Sei sulla pagina 1di 584

Manuale dell’utente di

Crystal Reports™ 10

Crystal Decisions, Inc.


895 Emerson St.
Palo Alto
California, USA 94301
Copyright © 2003 Crystal Decisions, Inc., 895 Emerson St., Palo Alto, California,
USA 94301. Tutti i diritti riservati.

Issue 1.
Nessuna parte di questa documentazione può essere memorizzata su sistemi di
distribuzione, trasmessa o riprodotta in qualsiasi forma, se non in conformità alle
condizioni della licenza d’uso del software. Questa documentazione contiene
informazioni di proprietà di Crystal Decisions, Inc. e/o dei suoi fornitori.

Marchi registrati
Crystal Decisions, Crystal Reports, Crystal Enterprise, Crystal Analysis, Crystal
Services, Crystal Care, Crystal Assist, Crystal Applications, Info e Holos sono
marchi o marchi registrati di Crystal Decisions, Inc. negli Stati Uniti e/o in altri
paesi. Tutti gli altri marchi o marchi registrati a cui viene fatto riferimento
appartengono ai rispettivi proprietari.
Sommario

Capitolo 1: Introduzione a Crystal Reports 10


Informazioni su Crystal Reports ........................................................ 2
Informazioni sul manuale ................................................................. 2
Contenuto del capitolo .......................................................................................... 3
Guida in linea ....................................................................................................... 7
Registrazione dei prodotti ................................................................. 7
Customer Handbook ......................................................................... 8
Assistenza tecnica per Crystal Care .................................................. 8
Formazione Crystal ........................................................................... 9
Consulenza Crystal ........................................................................... 9
Convenzioni del documento ............................................................. 9

Capitolo 2: Novità di Crystal Reports 10


Introduzione ................................................................................... 12
Sviluppatori di applicazioni ............................................................ 12
Componente di creazione report 100% Java ....................................................... 12
Libreria di tag Java personalizzati ........................................................................ 13
Moduli di unione .NET semplificati ..................................................................... 13
Aggiornamento da .NET a Crystal Enterprise ........................................................ 13
API di Report Application Server semplificate ...................................................... 14
Report Designers ............................................................................. 14
Accesso semplificato ai dati (visualizzazioni aziendali) ....................................... 14
Repository ........................................................................................................... 15
Copia formato ..................................................................................................... 16
Grafici a imbuto .................................................................................................. 17
Utenti di informazioni .................................................................... 17

Manuale dell’utente di Crystal Reports iii


Esplorazione gestita tra elementi chiave del report .............................................. 17
Esportazione in Excel .......................................................................................... 18
Stampa DHTML .................................................................................................. 18

Capitolo 3: Installazione di Crystal Reports


Installazione di Crystal Reports ....................................................... 20
Requisiti per l’installazione ............................................................. 20
Installazione di Crystal Reports su un sistema locale ...................... 20
Creazione di un punto di installazione e installazione
da un server di rete ......................................................................... 22
Creazione di un punto di installazione per Crystal Reports .................................. 22
Installazione di Crystal Reports da una rete ......................................................... 23
Personalizzazione dell’installazione ................................................ 24
Installazione di Java Reporting Component .................................... 26
Borland JBuilder 10 ............................................................................................. 26
BEA Weblogic Workshop 8.1 SP2 ....................................................................... 27
Tutti gli altri ambienti di sviluppo integrato ......................................................... 27
Aggiornamento dei componenti di Crystal Reports ......................... 28

Capitolo 4: Avviamento rapido


Istruzioni per l’uso di Crystal Reports ............................................. 32
Dati di esempio: Xtreme.mdb .............................................................................. 32
Creazioni guidate di report ............................................................. 32
Standard .............................................................................................................. 33
Campi incrociati .................................................................................................. 33
Etichetta postale .................................................................................................. 33
OLAP .................................................................................................................. 33
Avviamento rapido per nuovi utenti ............................................... 34
Prima di iniziare .................................................................................................. 34

iv Manuale dell’utente di Crystal Reports


Creazione del report ........................................................................................... 35
Selezione dei record ........................................................................................... 47
Raggruppamento e ordinamento ......................................................................... 51
Completamento del report ................................................................................... 54
Avviamento rapido per utenti esperti .............................................. 55

Capitolo 5: Concetti relativi alla progettazione di report


Nozioni sulla progettazione di report ............................................. 62
Definizione del contenuto dei report .............................................. 62
Definizione degli obiettivi ................................................................................... 62
Determinazione del layout del report .................................................................. 63
Individuazione dei dati ....................................................................................... 64
Manipolazione dei dati ....................................................................................... 65
Determinazione delle caratteristiche dell’area di stampa ..................................... 66
Sviluppo di un prototipo su carta .................................................... 68

Capitolo 6: Introduzione alla creazione di report


Opzioni di creazione dei report ...................................................... 72
Creazioni guidate di report .................................................................................. 72
Altro report ......................................................................................................... 72
Nuovo report ...................................................................................................... 72
Selezione delle origini dati e dei campi di database ........................ 73
Esperto database ................................................................................................. 73
Explorer Campo .................................................................................................. 75
Explorer Report ................................................................................................... 77
Apertura e ancoraggio degli Explorer ................................................................... 78
L’ambiente di progettazione dei report ........................................... 79
Scheda Progettazione .......................................................................................... 79
Scheda Anteprima ............................................................................................... 82
Creazione di un nuovo report ......................................................... 86

Manuale dell’utente di Crystal Reports v


Selezione dell’origine dei dati ............................................................................. 86
Aggiunta di tabelle .............................................................................................. 87
Collegamento di più tabelle ................................................................................ 88
Inserimento dei dati nel report ............................................................................. 89
Formattazione dei dati ......................................................................................... 97
Selezione dei record ............................................................................................ 97
Raggruppamento, ordinamento e riepilogo dei dati ............................................. 97
Utilizzo dell’opzione di analisi dettagliata per i dati riepilogati ........................... 98
Utilizzo della funzione zoom .............................................................................. 99
Inserimento di intestazioni e piè di pagina ........................................................ 100
Aggiunta di una pagina di titolo al report .......................................................... 100
Aggiunta di informazioni di riepilogo al report .................................................. 101
Funzioni avanzate di creazione report .......................................... 102

Capitolo 7: Crystal Repository


Introduzione aCrystal Repository ................................................. 104
Procedura .......................................................................................................... 104
Accesso al Crystal Repository ....................................................... 105
Barra degli strumenti ......................................................................................... 106
Aggiunta di cartelle al repository .................................................. 107
Aggiunta di elementi al repository ................................................ 107
Aggiunta di un oggetto di testo o di un’immagine bitmap .................................. 108
Aggiunta di una funzione personalizzata ........................................................... 109
Aggiunta di un comando ................................................................................... 109
Utilizzo di oggetti del repository nei report .................................. 109
Aggiunta di un oggetto di testo o di un’immagine bitmap a un report ................ 110
Aggiunta di una funzione personalizzata a un report ......................................... 110
Aggiunta di un comando a un report ................................................................. 111
Modifica di oggetti nel repository ................................................. 111
Aggiornamento nei report degli oggetti del repository connessi ... 112

vi Manuale dell’utente di Crystal Reports


Eliminazione di elementi dal repository ........................................ 113
Utilizzo dell’annullamento nel repository ..................................... 114

Capitolo 8: Progettazione di report ottimizzati per il Web


Panoramica ................................................................................... 116
Scalabilità con Crystal Enterprise .................................................. 117
Periodi di valutazione delle funzioni data in Crystal Enterprise .......................... 118
Come effettuare le scelte di progettazione corrette ...................... 119
Utilizzo di formati di report più rapidi ............................................................... 120
Scelta tra dati salvati e live ................................................................................ 120
Progettazione di report di riepilogo ................................................................... 121
Utilizzo ragionato dei sottoreport ...................................................................... 122
Utilizzo efficace di altri elementi di progettazione ............................................ 124
Razionalizzazione dell’ambiente di creazione report ................... 124
Selezione del database e della connessione più veloci ...................................... 125
Utilizzo degli indici delle tabelle ...................................................................... 125
Miglioramento delle scelte di collegamento delle tabelle .................................. 125
Utilizzo di driver di database thread-safe .......................................................... 126
Utilizzo di procedure memorizzate per velocizzare l’elaborazione ................... 127
Utilizzo di formule di selezione dei record potenziate ................. 127
Invio di selezione di record, un esempio ........................................................... 128
Suggerimenti per la selezione dei record ........................................................... 129
Strategie per la scrittura di formule di selezione record efficienti ....................... 129
Come incorporare i campi di parametro nelle formule di selezione dei record .. 131
Utilizzo di espressioni SQL dove appropriato .................................................... 133
Miglioramento dell’ordinamento, del raggruppamento
e del calcolo dei totali ................................................................... 134
Esecuzione del raggruppamento su server ......................................................... 134
Vantaggi del raggruppamento su server, un esempio ......................................... 135
Utilizzo di espressioni SQL per gruppi, ordinamenti e totali .............................. 136

Manuale dell’utente di Crystal Reports vii


Utilizzo di espressioni SQL per Case Logic ........................................................ 136
Inserimento di campi riepilogo e totali parziali progressivi dove possibile ......... 137

Capitolo 9: Selezione dei record


Selezione dei record ..................................................................... 140
Utilizzo dell’Esperto selezione .......................................................................... 141
Formule ............................................................................................................. 142
Interazione fra l’Esperto selezione e la selezione Workshop formula ................. 143
Utilizzo dei modelli di formule ..................................................... 144
Modelli di formula per la selezione dei record .................................................. 144
Invio della selezione di record al server del database ................... 147
Risoluzione dei problemi nelle formule di selezione dei record .... 148
Correzione delle sezioni che non generano dati ................................................ 149

Capitolo 10: Ordinamento, raggruppamento e calcolo


dei totali
Ordinamento dei dati .................................................................... 154
Comprensione delle opzioni di ordinamento ..................................................... 154
Ordinamento di uno o più campi ...................................................................... 155
Raggruppamento dei dati .............................................................. 157
Creazione di gruppi personalizzati .................................................................... 159
Ordinamento dei record all’interno dei gruppi .................................................. 160
Selezione dei gruppi .......................................................................................... 161
Raggruppamento dei dati in intervalli ................................................................ 164
Raggruppamento per l’iniziale del nome della società ....................................... 167
Raggruppamento dei dati in ordine gerarchico .................................................. 168
Modifica di gruppi ............................................................................................. 170
Riepilogo dei dati raggruppati ....................................................... 170
Ordinamento dei gruppi per valori di riepilogo ................................................. 171
Selezione dei primi e degli ultimi N gruppi o percentuali .................................. 172

viii Manuale dell’utente di Crystal Reports


Esecuzione dei totali parziali ........................................................ 174
Totale parziale dei dati ...................................................................................... 174
Calcolo dei prezzi totali ed esecuzione del totale parziale dei prezzi totali ....... 175
Percentuali .................................................................................... 176
Calcolo delle percentuali .................................................................................. 176
Intestazioni di gruppo ................................................................... 177
Creazione delle intestazioni di gruppo .............................................................. 177
Omissione delle intestazioni di gruppo ............................................................. 181
Analisi dettagliata delle intestazioni di gruppo .................................................. 182

Capitolo 11: Totali parziali


Definizione dei totali parziali ....................................................... 184
Uso dei totali parziali ........................................................................................ 184
Creazione di totali parziali ............................................................ 185
Creazione di totali parziali in un elenco ............................................................ 185
Creazione di totali parziali per un gruppo ......................................................... 186
Creazione di totali parziali condizionali ............................................................ 187
Creazione di totali parziali in una relazione di collegamento "uno a molti" ....... 189
Creazione di totali parziali con l’utilizzo di una formula .............. 190

Capitolo 12: Report a più sezioni


Sezioni del report .......................................................................... 194
Uso delle sezioni ........................................................................... 194
Inserimento di una sezione ............................................................................... 194
Eliminazione di una sezione ............................................................................. 195
Spostamento di una sezione .............................................................................. 195
Unione di due sezioni correlate ........................................................................ 196
Divisione e ridimensionamento di sezioni ..................................... 197
Divisione di una sezione ................................................................................... 197

Manuale dell’utente di Crystal Reports ix


Ridimensionamento di una sezione ................................................................... 198
Uso di più sezioni nei report ......................................................... 199
Eliminazione di eventuali sovrascritture di oggetti di lunghezza variabile .......... 199
Eliminazione di righe vuote quando i campi non contengono valori ................. 200
Aggiunta condizionale di righe vuote ................................................................ 201
Lettere modulo .............................................................................. 201
Uso degli oggetti di testo ................................................................................... 202
Creazione di una lettera modulo mediante un oggetto di testo .......................... 204
Stampa di messaggi condizionali in lettere modulo ........................................... 210

Capitolo 13: Formattazione


Concetti relativi alla formattazione .............................................. 212
Utilizzo di un modello .................................................................. 212
Applicazione di un modello .............................................................................. 212
Rimozione di un modello applicato .................................................................. 213
Riapplicazione dell’ultimo modello selezionato ................................................ 214
Utilizzo di oggetti campo modello .................................................................... 214
Uso dell’ambiente di progettazione del report .............................. 215
Soluzioni di progettazione ................................................................................. 215
Caratteristiche della sezione .............................................................................. 216
Impostazione di un oggetto come sfondo in una sezione successiva ................. 217
Moduli prestampati ........................................................................................... 218
Colonne multiple .............................................................................................. 219
Sezioni del report nascoste ................................................................................ 219
Oggetti del report nascosti ................................................................................. 220
Posizionamento di oggetti basati su testo ........................................................... 222
Posizionamento di oggetti basati su testo su più linee ........................................ 225
Importazione di oggetti basati su testo da un file ............................................... 226
Inserimento di spazi tra oggetti basati su testo ................................................... 226
Rappresentazione dei campi di overflow ........................................................... 232

x Manuale dell’utente di Crystal Reports


Selezione di più oggetti ..................................................................................... 233
Posizione personalizzata ................................................................................... 233
Posizione verticale ............................................................................................ 236
Caratteri TrueType ............................................................................................ 237
Margini pagina .................................................................................................. 238
Stampante predefinita ....................................................................................... 239
Driver di stampa ............................................................................................... 240
Proprietà di formattazione ............................................................ 241
Uso della formattazione assoluta .................................................. 241
Aggiunta di bordi, colore e ombreggiatura a un campo ..................................... 242
Applicazione dell’opzione di sola lettura a un report o a un oggetto ................. 242
Blocco delle dimensioni e della posizione di un oggetto ................................... 243
Modifica dei formati campo predefiniti ............................................................. 243
Aggiunta e modifica di linee ............................................................................. 245
Aggiunta e modifica di caselle ........................................................................... 246
Aggiunta di forme a un report ............................................................................ 246
Utilizzo dei formati contabilità convenzionali ................................................... 247
Ripetizione degli oggetti dei report sulle pagine orizzontali ............................... 248
Uso di spazi tra le righe .................................................................................... 249
Uso della formattazione condizionale .......................................... 252
Proprietà condizionali attivabili o disattivabili ................................................... 252
Proprietà dell’attributo condizionale ................................................................. 253
Modifica condizionale di caratteri ..................................................................... 254
Creazione di piè di pagina dopo la prima pagina .............................................. 255
Uso dell’Esperto evidenziazione ........................................................................ 256
Annullamento/ripetizione delle operazioni ........................................................ 259
Utilizzo di Copia formato ............................................................. 260

Capitolo 14: Grafici


Concetti relativi ai grafici ............................................................. 264

Manuale dell’utente di Crystal Reports xi


Panoramica sui grafici ....................................................................................... 264
Layout grafico ................................................................................................... 264
Tipi di grafici ..................................................................................................... 265
Dove posizionare un grafico ............................................................................. 268
Analisi dettagliata mediante i grafici .................................................................. 269
Analisi dettagliata mediante legende ................................................................. 269
Creazione dei grafici ..................................................................... 269
Creazione di un grafico basato su campi di dettaglio o formula
(layout avanzato) ............................................................................................... 269
Creazione di un grafico basato su campi di riepilogo o di totale parziale
(layout del gruppo) ............................................................................................ 271
Creazione di un grafico in base ai riepiloghi a campi incrociati
(layout a campi incrociati) ................................................................................. 272
Creazione di un grafico basato su un cubo OLAP (layout OLAP) ....................... 274
Utilizzo dei grafici ........................................................................ 275
Modifica dei grafici mediante l’utilizzo dell’Esperto grafico ............................... 275
Modifica dei grafici mediante le voci del menu Opzioni grafico ....................... 276
Utilizzo delle funzioni di zoom per i grafici a barre e a linee ............................ 277
Disposizione automatica dei grafici ................................................................... 278
Formattazione dei grafici ................................................................................... 278
Utilizzo della funzione di sfondo con i grafici ................................................... 280

Capitolo 15: Creazione di mappe


Concetti relativi alla creazione di mappe ...................................... 282
Creazione di mappe .......................................................................................... 282
Layout di mappa ............................................................................................... 282
Tipi di mappe .................................................................................................... 283
Posizionamento della mappa ............................................................................ 286
Analisi dettagliata delle mappe .......................................................................... 286
Creazione di mappe ...................................................................... 287
Creazione di una mappa basata sui campi di dettagli (layout Avanzato) ............ 287

xii Manuale dell’utente di Crystal Reports


Creazione di una mappa basata su campi di gruppo (layout Gruppo) ................ 290
Creazione di una mappa basata su riepiloghi a campi incrociati
(layout Campi incrociati) ................................................................................... 291
Creazione di una mappa basata su un cubo OLAP (layout OLAP) ..................... 292
Uso delle mappe ........................................................................... 293
Modifica delle mappe mediante l’Esperto mappa .............................................. 293
Modifica del titolo della mappa ........................................................................ 294
Modifica del tipo di mappa ............................................................................... 294
Modifica dei livelli della mappa ........................................................................ 295
Risoluzione della mancata corrispondenza dei dati ........................................... 296
Modifica della mappa geografica ...................................................................... 297
Ingrandimento e riduzione di una mappa .......................................................... 297
Panoramica di una mappa ................................................................................. 298
Centratura di una mappa ................................................................................... 298
Navigatore mappa nascosto o visualizzato ........................................................ 298
Formattazione delle mappe ............................................................................... 299
Uso della funzione di sfondo nelle mappe ........................................................ 299

Capitolo 16: OLE


OLE: panoramica .......................................................................... 302
Glossario dei termini OLE ................................................................................. 302
Tipi di oggetti OLE ............................................................................................ 303
Considerazioni generali su OLE ......................................................................... 303
Inserimento di un oggetto OLE in un report .................................. 304
Rappresentazione degli oggetti OLE in un report .......................... 305
Modifica degli oggetti OLE nei report ........................................... 305
Modifica interna ................................................................................................ 305
Comandi OLE dinamici dei menu ..................................................................... 306
OLE e il comando Inserisci Immagine ............................................................... 306
Uso degli oggetti OLE statici ......................................................... 306

Manuale dell’utente di Crystal Reports xiii


Uso di oggetti incorporati e di oggetti collegati ............................ 308
Oggetti incorporati ............................................................................................ 308
Oggetti collegati ................................................................................................ 309

Capitolo 17: Oggetti a campi incrociati


Oggetto a campi incrociati ........................................................... 312
Esempio di campi incrociati .......................................................... 313
Report sui dati dell’ordine senza alcun ordinamento/raggruppamento ............... 313
Report sui dati dell’ordine raggruppati per regione ............................................ 314
Report sui dati dell’ordine raggruppati per prodotto .......................................... 315
Report sui dati dell’ordine raggruppati per regione e per prodotto ..................... 315
Dati dell’ordine in un oggetto a campi incrociati ............................................... 316
Creazione di un report a campi incrociati .................................... 318
Utilizzo dei campi incrociati ......................................................... 322
Visualizzazione di valori come percentuali ....................................................... 323
Abbreviazione di campi di riepilogo di grandi dimensioni ................................ 323
Personalizzazione delle etichette di righe/colonne ............................................ 324
Utilizzo dei totali parziali nei campi incrociati .................................................. 325
Stampa dei campi incrociati su più pagine ........................................................ 326
Formattazione di campi incrociati ................................................ 326
Modifica della larghezza, dell’altezza e dell’allineamento delle celle in un campo in-
crociato ............................................................................................................ 327
Formattazione del colore di sfondo di intere righe/colonne ............................... 327
Formattazione di singoli campi ......................................................................... 328
Formattazione di molti campi contemporaneamente ......................................... 328
Omissione dei dati dei campi incrociati ............................................................ 328
Visualizzazione in senso orizzontale dei campi di riepilogo .............................. 329

Capitolo 18: Creazione e aggiornamento dei report OLAP


Report dati OLAP con Crystal Reports .......................................... 332

xiv Manuale dell’utente di Crystal Reports


Oggetti griglia OLAP ......................................................................................... 332
Creazione di un report OLAP ........................................................ 333
Specificazione dell’origine dei dati .................................................................... 333
Definizione della struttura della griglia .............................................................. 334
Impostazione delle dimensioni in sezioni e specifica del numero di griglie ....... 335
Applicazione di una stile predefinito ................................................................. 336
Inserimento di un grafico .................................................................................. 337
Aggiornamento di un report OLAP ............................................... 338
Formattazione di dati in una griglia OLAP .................................... 339
Modifica del colore di sfondo di una delle dimensioni ...................................... 340
Creazione di un alias per una dimensione ......................................................... 341
Formattazione delle linee griglia ....................................................................... 342
Dimensioni delle etichette ................................................................................ 342
Modifica della visualizzazione dei dati OLAP ............................... 342
Ordinamento e filtraggio dei dati di una griglia OLAP .................. 344
Ordinamento di dati in una griglia OLAP .......................................................... 344
Filtraggio di dati in una griglia OLAP ................................................................. 346
Aggiunta di calcoli a griglie OLAP ................................................ 347

Capitolo 19: Visualizzazione e distribuzione di report


Distribuzione di report ................................................................. 350
Stampa di un report ........................................................................................... 350
Invio di un report via fax ................................................................................... 350
Esportazione di un report .................................................................................. 351
Impiego delle Cartelle Web ............................................................................... 358
Utilizzo di cartelle Enterprise ............................................................................ 358
Visualizzazione di report .............................................................. 361
Definizione di parti del report ........................................................................... 361
Definizione di spostamento ............................................................................... 362

Manuale dell’utente di Crystal Reports xv


Opzione Analisi dettagliata delle parti del report ............................................... 365
Opzione Un altro oggetto report ....................................................................... 367
Collegamenti ipertestuali nei visualizzatori ....................................................... 373
Utilizzo di smart tag ..................................................................... 374

Capitolo 20: Avvisi del report


Informazioni sugli avvisi del report ............................................... 378
Utilizzo degli avvisi del report ...................................................... 378
Creazione degli avvisi del report ....................................................................... 378
Modifica degli avvisi del report ......................................................................... 380
Eliminazione degli avvisi del report ................................................................... 381
Visualizzazione degli avvisi del report .............................................................. 381
Riferimento agli avvisi del report nelle formule ................................................. 382

Capitolo 21: Creazione di report da Excel e Access


Panoramica sulle aggiunte della aggiunte di Crystal Reports ........ 384
Informazioni sull’aggiunta di Microsoft Excel .................................................... 384
Informazioni sull’aggiunta di Microsoft Access .................................................. 384
Uso dell’aggiunta di Microsoft Excel ............................................. 385
Utilizzo della Autocomposizione Crystal Report per creare un report in Excel .. 385
Uso dell’aggiunta di Microsoft Access .......................................... 388
Utilizzo della Autocomposizione Crystal Report per creare un report in Access 388

Capitolo 22: Utilizzo delle formule


Panoramica sulle formule ............................................................. 392
Novità del linguaggio delle formule .................................................................. 392
Uso tipico delle formule .................................................................................... 395
Componenti e sintassi delle formule ............................................. 396
Componenti della formula ................................................................................. 396
Sintassi delle formule ........................................................................................ 398

xvi Manuale dell’utente di Crystal Reports


Utilizzo delle formule ................................................................... 398
Utilizzo del Workshop formula ......................................................................... 400
Uso dell’Editor di Formula ................................................................................ 401
Creazione e modifica delle formule .............................................. 403
Creazione di una formula e inserimento in un report ......................................... 403
Creazione di una formula nell’Esperto formule ................................................. 404
Modifica delle formule ...................................................................................... 406
Ricerca e sostituzione del testo .......................................................................... 406
Copia di formule dalla Guida in linea ............................................................... 407
Copia delle formule da un report a un altro ....................................................... 407
Eliminazione di formule ................................................................ 409
Rimozione della formula funzionante dal report ................................................ 409
Eliminazione della definizione della formula ..................................................... 409
Debug delle formule ..................................................................... 409
Debug degli errori in fase di valutazione ........................................................... 410
Esercitazione di debug ...................................................................................... 410

Capitolo 23: Campi di parametro


Panoramica sui parametri ............................................................ 416
Considerazioni sui campi di parametro ............................................................. 416
Creazione di un campo di parametro ................................................................ 417
Eliminazione dei campi di parametro ................................................................ 420
Risposta alle richieste dei campi di parametro ................................................... 421
Funzioni avanzate dei parametri ....................................................................... 423

Capitolo 24: Sottoreport


Definizione di sottoreport ............................................................. 432
Sottoreport non collegati e sottoreport collegati ................................................. 432
Modalità di collegamento dei sottoreport .......................................................... 433
Collegamenti del database e sottoreport in situazioni "uno a molti" ................... 434

Manuale dell’utente di Crystal Reports xvii


Inserimento di sottoreport ............................................................ 435
Anteprime dei sottoreport .................................................................................. 436
Salvataggio di un sottoreport come report principale ......................................... 436
Aggiornamento del sottoreport .......................................................................... 437
Collegamento di un sottoreport ai dati del report principale ........ 438
Collegamento di un sottoreport al report principale senza modificare
la formula di selezione ...................................................................................... 439
Combinazione di report non correlati attraverso i sottoreport ..... 440
Combinazione di due o più report non correlati ................................................ 440
Uso dei sottoreport con dati non collegabili ................................. 441
Collegamento a/da un campo formula ............................................................... 442
Collegamento di tabelle non indicizzate ........................................................... 442
Creazione di sottoreport su richiesta ............................................ 443
Aggiunta di didascalie a sottoreport su richiesta ................................................ 443
Visualizzazioni differenti degli stessi dati in un singolo report ...... 445

Capitolo 25: Nozioni fondamentali sui database


Panoramica sui database ............................................................... 448
Nozioni fondamentali sui database relazionali .................................................. 448
Alias .................................................................................................................. 449
Ricerca di file .................................................................................................... 450
Tabelle indicizzate ............................................................................................ 452
Collegamento di tabelle ................................................................ 454
Origine e destinazione di un collegamento ....................................................... 454
Relazioni di collegamento ................................................................................. 454
Considerazioni sulle prestazioni dei collegamenti di tipo uno a molti ............... 455
Considerazioni sui file di dati ............................................................................ 457
Considerazioni sui database SQL ...................................................................... 459
Considerazioni sulle prestazioni per tutti i report ............................................... 460
La scheda Collegamenti dell’Esperto database ................................................... 462

xviii Manuale dell’utente di Crystal Reports


Collegamento di tabelle indicizzate .................................................................. 462
Ordine di elaborazione dei collegamenti .......................................................... 463
Opzioni di collegamento .................................................................................. 464
Uso del linguaggio SQL e dei database SQL .................................. 474
Definizione del linguaggio SQL ......................................................................... 474
DBMS SQL ........................................................................................................ 477
Utilizzo di SQL con Crystal Reports ................................................................. 479
Linguaggio SQL ................................................................................................. 479
Elaborazione su server .................................................................. 481
Elaborazione sul server e query SQL ................................................................. 483
Mappatura dei campi di database ................................................. 484
Informazioni sulla finestra di dialogo Mappatura campi ................................... 484
Processi di rimappatura ..................................................................................... 485
Rimappatura di campi di database modificati .................................................... 487
Indici dati salvati ........................................................................... 488
Modalità di indicizzazione dei report ................................................................ 488
Considerazioni sull'utilizzo degli indici dati salvati ........................................... 489
Indicizzazione corretta dei campi ..................................................................... 489
Supporto Unicode in Crystal Reports ............................................ 490
Per ulteriori informazioni ............................................................. 490

Appendice A: Modello di elaborazione dei report


Panoramica ................................................................................... 492
Definizione di "passaggio" ................................................................................ 492
Passaggio preliminare 1 ..................................................................................... 492
Passaggio 1 ....................................................................................................... 492
Passaggio preliminare 1 ..................................................................................... 493
Passaggio 1 ....................................................................................................... 493
Passaggio 1 ....................................................................................................... 494
Diagramma di flusso di creazione report a più passaggi .................................... 494

Manuale dell’utente di Crystal Reports xix


Appendice B: Creazione di report accessibili
Informazioni sull’accessibilità ....................................................... 496
Vantaggi dei report accessibili ........................................................................... 496
Informazioni sulle linee guida di accessibilità ................................................... 497
I prodotti Crystal e l’accessibilità ....................................................................... 498
Miglioramento dell’accessibilità dei report ................................... 499
Posizionamento di oggetti nei report ................................................................. 499
Testo ................................................................................................................. 500
Colore ............................................................................................................... 504
Esplorazione ...................................................................................................... 506
Campi di parametro .......................................................................................... 507
Progettazione orientata alla flessibilità ......................................... 508
Accessibilità e formattazione condizionale ........................................................ 508
Accessibilità e omissione di sezioni ................................................................... 509
Accessibilità e sottoreport .................................................................................. 510
Miglioramento dell’accessibilità delle tabelle di dati .................... 511
Oggetti di testo e valori delle tabelle di dati ...................................................... 512
Altre considerazioni in merito alla progettazione delle tabelle di dati ................ 516
Accessibilità e Crystal Enterprise .................................................. 517
Impostazione di preferenze di accessibilità per Crystal Enterprise ...................... 517
Accessibilità e personalizzazione .................................................. 518
Risorse .......................................................................................... 520

Glossario ........................................................................521

Indice analitico ...............................................................549

xx Manuale dell’utente di Crystal Reports


Introduzione a Crystal Reports 10 1

Benvenuti! In questo capitolo viene presentato Crystal


Reports, lo standard internazionale per la creazione di
report per il desktop e il Web; viene fornita inoltre una
panoramica degli argomenti inclusi nel Manuale
dell’utente.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 1


Informazioni su Crystal Reports

Informazioni su Crystal Reports


Crystal Reports è progettato per operare con i database e agevolare l’utente
nell’analisi e nell’interpretazione delle informazioni desiderate. Crystal Reports
facilita la creazione di semplici report e dispone, inoltre, degli strumenti completi
per la produzione di report complessi o specializzati.

Creazione di qualsiasi tipo di report


Crystal Reports è progettato per creare i report desiderati praticamente da
qualsiasi origine di dati. Gli Esperti report predefiniti guidano l’utente passo passo
nel processo di creazione dei report e di esecuzione delle attività di report più
comuni. Le formule, i campi incrociati, i sottoreport e la formattazione
condizionale consentono di evidenziare i dati e le relazioni importanti che,
altrimenti, non sarebbero visibili. Le mappe geografiche e i grafici trasmettono le
informazioni in forma visiva nei casi in cui le parole e le cifre non sono sufficienti.

Estensione della creazione di report al Web


La flessibilità di Crystal Reports non si limita alla creazione di report: è possibile
pubblicare i report in numerosi formati inclusi Microsoft® Word ed Excel, formati
di posta elettronica e per la pubblicazione sul Web. La pubblicazione avanzata di
report sul Web consente agli altri membri del gruppo di lavoro di visualizzare e
aggiornare i report condivisi tramite i rispetti browser Web.

Creazione di report incorporata nelle applicazioni


Gli sviluppatori di applicazioni e del Web possono integrare le capacità di
elaborazione dei report di Crystal Reports nelle applicazioni di database, in questo
modo verranno soddisfatte le esigenze degli utenti con enorme riduzione dei
tempi. Il supporto per i linguaggi di sviluppo più diffusi semplifica l’aggiunta
delle funzioni di creazione di report a qualsiasi applicazione.

Crystal Reports rappresenta uno strumento potente che consente di analizzare e


interpretare le informazioni desiderate per tutti i responsabili dell’azienda (il Web
master nel Reparto Servizi informatici, il Responsabile della promozione nel
Reparto marketing, l’Amministratore dei database nel Reparto contabile o
l’Amministratore delegato).

Informazioni sul manuale


Il presente manuale include le procedure di esecuzione delle attività tipiche di
creazione dei report, quali l’inserimento dei campi, la formattazione dei report e
l’ordinamento dei record. Contiene inoltre le informazioni su aree specifiche di
interesse, ad esempio la creazione avanzate delle formule e l'accesso a diversi tipi
di dati. Utilizzare questo manuale come riferimento per le esigenze di base di

2 Manuale dell’utente di Crystal Reports


1 Introduzione a Crystal Reports 10

creazione dei report e come introduzione ai nuovi concetti di elaborazione dei


report.

Contenuto del capitolo


Di seguito è riportata una breve descrizione di ogni capitolo del manuale.

Capitolo 1: Introduzione a Crystal Reports 10


Benvenuti! In questo capitolo viene presentato Crystal Reports, lo standard
internazionale per la creazione di report per il desktop e il Web; viene fornita
inoltre una panoramica degli argomenti inclusi nel Manuale dell’utente.

Capitolo 2: Novità di Crystal Reports 10


Creato a partire dalla comprovata stabilità della versione 9, Crystal Reports offre ora
nuove funzionalità. In questo capitolo sono brevemente descritti i miglioramenti e le
funzionalità introdotti.

Capitolo 3: Installazione di Crystal Reports


Questo capitolo descrive la modalità di installazione di Crystal Reports in locale
dal CD del prodotto. Descrive, inoltre, la modalità di installazione di Crystal
Reports su un server di rete e da un server di rete a una stazione di lavoro.

Capitolo 4: Avviamento rapido


In questo capitolo sono descritti in primo luogo i report e i dati di esempio,
utilizzati di solito con Crystal Reports. Presenta quindi una panoramica sulle
procedure guidate per la creazione di report. Sia gli utenti esperti sia i nuovi utenti
potranno trarre vantaggio dalla Procedura guidata per la creazione di report
standard che presenta numerosi passaggi in comune con le altre procedure guidate
per la creazione di report. La seconda parte del capitolo include due esercitazioni:
una destinata ai nuovi utenti e l’altra agli utenti più esperti.

Capitolo 5: Concetti relativi alla progettazione di report


In questo capitolo sono illustrati i concetti fondamentali relativi alla progettazione
di report allo scopo di agevolare la scelta delle informazioni da includere nel
report.

Capitolo 6: Introduzione alla creazione di report


Questo capitolo descrive la procedura di base per la creazione di un report con
Crystal Reports. In primo luogo, verranno acquisite informazioni sull’ambiente di
progettazione dei report, quindi sulla modalità di selezione delle tabelle di

Manuale dell’utente di Crystal Reports 3


Informazioni sul manuale

database, di inserimento degli oggetti in un report e di ordinamento,


raggruppamento e calcolo dei totali dei dati del report.

Capitolo 7: Crystal Repository


In questo capitolo vengono illustrate le caratteristiche e le funzioni principali di
Crystal Repository. In particolare, viene mostrato come aggiungere elementi al
repository, come aggiornare gli elementi esistenti e come utilizzare gli elementi del
repository nei report Crystal.

Capitolo 8: Progettazione di report ottimizzati per il Web


Questo capitolo illustra i modi in cui è possibile migliorare i report per sfruttare
appieno le nuove funzioni avanzate di produttività offerte da Crystal Reports. I
consigli riportati sono particolarmente importanti per l'ottimizzazione delle
prestazioni dei report distribuiti nell'ambiente thin-wire del Web, la maggior parte
delle linee guida descritte possono tuttavia essere estese a tutti i report.

Capitolo 9: Selezione dei record


Questo capitolo descrive in che modo è possibile filtrare i record da inserire in un
report. Ad esempio, utilizzando gli strumenti di selezione dei record è possibile
limitare i record nel report per includere solo i record relativi a uno specifico
gruppo di clienti, uno specifico intervallo di numeri di conto oppure un particolare
intervallo di dati.

Capitolo 10: Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali


L’ordinamento, il raggruppamento e il calcolo dei totali sono i passaggi che
trasformano i dati non organizzati in informazioni utili sotto forma di report.
Questo capitolo descrive i diversi tipi di ordinamento, raggruppamento e calcolo
dei totali disponibili all’interno di un report.

Capitolo 11: Totali parziali


I totali parziali rappresentano uno strumento flessibile ed efficace per creare
riepiloghi specializzati e incrementare costantemente i totali.
Questo capitolo descrive la procedura per aggiungere al report un totale parziale
di base e un totale parziale all’interno di un gruppo. Si apprenderà inoltre la
modalità di creazione dei totali parziali condizionali e dei totali parziali attraverso
l’uso di formule.

Capitolo 12: Report a più sezioni


Questo capitolo descrive i diversi tipi di report sofisticati che possono essere creati
utilizzando le funzionalità di creazione dei report a più sezioni di Crystal Reports.
Tali funzioni consentono di creare report che gestiscono valori singoli in maniera

4 Manuale dell’utente di Crystal Reports


diversa a seconda dei criteri stabiliti. Tali concetti si applicano quindi alla
creazione di lettere modulo.

Capitolo 13: Formattazione


La formattazione si riferisce alla modifica del layout e della struttura di un report,
dell’aspetto del testo, degli oggetti o di intere sezioni del report. Questo capitolo
descrive dettagliatamente i metodi da utilizzare per evidenziare i dati, modificare
l’aspetto delle date, dei numeri e di altri valori, nascondere le sezioni non
desiderate ed eseguire numerose operazioni di formattazione, utili per creare
report professionali.

Capitolo 14: Grafici


Crystal Reports consente di presentare dati di riepilogo in grafici a colori di lettura
immediata. Questo capitolo mostra la procedura di creazione dei grafici e il
relativo impiego allo scopo di creare report più significativi e immediati. È
disponibile un’ampia gamma di layout e grafici ed è possibile inoltre visualizzare
le informazioni sottostanti gli oggetti grafici.

Capitolo 15: Creazione di mappe


Crystal Reports consente di inserire mappe geografiche nei report. Questo capitolo
descrive come utilizzare le mappe nei report per rendere i dati più significativi e
semplici da interpretare. È possibile personalizzare e riordinare l’aspetto di una
mappa e attivare la modalità di analisi dettagliata per visualizzare le informazioni
relative ai riepiloghi grafici.

Capitolo 16: OLE


Questo capitolo descrive come utilizzare la tecnologia OLE (Object Linking and
Embedding, Incorporamento e collegamento di oggetti) per modificare i grafici e
altri oggetti all’interno dei report senza aprire altre applicazioni.

Capitolo 17: Oggetti a campi incrociati


Un oggetto a campi incrociati è una griglia che visualizza i valori raggruppati e
sommati in due direzioni. Questo capitolo fornisce informazioni su come
utilizzare gli oggetti a campi incrociati nei report.

Capitolo 18: Creazione e aggiornamento dei report OLAP


Questo capitolo illustra come creare report OLAP, come aggiornarli se la posizione
dei dati viene modificata e come utilizzare i dati visualizzati in una griglia OLAP.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 5


Informazioni sul manuale

Capitolo 19: Visualizzazione e distribuzione di report


Questo capitolo fornisce informazioni relative alla distribuzione dei report finiti
attraverso diversi canali (stampa, fax, esportazione). Sono incluse inoltre
informazioni relative alle Parti del report e al modo in cui impostare collegamenti
ipertestuali in modo da visualizzare le Parti del report in diversi Visualizzatori
report. Infine, sono fornite anche informazioni sull’utilizzo di smart tag con gli
oggetti dei report in Office XP.

Capitolo 20: Avvisi del report


Questo capitolo fornisce informazioni dettagliate sulla creazione e l’utilizzo degli
avvisi nei report Crystal.

Capitolo 21: Creazione di report da Excel e Access


Questo capitolo descrive le aggiunte disponibili per Microsoft Excel e Microsoft
Access. Illustra le modalità di creazione di report da una tabella o una query di
Access o da un foglio elettronico di Excel con la Autocomposizione Crystal Report.

Capitolo 22: Utilizzo delle formule


In questo capitolo vengono illustrati i principi fondamentali delle formule e viene
introdotto il Workshop formula, che agevola l’utente nella creazione delle formule.

Capitolo 23: Campi di parametro


Questo capitolo definisce i campi di parametro e in che modo possono essere
impiegati per creare un singolo report da utilizzare per accedere a diversi tipi di
dati, a seconda delle esigenze degli utenti.

Capitolo 24: Sottoreport


Un sottoreport è un report presente all’interno di un altro report. I sottoreport
consentono di combinare report non correlati in un unico report. coordinare dati
non collegabili in altro modo e presentare differenti visualizzazioni degli stessi
dati di un singolo report. In questo capitolo viene definita la modalità di creazione
e impiego dei sottoreport.

Capitolo 25: Nozioni fondamentali sui database


Questo capitolo fornisce le nozioni fondamentali da conoscere per comprendere la
progettazione e l’impiego dei database. Dopo aver descritto i database relazionali
(inclusi i database delle origini di dati ODBC), l’indicizzazione e il collegamento di
tabelle, il capitolo introduce i concetti di elaborazione del server (trasferimento
dell’elaborazione dei report al livello server) e mapping dei campi (ridefinizione
dei mapping dei campi report e di database dopo le modifiche a un database).

6 Manuale dell’utente di Crystal Reports


1 Introduzione a Crystal Reports 10

Appendice A: Modello di elaborazione dei report


Questa appendice fornisce informazioni dettagliate sul Modello di elaborazione
dei report. Il modello determina l’ordine di accesso e manipolazione dei dati
durante la creazione di report.

Appendice B: Creazione di report accessibili


Questa appendice riporta suggerimenti di progettazione che agevolano la
creazione di report Crystal accessibili a utenti con particolari esigenze.

Glossario
Nel manuale è incluso un glossario completo che illustra i concetti fondamentali di
database e di creazione di report e i termini specifici del programma.

Guida in linea
Crystal Reports include tutti gli argomenti presenti nel Manuale dell’utente.
Comprende anche la documentazione di riferimento supplementare contenente
argomenti che spaziano da informazioni specifiche sulle funzioni di singoli
pulsanti alle informazione generali sulla modalità di creazione di una formula di
report, in base a scenari aziendali di esempio.

Individuazione rapida delle informazioni


Accedere alla Guida in linea dal menu ? di Crystal Reports.
Selezionare la scheda Sommario per visualizzare le sezioni principali della Guida
in linea e le intestazioni specifiche all’interno di ogni sezione, la scheda Indice per
visualizzare gli argomenti in ordine alfabetico e la scheda Cerca per immettere una
parola chiave in modo da visualizzare tutte le sezioni ad essa correlate.

Reporti di esempio
La Guida in linea di Crystal Reports include collegamenti diretti ai report di
esempio. Utilizzare i report per illustrare i concetti trattati. È possibile
personalizzare i report di esempio in base alle proprie esigenze.
I report di esempio si trovano in \Samples\It\Reports all’interno della directory
Crystal Reports.

Registrazione dei prodotti


Sono disponibili diverse opzioni per la registrazione del prodotto:
• Compilare il modulo di registrazione del prodotto all’interno del sito Web di
Crystal Decisions all’indirizzo:

Manuale dell’utente di Crystal Reports 7


Customer Handbook

http://italy.crystaldecisions.com/register/content.asp
• Stampare il modulo di registrazione del prodotto e inviarlo via fax al numero
fax di registrazione più vicino. Crystal Decisions invierà quindi all’utente un
fax con il numero di registrazione che potrà essere immesso nel prodotto al
successivo utilizzo.
Numeri di fax per la registrazione
USA/Canada +1 (604) 681-5147
Regno Unito +44 (0) 20 8231 0601
Australia +6 2 9955 7682
Germania +49 (0) 69 9509 6182
Hong Kong +852 2893 2727
Singapore +65 777 8786
La registrazione è necessaria per poter accedere all’assistenza tecnica in linea o
telefonica. Inoltre, garantisce aggiornamenti costanti sul prodotto.

Customer Handbook
Per dettagli aggiornati sulla registrazione, la manutenzione, il supporto e i servizi
relativi ai prodotti, visitare il sito di Crystal Decision e scaricare il documento
Customer Handbook corrispondente alla propria area geografica:
• Nord America:
http://www.crystaldecisions.com/about/loyalty/handbook.asp
(informazioni in lingua inglese)
• Europa:
http://www.crystaldecisions.com/about/loyalty/handbook.asp
(informazioni in lingua ingese)
http://germany.crystaldecisions.com/about/loyalty/handbook.asp
(informazioni in lingua tedesca)
http://france.crystaldecisions.com/about/loyalty/handbook.asp
(informazioni in lingua francese)
Se per la propria area geografica non è disponibile un documento Crystal
Decisions Customer Handbook specifico, fare riferimento alla restante parte del
presente capitolo di introduzione o rivolgersi al rappresentante di vendita o del
servizio clienti per informazioni dettagliate.

Assistenza tecnica per Crystal Care


Per accedere al servizio di supporto tecnico di Crystal, è necessario: registrare il
software in linea all'indirizzo:
http://italy.crystaldecisions.com/register/content.asp

8 Manuale dell’utente di Crystal Reports


1 Introduzione a Crystal Reports 10

Per ricevere informazioni sui programmi di assistenza tecnica disponibili per


Crystal Reports:
• Recarsi al sito Web per l’assistenza tecnica all’indirizzo:
http://italy.crystaldecisions.com/support/
• Contattare l’ufficio di zona. Per ulteriori dettagli, recarsi all’indirizzo:
http://italy.crystaldecisions.com/contact/

Formazione Crystal
Per gli sviluppatori come per i professionisti della tecnologia informatica o gli
utenti aziendali, è disponibile un’ampia gamma di corsi di formazione su Crystal
Reports progettati per creare nuove competenze oppure ottimizzare quelle già
esistenti. I corsi possono essere seguiti in linea, presso centri di formazione
certificati o presso la propria sede:
• Per un elenco completo dei corsi e delle offerte speciali attualmente
disponibili, visitare il sito Web all’indirizzo:
http://italy.crystaldecisions.com/services/
• Oppure contattare l’ufficio di zona. Per ulteriori dettagli, recarsi all’indirizzo:
http://italy.crystaldecisions.com/contact/

Consulenza Crystal
Il team internazionale Crystal di consulenti certificati e partner di consulenza è in
grado di supportare l’utente nello sviluppo e nell’attuazione di una soluzione
aziendale, attraverso le varie fasi di elaborazione della strategia, progettazione,
integrazione e distribuzione, in modo da conseguire i risultati nel più breve tempo
possibile, ottimizzare le prestazioni e accrescere la produttività.
• Per maggiori informazioni, visitare il sito Web all’indirizzo:
http://italy.crystaldecisions.com/services/
• Oppure contattare l’ufficio di zona. Per ulteriori dettagli, recarsi all’indirizzo:
http://italy.crystaldecisions.com/contact/

Convenzioni del documento


In questo Manuale sono state utilizzate le convenzioni riportate di seguito:
• Comandi e pulsanti
Per facilitare il riconoscimento all’interno delle procedure, le funzioni
dell’interfaccia utente sono visualizzate in grassetto. Ad esempio: Nel menu
File, fare clic su Nuovo.
• Scelte rapide da tastiera
Cancella indica il tasto Canc della tastiera o il tasto Canc del tastierino
numerico. Invio indica il tasto Invio, Ritorno a capo o CR, a seconda di quale
tasto è presenta sulla tastiera.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 9


Convenzioni del documento

• Combinazioni di tasti
CTRL+TASTO, MAIUSC+TASTO e ALT+TASTO sono esempi di combinazioni
di tasti. Tenere premuto il primo tasto della combinazione e, al contempo,
premere il secondo (designato sopra come TASTO). Ad esempio: CTRL+C
significa tenere premuto il tasto Ctrl e premere la lettera C sulla tastiera
(CTRL+C corrisponde al comando Copia di Windows).
• Il tipo di carattere monospazio indica percorsi e nomi di file, righe di codice e
dati immessi utilizzando la tastiera, ad esempio: Nell’Editor delle formule
digitare If Sales > 1000 Then crRed).

10 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Novità di Crystal Reports 10 2

Creato a partire dalla comprovata stabilità della versione 9,


Crystal Reports offre ora nuove funzionalità. In questo
capitolo sono brevemente descritti i miglioramenti e le
funzionalità introdotti.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 11


Introduzione

Introduzione
Crystal Reports® 10 estende la piattaforma di creazione report per consentire:
• Un processo di progettazione e gestione dei report più efficiente.
• Una più facile integrazione e distribuzione di applicazioni Web aziendali.
Questa versione si basa sulla serie di importanti funzionalità introdotta nella
versione 9 e include diversi miglioramenti e nuove funzionalità che consentono di
affrontare le costanti sfide di produttività in tutte le fasi del processo di creazione
di report. Un altro aspetto chiave di questa versione è costituito dalla più solida
integrazione con Crystal Enterprise™.
In questo capitolo verranno esaminate tutte le principali funzionalità introdotte
nella versione 10 in riferimento ai destinatari a cui si rivolgono: sviluppatori di
applicazioni, progettisti di report e utenti di informazioni.
Nota: Le funzionalità variano da edizione a edizione e alcune di esse vengono
fornite tramite Report Application Server che è incluso in specifiche edizioni di
Crystal Reports 10. Per informazioni sull'edizione a propria disposizione, fare clic
su Informazioni su Crystal Reports nel menu ? della finestra di progettazione dei
report.

Sviluppatori di applicazioni
Per gli sviluppatori Crystal Reports semplifica il processo di integrazione di
contenuto dinamico di livello presentazione in qualsiasi applicazione .NET, Java o
COM, riducendo quindi la quantità di codice necessaria e le attività di
manutenzione dell'applicazione. Con la versione 10, Crystal Decisions™ ha
rafforzato il suo impegno nello sviluppo multipiattaforma aggiungendo diverse
funzionalità completamente nuove e consentendo una più semplice migrazione a
Crystal Enterprise.

Componente di creazione report 100% Java


La versione 10 introduce una versione Java dell'efficace modulo di creazione
report di Crystal Reports; il componente di creazione report Java sfrutta appieno i
vantaggi offerti dalla portabilità Java su più sistemi operativi e piattaforme
hardware. Scritto completamente in Java, questo nuovo componente di creazione
report garantisce agli sviluppatori un modo rapido di connettersi ai dati e di
progettare livelli di presentazione dinamici e ad alta fedeltà per le applicazioni
J2EE, senza la necessità di scrivere codice. Il modulo supporta le funzioni di
Crystal Reports di base, quali il raggruppamento, l'ordinamento, il filtraggio, le
espressioni, la formattazione di base e la creazione di grafici, nonché l'esportazione
in PDF e Word. Consente inoltre l'integrazione con gli ambienti di sviluppo
integrati Java leader nel settore, incluso Borland® JBuilder™ 10 e Crystal Reports®
for BEA WebLogic Workshop™.

12 Manuale dell’utente di Crystal Reports


2 Novità di Crystal Reports 10

Le applicazioni che utilizzano il nuovo componente di creazione report Java


possono inoltre essere aggiornate, senza alcuna difficoltà, alla versione 10 per
utilizzare Crystal Enterprise e Report Application Server. Modificando una sola
riga di codice, le applicazioni potranno trarre vantaggio dall'elaborazione di report
con possibilità di trasferimento, dalla creazione e dalla modifica di report a livello
di programmazione e da molte altre funzionalità.

Libreria di tag Java personalizzati


Crystal Reports 10 introduce una libreria di tag JSP personalizzati, per ridurre
significativamente la quantità di codice necessaria per integrare la creazione di
report in applicazioni Java. Utilizzando i tag JSP personalizzati gli sviluppatori
potranno aggiungere senza alcuna difficoltà un visualizzatore di report Crystal
alle loro applicazioni Web.

Moduli di unione .NET semplificati


Crystal Reports 10 riduce il numero di moduli di unione necessari per uno
sviluppo più semplice di applicazioni .NET. Quattro moduli di unione di base
possono essere utilizzati per affrontare otto scenari di sviluppo specifici:
• Applicazioni Windows thick-client
• Report di processi incorporati
• Report di processi remoti
• Report di servizi Web
• Applicazioni Web ASP .NET
• Report di processi incorporati
• Report di processi remoti
• Report di servizi Web
• Applicazioni di servizi Web
• Report di processi incorporati
• Report di processi remoti
Questi moduli saranno disponibili poco dopo il rilascio della versione 10 nella
zona per gli sviluppatori . NET di Crystal Decisions, all'indirizzo: http://
www.crystaldecisions.com/products/dev_zone/net/default.asp.

Aggiornamento da .NET a Crystal Enterprise


Crystal Reports 10 introduce una soluzione di aggiornamento per consentire alle
applicazioni che utilizzano il componente di creazione report .NET incluso in
Microsoft® Visual Studio® .NET, Borland® C#Builder™ o Crystal Reports 9/10 di
accedere a Crystal Enterprise e Report Application Server. Aggiungendo una sola
riga di codice gli sviluppatori .NET potranno sfruttare i vantaggi di un server di

Manuale dell’utente di Crystal Reports 13


Report Designers

elaborazione report autonomo. Questa soluzione garantisce inoltre la possibilità di


aggiornamento semplificato ad altre future edizioni di Crystal Enterprise.

Scenario
Paolo è uno sviluppatore .NET di una grande azienda standardizzata su .NET. Il
suo team ha creato una piccola applicazione HR dipartimentale per agevolare la
gestione del processo di assunzione. Poiché tale applicazione richiedeva pochi
elementi di base di creazione report, il team di Paolo ha scelto di utilizzare la
versione di Crystal Reports inclusa in Microsoft Visual Studio .NET. In sei mesi
l'utilizzo dell'applicazione è aumentato considerevolmente e Paolo si trova a dover
aggiungere nuovi report di dimensioni maggiori. In un caso del genere è
preferibile utilizzare Report Application Server (rispetto al componente di
creazione report di .NET), perché consente di separare l'elaborazione dei report dal
server Web. Poiché l'applicazione richiederà ulteriore interattività nei prossimi 12
mesi, Paolo ha bisogno di una soluzione che sia estendibile nel tempo.
Aggiungendo una sola riga di codice, Paolo può riutilizzare il suo lavoro esistente
per sfruttare i vantaggi di Report Application Server invece di utilizzare il
componente di creazione report di .NET. Questa applicazione può essere
facilmente estesa nel futuro per utilizzare ulteriori servizi di Crystal Enterprise.

API di Report Application Server semplificate


In Crystal Reports 10, la quantità di codice richiesto per completare le attività più
comuni di uno sviluppatore è stata significativamente ridotta per semplificare il
processo di integrazione. Questo miglioramento è valido soprattutto per il
componente Report Application Server incluso in Crystal Reports e si rivolge ad
attività quali l'impostazione di parametri, l'accesso, la stampa e così via.

Report Designers
Grazie a un'ampia gamma di funzioni che garantiscono una maggiore flessibilità
per la creazione di report e includono il supporto di un sistema di creazione di
report completamento gestito, Crystal Reports 10 consente agli sviluppatori di
report di essere più produttivi in tutte le fasi del ciclo di sviluppo e gestione dei
report.

Accesso semplificato ai dati (visualizzazioni aziendali)


Crystal Reports 10 consente agli sviluppatori di report di creare report basati su
visualizzazioni aziendali per garantire uno sviluppo più rapido e ridurre le attività
di gestione.
Le visualizzazioni aziendali, una nuova funzionalità di Crystal Enterprise 10,
rappresentano un nuovo livello di estrazione dei dati che semplifica il processo di

14 Manuale dell’utente di Crystal Reports


2 Novità di Crystal Reports 10

connessione a origini dati aziendali. Questo nuovo modello di accesso centrale ai


dati espone inoltre origini dati specifiche di dominio predefinite, eliminando la
necessità di formule, join o filtri complessi. Consente di gestire l'accesso a più
origini dati separate, combinandole in una sola origine dati per il progettista di
report.
L'utilizzo di visualizzazioni aziendali nel processo di sviluppo e gestione dei
report elimina la necessità di ridefinire i report, se la struttura dei dati sottostante
cambia. In questo modo viene garantito un processo di sviluppo di report più
efficiente, poiché i report possono passare facilmente dalla fase di sviluppo a
quella di produzione.

Scenario
Enrico è un analista di report nel reparto IT di una grande azienda. Tra le sue
responsabilità è inclusa quella di rispondere a un lungo elenco di richieste di report
provenienti da diversi reparti. Poiché Enrico è stato assunto da poco, è ancora
occupato a cercare di individuare la posizione di tutti i dati. Fortunatamente il
team DBA del reparto IT ha già creato diverse visualizzazioni aziendali a cui
Enrico può connettersi. Queste visualizzazioni aziendali già integrano diverse
origini dati aziendali ed estraggono i dati complessi. Tutto quello che Enrico deve
fare è indicare di quale visualizzazione ha bisogno per il report e quindi formattare
le informazioni di conseguenza. Il trasferimento del set di report risultante alla
produzione è immediato. Dopo che il report è stato testato, la struttura dei dati
sottostante può essere reindirizzata alla visualizzazione aziendale dal team DBA
con un solo passaggio.

Repository
Introdotto nella versione 9, il repository è una libreria centrale per l'archiviazione
di oggetti report comuni (immagini, oggetti di testo, comandi SQL e funzioni
personalizzate) da utilizzare in più report e in aggiornamenti singoli. Questa
funzionalità è stata perfezionata nella versione 10 per poter essere utilizzata in
distribuzioni aziendali di grandi dimensioni.

Repository gestito
Per consentire ai clienti di creare un sistema gestito per la progettazione e la
gestione di report, il repository della versione 10 è stato incluso come parte
integrante dell'infrastruttura di Crystal Enterprise. Gli oggetti del repository
possono essere protetti e condivisi tramite Crystal Enterprise e vengono resi
disponibili tramite la finestra di progettazione di Crystal Reports. È inoltre incluso
uno strumento di migrazione per semplificare la transizione dal repository della
versione 9 al repository gestito.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 15


Report Designers

Scenario 1
Stefano lavora nel reparto IT di una grande azienda ed è responsabile della
gestione di oltre 100 report aziendali. Uno dei suoi principali compiti consiste nel
garantire che questi report siano basati su informazioni precise. Prima della
versione 10, in caso di modifica dello schema del database, Stefano avrebbe dovuto
passare ore ad aggiornare la connettività database per ogni report e controllare
l'accuratezza dei dati. “Non c'è niente di peggio di un report che continua a
funzionare anche se non è basato sul nuovo schema di database”. Con la versione
10, Stefano può basare più report su una sola visualizzazione aziendale. Se il
database cambia, deve essere aggiornata solo la visualizzazione aziendale e questo
basta a garantire che tutti i report siano eseguiti correttamente in base a dati precisi.

Scenario 2
Gianni è uno dei tanti progettisti di report della sua azienda e collabora alla
definizione di un centro di eccellenza per la creazione di report. È particolarmente
esperto nella creazione di report per il reparto marketing ma non conosce bene il
linguaggio delle formule di Crystal. Fortunatamente, uno degli analisti di
inventario (Luca) ha già creato diverse funzioni per il turnover dell'inventario e
Gianni può, quindi, semplicemente estrarre le funzioni di cui ha bisogno da
Crystal Enterprise.

Explorer Repository
Per supportare l'utilizzo estensivo del repository da parte di più progettisti di
report, l'Explorer Repository della versione 10 include una barra degli strumenti
per garantire una più semplice esplorazione degli oggetti basata sul valore tipo e/
o testo. Agli oggetti del repository possono anche essere aggiunte descrizioni
comandi, per semplificare l'identificazione dell'elemento richiesto da aggiungere a
un report.

