 1 6,00 4,657 1116,05
k2 181,37 0,381 980,74 2 10,00 4,560 1112,96
3 15,00 4,438 1109,10
4 20,00 4,316 1105,24
5 25,00 4,194 1101,39
6 30,00 4,072 1097,53
7 170,00 0,658 989,51
8 174,00 0,560 986,43

Soletta:
Atmosfera con umidità relativa RH = 75%
Area sezione trasversale Ac (cm2)= 9.450,00
Perimetro esposto u (cm)= 630,00
2Ac/u = 30,00
Dimensione fittizia h0 (cm)= 300,00

70
Ritiro EC2 viscosità
εcd0 -2,93E-04 φ(infinito) 1,70
kh 0,75
εcd,infinito -2,20E-04
εca,infinito -6,25E-05

εcs -2,82E-04
proporzione per εcd,0
fck 20 -0,3475
fck 40 -0,27500
εcd0 -0,00029313

Metodo semplificato alla Morsch:

Fase a): azione sulla soletta "separata"


(Fr=ÈsolAsol(εn-εcs)) Fr (kN) 3392,84 Èsol=Esol/(1+finf)

Fase b): azione sulla sezione


omogeneizzata Fr (kN) -3392,84
MG,i (kNm) 1883,02
calcolo sollecitazioni indotte sulle fibre da presso-flessione per ritiro su
sezione mista
sforzo normale agente sulle
fibre mista indotto da M N'7b(k1) (k2)(kN) 1131,34
ripartizione sforzo normale Fr N"7b(k1) (kN) -853,54 N''7b(k1')=Fr*(yk2'-yGi)/(2r)
sulle fibre mista N''7b(k2) (kN) -2539,30 N''7b(k2')=Fr*(-yk1'+yGi)/(2r)
-3392,84

y C S Zd7,b

(cm) (kN) (kN) (kN)


DF7 k1' 14,93 -1752,42 -11,01 -221,44
Faseb k2' 181,37 -1396,20 -22,87 -2,99 1,00

formula per il calcolo tensioni tot ritiro soletta


Tensioni sul cls fase a)+b)
s,sol,up=ssol,F6+Fr/Asol-Fr/Ai*Esol/Ecas-
Livello y ΔσFase a) ΔσFase b) Δσ σcls Esol/EcasFr*(yG,s-yG,I)*(h-yGi)/Ji
k1' 14,93 -4,01 -4,01 -14,03
k2' 181,37 -1,07 -1,07 -15,06
Upper 210,00 3,59 -3,21 0,38 -2,49
Low,sol 180,00 3,59 -2,63 0,96 -1,04
Up,cass. 180,00 -2,80 -2,80 -16,75
Lower 0 0,95 0,95 -8,72

71
Tensioni sull'acciaio da precompressione

Livello y Δσ Posizion yp Δσp σp σc


(cm) (MPa) e (cm) (MPa) (MPa) (MPa)
k1' 14,93 -21,56 1 6,00 -22,41 1093,64 -13,97
k2' 181,37 -5,77 2 10,00 -22,03 1090,93 -14,00
3 15,00 -21,56 1087,55 -14,03
4 20,00 -21,08 1084,16 -14,06
5 25,00 -20,61 1080,78 -14,09
6 30,00 -20,13 1077,40 -14,12
7 170,00 -6,85 982,66 -14,99
8 174,00 -6,47 979,95 -15,02

FASE 8 AZIONE DEI CARICHI MOBILI

Sezione di verifica x 15,95 M9 (kNm)= 4408,05


N9 (kN)= 2648,39

Azione dei carichi y C S Zd2,b


mobili (cm) (kN) (kN) (kN)
k1' 14,93 2338,23 14,69 295,47
ΔF8 k2' 181,37 -2626,26 -16,50 -5,63 1,00

Tensioni sul cls np 5,37 Formule:


Dsck1=DCF5(K1')/Ack1'
y Δσ σc Asse n-n ns 5,79
Livello
(MPa
(cm) ) (MPa) (cm)
k1' 14,93 5,35 -8,68
k2' 181,37 -6,01 -21,07 93,32
Upper 210 -7,48 -9,97
Low,sol 180,00 -5,56 -6,60 s,sol=ssol,F8+Esol/Ecas*((Dsck2-Dsck1)/(yck2-
Up,cass. 180 -5,92 -22,67 yck1)*(y-yck1)+Dsck1)
Lower 0 6,37 -2,34 scass=(sck2-sck1)/(yck2-yck1)*(y-yck1)+sck1

Tensioni sull'acciaio da precompressione


y Δσpk yp Δσp σp
Livello Posizione
(cm) (MPa) (cm) (MPa) (MPa)
k1' 14,93 28,77 1 6,00 30,90 1124,53
k2' 181,37 -10,86 2 10,00 29,94 1120,87
3 15,00 28,75 1116,30
4 20,00 27,56 1111,73
5 25,00 26,37 1107,15
6 30,00 25,18 1102,58
7 170,00 -8,15 974,51
8 174,00 -9,11 970,85

72
FASE 9: DT negativo SULLA SOLETTA

diff. di temperatura Dt (°C)= -5


coeff.di dilatazione termica a 0,00001
deformazione termica εT -0,005%

Fase a): azione sulla soletta "separata" N (kN)= 1610,15 Nsol=eDt*Ec*Asol

Fase b): azione sulla sezione omogeneizzata N (kN) -1610,15


MG,i (kNm) 893,63
calcolo sollecitazioni indotte sulle fibre da presso-flessione per variazione termica su sezione mista

sforzo normale agente sulle fibre mista


indotto da M N'8(k1) (k2) (kN)= 536,90N'8(k1')=MG,i/(2r)
N"8(k1')=N"8*(yk2'-
N"8(k1) (kN)= -405,07 yGi)/(2r)
ripartizione sforzo normale N sulle fibre mista
- N"8(k2')=N"8*(-
N"8(k2) (kN)= 1205,08 yk1'+yGi)/(2r)

y C S Zd,8

(cm) (kN) (kN) (kN)


k1' 14,93 831,65 0,73 14,71
DF9 k2' 181,37 -1727,42 -10,85 -3,70 1,00

Tensioni sul cls


Livello y Ds scls Asse n-n
(cm) (MPa) (MPa) (cm)
k1' 14,93 1,90 -6,77
k2' 181,37 -1,33 -22,40 -57,19

Tensioni sul cls


s,sol,up=ssol,F6+N/Asol-
ΔσFase N/Ai*Esol/Ecas-
Livello y ΔσFase a) Δσ σcls
b) Esol/EcasFr*(yG,s-yG,I)*(h-
yGi)/Ji
Upper 210,00 1,70 -1,52 0,18 -9,79
Low,sol 180,00 1,70 -1,25 0,46 -6,14
Up,cass. 180,00 - -1,33 -1,33 -24,00
Lower 0 - 2,30 2,30 -0,04

73
Tensioni sull'acciaio da precompressione
y Δσp Posizion yp Δσp σp
Livello
(cm) e (cm) (MPa) (MPa)
k1' 14,93 1,43 1 6,00 1,89 1126,42
k2' 181,37 -7,14 2 10,00 1,69 1122,56
3 15,00 1,43 1117,73
4 20,00 1,17 1112,90
5 25,00 0,91 1108,06
6 30,00 0,66 1103,23
7 170,00 -6,56 967,95
8 174,00 -6,76 964,08

