Sei sulla pagina 1di 10

N.

4
APRILE 2005
fondata nel 1966 - anno XL
Amministrazione e Redazione
Largo Kennedy 4
92016 RIBERA (Agrigento)
C.C.P. N. 11951928
Gerlando Lentini
Direttore responsabile
Tel. e Fax 0925.61.595 - sito internet:www.lavia.ion.it - e-mail: orma78@virgilio.it
Trib. Sciacca N. 2 30.10.1998 - sped. abb. postale. Legge 662/c.20/c

IL COMUNISMO
L’ERESIA PIÙ RADICALE E FUNESTA NELLA STORIA
DELLA CHIESA ANCORA PRESENTE E OPERANTE
PREMESSA qualcosa ripeteva, qualche giorno dopo
(19.4), don Marino Bertocchi.
Caro Direttore, Perfino il celebre teologo, filosofo e
su Momenti, settimanale locale di scrittore Battista Mondin, nel suo
Ribera (Ag) del 30.1.2005, in un articolo Dizionario Enciclopedico dei Papi, trat-
dell’on. Santo Tortorici sul sindaco tando di Pio XII, scrive: «Nel 1949 Egli
Ignazio Mascarella, p.21, leggiamo: «In innalzò un’ulteriore diga contro il comu-
quel periodo (1965) i comunisti risulta- nismo scomunicando i cattolici che aves-
vano in quanto tali scomunicati dalla sero prestato pubblicamente il loro appog-
Chiesa». gio ai partiti comunisti».
Ancora, su L’Amico del Popolo, il set- Il celebre storico inglese M. Smith,
timanale diocesano agrigentino del nella sua Storia d’Italia (Laterza 1987),
20.2.2005, in un articolo di Stefano a p. 749 scrive: «Nel luglio 1949 Pio XII
Pirrera intitolato: Il Papa (Pio XII - scomunicava tutti i comunisti e vietava ad
ndr) aveva paura (p.3) vengono fatte que- ogni credente di votare per loro».
ste affermazioni: «I veri guai nelle varie Nel Grande Dizionario Enciclopedico
parrocchie cominciarono con l’annunzio UTET, alla voce Pio XII, si legge: «Nel
della scomunica, comminata non solo per luglio del 1949, con decreto del Santo
gli iscritti al partito rosso ma anche per Ufficio, venne stabilito di scomunicare
chi solo votasse per esso. Ci furono così coloro che aderivano o appoggiavano la
oltre dieci milioni di scomunicati, inde- causa comunista». La stessa cosa si legge
gni di ricevere i Sacramenti». nel volume della Cronologia Universale,
Le chiediamo: 1. È vero quanto viene che fa parte della medesima Enciclopedia
affermato da questi signori? 2. Qual è la UTET, all’anno 1949.
verità storica su un tale atto così impor- E per finire, anche se potremmo conti-
tante e grave della Chiesa nel 1949? 3. nuare nelle citazioni, su la Storia
Quali furono le vere motivazioni di un d’Italia cronologica della De Agostini, al
così grave atto della Chiesa? 12 luglio del 1949 si legge: «La scomuni-
Le saremmo grati di una gentile rispo- ca dei comunisti e di tutti coloro che
sta. accettano, sostengono o divulgano le idee
Un gruppo di lettori di Ribera (Ag) del comunismo viene decretata dal
Sant’Uffizio».
NON È AFFATTO VERO
IL TESTO DEL DECRETO
Con dispiacere devo subito dire che SMENTISCE I SIGNORI DI CUI SOPRA
quanto viene affermato dagli amici che CELEBRI E MENO CELEBRI
scrivono su Momenti e L’Amico del Popolo
non è affatto vero. A loro discarico devo Le affermazioni sopra riportate vengono
dire, tuttavia, che tali affermazioni smentite dal testo del Decreto del
false o inesatte sulla scomunica ai comu- Sant’Uffizio (oggi detto Congregazione
nisti vengono fatte anche ad alto livello della Dottrina della Fede) del 1° luglio
culturale e storico; e ci cadono non solo 1949 che dichiara:
intellettuali laici e anticlericali, ma 1. «Non è lecito iscriversi a partiti
anche colti ecclesiastici che scrivono su comunisti o dare ad essi appoggio, poiché
Avvenire, il quotidiano sostenuto dalla il comunismo è materialista e anticri-
Conferenza Episcopale Italiana. stiano. Il Sant’Uffizio considera illeci-
Alcuni esempi, incominciando da questo to l’ appoggio dato ai comunisti e anche
cattolicissimo giornale. In un articolo di il voto dato a quei candidati cattolici
Padre Lucio Migliaccio (14.4.1998) si leg- che, pur non professando teorie comuniste,
geva che «la scomunica fu per quelli che collaborano con essi in azione di gover-
avessero votato per il comunismo»; la no».
32
2. «Non è lecito pubblicare, diffondere IL COMUNISMO DEFINITO GIA’
o leggere libri, periodici, giornali o DA PIO IX NEL 1846: «NEFANDA DOTTRINA»
fogli volanti, che sostengono la dottrina DA LEONE XIII NEL 1878: PESTE DISTRUTTRICE
o la prassi del comunismo e collaborare in
essi con scritti». Intanto osserviamo che il documento
3. «I fedeli che compiono gli atti sopra citato non fu né il primo né l’ultimo ema-
indicati non possono essere ammessi ai nato dalla Chiesa contro il comunismo, la
Sacramenti». cui marcia storica è incominciata uffi-
4. «I fedeli che professano la dottri- cialmente con il Manifesto del Partito
na del comunismo materialista ed anticri- Comunista nel febbraio del 1848, scritto
stiano, ed anzi tutti coloro che la da Marx e da Engels.
difendono e se ne fanno propagatori incor- Karl Marx (1818-1883), tedesco ed ebreo
rono automaticamente (ipso facto), come di famiglia borghese, era filosofo ed eco-
apostati dalla fede, nella scomunica nomista; Friedrich Engels (1820-1895)
riservata in modo speciale alla Sede tedesco, figlio di un ricco industriale,
Apostolica». era filosofo ed uomo politico.
Seguono le istruzioni per la riammis- Ma già prima di quella data il comuni-
sione ai Sacramenti della Penitenza e smo era stato condannato da papa Pio IX il
dell’Eucaristia di coloro che si pentono, 9 novembre del 1846 con l’ enciclica Qui
e per l’assoluzione degli scomunicati pen- pluribus con queste parole: «Quella nefan-
titi. da dottrina del così detto comunismo è
Notiamo: 1. Il documento del sommamente contraria allo stesso diritto
Sant’Uffizio è stato promulgato per naturale; una volta ammessa, porterebbe al
tutta la Chiesa e per tutti i catto- radicale sovvertimento dei diritti, delle
lici del mondo, non è riservato ai cose, e della stessa società umana».
soli cattolici italiani. 2. Gli sco- Il Manifesto incomincia con la frase:
municati sono solo i cattolici “che «Uno spettro s’aggira per l’Europa: lo
professano la dottrina materialista ed spettro del comunismo», e si conclude con
anticristiana del comunismo, la difen- l’appello: «Proletari di tutti i Paesi,
dono e se ne fanno propagatori”: in unitevi!». La realizzazione della società
quanto tali “sono apostati dalla comunista esige, come conditio sine qua
fede”, essendo inconciliabili la pro- non, l’eliminazione della religione:
fessione di materialismo con la pro- «Oppio dei popoli».
fessione della fede cattolica; perciò, Qual è la dottrina di Carlo Marx che sta
essi stessi si sono auto esclusi dal- a base del comunismo? In sintesi: 1.
l’appartenenza alla Chiesa, che li Esiste solo la materia, in evoluzione
dichiara perciò scomunicati. 3. Tutti finché non giunge alla produzione del-
gli altri, che appoggiano in qualsia- l’uomo razionale. 2. Lo Stato è una sovra-
si modo il comunismo, ossia un siste- struttura borghese, destinata a scompari-
ma sociale basato su una “dottrina re il giorno in cui il Proletariato cele-
materialista e anticristiana“, evi- brerà il suo definitivo trionfo sulla bor-
dentemente sono in peccato ma non sono ghesia. 3. L’uomo, il singolo, è una mera
scomunicati. sovrastruttura, un’astrazione, un’illu-
Quel che era detto per i comunisti sione di realtà che, sottratto ai rappor-
riguardava anche i socialisti italiani, il ti economici del corpo sociale, si dissi-
cui segretario era Pietro Nenni insi- pa, si volatilizza. 4. La vera realtà è il
gnito del premio Stalin, strettamente ad «corpo sociale», il Proletariato, il
essi legati e succubi nel Fronte Partito, che è il depositario e il custo-
Democratico Popolare. de della verità. Conseguenza: il comuni-
Ed allora quanti furono gli scomunicati? sta si regola secondo quanto ordina il
Dieci milioni? Ma a tale cifra non arriva- Partito; moralità è uguale a fare l’inte-
vano i comunisti e i socialisti messi assie- resse del Partito, della Classe operaia...
me: nelle elezioni del 18 aprile 1948 ave- ad occhi chiusi.
vano avuto 8.137.047 voti, contro i quasi A tale proposito è illuminante la rispo-
12.741.299 della Democrazia Cristiana. Gli sta data dal celebre deputato comunista
scomunicati potevano essere solo qualche Giancarlo Pajetta a un giornalista in una
migliaio, secondo il documento sopra ripor- conferenza stampa, subito dopo le rivela-
tato; a dieci milioni non arrivavano neppu- zione di Kruscev sui delitti di Stalin,
re i non ammessi ai Sacramenti. l’1.12.1961. Il giornalista chiedeva:
È penoso e mortificante constatarlo, ma «Lei, Pajetta, riconosce che la verità
bisogna dire che capita troppo spesso deve venire prima della rivoluzione?».
che gli atti della Chiesa vengono ignora- Risposta di Pajetta, perfetto comunista
ti, non studiati, trattati con superfi- sino alla morte: «Tra la verità e le rivo-
cialità, con la presunzione che essa abbia luzione, io scelgo la rivoluzione!».
torto, anche da parte dei suoi stessi Ecco perché Leone XIII il 28.12.1878,
figli che spesso conoscono poco la loro nell’enciclica Quod Apostolici muneris,
Madre e credono a chi le spara più grosse definiva il comunismo «peste distruttrice,
contro di Essa! la quale, intaccando il midollo della
33
società umana, la condurrebbe alla rovi- una così barbara ideologia, è solo mate-
na». E fu profeta! ria, è una cosa, è un campione senza valo-
re: eliminarlo è una semplice operazione
IL COMUNISMO IMPLACABILMENTE chirurgica per far vivere il corpo socia-
OSTILE ALLA RELIGIONE: PAROLA DI LENIN! le, la classe operaia.

