Sei sulla pagina 1di 7

Sposa di Cristo? Si! Ma... Come?!

"Chi, tra i credenti faranno parte della Sposa di Cristo?"


Apocalisse 19:7-9: “Rallegriamoci ed
esultiamo e diamo a lui la gloria,
perché sono giunte le nozze
dell'Agnello e la sua sposa si e
preparata. Le e’ stato dato di vestirsi
di lino fino, risplendente e puro; poiché
il lino fino sono le OPERE giuste dei
santi". E l'angelo mi disse: "Scrivi: Beati
quelli che sono invitati alla cena delle
nozze dell'Agnello". Poi aggiunse:
"Queste sono le parole veritiere di
Dio".
La Parola rende chiaro che, mentre
La salvezza é solo per grazia (Efes 2:8-
9), non cosí peró per far parte della
Sposa di Cristo. Come vediamo, solo i
credenti che si preparano ne faranno
parte. E la preparazione consiste nelle
"...OPERE giuste dei santi." Ovviamente,
queste consistono nell'ubbidienza ai
comandamenti di Cristo.
Il matrimonio non é ancora stato celebrato, e suamo quindi "in prova", come fidanzati: 2Co 11:2 “Poiché io sono
geloso di voi d'una gelosia di Dio, perché v'ho fidanzati ad un unico sposo, per presentarvi come una casta vergine
a Cristo."
Gesú ci ha detto in Mat 25:1-13, “Allora il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini le quali, prese le loro
lampade, uscirono a incontrar lo sposo. Or cinque d'esse erano stolte e cinque avvedute; le stolte, nel prendere le
loro lampade, non avevano preso con sé dell'olio; mentre le avvedute, insieme con le loro lampade, avevano
preso dell'olio. Or tardando lo sposo, tutte divennero sonnacchiose e si addormentarono. Sulla mezzanotte si levò
un grido: ECCO LO SPOSO, uscitegli incontro! Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro
lampade. E le stolte dissero alle avvedute: Dateci del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono! Le
avvedute risposero: No, che talora non basti per noi e per voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene!
Ma, mentre quelle andavano a comprarne, arrivò lo Sposo; e quelle che erano pronte, entrarono con lui nella sala
delle nozze, e l'uscio fu chiuso. All'ultimo vennero anche le altre vergini, dicendo: Signore, Signore, aprici! Ma
egli, rispondendo, disse: Io vi dico in verità: NON VI CONOSCO.
Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l'ora”!

IN BASE ALLA PAROLA DI DIO, alcuni di noi credenti, stanno


preparando le proprie “lampade” con “l'olio” di Dio, per essere
degni di far parte della sposa di Cristo. Altri di noi sono invece
sono un pò troppo indaffarati con le cure del mondo: Lavoro,
preoccupazioni giornaliere e cosí via (vedere Mat 13:7,13-15,22).
LA CHIAMATA DI DIO PER NOI, A FAR PARTE DELLA SPOSA, non
è solo per grazia e gratis, come per la salvezza (Efes 2:8-9; Tito
3:5), ma in base alle nostre opere di ubbidienza a Cristo (Apoc
19:8; 22:12).
La scelta di procurarci “l’olio”, cioè di dedicarci a Gesù, dipende
da noi e non da Dio, è cosa successiva alla salvezza.
Apoc 7:9-17 “...Dopo queste cose guardai e vidi una folla
immensa che nessuno poteva contare, proveniente da tutte le
nazioni, tribù, popoli e lingue, che stava in piedi davanti al trono e
davanti all'Agnello, vestiti di bianche vesti e con delle palme in mano... Poi uno degli anziani mi rivolse la parola,
dicendomi: "Chi sono queste persone vestite di bianco...Ed egli mi disse: "Sono quelli che vengono dalla grande
tribolazione. Essi hanno lavato le loro vesti, e le hanno imbiancate nel sangue dell'Agnello. Perciò sono davanti al
trono di Dio.. e colui che siede sul trono stenderà la sua tenda su di loro. Non avranno più fame e non avranno
più sete, non li colpirà più il sole né alcuna arsura.. l'Agnello che è in mezzo al trono li pascerà e li guiderà alle
sorgenti delle acque della vita; e Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi!”
LE VESTI IMBIANCATE, rappresentano la purificazione che riceviamo quando serviamo Gesù con tutto il cuore,
senza badare aprezzi e acrifici; fosse pure tribolazione, fino alla morte.
Vediamo questo anche in Daniele 11:33,35:“..E i savi fra il popolo ne istruiranno molti;.. E di que' savi ne saranno
abbattuti alcuni (la Tribolazione dell’Anticristo), per affinarli, per purificarli e per imbiancarli sino al tempo della
fine.”
Siamo ora indubbiamente nel tempo della fine. È ora tempo di mostrare a Dio che la nostra fede è vera e non
falsa. Che non siamo credenti/discepoli di "serie 'B' " (Giov 6:66). Che siamo di quelli che non cedono alle
pressioni del mondo ateo, che continueremo sino all’ultimo giorno.
DOBBIAMO VINCERE le nostre paure, anche fino alla morte se necessario—e per molti di noi sará necessario,
come le persecuzioni islamiche stanno giá dimostrando...

