Sei sulla pagina 1di 126

EUMMHFEDENW

G. Mmmm, Un .-fimrifm ram:-flrfl,


f GABRIELE AMORTH
E. Tfi.I1D1F, Cristo Geszì ëpresenre.

.r
EDIZHIINI DEHCJNIÄNE EULOGNA

"I-.
Dšffmƒerrflfmfl eciffiiafie matan 211300

Della stessn auture:


Nuüvì raccünü di un Esürcìsta (»5'" ed.)
Esurcìsü E psichiatrì (2“' ed.) _L-li 1I- i-_±I

I
Lìberací dal male U3" ed.) |

Padre Pin: fede, suffflrcnxa, amare


I-
PRESENTAZIONE
La ìuttfl cun Lrü il maligna {v*áf1Eeur;cr.ss.-ftta)
Spìrìtìsmn e vita 1:-ILFE ha marte flvãdsomssflfraj

Can mnítfl píacfrfi premfitrfl qualfihfi nssmfmzíune per
predíspnfre mïa Efittura df-ri ¿ibm dá ¿inn Gabrieí.-ff
Amürth, da vf:mÍ flnni más vafidü ninfa ne;-El míflístfiü dí
fisurfrásta. A501.-mi epísfldá qui npufrtatá sana st-Mi víssufí
insieme fi* íflsifim abšfiamu mi:-nfiiíuísu ¿-2 pfeuccupazíflflí,
leƒatácke, le sparaflze in ¿ninfa ¿I taflrfi pfirsuna sflƒfefrfinfil,
:Ike hannflƒmïtu fícafsfl ¿I nui.
Ífëdu ƒïrrflpfifir mn ¡tlíacerf la pubblifrflzíufle dá queste
pagiflfi anche pfmthé, in que.-:tí ultimá decfinní, benfihé si
sia scréitfl mmftfl un pu' in :tutti á camp-á deíí.-11 tsuiflgia E
delfa mami@ cattüfáfia, if tema degli Esüfmfsmi É ¿tata
prfissüché dim-nticatfl. Ffrfrse é per ques!!-:1 scarsitfi ¿ii sm-
dí H di ántaressi fike, ¿zmrura flggi, Funí-sa parte del
Ritflaäe ¿he ama-ra nun É staff: clggíflm-mía sfififlndü EH
In .-::1fae*1f'E'.i1f1-11.' Giuttü, 11€-flcfïrífltrl cffi demflflí cflcråfla Citi-Jì dí .=1†'E,1zn›› dispflsizifl-ni pnstcflmf-¿Hari É prupflu queiia che ríg*¿¿r1frd¢-I
{p:;1rl;i±-:ularej -Aasisì, Basílica di S. Franca-scü. gíi esufcísmi.
Eppu-re é grand@ Fiflxpufrtfxflm del ministfm di «cac-
niure í demum`Í››, qu-Me risnlfia dai Vuflgfifi, dm'í'flpHra
II@ ÉUUÚ Cflntrü frditürialfi dt-ht:-nianu degli Apostfllá, ¿í.:'.l:Z¿.-¿I stufrífl dfiiífir Chiesa.
ïia Nusadfilla, 6 - 40125 Bulugna Quafldü S. Pãetrfl fu cflndfltta, per uflïspimzánflfi
ISBN BS-IU-52 ].Úl-3 Sojïfflnflfltuffflíf?, nëiåa caia del -iäntmiüne Cofnffín pm
Srampa: Tipügrafia "S±'1n Paulcr" Andria (Ba) ÉUUÚ anflunfliare la fede flristianfl: fx qual primo maflipøíu dá

5
gentiíi, egii per eiirnasirare che Dia era nata aeranienie ciiia e caneideraia nn daaere e ana crfirn.aet-raiziane eii sag-
can Geaiì, aattaiinecì in niacia ¿niña particaiare ia airiii geniza. La aiiifnra canteniparanea, ne! ana canipleaaa,
che egli aaeaa inanfieatata nei ¿iaerare gíi aaeessi dai caneidera nnïüfnaiane :ia epacfie pri-.rnitiae Z“aitri¿raire
deniania (Cjl Afíi 10,1-33). Ii Vangeia ci pafria eƒieaaa, ad agenti diaerai ¿ia aneíii .-:ii aniine natiiraie la cansa
can narraaiani canerefe, dei ¡fiaiere .nraardinaria che dei jfenanieni che accadana interna a nai.
Geeiì diniaatra in aneafa caniƒia. Se, nel inanafare if E eaiciente che Papera del raaiigna aiene enarineraente
Figfia Unigeniia nef manda, ii Padre aaeaa aanta faciiitata ¿ia questa ¡fmeea di paeiziane, apecialniente in
Fintenta ¿ii parre fine al regna ienebraaa ¿ii Satana ananta eaaa e cana'iaiea ¡frrapria ria caiara che, per ii Zara
¿ragii nainini, quaie :Inada ¡aiii eiaqnenie aareaae patata niinieiera, aareabena ii campita e ii paiere ¿ii inierafirgii ia
aafqaerare Naeira Signare ¡aer diinaserarla? niafefica aftiaita. Baaandaai inaece salia Sacra Sariitn-
I iiari santi ci ga-raniiecana che Satana eipnnie ii ana ra, :niiia ieaiagia, snflìeejieirieiiza anaíiaia-na ci aareabe
patera en! inanda anche sarta farrna eii aaeeeaiani fiaiche. cia penaare anche aggi ai pasaefiiiti cial cfiaaaia carne ad
Tra ie patestcl che Geaiì 'aaiie traenietiere agii Apa- ana le-giane ¿ii injeiici, a faaare dei qaaii ía ecienza pita
eiaíi e ai ¿ara ancceeeari, pase ripetaie aaite in e-aidenia ben peca, anche ae nan ía aanfeeiafrancaniente. Diagna-
aaella aii acacciare i dmani (C_;'. Mattea 10,3; Marca eticare prndentenienie ana damanapatìa _ casi ei
pairebbe chiainare agni caffiaa inflnenza diaaaiica _
3, 15; La-ca 9,1).
nan e, neiía niaggiar parte dei caen', iinjnaaiiaile ¿aer chi
Se para Ieiciia perineiie che afiaani ajrerirneiitina iieiie
aappia tener canta cieiia aintaniataic-gía ¿~!;›1t›¿-*ìrifia in aiii ai
aeaaaiiani diaaaíicfie, ii ha tiittaaia ¡araaae-:inii di
manifeata ¿Í 'arafinaria I 'aaiane denianiaca.
patenii ainii di aaria genere. Egii ha ninniia Ia Chiesa
Un niale eii arigine cieinaniaca, anche ae dappaca, ai
di paieri aacranienfaii aaaai eficaai per questa biaagna.
rnaitra refrattaria in nianiera eirana ací agni fannaca
Ma anche, canira qneaia nefaneia aiiiaiia aïi Saiana, cainnne; nientre inaii graaiiiiini, ginciicaii ancha :rnar~
Dia ha elena carne antieiata permanente la Veirgine San- taii, si aiiennana raieferiasanieniejina a ecaneaanre del
tiaeinia, ¡aer enel! 'inirnicii-:ia che egíi aanci fin da-fi 'ini- intra, in eeguita a eacca-rei di ardine jmranienie reiigia-
zia fra i cine aaaereari. (Si aeda .ni questa arganienta: ea. Inaii-re fe aitiirne di ana apiriia rnaíigna si aedana
Candida Amantìnì, H iniatera ¿ii Maria, Ed. Deha- carne peraeguitaie da ana cantinna inaia aarte: Ja farra
niane, Napalì - r1dr}. aiia e` nn seguiia di diagfrazie.
La niagiaranza ciegii aariiifari canternparanei, nan Mafti etneiiaei ei dedicana aggi alía aiiiciia iiai fana-
eacliici i teaiagi catialici, par nan neganda Feeiaienza di ineni carriepanaenti a qneiii che si aenficana nai aagget-
Saiana e degii airri angeíi riaefli, sana praperiei a enii~ ii denianajaaiici, dei qnaii ricanaacana francamente
nnire Fentiteì deila lara inflnenea sniie case iirnane. Faggettiaiia faari dei narinaie, e per qneera ii hanna
Traiiandaei pai di inflnenia in cainpa fi:-rica, ii iiieare- aƒiecijicaii acieniificaniente cai' ferinine di paranarma-
B .
7
li. Nai nan neghiarna rninirnanienie i pragreaai cieiia
ecienra; ina e canera ia reaiiii, cia nai cantinaanienie
aperinieniaia, iiinderai che ia acienaa pasea apiegare ini-
ia e 'aaier ridarre' aghi inaie aiie eaie canee nainraii.
Sana hen pachi gli aindiaai che penaana aerianienie
aiia ¡aaesihiiii-si eii inirainiaaiane di paienae eairanee, iniei-
iigenii ed incarparee, anaii canse di ceriifenanieni. Scar- INTRÚDUZIUNE
ea e anche ii nninera di inedici che, nieaei pare ciaaanii a
eaai ali inaiaiiie can ainia-rnataiagie acancerianii e can
Quanda il card. Ugn Pc-letti, Vicarin del Papa
risaiiaii ciinicainenie inepiegahiii, si pfraepeiana serena-
inenie i 'eaeninaiiiri di aaere ci chefare can dei paaienii (ii
nella dinceai di Rama, mi cnnferi irnprnwieamen-
te la facnltå di eearciata, nan pensara a quale
aneefaiira genere. Main' ira canfara ai appeiiana, in eiini-
ininienan manda avrebhe apertn alla inia cana-
ii cari, a Freud canie ai prapria geraƒanie. Per anenfa pera
acenza c a qnale atnala di perenne aarebbe accc.-r-
aaaenie ririncana qneaii diegraaiaii in candiiiani ancara
an al rnin miniatern. Per di piü liincaricn rni fu
peggiari,' rnenire ia lara apera, in accania can gneiia eii inizialniente cnnferita in ainta a P. Candida
an eacerdaie eearcina, paieaa riiniiiare anche in qnei can Amantini, paaainniera aanai nata pcr la ana eape-
granrienienie benefica. rìenaa di eanrciata, che facera accnrrere alla Scala
Ii iihra di dan Ainarth can areaiiri, can chia-reina, Santa bieagnaai da tutta Italia e apeaan anche
pane ii ieiiare aïireiiarnenie a caniaiia can i'a.iiiaii-si dalfeatern. Questa ë atata per rne una graaia vera-
deifesarciaia. Anche ae i'a¡bera regae nn fiia iagica di aai- rnente grande. Una- nan diventa eaarciata da
inppa, nan si ferina a prenieaae ieariche (eaiaienaa dei enla, ae na-n can grandi difficalta e a preazn di
deniania, paeeihiiiiri deiia paaaeaaiane fisica ecc.J, ne' a ine'-ritabili erra-ri a dannn dei fedeli. (Iredn che P.
canciianani daiirinaii. Pneferiace che aiana i farii a ¡haria- Candida era Fnnicn eecrrciata al rnanda ca-n 36
re, panenda ii ieiiare di ƒranie a aneiia che nn ecarcieia anni di esperienaa a teinpn pienn. Nan pateva
aede ed apera. Canasca qnania :diana a aaare aiiiriniare avere un maestra niiglinre e la ringrazin per
gii naniini di Chiesa, depa.-¡iiari pnaiiegiaii dei paiere Finfinita pazienaa can la quale ini ha am-'iata a
canferiia cia Crieía, di cacciare i de:-'nani nai aaa narae. qneatn niinietera, nina nnnvn per rnel '
Canfiria perciri che queria iihra pana fare tania dei hehe e Feci anche un'altra acnperta. Che di een-rciati
.iia ¿ii apfane ad aiiri eindi nella aieeea direaiane. in Italia ce n`eranc| ben pnchi, e di preparati
pachiaeirni. Ancnra pegginre e la aitnaaia-ne in
P. Candida Arnantini altre naaiani; per cui rni anna trnvatn a benedire
Rania, 29' giagna 1990 perenne venute dalla Francia, da11'Auatria, dalla
.|

B 9
Gerrnania, dalla Svizzera, dalla Spagna, da1l'In- data a lara in esclusiva:_ sala lara passana eserci-
ghilterra, dave -- a detta dei richiedenti - nan -I!
taria a narninare esarcisti.
erana riusciti a travare un esarcista. Incuria dei Carne e nata questa libra? Dal desideria di
vescavi e dei sacerdati? Vera e prapria incredulita niettere a dispasiziane di quanti sana interessati
sulla necessita e sulfcffìcacia di questa rniniste- a questa argarnenta il frutta di nialta esperienza,
ra? In agni casa 1ni sentiva avviata a svalgere nn pin di P. Candida che rnia. Il rnia intenta e di
apastalata tra pcrsane grandemente safferenti e affrire un servizia in prirna luaga agli esarcisti e
nan carnprese da nessuna: ne dai faniiliari, ne a tutti i sacerdati. Infatti, carne agni rnedica
dai niedici, ne dai sacerdati. generica deve essere in grada di indicare ai suai
La pastarale in questa settare aggi, nel rnanda pazienti qual e la specialista a cui debbana even-
cattalica, e del tutta trascurata. Nan era casi in tualmente ricarrere (nn atarina, un artapedica,
passata e deb-ha ricanascere che nan e casi in un neuralaga...), casi agni sacerdate deve avere
al-cune canfessiani della rifarma pratestante, in quel rnininia di cagniziani da capire se una per-
cui gli esarcisnii si fanna can frequenza e can sana necessita a na di rivalgersi a un esarcista.
frutta. Úgni cattedrale davrebbe avere l'es-arcista, Aggiunga un altra niativa, per cui vari sacer-
canie ha il penìtenzìere; e tanta piu nurnerasi dati mi hanna incaraggiata a scrivere questa
davrebbera essere gli esarcisti quanta piü grande libra. Il Rituale, tra le narnie dirette agli esarci-
e il bisagna: nelle rnaggiari parracchie, nei san- sti, raccarnanda lara di studiare ernalti utili dacu-
tuari. inenti di pravati autaris.
Invece, altre alla scarsita del nurnera, gli esarci- Ma quanda si cercana libri seri su questa arga-
sti sana nial visti, canibattuti, stentana a travare menta si trava ben paca. Ne scgnala tre. C'-e il
aspitalitii per esercitare il lara niinistera. Si sa che libra di rnans. Balducciz Il' diaaaia (Piernnie
gfindemaniati talvalta urlana. Questa hasta per- 1988); e utile per la parte tearica, nia nan per
che un superiare religiasa a un parraca nan quella pratica, in cui e carente e cantiene errari;
vaglia esarcisti nei suai lacali: il quieta vivere, evi- l'autare e un dernanalaga nan un esarcista. C-'e
tare qualche brantalarnenta vale piü della carita il libra di un esarcista, P. Mattea La Grua: La pre-
di guarire i passeduti. ¿änche il sattascritta ha ghiera di iiheraziane (Herlaita, Palerrna 1935); e un
damta fare il sua calvaria, benchë assai rnena di valurne scritta per i C-ruppi di Rinnavamenta,
altri esarcisti, piiï ineritevali e piü ricercati. É una can la scapa di guidare le lara preghiere di libe-
riflessiane su cui invita saprattutta i vescavi, che raziane. Marita rnenziane anche il libra di Renza
nei nastri tempi hanna talvalta scarsa sensibilità a Allegri: Cranisia aifinferna (Mandadari 1990);
questa prablenia, nan avenda rnai esercitata que- nan e una studia sistematica, nia una raccalta di
sta rninistera. Si tratta invece di un niinistera affi- interviste candatte can estrerna serieta e che nar-
Iü 11
rana i casi-liniite, i piü inipressiananti, sicura- schiacciargli il capa, henedica questa lavara, frut-
inente veri, nia che nan rispecchiana la casistica ta di un'attivitã estenuante, che svalga fiduciasa
ardinaria che deve affrantare un esarcista. nella prateziane del sua nianta niaterna.
Iii canclusiane nii sana sfarzata, in queste Aggiunga qualche asservaziane a questa edi-
pagina, di ccilrnare una Iacuna e di presentare ziane anipliata. Nan preveclevci che la diffusiane
1 argaiiienta satta agni aspctta, pur nella lirevita del libra sarelihe stata casi vasta e casi rapida da
che ini sana prelissa per patcr raggiungcre un richiedere in paca tenipa il succedersi di nuave
iiiaggiar nurnera di lettari. Mi riprapanga ulte- ediziani. E una canfernia, a niia parere, nan sala
riari apprafandinienti in altri libri e spera che dell`interesse dell'argainenta, ina anche del fatta
altri scrivana can cainpetenza e sensibilita reli- che attualniente nan esiste nessun libra, pressa i
giasa, in iiiacla che Farganienta sia trattata can cattalici, che tratti degli esarcisini in ¡nada cain-
la davuta ricchezza che nei secali passati c`era in pleta, anche se brcveniente. E questa nan sala in
canipa cattalica e che ara si trava sala in canipa Italia, rna in tutta il nianda cattalica, E un data
pratestante. significativa e penasa, che deiiuncia un inspiega-
Dica anche suhita che nan rni ferina a dinin- bile disinteresse a, farse, autentica incredulitii.
strare certe verita che suppanga acquisite e che in Ringrazia dei tantissinii elagi ricevuti, delle
altri lil:-ri hanna gia sufliciente trattaziane: 1'esi- espressiani cfappravazìane, specie da parte di
stenza_ dei deniani, la passihilità delle passessiani altri esarcisti, tra cui la piii gradita e stata subita
diahaliche, il patere che Crista ha data di cacciare quella del niia “inaestra", P. Candida Aniantini,
i dernani da parte di calara che crcderanna al che ha ricanasciuta il inia libra caine fedele ai
niessaggia evangelica Sana veritii rivelate, chiara- suai insegnanienti. Nan ini sana giunte criticlie
rnciitacaiitenute nella Bilihia, apprafandite dalla tali da daver appartare niadifiche; percia in que-
tealagia,_castanteinente insegnate dal inagistera sta nuava ecliziane ha aggiunta sala ainplianienti
della Chiesa. Ha preferita pracedere altre e fer- che ha stirnata significativi per una niaggiare
inarnii su cia che e inena nata, sulle canseguenze cainpletezza del teina trattata, rna nan ha fatta
pratiche che passana essere uuli agli esarcisti e a carreziani. Pensa che anche le persane a le cate-
c1_uanti desiderana essere infarniati su questa inate- garie su cui ha avuta a ridire ahbiana canipresa
ria. Mi si perdanera qualche ripetiziane su cancetti la retta intenziane delle inie asservaziani e nan
fandainentali. se ne siana affese. Ha cercata di rendere un ser-
Che la Vergine Irnrnacalata, neniica di Satana vizia a piii ainpia raggia, resa passihile dalla
dal priina annunzia della salvezza (Genesi 3,15) stanipa, canie nella niia attiidtii cerca di rendere
fina al canipiinenta di essa (Apacalisse cap. 12) e un servizia agni giarna, a quanti ricarrana al
unita al Figlia nella latta per scanfiggerla e per niia niinistera di esarcista.
12 13
Di tutta renda grazie al Sìgnare. Mi si cansen-
ta unïilteriare aggiunta, in -accasiane della deci-
ma ediziane (1995). Deblia ricanascere che in
questi ultimi due anni qualcasa e camhiata: sana
usciti impartanti dacuinenti vescavili, sana
aunientati gli esarcisti, vari vescavi fanna esarci-
srnl, Iltlcivl libfi si sarta aggiuliti ai rni-el. Qtlal-casa
si sta muavenda. Nan me ne attribuisca il merita, csisiriiscirii iii cs-isTa
ma segnala i fatti.
Cancluda can un cammassa ricarda di P. Can-
dida *Amantini, che il Signare ha chiamata al pre- Pinche il demania e una creatura di Dia. Nan
mia il 22 scttembre 1992. Era il giarna del sua si puc: parlare di lui e degli esarcismi senza pre-
üflülììhällfiül .Etl II'_ÍüI".lf-I`3.l1¬E.'llÍ Elìtì' pürgflï;-ing mettere, almena in farnia schematica, qualche
H1.1gLl1"`1 (`ll5SE SÉ.'l"[lPllCElTlE'I"l['E¦ al-Ir) [hifi-¿tg H 5_ cancetta base sul piana di Dia nella creaziane.
Candida che aggi mi faccia un regala». Nan direma certa nulla di nuava, ma farse apri-
Nata nel 1914, entra a 16 anni tra i Passianisti. rema a qualche lettare praspettive nuave.
Prcifessare di Sacra Scrittura e di Marale, si pra- Trappa spessa siama stati abituati a pensare
diga saprattutta nel ministera di esarcista, per 36 alla creaziane in mada errata, si da ritenere
anni. Riceveva anche E0-80 persane agni mattina,
scantata questa falsa successiane dei fatti. Si pen-
nascandenda la stancliezza dietra un valta sarri-
dente. I suai cansigli risultavana spessa ispirati. sa che un bel giarna Iddia abbia creata gli ange-
Di lui P. Pia disse: eP. Candida e un sacerdate li; che li ahbia sattapasti ad una prava, nan si sa
secanda il cuare di Dias. bene quale, e dal risultata di essa sia nata la divi-
Il presente libra, a parte i difetti a nie davuti, 'siane tra angeli e demani: gli angeli premian in
resta a testimaniare la sua esperienza di esarcista, paradisa, i deniani puniti nel1'inferna. Pai, un
a vantaggia di quanti sana interessati al1'arga- altra hel giarna, si pensa che Iddia ahhia creata
menta: questa una dei mativi per cui l`ha scrit- 1'universa, il regna minerale, vegetale, aniinale e
ta e fui lietissiina del sua giudizia, circa la fedeltà inline, l'uama. Adama ed Eva nel paradisa terre Ú-

alla sua lunga esperienza, stre peccarana, ubbidenda a Satana e disalihe


dende a Dia. A questa punta, per salvare Fuma-
Dan Gahrieie Arnarih nita, Iddia ha pensata di inviare sua Figlia.
Nan e questa Finsegnamenta della Bibbia e
nan e questa Finsegnamenta dei Padri. Can una
14
I
“ is
simile canceziane il` manda angelica * e il- creara
restana cstranei al mistera di Crigiü Si 1 Una secanda riflessiane va fatta sull'influenza
invece il Pralaga al Vangela di Ciavanni Fšga cli Crista sugli angeli e sui demani, Sugli angeli:
_ _ , _ e si e - alcuni tealagi pensana che sala in virtiii del
gana i due inni cristalagici che aprana le Letteiì
agli Efesini e ai Calassc-si. Crista e il primagenita mistera della crace gli angeli siana stati ammessi
di tutte le creature' tutta e stata fatta per lu` ` alla visiane liieatifica cli Dia. lvlalti Padri scrivana
. . _ 1 1 e in affermaziani interessanti. Ad esempia leggiama
vista di lui. lilan hanna alcun sensa le discnegiüni
tealagiche in cui ci si chiede se Crista s bb in S. Atanasia che anche gli angeli delihana la
venuta sen ` - i
L _ . are e- lara salvezza al Sangue di Crista. Riguarda ai
¡il ll Pf-'fififlta di Adaina. E lui il centra demani, le affermaziani cantenute nei Vangeli
tdel creata
I . Cülili` che ricapitala
' - - se- tutte le crea-
in
ure. sana tante: Cristci can la sua crace ha scanfitta il
_q'j1ÉIlE_cE1f-`5t1 lfiflgeli) e quelle terrestri regna di Satana ed ha instaurata il regna di Dia.
(Uaniim). E invece vera aƒferniare che stanre la
c Dlpfl dm' Pfügfinïlüfl.
i - la venuta di. Crista ha Ad esempia, gli indeiriarliati di Gerasa esclaiïia-
assunta un ruala particalarer e venuta carne sal- na: s-:Che che tra nai e te, Figlici di Dia? Sei venu-
vatare. E il centra della sua aziane e cant t ta qui _a tarmentarci prima del tempa?=-i (Mattea
enu a
nel mistera pasquale: per inezza del sangne -.f;l._=,-11_›-,-1 8,29). E un chiara riferimenta al patere di Satana
sua che viene strancata da Crista pragressivamente;
(H crace
[_ ricanc*illa.
' H Dia
' ttitte le cciäe, riel. cie-I1
_ _
percia dura tuttara e perdurera fina a quanda
Ha@ 1) e sulla arre (U-mini). sarå canipiuta la salvezza, perche' e stata preeipiiata
_] Dalfluf-'EÍH Ímpastaziane cristacentrica dipende
i rua a di a g ni creatura. Nan passiania
- Faceasaiare dei nastri ƒraieiii (Apacalisse 12,10).
amarte;
Per apprafandire questi cancetti -e il ruala di
““H fiflfiifiiflflf
creatura rim
ficflflfd-:›
*
e
i - 1-
Maria -
va-gine. se Maria, nemica di Satana fin dal priiiia annunzia
P Ugflfllta e il Eerba incarnata, nan della salvezza, rimandiama al bel libra di P. Can-
PÚÍEW1 Hiancare nel pensiera divina prima ¿li
agni altra creatura, la figura di calei in cui taleI
dida Arnantini: fi niisiera di Mana (Dehaniane,
incarnazìane si sareblie atiuata. De qui ¡1 SUE, Napali 1971).. _
rapparta unica can la SS. Trinita, a tal pumü ¿ia Alla luce della centralitå di Cristci si vede il pia-
essere chiamata, gía ne-1 ¿gc Úfldfi SÉCUIÚ ciQuHf[ na di Dia che ha creata buane tutte le case eper
elementa della tetrade d'iviriae. ` i valesseG lui e in vista di luis. E si vede l`apera di Satana, il
Per chi
apprafandire questa aspetta rimandiama ai due nemica, il tentatare, l'accusatare, per la cui sug-
valumi di E 1 T . - . gestiane e entrata nel creata il male, il dalare, il
fGerusalemiiiilf±i-Éilìlldldìilfiï Ema- Mmm, ¿gm Wrgmg peccata, la marte. E risulta la restauraziane del
piana divina, aperata da Crista cal sua saiigue.
16
1'?
Enierge anche chiara la patenza del demania: Parche deve essere ben chiara che il rnale, il
Cesii la chiama eprincipe del mandas- (C-iavanni dalare, la marte, l`inferna (assia la dannaziane
14,3[}); 5. Paala la indica came-=-:dia di questa eterna nel tariiienta che iiaii avrå fine) nan sana
mandas (2 Carinti 4,4); Giavanni afferma che apera di Dia. Un cenna sull'ultiina punta. Un
«tutta il manda giace satta il patere del mali- giarna P. Candida stava caccianda via un dema-
gnas (l Giavanni 5,19), intendenda per inanria nia. Versa la cancliisiane dell`esarcisrna egli si
ci-ii che si appane a Dia. Satana era il piü splen- rivalse a quella spirita imnianda can irania: «Nat-
dente degli angeli; e divenuta il peggiare dei tene da qui; tanta, il Signare te l`ha preparata
demani e il lara capa. Perchë anche i demani una bella casa, hen riscaldatal». Al che il dema-
sana idncalati tra lara da una strettissima gerar- nia rispase: eTu nan sai niente. Nan e Lui (Dia)
chia e canservana il grada che avevana quanda che ha fatta l'inferna. Siama stati nai. Lui nan ci
erana angeli: principati, trani, daminaziani... É. aveva neppure pensatae. In situaziane analaga,
una gerarchia di schiavitii, nan di amare came mentre interragava un demania per sapere se
esiste tra gli angeli il cui capa e Michele. anche lui aveva callabarata a creare Finferna, mi
E risulta chiara l'apera di Crista che ha dema- sana sentita rispandere: eTutti nai vi ahhiama
lita il regna di Satana e ha instaurata il regna di cantriliuitas.
Dia. Perciifi hanna una particalarissiina impar- La centralita di Crista nel piana della creazia-
tanza gli episadi in cui Gesii liliera gl'indemania- ne e nella restauraziane di essa, avvenuta can la
ti: quanda Pietra riassuiiie davanti a Carnelia redenziane, e fandamentale per capire i disegni
]'apera di Crista, nan cita altri miracali, ma sala di Dia e il fine de1l`uama. Certa, agli angeli e agli
il fatta di aver sanata «tutti quelli che erana satta uamini e stata data una natura intelligente e libe-
il patere del diavalae (Atti 10,38). Camprendia- ra. Quanda mi senta dire (canfcincleridci la pre-
ma allara perche il prima patere che Cesii dá scienza divina can la predestinaziane) che Dia sa
agli apastali iii quella di cacciare i demani (Mat- gia chi si.salva e chi si danna, per cui tutta e inu-
tea lÚ,1); e la stessa casa vale per i credenti: tile, sana salita rispandere ricardanda quattra
-sQuesti pai sana i segni che accampagneranna .F

verita sicuramente cantenute nella Bihhia, tanta


calara che crederanna: nel mia name scacceran- da essere state defìnite dagmaticamente: Dia vua-
na i demani...›› (Marca 16,17). Casi Gesii risana le che tutti si salvina; nessuna e predestinata
e ristabilisce il piana divina, ravinata dalla rihel- al1”inferna; C-esü e marta per tutti; a tutti venga-
liane di una parte di angeli e dal peccata dei pra- na date le grazie necessarie alla salvezza.
genitari. La centralita di Crista ci dice che sala nel sua
18 19
name passiama essere salvatì. E sala nel sua
name passiama vincere e lilierarci dal nemica
della salvezza, Satana.
Versa la fine degli esarcismi, quanda si tratta
dci casi piu farti, c|_uel1i di tatale passessiane dia-
lialica, sana salita recitare l`inna cristalagica del-
la Lettera ai Filippesi (2,15-ll). Quanda arriva IL. PDTERE DI SATANA
alle parale: -sperche nel naine di Cesü agni gi-
naccliia si pieghi nei cieli, siilla terra e satta ter-
ras, mi inginacchia ia, si inginacchiana i presen-
I limiti di praticita che mi sana prefissa in
ti e, sempre, anìche Findcmaniata e castretta ad
questa libra nan nii cansentana di appralìandire
inginacchiarsi. E un niamenta fa-rte e suggestiva.
Ha liiinpressiane che anche le legiaiii angeliche temi tealagici di estrema interesse. Cantinua
siana intariia a nai, inginacchiate di frante al perciiii sala ad accennare agli argamenti, came
iiarne di C-esü. ha gia fatta nel precedente capitala, Certa, un
esarcista carne P. Candida, ahituata da 36 anni a
parlare can i demani, e can una prafanda e sicura
base tealagica e scritturistica, era hene in grada
di ipatizzare temi su cui la tealagia del passata ha
preferita dire encin sappiamaa, quali il peccata
degli angeli ribelli. Eppure tutta cid che Dia ha
creata scgue un disegna unitaria, per cui agni
parte influisce sul tutta e agni amlira getta una
ripercussiane di ascuritâ su tutta il resta. La tea-
lagia sara sempre manca, incamprensiliile, fina a
che nan si sarà dcdicata a parre in luce quanta
riguarda il manda angelica. Una cristalagia che
ignara Satana ërachitica e nan patrii mai cam-
prendere la partata della Redenziane.
Ripartiama cal nastra discarsa da Crista, cen-
tra dell'universa. Tutta e stata fatta per lui e in
vista di lui: nei cieli (angeli) e sulla terra (il man-
20 21
da sensibile can a capa Fuama), Snrebhe bg-11.5, Dia nan rinnega mai le sue creature. Perciii-
parlare sala di Crista; nia sarebhe cantra agni anche Satana e gli angeli rilielli, pur nel distacca
sua insegnamenta e cantra la sua apera. Per cui da Dia, cantinuana a canservare il lara patere, il
nan arriveremma iiiai a capirla. La Scrittura ci lara ranga (Trani, Daminaziani, Principati, Pate-
parla del Regna di Dia, ma anche del regna di sta...), anche se ne usana male. Nan esagera S.
Satana; ci parla della patenza di Dia, unica crea-
Agastina ad affermare che se Satana avesse da
ttire e sign-are tlelllttiiiversci; rna ci parla anche
Dia mana libera «nessuna di nai rimarrehbe in
del patere delle tenelire; ci parla di figli di Dia e vitae. Nan patenda ucciderci, cerca di renderci
di figli del Diavala. E impassibile carnprendere
suai seguaci, in appasiziane a Dia came lui si e
liapera redentrice di Crista senza tener canta appasta a Dia.
dell`apera disgregatrice di Satana. Ecca allara l'apera del Salvatare. C-esii e venu-
Sízìlíìflfi. EFE! lãl Cl"E7H[l.1I`3. pE,'I'fEt[;1 L15rj[3_ |j3]]fg_›
ta sper distruggere le apere del diavalas (1 Cia-
maiii di. Dia, farnita di una ricanasciuta autarita
vanni 3,3), per liberare l'uania dalla schiavitfi di
e superiarita sugli altri angeli e, lui pensava, su
Satana e instaurare il Regna di Dia dapa aver
tutta quanta Iddia andava creaiida e che lui cer- distrutta il regna di Satana. Ma tra la prima venu-
cava di caniprendcre, ma che in realtà nan capi-
ta di Crista e la Parusia (la secanda venuta trian-
va. Tutta il piana unitaria della creaziane era fale di Crista came giudice) il demania cerca di
cirieritatti a Crista: fina alla caiiiparsa cli Gesü nel
attirare dalla sua piii gente che pua; e una latta
mianda nan pateva rivelarsi nella sua ehi;11~¢¡¡a_
che can-duce da disperata, sapendasi gia scanfit-
Di qui la rihelliane di Satana, per valer cantìnua-
ta e esapenda che gli resta paca tempas (Apnea-
re ad essere il prima assaluta, il centra del crea-
lisse 12,12). Perciü Paala ci dice, can tutta fran-
ta, anche in appasiziane al disegna che Dia stava
chezza, che ela nastra liattaglia nan e cantra
attuanda. Percici il sua sfarza di daminare nel creature fatte di carne e di sangue, ma cantra i
manda (etutta. il manda giace satta il patere del principi, cantra le patenze, cantra i daminatari
Iïialigflae, 1 Giavanni 5,19) e di asservirsi l'uama, di questa manda ascura, cantra gli spiriti mali-
fin dai pragenitari, reiidendala ubbidiente a se gni (i demani) delle regiani celestie (Efesini
in appasiziane agli ardini di Dia. Cie riuscita can 6,12). -
ipragenitari, Adama ed Eva, e cantava di riuscir- Precisa ancara che la Scrittura ci parla sempre
ci can tutti gli altri uamini, aiutata da -sun terza
di angeli e demani (qui in particalare mi riferi-
degli flflgflle fïhfll secanda lflàpacalisse, la ha sca a Satana), came esseri spirituali, si, ma persa-
seguita nella ribelliane a Dia.
nali, datati di intelligenza, valantâ, lihertà, intra-
22 23
prendcnza. Errana campletamente quei tealagi came G-iustina e Irenea, ci espangana can chia-
nin-derni che identificana Satana can 1`idea rezza il pensiera cristiana sul demania e sul pate-
astratta del male: questa e autentica eresia, nssia re di cacciarla, seguiti dagli altri Padri, di cui cita
e in aparta cantrasta can la Bibhia, can la patri- in particalare Tertulliana e Origene. Bastana
stica, can il magistera della Chiesa. Si tratta di questi qiiattra autari per svergagnare tanti teala-
Vfiflliil lTlEll ll`l"lI)l.1gIÍlEt[E lfl PHSSHIÚ PEI* Qui pfing gi maderni che praticamente al deniania nan
defìniziani dagmatiche, nanne quella del IV can- credana a nan ne parlana affatta.
cilia Lateranense: sll diavala [assia Satana) e gli ll Vaticana II ha richiamata can efficacia il
altri demani per natura furana creati huani da castante insegnanienta della Chiesa. sTutta intera
Dia; rna essi saiia diventati cattivi per lara calpas_ la sta-ria umana e pervasa da una latta tremenda
Chi. taglie Satana taglie anche il peccata e nan cantra le patenze delle tenelire, latta incamincia-
capisce piü l'aperata di Crista. ta fin dalle arigini del mandas (CS 37). -sL'uarria=
Sia anche' chiara: C-esii ha vinta Satana attra- tentata dal Maligna fin dalle arigini della staria,
VETE-El ll SUD Eflfiflflfllü; ITIEI. prima, 3[[1'3'¦,_:f_-['53 ahusiii della sua liberta erigendasi cantra- Dia e
sua insegnamenta: sSe ia caccia i demani can il bramanda di canseguire il sua fine al di fuari_di
dita di Dia significa clie e giunta a vai il Regna di Dia; rifiutanda di ricanascere Dia came sua prin-
Dias (Luca 11,20). C-esü e il piii farte che ha .lega- cipia, l`uama ha infranta il dehita ardine in rap-
ffi' Sfllììflfl (Marca 3,27), la ha spagliata, ha sac- parta al sua ultima fines (GS 13). sl*/la Dia ìflfiü
cheggiata il sua regna che sra perjinire (Marca sua Figlia nel manda alla scapa di sattrarre, per
3,26). Cesii rispande a quei tali clie la avvertana sua mezza, gli uamini al patere delle tenebre e
sulla valanta di Erade di ucciderla: shndate a ¿[45] dgmgfliüa CÚITIEE fítïlflü El Cìït1JlI`¬Ef
dire a quella valpe: ecca, ia caccia i demani aggi l'apera di Crista calara che negana Fesistenza e
e daniani; il terza giariia avr-Ei finitas (Luca Fattivissima apera del demania? Came fanna a
l3,32). Cesü da-agli apastali il patere di cacciare camprendere il valare della marte redentrice di
i üdeman-1; pai estencle tale patere ai settantadue Crista? Sulla base dei testi scritturistici il Vaticaria
discepali e infine la canferisce a tutti calara che II afferina: i-:Crista can la sua marte ci ha liberati
crederanna in lui. dal patere di Satanas (SC 5); *HGESÚ ffücìfifiäü É
Il libra degli Atti ci testirnania carne gli apa- risarta ha scanfitta Satanas (GS 2)- _
stali seguitarana a cacciare i demani dapa la Scanfitta da Crista, Satana camlaatte cantra
discesa della Spirita Santa; e casi cantinuarana i di lui seguaci; la latta cantra sglì spiriti nialigni
cristiani. Giå i piü antichi Padri della Chiesa, cantinua e durera came dice il Signafffi fiflü
24 25
aulultimü É`113"1`111ï`1r (GS 37). In questa tempn agni In che mada il demania si appane a Dia e al
uama e P asta la ' stata- di* latta, esscnda
,_ la vita . ter
rena una rava d' i - .t . '_ I Salvatare? Valenda per se il culta davuta al
deliliana slfarzar ffiitlüdehfl H Dig' Pcrclü 1 “fñdiill Signare e scimmiattanda le istituziani cristiane.
del deniania e il 1 su-FE Sala! 'mmm- gli “gg”-'E111_ Percia e anticrista e antichiesa. Cantra l'Incarna-
va __.. Prima
F ` fattiFnlìrgh
Í I in di regnare frame
can“fl H11ï11"1`11ï1
Crista Caill-
glariasa
ziane del Verha, che lia redenta liuama facenda-
si uama, Satana si avvale delliidalatria del sessa,
11111131 1 Unica carsa della nastra vita terre I
esiste altra praval), camparirema tutti ¿na lrlmï che degrada il carpa umana a strumenta di pec-
trihunale di C ` ' . - manu H cata. Inaltre, scimmiattanda il culta divina, ha le
Ehfl f H 1“'§1'5'› PF-'F rlpariare ciasenne queilü sue chiese, il sua culta, i suai cansacrati (spessa
-ece ne a sua vita martale, a di bene a di
male, e alla fine del manda ne usciranna: chi ha can patta di sangue), i suai adaratari, i seguaci
aperata il bene per la risurreziane di vita. E chi delle sue praniesse. Came Crista ha data partica-
ha aperata il male per la risurreziane di ccindan-
lari pateri agli apastali e ai lara successari, valti
al bene delle anime e dei carpi, casi Satana da
nas (Cf. LG 4s)_
Anche se questa latta cantra Satana rignarda
_ dei pateri particalari ai suai seguaci, valti alla
ravina delle anime e alle malattie dei carpi. Ci
11-IULÍ gli uamini di tutti i tempi nan c'-É' dubbi
= a addentrerema su questi pateri parlanda del
che in ce r t e epache della staria- il- patere di_ Sata-
na si fa sent' "* . maleficia.
. _ IFE
caniunitaria e di,Pm fünesdiPET
peccati la mena
massa. a livellai
Ad esempia Ancara un cenna su una materia che merite-
miei studi sullilmpera Ramana della decad I relilie apprafandita trattaziane: came è shagliata
mi fecera parre in risalta la sfacela inn funâãl iiegare liesistenza di Satana, altrettanta e sliaglia-
. , ra e 1 ta, secanda l'apiniane piii seguita, affermare
1-'ïluìll epaca. Ne e fedele e ispirata testimaniangn
a ettera d' P ' - . . Fesistenza di altre farze a entità spirituali, ignara-
alla stessa liilellhülü ah Rümam- Ora El trüflamü te dalla Bihhia e inventate dagli spiritisti, dai cul-
mezzi di camu Cant' E düwtü al Cflmïü “SU dfi tari delle scienze esatiche a acculte, dai seguaci
liuanìl altre almcazlülìfl. dl “E553 (ln se 5113551
della reincarnaziane ci dai sastenitari delle casid-
cheCmdü
harina havv e 1 enata matflilallämü dette sanime vagantis. Nan esistana spiriti liuani
il manda Eaccidenrsili-1-,
al cümumifiïïlü
al di fuari degli angeli; ne esistana spiriti cattivi
c e ~ - _
attacca demaiilina al di fuari dei demani. Le anime dei defunti van-
_ acaPliüflïlìla
a ia dl quamLeane
ricevuta PHTUÚÚIHTÚ
XIII na suliita a in paradisa a a1l'inferna a in purga-
in se uita aun " ' ~ - '
dice gl ca 1311't "31 1 111Hlrfldl
“Shine the37-40).
npümamü m HPPÉ-'11' taria, came e stata definita da due cancili (Liane
pagg. e Firenze). I defunti che si preseiitana nelle
25 27
sedute spiriticlie, a le anime di defunti presenti ciaa che asservana i camandamenti di Dia e pas-
in esseri viventi, per tarmentarli, nan sana altra seggana la testimanianza di Cesifis.
che demani. Le rarissime eccezianì, permgç-,ge da Tra i tanti discarsi di Giavanni Paala ll su Sata-
Dia, sana 'ecceziani che canfermana la regala. na, riparta un brana di quanta disse il 24 maggia
anche se ricanasciama che in questa campa nan 1987, in visita al santuaria di S. Michele Arcange-
e stata detta l'ultiina parala; a un terrena ancara la: sQuesta latta cantra il demania, che cantrad-
can prableniatiche' aperte_ La ereggü P_ La Grua distingue Farcangela S. Michele, ii: attuale anche
parla di varie esperienze da lui vissute can anime aggi, percha il demania a tuttara viva e aperante
di trapassati in balia del demania e ha avanzata nel manda. Infatti il male che a in essa, il disar-
211121111-F: ìpatesi di spiegaziane. Ripcta: a un terre- dine che si riscantra nella sacieta, Fincaercnza
na ancara dastudiare a fanda; mi prnpnng@ ¿li dell”uama, la frattura interiare della quale ii vitti-
farla in altra sede. ma, nan sana sala le canseguenze del peccata
halfïìlliflåšgìllllgirìvigliana dplla passibiliita che ariginale, ma anche effetta dell`aziane infestatri-
_ i tcntare l uama a addirittura ce e ascura di Satanas.
di passederne il carpa (mai l'anima, se nan a L'ultima frase a un chiara aggancia can la
l uama a dargliela liberainente), attraversa la candanna di Dia al serpente, came ci viene nar-
passessiane a la vessaziane. Sara bene ricardare rata nella C-enesi (3,15): -sParra inimicizia tra te
quanta dice Wìpacalisse (12.7 e seguenti): sE vi e la Danna, tra la tua e la sua discendenza; questa
fu una- guerra in ciela: Michele can i suai angeli ti calpira alla testas. Il demania a gía alliiiifernai-1
ingaggiaibattaglia can il dragane; e qiieerg mm- Quanda a avvenuta la latta tra gli angeli e i
batte *insienieai suai angeli. Ma nan prevalsera; demani? Sana interragativi a cui nan si pua
nan si trava piii pasta per lara in ciela. Fu infatti rispandere senza tener canta alinena di due fat-
scacciata il grande draga, il serpente antica, quel- tari: che essere all'inferna a na a piii questiane
la che a chiamata Diaaaia a Saiana... fu precipita. di stata che di luaga. Angeli e demani sana puri
ta sulla terra, e can lui furana precipitati anehs 1 spiriti: per lara la parala sluagas lia un sensa
Sum 3"iE›'fï11_1*- Il dragane, vistasi precipitata sulla diversa che per nai. La stessa casa vale per la
terra, s accinse a perseguitare: sL,›,-1 D.;;,1-ma ¬._,-E5¡_¡¡_a dimensiane di tempa: per gli spiriti a diversa che
(ll sales da cui era nata Cesfi (a chiarissima che per nai.
si tratta anche della SS. Verginefl; nin gli efg;-gi ¿.31 L”.-äpacalisse ci dice che i demani sana stati
Clfflgaflc furana vani. sSi mise quindi a far guerra precipitati sulla terra; la lara candanna definitiva
cantra i rimanenti della discendenza di lei, quelli nan a ancara avvenuta, anche se a irreversibile la
2a ' - 29
scelta fatta, che ha distinta gli angeli dai demani. cui tutti siana d'accarda. Mi sfarza allara di spe-
Canservana quindi ancara un patere, permessa cificare il sensa delle parale che usa qui e nel
da Dia, anche se sper breve tempas. Percia apa- resta del libra.
strafana Gesü: -:Sei venuta qui per tarmentarci C'a un`aziane ardinaria del demania, che a
prima del tempaf-*s (Mattea 3,29). Il giudice uni- rivalta a tutti gli uamini: quella di tentarli al
ca a Crista, che assaciera a sa il sua Carpa Misti- male. Afiche Cesü ha accettata questa nastra can-
ca. Casi va intesa Fespressiane di: Paala: sl*~lan diziane umana, lasciandasi tcntare da Satana.
sapete che nai giudicherema gli angeliis (2 Nan ci accuperema ara di questa nefasta aziane
Carinti 6,8). E per questa patere che ancara diabalica, nan percha nan sia impartante, rna
detengana che gl`indemaniati di Gerasa, rival- percha il nastra scapa a di illustrare l`aziane
gendasi a Crista, sla supplicavana che nan straarriinaria di Satana, quella che Dia gli cansen-
camandasse lara di andare nell"abissa..., ma per- te sala in determinati casi.
mettcsse lara di entrare nei parcis (Luca 8,31- Questa secanda aziane pu-la essere classificata
32). Quanda un demania esce da una persana e in sei farme diverse.
viene precipitata nel1'inferna a per lui came una 1 -- Le safferenze fisiche cansaie da Satana esier-
marte definitiva. Percia vi si appane piii che pua. nainente. Si tratta di quei fenaineni che leggiama
Ma davra pagare le safferenze che causa alle per- in tante vite di santi. Sappiama came S. Paala
sane can un aumenta di pena eterna. S. Pietra a della Crace, il Curata d'i1u^s, P. Pia e tanti altri sia-
malta chiara nelfaffermare che il giudizia defi- na stati percassi, flagellati, liastanati da demani.
nitiva sui demani nan a ancara stata pranuncia- E una farma su cui nan mi ferma percha in que-
ta, quanda scrive: -Dia nan perdana gli angeli sti casi mai c'a stata uniinfluenza interna del
che avevana peccata, ma candannandali al tarta- demania nelle persane calpite e mai cia stata
ra, li canfina nelle fasse tenebrase percha vi fas- bisagna di esarcismi. Tutt`al pia a intervenuta la
sera trattenutrfina al giudizias (2 Pie-rm 2,4), preghiera di persane al carrente di quanta avve-
Anche gli angeli avranna un aumenta di glaria niva. Preferisca saffermarmi sulle altre quattra
per il bene che ci fanna; a percia malta utile farme, che interessana direttamente gli esarcisti.
invacarli. 2 - La passessiane cliahaiica. E il tarmenta pifi
Quali sana i clisturbi che il demania pu-iii cau- grave e ha luaga quanda il demania si impasses-
sare agli uamini, fincha sana in vita? Nan a facile sa di un carpa (nan di unianinia) facendala agi-
travare gli scritti che trattina tale argamenta, re a parlare came lui iniale, senza che la idttima
anche percha manca un linguaggia camune, su passa resistere e quindi senza che ne sia respan-