Il comunismo da realizzare può essere LA SCIENZA È LA VERA TEOLOGIA


slegato dal sistema ideologico-filosofico DEL PROLETARIATO: PAROLA DI MARX!
marxista, senza essere, chi osasse farlo,
deviazionista? Risponde Lenin: «La linea Il comunismo, in ultima analisi, com-
politica del marxismo è indissolubilmente batte per eliminare la religione, essen-
legata alle sue basi filosofiche» (Sulla do esso stesso una religione. «I nostri -
religione, ed. Rinascita 1949, p.24). scriveva il grande romanziere russo
Chi è Dio? Risponde Lenin: «Dio è un Dostoevskij - non diventano atei soltan-
complesso di idee generate dal brutale to, ma credono nell’ateismo come in una
schiacciamento dell’uomo da parte della religione», raccolti, diciamo noi, nella
natura, dell’ambiente e del giogo di clas- chiesa marxistico-sovietica dei senza
se... L’idea di Dio ha sempre addormenta- Dio; i cui caratteri fondamentali sono
to e smussato i sentimenti sociali, recan- tolti, contraffatti, parodiati dall’atte-
do sempre in sé l’idea della schiavitù, sa messianica del popolo ebreo, al quale
della peggiore schiavitù, di una schiavitù Marx apparteneva, oltre che dal
senza domani» (ibidem). Cristianesimo. Insomma, Marx piegò defi-
La religione allora va combattuta? nitivamente verso la terra la tensione
Risponde Lenin: «Il marxismo è implaca- messianica del suo popolo. Scrisse infat-
bilmente ostile alla religione. Noi dob- ti: «La classe operaia è il vero Messia
biamo combattere la religione: questo è che porta la redenzione al mondo, lottan-
l’abici di ogni materialismo e perciò del do e soffrendo contro i figli delle tene-
marxismo» (Op. cit. p.24). bre, i borghesi. Lo sfruttamento del
Come va combattuta la religione? lavoratore è il peccato originale. La
Risponde Lenin: «Bisogna saper combattere società socialista del futuro è il regno
la religione... mettendo intanto in primo escatologico, dove il lupo pascolerà con
piano non la divisione religiosa, ma quel- l’agnello e la terra non darà più spine,
la politica. Una dichiarazione di guerra ma frutti in abbondanza. L’organizzazione
alla religione è il mezzo migliore per proletaria, il Partito sono il popolo di
ostacolare la sua reale estinzione. Dio in marcia verso questo regno messia-
Bisogna combattere la nebbia religiosa con nico. La fabbrica è il tempio, dove il
armi puramente ed esclusivamente ideologi- lavoro è la nuova preghiera, Il leader
che: la nostra stampa, la nostra parola... proletario è il profeta che guida il
Bisogna arrivare all’agonia della religio- resto d’Israele. La scienza è la vera
ne lavorando pazientemente all’opera di teologia» (cit. in Ipotesi su Gesù di V.
organizzazione e di educazione del prole- Messori, p. 117).
tariato» (Op. cit. cfr. da p.16 a p.24). Anche dal Cristianesimo il comunismo
Insomma, «il socialismo chiama la scienza mutuò alcuni elementi. Eccone alcuni.
a lottare contro le tenebre della reli- Ecumenismo: «Proletari di tutto il mondo,
gione e libera l’operaio dalla credenza in unitevi!». Prassi: quinte colonne di «apo-
una vita dell’oltre tomba organizzandolo stoli» sparsi per tutto il mondo. Un
in una lotta effettiva per realizzare una redentore: Marx, «il leader proletario che
migliore vita terrena, per lasciare il guida il resto d’Israele»; un redento: il
cielo a disposizione dei preti e dei proletariato. Quattro vangeli... economi-
bigotti, conquistandosi una vita migliore ci: Marx, Engels, Lenin, Stalin; con una
su questa terra» (Op. cit. p.13). sola interpretazione ortodossa: quella di
Tuttavia bisogna dire, ed è storicamen- Stalin, pontefice massimo di assoluta
te provato, che l’educazione culturale del integrale infallibilità (infinitamente più
comunismo finisce quando arriva al pote- estesa di quella del Papa) in tutti i
re. Allora il metodo culturale diventa campi teorici e pratici. Eresie (di
metodo eliminatorio nella logica materia- Bucharin, Deborin, Zinoviev, ecc.) ineso-
lista. L’ideologia comunista infatti crea, rabilmente condannate; i loro capi giu-
a tavolino, il prototipo dell’uomo della stiziati, anche dopo le abiure più umi-
nuova società secondo i parametri marxi- lianti. Un culto delle reliquie: il corpo
sti: deve pensare come il Partito, deve di Lenin, esposto alla venerazione dei
agire negli interessi del Partito, che si popoli. Un catechismo, il Politgrammota
sostituisce alla voce della sua coscien- per le scuole popolari. Dieci comandamen-
za, ecc. Chi non si adegua e non si fa fare ti (1948: Bolscevik): tra i quali si legge
il lavaggio del cervello, viene spedito (nonostante la conciliazione avvenuta con
nei gulag, nei manicomi, o anche elimina- la Chiesa ortodossa, durante la guerra, in
to fisicamente. Perciò il comunismo fu funzione antitedesca): «Stalin è il capo
realizzato ed è realizzato ancora su una dei senza Dio di tutto il mondo: un buon
enorme montagna di cadaveri, nella logica comunista deve essere ateo militante; l’a-
materialista. D’altronde l’uomo, secondo teismo è indissolubilmente legato al comu-
34
nismo, ecc.» (cfr. L. Manacorda in Eresie propaganda orale e scritta una larga semi-
del secolo, Assisi 1952, pp. 169-170). nagione dei principi fondamentali che ser-