Argomenti correlati
• “Crystal Repository” a pagina 103

Copia formato
Simile alla funzionalità Copia formato di Microsoft Office, questa nuova funzione
di Crystal Reports 10 consente di copiare tutte le opzioni di formattazione tra
oggetti con un solo clic. Al progettista di report non resta che selezionare un
oggetto formattato e fare clic su tutti gli altri oggetti che richiedono la stessa
formattazione, riducendo così la quantità di tempo necessaria per formattare gli
oggetti.

16 Manuale dell’utente di Crystal Reports


2 Novità di Crystal Reports 10

Scenario
Sara è una progettista di report per un ospedale locale ed è responsabile della
creazione e della gestione di oltre 80 report. Ognuno di questi report deve
rispettare rigorosi standard di formattazione che includono l'utilizzo di specifici
tipi di carattere, colori, dimensioni e così via. L'attività di formattazione può quindi
risultare molto lunga e noiosa. Con Crystal Reports 10 Sara è in grado di formattare
i report con estrema velocità. Potrà limitarsi, infatti, a formattare un solo oggetto
di un report per poi applicare con un solo clic tale formattazione a tutti gli altri
oggetti di tutti i report su cui lavora.

Argomenti correlati
• “Utilizzo di Copia formato” a pagina 260

Grafici a imbuto
In Crystal Reports 10 è disponibile una delle funzionalità più richieste dalle
applicazioni di gestione delle relazioni con i clienti (CRM, Customer Relationship
Management), il tipo di grafico a imbuto. Simile ai grafici a torta, il grafico a imbuto
rappresenta un modo interessante di visualizzare dati che totalizzano 100%.
Questo tipo di grafico è particolarmente utile per condurre analisi pipeline per le
previsioni di vendita.

Argomenti correlati
• “Tipi di grafici” a pagina 265

Utenti di informazioni
Crystal Reports 10 consente di esplorare facilmente le informazioni contenute in
un report Crystal tramite dispositivi o software molto diffusi e noti, incluso
Microsoft Office.

Esplorazione gestita tra elementi chiave del report


Crystal Reports 10 estende le funzionalità Parti report ed Esplorazione guidata a
Crystal Enterprise per consentire l'utilizzo di gruppi di report in numerosi scenari
utente e flussi di lavoro.
Le parti report, di uno stesso report o di report diversi, possono essere facilmente
collegate tra loro per formare gruppi e semplificare l'esplorazione. Gli utenti
possono passare con un semplice clic da un'informazione di un report collegata
tramite collegamento ipertestuale a un'altra parte report, senza che questo incida
negativamente sul contesto dati. Questa funzionalità riduce la necessità dei
sottoreport e può migliorare le prestazioni di elaborazione dei report. Con Crystal
Enterprise le parti report possono essere facilmente pianificate e gestite, in modo

Manuale dell’utente di Crystal Reports 17


Utenti di informazioni

che i dati sottostanti tra oggetti collegati abbiano la stessa data di aggiornamento.
Questa possibilità si rivela particolarmente utile nei casi di aggiornamento
regolare di informazioni, ad esempio, per l'aggiornamento di informazioni
finanziarie di fine trimestre.

Scenario
Un responsabile delle vendite ha la necessità di comprendere meglio lo stato di
salute della sua pipeline. Invece di creare un solo ingombrante report che contenga
tutte le informazioni possibili, ha progettato cinque diversi report, di cui ognuno
esamina la pipeline a un diverso livello di dettaglio. Grazie a collegamenti
ipertestuali gestiti Franco può definire percorsi selezionabili con un clic all'interno
di ciascuno di questi report, per consentire ai responsabili delle vendite di passare
direttamente al singolo livello desiderato e controllare la propria pipeline.

Argomenti correlati
• “Visualizzazione di report” a pagina 361

Esportazione in Excel
Crystal Reports 10 introduce opzioni più flessibili e garantisce maggiore controllo
per l'esportazione di report completamente formattati in Microsoft Excel. Gli
utenti possono, ad esempio, scegliere di esportare tutte le intestazioni e/o i piè di
pagina o solo alcuni di essi e di visualizzare o meno le linee griglia.

Argomenti correlati
• “Esportazione di un report” a pagina 351

Stampa DHTML
Crystal Reports 10 include un controllo del visualizzatore report DHTML
aggiornato che semplifica il processo di stampa. Con un solo clic gli utenti possono
stampare un report. Non è più necessario, infatti, esportare il report in PDF per
utilizzare le funzionalità di stampa di Adobe Acrobat. La nuova funzionalità di
stampa con un solo clic viene implementata tramite un piccolo controllo ActiveX
che viene scaricato nel computer client.

18 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Installazione di Crystal Reports 3

In questo capitolo viene descritta la procedura di


installazione di Crystal Reports in locale dalla distribuzione
del prodotto. Viene illustrata, inoltre, la procedura di
installazione da un server di rete a una workstation.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 19


Installazione di Crystal Reports

Installazione di Crystal Reports


L’Installazione guidata di Crystal Reports funziona in combinazione con Microsoft
Windows Installer per condurre l’utente attraverso il processo di installazione.
L’installazione guidata riconosce automaticamente il sistema operativo del
computer e aggiorna i file in base alle necessità.
Questo capitolo fornisce istruzioni dettagliate per l’installazione di Crystal Reports
e illustra come personalizzare l’installazione. Gli argomenti principali sono:
• Requisiti per l’installazione
• Installazione di Crystal Reports su un sistema locale
• Creazione di un punto di installazione e installazione da un server di rete
• Personalizzazione dell’installazione
• Installazione di Java Reporting Component
• Aggiornamento dei componenti di Crystal Reports
In uno dei passaggi finali del processo di installazione verrà richiesto se si desidera
registrare il prodotto. Seguire le istruzioni sullo schermo per completare il
processo.

Requisiti per l’installazione


Requisiti minimi per l'installazione

Windows 2000
Sistemi operativi Windows XP Professional
Windows 2003 Server
Computer/processore CPU Pentium da 133 MHz o superiore

Almeno 128 MB di RAM. Consigliati 256 MB.


Memoria
Massimo 4 GB
Spazio su disco 320 MB

Unità Unità CD-ROM o DVD

Installazione di Crystal Reports su un sistema locale


Se si sta installando Crystal Reports in un computer in cui sia in esecuzione uno dei
sistemi operativi supportati (vedere Requisiti minimi per l'installazione), è
necessario disporre di privilegi Amministratore. Il processo di installazione crea
voci di registro e può aggiornare alcuni file di sistema che richiedono diritti
amministratore.

20 Manuale dell’utente di Crystal Reports


3 Installazione di Crystal Reports

Quando si installa Crystal Reports, chiudere tutti i programmi in esecuzione e


interrompere quanti più servizi è possibile.
Se si desidera limitare il numero di opzioni da installare, fare riferimento a
“Personalizzazione dell’installazione” a pagina 24.

Per eseguire l’installazione su un computer locale


1 A meno che non sia attivata la funzione di riproduzione automatica per l’unità
CD-ROM, eseguire setup.exe dalla directory win32 della distribuzione del
prodotto.
Nota: In base alla configurazione corrente del sistema, è possibile che venga
visualizzata una finestra di dialogo che richiede all’utente di aggiornare i file
esistenti. In questo caso, fare clic su Sì e riavviare il computer. L’installazione
guidata aggiorna i file necessari.
2 Leggere e accettare il Contratto di licenza e procedere con l’installazione.
3 Immettere il proprio nome, il nome dell’azienda e il codice di attivazione del
prodotto nella finestra di dialogo Informazioni utente.
4 Fare clic su Successivo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona tipo di Installazione.

5 Scegliere il tipo di installazione che si desidera eseguire:


• Selezionando l’opzione Tipica, verrà eseguita l’installazione delle funzioni
più comuni dell’applicazione.
• Selezionando invece l’opzione Personalizzata sarà possibile scegliere i
componenti da installare, specificare dove devono essere installati e
controllare lo spazio su disco richiesto da ciascuno di essi. Per ulteriori
informazioni, vedere “Personalizzazione dell’installazione” a pagina 24.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 21


Creazione di un punto di installazione e installazione da un server di rete

6 Fare clic su Sfoglia se si desidera installare Crystal Reports in una directory


diversa dalla posizione predefinita.
La posizione predefinita è C:\Programmi\Crystal Decisions\Crystal Reports 10\
7 Fare clic su Successivo.
Verrà visualizzata la finestra di dialogo Avvia installazione.
8 Fare clic su Avanti per iniziare a copiare i file nell’unità locale.

Creazione di un punto di installazione e installazione


da un server di rete
L'installazione di Crystal Reports da una posizione di rete centrale implica due
passaggi:
1 Eseguire una copia della distribuzione del prodotto Crystal Reports su un
server in rete (questa copia diventerà il punto di installazione). Vedere
“Creazione di un punto di installazione per Crystal Reports” a pagina 22.
2 Accesso al computer server da una stazione di lavoro ed esecuzione di
Setup.exe per installare Crystal Reports sulla stazione di lavoro. Vedere
“Installazione di Crystal Reports da una rete” a pagina 23.

Creazione di un punto di installazione per Crystal Reports


Questa procedura deve essere eseguita da un amministratore di rete che dispone
di privilegi di accesso in scrittura e di rete. Una volta completata la procedura, gli
utenti finali avranno accesso al file Setup.exe dalla rete per installare Crystal
Reports nei computer locali.
Nota: se nei computer degli utenti non è stato configurato Microsoft Windows
Installer, il processo di installazione rileva il sistema operativo della stazione di
lavoro e installa il pacchetto Microsoft Windows Installer appropriato.

Per creare un punto di installazione


1 Creare una cartella in rete e renderla condivisibile per gli utenti che devono
eseguire il file setup.exe.
2 Copiare l'intero contenuto della distribuzione del prodotto Crystal Reports
nella cartella creata al passaggio 1.
3 Assegnare diritti agli utenti che devono installare Crystal Reports da questa
cartella.
Nota: Se si restringe l'accesso alla cartella, è possibile rispettare il limite di
licenza.

22 Manuale dell’utente di Crystal Reports


3 Installazione di Crystal Reports

Installazione di Crystal Reports da una rete


Se l’amministratore di rete ha copiato Crystal Reports in rete, assicurarsi di
disporre dei privilegi di accesso in lettura alla rete prima di avviare questa
procedura.
Se si sta installando Crystal Reports in un computer in cui sia in esecuzione uno dei
sistemi operativi supportati (vedere “Requisiti minimi per l'installazione” a
pagina 20), è necessario disporre di privilegi Amministratore. Il processo di
installazione crea voci di registro e può aggiornare alcuni file di sistema che
richiedono diritti amministratore.
Quando si installa Crystal Reports, chiudere tutti i programmi in esecuzione e
interrompere quanti più servizi è possibile.

Per installare Crystal Reports da una rete


1 Accedere la cartella in rete che contiene i file di installazione di Crystal
Reports.
2 Fare doppio clic su Setup.exe.
Nota: In base alla configurazione corrente del sistema, è possibile che venga
visualizzata una finestra di dialogo che richiede all’utente di aggiornare i file
esistenti. Fare clic su Sì e riavviare il computer. L’installazione guidata
aggiorna i file necessari.
3 Leggere e accettare il Contratto di licenza e procedere con l’installazione.
4 Immettere il proprio nome, il nome dell’azienda e il codice di attivazione del
prodotto nella finestra di dialogo Informazioni utente.
Consiglio: per il codice di attivazione del prodotto, può essere necessario
rivolgersi all’amministratore.
5 Fare clic su Successivo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona tipo di Installazione.
6 Scegliere il tipo di installazione che si desidera eseguire:
• Selezionando l’opzione Tipica, verrà eseguita l’installazione delle funzioni
più comuni dell’applicazione.
• Selezionando invece l’opzione Personalizzata sarà possibile scegliere i
componenti da installare, specificare dove devono essere installati e
controllare lo spazio su disco richiesto da ciascuno di essi. Per ulteriori
informazioni, vedere “Personalizzazione dell’installazione” a pagina 24.
7 Fare clic su Sfoglia se si desidera installare Crystal Reports in una directory
diversa dalla posizione predefinita.
La posizione predefinita è C:\Programmi\Crystal Decisions\Crystal Reports 10\

Manuale dell’utente di Crystal Reports 23


Personalizzazione dell’installazione

8 Fare clic su Successivo.


Verrà visualizzata la finestra di dialogo Avvia installazione.
9 Fare clic su Avanti per iniziare a copiare i file nell’unità locale.

Personalizzazione dell’installazione
Se si seleziona l’opzione di installazione Personalizzata viene visualizzata la
finestra di dialogo Scegli funzioni, in cui è possibile scegliere i componenti da
installare, modificare il percorso di installazione predefinito dei diversi
componenti e controllare la quantità di spazio su disco richiesto per ciascuno di
essi.

Le icone della struttura dei componenti indicano se il componente in questione e i


relativi componenti secondari saranno installati o meno:
• Un’icona bianca indica che il componente principale e i relativi componenti
secondari saranno installati.
• Un’icona ombreggiata indica che verrà installato il componente principale e
alcuni dei relativi componenti secondari.
• Un’icona gialla indica che il componente sarà installato su richiesta.
• Una X rossa indica, invece, che il componente principale o il componente
secondario non è disponibile o non sarà installato.
Per alcuni dei suoi componenti Crystal Reports si avvale della tecnologia di
“installazione su richiesta”. Di conseguenza, è possibile che la prima volta in cui
un dato componente viene utilizzato dopo l’installazione sia necessario un tempo
di attesa supplementare per il completamento della suddetta “installazione su
richiesta”. Questo comportamento inciderà sulle nuove installazioni solo una volta
e non interverrà in alcun modo quando i componenti vengono riavviati.

24 Manuale dell’utente di Crystal Reports


3 Installazione di Crystal Reports

Per selezionare la configurazione e la posizione di un componente principale o


secondario, fare clic sulla relativa icona.
Nota: ciascun componente principale o secondario può avere una propria
configurazione e posizione.
Utilizzare la seguente tabella per determinare le opzioni di installazione per
ciascun componente principale o secondario:

Tipo di installazione del


Descrizione dei componenti installati
componente
Componente installato sul disco • Installa il componente sul disco
rigido locale rigido locale.
• Utilizza le impostazioni
dell’installazione tipica per installare
alcuni dei componenti secondari del
componente principale sul disco
rigido locale.
Componente completo, installato • Installa il componente e tutti i relativi
sul disco rigido locale componenti secondari sul disco
rigido locale.
Installato per l’esecuzione dalla • Esegue il componente e i relativi
distribuzione del prodotto/da rete componenti secondari tipici dalla
distribuzione del prodotto/dalla
rete.
Nota: alcuni componenti secondari non
sono impostati per essere eseguiti dalla
distribuzione del prodotto/dalla rete.
Tali componenti saranno installati sul
disco rigido locale.
L’intera componente sarà installato • Esegue il componente e tutti i relativi
per l’esecuzione dalla componenti secondari dalla
distribuzione del prodotto/da rete distribuzione del prodotto/dalla
rete.
Nota: alcuni componenti secondari non
sono impostati per essere eseguiti dalla
distribuzione del prodotto/dalla rete.
Tali componenti saranno installati sul
disco rigido locale.
Il componente sarà installato su • Installa il componente principale o
richiesta secondario dalla distribuzione del
prodotto/dalla rete al primo utilizzo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 25


Installazione di Java Reporting Component

Tipo di installazione del


Descrizione dei componenti installati
componente
Il componente completo non è • Non vengono installati né il
disponibile componente principale né i relativi
componenti secondari.
Nota: i componenti secondari sono elencati al di sotto di ogni componente
principale. Un componente secondario può prevedere un tipo di installazione
diverso da quello del componente principale.

Installazione di Java Reporting Component


Crystal Reports 10 introduce una versione Java dell'efficace modulo di creazione
report di Crystal Reports. Java Reporting Component sfrutta appieno i vantaggi
offerti dalla portabilità Java su più sistemi operativi e piattaforme hardware.
Questa applicazione garantisce agli sviluppatori un modo rapido di connettersi ai
dati e di progettare livelli di presentazione dinamici e ad alta fedeltà per le
applicazioni J2EE, senza la necessità di scrivere codice.
Java Reporting Component è fornito con le versioni Developer e Advanced
Developer di Crystal Reports 10. La versione necessaria dei file Java Reporting
Component varia in base all'ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated
Development Environment) in uso.

Borland JBuilder 10
Java Reporting Component è associato ad alcune edizioni di Borland JBuilder 10.
La versione più aggiornata di Java Reporting Component per JBuilder è anche
fornita con le edizioni Developer e Advanced Developer di Crystal Reports 10.

Per installare Crystal Reports per Borland JBuilder in Windows


1 Eseguire CR10_Autorun_ENENT.exe dalla distribuzione del prodotto Crystal
Reports.
2 Fare clic su Aggiungi componenti Java.
3 Fare clic su Crystal Reports per Borland JBuilder e seguire le istruzioni
visualizzate sullo schermo.
Crystal Reports per Borland JBuilder verrà installato. I file jar relativi a Crystal
Reports per Borland JBuilder sono disponibili in \Programmi\File
comuni\Crystal Decisions\2.5\java\lib

Per installare Crystal Reports per Borland JBuilder in Solaris o Linux


1 Nel prompt dei comandi, modificare la directory corrente con la directory
Crystal_Report_Java_Components/IDE_Integration/Borland_JBuilder/

26 Manuale dell’utente di Crystal Reports


3 Installazione di Crystal Reports

piattaforma/NoVM nella distribuzione del prodotto Crystal Reports (piattaforma


corrisponde a Solaris o Linux).
2 Eseguire install.bin e seguire le istruzioni visualizzate sullo schermo.
Crystal Reports per Borland JBuilder verrà installato. I file jar relativi a Crystal
Reports per Borland JBuilder sono disponibili in $HOME/Crystal Reports for
Borland JBuilder/java/lib

BEA Weblogic Workshop 8.1 SP2


Java Reporting Component è associato ad alcune edizioni di BEA Weblogic
Workshop 8.1 SP2. La versione più aggiornata di Java Reporting Component per
BEA Weblogic Workshop è anche fornita con le edizioni Developer e Advanced
Developer di Crystal Reports 10.

Per installare Crystal Reports per BEA Weblogic Workshop in Windows


1 Eseguire CR10_Autorun_ENENT.exe dalla distribuzione del prodotto Crystal
Reports.
2 Fare clic su Aggiungi componenti Java.
3 Fare clic su Crystal Reports per BEA Weblogic Workshop e seguire le
istruzioni visualizzate sullo schermo.
Crystal Reports per BEA Weblogic Workshop verrà installato. I file jar relativi
a Crystal Reports per BEA Weblogic Workshop sono disponibili in
\Programmi\File comuni\Crystal Decisions\2.5\java\lib

Per installare Crystal Reports per BEA Weblogic Workshop in Linux


1 Nel prompt dei comandi, modificare la directory corrente con la directory
Crystal_Report_Java_Components/IDE_Integration/BEA_WLW/Linux/NoVM nella
distribuzione del prodotto Crystal Reports.
2 Eseguire install.bin e seguire le istruzioni visualizzate sullo schermo.
Crystal Reports per BEA Weblogic Workshop verrà installato. I file jar relativi
a Crystal Reports per BEA Weblogic Workshop sono disponibili in $HOME/
Crystal Reports for BEA Weblogic Workshop/java/lib

Tutti gli altri ambienti di sviluppo integrato


Per tutti gli altri ambienti di sviluppo integrato (incluso lo sviluppo con editor di
testo), è disponibile una versione autonoma di Crystal Reports 10 Java Reporting
Component con le distribuzioni Developer e Advanced Developer di Crystal
Reports 10.

Per installare Crystal Reports 10 Java Reporting Component in Windows


1 Eseguire CR10_Autorun_ENENT.exe dalla distribuzione del prodotto Crystal
Reports.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 27


Aggiornamento dei componenti di Crystal Reports

2 Fare clic su Aggiungi componenti Java.


3 Fare clic su Crystal Reports 10 Java Reporting Component e seguire le
istruzioni visualizzate sullo schermo.
Crystal Reports 10 Java Reporting Component verrà installato. I file jar relativi
a Java Reporting Component sono disponibili in \Programmi\File
comuni\Crystal Decisions\2.5\java\lib

Per installare Crystal Reports 10 Java Reporting Component in Solaris o


Linux
1 Nel prompt dei comandi, modificare la directory corrente con la directory
Crystal_Report_Java_Components/piattaforma/NoVM nella distribuzione del
prodotto Crystal Reports (piattaforma corrisponde a Solaris o Linux).
2 Eseguire install.bin e seguire le istruzioni visualizzate sullo schermo.
Crystal Reports 10 Java Reporting Component verrà installato. I file jar relativi
a Java Reporting Component sono disponibili in $HOME/Crystal Reports Java
Reporting Component/java/lib

Aggiornamento dei componenti di Crystal Reports


Se si è acquistato un codice di attivazione di un prodotto di aggiornamento, si
noterà che il programma di installazione non rimuove la versione precedente di
Crystal Reports. In generale, l'aggiornamento dei componenti di Crystal Reports
garantisce un'installazione affiancata, ovvero un'installazione in cui è possibile
eseguire la versione precedente o quella nuova di Crystal Reports.
Nota: L'installazione affiancata di Crystal Reports 10 è supportata quando si
esegue l'aggiornamento da Crystal Reports 9 o Crystal Reports 8.5.
Questo tipo di installazione si applica a Crystal Reports e ai diversi SDK (Software
Development Kit). Crystal Reports 10 per Visual Studio .NET può essere utilizzato
in modalità affiancata in fase di esecuzione. In altre parole le applicazioni scritte
con Crystal Reports 9 per Visual Studio .NET potranno continuare a essere
eseguite con gli assembly Crystal Reports 9 per Visual Studio .NET). Tuttavia,
l'integrazione di Visual Studio non supporta la modalità affiancata; infatti nell'IDE
di Visual Studio .NET può essere integrata una sola versione di Crystal Reports
alla volta. Lo stesso vale per Report Designer Component (RDC): RDC può essere
utilizzato in modalità affiancata in fase di esecuzione, ma l'integrazione nell'IDE
non supporta tale modalità.
Nota:
• Quando si aggiornano i componenti di Crystal Reports 9, Crystal Repository
rappresenta un caso speciale. È necessario installare Crystal Repository dalla
distribuzione del prodotto Crystal Enterprise Standard (per informazioni,
vedere la Guida all'installazione di Crystal Enterprise 10). Occorre quindi
spostare il contenuto del repository che è stato aggiunto in Crystal Reports 9

28 Manuale dell’utente di Crystal Reports


3 Installazione di Crystal Reports

nel nuovo repository. Per informazioni su come eseguire tale operazione, fare
riferimento al capitolo "Migrazione di Crystal Repository" della Guida
dell'amministratore di visualizzazioni aziendali.
• Per ulteriori informazioni concernenti l'ambiente di creazione report,
consultare le Note sulla versione include nella distribuzione del prodotto
(release.htm).

Manuale dell’utente di Crystal Reports 29


Aggiornamento dei componenti di Crystal Reports

30 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Avviamento rapido 4

Questo capitolo descrive in primo luogo i report e i dati di


esempio utilizzati di solito con Crystal Reports. Presenta
quindi una panoramica sulle procedure guidate per la
creazione di report. Sia gli utenti esperti sia i nuovi utenti
potranno trarre vantaggio dalla Procedura guidata per la
creazione di report standard che presenta numerosi
passaggi in comune con le altre procedure guidate per la
creazione di report. La seconda parte del capitolo include
due esercitazioni: una destinata ai nuovi utenti e l’altra agli
utenti più esperti.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 31


Istruzioni per l’uso di Crystal Reports

Istruzioni per l’uso di Crystal Reports


È possibile apprendere l’uso di Crystal Reports scegliendo uno dei metodi
disponibili in questo capitolo:
• Studiare i report di esempio e i database di esempio inclusi in Crystal Reports.
• Utilizzare le descrizioni dettagliate e le istruzioni incluse nella sezione
“Avviamento rapido per nuovi utenti” a pagina 34.
• Utilizzare i riepiloghi e i riferimenti presenti nella sezione “Avviamento
rapido per utenti esperti” a pagina 55, particolarmente utili se già si ha
dimestichezza con i concetti relativi alla creazione di report.
Ciascun metodo è utile per apprendere e comprendere Crystal Reports e,
nonostante siano tutti sufficienti per apprendere i rudimenti, è sempre possibile
tornare a questo capitolo e consultare gli altri metodi, se necessario.

Dati di esempio: Xtreme.mdb


Crystal Reports viene fornito con Xtreme.mdb, un database di esempio da
utilizzare durante l’apprendimento del programma. Xtreme.mdb è un database
Microsoft Access e tutti i driver necessari sono inclusi. L’utente è in grado di aprire
direttamente il database e iniziare a progettare i report. Virtualmente, tutti gli
esempi di questo manuale si basano sui dati del database Xtreme.mdb.
Xtreme.mdb è un database che contiene dati per Xtreme Mountain Bikes, un
produttore fittizio di mountain bike e accessori.
Nota: i dati di esempio hanno lo scopo di illustrare i diversi concetti relativi alla
creazione di report in fase di apprendimento, non di insegnare la progettazione
del database. Anche se esistono metodi alternativi per progettare un database, i
database di esempio vengono utilizzati per incentrare le esercitazioni e gli esempi
sulla creazione di report e non sulla manipolazione dei dati.

Creazioni guidate di report


Le esercitazioni incluse in questo capitolo mostrano le modalità di creazione di un
report da zero. Insieme alle esercitazioni o in alternativa, è comunque possibile
utilizzare le Procedure guidate per la creazione di report disponibili in Galleria
Crystal Reports. Sono disponibili quattro differenti creazioni guidate di report:
• Standard
• Campi incrociati
• Etichetta postale
• OLAP
Ogni procedura guidata consente di creare un report tramite una serie di
schermate. Molte procedure guidate sono dotate di schermate specifiche per un
determinato tipo di report. Ad esempio, la Creazione guidata report etichette

32 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

indirizzo è dotata di una schermata che consente di specificare il tipo di etichette


postali che si desidera utilizzare.
Nota: Dopo aver fatto clic sul pulsante Fine della Creazione guidata report, è
possibile selezionare il pulsante Interrompi della scheda Anteprima, se non si
desidera che il programma raccolga tutti i dati dall'origine dati. Questo comando
è utile se si desidera apportare modifiche al layout del report creato dalla
procedura guidata.

Standard
La Procedura guidata per la creazione di report standard costituisce la procedura
guidata più generica. Guida l’utente nella scelta dell’origine dati e nel
collegamento delle tabelle del database. Inoltre, consente di aggiungere campi e
specificare i criteri di raggruppamento, riepilogo (totali) e ordinamento da
utilizzare. Infine, guida l’utente nella creazione di grafici e nella selezione dei
record.
La schermata Modelli contiene layout predefiniti da applicare al report per
conferire maggiore impatto visivo.

Campi incrociati
La Creazione guidata report a campi incrociati guida l’utente nella creazione di un
report nel quale i dati vengono visualizzati in un oggetto a campi incrociati. Al suo
interno sono disponibili due schermate speciali (A campi incrociati e Stile griglia)
che semplificano notevolmente la creazione e la formattazione dei campi
incrociati.

Etichetta postale
La Creazione guidata report etichette indirizzo consente di creare un report che
viene formattato per la stampa su etichette postali di qualsiasi dimensione. È
possibile utilizzare la schermata Etichetta per selezionare un tipo di etichetta
commerciale oppure si può definire un layout personalizzato di righe e colonne
per qualsiasi tipo di report a più colonne.

OLAP
La Creazione guidata report OLAP consente di creare un report nel quale i dati
OLAP vengono visualizzati come un oggetto griglia. Sebbene simile alla Creazione
guidata report a campi incrociati per alcuni aspetti, ne differisce tuttavia a causa
dei requisiti di utilizzo con le origini dati OLAP. Innanzitutto è necessario
specificare la posizione dei dati OLAP, quindi scegliere le dimensioni che si
desidera includere nella griglia. Il passaggio successivo consiste nel filtrare i dati
del report e scegliere lo stile dell’oggetto griglia, che può anche essere

Manuale dell’utente di Crystal Reports 33


Avviamento rapido per nuovi utenti

personalizzato. Infine, è possibile definire le etichette per la griglia e inserire un


grafico, se lo si desidera.
Questa è solo una breve panoramica delle quattro Procedure guidate per la
creazione di report disponibili in Crystal Reports.

Avviamento rapido per nuovi utenti


L’esercitazione riportata di seguito è stata creata per rendere più semplice la
creazione del primo report.
In questa esercitazione viene presentata un’introduzione al programma mediante
la creazione di un report di elenco clienti. L'elenco dei clienti è uno dei report
aziendali fondamentali e contiene generalmente informazioni quali il nome del
cliente, la città, la regione e il nome del contatto.
Innanzitutto è necessario apprendere i concetti di base: selezione di un database,
inserimento di alcuni campi nel report, infine selezione di record specifici da
includere. Sarà quindi possibile apprendere come:
• Inserire e spostare i campi di database
• Aggiungere e formattare un titolo
• Visualizzare un report nella scheda Anteprima per perfezionarlo
• Utilizzare l’Esperto selezione per assicurarsi che il report includa solo i dati
necessari
• Spostare gli oggetti
• Raggruppare e ordinare i dati
• Inserire le immagini
• Stampare un report

Prima di iniziare
In questa esercitazione si presume che l’utente abbia dimestichezza con Microsoft
Windows e sia in grado di utilizzare i termini convenzionali e le procedure comuni
dell’ambiente Windows. In caso contrario, si consiglia di consultare la
documentazione allegata a Microsoft Windows per ottenere ulteriori informazioni.
Il carattere predefinito per tutte le sezioni del report nel programma è impostato
su Arial, 10 punti. Se si modifica il carattere predefinito o se la stampante non lo
supporta, la dimensione dei campi, lo spazio fra i campi e le schermate visualizzate
saranno diverse da quanto incluso in questa esercitazione.
Questa esercitazione è stata realizzata utilizzando Microsoft Windows 2000. Le
schermate visualizzate possono variare leggermente se si utilizza una piattaforma
differente.

34 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

Se non si ha dimestichezza con l’ambiente di Crystal Reports, esaminare


“Formattazione” a pagina 211, che descrive operazioni relative alla griglia, alla
posizione personalizzata, all’utilizzo delle linee guida e alle attività di
formattazione.

Creazione del report


1 Fare clic su Nuovo sulla barra degli strumenti standard.
Viene visualizzato il Galleria Crystal Reports.

La galleria contiene un certo numero di procedure guidate per condurre


l’utente nella creazione di tipi specifici di report. Poiché in questa esercitazione
vengono analizzati i concetti relativi ai report, non verranno utilizzate le
procedure guidate e il report verrà costruito da zero. Dopo aver completato
l’esercitazione, sarà possibile costruire dei report utilizzando le procedure
guidate per decidere il metodo di creazione più adatto.
2 Selezionare Come Report vuoto nella finestra di dialogo Galleria Crystal
Reports e fare clic su OK.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Esperto database.
Nota: È possibile creare report basati su file di database, origini dati SQL/
ODBC, Visualizzazione aziendale, file di query e molte altre origini dati.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 35


Avviamento rapido per nuovi utenti

Selezione di un database da utilizzare


La fase successiva nella creazione di un report consiste nel selezionare un database.
Per questa esercitazione selezionare il database di esempio Xtreme.mdb.

Per selezionare un database


1 Nella finestra di dialogo Esperto database, andare alla cartella Crea nuova
connessione ed espandere File di database; quindi cercare il database di
esempio Xtreme.mdb.
Per impostazione predefinita, questo file è stato installato nella directory
\Programmi\Crystal Decisions\Crystal Reports 10\Samples\It\Databases.
Nota: per individuare il database Xtreme, è necessario utilizzare la finestra di
dialogo Apri. Se si desidera visualizzare le proprietà del database e del server,
fare clic con il pulsante destro del mouse sul database in Esperto database e
selezionare Proprietà dal menu di scelta rapida.
2 Espandere il nodo Tabelle del collegamento Xtreme.mdb per visualizzare un
elenco di tabelle.

Poiché in questa esercitazione vengono utilizzati esclusivamente i dati relativi


ai clienti, è necessario selezionare la tabella Cliente.
3 Selezionare Cliente e fare clic sulla > freccia per aggiungere la tabella all’elenco
Tabelle selezionate, quindi fare clic su OK.
Viene visualizzata la scheda Progettazione di Report Designer.
4 Fare clic su Explorer Campo nella barra degli strumenti Standard.

36 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo.


Nota: a seconda di come è stata visualizzata nell’ultimo utilizzo di Crystal
Reports, la finestra di dialogo Explorer Campo può essere agganciata o in
modalità mobile. Per ulteriori informazioni sull'ancoraggio degli Explorer,
vedere “Apertura e ancoraggio degli Explorer” a pagina 78.

Sezioni del report


La scheda Progettazione è divisa in cinque sezioni: Intestazione report (IR),
Intestazione pagina (IP), Dettagli (D), Piè di pagina report (PPR) e Piè di pagina
(PF). Se in qualunque momento non si è certi della sezione del report sulla quale si
sta lavorando, è sufficiente osservare l’area ombreggiata a sinistra del report che
visualizza sempre i nomi delle sezioni o le iniziali che corrispondenti. Vedere
“Scheda Progettazione” a pagina 79.
Se la casella di controllo Nomi sezione brevi è selezionata nell’area Visualizzazione
struttura della finestra di dialogo Opzioni, i nomi delle sezioni Intestazione report,
Intestazione pagina, Dettagli, Piè di pagina report e Piè di pagina verranno
visualizzati rispettivamente come IR, IP, D, PPR e PF. Se questa casella di controllo
non è selezionata, procedere nel modo seguente:

Per visualizzare nomi sezione brevi


1 Nel menu File, fare clic su Opzioni.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni con la scheda Layout attiva.
2 Nell’area Visualizzazione struttura, selezionare la casella di controllo Nomi
sezione brevi.
3 Fare clic su OK per tornare al report.

Inserimento di un campo
La finestra di dialogo Explorer Campo viene utilizzata per inserire campi di
database durante la creazione di un nuovo report.
Per impostazione predefinita, la finestra rimane visualizzata fino a quando non
viene chiusa. Tutte le tabelle disponibili sono elencate in questa finestra.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 37


Avviamento rapido per nuovi utenti

Di seguito vengono posizionati degli oggetti nel report inserendo il campo Nome
Cliente.

Per inserire un campo


1 Espandere il nodo Campi database della finestra di dialogo Explorer Campo
ed espandere una tabella.
2 Evidenziare il nome di un campo facendo clic una sola volta sul nome.
Quando si evidenza il nome di un campo, è possibile esaminare un
sottoinsieme di valori del campo nonché il tipo e le dimensioni del campo
facendo clic con il pulsante destro del mouse sul campo e selezionando Sfoglia
dati dal menu di scelta rapida.

3 Fare clic sul campo Nome cliente e trascinarlo nella sezione Dettagli del
report.
Mentre si trascina il campo nel report, viene visualizzata una cornice di oggetto
con il cursore a freccia:

• La cornice di oggetto rappresenta l’oggetto selezionato per il


posizionamento.
• Le dimensioni della cornice di oggetto sono approssimativamente uguali a
quelle dei dati nel campo selezionato.
4 Spostare la cornice di oggetto all’estrema sinistra della sezione Dettagli.
Se si sposta il campo troppo a sinistra, il cursore a freccia si trasformerà in un
cursore di arresto per indicare che non è possibile trascinare il campo in quella
posizione. Ricordare che non è possibile posizionare oggetti all’esterno del
margine della pagina.

38 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

L’aspetto della scheda Progettazione dovrebbe essere il seguente:

Comprensione dei campi


Prima di proseguire, osservare il campo appena posizionato nella sezione Dettagli.
• In primo luogo, la cornice di oggetto indica che, nella stampa del report, al
posto della casella si troverà un valore di campo.
• Se non è stata selezionata la casella di controllo Mostra nomi campi nella
scheda Layout della finestra di dialogo Opzioni, la cornice dell'oggetto
conterrà delle X per indicare che il campo del database contiene una stringa di
testo. Altri tipi di dati presentano rappresentazioni di carattere diverse. Ad
esempio, un tipo di dati valuta è rappresentato da L. 55.555,56.
• Se il report non include nomi di campo, il numero di X nella cornice
dell'oggetto corrisponderà alla larghezza dei dati, ovvero al numero massimo
di caratteri del campo, secondo quanto definito dal database. A prescindere
dal fatto che il report includa o meno nomi di campo, la larghezza della cornice
di oggetto corrisponde alla larghezza del campo (la quantità di spazio
assegnata al campo per la stampa). Inizialmente è impostata sulla larghezza
necessaria per visualizzare il massimo numero di caratteri nel campo
(utilizzando il carattere selezionato per il campo). È possibile modificare tale
larghezza ridimensionando il campo.
• Le dimensioni delle caratteri o X indicano la dimensione in punti selezionata
per i caratteri nel campo.
• Il tipo di carattere e lo stile (Grassetto, Sottolineato e così via) utilizzati per
visualizzare i caratteri o le X indicano il tipo di carattere e lo stile selezionati
per i caratteri nel campo. Di seguito in questa esercitazione verrà mostrato
come apportare modifiche a tali proprietà.
• L’interlinea è regolata in base alle dimensioni in punti selezionate per i
caratteri nel campo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 39


Avviamento rapido per nuovi utenti

Selezione di campi supplementari


A questo punto verranno inseriti due campi supplementari nel report. Questa
volta, tuttavia, verrà utilizzata la combinazione Ctrl-clic per aggiungerli
contemporaneamente.

Per aggiungere campi supplementari


1 Evidenziare il campo Città nella finestra di dialogo Explorer Campo, premere
il tasto CTRL sulla tastiera, quindi evidenziare il campo Paese. Rilasciare il
tasto CTRL.
Scorrendo l’elenco dei campi, si noterà che entrambi i campi rimangono
selezionati.
Nota: l’utilizzo della combinazione Ctrl-clic consente di selezionare un
intervallo non continuo di campi. La combinazione Maiusc-clic può essere
utilizzata per selezionare diversi campi contigui dall’elenco.
2 Trascinare i campi per posizionarli.
Quando il cursore viene posizionato sul report, viene visualizzata una cornice
di oggetto insieme al cursore a freccia.
3 Posizionare i campi a destra del campo Nome cliente.
Entrambi i campi vengono visualizzati nella sezione Dettagli del report nello
stesso ordine in cui vengono elencati nella finestra di dialogo Explorer Campi.

Selezione dei campi


Quando si seleziona un campo, vengono visualizzati quadratini di
ridimensionamento sul bordo destro, sinistro, superiore e inferiore della cornice di
oggetto. Gli handle indicano che il campo è selezionato e attivo. Per eseguire
un’operazione con un campo (modifica o spostamento del carattere e così via), è
necessario innanzitutto selezionarlo.
• Posizionare il cursore all’interno della cornice dell’oggetto, quindi fare clic una
volta. Vengono visualizzati i quadratini di ridimensionamento per indicare
che l’oggetto è selezionato.
• Allontanare il cursore dalla cornice dell’oggetto, quindi fare clic in un’area
vuota della finestra. Gli handle non saranno più visualizzati.
Gli oggetti sono stati selezionati e deselezionati.

Ridimensionamento dei campi


Per ridimensionare un campo, procedere nel modo seguente:
1 Fare clic sul campo Nome cliente nella sezione Dettagli per selezionarlo.
2 Premere il tasto CTRL e fare clic sull’intestazione del campo per selezionare
entrambi gli oggetti.

40 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

3 Spostare il cursore sul quadratino di ridimensionamento posto sul margine


destro dei campi fino a quando il cursore diventa un cursore di
ridimensionamento.
4 Modificare le dimensioni dei campi verso destra finché sono lunghi circa
cinque centimetri.

Visualizzazione del report creato


È ora possibile osservare come appare il report con tre campi inseriti e posizionati.
1 Fare clic sul pulsante Anteprima di stampa sulla barra degli strumenti
standard per attivare la scheda Anteprima.
Lo schermo dovrebbe avere l’aspetto seguente:

Nota: la prima volta che il report viene visualizzato in anteprima, è necessario


fare clic sul pulsante Anteprima nella barra degli strumenti Standard per
attivare la scheda Anteprima. Tale scheda viene visualizzata a destra della
scheda Progettazione. È quindi possibile passare dalla progettazione alla
visualizzazione in anteprima del report facendo clic sulla scheda
corrispondente.
A questo punto è disponibile l’abbozzo di un report di elenco clienti, ma è
ancora necessario aggiungere diversi campi.
2 Dopo aver esaminato il report, fare clic sulla scheda Progettazione per
ritornarvi.

Combinazione dei campi del database in un oggetto di


testo
Invece di aggiungere i campi Nome contatto e Cognome contatto come oggetti
separati, è possibile inserire entrambi in un oggetto di testo. In tal modo è possibile
controllare la formattazione di entrambi i campi apportando le modifiche a un solo

Manuale dell’utente di Crystal Reports 41


Avviamento rapido per nuovi utenti

oggetto. Quando si inseriscono dei campi in un oggetto di testo, gli spazi superflui
su entrambi i lati vengono eliminati automaticamente; i campi hanno, infatti,
dimensioni fisse mentre le dimensioni dei dati nei campi possono variare,
lasciando spazi non desiderati. Ciò è importante perché un campo presenta una
dimensione fissa, mentre la dimensione dei dati del campo può variare, lasciando
molti spazi vuoti superflui.

Per combinare campi in un oggetto di testo


1 Fare clic sul pulsante Inserisci oggetto di testo nella barra degli strumenti
Strumenti di inserimento. Quando si sposta il cursore sul report, viene
visualizzata una cornice di oggetto accanto al report.
2 Inserire il campo a destra dei campi nella sezione Dettagli.
Mentre si trascina il campo la scheda Progettazione scorre automaticamente
verso destra, se necessario. Quando si fa clic per inserire l’oggetto, viene
visualizzato un oggetto di test e il righello orizzontale della scheda
Progettazione diventa un selettore di righello/tabulazione, utilizzato per
modificare l’oggetto di testo. Se si fa clic su un’area vuota del report o su un
oggetto campo, viene visualizzato il righello della scheda Progettazione.
3 Fare clic una volta sul bordo dell’oggetto di testo, in modo da selezionarlo per
il ridimensionamento. Su tutti i lati dell’oggetto vengono visualizzati i
quadratini.
4 Spostare il cursore sul quadratino di ridimensionamento destro dell’oggetto di
testo e aumentarne la larghezza di circa 3 cm. Può essere necessario scorrere
verso destra e continuare il ridimensionamento.
5 Fare doppio clic all’interno dell’oggetto di testo per selezionarlo per la
modifica. Notare che il punto di inserimento lampeggia all’interno
dell’oggetto di testo.
6 Selezionare il campo Cognome contatto nella finestra di dialogo Explorer
Campo. È possibile spostare la finestra di dialogo Explorer Campo
trascinandola e posizionandola mediante la barra del titolo.
7 Trascinare il campo sull’oggetto di testo.
8 Spostare il cursore sull’oggetto di testo finché si trasforma in cursore di
trascinamento.
9 Rilasciare il pulsante del mouse per posizionare il campo nell’oggetto di testo.
Il cursore viene visualizzato nel campo Cognome contatto all’interno
dell’oggetto di testo.

42 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

10 Digitare una virgola e uno spazio dopo Cognome contatto.


11 Nella finestra di dialogo Explorer Campo, evidenziare il campo Nome
contatto.
12 Trascinare il campo sull’oggetto di testo.
13 Spostare il cursore sull’oggetto di testo finché si trasforma in cursore di
trascinamento. Spostare il cursore a destra della virgola e dello spazio appena
digitati e rilasciare il pulsante del mouse. Il campo viene inserito a destra della
virgola e dello spazio.
14 Fare clic sulla scheda Anteprima per visualizzare i campi appena inseriti.
Il report dovrebbe avere l’aspetto seguente:

Aggiunta delle informazioni di riepilogo


La fase successiva consiste nell’aggiunta delle informazioni di riepilogo al report.
Mediante l’aggiunta delle informazioni di riepilogo è possibile specificare l’autore,
il titolo e l’oggetto del report, oltre alle parole chiave e ai commenti correlati al
report. Se si aggiungono le informazioni di riepilogo, gli utenti potranno trovare
rapidamente le informazioni relative al report.

Per aggiungere informazioni di riepilogo


1 Dal menu File, fare clic su Informazioni di riepilogo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Proprietà documento con la scheda
Riepilogo attiva.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 43


Avviamento rapido per nuovi utenti

2 Immettere le informazioni relative al report nelle caselle di testo. Accertarsi di


immettere il titolo "Elenco clienti" nella casella di testo Titolo. Queste
informazioni verranno utilizzate nella sezione successiva dell’esercitazione.
3 Al termine, fare clic su OK.

Aggiunta di un titolo
Senza un titolo, il report ha un aspetto incompleto. Sebbene sia possibile
aggiungere un titolo utilizzando un oggetto di testo, è anche possibile indicare al
programma di estrarre le informazioni relative direttamente dalla casella di testo
Titolo della finestra di dialogo Proprietà documento.

Per aggiungere un titolo


1 Fare clic sulla scheda Progettazione.
2 In Explorer Campo, scorrere verso il basso fino a Campi speciali ed espandere.
3 Selezionare Titolo report.
4 Trascinare il cursore sul report. Viene visualizzata una cornice per l’oggetto.
5 Posizionare la cornice di oggetto nell’angolo superiore sinistro della sezione
Intestazione pagina (IP) del report e rilasciare il pulsante del mouse per
posizionare l’oggetto.

44 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

6 Fare clic sulla scheda Anteprima o Aggiorna per esaminare le modifiche.


L’oggetto del titolo del report visualizza ora il titolo immesso nella casella di testo
Titolo della finestra di dialogo Proprietà Documento.

Formattazione di oggetti
È ora possibile applicare la formattazione al titolo del report. Questa operazione
viene svolta nella scheda Anteprima. In tal modo sarà più semplice visualizzare il
lavoro durante la formattazione del titolo.

Per formattare un oggetto


1 Per centrare il titolo, è necessario dapprima espandere il campo Titolo in
modo che abbia approssimativamente la stessa larghezza dei dati del report. A
questo scopo, fare clic sull’oggetto per selezionarlo.
2 Posizionare il cursore sul bordo destro dell’oggetto fino a quando il cursore
diventa un cursore di ridimensionamento. Trascinare il margine destro della
casella di campo finché è allineato al margine destro dei dati contenuti
nell’oggetto campo Cognome contatto.
È stato creato un campo di grandi dimensioni che va dal margine sinistro del
report a quello destro.
3 Quando l'oggetto titolo del report è ancora selezionato, fare clic su Allinea Al
Centro sulla barra degli strumenti Formattazione. Il titolo viene centrato
all’interno dell’oggetto.
4 Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’oggetto e scegliere Formato
campo dal menu di scelta rapida.
5 Quando viene visualizzato l’Editor formato, fare clic sulla scheda Carattere.
6 Aumentare le dimensioni del titolo del report scegliendo per il carattere attivo
Grassetto dall’elenco Stile e 16 (o una dimensione in punti adatta al carattere
utilizzato) dall’elenco Dimensione.
7 Modificare il colore del testo selezionando Prugna dalla tavolozza Colore. La
casella Esempio visualizza un esempio dell’aspetto del testo.
8 Al termine, fare clic su OK.
9 Modificare le dimensioni verticali dell’oggetto titolo del report per adattarlo
alle aumentate dimensioni del titolo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 45


Avviamento rapido per nuovi utenti

La formattazione del titolo ne aumenta ora la visibilità nel report.

Aggiunta di una intestazione di campo


Il campo Nome contatto è l’unico campo privo di intestazione. In questa sezione
verrà creata un’intestazione.

Per aggiungere un’intestazione di campo


1 Fare clic sul pulsante Inserisci oggetto di testo nella barra degli strumenti
Strumenti di inserimento.
2 Inserire l'oggetto di testo nella sezione Intestazione pagina immediatamente
al di sopra del campo Nome contatto.
3 Fare clic su Sottolinea sulla barra degli strumenti di formattazione e quindi
digitare Nome contatto nell'oggetto di testo.
4 Fare clic su un punto esterno all'oggetto di testo.
Il campo Nome contatto ora presenta un’intestazione con lo stesso aspetto degli
altri titoli di campo.

Salvataggio del report


1 Fare clic su Salva sulla barra degli strumenti standard per salvare il lavoro.
Se è la prima volta che il report viene salvato, verrà visualizzata la finestra di
dialogo Salva con nome, con la directory predefinita nella quale si trova il file.
Viene visualizzato anche un nome di file predefinito, basato sul titolo del report
definito precedentemente.
2 Digitare Custlist.rpt nella casella Nome file e fare clic su Salva.
Il report viene salvato nella directory predefinita o in un’altra directory scelta
dall’utente.

46 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

3 Fare clic sulla scheda Anteprima per visualizzare il report.


Il report dovrebbe avere l’aspetto seguente:

Congratulazioni! In questo modo è stato creato un semplice report di elenco. Nel


resto dell’esercitazione verrà spiegato come migliorare tale report.

Selezione dei record


Crystal Reports consente di limitare o circoscrivere i record da includere in un
report. In questa sezione viene descritto come:
• Selezionare i record che si desidera includere nel report.
• Salvare un report includendo i criteri di selezione.
Ad esempio, può essere utile disporre di un elenco che contenga solo i clienti
residenti negli USA. I dati di esempio contengono record relativi a clienti
statunitensi e internazionali. È semplice circoscrivere elenchi come questo
mediante l’Esperto selezione.

Immissione dei criteri di selezione


Quando si scorre il report, si nota che questo contiene informazioni relative a
clienti residenti in diversi paesi. In questa fase, il numero di paesi visualizzati viene
limitato ai soli Stati Uniti.

Per immettere i criteri di selezione


1 Per iniziare, fare clic sulla scheda Progettazione per tornare alla modalità di
progettazione.
2 Fare clic su un’area vuota del report per assicurarsi che tutti i campi siano
deselezionati.
3 Fare clic sull’Esperto selezionesulla barra degli strumenti Strumenti Esperto.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 47


Avviamento rapido per nuovi utenti

Viene visualizzata la finestra di dialogo Scegli campo.

Tale finestra di dialogo elenca tutti i campi correntemente presenti nel report
nella sezione Campi report e tutti i campi disponibili da ogni tabella nella
sezione relativa ai campi del database.
4 Poiché la selezione dei record deve essere effettuata in base al campo relativo
al paese, selezionare Paese nell’elenco Campi e fare clic su OK.
Viene visualizzato l’Esperto selezione.

Si supponga di completare la frase seguente:


Seleziona tutti i record dove il paese del cliente è
Si completa la frase con la condizione che il programma deve utilizzare per
selezionare i record per il report. Per il momento la condizione è qualsiasi valore,
ovvero non esiste alcuna restrizione nella selezione dei record.
5 Fare clic sulla freccia nella casella operatori per visualizzare le altre opzioni
disponibili. Poiché si desidera ottenere solo i record in cui il paese indicato è
USA, selezionare la condizione uguale a.
Sulla destra viene visualizzata una nuova casella. La frase nella finestra di
dialogo ora è:
Seleziona tutti i record dove il paese del cliente è uguale a
Per completare la frase, è sufficiente inserire il valore USA.

48 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

6 Fare clic sulla freccia nell’elenco vuoto. Viene visualizzato un elenco di tutti i
valori disponibili per il paese. Selezionare USA dall’elenco.
La frase ora è:
Seleziona tutti i record dove il paese del cliente è uguale a USA

7 Fare clic su OK per tornare alla scheda Progettazione.


8 Fare clic sulla scheda Anteprima per esaminare i risultati del lavoro.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Rilevata modifica in formula selezione
record.
9 Fare clic su Aggiorna dati.
10 Salvare questa versione del report senza sovrascrivere il report originale
scegliendo il comando Salva con nome dal menu File e assegnando al nuovo
report il nome USA.rpt.
Congratulazioni! Dopo aver formattato il record, sono stati aggiunti dei criteri di
selezione. Si è inoltre appreso come gestire i dati. A questo punto si possono
immaginare le infinite possibilità di creazione dei report.

Eliminazione di un campo
Il report contiene ora solo i record relativi agli USA, quindi la visualizzazione del
campo Paese nel corpo del report non è più necessaria. È possibile eliminare questo
campo prima di continuare.

Per eliminare un campo


1 Selezionare il campo Paese e l’intestazione della colonna Paese mediante la
combinazione Ctrl-clic.
2 Premere il pulsante Canc sulla tastiera.
I campi sono stati eliminati dal report.
Il report dovrebbe avere l’aspetto seguente:

Manuale dell’utente di Crystal Reports 49


Avviamento rapido per nuovi utenti

Bilanciamento degli spazi nel campo


Dopo aver eliminato il campo Paese, fra i campi Città e Nome contatto rimane
molto spazio vuoto. Anche se non è indispensabile eliminare questo spazio, il
report sarebbe più leggibile se lo spazio fra le colonne nella pagina fosse più
bilanciato.

Per bilanciare lo spazio fra i campi


1 Tornare alla scheda Progettazione. Selezionare il campo Nome contatto e la
relativa intestazione mediante la combinazione Ctrl-clic.
2 Portare il cursore su uno dei due oggetti di testo evidenziati e trascinarli a
sinistra, avvicinandoli al campo Città.
3 Fare clic sulla scheda Anteprima per esaminare nuovamente il lavoro.
Il report dovrebbe avere l’aspetto seguente:

Lo spazio fra i campi è distribuito in modo migliore, ma il titolo del report non
è centrato.
4 Fare clic sull’oggetto titolo del report per selezionarlo.
5 Spostare il cursore sul quadratino destro dell’oggetto fino a quando il cursore
diventa un cursore di ridimensionamento. Trascinare il margine destro della
cornice di oggetto finché è allineato al margine destro dei dati contenuti
nell’oggetto campo Nome contatto.
Il titolo del report viene automaticamente centrato in base alle dimensioni
dell’oggetto.

50 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

Raggruppamento e ordinamento
È possibile raggruppare e ordinare i dati di un report in molti modi. Gli strumenti
di ordinamento e raggruppamento consentono una notevole flessibilità nella
personalizzazione dei report.

Raggruppamento di report
In molti report è necessario suddividere i dati in gruppi per semplificarne la lettura
e la comprensione. Crystal Reports consente di farlo semplicemente. Per questo
elenco, i clienti verranno raggruppati per regione e ordinati alfabeticamente
all’interno di ogni gruppo.

Per raggruppare un report


1 Nella scheda Progettazione, fare clic su Inserisci Gruppo nella barra degli
strumenti Strumenti di inserimento.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci Gruppo.

2 Selezionare Regione dalla tabella Cliente nel primo elenco a discesa.


Il programma ora estrae tutti i record che presentano lo stesso valore nel campo
relativo alla regione e li inserisce in un gruppo del report.
3 Selezionare in ordine crescente dal secondo elenco a discesa.
Il raggruppamento per regione viene visualizzato nel report in ordine
alfabetico crescente.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 51


Avviamento rapido per nuovi utenti

4 Fare clic su OK.


Notare che le due nuove sezioni sono ora visualizzate nella scheda
Progettazione. IG1 (Intestazione di gruppo #1) e PPG1 (Piè di pagina gruppo).
In tal modo il programma indica che il report è stato raggruppato.
5 Fare clic sulla scheda Anteprima per visualizzare il report.

6 Se la struttura di gruppo non è visibile, selezionare Visualizza/Nascondi


struttura di gruppo nella barra degli strumenti standard per visualizzare i
gruppi inclusi nel report.
È possibile visualizzare i gruppi desiderati facendo clic sul nome del gruppo nella
struttura dei gruppi. Ad esempio, per visualizzare il gruppo di clienti del Texas,
fare clic su TX nella struttura dei gruppi. Il programma passa al gruppo Texas,
visualizzandolo nella scheda Anteprima. La struttura dei gruppi consente di
passare rapidamente allo specifico gruppo desiderato, invece di scorrere il report
cercando tale gruppo. Per ulteriori informazioni sulla struttura di gruppo, vedere
“Visualizzazione della struttura di gruppo” a pagina 84.
Nota: in molti report si desidera inserire dei riepiloghi e dei totali parziali e
generali. Ad esempio, se si è creato un report sulle vendite e non un elenco clienti,
è possibile che si desideri calcolare l’importo totale delle vendite per ogni area.
Vedere “Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali” a pagina 153.

Intestazioni “dinamiche” di gruppo


Quando si inserisce un gruppo, nella sezione Intestazione di gruppo del report
viene inserito automaticamente un campo per il nome del gruppo. Tale campo
visualizza il nome del gruppo corrente. Ad esempio, se si effettua il
raggruppamento per regione, e si visualizza in anteprima il report, l’intestazione
del gruppo CA (California) è "CA".

52 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

Il nome del gruppo viene formattato automaticamente per essere visibile fra i
record del gruppo.

Ordinamento dei record


In un tipico report di elenco clienti, i nomi dei clienti vengono elencati
alfabeticamente. In questo esempio, i nomi dei clienti vengono ordinati
alfabeticamente all’interno di ogni regione.

Per ordinare i record


1 Nella scheda Anteprima, fare clic su Esperto ordinamento record sulla barra
degli strumenti Strumenti Esperto.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Ordinamento record.

La casella di riepilogo Campi disponibili visualizza tutti i campi al momento


presenti nel report e tutti i campi presenti nell’origine dati. È possibile
effettuare l’ordinamento in base a uno qualsiasi di questi campi.
La casella di riepilogo Campi di ordinamento visualizza i campi già ordinati nel
report. Poiché il campo relativo alla regione è già stato ordinato, l’operazione di
ordinamento viene eseguita all’interno di ogni regione e non per tutto il report.
2 Evidenziare il campo Nome cliente e fare clic sul > pulsante freccia per
aggiungerlo alla casella di riepilogo Campi di ordinamento.
3 Selezionare Crescente per Direzione di ordinamento e fare clic su OK. Il report
dovrebbe avere l’aspetto seguente:

Manuale dell’utente di Crystal Reports 53


Avviamento rapido per nuovi utenti

Notare che i record all’interno di ogni gruppo sono in ordine alfabetico.

Completamento del report


Per completare il report è necessaria solo un’altra fase: aggiungere il logo della
società alla prima pagina del report. aggiungere il logo della società alla prima
pagina del report.

Inserimento del logo della società


In questa sezione, si inserisce il logo della società nella parte superiore della prima
pagina del report.

Per inserire un logo della società


1 Nella scheda Progettazione, fare clic su Inserisci Immagine nella barra degli
strumenti Strumenti di inserimento.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Apri.
2 Selezionare Xtreme.bmp e fare clic su Apri.
Mentre si sposta il cursore sul report, viene visualizzata una cornice di oggetto.
La cornice rappresenta il logo da inserire.
Consiglio: Il file Xtreme.bmp si trova nella sottocartella Databases della cartella
Samples\It.

3 Posizionare la cornice di oggetto nell’angolo superiore sinistro della sezione


Intestazione report (IR) del report e fare clic una volta per inserirla.
Se il logo è posizionato nella sezione Intestazione report (IR), viene stampato
solo sulla prima pagina del report.