Laviamo quindi le nostre vesti! Apoc 12:11: “Essi.. hanno vinto (il diavolo, il suo mondo, le tentazioni, le paure...)
per mezzo del sangue dell'Agnello, e con la parola della loro testimonianza; e (elemento necessario) non hanno
amato la loro vita, anzi l'hanno esposta alla morte." (Apoc 22:14) "Beati quelli che lavano le loro vesti per avere
diritto all'albero della vita e per entrare per le porte della città!”

La città è l’abitazione di Dio, Cristo e della Sposa divina. La città stessa assomiglia é tutta una sposa:
Apoc 21:2-3 “...E vidi la santa città, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo da presso Dio, PRONTA COME
UNA SPOSA ADORNA PER IL SUO SPOSO. Udii una gran voce dal trono, che diceva: "Ecco la dimora di Dio con gli
uomini! Egli dimorerà con loro, essi saranno suoi popoli e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio!”

SEMPLICE CREDENTE, O vera SPOSA?


La salvezza ci ga la vita eterna. Ma questa non sará
necessariamente alla presenza continua di Cristo (Apoc 3:14+) o
come Sua sposa sul Suo trono (Apoc 3:7+).
PER POTER ESSERNE PARTE, DOBBIAMO RICERCARE LO SPOSO, le
Sua volonta’ e iniziare ORA a vivere come Sua sposa ubbidiente,
perché dopo la morte non potremo cambiare piú nulla. Vi sará solo
il giudizio; vedi Ebrei 9:27; 2Cor 5:10.
Guardiamoci dall'essere credenti ribelli, addormentati, tiepidi, a
mezzo cuore e disubbidienti. Dobbiamo ubbidire e compiere cio’
che Egli si aspetta da noi, in base ai comandamenti del vangelo.
Tutto questo, non per costrizione o per religiosa “ubbidienza” o
per ottenere premi eterni, ma solo e solo per amore verso di Lui, il
nostro beneamato Salvatore che ha scalato il Calvario non per dei
premi che giá aveva, ma solo per amore verso di noi. Puó la vera
sposa fare e dare di meno?? (1Cor 13:1-3). Questa é la Sua
volonta’.

Leggiamo in Luca 22:28-30:“…Or voi siete quelli che avete


perseverato con me nelle mie prove; e io dispongo che vi sia dato un regno, come il Padre mio ha disposto che
fosse dato a me, affinché angiate e beviate alla mia tavola nel mio regno, e sediate su troni per giudicare le
dodici tribu’ d'Israele.”

La Sposa di Cristo, sono quei credenti che perseverano con il Signore, nelle Sua prove.
Israele e il Cristianesimo rappresentano il popolo di Dio di ieri e di oggi. Coloro che si mostrano degni in Cristo,
siederanno su troni a giudicare quella parte del popolo di Dio, che non sono fedeli in Cristo (Mat 12:27).

LA SPOSA DI CRISTO REGNERA’ CON CRISTO PER TUTTA L’ETERNITA’!


