Sei sulla pagina 1di 3

Valencia

Cosa vedere:

Cattedrale di Valencia e Piazza della regina

Plaza de la Reina

Lonja de la Seda

Church of the Saints John

Mercado Central

Torres de Quart

Portale della Valldigna

Torres de Serrans

Plaça de l'Ajuntament (piazza del municipio)

Basílica de la Mare de Déu dels Desamparats

Museo delle Scienze "Principe Felipe"

L'Hemisfèric

Parco oceanografico di Valencia

L'Umbracle

CIBO

1 – Paella Non è un segreto che la paella sia il piatto cardine della cucina valenciana. Nonostante oggi si
possa trovare in qualsiasi ristorante spagnolo, la vera paella è nata in questa città. Piatto ricco di
ingredienti, dentro trovano spazio oltre al riso anche pollo, coniglio, fagioli, pesce, verdura. Tutto ciò che gli
dà sapore e carattere multietnico.

2 – Fideuà un piccolo spaghetto. Simile alla paella, con la sola differenza che al posto del riso, appunto
vegono utilizzati gli spaghetti. La fideuà è preparata con carne o con verdure, anche se la più apprezzata dai
valenciani e dai turisti di tutto il mondo è quella ai frutti di mare. Del resto, si sa, il mare e i suoi prodotti
sono sempre i più amati nelle località che di questi elementi vivono.

3 - Patatas Bravas. Le Patatas Bravas sono gustose, fritte preparate con salsa piccante alla maionese. Inutile
nasconderlo... una tira l'altra, infatti sono una delle specialità più apprezzate come contorno, ma
soprattutto come stuzzichino sfizioso all'ora dell'aperitivo. Difficile trovare un locale o un tapas bar che non
le proponga nel suo menù.

4 – Tapas 5 - All y Pebre In due parole aglio e anguille. All y pebre, l'anguilla in umido con patate, è una
ricetta tradizionale, precisamente una sorta di spezzatino che deriva dall'isola di El Palmar. Gustosa e
perfetta anche per i palati più esigenti, è composta da aglio, anguille, peperoncino e patate (uno dei
prodotti immancabili sulle tavole spagnole).

6 - Arroz Negro molto simile al nostro riso al nero di seppia, l'arroz negro è una delle specialità e delle
versioni più apprezzate del riso sia dai valenciani che dai turisti che non perdono occasione per ordinare
uno di questi piatti nei loro viaggi. Cuinato in diverse varianti è presente nei menù di quesi tutti i ristoranti
di Valencia, di quelli che amano la tradizione e di quelli che ogni giorno propongono novità e varianti della
gastronomia tipica.

8 – Arnadì Dolce tipico e probabilmente più celebre di Valencia, l'Arnadì ha un nome di origine araba. Ha
l'aspetto di una torta fatta in casa, decorata con mandorle o zucchero ed è preparata con zucca, patate
dolci, pinoli e cannella. Il suo sapore è particolare e gustoso, per questo è una delle specialità da assaggiare
assolutamente.

9 – Bunyols Molto simile alle nostre frittelle, i Bunyols, sono specialità tipiche che vemgono consumate
durante le feste de las Fallas. Sono preparate con farina, acqua, lievito e, spesso, zucca. Solitamente il
binomio perfetto è quello tra bunyols e cioccolata calda in tazza. Specialità che piace ai valenciani e ai
turisti.

10 - Clòchinas al vapore Da perfetta città spagnola, anche Valencia utilizza i prodotti del mare nei suoi piatti
tipici, Le clòchinas al vapore (le nostre cozze) fanno parte della tradizione valenciana. Preparate molto
semplicemente con aglio, olio d'oliva a aceto, una volta pronte per essere consumate vengono servite con il
loro brodo. Fa parte delle specialità spagnole per eccellenza.

11- Gazpacho manchego: piatto a base di lepre o pernice, piccione, coniglio, gallina funghi rositi, gallette da
gazpacho, cipolla tritata, peperone verde piccolo a pezzetti, pomodoro sminuzzato, aglio, olio, acqua, foglie
di alloro e qualche grano di pepe e sale.

