Sei sulla pagina 1di 57

SABATO 11 APRILE 2020 • EURO 1,50 ANNO 129 . NUMERO 101 • www.laprovinciadicomo.

it

PASQUA SULLE STRADE NEL COMASCO


Orobie.
Più controlli, ma la gente esce Le tante sorprese
Per i giorni delle feste sarà intensificata la sorveglianza soprattutto per evitare
della Lombardia
che le persone raggiungano le seconde case sul lago o in Val d’Intelvi. Vigilanza più bella.
anche sui sentieri. Ma il traffico è già aumentato. In troppi si spostano senza alcuna
motivazione e quando incappano nei posti di blocco accampano scuse inverosimili

orobie.it ALLE PAGINE 10-11 Aria pura di Lombardia.

L’arredo non ci sta: «Disastro»


CONTE
STATISTA
MA SOLTANTO
A METÀ
di FRANCESCO ANGELINI La protesta del comparto che sperava nella ripartenza immediata assieme alle altre attività
a differenza tra uno
Nel decreto del governo via libera solo al legno: «Riaprire in sicurezza sarebbe buon senso»

L statista e un
politicante si può
misurare anche nei
due tempi di un breve
discorso. Si testa nelle
Niente ripartenza nem-
menoperilmobile.Dopoleaccora-
te richieste dei giorni scorsi, la spe-
ranza era stata accesa da una cita-
o – l’attività che tocca più da vicino
l’arredo –il legno. Per tutti gli altri,
stop fino al 3 maggio. E il malcon-
tento si è sentito nel distretto
«Fatecilavorare,ognigiornofermo
è un giorno perso». Nelle ultime
ore diverse voci si sono unite in
questo grido. Chiedendo di evitare
Il grosso problema non è “solo” la
chiusura delle fabbriche. È che i
competitor europei stanno conti-
nuando a lavorare. E quindi con il
Il medico
S. Anna, il primario
parole, nel loro significato e zione del Sole 24 Ore del settore tra brianzolo, che sta perdendo ordini una «tragedia industriale ed eco- rischio che occupino quote di mer-
di rianimazione
nel momento in cui sono quelli a basso rischio per la sicurez- e consegne. nomica, che falcidierebbe sul cam- cato oggi in mano al Made in Italy. «Ogni giorno
state pronunciate. Il za. Poi spenta dal premier. Poche Lunedìerastato inviato alGoverno po migliaia di imprese e cancelle- Dal distretto comasco-brianzolo si più pazienti»
presidente del Consiglio, le concessioni per settimana pros- un appello del presidente di Feder- rebbe centinaia di migliaia di posti levano voci di rabbia e protesta.
MORETTI A PAGINA 9
Giuseppe Conte, nella sima: librerie, negozi per bambini legnoArredo Emanuele Orsini: di lavoro». LUALDI A PAGINA 14
conferenza stampa di ieri,
andata in scena dopo un
lungo ritardo a ridosso dei
principali Tg della sera, è
L’imprenditore
stato statista nel primo
tempo della sua esplicazione Venerdì Santo Luigi Passera
«Facciamo un patto
sulle nuove misure di
lockdown che l’Italia dovrà
adottare da qui al 4 maggio.
Il vescovo affida e niente furbizie
sui pagamenti»
Una scelta ineccepibile ma
anche coraggiosa perché
impopolare: scontenta tanti
la città al Crocifisso MARLETTA A PAGINA 16

CONTINUA A PAGINA 5

I dati
Positivi +81,
L’ORDINE e 8 morti
VI RACCONTA Dimezza il numero
UNA PASQUA dei ricoverati
SIGNIFICATIVA BACCILIERI A PAGINA 17

di PIETRO BERRA

on sfugge nemmeno
La ricerca

N agli atei che la Pasqua


in arrivo è la più
significativa degli
ultimi 75 anni. Tanti ne sono
passati dalla fine della Seconda
Niente processione ieri. Il Crocifisso protettore di Como è stato trasportato in Duomo e il vescovo gli ha affidato la città. RONCORONI A PAGINA 23 L’esame sierologico
«Ecco il test
per capire
chi è immune»
Guerra Mondiale, altro periodo
in cui l’umanità intera si era Canzo, 22 morti in un mese nella casa di riposo A PAGINA 19

trovata spinta dagli eventi a


cercare, con la ragione e/o con Ventidue morti tra mar- Korian. E non ci sono soltanto i struttura ma, alla fine, l’ufficio conducibili a coronavirus e la diffe-
la fede, una luce oltre la zo e l’inizio di aprile su poco più di decessi: sono 12 gli operatori in stampa del gruppo Korian è stato renza con i 22 complessivi, soprat-
sofferenza (e la morte) da cui ottanta ospiti, in pratica un anzia- questomomentoacasainmalattia. lapidario: «La nostra linea è di for- tutto se rapportata alla mortalità Filo di Seta
era circondata. A questa no ogni quattro. È molto più che Eppure questi numeri fino ad oggi nire i dati agli enti preposti e non degli anni precedenti, lascia aperti
eccezionalità, ovvero alla preoccupante il dato che emerge erano pressoché sconosciuti, no- divulgarli alla stampa». molti interrogativi. Anche il Co- Vorrà dire che
Resurrezione di Cristo come dalla casa di riposo “Croce di Mal- nostante le indiscrezioni che circo- Doppio mistero, perché le tabelle mune di Canzo non aiuta (i cittadi- quest’anno “con chi
metafora di ciò che stiamo ta”, di Canzo una delle 44 strutture lavano in paese. Anche “La Provin- dell’azienda sanitaria però riferi- ni) a capire che cosa accade. vuoi” faremo il Natale.
CONTINUA A PAGINA 5 italiane appartenenti al gruppo cia”, in più occasioni, si è rivolta alla scono di cinque morti a Canzo ri- CRISTIANI A PAGINA 28

Erba, il sindaco: almeno


otto articoli nella spesa
A Erba fine delle passeg- L’ordinanza, molto più restrittiva
giate per comprare un panino o un rispetto ai vincoli imposti dallo
pacchetto di sigarette. Stato e dalla Regione, deriva da una
L’ultimaordinanzafirmatadalsin- serie di considerazioni. Prima di
daco Veronica Airoldi, in vigore da tutto, spiega e scrive il sindaco,
00411

ieri mattina, prevede che si possa «dall’incremento dei casi di Covid-


uscire di casa per fare la spesa a 19 a livello regionale e soprattutto
patto di acquistare almeno otto comunale, con i contagi raddop-
9 771590 588018

prodotti: la misura - che non si ap- piati nel giro di pochi giorni».
plica alle farmacie - è stata autoriz- I numeri parlano chiaro: il primo
zata dal prefetto di Como ed è pen- di aprile gli erbesi positivi erano 42,
sata per evitare che i cittadini esca- oggi - complice la situazione preoc-
no tutti i giorni per i rifornimenti cupante di Ca’ Prina - sono 80.
alimentari. MENEGHEL A PAGINA 36

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDj6YfqLIZsFYwsmPoe7x220=
2 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Coronavirus Le nuove misure


La Riviera cerca di salvare la stagione La Riviera Romagnola che di questi co» , questo a noi darà la possibilità
tempi, si blinda per l’emergenza coro- di fare i lavori di manutenzione».
Sfumano le vacanze primaverili navirus. Per provare, appena possibi-
le, una ripartenza e salvare l’econo-
«Se uno deve andare in vacanza per
stare chiuso , aspetta quando tutto
Si punta all’estate per risollevarsi mia. «Non possiamo non pensare
pure al dopo - osserva il presidente
sarà risolto». Nella speranza che que-
sto accada il prima possibile in modo
della cooperativa bagnini di Rimini da «salvare» una stagione che punte-
sud, Mauro Vanni - anche se c’è il bloc- rà sul mese di agosto.

Bloccati fino al 3 maggio Controlli


della Polizia

Ma c’è qualche spiraglio


di Stato in vista
delle festività
pasquali
ANSA

Il nuovo Dpcm. Conte prolunga la serrata dell’Italia chiusa ormai da un mese


Ma da martedì potranno riaprire i negozi di vestiti per bambini e le librerie
ROMA di rischio e le corrispettive cate-
LUCA LAVIOLA gorie lavorative: ristoranti, bar,
■ Il governo prolunga la scuole, cinema, teatri, parruc-
serrata dell’Italia chiusa ormai chieri, ad esempio, sono tutte at-
da un mese, ma da martedì ria- tività a rischio massimo. Il pri-
priranno i negozi di vestiti per mo, di pilastro, è invece nelle
bambini e le cartolibrerie, oltre mani di Vittorio Colao, l'ex am-
alle librerie. Piccole e simboli- ministratore delegato di Vodafo-
che concessioni contenute nel ne che sarà alla guida della task
Dpcm che il premier Giuseppe force composta da giuristi, eco-
Conte firma per prorogare fino nomisti ed esperti di alto livello
al 3 maggio, come ampiamente chiamati ad un compito tutt’al-
annunciato, le misure di conteni- tro che semplice: trovare le «ri-
mento, il divieto di spostamento cette» per trascinare l’Italia fuo-
e di assembramento e l’obbligo ri dalla crisi determinata dal co-
del distanziamento sociale. Per- ronavirus. Alla fine nel decreto,
ché altrimenti, spiega lui stesso oltre a librerie, cartolibrerie e
assumendosi tutta la «responsa- negozi per bimbi, sono entrate
bilità politica» di scelte «difficili una decina di attività consenti-
ma necessarie», si «vanifichereb- te: dall’uso delle aree forestali al-
bero gli sforzi fatti» fino ad oggi: la fabbricazione dei computer,
«rischieremmo - dice - di riparti- dalla cura e manutenzione del
re da capo», con un «aumento paesaggio alle opere idrauliche,
dei morti». fino al commercio all’ingrosso di
Il presidente del Consiglio carta e cartone. Rispetto ai pre-
mette dunque nero su bianco cedenti provvedimenti, inoltre,
quello che era ormai chiaro a tut- Vittorio Colao ANSA il Dpcm consente di andare in
ti gli italiani e che gli scienziati azienda per predisporre le buste
vanno ripetendo da giorni: non gio si verificassero le condizioni, «Non possiamo aspettare che il paga così come autorizza «pre- Per i due giorni di festa
ci sono ancora le condizioni per cercheremo di provvedere di virus sparisca. Dobbiamo ripen- via comunicazione al prefetto, la
riaprire il Paese. «La curva ci
mostra chiaramente una situa-
conseguenza» con ulteriori ria-
perture e concessioni. Non solo.
sare le nostre organizzazioni di
vita» e per farlo, spiega Conte,
spedizione verso terzi di merci
giacenti in magazzino nonché la A Roma lare, sono arrivati anche i buoni car-
zione di decrescita, un segnale
positivo che non deve però farci
Da oggi sarà operativa la task for-
ce che si dovrà occupare di «pen-
«servirà un programma articola-
to e organico su due pilastri: un
ricezione in magazzino di beni e
forniture». Resta possibile an- si fa la spesa tacei. E dai balconi sono anche scatta-
ti gli applausi. Un aiuto che arriva
abbassare la guardia», ribadisce
anche il presidente dell’Iss Sil-
sare» la Fase 2, vale a dire come
ricostruire l’Italia nei mesi a ve-
gruppo di lavoro di esperti e il
protocollo di sicurezza nei luo-
che svolgere attività motoria da
svolgere «individualmente» e con i ticket proprio a ridosso delle feste, e più di
una famiglia li userà per la spesa del
vio Brusaferro ricordando che le nire visto che per lungo tempo ghi di lavoro». Al secondo sta la- «in prossimità della propria abi- pranzo di Pasqua e di Pasquetta. E
misure sono «essenziali». Il calo dovremo convivere con il Covid vorando l’Inail, che ha già predi- tazione, purché comunque nel magari, a giudicare dall’emozione di
da una settimana dei ricoveri 19, in attesa che arrivi il vaccino. sposto una mappa con tre livelli rispetto della distanza di almeno «Ne avevo proprio bisogno, potrò una bambina piccola che, a quanto
nelle terapie intensive e negli al- un metro da ogni altra persona». così mettere in tavola un degno pran- raccontano i volontari, potrà ora
tri reparti degli ospedali, così co- Per il resto, lockdown era e lock- zo di Pasqua». Le citofonate dei vigili anche permettersi un uovo di ciocco-
me i guariti che sono ormai più ■ «Il calo dei contagi ■ Operativa già down rimane: niente parchi, urbani, questa volta, hanno suscita- lata per Pasqua. O l’emozione della
di 30mila, non sono sufficienti
per considerare l’Italia fuori pe-
non può essere da oggi la task force niente case vacanze, niente
sport, compresi gli allenamenti
to a Roma più di un sorriso. Non una
contravvenzione, ma una busta -
mamma che potrà fare una spesa «di
festa» per l’imminente Pasqua. Tradi-
ricolo. Ma Conte, nel chiedere ritenuto sufficiente guidata da Colao per i professionisti. Neanche la marcata Roma Capitale - con dentro i zioni, momenti di «normalità» tra-
un ulteriore sacrifico, cerca an-
che di guardare avanti: «promet-
per considerarci che dovrà pensare possibilità di rientrare nelle pro-
prie abitazioni: si resta dove si è,
buoni spesa distribuiti dal Campido-
glio. Dopo i primi 2.000 crediti, conse-
volti dall’epidemia del coronavirus.
Ma che, per parecchie famiglie mes-
to che se anche prima del 3 mag- fuori pericolo» alla ricostruzione fino al 3 maggio. gnati via app direttamente sul cellu- se in crisi dalla serrata, sono salve.