30 31
sabile maralmente. Questa farma a anche quella te di un male fisica), un emissaria di Satana che
che si presta maggiarmente a fenameni spettaca- mi schiaffeggis (2 Carinti 12,7): quindi nan via
lari, tipa quelli messi in scena dal film “L'esarci- dubbia che l'arigine di quel male era malefica.
sta", a tipa i segni piü vistasi indicati dal Rituale: Le passessiani sana ancara aggi abbastanza
parlare lingue nuave, dimastrare una farza ecce- rare; ma nai esarcisti incantriama in grande
zianale, rivelare case acculte. 1'*-ie abbiama un quantita persane calpite dal demania nella salu-
chiara esempia evangelica nelfindemaniata di te, nei beni, nel lavara, negli affetti... Sia ben
Gerasa. Ma sia ben chiara che esiste tutta uiia chiara che diagnasticare la causa malefica di que-
gamma di passessiani diahaliche, can graiidi dif- sti mali (assia aecertare se si tratta di causa male-
ierenze per gravita e per sintaini. Sarebbe un gra- fica a na) e guarirli, nan a affatta piii semplice
ve errare fissarsi su un unica madella. Tra i tanti, che diagnasticare e guarire da passessiani vere e
ha esarcizzata due persane affette da passessiane praprie; patra essere diversa la gravita, nia nan la
tatale; durante l'esarcisma rimanevaiia perfetta- diffiealta a capire e il tempa accarrente a sanare.
mente mute e iniinabili. Patrei citare vari escmpi el _ lfassessiane diaaaiica. Si tratta di assalti
can fenamenalagie malta diverse. iinpravvisi, talvalta cantinui, di pensieri assessivi,
3 - La aessaziane diaaaiica, assia disturbi e talvalta anche razianalmente assurdi, ma tali che
malattie da nialta gravi a paca gravi, clie pera la vittima nan sia in grada di liberarsene. Per cui
nan giungana alla passessiane, a far perdere la la persana calpita vive in cantinua stata di pra-
canascenza, a far canipiere aziaiii a pranuiiciare straziane, di disperaziane, di tentaziani di suici-
parale di cui nan si sia respansahili. Qualchc dia. Quasi sempre le assessiani influiscana anche
esempia bililiea. Ciablie nan aveva la passessiane sui sagni. Mi si dira che questi sana stati marbasi,
diabalica, ma fu gravemente calpita nei figli, nei di campetenza della psichiatria. Ariche per tutti
beni, nella salute. La danna curva e il sardaniuta gli altri fenanieni ci passana essere spiegaziani
guariti da C-esa nan avevana una passessiane dia- psiehiatriche, parapsicalagiche a simili. Ma ci
balica tatale, ma la presenza di un demania che sana casi che escana campletamente dalla sinta-
pravaeava lara quei disturbi fisici. San Paala cer- rnatalagia aecertata da queste scienze, e che rive-
tamente nan era indemaniata, ma aveva una ves- lana invece sintami di sicura causa malefica a
saziane diabalica cansistente in un disturba presenza malefica. Sana differenze che s'iiiipara-
inalefica: sE affinelia nan mi insuperbissi per na can la studia e can la pratíca.
l'e1evatezza delle rivelaziaiii, mi a stata messa un 5 _ Esistana anche le infestaziani ciiaaaiiche: su
pungigliane nella carne (si trattava evidentemen- case, aggetti, animali. Nan mi dilunga ara su
32 33
i1

questa aspetta, che accennerema nel carsa del i nell'anima e nel carpa; e nai, per la pia, neppure
liere. Mi ifeee fieeefe ¡1 ee-eee el-le te se ei termine ci pensiama. Sappiarna che anche le naziani han-
infestaziane; preferisca nan riferirla alle persane, na un lara angela particalare e prabaliilmente
a cui invece riferisca i termini: passessiane, vessa- mmini

questa avviene anche per agni eamunita, farse


ziane, assessiane. per la stessa faniiglia, anche se di questa nan ab-
6 _ Cita infine la saggeziane diabalica, chiamata biama certezza. Sappiama pera che gli angeli
anche dipendenza diabalica. Si cade in questa male sana numerasissimi e desiderasi di farci del bene
quanda valantariainente ci si sattamette alla ser- -í_-.¡ ±¡. ±-
r-._¡±

assai piii di quan ta i demani cerchina di raviiiarci.


vitü del demania. Le due farme pifi usate sana: il La Scrittura ci parla spessa degli angeli per le
patta di sangue cal diavala e la cansacraziane a varie missiani che il Signare affida lara. Cana-
Satana. sciama il name del principe degli angeli, S.
Came difenderci da tutti questi passibili mali? i Michele: anche tra gli angeli c"a una gerarchia
Diciama subita che, anche se nai la riteniama basata sull'amare e retta da quel1`influssa divina
una narma carente, a stretta rigare gli esarcismi `snella cui valuntate a nastra paces, came direbhc
sana necessari, secanda il Rituale, sala per la Dante. Canasciama anche i nami di altri due
passessiane diabalica vera e prapria: ln realta nai arcangeli: Gabriele e Raffaele. Un apacrifa
esarcisti ci accupiama di tutti i casi in cui si ravvi- aggiunge un quarta name: Uriele. Pure dalla
sa uniinfluenza malefica. Ma per gli altri casi, che Scrittura ricaviama la suddivisiane degli angeli in
nan siana la passessiane, davrebhera bastare i nave cari: Daminaziani, Patesta, Trani, Principa-
mezzi camuni di grazia: la preghiera, i sacramen- ti, Virtü, Angeli, Arcangeli, Cherubini, Serafini. Il
ti, Felemasina, la vita cristiana, il perdana delle credente che sa di vivere alla presenza della SS.
affese, il ricarsa castante al Signare, alla Madan- Trinita, anzi, di averla dentra di sa; sa di essere
na, ai santi, agli angeli. Ed a su questa ultima cantinuamente assistita da una madre che a la
punta che qui desidcriama fermarci. stessa Madre di Dia; sa di pater cantare sempre
Valentieri chiudiama questa capitala sul sull`aiuta degli angeli e dei santi; came pua sen-
demania, avversaria di Crista, parlanda degli tirsi sala, a abbandanata, appure appressa dal
angeli: sana nastri grandi alleati; a lara dabbia- male? Per il credente c'a spazia per il dalare,
ma tanta ed a un errare che se ne parli casi percha a la via della crace che ci salva; ma nan
paca. Clgnuna di nai ha il sua angela custade, c'a spazia per la tristezza. Ed a sempre pranta a
amica fedelissima 24 are al giarna, dal caneepi- rendere testimanianza a chiunque la interraghi
menta alla marte. Ci prategge incessantemente sulla speranza che la sarregge (Cf. 1 Pietra 3,15).
34 35
E chiara pera che anche il credente deve esse-
re fedele a Dia, deve temere il peccata. questa
il rimedia su cui si fanda la nastra farza, tanta
che S. Giavanni nan esita ad affermare: eI*~lai sap-
piama che chiunque a generata da Dia nan pec-
ca; nia chi a generata da Dia, Dia stessa la custa-
disce casi che il maligna nan la taccae (1 Giavan-
ni 5,13). Se la nastra debalezza ci parta talvalta a APPENDICI
cadere, dabbiama subita rialzarci can quel gran-
de mezza che la niisericardia divina ci ha cances-
sa: il pentimenta e la canfessiane. La visiane diabalica di Leane XIII

Malti di nai ricardana came, prima della rifar-


ma liturgica dainita al cancilia Vaticana Il, il cele-
li-rante e i fedeli si mettevana in ginacchia alla
fine di agni messa, per recitare una preghiera
alla Ivladanna ed una a S. Michele arcangela.
Ripartiama il testa di quest'ultima, percha a una
preghiera bella, che pua- essere recitata da tutti
can frutta:
sSan Micheie rlrcangeia, dhfenrlici neiia haitagiia;
cantra le inaiaagita e ie insidie del diaaaia sii nastra
aiiita. Ti preghiaina siippiici: che ii Signare ia cainan-
di.1'E iii, principe deiie iniiizie celesii, can ia paienza che
ti aiene da Dia, ricaccia neiiiinƒerna Satana e gii aiiri
spiriti nialigni, che si aggirana per ii inanda a perdizia-
ne deiie aniines.
Came a nata questa preghiera? Trascriva
quanta pubblica la rivista Ephernerides Litnrgicae,
nel 1955, pagg. 58-59.
P. Damenica Pechenina scrive: el"~lan ricarda
l'anna precisa. Un mattina il grande Pantefice
36 I
37
Lepne XIII aveva celebrara la S. Messa e stava 1 na abbiama l'autarevale testimanianza del card.
1=`111151511ï'1'11ï1*-'-3111112' UI'l`H1IIa, di ringraziamenta, came al Nasalli Racca che, nella sua Lettera Pastarale per
Eülltü. LITI ll1“El1IlIü lü S1 (lI`lZIElI`E a'I`.lE1"g1IIII¦š:'l.- 13 qugfggimgj gmflnflta 3 B{ji1r_ig1'1¦,1 riff] 5C1`i¶'EI

mflnm 11 'ïalïls 13191 fiaafiffi 11111”1113hE 915153 1111 1111 SÚPTH s-:Leane XIII scrisse egli stessa quella preghie-
del Capa del eelelirarite. Guardava fissa, senza I 1-¿_ Lg ffgge [i demani] che si aggirana nei manda cz
batter palpebra, ma can un sensa di terrare e di
perdiziane delle aninie ha una spiegaziane starica, a
'LI

1
meraviglia, cambianda calare e lineamenti. Qual- i
l
nai piili valte riferita dal sua segretaria particala-
casa di strana, di grande avveniva in lui,
re, mans. Rinalda Angeli. Leane XIII ebbe vera-
Finalmente, came rivenenda in sa, danda un
mente la visiane degli spiriti infernali che si
leggera ma cnergica tacca di mana, si alza. Ln ei
I' addensavana sulla citta eterna (Rama): e da quel-
vede avidarsi versa il sua studia privata. I familiari
la esperienza venne la preghiera che valle far
la seguana can premura e ansiasi. Gli dicana recitare in tutta la Chiesa. Tale preghiera egli la
sammessamen te: Santa Pad-re, nan si sente bene? Ha
recitava can vace vibrata e patente: la udimma
hisagna di gnalcasa? Rispande: Niente, niente. Dapa Í

tante valte nella basílica vaticana. Nan sala, ma


una mezz'ara fa chiamare il Segre taria della Can-
scrisse di sua mana una speciale esarcisma cante-
gregaziane dei Riti e, pargendagli un faglia, gli
nuta nel Rìtuale Ramana (ediziane 1954, tit. XII,
iiìgitirige di farla stalripafe e di farla perveriire 3
l c. III, pag. 8153 e segg.). Questi esarcismi egli rac-
tutti gli Clrdinari del manda. Che casa cantene- |
camandava ai vescavi e ai sacerdati di recitarli
va? Lapreghiera che recitiama al termine della El

r
spessa nelle lara diaccsi e parracchie. Egli la
Massa insieme al papala, can la supplica a Maria recitava spessissima lunga il giarnas.
e l`infacata invacaziane al Principe delle milizie
É anche interessante tener canta di un altra
celcsti, implaranda Dia che ricacci Satana nel- 1-if

fatta, che arricchisce ancar pia il valare di quelle


Finfernae. 'Ã
Í* preghiere che si recitavana dapa agni messa. Pia
ln quella scritta si ardinava anche di recitare XI valle che, nel recitare queste preghiere, vi si
tali preghiere in ginacchia. Quanta sapra, che 1
panesse una particalare intenziane per la Russia
era stata pubblicata anche nel giarnale La setti-
(allacuziane del 30 giugna 1931]). In tale allacu-
niana del ciera, il 30 marza 1947, nan cita le fanti
ziane, dapa aver ricardata le preghiere per la
da cui e stata attinta la natizia. Risulta pera il Russia a cui aveva sallecitata anche tutti i fedeli
mada insalita can cui fu ardinata di recitare
l nella ricarrenza del patriarca S. Giuseppe (19
quella preghiera, che venne spedita agli Ordinari |
l marza 1930), e dapa aver ricardata la persecu-
nel 1886. A canferma di quanta scrive P. Pecheni- ziane religiasa in Russia, casi canclude:
38 r
39
1

L
sE affincha tutti passana senza fatica ed inca- natari di tali pateri nan ne camprendana subitci
mada cantinuare in questa santa craciata, stabi- la pravenienza a nan vagliana camprenderla,
liama che quelle preci che il nastra antecessare trappa lieti di questi dani gratuiti. Casi pua capi-
di felice memaria, Leane XIII, camanda che si tare che una persana abbia un dana di preveg-
recitassera dapa la messa dai sacerdati e dai fede- genza; altri, sala panendasi di frante a un faglia
li, siana dette a questa particalare intenziane, e di carta bianca can una penna in mana, scrivana
ciaa per la Russia. Di cia i Vescavi e il clera seca- spantaneamente pagine e pagine di messaggi;
lare e regalare abbiana cura di rendere infarmati altri ancara hanna Fimpressiane di patersi adap-
il- laraflpapala e quantì sana presenti al S. Sacrifi- piare e che una parte del lara essere passa pene-
cia, ne manchina di richiamare spessa quanta trare in case e in ambienti anche lantani; a malta
sapra alla lara ineniarias (Ciaiha Cattaiica, 1930, camune che alcuni sentana suna vaces che alle
val. III). valte pua suggerire preghiere e alle valte tut-
E Caine si vede la tremenda presenza di Sarenet t'altre case.
e stata teiiuta presente can malta chiareggg dai Patrei cantinuare l'elenca. Qual a la fante di
Pantefiei; e liintenziane aggiunta da Pia XI tac.. questi dani particalari? Sana carismi della Spiri-
cava il centra delle false dattririe serninatg 11,3-1 ta Santa? Sana regali di pravenienza diabalica?
nastra secala e che tuttara avvelenana la vita nan Si tratta piii semplicemente di fenameni metapsi-
sala dei papali, ma degli stessi tealagì. Se pai le chici? Ctccarre una studia a un discernimenta
dispasiziani di Pia XI nan sana state asservate, a fatta da persane campetenti per stabilire la
calpa di' calara a cui erana state afiidate; certa- verita. Quanda 5. Paala era a Tiatira, gli capita di
mente si integravana bene can gli avvenimenti essere cantinuamente seguita da una schiava che
carismatici che il Signare aveva data all'umanita aveva il dana di indavinare e can questa sua date
attraversa le appariziani di Fatima, pur eee@-nd,-_-, pracurava malta danara ai suai padrani. Ma era
indipeitdenti d-a esse: Fatima allara era ancara
un dana di arigine diabalica, che scamparve
scanasciuta nel manda. subita dapa che S. Paala ebbe cacciata la spirita
maligna (Atti 15,15-18).
A titala di esempia, ripartiania alcuni brarii di
I dani di Satana
una testimanianza firmata s-Erasma di Baris e
pubblicata in Rinnaaainenia deiia Spiiiia Santa, set-
Anche Satana da dei pateri ai suai devati Alle tembre 1987. Le asservaziani tra parentesi sana
valte, da autentica mentitare quale egli a, i de,-gti. nastre.
40 41
sfftlcuni anni ar sana, ebbi l'esperienza del
Dapa un lunga pellegrinare e tarmentasi tra-
31059 dfil ¿'1111ï_¡111="1“1-i 11011 sapenda che si trattasse di vagli, C-esii mi ha indirizzata al Rinnavamenta.
una farma di spiritisma. I messaggi ave-mn@ un
Qui ha travata alcuni fratelli che hanna pregata
äflguaggla di pare e frateilanza (si nati came il
su di me, ed a emersa che quella che m'era suc-
belïtüfllü SEI. I`I1EI.5tIlï1+E?I`HI`S1 EÚIÍLÚ apparerigg di
cessa nan era d'arigine divina, ma frutta del
Élgfil- Dppa qualche tempa fui investita di stra-
maligna. Passa testimaniare di avere vista la
111-ï”: Malta prapria a Laurdes, mentre svalgeva la
patenza del name di C-esa. Ha ricanasciuta e
E113 m151-"*11Í11”11`1' (anche questa particalare a degna I

canfessata i miei peecati del passata, mi sana


i nata. nan esistana luaghi, per quanta sacri, in
pentita, ha rinunciata ad agni pratica acculta.
'I-

cui il demania nan passa intradursi)


Questi pateri sana cessati e sapa stata perdanata
Aveva le stesse facalta che in parapsìcalagia
da Din; e per questa la ringrazias. _ * _
vcngana definite ei-:trasensariali e ciaa: chiara-
Nan dimentichiama che anche la Bibbia ci
ìveggenza, lettura del pensiera, diagnasi cliniche, |:_.:¬r¡q__†_. ¡n._
farnisce escmpi di identici fatti straardinarivcam-
etturlg del cuare e dell-a vita delle perenne 51;,-1
vive ic Ie defunte, ed altri pateri. Alcuni mesi pifi
tardii si aggiunse : un , altra facalta:
, quella di. annul-
lare il dalare fisica can Fimpasiziane delle mani,
1
i
piuti da Dia e campiuti dal demania. Pdcuni pra:
digi che Masa, per ardine di Dia, campie davanti
al Faraane, vengana campiuti anche dai maghi
allevianda a climinanda la stata di safferenza;
di carte. Ecca percha il fatta in se stessa, presa
era farse la casiddetta pranaterapia? isalatamente, nan a sufficiente a farnirci la cau-
Í sa, quanda si tratta di fenameni di questa tipa. I
Can tutti questi pateri nan mi era difficile cal.
Aggiunga anche che spessa le persane calpite
Iaquiare can la gente; rna dapa gI'ini;m-,U-1 E553
restava sciaccata per quella che diceva, e restgv,-:_¡ da disturbi inalefici hanna delle “sensih-ilita" par-
candun sensa di prafanda turbamenta percha 1;,-1 ticalari: capiscana subita se una persana ha delle
negativita, prevedana eventi futuri, talvalta han-
caåi annaga per i peecati cammessi, in qngnm 11 IÍ

na una spiccata tendenza a valer imparre le mani


1;
e eva ne lara anima. Pera leggenda la parnln
' lc

a persane psichicamente fragili. Altre valte han-


1311 131111; mi rendeva canta che la mia vita nan era na Fimpressiane di pater influire sugli eventi del
per nulla cambiata. Cantintiava ad essere facile
prassima, auguranda del male can una cattiveria
H1l'11`11e_l*1“:'I"11a al perdana, facile al risentimenta, che sentana in se stesse, quasi can prepatenza.
suscettibile all'affesa. Aveva paura di prende-re 13
I-Ia vista che accarre apparsi e vincere tutte que-
mia Crees- Hrsrfl
e della marte.
F-sure seiiieeegeia sei future ste tendenze, per pater giungere alla guarigiane.

42 43
CLI ESCFRCISMI

sCa1ara che crederanna in me, nel mia name


scacceranna i demanis (Marca 16,17): questa
patere che Gesii ha canferita a tutjti i credenti
canserva in piena la sua validita. E un patere
generale, basata sulla fede e sulla preghierg. Pua
essere esercitata da singali e da eamunita, E sem-
pre passibile e nan richiede nessuna autarizzazia-
ne. Precisiama pera il linguaggia: in questa casa
si tratta di preghiere ali iilieraziane, nan di esarcismi.
La Chiesa, per dare piü efficacia a tale patere
canferita da Crista e per salvaguardare i fedeli da
imbragliani e maghi, ha istituita un appasita
sacramentale, l'esarcisma, che pua essere ammi-
nistrata esclusivamente dai vescavi a dai sacerdati
(quindi 1-nai da laici ) che hanna ricevuta dal
vescava specifica ed espressa licenza. Casi stabili-
sce il Diritta Cananica (can. 1172) che ci ricarda
anche came i sacramentali si avvalgana della far-
za d"'impetraziane della Chiesa, a differenza delle
preghiere private (can. 1166), e came essi debba-
na essere amministrati asservanda accuratamen-
te i riti e le farmule appravate dalla Chiesa (can.
li 1167).
1
45
J

Ne cansegue che sala al sacerdate autarizzata, na le candiziani per amministrare Fesarcisma.


altre al vescava esarcizzante (magari ce ne fasse- Ma a anche vera che saia mediante Ziesarcisina ci si
ral) spetta il name di esarcista. E un name aggi pua rendere canta can certezza se c"a a na inter-
inflazianata. Tanti, sacerdati e laici, si dicana venta diabalica. Tutti i fenameni che si presenta-
esarcisti mentre nan la sana. E tanti dicana di na, per quanta strani a apparentemente inspie-
fare esarcismi, mentre fanna sala preghiere di gabili, passana travare in realta una spiegaziane
liberaziane, quanda nan fanna addirittura ma- naturale. Atnche l'assammarsi di fenameni psi-
gia... Esarcisina a saia ii sacramentale istituiia ciaila chiauici e parapsicalagici nan e un criteria suffi-
Chiesa. Travp equivache e fuarvianti altre dena- ciente per la diagnasi. Sala per mezza dell'esarci-
minaziani. E esatta chiamare esarcisina seinpiice sma si ha la certezza di travarsi di frante a un
quella inscrita nel lil-attesima ed esarcisina saienne interventa diabalica a na.
il sacramentale riservata agli esarcisti. Casi si A questa punta a necessarie addentrarci un
esprime il nuava Catechisma. Ma trava errata pe' ie un teme che, purrreppa, nen i`= neppure
'chiamare esarcisma privata a esarcisma camune accennata nel Rituale ed a scanasciuta da tutti
una prece che nan a affatta un esarcisma, ma _'¬Ll:j.I|
I-|I¬-l'.|I.rp-1I-r,.|'_-1I

calara che hanna scritta su tale argamenta.


sala una preghiera di iii-eraziane, e che casi deve .abbiama affermata che Fesarcisma ha, prima
essere chiamata. di tutta, un effetta diagnastica, assia di aecertare
L'esarcista deve attenersi alle preghiere del _?.r-¬I-Fr-|-:sl: la presenza a mena di una causa malefica dei
Rituale. C'a pera una differenza, rispetta agli disturbi a una presenza malefica nella persana.
altri sacramentali. L'esareisma pua durare pachi '| In ardine di tempa questa scapa a il prima che
minuti came pua pratrarsi per varie are. Percia viene raggiunta e a cui si mira; in ardine
nan a necessaria recitare tutte le preghiere del d'impartanza il fine specifica degli esarcismi a
Rituale, mentre invece se ne passana aggiungere
tante altre, came il Rituale stessa suggerisce.
l quella di liberare dalle prescnze malefiche a dai
disturbi malefici. Ma a malta impartante tener
La scapa dell'esarcisma a duplice. Si prapane presente questa successiane lagica ( prima la dia-
di liberare gli assessi; tale aspetta viene messa in gnasi e pai la cura), per valutare rettameute i
luce in tutti i libri sull`argamenta. Ma, prima segni su cui l`esarcista si deve basare. E diciama
ancara, ha una scapa diagnastica; e questa scapa subita che rivestana malta impartanza: i segni
viene trappa spessa ignarata. E vera che l'esarci- priina del1'esarcisma,isegni durante l'esarcisma,
sta, prima di pracedere, interraga la persana stes- 1'
i segni dapa Fesarcisma, la sviluppa dei segni nei
sa a i familiari per rendersi canta se esistana a carsa dei vari esarcismi.

46 'I 4'?
I'
I
Ci pare che, sia pure indirettamente, il Rjtuale passa pracedere a1l'esarcisma. Se durante l`esar-
tenga un pa' canta di questa successiane dal cisma si avvertana gia altri segui, lagicamente ci
mamenta che dedica una narma (n. 3) a mettere si dilunghera quanta si riterra necessarie, anche
in guardia l'esarcista affincha nan sia facile a cre- se il prima esarpisma viene amministrata can
dere ad una presenza demaniaca; ma pai dedica relativa brevita. E passibile che durante l'esarci-
varie narme per mettere in guardia l"esarcista sma nan si manifesti nessun segna, ma che pai il
stessa dai vari trucchi che il demania pane in paziente riferisca di averne avuta effetti (in gene-
atta per nascandere la sua presenza. A nai esarci- re sana effetti benefici) di sicura rilevanza. Allara
sti pare giusta e impartante che si stia attenti a si prende la decisiane di ripetere Fesarcisma: e
nan farsi gabbare da malati psichici, da fissati, da se gli effetti cantinuana, accade sempre che, pri-
chi in sastanza nan ha nessuna presenza dema- ma a pai, si manifestina dei segni anche durante
niaca e nessun bisagna di esarcismi. Ma segnalia- l'esarcisma. malta utile asservare la sviluppa
ma anche il pericala appasta, che aggi a assai dei scgni, seguenda la successiane dei vari esarci-
pifi frequente e quindi pia da temere: il pericala smi. Alle valte tali segni sana pragressivamente
di nan saper ricanascere la presenza malefica e in diminuziane: a un segnale di avviata guarigia-
quindi di amettere Fesarcisnia quanda invece a ne. Altre valte i segui seguana un crescenda e
richiesta. Mi sana travata cancarde, can tutti gli una varieta del tutta imprevedibile: significa che
esarcisti da me interpellati, nel ricanascere che sta affiaranda interamente il male che prima
mai un esarcisma nan necessaria ha fatta del rimaneva nascasta, e quanda a affiarata tutta,
male (la prima valta e nei casi incerti, tutti faccia- sala allara incamincia a retracedere. -
ma usa di esarcismi assai brevi, pranunciati satta- Dalle parale dette si capira quanta a sciacca
vace, che passana essere canfusi can semplici attendere a fare Fesarcisma che ci siana segni
benediziani). Per questa mativa nan abbiama sicuri di passessiane; ed a altrettanta frutta di
mai avuta mativi di pentimenta. Mentre invece tatale inesperienza aspettarsi, prima degli esarci-
abbiama davuta pentirci di nan aver saputa rica- smi, quel tipa di segni che il piii delle valte si
nascere la presenza del demania e di avere ames- manifesta saltanta durante gli esarcismi, a dapa
sa Fesarcisma in casi in cui la presenza del dema- di essi, a inseguita a tutta una serie di esarcismi.
nia a emersa pia tardi, da segni evidenti e quan- Ha avuta dei casi in cui sana stati necessari anni
da tale presenza era assai piü radicata. di esarcismi percha il male si manifestasse in tut-
Ripeta percia, circa Fimpartanza e il valare ta la sua gravita. E inutile valer ridurre la casistica
dei segni: ne bastana pachi e incerti percha si in questa campa a madelli standard. Chi ha piii

48 1 -la
esperienza canasce sicuramente le farme pia ñflíïu¡_-
ïg-¡-1.-If mettere in guardia da questa passibile errare
varie di manifestaziani demaniache. Ad esempia: sana state le autarita ecclesiastiche. Fin dal 1583,
a capitata a me e a tutti gli esarcisti che ha inter- nei decreti del Sinada di Reims, la Chiesa aveva
pellata un fatta significativa. I tre segui indicati messa in guardia da questa passibile equivaca,
dal Rituale came sintami di passessiane: parlare affermanda che alcune farme di saspetta passes-
iingue scanasciuie, passedere una farza saaruinana, siane diabalica patevana essere semplicemente
canascere case aceuite, si sana sempre manifestati delle malattie mentali, Ma allara la psichiatria
durante gli esarcismi e mai prima. Sarebbe stata nan era nata e i tealagi credevana al Vangela.
del tutta da stalti pretendere che si verificassera ' Últre alla diagnasi, Fesarcisma ha scapa cura-
quei segui in antecedenza, per pater pracedere tiva, di liberare il paziente. E qui incamincia un
agli esarcismi. cammina che spessa a difficile e lunga. E neces-
Aggiungiama anche che nan sempre si arriva saria la callabaraziane dell'individua, e questi
a una diagnasi certa. Passana esserci casi di fran- malte valte ne a impedita: deve pregare malta e
te a cui si resta perplessi. Ariche percha, e sana i nan ci riesce; deve accastarsi spessa ai sacramenti
casi pia difficili, talvalta ci si trava di frante a sag- e ma-lte valte nan ce la fa; anche per recarsi
getti che hanna cantemparaneamente mali psi- dall'esarcista a ricevere il sacramentale deve tal-
chici e influenze malefiche. ln questi casi a malta valta superare impedimenti che sembrana insar-
mantabili. Per cui ha malta bisagna di essere aiu-
utile che l'esarcista sia caadiuvata da una psiehia-
tra. Piii valte P. Candida chiama il praf. Mariani, tata e invece, nella maggiaranza dei casi, nan a
campresa da nessuna.
primaria di una nata clinica ramana di malattie
Quanta tempa ci vuale per liberare una calpi-
mentali, ad assistere ai suai esarcismi. E altre val-
ta dal demania? Questa a prapria una demanda
te fu il praf. Mariani a invitare P. Candida nella
a cui nessuna sa rispandere. Chi libera a il Signa-
clinica da lui diretta, per studiare ed eventual- re, che agisce can divina liberta, anche se certa-
mente callabarare per certi suai degenti. . mente tiene canta delle preghiere, specie se
Mi fanna ridere certi saputelli tealagi mader- “ rivalte can Fintercessiane della Chiesa. In gene-
ni, che affermana came una grande navita il fat- rale passiama dire che il tempa accarrente
ta che certe malattie mentali passana essere can- dipende dalla farza iniziale della passessiane dia-
fuse can la passessiane diabalica. E casi certi psi- balica e dal tempa intercarsa tra questa e l'esar-
chiatri a parapsicalagi: credana di aver scaperta cisma. Mi a capitata il casa di una ragazza di 14
lhmerica can simili affermaziani. Se fassera un anni, calpita da pachi giarni, che sepibrava furia-
pa' piii istruiti saprebbera che i primi esperti a I-
sa: calciava, mardeva, graffiava. E bastata un
*H

51] 51
quarta d'ara di esarcisma per liberarla campleta- vagliana malti, spessa per anni, e nan sempre si
mente; in un prima tempa era crallata a terra giunge alla liheraziane.
came marta, tanta da far venire in mente l'episa- Rìpeta pera: i tempi sana di Dia. Giava malta
dia evangelica in cui Gesü libera quel giavane la fede dell`esarcista e la fede dell'esarcizzata;
che gli apastali nan erana riusciti a liberare. giavana le preghiere delliinteressata, della sua
Dapa pachi minuti di ripresa, carreva per il car- famiglia, di altri (suare di clausura, camunita
tile, giacanda can un sua fratellina. parracchiali, gruppi di preghiera, in particalare
Ma i casi casi sana rarissimi, appure si verifica- quei gruppi che fanna preghiere di liberaziane):
na se l'interventa malefica a malta leggera. Il giava maltissima l'usa degli appasiti sacramenta-
pia delle valte l'esarcista ha a che fare can situa- li, appartunamente usati per gli scapi indicati
ziani pesanti. Percha armai all'esarcista nessuna dalle preghiere di benediziane: acqua esarcizzata
pensa piii. Sattapanga un casa tipica. Un bambi- a almena benedetta, alia esarcizzata, sale esarciz-
na manifesta segni strani; i genitari nan zata. Per esarcizzare acqua, alia, sale, nan accar-
apprafandiscana, nan ci danna impartanza, pen- re un esarcista, ma basta un qualunque sacerda-
sana che crescenda tutta si mettera a pasta. te. Bisagna pera cercare una che ci creda e che
Anche percha i sintami, inicialmente, sana lievi. sappia che nel Rituale esistana queste specifichc
Pai, can Faggravarsi dei fenameni, i genitari benediziani. I sacerdati che sanna queste case
incaminciana a rivalgersi ai medici: ne p_ravana sana masche bianche; i pia nan le canascana e
una, pai un altra, sempre senza risultati. E venu- ridana in faccìa al richìedeiite.. Ritarnerenia a
ta da me una ragazza di 17 anni che era gia stata parlare di questi sacramentali.
visitata nelle principali cliniche d'Eurapa. Infine, Di fandamentale impartanza la frequenza ai
dietra il cansiglia di qualche amica a sapientane, sacramenti e una candatta di vita canfarme al
nasce il saspetta che nan si tratti di un male Vangela. Si tacca can mana la patenza del rasa-
davuta a cause naturali, e viene suggerita il ricar- ria e, in generale, del ricarsa a Maria Vcrgine;
sa a qualche niaga. E da questa mamenta il dan- malta patente Fintercessiane degli angeli e dei
na iniziale viene duplicata. Sala per casa, in santi; utilissimi i pellegrinaggi ai santuari, che
seguita a chissa quale suggerimenta (quasi mai spessa sana i luaghi scelti da Dia per la liberazia-
davuta a sacerdati...), si ricarre a1l'esarcìsta. Ma ne preparata dagli esarcismi. Dia ci ha elargita in
intanta di anni ne sana passati parecchi e il male savrabbandanza i mezzi di grazia: dipende da nai
si a sempre piii “radicata". Ciustamente il prima farne usa. Quaiida ivangeli iiarrana le tentazianì
esarcisma parla di ssradicare e mettere in fugas di Crista ad apera di Satana, ci dicana came sem-
il demania. A questa punta di esarcismi ce ne pre Gesii caritrahatta il demania can una frase

52 53
della Bibbia. La Parala di Dia a di grande effica- Piii valte ha taccata can mana Fefficacia delle
cia; ed a di grande efficacia la preghiera di lade, medagliette partate addassa can fede. Se parlas-
sia quella spantanea, sia in particalare quella sima anche sala della medaglia miracalasa, diffu-
biblica: i salmi e i cantici di lade a Dia. sa nel manda in malti miliani di esemplari, dapa
Pur can tutta questa, l'efficacia degli esarcismi le appariziani della Vergine a S. Caterina
impane all'esarcista tanta umilta, percha gli fa Labaura (avvenute a Parigi nel 1836), e se parlas-
taccare can mana il sua niente: chi apera a Dia.
sima delle grazie pracligiase attenute da quella
E sattapane sia l`esarcista sia Fesarcizzata a dure
semplice medaglietta, nan finiremma piii. Vari
prave di scaraggiamenta; i frutti sensibili sana
libri ne trattana direttamente.
spessa lenti e faticasi. In campensa si taccana
Una degli episadi piü nati di passessiane dia-
can mana grandi frutti spirituali, che aiutana in
balica, ripartata in vari libri per la dacumeptazia-
parte a camprendere percha il Signare permetta
queste dalarasissime prave. Si pracede nel buia ne staricamente esatta che ci ha tramandata i fat-
della fede, ma cansapevali di camminare versa la ti, a quella riguardante i due fratelli Burner, di
luce vera. _ Illfurt (Alsazia), che furana liberati can una serie
Aggiunga Fimpartanza pratettiva delle imma- di esarcismi nel 1669. Ebbene, un giarna, tra i
gini sacre, sia sulla persana, sia nei luaghi: sulla tanti gravissimi dispetti del demania, si sarebbe
parta di casa, nelle camere da letta, nella stanza davuta ravesciare la carrazza che traspartava
da pranza a nelluaga piü usuale incui si riuni- l`esarcista, accampagnata da un mansignare c da
sce la famiglia. L'immagine sacra richiama nan una suara. Ma il demania nan pata attuare il sua
l"`idea pagana di un parta-fartuna, ma il cancetta prapasita percha, al mamenta della partenza,
di imitaziane della figura rappreseritata e di pra- era stata data al cacchiere una medaglia di S.
teziane che si invaca. Oggi mi capita spessa di Benedctta, a scapa pratettiva, e il cacchiere se
entrare in case in cui sulla parta d'ingressa cam- l'era messa devatamente in tasca.
peggia un bel carnetta rassa e, giranda per bene- Ricarda infine i quattra paragrafi che il Cate-
dire agni stgnza, di immagini sacre ne incantra chisnia deiia Chiesa Caiiaiica dedica agli esarcismi.
ben pache. E un grave errare. Letti di seguita, affrana una svalgimenta ben
Ricardiama l'esempia di S. Bernardina da Sie- callegata.
na che, a canclusiane e ricarda delle sue missia- Il n. 5.17, parlanda' di Crista Redentare, ricar-
ni papalari, canvinceva le farniglie a parre sulla da le sue guarigiani e i suai esarcismi. Il punta di
parta di casa un medagliane can la sigla del partenza a cia che Gesü ha fatta:
name di Cesü UHS, assia:_]esus Haminum Salva- Il n. 550 afferma che l'avventa del Regna di
tar, Gesü Salvatare degli Uamini). Dia segna la scanfitta del Regna di Satana; ven-

54 se
gana ripartate le parale di Gesii: -=-Se ia scaccia i
demani per virtii della Spirita di Dia, a certa
giunta tra vai il Regna di Dias. E questa la scapa
finale degli esarcismi: can la liberaziane degli
indemaniati si dimastra la tatale vittaria di Crista
sul principe di questa manda.
I due psragrafi seguenti richiamana il duplice- I COLPITI DAL MALIGl*~lCI
sviluppa seguita dagli esarcismi: came una cam-
panente nel lil-attesima e came patere di libera-
ziane degli assessi.
Il n. 1257 ci ricarda che, paicha il B-attesima Una damanda che spessa mi senta rivalgere a
libera dal peccata e dalla schiavitii di Satana. in 1 se sana malti i calpiti dal maligna. In linea di
essa viene pranunziata una ci pifi esarcismi sul massima pensa che si passa ancara citare il pare-
candidata, che esplicitamente rinunzia a Satana. re del gesuita francese Tanquadec, nata esarci-
Il n. 1673 afferma che, can l'esarcisma, la sta: sC"a un grandissima numera di infelici che,
Chiesa damanda pubblicamente e can autarita, pur nan presentanda segui di passessiane diaba-
in name di C-esú Crista, che una persana a un lica, ricarrana al miiiistera dell'esarcista per
aggeita sia pratetta cantra l'influenza del Mali- essere liberati dai lara patiinenti: malattie ribelli,
gna e sia sattratta al sua daminia. Lfesarcisma avversita, disgrazie di agni specie, Gli indemania-
mira a scacciare i de-inani a a liberare dalle influen- ti sana assai rari, rna questi infelici sana legianis,
ze deinaniache. E un'asservaziane ancara valida se si canside-
li'-ileva Fimpartanza di questa paragrafa, che ra la grande differenza tra i veri calpiti e calara
calma due lacune presenti nel Rituale e-nel Dirit- che chiedana una parala sicura all`esarcista, cir-
ta Cananica. Infatti nan parla sala di liberare le ca 1'accavallarsì del lara guaì. Ma aggi a necessa-
persane, ma anche gli aggetti (termine generica, ria tenere canta di tanti fattari nuavi, che nan
Che pua camprcndere case, aniniali, case, esistevana quanda il P. Tanquadec scriveva. Ed a
canfarme alla tradiziane). Inaltre applica l'esar- per questi fattari che la ritenga e ha esperienza
cisma nan sala alla passessiane, ma anche alle diretta che il numera dei calpiti a grandemente
influenze demaniache,
atlmaïltatü.
Un prima fattare a la situaziane del manda
cansumistica d'accidente, in cui il sensa materia-
listica ed edanistica della vita ha fatta perdere la
56 ' 5'?
fede ai pia. Creda che, saprattutta in Italia, una prete Piera Mantera nel sua libretta: Satana e la
buana parte di calpa vada data al camunisma e siratagermna della cada (Segna, Udine 1968). Invi-
sacialisma, che can le dattrine mari-tiste hanna tata a parlare in alcune scuale superiari, ha tac-
daminata in questi anni cultura, educaziane, cata can mana la grande incìclenza sui giavsni di
spettacala. A Rama si calcala che alla messa questi veicali di Satana; a incredibile quanta sia-
damenicale vada si e na il 12% degli abitanti. E na diffuse nelle scuale supcriari_ e inferiari varie
matematica: dave cala la religiane cresce la farmc di spiritisma e di magia. E armai un male
superstiziane. Da qui il diffandersi, specie tra i generalizzata, anche nei piccali centri.
giavani, delle pratiche* di spiritisma, magia, Na passa tacere came trappi uamini di Chie-
accultisma. Can Faggiunta di ricerca della vaga, sa si disinteressina tatalmente di questi prable-
zen, meditaziane trascendentale: tutte pratiche mi, lascianda i fedeli espasti e senza difese.
fandate sulla reincarnaziane, sul dissalversi della Ritenga che sia stata un errare tagliere quasi
persana umana nella divinita a, camunque, su interamente gli esarcismi dal rita del battesima
dattrine inaccettabili da un cristiana. E nan (e sembra prapria che di questa parere fasse
accarre piü andare in India per mettersi alla anche Paala VI): ritenga un errare aver sappres-
scuala di un guru: la si trava alla parta di casa; sa, senza sastituziane, la preghiera a S. Michele
spessa can questi metadi, dall'apparenza inna- arcangela, che si recitava alla fine di agni messa.
cua, si arriva a stati di allucinaziane a di schiza- Ritenga saprattutta una carenza imperdanabile,
frenia. Aggiunga il diffandersi a macchia d'alia di cui faccia carica ai vescavi, di aver lasciata che
di satte, malte delle quali di diretta marchia sata- si spegnesse tutta la pastarale esarcistica: agni
nica. diacesi davrebbe avere almena un esarcista in
La magia, la spiritisma vengana insegnati da cattedrale: ce ne davrebbe essere una nelle chie-
vari canali televisivi. Se ne travana i libri pure se pii`i frequentate e nei santuari. Oggi Fesarcista
nelle edicale, e il materiale per la magia viene a vista came un essere rara, pressa che in travabi-
diffusa anche can la vendita per carrispandenza. le; invece la sua attivita ha un valare pastarale
Aggiunga varie serie di giarnali e di spettacali indìspensabìle, che affìanca la pastarale di ahi
clell'arrare, dave al sessa e alla vialenza si aggiun- predica, di chi canfessa, di chi amministra gli
ge spessa un sensa di perfidia satanica, C'a pai il altri sacramenti.
diffandersi di certe musiche di massa che cain- La gerarchia cattalica deve recitare fartemente
valgana il pubblica fina all'assessiane. Mi riferi- il inea cuipa. Canasca malti vescavi italianii ne
sca in particalare al rack satanica. Se ne fa inter- canasca sala qualcuna che abbia fatta esarcismi,
ss I I 59
che abbia assistita a esarcismi, che senta adegua- Came si pita cadete nei disturbi straardinari
tamente questa prablema. Nan esita a ripetere del demania? Prescinda dai disturbi ardinari,
quella che ha pubblicata altrave: se un vescava, assia dalle tentaziani che calpiscana tutti. Ci si
dietra ad una seria richiesta (nan per la richiesta pua- cadere calpevalmerite a incalpevalmente, a
di una squilibrata), nan pravvede persanalmente secanda dei casi. Passiarna riassumere i mativi in
a per mezza di un sacerdate delegata, cammette quattra cause: per permissiane di Dia; percha si
un peccata grave d`amissiane. Casi ci traviama a vittime di un maleficiaçfper una stata grave e
nella candiziane di avere persa ia scuaia'. in p assa- indurita di peccata; per frequenza a luaghi a
ta, l'esa-rcista pratica istruiva il nea esarcista. Ma persane malefiche.
ternera su questa argamenta, 1- Per perinissiane di Dia. Sia ben chiara che
C'a valuta il cinema per ridestare interesse al nulla accade senza il permessa di Dia. E sia altret-
tema. Radia Vaticana, il 2 febbraia 1975, ha inter- tanta chiara che Dia nan vuale mai il male, ma
vistata il regista del film: Uesarcista, William la permette quanda siama nai a valerla (avendcs
Friedl-tin, e il tealaga gesuita Thamas Bemingan, ci creati liberi) e sa ricavare il bene anche dal
che agi da cansulente durante le riprese. Il regi- male. Il prima casa che cansideriama ha la carat-
sta ha affermata di aver valuta narrare un fatta, teristica che nan interviene nessuna calpevalezza
traenda la trama da un ramaiiza che, a sua valta, umana, ma c'a sala un interveiita diabalica.
narrava un episadia veramente accaduta nel Came Dia permette abitualmente 1`aziane ardi-
1949. Se pai si a trattata di vera passessiane dia- naria di Satana (lc tentaziani), dandaci tutte le
balica a na, il regista ha prefcrita nan pranun- grazie per resistere e ricavandane un bene per
ciarsi e dire che era un prablema per i tealagi e nai se siama farti, casi Dia pua anche permette-
nan per lui. re talvalta l“aziane_ straardinaria di Satana (pas-
Il padre gesuita, alla damanda se quella a stata sessiane a disturbi malefici), per fare esercitare
una dei saliti film dell"arrare a qualcasa di diver- all'uama l`umilta, la pazienza, la martificaziane.
sa, ha aptata decisamente per la secanda ipatesi, Passiama quindi richiamare due casi che gi
Basandasi sull'enarme impatta che il film ha avu- abbiama presa in cansideraziane: quanda c si-ri-Í
ta sul pubblica di tutta il manda, ha affermata un'aziane esterna del demania che causa saffe-
che, a parte certi dettagli spettacalari, il film trat- renze fisiche (tipa le batte e le flagellaziani subi-
tava can malta serieta il prablema del male, E ha te dal Curata d'Ars a da P. Pia): a quanda viene
risvegliata l`interesse per gli esarcismi, armai permessa una vera vessaziane, came abbiama
dimenticati. detta riguarda a Giabbe e a S. Paala.

