Sei sulla pagina 1di 32

Venerdì 10 aprile

2020

ANNO LIII n° 86
1,50 €
Venerdì Santo

Opportunità
di acquisto
in edicola:
Avvenire
+ Luoghi dell’Infinito
4,20 €

Quotidiano di ispirazione cattolica w w w. a v v e n i r e . i t


Quotidiano di ispirazione cattolica w w w. a v v e n i r e . i t

■ Editoriale IL FATTO Stabile il trend dei contagi. Sì al decreto Cura Italia. Scoppia un caso con la Germania per il titolo sui "contributi alla mafia"

Intesa Ue, ecco gli aiuti


Roma e Berlino, media e polemiche

COSA (NON) FA
LA POLITICA SERIA
MARCO TARQUINIO Un faticoso compromesso all'Eurogruppo: salva-Stati senza condizioni e un «Piano di rinascita»
U Verso la proroga delle chiusure fino al 3 maggio con poche deroghe. Controlli rafforzati nelle feste
na rondine non fa primavera e
un titolo e un commento di
giornale possono fare molte
cose, ma non sono – in sé e per sé – un
fatto politico di prima grandezza. Un accordo all’Eurogruppo ■ I nostri temi
Saggezza popolare e buon senso dicono LA MESSA Nel Giovedì Santo il Papa ricorda anche i tanti sacerdoti che sono calunniati nella notte: il testo che do-
questo. Ma è davvero così? vrà avere il via libera finale
Quanto alla primavera ne siamo certi: le dei leader Ue prevede il L’ANALISI
rondini – ormai più d’una nei nostri cieli – pacchetto di quattro punti
non l’hanno portata. La lotta contro il che si era già profilato: il Gettare le basi
coronavirus continua, infatti, a piano da 240 miliardi della
rinchiuderci in un strano e doloroso Bei per le Pmi, il program- per un nuovo
inverno che minaccia di stringere e ma «Sure» della Commis-
rallentare, ancora e ancora, il cuore della sione per il sostegno alle ordine mondiale
bella stagione. Primavera, dunque, per la casse integrazioni, l’utiliz-
nostra parte di italiani e di europei zo delle linee di credito del
AGOSTINO GIOVAGNOLI
possiamo farla noi, superando questa Mes a condizioni ultraleg-
drammatica crisi senza tentennamenti, gere e un sostegno di prin- La pandemia ha generato
egoismi e alterigie. cipio al piano francese di un percorsi di solidarietà ine-
Quanto al potere di un titolo e di un Fondo per la ripresa. diti. Da questa base si può
commento di giornale, ogni dubbio Conte intanto vede sinda- ripartire per unire i Paesi
sembra purtroppo lecito. E questo a cati, imprese ed enti locali nella lotta ai veri conflitti.
causa dell’entusiasmo feroce con cui ieri annunciando la proroga
piccoli e grandi esternatori politici di casa delle chiusure, perché c’è il A pagina 3
nostra si sono precipitati nella breccia rischio di far riprendere i
aperta dalla cannonata di "Die Welt", contagi. La ripartenza del-
grande giornale tedesco che ha sparato la le aziende sarà progressiva, LE PAROLE/1
solita, indiscriminata e spregevole accusa a scandire le tappe sarà un
di mafiosità contro tutti gli italiani (la pool di esperti che affian- Smettiamola
mafia purtroppo esiste ed è una piaga cherà il comitato tecnico-
aperta, in Italia e anche in Germania). scientifico. Cgil, Cisl e Uil di chiamarla
"Die Welt" lo ha fatto per sostenere il chiedono che restino prio-
punto di un presunto "dovere della ritarie salute e sicurezza. «guerra»
fermezza" della cancelliera Merkel Qualche buona notizia sul
nell’impedire una svolta solidale della fronte degli ospedali. Scen-
LUCA MIELE
politica sociale e fiscale della Ue. dono, vistosamente, i pa-
Argomentazione che colpisce, come tutti
i velenosi luoghi comuni razzistoidi che
purtroppo hanno ripreso a imperversare
in Europa. Ma colpisce ancor di più il
«Preti, medici e infermieri zienti ricoverati e quelli nel-
le terapie intensive (altri 88
i posti liberati ieri). Au-
mentano i guariti, ormai ol-
Quello in cui il virus ci sta fa-
cendo affondare è un terre-
no sdrucciolevole, melmoso.
Siamo dinanzi a qualcosa di
furore polemico politico e la veemente
richiesta di presa di distanza e di formali
scuse rivolta da Roma al Governo di
Berlino per l’articolo di un quotidiano.
i santi della porta accanto» tre quota 28mila, con qua-
si 2mila dimessi. Ma il nu-
mero dei nuovi contagiati –
cioè degli italiani trovati po-
cui non abbiamo memoria.

A pagina 3

Come se il Governo di un Paese Un appassionato omaggio ai sacerdoti « al dramma degli abusi. Lo ha compiuto il sitivi al tampone – non ca-
democratico potesse permettersi di «che offrono la vita per il Signore. Dei pre- Papa nella Messa “nella Cena del Signore”, la. Ieri ancora 610 morti, ol- LE PAROLE/2
approvare o censurare l’opinione, anche la ti morti in questi giorni di pandemia, «san- che segna l’inizio del Triduo Pasquale. tre 18mila in totale (10mila
meno elegante o la più becera, espressa su ti della porta accanto» come medici e in- solo in Lombardia). Riconosciamo
di un organo di informazione. fermieri. E ai preti «calunniati» in seguito Primopiano alle pagine 5-7
In un Paese democratico, e nell’Unione Primopiano alle pagine 8-17 eroi quelli
Europea che sinora abbiamo
faticosamente costruito, se e quando nel che salvano
mestiere d’informare e di esprimere
opinioni si superano i limiti di legge, della PRIMO SCANDALO L’ALTRO VERSANTE STATI UNITI INCHIESTA
FERDINANDO CAMON
deontologia o anche solo del buon gusto,
ci sono – dovrebbero sempre esserci – Imprenditore Paura del virus: Molti disabili Pochi mezzi: Il concetto di “eroe” non è
giudici legittimi e efficaci. «Non una mezza più quello che ci hanno in-
crisi diplomatica», come ha saggiamente arrestato: truffa malati di cancro tra le vittime l’Africa rischia segnato a scuola e che tro-
commentato Giovanni di Lorenzo, vavamo nei libri di storia.
direttore italotedesco del settimanale "Die su mascherine non si curano «Discriminati» una catastrofe Adesso, sui giornali...
Zeit" che, contemporaneamente all’acre
commento di "Die Welt", ha lanciato un Mira Averaino Molinari Fraschini Koffi e Zoja A pagina 3
appello pro-Italia firmato da molti e illustri nel primopiano a pagina 9 nel primopiano a pagina 13 nel primopiano a pagina 16 nel primopiano a pagina 17
personaggi. Mentre "Der Spiegel", altro
settimanale che in passato aveva
confezionato copertine e inchieste LA RICERCA ALLARME IN PUGLIA
urticanti sul nostro Paese, sin dalla serata
di mercoledì 8 aprile ha pubblicato un DEL «TONIOLO» Giovani ed emergenza Xylella non si ferma:
LOTTA AL TERRORISMO
Offensiva del Ciad:
commento opposto a quello di "Die Welt"
e in cui è lo stesso direttore Steffen
Klusmann a definire «gretto» e «vigliacco»
lʼetà dellʼincertezza minaccia altre specie mille miliziani uccisi
Rosina a pagina 15 Lavacca a pagina 19 Alfieri a pagina 19
un no di Berlino all’emissione di
Eurobond richiesta soprattutto dall’Italia
nel quadro della comune lotta contro la
pandemia e le sue conseguenze sociali ed Malebolge
economiche. Si potrebbe concludere che Aldo Nove
una partita mediatica tutta tedesca si è
conclusa due a uno per l’Italia.
E invece no. E invece sembra che più persuasive. E se «il potere è il
d’uno, a Roma, non aspettasse altro. I sassi e il potere linguaggio» (Byung-Chul-Han)
Un’occasione per regolare, a parole, quei siamo sempre più individualmente

«O
conti che nei fatti si fatica a far tornare. Ma pinione» e «Verità» costituiti da frammenti di sintassi e
per questa strada non si va lontano. siedono assieme sui capricciosi lessici dove ciascuno si REPORTAGE
L’onore dell’Italia e il futuro della nostra più alti scranni della sente legittimato nel suo piccolo
gente e degli altri popoli dell’Unione si conoscenza popolare quale pianeta privato (come nel «Piccolo A Parigi Notre-Dame
difendono non con polemiche furbe, ma falsificato, e pericolosissimo, diritto principe»). Come sappiamo, ferita diventa
con scelte forti, coraggiose e innovative, universale ad esprimere qualsivoglia l’etimologia latina più accreditata
qui e in Europa. È la strada che pareva pensiero, da parte di chicchessia, in nei secoli di «religione» è «re-ligio» segno di speranza
ormai intrapresa, meglio restarci. E meglio, qualunque contesto (purché (raccolgo, tengo assieme), Gabriel a pagina I
al cospetto dell’opinione pubblica, dare pubblico, ovviamente). Come in una all’opposto di una simbolica Torre di
molto più giusto valore all’idem sentire distorsione creata ad hoc della Babele dove, potremmo dire, «ogni
degli europei, tedeschi e italiani per primi, celeberrima massima di Voltaire, mattone va per conto suo». E senza
piuttosto che agli insulti del tutti hanno ragione (quel tanto di «religione» avremmo e già abbiamo
commentatore di turno. Questa è una ragione che dura lo spazio della sua una sorta di accatastamento dei più SPETTACOLI
seria politica. E se questa politica produce enunciazione) di modo che non disparati frammenti di mondo. La
– come ieri sera nell’Eurogruppo – un l’abbia nessuno. Il «dibattito qual cosa logora i sempre più isolati Gesù sullo schermo
qualche utile compromesso, meglio usarlo pubblico» è dunque una sorta di individui e le manovre del potere, “Passione” in technicolor
bene. E passo dopo passo farlo evolvere, «sassaiola» di enunciazioni che non ha opinioni, ma pura forza
piuttosto che parlarne male. disparate in cui a soccombere, in decisionale. e i canti di Pasqua
© RIPRODUZIONE RISERVATA realtà, sono più sottili armi © RIPRODUZIONE RISERVATA Calvini e Sparagna a pagina VI
https://overposting.info/
Cari fratelli sacerdoti, siamo stati unti per ungere, per donare noi stessi. #PreghiamoInsieme
2 LETTERE E IDEE Venerdì 10 aprile 2020
oggi chiedendo l’umiltà di custodire questo dono dell’unzione e implorando la misericordia di Dio
per il popolo a noi affidato e per il mondo intero. #GiovedìSanto Papa Francesco

A voi la parola L’EVENTO ASTRONOMICO Lo sguardo oltre la mascherina


Avvenire, Piazza Carbonari, 3 - 20125 Milano. Email: lettere@avvenire.it; Fax 02.67.80.502

Carità e Covid-19: QUESTA CRISI CI PORTA A SFIDARE


DUE NEMICI: VIRUS ED EGOISMO

quella distrazione Gentile direttore,


stiamo vivendo un momento di grande
difficoltà per il Paese, una cosa per mol- Nella sera del Crocifisso
sui 200 milioni ti di noi mai vista e mai provata. Ho letto
il discorso sulla crisi di Albert Einstein e si gioca il nostro onore
impegnati dalla Cei penso sia di grande stimolo in un mo-
mento del genere. Ricordiamoci che sen-
za difficoltà non ci sono sfide che posso- PIERANGELO SEQUERI
Gentile direttore no essere affrontate, analizzate e vinte.

L
ieri sul sito online “Avvenire.it” e stama- Se nella nostra strada non andiamo mai o sguardo sopra la mascherina
ne, giovedì 9 aprile, sul quotidiano ab- incontro a situazioni di crisi, noi conti- incontra la morte. E vorrebbe tirarsi
biamo letto che la Cei ha intelligente- nuiamo ad andare avanti come tutti i la mascherina anche sugli occhi,
mente destinato 200 milioni di euro ag- giorni senza farci troppe domande, ri- come i bambini sotto le coperte, quando è buio.
giuntivi alle reti di solidarietà diocesane manendo appesi alle nostre convinzio- ("Se non la vedo, forse non mi vedrà"). Noi
per arginare l’emergenza in corso, fron- ni. Nelle situazioni di crisi, ogni ostacolo grandi – si fa per dire – non siamo forse tentati di
teggiando sofferenze e povertà, ma la diventa una sfida e la vittoria, nel mo- fare la stessa cosa? Non abbiamo cercato anche
stampa nazionale e anche i Tg dei gran- mento in cui ci sarà, darà un gusto diver- noi di rimuoverla dal nostro spensierato
di network televisivi sembrano aver tra- so alla sfida stessa. Per vincere dobbia- benessere, sperando di sfiorarla senza farci
scurato tutti insieme una notizia che me- mo sapere individuare il “nemico” e dob- notare, di passare inosservati, con l’idea di
ritava molto rilievo. Cosa succede? Gra- biamo avere la capacità di organizzarci; esserne esonerati?
zie di quanto potrà dirci.
Francesco Castelli
serve astuzia, intelligenza, conoscenza e
creatività. Questa è la più importante,
La Superluna più spettacolare del 2020 Il piccolo bastardino infettivo che ora ha preso
possesso del pianeta, per non saper né leggere né
perché porta nuove idee e nuove risorse. Più vicina e più luminosa del 15 per cento scrivere, appare anche pieno di sorprese: che si
In Italia, gentile signor Castelli, c’è libertà Oggi abbiamo due “nemici”: il virus e l’e- fanno beffe dei nostri calcoli. I numeri danno un
di informare e anche di non informare. goismo. Per il primo lasciamo spazio a obiettivo e una dimensione alla lotta, certo, ci
E anche di essere distratti. Ma che si chi è competente, per il secondo basta ri- Sono i giorni della Superluna più spettacolare del 2020: la Luna piena infatti è mancherebbe. Ma non ci dicono un bel niente
informino o meno i propri lettori, che si cordarci che ciò che abbiamo fatto per più vicina del solito, appare un po’ più grande e il 15% più luminosa. È la terza, del senso e dello struggimento in cui ci sentiamo
sia o meno distratti, i fatti restano, e nel noi stessi muore con noi, ciò che possia- dopo quelle dei due mesi precedenti, ma è ancora più super perché ancora moralmente impegnati a combatterla, per
bene e nel male – se toccano la vita del- mo fare per gli altri durerà per sempre. più vicina. È inoltre un’occasione preziosa per scoprire la bellezza del cielo rimanere umani. Giustamente, molte voci si
la gente – parlano. In questo caso, i fatti Andrea Zirilli notturno, dal balcone o dalla finestra, in un periodo in cui ci si vive in casa per levano ora a ricordare il nostro colpevole eccesso
parleranno certamente. Lo stanziamen- limitare la diffusione del coronavirus. La notte tra mercoledì e ieri il nostro di assuefazione alla società della spensieratezza,
to straordinario da parte della Cei di al- ANCHE LAVARSI LE MANI satellite ha raggiunto la fase di Luna Piena in prossimità della minima distanza che sembrava poter confinare la morte fra i
tri 200 milioni di euro dell’8 per mille per PUÒ DIVENTARE PREGHIERA dalla Terra (perigeo) quando si è trovata a 356.908 chilometri da noi, contro danni residuali della crescita del benessere.
sostenere chi soffre a causa della pan- Gentile direttore, una distanza media di poco più di 384.000 chilometri. (Queste voci, per altro, sono già oggetto di
demia Covid-19 si aggiunge ai primi in- papa Francesco ha voluto chiese e par- intimidazione, ammonite a non approfittare
terventi urgenti per lo stesso fine di 22,5 rocchie aperte anche se – per evitare tra dell’emergenza per toglierci il sogno di ritornare
milioni. E rafforza un impegno caritati-
vo “ordinario” della Chiesa italiana che
i fedeli la diffusione del coronavirus – so-
lo per pregare. Senza voler giudicare nes-
Scripta manent a farci coccolare dagli eccessi della vita che
abbiamo saputo permetterci, come meglio
quest’anno sta già impegnando 285 mi- suno, ma rivolgendomi a quanti pensa- vogliamo e possiamo. Più che una voce fuori dal
lioni di euro. Lascio a lei la somma tota-
le. E a chi legge di giudicare se questa è
no che il buon Dio ascolti di più le ora-
zioni dette direttamente nella sua Casa, Un sasso nello stagno e quella richiesta coro, però, mi sembra una nota stonata del
trombone. Un eccesso tira l’altro, insomma).
una notizia che merita di essere data o vorrei ricordare ciò che scrive l’apostolo Il tema non è quello di accumulare sensi di colpa
no... (mt) ed evangelista Matteo: «Quando vuoi pre-
gare, entra nella tua camera e, chiusa la
non esaudita per i nostri cuccioli maturi per la nostra ricerca del benessere, infilandoci
nel sacco dei flagellanti che devono espiarla. La
BRAVI CAMPANINI E MAFFEI, SI VALUTI porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il grafica sta mostrando impietosamente,

G
LA VIA DELL’ANTICIPAZIONE FISCALE Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricom- entile direttore, so è diverso. Chi lavora accanto a loro, gli comunque, che il rosso più vivo della presenza
Caro direttore, penserà». Poi, in punta di piedi, aggiungo non avrei mai immaginato che il operatori socio sanitari, hanno spesso un del "nemico" è trasversale alle società più
sottoscrivo in pieno le proposte avanza- una mia personale postilla. Poiché giusta- mio piccolo sasso lanciato nello contratto di lavoro anomalo, ricevono un "affluenti" del pianeta. (Le altre, durante la
te dai professori Campanini e Maffei con mente i medici di ogni ordine e grado ci stagno del mondo della disabilità potes- compenso solo quando il ragazzo è pre- nostra spensierata gestione dalle crisi di crescita,
le loro lettere pubblicate domenica 22 chiedono di lavarci le mani più spesso, nel- se ottenere una così largo eco. È avvenu- sente, ma se è assente per malattia, nien- generavano creature destinate a convivere con la
marzo. Da nonno, pensionato, altrettan- l’interesse nostro e dell’intera comunità, to grazie a lei ed al suo giornale (“Avveni- te diaria, quindi sono più facilmente di- malattia, la guerra e la morte, fin dalla prima
to preoccupato – come lei sottolinea – per incentivando un gesto così semplice, ma re” del 31 marzo 2020). Abito nel territo- sponibili a entrare nelle case per avere un poppata. Da molti decenni). Qualcosa vorrà dire.
il futuro di questo Paese (cioè, in concre- evidentemente poco diffuso e comunque rio dell’Aulss6 e non metto in dubbio che reddito minimo, purché la famiglia firmi Gesù non è un lugubre profeta di sventura, che
to, delle mie figlie e dei miei nipoti), mi di efficace prevenzione contro le infezio- le misure adottate nel campo dei servizi un’autocertificazione che non ha con- avvolge di infausti pronostici la ricerca di una
permetto aggiungere alla loro proposta ni virali, proporrei quando le insaponia- alla persona disabile non siano appro- tratto la patologia: e chi lo può confer- vita migliore: che certamente onora il compito
di “donazione”, una proposta di antici- mo e le sciacquiamo sotto l’acqua, di reci- priate. Ma noi genitori avremmo voluto mare? E cosa si rischia se l’indomani è affidato agli umani con la creazione stessa di Dio.
pazione delle future imposte che possa tare – con vera fede e consapevolezza – le semplicemente poter uscire qualche vol- accertato il contagio? Per caso una de- Gesù sa commuoversi, e commuovere, per la
aiutare a diluire il debito e circoscriverlo parole che il sacerdote pronunzia prima ta dalla reclusione imposta, per non su- nuncia? Dev’essere poi sempre presente bellezza della natura restituita ai suoi incanti –
a noi contribuenti italiani persone fisi- dell’Eucarestia: «Lavami, o Signore, mon- bire le ribellioni anche pesanti dei nostri un familiare, allora che aiuto è? E niente dalla fioritura dei gigli alla nascita dei bambini.
che. Con una modalità simile a quella in dami da ogni peccato e da ogni male». Co- figli. Poi, senza voler essere polemica, al- passeggiate. Niente assicurazione che l’o- Gesù paragona il regno di Dio a una festa di
uso per le detrazioni fiscali di ristruttura- sì un gesto, per molti, meccanico si rivestirà la luce del “libera tutti” poi arrivato, ci sa- peratore abbia già lavorato a scuola con nozze, in cui si apprezza il vino buono; a una
zioni edilizie e investimenti per il conte- dell’aura luminosa della preghiera! rebbe stato veramente di aiuto che gli e- tuo figlio, quindi lo conosca. Questa è l’of- casa ben tenuta in cui è bello abitare; a una
nimento energetico, tramite un bonifico Raffaele Pisani ducatori e gli operatori socio–sanitari che ferta. Caro direttore, io le sono ricono- semina ben riuscita, che ricompensa del buon
“parlante” potremmo girare parte dei no- napoletano a Catania lavorano nei Centri diurni, venissero a scente per aver dato spazio al mio scrit- lavoro fatto. Gesù apprezza l’accortezza della
stri depositi dai nostri conti correnti al- casa, sempre con il compito di sollevar- to. Molti altri e pesanti sono i nostri pro- buona amministrazione, la generosità
l’erario, che si impegnerebbe a restituir- AUMENTANO GLI ANNI E CRESCONO ci dalla fatica quotidiana di trovare sti- blemi. Ma il figlio che abbiamo accolto, dell’offerta di lavoro, l’abilità negli affari, persino.
li a noi (o ai nostri eredi) in un certo nu- STIMA E AFFETTO PER «AVVENIRE» moli per i nostri cuccioli ormai maturi, a cui dedichiamo e non sacrifichiamo la Nel godimento della bellezza della vita della
mero di anni come deduzione, o restitu- Caro direttore, magari per 2 ore la settimana. Personale nostra vita, ci guarda con occhi innamo- natura e nella fierezza dell’abilità che ne
zione in caso di incapienza. Il modesto quanto più passano gli anni – e non so- che conosce bene i nostri figli adulti e rati, ha fiducia in noi, non possiamo tra- amministra i beni non c’è colpa. Ma quando la
patrimonio di risparmi di cui dispongo, no pochi, considerando la mia età – cre- quindi capace di una relazione costrut- dirlo, possiamo solo aiutarlo e aiutare la spensieratezza e l’abilità rimuovono la
infatti, è per me e mia moglie una riser- sce la stima e l’apprezzamento (e, perché tiva, se bel tempo per una passeggiata, se nostra società a crescere rispettando la condivisione umana della vita buona,
va per eventuali improvvise nostre ne- no?, l’affetto) verso “Avvenire”. Andare al- brutto per giocare con giochi a tavolino. sua persona, le sue abilità ed il suo dirit- consegnando i più vulnerabili alle loro ferite, i
cessità, nella speranza di non dover pe- l’edicola tutte le mattine (tranne il lunedì) Ma la richiesta non si è concretizzata. Per to a una vita dignitosa. dimenticati al loro abbandono, gli innocenti alla
sare sui nostri discendenti e anzi di po- a comprarlo è la prima cosa che faccio. In gli alunni con disabilità, invece, il discor- Piera Fracassi Cipresso loro mortificazione, tutta la nostra
ter loro lasciare qualcosa in eredità. So- particolare, per andare ai giorni scorsi, ho spensieratezza e tutte le nostre abilità diventano
no limitatamente “generoso” per effet- apprezzato moltissimo Ivano Dionigi per la motivo di disonore. Pura e semplice vergogna. Il
tuare una donazione, un po’ più dispo- rubrica “Tu quis es?” sia per lo stile che per la vignetta vangelo è questo.
nibile ad “anticipare” il saldo di un mio fu- la sostanza; uomo di cultura, mi ha arric- Nel Figlio abbandonato e crocifisso, umiliato e
turo debito a questo mio Paese. Come me chito molto. È quanto mai opportuno, direi offeso, Dio mette in gioco il proprio onore. Lo
credo altri nonni. necessario oggi, quel che lui ha scritto sul- immerge nel luogo dell’abisso che inghiotte ogni
Ivo Deitinger la politica quale “nobile arte” pubblicato l’11 umana dignità – l’avvilimento che si accanisce
P.S. Compravo quotidiana- marzo scorso. Restando sempre al numero sull’innocenza indifesa, l’odiosa prepotenza che
mente “Avvenire”, ma ora – nel- dell’11 marzo, sono molto contento della approfitta della debolezza, il pubblico ludibrio
l’emergenza – ho approfittato presentazione a pag. 24 del libro di Arman- della mitezza ospitale – perché noi si trovi la
dell’opportunità di abbona- do Matteo “Pastorale 4.0 eclissi dell’adulto libertà di riscattarci dall’orrore dei nostri
mento gratuito. Quando, spe- e trasmissione della fede alle nuove gene- spensierati abbandoni. Davanti a Dio l’umanità è
ro al più presto, potrò tornare razioni”. Avevo già letto anni fa “La prima una: tutti siamo ospiti, padroni nessuno. La
all’acquisto cartaceo le chie- generazione incredula” e presto comprerò Croce, piantata nel cuore della storia, presidia il
derò di indicarmi il modo di il nuovo. Grazie ancora e buon lavoro al di- riscatto del peccato del mondo. In attesa di
sdebitarmi, con pensiero rettore del giornale e alla sua équipe. un’umanità che ritrovi l’onore, tanto per
preoccupato alla sorte del mio Nicola Molè cominciare.
abituale edicolante. Terni © RIPRODUZIONE RISERVATA

WikiChiesa Il santo del giorno


GUIDO MOCELLIN MATTEO LIUT
Maddalena di Canossa
del restare a casa: «O ci deprimiamo, o ci alieniamo – per assieme ad alcune donne che
Francesco e le Messe in streaming: esempio, con mezzi di comunicazione che possono con- Accanto a poveri e ultimi saranno poi il primo nucleo del-
durci a realtà di evasione dal momento presente –, oppure le Figlie della Carità, le Canos-
è accompagnare il popolo di Dio creiamo». Quanto invece all’utilizzo che gli uomini di per dare un futuro al mondo siane: la fondatrice morì nel
Chiesa possono fare di alcuni strumenti, di fronte alla 1835, dopo aver dato vita anche
pandemia e ai vincoli che essa pone alle relazioni uma- al ramo maschile.

P apa Francesco ha rilasciato ad Austen Ivereigh un’in-


tervista tutta incentrata sulla pandemia da coronavi-
rus. È rivolta al mondo anglofono, dove è uscita – sui siti
ne, la sua prospettiva è positiva: «La mia preoccupazione
più grande – almeno, quella che avverto nella preghiera
– è come accompagnare il popolo di Dio e stargli più vi-
P er cambiare il mondo biso-
gna farsi compagni degli
ultimi, amici degli emarginati,
Altri santi. San Beda il Giovane,
monaco (IX sec.); san Mattia
Marco, martire (XIII sec.).
di The Tablet ( bit.ly/2Xn3l1m ) e di Commonweal – l’8 a- cino. Questo è il significato della Messa delle sette di mat- apostoli tra i disperati. Una stra- Letture. Venerdì Santo. Cele-
prile. Di là dell’Atlantico verrà sicuramente letta con gran- tina in live streaming, seguita da molti che si sentono ac- da che portò santa Maddalena brazione della Passione del Si-
de interesse: lo stesso giorno il Pew Research Center ha compagnati». Mi piace sottolineare quest’ultimo passo di Canossa in mezzo ai poveri. gnore. Is 52,13–53,12; Sal 30; Eb
fatto sapere, rilanciando una sua recentissima inchiesta perché darà conforto ai tanti sacerdoti e vescovi che stan- Nata nel 1774 a Verona in una 4,14–16;5,7–9; Gv 18,1–19,42.
d’opinione ( pewrsr.ch/3e9w6o7 ), che il Papa gode tut- no moltiplicando in questa direzione i loro sforzi, come famiglia nobile, dopo una terri- Ambrosiano. Celebrazione del-
tora del favore di tre quarti degli americani. Non manca- “Avvenire” e altri in Rete stanno ampiamente documen- bile malattia decise di offrire la la Passione del Signore. Is
no lungo l’intervista – in italiano si può leggere sul sito de tando. Provare – a maggior ragione in questi giorni del propria vita a Dio, entrado nel 49,24–50,10; Sal 21 (22), 17c–20.
“La Civiltà Cattolica” ( bit.ly/2RiFvAb ) – i riferimenti alla Triduo – a trasmettere nelle nostre case parole e preghie- Carmelo. Capì presto, però, di 23–24b; Is 52,13–53,12; Mt 27,
vita digitale, brevi ma precisi. Prima Francesco fa un ac- re, armeggiando con gli smartphone e i social network, è essere chiamata all’apostolato 45–46. 51; Gv 19, 30. 34; Mt 27,1–
cenno neutro: anche nella Santa Sede, di questi tempi, un modo di accompagnare il popolo di Dio, di stargli vi- nel mondo: dal 1808 cominciò 56. Celebrazione nella deposi-
«ciascuno lavora nel suo ufficio o da casa, con strumenti cino: con espressione evangelica, di farsi a noi prossimi. così a lavorare in mezzo alle ra- zione del Signore. Dn 3,1–24;
digitali». Più avanti ne fa invece uno guardingo sui rischi © RIPRODUZIONE RISERVATA gazze della periferia veronese Dn 3,91–100; Mt 27,57–61.
www.avvenire.it
@ Video. Gli auguri di buona Pasqua alla comunità da parte dei
giovani di una parrocchia romana: non sprecate questo tempo Venerdì 10 aprile 2020 IDEE E COMMENTI 3

ANALISI L’opportunità che le nazioni devono cogliere per guardare oltre l’emergenza

Q
ualche giorno fa papa Francesco
ha espresso una «doppia preoccu-
È il momento di gettare le basi
per un nuovo ordine mondiale
pazione: nel presente come aiuta-
re soprattutto i più deboli; per il fu-
turo in che modo uscire rafforzati nella so-
lidarietà, perché da questa crisi emerga un
“di più” di fraternità a livello globale». Co-
niugando empatia per chi soffre oggi e
maggiore solidarietà domani, Francesco
fa emergere il legame che unisce le sfide La pandemia virale ha generato percorsi mericano»). Insomma, il conflitto in cor-
so ormai da tempo continua e blocca le
parte del mondo crea una situazione che,
per certi versi, è il contrario di una guerra,
del presente e quelle del futuro. È un le-
game confermato anche dallo scambio di
aiuti tra Paesi diversi, una sorta di prova ge-
di solidarietà inediti. Da questa base possibilità di collaborazione tra questi due
Paesi anche dopo il coronavirus. Da parte
americana, il blocco non è attribuibile so-
quando ci sono popoli che si considerano
nemici e Stati che si combattono. In que-
sto caso, invece, tutti i popoli hanno lo stes-
nerale delle relazioni internazionali dopo
questa pandemia. All’Italia sono arrivati
si può ripartire per abbassare le tensioni lo a Trump e non riguarda solo la Cina. L’o-
stilità verso questo Paese ha radici bipar-
so nemico e per combatterlo gli Stati so-
no spinti a collaborare fra loro. Più che in
aiuti dall’Unione Europea e altri da Ger-
mania, Francia e Spagna (a loro volta col-
e unire i Paesi nella lotta ai veri conflitti tisan nella classe dirigente americana,
convinta che la collaborazione interna-
una situazione di guerra, quando ciò che
conta è schiacciare il nemico, stiamo an-
pite duramente): sono probabilmente più zionale e le istituzioni multilaterali abbia- dando verso un “dopoguerra”, in cui è ne-
di quelli che le preoccupazioni di questo no favorito troppo la Cina: ieri il Wto (Or- cessaria la collaborazione e svantaggioso
momento, iniziali errori di comunicazio- AGOSTINO GIOVAGNOLI ganizzazione mondiale del commercio), il conflitto. È evidente oggi il forte interes-
ne e radicati, reciproci tic polemici ci fan- oggi l’Oms (Organizzazione mondiale del- se di tutti i Paesi del mondo a studiare in-
no percepire, perché – nonostante esita- la sanità), oltre all’Onu, verso cui l’atteg- sieme il Covid-19, individuando
zioni e resistenze – qualcosa di importan- do. Gli aiuti che arrivano attualmente dal- cordo con Taiwan in funzione anti-Pechi- giamento americano è freddo da tempo. rimedi efficaci in breve tempo e I popoli hanno
te in Europa si sta ancora muovendo ver- la Cina costituiscono un gesto di disten- no. Sul piano della propaganda, Trump e a basso costo, nel tentativo an- lo stesso nemico
so una maggiore condivisione. Altri aiuti
sono arrivati, fraternamente, dalla picco-
la Albania, espressione di una generosità
sione ed esprimono volontà di collabora-
zione. Il presidente Xi Jinping ha proposto
di affrontare insieme le conseguenze del
i suoi collaboratori e sostenitori mediati-
ci continuano a parlare di «virus cinese» e
la Cia accusa Pechino di essere responsa-
L a grave situazione creata dal coronavi-
rus, tuttavia, pone a tutti domande
nuove. Si paragona spesso la crisi attuale
che di evitarne una diffusione in
Africa e altrove che sarebbe disa-
strosa per tutti. Altrettanto evi-
e sono spinti a
collaborare
molto apprezzata. Altri ancora dalla Rus- Covid-19, sottolineando che il virus non bile della diffusione nel mondo del Covid- a una guerra, ma un vero clima di guerra dente è la necessità di un grande Servirà domani
sia e dalla Romania e, poi, dalla Polonia, conosce confini e distinzioni etniche: «È il 19. Altri rilanciano addirittura le fake news è quello che si respirava fino a poche set- sforzo congiunto per far riparti- a vincere
dalla Svizzera. comune nemico dell’umanità, e la comu- sul «laboratorio militare» cinese che lo a- timane fa e nel mondo molti conflitti con- re l’economia mondiale.
nità internazionale può sconfiggerlo solo vrebbe «fabbricato». Dalla Cina si rispon- tinuano anche in tempi di pandemia: Li-
insieme la «terza
guerra mondiale
A nche la Cina si è mossa. Oltre a un
team di esperti, molto materiale sani-
tario è arrivato da questo Paese anche in
attraverso uno sforzo comune». È un’a-
pertura su cui gli altri Paesi si stanno in-
terrogando.
de attribuendo la diffusione del virus a u-
na squadra sportiva americana che ha vi-
sitato l’Hubei lo scorso ottobre (anche se
bia, Siria, Yemen, Afghanistan... È la «ter-
za guerra mondiale a pezzi» di cui ha par-
lato tante volte papa Francesco e che ri-
L a contrapposizione tra Cina e
Stati Uniti costituisce però un
ostacolo su questa strada. Può
a pezzi»
Italia, in parte a pagamento, in parte co- l’ambasciatore cinese a Washington ha flette un deterioramento nelle relazioni in- l’Europa fare qualcosa per favorire una
me donazione gratuita. C’è stata anche u-
na significativa novità: molti cattolici ci-
nesi (come padre Zhang di Jinde Charity
F inora, la risposta americana è stata so-
stanzialmente negativa. All’inizio di
marzo, Washington ha rafforzato il suo ac-
provato a spegnere l’incendio definendo
«pazzo chi pensa che il coronavirus sia sta-
to prodotto in un laboratorio militare a-
ternazionali e un logoramento delle orga-
nizzazioni multilaterali.
Oggi, invece, il virus che ha colpito gran
maggiore collaborazione internazionale?
La situazione creata dalla pandemia spin-
ge a guardare soprattutto tre grandi bloc-
e i vescovi Dang chi: la Cina, gli Stati Uniti e l’Europa. E la
Ming–yan di storia spinge quest’ultima a operare per il
All’Italia sono Xian, Shen Bin «di più di fraternità a livello globale» di cui
giunti aiuti da di Haimen e Li c’è grande bisogno. Le radici dell’Unione
nazioni europee Shan di Pechi- Europea, infatti, affondano proprio nella
no) hanno po- situazione di un altro dopoguerra, quello
e non solo, anche tuto inviare di- dopo il Secondo conflitto mondiale. Allo-
da Pechino, e rettamente ma- ra, quando la ricostruzione era un’urgen-
moltissimi scherine, tute za per tutti, furono poste le fondamenta di
protettive e al- un nuovo ordine internazionale e furono
cattolici cinesi tro materiale creati nuovi organismi come l’Onu, la Fao,
hanno inviato sanitario alla la Banca mondiale per realizzarlo. Mal-
materiali o Santa Sede, che grado il lungo inverno dalla “guerra fred-
effettuato ne ha donato u- da”, continuiamo ancora in parte a bene-
na parte all’Ita- ficiare dei frutti della collaborazione di al-
donazioni a lia, e a organiz- lora. Anche l’unificazione europea è ini-
realtà ecclesiali zazioni cattoli- ziata grazie a quel contesto e da allora gli
Un incontro da che italiane europei hanno goduto ininterrottamente
non sprecare (Diocesi di Ro- di una situazione di pace che ha favorito
ma, Caritas am- pure quella nel resto del mondo.
brosiana, Co-
munità di Sant’Egidio...). Anche la Croce
Rossa cinese ha inviato materiale sanita-
rio alla Farmacia Vaticana: anche questa è
G li Stati europei sono oggi molto im-
pegnati ad affrontare la sfida di una
maggiore solidarietà interna. Ma non do-
una significativa prima volta. La Santa Se- vrebbero trascurare ciò che possono fare
de ha apprezzato il «gesto generoso» e e- per il mondo nel suo complesso, che è poi
spresso «riconoscenza ai vescovi, ai fede- un modo per aiutare anche se stessi. Po-
li cattolici, alle istituzioni e a tutti gli altri trebbero, ad esempio, cogliere l’occasio-
cittadini cinesi per questa iniziativa uma- ne per gettare, insieme a Stati Uniti, alla
nitaria», anche a nome del Papa. La Cina Cina e a tutti gli altri, le basi di un nuovo
è preoccupata di un atteggiamento nega- ordine internazionale, in grado di ferma-
tivo nei suoi confronti diffuso in diversi re la «terza guerra mondiale a pezzi» e mol-
Paesi. Anche in Italia, soprattutto nella fa- te sanguinose guerre locali, come ha chie-
se inziale della pandemia, ci sono stati e- sto il segretario generale dell’Onu Guter-
pisodi di intolleranza e razzismo verso ci- res e come invoca il Papa, facendo «ripar-
nesi che non avevano e non hanno alcu- tire il mondo» dopo il coronavirus.
na responsabilità in quanto sta accaden- © RIPRODUZIONE RISERVATA

Questa crisi tra truci frasari e bispensiero orwelliano avvenuto. Smontare la retorica della Cresce la consapevolezza su chi siano i migliori fra noi nità, il bene collettivo, per tutti.
guerra serve a questo: a chiarire che È un concetto che ripeto da tempo. U-
SMETTIAMOLA UN PO' TUTTI i medici sono lavoratori e sono per-
sone. Tutelate. Nel diritto alla salute. MA OGGI RICONOSCIAMO na volta occorreva l’occasione spe-
ciale per dimostrarsi un eroe. Adesso
DI CHIAMARLA «GUERRA» Ma anche nel diritto al riposo, agli af-
fetti. La retorica della guerra è così EROI QUELLI CHE SALVANO basta la vita quotidiana. Una volta l’e-
roismo lo dovevi cercare e raggiun-
servita a occultare le responsabilità gere. Adesso è intorno a te, in casa,
di chi doveva garantire che quel pri- sul luogo di lavoro, scuola, ospedale,
L’utilizzo della retorica bellica – «sia- mo argine all’infezione potesse ope- compiva operazioni rischiose con- ufficio, strada, fiume, campo. Una
LUCA MIELE FERDINANDO CAMON
mo in guerra» – serve, in realtà, a in- rare in sicurezza, salvaguardando se tro un nemico, lo sfidava, lo colpi- volta essere eroe era legato a com-

Q I
uello in cui il co- trodurre elementi che poco servono stessi e gli altri. l concetto di “eroe” non è va, se poteva lo colpiva a morte, e ri- battere. Adesso è legato a lavorare. Mi
ronavirus ci sta fa- ad affrontare l’emergenza. E che an- Ma la retorica della guerra nasconde più quello che ci hanno in- tornava vivo tra noi. Ma non era ne- ha sempre stupito l’usanza di sce-
cendo affondare è zi la inquinano, falsandone la narra- anche un’altra insidia. Essa semplifi- segnato a scuola e che tro- cessario che tornasse: per essere e- gliere i cavalieri del lavoro tra poten-
un terreno sdruc- zione, alterandone i contorni. La ca e travolge le procedure, annienta vavamo nei libri di storia. Adesso, roe bastava compiere un’azione co- ti capitani d’azienda, spesso fonda-
ciolevole, melmoso. Siamo dinanzi a spingono su un terreno che poco ha le mediazioni (il Parlamento ne è il nei tg e sui giornali, vediamo defini- raggiosa, mostrare sprezzo del pe- tori e direttori di megaimprese..: nel-
qualcosa di cui abbiamo perso me- a che fare con l’emergenza che siamo triste emblema: da legislatore e con- ti eroi operatori nel campo della me- ricolo, eseguire un ordine anche se l’umile scuola dove ho passato la vi-
moria (l’ultima grande epidemia si vivendo. Ma, se è così, l’uso della re- trollore appare ridotto a sede delle dicina, degli ospedali, delle scuole, poteva costare la vita. ta ho conosciuto professori che giun-
era consumata in Europa nel bien- torica bellicista a cosa obbedisce? Co- ratifiche degli atti di governo, e le stes- delle missioni, che svolgono la loro Al liceo abbiamo studiato su testi di ti alla pensione si vantavano di non
nio 1918-1920) e per questo ci appa- sa rischia di far passare? se opposizioni, in esso, sembrano a- opera perché non possono farne a storia in cui gli eroi avevano una fo- aver mai fatto neanche un giorno di
re inafferrabile, sfuggente, scivolosa. La retorica bellica serve innanzitut- vere interesse quasi solo a polemiche meno, è un’attività a cui si sentono to, e avevano compiuto un atto gran- assenza, si son sempre presentati al-
Siamo confusi, smarriti. E spaventa- to (ed è servita purtroppo) ad ac- d’occasione). Calamita gli umori di legati perché salva. Essere eroe ha a dioso, un atto che paralizza le forze la cattedra anche con due-tre linee di
ti. Temiamo per la nostra vita. E te- compagnare e motivare la sospen- quanti chiedono risposte forti (e sem- che fare col salvare, col voler salva- (ma non a loro), un atto che taglia le febbre, per non smettere di insegna-
miamo che possa crollare il nostro sione delle libertà civili, a far digeri- mai “uomini forti”). Mortifica fino a re a tutti i costi, anche di ammalar- gambe (ma non a loro). C’erano eroi re ai loro ragazzi. Il loro dovere era in-
modo di vivere. Vogliamo essere ras- re lo “stato di eccezione”. È un fatto. zittirla la complessità, e con essa la si, anche di morire. che avevano tagliato il filo spinato ed segnare, e loro facevano il loro dove-
sicurati. Niente di più facile, in que- Le libertà sono sospese. In nome di democrazia. In quella splendida di- Pesco dal giornale questa frase del erano avanzati nelle trincee nemiche, re, febbre o non febbre. Non sono e-
sta situazione, che ricorrere a un ar- una responsabilità collettiva: il con- stopia che è 1984 di George Orwell, presidente Mattarella: «Il nostro pen- eroi che erano avanzati fino addosso roi? Perfetti cavalieri del lavoro? I me-
mamentario concettuale già in no- tenimento dell’epidemia. Bene, giu- una delle misure attraverso a cui ci si siero grato e riconoscente va alle in- alle mitragliatrici nemiche. Tempi dici e gli infermieri “eroi” di oggi van-
stro possesso: quello della metafora sto, necessario, condivisibile. Ma l’e- affida il Grande Fratello è l’imposi- fermiere e agli infermieri in prima li- passati. Dall’altro ieri la foto del no- no al lavoro ogni mattina anche se ri-
bellica. Abbiamo a che fare con un sercizio della responsabilità colletti- zione del “bispensiero”. Perché ogni nea, e con loro a tutti i medici degli stro eroe è quella dell’infermiera se- schiano la vita, e infatti tra loro i mor-
«nemico», gli ospedali si sono tra- va – e dunque l’apertura e la condi- cosa possa esprimere assieme un ospedali e dei servizi territoriali, agli duta, con la testa crollata sul tavolo ti sul lavoro, mentre scrivo, sono qua-
sformati «in trincee», i medici che visione di uno spazio etico – poteva senso e il suo contrario («La guerra è assistenti, ai ricercatori, a quanti o- per la stanchezza. Ha fatto turni di la- si cento. Tra i preti, che curano le a-
hanno perso la vita sono dei «cadu- avvenire solo attraverso una norma- pace» recita uno degli slogan) – nel- perano nei servizi ausiliari: li abbia- voro doppi, tripli. Eroe una volta era nime e soccorrono i poveri, sono al-
ti». Siamo insomma, e lo si ripete o- tivizzazione, attraverso cioè l’impo- la narrazione orwelliana – è necessa- mo visti lavorare fino allo stremo del- colui che obbediva a un ordine e mo- meno altrettanti, e saranno ricordati
vunque, «in guerra». Ma è davvero sizione di un sistema di sanzioni e di- rio che ogni parola si perverta, smet- le forze per salvare vite umane e mol- riva, con ciò rafforzando l’autorità a tutti, appena possibile, nella diocesi
così? Siamo davvero in guerra? Non vieti? Ripetuto, strillato lo slogan «sia- ta di avere una leggibilità compren- ti di loro hanno pagato con la vita il cui obbediva, il comandante, la pa- di appartenenza, ognuno con un suo
richiede la situazione attuale – che mo in guerra» introduce surrettizia- sibile, unica. Restituiamo alle parole servizio prestato ai malati». Sono tria, il re. Obbediva a loro contro i lo- requiem.
giova ricordarlo è un’emergenza so- mente la retorica del sacrificio. Se sia- il loro significato. La nostra è un’e- medici-eroi, infermieri-eroi. Una ro nemici. L’eroismo aveva questa fi- Salvare è una droga. E ormai sono di-
cio–sanitaria – una nettezza non so- mo in guerra, possiamo mandare al- mergenza socio-sanitaria. Non chia- volta il termine eroe non si usava in nalità: consolidare l’ordine. Adesso e- pendenti dalla passione di salvare.
lo dei comportamenti ma anche del- lo sbaraglio i nostri medici, senza a- miamola guerra. questa accezione, lo si usava in roe è colui che fa quel che fa per sé Sono i migliori fra noi.
le parole e del loro significato? deguata protezione. È quello che è © RIPRODUZIONE RISERVATA campo militare e indicava colui che stesso, la propria coscienza, l’uma- © RIPRODUZIONE RISERVATA
https://overposting.info/
Venerdì 10 aprile 2020 PRIMO PIANO 5

Il Papa ieri
durante la
Messa “in
Coena Domini”
Coronavirus: nella Basilica
Vaticana
la fede deserta /
Vatican Media

GIANNI CARDINALE L’OMELIA


Roma
Nella Messa

U in Coena Domini
n appassionato e
commovente omag- la denuncia del
gio ai sacerdoti «che
offrono la vita per il Signore». Papa: innocenti
Ai preti morti in questi giorni insultati a causa
di pandemia, «santi della por- della pedofilia
ta accanto» come i medici e gli
infermieri. Ai preti «calunnia-
Con infermieri
ti» in seguito al dramma degli e medici i preti
abusi. Ai parroci di «campa- che perdono
gna» che conoscono i nomi di la vita servendo
ogni fedele che il Signore ha lo-
ro affidato. Papa Francesco
i malati sono
presiede nella Basilica di San i “santi della
Pietro la Messa “nella Cena del porta accanto”
Signore”, che segna l’inizio del
Triduo Pasquale. È il Giovedì