Che Stalin fosse il pontefice massimo e vano alla costruzione di un ordine socia-
infallibile dei comunisti di tutto il le cristiano». Fa esplicito e categorico
mondo lo affermò Palmiro Togliatti nella divieto ai cristiani di collaborare con i
commemorazione che ne fece in Parlamento comunisti: «Il comunismo è intrinsecamen-
alla sua morte, il 6.3.1953. Lo definì, te perverso e non si può ammettere in nes-
infatti, «l’uomo più di tutti gli altri sun campo la collaborazione con esso da
venerato e amato, maestro, amico e compa- parte di chiunque voglia salvare la
gno... un gigante del pensiero e dell’a- civiltà cristiana. E se taluni, indotti in
zione». Conveniva con lui il Presidente errore, cooperassero alla vittoria nel
della Camera, il socialista e stalinista loro Paese, cadranno per primi come vit-
Sandro Pertini (futuro presidente della time del loro errore e quanto più le
Repubblica), che invitava tutti a «rico- regioni dove il comunismo riesce a pene-
noscere l’immensa statura di Giuseppe trare si distinguono per l’antichità e la
Stalin... che portò il lavoratore sovie- grandezza della loro civiltà cristiana,
tico, liberato da ogni catena, a un alto tanto più devastatore si manifesterà l’o-
livello di vita e di dignità umana». dio dei “senza Dio”».
Neppure la Divini Redemptoris ruppe la
DOTTRINA COMUNISTA TOTALMENTE «congiura del silenzio»: ignorata dai
CONTRARIA A QUELLA DELLA BIBBIA: comunisti; purtroppo, disattesa dai catto-
PAROLA DI ENGELS! lici, che in molti Paesi trascurarono com-
pletamente l’ammonimento di Pio XI di evi-
Sono conciliabili Cristianesimo e tare ogni genere di collaborazione con i
comunismo? Si può essere cristiani e comunisti. Solo la storia ha dato comple-
comunisti? Sin dal sorgere dello stesso tamente ragione al messaggio profetico del
comunismo la risposta fu negativa sia da Vicario di Cristo.
parte di papa Pio IX sia da parte del-
l’autore del Manifesto Engels, il quale ACCETTARE QUALCHE IDEA
ai cristiani che ne affermavano la conci- DELL’AZIONE CATTOLICA PER POI
liabilità così rispondeva: «Ciò prova che DISTRUGGERLA: PAROLA DI TOGLIATTI!
queste brave persone non sono i migliori
cristiani; se lo fossero, conoscerebbero Durante il pontificato di Pio XI inco-
meglio la Bibbia e saprebbero che, accan- minciò in Italia il tentativo di penetra-
to a qualche passo favorevole al comuni- zione nelle file dell’Azione Cattolica e
smo, lo spirito generale della dottrina dei lavoratori cattolici; ma rimase solo
ch’essa espone gli è totalmente opposto» un tentativo. Ecco qualche documento.
(Progress of social reform, Londra 1843). 1. Circolare n. 27 del Partito Comunista
E lo stesso Engels coerentemente afferma- alle federazioni, Il fronte unico e le
va: «Una cosa è certa: il solo servizio organizzazioni avversarie, 31.8.1925: «Il
che si può ancora oggi rendere a Dio è il movimento di sinistra della gioventù cat-
proclamare l’ateismo articolo obbligato- tolica deve essere seguito attentamente e
rio di fede». I Papi, lucide e infalli- spinto avanti perché non si fermi ai demo-
bili guide della Chiesa, continuarono a cratici o ai socialdemocratici... il lavo-
condannare questa radicale e nefasta ere- ro nella gioventù cattolica, per ora, data
sia, mentre i comunisti cercavano di la grande forza di essa, va fatto esclusi-
infiltrarsi nelle organizzazioni cattoli- vamente dal di dentro facendo lavorare gli
che e a far proseliti tra i cattolici elementi simpatizzanti con noi. Se essi
mettendo in atto una riuscita strategia uscissero oggi, quello sarebbe un campo di
diabolica. attività e proselitismo per noi perduto»
Pio XI (papa dal 1922 al 1939) inter- (in ACS, Min.Int., Atti speciali, 1898-
venne nel 1924, 1928, 1931, 1932, 1933 e 1940: Cura delle sinistre cattoliche).
nel 19 marzo 1937 con l’enciclica Divini 2. Palmiro Togliatti, Lettera da Mosca
Redemptoris. Vi espone la dottrina ereti- ai dirigenti del PCI, 29.6.1926: «Nelle
ca del comunismo, al quale ha preparato la file cattoliche - secondo il progetto del
strada il liberalismo. Denuncia «la pro- compagno Longo - possiamo anche far par-
paganda veramente diabolica quale forse il lare agli elementi nostri un linguaggio
mondo non ha mai veduto... che penetra in che abbia qualche punto di contatto con
tutti i ceti delle popolazioni anche quello che parlano i dirigenti cattoli-
migliori, senza che quasi si accorgano del ci... Quando vogliamo conquistare un
veleno che sempre più pervade le menti e avversario dobbiamo sempre, come punto di
i cuori». Accusa la stampa di «tacere partenza, accettare qualche idea della sua
degli orrori commessi in Russia, nel mentalità, per poter giungere a distrug-
Messico e anche nella Spagna... favorito gerla» (in APC,1926,419/84-85: Il lavoro
da varie forze occulte le quali da tempo oscuro dei giovani comunisti nei confron-
cercano di distruggere l’ordine sociale ti dei giovani cattolici).
cristiano». Esorta a premunirsi contro le 3. La segreteria del PCI ai Compagni
insidie del comunismo. Spiega che «è com- Bergamaschi, settembre 1933: «Noi dobbia-
pito dell’Azione Cattolica fare con la mo, in tutte le occasioni, tendere a met-
35

tere i lavoratori cattolici, i quali sono stiana, rovesciata però in un profetismo


