Sei sulla pagina 1di 4

INDICE GENERALE

Introduzione di Gianni Rigamonti 7

Vita e opere di Bernard Bolzano di Lorenzo Fossati 29

Nota editoriale 45

DOTTRINA DELLA SCIENZA

Avvertenza della Casa editrice 53

INTRODUZIONE
§ 1.* Che cosa intende l’autore per dottrina
della scienza 55
§ 2. Giustificazione di questo concetto e del
nome scelto per esso 63
§ 3. La «dottrina della scienza» dell’autore è
una scienza nota e coltivata già da lungo
tempo sotto nomi diversi 71
§ 4. Perché ciononostante questa definizione
non è mai stata proposta 83
§ 5. Che cosa pensa l’autore di queste ragioni 89
§ 6. L’autore chiamerà abitualmente logica la
sua dottrina della scienza 93
§ 7. Esame di altre definizioni 93
§ 8. Di alcuni concetti affini a quello di logica 117
§ 9.* Utilità della logica 121
§ 10.* L’età adatta a questo studio e la prepara-
zione a esso 139

              
562 INDICE GENERALE

§ 11.* Se la logica sia arte o scienza 141


§ 12. Se la logica sia una scienza puramente
formale 145
§ 13. Se la logica sia una scienza indipendente 157
§ 14. Logica generale e speciale 163
§ 15.* Piano dell’esposizione della logica così
come l’intende l’autore 165
§ 16. Alcune osservazioni sull’impostazione dei
più importanti trattati moderni 173

PRIMA PARTE. DOTTRINA FONDAMENTALE


§ 17.* Scopo, contenuto e suddivisione di que-
sta parte 189
§ 18. Eliminazione di certe perplessità che po-
trebbero nascere nel lettore per il modo
in cui l’autore inizia questa parte 195
Capo primo. Dell’esistenza di verità in sé
§ 19.* Che cosa intende l’autore per proposi-
zione in sé 203
§ 20. Giustificazione di questo concetto e del
termine scelto per designarlo 213
§ 21. Che anche altri hanno già usato questo
concetto 217
§ 22. Come è stato trattato questo concetto fi-
no a oggi 223
§ 23. Esame di diverse definizioni di questo
concetto 235
§ 24. Di diversi significati delle parole vero e
verità 269
§ 25.* Che cosa intende l’autore per verità in sé 277
§ 26.* Distinzione di questo concetto da altri a
esso affini 285
§ 27. Questo concetto di verità in sé è già stato
introdotto anche da altri 289

              
INDICE GENERALE 563

§ 28. Quali sono, verosimilmente, le parti co-


stitutive di questo concetto 297
§ 29. Come è stato inteso finora il concetto di
verità 305
§ 30.* Senso dell’affermazione che si danno ve-
rità in sé 345
§ 31.* Dimostrazione che si dà almeno una ve-
rità in sé 347
§ 32.* Dimostrazione che si danno più verità,
anzi infinite 349
§ 33.* Risposta a diverse obiezioni 353

Capo secondo. Della conoscibilità della verità


§ 34.* Che cosa intende l’autore per giudizio 367
§ 35. Esame di varie definizioni di questo con-
cetto 373
§ 36.* Quello che intende l’autore per cono-
scenza 387
§ 37. Giustificazione di questo concetto 387
§ 38. Altre caratterizzazioni di questo concetto 391
§ 39.* Senso dell’affermazione che anche noi
umani conosciamo alcune verità 399
§ 40.* Come si potrebbe dimostrare che noi co-
nosciamo almeno una verità 401
§ 41.* Come si può dimostrare che noi siamo in
grado di conoscere una molteplicità inde-
terminata di verità 407
§ 42. Dove vengono superate varie perplessità 409
§ 43.* Di uno dei contrassegni più sicuri e utili
della verità 439
§ 44. Alcune osservazioni su come questo argo-
mento è stato trattato finora 441
§ 45. Alcune osservazioni sulle leggi supreme
del pensiero proposte in altri trattati 461

              
564 INDICE GENERALE

Note al testo a cura di Lorenzo Fossati 487

Bibliografia e indici a cura di Lorenzo Fossati 531


Bibliografia 533
Indice dei nomi 551