Sei sulla pagina 1di 5

PROGETTO A.B.C.D.

E
https://fad.formatsas.com/course/view.php?id=227

Nell'acronimo relativo al primo intervento ABCDE, "E" sta per:

Exposure

Occorre cercare aiuto davanti a:

Il ricorso all'alcol

Già in uno studio sull'impatto della Sars era evidenziato:

Il timore di contagiare i propri familiari

La pandemia da virus H1N1 è nota anche come:

Suina

Il panic buying è legato a:

Panico

I familiari degli operatori devono:

Rispettare i tempi dei loro cari

Il virus Ebola è caratterizzato da:

Alta letalità

Nel questionario condotto in Italia tra il 27 e il 31 marzo 2020, i sanitari hanno riportato sintomi da stress
nella misura del:

50 %

Il burnout compare:
Nell'affrontare compiti monotoni e ripetitivi per lunghi periodi

Nelle personalità predisposte al burnout abbiamo:

La tendenza a autobiasimarsi

Nello sviluppo del burnout, la prima fase è:

L'entusiasmo

Il burnout è stato inserito:

Nell'undicesima edizione dell'ICD

Tra le caratteristiche negative dell'organizzazione possiamo avere:

Le modalità decisionali e di controllo

Il termine burnout è stato introdotto fa Freudenberger nel:

1974

Il burnout è un processo in cui possiamo riconoscere:

Tre fasi

Per contrastare il burnout, la struttura sanitaria deve provvedere a:

Promuovere servizi di peer to peer support

Tra i sintomi della c.f. abbiamo:

L'apatia

Facilita l'insorgenza della compassion fatigue:

La presenza di traumi nella storia personale

L'altruismo è caratteristica che nella c.f. può:

Aumentare il rischio
L'articolo era scritto da:

Carla Joinson

L'empatia è:

Un'emozione primaria

La storia moderna della compassion fatigue nasce con il numero di Nursing Magazin del:

1992

Tra i sintomi della c.f. non è ripostato:

L'eccessiva fiducia in sé

Nella c.f. non ci sono:

Crisi epilettiche

Tra i primi studiosi del DPTS abbiamo avuto:

Wilfred Bion

Per contrastare il DPTS non è importante:

Assumere molti liquidi

Nell'insorgenza di un DPTS non è importante che:

L'evento accada durante un periodo di festività

L'impulso maggiore agli studi sul DPTS è arrivato dopo:

La guerra del Vietnam

Nel DPTS Complex non abbiamo:

Perdita del controllo sfinterico


La teoria POLIVAGAL attribuisce importanza a:

Nervo vago e tronco cerebrale

L'introduzione del DPTS del DSM è avvenuta nel:

1980

Per contrastare i flashback:

Portiamoci un oggetto che ci ricordi il presente

Nei programmi EEAP non troviamo:

Ipnosi

Per gestire i pensieri stressanti:

Alleniamoci con riflessioni sostitutive

Tra le soft skills non c'è:

Il percorso terapeutico individuale

Nel decalogo per contenere le emozioni negative, non abbiamo:

Abbassare le aspettative

Attivare un servizio peer to peer compete:

Alle strutture sanitarie

Tenere un diario dello stress:

Può essere utile e catartico

Il protocollo PIAS comprende:

Immediatezza
Il recovery skills training è un percorso:

In due tappe