antifascisti, contro il clero ed i catto- senza Dio; si strumentalizzano per fini
lici ricchi, i quali sono filofascisti e politici le energie religiose dell’uomo,
vogliono assorbire al fascismo le masse indirizzandole verso una speranza solo
lavoratrici. Siccome tale contrasto laten- terrena che è il capovolgimento della ten-
te esiste... esistono pure le basi per un sione cristiana verso la vita eterna. È
nostro lavoro in questa direzione» (in questa perversione della tradizione bibli-
APC,1933, Entrare nel mondo dei lavorato- ca che trae in inganno molti credenti,
ri cattolici). convinti in buona fede che la causa di
Cristo sia la stessa di quella proposta
PIO XII: UN DECRETO CHE SI RIFERSICE dagli annunciatori della rivoluzione poli-
SOLO ALLA CONSERVAZIONE tica» (in Rapporto sulla Fede, V. Messori,
DELLA FEDE CRISTIANA ed. Paoline 1985, p.201)
Palmiro Togliatti, con furbizia diabo-
Prima ancora del decreto del lica, il 7 aprile 1945, dichiarava:
Sant’Uffizio citato, Pio XII (papa dal «Abbiamo, dopo matura riflessione, aperto
1939 al 1958) aveva condannato il comuni- ai credenti le porte del nostro partito;
smo come i suoi predecessori. Nel radio- il che vuol dire che noi non facciamo del-
messaggio del Natale 1942 diceva: «Mossa l’adesione alle ideologie nostre una con-
sempre da motivi religiosi, la Chiesa - dizione per l’ingresso nel partito, nel
egli proclamava - condannò i vari sistemi quale vi è in materia ideologica, oggi, un
del socialismo marxista e li condanna regime di tolleranza».
anche oggi, com’è suo dovere e diritto Qualche mese dopo l’on. Guido Miglioli
permanente di preservare gli uomini da (1879-1954), sindacalista e già deputato
correnti ed influssi, che ne mettono a del Partito Popolare, passò nel campo
repentaglio la salvezza eterna». comunista come «emissario cristiano», si
Dopo il decreto, nel messaggio al 73° definì, «perché - scriveva su Milano-Sera
Congresso dei cattolici tedeschi del 1949 del 7.11.1946 - se la Rivoluzione
dal titolo: Contro il materialismo ateo, d’Ottobre si confermerà attraverso la
dichiarava: prassi leninista e staliniana, al sistema
«Con tale decreto si è tracciata una dottrinale marxista, ed io mi discosterò
linea obbligante per tutti i cattolici, tra decisamente da esso nella sua concezione
fede cattolica e comunismo ateo: per sta- materialistica della vita individuale e
bilire un argine atto a salvaguardare non sociale, io trarrò da quella tutto ciò che
solo gli operai, ma tutti, senza eccezio- vi è di cristiano, che vi si è trasfuso,
ne, di fronte al marxismo che nega Dio e come già in altre dottrine, per quella
la religione. Questo decreto non ha nulla superiorità e grandezza immanenti, che
a che fare col contrasto tra poveri e ric- sono proprie del Cristianesimo e quindi
chi, tra proletari e capitalisti, fra pro- della mia fede». Un’illusione!
prietari e persone che non hanno il neces-
sario. Si riferisce piuttosto alla conser- SCONFITTI POLITICAMENTE
vazione e alla purezza della religione e I COMUNISTI RIESCONO NELLA SCALATA
della fede cristiana, alla libertà d’azio- AL MONOPOLIO CULTURALE
ne e quindi alla felicità ed alla dignità,
alla libertà e ai diritti del lavoratore. Il 18 aprile 1948, nelle prime elezio-
Sarebbe veramente cieco chi, vivendo in ni politiche, i comunisti, sconfitti sul
questi decenni, non volesse comprenderlo». piano elettorale incominciarono la marcia
E purtroppo i “ciechi” furono tanti, verso il monopolio culturale, secondo il
laici e preti cattolici, che si lasciaro- pensiero di Antonio Gramsci (1891-1937),
no incantare dalle sirene comuniste, pas- che fu uno dei fondatori del Partito
sando sopra e dimenticando i massacri, le Comunista Italiano. Nei suoi Quaderni del
nefandezze dai comunisti perpetrati in carcere (1928-1938) egli sosteneva, in
Messico, in Spagna, nell’Unione Sovietica, opposizione ai principi marxisti ufficia-
e soprattutto disprezzando il magistero li, che i governi delle democrazie libe-
dei Papi da Pio IX sino a quelli dei nostri rali avevano generalmente goduto del
giorni, credendo invece alle parole di sostegno popolare a causa di fattori sto-
quel Togliatti che fu il braccio destro rici, culturali e religiosi. Perciò pen-
nell’eliminare tutta la classe dirigente sava che era necessaria una prolungata
dei vari partiti comunisti europei e non. campagna politico-culturale contro le
Perché poté succedere un fatto tanto istituzioni borghesi, campagna la quale
vasto e strano, a fil di logica e di fede? avrebbe portato all’egemonia culturale e
«Il marxismo - spiegava il card. Joseph politica della classe operaia, che sareb-
Ratzinger, Prefetto della Congregazione be sfociata immancabilmente nel rovescia-
della Fede - nella sua filosofia e nelle mento dello Stato borghese e nell’istitu-
sue intenzioni morali, è una tentazione zione di una nuova società comunista.
più profonda che non certi ateismi prati- Il piano gramsciano riuscì perfettamen-
ci, dunque intellettualmente superficiali. te. I comunisti si infiltrarono nella
È che nell’ideologia marxista si appro- scuole di ogni ordine e grado, dall’uni-
fitta anche della tradizione giudeo-cri- versità alle elementari, con le cattedre di
36

filosofia, di storia e di letteratura; le poiché l’appartenenza al Partito Comunista


case editrici sfornarono testi, anche per o il suo fiancheggiamento venivano giu-
i bambini delle elementari, dichiaratamen- stificati dalla volontà di essere dalla
te marxisti. Scrittori, artisti, registi parte dei poveri e degli esclusi; nella
cinematografici dovettero essere filocomu- persuasione che quel che veniva detto l’a-
nisti per potersi affermare. I comunisti teismo comunista si riduceva in realtà ad
penetrarono anche nella magistratura, anticlericalismo, conseguente alla separa-
spaccandola in correnti ideologiche e par- zione della Chiesa dalla causa dei pove-
titiche col gruppo della cosiddetta ri... nella convinzione che l’irreligio-
Magistratura Democratica. Persino le case sità e l’ateismo erano entrati nel socia-
editrici di estrazione cattolica, almeno lismo “più per dispetto che per convin-
alcune, si piegarono a tale ventata rifiu- zione”... Insomma “comunisti perché catto-
tando testi di scrittori cattolici, quale lici”. Cioè, in questa particolare deci-
il sottoscritto, che si rifiutavano di siva svolta storica, il cattolico impe-
flirtare col sinistrismo di moda. gnato politicamente - e in quegli anni era
Il monopolio culturale e politico rag- impressione comune che non poteva esserci
giunse il suo culmine sotto la gestione moralità senza impegno politico -, se per-
del partito di Enrico Berlinguer, dal 1972 fettamente e rigorosamente coerente e con-
alla morte. sapevole, doveva essere comunista, anche
Alle elezioni europee del 1984 i comu- se non poteva sperare di vincere immedia-
nisti, infatti, sorpassarono per la prima tamente le pur spiegabili resistenze psi-
volta i democristiani: 33,3% dei voti i cologiche di altri cattolici. Doveva
primi; 33% i secondi. esserlo perché il comunismo forniva l’u-
Durante la malattia e la morte di nica interpretazione esatta della storia
Berlinguer pertanto si celebrò il trionfo contemporanea, e compiva ciò non casual-
culturale dell’uomo e del partito. Si mente, ma perché la sua analisi obiettiva
ammalò e morì a Padova l’11 giugno del era fondata sul materialismo dialettico».
1984. Nei giorni della sua malattia il In un intervista, il medesimo Augusto
presidente della Repubblica Sandro Pertini del Noce, spiegava che «il comunismo ha
sostò a Padova e fece poi trasportare il l’ateismo come sua essenza, non può farne
feretro a Roma con l’aereo presidenziale, a meno senza negarsi, non gli è possibile
facendosi così interprete dell’emozione pensare a valori religiosi se non nella
provocata nel Paese dalla scomparsa del forma ateistica. La quale, dunque, non è
leader del Pci. I funerali si svolsero a per esso (per usare il suo linguaggio) una
Roma in piazza San Giovanni in Laterano sovrastruttura, ma la struttura stessa»
con la partecipazione di circa 2 milioni (V. Messori, Pensare la storia, ed.
di persone. Erano presenti e s’inchinaro- Paoline 1992, p.666).
no a lui e alla riconosciuta egemonia Augusto del Noce aveva previsto la crisi
politica e culturale comunista il del marxismo, e quando iniziò a manife-
Presidente della Repubblica, tutte le mas- starsi scrisse e disse:
sime autorità dello Stato, i segretari di «La crisi del marxismo è irreversibile,
tutti i partiti, i rappresentanti del il liberalismo che sembra trionfare pren-
movimento italiano e internazionale del dendone il posto è anch’esso in decompo-
movimento operaio, e soprattutto gran sizione: e, alla pari del marxismo, lo è
parte degli intellettuali italiani: scrit- non perché sia fallito ma proprio perché
tori, giornalisti, registi che volteggia- si è realizzato, capovolgendosi.
vano con gli elicotteri per prendere È in crisi anche la Chiesa cattolica, ma
tutta, ma proprio tutta la cerimonia, e non perché non sia più credibile o sia
ancora artisti del pennello e della scul- ormai impraticabile il suo messaggio
tura: insomma c’erano proprio tutti. autentico, ma perché ci si è allontanati
da esso. Basterebbe rifare chiarezza,
PERSUASIONE ABERRANTE rimettersi sui giusti binari per offrire a
DI NON POCHI CATTOLICI: un mondo disperato la prospettiva di sal-
COMUNISTI PERCHÈ CATTOLICI! vezza di cui ha bisogno.
Mio dovere è indurre i credenti alla
Che era successo tra i cattolici ita- riflessione, alla comprensione che la
liani, e non solo tra essi? buona volontà non solo non basta, ma può
Augusto Del Noce (1910-1989), filosofo essere dannosa se indirizza verso percor-
cattolico, intelligenza lucida e profonda, si sbagliati.
studiò soprattutto il tema dell’ateismo: Madre dell’eresia non è solo la superbia
Il problema dell’ateismo, 1964 e della ma, secondo l’insegnamento dei Padri, anche
crisi del marxismo Il suicidio della rivo- l’ignoranza: molti uomini di Chiesa, da
luzione, 1978. Nel 1981 pubblicava Il cat- decenni, ignorano letteralmente quale sia
tolico comunista, nel capitolo Comunismo e la prospettiva cattolica, assumono schemi e
senso della conciliazione col pensiero punti di riferimento non cattolici, anzi
cattolico (p.42ss) scriveva tra l’altro: talvolta non cristiani, senza neppure aver-
«Per il gruppo italiano “cattolici comu- ne la consapevolezza» (ibidem, p.663).
nisti” non voleva dire soltanto che si
poteva essere “cattolici e comunisti”, GERLANDO LENTINI
37