54 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

Nota: Anche se nella sezione Intestazione report (IR) non sembra esserci
spazio sufficiente quando si inserisce l’elemento grafico, la sezione si espande
automaticamente per contenere l’immagine.
4 Fare clic sulla scheda Anteprima per visualizzare il report.
Il report finale dovrebbe avere l’aspetto seguente:

5 Salvare il report facendo clic su Salva sulla barra degli strumenti Standard.
È stato così completato il primo report.

Argomenti correlati
• Per informazioni sulla distribuzione dei report (stampa, esportazione e così
via) vedere gli argomenti relativi alla stampa in “Formattazione” a pagina 211
e “Visualizzazione e distribuzione di report” a pagina 349.

Avviamento rapido per utenti esperti


Se si è utenti esperti di Windows e si desidera accedere direttamente al
programma, sarà possibile impostare un primo report attenendosi alla procedura
riportata di seguito.
Se non si è utenti esperti, consultare “Avviamento rapido per nuovi utenti” a
pagina 34.

Per scegliere un tipo di report e l'origine dei dati


1 In Windows, fare clic su Avvio, selezionare Programmi, quindi scegliere
Crystal Reports 10.
2 Fare clic su Come Report vuoto e su OK per aprire la finestra di dialogo
Esperto database.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 55


Avviamento rapido per utenti esperti

In alternativa alla creazione di un report vuoto, è possibile scegliere una delle


quattro Procedure guidate per la creazione di report. Visualizzare esempi di
stile per ciascuno selezionandoli dall’elenco delle procedure guidate.
Dopo la scelta di una procedura guidata, è possibile creare il report su diverse
origini dati.
3 Sfogliare i contenuti dell’Esperto database per individuare l’origine dati che si
desidera utilizzare per il report.
4 Selezionare la tabella che si desidera utilizzare nel report e fare clic sulla >
freccia per aggiungerla all’elenco Tabelle selezionate.
5 Una volta aggiunte tutte le tabelle che si desidera utilizzare, fare clic su OK
nell’Esperto database.
Nota: se si seleziona più di una tabella nella finestra di dialogo Esperto
database, viene visualizzata la scheda Collegamenti. Per ulteriori informazioni
sul collegamento, vedere “Collegamento di più tabelle” a pagina 88.
Viene visualizzata la scheda Progettazione che contiene le aree Intestazione
report, Intestazione pagina, Dettagli, Piè di pagina e Piè di pagina report. Il
report viene creato inserendo e formattando gli elementi in ciascuna delle aree.
Nota: Per utilizzare tabelle aggiuntive del database per il report e confrontarle
record per record, fare clic su Esperto database sulla barra degli strumenti
Strumenti Esperto, selezionare le tabelle e quindi impostare i collegamenti nella
scheda Collegamenti, una volta visualizzata.

Per utilizzare gli elementi del report nella scheda Progettazione


1 Tutte le aree di report predefinite contengono una sola sezione. Per aggiungere
sezioni aggiuntive, fare clic su Esperto sezione sulla barra degli strumenti
Strumenti Esperto e utilizzare l’Esperto sezione per aggiungere le sezioni
desiderate.
Una volta aggiunte le sezioni a un’area, sarà possibile spostarle, unirle ed
eliminarle nell’Esperto sezione. Vedere “Progettazione con le linee guida” a
pagina 227.
2 Per attivare o disattivare la griglia, selezionare il comando Opzioni dal menu
File e selezionare o deselezionare la casella di controllo Griglia nell’area
Visualizzazione struttura della scheda Layout quando viene visualizzata la
finestra di dialogo Opzioni. Vedere “Uso della griglia” a pagina 226.
3 Se si lavora con la griglia disattivata e si desidera utilizzare la funzione per
agganciare gli oggetti alle linee guida per posizionarli, fare clic sul righello
superiore o sul righello a sinistra, nel punto in cui si desidera visualizzare le
linee guida.
Ulteriori modi per utilizzare le linee guida:
• Trascinare un campo sulla linea guida per agganciarlo alla stessa.
• Trascinare la freccia della linea guida per spostare la linea guida e gli
oggetti agganciati ad essa.

56 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

• Trascinare la freccia della linea guida lontano dal righello per eliminarla.
Vedere “Progettazione con le linee guida” a pagina 227.
4 Se la finestra di dialogo Explorer Campo non è visibile, fare clic su Explorer
Campo nella barra degli strumenti standard.
Espandere il nodo Campi database per visualizzare un elenco di campi. Per
facilitare l’inserimento di più campi, questa finestra rimane visualizzata fino a
quando non viene chiusa. È possibile spostare questa finestra di dialogo in
un’altra posizione o ridimensionarla. Vedere “Inserimento dei dati nel report”
a pagina 89.
5 Selezionare il campo o i campi che si desidera visualizzare sul report.
È possibile selezionarli e posizionarli uno per volta oppure utilizzare le
combinazioni Maiusc-clic per selezionare dall’elenco una serie di campi
contigui e Ctrl-clic per selezionare più campi in varie posizioni dell’elenco. È
attiva anche la funzione di trascinamento. Posizionare i campi nei punti
desiderati della sezione Dettagli.
Quando si posizionano più campi, essi vengono visualizzati nello stesso ordine
di visualizzazione nella finestra di dialogo Explorer Campo. Il programma
segna la posizione di ciascun campo con una cornice rettangolare. I caratteri
all’interno della cornice indicano se il campo contiene testo (XXX...), numeri
(555...), valuta ( 555...), data (31/12/99), ora (00.00.00), DataOra (31/12/99
00.00.00) o un valore booleano (T/F).
Nota:
• I nomi e i tipi di campo possono essere visualizzati selezionando la casella
di controllo Mostra nomi campi nella finestra di dialogo Opzioni (scheda
Layout).
• Il programma colloca automaticamente i titoli dei campi nella sezione
Intestazione pagina, a meno che non si disattivi la casella di controllo
Inserisci intestazioni campi di dettaglio nella finestra di dialogo Opzioni
(scheda Layout).
• Se si aggiungono altre sezioni Dettagli al report, i titoli di campo saranno
inseriti solo nella sezione Intestazione pagina per i campi della sezione
Dettagli A (originale) del report.
6 Una volta inseriti gli oggetti, probabilmente sarà necessario modificare le
sezioni del report. Per eseguire questa operazione, fare clic con il tasto destro
del mouse sull’area ombreggiata alla sinistra del righello di sezione e utilizzare
il menu di scelta rapida visualizzato:
• Per espandere una sezione al fine di inserire una riga aggiuntiva, scegliere
il comando Inserisci Linea.
• Se si desidera che il programma disponga orizzontalmente gli oggetti nella
sezione automaticamente, scegliere il comando Disponi Linee.
• Per ridurre le dimensioni di una sezione per eliminare lo spazio bianco
superfluo al di sopra e al di sotto degli oggetti, scegliere il comando Adatta
alla Sezione. Vedere “Uso di spazi tra le righe” a pagina 249.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 57


Avviamento rapido per utenti esperti

7 Per generare un titolo di report, è necessario innanzitutto inserire il titolo nella


finestra di dialogo Proprietà documento. Dal menu File, fare clic su
Informazioni di riepilogo. Immettere un titolo nella casella di testo Titolo
della finestra di dialogo Proprietà Documento Fare clic su OK.
8 Scegliere Titolo report dall'elenco Campi speciali in Explorer Campo.
Spostando il cursore sopra il report appare un riquadro di posizionamento.
Fare clic una volta nella sezione Intestazione report per inserire il titolo del
report. Il campo del titolo del report contiene il testo digitato nella casella di
testo Titolo della finestra di dialogo Proprietà Documento. Vedere “Aggiunta
di una pagina di titolo al report” a pagina 100.
9 Per visualizzare l’anteprima di stampa, fare clic su Anteprima di stampa sulla
barra degli strumenti standard.
Per ridurre i tempi, è possibile visualizzare solo l’anteprima di un sottoinsieme
del report. Per fare questo, selezionare il menu File, scegliere Stampa, quindi
fare clic su Esempio anteprima. Vedere “Scheda Anteprima” a pagina 82.
In ogni caso, il programma apre la scheda Anteprima. È possibile perfezionare
un report nella scheda Anteprima mentre si visualizzano i risultati come dati
reali del report. È inoltre possibile chiudere la scheda di anteprima e continuare
a lavorare sul report nella scheda Progettazione.

Per utilizzare altre funzioni di reporting


1 Se si desidera formattare un campo, modificare la posizione o la larghezza del
campo oppure inserire un riepilogo, quindi fare clic sul campo per
selezionarlo. Appariranno i quadratini sui quattro lati di ciascun campo
selezionato:
• Per modificare la posizione dei campi, utilizzare il mouse per trascinare la
cornice del campo nella nuova posizione.
• Per modificare la larghezza di un campo, utilizzare il mouse per trascinare
il quadratino destro o sinistro.
• Fare clic con il pulsante destro del mouse sul campo per formattarlo o
riepilogarlo. Viene visualizzato il menu di scelta rapida con l’elenco dei
comandi per la formattazione e il riepilogo del campo.
Consiglio: numerose opzioni relative al carattere e alla formattazione sono
disponibili sulla barra di formattazione.
Nota: per applicare un determinato tipo di formattazione solo in particolari
condizioni, fare clic su Formula Condizionale accanto alle opzioni di
formattazione nell’Editor Formato e creare una formula che definisca tali
condizioni. Vedere “Uso della formattazione condizionale” a pagina 252.
2 Per creare una formula che consenta di effettuare calcoli di dati o confronti,
selezionare Campi formula in Explorer Campo.
Nota: è anche possibile fare clic sul Workshop formula della barra degli
strumenti Strumenti Esperto per utilizzare formule, funzioni personalizzate,
espressioni SQL e così via.

58 Manuale dell’utente di Crystal Reports


4 Avviamento rapido

3 Fare clic su Nuovo. Viene visualizzata la finestra Nome Formula. Immettere


un nome per la formula e fare clic su Usa Editor. Viene visualizzato il
Workshop formula con l’Editor delle formule attivo.
4 Inserire la formula nell’Editor delle formule. Immettere campi, operatori e
funzioni selezionandoli dai rispettivi elenchi o digitandoli. È possibile
controllare la sintassi delle formula facendo clic su Verifica.
5 Al termine delle modifiche, fare clic su Salva e chiudi per tornare alla finestra
di dialogo Explorer Campo.
6 Fare clic su Inserisci in report per inserire la formula come si farebbe per un
campo del database. Vedere “Utilizzo delle formule” a pagina 391.
7 Per inserire un sottoreport (un report all’interno di un report), fare clic su
Inserisci Sottoreport nella barra degli strumenti Strumenti di inserimento e
selezionare un report esistente da importare come sottoreport o utilizzare la
Procedura guidata per la creazione di report per creare un nuovo sottoreport.
Vedere “Inserimento di sottoreport” a pagina 435.
Se si desidera che i record del sottoreport corrispondano ai record del report
principale, fare clic sulla scheda Collegamento della finestra di dialogo Inserisci
Sottoreport e specificare il collegamento quando viene visualizzata la scheda.
Vedere “Per collegare un sottoreport ai dati del report principale” a pagina 438.
8 Per inserire nel report un oggetto a campi incrociati, fare clic su Inserisci
campo incrociato nella barra degli strumenti Strumenti di inserimento e
impostare il campo incrociato nell’Esperto campi incrociati, una volta
visualizzato. Vedere “Oggetti a campi incrociati” a pagina 311.
9 Per creare un campo di parametro (un campo che richiede un valore ogni volta
che si recuperano dati per il report), fare clic su Explorer Campo nella barra
degli strumenti standard, quindi selezionare Campi di parametro nella
finestra di dialogo Explorer Campo una volta visualizzata. Fare clic su Nuovo
per impostare un campo di parametro. Una volta creato, è possibile inserire il
campo di parametro nel report come campo del database o selezionarlo
dall’elenco Campi nel Workshop formula.
I campi di parametro possono essere utilizzati nei report (per la richiesta di
titolo o di etichetta), nella selezione di formule (ad esempio, la richiesta di
selezione dei criteri) e nelle formule (per una grande varietà di scopi, incluso
l’ordinamento dei campi). Vedere “Campi di parametro” a pagina 415.
10 Per aggiungere un grafico, fare clic su Inserisci Grafico nella barra degli
strumenti Strumenti di inserimento. Vedere “Grafici” a pagina 263.
11 Per aggiungere una mappa, fare clic su Inserisci mappa nella barra degli
strumenti Strumenti di inserimento. Vedere “Creazione di mappe” a
pagina 281.
12 Per inserire un foglio di lavoro, un’immagine o un altro oggetto OLE che è
possibile modificare dall’interno di Report Designer con gli stessi strumenti

Manuale dell’utente di Crystal Reports 59


Avviamento rapido per utenti esperti

con cui è stato realizzato, selezionare Oggetto OLE dal menu Inserisci. Vedere
“OLE” a pagina 301 e “Uso degli oggetti OLE statici” a pagina 306.
13 Per modificare il criterio di ordinamento dei record, fare clic su Esperto
ordinamento record sulla barra degli strumenti Strumenti Esperto. Viene
visualizzata la finestra di dialogo Ordinamento record. Evidenziare il campo/i
che si desidera utilizzare per ordinare i dati del report e il tipo di ordinamento.
Vedere “Ordinamento di uno o più campi” a pagina 155.
14 Per limitare il report a record specifici (ad esempio, i record dei clienti
californiani che presentano incassi annuali sulle vendite superiori ai 10.000
dollari), fare clic sul primo campo su cui basare la selezione, quindi fare clic su
Esperto selezione della barra degli strumenti Strumenti Esperto. Quando
viene visualizzato l’Esperto di selezione, impostare i criteri di selezione dei
record.
15 Per stampare il report, fare clic su Stampa sulla barra degli strumenti
standard.
La procedura è conclusa. In questo modo termina la creazione di un report.

60 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Concetti relativi alla progettazione
di report 5

Questo capitolo descrive i concetti fondamentali della


progettazione di report e consente di decidere quali
informazioni includere nel report.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 61


Nozioni sulla progettazione di report

Nozioni sulla progettazione di report


L’obiettivo di questo capitolo consiste nel fornire un approccio strutturato alla
preparazione di un report Crystal. Tale approccio comprende gli elementi riportati
di seguito:
• Definizione del contenuto dei report
• Sviluppo di un prototipo su carta.
Questa sezione ha lo scopo di fornire una descrizione dei concetti relativi al
processo di creazione dei report.

Definizione del contenuto dei report


Prima di eseguire qualsiasi operazione, è necessario definire le informazioni che si
desidera inserire nel report. Le seguenti sezioni forniscono una guida a riguardo.

Definizione degli obiettivi


Obiettivi generali del report
I report sono strumenti di gestione. L’obiettivo consiste nel permettere agli utenti
di comprendere rapidamente gli elementi e le relazioni fondamentali esistenti tra
i dati e prendere decisioni appropriate. La validità del report dipende dalla
presentazione logica di dati corretti. Un report contenente dati errati o comunque
presentati in maniera poco chiara potrebbe rallentare il processo decisionale o
anche condurre a decisioni errate.
Prima di creare un report, è consigliabile identificarne brevemente per iscritto gli
obiettivi. In tal modo, si definiscono le necessità fondamentali, il punto di partenza
e lo scopo.
Di seguito sono riportati alcuni esempi di definizione degli obiettivi dei report.
• L’obiettivo del report consiste nel visualizzare le vendite mensili e annuali
degli agenti di vendita, paragonare le cifre dell’anno corrente a quelle
dell’anno precedente e contrassegnare gli agenti con valori delle vendite che
non corrispondono agli standard della società.
• L’obiettivo del report consiste nel visualizzare l’attività di vendita per ogni
voce dell’inventario e suggerire il riordino delle quantità in base a tale attività.
• L’obiettivo del report consiste nel calcolare le medie e le penalità per ogni
membro del campionato di bowling.
La definizione dello scopo del report, prima di cominciarne la creazione, è una fase
fondamentale dell’intero processo.

62 Manuale dell’utente di Crystal Reports


5 Concetti relativi alla progettazione di report

Destinatari del report


Un singolo report viene spesso utilizzato da più persone. Un report dettagliato
sulle vendite di tutta la società, ad esempio, può essere utilizzato dagli agenti di
vendita, dai responsabili delle vendite regionali e nazionali e dal direttore
generale.
Queste persone possono essere interessate ad aspetti diversi del report.
• Un agente di vendita utilizza il report per valutare le proprie prestazioni
individuali e per paragonarle a quelle di altri agenti nella stessa regione.
• Il responsabile regionale delle vendite utilizza il report per valutare gli agenti
regionali e confrontare le prestazioni ottenute nella regione con quelle delle
altre regioni.
• Il responsabile nazionale delle vendite utilizza il report per valutare le
prestazioni dei responsabili regionali e per confrontare le vendite totali con le
previsioni correnti.
• Il direttore generale utilizza il report per valutare le prestazioni del vice
presidente del Marketing e dell’intero reparto addetto alle vendite, nonché per
pianificare le necessità di produzione e l’ubicazione dei magazzini.
Poiché ciascun utente del report ha interessi diversi, è importante progettare il
report in modo che includa tutte le informazioni rilevanti per ciascun utente.

Determinazione del layout del report


Titolo del report
Assegnare un titolo provvisorio al report. Anche se in seguito può essere
modificato, tale titolo è comunque disponibile durante la creazione del prototipo
di report.

Informazioni di identificazione necessarie nell’intestazione


e piè di pagina
È possibile includere la data di stampa, le informazioni sull’autore del report, un
blocco di testo che descriva gli obiettivi del report, l’intervallo di dati e così via. Se
si desidera inserire tali informazioni, è consigliabile elencarle per iscritto in modo
da utilizzarle per la preparazione del prototipo.
Le informazioni possono provenire da origini diverse, a seconda del tipo di
informazioni che si intende utilizzare.
• Le informazioni sull’autore del report possono essere ricavate dai singoli
campi dati delle tabelle di database utilizzate. Se tali informazioni devono
essere estratte da una o più tabelle di database, è necessario specificare tale
tabella o la combinazione di tabelle.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 63


Definizione del contenuto dei report

• È possibile creare un blocco di testo come oggetto di testo e inserirlo in


qualsiasi punto del report.
• Crystal Reports può generare informazioni quali la data di stampa o i numeri
di pagina.

Individuazione dei dati


Quali dati si desidera utilizzare nel report?
È necessario conoscere il tipo di database sul quale si intende basare il report. I dati
del report possono essere estratti da un file di dati SQL/ODBC, Visualizzazione
aziendale o Dictionary.
Se non si conosce la provenienza di tali dati, è possibile contattare l’amministratore
dei database della propria azienda per informazioni sull’impostazione del tipo di
database e la posizione dei dati. Per ulteriori informazioni, vedere Accesso alle
origini dati nella Guida in linea.
È necessario acquisire una discreta familiarità con i dati per trovare le informazioni
desiderate. Quando si cerca il nome di un contatto relativo a un cliente, è
necessario trovare il campo relativo in una tabella di database.
I responsabili dei sistemi informativi di gestione, gli amministratori di database o
i collaboratori dovranno aiutare l’utente a gestire i dati.

Dati specifici che devono essere presenti nel corpo del


report
Il corpo dovrebbe contenere tutti i dati necessari per raggiungere lo scopo definito
per il report. Dovrebbe contenere, inoltre, tutti i dati necessari ai diversi utenti
identificati.
Questa fase richiede di individuare tutte le tabelle di database disponibili. Crystal
Reports permette di combinare dati provenienti da più database quando vengono
creati i report, consentendo in tal modo una grande flessibilità.
• La maggior parte dei dati in un report tipico è estratta direttamente da campi
dati. Specificare i campi dati da utilizzare e la relativa posizione.
• Altri dati vengono calcolati in base ai campi dati. Specificare i campi dati che si
desidera utilizzare per tali calcoli.
• Altri dati ancora vengono inseriti direttamente nel report mediante oggetti di
testo (intestazioni, note, etichette e così via).

Dati esistenti o da calcolare


È possibile estrarre alcune informazioni relative al report direttamente dai campi
dati (ad esempio, informazioni sulle vendite); è invece necessario calcolare altre

64 Manuale dell’utente di Crystal Reports


5 Concetti relativi alla progettazione di report

informazioni in base ai valori dei campi dati (ad esempio, commissioni di vendita
in base alla relazione fra vendite e quote). In fase di pianificazione è, quindi,
consigliabile separare o contrassegnare i dati da calcolare rispetto a quelli che
possono essere utilizzati direttamente. Vedere “Utilizzo delle formule” a
pagina 398.

Tipi di campi in cui sono memorizzati i dati


È necessario apprendere in modo graduale il tipo di dati da inserire nei campi
utilizzati nei calcoli. Poiché le funzioni e gli operatori delle formule funzionano con
tipi di dati specifici, è importante riconoscere i tipi di dati che si utilizzano prima
di iniziare i calcoli. Ad esempio, alcune funzioni richiedono dati numerici, mentre
altre richiedono esclusivamente campi stringa.

Manipolazione dei dati


Raggruppamento dei dati
In che modo? Per cliente? Per data? Per gerarchia? È possibile ordinare i dati in
base a criteri diversi, ad esempio al cliente, alla data, alla gerarchia e così. Crystal
Reports dispone di varie opzioni per il raggruppamento dei dati nel report. Vedere
“Raggruppamento dei dati” a pagina 157.

Ordinamento dei dati in base a record o valori di gruppo


Crystal Reports consente di scegliere tra le due possibilità. Vedere “Comprensione
delle opzioni di ordinamento” a pagina 154.

Report con solo record o gruppi di record specifici


Crystal Reports consente di basare un report su tutti i record di un database o su
un limitato gruppo di record del database. Crystal Reports può essere utilizzato
per selezionare i record in base a semplici intervalli di dati o a confronti fra dati
oppure per creare formule complesse per identificare i record da includere.
Occorre pertanto specificare i record necessari per il report e i relativi criteri di
selezione. Vedere “Selezione dei record” a pagina 140.

Riepilogo dei dati


Specificare se si desidera calcolare il totale, la media, il conteggio oppure
determinare il valore massimo o minimo fra tutti quelli inclusi nelle colonne del
report.
Crystal Reports consente di eseguire tali operazioni e di posizionare inoltre il totale
generale (oppure la media o la somma dei totali generali e così via) alla fine della

Manuale dell’utente di Crystal Reports 65


Definizione del contenuto dei report

colonna selezionata. Vedere “Calcolo delle percentuali” a pagina 176 e “Selezione


dei primi e degli ultimi N gruppi o percentuali” a pagina 172.

Informazioni da contrassegnare nel report


È possibile richiamare l’attenzione su alcuni dati contrassegnandoli con dei flag nel
report. Ad esempio, le voci fisse di un inventario sono spesso contrassegnate nei
report di inventario, in modo che a tali voci venga prestata particolare attenzione.
È possibile contrassegnare ogni voce che non ha mostrato attività durante l’ultimo
mese, durante gli ultimi tre mesi o durante un altro periodo definito. Per
contrassegnare le informazioni, identificarle insieme a qualunque condizione che
attiva il flag.

Tipo di flag
È possibile contrassegnare i dati con un asterisco o altri simboli oppure utilizzare
come flag una parola. È comunque consigliabile annotare le istruzioni per i flag in
modo che siano disponibili immediatamente.
Crystal Reports consente di sottolineare elementi del report e di modificare il tipo,
la dimensione o il colore dei caratteri utilizzati per specifiche voci del report. Esso
consente di inserire bordi intorno alle voci e di tracciare linee e caselle (per dividere
il report in sezioni), di impostare intestazioni e così via. Tutti questi strumenti di
formattazione possono essere utilizzati per evidenziare i dati chiave di un report.
Vedere “Formattazione” a pagina 211.

Determinazione delle caratteristiche dell’area di stampa


Ogni area del report ha caratteristiche di stampa specifiche. È importante valutare
tali caratteristiche perché influenzano l’ordine e la frequenza con cui vengono
stampati i vari oggetti del report.

Ordine di stampa delle aree nel report


Le aree vengono stampate nell’ordine in cui sono visualizzate nella scheda
Progettazione (dall’alto verso il basso). Se nell’area si trova più di una sezione, le
sezioni vengono stampate nell’ordine in cui vengono visualizzate. Ad esempio, se
esistono tre sezioni Intestazione report, vengono stampate tutte e tre le sezioni,
nell’ordine, prima della sezione o delle sezioni nell’area Intestazione pagina.

Frequenza di stampa degli oggetti report


Le modalità di stampa degli oggetti determinano le modalità di progettazione del
report. In questo modo è più semplice stabilire la posizione dei grafici, dei campi
incrociati e delle formule al fine di ottenere risultati specifici.

66 Manuale dell’utente di Crystal Reports


5 Concetti relativi alla progettazione di report

Intestazione report
Gli oggetti inseriti nell’area Intestazione report vengono stampati una volta,
all’inizio del report.
• I grafici e i campi incrociati inseriti in questa area contengono dati relativi
all’intero report.
Nota: nei grafici e nei campi incrociati è possibile filtrare i dati del report
utilizzando un ordinamento dei gruppi; in questi casi, i dati visualizzati nel
grafico o nel campo incrociato costituiscono un sottoinsieme dei dati relativi
all’intero report.
• Le formule inserite in questa area vengono valutate una volta, all’inizio del
report.

Intestazione pagina
Gli oggetti inseriti nell’area Intestazione pagina vengono stampati all’inizio di
ciascuna pagina nuova.
• In questa sezione non è possibile inserire grafici o campi incrociati.
• Le formule inserite in questa area vengono valutate una volta per pagina,
all’inizio di ciascuna pagina nuova.

Intestazione gruppo
Gli oggetti inseriti nell’area Intestazione gruppo vengono stampati all’inizio di
ciascun gruppo nuovo.
• I grafici e i campi incrociati inseriti in questa area contengono dati relativi solo
al gruppo.
• Le formule inserite in questa area vengono valutate una volta per ogni gruppo,
all’inizio di ciascun gruppo.

Area Dettagli
Gli oggetti inseriti nell’area Dettagli vengono stampati con ogni record nuovo.
• In questa area non è possibile inserire grafici o campi incrociati.
• Le formule inserite in questa area vengono valutate una volta per ogni record.

Piè di pagina di gruppo


Gli oggetti inseriti nell’area Piè di pagina gruppo vengono stampati alla fine di
ciascun gruppo.
• I grafici e i campi incrociati inseriti in questa area contengono dati relativi solo
al gruppo.
• Le formule inserite in questa area vengono valutate una volta per ogni gruppo,
alla fine del gruppo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 67


Sviluppo di un prototipo su carta

Piè di pagina report


Gli oggetti inseriti nell’area Piè di pagina report vengono stampati una volta, alla
fine del report.
• I grafici e i campi incrociati inseriti in questa area contengono dati relativi
all’intero report.
Nota: nei grafici e nei campi incrociati è possibile filtrare i dati del report
utilizzando un ordinamento dei gruppi; in questi casi, i dati visualizzati nel
grafico o nel campo incrociato costituiscono un sottoinsieme dei dati relativi
all’intero report.
• Le formule inserite in questa area vengono valutate una volta, alla fine del
report.

Piè di pagina
Gli oggetti inseriti nell’area Piè di pagina vengono stampati alla fine di ciascuna
pagina.
• In questa area non è possibile inserire grafici e campi incrociati.
• Le formule inserite in questa area vengono valutate una volta per pagina, alla
fine di ciascuna pagina nuova.

Sviluppo di un prototipo su carta


La creazione di un prototipo su carta risulta utile indipendentemente dal livello di
conoscenza di Crystal Reports, tuttavia, è importante soprattutto per i nuovi
utenti. Il prototipo su carta consente di concentrare i propri sforzi sull’uso dei
comandi, senza dover contemporaneamente progettare il report e imparare a
utilizzare il programma.

Per progettare un prototipo su carta


1 Preparare un foglio delle stesse dimensioni del report finito.
2 Inserire il titolo ed altre informazioni descrittive per l’intestazione, utilizzando
caselle o linee per rappresentare gli elementi del report.
3 Inserire le informazioni per il piè di pagina.
4 Esaminare la disposizione del layout di pagina.
5 Verificare le informazioni che si desidera includere nel corpo del report:
• Conteggiare i campi da utilizzare e valutare lo spazio approssimativo fra i
campi.
• Disegnare dei rettangoli per rappresentare i campi all’interno degli spazi
stimati.
• Modificare gli spazi, se necessario.
• Definire la sequenza logica di presentazione dei dati nel corpo del report.
• Applicare ai campi delle etichette per indicare tale sequenza.

68 Manuale dell’utente di Crystal Reports


5 Concetti relativi alla progettazione di report

6 Utilizzare delle caselle per indicare i valori e i totali dei gruppi.


7 Inserire dei flag nella colonna in cui si desidera che vengano visualizzati.
8 Utilizzare un tratto più marcato per gli elementi da evidenziare, in modo che
risaltino rispetto al resto del prototipo.
9 Esaminare il layout e la disposizione del prodotto finito e apportare le
modifiche necessarie.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 69


Sviluppo di un prototipo su carta

70 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Introduzione alla creazione di report 6

Questo capitolo descrive la procedura di base per la


creazione di un report in Crystal Reports. In primo luogo,
verranno acquisite informazioni sull’ambiente di
progettazione dei report, quindi sulla modalità di selezione
delle tabelle di database, di inserimento degli oggetti in un
report e di ordinamento, raggruppamento e calcolo dei
totali dei dati del report.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 71


Opzioni di creazione dei report

Opzioni di creazione dei report


Ogni volta che viene creato un nuovo report, è possibile:
• Utilizzare una Creazione guidata di report.
• Utilizzare un altro report come modello.
• Creare un report ex novo.
Prima o poi verrà utilizzata probabilmente ognuna di queste opzioni.

Creazioni guidate di report


Le Creazioni guidate di report rendono più rapida la generazione dei report, per
cui molti nuovi utenti e sviluppatori preferiscono utilizzare tali procedure guidate
per creare la maggior parte dei report. L’unico compito dell’utente consiste nella
scelta della procedura che corrisponde maggiormente al tipo di report desiderato.
La procedura guidata fornisce all’utente il supporto necessario per una corretta
esecuzione del processo di creazione dei report.

Altro report
Per creare un nuovo report in base a uno esistente, è possibile utilizzare un altro
report come modello. Aprire il report che si desidera utilizzare come modello
tramite l’opzione Apri un report esistente e salvarlo in un nuovo file scegliendo
Salva con nome dal menu File. Il metodo illustrato è utile per:
• creare un nuovo report con un raggruppamento o una selezione dei record
diversi da quelli del report esistente
• ricostruire un report basato su un periodo precedente, utilizzando la stessa
struttura correntemente in uso.
• creare un report completamente nuovo basato su un insieme di database
collegati in un altro report. È possibile creare un report ed eliminare i campi
lasciando invariati i collegamenti esistenti. A questo punto è possibile creare
nuovi report basati su quello attuale senza dover ristabilire i collegamenti.
Crystal Reports consente anche di eseguire la formattazione di un report mediante
l’applicazione di un modello. Per ulteriori informazioni, vedere “Utilizzo di un
modello” a pagina 212.

Nuovo report
L’opzione Come Report Vuoto viene utilizzata per creare un report ex novo. Tale
opzione è utile quando si desidera avere flessibilità e controllo totali sulla
costruzione del report o quando il tipo di report non è compreso fra quelli
disponibili nelle procedure guidate.
L’opzione Come report vuoto è stata scelta per “Avviamento rapido per nuovi
utenti” a pagina 34, poiché la creazione di un report completamente nuovo

72 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

consente di illustrare dettagliatamente i concetti fondamentali del processo di


creazione dei report.

Selezione delle origini dati e dei campi di database


Crystal Reports facilita la selezione delle origini dati e dei campi di database
tramite le finestre di dialogo Esperto database e Explorer Campo, che risultano
estremamente funzionali. Ciascuna di queste finestre di dialogo utilizza la
tradizionale struttura ad albero di Windows per consentire all’utente di spostarsi
tra le opzioni disponibili.
Nota: Crystal Reports supporta Unicode eseguendo la conversione dei dati
memorizzati in database non Unicode non appena vi accede (tale conversione
avviene all’interno di Crystal Reports e non ha alcun effetto sui dati del database
in uso). Poiché Crystal Reports offre il supporto Unicode, è possibile visualizzare
lingue differenti nello stesso report.

Esperto database
L’Esperto database fornisce una visualizzazione della struttura integrata di tutte le
origini dati che è possibile utilizzare con Crystal Reports. Al suo interno, è
possibile selezionare un’origine dati per il report tra quelle indicate di seguito:
• Un’origine dati correntemente collegata.
• Un comando SQL salvato in Crystal Repository.
• Un’origine dati precedentemente aggiunta alla cartella Preferiti.
• Un’origine dati con accesso recente (l’Esperto database gestisce in modo
automatico un elenco di dati di questo tipo).
• Un’origine dati esistente (ad esempio, un file di dati che risiede in locale
oppure un’origine dati ODBC che è già stata impostata).
Nell’Esperto database è inoltre possibile, se si sono selezionate più tabelle per il
report, specificare collegamenti tra le tabelle di database.

Scheda Dati
Visualizzazione struttura
La scheda Dati mostra una visualizzazione della struttura delle origini dati che è
possibile selezionare per creare un report. La struttura, all’interno dell’elenco
Origini dati disponibili, è formata dalle cartelle seguenti:
• Connessioni correnti
• Preferiti
• Cronologia
• Crea nuova connessione
• Repository

Manuale dell’utente di Crystal Reports 73


Selezione delle origini dati e dei campi di database

La cartella Crea nuove connessioni contiene una serie di sottocartelle per le origini
dati più diffuse, Tra cui:
• Access/Excel (DAO)
• Query Crystal
• File di database
• Dictionary/Infoview
• ODBC (RDO)
• OLAP
• OLE DB (ADO)
Nota: le opzioni relative alle origini dati disponibili nella cartella Crea nuove
connessioni variano in base ai componenti di accesso dati selezionati durante
l’installazione.
Per una breve descrizione di ciascuna delle cartelle e sottocartelle sopra elencate,
vedere “Selezione dell’origine dei dati” a pagina 86.

Menu di scelta rapida


È possibile fare clic con il pulsante destro del mouse su una voce all’interno
dell’elenco Origini dati disponibili dell’Esperto database per visualizzare un menu
di scelta rapida con le seguenti opzioni:
• Aggiungi a report
Utilizzare questa opzione per aggiungere una tabella o una procedura
memorizzata al nuovo report. Questa opzione è disponibile anche facendo clic
sul pulsante freccia > nell’Esperto database.
• Aggiungi a Preferiti
Utilizzare questa opzione per aggiungere un'origine dei dati selezionata alla
cartella Preferiti.
• Rimuovi dal report
Utilizzare questa opzione per rimuovere una tabella o una procedura
memorizzata dal report. Questa opzione è disponibile anche facendo clic sul
pulsante freccia < nell’Esperto database.
• Proprietà
Utilizzare questa opzione per ottenere informazioni dettagliate sull’elemento
selezionato.
• Rinomina preferito
Utilizzare questa opzione per rinominare un'origine dei dati nella cartella
Preferiti.
• Elimina preferito
Utilizzare questa opzione per rimuovere un'origine dei dati dalla cartella
Preferiti.

74 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

• Rimuovi dal repository


Utilizzare questa opzione per eliminare un comando SQL esistente da Crystal
Repository.
• Rinomina oggetto repository
Utilizzare questa opzione per rinominare un comando SQL esistente in Crystal
Repository.
• Opzioni
Utilizzare questa opzione per impostare le opzioni generali visualizzate nella
scheda Database della finestra di dialogo Opzioni.
• Aggiorna
Utilizzare questa opzione per aggiornare l’elenco delle origini dati disponibili
nell’Esperto database.

Scheda Collegamenti
Le tabelle di un database sono collegate in modo che i record di un database
corrispondano ai record correlati di un altro. Ad esempio, se si attiva una tabella
Fornitori e una tabella Prodotto, è possibile collegare i database in modo che a ogni
prodotto (tabella Prodotto) corrisponda il relativo fornitore (tabella Fornitore).
La maggioranza dei report richiede dati da due o più tabelle, quindi è necessario
creare il collegamento. Il collegamento è facilitato dall’utilizzo della scheda
Collegamenti dell’Esperto database. Vedere “Collegamento di tabelle” a
pagina 454.

Explorer Campo
Utilizzare la finestra di dialogo Explorer Campo per inserire, modificare o
eliminare campi nelle schede Progettazione e Anteprima di Crystal Reports. Per
visualizzare Explorer Campo, selezionare il comando Explorer Campo dal menu
Visualizza.

Visualizzazione struttura
Explorer Campo mostra una visualizzazione della struttura dei campi del database
e dei campi speciali che è possibile aggiungere al report. Mostra inoltre i campi
relativi alle formule, alle espressioni, ai parametri, ai totali parziali e ai nomi di
gruppo che l’utente ha deciso di utilizzare nel report.
I campi che sono già stati aggiunti al report o quelli che vengono utilizzati da altri
campi (ad esempio quelli relativi alle formule, ai gruppi, ai totali parziali, ai
riepiloghi e così via) presentano un segno di spunta verde.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 75


Selezione delle origini dati e dei campi di database

Barra degli strumenti e menu di scelta rapida


La barra degli strumenti di Explorer Campo è dotata di pulsanti con relativa
descrizione e combinazioni di tasti. È possibile fare clic con il tasto destro del
mouse su qualunque elemento nella visualizzazione struttura per richiamare un
menu di scelta rapida.
La barra degli strumenti offre le seguenti funzioni:
• Inserimento nel report
Utilizzare questa opzione per aggiungere un campo al report. È possibile
inserire più campi alla volta selezionando i campi, facendo clic con il tasto
destro del mouse e scegliendo Inserimento nel report dal menu di scelta rapida.
In alternativa, è possibile trascinare un campo per inserirlo nelle schede
Progettazione o Anteprima.
• Sfoglia
Utilizzare questa opzione per sfogliare i dati per individuare un campo
database, formula o espressione SQL.
Nota: nel menu di scelta rapida questa opzione è denominata Sfoglia dati.
• Nuovo
Utilizzare questa opzione per creare un campo formula, espressione SQL,
parametro o totale parziale.
• Modifica
Utilizzare questa opzione per modificare un campo formula, espressione SQL,
parametro o totale parziale esistente.
• Rinomina
Utilizzare questa opzione per modificare il nome di un campo formula,
espressione SQL, parametro o totale parziale esistente.
• Elimina
Utilizzare questa opzione per rimuovere un campo formula, espressione SQL,
parametro o totale parziale. È possibile anche selezionare più campi, fare clic
con il tasto destro e selezionare Eliminazione per eliminarli
contemporaneamente.
In aggiunta alle funzioni disponibili sulla barra degli strumenti, il menu di scelta
rapida offre le seguenti funzionalità supplementari:
• Sposta parametro in alto (o in basso)
Utilizzare queste opzioni per modificare l’ordine dei campi di parametro.
• Mostra tipo di campo
Utilizzare questa opzione per visualizzare il tipo di campo (stringa, numero e
così via) durante l’esame di un elenco di campi di database. La lunghezza dei
campi di stringa è racchiusa tra parentesi al termine dei relativi nomi.
• Aggiorna
Utilizzare questa opzione per aggiornare l’elenco dei campi disponibili in
Explorer Campo.

76 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

Campi Nome gruppo


È possibile inserire un campo Nome gruppo esistente, visualizzato in Explorer
Campo, facendo clic con il pulsante destro sul campo e selezionando Inserimento
nel report. Non è possibile creare un campo Nome gruppo mediante Explorer
Campo, diversamente dai campi formula, parametro o totali parziali. (Quando
l’utente inserisce un gruppo viene creato un campo Nome gruppo.)

Explorer Report
Il contenuto di Explorer Report visualizza il contenuto del report sotto forma di
struttura ad albero. Il nodo radice rappresenta il report stesso, mentre i nodi di
primo livello corrispondono alle singole sezioni del report. All’interno di ciascuna
sezione, sono elencati i campi e gli oggetti del report. Qualsiasi elemento
selezionato nella struttura ad albero verrà selezionata anche nel report (nella
modalità di progettazione o di anteprima).
È possibile modificare i campi e gli oggetti del report selezionandoli in Explorer
Report. Quando si fa clic con il pulsante destro del mouse sull’elemento
selezionato, viene visualizzato un menu contenente le azioni che è possibile
eseguire su di esso. Ad esempio, se si fa clic con il pulsante destro su un oggetto di
testo, nel menu verranno visualizzate le opzioni per la modifica del testo, la
formattazione del carattere o del colore e così via. Analogamente, se si fa clic con il
pulsante destro su un nodo di sezione, nel menu verranno visualizzate le opzioni
che consentono di nascondere, eliminare, formattare e così via.
Nota: non è possibile aggiungere campi o oggetti report supplementari quando si
utilizza Explorer Report, mentre è possibile eliminarli.
È possibile selezionare più campi per la formattazione mediante la combinazione
Maiusc-clic o Ctrl-clic.

Barra degli strumenti


Sulla barra degli strumenti di Explorer Report sono presenti pulsanti con relative
descrizioni. Questo pulsanti consentono di espandere o comprimere la
visualizzazione della struttura dei report e di scegliere gli elementi dei report da
visualizzare in base al tipo:
• Espandi
Utilizzare questa opzione per espandere tutti i nodi figlio della visualizzazione
struttura presenti al di sotto del nodo selezionato. Se si seleziona questa
opzione mentre il nodo radice è evidenziato, tutti gli altri nodi saranno estesi.
Se l'opzione viene selezionata, invece, mentre è evidenziato un nodo figlio,
verranno estesi solo i nodi che fanno parte del nodo figlio.
Nota: L’opzione non ha alcun effetto se viene selezionata mentre è evidenziato
un oggetto del report o se il nodo scelto non presenta nodi figlio.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 77


Selezione delle origini dati e dei campi di database

• Mostra/Nascondi campi dati


Utilizzare questa opzione per visualizzare o nascondere campi dati nel report.
I campi dati includono campi formula, campi di riepilogo e oggetti di testo.
• Visualizzazione/occultamento degli oggetti grafici
Utilizzare questa opzione per visualizzare o nascondere oggetti grafici nel
report. Gli oggetti grafici includono grafici, mappe, caselle, linee, campi BLOB
e oggetti OLE.
• Mostra/Nascondi griglie e sottoreport
Utilizzare questa opzione per visualizzare o nascondere campi incrociati,
griglie OLAP e sottoreport nel report.
Nota:
• Gli elementi connessi a un Crystal Repository vengono visualizzati con l’icona
del repository accanto.
• Gli elementi con collegamenti ipertestuali vengono visualizzati in blu con un
segno di sottolineatura continuo. Gli elementi con collegamenti ipertestuali
parte del report vengono visualizzati in verde con un segno di sottolineatura
tratteggiato.

Apertura e ancoraggio degli Explorer


Crystal Reports include tre Explorer che è possibile utilizzare per visualizzare
diversi oggetti report:
• Explorer Campo
• Explorer Report
• Explorer Repository
Aprire questi Explorer utilizzando i comandi del menu Visualizza o i pulsanti
della barra degli strumenti standard. Se l'Explorer è chiuso, il relativo comando o
pulsante lo apre; se l'Esperto è già aperto, i relativo comando o pulsante sposta lo
stato di attivazione su di esso.
Dopo l'installazione, ogni Explorer si apre in una posizione ancorata sul lato destro
di Report Designer. È possibile ancorare gli Explorer sul lato sinistro o nella parte
inferiore della finestra di progettazione trascinandoli nella nuova posizione.
Fare doppio clic sulla barra del titolo dell'Explorer per disancorare l'Explorer e
attivare la modalità mobile. Nella modalità in cui è completamente mobile,
explorer può essere trascinato in qualsiasi posizione. Quando si trascina l'Explorer,
un riquadro di posizionamento mostra dove verrà inserito. È inoltre possibile
modificare le dimensioni del explorer trascinandone uno degli angoli mediante il
cursore di ridimensionamento.
Nota: Quando si fa doppio clic sulla barra del titolo di un Explorer mobile, il
programma viene ancorato nel punto in cui si trovava quando è stato utilizzato
per l'ultima volta Crystal Reports.

78 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

È possibile creare un solo Explorer con più schede a partire dall'Explorer Campo,
l'Explorer Report e l'Explorer Repository trascinando i tre Explorer l'uno sull'altro.
Questo Explorer con più schede può essere utilizzato in modalità ancorata o
mobile.

Fare clic sulle schede dell'Explorer prodotto per spostare lo stato attivo da un tipo
di Explorer all'altro; il nome visualizzato sulla barra del titolo cambierà di
conseguenza, per mostrare quale Explorer è in uso.

L’ambiente di progettazione dei report


Scheda Progettazione
Quando si utilizza Crystal Reports la scheda Progettazione viene probabilmente
utilizzata più di qualunque altra parte del programma.

Nella scheda Progettazione si svolge la maggior parte del lavoro iniziale di


creazione di un report. Mediante tale scheda, si definiscono ed etichettano le varie
sezioni del report. È possibile eseguire la formattazione iniziale, posizionare
oggetti nelle sezioni desiderate, specificare le esigenze di ordinamento,
raggruppamento e somma, ecc.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 79


L’ambiente di progettazione dei report

La scheda Progettazione rappresenta un ambiente molto efficiente per la


progettazione di report poiché consente di utilizzare le rappresentazioni dei dati e
non i dati effettivi. Quando si inserisce un campo nel report, viene utilizzato un
riquadro per identificare il campo nella scheda invece di recuperare i dati. Pertanto
è possibile aggiungere, eliminare o spostare campi e altri oggetti, impostare
formule complesse e perfino raccogliere i dati senza impegnare le risorse del
computer o della rete.
Il report creato nella scheda Progettazione è in realtà un report virtuale in quanto
contiene la struttura e le istruzioni per creare il report definitivo ma non può
considerarsi tale. Per convertire un report della scheda Desing in un report
definitivo o da perfezionare, è sufficiente aggiungere i dati. Ciò avviene ogni volta
che il report viene visualizzato in anteprima, stampato o generato in qualsiasi altro
modo. A questo punto il report visualizza i dati effettivi.

Aree della scheda Progettazione


Quando si crea un report per la prima volta, Crystal Reports crea automaticamente
cinque aree nella scheda Progettazione.
• Intestazione report
Questa sezione è utilizzata generalmente per il titolo del report e le altre
informazioni che si desidera visualizzare all’inizio del report. Può essere inoltre
uti-lizzata per grafici e campi incrociati che includono dati relativi all’intero
report.
• Intestazione pagina
Questa sezione è usata generalmente per le informazioni che si intende
visualizzare nella parte superiore di ogni pagina. Può includere i titoli dei
capitoli, il nome del documento e altre informazioni simili. Consente inoltre di
visualizzare i titoli dei campi sopra i campi nel report.
• Dettagli
Questa sezione viene utilizzata per il corpo del report e viene stampata una
volta per ogni record. Gran parte dei dati del report è visualizzata in questa
sezione.
• Piè di pagina report
Questa sezione viene utilizzata per le informazioni che si desidera visualizzare
solo una volta alla fine del report, ad esempio i totali generali, nonché per i
grafici e i campi incrociati che includono i dati relativi all’intero report.
• Piè di pagina
Questa sezione contiene in genere il numero di pagina e tutte le altre
informazioni che si intende visualizzare nella parte inferiore di ogni pagina.
Se si aggiunge un gruppo, un riepilogo o un totale parziale al report, vengono
create altre due sezioni, riportate di seguito.

80 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

• Intestazione gruppo
Questa sezione contiene generalmente il campo relativo al nome di gruppo e
può essere usata per visualizzare grafici o campi incrociati che includono dati
specifici del gruppo. Viene stampata una volta all’inizio di un gruppo.
• Piè di pagina di gruppo
In genere, questa sezione contiene eventuali valori di riepilogo e può essere
utilizzata per la visualizzazione di grafici e campi incrociati. Viene stampata
una volta alla fine di un gruppo.
Quando si aggiunge un gruppo, un riepilogo o un totale parziale, l’area
Intestazione gruppo viene visualizzata direttamente sopra l’area Dettagli mentre
l’area Piè di pagina gruppo viene visualizzata direttamente sotto l’area Dettagli.

Se vengono impostati altri gruppi, vengono create nuove aree di gruppo tra l’area
Dettagli e l’area o le aree Intestazione gruppo e Piè di pagina gruppo esistenti.

Analogamente alle aree originali, ciascuna delle aree appena aggiunte può
contenere una o più sezioni. Per impostazione predefinita, ciascuna area contiene
una singola sezione.

Identificazione e uso di aree e sezioni


Per impostazione predefinita, ciascuna area contiene soltanto una sola sezione. Il
nome della sezione viene visualizzato a sinistra della sezione. Se esistono più
sezioni nella stessa area, le sezioni vengono identificate con a, b, c e così via.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 81


L’ambiente di progettazione dei report

Nota:
• Le sigle IR, IP, D, PF, PPR e così via, sono utilizzate per identificare ciascuna
sezione se è stata selezionata la casella di controllo Nomi sezione brevi
nell’area Visualizzazione struttura della finestra di dialogo Opzioni.
• Se si fa clic con il pulsante destro del mouse sull’area ombreggiata contenente
un nome di sezione, viene visualizzato un menu di scelta rapida contenente le
opzioni specifiche della sezione.
Se è stata selezionata l’opzione Visualizza righelli nella scheda Layout della
finestra di dialogo Opzioni, viene visualizzato un righello di sezione
immediatamente a sinistra di ciascuna sezione. Il righello di sezione è usato per
aggiungere, rimuovere e spostare le linee guida e per fornire un riferimento visivo
mentre si inseriscono gli oggetti. Vedere “Progettazione con le linee guida” a
pagina 227.

Righello di sezione

Ogni volta che si aggiunge una nuova sezione, viene creato il relativo righello.
Vedere “Uso di più sezioni nei report” a pagina 199.

Altre funzioni della scheda Progettazione


Nella scheda Progettazione sono disponibili numerose altre funzioni. Con la
scheda Progettazione è possibile:
• ridimensionare una sezione trascinandone il margine. Vedere
“Ridimensionamento di una sezione” a pagina 198.
• dividere una sezione, cioè crearne due a partire da una, facendo clic sul
margine sinistro. Vedere “Divisione di una sezione” a pagina 197.
• aggiungere linee guida orizzontali e verticali facendo clic sui righelli. Vedere
“Progettazione con le linee guida” a pagina 227.
• eseguire lo zoom avanti o indietro nel report in base a fattori d’ingrandimento
compresi tra il 25% e il 400% della dimensione originale. Vedere “Utilizzo
della funzione zoom” a pagina 99.

Scheda Anteprima
Per visualizzare l’anteprima di un report prima di eseguirne la stampa, fare clic su
Anteprima di stampa sulla barra degli strumenti Standard.

82 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

Nella scheda Anteprima vengono raccolti i dati, eseguiti i calcoli necessari e


visualizzato il report. Pertanto è possibile esaminare la spaziatura e la
formattazione del report, nonché visualizzare i risultati effettivi di tutti i riepiloghi,
calcoli delle formule e selezioni di record e gruppi.
Secondo il principio "ciò che si vede è ciò che si ottiene" (WYSIWIG), è possibile
modificare direttamente i dati e perfezionarli finché il report non avrà l’aspetto
desiderato.
I dati vengono utilizzati nella modalità riportata di seguito.
• La prima volta che si utilizza la scheda Anteprima, i dati vengono recuperati
dall’origine o dalle origini e salvati con il report, a meno che il programma non
sia stato impostato in modo da non salvare i dati.
• Successivamente, i dati salvati vengono utilizzati ogni volta che si esegue
l’anteprima del report, a meno che non siano stati specificatamente aggiornati
o non sia stato aggiunto un campo che richiede il recupero di nuovi dati.
Crystal Reports fornisce due visualizzazioni in anteprima del report:
• Visualizzazione standard
• Visualizzazione della struttura di gruppo

Visualizzazione standard

Nella visualizzazione standard, il report viene visualizzato una pagina alla volta.
Mediante i pulsanti di spostamento nella scheda Anteprima, è possibile spostarsi
all’inizio o alla fine del report oppure avanti o indietro una pagina alla volta. La
visualizzazione standard è adatta per i report più brevi o per quelli di cui interessa
vedere i totali riportati nella riga finale.

L’indicatore della data dei dati


L’indicatore della data dei dati riporta la data più recente in cui i dati sono stati
aggiornati o quella in cui sono stati recuperati inizialmente. Se i dati sono stati

Manuale dell’utente di Crystal Reports 83


L’ambiente di progettazione dei report

aggiornati o recuperati nella data corrente, l’indicatore riporta l’ora in cui è stata
eseguita l’operazione.

Visualizzazione della struttura di gruppo

È possibile visualizzare o nascondere la struttura di gruppo selezionando


Visualizza/Nascondi struttura gruppi nella barra degli strumenti Standard.
La visualizzazione della struttura di gruppo presenta uno schermata suddivisa in
più riquadri:
• Il riquadro di destra visualizza il report.
• Il riquadro di sinistra visualizza uno schema ad alto livello del report,
mostrando la gerarchia dei gruppi e dei sottogruppi nella tradizionale
struttura ad albero.
La struttura di gruppo normalmente visualizza i nomi dei gruppi e dei sottogruppi
creati nel report. Tuttavia, è possibile personalizzare tali nomi utilizzando la
scheda Opzioni della finestra di dialogo Inserisci gruppo o Modifica opzioni
gruppo. Per ulteriori informazioni sulla personalizzazione dei nomi dei gruppi
nella visualizzazione della struttura di gruppo, vedere “Raggruppamento dei
dati” a pagina 157.
Quando si fa clic sul nodo della struttura relativo al gruppo desiderato, si passa
immediatamente alla parte del report che contiene le informazioni su quel gruppo.
La visualizzazione della struttura di gruppo fornisce funzioni di esplorazione
intelligente che la rendono particolarmente adatta ai report più lunghi o per quelli
nei quali si desidera spostarsi avanti e indietro tra gruppi diversi.

Confronti con la scheda Progettazione


Nella scheda Anteprima sono disponibili le stesse funzioni di formattazione della
scheda Progettazione. I menu (sia la barra dei menu che i menu di scelta rapida) e
le barre degli strumenti restano attivi garantendo la stessa funzionalità dell’uso di

84 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

un report con la scheda Progettazione. Tuttavia, quando è necessario apportare


numerose modifiche, risulta più rapido eseguire tale operazione nella scheda
Progettazione. Elementi aggiuntivi da tenere in considerazione sono:
• Le schede Progettazione e Anteprima sono collegate internamente. Qualsiasi
modifica apportata all’una si riflette anche sull’altra scheda.
• La scheda Anteprima presenta un solo righello verticale a sinistra invece dei
singoli righelli di sezione presenti nella scheda Progettazione. Il righello
svolge comunque la stessa funzione.
• La scheda Anteprima identifica le sezioni del report nell’area ombreggiata a
sinistra dei dati. Dando una rapida occhiata è possibile sapere da quale sezione
del report i dati vengono stampati. Mentre i nomi delle sezioni appaiono
soltanto una volta nella scheda Progettazione, i nomi vengono stampati ogni
volta che una sezione viene stampata nella scheda Anteprima.
• Il contatore di record, l’indicatore della data dei dati (vedere “L’indicatore
della data dei dati” a pagina 83) e i controlli per scorrere le pagine avanti e
indietro (vedere “Scheda Anteprima” a pagina 82) sono tutti attivi nella
scheda Anteprima.
• La scheda Anteprima evidenzia ogni valore quando si seleziona un campo,
mentre nella scheda Progettazione viene evidenziata solo la cornice di campo.
Le caratteristiche della scheda Anteprima sono diverse da quelle della scheda
Progettazione.
Ogni campo di un database può contenere dozzine, centinaia o persino migliaia di
valori, a seconda del numero di record del database. Quando viene inserito un
campo nella scheda Progettazione, tutti i valori sono rappresentati da un’unica
cornice di campo. Quando si seleziona il campo, sulla cornice appaiono i
quadratini di ridimensionamento e la cornice cambia colore.
Nella scheda Anteprima, invece, si lavora con i dati effettivi. Al posto di una
cornice di campo che rappresenta molti valori, vengono visualizzati i valori veri e
propri. Elementi aggiuntivi da tenere in considerazione sono:
• Quando si evidenzia il valore di un campo o di una formula, si seleziona
effettivamente ogni valore nel campo:
• Viene inserita una cornice di ridimensionamento intorno al valore specifico
selezionato.
• Viene evidenziato ogni altro valore del campo.
• Allo stesso modo, quando si seleziona un valore di riepilogo, si selezionano
effettivamente tutti i valori di riepilogo correlati:
• Viene inserita una cornice di ridimensionamento intorno al valore specifico
selezionato.
• Vengono evidenziati tutti i valori di riepilogo correlati.
Nonostante le diverse caratteristiche, le procedure di creazione e modifica del
report sono identiche nelle schede Anteprima e Progettazione. Pertanto risulta
facile lavorare in entrambi gli ambienti.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 85


Creazione di un nuovo report

Creazione di un nuovo report


Selezione dell’origine dei dati
Una volta scelta l’opzione che si desidera utilizzare per creare il report (vedere
“Opzioni di creazione dei report” a pagina 72), la fase successiva consiste nel
selezionare un’origine dati da utilizzare.
La maggior parte delle origini dati può essere selezionata mediante la finestra di
dialogo Esperto database. L’Esperto database viene visualizzato quando si crea un
report ex novo utilizzando Come report vuoto oppure quando si sceglie Esperto
database dal menu Database.
Nota: È anche possibile selezionare un’origine dati nelle Creazioni guidate di
report. La schermata Dati, presente in tutte le Creazioni guidate report ad
eccezione della Creazione guidata report OLAP, è molto simile alla finestra di
dialogo Esperto database.

Per selezionare un’origine dati


1 Selezionare Esperto database dal menu Database.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Esperto database.
2 Utilizzare la visualizzazione della struttura dell’elenco Origini dati disponibili
all’interno della schermata Dati per selezionare l’origine dati desiderata:
• Connessioni correnti
Questa cartella visualizza un elenco di origini dati correntemente collegate.
• Preferiti
Questa cartella visualizza un elenco di origini dati utilizzate
frequentemente dall’utente e gestite nell’elenco Preferiti.
• Cronologia
Questa cartella visualizza un elenco di origini dati utilizzate di recente.
Vengono visualizzate le ultime cinque origini dei dati utilizzate.
• Crea nuova connessione
Questa cartella visualizza le sottocartelle relative alle diverse origini dati
cui è possibile collegarsi.
• Repository
Questa cartella mostra il contenuto del repository tramite l'Explorer di
Crystal Enterprise. Fare clic su Crea nuova connessione per aprire
l'Explorer di Crystal Enterprise; da questa finestra di dialogo è possibile
selezionare un comando SQL esistente o una visualizzazione aziendale. Per
ulteriori informazioni, ricercare nella Guida in linea di Crystal Reports
l'argomento “Comandi SQL” o “Visualizzazioni aziendali Crystal”.
Di seguito sono descritte alcune tra le scelte più diffuse nella cartella Crea
nuova connessione:

86 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

• Access/Excel (DAO)
Questa opzione consente di connettersi a un tipo di database supportato
(Access, dBASE, Excel, Lotus e così via). È possibile creare una nuova
connessione utilizzando l’opzione Effettuare nuovo collegamento.
• Query Crystal
Questa opzione consente la ricerca di un file di query (.qry).
• File di database
Questa opzione visualizza un elenco di database per PC standard che
risiedono in locale. È possibile utilizzare Trova File di Database per
sfogliare i database per PC utilizzando la finestra di dialogo Apri.
• Dictionary/Infoview
Questa opzione consente la ricerca di un file di dizionario (.dct oppure .dc5)
o di un file infoview (.civ).
• ODBC (RDO)
Questa opzione visualizza un elenco di origini dati ODBC che l’utente ha
già configurato per l’uso.
• OLAP
Questa opzione consente di aprire il Browser delle connessioni Crystal
OLAP per selezionare un cubo OLAP come origine dati.
• OLE DB (ADO)
Questa opzione visualizza un elenco di provider OLE DB che l’utente ha
già configurato per l’uso. È anche possibile specificare un file Microsoft
Data Link da utilizzare.
Nota: Le opzioni relative alle origini dati disponibili nella cartella Crea nuove
connessioni variano in base ai componenti di accesso dati selezionati durante
l’installazione.