Vediamo in Apoc. 20:4: “…Poi vidi dei troni. A quelli che vi si misero seduti fu’ dato di giudicare. …Essi
regnarono con Cristo…”; In Apoc. 2:26: “…A chi vince e persevera nelle mie opere sino alla fine, daro’ potere sulle
nazioni…”
In Apoc 3:21: “…Chi vince lo faro sedere presso di me sul mio trono, come anch'io ho vinto e mi sono seduto con
il Padre mio sul suo trono.”

LA MIA TESTIMONIANZA
Voglio testimoniare che da quando ho deciso di salire
spontaneamente sull’altare del sacrificio (Rom 12:1-2) e di
accettare di buon grado la croce della volonta’ di Cristo nella mia
vita, ho scoperto che Gesu’ era gia’ la’, mi aspettava per aiutarmi a
portarla. Ho scoperto che più ubbidisco al Suo grande
comandamento (Mat 22:37-38) che racchiude tutte le leggi
religiose, il mio amore per Lui, la croce si alleggerisce sempre di
più!!
Dal giorno, da quella benedetta decisione, la migliore e la più
grande della mia vita, non sono piu’ solo! Gesu’ e’ sempre con
me! nessun sacrificio, giogo, carico, problema (ne’ ho passati tanti)
e nessuna crocifissione e’ stata al di la’ delle mie forze. Gesu’ mi
ha sempre aiutato, sorretto, guidato, incoraggiato e insegnato a
distinguere la sua voce, da quella del Maligno imitatore,
ingannatore. La Sua voce mi sussurra sempre la via—ogni volta
che fermo per ascoltarlo.
Purtroppo, non sempre ho seguito la Sua voce... E sono state
volte in cui sono caduto nele fosse per ciechi. Ma lui mi ha sempre perdonato, 70x7 al giorno. Perche’? Perche’
da quella decisione, appartengo a Lui! Sono Sua proprieta’! (1Co 6:19-20) Non appartengo piu’ al mondo. Ora e’
quindi Sua responsabilita’ di proteggermi, guidarmi, correggermi, benedirmi punirmi. Tutto in base a cio’ che e’
giusto, perché solo la giustizia gli rende gloria.
E’ questo il mio patto con lui. Lui mi ha dato tutto, Tutta la Sua amicizia, tutta la Sua vita, tutto il Suo sacrificio,
tutto il Suo sangue e Tutto il Suo amore! Gesú é morto per me... é persino morto al mio posto, per pagare ciò
ch’io non avrei mai potuto; il mio debito con la morte (Gen 2:17; 5:5) e ha
vinto la morte, cosa che noi non potevamo. Solo Lui poteva conquistare
quella vittoria! Ho deciso di ricambiarlo. Voglio fare lo stesso, nel mio
piccolo, in quello che posso, per Lui.
Gesú mi ha accettato, ricevuto, benedetto e in più, mi ha dato la vita e
salvezza eterna! Può il mondo, con tutto il suo denaro, carriera, cose
materiali, case, terreni e potere, darmi di più??
Da allora, la mia vita è un sogno! e se sogno è, non svegliatemi! In Gesù ho
superato ogni situazione, anche le più “impossibili”.

Un giorno Gesù mi ha dato una delle chiavi che rendonoa vita di discepolo
facile! Eccola:
Luca 14:33 “Così dunque ognuno di voi, che non rinunzia a tutto quello che
ha, non può essere mio discepolo!”
SIAMO IN UNA GUERRA CONTRO IL DIAVOLO (Gen 3:15; Efes 6:12; 2Cor
11:13-15; Apoc 12:11) e non possiamo nè combatterla, nè vincerla,
imbastaiati, appesantiti con le cose del mondo!
2Tim 2:4 “Uno che va alla guerra non s'immischia in faccende della vita civile, se vuol piacere a colui che lo ha
arruolato!”