STRAGE DI PORTELLA DELLE GINESTRE


nel 58°anniversario di tale assurdo delitto, proponiamo di erigere
sul luogo della violenza, nell’Anno dell’Eucaristia, un segno
religioso di suffragio per i defunti e di pacificazione dei vivi
APPELLO AI NOSTRI VESCOVI
Papas Stefano Plescia
Piana degli Albanesi è un comune della pro- nella sala dove sono esposti i vari cimeli, espo-
vincia di Palermo nel cui territorio si trova la se un progetto in plastica di un monumento da
contrada Portella delle Ginestre. Qui il 1° mag- erigersi sul luogo dell’avvenimento. Ma non
gio del 1947 si erano riuniti circa duemila andò in porto.
lavoratori socialcomunisti con le loro donne L’anno 2000, con l’indizione del Giubileo
per celebrare la festa del lavoro e la vittoria della riconciliazione da parte di Giovanni
nelle recenti elezioni per la prima assemblea Paolo II, si riaccese la speranza. Si formò un
regionale. All’inizio della manifestazione, il comitato di insigni personalità e addirittura
bandito Salvatore Giuliano con i suoi uomini con l’adesione della famosa Comunità di
sparava sulla folla inerme, lasciando a terra Sant’Egidio. Tale comitato propose di erigere
otto morti e una trentina di feriti. Una strage un monumento in pietra viva, in sintonia con
terribile, che commosse e fu condannata da le montagne circostanti e la stessa struttura che
tutti, salvo da quella piccola minoranza che ricorda già i caduti, con un’effigie in mosaico
trescava con il celebre bandito. del Signore Gesù che offriva la riconciliazione
Ebbene, gli abitanti di Piana degli Albanesi degli animi e la pacificazione per tutti. Tale
formiamo una comunità di fede antica: discen- monumento doveva essere non tanto l’espres-
diamo da quei profughi albanesi i quali, piut- sione della Chiesa di Piana degli Albanesi,
tosto che sottostare al dominio dei musulmani bensì della Chiesa siciliana. Per cui in conco-
che avevano invaso la loro patria, preferirono mitanza all’inaugurazione, possibilmente con
emigrare in Sicilia e nel Meridione d’Italia. la presenza del Santo Padre, bisognava pro-
Purtroppo, dopo la seconda guerra mondiale, muovere attività culturali ed ecumeniche: biso-
ideologie contrarie alla nostra fede cristiana vi gnava insomma esprimere un tangibile segno
si sono radicate; ma non sono riuscite ad estin- di riconciliazione, di fraternità umana e cristia-
guere, nella maggior parte della popolazione na, al di là delle formazioni politiche, nel ricor-
di tutte le colorazioni politiche, la fede dei do dei defunti.
nostri Padri i quali, da veri cristiani, ci hanno L’on. Pompeo Colajanni, pur essendo espo-
trasmesso una grande venerazione per i defun- nente comunista di grande prestigio, ne rimase
ti. entusiasta. E tuttavia, per motivi ideologici,
Perciò, avvenuto l’eccidio, i familiari delle non si fece niente.
vittime espressero il desiderio di porre un Quest’anno è, per volontà del Santo Padre
segno religioso laddove era stato sparso il san- l’Anno dell’Eucaristia. È un’occasione meravi-
gue dei loro cari: un segno quindi di memoria, gliosa per riprendere l’iniziativa e offrire un
di suffragio, di devozione. Ebbene io, il sotto- segno di riconciliazione nel nome di Cristo
scritto, accolsi tale legittimo e delicato deside- Gesù che rimane con noi sacramentalmente
rio, senza peraltro entrare in questioni che non per costruire la comunione non solo tra i fede-
mi riguardavano: era unicamente la mia voca- li, ma anche tra tutti gli uomini.
zione sacerdotale che mi spingeva a venire L’iniziativa dovrebbe partire dai nostri
loro incontro, convinto che la nostra religione Vescovi della Sicilia, poiché è qualche cosa che
aiuta l’uomo a maturare lo spirito di fraternità, interessa tutta l’isola. Ad essi rivolgono un tale
di tolleranza, di uguaglianza, di giustizia che invito, mio tramite, le centinaia di fedeli che a
la violenza voleva distruggere. Purtroppo, tale più riprese hanno firmato delle petizioni, rima-
segno non fu possibile realizzarlo a causa del ste purtroppo inascoltate, per chiedere che
clima politico che allora si respirava nella finalmente ci sia un segno sacro laddove essi
nostra cittadina. continuano a pellegrinare e a pregare. Dove
Eppure, in un primo tempo, i familiari delle altri hanno portato odio e morte, la Chiesa di
vittime ed altre persone di buon senso sponta- Gesù Cristo porti riconciliazione, pace, fratel-
neamente eressero delle croci in quel posto, e lanza, perdono.
vi si recavano per porre dei fiori e accendere A tale scopo il senatore Schifano si è adope-
dei lumi. Poi rinacque il desiderio di erigere un rato per ottenere un cospicuo contributo, solle-
segno sacro, ma ancora una volta si dovette citato dai familiari delle vittime e dal sotto-
desistere per gli stessi motivi di cui sopra; anzi scritto; ma non è stato ancora utilizzato a causa
furono rimosse le croci dei fedeli e, a cura dell’opposizione del fronte laicista, nonostante
dell’Amministrazione comunale, è stata fatta il lodevole parere positivo dell’Amministrazio-
una grandiosa struttura in cemento che forma ne.
il simbolo dei comunisti e dei socialisti, alleati, I nostri cari e venerati Pastori della Sicilia ci
di allora: falce e martello. vengano incontro e ci aiutino a rendere il volto
Nel 1997, in occasione del 50° anniversario della nostra terra più bello e sereno: bellezza e
della strage, l’Amministrazione di sinistra, serenità che solo il Signore Gesù può dare.
38