60 61
La vita di malti santi ci presenta escmpi di Qualcuna si meraviglia came mai Iddia passa
questa tipa. Tra i santi della nastra epaca ne cita permettere queste case. Dia ci ha creati liberi_e
due beatificati da Giavanni Paala II: dan Cala- nan rìnnega mai le sue creature, neppure le piü
bria e sr. Maria di Cesii Cracifissa (la prima araba perverse; pai alla fine tira le sammg e da a ciascu:
beatificata). In entrambi i casi, senza che ci fasse na quella che ha meritata, perche agnuna-_ sara
nessuna causa umana (na calpa da parte delle giudicata secanda le sue apere. Intanta passiama
persane calpite, na malefici fatti da altri) ci sana usare bene della nastra liberta e ne abbiama
stati periadi di vera e prapria passessiane diabali- merita; passiama usarne male e ne abbiama cal-
ca, in cui i due beati hanna detta e fatta case pa. Passiama aiutare gli altri e passiama danneg-
cantrarie alla lara santita e senza averne nessuna giarli can tantissime farme di sapraffaziane..Per
respansabilita, percha era il demania che agiva citare una delle piii gravi: passa pagare un killer
servendasi delle lara membra. percha uccida una persana; Dia nan a tenuta ad
2 _ Quanda si suhisce un rnaieƒicia. Ancha iii impedirla. Casi passa pagare un maga, una stre-
questa casa nan c`a calpa da parte di chi a vitti- gane, percha faccia un maleficia cantra una per-
ina di questa male; ma c'a un cancarsa umana, sana; pure in questa casa Dia nan a tenuta ad
assia c'a una calpa umana da parte di chi fa a di impedirla anche se, di fatta, malte valte la impe-
sieee. se eeempie, ehi -else ie gferie si nie, chi
'I-

chi ardina ad un maga il maleficia. Ne parlere-


ma piü diffusamente in un capitala a parte. Qui piii intensamente prega, e assai piu salvaguardata
mi limita a dire che il maleficia a: nuacere ad aitri di chi nan a pratieante a, peggia anflüffle C11 11111
attraversa Fintertrenia dei deniania. Pua essere attua- vive abitualmente in stata di peccata.
ta in tanti madi diversi: legatura, malacchia, Aggiungiama infine una realta che ripeterema
malediziane... Ma diciama subita che il mada anche a sua tempa: il campa delle fatture e degli
piii usata a quella della fattura: e aggiungiama altri malefici a il paradisa degli imbragliani. I
anche che la fattura a la causa piii frequente che casi veri sana una piccalissima percentuale
nai riscantriama in calara che sana calpiti dalla riepeue ene feina ehe regssns in Isle saw:-fs
passessiane a da altri disturbi malefici. Nan sa Questa terrena, altre a prestarsi can grande faci-
prapria came si passana giustificare quegli eccle- 15,-É agli imbrngli, si presta anche maltissima alle
siastici che dicana di nan credere alle fatture; e suggestiani, alle fisime delle menti debali. -Per
tanta mena passa spiegarmi came siana in grada cui a impartante che stia in guardia l'esarE1s1IHe
di difendere i lara fedeli, se vengana calpiti da ma che stiana in guardia anche tutte le persane
questi mali. di buan sensa. -

62 63
3 --› Una stata graae e indurita di peccata. Ora tac- 4 _ Frequenza a iuaghi a persane mahrjiche. Can
chiama la causa che, purtrappa, nei tempi in cui questa espressicine ha intesa camprendere la pra-
viviama a in crescenda, per cui a in crescenda tica a Fassistenza a sedute spiritiche, a magia, a
anche il numera delle persane calpite dal dema- culti satanici a satte sataniche (che hanna il lara
nia. In radice, il' aera inaiiaa a sempre la inancanza apice nelle messe nere), a pratiche diacculti-
diƒede. Quanta piii manca la fede, tanta piü sma... Frequentare maghi, stregani; certi carta-
aumenta la superstiziane; a un fatta per casi dire manti, Sana tutte farme che espangana al peri-
matematica, Creda che il Vangcla ce ne presenti cala di incarrere in un maleficia. Tanta pia
un esempia emblematica nella figura di Giuda. quanda si vuale cantrarre un legame can Satana:
Era ladra; chissa quanti sfarzi ha fatta Gesü per esiste la cansacraziane a Satana, il patta di san-
richiamarla e carreggerla, ricevendane sala rifiu- gue can Satana, la frequenza a scuale sataniche e
ti e indurimenta nel vìzia, Pincha giunse al cal- la namina a sacerdate di Satana... Purtrappa,
ma: sQuanta mi pagate se ve la cansegna? E gli specie da quindici anni in qua, si tratta di farme
fissarana trenta maiiete d'argentas (Mattea in aumenta, quasi in esplasiane.
26,15). E casi leggiama quella frase tremenda, Quanta al ricarsa a maglii e simili, presenta
durante l'ultima cena: sE allara Satana entra in un casa malta camune, Una ha un male ribelle
luis (Giavanni 13,17). Nan c'a dubbia che si sia ad agni cura, appure vede che tutte le case che
trattata di una vera e prapria passessiane diaba- intraprende gli vanna starte; pensa di avere qual-
lica. casa di malefica che la blacchi. Va da un carta-
1*-Jella stata attuale di sfascia delle famiglie, ha mante a da un maga e si sente dire: s Lei ha una
avuta casi in cui le persane calpite vivevana stati fattura s. Fin qui la spesa a paca e il danna a nul-
matrimaniali disardinati, can Faggiunta di altre la. Ma spessa viene il seguita: -:Se vuale che gliela
calpe; mi sana capitate danne che piü valte ave- talga, accarre un milianes, a piii ancara. Nei
vana cammessa il delitta d'abarta, altre ad altre malti casi che mi sana capitati ha saputa della
maneanze: ha anita casi di persane che, altre a cifra massima di 42 miliani, Se la prapasta a
perversiani sessuali aberranti, cammettevana cal- accettata, il maga a il cartamante chiede qualca-
pe di vialenza; e ha ainita vari casi di amasessuali sa di persanale: una fata, un indumenta intima,
che si dragavana e cadevana in altre calpe can- una ciacca di capelli, a qualche pela, a un fram-
giunte can la draga, In tutti questi casi, mi sem- nienta d'unghia. A questa punta il male a cam-
bra quasi inutile dirla, la via della guarigiane ini- piuta, Che casa ci fa il maga can gli aggetti
zia sala attraversa una sincera canversiane, richiestiì' E chiara: fa della magia nera.

64 65
Ci tenga anche a una precisaziane. Multi ci esarcisti (vedi Gente, n. 5, 1990, pagg. 106-112).
cascana percha sanna che certe dannette ssana Canasca altri casi analaghi, ma su di una in par-
sempre in chiesas; a percha vedana la studia dei
maghi tappezzata di cracifissi, di Madanne, di
santini, di ritratti di P. Pia. Per di piii si sentana
l ticalare dcsidera fermarmi.
ll 24 aprile 1988 C-iavanni Paala II ha beatifi-
cata il carmelitana spagnala P. Francesca Palau.
dire: sla faccia sala magia bianca; se venissi E una figura malta interessante nel casa nastra,
richiesta per magia nera, mi rifiutereis. l"~lell'usa percha il Palau, negli ultimi anni di vita, si dedica
carrente, per magia bianca si intende tagliere le agli indemaniati. Aveva acquistata un aspizia in
fatture; la magia nera a farle. Ma in realta, came cui accaglieva i calpiti da malattie mentali, Li
nan si stancava di ripetere P. Candida, nan esiste esarcizzava tutti: quelli che erana indemaniati
magia bianca e magia nera: esiste sala la magia |
¡||
guarivana; quelli che erana malati restavana tali.
nera. Percha agni farma di magia a un ricarsa al l
Fu malta avversata, naturalmente, dal clera.
demania. Casi il malcapitata, se prima aveva un Anda allara a Rama due valte; nel 1866 per par-
piccala disturba malefica (ma facilmentenan lare di queste case can Pia IX; nel 18711 per atte-
aveva nulla di questa tipa) se ne tarna a casa can nere che il cancilia Vaticana I ristabilisse nella
un vera e prapria maleficia. Spessa nai esarcisti Chiesa 1'esarcistata came ministera permanente.
dabbiama affaticarci malta di piü a tagliere l'ape- Iiiii_
Sappiama came quel cancilia fu interratta; ma
ra nefasta dei maghi che a guarire il disturba ini- l'esigenza di ripristinare questa servizia pastarale
ziale. _ ,, resta urgente.
Aggiunga anche che, malte valte, aggi came Che la diflicalta di distinguere un indemania-
nel passata, la passessiane diabalica pua venire ta da un malata psichica sussista, a un fatta. Ma
canfusa can le malattie psichiche. Ha grande sti- un esarcista esperta a in grada di capirla piii di
ma di quegli psichiatri che hanna la campetenza una psichiatra; percha l'esarcista tiene presenti
prafessianale ci il sensa dei limiti della lara scien-
l
! le varie passibilita e sa rilevare gli elementi di
za e sauna anestamente ricanascere quanda un distinziane; la psichiatra, il pia delle valte, nan
paziente presenta sintamatalagie nan inquadra- crede alla passessiane diabalica per cui nan tiene
bill nelle malattie scientificamente ricanasciute. neppur canta della sua passibilita. Aiini addietra
Il praf. Simane Marabita, psichiatra a Bergama, P. Candida esarcizzava un giavane che, secanda
ha affermata di avere le prave che malti, ritenuti la psichiatra che la aveva curata, era affetta da
malati psichici, erana in realta passeduti da Sata- epilessia. Invitata ad assistere a un esarcisma,
na, ed a riuscita a guarirli can l'aiuta di alcuni quel medica accetta. Quanda P. Candida pase la

66 ' 67
mana sul capa del giavane, questi cadde a terra, Riguarda alla passessiane demaniaca passa
in preda a canvulsiani. sd/cde, padre: si tratta evi- sala parlare in prima persana, nan a name della
dentemente di epilessias, si affretta a dire il scienza, Mi pare che in certi casi la malignita, la
medica. P. Candida si china e rimise la mana sul distruttivita dei fenameni abbia un aspetta tal-
capa del giavane, Questi si alza di scatta e rimase rnente particalare, che veramente nan si pua piii
in piedi diritta e ìmmabile. sFanna casi gli epi- canfandere questa tipa di fenameni can quelli
lettici?s, chiese P. Candida. sl*-la, mais, rispase la che la scienziata, per esempia il parapsicalaga a
psichiatra, evidentemente perplessa di frante a la psichiatra, pua verificare nei casi tipa palter-
quel campartamenta. geist a altra. Per usare un esempia, sarebbe carne
Inutile dire che gli esarcismi cantinuarana paraganare un ragazzina dispettasa a tm sadica
fina alla guarigiane del giavane, che per anni era criminale. Cia una differenza che nan si pua
stata tartassata da medicine e da cure che la ave- misurare cal metra, ma a una differenza che si
vana sala danneggiata. Ed a prapria qui che tac- pua avvertire. In questi casi creda che un uama
chiama un punta delicata: nei casi difiicili, la dia- di scienza debba ammettere la presenza di farze
gnasi richiede una studia interdisciplinare, came che nan sana pia gavernabili dalla scienza e che
accennerema nelle prapaste finali. Percha a fare la scienza came tale nan a chiamata a definires.
le spese degli errari sana sempre i malati che, in
nan pachi casi, sana stati ravinati da cure medi-
che sbagliate.
hpprezza malta gli scienziati che, anche se
nan credenti, ricanascana i limiti della lara
scienza. Il praf. Emilia Servadia, psichiatra, psica-
nalista e parapsicalaga di fama internazianale,
ha rilasciata intercssanti dichiaraziani alla Radia
ïaticana, il 2 febbraia 1975: sLa scienza deve fer-
marsi di frante a quella che i suai strumenti nan
passana verificare e spiegare, Nan si passana
indicare esattamente questi limiti: nan si tratta di
fenameni fisici, Ma creda che agni scienziata
cansapevale sappia che i suai strumenti arrivana
fina a un certa punta e nan altre.
LiL_-
-mml-I I I.

68 69
APPENDICE

Paura del diavala? Risparide S. Teresa di Gesú

Cantra ie ingiustiƒicate paura dei deniania, ripartia-


rna una pagina di S. Teresa didaila, tratta dalla sua
Vita, (capitala 25, 19-22). E una pagina incarag-
giante, a 1-*nena che nan siaraa nai ad aprire al deniania
ia parta.

-:Se questa Signare a casi patente, came sa e


veda; se i demani nan gli sana che schiavi, came
la fede nan mi permette di dubitare, che male mi
passana fare se ia sana la serva di questa Re e
Signare? Piuttasta, percha nan sentirmi casi far-
te da affrantare l'inferna interaì' Prendeva in
mana una crace e mi sembrava che Dia me ne
desse il caraggia. In breve spazia di tempa mi
vidi casi trasfarmata che nan avrei tcmuta di
scendere in latta can tutti e gridava lara: “Venite
avanti ara, cha, essenda ia la serva del Signare,
vaglia vedere che casa mi patere far-el".
E parve che mi temessera veramente percha
me ne rimasi tranquilla. D'allara in pai quelle

'71
1-_

angustie nan mi turharana pia, na ebbi paura una a tanta cieca da riparre il prapria cantenta
dei demani, tanta che quanda essi mi appariva- nelle case del manda, che sana futili e vane
na, came avanti dira, nan sala nan ne aveva pau- came i giuachi dei fanciulli, si canvince di avere
ra, ma mi sembrava che l'avessera lara di me. ll a che fare can un fanciulla, la tratta came tale e
savrana Padrane di agni casa mi dette su di essi si diverte ad assalirla una e piü valte.
un tale impera che aggi nan li tema pifi delle Piaccia a Dia che ia uan sia di castara, ma
masche. Sana casi cadardi, che nel vedersi che, sarretta dalla grazia, ia ritenga ripasa cia
disprezzati, si perdana il caraggia. Nan assalga- che a ripasa, anare cia che a anare, piacere cia
na di frante se nan calara clie vedana arrendersi che a piacere, e nan il cantrarie, Allara farci le
facilmente, appure quanda il Signare la permet- carna a tutti i demani, che fuggirebbera spaven-
te affincha le lara latte e persecuziani ridandina tati. Nan capisca le paure di chi grida “demanial
in maggiare van taggia dei suai servi. demanialii, mentre patrebbe gridare: “Dial
Dial”, e riempire l`inferna di spaventa. Nan sap-
Piaccia a Sua Maesta che temiama sala quella
piama farse che i demani nan passana neppure
che a da temere, persuadendaci che ci pua veni-
muaversi senza il cansensa di Dia? Che sana
re maggiar danna da un sala peccata veniale che
dunque questi vani timari? Per canta mia ha piu
nan da tutta l`inferna; il che a verissima.
paura di chi ne ha tanta del demania, che unan
Sapete quanda i demani ci fanna spaventai*
del demania stessa; percha questi nan mi pua far
Quanda ci angustiama can le sallecitudini per gli nulla, mentre quelli, specialmente se canfessari,
anari, per i piaceri e per le ricchezze del manda. gettana l`anima nelfinquietudine. Pier causa* lara
,allara nai, amanda e eercanda quella che ha passata diversi anni in casi gravi travagli che
davremma abarrire, mettiama nelle lara mani le ancara mi meraviglia d esser riuscita a sappartar
1. Ã

armi can cui patremma difenderci e li inducia- li. Sia benedetta il Signare che mi ha prestata il
ma a cambatterci can nastra immensa pregiudi- sua valida aiutas.
zia. Fa campassiane pensarla, percha hasterebbe
stringerci alla crace e disprezzare agni casa per
amare di Dia, giaccha il demania fugge da que-
ste pratiche, pia che nai dalla peste. Arnica della
menzagna e menzagna lui stessa, il demania nan
va mai d'accarda can chi cammina nella verita.
Ma se vede che l'intelletta a affuscata, fa del sua i'

meglia per accecarla del tutta; e se si accarge che

72 73
IL PUNTCI DI PARTENZA

Un giarna un vescava mi ha telefanata per


raccamandarmi di esarcizzare una certa persana.
Came prima rispasta gli dissi di pravvedere lui a
naminare un esarcista. Mi sentii cantrabattere
che nan riusciva a travare un sacerdate che
accettasse l`incarica. Purtrappa questa difficalta
a generale. Spessa i sacerdati nan credana in
queste case; ma se il vescava affre lara di fare gli
esarcisti, si sentana addassa i mille diavali e rifiu-
tana. Piii valte ha scritta che si fa malta piii rab-
bia al demania a canfessare, assia a strappare al
demania stessa le anime, che a esarcizzare, che a
sattrargli i carpi. E ancar piii si causa rabbia al
demania a predicare, percha la fede germina
dalla parala di Dia. Percia un sacerdate che ha il
caraggia di predicare e di canfessare nan davreb-
be avere nessun timare a esarcizzare.
Laan Blay ha scritta parale raveuti cantra i
sacerdati che si rifiutana di campiere esarcisnii.
Le riparta da Ii diaaaia di Balducci, (Piemme,
pag. 233): sI sacerdati nan usana quasi mai il
lara patere di esarcisti, percha mancana di fede
75
ahanna paura, in sastanza, di disgustare il dema. I nella persana che si presenta, farnisce una serie
E1811* 911113119 questa a vera; malti temana rappre- di narme pratiche, sia per ricanascere se si tratta
sag-lie e dimenticana che il demania ci fa gia rm. di un casa di vera passessiane, sia per il campar-
la 11 male phe il Signare gli cansente: nan esista- tamenta che l'esarcista deve asservare.
na can lui patti di nan belligergngflt E liguturg Ma la scancerta del vescava (snan saprei da
cantinua: 1-8e 1 sacerdati hanna perdura 1;,-1 fgcl,-3 che parte incaminciares) a giustificata. Nan ci si
al pulnta di nan credere piii al lara patere di impravvisa esarcisti. Assegnare tale incarica a un
esqrcisti .e di nan farne pia usa, cia rappresentg sacerdate, a un pai came mettere in mana a una
1111 1111911131119 51”-'1`1'111-11"H. Ulffltrace prevaricaziane in persana un trattata di chirurgia e pai pretendere
S-Egttita alla quale vengana irreparabilmente che vada a eseguire aperaziani. Tante case, trap-
aìlgbagi-danate ai peggiari nemici le pretese- i5|;.,_=¿-1-1- pe case, nan si leggana nei testi, ma si imparana
11 11 1 13111 111a111`a11¿ï'-11'1'Í1 H11 Úspedalis, Parale farti, sala can la pratica. Per questa ha pensata di met-
mg vere. E un diretta tradimenta al camandn di tere per scritta le esperienze mie, dirette dalla
Crista. grande esperienza di P. Candida, pur sapcnda
Ritarna alla telefanata di quel veeeüeü, (3,11 h,-¿, che riuscira malta carente: altra a leggere altra a
detta can franchezza che, se nan Egea@ Egcflrgg vedere. Ma scriva ugualmente case che nan si
gifgera abbligalta a prawedere lui persnnglmEm,g_ travana in nessun altra libra.
i_s`ana sentita rispandere, can candida ingf_-_ In realta il punta di partenza a un altra. Quan-
nuita, 1-Ia? Nan .saprei da che parte incamincia- da si presenta, a viene presentata da familiari a
1"es.PA1Cche*ha ribattuta can la frase che disse a amici, una persana per essere esarcizzata, si inca-
1119 1 31111111131. quanda mi travai a iniziare: e Ii-ree. mincia can un interragataria valta a camprende
retnct cai ieggere te istruziani del' Rituaie e reciti sui re se ci sana mativi ragianevali per pracedere
richiedente ie preghiere prescrittee, all'esarcisma, da cui sala pua ricavarsi una dia
Q1fa1111 fi 1_11'-W111” di partenza, ll Rituale degli gnasi, a se tali mativi nan ci sana. Per cui si inca-
esarcismi inizia ripartanda 21 narme che l'esar- inincia a studiare i sintaiui che la persana a i fainiliari
cista deve asservare; nan imparta se queste nm-_ denunciana, e anche ie passibili cause.
11"11ï`c1l`s1ï1Hü State scritte nel 1614: sana direttive pie- Si inizia can i niaii jisici. I due punti pin spessa
119 1 SHEEEZZH. Che patranna essere ultcriarmen- calpiti sana la testa e la stamaca, in casa di
te campletate, ma che hanna tuttara pienn vglg. influenze malefiche. Oltre a mali di testa acuti e
re, Dapa aver .messa in guardia l'esarcista perche refrattari ai calmanti, pua esserci, specie nei gia-
nan creda facilmente alla presenza ¿ie-1 dflmünìü vani, un"impravvisa chiusura alla studia: ragazzi

76 77
intelligenti e che nan hanna mai avuta difficalta che i medici ne camprendana le cause e senza
a scuala, di calpa nan riescana pia a studiare e la che si attenga frutta can i farmaci.
memaria a ridatta a zera. Il Rituale riparta, quali Abbiama affermata che una dei criteri di ricana-
segni saspetti, le manifestaziani pia vistase: parla- sciinenta di passessiane diabaiica a ƒarnita daiƒatta che
re carrentemente lingue scanasciute a campren- ie niedicine sana inefficaci, al cantrarie delle bene-
derle se parlate da altri; canascere case lantane e diziani. I-Ia esarcizzata Marca, calpita da una far-
nascaste; dimastrare una farza muscalare savru- te passessiane. Era stata a lunga ricaverata e mas-
mana. Came gia dissi, ha riscantrata fenameni di sacrata da cure psiehiatriche, specie da elettra-
questa tipa sala durante le benediziani (casi shac, senza che desse mai la minima reaziane.
chiama sempre gli esarcismi), nan prima. Spessa Quanda gli fu ardinata la cura del sanna, gli
vengana denunciati campartamenti strani a via- hanna samministrata per una settimana dei san-
lenti. Un sintama tipica a l`avversiane al sacra: niferi che avrebbera addarmentata un elefante;
persane che cessana di calpa di pregare, mentre lui nan ha mai darmita, na di giarna na di natte,
prima la facevana; che nan mettana pia piede in Camminava per la clinica can gli acchi sbarrati,
Chiesa, Carl seiitiiìieiiti di Tahhia; spessa usana; came un ebete. Finalmente apprada all'esarcista
bestemmie e vialenza cantra le immagini sacre. e subita iniziarana i risultati pasitìvi.
Quasi sempre si aggiungana campartamenti asa- Anche ta farza straardinaria pua essere un segna di
ciali e rabbiasi versa i familiari a gli ambienti che passessiane diaaaiica. Un pazza in manicamia pita
si frequentana. Si riscantrana pai stranezze di essere tenuta ferma can la camicia di farza. Un
varia tipa. indemaniata na; spezza tutta, anche catene di
Inutile dire che, quanda una apprada a1l'esar- ferra, came il Vangela dice delfindemaniata di
cista, ha gia fatta tutti gli esami e le cure mediche Gcrasa. P. Candida mi narra il casa di una ragaz-
passibili. Le ccceziani sana rarissime. Per cui za magra e apparentemente debale: duraiite gli
l'esarcista nan 'ha difficalta a farsi dire il parere esarcismi, veniva a stenta tenuta ferma da quat-
del medica, le cure fatte, i risultati attenuti. tra uamini. Spacca agni legame, anche larghe
L'altra punta spessa calpita a il calla della sta- cinghie di cuaia, can cui tentarana di legarla.
maca, subita satta la sterna. Anche li si passana Una valta, legata can grasse funi ad una lettiera
verificare mali lancinanti e ribelli alle cure; una di ferra, in parte ne ruppe i ferri e in parte li pie-
caratteristica tipica di cause malefiche si ha quan- ga ad angala retta.
da il_ma1e suale spastarsi: ara a tutta la stamaca Maite valte il paziente (a anche gli altri, se e
a agli intestini, ara ai reni, ara alle avaie... senza calpita una famiglia) sente strani rumari, passi
78 79
nel carridaia, parte che si aprana e si richiuda- Praceclenda nelle preghiere intraduttive, agni
na, aggetti che spariscana e pai riappaiana nei tanta si lamentava: -Vaglia un vera esarcisma,
P121511 {115pEl.l`Etl;1, Eülpi alle pareti ci ni 1i"¡ij_i]3i1j_ nan queste casels. Alliinizia del prima esarci-
Chieda sempre, per ricercare le cause, da quanta sma, che incamincia can le parale: 1-Ezarciza tes,
tempa sana iniziati i disturbi, se sana ricallegabi- si calma saddisfatta; queste parale chiaramente
li a un fatta cancreta, se liinteressata ha frequen- le erana rimaste impresse dagli esarcismi prece-
tata sedute spiriticlie, se si a rivalta a cartamanti denti. Pai incamincia a lamentarsi che le faceva
a maghi e, in casa pasitiva, came si sana svalte le male agli acchi, Tutti atteggiamenti nan cansani
case. ai passeduti. Quanda ritarna- le valte scguenti,
E passibile che, dietra suggerimenta di un nan sapeva capire se il mia esarcisma le aveva
qualche canascentc, siana stati aperti il cuscina a pradatta qualche effetta a na. Per piii sicurezza,
il materassa de1l'interessata, e si siana travati gli prima di licenziarla definitivamente, la accampa-
aggetti piii strani: fili calarati, ciuffi di capelli, gnai una valta da P. Candida: dapa averle messa
trecce, schegge di legna a di ferra, carane a la mana sul capa, egli mi disse subita che li il
nastri legati in mada strettissima, pupazzi, farme demania nan ci entrava. Era un casa per psichia-
di animali, grumi di sangue, sassi.,.; sana frutti tri, nan per esarcisti. -
sicuri di fatture. Pierluigi, di 14 anni, si presentava grande e
Se i risultati delfinterragataria sana tali da far grassa per la sua eta. Nan pateva studiare, era la
saspettare l'interventa di una causa malefica, si disperaziane degli insegnanti e dei campagni,
pracede alfesarcisma. can nessuna dei quali riusciva ad andare diaccar-
Presenta alcuni casi; naturalmente in tutti gli da; nan era pera vialenta. Una sua caratteristica:
episadi che riparta rnadifica i nami e qualsiasi quanda si sedeva per terra, can le gambe incra-
altra elementa che patrebbe far ricanascere le ciate (lui diceva che sfaceva liindianas), nessuna
persane. Per alcune benediziani a venuta da me farza riusciva a sallevarla, came se fasse clivcntata
la sig.ra Marta, accampagnata dal marita. Veniva- di piamba. Dapa varie cure mediche, prive di
na da Iantana e can nan paca sacrificia. Da mal- risultati, fu partate da P. Candida che incamincia
ti anni Marta era in cura da neuralagi, senza a esarcizzarla, riscantranda una vera passessiane.
alcun vantaggia. Dapa alcune demande, vidi che Un'a1tra sua caratteristica: nan era litigiasa, ma
pateva pracedere all'esarcisma, anche se era gia can lui la gente diventava nervasa, gridava, nan
stata esarcizzata da altri, ma senza frutta. All'ini- daminava i prapri nervi. Un giarna si era scduta
zia cadde a terra e pareva priva di canascenza, a gambe incraciate sul pianerattala della sua
89 81
casa, al terza piana. Gli altri inquilini andavana su demania muta) e nan natai la piü piccala reazia-
e giü per le scale, la scuatevana percha se ne ne. Quanda me ne andai, ci fu pai la reaziane
andasse di li, ma lui nan si muaveva, A un certa vialenta. Accadeva sempre casi. Era anziana e fu
punta tutti gli inquilini del fabbricata si travarana tatalmente liberata appena in tempa per finire
cantemparaneamente per le scale, nei vari piane- serenamente le ultime settimane di vita. -
rattali, e urlavana e gridavana came degli assessi Una mamma era affranta per le stranezze che
cantra Pierluigi. Qualcuna chiama la palizia; i natava in un sua figliala: in certi mamenti si
genitari del ragazza chiamarana P. Candida, che
giunse quasi insieme ai paliziatti e si era gia mes-
sa a chiacchierare cal ragazza per canvincerla a
l
'I
I
arrabbiava can urla pazzesche, liestemmiava e
pai, quanda ritarnava calma, nan ricardava nulla
di questa sua campartamenta. Nan pregava e
entrare in casa. Ma i paliziatti (tre giavanatti ben
|

I
1 mai avrelibe accettata di farsi benedire da un
piantati) gli dissera: -Si scansi, reverenda; queste sacerdate. Un giarna, mentre il figlia era al lava-
sana case per nais, Quanda cercarana di muave-
re Pierluigi, nan la spastarana di un millimetra.
Stupiti e grandanti di sudare, nan sapevana che
l ra e, came al salita, era uscita indassanda la sua
tuta da meccanica, la madre fece benedire ivesti-
ti can Fappasita preghiera del Rituale, Di ritarna
casa fare. Allara P. Candida disse lara: eFate rien- 1
dal lavara, il figlia si talse la tuta sparca e si rive-
trare agnuna nel prapria appartamentas; e in un
attima si fece silenzia campleta. Pai aggiunse
1 sti senza nulla saspettare. Dapa pachi secandi si
talse i vestiti can furia, quasi se li strappa di das-
s-Vai scendete ara una rampa di scale e state a
guardares. Fu abbedita. Infine disse a Pierluigi:
1
F.
sa, e si rimise la tuta da lavara senza. dire nulla;
nan ci fu versa che indassasse piii quei vestiti
_-sSei stata brava: nan hai detta una parala e li hai benedetti, distinguendali bene dagli altri del sua
tenuti a hada tutti. Cra rientra in casa can mes. piccala guardaraba, che nan erana stati benedet-
La prese per una mana e quella si alza e la segui, ti,' Questa fatta dimastrava ulteriarmente la
tutta cantenta, dave la aspettavana i genitari. necessita di esarcismi su quel giavanatta.
Can gli esarcismi Pierluigi ebbe buani migliara- Due giavani fratelli ricarsera alle mie benedi-
menti, ma nan la tatale Iiberaziane. ziani, angustiati per malesseri di salute e per stra-
Una dei casi pia difficili che ricarda a quella ni rumari in casa, da cui erana disturbati saprat-
di un uama, un tempa assai nata, che per malti tutta a certe are fisse della natte. Benediccndali
anni fu benedetta da P. Candida. Andai anch`ia a natai delle lievi negativita e diedi lara i cansigli
benedirla a casa sua, da cui nan si pateva muave- appartuni circa la frequenza ai sacramenti, la
re. Gli feci Fesarcisma; nan disse nulla (aveva un preghiera intensa, 1'usa dei tre sacramentali
82 83
1
1

(acqua, alia, sale esarcizzati), invitandali a ritar-


lans, rispase. Finita 1'esarcisma manda la piccala
nare. Dal] mterragataria risulta che questi incan-
'!|' '1 'I' 'I-. . 1.

'I
a pregarc, davanti al tabernacala. Venne il turna
venienti erana incaminciati da quanda i lara J'

di un'altra bambina, pure passeduta e anche a


genitari avevana decisa di prendere in casa il
questa demania P. Candida chiese il name.
nanna, rimasta sala. Era un uama che bestem-
sïaliulans, fu la rispasta. E P. Candida: sSei la
miava in cantinuaziane, imprecava e malediceva stessa che stava nell'a1traP Vaglia un segna. Ti
tutta e tutti. Il campianta P. Tamaselli diceva che
camanda in name di Dia di tariiare in quella che
talvalta basta un bestemmiatare in casa per ravi-
a venuta primas, La bambina ha emessa una spe-
nare una famiglia can prescnze diabaliche. Que- cie di ululata e pai di calpa si a zittita e si mastra-
sta casa ne era una prava.
va calma. Intanta i circastanti hanna sentita che
Una stessa demania pua essere presente in
l'altra ragazzina, quella in preghiera, prascguiva
piii persane. La ragazza si chiamava Pina; il
quell'ululata. Allara P. Candida ha impasta:
demania aveva annunciata che, la natte seguen- sTarna qui di nuavas. Subita la bambina presen-
te, se ne sarebbe andate. P. Candida, pur sapen- te riprese il sua urla, mentre l'alt.ra riprendeva a
da che quasi sempre in questi casi i demani men-
pregare. In episadi came questa la passessiane a
tana, si fece aiutare anche da altri esarcisti e val-
eiddente, -
le la presenza di un medica. Alle valte, per tener
Came a evidente da certe rispaste prafande,
stretta liindemaniata, Fadagiavana su un lunga
specie date da bambini. A un bambina di 11 anni
tavalai lei si dimenava e agni tanta cadeva a ter-
P. Candida ha valuta parre questiani difficili,
ra; ma riel1'ultima tratta della caduta, rallentava
quanda in lui si rivela la presenza del demania.
came se una mana la sastenesse, per cui nan si
La interraga: -sSulla terra ci sana dei grandi
faceva mai male. Dapa aver lavarata invana tutta scienziati, delle altissime intelligenze che negana
sera e meta della natte, gli esarcisti decisera di
Fesistenza di Dia e la vastra esistenza, Tu che ne
desistere. Il mattina dapa, P. Candida stava esar- diciis. Il bambina rispase subita: -:-,Maccha altissi-
cizzanda un bimbetta di 6-7 anni. E il diavala me intelligenzel Sana altissime insipienzels. E P.
dentra quel bambina incamincia a canzanare il Candida aggiunse, can l'iiitenziane di riferirsi ai
padre: sQ_uesta natte avete lavarata malta, ma
demani: sCi sana altri che negana Dia casciente-
nan avete attenute nulla. Ve l"abbiania fatta. mente, caii la lara valanta. Per te che casa
Gieïü El1`lC1111Úls.
sanai-"s, Il piccala assessa balza in piedi can fura-
Esarcizzanda una bambina, P. Candida da- _ ìli_.l_¡_

re: -sSta' attenta. Ricardati che nai abbiama valu-


manda al demania came si chiamasse. sZabu-
ta rivendicare la nastra liberta anche davanti a
84 85
11,11. E1lJ1)1El.I`I¬lÚ ClE|IÚ C11 IICI PEI" SEI'I]Pl"E=-i›_ L1g5,.[_'¡1*.
Un giarna ha chiesta a una ragazzina di 13 anni:
cista incalza: eSpiegame1a e dimmi che sensa ha -Due nemici, che durante la vita si sana adiati a
rivendicare la prapria liberta davanti a Dia, quan- marte e finiscana entrambi alliinferna, che rap-
da staccati da lui tu sei un nulla came sana un parta hanna tra lara, davenda stare insieme per
nulla ia. E came se nel numera 10 la zera valesse tutta 1'eternita?s. Ecca la rispasta: sQuanta sei
emanciparsi dalliuna. Casa diverrebbei* Casa rea- stalta! Laggiii agnuna vive ripiegata su se stessa e
lizzerebbei' la ti camanda in name di Dia: dimmi dilaniata dai suai rimarsi. Nan esiste nessun rap-
che casa hai realizzata di pasitiva? Su, parlas-. parta can nessuna; ciascuna si trava nella salitu-
Quella, piena di livare e di paura, si cantarceva, dine piii assa1uta,_a piangere disperatamente il
sbavava, piangeva in mada terribile, incancepibi- male che ha fatta. E came un cimiteras.
le in un bimba di 11 anni e diceva: elslan mi fare
questa pracessal Nan mi fare questa pracessals.
Multi si chiedana se si pua raggiungere la sicu-
rezza di parlare cal demania. In casi came questi,
nan c'a dubbia. Un altra episadia.
Un giarna P. Candida esarcizzava una ragazza
di 17 anni, cantadina, ahituata a parlare in dialet-
ta, per cui sapeva male liitaliana. Erana presenti
altri due sacerdati che, quanda la presenza di
Satana emerse fuari, nan si stancavana di fare
damande. P. Candida, mentre cantinuava a reci-
tare le farmule in latina, vi mescala- le parale in
greca: -sTaci, smettilals. Subita la ragazza si valta
versa di lui: sPercha camandi a me di tacere? Dil-
la piuttasta a questi due che cantinuana a inter-
ragarels.
P. Candida ha inquisita tante valte il demania
in persane di tutte le eta; ma ama ripartare
Finterragataria ai bambini, percha a pia eviden-
tehche nan danna rispaste alla partata della lara
eta; percia a piii sicura la presenza del demania.

86 87
' LE PRIME eBENEDIZlÚl*-lle

-1 .

