Sei sulla pagina 1di 1

DAL MISE- 31 MARZO 2020 ORE 22:00

Coronavirus: le CCIAA rilasciano


l’attestazione di sussistenza delle
cause di forza maggiore
Le Camere di Commercio sono tenute a rilasciare, a chi ne fa domanda, le “Attestazioni
camerali di sussistenza cause di forza maggiore per emergenza COVID-19”. A disporlo il
Ministero dello Sviluppo Economico al fine di evitare che l’inadempimento contrattuale da
parte delle aziende nazionali sia penalizzato con la risoluzione dei contratti, con
pagamento di penali e con il mancato rientro dai costi della commessa già sostenuti. Il
Ministero delega Unioncamere a provvedere e a diffondere presso le Camere di commercio
uno schema di dichiarazione in lingua inglese da utilizzare.

Il Ministero dello Sviluppo Economico con la circolare del 25 marzo 2020 chiede alle Camere di
Commercio di rilasciare, a chi ne fa domanda, le “Attestazioni camerali di sussistenza
cause di forza maggiore per emergenza COVID-19 ”.

Il Ministero ha preso atto della necessità per le imprese, di dover documentare mediante
attestazione camerale le condizioni di forza maggiore derivanti dall’attuale fase di
emergenza sanitaria da COVID-19. In molti contratti di fornitura in essere con l’estero è infatti
necessario produrre tali attestazioni per poter invocare la forza maggiore e far fronte
all’inadempimento delle obbligazioni.

L’impossibilità di presentare tale documento avrebbe come conseguenza danni immediati


alle imprese nazionali che si troverebbero nella condizione di subire la risoluzione dei
contratti , con pagamento di penali e mancato rientro dai costi della commessa già sostenuti.

Il Ministero quindi dispone che, su richiesta dell'impresa , le Camere di commercio,


nell’ambito dei poteri loro riconosciuti dalla legge, possono rilasciare dichiarazioni in lingua
inglese sullo stato di emergenza in Italia conseguente all’emergenza epidemiologica da COVID-
19 e sulle restrizioni imposte dalla legge per il contenimento dell'epidemia.

In definitiva, a supporto del commercio internazionale, con tali dichiarazioni, le Camere di


commercio potranno attestare di aver ricevuto, dall'impresa richiedente, la dichiarazione di non
aver potuto assolvere nei tempi agli obblighi contrattuali precedentemente assunti, per motivi
imprevedibili e indipendenti dalla volontà e capacità aziendale, facendo riferimento alle
restrizioni disposte dalle Autorità di governo e allo stato di emergenza in atto.

Il Ministero inoltre delega Unioncamere a provvedere e a diffondere presso le Camere di


commercio uno schema di dichiarazione in lingua inglese da utilizzare.

A cura della Redazione

Copyright © - Riproduzione riservata