L e t te r e a l D ir e t to r e C’È UN’AZIONE PASTORALE PER IMPEDIRE


CHE I CATTOLICI DIVENTINO PROTESTANTI
O TESTIMONI DI GEOVA?... SEMBRA DI NO!
Caro Direttore,
LA CULTURA POLITICA DA ATTINGERE sono un giovane trentenne di Sciacca, studio Scienze Religiose
e faccio il catechista. Cattolico di anagrafe, per grazia e miseri-
NELLE ENCICLICHE SOCIALI DEI PAPI cordia del Signore Gesù, sono diventato veramente e cosciente-
Caro Direttore, mente cattolico all’età di 18 anni. Da allora ho iniziato ad eser-
citare una missione, che il Signore penso mi abbia affidato: quel-
siamo una giovane coppia di sposi, genitori di un bimbo di 18 la di evangelizzare le famiglie, facendole avvicinare alla Chiesa, ai
mesi e di una bimba di 10 giorni. Abbiamo avuto il piacere di leg- sacerdoti, ai Sacramenti.
gere il suo libro ALLE RADICI CRISTIANE DELL’UNIONE EURO- Da allora ho avuto da fare con cristiani di altre confessioni;
PEA. Vi sono delineate splendidamente i tre personaggi che ne questo perché, andando di casa in casa, ho trovato e trovo molti
furono i principali ideatori e realizzatori: Schuman, Adenauer e saccensi in procinto di lasciare la fede cattolica per aderire a tali
De Gasperi, profondamente cristiani e per questo grandi e veri confessioni evangeliche o ai testimoni di Geova; mi facevano e mi
uomini politici. fanno perciò dialogare con i pastori che li stavano o li stanno per
La ringraziamo perché il suo libro ci ha aiutato a far luce sulla adescare. Con loro avviene un confronto biblico, e subito risalta
“vera storia”; quella storia che i libri scolastici usano strumenta- evidente la loro ignoranza della fede cattolica: per cui si sono fatti
lizzare a fini ideologici e politici. In veste di genitori ci ha solleci- evangelici, testimoni di Geova, avventisti, mormoni, neo-aposto-
tato a pregare di più per i nostri bimbi affinché il Signore li faccia lici, ecc., senza averla conosciuta.
Desidero pertanto denunciare il modo di fare proselitismo di
crescere, oltre che in età, in sapienza e grazia perché la nostra
questi gruppi religiosi, che in questo non si differenziano di molto
Italia (soprattutto quella politica) ha bisogno di veri cristiani pra- tra loro. Sono dei trucchi vergognosi. Ne cito solo alcuni: 1.
ticanti e contemplativi. Approfittano di lutti in famiglia per accorrere e sfruttare la debo-
Purtroppo dobbiamo constatare che non ci sono oggi uomini lezza delle persone, parlando di risurrezione e di come porsi con
«di preghiera» tra i politici. Eppure è solo la preghiera unita alla Dio. 2. Approfittano di malattie o di incidenti per garantire la
pratica dei Sacramenti che illumina e aiuta a discernere ciò che guarigione miracolosa con preghiere di guarigione e imponendo le
è bene per la collettività. Con soddisfazione abbiamo notato che mani. 3. Accusano i nostri preti di azioni nefande. Addirittura a
quei tre uomini, uniti nell’ideale di un’Europa unita, attinsero persone non istruite dicono che a mettere in croce Gesù sono
dalle encicliche papali la loro formazione politica. E gli uomini stati proprio loro. Ancora: che i preti hanno inventato il culto
politici cattolici di oggi hanno una cultura politica attinta alle della Madonna e dei Santi per guadagnare denaro; che il Papa, i
stesse fonti? Vescovi, i preti sono manipolati dal demonio perché gli uomini
Anche il libro LA BUGIA RISORGIMENTALE, da Lei scritto, ci non arrivino alla conoscenza della verità; verità che ognuna di
queste sette, più che chiese, dice di possedere. 4. Noi cattolici
ha aperto gli occhi. La scuola ci ha ingannato, presentandoci
chiediamo alla Vergine di pregare per noi. Per questo ci accusano
Garibaldi, Mazzini, Cavour e altri personaggi massoni, anticleri- di culti magici: di invocazione dei morti. Se chiediamo alla
cali e politicanti più che politici come eroi e superuomini. Tutto Madonna di intercedere per noi, come ha fatto a Cana in favore
ciò è assurdo: le menzogne hanno occupato pagine e pagine di degli sposini, questa per loro è idolatria che attira la maledizione
storia. di Dio. A tale maledizione si deve, secondo loro, se nelle famiglie
Invitiamo genitori e catechisti a leggere questi libri assieme ai c’è disperazione, droga, incidenti, litigi, disoccupazione, alcoli-
loro figli e ai loro ragazzi affinché conoscano la verità storica. Gli smo, divorzi, mali di ogni genere. 5. Approfittano dello stato di
uomini di domani hanno bisogno di solide basi culturali, di cono- afflizione in cui si trovano i divorziati, del fatto che la Chiesa cat-
scere la vera storia, i fatti realmente accaduti per potersi inna- tolica nega loro la Comunione se si sposano civilmente, per indur-
morare del loro Paese e nutrire sani ideali di fraternità universa- li ad entrare nelle loro chiese ove il divorzio non ha alcun peso,
le. neppure per chi ne è colpevole.
Caro Direttore, La stimiamo tanto e preghiamo affinché i suoi Concludo che in questo modo hanno ingannato una mia nipo-
te poco più che adolescente, sino a quando non siamo riusciti i
libri siano sempre frutto della luce dello Spirito Santo. Grazie.
familiari a farle toccare con mano la trappola in cui era caduta.
Con affetto. Ma mi chiedo e Le chiedo: esiste un’azione pastorale precisa
Giovanni e Maurizia Marcandalli per impedire che non pochi cattolici lascino la fede cattolica per
Trezzano Rosa (MI) farsi protestanti e per cercare le pecorelle smarrite affinché rien-
trino nell’ovile? Penso che Gesù ne sarebbe contento; ed io, pur
Carissimi Giovanni e Maurizia, nella mia pochezza, lo faccio per questo.
auguri cordialissimi, fecondati dalla preghiera, perché Grazie. Con affetto in Gesù e Maria.
la vostra giovane famiglia possa essere profondamente cri- Massimiliano Scalici
stiana come quelle dei tre uomini che misero le basi della Sciacca (AG)
nuova Europa. Caro Massimiliano,
Oggi abbiamo bisogno di uomini politici di quella tem- grazie della tua testimonianza per l’interesse che dimostri
pra: profondamente cristiani, formati e radicati nella dot- per impedire che ingenui cattolici possano abbracciare l’e-
trina sociale della Chiesa, liberi dai condizionamenti delle resia protestante o di altri sedicenti religioni, ed ancora per
ideologie; uomini di preghiera che sappiano trasfondere recuperare le pecorelle smarrite. È un’opera altamente
nella società quei valori umani e cristiani che renderebbero importante e meritoria.
più giusta e sana l’umanità. A tal fine la vostra lettera è un Purtroppo è un gravissimo problema che mi sembra non
piccolo grande contributo a far sì che rinsaviscano coloro sia all’ordine del giorno dei burocratici piani pastorali delle
che, sotto la copertura cattolica, fanno i politici senza quel- nostre diocesi. Gesù, buon pastore, conta le sue pecorelle;
la formazione di cui Schuman, Adenaur e De Gasperi det- noi non le contiamo. Egli le conosce una per una; noi le
tero testimonianza esemplare. conosciamo... all’ingrosso. Egli si accorge che ne manca 1;
Con l’occasione i lettori sappiano che, se i libri citati non noi non ce ne accorgiamo neppure se ne mancano 99. Una
li trovano nelle librerie, possono richiederlo a l’indirizzo de pecorella per Lui è un grande tesoro, costato il suo Sangue
La Via. versato sulla Croce; per noi no: una più una meno... E dor-
Un bacetto e una benedizione ai vostri due bimbi. miamo sonni tranquilli.
Cordialmente. Voglio sperare che il tuo richiamo serva a qualcuno e a
IL DIRETTORE qualcosa. Cordialmente.
IL DIRETTORE
39