E utile usare un linguaggia eufemistica can


questa tipa di pazienti. Gli esarcismi li chiama
sempre aenediziani; le prescnze del maligna, una
valta accertate, le chiama negatiaita. Ed a un van-
taggia che le preghiere siana in latina. Tutta
questa percha nan si debbana usare linguaggi
allarmistici, che patrebbera essere cantrapradu-
centi, causanda suggestiani ingannevali. Ci sana
di quelli che hanna la mania di avere un dema-
nia; si pua stare quasi sicuri che nan hanna nien-
.Lají-i
te. Per la lara mente canfusa, il fatta di ricevere
un esarcisma pua diventare una prava sicura che
¡.ï_
hanna un demania; e nessuna gliela cavera pii`i
dalla testa. Quanda nan canasca ancara bene le
persane, insista nel dire che da una benediziane,
anche se faccia un esarcisma; malte valte da
semplicemente la benediziane del Rituale sui
malati.
Il sacramentale campleta camprende ampie
preghiere d'intraduziane seguire da tre esarcismi
|
veri e prapri: sana diversi, camplernentari, e
l
seguana una successiane lagica versa la liberazia-
89
ne. Nan m'imparta liepaca in cui sana stati scelti Il Rituale nan precisa la pasiziane che deve
(1614): a un fatta che sana frutta di esperienza assumere Fesarcista: c'a chi sta in piedi e chi
diretta, malta pralungata _ seduta, chi alla destra e chi alla sinistra de1l'asses-
Chi li ha scritti (Alcuina) li ha ben sperimen- sa, a dietra. Il Rituale precisa sala che, fin dalle
tati, sappesanda la ripercussiane che agni frgee parale: sEcre crucein Daininis, si panga un lemha
aveva su persane indemaniate. C'a qualche pic- della stala sul calla del paziente e che il sacerda-
cala lacuna, a cui P. Candida ha subita rimediata; te gli tenga la mana destra sul capa. Hai abbiama
Ed EÚI1 Eaallïplü, I1'1.E!_1'1t'_';,1 un fiçhjgmü
vista che il demania a malta sensibile sui cinque
mariana. In agnuna dei tre esarcismi la abbiama sensi (sentra da lis, mi disse una valta) e saprat-
aggiunta, servendaci delle parale usate nell'esar- tutta sugli acchi. Ptllara siama saliti, P. Candida e
cisma di Leane XIII. Ma sana inezie, data che i suai allievi, di tenere leggermente due dita sugli
risalgana per la piii al IX. e al X secala. acchi e alzare le palpebre in determinati mamen:
_Ha_gia detta che l'esarcisma pua diirnre pachi ti delle preghiere. Quasi sempre capita che, nei
minuti a varie are. La prima valta che si csurcizza casi di presenza malefica, gliacchi si presentina
una persana, anche se ci si accarge fin dalliinizia interamente bianchi: si vede appena, e qualche
Ella pl“E!5EI'il1a Iìegalllvlla, va meglia eaggrg- b¡~,-5-ui;
valta accarre liaiuta dellialtra mana, da quale
qualche preghiera intraduttiva e una dei tre esar- parte stanna le pupille: se in alta a in bassa, _
131-'=1l'l'll; ln genere scelga il prima, che da anche La pasiziane delle pupille a significativa circa
1'-appartunita della sacra unziane. Il Rituale nan la specie dei demani e circa i disturbi. l'-lei malti
ne parla, came nan parla di tante altre case che interragatari, sempre i demani si sana classiiicati
direma; ma l`espcrienza ci ha insegnata (ispiran- secanda una duplice ripartiziane, ispirata al capi-
daci all'unziane che si fa nel rita del battesima) tala 9 dell'Apaca1isse: se le pupille sana in al_ta si
che a malta efficace l`usa dell'aIia dei catecume- tratta di scarpiani, se sana in bassa si tratta di ser-
111 511111 Paffllflï sSit naininis tui signa fa-inuius tuus penti. C-li scarpiani hanna a capa Lucifera (name
inunituss. Il demania cerca di nascandersi, di farse eittra-biblica, ma radicata nella tradiziane);
nan essere scaperta, per nan essere cacciare sig, i serpenti hanna a capa Satana, che camanda
Per cui pua accadere che le prime valte manifesti anche a Lucifera (ma patrebbe essere la stessa
paca a nulla della sua presenza. Ma pai la farza demania) e a tutti i demani. Faccia natare che la
degli esarcismi la castringe a uscire alla scaper- P-¿¡¡¬gl3_ adifluülfln 1'1Eì'11H. l`1E`lI`1 1121 1111 SEIIEÚ
ta. E ci sana vari madi per stuzzicarla; anche generica, came demania, ma indica sempre e
l'unziane. sala Satana; altra name di Satana a Beelzebul.
90 91
Per malti anche Lucifera a sinanima di Satana; durante gli esarcismi (si nati che a questa il
nan mi safferma ad apprafandire questa qne5[j,;¡,_ mamenta in cui il demania a piii abbligata ad
ne; per la mia esperienza si tratta di due diversi uscire alla scaperta, quanda a castretta dalla far-
demani, za delliesarcisma; egli pua assalire la persana
1 demam sana malta restii a parlare; accarre anche in altri mamenti ma, generalmente, in
castr__ingerli e parlana sala nei casi piii gravi, mada mena grave) se, diceva, la persana va cam-
quelli di vera e prapria passessiane. Talvalta sana pletamente in trance, per cui se parla a il dema-
spantaneamente malta ciarlieri: a un trucca per nia che parla can la sua bacca, se si dimena a il
di strarre l 1 esarcistadalla
' necessaria - cancentrazia-
. demania che si serve delle sue membra, e alla
HE E pai per nan _rispandere alle damande utili, fine delfesarcisma Findividua nan ricarda nulla
'31'-1-11111l11?1 vengana interragati. Nelliinterragataria di quanta a avvcnuta, allara si tratta di passessiane
g__IT1ü_lta impartante attenersi alle regale del diahaiica, assia la persana ha un demania dentra,
tua e. nan fare demande inutili a di curiasita, che agni tanta agisce can le sue membra, Se inve-
ma chiedere il name, se ci sana altri demani es ce una persana, durante gli esarcismi, pur aven-
quanti, quanda e came il maligna a entrata in da qualche reaziane che rivela 1"assa1ta demania-
311'-11 111111111131, quanda ne uscira. Se la pre,-1.-,enga ,;1,-_-1 ca, nan perde del tutta canascenza e alla fine
e rganiq ' e` davuta a maleficia, - si- interraga
1 - che
in ricarda anche vagamente quella che ha sentita a
ma a ta_e maleficia
___ ' eif stata fatta. Se la perenne, fatta, allara a aessaziane diabalica: nan c'a un dia-
H Inangigta a bevuta case maletiche, deve er,¡-m. , vala fissa, dentra il carpa della persana; ma c'a
ïflflf-'i safe gtata nascasta una qualche fattura, un diavala, che agni tanta, 1`assale e le pravaca
a ccarre arsi dire_dave ' si1 trava per bruergrlg
- ,-¿em dei disturbi fisici e psichici. Ma nan sempre a
la C1ü"i1'l.1ll1E.' pI`EE.EI,LtZ1i;ji111, casi.
Durante il carsa degli esarcismi, se cie una Nan mi ferma qui a parlare della terza farma
presenza malefica, questa emerge pnen pm- eÚ1¡¿;,_ (altre alla passessiane e alla vessaziane), che a
a, in certi casi, can esplasiani impravvise L'esar- Fassessiane diabalica: pensieri assessivi invincibili,
cista acquistera sempre di piii la cagniziane della che tarmentana saprattutta di natte, ma talvalta
fi'-É-11221 E della gravita del male: se si tratta di passes- in mada permanente. Si nati che in tutti i casi la
-111111-'ï1. di aessaziane, a di assessianei se a male di
J'
cura a la stessa: preghiera, sacramenti, digiuna,
P9913' Canta a se e fartemente radicata. E diffieile vita cristiana, carita, esarcismi.
travare testi che diana chiare spiegarinni eu tale Mi ferma piuttasta a cansiderare alcuni distur-
terrena. Ia usa questa criteria: se una persana, bi di carattere generale, che passana indicare

92 93
una causa malefica, anche se nan sempre si tratta Sugli aƒfetti. Il maligna pua dare dei nervasi-
di questa male: nan sana sufficienti a una dia- smi insapprimibili, specie versa le persane da cui
gnasi, ma passana aiutare a farmularla. si a pia amati. Casi rampe matrimani, tranca
Le negativita, assia i demani, tendana ad fidanzamenti; suscita litigi can urla e strepiti in
attaccare l'uc›ma su cinque punti, in mada piü a famiglie in cui in realta tutti si vagliana bene; e
mena grave a secanda della gravita della causa: sempre per mativi futili. Tranca le amicizie; da
sulla salute, sugli affetti, sugli affari, sul gusta di alla persana calpita Fimpressiane di nan essere
vivere, sul desideria di marire. gradita in nessun ambiente, di essere scansata, di
Sulla saiute. Il maligna ha il patere di causare daversi isalare da tutti. Incamprensiane, nan
mali fisici c psichici. Ha gia fatta cenna ai due amare, vuata affettiva tatale, impassibilita a spa-
mali piii camuni, alla testa e alla stamaca. In sarsi. Pinche questa a un casa malta camune: tut-
genere questi mali sana mali stabili. Altri mali te le valte che si incamincia un rapparta d'amici-
sana passeggeri, spessa durana anche sala zia che patrebbe sfaciare in amare, a anche
durante l'esarcisma. Si tratta di bubbani, trafittu- quanda c'a stata un'aperta dichiaraziane, di cal-
re, lividi... Il Rituale suggerisce di farvi sapra il pa tutta sfuma, senza mativa.
segna della crace e aspergere can Facqua bene- Sugli aƒƒari. Impassibilita a travar lavara,
detta. Malte valte ha vista l'efficacia anche sala anche quanda si giunge alla quasi certezza di un
di parvi la stala sapra e premere can una mana. pasta; i mativi sana intravabili ci assurdi, Oppure
Varie valte mi a capitata il casa di danne venute persane che il lavara la travana, ma pai per
da me afflitte percha in prassimita di daver esse- mativi sciacchi la lasciana; a fatica travana un
re aperate di cisti alle avaie: casi risultava dai altra lavara, ma pai a neppure si presentana a
dalari e dal1'ecagrafia. Dapa la benediziane, ces- lasciana anche questa, can una leggerezza che ai
savana i dalari; dapa una nuava ecagrafia, nan familiari sembra incascienza a anarmalita. Ha
camparivana piit le cisti e nan si parlava piii di vista famiglie agiatissime cadere nella piü nera
aperaziane. P. Candida ha vissuta una ricca casi- miseria, per mativi umanamente inspiegabili. Tal-
stica di gravi mali scamparsi can le sue benedizia- valta si a trattata di grassi industriali a cui di cal-
ni; anche tumari al cervella, di cui i medici si pa e per mativi inspiegabili tutta a incaminciata
sentivana sicuri. Naturalmente queste case passa- ad andare a ratali; altre valte grandi iniprendita-_-
na accadere sala a quelle persane che hanna del- ri hanna iniziata, di getta, a campiere erran
le negativita e per le quali c`a da saspettare che il grassalani, tali da farli rimanere can un sacca di
male dipenda dal maligna. debiti; altre valte cammercianti che gestivana
94 "' 95
negazi affullatissimi, tutt'a un tratta hanna idstu
bastana da suli a cuncludere che una persana a
che nessuna piii metteva piede nel luru eserciziu.
pusseduta a infestata dal maligna.
In sastanza si e trattatu u delfimpussibilita di tru-
Sul quinta punta, desideria di murire e tenta-
vare un qualsiasi lavara, appure del passaggia
tivi di suicidia, essenda 1`aspettu pifi grave, vurrei
dalla narmalita ccanamica alla miseria, da un
ripartare almena due escmpi.
intensa lavuru alla disuccupaziune, E sempre sen-
Mi a capitatu il casu di un`infermiera prufes-
za mativi ragianevali.
siunale che, in fase di crisi acuta, nun putendune
_ Sul gusta di aicere. E lugicu che i mali fisici,
piü, ha fatta un ragiunamentu del tutta scunclu-
l isalamenta affettivu, il fallimentu ecunumicu
siunatu. Duveva eseguire una trasfusiune di san-
spingunu ad un pessimisma per cui la vita a vista
gue. Ha pensata: slniettu un altru gruppa san-
sala in sensa negativa. Subeutra una specie di
guignu; Pammalatu muure, iu venga arrestata e
incapacita all'uttimismu u almena alla speranza;
cusi mi rifugiu in prigiunes. Fece quanta si era
la vita appare tutta nera, senza passibilita di sbuc-
prapasta, ben sicura di avere usata per la trasfu-
chi, insuppartabile.
siune un altra gruppa sanguignu. Si reca nella
Sul desideria di inarire. E il punta finale che il
sua cameretta, in attesa d'essere arrestata. Ma le
maligna si prefigge: far giungere alla disperazia-
ure passavanu invana. La uasfusiune era andata
ne c al suicidia. E ci tenga a dire subita che
benissimu (nun si sa came) e l`infermiera pensa
IÍ1llElI`1El-D 11111121 E1 PUDE Süiiü la prüteziüfle dell;-1
sulu a pentirsi della sua stupidita,
Chiesa, anche cun una sala benediziune, questa
Giancarlu, un bel giuvanuttu di 25 anni, sem-
qui_iitu punta viene esclusa. Pare di rivivcre quan-
brava pienu di salute e di vivacita. Aveva invece
ta il Signure permise al demuniu riguarda a
un einquilinue che lu turmentava in muda atra-
Giubbe: sEcculu in tuu paterel Sultantu rispar-
ce. Gli esarcismi gli davanu un pu* di sullievu, ma
mia la sua vitas (Giubbe 2, 6). Patrei raccantare
trappa paca. Una sera decise di farla finita, cume
una serie di .episadi in cui, cun interventi che
gia aveva tentatu altre valte. Cammina lunga i
hanna del miracu1usu,il Signure ha salvatu certe
binari di un'impurtante linea ferruidaria, giunse
persane dal suicidia.
a uniampia curva e si _stese sulle rutaie di una dei
Multi, quanda espunevu questi cinque punti,
due binari. Can il sala aiutu di un saccu a pelu,
ci si truvavanu in pienu, anche se cun gradi diver-
ha resistita in quella scumuda pusiziune per 4-5
si di gravita, Ci tengu a ripetere che questi mali
ure. Passarunu vari ti-eni, in entrambe le direzia-
pussunu essere cunseguenza di una presenza
ni: ma tutti sul1'altra binariu. E nessun macchini-
malefica, ma passana avere altre cause: nun
sta u ferruviere si accurse della sua presenza.
96 1 si
Questa a il fatta; mi a impussibile darne una spie- mcnti, nun alla guarigiune. Un giarna P. Candi-
gaziune naturale. du stava esurcizzandu un giuvanattu grande e
Hu chiesta a P. Candida se, nella sua casi lun- grussu, di quelli che fanna sudare l`esurcista per-
ga esperienza, aveva aviitu dei casi murtali in per- cha richiedunu anche un grande sfurzu fisica.
sane che benediceva: Ne ha avuta una sulu e me Sembra talvalta di fare una vera e prapria latta.
lu ha raccuntatu. Una ragazza di Rama, ridutta in Fin dall'iniziu quel giuvane aveva detta al Padre:
gravi cundiziuni da una passessiane tatale del -:Nan su se sia bene che lei uggi mi esurcizzi; hu
maligna, aveva iniziatu ad andare da lui per esse- Fimpressiune che le far-tii del males. Infatti ci fu
re esarcizzata. Incuminciava gia ad avere qualche una vera latta tra i due, cun esita incertu su chi
vantaggiu, anche se faceva assai fatica a cumbatte- avrebbe prevalsu. Pui, di culpa, quel giuvane cral-
re le tentaziuni di suicidia. Pure sua madre anda la e per un pu' di tempa anche P. Candida gli
un giurnu da P. Candida; era una dunna che cre- crulla addassa. Mi diceva surridendu: s-:Se qualcu-
deva che sua figlia fusse una -sfissatas e le muave- nu fasse entratu in quel mamenta, nun avrebbe
va cuntinui rimpruveri. Di frante alle spiegaziuni capita chi era liesurcista e chi l'ussessus. Pui il
di P. Candida si dimustra cunvinta, ma in realta Padre si riprese e parta- a termine l1esurcismu.
nun era casi. Un giarna, mentre la figlia cunfida- Dapa nun multi giurni P. Pia gli manda a dire_:
va alla madre le sue cuntinue tentaziuni di suici- -slilun perda tempa e furze cun quel giuvane. E
darsi, questa madre indegna le fece una delle sue tutta fatica sprccatas. Can la sua intuiziune che
sulite scenate: -«Sei una fissata, nun sei buuna a veniva da1l'altu, P. Piu aveva capita che in quel
niente, nun sai neppure ucciderti. Pruvals, e nel casa nan si sarebbe uttenutu nulla. E i fatti cum-
dire questa spalanca la fìnestra. La figlia si butta pruvarunu le sue parale.
e muri sul culpa. Questa a l'iinicu casu di suici- Vurrei aggiungere un"usservaziune: ia passessia-
diu capitatu a P. Candida, da parte di una persu- ne diabalica nan a un inaie caniagiasa, ne' per i fainiiia
na che stava benedicendu. Ma a piii che evidente ri, ni per chi -ai assiste, na peri luaghi in cui z-engana
la culpa della madre, che gia aveva altre calpe fatti gii esarcisnii. E impartante dirla chiara, per-
per la candiziane in cui si truvava la figlia. cha spessa nui esarcisti incuntriamu grandi diffi-
Abbiamu accennatu alla durata degli esarcismi culta a travare luaghi in cui pater amministrare
e alla imprevedibilita del tqmpu che ci vuale per questa sacramentale. E multi rifiuti dipendana
giungere alla liberaziune. E multa impartante la prapria dalla paura che il lucale resti sinfestatas.
callaburaziune attiva del suggettu: ma talvalta, E necessaria che almena i sacerdati sappianu che
nunustante questa, si giunge sulu a dei migliara- la presenza degli assessi e gli esarcismi fatti su di

98 99
laru nun lasciana nessuna cunseguenza sui lua- il male, assia la presenza di tre demani, ciascuna
ghi e sulle persane che vi abitanu. Dubbiainu dei quali era entratu in lei in seguita a fatture, in
invece temere il peccata; un peccature incalli- tre ricurrenze diverse della sua vita. La fattura
tu, un bestemmiatare, pua danneggiare la sua pifl furte le era stata fatta da una ragazza che, pri-
famiglia, gli ambienti di lavara, i luaghi che fre- ma del matrimuniu di Giuvauna, aspirava farte-
quenta. mente a sp-usare il fidanzatu di Ciuvanna. Era
Ripurtu alcuni casi che scelga nun tra i fatti una famiglia di intensa preghiera e casi gli esurci-
pia clamurusi che mi sunu capitati, ma tra quelli smi furunu facilitati; due demuni uscirunu abba-
tipici piii camuni. ¬ stanza prestu, mentre il terza fu piii duru. Ci
Una ragazza di 16 anni, ¿Luna Maria, era angu- sana vuluti quasi tre anni di benediziani, cul rit-
stiata percha da qualche tempa nun riusciva mu di una per settimana. '
negli studi (in passata nun aveva mai avutu diffi- Dietru appuntamentu, entra da me Marcella,
culta) e udiva in casa strani rumari. Venne da me una ragazza biundissima di 19 anni, dalliaria spa-
accampagnata dai genitari e dalla surella. L"hu valda. Suffriva per mali di stumacu lancinanti e
benedetta, nutandu qualche picculu segna di per un cumpurtamentu che nun riusciva a dami-
negativita. Pui hu benedetta la madre, che accu- nare, na in casa na sul lavara: dava rispaste affen-
sava qualche disturba. Came le misi le mani sul sive, acide, senza patersi frenare, Per i medici
capa, essa diede un grande urlu e scivula per ter- nun aveva niente. Came le misi le mani sulle pal-
ra, dalla sedia su cui era seduta. Feci uscire le due pebre, all"iniziu della benediziune, mustra gli
surelle e cuntinuai l'esurcismu, assistita dal mari- acchi interamente bianchi, cun le pupille appena
tu; natai una negativita ben piü. furte che nella percettibili in bassa, e scuppia in una risata iruni-
figlia. Per Anna Maria bastaranu tre benediziani; ca.. Ebbi appena il tempa di pensare che quella
era prapria un casa debule e subita rimediatu. era'Satana, che subita mi sentii dire: slu sana
Per la madre ci vulleru alcuni mesi, cul ritmu di Satanas, cun una-nuava risata. Un pu' per valta
una benediziune alla settimana, e guari intera- Marcella intensifica la vita di preghiera, divenne
mente, multa prima di quella che avessi pututu custante nella cumuniune e nel rusariu quatidia-
pre-vedere dalle reaziuni alla prima benediziune, nu, nella cunfessiune settimanale (la cunfessiune
Giavanna, una signura sui 36 anni, madre di a pia furte di un esurcismul). Ebbe un prugressi-
tre figli, mi fu indirizzata dal canfessare. Accusa- va migliuramentu, salva qualche passa indietru
va mali di testa, di stumacu, svenimenti. Per i quanda rallentava il ritmu di preghiera, e guari
medici era sanissima. Pucu per valta venne fuari dapa suli due anni.
160 161
Giuseppe, di 23 armi, venne da rue accerupa- richìeete, per metivi inspiegabili. A1.-'eva i Iuagazzì-
gnatc- dalla madre e dalla surella. Vicli subitcr- che ni pieni di merce; rna nessun cliente si faceva pìú
era veuute serle- per fare uu piacere ai euui cari. vive. Una velta, che era riuscitc a pìaaaarne un
Puazava ferteruente di furne; si clrcgava, spaccìa- certe- quautitative, il carnìen iucaricatcr di ritirare
va clrega, besterurniava. Inutile parlare cli pre- la ruerce si guaatü rìpetutarueute, senza giungere
ghtera e ch sacramenti. Cercai cli cliaperlc alla a clestiuaziene, per cui il centrattu anclü a mente.
megllu, perche accettaase cen buena vc-lcruta la Utfaltra velta, che cen grande fatica era ríuscitcr
rnia benecliaieue. Questa fu brevìsaìma: il clerr1c~ a ccrrnbiuare una veuclìta, arrive il carrtìeu, rna
rue si rnanifestö subita in ruecle vic-lente, e tren- nesaurm fu iu grade clì aprìre la saracinesca del
cai imruediatarnente. Quaude dissi a Giuseppe rnagazzìri-er; anche quel1`affare andcr iia fumcr.
quelle che aveva, rnì rispcnse: «Le sapere gia e Una figlia spcnsata, nelle stesacr perìcde, fu abhau-
acne ccmtentcr ceai; cel demcmie ci etc bene». denata clal rnaritu e lialtra figlia, alla vigilia delle
Ne-u 1'hc› piü riviate. ncaae, quan-de era gia preuta la casa cempleta-
Suer Angela, benche giuvane, quancìe venne mente arre-data, fu lasciata dal fidanzate senza
cla me era gia ridcrtta in ccaucliaì-uni pietese: quasi che dicease il perche. Aggiungc disturbi di salute
nen riusciva a parlare, tante rneue a pregare. Sef- e rumcri in casa, cc-rrle quasi sempre succede in
friva evicientenïeute in tutte il cerpe, nen c'era questi casi. Serubrava di neu sapere ela che parte
parte in lei che neu dìrucatraase aufferenaa. Le ìnccmiucìare. Anche qui, cltre alle cunauete rac-
riutrcvnavane iu testa ccmtiuue bestemmie e apes- cc›rna;r1c1azic›ni circa la preghiera, la frequenza ai
acr si uclìvaue rurn-eri strani, che anche le altre sacramenti, una vita cristiana ceereuternente via-
su-ere sentivaue. Alfiniaicr clì tutti i guai, c'era sta- auta, he inccuuìncìate a beueclìre tutti i rnembti
ta Ia rnaledìaieue (e ferse la fattura) di uu sacer- della famiglia. Pcrì hu eaercìezatcr e celebrate la
clete iuclegucn; su-ur Angela en-ffriva ngni seffereu- messa uelfabìtaziene e nei lueghi cli lave-re clel
aa per 11 bene della sua ceugregaaicrne. De-pu padre. I risultati hanuc inccuuinciate ad essere
ruulte benediziani, cia cui trasse qualche giuva- evidenti de-pc› un anne e hanuc: preseguitu c-en
mentu, fu traaferìta in altra cittå. Spe-rcr che abbia ccstanza, anche se al ralleutat-ere. Scrrtcr prc-prìe
trcnfate un altre- eaurcieta a preseguire 1'c1pera di dure prcnfe di fede e di persevetauaal
liberaaiene. Antcmia, una ragazza venterlue, mi fu accern-
Tra i casi tremerutli di fatture su urfintera pagnata dal padre, che faceva il pasticciere. Qua-
famiglia, ne cìescrìve uuu. Il padre, cemrnercian- ai ccmtempuraneamente, la figlìa aveva asauute
te awiatc: cmtìruarnente, ai e viste di cc-lpcv senza Faspettu di una veggertte: seutìva tre.-ci strane, nen
102 103
f'ï|'I"'J-'HÍ|
II
||
¡-
riusciva ne a derrnìre ne a laverare; il padre aveva _ . - * a
Sene reaz1en1 awerute sempre e qltfläl EEUÍPTE d _
inceminciate a seffrire di deleri alle stetnace, P C-andide e che centinuane a rlpetersl cen 1
che i medici e le medicine nen riuscivane a cal- ` . . - nen hanne
sue1 alhevt. Restane vereianche se _ 1
Inare. Quande benedissi la figlia, vidi che si trat- riscentre nelliesperienaa dt altri esercisti.
tava di una leggera negativita; le dissi che se la Pense che si dehba guardare cen 1ne1te rispet-
petcva cavare cen peche henediaieni, salve ser- . . › - ` ' rienze. Nen
te al dwersl metedt e alle diverse espe _ _ _
prese. Quande invece benedissi il padre, questi resta sminuita la verita. di un fattcr, e dl un IZIPÚ di
_
¡«~.-¿-gmgne, - dt' un Inetede, anc he se st_
e liefficacla
ande cempletamente in trance, anche se rimase
mute e nen fece nessuna sniania. Al risveglie, tratta di una particelarita legata ad un*detc1"1T11-
vidi che lui nen si era accerte di nulla. Racce- nate esercista e nen riscentrahìle da altri.
tnandai allera alla figlia di nen dire al padre I-f_-f_ 'Ií

quelle che gli era successe, per nen spaventarle,


rna di riternare tutti e due. A casa la figlia nen
seppe trattenersi dal dire tutte; il padre si spa-
vente per essere andate in trance e ande... da un
rnage. Se, attraverse la persena che me li aveva
indirizzati, che stanne tnale tutti e due, nìa da rne
nen sene piü venuti. Mi e capitate altre velte di
persene che, sceraggiate dalla lentesaa della gua-
rigiene, si sene rivelte a maghi, cen pessime cen-
seguenze. Die ci ha creati liberi; siame anche
liberi di revinarci. ' ' -
A cenclusiene di queste capitele ci tenge a
precisare un fatte: egni esercista ha le sue espe-
rienze che talvelta sene irrepetibili, essia che
nen hanne riscentre da parte di altri esercisti.
Nen mi stupisce se alcuni esercisti sene rimasti
perplessi seprattutte su quante he espeste nella
prima parte: circa la pesiziene degli ecchi, il
male di testa e di sternace; avrei petute ripertare
altri fatti che a me accadene cestantetnente.

104 105
COME SI COMFORT.-Ús. IL DEMONIO

Diciarne subite, in linea di massima, che il


dernenie fa di tutte per nen essere sceperte, che
e assai avare di parele, che cerca tutte le vie per
sceraggiare il paziente e Iiesercista. Per tnaggier
chiaresza distinguianie tale cempertatnente in
quattre fasi: prirna d`essere sceperte, durante gli
esercisini, in pressirnita de11'uscita, depe la libe-
raziene. Awertiame anche che nen esistene rnai
due casi uguali. Il cenipertarnente del tnaligne e
quante mai varie e ìniprevedihile. Quelle che
serivianie si rìferisce sele a certi aspetti di cem-
pertamente che piu spesse si sene riscentrati.
1 - Prime disssers scaperta. Il dernenie causa
disturbi fisici e psichici, per cui la persena celpita
viene curata dai medici, senza che nessune
sespetti la vera erigine del male. Talvelta i medici
curane i disturbi a lunge, prevande vari medici-
nali, che sernpre risultane inadatti; per cui e
centune il fatte che il paziente camhi piü velte i
tnedici, accusandeli di nen capire il sue male.
Pin difficile e la cura dei mali psichici, nielte vel-
te gli specialisti nen riscentrane niente (queste
10'?
aimene spesse anche -per i mali f1sici)_e la perse-
per nascendere la gravita della pessessiene,
Í1-Éì PHSSH Elgll Úfiflfll CIE] 13131" =~tfi5E.fl[;.1e_ Una
anche se nen sempre ci riesce. Gestrette dalla
ÉTÚÉÍ HÉÉHHÚ qllflfiti fitfflfllfltiss É quflua
ferza degli esercisrni, alle velte e indette a mant-
1 nen esserelne capttt ne credut1. Quasi sempre
festarsi fin dalla prima prcghíflfflå ïllïfff “UME
capi@ iïhfifl- Prima U PBI, Clüpe avere invane bussa- eccerrene piü esercismi. Ricer-de un glü'-fflflfl
te alle perte della medtctna ufficiale, queste El-_
- _ _ e, peggle, maghi, chire-
P che, alla prima benediziene, aveva datensele qual-
sene _cerch1ne -guarttert
che segne di sespette; he pensate: «E L1I1 CE'-SU
Inaåti, fattlucchlere. E cesi i mali aumfi-ntflnüi facile; me la cave cen questa benediaiene e qual-
erma mente chi rtcerre alliesercista
.
su ggertmente _ - , - - (12-Er
dt qualche amtce, rarissime velta
che altras. La secenda velta divenne furiese e,
depe di allera, nen iniaiave l'esercisme se 1112111
PEF Stlggerimente di sacerdeti) ha già fan@ 1 c'erane quattre uemini rehusti a tenerle. _
tra-El
.I amel al' me d'1c1,' acqulstandene
- ' p1ena sñduciaH In altri casi deve rnaturare l`era d1 lihe. He
c 1 plu delle velte e gia state da maghi e gin-lili? presente una persena che era stata da vart esercit-
La mancanaa di fede e almene il fatte d'
1 nen sti, me cemprese, senza che si accergessere di
essere praticanti, aggiunte alla grande e in ` '
_ gtustl- niente in particelare. Una buena velta 11 derne-
ficahlle carenza ecclesiastica in queste cam e
f -| P 1 nie si e manifestate per quelle che era, e da alle-
apneì capire tale cempertamente. Il piü df,-11€
ra si e precedute regelarmente, cen la frequensa
ve te e un vere case fertuite quelle che fa çgng.
necessaria per liberare i pesseduti. In certi cast
EEETE l ESISEEHEH Cicfgll E.-5r31'Qj5fi_
gia alla prima e alla secenda henedlzlene 11
$1 Éflflgfl PI`1E.'E-EIITLE che il demenie, anch.-3 figj demenie dimestra tutta la sua ferra, che varia da
cast dl pessessiene tetale (in cui e lui ad agire Q
persena a persena; altre velte `questa_man1fesL'=1-
parlare, servendesi delle memhra del tnalcap¡m_
ziene e pregressiva: ci sene det celpttt che, siem-
tú) nüfl íìglålïfl ÍI1 CUHÍÍHUÍÍÉ., Il'1El alterna 13 5,1151 bra, egni velta presentane dei mah nuevi. S1 ha
H.Z1üfleH(ch1amata, ln genere, srnemente di crisis) Fimpressiene che tutte il male che hanne dentre
c en e rnene lunghe pause di- rtpese,
- Sflleü .1
debba a pece a pece emergere per petcf ESSEFE
Fam P1U_g1`:1V1, 1H_ perseina pue attendere ai suei telte. _
lmpegni di stud1e e di lavere in rnede tale ri,-1 Il demenie reagisce in mede melte varie alle
apparire nermale, anche se in realtå sa sele lei a preghiere e alle ingiunzieni. Melte velte s1 sfeïlfl
prezze d1 quali sferzi; di apparire indifferente; ma 1n realta seffre e
_ 2 -~ fìurerufe gli esarcismi. In principie il deme- centinua a seffrire sempre pm. fiflü H fihfi 51 mn'
nie fa dl tutte per nen essere sceperte e almene
va alla liheraziene. Alcuni pesseduti restane 1m-
108 109
mehili e silenziesi, reagende sele negli ecchi se tali nemi nen vengene prenuncìati dal maligiie e
. ,_ ,, * 5'
prevecati. Altri si dimenane, e hanne hisegne di nen pessene essere prenunciati; vengene sesti-
ESSEIE tfinuüf Pflffhë Í Cülpiti nen si facciane del '
t ui'ti da altre espressieni. '- «Luis' 111
` d ICB- Die e
Íïialc; alLt'1 si lfšltucfllläluü, Spccic se si premia 13 gm..
Gesü- «Leia indica la Madenna. Altre velte dice-
1'
a nelle parti delenti, ceme indica il Rituale, ne: -sil me mpg» rs ela tua sìgnera», per indicarc
eppure facendevi un segne di crece e aspergen- Gesii e la lvladenna. Se invece la pessessiene e
fïü EU_I1 1 acqua benedetta. Sene pechi i fui-iesi, e melte ferte e il demenie e di alte range (ripetia-
questi vanne tenuti hen stretti, da persene che me che i demeni' censervane `il range c h e aveva-
r Ii I -I- -I- -I- 1
EIIUÍHIIÚ l EF-ÚI"t`..`I5l'.í1, tj (21211 f;1_11"[11113¡~1_
ne da angeli, ceme Treni, Principati, Deminaeiü-
_ Qu-'ilflìü al parlare.. generalmente i demeni si ni...), allera è pessihile che prenuncine il neme
dimestrane melte restii. Giustamemg ¡1 R_¡¬mH]E di Die e della Madenna insieme a errihili be-
flmrnenisce di nen fare demande per curiesita, stemmie. _
ITIB. dl Ch]-EIÍlI`Í.'I`E Sülfl Chi' giüïfl 3,1111
Melti credene, chissa perche, che i demeni
ne. La prima cesa da chiedersi e il neme; per il siane ciarlieri e che, se une va ad assistere a un
demenie, cesi aliene a manifestarsi rivelare il esercisme, il demenie dica in pubblice tutti i
I
suehneine e una' scenfitta; e quande l'ha dette,
suei peccati. E una credenza falsa; i demeni sene
anc e in -tutti gli esercismi seguenti, si dimügg-3 riluttanti a parlare e quande sene ciarlieri dice-
sempre riluttante a ripeterle. Pei si impene al ne ces e insulse per distrarre 1'esercista e per
Iïialigne di dire quantì demeni sene presenti in sfu HH ire alle sue demande. Qualche ecceziene
, , . ci
quel cerpe. Pessene essere melti e pechi, ma
sempre c i--e un cape, quelle indicate _ _ q
dal prime
P ue essere - Un gierne P. Candide aveva invitate_
ad assistere ai suei esercismi un sacerdete che si
n
dümìl _ Qlïflfldq ti' demenie ' ha un neme hiblice
~ - e vantava di nen crederci. Quel sacerdete e andate
ate allatradiaiene (per esernpie; Serge@ Ú BE-¿_ -I -l-

esi ce m p ertava cen un sense quasi di dispreaz ,


"' D

2€-i"”1¿¿i L_H¿`¶FTfl,_* Zebufeis, Meridiana, ƒlsiiiedse...) si cen le hraccia increciate, fiflnïa PTEHHTE Ífümfi
dehbene sempre fare i presenti) e cen serrise
difficelta e data anche melte dalla feraa cen cui irenice. Un bel memente il demenie si e rivelte
un demenie s'e impcissessate di una persena H lui; «Tu dici che a me nen credi. Ma ci credi
figuande ci sene piu demeni, il cape è sempre alle fem mine . a lere si che
_ ci credi;
ú e ceme_ ci cre-
l ultime ad andarsene. i
d`I›i, Quel malcapitate zitte zitte e camminande
La ferza della pessessìene risulta anche dalla aJ1`indietre, ha raggiunte la perta e se Fe squa-
reaziene del demenie ai nemi sacri In genere gliata in tutta frett;-i.
110 111
Un'altra velta il demenie ha rivelate i peccati ìnimicizie. Le rispeste del demenie vanne assai
per sceraggiare liesercista. Era un bel gievanette, vagliate. Mi limite a dire che, in generale, l'inter-
quelle che P. Gandide stava henedicende; e aveva regaterie del demenie ha scarsa irnpertanza. Ad
dentre di se un bestiene piü gresse di lui. Fu pre- esempie, melte velte il demenie, quande si vede-
prie il demenie a cercare di sceraggiare l'eserci- va che si era melte indebelite, rispendeva a
sta: «Nen vedi che perdi il tue tempe cen queste demande circa la data della sua uscita, e pei nen
qui? E une che nen prega mai, e une che fre- usciva affatte in quella data. Un esercista
quenta..., e une che fa...=«, e giü una lunga serie di dalfesperienza di P. Gandide, che capiva da se
peccatacci, Finite fesercísme P. Candide previïi a cen quale tipe di demenie aveva a che fare e
cenvincere quel gievane, cen le huene rrianiere, a spesse ne indevinava anche il neme, di interrega-
fare una cenfessiene generale. Ma quelle nen ne teri ne faceva hen pechi. Alle velte, alla richiesta
veleva sapere. Fu necessarie tirarle quasi per feraa del neme, si e sentite rispendere: «Le sai gia».
in un cenfessienale; e li si affrette a dire che nen Ed era vere.
aveva niente da accusare. «Ma nen hai fatte que- Spesse i demeni parlane spentaneamente,
sta cesa il tale gierneìs, incalse P. Cìanditle. E quande si tratta di pessessieni ferti, per cercare
quelle, sl:-alerdite, devette ammettere la sua cel- di sceraggiare e spaventare l'esercista. Varie velte
pa. «E nen hai fatte per case anche questeP«, e il mi sene sentite dire frasi ceme queste: -«Tu nen
malcapitate, sempre pifi cenfuse, devette ammet- puei nulla centre di mes; «Questa e casa mia; ci
tere une per une tutti i peccati che il Padre gli ste bene e ci rimanges; «Stai perdende il tue
ricerdava, valendesi delle dichiaiaaieni del denie- tempes-. Oppure minacce: «Ti niangere il cue-
nie. Alla fine si arrive a1l'asse1u.i:iene. E quel gie- res-; «Questa nette nen chiuderai ecchie per la
vane ande via shalerdite: «Qui nen capisce piu paura:-›; «Verre nel tue lette ceme un serpente:-«;
niente! Questì pretì sanne tutteI«. _ «Ti huttere gift dal lettes... Pei, di frente a certe
Altre demande che il Rituale suggerisce ri- mie ribattute, tace. Ad esempie quande gli dice:
guardane da quante tempe il demenie si treva in «Sene avvelte nel mante della Madenna; cesa
quel cerpe, per quale metìve e simili. Parlereme puei farmi?«~; «He per patrene Farcangele
a sue tempe del cempertamente da usarsi in case Gabriele; prevati a lettare cen lui«; «He il mie
di fatture: le demande che vanne rivelte e ceme angele custede che veglia perche ie nen sia tec-
agire. Diciame pere suhite che il demenie É: prin- cate; tu nen puei fare nientes; e frasi simili,
cipe della menzegna. Pue henissime accusare Si treva sempre qualche punte particelarmen-
una persena e un'a1tra per far sergere sespetti e te deh-ele. Gerti demeni nen resistene alla crece

112 iis
fatta cen la stela su parti deleranti; altri nen resi- bilite di dimestrarsi attive melestande le persene.
stene al seffie in faccia; altri s`eppengene cen Ed esprime queste sue state di disperasiene cen
tutte le ferae alliaspersiene cen acqua benedetta. espressieni spesse ripetute durante gli esercismi:
Ci sene pei delle frasi, nelle preghiere d`eserci- «Mueie, mueies; «Nen ne pesse pies; «Basta,
sme e in altre preghiere che l'esercista pue fare, cesi mi uccidetes; «Siete degli assassini, dei beia;
a cui il demenie reagisce vielentemente e per- |
H tutti i preti sene assassinis e frasi simili. Il cente-
dende le fer;-ie. Allera si insiste nel ripetere quel- nute e cempletamente camhiate rispette a quan-
le frasi, ceme suggerisce il Rituale. L'esercisme I
-.

. te diceva durante i primi esercismi. Se allera


pue essere lunge e breve, ceme l`esercista vede .-

diceva: «Tu nen puei fare niente centre di mes,


pie utile, tenende cente di vari fatteri. Spesse e J
I era dice: «Tu mi uccidi; tu mi ha vintes. Se prima
utile la presenza d'un iriedice nen sele per la dia- diceva che nen se ne sarebbe mai andate perche
gnesi iniziale, ma anche per censigliare circa la li ci stava bene, era afferma di stare malissime e
durata delliesercisme. Seprattutte quande dice di velersene andare. Sta di fatte che egni
l'essesse nen sta bene (ad esempie, se e malate esercisme e ceme prendere il demenie a legnate:
di cuere), e quande nen sta bene l'esercista; alle- lui seffre melte, ma precura anche delere e spes-
ra pue essere il medice a censigliare di chiudere. satezaa alla persena in cui si treva. Arriva a cen-
In genere e l'esercista a capirle, quande vede che fessare che, durante gli esercismi, sta peggie che
sarebbe inutile preseguire. __ I
all`inferne. Un gierne, mentre P. Candide eser-
3 -- Iii ¡tflressiiiiitti dslfuseite. E un mernente l
ciszava una persena pressima alla liberaziene, il
delicate e difficile, che pue pretrarsi anche a lun- demenie ha dette apertamente: «Credi che ie
ge. Il demenie in parte dimestra di aver perse le me ne andrei, se nen stessi peggie quii'«›. Gli
ferze, in parte cerca di sferrare gli ultimi attac-
_-I

mil.___
esercismi gli erane diventati veramente insepper-
chi. Spesse si ha questa impressiene: mentre nel- 'I
tabili. -
|

le cemuni malattie il malate migliera pregressiva- i Un altre aspette da tener presente, per aiutare
mente fine alla guarigiene, qui avviene il centra- le persene che sene in via di liberaaiene, e che il
rie, essia la persena celpita sta sempre peggie, e demenie cerca di cemunicare lere i suei stessi
quande preprie nen ne pue pie, avviene la guari- sentimenti: lui nen ne pue pie e cemunica une
giene. Nen che sia cesi tutte le velte, ma queste e state di spessatezsa intellerabile; lui e un dispera-
il case pifi frequente. te e cerca di cemunicare alla persena pesseduta
Per il demenie lasciare una persena e ternare la sua stessa disperaaiene; lui si sente finite, cen
a1l'inferne, deve quasi sempre e cendannate, pece tempe da vivere, nen pifi in grade neppure
significa merire eternamente, perdere egni pessi- di ragienare cerrettamente, e trasmette alla per-
114 115
sena liimpressiene che tutte sia fìnite, che la sua cade abbastanza spesse che il demenie attacchi,
vita sia al termine e si accentua in lei la cenvin- essia cerchi di riternare. Nen bisegna aprirgli
aiene di essere impazsita. Quante velte queste I-
nessuna perta. Ferse, pie che di cenvalescenaa,
persene chiedene acceratamente a11'esercista I

I pessiame parlare di un periede di rafferaamente


«Mi dica francamente se sene matta!«. Ariche al- 'i che eccerre per mettere al sicure 1`avvenuta libe-
l'essesse divengene sempre pie faticesi gli eserci- raaiene. He avtite qualche case di ricaduta: alle
smi e talvelta, se nen viene accetnpagnate e qua- velte nen c'era stata negligenaa da parte del seg-
si ferzate, manca al1'appuntamente. He avute gette, essia questi aveva centinuate a mantenere
pure qualche case di persene che, vicine e abba- un ritme di vita spirituale intense, e la secenda
stanaa vicine alla liberaziene, hanne cempleta- liberaaiene e stata relativamente facile. Quande
mente cessate di farsi eserciazare. Ceme questi invece la ricaduta e stata faverita dall`aver abban-
«malatis spesse vanne aiutati a pregare e ad denate la preghiera, e peggie ancera se si e cadu-
andare in chiesa, eltre che ad accestarsi ai sacra- ti in une state di peccate abituale, allera la situa-
menti, perche da seli nen ce la fanne, cesi hanne ziene si e presentata peggierata, ceme descrive il
bisegne di essere aiutati a settepersi agli eserci- Vangele di Mattee 12, 43-45: il demenie riterna
smi, seprattutte nella fase cenclusiva; e vanne c-en altri sette spiriti peggieri di lui.
centinuamente inceraggiati. Nen sare sfuggite al lettere, le abbiame dette
- Indubbiamente centrihuisce a queste difficelte e ripetute, il fatte che il demenie faccia di tutte
la stancheaza fisica e un certe sense di demeraliz- per nascendere la sua presenza. E già questa
zaziene per il pretrarsi delle cese, cen 1'impres- un'esservaaiene che aiuta (certe nen basta que-
siene che il male sia ermai diventate inguaribile. ste) a distinguere la pessessiene da certe ferrne
Il demenie pue anche causare dei mali fisici e di malattie psichiche, in cui il paziente fa di tutte
seprattutte psichici, di cui ci si deve curare per per diventare eggette d'attenziene. Il cemperta-
mente del demenie e tutte all'eppeste.
via medica, anche depe la guarigiene. Ma e pesf
sibile il case di guarigieni cemplete, sensa strasci-
chi.
4 -- Ds-ps le Ziberesieiis. melte impertante che
la persena liberata nen rallenti il sue ritme di
preghiera, di frequenza ai sacramenti, di impe-
gne di vita cristiana. E egni tante fa bene a ri-
chiedere ancera qualche benediziene. Perche ac- -_í_*

EI
lle 117
LA TESTIMDHIANZA. DI UN COLPITÚ

Qeesie cepiifele -eee e mie, me e eee iesiimeeieeee


scritte cen rere chiereese, Pure per Feserciste pie esper-
Ie, e sempre eefieiie immedesimersi e cepire cie che pre
eeiie gfi essessi. E eeche quelle che pise epperire
emieƒesiesieite di medie greeite, :eesceeee seffereeae
che le stesse pesieetefe fetice e eleserieere. É siete qee-
sife le sferse priricipeie di G.G.M.: cercere di esjnimere
iieesprimieiie, ceejideede di essere cepitfe sepfetieiie
de chi e efifeite eie en meíe ezeeiege.