A passo di lettura verso il ritorno alla libertà


I negozianti ora si organizzano per ripartire
ROMA anche preoccupati di organiz- leggendo un buon libro soprat- rezza gli spazi ma per le libre-
DI CHIARA ACAMPORA zare gli spazi salvaguardando tutto ora». Anche nella Capita- rie di quartiere, generalmente
■ Un’oasi in un mare di la salute dei clienti e rispettan- le i librai assicurano che ver- piccole, la gestione dei clienti è
serrande chiuse. Un piccolo do tutte le prescrizioni. «La li- ranno rispettate tutte le misu- più complessa. «La mia libreria
passo verso un ritorno lento e breria adesso è come una barca re previste per garantire la si- viveva molto di relazioni inter-
cauto alla libertà nel pieno del ferma, ci stiamo preparando al- curezza propria e dei clienti. personali - aggiunge Daniela -
lockdown. Sono entusiasti i li- la navigazione e non vedo l’ora «Sicuramente farò una sanifi- Immaginarla come era prima,
brai ai quali è affidato, assieme di ripartire» dice Fabio Masi ti- cazione dei locali, ci saranno in- in questo momento, non è rea-
ai cartolai e ai negozi di abbi- tolare di una libreria di Camo- gressi contingentati dei clienti listico. Sarà tutto diverso. Per
gliamento per bambini, il com- gli, in Liguria, e di una stagiona- e utilizzerò guanti e mascheri- questo continuerò a incremen-
pito di dare un piccolo segnale le a Ventotene che si augura di ne - spiega Daniela Girfatti, ti- tare la vendita a domicilio e ad
di normalità nelle città chiuse: poter riaprire a giugno. «Pren- tolare della libreria «Read Red affidarmi ai social per gli spazi
secondo la bozza del nuovo deremo tutte le precauzioni - Road», in zona piazza Bologna. di socialità e di interazione, in
dpcm, dovrebbero riaprire da assicura - penso sia importante Per le grandi catene sarà più attesa che tutto possa tornare
martedì. Loro i librai sono però intrattenere il proprio tempo semplice organizzare in sicu- alla normalità». Nessun cliente tra gli scaffali di una libreria poco prima della stretta

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDj6YfqLIZsFYe9VF9M8uko8=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 3

I dati contenuti in uno studio italiano In Italia sono almeno 200.000 i rico- realizzato il primo modello di conta- Istat per stimare la mobilità prima guendo i percorsi delle principali
veri ospedalieri evitati a marzo gra- gio per l’Italia che tiene conto sia dell’epidemia e di uno studio indipen- infrastrutture di trasporto. «I
«Con il lockdown, sono stati evitati zie alle restrizioni alla mobilità: le
misure imposte dal governo avreb-
dell’evoluzione temporale dell’infe-
zione nelle popolazioni locali che
dente che ha sfruttato la geolocaliz-
zazione dei cellulari per capire di
200.000 ricoveri che sarebbero stati
necessari senza restrizioni avrebbe-
duecentomila ricoveri a marzo» bero ridotto progressivamente la
capacità di contagio del 45%. A indi-
della loro distribuzione geografica,
integrando gli spostamenti degli
quanto si è ridotta la mobilità. Analiz-
zando la geografia del contagio,
ro sicuramente ecceduto la capacità
degli ospedali», sostiene Marino
carlo è uno studio realizzato da ricer- individui per raggiungere il luogo di emerge come l'epidemia nelle prime Gatto, professore al Politecnico di
catori italiani .I ricercatori hanno lavoro. Si sono serviti di censimenti fasi si sia mossa velocemente se- Milano e primo autore dello studio.

Verso una Pasqua blindata


Tutti in fila ai supermercati
L’ordinanza. Scattano i controlli potenziati sulle strade del Paese per le festività
In un mese la polizia ha fermato 6 milioni di persone, 230mila i denunciati
ROMA
MASSIMO NESTICÒ
■ Chiusi in casa sì, ma al-
meno a pancia piena. Di Venerdì
Santo gli italiani si sono così
messi in fila davanti ai super-
mercati - mascherina sul volto e
cercando di rispettare il distan-
ziamento sociale - per fare scor-
ta di cibo in vista della Pasqua e
della Pasquetta da trascorrere
tra le mura domestiche. Mentre
in tutto il Paese sono scattati i
controlli potenziati delle forze
dell’ordine - con posti di blocco
e droni - per scoraggiare gli irri-
ducibili della gita fuori porta. Bi-
sogna serrare le fila, fanno sape-
re al Viminale, per non vanifica-
re gli sforzi enormi fatti finora e
che cominciano a dare i primi ri-
sultati contro la diffusione del
Covid-19. Anche il presidente
dell’Istituto superiore di Sanità,
Silvio Brusaferro, lo ha detto
chiaramente: «Siamo in un mo-
mento festivo, ma purtroppo
quest’anno non possiamo aggre- Fila davanti a un supermercato per la spesa di Pasqua ANSA
garci. Uniamoci negli affetti ma
Il caso mantenendo il distanziamen- testa così sul 3,8%. L’obiettivo - Napoli, il dispositivo di control- corsa alle provviste che ha crea-
to». Continua così ad intensifi- con i ponti del 25 aprile e dell’1 lo si è rafforzato con l’impiego di to lunghe file davanti ai super-
La rivolta domicilio devono fare i conti con il
carsi l’attività di vigilanza degli
agenti per le strade. L’altro ieri è
maggio in arrivo e le sempre più
invitanti giornate di primavera -
cento militari dell’Esercito. A
Roma il piano sicurezza coinvol-
mercati in tutta Italia, con attese
di ore. Il sindaco di Firenze Da-
dei siciliani divieto deciso dal governatore sici-
liano Nello Musumeci che ha ordina-
stato toccato il picco di quasi
300mila controllati. I denuncia-
è non far alzare la percentuale di
disubbidienti, come ha sottoli-
ge 2mila agenti ogni giorno con
posti di blocco su consolari,
rio Nardella non l’ha presa bene.
«Alla Coop di Gavinana, per fare

per la cassata to lo stop del cibo porta a porta per


Pasqua e Pasquetta. Il diktat ha scate-
ti per spostamenti non motivati
- il dato è ormai costante negli
neato la circolare inviata dal Vi-
minale ai prefetti. Nel mirino so-
Grande raccordo anulare e nelle
varie zone della città. Sotto la
un esempio - ha osservato - la fi-
la è cominciata alle 6.30. Credo
nato la «rivolta della cassata», capeg- ultimi giorni - sono stati poco prattutto le seconde case utiliz- lente anche le ville e i parchi e il che si possano trovare tanti mo-
giata, pacificamente, dal presidente più di diecimila. In 32 hanno in- zate per le vacanze. Per questo è litorale. Proprio la spiaggia può di per evitare di passare ore inte-
«Tintu è cu nun mancia a cassata a dell’Assemblea Regionale Gianfran- vece violato la quarantena, in stata data indicazione di raffor- rappresentare una tentazione ir- re in fila davanti ai supermerca-
matina ri Pasqua»: «povero chi non co Miccichè. «L’ordinanza mi suona crescita rispetto ai 14 del giorno zare la vigilanza sui movimenti resistibile e così il sindaco di ti. In questi ultimi giorni abbia-
mangia la cassata la mattina di Pa- stonata e controproducente», dice. prima. Ad ormai un mese dall’i- verso le località turistiche. Ed ec- Forte dei Marmi (Lucca), Bruno mo avuto un traffico consisten-
squa» recita un antico detto popola- Per ovviare al divieto clienti e pastic- nizio delle prescrizioni - l’11 co così che il prefetto di Venezia Murzi, ha firmato un’ordinanza te, non è giustificabile un incre-
re siciliano che rende bene l’idea di ceri cercano di organizzarsi: i labora- marzo scorso - sono stati 6 milio- annuncia il dispiegamento di per il divieto a Pasqua e Pasquet- mento di 2.000 veicoli in un solo
quello che il dolce di origine araba tori sono sommersi di prenotazioni. ni 180mila i cittadini fermati dal- ben 2.500 agenti sul territorio, ta di accesso all’arenile. Control- giorno». La speranza è che gli
rappresenta per gli isolani. Ma nei È una corsa contro il tempo. L'impera- le forze di polizia per verificare supportati da 2 elicotteri e 20 li straordinari sono scattati an- impegnativi pranzi delle feste e
giorni della pandemia, i siciliani po- tivo è preparare più cassate possibi- la legittimità degli spostamenti. imbarcazioni. A Torino droni in che su tutta la Riviera adriatica. la laboriosa digestione che segui-
trebbero essere «condannati» a una le per consegnarle prima di Pasqua, In 230mila sono stati denuncia- volo per monitorare dall’alto i In previsione delle chiusure di rà tolgano agli italiani la voglia
Pasqua senza cassata. Le consegne a prima cioè dello stop forzato. ti. La quota dei trasgressori si at- parchi cittadini e la viabilità. A Pasqua e Pasquetta è scattata la di uscire all’aria aperta.

È strage nelle case di riposo «valutato» dalla commissione


istituita dal Pirellone e presie-
duta da Mauro Agnello, ex diret-
ti. I trasferimenti dagli ospedali,
accettati su base volontaria da
15 Rsa, sono serviti «per salvare

In Lombardia 1.800 morti


tore dell’Agenzia per il control- delle vite», ha detto ancora,
lo del sistema sociosanitario quando gli ospedali erano al col-
lombardo. Mentre sul caso del lasso. In più, ha sostenuto anco-
Pio Albergo Trivulzio (oltre 120 ra l’assessore, «fare il tampone a
morti da marzo in poi, con gli persone con problemi respirato-
La polemica poi ci sono le polemiche sulle ca- to» al lavoro per fare chiarezza. ispettori del Ministero della Sa- ri era totalmente inutile, noi ab-
Si discute sulla carenza renze di protocolli e dispositivi Due punti fermi, però, Gallera lute già al lavoro) e su quello di biamo detto alle Rsa di isolare
di sicurezza, come le mascheri- ha provato a metterli. «Non c’è un’altra quindicina di residenze quegli ospiti con sintomi». In ef-
dei protocolli. Ma Gallera ne, e sulla mancanza di tampo- stata alcuna contaminazione», indaga anche la Procura milane- fetti, se i numeri delle morti so-
precisa: «Non ci sono stati ni, elementi che potrebbero ha detto, da parte dei pazienti se per epidemia e omicidio col- no impressionanti, sono bassi
contagi tra i pazienti» aver causato questa strage di an- Covid trasferiti dagli ospedali poso e violazione delle norme quelli dei casi accertati di conta-
ziani. Polemiche a cui la Regio- nelle Rsa, perché sono stati col- sulla sicurezza sul lavoro, Galle- gio. Pochissimi i tamponi, in-
MILANO ne, per voce dell’assessore al locati in «strutture separate». E ra ha affermato che già tra fine somma. Su un totale, ad esem-
■ C’è prima di tutto un Welfare Giulio Gallera, ha volu- le case di riposo, poi, sono gesti- febbraio e i primi marzo, la Re- pio, di 3859 deceduti nelle Rsa -
numero allarmante fornito dal to rispondere con una conferen- te «da privati o da fondazioni af- gione dettò «linee guida» per le come scrive l’Iss in un rapporto
presidente dell’Istituto superio- za stampa per ricordare che una ferenti ai comuni» e alla Regio- case di riposo. Indicazioni «pre- basato su un questionario com-
re di sanità, Silvio Brusaferro, commissione «autonoma e indi- ne «spettano le linee guida e il cise» anche su «come trattare pilato da 577 strutture in tutta
che ha parlato di «1822 decessi pendente», ufficialmente appe- compito della sorveglianza». gli ospiti con sintomatologia si- Italia - solo 133 sono risultati po-
nelle Rsa della Lombardia». E na nominata, si metterà «subi- Compito anche questo che sarà mil Covid», che andavano isola- sitivi a tamponi effettuati. Personale medico a lavoro ANSA

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDj6YfqLIZsFY7kG3c1iwSB8=
4 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Coronavirus L’economia e l’Europa


La Via Crucis «In questo momento, penso al Si- le croci delle loro comunità, negli
gnore crocifisso e alle tante storie ospedali, curando gli ammalati.

Il Papa: «I medici e i sacerdoti di crocifissi, della storia, ma quelli


di oggi, di questa pandemia: medi-
Oggi anche ci sono crocifissi e croci-
fisse che muoiono per amore». Il

sono i nuovi crocifissi di oggi» ci, infermieri, infermiere, suore,


sacerdoti, morti al fronte come
Papa riassume il senso del Venerdì
Santo in una telefonata «a sorpre-
soldati che hanno dato la vita per sa», in diretta a Rai 1, alla trasmis-
amore, resistenti come Maria sotto sione «A sua immagine».

Sugli eurobond l’Italia


è pronta a dar battaglia
«La patrimoniale? No»
Braccio di ferro. Conte assicura che non firmerà «nessun
accordo» senza i titoli condivisi a livello europeo e boccia
l’idea del Pd di una Covid tax per redditi oltre 80mila euro
ROMA firma Graziano Delrio e non pia- batte seccato il premier, che pro-
SERENELLA MATTERA ce a tutti i Dem, ma Conte la boc- segue in queste ore i suoi contat-
■ Servono gli Eurobond e cia: «Non è all'orizzonte». All'in- ti con i leader europei, a partire
servono subito. O l'Italia «non domani dell'Eurogruppo è il mi- da Angela Merkel, in una lunga
firmerà» nessun accordo in Ue. nistro dell'Economia Roberto trattativa che si protrarrà due
Il premier Giuseppe Conte rilan- Gualtieri ad alzare per primo l'a- settimane. Intanto il governo do-
cia. Non si accontenta, dice chia- sticella delle richieste italiane: vrà scrivere il decreto con le
ro e tondo, del «passo avanti» «Servono almeno 1500 miliardi nuove misure economiche da va-
fatto dall'Eurogruppo. L'Ue de- alimentati con titoli comuni», rare «entro fine aprile», che po-
ve mettere sul piatto «almeno mentre l'Ue adesso ne ha (vir- trebbe essere da oltre 40 miliar-
1500 miliardi» e un fondo finan- tualmente) stanziati 500. Dopo di da finanziare in deficit. Prima
ziato da uno strumento con gli «un ottimo primo tempo» biso- di allora, è l'impegno del pre-
Eurobond, perché serve «una gna «vincere la partita», afferma mier con i cittadini, si andrà
potenza di fuoco proporzionata il ministro, festeggiando la pre- avanti perché le misure già adot-
alle risorse di un'economia di senza tra le proposte di un Fon- tate vengano applicate. Contro
guerra». Su questo Conte pro- do per la ripresa alimentato da le parole di Conte, che compare
mette battaglia. E dà battaglia, titoli. Quanto al Mes, è il pre- in diretta tv poco prima delle 20,
contro Matteo Salvini e Giorgia mier a spiegare che altri Stati ne insorgono le opposizioni: Salvi-
Meloni che lo accusano di aver hanno chiesto l'attivazione sen- ni si appella al Quirinale, accusa
aperto al Mes, il tanto vitupera- za condizionalità e l'Italia ha ac- il governo di non voler collabora-
to fondo salva Stati: «Non è atti- cettato di discuterne anche se re e parla di un «comizio da regi-
vato alcun fondo. Sono falsi e ir- «non lo riteniamo inadeguato». me, da Unione sovietica». Melo-
responsabili e ci indeboliscono Nel 2012, attacca, fu un governo ni definisce il premier «tracotan-
in Ue», dice chiamandoli per no- con Meloni ministro ad appro- te» e i suoi metodi «da regime to- Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte
me in diretta tv. Usa «metodi da varlo. Mentre ora la battaglia talitario». Ma proprio sul fronte
regime totalitario», protestano i che intende portare al Consiglio economico si scaldano gli animi que stelle, accusati con la loro in- ranza e i 5 stelle con una mozio- Fraccaro aggiunge che la Bce do-
leader dell'opposizione. Ma il europeo del 23 aprile è per avere tra alleati di governo, anche nel- transigenza «No Mes», di com- ne contro il Mes in Parlamento. vrà comprare illimitatamente ti-
Mes divide anche la maggioran- «subito» uno strumento come la riunione fiume in videoconfe- plicare la trattativa che il gover- E a chi come Salvini annuncia toli di Stato. Ma Zingaretti ribat-
za e alimenta tensioni in un ver- gli Eurobond: o un pacchetto renza di Conte con i capi delega- no sta conducendo in Europa una mozione di sfiducia contro te che se in Ue si fanno passi
tice fiume a Palazzo Chigi. Così «ambizioso» che li includa o zione e diversi ministri, tra cui per arrivare, faticosamente, agli Gualtieri. Dal capo delegazione avanti è grazie al governo. In
come divide la proposta Pd di un niente. Si rischiano tempi lun- Gualtieri. Conte nega frizioni. Eurobond. E per giunta di pre- Vito Crimi, fino al sottosegreta- maggioranza c'è anche chi, come
contributo di solidarietà per i ghi? «Certo, il rischio c'è ma se ci Ma momenti di tensione ci sa- stare il fianco a chi, come Melo- rio Riccardo Fraccaro, il M5s Iv chiede di attivare il Mes senza
redditi oltre gli 80mila euro. La sono scorciatoie ditemele», ri- rebbero stati tra i Dem e i Cin- ni, punta a dividere la maggio- non fa che ripetere «No al Mes». condizioni per le spese sanitarie.

