Sei sulla pagina 1di 5

SE QUESTO È UN UOMO...

Author(s): Aldo Garosci


Source: La Rassegna Mensile di Israel, terza serie, Vol. 55, No. 2/3, Scritti in memoria di
Primo Levi (Maggio-Dicembre 1989), pp. 229-232
Published by: Unione delle Comunitá Ebraiche Italiane
Stable URL: https://www.jstor.org/stable/41285712
Accessed: 02-04-2020 01:27 UTC

JSTOR is a not-for-profit service that helps scholars, researchers, and students discover, use, and build upon a wide
range of content in a trusted digital archive. We use information technology and tools to increase productivity and
facilitate new forms of scholarship. For more information about JSTOR, please contact support@jstor.org.

Your use of the JSTOR archive indicates your acceptance of the Terms & Conditions of Use, available at
https://about.jstor.org/terms

Unione delle Comunitá Ebraiche Italiane is collaborating with JSTOR to digitize, preserve
and extend access to La Rassegna Mensile di Israel

This content downloaded from 137.204.24.180 on Thu, 02 Apr 2020 01:27:44 UTC
All use subject to https://about.jstor.org/terms
SE QUESTO E UN UOMO...*

Aldo Garosci

Un ebreo italiano ha scritto il piu bello dei libri sui campi di concen-
tramento: un libro dove il dolore trova, ai limiti dell'annullamento della
personality, una straziante e serena espressione poetica.
Un'occhiata alia «letteratura» di questa guerra ci offre un panorama
ben diverso da quello che si presentava nel 1918. Aveva dominato allora,
in tale misura, l'ottimismo ufficioso, l'espressione commossa di «bei sen-
timent^ che poco o nulla avevano a che fare con l'immediato dramma
dell'uomo dinanzi alia morte, alia sordida e atroce sofferenza, che la lette-
ratura del dopoguerra, nei paesi dove prese l'importanza di un fenomeno
sociale, si presento come distruzione veristica di un mito ufficiale.
Fu il capostipite di questi scrittori Barbusse, letterariamente parlando,
mezzo discendente di Zola e mezzo di Andreiev; e da lui derivarono, piu
o meno esasperati, piu o meno compromessi, gli altri. Perche si avesse un
libro di guerra che fosse qualchecosa di piu di un violento elementare in-
sorgere, di una ingiuria contro la violenza fatta all'anima, bisogno aspetta-
re molto dopo; e Remarque, Ciapek e Renn scrissero piuttosto che con lo
spirito occupato dalla guerra che sarebbe venuta che da quella che, ormai,
nel ricordo, impallidiva, e che veniva ricondotta alia superficie e rivivifi-
cata ad ammonimento contro il nuovo pericolo imminente.
In Italia poi la «letteratura di guerra», si puo dire non ci fu, malgrado
forse a causa delle rodomontate sulla vittoria e Vittorio Veneto e i sette-
centocinquantamila morti. II meglio, o il meno peggio, fu ancora opera di
scrittori della vecchia scuola provinciale umanistica, dal Serra, diciamo, a
Paolo Monelli.
Che questa guerra fosse stata qualcosa di diverso almeno in Italia, ce
ne siamo accorti subito, dallo stile dei migliori libri della guerra, rinarras-

* Questa e la prima recensione a Se questo e un uomo pubblicata in «L'Italia sociali-


sta», Roma, 27 dicembre 1947.