ATTENZIONE: L’INSIDIA PROTESTANTE fuori strada, ora pare che si siano messi in carreggiata». E così per
ANCHE NELLE LIBRERIE SAN PAOLO anni ho ricevuto le suddette riviste, inviando annualmente il mio
contributo.
Caro Direttore, Ora scopro che i «Dehoniani» hanno il deposito e distribuisco-
Le scrivo per porre alla sua attenzione un fatto di alcuni anni no in tutta l’Italia i libri e le pubblicazioni dell’editrice protestan-
fa. Volevo comprare un libro di «concordanze bibliche» e mi recai te «CLAUDIANA».
nella libreria delle Figlie di San Paolo di Palermo. Fra i testi che mi Io penso che questi sacerdoti non siano in sintonia con lo spi-
furono proposti dalla suora, ne scelsi uno che mi sembrò adatto rito e il carisma del Fondatore, tanto meno col «Sacro Cuore di
alle mie esigenze. A casa, leggendo la presentazione del libro, mi Gesù», di cui portano il nome.
resi conto, con mia somma sorpresa, che si trattava di una pub- Sono veramente scandalizzato e nauseato; e ciò che più mi
blicazione protestante. meraviglia è il silenzio dei Vescovi, soprattutto di quelli che hanno
Allora ritornai nella libreria, che avevo scelto proprio perché nella loro diocesi un punto di distribuzione dell’editrice prote-
cattolica (a Palermo infatti vi sono altre librerie laiche che ven- stante sponsorizzata attivamente dai Dehoniani.
dono anche articoli e libri religiosi), e dissi alla suora che mi aveva La prego, caro Direttore, di intervenire presso i vertici eccle-
proposto il libro che volevo restituirlo. Mi rispose che lo avevo siastici diocesani e nazionali per tentare di bloccare questa ambi-
scelto io, che mi era piaciuto, e quindi dovevo tenermelo. Però, gua e deleteria situazione, che ormai si trascina da anni senza
dopo la mia insistenza, si convinse e me lo cambiò con un libro di che nessuno intervenga.
sinossi. Da parte mia ho già chiesto alla Direzione dehoniana di
Visto che tutto ciò è successo qualche anno fa, in questi gior- depennare il mio indirizzo dai loro tabulati.
ni sono ritornato nella stessa libreria e ho notato che ancora oggi La ringrazio e La saluto distintamente.
vengono regolarmente venduti libri protestanti: tengono moltissi- Silvano Mosele
mi libri dell’editrice Claudiana, protestante, che ha sede a Torino. Vigasio (VR)
Da questa constatazione devo dedurre che vendano anche altri
libri di autori in aperta opposizione al Cattolicesimo; libri che Caro Silvano,
vengono acquistati da persone che, avendo fiducia nelle suore, sappi che, ricevuta la tua lettera, ho scritto il 22 febbraio
sono convinte che quella sia la voce della Chiesa. scorso al Superiore Generale dei Dehoniani riportando let-
A questo punto, caro Direttore, mi chiedo e Le chiedo: 1. È teralmente il tuo pensiero. Ho aggiunto: confesso che
questo ecumenismo, o semplicemente una scelta economica? 2. anch’io ne sono turbato, preoccupato e meravigliato,
Oggi noi laici cattolici siamo assediati da frotte di falsi profeti che soprattutto dopo aver letto sull’Osservarore Romano (20
vogliono strapparci la fede cattolica, l’unica vera: non è missione
dei religiosi di difenderci istruendoci con la parola e i mass media?
febbraio) l’articolo sul vostro fondatore: «Padre Leone
San Francesco d’Assisi nel capitolo XIX della Regola non bolla- Dehon, apostolo del divino Sacramento».
ta (sono terziario francescano) scriveva: «Tutti i frati siano catto- Ancora, sino al momento di andare in stampa, non ho
lici, vivano e parlino cattolicamente». ricevuto risposta alcuna.
Grazie dell’attenzione. Mi suggerisci di intervenire presso i vertici ecclesiastici.
Giuseppe Mazzotta L’ho fatto e lo faccio intanto mediante la rivista, ed ho scrit-
Palermo to e protestato anche personalmente. Anche tu l’hai fatto.
Caro Giuseppe, Continua a farlo, e lo facciano pure i lettori che amano
quello che scrivi è penoso e preoccupante perché l’insidia pro- veramente Gesù Cristo e sono gelosi della loro fede. Lo fac-
testante ce l’abbiamo in casa nostra; tanto più che è risaputo che ciano presso i loro Vescovi e presso le istituzioni, di cui
sacerdoti, religiosi e religiose della Famiglia Paolina hanno la riporto gli indirizzi. Cordialmente.
missione di diffondere e difendere il genuino messaggio evangeli-
co nella fedeltà a Cristo e alla Chiesa. Don Alberione, tanto sti-
IL DIRETTORE
mato e venerato da Paolo VI, viene così tradito, e con Lui i buoni
cattolici, la Chiesa e Gesù Cristo. INDIRIZZI UTILI PER LE PROTESTE DI CUI
Il vero ecumenismo è quello di San Francesco da te citato, il SOPRA: 1. Card. Camillo Ruini - Conferenza
quale, vivendo e parlando cattolicamente, ha dialogato con tutti, Episcopale Italiana - Circonvallazione
si è reso fratello di tutti, e affratella ancora oggi tutti, nella chia- Aurelia , 50 - OO165 ROMA - 2. Card.
rezza della professione di fede di ciascuno. Eduardo Martinez Somalo - Congregazione
Per le Famiglie Paoline di don Alberione dobbiamo pregare Istituti di Vita Consacrata - Piazza Pio XII -
affinché prevalgano le correnti fedeli al suo carisma, poiché mi 00193 - 3. Superiore Generale Società San
risulta che non tutti e non tutte sono favorevoli a questo anda- Paolo - Via della Fanella, 39 - 00148 ROMA
mento. Si possono segnalare tali situazioni ai Vescovi, ai loro - 4. Superiora Generale Figlie di San Paolo
superiori, alla Conferenza Episcopale Italiana. I laici gridino la
- Via San Giovanni Eudes, 00144 ROMA - 5.
laro fedeltà a Cristo e alla Chiesa e denunzino chiaramente le
deviazioni che scoprono in luoghi e in persone che un giorno Superiore Generale Sacerdoti del S.
erano sicuri. Cuore di Gesù (Dehoniani) - Via Casale San
Tu, caro Giuseppe, puoi fare un esposto, possibilmente con Pio V, 20 - 00165 ROMA.

Grazie,offerte
amici!
altri laici, al tuo cardinale Arcivescovo, che è certamente interes-
sato alla difesa delle sue pecorelle.
Preghiamo ed agiamo soprattutto quando l’insidia della nostra
fede ce l’abbiamo... in casa.
Coraggio e determinazione!
per La Via
IL DIRETTORE € 30,00: Giuseppe Sicilia (Agrigento), Filippo
Bonanno (Casteltermini), Giuseppe Cortese
ANCHE I DEHONIANI, OSSIA I SACERDOTI (Ribera), Diego Martorana (Racalmuto), Nunzia
DEL CUORE DI GESÙ, IMPEGNATI Rovella (Palazzolo Acreide), Giuseppina
NELLA PROTESTANTIZZAZIONE DELL’ITALIA Pandolfi (Ribera) - € 10,00: Sarullo Di
Stefano Maria (Campi Bisenzio), Stefania
Caro Direttore, Alletto (Ribera), Massimiliano Scalici
qualche anno fa un sacerdote vedendo che mi arrivavano alcu- (Sciacca), Rosario Falsone (Sciacca), Pasquale
ne riviste dei «Sacerdoti del Sacro Cuore di Gesù», meglio cono- D’Amato (Legnano), Margherita Contrino
sciuti come «Dehoniani» (da Padre Dehon, loro fondatore), mi (Favara), Rossana Di Vita (Agrigento), Felicia
mise in guardia dicendomi che «erano riviste da prendere con le Adamo (Sampieri) - € 25,00: Filippo Marciante
pinze»; ma poi si corresse dicendomi: «Un tempo erano un po’ (Sciacca), Biblioteca PP. Passionisti
40