Il vertice Ue rinviato al 23 aprile re mezzo pieno, in vista del se-


condo tempo, decisivo, dei lea- Troppi morti a New York
Altre due settimane per trattare
der. Il delicato equilibrismo
del testo varato dall'Eurogrup-
po permette anche all'Olanda
Fosse comuni nel Bronx
di cantare vittoria, in un'ottica
diametralmente opposta. Il mi- La strage del virus sa d'assalto. Se per anni il gior-
nistro Wopke Hoekstra è stato I carcerati le scavano a «Hart no delle sepolture è stato il gio-
Gli obiettivi categorico: non ci sono gli Eu- vedì, con un massimo di 25 ba-
robond, «che per me non an-
Island». Sono riservate quasi re, ora si lavora a pieno ritmo
Il ministro Gualtieri: «Sul tavolo tutte ai poveri e ai senza casa.
dranno mai bene». Chiarissi- per alleggerire il peso sull'obi-
c’è la proposta per un fondo mo anche sul Mes: «Per noi va Nel giro di 24 ore 777 decessi torio della città che, fino a qual-
finanziato con strumenti comuni bene» usare la nuova linea di che settimana fa, poteva ospi-
che è la nostra richiesta» credito per i costi relativi alla NEW YORK tare per un mese o due i corpi
salute, «ma per ogni euro che ■ Decine di bare accata- non reclamati. La crisi corona-
BRUXELLES viene speso per l'economia, state l'una sull'altra a Hart virus ha però sconvolto gli
■ L'accordo per affron- valgono le normali regole della Island, «l'isola degli orrori di equilibri e le salme dei poveret-
tare l'emergenza economica è condizionalità». Nessun passo New York», come qualcuno ti vengono seppellite nel giro
fatto, quello per aiutare la ri- avanti insomma sulle posizio- l'ha già ribattezzata. Le foto di pochissimo a Hart Island ad
presa non ancora. I 540 miliar- ni che riguardano al condivi- shock scattate dai droni mo- un ritmo di circa 25 al giorno.
di di euro messi in campo Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri sione dei debiti. Anche la Ger- strano l'effetto devastante del Tanto serrato che i carcerati di
dall'Eurogruppo dopo una lun- mania continua a opporsi e la coronavirus in quello che è l'e- Rikers Island, l'isola prigione
ga trattativa affrontano solo le timana prossima ma slittato al mo tempo, ora dobbiamo vin- Merkel lo ripeterà al vertice picentro dell'epidemia negli di New York, non ce la fanno a
prime e più immediate conse- 23 aprile - a decidere se imboc- cere la partita», ha sintetizzato del 23 aprile. Ci sono ancora Usa. E scuotono l'opinione stargli dietro: finora sono stati
guenze dello stop delle attività care la strada delle emissioni il ministro dell'Economia Ro- due settimane, teoricamente pubblica, soprattutto quella gli unici a scavare le fosse, ora
in Europa. Ma i ministri non comuni per alimentarlo oppu- berto Gualtieri: «Grazie alla un tempo sufficiente per imba- della Manhattan bene, dei ric- sono affiancati da professioni-
erano pronti ad andare oltre, re se procedere su terreni già nostra battaglia siamo arrivati stire un negoziato. Ma sul prin- chi fuggiti nelle seconde case sti per velocizzare le attività. I
perché le divisioni ideologiche noti come il bilancio Ue. Nel a un testo con 4 strumenti che cipio difficilmente si faranno per scampare alla pandemia. morti da coronavirus nello Sta-
sugli Eurobond restano pro- frattempo, per i Paesi che han- per la prima volta mette sul ta- progressi, partendo da posizio- Usata da 150 anni come cimite- to di New York sono tantissi-
fonde. La porta è stata però no immediato bisogno di liqui- volo la proposta di un fondo ni così distanti. Sugli obiettivi, ro per chi non può permettersi mi, 777 in 24 ore, il 4 giorno so-
aperta: sono tutti d'accordo a dità per le spese sanitarie, c'è il per la ripresa finanziato con ti- invece, sì. È per questo che Ita- funerali o non ha nessuno che pra quota 700. Ma si tratta solo
creare un fondo per la ripresa e Mes. Non è il caso dell'Italia, toli comuni, che è esattamente lia e Francia sperano di appro- ne reclama il corpo, Hart dei numeri ufficiali di quelli
ora saranno i leader - nel verti- che ribadisce di non volerlo at- la proposta dell'Italia». Per fondire il discorso sul Recove- Island è a largo del Bronx e nel- morti in ospedale. Fuori la
ce inizialmente previsto la set- tivare. «È stato un ottimo pri- Gualtieri si tratta di un bicchie- ry Fund, o fondo per la ripresa. le ultime settimane è stata pre- strage continua.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/oGfN0Z2wHX2I=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 5
Il tweet del giorno

Puntidivista Si provveda
anche per i cinema
Riaprono le librerie. Veltroni: si provveda an-
che per i cinema #coronavirus

D’Alema er Massimo

@MassimoLeaderPD

CONTE STATISTA casacca sformata del politicante magari scaltro


nell’approfittare del contesto di grande ascolto
per lanciare le accuse senza contraddittorio

MA SOLTANTO A METÀ
diretto. Certo l’orario con ogni probabilità, per
quanto detto prima, non era stato scelto apposi-
tamente. Ma visto che la conferenza stampa era
slittata in quella fascia sarebbe stato meglio
astenersi dall’attacco che poteva essere comun-
que lanciato in un altro contesto, più conscio
a un comiziante che non a un premier statista.
Oltretutto Conte ha fornito un destro (e il
di FRANCESCO ANGELINI riferimento non è puramente casuale) ai due
avversari per poter parlare di regime riferendo-
segue da pagina 1 si a qualcun altro, cosa che fa un po’ sorridere.
Certo anche Salvini e Meloni l’hanno fatta fuori
cittadini che non ne possono più di restare dal vaso, interpretando le scelte, ancora peral-
confinati dentro quattro mura e si vedono tro tutte da definire, dell’Europa per tirare
condannati ad altre due settimane primaverili acqua al proprio mulino. Ma loro non hanno
di clausura e non va bene neppure ad alcuni l’obbligo di essere statisti in questo momento
comparti economici, su tutti il legno arredo, che di una gravità con pochi precedenti per l’Italia.
si attendevano una deroga concessa invece ad E neppure del buon senso che è solo una facoltà.
altri. Diverso, appunto, il discorso per Conte che è
Il presidente del Consiglio si è assunto la re- la guida del paese e sta parlando a tutti, quelli
sponsabilità politica pressoché unica della sua che simpatizzano per la maggioranza e coloro
scelta, sia pure condivisa, pur non senza qualche che preferiscono l’opposizione. Così anche
malumore che ha determinato il ritardo dell’an- questa difficile e drammatica situazione rischia
nuncio, dal resto del governo. E questo gli fa di essere vista con le consuete distorsioni di
onore e contribuisce a cucirgli addosso la livrea quella “politica politicante” che sarebbe oppor-
da statista. Se Conte avesse terminato lì la sua tuno lasciarsi alle spalle. Visto che, com’è giusto,
dichiarazione sarebbe stato impeccabile. Quel si chiedono agli italiani comportamenti straor-
che aveva detto era per il bene dei concittadini: dinari, sarebbe il caso di dare l’esempio e di
per preservarli dal rischio tutt’altro che peregri- rinunciare come stiamo facendo tutti noi, alle
no di una nuova ondata di contagi da coronavi- prima, e, nel voler chiarire quanto accaduto doli menzogneri e responsabili di un indeboli- vecchie abitudini.
rus che tante vite ha già falciato. nell’Eurogruppo abbia attacco con una durezza mento dell’Italia nella trattativa con i partner
Peccato che poi gli siano scappati i cavalli, o mai vista i due principali esponenti dell’opposi- di Bruxelles. f.angelini@laprovincia.it
forse questi ultimi erano già stati ben addestrati zione: Matteo Salvini e Giorgia Meloni, definen- E qui la livrea dello statista è trascolorata nella @angelini_f

L’ORDINE RACCONTA UNA PASQUA SIGNIFICATIVA


di PIETRO BERRA spirituale, che dobbiamo compiere qui e ora per immersi. Una importante componente narrativa un docente (e chirurgo plastico) dell’Università di
arrivare pronti alla «piena comunione nel Regno la troverete anche su “L’Ordine”. A partire dalle Navarra, Bernardo Hontanilla Calatayud, aggiunge
segue da pagina 1 glorioso» di Dio: «Questa attesa - afferma il Papa storie di alcuni dei protagonisti della Settimana suggestioni importanti al culto di un’alta reliquia
- è la fonte e la ragione della nostra speranza: una Santa di Gesù, ovvero Pilato, Giuda, Maria e lui millenaria: la Sindone. Secondo i suoi studi, infatti,
vivendo e a quel percorso di rinascita cui tutti siamo speranza che, se coltivata e custodita, - la nostra stesso, il Risorto, rivisitate dal massimo biblista rivelerebbe tracce di un movimento post mortem
chiamati, è dedicato il numero del nostro supple- speranza, se noi la coltiviamo e la custodiamo - italiano, monsignor Gianfranco Ravasi, indagando del corpo impresso sul lenzuolo.
mento culturale “L’Ordine” in edicola gratuitamen- diventa luce per illuminare la nostra storia persona- i vangeli apocrifi, quelli “non ufficiali”, che però Infine, il critico Fulvio Panzeri consiglia due libri
te domani con “La Provincia”. le e anche la storia comunitaria». Il filosofo Markus hanno ispirato fortemente la cultura popolare e che, autobiografici, di recente pubblicazione in Italia,
Seguendo una tradizione avviata nel 2013, il nume- Krienke estende la validità del concetto di “resurre- quindi, è bene conoscere per avere più chiaro il di altrettanti scrittori che raccontano la loro perso-
ro monografico è introdotto da una copertina dise- zione personale e collettiva” al di là delle convinzio- nostro immaginario collettivo. Alla cultura e alla nale resurrezione dopo un incidente e una grave
gnata per noi dal pittore Giuliano Collina, che ni religiose di ciascuno. Sottolinea come l’emergen- devozione popolari sono dedicati anche due inter- malattia, Andre Dubus e Flannery O’Connor. Du-
quest’anno ha programmaticamente intitolato il za che stiamo affrontando sia un’occasione per venti di taglio locale, firmati da studiosi della Valtel- bus, in particolare, nel suo “Vasi rotti”, sembra
suo dipinto “Dal sangue alla luce”. È Papa Francesco riconsiderare il valore della vita, rimettendo al suo lina e della Brianza: Bruno Ciapponi Landi scrive parlare di noi oggi (e domani): «Dopo che i morti
- una delle figure simbolo di questi tempi, con le sue posto quel momento nient’affatto marginale, ma del Catafalco barocco di Morbegno, che ispirò il sono sepolti e i mutilati hanno lasciato gli ospedali
celebrazioni in diretta dalla piazza San Pietro deser- che nella nostra società era diventato un tabù di cui poeta (laico) Guglielmo Felice Damiani, e Tiziano e hanno iniziato le loro nuove vite, dopo che il dolore
ta destinate a passare alla storia - a firmare uno degli si parlava poco o per nulla, rappresentato dalla Casartelli delle cappelle rurali del Canturino, sorte fisico del lutto o dell’afflizione è diventato con il
interventi principali, tratto dal suo ultimo libro “Io morte. Perché è proprio quest’ultima a «rendere in gran parte dopo le grandi pandemie del passato tempo, una ferita permanente nell’anima, un dolore
Credo”, ad accompagnarci in una riflessione su che preziosa» la vita e a rafforzare il percorso di rinasci- (la peste del ’600 e il colera ottocentesco) e oggi che durerà fino a quando durerà il corpo, a quel
cosa significhi dichiarare, come recita una delle ta spirituale che ci porterà oltre il coronavirus. dimenticate e bisognose di restauri. Due storici del punto arriva il legame trascendente e comune della
preghiere più importanti della cristianità, che si Mai come in questi giorni siamo alla ricerca di calibro di Franco Cardini e Luigi Russo ci accompa- sofferenza umana, e con esso arriva il perdono, e
crede «nella resurrezione della carne». Bergoglio narrazioni forti, in cui poterci riconoscere, imme- gnano all’origine del culto della presunta “vera con il perdono l’amore». Buona lettura e buona
riflette sul «cammino», mai come di questi tempi desimare, vedere la luce oltre il tunnel in cui siamo croce di Cristo” e dei pellegrinaggi a Gerusalemme; Pasqua.