Era la mia lezione. Tanti credenti erano caduti nella fossa e non si erano piu’ rialzati. Avevo capito che era
perchè amavano e servivano Gesù a mezzo cuore. Hanno cercato di salvare la loro vita, e non fidandosi delle
promesse di Dio, avevano offerto a Gesu’ solo mezzo cuore da inchiodare con Lui sulla Sua croce. Satana li aveva
così potuto intrappolare negli inganni del suo mondo malvagio, dove l’altra meta’ del loro cuore stava.
Credevano di Cercavano di “salvare” una metá del loro cuore, non offrendola al Salvatore. Ma si ingannavano.
Matteo 10:38-39, “Chi non prende la sua croce e non vien dietro a me, non e degno di me. Chi avra’ trovato la
vita sua la perdera’; e chi avra’ perduto la sua vita per cagion mia, la trovera’.”

NEI TEMPI ANTICHI,


quando terribili tempeste si abbattevano sulle navi, i marinai si legavano agli alberi delle navi per non essere
trascinati dalle onde. Ho scelto di LEGARMI a Cristo, decidendo ripetutamente, di dedicarmi e ridedicarmi a Lui
totalmente ad ogni difficoltà e crisi.
Voglio essere inchiodato con Lui. I chiodi non si possono togliere, nemmeno se cambiamo idea.
Il diavolo amplificava e esagerava la paura della croce... Ma se la crocifissione è insieme a Gesù, i chiodi non
sono tanto dolorosi quanto il Bugiardo Maligno mi diceva. Anzi, da quando l’ho fatto, le tempeste del Maligno
non mi trascinano piu’ nelle buie acque delle sue tristezze, scoraggiamenti, depressioni, paure ed egoismi del
mondo... Lui mi tenta ancora. Sempre, ogni giorno. E se non fossi saldamente inchiodato con Cristo, lo so,
cadrei. Ma non cado e quando cado Lui mi raccoglie!

I CHIODI SONO UNA BENEDIZIONE. MI SORREGGONO. Fintanto che sento il dolore dei chiodi, le battaglie e
sofferenze del Vangelo, so che sono al sicuro dal mondo del Maligno e la ua voce é sempre vicina:
“Giuseppe… non temere. Sono qui. Siamo insieme. Soffro con te. Non sei e non sarai mai solo. IO NON TI
LASCIO ne’ ti abbandono, MAI. Saremo insieme per tutta l’eternita’. Questi chiodi vincono Satana in
continuazione. E come vedi, non sono tanto dolorosi e il Mio Spirito ti aiuta. Lo so, ci sono passato...”

Sono piu’ assuefato a Cristo di quanto un drogato lo possa essere all’alcool o alla droga. Sono, e voglio
esserlo, piu’ prigioniero di Gesu’ di quanto lo sia uno condannato all’ergastolo.
Questo mondo egoista, che sara’ bruciato (2Pietro, 3:10-18), non ha piu’ attrazione per me. Sono nel mondo,
ma non sono del mondo. Amo la gente, ma mi sono separato da quel tipo di gente del “sistema” anticristo del
mondo che ha odiato e crocifisso Gesu’ e che tutt’ora lo respinge.

