Sei sulla pagina 1di 10

Pag.

24
Logiche Universali e Accertamenti in Laboratorio che La Gravità Non
Esiste --
S i consiglia ai lettori di questo sito della massima concentrazione perché quello che leggete e
leggerete non è stato scritto con la solita inventiva per fare della spettacolarità. Tutti i dati sono
stati accertati con esperimenti di laboratorio, ed inseriti in apparechiature digitali moderne e quindi
reali ove tutti possono provare e riprovare. E’ in dubbio che questi risultati li abbiamo ottenuti
grazie a nuovi studi basati su masse circolari in rotazione (volani) che da più di 20 anni ci hanno
dato la possibilità di ricevere le vere Onde Gravitazionali ( oggi si chiamano Onde centrifughe).
Altrimenti sarebbe stato impossibile senza l’ausilio delle vere onde create dalla materia, ottenere
tutti i dati reali universali presentati nel sito. Queste onde dialoganti con la materia sono
dimensionate in watt. 1024 più grandi delle (O.G. di Einstein, mai esistite come non è mai esistita
la gravità.)( VEDI IN FONDO PAGINA IL CIRCUITO ELETTRONICO SEMPLICE PER FARE
SCOPERTE SULLA GRAVITA’ INESISTENTE.
1) La Gravità non esiste .
Newton stesso ammise di non sapere cosa era la gravità (queste le sue parole) Rationem vero harum
Gravitatis proprietatum ex Phaenomenis nondum potui Deducere & hipotheses non fingo.( In verità
non sono riuscito a scoprire la causa della Gravità dai fenomeni , e non avanzo ipotesi.(firmato Isaac
Newton Grazie a prove ed accertamenti ottenuti in laboratorio ,ma anche per una logica, che se la
gravità esistesse saremmo un corpo unico di materia nell’universo già da miliardi di anni
fortunatamente non è così.
2) Alcune teorie ammettono, che l'innalzamento del livello dell'acqua dei mari nelle maree sia dovuto
alla forza di gravità lunare. Se così fosse ci innalzeremmo anche noi considerando che sono miliardi di
miliardi di tonnellate di acqua che può raggiungere i 20 m. di altezza (occorrerebbero forze attrattive
enormi) e questo non avviene anche perchè essendo un fenomeno di elevata intensità noi non ci
accorgiamo di nulla perchè questo avviene coadiuvato da un'altra dimensione.
3) Se le maree fossero generate dalla gravità lunare le variazioni delle altezze dell'acqua dei mari
sarebbero enormemente diverse al perigeo rispetto all'apogeo., Certamente se fossero formate dalla
gravità al perigeo dovremmo avere in funzione dell’avvicinamento ( terra - luna ) (avendo una
differenza distanziale di circa 50000 km.)in meno, dovremmo avere le maree molto più alte rispetto
all'apogeo. Mentre si è verificato e controllato nel tempo che le altezze delle maree formatesi in
apogeo risultano pressoché uguali alle altezze delle maree creatasi al perigeo con minime variazioni
di qualche cm, probabilmente dipendenti dalle posizioni terra luna nello spazio.
4) Se le maree fossero un fenomeno gravitazionale certamente il sole avrebbe la predominanza
assoluta esercitando una forza gravitazionale sulla terra circa 177 volte maggiore di quella lunare
.Mentre la luna è predominante in questo fenomeno perchè essendo vicinissima alla terra i momenti
angolari luna terra risultano più grandi rispetto ai momenti angolari generati dal sole. (momenti
angolari = O.C. Onde Centrifughe )A queste onde si è sempre dato il nome errato di Onde
Gravitazionali,mai esistite. Ora sappiamo che esistono le Onde Centrifughe.

5) Se consideriamo che le maree siano prodotte dalla gravità diventa impossibile spiegare il perché si
crea la marea opposta. Se si considera la forza di gravità una forza attrattiva, la logica vuole che la
parte della terra esposta alla luna si formi la marea sigiziale, diventa inspiegabile una forza di gravità
per la creazione della marea opposta dall’altra parte della terra inesistente.

6) Secondo la legge di Hubble, l’universo è in espansione, é inimmaginabile supporre che


l’universo potrebbe espandersi in presenza di una forza di attrazione gravitazionale che è
l’opposto di espansione.