- Fax 0342.535.553 - redsondrio@laprovincia.it CAMPAGNA ABBONAMENTI COME ABBONARSI


PUBBLICITÀ Sesaab Servizi Srl Società Unipersonale -
SPORTELLO DI COMO via G. De Simoni, 6. Da lunedì a venerdì 9.00-17.00
Divisione SPM LA PROVINCIA 2020 LECCO via Raffaello, 21. Da lunedì a venerdì 9.00-13.00.
COMO Via Giovanni De Simoni, 6. Tel. 031.582.211
fondato nel 1892 LECCO Via Raffaello, 21. Tel. 0341.357.400 SONDRIO via Nazario Sauro, 13. Da lunedì a venerdì 9.00-14.00
www.laprovincia.it SONDRIO Via Nazario Sauro, 13. Tel. 0342.200.380
Pagamento contanti, assegno, bancomat o carta di credito.
IL GIORNALE SI RISERVA DI RIFIUTARE QUALSIASI INSERZIONE
DIRETTORE RESPONSABILE
Orari da lunedì a venerdì: COMO 9.00-17.00; ANNUALE
DIEGO MINONZIO
LECCO 9.00-13.00; SONDRIO 9.00-14.00 CARTA DI CREDITO (CartaSi, Visa, Mastercard, Eurocard) tel. 031.582.333.
7 giorni 335 euro solo 0,93 euro a copia
CAPOREDATTORE CENTRALE FRANCESCO ANGELINI Per la pubblicità nazionale O.P.Q. S.r.l. via G.B. Pirelli, 30 - BOLLETTINO POSTALE* La Provincia di Como S.p.a. Editoriale, via G. De Simoni, 6
RESPONSABILI DI EDIZIONE 20124 Milano Tel. 02.6699.2511; Fax 02.6699.2520, 6 giorni 304 euro solo 0,99 euro a copia
VITTORIO COLOMBO (Lecco), LUCA BEGALLI (Sondrio) 02.6699.2530.
22100 Como c/c 000000297226.
SOCIETÀ EDITRICE La Provincia di Como S.p.a. Editoriale
PRESIDENTE MASSIMO CASPANI
PRIVACY BONIFICO BANCARIO* La Provincia di Como S.p.a. Editoriale
Registrazione Tribunale di Como n.3/49 del 2 febbraio 1949
VICEPRESIDENTE MASSIMO CINCERA – Responsabile del trattamento dati
c/c Intesa Sanpaolo: Iban IT16X0306910910100000002663.
AMMINISTRATORI DELEGATI ENRICO FRANZINI, GIAN D. Lgs. 196/2003: Diego Minonzio
BATTISTA PESENTI privacy@laprovincia.it - fax 031.507.985 SEMESTRALE ADDEBITO DIRETTO SEPA (SDD) pagamento mensile a mezzo addebito
CONSIGLIERI ALBERTO BONAITI , MARIO ROMANO NEGRI, su conto corrente bancario.
GIULIA PUSTERLA Codici ISSN edizioni digitali 7 giorni 195 euro solo 1,08 euro a copia
Como 2499-4243; Lecco 2499-4251; Sondrio 2499-426X
SEDE LEGALE La Provincia di Como S.p.a. Editoriale, PORTALE ABBONAMENTI abbonamenti.laprovinciadicomo.it -
NECROLOGIE 6 giorni 167 euro solo 1,08 euro a copia
via Pasquale Paoli, 21 - 22100 Como. abbonamenti.laprovinciadilecco.it - abbonamenti.laprovinciadisondrio.it
Tel. 031.582.311 - Fax 031.505.003 necro@laprovincia.it
STAMPA C.S.Q. S.p.A. via dell’Industria, 52 - 25030 lunedì-venerdì 8.30-12.30 e 14.30-21.30; sabato 8.30- MODALITÀ DI CONSEGNA portatura (nei comuni di Como e provincia ove è previsto
Erbusco (BS). 12.30; 17.30-21.30; domenica e festivi 17.00-21.30
Como tel. 031.582.222 - fax 031.582.233 il servizio), appoggio in edicola e posta
REDAZIONI
Lecco tel. 0341.357.401 - fax 0341.364.339
COMO via Giovanni De Simoni, 6. Tel. 031.582.311 -
Sondrio tel. 0342.200.381 - fax 0342.573.063 -
TRIMESTRALE SERVIZIO ABBONATI tel. 031.582.333 - fax 031.582.471
Fax 031.505.003 - laprovincia@laprovincia.it
LECCO via Raffaello, 21. Tel. 0341.357.411- Fax 031.582.233 7 giorni 99 euro solo 1,10 euro a copia abbonamenti@laprovincia.it
0341.368.547 - redlecco@laprovincia.it CERTIFICATO ADS
SONDRIO via Nazario Sauro, 13. Tel. 0342.535.511 N° 8591 DEL 18-12-2018 6 giorni 87 euro solo 1,13 euro a copia * inviare ricevuta via fax o via mail completa di numero telefonico e indirizzo.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/o8z3txABbmfI=
6 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/ocnlraulbg7g=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 7

Economia
ECONOMIACOMO@LAPROVINCIA.IT
Bando impresa 4.0
Domande entro il 30 giugno
C’è tempo fino al 30 giugno per le domande
relativo al bando di Regione e Camere di com-
Tel. 031 582311 Fax 031 582421 mercio destinato alle piccole imprese sullo
Enrico Marletta e.marletta@laprovincia.it, Marilena Lualdi m.lualdi@laprovincia.it sviluppo di soluzioni impresa 4.0.

Pandemia d’acciaio
Siderurgia in crisi
per l’effetto domino
Scenario. Il crollo di auto, costruzioni e genio civile
porterà a una «contrazione in linea con gli utilizzatori»
Ferrari (Siderweb): edilizia e grandi opere -34 miliardi
MARIA G. DELLA VECCHIA settembre si è tornati a un includendo investimenti in
Per il consumo di ac- +1,1% e a un nuovo calo del 3,6% nuova costruzione e manuten-
ciaio le aspettative erano quelle in ottobre. In chiusura d’anno i zione straordinaria, una con-
di un 2020 con tasso di crescita cali sono molto sostenuti, con trazione, valutata a valori co-
inferiore rispetto al 2019 ma un -9,1% di novembre e un stanti, del -22,6% rispetto al
comunque positivo. Invece la -17,3% di dicembre. 2019. «Ci potrebbe essere – ha
pandemia di Covid-19 fa sì che Ora si guarda all’anno in cor- aggiunto Ferrari - rispetto alle
«il 2020 sarà a suo modo un an- so e agli effetti della pandemia previsioni (che erano positive
no memorabile per il mondo e, sui diversi settori di applicazio- per il 2020; +2,4%), una perdita
quindi, anche per la siderurgia ne. «Tutti i dati a disposizione potenziale di 34 miliardi di eu-
globale, in quello che è un terre- ci dicono che la contrazione del ro di investimenti. Se invece si
moto sanitario, sociale, econo- settore sarà forte, con l’auto- guarda al dato del 2019, la cadu-
mico ed occupazionale». motive a -15%/20%, il petrolio a ta è quantificabile in 31 miliardi
Lo afferma una nota dell’uf- -15/20% e le costruzioni a di euro». Il coronavirus ha provocato u terremoto economico anche nella siderurgia
ficio studi di Siderweb diffusa -20/25%. Anche se alcuni com- Per il settore dell’auto, «mar-
in occasione del monitoraggio parti faranno meglio della me- zo ha visto una contrazione del-
che da quattro anni la commu- dia (per esempio il biomedica- le vendite del 90% sul mercato
nity dell’acciaio realizza su base
annuale per quanto riguarda
produzione nazionale ed este-
le, l’industria alimentare e al-
tri), per la siderurgia mi atten-
do una contrazione dei volumi
italiano – ha proseguito Ferrari
-. Per l’anno 2020 le attese degli
analisti sono per una riduzione
Tutte le incognite della Fase 2
ra, prezzi e import-export.
Da gennaio ad agosto 2019 la
produzione siderurgica mon-
diale è stata in aumento, men-
in linea con quella dei settori
utilizzatori», ha affermato Ste-
fano Ferrari, responsabile del-
l’ufficio studi di Siderweb du-
a livello globale del 15% circa».
In particolare Standard & Poo-
r’s si attende un -15%/-20% in
Europa, seguito da un +9%/
«Filiera essenziale per il Paese»
tre da settembre a novembre è rante il webinar gratuito orga- +11% nel 2021. Se queste previ-
calata per tornare positiva nel- nizzato da Siderweb martedì sioni si avverassero, a fine 2019 La siderurgia naziona- preoccupazioni non mancano bisogno di alcuni giorni di avvio
l’ultimo mese dell’anno. Questi, scorso, 7 aprile. avremmo vendite in Europa le attende la “Fase 2” dell’emer- perché «sebbene in virtù della progressivo per riportare anche
da gennaio a dicembre, l’anda- Ferrari ha anche ricordato pari a 19 milioni di autoveicoli, genza coronavirus a guarda alle comunicazione ai prefetti di- solo gli impianti a ritmi di pro-
mento rispetto agli stessi mesi che «al momento i ragiona- contro i 20,7 milioni di autovei- attività industriali che potran- verse realtà della filiera abbiano duzione capaci di garantire gli
del 2018: +1%, +4,1%, +4,9%, menti che si possono fare sono coli del 2019. no lavorare dopo Pasquetta, con riavviato alcuni reparti, in par- standard di sicurezza abituali e
+6,4%, +5,4%, +4,6%, +1,7%, di natura indiretta, in quanto ad Infine per il settore petroli- una serie di mediazioni in corso ticolare le spedizioni e le lavora- scongiurare incidenti o rottu-
+3,4%, -0,3%, -2,8%, -1%, +4%. oggi non esistono previsioni ag- fero il forte calo dei prezzi del da parte di industriali e sindaca- zioni a freddo, gran parte del re..
La produzione siderurgica giornate sui consumi di acciaio. greggio dovrebbe portare se- ti per definire punti d’incontro settore è in attesa di capire quali Per gli addetti ai lavori la
italiana ha segnato un calo del Si può quindi solo stimare qua- condo IEA ad una riduzione del sulla ripartenza. saranno le decisioni del gover- «speranza è che un possibile de-
3% circa a gennaio e a febbraio, le sarà la domanda dei settori 50%-85% dei profitti delle «La speranza – spiega una no.Il timore di fondo è che cer- ciso miglioramento dei dati ne-
è rimasta sugli stessi livelli del utilizzatori e farsi un’idea delle compagnie petrolifere rispetto nota di Siderweb - è che questa care di anticipare il recupero ri- gli ultimi giorni possa consenti-
2018 in marzo, ha perso il 5,5% ripercussioni sul comparto». al 2019, con un conseguente ta- volta la siderurgia possa essere spetto ai tempi ritenuti consoni re ad un minimo allargamento
in aprile per tornare positiva a Guardando ai principali set- glio degli investimenti. La ridu- riconosciuta come una filiera dagli epidemiologi possa creare dei codici Ateco delle attività
maggio con un +5,4%. Torna a tori, per le costruzioni il think zione dovrebbe essere di circa il essenziale per il Paese, dal mo- un nuovo stop della produzioni autorizzate». Allargamento che
calare del 2,4% in giugno e del tank analitico Cresme Lab il 26 15%-20% rispetto alle attese, mento che è indubbia la presen- che potrebbe essere più delete- gli operatori sperano possa
7,8% in luglio. In agosto la fles- marzo ha previsto per l’edilizia con un conseguente calo dei za dell’acciaio in gran parte de- rio di un prolungamento dell’at- comprendere anche la siderur-
sione è stata di quasi il 27%, a e il genio civile nel nostro Paese, consumi di acciaio. gli oggetti di uso comune». Le tesa». Le stesse aziende hanno gia. M. Del.

Gli artisti a Miniartextil alle trasformazioni che ci ri-


serverà il futuro» scrive Liksai-
te che conclude con un accora-
to saluto all’intera città di Co-
Berna e ama moltissimo la no-
stra città. «Aggrappatevi alla
speranza» è il suo monito in
questo momento così pieno di

Messaggi da tutto il mondo mo.


É stata poi la volta di Gabriel
Dawe, a Villa Olmo per Miniar-
textil nel 2012, artista dei fili
incognite.
La britannica Claire Mor-
gan, autrice di alcuni fra i lavori
più apprezzati di Miniartextil,
Solidarietà Miniartextil. «Ripensando al tivo importanti collaborazioni dai mille colori, messicano che nata a Belfast ma di casa nella
Alla rassegna di arte tessile magico periodo trascorso in con il mondo della moda, da vive a Dallas, acclamato per le campagna inglese, manda un
Italia, il mio cuore trabocca di Comme De Garcon a Moncler. sue ricerche sullo spettro visi- accorato saluto al Lario e al-
le testimonianze gioia e gratitudine. Fatevi for- La prima a rispondere è sta- bile della luce e oggi inarrivabi- l’Italia con la speranza che pre-
di affetto za, amici e cercate di circon- ta la lituana Inga Liksaite, pro- le «I love you Italy! Mando i sto ci sia spazio per un momen-
al nostro territorio darvi di cose belle e di colore!» tagonista la scorsa estate della miei migliori auguri a tutti e to di rinascita.
dice Shoplifter, artista islande- personale Waterhome al Mu- spero di avere presto l’oppor- «Oggi, fuori tutto è nero, ma
Un forte incoraggia- se da anni residente in Ameri- seo della Seta di Como: «Credo tunità di tornare a Como». cerchiamo di rimanere positivi
mento all’Italia, e in particola- ca, rivolge agli amici di Miniar- che anche in questo periodo di Anche Monika Teal polie- e pieni di colori dentro di noi» il
re a Como per l’emergenza co- textil e a tutta la nostra città. distanziamento sociale, si pos- drica artista visuale di origine bellissimo invito inviato dalla
ronavirus, arriva da grandi ar- L’artista è stata protagonista sa trovare spazio per l’amore. americana, è nata a Kansas Ci- sua residenza di Tokyo dall’ar-
tisti internazionali che hanno dell’ultima edizione della mo- Prendiamo tempo per ascolta- ty, seconda città degli States chitetto francese Emmanuelle
avuto la possibilità di conosce- stra con FATHOMS II, allestita re noi stessi, per riscoprire for- per proposte culturali. Tra- Moureaux.
re il nostro territorio tramite a San Pietro in Atrio e ha all’at- za e creatività ed essere pronti L’artista islandese Shoplifter scorre molti mesi dell’anno a Serena Brivio