PUNTI CHE CI POSSONO AIUTARE


Leggiamo in 2 Pietro 1:4-11: “…Attraverso queste ci sono state elargite le sue preziose e grandissime promesse
perché per mezzo di esse voi diventaste partecipi della natura divina dopo essere sfuggiti
alla corruzione che e nel mondo a causa della concupiscenza (*a). (5) Voi, per questa stessa ragione,
mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede la virtu’ (*b); alla virtu la conoscenza; (6)
alla conoscenza l'autocontrollo; all'autocontrollo la pazienza; alla pazienza la pieta’ (*c); (7) alla pieta’ l'affetto
fraterno; e all'affetto fraterno l'amore. (8) Perché se queste cose si trovano e abbondano in voi, non vi
renderanno né pigri, né sterili nella conoscenza del nostro Signore Gesu’ Cristo. (9) Ma colui che non ha queste
cose, e cieco oppure miope, avendo dimenticato di essere stato purificato dei suoi vecchi peccati. (*d) (10)
Percio, fratelli, impegnatevi sempre di piu a render sicura la vostra vocazione ed elezione;(*e) perché, cosi
facendo, non inciamperete mai. (11) In questo modo infatti vi sara ampiamente concesso l'ingresso nel regno
eterno del nostro Signore e Salvatore Gesu Cristo.”
(*a) Desideri carnali, egoisti; (*b) Dobbiamo vivere nel mondo, ma non essere del mondo; (*c) Vera fede; (*d)
Attenzione al Cristianesimo sterile, pigro, passivo e cieco. Manteniamoci vivi e attivi. Come? Innanzitutto,
imparando ad evangelizzare i perduti. (*e) Facendo queste, cose controlleremo cosi se la nostra elezione
(salvezza) in Cristo è vera o solo presunta o religiosa. In quel caso, siamo dei credenti che sono ancora o perduti
o che Cristo non “conosce” (Mat 7:21-23).
Che fare?! Primo, assicuriamoci che abbiamo veramente chiesto a Gesu’ di salvarci e di entrare nelle nostre
vite e anime—Continuare a farlo fino a che siamo cambiati (2Cor 5:17). Dobbiamo sentirci diversi, pieni del Suo
amore verso Dio, Gesu’ e gli altri. Questo e’ il principale frutto (vedi Gal 5:22-23; Giov 13:34-35; 1 Cor 13; Prima
Epistola di Giovanni)
Poi?! Poi iniziare a dare tutto a Gesu’ – TUTTO.
Per quanto riguarda l’essere salvi dall’Inferno,è sufficiente che osserviamo i Dieci comandamenti. Come scritto:
Matteo 19:16-30: “…Un tale si avvicino a Gesu’ e gli disse: "Maestro, che devo fare di buono per avere la vita
eterna?" (17) Gesu’ gli rispose…se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti". (18) "Quali?" gli chiese. E
Gesu’ rispose: "Questi: Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso. (19)
Onora tuo padre e tua madre, e ama il tuo prossimo come te stesso". (20) E il giovane a lui: "Tutte queste cose
le ho osservate; che mi manca ancora?" (21) Gesu’ gli disse: "SE VUOI ESSERE PERFETTO, va', vendi cio che hai
e dallo ai poveri, e avrai un tesoro nei cieli; POI, vieni e seguimi". (22) Ma il giovane, udita questa parola, se ne
ando’ rattristato, perché aveva molti beni. (23) E Gesu’ disse ai suoi discepoli: "Io vi dico in verita’ che
difficilmente un ricco entrera’ nel regno dei cieli...”
Qui vediamo chiaramente due verita’ che sfuggono ai molti.
“…se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti” La sincera ubbidienza ai 10 Comandamenti, quindi, salva
dall’inferno eterno e danno accesso alla vita eterna. L’unica condizione e’ che vediamo Gesu’ nei Comandamenti
e che non lo respingiamo, come appunto il tale della storia. I Comandamenti sono stati dati da Cristo (Giov 1:1),
sono Cristo e guidano alla Sua salvezza. Dio e’ amore e vuole che tutti vengano salvati (2Pietro 3:9). Altrimenti
come potevano essere salvati coloro che hanno vissuto nel Vecchio Testamento, quando Gesu’ non era
manifestato? Essi credevano nella venuta del Messia.
Ma i comandamenti, non bastano pero’ a renderci, come Gesu’ dice, “perfetti”. Questa perfezione si ottiene
solo, com’Egli ha detto, SEGUENDOLO. Sara’ poi il Suo Spirito in noi, a guidarci, ad insegnarci la verita’ del
Vangelo per seguirlo, ubbidirgli e crescere in Lui.

Pietro dice a Gesu’: (Mat. 19:27-30)"…Ecco, noi abbiamo lasciato ogni cosa e ti abbiamo seguito; che ne avremo
dunque?" (28) E Gesu’ disse loro: "Io vi dico in verita’ che nella nuova creazione, quando il Figlio dell'uomo sara’
seduto sul trono della sua gloria, anche voi, che mi avete seguito, sarete seduti su dodici troni a giudicare le
dodici tribu d'Israele. (29) E chiunqueavra’ lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi a
causa del mio nome, ne’ ricevera’ cento volte tanto, ed ereditera’ la vita eterna. (30) Ma molti primi saranno
ultimi e molti ultimi, primi.”
Attenzione che nessuno usi questo come scusa di lasciare un famikiare che desidera di seguire Cristo con noi, in
base a qualsiasi sia la sua chiamata. Certo, esistono delle tristi situazioni, come nel caso di Lot
(vedi, Genesi, 19), il quale é stato abbandonato dalla moglie...