FASE 9: DT positivo SULLA SOLETTA

diff. di temperatura Dt (°C)= 5


0,0000
coeff.di dilatazione termica a 1
Deformazione termica εT 0,005%

Fase a): azione sulla soletta "separata" N (kN)= -1610,15 Nsol=eDt*Ec*Asol

Fase b): azione sulla sezione


omogeneizzata N (kN) 1610,15
MG,i (kNm) -893,63
calcolo sollecitazioni indotte sulle fibre da presso-flessione per variazione termica su sezione mista

sforzo normale agente sulle fibre mista N'8(k1) (k2)


indotto da M (kN)= -536,90 N'8(k1')=MG,i/(2r)
N"8(k1')=N"8*(yk2'-
ripartizione sforzo normale N sulle fibre N"8(k1) (kN)= 405,07 yGi)/(2r)
mista N"8(k2')=N"8*(-
N"8(k2) (kN)= 1205,08 yk1'+yGi)/(2r)

y C S Zd,8

(cm) (kN) (kN) (kN)


k1' 14,93 -831,65 -0,73 -14,71
DF9 k2' 181,37 1727,42 10,85 3,70 1,00

Tensioni sul cls


Livello y Ds scls Asse n-n
(cm) (MPa) (MPa) (cm)
k1' 14,93 -1,90 -10,58
k2' 181,37 1,33 -19,75 -177,24

74
Tensioni sul cls
Livello y ΔσFase a) ΔσFase b) Δσ σcls s,sol,up=ssol,F6+N/Asol-
N/Ai*Esol/Ecas-Esol/EcasFr*(yG,s-
Upper 210,00 -1,70 1,52 -0,18 -10,15
yG,I)*(h-yGi)/Ji
Low,sol 180,00 -1,70 1,25 -0,46 -7,06
Up,cass. 180,00 - 1,33 1,33 -21,34
Lower 0 - -2,30 -2,30 -4,65

Tensioni sull'acciaio da precompressione


y Δσp Posizio yp Δσp σp
Livello
(cm) ne (cm) (MPa) (MPa)
k1' 14,93 -1,43 1 6,00 -1,89 1122,64
k2' 181,37 7,14 2 10,00 -1,69 1119,19
3 15,00 -1,43 1114,87
4 20,00 -1,17 1110,55
5 25,00 -0,91 1106,24
6 30,00 -0,66 1101,92
7 170,00 6,56 981,07
8 174,00 6,76 977,61

Si sceglie di continuare le verifiche con Dt negativo poiché combinato con il ritiro differenziale
della soletta dà gli effetti peggiori per la struttura.

Tensioni finali c.c RARA Tensioni finali c.c QUASI


PERMANENTE
-7,99 -2,40
-4,93
-0,81

-17,41

-11,64
-16,65

75
RIEPILOGO VERIFICHE
RARA "sì" QUASI PERM. "sì"
Cls
Cls traz. Cls.soletta Acciaio Cls compr. Cls traz. Cls.soletta Acciaio
compr.
Fase1 - - - - - - - -
Fase2B ok ok - ok ok ok - ok
Fase3 ok ok - ok ok ok - ok
Fase4 ok ok - ok ok ok - ok
Fase5 ok ok - ok ok ok - ok
Fase6 ok ok ok ok ok ok ok ok
Fase7 ok ok ok ok ok ok ok ok
Fase8 ok ok ok ok - - - -
Fase9 ok ok ok ok ok ok ok ok

LIMITI TENSIONALI
C.a. precompresso
RARA QUASI PERM.
trazione sc=fctm/1,2 3,16 sc=fctm/1,2 3,16
t=0
Ambiente compr. sc=0,70fckj -24,69 sc=0,70fckj -24,69
mod.aggressivo 0,00
trazione sc=fctm/1,2 3,16 sc=fctm/1,2
t=inf.
compr. sc=0,60fck -27,00 sc=0,45fck -20,25

C.a. soletta

Ambiente aggressivo compr. sc=0,60fck -27,00 sc=0,45fck -15,75

`
Acciaio (trefoli)

t=0
ss=0,90fp1k= 1488,00
t=inf. σs 1336,00

N.B.:la soletta è considerata in ambiente aggressivo perché sottoposta


all'azione dei sali disgelanti.

I limiti tensionali sono quelli riportati nella sezione precedente, e non vengono mai superati.
N.B.= Non si riportano con scopo di sintesi le verifiche nelle altre sezioni significative, che sono state
condotte in modo analogo a quanto fatto sin qui, e che sono risultate sempre soddisfatte.

76
8.3 Verifica frecce della trave

CONTROFRECCIA DI MONTAGGIO
Controfreccia di montaggio
luce 31,90 m
Peso proprio 21,67 kN/m
Permanenti Ia fase 23,62 kN/m
Jcass. 3,3969E+07 cm4
modulo di Young 30,00 GPa
controfreccia 5,0 cm
controfreccia fm=5/384(pp+g)l4/EJ= 5,0 cm

FRECCIA IN ESERCIZIO (cc quasi permanente)


FRECCIA IN ESERCIZIO (cc quasi permanente)
kN/
permanenti IIa fase 58,54 m
Jsez.mista 9,0563E+07 cm4
modulo di Young 36,28 GPa
FRECCIA TOT 2,40 cm
f=5/384(gII)l4/EJ=
2,40 cm
La freccia dovuta agli accidentali si ricava
direttamente dal modello FEM per la condizione
di carico che dà Mmax. Per questa combinazione NON ci considerano i carichi mobili
f 0,00 cm
ftot/l 0,08% -
L/500 6,4 cm
verifica ok
FRECCIA IN ESERCIZIO (cc frequente)
FRECCIA IN ESERCIZIO (cc frequente)
kN/
permanenti IIa fase 58,54
m
Jsez.mista 9,0563E+07 cm4
modulo di Young 36,28 GPa
freccia 3,22 cm
4
f=5/384(gII)l /EJ= 2,40 cm
La freccia dovuta agli accidentali si ricava direttamente dal modello FEM per la condizione
di carico che dà Mmax. Si considera la freccia mobili INTERI. NON AL 75%
f TOT 3,22 cm
0,00176
ftot/l 24 -
L/500 6,4 cm
OK
verifica

77
9 VERIFICA AGLI SLU DELLE TRAVI
9.1 Verifiche a flessione

LEGGE INCRUDIMENTO ACCIAIO ARMONICO


εud 0,0315
Tensione
snervamento
calcolo σptd 1452,173913
Deformazione
snervamento
calcolo εpd 0,00745
Deformazione a
rottura εuk=Agt 0,035
Fattore
sovraresistenza k 1,114
Modulo elastico Ep 195000
DIAGRAMMA DI CALCOLO - PER L'ACCIAIO ARMONICO
p (p) p
1800

[× 1000] [MPa] 1600


0,000 0,00 0,00
1400
1,000 0,13 195,00
2,000 0,27 390,00 1200
p [MPa]

3,000 0,40 585,00


1000
4,000 0,54 780,00
5,000 0,67 975,00 800
6,000 0,81 1170,00 600
7,000 0,94 1365,00
400
8,000 1,00 1455,97
9,000 1,01 1462,84 200
10,000 1,01 1469,71
0
11,000 1,02 1476,58 0,00 5,00 10,00 15,00 20,00 25,00 30,00 35,00 40,00
 [ 1000]
12,000 1,02 1483,45

78
13,000 1,03 1490,32
14,000 1,03 1497,19
15,000 1,04 1504,05
16,000 1,04 1510,92
17,000 1,05 1517,79
18,000 1,05 1524,66
19,000 1,05 1531,53
20,000 1,06 1538,40
21,000 1,06 1545,27
22,000 1,07 1552,14
23,000 1,07 1559,01
24,000 1,08 1565,87
25,000 1,08 1572,74
26,000 1,09 1579,61
27,000 1,09 1586,48
28,000 1,10 1593,35
29,000 1,10 1600,22
30,000 1,11 1607,09
31,000 1,11 1613,96