Cemincie tutte depe i le anni. Prima ere un


ragazse felice, spigliate e piutteste allegre, anche
se una certa eppressiene mi perseguitava e
devunque mi si diceva: «Nei facciame queste; e
tu?«›. «Nei andiame li e tu?«-›. Nen capive il per-
che, ma allera nen me ne faceve un preblema.
Abitave in una cittadina marittima; il mare, l'alba
e le campagne mi davane un aiute netevele per
tenermi lentane dalle malincenie. Depe i le
anni mi trasferii a Reina, lasciai la Chiesa e
ceminciai a frequentare tutte cie che in una
grande città attira un ferestiere, ciee tutte quelle

119
situasieni estremiste che in un paese nen ¿eng Ternai a casa -cen i miei, mi misi cen un'a1tra
neanche cenesciute, Ben preste cenebbi dregati, ragazza peggiere della prima e per qualche anne
bflïbüflli 1'-`-it'-Í1l"Í, ttìgazze faciii e *ida dicende Aveve fui triste, sfertunate e perseguitate da egni perse-
una certa fretta nell'imparare tutte queste «1-U. na che cenesceve; una specie di buie mi circen-
meree che mi disteglieva enermemente dalla dava, il serrise era fuggite da me e le lacrime era-
pace che aveve prima. Ceminciai a vivere questa ne sempre prente a rigarmi il vise. Ere disperate
nueva dimensiene artificiesa, satura, nauseenre e ancera mi demandai: «Perche vive? Chi sene
¿iii-Vfliftl LIII padre melte eppressivü... centrellava ie? Che fa l'ueme sulla terraìe. Naturalmente,
egni mia messa ed era sempre disgustate di me. nel mie ambiente, tutte cie nen interessava a nes-
Le sprnma di questi disgusti e di tutte le umilìa- sune e dentre di me, in un memente di dispera-
aieni che mi dava mi spinse ceme una mella in ziene melte ferte, gridai cen un file di vece: «Die
meeae alla strada. Me ne andai da casa e cenebbi mie, sene finite! Eccemi davanti a te... aiutee.
bfiflfl ffitflfli fredde, senne e eattiveria. Frequenta- Pare che fui asceltate; depe qualche gierne la
ve denne leggere e amici pesanti. Preste serse in ragazza che aveve entre in una chiesa, fece la
me una demanda senza rispesta; «PEI-.,-ghë eieüp cemuniene e si cenverti in un tempe recerd.
Perche mi ritreve per strada? Perche ie sene cesi le, per nen essere da mene, feci le stesse e
eigli altri invece hanne la ferza per laverare e ser- capitai in una chiesa nella quale pertavane in
ridere?«.. precessiene la Madenna di Leurdes; mi chiama-
A quel tempe frequentave una ragazza che rene per aiutare a pertare la statua e benche mi
ìsredeva che il male fesse pie ferte del bene; per. vergegnassi, le feci e ne fui pei ergegliese. Feci
HW dl Efffighfii tïlflghi e scrivevat cese da capegi- la cemuniene e rimasi stupite del cenfessere che
re.. le pensave che era melte intelligente perche fu buene e cemprensive.
era fueri dalla pertata di un essere uinane scrive- 'Uscii da li dicende: «Ce l'he fatta; sene terna-
ìe tutte quelle cengetture sul mende e sulle 1,4-i|~,;,-1, te al bene:-«_ E anche se nen cenesceve che cesa
_-E't'-St tutti 1 suei quaderni e pei le impesi di hru- era il bene, sentive che era cesi. Depe qualche
ciarli davanu a me perche parlavane sele di male settimana seppi di Medjugerje, deve la Madenna
e mi' dava un pe 1 paura tenere quei. fegli. in _ .
gire appariva dal 1981. Partii subite cen quella ragaz-
per casa. Fui tante ediate da quella ragazza senza za, anche spinte da un predigie che nen ste a
capirne il metive; cercai di aiutarla a uscire da descrivere. Ternamme alla Chiesa in ferma pie-
quel cene nere, ma nen ci riuscii, mi derideva e na, cambiamme vita, amariime Die pie di nei
cen me il bene che le prepen.-gm, stessi, tante che lei si fece suera e ie pensai al

120 121
EHEETIÍÚZÍÚ. Nüfl CÚHIEIIEVÚ li'-1 giüiít (ii fivflrg
in un"altra dimensiene: quella in cui seffrive. La
un metìve per vivere e che la vita nen finisse qui. realte era ceme staccata da me. Era ceme se fessi
Ma rien era che 1 inizie; ciera infatti «qualcu-
P resente nel tempe sele cel cerpe, . _ma l anime S1
nee che nen era centente di tutte queste. Depe trevasse altreve, in un peste erribile, deve nen
qualche anne riandai a Med_|ugeije e-ternenglü 3 penetra luce e nen esistene speranee.
f-lema ceminciai a risentire liece di quel buie che Rimasi melti mesi cesi, tra la vita e la merte e
la mia anima viveva prima di sceprire Die. Nel nen sapeve pie cesa pensare. Persi amici, parenti
gire di qualche settimana, questa sensaaiene che e la cemprensiene dei familiari. Ere fueri dal
IU I-El.tll"ll)UÍvü Etll'üp]Jl`ES5IlüI'1E (ll ¡Tilt! padre 3113
1 1 , I * - I I ia
mende e nen mi capivane pie, ne peteve pret-ett?
cendisiene disagiata in cui, per vari metivi, ere derle, sapende cie che aveve dentre e che mai
vissute e a un termente che credeve cemune sen- sarei riuscite a descrivere. Dinienticat quasi Die e
za capire che per gli altri nen era cesi, questa anche se mi rivelgeve a lui cen pianti e lamenti
sensaziene, diceve, divenne realte. Ceminciai a interminabili, le sentive lentane; di una lenta-
Í-effrire ceme mai mi era successe; sudave, aveve nansa che nen si misura a chilemetri, ma a nega-
a febbre e la feraa mi aveva abbandenate, tante zieni; ciee quaicesa diceva ne a Die, al bene, alla
chi nen riuscive neppure a rnangiare, ma venieg vita a me. Pensai di rivelgermi a un espedale
1l'I`i Dfiüflllüqflvevü 13. IIIETCEZIÚHE Eli Sciffrirrg (11311
per-i:he suppeneve che la febbre che aveve da
quaicesa di diverse dal cerpe, infatti E550 Em mesi devesse per ferza dipendere da una causa
ceme estranee a questi fatti. Prevave una dispera. fisica e, telta quella, sarei state meglie; e pei qual-
ziene fertissima e vedeve, nen se cen quali ecchi, cesa deveve pur fare. _
un buie_che ettenebrava nen la stanza deve sta- A Rema, sele per febbre, nessun espedale mi
ve, nen il lette sul quale ermai da mesi mi treva- veleva riceverare e devetti andare lentane 3110
ve, ma il future, le pessibilitå di vita, la speranza chilemetri, deve stetti per venti gìütflìi fifïfïfüpüfiïü
dï1_ldemani.'Ere ceme uccise da un celtelle invi- a esami e prelievi di tutti i generi. Uscii cen un
si Ii e le sentive che chi premeva queste. çgltgllü nulla di- fatte e una cartella clinica
' ' che avreb b e
mi ediava e veleva di pie della mia inerte E mel- fatte sceppiare diinvidia un atleta: ere sane ceme
te difficile spiegare a parele, ma era cesi' ceme un pesce, ma una pestilla diceva che nessune si
he dette. spiegava la febbre e la facciaigenfia e cedevflflfifl-
1 *Depe vari mesi ere impazsite e nen ragienave Ere biance ceme i fegli di un quaderne._Appe-
Pl'-1, velevane pertarmi in un manicemie; nen na uscii dalfespedale, deve tutti i miei mali s era
capive piu quelle che diceve perche ermai viveve ne un pe' attenuati, entrai in una crisi fertissima,
122 123
vemitai pie velte, seffrii tutte cie che e pessihile . - ` he
disegne, spiegavane rqelte bene il perc_n
seffrire per un neme e mi ritrevai in un punte delfaccadute. Aveve studiate psice1eg1H_Piï`f* C1
scenesciute della cittâ; ceme ci ere arrivate nen que anni ceme autedidatta e cesi etü FIUSÉIÍÚ H
le se; le gambe camminavane da sele, le braccia fermulare une schema secende il quale ere UWIU
erane indipendenti dalla velente e cesi il reste che seffrissi. ll gierne della Madenna del BLIDH
del cerpe, Fu una sensaaiene erribile; cemanda- Censiglie, e per queste ci credetti avendela invq-
ve agli arti che nen mi ubbidivane pie; nen cata, un frate mi censiglie di telefenare a un cett-
augure a nessune di prevarle. Ceme se nen smatice che agiva sette la stretta tutela di un
bastasse riterne il buie che, questa velta, si estese vesceve e aveva il dene della cenescenaa. Cestui
dall'anima anche al cerpe, Vedeve tutte ceme di mi disse: «Ti hanne fatte una fattura a merte PET
nette ed era gierne piene. La sefferenaa era arri- - - ` fa hai
celpire la mente e il cuere e ette mesi _d
vata alle stelle; ceminciai a gridare, a centercer- mangìete un frtitte ma1efìciate«. 5CUPP1“1_H ÉÉIEÍ
mi in terra ceme se avessi il fuece dentre e inve- -1

re nen credende a una sela pepe-le, Iïlfl I?-"ïì'1›


_

cai la Madenna gridande: «Mamma, mamma, tende, sentive dentre di me riaccendersi la spe-
ahbi pietå... Madre ti supplicei Madre mia, graaia ranza. Aveve dimenticate questa sensaaiene É
per me che mueiev. I deleri nen si attutirene e - - ma. «
pensai al frutte descritte e a ette mesi PH
la sefferenaa era talmente esasperata che persi vere I' dissi I' he ptüpfiü mflflglfltü QUE]
.. ffuttüiit 'E
anche il sense delferientamente e, strusciande ricerdai pure che nen veleve utflflglii-fl'ìP¶ '-nìiì
sui muri, arrivai a una cabina telefenica; riuscii a istintiva repulsiene 'vetfiü la PETEÚHH E E mit _
cemperre il numere urtande la testa sui vetri e effriva. Tutte cerrispendeva e allera as_ce_ ai
sul telefene; mi rispese liunica persena che cene- anche il censiglie sul rimedie suggerltefltl, f-ïltï-'fi
sceve e che venne per ripertarmi a Rema. Prima le benediaieni.
che arrivasse capii, ceme per un insegnamente
_ . - - .11
Cercai un esercista e depe lefvarte risqate el
esterne, che ere state a vedere liinferne; nen a preti e dei vescevi e le umiliazieni chg :gi lëflìfšsg
teccarle e a viverci dentre, ma sele a vederle da 1-Q, dalle quali sceprive` un aspette c a- (li
lentane. Quelfesperienza cambie la mia vita ,¿1,=_-ml-P;_1[ü dei, suei stessi pasteri, appredai a en
melte di pie che la cenversiene di Medjugerje. Ainerth. Rtcer ' el e E111 el g ierne melte bene; Hell_
Ancera pere nen pensave a realttì ultraterre- ' ' ne arti
sapeve ancera cese fesse una _benediaie p _
ne, ma spiegave tutte cen metivi psicelegici: disa- celare: pensave a un segne di crece., ee me fa il
dattamente, padre eppressive, traumi infantili, Pre-te depe la messa. Mi sedetti, lui mi mise la ste-
sheck emetivi e varie altre cese che, eeme un bel . ' ' inisie a
la interne alle spalle e una mane in testa,

124 125
pregare in latine e nen capive niente. Depe un che crediame e che fa di tutte per nen farsi sce-
pe' una rugiada fresca, anzi gelata, mi scese dalla prire fine a cenvincerci che siame malati di que-
testa al reste del cerpe, Per la prima velta, depe ste e di quelle, mentre e lui l autere di egni iuele
quasi un anne, la febbre mi lasciava. Nen dissi e trema davanti a un prete cen 1'asperserie in
nulla; lui centinue e pian piane la speranza ter- mane. _
nava a vivere in me, la luce del gierne ternava Questa mia esperienza l he veluta descrivere
luce, il cante degli uccelli nen semigliava pie a per invitare quantì la leggeranne a prendere_in
quelle dei cervi e i rumeri esterni nen erane pie esame queste aspette della nestra vite Che lü.
essessivi, ma erane ternati semplici rumeri; vive- purtreppe, he sperimentate in piene. Sene, a
ve infattì cen i tappi alle erecchie perche il mini- cenclusieni fatte, felice che Die abblfl Pffmfiiiü
me rumere mi faceva saltare. questa enerme preva per me, perche era cemin-
Den Amerth mi disse di riternare e, appena cie a gedere i frutti di tanta sefferenaa. He l ani-
uscite, ebbi una veglia grande di serridere, di me pie pure e vede cie che primahnen vedeve.
cantare, di gieire: «Che belle, dissi, e finita». Era Seprattutte sene mene scettice e piu attente alle
vere, era tutte vere quelle che aveve prevate: era realtå che mi circenda. Credeve che Die mi aves-
la rabbia di «qualcunes che mi ediava e nen una se lasciate e invece era preprie allera che mi sta-
mia fellia a farmi tutte quel male. «E vere, ripete- va laverande, per prepararmi a inceiitrarle. _
ve da sele in aute, e tutte vere». Uggi sene passa- Gen queste scritte veglie anche inceqragglflte
ti tre anni e pian piane, una benediaiene dietre quelli che sene malati ceme sene state ie a nen
1'altra, sene ternate nermale e he sceperte che perdersi d'anime pertïhëi flflflhfi 5'? Sflmjjfff* EW'
la felicità viene da Die e nen dalle nestre cenqui- -tlente, nen h*iseg na credere neanche all 1 eviden-
_
ste e dai nesui affanni. - za, ciee che Die ci abbandena. Nen e cesi e a
ll male, la cesiddetta sfertuna, la tristezsa, cese fatte se ne ha la PTÚEH- Bfifitfl PEFSWETHTE'
Fangescia, il saltellie delle gambe, l"irrigidirsi dei ;._-,¡-H-¿he ee per anni. Deve ineltre fare una precisa-
nervi, l`esaurimente nervese, l'insennia, il time- ziene e ciee che le benediaieni hanne un effette
re di schiaefrenia e di epilessia (aveve aimtte infat- ¡ante piu -~ intense
- 't Die
quante piu ' le vuele_e n en
ti alcune cadute) e tante altre malattie, di cui ere dipendene dalla velente dell'eSüI`E1-513 'U'
vittima, sparivane al suene di una semplice bene- delfeserciszate; e che questa intensita, secenuãe
diaiene. Sene tre anni che ie he preve su preve la mia esperienza, dipende melte di piu da a
che dimestrane, sele a me naturalmente, che il velentã di cenversiene del seggette che dalleüpre-
demenie esiste e agisce melte di pie di *quelle tiche esercistiche. La cenfessiene e la cemuniene

126 127
valgene ceme un gresse esercisme. Nelle cenfes- che il delere ce la effusca. «Nei vegliame velere
sfeni in special mede, se ben fatte, ie he prevate la fede«; vegliame velere; questa velentå il deme-
1 immediata scemparsa dei termenti sepracitati; e nie nen pue teccarla, la velentii e nestra; nen e
nelle cemunieni, una delcezza nueva che nen ne di Die ne del diavele, ma sele nestra, perche
pensave petesse esistere. Die ce l'ha denata quande ci cree; quindi deb-
_AH-:he anni fa, prime si eme quelle serferene biame dire sempre di ne a chi ce la vtiele abbat-
mi cenfessave e faceve la cemuniene; ma nen tere e debbiame credere (cen S. Paele) che «nel
seffrende, nen peteve vedere, se cesi pesse dire, neme di Gese Griste egni ginecchie si piega, in
da che cesa ere rese immune. Ora le se e in'-.ete ciele, in terra e sette terra».
seprattutte i tiepidi a credere che Die e realmen- Questa e la nestra salvezza. Se nen crediame
te presente alla perta del cenfessienale e nel- cen fermezza, il male che ci e state impeste, cen
l'estia, che spesse prendiame cen grande distra- malefici e cen fatture che siane, pue durare per
ZIDII-E. anni, senza miglieramenti. Ineltre, per celere
Iflültfe lflvltü gli SCEIIÍEÍ .E1 eïetfetre, prima che: che si credene ermai impazziti e nen vedene
«qualcunee li aiuti per ferza, ceme e accadute a rimedie, ie pesse testimeniare che depe melte
me. Per finire, mi rivelge cen un invite ai peveri, henedizieni queste male passa ceme se nen ci
perche pie di lere nessune le e, agli essessi, agli fesse mai state; percie nen debbiame temerle,
ediati da Satana, che si serve dei lere stessi cene- ma ledare Die per la crece che ci de. Perche
scentì per ucciderli e per epprimerli. I*-Ien perde- depe la crece c`e sempre la risurreziene, ceme
te Ia fede, nen rigettate la speranza, nen sette- depe la nette viene il gierne; tutte e create cesi.
mettete la velente alle suggestieni vielgmfi- E ai Die nen mente e ci ha prediletti per accempa-
fantasmi che il maligne vi prespetta, gntire G-ese nel Gethseniarii, a far cempagnia al
Queste e il sue vere scepe e nen quelle di sue delere per risergere cen lui.
dare le sefferenze e di precurare del male Lui Uffre a Maria Immacelata questa testimenian-
nen cerca il nestre delere, ma qualcesa di pie' e za perche la faccia fruttificare per il bene dei miei
ciee la nestra anima scenfitta nel dire: «Basta, fratelli di delere. Rispende cen l'amere, il perde-
sene un vinte, sene un balecce in mane del ne, il serrise e la benediziene a celere che sene
male; Die nen e capace di liberarmi; Die dimen- stati strumenti del diavele per darmi il martirie
tica i suei figli se permette tali sefferenze; Die che he patite. Prege che la mia sefferenza faccia
nen mi ama, il male e superiere a luis, Quem; è lere intravvedere la luce che anch'ie he riceieite
la vera vitteria del male alla quale debbiame gratuitamente dal nestre Die meravigliese.
rispendere, anche se nen abbiame pie fede, per- G. G. M.

12s f 129
EFFETTI DELL' ESÚRCISMÚ

Se la persena aveva delle negativitå, anche sen-


za che queste manifestassere dei segni particelari
durante l'esercisme, spesse il seggette ne ha
subite dei vantaggi. Generalmente nen si tiene
cente del gierne in cui l`esercisme e state fatte:
pessene esserci benesseri e malesseri, intenti-
mente e sennelenza, cemparsa di lividi e scem-
parsa di deleri; sene cese prive di impertanza. E
invece impertante valutare le censeguenze dal
gierne depe in pei. ln qualche case une sta male
per un gierne e due e pei sta meglie per un cer-
te periede; in genere sente subite un beneficie,
che pue durare pechi gierni e melti gierni,
secende la gravità del male. Se une nen ha dime-
strate nessun segne di negativitâ durante la bene-
diziene e se nen sente nessun effette depe, vuel
dire il pie delle velte che nen ha nessuna negati-
vità; i suei disturbi dipendene da altre cause. Ma
l'esercista pue invitare ad unialtra benediziene,
se ha metivi per sespettare che il demenie pessa
essersi nasceste.
E pei interessante netare cie che avviene nelle
benedizieni seguenti, sia ceme cempertamente

1?-1
durante liesercisme sia ceme censeguenze di
esse. Pue accadere che fin dalla prima velta he trevate utilissime un inserimente attive in
Finfluenza malefica abbia gie mestrate tutta la parrecchia e nei gruppi di preghiera, particelar-
sua ferza, melta e peca che sia. Si neta allera un mente in quelli del Rinnevamente.
pregressive attenuarsi dei fenemeni. Altre velte Per dimestrare la necessite della cellaberazie-
invece e ceme se il disturbe malefice cercasse di ne faccie spesse il paragene cen la drega; e
nascendersi ed emergesse sele pece per velta in tutt'a1tra cesa, ma ttitti ermai ne sene pratici.
tutta la sua estensiene; pei inizia la fase di regres- Tutti sanne che un dregate pue gtiarire, ma a
se. Ricerde, ad eseinpie, un gievane che, al pri- due cendizieni: deve essere aiutate (inserendesi
me esercisme, aveva presentate sele qttalche pic- in una ceinunite terapeutica e in altre mede)
cele segne di negativitii; al secende esercisme perche da sele nen ce la fa. E deve cellaberare
incemincie a urlare e a dimenarsi. Benche il case attivamente cen il sue sferze persenale, se ne
si presentasse pie grave di tanti altri, bastarene egni aiute e inutile. Nel nestre case 1`aiute perse-
peclii mesi di esercismi per giungere alla libera- nale e date dai mezzi clie abbiame indicati. E se i
ziene. frutti diretti degli esercismi, la liberaziene, sene
Per ie eiieiie rieseiie efeedemeiiieei Je cefieeerezie- assai lenti, in cempense he viste rapide cenver-
:rie dei pezieriie. le sene selite dire che i'effette sieni: intere famiglie impegnate ad una pratica
degli esercismi influisce per il 10% sul male; cristiana intensamente vissuta, cen preghiera
1'altre 90% deve mettercele l`interessate. In che cemune (assai spesse il resarie). He viste supera-
mede? Gen melta preghiera, cen la frequenza ai i
re estaceli alla gtiarigiene cen decisa generesite:
sacramenti, cen una vita cenferme alle leggi del
|'
alle velte era di estacele una situazieiie matrime-
Vangele, cen l`use dei sacramentali fiparlereme a
parte delliacqua, elie, sale esercizzati), facericle l niale irregelare; altre velte Finiperlimente era
date dal nen riuscire a perdenare terti ricevttti e

I
pregare al tri (efficacissima la preghiera di tutta la dal nen riuscire a ricenciliarsi cen persene, per
famiglia, e di cemtinite parrecchiali e religiese, le pie paren ti stretti, cen cui si era rette egni rap-
di gruppi di preghiera...), facende celebrare mes- perte.
se. Melte utili i pellegrinaggi, le epere di carità. JI-'nf
-¬.I-.r.L
ìh'
Un cenne particelare per la sua efficacia va
Ma seprattutte eccerre tanta preghiera persena- fatte riguarde a quelle che e une dei pie duri
le, tanta uniene cen Die in mede che la preghie- precetti evangelici: il perdene date ai nemici.
ra diventi abituale. Spesse he a che fare cen per- Nel nestre case i nemici sene rappresentati, il
sene piutteste lentane dalle pratiche religiese; pie delle velte, dalle persene che hanne fatte il
maleficie e che, talvelta, centinuane a farle. Un
132
133
sincere perdene, la preghiera per lere, la cele- per distruggerle; alle velte ci si treva in situaaieni
braziene di messe a lere favere, sene stati i mezzi cesi cemplesse che nen si sa da che parte ince-
che hanne sbleccate una situaziene e accelerate minciare. Lentissimi alla gtiarigiene anche quei
la guarigiene. casi in cui le persene vengene periedicamente
Tra gli effetti dell'esercisme debbiame anche celpite da nueve fatture: l'esercisme e pie ferte
mettere la guarigiene di mali e di malattie che della fattura, per cui la guarigiene nen pue esse-
talvelta si presentavane inguaribili. Pue trattarsi re bleccata, ma pue essere ritardata, anche di
di deleri inspiegabili in varie parti del cerpe melte tempe.
(seprattutte, le ripetiame, alla testa e alle stema- Chi serie i pie ceEpiti?l'*-len esite a dire: i gievani.
ce), ceme pue trattarsi di malattie precise, esatta- Basta ripensare alle cause celpeveli che abbiame
mente diagnesticate medicamente, ma nen gua- indicate ceme eccasieni efferte al demenie per
rite dai medici, e stimate inguaribili. Il demenie intervenire su una persena e vediame ceme eggi,
ha queste petere di prevecare malattie. Il Vange- in maiicanza di fede e di ideali, i gievani siane i
le ci parla di una denna che il demenie teneva pie espesti a «esperienzee disastrese. Anche i
curva da diciette anni (defermaziene alla spina bambini sene melte espesti, nen per celpa perse-
dersalei-"); fu guarita da G-ese cacciande via il nale, ma per la lere debelezza. Tante velte, eser-
demenie, ceme fu guarite alle stesse mede un cizzande persene anche di ctå matura, veniame a
serdemute che era tale per causa malefica. Altre sceprire che la presenza demeniaca risaliva alla
velte Gese ha guarite dei serdi e dei muti che prima infanzia, e addirittura al memente della
erane celpiti da quelle malattie, nen causate da nascita e prima ancera, durante la gestaziene.
prescnze malefiche. Il Vangele e melte precise Pie velte mi hanne fatte netare che benedice
nel distinguere i malati dagli indemeniati, anche pie denne che uemini. E queste accade a tutti gli
se certe censegttenze pessene essere identiche. esercisti. Nen e un errere pensare che la denna
Qe.-:eii serie i meleti pie greei? I pie duri a guari- sia pie facilmente espesta agli assalti del maligne.
re? Per liesperienza che he ie, sene quelli che Uemini e denne nen sene espesti alle stesse
hanne ricevute delle fatture di particelare gra- mede. E anche vere che sene assai pie numerese
vita. Ricerde, ad esempie, alcune persene che le denne dispeste a ricerrere all'esercista per far-
avevane ricevute fatture in B-rasile (le chiamane si benedire. Melti uemini, pure se sanne di esse-
«niacumbe«~); ne he benedette altre che avevane re sicuramente celpiti, nen ne vegliene sapere di
ricevute fatture da stregeni africani. Tutti casi avvicinarsi a un sacerdete, E he avute pie casi di
durissimi, Aggiunge le fatture su famiglie intere, uemini che di denne a cui he chieste di cambiar
134 135
vita e hanne rifiutate. Naturalmente nen si sene rese il suene de1l'ergane, della musica sacra, del
pie fatti vedere, anche se erane censci del lere cante gregeriane. Sene mezzi ausiliari di cui
male. Liestacele maggìere era di passare da un abbiame sperimentate Fefftcacia.
pratice ateisme a una vita di fede vissuta, e da E il demenie ceme si cemperta, precedende
una vita di peccate a una vita di grazia. negli esercismi? Aggiunge ancera qualcesa a
Neri nascende che ie guerigierie de queste mele quante si e gie dette in prepesite. Il demenie sef-
richiede preprie teriie, ceme iriierisiie tii eiie crisiierie. fre e fa seffrire. La sefferenza che preva durante
Ma crede che sia preprie queste une dei metivi gli esercismi e qualcesa di inimrnaginabile. Un
per cui Iddie le permette. lvlelte velte me le sene gierne P. Candide aveva chieste a un demenie se
sentite dire dalle stesse persene celpite: la lere nell'inferne c'e il fuece e un fuece che brucìa
fede era assai languida e la vita di preghiera quasi per bene. Il demenie ha rispeste: «Se tu sapessi
spenta. Se si sene avvicinate a Die, melte velte quale fuece sei tu per me, nen mi faresti questa
anche cen un intense apestelate, hanne ricene- demandas-_ Certe nen si tratta del fuece terre-
sciute di deverle al male che le aveva celpite. Nei stre, prevecate da cembustiene di materiale
siame attaccati alla terra e a questa vita assai pie infiammabile. Vediame ceme il demenie brucia a
di quelle che inimaginiame; il Signere guarda centatte cen cese sacre ceme crecifissi, reliquie,
invece pie in le, guarda el nestre bene eterne. acqua benedetta.
Da parte sua Iiesercista, precedende nelle Ariche a me e gie capitate varie velte di sentir-
benedizieni, nen si accententere di sellecitare il mi dire dal demenie che seffre pie durante le
paziente alla preghiera e a tutti quegli altri mezzi benedizieni che all`inferne. E quande gli chiede:
a cui abbiame accennate, ma cerchere i mezzi «Perche allera nen vai all`inferne?«›, rispende:
pessibili per stuzzicare, indebelire, sfiancare il «Perche a me imperta sele di far seffrire questa
demenie. Gie il Rituale dice di insistere su quelle persena». Si vede qui la vera perfidia diabelica: il
espressieni a cui pie il demenie reagisce: cambia- demenie sa di nen trarre nessun vantaggie, anzi,
ne da persena a persena e di velta in velta. Ma di avere un aumente della pena eterna in puni-
gieva far ricerse ad altri aiuti. Per alcuni e insep- ziene di egni sefferenza che causa. Eppure,
pertabìle sentirsi aspergere cen l'acqua benedet- anche a ceste di rimetterci, nen rinuncia a fare
ta; altri sene esasperati dal seffie, che e un mezze del male per il se-le guste di fare del male.
usate fin da1l'epeca patrisuca, ceme riferisce Ter- ' I nemi stessi dei demeni, Cümfi PEI" gli Hflgell.
'-¬ . . ., . -
tulliane; altri nen seppertane l'edere dell'incen- _ indicane la funziene. I demeni piu impertanti
se, per cui e utile usarle; per altri ancera e dele- | hanne nemi biblici e dati dalla tradiziene: Satana

136 137
e Bee] b ' _ .
zseuieiifl iiiiPIiluclfifffl ie”-'““dfi“=
nemi indicane Mflfldlflflfli
piu direttameme
IU
P U che 51E Iïffïflggüllü.4 DISÉFHEIÚIIE,
E " |- .¡
PE]f`(l1¡1.¡3-
ne, Revina... Úppure indicane singeli mali'
Insen nia,
` Terrere, Discerdia,
- - Invidia,
. . _ `
Gelesia,
Lussuria... -
uand f - - -«
i si-teni ijeemenü :da Lin “filma” 11 Pm fiin* “URE
ven ünü le DEI- eålílflëìtl Etll ll"ife1"I'lü, qtlfllçhfl eültg
acqua etie sitcz
3 3311 ne deserte (si veda nel libre dj
Tebia la serte di Asmedee, incatenate nel deser-
Tra i mezzi di cui gli esercisti (e i nen eserci-
tú dflulaffiangfllü Rilffflfiltf)-. le li ebblige sempre sti) fanne large use, citiame in prime luege
d ' ' ' .
äflsãgdafe E“dP1Ed1_`dEl1__3 flfüflei per ricevere la
aziene a Gesu Criste, unice giedir-¢_ iiecqise esercizzete (e almene benedetta), iieiie
tdieliva) eserciieete, il sele esereeseie. Qualunque
sacerdete pue recitare le preghiere del Rituale
P er esercizzare questi tre elementi; nen eccerre
nessuna auterizzaziene particelare. Piutteste e
melte etiie ceriescere Pese specifice sii questi tre secre-
meriieii che, adeperati cen fede, sene di grande
gievamente.
G-ie l'ece-ue eeiieriette ha un grande use in tutti i
ri'ti litur g ici . La sua impertanza si ricellega subite
al1'aspersiene battesìmale. Nella preghiera di
benediziene si prega il Signere perche 1 aspersie-
ne cen l'acqua ci ettenga questi tre benefici: il
perdene dei nestri peccati, la difesa dalle insi ie
del maligne, il dene della preteziene divina.
La preghiera d'esercisme su1l'acqua aggiunge
tanti altri effetti: di far fuggire egni` petere d e l
demenie si da sradicarle e cacciarle via. ` Anche
nel gerge pepe 1 ai" e , se si vuele indicare due cese
c he asselutamente nen vanne diaccerde, si dice
133 139
che segne ceme il diavele e liacqua santa. Pei la a staccare e liberare il cerpe da queste impuri-
preghiera centinua settelineande altri effetti, tii. Anche bere acqua benedetta aiuta a queste
eltre a cacciare via i demeni: guarire dalle malat- scepe.
tie, aumentare la grazia divina, preteggere le case Qui gieva dare qualche maggìere precisazie-
e tutti i lueghi in cui i fedeli dimerane da egni ne, anche se chi nen e pratice e nen ha viste
influenza immenda causata dal pestifere Satana. stentere a credere a queste cese. Che cesa si
E aggiunge: che siane vinte le insidie del nemice espelle? Talvelta saliva densa e schiumesa; eppu-
infernale e si rimanga pretetti da egni eventuale re una specie di pappa bianca e granulesa. Altre
presenza neciva alfincelumite e alla quiete degli velte si tratta degli eggetti pie vari: chiedi, pezzi
abitanti, affinche gedane di serenite e salute. di vetre, piccele bambele di legne, fili di cerda
Pure l'e¿ie esercizeete, usate cen fede, gieva a annedati, fili di ferre arretelati, fili di cetene di
perre in fuga la petenza dei demeni, i lere assal- varie celere, grumi di sangue... Alle velte queste
ti, 1 fantasmi che suscitane. Ineltre gieva alla salu- cese vengene espulse per le vie natura1i; melte
te dell"anima e del cerpe; qui ricerdiame l`antice velte vemitande. Si neti che mai Perganisme ne
use di ungere cen l'elie le ferite e il petere date ha danne (ne ha invece sellieve), anche se si trat-
da Gesu agli apesteli di guarire i malati cen ta di vetri taglienti. P. Candide censervava un
limpesiziene delle mani e ungendeli cen elie, cestelle di simili eggetti, espulsi da varie persene.
C e pei una preprietâ che e specifica del1"'elie Altre velte la fueruscita rimane misteriesa; la per-
esercizzate: di separare dal cerpe le avversite. sena sente, ad esempie, un delere addeminale
Melte spesse m'e capitate di benedire persene ceme se avesse un chiede nelle stemace; pei tre-
che hanne subite fatture mangiande e bevende va un chiede per terra, accante a se, e il delere
qualcesa di malefìce. E facile cemprenderle da scempare. L'impressiene e che tutti questi egget-
quel caratteristice mal di stemace che giå abbia- ti -si materializzine nelliistante in cui vengene
me descritte, e dal fatte clie queste persene han- espulsi. Affermava P. Candide in un"intervista:
ne_un particelare mede di eruttare e di esplede- «He viste rigettare pezzi di vetre, di ferre, capelli,
re in una ferma di singhiezze e di rantele, specie essa; talvelta anche eggettini di plastica, cen la
in cellegamente cen azieni religiese; quande ferma di testa di gatte, e di leene, e di serpente.
vanne in chiesa, quande pregane e seprattutte Sicuramente questi strani eggetti hanne un celle-
mentre vengene esercizzate. In questi casi Perga- gamente cen la causa che ha determinate la pes-
nisme, per liberarsi, deve espellere cie che ei sessiene diabelicas.
malefice centiene. L'elie esercizzate aiuta melte Anche il see esereizeete gieva per cacciare via 1

140 1-'-11
demeni e per la salute dell'anima e del cerpe. che, Altre velte e state un test per capire se in una
Ma una sua preprietà specifica e quella di preteg- pe rsena c' erane e ne presenze diabeliche.
gere i Iueghi dalle influenze e dalle presenze Anche queste e utile a sapersi. Melte velte nei
malefiche. In questi casi sene selite censigliare di esercisti siame interpellati da persene (geniteri,
perre del sale esercizzate sulla seglia di casa e nei fidanzati...) che hanne il dubbie che un lere cen-
quattre angeli della stanza e delle stanze che si giunte sia celpite dal demenie, ma si tratta di un
ritengetie infestate. cengiunte che nen crede a queste cese, spesse e
Quel «mende cattelice incredules ridere ferse prive di egni fede religiesa e cemunque nen e
di frente a queste asserite preprietii. Certe i dispeste a farsi benedire da un sacerdete.
sacramentali agiscene tante pie effìcacemente Ceme fare? Alle velte, depe aver fatte benedi-
9'-131119 PÍÚ Cië ffldfli senza questa restane spesse re dei suei vestiti, si e viste che, appena indessatìi
inefticaci. Il Vaticane II, e cen le stesse parele il se li e strappati di desse, nen seppertandene il
DÍFÍEED C¦`:tl'1ü1'1Í-ED (E311. llfifi), li tfiieflflleüe egegflì centatte. Ne abbiame date un esempie in prece-
sacri cen cui, per una qualche imitaziene dei denza. Un`altra preva pue essere fatta cen
sacramenti, vengene significati e ettenuti effetti 1'acqua benedetta. Ad esempie, una mamma che
seprattutte spirituali, per liimpetraziene della sespetta d'un figliele e del marite, prepara per
Chiesa». Chi li usa cen fede ne vede effetti inspe- tutti la minestra fatta cen acqua benedetta; e ne
rati. Se di melti mali, ribelli ai farmaci, che sene fa use nel te e nel caffe. Pue accadere che la per-
spariti sele perche Pinteressate vi ha fatte sepra sena celpita trevi amare, immangiabile quel cibe,
un segne di crece cen elie esercizzate. anche senza rendersi cente del perche.
Per le case (su cui parlereme a parte) e pure Si neti pere che questi test pessene essere
efñcace l'use di bruciare iricerese eeriedeee. L'in- indicativi in case pesitive: essia se una persena e
cense e sempre state censiderate, anche presse i sensibile al fatte che l'acqua sia e ne benedetta
pepeli pagani, un antidete centre gli spiriti mali- petrebbe essere un sinteme di una presenza
gni, eltre che un elemente di lede e aderaziene malefica. Ma nen si pue dire il centrarie, essia
alla divinite. Liuse liturgice di esse e state era nen si pue dire che, se une e insensibile a questi
assai ridette, ma nen cessa d`essere un elemente tipi di test, sia per queste da escludere in lui una
efficace di lede a Die e di letta al maligne. presenza malefica. Il demenie cerca di tutte per
Il Rituale centiene anche una speciale benedi- nen farsi sceprire. .
ziene sui eesiiti. Melte velte ne abbiame viste Anche durante gli esercismi il demenie cerca
l'efficacia su persene celpite da presenze malefi- di nascendersi; e il Rituale mette in guardia
J.
142 ` 143
lies-ercista dalle Íinzieni diabeliche. Alle velte Chiude queste capitele cen un fatte riguar-
nen rispende e de rispeste sciecche, nen attri- dante l'acqua benedetta. P. Candide stava eserciz-
buibili ad une spirite intelligente, quale e il zande un indemeniate, Il sagrestane gli si e avvi-
demenie. Altre velte finge di essere uscite dal cinate cel secchielle dell'acqua e liasperserie.
cerpe delliessesse e di aver cessate di dargli egni Subite il demenie si e rivelte a lui: «Cien quel-
disturbe, sperande cesi di settrarre l"individue l'acqua lavaci il tue museis. Sele allera ii sagre-
alle benedizieni dell'esercista. Altre velte pene i stane si e ricerdate che aveva riempite il secchiel-
pie vari impedimenti perche la persena nen sia le al rubinette, ma si era dimenticate di far bene-
settepesta agli esercismi: pue trattarsi di impedi- dire 1`acqua.
menti fisici e, pie spesse, psicelegici, per cui la Il nueve Beriedizieeeie, -ebbligaterie dallill
persena nen va aIl`appuntamente cen Pesercista, aprile 1993, ha cambiate le fermule, ma certa-
se nen ha qualcune vicine che la cestringa; altre mente nen ne ha diminuite gli effetti, anche se
velte finge i segni di una malattia, per le pie psi- nen vengene pie ricerdati esplicitamente.
chica, per cenfendere sulla realte della sua pre-
senza e far credere che si tratti di un male natu-
rale; talvelta il paziente ha segni e visieni in cui
ha l”illusiene che il Signere, la Madenna e un
qualche sante le abbia liberate, e cesi evita di
andare alfappuntamente cen l'esercista, magari
facendegli sapere di essere gie libere.
I sacramentali indicati, eltre a1l'aiute specifìce
di ciascune, servene anche ad allentanare alme-
ne in parte i vari inganni del maligne. ln queste
campe gl'inganni sene a1l'erdine del gierne, e
eccerre tante pregare per ettenere la grazia del
discelrnimenúte. Segnale, tra i casi pie frequenti:
chi ritiene di avere delle visieni, e delle veci inte-
rieri; chi si abbandena a un finte misticisme e
chi si fa passare per «veggente«›. Spesse ln questi
casi, quande nen si tratta di malattie psichiche,
c'e liinganne del demenie.

144 145
ESORGISMI ALLE CASE

Nella Bibbia nen ne treviame nessun esempie,


ma l'esperienza ce ne mestra in certi casi la
necessite e i frutti. Anche il Rituale nen centem-
pla questa ferma di esercisme. E vere che alla
fine de11'esercisme di Leene'}{III viene dette di
benedire il luege in cui tale preghiera viene fat-
ta; ma tutte il centenute e velte ad invecare la
preteziene di Die sulla Chiesa centre gli spiriti
maligni, senza nessun riferimente ai lueghi.
Dice anche subite che nen he mai incentrate
lueghi invasati da spiriti, cesi ceme sene descritti
in certi remanzi e in certi film, specialmente in
riferimente ad antichi castelli disabitati. In questi
casi e evidente le scepe di far spettacele, di pre-
sentare scene ad effette, senza nessuna base di
studie serie. La re-alte ci presenta invece casi fre-
quenti di rumeri, talvelta ceme scricchielii, altre
velte ceme betti; spesse si ha Pimpressiene di
una presenza, di essere fissati, e teccati, e assaliti.
E evidente che in questi casi pue avere larga par-
te la suggestiene, la paura che de cerpe alle
embre.

14'?
Ma ci sene melti casi pie cemplessi. Perte che
si aprene e che si chiudene ad una stessa era; Pue trattarsi di pura suggestiene, qtiande c'e
passi che si edene nei cerridei; eggetti che si qualche metive che le faccia supperre (ad esem-
spestane e che spariscene, per ricemparire pei pie, se una nuera va a casa della suecera che era
nei lueghi pie impensati, animali che nen si centraria al matrimenie e che nutriva un amere
vedene, ma che si sentene mueversi. pessessive verse il figlie). Ma petrebbere anche
Ricerde una famiglia in cui tutti, a una certa esserci cause malefiche.
era, sentivane aprirsi e richiudersi la perta d'in- Diciame di sfuggita che e interessante il cem-
gresse, pei udivane un chiare rumere di passi pertamente degli animali demestici di frente a
pesanti (da ueme) che attraversava ii cerrideie, questi fenemeni. Gapita spesse che, quande si ha
per perdersi nen si capiva in quale stanza. Un l'impressiene della presenza di una persena nella
gierne, essende presente un amice, si udi il cen- prepria stanza, il gatte e il cane tengane fisse le
suete rumere taute che liarnice chiese chi era sguarde verse un certe punte; e capita che tal-
entrate; per nen spaventarle gli rispesere che era velta fuggane di scatte, terrerizzati, ceme se quel-
entrate un espite di passaggie. Se di insetti, gatti, l'essere misteriese si avvicinasse a lere. Petrei
serpenti che si sene materializzati; una persena narrare tanti fatti interessan ti per chi velesse farci
che benediceve ha trevate periine un respe vive une studie appesite. Mi basti dire che, a mie
nel guancialei parere, gli animali nen vedene nulla di cencrete,
ll pie delle velte la presenza malefica in un ma hanne una maggìere sensibilite dell'ueme ad
ambiente si manifesta causande disturbi fisici: un`eventuale presenza. E nen nege che anche il
insennia, deleri di testa e di stemace, un males- lere cempertamente pessa essere un elemente di
sere generale che andande altreve nen si verifica. giudizie, per decidere se e il case e ne di prece-
In questi casi e facile un centrelle, ma nen e dere ad un esercisme alla casa.
sempre faciletcapire la causa. Peniame il case di La cesa pie impertante, quande vengene per-
una persena che, egni velta che si reca ceme sene angesciate da fenemeni di queste tipe, e di
espite presse un parente strette e presse un ami- interregarle bene e, se ce ne sene i metivi, eser-
ce, avverte questi disturbi: insennia, malessere, cizzarle. Il pie delle velte i fenemeni che abbia-
delere al cape... che pessene durare anche vari me descritte nen dipendene da presenze malefi-
gierni; mentre nen e seggetta a quelle sefferenze che nelle case, ma da presenze malefiche nelle
se va altreve. In queste case il centrelle e facile. persene, In melti casi mi e capitate di nen aver
La causa invece pue essere melte varia. ettenute nessun successe cen l'esercisme alla
casa; mentre pei, precedende nelfesercizzare la
143
149
persena e le persene, sempre pie i fenemeni nel- glia era disturbata da inspiegabili rumeri nettur-
la casa diminuivane tine a scemparire del tutte. ni; ha fatte celebrare dieci messe, alla fine delle
Ceme si precede rteii 'esercisme elie cese? P. Candide quali i rumeri si sene melte affieveliti. Ha prev-
ed ie usiame queste metede. Il Rituale centiene vedute a far celebrare altre dieci messe e alla fine
una decina di preghiere in cui si chiede al Sigue- i rumeri sene scemparsi del tutte. Erane ferse
re di preteggere i lueghi dalle presenze malefi- anime del Purgaterie che, per divine permesse,
che. Si trevane nelle benedizieni alle case, alle hanne petute farsi sentire per chiedere stiffragi?
scuele, aitreve. Ne recitiame alcune. Pei leggia- E difficile dirle. A me basta segnalare il fatte,
me la prima parte del prime esercisme sulle per- date che mi e capitate pie velte. Den Pellegrine
sene, adattandele alla casa. In seguite benedicia- Ernetti, il cempiante esercista del Trivenete, assai
me egni stanza, ceme si fa nella benediziene alle nete anche ceme studiese di musica e ceme
case. Ripetiame le stesse gire cen liincense, depe biblista, ha avttte esperienza di casi melte gravi.
averle benedette. Terminiame cen altre preghie- Presse una famiglia, eltre ad aprirsi e chiudersi
re. He trevate efficace, depe liesercisme alle finestre e perte, benche ben fissate, veiavane
case, celebrarvi la messa. sedie, ballavane gli armadi, ne capitavane pre-
Se si tratta di disturbi di lieve entite, un sele prie di tutti i celeri. Ha trevate riselutive l`use
esercisme e sufficiente. Se i disturbi prevengene centemperanee dei tre sacramentali, a cui nei
da un maleficie e il maleficie viene ripetute, esercisti facciame centinue ricerse. Ha censiglia-
eccerre ripetere anche Fesercisme, fine a rende- te di mescelare insieme in un recipiente qualsiasi
re la casa «impermeabilee ai malefici. Nei casi (tazzina, bicchiere...) acqua, elie e sale esercizza-
pie gravi le difficeltii sene melte. Ad esempie, mi ti. Pei ha censigliate di versarne, tutte le sere, un
sene trevate a esercizzare appartamenti in cui cucchiaine sul davanzale di tutte le finestre e ai
per Iunge tempe si erane tenute sedute spiriti- piedi di tutte le perte, recitande egni velta un
che, e che erane stati abitati da stregeni che vi Padre nestre.
facevane magia nera. Peggie pei se vi fessere stati ll rimedie e risultate decisive. Depe un certe
celebrati culti satanici. In alcuni casi la gravite dei tempe in quella famiglia hanne sespese queste
disturbi e la difficeltii di giungere a una tetale use; passata una settimana gli incenvenientì han-
liberaziene erane tali che he devute censigliare ne riceminciate a revinare la quiete demestica
di cambiare abitaziene. per cessare immediatamente, appena riprese il
Casi diversi, nen gravi, si hanne quande basta- rimedie suggerite.
ne preghiere _per ristabilire la quiete. Una fami- Un'altra demanda che mi sene sentite fare e a

150 151
prepesite degli animali demestici: e pessibile che li. E una cenescenza necessaria, per evitare equi-
siane invasati dal demenie? Che cesa eccerre veci anche se in queste libre nen abbiame liep-
fare? ll Vangele ci narra di quella legiene di pertunitå di trattarne direttamente._ _ _ 1
demeni che chiese a Gese il permesse di entrare Rjflm-digme infine che gift nei primi seceli cri-
in due branchi di perci; Gese le permise e tutti stiani si esercizzavane anche case, animali, egget-
quegli animali si precipitarene nel lage di Gene- ti. Ge le testimenia, tra gli altri, Origene: Giusta-
zaret, eve affegarene. Úenesce il case di un mal- mente, ceme gie abbiame fatte netare, il nueve
destre esercista che cemande a un demenie di Catechisme parla di esercismi nen sele alle per-
andare a invadere il maiale di una famiglia cen ta- sene, ma anche agli eggetti (ri. 1673).
dina: lianimale divenne furiese e sbrane la
padrena. Inutile dire che venne immediatamente
uccise.
Si t.ratta quindi di casi speradici, che hanne
pertate subite alla merte dellianimale. Mi e state
raccentate di un magb che faceva use del sue
gatte per pertare a destinaziene eggetti malefici;
in queste case direi che l'indemeniate era il
padrene, nen l'animale. Si neti anche che il gat-
te e censiderate un animale che «asserbe spiritis-
e talvelta gli spiriti malefici si rendene visibili set-
te ferma di gatte. Per certi maghi e per certi tipi
di magia e fendamentale servirsi di un gatte. Ma
nen ne ha nessuna celpa queste simpatice ani-
male. 1
Diciame pure che, ceme pessibìlite, anche
l'infestaziene di animali e pessibile ed e lecite
precedere a benedizieni su di essi per ettenerne
la liberaziene. Diciame anche che, in tutti i casi
di infestaziene (di lueghi, di eggetti, di animali),
ceme del reste per gli altri casi, l'esercista deve
cenescere i fenemeni devuti a cause paranerma-

152 15
IL MALEFICIO

C'-ie. abbiame accennate al maleficie ceme ad


una causa per cui una persena pue incelpevel-
mente venire assalita dal demenie. Essende que-
ste il case pie frequente e necessarie pariarne a
parte. Cerchere anche di precisare liuse dei ter-
mini: una terminelegia universalmente accettata
nen c'e, per cui egni scrittere deve precisare in
che sense usa le parele.
Censidere meieficie un vecabeie generice. Vie-
ne cemunemente definite «nuecere ad altri at-
traverse l'intervente del demenie». E una defini-
ziene esatta, ma che nen precisa in quale mede
tale male viene causate. Da qui le cenfusieni; per
cui, ad esempie, alcuni auteri censiderane il
maleficie ceme sinenime di fattura e di stregene-
ria. invece la fattura e la stregeneria sene, a mie
parere, due medi diversi di cempiere un maleti-
cie. Senza pretesa di cempletezza e basandemi
sele sui casi che mi sene capitati, prende in cen-
sideraziene queste ferme di maleficie: 1) la magia
nera; 2) le maledizieni; 3) il malecchie; 4) le fat-
ture. Sene ferme diverse, ma nen a cemparti-
menti stagni; le interferenze sene frequenti.