This content downloaded from 137.204.24.180 on Thu, 02 Apr 2020 01:27:44 UTC
All use subject to https://about.jstor.org/terms
230 LA RASSEGNA MENSILE DI ISRAEL

sero essi l'esperienza russa o l'esperienza partigiana, si ch


autori Revelli o Battaglia. La «letteratura» della Resistenza e
puo essere piu o meno riflessa, piu o meno libera da certi se
«prosa» tradizionale, certo essa non e accademica, ne rivoltat
ciana, ne zoliana. I «ricordi» prevalgono, ma sono «ricor
c'Aurelio, riflessioni che 1'anima fa entro di se sulla propria
spressioni di esperienza etica, piuttosto che precisioni di
accumulati dalla memoria. Questo clima della letteratura di g
anche il libra di Primo Levi, che un editore torinese ha p
che, se non andiamo errati, e destinato a trovare il consenso
pubblico: certo comunque del «grande pubblico», se per quest
non solo quello che da e toglie la voga, ma quello che segu
medita e riceve entro se il messaggio dell'autore. Lo spieg
che dispone alia creazione poetica; ma naturalmente non lo f
che il libra di Levi, come qualunque opera di meditazione
poetica, oltrepassa il clima letterario da cui nasce, e attinge
Cos'e questo libra sull'esperienza dell'autore nel campo d
Che cosa ne forma il fascino immenso? Non il fatto che si tratti di un au-
tobiografia di eccezione. Le scelte degli orrori dei campi di concentra-
mento sono state raccontate da tanti, e dinanzi ad esse si rabbrividisce e si
chiudono gli occhi e si volge altrove la faccia che non si ama sapere. Ma
il dovere ci obbliga di tanto in tanto a tenere questa immagine dinanzi a-
gli occhi, per non dimenticare, come dice, con sobria parola, Levi, che
quell'orrore da lui descritto e solo l'applicazione, rigorosa, implacabile,
della massima secondo la quale «ogni straniero e nemico» che molti di
noi portano nel cuore inconsapevolmente (e aggiungeremmo; gli stati
hanno appreso a praticare con perfetta coscienza).
Non e questo che fa l'unicita del libra di Levi. Che anzi, le brutalita, i
sadismi, sono o taciuti o appena pudicamente accennati nel racconto dei
mesi di Auschwitz: con l'eccezione di una esecuzione, che anch'essa non
vien raccontata per la sofferenza dell'uomo che muore, e morendo affer-
ma la sua vitalita di fronte al gregge degli schiavi, ma per l'avvilimento
degli uomini che lo guardano morire, rispettosi (rispettosi non di quell'e-
roismo, ma della forza che l'uccide) in silenzio.
II libra di Levi, certo e anche il racconto di una successione di casi; a
chi lo prenda esteriormente puo parere il racconto delle «vicende» del-
l'autore nel campo di Auschwitz; o la descrizione del come un essere u-
mano possa venire degradato a belva, disperata belva che ha per unica ri-

( 1 ) Primo Levi: «Se questo 6 un uomo». - Francesco De Silva editore, Torino.

This content downloaded from 137.204.24.180 on Thu, 02 Apr 2020 01:27:44 UTC
All use subject to https://about.jstor.org/terms
DA «L'ITALIA SOCIALISTA» DEL 27/1 2/1 947 23 1