79
80
9.2 Verifiche a taglio
ARMATURA DI FRETTAGGIO

Formule: ZFrettagg= sforzo a cui si proporziona l'armatura di cerchiatura


Ldiffusione= 70 lunghezza per lo sviluppo delle di aderenza

TREFOLI INFERIORI
ZFrettagg.( As,fr (singolo) n,n Passo Armatura disposta
Sez. x(m) Ldiffusione(cm) Zintrod(kN) kN) (cm2) (cm2) ec (cm)
0,00 87,5 5950,51 595,05 15,21 1,13 13,5 6,5 /m s=6 cm
4,00 87,5 6227,28 622,73 15,91 1,13 14,1 6,2 /m s=6 cm
8,00 87,5 3044,45 304,44 7,78 1,13 6,9 12,7 m s=8 cm

TREFOLI SUPERIORI
ZFrettagg.( As,fr (singolo) n,n Passo Armatura
Sez. x(m) Ldiffusione(cm) Zintrod(kN) kN) (cm2) (cm2) ec (cm) disposta
Sufficienti staffe
0,00 87,5 830,30 83,03 2,12 0,79 3 33 per il V
Sufficienti staffe
4,00 87,5 0,00 0,00 0,00 0,79 0 0 per il V
Sufficienti staffe
8,00 87,5 0,00 0,00 0,00 0,79 0 0 per il V

ARMATURA AGGIUNTIVA ALLE TESTE

SEZIONE DI APPOGGIO x(m)= 0,00

Nella sez. di appoggio non è attiva la precompressione; si deve dimensionare


l'armatura per l'assorbimento della reazione concentrata.
La combinazione più gravosa allo SLU è la (U IV):
Sollecitazioni
carico V(kN)  
peso
proprio 345,64 1,35
GI 376,74 1,35
GII 211,34 1,5
Q 552,73 1,35
Totale 2038 -

Verifica delle bielle di


Modello a traliccio di Morsch: cls:

larghezza della
Vs,tot/f membratura res. a
As,app(cm2) yd 52,09 < 60,84 taglio bw (mm) 130
altezza utile della
2*6 22 sezione d (m) 1697
Armatura in testata:
inclinazione
 18 dell'armatura di taglio  90
l'armatura va disposta sia sopra che sotto per assorbire anche
la C( quindi questa è la metà di quella presente in sezione)

81
Lunghezza di
V,Sd Posizio cp fctd V,Rd
ancoraggio la=fyd*/(4fbd)= 64 cm
(kN) ne (MPa) (MPa) (kN)
necessaria
Lunghezza di
ancoraggio di Lbd 34,9 cm
progetto 2038,4 G 0,00 1,77 273,48
Lunghezza la,min=max(0.3*Lbr NO, serve
22 cm Asw/s (mm^ (mm^2
ancoraggio minima q,1010cm 2/mm) /cm) armatura
lunghezza di
L0 cm
sovrapposizione 44
Verifica a taglio con armatura (FASE 9)
resistente t=∞
Verifica a taglio con armatura resistente
larghezza della membratura res. a taglio bw (mm) 260
altezza utile della sezione d (mm) 1696,73
inclinazione dell'armatura di taglio  90°
 (mm) (mm) 12
Asw
area (mm2) 452
passo s (mm) 100
cotgθ 1
Contributo dell'armatura
Vwd = Asw fyd 0.9 d/s (cotg  + cotg θ)senα
= 2700,91 KN
Contributo del cls teso
Vcd = 0.9 d bw αc f'cd
(cotα+cotθ)/(1+cotθ^2)= 2531,10 KN
 VSd
VRd = min(Vcd , Vwd ) 2531 = 2038
s,cp
0.25fcd
(MPa)
7,5  3,85
0.5fcd
12,75
ok
si posizionano staffe fi12 4 braccia/10 cm

82
VERIFICA A TAGLIO
SEZIONE DI INTRODUZIONE DELLA
PRECOMPRESSIONE x(m)= 1,338

Sollecitazioni agenti
carico M(kN) V(kN)  
peso
proprio 442,95 316,65 1,35
GI 482,81 345,14 1,35
GII 270,84 193,61 1,5
Q 708,36 506,38 1,35
Totale 2612,32 1867,45 -

Verifica senza armatura (FASE 9) t = ∞

larghezza della
membratura res. a bw 260
taglio (mm)
altezza utile della d 1696,73
Verifica a taglio con armatura resistente sezione (mm)
larghezza della membratura res. a
taglio bw (mm) 260
V,Sd Posizi cp fctd V,Rd (kN)
altezza utile della sezione d (mm) 1696,73 (kN) one (MPa) (MPa)
inclinazione dell'armatura di taglio  90° 1867,5 G 5,50 1,77 1108,47
NO, serve
 (mm) (mm)
12 armatura
area staffe(10 a 4 bracci) Asw (mm2) 452
passo s (mm) 100
inclinazione delle bielle compresse cotgθ 1
Contributo dell'armatura
Vwd = Asw fyd 0.9 d/s (cotg  + cotg
θ)senα 1888,24 KN

s,cp
0.25fcd
Contributo del cls teso (MPa)
Vcd = 0.9 d bw αc f'cd
(cotα+cotθ)/(1+cotθ^2) 2554,31 KN 7,5  3,85
Verifica 0.5fcd
VRd = min(Vcd ,
Vwd ) 1888,24  VSd = 1867,45 12,75
ok
si posizionano staffe fi10 4 braccia/5 cm

Armatura minima
s,max= 33 cm

Asw,min =1,5*b= 390 mm2/m per mlineare ok

83
SEZIONE DI MODIFICA DELLA
PRECOMPRESSIONE. x(m)= 4,000

Sollecitazioni Agenti
carico M(kN) V(kN)  
peso
proprio 1209,19 258,96 1,35
GI 1318,00 282,26 1,35
GII 739,35 158,34 1,5
Q 1933,70 414,12 1,35
Totale 7131,22 1527,20 -

Verifica (FASE
(FASE 9)
senza 9) t =
t=∞
armatura ∞

larghezza della
membratura res. a bw 260
taglio (mm)
altezza utile della d 1696,73
Verifica a taglio con armatura resistente sezione (mm)
larghezza della membratura res. a taglio bw (mm) 260
V,Sd Posizi cp fctd V,Rd (kN)
altezza utile della sezione d (mm) 1696,73 (kN) one (MPa) (MPa)
inclinazione dell'armatura di taglio  90° 1527,2 G 0,43 1,77 610,27
NO, serve
 (mm) (mm)
10 armatura
Asw
area staffe(10 a 4 bracci) (mm2) 316
passo s (mm) 100
inclinazione delle bielle compresse cotgθ 1
Contributo dell'armatura
Vs,Rd= Asw fyd 0.9 d/s (cotg  + cotg
θ)senα 1888,24 KN
Contributo del cls teso
Vc,Rd = 0.9 d bw αc f'cd s,cp
0.25fcd
(cotα+cotθ)/(1+cotθ^2) 3150,93 KN (MPa)
Verifica 7,5  3,85
VRd = min(Vcd +
0.5fcd
Vwd )= 1888,24  VSd = 1527,20
12,75
ok
si posizionano staffe fi10 4 braccia/10 cm

Armatura
minima
s,max= 33 cm
per
Asw,min =1,5*b= 390 mm2/m mlineare ok

84
SEZIONE DI MODIFICA DELLA
PRECOMPRESSIONE. x(m)= 8,000

Sollecitazioni agenti
carichi M(kN) V(kN)  
peso
prioprio 2071,65 172,28 1,35
GI 2258,07 187,78 1,35
GII 1266,70 105,34 1,5
Q 3312,93 275,50 1,35
Totale 12217,64 1016,01 -