Aggiunta di tabelle
Una volta selezionata l’origine dati, è possibile aggiungere una o più tabelle su cui
deve essere basato il report.

Per aggiungere una tabella


1 Selezionare Esperto database dal menu Database.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Esperto database.
2 Nella scheda Dati individuare il database che si desidera utilizzare nel report.
Vedere “Selezione dell’origine dei dati” a pagina 86.
3 Nell’elenco Origini dati disponibili selezionare la tabella che si desidera
aggiungere al report e fare clic sul pulsante freccia > per aggiungerla all’elenco
Tabelle selezionate.
È possibile inserire più campi alla volta selezionando i campi, facendo clic con
il tasto destro del mouse e scegliendo Inserimento nel report dal menu di scelta

Manuale dell’utente di Crystal Reports 87


Creazione di un nuovo report

rapida. È anche possibile trascinare e rilasciare i campi nell’elenco Tabelle


selezionate.

Collegamento di più tabelle


Se il report contiene dati provenienti da due o più tabelle di database, a questo
punto è necessario creare un collegamento durante la creazione dei report.
Nota: non è necessario collegare le tabelle nei report creati da una query o da un
comando, poiché tutti i collegamenti richiesti dai dati sono già stati elaborati.

Per aggiungere e collegare più tabelle


1 Selezionare Esperto database dal menu Database.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Esperto database.
2 Nella scheda Dati selezionare le tabelle che si desidera aggiungere al report.
Vedere “Aggiunta di tabelle” a pagina 87.
Nell’Esperto database viene visualizzata la scheda Collegamenti.
3 Fare clic sulla scheda Collegamenti per visualizzare i database attualmente
disponibili per il collegamento.
Crystal Reports collega automaticamente le tabelle, se possibile, in base ai nomi
o alle chiavi.

88 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

4 Per creare manualmente i collegamenti, trascinare un campo di una tabella in


un campo di un’altra tabella. Se l’operazione viene completata, viene creata
una linea di collegamento. In caso contrario, viene visualizzato un messaggio.
Nota: è possibile collegare tabelle per nomi tabella o per informazioni chiave
esterna.
5 Se sono stati eliminati dei collegamenti e si desidera ricrearli automaticamente,
fare clic su Collegamento automatico.
6 Al termine, fare clic su OK.
Nota: quando si creano manualmente dei collegamenti, il campo al quale si
effettua il collegamento deve presentare lo stesso tipo di dati rispetto al campo
di origine. Quando si utilizza una connessione nativa, il campo al quale si
effettua il collegamento non deve essere indicizzato. Per ulteriori
informazioni, vedere “Tabelle indicizzate” a pagina 452.
L’Esperto database si chiude e si ritorna al report. I database collegati sono ora
disponibili per l’utilizzo nel report. Se il collegamento non è soddisfacente, è
possibile modificarlo mediante la scheda Collegamenti dell’Esperto database.

Argomenti correlati
• “Nozioni fondamentali sui database” a pagina 447
• “Opzioni di collegamento” a pagina 464

Inserimento dei dati nel report


L’inserimento dei dati nel report è un’operazione molto importante. È necessario
sapere quale tipo di dati deve essere incluso nel report e in quale luogo del report
devono essere posizionati.

Campi di database
La maggior parte dei dati inseriti nel report è rappresentata da campi di database
che visualizzano i dati così come sono memorizzati nel database. Ad esempio, in
“Avviamento rapido per nuovi utenti” a pagina 34 vengono inseriti nel report i
campi relativi al nome dei clienti, alla città e al paese. Normalmente, i campi di
database vengono posizionati nella sezione Dettagli, ma in determinate
circostanze, vengono posizionati in altre sezioni del report.

Per inserire un campo di database


1 Fare clic su Explorer Campo sulla barra degli strumenti Standard.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 89


Creazione di un nuovo report

Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo. Per accelerare il


processo di creazione del report, questa finestra di dialogo rimane visualizzata
fino a quando la si chiude. È possibile spostare tale finestra nella posizione
desiderata.
2 Espandere la cartella Campi database per visualizzare tutte le tabelle scelte dai
database.
3 Espandere le singole tabelle per visualizzare tutti i campi in esse contenute.
4 Selezionare il campo che si desidera visualizzare nel report.
5 Fare clic su Sfoglia per esaminare i valori nel campo selezionato.
6 Fare clic su Inserimento nel report per posizionarlo all'interno del report.

Campi formula
Per visualizzare dati corrispondenti a un valore calcolato, è necessario creare un
campo formula e inserirlo nel report. Ad esempio, se il database memorizza solo
le date di ordine e di spedizione degli ordini ma si desidera visualizzare il numero
di giorni necessari per la spedizione dell’ordine, è necessario creare un campo
formula che calcoli il numero di giorni trascorsi fra l’ordine e la spedizione. Questo
è solo un esempio degli usi possibili per i campi formula. Per un’introduzione alle
formule, vedere “Utilizzo delle formule” a pagina 391, .

Campi espressione SQL


Le espressioni SQL sono simili alle formule, ma vengono scritte in linguaggio SQL
(Structured Query Language) e non nel linguaggio delle formule di Crystal
Reports. Un'espressione SQL può essere utilizzata per interrogare il database su
specifici insiemi di dati. È possibile ordinare, raggruppare e selezionare i dati in
base ai campi espressione SQL.

Per creare un campo espressione SQL


1 Fare clic su Explorer Campo sulla barra degli strumenti Standard.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo.
2 Scorrere verso il basso fino a Campi espressione SQL ed evidenziare. Fare clic
su Nuovo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Nome Espressione SQL.

90 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

3 Immettere un nome nella casella Nome e quindi fare clic su OK.


Viene visualizzato il Workshop formula con l’Editor espressioni SQL attivo.

4 Digitare l’espressione nell’Editor espressioni SQL.


Nota: per una panoramica sul linguaggio delle formule, vedere “Componenti
e sintassi delle formule” a pagina 396.
5 Fare clic su Salva.

Campi di parametro
Per richiedere all’utente di un report di immettere informazioni, creare un campo
di parametro. Il parametro è simile a una domanda alla quale l’utente deve
rispondere prima che il report venga generato. Le informazioni immesse
determinano il contenuto del report. Ad esempio, è possibile che in un report
utilizzato dai rappresentanti di vendita sia presente un parametro che richieda
all’utente di specificare una regione geografica. Il report riporta quindi i risultati
relativi a una specifica regione piuttosto che i risultati relativi a tutte le regioni.
Vedere “Campi di parametro” a pagina 415 per un’introduzione ai campi di
parametro.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 91


Creazione di un nuovo report

Campi totale parziale


Per visualizzare un totale che valuta ciascun record e fornisce una somma parziale
di tutti i valori in un campo (oppure tutti i valori in un determinato insieme di
valori), è necessario creare un campo per i totali parziali e inserirlo nel report. Se i
primi tre valori in un campo sono 2, 4 e 6, il totale parziale che viene stampato è 2,
6 (la somma di 2 + 4), quindi 12 (la somma di 2 + 4 + 6). Per un’introduzione ai totali
parziali, vedere “Totali parziali” a pagina 183.

Campi speciali
Per visualizzare informazioni quali numeri di pagina, data di stampa e commenti
sul report, utilizzare i comandi in visualizzazione struttura Campi speciali della
finestra di dialogo Explorer Campo.

Per inserire un campo speciale


Crystal Reports consente di inserire facilmente nel report dei campi contenenti tra
l’altro il numero di pagina, il numero dei record, il numero dei gruppi, la data di
stampa e il conteggio pagine totali.
1 Nella barra degli strumenti Standard fare clic su Explorer Campo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo.
2 Scorrere verso il basso fino a Campi speciali e fare clic per espanderne la
visualizzazione.

3 Selezionare un comando dall’elenco Campi speciali per l’inserimento nel


report.
Ogni campo speciale viene inserito nel report come oggetto. Viene visualizzata
una cornice per l’oggetto. Ora è possibile posizionarlo nel report.
Nota: per modificare la formattazione di un oggetto inserito, fare clic sull’oggetto
da selezionare, quindi su Formato nella barra degli strumenti Strumenti Esperto.
Viene visualizzato l’Editor formato, mediante il quale è possibile apportare le
modifiche desiderate. Vedere “Formattazione” a pagina 211.

92 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

Oggetti di testo
Nel report gli oggetti di testo sono utilizzati per diversi scopi. Costituiscono un
metodo funzionale per inserire titoli, apporre etichette e altri dati al report e per
combinare facilmente campi di database. Ad esempio, in “Avviamento rapido per
nuovi utenti” a pagina 34 gli oggetti di testo vengono utilizzati per visualizzare i
due campi del database relativi ai nomi dei contatti come un unico oggetto, per
inserire un’intestazione di colonna per il nome del contatto concatenato e per
inserire un titolo nel report.

Per inserire un oggetto di testo


1 Fare clic su Inserisci oggetti di testo sulla barra degli strumenti Strumenti di
inserimento. Viene visualizzata una cornice di oggetto vuota.

2 Posizionare l’oggetto di testo nel punto in cui si desidera che sia visualizzato
nel report.
Fare clic sul bordo dell’oggetto di testo in modo da selezionarlo per il
ridimensionamento e lo spostamento.
Fare doppio clic all’interno dell’oggetto di testo per selezionarlo per la
modifica. Il righello della scheda Progettazione diventa un righello per oggetti
di testo ed assume la lunghezza dell’oggetto selezionato. A sinistra viene
visualizzato un indicatore di tabulazioni. Facendo clic sull’indicatore di
tabulazione, è possibile spostarsi fra le quattro opzioni di tabulazione
disponibili.
Trascinare per Trascinare per
Tabulazione allineata a sinistra. impostare il impostare il
margine destro. margine sinistro.
Tabulazione allineata a destra.

Tabulazione centrata.
Dopo aver scelto la tabulazione
Tabulazione allineata al
desiderata, fare clic sulla posizione in
separatore decimale.
cui si desidera inserirla nel righello.
Il righello consente di aggiungere rientri e di allineare il testo all’interno
dell’oggetto di testo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 93


Creazione di un nuovo report

Nota: quando si inserisce l’oggetto di testo nel report per la prima volta, l’oggetto
viene automaticamente selezionato per la modifica.

Campi immagine
A volte, quando si progettano report, si desidera includere un’immagine. Ad
esempio, si può inserire un logo della società nell’intestazione del report.

Per inserire un’immagine


1 Fare clic su Inserisci immagine sulla barra degli strumenti Strumenti di
inserimento.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Apri.
2 Selezionare il file di immagine desiderato dall’elenco dei file e fare clic su Apri
per tornare al report.
Viene visualizzata una cornice di oggetto, all’interno della quale si trova
l’immagine pronta per essere posizionata.

3 Posizionare l’oggetto immagine nel punto in cui si desidera che venga


visualizzato nel report e fare clic una volta con il pulsante sinistro del mouse.

Campi BLOB (Binary Large Object)


Un campo BLOB è un campo di database i cui dati sono costituiti da oggetti binari
di grandi dimensioni quali immagini, bitmap, oggetti OLE, metafile e così via. Se
si inserisce un campo BLOB nel report, è possibile accedere a questi oggetti binari
nello stesso modo in cui si accede agli altri tipo di dati.
In generale, Crystal Reports consente di accedere a campi BLOB contenenti:
• Immagini bitmap indipendenti dalla periferica (DIB).
• Immagini JPEG, TIFF oppure PNG.
Inoltre, se i dati sono residenti in un database di Microsoft Access, Crystal Reports
consente di eseguire report basati su campi BLOB contenenti oggetti OLE 1 e 2 e
metafile.
È possibile inserire i campi BLOB allo stesso modo di qualsiasi altro campo di
database. Per ulteriori informazioni, vedere “Per inserire un campo di database” a
pagina 89.

94 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

Un oggetto campo BLOB differisce da altri oggetti campo di database in quanto


offre opzioni di controllo che consentono di ritagliare, scalare e ridimensionare
analogamente a quanto avviene con le immagini o gli oggetti OLE inseriti. Per
accedere alle opzioni, fare clic con il pulsante destro del mouse sull’oggetto campo
BLOB, selezionare Formato grafica dal menu di scelta rapida e fare clic sulla
scheda Immagine.
Nota: per disporre della possibilità di attivare e modificare un oggetto OLE con la
relativa applicazione server, è necessario inserire l’oggetto nel report in maniera
indipendente, collegandolo o incorporandolo, anziché inserirlo in un campo
BLOB. Per ulteriori informazioni sull’inserimento di oggetti OLE collegati e
incorporati, vedere “Inserimento di un oggetto OLE in un report” a pagina 304.

Campi collegamento ipertestuale


È possibile selezionare un oggetto del report nella scheda Progettazione o
Anteprima e creare un collegamento ipertestuale a un’altra posizione.
Il collegamento ipertestuale viene salvato insieme al report ed è disponibile per gli
altri utenti come metodo per visualizzare informazioni aggiuntive.
Nota: Crystal Reports consente inoltre di creare collegamenti ipertestuali con
relativi URL, in modo che i report Web rimangano indipendenti dalla posizione
in cui sono ubicati su un server specifico.

Per creare un campo di collegamento ipertestuale


1 Selezionare un oggetto report nella scheda Progettazione o Anteprima.
2 Nel menu Formato fare clic su Collegamento ipertestuale.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Editor formato con la scheda
Collegamento ipertestuale attiva.
3 Fare clic sul tipo di collegamento ipertestuale che si desidera creare.
I tipi disponibili nell’area superiore sono i seguenti:
• Nessun collegamento ipertestuale
Si tratta dell’opzione predefinita. Nessun collegamento ipertestuale è
associato all’oggetto del report selezionato.
• Un sito Web su Internet
Selezionare questa opzione se si desidera collegare l’oggetto del report a un
indirizzo Web statico. Utilizzare il pulsante Formula per creare un URL
basato su un valore di campo. Ad esempio, se il campo Nome cliente
contiene informazioni per la creazione di una serie di URL significativi, è
possibile immettere la seguente formula:
“http://www.” + {Clienti.Nome cliente} + ".com"

Manuale dell’utente di Crystal Reports 95


Creazione di un nuovo report

• Valore di campo del sito Web corrente


Selezionare questa opzione se si desidera creare un collegamento
ipertestuale dal campo selezionato. Il campo deve essere memorizzato
come collegamento ipertestuale nell’origine dati.
• Un indirizzo di posta elettronica
Selezionare questa opzione se si desidera creare un indirizzo di posta
elettronica dal campo selezionato. Utilizzare il pulsante Formula per creare
un indirizzo basato su un valore di campo.
• Un file
Selezionare questa opzione per creare un collegamento ipertestuale a un
file ubicato su un computer specifico, collegato o meno in rete. Utilizzare il
pulsante Formula per creare un percorso di file basato su un valore di
campo.
È inoltre possibile utilizzare un collegamento ipertestuale di questo tipo per
eseguire un EXE con un parametro della riga di comando. Immettere il
percorso e il nome dell'applicazione e quindi il parametro del comando.
• Valore di campo della posta elettronica corrente
Selezionare questa opzione se si desidera creare un collegamento
ipertestuale di posta elettronica dal campo selezionato. Il campo deve
essere memorizzato come indirizzo di posta elettronica nell’origine dati.
I tipi disponibili nell’area Solo visualizzatore DHTML sono i seguenti:
• Analisi dettagliata delle parti del report
Per informazioni sulle modalità di utilizzo di questa opzione, vedere
“Opzione Analisi dettagliata delle parti del report” a pagina 365.
• Un altro oggetto report
Per informazioni sulle modalità di utilizzo di questa opzione, vedere
“Opzione Un altro oggetto report” a pagina 367.
Nota: non tutti i tipi di collegamento ipertestuale sono sempre disponibili.
L’oggetto selezionato dall’utente e la relativa posizione all’interno del report
determinano la disponibilità dei tipi di collegamento ipertestuale.
4 Quando viene scelto un tipo di collegamento ipertestuale, è necessario
immettere le relative informazioni appropriate (ad esempio, l’URL di un sito
Web).
5 Al termine, scegliere OK.
Il collegamento ipertestuale viene inserito correttamente. Fare clic sul report per
accedere al sito Web, inviare un messaggio di posta elettronica e così via. Per
informazioni sulle modalità di utilizzo dei tipi di collegamento ipertestuale
nell’area Solo visualizzatore DHTML, vedere “Impostazione dello spostamento” a
pagina 362.

96 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

Formattazione dei dati


A questo punto della creazione di un report, può essere necessario applicare alcuni
elementi di formattazione di base. Ad esempio, è possibile modificare la
dimensione del carattere e lo stile di un oggetto di testo utilizzato come titolo.
Oppure, se si dispone di un campo numerico, ad esempio il volume delle vendite,
è possibile inserire un simbolo di valuta prima della cifra o modificare il numero
di posizioni decimali visualizzate.
Ad esempio, in “Avviamento rapido per nuovi utenti” a pagina 34, viene applicata
la formattazione a un titolo, viene aggiunto un oggetto di testo per identificare le
informazioni relative al nome del contatto e viene inserito il logo della società.
Vedere “Formattazione” a pagina 211.

Selezione dei record


La selezione dei record, ovvero la riduzione dei dati nel report per includere solo i
dati richiesti per il report, è una fase fondamentale della creazione di un report.
Raramente è necessario un elenco di tutte le informazioni di un database. Nella
maggior parte dei casi l’utente è interessato solo alle vendite di un determinato
periodo di tempo o relative a un certo prodotto e così via. Ad esempio, è possibile
progettare un report sulle vendite in modo che includa solo le vendite di una linea
di prodotti per l’ultimo mese dell’anno.
I dati di esempio utilizzati in “Avviamento rapido per nuovi utenti” a pagina 34
contengono informazioni relative a clienti statunitensi e internazionali. La
selezione dei record viene utilizzata per creare un report che elenca solo i clienti
negli Stati Uniti. Vedere “Selezione dei record” a pagina 139 e “Raggruppamento
dei dati” a pagina 157.

Raggruppamento, ordinamento e riepilogo dei dati


Dopo avere creato un report di base, è possibile organizzare i dati raggruppando
le informazioni correlate, ordinando i singoli record, creando riepiloghi, totali
parziali e totali generali.

Raggruppamento di record
Per organizzare i dati, è possibile raggruppare i dati correlati. Ad esempio, in
“Avviamento rapido per nuovi utenti” a pagina 34, dopo aver raggruppato
l’elenco dei clienti in base alla regione, l’elenco viene diviso in gruppi per regione.
In tal modo, il responsabile delle vendite per la California può identificare
velocemente il gruppo California e visualizzare solo i clienti di tale regione. Vedere
“Raggruppamento dei dati” a pagina 157.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 97


Creazione di un nuovo report

Ordinamento dei record


Crystal Reports consente di specificare l’ordine in cui visualizzare i record nel
report. Ad esempio, dopo aver eseguito il raggruppamento in “Avviamento
rapido per nuovi utenti” a pagina 34, i record vengono ordinati alfabeticamente
all’interno di ogni regione in base al nome del cliente. La maggior parte dei report
utilizza l’ordinamento. In base al report, vengono ordinati i record in un elenco
oppure l’ordinamento viene eseguito insieme al raggruppamento. Vedere
“Ordinamento di uno o più campi” a pagina 155 e “Ordinamento dei record
all’interno dei gruppi” a pagina 160.

Riepiloghi, totali parziali e totali generali


Molti report utilizzano il calcolo dei totali. Ad esempio, in un report sulle vendite
negli Stati Uniti raggruppate per stato, è possibile calcolare l’importo totale in
dollari realizzato in ogni stato. Si ottiene tale risultato creando un totale parziale
per il campo vendite. Anche i riepiloghi sono utilizzati a livello di gruppo e
consentono di calcolare medie, conteggi e altri valori di gruppo (aggregati). Ad
esempio, in un report sulle vendite è possibile calcolare una media delle vendite
per stato (riepilogo della media nel campo relativo alle vendite) e calcolare il
numero di prodotti venduti nello stato (conteggio separato del campo relativo al
nome del prodotto).

Utilizzo dell’opzione di analisi dettagliata per i dati riepilogati


È possibile eseguire l’analisi dettagliata dei dati usando l’apposito cursore per
mostrare i dati relativi ai singoli gruppi. Vedere “Ordinamento, raggruppamento
e calcolo dei totali” a pagina 153.

Cursore di analisi dettagliata


Crystal Reports consente di eseguire l’analisi dettagliata delle informazioni di
riepilogo o di gruppo nella scheda Anteprima all’interno delle visualizzazioni
standard e della struttura di gruppo (vedere “Visualizzazione standard” a
pagina 83 e “Visualizzazione della struttura di gruppo” a pagina 84). Quando si
posiziona il cursore su un qualsiasi valore di riepilogo analizzabile in dettaglio,
viene visualizzato il cursore di analisi dettagliata.
Consiglio: le intestazioni di gruppo vengono visualizzate nella scheda Analisi
dettagliata nello stesso modo del report principale.

98 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

Facendo doppio clic, vengono visualizzati i dettagli corrispondenti allo specifico


valore di riepilogo. Ad esempio, se il cursore di analisi dettagliata si attiva sul
riepilogo relativo alla città, è possibile fare doppio clic per visualizzare i dettagli
relativi a tale riepilogo.
• Se si dispone di un solo riepilogo, è possibile esaminare il riepilogo o i dati dei
singoli record.
• Se, invece, si dispone di più riepiloghi, è possibile esaminare i riepiloghi
relativi ad altri riepiloghi (ad esempio, i riepiloghi relativi alla città che
compongono i riepiloghi relativi all’area) o i dati dei singoli record.

Utilizzo della funzione zoom


È possibile eseguire facilmente lo zoom avanti in un report. È consentito qualsiasi
fattore di ingrandimento compreso tra il 25% e il 400%. Questa funzione è attiva sia
nella scheda Progettazione sia nella scheda Anteprima.
Per eseguire lo zoom avanti o indietro nel report, impostare il livello di zoom nella
casella Zoom situata sulla barra degli strumenti Standard.

25%

50%

100%

La visualizzazione dei report con un fattore di ingrandimento ridotto è


particolarmente utile per ottenere un quadro generale del layout. Le
visualizzazioni con ingrandimenti superiori focalizzano l’attenzione sui dettagli
del report.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 99


Creazione di un nuovo report

Inserimento di intestazioni e piè di pagina


È possibile utilizzare intestazioni e piè di pagina immettendo le informazioni nelle
sezioni Intestazione pagina e Piè di pagina della scheda Progettazione.

• Le informazioni che vengono visualizzate solo nella prima pagina devono


essere inserite in Intestazione report (IR).
• Le informazioni che vengono visualizzate solo nell’ultima pagina devono
essere inserite in Piè di pagina report (PPR).
• Le informazioni che vengono visualizzate nella parte superiore di ogni pagina
devono essere inserite in Intestazione di pagina (IP).
• Le informazioni che vengono visualizzate nella parte inferiore di ogni pagina
devono essere inserite in Piè di pagina (PF).
È possibile utilizzare testo, campi o formule in queste sezioni, come nella sezione
Dettagli.

Argomenti correlati
• “Creazione di piè di pagina dopo la prima pagina” a pagina 255

Aggiunta di una pagina di titolo al report


Crystal Reports fornisce un modo semplice e rapido per aggiungere una pagina di
titolo al report selezionando Titolo report da Campi speciali nella finestra di
dialogo Explorer Campo. Per utilizzare questo campo, è necessario avere immesso
un titolo nella scheda Riepilogo della finestra di dialogo Proprietà documento.
Vedere “Aggiunta di informazioni di riepilogo al report” a pagina 101.

100 Manuale dell’utente di Crystal Reports


6 Introduzione alla creazione di report

Per aggiungere un titolo al report


1 Nella barra degli strumenti Standard fare clic su Explorer Campo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo.
2 Scorrere verso il basso fino a Campi speciali e fare clic per espanderne la
visualizzazione.
3 Selezionare Titolo report e poi fare clic su Inserimento nel report. Quando il
cursore viene posizionato sul report, viene visualizzata una cornice di oggetto.

4 Spostare la cornice di oggetto nella sezione Intestazione report e fare clic una
volta per inserire la cornice.
5 Dopo aver selezionato il titolo del report, fare clic su Esperto sezione nella
barra degli strumenti Strumenti Esperto
Viene visualizzato l’Esperto sezione.
6 Selezionare la casella di controllo Nuova pagina dopo, con la sezione
Intestazione report evidenziata.
Il titolo è ora visualizzato sulla prima pagina, mentre il report inizia sulla seconda
pagina.

Aggiunta di informazioni di riepilogo al report


In alcuni casi si desidera includere nel report commenti non stampabili (una nota
personale al destinatario del report, una nota per spiegare in maniera più
approfondita i dati sui quali si basa il report, un titolo per il report, un commento
su alcuni dati particolari del report e così via).
Il comando Informazioni di riepilogo nel menu File fornisce la possibilità di
includere nel report qualsiasi oggetto compreso tra una breve nota e centinaia di
righe di testo. I commenti non vengono stampati con il report; rimangono nella
scheda Riepilogo della finestra di dialogo Proprietà documento, dove possono
essere esaminati a richiesta.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 101


Funzioni avanzate di creazione report

Quando si sceglie il comando Informazioni di riepilogo, viene visualizzata la


finestra di dialogo Proprietà documento con la scheda Riepilogo attiva.

Immettere le informazioni desiderate e, al termine, fare clic su OK per tornare al


report.

Funzioni avanzate di creazione report


Dopo aver acquisito familiarità con i concetti di base relativi alla creazione di
report, è possibile imparare ad utilizzare le funzioni più avanzate di Crystal
Reports per i report, quali:
• grafici (vedere “Grafici” a pagina 263)
• oggetti OLE (vedere “OLE” a pagina 301)
• lettere modulo (vedere “Lettere modulo” a pagina 201)
• sottoreport (vedere “Sottoreport” a pagina 431)
• campi incrociati (vedere “Oggetti a campi incrociati” a pagina 311)
• report a più sezioni (vedere “Report a più sezioni” a pagina 193)

102 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Crystal Repository 7

In questo capitolo vengono illustrate le caratteristiche e le


funzioni principali di Crystal Repository. In particolare,
viene mostrato come aggiungere elementi al repository,
come aggiornare gli elementi esistenti e come utilizzare gli
elementi del repository nei report Crystal.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 103


Introduzione aCrystal Repository

Introduzione aCrystal Repository


Crystal Repository è una posizione centralizzata in cui l’utente può memorizzare
e gestire gli oggetti del report. In Crystal Repository è anche possibile memorizzare
e conservare definizioni di dati quali funzioni e comandi SQL personalizzati. Gli
utenti e gli sviluppatori di report possono, quindi, accedere a tali oggetti e
utilizzarli per nuovi report da distribuire in tutta l’azienda.
Fisicamente, Crystal Repository è un database che memorizza i tipi di oggetto
supportati, tra cui:
• Oggetti di testo
• Bitmap
• Funzioni personalizzate
• Comandi (query)
Nota: le visualizzazioni aziendali sono archiviate anche in Crystal Repository. È
possibile utilizzare visualizzazioni aziendali in Crystal Reports, ma è possibile
crearle in Business View Manager.
Se si crea un repository condiviso degli oggetti di report, è possibile modificare un
oggetto specifico e aggiornare contemporaneamente tutti i report aperti che lo
contengono. Inoltre, una posizione centralizzata per gli oggetti di report semplifica
notevolmente la gestione dei dati, il che costituisce un considerevole vantaggio al
fine di incrementare la produttività aziendale e ridurre i costi.
Crystal Repository è incluso in Crystal Enterprise. Alcune edizioni di Crystal
Reports includono una versione di Crystal Enterprise che è possibile installare per
accedere al repository.
Nota:
• la versione precedente di Crystal Reports era provvista di un repository che
corrispondeva a un database di Access. Se si desidera spostare il contenuto di
quel repository nel nuovo repository di Crystal Enterprise, vedere il capitolo
“Migrazione di Crystal Repository” della guida dell'amministratore di
visualizzazioni aziendali.
• Per impostazione predefinita, Crystal Repository non include oggetti di
repository di esempio. Per informazioni su come installare gli oggetti di
repository di esempio, vedere la sezione "Installazione degli oggetti di
repository di esempio" del capitolo "Utilizzo di Business View Manager" della
Guida dell'amministratore di visualizzazioni aziendali.

Procedura
Sebbene Crystal Repository contempli diverse applicazioni e modalità di utilizzo,
la procedura di esempio illustrata di seguito approfondisce uno dei processi di
interesse più comune per gli utenti:

104 Manuale dell’utente di Crystal Reports


7 Crystal Repository

• Impostare le cartelle per il repository


In Explorer Repository viene visualizzato il contenuto di Crystal Repository
sotto forma di struttura ad albero composta da cartelle e sottocartelle. È
possibile aggiungere e rinominare liberamente le cartelle.
• Aggiungere gli oggetti del report al repository
Sono disponibili diversi metodi per effettuare questa operazione, a seconda del
tipo di oggetto che si desidera aggiungere:
• Selezionare un oggetto di testo o un’immagine bitmap e trascinare
l’elemento selezionato su una cartella oppure scegliere “Aggiungi al
repository” dal menu di scelta rapida.
• Selezionare una funzione personalizzata nel Workshop formula e fare clic
sul pulsante “Aggiungi al repository”.
• Creare o modificare un comando nell'Esperto database e, dopo che tale
comando sarà stato visualizzato nell'elenco Tabelle selezionate, fare clic con
il pulsante destro del mouse su di esso e scegliere “Aggiungi al repository”.
• Aggiungere gli oggetti del repository a un report
Sono disponibili diversi metodi per effettuare questa operazione, a seconda del
tipo di oggetto:
• Gli oggetti di testo e le immagini bitmap possono essere trascinati nel
report da Explorer Repository.
• Le funzioni personalizzate possono essere aggiunte mediante Workshop
formula.
• I comandi possono essere aggiunti mediante l'Esperto database.
• Aggiornare gli oggetti del report nel repository
Anche in questo caso, sono disponibili diversi metodi per effettuare questa
operazione, a seconda del tipo di oggetto:
• Gli oggetti di testo e le immagini bitmap possono essere trascinati
nuovamente sull’oggetto repository originale.
• Le funzioni personalizzate possono essere aggiornate mediante l'interfaccia
utente.
• I comandi possono essere aggiornati e aggiunti al repository mediante
l'Esperto database.

Accesso al Crystal Repository


Il repository fornito in Crystal Reports viene impostato durante l'installazione.
Non occorre effettuare alcuna operazione supplementare per utilizzare il
repository.

Per aprire Crystal Repository


1 Avviare Crystal Reports e aprire un report.
2 Fare clic sul pulsante Explorer Repository nella barra degli strumenti
Standard.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 105


Accesso al Crystal Repository

Consiglio: per effettuare questa operazione, è possibile anche fare clic


sull’opzione Explorer Repository nel menu Visualizza.
3 Accedere a Crystal Enterprise.
Per informazioni su come accedere a Crystal Enterprise, vedere “Utilizzo di
cartelle Enterprise” a pagina 358.
Viene visualizzato Explorer Repository.

4 Espandere il nodo superiore per visualizzare il contenuto del repository.


Explorer Repository potrebbe trovarsi in una posizione ancorata nella
visualizzazione in Report Designer; ciò dipende dalla posizione occupata l’ultima
volta in cui è stato utilizzato Crystal Reports. Per ulteriori informazioni
sull'ancoraggio degli Explorer, vedere “Apertura e ancoraggio degli Explorer” a
pagina 78.
Passare il cursore del mouse su un oggetto dell'Explorer Repository per
visualizzare una descrizione comandi. Le descrizioni comandi includono le
informazioni Autore e Descrizione per gli oggetti di testo e le bitmap; per i
comandi, invece, le descrizioni comandi includono il testo completo dell'istruzione
SQL.

Barra degli strumenti


Sulla barra degli strumenti di Explorer Repository sono presenti pulsanti con
relative descrizioni. Tali pulsanti consentono di aggiungere nuove cartelle,
ricercare elementi e così via:
• Modifica impostazioni visualizzazione
Utilizzare questa opzione per aprire la finestra di dialogo Impostazioni
visualizzazione. In questa finestra di dialogo è possibile limitare il tipo di
elementi di repository visualizzato in Explorer Repository. È anche possibile
selezionare le opzioni che consentono di ordinare più elementi in base al nome
o al tipo.
• Filtro avanzato
Utilizzare questa opzione per visualizzare le opzioni di filtro nella parte
inferiore di Explorer Repository. I filtri consentono di individuare elementi
specifici in base a parole immesse nei campi Nome o Autore nella finestra di

106 Manuale dell’utente di Crystal Reports


7 Crystal Repository

dialogo Aggiungi elemento. Per informazioni sull'aggiunta o la modifica del


nome o dell'autore di un elementi, vedere “Aggiunta di elementi al repository”
a pagina 107 e “Modifica di oggetti nel repository” a pagina 111.
Nota: il testo immesso nei campi di filtro di questa opzione non rileva la
distinzione tra maiuscole e minuscole.
• Elimina elemento/cartella
Utilizzare questa opzione per rimuovere definitivamente l'elemento o la
cartella selezionati dal repository. Quando si elimina una cartella, vengono
eliminati tutti gli elementi in essa contenuti. Per ulteriori informazioni
sull'eliminazione degli elementi dal repository, vedere “Eliminazione di
elementi dal repository” a pagina 113.
• Inserisci una nuova cartella
Utilizzare questa opzione per aggiungere una nuova cartella al repository. Per
informazioni, vedere “Aggiunta di cartelle al repository” a pagina 107.

Aggiunta di cartelle al repository


È possibile organizzare il contenuto del repository creando cartelle e sottocartelle
nella struttura ad albero.
1 In Explorer Repository fare clic con il pulsante destro del mouse su un nodo,
quindi selezionare Nuova cartella dal menu di scelta rapida.
Consiglio: Un altro modo per eseguire questa operazione consiste nel fare clic
sul pulsante “Inserisci una nuova cartella” sulla barra degli strumenti di
Explorer Repository.
Una nuova cartella viene aggiunta nella parte inferiore della struttura del
repository. Se gli elementi del repository sono ordinati in base al tipo, la nuova
cartella viene aggiunta in ordine alfabetico con il nome predefinito Nuova
cartella.
2 Assegnare un nome alla nuova cartella e premere il tasto Invio.
3 Per aggiungere una sottocartella, fare clic con il pulsante destro del mouse
sulla nuova cartella e selezionare Nuova cartella dal menu di scelta rapida.
4 Assegnare un nome alla nuova sottocartella e premere il tasto Invio.

Aggiunta di elementi al repository


È possibile aggiungere al repository oggetti di testo e immagini bitmap
trascinandoli dal report sulla cartella del repository appropriata. Verrà
visualizzata una finestra di dialogo, in cui sarà possibile aggiungere informazioni
identificative relative all’oggetto.
Le funzioni personalizzate vengono aggiunte al repository mediante il Workshop
formula, mentre i comandi vengono aggiunti tramite l’Esperto database.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 107


Aggiunta di elementi al repository

Una volta inseriti nel repository, gli elementi possono essere condivisi tra più
report. Ogni utente che utilizza Crystal Reports può connettersi al repository e
scegliere elementi da aggiungere a un report.
Quando si aggiunge un oggetto al repository, tale oggetto diventa “connesso” al
repository. Finché un oggetto rimane connesso, è possibile aggiornare tutti i report
che lo utilizzano con l’ultima versione nel repository.

Aggiunta di un oggetto di testo o di un’immagine bitmap


1 Selezionare un oggetto di testo o un’immagine bitmap nel report e trascinare
l’elemento nella cartella appropriata di Explorer Repository.
2 Nel campo Nome della finestra di dialogo Informazioni sull’oggetto,
assegnare un nome all’oggetto o all’immagine.
Nota: non è possibile utilizzare questi caratteri nel nome dell’oggetto: # “ { } ; /
3 Se lo si desidera, immettere un autore e una descrizione, quindi fare clic su
OK.
Consiglio: Le informazioni Autore e Descrizione vengono visualizzate nelle
descrizioni comandi e possono essere ricercate utilizzando l'opzione Filtro
avanzato.
L’immagine bitmap o l’oggetto di testo risulterà aggiunto alla cartella
appropriata.
L’operazione può essere eseguita anche senza trascinare l’oggetto o l’immagine.
1 Selezionare un oggetto di testo o un’immagine bitmap nel report e fare clic su
Aggiungi al repository nel menu di scelta rapida.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Aggiungi elemento.
Poiché l’oggetto non è stato trascinato in una cartella specifica del repository,
questa finestra di dialogo contiene un’area in cui è possibile selezionare la
posizione desiderata.
2 Nel campo Nome assegnare un nome all’oggetto o all’immagine.
Nota: non è possibile utilizzare questi caratteri nel nome dell’oggetto: # “ { } ; /
3 Nell’area Posizione fare doppio clic sul repository, selezionare una cartella,
quindi fare clic su OK.
L’immagine bitmap o l’oggetto di testo risulterà aggiunto alla cartella
appropriata.
Gli oggetti aggiunti al repository non potranno essere modificati, poiché
risulteranno in modalità di sola lettura. Tale regola si applica a qualsiasi oggetto
memorizzato nel repository: finché è connesso al repository non può essere
modificato nel report. Se si fa clic con il pulsante destro del mouse sull’oggetto nel
report e si sceglie l’opzione “Disconnetti dal repository” dal menu di scelta rapida,
l’elemento viene disconnesso dal repository e può essere modificato. Se si desidera

108 Manuale dell’utente di Crystal Reports


7 Crystal Repository

aggiornare altri report con l’oggetto report modificato, è necessario aggiungerlo


nuovamente al repository.

Aggiunta di una funzione personalizzata


1 Nel Workshop formula espandere il nodo Funzioni personalizzate report e
selezionare la funzione personalizzata che si desidera aggiungere al
repository.
2 Fare clic sul pulsante Aggiungi al repository.
La funzione personalizzata risulterà aggiunta al nodo Funzioni personalizzate
del repository.
Consiglio:
• È possibile aggiungere una funzione personalizzata al repository anche
trascinando il relativo nodo Funzioni personalizzate report all’interno della
Struttura Workshop e rilasciandolo su un nodo Funzioni personalizzate del
repository.
• L'icona della funzione personalizzata nel nodo Funzioni personalizzate
report cambia per indicare che la funzione personalizzata è presente nel
repository.
Nota: è necessario aggiungere tutte le funzioni personalizzate al nodo Funzioni
personalizzate del repository fornito con Crystal Reports.

Aggiunta di un comando
1 Nell’area Tabelle selezionate dell’Esperto database, selezionare il comando che
si desidera aggiungere al repository.
2 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul comando e selezionare Aggiungi
al repository.
3 Nella finestra di dialogo Aggiungi elemento specificare il nome e la posizione
del repository che si desidera assegnare al comando.
Il comando si trova nell'Explorer di Crystal Enterprise, nell'Esperto database e
nella finestra di dialogo Imposta percorso origine dati.

Utilizzo di oggetti del repository nei report


Una volta aggiunto al repository un oggetto o un insieme di oggetti, è possibile
cominciare a usarli nei report Crystal. Ogni tipo di oggetto del repository viene
aggiunto mediante la relativa interfaccia utente. Nel caso di oggetti di testo e
immagini bitmap, è sufficiente trascinare l’elemento desiderato da Explorer
Repository nel report di destinazione. Le funzioni personalizzate vengono
selezionate quando si utilizza Workshop formula e i comandi vengono selezionati

Manuale dell’utente di Crystal Reports 109


Utilizzo di oggetti del repository nei report

nell'Explorer di Crystal Enterprise, nell'Esperto database o nella finestra di dialogo


Imposta percorso origine dati.
Quando si aggiunge un oggetto del repository a un report, tale oggetto rimane
connesso al repository e risulta disponibile nella modalità di sola lettura. Per
modificare l’oggetto in questione, occorre disconnetterlo dal repository e
sbloccarne la formattazione.
Nota:
• per riconnettere un oggetto di report che è stato disconnesso dal repository,
riaggiungere l’oggetto o aggiornare la copia del repository. Gli oggetti che
rimangono disconnessi dal repository non possono essere aggiornati
automaticamente alla successiva apertura del report.
• È possibile verificare se un oggetto report è connesso al repository aprendo
l'Explorer Report e ricercando l'oggetto report; se presenta un'icona associata è
connesso al repository.
In questa sezione viene illustrata la procedura per aggiungere un’immagine
bitmap o una funzione personalizzata a un nuovo report.

Aggiunta di un oggetto di testo o di un’immagine bitmap a un


report
1 Fare clic sul pulsante Explorer Repository nella barra degli strumenti
Standard.
Consiglio: per effettuare questa operazione, è possibile anche fare clic
sull’opzione Explorer Repository nel menu Visualizza.
2 Accedere a Crystal Enterprise, se non lo si è già fatto.
Per informazioni su come accedere a Crystal Enterprise, vedere “Utilizzo di
cartelle Enterprise” a pagina 358.
3 Espandere la cartella appropriata nell'Explorer Repository e trascinare un
oggetto di testo o un'immagine bitmap nel report.
Nota: alle cartelle di Crystal Repository non deve essere assegnato un nome
collegato agli oggetti che contengono; è possibile scegliere liberamente il nome
che si preferisce. Per ulteriori informazioni, vedere “Aggiunta di cartelle al
repository” a pagina 107.

Aggiunta di una funzione personalizzata a un report


1 Fare clic sul pulsante Workshop formula nella barra degli strumenti
Strumenti Esperto.
Consiglio: un altro metodo per eseguire questa operazione consiste nel fare clic
sull’opzione Workshop formula nel menu Report.

110 Manuale dell’utente di Crystal Reports


7 Crystal Repository

2 Nel Workshop formula espandere il nodo Funzioni personalizzate del


repository fino a individuare la funzione personalizzata che si desidera
aggiungere.
3 Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla funzione in questione, quindi
scegliere Aggiungi a report dal menu di scelta rapida.
Se la funzione personalizzata che si sta aggiungendo al report richiede altre
funzioni personalizzate presenti nel repository, queste ultime possono essere
aggiunte contemporaneamente alla prima.
La funzione personalizzata risulterà aggiunta al nodo Funzioni personalizzate
report del Workshop formula.
Nota: è anche possibile aggiungere funzioni personalizzate a un report durante la
creazione di formule nel Workshop formula. Per ulteriori informazioni su questo
metodo, vedere “Creazione di una formula nell’Esperto formule” a pagina 404.

Aggiunta di un comando a un report


1 Fare clic sul pulsante Esperto database nella barra degli strumenti Strumenti
Esperto.
Consiglio: un altro metodo per eseguire questa operazione consiste nel fare clic
sull’opzione Esperto database nel menu Database.
2 Nell'Esperto database espandere la cartella Repository.
Consiglio: Se l'Explorer di Crystal Enterprise non si apre immediatamente, fare
doppio clic su Crea nuova connessione.
3 Nell'Explorer di Crystal Enterprise espandere le cartelle fino a trovare il
comando da aggiungere e quindi fare clic su Apri.
Il comando sarà visualizzato nell'area Origini dati disponibili dell'Esperto
database. Quando il comando si trova in quest'area, è possibile aggiungerlo al
report come si farebbe con qualsiasi altra origine dati. Per ulteriori informazioni,
vedere “Selezione dell’origine dei dati” a pagina 86.

Modifica di oggetti nel repository


È possibile modificare oggetti del repository disconnettendoli, modificandoli in un
report e quindi aggiungendoli nuovamente al repository. Allo stesso modo, è
possibile rinominare gli oggetti e spostarli in cartelle differenti direttamente nel
repository.
Quando si è modificato un oggetto e lo si è aggiunto nuovamente al repository, le
modifiche apportate risulteranno effettive per tutti coloro che utilizzano lo stesso
repository: se si rinomina un oggetto esso risulta rinominato per tutti gli utenti e i
report contenenti l’oggetto modificato possono essere aggiornati all’apertura in
Report Designer.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 111


Aggiornamento nei report degli oggetti del repository connessi

Per modificare un oggetto del repository


Nota: questa procedura illustra come modificare e aggiornare un oggetto di testo
nel repository. Le funzioni e i comandi personalizzati vengono modificati e
aggiornati nelle rispettive interfacce utente; in ogni caso, è necessario innanzitutto
disconnettere la funzione o il comando personalizzato dal repository, quindi
apportare le modifiche e infine aggiungere nuovamente l'elemento al repository.
1 Dall'Explorer Repository trascinare l'oggetto di testo in un report.
2 Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto di testo nel report e
selezionare Disconnetti dal repository dal menu di scelta rapida.
3 Fare doppio clic sull’oggetto di testo e modificarne il testo.
4 Trascinare l'oggetto di testo modificato dal report alla posizione di origine
nell'Explorer Repository.
Al rilascio dell’oggetto, viene visualizzata la finestra di dialogo Aggiungi o
aggiorna oggetto.
5 Lasciare selezionata l’opzione Aggiorna l’oggetto report nel repository e fare
clic su OK.
6 Nella finestra di dialogo Modifica elemento eseguire le modifiche necessarie e
fare clic su OK.
7 Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto di testo del repository e
scegliere Proprietà dal menu di scelta rapida.
Si noti che la data e l'ora riportate nell'area Modificato sono state modificate per
riflettere l'ora in cui l'oggetto di testo è stato reinserito nel repository.

Aggiornamento nei report degli oggetti del repository


connessi
Gli oggetti del repository che sono utilizzati in un report e sono connessi al relativo
report possono essere aggiornati automaticamente quando il report viene aperto
in Crystal Reports. Questo comportamento è controllato da un’impostazione di
Opzioni ed è valido per tutti i report.
Nota: gli oggetti che sono utilizzati in un report ma sono disconnessi dal
repository non vengono aggiornati automaticamente quando il report viene
aperto.

Per impostare l’opzione di aggiornamento


1 Nel menu File, fare clic su Opzioni.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni.
2 Fare clic sulla scheda Creazione report.

112 Manuale dell’utente di Crystal Reports


7 Crystal Repository

3 Selezionare la casella di controllo Aggiorna oggetto repository connessi


all'apertura.
4 Fare clic su OK.
Se non si desidera utilizzare questa opzione globale, è possibile aggiornare gli
oggetti repository di un report anche selezionando l’opzione Aggiorna oggetti
repository nella finestra di dialogo Apri per un singolo report.
Nota: Quando si apre un report che contiene un comando memorizzato nel
repository e si è selezionata l'opzione Aggiorna oggetti repository connessi
all'apertura, viene aggiornata automaticamente solo la definizione del comando; i
dati da esso restituiti non vengono aggiornati fino a quando non si fa clic sul
pulsante Aggiorna del report.

Eliminazione di elementi dal repository


Qualsiasi oggetto memorizzato nel repository può essere eliminato da tale
repository senza che venga rimosso dai report che lo utilizzano. Una volta rimosso
un oggetto dal repository, tale oggetto risulta rimosso per tutti gli utenti.
Nota:
• quando si elimina un oggetto dal repository, viene visualizzato come ancora
connesso nei report che lo utilizzano. Se si tenta di aggiornare gli oggetti del
repository in tali report, nella finestra di dialogo Elementi repository mancanti
viene visualizzato un messaggio di avviso che consente di identificare
rapidamente l’oggetto in questione. Utilizzare la finestra di dialogo Explorer
Report per individuare l'oggetto nel report e poterlo disconnettere.
• Se è stato eliminato un oggetto dal repository, anche se si crea un nuovo
oggetto con lo stesso nome e lo si aggiunge al repository, l'oggetto non sarà
ricollegato ai report. Ogni oggetto del repository ha un ID univoco; il
collegamento non viene eseguito in base al nome.

Per eliminare un oggetto dal repository


1 Fare clic sul pulsante Explorer Repository nella barra degli strumenti
Standard.
Consiglio: per effettuare questa operazione, è possibile anche fare clic
sull’opzione Explorer Repository nel menu Visualizza.
2 Nella cartella appropriata, selezionare l’oggetto che si desidera rimuovere e
premere il tasto Canc.
Viene richiesto di confermare l’eliminazione.
3 Fare clic sul pulsante Sì.
L’oggetto viene rimosso dal repository.
È possibile eliminare un oggetto del repository anche facendo clic con il pulsante
destro del mouse su di esso e selezionando Elimina dal menu di scelta rapida.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 113


Utilizzo dell’annullamento nel repository

Utilizzo dell’annullamento nel repository


Non è possibile annullare alcuna azione che aggiorni il repository. È possibile
annullare tutto ciò che riguarda solo il report e non il repository. Ad esempio, non
è possibile annullare l’attività di disconnessione.

114 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Progettazione di report ottimizzati
per il Web 8

Questo capitolo illustra i modi in cui è possibile migliorare


i report per sfruttare appieno le nuove funzioni avanzate di
produttività offerte da Crystal Reports. I consigli riportati
sono particolarmente importanti per l'ottimizzazione delle
prestazioni dei report distribuiti nell'ambiente thin-wire
del Web, la maggior parte delle linee guida descritte
possono tuttavia essere estese a tutti i report.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 115


Panoramica

Panoramica
Sia che si distribuiscano i report aziendali in una rete locale, in una intranet
aziendale o sul Web, è possibile utilizzare le potenti funzionalità incorporate in
Crystal Reports per velocizzare considerevolmente il reporting sul Web.
Utilizzando Crystal Reports si otterrà automaticamente un beneficio nelle
prestazioni, anche se non si mettono in pratica le strategie descritte nel presente
capitolo:
• Tecnologia per pagine su richiesta
L'accesso alle pagine dei report su richiesta consente agli utenti di scaricare solo
le pagine desiderate, migliorando i tempi di risposta e riducendo il traffico
Web. Inoltre i segnaposto e la tecnologia delle pagine parziali consentono di
visualizzare immediatamente sul Web le pagine e i dati del report, senza dover
attendere l'elaborazione di grandi oggetti, quali grafica e sottoreport.
• Report Engine multithreaded ottimizzato
Le capacità multithreading del modulo di creazione dei report di Crystal e i
driver di database thread-safe consentono di continuare a lavorare sulle
operazioni importanti, mentre le altre operazioni vengono elaborate
simultaneamente in background. Con Report Engine è anche possibile ridurre
al minimo il numero di passaggi tra i dati, velocizzando così l'elaborazione e
migliorando la gestione della memoria, inoltre parametri e sottoreport vengono
gestiti nel modo più efficiente possibile.
Oltre a queste funzioni incorporate, le “Strategie chiave per l’ottimizzazione dei
report Web” trattate nelle seguenti sezioni offrono vantaggi aggiuntivi, che spesso
si rivelano sostanziali per le prestazioni. Quando si creano nuovi report (o si
migliorano quelli creati nelle versioni precedenti di Crystal Reports) seguendo tali
strategie, i report vengono eseguiti più velocemente e vengono utilizzate meno
risorse di elaborazione. Di conseguenza, gli utenti dei report possono facilmente
accedere ai dati necessari più velocemente che mai.
Consiglio: se non si ha esperienza di creazione di report per il Web o di creazione
di report in generale, leggendo il presente capitolo si apprenderanno le
informazioni necessarie per future operazioni di creazione report, incluse le
strategie per una progettazione di report rapida e ottimizzata.
Nota: La comprensione dei database e del loro funzionamento è spesso di vitale
importanza quanto si prendono in esame le prestazioni. Per ulteriori informazioni
vedere “Panoramica sui database” a pagina 448.

Strategie chiave per l’ottimizzazione dei report Web


• Man mano che l'azienda cresce, Crystal Reports e Crystal Enterprise possono
crescere in parallelo. Per ulteriori informazioni, vedere “Scalabilità con Crystal
Enterprise” a pagina 117.

116 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

• Per suggerimenti e considerazioni su come creare report rapidi e interattivi,


vedere “Come effettuare le scelte di progettazione corrette” a pagina 119.
• Per informazioni su come ottenere il massimo dal database esistente, vedere
“Razionalizzazione dell’ambiente di creazione report” a pagina 124.
• Per ridurre al minimo i trasferimenti di dati e migliorare le prestazioni dei
report, vedere “Utilizzo di formule di selezione dei record potenziate” a
pagina 127.
• Per ridurre i tempi di trasferimento dei dati e di elaborazione di report
raggruppati, ordinati o totalizzati, vedere “Miglioramento dell’ordinamento,
del raggruppamento e del calcolo dei totali” a pagina 134.
In generale, le problematiche relative alle prestazioni dei report sono simili,
indipendentemente da quanto distribuiti sono i report. Seguendo queste strategie
si noteranno significativi miglioramenti non soltanto in ambienti Web multiutente,
ma anche in situazioni con utente singolo.

Scalabilità con Crystal Enterprise


Crystal Enterprise offre un modo flessibile ed efficace di distribuire i report sul
Web o di integrarli in applicazioni Web personalizzate.
Report Application Server (RAS) fornisce un insieme cospicuo di servizi di
creazione report su base server che consentono di integrare saldamente la
creazione di report nelle applicazioni Web personalizzate. RAS fornisce un
insieme di base di servizi Crystal Enterprise, concentrati sull’elaborazione di
report, l’integrazione di applicazioni e la modifica di report in fase di runtime.
La propria applicazione può essere ulteriormente estesa utilizzando i servizi
avanzati disponibili in altre edizioni di Crystal Enterprise. tra cui,
• Sicurezza
Crystal Enterprise offre una protezione granulare a livello dati, utenti e gruppi,
che consente di proteggere i report importanti e di garantire all’utente
un’esperienza più personalizzata.
• Pianificazione
Crystal Enterprise incorpora un sistema di pianificazione flessibile basato sul
tempo e sugli eventi, che consente di elaborare report di grandi dimensioni
durante le ore non lavorative e di evitare inutili operazioni di accesso al
database. Report Application Server garantisce la possibilità di creare report su
richiesta, quindi ogni richiesta di visualizzazione viene riprodotta in una query
al database separata.
• Controllo delle versioni
Il controllo delle versioni funziona in stretta correlazione con la pianificazione
per archiviare le “istanze” di un report. Il controllo delle versioni non solo
riduce il numero di operazioni di accesso al database necessarie per soddisfare

Manuale dell’utente di Crystal Reports 117


Scalabilità con Crystal Enterprise

le richieste degli utenti, ma consente anche di mantenere un archivio delle


istanze dei report che abbia funzioni di riferimento cronologico.
• Clustering
Crystal Enterprise incorpora una comprovata tecnologia di clustering e
bilanciamento del carico a supporto di un sistema di distribuzione delle
informazioni ad elevata affidabilità e disponibilità.
• Scalabilità
Crystal Enterprise si basa su un’architettura distribuita multiserver, che
consente l’adattamento su un solo computer (mediante l’aggiunta di
processori) o su più computer per gestire carichi di utenti di maggiori
dimensioni.
• Gestione
Crystal Enterprise incorpora controlli di gestione e amministrazione estensivi
che consentono di organizzare i contenuti, impostare programmi complessi e
protezione e regolare il sistema per ottimizzare le prestazioni.
• Autenticazione esterna (terze parti)
Crystal Enterprise consente di sfruttare al meglio il sistema di protezione
esistente per gestire utenti e gruppi. Tutte le operazioni di autenticazione
possono essere delegate a un sistema NT o LDAP di terzi.

Periodi di valutazione delle funzioni data in Crystal Enterprise


In Crystal Reports sono disponibili diverse funzioni data e ora che vengono
valutate in fasi diverse dell'elaborazione dei report. Alcune vengono valutate
quando viene elaborato un report pianificato o quando viene aggiornata
un'istanza del report: questo periodo di valutazione viene definito
“WhileReadingRecords” (durante la lettura dei record). Altre vengono valutate
ogni volta che una pagina del report viene formattata per la visualizzazione in un
visualizzatore di report o in un browser: questo periodo di valutazione viene
definito “WhileReadingRecords” (durante la lettura dei record).
Se si utilizza Crystal Enterprise per generare istanze di report e si nota che le
funzioni data e ora non restituiscono i valori previsti, considerare i seguenti fattori:
• La data e l'ora correnti vengono sempre lette dall'orologio accessibile in locale
al Modulo report, ovvero dall'orologio del computer in cui viene elaborato il
report. In Crystal Enterprise, Job Server elabora i report pianificati a fronte del
database e Page Server elabora i report su richiesta a fronte del database. Page
Server formatta inoltre singole pagine di istanze del report quando gli utenti le
visualizzano.
• Quando viene elaborato un report pianificato, Job Server valuta tutte le
formule data e ora, per poter generare l'istanza del report. Quando ci si limita a
visualizzare l'istanza del report risultante, nessuna delle formule viene
nuovamente valutata.

118 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

• Se si visualizza una pagina del report memorizzata nella cache, nessuna delle
funzioni data viene nuovamente valutata, poiché i record sono già stati letti e
la pagina è già stata formattata.
• Se si utilizzano funzioni data e/o ora nella formula di selezione del report, i
dati del report dipendono dai valori restituiti da tali formule. Pertanto, quando
si visualizza un'istanza del report in un secondo momento, la funzione può
provocare l'aggiornamento dei dati del report dal database.
• Per assicurare che le funzioni data e ora restituiscano i valori previsti, è
possibile forzare il momento di valutazione utilizzando le funzioni
WhileReadingRecords e WhilePrintingRecords. Per ulteriori informazioni,
vedere le sezioni “Funzioni” e “Modello di elaborazione report” della Guida in
linea di Crystal Reports.

Come effettuare le scelte di progettazione corrette


Nella presente sezione vengono illustrate le opzioni di progettazione e le
considerazioni che possono portare a un miglioramento delle prestazioni dei
report. Gli argomenti trattati vanno da suggerimenti di base, quali
l’aggiornamento dei report creati nelle precedenti versioni di Crystal Reports al
formato di file più recente, a decisioni più complesse, quali la scelta di utilizzare o
meno dati salvati o live e l’individuazione di un modo più efficace di utilizzo dei
sottoreport.
Quando si progettano i report, e in particolare quando si progettano report per il
Web, occorre che siano gli utenti a guidare i dati che vengono visualizzati. In altri
termini, visualizzare informazioni riepilogate, in modo che ciascun utente possa
navigare nel report velocemente e quindi eseguire un'analisi dettagliata per
accedere a dati aggiuntivi. In questo modo, il traffico Web e i tempi di risposta sono
ridotti al minimo, perché soltanto i dati richiesti dall'utente vengono trasferiti dal
server del database.
Quelli appena descritti sono soltanto alcuni dei vantaggi della progettazione di
report condotti dall'utente:
• Gli utenti dei report possono ottenere un controllo interattivo sul tipo e la
quantità delle informazioni che vengono visualizzate sul Web.
• Il trasferimento dei dati e il traffico di rete diminuiscono, perché soltanto le
informazioni richieste dagli utenti vengono restituite dal server del database.
• Quando gli utenti hanno bisogno di reporting in tempo reale di dati live sul
Web, i report orientati all'utente rispondono velocemente e comunicano in
modo efficace con il server del database.
• I report diventano più utili perché ciascun utente personalizza i contenuti del
report, creando in questo modo una soluzione di reporting specifica per le
proprie esigenze decisionali.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 119


Come effettuare le scelte di progettazione corrette

Utilizzo di formati di report più rapidi


Il metodo più rapido per migliorare le prestazioni dei report creati nelle versioni
precedenti di Crystal Reports è quello di salvarli nel formato Crystal Reports più
recente. Crystal Reports è stato potenziato per elaborare più velocemente i report:
aggiornare i vecchi report per sfruttare tali miglioramenti.
Per aggiornare il formato di un vecchio report, è sufficiente aprirlo in Crystal
Reports e scegliere Salva dal menu File. La vecchia versione del report verrà
sostituita dalla versione 10 del report.
Nota: Se per qualche motivo occorre conservare il formato di file originale di un
report, utilizzare il comando Salva con nome (invece di Salva) e immettere il
nuovo nome del report nella versione 10.