7) L a Luna, girando intorno alla Terra compie un’orbita ellittica che varia da 365.000 Km a
405.000 Km , quindi si allontana e si avvicina alla Terra ma, stranamente, ed in barba alla teoria
di Neweton succede che, quando è all’apogeo, al punto dell’orbita più lontano viene attratta dalla
Terra, mentre al perigeo, al punto più vicino apparentemete viene respinta,e si allontana,
8) Dal momento che la Terra esercita sulla Luna una attrazione che è circa 3600 volte inferiore a
quella che viene esercitata su un qualsiasi corpo sulla superficie terrestre, A questo punto la luna
avendo una forza gravitazionale circa 10 volte inferiore alla gravità terrestre. La forza gravitazionale
lunare arriverebbe sulla terra con una attrazione dimensionata di 36000 volte inferiore all' attrazzione
gravitàzionale terrestre, come potrebbe la gravità lunare creare tutti i fenomeni che per forza si vuole
siano generati dalla gravità lunare che a questi livelli è come non esiste.
9) Approfondimento sulle orbite ellittiche dei pianeti
Le tre leggi di Keplero, pur ricche di significato, sono però solamente descrittive; in altre parole ci
danno una descrizione sul come si muovono i pianeti ma non ci danno nessuna informazione sul
perché i pianeti si muovono in quel modo. Questo fenomeno per cui le orbite possono essere
solo ellittiche rappresenta uno dei perché mai interpretati giustamente,dalla scienza, dando la
priorità a questi fenomeni alla sola gravità, alla creazione e la continuità nel tempo delle orbite
in forma ellittica. Mentre se la gravità fosse l’artefice del fenomeno le orbite sarebbero tutte di
forma circolare e con una sola velocità, non avendo cosi la possibilità di alimentarsi di energia
per continuare ad orbitare, ed in breve tempo il pianeta cadrebbe nell’astro più grande. Per forza
di cose tutte le orbite, non. a caso sono tutte ellittiche .Diciamo che la terra quando orbita verso il
perielio la sua velocità orbitale accelerata aumenta caricandosi di energia, dovuto alla sua
medesima fase direzionale della espansione universale (sarebbe come in macchina andare in
discesa) e la diminuisce quando la terra orbita verso all'Afelio, contraria alla espansione (qui
sarebbe in macchina come andare in salita.),motivo per cui la velocità orbitale decelera,
consumando l’energia acquisita avendo orbitato verso il perielio. Questo risultato è il motivo
reale della continuità delle rotazioni orbitali. E di tutti gli astri dell’universo