Verifica (FASE
senza 9) t =
Verifica a taglio con armatura resistente armatura ∞
larghezza della membratura res. a
taglio bw (mm) 260,00
larghezza della
bw
membratura res. a 260
(mm)
altezza utile della sezione  1838,62 taglio
altezza utile della d
inclinazione dell'armatura di taglio a 1838,62
90° sezione (mm)
 (mm) (mm) 10
V,Sd Posizi cp fctd V,Rd (kN)
area staffe(10 a 4 bracci) Asw (mm2) 316 (kN) one (MPa) (MPa)
passo  200 1016 G 2,41 1,77 910,70
NO, serve
cotgθ 1 armatura
Contributo dell'armatura
Vs,Rd= Asw fyd 0.9 d/s (cotg  +
cotg θ)senα 1023,07 KN
Contributo del cls compresso
Vc,Rd = 0.9 d bw αc f'cd
(cotα+cotθ)/(1+cotθ^2) 6475,50 KN
s,cp
0.25fcd
Verifica (MPa)
VRd = min(Vcd +
Vwd )= 1023,07  VSd = 1016,01 7,5  3,85
0.5fcd
12,75
si posizionano staffe fi10 4 braccia/15 cm ok

Armatura
minima
s,max= 33 cm
per
Asw,min =1,5*b= 390 mm2/m mlineare ok

85
9.3 Verifiche a torsione e taglio+torsione
VERIFICA A TORSIONE (trave centrale)

Tsdu
sollecitazione agente (kNm) 753,4

Caratteristiche geometriche della sezione


spessore equivalente t 215 mm DAF 1,5
area racchiusa A 2522000 mm2
lunghezza perimetro ue 6560 mm
inerzia torsionale Jt 7,39E+11 mm4
Caratteristiche dell'armatura resistente a torsione
passo delle staffe s 200 mm
sezione di una staffa ( a 4 braccia) Asw 200,96 mm2
tensione di calcolo staffe fywd 391 MPa
n.barre long. n 16+8 -
passo per l'armatura long. s - mm
armatura long. (16fi10+8fi18) Al 3288 mm2
tensione calcolo arm.long. fyld 391 MPa
tensione di calcolo del cls fcd 25,50 MPa
tensione di calcolo del cls f'cd 12,75 MPa
Verifica
691 kN
Tres. alla rottura delle bielle di cls TR,cd=2*A*t*f'cd*cotgθ/(1+cotg²θ) 3 m
kN
Tres. alla rottura dell'armatura longit. TR1d=2*(ΣAl/ue)*fyld*A/cotgθ 989 m
198 kN
Tres. alla rottura dell'armatura trasv. TRSd=2*Asw/s*A*cotgθ*fywd 3 m
Trdu(kNm) 989 ok

N.B.1: Le armature long. di torsione si sommano a quelle di flessione.


N.B.2= T è assunto costante per l'intera lunghezza della trave, essendo
calcolato con Massonet. Il procedimento è a favore di sicurezza.

Armatura minima
s,max= 33 cm
per cm
Asw,min =0,15*b= 3,9 cm2 mlineare ok 10,04 2

VERIFICA A TORSIONE+TAGLIO (NTC08 §4.1.2.1.4)

SEZIONE DI ATTIVAZIONE DELLA


PREC. x(m)= 1,34
Sollecitazioni di taglio
V(kN)  
pp 316,65 1,35
GI 345,14 1,35
GII 193,61 1,5
Q 506,38 1,35
1867,45

86
SEZIONE DI MODIFICA DELLA
PRECOMPR. x(m)= 4,00
Sollecitazioni di taglio
V(kN)  
pp 258,96 1,35
GI 282,26 1,35
GII 158,34 1,5
Q 414,12 1,35
1527,20

SEZIONE DI MODIFICA DELLA


PRECOMPR. x(m)= 8,00
Sollecitazioni di taglio
V(kN)  
pp 172,28 1,35
GI 187,78 1,35
GII 105,34 1,5
Q 275,50 1,35
1016,01

Taglio resistente Bielle


Sezione Sollecitazioni agenti Staffe cls.compresse
- Vsdu,max (kN) Tsdu(kN) Vwd(kN) VRsu(kN) Trdu(kN)
0-4m 1867,45 753,43 2554,31 2554,31 6913,43
4-8m 1527,20 753,43 1888,24 3150,93 6913,43
8-16.325m 1016,01 753,43 1023,07 6475,50 6913,43

Verifica
Verifica bielle compresse
armatura tesa

Sezione Tsdu/TRdu+Vsdu/Vrsu
Vsdu/Vwd
0-4m 0,84 0,73
4-8m 0,59 0,809
8-15.95m 0,27 0,993

ok

87
9.4 Verifica al sollevamento

VERIFICA A SOLLEVAMENTO

Sezione di sollevamento x(m)= 7,20


Retrotrave 0,80
Angolo di inclinazione cavi (gradi) 45
Angolo di inclinazione cavi (rad) 0,79 Scomposizione sollecitazione sui ganci
Effetto di incremento
dinamico  1,3 forza su ogni estremo R(kN) 449,33
forza agente su ogni
gancio/estremo T(kN) 224,66
forza agente su diagonale
e gancio F(kN) 159
Azioni su un cavo F(kN)= 225

FIBRE DI BUSEMANN PER LA TRAVE A CASSONCINO (Sez. X=7.20m)

Formule:
FIBRE DI BUSEMANN PER LA TRAVE A
X2+Y2+bY+c=0 CASSONCINO (Sez. X=7.20m)
y Ac As Ap Ai
b= -140,3964 Fibra (cm) (cm2) (cm2) (cm2) (cm2)
3924,5
c== 798,4791613 k1 5,94 3499,80 4,97 73,68 7
5102,0
2*r== 128,52 k2 134,46 4987,18 7,09 13,74 4

Msoll
Azioni sulla sezione (kNm) -901,47 M=-ppx2/2
Nsoll (kN) 224,66

Verifica sezione

N'(k1)=Msoll/(2r) N'(k1) (kN) -701,43


N"(k1)=Nsoll*(yk2-yG)/(2r) N"(k1) (kN) -118,38
N"(k2)=Nsoll*(-yk1+yG)/(2r) N"(k2) (kN) 13,60

y C S Zd,2soll
Perdita di tensione
(cm) (kN) (kN) (kN)
k1 5,94 -731,08 -6,01 -82,72  
Fsoll k2 134,46 698,93 5,75 10,35 
k1 5,94 -6600,21 -65,65 9373,34 
F2b k2 134,46 -2928,39 -29,13 1369,94 
k1 5,94 -7331,29 -71,67 9290,62
Fsoll k2 134,46 -2229,46 -23,38 1380,29 1,00

88
Tensioni sul cls

Livello y cls Asse n-n


(cm) (MPa) (cm)
k1 5,94 -20,95 ck1=C(K1)/Ack1
k2 134,46 -4,47 169,33
Up 180,00 1,37
Low 0,00 -21,71

Tensioni sull'acciaio da precompressione

Livello y pk Livello y p 


(cm) (MPa) (cm) (MPa)
k1 5,94 1260,94 1 6,00 1260,82 pk1=Zd2c(K1)/Apk1
k2 134,46 1004,57 2 10,00 1252,84
3 15,00 1242,87
4 20,00 1232,89
5 25,00 1222,92
6 30,00 1212,94
7 170,00 933,67
8 174,00 925,69

Verifica tensioni di esercizio

LIMITI TENSIONALI
Cls Verifica delle tensioni di esercizio
Cls
trazione c=fctm/1.2 2,74 ok
t=0
compr. c=0,67fckj= -24,69 ok
Acciaio (trefoli)
s=0,90
t=0 fp1k= 1503,00 ok


Verifica ganci per il sollevamento
Si considerano 2 ganci per ogni estremo
n ferri inclinati 1
 barre(mm) 26
As,tot(mm2) 531 > F/fyd= 406
piegamento=5 130,00
Ogni gancio è costituito da un ferro piegato fi26 per un totale di 4
ganci, due a dx e due a sx. ok

89
Verifica V

Verifica dell'armatura trasversale d'anima

Larghezza della
membratura res. a taglio bw (mm) 260
altezza utile della sezione d (mm) 1539
inclinazione dell'armatura di
taglio  90
Asw
area staffe ( a 4 bracci) (mm2) 314
passo s (mm) 200

Contributo dell'armatura:
Vwd = Asw fyd 0.9 d/s (cotg  + cotg
θ)senα = 850,72 ok

90
10 VERIFICA AGLI SLE DEI TRAVERSI7
10.1 Verifica a fessurazione
La verifica è stata condotta per le combinazioni FI, FII, FIII previste da normativa per
ambiente aggressivo; in nessun caso si determina decompressione al lembo superiore o inferiore,
quindi non si ha apertura delle fessure. Per brevità si riporta solo la verifica per FI.