155
1 -' Le reegie riere, e stregenerie, e riti seteriiei che Pure presse altri pepeli la magia veniva punita
heririe ii ¿ere epice :eeiie messe riere. Censidere insie- cen la merte. Anche se i termini sene diversa-
me queste pratiche, per le analegie che presenta- mente tradetti (e veriane secende le traduzieni),
ne; in realtà le he elencate in erdine di gravitå. il centenute e chiarissime. Ternereme a parlare
La lere caratteristica e di precurare il maleficie della magia.
centre una determinata persena attraverse fer- 2 - Le meiedieierii. Sene auguri di male, e
mule magiche e riti, talvelta anche melte cem Ferigine del male sta nel demenie; quande sene
plessi, cen invecazieni rivelte al demenie, ma sen fatte cen vera perfidia, specie se c'e un legame di
za far use di eggetti particelari. Chi si dedica a sangue tra il maldicente e il maledette, pessene
queste pratiche diventa serve di Satana, ma per avere effetti tremendi, I casi pie frequenti e pie
celpa sua; nei qui le censideriame sele ceme gravi che mi sene capitati riguardavane geniteri
mezzi per cempiere malefici a danne di altri, e nenni che hanne maledette i figli e i nipeti. La
_ Gie la Sacra Scrittura e melte decisa nel prei- malediziene si e dimestrata melte grave se si rife-
bire queste pratiche, in cui vede un rinnegare riva alla lere esistenza e se veniva fatta in partice-
Die per darsi al demenie. «Neri imparerai a cerri- lari circestanze, per esempie nel gierne del
mettere le cese abemineveli delle nazieni (essia matrimenie. I geniteri hanne verse i figli un
dei pagani). Nen si trevere presse di te chi faccia legame e un'auterit:i ceme nessun`altra persena.
passare il preprie figlie e la prepria figlia per il Tre esempi tipici. He seguite un gievane che
fuece (sacriiici umani), chi pratichi la divinazie- era state maledette dal padre fin dalla nascita
(evidentemente nen le veleva) e aveva centinuate
Ufli il sertilegie, liaugurie, la magia; chi pratichi
incantesimi, chi censulti gli spettri e Pindevine, a subire tali maledizieni ne11'infanzia e in tutte il
interreghi i merti (sedute spiritiche). Perche periede in cui e vissute in casa. Queste pevere
e in abeminie a Die chi cempie tali cese» (Deu- gievane ha avute traversie di tutti i tipi: mali di
terenemie 13, iü-12); «Nen rivelgetevi agli spet- salute, incredibili difficeltii sul lavere, sfertuna
tri, ai maghi, rendendetd impuri cen essi. le sene nel matrimenie, malattie nei figli... Le benedizie-
ni gli hanne date un gievamente spirituale, ma
il Síguere vestre Dies (Levitice 19,3l); «Un
ueme e una denna che sia negremante e indevi- nen mi e parse che abbiane ettenute di pie. Un
ne tra vei sia messe a merte: li lapiderete. Il lere secende esempie. Una gievane veleva spesarsi
sangue ricada su di lere:-:› (Levitice 29,25-27). Si cen un brave ragazze da lei amate, ma i geniteri
veda anche Lev. 19 26-31. Nen e mene tenere erane centrari; visti inutili i lere sferzi, tali genite-
l'Esede: «Nen lascerai vivere la maga» (22,17)_ ri si sene dimestrati rassegnati e hanne partecipa-

156
15'?
te alle nezze, Le stesse gierne del matrimenie il madre era merta; ma subite si senti male, fu per-
padre ha chiamate in disparte la figlia cen una rate prevviseriamente nella casa natale, eve meri
scusa; in realtå liha maledetta augurande i peg- la nette stessa.
gieri mali su lei, sul marite e sui figli. E cesi e sta- 3 _ Ii' melecchie. Censiste in un maleficie fatte
te, nenestante le intense preghiere e benedizieni. da una persena per mezze delle sguarde. Nen si
Ancera un fatte. Un gierne venne a trevarmi tratta, ceme certuni credene, del fatte che certe
un prefessienista; sellevande i pantaleni, mi fece persene pertine scalegna se ti guardane sterte;
esservare le sue gambe erribilmente marteriate queste sene sterie. Il malecchie e un vere malefi-
da un evidente succedersi di eperazieni. Gen cie, essia suppene l`intenziene di nuecere ad una
questa premessa ha inceminciate a narrarmi i fat- determinara persena cen l'intervente del deme-
ti. Sue padre era un gievane melte intelligente; nie. Di particelare cie il mezze che viene usate
la madre veleva a tutti i cesti che si facesse sacer- per pertare a cempimente l`epera nefasta: le
dete, ma lui nen se la sentiva. L`urte giunse al sguarde. Ne he aieite pechi casi e nen cempleta-
punte che il gievane devette lasciare la famiglia; mente chiari; essia era chiare l'effette malefice,
si lauree, divenne une stimate prefessienista, si ma nen era altrettante chiare Partefice di esse e
spese, ebbe figli, e tutte queste depe avere rette che, ceme mezze, sia bastate il semplice sguarde.
egni rapperte cen la madre, che per nessun Appreiitte dell'eccasiene per dire che melte vel-
metìve velle pie vederle. Quande un sue figliele, te nen si viene a cenescere l'artefice del malefi-
il prefessienista che mi parlava, raggiunse gli ette cie e neppure ceme il male sia iniziate. Ifimper-
anni, gli fu scattata una fete che mi fu mesuata: tante e che la persena celpita nen stia a sespetta-
un bel bambine dal serrise accattivante, cen i re di queste e di quelle, ma ¡een-:ierii di eeere e pre-
pantaleni certi, le ginecchia nude, le calze alte, ghi per chi le he ƒette del meic, chiunque sia state.
ceme cestumava allera per i bambini.. Il padre Sul malecchie cenclude dicende che la cesa
ebbe una malaugurata idea. Pense che la madre in se e pessibile, magcasi certi nen ne he avuti.
si sarebbe cemmessa di frente alla fete del nipe- 4 _ Le ƒettzire. E di gran lunga il mezze pie
tine e che avrebbe fatte pace cen lui; cesi le usate per eperare malefici. Il neme deriva dal
spedi la fete. La madre gli mande a dire: «Le fare, e cenfezienare un eggette, fermate cel
gambe di quel bambine siane sempre malate e se materiale pie strane e pie varie, che ha un valere
tu ternerai in paese, rrierirai nel lette in cui sei quasi simbelice: e un segne sensibile della
natee. Tutte cese avvenute. Da netare che il velentå di nuecere ed e un mezze efferte a Sata-
padre terne al paese sele depe vari anni che sua na perche vi imprima la sua ferza malefica, Pie

153 159
vqlte_e state dette che Satana e scimmiettatere di
DIP; 111 questecase pessìenie prendere l'analegia appartenenti alla persena), e nel maleficiare
dai sacramenti, che hanne una materia sensibile figure che la rappresentine: pupazzi, bambele,
' II .|
(Hifi fiäflltìple, Ii acqua nel battesime) ceme stru- animali, talvelta persine persene vive, delle stesse
mente di grazia. Nella fattura il materiale e usate sesse ed ete. Si tratta di materiale di transfert,
alle scepe di nuecere. che viene celpite cen gli stessi mali che si veglie-
Distinguiame due medi diversi di applicare la ne causare alla persena designata. Un esempie
fattura alla persena designata. t_Í"e" eri mede iiireite, melte cemune: ad una bambela, durante queste
che censiste nel far bere e mangiare alla prepria rite satanice, vengene infissi spilli interne alla
vittima una bevanda e un cibe in cui e stata testa. Capita pei che la persena sente dei fertissi-
mescelateila fattura. Questa viene preparate .gen mi mali di testa, e ci viene a dire: «E ceme se la
gli ingredienti piu vari: sangue di mestruazìene, mia testa fesse tutta attraversata da spilli pungen-
eússa di merti, pelveri varie per le pie nere (bru- tii-_ Úppure si infiggene aghi, chiedi, celtelii nel-
Clfitflli paru di animali tra cui primeggia il cuere, le parti del cerpe che si vegliene celpire. E pun-
erbe particelari... Ma l`efficacia malefica nen e tualmente la pevera vittima sente pei deleri lan-
data tautü dal materiale usate quante della cinanti che la straziane in quei punti. I sensitivi
velenta di nuecere cen l'intervente del demenie' (di cui parlereme a parte) segliene dire: «Lei ha
J'
e tale velente viene significata dalle fermule une spillene che l'atti¬aversa da qui a qui«, e indi-
ecculte prenunciate mentre si cenfezienane tali cane il peste precise. Mi sene capitati casi in cui
intrugli. Quasi sempre la persena che viene celpj- delle persene si sene liberate da quei mali cen la
te m tal mede, eltre agli altri disturbi, seffre pei fueruscita di lueghi e strani spilleni, cli un mate-
di un caratteristice male di stemace, che gli eser. riale simile a plastica e legne flessibile, uscite dal-
cisti sanne bene individuare, e che guarisce sele le parti designate. Il pie delle velte la liberaziene
depe aver liberate le stemace cen melte vemite avviene espellende il materiale pie varie: fili di
e cen melte feci, in cui si espellene le cese pie cetene celerati, nastri, chiedi, fili di ferre atterci-
strane. gliati.
Uri eiire mede, che pessieme chiemere iiidirette Meriterebbe tutte un discerse a parte la fattu-
(iise il linguaggie di cui si serve P. La Grua nel ra cenfezienata sette ferma di Iegemerite. ln que-
libre citate nella intreduziene), cem-,ìgrg H,-51 sti casi il materiale usate da irerisƒert riceve parti-
maleficiare eggetti appartenenti alla persena che celari legature cen capelli e cen strisce di steffa
si vuele celpire (fetegrafie, indumenti e cese variamente celerata (seprattutte biance, nere,
blu, resse, a secenda delle scepe velute). Ad
130
J ist
esempie: per celpire il figlie di una gestante, e Altre velte capita che questi eggetti estranei
stata legata, cen age e crine di cavalle, una bam- nen cempaiene a prima vista, depe aver aperte
bela dal celle all'embelice. Le scepe era che il materassi e cuscini; ma pei, se si asperge cen
nasciture crescesse deferme, ciee nen si sidlup- acqua esercizzata e se si intremette una qualche
passe in quella parte del cerpe cempresa dalla immagine benedetta (specie di un Grecifisse e
legatura, Di fatte l'incenveniente ci. fu, ma assai della Madenna), allera sene cemparsi gli eggetti
mene grave di quelle che si sarebbe velute pre- pie strani.
vecare. I legamenti riguardane seprattutte gli svi- Gempletere Pargemente nelle pagine seguen-
luppi delle varie parti del cerpe, ma pie spesse ti; ma prima desidere ripetere le raccemandazie-
ancera le sviluppe mentale: certuni seffrene di ni di P. La Grua, nell'epera citata. Aricƒie se eiierue
impedimenti alle studie, al lavere, ad un cem- he scritte eƒriitte tii esperieiiae eiirette, iieri eisegne ere-
pertamente nermale, perche hanne subite dei dere feciimerite ei mefejici, iri periiceiere e eiieiii fetti
legamenti al cervelle. E i medici invane cercane ettreeerse le ƒettiire. Si tratta sempre di casi rari.
di identificare e di curare il male. Un esame attente dei fatti tradisce melte velte
Accenne appena anche ad un altre fatte assai cause psichiche, suggestieni, false paure, alla
frequente. Spesse le fatture vengene cemprevate base degli incenvenientì che si larnentitne.
da eggetti strani che si trevane nei cuscini e nei Aggiunge anche che spesse i malefici nen rag-
materassi. Qui nen finirei pie di raccentare i fatti giungene il lere scepe per vari metivi: perche
di cui sene state testimene e a cui nen avrei mai Die nen le permette; perche la persena celpita e
credute se nen li avessi visti. Si treva di tutte: ben pretetta da una vita di preghiera e di uniene
nastri celerati e annedati, ciecche di capelli stret- cen Die; perche melti fattucchieri sene inabili,
tamente annedate, cerde piene di nedi, lana fit- quande nen sene dei semplici imbreglieni; per-
tamente intrecciata da una ferza sevrumana in che il demenie stesse «mentitere fin dal princi-
ferma di cerena e di animali (specie tepi) e di pie» ceme le bella il Vangele, inganna i suei stes-
figure geemetriche; grumi di sangue, pezzi di si seguaci. Sarebbe un gravissime errere vivere
legne e di ferre, fili di ferre arretelati, bambele cel timere di ricevere malefici. Mai la B-ibbia ci
cariche di segni e di trafitture ecc. Altre velte si dice di temere il demenie. Ci dice di resistergli,
fermane imprevvisamente iittissimi intrecci di certi che lui fuggire da nei (Giaceme 4,7) ; ci dice
capelli in denne e bambini. Tutte cese e fatti che di rimanere vigilanti centre i suei assalti, stande
nen si spiegane senza l'intervente di una mane saldi nella fede (1 Pietre 5,9).
inidsibile. _ Abbiame la grazia di Griste, che ha scenfitte
132 ' 133
Satana cen la sua crece; abbiame l'intercessiene
la persena designata sia sempre malata; al tri sene
di Maria SS., nemica di Satana fin dall`inizie del-
per la eistriizierie (i cesiddetti malefici a merte).
I'umanitii; abbiame l'aiute degli angeli e dei san
Basta che la persena celpita si metta sette la pre-
ti. Seprattutte abbiame il sigille della Trinità, che
teziene della Chiesa, essia hasta che inceminci a
ci e state impresse nel battesime. Se viviame in
ricevere degli esercismi e a pregare e far pregare
cemuniene cen Die, e il demenie cen tutte l'in IIIII

|:- intensamente perche la merte nen pessa attuarsi.


ferne a tremare di frente a nei. A mene che nen
He seguite melti di questi casi; ceme gift abbia-
siame nei ad aprirgli la perta...
me dette, il Signere e intervenute anche mirace-
Essende il maleficie la ferma pie cemune di
lesamente, e almene in ferma che umanamente
influenza diabelica aggiunge qualche altre cen- '
nen si pue spiegare, per salvare la vita di queste
cette che la pratica mi ha insegnate.
persene da periceli mertali e, in mede particela-
A secenda delle scepe che si prefigge, il male-
re, da tentativi di suicidie. Quasi sempre (preferi-
ficie pue acquistare varie deneminazieni. Pue
rei dire: sempre, almene nei melti casi che mi
essere di divisiene se e dirette a far si che due
sene capitati) ai malefici di una certa gravite e
spesi, due fidanzati, due amici si separine. Pie
legata la vessaziene diabelica e addirittura la pes-
velte mi e capitate il case di fidanzati che si sene
sessiene. Ecce perche e necessarie l'esercisme.
separati senza metive, pur velendesi bene, e che |.
Sene anche tremendi i malefici fatti per la distru-
nen riuscivane pie a riavvicinarsi; une dei lere
ziene di uniintera famiglia e, cemunque, su tutta
geniteri, che era centrarie a quel matrimenie, ha
una famiglia.
cenfessate di essere ricerse a un mage per farli
ll Rituale per prima cesa, al n. 3 delle nerme,
separare. Pue essere di iriiiemeremerite, se e diret-
mette in guardia affinche, in case di maleficie, la
te H far si che due si spesine. He presente una
persena nen venga indirizzata a maghi, e a stre-
ragazza che si era innamerata del tidanzate di
ghe e ad altri, che nen siane ministri della Chie-
una sua amica: depe vani tentativi, e ricersa ad
sa; e che liinteressate nen ricerra a nessuna fer-
un mage. I fidanzati si sene separati e quel gieva-
ma di superstiziene e ad altri mezzi illeciti. Che
ne ha spesate la ragazza che ha erdinate il male-
Pammenimente sia necessarie ce le dice l'espe-
ficie. Inutile dire che e state un pessime matri-
rienza. I maghi sene melti mentre gli esercisti
menie; le spese nen riusciva ad abbandenare la
sene pechissimi. E addirittura un esperte ceme
meglie, ma nen l'ha mai amata e aveva la vaga I_1I- `_íi'

mens. Cerrade Balducci in tutti e tre i suei libri


impressiene di essere state cestrette a spesarla.
censiglia, ceme rimedie al maleficie, il ricerse ad
Altri malefici sene per la meieitie, essia perche
un mage, anche se si prevede che fare un altre
134
135
maleficie Évedi ad esempie IE eiieeeie, Piemme, benedetta, di qlie e sale esercizzati, per faverire
pag. 323). E un errere imperdenabile in un aute- la liberaziene. E anche pessibile che certi eggetti
re tante meritevele in altre parti dei suei velumi. 'i
malefici vengane espulsi in mede misteriese
Ma Fammenimente e particelarmente impertan- ceme gie abbiame dette: la persena, ad esempie,
te perche la tendenza a ricerrere a maghi, strege- pue netare d'imprevvise un pese alle stemace
ni, santeni e simili e vecchia quante il mende. Il ceme se avesse un sasse, e pei treva un sasse per
pregresse culturale, scientiiice, seciale,-nen ha i'
terra e quel male cessa. Cesi pessene trevarsi fili
miniinamente influite su queste abitudini, che celerati, cerdicelle intrecciate, tante altre cese...
cenvivene tranquillamente cel nestre «mende Tutti questi eggetti vanne aspersi cen acqua
del Ipregressei-_ E ne sene ceinvelti ugualmente benedetta (pue prevvedervi la persena stessa),
tutti i ceti seciali, anche i pie elevati culttiralmen- vanne bruciati alliaperte e le ceneri, ceme pure
te (}ingegneri, medici, insegnanti, uemini peliti- gli eggetti di ferre e cemunque nen bruciabili,
ci... . vanne buttati eve scerra acqua (fiume, fegnatu-
Quande pei il Rituale suggerisce quali deman- ra). Nen nel gabinette della prepria abitaziene;
CIP 51 dfbbüfliï' fflff al 'ïiflmüfllüi B1 I1- 20 delle Her- quande le.si e fatte sene spesse accaduti incenve-
me, si eserta 1'esercista a chiedere a quale causa e nienti: intasamente di tutti i lavandini, allaga-
devuta la presenza stessa del demenie in quel menti della casa...
cerpe, in particelare se dipende da un maleficie; In melti casi gli strani eggetti trevati nei cusci-
in queste case, se la persena e stata celpita man- ni e nei materassi sene stati trevati nen interre-
giande e bevende sestanze malefiche, l'esercista gande il demenie, ma dietre indicaziene di cari-
deve cemandare di vemitarle. Se invece e state smatici e sensitivi (di cui parlereme in seguire).
nasceste qualcesa di malefice fueri dal cerpe, Il rinvenimente e state il metìve per cui ci si e
l'esercista deve farsi indicare il luege, cercare accerti del maleficie e per cui si e fatte ricerse
l'eggette e bruciarle. all'esercista. Anche in questi casi eccerre brucia-
Sene utili indicazieni. In pratica, quande un re fueri casa cuscini e materassi, depe averli
maleficie e state subite mangiande e bevende aspersi cen acqua benedetta; e le ceneri vanne
qualcesa di fatturate, quasi sempre si verifica gettate ceme si e dette sepra.
quel particelare male di stemace a cui pie velte E impertante' che la distruziene cen il fuece
abbiame fatte cenne e che deneta il bisegne di degli eggetti maleficiati sia fatta pregande. Spe-
una liberaziene e per via fisielegica e vemitande. cie quande si tratta di fatture sceperte per case e
Si deve allera censigliare l'use erale di acqua dietre indicaziene del demenie, nen si pue agire
163 137

Lï|_r-. -'._-.¬m
alla leggera. Per mia istruziene P. Candide mi tante si rifecere sentire anche in tutti gli anni
raccente un sue «errere di gievente«, essia una seguenti, Una dura leziene; utile a me e a quantì
leggerezza che cemmise nei primi anni in cui era si devessere trevare in situazieni analeghe.
esercista. Chiesi anche a P. Candide se, depe tutta quel-
Stava allera esercizzande una ragazza, insieme la fatica e quella sefferenza, la gievane fesse stata
ad un altre padre Passienista auterizzate ceme liberata. Ne, nen ebbe alcun vantaggie. Queste ci
lui dal vesceve. Interregande il demenie venne-Él' dice che le fatture alle velte cempiene tutte il
re a sapere che a quella ragazza era stata fatta lere effette sulle persene nel memente in cui
una fattura. Si fecere indicare di che cesa si trat- vengene cempletate; trevarle e distruggerle nen
tava: una scateletta di legne, lunga circa un pel. serve a niente. Mi sene capitati vari di questi casi
me di mane. Si fecere dire deve era stata nasce- in cui tra il maleficie e il rinvenimente della fat-
sta: si trevava scpelta a un metre di prefendirå tura erane trascersi melti anni; la fattura aveva
'I
accante ad un certe albere, di cui si fecere indi- giå. esaurite il sue cempite malefice; quande e
ctštre l esiittit peslzlerte. Pteiii di zele, ermgri ¡jj stata trevata e distrutta era gie inefficace e la sua
zappa e badile, andarene a scavare nel luege distruziene nen ha appertate alcun beneficie
indicate. Trevarene la scateletta di legne , cesi _ alla persena celpita. Hanne pei gievate gli eserci-
ceme era stata indicata; l'apersere ed esaminare- smi, le preghiere, i sacramenti...
ne il centenute: una figura escena in mezze ad In altri casi bruciare la fattura interrempe il
eltre cianfrusagiie. Subite, aiutandesi cen del. maleficie. Ne he avute esempi in casi di «fatture
l alceel, prevvidere a bruciare il tutte cen e ni a merte» per putrefaziene, in cui era stata sepel-
cura, in mede che rimanesse sele un mucchiegfte ta della carne maleficiata, che e stata sceperta e
diicenere. Ma nen prevvidere alla benediziene distrutta prima che giungesse a putrefarsi. Altre
prima di bruciare quegli eggetti; emisere di pre- velte vengene sepelti vivi, anche se cen del vttete
gare ininterrettamente durante la bruciatura interne, degli animali, specie respi. Anche in
invecaride la preteziene del sangue di Gese; ave- queste case il lere rinvenimente prima della lere
vane ripetutamente teccate quegli eggetti ¿enga merte pue interrempere il maleficie. Ma i rimedi
prevvedere a lavarsi subite le mani cen acqua principali restane gli esercismi, la preghiera, i
benedetta. La cenclusiene fu che P. Candide sacramenti, i sacramentali.
devette stare per tre mesi a lette a causa di fertis- Nen si insistere mai abbastanza su quante sia
simi deleri di stemace; tali deleri si pretrassere impertante ricerrere ai mezzi di Die e nen a
cen una certa ferza per una decina d'anni e egni maghi, anche se si ha Fimpressiene che i mezzi
133 139
1:11 _i.ìie siane lenti ad agire.. Il Signere ci ha date
della seppertaziene il sefferente pensa: Í-iQup1
H_ e1'ZEt del sue rteriie, le petenza della preghiere - ha fatte pagare un miliene,
' ' `i ma e
(513 persenale sia cemunitaria), l`intercessiene
Hi s
a e mi ma
mg lg augeg Lrjltrjie; E E051 llüfllfl E121 llll SEIIZEI. I`EI¬l-
(lelle Glìlesãl.. ll Fleüfsü el Iïlìštgill, Et Chi 1¶3_5rjhf__-I-;¡_
dersi cente che e state preprie lui a causargli il
preprie eperate sette il neme equivece di magia
male aggravate.
blflnfifl ifïhe e sempre un ricerse al dernenie), E gi gig-ntfi {fi[`fl'1 HQUESÍH "¡Úl1ͦ1 1€ hflflflü fiìtlfi
ceme chiunque fa un altre maleficie per tegliere
una fattura assai pie gressa. Se vuele gliela telge
un iïialeflcie giå fatte, Iieri pue che :Etggravare il
e a lei chiede sele cinque milieni, a un altre chie-
3131€- il iii-tugele ci parla di un demenie che esce derei il deppiei. ' Cesit si' riprende
' da cape. S e p ei_
a un anima per riternarvi in seguite cen altri
la vittima va finalmente ad affidarsi a un eserci-
Sfitifi dfmüfllt peggieri di lui (Mattee 12,43-45). E sta, eltre al piccele male iniziale, eccerre liberar-
quelle che accade cel ricerse ai maghi. Ne diame
l 9 dal 3 resse male prevecate dal mage.
tre esempi signilicativi, che he riscentrate varie
Secende esempie. Tutte ceme sepra. Il malate
velte.
paga, viene guarite dal mage e resta guarite. Ma
Prime esempie. Une incemincia ad avvertire
` ce m p ense il sue male passa alla
in _ _ meglie, ai
del
___ _eri` fisici.
' ` Preva vari' medici
' : e medicine,
- - ma il-
fi 3 li.I ai geniteri, ai fratelli. Per cui il danne resta.
e ere aumenta anziche scemparire; nen se ne
ugualmente meltiplicate (anche sette ferma di
scepre la causa. Va allera da un mage, e da en
estinate ateisme, di una vita di peccate, di inci-
cartemante dedite alla magia e si sente dirfi- ..iL¿j
denti d'aute, di infertuni, depressieni...).
ha una fattura. Se vuele gliela telge. lvfaccenten-
Terze esempie. Anche qui, tutte ceme sepra.
_t__e di un milienee. Qt_iell_e prima ci pensa e pei si
La persena resta g uarita dal mage e la guarigiene
_ ecide e paga. Magari gli viene chiesta la fete, un
perdura.
indumente intitiie, una ciecca di capelli. Depe
` Ma quel male era state permesse da Die per__-
uu pe' di gierni la persena si sente del tutte gua-
che quella persena esp iasse i suei peecati, perche
Iiitit ed e ben lieta di ceme ha spese quel milìeng,
_ ,,, riternasse ad una vita di preghiera e di frequenzq
E il dernenie che se e andate. Depe un anne '
alla Chiesa e ai' sacramenti,` Le sc_epe di_ q ue_
inceminciane a riaffierare i seliti disturbi I1
male era di ettenere grandi frutti spirituali per a
peveraccie riprende la trafila dai medici, ma le
salvezza di que11`anima. Cen la guarigiene epera
meldicine si dimestrane impetenti, mentre il ' che cenes ceva
ta P er intervente del demenie,
rna e aumenta sempre di piu. E il demenie che e
bene questi fini, le scepe buene legate a quel
riternare cen altri sette peggieri di lei A1 eelmü
male e andate in fume.
170 171
___ 1__Í:_ebl_Jiame avere chiare in mente che Die per-
_:___ï_:§ 1 mïf PÚI1' Tlfifiiiflfflfi 11 bf'-Tie; permette la
_____E_____ PÚTC ff ~'-iU_u_ i_t_ttra_verse essa giungiame 31
_ Questa verita e evidente, ad esempie, nelle
persene rivestite di particelari carismi che spesse
sene__ cel
_____ ` da sefferenze, per la guarigiene
__ pite _ _ dal-
P_____'ïl _;l__Ú____ “UH (leve pregare. Tutti ricerdane P. Qtuttcesa iii Pie SULLA ivmeia
________;______ __1_?›e_l; _anni ha_seppertate il delere lan-
P É ff 'ïlflqtffi stieiriiate; ma nessune ha
pensate di pregare il Signere che gliele reg1j¢55g_
era tre Pl-3";-' "3h_1ElI"Ct
' E un argemente vastissime, trattate in tanti
tlhe quella era epera di_ Die,
. '
velumì da eccupare una biblieteca e la cui prati-
Pi-`1" gt-Studi tini spirituali_ Il demenie e fine' bee
velentieri avrebbe velute che P Pie nen aireeie ca si treva in tutta la steria umana e presse tutti i
impressi nella carne i segni della passienel Natu- pepeli. Pure eggi sene melti quelli che cadene
ralmente e diverse il case se e il demenie a pre- nei tranelli della magia. Anche tanti sacerdeti ne
vec are le stimmate
` -
e a suscitare falsi- misue1_
_ _ _ settevalutane i periceli: fiduciesi, giustamente,
nella petenza salvifica di Criste che si e sacrifica-
te per liberarcì dai lacci di Satana, nen tengene
in censideraziene che mai il Signere ci ha dette
di settevalutarne la petenza, mai ha dette di sfi-
dare il demenie e di cessare di cembatterle_ Ha
date invece il petere di cacciarle e ha parlate del-
la letta incessante cen esse, che ci passa al vaglie
(Gese stesse si e settepeste alle tentazieni del
maligne): ci ha dette chiare che nen si pue servi-
re due padreni_
La Bibbia ci stupisce per la frequenza cen cui
parla centre la magia e i maghi, sia nell'Aiitice
sia nel Nueve Testamente_ Cesi ci mette in guar-
dia'› P erche une dei medi pie cemuni che il
demenie usa per legare a se' 1 ' ueme e p er abbru-
tirle e la magia, la superstiziene, tutte cie che
172 173
rende a Satana un culte dirette e indirette_ Gli ri. Ma nella maggieranza dei casi la realte e
eperateri di magia credene di peter manipelare un`altra. La magia nen e seltante una vana cre-
ferze superieri, che in realte li asserviscene_ denza, un qualcesa prive di egni fendamente. E
Gli stregeni si credene padreni del bene e del un ricerse alle ferze demeniache per influenzare
male_ C-li spiritisti e i medium si predigane il cerse degli eventi e per influire sugli altri a pre-
nel1'invecaziene degli spiriti superieri e degli spi- prie vantaggie_ Questa ferma deviata di religie-
riti dei defunti; in realte si sene censegnati cerpe site, che era tipica dei pepeli primitivi, si e pre-
e anima a ferze demeniache, senza neppure ren- lungata nel tempe e cenvive cen le varie religieni
dersene cente, dalle quali sene usati-sempre per in tutti i Paesi_ Anche se in ferme diverse, il risul-
un fine distruttive, anche se tale fine nen emerge tate e identice: allentanare l`ueme da Die e per-
subite. L'ueme staccate da Die e pevere e infeli- tarle al peccate, alla merte interiere.
ce; nen riesce a cemprendere il significate della La magia e di due specie: imitativa e centagie-
vita e tante mene quelle delle difficeltà, del dele- sa_ La megie imiieiiee si basa sul criterie della
re, della merte. Desidera la felicitå ceme la pre- semiglianza nella ferma e nel precedimente, fen-
pene il mende: ricchezza, petere, benessere, dandesi sul principie che egni simile genera un
amere, piacere, ammiraziene___ E pare che il sue simile_ Un pupazze rappresentere la persena
demenie gli dica: «Ti dare tutte queste, perche e che si vtiele celpire e, depe le eppertune «pre-
in mie petere e le de a chi veglie, se tu ti prestri ghiere di rite-i, cenficcande degli aghi nel cerpe
davanti a me s (Luca 4, 3-7). del fanteccie, si celpire la persena che il fantec-
Ecce allera gievani e vecchi, denne, eperai, cie rappresenta: questa avre deleri e malattie nei
prefessienisti, pelitici, atter__i, curiesi, in cerca del- punti del cerpe attraversati dagli aghi nel pupaz-
la «veritâe sul lere future. E una fella che ne tre- ze. La megie ceriiegiese si basa sul principie del
va prenta un'altra: maghi, indevini, astrelegi, car- centatte fisice, e centagie_ Per influire sti una
temanti, praneterapeuti, sensitivi e veggenti di persena, il mage ha bisegne di qualcesa che le
varie tipe_ Cestere vengene avvicinati per case, e appartiene: capelli, unghie, peli, vestiti; anche
PET SPEFHHZH. U per disperaziene, e per preva; una fetegrafia, meglie se a figura intera, ma sem-
alcuni ne restane celpiti, altri legati, altri ancera pre a velte sceperte_ Una parte sta per il tutte;
entrane nei circeli chiusi delle sette. cie che viene fatte a quella parte influire su tutte
Ma cesa cie dietre tutte queste? Gli ignari pen- l'individue_ Il mage svelgere il sue lavere cen
sane che sia sele superstiziene, curiesitii, finzie- apprepriate fermule e rituali, in tempi determi-
ne, frede; infatti c'e legate un gresse gire d'affa- nati de1l'anne e del gierne, cen l'intervente
174 175
degli spiriti che egli inveca per rendere efficace magari rispettande certe regele suggerite: gire di
la sua epera. Abbiame trattate questi argemeriti sette chiese, candele da accendere in un certe
parlande delle fatture; ma la magia abbraccia un mede, pelveri da spargere, eggetti da pertare
campe assai pie vaste delle semplici fatture, e pie addesse e da mettere addesse a qualche altre, e
vaste del maleficie_ cesi via. In queste mede si centrae cel demenie
In une dei rituali di iniziaziene alla magia un legame pie e mene pesante, cen cattive cen-
nera, usati dai maghi dell'isela di Cape Verde, si seguenze per l'anima e per il cerpe. Melte velte
ttfferuifl che il prescelte si trever:-fi davanti, ¡.31 un sene venute da me mamme che in precedenza
certe_punte del rite, une specchie in cui gli avevane pertate i lere bambini da maghi, e aveva-
epparirå Satan:-1 per dtìrgli «i peteris, merienda- ne fatte pertare lere addesse certe cese che, per
gli in mane le armi che devrå usare. Le armi che gli inesperti petevane sembrare cianfrusaglie, ma
cristiane ha, ceiitre il «Ieene ruggentei, Sene che, per le censeguenze malefiche, si erane rive-
a vertta, la giustizia_ _la fede, la spada a deppie late dei veri malefici. Se ci si celleca sul terrene
teglie della Parela di Die. ll mage invece avre del nemice si cade in sue petere, anche se si e
“mi-_ SP3-da VÚFH Ef prepria per celpire gli uemini; agite «in buena fede» e sele la petente mane di
evra peteri di distruziene, di malediziene, di veg- Die pue liberare dai legami centratti_ _
g_er_iza, di preveggenza, di sdeppiamente, di gua- Le eperazieni della cesiddetta eite megie ven-
rigiene ed altri ancera, secende il male che e gene per le pie classificate in sacralizzazieni,
capace _di fare, secende ceme riuscire ad esreee- censacrazieni, benedizieni, destituzieni, scemu-
lare i piani di Die, e secende quelle che e in gra- niche, maledizieni. Si intende cesi trasfermare
de di effrire al demenie: eltre se stesse, pue gli eggetti e le persene in «simbeli sacris (sacri a
effrire_i suei figli e anche altre persene, pie e Satana, naturalmente). ll materiale magice viene
Fuerte Igrtttre, che El lui si rivelgene, Il rigulrgtü
«magnetizzates in determinati mementi, che
per la vittima e che, ceme minime, acquistere sene eggette dell`astrelegia magica. Ogni mage
una terribile avversiene a tutte cie che e sacre perta su di se, e prepara per altri, dei «pentace-
(preghiere, chiese, immagini sacre___), cen lie, e «pantacelis (dal grece periie-iiieej; in gene-
liaggiunta di altri mali, melte variabili_ re si tratta di medaglie i cui simbeli sene «cataliz-
_ Queste pue accadere anche a chi ha cemmis- zateri di energie«›_ Essi hanne, secende il mage,
sletiete il ltštvere el iïiage, tine, velta Úffg-1-tú il
una particelare ferza celeste. Altra cesa sene i
iififlffìfifiiüei tflppresentate da un'efferta anche I talismani, che richiamane i particelari della per-
melte piccela, e censegnate le cese richieste, sena che verrebbere preteggere.
173 177
La richiesta di talismani e una delle maggieri di Osiride_ Il serpente e rappresentate annedate
attrattive dei peveri clienti, che si sentene celpiti su se stesse e cen la ceda in becca, ceme emble-
da serte avversa, iella, incemprensiene, mancan- ma del cicle eterne della vita. Si pensi anche al
za d`amere, pevertii; e sene ben lieti di pagare il serpente bea impcratere degli Incas e al bea dise-
prezze, talvelta melte elevate, di questi pertafer- ne degli Indiani_
tuna, che devrebbere liberarli da tutti i lere guai_ Nel Veudee il serpente andregine Danbhalah
Invece si pertane addesse una carica negativa e Aida Wede ispira i suei adepti cen una certezza
tale da danneggiare nen sele lere, ma anche i e precisiene che de risultati stupefacenti in qual-
cempenenti della lere famiglia. Per preparare siasi era del gierne e della nette. Qtieste serpen-
tutti questi eggetti, ceme per la maggier parte te afferma di cenescere tutti i segreti del Verbe
delle epi_'_=__-razieni di magia, si fa large use di createre mediante la «lingua magicas, magnifica-
incense_ E un incense efferte a Satana in chiara ta dalla musica sacra.
centrappesiziene all'incense che nel culte litur- Si tratta di una magia haitiana, di erigine afri-
gice si effre a Die. cana, che insieme alla magia africana eriginaria e
Altre ferme di magia guidane alla fabbricazie- a quella impertata in Sud America (particelar-
ne di filtri e miscele che prevecane suggestiene e mente in Brasile), cel neme di erriacumbae, ha
vessaziene diabelica in chi, mescelati a cibe e una grande petenza malefice. Gie he ricerdate
bevanda, ingeierà gl'intrugli preparati dal mage. che i malefici pie ferti che he avute eccasiene di
Il malcapitate si treverà in cerpe nen sele qual- esercizzare prevenivane dal Brasile e dall'Africa.
cesa di disgustese, ma anche gli spiriti malefici La civilizzaziene mederna ha fuse, ma nen
invecati per la preparaaiene del maleficie. E nete cambiate, certi cestumi; per cui ceabitane insie-
il cesiddctte «filtre d'amere« che pue imperre me scienza e magia, religiene e antiche pratiche.
un erribile legame (chiamate anche «legaturai-), Ancera eggi, specie nelle nestre campagne, c'e
in ferza di petenze sataniche. gente religiesissima che ricerre a seiiterii (uemini
La Bibbia ci parla per la prima velta del deme- e denne) per riselvere le sue difficeltii pie svaria-
nie quande tenta i pregeniteri sette ferma di ser- te: dalle malattie al malecchie, dalla ricerca di un
pente. Nella mitelegia il serpente e sempre impli- lavere alla ricerca di un marite. Sene sante per-
cate cen gli emblemi della cenescenza. In Egitte sene «che vanne sempre in chiesas; ancera eggi
la maga Iside e celei che cenesce i segreti delle si trevane mamme che, in buena fede, insegnane
pietre, delle piante, degli animali; cenesce i mali alle figlie i gesti e il rite per tegliere il malecchie,
e i lere rimedi, per cui pue rianimare il cadavere la nette di Natale; e legane al celle dei figli cate-
173 179
nine cen crecifissi e medaglie benedette, e ci
Iïlfiilllifllilfl 11iSl'I`Í`.'lTlE' -ripfi-li [E155{)ii-_ U edfi-“ti vuele far del male agli altri attraverse vie magi-
ltipes, e «cernetti ressi-: tutti eggetti che, anche che; e stille spiritisme, attraverse cui si intende
se nen sene stati «caricatii di negativite cen riti mettersi a centatte cen le spirite dei defunti e
mflglflìi legeue al demeriie per il peccate di cen gli spiriti superieri. Le spiritisme e nete in
stiperstiziene_ ttitte le culture e pepeli_ Il medium fa da inter-
_ Alla magia e sempre accetiipagnata la divina- mediarie-tra gli spiriti e gli uemini, prestande la
ziene: veler cenescere il nestre future attraverse sua energia (vece, gesti, scrittura___} alle spirite
vie sterte. Basti pensare al tliffusissime tise di farsi che vuele manifestarsi_ Ptie accadere che questi
leggere le carte, essia di farsi predire il future dai spiriti evecati, che sene sempre e sele demeni, si
tarecchi, che sene il mezze di divinaziene preva- impessessine di qualcune dei presenti. La Chiesa
lentemente usate da maghi e indevini_ Pare che ha sempre cendannate le sedute spiritiche e la
, _ __ _ _ _ partecipaziene ad esse. Nen e censultande Sata-
l erigine det tarecchi risalga al XIII secele, ad
epera degli zingari, che avrebbere cendensate in na che siim para qualche cesa di utile.
queste eglecee 1l lere petere Eli predire il future, Ma e preprie impessibile evecare i merti?
Alla base cie la dettrina eseterica che fissa le sche- Sene sempre e sele i demeni ad apparire nelle
ma di cerrispendenza fra liueine e il mende divi- sedute dei medium? Sappiame bene che queste
ne. Nen mi ci ferme; dice sele che liingenue, dtibbie nei credenti dipende da una sela eccezie-
ahbagliate da ceme e state rivelare cen esattezza il ne_ La Bibbia ci riperta un unice case, quande
sue passate, ne esce ceti angescia e diffidenza e Saul si rivelse ad una medium e le impese: «Su,
vane speranze, spesse cen sespetti nei cenfrenti praticami la divinaziene per mezze di negreman-
di parenti e amici, e sepratttitte cen una certa fer- zie, evecandemi celui che ti direi- (1 Samuele
ma di dipendenza da chi gli ha lette le carte, che 23,3). Effettivamente cemparve Samuele, che era
le accempagnera anche in seguite. Tutte queste merte nen melte prima. Iddie ha permesse que-
petra causargli stan di patira, rabbia, incertczza: sta ccceziene, ma si neti liurle di stupere della
avra il destderie di ricerrere a pratiche magiche, medium e pie ancera il dure rimprevere di
e di fernirsi di talismani che gli neutralizzine quel Samuele: «Perche mi hai melestate invecande-
neinice interiere che lui stesse si e precurate e mi?«› (1 Samuele 23,15). I merti vanne rispettati e
che gli causa malattie, sfertuna___ nen melestati. Essende liunice case in tutta la
La peggiere magia di erigine africana e basata Eibhia, ne netiame lieccezienalite__ Cendivide in
sulle stregerieie (eeieheeffli che e la pratica di chi prepesite quante scrive une psichiatra ed eserci-
sta pretestante: «E pure egeisme e crudeltå cer-
130
131
care di restare aggrappati ai nestri defunti e ceme Carle Mara, Hitler, Stalin. Le atrecità cem-
velerli richiamare tra di nei. Gie di cui hanne messe dai nazisti, gli erreri del cemunisme, gli
bisegne è della liberaziene eterna, e nen di esse- eccidi di Stalin, ad esempie, raggiunsere una per-
re nuevamente impasteiati tra le cese e la gente fidia veramente diabelica. Fueri dal campe peliti-
di queste mende ›=- (Kenneth Mcåll, Fine effa redi- ce, nen esite a vedere un veicele di Satana in cer-
ci, Anc-era, pag. 14]). te musiche e in certi cantanti, che ceinvelge-
Melti vengene ingannati per la lere mancanza ne piazze gremite in una frenesia che pue rag-
di fede e per la lere igneranaa. L'use di certe giungere punte di estrema vielenaa e velentšt
danae, canti, cestumi, candele, animali, che sene distrttttiva.
necessari in vari rituali di magia Veudee e della Ma si sene anche altri casi piu facilmente cen-
macuruba, dal punte di vista etnice e felkleristice trellahili e piu facilmente guarihili (anche se le
pue presentarsi interessante. Quattre candele ai pessessieni cellettive sene sempre melte pesanti
quattre angeli di una strada, e un triangele di da rimediare), in cui sene state celpite scelare-
candele di cui una cen la punta rivelta in hasse, sche, gruppi di varie genere, cemunita svariate,
pessene sìernbrare un giece e un`innecua super- ad esempie, cemunita religiese. É incredibile
stiziene. E era di aprire gli ecchi, Invite seprat- Fabilità del demenie nel riuscire ad ingannare, a
tu tte i sacerdeti. Sene evecazieni di spiriti malefi- far penetrare gli erreri peggieri in interi gruppi.
ci che petranne disturlaare queste e quelle, ma (Te chi sestiene che e piü facile ingannare una
hanne sempre ceme fine ultime di distaccare la fella che ingannare una sing-ela persena. Gerte il
vittima da Die, di cendurla al peccate, a1l'ange- demenie pue celpire gruppi anche melte nume-
scia, alliaiienaziene, alla disperaziene. rusi; quasi sempre però netiame in questi fatti un
Mi e state chieste se, attraverse la magia, si censense umane, una celpa umana di libera ade-
pessene celpire anche cemunità di persene. La siene all'epera satanica: per interesse, per viaie,
mia rìspesta e si; _n"1a queste argeruente da sele per amhiaiene, per tanti pessibili metivi.
rneriterebbe une studie a parte. Anche qui, cente L`aspette dell`influen:-:a del demenie su cellet-
in tutte il mie libre, mi accentente di accennare tività è une dei piü dannesi, dei pift petenti. Per-
le cese. E pessibile che il demenie si serva di una cie vi insistene particelarmente gli ultirni pente-
persena per celpire gruppi anche numeresissimi, fici. Mi rìferisce al discerse di Paele VI del 15
che pessene addirittura prendere in mane il uevemhre 1972 e a quelle di Gievanni Paele II
petere di una naziene, e influire su piü nazieni. del 20 ageste 1986.
Crede che, nei nestri tempi, sia il case di uemini Satana e il nestre peggier nemice e tale
182 183
restera F -' * - ›
ma _ Í lllim HHH hnflflfï ÉÚIUPI, PEI" Cut usa della
_* 1_1"l E: lgeuza e det suei peteri per estacelare i
iï"H1Í11 dl DIU, Che vuele invece la salvezza di nei
tutt1. La nestra ferza e la crece di Criste, il me
Sang'-1*-ÍH ¡É 51-11'fif_PÍHg11E, li-ubbedienza alle sue pare-
le e alla sua tstituziene, che e la Chi,-E53
cm Pue cacciare: 1 DEMONIP