10) La gravità è immaginata come l’unica energia solo attrattiva e quindi non può essere una energia
creata da particelle come si è inteso fino ad oggi perché se fosse creata da particelle , negative e
positive nel senso di attrarre e respingere si dimostra come mai a tutt’oggi nell’universo non si è
trovato una particella contraria alla gravità?Certo che è fatica pensare una gravità completamente al di
fuori dei vecchi schemi. Facciamo un esempio : ammettiamo che la terra fosse una massa circolare
(in rotazione zero) viaggiasse in direzione rettilinea in espansione,a questo punto la forza peso della
gravità sarebbe più alta dalla parte direzionale verso l’espansione , e dalla parte opposta avremmo
una forza anti attrattiva. A questo punto la terra cominciando a ruotare attorno al proprio asse ad alta
velocità a circa 1668km./h. Si crea una forza centripeta che distribuisce la forza ascensionale
uniformemente attorno al globo terrestre con attrazione verso il centro del globo medesimo. Se
guardiamo nello spazio non considerando la velocità della espansione questa attrazione chiamata
gravità sarebbe rappresentata dalla sola forza centripeta della rotazione della terra attorno al proprio
asse ma con una intensità molto più piccola.
11) Oggi la forza chiamata gravità rappresenta un fenomeno da cercare al di fuori dell’atomo,a
testimonianza che l’atomo o una massa elettrizzata risente della gravità uniformemente
indipendentemente da variazioni statiche magnetiche generate all’interno della materia. Si sono
inventati i gravitoni come particelle generatrici e trasportatrici della gravità. Ma se cosi fosse vi
sarebbero gravitoni positivi attrattivi e negativi con caratteristiche completamente opposte Questo non
esiste perché la gravità risulta essere solo attrattiva. Si vuole chissà per quale ragione che la gravità
venga generata all’interno dell’atomo mentre la gravità è un fenomeno esterno all’atomo e alla materia,
la prova più semplice per generare gravità vedi l’esempio dell’ascensore, più evidente di così se
l’ascensore sale più rapidamente il peso sarà percepito più intensamente e viceversa. Questo risulta
essere un principio fisico universale. Einstein ha creato il principio di uguaglianza,per evidenziare la
gravità generata dalla terra e la gravità generata da un ascensore. Oggi si può dire che è il medesimo
principio fisico è frutto della velocità della materia nell’universo. Quindi la forza che noi chiamiamo
gravità terrestre è frutto della velocità della espansione universale).Con esperimenti di laboratorio si è
accertato che tutti gli astri oltre ad avere una forza gravitazionale dovuta alla espansione hanno anche
una rotazione propria attorno ai propri assi generando momenti angolari i quali tramite transizioni
rotazionali (O.C.) possono interagire tra loro non per gravità. Ma con le vere O.C. che si incontrano in
fase ed in opposizione di fase, le vere dimensionate in watt.10^24 più grandi delle
O.G.relativistiche.Inesistenti Tutto questo ottenuto nel nostro laboratorio.
12) Se una massa accelerata solo rettilineamente senza rotazione propria con velocità costante può
essere rivelata da un’altra massa solo se tale è in rotazione perché l’onda Gravitazionale generata
dalla massa in accelerazione rettilinea varia il momento angolare della massa circolare rivelatrice.
Galileo Galilei è stato il primo a capire che la terra ruotava attorno al proprio asse con velocità costante
e solo con accelerazioni e decelerazioni della terra ci saremmo accorti della rotazione della terra
attorno al proprio asse . Tale fenomeno Galileiano è valido per tutta la materia dell’universo. Il big bang
ha dato inizio alla espansione universale e alla creazione di quella forza chiamata gravità dove la
velocità di espansione stimata secondo Hubble è di km.2400/s enorme e stabile per tutte le masse
presenti nell’universo che si allontanano tutte alla medesima velocità dal punto iniziale dal big bang..e
guardando l’universo tutto sembra fermo .
13) Qualsiasi astro nello spazio nell’avvicinamento ad un'altro astro acquisisce o cede energia tramite
transizioni rotazionali (O.C.= Onde Centrifughe) che agiscono con i momenti angolari. accelerando o
decelerando a secondo delle fasi rotazionali dei due corpi. Tutti gli astri ruotano attorno a se stessi ,
creano un momento angolare proprio per cui energeticamente possono interagire con qualsiasi massa
dell’universo in rotazione .Si cerca la gravità ma se veramente esistesse tale forza attrattiva,
nell'universo vi sarebbe tutta la massa in un agglomerato unico da migliardi di anni. Perché astri
g r a n d i attirerebbero gli astri piccoli e si ingrandirebbero in breve tempo e l’astro iniziale
incorporerebbe tutta la materia dell’universo. Mentre questo non avviene. Guardando anche la luna e
la terra che sono talmente vicine che se la gravità fosse una forza reale attrattiva saremmo da tempo
anche in questo caso un corpo unico. Abbiamo conferme ontologiche grazie ai nostri esperimenti
(eseguiti con dei volani che rappresentano masse circolari in rotazione in grado di rivelare e
misurare ( micro variazioni centrifughe) che in tanti fenomeni che fino ad oggi si dava per certo
la Gravità come forza generatrice: (vedi) afeli ,perieli i perigei gli apogei le maree.Purtroppo a
tutt'oggi nelle scuole si studia ancora che tali fenomeni siano generati dalla forza di gravità
lunare,e solare , mentre le maree si formano dalla contrapposizione delle O.C. lunari e le O.C.