«Tanti i sacerdoti calunniati


Santo. Quest’anno per il coro-
navirus non è stata possibile
celebrare, in Italia e in tutti i
Paesi colpiti dal morbo, la Mes-
sa crismale del vescovo con
tutti i sacerdoti della propria La Passione
diocesi. Neanche il Vescovo di

C’è chi non può andare in strada»


Roma ha potuto farlo nella sua alle 18 poi
Cattedrale di San Giovanni in la Via Crucis
Laterano. Papa Francesco di-
ce di sperare di poterlo fare en-
in piazza
tro la Solennità di Pentecoste,
che quest’anno cade il 31 mag- Oggi il Papa
gio, altrimenti «dobbiamo ri- ziona «i sacerdoti che vanno insultano; e loro continuano». sì, «con questa coscienza del- cramentale», almeno «date la conclude il Papa – per la gra- presiederà la
mandarla all’anno prossimo». lontano per portare il Vangelo «Tutti siamo peccatori», ricor- la necessità di essere lavati, sia- consolazione» e «lasciate la zia del sacerdozio. Ringrazio celebrazione della
Nel frattempo però approfitta e muoiono lì». L’omaggio del da il Papa. «Sacerdoti peccato- te grandi perdonatori». E «se porta aperta» perché il peni- Dio per voi, sacerdoti. Gesù vi Passione del Signore
della Messa “in Coena Domi- Papa va poi ai «parroci di cam- ri, che insieme a vescovi pec- non potete dare il perdono sa- tente ritorni. «Ringrazio Dio – vuole bene! Soltanto chiede alle ore 18 presso
ni” per manifestare la sua vici- pagna che sono parroci di catori e al Papa peccatore non che voi vi lasciate l’Altare della Cattedra
nanza a tutti i sacerdoti del quattro, cinque, sette paesini si dimenticano di chiedere lavare i piedi». nella Basilica di San
mondo. e vanno dall’uno all’altro, co- perdono, e imparano a perdo- Come è stato nel- Pietro. Dopo la
Il Pontefice pronuncia l’ome- noscono la gente…». «Una vol- nare, perché loro sanno che L’amministratore la Domenica del- processione iniziale
lia a braccio. «Oggi – dice – vor- ta – racconta – uno di loro mi hanno bisogno di chiedere apostolico del le Palme e come Francesco compirà la
rei essere vicino ai sacerdoti, diceva che conosceva il nome perdono e di perdonare». Ci patriarcato sarà nelle altre li- prostrazione sotto i
ai sacerdoti tutti, dall’ultimo di tutta la gente dei paesi. sono poi, ha proseguito il Pa- latino di turgie di questi gradini del
ordinato fino al Papa. Tutti sia- “Davvero?”, gli ho detto io. E pa, «i sacerdoti che soffrono Gerusalemme, giorni la Messa presbiterio. Il bacio
mo sacerdoti. I vescovi, tutti… lui mi ha «detto: “Anche il no- dopo una crisi e non sanno co- l’arcivescovo “in Coena Domi- alla croce sarà
Siamo unti, unti dal Signore; me dei cani”». Infine, i «sacer- sa fare, sono nell’oscurità…». Pizzaballa, ni” si celebra al- limitato al solo
unti per fare l’Eucaristia, unti doti calunniati». Tante volte «Oggi tutti voi, fratelli sacer- all’interno della l’Altare della Cat- celebrante. A tenere
per servire. Il Papa pensa ai succede oggi – spiega –, non doti, siete con me sull’altare, Basilica del tedra. Presenti, l’omelia sarà padre
«più di 60» preti che «qui in I- possono andare in strada per- voi, consacrati», ha assicurato Santo Sepolcro oltre ai cerimo- Raniero
talia» hanno perso la vita «nel- ché dicono loro cose brutte, in Francesco. Con una racco- a Gerusalemme nieri pontifici Cantalamessa,
l’attenzione dei malati, negli riferimento al dramma che ab- mandazione: «Soltanto vi dico ieri per i riti del guidati da monsi- predicatore della casa
ospedali». Con «i medici, con biamo vissuto con la scoperta una cosa: non siate testardi co- Giovedì Santo gnor Guido Mari- pontificia. Alle ore 21,
gli infermieri» aggiunge «sono dei sacerdoti che hanno fatto me Pietro, lasciatevi lavare i ridotti ni, solo il cardina- sul sagrato della
“i santi della porta accanto”, cose brutte. Alcuni mi diceva- piedi. Il Signore è vostro servo, a causa del le arciprete della Basilica Vaticana,
sacerdoti che servendo hanno no che non possono uscire di lui è vicino a voi per darvi la virus/ Reuters Basilica Vaticana avrà quindi luogo la
dato la vita». Francesco men- casa con il clergyman perché li forza, per lavarvi i piedi». E co- Angelo Comastri, Via Crucis. La croce
il vescovo delega- sarà condotta da due
to della Fabbrica gruppi di cinque
GERUSALEMME Vittorio Lanzani, persone ciascuno,
il coro della Cap- quello della casa di

E il Cenacolo resta chiuso pella Sistina a


ranghi risotti e
pochi altri. Non ci
sono i cardinali
che insieme agli
reclusione “Due
Palazzi” di Padova e
quello della Direzione
sanità e igiene del
Vaticano. Il percorso
Nessuna liturgia nel luogo dell’Ultima Cena. Parla Pizzaballa ecclesiastici che
compongono la
avrà inizio nei pressi
dell’obelisco, girerà
Cappella pontifi- attorno allo stesso
GIORGIO BERNARDELLI una liturgia essenziale a porte chiu- del patriarcato latino, l’arcivescovo pure ci sarà, dipenderà dalla novità cia di solito accompagnano il poi procederà verso il
se e alla presenza dei soli religiosi. Pierbattista Pizzaballa, che nella delle relazioni che iniziamo a co- Papa nelle grandi liturgie. A ventaglio sotto cui

A
nche la porta della «sala al Alla fine, invece, neanche questo è Basilica del Santo Sepolcro ha pre- struire ora. La morte, ogni morte, tutti loro è stato chiesto, tra- sarà collocato il
piano superiore» è rimasta stato possibile: è stato lo stesso Cu- sieduto la Messa in Coena Domini non è vinta semplicemente dalla vi- mite l’Elemosineria apostoli- Crocifisso di San
chiusa a Gerusalemme: stode, fra’ Francesco Patton, a co- (a porte chiuse e purtroppo ancora ta, ma dall’amore. Sarebbe ridutti- ca, di manifestare di essere «u- Marcello. Le
persino al Cenacolo, proprio là municarlo ieri mattina: «Non è pos- senza possibilità di diretta televisi- vo leggere questo momento di li- niti intimamente in modo spe- celebrazioni di oggi
dove secondo la tradizione Gesù sibile per la situazione particolare», va). Nell’omelia, proprio a partire mitazioni, questa battaglia comu- ciale» al Vescovo di Roma ver- saranno trasmesse in
visse l’Ultima Cena con i suoi di- ha detto con molta semplicità. dal racconto evangelico di Gesù che ne solo come un tentativo di salva- sando in beneficenza una diretta da Tv2000, che
scepoli, ieri non si è potuta vive- Tutti del resto sono consapevoli del- lava i piedi ai discepoli, monsignor re le nostre vite. Questa è una bat- mensilità del loro “stipendio”. alle 16 manderà in
re alcuna liturgia. Tra i tanti segni la situazione delicatissima di Geru- Pizzaballa è tornato a parlare an- taglia che prima o poi perderemo – Il cardinale elemosinerie Kon- onda anche la Via
tristi di questo Giovedì Santo co- salemme che proprio in queste ore che dell’emergenza coronavirus. ha aggiunto il presule –. Siamo piut- rad Krajewski ha riferito al- Crucis da Amatrice
sì strano per la Chiesa cattolica si trova a vivere nelle medesime re- «Non ci troviamo alla fine del mon- tosto chiamati ad impegnarci per l’Adnkronos che i porporati con il vescovo di
quello di Gerusalemme è stato u- strizioni anche Pesach, la Pasqua e- do – ha osservato –. Ci troviamo, creare un nuovo mondo, che ha nel «sono stati generosi; c’è stata la Rieti, Domenico
no dei più dolorosi. braica. Ai cristiani di Terra Santa ie- piuttosto, ad un passaggio di una Risorto il suo invincibile inizio e solidarietà di tanti: c’è chi ha ri- Pompili. Su Rai1 alle
Ci avevano sperato fino all’ultimo i ri sono comunque arrivate le paro- storia che ha ancora un lungo cam- nell’amore gratuito il suo modello». nunciato a due stipendi». 23.30 lo “Speciale
frati francescani che custodiscono le dell’amministratore apostolico mino di fronte a sé. Il domani, che © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA Venerdì Santo” del
i Luoghi Santi; perché il rito al Ce- programma “Viaggio
nacolo nel giorno del Giovedì San- nella Chiesa di
to è un segno importante per Ge- STEFANIA FALASCA
DONAZIONI SANITARIE taria Covid–19, papa Francesco ha Francesco” di
rusalemme. Per la storia travaglia- Roma manifestato pubblicamente la sua vi- Massimo Milone e
ta di questa sala oggi spoglia che fu
La gratitudine della Santa Sede cinanza alla popolazione cinese col- Nicola Vicenti, con

L
una chiesa, poi una moschea e og- a Santa Sede ringrazia uffi- pita dal virus e il segretario di Stato un’intervista
gi sorge nel complesso di una sina- cialmente per le donazioni sa- Pietro Parolin ha poi pubblicamen- all’amministratore
goga dove è venerata la memoria
del re Davide, i cristiani abitual-
mente non possono celebrare i pro-
nitarie ricevute dalla Cina. «In
questi giorni, dalla Cina, in partico-
lare tramite le organizzazioni della
per gli aiuti ricevuti dalla Cina te confermato che «il Santo Padre
stesso ha voluto esprimere la sua vi-
cinanza e solidarietà alla popolazio-
apostolico di
Gerusalemme dei
latini, l’arcivescovo
pri riti. Salvo un’eccezione, appun- Red Cross Society of China e della He- ne cinese, inviando un dono all’or- Pierbattista
to: il Giovedì Santo. Grazie al com- bei Jinde Charities Foundation, so- to Padre». Il 31 marzo scorso, desti- viati all’Ufficio della pastorale sani- ganizzazione caritativa Jinde Chari- Pizzaballa, e un focus
plesso gioco di regole tra confes- no pervenute alla Farmacia Vaticana nazione Vaticano, è infatti giunta al- taria del vicariato di Roma, alla dio- ties», l’ente caritativo della Chiesa sui grandi temi, i
sioni religiose fissato ancora dagli donazioni di forniture sanitarie – ha l’aeroporto di Milano Malpensa una cesi di Macerata-Tolentino- cattolica nella Repubblica popolare viaggi, gli incontri, i
ottomani e conosciuto come lo confermato ieri il direttore della Sa- spedizione di aiuti inviati dai catto- Recanati-Cingoli-Treia, all’ospedale cinese. Lo scorso 2 aprile il sito Xin- documenti che hanno
“status quo”, infatti, nel pomeriggio la stampa vaticana – quale espres- lici cinesi, per un valore complessivo Gemelli dell’Università cattolica del de Press, la più ampia piattaforma visto protagonista il
della giornata che ricorda l’Ultima sione della solidarietà del popolo ci- di 450mila euro. Parte delle attrezza- Sacro Cuore e all’ospedale da campo della comunicazione cattolica cine- Pontefice a sette anni
Cena ai frati è consentito di recarsi nese e delle comunità cattoliche a ture di protezione sono state distri- dell’Associazione nazionale alpini. se nonché organo di Jinde Charities, dalla sua elezione.
in processione al Cenacolo. Ed è lì quanti sono impegnati nel soccorso buite dalla Caritas Ambrosiana, nel Don Giovanni Battista Sun, presi- aveva dato notizia anche di una let- Domani su Tv2000, in
che – abitualmente – il Custode di alle persone colpite dal Covid–19 e territorio dell’arcidiocesi di Milano e dente del Centro studi “Li Madou” tera aperta dei cattolici cinesi indi- diretta alle ore 17, la
Terra Santa ogni anno compie il ri- nella prevenzione dell’epidemia». in Lombardia, epicentro della pan- della diocesi marchigiana, che ha da- rizzata al Papa. Insieme alle dona- ostensione
to della lavanda dei piedi. «La Santa Sede – ha aggiunto Matteo demia. Attraverso la Farmacia Vati- to i natali al gesuita Matteo Ricci, ha zioni, i fedeli cattolici della Cina con- straordinaria della
Nella Gerusalemme blindata per il Bruni – apprezza il generoso gesto ed cana sono stati quindi smistati 10mi- voluto sottolineare come l’emergen- tinentale avevano voluto così mani- Sindone
coronavirus era impensabile che esprime riconoscenza ai vescovi, ai la mascherine del modello N95, oltre za attraversata dall’Italia, il Paese del festare anche tutta la loro amorevo- accompagnata dalla
questa celebrazione si svolgesse fedeli cattolici, alle istituzioni e a tut- 500mila usa e getta, 27mila guanti gesuita maceratese, abbia suscitato le sollecitudine verso papa France- preghiera
nella modalità consueta. Ma fino a ti gli altri cittadini cinesi per questa chirurgici, 8mila tute e 6mila occhia- premurosa preoccupazione in tutti i sco: «Santo Padre, abbia cura anche dell’arcivescovo di
mercoledì a Gerusalemme si era iniziativa umanitaria, assicurandoli li di protezione. Diversi quantitativi cinesi, cattolici e non cattolici. di sé!». Torino, Cesare
sperato almeno nella possibilità di della stima e delle preghiere del San- dei dispositivi sanitari sono stati in- Fin dall’inizio dell’emergenza sani- © RIPRODUZIONE RISERVATA Nosiglia.
https://overposting.info/
6 PRIMO PIANO Venerdì 10 aprile 2020

Coronavirus:
la fede
«L’altro» silenzio della clausura
L’abbadessa delle Monache Romite della Bernaga, in Lombardia: sconcerto e dolore ammutoliscono
Sperimentiamo l’immagine dei Salmi, con il cuore ferito che si fa lamento, supplica, grido di speranza
MARCO RONCALLI che turbassero la loro pace non si ha nostro arcivescovo, della Cei, del Pa- Questo è il tempo per rispetto per i L’INTERVISTA
memoria…”. Non è più così… pa. Ma speciale è soprattutto l’inten- drammi che colpiscono tante fami-
«Da sorelle
D
opo insistenza accetta di ri- Paradossalmente ciò che più dis/tur- sità con cui il cuore ferito dalla soffe- glie. Ed è il tempo della responsabi-
spondere. Ma preferisce che ba, esteriormente, è l’innaturale si- renza si apre e fa proprio e fa risuonare lità. Purtroppo c’è chi risparmiato dal in questi giorni
non nomini il suo nome. Lei lenzio. Il Monastero è sul crinale di un il grido spesso crudo, quasi violento di flagello dopo due settimane in casa stiamo soffrendo
è l’abbadessa delle Monache Romite colle, lontano dall’abitato, fiancheg- supplica, di lamento, di speranza, di manifesta insofferenza. Lei che con
della Bernaga (in provincia di Lecco), giato da un’unica strada, secondaria, abbandono immortalato nei Salmi. E- tante sorelle, ha scelto questa condi- con chi soffre,
un luogo che il futuro Paolo VI definì quindi l’ambiente circostante è sem- spressioni che in fondo eravamo abi- zione della clausura mi aiuti a dare cercando di
«più che bello e adatto per lo svolger- pre molto silenzioso. Ma ora si perce- tuate a leggere metaforicamente ora un senso alle sfumature che diffe- sostenere tutti
si armonioso della vocazione con- pisce un silenzio cupo, senza più l’e- appaiono adeguate al vissuto reale. renziano queste condizioni: clausu-
templativa», aggiungendo che «le bel- co lontana del rumore amico della vi- L’antica liturgia ambrosiana prevede- ra, reclusione, isolamento, segrega-
con la preghiera
lezze della natura, la pace silente, vi ta dell’uomo, rotto solo dal canto di i- va, in Quaresima, delle preci litaniche zione… La nostra
pongono lontane dal mondo che ve- gnari uccellini o dalle sirene delle am- con antifone di pentimento e di sup- Della nostra vita in monastero, sì, di clausura non è
dete ai vostri piedi e che dovete vede- bulanze, che con la loro intermitten- plica. Noi monache le usiamo anco- primo acchito colpisce la clausura. un fine, ma un
re per avvolgerlo della vostra costan- za sembrano dar voce alla lotta fra la ra: quest’anno come ci troviamo in Ma non è l’elemento principale! So-
te preghiera e sollevarlo a Dio…». vita e la morte. Poi… sintonia con quelle parole che rivela- prattutto non è un fine ma un mezzo,
mezzo a servizio
Madre, è quello che fate anche in que- Poi, madre? Il monastero della Bernaga no radicale impotenza e bisogno di a servizio dell’intimità con Dio, dello dell’intimità
sti giorni terribili? Poi c’è il turbamento interiore, del protezione, sgorgate in tempi che “stare con Lui”. È questo scopo, que- con il Signore»
Certamente, ci arrivo. Ma prima di tut- cuore che soffre e dello spirito che si pensavamo ormai “altri”... e invece di sto contenuto che ci permette di vi-
to mi permetta di dirle che, pur aven- interroga – come ho già accennato – quelle oggi a tutti richieste: siamo in colpo riscopriamo comunque nostri. vere la clausura nella gioia, e di de-
do accettato di risponderle, l’atteg- davanti alla marea di dolore di cui leg- clausura, sì, ma il monastero è gran- Come sapete in questo periodo per siderarla. Perciò la clausura mona-
giamento profondo in questo perio- giamo sui giornali e di cui, al telefo- de, con un vasto giardino, e non sia- molti è impossibile andare a Messa, stica non è una reclusione o segre-
do è sempre più solo quello del silen- no, ci parlano tante persone amiche, mo sole. Circa la preghiera, la nostra ricevere la Comunione. Qualcuno di- gazione, termini che implicano una
zio. Lo sconcerto, il dolore, ammuto- purtroppo, col passare dei giorni, solita giornata è al riguardo molto in- ce che queste rinunce possono far ri- costrizione, e comporta sì un isola-
liscono. Come invita un salmo: “Stia- sempre più frequentemente colpite tensa e lo è stata ancora di più in Qua- scoprire il valore della celebrazione mento, ma per una maggior comu-
mo in silenzio davanti al Signore e da vicino dal contagio. resima. Ora, senza dubbio, viviamo eucaristica: condividete questa tesi? nione con Dio e con gli uomini, per-
speriamo in Lui”. E dentro la comunità che cosa signi- tutto assorbite dalla presente urgen- Credo che effettivamente si possa ché il Dio in cui credono i monaci
Che cos’è il coronavirus visto dietro fica questo virus? Avete mutato abi- za. Si è spinti, da questa situazione. riscoprire che il cattolicesimo ha la cristiani è il Padre di tutti, nel cui Fi-
le grate? In un libro di Rinaldo Be- tudini? Quanto assorbe questa preoc- Urgenza, ricordiamolo, è una situa- peculiarità dei Sacramenti, realtà glio tutti siamo fratelli. E da sorelle
retta sui monasteri della Brianza ho cupazione gli spazi della preghiera? zione che urge, che preme. San Paolo oggettiva di comunione con Dio. Poi noi quindi stiamo soffrendo con chi
trovato questa frase: “La vita clau- Lo stile di vita attualmente imposto a diceva: Caritas Christi urget nos. c’è la dimensione ecclesiale, pure soffre e cerchiamo di tutti sostenere
strale di quelle monache sembra tutti è per noi monache in gran parte Avete preghiere speciali? questa ora mortificata, ma in fondo nella speranza, la grande speranza
scorresse regolarmente in quei lon- abituale e, però, lo riconosciamo, at- Di speciale, in questi giorni, c’è l’ade- più recuperabile in altri modi, se co- della Pasqua di Gesù. IL FATTO
tani secoli (...). Di gravi avvenimenti tuato in modalità assai più vivibili di sione alle proposte di preghiera del sì si può dire. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Spina Santa,
processione
La sofferenza che TORINO
a Salerno
viviamo è causata
dal nostro arbitrio L’Uisg ricorda suor Flick Oggi l’arcivescovo di
Salerno-Campagna-
ignorante, superbo
e arrogante carità e discernimento Acerno, Andrea
Bellandi, benedirà la
città di Salerno e
I necrologi su questo e altri quotidiani ne hanno annun- l’intera arcidiocesi con
ANTONIO STAGLIANÒ ciato la morte, avvenuta giovedì 2 aprile. Suor Elisabetta la reliquia della Spina
Flick, originaria di Torino, aveva 78 anni ed è l’ennesima Santa. La processione

«P
er coloro che ama- vittima del Covid-19. Le sue consorelle, le Suore Ausiliatri- con la Spina
no Dio, tutto con- ci del Purgatorio, l’hanno ricordata con un toccante mes- incomincerà alle 14.30
corre al bene» (Rm saggio su Facebook. Dell’Istituto suor Flick era stata anche attraverserà la città
8,28). Credere che la nostra esi- madre generale, con un’attenzione speciale verso i più po- arrivando in
stenza sia insensatamente giro- veri; aveva prestato servizio al Gruppo Abele fondato da don Cattedrale. La
vaga nell’immensità del tempo, Luigi Ciotti e alla Scuola per educatori professionali “Firas”. tradizione di questa
abbandonata a una inerzia fata- «I migranti – diceva la religiosa – e specialmente quelli più reliquia, custodita a
le, non è possibile a chi ha co- vulnerabili, ci aiutano a leggere i segni dei tempi, apren- Gifoni nella chiesa
nosciuto il Dio rivelato da Cri- doci occhi e cuore a un cammino interiore che ci libera dal- dell’Annunziata, vuole
sto: il Padre amante degli uomi- la paura e ci porta a vivere nella reciprocità». L’Unione in- che sia stata staccata
ni. I nostri padri hanno creduto ternazionale superiore generali, dove ha operato fino allo dalla corona che cinse
e sperato in Dio in mezzo a si- scorso anno, ha ricordato il servizio svolto da suor Flick: il capo di Cristo sulla
tuazioni tragiche, concludendo «Ha seguito con premura materna e con grande passione Croce.
la loro avventura con l’intonare apostolica il Progetto Migranti Sicilia, accompagnandone
canti di ringraziamento al Dio la nascita e lo sviluppo fino al dicembre scorso. Ha offerto
fedele che libera il povero e il mi- il suo brillante contributo in vari seminari di formazione
sero (cfr. Sal 71). Dovremmo far- per la vita consacrata. Ha accompagnato nel discernimento
lo anche noi, appena superato Un sacerdote mentre benedice i morti a causa del coronavirus / Ansa numerosissime congregazioni». (L.Bad.)
questo “stralcio di tempo” del Sermig,
coronavirus. Anzi già da adesso
si potrebbe cominciare a com- L’INTERVENTO oggi Olivero
porre nuovi canti, come dei in dialogo
“nuovi salmi”, per lodare l’inter-
vento salvifico di Dio in questo
immane dolore.
Qual è, infatti, la fede opposta al
dogma del caso, purtroppo sem-
Né Mandrake né Mefisto, Dio è amore con i giovani
Ernesto Olivero in
dialogo via web con i
pre presente nel sentire comu-
ne? Indubbiamente, la fede nel- In questi tempi tragici ritorna attuale la domanda: davvero il Signore permette il male? giovani di tutta Italia.
L’appuntamento è per
l’amabile Provvidenza di Dio, la oggi, Venerdì Santo,
quale «si prende cura di tutto, alle 17 sui canali
dalle più piccole cose fino ai Con una battuta: «Dio scrive affliggendo tutti, in particolare Se Dio non è il “grande buratti- stri, perché in essa il gioco della mani”, cioè del loro arbitrio i- social del Sermig
grandi eventi del mondo e della dritto sulle righe storte degli u- penso ai tanti morti e, soprat- naio”, ma è il Padre del Signore libertà umana attivi processi di gnorante e arrogante, superbo e e sul sito Internet
storia» (CCC 303). Niente paura, mani». tutto, al modo con cui si muore: nostro Gesù Cristo che dona lo amore, cioè di compimento del- saccente, tracotante, dal loro de- www.sermig.org/dirett
allora, «non si rotola verso una X» Preghiamo dunque doverosa- “soli nella morte”, non accom- Spirito, cioè Dio agape dall’eter- la libertà e di piena umanizza- lirio di onnipotenza. Sempre con a. Nella Penisola
(F. Nietzsche), verso il nulla, ma mente nelle nostre necessità, per pagnati dai propri cari, senza lo no, solo e sempre amore, il co- zione. Che c’entra la volontà di le parole di Camus: «Il vizio più chiusa per il virus, i
tutto avanza “in via” verso la me- chiedere a Dio di soccorrerci sguardo affettuoso di un amico. ronavirus non è un castigo di Dio con tutti i disastri ambien- disperato è quello dell’ignoran- social diventano
ta finale, l’approdo della Fine. E quando l’acqua ci giunge alla go- È bruttissimo morire, in genera- Dio, in quanto i castighi di que- tali, con i cambiamenti climati- za che crede di sapere tutto e che strumenti di vicinanza.
quando, in questo cammino, la. Purtroppo, certa “credulità” le, ma morire in tempi di coro- sto vero Dio non esistono: Dio ci, con le eco mafie che hanno allora si autorizza a uccidere». La Anche all’Arsenale
constatiamo l’oscura presenza (fatta passare per fede religiosa) navirus è inconsolabile. È la for- onnipotente nell’amore è radi- avvelenato i nostri mari, con la schiavitù del vizio e non la libertà della Pace di Torino,
del male, professiamo che il Si- pensa a Dio come fosse il deus ex ma più barbara che il male as- calmente incapace di causare il smania dei potenti di espande- degli esseri umani è la causa di- da sempre casa di
gnore «supremamente buono, machina delle tragedie greche, sume, generando una sofferen- male, in ogni sua forma, anche re il loro dominio in tutte le inu- retta di ogni male nel mondo, migliaia di giovani che
non permetterebbe mai che un o il dio tappabuchi o il dio gran- za inaudita, perché accompa- in quella virale. E poi, ecco la do- tili stragi delle guerre? anche della pandemia del coro- in queste settimane
qualsiasi male esistesse nelle sue de burattinaio. Di fatto, quando gnata dalla percezione che i no- manda radicale: cosa permette Diremmo allora che il coronavi- navirus, senza qui inoltrarci in non possono
opere, se non fos- gli scienziati trove- stri cari muoiono “come cani Dio? Il male, il dolore, la morte di rus è frutto esclu- teorie generali di frequentarlo. Da qui
se sufficiente- La schiavitù ranno il vaccino, ci randagi”. Questo è male che si tanti esseri umani? Assoluta- sivo dell’impatto Serve un’Europa complotto politico l’idea di creare un
mente potente e del vizio, non la sarà gente (religio- autogenera e si propaga nell’a- mente no! Dio permette la li- antropico, dell’a- dei popoli e delle ed economico in- ponte tra Torino e le
buono da trarre nima. È una cosa insopportabi- bertà dell’uomo, la libertà della gire libero (e spes- ternazionale.
dal male stesso il
libertà degli esseri sa)
Dio
che attribuirà a
l’avercelo le. È straziante, per chiunque ab- sua creatura, la libertà dell’esse- so libertario) del-
persone, non Dovremmo allora
altre città. Il tema
scelto per il dialogo è
bene» (sant’Ago- umani è causa mandato per le bia un minimo di empatia nel- re davvero “un figlio”, e non un l’uomo? È la li- degli interessi recuperare le virtù “Fame di pane, fame
stino, in CCC 311). di ogni male tante preghiere l’animo. manichino o un robot o un al- bertà dell’uomo la finanziari umane (tutte le di Dio”. «L’unica
Attenzione, è fatte. È la stessa Chi ha permesso tutto questo? goritmo. L’uomo è davanti a Dio fonte di ogni male virtù), come anti- strada per accendere
scritto “permettere”, non “cau- gente che ancora pensa che il co- Dio? È banale pensarlo. È ridi- come un partner libero di agire nel mondo? Rispondere positi- corpi, perché la nostra libertà questa fame – spiega
sare”. Non è Dio che genera il ronavirus sia un “castigo di Dio”. colo immaginarlo. Dio non è secondo sé (=la sua volontà) e vamente a questa domanda se- venga aiutata a liberarsi ed esse- Olivero – è vivere da
male, né lo dirige. Dio non sa far- D’altronde se Dio esiste e c’è, Mefisto. Su queste visioni, in non secondo i comandamenti ria è istintivo, ma anche molto re libera di agire, cioè di fare il testimoni, senza
lo: è incapace anche solo di pen- nella sua onnipotenza, «il vacci- tempi non tanto lontani, i cre- di Dio, come il “codice” dell’E- superficiale. Non dobbiamo fer- bene, di costruire e tessere rela- bigottismo, senza
sare il male, ecco tutto. Piutto- no dovrebbe almeno lui averlo denti sono stati presi in giro da- den racconta per tutti (credenti marci alle apparenze e scavare zioni di amicizia, di fraternità, di costrizioni, con gioia e
sto, nella sua onnipotenza d’a- in mente». Per non dire che, con gli atei alla Camus, che scrisse e non credenti). Pertanto, la que- in profondità. Siamo persone in- solidarietà, di pace e giustizia per credibilità. Basta
more (cioè di Colui che dona la la sua onniscienza ben cono- tra l’altro in La peste: «Il male che stione di Dio all’origine è la se- telligenti, proprio per leggere tutti. E questo dovrebbe anzi- veramente un pugno
vita fino alla morte, non quella sceva anche la tragedia di que- è nel mondo viene quasi sempre guente: è bene che Dio abbia dentro le cose, gli avvenimenti tutto comprenderlo l’Europa dei di giovani, di testimoni
del prestigiatore: Dio non è Man- sta pandemia. E perché l’ha per- dall’ignoranza, e la buona vo- creato l’uomo libero o no! Forse (intus-legere). popoli e delle persone, in faccia credibili per cambiare
drake) aiuta gli umani a trarre messa? La questione su Dio va lontà può fare guai quanto la doveva “farlo” (manu-fatto) co- Potremmo ragionare così: il ma- all’Europa degli individui e degli il corso della storia.
dal male anche il bene possibi- posta – Dio dove sei nel nostro malvagità, se non è illuminata… me noi costruiamo i nostri com- le che circola nel mondo non è interessi finanziari delle grandi Perché se ameremo
le. C’è infatti una “bellezza col- dolore, perché non intervieni? – L’anima dell’assassino è cieca, e puter intelligenti, piuttosto che “causato da Dio” e rigorosa- lobby e dei sempre più pochi ric- Dio, ameremo anche il
laterale” nella morte e in ogni ma non va esposta al ridicolo di non esiste vera bontà né perfet- “crearlo generandolo” come fi- mente “nemmeno dalla libertà chi del “bel pianeta blu”. prossimo, senza
tragedia umana. Quella bellez- false domande. to amore senza tutta la chiaro- glio nel Figlio? Poi, Dio permet- degli esseri umani”, piuttosto Vescovo di Noto idealizzarlo, ma così
za collaterale è governata da Dio. Questa vicenda pandemica sta veggenza possibile». te l’autonomia delle realtà terre- dalla “non-libertà degli esseri u- © RIPRODUZIONE RISERVATA com’è».
Venerdì 10 aprile 2020 PRIMO PIANO 7

Coronavirus:
la fede
«Noi preti, ponte di speranza»
L’impegno e la creatività pastorale per essere accanto alle comunità “chiuse” in casa per la pandemia
Ecco come i sacerdoti si fanno “missionari” nelle loro parrocchie, alla scuola del Buon Samaritano
Il Giovedì Santo è il giorno in cui si fa memoria del- cerdoti stanno rispondendo con quella che il Papa prio la solitudine imposta finisce per rafforzare la IL TEMA
l’istituzione dell’Eucaristia e del sacerdozio, il mini- nei giorni scorsi ha definito “creatività pastorale”. comunità. Nel segno di un’accoglienza calda, di una
stero ordinato. Un appuntamento che diventa occa- L’urgenza, se la si può chiamare così, che spinge il preghiera maggiormente sentita, di una solidarietà Ieri, Giovedì
sione per ringraziare i nostri preti del coraggio e del- parroco a celebrare sui tetti della Chiesa, a creare più autentica verso chi soffre e fa fatica. Semi su cui Santo, la Chiesa
l’attenzione agli altri con cui testimoniano ogni gior- gruppi social per pregare insieme, a organizzare te- costruire domani, quando si tornerò alla vita nor- ha fatto memoria
no la fedeltà al Vangelo. Quest’anno però il grazie ha lefoni di “pronto aiuto” in modo che chi si sente so- male, una Chiesa nuova o che almeno aspira a di-
un motivo in più, spiegato, per così dire riassunto, dai lo possa trovare una voce amica che lo consola. For- ventarlo. Una realtà ecclesiale che, con l’alimento dell’istituzione
volti, dai nomi del lungo elenco di pastori morti per se nel tempo dell’isolamento forzato, “Chiesa in u- dell’Eucaristia e sotto la guida della Parola, non di- del ministero
restare accanto a chi sta male, a chi sperimenta sul- scita” vuol dire anche questo: affidarsi alla fantasia mentica, non lascia indietro nessuno. Compresi gli ordinato. Storie e
la sua pelle gli effetti del terribile contagio che sta te- dello Spirito per raggiungere i luoghi dove altrimenti ultimi, gli scartati, i poveri, quelli per cui non si ha
nendo in ostaggio il mondo. Un assedio cui tanti sa- non si potrebbe andare. E, simpatico paradosso, pro- mai tempo. (Red.Cath.)
voci di presbiteri
che restano
sempre vicini ai
A PONTE LAMBRO NELL’ARCIDIOCESI DI MILANO A TARANTO fedeli. Come
Don Stefano benedice il paese dall’Ape Quell’ostia che si affaccia dalla chiesa moltissimi altri
da Nord a Sud
«Così porto Cristo fra la gente bloccata» Fra’ Vincenzo: in preghiera per la vita della Penisola

O
GIACOMO GAMBASSI palme descritte dalla Scrittura era- gni mattina e ogni pome- soffre e che adesso è piegata anche
no ramoscelli di ulivo che i residen- riggio la porta della chiesa dal virus asiatico».

«Q
ualcuno dice che al ti hanno sporto dalle terrazze e dai di San Pasquale a Taranto Padre Chirico è un frate minore fran-
posto dell’asino ho giardini. E le folle osannanti di cui si spalanca. Sotto una bandiera del- cescano. Ha appena compiuto 37
scelto un’Ape-car... In parlano gli evangelisti avevano i vol- l’Italia che scende dal portale e die- anni. E con la mascherina sul volto
un certo senso è vero». ti sorridenti di famiglie, bambini, an- tro il grande crocifisso posto di fron- trascorre le giornate in chiesa da-
Sorride don Stefano Dolci quando ziani «che attendevano il passaggio te all’ingresso, appare la navata in vanti al Santissimo. È stato lui a vo- Al via a Prato
racconta la sua Domenica delle Pal- di Gesù Eucaristia, che si chiamava- penombra. La poca luce, però, non lere l’adorazione quotidiana. «L’ho
me. Alle 10 del mattino è salito su no l’uno con l’altro e che a tratti si so- nasconde il lieve bagliore bianco fatto ponendomi una domanda: co- “Pronto prete”
un’Ape Piaggio: ma color rosso Fer- no anche commossi», riferisce don dell’ostia consacrata che si trova me essere utile alla mia gente? In E il dialogo
rari. Non entrando nella cabina, ma Dolci. E confida: «Ho persino senti- sull’altare. Da quando il coronavi- corsia non posso andare. In un fran-
sistemandosi sul cassone posterio- to qualche genitore che diceva ai fi- rus ha imposto il blocco delle Mes- gente di smarrimento la comunità
aiuta l’anima
re dove aveva fatto collocare un pic- gli piccoli: “Vedi che il Signore è ve- se pubbliche, l’esposizione del San- ecclesiale ha un compito primario:
colo altare e un inginocchiatoio. E nuto a visitarci anche se siamo chiu- tissimo Sacramento segna il quoti- pregare. Pregare perché resti sem- “Pronto prete” è il
da lì, all’aperto, ha percorso tutto il si in casa”. Davvero toccante...». diano di questa parrocchia nel bor- pre accesa la fiammella della spe- nome del servizio
paese di Ponte Lambro, 4.500 abi- Don Stefano aveva annunciato il suo go umbertino. Piazza Garibaldi, ranza». Il religioso racconta di fami- messo in campo dalla
tanti in provincia di Como ma nel- “tour eucaristico” sul web e via so- crocevia anche al tempo della pan- glie in difficoltà. «Non soltanto per- diocesi di Prato per
l’arcidiocesi di Milano. Lui inginoc- cial. Come se si trattasse della bene- demia, è lì davanti. E chi passa può ché si è costretti a restare chiusi in ca- colmare il vuoto che si
chiato. Addosso il piviale rosso oro. dizione delle famiglie, aveva indica- scorgere fin dalla strada il “Pane del sa ma per i disagi o le mancanze ma- è creato tra la gente in
E soprattutto fra le mani ben strette to le vie che avrebbe toccato. «Qual cielo”. «Sono tanti quelli che anche teriali e psicologiche che si toccano questa difficile
l’ostensorio con il Santissimo Sa- è la missione di un prete se non quel- solo con uno sguardo incrociano il con mano», afferma. E aggiunge: «La emergenza sanitaria:
cramento. «Siccome è difficile veni- la di annunciare Cristo? – si doman- Santissimo – racconta il parroco, gente è impaurita. Non tanto del do- la lontananza dei
re in chiesa in questo tempo di pan- da il parroco –. Di fronte a una si- fra’ Vincenzo Chirico –. C’è chi si mani, quanto di poter conservare la sacerdoti. Proprio nel
demia – spiega il sacerdote – e poi- tuazione eccezionale, si può optare ferma in preghiera, chi si fa il segno vita. Perché a Taranto sappiamo pur- tempo in cui
ché era impossibile essere presenti anche per una proposta un po’ fuo- della croce, chi sussurra mentre troppo bene come si possa morire in avrebbero dovuto
alla Messa delle Palme celebrata a ri degli schemi». E lui l’ha fatto. «Si è cammina: “Signore, ti dono tutti i un modo che all’apparenza sembra bussare a tutte le
porte chiuse, allora ho voluto porta- trattato di un gesto semplice – ag- dolori che porto nel mio cuore”. E inspiegabile». La parrocchia non porte per la
re il Signore in mezzo alla mia gen- giunge –. Comunque l’emergenza qui a Taranto non c’era bisogno del raggiunge le mille anime. Ma la chie- benedizione pasquale,
te e anche la sua benedizione che la sanitaria ha permesso di riscoprire virus per capire quanto conti la sa- sa, con il suo convento francescano, i preti si sono visti
tradizione associa all’ulivo». Così la quella dimensione spirituale della lute pubblica e quanto sia urgente è un riferimento per la città. «In que- costretti ad affidare al
cittadina si è trasformata per due o- vita che nei tempi ordinari è maga- Da sopra in senso orario, don Stefano che porta difendere la vita da morbi che uc- ste settimane – conclude fra’ Vin- telefono e ai social
re – tanto è durato il viaggio del par- ri silenziata dai ritmi frenetici. E og- il Santissimo a bordo di un’Ape. Fra’ Vincenzo, cidono». La mente va subito all’ex cenzo – non ho mai sentito dire: network le possibilità
roco – in una piccola Gerusalemme. gi più che mai torniamo a interro- francescano a Taranto. Don Simone, il novello Ilva. «Siamo la capitale dell’acciaio “Dov’è Dio?”. Dio lo si invoca e lo si di contatto con i
I mantelli stesi al passaggio di Cristo, garci anche sul mistero della morte. prete con l’arcivescovo di Udine, Mazzocato. Don che ci ha anche fatto ammalare – prega anche con piccoli gesti. Tutti fedeli. Ma non tutte le
di cui narrano i Vangeli, si sono tra- Ne usciremo migliori prima? Non Gianni, il prete volante della diocesi di Fidenza prosegue –. L’inquinamento mette consapevoli che sulla sua miseri- persone hanno un
sformati in drappi che calavano dal- saprei. Spetta a noi fare tesoro di a rischio le nostre esistenze. Abbia- cordia si può davvero contare». riferimento diretto con
le finestre o addirittura in tovaglie questa esperienza». mo un’altissima mortalità infanti- Giacomo Gambassi il proprio parroco o
natalizie disposte sui davanzali. Le © RIPRODUZIONE RISERVATA le. La nostra è una comunità che già © RIPRODUZIONE RISERVATA con un amico
sacerdote. Per questo
motivo la Chiesa
pratese ha pensato di
istituire un numero
verde per mettere in
comunicazione i
sacerdoti con tutte
quelle persone
desiderose di avere
un colloquio
spirituale. Soprattutto
sarà un servizio di
ascolto, questo è
stato richiesto ai preti
che hanno deciso di
aderire al servizio,
attivo tutti i giorni in
tre fasce orarie: dalle
10 alle 12; dalle 16 alle
A ZIBELLO NELLA DIOCESI DI FIDENZA NELL’ARCIDIOCESI DI UDINE 18; e dalle 21 alle 23.
Don Gianni, il prete pilota che dal cielo Simone ordinato sacerdote. A porte chiuse Ecco il numero da
chiamare:
800.401.052. La
e ora dal campanile “abbraccia” i fedeli «Nella sofferenza troviamo la luce di Dio» telefonata è gratuita
sia da rete fissa sia da
FILIPPO RIZZI conta – e ho suggerito loro di affacciarsi da o- FRANCESCO DAL MAS tempo di travaglio generale a causa del cellulare. «Abbiamo
gnuna delle loro abitazioni con un ramo d’uli- contagio che ci ha colpiti – ha concluso scelto di attivare

F N
inché ha potuto e gli è stato permesso vo e un crocifisso. Molte persone qui nella Bas- ella solennità della Domenica del- Mazzocato –, l’ordinazione di don Simone questo servizio come
dalle autorità, ossia fino a circa tre set- sa custodiscono nei loro giardini queste bellis- le Palme, il friulano don Simone un segno di speranza pasquale che ci risposta al bisogno di
timane fa, don Gianni Regolani, sacer- sime piante e così hanno potuto aderire facil- Baldo è stato ordinato sacerdote conforta. La prima messa solenne e la ve- comunicare che c’è in
dote della diocesi di Fidenza, è salito sul “suo” mente alla mia “adunata”...». È aggiunge un det- dall’arcivescovo di Udine, Andrea Bruno sta sono rinviate ad emergenza conclusa. questo momento in
ultraleggero «che condivido in proprietà – tie- taglio: «Non potendo lasciare all’ingresso del- Mazzocato, nel Duomo di Codroipo. L’ag- «Lo Spirito Santo, che la sera del 5 aprile mi cui mancano i rapporti
ne a precisare– con altri tre amici». E con il suo la parrocchia l’ulivo benedetto, come gli altri gravarsi delle condizioni di salute della ma- ha consacrato sacerdote attraverso il pasto- tra le persone –
piccolo apparecchio, racconta, «ho “sganciato anni, ho pensato che questo era il modo più dre, paziente oncologica da diversi anni, re della Chiesa di Udine, ora mi fa guardare spiega monsignor
le mie bombe dal cielo”: con un crocifisso che efficace per celebrare questa solennità». hanno motivato la scelta di anticipare la da- in modo diverso ai segni della crocifissione Nedo Mannucci,
porto sempre con me ho benedetto le case e i Oggi questo singolare “don” della Bassa por- ta della celebrazione fissata per fine giugno. con cui la mia famiglia partecipa alla vitto- vicario generale della
tetti dei fedeli delle mie parrocchie di Polesine terà la “statua del Cristo Morto” a bordo di un «La celebrazione è stata un momento di ria di Gesù – commenta don Simone –: è Pa- diocesi – i nostri preti
e Zibello… Un modo semplice per chiedere al camioncino corredato di amplificatori per la profonda fede e di intensità spirituale pur squa! Dalla luce della Pasqua nasce la fede, si sono messi
Signore la fine della pandemia». È un perso- processione del Venerdì Santo lungo le strade essendo avvenuta in forma riservata, con il senso che guida noi cristiani». Il novello volentieri a
naggio, don Gianni, classe 1941, conosciuto qui di Zibello, Polesine, Ardola e Vidalenzo. Una pochi partecipanti e secondo le normative sacerdote aggiunge subito che il senso della disposizione di tutti,
nella Bassa Parmense come il “prete pilota”. Da scelta che sembra farci tornare indietro con le ora vigenti – ha comunicato a posteriori fede fa sì che «delle dolorose ferite che por- senza preclusioni,
circa 12 anni ha il brevetto da aviatore. lancette dell’orologio del tempo alle pellicole monsignor Mazzocato –. Invito tutti a rin- tiamo nel nostro corpo riusciamo a percepi- anche per aiutare le
Proprio quando agli inizi del mese scorso si sta- in bianco nero di Don Camillo e Peppone, a graziare il Signore Gesù che, mediante l’ef- re non solo l’amarezza, ma anche una sorta persone a superare la
vano manifestando i primi sintomi da Covid- quelle storie da “Mondo piccolo” immortalate fusione del suo Spirito, ha donato un nuo- di profumo; profumo di crisma, di olio di sal- solitudine, affinché
19 nel nostro Paese don Gianni aveva sorvola- da Giovannino Guareschi. L’inizio della pro- vo sacerdote alla Chiesa di Udine». vezza, di grazia, di Spirito Santo, di Risurre- nessuno si possa
to «per ben tre volte a marzo» con il suo veli- cessione sarà alle 20.30. «Con me distanziati ci Il rito è infatti avvenuto senza pubblica- zione». Una pausa. «Non è un modo inge- sentire abbandonato».
volo tutta l’ex zona rossa del Lodigiano. Ora che saranno con le loro macchine il sindaco, i ca- zione, in forma strettamente riservata, a nuo o fiabesco di guardare al grande miste- Il nuovo servizio
il suo aereo con livrea bianca e nera è costret- rabinieri e la Protezione civile – sorride il pre- porte chiuse, senza partecipazione di po- ro della sofferenza, che mai come oggi ha di- dunque vuole essere
to a “riposare” nel vicino hangar di Busseto, don te –. Ho chiesto alla mia gente di farsi il segno polo. «Ci uniamo alla gioia di Simone che mensioni globali – afferma –. Si tratta piut- un aiuto anche per
Regolani non si è arreso e ha voluto mostrare della croce al passaggio del “Gesù Morto” o di vede realizzarsi nella propria vita una gran- tosto di avere la grazia di poter credere che colmare, almeno in
la sua vicinanza ai parrocchiani in un altro mo- mostrare come segno di pietà popolare un de opera di Dio – ha aggiunto l’arcivesco- Gesù è l’unico che conosce le nostre piaghe parte, le tante
do singolare. Nella Domenica delle Palme è sa- drappo o dei lumini alle loro finestre. Sarà un vo –. Lo accompagniamo con la nostra pre- fino in fondo ed è l’unico che può dirci che solitudini che
lito al mattino sul campanile della sua chiesa modo, il nostro, per sentirci in comunione con ghiera perché sia in ogni giorno della sua in fondo a queste piaghe non c’è l’abisso del l’emergenza sanitaria
dei Santi Gervasio e Protasio a Zibello con un il Vescovo di Roma Francesco e la sua Via Cru- vita un servo fedele di Cristo e della Chie- nulla o il baratro del non-senso, ma c’è Lui, ha acuito
ramoscello d’ulivo e un crocifisso. «Ho dato ap- cis in piazza San Pietro». sa». È stata una festa semplice, sobria sep- che è l’alfa e l’omega, il principio e la fine». drammaticamente.
puntamento ai miei parrocchiani alle 11 – rac- © RIPRODUZIONE RISERVATA pur in un frangente complesso. «In questo © RIPRODUZIONE RISERVATA (Giacomo Cocchi)
https://overposting.info/
8 PRIMO PIANO Venerdì 10 aprile 2020