Scelta tra dati salvati e live


Quando si progettano report per il Web, la scelta tra dati salvati o live è una delle
decisioni più importanti da prendere. Indipendentemente dalla scelta effettuata, la
prima pagina verrà visualizzata il più velocemente possibile in modo che sia
possibile visualizzare il report mentre il resto dei dati è ancora in corso di
elaborazione.

Dati live
La creazione dinamica di report offre agli utenti accesso in tempo reale a dati
dinamici, direttamente dal server del database. È possibile utilizzare dati dinamici
per mantenere gli utenti aggiornati sui dati in continuo mutamento, in modo che
sia possibile accedere a informazioni precise al secondo. Ad esempio se i manager
di un grande centro di distribuzione devono tenere continuamente sotto controllo
le merci spedite, con il live reporting possono ottenere le informazioni necessarie.
Crystal Reports supporta la creazione dinamica di report. Tuttavia, occorre
innanzitutto valutare se si desidera o meno che tutti gli utenti siano continuamente
collegati al server del database. Se i dati non vengono modificati costantemente o
rapidamente, tutte queste richieste inviate al database aumentano inutilmente il
traffico di rete e consumano risorse del server. In tali situazioni, può essere
preferibile utilizzare report con dati salvati.
Per garantire l'efficienza del reporting in tempo reale, leggere tutti i suggerimenti
riportati nel presente capitolo. I seguenti argomenti, tuttavia, sono particolarmente
importanti:
• “Come sfruttare i sottoreport su richiesta” a pagina 122
• “Esecuzione del raggruppamento su server” a pagina 134
• “Come incorporare i campi di parametro nelle formule di selezione dei
record” a pagina 131

120 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

Dati salvati
I report con dati salvati sono utili quando si ha a che fare con dati che non sono
continuamente aggiornati. Quando gli utenti navigano tra report con dati salvati
ed effettuano un'analisi dettagliata su colonne o grafici, invece di accedere al server
del database accedono ai dati salvati. Di conseguenza, i report con dati salvati non
solo riducono al minimo il trasferimento di dati sulla rete, ma alleggeriscono anche
il carico di lavoro del server del database.
È possibile pianificare questi report da Crystal Enterprise in modo che siano
aggiornati automaticamente dal database in modo predeterminato. Ad esempio, se
il database delle vendite viene aggiornato soltanto una volta al giorno o una volta
alla settimana, allora è possibile eseguire il report con una simile pianificazione e
salvarlo assieme ai dati. I rappresentanti delle vendite hanno accesso ai dati sulle
vendite correnti, ma non accedono al database ogni volta che aprono un report. In
alternativa è possibile aggiornare i report con i dati salvati soltanto quando è
necessario.
I dati salvati vengono ignorati e aggiornati al momento dell'esecuzione di una
qualsiasi delle attività seguenti in un report:
• Selezione del comando Aggiorna.
• Modifica dell'accesso al database.
• Modifica dei parametri del report.
• Aggiunta di un nuovo campo non presente nei dati salvati.
• Analisi dettagliata di un report in cui è selezionata l'opzione “Esegui
raggruppamento su server” e la sezione dettagli è stata eliminata.
• Verifica del database, se la struttura del database è stata significativamente
modificata.
• Modifica del parametro di collegamento in un sottoreport (il sottoreport viene
aggiornato).
• Modifica dell'ordine dei gruppi (solo per i report presenti in Report
Application Server).
Se si utilizzano report con dati salvati, incorporare gli altri suggerimenti riportati
nel capitolo per essere sicuri che i report siano progettati per ottenere prestazioni
ottimali.
Per salvare un report con dati, assicurarsi per prima cosa che nel menu File venga
selezionata l'opzione Salva dati con report, quindi selezionare Salva per salvare il
report.

Progettazione di report di riepilogo


La progettazione e la distribuzione di report di riepilogo è un modo relativamente
facile per assicurarsi che gli utenti possano trovare rapidamente sul Web i dati
necessari bisogno. Un report di riepilogo può contenere tanti dati quanto un altro

Manuale dell’utente di Crystal Reports 121


Come effettuare le scelte di progettazione corrette

tipo di report. Tuttavia nascondendo la sezione Dettagli di un report di riepilogo,


si evita di sovraccaricare gli utenti con dati di cui non hanno immediato bisogno.
Quando la sezione Dettagli è nascosta, gli utenti possono navigare utilizzando
Struttura di gruppo per individuare i dati desiderati. Effettuando successivamente
un'analisi dettagliata nel report, possono richiedere dati specifici, che vengono
rapidamente restituiti senza record superflui. Ciò è particolarmente importante
per migliorare la navigazione in report di riepilogo voluminosi, che possono essere
composti da centinaia, migliaia o persino decine di migliaia di pagine.
Per facilitare questo tipo di navigazione occorre innanzitutto raggruppare i dati e
inserirli nei campi di riepilogo che si desidera includere nel report. Per
informazioni dettagliate e istruzioni, vedere “Raggruppamento dei dati” a
pagina 157 e “Riepilogo dei dati raggruppati” a pagina 170.
Una volta raggruppati e riepilogati i dati del report, nascondere la sezione Dettagli
(e altre eventuali grandi sezioni del report) in modo che gli utenti possano
navigare facilmente e individuare i dati per loro importanti.

Nascondere i dettagli in un report di riepilogo


1 Aprire il report in Crystal Reports.
Se non è ancora stato creato un report raggruppato o di riepilogo, aprire
Summary Group.rpt dalla cartella di esempi Feature Examples.
2 Nel menu Formato, fare clic su Esperto sezione per aprire l’Esperto sezione.
3 Nell'elenco Sezioni, fare clic su Dettagli.
4 Nella scheda Comune dell'Esperto sezione, selezionare la casella di controllo
Nascondi (analisi dettagliata OK).
5 Fare clic su OK.
Si noterà che i dettagli sono ora nascosti. Per visualizzare i dettagli, navigare
attraverso i dati utilizzando Struttura di gruppo, quindi analizzare in dettaglio
l'area appropriata del report.
Nota: Per dettagli sulla riduzione del trasferimento dei dati con report di
riepilogo, vedere “Esecuzione del raggruppamento su server” a pagina 134.

Utilizzo ragionato dei sottoreport


Per informazioni di carattere generale sull’uso dei sottoreport, vedere
“Sottoreport” a pagina 431.

Come sfruttare i sottoreport su richiesta


Se il report contiene una sezione che gestisce un grande numero di record, è
possibile inserire tale sezione in un sottoreport su richiesta. Un sottoreport su
richiesta compare come collegamento ipertestuale nel report principale. Quando si

122 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

lavora sul report principale, non viene recuperato nessun dato dal sottoreport su
richiesta finché non si effettua un'analisi dettagliata sul collegamento ipertestuale.
Ad esempio, quando si progetta un report che mostra le vendite per trimestre di
ciascun dipendete per prodotto e per tipo di prodotto, può darsi che si desideri
anche includere informazioni sulle vendite settimanali per tenere traccia dei
progressi di ciascun dipendente. I dati aggiuntivi tuttavia potrebbero non
interessare molti degli utenti che visualizzano il report. In tal caso, estrarre le
porzioni delle vendite settimanali del report e allegarle come sottoreport su
richiesta. Le informazioni dettagliate sulle vendite settimanali verranno
recuperate dal database soltanto quando un utente effettua un'analisi dettagliata
nel sottoreport su richiesta.
Molti oggetti report, quali, ad esempio, campi incrociati di grandi dimensioni,
griglie OLAP, grafici avanzati e mappe, sono i candidati ideali per l’inclusione in
sottoreport su richiesta; tale operazione, infatti, consentirebbe di non elaborare gli
oggetti fino a quando non si effettua un’analisi dettagliata.
Per inserire un sottoreport su richiesta, vedere “Inserimento di sottoreport” a
pagina 435 e “Creazione di sottoreport su richiesta” a pagina 443.
Consiglio: È inoltre possibile posizionare tali oggetti report in una sezione Dettagli
nascosta di un report che utilizza l'opzione Esegui raggruppamento su Server. Se
si procede in questo modo, il server di database esegue la maggior parte delle
attività di elaborazione e solo un sottoinsieme di record viene trasferito dal server
al computer locale (altri record vengono recuperati quando si effettua l’analisi
dettagliata della sezione nascosta).

Utilizzo di sottoreport collegati


Quando un sottoreport è collegato, i dati nel sottoreport vengono coordinanati con
i record corrispondenti nel report principale. Se occorre utilizzare sottoreport
collegati normali, ovvero sottoreport che non sono sottoreport su richiesta, occorre
tenere conto delle seguenti linee guida:
• Se i dati aggiuntivi forniti da un sottoreport normale collegato sono utili a un
numero relativamente ristretto di utenti, creare invece un collegamento su
richiesta al sottoreport. Gli utenti che hanno necessità di visualizzare i dati
supplementari possono fare clic sul collegamento ipertestuale per visualizzare
il sottoreport; gli utenti che non hanno necessità di vedere tali dati non
dovranno scaricarli dal server del database.
• In alcuni casi, posizionare un sottoreport normale collegato nella sezione
Dettagli del report può pregiudicare le prestazioni, in particolare quando il
report principale contiene numerosi record. (Ciò si verifica perché si sta
creando un sottoreport separato per ciascun record, e deve essere eseguita una
query separata per ciascun record del database nel report principale.) In
alternativa prendere in considerazione l'utilizzo di sottoreport su richiesta
collegati nella sezione Dettagli del report principale.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 123


Razionalizzazione dell’ambiente di creazione report

Collegamento di tabelle invece di sottoreport


Quando possibile, coordinare i dati dei report collegando al report principale
tabelle di database presenti nella scheda Collegamenti dell’Esperto database
piuttosto che sottoreport regolari, ovvero sottoreport non su richiesta. Poiché ogni
sottoreport viene eseguito come report separato, l'uso di tabelle collegate spesso
offre alcuni vantaggi funzionali.

Argomenti correlati
• Per ulteriori linee guida, vedere “Collegamenti del database e sottoreport in
situazioni "uno a molti"” a pagina 434.
• Per informazioni complete, vedere “Considerazioni sulle prestazioni dei
collegamenti di tipo uno a molti” a pagina 455.

Utilizzo efficace di altri elementi di progettazione


Mappe
Il rendering delle mappe è un'operazione a singolo thread che non può essere
efficacemente scalata. Sebbene le mappe siano supportate, è necessario valutare
con estrema attenzione l'effetto globale che una mappa nel report avrebbe sulle
prestazioni.

Modelli di report
Se si applica lo stesso modello a più report, è consigliabile aprire il report una sola
volta e memorizzarlo nella cache, poiché il modello può essere di sola lettura.

Inclusione di “Pagina N di M” o “Conteggio pagine totali”


Se si include il campo speciale “Pagina N di M” o “Conteggio pagine totali” nel
report, quest'ultimo deve concludere l'elaborazione prima di poter calcalare il
valore del campo. Evitare l'utilizzo di questi campi speciali nel report, a meno che
il report non sia molto piccolo o che non si abbia assolutamente bisogno del valore
di tali campi.

Razionalizzazione dell’ambiente di creazione report


Un altro passaggio per garantire che gli utenti ricevano le informazioni
rapidamente è quello di valutare l'ambiente di reporting. Che tipo di database si
sta utilizzando? Come sono organizzati i dati nel database? Come sono collegati i
dati di cui si ha bisogno per il report? Come sono collegate le tabelle del database?
Se si tiene conto i queste importanti considerazioni, è possibile ridurre in modo
significativo il traffico di rete.

124 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

Selezione del database e della connessione più veloci


Per migliorare le prestazioni di reporting, utilizzare tutto il potenziale del database
facendo in modo che esegua la maggior parte dell'elaborazione del report.
Teoricamente, i database SQL sono i più efficienti per l’esecuzione di questa
operazione.
Per dettagli sui database SQL, vedere “Uso del linguaggio SQL e dei database
SQL” a pagina 474.

Utilizzo degli indici delle tabelle


È possibile migliorare il modo in cui i dati sono organizzati nel database. Per una
velocità di elaborazione ottimale, creare report da campi indicizzati nel database
SQL. L'utilizzo di tabelle indice è un modo semplice per aumentare la velocità
dell'accesso ai dati e ridurre il tempo richiesto da Crystal Reports per la
valutazione dei dati.
Per una completa descrizione sul funzionamento dell'indicizzazione delle tabelle,
vedere “Tabelle indicizzate” a pagina 452.

Miglioramento delle scelte di collegamento delle tabelle


Quando si aggiungono tabelle di database multiple nel report, è possibile collegare
le tabelle su un campo comune in modo che i record di una tabella corrispondano
a record dell'altra. (Il collegamento delle tabelle funziona in modo ottimale se le
tabelle di database sono indicizzate.) Collegare le tabelle del database in questo
modo è in genere molto più rapido rispetto all’incorporamento nel report
principale di sottoreport collegati.
Quando si collegano due o più tabelle, l'obiettivo è che venga letto il minor numero
di record possibile, e al contempo vengano individuati tutti i record
corrispondenti. Il miglior modo per mettere in atto queste linee guida è quello di
valutare le esigenze di reporting e delineare una strategia per la creazione del
report. Quando si conosce esattamente che cosa si desidera dall'origine dati, grazie
a Crystal Reports risulta facile ottenere tali informazioni.
Vi sono numerosi altri aspetti da prendere in considerazioni quando si effettua il
collegamento di tabelle. Queste considerazioni supplementari, tuttavia,
dipendono in gran parte dall'ambiente di reporting. In altri termini, i passaggi per
ottenere prestazioni ottimali nel collegamento di tabelle dipendono dal tipo di
database, dalla possibilità di indicizzare le tabelle e dal tipo di join richiesto tra le
tabelle. Una descrizione completa dei vari scenari di reporting è trattata nella
sezione “Collegamento di tabelle” a pagina 454.
In gran parte degli scenari di reporting, le seguenti procedure generali dovrebbero
garantire il collegamento delle tabelle per ottenere prestazioni migliorate se non
ottimali.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 125


Razionalizzazione dell’ambiente di creazione report

Per collegare le tabelle in modo efficace


1 Assicurarsi che ciascuna tabella del database sia indicizzata nel campo che
verrà utilizzato.
2 Aggiungere le tabelle del database al report, quindi effettuare il collegamento
dalla tabella principale alla tabella di consultazione in un campo comune.
Eseguire tale operazione invece di inserire un sottoreport collegato e associarlo
ai dati nel report principale.
3 Utilizzare una formula di selezione dei record per impostare i limiti di
intervallo nel campo indicizzato nella tabella principale. Ciò riduce al minimo
il numero di record nella tabella principale per cui Crystal Reports deve
trovare record corrispondenti nella tabella di consultazione.

Argomenti correlati
• Per informazioni complete sugli scenari di collegamento delle tabelle, vedere
“Collegamento di tabelle” a pagina 454.
• Per informazioni generali sulle formule di selezione dei record, vedere
“Selezione dei record” a pagina 140.
• Per strategie di selezione dei record avanzate, vedere “Utilizzo di formule di
selezione dei record potenziate” a pagina 127.

Utilizzo di driver di database thread-safe


Se si condividono e aggiornano report sul Web, aprirli utilizzando driver di
database thread-safe quando possibile. Crystal Report Engine supporta thread
multipli. Quindi, quando si effettuano richieste di dati multiple tramite driver di
database thread-safe, in Report Engine sarà possibile elaborare tutte le richieste
simultaneamente. Come risultato sarà possibile visualizzare i report in minor
tempo.
Attualmente, il driver ODBC crdb_odbc.dll è thread-safe per i seguenti tipi di
database:
• Microsoft SQL Server
• Oracle
• Sybase
Attualmente, i seguenti driver nativi per database sono thread-safe:
• crdb_ado.dll (OLE DB)
• crdb_cdo.dll (Crystal Data Object)
• crdb_com.dll (provider di dati COM)
• crdb_dao.dll (Access)
• crdb_dataset.dll (provider DataSet)
• crdb_fielddef.dll (Definizioni di campi)
• crdb_filesystem.dll (dati del File System)
• crdb_olap.dll (OLAP)

126 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

• crdb_oracle.dll (Oracle)
• crdb_p2sdb2.dll (DB2)
Nota: per informazioni sugli aggiornamenti a questi elenchi, fare riferimento alle
Note della versione presenti sul CD di Crystal Reports. È possibile aggiungere
altri driver di database se durante la fase di test risultano thread-safe.

Utilizzo di procedure memorizzate per velocizzare


l’elaborazione
Una procedura memorizzata è un programma SQL compilato, composto da una o
più istruzioni SQL, che si trova e viene eseguito sul server SQL. Benché le
procedure memorizzate richiedano tempo per essere impostate correttamente,
sono però esternamente potenti.
I vantaggi derivanti dall'utilizzo delle procedure memorizzate sono
particolarmente evidenti quando si effettua il reporting di grandi set di dati o
quando si eseguono report che richiedono calcoli lunghi e complessi. In tali casi,
occorre idealmente utilizzare una procedura memorizzata predefinita per eseguire
il lavoro più complesso sul server del database.
Poiché una procedura memorizzata risiede sul server SQL, può essere necessario
chiedere all'Amministratore come accedere o impostare una procedura
memorizzata.

Argomenti correlati
• Per ulteriori informazioni sulle procedure memorizzate, vedere “Procedure
memorizzate” a pagina 478.
• Per selezionare una procedura memorizzata come origine dati, vedere
“Procedure memorizzate SQL” nella Guida in linea.

Utilizzo di formule di selezione dei record potenziate


La componente più importante per rendere più veloce l'elaborazione dei report è
limitare la quantità di dati restituiti dal database. Lo strumento principale per tale
scopo è rappresentato dalle formule di selezione dei record.
Crystal Reports consente di analizzare le formule di selezione dei record
generando una query SQL. Tale query SQL viene in seguito elaborata dal database
che restituisce i record ottenuti a Crystal Reports. Crystal Reports quindi valuta la
formula di selezione dei record a livello locale per ciascuno dei record ottenuti dal
database calcolando in tal modo l'insieme di record utilizzato per generare il
report.
I record non necessari vengono eliminati in due fasi: nel database con la query SQL
e in Crystal Reports dalla formula di selezione dei record. Per rendere più veloce
l’elaborazione, nella prima fase deve essere eliminato il maggior numero possibile

Manuale dell’utente di Crystal Reports 127


Utilizzo di formule di selezione dei record potenziate

di record. Progettando la formula di selezione del record in modo efficiente è


possibile trasferire gran parte dell'elaborazione al server del database, eliminando
così i record non necessari prima di restituirli a Crystal Reports. Questa operazione
viene comunemente definita “invio selezione record al server del database”.
Questa sezione riporta vari suggerimenti su come assicurarsi che le formule di
selezione dei record possano essere inviate al server del database.

Invio di selezione di record, un esempio


Questo esempio illustra i vantaggi della scrittura di formule di selezione dei record
che possono essere inviate al server del database.
Nella tabella Ordini del database di esempio Xtreme sono presenti 2.192 record;
181 di questi hanno date dell'ordine precedenti al 2001. Ipotizzando che l'utente
desideri creare un report con questi record. È possibile utilizzare questa formula di
selezione dei record:
Year ({Ordini.Data ordine}) < 2001

La query SQL generata invia i 2.192 record a Crystal Reports, in seguito la formula
di selezione dei record ne riduce il numero a 181. Per visualizzare questa
operazione, richiamare la finestra di dialogo Mostra query SQL dal menu del
database e notare che la query SQL non presenta clausole WHERE. Questo si
verifica perché Crystal Reports non è in grado di inviare la funzione Year ( ) nella
clausola WHERE.
D'altro canto, questa formula di selezione dei record genera lo stesso report:
{Ordini.Data ordine} < #Jan 1, 2001#

Questa seconda formula, tuttavia, può essere eseguita sul server del database, in
modo che venga inviata. La query SQL generata invierà soltanto 181 record a
Crystal Reports. Quindi, quando la formula di selezione dei record viene valutata
non sarà necessario eliminare nessun altro record. Scegliere Mostra query SQL dal
menu Database e notare che la query SQL presenta una clausola WHERE.
Come mostrato da questo esempio, la velocità di elaborazione del report migliora
quando si potenzia la formula di selezione del record. In questo caso entrambe le
formule generano lo stesso report, ma la seconda sfrutta la potenza e le
ottimizzazioni che il server del database può utilizzare quando gestisce i propri
dati.
Consiglio: per ulteriori informazioni e indicazioni sulle restrizioni applicabili
durante l’impostazione delle richieste di selezione dei record, fare riferimento alla
sezione successiva.
Nota: per gli utenti che non hanno esperienza nella creazione di formule di
selezione dei record è preferibile iniziare con l’Esperto selezione o i modelli di
formule per la selezione dei record di esempio. Per ulteriori informazioni e

128 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

un'introduzione alla selezione dei record, vedere “Selezione dei record” a


pagina 140.

Suggerimenti per la selezione dei record


Quando si impostano le richieste di selezione dei record, è opportuno considerare
i seguenti elementi relativi alle prestazioni:

Generale
• Per inviare una selezione dei record, occorre selezionare “Usa indici o server
per velocità” nella finestra di dialogo Opzioni report (disponibile nel menu
File).
• Nelle formule di selezione dei record evitare conversioni di tipi di dati su
campi che non sono campi di parametro.
Ad esempio, evitare l'utilizzo di ToText ( ) per convertire un campo numerico
in un campo di database stringa.
• È possibile inviare alcune formule di selezione dei record che utilizzano
espressioni fisse.

Database PC
• È possibile inviare soltanto selezioni su campi indicizzati.
• È possibile inviare solo clausole AND (non OR).

Database SQL
• È possibile inviare selezioni dei record su campi indicizzati e non indicizzati.
• Il server SQL risponde più velocemente se si utilizzano campi indicizzati.
• È possibile inviare clausole AND e OR.
• È possibile inviare formule di selezione di record che contengono alcuni tipi di
formule incorporate.
• Si devono incorporare i campi Espressione SQL per inviare i calcoli delle
formule necessari per la selezione dei record.
• Nel menu Database fare clic su Mostra query SQL per visualizzare l'SQL che
verrà inviato al server del database.

Strategie per la scrittura di formule di selezione record


efficienti
Nota: questa sezione presume la conoscenza approfondita dell’Esperto selezione
e illustra l’estrazione di un database SQL.
Quando si crea una formula di selezione dei record, ricordare i seguenti punti:

Manuale dell’utente di Crystal Reports 129


Utilizzo di formule di selezione dei record potenziate

Considerazione 1
È possibile inviare qualunque formula di selezione dei record generata
interamente con l’Esperto selezione, senza dover scrivere parti della formula.
Ciò deriva da quanto affermato precedentemente. Tuttavia, è possibile scrivere più
tipi di formule di selezione record utilizzando i suggerimenti riportati di seguito
rispetto a quelli disponibili nell’Esperto selezione. A questo scopo, è necessario
modificare la formula di selezione record direttamente con il Workshop formula o
dall’area di testo visualizzata quando si fa clic su Mostra formula nell’Esperto
selezione.
Per aprire il Workshop formula e modificare la selezione dei record, fare clic sul
menu Report, selezionare Formule di selezione, quindi scegliere Record dal
sottomenu.

Considerazione 2
È possibile inviare qualunque formula di selezione di questo tipo: DataBaseField
SupportedOperator ConstantOrParameterExpression.
Naturalmente DataBaseField è proprio un campo di database. SupportedOperator è
uno di =, <>, <, <=, >, >=, StartsWith, Like o In.
ConstantOrParameterExpression è una espressione qualsiasi che contiene valori
costanti, operatori, funzioni e campi di parametro. Non può comprendere
variabili, strutture di controllo o campi diversi dai campi di parametro. Per la loro
definizione, le espressioni costante e parametro possono essere valutate senza
accedere al database.
Nota: Un’espressione costante o di parametro può essere un valore semplice, un
valore dell’intervallo, un valore della matrice o una matrice di valori
dell’intervallo. Di seguito sono riportati alcuni esempi di queste espressioni.
{?parametro numero} - 3
Year ({?eseguire data})
CurrentDate + 5
DateDiff ("q", CurrentDate, CDate("Jan 1, 1996"))
Month (Maximum ({?parametro intervallo di date}) + 15)
["Canada", "Messico", "USA", {?immettere un paese}]
1000 To 5000
[5000 To 10000, 20000 To 30000, 50000 To 60000]

Un esempio completo:
{Ordini.Data ordine} >= CurrentDate - 3

Il programma può anche inviare un'espressione che contiene solo un campo


booleano (senza la parte operatore e costante).
{Ordini.Spedito}
Not {Ordini.Spedito}

130 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

Considerazione 3
IsNull (DataBaseField) può essere inviata.

Considerazione 4
SqlExpression SupportedOperator ConstantOrParameterExpression può essere inviata.
Ad esempio, la formula di selezione {@ExtendedPrice} > 1000 non può essere
inviata se {@ExtendedPrice} è Quantità * Prezzo. Tuttavia, se la formula
@ExtendedPrice viene sostituita con l’espressione SQL equivalente, questa può
essere inviata.

Considerazione 5
Quando si utilizzano espressioni multiple che seguono le precedenti
considerazioni, è necessario separarle con gli operatori AND e OR (è possibile
servirsi anche dell’operatore NOT). È possibile avere più operatori, inoltre si
possono utilizzare le parentesi per stabilire delle priorità. Ad esempio:
{Ordini.ID ordine} < Minimo({?number range}) Or
{Ordini.Importo ordine} >= 1000
(IsNull({Clienti.Regione}) Or
{Clienti.Regione} = "BC") And
{Clienti.Vendite anno precedente} > 2000

Argomenti correlati
• Se la formula di selezione dei record non risponde come previsto, vedere
“Risoluzione dei problemi nelle formule di selezione dei record” a pagina 148.

Come incorporare i campi di parametro nelle formule di


selezione dei record
Invece di visualizzare tutti i dati di un report ogni volta che si apre il report, è
possibile creare campi di parametro chiedendo agli utenti di specificare i dati che
desiderano visualizzare. Per diminuire il numero di dati trasferiti dal server del
database, incorporare tali campi di parametro direttamente nella formula di
selezione dei record.
In generale i campi di parametro forniscono interattività per gli utenti, che devono
rispondere alla richieste di parametri per specificare i dati che desiderano
visualizzare. Tuttavia, incorporando i campi di parametro direttamente nelle
formule di selezione dei record, non solo si fornisce interattività, ma si diminuisce
anche il trasferimento dei dati e si migliorano le prestazioni.
È possibile aggiungere un campo di parametro alla formula di selezione dei record
utilizzando l’Esperto selezione o il Workshop formula per la selezione dei record.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 131


Utilizzo di formule di selezione dei record potenziate

Quando si utilizza il Workshop formula per la selezione dei record, il campo di


parametro viene trattato come qualsiasi altro campo.
Nel seguente esempio verrà creato un campo di parametro e quindi aggiunto alla
formula di selezione dei record con l'Esperto selezione. Per ulteriori informazioni
sulla progettazione e la creazione di campi di parametro, vedere “Campi di
parametro” a pagina 415.

Per aggiungere un campo di parametro alla formula di selezione dei record


1 Aprire il report di esempio Group By Intervals.rpt (situato nella cartella di
esempio Feature Examples).
Navigare nella Struttura di gruppo per verificare come sono organizzati i dati,
notare inoltre nella parte inferiore destra della finestra Crystal Reports, che
sono stati restituiti 270 record per il report.
Nota: Questo numero sarà visibile solo se è stata selezionata l’opzione Barra di
stato nel menu Visualizza.
Fare clic sulla scheda Progettazione.
2 Scegliere Explorer Campo dal menu Visualizza.
3 In Explorer campo fare clic col pulsante destro del mouse su Campi di
parametro, quindi dal menu di scelta rapida scegliere Nuovo. Viene
visualizzata la finestra di dialogo Crea campo parametro.
4 Come Nome del parametro digitare SalesQuota.
5 Come testo a richiesta digitare Qual è la quota di vendite dello scorso
anno?

6 Fare clic nell'elenco Tipo valore e selezionare Numero.


7 Assicurarsi che sia selezionato Valore/i discreto/i, quindi fare clic su OK.
Nota: È stato così creato il campo di parametro. Nella parte restante di queste
procedure viene descritto come aggiungere il campo alla formula di selezione
dei record con l’Esperto selezione.
8 Nel menu Report, fare clic su Esperto selezione. Viene visualizzata la finestra
di dialogo Scegli Campo.
9 Selezionare il campo Clienti.Vendite anno precedente, quindi fare clic su OK.
Viene visualizzato l’Esperto selezione.
10 Nella scheda Clienti.Vendite anno precedente, fare clic nell'elenco a discesa e
selezionare maggiore di. Verrà visualizzato un nuovo elenco a discesa.
11 Fare clic in questo secondo elenco e selezionare {?SalesQuota}.
Consiglio: fare clic sul pulsante Mostra formula per visualizzare la nuova
formula di selezione dei record, che compare come: {Clienti.Vendite anno
precedente} > {?SalesQuota}. Invece di utilizzare l'Esperto selezione, si sarebbe
potuto creare la formula nell'Editor delle formule per la selezione dei record.

132 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

Per visualizzare l’editor, aprire il Workshop formula e selezionare Selezione dei


record dalla cartella Formule di selezione.
12 Fare clic su OK nell'Esperto selezione.
Il campo di parametro è ora stato aggiunto alla formula di selezione dei record.
Quando si passa alla modalità Anteprima o si fa clic sul pulsante Aggiorna verrà
chiesto di immettere i nuovi valori del parametro. È possibile immettere un valore
numerico che rappresenta la quota di vendite dello scorso anno. Il report che ne
risulta visualizzerà soltanto quei clienti le cui vendite superano il valore numerico
specificato.
Ad esempio, se si risponde al parametro immettendo 40000, nel report verranno
visualizzati soltanto quei clienti le cui vendite lo scorso anno hanno superato
40.000 USD. Notare inoltre che nella parte inferiore destra della finestra di Crystal
Reports vengono restituiti soltanto 58 record, invece dei 270 restituiti prima che il
campo di parametro fosse inserito nella formula di selezione dei record.
Potenziando tale report si recupereranno tutte le informazioni necessarie e allo
stesso tempo si garantisce che un numero minore di record verrà trasferito dal
server del database.

Argomenti correlati
• Per creare parametri potenziati, vedere “Funzioni avanzate dei parametri” a
pagina 423.
• Per ulteriori informazioni sull'uso dei campi di parametro, vedere
“Panoramica sui parametri” a pagina 416.
• Per informazioni generali sulle formule di selezione dei record, vedere
“Selezione dei record” a pagina 139.

Utilizzo di espressioni SQL dove appropriato


Le espressioni SQL sono simili alle formule, ma vengono scritte in linguaggio SQL
(Structured Query Language). Sono utili nell'ottimizzazione delle prestazioni dei
report perché le azioni sono normalmente eseguite nel server del database (in
contrapposizione alle formule normali, che a volte sono eseguite nei computer
locali).
Non utilizzare le espressioni SQL in modo esclusivo, poiché Crystal Reports
include il proprio linguaggio per le formule, che è molto più potente dello
standard SQL. Sia Crystal Syntax che Basic Syntax consentono di migliorare e
raffinare le formule in un modo che è difficilmente eguagliabile o impossibile con
SQL. In alcune circostanze, tuttavia, la creazione e l'utilizzo di campi Espressione
SQL può velocizzare l'elaborazione dei report.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 133


Miglioramento dell’ordinamento, del raggruppamento e del calcolo dei totali

Utilizzi principali dei campi Espressione SQL


Per garantire una velocità di elaborazione dei report ottimale, evitare di utilizzare
formule (sia con sintassi Crystal che Basic) nelle formule di selezione dei record.
Sostituire invece la formula originale con un campo Espressione SQL e quindi
incorporare il campo Espressione SQL nella formula di selezione dei record. In
questo modo verranno aumentate notevolmente le possibilità che la selezione dei
record venga inviata al server.
Inoltre, evitare ordinamenti, raggruppamenti o il calcolo dei totali in un campo
formula (sia sintassi Crystal che Basic). Invece sostituire il campo formula originale
con un campo Espressione SQL equivalente, quindi ordinare, raggruppare o
calcolare i totali nel campo Espressione SQL. Anche questo aumenterà
notevolmente la possibilità che l'elaborazione venga effettuata sul server.
Infine, se il database supporta Case Logic e il report deve effettuare un riepilogo di
una formula di calcolo If-Then-Else, sostituire la formula con il campo Espressione
SQL. In tali casi, i campi Espressione SQL abilitano Crystal Reports all'esecuzione
del raggruppamento del report sul server. Per ulteriori informazioni, vedere
“Utilizzo di espressioni SQL per Case Logic” a pagina 136.

Argomenti correlati
• Per un'introduzione al linguaggio SQL, vedere “Definizione del linguaggio
SQL” a pagina 474 e “Linguaggio SQL” a pagina 479.
• Per istruzioni sulla creazione di campi Espressione SQL, vedere “Campi
espressione SQL” a pagina 90.
• Per ulteriori suggerimenti sul potenziamento delle formule di selezione dei
record, vedere “Utilizzo di formule di selezione dei record potenziate” a
pagina 127.
• Per procedure generali di selezione dei record, vedere “Selezione dei record” a
pagina 139.

Miglioramento dell’ordinamento, del raggruppamento


e del calcolo dei totali
Esecuzione del raggruppamento su server
Se si stanno creando report in tempo reale da dati dinamici sul Web, ridurre la
quantità di dati trasferiti dal server di database utilizzando l’opzione Esegui
raggruppamento su server. Con questa opzione, la maggior parte
dell'elaborazione dati viene scaricata dal server del database e soltanto un
sottoinsieme di dati viene letto inizialmente. I dettagli dei dati vengono restituiti
dal database soltanto quando viene effettuata l'analisi dettagliata nel report.

134 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

Nota: L'elaborazione sul server funziona soltanto con report ordinati e


raggruppati che si basano su origini dati SQL.

Attivazione dell’elaborazione sul server


1 Nel menu File, fare clic su Opzioni report.
2 Selezionare Esegui raggruppamento su Server nella finestra di dialogo
Opzioni report.
Questa casella di controllo non è attiva se Usa indici o server per velocità non è
selezionato.
Consiglio: Quando Usa indici o server per velocità è selezionato, è possibile
abilitare rapidamente Esegui raggruppamento su server dal menu Database.
3 Fare clic su OK.

Vantaggi del raggruppamento su server, un esempio


L'esempio seguente descrive un tipico scenario di reporting in cui il
raggruppamento su server può ridurre in modo significativo la quantità di dati
non necessari trasferiti dal server del database.

Per diminuire il trasferimento dei dati effettuando il raggruppamento sul


server
1 Aprire il report di esempio Group.rpt (situato nella cartella Feature Examples).
Nell'angolo inferiore destro della finestra Crystal Reports osservare i 269 record
restituiti dal report.
Nota: Questo numero sarà visibile solo se è stata selezionata l’opzione Barra di
stato nel menu Visualizza.
2 Nel menu Report, fare clic su Esperto sezione per aprire l’Esperto sezione.
3 Nell'elenco Sezioni selezionare Dettagli.
4 Nella scheda Comune, selezionare Nascondi (analisi dettagliata OK). In
questo modo viene nascosta la sezione Dettagli e nel report è visualizzata
soltanto l'intestazione di gruppo. (In tal caso, il report è raggruppato per
Paese.)
5 Fare clic su OK nell'Esperto sezione. I dettagli del record scompariranno dal
report.
6 Premere F5 per aggiornare i dati del report (o fare clic sul pulsante Aggiorna
sulla barra degli strumenti).
Notare che i 269 record vengono ancora restituiti per il report, anche se i
dettagli dei record non sono visualizzati.
7 Dal menu Database, scegliere Esegui raggruppamento su server.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 135


Miglioramento dell’ordinamento, del raggruppamento e del calcolo dei totali

Notare che soltanto 71 record vengono restituiti per il report. Il


raggruppamento (per Paese) è stato eseguito sul server del database e meno
record sono stati trasferiti al report.
8 Effettuare l'analisi dettagliata su un Paese facendo doppio clic sul report.
Consiglio: quando è disponibile l’analisi dettagliata, il cursore si trasforma in
una lente d’ingrandimento.
I dettagli dei record appropriati vengono recuperati man mano che sono
richiesti.
Ad esempio, se si effettua l'analisi dettagliata sull'Australia, vengono
recuperati velocemente i sette record che compongono il gruppo.
Nascondendo la sezione Dettagli del report, è stato creato un report di riepilogo
facile da consultare. Ciascun utente può inizialmente individuare il Paese a cui è
interessato, quindi effettuare l'analisi dettagliata per recuperare i dettagli
desiderati.
Inoltre, abilitando l'opzione Esegui raggruppamento su server, si assicura che
l'elaborazione iniziale venga completata sul server del database. Di conseguenza,
soltanto i record necessari sono trasferiti nel report.
Per ulteriori informazioni sull'elaborazione sul server, vedere “Elaborazione su
server” a pagina 481.

Utilizzo di espressioni SQL per gruppi, ordinamenti e totali


Per i report che utilizzano Esegui raggruppamento su server, evitare ordinamenti,
raggruppamenti o il calcolo dei totali in un campo formula (sia sintassi Crystal che
Basic). Invece sostituire il campo formula originale con un campo Espressione SQL
equivalente, quindi ordinare, raggruppare o calcolare i totali nel campo
Espressione SQL. Anche questo contribuirà ad aumentare notevolmente la
possibilità che l'elaborazione venga effettuata sul server.
Per informazioni dettagliate su quando utilizzare le espressioni SQL, vedere
“Utilizzo di espressioni SQL dove appropriato” a pagina 133.

Utilizzo di espressioni SQL per Case Logic


Se il database supporta Case Logic e il report deve effettuare un riepilogo di una
formula di calcolo If-Then-Else, sostituire la formula con il campo Espressione
SQL. In tali casi, i campi Espressione SQL abilitano Crystal Reports all'esecuzione
del raggruppamento del report sul server.
Ad esempio, si supponga di estrarre i dati da un database MS SQL Server 7 con
supporto Case Logic. È necessario includere il calcolo If-Then-Else nel report e
occorre riepilogare tale calcolo per ciascun gruppo nel report. Eseguendo il calcolo
con un campo Espressione SQL nel seguente modulo, utilizzare la capacità del
database di elaborare Case Logic:

136 Manuale dell’utente di Crystal Reports


8 Progettazione di report ottimizzati per il Web

CASE TabellaDatabase."CampoDatabase"
WHEN 'ValoreSpecificato' THEN Calcolo1
ELSE Calcolo2
END

Se il valore del record DatabaseField è uguale a SpecifiedValue, allora viene


eseguito Calcolo1; per tutti gli altri record viene eseguito Calcolo2. Incorporando
il campo Espressione SQL, si sfrutta l'abilità del server del database di elaborare
Case Logic. Di conseguenza i raggruppamenti del report vengono effettuati sul
server, anche quando si riepiloga il campo Espressione SQL in un’altra parte del
report.
Nota: La sintassi SQL dell'esempio è specifica per il server MS SQL Server 7. Può
essere necessario consultare la documentazione del database o contattare
l'Amministratore per definire la sintassi più appropriata per il database.

Inserimento di campi riepilogo e totali parziali progressivi


dove possibile
Dove possibile, evitare di creare formule con variabili globali per calcolare
riepiloghi o totali parziali progressivi.
Invece, creare riepiloghi facendo clic sul menu Inserisci, quindi selezionare il
comando appropriato (totale parziale, totali generali o riepilogo). Creare campi
totale parziale progressivo aprendo Explorer Campo, fare clic su Campi totale
parziale, quindi scegliere Nuovo dal menu di scelta rapida.
Per informazioni generali sul riepilogo dei dati vedere “Ordinamento,
raggruppamento e calcolo dei totali” a pagina 153 e “Totali parziali” a pagina 183.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 137


Miglioramento dell’ordinamento, del raggruppamento e del calcolo dei totali

138 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Selezione dei record 9

Questo capitolo descrive in che modo è possibile filtrare i


record da inserire in un report. Ad esempio, utilizzando gli
strumenti di selezione dei record è possibile limitare i
record nel report per includere solo i record relativi a uno
specifico gruppo di clienti, uno specifico intervallo di
numeri di conto oppure un particolare intervallo di dati.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 139


Selezione dei record

Selezione dei record


Quando si seleziona un campo per visualizzarlo nel report, per impostazione
predefinita vengono stampati i valori di campo di ogni record nelle tabelle attive.
In molti casi, è possibile che non si desideri includere tutti i valori, ma solo una
parte di essi. Ad esempio, è possibile includere:
• Solo i record per uno specifico gruppo di clienti
• I record di uno specifico intervallo di numeri di conto tra tutti i record del
database
• I valori provenienti solo dai record che rientrano in un determinato intervallo
di date.

Opzioni per la selezione dei record


Crystal Reports include un linguaggio delle formule molto sofisticato che può
essere utilizzato per specificare teoricamente qualunque tipo di selezione di
record. In molti casi, tuttavia, la flessibilità di selezione dei record offerta dal
linguaggio delle formule non è necessaria. L’Esperto selezione interviene in tali
casi.
È possibile selezionare i record in due modi:
• “Utilizzo dell’Esperto selezione” a pagina 141
• “Formule” a pagina 142
Una volta acquisita dimestichezza con l'Esperto selezione e le formule, è possibile
utilizzare le tecniche di selezione dei record per potenziare le prestazioni del
report. Per ulteriori suggerimenti relativi a prestazioni e strategie avanzate di
selezione di record, vedere “Utilizzo di formule di selezione dei record potenziate”
a pagina 127.

Definizione dei campi da utilizzare


Quando si selezionano i record, il report viene basato solo sui record che
soddisfano le condizioni impostate. Tali condizioni dipendono dal tipo di
informazioni che si desidera ottenere nel report finale.
Ad esempio, si supponga di creare un report che visualizzi solo i dati della
California. Il problema consiste nel trovare il modo migliore di identificare i record
relativi alla California.
• Se la tabella che si utilizza per il report dispone di un campo relativo allo stato
o alla regione, nella richiesta è possibile specificare che il programma deve
utilizzare solo i record per i quali il valore nel campo relativo allo stato è
uguale a California (la regione è uguale a CA).
• Se la tabella non dispone di un campo relativo allo stato, ma nel report si
desiderano ugualmente solo i record relativi alla California, può esistere il
modo di identificare comunque tali dati.

140 Manuale dell’utente di Crystal Reports


9 Selezione dei record

• Se la tabella dispone di un campo relativo al CAP, è possibile basare la


selezione dei record sull’intervallo di codici postali relativi alla California
(il CAP è compreso tra n e N).
• Se la tabella dispone di un campo relativo al prefisso telefonico, è possibile
basare la selezione dei record sui prefissi telefonici della California (il
prefisso telefonico è uno dei x, y, ...z).
Nota:
• Se il prefisso è inserito nel campo del numero telefonico, non è possibile
eseguire la selezione dei record in base al prefisso mediante l’Assistente
selezione. È necessario creare una formula per la selezione dei record mediante
il linguaggio delle formule per estrarre il prefisso dal numero telefonico ed
eseguire la selezione dei record in basse ad esso.
• In generale, se è possibile basare la selezione dei record su più di un campo
(come nell’esempio), per ottenere prestazioni migliori è necessario selezionare
un campo indicizzato anziché un campo non indicizzato.

Utilizzo dell’Esperto selezione


L’Esperto selezione consente di specificare rapidamente i record da includere nel
report. Quando si lavora con l’Esperto selezione, si seleziona il campo al quale si
desidera applicare le condizioni di selezione, quindi si specificano tali condizioni.
L’Esperto selezione può essere utilizzato per impostare semplici richieste di
selezione dei record. Ad esempio:
• Clienti dall’Arizona
• Ordini del primo trimestre
• Vendite superiori a 10.000.
L’Esperto selezione può essere utilizzato anche per impostare richieste complesse:
• Clienti il cui nome inizia per “A”, “M” o “S”
• Clienti dalla California o dalla Florida che hanno effettuato ordini in luglio.
Queste richieste sono tutte limitate da intervalli. L’intervallo è definito da una o
più costanti. Il programma confronta il valore di campo in ogni record con le
costanti e rifiuta i record con valori non compresi nell’intervallo. Il report è limitato
ai valori compresi nell’intervallo. È possibile impostare questo tipo di richieste di
selezione dei record senza conoscere il linguaggio delle formule.
Nota: l’Esperto selezione può essere utilizzato per impostare sia richieste di
selezione dei record sia di selezione di gruppo. Se si seleziona un nome di gruppo
o un campo di riepilogo, i criteri di selezione impostati valgono per la selezione
dei gruppi. In tutti gli altri casi, si imposta la selezione dei record.

Per impostare la selezione dei record mediante l’Esperto selezione


1 Sulla barra degli strumenti Strumenti Esperto, fare clic su Esperto selezione.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 141


Selezione dei record

Viene visualizzata la finestra di dialogo Esperto selezione.

Nota: Facendo clic sul pulsante Esperto selezione senza dapprima evidenziare
un campo nel report, viene visualizzata la finestra di dialogo Scegli campo.
Evidenziare il campo sul quale si desidera basare la selezione dei record e fare
clic su OK. Viene visualizzato l’Esperto selezione.
2 Utilizzare gli elenchi a discesa per inserire i criteri di selezione per il campo
indicato.
3 Al termine, fare clic su OK.
Consiglio: Fare clic sulla scheda Nuovo per basare la selezione dei record su
più di un campo. Selezionare il campo successivo dalla finestra di dialogo
Scegli Campo.
Viene generata una formula di selezione basata sulle selezioni eseguite che
limitano il report ai record indicati.
Nota: per visualizzare la formula di selezione, fare clic sul pulsante Mostra
formula. L’Esperto selezione si espande per mostrare la formula. È possibile
modificare la formula all’interno dell’area che viene visualizzata oppure è
possibile fare clic sul pulsante Editor delle formule per modificarla all’interno
di tale editor.

Formule
Per impostare la selezione dei record utilizzando una formula
1 Dal menu Report, selezionare Formule di selezione e fare clic su Record.
2 Nell'Editor delle formule per la selezione dei record, Immettere la formula
digitando i componenti oppure selezionandoli dalle relative strutture.
Nota: la formula risultante deve essere booleana, ovvero deve restituire un
valore True o False.

142 Manuale dell’utente di Crystal Reports


9 Selezione dei record

3 Fare clic su Verifica per identificare gli eventuali errori di sintassi nella
formula.
4 Correggere gli eventuali errori di sintassi identificati dal programma di
controllo delle formule.
5 Quando la sintassi è corretta, fare clic su Salva.

Argomenti correlati
• Per informazioni sui modelli di esempio per la selezione dei record e dei
gruppi, vedere “Utilizzo dei modelli di formule” a pagina 144.
• Per ulteriori informazioni sulla creazione di formule, vedere “Utilizzo delle
formule” a pagina 391.
• Per ulteriori suggerimenti relativi a prestazioni e strategie avanzate di
selezione di record, vedere “Utilizzo di formule di selezione dei record
potenziate” a pagina 127.

Interazione fra l’Esperto selezione e la selezione Workshop


formula
L’Esperto selezione e l’Editor delle formule per la selezione dei record/gruppi
sono interattivi. Ovvero, i criteri di selezione dei record immessi mediante
l’Esperto selezione generano automaticamente una formula di selezione dei record
che può essere esaminata e modificata. Analogamente, le formule per la selezione
dei record e le modifiche alle formule per la selezione dei record esistenti
aggiornano automaticamente i criteri di selezione nell’Esperto selezione.
Grazie a tale interattività, è possibile utilizzare insieme i due strumenti come
esercitazione sul linguaggio delle formule.

Per visualizzare la formula dell’Esperto selezione


1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul campo nel quale si desidera
visualizzare la selezione dei record.
2 Fare clic su Esperto selezione.
3 Fare clic sul pulsante Mostra formula.
L’Esperto selezione si espande in modo da consentire l’esame della formula
generata dal programma in base ai criteri di selezione immessi dall’utente.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 143


Utilizzo dei modelli di formule

4 Al termine, fare clic sul pulsante Nascondi formula.


5 Utilizzare l’Esperto selezione per modificare la formula di selezione.
6 Esaminare la formula aggiornata facendo di nuovo clic sul pulsante Mostra
formula.
7 Per apportare modifiche alla formula, fare clic sul pulsante Editor delle
formulenell’Esperto selezione espanso e utilizzare gli strumenti nel Workshop
formula per modificare la formula.
Nota: i componenti della formula di selezione che non soddisfano nessuno dei
criteri fissati nell’Esperto selezione non vengono convertiti. Ad esempio, se parte
della formula per la selezione dei record estrae gli ultimi quattro caratteri del
numero di un cliente, la sezione del codice della formula che esegue l’estrazione
non viene convertita nei criteri dell’Esperto selezione.

Utilizzo dei modelli di formule


Modelli di formula per la selezione dei record
Le seguenti formule di esempio possono essere utilizzate come modelli per
facilitare la creazione di formule di selezione mediante il Workshop formula. Negli
esempi sono illustrate diverse selezioni possibili, non necessariamente le migliori.

Selezione dei record mediante stringhe di caratteri


{file.CAMPO} startswith "C"
Seleziona solo i record nei quali il valore del campo {file.CAMPO} inizia
con il carattere "C" (include valori quali CyclePath, Corp. e Cyclist’s Trial
Co., esclude valori quali Bob’s Bikes Ltd. e Feel Great Bikes, Inc.).

144 Manuale dell’utente di Crystal Reports


9 Selezione dei record

not ({file.CAMPO} startswith "C")


Seleziona solo i record nei quali il valore del campo {file.CAMPO} non
inizia con il carattere "C" (include valori quali Bob’s Bikes Ltd. e Feel Great
Bikes, Inc., esclude valori quali CyclePath, Corp. e Cyclist’s Trial Co.).
"999" in {file.CAMPO}[3 to 5]
Seleziona i record nei quali le cifre dalla terza alla quinta del campo
{file.CAMPO} sono uguali a "999" (include valori quali 10999, 70999 e 00999,
esclude valori quali 99901 e 19990).
"Cycle" in {file.CAMPO}
Seleziona i record nei quali il valore del campo {file.CAMPO} contiene la
stringa "Cycle" (include valori quali CyclePath Corp. e CycleSporin,Inc.,
mentre esclude valori quali Cyclist’s Trial Co. e Feel Great Bikes, Inc.).

Selezione di record mediante numeri


Valori singoli
{file.CAMPO} > 99999
Seleziona i record nei quali il valore del campo {file.CAMPO} è maggiore di
99999.
{file.CAMPO} < 99999
Seleziona i record nei quali il valore del campo {file.CAMPO} è inferiore a
99999.

Intervallo di valori
{file.CAMPO} > 11111 e {file.CAMPO} < 99999
Seleziona i record nei quali il valore del campo {file.CAMPO} è maggiore di
11111 ma minore di 99999 (l’intervallo di valori non comprende né 11111 né
99999).
{file.CAMPO} >= 11111 and {file.CAMPO} <= 99999
Seleziona i record nei quali il valore del campo {file.CAMPO} è maggiore di
11111 ma minore di 99999 (l’intervallo di valori comprende sia 11111 sia
99999).

Selezione di record mediante date


Le funzioni Month, Day e Year possono essere utilizzate negli esempi riportati di
seguito:
Year ({file.DATA}) < 1996
Seleziona i record nei quali l’anno contenuto nel campo {file.DATA} è
precedente al 1999.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 145


Utilizzo dei modelli di formule

Year ({file.DATA}) > 1992 and Year ({file.DATA}) < 1996


Seleziona i record nei quali l’anno contenuto nel campo {file.DATA} è
compreso tra il 1992 e il 1996 (1992 e 1996 non sono inclusi).
Year ({file.DATA}) >= 1992 and Year ({file.DATA}) <= 1996
Seleziona i record nei quali l’anno contenuto nel campo {file.DATA} è
compreso tra il 1992 e il 1996 (1992 e 1996 sono inclusi).
Month({file.DATA}) in 1 to 4
Seleziona i record in cui il mese presente nel campo {file.DATA} è uno dei
primi quattro mesi dell'anno: gennaio, febbraio, marzo e aprile.
Month({file.DATA}) in [1,4]
Seleziona i record nei quali il mese contenuto nel campo {file.DATA} è il
primo o il quarto mese dell’anno (include gennaio e aprile ed esclude
febbraio e marzo).

Selezione di record mediante intervalli di date


preimpostati
È possibile utilizzare intervalli di date predefiniti per creare formule di selezione
simili alle seguenti:
{file.DATA} in LastFullMonth
Seleziona i record nei quali la data contenuta nel campo {file.DATA} è
compresa nel mese precedente. Se il mese è maggio, seleziona tutti i record
con data di aprile.
not({file.DATA} in LastFullMonth)
Seleziona tutti i record tranne quelli la cui data nel campo {file.DATA} è
compresa nel mese precedente (se il mese è maggio, seleziona tutti i record
tranne quelli con data di aprile).
{file.DATA} < CurrentDate
Seleziona tutti i record nei quali la data contenuta nel campo {file.DATA} è
precedente alla data odierna.

Selezione di record mediante combinazioni di data/


numero/carattere
Queste formule uniscono e fanno corrispondere le formule delle categorie sopra
descritte.
C in {file.CAMPO}[1] e Mese({file.DATA}) in [1,4]
Seleziona i record nei quali il valore contenuto nel campo {file.CAMPO}
inizia con "C" e il mese è gennaio o aprile. Ad esempio, se questo tipo di
formula è stato utilizzato con un database di ordini, è possibile richiedere

146 Manuale dell’utente di Crystal Reports


9 Selezione dei record

un report che includa tutti i clienti i cui nomi iniziano con "C" e che hanno
effettuato ordini in gennaio o in aprile.
"AOK" in {file.STORICO}[3 to 5] and {file.CREDAPER} >= 5000
Seleziona i record nei quali il campo {file.STORICO} contiene i caratteri
"AOK" rispettivamente come terzo, quarto e quinto carattere, mentre il
campo {file.CREDAPER} (importo del credito disponibile) è almeno pari a
5000.
Questi modelli possono essere utilizzati così come sono (con i dati dell’utente) o
possono essere combinati per creare formule complesse.

Invio della selezione di record al server del database


I driver forniti da Crystal Reports per origini di dati SQL consentono l'invio di
selezioni di record al server del database. Se si specifica una formula di selezione
dei record in un report basato su un'origine di dati SQL, Crystal Reports analizza
la formula, genera una query SQL basata sulla formula e invia la query SQL al
server del database. La selezione dei record è quindi eseguita in due fasi:
• La prima fase della selezione dei record ha luogo quando il server del database
elabora la query SQL e restituisce a Crystal Reports una serie di record.
• Nella seconda fase, Crystal Reports valuta a livello locale la formula di
selezione dei record relativa alla serie di record restituiti dal server del
database.
I server di database sono generalmente più veloci delle stazioni di lavoro ed è
quindi utile specificare formule per la selezione dei record che il server è in grado
di elaborare nel corso della prima fase. In questo modo, la selezione dei record da
eseguire sul computer locale nella seconda fase è ridotta al minimo. Tale
operazione viene comunemente indicata come invio di selezione record al server
del database. È possibile inviare al server i seguenti tipi di formule di selezione
record:
• selezioni con campi indicizzati e non (i campi indicizzati consentono risposte
più rapide).
• query SQL con clausole AND e OR.
• campi di espressioni SQL che eseguono i calcoli delle formule per la selezione
dei record (per informazioni sui tipi di espressioni SQL supportati dal server
SQL, consultare la documentazione fornita con il server).
Per informazioni dettagliate sull'invio di formule per la selezione dei record al
server del database, vedere “Utilizzo di formule di selezione dei record
potenziate” a pagina 127.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 147


Risoluzione dei problemi nelle formule di selezione dei record

Risoluzione dei problemi nelle formule di selezione


dei record
Per risolvere i problemi correlati alle formule di selezione, assicurarsi dapprima
che tutti i campi citati nella formula di selezione siano inseriti nel report. Quindi
eliminare la formula di selezione e verificarla durante la ricostruzione, nei singoli
passaggi.

Per risolvere i problemi nelle formule di selezione record


1 Scrivere su carta la formula di selezione dei record. Viene utilizzata questa
copia scritta per la ricostruzione della formula di selezione passo passo.
2 Rimuovere la formula di selezione dal report eliminandola dall’Editor delle
formule di selezione dei record/gruppi all’interno del Workshop formula.
3 Fare clic su Chiudi quando si terminano le operazioni nel Workshop formula.
4 Accertarsi che tutti i campi a cui fa riferimento la formula di selezione dei
record (selettori) si trovino nel report e non siano nascosti.
Ad esempio, se uno dei selettori è:
{clienti.CODICE POSTALE} > "80000"
ma il campo {clienti.CODICE POSTALE} non viene utilizzato nel report (come
nel caso di un report delle vendite che utilizza il codice postale per definire le
zone, ma non include tale codice nei dati del report), inserire il campo
{clienti.CODICE POSTALE} nel report.
Se uno dei campi a cui fa riferimento la formula di selezione si trova nel report
ma è nascosto, è necessario visualizzarlo disattivando l’opzione Ometti per
quel campo nell’Editor formato.
5 Stampare il report e accertarsi che i dati nei campi a cui fa riferimento la
formula di selezione vengano stampati con risultati soddisfacenti. Accertarsi
che vengano stampati tutti i dati. Ad esempio, se è presente un numero totale x
di record nel database deve essere stampato un numero x di record per ogni
campo cui si fa riferimento. Ciò costituisce un punto di riferimento per
confrontare i risultati della stampa con la formula di selezione.
6 Quando si ottengono risultati soddisfacenti senza utilizzare la formula di
selezione, è possibile immettere la formula di selezione utilizzando un solo
selettore.
Ad esempio, per utilizzare la seguente formula di selezione finale:
{clienti.CODICE POSTALE} > "80000" and {clienti.COGNOME CONTATTO}[1] =
"C" and {clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE} >= 5000
vengono selezionati tutti i record che mostrano un CAP superiore a 80000, un
valore con iniziale "C" nel campo {clienti.COGNOME CONTATTO} e un valore
maggiore di o uguale a 5000 nel campo {clienti.VENDITE ANNO
PRECEDENTE}.

148 Manuale dell’utente di Crystal Reports


9 Selezione dei record

È possibile utilizzare la formula riportata di seguito come prima formula di


selezione di prova.
{clienti.CODICE POSTALE} > "80000"
Stampare il report e valutare i dati stampati con un solo selettore attivato.
Verificare se il campo {clienti.CODICE POSTALE} mostra solo i codici postali
superiori a 80000.
• In caso positivo, questa parte della formula di selezione funziona
correttamente.
• In caso negativo, ricercare i problemi di questa parte della formula di
selezione.
7 Una volta che la formula di selezione con un solo selettore attivato funziona
correttamente, aggiungere un secondo selettore. Ad esempio, la nuova
formula di selezione può essere simile a quella riportata di seguito.
{clienti.CODICE POSTALE} > "80000" and {clienti.COGNOME CONTATTO}[1] =
"C"

8 Eseguire un’anteprima del report e valutare i dati stampati con due selettori
attivati. Valutare i dati del campo {clienti.COGNOME CONTATTO}, dato che i
dati del campo {clienti.CODICE POSTALE} sono stati valutati nel passaggio
precedente.
Verificare se il campo {clienti.COGNOME CONTATTO} mostra solo le stringhe
di testo con iniziale "C".
• In caso positivo, questa parte della formula di selezione funziona
correttamente.
• In caso negativo, ricercare i problemi di questa parte della formula di
selezione.
9 Una volta che la formula di selezione con due selettori attivati funziona
correttamente, aggiungere un terzo selettore, un quarto e così via, fino a
quando non sono stati esaminati tutti i selettori della formula di selezione.