della terra trovandosi in opposizione di fase .Quindi la gravità non c’entra.
14) Continuiamo a studiare i movimenti degli astri e della materia nell'universo. Partiamo
dall'inizio del Big Bang ove è ovvio che tutta la materia esplosa prosegue nelle direzioni iniziali
verso lo spazio rettilineamente. Quindi nel tempo ogni massa formatesi proseguirà sempre in quel
senso iniziale verso lo spazio e quindi le masse non si incontreranno mai. Ora i pianeti e masse
c h e orbitano attorno ad astri più grandi ,seguono anch'essi durante le proprie orbite , che
possono essere esclusivamente ellittiche, per i motivi fondamentali. qui anzi descritti.
Ultimamente leggendo articoli di scienziati di fisica astronomica moderna i quali insistono nello
studio astratto della gravità, non avendo scoperto ancora a tutt’oggi nessuno indizio fisico reale.
Si è scritto in alcune riviste che la gravità è più veloce della luce, è strabiliante, ancora non si sà
nulla di cosa sia di cosa sia formata, mai avuto il minimo indizio. Mi domando come faccia la
gravità ad andare più veloce della luce , che non esiste. Perché risulta essere un peso creato
dalla nostra velocità dall’inizio dell’universo dal big bang ad oggi. Purtroppo questo è il vero
motivo di non avere mai scoperto quello che non è mai esistito. Il motivo principale è che la fisica
si è fermata allo studio delle sole velocità orbitali ,come noi fossimo fermi nello spazio non
considerando che mentre avvengono tutte le orbite degli astri contemporaneamente andiamo con
la velocità più elevata, verso all’espansione dell’universo, risultando circa 2400km/s ( secondo
Hubble )ed è questa velocità che ci crea il peso non la gravità, mai
esistita.
La maggiore parte degli studiosi,purtroppo non danno credito alla giusta considerazione della
velocità della materia che si espande verso lo spazio ad una velocità pazzesca di 2400km./s
trattando l'argomento quasi come fossimo fermi. A questa velocità il nostro cervello risulta
essere troppo lento quasi interdetto nelle sue reazioni di concepimento rendendolo incapace di
capire e di conseguenza di potere reagire,pensando di scoprire quello che il pensiero non può
pensare. Per concepire innovazioni occorrono prove ed esperimenti di laboratorio.
1 5 ) Lanciando una sonda verso un pianeta, sfruttando nel suo tragitto l’avvicinamento ad altri
pianeti per aumentarne la propria velocità. A tutt’oggi tale fenomeno come tanti altri si è
teorizzato che nell’avvicinamento la forza di gravità del pianeta attiri la sonda e ne faccia
aumentare la velocità della sonda medesima. Questo avviene quando la sonda viene lanciata,
avvicinando il pianeta dalla parte in fase alla rotazione del pianeta interessato (sonda A). Ora
lanciamo un’altra sonda (sonda B) uguale alla prima e questa viene lanciata dalla parte
opposta alla rotazione del pianeta medesimo.In questo secondo caso la sonda (B) considerando i
parametri fisici identici alla sonda ( A), non viene attratta verso il pianeta ma viene spinta in fuori
a sinistra dalla parte opposta .Se il pianeta interessato fosse dotato di una forza di gravità come
concepita fino ad oggi la sonda B farebbe il percorso uguale in opposizione alla sonda A.
Questo non avvenendo ridimostra che ad accelerare la sonda A non può essere quella forza
chiamata gravità. Se il pianeta fosse dotato di una vera forza chiamata gravità la sonda che
venga lanciata in fase o in opposizione di fase alla rotazione del pianeta medesimo, si
otterrebbe sempre l’effetto accelerativo e questo invece non avviene. Escludendo la gravità ,
questo fenomeno dipende certamente da altri fattori. Il pianeta essendo sferico e con una
rotazione propria attorno al proprio asse genera dei momenti angolari che mediante le proprie
transizioni rotazionali crea delle vere O.C. Onde Centrifughe le quali, colpendo la sonda in fase
alla propria direzione la favoriscono ad aumentare la propria velocità originale. Anche in questi
lanci delle sonde se si ottengono reali accelerazioni le O.C. interessate emesse dal pianeta
interagiscono con le sonde perché in realtà la dimensione delle vere O.C.ottenute nel nostro
laboratorio risultano enormemente più grandi in watt = 10^24 superiore sempre in watt alle O.G.
calcolate da Einstein.(Motivo fondamentale perché ancora non si sono scoperte …perché non
esistendo la Gravità non possono esistere nemmeno le Onde Gravitazionali.
La CADUTA DEI GRAVI
16 ) Se la terra come pianeta, la gravità fosse una forza gravitazionale reale di attrazione, come ad
esempio il magnetismo, l’elettricità statica, ecc Gli oggetti in caduta libera di peso e dimensione diversa
non potrebbero cadere sulla terra con una accelerazione di gravità uguale per tutti gli oggetti. nel vuoto
. In questo caso gli oggetti più pesanti cadrebbero prima dei leggeri . Dire che i corpi cadono tutti alla
medesima velocità accelerativa cè qualcosa di incomprensibile. Perché in questo caso se la terra
avesse una energia reale attrattiva chiamata gravità gli oggetti in caduta libera nel vuoto e non, i più
pesanti cadrebbero prima, perchè verrebbero attratti dalla terra con maggiore intensità.. Dobbiamo
considerare che la terra per noi rappresenta il nostro ascensore perchè viaggiamo con essa ad una
velocità espansionistica di circa km.2400/s. secondo Hubble. Una velocità accelerativa costante ,e non
ci accorgiamo di nulla,abbiamo la sensazione di essere fermi. Principio di Galileo. Per logica se le
masse cadono tutte alla medesima velocità accelerata la gravità dobbiamo escluderla ed invertire il
ragionamento,