Coronavirus:
l’Europa
«La mafia aspetta i soldi della Ue»
Die Welt, titolo choc. Ira bipartisan
l’Europa» ma «la sovranità nazionale steri – ma trovo vergognosi e inaccet- ta un coro bipartisan di proteste di tut- IL CASO
LUCA MAZZA
VINCENZO SAVIGNANO nei confronti degli elettori è centrale», tabili i toni usati dal giornale tedesco. ta la politica nazionale. Tra i più duri il
scrive il giornale conservatore tedesco. Mi auguro che Berlino li condanni e si leader della Lega Matteo Salvini: «Le Il ministro Di

P Maio: «Toni
iù che un attacco è una borda- In Italia «la mafia è forte e sta adesso a- dissoci». frasi di Die Welt fanno schifo», ha det-
ta. Un affondo pesante che ar- spettando i nuovi finanziamenti a piog- La posizione di Welt, peraltro, suona in to, invitando a «sciacquarsi la bocca a vergognosi,
riva in una fase in cui la pande- gia di Bruxelles», è il passaggio che sca- controtendenza rispetto alle attesta- Berlino e a Bruxelles prima di parlare
mia continua a uccidere in tutto il tena la bufera. Il titolo è un invito piut- zioni di solidarietà arrivate nei giorni dell’Italia». Articolo «ignobile», ha com- Berlino si
mondo e, sul piano europeo, nel corso tosto diretto alla cancelliera a non ce- scorsi da altri importanti media tede- mentato la presidente di Fratelli d’Ita- dissoci».
di una trattativa delicata per decidere dere sui coronabond, ovvero agli stru- schi. «Soffriamo con voi, perché siamo lia, Giorgia Meloni, invitando il premier Reazione dura
quali siano le politiche fiscali da adot- menti di debito sostenuti da alcuni fratelli», aveva scritto a tutta pagina la Giuseppe Conte «a prendere le distan-
tare in Europa. Un articolo online del Paesi tra cui l’Italia: "Signora Merkel, Bild mentre il Der Spiegel, in un articolo ze». Anche da Forza Italia hanno par-
sia dei partiti di
quotidiano tedesco "Die Welt" infiam- rimanga incrollabile!". Nel commen- pubblicato in italiano e firmato da Stef- lato di una posizione «inaccettabile» e maggioranza sia
ma la politica italiana e ha il "potere" to, firmato dall’editorialista Christoph fen Klusmann, aveva definito «gretto e numerose condanne sono arrivate da delle forze di
di unire maggioranza e opposizione in B. Schiltz, si sostiene che eventuali fon- reagisce per primo Luigi Di Maio. «L’I- meschino» il rifiuto di Berlino rispetto diversi esponenti del Movimento 5 opposizione
una rivolta unanime. Nel testo colpisce di europei «dovrebbero essere versati talia – replica il titolare della Farnesina agli eurobond e l’insinuazione che gli Stelle, da LeU e da Italia Viva. «È un pez-
soprattutto la frase choc in cui si so- soltanto per il sistema sanitario» e «na- – oggi piange le vittime del Coronavi- italiani non sarebbero capaci di gesti- zo che ci fa, davvero, arrabbiare. Anzi,
Ma la stampa
stiene che in Italia la mafia stia aspet- turalmente» gli italiani dovrebbero es- rus, ma ha pianto e piange le vittime re il denaro. Insomma, anche la stam- imbestialire», dice l’esponente della se- tedesca è divisa
tando gli aiuti dell’Unione. «La solida- sere «controllati da Bruxelles». Affer- della mafia». «Non voglio aprire pole- pa tedesca è divisa. Certo, accosta- greteria del Pd, Marco Furfaro. sugli aiuti
rietà è una importante categoria del- mazioni «vergognose e inaccettabili», miche – aggiunge il ministro degli E- mento choc coronavirus-mafia susci- © RIPRODUZIONE RISERVATA

I MILIARDI PER I 19 PAESI DELL’EUROZONA E QUELLI PER I 27 DELL’UNIONE

Ecco tutto quello che l’Europa ■ Le iniziative


1. BCE
I 1.110 miliardi di liquidità
ha già mobilitato contro la crisi 8. DISOCCUPAZIONE
SURE e la altre misure 1
L’
Europa si è mossa su più livelli per l’uscita del Regno Unito, avvenuta alla fi-
del programma acquisti Bce sostenere l’economia mandata in ne di gennaio. Sono interventi a livello di a sostegno del lavoro Famiglia Zoppas
crisi dal coronavirus. Alcuni in- Ue quelli che riguardano la Commissione, La famiglia Zoppas,
Come prima mossa per favorire la circola- terventi riguardano solo i 19 Stati dell’a- dove sono rappresentati tutti i Paesi del- Il 2 aprile la Commissione europea ha lan- attraverso le società
zione di liquidità, la Banca centrale europea rea euro: è il caso delle varie misure di e- l’Ue, e altri soggetti come la Banca europea ciato il programma SURE, un fondo europeo Acqua Minerale San
il 12 marzo ha allargato di 120 miliardi di eu- spansione monetaria introdotte dalla Ban- per gli investimenti, il cui capitale è stato da 100 miliardi contro la disoccupazione. Il Benedetto, Irca e Sipa,
ro il suo piano di acquisti di titoli pubblici e ca centrale europea e dell’allentamento del sottoscritto da tutti gli Stati europei in pro- Fondo, attraverso 25 miliardi di garanzie vo- ha effettuato una
privati tramite l’emissione di nuova mone- Patto di Stabilità, che si applica soltanto a porzione al loro peso economico. La trat- lontarie degli Stati membri, proporzionate donazione a favore della
ta (il Quantitative easing, che era già in cor- chi è dentro la moneta unica. L’Eurogrup- tativa che riguarda Mes ed Eurobond è per al loro Pil, permetterà di finanziare le "cas- Regione Veneto per
so con l’obiettivo di comprare 240 miliardi po, che si è riunito martedì e ieri, è il cen- ora a livello di Eurogruppo ma sarà poi al- se integrazioni" nazionali. Raccoglierà ri- l’acquisto di quindici
di euro di titoli). Il 18 marzo, con un annun- tro di coordinamento dei ministri delle Fi- largata all’intera Ue quando ne discuterà sorse sui mercati emettendo un prototipo unità complete di terapia
cio a sorpresa, il piano di acquisti per il 2020 nanze dei governi dell’area euro. Altri in- il Consiglio europeo. Complessivamente, di Eurobond (con tripla A, quindi a tassi bas- intensiva destinate a
è stato rafforzato con un nuovo program- terventi riguardano invece l’intera Unione saranno mobilitate risorse che potranno sissimi), che darà poi ai Paesi che ne han- tutti gli ospedali della
ma aggiuntivo da 750 miliardi. Il program- Europea, di cui fanno parte 27 Paesi dopo arrivare ai 3.000 miliardi di euro. no bisogno prestiti con scadenze a lungo regione.
ma è stato anche reso più flessibile perché termine: è un grande vantaggio per l’Italia

2
è stato slegato dall’obbligo di acquistare che potrà indebitarsi a tassi molto più bas-
titoli di diversi Stati in proporzione alla lo-
A cura di Marco Girardo e Pietro Saccò si per aiutare i lavoratori e riceverà prestiti
ro presenza nel capitale della Bce: questo in proporzione molto più importanti rispet-
le ha permesso a marzo di acquistare 12 mi- to alla garanzia fornita sul bilancio naziona-
liardi di titoli italiani e solo 2 miliardi di tito- le. Oltre a SURE si potrà utilizzare il FES per Huawei e Fastweb
li tedeschi. Da qui alla fine dell’anno la Bce il reinserimento nel mercato del lavoro di la- Huawei e Fastweb
comprerà 220 miliardi di titoli italiani, tra voratori dipendenti che perderanno il posto, donano 500 fra tablet e
Btp, obbligazioni private e altri titoli. e autonomi, anche in modo diretto. smartphone alle
strutture ospedaliere
della Lombardia e del
Veneto, equamente
2. REGOLE BANCHE 7. AIUTI ALLA RICERCA divisi fra le due Regioni.

3
L’ammorbidimento Programma Orizzonte 2020
della Vigilanza sugli Npl per farmaceutica e biotech
Da 4 anni le banche private possono otte- L’Unione Europea tramite il programma Fileni
nere denaro a tasso zero dalla Bce. Non Orizzonte 2020 sta sostenendo network Fileni investe nel
sempre però possono prestarlo, perché de- di centro di ricerca che sono in prima li- territorio di
vono rispettare un preciso equilibrio tra il ne per trovare il vaccino e cure efficaci appartenenza 500.000
capitale “proprio” di cui dispongono e i pre- contro il Covid 19 (già stanziati 80 milio- euro: parte della
stiti che possono fare: questa regola serve ni a CureVac, basata a Tubinga, impe- donazione sarà dedicata
a evitare che una banca rischi troppo e fi- gnata nello sviluppo e nella produzione di al sostegno dei propri
nisca per fallire e dovere essere salvata. Il vaccini anti-Coronavirus, 164 milioni per lavoratori e delle loro
12 marzo queste regole patrimoniali sono startup innovative che progettino idee in- famiglie con l’adozione
state allentate per favorire l’aumento del novative per rispondere all’emergenza di misure specifiche per
credito. La Vigilanza della Bce, guidata dal- Covid-19, 137,5 milioni nel quadro del- i dipendenti.
l’italiano Andrea Enria, ha anche fissato l’invito di emergenza a manifestare inte-

4
nuove regole su quando un credito nel bi- resse per la ricerca e l’innovazione ur-
lancio di una banca deve essere conside- genti sul coronavirus). Questi progetti
rato “deteriorato”, così da togliere alle ban- consentono a 140 équipe di ricerca in tut-
che un altro ostacolo nella concessioni di ta Europa di lavorare insieme per fron-
prestiti a imprese e famiglie. Infine, mar- teggiare la pandemia di coronavirus. Al- McDonaldʼs
tedì, la Bce ha iniziato ad accettare a ga- tri 90 milioni sono stati stanziati per l’ini- McDonald’s Italia e
ranzia dei suoi finanziamenti titoli più ri- ziativa di innovazione medica con l’indu- Fondazione per
schiosi rispetto ai suoi standard abituali. stria farmaceutica. L’Infanzia Ronald
McDonald hanno donato
1 milione di euro per far
fronte all’emergenza
3. LE GARANZIE EUROPEE 4. PIÙ FLESSIBILITÀ 5. RESIDUI DI BILANCIO 6. L’ESTENSIONE COVID-19 nella Regione
Lombardia.
Più prestiti a imprese Stop al Patto di Stabilità Utilizzo immediato dei fondi Ampliamento degli ambiti
sulle spalle di Bei e Cosme
La Banca europea per gli investimenti, i
e regole su aiuti di Stato
Il 20 di marzo la Commissione europea
disponibili e non spesi
L’Unione, con il Corona virus response in-
di utilizzo Fondo solidarietà
Oltre ai fondi strutturali e agli strumenti di
5
WindTre
cui azionisti sono tutti gli Stati dell’Unio- ha deciso di applicare, per la prima vol- vestment initiative (CRII), ha deciso di mo- debito la Commissione propone di am-
ne europea, ha proposto la creazione di ta nella sua storia, la “clausola di salva- bilitare le risorse ancora disponibili nel bi- pliare l’ambito di applicazione del Fondo WindTre è impegnata al
un fondo da 25 miliardi che servirà a ga- guardia” prevista dall’articolo 107 del lancio europeo per dare agli Stati membri di solidarietà Ue (strumento di sostegno ai fianco della Croce
rantire prestiti alle imprese per 200 mi- Trattato sul funzionamento dell’Unione tutto il sostegno di cui necessitano per la ri- Paesi colpiti da calamità naturali) per aiu- Rossa Italiana nel
liardi di euro. Questa proposta è già sta- europea. Quella clausola, che si applica sposta immediata alla crisi del coronavirus tare gli Stati membri in questa circostan- fronteggiare
ta approvata dall’Eurogruppo e le risorse solo in casi di crisi economica partico- e per il rilancio dell’economia. Per l’Italia si- za eccezionale. La misura permetterà agli l’emergenza
si aggiungono agli altri 40 miliardi di eu- larmente forte, sospende l’applicazione gnifica anticipare l’impiego dei 37 miliardi Stati membri colpiti più duramente di ac- Coronavirus. La società
ro di prestiti mobilitati dalla Bei a marzo delle regole del Patto di Stabilità. «Ogni ancora disponibili nell’attuale bilancio cedere a un sostegno supplementare per italiana del gruppo CK
tramite garanzie, linee di credito, acqui- governo europeo può pompare nella sua 2014/2020 sul Fondo Europeo Sviluppo Re- un importo che potrà toccare 800 milioni Hutchison Holdings ha
sti di cartolarizzazioni. La Commissione economia tutto quello che occorre» ha gionale (FESR) e Fondo Sociale Europeo (F- e che potrà essere ampliato. Potrà esse- donato un milione di
europea ha poi deciso di mettere a di- spiegato il presidente Ursula von Der SE), che le regioni e alcuni ministeri do- re utilizzato per imprese in difficoltà, per euro per potenziare la
sposizione, tramite i programmi Cosme e Leyen annunciando la novità. Grazie al- vranno spendere entro il 2023. Sono i finan- le emergenze pubbliche e le operazioni di capacità di accoglienza
Innovfin, 1 miliardo di euro del bilancio Ue l’applicazione di questa clausola, il go- ziamenti dei Programmi operativi regionali recupero, come il ripristino delle infra- e trattamento
come garanzia del Fondo europeo per gli verno italiano ha potuto approvare i due e nazionali che, grazie alla regola "N+3", si strutture, la pulizia di aree e le sistema- dell’ospedale ASST
investimenti (interno alla Bei). Queste ri- pacchetti di stimolo di marzo e aprile per potranno utilizzare entro 3 anni dall’impegno zioni temporanee per le persone. Le nor- Papa Giovanni XXIII di
sorse permettono di mobilitare 8 miliardi 50 miliardi di euro di spega pubblica ag- a bilancio. La Commissione non chiederà me verranno estese per includere l’assi- Bergamo, del Policlinico
di euro di finanziamenti del capitale di e- giuntiva senza temere di andare incon- dunque all’Italia di rimborsare gli 8 miliardi stenza alla popolazione in caso di crisi sa- di Milano e del
sercizio di almeno 100mila piccole e me- tro a una procedura di infrazione da par- di prefinanziamenti non spesi nell’ambito nitarie e per coprire le misure di conteni- Policlinico Universitario
die imprese europee. te di Bruxelles. dei Fondi strutturali europei per il 2019. mento di malattie infettive. A. Gemelli di Roma.
Venerdì 10 aprile 2020 PRIMO PIANO 9

Coronavirus:
l’Europa
Eurogruppo in gol ai supplementari
Mes senza riferimenti a condizionalità extra e generico impegno a esplorare strumenti per finanziare la ripresa
I ministri dell’Economia raggiungono alla fine un compromesso. Gentiloni: «Accordo che non ha precedenti»
GIOVANNI MARIA DEL RE Giuseppe Conte - ha detto - e concordiamo mune». Rutte era con il suo ministro anche sul- con una concessione all’Aja: niente richieste IL VERTICE
Bruxelles che serva con urgenza solidarietà in Europa in le dure condizioni macroeconomiche, con tan- di riforme e aggiustamenti, ma si circoscrive
una delle ore più difficili, se non la più diffici- to di programma di riforme e aggiustamenti di l’utilizzo alle spese sanitarie e non all’impatto Dopo ore di

A negoziati
lla fine l’Olanda un passo l’ha fatto, e al- le. E la Germania è pronta per la solidarietà». bilancio, che per l’Aja dovrebbero impegnarsi economico più ampio: «l’unico requisito - si
l’Eurogruppo l’accordo con l’Italia, ol- È chiaro che il nodo era soprattutto la que- a fare gli Stati che chiedano aiuti al Mes, una legge nell’ultimo testo di conclusioni, visto da bilaterali e su
tre che la Francia e la Germania si è pro- stione del Mes. La pressione è stata intensissi- volta usciti dalla pandemia. Un punto ripreso Avvenire - per accedere alle linee di credito sarà
filato prima ancora che i ministri si ritrovasse- ma soprattutto sull’Olanda, con Merkel schie- anche da una delle due mozioni parlamenta- che gli Stati dell’eurozona che richiederanno pressione dei
ro in video conferenza. Un accordo arrivato rata in primo piano per convincere oltre a Con- ri. Solo che era una linea bocciata anche da sostegno si impegnino a utilizzarle per soste- capi di Stato e di
verso le 21 dopo una giornata con continui rin- te il premier dell’Aja Mark Rutte. In mattinata Berlino e che martedì ha impedito l’intesa, gno ai costi finanziari diretti e indiretti per la governo, le
vii della video-conferenza dalle 17 previste fi- il Parlamento dell’Aja aveva approvato due mo- quando il ministro dell’Economia Roberto cura sanitaria, nonché i costi cura e la pre-
no alle 21.30, e fitta di convulse telefonate che zioni contro i Coronabond, e Rutte aveva e- Gualtieri era disposto ad approvare il testo sul venzione legati al Covid-19».
posizioni si sono
hanno visto coinvolti non solo i ministri, ma spresso sostegno al duro ministro delle Finan- tavolo, con condizioni molto leggere. Le spese economiche, insomma, passano nel avvicinate. In
anche vari leader. A cominciare dalla cancel- ze Wopke Hoekstra, «vogliamo essere solidali Alla fine è passata una linea di compromesso capitolo del Fondo di ricostruzione francese, ol- particolare, si è
liera Angela Merkel, che voleva assolutamen- – diceva – ma non vogliamo emettere debito co- che conferma le condizioni ultraleggere, ma tre che agli aiuti da Bei e Commissione. E ri- ammorbidita
te evitare un fiasco al pari del presidente fran- mane un riferimento alla disciplina di bilancio:
cese Emmanuel Macron, con il rischio di ri- finita la pandemia, «gli Stati membri rimango-
l’Olanda. Ora la
portare lo scottante dossier alla video confe- IL BAZOOKA NEGLI USA no impegnati a rafforzare i fondamentali eco- palla passa ai
renza dei capi di Stato e di governo prevista per nomici e finanziari, in coerenza con il quadro leader
dopo Pasqua. La Fed sfodera altri 2.300 miliardi per sostenere i mercati di coordinamento e sorveglianza economica e
L’intesa raggiunta prevede il pacchetto di quat- di bilancio, inclusa ogni flessibilità applicata
tro punti che si era già profilato martedì notte: La Fed intende usare con «forza» e in modo «proattivo e aggressivo» tutti i suoi pote- dalle autorità competenti». Un riferimento in
il piano da 240 miliardi della Banca europea ri fino a che la ripresa economica non sarà avviata. La rassicurazione di Jerome Powell sostanza al Semestre europeo e al Patto di sta-
per gli investimenti (Bei) per le piccole e me- accompagna il nuovo maxi piano di misure lanciato dalla banca centrale americana bilità, per contentare i rigoristi, così tenue da
die imprese, il programma «Sure» della Com- per sostenere l’economia: un bazooka da 2.300 miliardi di dollari diretto non solo a essere accettabile anche per l’Italia. I fondi
missione Europea per il sostegno alle casse in- Wall Street ma anche a "Main Street", ovvero alle imprese, agli stati e alle città ame- sborsati saranno pari al 2% del Pil (240 miliar-
tegrazioni, l’utilizzo delle linee di credito (Ec- ricane, spingendosi fino alla possibilità di acquistare junk bond. L’annuncio spinge le di di euro in tutto sui 410 miliardi disponibili
cl) del fondo salva-Stati (Mes) a condizioni ul- Borse, con l’Europa che chiude tutta in positivo. Piazza Affari segna un rialzo dell’1,39% nel Mes, 36 per l’Italia), le Eccl saranno dispo- Borse
traleggere e infine, sia pure senza dettagli, un sostenuta anche dal pieno registrato all’asta Btp e da uno spread che chiude stabile nibili entro due settimane.
sostegno di principio al piano francese di un a 194 punti. Wall Street chiude in positivo ignorando il calo della fiducia dei consu- L’Europa ha insomma evitato il fiasco, ma il sostenute
Fondo per la ripresa. Niente «Coronabonds», matori ai minimi dal 2011 e la nuova gelata sull’occupazione. Le richieste di sussidi diavolo, si sa, è tutto nei dettagli, e molto re- dalle Banche
anche il riferimento agli «strumenti innovati- sono infatti aumentate nuovamente in modo vertiginoso, schizzando la settimana sta da definire. E, del resto, i soldi non sono
vi» riferiti al Fondo francese è stato attenuato scorsa a 6,61 milioni. Constatando la «velocità allarmante» con cui l’economia ame- tanti: in totale, tra tutte e tre le prime misure,
centrali
con l’espressione «si esplorerà». Contro i titoli ricana sta deteriorando, Powell prevede un secondo trimestre «molto debole» con un si parla di 540 miliardi, quanto al Fondo fran-
comuni restano Berlino, L’Aja, Vienna, Helsinki. tasso di disoccupazione che salirà, e salirà di molto. Ma, cerca di rassicurare, sarà cese, è ancora tutto da definire e comunque Sono state di nuovo
È noto - avvertiva Merkel in mattinata – che un fenomeno temporaneo: la ripresa, quando ci sarà, sarà «robusta». La Fed – spie- si parla del 2021. le banche centrali a
non credo che si debbano mettere in comune ga Powell – ha un importante ruolo da giocare in questo quadro ma non va dimenti- «L’Eurogruppo ha trovato l’accordo. Un pac- dare ottimismo agli
i debiti, per cui noi siamo contrari agli euro- cato che la banca centrale ha poteri per l’erogazione di finanziamenti e prestiti e non chetto di dimensioni senza precedenti: l’Euro- investitori. Da un lato
bond, ma ci sono molte altre possibilità, altre poteri di spesa. Le parole di Powell arrivano mentre in Congresso è stallo sugli ulte- pa è solidarietà», ha twittato il commissario al- la Bank of England
soluzioni». La leader tedesca ha comunque te- riori 250 miliardi di dollari da stanziare a favore delle piccole e medie imprese. l’Economia Paolo Gentiloni. ha annunciato che
lefonato al premier italiano, «ho parlato con © RIPRODUZIONE RISERVATA finanzierà
“direttamente”, su
base temporanea, le
LA STRATEGIA DI PALAZZO CHIGI spese che il governo

Il «secondo tempo» di Conte


britannico sta
fronteggiando per
contrastare la crisi
sanitaria ed
economica. Dall’altro

che punta al vertice dei leader la Federal Reserve ha


aperto nuove linee di
credito da 2.300
miliardi di dollari a
EUGENIO FATIGANTE tazione sui propri paradisi fiscali interni». favore di piccole–
Nel Movimento si va anche oltre: 22 parla- medie imprese e

N
on ci sono salti di gioia, ma nem- mentari firmano un documento in cui evo- governi locali. Londra
meno particolari motivi di non sod- cano un cambio epocale di strategia geopo- ha guadagnato il
disfazione. Un accordo che cita il litica. «Qualora ci fosse una refrattarietà de- 2,9%, Milano e Parigi
Mes e non nomina in modo esplicito gli Eu- gli Stati membri Ue a iniziare un nuovo pa- Il l’1,4%, Francoforte il
robond motiva il giudizio sospeso del pre- radigma in grado di rispondere alla crisi si- Presidente 2,2%. In recupero il
mier Giuseppe Conte. Ma il governo, al ter- stemica» serve «stabilire accordi preventivi del petrolio, dopo che al
mine di un Eurogruppo "u- per la stabilizzazione mone- Consiglio vertice dell’Opec+ il
nico", dilazionato in 72 ore, La linea è: trattare taria con Usa, Giappone e Ci- Giuseppe cartello degli
rimanda ancora l’ultima car- ancora, fino na, oltre che con i singoli Sta- Conte esportatori ha
ta: la partita non è finita qui. ti membri della Ue con inte- e il trovato l’intesa per
Per questo, rompere ora non
all’ultimo. Il premier ressi strategici convergenti», ministro un taglio della
converrebbe. «La trattativa segue il negoziato si legge nel documento. Te- della produzione da 10
finisce al Consiglio Europeo La mancata sto che arriva a poche ore Economia, milioni di barili al
di dopo Pasqua, l’Eurogrup- citazione degli dalla lettera al Corsera in cui Roberto giorno (qualcuno
po è chiamato a fare una pro- il segretario di Stato Usa, Gualtieri arriva a ipotizzare
posta», spiega una fonte di
Eurobond soddisfa Mike Pompeo, assicura che riduzioni anche
governo lasciando intendere solo a metà «nessuno aiuterà l’Italia co- maggiori) che
che le porte della diploma- me gli Stati Uniti», annun- chiuderebbe lo
zia intra-europea sono tutt’altro che chiuse. ciando interventi «di assistenza diretta». U- scontro tra Arabia
E Francia e Germania, al di là delle diver- na sponda, quella di Washington, che si Saudita e Russia. Le
genze, restano i due principali interlocutori concretizza anche nella telefonata di Me- quotazioni sono
dell’Italia. lania Trump a Laura Mattarella, figlia del ca- salite di circa il 10%
La strategia di Palazzo Chigi punta allora a po dello Stato. per riportarsi attorno
dilazionare il più possibile la messa in atto ©
RIPRODUZIONE RISERVATA ai 35 dollari al barile.
del fondo di solidarietà proposto dalla Fran-
cia (e teoricamente finanziabile con emis-
sioni di titoli di debito comune europeo, an- REPORT ANNUALE DELLA CAMERA DI COMMERCIO (L’AHK ITALIA) Intesa SP,
che se poi ci vorranno molti mesi ancora per
50 miliardi
farli partire) e, nel frattempo, valorizzare i
due strumenti su cui c’è già un’intesa co-
mune: il fondo Sure sulla disoccupazione e
La "filiera" italo-tedesca tiene, ma ora c’è l’incognita virus di risorse
per le Pmi
l’azione tecnica della Bei (Banca europea de- PAOLO PITTALUGA i nostri Paesi anche a fronte del le aziende italo-tedesche vo- garantire le migliori misure per
gli investimenti), che si somma a quella del- rallentamento della locomotiva gliono tutelare l’occupazione: la tenuta dei sistemi economici

I
la Bce. Sullo sfondo resta il Mes "salva-Sta- talia e Germania hanno, al- tedesca e dell’economia globa- l’83% prevede un livello di ma- di tutti i Paesi. Italia e Germania Intesa Sanpaolo, in se-
ti" che a scanso di equivoci, anche nella sua meno a livello industriale, le è la riprova di un rapporto di nodopera costante o in crescita. stanno collaborando attiva- guito alle misure intro-
versione senza condizioni, il governo non un legame forte con un in- collaborazione solido e radica- La preoccupazione deriva dalla mente e a supporto l’una del- dotte dal governo, ha
intende attivare. Anche perché si ritrovereb- terscambio fitto confermato nel to» sottolinea Jörg Buck, consi- prospettiva di un forte calo del- l’altra anche in questo momen- alzato a 50 miliardi di
be di fronte alla "trincea" delle opposizioni 2019, con il volume stabile sul- gliere delegato della AHK. la domanda (l’81%), seguito dal- to. Siamo le due prime econo- euro le risorse per le im-
- con Matteo Salvini pronto a chiedere la sfi- l’anno precedente, per un tota- Cuore della partnership resta la le scelte di politica economica mie manifatturiere europee e prese contro la crisi e-
ducia del governo - e alla difficile tenuta di le di 127,7 miliardi (-0,5% sul produzione industriale con l’au- (50%) e dalla difficoltà di repe- mai come ora abbiamo il dove- conomica scatenata
M5s, ancora gruppo di maggioranza nella 2018). Secondo l’Istat, lo scorso tomotive a fare rire finanzia- re di trainare le scelte economi- dal Covid–19. Le nuove
coalizione giallo-rossa. anno le esportazioni verso la da traino e poi i L’interscambio 2019 menti (21%). Ov- che per dimostrare che uniti risorse comprendono
I contatti di Palazzo Chigi con la cancellerie Germania hanno raggiunto i macchinari, il rimane su volumi stabili viamente i timo- possiamo far tornare a prospe- sia linee di credito ag-
europee, per tutta la giornata, non si inter- 58,1 miliardi (-0,1% sul 2018) chimico-farma- (-0,5%) con 127,7 ri sul calo della rare la joint-production italo- giuntive rispetto a quel-
rompono tanto che, mentre è in video-con- mentre il valore delle importa- ceutico e l’elet- domanda dipen- tedesca». le preesistenti – della
ferenza con le Regioni e l’Anci, Conte si as- zioni si è fermato a 69,6 miliar- trotecnica-elet- miliardi. Più della metà dono dalla diffu- Dambach auspica una ripresa, durata di 18 mesi meno
senta per alcuni minuti per un ultimo ag- di (-0,8% sul 2018). La Germa- tronica. La AHK delle imprese prospetta sione del Covid- nella massima tutela dei lavora- un giorno, di cui 6 di
giornamento sull’Eurogruppo. Il "no" agli nia si conferma primo partner ha raccolto una perdite tra il 10 e il 50% 19. La pandemia tori ovviamente, dopo Pasqua. preammortamento –
Eurobond certifica, agli occhi del premier, la commerciale dell’Italia seguita serie di dati sul- si fa sentire nel Vede un problema di liquidità sia linee di credito già
mancanza di un cambio di passo dell’Ue col dalla Francia con 86,4 miliardi le aspettative
sul fatturato 2020 calo della richie- che va chiesta allo Stato per pa- deliberate e rese dispo-
risentimento che, non potendo infierire su di euro, mentre tra i partner del- delle imprese te- sta di prodotti e gare i salari e lasciare tranquilli nibili come liquidità per
Berlino, non risparmia attacchi al governo la Germania il nostro Paese desche in Italia dai quali emer- servizi e, pertanto, più della gli organici. Se da un lato servirà cassa per le imprese
olandese di Mark Rutte. «Gli amici Ue di Sal- mantiene la quinta posizione ge una diffusa preoccupazione metà delle imprese prospetta una moratoria sulle tasse alle a- clienti, per affrontare
vini e Meloni ci affossano», protesta il Pd. davanti a Polonia e Regno Uni- con l’83% delle aziende che va- perdite tra il 10 e il 50% sul fat- ziende, dall’altro sottolinea che con ampia flessibilità i
Mentre sul "blog delle Stelle" il sottosegre- to. Dati messi in luce ieri du- luta negativamente le prospet- turato 2020. è necessario far presto usando pagamenti urgenti. Pre-
tario M5s Manlio Di Stefano sottolinea: «L’O- rante l’annuale report della Ca- tive di sviluppo del Paese a me- «È necessaria – spiega Gerhard lo strumento di stabilità intro- sto sarà semplificata la
landa sottrae entrate tributarie agli altri Pae- mera di commercio italo-tede- dio termine e il 63% che teme Dambach, presidente AHK Italia dotto nel 2012 (Mes) con oltre presentazione di do-
si europei. L’Ue rischia l’implosione se non sca, l’AHK Italia. «La tenuta del- un’evoluzione negativa del bu- – una forte unione di intenti e 400 miliardi disponibili. mande di sospensione
adotterà un metodo di cancellazione o limi- l’interscambio commerciale tra siness aziendale. Nonostante ciò un grande sforzo europeo per © RIPRODUZIONE RISERVATA di rate e finanziamenti.
https://overposting.info/
10 PRIMO PIANO Venerdì 10 aprile 2020

Coronavirus:
le misure
Fase 2, Conte frena le imprese
Il premier vede i sindacati: proroga della chiusura fino al 3 maggio, con solo poche riaperture mirate
E avvisa: «Ancora rischi di vanificare i risultati». Verso un comitato di esperti per ripartire in sicurezza
ALESSIA GUERRIERI re di aziende e commercio in sicu- ha le idee chiare – la sintesi – dob- tre tre settimane, dall’Alleanza del- IL GOVERNO
Roma rezza. biamo mettere in sicurezza la salu- le cooperative, rappresentata dal
A farlo una cabina di regia compo- te degli italiani. Con la salute a ri- presidente Mauro Lusetti e dal re- Verso il nuovo

N Dpcm. Il ministro
on ci sono le condizioni per sta da esperti, parti sociali, econo- schio, non c’è economia». sponsabile di Confooperative Mau-
riaprire. Ma ci sarà qualche misti e industriali, che affiancherà il Al primo posto, dunque, resta la sa- rizio Gardini, è arrivata anche la ri- Boccia
marginale modifica di quel- comitato tecnico scientifico per ca- lute dei cittadini. Un punto, unito chiesta di lavorare insieme alle mo-
l’elenco di codici Ateco autorizzati a pire come consentire nella fase di anche alla sicurezza dei lavoratori dalità di ripresa e di fare in modo che a Confindustria:
lavorare, in particolare sarà qualche convivenza con il coronavirus il ri- ribadito anche da Annamaria Fur- «le misure adottate nel Dl imprese «Governo ha le
tipologia di azienda collegata alle so- popolamento dei luoghi di lavoro in lan, Carmelo Barbagallo e Maurizio garantiscano un rapido afflusso di idee chiare, prima
le attività necessarie e indispensabi- sicurezza, ripresa che sarà comun- Landini all’esecutivo, che va man- liquidità alle imprese».
li già autorizzate a continuare la pro- que progressiva e graduale. Il pre- tenuto in tutte le fasi di uscita dal- Dopo l’incontro con i sindacati il pre-
la salute». Furlan:
duzione. In sostanza, si tratterebbe mier Conte, infatti, ieri in videocon- l’emergenza. Ma soprattutto va da- sidente del Consiglio ha visto, sem- condizioni non ci
di attività del comparto sanitario e ferenza con i tre sindacati confede- ta uniformità di regole e strumenta- pre attraverso uno schermo, i rap- sono ancora
agroalimentare, della silvicoltura, li- rali e i rappresentanti del mondo in- zioni per proteggersi nei luoghi di presentanti di Regioni (c’erano Fon- Cgil, Cisl e Uil
brerie e cartolerie. L’incontro richie- dustriale – Confindustria, Confapi, lavoro in tutto il Paese. «Tutti vo- tana, Bonaccini e Musumeci), Pro-
sto da Cgil, Cisl e Uil al premier Con- Reteimprese, Alleanza delle Coope- gliamo che si riapra nel massimo vince e Comuni per affrontare anche
chiedono di
te per programmare la fase due del- rative, Confimi Imprese – ha spie- no (all’incontro era presente anche della sicurezza – è il tweet a fine con- con loro la fase due, una fase su cui lavorare insieme
l’emergenza si conclude di fatto con gato che «non ci sono le condizioni il ministro Fraccaro, ed in collega- fronto del segretario confederale «si è già al lavoro» ha assicurato Con- alla ripartenza
la conferma che il governo non in- per ripartire», visto che il rallenta- mento i colleghi Gualtieri, Speranza, della Cisl – e con le necessarie ga- te. Anche a loro ha ripetuto che non
tende allentare il lockdown dell’Ita- mento dei contagi c’è ma non è co- Catalfo) e neppure le 71mila impre- ranzie per la salute in tutti i luoghi ci sono le condizioni per riaprire, vi-
lia almeno fino al 3 maggio, seguen- sì forte da rendere possibile riaper- se che nel territorio avrebbero chie- di lavoro. Questa è la priorità». E og- sto che «il rischio sarebbe la risalita
do la logica della massima pruden- ture anticipate. Non è servito perciò sto ai prefetti una deroga per poter gi, perciò, non ci sono ancora le con- dei contagi e di vanificare i sacrifici
za sostenuta anche dagli scienziati. il pressing di Confindustria, soprat- riaprire i cancelli. A metà mattina, dizioni. «Prima di tutto la salute dei fatti» finora. E che per decidere il ti-
Ma parallelamente il governo è al la- tutto delle delegazioni di Lombar- tuttavia, era stato da Milano il mini- lavoratori», è il messaggio che arri- ming delle riaperture si lavorerà con
voro per riprogrammare la ripresa dia, Veneto, Piemonte ed Emilia- stro degli Affari regionali, Francesco va anche dal numero uno della Uil. «un pool di esperti che affiancherà il
delle attività, o meglio mettere a
punto una road map delle riapertu-
Romagna, per la riapertura delle a-
ziende a far cambiare idea al gover-
Boccia, ad inviare un messaggio
chiaro a Confindustria. «Il governo
Preso atto della scelta del governo di
mantenere le attuali chiusure per al-
comitato tecnico scientifico».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
■ Le tappe
Il protocollo
Il 14 marzo, governo e
l’impatto del covid-19 sull’economia italiana parti sociali siglano un
protocollo in 13 punti
I COMPARTI PRODUTTIVI IN “LOCKDOWN”. STRUTTURA PRODUTTIVA E FATTURATO PER SETTORI ATTIVI E SETTORI SOSPESI IPOTESI DI IMPATTO DELLO SHOCK COVID-19 SUL FATTURATO DELLE IMPRESE per contrastare in
INDUSTRIA E SERVIZI (IN VALORI ASSOLUTI E VALORI PERCENTUALI) NELLE DIVERSE AREE DEL PAESE, 2020-2021 (VALORI ASSOLUTI IN MILIARDI DI EURO) fabbriche e luoghi di
lavoro, ancora tutti
aperti, la diffusione del
Settori attivi Settori sospesi TOTALE % dei settori sospesi sul totale Senza shock Shock Covid-19
virus. Previsti, fra le altre
2020 2021 2020 2021 cose, la distanza di
Nord Ovest 1.000,0 1.020,6 912,5 1.020,6 almeno un metro e l’uso
Unità locali 2.474.982 2.301.257 4.776.239 48,2
48,2 Nord Est 577,4 590,1 528,9 590,1 di mascherine e guanti.
Centro 597,8 608,5 541,1 608,5 Scatta il lockdown
Sud 198,5 202,8 179,8 202,8 Dopo 7 giorni di
Addetti (migliaia) 9.367 7.317 16.684 43,9
43,9 Isole 78,7 80,3 70,9 80,3 crescenti pressioni da
parte dei lavoratori, i
Italia 2.452,4 2.502,3 2.233,2 2.502,3
sindacati chiedono un
Differenza fatturato 2020-2021 -219,2 -54,1 nuovo incontro a
Dipendenti (migliaia) 6.898 4.920 11.818 41,6
41,6 Nord Ovest -87,5 -23,5 Palazzo Chigi. È l’avvio
Nord Est -48,5 -13,9 del "lockdown",
sull’onda delle pressioni
Centro -56,7 -10,5
anche della Lombardia:
Fatturato (mln €) 1.794.789 1.320.584 3.115.373 42,4
42,4 Sud -18,7 -4,9 con una conferenza
Isole -7,8 -1,3 stampa a tarda ora il
40 42 44 46 48 50 premier Conte annuncia
la chiusura per 14 giorni
FONTE: elaborazioni Censis su dati Istat; Elaborazioni Censis su dati Cerved Industry Forecast (marzo 2020) di tutte le attività di
imprese "non essenziali"
e affida ai prefetti la
LA MAGGIORE IMPRESA SI ATTREZZA SUL MODELLO DELL’INTESA PER TENERE APERTI I SERVIZI ESSENZIALI sorveglianza su quali
tenere aperte.

Fca già pronta. Ma gli esperti avvertono Prime riaperture


Allo scadere dei 14
giorni, crescono le
fabbriche che riaprono i
Accordo azienda-sindacati. Locatelli (Css): molta cautela, possibile una seconda ondata cancelli, dalle acciaierie
Ast di Terni ad
ArcelorMittal a
Roma adottare in ogni reparto. Po- vato il presidente del Consi- per primi potranno riprende- gnificativamente più alto». Cornigliano (Genova),
sitivi i commenti dei sindaca- glio superiore di sanità, Fran- re. Probabilmente «un nume- Rischio invece marcatamen- allo stabilimento

F
ca è pronta a ripartire, ti. «L’accordo è un passo im- co Locatelli, per il quale «tut- ro limitato» e a fare la diffe- te più basso per altre catego- Michelin di Cuneo fra gli
all’insegna della sicu- portante», hanno detto Fran- to quel che riguarderà la riac- renza sarà la loro «esposizio- rie, come «chi lavora nella sil- impianti maggiori.
rezza, non appena ci cesca Re David, leader della censione delle attività non es- ne ambientale» al rischio di vicoltura e si occupa dei bo-
sarà il via libera del governo. Fiom-Cgil, e Michele De Pal- senziali andrà fatto con mol- contrarre l’infezione. Per e- schi per mantenerli in ordine
Le linee guida per una gra- ma, responsabile automotive. ta cautela, per evitare una se- sempio, «gli assistenti di pol- ed evitare incendi in esta-
duale ripresa dell’attività pro- Sulla tempistica, comunque, conda ondata», e su scala na- trona negli studi dentistici so- te».L’obiettivo, ha concluso
duttiva sono state messe in gli esperti frenano. La caute- zionale, senza diversità fra Re- no una categoria professio- Locatelli, «è certamente man-
piena sintonia con tutti i sin- la è d’obbligo ed «è essenzia- gione e Regione. nale fortemente esposta al ri- tenere un’economia sosteni- Garante Ue:
dacati. L’accordo, che sarà in le rispettare le misure a Pa- Si tratterà di stabilire quali sa- schio, così come i parruc- bile, ma l’attenzione priorita-
vigore fino al 31 luglio, indica squa e Pasquetta», ha osser- ranno i profili lavorativi che chieri hanno un rischio si- ria va alla salute». dati dell’App
tutte le misure necessarie per anonimi?
la tutela della salute dei lavo-
ratori e può diventare un mo- STRETTA SUGLI SPOSTAMENTI «Impossibile»
dello per le altre imprese nel-
l’affronto della "Fase 2". Si
procede sulla falsa riga del-
l’accordo raggiunto su base
Pasqua blindata, il Viminale: rafforzare i controlli sulle strade «È impossibile che il
tracciamento della
persona singola resti
nazionale per tenere aperti i DANIELA FASSINI mi segnali di efficacia delle misure di lità diverse compreso il divieto di re- gite in gondola si vigilerà anche con anonimo anche se ne-
servizi essenziali. Si va dalla contenimento incentrate principal- carsi presso abitazioni differenti da gli elicotteri. cessario per un moni-

T
misurazione della tempera- utto blindato. Vietato spostar- mente, come noto, sul distanziamen- quella principale tra cui le seconde ca- Per evitare il rischio di affollamenti e toraggio efficace della
tura a tutte le persone che en- si. I governatori affilano le ar- to sociale e sulla limitazione della cir- se utilizzate per le vacanze». Decine di code con i carrelli, intere Regioni han- diffusione del corona-
trano in azienda, all’uso ob- mi in vista della Pasqua. Nel colazione delle persone», scrive il ca- ordinanze sono annunciate in tutta I- no deciso la chiusura di supermerca- virus». E per questo
bligatorio delle mascherine mirino ci sono le seconde case, al ma- po di gabinetto Matteo Piantedosi. «Si talia. E se il sindaco di Roma, Virginia ti e negozi – farmacie escluse – alme- «bisogna affrontare la
chirurgiche per tutti i lavora- re e in montagna. Ma anche le gita fuo- evidenzia la particolare importanza Raggi avverte: «A nessuno venga in no domenica e lunedì: in Abruzzo, Sar- questione con la legge
tori (due per ogni turno). Fca ri porta, in campagna o al lago. Da che tali misure siano pienamente o- mente di fare la furbata e di mettersi degna e Sicilia, ma anche in tante città sulla protezione dei da-
attrezzerà tutte le aree di la- Nord a Sud negozi e supermercati perative in vista delle imminenti ri- in viaggio di notte perché i controlli li umbre, del Molise e della Toscana, tut- ti personali». Lo ha af-
voro, di relax, i servizi igieni- chiusi in diverse città, “strategica- correnze pasquali, tradizionalmente facciamo anche di notte», in Liguria ti gli esercizi commerciali avranno le fermato il Garante Ue
ci o gli spogliatoi con mate- mente” aperti in altre regioni per evi- caratterizzate da un incremento dei ma anche in Campania, nella costie- saracinesche abbassate. Diversa la per la privacy, Wojcie-
riale sanitario (gel igienizzan- tare code ed assembramenti nella flussi di traffico sull’intera rete viaria ra amalfitana, scatta il “coprifuoco” strategia nel Lazio, dove per evitare as- ch Wiewiórowski, do-
ti, saponi più aggressivi, kit giornata di sabato, riti e droni pronti nazionale, in particolare sulle auto- anti–furbetti delle seconde case. A Fi- sembramenti alla vigilia dei giorni di po che la Commissio-
per pulire le superfici). L’ac- a scovare i pic–nic fuorilegge. Sono le strade e sulle principali arterie di col- renze, Torino e Venezia saranno uti- festa non sono previste ordinanze sul- ne Ue ha presentato le
cordo, approvato anche dal misure anti–assembramenti nel pon- legamento extraurbane del nostro lizzati i droni per controllare gli spo- la chiusura delle attività nel giorno di raccomandazioni di
virologo Roberto Burioni, pre- te tradizionalmente più movimenta- Paese». Nella circolare si invita a pro- stamenti delle persone. Nel capoluo- Pasqua (aperte solo fino alle 15 nei Bruxelles ai governi Ue
vede il mantenimento della to degli italiani, studiate con vari prov- muovere «ogni go toscano sor- giorni festivi, secondo l’ultima ordi- per lo sviluppo di app di
distanza di un metro, la sani- vedimenti nei territori per scongiura- utile iniziativa vegliati speciali i nanza) ma si valuta lo stop a Pasquet- tracciamento per la
ficazione dei luoghi, proce- re un colpo di coda del virus. per assicurare
Nel mirino ci sono lungarni e zone ta. Restano i casi isolati di alcuni Co- pandemia. I governi a-
dure per mense e spogliatoi, Il Viminale ieri ha diramato una cir- l’osservanza del- le seconde case, ma anche verdi mentre il muni che hanno deciso autonoma- vranno tempo fino al 15
oltre allo smart working. Pri- colare a tutti i prefetti chiedendo un le previste limi- le gite fuori porta parco cittadino, mente, così come il giorno libero per aprile per presentare u-
ma dell’avvio delle attività rafforzamento dei controlli in vista ap- tazioni riguar- Negozi e supermercati quello delle Ca- i dipendenti in alcune catene di su- na "cassetta per gli at-
produttive sarà inviato trami- punto delle festività pasquali. «I dati danti gli sposta- scine, sarà presi- permercati del Paese, in linea con trezzi" con le linee gui-
te WhatsApp ed e-mail a ogni statistici relativi all’andamento dell’e- menti all’interno
chiusi in diverse città, diato dai milita- quanto chiesto anche dai sindacati in da per le app che do-
lavoratore un pacchetto di pidemia in atto hanno fatto registra- dello stesso co- “strategicamente” aperti ri. In laguna, in- alcune regioni. vranno controllare la
informazioni con le misure da re, pur con le opportune cautele, i pri- mune e tra loca- in altre per evitare code vece, contro le © RIPRODUZIONE RISERVATA diffusione del contagio.
Venerdì 10 aprile 2020 PRIMO PIANO 11