Correzione delle sezioni che non generano dati


È possibile riscontrare una situazione in cui, in una formula di selezione record le
informazioni di intestazione e piè di pagina vengono stampate nel report mentre
non sono presenti le informazioni dettagliate. Il problema è causato dalla formula
di selezione che rifiuta tutti i record. Questo si verifica generalmente a causa di un
errore nella creazione della formula di selezione.
Esistono alcune cause possibili del problema nella formula di selezione:
• Vedere “Correzione di incoerenze tra lettere maiuscole e minuscole” a
pagina 150.
• Vedere “Spazi non desiderati in una formula di selezione” a pagina 150.
• Vedere “Utilizzo di istruzioni If nelle formule di selezione” a pagina 151.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 149


Risoluzione dei problemi nelle formule di selezione dei record

Correzione di incoerenze tra lettere maiuscole e minuscole


Le formule di selezione dei record distinguono tra lettere maiuscole e minuscole.
"Bob" corrisponde soltanto a "Bob". Non ha corrispondenza con "bob", "BOB",
"BoB", "bOB", "boB" o "BOb". Pertanto, se la formula di selezione è impostata per
includere solo i record che contengono "BOB" nel campo {clienti.NOME
CONTATTO}, ma tutte le voci del campo {clienti.NOME CONTATTO}
contengono sia lettere maiuscole che minuscole (ad esempio "Bob"), la formula di
selezione non trova corrispondenze e non stampa alcun dettaglio per il report.
È possibile risolvere questo problema utilizzando le funzioni UpperCase (str) o
LowerCase (str) nella formula di selezione per convertire i dati dei campi in modo
uniforme prima che il programma inizi la selezione. Ad esempio, se si utilizza la
formula riportata di seguito:
{clienti.NOME CONTATTO} = "BOB"

è possibile modificarla in questo modo:


UpperCase({clienti.NOME CONTATTO}) = "BOB"

Questa seconda formula converte il valore del campo {clienti.NOME CONTATTO}


in lettere maiuscole, quindi controlla se il valore risultante nel campo corrisponde
a “BOB”. Mediante questa formula, ogni occorrenza delle tre lettere "b", "o" e "b"
costituisce una corrispondenza, indipendentemente dal fatto che siano maiuscole
o minuscole, poiché vengono dapprima convertite in maiuscole.
È possibile utilizzare la funzione LowerCase in modo simile per trovare le
corrispondenze con "bob".
Controllare con attenzione la formula di selezione e accertarsi che le dimensioni
delle lettere siano corrette in ogni testo in cui si desidera trovare le corrispondenze.
In caso di dubbio, utilizzare la funzione UpperCase (o LowerCase) per garantire
coerenza e corrispondenze corrette.
Un’altra formula che esegue in parte le stesse funzioni è:
"BOB" in UpperCase({clienti.NOME CONTATTO})

Spazi non desiderati in una formula di selezione


Gli spazi sono caratteri e quando vengono inclusi nella chiave di ricerca di una
formula di selezione dei record, la formula cerca i record che contengono la
corrispondenza esatta nel campo selezionato, inclusi gli spazi. Ad esempio, questa
formula:
"Sig . " in {clienti.TITOLO}

non trova corrispondenze con la forma "Sig." dato che la chiave di ricerca contiene
uno spazio aggiuntivo tra la lettera "g" e il punto. Analogamente, "Dott ." Allo
stesso modo, "Dott ." non corrisponde a "Dott.".

150 Manuale dell’utente di Crystal Reports


9 Selezione dei record

Controllare con attenzione la formula di selezione e accertarsi che gli spazi nella
formula di selezione corrispondano agli spazi presenti nei campi in cui si cerca la
corrispondenza.

Utilizzo di istruzioni If nelle formule di selezione


Quando si creano formule di selezione dei record contenenti istruzioni If,
includere sempre la parola chiave Else; altrimenti potrebbe non essere restituito
alcun record o potrebbero essere restituiti record imprevisti. Ad esempio, una
selezione di record come If {campo parametro} = "less than 100" then {campo} <
100" produce come risultato False e non restituisce alcun record. Per risolvere il
problema, includere nella formula Else True.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 151


Risoluzione dei problemi nelle formule di selezione dei record

152 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Ordinamento, raggruppamento
e calcolo dei totali 10

L’ordinamento, il raggruppamento e il calcolo dei totali


sono i passaggi che trasformano i dati non organizzati in
informazioni utili sotto forma di report. Questo capitolo
descrive i diversi tipi di ordinamento, raggruppamento e
calcolo dei totali disponibili all’interno di un report.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 153


Ordinamento dei dati

Ordinamento dei dati


L’ordinamento consiste nel disporre i dati in un ordine specifico per agevolarne la
ricerca e la valutazione.
Quando si inserisce un campo di database nel report per la prima volta, i dati
presenti nei campi vengono visualizzati nell’ordine originale in cui sono stati
inseriti nel database. La ricerca delle informazioni in questo tipo di report è
difficile. È molto più semplice esaminare o trovare le informazioni ordinate in un
formato logico. Ad esempio, può essere necessario disporre di un elenco dei clienti
organizzato in ordine alfabetico per nome o per paese.

Comprensione delle opzioni di ordinamento


Quando si esegue un ordinamento, il programma richiede la definizione di due
elementi:
• Il campo sul quale si desidera basare l’ordinamento (campo di ordinamento).
• La direzione di ordinamento.

Campo di ordinamento
Per campo di ordinamento si intende il campo che determina l’ordine in cui i dati
vengono visualizzati nel report. Quasi tutti i campi possono essere utilizzati come
campo di ordinamento, inclusi i campi delle formule. Il tipo di dati di un campo
determina il metodo in base al quale vengono ordinati i dati del campo.
Nota: non è possibile eseguire l’ordinamento sui campi memo e BLOB.

Tipo di Campo Ordinamento


Campi di stringa a un carattere spazi vuoti
punteggiatura
numero
lettera maiuscola
lettere minuscole
Campi stringa a più caratteri due lettere
tre lettere
quattro lettere e così via

Ad esempio:
• “BOB” precede “bob”
• "123" precede "124"
• " " (spazio vuoto) precede "a"
• "aa" precede "aaa"
Campi valuta ordine numerico
Campi numerici ordine numerico

154 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

Tipo di Campo Ordinamento


Campi data ordine cronologico
Campi DateTime ordine cronologico
valori di data uguali ordinati in base
all’ora
Campi ora ordine cronologico
Campi di confronto booleani Valori False (0)
Valori True (1)
Valori Null valori null
valori non null
Nota: Se l’ordinamento e il raggruppamento vengono eseguiti sul server di
database, il tipo di ordinamento può variare quando vengono utilizzati dati
Unicode o UTF-8. L’ordine applicato dipende dalle regole in vigore per l’origine
dati. In alcuni casi i dati Unicode vengono ordinati in base al relativo valore
binario ma possono essere ordinati anche in base a particolari impostazioni
internazionali. Per dettagli sulla modalità di ordinamento dei campi dati Unicode,
fare riferimento alla documentazione relativa all’origine dati.

Direzione di ordinamento
La direzione di ordinamento si riferisce all’ordine in base al quale i valori vengono
stampati, dopo essere stati ordinati.
• Crescente
L'ordine crescente va dai valori minimi ai valori massimi (1 - 9, A - Z, False -
True). Il programma esegue l’ordinamento dei record con criterio crescente in
base ai valori selezionati nel campo di ordinamento.
• Decrescente
L'ordine decrescente va dai valori massimi ai valori minimi (9 - 1, Z - A, True -
False). Il programma esegue l’ordinamento dei record con criterio decrescente
in base ai valori selezionati nel campo di ordinamento.

Ordinamento di uno o più campi


Negli ordinamenti in base a singoli campi tutti i record utilizzati nel report
vengono ordinati in base ai valori presenti in un solo campo. L’ordinamento di un
report di inventario in base al numero assegnato al prodotto in giacenza oppure
l’ordinamento di un elenco di clienti in base al numero cliente costituiscono esempi
di ordinamento in base a singoli campi.
Negli ordinamenti in base a più campi, Report Designer ordina i record in base ai
valori del primo campo selezionato, utilizzando un ordine crescente o decrescente
in base a quanto specificato. Quando due o più record contengono lo stesso valore
nel primo campo di ordinamento, vengono ordinati in base al valore del secondo
campo di ordinamento.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 155


Ordinamento dei dati

Ad esempio, se si sceglie di eseguire prima l’ordinamento del campo


{clienti.PAESE} e poi del campo {clienti.REGIONE}, entrambi in ordine crescente,
il report viene visualizzato con i paesi e le regioni, all’interno di ciascun paese,
elencati in ordine alfabetico. Tutti gli altri campi, ad esempio i codici postali
all’interno di ciascuna regione, non vengono ordinati.
Per ordinare uno o più campi viene utilizzata la stessa procedura.

Per eseguire l’ordinamento dei dati


1 Scegliere Esperto ordinamento record dal menu Report.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Ordinamento record.

2 Evidenziare il campo da ordinare dall’area Campi disponibili.


3 Fare clic sulla > freccia.
Il campo selezionato viene aggiunto all’elenco Campi di ordinamento.
4 Specificare la direzione di ordinamento.
5 Se si esegue l’ordinamento per più campi, evidenziare il secondo campo che si
desidera ordinare e aggiungerlo all’elenco Campi di ordinamento.
6 Per modificare l’ordine dei campi nell’elenco Campi di ordinamento,
evidenziare il campo che si desidera spostare e fare clic sui pulsanti freccia per
spostarlo verso l’alto o verso il basso.
Consiglio: l’ordine dei campi elencati nella casella Campi di ordinamento
corrisponde all’ordinamento dei dati.
7 Mentre si aggiunge ciascun campo all’elenco Campi ordinamento, specificare
la direzione di ordinamento.

156 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

8 Al termine, fare clic su OK.


I record vengono ordinati in base ai valori nell’elenco Campi di ordinamento.

Raggruppamento dei dati


I dati raggruppati sono dati ordinati e suddivisi in gruppi significativi. In un
elenco di clienti, ad esempio, un gruppo può essere costituito da tutti i clienti con
lo stesso codice postale o che vivono nella stessa area. In un report delle vendite,
un gruppo può essere costituito da tutti gli ordini effettuati dallo stesso cliente o
da tutti gli ordini emessi da un determinato venditore.

Direzione di ordinamento e di raggruppamento


Quando si raggruppano i dati, sono disponibili quattro direzioni di ordinamento
e raggruppamento. La direzione si riferisce all’ordine in base al quale i valori
vengono visualizzati.
• Crescente
L'ordine crescente va dai valori minimi ai valori massimi (1 - 9, A - Z, False -
True). Il programma ordina i record con criterio crescente, quindi inizia la
creazione di un nuovo gruppo ogni volta che il valore cambia.
• Decrescente
L'ordine decrescente va dai valori massimi ai valori minimi (9 - 1, Z - A, True -
False). Il programma ordina i record con criterio decrescente, quindi inizia la
creazione di un nuovo gruppo ogni volta che il valore cambia.
• Ordine specificato
Per ordine specificato si intende un ordine definito dall’utente. Il programma
colloca i record nel gruppo personalizzato specificato e li lascia nell'ordine
originale oppure li ordina con criterio crescente o decrescente, a seconda delle
istruzioni dell'utente. Vedere “Creazione di gruppi personalizzati” a
pagina 159.
• Originale
Per ordine originale si intende l’ordine in base al quale i dati erano stati salvati
in origine nel database. Il programma lascia i record nell’ordine in cui si
trovano nella tabella di database originale, quindi inizia la creazione di un
nuovo gruppo ogni volta che il valore cambia nel campo di raggruppamento
selezionato.

Per raggruppare i dati


1 Dal menu Inserisci, fare clic su Gruppo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci Gruppo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 157


Raggruppamento dei dati

2 Selezionare dall’elenco a discesa il campo in base al quale si desidera


raggruppare i dati.
3 Selezionare la direzione di ordinamento dal secondo elenco a discesa.
4 Se si desidera mostrare un valore differente nell’intestazione di gruppo, fare
clic sulla scheda Opzioni.
Nota: Per impostazione predefinita, l’intestazione di gruppo del report
visualizza il valore del campo del quale si esegue il raggruppamento.
5 Selezionare la casella di controllo Personalizza Campo Nome gruppo e
scegliere un nuovo nome di gruppo.
Se, ad esempio, si esegue il raggruppamento in base a {Clienti.ID cliente}, a ogni
modifica del gruppo verrà visualizzato l'ID del cliente corrispondente. Per
visualizzare un valore diverso (l'ID cliente e il nome cliente), personalizzare il
campo del nome gruppo scegliendo un campo di dati alternativo oppure
creando una formula.
Consiglio: per nascondere il nome intestazione gruppo, fare clic con il pulsante
destro del mouse sull’intestazione gruppo, selezionare il campo Formato e fare
clic su Ometti nella scheda Comune dell’Editor formato.
6 Fare clic su OK.
Se i record all’interno di ciascun gruppo non sono ordinati, è necessario
ordinarli. Vedere “Ordinamento dei record all’interno dei gruppi” a
pagina 160.

Argomenti correlati
• “Raggruppamento dei dati in intervalli” a pagina 164
• “Creazione delle intestazioni di gruppo” a pagina 177

158 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

Creazione di gruppi personalizzati


In genere i dati vengono ordinati in base ai valori di un campo del report. In alcuni
casi, può non essere utile effettuare il raggruppamento dei dati in base ai valori
presenti in uno dei campi del report. Ad esempio:
• Il campo sul quale si desidera basare il raggruppamento non esiste.
Il report contiene un campo relativo alla città e un campo relativo allo stato, ma
non il campo relativo al paese in base al quale si desidera eseguire il
raggruppamento.
• Il campo esiste, ma non si desidera eseguire il raggruppamento in base a tale
campo.
Ad esempio, il report contiene un campo relativo al colore che comprende nomi
di colori specifici (verde acqua, blu cielo, verde smeraldo, blu scuro e così via),
ma si desidera che tutte le sfumature di ogni colore siano presenti come gruppo
singolo (i verdi, i blu, i rossi e così via). In questo caso, è possibile creare gruppi
personalizzati e assegnare manualmente i record desiderati a ogni gruppo.
• Il campo esiste, ma si desidera selezionare valori specifici o intervalli di valori
per ciascun gruppo.
Ad esempio, si desidera disporre di un gruppo contenente i record in cui le
vendite globali sono inferiori a un determinato valore, un secondo gruppo in
cui le vendite globali sono superiori a un determinato valore e un gruppo finale
in cui le vendite globali sono comprese tra due valori. In questo caso, è possibile
creare i gruppi utilizzando lo stesso intervallo di possibilità di selezione
disponibile per creare le query di selezione dei record.
Il raggruppamento in base a un ordine specificato è una soluzione ottimale per le
esigenze di ordinamento e raggruppamento personalizzate. Esso consente di
creare sia i gruppi personalizzati che vengono visualizzati in un report, sia i record
che ciascun gruppo contiene. L’unico limite consiste nel fatto che un record può
essere assegnato a un solo gruppo.
Per esaminare un’esercitazione nella quale vengono creati gruppi personalizzati
per suddividere i clienti in base al volume di affari dell’anno precedente, vedere
“Raggruppamento dei dati in intervalli” a pagina 164.

Per creare un gruppo personalizzato


1 Dal menu Inserisci, fare clic su Gruppo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci Gruppo.
2 Selezionare dall’elenco a discesa il campo in base al quale si desidera
raggruppare i dati.
3 Selezionare nell’ordine specificato come opzione di ordinamento dal secondo
elenco a discesa.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 159


Raggruppamento dei dati

4 Nella scheda Ordine specificato inserire il nome del gruppo nel campo
Gruppo denominato.
5 Fare clic su Nuovo.
6 Nella finestra di dialogo Definisci gruppo denominato utilizzare gli elenchi a
discesa per selezionare i dati da inserire nel gruppo.
7 Fare clic sulla scheda <Nuovo> per aggiungere ulteriori criteri di selezione al
gruppo specificato, se necessario.
8 Fare clic su OK.
9 Fare clic su Nuovo per creare ulteriori gruppi personalizzati, se necessario.
10 Fare clic sulla scheda Altri per specificare le modalità di organizzazione dei
dati che non fanno parte dei gruppi definiti in precedenza.
11 Fare clic su OK.

Ordinamento dei record all’interno dei gruppi


Una volta raggruppati i dati, è possibile ordinare in modo semplice i record
all’interno dei gruppi per organizzare ulteriormente le informazioni.

Per ordinare i record all’interno dei gruppi


1 Una volta raggruppati i dati, nel menu Report fare clic su Record Esperto
ordinamento.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Ordinamento record.

Nota: I campi di ordinamento che iniziano con “Group” (gruppo) indicano che
l’ordinamento è stato eseguito automaticamente quando i dati sono stati
raggruppati.
2 Evidenziare il campo in base al quale si desidera ordinare i record dei gruppi e
fare clic sulla > freccia per aggiungerlo all’elenco Campi di ordinamento.

160 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

Consiglio: l’ordine dei campi elencati nella casella Campi di ordinamento


corrisponde all’ordi-namento dei dati.
3 Specificare la direzione di ordinamento.
4 Al termine, fare clic su OK.

Selezione dei gruppi


Quando si raggruppano o si riepilogano i dati, per impostazione predefinita tutti i
gruppi sono inclusi nel report. In alcuni casi, tuttavia, non si desidera includere
tutti i gruppi. Ad esempio:
• È possibile visualizzare solo i gruppi che hanno determinati nomi, oppure i
gruppi i cui valori di riepilogo soddisfano determinate condizioni.
• È possibile includere solo i gruppi con i valori di riepilogo massimi o minimi.
È possibile selezionare i gruppi visualizzati nel report in due modi diversi.
• Vedere “Utilizzo dell’Esperto selezione” a pagina 161.
• Vedere “Utilizzo delle formule di selezione” a pagina 162.
Nota: per ottenere risultati rapidamente, circoscrivere i record mediante la
selezione record prima di creare i gruppi. Vedere “Selezione dei record” a
pagina 140.

Utilizzo dell’Esperto selezione


L’Assistente selezione può essere utilizzato per selezionare gruppi di record nello
stesso modo in cui si selezionano i record individuali.
Quando si impostano i criteri di selezione dei gruppi, anziché assumere come base
i campi standard, come per la selezione dei record, si assumono come base i campi
relativi al nome gruppo o i campi di riepilogo.
• Se i dati sono stati raggruppati, ma non sono stati riepilogati, è possibile
impostare la selezione dei gruppi solo in base al campo di nome gruppo. Ad
esempio, si desidera selezionare solo i gruppi con Massachusetts come
regione:
GroupName ({Clienti.REGIONE}) = "MA"
• Se i dati sono stati riepilogati, è possibile impostare la selezione dei gruppi sia
in base al campo di nome gruppo che al campo di riepilogo. Ad esempio:
Sum({Clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE}, {Clienti.REGIONE) > 10000

Nota: l’Esperto selezione può essere utilizzato per impostare richieste di selezione
dei record e di selezione di gruppo. Se si seleziona un nome di gruppo o un
campo di riepilogo, i criteri di selezione impostati valgono per la selezione dei
gruppi. In tutti gli altri casi, si imposta la selezione dei record.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 161


Raggruppamento dei dati

Per impostare la selezione di gruppi mediante l’Esperto selezione


1 Fare clic con il pulsante destro nel campo di riepilogo sul quale si desidera
basare la selezione di gruppi e selezionare l’Esperto selezione dal menu di
scelta rapida.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Esperto selezione.
Nota: Facendo clic sul pulsante Assistente selezione senza dapprima
evidenziare un campo di riepilogo nel report, viene visualizzata la finestra di
dialogo Scegli Campo.

2 Utilizzare l’elenco a discesa per inserire i criteri di selezione per il campo


indicato.
3 Se si desidera basare la selezione di gruppi su più campi, fare clic sulla scheda
Nuovo e selezionare il campo successivo dalla finestra di dialogo Scegli
Campo.
Nota: se il report non è ancora stato visualizzato in anteprima o i dati non sono
ancora stati aggiornati, non vi sono dati salvati con il report. Senza i dati, il
programma non può calcolare i valori di gruppo; quindi, se si fa clic sulla
freccia nell’elenco a discesa sulla destra, non viene visualizzato alcun valore.
In questa situazione, è necessario digitare i valori desiderati. Se si desidera
lavorare con i valori reali, è necessario visualizzare il report in anteprima. In
questo modo vengono calcolati i valori di riepilogo reali, disponibili per
lavorare.
4 Al termine, fare clic su OK nell’Esperto selezione per tornare al report.

Utilizzo delle formule di selezione


Con l’Editor delle formule per la selezione dei gruppi è possibile creare la richiesta
di selezione dei gruppi utilizzando campi di gruppo, campi di nome gruppo e altre
formule. Come per le formule per la selezione dei record, l'unico limite è posto dal
fatto che la formula creata deve essere booleana, ovvero deve restituire un valore
True o False.

Per creare una formula per la selezione di record o gruppi


1 Dal menu Report, selezionare Formule di selezione.

162 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

2 Fare clic su Record per creare una formula di selezione dei record.
- oppure -
Fare clic su Gruppo per creare una formula di selezione dei gruppi.
Viene visualizzata la Workshop formula.
3 Inserire la formula di selezione nell’Editor delle formule per la selezione dei
gruppi.
Nota: la formula risultante deve essere booleana, ovvero deve restituire un
valore True o False.
4 Fare clic su Verifica per identificare gli eventuali errori di sintassi nella
formula.
5 Correggere gli eventuali errori di sintassi identificati dal programma di
controllo delle formule.
6 Quando la sintassi è corretta, fare clic su Salva.
Quando il programma esegue il report, include solo i record o i gruppi di record
specificati.

Risoluzione dei problemi nelle formule di selezione dei


gruppi
In qualche caso, quando si utilizza una formula di selezione dei gruppi, non viene
stampato alcun valore anche se sono presenti valori che corrispondono ai criteri di
selezione. In genere, in questi casi:
• La formula di selezione dei gruppi fa riferimento a un’altra formula.
• La formula di riferimento calcola il valore di ogni gruppo come percentuale
del valore totale di tutti i gruppi, ossia un totale parziale come percentuale del
totale generale.

Per correggere una formula di selezione dei gruppi


1 Utilizzare Xtreme.mdb per creare un report che includa i seguenti campi:
{clienti.NOME CLIENTE}
{clienti.REGIONE}
{ordini.ID ORDINE}
{ordini.IMPORTO ORDINE}
Per ogni ordine, il report mostra il cliente che lo ha inoltrato, la regione in cui si
trova il cliente, il numero ID e l’importo dell’ordine.
2 Raggruppare il report in base al campo {clienti.REGIONE}.
3 Inserire un riepilogo che visualizzi il totale parziale del campo
{ordini.IMPORTO ORDINE} per ogni gruppo {clienti.REGIONE}.
Il programma calcola un totale parziale nel campo {ordini.IMPORTO ORDINE}
ogni volta che la regione cambia. Vedere “Totale parziale dei dati” a pagina 174.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 163


Raggruppamento dei dati

4 Inserire un totale complessivo nel campo {ordini.IMPORTO ORDINE} per


visualizzare il valore totale di tutti gli ordini inoltrati.
5 Creare una formula denominata Percento che calcoli ogni totale parziale come
percentuale del totale generale per visualizzare il valore degli ordini per ogni
regione come percentuale di tutti gli ordini inoltrati.
Sum({ordini.IMPORTO ORDINE}, {clienti.REGIONE})
% Sum({ordini.IMPORTO ORDINE})

6 Collocare la formula nella sezione Piè di pagina di gruppo del report.


7 Fare riferimento alla formula (@Percent) in una formula di selezione dei
gruppi che seleziona solo i gruppi la cui percentuale (totale parziale rispetto al
totale generale) sia inferiore al 5% per individuare quali regioni hanno dato un
contributo inferiore al 5% delle vendite totali.
{@Percent} < 5
Quando si fa clic su Controlla, viene visualizzato il seguente messaggio di
errore:
Impossibile utilizzare questa formula perché deve essere valutata in
seguito.

8 Invece di utilizzare il nome della formula, in questo caso @Percento, nella


formula di selezione dei gruppi, immettere la formula stessa, ossia la formula
denominata @Percento. Invece di utilizzare la formula di selezione dei gruppi:
{@Percent} < 5
si utilizza la formula di selezione dei gruppi:
Sum({ordini.IMPORTO ORDINE}, {clienti.REGIONE})
% Sum({ordini.IMPORTO ORDINE}) < 5
In questo modo, vengono stampate solo le regioni con un contributo inferiore
al 5%.

Raggruppamento dei dati in intervalli


Può essere necessario raggruppare i dati in intervalli. I gruppi di età, i periodi di
tempo e le categorie di vendita sono alcuni dei raggruppamenti di intervallo che
possono essere creati. In questo esempio, i clienti vengono suddivisi in base al
relativo volume di affari dell’anno precedente.

164 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

Questo esempio utilizza il raggruppamento in base a un ordine specificato. Questo


tipo di raggruppamento consente di specificare i record da inserire in ogni gruppo.
È sufficiente definire gli intervalli desiderati e il programma esegue ogni altra
operazione necessaria.

Per raggruppare i dati in intervalli


1 Creare un report utilizzando i dati di esempio contenuti in Xtreme.mdb,
quindi collocare i campi riportati di seguito da sinistra verso destra nella
sezione Dettagli:
{clienti.NOME CLIENTE}
{clienti.REGIONE}
{clienti.CODICE POSTALE}
{clienti.PAESE}
{clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE}

2 Dal menu Inserisci, fare clic su Gruppo.


3 Poiché si desidera impostare gli intervalli in base alle vendite dell’ultimo anno,
selezionare Vendite anno precedente come campo di ordinamento e
raggruppamento dall’elenco a discesa nella finestra di dialogo Inserisci
Gruppo.
4 Selezionare nell’ordine specificato dal secondo elenco a discesa.
La scheda Ordine specificato viene visualizzata nella finestra di dialogo
Inserisci Gruppo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 165


Raggruppamento dei dati

5 Fare clic sul pulsante Nuovo.


Viene visualizzata la finestra di dialogo Definisci gruppo denominato.

6 Digitare “Meno di 10.000 dollari” nel campo Nome gruppo.


Questo nome verrà visualizzato come valore del campo Nome gruppo per il
gruppo.
7 Poiché il primo gruppo contiene solo i record nei quali il valore del campo
Vendite anno precedente è inferiore a L. 10.000.000, impostare i campi in modo
che la condizione sia:
è inferiore a 10.000.000

8 Fare clic su OK per tornare alla scheda Ordine specificato.


9 Fare clic su Nuovo.
Viene visualizzata nuovamente la finestra di dialogo Definisci gruppo
denominato.
10 Impostare un secondo gruppo che contiene valori compresi tra L. 10.000.000 e
L. 25.000.000.
• Digitare “Da 10.000 a 25.000 dollari” nel campo Nome gruppo.
• Impostare il primo campo in modo che la condizione sia: è compreso tra.
• Specificare un intervallo di valori:
• Digitare “10.000” nel campo superiore.
• Digitare “25.000” nel campo inferiore.
11 Fare clic su OK per tornare alla scheda Ordine specificato.
12 Fare clic su Nuovo.
Viene visualizzata nuovamente la finestra di dialogo Definisci gruppo
denominato.
13 Impostare il gruppo finale che contiene tutti i valori superiori a L. 25.000.000.
• Digitare “Superiori a 25.000 dollari” nel campo Nome gruppo.
• Impostare il primo campo in modo che la condizione sia: è superiore a.
• Digitare “25.000”

166 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

14 Fare clic su OK per tornare alla scheda Ordine specificato.


15 Fare clic su OK.
Il report viene raggruppato per intervalli in base a un ordine specificato.

Raggruppamento per l’iniziale del nome della società


Può essere necessario suddividere i dati in gruppi in base all’iniziale del nome
della società. In un elenco dei clienti, ad esempio, può essere necessario creare un
gruppo composto da tutti i clienti il cui nome inizia per "A", un gruppo di clienti il
cui nome inizia per "B" e così via. Per eseguire questa operazione, è necessario l’uso
di una formula.
Non è necessario avere familiarità con le formule. Di seguito, vengono fornite
indicazioni relative alla formula necessaria in questo caso e alle modalità di
immissione.
È possibile ottenere ulteriori informazioni sulla creazione e sulla modifica delle
formule nella sezione “Panoramica sulle formule” a pagina 392.
La formula che viene creata consente di estrarre l’iniziale del nome di ogni cliente.
È quindi possibile raggruppare i dati utilizzando il campo della formula come
campo di ordinamento e raggruppamento. Il programma ordina i dati in base
all’iniziale del nome di ogni cliente e avvia un nuovo gruppo ogni volta che la
lettera cambia.

Per raggruppare i dati per l’iniziale del nome della società


1 Creare un report utilizzando i dati di esempio contenuti in Xtreme.mdb,
quindi collocare i campi riportati di seguito da sinistra verso destra nella
sezione Dettagli:
{clienti.NOME CLIENTE}
{clienti.REGIONE}
{clienti.CODICE POSTALE}
{clienti.PAESE}

2 Scegliere Explorer Campo dal menu Visualizza.


Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo.
3 Selezionare Campi formula e fare clic sul pulsante Nuovo.
4 Nella finestra di dialogo Nome formula inserire il nome che si desidera
assegnare alla formula, ad esempio “Prima lettera”.
5 Fare clic su Usa Editor.
Viene visualizzato il Workshop formula con l’Editor delle formule attivo.
6 Digitare la formula riportata di seguito nella casella di testo Formula.
{Clienti.Nome cliente} [1]

7 Fare clic sul pulsante Chiudi nel Workshop formula.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 167


Raggruppamento dei dati

Si ritorna al report.
8 Dal menu Inserisci, fare clic su Gruppo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci Gruppo.
9 Selezionare dal primo elenco a discesa il campo della formula in base al quale
si desidera raggruppare i dati.
10 Selezionare la direzione di ordinamento dal secondo elenco a discesa.
11 Fare clic su OK.
Si ritorna al report con i dati raggruppati in base al campo della formula
specificato. I dati vengono suddivisi in gruppi in base all’iniziale del nome nel
campo Nome cliente. La formula fornisce anche un’intestazione dinamica per
ogni gruppo.
Per ulteriori informazioni sulle intestazioni dinamiche, vedere “Intestazioni
dinamiche” a pagina 178.

Argomenti correlati
• “Panoramica sulle formule” a pagina 392
• “Raggruppamento dei dati” a pagina 157
• “Raggruppamento dei dati in intervalli” a pagina 164
• “Creazione delle intestazioni di gruppo” a pagina 177

Raggruppamento dei dati in ordine gerarchico


È possibile raggruppare i dati in un report per mostrare le relazioni gerarchiche.
Quando si raggruppano i dati in ordine gerarchico, le informazioni vengono
ordinate in base alle relazioni esistenti tra due campi.
Ad esempio, se si desidera mostrare la struttura gerarchica di un reparto, è
possibile raggruppare i dati per ID dei dipendenti e indicare la gerarchia
utilizzando l’elenco dei campi di dati ai quali fanno riferimento i dipendenti.

Per raggruppare i dati in ordine gerarchico


1 Dal menu Inserisci, fare clic su Gruppo.
2 Nella finestra di dialogo Inserisci Gruppo, selezionare il campo sul quale
basare l'ordine gerarchico.
Ad esempio, se si desidera visualizzare la struttura gerarchica di un dipendente
della società, selezionare il campo dati ID dipendente. Se si desidera
visualizzare la struttura gerarchica dell’ufficio vendite regionale, selezionare il
nome dell’ufficio.
3 Selezionare in ordine crescente.
Per impostazione predefinita, l’intestazione di gruppo del report visualizza il
valore del campo del quale si esegue il raggruppamento.

168 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

4 Fare clic sulla scheda Opzioni e selezionare la casella di controllo Personalizza


Campo Nome gruppo per mostrare un valore differente nell’intestazione di
gruppo.
Se, ad esempio, si esegue il raggruppamento in base a {Dipendente.ID
Dipendente}, a ogni modifica del gruppo verrà visualizzato l'ID del dipendente
corrispondente. Se si desidera visualizzare un valore differente (nome del
dipendente invece di ID dipendente), personalizzare il campo Nome gruppo
selezionando un campo dati sostitutivo, oppure creando una formula.
5 Fare clic su OK.
Il gruppo creato viene aggiunto al report.
6 Dal menu Report, fare clic su Opzioni Raggruppamento Gerarchico.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni gerarchiche.

7 Nell’elenco Gruppi disponibili selezionare il gruppo che si desidera


organizzare in ordine gerarchico.
8 Selezionare la casella di controllo Ordina Dati Gerarchicamente.
9 Nell’elenco Campo ID principale selezionare il campo per il quale si desidera
organizzare il campo ID istanze.
Ad esempio, per un report gerarchico della società, è possibile selezionare il
campi dati che elenca il supervisore a cui fanno riferimento i dipendenti.
Nota: il tipo dati dei campi ID istanze e ID principale deve essere uguale. Ad
esempio, se il campo ID istanze contiene dati stringa, anche il campo ID
principale deve contenere dati stringa.
10 Nel campo Rientro gruppo immettere la quantità in base alla quale si desidera
far rientrare ciascun sottogruppo.
11 Fare clic su OK.
I dati del report vengono ora ordinati in ordine gerarchico. Se necessario, è ora
possibile calcolare campi di riepilogo per il nuovo raggruppamento gerarchico. Se
si inserisce un totale parziale, totale generale o riepilogo nel modo usuale,
selezionare l’opzione “Riepiloga attraverso gerarchia”. Per ulteriori informazioni,

Manuale dell’utente di Crystal Reports 169


Riepilogo dei dati raggruppati

vedere “Riepilogo dei dati raggruppati” a pagina 170 e “Esecuzione dei totali
parziali” a pagina 174.
Nota:
• Il livello delle gerarchia viene determinato dalle istanze di gruppo che
corrispondono all’ID istanza e all’ID principale.
• Se un’istanza di gruppo non è collegata a nessun ID principale, essa viene
visualizzata nella parte superiore della gerarchia.

Modifica di gruppi
Per modificare un gruppo
1 Scegliere Esperto gruppo dal menu Report.
2 Nella casella di riepilogo Tipo di raggruppamento della finestra di dialogo
Esperto gruppo selezionare il gruppo che si desidera modificare.
3 Fare clic su Opzioni.
4 Nella finestra di dialogo Modifica Opzioni di Gruppo, modificare il gruppo
come richiesto.
5 Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Modifica opzioni di gruppo
e fare clic di nuovo per chiudere la finestra di dialogo Esperto gruppo.
Il report riflette le modifiche apportate al gruppo.

Riepilogo dei dati raggruppati


Uno degli scopi principali della suddivisione dei dati in gruppi consiste nella
possibilità di eseguire calcoli su ogni gruppo di record anziché su tutti i record del
report.
Nell’effettuare il riepilogo dei dati, il programma li ordina, li suddivide in gruppi,
quindi effettua il riepilogo dei valori di ogni gruppo. Tutto ciò avviene in maniera
automatica.
Il programma include inoltre varie opzioni di riepilogo. A seconda del tipo di dati
del campo che si intende riepilogare, è possibile:
• Riepilogare i valori di ciascun gruppo.
• Conteggiare tutti i valori o soltanto quelli diversi.
• Definire il valore massimo, minimo, medio o l'ennesimo valore massimo.
• Calcolare un massimo di due tipi di varianza e deviazione standard.
Ad esempio:
• Report di elenco clienti: determina il numero di clienti in ciascuno stato. Il
riepilogo conteggia i singoli clienti di ogni gruppo relativo allo stato.

170 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

• Report di ordini: determina la media degli ordini mensili. Il riepilogo calcola il


valore dell’ordine medio mensile per ciascun gruppo.
• Report delle vendite: determina le vendite totali per venditore. Il riepilogo
calcola la somma o il totale parziale degli importi degli ordini per ogni gruppo
relativo all’agente di vendita.
Nota: È inoltre possibile calcolare i campi di riepilogo per i raggruppamenti
gerarchici. Per effettuare questa operazione, selezionare “Riepiloga attraverso
gerarchia” nella finestra di dialogo Inserisci riepilogo.

Per riepilogare dati raggruppati


1 Scegliere Riepilogo dal menu Inserisci.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci riepilogo.
2 Selezionare il campo che si desidera riepilogare nell’elenco Scegliere il campo
da riepilogare.
3 Selezionare l’operazione di riepilogo dall’elenco Calcolare questo riepilogo.
4 Selezionare il percorso in cui inserire il riepilogo dall’elenco Percorso
riepilogo.
Consiglio: facendo clic sul pulsante Inserisci gruppo, è possibile creare un
nuovo gruppo per il report.
5 Se si desidera visualizzare il valore di riepilogo come percentuale di un totale,
selezionare Mostra come percentuale di dall’area Opzioni, quindi scegliere un
campo totale dall’elenco.
Per ulteriori informazioni sulle percentuali, vedere “Percentuali” a pagina 176.
6 Se si desidera eseguire il riepilogo attraverso una gerarchia, selezionare
Riepiloga attraverso gerarchia.
Per ulteriori informazioni sulle gerarchie, vedere “Raggruppamento dei dati in
ordine gerarchico” a pagina 168.
7 Al termine, fare clic su OK.

Argomenti correlati
• “Totale parziale dei dati” a pagina 174

Ordinamento dei gruppi per valori di riepilogo


I gruppi possono essere organizzati in ordine crescente o decrescente per valore di
riepilogo. Ad esempio, in un report di ordini, se si esegue il totale parziale
dell’importo degli ordini in base allo stato, è possibile ordinare i gruppi:
• Dal numero di ordinativi più basso a quello più alto (crescente).
• Dal numero di ordinativi più alto a quello più basso (decrescente).
I gruppi vengono ordinati in un report per valori di riepilogo mediante il comando
Esperto ordinamento gruppo del menu Report.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 171


Riepilogo dei dati raggruppati

Per ordinare i gruppi per valore di riepilogo


1 Fare clic sull’Esperto ordinamento grupposulla barra degli strumenti
Strumenti Esperto.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Esperto ordinamento gruppo con una
scheda per ciascun gruppo nel report dotato di un riepilogo.
2 Fare clic sulla scheda corrispondente al gruppo che si desidera ordinare.
3 Selezionare l’opzione Tutti dall’elenco a discesa posto a sinistra.
4 Scegliere il riepilogo sul quale si desidera basare la selezione dall’elenco a
discesa di riepilogo posto sulla destra.
L’elenco a discesa per i riepiloghi a destra è utile quando sono presenti più
riepiloghi in una sola sezione di gruppo. Ad esempio, in un report di ordini, è
possibile sommare gli ordini di ogni cliente ed eseguirne la media, quindi
visualizzare sia la somma che la media nella stessa sezione di gruppo. In tal
caso, è possibile selezionare la somma o la media dall’elenco a discesa.
5 Specificare la direzione di ordinamento.
6 Per selezionare l’ordinamento di un secondo gruppo, ripetere la fasi 2-5.
Quando si esegue il report, il programma ordina i gruppi in base ai valori di
riepilogo specificati.

Selezione dei primi e degli ultimi N gruppi o percentuali


In alcuni casi si desidera mostrare solo i primi o gli ultimi valori dei gruppi e delle
percentuali di un report: le linee di prodotti con le vendite realizzate in minor
tempo, i paesi che contano oltre il 25% di vendite, gli stati dai quali proviene la
maggior parte degli ordini e così via. Poiché si tratta di un tipo di selezione di
utilizzo molto frequente, è disponibile l’Esperto ordinamento gruppo per
impostarla facilmente.
Esiste un altro elemento da tenere in considerazione quando si imposta primi/N:
cosa fare degli altri record degli altri gruppi che non corrispondono ai criteri
primi/N o ultimi/N impostati. È necessario decidere se eliminare completamente
tali record dal report o se riunirli in un unico gruppo. Il programma consente di
selezionare entrambe le opzioni.
Nota: Il report deve contenere un valore di riepilogo perché sia possibile eseguire
una selezione dei primi o degli ultimi N. Vedere “Riepilogo dei dati raggruppati”
a pagina 170.

Per selezionare i primi o gli ultimi N gruppi


Nota: questa procedura illustra la modalità di selezione dei primi e degli ultimi N
gruppi. Per le prime o ultime percentuali il metodo è identico, solo che invece del
numero di gruppi si definisce il valore della percentuale.

172 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

1 Creare il report ed effettuare il riepilogo dei dati come desiderato. Quando si


riepilogano i dati, il programma li divide in gruppi ed effettua il riepilogo di
ogni gruppo.
• Con i primi N gruppi, si comunica al programma di visualizzare i gruppi
con i valori di riepilogo più alti (Primi N).
• Con gli ultimi N gruppi, si comunica al programma di visualizzare i gruppi
con i valori di riepilogo più bassi (Ultimi N).
2 Fare clic sul pulsante Esperto ordinamento gruppo sulla barra degli strumenti
Strumenti Esperto.
Viene visualizzato l’Esperto ordinamento gruppo con una scheda per il
gruppo.
Nota: se sono presenti più gruppi, il programma visualizza una scheda per
ciascun gruppo.

3 Scegliere Primi N o Ultimi N dal primo elenco a discesa.


4 Scegliere il riepilogo sul quale si desidera basare la selezione dall’elenco a
discesa di riepilogo posto sulla destra.
L’elenco a discesa per i riepiloghi a destra è utile quando sono presenti più
riepiloghi in una sola sezione di gruppo. Ad esempio, in un report di ordini, è
possibile sommare gli ordini di ogni cliente ed eseguirne la media, quindi
visualizzare sia la somma che la media nella stessa sezione di gruppo. In tal
caso, è possibile selezionare la somma o la media dall’elenco a discesa.
5 Nella casella di testo Dove N corrisponde a immettere il numero di gruppi da
visualizzare. Ad esempio:
• Per creare un report delle tre linee di prodotti di più facile vendita,
impostare il valore di N su tre.
• Per creare un report delle cinque aree di vendita meno produttive,
impostare il valore di N su cinque.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 173


Esecuzione dei totali parziali

6 Fare clic sulla casella di controllo Includi Altri, con il nome e inserire un nome
se si desidera raggruppare tutti gli altri record in un singolo gruppo.
7 Selezionare Includi collegamenti per inserire i gruppi che presentano valori di
riepilogo uguali.
Ad esempio, si supponga di avere i seguenti gruppi:
• Ordine 1 = 100
• Ordine 2 = 90
• Ordine 3 = 80
• Ordine 4 = 80
Se si impostano i primi N su tre, ma non si seleziona “Includi collegamenti”, il
report visualizzerà Ordine 1, Ordine 2 e Ordine 3.
Se, nello stesso scenario, si seleziona “Includi collegamenti”, il report
visualizzerà Ordine 1, Ordine 2, Ordine 3 e Ordine 4 anche se N è impostato su
tre. In tal modo, nel programma vengono inseriti i valori uguali degli ordini 3
e 4.
8 Al termine, fare clic su OK.
Quando il programma esegue il report, include solo i gruppi specificati.

Esecuzione dei totali parziali


Un totale parziale è un riepilogo che totalizza o somma valori numerici in un
gruppo.
Nota: se si crea un totale parziale utilizzando le tabelle del database raggruppate
in una relazione di tipo uno a molti, può essere necessario utilizzare un totale
intermedio anziché un totale parziale. Vedere “Creazione di totali parziali in una
relazione di collegamento "uno a molti"” a pagina 189.

Totale parziale dei dati


In questo esempio viene eseguito il totale parziale delle vendite dell’anno
precedente per paese.

Per eseguire il totale parziale dei dati


1 Creare un report utilizzando i dati di esempio contenuti in Xtreme.mdb,
quindi collocare i campi riportati di seguito da sinistra verso destra nella
sezione Dettagli:
{clienti.NOME CLIENTE}
{clienti.REGIONE}
{clienti.CODICE POSTALE}
{clienti.PAESE}
{clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE}

174 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

2 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul campo Vendite anno precedente,
selezionare Inserisci e scegliere Riepilogo dal menu di scelta rapida.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci riepilogo con il campo scelto
elencato come campo da riepilogare.
3 Fare clic su Inserisci Gruppo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci Gruppo in modo che sia
possibile specificare il gruppo che si desidera aggiungere al report.
4 Scegliere il campo in base al quale si desidera raggruppare i dati, specificare
una direzione di ordinamento e fare clic su OK al termine delle operazioni.
5 Nella finestra di dialogo Inserisci riepilogo selezionare il gruppo appena
creato dall’elenco Percorso riepilogo e fare clic su OK.
Viene calcolato il totale parziale dei valori di ogni gruppo.

Calcolo dei prezzi totali ed esecuzione del totale parziale dei


prezzi totali
In un report di ordini o in una fattura, può essere necessario calcolare i prezzi totali
per singole voci, quindi calcolare il totale parziale degli importi ottenuti. Questa
operazione può essere eseguita tramite una semplice formula per calcolare i prezzi
totali, quindi tramite il calcolo del totale parziale del campo della formula.

Per calcolare i prezzi totali ed eseguire il totale parziale dei prezzi totali
1 Creare un report utilizzando i dati di esempio contenuti in Xtreme.mdb,
quindi collocare i campi riportati di seguito da sinistra verso destra nella
sezione Dettagli:
{ordini.ID CLIENTE}
{dettaglio ordini.ID PRODOTTO}
{dettaglio ordini.QUANTITÀ}
{dettaglio ordini.PREZZO UNITARIO}

2 Per creare la formula per il calcolo dei prezzi totali, andare al menu Visualizza
e selezionare Explorer Campo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo.
3 Selezionare Campi formula e fare clic sul pulsante Nuovo.
Verrà visualizzata la finestra Nome formula.
4 Immettere il nome con il quale si desidera identificare la formula.
5 Fare clic su Usa Editor.
Viene visualizzato il Workshop formula con l’Editor delle formule attivo.
6 Immettere la formula riportata di seguito nella casella di testo Formula.
{Dettaglio_ordini.Quantità} * {dettaglio ordini.Prezzo unitario}

7 Fare clic sul pulsante Chiudi nel Workshop formula.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 175


Percentuali

Si ritorna alla finestra di dialogo Explorer Campo con il nome della formula
elencato nel nodo Campi formula.
8 Trascinare il campo formula a destra del campo Prezzo unitario nella sezione
Dettagli del report.
9 Per eseguire il totale parziale della formula dei prezzi totali, fare clic con il
pulsante destro del mouse sul campo formula, selezionare Inserisci e scegliere
Riepilogo dal menu di scelta rapida.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci Riepilogo.
10 Fare clic su Inserisci gruppo e creare un gruppo nel campo {ordini.DATA
ORDINE}.
11 Scegliere settimanale come intervallo di gruppo.
Nota: la casella di riepilogo “La sezione verrà stampata” non viene attivata
finché non si seleziona il campo Date ordine.

12 Fare clic su OK per ritornare alla finestra di dialogo Inserisci riepilogo.


13 Selezionare il gruppo appena creato dall’elenco Percorso riepilogo e fare clic
su OK.
I dati vengono ordinati in base alla data e raggruppati in intervalli settimanali.

Percentuali
Calcolo delle percentuali
È possibile calcolare la percentuale di un gruppo all’interno di un raggruppamento
di maggiori dimensioni. Ad esempio, è possibile mostrare la percentuale di
vendite in ciascuna città in base alle vendite totali per ciascun paese. Oppure è
possibile conoscere la percentuale di ciascun paese sul totale generale delle
vendite.

176 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

Per calcolare una percentuale


1 Dal menu Inserisci, fare clic su Riepilogo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci Riepilogo.
2 Selezionare il campo per il quale si desidera calcolare la somma.
Ad esempio, se si desidera inserire un campo che calcola la somma delle
vendite dell’anno precedente.
3 Selezionare Sum dall’elenco Calcolare questo riepilogo.
4 Selezionare il percorso del riepilogo.
Nota: quando si calcola una percentuale, il percorso del riepilogo non può
essere Totale generale (Piè di pagina report).
5 Fare clic sulla casella di controllo Mostra come percentuale di.
6 Selezionare il gruppo sul quale si desidera basare la percentuale.
È possibile scegliere di mostrare la percentuale di un gruppo in un altro gruppo
o di mostrare una percentuale del totale generale.

7 Fare clic su OK. Il campo di riepilogo percentuale viene aggiunto al report.

Intestazioni di gruppo
Creazione delle intestazioni di gruppo
Ogni volta che si crea un gruppo, un totale parziale o un riepilogo, il programma
crea una sezione Piè di pagina di gruppo (PPG) in cui colloca qualsiasi valore di
totale parziale o di riepilogo e una sezione Intestazione di gruppo (IG) in cui

Manuale dell’utente di Crystal Reports 177


Intestazioni di gruppo

colloca automaticamente il nome o l’intestazione del gruppo. Le intestazioni di


gruppo sono utili e spesso necessarie, se si desidera che i dati del report siano
facilmente comprensibili. Sebbene il programma crei automaticamente
un’intestazione di gruppo, può essere necessario modificarla in base alle proprie
esigenze. Questo argomento spiega come creare i quattro tipi più comuni di
intestazioni di gruppo.
• “Intestazioni standard” a pagina 178
• “Intestazioni dinamiche” a pagina 178
• “Intestazioni dinamiche di gruppo basate su una formula” a pagina 180
• “Intestazioni per gruppi personalizzati” a pagina 180

Intestazioni standard
Un’intestazione standard è costituita da un blocco di testo utilizzato per
identificare ogni gruppo in modo generico. "Cliente", "Regione" e "Ordini mensili"
sono esempi di questo tipo di intestazione.

Sebbene l’intestazione sia parzialmente descrittiva (“Vendite per regione” indica


un gruppo regionale), non è possibile sapere a quale regione si riferisca il gruppo
senza esaminare i dettagli del gruppo stesso.

Per creare un’intestazione standard


1 Fare clic sul pulsante Inserisci oggetto di testo nella barra degli strumenti
Strumenti di inserimento.
2 Quando viene visualizzato il puntatore dell’oggetto, spostare il riquadro
dell’oggetto nella sezione Intestazione di gruppo.
3 Immettere il testo che si desidera utilizzare per l’intestazione.
4 Fare clic all’esterno del riquadro al termine del processo. Quando si esegue il
report, la stessa intestazione viene visualizzata all’inizio di ogni gruppo.

Intestazioni dinamiche
Un’intestazione dinamica cambia in base al contenuto del gruppo. Ad esempio, se
si calcola il totale parziale dei dati per regione, un’intestazione dinamica è in grado
di identificare la regione di ogni gruppo. In questo caso, l’intestazione del gruppo

178 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

Arizona identificherebbe i dati dell’Arizona, quella del gruppo California


identificherebbe i dati della California e così via.
Nota: quando si crea un gruppo, il programma inserisce automaticamente un
campo per il nome di gruppo nella sezione Intestazione di gruppo, a meno che
l’opzione non sia stata disattivata utilizzando il comando Opzioni del menu File.
Le informazioni riportate di seguito spiegano in modo dettagliato come inserire
manualmente una sezione di questo tipo (se il programma non la inserisce
automaticamente) e come creare vari tipi di intestazioni dinamiche a seconda
delle esigenze.

Solo nome di gruppo


L’intestazione dinamica più semplice da creare è basata sull’identificazione del
valore del campo del gruppo.

Per creare un’intestazione dinamica solo per nome di gruppo


1 Scegliere Explorer Campo dal menu Visualizza.
2 Nella finestra di dialogo Explorer Campo espandere la cartella Campi nome
gruppo.
3 Selezionare il Campo nome gruppo corrispondente al gruppo in uso e
trascinarlo nella relativa sezione Intestazione di gruppo.
Quando si esegue il report, l’identificatore del valore del campo di gruppo
viene visualizzato come intestazione di gruppo per ciascun gruppo relativo alla
regione.

Nome di gruppo con testo


Un tipo di intestazione dinamica più complesso prevede la combinazione di testo
e di un valore di campo. Un esempio di questo tipo di intestazione di gruppo per
i dati suddivisi per regione è dato da "Vendite in California" oppure da "Clienti con
CAP 60606". La creazione di queste intestazioni prevede tre passaggi.
• Inserire un oggetto di testo nella sezione Intestazione di gruppo.
• Digitare il testo che si desidera visualizzare.
• Immettere il Campo Nome Gruppo nel campo di testo nel punto in cui si
desidera visualizzarlo nella sezione Intestazione di gruppo.
Ad esempio, se si desidera che l’intestazione includa le parole "Vendite in" seguite
dal nome della regione nel gruppo corrente (Vendite in AZ, Vendite in CA e così
via), eseguire le operazioni riportate di seguito.

Per creare un’intestazione dinamica con nome di gruppo utilizzando un testo


1 Fare clic sul pulsante Inserisci oggetto di testo nella barra degli strumenti
Strumenti di inserimento.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 179


Intestazioni di gruppo

2 Posizionare la cornice di oggetto nella sezione Intestazione di gruppo relativa


al gruppo.
3 Digitare il testo desiderato lasciando uno spazio alla fine.
4 Fare clic sul pulsante Explorer Campo nella barra degli strumenti Standard.
5 Nella finestra di dialogo Explorer Campo espandere la cartella Campi nome
gruppo.
6 Selezionare il Campo nome gruppo corrispondente al gruppo in uso e
trascinarlo nell’oggetto di testo, subito dopo il testo e lo spazio immessi.
Consiglio: espandere le dimensioni della casella di testo per adattarla al testo e
al campo di gruppo.
7 Formattare l’oggetto di testo a seconda di come si desidera visualizzarlo.
Quando si esegue il report, il programma crea un’intestazione dinamica con il testo
per ogni gruppo.

Intestazioni dinamiche di gruppo basate su una formula


Quando si crea un gruppo e si utilizza un campo della formula come campo di
ordinamento e raggruppamento, il programma crea automaticamente un campo
per il nome di gruppo in base al valore restituito dalla formula.
Ad esempio, se si crea la formula riportata di seguito:
{clienti.NOME CLIENTE}[1]

e si esegue il raggruppamento in base alla formula, il programma raggruppa i dati


in base alla prima lettera presente nel campo Nome Cliente.
Per creare un’intestazione di gruppo variabile per un gruppo che si basa su una
formula, è sufficiente inserire il campo del nome di gruppo nella sezione
Intestazione di gruppo.
Quando si esegue il report, l’intestazione del gruppo "A" è la lettera "A", quella del
gruppo "B" è la lettera "B" e così via. Per ulteriori informazioni, vedere
“Raggruppamento per l’iniziale del nome della società” a pagina 167 e
“Raggruppamento dei dati in intervalli” a pagina 164.
Per creare un’intestazione più descrittiva come “Clienti il cui nome inizia con la
lettera B”, vedere “Nome di gruppo con testo” a pagina 179.

Intestazioni per gruppi personalizzati


L’ultimo tipo di intestazione viene utilizzato per i gruppi personalizzati creati
quando si raggruppano i dati in base a un ordine specificato. Quando si utilizza il
raggruppamento in base all’ordine specificato, si specifica il nome di ogni gruppo
e i record che appartengono ad esso. Come per gli altri tipi di raggruppamento, il
programma crea un campo del nome di gruppo per ogni gruppo in base ai nomi
di gruppo specificati.

180 Manuale dell’utente di Crystal Reports


10 Ordinamento, raggruppamento e calcolo dei totali

Per creare un’intestazione per gruppi personalizzati


1 Scegliere Explorer Campo dal menu Visualizza.
2 Nella finestra di dialogo Explorer Campo espandere la cartella Campi nome
gruppo.
3 Selezionare il Campo nome gruppo corrispondente al gruppo personalizzato e
trascinarlo nella relativa sezione Intestazione di gruppo.
Il programma applica automaticamente ogni nome di gruppo assegnato al gruppo
appropriato.
Nota: quando si assegnano i nomi ai gruppi utilizzando la finestra di dialogo
Definisci gruppo denominato, verificare che i nomi assegnati siano quelli che si
desidera visualizzare come intestazioni di gruppo.

Omissione delle intestazioni di gruppo


È possibile nascondere le intestazioni di gruppo del report.

Per omettere le intestazioni di gruppo


1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'intestazione di gruppo e
selezionare Formato Campo.
2 In Editor di formato, nella scheda Comune, fare clic sulla casella di controllo
Ometti.
3 Fare clic su OK.
Consiglio: per visualizzare nuovamente l’intestazione di gruppo,
deselezionare la casella di controllo Ometti.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 181


Intestazioni di gruppo

Analisi dettagliata delle intestazioni di gruppo


Per semplificare la visualizzazione del report, è possibile nasconderne i dettagli e
visualizzare solo le intestazioni di gruppo. Se necessario, è possibile fare clic
sull’intestazione di gruppo per visualizzare i dettagli del report.

Per eseguire l’analisi dettagliata delle intestazioni di gruppo


1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla sezione disattivata Dettagli, a
sinistra del report.
2 Selezionare Nascondi (con Analisi Dettagliata).
3 Fare clic su Aggiorna.
Quando si posiziona il cursore su un’intestazione di gruppo, il cursore assume
l’aspetto di una lente di ingrandimento.
4 Fare doppio clic sull’intestazione di gruppo per eseguire un’analisi delle
informazioni dettagliate.
In Report Designer viene visualizzata una scheda dell’analisi dettagliata. Fare
clic sulla scheda Progettazione o Anteprima per ritornare a tale visualizzazione.

Argomenti correlati
• “Utilizzo dell’opzione di analisi dettagliata per i dati riepilogati” a pagina 98

182 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Totali parziali 11

I totali parziali rappresentano uno strumento flessibile ed


efficace per creare riepiloghi specializzati e incrementare
costantemente i totali.
Questo capitolo descrive la procedura per aggiungere al
report un totale parziale di base e un totale parziale
all’interno di un gruppo. Si apprenderà inoltre la modalità
di creazione dei totali parziali condizionali e dei totali
parziali attraverso l’uso di formule.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 183


Definizione dei totali parziali

Definizione dei totali parziali


I campi totale parziale sono simili ai campi di riepilogo ma consentono un
maggiore controllo sulla modalità di calcolo del totale e quando il totale viene
reimpostato. I campi totale parziale sono specificamente destinati all’esecuzione
delle seguenti funzioni di calcolo dei totali:
• Mostrare i valori di un totale accumulato, calcolato record per record.
• Indicare il valore del totale indipendentemente dal raggruppamento del
report.
• Indicare il valore del totale condizionale.
• Indicare il valore del totale in seguito all'applicazione di una formula di
selezione dei gruppi.
• Indicare il valore del totale dalla tabella primaria in una relazione di
collegamento “uno a molti”.

Uso dei totali parziali


I campi totale parziale vengono creati con l’Assistente Totale parziale. L’Assistente
Totale parziale crea un campo totale parziale richiedendo all’utente di selezionare
un campo da riepilogare, l’operazione di riepilogo da utilizzare, una condizione in
base alla quale effettuare la valutazione e una in base alla quale reimpostare la
valutazione.
Nota: Un campo totale parziale può essere utilizzato sui campi di database e
formule di primo passaggio, ma non può essere utilizzato per formule di secondo
passaggio o relative a formule di secondo passaggio. Per ulteriori informazioni,
vedere “Diagramma di flusso di creazione report a più passaggi” a pagina 494.