Ci sembra di aver dette cen abbastanza chiarea-


za che Gesu ha date il petere di scacciare i deme-
ni a tutti celere che credene in lui e agiscene cen
la ferza del sue neme. In questi casi si tratta di
preghiere private, che pessiame tutte indicare
cen il neme di -=-:preghiere di liberaziene».
Inultre un petere particelare e date agli eser-
cisti, essia a quei sacerdeti che ricevene espressa-
mente tale incarice dal lere vesceve: essi, usande
le appesite fermule suggerite dal Rituale, cere-
piene un sacramentale che, a differenza della
preghiera privata, ceinvelge Fintercessiene della
Chiesa.
` Sempre parti si escesserae ¿ente fede, tenes preghiere
e digíune.' sie de perte di chi prege, sie de peris delle
persene se cui si prege. L'ettitne sarebbe che sem-
pre, centemperanearnente all'esercisme che
richiede risertfatezza, ci fesse un grup-pe di perse-
ne radunate a pregare. Aggiunge anche che un
particelarissime petere hanne i sacerdeti tutti,
anche i nen esercisti, derivante appunte dal lere
sacerdezie tuinisteriale, che nen e un enere alla
184 185
persena, ma un servizie per le esigenae spirituali
te prevecati dal maligne; il Vangele stesse ce ne
det fedeli. E tra queste esigenze c`e certarnente
presenta alcuni casi: la denna curva da 18 annt
anche quella di liberare dalle influenze malefi-
(paralisiï-*) e un serdemute. In entramht 1 cast
":_hÚ- T'1ÍU_ PUÍ, 5Í_i1 per le preghiere di liberaziene c'era una presenza satanica che causava quei
sia per gh eserclsrnr, pessene aiutarsi cen mezzi
mali, per cui il Signere ha eperate la guartglene
sacri: Hd Ei-iEmP¡Ú› PÚHE-'nde sul cape del1'interes- scacciande il dernenie. Vale, 1n linea generale, la
sate il crecifisse, 0 la cerena del resarie, e qual-
regela che abbiame data: se un male e di erigine
che reltqpra: efficactsstma quella della santa cre-
rnalefica i farmaci nen ettengene effette, mentre
ce perche e cen la crece che Gesü ha scenfitte il
ettengene effette le preghiere di guarigiene e gh
regne d1 Satana; ma sene efficaci pure le reliquie
esercismi. E anche vere che spesse una prelungaï
det santi, verse cui si nutra una particelare deve-
ta presenza diabelica crea nella persena det mah
zlene.. Spesse utili anche le semplici immagini
seprattutte psichici per cut, anche a liberaziene
hüflfidfiïlflv
_. , .
ceme
,
quella di S. Michele arcangele I awenuta, il guarite pue avere bisegne di adegua-
dt cut 1 demeni hanne particelare paura
te cure mediche.
Crede pere che tradirei l'attesa dei letteri se
Premette anche che tecce un campe tn cul st
nen accennassi anche al1'esercite sempre piü
richiedene cernpetense specifiche, che un eserct-
numerese dr ceelrmetici, di aeggentí, di sertsítieí, di
sta nen pue avere. Un esercista deve cenescere le
Pflfïlvferflpeett, dl guertten. e anche di aiegera* É una
malattie mentali quante hasta per accergersl se
E-C' IEFH tante ptu numeresa, quante piu i vescevi
eccerre l'intervente dt une psichiatra; ma nen st
e 11 clere, cen una leggerezza che va dall'igr1.;3t¡-,-11-,_
za alla vera incredulità, hanne abhandenate que- P ue pretendere che un esercista _ sia tstruite
t tn
queste campe quante une psichiatra. Cesi un
siip terrene pasterale che e lere preprie. Dedi-
esercista deve avere cegntzient ch parapsicelegm
-:_ ereme un capitele anche a queste. Intante
e dei peteri paranermali; ma nen e pessihile che
dtctame qualche cesa sulle persene neminate
ne sappia quante une spectahsta tn materia. Il
Faccte una premessa. Parle di categerie di per- '
sue campe spectfice resta quelle seprannatura1 e,
sene che pessene [fe che pretendene di) influire
cen un`esatta cenescenza dei fenemeni che ne
PET la llbfifflfff-lüflfli ITIH ptu spesse eperane per la dipendene e delle cure di carattere seprannatu-
guarigiene. E difficile fare una distinziene netta.
rale. É una premessa necessaria perche stiame
Il demenie sta alla radice di tutte il prehlema del
teccancle un campe che riguarda insieme il
male, del delere, della merte, che sene cense-
sepraunaturale, il paranermale, il preternaturaie
guenze del peccate. Pei ci sene rnali direttamen-
e diahelice.
185 187
I vaveaaaf.-ei. La spirita santa, -:an divina 11- ' accettare efferte; cen le libere efferte si pue di-
leerte, distribuisce a chi vuele e ceme vuele i suei ventare miliardari); 8. che usi mezzi cemune-
carismi, che sene dati nen a gleria e a utilite del- mente ammessi dalla Chiesa, senza stranezze e
la persena, rna a servizie dei fratelli. Tra questi superstizieni (che usi preghiere e nen fermule
carismi c`e anche il dene della liberaziene dagli magiche; segni di crece, irnpesiziene delle mani,
spiriti nìaligni e della guarigiene. Si tratta di deni senza nulla che effenda il pudere, che usi acqua
che pessene essere dati a individui, :ma anche a benedetta, incense, reliquie, senza nulla che sia
cemunita. Di per se nen dipendene dalla santitã estranee al nermale use ecclesiasticejt che pre-
persenale, ma dalla libera scelta di Die. L'espe- ghi nel neme di Gese; 4. che i frutti siane hueni.
rienza pere ci dice che, nermalmente, Iddie cen- Questa regela evangelica, «dai frutti si ricenesce
cede questi deni a persene rette, di assidua pre- la piantaa (Mattee 12,38), resta sempre il criterie
ghiera, di vita cristiana esernplare (queste nen che cerena gli al tri.
significa mancanza di difettil), di sicura umilte. Aggiungiame altre caratteristiche, che sene
Oggi di carismatici, a cui accerrene in fella i sef- tipiche delle guarigieui ettenute per via carisma-
ferenti, ce nie un'inflaziene. Geme distinguere i tica: agiscene su tutte le malattie, anche su quelle
veri dai falsi? Di per se tale discernimente spetta malefiche essia prevecate dal dernenie; nen si
a1l'auteritâ ecclesiastica, che pue valersi di tutti fendane su abilite e ferza umana, ma sulla pre-
quegli aiuti che ritiene eppertuni per il sue ghiera fatta cen fede, sulla ferza del neme di
discernimente. C-ese, sull'intercessiene della Yergine e dei santi;
Di fatte cenesciame alcuni casi in cui l'aute- il carismatice nen perde energia si da deversi
rite ecclesiastica e intervenuta per mettere in ricaricare cen un periede di ripese_ (ceme acca-
guardia da truffateri e da falsi carismatici; nen -» de ai 8 uariteri
_ _ = ai rahdemanti
_ e simili), nen subi `
cenesciarnp casi di carismatici ufficialmente rice- sce reaz1en1 fisiche, ma e semplicemente un tra
nesciuti. E un prehlema cemplicate e niente mite attive della grazia. Le guarigieni carismati-
affatte facile. Anche perche i carismi pessene che nen tendene a perre in bella mestra il cari-
cessare; ed e pessihile che la persena prescelta se smatice, ma a far ledare Die, ad accrescere la
ne renda indegna: nessun essere vivente e cenfer- fede e la preghiera.
mate in grazia. Pessiame fissare quattre nerme Aggiungiame ancera una deveresa parela per-
erientative: 1. che Findividue (e la cemunite) viva che anche queste e tutte un campe di cui il Vati-
prefendarnente cenferme al Vangele; 2. che sia cane II ha parlate, ma nen e state applicate cie
del tutte disinteressatu (neppure si dehbune che ha affermate. Il razienalisrne e il naturalisme

188 - las
hanne invase il terrene; le ntanifestazieni straer- esempie, il Mevitneute Cafìflmfllìflü 'S11 É155151- E
dinarie, i tniraceli, la presenza di santi, le appari- un campe aperte che va attuate.
zieni... sene tutte cese accelte nen cen gratitudi- Veggerrtá e serrseáeí. Li tratte insieme perche in
ne, ma cen diffidenza, cen cendanne senza esa- sestanza hanne le stesse caratterisuche: 1 primi
me, e almene ceme tremende scecciature. In eeíeee, i secendi seeteee,' entrambi si esprimene
nessuna chiesa si ripete pie la preghiera dei pri- su cie che hanne prevate, a centatte cen eggetu
mi cristiani: «O Signere, cencedi ai tuei servi di e persene. Per nen allargare treppe il terrene a
preclamare cen piene ceraggie la tua parela, e cui si presta queste tema, mi limite a censlderar-
distendi la tua rnane perche si cempiane guari- le in relaziene al campe specifieü Iïlìüv ÚSSÍH Hi
gieni, miraceli e predigi, nel neme del tue sante campe delle influenze malefiche su persene,
serve Cese» (Atti 4, 29-30). Úggi semhra che eggetti, case. Pie velte sene state a centatte cen
questi deni diane sele fastidie. queste persene; alle velte le he direttamente
Il Vaticane II afferma che le Spirite Sante interpellate e chiamate ad assistere in preghiera
«dispensa pure tra i fedeli di egni erdine grazie ai miei esercismi, per sentire pei che cesa aveva-
speciali... Questi carismi, straerdinari e anche pie ne viste e sentite. E avvertive che le rispeste
semplici e cemuni, si devene accegliere cen gra- dipendevane dalle spiri te di sapienza.
titudine e devezienev. Il decumente centinua Alcuni, appena vedene e si trevane accante
rìcerdande che i deni straerdinari nen vanne persene pessedute e infestate, avvertene subite
chiesti imprudentemente. Quan te al giuclizie sul- tale incenveniente; alle velte si sentene male
la lere genuinite e erdinate use «spetta a1l`aute- quande stanne vicine a Lali persene; altre velte
rite ecclesiastica, alla quale spetta sapretttttte di vedene la negatività che le celpisce e la descrive-
nen estìnguere le Spirite, ma di esaminare tutte ne. Basta dare lere 1n mane una fetegrafie. U HHH
e ritenere cie che e buene» (LG 12). Le carenze lettera, e un eggette appartenente a una persena
nell'app1icare queste direttive sene evidenti e su cui si hanne dei sespetti, per avere una rispe-
presse che generalì. Percie resta vane che il Cen- sta: se nen ha nulla, se e vittima dt un male male-
cilie affermi che chi riceve carismi dalle Spirite fice, se e una persena pericelesa perche epera
Sante, anche se si tratta di laici, ha il dietre e ii Iualelici centre gli altri. Pue hastare a lere senti-
deeer.-3 di esercitarli (AA 3), sette-la guida e il re la vece. Ad esempie, persene. ÍI1 Clflbbíü SÉ
discernimente dei vescevi. Vede cen piacere il hanne ricevute e ne qualche influsse malefice,
sergere di epere che si effrene per aiutare i telefenane a una di queste persene e si seutuuü
vescevi in queste lavere di discernimente; ad dare la rispesta. Chiarnati in case su cut st sespet-
190 191
Í'-'ïflü mfiïffifliv Per le strane cese che accadene Í
sensitive, mi veniva indicate da questi quali parti
percepiscene se il rnaleficie c`e e nen c'e; indica.
del cerpe deveve benedire cen la stela e ungere
ue eggetti fatturati che eccerre bruciare; pereg-
cen l'e1ie, perche particelarmente celpite; e alla
PIECÚHU, Hd esempie, se eccerre aprire un certe
cuscine e rnaterasse, e allera vi si trevane quelle fine Finteressate affermava l'esattezza dei punti
in cui pie ferte sentiva il delere.
Straue cese che abbiame gie segnalate. Pessene
Petrei dilungarmi a Iunge cen esempi in que-
sbaghare; le lere sensazteru vanne pei centrella-
te. Ma alle velte ripercerrene la vita di una perse- ste campe. Pesse dire che le persene da me scel-
te (tra tantissirui che :mi sene stati presentati
HH, PFECÍHHHCÍÚ Cee serprendente chiarezza a
quale eta ha ricevute un maleficie, in che mede ceme sensitivi), erane persene di melta preghie-
ra, disinteressate, ricche di hentå e carite, seprat-
e a quale scepe e state fatte, i disturbi che ha
prevecate. Talvelta ne indicane an che liautere. tutte umili: se nen avessi sceperte per case e per
infermaziene ricevuta da altri queste lere talen-
i Un HIÚTHÚ EWÚVU Hppena intredette in parlate- te, esse mai me le avrebbere dette. Di che cesa si
r1e un ueme che mi chtedeva dt essere benedet-
te, quande mi sene ricerdate che a quell”era tratta: di carisma? Di una facelte paranermalei* le
deveve telefenare a un sensitive. Cerre al telefe- prependerei a credere che si tratti di un dene
ne e rni sente dire: eI_,-ei sta per benedire un paranermale, che la persena usa per fare del
ueme d1 una clnquantjna d'anni. A le anni gli e bene. Ma nen esclude che tale petere pessa unir-
stata fatta una fattura in edie a sue padre' gli si al carisma. Nen he viste in queste persene
¦'
hanne efferte da bere del vine maleficiate e han- segni di stanchezza, ceme se suhissere una perdi-
ne nasceste una fattura in fende a un pezze Da ta di energie. He viste pere un pregressive fertifi-
alIe:ra queste ragazze ha inceminciate a sentirsi carsi di queste lere deti attraverse l'use; e queste
male sempre d1 ptu e tutte le cure sene state inu- fa pensare che, alla base, ci pessa essere una
tlh. Depe qua_lche anne sue padre e merte, e lui facelte paranermale. Aggiunge anche che e dife-
ha sentite un imprevvise miglieramente Ma e cilissime trevare autentici veggenti e sensitivi; c'e
r-trnastq celpite al cervelle al punte di nen pe[¿-1-_ invece una marea di persene che si ritiene tale e
st applicare a nessun lavere. Previ a henedirle, che viene stimata tale. Úccerre avere gli ecchi
rna e un male radtcate da treppe tempe e eregiü bene aperti!
che nen etterrà nulla ›:-. Le cese stavane esatta- G-uereerí. Intende parlare di quelle guarigieni
mente cemelmr erane state dette. Altre velte, che avvengene cemunicande una particelare
mentre eserctzzave persene alla presenza di un energia, generalmente attraverse Fimpesiziene
delle mani. Qui siame in piene campe del para-
192
193
nermale, che in Italia treva un valente studiese I reeghi. Ne abbiame gie parlate a sufficienza.
nel Pref. Emilie Servadie. Mi limite a dire, senza Ci basti ricerdare ceme pessane avvenire guari-
apprefendire un tema che nen e di mia perti- gieni per epera del demenie, magari sette neme
nenza, che i guariteri nen hanne alcuna influen- di entite es-ttraterrestri e di artirne-guida. Gese
za su mali di natura malefica; ceme, su questi stesse ci mette in guardia: <-Sergeranne falsi cristi
mali, nen ha nessuna influenza la medicina e la e falsi prefeti che faranne grandi pertenti e pre-
scienza umana. digi, tali da indurre in errere, se fesse pessihile,
Preeererepeeti, Anche questi, ceme i guariteri, anche gli elettia (Mattee 24,24). Tutt'altra cesa
negli ultimi anni si sene meltiplicati a disrnisura. dal petere diahelice e la pletera di falsi maghi,
Nen e mie cempite dare spiegazieni sulla teeria semplici ciarlatani e imhreglieni, che ingannane
del preee e del bio-pfesme. É tutte un campe su la gente dande talismani, nastri, sacchetti. He
cui la scienza ufficiale studia, senza ancera accet- hruciate un feglie di carta da quaderne, cen
tarle. Mi limite a ripertare le cenclusieni a cui scritte parele incetnprensihili, che avvelgeva una
giunge P. La Grua nel sue libre: Le ¡trreghiere di cerda arretelata: queste talismane e cestate dedi-
geerígiees. «Se le guarigieni avvengane per ci milienil Ma e venute da me anche un ueme
un'energia che il guaritere cenveglia sull`amma- che, per avere un piccele sacchette di cianfrusa-
late, e per una carica psichica, e per le stimele di glie che avrebbere devute liherarle da un sacce
energie di riserva, e un fatte che queste guarigie- di guai, ha pagate venti milieni,
ni nen hanne nulla a che vedere cen le guarigie- Ge zíegeri. Crede utile spendere una parela
ni carismatiche. In pie, c'e il pericele di un'infil- anche su di lere perche ne incentriame sempre
traziene spiritiea. Ecce perche si richiede estre- nelle nestre centrade. Lascie stare quante he gie
ma prudenzas. dette a prepesite dei cartemanti e degli imhre-
He cenesciute qualche praneterapeuta vera- glieni. (Te un altre aspette particelare che mi
mente disinteressate, di fede, che mette le sue interessa, e preferisce intredurre il discerse cen
qualite a servizie degli altri cen spirite di vera dei fatti. He esercizzate una sìgnera pesseduta
carite. Ma si tratta di mesche hianche (edue su dal demenie; seffriva da melte-tempe di vari
mille:-, mi diceva il nete esercista di Venezia, Den disturbi, ma nen pensava che la causa petesse
Pellegrine Ernetti). Cìe nen teglie la cautela cen essere quella. Una velta, avende heneficate una
la quale guardiame alla praneterapia. E seprat- ragazza zingara, si senti dire da questa: <=Signera,
tutte dai frutti e dai rnetedi, accuratamente stu- lei sta male perche le hanne fatte una fattura. Mi
diati, che si ricenesce la pianta. perti un ueve fresces-_ Gliele ha pertate e la zin-
194 195
gara ha peste 1'ueve sul pette della signera, ha che si tramandane di generaziene in generazie-
recitate una breve preghiera in una lingua scene- ne, da antica data. Si tratta pere di casi eccezie-
sciuta (in rese 1?) e pei ha aperte 1'ueve. Ne e usci- nali; cemunemente presse gli zingari e melte
te un serpentelle. Depe alcuni mesi la stes- praticata la magia e egni ferma di superstiziene.
sa signera ha avute l"eccasiene di heneficare Ce l'hanne nel sangue da seceli e se la tramanda-
un'altra zingarella, di altra prevenienza rispette ne da madre a figlia (sene sempre le denne a
alla prima. Anche questa ha ripetute quasi le stes- pratiearla) .
se parele: t-Lei, signera, seffre tante e da tanti Aggiurtge, in ntargine a questi fugaci cenni,
anni perche le hanne fatte una fattura. Bisegna che esiste sempre in agguate una tentaziene: per
che se la faccia tegliere. Mi perti un ueve frescea. i carismatici, per i sensitivi, e per gli stessi eserci-
Questa velta la signera e riternata in cempagnia sti (tante pie per gli altri): quella di ricercare le
del marite. La zingarella ha peste 1'ueve sul pet- vie pie celeri alla guarigiene, al di fueri dei mezzi
te della signera, ha recitate una breve fermula sacri usuali, e di cadere pie e mene invelentaria-
che pareva una preghiera e pei ha aperte llueve. mente nella magia. Si incemincia a vedere, tante
Ne e uscite un ciuffe di capelli. per fare un esempie, che cen un piattine piene
Un mie amice medice a Rema, uscende dalla d`acqua, versandeci gecce d`elie e prenunciande
hasilica di 5. Gievanni, e state avvicinate da una dei nemi, si ettengene rispeste, e cesi si de inizie
zingara che chiedeva l`e1emesina. In quel peste le a una catena di pratiche magiche. He viste dei
zingare nen mancane mai. Ha messe mane al carismatici passare a pratiche di magia e pei riti-
rarsene; ma nen tutti sene capaci di ternare
pertafeglie, pensande di dare mille lire; nen ne
indietre. E he viste anche sacerdeti nen esercisti
aveva, aveva sele higlietti da diecimila.. Pazienza;
usare certi metedi di successe, senza accergersi
gliene ha date une. Quella zingara l`ha guardate
di fare vera e prepria magia. I1 demenie e furhe:
e gli ha dette: «Lei e state melte generese cen
e sempre dispeste a premettere i regni della ter-
me; anch'ie veglie farle del hene». Gli ha subite
ra se ci prestriame ad aderarlei
dette i disturbi di salute che aveva e che deveva
curarsi (il medice cenesceva hene quei disturbi,
ma... da medice, li trascurava). In pie gli ha dette
di una truffa che alcuni stavane preparande a sue
danne, se nen fesse ricerse ai ripari. Tutte vere.
Ceme spiegare questi fatti? Nen e facile. Gerti
zingari pare che abbiane dei peteri paranermali

198 197
¡'-

lJ-|-|--.-I-3-|.l.l.¡_

-qui

E
LA CENERENTÚLA DEL RITUALE

Í
Dalia fine del Cencilie Vaticane II ad eggi di
anni ne sene passati parecchi; le varie parti del
Rituale sene state rivedute secende le direttive
cenciliari; l`unica parte che an cera e sigillata cen
la scritta -=<Laveri in cersea e la parte che riguarda
gli esercismi. É vere che c'e tutta la dettrina della
Sacra Scrittura, della teelegia, del magistere della
Chiesa; abbiame ripertate in altra parte alcuni
testi del Vaticane II; nen ste qui a ripertare i tre
discersi di Paele VI e i melti di Gievanni Paele
II. Cite almene una frase di Paele VI, tratta dal
discerse del 15 nevemhre 1972: slìlsce dal quadre
delfiusegnarnente bibiice ed ecclesiastice chi si
rifiuta di ricenescerla esistente (la realte deme-
niaca), evvere chi rte fa un principie a se staute,
nen avente, essa pure ceme egni creatura, erigi-
ne da Die; eppure la spiega ceme una pseude-
realte, una persenificaziene cencettuale e fanta-
stica delle cause ignete dei nestri rualannis. E pie
eltre aggiunge: -sSarehhe queste, sul demenie e
sull'influsse che egli pue esercitare sulle singele
persene, ceme su cemuntte, su intere seciete e su

199
avvenimenti, un capitele melte impertante della neme tecnice mederne, ma sanne dìstinguere
dettrina cattelica da ristudiare; mentre eggi pece benissime quande si tratta di malattia e quande
le es-. si tratta di pessessiene diabelica. Chi nen sa fare
In pratica, per melti ecclesiastici di eggi, sene questa distinziene e Luigi Sarteri, nen gli evange-
tutte parele gettate al vente: quelle della Bihhia, listi. E abbiame viste quale impertanza fenda-
quelle della tradiziene, quelle del magistere. Giu- mentale ha nell'epera di Criste la cacciata dei
stamente scrive mens. Balducci: -=-E bene che il demeni. Quande i settantadue discepeli vellere
puhhlice sappia quale crisi, per le mene dettrina- riassumere i risultati del lere ministere, per il
Ie, sta eggi attraversande la Chiesals (Il eieeeie, quale Gese li aveva mandati a predicare a due a
Piemme, pag.. 168). Mi si e dette che in melti due, dissere una cesa sela, pieni di gieia: «Sigue-
articeli mi sene dimestrate pelemice nei riguardi re, perfine i demeni ci ebbediscene, quande
di certi teelegi, di certi vescevi, di certi esercisti. invechiame il tue nemea. E Gese rispese: -Nede-
1'*-ien si tratta di pelemica; si tratta di mettere irl ve Satana precipitare dal ciele ceme felgerea
luce la verite. Perche la crisi nen e sele dettrina- (Luca 10, 17-18).. Nen meraviglia se il Sarteri
le, ma seprattutte pasterale, essia ceinvelge i cenclude il sue articele affermande: sGese tau-
vescevi, che nen neminane esercisti, e i sacerdeti maturge esprimeva seprattutte la ferza de1l`ame-
che nen ci credene pie. I*-Ien intende generaliz- re, cestruiva rapperti di vicendevele simpatia; per
zare, ma eggi il demenie e attivissime nei ter- queste eperava miraceli, e eee perche dilrpeeesss di
mentare le persene; e quande queste cercane un ferze serve e segrste, da mage» (Feieiglie Cristieeei
esercista si trevane davanti il selite cartelle: vLa- n. 19, le maggie 1989). Ne, care teelege; Gese
veri in cerse». nen cercava la simpatía e nen aveva le ferze
Incemincie dai teeiegi. Cite Luigi Sarteri, une segrete di un mage. Aveva 1`ennipetenza di Die e
dei pie neti e quetati. Scrive: «É prehahile che dimestrava een le sue epere di essere Die. Ma
alcune guarigieni eperate da Gese riguardine queste sene settigliezze a cui certi teelegi meder-
malati di malattie nervese pie che veri indeme- ni nen hadane.
niatia. Questa insinuaziene e pessima e falsa. Il Prendiame un altre teelege, Luigi Lerenzetti.
Vangele distingue sempre nettamente tra guari- Egli ammette, hente sua, che -sil credente nen
gieni da malattie e liherazieni dal demenie, tra il pue escludere in asselute Finterpretaziene
petere che Gese cencede di cacciare i demeni e demeniaca di certi fattis; ma pei si affretta ad
il petere che cencede di guarire i malati. Gli aggiungere che se difficile, anzi ieipessiiriie asseri-
evangelisti petranne nen indicare le malattie cel re cen certezza tale presenza nel case cencretes.

200 201
Se e impessibile, le liberazieni eperate da Criste livelle. Che tanta gente si faccia imhregliare e
nen sene da credersi, ne quelle eperate dagli fueri dubbie. Ma certe nen e cen lierreffl Chi? 5-1
apesteli; e inutile il petere di cacciare i demeni insegna la verite. Sene settigliezze che sfuggene
che Gese ha date alla sua Chiesa; sene inutili le a den Salvatere e a chi ne pubbhca le idee, senza
dispesizienì ecclesiastiche sugli esercismi e sene accergersi degli erreri plateali che ceìntengene.
inutili gli esercisti. Ne, care teelege; e impessibi- Mescelande 1`errere cen la vertta e evltieflïfl
le a te e ai teelegi ceme te distinguere nei casi che pei di esercisti ce ne sene pechìsalffll E 13-
cencreti se e`e e ne la presenza del demenie, gente si rivelge a maghi, fattucchiere e carteman:
perche in queste campe nen avete nessuna espe- ti, che crescene a dismisura. E il credente nen e
rienza. Percie e melte cemede cencludere: «Nel- istruite da nessune. I-le esercizzate una suera,
la generalità dei casi nen sbagliame se, all`inter- ridetta in pessime cendizieni da una pessessiene
pretaziene magicedemeniaca dei fatti, sestituia- diabelica, che da dieci anni la faceva pregressiva-
me quella scientificenaturalea (Femiglie Criseene, me-nte peggierare. He chiamate la sua superleffl
n. 89, 5 ettebre 1988). Il che e quante dire: cre- generale e le he dette che nen si aspflua PEI:
de nel demenie in teeria, per nen passare da chiamare il medice che une sta mertbende; le st
eretice, ma nen ci crede nella pratica, perche chiama ai primi sintemi del male. Quella superle
nella pratica mi fide sele della scienza naturale. ra mi ha rispeste: -L-Ei ha Tflgiünei ma quflåtfi
Se cesi la pensane i teelegi di prestigie, cesa I I

cese nen ce le ha mat insegnate nessunlsacer I


Ú-

dehbene pensare i semplici sacerdeti? Tecce cen tas. Mi ha anche dette da quanti ecc eslastlfll
mane egni gierne che nen credene ai mali (per nen parlare dei medici) quella suera era sta-
demeniaci. Talvelta ne fanne un unice calderene ta ,-gentìta, senza che mai a nessune fesse venute
cen i raggiri e gI'imbreg1i di chi specula sulla cre- in mente quale peteva essere la ca usa vera det
dulite pepelare per far quattrini cen peca fatica, suei mali, resistene a qualsiasi cura.
Esemplare la -figura di un parrece di Palerme, É vere, nei miei articeli me la sene pr-Effla
den Salvatere Caiene, reclamizzate da Femigfie anche cen alcuni esercisti. He dette che_-vsl e
Cristieee, n. fi, 8 febhraie 1989. ñlfinsegna del persa la scuelaa, essia nen c'e pie nelle dtecesi
mette: -«Le fatture nen esistenes, giudica tutte quella successiene - per cut' l ' esercläïfl
' Pl" attce
_ _
un imbreglie; e naturalmente fa di egni erha un istruiva il nee esercista. E allera capita che ci sia-
fascie anche di fattucchieri, cartemanti ed eserci- ne esercisti che nen sappiane neppure le -äifle
sti (nen imperta se neminati dal vesceve secende .. -. -
ptu elementart. Me la sene presa cen mens
. 11.1
`
le nerme ecclesiastiche), messi tutti alle stesse seppe Ruata canenice della cattedrale E EUUU311
J'

282 288
natere degli esercisti terinesi. Franca Zamhenini Cenesce alcuni esercisti che nen hanne nep-
le interviste per Femigfie Civlstieee [30 marze pure il Rituale; nen cenescene ne le nerme da
1988), indirizzata a lui dal card. Ballestrere. seguire ne le appesite preci da recitare; hanne
Quande une afferma che «la pessessiene diabeli- sele l'esercisme di Leene XIII, in una traduziene
ca e limitata nel tempe e dura peche ere e pechi italiana ne buena ne integrale, e si limitane a
gierni», vuel dire che e prive della pie elementa- recitare quelle. Sulla stampa mendiale fece celpe
re esperienza. Infatti afferma, pece depe, che in il case di Anneliese Michel, di Klingenberg (Ger-
tutte le persene che si sene rivelte a lui «nen he mania), una ragazza di 23 anni, rnerta nel1'estate
mai ravvisate segni tali da dever ricerrere ad un del 1978 in seguite ad una lunga serie di eserci-
esercismea. le, in neve anni di lavere massacran- smi. La netizia deste scalpere anche perche i due
te (tante che era sene state cestrette a rallentare sacerdeti che amministrarene gli esercismi fure-
il ritme), he esercizzate eltre trentamila persene; ne denunciati e settepesti a precedimente pena-
tenge netati i nemi dei pesseduti: finera nevanta- Ie. I dati che emersere allera dai giernali e da
tre, e tutti in tale state da decine di anni. Ci sene altri stampati (ceme il libre di Kasper e Leh-
persene che vengene benedette da dieci, quindi- mann, Dieaeli dsieeei pessessiene, Queriniana
ci anni e anche di pie, e nen sene state ancera 1988), facevane sespettare che cen treppa facilite
liherate. i due sacerdeti avessere pensate di trevarsi davan-
I-le anche fertemente criticate mens. Giusep- ti a un case di pessessiene diabelica. Pareva
pe Vignini, penitenziere nel dueme di Firenze ed anche che gli esercisti, benche avessere sempre
esercista, per quattre articeli puhhlicati su Terce- agite alla presenza e cel censense dei geniteri
ee eggi [ettebre e nevemhre 1988; gennaie della ragazza, si fessere un pe' lasciati cendurre
1989). Quande un esercista scrive che la magia, da quelle che la ragazza stessa indicava ceme uti-
le messe nere, le fatture ecc., sene aarúfiei inn;-.- le alla liberaziene.
cui e frutte di -fantasie suggestienates; quande In seguite usci pei un libre in cui quei fatti
afferma che l'esercisme nen e un sacramente, vennere studiati in prefenditå: Aeeelisse Michsf,
rna una semplice invecaziene, ignerande che e di Kaspar Bullinger (Ed. Ruhland, Ptltetting
un sacramentale; quande cenclude i suei sragie- 1983). Si e trattate di une studie in cui in sestan-
namenti affermande che, in pratica, gli esereiseei za si scagienavane interamente i due esercisti, si
:eee si dee-bene eses' fere,' c'-e preprie da dirgii, cen dimestrava ceme era state serie sia Fimpegne del
tutte il rispette pessihile: «Care figliele, Q ['11-,fm-_ vesceve, che aveva auterizzate gli esercismi, sia
mi e cambi mestieres. dei due sacerdeti; e si precisavane le cause della

211*-'1 205
merte della ragazza, indipendenti dal sacramen- faccie esercismi perche he paura. Se il demenie
tale amministrare. In egni case l'episedie centri- mi si rivelta centre, che cesa faccie?a; sVerrei
bui a sceraggiare i sacerdeti ad accettare l"incari- sapere chi vi ha messe in testa queste stupidaggi-
ce di esercisti. nis... Petrei centinuare. Dietre egni rispesta c'e
Veniame infine ai vescevi. E vere che me la una grande sefferenza da parte di chi la riceve;
sene presa anche cen lere, perche li ame e desi- nen se se c`e la stessa sefferenza da parte di chi
dere la lere salvezza. Il Diritte Canenice nen la de. Nella maggier parte dei casi si e trattate di
centempla il reate di emissiene d'atti d`uff1cie; persene che avvertivane il vesceve di aver ricevu-
ma la pagina del giudizie universale, ceme e te henedizieni da P. Candide e che era state lui
ripertata nel capitele 25 di Mattee, ci presenta la ad ammenirle che avevane bisegne di altre hene-
gravità insanahile del peccate d"emissiene. dizieni. Per cui, in pratica, la diagnesi del male
He ancera in mente Finfelicissime intervente era gie stata fatta da un esercista melte cempe-
di un nete arcivesceve, il 25 nevemhre 1988, in tente e melte nete.
un seguitissime pregramma della TV, guidate da Certamente nen intende generalizzare. Se ie
Zaveli. Pareva che si vantasse di nen aver mai fat- sene esercista le dehhe alla sensibilite e all`inizia-
te esercismi e di nen aver mai neminate eserci- tiva del card. Peletti; crede che egni esercista
sti. Per fertuna era presente l'en. Fermigeni, di dehha testimeniare un uguale ricenescimente
Cemuniene e Liberaziene, a illustrare il punte di riguarde al sue vesceve. Ma la scarsitâ di esercisti
vista cristiane. He pei annetate tutta una serie di deneta chiaramente una scarsite di interessamen-
rispeste di vescevi che, senza veler generalizzare, te in queste settere.
nen fanne enere aIl'episcepate italiane. Mi sene Se pei passe a parlare di altre nazieni eure-
state riferite da persene venute un pe' da tutte le pee, la situaziene si presenta peggiere che in Ita-
parti d'Italia, alle quali aveve dette di rivelgersi al lia. He esercizzate persene venute dalla Germa-
lere vesceve, prima di cencedere lere un appun- nia, da1l'Austria, dalla Francia, dalla Svizzera,
tamente. dal1`Inghilterra, dalla Spagna. Tutte persene
Ecce le rispeste pie ricerrenti: venute appesitamente, attirate dalla fama di P.
-sle per principie nen nemine esercisti», ele Candide e pei rassegnate a ripiegare sul sue allie-
crede sele nella parapsicelegias; «Ma vei credete ve. Ma anche tutte persene che affermavane di
ancera a queste ceseits; ~=-:Hen he trevate nessun nen aver trevate un esercista nella lere naziene.
sacerdete dispeste ad accettare queste incarice. Un prefessienista svizzere mi assicurava di aver
Cercate altrevea; «Hen nemine esercisti e nen telefenate a tutti i vescevi catteiici e di aver avute

206 207
da tutti rispesta negativa. Nen veglie dire che in che nen e dei nestri s, il Signere ha rimpreverate
queste nazieni nen ci siane esercisti, ma indub- gli apesteli (Marce 9, 38-40). .
biamente e difficile individuarli. Venire a Rema E questa la sceperta che hanne fatte i membri
appesitamente per un esercisme nen e un diver- del Rinnevamente e che li ha messi sulla strada
nmente. delle preghiere di eeeresiees. Preghiere che vanne
Insiste: ali'estere la situaziene e peggiere regelate cen precisi criteri, ma che sene efficacis-
rispette a quella italiana. Ne de un esempie signi- sime. Preprie per regelare tali preghiere il card.
ficative. I miei cenfratelli degli Stati Uniti hanne Suenens ha scritte un libre, Rieeeeeteeete s pesse-
velute tradurre il libre di Balducci: R fiieeeíe. Per ze deffs tee.-tere {Edizieni Paeline, 1982), cen pre-
peter ettenere 1'Imprimatur, sene stati cestretti sentaziene del card. Ratzinger. Egli scrive: slni-
dal revisere diecesane ad eliminare i casi in cui si zialmente tanti cattelici legati al Rinnevamente
parlava di pessessiene diabelica. Si neti 1`incee- hanne sceperte la pratica della liberaziene fra i
renza di tale dispesiziene: eltre ad essere fatti ste- cristiani di altre tradizieni, appartenenti per le
rici decumentati, si trattava delllapplicaziene pra- pie agli ambienti della Free Churches e Pentece-
tica dei principi espesti nel libre. E il selite erre- stali; e i libri che lessere, e leggene ancera, pre-
re: nen negare la presenza del demenie in asse- vengene in gran parte da tali ambienti. Fra di
lute, per nen passare da eretici, ma negarla deci- essi si treva una letteratura strabecchevele sul
samente in egni case cencrete, diavele e i suei acceliti, sulla sua strategia e sui
Hen stanne cesi le cese presse certe cenfessie- suei mezzi d'aziene, e cesi via. Nella Chiesa catte-
ni pretestanti. Anche a Rema ve ne sene di quel- lica queste campe e rimaste in gran parte incelte
le che prendene melte sul serie il preblema., che e la nestra pasterale specifica nen ha fernite
studiane i casi e che, quande cel lere discerni- direttive adatte ai nestri tempia (pagg. 79-89),
mente arrivane a sceprire la presenza del mali- É una lamentela su cui ci seffermereme nel
gne, esercizzane cen un'efficacia che talvelta he pressime capitele; ma e giuste imparare da chi
teccate cen mane. É chiare che tutti celere che meglie segue il vangele. Anche su queste punte,
credene in Criste, e nen sele i cattelici, hanne il ceme sulle studie e la divulgaziene della Bihbia,
petere di cacciare i demeni nel sue neme. Nen nei cattelici siame rimasti assai indietre rispette a
debbiame averne nessuna gelesia, ma guardare certe cenfessieni del pretestantesime. Nen mi
al Vangele. Quande Gievanni disse a Gese: stance di ripeterle: il razienalisme, il materiali-
sebbiame incentrate une che caccia i demeni sme hanne inquinate una parte di teelegi cen
nel tue neme e nei gliele abbiame impedite per- influenze prefende su vescevi e sacerdeti. E chi

208 209
ne fa le spese e il pepele di Die. In Italia, di
vescevi esercisti cenesce sele l'africane mens. FJ..
-I

Milinge, cemhattute in tutti i medi. E se di alme-


ne due esercismi fatti dal Papa. Cenesce pechi
altri casi; sare liete se mi verranne segnalati.
Cenclude affermande che une degli scepi che
mi sene prefisse cen queste mie libre e di centri- APPENDICI
buire affinche nella Chiesa cattelica si ristabilisca
la pasterale esercistica. E un precise mandate del
Signere ed e una Iacuna imperdenabile che nen Il pensiere di S. Irenee
1
venga esservate. Sare queste Fargemente del 1
capitele seguen te. Ad istrezieee dei teelegi' ieedeivti, ripertieiee ii pee-
siers di eee dei teeíegi pie eetichi, S. Ireese. La rre-
| seriuiefree del ieeesiíe: Il segne del seprannaturale,
il settembre 1989, jirreete em ¿e sigfe ALPE, che cafe
ee gveede stttdíese.