Coronavirus:
l’epidemia
Nuovi contagi, il dato che non cala
Altri 1.615 positivi in 24 ore, in aumento per il secondo giorno consecutivo. Sempre meno invece i ricoveri
Pronta a partire l’indagine sierologica sul primo campione di popolazione. In un giorno morti 9 medici
VIVIANA DALOISO crescere. A fronte, per altro, di re di sanità, Franco Locatel- di immunità? L’unica indica- mero a 105. «Nessun operato- IL FARMACO IL PUNTO
una leggera diminuzione del li –. È un successo importan- zione chiara, per ora, è quella re sanitario - ha sottolineato
Un “mega-test” La curva
C
ontinua a dare buone numero di tamponi effettuati te, largamente attribuibile al- di continuare a restare a casa. Locatelli – sarebbe dovuto mo-
notizie, sul fronte del- (46.244 contro i 51.680 di mer- le performance delle misure «Anche a Pasqua e Pasquetta – rire per assistere i malati di Co-
sulla clorochina epidemica per
l’emergenza negli o- coledì). Sono così 96.877 le per- di restrizione oltre che alla insiste il capo della Protezione vid-19». Nel frattempo dall’Eu- ora non accenna
spedali, il Bollettino quotidia- sone che risultano positive al capacità del Servizio sanita- civile Angelo Borrelli –. Non bi- ropa arriva un buon segnale
no della Protezione civile sul- coronavirus, con un numero di rio nazionale». sogna allentare la guardia o sul fronte vaccino. La società Si torna a parlare di cloro- a flessioni
l’epidemia di coronavirus in I- 1.615 nuovi positivi (cioè un Per quanto riguarda il ricorso pensare di avere già vinto que- biofarmaceutica tedesca Cu- china – il farmaco antima- cosistenti: «Ecco
talia. Scendono, di nuovo vi- +1.6 rispetto ai 1.195 delle 24 ai famosi test sierologici, inve- sta battaglia. Serve adottare reVac, con sede a Tubinga, co- larico la cui efficacia reale perché bisogna
stosamente, i pazienti ricove- ore precedenti). Ad oggi, in I- ce, lo stesso Locatelli ha con- comportamenti responsabili e mincerà in estate in Belgio e sul Covid-19 divide le auto-
rati (ormai il 33% del totale dei talia, salgono a 143.626 i casi fermato che il campionamen- limitare gli spostamenti e que- in Germania i test sperimen- rità sanitarie e politiche di
restare a casa e
positivi) e quelli nelle terapie totali, con 18.279 decessi (altri to di cui si è parlato nei giorni sto non può che essere garan- tali sull’uomo. «Siamo in con- mezzo Pianeta – perché l’u- non abbassare la
intensive (altri 88 i posti liberati 610 in un giorno) e, come si di- scorsi inizierà e «sarà effettua- tito anche tramite i controlli. tatto da mesi con le autorità niversità di Oxford ha deci- guardia.
ieri da Nord a Sud). Aumenta il ceva prima, 28.470 guariti. Le to su sei fasce di età che ab- Che sono felice siano stati po- tedesche e belghe», ha spie- so di avviare il più grande Il rischio è una
numero dei guariti, ormai oltre maggiori criticità, Lombardia biamo deciso di considerare tenziati». gato il neopresidente del con- “trial” mai organizzato fi-
quota 28mila, con quasi 2mila a parte (29.074 positivi e 300 grazie all’indicazione di Istat». Continua a essere pesante in- siglio di vigilanza della so- nora, con 40mila parteci-
seconda ondata».
dimessi in appena 24 ore. Ma nuovi vittime, superata quota Sarebbe dunque pronto il pia- vece il bilancio dei medici mor- cietà, Jean Stéphenne. Gli stu- panti in Asia, Europa e Afri- Bene i dati sul
il numero dei nuovi contagia- 10mila), si registrano in Emi- no per una mappatura nazio- ti per il coronavirus. Nelle ulti- di inizieranno «a giugno o al ca. Il test ha l’obiettivo non Centrosud
ti – cioè degli italiani trovati po- lia-Romagna (13.258 casi), Pie- nale dei contagi che utilizzi il me 24 ore in sette hanno per- più tardi a luglio». solo di rispondere alla do-
sitivi al tampone – non cala. O monte (11.336) e Veneto parametro degli anticorpi pre- so la vita, facendo salire il nu- © RIPRODUZIONE RISERVATA manda se la clorochina
almeno, non abbastanza da (10.449). Sono incoraggianti senti nel sangue della popola- contrasti effettivamente il
modificare il corso della curva invece le cifre nelle altre zone zione, anche se ancora manca virus una volta che si è ri-
epidemica su cui sono punta-
ti gli occhi di tutta la comunità
del Paese: «Oggi pur nel nu-
mero ancora importante di de-
chiarezza sui tempi dell’inda-
gine e sull’uso che si farà dei IL COVID-19 IN EUROPA masti contagiati, ma se ha
anche e soprattutto un ef-
scientifica e del governo per cessi registrati ci sono dieci re- dati ottenuti: solo statistico? I primi dieci Paesi per contagio e decessi Dati aggiornati alle ore 19 di ieri fetto di profilassi. Il che, è e-
decidere il da farsi sulle pros- gioni localizzate principal- Oppure l’esperimento sarà poi DECEDUTI vidente, sarebbe decisivo ■ Le notizie
sime settimane. mente al centro-sud e la pro- funzionale per eventuali repli- 1 Spagna 81.304
152.466 15.238 soprattutto per medici e in-
Ieri, anzi, per il secondo gior- vincia di Bolzano sotto le die- che a livello territoriale, con l’o- fermieri, impegnati in prima

1
no consecutivo quel dato è ci unità – ha evidenziato il pre- biettivo di gestire la “fase 2” 2 ITALIA 143.626 18.279 linea coi malati. I volontari
persino tornato leggermente a sidente del Consiglio superio- proprio attraverso i patentini che si sottoporranno al te-
113.296 st sono infatti operatori sa-
3 Germania 2.096
nitari. Già oggi in alcune
corsie italiane dove si trat- A Cremona
IL CASO 4 *Francia 86.334 12.210 ta il Covid la clorochina vie- il doppio dei morti

La truffa sulle mascherine 5 Regno Unito

6 Svizzera 23.612
65.077 7.978

926
ne presa da medici e infer-
mieri nella speranza che
prevenga le infezioni o le in-
debolisca sul nascere. In-
A Cremona e provincia
si può stimare che i
morti per Covid19 siano

(nella gara di Consip)


dia e Bangladesh la distri- stati 1.295 nel solo mese
7 Belgio 23.403 2.523 buiscono ugualmente al di marzo 2020. Il doppio
personale sanitario sano rispetto al dato ufficiale
8 Olanda 20.678 2.396 ma impegnato nella lotta al che si ferma a 690. È il
coronavirus. I risultati del bilancio che emerge
ANTONIO MARIA MIRA Arrestato l’imprenditore informativa della Gdf e poi le in- 9 Portogallo 13.956 409 mega-test non saranno im- dall’indagine sui decessi
Antonello Ieffi. Reo, tercettazioni telefoniche hanno mediati, si parla di un anno. realizzato da InTwig, una

A
veva vinto una gara Con- secondo il gip, di «una confermato i gravi sospetti. 13.138 Ma è ormai quasi certo che società di data
10 Austria 295
sip da 15,8 milioni di eu- «Proviamoci, tanto è una emer- prima di un anno non avre- management di
ro per fornire 24 milioni puntata d’azzardo sulla genza. Ci troviamo in tempi di * Il dato mercoledì era di oltre 110mila casi. È stato aggiornato così, ieri, dalle autorità sanitarie francesi mo nemmeno un vaccino. Bergamo. Quanto al
di mascherine chirurgiche. In salute pubblica e su guerra… in tempi di guerra, ma FONTE: Johns Hopkins University numero dei contagiati
realtà sapeva di non poterlo fa- quella individuale di noi ci siamo lo stesso… vedi?», nella provincia la stima è
re. Anche perché la sua società dice l’imprenditore in una te- di oltre 83mila, il 23%
era “una scatola vuota”. Così ie-
chi attendeva, e attende, lefonata che ricorda molto quel- degli abitanti (significa
ri è finito in carcere l’imprendi- questi presidi» la molto famosa dei due im- quasi 1 su 4).
tore di Cassino, Antonello Ieffi, prenditori che ridevano dopo il

2
con l’accusa di turbativa d’asta laborazione dell’Agenzia delle terremoto dell’Aquila, pregu-
e inadempimento di contratti di Dogane, il 18 marzo veniva ef- stando ricchi affari. Dalle inter-
pubbliche forniture. Il primo ar- fettuata nell’aeroporto di cettazioni è stato poi ricostruito
resto dell’emergenza Covid-19. Guangzhou Baiyun un’ispezio- come Ieffi, essendo gravato da
«Una puntata d’azzardo giocata ne, che accertava l’inesistenza precedenti giudiziari e di poli- Carenza di farmaci
sulla salute pubblica e su quella del carico. Alle richieste di Con- zia, che avrebbero potuto infi- negli ospedali
individuale di chi attendeva, e sip, Ieffi rassicurava che si stava ciare la partecipazione alla ga-
attende, le mascherine, che be- adoperando per risolvere la si- ra, abbia cercato di dissimulare Allarme dei farmacisti
ne rende la capacità a delinque- tuazione affermando di avere in- la riconducibilità a sé della Bio- ospedalieri sulle carenze
re del soggetto». Così il gip Vale- viato il 16 marzo «una comuni- crea, nominando come ammi- di farmaci e dispositivi
rio Savio definisce il comporta- cazione all’onorevole Luigi Di nistratore un mero “prestano- medici, tra cui antivirali,
mento dell’imprenditore, noto Maio con la quale chiedeva un me”, cui ha poi “ceduto” l’intero antibiotici, antimalarici e
anche nel mondo del gossip e fi- aiuto per la soluzione di una non capitale sociale al prezzo di l’immunosoppressore
nito in varie inchieste, che ha meglio precisata problematica». 100mila euro, da corrispondere Tocilizumab. Mancano
partecipato all’appalto, accet- A questo proposito, la Farnesina però tra due anni. anche guanti,
tando il rischio di non essere in ha precisato che non vi sono mai Sebbene il tentativo non sia an- mascherine, camici
grado di adempiere alla fornitu- stati contatti di alcun tipo, men dato a buon fine, Ieffi si è im- sterili e caschi per la
ra nei tempi brevissimi dettati che meno via mail. mediatamente riorganizzato ventilazione e tamponi.
dall’emergenza. Il 19 marzo Consip ha annulla- per provare ad aggiudicarsi un «È la difficoltà con cui
L’operazione “The Musk”, con- to in autotutela l’appalto, e il 25 altro appalto, per la fornitura oggi ci troviamo a
dotta dalla Guardia di Finanza e marzo ha sporto denuncia. I di guanti, occhiali protettivi, tu- gestire sia i pazienti
coordinata dalla Procura di Ro- successivi approfondimenti fa- te di protezione, camici e solu- Covid–19 che le altre
ma, trae origine da una denun- cevano emergere che Biocrea a- zioni igienizzanti (valore di ol- patologie che in questo
cia di Consip per una serie di a- veva nascosto posizioni debito- tre 73 milioni di euro), utiliz- momento subiscono,
nomalie riscontrate nella pro- rie per violazioni tributarie per zando altro soggetto giuridico, loro malgrado, una
cedura di una gara di oltre 253 oltre 150mila euro nei confron- la Dental Express H24, essen- contrazione di
milioni. In particolare, il lotto n. ti dell’Erario che l’avrebbero e- do la Biocrea ormai “bruciata”. disponibilità di farmaci»,
6, di 15,8 milioni, veniva aggiu- sclusa dalla gara. Un’indagine Operazione fallita. spiega la presidente di
dicato alla società Biocrea che rapidissima. Prima una corposa © RIPRODUZIONE RISERVATA «Ce la faremo» gridano i guanti dei medici dalla terapia intensiva dell’ospedale di Varese / Reuters Sifo (la Società italiana
ha un oggetto sociale del tutto di farmacia ospedaliera)
estraneo al settore («coltivazio- Simona Serao
ne di fondi, selvicoltura, alleva- L’INTERVISTA Creazzola.
mento di animali e attività con-
nesse»). In realtà una “scatola
vuota” destrutturata, caratteriz-
zata da un vero e proprio stato
«La Tac oltre il tampone. Così individuiamo il Covid nei pazienti» 3
di inoperatività, sintomatica del- ARTURO CELLETTI nico». Al momento al Gemelli quanti sono i cessivo tampone. In alcuni casi però il
la originaria e assoluta inido- Al Gemelli funziona così? pazienti Covid che risultano negativi quadro della Tac è così specifico da su- Lʼaddio di Foggia

«A
neità della stessa, per totale as- l momento attuale il tam- Certamente, ci basiamo sulla collabo- al tampone?È difficile indicare un nu- perare addirittura la necessità del tam- al magistrato
senza di dipendenti, strutture, pone nasofaringeo costi- razione multidisciplinare. In questo mero preciso, perché la situazione è pone, anche se frequentemente la dia-
mezzi e capitali, a far fronte alle tuisce lo strumento più u- contesto la scelta di impiantare una in continua evoluzione, ma è comune gnosi Tac si ferma a definire la pre- «Se n’è andato un vero
obbligazioni previste dal con- tilizzato e sensibile per la diagnosi di Tac all’interno della terapia intensiva che in pazienti con quadro clinico e senza di una polmonite interstiziale, protagonista del mondo
tratto. «Un’azione spregiudicata infezione da coronavirus (Covid-19), della sede Covid2/Columbus è stata radiologico fortemente suggestivo di ma non è in grado di affermare con giudiziario pugliese che
e temeraria», commentano i con una capacità di identificare cor- vincente. In que- infezione da Co- certezza la natura da Covid-19. lascia insegnamenti ed
magistrati. rettamente i soggetti ammalati piut- sto modo si ridu- Cesare Colosimo, direttore vid-19 si trovino La Tac “passaggio obbligato” per ca- esempi che saranno
Oltretutto Biocrea si impegnava tosto alta e vicina all’ottanta per cen- ce uno dei pro- della Diagnostica per uno o più tam- pire quando è necessario il passaggio determinanti per le
alla consegna dei primi 3 milio- to». Cesare Colosimo, direttore della blemi maggiori in terapia intensiva.
ni di mascherine entro 3 giorni Diagnostica per immagini del Policli- dello studio ra-
immagini del Gemelli, spiega poni negativi.
La radiologia ha No questo non si può dire; la neces-
generazioni dei
magistrati più
dall’ordine. Sin dai primi con- nico Gemelli, va subito al punto: «Ma diologico dei pa- come le diagnosi in corsia dunque un ruo- sità della terapia intensiva e dell’assi- giovani». Così Antonio
tatti con Consip, però, Ieffi, che per una diagnosi affidabile e per la suc- zienti Covid, cioè siano rese più sicure dagli lo decisivo? stenza respiratoria viene dalla evolu- Leone, presidente del
interloquiva per conto dell’im- cessiva cura serve un gruppo multidi- il trasporto: i pa- strumenti della radiologia: È possibile trova- zione clinica e dall’emogasanalisi, ma Consiglio della Giustizia
presa sebbene non risultasse splinare. La migliore diagnosi e cura zienti non devo- il risultato delle indagini radiologiche
nella compagine societaria, la- dei pazienti con Covid-19 si ottiene in- no lasciare la te- «È comune avere malati i cui re quadri radio-
logici (soprattut- – e in particolare della Tac – contri-
tributaria, ha ricordato
Corrado Di Corrado,
mentava l’esistenza di proble- fatti solo se funziona un vero “pool” rapia intensiva test risultano negativi» to con la Tac) for- buisce in maniera rilevante, soprat- presidente del tribunale
matiche organizzative relative al composto da infettivologo, microbio- per eseguire lo temente sugge- tutto perché è in grado di definire l’e- di Foggia, scomparso
volo di trasferimento della mer- logo, pneumologo, internista, aneste- studio Tac e questo da un lato riduce stivi di polmonite interstiziale da Co- stensione della polmonite, valutarne ieri. Era in carica dal
ce, assicurando che era già di- sista rianimatore, radiologo. Queste fi- molto il rischio di diffondere il conta- vid-19, quasi asintomatici o addirittu- lo stadio evolutivo e verificare even- 2017, dopo anni
sponibile in un punto di stoc- gure possono e debbono insieme la- gio e dall’altro abbatte i costi e riduce ra asintomatici, con diagnosi solo suc- tuali complicanze. trascorsi a Trani.
caggio in Cina. Attraverso la col- vorare alla definizione del percorso cli- nettamente i tempi di esame. cessivamente confermata da un suc- © RIPRODUZIONE RISERVATA
12 PRIMO PIANO Venerdì 10 aprile 2020

Coronavirus:
la politica
Il Cura Italia non unisce il Senato
Primo sì con 142 voti. Ma per la prima volta un intervento anti-pandemia non ha un appoggio generale
La fiducia irrita l’opposizione che dice no ai 25 miliardi di aiuti. Intoppo finale su parere della Ragioneria
ROBERTA D’ANGELO Camera. L’intera opposizione cia si verifica l’intoppo che re- garantire le distanze di sicu- sono nel decreto scuola e in laborazione. IL DECRETO
Roma vota contro il provvedimento, sterà agli atti nella storia par- rezza) scalpitano per rientra- quello liquidità». Se nel merito le distanze re-
accusando l’esecutivo di aver lamentare come un inedito e re a casa, con i divieti e la Pa- Ma l’aria è surriscaldata, il stano, sono le procedure che
Clima teso già in
I
l decreto Cura Italia fa il impedito quella collaborazio- che, per una irritatissima pre- squa che incombono. Così, su centrodestra non è soddisfat- scatenano lo scompiglio nel-
primo giro di boa al Sena- ne chiesta dall’inizio dell’e- sidente Elisabetta Alberti Ca- proposta del capogruppo le- to per nulla delle misure, con- l’emiciclo. La Ragioneria re- avvio di seduta,
to, in una situazione del mergenza. Così non si ritrova- sellati, «non succederà più». Il ghista Romeo, maggioranza e siderate insufficienti, e Mat- stituisce il testo bollinato, che quando il
tutto inedita e con una proce- no quell’unanimità e quel ministro per i Rapporti con il opposizioni acconsentono in teo Salvini prende la parola passa in commissione Bilan-
dura che certifica l’impossibi- consenso che gli italiani ave- Parlamento, Federico D’Incà, via del tutto eccezionale ad av- per confermare che «il decre- cio, tra l’irritazione crescente. ministro D’Incà
lità per il Parlamento di lavo- vano potuto apprezzare per il chiede a inizio seduta un rin- viare l’esame del provvedi- to Cura Italia noi non lo votia- «Il testo c’è o non c’è? Noi vo- chiede un rinvio
rare come se nulla fosse in varo delle misure sanitarie, lo vio di due ore, per un «ritardo mento di fatto ancora non mo perché è una presa in gi- gliamo votare», chiede dal sul maxi-
tempo di Covid. Dopo una se- sforamento del deficit, per il nella bollinatura del testo», “sdoganato” dalla Ragioneria. ro». Sulla stessa lunghezza Carroccio Roberto Calderoli.
rie di strappi al regolamento, Salva Italia e per il lockdown. modificato dal maxi-emenda- Anche se D’Incà assicura che d’onda Fratelli d’Italia e Forza La Russa (Fdi) attacca il go-
emendamento
il testo viene approvato a Pa- La cabina di regia e i tentativi mento del governo. La fiducia il testo «ricalca interamente Italia. Antonio Tajani si dice verno di chiedere il voto su un Alla fine tolte solo
lazzo Madama con 142 voti a di dialogo, dunque, non tro- non è stata ancora ufficial- quello approvato dalla com- rammaricato per la fiducia che testo che non si conosce. «È alcune norme
favore, 99 contrari e 4 astenu- vano seguito. E quando il go- mente richiesta, ma i senato- missione, fatta salva l’elimi- costringe le opposizioni a con- stato tutto condiviso nella La presidente
ti, e senza indugio passa alla verno sta per chiedere la fidu- ri in aula (in misura ridotta per nazione di alcune norme che travvenire alla volontà di col- massima trasparenza», si di-
fende il ministro per i Rapporti
Casellati: non
con il Parlamento. «Gli italia- succederà più
I COMUNI MENO BONUS IN ARRIVO ni non meritano questo».
Salvini critica il Mes e accusa
I buoni spesa Professionisti, il decreto imprese Conte. Da M5s Paola Taverna
replica: «Gli italiani hanno di-
prima di Pasqua, ha ristretto la platea dei 600 euro mostrato più coesione di noi,
gli unici aiuti della politica che dimostra og-
Tutto da rifare per il bonus da 600 euro per i profes- gi di non averne. Salvini è or-
che arrivano sionisti a basso reddito. Dopo più di una settimana goglioso dei suoi alleati olan-
dall’avvio della presentazione delle domande online, desi che impediscono alla U-
È partita la distribuzione la pubblicazione notturna in Gazzetta ufficiale del nione Europea di approvare gli
dei buoni spesa per perso- decreto imprese ha modificato i requisiti per l’ac- eurobond? Quelli sono i suoi
ne in difficoltà. La misura cesso al beneficio. Ora spetta solo agli iscritti «in via alleati in Europa nessuno può Nicola
più veloce nell’ambito dei esclusiva» alle casse di previdenza private e «non ti- definire questa Aula un circo ZINGARETTI
400 milioni stanziati con tolari di trattamento pensionistico». Per le Casse pre- se no non ci sarebbero dubbi Segretario
l’ordinanza 658 della Pro- videnziali è stata una doccia fredda, perché i primi su chi siano i pagliacci». del Pd
tezione civile che respon- pagamenti erano imminenti. L’Enpam (medici e den- © RIPRODUZIONE RISERVATA

sabilizza i sindaci. Nel giro tisti) fa sapere d’averne bloccati 25.262 in partenza. «Fondi per partite Iva,
di pochi giorni, dalle muni- Altrettanto riferisce la Cassa dottori commercialisti, Cig, buoni spesa,
cipalità più piccole alle città alla quale si erano rivolti 25mila associati. E anche credito alle imprese.
metropolitane, si è orga- la Cassa forense, che ha ricevuto circa 140mila do- Scelte importanti e utili.
nizzato il sistema per ero- mande per i 600 euro da altrettanti avvocati, ora sarà Ma ora un appello, tutti
garli, spiega il vicepresi- tenuta a chiedere (come tutti gli enti) una «docu- concentrati per un
dente vicario dell’Anci Ro- mentazione integrativa». obiettivo chiaro: fare
berto Pella. «Al dipartimen- presto. È la priorità».
to Politiche sociali sono ar-
rivati i buoni cartacei per i
più bisognosi», ha annun- INTERVISTA ALLA CAPOGRUPPO AL SENATO DI FORZA ITALIA Giorgia
ciato ieri la sindaca di Ro- MELONI
ma, Virginia Raggi preci-
sando che in pochi giorni
«sono arrivate 40mila ri-
chieste». Ad Alessandria la
distribuzione inizierà oggi:
«Tradito l’appello del Colle» Presidente
Fratelli d’Italia

Con la fiducia sul "Cura


Italia" la farsa della
in questa prima fase ne sa-
ranno erogati per circa 360- Bernini: dal governo solo no, il voto non è priorità ma serve visione Annamaria Bernini. / Ansa presunta volontà di
condivisione da parte del
400 mila euro e saranno governo è stata
raggiunte circa mille fami- ANGELO PICARIELLO sionisti, no ai voucher per agricoltura e Ci sono margini per riprendere in au- creto, o si assume da solo la responsa- smascherata. A cosa sono
glie. Per evitare assembra- Roma turismo, no al rinvio di tutte le tasse al- la il dialogo? Vi aspettate un’altra ini- bilità di non dare un futuro al Paese. servite ore e ore di riunione
menti saranno consegnati meno fino a fine anno. Conte ha scel- ziativa di Mattarella? Se cade Conte - Draghi non risulta sia con le opposizioni?

«N
direttamente a casa dai vi- on c’era volontà di dialo- to uno schema di gioco in solitaria, che Le parole del capo dello Stato sono sta- disponibile - resterebbe solo il voto an-
gili urbani. A Napoli il Co- go», per Annamaria Ber- non lo porterà lontano. te un monito in un momento vera- ticipato. Potrebbe essere la strada?
mune ha inviato i primi mil- nini. «Alle nostre propo- Forza Italia non ci perde di più, la- mente drammatico. Ha sentito il dove- Adesso dobbiamo pensare a uscire dal-
le, oggi ne saranno inviati ste la maggioranza ha opposto solo dei sciando campo libero a visioni sovra- re di tranquillizzare gli italiani dispera- l’emergenza sanitaria e a come conte-
altri 2mila e sabato altri no», denuncia la capogruppo al Sena- niste già prevalenti nel- ti per l’incertezza e la con- nere i danni dell’emergenza economi-
3mila. A Bologna, ha reso to di Forza Italia. l’alleanza? «Il giudizio è fusione in cui li ha getta- ca, che rischia di diventare sociale. Il Sace attiva
noto il sindaco Virginio Me- Che cosa non ha funzionato? Chi ha perso davvero è il fortemente ti il governo, tra bozze di nostro giudizio sul governo Conte re-
Garanzia Italia
rola, ai soldi stanziati dal Non ha funzionato la squadra e, evi- Paese, al quale avremmo critico. Chi ci decreti, ordinanze e au- sta fortemente critico e continuiamo a
governo (2 milioni) il Co- dentemente, neanche l’allenatore. Non voluto dare sicurezze e tocertificazioni che si col-
perde è il Paese, lezionano come figurine.
essere profondamente diversi e distanti e task force
mune ne ha aggiunti altri era interessato al nostro contributo. Sia- prospettive. Ricordo che dalle sinistre di ieri e di oggi. Tuttavia,
1,7. Circa 2.600 le richieste mo stati disponibili a ogni tipo di con- al tavolo col governo ci ma non Ha dettato un metodo questo è il tempo della serietà e della re-
con l’Abi
arrivate al Comune di No- fronto, abbiamo offerto al governo so- siamo presentati come è l’ora di cambi che avrebbe dovuto ispi- sponsabilità, non quello di immagina-
vara. «Abbiamo deciso lo luzioni semplici per aggredire da subi- centrodestra unito, con rare più il governo che le re nuovi scenari politici. Il voto è sem- Sace è pronta ad
stop momentaneo, per cer- to il dramma della mancanza di liqui- un ventaglio di proposte
in corsa. Serve opposizioni. Spiace che pre la via maestra, ma abbiamo la luci- attivare "Garanzia
care di processare al me- dità per famiglie e imprese. Ci erava- che abbiamo scritto in- responsabilità» le sue parole siano state dità di dire che ci sono altre priorità. Né Italia" per far arrivare
glio le richieste pervenute», mo perfino illusi che le nostre idee a- sieme e che ancora adesso riteniamo le ignorate e non da noi che ci siamo mes- ci interessano cambi in corsa, il gioco liquidità alle grande
ha spiegato il vicesindaco vessero trovato cittadinanza nei collo- migliori per aiutare gli italiani ad af- si subito a disposizione. Il filo del dia- delle poltrone non ci appassiona per- imprese. Per farlo
e assessore alle Politiche qui con il ministro Gualtieri, almeno frontare questi giorni complessi. Forza logo si può riprendere se c’è il ricono- ché non è spostando qualche pedina definisce anche una
Sociali Franco Caressa. In- per i decreti successivi. Così non è sta- Italia ha un’identità che è radicata nel- scimento di aver sottovalutato quel- che si risolvono i problemi. Serve una nuova gestione
fine, sono circa 8.200, per to e temiamo che continuerà ad esse- la sua storia e che ci rende il punto di l’appello. Una cosa è certa. Forza Italia visione di futuro, scelte chiare e corag- organizzativa,
un totale di 210mila euro, i re così. Con la fiducia il governo ha det- equilibrio all’interno dell’alleanza. Il non è più disponibile a restare in pan- giose, e di certo non resteremo in si- rimanendo dentro
buoni spesa utilizzati fino- to no a tutte le nostre proposte, no ai nostro ruolo è determinante ieri come china. O il governo cambia subito pas- lenzio. Cdp (del cui gruppo fa
ra a Torino. 1.000 euro per commercianti e profes- oggi. E sarà decisivo domani. so e ci coinvolge già dal prossimo de- © RIPRODUZIONE RISERVATA parte), ma diventando
più autonoma, dato
che "non è soggetta
L’INTERVENTO. IL RUOLO DELL'ITALIA CON L'ONU, PER IL RILANCIO DEL MULTILATERALISMO MARINA SERENI all’attività di direzione
e coordinamento della
Cassa", come si legge

C
aro direttore,
il Covid–19 non conosce confini né colore della pelle, non
distingue opinioni politiche né fedi religiose. Mai come og-
La solidarietà è vero non meno su quello economico e sociale –, a dare valore alle i-
stituzioni sovranazionali, a puntare su efficacia e forza del mul-
tilateralismo. Il virus, infine, ha messo in luce il rischio di una
nel "decreto imprese"
pubblicato l’altra notte
sulla Gazzetta: di
gi abbiamo capito di essere «tutti nella stessa barca», mai come
oggi è stato chiaro che «nessuno può salvarsi da solo», come ci
ha ricordato papa Francesco. Per questo, il nostro Paese non può
interesse nazionale crisi alimentare globale: nei giorni scorsi la Fao ha lanciato l’al-
larme per le incombenti conseguenze sulle catene di approvvi-
gionamento. Dall’Italia – sede di Fao,Wfp e Ifad – può partire un’i-
fatto, risponderà
direttamente al
ministero del Tesoro.
non raccogliere l’appello che viene dall’Onu. Il segretario gene- a breve termine, sostenere la risposta sanitaria degli Stati più fra- niziativa volta a scongiurare che agli effetti della pandemia sul- È partita anche la
rale Guterres, da ultimo anche con l’intervento dell’8 aprile gili, e, a medio termine, affrontare le conseguenze indirette della le popolazioni dei Paesi più poveri e vulnerabili si sommino quel- task-force con l’Abi
(tinyurl.com/avvenire–guterres) su "Avvenire", continua a rivol- pandemia in termini socio–economici. In tale contesto, il piano ha li della mancanza di cibo. per rendere operative
gersi alla comunità internazionale per raggiungere un cessate il come misure prioritarie: 1) consegnare attrezzature di laboratorio Multilateralismo, cooperazione e solidarietà sono pilastri strate- le norme. Sace di fatto
fuoco globale e per rilanciare nel nuovo contesto di crisi i 17 gran- essenziali per i test e medicinali per le cure; 2) assicurare l’igiene gici della politica internazionale del nostro Paese. Assurdo, come emetterà la garanzia
di Obiettivi Onu per il 2030. nei campi e negli insediamenti di sfollati e profughi; 3) lanciare si è visto fare da alcuni esponenti dell’opposizione, contrapporre i contro-garantita dallo
Se si continua a sparare – nelle aree di conflitto – non si farà nul- campagne di informazione pubblica sulla trasmissione del virus; progetti di cooperazione allo sforzo in atto per sostenere famiglie Stato a fronte dei
la per contrastare la diffusione del coronavirus. Parliamo di con- 4) creare ponti aerei e hub in Africa, Asia e America Latina per con- e imprese italiane. La dimensione e il ruolo di un Paese come l’I- fondi che saranno
testi già devastati dalla guerra, con milioni di profughi che hanno sentire gli spostamenti degli operatori umanitari e i rifornimenti. talia nel mondo dipendono anche dalla capacità di costruire e a- concessi dagli istituti
dovuto abbandonare case e villaggi, con sistemi sanitari del tutto Se ne è discusso nei recenti G7 e G20, registrando ampio consenso limentare legami di amicizia e solidarietà con aree e Paesi meno di credito alle imprese
inadeguati. Parliamo dei nostri vicini. All’appello per il cessate il verso tale impostazione. Ora alle parole devono seguire i fatti, an- sviluppati. Non dovrebbe stupire che il ministro Le Maire, parlan- che ne faranno
fuoco hanno aderito, a parole, in tanti. Ma, nella maggior parte dei che da parte nostra. do delle misure che la Francia assumerà per combattere le conse- richiesta. Anche le
casi, anziché il tacere delle armi abbiamo visto aumentare l’in- Ci sono, poi, almeno altri due terreni di impegno globale. Il primo guenze dell’epidemia sul piano economico e sociale, abbia messo varie banche provano
tensità dei combattimenti. L’Italia e l’Europa debbono rilanciare riguarda il ruolo dell’Oms. L’Italia ha già aderito al Piano strate- l’accento anche sui progetti per l’Africa. E forse interesserà sapere a muoversi in anticipo
con forza, in particolare per la Libia, l’impegno per il cessate il fuo- gico di preparazione e risposta definito dall’agenzia onusiana e che l’Italia è proprio in Africa il primo investitore europeo. Insom- per prevenire la
co anche alla luce della recente approvazione della nuova missio- partecipa alle due iniziative promosse per lo studio del vaccino. Non ma, rivendicare per il nostro Paese il posto che merita nei conses- pioggia di richieste in
ne navale Irini, finalizzata al monitoraggio dell’embargo Onu, di cessiamo di imparare quanto sia importante condividere le pre- si internazionali significa considerare la cooperazione e l’impegno arrivo dai clienti
cui il nostro Paese ospita il Comando Generale e ha la responsabi- scrizioni e le misure più efficaci per la lotta al Covid–19, scambia- nelle sedi multilaterali come un vero e proprio investimento. E sa- (un’accelerazione è
lità della guida. re in modo trasparente e certo informazioni e dati, cooperare nel- pere che, di fronte al virus, essere generosi e solidali è il modo mi- prevista subito dopo
Non meno essenziale è anche l’altra iniziativa di Guterres: il “Glo- la ricerca scientifica e tecnologica. Con buona pace di sovranisti e gliore di fare anche i nostri interessi nazionali. Pasqua), dopo la
bal Humanitarian Response Plan” attraverso cui aiutare i Paesi nazionalisti questo virus ci costringe a cooperare, a condividere le Viceministra degli Esteri circolare esplicativa
più vulnerabili a contrastare il virus. Gli obiettivi principali sono, soluzioni ai problemi comuni – drammatici sul piano sanitario ma © RIPRODUZIONE RISERVATA ricevuta ieri dall’Abi.
Venerdì 10 aprile 2020

INDICE
Adichie, l’Africa
oltre gli stereotipi
II
Quando Ricoeur
sfidò Lacan IV
Portoghesi: «Il mio
Borromini sacro» V
Calcio: Zico e la mitica
stagione all’Udinese VII

cultura
RAUL GABRIEL religioni pochi passi dalla Nostra Signora. So-
Parigi scienza no rimasto un po’ deluso. La gloria
delle ferite di Notre–Dame, la sua
tecnologia

I
l regalo migliore che può fare un persistenza ineffabile e granitica
incontro è sorprendere. Attivare tempo libero reinventano i canoni estetici.
nuove energie, scuotere ciò che spettacoli Le splendide vetrate della Sainte–
si dà per acquisito e che nella mag- sport Chapelle sono un gioiello di deco-
gior parte dei casi è parte di un pro- razione, evidentemente. Ma di fron-
cesso incompiuto, caduto in letargo. te a Notre Dame impastata di polve-
Questo è il caso del mio incontro con re della città, sofferente e vittoriosa
REPORTAGE

Notre–Dame. La nuova Notre–Dame. Spesso ci si domanda mi sono sembrate come dolciastre e


Quella circondata da transenne e perché non cedere un po’ moraliste, goiello per ben-
gru, ricamata di filo spinato, inva- al dolore, perché lottare pensanti.
sa da ponteggi e travature in legno, Notre–Dame oggi è per me Nostra Si-
velata qua e là da improbabili sin- per vivere fino allo stremo gnora della Ferita. Le gru del nuovo
doni di tessuto sintetico. Una Si- e oltre. A Parigi “Nostra Signora gotico fronteggiano le torri campa-
gnora di grande lignaggio che si è della Ferita” è lì a risponderci narie, gli archi maestosi, i controver-
appartata per un restyling forzato, si gargoyle, in un dialogo tra ciclopi
impegnativo e protratto nel tem- al centro del quale sta l’energia es-

Le verità delle ferite


po, in seguito all’incendio nel po- senziale che domina le nostre esi-
meriggio del 15 aprile 2019. stenze anche contro il nostro volere:
Evento devastante ma non definiti- la costante trasformazione.
vo. Testimonianza delle ferite che il Spesso ci si domanda perché non ce-
tempo e la stessa esistenza in questo dere al dolore, perché lottare per vi-
mondo portano con sé come effetto vere fino allo stremo e oltre. Nostra

di Notre-Dame
collaterale non opzionale. Coronato Signora della Ferita è lì a dircelo. Il
da una cronaca scavata in tutte le di- dolore costituisce la stessa carne di
rezioni, show un po’ grottesco del ri- cui siamo fatti. Il dolore è segno di
lancio al rialzo di chi avrebbe inve- vita. Il dolore è vita. La devastazione
stito più miliardi per ricostruire le esalta ciò che conta, non lo distrug-
parti perdute, di chi avrebbe avuto ge, anche se il suo prezzo può esse-
la idea più balzana e assurda nel ri- re tremendo e i tempi non quelli li-
pensare il tetto come spazio sociale, vazione, il mistero del dolore. Que- L’andirivieni continuo dei camion stigmatizza la nostra debolezza di mitati della nostra esistenza. Istinti-
giardino o piscina. sta è la forza vera del simbolo. Rela-
La cattedrale ora che alimentano il cantiere è il pelle- fronte alla sofferenza. Nulla può il vamente lo respingiamo, ma senza
La nobile Signora non si cura di zione nel congiungimento. è ancor più presenza grinaggio contemporaneo di devo- fuoco, nulla la distruzione fisica ri- dolore sprofonderemmo in una a-
tutto questo. Può sopportare qua- Notre–Dame vive la vita di tutti mistica e simbolica zione e ossequio alla Nostra Signora spetto alla permanenza di Nostra Si- nestesia peggiore della morte. No-
lunque cosa, anche le vette della noi. Sono rimasto colpito da come Il cantiere ne limita che con sguardo magnanimo e av- gnora. Notre–Dame e il suo sguardo tre–Dame, nella sua nuova clausura
insipienza umana, esibita non di le gru, gli operai, i camion, il can- volgente sembra accarezzare tutti co- su Parigi sono un invito attraverso fatta di transenne e di materiali edi-
rado con orgoglio nella nostra tiere non appaiano come corpo e-
la fruizione eppure loro che si adoperano alla sua rige- l’esempio. Esempio simbolico. lizi, di operatori e di plastiche, è più
contemporaneità. straneo. Danno vita a uno strano ne amplifica la presenza nerazione. Per la precisione si occu- Profondamente vitale. presente, più vicina di prima. Il suo
Voglio raccontare cosa la Signora ha gotico in fieri, fatto di meccanismi L’incendio ha distrutto pano di ricostruirne i dettagli. Per- Forse, anche se il ripristino totale ri- riserbo imposto fa immaginare. Fa
dato a me, nel nostro primo appun- e meraviglie, potenza e riparazio- meraviglie concrete, chè il fulcro, la essenza, sono sem- chiederà molto tempo, il fuoco ha desiderare, muove lo spirito e il cuo-
tamento, privo di retorica e grandeur. ne, sangue che scorre attraverso le pre lì, e irradiano la città ben oltre i aiutato Notre–Dame a mostrarsi an- re. Fa sentire vivi. Oltre il fuoco, oltre
A sovrintendere un team di maestri pompe idrauliche come nelle pie-
ma ne ha restituita confini temporanei delle recinzioni. cor più nella sua essenza. Poco do- la devastazione, oltre la morte.
di cerimonia composto da macchi- tre del monumento. una ancora più grande La presenza mistica di Notre–Dame po ho visitato la Sainte–Chapelle, a © RIPRODUZIONE RISERVATA

nisti e capi cantiere.


La Signora, nelle sue attuali con-
dizioni, è ancor più presenza mi-
stica, ineffabile e profondamente
simbolica. La contenzione limita L’ARCIVESCOVO
la fruizione facile e appagante del-
le sue magnificenze, eppure ne La benedizione
amplifica la presenza.
La Signora oggi più che mai parla di
di Aupetit
potenza. Di comprensione, di ma- Un arcivescovo con trascorsi da medi-
gnanimità e di verità. Per quanto mi co ha benedetto ieri dall’alto una Parigi
riguarda Notre Dame oggi insegna tanto soleggiata, quanto attanagliata dal
qualcosa di nuovo. L’incendio, che coronavirus. A mezzogiorno, monsignor Mi-
ovviamente sarebbe stato meglio chel Aupetit, dalla bianca Basilica del Sacro
non ci fosse stato, ha distrutto me- Cuore, sulla collina di Montmartre, ha espo-
raviglie concrete, ma ne ha restitui- sto il Santissimo Sacramento per benedire la
ta una che forse le vale tutte. Ed è città, al termine di un tempo di raccoglimento
quella che dà la garanzia della per- e preghiera accompagnato dai canti intonati
manenza, della incidenza nella sto- dalle suore benedettine di Montmartre. Queste
ria, del potere taumaturgico del sim- ultime assicurano attualmente la staffetta del-
bolo che non è morto, che non è i- l’adorazione perpetua che non si è mai interrotta
nerte, meta di un turismo quasi mai fin dalla creazione del santuario. Per gli altri fe-
realmente consapevole. deli, invece, le porte della basilica sul «monte
Oggi più che mai la Signora è il cor- dei martiri» sono state chiuse per la prima vol-
po vivo che vive nel corpo di Pari- ta nella storia del luogo di culto dedicato al-
gi e nella storia. Cui la ferita centu- la Misericordia Divina, teatro ogni anno del-
plica le forze. Testimone concreto la principale via crucis parigina. Dopo la
della sublimazione mistica di una cattedrale di Notre–Dame a seguito del
devastazione trasfigurata in ener- tragico rogo del 15 aprile 2019, dun-
gia rinnovata. que, chiude anche il secondo edificio
La presenza, a volte, si concretizza sacro più visitato della capitale. Ma
con più forza attraverso la mutila- molte altre chiese restano inve-
zione e il sacrificio. Questo è il caso ce accessibili per momenti
di Notre–Dame, che sembra condi- solitari di raccoglimen-
videre con noi il percorso della pri- Parigi, la cattedrale Notre–Dame in restauro dopo l’incendio di un anno fa / Reuters/Gonzalo Fuentes to. (D. Zapp.)

ALESSANDRO ZACCURI
Nella Via Crucis di Alexandre Palma i pensieri che formula nella mente prima di
un consummatum est intimo e universale.