Già Galileo Galilei aveva intuito e poi dimostrato che corpi di diverso peso, forma e composizione
cadono al suolo con la stessa velocità e, se lasciati cadere dalla stessa altezza, arrivano al suolo
nello stesso istante; un fenomeno un po’ strano poiché uno potrebbe essere portato a pensare
che i corpi più grandi debbano cadere con velocità maggiori. Questo rappresenta la prova più
lampante della dimostrazione che la gravità non esiste , perché se tale forza esistesse
certamente le masse più grandi e pesanti cadrebbero prima.
Oggi questo fenomeno di Galilei è stato accertato, dimostrando che la forza attrattiva della terra non
risulta essere una vera forza tipo (magnetica statica ecc.) Con la legge gravitazionale di Newton la
gravità è un paradosso perché secondo i calcoli l’attrazione gravitazionale è direttamente
proporzionale alla dimensione delle masse e inversamente proporzionale al quadrato della loro
distanza. A questo punto bisogna fare una riflessione , se i gravi cadendo tutti alla medesima velocità
accelerata si dimostra che non sarebbero i gravi a cadere ma sarebbe la terra con la sua velocità
spaziale di 2400km/s ad andare incontro ai gravi. Perché come abbiamo già scritto se la terra avesse
una forza attrattiva reale di tipo magnetico ecc. i gravi più grandi e pesanti cadrebbero prima perché
attirati più inten samente. Certo non si è mai considerato che la terra come tutti gli astri dell’universo
hanno tutti una propria velocità e direzione nello spazio iniziata dal big bang di circa 2400km/s
secondo Hubble .Tale velocità è quasi costante e per questo ci dà l’impressione di essere fermi e
sentiamo un peso direttamente proporzionale a tale velocità.
Nel 1908 un banale incidente contribuì a mettere Einstein il grande scienziato su una falsa pista
credendola giusta. Un imbianchino cadde da un tetto e precipitò al suolo; per sua fortuna (ma non
solo sua) sopravvisse. Appena saputa la notizia Einstein si recò all’ospedale a visitare il
malcapitato per sapere che cosa aveva provato nel cadere; l’uomo gli riferì che durante la caduta
si era sentito del tutto privo di peso, come se la gravità fosse momentaneamente sparita. Perché
l’imbianchino non aveva avvertito la gravità? Perché non esiste. Se fosse esistita cadendo e
avvicinandosi alla terra doveva percepire un peso maggiore via via si avvicinava alla terra.
L a teoria della Gravitazione Universale di Newton non è riuscita fino ad oggi a dare una
spiegazione di questo fenomeno e si limita ad accettarlo come tale. La teoria della relatività di
Einstein cerca di spiegare questo fenomeno evidenziando che il movimento non può essere
influenzato dalla forma e composizione dei corpi poichè viene orchestrato direttamente dallo
spazio .Certo senza prove accertate, teorie che sono state accettate perché le ha enunciate
Einstein (non è normale). Bisogna avere il coraggio di reagire per progredire garantendo le
teorie con prove certe di laboratorio dette prove ontologiche. Oggi si può progredire , mettendo
Newton e Einstein, non più in prima linea. Questo sito è composto di fatti, con prove di
laboratorio e quindi tutto reale.
Facciamo un esempio: per spiegare la realtà NICO