Matteo 19:28: “…Nella nuova creazione, quando il Figlio dell'uomo sara’ seduto sul trono della sua gloria, anche
VOI, che mi avete SEGUITO, sarete SEDUTI SU DODICI TRONI a giudicare le dodici tribu d'Israele!”
Non abbiamo bisogno di un “macchina del tempo”, per tentare di tornare ai tempi di Gesu’ e sperare di essere
“scelti”, come uno dei 12. Possiamo seguire Gesú ORA. Come? Amandolo come lui ci ama, con tutto il nostro
cuore e metterlo al primo posto nelle nostre vite—in tutto. No, non e’ troppo difficile! Perche’ quando
prendiamo questa decisione, allora il Suo Spirito Santo puo’ entrare in azione e come Paolo potremo dire: Filipp.
4:13 “Io posso OGNI COSA in COLUI (Cristo) che mi fortifica!” 1 Corinti 15:10: “…Ma per la grazia di Dio io sono
quello che sono; e la grazia sua verso di me non e’ stata vana; anzi, ho faticato piu di tutti loro; non io pero’, ma
la grazia di Dio che e’ con me!”
Isaia 54:5: “Poiché il tuo creatore e’ il tuo sposo; il suo nome e: il SIGNORE...” Isaiah 61:10 Io mi rallegrero
grandemente nel SIGNORE, l'anima mia esultera nel mio Dio; poiché egli mi ha rivestito delle vesti della salvezza,
mi ha avvolto nel mantello della giustizia, come uno sposo che si adorna di un diadema, come una sposa che si
adorna dei suoi gioielli.”

COME POSSO FAR PARTE DELLA SPOSA?!


IN UNA SCIOCCANTE PROFEZIA, Gesù dice, Luca 22:28-30: “Voi siete quelli che avete perseverato con me
nelle mie prove; (29) e io dispongo che vi sia dato un regno, come il Padre mio ha disposto che fosse dato a
me, (30) affinché mangiate e beviate alla mia tavola nel mio regno, e sediate sui troni, giudicando le dodici tribù
d'Israele!”
La chiave e perseverare nelle prove di amare, seguire, ubbidire e portare frutti al Signore!
Oggi stersso possiamo vedere il mondo cristiano diviso in due campi: quelli che “non si sentono” chiamati a
seguire e servire Gesù e quelli che “si sentono” chiamati. Fa Dio distinzioni su chi chiamare e benedire e chi no?!
No, in nessun modo!
Act 10:34-35 Allora Pietro, prendendo a parlare, disse: In verità io comprendo che Dio non ha riguardo alla
qualità delle persone; (35) ma che in qualunque nazione, chi lo teme ed opera giustamente gli è accettevole.
Gesù chiama tutti a raccogliere la propria croce e seguirlo ciascuno sul proprio rispettivo Calvario. Non vi sono
“non chiamati”, solo “non degni”: Mat 10:38-39 “Chi non prende la sua croce e non viene dietro a me, non è
degno di me. (39) Chi avrà trovato la sua vita la perderà; e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la
troverà!”

E NOI??
RACCOGLIEREMO LA SFIDA? LA NOSTRA CROCE E SEGUIREMO GESÙ? O CERCHEREMO INVECE UNA DELLE
TANTE SCUSE E GIUSTIFICAZIONI CHE L’INGANNATORE METTE DAVANTI ALLE CHIESE DI OGGI?

Saremo degni di essere la sposa?! Da chi dipende?!?


Non da Dio, che lascia a noi la scelta.
Non dal diavolo, al quale Dio ha posto precisi limiti.
Non dal mondo, dal quale possiamo separarci spiritualmente (2 Cor 6:14-18).
Non dalle difficoltà, le quali possiamo facilmente superare con lo Spirito di Cristo (Fil 4:13).
Non dalla mancanza di diplomi in teologia, dei quali tutti gli Apostoli e la chiesa dei primi tre secoli,
conquistatrice del mondo, erano assolutamente privi (Atti 4:13).