S
ullo sfondo non c’è la città ideale raf-
figurata da Piero della Francesca nel-
la Flagellazione di Urbino, nell’aria
la Passione ai tempi della pandemia La chiave di lettura dell’intero poemetto in
prosa (che però è anche celebrazione litur-
gica, rito generosamente contaminato dal-
non risuona la Passione secondo Matteo di se 1978, Palma insegna all’Università Cat- ma, la loro vicenda non rientra neppure nel nome, però, lo ha anche lui e quel nome, l’attualità) sta in questo riconoscimento del-
Bach. I luoghi e i rumori sono quelli di qual- tolica del Portogallo, dove è stato fra i più conteggio ufficiale. «Sono appena un pun- suggerisce Palma, è Gesù. Non è una pro- la Passione in ogni dolore, in ogni pena che
siasi paesaggio urbano: un supermercato stretti collaboratori di José Tolentino Men- to infimo nella curva di un grafico – si la- vocazione, semmai un gioco sul filo della tocca gli essere umani. Non si tratta di una
difficile da raggiungere, il messaggio auto- donça. Con il poeta cardinale condivide, menta il malcapitato –. Conto solo perché verosimiglianza, perché nella Penisola ibe- semplice, e forse anche interessante, ope-
matico che risponde al numero del servizio non a caso, la tensione per una contempo- accentuo l’angolo. Perché faccio crescere il rica Jesus – o Jesús, in castigliano – è diffu- razione di ammodernamento delle Scrittu-
d’emergenza, il silenzio irreale di un con- ranea “mistica dell’istante” e la capacità di volume di contagiati gravi. Perché non fac- so anche nome proprio, per cui sì, è proba- re, sulla scia del fortunato Jesus Christ Su-
dominio da cui quasi nessuno esce più. Ma risolvere il pensiero in parabola letteraria. cio appiattire la curva». La voce proviene da bile e anzi è certo che in qualche letto d’o- perstar. Qui non basta che Gesù vesta e agi-
il panorama può cambiare all’improvviso, Tradotta da Teresa Bartolomei e accompa- un uomo che non rivela mai le proprie ge- spedale, tra l’Europa e l’America Latina, c’è sca come uno di noi, ma occorre un altro
per il sorgere di «un ospedale davanti all’o- gnata dalle immagini dell’installazione sul- neralità. Di lui sappiamo che lavora in uffi- un Gesù del quale si sta prendendo cura u- passo, decisamente indirizzato in senso mi-
spedale» oltre i confini della periferia, ma- la Via Crucis realizzata da Adrian Paci per la cio, probabilmente, e che vive da solo, se- na Veronica nascosta sotto la mascherina stico. Se è vero che Cristo ha riscattato la
gari nello spiazzo di un parcheggio vuoto chiesa milanese di San Bartolomeo, la me- parato anche dalla madre della quale av- da infermiera: «È qui, davanti a me, rivesti- morte dalla Croce, ecco che ogni morte non
che finalmente rivela la sua natura di mi- ditazione di Palma si snoda come un rac- verte la mancanza in modo lancinante. Un ta da un’armatura di protezione così stra- può che partecipare della Passione di Cristo.
naccioso «deserto di catrame». conto di cronaca, nel quale le tradizionali na che non riesco neppure descriverla – «La solidarietà redentrice di Gesù accom-
SPIRITUALITÀ

È un percorso inatteso, ma che in buona mi- “stazioni” vengono rimpiazzate da situa- Testo letterario e insieme afferma il narratore in prima persona –. pagna l’essere umano, qualunque sia la si-
sura ci risulta già familiare, quello che A- zioni solo in apparenza prosaiche: l’insor- saggio teologico, Ma dietro a quella corazza sintetica c’è tuazione in cui si trova», avverte Palma, che
lexandre Palma compie attraverso La Via gere dei primi sintomi, la preoccupazione il poemetto del giovane qualcuno, un essere in carne e ossa. Im- pure affida la conclusione a una domanda
Sacra della pandemia, uno degli ebook pro- per il contagio eventualmente trasmesso ai mediatamente, diviene per me l’immagi- che può sembrare angosciosa: «Quando a-
posti da Vita e Pensiero per favorire una ri- propri cari, l’isolamento forzato, il ricovero teologo portoghese vede ne della speranza». vrà fine?». Ancora non conosciamo la ri-
flessione spirituale sull’emergenza corona- in ospedale, il tampone, il trasferimento in Gesù percorrere L’orizzonte della speranza non scompare sposta, ma di sicuro sta nelle pieghe di que-
virus (come gli altri titoli della serie, anche terapia intensiva. tutte le tappe di un malato mai dalla Via Sacra della pandemia, nep- sti giorni. Nel lutto del Venerdì Santo, nel si-
questo può essere scaricato gratuitamente È la Passione che tante persone stanno vi- pure quando al paziente Gesù, da tempo lenzio del Sabato in cui Dio si consegna al-
dal sito vitaepensiero.it con l’invito a con- vendo in queste ore, una sofferenza resa
di Covid–19. Non semplice spogliato delle sue «vesti infette», manca il la morte. L’importante è che l’alba di Pasqua
tribuire alla raccolta di fondi promossa dal spesso ancora più terribile dal fatto che, co- metafora ma vertigine respiro. «Mi sento soffocare. È come se por- non ci trovi impreparati.
Policlinico Gemelli di Roma). Teologo, clas- me accade al protagonista del testo di Pal- mistica della storia tassi sul petto il peso dell’universo», sono © RIPRODUZIONE RISERVATA
II
Venerdì 10 aprile 2020

PAMPHLET
Narrazione o racconto?
La scrittrice nigeriana
Adichie contesta
la visione stereotipata
e drammatica
del continente
e propone di ripartire
alla molteplicità
e dalla complessità
del vissuto L’Africa ha tante storie
ROMANZO

Franzoso: LISA GINZBURG

E
siste una versione dei fatti che
le parole è unilaterale perché non tie-
ne conto di quanto la vita sia

ci guardano mutevole, sempre diversa, più vasta


di ogni sua interpretazione. Il pen-
siero “unico” i cui effetti aleggiano
su tanta della realtà contemporanea
FULVIO PANZERI affonda le sue radici in una standar-
dizzazione della complessità schiac-

M
arco Franzoso continua, ciata su letture riduttive nella loro Un convoglio
attraverso i suoi parzialità, opache perché unilatera- di migranti
romanzi, a offrirci una li e perciò faziose. Lo sostiene e lo attraversa
dimensione interrogante sui temi argomenta con forza scabra in un il confine
più controversi della pamphlet nitido quanto a intenzio- tra Sudan
contemporaneità, quelli che ni Chimananda Ngozi Adichie (Il pe- e Libia,
riguardano i rapporti umani, le ricolo di un’unica storia, Einaudi). in pieno
relazioni familiari, in un momento in Una “lectio magistralis” sulla neces- Sahara
cui tutto sembra incerto e c’è la sità dell’apertura mentale. In queste / Ansa/Str
necessità di fare i conti e ricostruire il poche, limpide pagine a venire ad-
senso delle proprie esistenze. La ditata come riduttiva è la narrativa
forza degli ultimi romanzi dello “drammatizzante” riguardante l’A-
scrittore veneto è proprio quella di frica. Una versione che è a sua vol-
ricostruire una sorta di “sillabario” ta sommatoria di molte altre, zep-
che indaga le ferite e i suoi lenimenti, pe di stereotipi “negativi” e pessi-
la possibilità di capire quanto sia mistici. La scrittrice nigeriana re-
stato nascosto da una inconsapevole sidente negli Stati Uniti identifica
indifferenza verso se stessi e gli altri la genesi di simile tenore catastro-
e quanto questo atteggiamento fista nella figura di John Lok, mer-
abbia potuto generare illusorie cante britannico salpato verso l’A-
certezze, che nei momenti cruciali
dell’esistenza, quando è
necessario rispondere a un “aut–
aut”, mettono in evidenza le
frica subsahariana alla metà del X-
VI secolo e artefice, grazie al suo
diario di viaggio, di una serie di ba-
nalizzazioni retoriche tutte piega-
lei fermamente crede e che con e-
nergica convinzione professa. Tem-
po per integrare la propria vicenda
umana a quella degli altri. Dove a
ANTOLOGIA
Manganelli lettore di libri
ingannevoli menzogne che
intrecciano le anime ferite.
In Le parole lo sanno Franzoso
te in chiave stereotipata e “triste”
della narrazione della civiltà afri-
cana, dei suoi usi e costumi.
moltiplicarsi e intersecarsi non sono
i punti di vista sulla realtà, con rela-
tivo rischio di una negazione di es-
e la critica come labirinto
accentua questo tema anche “Mostrate un popolo come una co- sa (se da alcuni anni Steven Spiel- essere un ritratto narrativo: «la sua
strutturalmente e gioca, a livello sa sola, come un’unica cosa, svaria- berg sta lavorando a una riduzione
GIUSEPPE LUPO Raccolte in volume qualità provinciale era clamorosa,
le recensioni uscite
U
narrativo, con un racconto a incastri te volte, ed ecco che quel popolo di- televisiva del Rashomon di Kurosawa n antico pregiudizio ha re- nobilmente provinciale, come ri-
che prende avvio dal ritrovamento di venta quella cosa”: il potere eserci- è anche per la relativa consapevo- legato la pratica di recen- sui quotidiani cevere in casa una folla di parenti
un diario sulla panchina di un parco tato dalle narrazioni deformanti sta lezza delle insidie negazioniste che sire libri a esercizio di una tra gli anni 60 e 90 notai che lavorano in Abruzzo, in
milanese. È quello che ha scritto nella loro manipolazione in senso u- venano tanto del nostro presente). scrittura minore, a consuetudine Romagna, in Irpinia». Come non
Alberto, un medico che ha scoperto nivoco. Al contrario ogni storia, ogni Nel pensiero di Chimananda Ngozi meccanica a cui dedicarsi con la
È l’inventario immaginarseli davvero in carne e
di avere un male incurabile. Questo persona rappresenta nel suo intimo Andichie, a essere imperativamente mano mancina, senza troppa fati- di una curiosità ossa questi notai di provincia che
cambia completamente il suo modo nucleo un crocevia di vicende e di tante, più che le prospettive sono le ca, anzi addirittura con il dubbio acutissima parlano con accento appenninico
di vedere il mondo, portandolo a una persone. Incontrovertibile verità da storie. Storie di vita, biografie, loro che non sia nemmeno utile. Non è e onnivora, dove meridionale? E come non sorride-
sorta di nascondimento da sé e dal cui, una volta che se ne si sia con- cronache e loro racconti. Perché do- che un pregiudizio, dietro il quale re leggendo che Plinio il Vecchio
mondo stesso, decidendo di tacere, vinti, si può trarre il vigoroso in- ve la chiave di lettura sia unica il ri- però si nasconde una visione im-
si avverte il bisogno «non era scienziato, ma non era
tra paura e necessità, per non segnamento per cui complicare schio è l’autarchia del pensiero; ma matura della letteratura, secondo di perdersi nei testi nemmeno scrittore. Era una figu-
turbare i familiari più cari, l’anziano non sarà mai un errore. Perché è dove a essere molte, più che le ver- cui mettersi al servizio degli altri sa- per ritrovare se stessi ra che non esiste più, che ebbe fa-
padre e il giovane figlio che vive con la moltiplicazione di punti di vi- sioni del reale, siano le esistenze rebbe come farsi umilmente da par- vore nel medioevo, era un enciclo-
la madre e nel frattempo è diventato, sta a rendere completa (perché stesse, allora il risultato è un tessuto te, autodefinirsi fruitore passivo di mento onnivoro. Dall’altro aiuta a pedista; forse fu l’inventore del-
con suo stupore, un uomo. Si plurima) la realtà, e la stessa no- nel cui ordito sta l’etimologia più ve- idee non proprie. Chi pensa in compore il ritratto di un autore che, l’enciclopedista»? Poco più avanti
sentono al cellulare, chiamate veloci, zione di leggibilità del mondo ha ra di ogni racconto. Il suo essere tra- questo modo dovrebbe cimen- specchiandosi nelle parole non corregge il tiro: «Proprio perché vo-
rassicurazioni, dubbi sul fatto di inizio a partire da una simulta- ma di fili diversi, somma di scom- tarsi con l’estrosa intelligenza proprie, trova lo spunto per rac- leva dire “tutto”, Plinio non poteva
dover rivelare la verità, ma anche neità di considerazioni diverse. posizioni molteplici e successive. Il critica con cui Giorgio Manga- contare la sua storia intellettuale. essere molto intelligente». Qui non
incertezza sul come e quando farlo. Una volta all’anno, dagli Stati Uniti presupposto di Chimananda – ana- nelli affrontava strutture narra- Il lavoro di Nigro agisce su diversi c’è soltanto il gusto della provoca-
Nel frattempo quella parte del suo dove vive, Chimananda Ngozi Adi- logamente a come era stato per le tive, lingua, personaggi, nelle piani: nel mettere ordine in una zione, ma il sospetto di una poeti-
mondo che sembra negata, in una chie torna in Nigeria per là tenere un sue riflessioni sul femminismo di po- vesti di recensore, sia nei prece- materia eterogenea, nel dare con- ca, che spinge nella direzione del
dissoluzione emotiva, lo porta a laboratorio di scrittura creativa sem- chi anni fa – vale come argine per o- denti volumi che radunavano gli to della storia editoriale di ciascun ritratto autobiografico appunto e
scegliere di farsi invisibile, di fingere pre frequentatissimo. Insieme al suo gni pericolosa univocità del pensie- articoli, sia in Concupiscenza li- testo, nel fornire le opportune chia- che individua un’aurorale idea di
di non poter vedere, quasi già in una editore nigeriano ha anche fondato ro. Ascoltare storie, scriverle, riferir- braria che ora raccoglie materia- vi interpretative, essendo noi di letteratura, quasi si avvertisse il bi-
condizione di mortalità rispetto alla una associazione (Farafina Trust) le: creare grandi contenitori del loro li apparsi su quotidiani tra gli an- fronte a una figura tra le più eclet- sogno di perdersi nei testi letti per
realtà che lo circonda. Compra un che accoglie le storie di tanti, afri- racconto, e così, con costante alle- ni Sessanta e i Novanta. tiche del Novecento. Come lettore, ritrovare se stessi, confondersi nel
paio di occhiali neri e un bastone da cane e africani, aiutandoli a svi- namento all’agilità mentale, eserci- Questo libro ha le caratteristiche infatti, Manganelli spaziava dalle magma delle suggestioni per defi-
cieco e trascorre parte delle giornate lupparle, trasmetterle, divulgarle. tarsi a entrare e uscire da se stessi. Al- di un’opera esemplare per l’am- epoche classiche al contempora- nire una sua limpidezza, secondo
seduto su una panchina, sempre la Un paradigma narrativo costruito tra strada non sembra esserci, per piezza e la sostanza degli argo- neo, si interessava tanto della let- quel metodo che trova la verità me-
stessa, in un parco. Un giorno in senso diffuso, capillare, le cui vi- fronteggiare la bieca banalità dell’u- menti tanto che il curatore Salva- teratura angloamericana quanto diante gli opposti.
incontra una giovane donna, Flavia, sioni sono sia fattuali che contro- nivocità di pensiero che ci circonda, tore Silvano Nigro, il più accredi- delle questioni dialettali, leggeva A guardar bene, nelle righe c’è un
con il suo bambino. Lei è ritratta in fattuali: dove ogni storia arreca il minacciosa nella sua insidia nega- tato e fedele studioso di Manga- voracemente dizionari, enciclope- termine che torna spesso ad affac-
sé, cela una fragilità di fondo, le sue proprio contributo dal momento zionista, nazionalista, qualunquista, nelli in circolazione, giunge a co- die, manuali, attingeva al patri- ciarsi ed è «labirinto». Manganelli
difficoltà con un marito troppo in cui strutturandosi nella molte- sovranista. Nessuna alternativa: se niare due definizioni estrema- monio dei generi letterari e, nel da- lo adopera non specificamente per
geloso, le violenze che dice di subire. plicità delle sue pieghe permette non con paziente umanità ricomin- mente utili per classificare questo re conto di tutto ciò che gli capi- i libri della contemporaneità e
Piano piano questa si apre e inizia a che tra i suoi attori / autori si col- ciare dalle storie di vita. Le proprie, tipo di lavoro: «diario critico di u- tasse sotto gli occhi, si divertiva a nemmeno per quelli di età baroc-
raccontargli uno spazio di vita tivino unità, solidarietà – e pietà – quelle altrui, le inventate e le vere. no scrittore» o «autobiografia di un trascinare i frequentatori delle ter- ca. Può darsi che ne faccia l’uso di
dolente e doloroso e lentamente altrimenti impensabili. © RIPRODUZIONE RISERVATA lettore». Da un lato – ci suggerisce ze pagine dei giornali nelle acro- un’insegna, una bandiera dell’ar-
sembra nascere una forma di amore È un tempo dell’ascolto, quello i- Nigro cogliendo come sempre il bazie della sua penna. Per definire te, perché vi ritrova il codice di un’i-
che è condivisione tra due solitudini naugurato dalla scrittrice nigeriano– Chimananda Ngozi Adichie centro del bersaglio – questo libro la vecchia collana della Bur, per e- dentità. Non a caso nella sua post-
e tra due ambiguità: Alberto e Flavia statunitense: un tempo nuovo nella Il pericolo di un’unica storia è l’inventario di una sterminata cu- sempio, nel 1989 giungeva a for- fazione, Breve storia di uno scritto-
giocano una partita somigliante a sua plurideclinazione quello in cui Einaudi. Pagine 48. Euro 7,00 riosità, il risultato di un atteggia- mulare un giudizio che finiva per re di recensioni, Nigro va subito al
quella di due maschere che cercano cuore del discorso e distingue tra u-
di nascondersi, chi attraverso la na scrittura chiara e una scrittura o-
finzione della cecità, chi attraverso la
scarnificazione delle parole di una
Minima scura, tema cruciale in tempi post–
avanguardia e argomento di pole-
tragedia che forse è solo annunciata, miche con Primo Levi, cominciata

La rigidità
D
o forse è vissuta nell’immaginario eve essere accaduto anche in passato, ma oggi ubbidiscano e basta alle loro regole. Solo che una società sulle pagine della “Stampa” e del
stravolto della donna. Nel diario, in sembra tutto più veloce, anche i tempi entro i quali libera non è libera se la libertà viene negata a singoli individui “Corriere della Sera”. Mentre l’auto-
cui Pietro, il medico malato, annota ogni idea scivola verso la sua degradazione. il cui primo dovere sarebbe di sottomettersi e sacrificarsi a re di Se questo è un uomo si ergeva
la storia del loro incontro fino a
quando lei scompare, Franzoso
delle idee, Quando le idee, anche quelle fondate su esperienze reali e
conoscenze certe, si irrigidiscono per la nostra incapacità di
“istanze superiori”. Ci sono casi in cui gli individui compiono
ingiustizie o crimini che la loro individuale coscienza, se
a paladino di uno scrivere al servi-
zio del lettore e dunque a favore di
adotta la forma di una lunghissima
lettera, in cui l’uomo si rivolge
la libertà pensarle con responsabile chiarezza, allora si
trasformano nel vessillo di fanatismi contrapposti. E
libera e autonoma, non avrebbe permesso loro di compiere.
La guerra fra nazioni è il caso estremo; ma anche la lotta fra
testi dalla facile comprensione,
Manganelli invocava l’ombra (sot-
direttamente alla donna, attraverso
uno stile fermo, abrasivo nel dei romanzi senza il fanatismo delle idee, anche gli istinti aggressivi
peggiori avrebbero vita più breve e stentata. Quando
classi sociali, quando esplode violentemente, non distingue
più fra individui colpevoli e individui innocenti. Gli egoismi
to cui però c’era anche la tacita ac-
cettazione) del caos. E nell’altalena
sottolineare i sentimenti, grazie a ostilità e odio conquistano un’idea e se ne nazionali, l’etica di comunità, di corporazione, di gruppo o tra protendere verso l’ordine e il ri-
frasi brevi, che evitano il appropriano, allora l’istinto distruttivo si nobilita e schieramento politico rappresentano spesso un pericolo nunciare all’ordine non soltanto si
sentimentalismo. Ciò che conta in ALFONSO BERARDINELLI l’idea si degrada: viene cioè nominata senza essere più maggiore dell’egoismo individuale perché si mascherano da manifestava la distanza tra i due,
questa storia in cui due persone, pensata. Le ideologie come sistemi di idee oggi sono deboli, altruismo e si investono del diritto inappellabile di ma si delineava anche quella ma-
come dice lo scrittore, «decidono che poco elaborate, senza forti radici culturali. Circolano però condannare e punire i singoli. All’individuo appartengono, niera di vivere la letteratura come
è giunto il tempo di fermarsi, di idee singole che nella loro elementarità e rigidità si devono appartenere, la libertà e il dovere di fare il bene artificio, come stratagemma che fa
fermare il tempo e fare i conti con sé diffondono più rapidamente. Un paio di esempi secondo coscienza anche quando l’etica socialmente da preambolo a una massima: «Per-
e con la propria vita», è raccontare il macroscopici. Siamo tutti degli individui con la nostra conforme, le leggi dello Stato, la solidarietà o complicità di sonalmente, mi interessano i libri
loro «tempo sospeso», cercando di coscienza, libertà, responsabilità e storia personale: ma gruppo richiedono, vogliono imporre ubbidienza. Le idee che abbiano un tema piuttosto che
districare il groviglio attraverso le l’individualismo in quanto idea fissa trasforma una realtà e non meritano che si abbia fede in loro quando si una trama; i libri che non è possi-
luce delle parole. verità concrete in una anchilosi caratteriale e fa pensare che irrigidiscono e si alienano dalla realtà per accrescere il bile, o eccessivamente arduo rias-
© RIPRODUZIONE RISERVATA gli individui siano entità assolute, in nome delle quali agli proprio potere di persuasione o di coercizione. Perciò senza sumere».
altri individui possono essere fatti dei torti. Cosa immaginazione morale e simpatia umana, senza rifiuto di © RIPRODUZIONE RISERVATA

Marco Franzoso contrapporre all’individuo egoista? La società, la comunità, il sopraffare ed esercitare potere sugli altri, non c’è idea che
Le parole lo sanno gruppo, la corporazione, la nazione? Ma a loro volta queste meriti fedeltà. Leggere letteratura serve ad aumentare la Giorgio Manganelli
Mondadori. Pagine 178. Euro 18,00 idee fondate sulla realtà vengono assolutizzate capacità di immaginazione necessaria a capire questo. Concupiscenza libraria
pericolosamente fino a pretendere che gli individui © RIPRODUZIONE RISERVATA Adelphi. Pagine 454. Euro 24,00
III
Venerdì 10 aprile 2020

FILOSOFIA
Ricoeur-Lacan
I saggi, le interviste
e gli scritti
dell’ermeneuta
sulla psicanalisi
a partire dal difficile

Ragioni di uno scontro


rapporto
con lo psichiatra
Una dialettica
senza infingimenti

Urbinati,
SAGGISTICA

SIMONE PALIAGA minata anni dopo con la svolta nar- Alla pubblicazione, Anna Freud o Bion e Winnicott, e L’umiltà non aveva impedito a Ri-
ratologica di Ricoeur. Tradurre l’in- nel 1965, del suo neppure con Lacan. Questo non ha coeur di costruire un ponte oggi i-

«R
icordo che, un pome- conscio in racconto, per Laplan- “Della interpretazione: promosso di certo le simpatie dei naggirabile tra psicoanalisi ed er-
«il populismo riggio, al mio rientro a
casa dissi a mia moglie:
che, equivaleva a elogiare la rimo-
zione impedendo alla pratica psi- saggio su Freud”,
loro allievi. Élisabeth Roudinesco
sosterrà che Ricoeur non avrebbe
meneutica, di cui è stato uno dei
grandi maestri contemporanei. «Il
Lacan accusò Ricoeur
è da capire» “Torno dal seminario; non ho capi-
to niente!”. In quel momento squil-
lò il telefono; era Lacan che mi do-
coanalitica di smascherare gli in-
fingimenti dell’irriducibile alterità
dell’inconscio.
di plagio per avere
potuto ricavare niente da Lacan non
avendolo mai capito. Se a questo si
aggiungeva il settarismo dell’am-
problema della psicoanalisi è il pro-
blema della ricostruzione – conti-
nua il filosofo d’Oltralpe – a partire
mandava: “Che cosa pensa del mio Sono critiche ingiuste. Ricoeur non
attinto dai suoi celebri biente il gioco era fatto. dal soffrire e dalla domanda di sen-
DAVIDE GIANLUCA BIANCHI discorso?”. Gli risposi: “Non ne ho si è mai avvalso della psicoanalisi a seminari, che però A nulla valse l’umiltà di Ricoeur nel so rivolta da un desiderio a un al-
capito niente”. Egli riattaccò bru- proprio uso e consumo. In essa ha il filosofo aveva riconoscere che la pratica psicoa- tro desiderio». Non si tratta della

D apertamente giudicato
a anni il populismo è talmente». cercato un percorso per addentrar- nalisi poteva offrire molto di più de- conclusione di un confronto.
l’argomento più Non si può proprio dire che il rap- si nella ricerca filosofica. Se in un gli scritti teorici. «Ora, sono ben Quella di Ricoeur è una porta a-
trattato dagli studi porto tra lo psicoanalista e Paul Ri- primo momento la psicoanalisi ha
«incomprensibili» consapevole di essere escluso in perta tra due pratiche, quella psi-
politologici, al punto che è coeur fosse roseo. E non era nep- permesso a Ricoeur di abbandona- Ma tutto era modo per così dire radicale dallo coanalitica e quella ermeneutica,
divenuto problematico anche pure destinato a migliorare col tem- re l’indagine sulla questione della cominciato nel 1960 spazio analitico – dichiara nel dia- su cui oggi come allora conviene
soltanto censire quanto pubblicato po. Alla pubblicazione, nel 1965, colpa e di cominciare a disarticola- logo con Giuseppe Martini del 2003 ancora seminare.
su questo tema. Facendo ricorso a Della interpretazione: saggio su re la trasparenza dell’io, la frequen- –, dato che non sono passato per l’e- © RIPRODUZIONE RISERVATA

metodologie diverse, i contributi Freud, Lacan accusò Ricoeur di aver tazione degli ambienti psicoanaliti- sperienza del transfert e del contro–
sul populismo cercano in genere di plagiato le sue idee saccheggian- ci americani lo ha avviato poi verso transfert. Questo è il motivo per cui Paul Ricoeur
ricostruire la sua storia politica in do quanto sentito durante i celebri una concezione narratologica del non ho più scritto sulla psicoanali- Attorno alla psicanalisi
chiave comparativa, oppure di seminari. Era però solo uno dei Sé. E ciò senza discutere coi grandi si, pensando che bisognasse avere a cura di Francesco Barale
analizzarlo in termini di teoria momenti di tensione tra i due. C’e- nomi della pratica psicoanalitica un’esperienza dall’interno della Jaka Book. Pagine 448
politica e storia dei concetti. A ra stato un precedente per l’inter- europea. Nessuno confronto con pratica psicoanalitica». Euro 28,00 (ebook euro 18,99)
causa del fatto che il fenomeno è vento tenuto da Ricoeur nel 1960
attuale e in crescente espansione, al convegno organizzato da Henri
ancora pochi studi si concentrano Ey a Bonneval. Allora Lacan aveva
sulle trasformazioni che il negato il diritto di pubblicare ne-
populismo sta producendo, o gli atti dell’incontro le sue consi-
potrebbe generare, nei sistemi in derazioni seguite alla conferenza
cui conquista il governo. L’ultimo di Ricour malgrado ne avesse ap-
libro di Nadia Urbinati, politologa prezzato il vigore.
della Columbia University di New L’aneddoto è riportato nell’intervi-
York, si intitola Io, popolo. Come il sta a Ricoeur raccolta nel volume
populismo trasforma la democrazia Attorno alla psicoanalisi la cui edi-
e cerca di raccogliere questa sfida. zione italiana esce il 16 aprile per
L’autrice non si lascia andare a Jaca Book a cura dello psichiatra e
facili allarmismi. Riconosce al psicoanalista Francesco Barale.
populismo di essere una risposta, Si tratta di un’operazione editoria-
non condivisibile, ad alcune le importante. Il libro non è la sem-
mancate promesse della plice traduzione dell’omonimo vo-
democrazia reale, e di essere una lume francese, primo dei tre tomi
conseguenza della crisi dei partiti. che compongono gli Écrits et Confé-
Quali sono quindi le rences, promossi dal Fonds Ricoeur.
trasformazioni che ne possono Si tratta di un testo raddoppiato per
scaturire? Prima di rispondere è dimensioni. Accanto ai saggi riuni-
necessario dire che il populismo ti nell’edizione francese ne figurano
interviene in una stagione politica altri di difficile accessibilità. Questi,
che un autorevole studioso come comprensivi di due interviste, per- Paul Ricoeur
Bernard Manin ha definito mettono di accompagnare Paul Ri- (1913–2005)
«democrazia del pubblico», per coeur lungo il cammino di pensie- / Effigie
sottolineare gli esiti della ro condotto, dal 1954 al 2003, al-
mediatizzazione della politica. Il l’interno del mondo psicoanalitico. Sopra, Jacques Lacan
populismo interviene su questa Gli altri due volumi di scritti e con- (1901–1981)
realtà producendo ulteriori ferenze previsti dal Fonds Ricoeur,
torsioni che non muovono verso la Ermeneutica e Antropologia filoso-
“democrazia diretta”, ma fica, prossimamente usciranno in I-
trasformano l’impianto della
democrazia rappresentativa. Scrive
talia sempre per Jaca Book e contri-
buiranno a comporre la collana Psy-
Benché giovani
Nadia Urbinati: «Il nuovo “regime ché, che ospiterà in ottica interdi-

Fra uomo
P
misto” inaugurato dal populismo è sciplinare manuali di psicopatolo- arlo da vecchio, lo so, ma in interrogava insomma sul posto ritornare sui grandi temi delle
caratterizzato da quella che io gia fenomenologica accanto a testi questi giorni mi tornano alla dell’uomo nella natura e sul destino riflessioni passate, e guardare con
definisco rappresentanza diretta. di Vladimir Jankélévitch e Panikkar. mente certe letture e dell’uomo, sui modi in cui l’uomo ironia e fastidio alla miseria
Questo ossimoro esprime l’idea
che i leader populisti vogliono
Di là dal difficile carattere di Jacques
Lacan, era improbabile che i due si
e creazione discussioni di una lontana gioventù.
Per esempio, da ex critico e storico
dovesse e potesse intervenire nella e
sulla natura, essendone divenuto, si
letteraria e cinematografica,
filosofica e politica, di certo
parlare direttamente al popolo e
per il popolo, perché sono come il
ritrovassero. Di certo la lettura lin-
guistica dell’inconscio elaborata da
Riapriamo del cinema mi sono occupato
di quel realismo,
credeva, suo padrone. Poi, col boom
(un “miracolo” tutto economico), i
antropocentrismo, che sarebbe più
giusto chiamare capital–centrismo,
popolo, senza bisogno di
intermediari. […] una volta al
Lacan ben difficilmente s’accorda-
va con la ricerca simbolica di Ri- il dibattito hollywoodiano e non solo, che
negli anni del muto si rifaceva
filosofi si occuparono
preferibilmente d’altro...
di cui è turiferaria la grande
maggioranza degli accademici e dei
potere, i leader populisti lavorano coeur. Allora egli era prossimo alla alle riflessioni darwiniane o Rileggo in questi giorni non solo giornalisti. Anna Maria Ortese mi
incessantemente per dimostrare fenomenologia della religione di d’altri sulla “lotta per la vita”. Defoe e la fantascienza più disse una volta che «la creazione è
che il capo di governo è Mircea Eliade, che gli offrì di scri- GOFFREDO FOFI Sì, la struggle for life che aveva dubbiosa sulle «magnifiche sorti» tarata»; un amico prete, Camillo De
un’incarnazione del popolo e che è vere il lemma dedicato al simbolo in letteratura maestri post–zoliani dell’uomo, ma anche Manzoni e Piaz, mi disse che compito
giusto che si ponga contro e al di presente in quell’immane monu- attivi soprattutto negli Usa e in GB, Silone. Un accostamento bizzarro? dell’uomo è migliorarla e che questo
sopra di tutti, così da riparare alle mento dello spirito che è l’Enciclo- da Wells a Dreiser, da Jack London a, Ma in fondo, il primo era partito ci dice la Bibbia, dalla Genesi sino ai
manchevolezze della democrazia pedia delle religioni (pubblicata in cinema, il grande Stroheim, il cui dalla fiducia nei lumi e il secondo da Vangeli. Di cercare un accordo
costituzionale». Il populismo ha un sempre da Jaca Book). capolavoro, Rapacità, era tratto da quella nell’Internazionale, per rispettoso tra uomo e natura,
rapporto problematico con le Ma a Ricoeur non arrisero allora un romanzo di Norris... Si parlava affidarsi infine, di fronte ai loro cultura e natura... Non sono un
istituzioni liberali: i leader mal neppure i favori di un altro psicoa- ancora molto, dopo Auschwitz e immani fallimenti, a un’Entità filoso e tanto meno uno scienziato,
sopportano il ruolo delle autorità nalista, Jean Laplanche. Questa vol- Hiroshima, della classica superiore, visto che l’uomo da solo non ho affatto le idee chiare, e chissà
indipendenti – si pensi alle ta lo si accusava di disinnescare la contrapposizione tra natura e non ce la faceva. Si citava molto se qualcuno ce le ha davvero, ma è
polemiche di Donald Trump con la carica dirompente del discorso psi- cultura, e questo lo facevano i anche Leopardi, quand’ero forse da qui che si dovrà ripartire.
Federal Reserve (Fed), i cui vertici coanalitico riconducendolo nell’al- marxisti e gli atei come i cattolici e i giovane... ma chi oggi lo fa cita Dal confronto con (e tra) Darwin e
sono comunque nominati dal veo tranquillizzante della filosofia. protestanti (i francesi e i nordici, tra piuttosto l’Infinito che la Ginestra. Manzoni?
presidente – e non apprezzano il La critica diventerà ancora più acu- questi, molto più degli italiani), ci si Insomma, il virus ci costringe oggi a © RIPRODUZIONE RISERVATA

contributo offerto alla democrazia


dalla stampa indipendente, perché
sono attori di “disintermediazione”,
che cercano di istituire un rapporto
I best seller della fede
diretto col “popolo” in luogo delle
tradizionali mediazioni realizzate
da partiti, sindacati, parti sociali, Online: A causa della chiusura delle librerie, la classifica è basata sulle ven-
dite registrate su quelle online, autorizzate alla consegna domici-
La classifica dei libri più venduti nelle librerie religiose viene elaborata da "Rebeccalibri" rilevan-
do i dati delle vendite di San Paolo Store e Itacalibri.it. Sono esclusi i titoli inferiori a 5 euro e non
etc. Tutto questo non è esente da lio. Tra le conferme e i rientri solo due nuove entrate: Resilienza, sono compresi la Bibbia, i testi liturgici, la catechesi, i sussidi, mantenendo invece
conseguenze. L’autrice sostiene
che «dovremmo abbandonare
un classico edito nel 2017, ma in sintonia con l’esperienza che stiamo viven-
do, e Lo hobbit di J.R.R. Tolkien, un titolo insolito in questo tipo di
la saggistica e la narrativa. Info: www.rebeccalibri.it, il portale dell’editoria religiosa italiana.

l’atteggiamento polemico e
considerare il populismo alla
e libri da... classifica. LEGENDA: ▲ in ascesa; ▼ in discesa; ▲▼ stazionario; ▲ nuovo ingresso; ▲▲ rientro in classifica

stregua di un processo politico


rispolverare
inteso a conquistare il governo. (…)
Non condivido quindi la visione
diffusa per cui le forze populiste
1 ▲
Van Thuan. Libero tra le sbarre
2 ▲
Tutto chiede salvezza
3 ▲▲
San Giovanni Paolo Magno
4 ▲▲
Abbi cura di me
5 ▲
Lo hobbit
sarebbero votate all’opposizione e A CURA DI REBECCALIBRI
Teresa Gutiérrez de Cabiedes Daniele Mencarelli Francesco (Jorge Mario Bergoglio) Simone Cristicchi, Massimo Orlandi J.R.R. Tolkien
incapaci di governare. Al contrario
Città Nuova Mondadori Luigi M. Epicoco San Paolo Adelphi
(...) Il populismo è una nuova
Pagine 350. Euro 20,00 Pagine 204. Euro 19,00 San Paolo. Pagine 128. Euro 12,00 Pagine 224. Euro 18,00 Pagine 342. Euro 11,00
forma di governo rappresentativo:
ma una forma sfigurata».

6 7 8 9 10
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nadia Urbinati ▲ ▲▲ ▲▲ ▲▼ ▲▲
Io, il popolo Resilienza Il balzo maldestro Giobbe e l’enigma della sofferenza Il santo è un uomo Qualcuno a cui guardare
Come il populismo Sergio Astori Marco Pozza Ignacio Carbajosa (a cura di) Andrea Bellandi Luigi M. Epicoco
trasforma la democrazia San Paolo San Paolo Itaca Itaca Città Nuova
Il Mulino. Pagine 340. Euro 24,00 Pagine 144. Euro 16,00 Pagine 208. Euro 16,00 Pagine 152. Euro 15,00 Pagine 144. Euro 13,00 Pagine 160. Euro 12,00
IV
Venerdì 10 aprile 2020

Colto, tecnico
ARCHITETTURA

Opere di Francesco Borromini: nella


di grande mestiere, foto grande il cortile retrostante
alla chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza.
affinato sui materiali Sotto, il Chiostro di San Carlino;
e il cantiere; genio all’estrema sinistra, assonometria
compositivo e lettore di Sant’Ivo. Centro pagina, a
di mistica e teologia sinistra, la volta della chiesa di
Sant’Agnese e, a destra, la facciata
Paolo Portoghesi in travertino di San Carlino
in un libro ne rilegge / Skira
l’opera e la vita

P. Pascali, Bomba a mano (1967)

Sargentini,
quest’opera
è una bomba

ROMA
LORENZO CANOVA
Roma

M
entre quasi tutta Italia ha
dovuto chiudere per la
pandemia, a Roma, nella
PAOLO PORTOGHESI se razionali è l’intelletto, il quale è galleria L’Attico di Fabio Sargentini,
misura vera. Ma la precisione som- era ancora possibile visitare una

S
ono stato tra i primi a fare, a ma dell’intelletto è la verità stessa. mostra fatta di pochissime opere ma
proposito del Borromini, il che è Dio». d’immensa suggestione, una sintesi
nome di Galileo, delle cui tra- Poiché nel divino, secondo Cusa- dell’arte italiana e romana del
giche vicende l’architetto non po- no, bisogna abbracciare i contrad- secondo Novecento in un complesso
teva non essere informato. Penso dittori in «un atto di pensiero sem- e raffinato allestimento dove la
che alcuni dei suoi libri fossero nel- plice», cioè con l’intelletto e non visione dei quadri e delle sculture è
la biblioteca borrominiana; non mi con la ragione, solo l’intelletto è in affiancata a installazioni sonore
convince però la tesi di un’in- grado di riconoscere l’unità nella interattive. Il progetto Doppio diario
fluenza diretta sul modo di pensa- trinità e viceversa, e la geometria è infatti composto da quattro opere
re di Borromini, come non mi con- consente di seguire il tragitto del- di artisti che hanno segnato la storia

Borromini
vince l’ipotesi di una sua cono- la comprensione intellettuale. «Co- di questa importante galleria, a
scenza delle contemporanee con- deste affermazioni risultano chia- partire dalla pittura di Mario Mafai e
quiste della scienza e del pensiero re nel nostro esempio, ove la linea dall’Informale di Leoncillo, fino alla
seicentesco. La cultura dell’archi- semplicissima è triangolo, e vice- nuova scultura ambientale di Pino
tetto è ancora profondamente ra- versa il semplice triangolo è unità Pascali dei dorati anni Sessanta e alla
dicata nella tradizione del neopla- della linea. E qui si vede anche che pittura degli anni Ottanta che ha

e il triangolo sacro
tonismo, e nella cultura dei due se- non è possibile contare gli angoli visto Pizzi Cannella diventare
coli precedenti. del triangolo con i numeri uno, due protagonista della Nuova Scuola
Un autore che a mio parere non po- e tre, perché ogni angolo è in cia- Romana assieme a pittori e scultori
teva mancare nella sua biblioteca scuno degli altri, come il figlio di- come Giancarlo Limoni, Nunzio e
era Nicola Cusano con De Docta I- ce: “Io sono nel padre” e “il padre è Claudio Palmieri. Alle quattro opere
gnorantia e Le con- in me”» (La Dotta sono stati accostati brani estratti dai
getture, dove è e- Ignoranza, I, 58). diari degli stessi artisti, letti dalla
sposta con chia- Aveva una biblioteca ricchissima di testi, Riflettendo sulla coinvolgente voce di Elsa Agalbato,
rezza la teoria del- circa un migliaio, e fra questi forse pervasività del in dialogo interattivo con la presenza
la coincidentia op- triangolo nelle fisica degli spettatori, così da creare
positorum. Le ipo-
anche la “Dotta ignoranza” del Cusano chiese borromi- un denso legame tra parola e
tesi valgono quel che può aver ispirato la sua visione niane progettate in immagine grazie anche ai magnifici
che valgono, ma della geometria che va oltre la razionalità piena libertà come spazi di una galleria che permette un
l’oscillazione tra gli e tende alle “cose arcane”. Come San Carlino e rapporto speciale tra sonorità e
opposti è una del- Sant’Ivo, sia come lavori esposti. Come ricorda
le più fruttuose
farà vedere nella chiesa di San Carlino immagine perce- Sargentini nel suo testo introduttivo,
chiavi interpretati- pibile dai sensi, sia la mostra gli è stata suggerita dal
ve che si possano come matrice oc- biglietto contenuto nella Bomba a
adoperare per culta, è facile valu- mano (1967) di Pino Pascali, in cui
comprendere la tare quanto il ra- compare, sottolineata, proprio la
personalità e l’ar- gionamento del parola “Diario”, testo a cui si sono
chitettura di Bor- Cusano sarebbe aggiunte pagine dei diari degli altri
romini, e nell’ado- apparso illumi- tre artisti, in un percorso audiovisivo
perare questa nante a Borromini. composto dalla forza della loro
chiave è Borromi- Un altro aspetto azione costruttiva e dagli echi della
ni stesso ad aiutar- della concezione loro memoria. La mostra
ci attraverso le sue parole, le sue o- porzione, e ammette il massimo in golarmente risulta nascosta, ed è geometrica dell’organismo a- rappresenta così un importante
pere e le vicende della sua vita. atto, congettura di poter procede- Dio benedetto. La ragione è la pre- vrebbe egualmente trovato nel De distillato delle linee di ricerca della
È nota la predilezione borromi- re dal noto all’ignoto. L’intelletto, cisione del senso; la ragione uni- Docta Ignorantia una spiegazio- galleria di Sargentini, nel suo storico
niana per i numeri irrazionali che invece, avvertendo la debolezza sce nella sua precisione i numeri ne congeniale: quello della omo- legame con la grande arte
esprimono il rapporto tra la cir- della ragione, rifiuta queste sue del senso e misura le realtà sensi- logia tra i due diversi tipi di cur- ambientale dello stesso Pascali, di
conferenza e il suo diametro, tra il congetture e afferma, sia i numeri bili con una precisione razionale. vatura nelle coppie di absidi del Kounellis e di molti altri grandi artisti
lato e la diagonale del quadrato, proporzionali, sia quelli non pro- Ma questa non è una misura vera San Carlino. Per Cusano infatti internazionali, ma anche nella sua
tra il lato minore e la diagonale di porzionali, cosicché la precisione in senso assoluto, bensì vera in sen- «l’infinita curvità è l’infinita retti- pionieristica apertura alla
un rettangolo che abbia tra i lati di tutte le cose e di ciascuna sin- Stemma a Sant’Andrea delle Fratte so razionale. La precisione delle co- tudine» e a mano a mano che il performance e, poi, al teatro, in una
un rapporto di 1:2. L’uso sistema- raggio di una circonferenza si re- feconda fusione delle arti che esalta
tico del triangolo equilatero nella stringe «perde di curvità» fino a anche la forza originaria della pittura
ANTICIPAZIONE

chiesa di San Carlino è un indizio


dell’interesse per i numeri irra-
zionali, che deriva dal sistema go-
tico di proporzionamento utiliz-
Da scalpellino a visionario diventare una retta. «Si vede che
la linea massima e infinita è ret-
tissima, e ad essa non si oppone
la curvità; anzi la curvità della li-
e della scultura di cui il gallerista è
uno storico e strenuo difensore. Il
progetto fa nascere quindi
accostamenti affascinanti e ricchi di
zato nel duomo di Milano. L’uso LEONARDO SERVADIO Ventenne andò a Roma dove la genialità nel di- nea massima è la stessa sua retti- implicazioni, dalla potenza
della geometria e, in modo parti- segnare e il desiderio di studiare, da autodi- tudine» (La Dotta Ignoranza, I, rivoluzionaria di Pascali, in cui

N
colare, delle costruzioni eseguibi- ella sua casa in vicolo dell’Agnello, a datta, gli permisero di crescere sino ad assur- 35), che è come dire che tra cur- anche una bomba perde il suo
li con il compasso, dimostra at- Roma, Borromini aveva una bibliote- gere al vertice dell’arte progettuale. In lui non vità e rettitudine è in atto un con- potenziale di morte per diventare
tenzione per una logica che va al ca di un migliaio di volumi: moltissi- v’è distinzione tra vicende professionali e u- tinuo stato di metamorfosi. La uno strumento di ricostruzione del
di là della razionalità e si orienta mi per l’epoca. Quella di Carlo Maderno, con mane: la sua opera diviene la sua famiglia. Por- metamorfosi che in San Carlino mondo, alle Ore di insonnia di
verso «quelle cose arcane» di cui cui collaborò nei suoi primi anni romani, a- toghesi, uno dei massimi conoscitori del ba- avviene di fronte agli occhi atto- Leoncillo, dove il rosso della
parla Cusano. veva dimensioni più simili all’uso dell’epoca rocco, ne analizza la traiettoria sotto diverse niti dell’osservatore, quando spo- terracotta smaltata si coagula
Nella filosofia cusaniana, oltre alla e ne contava una ventina. Borromini era nato angolature, a partire da come assorbe le anti- sta la sua attenzione dall’asse di drammaticamente in una presenza
coincidentia oppositorum, è pos- a Bissone, nel Canton Ticino, nel 1599 e co- che tradizioni, a come riecheggia il pensiero penetrazione a quello trasversale. viva di carne e di sangue, mentre la
sibile individuare altri elementi che minciò a lavorare, giovanissimo, nel cantiere filosofico, a come si esprime usando elemen- In una lettera indirizzata al Raspo- pittura di Mafai si disfa nella
possono aver coinvolto in profon- del duomo di Milano. Fu scalpellino e dise- ti e organismi architettonici come linguaggio. ni, autore della monografia sul re- nell’azzurro solenne e struggente di
dità il pensiero di Borromini. Anzi- gnatore mentre «verso l’architettura lo guida- In una dialettica evolutiva che rifugge dalle stauro di San Giovanni, Virgilio un’astrazione in cui gli spaghi si
tutto la distinzione tra ragione e in- vano la tradizione familiare e una vocazione asserzioni nette e perentorie delle linee e de- Spada scrive: «Si manda una scrit- stringono come nodi e grumi di
telletto, che consente a Cusano di innata e travolgente» come scrive Paolo Por- gli angoli retti per diffondersi invece nelle a- tura del Cav. Borromino in rispo- esistenza, in una visione povera e
collocare i numeri irrazionali in u- toghesi in Francesco Borromini. La vita e le o- perture chiaroscurali, nella morbidezza delle sta à certi miei quesiti, dove spie- poetica cercata anche da Pizzi
na sfera privilegiata che la ragione pere (Skira, pagine 632, euro 90,00) da cui an- volute, nel dinamismo delle superfici dalle i- ga il modo, che si propose nell’e- Cannella, che mette in scena un
rifiuta ma l’intelletto è in grado di ticipiamo alcuni brani della nuova introdu- neffabili curvature. dificio di questo tempio; poiché sì rarefatto scenario composto da una
comprendere. «È così grande – scri- zione. Ed è questo periodo formativo a con- Il volume è corredato da esaustivi apparati di come la melodia delle voci nasce sciarpa e una sedia, trasformate
ve Cusano nelle Congetture (I, 52 e tatto con le grandi architetture milanesi «alla fotografie che permettono di confrontare da numeri, così la bellezza delle liricamente in frammenti di vita
ss.) – la forza della natura intellet- base della straordinaria convinzione tipica- composizioni d’insieme e particolari, di dise- fabbriche, professa nascere pa- smarriti nell’oblìo del tempo.
tuale semplice, che essa abbraccia mente borrominiana: che sia lecito attingere gni che consentono di esplorare lo sviluppo del rim.te da numeri, e che tutte le par- © RIPRODUZIONE RISERVATA

quelle cose che la ragione disgiun- nella progettazione alle fonti storiche più di- pensiero del Borromini, di fonti bibliografi- ti habbiano una tale proportione,
ge come opposte. verse, lontane nel tempo e nello spazio, per- che che rendono conto di come nel tempo si che un’apertura di compasso, san- Roma, Galleria L’Attico
La ragione, la quale non coglie al- ché si attinge così a una fonte metamorfica e- sia stata recepita la sua straordinaria opera. za mai muoverlo, le misuri tutte». Doppio diario
cun numero che non abbia pro- terna e inesauribile». © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA Fino al 9 maggio
VI
Venerdì 10 aprile 2020

CINEPASQUALE
Gesù, la Resurrezione
ora è solo in technicolor
ANGELA CALVINI La maratona: Dischisacra
dal “Jesus” della

D
urante la Settimana Santa, Lux Vide su Rai 1
riappaiono in televisione i
film dedicati a Gesù, come al capolavoro Il Vangelo
sempre, ma mai come in quest’an- di Zeffirelli su
no così difficile ne sentiamo ancor
più la necessità. Come se vedessimo
Tv2000. E Mel di Matteo
Gibson gira “La
riflessa, quasi da poter toccare con
mano, in una pellicola, quella Pas- Resurrezione” sequel e la "Passione"
sione di Cristo, simbolo delle nostre
personali Passioni, nella speranza di
de “La Passione”
secondo Bach
una Resurrezione. Anche se in tech-
nicolor.
Anche il cinema quindi può fare la ANDREA MILANESI
sua parte e non a casa proprio mam-