(Alessandria della Rocca), Giuseppe Miliziano Arkansas dei Black Oak Arkansas: in questo disco si sento-
(Cattolica Eraclea), Angelo Butera no degli urli e delle parole incomprensibili che ascoltate
(Aragona), Comunità Cristiani nel mondo a ritroso dicono "Satan.. Satan.. Satan... he is God.. he is
(Favara), Giuseppe Di Marco (Favara), Diego God..." (Satana.. Satana.. egli è Dio.. egli è Dio..). -
Fasulo (Ribera), Suore Cappuccine Eldorado degli Elo: ascoltandolo a ritroso si potrà sentire
dell’Immacolata di Lourdes (Palermo), Rigon "He is the nasty one, Christ the infernal" (È lui il cattivo,
Bagarella Assunta (Villaverla) - € 5,00: il Cristo infernale). Sconcertante!!!
Alessandra Sabatino (Petralia Soprana), D'altro canto la musica Rock nelle sue varie forme
Silvano Mosele (Vigasio), Francesco Aronadio (hard rock, punk, heavy metal, dark, psicadelico, ecc.) è
(Palermo), Fabrizio Mocciaro (Palermo) - € sotto accusa anche per gli effetti psico - fisiologici in
76,00: Stefano Plescia (Piana degli Albanesi) grado di produrre a chi ne fa un uso sconsiderato ed
- € 50,00: Roberto Adami (Nera Montoro), incosciente. Si pensi, al tal proposito, ad una dichiara-
Carolina Piscopo (Agrigento), Piazza Francesco zione rilasciata dal gruppo dei Beatles: "La nostra musi-
Paolo (Roma), Vincenzo Gallo (Agrigento), ca è in grado di causare un'instabilità emozionale, un
Maria Guddemi Venturella (Ribera) - € 20,00: comportamento patologico, persino la rivolta e la rivo-
Lina Donzella (Ribera), Pasqualino Fusco luzione". In questa affermazione, in fondo c'è un qualco-
(Roccamorfina), Carmela Jacolino (Favara), sa di scientifico che in termini tecnici si esprime così:
Simone Scibetta (Campobello di Licata), "L'effetto di tale musica agisce sul liquido cerebrospina-
Michele Cocchiara (Ribera), Liborio Marturano le che, influenzando la ghiandola pituitaria, stimola la
(Ribera), Agata Agnello Genuardi (Palermo), produzione di alcuni ormoni creando così uno squilibrio
Vittorio Turco (Vallese), Casa della Fanciulla nel tasso d'insulina del sangue e nella produzione di
Boccone del Povero (Ribera), Serena Di ormoni sessuali e surrenali. Ciò provoca un notevole
Girolamo (Ribera) - € 15,00: Giovanni Tinto abbassamento della moralità”… con dei risultati facil-
(Aversa), Stella Gambino (Palermo), Rosalia mente immaginabili!!! Gli effetti psicologici sono pure
Nobile (Favara), Domenico Leto (Ribera), più gravi di quelli fisiologici e sono i seguenti: induzio-
Giovanni Di Liberto (Casteltermini) - € ne di frustrazioni e violenza incontrollata; sovra-eccita-
100,00: Giuseppe Gennaro (Sciacca), Renato zione che conduce ad euforia, isteria e suggestionabilità;
Binanti (Palermo), Alessandro Peralta (Ozieri) serie anomalie della memoria e di altre funzioni cere-
- € 56,00: Giacomo Catalano (Palermo) - € brali; stato ipnotico; tendenza suicida od omicida. È
26.00: Conferenza San Vincenzo (Favara) - € ovvio che tali disturbi compaiono in proporzione alle
40,00: Francesco Sciortino (Agrigento), - € ore ed al volume di ascolto della musica stessa.
45,00: Lillo Firetto. Infine mi sento di affermare che, in base alle varie
correnti, tipologie e origine del pensiero musicale pro-
prio di ogni produzione, non si può, come si suole dire,
ROCK: messaggi subliminali far un fascio di tutta l'erba e condannare in blocco tutta
la musica rock che pur rappresenta momenti importanti
e danni provocati del vissuto dell'uomo.
La musica Rock fu creata da Little Richard intorno al
Stiamo parlando dei messaggi subliminali che si tro- 1951 elaborando una serie di colpi regolari combinati
vano inseriti in alcuni brani della musica Rock. I mes- con dei ritmi sincopati. Il nome gli fu però attribuito da
saggi subliminali possono essere visivi, o verbali, ed Alan Freed utilizzando un’espressione popolare, usata
entrano in noi in modo assolutamente inconscio. nei ghetti americani per descrivere i movimenti di un
Subliminale, significa infatti "sotto il livello", quindi particolare rapporto sessuale… Un significato, questo,
sotto il livello cosciente del nostro cervello. Questi mes- che già lascia pensare!
saggi rappresentano un serio pericolo, poiché sono in Dal Soft Rock dei primi anni del neonato genere, tra-
grado di istigare scelte, comportamenti e pensieri mal- mite un’intensa ricerca nelle tribù africane, negli ambien-
sani. Infatti, in alcune parti del mondo, questi messaggi, ti del Voodù (stregoneria) ed i ritmi dei vari riti oscuri e
subdoli ma persuasivi, sono stati proibiti in tutte le atti- tormentosi, macabri e misteriosi dell’Africa nera, si è
vità pubblicitarie, cinematografiche, della stampa e giunti all’Hard Rock (rock duro), il cui scopo primario
della televisione. Nelle produzioni musicali, soprattutto consiste nell’esasperare il sistema nervoso degli ascoltato-
rock, invece, sono stati scoperti vari e clamorosi casi ri, paralizzarne i processi della coscienza e provocare
davvero allarmanti. Le tecniche impiegate per installare effetti fisiologici di eccitamento anche sessuale.
un messaggio subliminale sono molte: da suoni così Ecco alcuni suggerimenti per aiutare il lettore, ben
bassi da non essere udibili a messaggi registrati in senso intenzionato, a meglio orientarsi nel caso intendesse
inverso; da luci che si alternano con studiata intermit- acquistare della musica di questo tipo ma evitando di
tenza a simboli posti in modo strategico sulle custodie di incorrere in acquisti di materiale cattivo, prodotto a
cd e cassette; con una calcolata frequenza dell’intermit- scopo malvagio n° 1. osservare le figure proposte sugli
tenza della luce al secondo, ad esempio, si ha la perdita astucci dei dischi e delle cassette considerando se esse
della sensazione della profondità o addirittura della offendono la nostra dignità di esseri umani e di cristia-
capacità di concentrarsi. Nel caso dei dischi di musica ni; n° 2. chiedersi inoltre quali sono le motivazioni,
Rock, i messaggi scoperti, sono stati inseriti "al contra- esplicite o implicite, di chi le propone; n° 3. leggere o
rio", ovvero si possono udire soltanto facendo girare il ascoltare le parole della canzone facendo attenzione al
disco al contrario o registrando il brano su nastro e tipo di messaggio che esse propongono od approvano;
facendolo poi scorrere in modo che proceda dalla fine al n° 4. informarsi sugli autori, la loro vita ed il tipo di
principio. Ecco alcuni clamorosi esempi di messaggi ideologia a cui si conformano.
subliminali contenuti in brani, anche piuttosto celebri di La musica, come altri mezzi di espressione, viene a
altrettanto celebri autori: - Starway to heaven dei Led volte strumentalizzata da menti malvage al fine di rag-
Zeppelin: ascoltandolo a ritroso si potrà sentire "I have giungere i propri obiettivi: infatti è sempre l’uomo a
got to live for Satan" (Io devo vivere per Satana). - guastare anche ciò che per natura è bene, creando il
Revolution number nine dei Beatles: ascoltandolo a ritroso male. Mi diceva qualcuno, una volta: Hai paura dei morti?
si potrà sentire "Turn me on dead men" (Eccitami ses- Ma no, devi averne dei vivi! Il più feroce tra le bestie, ormai si
sualmente uomo morto). - Killers dei Queen: ascoltando- sa, è proprio l’uomo, quando mette la ragione a servizio dell’i-
lo a ritroso si potrà sentire: "Start to smoke marijuana" stinto.
(Inizia a fumare marijuana). - When electricity come to Alessandro Savona