AMATI FRATELLI..., LA RISPOSTA DIPENDE SOLO DA NOI.

STÁ A NOI SE IGNORARE IL MESSAGGIO E LA MERAVIGLIOSA ED UNICA CHIAMATA DI GESÙ e continueremo a


fluttuare con i detriti del mondo, alla deriva, O se ci ribelleremo contro il diavolo e il “sistema” del suo mondo e
faremo come fanno i, purtroppo pochi, credenti a cuore pieno, per i quali Gesú ha preparato una Città!

Ebrei 11:6-16: “...Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che egli è, e che
ricompensa tutti quelli che lo cercano. (7) Per fede Noè, divinamente avvertito di cose che non si vedevano
ancora, con pio timore, preparò un'arca per la salvezza della sua famiglia; con la sua fede condannò il mondo e
fu fatto erede della giustizia che si ha per mezzo della fede. (8) Per fede Abraamo, quando fu chiamato, ubbidì,
per andarsene in un luogo che egli doveva ricevere in eredità; E PARTÌ SENZA SAPERE DOVE ANDAVA. (9) Per
fede soggiornò nella terra promessa come in terra straniera, ABITANDO IN TENDE, come Isacco e Giacobbe,
eredi con lui della stessa promessa, (10) perché aspettava la città che ha le VERE fondamenta e il cui architetto
e costruttore è Dio. (11) Per fede anche Sara, benché fuori di età, ricevette forza di concepire, perché ritenne
fedele colui che aveva fatto la promessa. (12) Perciò, da una sola persona, e già svigorita, è nata una
discendenza numerosa come le stelle del cielo, come la sabbia lungo la riva del mare che non si può contare. (13)
Tutti costoro SONO MORTI NELLA FEDE, senza ricevere le cose promesse, MA LE HANNO VEDUTE E SALUTATE
DA LONTANO, CONFESSANDO DI ESSERE FORESTIERI E PELLEGRINI SULLA TERRA. (14) Infatti, chi dice così
dimostra di cercare una patria; (15) e se avessero avuto a cuore quella da cui erano usciti, certo avrebbero
avuto tempo di ritornarvi! (16) Ma ora ne desiderano una migliore, cioè quella celeste; PERCIÒ DIO NON SI
VERGOGNA DI ESSERE CHIAMATO IL LORO DIO, POICHÉ HA PREPARATO LORO UNA CITTÀ!”

Questo è il nostro esempio da seguire e il prezzo che dobbiamo pagare! se vogliamo essere degni di essere
parte della sposa di Cristo! Solo allora udremo, come il fragore di grandi acque quella voce:

Apoc 19:6-9 “...La voce di una gran folla e come il fragore di grandi acque e come il rombo di forti tuoni, che
diceva: "Alleluia! Perché il Signore, nostro Dio, l'Onnipotente, ha stabilito il suo regno. (7) Rallegriamoci ed
esultiamo e diamo a lui la gloria, perché sono giunte le nozze dell'Agnello e la sua sposa si è preparata! (8) Le
è stato dato di vestirsi di lino fino, risplendente e puro; poiché il lino fino sono le opere giuste dei santi!". (9) E
l'angelo mi disse: "Scrivi: "Beati quelli che sono invitati alla cena delle nozze dell'Agnello"". Poi aggiunse:
"QUESTE sono le parole veritiere di Dio!” AMEN!!!

DOBBIAMO SCEGLIERE!
Io ho scelto come Giosué:
Giosué 24:15 E SE VI SEMBRA SBAGLIATO SERVIRE IL SIGNORE, SCEGLIETE OGGI CHI VOLETE
SERVIRE: o gli dèi che i vostri padri servirono di là dal fiume o gli dèi degli Amorei, nel paese dei quali abitate;
QUANTO A ME E ALLA CASA MIA, SERVIREMO IL SIGNORE".

fratello giuseppe

E-mail: highskylight@gmail.com – Messaggio interconfessionale / Non c’e’ copyright.


Distribuiamo liberamente a tutti, per la gloria di DIO Ed Egli ci benedirá! (Mar 16:15; Dan 12:2-3)