Sei sulla pagina 1di 1

GEOGRAFIA

II. La crosta terrestre

1. La storia della Terra

La Terra si è formata più di 4,5 miliardi di anni fa mentre l'uomo (Homo sapiens) è comparso
soltanto 180.000 anni fa. In quattro miliardi e mezzo di anni la Terra è cambiata molto: la scienza
che studia come si è modificata la Terra si chiama “Geologia”.

2. La geologia

La geologia è la scienza che ha come scopo la ricostruzione della storia della Terra e delle rocce
terrestri. È una scienza molto importante perché c'è un rapporto stretto tra le caratteristiche delle
rocce e della Terra e i fenomeni che si verificano, come le eruzioni vulcaniche e i terremoti. Inoltre,
c'è una relazione stretta anche tra la storia delle rocce e la presenza dei minerali. Infatti, le rocce più
antiche contengono più minerali, come il ferro e il nichel, che sono molto abbondanti in Africa. In
Europa, invece, non ci sono molti minerali, dato che è un continente recente.

3. I tipi di rocce

Le rocce che troviamo sulla Terra si sono formate in tre processi:


a) Rocce magmatiche o ignee: sono le rocce che si sono formate dopo un'eruzione vulcanica.
b) Rocce sedimentarie: sono le rocce che si sono formate durante l'accumulo di rocce e frammenti.
c) Rocce metamorfiche: sono le rocce magmatiche o sedimentarie che si sono trasformate.

4. La struttura della Terra

La Terra ha una struttura a strati (o “a cipolla”): Il nucleo al centro del pianeta è solido, il nucleo
esterno è invece liquido. Gli strati più esterni si chiamano mantello e crosta terrestre: entrambi sono
solidi. La crosta terrestre è formata da “placche”: le placche sono porzioni di crosta terrestre che
sono in lento e continuo movimento. Ad esempio, milioni di anni fa il continente americano era
attaccato a quello africano.
Quando le placche si uniscono si possono formare delle montagne (ad esempio la catena
dell'Himalaya, alta più di 8.000 metri), delle fosse molto profonde (la fossa delle Marianne,
profonda più di 11.000 metri) oppure la crosta terrestre non cambia. In questo caso, le continue
frizioni tra le placche possono causare i terremoti.

5. I terremoti

Il terremoto o sisma è un movimento di una parte della superficie terrestre, prodotto dalle vibrazioni
che si diffondono da un punto interno della Terra (ipocentro) e da un punto esterno (epicentro).
Per misurare un terremoto si può utilizzare la Scala Mercalli che misura i danni provocati alle cose
e alle persone oppure si può usare la Scala Richter che misura l'energia che viene liberata dal sisma.
Quando l'ipocentro si trova in mare, il terremoto provoca uno spostamento d'acqua che si chiama
maremoto o Tsunami. I terremoti avvengono lungo i confini delle placche: lungo le dorsali
oceaniche, le fosse e le catene montuose più recenti.

6. I vulcani

Un'altra modificazione della crosta terrestre è causata dai vulcani e dall'eruzione vulcanica.
L'eruzione vulcanica avviene quando dei materiali rocciosi (magmi) allo stato liquido escono fuori
dalla crosta terrestre.

Potrebbero piacerti anche