È
ma Rai rilancia dopo 20 anni il Gesù ”la” Passione per
prodotto dalla Lux Vide nella stori- eccellenza; quella a cui
ca serie televisiva dedicata alla Bib- Johann Sebastian Bach
bia su idea dello scomparso Ettore (1685–1750) ha conferito forma e
Bernabei. Una serie fortunata, gira- dignità d’arte sublime
ta in inglese e venduta in tutto il ispirandosi ai capitoli del
mondo, che non ha perso il suo ca- Vangelo secondo Matteo in cui
rattere divulgativo unito a una qua- vanno in scena gli ultimi istanti
lità di spettacolo hollywoodiana. di vita del Salvatore, in un vero e
Quindi la sera di Pasqua in prima se- proprio affresco sonoro di alta
rata Rai 1 trasmetterà il Gesù diret- drammaturgia. Ne è
to da Roger Young nel 1999, prota- perfettamente consapevole
gonista l’attore americano Jeremy Masaaki Suzuki, che con il suo
Sisto. Si raccontano la vita di Gesù, Bach Collegium Japan è
la sua piena umanità, la sua forma- ritornato in sala d’incisione
zione. Un Gesù che compie miraco- Foto grande: la miniserie vent’anni dopo la sua prima
li, prega, rivela la volontà del Padre di Rai 1 “Jesus”, con Jeremy Sisto registrazione della Passione
sino a compiere umanamente l’e- e Jacqueline Bisset secondo Matteo (e dopo aver
sperienza della Croce, quando da fi- A fianco: “The Passion”, completato l’intero ciclo delle
glio accoglie la volontà del Padre e scritto e diretto da Mel Gibson Cantate sacre), nella
sceglie la via della morte per la sal- convinzione di aver conseguito
vezza di tutti. Nonostante qualche una maturità interpretativa e
licenza narrativa dovuta al genere spirituale in grado di valorizzare
fiction, il lavoro è aderente al profon- son, era stato annnciato dallo stesso l’attore Jim Cavieziel. Sarà il più gran- nuovo Caviezel nel ruolo di Gesù, mente modificata da Randall Walla- al meglio i molteplici piani di
do messaggio di Gesù e si fa notare attore e regista. Il film, girato tra Ma- de film della storia. E’ così necessa- Maia Morgenster di nuovo in quello ce (sceneggiatore di Braveheart). Se- lettura offerti dalla partitura, ma
anche per il corposo cast di attori a rocco, Israele ed Europa, vede gli rio in questi tempi, ha raccontato in di Maria. Caviezel ha anche rivelato condo il produttore i tre giorni suc- soprattutto di affrontare un
partire da Jacqueline Bisset nel ruo- stessi attori del primo film, a partire un’intervista a Fox News. Caviezel ha che Gibson sta lavorando alla sua cessivi alla morte di Gesù non sono momento di verifica e confronto
lo di Maria, Gary Oldman in quello dallo stesso Caviezel nel ruolo di ge- notato che e grandi cad produttrici quinta bozza del film. mai stati narrati nella storia del ci- necessario a questo punto della
di Pilato, Luca Zingaretti in quello di sù. La pellicola racconterà i tre gior- evitano le storie bibliche, ma invece Il nuovo episodio comincia là dove nema e verranno toccati argomenti sua luminosa carriera. Il
Pietro, Elena Sofia Ricci di Erodia- ni intercorsi fra la crocifissione e la investono tutte le loro risorse in film era finito il primo, con la sepoltura di difficili come il potere, l’avidità e direttore, membro attivo della
de, Stefania Rocca in quello di Ma- Resurrezione. Come nel caso del pri- basati sulle storie di supereroi che, i- Cristo e quindi momento per mo- l’ambizione di alcuni dei personag- comunità cristiana giapponese,
ria di Magdala, Luca Barbareschi di mo film che venne girato a Matera, ronicamente, spesso hanno le loro mento i primi tre giorni raccontan- gi coinvolti nella crocifissione come ha infatti eseguito questa
Erode Antipa, Claudio Amendola in ben poco viene lasciato trapelare. Si radici negli ideali cristiani che ci ri- do i momenti di angoscia dei disce- Ponzio Pilato, Erode, Caifa e Giuda. partitura ogni anno e
quello di Barabba. suppone che, come il primo, verrà portano a Gesù Cristo. «Tu vedrai Su- poli fino alla sua Resurrezione. Nel Secondo lo stesso Mel Gibson «Il film regolarmente ogni Venerdì
Dal canto suo, invece, Tv2000, rilan- girato in aramaico e latino, mentre si perman, ma non vedrai Gesù. Ma film sono narrati anche gli intrighi non sarà solo la narrazione di un e- Santo, al punto da affermare di
cia con una “maratona” Gesù di Na- sa solo che ulteriori aggiunte stanno l’uomo che ha scritto Superman, lo che si svolgono nel palazzo di Erode vento straordinario come la Risurre- sentirsi completamente
zareth, riproponenndo nella setti- facendo prorogare l’uscita del film ha copiato da Gesù. Io interpreterò e termina con gli eventi che si sono zione di Cristo, ma anche di tutti gli imbevuto di questa musica che
mana Santa tutte le puntate del ca- per il quale sono stati stanziati 20 mi- il più grande superereoe che è mai e- svolti a Gerusalemme il giorno del- eventi che lo circondano, e che te- ormai scorre nelle sue vene di
polavoro di Franco Zeffirelli. Ieri è lioni di dollari. sistito» dice l’attore . Il film, ora in la Resurrezione. Dan Gordon è au- stimoniano ulteriormente il suo si- artista e di credente. Tra i suoi
stata trasmessa la prima puntata, og- Qualcosa in più è stato anticipato preproduzione, si intitola La Passio- tore della prima versione della sce- gnificato» . compagni di viaggio si staglia un
gi la seconda alle 12.20 e alle 22.50, proprio un paio di settimane fa dal- ne di Cristo: Resurrezione, e vedrà di neggiatura, che è stata sostanzial- © RIPRODUZIONE RISERVATA cast di ottimi solisti, come il
domani la terza alle ore 12.20 e 22.30 giovane tenore Benjamin Bruns
e la domenica di Pasqua la quarta e il baritono Christian Immler –
CANTI DI PASSIONE

alle ore 12.20 e 23. Un lavoro rima-


sto nel cuore degli italiani, sin dal
1977, perfettamente aderete ai Van-
geli con un cast eccezionale, dal
Il conforto del “Miserere” nel silenzio di oggi due cantanti tedeschi nei “ruoli”
principali (rispettivamente
Evangelista e Gesù) – a cui si
affiancano l’eccellente Carolyn
protagonista Robert Powell a Olivia Miserère mei, Deus, secùndum magnam misericòrdiam tuam. Et secùn- anche la Lamentatio del profeta Geremia e il Sampson (che con la sua voce in
Hussey (Maria), Yorgo Voyagis (Giu- dum multitùdinem miseratiònum tuàrum, dele iniquitàtem meam. Cantico di Zaccaria (Benedictus). La ricchezza “Aus Liebe” sembra sfidare
seppe), Anne Bancroft (Maria Mad- Àmplius lava me ab iniquitàte mea, et a peccàto meo munda me. di questo repertorio penitenziale differisce da qualsiasi legge di gravità) e il
dalena), Michael York (Giovanni Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia; nella tua grande bontà regione a regione e raggiunge altissimi livelli di controtenore Damien Guillon,
Battista) Peter Ustinov (Erode il cancella il mio peccato. Lavami da tutte le mie colpe, mondami dal elaborazione musicale, rappresentando un protagonista della splendida aria
Grande), Valentina Cortese (Ero- mio peccato. (Salmo 50 1–4). modello di devozione popolare di grande in- “Erbarme Dich” che descrive il
diade), Lawrence Olivier (Nicode- tensità spirituale e suggestione poetica. tormento di Pietro in seguito al
mo), Claudia Cardinale (l’adultera). Le punte più alte di questo tipo di manifesta- suo rinnegamento.
Sempre su Tv2000 domani alle 8.30 AMBROGIO SPARAGNA meridionali del Salmo, sembra evocare sono- zioni spirituali hanno luogo durante le pro- Suzuki sovrintende il tutto con
verrà trasnesso un grande classico, rità seicentesche come quelle tipiche di Gre- cessioni del Venerdì Santo dove il clima di sin- fervore e autentica... passione,

I
La Bibbia, di John Huston. n tutto il territorio italiano la tradizione dei gorio Allegri. In questo tipo di esecuzioni i can- cera devozione popolare è esaltato anche dal- con dedizione al testo bachiano
Su Rete4 invece, Gesù è protagonista canti popolari quaresimali è ancora larga- tori, anche quando alternano parti solistiche a la partecipazione di numerosi gruppi di don- e devozione al messaggio di cui
con grandi classici: domenica 12 al- mente diffusa. Si tratta di un repertorio di forme responsoriali, si posizionano spesso in ne che in forma corale intonano antichi canti si fa portatore; la sua è una
le ore 15 il colossal di William Wyler grande intensità evocativa che descrive in ma- forma circolare per ascoltarsi meglio. La ricer- penitenziali. Fra questi, i più originali sono lettura notevole per profondità
Ben Hur e Il re dei re di Nicholas Ray, niera semplice ma commovente fatti salienti ca del suono “unico” del gruppo corale li por- quelli conosciuti come L’Orologio della Passio- di indagine, in cui la musica
in onda la domenica di Pasqua alle della narrazione evangelica. Sono canti che ta a stare così attaccati fisicamente tanto che il ne, che racconta le ultime 24 ore della vita del sembra scorrere da sola
ore 21.20, e il musical Jesus Christ Su- provengono da origini antiche. Conosciuti co- loro fiato si “deve” mescolare con quello dei Nazareno, e La Morte di Gesù Maria s’affanna, attraverso i riti che scandiscono
perstar di Norman Jewison, all’1 di me Canti di Passione, impiegano l’italiano, il confratelli vicini. Nelle funzioni quaresimali il che ricorda nelle varie trasposizioni dialettali al- l’appuntamento con la memoria
notte fra domani sera e la domenica dialetto e il latino. Alcuni traggono spunto da canto dà il ritmo del respiro anche ai tanti por- cuni passi dello Stabat Mater di Jacopone da To- del Venerdì Santo celebrando
di Pasqua. L’opera rock capolavoro narrazioni popolari ispirate ai vangeli apocri- tatori che, ognuno attaccato all’altro, fanno di. Anche in questo genere di canti, che impie- una liturgia universale che si
firmata da Andrew Lloyd Webber e fi, altri da forme di drammaturgia liturgica me- “ballare” i Misteri della Passione, i tipici grup- gano sia testi letterari antichi che dialettali, la chiama fuori del tempo.
Tim Rice, compie 50 anni nella sua dievale, altri ancora sono elaborazioni di rac- pi plastici raffiguranti le scene della Passione di modalità esecutiva è collettiva e di grande in- © RIPRODUZIONE RISERVATA

versione discografica e torna in sce- conti popolari legati a personaggi evangelici. La Cristo che compongono i cortei processionali tensità drammaturgica. Spesso durante tutto il
na sul web dal West end. Sir Andrew loro esecuzione è affidata sempre a gruppi di del Venerdì Santo. Di grande suggestione sono percorso le componenti dei gruppi femminili
Lloyd Webber, che ha iniziato a tra- cantori numerosi che possono far parte sia di cantano ognuna sottobraccio all’altra. Alcune
smettere in streaming i suoi musical organizzazioni religiose penitenziali, come le camminano scalze con grandi ceri in mano e
gratuitamente online sul nuovo ca- Confraternite, sia di ensemble spontanei. vengono sostenute lungo il tragitto da “conso-
nale youtube The Shows Must Go On, A differenza di altre forme di canti religiosi po- relle” che si alternano nell’esecuzione delle for-
stasera alle 19 proporrà, visibile per polari (come ad esempio quelli legati al ciclo me iterative antifonali come quelle tipiche di
48 ore, la produzione 2012 di Jesus dell’Avvento e delle feste dei Santi patroni che alcune canzoncine spirituali settecentesche at-
Christ Superstar, con Tim Minchin, si caratterizzano nell’impiego di singoli canto- tribuite a sant’Alfonso Maria dei Liguori. Fra
Melanie C e Chris Moyles. Invece Ted ri solisti, talvolta accompagnati da piccoli grup- queste le più conosciute sono Gesù mio con
Neely, l’indimenticabile Gesù prota- pi strumentali), i Canti di Passione devono es- dure funi e O fieri flagelli.
gonista del film di Norman Jewison sere sempre eseguiti in forma collettiva. Du- Oggi, in tempo di Coronavirus, tutto questo
nonché del musical portato in sce- rante il periodo quaresimale nella nostra tra- modo così antico e “passionale” di vivere l’e-
na in Italia da Massimo Romeo Pi- dizione popolare il cantare insieme (sia all’u- sperienza della ricerca della fede come mo-
paro, oggi a 77 anni è più attivo che nisono che in forma polifonica) rafforza il va- mento collettivo non potrà avere luogo. E que-
mai: dà appuntamento a tutti i suoi lore simbolico della devozione di ogni singolo sto ci sgomenta. Il nostro desiderio spirituale
fan per questo sabato, alle ore 22 i- cantore che “ricerca” la sua voce nelle voci de- ha avuto sempre bisogno di corpi che cantano,
taliane, sul suo profilo Facebook per gli altri cantori che ha vicino. Grazie all’azione respirano e soffrono insieme. E così facendo
parlare con lui, da casa sua, della fe- del canto collettivo la comunità ritrova il pro- abbiamo per secoli cercato un’unione “carna-
de e sul suo ruolo come Gesù. prio senso spirituale comune e rafforza quei le e spirituale” al mistero della Croce. Oggi il si-
Infine resta il mistero su La Resurre- valori simbolici che caratterizzano la narrazio- lenzio che ci circonda non sempre ci aiuta. Ci
zione di Mel Gibson che sarebbe do- ne evangelica quaresimale. confortano invece le parole del Salmo 50 di Da- Johann Sebastian Bach (1685–1750)
vuto uscire questa Pasqua e che in- Generalmente ai cantori confraternali è affi- vide che nel nostro tempo quotidiano risuo-
vece è stato rimandato alla Pasqua data la trasmissione del repertorio dei Salmi in nano come straordinaria richiesta di perdono Johann Sebastian Bach
del 2021. Il kolossal seguito de La latino, fra cui spicca il Miserere (Salmo 50), e- affinché Iddio ci conceda ancora la speranza di Passione secondo Matteo
Passione di Cristo del 2004, uno dei seguito dal Nord al Sud e nelle Isole prevalen- cantare e pregare tutti insieme, in cerca del Mi- Bach Collegium Japan,
più grandi successi cinematografici temente “a cappella” e in modo polifonico. Un stero della Croce. Masaaki Suzuki
di tutti i tempi firmato da mel Gib- ricco repertorio, che a tratti, in alcune versioni La processione pasquale di Taranto © RIPRODUZIONE RISERVATA Bis / Ducale. Euro 40,00 (2 Cd)
VII
Venerdì 10 aprile 2020

Il “Pelè bianco” l’estate del 1983,


STORIE DI CUOIO

cia remota del nordest italiano che sta-


dal Flamengo arrivò in Friuli va riemergendo dalle macerie del ter-
accolto a furor di popolo dai tifosi ribile terremoto del ‘76. In campo, la
scossa finale fu l’arrivo di Zico che si
bianconeri. Quella mitica stagione presentò subito con una doppietta al
italiana del fuoriclasse brasiliano Genoa. Lo 0–5 di Marassi illuse i tifosi
rivive nel bel libro di Enzo Palladini friulani: pensarono all’incipit di un ro-
manzo memorabile. Invece, l’Udinese,
che ai giovani d’oggi spiega: «Zico allenata da un altro brasiliano di lungo
all’Udinese fu come se oggi Neymar corso italico, Luis Vinicio, scrisse una fa-
decidesse di giocare nel Parma voletta con salvezza finale, solo grazie
o Lewandowski nel Verona» alle 19 perle personali di Zico. Tra sus-
surri e grida il “Galinho” rimase a Udi-

MASSIMILIANO CASTELLANI Stagione


ne anche la stagione seguente, ma si
infortunò e rimase giusto il tempo per MotoGp,
sfidare il Napoli di Maradona. E qui,
di Serie A
il Mondiale
C’
è una nuvola d’ira, neanche Palladini nel suo libro fa entrare in sce-
arpiniana, che serpeggia tra 1983/84 na un pezzo da serendipity, il signor
Zico incanta
noi “reclusi” per colpa di
questo maledetto virus, che di colpo
però il vento torrido della passione per
all’Udinese
calciando una
Giancarlo Pirandola. L’arbitro di Lecce
ha diretto solo 6 partite in Serie A, ma
il caso volle che fossero gli scontri in-
cancellato?
il calcio, quella nuvola la spazza via. delle sue crociaati tra la triade dei “10” planeta- Il pessimismo ormai è molto forte.
Torna il sole, quello caldo della Barra de proverbiali ri: Platini–Zico e Zico–Maradona. Alla Due giorni fa erano stati rinviati
Tjiuca, dove dalla sua casa di Rio de Ja- punizioni penultima di campionato, il 12 maggio per il coronavirus i Gran Premi
neiro, il leggendario “Galinho de ouro” 1985 allo stadio Friuli, Maradona esat- d’Italia in programma al Mugello il
saluta la sua seconda terra: «Mandi U- tamente un anno prima del Mundial 31 maggio e quello della Catalogna

Zico, l’ultimo
dine, friulani vi porto sempre nel mio di Messico ‘86, (quello della “Mano de previsto per il 7 giugno a
cuore e vi sono vicino in questo diffici- Dios” argentina che elimina l’Inghil- Montmelò, facendo salire così a
le momento. Andrà tutto bene.Vostro terra), si inventò un gol di mano che quattro le gare della Motogp
Zico. Mandi!». Il videomessaggio fini- permise al Napoli di chiudere sul 2–2. rinviate a data da destinarsi, oltre a
sce proprio mentre sto ultimando la «Pirandola non si accorge... e in tutto lo quella in Qatar. Ieri la Dorna, la
lettura di un “libro amico”, come chi lo stadio è l’unico a non capire». L’ira fu- società che gestisce la parte

samba a Udine
ha scritto, il poetico e brasiliano per a- nesta di Zico, a muso duro con “El Pi- commerciale del motomondiale,
more, Enzo Palladini, firma e voce sto- be de Oro”: «Se sei un uomo onesto, ha annunciato: «Se la pandemia
rica di Mediaset Sport. Nel suo O Zico confessa all’arbitro che hai segnato con continuerà e se le restrizioni
o Austria a noi che, adolescenti abbia- la mano», disse il brasiliano. E l’argen- relative agli spostamenti dovessero
mo vissuto l’ultimo scampolo di calcio tino con ghigno criminale gli rispose: restare le stesse Dorna Sports
di poesia, quello degli anni ‘80, ci fa tor- «Sono Diego Armando Maradona, il di- potrebbe discutere di un’eventuale
nare in sella ai motorini (Ciao o Sì), sen- sonesto». Cala praticamente qui il si- cancellazione della stagione 2020».
za casco, con i capelli e la bandiera del- to da equlibristi, concretizzato dal ds sero possibile l’arrivo del profeta del zo del Mondiale 1950 (l’Uruguay di pario friulano di Zico che tra una maxi-
la speranza sempre al vento. «Anni ‘80, Franco Dal Cin su mandato del patron Maracanà. L’anima del Flamengo, club Schiaffino batte la Seleçao in finale) e il squalifica di 6 giornate (insulti all’arbi-
anni vuoti», li definirono i sociologi fer-
rarottiani. Anni da “Cotta continua” per
Lamberto Mazza, che quella stessa e-
state preparava la lettera di licenzia-
la cui storia si divide cristologicamen-
te in «A.Z e D.Z.» avanti e dopo Zico, e-
Mineirazo, l’umiliante 7–1 inflitto dal-
la Germania (Mondiale 2014), una del-
tro) e l’accusa di evasione fiscale (pro-
sciolto con formula piena), se ne tornò Basket,
chi ha avuto la fortuna, come noi, co- mento per 4.500 operai della sua a- sportava il calciosamba, il fútbol baila- le tre grandi piaghe del Brasile. Per Zi- al Flamengo per poi appendere le scar-
me Palladini, di ammirare dal vivo i ge-
ni assoluti: Maradona, Platini, Falcao e
zienda, la Zanussi. Per portare Zico a U-
dine servivano i 6 miliardi di lire richie-
do a Udine. Per far capire la portata del-
l’evento, specie ai millennials, è come
co quella di Barcellona è una delle quat-
tro sconfitte personali con la maglia ver-
pe al chiodo nel lontanissimo spoglia-
toio nipponico del Kashima Antlers.
gli Europei
Zico. Tutti assieme e tutti contro ap-
passionatamente, in quella Serie A (sta-
sti dal Flamengo e il tandem furbesco
Dal Cin–Mazza per reperire quella som-
«se oggi Neymar decidesse di giocare
nel Parma, oppure Lewandowski nel
deoro in 88 battaglie sostenute e 66 gol
realizzati che ne fanno, con Pelè e Gar-
Oggi, a 63 anni, Zico pensa a una sola
squadra, la sua famiglia. «Non sono sta- slittano al 2022
gione 1983–’84) a 16 squadre, in cui si ma, astronomica per le casse dell’Udi- Verona o ancora Ibrahimovic nel Sas- rincha, l’uomo del “trio maravilha” del- to un buon padre, ho passato la vita in
potevano tesserare al massimo due nese, escogitano un piano geniale: una suolo», spiega Palladini. «Per noi friula- la storia del calcio brasiliano. Zico per viaggio. Devo tutto a mia moglie San- A causa del coronavirus gli Europei
stranieri. Era l’ultimo calcio davvero società ombra specializzata in diritti ni, Zico all’Udinese aveva lo stesso si- la Fifa viene prima di Ronaldo: 8° posto dra che ha fatto da padre e da madre a maschili di basket del 2021 slittano
all’«italiana», quello della Nazionale di d’immagine per scaricarle il 40%, pa- gnificato del motore di una Ferrari tra i giocatori del XX secolo. Junior, Bruno e Thiago». Allena tutti i al 2022 (dal 1 al 18 settembre). Uno
Bearzot campione del mondo nell’82. gando poi il 60% a prezzo agevolato ap- montato su un’utilitaria. Ci sentivamo E poi il “Galinho”, per la gioia del suo po- giorni la memoria di cuoio dei suoi set- dei gironi verrà disputato a Milano.
E la Serie A, la mecca per fuoriclasse in poggiandosi a una banca di fiducia u- gli unici al mondo in possesso di un’au- vo è tra le cento personalità che hanno te nipoti, e come gli U2 può cantare: Rinviati anche i tornei pre olimpici
cerca di lauti ingaggi e di emozioni for- ruguayana. Un intrigo internazionale tomobile così meravigliosa e assurda», fatto la storia dello splendido e con- «L’amore è un tempio, l’amore è la più che si terranno dal 22 giugno al 4
ti da sfogare sotto Curve incendiarie, non consentito per legge di Stato, e in- ribadisce il concetto il collega del “Gaz- traddittorio Brasile. Una leggenda vi- nobile delle leggi». luglio 2021.
come una Torcida. fatti l’operazione Zico stava per saltare. zettino”, Luigi Maffei. Zico arrivava da vente con quattro statue sparse tra il © RIPRODUZIONE RISERVATA Intanto mentre la Serie A è stata
Divenne rovente anche quella bianco- Ma la politica, i giusti agganci finanzia- un Brasile sconfitto nell’orgoglio e feri- suo Paese e il Giapppone, dove andò a dichiarata concluso, Eurolega e
nera del gelido Friuli sferzato dalla bo- ri al limite del lecito, e non ultima, la to al cuore, proprio dagli azzurri, Mun- chiudere una straordinaria carriera co- Enzo Palladini Eurocup hanno espresso la
ra di ritorno giuliana, quando all’im- sommossa di Piazza XX Settembre aiz- dial di Spagna ‘82. Lo psicodramma na- stellata di titoli e quasi 500 reti. Ma tor- O Zico o Austria volontà ferma di portare a termine
provviso arrivò il “Pelè bianco”, Arthur zata dalla frangia ultrà sotto la bandie- zionale che si consumò a Barcellona, niamo a quella primavera dell’83 quan- Edizioni InContropiede. Pagine 130. la stagione delle Coppe europee
Antunes Coimbra. Un colpo di merca- ra indipendista «O Zico o Austria», re- allo stadio di Sarriá, è con il Maracana- do scelse di avventurarsi nella provin- Euro 15,50 2019–2020.

Blissett, il Lutero del Milan


Da Scarpa d’Oro a scarpone
Nella serie A di Zico
IL PERSONAGGIO

SERGIO TACCONE tro la Fiorentina, su lancio milli-


e Maradona arrivò metrico di Verza, Blissett partì in

L
utero da Falmouth, il bido- in rossonero l’inglese progressione, superando anche il
ne perfetto arrivato nel no- pallone e stramazzando al suolo
stro calcio nell’estate 1983. Era il miglior nella più comica delle cadute. Al
Se Zico era il “Pelè bianco”, lui e- bomber d’Europa ma futuro portiere rossonero Gio-
ra il “Pelè all’incontrario”, l’attac- in Serie A collezionò vanni Galli scappò quasi da ride-
cante che sbagliava anche i gol più re. Si capì il significato del so-
facili. Nel Milan, Luther Blissett
solo figuracce. Nella prannome di Blissett (“Miss it”,
prese il posto dello scozzese Jor- speciale classifica sbaglialo) che stava ad indicare la
dan. Le sue referenze erano mol- dei “Bidoni” è al 2° sua principale caratteristica: fare
to buone: dall’esordio a 17 anni posto dietro a Pancev cilecca anche nelle palle gol più
come centravanti del Watford, facili. Alcuni associarono l’acqui-
club inglese di proprietà di Elton sto di Blissett ad un mero scambio
John, fino al titolo di capocanno- pida sequenza. Bastava dargli la di persona. In realtà sarebbe do-
niere, con convocazione in na- sfera per avere risate assicurate: vuto arrivare un altro attaccante
zionale e uno score di 95 gol in 245 Luther superava in velocità un di colore, quel John Barnes poi
partite. Le prime dichiarazioni del paio di avversari poi s’incartava e messosi in evidenza con la maglia
nuovo centravanti furono ro- scodellava il pallone oltre la tri- del Liverpool. Farina indicò in un
boanti. «Farò più gol di Platini, di- buna. In una circostanza, era un giardiniere londinese la fonte del
venterò l’idolo dei tifosi, mi ispi- derby, a due passi dalla porta suggerimento sbagliato. Il presi-
ro a Gianni Rivera». Proprio l’ex sguarnita riuscì a mettere la palla dente gli scrisse persino una let-
Golden boy, in estate, gli conse- incredibilmente a lato. I tifosi, im- tera. «Caro Blissett, quando sbagli
gnò la “Scarpa d’oro” di miglior pietriti, dopo un istante di smar- a due passi dalla porta mi sembra
bomber del football inglese. Già rimento, lasciarono partire un ap- di sognare». In quel periodo, il Mi-
nelle prime uscite estive, Blissett plauso di incoraggiamento men- lan vinceva un derby solo quando
si segnalò per alcune conclusioni tre il suo allenatore, Ilario Casta- la Santa Pasqua cadeva di giovedì.
in rete finite in fallo laterale. In u- gner, sconsolato e rassegnato, Prendendo a riferimento solo i gol
na partita di Coppa Italia, l’anglo– andò a sedersi in panchina. Con- mangiati, Blissett si troverebbe al-
giamaicano si avviò sul dischetto meno nelle prime tre posizioni.
del rigore. Corsa decisa, conclu- L’ex centravanti del Watford ebbe
sione potente e sfera oltre il terzo uno scatto d’orgoglio a fine anna-
anello. L’esordio in campionato, a ta. Ma tre buone partite contro To-
San Siro, fu più che incoraggian- rino, Pisa e Udinese non cambia-
te: Lutero segnò un gol al Verona rono il suo destino. Tornò al
risultando tra i migliori in campo. Watford, lasciando spazio a Mark
Contro la Lazio andò in gol di te- Hateley, attaccante all’altezza del
sta anticipando il portiere Cac- blasone rossonero. La carriera di
ciatori: a quella rete seguì un di- Blissett si concluse nel ‘93 con il
giuno di oltre due mesi prima del- Derry City. Nell’aprile del 2007 ha
la sua marcatura successiva in un fondato una scuderia automobi-
rocambolesco Milan–Udinese. listica. Nella classifica dei bidoni,
Per deviare la palla in rete di testa scaturita da un sondaggio effet-
nella porta bianconera, Blissett si tuato nel 2000, Blissett giunse 2°,
schiantò sul palo. Il 3–1, a 9’ dal preceduto da Darko Pancev, il “ra-
termine, sembrò chiudere la par- marro interista” che in broccaggi-
tita ma tra i friulani brillava la stel- ne superò persino il bombardiere
la di Zico. Il fuoriclasse brasiliano di Falmouth. Il nome di Blissett
accorciò le distanze e propiziò il diventerà lo pseudonimo di un
3–3 finale di Causio. Le prestazio- collettivo letterario che nel 1999
ni di Blissett furono infarcite di er- pubblicò Q (Einaudi), romanzo
rori grossolani. Il rendimento del storico finalista al Premio Strega.
numero 9, nei primi mesi del Almeno a loro, il Lutero rossone-
1984, regredì a livelli di “simpati- ro aveva portato fortuna.
che canaglie”, con topiche in ra- L’ex Milan Luther Blissett © RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 10 aprile 2020 PRIMO PIANO 13

Coronavirus:
l’altra faccia
«Chi ha tumori continui le cure»
L’allarme sulla situazione dei pazienti oncologici: in molti stanno rinunciando per paura del contagio
Segnalazioni da Napoli a Sassari fino alla Lombardia: «Non vanno dimenticate le altre patologie»
ANTONIO AVERAIMO L’APPELLO
L’esperto
«C
i arrivano segnala-
zioni da tutta Ita- Francesco
lia: molti malati di D’Andrea: «Sia
cancro stanno rinunciando
alle cure mediche per paura la comunicazione
di contrarre il coronavirus in ufficiale che i vari
ospedale». A lanciare l’allar- media possono
me è il professore Francesco
D’Andrea, presidente della
generare una
Società italiana di chirurgia psicosi collettiva
plastica, ricostruttiva ed e- che adesso va
stetica. Il problema riguarda scongiurata,
in particolar modo i pazienti
oncologici con cui lui e i suoi
le istituzioni
colleghi chirurghi sono co- facciano
stantemente a contatto, cioè chiarezza»
quelli affetti da tumori cuta-
nei, mammari e melanomi. In
questo momento, molti di lo-
ro starebbero rinunciando al-
le cure per non correre il ri-
schio di ammalarsi di Covid– Sopra: il professor
19. «Il problema — spiega il Francesco D’Andrea,
professor D’Andrea — non ri- presidente della Società Medici Vidas:
guarda solo le zone più col- italiana di chirurgia plastica.
pite dal virus, come la Lom- A destra: lo staff medico del è aumentata
bardia. Mi arrivano segnala- reparto di terapia intensiva l’assistenza
zioni da Sassari, per esempio, dell’ospedale di Varese
dove alcuni pazienti hanno mentre cura un paziente agli incurabili
differito le cure. Ma anche affetto da Covid-19/ Reuters
dove opero io, a Napoli, ri- Anche durante
scontriamo una diminuzione l’emergenza
dei pazienti. Chiaro che que- coronavirus i medici e
sto ci preoccupa non poco: si gli infermieri
rischia di perdere settimane dell’associazione Vidas
decisive nella lotta al tumo- continuano, a Milano,
re». Secondo il chirurgo na- Monza e in 112 comuni
poletano, «esiste il serio ri- della Lombardia, a
schio che la comunicazione deve far passare in secondo altri reparti è ampiamente questi pazienti sono sottopo- ca sia concentrata sulla lotta sponibili a lasciare il ruolo di portare aiuto e
istituzionale e i vari media piano le altre patologie, che garantita. «Va sottolineato sti a un approfondito triage, al Covid–19. «Molti medici, chirurgo plastico per ricopri- alleviare le sofferenze
possano generare una psico- vanno seguite con altrettan- che, nonostante molte strut- al fine di evidenziare preven- come gli anestesisti, sono im- re quello dell’operatore vo- di malati inguaribili. Lo
si collettiva, che va a tutti gli ta attenzione». D’altronde, ture ospedaliere abbiano pa- tivamente il sospetto di infe- pegnati su quel fronte. Nelle lontario al servizio dei mala- fanno come sempre
effetti scongiurata. Per que- puntualizza il professore, ne- zienti covid ricoverati, esisto- zione virale in corso e, nel ca- zone con maggiori difficoltà, ti Covid. Questo però non de- gratuitamente,
sto, faccio appello alle istitu- gli ospedali italiani – visti dal- no percorsi dedicati per ga- so, procedere al loro isola- anche molti nostri soci — li- ve farci abbassare la guardia seguendo tutte le
zioni, affinché sia ancora più l’opinione pubblica come fo- rantire la sicurezza dei pa- mento». Chiaro che in un mo- beri professionisti, giovani su altri fronti, né deve far pas- norme anti-contagio, al
chiaro ai cittadini che l’e- colai del covid–19 – la sicu- zienti affetti da altre patolo- mento come questo tutta l’at- specializzandi, ospedalieri e sare il messaggio che si pos- domicilio dei pazienti
mergenza coronavirus non rezza di medici e pazienti di gie. Prima del ricovero, tutti tenzione nella sanità pubbli- universitari — si sono resi di- sa rinunciare a cure che sono ma anche nei due
– ci tengo a precisarlo – in- hospice “Casa del
differibili». Nelle parole del sollievo” del
LE ASSOCIAZIONI DI SETTORE professore c’è anche la con- capoluogo (uno dei
sapevolezza del fatto che la quali con degenti

Ecco perché non si corrono rischi figura stessa del medico ap-
paia oggi agli occhi del pa-
ziente come una fonte pri-
maria di contagio. «Viviamo
con l’angoscia di ogni essere
pediatrici). Da dietro le
mascherine i dottori
non smettono di
somministrare cure
palliative e sostenere
Aiom: per i pazienti oncologici sono stati pensati dei percorsi protetti e separati umano in questo momento,
ma con la consapevolezza
le famiglie degli
ammalati. «Il nostro
che questo lavoro lo abbiamo compito è quello stare
ENRICO NEGROTTI Alcuni malati stanno hospital, adiuvanti, quando il tumore scelto. Siamo consapevoli che accanto alle persone
rinunciando alle cure per è stato asportato, non c’è interruzione, noi medici per primi siamo a che non

L
a paura del Covid–19 non deve paura di contrarre il solo un triage molto particolareggia- rischio; e che rappresentia- sopravviveranno,
indurre i malati di tumore a tra- to. A chi si deve fare una terapia com- mo una possibile fonte di indipendentemente dal
scurare le cure. È l’appello che coronavirus. Gli specialisti plessa in degenza ordinaria, viene ef- contagio, specie se asinto- Covid-19 – spiega la
le società scientifiche oncologiche ri- rassicurano e invitano a non fettuato un tampone preliminare. In- matici. Una procedura utile direttrice sanitaria di
volgono a pazienti e autorità sanitarie, ritardare le terapie, perché fine per i pazienti con malattia meta- che andrebbe adottata sul Vidas, Giada Lonati – e
perché le terapie di questi malati sia- statica, si lavora caso per caso, valu- territorio nazionale, per pre- per contribuire ad
no mantenute durante la pandemia.
in tutti i reparti sono stati tando per chi è possibile rinviare un venire la diffusione dell’infe- alleggerire il carico
«Molti ospedali oncologici sono Covid attivati protocolli specifici trattamento. Le cure palliative inizia- zione, sarebbe l’esecuzione delle strutture
free – spiega Saverio Cinieri, presiden- no subito». del tampone a tutti gli opera- ospedaliere nella crisi
te eletto della Associazione italiana di stituto nazionale dei tumori, sia lo Ieo, Il malato oncoematologico ha alcune tori sanitari. Questo perché, determinata dalla
oncologia medica (Aiom) – ma in ge- sono hub, cioè punti di raccolta di pa- particolarità: «Sapendo che con la che- se il medico non è testato ed pandemia, da più di un
nerale negli ospedali sempre i reparti zienti anche da altre aree». mioterapia scenderanno i suoi globu- è asintomatico, diventa il pri- mese abbiamo deciso
di oncologia hanno percorsi separati». Le visite di controllo di pazienti guari- li bianchi – spiega Corradini – è abi- mo propagatore del corona- di allargare la nostra
Lo scopo è evitare che vengano in con- ti sono trasformate in contatti a di- tuato a proteggersi (usare la masche- virus». Infine, l’appello ai ma- rete di assistenza
tatto con il Sars–Cov–2, perché ne com- stanza: telefonate del medico o con- rina, lavarsi le mani), quindi la nostra lati oncologici a non rinun- domiciliare arrivando
prometterebbe la possibilità di curar- tatti via skype, con invio di esami e ap- opera culturale è stata più facile. E in ciare alle cure: «Purtroppo ad assistere fino a 215
si, soprattutto nel caso di malattie e- puntamenti rinviati, «a meno che – ospedale abbiamo rafforzato presidi non si può dire: “Ho un tu- pazienti al giorno, il
matologiche: «Questi pazienti fanno precisa Cinieri – l’oncologo non abbia già predisposti: chi accede agli ambu- more, aspetto che passi l’e- 10% in più di prima».
terapie che distruggono i linfociti sia B il dubbio che sia necessario un con- latori del trapianto allogenico, il pa- mergenza per curarmi”. Ciò Inoltre, dal 6 aprile,
sia T, quindi sono incapaci di svilup- trollo in ambulatorio, dove si arriva da ziente più delicato, ha già un percorso non è possibile. Non spaven- l’associazione ha
pare una risposta contro il virus», ag- soli, con i dispositivi di protezione in- separato dagli altri». tatevi, e continuate le cure». aperto “Distanti ma
giunge Paolo Corradini, presidente dividuale». «Per chi fa terapie in day © RIPRODUZIONE RISERVATA Un medico del San Filippo Neri di Roma © RIPRODUZIONE RISERVATA non soli”, un pronto
della Società italiana di ematologia intervento psicologico
(Sie). E Corrado Tarella, direttore del- per chi cura e chi
l’Ematologia all’Istituto Europeo di NUOVI FOCOLAI NELLE CASE DI RIPOSO rimane: è uno
Oncologia (Ieo), ha ribadito che le cu- “sportello telefonico” a
re di alcune leucemie acute non devo-
no subire ritardi.
Aiom, Sie e Airo (Associazione italia-
Decessi nelle Rsa: inchieste anche a Genova, Prato e Benevento cui possono rivolgersi,
tutti i giorni ore 9-19,
familiari che hanno
na di radioterapia e oncologia clini- FULVIO FULVI giudiziari di Prato: riguarda i 6 morti e i 33 conta- tre altre due persone sono ricoverate in ospedale per subito un lutto (cell.
ca) hanno ripetuto non solo che il can- giati (tra cui 16 operatori) nella Rsa gestita a Co- gravi problemi respiratori. «Ora i positivi sono iso- 348/8507331) e

D
cro va curato, ma anche che «i percor- isattenzioni, superficialità, omissioni o al- meana di Carmignano dalla Onlus Casa Accoglienza lati, con personale dedicato e siamo riusciti a fare i operatori sanitari
si oncologici e onco–ematologici so- tre responsabilità nella gestione delle strut- Anziani Comeana, convenzionata con la Asl. Il fa- primi 51 tamponi, nei reparti dove c’erano ospiti con impegnati
no attivi e protetti in tutti gli ospedali ture sanitarie dove, per la diffusione del scicolo è nelle mani del procuratore capo Giusep- sintomi» ha spiegato il presidente della Fondazio- nell’emergenza
italiani», incoraggiando i pazienti «a ri- virus, sono deceduti anziani. La magistratura è in pe Nicolosi. In seguito a decine di esposti di parenti ne, Alfredo Sclarandi. Un altro caso positivo alla Se- coronavirus (cell.
volgersi con fiducia e serenità alle lo- campo, e non solo per fare luce sul caso del Pio Al- di ricoverati, i Pm di Benevento hanno creato un reni Orizzonti di Torino: dalla fine di febbraio qui ci 344/0948447). In Italia
ro strutture di riferimento, dove sono bergo Trivulzio di Milano, dove si sono verificati un pool per indagare sulle Rsa del territorio: l’atten- sarebbero stati 39 morti su 116 ospiti (ma l’azien- sono oltre 500mila
stati attivati protocolli specifici per la centinaio di morti e il Pm Tiziana Siciliano sta ve- zione è rivolta soprattutto sulla casa di cura Villa da ne conferma solo 27 tra i sicuri da Covid-19) e il all’anno i malati affetti
protezione dal contagio da Covid– rificando referti e cartelle cliniche e ascoltando te- Margherita di contrada Piano Cappelle, dove si è personale è stato dimezzato. Nel Lazio procede lo da patologie inguaribili
19». «Avere una diagnosi di cancro – stimoni. In parallelo lavora, per capire se ci sono manifestato un focolaio con 78 persone infettate. screening a tappeto nelle Rsa, con report inviati ai ma l’accesso alle cure
osserva Cinieri – è come uno tsunami state anomalie nell’organizzazione e nell’uso delle Prima ancora la stessa procura aveva puntato i fa- Nas dei carabinieri. Lo stesso metodo è adottato in palliative, in particolare
che ti investe, oggi ancora più proble- risorse, la commissione d’inchiesta istituita da Re- ri sull’ospedale di Ariano Irpino, città dichiarata Sardegna dove una “task force” di medici e infer- per i bambini, è ancora
matico». Le risposte sono differenzia- gione e Comune, presieduta da Vittorio Demiche- “zona rossa” il 15 marzo. E prosegue pure l’inchie- mieri dell’Esercito e della Marina è intervenuta ie- basso: usufruiscono di
te seconda lo stadio della malattia. «Se li di Ats e di cui è membro l’ex magistrato Gherar- sta giudiziaria che tocca la Casa di riposo di Chia- ri nel Sassarese con controlli clinicialla Papa Gio- assistenza domiciliare
il paziente ha bisogno di una proce- do Colombo: prima fase, l’analisi dei documenti. ravalle Centrale, nel catanzarese, dove ieri è salito vanni Paolo II di Tula e a Villa Gardenia di Ossi. Sal- 40mila pazienti, a cui si
dura diagnostica (esame istologico) o In Liguria, dal 20 febbraio al 5 aprile, nelle 230 resi- a 18 il numero dei decessi, con 70 persone tra de- gono a 9 i decessi nella casa di riposo Fabbri Bico- aggiungono i 42mila
dei chirughi oncologi sono previsti in denze protette ci sono stati 800 decessi sui quali in- genti e dipendenti, risultati positivi. li di Bucine, Arezzo: l’ultima vittima è una 83enne. ricoverati nei 248
tutte le Regioni percorsi Covid–free, e daga il capo della procura, Francesco Cozzi a par- E purttoppo si allarga anche il fronte dei focolai. Ci Nella Rsa Villa Mele di Rodi Garganico, Foggia, ieri hospice del territorio.
dove ci sono Irccs oncologici alcuni tire dalle due morti “sospette” nella Casa Serena di sono 2 morti e 29 infetti tra i 70 ospiti della Rsa del- è spirata una donna di 83 anni. (F.Ful.)
presidi dedicati: in Lombardia, sia l’I- Genova. Un’inchiesta è partita anche negli uffici la Fondazione Marchesi di Inzago (Milano), men- © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA
14 PRIMO PIANO Venerdì 10 aprile 2020

Coronavirus:
i territori
Pantelleria, l’isola della vita
In questo angolo di Mediterraneo il Covid-19 non è mai sbarcato, ma si teme per le donne in gravidanza
Senza il Punto nascita devono andare nel Continente per i controlli. E rischiano di contagiare gli abitanti
ITALO CUCCI to. Eppoi, questa si chiama I- IL REPORTAGE
sola di Terra, non è abitata da

P
antelleria, aprile. marinai e rari sono i pesca-
Mentre in Italia – ‘u tori, tutti agricoltori sono, Vista dal mare
Continente, si dice sempre inginocchiati davan- siciliano,
qui – il dominio della Notizia ti a Madre Terra per racco- l’emergenza
è in mano a Sorella Morte, gliere i capperi profumati o i
mai sentita così vicina, nell’I- grappoli d’uva dalla vite alta sanitaria vuol
sola si dibatte sulla vita. Sen- pochi centimetri, l’Alberello dire soprattutto
za rendersi conto dell’ecce- Pantesco dichiarato dall’U- regole di
zionalità del momento per- nesco “patrimonio immate-
ché né la nave né l’aereo han- riale dell’Umanita’”.
comportamento
no sbarcato il coronavirus e Ma stavolta la protesta per la e negozi chiusi
quel che sappiamo – di lut- chiusura del Punto Nascita La battaglia
tuoso, di disperante – ce lo ha un altro sostegno: le è per garantire
dicono la radio, la televisio- mamme in attesa di un figlio
ne, i rari giornali che arriva- – qui i bimbi nascono anco-
i servizi sul
no per nave e quelli che sfo- ra, a Dio piacendo – devono territorio
gliamo sul tablet. Perché per spostarsi in aereo o in nave
noi, piccola comunità di cir- per controlli o per partorire
ca settemila abitanti ospite e nelle due città siciliane ri-
padrona di questo paradiso schiando di prendere e ri-
di 85 chilometri quadrati, il portare a casa il maledetto vi- La chiesa del Santissimo Salvatore, domina il centro urbano dell’isola di Pantelleria
problema vero è che ci han- rus. Tutti abbiamo fatto qual-
no chiuso il Punto Nascita. cosa (un contatto autorevo-
Non nascono più panteschi, le, uno scritto irritato, s’é al- cartoleria o la boutique dove gente che nottetempo si tava ballando, come sempre, rono accolti e invitati alla
solo palermitani o trapane- leato a noi anche Domenico d’estate fanno acquisti Susan buttò in mare a salvare un l’arrivo della Pasqua da cele- quarantena nelle loro belle
si. Il malessere s’é propagato Mogavero, il vescovo di Ma- Sarandon, Madonna, Julia barcone di africani travolto brare nella chiesa matrice dimore fra cielo e mare, bo-
oltre il contesto sociostorico, zara del Vallo e della nostra Roberts, Michelle Pfeiffer, e da una di quelle terribili ma- molto somigliante a una mo- schi e scogliere con siepi di
quando si diceva – l’iniqua chiesa amministrata da ge- il bar rendez–vous dove è fa- reggiate che qui s’improvvi- schea o nel Santuario della solari ginestre e corbezzoli.
sanzione era già scattata an- nerosi e serenissimi preti e- cile incontrare il Maestro sano in pochi minuti. Alcuni Madonna della Margana, Fra un cielo–e–mare come
ni fa – che é contro natura to- sotici, ieri c’erano gli africa- Muti o il Duca d’Aosta che naufraghi son rimasti, ad e- dov’è l’effige di Maria (di- un dipinto del Beato Angeli-
gliere all’isolano la sua iden- ni, oggi i pakistani: siamo ter- s’intrattengono con gli ami- sempio un padre con dei pic- pinta nell’857 per i frati di co (lo conosco bene perché IL FATTO
tità che non ha solo conte-
nuti anagrafici ma si fa forte
ra di missione) ma nessuno
ci ha ascoltato, a Roma han-
ci mentre lí vicino c’è l’ango-
lo dove gli africani sbarcati
colini (una foto storica dei
Carabinieri è proprio quella
san Basilio) che fu portata in
processione fino alla Balata
ho studiato nel suo conven-
to, alla Badia Fiesolana) fra
Anche Ponza
di un dna specifico innesta- no in testa i morti, solo i mor- nell’Isola attendono la chia- di un militare che tiene in dei Turchi, la grande lingua nuvole grigiazzurre e acque e Ventotene
to nella terra e maturato nei ti, e si capisce, ma cosa gli co- mata al lavoro e poco pià in braccio un neonato appena di pietra che entra in mare, trasparenti che rivelano fon-
secoli, dai fenici ai romani, sterebbe – scusate l’ironia – là il negozio di alimentari per strappato al mare mentre la dove con Lei furono respinti dali viventi, aspettiamo il senza casi
dagli arabi agli ebrei, agli i- lasciarci vivere? Sapeste cosa rumeni. Tutto chiuso. Pochi mamma spariva per sempre gli invasori ottomani. Tutto Giudizio Universale o meglio Per una volta, la
spanici di Isabella, ai borbo- vuol dire non conoscere il co- passanti. fra le onde) bimbi spaventa- si fa, ordinatamente, senza ancora la fine di un incubo condizione di
nici franzosi che piantarono ronavirus! Sí, sappiamo che Sono aperti i Carrefour ma ti che ora vedi giocare a pal- proteste, anche pregando, obbedendo agli ordini roma- separazione dalla
la loro bandiera sull’Isola esiste ma qui non s’è mai vi- non c’è fila, si va a fare la spe- lone in piazza, cresciuti bra- per respingere questa volta il ni, scrupolosamente seguiti terraferma non si è
Che Non C’e’, comparsa ep- sto e ne abbiamo tuttavia sa con la mascherina, anche vi panteschi; è rimasto anche Virus. Spaventati, non isteri- dagli obbedientissimi Cara- rivelata uno svantaggio
poi sparita nel mare fra Pan- paura, temiamo che scenda i guanti, e poi via a casa. Vie- il barcone, lí, davanti al ma- ci. Ci avvertirono ch’erano binieri. Non dico «io resto a ma un punto di forza.
telleria e Sciacca, il punto d’I- dall’aereo o dalla nave in for- ne anche da ridere, onesta- re, come un monumento di sbarcati all’aeroporto alcuni casa» perché mi sembrereb- Non solo Pantelleria,
talia più vicino, a 126 chilo- ma umana, come un turista. mente, visto che non c’è un paura e minaccia: mai più u- turisti di ritorno, quelli che be d’irridere chi deve resi- ma anche altre isole,
metri. Mentre dalla mia ter- E la paura ci ha ammaestra- contagiato che uno. Eppure no sbarco, da allora. hanno le case più belle (i stere in pochi metri quadri. come Ponza e
razza vedo al tramonto il fa- to, tutti seguono le regole prevale la voglia assoluta di Stupisce – me “straniero” im- Dammusi) dalle parti dell’E- Se potessi, vorrei tutti qui, fra Ventotene, sono
ro di Kelibia, il porto di Tuni- dettate da lontani e a volte vivere, in questo piccolo portato dalla Romagna Felix lefante, monumento marino: gli ulivi, le palme e i carrubi, rimaste finora immuni
si, a 75. Per dire, il prodotto indecifrabili decreti “roma- grande popolo che non con- e operosa, canterina e gau- bergamaschi – ci dissero – nel giorno che il coronavirus dai contagi di
identitario dell’agricoltura ni” o “palermitani” ch’è lo ta homeless o questuanti per- dente – la disciplina pubbli- quando Bergamo era già un ha trasformato in festa dei coronavirus. Ora però,
pantesca è l’uva zibibbo, lo stesso. I bar sul porto, al pae- ché generosamente non fa ca di questa gente che di ’sti cimitero, ma il decreto non separati. Buona Pasqua. come ha spiegato ad
Zubib alessandrino. D’Egit- se, son tutti chiusi, come la mancar nulla a nessuno: è tempi, e già da mesi, aspet- ci aveva ancora blindato, fu- © RIPRODUZIONE RISERVATA Avvenire il sindaco
Franco Ferraiuolo, il
timore è che la
QUI CAMPANIA QUI LAZIO stagione turistica non

Otto zone rosse in Regione L’autista dello scuolabus


parta. Per le isole
sarebbe, questo sì, un
grosso problema.

