Sei sulla pagina 1di 1

DISTURBI “DIS”

Nell’ambito della esperienza dell’ambulatorio della scuola di Omeopatia SISDOH, abbiamo


prestato una particolare attenzione ai pazienti in fascia di eta’ pediatrica e dello sviluppo. Ci siamo
focalizzati sui comportamenti, aspetti clinici, problemi di apprendimento, ritardi nelle acquisizioni
di alcune competenze e quadri francamente patologici nelle relazioni e abbiamo denominato
genericamente questa condizione clinica con il termine di disturbi “DIS”.

La definizione di disturbi “DIS” si basa sulla connotazione miasmatica del loro terreno, ovvero
delle radici interne che sono la reale causa delle loro manifestazioni cliniche. Rientrano pertanto
nella definizione di bimbi DIS, tutte le situazioni fisiche, comportamentali, cognitive e psicologiche
caratterizzate da aspetti disfunzionali, distanti rispetto a quella che canonicamente è considerata la
normalità, dissociati dalla relazione con il mondo esterno e, a volte addirittura distruttivi.

Quindi possiamo far riferimento a tutte le seguenti realtà cliniche:

ADHD (sindrome da iperattività del bambino)


disturbi dell’apprendimento: dislessia, disgrafia, discalculia, disprassia
sindrome dello spettro autistico
pandas (disordini pediatrici autoimmuni neuropsichiatrici associati a infezioni da streptococco)
asperger (= disturbo pervasivo dello sviluppo caratterizzato da difficoltà relazionali con l’esterno,
comportamenti
ripetitivi e stereotipie)
esiti di patologie neurologiche (degenerative, genetiche, emorragiche)

Cercheremo di analizzare come poter aiutare nel modo più completo e articolato possibile i pazienti
e le loro famiglie associando alla cura omeopatica del terreno (che agisce sulla radice del DIS), un
attento sguardo alle loro emozioni, stile di vita e alimentazione. Abbiamo infatti clinicamente
constatato che tutte queste situazioni sono sempre caratterizzate dalla contestuale presenza di uno
stato più’ o meno accentuato di parassitosi, disbiosi e acidosi intestinale, dal quale non è pensabile
prescindere se si vuole curare il bambino nella sua totalità.