Posizionamento dei campi totale parziale


Il calcolo di un campo Totale parziale è determinato dalle impostazioni selezionate
nell’Assistente totale parziale. Tuttavia, il posizionamento del totale parziale
influisce sul valore che viene visualizzato nel report. Per esempio, se un campo
totale parziale che esegue la valutazione record per record e che non viene mai
reimpostato (un totale generale) è posizionato nell’Intestazione report, viene
visualizzato solo il valore del primo record. Posizionando lo stesso campo totale
parziale nel Piè di pagina report, viene visualizzato il valore desiderato. Il campo
Totale parziale viene calcolato in modo corretto in entrambi i casi, ma nel primo
caso viene visualizzato troppo presto.
Il seguente elenco riepiloga i record inclusi nel calcolo quando viene inserito un
totale parziale in diverse sezioni del report. In tale elenco si suppone che il totale
parziale non sia reimpostato.

184 Manuale dell’utente di Crystal Reports


11 Totali parziali

Intestazione Il primo record del report


report
Intestazione Tutti i record fino al primo record incluso della pagina corrente
pagina
Intestazione Tutti i record fino al primo record incluso del gruppo corrente
gruppo
Dettagli Tutti i record fino al record corrente, incluso
Piè di pagina di Tutti i record fino all’ultimo record incluso del gruppo corrente
gruppo
Piè di pagina Tutti i record fino all’ultimo record incluso della pagina
corrente
Piè di pagina Tutti i record del report
report

Creazione di totali parziali


Creazione di totali parziali in un elenco
I totali parziali sono i totali che possono essere visualizzati record per record. Essi
includono il totale di tutti i record (del report, del gruppo e così via) fino al record
corrente incluso.
Il tipo più semplice di totale parziale è un totale parziale gestito in un elenco. In
questa esercitazione viene creato questo tipo di report impostando un totale
parziale per un elenco di importi relativi a ordini.
Nota: i campi totale parziale presentano come prefisso il segno #.

Per creare un totale parziale in un elenco


1 Per iniziare, creare un report mediante il database di esempio, Xtreme.mdb.
Collegare le tabelle Cliente e Ordini, quindi inserire i seguenti campi da
sinistra a destra nella sezione Dettagli:
{clienti.NOME CLIENTE}
{ordini.ID ORDINE}
{ordini.IMPORTO ORDINE}

2 Scegliere Explorer Campo dal menu Visualizza.


Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo.
3 Selezionare Campi totale parziale e fare clic su Nuovo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea campo totale parziale.
4 Immettere il nome "Ordini totali" nella casella Nome Totale parziale.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 185


Creazione di totali parziali

5 Evidenziare {ordini.IMPORTO ORDINE} nella casella Tabelle e Campi


Disponibili e utilizzare il primo pulsante a freccia per spostarlo sulla casella
Campo da riepilogare.
6 Selezionare sum dall’elenco Tipo di riepilogo.
7 Nella sezione Valutazione della finestra di dialogo, fare clic su In caso di
modifica di campo e selezionare {ordini.ID ORDINE} come valore per In caso
di modifica di campo.
Il totale parziale viene eseguito ogni volta che il valore in questo campo cambia.
8 Nella sezione Reimposta della finestra di dialogo, fare clic su Mai (questa
opzione fornisce un totale parziale che non viene mai reimpostato, ovvero il
totale parziale viene eseguito senza soluzione di continuità in tutto il report).
9 Fare clic su OK per salvare il campo totale parziale.
Il programma torna alla finestra di dialogo Explorer Campo.
10 Inserire il campo totale parziale nella sezione Dettagli del report, a destra di
{ordini.IMPORTO ORDINE}.
Nel report ogni riga della colonna del totale parziale visualizza il valore di
record corrente aggiunto ai valori precedenti. Il calcolo del totale viene eseguito
senza soluzione di continuità in tutto il report.

Creazione di totali parziali per un gruppo


Un altro uso tipico dei totali parziali consiste nel calcolo degli elementi contenuti
in un gruppo. Il totale parziale inizia con il primo elemento del gruppo e termina
con l’ultimo elemento. Quindi, la stessa operazione viene ripetuta per il gruppo
successivo e così via.
In questa esercitazione, si crea un report che:
• Gestisce un totale parziale degli ordini dei clienti
• Raggruppa gli ordini dei clienti e reimposta il totale parziale per ciascun
gruppo
• Visualizza il totale intermedio per ciascun gruppo di clienti.

Per creare un totale parziale per un gruppo


1 Per iniziare, creare un report mediante il database di esempio, Xtreme.mdb.
Collegare le tabelle Clienti e Ordini e inserire i campi riportati di seguito da
sinistra a destra nella sezione Dettagli:
{clienti.NOME CLIENTE}
{ordini.ID ORDINE}
{ordini.IMPORTO ORDINE}

2 Nel menu Inserisci, fare clic su Gruppo e raggruppare nel campo


{clienti.NOME CLIENTE}.

186 Manuale dell’utente di Crystal Reports


11 Totali parziali

3 Scegliere Explorer Campo dal menu Visualizza.


Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo.
4 Selezionare Campi totale parziale e fare clic su Nuovo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea campo totale parziale.
5 Immettere il nome "Totale parziale gruppo" nella casella Nome totale parziale.
6 Evidenziare {ordini.IMPORTO ORDINE} nella casella Tabelle e Campi
Disponibili e utilizzare il primo pulsante a freccia per spostarlo sulla casella
Campo da riepilogare.
7 Selezionare sum dall’elenco Tipo di riepilogo.
8 Nella sezione Valutazione della finestra di dialogo, fare clic su Per ciascun
record.
9 Nella sezione Reimposta della finestra di dialogo, fare clic su Su modifica di
gruppo e accettare il nome predefinito del gruppo.
10 Fare clic su OK per salvare il campo totale parziale.
Si torna alla finestra di dialogo Explorer Campo.
11 Inserire il campo totale parziale nella sezione Dettagli del report, a destra del
campo {ordini.IMPORTO ORDINE}.
Nota: se si desidera visualizzare un totale generale per ciascun gruppo,
inserire il campo totale parziale nella sezione Piè di pagina di gruppo del
report.

Creazione di totali parziali condizionali


A volte è possibile che, in un elenco di valori, si desideri calcolare il totale
intermedio solo di alcuni dei valori compresi nell’elenco. Ad esempio:
• Si dispone di un elenco che contiene clienti canadesi e statunitensi.
• Si desidera conservare i record dei clienti in ordine alfabetico, in base al nome
del cliente.
• Non si desidera suddividere i dati in gruppi in base al paese.
• Si desidera il totale relativo solo ai valori dei record canadesi.
• Inoltre si desidera il totale riferito solo ai valori dei record statunitensi.
Per ottenere tali risultati, creare due totali parziali: uno per visualizzare il totale
parziale dei record relativi ai clienti americani e uno per il totale parziale dei record
relativi a clienti canadesi.
• USTotal
contiene un totale parziale dei record statunitensi
• CanadaTotal
contiene un totale parziale dei record canadesi.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 187


Creazione di totali parziali

Per creare un totale parziale condizionale


1 Per iniziare, creare un report mediante il database di esempio, Xtreme.mdb.
Inserire i campi riportati di seguito da sinistra a destra nella sezione Dettagli:
{clienti.NOME CLIENTE}
{clienti.PAESE}
{clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE}

2 Scegliere Esperto ordinamento record dal menu Report.


Consiglio: un altro modo per eseguire questa operazione consiste nel fare clic
sul pulsante Esperto ordinamento record della barra degli strumenti Strumenti
Esperto.
3 Ordinare i record in base al campo {clienti.NOME CLIENTE}.
4 Scegliere Explorer Campo dal menu Visualizza.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Explorer Campo.
5 Selezionare Campi totale parziale e fare clic su Nuovo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea campo totale parziale.
6 Immettere il nome "USTotal" nella casella Nome Totale parziale.
7 Evidenziare {Clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE} nella casella Tabelle e
Campi Disponibili e utilizzare il primo pulsante a freccia per spostarlo sulla
casella Campo da riepilogare.
8 Selezionare sum dall’elenco Tipo di riepilogo.
9 Nella sezione Valutazione della finestra di dialogo fare clic su Usa una
formula e quindi sul pulsante Formula.
Viene visualizzato il Workshop formula con la Formula condizione totale
parziale attiva.
10 Immettere la seguente formula nella casella Formula:
{Clienti.Paese} = "USA"
Impostando questa formula, il programma valuta il totale parziale ogni volta
che arriva a un record in cui {Clienti.PAESE} è uguale a "USA". Il totale parziale
ignorerà tutti gli altri record (ad esempio i record relativi a clienti canadesi).
11 Quando la sintassi è corretta, fare clic su Salva e chiudi.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea Campo Totale Parziale.
12 Nella sezione Reimposta della finestra di dialogo, fare clic su Mai.
13 Fare clic su OK per salvare il campo totale parziale.
Il programma torna alla finestra di dialogo Explorer Campo.
14 Inserire il campo totale parziale nella sezione Dettagli del report.

188 Manuale dell’utente di Crystal Reports


11 Totali parziali

15 Creare ora il campo totale parziale “CanadaTotal” utilizzando il processo


illustrato nei passaggi da 5 a 13. L’unica differenza consiste nel fatto che,
questa volta, è necessario impostare la formula di valutazione su:
{Clienti.Paese} = "Canada"

16 Al termine, inserire il campo #CanadaTotal nella sezione Dettagli del report, a


destra del campo {Clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE}.
Nota: Se si desidera visualizzare solo un totale generale delle vendite relative a
clienti canadesi e americani, inserire i due campi totale parziale creati nella
sezione Piè di pagina report.

Creazione di totali parziali in una relazione di collegamento


"uno a molti"
Quando un singolo record contenuto in una tabella può essere abbinato a più
record contenuti in un’altra tabella, nelle tabelle collegate si stabilisce una
relazione di collegamento “uno a molti”. Ad esempio, un collegamento di questo
tipo è quello che si stabilisce quando si collega una tabella relativa ai clienti a una
tabella relativa agli ordini. In tal caso, per ciascun cliente della tabella primaria
saranno presenti, di solito, molti ordini nella tabella secondaria (di ricerca). Nel
report i valori del campo della tabella primaria vengono ripetuti per ogni nuovo
valore del campo della tabella di ricerca.
La creazione di un totale intermedio in un campo della tabella primaria fornisce un
risultato non corretto poiché i valori ripetuti vengono inclusi nel calcolo. Per
evitare il problema, creare un totale parziale.
Tale concetto può essere illustrato con il database di esempio Xtreme utilizzando
le tabelle Cliente e Ordini.

Per creare un totale parziale in una relazione di collegamento “uno a


molti”
1 Dalla finestra di dialogo Explorer Campo, inserire i seguenti campi da sinistra
a destra nella sezione Dettagli del report.
{clienti.NOME CLIENTE}
{clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE}
{ordini.ID ORDINE}
{ordini.IMPORTO ORDINE}

2 Sulla barra degli strumenti Strumenti di inserimento, fare clic su Inserisci


Gruppo e creare un gruppo basato sul campo {Clienti.NOME CLIENTE}.
3 Fare clic con il pulsante destro del mouse sul campo {Clienti.VENDITE ANNO
PRECEDENTE} e selezionare Riepilogo dal sottomenu Inserisci.
4 Scegliere Gruppo #1: Clienti.Nome cliente - A come percorso per il riepilogo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 189


Creazione di totali parziali con l’utilizzo di una formula

Esaminando i totali intermedi relativi a ciascun gruppo, si noterà che non sono
corretti. Ciò dipende dal fatto che il campo {Clienti.VENDITE ANNO
PRECEDENTE} risulta duplicato per ogni ordine del report. Eseguire l’ultima
parte di questa procedura per verificare in che modo un totale parziale genera
un risultato corretto nella stessa situazione.
5 Nella finestra di dialogo Explorer Campo selezionare Campi totale parziale e
fare clic su Nuovo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Crea campo totale parziale.
6 Immettere il nome “LYSrunning” nella casella Nome totale parziale.
7 Evidenziare {Clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE} nella casella Tabelle e
Campi Disponibili e utilizzare il primo pulsante a freccia per spostarlo sulla
casella Campo da riepilogare.
8 Selezionare sum dall’elenco Tipo di riepilogo.
9 Nella sezione Valutazione della finestra di dialogo fare clic su In caso di
modifica di campo e aggiungere il campo {Clienti.NOME CLIENTE} dalla
casella Tabelle e campi disponibili.
10 Nella sezione Reimposta della finestra di dialogo fare clic su Su modifica di
gruppo e scegliere Gruppo #1: Clienti.Nome cliente - A.
11 Fare clic su OK per salvare il campo totale parziale.
12 Inserire il totale parziale nella sezione Piè di pagina di gruppo.
Confrontare l’importo del totale parziale con l’importo del totale intermedio per
ciascun gruppo. Si noterà che il totale parziale è corretto, a differenza del totale
intermedio.

Creazione di totali parziali con l’utilizzo di una


formula
Se i dati sono stati omessi oppure sono basati su una formula di tipo
WhilePrintingRecords, è necessario creare una formula per i totali parziali
piuttosto che utilizzare la finestra di dialogo Crea campo totale parziale.
Quando si crea un totale parziale manualmente, è necessario creare tre formule:
• Una formula di riepilogo
• Una formula di reimpostazione per impostare una variabile su zero
• Una formula di visualizzazione per visualizzare la variabile.
Nella procedura riportata di seguito, si crea un report che esegue le seguenti
funzioni:
• Gestisce un totale parziale degli ordini dei clienti

190 Manuale dell’utente di Crystal Reports


11 Totali parziali

• Raggruppa gli ordini dei clienti e reimposta il totale parziale per ciascun
gruppo
• Visualizza il totale intermedio per ciascun ordine (l’ultimo totale parziale per
l’ordine).

Creazione di totali parziali con l’utilizzo di una formula


1 Creare un report utilizzando il database di esempio, Xtreme.mdb. Collegare le
tabelle Clienti e Ordini e inserire i campi riportati di seguito da sinistra a
destra nella sezione Dettagli:
{clienti.NOME CLIENTE}
{ordini.ID ORDINE}
{ordini.IMPORTO ORDINE}

2 Scegliere Explorer Campo dal menu Visualizza.


3 Selezionare Campi formula nella finestra di dialogo Explorer Campo e fare
clic su Nuovo.
4 Denominare la formula “RunningTotal” e fare clic su Usa Editor.
Viene visualizzato il Workshop formula con l’Editor delle formule attivo.
5 Immettere quanto segue nella casella Formula:
WhilePrintingRecords;
CurrencyVar Amount;
Amount := Amount + {ordini.IMPORTO ORDINE};

6 Fare clic sul pulsante Salva e chiudi nel Workshop formula.


7 Inserire questa formula nella sezione Dettagli del report, a destra del campo
{ordini.IMPORTO ORDINE}.
Questa formula stampa il totale parziale dei valori contenuti nel campo
Importo ordine.
8 Scegliere Gruppo dal menu Inserisci e raggruppare il report nel campo
{clienti.NOME CLIENTE}.
9 Nel Workshop formula creare “AmountReset”:
WhilePrintingRecords;
CurrencyVar Amount := 0;
In base a questa formula, vengono eseguite le operazioni riportate di seguito.
Impostare su 0 il valore della variabile Amount.
10 Inserire questa formula nella sezione Intestazione gruppo #1 del report.
Poiché la sezione Intestazione gruppo #1 viene visualizzata una sola volta per
ogni gruppo, @AmountReset viene eseguita ogni volta che il gruppo cambia.
Quindi, la variabile Amount viene reimpostata su 0 ogni volta che inizia un
nuovo gruppo.
11 Selezionare la formula @AmountReset nel report e utilizzare l’Editor formato
per ometterla in modo che non venga visualizzata nella stampa finale.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 191


Creazione di totali parziali con l’utilizzo di una formula

12 Nel Workshop formula creare “AmountDisplay”:


WhilePrintingRecords;
CurrencyVar Amount;
Questa formula visualizza semplicemente il valore corrente della variabile
Amount in qualsiasi momento.
13 Inserire questa formula nella sezione Piè di pagina di gruppo #1 del report.
Poiché la sezione Piè di pagina di gruppo #1 viene visualizzata una sola volta
per ogni gruppo, la formula @AmountDisplay viene eseguita ogni volta che il
gruppo termina. Quindi, il valore memorizzato nella variabile Amount verrà
stampato ogni volta che il gruppo cambia.

Nota: Questa formula stampa lo stesso valore stampato dalla formula


@RunningTotal come totale parziale per l’ultimo record in ogni gruppo.
Tuttavia, poiché la stampa viene inserita nella sezione Piè di pagina di gruppo,
il valore corrisponde a un totale intermedio del gruppo e non ad un totale
parziale.
Nel report ogni riga della colonna del totale parziale visualizza il valore di
record corrente aggiunto ai valori precedenti. Il totale parziale viene calcolato
di nuovo per ogni nuovo gruppo e il totale parziale finale di ogni gruppo
diventa il totale intermedio di tale gruppo.

192 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Report a più sezioni 12

Questo capitolo descrive i diversi tipi di report sofisticati


che è possibile creare utilizzando le funzionalità di
creazione dei report a più sezioni di Crystal Reports. Tali
funzioni consentono di creare report che gestiscono valori
singoli in maniera diversa a seconda dei criteri stabiliti. Tali
concetti si applicano quindi alla creazione di lettere
modulo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 193


Sezioni del report

Sezioni del report


Crystal Reports fornisce cinque aree di progettazione da utilizzare nella creazione
dei report:
• Intestazione report
• Intestazione pagina
• Dettagli
• Piè di pagina report
• Piè di pagina

La prima volta che si crea un nuovo report, ogni area contiene una sola sezione.
Non è possibile eliminare queste sezioni originali ma è invece possibile
nasconderle o aggiungerne altre. Dopo aver inserito le sezioni, è possibile
eliminarle, spostarle in relazione ad altre sezioni simili o unire sezioni correlate.

Uso delle sezioni


Molte delle procedure analizzate in questa sezione illustrano le modalità di
utilizzo delle sezioni dell’Esperto sezione. È possibile inserire, eliminare o eseguire
altre operazioni su una sezione anche facendo clic con il pulsante destro sull’area
ombreggiata a sinistra della sezione nelle schede Progettazione o Anteprima e
scegliendo l’opzione appropriata dal menu di scelta rapida visualizzato.

Inserimento di una sezione


1 Fare clic sul pulsante Esperto sezione sulla barra degli strumenti Strumenti
Esperto.
Viene visualizzato l’Esperto sezione con l’elenco di tutte le sezioni del report.
Se esistono più tipi di sezione, le sezioni vengono identificate con le lettere A,
B, C, ecc.

194 Manuale dell’utente di Crystal Reports


12 Report a più sezioni

Nota: il programma abilita solo le opzioni (posizione personalizzata, nuova


pagina prima e così via) che si applicano alla sezione evidenziata.
2 Evidenziare la sezione dopo la quale si desidera inserire un’altra sezione.
Ad esempio, per aggiungere una nuova sezione Dettagli, evidenziare la sezione
Dettagli esistente.
3 Fare clic su Inserimento.
Una nuova sezione viene aggiunta sotto la sezione evidenziata.

Eliminazione di una sezione


1 Fare clic sul pulsante Esperto sezione sulla barra degli strumenti Strumenti
Esperto.
Viene visualizzato l’Esperto sezione con l’elenco di tutte le sezioni del report.
Se esistono più tipi di sezione, le sezioni vengono identificate con le lettere A,
B, C, ecc.
Nota: il programma abilita solo le opzioni (posizione personalizzata, nuova
pagina prima e così via) che si applicano alla sezione evidenziata.
2 Evidenziare la sezione da eliminare.
3 Fare clic su Eliminazione.
La sezione evidenziata viene eliminata dal report.

Spostamento di una sezione


1 Fare clic sul pulsante Esperto sezione sulla barra degli strumenti Strumenti
Esperto.
Viene visualizzato l’Esperto sezione con l’elenco di tutte le sezioni del report.
Se esistono più tipi di sezione, le sezioni vengono identificate con le lettere A,
B, C, ecc.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 195


Uso delle sezioni

Nota: il programma abilita solo le opzioni (posizione personalizzata, nuova


pagina prima e così via) che si applicano alla sezione evidenziata.
2 Con la sezione (C) evidenziata, fare doppio clic sulla freccia rivolta verso l’alto.

I dati in origine nella sezione (C) vengono spostati nella sezione (A). I dati nelle
altre sezioni vengono spostati verso il basso.
Nota:
• All’interno di un’area è possibile soltanto spostare una sezione verso l’alto o
verso il basso.
• Le lettere che identificano le sezioni ne descrivono le relative posizione, vale a
dire opposte a quelle originali. Pertanto, se viene spostata verso l’alto, una
sezione "C" diventa una sezione "B" e perde la designazione "C" originale.
• È possibile spostare sezioni anche trascinandole e rilasciandole in Report
Designer.

Unione di due sezioni correlate


A volte può accadere che gli oggetti siano stati posizionati in due sezioni, nelle
quali vengono stampati in sequenza, ma si desideri posizionarli tutti in una sola
sezione nella quale vengano stampati contemporaneamente. È possibile unire le
due sezioni e quindi ridisporre gli oggetti nella nuova sezione come si desidera.

Per unire due sezioni correlate


1 Fare clic sul pulsante Esperto sezione sulla barra degli strumenti Strumenti
Esperto.
Viene visualizzato l’Esperto sezione con l’elenco di tutte le sezioni del report.
Se esistono più tipi di sezione, le sezioni vengono identificate con le lettere A,
B, C, ecc.
Nota: il programma abilita solo le opzioni (posizione personalizzata, nuova
pagina prima e così via) che si applicano alla sezione evidenziata.

196 Manuale dell’utente di Crystal Reports


12 Report a più sezioni

2 Spostare le sezioni in modo che le due da unire siano in sequenza nell’elenco.


3 Evidenziare la sezione superiore.
4 Con la sezione (B) evidenziata, fare clic su Unisci: la sezione (C) verrà unita
alla sezione (B) in un’unica sezione.

5 Ridisporre gli oggetti in base alle esigenze.

Divisione e ridimensionamento di sezioni


Una sezione può essere facilmente divisa in una o più sezioni e/o ridimensionata
nella scheda Progettazione.

Divisione di una sezione


1 Spostare il puntatore sul margine sinistro della sezione da dividere.
2 Quando il puntatore si trasforma nel cursore di divisione delle sezioni, fare clic
sul margine.
3 Quando viene visualizzata una linea orizzontale, trascinarla verso l’alto o
verso il basso per dividere la sezione come desiderato.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 197


Divisione e ridimensionamento di sezioni

Ridimensionamento di una sezione


1 Spostare il puntatore sul margine inferiore della sezione da ridimensionare.
2 Quando il puntatore si trasforma nel cursore di ridimensionamento, trascinare
il margine per ingrandire o ridurre la sezione, a seconda delle esigenze.

Ridimensionamento di una sezione per l’eliminazione di


spazi
Se in una sezione esistono uno o più oggetti e si intende ridimensionare la sezione
per togliere lo spazio vuoto in eccesso, fare clic con il pulsante destro sull’area
ombreggiata a sinistra della sezione nelle schede Progettazione e Anteprima,
quindi scegliere il comando Adatta alla Sezione dal menu di scelta rapida. La
sezione viene ridimensionata automaticamente spostando il margine inferiore
della sezione sulla linea di base dell’oggetto situato nella parte inferiore della
sezione.

Trascinare il cursore di
ridimensionamento verso
l’alto per ridurre la sezione
situata sopra.

Trascinare il cursore di
ridimensionamento verso
il basso per ingrandire la
sezione situata sopra.

La sezione si espande automaticamente in verticale in due casi:


• Quando si posiziona un oggetto che è più lungo della sezione in cui lo si
colloca.

198 Manuale dell’utente di Crystal Reports


12 Report a più sezioni

• Quando si allunga un oggetto in modo da renderlo più grande della sezione in


cui si trova.
Nota: non è possibile ridimensionare una sezione rendendola più piccola
dell’altezza combinata di tutti gli oggetti contenuti al suo interno.

Uso di più sezioni nei report


Alcuni task relativi alla creazione dei report vengono eseguiti in modo più
efficiente mediante la creazione di più sezioni all’interno di un’area, ad esempio:
• Per evitare eventuali sovrascritture di oggetti di lunghezza variabile (vedere
“Eliminazione di eventuali sovrascritture di oggetti di lunghezza variabile” a
pagina 199).
• Per eliminare le righe vuote quando i campi non contengono valori (vedere
“Eliminazione di righe vuote quando i campi non contengono valori” a
pagina 200).
• Per aggiungere righe vuote in particolari condizioni (vedere “Aggiunta
condizionale di righe vuote” a pagina 201).
La comprensione delle potenzialità delle sezioni multiple consente di utilizzarle in
vari modi per generare gli effetti desiderati.

Argomenti correlati
• “Uso delle sezioni” a pagina 194

Eliminazione di eventuali sovrascritture di oggetti di lunghezza


variabile
Quando si collocano sottoreport o altri oggetti di lunghezza variabile sopra altri
oggetti in una sezione del report e l’opzione Può aumentare relativa all’oggetto di
lunghezza variabile è attivata nell’Editor formato, è possibile che l’oggetto
collocato sovrascriva gli oggetti sottostanti tranne nei casi in cui:
• La sezione è stata espansa per adattarla alle dimensioni massime dell’oggetto.
• Sono stati inseriti spazi tra gli oggetti in modo da lasciare uno spazio
sufficiente per completare la stampa del primo oggetto prima che inizi la
stampa del secondo.
È possibile risolvere il problema della sovrascrittura mediante la creazione di più
sezioni in un’area e il posizionamento degli oggetti al di sotto dell’oggetto di
lunghezza variabile nella sezione o nelle sezioni corrispondenti.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 199


Uso di più sezioni nei report

Quando si esegue il report, la sezione contenente l’oggetto di lunghezza variabile


viene stampata prima della sezione sottostante, consentendo di ottenere il risultato
desiderato. Vedere “Combinazione di due o più report non correlati” a pagina 440.
Nota: molti oggetti del report possono utilizzare l’opzione Può aumentare e
possono, pertanto, causare la sovrascrittura:
• Campi di testo
• Campi formula
• Campi memo
• Campi BLOB
• sottoreport
• campi incrociati
• griglie OLAP

Eliminazione di righe vuote quando i campi non contengono


valori
È molto comune che in una tabella clienti siano presenti due righe di indirizzo, una
per la via (Indirizzo 1) e una che può contenere il numero di appartamento o la
casella postale (Indirizzo 2). In genere, la riga Indirizzo 1 contiene un valore,
mentre la riga Indirizzo 2 è spesso vuota. Se si crea un elenco clienti utilizzando
questi dati e si dispongono i campi uno sull'altro nel formato di un'etichetta
postale, viene stampata una riga vuota per i record clienti in cui il campo Indirizzo
2 è vuoto. Per eliminare la riga vuota, utilizzare più sezioni oppure omettere le
righe vuote.

Per eliminare righe vuote utilizzando più sezioni


1 Utilizzando l’Assistente sezione, creare due nuove sezioni Dettagli in modo da
poter disporre di un totale di tre sezioni. Vedere “Uso delle sezioni” a
pagina 194.
2 Posizionare il campo Indirizzo 2 nella sezione intermedia e gli altri dati al di
sopra e al di sotto di essa, a seconda di come si desidera visualizzarli nel
report.

200 Manuale dell’utente di Crystal Reports


12 Report a più sezioni

3 Nell’Assistente sezione, evidenziare la sezione intermedia.


4 Sulla scheda Comune, selezionare la casella di controllo Elimina sezioni
vuote.
Quando si stampa il report, il programma non stampa la sezione Indirizzo 2 se è
vuota. Pertanto, il report non contiene righe vuote indesiderate
Nota: se la sezione del report che si desidera omettere contiene un sottoreport
vuoto, utilizzare l’opzione Elimina sottoreport vuoto, all’interno della scheda
Sottoreport dell’Editor formato, oppure l’opzione Elimina sezioni vuote.

Aggiunta condizionale di righe vuote


Utilizzare le sezioni multiple per stampare una riga vuota sul report se si
verificano specifiche condizioni. Ad esempio, può essere utile inserire una riga
vuota nel report dopo ogni cinque record.

Per aggiungere condizionalmente righe vuote


1 Utilizzare l’Assistente sezione per creare due sezioni Dettagli. Vedere “Uso
delle sezioni” a pagina 194.
2 Inserire i dati di dettaglio del report nella sezione superiore.
3 Lasciare vuota la seconda sezione.
4 Nell’Assistente sezione, evidenziare la seconda sezione.
5 Sulla scheda Comune, selezionare la casella di controllo Elimina (nessuna
analisi dettagliata) e quindi fare clic sul pulsante per la formattazione
condizionale posto a destra.
6 Inserire la seguente formula nell'Editor Formula di Formato:
Remainder (RecordNumber,5) <> 0
Questa formula divide il numero di record per 5. Se la divisione produce un
resto, la sezione vuota viene omessa. Se la divisione non produce alcun resto,
ossia dà come risultato zero (ciò accade ogni cinque record stampati) il
programma stampa la seconda sezione inserendo una riga vuota.
Nota: per inserire una riga vuota in altre condizioni, è possibile modificare la
formula nel modo appropriato. Vedere “Uso della formattazione condizionale” a
pagina 252.

Lettere modulo
Sebbene le lettere modulo non siano necessariamente report a più sezioni, vengono
spesso utilizzate per generare messaggi postali personalizzati nei report a più
sezioni. L’argomento “Stampa di messaggi condizionali in lettere modulo” a

Manuale dell’utente di Crystal Reports 201


Lettere modulo

pagina 210 spiega come utilizzare più lettere modulo o più versioni della stessa
lettera modulo nei messaggi postali personalizzati.
Le lettere modulo spesso utilizzano oggetti di testo per contenere le informazioni
del report. Le sezioni seguenti forniscono un’introduzione agli oggetti di testo e ne
illustra le modalità di utilizzo nelle lettere modulo.

Uso degli oggetti di testo


Nella creazione delle lettere modulo, vengono utilizzate molte funzioni degli
oggetti di testo. Una breve descrizione degli oggetti di testo può agevolare la
creazione della lettera modulo descritta nella sezione successiva. Alcuni elementi
da considerare sono i seguenti:
• Un oggetto di testo può contenere sia testo che campi. In questo esempio,
vengono utilizzati entrambi.
• È possibile ridimensionare gli oggetti di testo. L’oggetto dell’esempio viene
ridimensionato in modo che sia possibile stamparlo come una lettera.
Gli oggetti di testo operano in due modalità diverse:
• Modalità di spostamento/ridimensionamento
• Modalità di modifica

Modalità di spostamento/ridimensionamento
Quando l’oggetto è in modalità di spostamento/ridimensionamento, viene
visualizzato come una cornice formata da una linea tratteggiata con quadratini di
ridimensionamento.

Questa modalità consente di ridimensionare l’oggetto trascinando uno dei


quadratini di ridimensionamento o di spostarlo posizionando il cursore all’interno
dell’oggetto e trascinandolo in una nuova posizione. In questa modalità è inoltre
possibile inserire i campi, ma non il testo. Per impostare la modalità di
spostamento/ridimensionamento per un oggetto di testo, fare clic su di esso se è
inattivo.

Modalità di modifica
Quando l’oggetto è in modalità di modifica, viene visualizzato come una cornice
formata da una linea tratteggiata senza quadratini di ridimensionamento e con un
righello nella parte superiore della scheda (se sono state selezionate le opzioni
Visualizza righelli nella finestra di dialogo Opzioni).

202 Manuale dell’utente di Crystal Reports


12 Report a più sezioni

Quando si inserisce per la prima volta un oggetto di testo, viene impostato


automaticamente in modalità di modifica. È inoltre possibile impostare la modalità
di modifica per un oggetto di testo facendo doppio clic su di esso se è inattivo o in
modalità di spostamento/ridimensionamento. Infine, è possibile attivare tale
modalità facendo clic con il pulsante destro sull’oggetto di testo e selezionando
Modifica testo dal menu di scelta rapida.
Ogni oggetto di testo dispone delle funzioni di un elaboratore di testo, inclusa la
possibilità di modificare i font per caratteri e campi singoli e di andare
automaticamente a capo. La modalità di modifica consente di inserire oggetti di
testo e non di testo, come campi e formule di database. Quando è in modalità di
modifica, l’oggetto contiene un punto di inserimento, ossia una linea verticale
lampeggiante che indica il punto di inizio del testo digitato o dei campi inseriti.
Il punto di inserimento si sposta mentre si digita, posizionandosi automaticamente
a destra dell’ultimo carattere digitato. Si sposta anche quando si inserisce un
campo, posizionandosi automaticamente a destra del campo stesso. Quando si
preme la barra spaziatrice, il punto di inserimento si sposta di un carattere per
volta. Quando si preme Invio, il punto di inserimento si sposta di una riga verso il
basso spostandosi sul margine sinistro dell’oggetto di testo (con questa operazione
viene inserito un ritorno a capo). Quando si fa clic su un punto qualsiasi del testo
esistente, il punto di inserimento si sposta in corrispondenza della posizione del
cursore.
Nell’esecuzione delle esercitazioni relative alle sezioni multiple, si presuppone che
l’utente digiti il testo o collochi i campi in corrispondenza del punto di inserimento
esistente, a meno che non venga indicato diversamente.
• Per selezionare il testo in un oggetto di testo, per eliminarlo, per cambiare il
carattere e così via, posizionare il cursore sul testo e, quando viene visualizzato
il cursore, trascinarlo per evidenziare il testo che si desidera selezionare.
• Per selezionare un campo contenuto in un oggetto di testo, posizionare il
cursore sul campo e, quando viene visualizzato il cursore, fare clic con il tasto
destro del mouse.
• Per inserire il testo, digitare il testo desiderato che viene visualizzato in
corrispondenza del punto di inserimento.

Nota: è importante che il cursore di trascinamento sia visibile prima di


collocare il campo. Se non è visualizzato, può accadere che il campo venga
sovrapposto all’oggetto di testo invece di essere inserito all’interno
dell’oggetto. Sebbene il campo sembri posizionato all’interno dell’oggetto di
testo, se si sposta l’oggetto il campo non viene spostato con esso.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 203


Lettere modulo

• Il punto di inserimento è vincolato al cursore di trascinamento. Se l’oggetto di


testo contiene testo o campi esistenti, il punto di inserimento viene spostato
quando si sposta il cursore di trascinamento, consentendo di scegliere la
posizione esatta in cui si desidera collocare il campo. Il programma colloca
sempre il campo in corrispondenza del punto di inserimento.

Quando si sposta il cursore di si sposta il punto di inserimento.


trascinamento...

• È possibile disattivare la modalità di modifica facendo clic su un punto esterno


al riquadro di testo. È inoltre possibile premere Ctrl+Invio.

Creazione di una lettera modulo mediante un oggetto di testo


La seguente sezione illustra la creazione di una lettera modulo.
Nella creazione di una lettera modulo viene utilizzato un oggetto di testo. La
lettera modulo così creata viene vincolata a una tabella di database in modo da
poter personalizzare ogni lettera con informazioni relative alla società provenienti
da un record diverso.
Se si riscontrano difficoltà nell’eseguire alcuni passaggi, vedere “Uso degli oggetti
di testo” a pagina 202.

Per creare una lettera modulo


La lettera è composta da una data, un indirizzo interno, una formula introduttiva,
un corpo centrale formato da un paragrafo e una sezione di chiusura.
1 Creare un report vuoto. Utilizzare la tabella Clienti di Xtreme.mdb.
Viene visualizzata la scheda Progettazione.
2 Poiché non si desidera visualizzare i titoli dei campi al di sopra dei campi
inseriti nella lettera, deselezionare la casella di controllo Inserisci intestazioni
campi di dettaglio sulla scheda Layout della finestra di dialogo Opzioni.
3 Inserire un oggetto di testo nella sezione Dettagli del report.
4 Fare clic sulla cornice dell’oggetto di testo per impostare la modalità di
spostamento/ridimensionamento.

204 Manuale dell’utente di Crystal Reports


12 Report a più sezioni

5 Trascinare il quadratino di ridimensionamento sul lato destro dell’oggetto


verso il margine destro della scheda Progettazione. In questo modo, le
dimensioni dell’oggetto vengono impostate a circa ventuno centimetri (otto
pollici), ossia la larghezza approssimativa della pagina. Per eseguire questa
operazione, può essere necessario interrompere il ridimensionamento,
scorrere la finestra e ridimensionare ulteriormente.

6 Fare doppio clic all’interno dell’oggetto di testo per impostarlo in modalità di


modifica. A questo punto è possibile eseguire le operazioni desiderate. Il
punto di inserimento viene visualizzato all’estrema sinistra, all’interno
dell’oggetto.

Inserimento di una data


1 Per inserire una data nella lettera, espandere Campi speciali nella finestra di
dialogo Explorer Campo e far scorrere la finestra fino a visualizzare Data di
stampa.
2 Fare clic su Data di stampa, trascinare la cornice di posizionamento
sull’oggetto di testo e rilasciarla sul punto di inserimento.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 205


Lettere modulo

Nota: per modificare il formato della data nella lettera, fare doppio clic
sull’oggetto di testo per selezionarlo. Fare clic con il pulsante destro del mouse
sul campo Data di stampa e selezionare Formato {Data di stampa} dal menu di
scelta rapida. Apportare le modifiche desiderate nella scheda Data dell’Editor
formato visualizzato.
3 Premere due volte Invio per inserire alcuni spazi tra la data e l’indirizzo
interno e per spostare il punto di inserimento verso il basso nell’oggetto di
testo.
Consiglio: se non è stata selezionata nell’Editor formato l’opzione Può
aumentare per l’oggetto di testo, può rendersi necessario ridimensionare la
sezione Dettagli per tale oggetto.

Creazione di un indirizzo interno


1 Per creare l'indirizzo interno, trascinare i campi di database all'interno
dell'oggetto di testo dalla tabella Clienti nella finestra di dialogo Explorer
Campo.
2 Trascinare il campo Indirizzo 1, posizionarlo in corrispondenza del punto di
inserimento, quindi premere Invio. Il punto di inserimento si sposta verso il
basso sulla riga sottostante.
3 Trascinare il campo Città e collocarlo in corrispondenza del punto di
inserimento.
4 Digitare una virgola seguita da uno spazio.
5 Trascinare il campo Regione e collocarlo in corrispondenza del punto di
inserimento.
6 Digitare due spazi.

206 Manuale dell’utente di Crystal Reports


12 Report a più sezioni

7 Infine, trascinare il campo Codice postale, posizionarlo in corrispondenza del


punto di inserimento, quindi premere Invio. Il punto di inserimento si sposta
verso il basso sulla riga sottostante.
8 Premere Invio un'altra volta per spostare il punto di inserimento sulla riga
successiva nella posizione in cui deve iniziare la formula introduttiva. Questa
operazione completa la creazione dell’indirizzo interno.
Nota: quando si colloca un campo all’interno di un oggetto di testo, esso viene
automaticamente ritagliato sul lato destro e sinistro in modo da eliminare gli
eventuali spazi bianchi superflui.

Creazione di una formula introduttiva


1 Premere quattro volte Invio per spostare il punto di inserimento verso il basso.
2 Digitare la parola "Egr." seguita da uno spazio (senza le virgolette).
3 Dalla finestra di dialogo Explorer Campo, evidenziare il campo Titolo
contatto nella tabella Clienti e trascinarlo nell’oggetto di testo, posizionandolo
subito dopo lo spazio.
4 Inserire uno spazio. Il programma posiziona il punto di inserimento subito
dopo lo spazio.
5 Dalla finestra di dialogo Explorer Campo, trascinare il campo Cognome
contatto nell'oggetto di testo e collocarlo in corrispondenza del punto di
inserimento. Il punto di inserimento si sposta a destra del campo.
6 Digitare due punti ":" in corrispondenza del punto di inserimento (senza le
virgolette), quindi premere due volte Invio per spostare il punto di
inserimento di due righe verso il basso.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 207


Lettere modulo

Creazione del corpo centrale


1 Digitare "Società" (senza le virgolette), quindi una virgola seguita da uno
spazio.
2 Trascinare il campo Nome Cliente nell’oggetto di testo e collocarlo in
corrispondenza del punto di inserimento, subito dopo lo spazio.
3 Digitare una virgola seguita da uno spazio.
4 Digitare il testo riportato di seguito (senza le virgolette): “ha contribuito a
rendere quest’anno un anno eccezionale per Xtreme Mountain Bikes, Inc.
Desidero ringraziare tutto il personale per l’assistenza garantita. Mi auguro
che il prossimo sia per Voi un anno altrettanto eccezionale."
5 Premere due volte Invio.
6 Digitare la frase "Distinti saluti" (senza le virgolette) seguita da una virgola,
quindi premere quattro volte Invio.
7 Per completare la lettera modulo, digitare il proprio nome.

208 Manuale dell’utente di Crystal Reports


12 Report a più sezioni

L’aspetto della scheda Progettazione dovrebbe essere il seguente:

8 Fare clic sul pulsante Anteprima di stampa sulla barra degli strumenti
standard per visualizzare un’anteprima della lettera modulo.
La lettera dovrebbe essere simile a quella riportata di seguito:

Manuale dell’utente di Crystal Reports 209


Lettere modulo

Stampa di messaggi condizionali in lettere modulo


In molte occasioni, può essere utile stampare messaggi condizionali nelle lettere
modulo. Ad esempio, può essere utile invitare alcuni clienti con credito disponibile
ad acquistare altri prodotti e sollecitare i clienti che hanno superato il limite di
credito a regolare la loro situazione. È possibile creare entrambe queste lettere in
un unico report.

Per creare un messaggio condizionale


1 Utilizzare l’Assistente sezione per inserire una seconda sezione Dettagli nel
report. Vedere “Uso delle sezioni” a pagina 194.
2 Creare due lettere modulo. Collocare la lettera che invita i clienti ad acquistare
altri prodotti nella sezione Dettagli A del report, quindi collocare la lettera che
invita i clienti a regolare i saldi nella sezione Dettagli B del report. Vedere
“Creazione di una lettera modulo mediante un oggetto di testo” a pagina 204.
3 Utilizzando l’Assistente sezione, formattare le sezioni Dettagli in modo che
ognuna venga omessa in determinate condizioni. Ad esempio:

Formattare questa sezione in modo


che venga omessa quando il bilancio
è inferiore al limite di credito.

Formattare questa sezione in modo


che venga omessa quando il bilancio
è superiore al limite di credito.

Quando un record indica un credito disponibile, viene stampata la lettera di invito


agli acquisti. Quando il conto è superiore al limite di credito, viene stampata la
lettera di superamento del limite. Quando il limite di credito del cliente è regolare,
non viene stampata alcuna lettera.

Argomenti correlati
• “Uso della formattazione condizionale” a pagina 252

210 Manuale dell’utente di Crystal Reports


Formattazione 13

Per formattazione si intende l’insieme delle modifiche


apportate al layout e alla struttura di un report, all’aspetto
del testo, agli oggetti o a intere sezioni del report. Questo
capitolo descrive dettagliatamente i metodi da utilizzare
per evidenziare i dati, modificare l’aspetto delle date, dei
numeri e di altri valori, nascondere le sezioni non
desiderate ed eseguire numerose operazioni di
formattazione, utili per creare report professionali.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 211


Concetti relativi alla formattazione

Concetti relativi alla formattazione


Questa sezione illustra la procedura per formattare un report. La formattazione si
riferisce alle modifiche che possono essere apportate al layout e alla struttura di un
report, all’aspetto del testo, agli oggetti o ad intere sezioni del report.
È possibile utilizzare la formattazione per diversi scopi, tra cui:
• Separare le sezioni di un report
• Richiamare l’attenzione su alcuni dati
• Modificare la presentazione di date, numeri, valori booleani, valori di valuta e
stringhe di testo
• Nascondere le sezioni non desiderate
• Conferire al report un aspetto professionale.
Negli argomenti riportati di seguito, vengono descritti i tipi di formattazione che
possono essere applicati con Crystal Reports e vengono fornite istruzioni
dettagliate sull’esecuzione di numerose operazioni di formattazione.

Utilizzo di un modello
Un modello corrisponde a un file di report esistente la cui formattazione può
essere aggiunta a un nuovo report. Contemporaneamente, vengono applicati al
nuovo report sia la formattazione dei campi del report di modello che gli oggetti
di report. Utilizzare i modelli per conferire a un qualsiasi numero di report un
aspetto coerente senza doverli formattare singolarmente.
Per ulteriori informazioni sui modelli, vedere la sezione relativa alle
considerazioni sui modelli all’interno della Guida in linea.

Applicazione di un modello
Quando si crea un nuovo report utilizzando la Procedura guidata per la creazione
di report standard, è possibile applicare un modello come operazione facoltativa.
L’applicazione di un modello può essere effettuata anche in una fase successiva
tramite l’Esperto modelli. È possibile scegliere tra un’ampia gamma di modelli
predefiniti oppure utilizzare come modello un report Crystal esistente.

Per applicare un modello nella Procedura guidata per la creazione di report


standard
1 Fare clic su Nuovo sulla barra degli strumenti standard.
2 Scegliere Uso della Creazione guidata report nella finestra di dialogo Galleria
Crystal Reports, assicurarsi che l’opzione Standard sia selezionata, quindi fare
clic su OK.

212 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

3 Selezionare i dati, i campi, i campi di raggruppamento e tutti gli altri elementi


desiderati, finché nella procedura guidata non viene visualizzata la schermata
Modello.
4 Nell’elenco Modelli disponibili fare clic sul nome di un modello predefinito
in modo da visualizzare un esempio di tale modello nell’area di anteprima.
Per impostazione predefinita, i modelli di esempio forniti con Crystal Reports
vengono installati in \Programmi\Crystal Decisions\Crystal Reports
10\Templates.

5 Se si desidera applicare un modello basato su un report Crystal esistente, fare


clic su Sfoglia.
6 Nella finestra di dialogo Apri selezionare il file del report Crystal (.rpt)
desiderato, quindi fare clic su Apri.
Il report viene aggiunto all’elenco dei Modelli disponibili.
Nota: se sono stati salvati un’immagine di anteprima e un nome di modello
(nella finestra di dialogo Proprietà documento) insieme al report selezionato
come modello, queste informazioni verranno mostrate nella schermata
Modello.
7 Fare clic su Fine.
Il report viene ora visualizzato con i dati formattati in maniera conforme al
modello selezionato.
Nota: la formattazione non viene applicata qualora il report scelto non soddisfi
i requisiti richiesti per un modello. Consultare la Guida in linea di Crystal
Reports all’argomento “Considerazioni sui modelli”.

Per applicare un modello a un report esistente


1 Scegliere Esperto modelli dal menu Report.
Viene visualizzato l’Esperto modelli.
Consiglio: un altro modo per eseguire questa operazione consiste nel fare clic
sul pulsante Esperto modelli della barra degli strumenti Strumenti Esperto.
Come per la schermata Modello, anche in questo caso è possibile scegliere
nell’ambito di un’ampia gamma di modelli predefiniti oppure fare clic sul
pulsante Sfoglia per ricercare un report esistente da utilizzare come modello.
2 Selezionare un modello, quindi fare clic su OK.
Nota: Tutte le schede di analisi dettagliata, gli avvisi e le visualizzazioni di
analisi aperte verranno chiuse prima che sia applicato il modello.

Rimozione di un modello applicato


In alcuni casi, dopo l’applicazione di un modello, può capitare di non essere
soddisfatti delle modifiche apportate al report. Una volta usciti da Crystal Reports

Manuale dell’utente di Crystal Reports 213


Utilizzo di un modello

successivamente all’applicazione del modello, è possibile rimuovere quest’ultimo


dal report.

Per rimuovere un modello applicato


1 Scegliere Esperto modelli dal menu Report.
Consiglio: un altro modo per eseguire questa operazione consiste nel fare clic
sul pulsante Esperto modelli della barra degli strumenti Strumenti Esperto.
2 Selezionare Annulla il modello corrente e fare clic su OK.
Le caratteristiche del modello scelto vengono rimosse e nel report viene
ripristinata la formattazione che presentava prima che venisse aperto.
Nota: per rimuovere un modello è necessario utilizzare questa opzione; il
comando Annulla del menu Modifica non è disponibile.

Riapplicazione dell’ultimo modello selezionato


Se si desidera riapplicare l’ultimo modello selezionato durante una sessione di
Crystal Reports, è sufficiente selezionare l’opzione appropriata nell’Esperto
modelli.

Per riapplicare l’ultimo modello selezionato


1 Scegliere Esperto modelli dal menu Report.
Consiglio: un altro modo per eseguire questa operazione consiste nel fare clic
sul pulsante Esperto modelli della barra degli strumenti Strumenti Esperto.
2 Selezionare Riapplica l’ultimo modello e fare clic su OK.

Utilizzo di oggetti campo modello


È possibile utilizzare gli oggetti campo modello per creare modelli di report più
flessibili. Questi oggetti di report non sono riferiti a campi di database esistenti, ma
vengono semplicemente inseriti nel modello di report e formattati in base alle
esigenze. Se il modello verrà applicato successivamente a un altro report, Crystal
Reports ne visualizzerà i dati con la formattazione specificata. Pertanto, nella
progettazione di un modello non è necessario sapere quali dati potrebbero trovarsi
nel report cui eventualmente verrà applicato: saranno gli oggetti campo modello a
verificare e valutare le diverse possibilità.
Nota: gli oggetti campo modello vengono applicati solo ai campi dei risultati:
campi di database, campi di parametro, istruzioni SQL e formule. I campi speciali
non sono considerati campi dei risultati.

Per aggiungere un oggetto campo modello a un report di modello


1 Nel menu Inserisci fare clic su Oggetto campo modello.
Una cornice di posizionamento viene associata al cursore.

214 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

2 Posizionare la cornice dell’oggetto campo modello nel report del modello.


Un oggetto campo modello può essere posizionato in qualsiasi sezione di un
report.
3 Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’oggetto, quindi selezionare
Formatta campo modelli dal menu di scelta rapida.
Viene mostrato un elenco di opzioni di formattazione. Se si sceglie una di
queste opzioni, viene immediatamente visualizzata la scheda appropriata
dell’Editor formato.
Consiglio: è possibile selezionare più oggetti campo modello e applicare le
scelte di formattazione a tutti gli oggetti selezionati.
4 Specificare la formattazione che si desidera applicare all’oggetto campo
modello.
Per informazioni sulle modalità di applicazione della formattazione, vedere
“Uso della formattazione assoluta” a pagina 241.
Per ogni oggetto campo modello creato, viene generato un campo formula
speciale. È possibile visualizzare tale campo formula nel Workshop formula. Se si
desidera utilizzare nel report dati di esempio per poter verificare l’aspetto che la
formattazione applicata conferirà al report, è possibile far riferimento ai campi di
database all’interno di queste formule.

Per aggiungere dati di esempio a una formula di oggetto campo modello


1 In Explorer Campo espandere il nodo Campi formula, selezionare un oggetto
campo modello e fare clic su Modifica.
Consiglio: nel nodo Campi formula di Explorer Campo e del Workshop
formula, gli oggetti campo modello vengono visualizzati come
<TemplateFieldn>.

2 Nell’Editor delle formule sostituire la sezione Space(10) dell’argomento con un


campo di database del tipo che si desidera visualizzare nell’esempio, salvare la
modifica apportata e chiudere il Workshop formula.
3 Aggiornare i dati del report.

Uso dell’ambiente di progettazione del report


Soluzioni di progettazione
È necessario tener conto di vari elementi quando si progetta un report che sarà
distribuito in diversi ambienti. Per ottenere i migliori risultati, considerare quanto
riportato di seguito:
• Caratteristiche della sezione
• Impostazione di un oggetto come sfondo in una sezione successiva
• Moduli prestampati

Manuale dell’utente di Crystal Reports 215


Uso dell’ambiente di progettazione del report

• Colonne multiple
• Sezioni del report nascoste
• Oggetti del report nascosti
• Posizionamento di oggetti basati su testo
• Posizionamento di oggetti basati su testo su più linee
• Importazione di oggetti basati su testo da un file
• Inserimento di spazi tra oggetti basati su testo
• Rappresentazione dei campi di overflow
• Selezione di più oggetti
• Posizione personalizzata
• Posizione verticale
• Caratteri TrueType
• Margini pagina
• Stampante predefinita
• Driver di stampa

Caratteristiche della sezione


Un report consiste di diverse sezioni, incluse Intestazione report, Intestazione
pagina, Intestazione di gruppo, Dettagli, Piè di pagina di gruppo, Piè di pagina e
Piè di pagina report.
Ogni sezione del report è composta da una serie di linee. Quando un oggetto
basato su testo viene inserito in una sezione, viene posto su una linea, in modo che
il testo sia allineato con la linea di base. L’altezza della linea, quindi, viene regolata
dal driver di stampa in modo che sia sufficiente per inserire l’oggetto.
• Se sulla stessa linea viene posizionato un altro oggetto basato su testo, con
dimensioni di carattere maggiori di quelle del primo oggetto, l’altezza della
linea viene estesa per inserire il secondo oggetto.
• Se sulla stessa linea viene posizionato un altro oggetto basato su testo, con
dimensioni di carattere ancora maggiori di quelle dei primi due oggetti,
l’altezza della linea viene estesa per inserire il terzo oggetto.
In tal modo, l’altezza di una linea è determinata dall’oggetto basato su testo con il
carattere di dimensioni maggiori presente sulla linea.
Quando si aggiungono oggetti basati su testo a un report, nella stessa o in altre
sezioni, l’altezza della linea viene adattata ai diversi caratteri. Poiché lo spazio
verticale tra le linee è impostato dal driver di stampa, è difficile creare report adatti
a moduli prestampati, quando i report possono essere stampati in più ambienti.
Quando si progettano report, è necessario eseguire le operazioni riportate di
seguito:
• Stampare sempre una pagina di prova
• Utilizzare sempre le stesse dimensioni di carattere
• Accertarsi di stampare i moduli prestampati dalla stessa macchina.

216 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

Impostazione di un oggetto come sfondo in una sezione


successiva
Utilizzando questo esempio, è possibile inserire il logo Xtreme (Xtreme.bmp) come
sfondo di più sezioni. Questa procedura è simile a quella per inserire la filigrana di
un’azienda come sfondo del report.
Per utilizzare un oggetto come sfondo di una sezione successiva, inserirlo nella
sezione posta sopra la sezione interessata. Quindi selezionare la casella di controllo
Sezioni seguenti sullo sfondo nell’Assistente sezione per la sezione nella quale
l’oggetto è stato inserito.

Per creare un report di base


1 Creare un report utilizzando la tabella Cliente in Xtreme.mdb.
Il file Xtreme.mdb è ubicato nella directory \Programmi\Crystal
Decisions\Crystal Reports 10\Samples\It\Databases oppure nella directory
che contiene il programma.
2 Inserire {clienti.NOME CLIENTE} e {clienti.VENDITE ANNO PRECEDENTE}
affiancati nella sezione Dettagli del report.
3 Per eliminare gli oggetti non necessari dall’esempio, eliminare i titoli che il
programma inserisce nella sezione Intestazione Pagina di ognuno dei campi.
4 Nel menu Inserisci, fare clic su Gruppo per suddividere i dati in gruppi
relativi a regioni.
5 Nella scheda Comune della finestra di dialogo Inserisci gruppo selezionare
{clienti.REGIONE}.
6 Fare clic su OK.

Per inserire un’immagine nel report


1 Nel menu Inserisci, fare clic su Immagine.
Consiglio: per creare la mappa è possibile anche fare clic sul pulsante Inserisci
immagine della barra degli strumenti Strumenti di inserimento.
2 Selezionare il file Xtreme.bmp, quindi posizionarlo nella sezione Intestazione
pagina, a destra dei campi nel corpo del report.
Il file Xtreme.bmp è ubicato nella directory \Programmi\Crystal
Decisions\Crystal Reports 10\Samples\It\Databases oppure nella directory
che contiene il programma.
Nota: in questo esempio, l’immagine viene inserita a destra dei campi per non
utilizzarla come sfondo per il testo. Quando si lavora con una filigrana,
un’immagine attenuata progettata per essere quasi invisibile, questa può
essere inserita direttamente sopra il testo.
3 Sulla barra degli strumenti Standard fare clic su Anteprima di stampa.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 217


Uso dell’ambiente di progettazione del report

L’immagine viene stampata nella sezione Intestazione pagina di ciascuna


pagina del report.

Per impostare l’immagine come sfondo nella sezione successiva


1 Nel menu Report fare clic su Esperto sezione.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Assistente sezione.
Consiglio: un altro modo per eseguire questa operazione consiste nel fare clic
sul pulsante Esperto sezione della barra degli strumenti Strumenti Esperto.
2 Nell’elenco Sezioni fare clic su Intestazione pagina, quindi selezionare la
casella di controllo Sezioni seguenti sullo sfondo.
3 Fare clic su OK per visualizzare di nuovo l’anteprima del report.
Ora l’immagine viene stampata nella prima sezione Intestazione di gruppo e
nelle successive sezioni Dettagli, accanto e non sopra il testo nel corpo del
report.
Nota: adottando la tecnica di posizionamento di un’immagine a destra del
corpo del report, è possibile impostare un grafico o l’immagine di un
dipendente per stampare accanto i relativi dettagli.
4 Dopo aver esaminato l’anteprima di stampa, ritornare alla scheda
Progettazione.
5 Ridimensionare l’immagine verticalmente in modo che sia due o tre volte più
grande, quindi esaminare di nuovo l’anteprima del report.
Il file bitmap è utilizzato ora come sfondo di più sezioni.
L’area in cui l’immagine viene inserita come sfondo dipende dalle seguenti
condizioni:
• Le dimensioni dell’immagine
• La sezione in cui l’immagine era stata collocata in origine
• La posizione dell’immagine nella sezione.
Modificando le dimensioni e la posizione di un oggetto, è possibile creare diversi
effetti visivi utilizzando la funzione di sfondo.

Moduli prestampati
Se si stampa su moduli prestampati, è possibile eseguire quanto segue:
• Eseguire la scansione di un modulo
• Inserirlo nel report come bitmap
• Utilizzare la funzione di sfondo per allineare la bitmap e il report, oltre che per
spostare oggetti nel punto in cui si desidera che vengano visualizzati
• Eliminare la necessità di stampare separatamente i moduli stampando il report
e il modulo come unica unità.

218 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

Colonne multiple
Anziché avere i dati stampati direttamente lungo tutta la pagina, è possibile
impostare più colonne e fare in modo che i dati vengano visualizzati al loro
interno.

Per creare un report con più colonne


1 Aprire il report che si desidera formattare con più colonne.
2 Nel menu Report fare clic su Esperto sezione.
Consiglio: un altro modo per eseguire questa operazione consiste nel fare clic
sul pulsante Esperto sezione della barra degli strumenti Strumenti Esperto.
3 Nell’Esperto sezione evidenziare Dettagli, quindi selezionare Formato a
colonne multiple.
Una scheda Layout viene aggiunta all’Esperto sezione.
4 Fare clic sulla scheda Layout e impostare la Larghezza che si desidera
assegnare alle colonne.
Nella scelta della larghezza delle colonne, tenere presente la larghezza del
foglio. Ad esempio, se nella sezione Dettagli sono presenti tre campi, che
occupano circa dieci centimetri di spazio, assegnare alle colonne una larghezza
inferiore agli undici centimetri in modo che sia possibile visualizzare tutte le
informazioni relative ai campi.
5 Impostare la distanza Orizzontale e/o Verticale che si desidera mantenere tra
i record di ogni colonna.
6 Nell’area Direzione di stampa scegliere la direzione desiderata.
7 Se il report che si sta formattando contiene raggruppamenti, selezionare
Formatta gruppi con più colonne.
8 Fare clic su OK.
Nell’anteprima del report, le intestazioni dei campi verranno visualizzate solo per
la prima colonna. Per visualizzare le intestazioni dei campi anche per la seconda
colonna, inserire un oggetto di testo.