12 - Titaina: è una squisita salsa preparata con pomodori, aglio, peperoni rossi arrostiti e ventresca di
tonno.

13 - Las Albondigas: polpette di carne macinata mista servite con pinoli e verdure e/o patate.

14 - Horchata de chufa: bevanda rinfrescante tipica di Valencia, preparata con zucchero, acqua ed il latte
del Cipero (pianta endemica del territorio valenciano).

Abitudini alimentari a Valencia

Come in molte altre parti della Spagna, i valenciani si siedono a tavola quando gli altri popoli si stanno
alzando. La colazione, molto simile a quella continentale, si fa dalle 7’30 alle 10 del mattino. Il pranzo nei
ristoranti viene servito tra le 14 e le 15’30; la cena a partire dalle 21’00 fino alle 22’30.

Il riso e la Paella

La paella è il simbolo per eccellenza della gastronomia della Comunidad Valenciana. Dentro ci si mette il
riso, i fagioli, il pollo, il coniglio e le vongole. C’è tutto quello che si produce nella terra e nel mare davanti e
dietro Valencia. La frutta, la verdura e gli ortaggi della fertile campagna, insieme ai frutti di mare freschi e al
pesce. Il riso non è solo il protagonista della Paella ma la base di tutta la gastronomia valenciana. Viene
cucinato in vari modi: arroz al horno, arroz a banda (con pesce), arroz negro (al nero di seppia), la fideuà
(una paella fatta con pasta al posto del riso) o all i pebre (aglio e pepe) che accompagna la zuppa di anguille.
Ma non ci sono solo queste: ogni famiglia ha la sua paella e si tramanda la ricetta di generazione in
generazione. Non troverete mai due Paella uguali, ma tutte diverse per sapore, consistenza, grado di
cottura. La paella non è solo un piatto. E’ un modo di stare insieme, quando si cucina e quando si mangia,
sintetizzato nel modo di dire dei valenciani: anar de paella, andare di Paella.

Gli antipasti e i secondi

I valenciani hanno sviluppato nei secoli una grande capacit� di conservare carne e pesce per i periodi di
carestia. Da questa antica esigenza oggi nascono dei piatti eccezionali, usati come antipasti o secondi piatti.
Ne fanno parte la ventresca di tonno, il tonno salato, la trippa, lo stomaco del toro. A questo si aggiungono i
piatti tradizionali della charcuteries, la salumeria: botifarres, llonganissa (salsiccia), chorizos e soubressades
(salami e soppressate). Inutile elencare la quantità e qualità dei pesci e dei frutti di mare che si possono
trovare sulle tavole dei valenciani che amano cucinarli in modo molto semplice: alla griglia e al forno.

Il vino di Valencia

Le arance sono alla base di della tipica “agua de valencia”, bibita preparata con succo d’arancia e spumante.
Ma i valenciani, come tutti gli spagnoli, amano il buon bere, soprattutto cerveza (birra) e vino. Dalla
provincia di Valencia ne arrivano di eccellenti: i vini bianchi dell’Alto Turia e della Serrania, i rossi di
Requena, Utiel e Campo de Liria. Tutti a Denominazione di Origine.

I dolci di Valencia

I dolci di Valencia risentono fortemente dell’influenza araba. Zucchero, pinoli, uvetta e mandorle sono gli
ingredienti di molti dolci. Il dolce più popolare è l’arnadì (dolce di zucca, patate americane e mandorle) che
si accompagna con del vino di mosto o del moscato. Gli abitanti di Valencia amano moltissimo i bunuelos,
(frittelle) che si mangiano moltissimo durante le fallas, i falò che si tengono a Valencia. In estate è
l’horchata (orzata) che disseta i valenciani; attenzione però, è un po’ diversa da quello che in Italia
chiamiamo orzata! S’accompagna a fartons (biscotti allungati). Comunque, mai andarsene da Valencia
senza aver provato il Helado de Turron, il gelato al torrone.

https://www.piediniinviaggio.it/valencia-dove-e-cosa-mangiare-assolutamente/

Potrebbero piacerti anche