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/ouQ5AnqwxJ/8=
8 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Focus Casa Il mercato finanziario

Mutui e tassi bassi e che in particolare ha ridato fiato


alle domande di surroga: dopo
una discesa del 37,2% registrato
alla fine settembre 2019, l’ultimo
La fotografia
nostra richiesta. Se, ad esempio,
il potenziale cliente non ha un
profilo reddituale solido- spiega
Cresto - o, ancora, se gli anni man-

Non tutti i prestiti


trimestre ha rivisto balzare le canti all’estinzione del finanzia-
operazioni di rinegoziazione dei mento originale fossero pochi,
mutui di un +68%. Un trend che l’istituto presso il quale è stata
ci si aspettava si potesse riconfer- presentata domanda di surroga
mare anche nel primo trimestre potrebbe respingere la richiesta».
2020. E infatti è così è stato: no- Se alcuni non sono riusciti a

trovano la surroga nostante le difficoltà e le incertez-


ze economiche del momento so-
no state numerose le famiglie che
hanno approfittato del periodo di
quarantena – dato il calo del costo
del denaro, il calo dell’indice Eu-
La ripartenza
Nuova crescita delle surroghe
Il nuovo calo dei tassi d’interesse
legato agli interventi della Bce per
contenere gli effetti negativi della
surrogare o rinegoziare, sono co-
munque molti gli italiani che, nel
2019, sono riusciti a migliorare le
condizioni del proprio mutuo; se-
condo l’indagine commissionata
da Facile.it ce l’ha fatta il 59% dei
Rinegoziazioni. Crescono le domande per poter rirs e dei mutui a tasso fisso - per
valutare la possibilità di rinego-
situazione d’emergenza Covid-19
dopo una discesa del 37,2% regi-
richiedenti, pari a 870.000 nuclei,
suddivisi tra coloro che hanno
rivedere le condizioni finanziarie del prestito ziare tramite una surroga il pro-
prio prestito. L’ultima rilevazione
strato alla fine settembre 2019, ha
rivisto balzare le operazioni di ri-
rinegoziato il finanziamento con
la propria banca (34%) e chi ha
ma non sempre le banche accettano la domanda del portale specializzato online,
Facile.it, a fine marzo 2020 le ri-
negoziazione dei mutui di un +68
già nel primo trimestre 2020.
invece surrogato in favore di un
altro istituto di credito (25%).
chieste di surroga avevano già
SIMONE CASIRAGHI nuovi mutui. Le erogazioni di fase di lockdown del sistema Ita- guadagnato 10 punti percentuali E chi ha rinunciato
Un triplice fronte di dif- prestiti alle famiglie italiane per lia non potrà che impattare sul- su fine febbraio, arrivando a rap- Tanti anche le famiglie o i piccoli
ficoltà. Il settore dell’edilizia e de- l’acquisto dell’abitazione sono l’erogazione del credito, in virtù presentare il 40% del totale delle risparmiatori che sembrano aver
gli immobili è alle prese con una scese nel 2019 a 48.882 milioni del fatto che ad oggi le stipule domande di finanziamento rac- preso una tale confidenza con lo
congiuntura d’emergenza da Co- nel 2019 con un calo del 3,2% degli atti sono possibili solo nei colte online. strumento della surroga da essere
vid-19 che sta togliendo dosi di (-1.626 milioni). Questo, proprio casi di estrema urgenza. diventati dei surrogatori seriali
ossigeno, compravendite e inve- quando un segno di ripartenza, Tutto denaro che finora era Una possibilità negata che approfittano spesso di condi-
stimenti, necessarie a consolida- invece, era tornato nell’ultimo stato investito nell’acquisto im- Ma dietro questa nuova corsa, la zioni migliorative offerte da altri
re una definitiva ripartenza. Gli trimestre dell’anno scorso con mobiliare, il cui tasso di compra- sorpresa è un’altra in realtà: no- Le domande istituti. Sempre secondo l’analisi,
ultimi dati su andamento dei una crescita dei finanziamenti del vendite era tornato infatti positi- nostante le famiglie dimostrino Non tutte sono accolte tra coloro che nel 2019 sono riu-
prezzi, domanda di nuovi mutui +9,3% con 15.307 milioni. Gli ana- vo con un +1,3%; nel terzo trime- un continuo interesse per la pos- Ben quattro domande presentate sciti ad approfittare del calo dei
e ondata di rinegoziazioni dei vec- listi al momento si limitano a os- stre il calo era stato del -6,6%. sibilità di migliorare le condizioni alle banche su 10 (40,7%) hanno tassi, vi sono molti che avevano
chi finanziamenti ritornano una servare che l’erogazione di mutui Una ripresa quest’ultima fon- del proprio finanziamento, non cercato di surrogare o rinegoziare alle spalle già una o più surroghe;
fotografia che ha iniziano a scon- dovrebbe registrare ancora un damentalmente spinta dall’ulte- sempre riescono nell’intento. Lo il proprio mutuo, tra loro, quasi 1 questa casistica fa capo a circa
tare qualche difficoltà legata al calo nel primo trimestre 2020. La riore crollo dei tassi d’interesse studio analitico di Facile.it emer- su 3 (28,9%), pari a 425.000 nuclei 21.200 famiglie.
momento di emergenza: in gene- ge che se, nel 2019, 4 rispondenti familiari, si è visto respingere la Ma c’è anche chi non ci ha
rale, i dati Eurostat che arrivano su 10 (40,7%) hanno cercato di domanda. nemmeno provato. La fotografia
sui prezzi delle abitazioni nel
quarto trimestre del 2019 dicono
che sono aumentati del 4,2% nel-
40%
CRESCE LA RICHIESTA
29%
UN ESITO NEGATIVO
surrogare o rinegoziare il proprio
mutuo, tra loro, quasi 1 su 3
(28,9%), pari a 425.000 nuclei
del rapporto viene completata dal
dato riferito a chi ha dichiarato di
essere contento della rata mensi-
la zona euro, e del 4,7% nell’Ue- familiari, si è visto respingere la le del proprio mutuo e, pertanto,
27, rispetto allo stesso trimestre Solo nel primo Il 13% ha ricevuto domanda. Nello specifico, emer- non ha sentito l’esigenza di surro-
dell’anno precedente. In Italia,
fanalino di coda di questo trend,
trimestre 2020 un rifiuto a fronte ge che il 15,9% ha provato a surro-
gare senza successo, mentre il
gare o rinegoziare; mentre il
14,5% ha dichiarato che, pur
si è registrato un aumento dello l’interesse è stato della richiesta 13% ha ricevuto un rifiuto a fronte avendo cercato sul mercato nuo-
0,3% su base annua, sostanzial- per 4 su 10 prestiti di rinegoziazione della richiesta di rinegoziazione. ve opportunità, non è riuscito a
mente stabili, ma un calo dell’in- «Se è vero che l’istituto con cui Le condizioni trovare offerte sufficientemente
dice -0,2% rispetto al trimestre abbiamo il mutuo non può oppor- Il passaggio ad un’altra banca vantaggiose. Vi è poi un’ultima
precedente. si alla nostra volontà di migrare Il 59% dei richiedenti è riuscito a fetta significativa di rispondenti,
Intanto, sulla base degli ultimi altrove - spiega Ivano Cresto, re- rinegoziare il finanziamento con il 13,6%, che ha dichiarato di non
report di Bankitalia, sta rallen- sponsabile mutui del portale Fa- la propria banca (34%) e solo quasi aver nemmeno valutato l’oppor-
tando complessivamente il ritmo cile.it - è bene sapere che la banca tre su dieci ha invece surrogato in tunità di abbassare la rata perché
delle compravendite e, di conse- cui ci rivolgiamo per la surroga favore di un altro istituto di credi- riteneva troppo impegnativo cer-
guenza, il tasso di domanda di non è obbligata ad accettare la to (25%). care una nuova banca.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/oBBQrPuaCozI=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 9

Como
REDCRONACA@LAPROVINCIA.IT Michele Sada m.sada@laprovincia.it, Barbara Faverio b.faverio@laprovincia.it, Stefano Ferrari s.ferrari@laprovincia.it,
Tel. 031 582311 Fax 031 582421 Paolo Moretti p.moretti@laprovincia.it, Gisella Roncoroni g.roncoroni@laprovincia.it

L'INTERVISTA ANDREA LOMBARDO. Primario di Rianimazione del S. Anna rus, la Rianimazione del Sant’An-
na era costituita da 12 posti letto.
di risposta aveva inevitabilmente
causato ansia.
«Così in tre settimane abbiamo triplicato i posti letto in Terapia intensiva» Essendo il nostro ospedale iden-
tificato come riferimento per il Come gestite il rapporto con le fami-
Coronavirus, il 22 febbraio è stato glie, in questa fase in cui nessuno può
trasferito dalla provincia di Lodi

UN MESE IN TRINCEA
avvicinarsi all’ospedale?
il primo paziente, e abbiamo In una Terapia Intensiva il rap-
aperto una nuova area di Riani- porto con i familiari è un aspetto
mazione Covid di 4 posti letto, molto delicato, e in condizioni
successivamente incrementati fi- ordinarie dedichiamo quotidia-

OGNI GIORNO C’ERANO


no a 15 entro la metà di marzo. Il namente ampio spazio al collo-
costante aumento di questi pa- quio e alle visite. Le misure di
zienti ha portato alla riconversio- isolamento hanno rappresentato
ne anche degli altri 12 letti di Ria- per i familiari un dramma nel
nimazione, per un totale di 27 dramma. Soprattutto nella prima

SEMPRE PIÙ PAZIENTI


posti, cui sono stati aggiunti 5 di fase abbiamo accolto pazienti
Terapia Subintensiva riconver- provenienti da altre province,
tendo parte della Stroke Unit, la spesso gli stessi parenti erano a
quale è stata comunque mante- loro volta in isolamento o ricove-
nuta con 8 posti letto in ambiente rati. In qualche caso con decessi
strutturalmente separato. nello stesso nucleo familiare.

E per i pazienti non contagiati? I contatti come avvengono?


Per mantenere l’assistenza a pa- Quotidianamente, durante le ore
zienti critici non-Covid, è stata pomeridiane, telefoniamo noi
aperta una nuova Terapia Inten- stessi ai parenti aggiornandoli del

L’
emergenza non è finita. siva di 5 posti letto all’interno del decorso dei loro cari. La cosa più
«Sì, l’afflusso di pazienti Blocco Operatorio. Dal punto di sorprendente è ricevere noi inco-
diminuisce, è vero, ma vista delle risorse umane, tutto raggiamento e consolazione da
questo non vuol dire che questo è stato possibile con il ri- parte loro.
il problema è risolto». Da un mese collocamento in Terapia Intensi-
Andrea Lombardo, primario di va di 23 Infermieri provenienti Si dice che gli anziani sono i soggetti
rianimazione del Sant’Anna, e la dal blocco operatorio e da altre più a rischio, ma qual è l’età media dei
sua équipe ingaggiano una lotta aree specialistiche, e il potenzia- pazienti in rianimazione?
quotidiana per strappare più pa- mento del personale medico. Me- L’età media è 62 anni, in linea con
zienti possibile dall’abbraccio rita particolare encomio una dot- i dati delle altre Terapie Intensive
mortale del virus. C’è da capirlo toressa che, andata in pensione il regionali. Esiste una correlazione
se, di fronte a una ventata di otti- 17 marzo, dal giorno successivo ha tra fasce d’età, complicanze e
mismo di fronte al calo dei nume- ripreso a lavorare come libero- mortalità. Quest’ultima si attesta
ri, lui replichi: guai abbassare la professionista. mediamente intorno al 30% tra
guardia ora. i pazienti critici, legata a compli-
Merita anche di essere citata.... canze della patologia che vanno
Com’è cambiata la rianimazione nel- Sì, certo, si tratta della collega anche al di là dell’insufficienza
l’ultimo mese? Laura Bile. Che, ancora oggi, ga- respiratoria tra cui insufficienza
La necessità di ricoverare pazien- rantisce il suo aiuto in questa renale, complicanze cardiocirco-
ti critici affetti da questa patologia grande area intensiva sono che ad latorie, neurologiche e trombo-
altamente contagiosa, ha imposto oggi impiega ben 86 infermieri (di emboliche. Un aspetto particola-
un lavoro di revisione organizza- cui 2 Coordinatori), 10 operatori re è la maggiore incidenza tra la
tivo-strutturale, sia dei percorsi Andrea Lombardo socio-sanitari e 22 medici aneste- popolazione maschile, che rap-
che delle modalità di approccio al sisti rianimatori, adiuvati dal per- presenta circa l’80% dei ricovera-
paziente. Il nostro lavoro è stato non solo per il personale sanitario interna, individuando équipe di che hanno mostrato grande pro- sonale del concessionario servizi ti in Rianimazione. Situazioni a
reso ancora più difficile dalla ma anche per gli altri malati. Inol- medici e infermieri che ad ogni fessionalità e spirito di sacrificio, ReKeep (che garantisce la sanifi- rischio sono l’obesità e le patolo-
quantità di pazienti altamente tre, la necessità di ricorrere ai fa- turno stabiliscono le opportune gravato anche dalla revoca delle cazione dei reparti ndr). gie cardiovascolari, tra cui l’iper-
complessi, e dall’incremento mosi “dispositivi di protezione linee di intervento. I ritmi quoti- ferie per garantire la presenza in tensione arteriosa.
esponenziale dei ricoveri che ab- individuale” - sempre assicurati diani sono scanditi da tempi e servizio del personale necessario
biamo osservato nelle prime set- a tutto il personale - ha reso fisica- programmi stabiliti, e dalla loro alla sostenibilità di questo impo- Dal punto di vista emotivo qual è Quali le fasce d’età che rischiano le
timane. mente ed emotivamente più pe- costante condivisione tra le di- nente riassetto organizzativo. Al- stata la difficoltà più grande? complicanze più gravi
sante il lavoro. Ad ogni turno ini- verse figure professionali. Le pro- lo stesso modo un riconoscimen- Confrontarsi con numeri molto Il rischio aumenta con l’avanzare
Questo che riflessi ha avuto sulla vo- zia per tutti il rituale di vestizione cedure devono adesso, più che to ai miei medici, che fin dall’ini- alti di fronte a una patologia non dell’età: intorno al 10% tra i 60-69
stro lavoro? fatto di cuffie, occhiali, mascheri- mai, essere scrupolosamente zio lavorano senza sosta per fron- così conosciuta e non pronta- anni, 25% tra i 70-79 anni e supera
Al giorno d’oggi sentiamo parlare ne filtranti, tute protettive, copri- programmate per mantenere i teggiare questa straordinaria mente risolvibile mette ansia, so- il 40% oltre gli 80 anni.
delle “Terapie Intensive aperte”, scarpe e doppi strati di guanti, necessari livelli di sicurezza. emergenza sanitaria. prattutto nella fase iniziale quan-
basate sull’umanizzazione delle così come a fine turno ancor più do i numeri crescevano e cresce- Quando finirà?
cure, mentre in questa emergen- delicate sono le procedure di sve- Il contraccolpo umano sul personale Come siete riusciti a trovare sempre vano e non era possibile com- Un segnale di speranza si legge in
za siamo stati obbligati a tracciare stizione. Questa nuova dimensio- com’è stato? più posti letto, a fronte di un afflusso prendere quale sarebbe stato termini di riduzione di afflusso,
delle linee nette di confine per ne ci ha portati a modificare an- Una nota di merito va ai nostri così massiccio di pazienti complessi? l’epice. L’entità del problema in ma il problema non è risolto.
contenere i rischi di infezione che l’organizzazione lavorativa infermieri e ai loro coordinatori Prima dell’emergenza Coronavi- termini organizzativi e capacità P.Mor.