Irenee, nate interne al 149 in Asia Minere,


vesceve di Liene, fu il fendatere della Chiesa in
.-.†.
¬-.- -.L_-'
Gallia (Francia); meri interne al 292, ferse marti-
re. La sua epera fendamentale e il sue libre
Adeerses hesrssss (Centre gli eretici), nel quale
respinge in blecce la tesi degli eretici gnestici,
che velevane il mende generate da un createre
malvagie. Il vere createre e il Leges, ciee il Verbe
del Die buene. Gli angeli sene parte del cesme
create da Die; e il diavele, ceme gli altri angeli, e
anch'esse un angele create buene, creatura ine-
rentemente ed eternamente inferiere e suberdi-
nata a Die; ma -sha cemmesse llapestasiaa ed e
quindi precipitate dal ciele, Per queste Satana e
Fejflestetfe per eefleeeieesie, e anche Eiiegeeeetere

210 211
dell'universe, il quale «vuele ingannare le nestre Cen cie tutti gli esseri umani partecipane del
menti, escurare i nestri cueri e tentare di persua- peccate di Adame ed Eva. Da quel memente ci
derci ad aderare lui invece del vere Dies. siame resi schiavi del demenie e, peggie ancera,
Mai suei peteri su di nei sene limitati perche itnpetenti a liberarcì da lui, di nestra libera scel-
e seltante un eserpefere def! ietttereie, elie legittima- ta. Seggetti a Satana, abbiame disterte Fimmagi-
mente e fendamentalmente appartiene a Die; e ne e semiglianza divina, cendannandeci cesi a
«nen pue cestringere a peccarev. merte. La felicite dell'Eden e stata infranta. Viste
Irenee afferma che Satana ha perdute la gra- che abbiame veltate le spalle a Die di nestra libe-
zia angelica perche ha prevate invidia per Die, ra velente, ci siame censegnati nelle mani di
desiderande -essere aderate ceme Luis; e ha Satana; e pertante e giuste che Satana ci abbia
prevate anche invidia per l'ueme, quale immagi- tenuti in sue petere finche nen siame stati reden-
ne e semiglianza di Die. La sua invidia ha per ti. «Dal punte di vista della giustizia, in sense
eggette seprattutte nei. Per queste e entrate strette, Die avrebbe petute lasciarci nelle mani di
nell`Eden cel cuere cerrette dal desiderie di per- Satana per sempre; ma la sua misericerdia ha fat-
tare alla revina i nestri pregeniteri. Irenee e il te si che abbia inviate sue Figlie per salvarcis.
prime teelege cristiane a elaherare e sviiuppare L'epera salviíica di Criste incemincia cen le ten-
censeguentemente una teelegia del peccate eri- tazieni di Satana centre il secende Adame da
ginale: Die ha create Adame ed Eva e Ii ha pesti parte del diavele, quale sricapitelazienea della
nel Paradise perche vivessere felici, in strette rap- tentaziene del prime Adame. Ma questa velta il
perte cen lui. Ma Satana, cenescen-de la lere diavele fallisce e irreparabilmente e scenlitte da
debelezza, e entrate nel giardine e, assumende le Criste. La tradiziene cristiana ha tre interpreta-
sembianze del serpente, li ha tentati. zieni principali sull'epera salvifica della Passiene
La malvagite di Satana avrebbe petute restare di Criste.
senza effette se*Die nen avesse date all`umanite. a) La prima interpretaziene vuele che la natu-
la liberte di scegliere tra il bene e il male. Satana ra umana sia stata santiticata, nebilitata, trasfer-
«nen ha cestrette» il prime ueme e la prima mata e salvata da Criste cel sue farsi ueme. -
denna a peccate; -le hanne scelte liberamente b) La secenda: Criste e state un sacrificie
lere, perche Die li ha appunte creati cen il massi- efferte a Die per ricenciliarle cen liueme.
me dene del libere arbitrie. Sataua e il sele, ma c) La terza, la teenie dei rissette, di cui Irenee e
anche il vere tenace tentatere perche invidiese state il prime decise sestenitere, si fenda sulle
delle state eriginale dei pregeniteria. seguenti basi: -:-=Peiche Satana teneva legittima-

212 te
mente la razza umana in prigiene, Die si e effer- Fapestasia. Gli eretici e gli scismatici, che nen
te di riscattare cen se stesse la nestra liberte; il seguene la vera Chiesa di Criste, sene membri
prezze peteva pagarle sele lui; sele Die peteva dell'esercite di Satana, suei agenti nella guerra
settemettersi liberarnente; una scelta libera nen cesmica centre Cristes.
sarebbe stata pessibile a nessun altre, perche il Irenee sestiene che la difesa dei Cristiani dal
peccate eriginale ci aveva privati tutti della nestra diavele e Criste. Il diavele fugge quande venge-
liberte. Die Padre ha censegnate il Figlie Gese ne recitate le preghiere cristiane e quande viene
per liberare nei, estaggi del demenie. Le seffe- prenunciate il neme di Criste. Tuttavia la batta-
renze di Criste hanne paralizzate il diavele, libe- glia nen e affatte cenclusa, perche i demeni cen-
rande nei dalla merte e dalla dannazienes-. tinueranne a prevare i battezzati, cel permesse
La ¿serie es-I secriƒicia, la principale teeria alter- del Createre, -«sia per punirli dei lere peccati, sia
nativa dei tempi di Irenee, sesteneva che Criste, per meglie purificarli, sia per ammaestrarli nella
ueme e insieme Die, aveva assunte su di se tutti i carite fraternaa, di mutue sestentamente nelle
peecati dell'umanite e, censegnandesi alla merte necessite spirituali, cel reciprece cenferte e sep-
di prepria libera velente, aveva efferte a Die una pertaziene; ma seprattutte per tenerli sempre
ricempensa adeguata. La tee-rie del riscette, per «vigilanti e ferti nella fedes. _
quante a velte espressa cen gresselanite, riflette-
va l'accente peste dai padri apestelici sulla bette-
glie ces-:etc-e tra Criste e Satana, e nel cemplesse Un decumente vaticane sulla demenelegia
cerrispendeva abbastanza bene ai mederati
assunti dualistici del cristianesime delle erigini. Hen si pensi che ie sia il sele ad essermi accer-
Per Irenee, Criste e il secende Adame, che aveva te delle balerdaggini di certi teelegi. Sembra che
telte le catene della merte impesteci dalla debe- melti di essi abbiane assunte, ceme un nueve
lezza del prime Adame. La neziene di ricepitefe- padre della Chiesa, Rudelf Bultmann, che ha
sierra (Criste, il secende Ueme, annulla il danne scritte tra 1'altre: «Hen ci si pue servire della luce
fatte clal prime Ueme) era al centre della criste- elettrica e della radie, e fare ricerse in case di
legia di Irenee. malattia ai mederni ritrevati medici e clinici, e
«Satana, scenfitte da Criste, nen per queste nelle stesse tempe credere nel mende degli spiri-
cessa di estacelare la salvezza cen tutta la sua ti e dei miraceli prepesteci dal Hueve Testamen-
energia. Inceraggia il paganesime, 1"idelatria, la te«- (Nueve Testeeseete e Mitefegie, Queriniana
stregeneria, Fempiete e specialmente 1'eresia e 1989, 110). Assumere il pregresse tecnice ceme

214 215
preva indiscutibile che la Parela di Die e sep- sHel cerse dei seceli la Chiesa ha sempre
piantata, significa sele sragienare. Ma melti tee- riprevate le varie ferme di superstiziene, la
legi e biblistj credene di nen essere «aggiernatia preeecupaziene essessiva di Satana e dei demeni,
se nen seguene queste direttive. Interessante, nel i diversi tipi di culte e di merbese attaccamente
libre del Lehmann gie citate, una statistica sui di questi spiriti. Sarebbe percie ingiuste afferma-
teelegi cattelici: due terzi di essi aceettane in tee- re che il cristianesime, dimentice della signeria
ria i dati tradizienali sul demenie, ma li rifiutane universale di Criste, abbia fatte di Satana l`arge-
se vengene applicati alla pratica pasterale; essia mente preferite della sua predieaziene, trasfer-
nen vegliene mettersi fermalmente centre la mande la buena nevella del Signere riserte in un
Chiesa, ma nella pratica qeu ne aceettane gli messaggie di terrere... Ma in realte sarebbe un
insegnamenti (pag. 115). E anche interessante errere funeste cempertarsi ceme se, censideran-
un altre rilieve statistice: i teelegi cattelici dime- de la steria gie riselta, la redenziene avesse avute
strane di avere una cenescenza treppe superfi- tutti i suei effetti, senza che sia pie necessarie
ciale sulla pessessiene diabelica e sugli esercismi impegnarsi nella letta di cui parlane il Hueve
(pag. 27). E quante he affermate. Testamente e i maestri della vita spirituale...
Hella censapevelezza di questa situaziene, la Pie spesse pere questa esistenza (di Satana) e
Cengregaziene per la Dettrina della Fede ha fat- apertamente revecata in dubbie. Certi critici,
te studiare l`argemcnte da un esperte e ha ema- I ritenende di peter identifieare la pesiziene pre-
nate un deeumente che fu pubblicate su Litìsser- pria di Gese, pretendene che nessuna sua parela
eetfere Reiaeee il 2fi giugne 1975, sette il titele garantirehbe la realte del mende demeniace,
«Fede cnistiene s deeieneiegies; tale studie fu pei mentre Faffermaziene della sua esistenza riflette-
inserite tra i de-cumenti ufficiali della Santa Sede rebbe piutteste, le deve ricerre, le idee di scritti
(Eechfridiee Veticeetee, Vel. V, n. 38). He ripertia- giudaiei, eppure dipenderebhc da tradizieni nee-
me qualche brane. Le scepe principale e di testamentarie e nen da Criste; peiche essa nen
istruire i fedeli e pie ancera i teelegi svitati, che farebbe parte del messaggie evangelice centrale,
evitane l`csistcnza di Satana nei lere studi e inse- nen impegnerehbe pie eggi la nestra fede e nei
gnamenti, mentre Criste «e discese dal cicle e si saremme liberi di abbandenarla.
e incarnate per distruggere le epere del deme- Altri, pie ebiettivi e pie radicali, aceettane le
nies- (l Gievanni 3,5). Tegliende l'esistenza del asserzieni della Sacra Scrittura sui demeni nel
demenie distruggiame la redenziene; chi nen lere sense evvie; ma aggiungene subite che, nel
crede nel demenie nen crede nel Vangele. mende d'eggi, esse neu sarebbere accettabili

216 217
neppure per i cristiani. Anche essi, dunque, le
esercismi penevane e erientavane il preblema
eliminane. Per alcuni, infine, l'idea di Satana,
della sua missiene e della sua persena, ceme pre-
qualunque ne sia l'erigine, nen avrebbe pie
vane a sufficienza le reazieni che suscitarene.
lrupertanza e, attardandesi a giustificarla, il Senza mettere mai' Satana al centre del sue Van-
nestre insegnamente perderebbe credite e fareb- ggltji, Gesft ne ptlfle ttltüìïflïél Süle 111 lïiertìefltl evi-
be embra al discerse su Die che, sele, merita il
dentemente cruciali e cen dichiarazieni imper-
nestre interesse.
tanti.
Per gli uni e per gli altri, finalmente, i nemi di Prima di tutte diede inizie al sue ministere
Satana e del diavele nen sarebbere altre che per-
pubblice accettande di essere tentate dal diavele
senificazieni mitiche e funzienali, il cui significa-
nel deserte: il raccente dt Marce, preprie a meti:
te sarebbe seltante quelle di settelineare dram-
ve della sua sebrietei e decisive quante quelle di
maticamente l`influsse del male e del peccate
Mattee e cli Luca. Centre queste avversarie Egli
sull umanita. Pure linguaggie, quindi, Che 1,1
misc in guardia, nel discerse della mentagng___ e
nestra epeca devrebbe clecifrare per trevare un
nella preghiera che insegne ai suei, il Pe re
mede diverse di inculcare ai cristiani il devere di
riestre, ceme ammettene eggi melti esege_t1.
lettare centre tutte le ferze del male nel mende
appeggiati sulla testimenianza di melte liturgie.
_ Queste p_rese di pesiziene, ripetute cen sfeg- L'Apecalisse e seprattutte il gran-diese affresce in
gie di erudiziene e diffuse da riviste e da certi
cui risplende la petenza di Criste riserte nei testi-
disieeerí tsefegici, nen pessene nen turbare gli
meni del sue Vangele: essa preclama il trienfe
spiriti: i fedeli, abituati a prendere sul serie gli
dell`Agnelle immelate; ma ci si ingan_nere_-bbe
_a_'_vvertim_e:nti di Criste e degli scritti apestelici,
cem P letamente sulla natura di questa vitteria se
_ anne 1 impressiene che diseersi del genere
nen vi si vedesse il termine di una lunga letta in
intenf_rlan_e,_in queste campe, lmprimere una svel- cui intervengene, mediante le petenze umane
La all epinienepubblica e celere, tra essi, che che si eppengene al Signere Cese, Satana c
arir_ie una cenescenza delle scienze biblieha E suei angeli, distinti gli uni dagli altri,_ceme pure i
religiese, sidemandane sin deve cendurre il pre-
lere agenti sterici. E infatti l'Apecalisse_che, set-
cesse di smitizzaziene avviate in neme di una cer-
telineande l`enigma dei diversi nemi e simbeli d_i
ta ermeneutica...
Satana nella Sacra Scrittura, ne smaschera defini-
Anche le principali guarigieni di essessi fure- tivamente Fidentite. La sua aziene si svelge in tut-
ne cempiute da Criste in mementi che risultava-
ti i seceli della steria umana. 5-UULÚ gli ecchi di
ne decisivi nei raccenti del sue ministere I suei
Die. Evidentemente la maggieranza dei padri,
sis 2 ' 219
abbandenande cen Origene l`idea di un peccate
carnale degli_angeli decaduti, videre nel lere
ergeglie - ciee nel desiderie di innalzarsi al
disepra della lere cendiziene, di affermare la
lere indipendenza, di farsi credere Die -- il prin-
cipie della lere caduta; ma. accante a queste
ergeglie, melti settelinearene anche la lere catti-
veria nei cenfrenti de1l'ueme. Per S. Irenee, UNA Pasreaats na Ricesrauiits
Fapestasia del diavele sarebbe ceminciata quan-
de egli ebbe gelesia della creaziene dell'ueme e
aCelere che crederanne, nel mie neme cacce-
cerce di farle ribellare al sue autere. Secende
¡-¿¡¡-¡nü 1 ¡131-¡1g¡1ìa¦ .questa setnpliee affertïiaaierie
Tertulliane Satana, per centrastare il piane del s E1'

Signere, avrebbe plagiate nei misteri pagani i di Criste I che leggiame alla fine del Vangele
sacramenti istituiti da Criste. L'insegnamente Marce, e bastata per una cempleta pasterale di
liberaziene nei primi seceli cristiani. Úgni cristia-
Peïfìfiüfü echeggie dunque in maniera sestanzial-
mente fedele la dettrina e gli erientamenti del n e era esercista i essia aveva queste petere, basate
Nttüvü Teållãlülefltüii, sulla fede e sulla ferza del IIUITIE di GEHÍ1- Nf
abbiame testimenianze da Giustine, Tertulliane,
Clrigene. Pei inceminciarene a meltiplicarsi le
fermule di' esercisme
' e le raccelte di' tali'fermu le.
Intante le auterite ecclesiastiche inceminciarene
pure a regelare 1'esercistate,
.
riservande1
le- ferme
d *
P ie 8 ravi a persene qualificate,, e meltiplican
_ e i
sacramentali, a dispesizieue di tutti, per le ferme
mene gravi. _ _
Ivla fine al diciassettesime secele, anche quan-
de l`esercisme piu grave era risersate ai vescevi e
ai sacerdeti da lere delegati (ceme e la disciplina
attuale), egni diecesi dispeneva di un adegpa1_:_1_q
. - - I ' ' 1
numere di esercisti; nen c era la crisi attua e
incredulite. almene pratica, su1l'esistenza del
demenie, per cui eggi ne i vescevi affrentane
220 221
queste prehlema pasterale (che devrebbe far 15 nevemhre 1972). Certamente le parele del
parte della pasterale erdinaria di egni diecesi), Papa hanne una pertata assai pie vasta che il
ne i sacerdeti sene dispesti e preparati ad assu- ristrette campe degli esercismi; ma e altrettante
mere l'incarice. Il Diritte Canenice impegna in certe che anche queste campe vi e cemprese,
particelare i parreci ad essere vicini alle famiglie La cemmissiene che sta laverande alla reiesie-
É Hi Siflgüli. specie nelle lere sefferenze; ad assi- ne del Rituale si treva di frente a tutte un cem-
stere i peveri, gli ammalati, gli afflitti, celere che plesse di cempiti. Hen si tratta sele di rivedere le
si trevane in particelari difficelte (can. 529). Hen nerme iniziali e le preghiere d`esercisme. C'e da
v'e alcun dubbie che tra questi casi di delere e di chiarire tutta la pasterale su questa materia.
particelari necessità siane da anneverarsi i celpiti Attualmente il Rituale censidera direttamente
dal maligne. Ma chi li crede? sele il case di pessessiene diabelica, essia il case
Si meltiplica allera il ricerse a maghi, carte- pie grave e pie rare. Hei esercisti ci eccupiame,
manti, fattucchiere. Sene pechi i casi di persene in pratica, di tutti i casi in cui rileviame interven-
che si rivelgene a un esercista prima di aver rice- te satanice: i casi di vessaziene diabelica (che
vute le deleterie cure delle persene sepra elenca- sene melte pie numeresi dei casi di pessessie-
te. Si verifica alla lettera quante la Scrittura ci ne), i casi di essessiene, i casi di infestaziene del-
dice del re Acazia. Trevandesi gravemente infer- le case, ed anche altri casi in cui abbiame viste
me, questi mande dei messaggeri a censultare 1`efficacia delle nestre preghiere. Direi che anche
Baal-Zebul (il principe dei demenil), die di in queste campe vale il principie « natura nen
El-zren, per sapere il sue future. Il prefeta Elia facit saltus ii (la natura nen fa salti, ma precede
ande intìentre El qtlei rriessaggerì le disse: «Hen per lente eveluzieni). Ad esempie, nen e nette il
v'e ferse un Die in Israele perche vei andiate 3 cenfine tra pesseduti e vessati. Cesi nen e nette il
eeasultsre Baal-Zel:-ali-*ii (2 RE 1, 1-4)_ Qggì 1,, cenfine tra vessati e altri mali: mali fisici che pes-
Chiesa cattelica ha abdicate a questa sua specifi- sene essere causati dal maligne; mali merali (sta-
ca missiene, e la gente nen si rivelge pie a Die, ti abituali di peccate, specie nelle ferme pie gra-
ma a Satana. vi) in cui certamente il maligne ha fatte la sua
«Quali sene eggi i bisegni maggieri della parte. Ad esempie, he viste talvelta vantaggi a
Chiesa? Hen vi stupisca ceme semplicistica e fare un breve esercisme, eltre che la preghiera
addirittura ceme superstiziesa e irreale la nestra per i malati, a persene su cui aveve metive di
rispesta: une dei bisegni maggieri e la difesa da sespette circa l'erigine del lere male. Ceme pure
quel male che chiamiame demenies (Pae1e VI, he avtite vantaggie a usare brevi esercismi, in aiu-

222 228
te al sacramente della cenfessiene, cen persene «La pratica della liberaziene dai demeni, che
indurite in certi peccati, ceme gli emesessuali. venga esercitata senza mandate, mediante eserci-
Sant'Alfense, il dettere della Chiesa per la teele- smi diretti, pene dei preblemi di frentiera da
gia merale, parlande per i cenfesseri, dice che individuare e chiarire. A prima vista la linea di
previe et' eeefeeeee case if sacerdete deve eserciz- demarcaziene semhra chiara: gli esercismi sene
zare privatamente quande si treva di frente a riservati esclusivamente al vesceve e al sue dele-
qualche cesa che crede pessa essere infestaziene gate, in case di presunta pessessiene diabelica; i
demeniaca. casi che stanne al di fueri della pessessiene vera
Si neti pere che, secende le nerme vigenti, cli e prepria sene un campe libere, nen regelamen-
strette rigere cempetene all`esercista sele i casi tate, percie accessibile a tutti«.
di pessessiene diabelica. Tutti gli altri casi pesse- Ma il cardinale sa bene che i casi di vera pes-
ne essere riselti altriinenti: preghiera. sacrainen- sessiene sene pechi, e per di pie richiedene une
ti, use dei sacrainentali, preghiere di liberaziene studie specifice e cempetente per essere indivi-
fatte da gruppi ecc. Ma e un campe treppe vaste duati. Percie aggiunge: «Tutte cie che sta fueri
'li

per essere lasciate alla libera iniziativa, senza nes- dalla pessessiene vera e prepria e ceme un cam _

suna precisa dispesiziene. In appendice ripertia- pe dai cenfini mal delimitati, in cui regnane cen-
me la lettera che la Cengregaziene della Dettrina fusiene e ambiguite. La stessa cemplessite della
della Fede ha inviate Eli vescevi il 29 sette-mbrfl nemenclatura nen aiuta a semplificare le cese;
1985. In sestanza vi si ricerdane le dispesizienì nen esiste una terminelegia cemune, e sette la
vigenti, senza riselvere il cemplesse prehlema stessa etichetta si trevane centenuti differentis
che spetta all'appesita cemmissiene. Hen se se in (ep. cit. pag. 95).
questi anni i vescevi si siane fatti premura di far Pie avanti, per dare pratici suggerimenti, il
giungere a tale cemmissiene eppertuni suggeri- cardinale scrive: «Per fare un`utile messa a punte
menti. _He dubite assai, stante la generale nencu- eccerre, eltre al reste, fissare la terminelegia e
ranza in queste settere. Mi limite a qualche stabilire cen chiarezza la distinziene tra preghiere
accenne. ei' fiberesieee, ed esercisme di Eíberesiees, cen ape-
Une dei presuli pie sensibili a queste tema e strefe diretta al demenie. L'sser-eisfee ei ¿fberesieee
indubbiamente il card. Suenens, che le vive cen- e riservate al discernimen te esclusive del vesceve
tinuamente attraverse le preghiere di liberaziene nei casi di pessessiene; ma manca una linea di
che si fanne nei gruppi del Rinnevamente. In un demarcaziene tra le ferme di esercisme che si
breve capitele del sue libre gie citate afferma: cellecane fueri dalla pessessiene» (ep. cit. pagg.

224 225
119-120). le a dire il vere questa linea di demar- petrebbe fernire anche elementi di decisiene per
caziene la vede chiara, almene nei termini, la cemmissiene che sta rivedende questa parte
tenende cente che Fesercisme vere e preprie, del Rituale. «In egni diecesi il vesceve devrebbe
riservate al vesceve e a un sue delegate, e un mettere accante all"csercista un gntppe di discerse-
secreiiieritefa, e impegna llintercessiene della ieerite, cempeste di tre e quattre persene, tra cui
Chiesa; tutte le altre ferme sene preghiere pevere, un medice e une psicelege. Tutti i casi sespetti
anche se fatte da gruppi. Hen se perche il card. devrebbere essere pertati a queste gruppe il qua-
Suenens nen abbia mai parlate dell'esercisme le, depe cenveniente esame, direttere il paziente
ceme di un sacramentale e ceme l`unice a cui e al medice, e all'esercista, e al gruppe erante. Il
debba riservarsi il neme di esercisme; benche gruppe ereets e i gruppi eventi, se i casi fesscre
dedichi un capitelette ai sacramentali, ne cita melti, devrebbere essere cestituiti da persene
alcuni, ma nen cita ceme tale Fesercisme. A mie esperte e preparate, e devrebbere intervenire nei
parere sarebbe gia un punte chiare. Il cempian te cesiddetti cesi ieieeri, lasciande all'esercista il
cardinale mi perdenere dal ciele queste appunte. trattamente dei casi pie impertanti. Hel gruppe
Venende alle prepeste pratiche il card. Sue- erante nen devrebbe mai mancare la presenza
nens suggerisce: «Ie prepenge di riservare al del sacerdete.
vesceve nen sele i casi di pessessiene diabelica, «La liberaziene cesi rientrerebbe nel piane
secende il vecchie diritte, ma tutta la zena in cui nermale della pesterefe degíi iriferrrii. Una terepie
si pensi di sespettare un`influenza specificamente bene impestata devrebbe articelarsi nei seguenti
demeniaca. Osservere anche che se 1'esercistate e punti: evangelizzaziene, pratica guidata dei sacra-
scemparse ceme erdine minere, niente impedi- menti della Penitenza e del1`Eucaristia, eserciz_i
sce che una cenferenza episcepale chieda a Rema ascetici, frequenza a gruppi di preghiera. E
di ripristinarles. (ep. cit. p_agg. 121-122). E ii car- superflue dire che, nei casi mineri, nen si pesse-
dinale prepene che, per i casi mene gravi, 1`eser- ne fare sceegei-:ri sulle persene, ma sele preghiere, a
cistate pessa anche essere date a laici qualificati. - mene che nen ci sia il sacerdete auterizzate «-
Treve altre prepeste nell'ettime libre pie vel- (ep. cit. pagg. 118-114).
te citate di P. La Grua. Depe aver ricerdate le Ceme si vede il prehlema nen e sele quelle di
prepeste del card. Suenens, vengene avanzate aumentare il numere di esercisti e di dare lere
prepeste che petrebbere avere immediata attua- mede di prepararsi a cempiere rettamentc que-
ziene, in attesa delle decisieni dall'alte. Sene ste ministere. Ci sene anche altre tcmatiche
prepeste pratiche, pessibili e la cui messa in atte aperte che eccerre riselvere, in mede che queste

226 22'?
settere nen sia pie un campe chiuse, cen la scrit-
ta «laveri in cerse». Il demenie nen cessa mai
dalla sua attivite, mentre i servi del Signere eer-
eieee, ceme ci dice la parabela del buen grane e
della zizzania. Ma il prime passe, it pesse feeee-
ieeetefe, e di ridare ai vescevi e ai sacerdeti la sen-
sibilite a queste prehlema, sulla base della dettri-
na sana che la Scrittura, la Tradiziene e il Magi- APPEHDICI
stere ci hanne sempre tramandate, anche attra-
verse il Vaticane II, Finsegnamente degli ultimi
Pentefici, c ultimamente il Cetecƒeseie dsfie Cfiírse
Un clecttinente
Cettetise, cen le due aperture che abbiame sette-
della Cengregaziene della Dettrina della Fede
lineate a pag. 58.
E per centribuire a queste scepe che, ceme
fine principale, mi sene decise a scrivere queste Sii tre-tte eii eee lettare ieeiete e tiitti gti tìreirieri
per ricerdere te riereie eigveti' rigtterde egtii esercismi.
pagine. E sele se si raggiungere tale ebiettive
Nee se preprie perche efeirei gfereeii eeeíeee perfete
riterre di aver censeguite il mie fine, senza
lasciarmi abbagliare dagli elegi della critica e dal di « iittetie restrisierii a; df eeefte eee ce es serie; ti
rapide divulgarsi del mie libre. beperteete Fesertesieee ƒiriele. Petrseee essere eee
eeeite citi che ii ej]`er;viete et ri. 2, fe eeerite si epete
che i fedeli eee pessene esers J 'issercfseie ef Leene XHL
me eee eieee pie dette che ei secerdeti eccerre il per-
messe det eesceee,' eee e chiere se queste eerfeete e esl-
fe eefeete esite S. Ceegvegesieee. Treve ei eeeeie
ietmpretesiees if ri. 3. Le lettare e del 29 se-tteeiere
1985. Ne riplertieete eee nestre tredesieee.

Eccellentissime Signere, da alcuni anni, presse


alcuni gruppi ecclesiali, si vanne meltiplicande
incentri di preghiera cen queste scepe, di ette-
nere la liberaziene dalle influenze malefiche,
anche se nen si tratta di esercismi veri e prepri;
questi incentri si svelgene sette la guida di laici,
228
229
anche alla presenza di un sacerdete. Peiche e sta- ziene, nel cerse delle quali ci si rivelge diretta-
te chieste alla Cengregaziene della Dettrina del- mente ai demeni e ci si sferza di cenescere i lere
la Fede che cesa si debba pensare di tali fatti, nemi.
queste Dicastere ritiene necessarie infermare tut- L"aver ricerdate queste nerme tuttavia nen
ti gli Clrdinari delle seguenti rispeste: deve minimamente distegliere i fedeli dal prega-
1. Il canene 1172 del Cedice di Diritte Cane- re affinche, ceme Gese ci ha insegnate, essi siane
nice stabilisce che nessune pue legittimamente liberati dal male (cfr. Mt 8,13). Ineltre i pasteri
prenunciare gli esercismi sugli indemeniati se pessene servirsi di questa eccasiene che viene
nen ha ettenute Iicenza specifica ed espressa lere efferta per ricerdare cie che la tradiziene
dall'Ordinarie del luege (par. 1*), e precisa che della Chiesa insegna riguarde alla funziene che e
la licenza da parte del1`C}rdinarie del luege sia prepria dei sacramenti, dell'intercessiene della
da darsi sele ad un sacerdete che sia fernite di Beatissima Vergine Maria, degli Angeli e dei San-
piete, scienza, prudenza e integrite di vita (par. ti, anche nella letta spirituale dei cristiani centre
2°) . Pertante i vescetd sene fertemente invitati ad gli spiriti maligni.
attenersi strettamente all'esservanza di queste (La lettera e firmata dal Prefette card. Ratzin-
prescrizieni. ger e dal Segretarie mens. B-evene) .
2, Da tali prescrizieni censegue anche che ai
fedeli nen e lecite usare la fermula dcll`eserci-
sme centre Satana e gli angeli ribelli, ricavata da É pericelese per gliincempetenti
quella che e diventata di diritte pubblice per attaccare il demenie
dispesizieue del Semme Pentefice Leene XIII; e
tante mene pessene usare il teste integrale di La lettera ripertata sepra mette in guardia chi
tale esercisme._I vescevi si adeperine ad avvertire nen ne ha la facelte, dal rivelgersi direttamente
i fedeli di tale dispesiziene, se e necessarie. al demenie e dal velerne cenescere il neme. E
3. Infine, per gli stessi metivi, i vescevi sene una nerma dettata anche a salvaguardia delle
pregati di vigilare affinche - anche nei casi in persene che vegliene fare cie che a lere nen
cui, benche nen si tratti di vera e prepria pesses- cempete. A queste prepesite gli Atti (19,l1-29) ci
siene diabelica, tuttavia pare che si manifesti un riferiscene un gustese episedie:
qualche influsse diabelice -- celere che nen «Die eperava predigi davvere straerdinari per
hanne la devtita licenza, nen guidine le riunieni le mani di Paele, fine al punte che si applicavane
in cui si usane preghiere per ettenere la libera- sui malati fazzeletti e grembiuli che erane stati a

230 231
centatte cen lui, e le malattie si allentanavane da auterizzate dalla Chiesa a queste ministere. Un
lere, e gli spiriti maligni fuggivane. gierne stava esercizzande una rebusta denna,
Ora anche alcuni esercisti ambulanti giudei si selita ad infuriarsi. Era presente anche une psi-
prevarene a invecare, su celere che avevane spi- chiatra. A un certe punte la denna si selleve dal-
riti maligni, il neme del Signere Cese dicende: la sedia e gire su se stessa, ceme fanne i discebeli
«Vi scengiure per quel Gese che Paele va predi- per prendere ferza al lancie' del disce, e sferre
candela. Tra quelli che facevane cesi vi erane i cen tutte le sue ferze un pugne che celpi lleserci-
sette figli di un certe Sceva, semme sacerdete sta alla tempia destra. Il rumere del celpe rin-
giudee. Ma in rispesta le spirite malvagie disse trene nell'ampia sagrestia; il medice accerse
lere: «Cese le cenesce e Paele se bene chi e; ma preeccupatissime. Ma P. Candide presegui
vei chi sieteibi. E scagliatesi centre di essi, imperternite il sue esercisme, cel velte serriden-
quelliueme, in cui vi era le spirite malvagie, li te, ceme era sue selite. Alla fine disse che aveva
sepraffece, e li malmene talmente che, nudi e sentite ceme se un guante di vellute gli avesse
feriti, se ne devettere fuggire da quella casa. sfierate la tempia. Evidentemente era state pre-
E cie fu risapute da tutti i Giudei e i Greci che tette dal ciele e, nen esite a dirle, in mede
abitavane ad Efese; essi furene presi da timere e straerdinarie.
il neme di G-ese veniva magnificate. Melti di
quelli che avevane abbracciate la fede venivane
ricenescende e manifestande pubblicamente le
lc-re pratiche malvagie.
Hen pechi di celere che avevane esercitate le
arti magiche ammucchiavane i lere libri e li bru-
ciavane in presenza di tutti: Fammentare del lere
prezze fu ealcelate cinquantamila pezzi d`argen-
te. Cesi la parela del Signere cresceva e si affer-
mava peten tementea. -
Si neti anche, eltre alla mala serte di quei set-
te fratelli, ceme la gente si cenvertiva lasciande la
magia (il culte a Satana) per abbracciare la pare-
la del Signere (il culte a Die).
Ben diverse quante accadde a P. Candide,

282 283
COHCLUSI CIHE

Giunte alla fine, mi semhra di aver dette trep-


pe pece rispette a quante ateei petute dire; ma
he intese scrivere a scepe pratice i frutti di
un`esperienza diretta, ceme eggi nen he trevate
in nessun altre libre. Spere di aver rese un servi-
zie a quantì si interessane di queste tema; seprat-
tutte he tenute presenti i sacerdeti, che devreb-
bere, tutti, avere almene quel minime di cene-
sce_nza da capire, nei casi cencreti, quande una
persena e da indirizzare ad un esercista, perche
ci sene metivi che fanne sespettare una presenza
malefica, e quande invece sarebbe inutile tale
ricerse. C-ie l"he dette, ma ci tenge a ripeterle: e
melte impertante.
Ceme mia esperienza persenale debbe dire
grazie al card. Peletti per avermi date queste
incarice cegliendemi alla sprevvista, incarice che
he accettate ad ecchi chiusi. Ora vede, in questa
facelte che mi e stata cencessa senza nessun mie
merite, un eempletamente del mie sacerdezie:
ceme celebre messa, predice, cenfesse, cesi,
quande eccerre faccie esercismi. He la pessibi-

235
te il male che pue. E false pensare: se__ ie le lascie
lite di aiutare tante persene sefferenti, a cui spes- in pace, anche lui mi lascia in pace. E false ed e
se basta una parela di cemprensiene. Mi sentirei un tradimente della nestra missiene sacerdetale,
un mezze prete se nen avessi questa pessibilite. che e tutta impegnata a guidare le anime a Die
che, anche se di use eccezienale rispette alle settraendele, quande eccerra, al petere di Sata-
altre ferme di ministere sacerdetale, fa parte del- na: per mezze delfevangelizzaziene, che ha
la erdinaria pasterale ecclesiastica, Cesi almene senz'altre l'impertanza primaria, e pei per mezze
devrebbe essere. dei sacramenti, e infine dei sacramentali, tra cui
Direi anche di averne avute grandi vantaggi c'e anche Fesercisme. Un sacerdete che ha pau-
dal punte di vista spirituale, Vantaggi per la fede, ra delle rappresaglie del demenie e ceme un
perche si tecca cen mane il mende invisibile; pastere che ha paura del lupe. Ma e n_n timere
vantaggi per la vita di preghiera e per l'umi1te, prive di fendamente.
perche si neta cenunuamente la nestra asseluta Sarebbe sciecce seprawalutare qualche ven-
impetenza di frente a questi mali: per quante si dctta che il diavele fa, per sceraggìare gli eserci-
cerchi di pregare cen fede e cen egni impegne, sti. Sene casi rari e ne raccente une. Un gierne
nei siame «servi inutilis e se nen e il Signere a un sacerdete aiutava P. Candide. Veniva eserciz-
intervenire e a fare tutte, il risultate dei nestri zate un gievanette a cui, a un certe punte, prese-
sferzi e della nestra abilite. acquistata cen l'espe- re fuece le vesti. Huila di grave, sele una lieve
rienza e zere; quande dice che e .sere nen esage- bruciatura a una spalla. La madre disse pei che
re affatte; direbbe S. Paele: «E Die che fa cresce- anche la maglietta centre peile era bruciata, ma
re«- (1 Cerinti 3,8). senza danni per il gievane. Durante l`ustiene si
Verrei anche sfatare una credenza che, chisse sprigiene un acre edere di zelfe e il demenie si
perche, si e infiltrata in buena parte del clere: rivelse al sacerdete aiutante, premettendegli che
liidea che il demenie si vendichi cen celere che l'avrebbe pagata cara.
esercizzane. Il mie maestre, P. Candide, che per Qualche gierne depe quel sacerdete, di sera,
86 anni esercizze a tempe piene, fu affette da riteriiava in macchina da Napeli a Rema. Si vede-
vari disturbi di salute, devuti anche all`ete, ma va affiancate da luci laterali, che nen capiva cesa
nen devuti al demenie. D. Pellegrine Ernetti, fesscre, per cui pense di fermarsi a una staziene
benedettine di Venezia, esercizze per -fit] anni e di servizie. Mentre vi stava arrivande, la macchi-
queste ministere nen ha ne miglierate ne peg- na prese fuece. Il sacerdete riusci a fermarsi, a
gierate la sua salute. Terne a dire, e pregherei di tegliere le chiavi e a scappare. Accersere alcuni
credermi: il demenie fa gie a ciascune di nei tut-
237
238
autisti che gridavane: «C'e qualcune dentre! Si nen ci de mai preve senza darci insieme la feraa
vede qualcunels. Quel sacerdete invane assicura- di superarle. Guai a nei, pere, se per vigliacehe-
va di essere sele. Ad un tratte dall'aute in fiam- ria ci tiriame indietre e emettiame il nestre
me si senti che il nietere veniva messe in mete e devere.
la macchina incemincie ad avanzare lentamente, Abbiame il dene delle Spirite, l*Eucaristja, la
ceme una palla di fuece, verse le pempe di ben- Parela di Die, la ferza del neme di Cese, la prete-
zina. Al tempe stesse si fece sentire nelliaria un ziene della Vergine, Fintercessiene degli angeli e
acre edere di zelfe. Il sacerdete ricenebbe le dei santi... Hen e sciecce avere paura di un vinte?
stesse edere riscentrate durante Fesercisme e si Prege Flmmacelata, nemica di Satana e vitte-
mise a pregare. Subite l'aute si arreste, ma centi- riesa su di lui fin dal prime annuncie della
nue a bruciare fine alla tetale distruziene, redenziene, di illuminarci tutti, di preteggerci, di
He riferite queste case per amere di cemple- sestenerci nel cembattimente terrene fine al rag-
tezza, ma sarebbe un errere generalizzarne la giungimente del premie eterne. In particelare la
pertata; si e trattate di un fatte eccezienale. Che prege per tutte Fepiseepate cattelice, che he
il ministere sacerdetale espenga ad affrentare Feeeege di farsi carice di quanti seffrene a causa
rischi e disagi le sanne tutti i sacerdeti, anche del demenie, affinche prevveda cenferme alle
senza essere esercisti. S. Pietre direbbe: eHel1a leggi e alla tradiziene della Chiesa
misura in cui partecipate alle sefferenze di Criste Maria Immacelatal E belle terminare pensan-
rallegratevi, perche anche nella rivelaziene della de a lei che, verse il demenie, ha uniinimicizia
sua gleria pessiate rallegrarvi ed esultarea (1 Pie- veluta da Die stesse: «Perre inimicizia tra te e la
tre 4,13). Il bene delle anime merita qualunque denna«- (Genesi 8,15). E feeeecefete perche nen
sacrificie. ha mai avute ne la celpa eriginale ne le pelpe
Il sacerdete deve credere nel sue sacerdezie:, attuali, essia nen ha mai cedute a Satana. E sevi-
deve credere nei peteri che il Signere gli ha date; prs le-rgwiee perche e appartenuta sempre a Die,
deve camminare dietre l'esempie degli apesteli e anche cel cerpe, da cui il Verbe ha tratte il sue
dei sacerdeti santi. Gievanni XXIII, agli inizi del preprie cerpe. Si pensi al valere de1l'Incarnazie-
sue pentificatp, riprepese a tutti la figura del ne: il demenie, che nen ha cerpe perche pure
curate d'Ars. E vere, queste sante strappava le spirite, nella sua grande superbia, veleva mettersi
anime a Satana e ha devute seffrire tante a causa al centre di tutte le cese create; depe 1`lncarna-
del demenie. Eppure nen era esercista e nen ziene e cestrette a vedere, invece, che il centre
faceva esercismi. Chi cemanda e il Signere, che del create e Criste, vere Die e vere ueme; ed e

238 239
cestrette pure a cestatare che cen 1'Incarnaziene , - - nati, fiíìtïti-El
inizia il tempe della sua scenfitta, Ecce perche C-91"* 91125 ti P ensieri-i appena
' accen l`b _ sulla Ma-
cerca in tutti i medi di far si che il cerpe umane punte. Depe aver scritte cin ue 1 ___________
__ gE________ T1 _____________d___
E El

diventi eccasiene di peccate, cerca di umiliare il denna nen verrei scriver _ . Dni.
cerpe, di infangarle, ceme rabbiesa reaziene " tem e di eencludere, Il Manzeni ci amm
Esce ceFi sue b Llü n sense = che di libri ne basta 11110
all'Incarnaziene del Verbe che, cel sue cerpe
pef velta, quande nen e di treppü-
sacrificate per nei, ci ha redenti, Da qui si vede
anche liimpertanza di queste degma mariane,
Maria sempre Vergine, in eppesiziene a Satana e
ceme strumente dei piani di Die
Maria si e dichiarata la serva del Signere ed
divenuta la Jltfedre di Die, acquistande un'intimita:fps
del tutte unica cen la SS. Trinite. Si pensi quale
eppesiziene in queste c'e rispette a Satana, che si
e staccate da Die e ne e divenute la creatura pie
distante. Maria Asseete te este ci dice la gleriesa
cenclusiene del piane di Die, che ci ha creati per
gedere eternamente cen lui; e ci dice il tetale fal-
limente di Satana, precipitate dalla gieia celeste
all'eterne supplizie.
Maria Meere eestre, Meere dede Chisse, Msdiete-
es eeetersefe ei' gretie, ci mestra nel sue centinue
dinamisme 1'epera della Vergine, che Criste ha
velute asseciar_e a se nellasantificaziene delle
anime, E ci mestra la sua netta eppesiziene a tut-
ta l'epera di Satana, che e rivelta ad eppersi
a1l'attuaziene dei piani di Die sugli uemini, per
cui ci perseguita, ci tenta in egni mede e, nen
centente di essere alla radice del male, del pecca-
te, del delere, della merte, cerca di trascinarci
nel1'eterna dannaziene.

240
PFLECHIERE DI LIBERAZIOHE

Preghiera centre il maleficie


(Del rfteets grece)

Kyrie eieísee. Signere Die nestre, e Sevrane dei


seceli, ennipetente e ennipessente, tu che hai
fatte tutte e che tutte trasfermi cen la tua sela
velente; tu che a Babilenia hai trasfermate in
rugiada la fiamma della fernace sette velte pie
ardente e che hai pretette e salvate i tuei santi
tre fanciulli; tu che sei dettere e medice delle
nestre anime; tu che sei la salvezza di celere che
a te si rivelgene, ti chiediame e ti invechiame,
vanifica, scaccia e metti in fuga egni petenza dia-
belica, egni presenza e macchinmiene satanica, e
egni influenza maligna e egni maleficie e malec-
cliie di persene rrialefiche e malvagie eperati sul
tue serve... fa' che in cambie dell'invidia e del
maleficie ne censegua abbendanza di beni, fer-
za, successe e carite; tu, Signere che ami gli
uemini, stendi le tue mani pessenti e le tue brac-
cia altissime e petenti e vieni a seccerrere e visita
questa immagine tua, mandande su di essa lian-

243
gele della pace, ferte c pretettere dell'anima e Hascendimi entre le tue piaghe.
del cerpe, che terre lentane e scaccere qualun- Hen permettere che ie mi separi da te.
que ferza malvagia, egni veneiicie e malia di per- Difendimi dal nemice maligne.
sene cerruttrici e invidiese; cesi che sette di te il Helliera della mia merte, chiamami.
tiie supplice pretette cen gratitudine ti canti: «Il Fa' che ie venga a te per ledarti
Signere e il mie seccerritere e nen avre timere cen tutti i san ti nei seceli dei seceli.
di cie che petre farmi 1'ueme«›, Amen. _
«Hen avre timere del male perche tu sei cen
me, tu sei il mie Die, la mia ferza, il mie Signere
petente, Signere della pace, padre dei seceli
futuria. _ Preghìera centre egni :male
Si, Signere Die nestre, abbi cempassiene della
tua immagine e salva il tue serve,,, da egni danne
e minaccia preveniente da maleficie, e preteggi- Spirite del Signere, Spirite di Die, Padre Fi-
le penendele al di sepra di egni male; per glie e Spirite Sante, Santissima Trinite, Vergine
Pintercessiene della pie che benedetta, gleriesa Immacelata, angeli, arcangeli e santi del paradi-
Signera la Madre di Die e sempre vergine Maria, se, scendete su di me.
dei risplendenti arcangeli e di tutti i tuei santi.
Amen! Fendimi, Signere, plasmami, riempimi di te,
usami.
Caccia via da me tutte le ferze del male, an-
nientale, distruggile, perche ie pessa stare bene e
Anima di Criste eperare il bene.
-I

Caccia via da me i malefici, le stregenerie, la


magia nera, le messe nere, le fatture, le legature,
Anima di Criste, santificami. le maledizieni, il malecchie; liinfestaziene diabe-
Cerpe di Criste, salvami. lica, la pessessiene diabelica, Fessessiene diabeli-
Sangue di Criste, inebriami. ca; tutte'cie che e male, peccate, invidia, gelesia,
Acqua del cestate di Criste, lavami. perfidia; la malattia fisica, psichica, merale, spiri-
Passiene di Criste, cenfertami. tuale, diabelica.
O buen Gese, asceltami, Brucia tutti questi mali nell`inferne, perche

244 245
nen abbiane mai pie a teccare me e nessunialtra HH

creatura al mende. ¡_
Clrdine e cemande cen la ferza di Die ennipe- | Signere Cese, tu cenesci i miei preblemi,
tente, nel neme di Cese Criste Salvatere, per - li penge tutti nel tue cuere di Buen Pastere.
intercessiene della Vergine Immacelata, a tutti gli ` Ti prege, in virte di quella grande piaga
spiriti immendi, a tutte le presenze che mi mele- 1 aperta nel tue cuere,
stane, di lasciarmi immediatamente, di lasciarmi 1 di guarire le piccele ferite che sene nel mie.
definitivamente, e di andare nell`inferne eterne, Guarisci le ferite dei miei ricerdi,
incatenati da s. Michele arcatigele, da s. Gabriele, affinche nulla di quante m'e accadute
da s. Raffaele, dai nestri angeli custedi, schiaccia- mi faccia rimanere nel delere, nell'angustia,
ti sette il calcagne della ïergine Santissima I nella preeecupaziene. `
Immacelata. ,,

'ti-¦
1
Preghiera per la guarigiene interiere Cuarisci, Signere,
tutte quelle ferite che, nella mia vita,
sene state causa di radici di peccate.
Signere Cese, tu sei venute a guarire | le veglie perdenare
i cueri feriti e tribelati, ¿É tutte le persene che mi hanne effese,
ti prege di guarire i traumi che prevecane -I guarda a quelle ferite interieri
turbamenti nel mie cuere; J che mi rendene incapace di perdenare,
ti prege, in particelar mede, di guarire 1 Tu che sei venute a guarire i cueri afflitti
quelli che sene causa di peccate. guarisci il mie cuere.
Ti chiede di entrare nella mia vita,
di guarirmi dai traumi psichici ,
che mi hanne celpite in tenera ete 1 Hi*

e da quelle ferite che me li hanne prevecati


Iunge 'tutta la vita. _ Guarisci, Signere Cese, quelle ferite mie intime
,l
che sene causa di malattie fisiche.
I

i Ie ti effre il mie cuere

2-'-le 247
accettale, Signere, purificale e dammi
Da1l'angescia, dalla tristezza, dalle essessieni,
i sentimenti del tue Cuere divine.
Hei ti preghiame. Lieereei e Signere,
Aiutami ad essere umile e mite.
Dallledie, dalla fernicaziene, dalla invidia,
=i=
Hei ti preghiame. Lieereci e Sigeers.

Dai pensieri di gelesia, di rabbia, di merte,


Cencedimi, Signere,
Hei ti preghiame. Lfeereci e Signers.
la guarigiene dal delere che mi epprime
per la merte delle persene care.
Da egni pensiere di suicidie e di aberte,
Fa' che pessa riacquistare pace e gieia
Hei ti preghiame. Lie-eree e Sign-tere.
per la certezza che tu sei la Risurreziene e la Vita
Fammi testimene autentice
Da egni ferma di sessualite cattiva,
della tua Risurrcziene,
Hei ti preghiame. Lfeereci e Sigvtere.
della tua ietteria sul peccate e sulla merte,
della tua presenza di Vivente in mezze a nei.
Dalla diiesiene di famiglia, da egni amicizia cattiva,
_ Amen Hei ti preghiame. Lieereci e Signere.

Da egni ferma di malefizie, di fattura,


di stregeneria e da qualsiasi male ecculte,
Pregl1iera di liberaziene
Hei ti preghiame. I,feereci e .5'fg¬nere. -

-i-

C Signere tu sei grande, tu sei Die, tu sei Padre,


1'
O. Signere che hai dette «vi lascie la pace, vi de la
mia paces, per Fintercessiene della Vergine
nei ti preghiameper l`in tercessiene e cen l'aiute
Maria, cencedici di essere liberati da egni male-
degli arcangeli Michele, Raffaele, Gabriele,
diziene e di gedere sempre della tua pace. Per
perche i nestri fratelli e serelle
siane liberati dal maligne che li ha resi schiavi,
Criste nestre Signere. Amen,
C Santi tutti venite in nestre aiute.

248
249
-Fr-

INDICE
챡q

Peiseeteeieee, di P. Candide Amantini Pag. 5

el Ietreeaetees ,, 9
Centralite di Criste tt 15
É
Il petere di Satana ii 21.
Ap¡tie:ridfci:
La visiene diabelica di Leene XIII s 37
I deni di Satana ,, 41]
Gli esercismi ,, 45
I celpiti dal maligne ti 57
A_t1peedice.'
Paura del diavele?
Rispende 8. Teresa di Cese « 71
Il punte di partenza tt 75
Le prime «benedizienia « 89
Ceme si cemperta il demenie « 197
La testimenianza di un celpite “" « 119
Effetti delfeserqisme tt 181
Acqua, elie, sale tt 139
Esercismi alle case si 147

251
Il maleficie Pag. 155
Qualcesa di pie sulla magia -H 173
Chi pue cacciare-i demeni 'H 185
La cenerentela del Rituale H 199
Appeedfci:
Ii pensiere di S. Irenee *I¦II` 211
Un deeumente vaticane sulla demene1egia« 215
Una pasterale da ricestruirc H 221
Apƒ›eeeitf.i.'
Un deeumente della Cengregaziene
della Dettrina della Fede H 229
E pericelese per gl'incempeteriti
attaccare il demenie 'II-'I 281
Ceritretsieris 'H 285
Prsgfttíere di ii.-šereafeee H 243

el A l ig 4
seezs rsste i
í í í __Z
-mi _