17) Prendiamo una massa circolare di un centinaio di metri di diametro, spessore di m. 1 una
perfetta piattaforma fig.3 con al centro una torretta alta m.20 robusta perfettamente verticale
,con la possibilità di porvi in cima alcune sfere di metallo..Ora saliamo nella piattaforma poi diamo
velocità in maniera da orientarci in una zona dell’universo in assenza di qualsiasi forza
gravitazionale .Salendo la velocità della piattaforma creerà una specie di attrazione verso la
base della piattaforma creando in noi un vero e proprio peso, Ora ammettiamo di arrivare alla
velocità del big bang 2400km./s con velocità stabile , raggiungendo il nostro peso come sulla
terra. A questo punto lanciamo fuori dalla cima della torretta una sfera metallica .Tale sfera non
avendo più la forza accelerativa del big bang rallenta e sembra cadere nel piano della piattaforma
. Invece è l'ascensore o piattaforma ad andare incontro alla sfera. Il risultato è apparentemente
uguale la sfera si troverà schiacciata nella piattaforma. Con questa velocità espansionistica
uguale alla terra la sfera cadrà alla medesima velocità di 9,8km./s2 indipendentemente che sulla
piattaforma vi siano forze attrattive centripete o gravitazionali. Alla velocità in cui viaggiamo
nello spazio tali forze non hanno la intensità per interagire. Per assurdo se fossimo fermi nello
spazio la forza centripeta della terra attirerebbe i gravi diversamente alle loro dimensioni e peso i
più grandi e pesanti verrebbero attirati con più energia e cadrebbero prima. Certo la terra ha
realmente una forza fittizia reale Centripeta dovuta alla propria rotazione attorno al proprio asse
con attrazione verso il proprio centro ma di poca intensità e sopraffatta dalla velocità della
espansione.La velocità con cui viaggiamo nello spazio ci fà vedere tanti fenomeni
apparentemente di facile apprendimento , che invece studiando la realtà dei fenomeni risulta
completamente diversa e spesso al contrario.
Facciamo un altro esempio ;
18) consideriamo la terra ferma nello spazio, con solo la propria velocità rotazionale attorno al
proprio asse alla velocità di 1668km/h, all’equatore e con la propria accelerazione centripeta . A
questo punto trovandoci in cima ad un campanile e lanciassimo un grave nel vuoto non avremmo
più una velocità di caduta di 9,8 m/s^2 , ma sarebbe molto più ridimensionata, l’accelerazione
sempre all’equatore sarebbe circa 0,03m/s^2 e sempre diretta verso il centro terra. Questo
sarebbe il risultato se venisse a mancare la velocità della espansione e quindi nessuna paura di
finire schiacciati.
Fig. 3
Nella fase 1 del disegno vediamo apparentemente come noi vediamo il lancio della sfera nel
vuoto e la sua caduta nella piattaforma alla velocità di 9,8 m/s2 .Non considerando la velocità in
cui la terra prosegue nella sua direzione espansionistica di 2400km./s . Una velocità stabile e non
percependola sembriamo fermi (Galileo Galilei).In realtà la sfera tarda 2/s circa a cadere perché
staccatosi dalla torretta della piattaforma perde la velocità accelerata iniziale della espansione e
noi che ci troviamo sulla piattaforma ci sembra di vederla cadere ,mentre guardando la Fase 2 in
realtà siamo noi sulla piattaforma proseguendo alla velocità della espansione verso la sfera.
19) Immaginiamo ora di salire sulla cima di un campanile
alto m30, poi ci lanciamo nel vuoto
Cosa succederebbe realmente: avremmo l’impressione di cadere mentre in realtà sarebbe la
terra che proseguendo nella sua direzione e velocità della espansione accelerata ci verrebbe
incontro, perché dal momento che ci distaccassimo dal campanile non percepiremmo più la
velocità accelerata espansionistica, e per noi non cambierebbe nulla e alla fine ci troveremmo
sempre ammaccati in terra. Perché la terra viaggiando alla velocità di km.2400/s è talmente più
veloce della velocità di caduta dei gravi, ( che risulta di soli 9,8k./s.). E’ ovvio a questo punto
che si abbia solo l’impressione di cadere , non potendo comprendere la realtà. Fino ad oggi non
conoscendo e non avendo capito i fondamenti delle ultime ricerche, anche per facilità ed
ignoranza preconcetta, tutti i fenomeni astrali ancora a tutt’oggi si insegna nelle scuole la gravità
Newtoniana , che oggi si è constatato che la forza di gravità non è mai esistita. Ci si è dimenticati
che noi viviamo sulla terra che rappresenta il nostro ascensore che con la velocità della
espansione crea il nostro peso che non ha nulla a che fare con la forza gravitazionale. Rimane il
fatto certo, che la terra ha si una forza attrattiva ma sicuramente una Forza Centripeta creata
dalla rotazionale della terra attorno al proprio asse di 1668km/h all’equatore distribuendo
uniformemente tale forza in tutta la superfice sferoidale chiamata ancora (gravità) con attrazione
verso il suo centro accentuata dalla velocità della espansione. Succede cosi per la terra e per tutti
gli astri dell’universo che essendo sferici e ruotando attorno ai propri assi e viaggiando a
2400km/s creano la propria forza peso e la forza centripeta uniformemente tutto attorno alle
proprie superfici. Tutta la materia dell’universo non sferica è ovvio che non potendo ruotare potrà
nel tempo solo urtare nei vari astri nello spazio dell’universo. Perché in questa materia non
essendo sferica non ruotando non potrà creare i momenti angolari e non potrà avere una forza
centripeta chiamata erroneamente gravità.