Sezioni del report nascoste


Crystal Reports dispone di tre proprietà che possono essere impostate nell’Esperto
sezione per nascondere le sezioni del report.

Nascondi (con Analisi Dettagliata)


La proprietà Nascondi nasconde una sezione quando si esegue il report. Ad
esempio, è possibile utilizzare la proprietà Nascondi in un report di riepilogo nel
quale si desidera visualizzare solo i riepiloghi e non i relativi dettagli. Quando si

Manuale dell’utente di Crystal Reports 219


Uso dell’ambiente di progettazione del report

applica la proprietà Nascondi ad una sezione, questa diventa visibile utilizzando


il cursore di analisi dettagliata per visualizzare il contenuto della sezione. Questa
proprietà è assoluta e non può essere applicata in modo condizionale tramite l’uso
di una formula.

Elimina (nessuna analisi dettagliata)


Anche la proprietà Ometti nasconde una sezione quando si esegue il report. A
differenza della proprietà Nascondi, tuttavia, non è possibile applicare la proprietà
Ometti, quindi eseguire l’analisi dettagliata per rivelare il contenuto della sezione.
Questa proprietà può essere applicata in modo assoluto oppure condizionale
tramite l’uso di una formula. Ciò risulta utile nella scrittura di lettere modulo. Ad
esempio, in una lettera modulo, è possibile creare due sezioni Dettagli: una da
omettere se le vendite sono uguali o superiori a un determinato importo e l’altra
da omettere se le vendite sono inferiori a tale importo.

Elimina sezioni vuote


La proprietà Ometti sezioni vuote nasconde una sezione quando questa non
contiene alcun elemento. Se all’interno della sezione viene posizionato un
elemento che genera un valore nel report, la sezione diventa visibile.

Oggetti del report nascosti


Crystal Reports dispone di tre proprietà di formattazione nell’Editor formato che
consentono di nascondere singoli oggetti.

Ometti se duplicato (scheda Comune)


La proprietà Ometti se duplicato impedisce la stampa di un valore di campo se è
identico a un duplicato del valore che lo precede immediatamente in una
ripetizione della stessa sezione.
Il valore non viene stampato, ma rimane lo spazio all’interno del quale sarebbe
stato stampato.
Nota: questa opzione non può essere utilizzata per i campi di testo contenenti
campi incorporati.

220 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

I valori duplicati
vengono omessi e
non vengono
stampati.

Ometti se zero (scheda Numero)


Consiglio: per accedere a questa opzione, selezionare la scheda Numero
dell’Editor formato, quindi fare clic sul pulsante Personalizza.
La proprietà Ometti se zero impedisce la stampa di un valore se è pari a zero. Il
valore non viene stampato, ma rimane lo spazio all’interno del quale sarebbe stato
stampato. Per eliminare lo spazio vuoto, selezionare la casella di controllo Elimina
sezioni vuote nell'Assistente sezione.
Nota: questa operazione può essere eseguita solo se la sezione non contiene altri
oggetti.

I valori pari a
zero vengono
omessi e non
vengono
stampati.

Ometti (scheda Comune)


La proprietà Ometti nasconde un oggetto quando si esegue un report. Ad esempio,
è normale applicare questa proprietà a formule, necessarie per eseguire alcuni

Manuale dell’utente di Crystal Reports 221


Uso dell’ambiente di progettazione del report

calcoli nel report, ma che non si desidera stampare quando viene eseguito il report.
Quando si attiva questa proprietà, l’oggetto selezionato non viene stampato.

L’oggetto è invisibile e
non viene stampato.

Nota: è possibile premere il pulsante Formula condizionale per una delle


proprietà e creare una formula che attivi l’impostazione per determinate
condizioni. Vedere “Uso della formattazione condizionale” a pagina 252.
Per impostare tali proprietà, selezionare l’oggetto, fare clic su Formato nella barra
degli strumenti Strumenti Esperto per aprire la finestra di dialogo Editor formato.
Quando viene visualizzato l’Editor formato, impostare le proprietà.

Posizionamento di oggetti basati su testo


Quando un oggetto basato su testo viene posizionato nel report, è rappresentato
da una cornice di oggetto. L’altezza della cornice è basata sull’altezza del carattere.
La larghezza, invece, è determinata in modo diverso a seconda dell’oggetto su cui
si lavora.
• Per i campi di database che non sono campi memo, la larghezza è determinata
inizialmente dalla larghezza del campo definita nel database, mentre la
larghezza media del carattere è quella fornita dal carattere selezionato e dalle
relative dimensioni.
Ad esempio, si supponga di disporre del campo di database
{clienti.COGNOME CONTATTO} e che nel database tale campo sia definito
come campo di testo lungo 35 caratteri. Quando si posiziona questo campo nel
report, la larghezza del margine sarà pari a 35 volte la larghezza media del
carattere relativo e delle dimensioni con le quali è stato formattato il campo del
database. Tenere presente che questa è la larghezza iniziale predefinita per il
margine. È comunque possibile ridimensionare la larghezza per aumentarla o
ridurla a seconda delle necessità.
• Per gli oggetti basati su testo, la larghezza predefinita è pari a circa 17 volte la
larghezza del carattere medio. Gli oggetti di testo differiscono dai campi di
database in quanto la loro larghezza si espande automaticamente quando
viene immesso il testo e/o i campi di database. Come per gli altri oggetti basati
su testo, la larghezza può essere modificata dall’utente.

222 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

• Per i diversi campi numerici, quali doppio, singolo, intero, intero lungo e byte,
le larghezze predefinite sono diverse. Come per gli oggetti, la larghezza può
essere modificata dall’utente.

Come evitare il troncamento di testo all’interno di un


oggetto
Se le larghezze predefinite vengono accettate o se gli oggetti basati su testo
vengono ridimensionati, è possibile che si verifichi un problema nel caso in cui il
testo interno all’oggetto venga stampato sul margine della cornice dell’oggetto.
Anche se l’aspetto del report può sembrare corretto sulla macchina con il quale è
stato progettato, quando il report viene stampato utilizzando un altro driver di
stampa che impiega caratteri più larghi, la lunghezza del testo aumenta, ma la
cornice dell’oggetto non cambia dimensioni. Il risultato è che il testo viene troncato
o tagliato.

Per evitare il troncamento di testo all’interno di un oggetto


1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’oggetto di testo che si desidera
formattare per richiamare il menu di scelta rapida.
Consiglio: è anche possibile fare clic sul pulsante Formato situato sulla barra
degli strumenti Strumenti Esperto.
2 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Formatta Testo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo dell’Editor formato.
3 Sulla scheda Comune, selezionare la casella di controllo Può aumentare.
4 Fare clic su OK per salvare le modifiche.
L’oggetto viene quindi formattato per la stampa su più linee. Se la larghezza del
testo stampato è superiore a quella dell’oggetto, il testo in eccesso viene
mandato a capo.

Come evitare interruzioni nel testo senza spazi


all’interno di un oggetto
Le stringhe di testo che non contengono spazi, ad esempio singole parole, vengono
divise sul margine della cornice dell’oggetto prima del ritorno a capo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 223


Uso dell’ambiente di progettazione del report

Per evitare interruzioni nel testo senza spazi all’interno di un oggetto


1 Selezionare l’oggetto che si desidera formattare.
2 Espandere la cornice dell’oggetto in modo che sia di larghezza leggermente
superiore a quella del blocco di testo più largo all’interno della cornice.
Spesso il testo reale in un campo di database è minore di quello che il campo può
contenere. Ad esempio, il campo {tabella.COGNOME} è progettato con una
dimensione di 80, mentre il nome più lungo contenuto nel database è lungo 28
caratteri. In questo caso, quando si posiziona il campo nel report per la prima volta,
tale campo è 80 volte la larghezza media di carattere. Ridurre la larghezza del
campo, ma includere uno spazio sufficiente per consentirne l’aumento.
Anche se ognuna di queste opzioni offre una soluzione efficace per la gestione di
un singolo oggetto basato su testo in una sezione, quando si posiziona più di un
oggetto in una sezione, sono necessarie alcune considerazioni relative alla
progettazione. Quando si impostano le dimensioni di un oggetto, è necessario
considerarne la posizione in relazione agli altri oggetti nella sezione.
Non progettare report nei quali lo spazio fra gli oggetti sia scarso. Lasciare a
disposizione spazio per consentire l’aumento, espandendo la larghezza
dell’oggetto approssimativamente del 5%. In alternativa, se ciò non è possibile,
ridurre la dimensione del carattere o posizionare ciascun oggetto nella relativa
sottosezione.

Omissione delle righe vuote nei campi incorporati


Poiché è possibile incorporare campi negli oggetti di testo, può verificarsi che un
campo vuoto generi una riga vuota in un oggetto di testo. Le righe vuote dei campi
incorporati possono essere omesse.
Nota: l’operazione di omissione delle righe vuote dei campi incorporati è
finalizzata a rimuovere le righe vuote all’interno di un oggetto di testo qualora
tale oggetto contenga un unico campo interamente vuoto su una riga cui segue un
ritorno a capo.

Per omettere linee vuote in campi incorporati


1 Aprire il report nella scheda Progettazione e fare clic sull'oggetto desiderato,
ovvero l'oggetto di testo che determina la visualizzazione di righe vuote per
alcuni record.
Consiglio: per assicurarsi di avere fatto clic su un oggetto di testo, ricercare la
parola Testo nella barra di stato nell’angolo inferiore sinistro della schermata.
2 Fare clic con il tasto destro del mouse sull'oggetto di testo e, dal menu di scelta
rapida, fare clic su Formattazione testo.
3 Selezionare l'opzione Ometti righe vuote in campi incorporati dell'Editor
formato e quindi fare clic su OK.

224 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

A questo punto, nel corso della stampa del report le righe vuote non appariranno
più al posto dei campi incorporati vuoti. È possibile confermare le modifiche nella
scheda Anteprima.

Dopo l'omissione delle righe vuote, il campo Prima dell'omissione delle righe vuote,
Indirizzo 2 non viene stampato quando è vuoto. se campo Indirizzo2 era vuoto non
veniva stampato.

Posizionamento di oggetti basati su testo su più linee


Anche se gli oggetti basati su testo formattati per la stampa su più linee seguono le
stesse norme di progettazione degli altri oggetti, è necessario prenderne in
considerazione una ulteriore caratteristica. Se il driver di stampa espande o
contrae gli spazi presenti nel testo, il ritorno a capo del testo può variare insieme
al numero di linee necessarie per stampare l’oggetto adattandolo all’aumento o
alla riduzione.
Quando vengono posizionati oggetti basati su testo su più linee, possono
verificarsi problemi se nella stessa sezione sono presenti altri oggetti, posti
direttamente sotto quelli da posizionare.
A differenza degli oggetti basati su testo su linea singola, per gli oggetti basati su
testo su più linee non è consigliabile espandere la cornice dell’oggetto per adattarla
al possibile aumento delle dimensioni. Infatti, la larghezza della linea
aumenterebbe per adattarsi al nuovo margine.

Quindi, se possibile, posizionare gli oggetti basati su testo su più linee nella parte
inferiore della sezione. Se sono necessarie più linee per stampare l’oggetto, la

Manuale dell’utente di Crystal Reports 225


Uso dell’ambiente di progettazione del report

sezione si espande verso il basso per adattarsi all’aumento delle dimensioni, senza
interferire con altri oggetti.

Importazione di oggetti basati su testo da un file


Crystal Reports consente di importare nel report un oggetto basato su testo e
formattato da un file esistente.

Per importare oggetti basati su testo da un file


1 Fare doppio clic sull’oggetto basato su testo che si desidera formattare per
attivare la modalità di modifica, quindi fare clic con il pulsante destro del
mouse per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Inserisci da file.
3 Nella finestra di dialogo Apri visualizzata, selezionare il file in cui è
memorizzato l’oggetto basato su testo, quindi fare clic su Apri.
L’oggetto viene importato dal file nell’oggetto di testo del report.

Inserimento di spazi tra oggetti basati su testo


Utilizzare le opzioni della griglia e delle linee guida per ottenere oggetti basati su
testo perfettamente allineati.
È possibile selezionare l'opzione Blocca sulla griglia, impostare la griglia fino al
valore massimo di 1 pollice e renderla visibile o invisibile nella scheda
Progettazione, nella scheda Anteprima o in entrambe. Per ulteriori informazioni
sull’uso delle griglie, vedere “Uso della griglia” a pagina 226.
Inoltre è possibile lavorare senza usare griglie, inserendo gli oggetti in qualsiasi
punto del report. È possibile lavorare in un ambiente libero avendo tuttavia la
possibilità di allineare oggetti, spostarli o ridimensionarli come gruppo. Ciò è
possibile utilizzando le linee guida. Vedere “Progettazione con le linee guida” a
pagina 227.

Uso della griglia


La griglia è un insieme di coordinate di righe e di colonne. Quando si seleziona la
griglia e si sceglie l’opzione Blocca sulla griglia nella scheda Layout della finestra
di dialogo Opzioni, Crystal Reports consente di posizionare gli oggetti basati su
testo solo in corrispondenza di tali coordinate. Quindi, è possibile inserire spazi tra
i dati nel report e allineare gli oggetti, secondo le necessità. Se si tenta di inserire
un oggetto tra le coordinate della griglia, l’oggetto viene "bloccato" sulla griglia,
cioè spostato automaticamente sulla serie di coordinate di righe/colonne più
vicina.
Ogni report contiene una griglia di progettazione. È possibile selezionare o
deselezionare la griglia oppure impostarla su dimensioni diverse, se necessario.

226 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

Per impostazione predefinita, la griglia non è selezionata. Vedere “Selezione della


griglia” a pagina 227.
Una volta impostata, la griglia mantiene le stesse dimensioni per tutte le sezioni.
Viene misurata a partire dall’angolo superiore sinistro fino all’estremità inferiore
destra di ogni sezione. Viene quindi riprodotta una nuova griglia delle stesse
dimensioni a partire dall’angolo superiore sinistro della sezione successiva e così
via, fino al termine del report.
Selezionando l’opzione Blocca sulla griglia, si verificano le seguenti condizioni:
• L’angolo superiore sinistro di tutti i nuovi oggetti basati su testo e OLE che
vengono inseriti viene bloccato su un punto della griglia.
• Gli oggetti posizionati nel report prima che venga selezionata l’opzione Blocca
sulla griglia, non vengono bloccati sul punto più vicino della griglia. Gli
oggetti rimangono nella stessa posizione.
• Se vengono modificate le dimensioni di un oggetto, il lato o i lati
ridimensionati si bloccano sul punto più vicino della griglia.

Selezione della griglia


La scheda Progettazione e la scheda Anteprima dispongono di una struttura a
griglia sullo sfondo che è possibile attivare nella scheda Layout della finestra di
dialogo Opzioni.

Per selezionare la griglia


1 Nel menu File, fare clic su Opzioni.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni.
2 Nella scheda Layout, all’interno dell’area Opzioni griglia, è possibile attivare
la funzione di blocco sulla griglia, visualizzare la struttura della griglia come
sfondo della scheda Progettazione o Anteprima, selezionare una posizione
personalizzata e specificare le dimensioni della griglia.
3 Fare clic su OK per salvare le modifiche.
Consiglio: un metodo alternativo per ottenere la visualizzazione è quello di
selezionare i comandi Griglia dal menu Visualizza. È anche possibile fare clic con
il pulsante destro del mouse su uno spazio vuoto nella scheda Progettazione o
nella scheda Anteprima e selezionare il comando dal menu di scelta rapida.

Progettazione con le linee guida


Crystal Reports fornisce una serie di linee guida che consentono di allineare e
dimensionare con estrema precisione gli oggetti di un report. Le linee guida sono
linee non stampabili che possono essere posizionate in qualsiasi punto nella
scheda Progettazione e nella scheda Anteprima per semplificare l’allineamento.
Esse dispongono di una proprietà che blocca automaticamente gli oggetti su di
esse.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 227


Uso dell’ambiente di progettazione del report

Visualizzazione delle linee guida


È possibile visualizzare le linee guida sulle schede Progettazione e Anteprima,
selezionando le opzioni di visualizzazione nella finestra di dialogo Opzioni.

Per visualizzare le linee guida


1 Nel menu File, fare clic su Opzioni.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni.
2 Nella scheda Layout, all’interno dell’area di Visualizzazione struttura,
selezionare la casella di controllo Linee guida e/o selezionare nell’area di
anteprima la casella di controllo Linee guida.
3 Fare clic su OK per salvare le modifiche.
Consiglio: un metodo alternativo per ottenere la visualizzazione è quello di
selezionare un comando Linee guida dal menu Visualizza.

Inserimento delle linee guida


Sebbene sia possibile e consigliabile inserire linee guida manuali se necessario,
Crystal Reports inserirà automaticamente le linee guida in alcune situazioni
specifiche:
• Quando si inserisce un campo o un campo formula nel report, viene creata una
linea guida in corrispondenza del bordo sinistro della cornice di campo e
vengono bloccati il campo e il relativo titolo sulla linea.
• Quando si esegue il riepilogo di un campo, il riepilogo viene bloccato sulla
stessa linea guida in modo da garantire il corretto allineamento.
• Quando si fa doppio clic sulle aree ombreggiate a sinistra di una sezione e si
sceglie il comando Disponi Linee dal menu di scelta rapida, vengono create
una o più linee guida orizzontali nella sezione e vengono bloccati i campi su
tali linee.

Per inserire, spostare e rimuovere manualmente le linee guida


1 Nella scheda Progettazione o Anteprima fare clic sul righello nella parte
superiore per attivare una linea guida verticale; se si preferisce invece una
linea guida orizzontale, fare clic sul righello situato sulla sinistra.
Si noti che ogni linea guida è collegata a una freccia sul righello di origine.

228 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

Nota: se le linee guida non vengono visualizzate, assicurarsi che nel menu
Visualizza sia selezionata l’opzione Linea guida appropriata. Nella scheda
Anteprima è necessario selezionare un oggetto per poter visualizzare una linea
guida.
2 Per posizionare una linea guida, trascinare la relativa freccia lungo il righello
fino alla posizione desiderata.
3 Per eliminare una linea guida, trascinare la relativa freccia fuori dal righello.

Nota: se è selezionata l’opzione Blocca sulla griglia, è possibile soltanto inserire o


spostare le linee guida in base agli incrementi della griglia.

Blocco degli oggetti sulle linee guida


Per bloccare un oggetto su una linea guida, trascinare l’oggetto del report fino a
sovrapporne il bordo alla linea guida. Questo tipo di operazione consente non solo
di allineare con precisione gli oggetti di un report, ma anche di riposizionare e
ridimensionare più oggetti contemporaneamente. Una volta bloccati più oggetti su
una linea guida, è possibile spostarli tutti insieme spostando la linea guida.
Un oggetto può essere bloccato su una linea guida in corrispondenza della parte
superiore o della parte inferiore

così come del lato sinistro, del lato destro o della mediana verticale (la linea
invisibile che taglia in due l’oggetto verticalmente).

Per bloccare oggetti su una linea guida


1 Inserire una linea guida facendo clic su uno dei righelli.
2 Trascinare l’oggetto del report sulla linea guida, in modo da posizionare uno
dei bordi su di essa.
Tuttavia, la proprietà di blocco delle linee guida funziona in modo diverso per gli
oggetti basati su testo rispetto agli altri oggetti, ad esempio gli oggetti OLE.
Quando un oggetto basato su testo su linea singola si blocca su una linea guida, è

Manuale dell’utente di Crystal Reports 229


Uso dell’ambiente di progettazione del report

la linea di base del testo, non la cornice dell’oggetto, ad essere bloccata sulla linea
guida. Quando un oggetto basato su testo su più linee si blocca su una linea guida,
sia la linea di base del testo che la cornice dell’oggetto possono essere bloccate sulla
linea guida.
È possibile stabilire se un oggetto basato su testo è bloccato su una linea guida
orizzontale individuando gli speciali indicatori posti sui due lati dell’oggetto
direttamente in corrispondenza della linea di base (come evidenziato
nell’immagine in basso) nella visualizzazione Progettazione. Se l’oggetto è
bloccato su una linea guida verticale, tali indicatori vengono visualizzati su un lato
dell’oggetto.

Per inserire più oggetti di testo con dimensioni di carattere differenti su un’unica
linea con le linee di base in alto, bloccare la linea di base di ciascun oggetto sulla
stessa linea guida orizzontale.

Posizionamento degli oggetti con le linee guida


Una volta bloccati uno o più oggetti su una linea guida, è possibile spostarli tutti
contemporaneamente spostando la linea guida. Per spostare la linea guida,
trascinare la relativa freccia lungo il righello.

Trascinare la linea guida fino alla


posizione desiderata.

L’oggetto viene spostato


insieme alla linea guida.

Nota: quando si sposta una linea guida, viene spostato anche qualsiasi oggetto
bloccato su di essa. Se invece viene spostato un oggetto bloccato su una linea
guida, questa non viene spostata.

230 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

Ridimensionamento degli oggetti con le linee guida


Utilizzare due linee guida per ridimensionare due o più oggetti che presentano la
stessa dimensione (altezza o larghezza) oppure dimensioni differenti. Il processo è
identico in entrambi i casi.

Ridimensionamento degli oggetti con le linee guida


1 Creare una linea guida.
2 Bloccare un lato dell’oggetto sulla linea.

3 Creare una seconda linea guida a destra dell’oggetto.


Nota: la linea guida non dovrebbe toccare l’oggetto.
4 Fare clic sull’oggetto per attivare i quadratini di ridimensionamento.
5 Trascinare il quadratino di ridimensionamento sulla seconda linea guida in
modo da bloccare l’oggetto su di essa.

6 Ripetere i passaggi da 2 a 5 per ogni altro oggetto da bloccare su entrambe le


linee guida.
7 Se le dimensioni degli oggetti non sono quelle desiderate, trascinare una o
entrambe le linee guida finché gli oggetti non raggiungono le dimensioni
appropriate.

Rientri righe
Crystal Reports consente di controllare il rientro delle righe nei campi memo, nei
campi stringa e negli oggetti basati su testo. Per gli oggetti, è possibile impostare il
rientro di riga per uno specifico paragrafo, posizionando il cursore all’inizio del
paragrafo. Oppure, se si seleziona un intero oggetto, è possibile applicare le stesse
specifiche per i rientri a tutti i paragrafi contenuti nell’oggetto.
Tenere presente che ogni riga successiva a un ritorno a capo verrà considerata
come prima riga di un nuovo paragrafo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 231


Uso dell’ambiente di progettazione del report

Rientri righe
1 Fare clic col pulsante destro del mouse sul campo o sull’oggetto che si desidera
formattare per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida fare clic su Formatta testo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo dell’Editor formato.
3 Fare clic sulla scheda Paragrafo.
4 Nell’area Rientri è possibile impostare il rientro della prima riga del paragrafo
nonché il rientro di ogni altra riga, sia dal margine sinistro che dal margine
destro.
Nota: per i rientri possono essere accettati solo valori compatibili con la
larghezza del campo o dell’oggetto.
5 Fare clic su OK per salvare le modifiche.

Rappresentazione dei campi di overflow


Crystal Reports utilizza la Rappresentazione campo di overflow per semplificare
l’uso di valori numerici o di valuta nelle celle del report. In genere, se la larghezza
di un campo è inferiore al valore numerico o di valuta in esso contenuto, il valore
viene troncato o "ridimensionato". Ad esempio, valori quali 100.000.000 possono
apparire sul report come 1.000 o come 000 (a seconda delle proprietà impostate).
Ciò potrebbe creare confusione quando si esamina il report.
Quando si elimina l’opzione di formattazione Consenti ridimensionamento
campo, i valori numerici o di valuta contenuti nel campo eccedenti le dimensioni
del campo vengono rappresentati come segni numerici (######) nella scheda
Anteprima.

Per rappresentare i campi di overflow


1 Fare clic col pulsante destro del mouse sul campo di valuta o numerico che si
desidera formattare per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Formato campo.
Viene visualizzata la finestra Editor formato con la scheda Numero attiva.
3 Fare clic sul pulsante Personalizza.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Stile Personalizzato con la scheda
Numero attiva.
4 Per consentire la rappresentazione dei campi di overflow, deselezionare la
casella di controllo Consenti ridimensionamento campo.
Nota: in alternativa, è possibile fare clic sul pulsante Formattazione
condizionale per immettere una formula nell’Editor formato. Nel Workshop
formula di formato, è possibile specificare che il ridimensionamento del
campo dovrà essere disattivato solo al verificarsi di determinate condizioni.

232 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

5 Fare clic su OK per salvare le modifiche apportate.


Per visualizzare i risultati, aggiornare il report. Disattivando il ridimensionamento
campo, tutti i valori numerici o di valuta che eccedono le dimensioni degli oggetti
campo che li contengono verranno rappresentati da segni numerici (######).

Selezione di più oggetti


È possibile selezionare più oggetti, ad esempio testo, campi, grafici, mappe,
bitmap, griglie OLAP, oggetti a campi incrociati e oggetti OLE da formattare in
gruppo.
Dopo aver selezionato più oggetti, è possibile spostarli, allinearli, ridimensionarli,
tagliarli, copiarli e incollarli in gruppo. È possibile anche modificarne carattere,
colore e stile di paragrafo.
Gli oggetti vengono spostati, allineati e ridimensionati in base a un oggetto
"principale", in genere l’ultimo oggetto selezionato. L’oggetto principale può
essere sostituito da un altro oggetto, facendo clic con il pulsante destro del mouse
sull’oggetto desiderato.

Per selezionare più oggetti


1 Fare clic su un oggetto, quindi selezionare gli altri oggetti desiderati mediante
la combinazione di tasti Ctrl+clic.
Nota: è anche possibile selezionare più oggetti facendo clic con il pulsante
sinistro del mouse e trascinando il cursore sull’area desiderata.
2 Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’oggetto principale.
3 Nel menu di scelta rapida, selezionare l’opzione di formattazione appropriata.

Per selezionare tutti gli oggetti di una sezione


1 Nella scheda Progettazione or Anteprima fare clic con il pulsante destro del
mouse sull'area grigia a sinistra delle sezione che si desidera utilizzare.
2 Dal menu di scelta rapida scegliere Seleziona tutti gli oggetti delle sezioni.
Verranno selezionati tutti gli oggetti report della sezione.

Posizione personalizzata
Può essere necessario utilizzare Crystal Reports senza griglia, in un ambiente
libero simile a quello di un programma di grafica. Ciò significa che è possibile
inserire gli oggetti nel punto in cui si desidera che appaiano nel report. L'unica
limitazione è data dal fatto che non è consentito inserire grafici e oggetti a campi
incrociati nelle sezioni Intestazione pagina, Piè di pagina o Dettagli.
Per operare in un ambiente personalizzato, selezionare l’opzione Posizione
personalizzata nella scheda Layout della finestra di dialogo Opzioni.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 233


Uso dell’ambiente di progettazione del report

Attivazione posizione personalizzata


Per creare report dinamici e per ridurre il più possibile la dipendenza dal driver di
stampa, si raccomanda di formattare tutte le sezioni del report con l’opzione
Posizione personalizzata attivata. Ciò è consigliabile in modo particolare se il
report include oggetti OLE, quali grafici, caselle, linee e immagini bitmap, ad
esempio il logo della società.
Quando una sezione viene formattata con Posizione personalizzata, è possibile
inserire tutti gli oggetti in qualsiasi punto della sezione. Crystal Reports posiziona
gli oggetti all’interno di una sezione in base alle loro coordinate assolute. Le
coordinate assolute determinano la posizione verticale degli oggetti nel report.
Quindi viene controllata la posizione verticale degli oggetti basati su testo su linea
singola, non il driver di stampa. In questo modo, è possibile proteggere i report
dagli errori di stampa che si verificano utilizzando driver diversi.
Anche se il driver di stampa non controlla lo spazio verticale fra gli oggetti basati
su testo all’interno delle sezioni, determina comunque lo spazio orizzontale del
testo all’interno degli oggetti basati su testo e lo spazio interlineare degli oggetti
basati su testo su più linee. Così, anche se Posizione personalizzata consente un
controllo più accurato, è comunque necessario tener conto di tali considerazioni
quando si progettano i report. Vedere “Posizionamento di oggetti basati su testo
su più linee” a pagina 225.

Disattivazione posizione personalizzata


Se l’opzione Posizione Personalizzata per una sezione è disattivata, il programma
non fa riferimento alle coordinate assolute dell’oggetto per determinarne la
posizione di stampa, tranne se si verificano le condizioni riportate di seguito.
• Viene fatto ancora riferimento alla coordinata assoluta x per determinare dove
inizia la stampa di un oggetto in orizzontale (posizione sinistra e destra).
• Viene ancora fatto riferimento alla coordinata assoluta y per la posizione
verticale dell’oggetto, ma Crystal Reports Designer può modificare le
coordinate quando cambia il driver di stampa.
In tal modo, se il report viene stampato utilizzando un driver di stampa con uno
spazio interlineare maggiore del driver originale, la coordinata y aumenta e
l’oggetto basato su testo viene stampato più in basso sulla pagina. Con l’opzione
Posizione personalizzata disattivata, l’utente non controlla la posizione verticale
degli oggetti basati su testo che viene determinata dal driver di stampa.
Comunque, la posizione degli oggetti OLE, quali grafici, caselle e linee, non è
controllata dal driver di stampa. Quindi, durante l’inserimento e la stampa, Crystal
Reports Designer fa sempre riferimento alle coordinate assolute di tali oggetti. A
causa dei vari metodi di posizionamento, possono verificarsi dei problemi quando
in un report vengono inseriti sia oggetti basati su testo che oggetti OLE.

234 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

Ad esempio, viene posizionata una casella (oggetto OLE) intorno ad un campo


stringa di database (oggetto basato su testo). I due oggetti sono allineati nel modo
corretto. Tuttavia, se il report viene stampato da una stampante con uno spazio
interlineare particolarmente grande, si verificano le condizioni riportate di seguito.
• La posizione della casella in relazione alla sezione in cui è inserita non subisce
alcuna modifica (le coordinate x e y non cambiano).
• Invece, la posizione verticale dell’oggetto basato su testo cambia, in quanto la
coordinata y viene spostata verso l’alto.
Nota: il valore è misurato dall’angolo superiore sinistro della sezione; in tal modo,
quanto più grande è il valore, tanto più in basso sulla pagina viene stampato
l’oggetto.
Se i report vengono distribuiti con le sezioni formattate con l’opzione Posizione
personalizzata disattivata e si desidera che gli oggetti siano circondati da un bordo
oppure siano formattati con delle linee, è consigliabile modificare le proprietà del
bordo dell’oggetto, invece di inserire linee e caselle. In tal modo, i bordi restano
comunque uniti agli oggetti. Vedere “Aggiunta di bordi, colore e ombreggiatura a
un campo” a pagina 242.
Tenere presente che è possibile formattare qualsiasi sezione con l’opzione Posizione
personalizzata attivata o disattivata. Anche se è preferibile attivare l’opzione in
alcuni casi e disattivarla in altri, è raccomandabile formattare tutte le sezioni di un
report nello stesso modo.

Posizione personalizzata con l’uso di linee guida


È possibile lavorare in un ambiente libero avendo tuttavia la possibilità di allineare
oggetti, spostarli o ridimensionarli come gruppo. Ciò è possibile utilizzando le
linee guida.
Le linee guida sono linee che si estendono verticalmente oppure orizzontalmente
nelle schede Progettazione e da quella Anteprima. Le linee guida dispongono della
proprietà di blocco. Quando si sposta un oggetto all’interno del campo magnetico
della linea guida, l’oggetto viene bloccato o fissato sulla guida.
• Una volta bloccato l’oggetto su una linea guida, spostando la linea si sposterà
anche l’oggetto.
• Se più oggetti sono bloccati su una linea guida, spostando la linea si
sposteranno tutti gli oggetti.
• Se più oggetti sono bloccati su una linea guida su due lati (destro e sinistro o
superiore e inferiore) e si sposta una delle linee, tutti gli oggetti vengono
ridimensionati.
L’uso delle linee guida in un ambiente libero fornisce flessibilità e controllo.
Vedere “Progettazione con le linee guida” a pagina 227.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 235


Uso dell’ambiente di progettazione del report

Posizione verticale
Nella scheda Comune dell’Editor formato, è possibile utilizzare le opzioni di
rotazione testo per allineare in senso verticale i campi e gli oggetti basati su testo
del report.
Quando si seleziona una rotazione testo di 270 gradi, il testo si sposta di 270 gradi
in senso antiorario.
Quando si seleziona una rotazione testo di 270 gradi, il testo si sposta di 270 gradi
in senso antiorario.
Nota:
• Se la rotazione testo resta su 0 gradi, il report viene formattato in senso
orizzontale, da sinistra a destra.
• Per la rotazione del testo di oggetti basati su testo, viene automaticamente
deselezionata l’opzione Può aumentare che impedisce il troncamento del testo
all’interno di un oggetto. Per ulteriori informazioni sull’opzione Può
aumentare, vedere “Come evitare il troncamento di testo all’interno di un
oggetto” a pagina 223.
• Il testo formattato in senso verticale che eccede il margine della pagina non
può essere visualizzato come parte del report.

Inserimento di spaziatura di righe e caratteri


Crystal Reports consente di specificare la spaziatura tra i caratteri o le righe nei
campi memo, nei campi stringa e negli oggetti basati su testo.

Per inserire la spaziatura di righe e caratteri


1 Fare clic col pulsante destro del mouse sul campo o sull’oggetto che si desidera
formattare per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Formato campo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo dell’Editor formato.
3 Fare clic sulla scheda Carattere.
Utilizzare questa scheda per impostare i valori relativi alla spaziatura dei
caratteri.
4 Nell’area Spaziatura, all’interno del campo Spaziatura caratteri esattamente,
specificare il valore n occupato da ogni carattere.
Il valore n è definito come la distanza, espressa in numero di punti, dall’inizio
di un carattere all’inizio del carattere successivo. Quando si modifica la
spaziatura dei caratteri, viene cambiata solo la spaziatura tra caratteri
consecutivi, non la dimensione dei caratteri.
Ad esempio, se si specifica un carattere di 14 punti con una spaziatura tra i
caratteri di 14 punti, la dimensione di ogni carattere rimarrà di 14 punti e
l’ampiezza dello spazio occupato dal carattere sarà di 14 punti.

236 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

5 Fare clic sulla scheda Paragrafo.


Utilizzare questa scheda per impostare i valori relativi alla spaziatura delle
righe.
6 Nell’area Spaziatura, all’interno del campo Interlinea, specificare tale valore
come multiplo della dimensione carattere che si sta utilizzando o come
numero esatto di punti.
7 Fare clic su OK per salvare le modifiche.

Inserimento di dimensioni carattere frazionarie


Nella scheda Carattere dell’Editor formato, è possibile selezionare una dimensione
carattere frazionaria per i campi di database e per oggetti basati su testo del report.

Per impostare le dimensioni carattere frazionarie


1 Fare clic col pulsante destro del mouse sul campo o sull’oggetto che si desidera
formattare per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Formato campo.
Viene visualizzata la finestra di dialogo dell’Editor formato.
3 Fare clic sulla scheda Carattere.
4 Nell’elenco Dimensione immettere una dimensione carattere frazionaria per il
campo o l’oggetto.
Nota: il valore inserito deve essere compreso tra 1 e 1638. Le voci frazionarie
verranno automaticamente arrotondate da Crystal Reports allo 0,5 più vicino.
Di conseguenza, nel report è possibile utilizzare le dimensioni del carattere
frazionarie 1,5, 2,5, 3,5 e così via, fino a 1637,5.
5 Fare clic su OK per salvare le modifiche.
Nota: Quando si impostano dimensioni carattere frazionarie per singoli campi di
database e oggetti basati su testo precedentemente posizionati all’interno del
report, occorre apportare le modifiche manualmente, ovvero attenendosi alle
procedure indicate di seguito (tale procedimento è necessario poiché le
impostazioni di caratteri esistenti relative agli oggetti del report sostituiranno le
opzioni predefinite). Tuttavia, è possibile utilizzare la scheda Caratteri della
finestra di dialogo Opzioni per regolare le impostazioni di carattere predefinite:
queste opzioni predefinite avranno effetto su tutti i nuovi report che verranno
creati nonché sui nuovi oggetti che verranno aggiunti ai report esistenti.

Caratteri TrueType
Se si progetta il report utilizzando i caratteri interni della stampante, possono
verificarsi problemi durante l’uso di stampanti diverse. È possibile che i caratteri
non siano supportati da altre stampanti oppure, pur essendo supportati,
potrebbero non essere installati.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 237


Uso dell’ambiente di progettazione del report

Durante il processo di stampa, se il driver della stampante non riconosce i caratteri,


Crystal Reports li sostituisce, dando luogo a errori. Per evitare tali situazioni, si
raccomanda di utilizzare solo caratteri TrueType comuni per progettare i report.

Margini pagina
Impostazione di margini specifici
Crystal Reports fornisce un’opzione per impostare i margini in base alle specifiche
indicate.

Per impostare margini specifici


1 Nel menu File, fare clic su Imposta pagina.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Imposta pagina.
2 Modificare i margini della pagina in base alle necessità.
3 Fare clic su OK per salvare le modifiche.
Nota: tutti i margini vengono calcolati a partire dal bordo del foglio. Quindi, se si
imposta un margine sinistro di 1 centimetro, la stampa inizia esattamente a un
centimetro dal bordo del foglio.

Uso dei margini predefiniti


Se si sceglie di progettare il report utilizzando i margini predefiniti possono
verificarsi dei problemi.
• Quando il report viene stampato in un altro ambiente, nel quale i margini
predefiniti per la stampante sono maggiori, gli oggetti posti a destra del report
vengono stampati fuori dalla pagina.
• Quando il report viene stampato in un altro ambiente, nel quale i margini
predefiniti per la stampante sono minori (consentendo un'are di stampa più
ampia), l’intero report viene spostato sulla sinistra della pagina.
Si raccomanda di impostare sempre margini specifici. Anche se i margini che si
desidera utilizzare corrispondono a quelli predefiniti, accertarsi che l'opzione Usa
margini predefiniti nella finestra di dialogo Imposta pagina non sia selezionata,
quindi impostare i margini manualmente utilizzando il comando Imposta pagina.
Nota: è possibile selezionare la casella di controllo Correggi automaticamente se
si desidera che Crystal Reports corregga automaticamente i margini del report
quando le dimensioni del foglio cambiano. Questa opzione consente di preservare
le dimensioni dell’area di stampa del report aumentando o riducendo dello stesso
fattore i margini sinistro/destro e superiore/inferiore.

238 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

Stampante predefinita
In generale, è consigliabile non scegliere una stampante specifica. Anche se la
stampante è identica a quella predefinita, il modo in cui vengono riconosciute
varia a seconda del sistema operativo.
Ad esempio, si installa una stampante HP Laser III su tre diversi sistemi operativi:
• Con Microsoft Windows 98, è possibile modificare il nome della stampante
con un nome personalizzato, ma il driver di stampa viene elencato come
HPPCL5MS.DRV.
• Con Microsoft Windows NT, è ancora possibile fare riferimento al nome della
stampante, che può essere modificato dall’utente, ma il driver di stampa è
sempre WINSPOOL.
Se si seleziona una stampante specifica, Crystal Reports cerca la stampante in base
al nome. Se non è possibile trovare la stampante selezionata, viene scelta la
stampante predefinita, rendendo possibili errori di stampa.
Quando si seleziona una stampante specifica, ad esempio una stampante di
etichette o una stampante dedicata per le fatture, il nome della stampante deve
essere uguale al nome della stampante per la quale è stato progettato il report.
Accertarsi che chiunque stampi il report, utilizzi la stessa stampante, altrimenti
possono verificarsi problemi.
se il report fa parte di un'applicazione che viene distribuita, è possibile fornire una
finestra di dialogo Selezione stampante. Mediante tale finestra di dialogo, gli
utenti del report possono scegliere la stampante corretta o rinominare la stampante
come necessario.

Impostazione dell’orientamento della pagina e delle


dimensioni del foglio
È possibile stampare i report con un orientamento verticale o orizzontale e con
numerose dimensioni di fogli. Tali opzioni vengono specificate mediante il
comando Imposta stampante dal menu File.

Per impostare l’orientamento della pagina e delle dimensioni del foglio


1 Nel menu File, fare clic su Imposta stampante.
Viene visualizzata la finestra di dialogo Imposta stampante.
2 Nell’area Stampante, all’interno dell’elenco Nome, selezionare la stampante
che si desidera utilizzare, se non è già la stampante predefinita.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 239


Uso dell’ambiente di progettazione del report

3 Nell’area Carta, all’interno degli elenchi Dimensione e Origine, selezionare il


tipo di foglio desiderato.
Le opzioni di dimensione del foglio sono direttamente collegate alla stampante
selezionata. Ad esempio, il driver della stampante HP LaserJet (PCL) offre la
scelta di dimensioni del foglio tra Letter, Legal, Executive o A4, mentre il driver
della stampante PostScript consente di scegliere fra le dimensioni Letter, Legal,
Note, A4, B5, Letter small e A4 small.
4 Nell’area Orientamento fare clic su Verticale o su Orizzontale.
5 Fare clic su OK per salvare le modifiche.

Driver di stampa
Aggiornamento dei driver di stampa
Per ottenere buone prestazioni, Crystal Reports richiede al driver di stampa le
informazioni per ogni elemento del carattere (formato del carattere), quali l’altezza
e la larghezza medie dei caratteri, l’altezza delle lettere ascendenti e discendenti e
così via. A volte si verificano problemi utilizzando un driver di stampa non recente
che non restituisce il formato del carattere in modo corretto. Se in fase di stampa si
verificano problemi (campi mancanti, formattazione errata e così via), si
raccomanda di ottenere e di installare i driver aggiornati per la stampante. In molti
casi, tali driver aggiornati forniscono il formato corretto per i caratteri, risolvendo
immediatamente i problemi di stampa.

Errori dovuti a driver di stampa


Durante la stampa, possono verificarsi errori se per la creazione e la stampa dei
report vengono utilizzati driver di stampa diversi. Tali errori sono un risultato dei
metodi diversi adottati dai singoli driver di stampa per misurare i parametri del
testo, ad esempio le dimensioni dei caratteri. Una volta stampati, gli oggetti basati
su testo possono essere disallineati, possono esserne troncate delle parti oppure
queste possono sovrapporsi. Sono oggetti basati su testo, ad esempio, campi
stringa o di caratteri, oggetti di testo, campi memo, campi numerici e campi
formula.
Possono verificarsi tali problemi quando si dispone di:
• Due stampanti identiche, ognuna delle quali utilizza un driver di stampa
diverso
• Due stampanti diverse che utilizzano lo stesso driver di stampa
• Due stampanti diverse che utilizzano driver di stampa differenti
• Un primo driver di stampa che utilizza i caratteri TrueType e un secondo
driver di stampa che esegue il mapping dei caratteri TrueType in caratteri
PostScript

240 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

• Due stampanti identiche che utilizzano lo stesso driver di stampa, ma ognuna


stampa da una versione diversa di Microsoft Windows
• Due stampanti identiche che utilizzano lo stesso driver di stampa, ma di
versioni differenti
• Due stampanti identiche, due driver di stampa identici e due sistemi operativi
identici, ma la risoluzione dei driver video è diversa.
Quindi, mentre in un documento che utilizza un solo driver di stampa possono
essere necessarie sei linee complete per visualizzare un blocco di testo:
• Se si utilizza un secondo driver di stampa che impiega dei caratteri ridotti, lo
stesso blocco di testo potrebbe richiedere meno di sei righe
• Se si utilizza un terzo driver di stampa che impiega dei caratteri più grandi,
potrebbe richiedere più di sei righe.
Nella maggior parte dei casi è impossibile evitare tali situazioni. Lo scopo della
distribuzione dei report consiste nel progettare report che tengano conto della
dipendenza dal driver di stampa ed eseguano stampe omogenee utilizzando
driver di stampa diversi. A tale scopo, Crystal Reports fornisce numerose soluzioni
per la progettazione. Tali soluzioni, se prese in considerazione durante la
creazione del report, possono assicurare una corretta stampa e distribuzione del
report in quasi tutti gli ambienti.

Proprietà di formattazione
È possibile impostare proprietà di formattazione utilizzando l’Editor formato per
gli oggetti e l’Esperto sezione per le sezioni del report. Nelle maggior parte dei casi,
è possibile impostare due tipi di proprietà:
• Assoluto (applica sempre la proprietà)
• Condizionale (applica la proprietà solo se sono soddisfatti determinati criteri).

Uso della formattazione assoluta


La formattazione assoluta è una formattazione che viene applicata in qualsiasi
condizione. Questo tipo di proprietà di formattazione segue sempre una
procedura di selezione e applicazione. Ad esempio, si seleziona l’oggetto o la sezione
che si desidera formattare, quindi si applica la formattazione alla selezione
utilizzando le impostazioni delle proprietà.
Per applicare la formattazione ai report, utilizzare le finestre di dialogo riportate di
seguito.
• Editor formato per la formattazione dei valori di campo
• Esperto sezione per la formattazione di intere sezioni
• Esperto evidenziazione per la formattazione condizionale di tutti i tipi di
campo.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 241


Uso della formattazione assoluta

Ognuna di queste finestre di dialogo contiene varie proprietà di formattazione, gli


strumenti per attivarle e disattivarle e per specificarne gli attributi.

Aggiunta di bordi, colore e ombreggiatura a un campo


Crystal Reports consente di aggiungere bordi, colore e ombreggiatura ai campi del
report per evidenziare i dati importanti e per creare report di aspetto professionale.

Per aggiungere bordi, colore e ombreggiatura a un campo


1 Fare clic col pulsante destro del mouse sul campo che si desidera formattare
per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida fare clic su Editor formato.
Viene visualizzata la finestra di dialogo dell’Editor formato.
3 Fare clic sulla scheda Bordo.
4 Selezionare lo stile di linea, il colore e il colore di sfondo del campo.
5 Fare clic su OK per salvare le modifiche.

Applicazione dell’opzione di sola lettura a un report o a un


oggetto
È possibile applicare la proprietà di sola lettura a un report o un oggetto in modo
da impedirne la formattazione. Quando si imposta questa opzione, tutte le altre
opzioni dell’Editor formato vengono disattivate. Per l’oggetto o il report in
questione vengono soppresse anche le opzioni di formattazione normalmente
disponibili sulle barre degli strumenti o nei menu di scelta rapida.
Nota: questa opzione è utile per proteggere la formattazione di un report, ma non
va intesa come una funzione di protezione del report stesso.

Per applicare a un report la proprietà di sola lettura


1 Nel menu File selezionare Opzioni report.
2 Scegliere Sola lettura.

Per applicare a un oggetto la proprietà di sola lettura


1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’oggetto che si desidera rendere
di sola lettura.
2 Nel menu di scelta rapida fare clic su Editor formato.
Viene visualizzata la finestra di dialogo dell’Editor formato.
3 Nella scheda Comune selezionare Sola lettura.
Nota: questa operazione può essere effettuata anche facendo clic sul pulsante
Blocca formato disponibile nella barra degli strumenti Formattazione.

242 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

Blocco delle dimensioni e della posizione di un oggetto


È possibile bloccare la posizione dell’oggetto del report selezionato in modo da
impedire che venga spostato. Se si seleziona questa opzione non è più possibile
trascinare l’oggetto in Report Designer e il comando Dimensione e posizione viene
disattivato.

Per bloccare le dimensioni e la posizione di un oggetto


1 Selezionare l’oggetto di cui si desidera bloccare le dimensioni e la posizione.
2 Nella barra degli strumenti Formattazione fare clic su Blocca dimensione/
posizione.

Modifica dei formati campo predefiniti


Crystal Reports consente di visualizzare quasi tutti i formati dei campi di database
presenti nel report. In questa sezione viene illustrato come utilizzare il comando
Opzioni per controllare le impostazioni di formato predefinite applicate da Crystal
Reports ogni volta che si aggiunge un campo a un report. Nella finestra di dialogo
Opzioni è possibile impostare i formati predefiniti per i campi di database dei tipi
indicati di seguito: Stringa, Numero, Valuta, Data, Ora, DataOra e Booleano.
Nota: quando si modificano i formati di campo predefiniti, le nuove impostazioni
vengono applicate solo agli oggetti successivamente aggiunti a un report. Per
formattare i campi già aggiunti a un report, è necessario fare clic con il pulsante
destro del mouse sul campo all’interno del report e selezionare Formato campo
dal menu di scelta rapida.

Per specificare i formati predefiniti per i campi


1 Nel menu File, fare clic su Opzioni.
2 Nella finestra di dialogo Opzioni fare clic sulla scheda Campi.
3 Scegliere il pulsante appropriato per il tipo di campo che si desidera
formattare (Stringa, Numero, Valuta, Data, Ora, DataOra o Booleano).
Viene visualizzato l’Editor formato.
4 Utilizzare le schede disponibili nell’Editor formato per specificare i formati
desiderati.
5 Fare clic su OK.

Impostazione dei formati predefiniti per i campi Data,


Ora e DataOra
Le procedure riportate di seguito illustrano in primo luogo come specificare i
formati standard per i campi Data, Ora e DataOra, quindi come personalizzare i
formati impostati per i suddetti campi.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 243


Uso della formattazione assoluta

Nota: le impostazioni predefinite avranno effetto solo sugli oggetti che verranno
successivamente aggiunti a un report. Per formattare i campi già aggiunti a un
report, è necessario fare clic con il pulsante destro del mouse sul campo all’interno
del report e selezionare Formato campo dal menu di scelta rapida.

Per impostare i formati predefiniti per i campi Data, Ora e DataOra


1 Nel menu File, fare clic su Opzioni.
2 Nella finestra di dialogo Opzioni fare clic sulla scheda Campi.
3 Per aprire l’Editor formato, scegliere il pulsante appropriato per il campo che
si desidera formattare (Data, Ora oppure DataOra).
Nota: se si fa clic sul pulsante DataOra nell’Editor formato, tutte le modifiche
successive verranno applicate solo ai campi “DataOra”. È necessario
selezionare Data oppure Ora per formattare in maniera indipendente i campi
data o i campi ora.
4 Nella finestra di dialogo Editor formato fare clic sulla scheda Data e ora.
5 Selezionare un formato predefinito dall’apposito elenco (oppure fare clic su
Personalizza per creare il formato desiderato). Quando si sceglie un nuovo
formato, è possibile visualizzare un’anteprima dei risultati nell’area Esempio
dell’Editor formato.
Nota: dall’elenco dei formati predefiniti è possibile selezionare le impostazioni
di sistema predefinite in modo da assicurarsi che Crystal Reports utilizzi i
formati stabiliti da Windows. È possibile modificare le impostazioni di sistema
nella finestra di dialogo Impostazioni internazionali, all’interno del Pannello
di controllo.
6 Una volta selezionato il formato desiderato, scegliere OK nella finestra di
dialogo Editor formato.
7 Fare clic su OK nella finestra di dialogo Esporta.
A questo punto, ogni volta che verrà aggiunto a un report un campo Data, Ora o
DataOra, Crystal Reports utilizzerà il formato specificato.

Per personalizzare i formati per i campi Data, Ora e DataOra


1 Nel menu File, fare clic su Opzioni.
2 Nella finestra di dialogo Opzioni fare clic sulla scheda Campi.
3 Aprire l’Editor formato scegliendo il pulsante appropriato per il campo che si
desidera formattare (Data, Ora oppure DataOra).
4 Nella finestra di dialogo Editor formato fare clic sulla scheda Data e ora.
5 Fare clic su Personalizza per aprire la finestra di dialogo Stile personalizzato.
Nota: se si sceglie di formattare campi di tipo data e ora al passaggio 3, nella
finestra di dialogo Stile personalizzato verranno visualizzate tre schede (Data
e ora, DataOra). I formati specificati in queste schede verranno applicati solo ai

244 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

campi “DataOra”, mentre non avranno alcun effetto sui formati specificati per
i campi data o i campi ora indipendenti.
6 Creare il formato desiderato utilizzando le diverse opzioni disponibili nella
finestra di dialogo Personalizza stile.
7 Una volta terminata la progettazione del formato, fare clic su OK nella finestra
di dialogo Personalizza stile.
8 Scegliere OK nella finestra di dialogo Editor formato.
9 Se si desidera eseguire la formattazione di un altro tipo di campo, fare clic sul
pulsante corrispondente nella finestra di dialogo Opzioni. In caso contrario,
scegliere OK per tornare a Crystal Reports.
A questo punto, ogni volta che verrà aggiunto a un report un campo Data, Ora o
DataOra, Crystal Reports utilizzerà il formato personalizzato creato dall’utente.

Aggiunta e modifica di linee


Crystal Reports consente di aggiungere linee al report per evidenziare i dati
importanti e per creare report di aspetto professionale. Le linee possono essere
orizzontali o verticali. Per fare in modo che una linea verticale sia spezzata su
diverse pagine occorre che la sezione del report in cui termina la linea non si trovi
sulla stessa pagina in cui la linea inizia. Se, ad esempio, una linea va da
un’intestazione di gruppo al piè di pagina corrispondente, continua nella parte
superiore di ogni pagina successiva, immediatamente al di sotto dell’intestazione,
fino a quando non incontra il piè di pagina.

Per aggiungere linee a un report


1 Fare clic su Inserisci linea sulla barra degli strumenti Strumenti di
inserimento.

2 Utilizzando il cursore a forma di matita, tracciare la linea nel punto desiderato.


Nota: non è possibile tracciare linee diagonali.

Per modificare linee in un report


1 Fare clic col pulsante destro del mouse sulla linea che si desidera formattare
per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Formato Linea.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 245


Uso della formattazione assoluta

Viene visualizzata la finestra di dialogo dell’Editor formato.


3 Nella scheda Linea apportare alla linea le modifiche desiderate.
4 Fare clic su OK per salvare le modifiche.

Aggiunta e modifica di caselle


Crystal Reports consente di aggiungere caselle al report per evidenziare i dati
importanti e per creare report di aspetto professionale.

Per aggiungere caselle a un report


1 Fare clic su Inserisci casella sulla barra degli strumenti Strumenti di
inserimento.

2 Utilizzando il cursore a forma di matita, tracciare la casella nel punto


desiderato.

Per modificare caselle in un report


1 Fare clic col pulsante destro del mouse sulla casella che si desidera formattare
per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Formato casella.
Viene visualizzata la finestra di dialogo dell’Editor formato.
3 Nella scheda Casella, apportare alla casella le modifiche desiderate.
4 Fare clic su OK per salvare le modifiche.

Aggiunta di forme a un report


Quando si progettano report con Crystal Reports, è possibile inserire una serie di
forme, ad esempio cerchi, ovali e caselle con angoli arrotondati, come parte del
report. Ciò è particolarmente utile quando si formattano report in lingue che
richiedono queste forme per comunicare in modo efficace.

Per aggiungere forme a un report


1 Aggiungere una casella al report.
Vedere “Aggiunta e modifica di caselle” a pagina 246.

246 Manuale dell’utente di Crystal Reports


13 Formattazione

2 Fare clic col pulsante destro del mouse sulla casella per richiamare il menu di
scelta rapida.
3 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Formato casella.
4 Quando viene visualizzato l’Editor formato, fare clic sulla scheda
Arrotondamento.
5 Selezionare un numero compreso tra 0 e 100 nella casella Arrotondamento
oppure spostare il dispositivo di scorrimento verso destra in modo da
aumentare la curvatura degli angoli della casella.
La casella di origine si trasforma gradualmente in un ovale o un cerchio, a
seconda di quanto si sposta il dispositivo di scorrimento verso destra.
Nota: se è stato specificato un arrotondamento per una casella, non è possibile
utilizzare l’opzione Ombreggiatura che è generalmente disponibile nella
scheda Casella dell’Editor formato.
6 Una volta creata la forma desiderata, fare clic su OK per salvare le modifiche.

Utilizzo dei formati contabilità convenzionali


Per supportare le convenzioni utilizzate nelle attività contabili, Crystal Reports
consente di stabilire il modo in cui visualizzare simboli di valuta, valori negativi e
pari a zero nei report finanziari. È anche possibile impostare nel report l’inversione
dei segni per gli importi relativi a debiti e crediti.

Per utilizzare le convenzioni relative alla contabilità in un report


1 Fare clic col pulsante destro del mouse sul campo di valuta o numerico che si
desidera formattare per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Formato campo.
Viene visualizzata la finestra Editor formato con la scheda Numero attiva.
3 Nell’area Stile, selezionare il tipo di visualizzazione del formato dei numeri di
sistema per i valori positivi e negativi.
4 Nell’area Simbolo valuta (sistema predefinito) specificare il tipo di simbolo
valuta che si desidera visualizzare con i valori nel report.
5 Fare clic su OK per salvare le modifiche.

Per personalizzare le convenzioni relative alla contabilità in un report


1 Fare clic col pulsante destro del mouse sul campo di valuta o numerico che si
desidera formattare per richiamare il menu di scelta rapida.
2 Nel menu di scelta rapida, fare clic su Formato campo.
Viene visualizzata la finestra Editor formato con la scheda Numero attiva.
3 Fare clic sul pulsante Personalizza.

Manuale dell’utente di Crystal Reports 247


Uso della formattazione assoluta

Viene visualizzata la finestra di dialogo Stile Personalizzato con la scheda


Numero attiva.
4 Selezionare la casella di controllo Utilizza formato contabilità.
Selezionando questa opzione, si verificano le seguenti condizioni:
• Il formato dei valori negativi nell’elenco Negativi del report è determinato
dalle impostazioni locali di Windows. I valori negativi sono rappresentati
con un segno meno oppure con delle parentesi quadre.
• Nell’elenco Riporta valori Zero come, viene selezionato automaticamente il
trattino per rappresentare i valori zero nel report.
• Nella scheda Simbolo valuta della finestra di dialogo Stile Personalizzato, il
simbolo valuta viene posizionato a sinistra dei valori numerici e di valuta.
Nota: le modifiche apportate alle impostazioni locali di Windows vengono
implementate solo dopo aver chiuso e riavviato Crystal Reports.
5 Selezionare la casella di controllo Inverti simbolo per visualizzazione per
invertire i segni degli importi relativi a debiti e crediti nei report finanziari.
6 Fare clic su OK per salvare le modifiche.
7 Fare di nuovo clic su OK per tornare al report.

Ripetizione degli oggetti dei report sulle pagine orizzontali


Alcuni oggetti dei report, quali i campi incrociati e le griglie OLAP, possono
estendersi orizzontalmente su diverse pagine. Crystal Reports consente di
designare altri oggetti dei report che non si espandono in orizzontale, quali, ad
esempio, oggetti di testo, di campo e OLE, grafici, mappe, linee e caselle, da
riprodurre su tutte le pagine orizzontali create dal campo incrociato o la griglia
OLAP. Se, ad esempio, il piè di pagina del report include un’immagine, un oggetto
di testo e un numero di pagina, è possibile utilizzare l’Editor formato per fare in
modo che Crystal Reports riproduca tali oggetti su ciascuna pagina orizzontale.

Per ripetere oggetti sulle pagine orizzontali


1 Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’oggetto del report da ripetere.
2 Dal menu di scelta rapida scegliere Formato campo o l’opzione di formato
appropriata.