Sezione di calcestruzzo
altezza h 180.00 cm
larghezza b 55.00 cm
area Ac 9900.00 cm2
baricentro yc 90.00 cm
momento di inerzia Jc 26730000.00 cm4

Armatura
coefficiente di omogenizzazione n 15.00
n°barre 4
diametro 18.00 mm
copriferro inferiore c 3.00 cm
distanza tra i ferri nella fila inf. s 13.75 cm
armatura inferiore tesa As 10.18 cm2
n°barre 2
diametro' 12.00 mm
copriferro superiore c' 3.00 cm
distanza tra i ferri nella fila sup. s' 27.50 cm
armatura superiore compressa A's 2.26 cm2

Sezione ideale
area Ai 10086.63 cm2
baricentro yi 88.99 cm
momento di inerzia Ji 28173915.77 cm4
modulo di resistenza inferiore Wi,inf 316606.37 cm3
modulo di resistenza superiore Wi,sup 309559.94 cm3

Parametri per la verifica


c+7,5ø 15.60 cm
(h-y')/2 45.51 cm
altezza efficace inf. he 15.60 cm min(c+7,5ø; (h-y')/2)
larghezza efficace inf. be 55.00 cm
area zona efficace inf. Ae 858.00
area acciaio in zona efficace inf. Ase 10.18
% acciaio in zona efficace inf. ro 0.011865
c'+7,5ø' 11.40 cm
(y')/2 44.49 cm
altezza efficace sup. h'e 11.40 cm min(c+7,5ø; (h-y')/2)
larghezza efficace sup. b'e 55.00 cm
area zona efficace sup. A'e 627.00 cm2
area acciaio in zona efficace sup. A'se 2.26 cm2
% acciaio in zona efficace sup. r'o 0.003608
coeff. di aderenza: distanza delle fessure k2 0.40 barre di aderenza migliorata
coeff. di forma: deformazione k3 0.13 diagramma triang. di flessione
coeff. di aderenza: deformazione β1 1.00 barre di aderenza migliorata
coeff. di sollecitazione β2 0.50 azioni di lunga durata o ripetute

Materiali
resistenza caratteristica calcestruzzo Rck 30 MPa
resistenza a trazione del calcestruzzo fctm 2.61 MPa
modulo di elasticità dell'acciaio Es 210000 MPa

Caratteristiche delle sollecitazioni e di resistenza


momento di esercizio (Mmassimo) Mp 221.00 KNm
tensione acciaio per Mp (sezione fessurata) fyp (σs) 124.76 Mpa fy=Mp/((h-c-c')*Ase)
momento di fessurazione (Mmassimo) Mfp 825.34 KNm Mfp=Wi,inf*fctm
tensione acciaio per Mfp (sezione fessurata) fy,fp(σs,f) 465.94 Mpa fy,f=Mfp/((h-c-c')*Ase)
momento di esercizio (Mminimo) Mn 553.00 KNm
tensione acciaio per Mn (sezione fessurata) fyn (σ's) 1404.87 Mpa fy=Mn/((h-c-c')*A'se)
momento di fessurazione (Mminimo) Mfn 806.97 KNm Mfn=Wi,sup*fctm
tensione acciaio per Mfn (sezione fessurata) fy,fn (σ's,f) 2050.07 Mpa fy,f=Mfn/((h-c-c')*A'se)

Verifica
distanza media tra le fessure srm 16.34 cm srm=2*(c+s/10)+k2*k3*d/ro
distanza media tra le fessure srm' 28.13 cm srm'=2*(c'+s'/10)+k2*k3*d'/r'o
dilatazione media εsm 0.00E+00 εsm=σs/Es*(1-β1*β2(σs,f/σs)^2)
dilatazione media εsm' 0.00E+00 εsm'=σ's/Es*(1-β1*β2(σ's,f/σ's)^2)
valore medio di apertura delle fessure wm 0.0000 cm wm=εsm*srm; wk=1,7wm
valore medio di apertura delle fessure wm' 0.0000 cm wm'=εsm' *srm'; wk' =1,7wm'
valore caratteristico di pertura wk 0.0000 cm
stato limite di fessurazione w1 0.01 cm
FI VERIFICATO

7
Questa sezione non è stata aggiornata

91
11 VERIFICA AGLI SLU DEI TRAVERSI8
11.1 Verifica a tensoflessione
Si dispongono 4φ22 inferiori, passanti attraverso le travi prefabbricate.

Caratteristiche geometriche e calcolo Mrd

11.2 Verifica a taglio

VERIFICA A TAGLIO DI ELEMENTI PRIVI DI ARMATURA TRASVERSALE

Vsdu(kN) 377.00

Verifica della capacità portante:

larghezza della membratura res. a taglio b w (cm) 55


altezza utile della sezione d (cm) 157.00
(<=2 1.00
r=1,6-d con d espressa in metri e cmq d<=0,6 r (m) 1
area dell'armatura longitudinale di trazione A sl (cm^2) 22.80
(<=2%) 0.4145
Rck(MPa) 35
c 1.6
resistenza a trazione di calcolo del calcestruzzo f ctd (MPa) 1.26

V Rd1 (kN) = 0.25 f ctd r (1 + 50  ) bw d  5927.38


V Sdu (kN)= 377.00

Vsdu < VRd1 ok Si dispone l'armatura minima da normativa.

8
Questa sezione non è stata aggiornata

92
11.3 Verifica a torsione
VERIFICA A TORSIONE (traversi di testata)

Tsdu (kNm) 402.23

Caratteristiche geometriche della sezione


larghezza traverso b= 0.55 m
spessore h s =d e /6 0.092 m
2
area racchiusa Be 0.776 m
lunghezza perimetro ue 5.82 m
4
inerzia torsionale Jt 7.389100E-01 m 4.032046107
Caratteristiche dell'armatura resistente a torsione
passo delle staffe s 0.20 m
nbracci 2
2
sezione di una staffa (  a 2 bracci) A sw 1.57E-04 m
tensione di calcolo st.(FeB44k) f ywd 374 MPa
n.barre long. 16
passo per l'armatura long. 0.25 m
armatura long.(2*8  12+6  22) Al 4.09E-03 m2
tensione calcolo arm.long.(FeB44k) f yld 374 MPa
tensione di calcolo del cls (Rck= 55MPa) f cd 28.53 MPa

T res . alla rottura delle bielle di cls T Rdu,c =1/2f cd *B e *h s 1014.98 kNm
T res . alla rottura dell'armatura longit. T Rdu,s =2*A l /u e *B e *f yld 407.84 kNm
T res . alla rottura dell'armatura trasv. TRdu,sw=2*Asw/s*Be*f ywd 455.77 kNm
Trdu(kNm) 407.84 ok