20) NUOVE VISIONI DELLA INESISTENZA DELLA GRAVITA’


Oggi la scienza ancora non sa cos’è la “massa” (cercava di scoprirlo con gli ultimi esperimenti
falliti sul bosone di Higgs,) sul gravitone e sulle oltre trecento delle cosiddette particelle
elementari che sono quasi tutte solo un concetto astratto di una fisica immaginaria con tantissime
lacune, a cominciare dalla dall'attrazione gravitazionale che non esiste dimostrato già da tanti
anni con risultati pratici reali.
Bisognerebbe essere in grado di fare esempi numerici, quantitativi, matematicamente consistenti,
ma… con qualche variante nel concetto di scienza, la scienza, ancora prima di essere
espressione di formule e formulette espresse graficamente con segni matematici, validi solo in
astratto, dovrebbe essere prima una sequenza logica di esperimenti pratici razionalizzati con la
dimostrazione inequivocabile come è solito fare il nostro laboratorio del come e del perché un
evento si verifica e si manifesta anche nelle sue varianti, ed è proprio per questo che non basta
essere fisici mestieranti, che da ben oltre 300 anni, ancora non si sono resi conto che la forza di
gravità non esiste e non è mai esistita. infatti, con la fantomatica formula dell’attrazione
gravitazionale di Newton, che recita, testualmente: (Due corpi si attraggono con una forza
direttamente proporzionale al prodotto delle loro masse ed inversamente proporzionale al
quadrato della loro distanza ).Si riscontrerà che i conti fatti da Newton hanno convinto gli
scienziati ma sfortunatamente per loro non possono quadrare. A questo punto non è presentare
un fatto particolare , ma si tratta di presentare una serie di risultati certi e provati senza andare
nell’universo ma semplicemente qui sulla terra nel nostro laboratorio. Purtroppo la totalità del
mondo scientifico crede che la gravità esista perché con questo modello pensano a tutt’oggi di
avere spiegato tanti fenomeni diversi . Nel nostro laboraratorio in questa ricerca non si parla di un
esclusivo fenomeno scoperto ma di decine di fenomeni con risultati accertati in laboratorio, che
tutti possono ottenere.A questo punto i matematici con i nostri esperimenti reali potranno
perfezionare i risultati reali di laboratorio in teorie.
LE GRANDI SCOPERTE GIA' ACCERTATE NEL NOSTRO LABORATORIO
Questi risultati si sono ottenuti grazie alla ricezione delle vere onde interagenti con
la materia O n d e centrifughe Nostro Brevetto ottenendo l’Interazione
Gravitocentrifuga )Perché le onde gravitazionali previste da Einstein non esistendo
i Risultati qui descritti non li avremmo mai scoperti . Tutti i centri scientifici mondiali
non sapendo ancora (dopo cento anni dalla loro enunciazione) di quale dimensione
di quale sistema di propagazione tali onde si stia cercando e si insiste a cercarle
dove non esistono. Si sono inventate antenne di alluminio a forma di cilindro
antenne con Laser ecc.. Ma tutto invano perché non esistono.Cercate di leggere
questo sito con mente aperta e non preconcetta, perchè siamo sicuri che vi servirà.