«Allarme case di riposo» quadro che emerge è disastroso,


moltissimi i casi di positività».

Ma l’ex Asl: buoni risultati


In una nota, la prima dopo
settimane di silenzio, l’Ats scri-
ve di aver «distribuito alle Rsa
della provincia di Como 29.878
Polemica con i sindacati ne e cura dei più fragili in luogo dispositivi di protezione e di
di sofferenza e troppo spesso di aver effettuato o distribuito 415
«Non c’è più tempo». morte - scrivono in una nota Fp tamponi per operatori e ospiti».
Il grido d’allarme arriva dai la- Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl - Più di un «Su 10.068 ospiti in struttura
voratori che operano nelle resi- mese fa abbiamo segnalato a nelle province di Como e Varese
denze sanitarie assistenziali, Regione, al prefetto, ad Ats (ex - scrive - sono deceduti in ospe-
case di riposo e nel settore socio Asl) e ai datori di lavoro le criti- dale o in struttura 30 soggetti,
sanitario e assistenziale. «As- cità, chiedendo la fornitura di pari allo 0,3%. Un attento moni-
senza di prevenzione e di piani idonei dispositivi di protezione toraggio della situazione nelle
d’intervento/protocolli per ge- e la rilevazione del contagio nel- Rsa del territorio ha prodotto il
stire l’emergenza, associati alla le strutture attraverso il tampo- risultato positivo di un elevato
carenza di dispositivi di prote- ne per tutti gli ospiti e i lavora- numero di Rsa senza casi Co-
zione e la carente formazione tori. Le nostre richieste non so- vid». «Sono state trasmesse alle
garantita ai lavoratori, hanno no state ascoltate, non esiste un strutture sociosanitarie, pun-
trasformato molte strutture re- piano condiviso e strutturato tualmente, tutte le comunica-
sidenziali da luogo di protezio- per affrontare l’emergenza. Il zioni pervenute da Regione».

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/oB7gwdVnHGXo=
10 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Coronavirus La situazione sul Lario

Ieri troppi in giro


Scuse incredibili
ai posti di blocco
Tavernola. «Ho la segatura per il cane di mio figlio»
Quante persone si spostano senza alcuna motivazione
In via Asiago due sanzioni in meno di un’ora di controlli
PAOLO MORETTI vigilia del ponte pasquale, e via Sagnino». «E perché viene a Ta-
«Buongiorno, da dove Asiago è - a seconda di quale vernola?». «A Ponte Chiasso la
arriva?». «Da Sagnino». «E dove metro di giudizio la si veda - de- banca era chiusa». «Ma lo sa che
sta andando?». «Al Bennet di serta (se fosse un periodo nor- comunque le banche ricevono
Tavernola». «Ma a Sagnino c’è il male), sempre troppo trafficata solo su appuntamento?». Risul-
Gran Mercato, non è più vici- (considerata l’emergenza coro- tato: 373 euro di sanzione. Uno dei carabinieri in servizio al posto di blocco posizionato ieri a Tavernola in via Asiago FOTOSERVIZIO BUTTI
no?». «Sì, ma lì stanno facendo navirus): una media di un’auto
i lavori e non si può arrivare..». ogni 15/20 secondi non è poco. La segatura e la doccia
«In realtà non ci risulta». «No, La Golf riparte e i militari ri- Ma la casistica delle scuse che i
è che sono in giro per lavoro». cominciano i controlli: ecco una carabinieri si sentono snoccio-
«Ah, e che lavoro fa? Guardi che donna su una Punto («lavoro in lare è lunga. Un uomo ha cercato
deve fare un’auto certificazione un’impresa di pulizie» tutto ok), di evitare la multa sostenendo
e se poi dice il falso c’è la denun- un uomo su una 500 («lavoro per di essere andato a comprare la
cia penale». «Ah... no, la verità è un’azienda chimica», anche qui segatura per il cane a suo figlio.
che sono abituato ad andare al tutto ok), un altro al volante di Un altro ha spiegato che finito
Bennet e quindi vado al Bennet». una Hyundai («sono un fronta- il lavoro lui va sempre dalla ma-
liere, faccio l’autista. Sto tornan- dre a fare la doccia e solo dopo
Due multe in un’ora do a casa», in regola pure lui), e va a casa: «Questione di abitudi-
Sembra la versione aggiornata un uomo in sella a uno scooter. ne».
- e purtroppo ben più tragica - Esibisce l’autocertificazione, Dall’altra parte della strada
delle scuse alla Blues Brothers dove nella parte tratteggiata se- due uomini su una Mercedes
(la lavanderia non mi ha portato guita dalla frase “A questo ri- cercano di immettersi in via
il vestito, ho bucato, un’inonda- guardo, dichiara che” si legge Asiago superando la doppia li-
zione...), quella che i carabinieri solo: BANCA. Scritto così, tutto nea continua: strategia perfetta Ogni persona fermata ingaggia un lungo dialogo con i carabinieri per spiegare i motivi per cui ci si muove
di Como (così come tutte le altre in stampatello. «Ma sono passa- per richiamare l’attenzione dei
forze di polizia impegnate a far te le 15.30, le banche sono chiu- carabinieri: «Ma voi, perché sie-
rispettare la normativa anticon- se». «Ma io ho una scadenza da te in giro in due a fare la spesa al
tagio) si sentono raccontare a pagare». «Faccia vedere... ma so- consorzio agrario?». Niente san-
ogni posto di controllo. no 18 euro che avrebbe dovuto zione, il motivo addotto era vali-
Proprio come ieri, in via Asia- pagare due settimane fa, perché do. Viene fermata un’altra auto:
go, appena fuori dalla rampa che proprio ora? Dove abita?». «A «Sono infermiera, ho finito il
arriva dall’autostrada. Pronti, turno». Il carabiniere la guarda,
via, ecco il fedelissimo del Ben- sorride: «Mi scusi se l’ho ferma-
net, arrivare al volante di una ta. Grazie». Poi tocca a una don-
rombante Golf. Dopo minuti n La multa na, disabile: arriva da Campione
estenuanti di scuse e correzioni, ammonta a 373 euro d’Italia a fare la spesa: «Il Bennet
riceve dai carabinieri della ra- per me è il supermarket più vici-
diomobile una sanzione da 373 se viene pagata no». Dice. I militari sospirano.
euro (se paga entro 30 giorni, entro un mese Niente sanzione. Com’era la
altrimenti sale a 533). strofa di De Andrè sul cuore te-
È il primo pomeriggio della Se no sale a 533 euro nero dei carabinieri? Ieri all’ uscita dello svincolo dell’autostrada a Tavernola due sanzioni in meno di un’ora

IL VIRUS E LE NOSTRE ABITUDINI gatto sono riusciti a mangiar-


li?».
fatte a casa, fare la spesa giu-
sta è diventato più difficile Riaprono da martedì
La spesa non è più diciotto uffici postali
«Io dovevo andare stamatti- che vincere alla lotteria.
na, ma c’erano talmente tante Nella settimana di Pasqua
persone in coda che ho rinuncia- le code, poi, si sono allungate,

quella di una volta to».


«Per forza, dovevi andare a
mezzogiorno, non c’è mai nessu-
ma non bisogna cedere alla
tentazione di spostarsi dal
Comune di residenza, perché
In sicurezza
A Como e in diversi comuni
zo, Erba 1, Gironico, Montesola-
ro e San Fermo della Battaglia.

Neanche a Pasqua no».


«Ma io sono andata a mezzo-
giorno».
le regole sono regole. E se
finisce che ti contagi solo
perché volevi andare a spasso
della provincia, operativo
anche quello all’interno
Dall’8 aprile inoltre è stato
riaperto anche l’ufficio postale
all’interno del Tribunale.
«Ah». usando la scusa della spesa, del Tribunale La riapertura è stata possibi-
Se ci fossero le intercettazio- sono Covid tuoi. le grazie all’adozione di misure
A partire dal 14 aprile di sicurezza come l’installazio-

«I
l popolo ha fa- guanti, mascherine, carrello e ni telefoniche, i tabulati regi- Anche se è tornato di mo-
me, serve pa- sguardi insofferenti uguali al strerebbero solo conversazioni da comperare il pane del pa- tornano operativi 18 uffici po- ne di pannelli schermanti in
ne». «Dateglie- nostro. E il percorso di guerra di questo tipo. nettiere, la carne dal macel- stali della provincia di Como, il plexiglass e il posizionamento
lo». «Non ce tra gli scaffali, ripassato mental- Cambia l’ordine degli adden- laio, la frutta dal fruttivendo- cui orario di apertura al pubbli- di strisce di sicurezza che garan-
n’è». «Dategli la farina». mente come piloti la sera prima, di, l’ora, il giorno, e il nome del lo e anzi farseli portare a casa co è stato temporaneamente ri- tiscano il mantenimento della
«Ma è proprio quella che cambia appena arriva il proprio supermercato, ma il risultato con il giornale, sembra pro- modulato nelle ultime settima- distanza interpersonale di al-
manca!». «Dategli le uova». turno. E il progetto “entro, pren- non cambia. E quando si arriva prio che molti non vogliano ne in ottemperanza ai provvedi- meno un metro fra gli utenti,
«Le hanno usate tutte per do, esco, ciao” si perde in un a casa con i sacchi inizia la vera rinunciare a un giro tra gli menti governativi in materia di nonché di accurate procedure
fare le brioche in casa». labirinto di incertezze. penitenza, perché c’è sempre scaffali. Anche perché è la contenimento del virus e di- di sanificazione.
Ci fosse stata Maria Anto- «Ma tu lo sai che io, scientifi- qualcosa che non va (e poco o prima “Pasqua con i tuoi” stanziamento interpersonale. «Poste Italiane - si legge in
nietta al comando, l’avrebbe- ca come sono, ora invece vengo niente di quello che va bene). della storia dell’umanità, Gli uffici che riapriranno sa- una nota dell’azienda - invita i
ro decapitata un’altra volta. assalita da un senso di panico La spesa è il nuovo “non si quindi andrebbe festeggiata ranno quelli comaschi di via cittadini ad entrare negli uffici
Fare la spesa ai tempi del tale che sbaglio tutto? Cosi fini- parla d’altro”. Prima non ne par- anche meglio di Natale. Ma Aristide Bari, via Bellinzona, via postali esclusivamente per
Covid è diventato più diffici- sce che quando esco ho dimenti- lava nessuno, si faceva e basta. il diavolo, si sa, fa le pentole El Alamein, via Fulda e via Ison- compiere operazioni essenziali
le, e infatti non c’è telefonata cato metà delle cose, di solito Adesso è diventata un caso di e non i coperchi, e quindi di zo, quello di Breccia in via Mal- e indifferibili e, ove possibile,
del giorno, tra amiche e colle- quelle che piacciono a me». Stato sul quale premier, mini- solito ti fa trovare tutto, tran- vito, a Camerlata in via Badone, dotati di misure di protezione
ghi, che non tocchi l’argo- «Ma tu lo sai che io, agitata stri, prefetti, sindaci, famiglie, ne quello che ti serviva: alcol, a Lora in via Oltrecolle, a Taver- come guanti e mascherina,
mento. Tutte le aspettative come sono, un giorno ho buttato cercano di trovare la quadra. E lievito e il tuo gelato preferi- nola in via Conciliazione. Ria- mantenendo obbligatoriamen-
della vigilia si sgretolano di nel carrello 10 salamini così siccome la quadra viene sempre to. prono i noltre gli uffici diCasa- te le distanze di sicurezza, al-
fronte alla fila di persone con schifosi che né mio marito né il storta come i bordi delle pizze Anna Savini sco d’Intelv, Cascina Amata, Ca- l’esterno e all’interno dei loca-
slino al Piano, Cremnago, Drez- li».

