Sei sulla pagina 1di 2

Oggetto: Onorevole………………. - “Le 3 regole della rappresentanza”.

Testo:

Siamo i promotori di “Viva il Parlamento”, un’iniziativa di privati cittadini a favore della


rappresentanza parlamentare, di cui il 19 febbraio scorso abbiamo preannunciato il senso, lo scopo
e i contenuti in una lettera aperta alle Presidenze di Camera e Senato.

Ci richiamiamo all’appello all’unità di politici e cittadini del Capo dello Stato Sergio Mattarella, alle
sue parole "condivisione, concordia, unità di intenti" riprese dalla Presidente della Corte
Costituzionale Marta Cartabia nell’intervento nel quale afferma “la Costituzione è bussola
nell’emergenza”.

Desideriamo cogliere l’occasione del 4 maggio, alla ripresa delle attività nel Paese dopo la fase acuta
della pandemia, per inviare a Lei e ai suoi colleghi il nostro contributo di privati cittadini e il nostro
sostegno, affinché voi Parlamentari possiate al più presto riappropriarvi del ruolo che vi spetta,
restituendo centralità e prestigio al nostro Parlamento: gran parte della società civile lo chiede a
gran voce e lo considera una condizione imprescindibile e urgente.

Onorevole………………, siamo fiduciosi che Lei tenga a rappresentarci quanto noi teniamo ad essere
rappresentati e Le chiediamo d’impegnarsi, insieme ai suoi colleghi, per promuovere in Parlamento
una formale discussione sulla improrogabile necessità di varare una legge sulla rappresentanza,
che sia preliminare e sovraordinata a qualsiasi legge elettorale presente e futura.

In proposito, a questo link può scaricare la presentazione sintetica della nostra proposta “Le 3 regole
della rappresentanza”. Sono 3 regole di immediata applicabilità e formulate per essere facilmente
trasformabili in corrispondenti articoli di una legge della Repubblica riferita esclusivamente al tema
della rappresentanza. Dette regole hanno lo scopo di permettere:
• agli elettori di confidare che saranno rappresentati dai parlamentari che avranno scelto;
• ai parlamentari di esercitare il mandato liberi da vincoli;
• ai partiti di poter estendere la presenza politica locale a livello nazionale.

Per approfondire principi ed implicazioni delle “3 regole della rappresentanza” può consultare il sito
di “Viva il Parlamento” (*).

Siamo certi che, in qualità di nostro rappresentante troverà naturale sentirsi alleato con noi, suoi
rappresentati, in questa iniziativa che ci auguriamo diventi comune e sinergica e inauguri una
stagione di convergenze tra tutti gli attori della rappresentanza.

Al riguardo, con l’intenzione di svolgere un ruolo di servizio al Parlamento, abbiamo messo a punto
un breve questionario rigorosamente anonimo, di valutazione delle” 3 regole della rappresentanza”,
grazie al quale ogni parlamentare riceverà di ritorno e in anteprima, i dati statistici relativi al
“sentimento” del Parlamento rispetto a dette regole.
La invitiamo a rispondere al questionario e a invitare i suoi colleghi a farlo affinché risulti
significativo: può farlo attraverso il pulsante qui di seguito, la impegnerà per circa 15 minuti.
Onorevole…………….., Le siamo grati fin d’ora per la sua attenzione e per il suo contributo. Siamo
interessati a ricevere le sue considerazioni sul merito dell’iniziativa non solo mediante l’apposito
spazio del questionario anonimo ma, se lo ritiene, anche scrivendoci direttamente tramite il
pulsante “Contatti” sul sito: saremo lieti di condividere tutte le riflessioni del caso.

Contiamo in un clima di fiducia e convergenza che speriamo si estenda, anche grazie a Lei, ai partiti
che vogliano cogliere vantaggiosamente le opportunità offerte dalle regole proposte e fare propri i
contenuti dell’iniziativa. Siamo certi che questo sia nell’interesse della politica e di tutti noi.
Con gli auguri di un buon lavoro e della miglior rappresentanza attualmente possibile, le porgiamo i
nostri migliori saluti.

Paolo Antonio Amadio e Ignazio Rosenberg Colorni

(*) “Viva il Parlamento”


Presso il sito, a partire dal documento che le abbiamo anticipato in allegato, sono a disposizione
sotto forma di ipertesto gli elaborati a sostegno delle regole proposte, insieme a riflessioni e
contributi di terzi.
Il sito vuole essere un laboratorio sul tema in costante integrazione, scevro da aprioristiche posizioni
di parte e aperto a contributi esterni, oltre ad essere la via per interloquire direttamente con il
nostro gruppo di lavoro.