CIRCUITO ADATTO ALLA RICEZIONE DELLE VERE ONDE CREATE DALLA


MATERIA E SI CHIAMANO (ONDE CENTRIFUGHE) NO GRAVITAZIONALI
PERCHE’ NON SONO MAI ESISTITE: ( per delucidazioni) www.cortesi-
gravity.it

GRAZIE A QUSTO CIRCUITO ABBIAMO FATTO QUESTE SCOPERTE


Scoperto come e perchè si generano i CICLI CIRCADIANI
Scoperto come si formano veramente le Maree Sigiziali e le Maree Contrapposte
Scoperto perchè le orbite dei pianeti sono Ellittiche con due velocità
Scoperto come si approvvigionano di energia le orbite dei pianeti per continuare
ad orbitare in eterno
Scoperto come si approvvigionano gli elettroni per orbitare in eterno attorno ai
propri nuclei
scoperto tutti i dati astronomici dei cicli terrestri ove fino ad oggi dati per certo
erroneamente generati dalla gravità mentre sono generati dalla contrapposizione
delle Onde Centrifughe , Vedi gli Afeli , i Perieli , gli Apogei , i Perigei, Luna
Nuova Luna Piena,le Maree Sigiziali e Maree Contrapposte . Tutti questi fenomeni
non sono generati dalla gravità che non esiste ma dalla contrapposizione delle
Onde Centrifughe.che vengono a scontrarsi in opposizione di fase tra Terra Luna,
Terra Sole . Fino ad oggi si pensava erroneamente solo alle onde Gravitazionali
mentre oggi finalmenete sappiamo che vi sono solo le Onde Centrifughe.
Scoperto come e perché la GRAVITA’ Non Esiste
Scoperto che le Onde Gravitazionali non esistono ma esistono le Onde
Centrifughe

Dopo cento anni dalla enunciazione della relatività di Einstein la fisica è ferma. Ancora
non si è capito che si studia una teoria , non ottenuta da prove fisiche reali ma
semplicemente ottenuta dal piacere matematico di Einstein . Con la sola matematica non
si va da nessuna parte.Le teorie si debbono comporre da reali esperimenti di laboratorio
ove Einstein non ne ha mai fatti . E le scuole purtroppo insegnano una fisica errata . Tutto
è partito da Newton inventandosi la gravità poi ripresa da Einstein , e a tutt’oggi si
continua ad insegnare questa fisica errata. Certo bisognerà aprire le menti dei fisici
moderni altrimenti non si andrà avanti ma sempre più indietro.OGGI POSSIAMO DIRE DI
AVERE AGGIORNATO LA VERA FISICA.

GRAZIE A QUESTA RICERCA OTTENUTA CON REALTA’ SPERIMENTALE


CERCHIAMO FINANZIATORI PER NUOVI TRAGUARDI FUTURI

pag. INDICE ARGOMENTI


1 Esperimenti sulla interattività Centrifuga della rotazione terrestre e la rotazione di volani
2 Esperimenti con volani inseriti in contenitori antimagnetici
3 Variazioni di Peso sulla terra tra giorno e notte Come e perchè si creano i CICLI CIRCADIANI
4 Volani controrotanti

5 Schema di principio del ricevitore di Momenti Angolari e delle Onde Centrifughe


6 Volani in contenitori antimagnetici esposti alle radiazioni solari
7 Calcolo delle accelerazioni decelerazioni di un volano a 45° di latitudine nord

8 Ricezione via etere di onde accelerative di Momenti Angolari (O.C.)


9 Come si formano le MAREE la Gravità non partecipa non esiste è una forza fittizia
10 Brevetti
11 Trasduttore di Momenti Angolari probabili O.G. in variazioni Elettriche
12 Antenna Gravitocentrifuga per la ricezione dei Momenti Angolari (O.C.)
13 Che cosa è l' Interazione Gravitocentrifuga
14 Misuratore lunghezza d'onda dei Momenti Angolari (O.C.)
15 Interazione gravitocentrifuga tra un pendolo di Foucault e un volano
16 Generatore di Momenti Angolari = Onde Centrifughe
17 Fotoni interagenti con volani
18 Approfondimento parametri momenti angolari
19 Momenti Angolari = Creazione Onde Centrifughe
20 Errore Dimensionale delle O.G. di Einstein PRIME VERE O.C. LUNARI RICEVUTE AL MONDO
21 Analogie comportamentali tra Onde Centrifughe e Momenti Angolari
22 Foto strumenti esperimentì e GRAFICI di Onde Centrifughe di Perigei Apogei Perieli Afeli
23 La gravità è forza fittizia Scoperto perchè le orbite dei pianeti sono ellittiche con 2 velocità
24 La Gravità Non Esiste accertato da esperimenti e dati astronomici registrati giornalmente
25 Le Onde Gravitazionali Non Esistono perchè non Esiste la Gravità ora si chiamano O. Centrifughe.

Home page

sono graditi commenti gcarman@libero.it