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/o/pEV0Vkyxjs=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 11
Coronavirus Forze dell’ordine in campo in provincia

Niente gite: controlli anche sui sentieri


Il piano. Polizia Stradale sulla Regina, Carabinieri sulla vecchia strada e Soccorso Alpino sugli accessi ai monti
Il lago e i paesi della Valle Intelvi e del Ceresio “blindati” per evitare che si muovano i vacanzieri di Pasquetta
TREMEZZINA Lario-Occidentale e Ceresio. Sul
MARCO PALUMBO fatto che l’intenzione sia quella di L’appello
Il lago e buona parte del- impedire o quantomeno limitare
le valli adiacenti, in piena emer-
genza Coronavirus, si blindano in
il più possibile gli accessi alle fra-
zioni montane, lo dimostra il fatto
«Non salite
vista del lunghissimo week end di
Pasqua e lo fanno, per la parte
che già nel tardo pomeriggio di
ieri i tecnici del Soccorso alpino
a Brunate»
montana, attraverso una novità
assoluta: l’impiego dei tecnici del
erano in azione località Acqua-
fredda a Lenno, importante sno-
Posizionati
Soccorso alpino.
Se dunque la Polstrada presi-
do ubicato in cima all’abitato da
cui partono due importanti sen-
i new jersey
dierà o meglio darà corso ad posto tieri montani, uno che conduce
di controllo fisso lungo la Regina verso la località di Narro e l’altro «Un invito accorato a tutti i
e i carabinieri saranno chiamati - meta ideale per passeggiate e comaschi: non salite a Brunate
a presidiare la “strada bassa” (la gite fuori porta (assolutamente per Pasqua e per Pasquetta». Il
vecchia Regina), l’intera stazione off limits, questo va rimarcato) - bellissimo balcone sopra Como,
Lario Occidentale del Soccorso che porta verso l’Abbazia di San tradizionale meta per una
alpino - che fa capo alla XIX Dele- Benedetto in Val Perlana. escursione veloce e mozzafiato,
gazione Lariana - sarà impegnata rimarrà senza i suoi estimatori.
sulle principali vie d’accesso che Da ieri fino a Pasquetta Il sindaco Saverio Saffioti ha già
portano alle frazioni montane di E il discorso vale anche per le predisposto presidi di controllo
parte dei Comuni intelvesi, del frazioni montane di Ossuccio, ac- da parte dei volontari della
Porlezzese, ma anche della lunga cessibili da più punti. Al debutto Protezione Civile e ci saranno
fascia costiera che parte da Co- di questo nuovo e importante si- anche i Carabinieri a vigilare
lonno e arriva a San Siro, passan- stema operativo di monitoraggio sull’accesso al Balcone delle
do per Sala Comacina, i quattro del territorio - accanto al Soccor- Alpi in questo week end di festa
Municipi di Tremezzina, Griante, so alpino - c’erano il maresciallo in cui il bel tempo catalizzerà
Menaggio e San Siro. Paolo Lo Giudice, comandante ancor più fortemente la voglia
della stazione carabinieri di Tre- I controlli del Soccorso Alpino sui sentieri sono cominciati già nella serata di ieri FOTO SELVA di uscire di casa per una grade-
Venti tecnici impiegati mezzina e il comandante della vole gita fuoriporta. Chi salirà a
Più di 20 i tecnici impiegati, con polizia locale, Massimo Castelli. Brunate inevitabilmente trove-
cinque mezzi a supporto. La defi- Di sicuro, l’attenzione dovrà ri- rà qualcuno che gli dirà “Torna a
nizione esatta per comprendere manere alta per tutte le 72 ore del casa!” e che gli eleverà anche
appieno quale sarà il ruolo del lungo fine settimana di Pasqua. una sanzione.
soccorso alpino sta nella parola Anche perché, come hanno fatto «Non venite a Brunate – com-
“osservatori”. Insomma, tocche- notare gli stessi tecnici del Soc- menta il primo cittadino – ab-
rà a loro monitorare sino a lunedì corso alpino, un eventuale malore biamo bloccato i sentieri con i
pomeriggio le principali vie d’ac- (classico esempio) in una baita new jersey e messo dei cartelli
cesso che portano ai monti. I tec- montana dovrà essere trattato in che parlano molto chiaro».
nici del Soccorso Alpino non po- tutto e per tutto come un sospetto «Stiamo a casa! - c’è scritto in
tranno chiedere documenti, ma caso di Covid 19. E ciò significhe- grande e in tono perentorio su
- questo sì - allertare subito le rebbe un intervento sul campo questi cartelli che saranno
forze dell’ordine e le polizie locali con tanto di mascherine protetti- affissi in paese – la salute tua e
in caso di comportamenti scor- ve, guanti e protezioni in un diffi- di tutti è un diritto fondamenta-
retti. Si tratta, come detto, di una cile contesto come quello monta- le, sancito dalla Costituzione.
prima “assoluta” nata da una pro- no. Vuoi tutelare, per te e per tutti,
ficua collaborazione che ha coin- Negli ultimi giorni i carabinieri il diritto alla salute? Bene, torna
volto i Coc (Centro Operativi Co- di Tremezzina hanno elevato due a casa! Tornando a casa, oltre a
munali) e dunque in primis i sin- sanzioni - da 500 e da 400 euro - tutelare te stesso e gli altri,
daci, le forze dell’ordine e non da ad altrettanti privati pizzicati sui eviterai di incappare nei con-
ultimo la prefettura, in accordo sentieri montani . L’appello forte trolli e di essere pesantemente
con il responsabile della stazione resta quello di rimanere a casa. I mezzi a disposizione per garantire i controlli sulle strade sanzionato». P. MAS.

«Troppi arrivi in questi giorni dersi ancora di più con l’arrivo


di nuove persone è assoluta-
mente reale Non tutti hanno
capito che serve una giustifi-
di finanza. Stessa situazione
anche in Alta Valle Intelvi do-
ve il sindaco Marcello Gran-
di ha chiesto ufficialmente

Si rischia di espandere il contagio» cazione valida per muoversi.


Ignorare il divieto è un reato
così come questi arrivi incon-
trollati per le festività pasquali
l’intervento di Prefetto, Que-
store e Arma dei Carabinieri.
Più tranquilla la situazione
in Bassa Valle come conferma-
. Altro che un soggiorno rilas- to dal sindaco di Dizzasco Al-
Valle Intelvi mitano lo spostamento dal- sato. Qui c’è il pericolo concre- do Riva. «Sono pochi e tra
La preoccupazione l’abitazione principale». to che ci ammaliamo tutti. C’è questi c’è chi è arrivato a feb-
Lo ha strillato Pozzi che ha chi ha chiesto perfino le ma- braio». Anche a Cerano la si-
dei sindaci che hanno notato
rilevato personalmente un scherine. Faccio ulteriormen- tuazione sembra piuttosto se-
la riapertura (vietata) flusso anomalo di vacanzieri te appello al senso di respon- rena rispetto al resto della Val-
di numerose seconde case verso le seconde case. «Trop- sabilità di tutti- conclude- af- le: «Villeggianti ce ne sono-
pa gente in giro- rimarca Poz- finchè si ponga un freno a que- conferma il sindaco Oscar
Troppi villeggianti. E zi- In tanti ancora non hanno sta situazione che potrebbe Gandola- Bisogna ricordare
sindaci sul piede di guerra. Il recepito il messaggio che biso- degenerare». che le seconde case son tante.
giorno dopo la lettera inviata a gna stare a casa evitando il più Il malumore cresce di ora in E i più sono arrivati prima che
questore e prefetto (ne abbia- possibile contatti . Ho fatto un ora tra i residenti come dimo- scattassero i divieti».
mo riferito nell’edizione di ie- giro di ricognizione sulle zone strato dai dibattiti aperti sui La Valle Intelvi storicamen-
ri, ndr) l’allerta continua. « In residenziali del territorio co- social. I “signori villeggianti” te è una zona ad alta vocazione
questo momento di grave munale. Purtroppo, con ram- come li chiamano a questi lati- turistica. Da sempre le dimore
emergenza essere proprietari marico, devo constatare che tudini non senza un pizzico di di villeggiatura hanno rappre-
di una casa di vacanza e non sono molti gli arrivi. A San Fe- fastidio, arrivano alla spiccio- sentato una risorsa per i co-
potervi accedere se non per dele come nella frazioni di Ca- lata e alle ore più impensate muni per il gettito tributario e
comprovate e motivate ragio- sasco e Castiglione». per aggirare i controlli delle nel contempo sono un valido
ni, non è un diritto tutelato La questione sanitaria sta forze dell’ordine. Controlli indotto in tutto il comparto
dalla legge- afferma il sindaco naturalmente al centro dei che ci sono. Oltre che dai cara- turistico. Ma -come detto- non
di Centro Valle Mario Pozzi- pensieri di tutti. «La Valle binieri delle locali stazioni, da è questo il periodo per decide-
Andare nella seconda casa in- d’Intelvi è ormai diventata nucleo radiomobile della re di salire in Valle a prendere
somma non si può almeno fino una zona rossa - continua il compagnia di Menaggio e con un po’ d’aria buona. Il tempo,
a quando resteranno in vigore primo cittadino - Il pericolo presidi fissi ed itineranti an- si spera, non mancherà.
le disposizioni che vietano o li- che il contagio possa espan- Un singolare scorcio di Dizzasco, paese della bassa Valle che dagli uomini della guardia Francesco Aita

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/ojTEuEV/J8/I=
12 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/o/gtZBZRU3m4=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 13
Coronavirus La situazione sul Lario
L'INTERVISTA RAFFAELE MANTEGAZZA. Docente di pedagogia normalità sarà un incontro di
storie, di sofferenze e di velocità
Scacciamo la depressione alzan-
do il telefono. Contattiamo figli
all’Università di Milano Bicocca diverse. C’è chi ha continuato a
lavorare, chi come i medici e gli
e parenti ogni giorno. Giusto per
una battuta, ma anche piangere
infermieri ha dato il sangue per insieme alla cornetta fa bene.
il prossimo. Chi ha perso il lavo-

«RITROVEREMO LA VITA
ro ed è rimasto in salotto, chi ha E chi ha tanti bimbi?
vissuto tutto questo limbo senza Mi ha appena scritto una mia
nessuno accanto. cara studentessa con una bella
famiglia di sette persone. La casa

MA ORA RESISTIAMO
Quali guide ci rimangono? è piccina e ogni tanto c’è un po’
Purtroppo stiamo perdendo di crisi. A lei ho consigliato di
tantissimi nonni. Gli anziani de- occupare una stanza per un’ora
ceduti erano un bene prezioso, al giorno a testa. Da soli, porta

O DOPO SARÀ PEGGIO»


anzi inestimabile. Ho degli ami- chiusa. Tocca un turno anche
ci nella bergamasca che mi rac- alla mamma e uno al papà. Per-
contano che non c’è famiglia che ché in queste condizioni è la pri-
non pianga un nonno scompar- vacy che manca. E’ il contrario
so. Perdiamo la nostra memoria della solitudine, sì, ma è un bel
storica. La prossima generazio- problema comunque.
ne sarà composta da migliaia di
SERGIO BACCILIERI li sociali? bambini senza nonni. Questo Insomma ognuno ha i suoi guai?
Sicuramente, ma proviamo a dolore spero ci aiuti a riflettere Dopo questo disastro sarà bello
a primavera è sbocciata, pensare che questa strana pa- su quanto abbiamo di recente raccogliere tutte le storie. Rac-

L c’è il pranzo di Pasqua da


preparare. Dopo più di un
mese di isolamento la vo-
glia di riabbracciare i propri cari
è tanta, come la voglia di fare una
rentesi è temporanea. Proviamo
a cogliere il momento. Non stia-
mo perdendo niente. Salvo pur-
troppo i nostri cari malati che
non ce l’hanno fatta e agli altri
trascurato gli anziani. Dobbia-
mo tenerli cari, dobbiamo uscir-
ne con una nuova considerazio-
ne sulla terza età.
contare la resistenza dell’uomo
al virus. Saranno voci ed episodi
semplici forse, sono sicuro che
dimostreranno che siamo forti,
che l’umanità quando vuole è
passeggiata in riva al lago. Ne che stanno ancora lottando, il Come tenere impegnato il cervello coraggiosa.
parliamo con Raffaelle Mante- tempo tornerà. Dopo questo sa- in questi giorni?
gazza, docente di Pedagogia al- crificio ritroveremo ciò che ave- Recuperiamo quello che ci pia- Anche questa peste può insegnarci
l’Università di Milano Bicocca. vamo e lo avremo addirittura ceva. Proviamo a giocare a scac- qualcosa?
migliorato. E’ la logica del desi- chi a distanza, leggiamo. Ognu- Ho l’impressione che sia una
Professore, non ha l’impressione derio, dell’attesa. Questa guerra no di noi aveva delle cose che specie di metafora. Avevamo pa-
che tutti stiano per uscire di casa? finirà. Non può andare avanti amava seguire da giovane e poi ura della guerra, dei marziani,
Temo di sì. E forse per questo ci per anni. Noi sappiamo che ce la ha perduto il tempo per farle. Il delle bombe atomiche. Invece
troviamo nel momento più diffi- faremo e che presto o tardi po- gioco, la musica. Troviamo sol- siamo stati messi in ginocchio da
cile. La tensione è calata come tremo di nuovo fare tutto, solo lievo e riscopriamo le passioni qualcosa di naturale e così pic-
l’allarme iniziale. Manca l’ele- con più gioia. Non cediamo, an- dimenticate. Raccomando di ap- colo che nemmeno si vede ad
mento di novità negativo che ci dare in giro ora significa alimen- prezzare anche i pomeriggi no- occhio nudo. Forse adesso pos-
teneva bloccati. Le bandiere e le tare il contagio e prolungare an- iosi, annoiarsi è importante. Ci siamo scoprire la nostra fragili-
canzoni dalle finestre. I numeri cor di più l’agonia. Il pedagogista comasco Raffaele Mantegazza siamo scordati com’era non fare tà. Su questa terra dobbiamo
del contagio diminuiscono timi- nulla. Anche se non riempiamo rimetterci al nostro posto.
damente, emergono le esigenze È sicuro che ritroveremo tutto? tri, superare l’iniziale paura del- anche una volta passata questa ogni minuto va bene lo stesso.
lavorative, la fatica. Forse c’è No, è vero, non sono sicuro. la socialità. Non sarà facile. tempesta. Altrimenti sarebbe E magari dipingere un’orizzonte più
meno senso di responsabilità. L’umanità dopo il Covid dovrà gravissimo. L’infanzia non può E’ lunga la giornata se si è soli. felice?
Ma dobbiamo tenere duro. Dob- fare delle scelte. Dovrà recupe- Come spiegarlo ai nostri figli? essere una vittima del contagio. A chi è rimasto a casa da solo Dobbiamo provarci. Forse per
biamo inventarci il modo di re- rare il meglio e cambiare alcune I bambini dovranno tornare a Servirà molta cautela psicologi- suggerisco di non tenere troppo riuscirci ci aiuterebbe avere una
stare a casa nei prossimi giorni. abitudini. Occorre capire che il sporcarsi per terra e a giocare ca e un po’ di serenità. il pigiama. Non serve la cravatta previsione sicura. Il balletto del-
Dobbiamo resistere a questa ritmo frenetico che avevamo insieme. Hanno bisogno di ab- al mattino, ma vestiamoci bene. le date, dei rinvii, giorno dopo
primavera che ci chiama e non prima era un errore, non era bracciarsi ancora. E se poi nel Quante cose dovremo imparare? Apparecchiamo sempre con cu- giorno crea angoscia. Siamo tra-
è mai stata così bella. normale. Siamo passati dalla ra- frattempo avranno tutti impara- Molte ed io spero che ci siano ra la tavola per mangiare. Sono volti da statistiche e numeri che
pidità al vuoto. Dopo il Covid to a lavarsi bene le manine tanto delle guide sagge capaci di indi- dei riti molto importanti. Non è difficile capire, non tutti siamo
Riemerge la nostra natura di anima- dovremo fidarci gli uni degli al- meglio. Ma saranno dei bambini carci la strada. Il ritorno alla deve sembrare una quarantena. tanto esperti da orientarci.