Ma Napoli vuole riaprire ora porta la spesa a casa Medici sposi


a Parma:
ANTONIO AVERAIMO settimane sono stati “chiusi” cinque Comuni del IGOR TRABONI mune ad attivare “Spesa da casa”. Chi ha
Napoli Salernitano (Sala Consilina, Atena Lucana, Polla, Frosinone necessità di generi di prima necessità, può «Un segno
Caggiano e Auletta), e Ariano Irpino. Nei giorni ordinare telefonicamente la propria spesa
di speranza»
S L
ono otto le “zone rosse”, le “Codogno” della scorsi è toccato anche a Lauro, altro Comune del- a spesa e le medicine per gli anzia- ai negozi che hanno aderito, concordare
Campania. L’ultima è stata dichiarata l’altra l’Irpinia. La città metropolitana di Napoli invece ni non autosufficienti e i più pove- l’orario e passare a ritirarla evitando la fi-
notte dal governatore Vincenzo De Luca, non ha “zone rosse”, benché conti più della metà ri, già seguiti dai servizi sociali, e per la. Il sindaco ringrazia anche i tanti locali ”È un matrimonio in
con l’ennesima ordinanza che blocca ingressi e u- dei casi di coronavirus sul totale regionale. E ben- i “nuovi poveri” che la crisi da coronavirus pubblici che, «con grande senso di re- tempo di guerra”. Così
scite. Si tratta del piccolo Comune di Paolisi, nel ché ne faccia parte Torre del Greco, Comune ve- sta facendo emergere? Ci pensa il Comu- sponsabilità e grossi sacrifici economici», due medici
Beneventano, sul cui territo- suviano della fascia costiera, ne, che prende direttamente le ordinazio- hanno deciso di chiudere anche prima del- raccontano il loro “sì”
rio il numero dei contagi è quarto Comune della Regio- ni e poi le recapita, gra- le disposizioni governa- a Parma. Si sono
particolarmente aumentato ne per numero di abitanti, zie ad alcuni dipendenti, tive, evitando così l’af- sposati in piena
negli ultimi giorni. Sui 2mila che sfiora i 50 malati. De Lu- come gli autisti di scuo- flusso di tanti giovani in emergenza sanitaria.
abitanti complessivi, al mo- ca ha i numeri dalla sua par- labus, in questo tempo questa cittadina diven- Un matrimonio con
mento dell’ordinanza risul- te, con i contagi – su una po- forzatamente inattivi. tata negli ultimi anni il rito civile, celebrato
tavano 19 casi: 17 in sorve- polazione di quasi 6 milioni Succede ad Isola del Liri, centro della “movida” dal sindaco Federico
glianza sanitaria obbligatoria di abitanti – a quota 3.344 e le cittadina in provincia di della Ciociaria. Pizzarotti, autorizzato
domiciliare e due ricoverati morti salite a 227. Frosinone, definita la Pratiche di buona am- per soddisfare la
in ospedale a Benevento. Fo- Ad Ariano Irpino, primo fo- “Manchester italiana” ministrazione che tro- richiesta della coppia
colaio del coronavirus nel colaio del Covid–19 in Cam- per la presenza di cartie- viamo anche nel capo- che, impegnata da
Comune sannita sarebbe Una strada vuota di Napoli pania, non si contano nuovi re e feltrifici (alcune La spesa fatta per gli altri luogo di provincia, a giorni in prima linea
un’azienda locale specializ- casi. L’impressione è che, al realtà vennero impianta- Frosinone, dove il Co- per assistere i pazienti
zata nell’allevamento di pol- di là delle dichiarazioni uffi- te nell’800 da industriali mune, guidato dal sin- con Covid–19, ha
li. In ogni caso, il rischio che L’ultima ordinanza ciali, la Regione stia già pen- francesi che per questo Un piccolo comune del daco Nicola Ottaviani, voluto tutelare i figli
il contagio potesse facilmen- di De Luca ha riguardato sando alla “fase 2”. E stavolta la chiamarono anche “la Frusinate si è attivato per ha dato il via libera alla piccoli. Lo sposo
te propagarsi dall’alleva- il governatore, che finora si è piccola Parigi”) ma con
mento – che conta 50 dipen-
un piccolo Comune sempre mosso in anticipo ri- una crisi economica già
assistere la popolazione creazione della “Rete cit-
tadini sociali”. Hanno a-
lavora nei reparti
all’ospedale Maggiore
denti – al resto del paese e del Beneventano. spetto a Palazzo Chigi, po- galoppante alla quale la anziana, ma anche i tanti derito un po’ tutte le as- di Parma, la moglie a
dell’area ha fatto optare De Pressing delle categorie trebbe decidere di unifor- pandemia rischia di da- che hanno perso il lavoro sociazioni di volontaria- Reggio Emilia.
Luca per la “chiusura” di Pao- marsi. Il picco in Campania re il colpo di grazia. to e sociali presenti in Presenti alla
lisi. Dall’esito degli altri tamponi si saprà se ci so- dovrebbe giungere fra una settimana. Secondo «Non abbiamo solo le oltre 200 persone città, anche di diverso orientamento po- cerimonia, seduti
no altri infettati. Nel frattempo, i lavoratori dell’a- uno studio dell’Ihme di Seattle, al 21 aprile si ar- che già seguivamo – racconta ad Avvenire litico, così come forte è la presenza di vicino a mamma e
zienda sono stati messi in quarantena. L’attività riverà finalmente a vittime zero e si potrà comin- il sindaco, Massimiliano Quadrini – ma realtà cattoliche (da “Diaconia”, ente ge- papà, anche i bambini.
dell’azienda si era comunque già arrestata alla ciare a intravedere seriamente la luce in fondo al tanti cassintegrati e altri le cui fabbriche store della diocesi di Frosinone, a “Il Giar- “Viviamo settimane
notizia dei primi tre tamponi positivi. tunnel, con un mese di anticipo rispetto al resto stanno chiudendo ora, che prenderanno dino delle Rose blu” che già assiste pove- drammatiche, in lotta
La scelta di De Luca rientra perfettamente nella del Paese. A Palazzo Santa Lucia, sede della Re- la cassa integrazione solo fra 3-4 mesi ma ri e senza tetto) e di altre confessioni, dal- contro un nemico
strategia adottata sin dall’inizio dell’emergenza gione, d’altronde sanno bene che il mondo del- che devono mangiare tutti i giorni. Per la Chiesa ortodossa romena agli Evange- invisibile – ha detto
dal governatore campano: chiudere immediata- l’economia campana ormai freme dopo aver pa- questo abbiamo attivato una task force o- lici a due associazioni islamiche e alla Pizzarotti – oltre al
mente ogni possibile focolaio di Covid–19 prima gato un prezzo salatissimo all’emergenza. Risto- perativa 18 ore al giorno, con due linee te- chiesa Avventista. Lo scopo è quello di af- pragmatismo delle
che sia troppo tardi. Ed è la stessa strategia che ha ratori, pizzaioli napoletani, con le loro associa- lefoniche alle quali i cittadini possono fiancare Comune e Protezione civile coor- azioni e al lavoro di
portato, già nella fase iniziale del contenimento, zioni di categoria da giorni fanno pressing su De chiamare per dirci di cosa hanno bisogno». dinando al meglio le iniziative e le dispo- tutti i giorni per battere
a misure più restrittive rispetto a quelle adottate Luca e sulla sua giunta affinché consentano al- Una terza linea telefonica è stata invece nibilità dei volontari, per rendere le azio- il virus, dobbiamo
dal governo. Più di una volta, dal sorgere della cri- meno l’asporto e la consegna a domicilio, dando attivata tre giorni fa, per aiutare la gente a ni più efficaci e meno dispersive. E anche vivere anche di
si del coronavirus, si è sfiorato un vero e proprio loro un po’ di ossigeno. Ma almeno fino a Pasqua riempire i moduli per ottenere le varie a- qui si tratta soprattutto di portare beni e speranza e di amore.
scontro con Palazzo Chigi e la sua politica trop- non si aprirà nessuna breccia nella linea dura del gevolazioni previste anche da governo e servizi a tante persone in difficoltà, prov- La loro è una storia di
po “lassista”, a detta del governatore. Chiudere su- governatore, che con un’ordinanza ha chiuso tut- Regione Lazio «e possono fare anche l’au- vedendo direttamente all’acquisto per i speranza e di amore, e
bito, per evitare che dai focolai il virus si propa- te le attività commerciali – compresi i supermer- tocertificazione, così evitiamo lungaggini casi di indigenza, ma anche di dare a- abbiamo bisogno di
ghi al resto del territorio: questa la linea ribadita cati – a Pasqua e Pasquetta. burocratiche», aggiunge Quadrini, che poi scolto e supporto psicologico. sentire anche questo,
più volte dalla Regione Campania. Già da alcune ©RIPRODUZIONE RISERVATA ringrazia i commercianti, stimolati dal Co- ©RIPRODUZIONE RISERVATA oggi: speranza”.
Venerdì 10 aprile 2020 PRIMO PIANO 15

Coronavirus:
le storie
Madre e figlia. In prima linea
Giuliana visita casa per casa, a Piacenza. Francesca è responsabile medico della casa dei comboniani
«Rimanere a fianco dei più fragili resta la nostra missione. Il sostegno reciproco? È fondamentale»
ANNA POZZI mette che non è facile neppure dure che devono essere a servi- domicilio alcuni pazienti. Poi, goscia, solitudine e paura». I PERCORSI
per lei. «Anche per noi dello staff zio dell’individuo e non vice- quando si è accorta che l’e- I pazienti che visita a casa e che
Da una parte la
U
na madre e una figlia è una situazione pesante da af- versa». La dottoressa Rapacioli mergenza cresceva inesorabil- mette sotto terapia, vengono
in prima fila contro il frontare – dice –. Sino a poco ha da poco terminato una gior- mente, si è messa a disposi- poi contattati quotidianamente scelta di mettersi
coronavirus. Giuliana tempo fa avevamo pochissime nata estenuante e si è appena zione, insieme a un collega, dagli operatori dell’Ausl. «Non in quarantena
Rapacioli è un medico di Pia- protezioni. Diversi di noi, però, tolta tutte le protezioni che ne- dell’Ausl di Piacenza, che il 24 abbiamo i tamponi, ma i sinto-
cenza che dallo scorso 24 mar- hanno scelto di rimanere qui, in cessariamente deve indossare. marzo ha attivato le prime due mi sono chiari ed eseguiamo volontaria per
zo fa parte di una delle prime u- quarantena volontaria, per ga- La fatica, però, non le ha tolto unità speciali di continuità as- un’ecografia toracica: si vedono proteggere
nità speciali che hanno comin- rantire l’assistenza. Ci sostenia- vitalità e passione nel racconta- sistenziale. «L’obiettivo è di ar- benissimo le “comete” provoca- i religiosi più
ciato a operare casa per casa. La mo a vicenda. La mattina c’è re questo suo nuovo impegno. rivare a coprire 12 ore al gior- te dal coronavirus. Quando so-
figlia, Francesca Giampietri, in- molto lavoro. La sera, per certi Direttore sanitario di un po- no, 7 giorni su 7. I turni sono no in cielo sono belle; qui pos-
anziani,
vece, è responsabile medico del- versi, è più difficile: per questo, liambulatorio privato di Pia- spossanti, anche perché ci siamo solo esprimere il deside- dall’altro la
la struttura dei missionari com- abbiamo creato un gruppo di cenza, aveva già iniziato da confrontiamo con tanti casi rio che la gente guarisca». necessità di dare
boniani anziani che si trova a meditazione per condividere Madre e figlia in “divisa” qualche settimana a seguire a non solo di malattia, ma di an- © RIPRODUZIONE RISERVATA una presenza
nord di Milano; dopo un caso di quello che viviamo e che sen-
positività e quattro decessi, ha tiamo. C’è ansia e an-
sul territorio: le
deciso di trascorrere la quaran- goscia ed è fondamen- LA PROPOSTA vicende parallele
tena volontaria dentro la strut- tale poterle tirare fuori. di una famiglia
tura per continuare ad assister- Niente di tutto questo è Alleanza per l’infanzia:
li. Ma in fondo, quella di essere normale e non possia-
in prima linea è un po’ la carat- mo fare finta che lo sia. «Assegno per i figli
teristica di tutta la famiglia. Il Per questo è importan- fino ai 18 anni
fratello di Giuliana, Francesco, è te, qui come altrove, il
un medico missionario del Pi- sostegno reciproco. e aiuti a scuole e asili»
me in Bangladesh; la sorella Questa malattia pur-
Graziella è responsabile della troppo ci costringe Subito aiuti economici a tutte le I numeri
Caritas dell’Algeria. La figlia spesso anche all’isola- famiglie con figli, ma anche so-
Francesca, che ha già alle spal- mento». stegni a nidi e scuole per l’infan-
dell’impegno
le esperienze in Romania e Ger- Lo sa bene anche la ma- zia perché non siano costrette a che non s’è
mania, si è ritrovata in un mi- dre Graziella, che ha chiudere in questa fase; nuovi ca-
crocosmo come quello dei mis- scelto di entrare nelle nali televisivi per aiutare le famiglie
fermato
sionari comboniani, che hanno case della gente malata con meno strumenti nell’educa-
vissuto ai quattro angoli del pia-
neta, spesso in situazioni di mi-
seria e conflitto, e che ora devo-
e spesso sola. «Le espe-
rienze che ho vissuto in
Guinea Bissau e Bangla-
zione dei più piccoli; nuove forme
di accompagnamento a chi sta di-
ventando genitore in un momen-
5,5 milioni
Il numero
no affrontare anche la prova di desh – confessa – oggi to così difficile; ampliamento di mi-
un nemico invisibile e infido co- mi stanno aiutando ad sure come congedi parentali e bo- complessivo
me il coronavirus. «C’è preoc- affrontare anche la nus baby sitter, soprattutto in pre- dei volontari che sono
cupazione tra i padri – ammet- drammatica emergenza visione della ripartenza delle atti- impegnati nel nostro
te la giovane dottoressa Giam- che viviamo qui in Italia. vità; impegno per favorire anche Paese nelle
pietri, che da un anno e mezzo Innanzitutto, perché mi più avanti il lavoro a distanza per
è responsabile medico della ricordano che occorre i genitori che ne hanno necessità.
organizzazioni
struttura –: sono tutti anziani e sempre partire dall’uo- Sono alcune delle proposte che del “Terzo settore”
vedono i loro confratelli andar- mo, dalla centralità del- l’Alleanza per l’infanzia ha sotto- (dati Istat)
sene. Non è facile». Per questo la persona, per non ve- posto al governo chiedendo di
ha deciso di rimanere con loro nire soffocati dalla bu- mettere i bambini e i ragazzi al

350mila
per la quarantena, anche se am- rocrazia o dalle proce- Francesca Giampietri, giovane medico che assiste i missionari anziani centro delle politiche per il supe-
ramento dell’emergenza corona-
virus. A firmare il documento so-
LA RICERCA no i coordinatori Emmanuele Pa- Le associazioni attive
volini, Alessandro Rosina e Chia- in Italia nel campo

Giovani e virus, l’età dell’incertezza ra Saraceno. In Italia, scrivono, vi-


vono circa 6 milioni di famiglie con
figli minorenni, 10 milioni di bam-
bini e adolescenti: sono i sogget-
ti più colpiti dalle restrizioni impo-
del volontariato. Il 51%
di queste opera
nel Nord, il 22,5%
nel Centro e il restante
L’Istituto Toniolo: più timori sul futuro, ma si riscopre il valore proprio e degli altri ste dall’emergenza sanitaria, e ri-
schiano di esserlo anche anche
26,5% nel Sud e nelle
isole (dati Istat)
nel medio–lungo periodo, soprat-
ALESSANDRO ROSINA nuità nei percorsi individuali e nei mo- strumentalizzazioni sono le posizioni scenario rispetto alle relazioni sociali tutto chi combina la povertà eco-
delli sociali e di sviluppo. Conta quin- responsabili. e alla cura del bene comune. Ma pro-

29.054
nomica con la presenza di disabi-

C’
è un mondo nuovo da co- di come verrà gestita l’emergenza ma Del resto, la prova che l’Italia deve af- prio su questi aspetti si giocherà la dif- lità. Contro il rischio che si allar-
struire dopo la crisi sanita- anche le premesse poste come pro- frontare richiede fiducia e responsa- ferenza tra un Paese che dimostra di ghino ulteriormente le disegua-
ria. La pandemia, con i suoi spettive sul dopo. L’adozione da par- bilità da parte di tutti, cittadini e isti- avere risorse personali e collettive per glianze economiche ed educative I giovani volontari del
rischi e le sue implicazioni ci costrin- te del Governo di misure eccezionali tuzioni. Forti sono, infatti, le preoccu- guardare oltre i limiti del passato e ri- fra i nuclei familiari e fra i bambi-
ge a farlo, forzandoci a rimettere in di- di interesse generale e pazioni sulla tenuta generarsi e uno invece che si accon- ni e ragazzi, l’Alleanza chiede un Servizio Civile
scussione molti dei punti di riferi- la situazione di emer- I dati dell’indagine del Paese e sulle con- tenta di adattare il declino a una nuo- cambio di passo, misure per af- Universale impegnati
mento su cui era costruita la nostra genza da affrontare in mostrano una dizioni sociali. Quasi va normalità. frontare l’emergenza e per aiuta- attualmente in Italia per
quotidianità passata in termini di vi- modo compatto – no- generazione due giovani su tre si a- Gran parte dei giovani intervistati re la ripresa. compiti di assistenza,
ta privata, sociale, scolastica, lavora- nostante qualche im- spettano conseguen- sembra voler scommettere sulla pri- Tra le richieste si suggerisce che
tiva. Ma questo tempo e questa prova provvisazione e con- che considera ze complessivamente ma opzione. Prevalgono decisamen- la proposta del ministro per la Fa-
protezione civile, tutela
possono essere trasformati in un’op- traddizione – portano la pandemia negative, soprattutto te, infatti, gli intervistati che dicono miglia di estendere a ciascun fi- dell’ambiente e del
portunità unica per guardarci indivi- gli intervistati a raffor- una frattura nei sulla dimensione eco- che in questo periodo hanno scoper- glio under 14 l’assegno per i nati patrimonio culturale
to di poter contare maggiormente su
dualmente dentro e guardare collet-
tivamente oltre. La crisi ci dice, al mas-
zare più che a ridurre
la fiducia nell’esecuti-
percorsi individuali nomica e occupazio-
nale. Ma inquietano sé stessi e sugli altri, di sentirsi più ca-
nel 2020 sia ampliata fino ai 18 an-
ni e aumentata per i figli disabili.
simo, cosa non possiamo più essere e vo: a fronte di un 27,3% e collettivi anche le possibili rica- paci di far fronte a cambiamenti e ri- Un grande sforzo servirà poi per
fare, ma sta a noi decidere cosa di- che afferma di aver ri- dute sul reddito delle conoscere nuove opportunità, di dar sostenere con il decreto “Cura I-
ventare dopo questa esperienza. La visto al ribasso il giudizio, il 29,7% lo famiglie, sulla tenuta del welfare pub- maggior valore alla vita. Questa ener- talia” anche le realtà che offrono
Bibbia è piena di momenti di passag- ha invece migliorato. Più critico risul- blico e sull’inasprimento delle dise- gia positiva può diventare la miglior servizi educativi per l’infanzia (ni- Nomisma:
gio, di abbandono di un luogo e di u- ta, invece, il giudizio verso i partiti: il guaglianze. Se gli intervistati intrave- spinta del Paese per un nuovo inizio. di e materne) e quelle della società
na condizione per assumere l’impe- 40% ha accentuato la sua visione ne- dono aspetti positivi sul campo delle Coordinatore scientifico civile e del Terzo settore che of-
lavorare
gno di un nuovo inizio. La Pasqua stes- gativa nei loro confronti. Evidente- nuove tecnologie (smart working, dell’Osservatorio Giovani frono servizi complementari al si- da casa piace
sa ha alla base un desiderio di rinno- mente, in un momento così grave, a commercio online, competenze digi- Istituto Toniolo stema scolastico.
vamento che trasforma quello che la essere apprezzate più che divisioni e tali), meno chiaro è come evolverà lo © RIPRODUZIONE RISERVATA
agli italiani
realtà ci presenta come un fallimento
o una perdita in rinascita che apre Quasi due milioni di
nuovi orizzonti di senso e di valore. LE VOCI PRO-LIFE DOPO L’INCHIESTA DI AVVENIRE italiani stanno
Nel nuovo orizzonte saranno soprat- lavorando da casa, e
tutto i giovani a dover riprogettare le
proprie vite, a dare spinta e direzione
a un nuovo percorso comune. L’inda-
«Aborti nell’emergenza, è una società che non tutela le donne» oltre la metà di loro
vorrebbe continuare.
Lo afferma un
gine promossa dall’Osservatorio Gio- FRANCESCO OGNIBENE taglia contro il contagio è u- di favorire l’aborto farmaco- doloroso quanto convinto zienti così delicato e biso- sondaggio
vani dell’Istituto Toniolo, condotta da na battaglia per la vita e sa- logico con la Ru486 (mifepri- dissenso». «Ancora una vol- gnoso di vicinanza umana». dell’Osservatorio

N
Ipsos a fine marzo, aiuta a capire co- essun disservizio rebbe davvero una contrad- stone e misoprostolo) limi- ta – aggiunge l’associazione Di «grande contraddizione» Lockdown di
me le nuove generazioni interpreta- nell’accesso alle in- dizione lacerante, proprio in tando ricoveri e accessi ospe- presieduta da Alberto Gam- parla Giuseppe Noia, diretto- Nomisma sui
no questo passaggio collettivo e co- terruzioni di gravi- questo contesto, che delle dalieri e allungando i tempi bino – assistiamo all’invoca- re dell’Hospice perinatale del cambiamenti generati
me si inserisce nel loro passaggio ver- danza, e dunque nessuna ne- strutture pubbliche conti- per l’aborto per abortire con zione di uno stato di neces- Policlinico Gemelli: «Hanno dal virus nella vita dei
so la vita adulta. cessità di estendere il ricorso nuassero a offrire prestazioni questo sistema fino a 63 gior- sità per eliminare i già labili combattuto per togliere l’a- cittadini. Nelle ultime 3
I dati ci dicono che se, come eviden- alla pillola abortiva. Ma resta per cagionare la morte. Non è ni (nove settimane), invece argini a una ulteriore bana- borto dalla clandestinità per settimane l’abitazione
ziato in varie ricerche passate, le ge- il paradosso di una pratica co- vero che abortire nelle strut- che fino a 49 giorni (sette set- lizzazione dell’aborto chimi- renderlo statale e lo vogliono si è trasformata in
nerazioni italiane presentavano una me l’aborto ritenuta «indiffe- ture pubbliche è impossibile, timane)». co». In più «si suggerisce di riportare nella clandestinità; ufficio per il 9% degli
forte incertezza nei confronti del fu- ribile» proprio mentre tutto il e non è vero che i consultori Anche per Scienza & Vita «il sospingere ancor più nel pri- hanno combattuto per ren- occupati, ma il ricorso
turo, il nuovo scenario creato dalla sistema sanitario profonde o- sono fermi. Purtroppo». La fatto non sussiste», ma il pre- vato e nella solitudine l’atto derlo più sicuro e propongo- al lavoro agile è
pandemia ha aggiunto un ulteriore gni energia per salvare vite u- petizione al governo di alcu- testo della notizia falsa per abortivo, quasi fosse un fa- no un aborto farmacologico apprezzato tanto che
strato di incertezza, che può scen- mane. Le realtà pro life rilan- ne associazioni pro-aborto ottenere un altro obiettivo e- stidio di cui liberarsi in fret- più esteso e fuori dal contesto il 56% vorrebbe
dere in profondità e diventare insi- ciano l’inchiesta con la quale per estendere il perimetro sige di «esprimere un tanto ta e nel segreto. Proprio in del controllo medico aumen- proseguirlo anche
curezza se non gestito nel modo a- Avvenire ieri ha smentito la dell’aborto farmacologico è questo drammatico mo- tando le complicazioni fisi- dopo l’emergenza. Il
deguato. notizia di uno stop agli abor- frutto di «una mentalità a- Mentre gli ospedali si mento, nel quale la solitudi- che e psicologiche che già ci 74% dei connazionali
È importante notare come la crisi sa- ti per via dell’emergenza co- bortista» che «approfitta di o- prodigano per salvare ne sembra la cifra della pan- sono; hanno combattuto per accetta l’isolamento
nitaria non sia considerata solo una ronavirus, e sottolineano che gni occasione per cancellare vite, c’è chi invoca demia in atto, reputiamo sia liberare le donne dalla solitu- pe tutelare la salute;
emergenza temporanea a cui resiste- – come dice Marina Casini questa elementare verità: nel ingiusto affidare all’automa- dine e lo riportano di nuovo solo il 7% lo ritiene
re per tornare a vivere come prima, Bandini, presidente del Mo- grembo di una donna incin- più interruzioni tismo e alla telemedicina un nella solitudine». insopportabile.
ma venga letta come una disconti- vimento per la Vita – «la bat- ta c’è un figlio. E così chiede di gravidanza rapporto medico-due pa- © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA
16 PRIMO PIANO Venerdì 10 aprile 2020

Coronavirus:
il mondo
Strage di disabili negli Stati Uniti
Aumentano i morti tra i più deboli e 25 Stati copiano la «selezione» dell’Alabama, che deve fare marcia indietro
Biden subito distacca il presidente Trump di undici punti nei primi sondaggi. Sei milioni di disoccupati in più
Lʼanalisi ELENA MOLINARI L’EPICENTRO
GIORGIO FERRARI New York

Le vittime 5 volte
I
disabili negli Stati Uniti stanno morendo di
IL TERZO INCOMODO Covid-19 a un ritmo cinque volte superiore
a quello del resto della popolazione. Ed è sa-
superiori ad altri
soggetti. Dramma
TRA DONALD E JOE lito a 25 il numero degli Stati che permettono a-
gli ospedali di non fornire un respiratore ai ma- nelle strutture
protette. A New
D
a oggi Donald Trump ha lati cronici o a chi presenta minorazioni fisiche
finalmente un secondo vero front o mentali. I primi dati sulla mortalità dei disa- York 16mila
runner. Perché sarà «Sleepy Joe» bili durante la crisi da coronavirus, che proven-
Biden il suo avversario alla corsa alla gono dalle aree più colpite dal contagio, metto-
decessi. Cuomo:
Casa Bianca: proprio lui, proprio l’ex no in evidenza quanto una categoria già vulne- «Peggio dell’11
adolescente balbuziente detto «Gianni il rabile sia esposta al nuovo virus, a causa delle settembre». Oltre
sonnolento», dopo che il socialista condizioni di vita in strutture dove l’isolamen- 1,5 milioni di
massimalista Sanders ha deposto le armi to è difficile o del contatto frequente con perso-
e tutti gli altri, uno dopo l’altro – dalla nale sanitario o di supporto che introduce il vi-
malati e 90mila
pasionaria settantenne senatrice del rus nelle case degli assistiti. E sottolineano an- vittime nel mondo
Massachusetts Elizabeth Warren, paladina che come condizioni di salute non ottimali ren-
del welfare all’europea all’ingannevole dano ardua la battaglia con la malattia. A Long
meteora di Peter Buttigieg, il giovane Island, ad esempio, l’80% dei residenti di una
sindaco dell’Indiana di origine maltese e casa per disabili intellettivi è risultato positivo
gay dichiarato, al fuoco fatuo del grande al coronavirus. Una percentuale simile si è regi-
elemosiniere Michael Bloomberg, bruciato strata in varie strutture in Massachusetts e Mi-
in una notte in un’inutile quanto chigan. Mentre in Louisiana è morta April Dunn,
arrogante sventagliata di miliardi – presidente del Developmental disabilities coun- Senzatetto
hanno dovuto farsi da parte. Nessuno di cil, che aveva protestato contro le linee guida
loro è politicamente sopravvissuto a del suo Stato sull’accesso ai respiratori per le in Cile:
Biden, “quiet man” settantasettenne, persone affette da malattie croniche. la Chiesa
politico di lungo corso pacato quanto Infatti, mentre si trovano ad affrontare una pro-
ostinato e tenace (30 anni fa ci aveva già babilità quintuplicata di morire di Covid-19 (5,34
in campo
provato a scalare la nomination, ma Una donna al Bronx-Lebanon Hospital di New York apprende della morte di un parente / Ansa volte più del resto della popolazione per l’esat-
aveva dovuto arrendersi quasi subito), sul tezza, secondo il gruppo New York Disability Ad- Il governo cileno e
quale si riverbera ancora una scheggia vocates), i disabili americani continuano a lot- l’arcivescovado di
dello splendore mediatico di Barack IN BRASILE IL RECORD DEI CONTAGI «LATINI» tare contro regole discriminatorie sull’accesso Santiago hanno

La quarantena in favela
Obama. Di fatto Biden è il peggior alle cure intensive stilate dai Parlamenti o dalle firmato un accordo di
avversario possibile per Trump, che non Amministrazioni locali. Se le associazioni dei di- collaborazione
per nulla caldeggiava senza nasconderlo sabili hanno già spinto l’Alabama a eliminare attraverso il quale
la candidatura di Sanders, sicuro di dalle sue linee guida la frase «le persone affette l’arcidiocesi ha messo
batterlo a novembre. Sembra perfino da ritardo mentale sono candidati improbabili a disposizione la sua
caduto nel dimenticatoio quel malizioso
“Kievgate” secondo cui l’ex vice di Obama
avrebbe fatto pressioni per silurare un
procuratore ucraino che indagava
la impongono le gang per la ventilazione assistita», nei giorni scorsi 15
Stati si sono aggiunti ai 10 che avevano già invi-
tato gli ospedali a razionare i respiratori, facen-
do passare «in fondo alla fila» chi necessita di
intera infrastruttura
ecclesiale per la cura
degli anziani e delle
persone che vivono in
sull’azienda in cui lavorava suo figlio LUCIA CAPUZZI le baraccopoli brasiliane dove, oltre a ge- «una maggiore quantità di risorse», o ha ricevu- strada nel mezzo
(peraltro Trump ha fatto pressioni sul stire i loro traffici, esercitano anche to diagnosi specifiche, fra le quali la demenza. dell’emergenza di

«A
presidente Zelensky perché indagasse su partire dalle 20, ripeto dalle un’amministrazione di fatto, dato il di- La paura delle categorie più deboli è di essere Covid-19. Il Paese
Biden e il suo rampollo), mentre sale alla 20, nessuno dovrà rimanere sinteresse delle Stato. messe da parte mentre gli Usa sono sopraffat- australe, con oltre
ribalta il volto rassicurante dell’uomo per strada. Chi infrangerà il Una nonocuranza ribadita anche stavol- ti da una vera e propria strage, il cui bilancio 5.540 casi e 48 morti,
simbolo dell’America democratica ma divieto, riceverà un “correttivo”». Dall’al- ta. A quasi tre settimane dal primo con- ieri ha superato le 16mila vittime, oltre 7mila è il secondo per
moderata, progressista ma non estremista. toparlante piazzato sul camioncino, la tagio e con ormai otto vittime nelle fave- solo a New York. «Peggio dell’11 settembre», af- contagi dopo il
Quella cioè che può consentire ai dem di voce metallica si diffonde per le strade las, ancora non c’è un piano pubblico ferma sconsolato il governatore Andrew Cuo- Brasile. Il ministro
riguadagnarsi la Casa Bianca. strette della favela di Cidade de Deus, in- specifico per queste aree particolarmen- mo che snocciola le dolorose statistiche. Che dello Sviluppo sociale,
Attenzione però. Perché come abbiamo castonata alla periferia ovest di Rio de Ja- te a rischio, data la carenza di acqua cor- lancia un chiaro monito a chi parla di riaprire Sebastián Sichel, ha
detto all’inizio Biden è solo il secondo neiro. Là, il 22 marzo, è stato conferma- rente, il sovraffollamento, gli spazi abita- il Paese: «Siamo solo alla prima ondata, non ringraziato la Chiesa
avversario di Donald Trump. Il primo è e to il primo caso di coronavirus in una ba- tivi angusti. A colmare il vuoto hanno bisogna assolutamente abbassare la guardia», per la sua risposta,
rimane il coronavirus. E infatti è la raccopoli. Il giorno successivo, è scatta- pensato miliziani e trafficanti. Dopo Ci- anche se i danni economici per le severe mi- sottolineando «le
pandemia a dominare per ora l’attenzione to il coprifuoco nottur- dade de Deus, i boss sure anti-contagio sono già "devastanti". Ieri il straordinarie strutture
e le preferenze degli elettori: il 55% degli no. Insieme alla chiusu- Mentre Bolsonaro delle baraccopoli di Rio numero dei disoccupati negli Usa sono au- che ci hanno offerto,
americani infatti deplora la condotta ra serale di bar, nego- continua a negare, – da Maré a Rocinha – e mentati di 6,6 milioni, sfiorando i 17 milioni e perché stiamo usando
zietti e bancarelle, la so-
dell’amministrazione Trump nel
prevenirla e il 52% nel fronteggiarla. spensione delle partite
i boss che controllano di San Paolo hanno di-
chiarato quarantene e
superando i senza lavoro della Grande depres-
sione. Ed è un dato destinato a salire. Ma l’e-
le infrastrutture e la
capacità di aiutare gli
Nell’esatto momento in cui Bernie Sanders di calcio e delle re- le baraccopoli hanno chiusure straordinarie mergenza sanitaria resta ancora prioritaria. anziani
cedeva il passo al senatore cattolico della senhas, i tradizionali ri- sospeso gli eventi, di eventi e attività. Ro- Con oltre 430mila pazienti positivi in tutti gli particolarmente
Pennsylvania Biden l’America macinava trovi tra vicini nei patio chiuso negozi e cinha, la favela più Usa e quasi duemila morti in 24 ore, molte città vulnerabili che
un tragico record negativo, 1.939 morti in improvvisati all’entrata grande, dove il virus si è sono allo stremo. In particolare Detroit, tra- richiedono
un solo giorno e 400mila contagi. Un front delle casupole. A im- dichiarato il coprifuoco accanito con particola- volta dall’emergenza, con un tasso di mortalità urgentemente
runner pericolosissimo e insidioso per porre le misure straor- re forza, con sei vittime, che ha superato quello di New York. l’attenzione dell’intera
Trump, che ha giocato tutto il suo appeal dinarie non è stato il governo di Jair Bol- è letteralmente blindata. E, ieri, alla fine, Eppure la Casa Bianca, nonostante il picco dei comunità».
sul formidabile risultato economico sonaro – all’epoca ancora impegnato a il ministro della Sanità, Luis Mandetta, contagi sembri ancora lontano, pensa già alla L’arcivescovo
dell’America pre-coronavirus e che ora lo negare con ostinazione la pandemia – né ha ammesso di aver avviato un dialogo fase due, quella dell’allentamento della stretta e Celestino Aós ha
vede sgretolarsi giorno dopo giorno: meno le autorità locali, da sempre assenti da con i gruppi criminali per affrontare l’e- della riapertura graduale dell’economia. Donald sottolineato la
34% del Pil nel secondo trimestre secondo queste aree dove vive il 6 per cento della mergenza nelle favelas. Nel resto del Pae- Trump spinge in questa direzione e pensa a no- preoccupazione della
Goldman Sachs, petrolio ai minimi (e crisi popolazione brasiliana. A decidere la se – il più colpito in America Latina dal minare uno “zar” che coordini il ritorno alla pro- Chiesa di far parte
nera per lo shale-gas americano), Wall quarantena è stato il potere che control- Covid con quasi 16mila casi e oltre 800 duttività di sempre. Ma gli ultimi sondaggi, in- della soluzione a
Street che non sa che direzione prendere e la – o, meglio, tiene in ostaggio – i 40mi- morti –, la gestione della pandemia è fluenzati in parte va detto dall’“effetto annuncio” questa pandemia, e
soprattutto 3,3 milioni di americani che la abitanti di Cidade de Deus: il tráfico. sempre più schizofrenica: allo scontro tra mostrano che la gestione della pandemia po- l’opportunità offerta
hanno chiesto il sussidio di Quest’ultimo è una delle due forme che autorità centrale e locali – favorevoli alla trebbe costare cara al presidente. Secondo l’ul- attraverso questo
disoccupazione: cinque volte in più assume la criminalità organizzata nelle chiusura – si somma il conflitto interno tima rilevazione della Cnn, nelle rilevazioni com- accordo di «servire
rispetto alla crisi del 2009 e una previsione favelas: le bande di narcotrafficanti “sem- al governo, con Bolsonaro isolato e criti- missionate dall’emittente televisiva Joe Biden è tutti». «Perché ogni
di disoccupazione che nel 2020 potrebbe plici” e le milicias, gruppi delinquenzia- cato dai suoi. Il presidente, però, non mol- avanti di ben 11 punti sul capo della Casa Bian- persona è sacra ed è
sfiorare il 20%. Questo è il vero avversario li formati da poliziotti corrotti, in servizio la. E al posto della quarantena obbliga- ca, con il 53% delle preferenze contro il 42% di per questo che sin
di Donald Trump: l’economia vaiolata e o ex, criminali e politici conniventi. Nar- toria, l’esecutivo si limita a consigliare ai Trump. Secondo il sito specializzato RealClear- dall’inizio offriamo
fiaccata dal Covid-19, il consenso e la cos delle differenti fazioni e miliciassi so- cittadini di stare a casa. Politics, Biden è avanti di oltre sei punti. tutta la nostra
fiducia della massa elettorale che si no spartiti, spesso dopo cruenti conflitti, © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA collaborazione in ciò
assottigliano giorno dopo giorno di fronte che abbiamo, in ciò di
all’assalto della pandemia. Sembra quasi cui possiamo
una nemesi su misura per The Donald: LA STORIA DI SANDRA CHE HA POTUTO SALUTARE LA MADRE MORENTE SANDRA TORRES disporre», ha
come ogni vero populista, con il suo dichiarato. Fin dai
«Make America Great Again» aveva primi giorni della
scommesso non tanto sul popolo, del
quale gli importa poco o nulla, quanto
sulla promessa dell’economia e del S
quilla il telefono mentre sto
passando l’aspirapolvere,
come d’abitudine a quell’o-
Addio in videochiamata deo-chiamata alla visita di mia
madre. Potrebbe essere coronavi-
rus, forse è l’evoluzione naturale
pandemia del
coronavirus nel
Paese, la Chiesa di
benessere diffuso. Come avevano fatto
molto prima di lui l’ex sindaco di Istanbul
Erdogan, che si guadagnò uno sfolgorante
ra, in quella casa. È la mamma da
Guayaquil. Come sempre la salsa
fa da sottofondo alla sua voce, so-
dall’Ecuador all’Italia dei suoi malanni. Il medico pre-
scrive un cardiogramma e una sa-
turimetria.
Santiago ha
organizzato 17 spazi
(due case di esercizi
consenso elettorale liberalizzando il più lo un po’ più flebile del solito. Que- bene». Era da una settimana che sabile portarla in ospedale e, an- All’alba, a fatica, mio nipote riesce spirituali, due edifici
grande boom edilizio mai visto in Turchia sta volta, però, non mi dice: «Per la mamma aveva la febbre ma non che se riuscisse ad arrivare, la fila a caricare la mamma sul taxi. Ma di vicariati e 13 sedi di
(e pazienza se poi incarcerava oppositori, fortuna, per noi, va tutto bene». diceva nulla. Adesso, però, non può per essere assistiti è interminabile. per strada, prima di giungere al- infrastrutture
giornalisti e magistrati) o l’etnocaudillo Mamma ha più di 80 anni, il dia- più fingere di stare bene. Non rie- La Caritas ha organizzato un si- l’ospedale, la mamma ci lascia. parrocchiali) per
Hugo Chávez in Venezuela. Quando poi bete e altre patologie. sce quasi a respirare e le forze le stema di visite gratuite per telefo- Morta per strada. Forse una fortu- collaborare
però l’economia li tradisce, ai populisti Da giorni mi arrivano dall’Ecua- stanno mancando.Vive con un mio no, ma la lista d’attesa è di alcuni na. Fosse morta in ospedale ri- attivamente alla
rimangono solo i nemici immaginari, dor, tramite i social, le immagini nipote di 19 anni, ma è solo un ra- giorni. Mi viene proposto di con- schiavamo di non trovare più il ca- prevenzione,
come per Trump l’Oms, il virus cinese, i dei morti per strada, molti am- gazzo. I numeri di emergenza so- tattare una organizzazione priva- davere: i corpi nella adiacente ca- mitigazione e
giornali liberal. Ed è proprio l’economia, massati davanti agli ospedali. È co- no inondati di richieste e non si sa ta: per 60 dollari fanno la visita a mera ardente sono così tanti che si controllo della crisi.
nonostante i 2.300 miliardi promessi dalla me una pugnalata nella schiena. a chi chiedere aiuto. Una mano, domicilio, per i casi sospetti di Co- perdono. Ora dobbiamo cercate u- Attualmente, due
Fed, a togliergli il sonno. Dietro l’angolo Il coronavirus qui in Italia è una quasi per caso, arriva da un cono- vid-19 i dollari sono 160. na bara: non ce ne sono più o si u- case di riposo stanno
attende paziente il mite Joe Biden, in tragedia, ma per descrivere quello scente. Mi mette in contatto con u- È l’equivalente dello stipendio di sano quelle di cartone. Piango di funzionando come
attesa di passare al possibile incasso. che avviene in Ecuador non trovo na giornalista di “Avvenire” che rie- un mese per un ecuadoriano, ma dolore, ma almeno ho la consola- rifugio a beneficio
Grazie anche, suo malgrado, al le parole. I nostri ospedali hanno sce a contattare la Caritas di io vivo e lavoro in Italia da oltre 10 zione di aver visto mia mamma degli anziani nel
coronavirus. Un duello a tre, di cui è poche risorse e la ministra della Sa- Durán, vicino a Guayaquil, dove anni e, con i miei fratelli, possiamo l’ultima notte mentre un medico comune di Puente
impossibile prevedere il vincitore. lute, quando ha capito casa stava vive mia madre. Dalle due del po- sostenere la spesa. Così, alle due di la stava visitando. Alto, con molti casi di
© RIPRODUZIONE RISERVATA succedendo, si è dimessa. «Non sto meriggio c’è il coprifuoco, impen- notte via WhatsApp, assisto in vi- © RIPRODUZIONE RISERVATA Covid».
Venerdì 10 aprile 2020 PRIMO PIANO 17

Coronavirus:
il mondo
L’Africa senza mezzi ora rischia il peggio
«A noi medici solo due guanti al giorno» LE PREVISIONI ECONOMICHE DAKAR
MATTEO FRASCHINI KOFFI
Dakar
Un mondo più povero per la prima volta dal 1990: Nel Continente