sorsa la ferocia con cui difende la sua vita di ogni giorno. Pud essere
so anche come la dimostrazione esteriore della tesi che abbiamo detto
vita di un essere umano, trattato come nemico e privato della «societa
mana, dell'«eguaglianza» (non quella famosa uguaglianza giuridica, m
piu elementare uguaglianza che pareva il cristianesimo avesse generali
zato nella Terra, ma che gia spunta e vive in Omero, e viva e pure ne
societa piu gerarchica, piu «castale» che sia, la quale crede ad un q
checosa al di sopra di lei); la vita di quest'essere umano, ridotto ad ani
te, e stata vissuta da nostri contemporanei, dai deportati di Auschwitz
gli Ebrei che i Tedeschi hanno «utilizzato» come bestiame nella loro m
china di guerra.
Pure, se questa e la tesi polemica, o vogliamo dire morale del libro;
si vissuta e risentita attraverso una polemica che non e esterna, ma c
tutta la carne dell'autore che si ribella all'ingiustizia, neppure qui s
profondo del libro, cio che ne fa uno scritto ineguagliato e ineguaglia
credo, in questo scorcio di anni.
II vero «fondo» del libro, accanto e sopra la tesi, accanto e sopra i r
posi polemici che formano come delle stazioni nel ritmo di esso,
qualchecosa di grave. E nella poesia di quel dolore marginale, che
pravvive al brutale trattamento dei Tedeschi, di quell'anima che e viv
poco prima e poco dopo l'abbrutimento sotto il quale la si vuole sch
ciare, e che, quando e viva, soffre in modo tanto piu intensamente um
Le pagine piu poetiche del libro di levi (pagine poetiche che, in
stanza, lo ripetiamo, sono il tono del libro stesso e che sono necessari
mente sostenute dalle altre, piu polemiche o descrittive, tuttavia perm
dallo stesso «motivo»), sono quelle percio in cui la sofferenza dinanzi
ia degradazione dell'uomo e vista quasi nel fondo, piu o meno «di s
co», in un momento di sosta, che e quello in cui si fa sensibile. Son
pagine sull'infermiera, le pagine sul Ka.Be. la cui vita e «vita di limbo
in cui si riposa, e nell'inferno del Lager giunge appena, col suono
marce popolari che accompagnano al lavoro gli infelici deportati ( «so
la voce del Lager, la espressione sensibile della sua follia geomet
nella risoluzione altrui di annullarci prima come uomini per uccid
poi lentamente» ): le pagine sulle «nostre notti», col sogno in cui il pr
gioniero racconta, inascoltato, ai familiari, i suoi dolori e il sogn
Tantalo» entrambi sogni collettivi, raccontati con una lucidita di incu
(«si sentono i dormienti respirare e russare, qualcuno geme e pa
Molti schioccano le labbra e dimenano le mascelle. . .). La pagina sul ca
to di Ulisse e quella su Elias, il sottouomo che nel Lager e felice. Tant
tante altre che non sono frammenti o episodi, perche, lo abbiamo det
sono il tono stesso del libro, impostato altissimo nelle due scene inizi

This content downloaded from 137.204.24.180 on Thu, 02 Apr 2020 01:27:44 UTC
All use subject to https://about.jstor.org/terms
232 LA RASSEGNA MENSILE DI ISRAEL

della partenza da Fossoli e dell'arrivo al campo; del


uomini con sentimenti e volti umani in fantasmi grig
e la pieta perche li hanno fatti non uomini.
Intere dovrebbero essere citate queste due pagine, v
alte che una poetica sensibilita abbia scritto dinanz
dell'uomo. Ma per ragioni materiali, qui appena d
prima, della partenza da Fossoli. Con la morte certa c
sa ancora nell'anima, mentre gli uomini del campo ob
la vita di ogni giorno... «...ma ai bambini quel gior
compito. E venne la notte , e fu una notte tale , che
umani non avrebbero dovuto assistervi e sopravvivere
Ognuno si congedd dalla vita nel modo che gli
pregarono, altri bevvero oltre misura , altri si inebr
tima passione . Ma le madri vegliarono a preparare
bo per il viaggio, e lavarono i bambini, efecero i baga
spinati erano pieni di biancheria infantile stesa al ven
Nella baracca 6-A abitava il vecchio Gattegno, con l
tifigli e i nipoti e i generi e le nuore operose. Tutti gl
gnami; venivano da Tripoli... gente lieta e pia. Le l
prime fra tutte a sbrigare i preparativi per il viaggio
affinche avanzasse tempo per il lutto; e quando tutto
ce cotte, i fagotti legati, allora si scalzarono, si sci
sposero al suolo le candele funebri, e le accesero se
padri, e sedettero a terra a cerchio per la lamentazion
pregarono e piansero. . .»
Questa immagine di dolore piangente, dal volto um
il lungo dolore senza pianto della vicenda che un'an
tornata per raccontare.

Aldo Garosci

This content downloaded from 137.204.24.180 on Thu, 02 Apr 2020 01:27:44 UTC
All use subject to https://about.jstor.org/terms

Potrebbero piacerti anche