93
12 VERIFICA DELLA SOLETTA DI CONTINUITÀ PER DEFORMAZIONI GLOBALI IMPOSTE9
La realizzazione della soletta di continuità fra due campate successive permette di ridurre i
giunti d’impalcato e migliorare il comportamento del ponte per azioni orizzontali e quindi in
specifico per il sisma; la solidarizzazione comporta una modifica dello schema statico solo in
direzione orizzontale, mentre per carichi verticali rimane inalterato, cioè di semplice appoggio, dal
momento che la rigidezza della soletta non è confrontabile con quella delle travi.
La verifica della soletta con riferimento ai carichi locali è già stata condotta nelle sezioni precedenti,
qui se ne controlla il comportamento relativamente al funzionamento globale dell’impalcato: è
necessario verificare che le rotazioni imposte dalla trave alla soletta a causa dei carichi accidentali,
dei fenomeni di ritiro e viscosità del cls, delle variazioni termiche differenziali siano compatibili con
la resistenza della soletta stessa.
Nel valutare le sollecitazioni dovute alle rotazioni imposte è comunque lecito fare riferimento alla
rigidezza della soletta fessurata o ad un suo valore ridotto derivato sperimentalmente.

12.1 Effetti dovuti alla rotazione di una sola trave caricata


Lo schema statico è quello di trave perfettamente incastrata alle estremità, e il problema si
risolve usando il metodo delle forze.
Il sistema principale assunto è quello rappresentato in figura:

Per il rispetto della congruenza si impone:

 M 1l M 2l
1  3EJ  6 EJ
 s s

   M 2l  M 1l
 2 3EJ s 6 EJ s

1) 1   2 nel caso di 2 campate cariche con uguali rotazioni d’estremità; risulta:


E J
M 1  2 s s 1
l
2)  2  0, 1 noto nel caso di 1 sola campata carica, che risulta essere spesso l’effetto più gravoso.
E J
M 1  4 s s 1 dove:
l
L= luce trave principale=31.90m
Jp= J trave principale= 1.05*108 cm4
Js= J soletta=167007 cm4(per sezione fessurata).
q0=carico distribuito sulla trave principale
l=luce soletta= a 1.5m
E=modulo di elaticità trave principale= 42.27 GPa

9
Questa sezione non è stata aggiornata

94
E=modulo di elaticità soletta=33.72 GPa

Le formula ricavate con carico distribuito agente su entrambe le campate danno:


 g L3   13.74 * 31.9 3 
 1   II 
  6
  418 *10 6 per peso permanente di IIa fase:
 24 E J
p p   24 * 42.27 * 10 * 1.05 
33.72 *106 *167007*10 8
M1  2 * 418 *10 6  31.39 kNm/m
1.5
Per i carichi accidentali il valore della rotazione si ricava direttamente dall’ output del modello a
graticcio:
 2  752*10-6 *1.254=943*10-6 rad
33.72 *106 *167007*10 8
M1  4 * 943* 10 6  141.61 kNm/m
1.5

L’effetto dovuto al ritiro differenziale combinato con la viscosità è a favore di sicurezza perchè in
questo caso prevale la precompressione e dunque la rotazione tende le fibre inferiori; si ricava
ML 1 1  1501.72 *103 * 31.9 *1 / 2
3  *(  )  =540*10-6
Ep J p 3 6 42.27 *109 *1.05 *108 *108
33.72 *106 *167007*10 8
M1  2 * 540 *10 6  40.55 kNm/m
1.5
L’effetto dovuto a variazioni termiche differenziali va preso per temperatura maggiore all’
intradosso per avere il caso più gravoso:
ML 1 1  2402.03 *103 * 31.9 *1 / 2
4  *(  )  =863.2*10-6
Ep J p 3 6 42.27 *109 *1.05 *108 *108
33.72 *106 *167007*10 8
M1  2 * 863*10 6  64.81 kNm/m
1.5
Si considerano le seguenti combinazioni di verifica (i momenti sono riportati con segno)

gII q 3 4 M(kNm)


Mnoncoeff. -31.39 -141.61 -64.81 40.55 g II perm di seconda fase
UI 1.5 0 1.2 0 -124.86 q accidentali
UII 1.5 1.5 1.2 0 -337.27    4 ritiro-viscosita'
UIII 1.5 1.5 1.2 0 -337.27 3 delta termico
UIV 1.5 1.5 1.2 0 -337.27
FI 1 0 0 0 -31.39
FII 1 0.332 0.332 0.332 -86.47
FIII 1 0.508 0.508 0.508 -115.63

 0,40+0,74*((100-L)/100) 2 = 0.332


 0,25+0,556*(100-L)/100) 2 = 0.508

12.2 Verifica a tensoflessione (SLU)


La verifica per rotazioni imposte risulta più gravosa rispetto alle verifiche locali per quanto
riguarda l’armatura longitudinale di soletta.

95
Si dispongono As=À
Si riporta la verifica per la combinazione UIII-UIV , e il dominio resistente.

Caratteristiche geometriche e calcolo Mrd

Dominio (N,M)

Campo di resistenza della solettà di continuità

800

600

400

200
M [KNm]

0
-4000 -2000 0 2000 4000 6000 8000 10000 12000

-200

-337.27
-400

-600

-800
N [KN]

96
12.3 Verifica a fessurazione (SLE)
Per le strutture in cemento armato ordinario D.M. 4/5/1990 limita l’apertura teorica delle
fessure in ambiente aggressivo a 0.1 mm per le combinazioni FI e FIII, a 0.2 mm per FII.

Sezione di calcestruzzo
altezza h 30.00 cm
larghezza b 100.00 cm
area Ac 3000.00 cm2
baricentro yc 15.00 cm
momento di inerzia Jc 225000.00 cm4

Armatura
coefficiente di omogenizzazione n 15.00
n°barre 12
diametro 20.00 mm
copriferro inferiore c 3.00 cm
distanza tra i ferri nella fila inf. s 8.33 cm
armatura inferiore tesa As 37.70 cm2
n°barre 12
diametro' 20.00 mm
copriferro superiore c' 3.00 cm
distanza tra i ferri nella fila sup. s' 8.33 cm
armatura superiore compressa A's 37.70 cm2

Sezione ideale
area Ai 4131.12 cm2
baricentro yi 15.00 cm
momento di inerzia Ji 387891.99 cm4
modulo di resistenza inferiore Wi,inf 25859.47 cm3
modulo di resistenza superiore Wi,sup 25859.47 cm3

Parametri per la verifica


c+7,5ø 17.00 cm
(h-y')/2 7.50 cm
altezza efficace inf. he 7.50 cm min(c+7,5ø; (h-y')/2)
larghezza efficace inf. be 100.00 cm
area zona efficace inf. Ae 750.00
area acciaio in zona efficace inf. Ase 37.70
% acciaio in zona efficace inf. ro 0.050272
c'+7,5ø' 17.00 cm
(y')/2 7.50 cm
altezza efficace sup. h'e 7.50 cm min(c+7,5ø; (h-y')/2)
larghezza efficace sup. b'e 100.00 cm
area zona efficace sup. A'e 750.00 cm2
area acciaio in zona efficace sup. A'se 37.70 cm2
% acciaio in zona efficace sup. r'o 0.050272
coeff. di aderenza: distanza delle fessure k2 0.40 barre di aderenza migliorata
coeff. di forma: deformazione k3 0.13 diagramma triang. di flessione
coeff. di aderenza: deformazione β1 1.00 barre di aderenza migliorata
coeff. di sollecitazione β2 0.50 azioni di lunga durata o ripetute

Materiali
resistenza caratteristica calcestruzzo Rck 35 MPa
resistenza a trazione del calcestruzzo fctm 2.89 MPa
modulo di elasticità dell'acciaio Es 210000 MPa