È cifre sottostimate
appena passato il tramonto in una strada
sabbiosa di Ngor, un quartiere popolare del- 420 milioni di persone sotto la soglia minima
la capitale senegalese, Dakar. Due uomini
nell’impossibilità
sono seduti a parlare mentre riscaldano il caffè sul La crisi economica scatenata dal- bero sotto la più severa delle soglie di condurre più
fuoco davanti al loro modesto negozio. Le strade la pandemia del coronavirus farà di povertà 85 milioni di persone, test. In molti
sono vuote e regna una strana pace. Nella vita pre- aumentare la povertà nel mondo mentre 135 milioni andrebbero sot- Paesi negozi e
cedente al Covid–19, entrambi avrebbero passato per la prima volta dal 1990 e nel ca- to i 3,2 dollari a testa e sarebbero
le prossime cinque ore così, interrotti solo dall’ar- so peggiore potrebbe ridurre in po- 124 milioni le persone che torne-
ristoranti chiusi,
rivo di qualche cliente. Invece, un furgone blinda- vertà più di mezzo miliardo di per- rebbero sotto la soglia dei 5,5 dol- mobilità limitata,
to a fari spenti esce all’improvviso dall’oscurità e fre- sone. Tre studiosi del centro di ri- lari quotidiani a testa. Nello scena- frontiere serrate,
na bruscamente davanti a loro. Un gendarme al cerca sullo sviluppo economico rio di una caduta dei redditi del 20% incontri religiosi
volante spalanca la portiera, pronuncia poche pa- dell’Università delle Nazioni Unite sarebbero ben 420 milioni le per-
role, e sbatte nel retro del veicolo uno dei due uo- (Unu) – Andy Sumner, Chris Hoy e sone che finirebbero sotto la so-
vietati. «Difficile
mini. All’altro non gli resta che incamminarsi fret- Eduardo Ortiz–Juarez – hanno pro- glia degli 1,9 dollari al giorno, men- far rispettare
tolosamente verso casa. vato a stimare l’impatto del virus tre 581 milioni scenderebbero sot- le regole»
Da quando è stato prolungato lo stato d’emergen- sulla povertà a livello mondiale. La to i 3,2 dollari al giorno e 523 mi-
za in Senegal fino a inizio maggio, il coprifuoco not- ricerca delinea tre possibili scena- lioni sotto i 5,5 dollari al giorno. Il
turno è uno degli aspetti più difficili da far rispet- ri, dal più ottimistico al più pessi- numero di poveri nel mondo, se si
tare. «Molti senegalesi vivono alla giornata con me- mistico: in quello migliore il calo usa il criterio più esteso dei 5,5 dol-
stieri che gli permettono di mangiare solo in base medio del reddito pro capite delle lari al giorno, passerebbe così da
a quello che vendono in strada – afferma Omar Dia- famiglie sarebbe del 5%, in quello 3,27 miliardi a 3,79 miliardi.
gne, impiegato di banca, costretto come gran par- intermedio del 10% e in quello peg- Riprendendo i dati, Oxfam ha ri-
te dei suoi colleghi a lavorare da casa da alcune set-
timane –. Il governo senegalese deve provvedere
giore del 20%.
A seconda di dove si colloca la so-
lanciato l’allarme aggiungendo al-
cune richieste specifiche al G20, Da sapere
almeno al sostentamento economico dei più disa- glia di povertà il punto di partenza che si riunirà il 15 aprile: sospen-
giati, altrimenti per chi avrà fame non gli resterà che e i risultati sono diversi: oggi ci so- sione delle sanzioni e dei paga-
ribellarsi». Da quando la pandemia ha raggiunto il no 759 milioni di persone che vivo- menti dei debiti dei Paesi in via di In Cina
Senegal a fine febbraio, uno dei primi Paesi a esse- no con meno di 1,9 dollari al gior- sviluppo; garanzie per 1000 miliar-
re colpito in Africa sub–sahariana, resta ora solo il no, 1.898 milioni di persone sotto i di di liquidità aggiuntiva sempre per la legge salva
piccolo Stato del Lesotho ad essere risparmiato dal- 3,2 dollari al giorno e 3,27 miliardi i Paesi in via di Sviluppo; mobilita- cani e gatti
la crisi. Il resto del continente ha superato gli 11mi- di persone sotto i 5,5 dollari al gior- zione di 500 miliardi di aiuti allo Svi-
la contagi e i 500 morti. Cifre sottostimate a causa no. Nel caso migliore, quello di un luppo. (P.Sac.) Gatti e cani, la cui
dell’impossibilità di testare la popolazione in ma- calo dei redditi del 5%, scivolereb- © RIPRODUZIONE RISERVATA carne è
niera più massiccia. «Il virus è stato lento nel rag- consumata dai
giungere il continente africano, ma l’infezione è cinesi, sono stati
cresciuta esponenzialmente nelle ultime settima- esclusi per la
ne – ha dichiarato Matshidiso Moeti, direttore re- Operatori in attesa prima volta da un
gionale per l’Africa presso l’Organizzazione mon- di distribuire il cibo elenco ufficiale di
diale della sanità (Oms) –. Il Covid–19 ha il poten- ai senzatetto a Città del animali
ziale di provocare migliaia di morti e scatenare de- Capo in Sudafrica e un commestibili. Il
vastazioni economiche e sociali». Negozi e risto- ambulante al Cairo/ Ansa testo è del
ranti chiusi, mobilità limitata, frontiere serrate, in- ministero
contri religiosi vietati. Tali misure sono state im- dell’Agricoltura.
poste a volte con la violenza come in Sudafrica, do- ALLARME PER IL NORDAFRICA La decisione

Focolai sociali di una crisi


ve i casi sono quasi duemila e i morti 70. «Abbia- arriva dopo il
mo la più alta percentuale di persone sieropositi- divieto di febbraio
ve nel mondo – spiega la sudafricana Kogie Naidoo, sul commercio e
ricercatrice sull’Hiv/Aids –. Le conseguenze del co- il consumo di
ronavirus potrebbero essere devastanti nei prossi- animali selvatici,
mi mesi». Sebbene anche tra gli africani gran par-
te dei decessi legati al virus colpisce gli anziani, so-
no diversi i giovani che muoiono a causa della man-
canza di medici, letti per la terapia intensiva e re-
in questa nuova Primavera pratica
sospettata della
diffusione del
coronavirus. Si
spiratori. Di questi ultimi ce ne sono meno di 20 in FEDERICA ZOJA pressione politica, in primis: i sostenitori del che cosa si preannuncia per queste persone? stima che 10
Zimbabwe, 80 in Sudafrica, “solo” 500 per 200 mi- movimento Hirak, che un anno fa ha spinto A Tripoli e Bengasi, per esempio, gli ex dete- milioni di cani

M
lioni di abitanti in Nigeria, e appena tre per cinque entre il Vecchio continente pren- il presidente Abdelaziz Bouteflika alle di- nuti potrebbero essere reclutati dalle parti at- siano uccisi ogni
milioni di centrafricani. de faticosamente le misure di una missioni, sono le prime vittime, insieme a- tive nel conflitto armato. In Tunisia, dove l’al- anno in Cina per
«Il Togo non ha adottato alcuna misura sanitaria se- crisi che rischia di trasformarne in gli operatori dei media che osano darne no- larme terrorismo rimane elevato – e la di- la loro carne.
ria per combattere il Covid–19 – afferma un medi- profondità il tessuto sociale ed economico, tizia. All’ombra del morbo, il regime ha sca- soccupazione giovanile in certe aree oltre il
co al pronto soccorso dell’ospedale pubblico Syl- quello africano cammina in bilico sul’abis- tenato la caccia a tutti gli oppositori. Poi c’è 30 percento – si può immaginare che del caos
vanus Olympio nella capitale togolese, Lomé –. Sia- so. Se l’epidemia da nuovo coronavirus, in- quello economico: la contrazione dei prez- sociale approfitti il jihad islamico.
mo sprovvisti di mascherine e abbiamo solo un fatti, dovesse prendervi lo stesso slancio eu- zi del barile, questa settimana al di sotto dei In Egitto, il quadro è abbastanza drammati-
paio di guanti al giorno per fare il nostro lavoro ri- ropeo o nordamericano, lo scenario potreb- 20 dollari, è peggio di qualsiasi peste per un co anche senza amnistie di sorta. Visto il
schiando di essere contagiati». Le Nazioni Unite be assumere i contorni di una apocalisse: sa- Paese che deve il 30 percento del suo Pil e il boom di contagi nei cantieri della nuova ca- In Yemen
stanno infatti facendo appello affinché il resto del nitaria, economica e politico–sociale. È l’Or- 95 per cento delle esportazioni al greggio. Il pitale amministrativa, il 90 per cento dei
mondo, impegnato nella propria crisi di Covid– ganizzazione mondiale della sanità (Oms) a crollo della domanda mondiale di petrolio e grandi progetti è stato bloccato. Il turismo è è scattata
19, non dimentichi l’Africa. «Il virus si diffonderà tirare le somme e a lanciare l’allarme: dopo la guerra dei prezzi innescata dall’Arabia al palo. Gli scambi con l’estero imbalsama- la tregua
velocemente anche nel Sud del pianeta, dove i si- un primo caso, individuato e comunicato il Saudita stanno tagliando le gambe anche al- ti. Tutte le misure di contenimento estese
stemi sanitari sono fragili – ha scritto Antonio Gu- 14 febbraio scorso in Egitto, altri 10mila so- la Libia, già appesa a un filo dopo anni di per due settimane, compreso il coprifuoco
(unilaterale)
terres, numero uno dell’Onu, in una lettera ad Av- no venuti alla luce in 52 Paesi su 54 africani. conflitto civile. notturno. E in Marocco, dove ormai l’uso
venire –. In Africa la gente è più vulnerabile e mi- La comunità scientifica osserva il numero Quanto al focolaio sociale, altro che Prima- della mascherina in pubblico è obbligato- È iniziata ieri la tregua
lioni vivono in sobborghi densamente popolati dei morti – circa 500, relativamente pochi – vere arabe: in tutto il Nordafrica, nel tenta- rio, la Banca centrale mette in guardia da u- proposta
o in campi per rifugiati e sfollati». Oltre al setto- , temendo un’accelerazione nelle prossime tivo di decongestionare un sistema carcera- na crisi socio–economica «più seria di quel- unilateralmente dalla
re sanitario, sono profonde le preoccupazioni settimane. Rispetto ad altre aree del piane- rio tanto sovraffollato quanto disumano, le la del 2009». coalizione guidata
per l’economia del Paese. La crescita si è dimez- ta, l’Africa infatti è stata raggiunta dal Co- autorità centrali hanno concesso la libertà a Intanto, l’avvicinarsi del mese sacro per i cre- dall’Arabia Saudita in
zata dall’inizio della pandemia. Secondo Banca vid–19 più tardi, ma ora va incontro a un’e- 15mila detenuti. Criminali condannati per denti musulmani, quello di Ramadan, sca- Yemen dopo oltre 5
mondiale, in Africa subsahariana ci sarà «una mergenza multi–fattoriale. Focolai pro- reati minori o che avevano già scontato gran tena nuovi e fondati timori: dal 24 aprile, anni di conflitto con i
perdita annuale che potrebbe raggiungere i 79 teiformi si riscontrano in tutto il Nordafrica. parte della pena, rilasciati secondo criteri di quando la ricorrenza avrà inizio, rispettare ribelli Houti,
miliardi di dollari». L’Africa, per gli esperti il «tal- In Algeria (dove si marcia verso i 1.600 casi buona condotta, salute, età. Un atto di cle- l’isolamento sociale diverrà ancora più arduo appoggiati dall’Iran. Il
lone d’Achille sanitario del mondo», ammette di complessivi per poco più di 200 morti e un menza ragionevole in condizioni normali. e doloroso nei Paesi africani a maggioranza cessate il fuoco
non essere pronta. contagio esteso a 25 province su 48), ad e- Senza la prospettiva di un impiego, però, vi- islamica. durerà due settimane
© RIPRODUZIONE RISERVATA sempio, la crisi ha più volti. Quello della re- sto che il fragile mercato del lavoro è fermo, © RIPRODUZIONE RISERVATA ed è stato disposto
per rispondere alla
richiesta avanzata
LA RICERCA VA OLTRE I NUMERI UFFICIALI dalle Nazioni Unite di
fermare le ostilità in

Studio-choc terrorizza la Francia: 1,67 milioni le persone colpite vista del diffondersi
della pandemia. Il
ministro della Difesa, il
DANIELE ZAPPALÀ vanzata, fra i fattori più spesso associa- vologo che somministra un mix d’i- Spagna, il tragico bollettino di gior- principe Khalid bin
Parigi ti statisticamente ai ricoveri francesi in droclorichina (antimalarico) e antibio- nata ha indicato 683 morti in più. Un Salman, ha scritto che
rianimazione, il sesso maschile e il so- tici ai pazienti a uno stadio iniziale del- dato giornaliero in calo: 74 in meno spera che la tregua

I
n Francia, sono più di 86mila i ca- vrappeso. Intanto, circa 1.400 dipen- l’infezione, dissentendo dalle racco- rispetto alla vigilia. Dall’inizio, i de- «crei un clima più
si confermati a livello ufficiale, ma denti del ministero dell’Interno (su mandazioni ministeriali. Il piano d’e- cessi sono stati 15.238. I territori di efficace per allentare
si profila un’inedita stima di 1,67 300mila) sono già con- mergenza nazionale di gran lunga più colpiti restano la re- le tensioni». Il principe
milioni di contagiati. Ieri, i francesi han- fermati positivi, spin- Macron annuncerà sostegno all’economia gione di Madrid (5.800 vittime) e la ha annunciato che
no appreso l’esito di una prima ricerca gendo il ministro Chri- il prolungamento è stato, invece, portato a Catalogna (3.148). Riad contribuirà con
sull’incidenza nazionale reale. Racco- stophe Castaner a chie- della quarantena 100 miliardi di euro, ha Ma il dato nazionale europeo più spa- 500milioni di dollari
gliendo i dati presso 2mila ambulatori, dere che l’infezione sia Altri 881 morti annunciato il ministro ventoso è giunto ieri da Londra, con 881 alle operazioni di
il principale sindacato dei medici di fa- riconosciuta come «ma- Bruno Le Maire. Previ- nuovi decessi (in leggero calo rispetto soccorso previste
miglia, Mg France, è giunto a questa sti- lattia professionale» per a Londra, il numero sto per ora fino al 15 a- alla vigilia), ormai sul fosco sfondo dei dall’Onu e con altri
ma provvisoria, in un Paese che pian- i poliziotti e gli altri di- più alto in Europa prile, il periodo di qua- 7.978 morti registrati dall’inizio della 25milioni alla lotta
ge già 12.210 morti, con oltre 72mila ri- pendenti ministeriali, Johnson esce dalla rantena sarà prolunga- crisi. Una notizia positiva riguarda il contro la pandemia.
coveri legati al coronavirus. data la loro elevata e- terapia intensiva to, ma maggiori detta- premier, Boris Johnson, che, in serata, Gli Usa hanno accolto
Oltralpe, i casi reali di contagio potreb- sposizione. Anche per gli sono attesi lunedì se- è uscito dalla terapia intensiva, secon- con favore la proposta
bero essere dunque vicini al totale stemperare le forti polemiche sulle stra- ra, quando parlerà in tv il presidente do quanto confermato da Dowing saudita sottolineando
mondiale attuale dei casi confermati tegie governative, il presidente Emma- Macron, criticato da 3 francesi su 4 per Street. L’ipotetico picco nel Regno U- che «una soluzione
ufficialmente. Numeri che la dicono nuel Macron ha incontrato nel pome- aver «nascosto la verità», in particolare nito è previsto non prima della setti- duratura richiederà
lunga sull’ampiezza della parte som- riggio a Marsiglia il professor Didier sul nodo delle mascherine, secondo un mana prossima. enormi compromessi
mersa dell’iceberg. Accanto all’età a- Raoult, influente e controverso infetti- sondaggio Odoxa. Intanto, nella vicina © RIPRODUZIONE RISERVATA Cioccolataio al lavoro / Epa da tutte le parti».
Venerdì 10 aprile 2020 ATTUALITÀ 19

L’ALTRA EPIDEMIA ■ DallʼItalia

Nel Brindisino
da gennaio
700 nuovi casi e altre
Xylella, l’avanzata continua EDITORIA

Avvenire si conferma
a febbraio

E minaccia anche altre specie


500 piante a rischio,
sotto attacco pure il quinto quotidiano
mandorli e lavanda
Con una diffusione media gior-
Unico rimedio: naliera di 113.609 copie, fra
l’eradicazione cartaceo e digitale, Avvenire si
Pronte deroghe NICOLA LAVACCA fastidiosa, sulla base delle misure di mese di aprile è il periodo più indica- tori di terreni o giardini posti nelle è confermato nel mese di feb-
per gli agricoltori che Bari contenimento imposte dalla Comu- to per bonificare i terreni in modo da zone cuscinetto e di contenimento braio il quinto quotidiano in ba-
nità europea. contrastare la propagazione della co- possano andare nei campi, osser- se ai dati certificati Ads e il
devono disinfestare
I
n Puglia non c’è solo l’emer- La Coldiretti Puglia suggerisce di affi- siddetta “sputacchina”, l’insetto vetto- vando tutte le precauzioni del caso, quarto considerando le sole
gli uliveti genza coronavirus da fronteg- dare alle imprese agricole, in posses- re della Xylella. Per superare le restri- per effettuare le lavorazioni utili al- copie cartacee (96.760). Il da-
giare. La Xylella continua pur- so di requisiti e attrezzature specifiche, zioni in tempi di coronavirus, così da la eliminazione della coltre erbosa to complessivo, in calo del
troppo a flagellare gli uliveti, fino ad tutte le attività di espianto funzionali consentire agli agricoltori di ottempe- in cui si annida l’insetto vettore allo 4,77%, risente già dei primi
intaccare anche altre specie vegeta- al rallentamento della malattia, alla rare all’obbligo di effettuare le opera- stadio giovanile. provvedimenti attuati in rela-
li come il mandorlo. salvaguardia del paesaggio agrario e zioni di trinciatura e disinfestazione, il È un provvedimento tempestivo che zione all’emergenza Covid 19.
Da inizio gennaio sono 696 gli alberi ri- forestale, alla cura e al mantenimento Servizio Fitosanitario della Regione consentirà gli spostamenti sul territo- La diffusione digitale di Avve-
sultati infetti. Il batterio killer avanza dell’assetto idrogeologico. Monitorag- Puglia, su indicazione del governato- rio non solo agli agricoltori ma anche nire (16.849 copie medie) man-
lentamente ma in maniera inesorabi- gi e campionamenti, considerato che re Michele Emiliano, ha inviato ai pre- agli “hobbisti”, vale a dire i proprieta- tiene invece il trend di cresci-
le e ora si sta diffondendo soprattutto non esiste ancora una cura per la bat- fetti una comunicazione che di fatto ri di piccoli appezzamenti di uliveto ta costante: in progresso di
nel brindisino. Le analisi condotte nel- teriosi, sono pertanto indispensabili considera gli spostamenti verso i cam- che nella vita svolgono altre attività, mezzo punto su gennaio, in
le ultime tre settimane nelle campa- per ridurre la velocità di avanzamen- pi per gli opportuni trattamenti fito- ma che sono ugualmente destinatari crescita consistente (+34%) su
gne dei territori a rischio hanno rile- to del contagio. sanitari sugli ulivi come “attività indif- di prescrizioni per estirpare le piante febbraio 2019.
vato altre 472 nuove piante positive, Ma, c’è anche un’altra strada paralle- feribili” e di “pubblica utilità”. infette e le erbe spontanee a ridosso
di cui 449 ulivi, 16 di lavanda, 6 o- la da percorrere sul fronte dell’emer- Tramite l’intervento della Regione ver- degli alberi nel pieno rispetto delle
leandri e un mandorlo, molte delle genza: si tratta delle buone pratiche in ranno rilasciate le necessarie autoriz- norme fitosanitarie. LA VALLETTA
quali in provincia di Brindisi oltre a u- agricoltura e delle disinfestazioni. Il zazioni affinché proprietari e condut-
IL FATTO na quindicina di fusti nel Tarantino.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Migranti in difficoltà
L’epidemia Quello che preoccupa è anche l’in-
cremento dei contagi nella Piana de-
vicino a Malta:
che colpisce gli ulivi secolari monumentali deli- «Nessuno ci aiuta»
mitata dai Comuni di Monopoli, Fa-
l’olivicoltura sano, Carovigno e Ostuni. Settanta migranti in difficoltà
L’epidemia di Xylella «Avanza inarrestabile la batteriosi in Una pianta nelle acque vicino Malta ieri se-
fastidiosa, un batterio particolare ad Ostuni, la nuova Oria, morta dopo ra, dopo che il motore è stato
che porta al con una pressione fortissima dell’in- essere messo fuori uso da militari del-
disseccamento delle fezione. E’ evidente l’urgenza di pro- stata la Marina de La Valletta e l’im-
piante di ulivo, è cedere con tempestività agli espianti attaccata barcazione ha cominciato a
cominciata in Puglia delle piante infette per estinguere i fo- dal batterio imbarcare acqua. È quanto de-
nell’autunno del 2013. colai e arginare la progressione della della nunciato ieri sera da Alarm
In questi sei anni e malattia che continua a causare dan- Xylella / Phone su Twitter, precisando
mezzo, ha portato il ni alle colture» sottolinea Savino Mu- Ansa che i migranti hanno chiama-
collasso il comparto raglia, presidente di Coldiretti Puglia. to più volte, invocando aiuto.
dell’olivicoltura L’eradicazione delle piante disseccate «Hanno detto che l’esercito
salentina, con una resta una delle soluzioni più drastiche maltese ha detto loro: "Vi la-
perdita economica per frenare il propagarsi della Xylella sciamo morire in mare"».
stimata dalla Coldiretti
in 1,2 miliardi di euro.
Oltre 21 milioni di
piante sono morte e Il governo si costituirà in giudizio Morandi, il viadotto autostradale del Ponte Morandi – ha sottolineato – è
nella provincia di
Decreto Genova: davanti alla Consulta dove verrà crollato il 14 agosto 2018 causando la stata una tragedia annunciata, causata Il Vicariato italiano della
Lecce c’è stato un governo in giudizio discusso il ricorso di Autostrade per morte di 43 persone. La costituzione in dalla volontà di sacrificare la sicurezza congregazione del Sacro Cuore
crollo del 73 per cento l’Italia contro il decreto Genova. Col dl, giudizio è stata firmata dal in nome dei profitti. La nostra è una
nell’ultimo anno del contro Autostrade Aspi era stata estromessa dalla sottosegretario alla presidenza del decisione politica chiara e doverosa,
di Gesù di Bétharram annuncia
la scomparsa di
cosiddetto “oro giallo”. demolizione e ricostruzione del ponte Consiglio Riccardo Fraccaro. «Il crollo per chi ha perso la vita».
padre

CELESTE PERLINI
LA DENUNCIA LOTTA AL TERRORISMO ANNI 90

L’accusa all’Egitto di un’Ong:


«Un centinaio da inizio anno «Eliminati mille jihadisti» La sua multiforme figura di prete
convinto ed educatore
convincente, di amministratore
amante della vera povertà e di
attivo costruttore ha lasciato un

le esecuzioni extragiudiziali» Raid del Ciad dopo la strage di militari fatta da Boko Haram vivido segno nella sua famiglia
religiosa e nei tanti che lo
ricorderanno. Le esequie si
svolgeranno in modo
Il Cairo PAOLO M. ALFIERI Non c’e alcuna possibilità di Anche in Ciad negli ultimi mesi so- strettamente privato nel cimitero
verifica delle cifre riferita da no aumentati i raid di Boko Haram. di Paniga. Il Vicariato celebrerà

L L’
a denuncia è durissima. E alza il velo su un clima di violenza esercito del Ciad ha con- N’Djamena che aveva subito La reazione del governo non si è fat- un suo ricordo
segreta ma diffusa, all’interno della quale la tortura sarebbe u- fermato l’uccisione di 1000 ta attendere. N’Djamena dispone di in una prossima data.
na pratica “comune” nelle carceri egiziane, esercitata con la pre- jihadisti in una operazione l’assalto più grave di sempre un esercito forte ed estremamente ALBAVILLA, 10 aprile 2020
sunta complicità di pezzi dello Stato. La stessa complicità che ha por- militare contro gli integralisti di Boko da parte dei miliziani deciso. Basta ricordare che quando
tato alla morte di Giulio Regeni, avvenuta all’inizio del 2016. L’orga- Haram nella zona frontaliera del La- nigeriani a fine marzo. Altra Boko Haram è stato cacciato da mol-
nizzazione umanitaria Human Rights Monitor (Hrm) ha annuncia- go Ciad in cui hanno perso la vita an- ti territori, anche vasti, che era riu- Allora ho detto: «Ecco, io vengo.
to di aver registrato «cento casi di esecuzioni extragiudiziali» avve- che 52 militari. L’offensiva è stata
azione anche in Camerun scito a conquistare, il merito deve es- Sul rotolo del libro di me è
nute in Egitto durante il primo trimestre del 2020. Nel suo rapporto, lanciata dopo che circa 100 soldati sere attribuito, in particolare, pro- scritto, di fare il Tuo volere, mio
l’organizzazione ha dichiarato che «29 detenuti rinchiusi in varie car- erano stati uccisi il mese scorso, ha della Nigeria, in particolare lo Stato prio all’esercito ciadiano. «Non c’è Dio, questo io desidero. (Sal. 39,
ceri egiziane, dipartimenti e stazioni di polizia, così come i centri di riferito il portavoce dell’esercito, co- del Borno, agli Stati confinanti: Niger, più nemmeno un membro di Boko 8-9)
addestramento del ministero degli Interni, sono stati uccisi. Di que- lonnello Azem Bermendoa Agouna. Ciad, Camerun. I Paesi vittime delle Haram oggi in Ciad. è stata ripulita
sti, tre decessi sono avvenuti dopo torture, 17 sono stati dovuti do- Impossibile avere conferme indi- sue azioni terroristiche si sono di re- tutta l’area insulare ai confini con la I sacerdoti, il diacono, le suore, i
vuti a negligenza medica deliberata e nove esecuzioni. pendenti sul’operazione del governo cente accordate su una serie di con- Nigeria, il Niger e il Camerun», ha fedeli della comunità pastorale
Inoltre, sempre secondo la Ong, 71 persone sono state colpite a mor- ciadiano in un territorio ad alto ri- tromisure da adottare congiunta- detto nei giorni scorsi il presidente Santa Maria in Binda si stringono
te con proiettili dall’esercito e dal ministero degli Interni: 61 perso- schio, anche se il numero fornito dai mente, ma le azioni terroristiche dei della Repubblica, Idriss Deby, inter- attorno al loro parroco don
ne sono morte nel Nord Sinai, portando a 100 il numero degli ucci- militari di N’Djamena appare molto miliziani di Boko Haram non sono vistato dalla televisione di Stato, pro- Pierluigi Albricci per
si al di fuori dei confini legali». Hrm ha spiegato che «il 70 per cento alto rispetto alla presenza degli e- diminuite. Domenica scorsa due at- prio dalla regione del Lago Ciad do- la scomparsa del caro
delle vittime di uccisioni extragiudiziali sono state uccise a colpi di stremisti nella zona. tentatori kamikaze di Boko Haram si ve si trova da 12 giorni per coordi-
fratello
arma da fuoco sparati dall’esercito e dalla polizia contro i civili, il 18 Il gruppo terrorista nigeriano da erano fatti esplodere nell’estremo nare il contrattacco. A guidare le o-
per cento delle morti è stato causato da negligenza medica, mentre
il 9 per cento delle vittime è stato condannato a morte e il tre per cen-
tempo ha allargato il suo raggio d’a-
zione anche ai Paesi vicini. La sua
nord del Camerun, al confine con la
Nigeria, uccidendo sette civili tra cui
perazioni, sul posto, è lo stesso ge-
nerale–presidente.
ANGELO
TURBIGO, 10 aprile 2020
to è stato torturato a morte nelle strutture di detenzione». zona operativa va infatti dal nord due ragazzi e causando 14 feriti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’ESISTENZA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

«Pensieri di vita in un contesto di fragilità estrema»


I
l cielo si fece buio e Questa epidemia è causa può anche morire, ma non di emergenza, anche degli del virus vedono annulla- solo gli anziani ma anche i
Gesù in croce emise di tanta morte, di tanto do- così!». Vittime di questo stessi operatori sanitari ta questa possibilità. Già e- senza tetto, le persone di-
l’ultimo respiro. Prima lore, di tanta sofferenza. tremendo virus che ti to- impegnati su più fronti con sperti di solitudine si ve- sagiate e tutti coloro che
dimenticata, ora la morte Migliaia di persone sono glie la vita perché ti spegne spazi e tempi ristretti e tan- dono tagliare l’unico lega- sono ai margini della no-
ci è diventata familiare. gravemente ammalate, al- il respiro. te persone da curare. Tan- me che li fa sentire ancora stra società. Grazie al vo-
Spesso accompagnata dal- tre sono morte. Tante fa- Si riferisce ad una situa- te le bare che rimangono parte di una famiglia. Mol- lontariato di tante perso-
la solitudine, dall’impossi- miglie Agesc piangono i zione tragica che riguarda in attesa di cremazione o te strutture ed anche qual- ne coraggiose e di buona
bilità di avere accanto a sé propri cari, ai quali non i malati più gravi che ve- sepoltura e ai parenti non che ospedale, stanno ri- volontà molte di queste si-
i propri cari, il conforto di hanno potuto neppure dono la vita e le forze an- rimane che la possibilità di correndo agli strumenti e- tuazioni vengono sanate in
una voce amica, ricevere i stare vicino, ai quali non darsene, nonostante la un fugace saluto e la pre- lettronici (tablet o telefo- parte e a volte totalmente.
sacramenti, confessarsi. hanno potuto dire addio e buona volontà e tutti i ghiera, mentre per i de- nini), per gettare un ponte Anche il Papa in più occa-
Oggi siamo tutti messi alla sono stati cremati senza la mezzi impiegati dai medi- funti nel limite delle circo- virtuale tra gli ospiti/am- sioni ci ha ricordato la ne-
prova, perché quello che benedizione di un funera- ci, e si trovano soli ad af- stanze, c’è solo la benedi- malati e i loro parenti in cessità di non lasciarci tra-
prima davamo per sconta- le. Ma noi crediamo - co- frontare la morte. Il conta- zione di un sacerdote. modo che si possa mante- volgere da ansia e paura, di
to - il modo di stare con i me sottolinea don Renato gio non risparmia nessu- È grave la situazione anche nere un contatto vocale o reagire soccorrendo i più
nostri cari, esprimere i no- Mion, assistente spiritua- no e l’isolamento che ac- e soprattutto per i tanti o- anche video con i volti co- deboli, i più fragili, che non
stri affetti in famiglia, con le - nella vita anche dopo compagna il decorso in- spiti delle Case di riposo, nosciuti e amati. Questo hanno di che difendersi di
gli altri, al lavoro, lo studio, la morte. fausto della malattia im- luoghi nei quali i nostri an- naturalmente non confor- fronte al virus una volta
la preghiera e la possibilità C’è una frase che un geni- pedisce la vicinanza dei ziani ricevono solitamente ta chi la famiglia non ce che questo entra nel loro
di partecipare alla Messa - tore Agesc che fa l’opera- parenti, dove ci sono, e la visita dei parenti ma che l’ha. Questo aspetto dell’e- perimetro vitale.
ora non c’è più. tore sanitario riporta: «Si spesso, data la situazione in conseguenza dell’arrivo mergenza non interessa © RIPRODUZIONE RISERVATA
20 CATHOLICA Venerdì 10 aprile 2020

IL FATTO COMECE

La gratitudine al
Papa del presule che
spiega: le due
circoscrizioni
ecclesiastiche sono
Un vescovo, due diocesi
Monsignor Antonello Mura, pastore di Nuoro, nominato titolare anche di Lanusei
La visita
via web
ai santuari
unite nel ministero
episcopale ma Ne era amministratore apostolico. Le due Chiese ora unite “in persona episcopi” europei
restano separate
e indipendenti CLAUDIA CARTA la vieta che si delineino e si attuino re il Santo Padre per la sollecitudine nostre realtà». Bruxelles (Belgio)
e come tali col tempo percorsi unitari di forma- nei confronti delle nostre due dioce- È un capitolo nuovo nella lunga sto-

L U
anusei ha il suo vescovo. Nel- zione del clero e del laicato oltre che, si, oltre che per la fiducia che conti- ria della diocesi lanuseina, sorta nel na piattaforma online
dovranno essere la solennità del Giovedì Santo se necessario, anche di interscambio nua a manifestarmi, mentre confer- secolo XI, con sede a Suelli, il cui pri- per “raggiungere” i
governate arriva direttamente dalla Sala nello stesso esercizio del ministero. mo ai presbiteri, ai diaconi, alle reli- mo vescovo fu proprio quel san Gior- principali santuari
Stampa vaticana la nota che sanci- Senza dimenticare che da qualche giose e ai religiosi, ai seminaristi e, gio di Suelli, oggi patrono della dio- d’Europa. Ieri all’inizio del Tri-
sce ufficialmente la nomina di mon- anno è concreta una fattiva collabo- insieme a loro e grazie a loro, a tutto cesi ogliastrina. La diocesi, al tempo duo pasquale, quando chiese e
signor Antonello Mura a pastore del- razione che ha portato alla nascita il popolo di Dio – nelle sue diverse e- chiamata di Barbaria o Barbariense, santuari avrebbero aperto le
la diocesi ogliastrina: «Il Santo Padre del Tribunale ecclesiastico interdio- spressioni laicali – la mia totale de- fu unita a quella di Cagliari da papa porte a milioni di fedeli in tut-
ha nominato vescovo della diocesi di cesano». E assicura, ancora una vol- dizione per l’annuncio del Vangelo e Martino V nel 1420. La sua ricostitu- to il Vecchio Continente, la Co-
Lanusei monsignor Antonello Mura, ta, il suo impegno: «Ringrazio di cuo- per l’edificazione della Chiesa nelle zione, con il nome di diocesi di O- mece, Commissione degli epi-
vescovo di Nuoro e amministratore gliastra e con sede a Tortolì, si con- scopati dell’Unione europea, ha
Sviluppo apostolico di Lanusei, unendo in per- cretizzò con la bolla di Leone XII nel inaugurato la piattaforma web
sona episcopi» le due Chiese locali. 1824. Fu Pio XII, il 5 giugno 1927, a SanctuaryStreaming.eu. «Nel
umano, Un passaggio che nulla toglie o mo- trasferirne la sede a Lanusei, dove contesto dell’attuale pandemia
il segretario difica all’interno dell’organizzazio- Antonio Mura è vescovo dal 31 gen- di Covid-19 e nell’impossibilità
ne strutturale delle due diocesi, così naio 2014 avendo ricevuto l’ordina- per molti di partecipare fisica-
aggiunto come chiarisce bene lo stesso mon- zione episcopale il 25 marzo 2014 a mente alle celebrazioni e ai mo-
signor Mura: «Da oggi la dicitura cor- Bosa, nella Concattedrale per impo- menti di preghiera della Chiesa,
Papa Francesco ha retta è la seguente – spiega –: “ve- sizione delle mani del cardinale An- a pochi giorni dalla Pasqua, la
nominato come scovo di Nuoro e di Lanusei”. Le due gelo Becciu, allora sostituto alla Se- piattaforma online offre servizi
segretario aggiunto diocesi sono cioè unite nel ministe- greteria di Stato. Nella diocesi ha i- in streaming da santuari e chie-
del Dicastero per il ro episcopale, ma rimangono due: niziato il suo ministero il 27 aprile se cattoliche in Europa», han-
servizio dello sviluppo circoscrizioni ecclesiastiche separa- 2014. Il 2 luglio 2019 la nomina a a ve- no spiegato all’agenzia Sir da
umano integrale don te e indipendenti e come tali do- scovo di Nuoro, mentre dal 14 gen- Square de Meeûs, sede della Co-
Augusto Zampini, vranno essere governate». Un incari- naio 2020 è presidente della Confe- mece a Bruxelles. Si potrà esse-
finora officiale del co, insomma, diverso da quello as- renza episcopale sarda. re così da “pellegrini virtuali”
medesimo Dicastero. segnatogli lo scorso 2 luglio 2019, Nato Bortigali, provincia di Nuoro e passare da Lourdes a Praga, da
Argentino, 50 anni, è quando – aggiunge Mura – «in se- diocesi di Alghero-Bosa, il 28 dicem- Pompei a Oropa, visitando san-
prete dal 2004. guito alla nomina a vescovo di Nuo- bre 1952, Mura è stato ordinato sa- tuari presenti in Polonia e Spa-
Laureato in ro, fui nominato amministratore a- cerdote il 1° agosto 1979 a Bortigali, gna, Svizzera e Portogallo, Ir-
giurisprudenza, è postolico di Lanusei». per l’imposizione delle mani e la pre- landa o Belgio. Grazie a queste
esperto di teologia Uno scenario ecclesiale che si va de- ghiera di consacrazione di monsi- piattaforma l’utente e pellegri-
morale con lineando gradualmente e che più che gnor Francesco Spanedda. Numero- no virtuale potrà essere ac-
particolare attenzione mai mette in sinergia le comunità si gli incarichi e i ministeri ricoperti compagnato (anche grazie a u-
all’economia e sotto lo sguardo comune e l’autore- dopo la sua ordinazione. È iscritto al- na breve scheda introduttiva) a
all’etica ambientale. volezza della stessa guida. «Certa- l’ordine nazionale dei giornalisti conoscere origine, storia, valo-
Ha insegnato in mente – fa notare il vescovo –, come pubblicisti. re artistico e spirituale di ogni
diverse università. è avvenuto anche in questi mesi, nul- Monsignor Antonella Mura, vescovo di Nuoro e di Lanusei © RIPRODUZIONE RISERVATA tempio, potendo inoltre – e
questa è forse la parte più atte-
sa e rilevante – assistere in di-
retta alle funzioni religiose. La
Il processo di riorganizzazione delle diocesi italia- no le diocesi che hanno come amministratore a- stato promosso nella sede metropolitana di Ori- piattaforma «è stata costruita in
Ecco come verrà ne, sollecitato da papa Francesco, è iniziato. A pic- postolico un vescovo. Ad Alife-Caiazzo sono state stano. La diocesi di Fabriano-Matelica ha come am- risposta alle esigenze di molti
ridotto il numero coli passi. Con il contributo della Cei e il ruolo-chia- accettate le dimissioni per raggiunti limiti di età del- ministratore apostolico l’arcivescovo di Camerino- fedeli che, a causa della pande-
ve del nunzio apostolico in Italia. Dal febbraio 2019 l’ordinario con la nomina del vicino (ma non confi- San Severino Marche; la diocesi di Susa l’arcive- mia, non possono recarsi in
delle diocesi Palestrina è unita a Tivoli in persona episcopi, co- nante) vescovo di Sessa Aurunca come ammini- scovo di Torino; e la diocesi di Carpi l’arcivescovo chiese e santuari dove erano so-
me avviene da anni con Cuneo e Fossano. Poi ci so- stratore apostolico. Il vescovo di Ales-Terralba è di Modena-Nonantola. liti pregare».(Red.Cath.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA
TELEVISIONE 23
Venerdì 10 aprile 2020

Schermaglie tv2000 le radio cattoliche Dulcis in fundo

Se la lirica emoziona Ora cʼè una Tenda


anche in televisione che è casa per tutti
ANDREA FAGIOLI TOMMASO BISAGNO

L
a Tenda Tv è la televisione di

S
e dobbiamo giudicare dalla Vittorio Veneto e della sua
Turandot il gioco è facile. Diocesi. Ora è diventata come
Troppo coinvolgente, troppo una sua nuova parrocchia. Per tutta la
bella anche all’orecchio dei profani Quaresima il vescovo Corrado Pizziolo
l’opera incompiuta del grande Giacomo sta celebrando la Messa prefestiva dal
Puccini. Tante le scene corali che la locale monastero di clausura: oltre
rendono accessibile a tutti. Per non alle monache, unico ad assistere è il
parlare del «Vincerò» (Nessun dorma) 33enne Federico Campodall’Orto,
divenuto una sorta di inno nazionale. fondatore e factotum dell’emittente.
Nulla di meglio, dunque, della storia della Un ponte radio dalle celle delle
Principessa austera in un’immaginaria monache all’antenna sul campanile di
Pechino d’altri tempi per avviare il un santuario vicino porta l’Eucaristia
pubblico indiscriminato al gusto della in diretta televisiva, e da lì poi su
lirica. Bene, pertanto, ha fatto Rai 5 a www.latendatv.it. Lo stesso accade per
portare anche in prima serata, mercoledì tutti riti della Settimana Santa nella
scorso, il ciclo di opere del Teatro alla Cattedrale, in streaming. Su Facebook
Scala già in onda il mattino alle 10,00 dal si susseguono i "grazie" degli
6 aprile per un mese dal lunedì al venerdì spettatori, compresi gli emigranti, e le
con uno spettacolo, appunto, anche il Messe arrivano a decine di migliaia di
mercoledì alle 21,15 senza peraltro visualizzazioni, creando una vera
interruzioni pubblicitarie. L’edizione "comunità parrocchiale virtuale" e
scelta della Turandot è poi quella Le nostre scelte gratificando un impegno che è in
particolarmente originale e suggestiva buona parte di volontariato. Come
andata in scena nella primavera del 2015 TV2000/ore 8.50 RAI 5/ore 13.30 TV2000/ore 19.30 RAI 3/ore 21.00 RAI 1/ore 23.30 nella vita pre-epidemia La Tenda Tv
per l’inaugurazione dell’Expo di Milano, Uomini di Dio Un romanzo, tante storie Rete di speranza L’albero degli zoccoli Speciale Venerdì Santo era voce della politica e del terzo
con la direzione musicale di Riccardo Film sull’assassinio dei monaci di Frankenstein è il protagonista di La voce della Chiesa italiana al Film di Ermanno Olmi premiato Dal Vaticano alla Terra Santa, il settore cittadino, così ora,
Chailly e la regia di Nikolaus Lehnhoff. Tibhirine avvenuto nel 1996. In un un racconto del 19° secolo che tempo del coronavirus. Da tutte le con la Palma d’Oro. Campagna significato della Croce e della nell’emergenza, dà spazio alle
Tra l’altro con il finale non di Franco villaggio tra i monti dell’Algeria, tutti pensiamo di conoscere, diocesi, testimonianze di una del bergamasco, fine ‘800. La vita Resurrezione, al tempo della comunicazioni del sindaco, ai consigli
otto monaci cistercensi di origine perché ha avuto un successo tale presenza crescente di sacerdoti e dei contadini e della natura che li pandemia. Con Rai Vaticano, lo
Alfano, che a suo tempo rimediò alla francese vivono in armonia con i da garantirsi un posto speciale laici impegnati che svolgono la circonda si esprime attraverso il speciale di “Viaggio nella Chiesa
del medico in pensione, agli esercizi
parte mancante per la morte di Puccini loro fratelli musulmani. nella cultura dell’Occidente. loro missione anche nei social. lirismo magico della semplicità. di Francesco” di Milone e Vicenti. proposti dal titolare della palestra, alle
nel 1924, bensì con il completamento di ricette del pasticcere vittoriese. E alla
Luciano Berio, che proprio sotto la fede della gente. Tutto nasce negli
bacchetta di Chailly vide la luce. Ma al di studi della Tenda: normalmente, una
là della musica, che nell’opera resta stanza al primo piano dell’oratorio
sempre fondamentale e determinante, lo parrocchiale; in tempi di quarantena,
spettacolo offerto in quell’occasione alla una camera dell’appartamento dei
Scala fu di assoluta eleganza figurativa, genitori di Campodall’Orto.
che solo all’inizio spiazza un po’ per la © RIPRODUZIONE RISERVATA

modernità del Mandarino in tuba, guanti


e frack di pelle e il coro con maschera,
cappello alla Borsalino e cappottone. Ma
poi, una volta entrati e coinvolti
nell’ambientazione, resta solo lo stupore meteo
per una grande messinscena che anche la
regia televisiva di Patrizia Carmine riesce
a trasmettere nonostante i limiti della
trasposizione in video che può avere
anche poco a che fare con ciò che vedono
e vivono gli spettatori in sala. La tv ha un
proprio linguaggio, che va a sovrapporsi
ai due che già segnano l’opera lirica (la
musica e il teatro), ma solo così può
arrivare al grande pubblico ed è bene ci
arrivi perché il melodramma è una forma
d’arte che ci appartiene, fa parte della
nostra storia e della nostra cultura
popolare.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per dire la vostra


RAI (numero verde) 800 938 362 www.rai.it (“Contatti”)
MEDIASET 199 757 782 www.mediaset.it/canale5 (“Scrivici”)
SKY 199 100 400 www.sky.it/info/modulo_segnalazione_abusi.html
LA7 programmi@la7.it
TV2000 (numero verde) 800 68 98 28
AIART Associazione Spettatori Onlus 06 66 04 8450
aiart@aiart.org
SOTEL Servizio Opinioni Telespettatori www.sotel.tv

Oggi in tv

AVVENIRE Direttore Generale Segreteria di redazione STEC, Roma


Nuova Editoriale Italiana Alessandro Belloli (02) 6780.510 via Giacomo Peroni, 280
Tel. (06) 41.88.12.11
SpA - Socio unico Riciclato PEFC
Piazza Carbonari, 3 Registrazione Redazione di Roma E.TI.S. 2000 SpA
Caporedattori centrali 20125 MILANO Avvenire è realizzato
Tribunale di Milano Piazza Indipendenza, 11/B Strada Ottava / Zona Industriale
con materia
Andrea Lavazza n. 227 del 20/6/1968 95121 Catania
QUOTIDIANO DI ISPIRAZIONE CATTOLICA Francesco Riccardi Presidente 00185 Roma prima riciclata e da
Redazione di Milano L’UNIONE SARDA SpA fonti controllate
LA CONSAPEVOLEZZA CAMBIA IL MONDO Marcello Semeraro Telefono: (06) 68.82.31 Via Omodeo - Elmas (Ca)
Massimo Calvi Consiglieri Piazza Carbonari, 3 Fax: (06) 68.82.32.09 Tel. (070) 60131 PEFC/18-31-746 www.pefc.it
Antonella Mariani Franco Anelli 20125 Milano
Francesco Ognibene Vincenzo Corrado Distribuzione:
Centralino Edizioni teletrasmesse: PRESS-DI Srl La testata fruisce dei contributi
Danilo Paolini (Roma) Linda Gilli statali diretti di cui alla legge
(02) 6780.1 (32 linee) C.S.Q Via Cassanese 224 Segrate (MI)
Gigio Rancilio (Social Media) Luciano Martucci Centro Stampa Quotidiani Poste Italiane 7 agosto 1990, n. 250
Direttore responsabile Massimo Rinieri Paolo Nusiner Servizio Clienti Via dell’Industria, 52 Spedizione in A. P. - D.L. 352/2003 e successive
Marco Tarquinio Giuliano Traini (Art Director) Barbara Zanardi 800.82.00.84 Erbusco (Bs) Tel. (030)7725511 conv. L. 46/2004, art.1, c.1, LO/MI modifiche e integrazioni

FEDERAZIONE Privacy - Regolamento (UE) 2016/679 RGPD CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÀ BUONE NOTIZIE e NECROLOGI SERVIZIO CLIENTI
ITALIANA EDITORI GIORNALI Informativa abbonati e-mail: buonenotizie@avvenire.it Per attivare un nuovo
Ai sensi degli artt. 13 e ss del RGPD, La informiamo che i Suoi dati AVVENIRE NEI SpA - Socio unico
personali verranno trattati con modalità informatiche o manuali per l’in- Piazza Carbonari 3 - Milano - Tel. (02) 67.80.583 necrologie@avvenire.it abbonamento, informazioni
CERTIFICATO ADS vio del quotidiano. I suoi dati potranno essere comunicati a terzi inca- pubblicita@avvenire.it per fax allo (02) 6780.446; tel. (02) 6780.200 / sul proprio abbonamento
n. 8511 del 18-12-2018 ricati di svolgere o fornire specifici servizi strettamente funzionali all’invio (02) 6780.1; si ricevono dalle ore 14 alle 19.30. e richiesta di copie arretrate calmo mosso
del giornale. I dati non saranno trasferiti al di fuori del territorio dell’U-
nione Europea e saranno conservati fino all’esaurimento dell’obbligo TARIFFE PUBBLICITÀ in euro a modulo* mm 38.5 x 29.6 € 3,50 a parola + Iva Numero Verde 800 82 00 84 sereno poco variabile nuvoloso pioggia
LA TIRATURA DEL 9/4/2020 contrattuale da parte di Avvenire di invio del quotidiano. EDIZIONE NAZIONALE FERIALE FESTIVO Solo necrologie: adesioni € 5,10 a parola + Iva; Dalle 9.00 alle 12.30 nuvoloso molto agitato
mosso
È STATA DI 125.949 COPIE Per l’esercizio dei diritti di cui agli artt. 15-22 del RGPD l’interessato può COMMERCIALE* 375,00 562,00 con croce € 22,00 + Iva; con foto € 42.00 + Iva; e dalle 14.30 alle 17.00
rivolgersi al Titolare scrivendo a Avvenire NEI S.p.A. - Socio unico FINANZIARI, LEGALI, SENTENZE* 335,00 469,00 L’editore si riserva il diritto di rifiutare (da lunedì a venerdì)
Piazza Carbonari 3 - 20125 Milano o scrivendo al RPD anche via e-mail var. rovesci temporali neve nebbia 1-3 1-4 7-9 variabili
CODICE ISSN 1120-6020 all’indirizzo privacy@avvenire.it. EDIZIONE MI/LOMBARDIA FERIALE FESTIVO insindacabilmente qualsiasi testo e-mail: pioggia
CODICE ISSN ONLINE 2499-3131 Potrà consultare l’informativa completa sul nostro sito www.avvenire.it. COMMERCIALE* 95,00 117,00 e qualsiasi inserzione. abbonamenti@avvenire.it