Caratteristiche delle sollecitazioni e di resistenza


momento di esercizio (Mmassimo) Mp 0.00 KNm
tensione acciaio per Mp (sezione fessurata) fyp (σs) 0.00 Mpa fy=Mp/((h-c-c')*Ase)
momento di fessurazione (Mmassimo) Mfp 74.71 KNm Mfp=Wi,inf*fctm
tensione acciaio per Mfp (sezione fessurata) fy,fp(σs,f) 82.56 Mpa fy,f=Mfp/((h-c-c')*Ase)
momento di esercizio (Mminimo) Mn 115.63 KNm
tensione acciaio per Mn (sezione fessurata) fyn (σ's) 127.78 Mpa fy=Mn/((h-c-c')*A'se)
momento di fessurazione (Mminimo) Mfn 74.71 KNm Mfn=Wi,sup*fctm
tensione acciaio per Mfn (sezione fessurata) fy,fn (σ's,f) 82.56 Mpa fy,f=Mfn/((h-c-c')*A'se)

Verifica
distanza media tra le fessure srm 9.66 cm srm=2*(c+s/10)+k2*k3*d/ro
distanza media tra le fessure srm' 9.66 cm srm'=2*(c'+s'/10)+k2*k3*d'/r'o
dilatazione media εsm 0.00E+00 εsm=σs/Es*(1-β1*β2(σs,f/σs)^2)
dilatazione media εsm' 4.81E-04 εsm'=σ's/Es*(1-β1*β2(σ's,f/σ's)^2)
valore medio di apertura delle fessure wm 0.0000 cm wm=εsm*srm; wk=1,7wm
valore medio di apertura delle fessure wm' 0.0046 cm wm'=εsm' *srm'; wk' =1,7wm'
valore caratteristico di pertura wk 0.0079 cm
stato limite di fessurazione w1 0.01 cm
FIII VERIFICATO

97
13 VERIFICHE LOCALI10
Per quanto riguarda gli effetti locali la principale funzione della soletta nei ponti a travata è
quella di accogliere e distribuire i carichi della viabilità che sono tipicamente concentrati.
Lo spessore tipico della soletta ammonta a 30 cm, mentre lateralmente esso viene aumentato a 52
cm (cordoli); da tale spessore si detrae a favore della sicurezza (nelle zone dove sono presenti)
quello delle dalles utilizzate come cassero a perdere per il getto della soletta stessa. Si avrà pertanto:
ssol=30-4=26 cm
Le condizioni di carico che determinano il dimensionamento della soletta prevedono la disposizione
nelle condizioni più gravose dei carichi
-q1,a
-una sola fila di 3 ruote del carico q1,a indipendentemente dall’ ingombro trasversale
-eventuali azioni sui parapetti( spinta orizz. pari a 1.3 kN/m) e sicurvia (urto pari a 45kN)
-carico q1,e per i marciapiedi
Nel caso in esame la condizione più restrittiva è la seconda; si sviluppano 2 modelli uno
monodimensionale con schema statico di trave continua su più appoggi e uno bidimensionale con
elementi plate.

13.1 Analisi dei carichi


Il calcolo viene condotto per una striscia convenzionale di 100 cm di larghezza, le condizioni
di carico sono le seguenti:

Peso proprio soletta* 0.30*1*25=7.50 kN/m

Pavimentazione stradale: 22*(0.16*1)= 3.52 kN/m


Parapetti e guard-rail(carico distr.) (2*0.5+4*1.5)/25.5*1= 0.28 kN/m
Velette 2*0.05*0.7*25/25.5*1= 0.07
kN/m

Cordoli : [2*(1.75*0.20*25)+1.8*0.2*25]/25.5*1 = 1.04 kN/m


Totale permanenti 4.91kN/m

*(in realtà solo 0.26 è lo spessore reagente per le verifiche, inoltre il peso proprio
della soletta non andrebbe nemmeno considerato perché già portato dalla
predalle)

Carichi mobili:
per la loro determinazione si considerano 2 modelli:
-calcolo a trave supponendo reagente una larghezza convenzionale di soletta determinata con una
diffusione del carico di impronta quadrata 30*30 a 45° (la diffusione del carico a 45° avviene
attraverso la pavimentazione e la soletta fino al piano medio)
B= l+2i+b=1.72 +2*1.5+0.3+2*(0.26/2)=5.28 m

10
Questa sezione non è stata aggiornata

98
F1a= 3*q1a /B =3*100/5.28=56.82 kN/m

-schematizzazione dell’impalcato con un modello ad elementi finiti bidimensionali a 4 nodi. Le


travi principali sono schematizzate, per semplicità, con appoggi fissi.; qui il calcolo della diffusione
del carico non viene fatto a priori, ma è il risultato diretto dell’analisi.
F1a= 3*q1a=3*200 kN

Coefficiente dinamico f= 1.4 per la verifica dei tratti intermedi fra le travi
f= 3 per la verifica delle zone di inizio e fine impalcato

13.2 Calcolo delle sollecitazioni allo SLU per i tratti intermedi di soletta
Le massime sollecitazioni agenti per metro di soletta si ottengono considerando l’inviluppo
delle combinazioni (UI, UII, UIII, UIV).
Si riportano di seguito i risultati ottenuti con i due modelli, prima per i tratti intermedi di soletta, e
poi per le zone di inizio e fine impalcato.

13.2.1 Modello a trave

M[kNm]

99
V[kN]

13.2.2 Modello bidimensionale

100
Mtrasv[kNm]

Mlong[kNm]

Confronto tra i risultati ottenuti per i tratti di soletta intermedi per sollecitazioni trasversali

Trave Modello bidimensionale


M+(kNm) +37.69 +41.54
M-(kNm) -28.79 -30.97

101
13.3 Verifica a tensoflessione
Si dispongono ,
La verifica è effettuata mediante il calcolo del campo resistente con il programma Vcaslu.;il campo
sollecitante è rappresentato dalle coppie :
(M,N) (41.54,0)
(-30.97,0)
Si calcola anche il Mres associato a (41.54,0) e relativi valori di deformazione del cls e acciaio a
rottura ; la rottura avviene in campo 2 (lato acciaio).

Campo di resistenza della soletta nei tratti intermedi


250

200

150
M [KNm]

100

50 0; 41,54
0
-2000 -1000 0 0; -30,57
1000 2000 3000 4000 5000 6000
-50

-100

-150

-200

-250
N [KN]

102
VERIFICA A TAGLIO DI ELEMENTI PRIVI DI ARMATURA TRASVERSALE

V(kN)  V(kN) 
GII = 0.00 1.50 274.65 1.50
13.4 Verifica a taglio Q= 76.32 1.50 63.00 1.50
76.32 337.65
La soletta non viene armata a taglio nelle zone intermedie.

Verifica della capacità portante:


 
larghezza della membratura res. a taglio b w (cm) 100 b w (cm) 100
altezza utile della sezione d (cm) 23.00 d (cm) 23.00
(<=2 1 (<=2 1
r=1,6-d con d espressa in metri e cmq d<=0,6 r (m) 1.37 r (m) 1.37
armatura longitudinale in zona tesa A sl (cm^2) 12.06 Asl (cm^2) 122.08
 l =A sl /(b w d) <=2% l 0.0052 (<=2%) 0.0531
R ck (MPa) 35 Rck (MPa) 35
c 1.6 c 1.6
resistenza a trazione di calcolo del calcestruzzo f ctd (MPa) 1.26 fctd (MPa) 1.26

V Rd1 (k N) = 0.25 f ctd r (1 + 50  ) bw d  = 125.66 363.81


V Sdu (k N)= 76.32 337.65

Vsdu < VRd1 ok ok

13.5 Calcolo delle sollecitazioni allo SLU per le zone di inizio e fine impalcato
Per le zone di fine impalcato ( bisogna tener conto degli effetti impulsivi dovuti all’urto che
subisce la soletta al momento dell’entrata del carico sull’impalcato; la normativa impone che
“…in mancanza di una valutazione più rigorosa che tenga conto anche degli effetti d’urto, le parti
di soletta a sbalzo dal traverso di testata verso il giunto debbono essere verificate applicando ai
valori delle caratteristiche della sollecitazione un coefficiente dinamico uguale a 3…”

Per brevità si riporta solo la tabella di confronto:

Trave Modello bidimensionale


M+(kNm) +95.48 +150.42
VERIFICA A TAGLIO DI ELEMENTI CON ARMATURA TRASVERSALE
M-(kNm) -84.66 -100.31

13.6 Verifiche a tensoflessione della soletta in testata (SLU)


M(kN) V(kN) 
Si dispongono
GII = 0.00 , 219.15 1.5 come armatura trasversale.
Q= 0.00 29.40 1.5
Per la verifica si procede in modo analogo a quanto riportato sopra
0.00 248.55
.
Disposizione armatura e calcolo Campo Resistente
Verifica dell'armatura trasversale d'anima Verifica delle bielle di cls:

103
Campo di resistenza della soletta di inizio-fine impalcato

400

300

200
0; 148,42
100
M [KNm]

0
-2000 -1000 0 1000 2000 3000 4000 5000 6000 7000

-100 0; -100,31

-200

-300

-400
N [KN]

104
13.7 Verifica a taglio
La soletta non viene armata a taglio nelle zone d’estremità.

Verifica della capacità portante:

larghezza della membratura res. a taglio bw (cm) 100


altezza utile della sezione d (cm) 23.00
1
r=1,6-d con d espressa in metri e cmq d<=0,6 r (m) 1.37
armatura longitudinale in zona tesa Asl (cm^2) 20.10
l=Asl/(bwd) <=2% (<=2%) 0.0087
Rck(MPa) 35
c 1.6
resistenza a trazione di calcolo del calcestruzzo fctd (MPa) 1.26

VRd1 (kN) = 0.25 fctd 143.06


VSdu (kN)= 141.00

Vsdu < VRd1 ok

105
13.8 Verifica a fessurazione
Essendo in ambiente aggressivo nella verifica a fessurazione l’apertura teorica delle fessure
deve essere inferiore a 0.1 mm per le combinazioni di carico FI ed FII, mentre 0.2 mm per la FIII.
La verifica viene condotta per le zone intermedie e di estremità dell’impalcato ed è risultata sempre
soddisfatta; si riporta a titolo indicativo la seguente (che è risultata più gravosa) per le zone di inizio
e fine impalcato:

13.8.1 Verifica della zona di testata per FII

Sezione di calcestruzzo
altezza h 26.00cm
larghezza b 100.00cm
area Ac 2600.00cm2
baricentro yc 13.00cm
momento di inerzia Jc 146466.67cm4

Armatura
coefficiente di omogenizzazione n 15.00
n°barre 10.00
diametro 16.00mm
copriferro inferiore c 3.00cm
distanza tra i ferri nella fila inf. s 8.33cm
armatura inferiore tesa As 20.11cm2
n°barre 10.00
diametrò 16.00mm
copriferro superiore c' 3.00cm
distanza tra i ferri nella fila sup. s' 10.00cm
armatura superiore compressa Às 20.11cm2

Sezione ideale
area Ai 3203.26cm2
baricentro yi 13.00cm
momento di inerzia Ji 206794.19cm4
modulo di resistenza inferiore Wi,inf 15907.25cm3
modulo di resistenza superiore Wi,sup 15907.25cm3

Parametri per la verifica


c+7,5ø 14.20cm
(h-y')/2 6.50cm
altezza efficace inf. he 6.50cm
larghezza efficace inf. be 100.00cm
area zona efficace inf. Ae 650.00
area acciaio in zona efficace inf. Ase 20.11
% acciaio in zona efficace inf. ro 0.030937
c'+7,5ø' 14.20cm
(y')/2 6.50cm
altezza efficace sup. h'e 6.50cm
larghezza efficace sup. b'e 100.00cm
area zona efficace sup. Àe 650.00cm2
area acciaio in zona efficace sup. Àse 20.11cm2
% acciaio in zona efficace sup. r'o 0.030937

106
coeff. di aderenza: distanza delle fessure k2 0.40
coeff. di forma: deformazione k3 0.13
coeff. di aderenza: deformazione β1 1.00
coeff. di sollecitazione β2 0.50

Materiali
resistenza caratteristica calcestruzzo Rck 30.00MPa
resistenza a trazione del calcestruzzo fctm 2.61MPa
modulo di elasticità dell'acciaio Es 210000.00MPa

Caratteristiche delle sollecitazioni e di resistenza


momento di esercizio (Mmassimo) Mp 51.39KNm
tensione acciaio per Mp (sezione fessurata) fyp (σs) 127.78Mpa
momento di fessurazione (Mmassimo) Mfp 41.47KNm
tensione acciaio per Mfp (sezione fessurata) fy,fp(σs,f) 103.11Mpa
momento di esercizio (Mminimo) Mn 37.77KNm
tensione acciaio per Mn (sezione fessurata) fyn (σ's) 93.91Mpa
momento di fessurazione (Mminimo) Mfn 41.47KNm
tensione acciaio per Mfn (sezione fessurata) fy,fn (σ's,f) 103.11Mpa

Verifica
distanza media tra le fessure srm 10.25cm
distanza media tra le fessure srm' 10.59cm
dilatazione media εsm 4.10E-04
dilatazione media εsm' 0.00E+00
valore medio di apertura delle fessure wm 0.0042cm
valore medio di apertura delle fessure wm' 0.0000cm
valore caratteristico di pertura wk 0.0072cm
stato limite di fessurazione w2 0.02cm
FII VERIFICATO

13.9 Verifica a fatica


Seguendo le indicazioni delle “Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione…” del D.M. dei
LL.PP. del 9 gennaio 1996, in presenza di sollecitazioni che possano indurre fenomeni di fatica, le
tensioni limite vengono ridotte secondo l’espressione:
s s min max s è la tensione limite dell’armatura in esercizio.
s = 0.7 fyk m = 0.7*430/1= 301 MPa
m=1
Le sollecitazioni di esercizio per le zone intermedie e di testata sono:

M+FI (kNm) M+FII (kNm)


1.4 2.78 25.13
3.0 2.78 51.39
.

107
13.9.1 Zone intermedie
À
sotto, c=c’=3cm, b=100cm ed h=26cm), ricaviamo i valori delle tensioni sul calcestruzzo e
sull’acciaio ipotizzando lineari le leggi costitutive dei materiali e assumendo il coefficiente di
omogeneizzazione pari a 15.
Dal programma VcaSlu otteniamo:
per FI c = -0.36 MPa s = 16.58 MPa
per FII c = -3.27 MPa s = 149.9 MPa

s = 0.75*301 ( 1+ 0.5 (16.58/149.9))= 238.23 MPa

251.3 MPa > 149.9 MPa .

13.9.2 Zone di testata


Caratteristiche geometriche.:
À ’=3cm, b=100cm ed h=26cm), ricaviamo i valori
delle tensioni sul calcestruzzo e sull’acciaio .
Dal programma VcaSlu otteniamo:
per FI c = -0.24 MPa s = 6.82 MPa
per FII c = -4.37 MPa s = 126.2 MPa

s = 0.75*301 ( 1+ 0.5 (6.82/126.2))= 231.82 MPa

231.82 MPa > 126.2 MPa

108

Potrebbero piacerti anche