I video delle giornate in famiglia? Piantine e poesie


«Mandatemeli, ne farò un film» Il regalo agli anziani
L’iniziativa tà, leggendo storie, facendo tale, perché vogliamo utiliz-
Il videomaker Ferrario due tiri a pallone, oppure os- zare il filmato 16:9».
servandoli mentre si danno Dopo di che si può fare di
e la cooperativa Cava ai loro passatempi preferiti e tutto: «Può essere utilizzata
lanciano il progetto magari c’è chi si annoia anche qualsiasi modalità di raccon-
“Live the day” un po’. E proprio nel tentati- to. Potete mettervi davanti
vo di combattere la noia, che alla telecamera e mostrarci
Raccontare con un a noi adulti spesso invece to- come svolgete delle attività,
film corale la vita quotidiana glie il respiro, abbiamo pen- oppure essere spontanei con
delle famiglie in un momento sato di raccogliere tutte le momenti di vissuto quotidia-
unico – speriamo irripetibile storie e di raccontarle in no. Potete fare un racconto,
– per l’umanità. un’unica caleidoscopica gior- inscenare una piccola ‘reci-
Un’idea del videomaker nata». ta’, o, semplicemente, rac-
comasco Marco Ferrario, contare un momento vissuto
che collabora con la coopera- Niente limiti alla fantasia in questi giorni che vi ha par- Fiori, bigliettini e una filastrocca consegnati ieri
tiva olgiatese Cava, che opera L’invito che arriva dal video- ticolarmente coinvolti. Pote-
nell’ambito dei servizi alla maker comasco è aperto a te farvi delle interviste a vi- Ca’ d’Industria altrimenti destinate al macero,
persona. tutte le famiglie: «Girate dei cenda, serie o scherzose. Po- Il pensiero dei bambini grazie alla collaborazione con
«Con loro - racconta Fer- video delle vostre giornate in tete usare la vostra voce per l’istituto agrario Castiglioni di
della primaria
rario - è nata l’idea di far rea- Marco Ferrario casa con i vostri figli, raccon- narrare o semplicemente Limbiate e l’associazione dei ge-
lizzare dei video ai genitori tateli e raccontatevi. Noi spiegare, oppure potete la- e della materna nitori Collaboriamo.
dei ragazzi che usufruiscono confini geografici. «Il punto metteremo insieme tutte le sciare che il suono naturale di via Brambilla I bambini, invece, con l’aiuto
dei servizi della cooperativa, di partenza – spiega – era rea- vostre idee in un unico video della scena faccia parte del delle maestre hanno ideato i bi-
per condividere questi mo- lizzare un corto o un medio- che racconterà una sola sto- racconto». Essere vicini, pur ri- gliettini augurali, uniti alla poe-
menti e anche per far tra- metraggio. Magari anche un ria, la nostra». «Riprendetevi mentre gio- spettando le distanze. Non po- sia scelta e studiata dagli alunni
scorrere creativamente le lungometraggio: dipende “Live the day” è il titolo del cate, mentre ballate, mentre tendosi svolgere il tradizionale delle elementari (la “filastrocca
ore a bambini che non hanno dalla quantità di materiale progetto e anche della pagina fate merenda... Insomma, incontro con gli ospiti della Ca’ della meraviglia” di Bruno To-
più una socialità». che arriva. La risposta inizia- Facebook dove è possibile mentre raccontate le vostre d’Industria, i bambini dell’in- gnolini). Ieri mattina è stata ef-
le è stata così positiva che ab- trovare tutte le indicazioni. È giornate». fanzia e della primaria di via fettuata la consegna alla struttu-
L’idea biamo subito deciso di allar- lasciata la massima libertà, Per partecipare al progetto Brambilla hanno pensato a un ra di via Brambilla: un semplice
Da un piccolo seme, una gare la prospettiva». ma ci sono delle linee guida bisogna compilare un format piccolo, ma significativo pensie- gesto, ma al contempo un segno
grande pianta: le prospettive «Molti di noi stanno tra- per garantire una certa uni- disponibile alla pagina Face- ro colorato. di vicinanza ai nostri anziani, i
della rete sono infinite e, scorrendo le settimane in fa- formità: «La regola principa- book “Live the Day - Il film La scuola, infatti, ha acquista- più colpiti dall’epidemia, oltre a
quindi, anche questa narra- miglia, con i figli: organiz- le è girare tenendo lo smar- corale”. to circa 150 piantine colorate fra un variopinto messaggio di spe-
zione video può uscire dai zando giochi o piccole attivi- tphone o il tablet in orizzon- A. Bru. gerani, lantane e nuove Guinea, ranza. A. Qua.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/oV8wqu5J/FIQ=
14 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Coronavirus Le imprese e il lavoro


Grande distribuzione Le categorie del commercio di ranno i lavoratori della Grande sarebbe stata una misura coe- presidente della Regione più
Cgil, Cisl e Uil della Lombardia distribuzione organizzata (Gdo) rente per arginare il contagio da colpita dalla pandemia, contra-
Supermercati aperti a Pasqua esprimono la loro «netta contra-
rietà» alla decisione della Regio-
a «rimanere a casa consapevoli
di non togliere nulla in termini di
Covid-19 a favore di una più
efficace limitazione di mobilità
riamente a quanto deciso da
diverse Regioni italiane, dimo-
I sindacati: «Grave errore» ne di non imporre la chiusura dei
supermercati e degli ipermercati
servizio essenziale ai cittadini».
«Chiudere i supermercati e gli
delle persone, da tutti considera-
ta decisiva per ridurre al minimo
stra di essere più sensibile alle
attese della grande distribuzione
a Pasqua e Pasquetta. Nel con- ipermercati durante le festività - la trasmissione del virus». «Evi- che alla salute di cittadini e
tempo annunciano che invite- spiegano le organizzazioni - dentemente - commentano - il lavoratori».

L’arredo non parte


Doccia fredda
sulla riapertura
Il decreto. Il premier Conte: ok solo al settore del legno
«Un vero disastro: riaprire in sicurezza era buonsenso»
MARILENA LUALDI che. È che i competitor europei ta, in dialetto: «A l’é un disastar.
Niente ripartenza stanno continuando a lavorare. Il fatto di aprire con tutte le
nemmeno per il mobile. Dopo E quindi con il rischio che occu- precauzioni del caso era una
le accorate richieste dei giorni pino quote di mercato oggi in questione di buonsenso». E
scorsi, la speranza era stata ac- mano al Made in Italy: è vero prosegue: «Un mio conoscente
cesa da una citazione del Sole che l’eccellenza italiana non co- mi raccontava di come la sua
24 Ore del settore tra quelli a nosce rivali, ma se non scende azienda in Germania lavori
basso rischio per la sicurezza. sul terreno di gioco, la partita tranquillamente. Avevo dei
Poi spenta dal premier. Poche può avere comunque un esito contratti firmati, chi andava a
le concessioni per settimana pesante. Si è parlato della per- pensare alla fine dell’anno scor-
prossima: accanto a librerie e dita del 20-30% del patrimonio so che sarebbe successo questo.
negozi per bambini, c’è il setto- industriale. Lavorare su progetti importan-
re della lavorazione del legno Ecco perché ieri c’era parti- ti richiede tempi lunghi». Se poi
(codice ateco 16). Per tutti gli colare attesa. Poi la conferma: si torna sulla liquidità, l’ama- I test sierologici con responso
altri, arredo compreso, stop fi- nelle eccezioni annunciate da rezza è piena: «Come sono in- immediato ai dipendenti
no al 3 maggio. E il malcontento Conte non c’era l’arredo. Nes- cavolato per il discorso dell’Eu- di un’azienda milanese,
si è sentito nel distretto brian- suna ripartenza immediata. ropa. Sai che ce ne frega di Mes la Niinivirta, che opera
zolo, che sta perdendo ordini e Se l’aspettava Giovanni An- o non Mes per avere un presti- nel settore dell’autotrasporto
consegne. zani, amministratore delegato to. Noi abbiamo fatto una veri-
della Poliform di Inverigo con i fica sugli istituti bancari con cui
Gli appelli inascoltati cugini Alberto e Aldo Spinelli: lavoriamo abitualmente e ab-
Lunedì era stato inviato al Go- «Gli italiani sono così poco di- biamo avuto dati più positivi di
verno un appello del presiden-
te di FederlegnoArredo Ema-
nuele Orsini: «Fateci lavorare,
sciplinati e ancora ci sono trop-
pi morti. Dispiace perché noi
avevamo introdotto tutte le mi-
quelli che ci propongono loro.
Lasciamo stare, faccio da solo ».
Alla Bellotti di Cermenate –
Green, incertezza per 580 aziende
ogni giorno fermo è un giorno
perso». Nelle ultime ore diver-
se voci si sono unite in questo
grido. Chiedendo di evitare una
sure di sicurezza, con 650 di-
pendenti mai un caso». E come
consolazione guarda al fatto –
spiega - che in Europa i negozi
nel settore del legno - il sollievo
di fronte al via libera: «Siamo
stati ascoltati - dice Pietro Bel-
lotti, il titolare dell’azienda -
«Manutenzione, caos normativo»
«tragedia industriale ed econo- sono fermi per cui il mercato ora ci rimbocchiamo le mani-
mica, che falcidierebbe sul non si muove molto. A questo che e ripartiamo con la consa- Benvenuti nella giun- le stime di Coldiretti interpro- decreto in arrivo. Al che si at-
campo migliaia di imprese e punto, partire a maggio è me- pevolezza di poter offrire un gla: quella che rischia di for- vinciale. Del resto, le difficoltà e tende una ulteriore apertura
cancellerebbe centinaia di mi- glio che anticipare con il rischio contributo al Paese che ha biso- marsi nei giardini senza manu- le contraddizioni hanno carat- sulla vendita di piante e fiori e
gliaia di posti di lavoro». Nel- di una nuova battuta d’arresto. gno delle attività produttive». tenzione in questo periodo pri- terizzato tutto questo periodo un maggiore chiarimento sulle
l’agenzia Pambianco si citano C’erano dei gruppi stranieri im- maverile, ma più ancora quella di quarantena per la categoria. attività di manutenzione».
alcune di queste imprese, tra La rabbia del settore portanti che avevano chiesto in cui si stanno muovendo i flo- Ancora ieri Roberto Magni, In effetti, la vendita aveva
cui B&B e Molteni Group. Si Non nasconde la rabbia Lucia- espressamente: «Siete in grado rovivaisti a livello simbolico. vicepresidente di Coldiretti e avuto uno spiraglio lo scorso
metteva anche in luce come il no Colombo dell’Annibale Co- di eseguire gli ordini? Altri- Perché in questo caso c’è un presidente del Distretto floro- marzo, con la possibilità offerta
settore arredo e design costitu- lombo” di Novedrate: « Mi menti cerchiamo alternative». doppio problema, il contrasto vivaistico Alto Lombardo, ai centri di giardinaggio di con-
isse uno dei tre settori strategi- sembra assurdo. Possibile che Frase agghiacciante per tra le decisioni nazionali e commentava: «A livello nazio- sentire l’accesso al pubblico
ci della produzione italiana, gli altri Paesi, anche quelli disa- un’azienda, che aveva preso quelle regionali. nale si attende una decisione con guanti e mascherine, tutti i
con 20mila imprese attive e strati come la Spagna abbiano tutti i dispositivi di protezione Tradotto in cifre, una pesan- per le attività di manutenzione dispositivi di protezione del ca-
130mila addetti. avuto un miglioramento. Da e stava già studiando come non te situazione tra Como e Lecco del verde. A livello regionale, so insomma. Poi la doccia fred-
Il grosso problema non è noi questa chiusura non ha sor- far incontrare nemmeno i tur- per 580 aziende e un totale di presumo che verrà emessa una da in Lombardia: niente via li-
“solo” la chiusura delle fabbri- tito i risultati sperati». Poi sbot- ni. oltre 2.400 dipendenti secondo ordinanza successivamente al bera ai clienti nei garden, am-

Ticino, timido riavvio gole, dipendenti che scendono


a 5 per le imprese impiegate
nella cura del verde) - hanno
contagi hanno toccato ieri mat-
tina quota 2776 con 227 deces-
si, mentre a livello federale il
essere positivo al Coronavirus,
ha affermato che «il picco in Ti-
cino è stato raggiunto, ma la
pubblico alcune zone solita-
mente affollate. Il monitorag-
gio del traffico - che qualche po-

con occhio all’Italia portato a 25 «intimazioni alla


chiusura» (utilizzando lo slang
ticinese) e 27 chiusure sponta-
nee.
numero dei contagi si è attesta-
to a quota 24469 con 989 de-
cessi. In realtà nel pomeriggio
di ieri l’agenzia di stampa Key-
guerra è ancora lunga».
Nel consueto punto operati-
vo della situazione, da Bellin-
zona, è stato posto l’accento an-
lemica aveva creato in Ticino -
proseguirà anche in questi
giorni. «Gran parte dei movi-
menti - ha fatto sapere ieri Bel-
Deroghe dal 14 aprile I numeri dei frontalieri im-
piegati alla ripresa del fine set-
timana pasquale non dovreb-
stone-Ats, raccogliendo i dati
giunti dai vari Cantoni, ha fatto
sapere che i morti in Svizzera
che su un altro aspetto, quello
delle seconde case, che ha crea-
to ampio dibattito - ad esempio
linzona - avviene al di fuori del-
l’ambito lavorativo. É quello
che vorremmo evitare». Di cer-
bero cambiare di molto, soprat- hanno superato quota 1000. - in Val d’Intelvi, che confina to, fino al 26 aprile, in Ticino si
Allerta massima in interessa da vicino anche il va- tutto in virtù del fatto che l’edi- Notizia riportata anche da tici- con il Ticino. “Chi vuole può re- andrà a ranghi ridotti. Ieri il di-
Canton Ticino per il lungo lico di Brogeda. Sanità e lavoro lizia è ferma al palo. Da segnala- nonews.ch. Secondo quanto ri- carsi in Ticino, non ci sono re- rettore dell’Aiti (Associazione
week end pasquale, anche se ie- vanno di pari passo nel Canto- re un dato emerso - senza trop- portato dallo Stato maggiore di strizioni. Anche se la guardia è industrie Ticinesi) ha fatto sa-
ri il comandante dello Stato ne di confine. I controlli nelle pa enfasi - ieri e cioè che ai vali- condotta cantonale, in Ticino molto alta, a partire dal Gottar- pere che «per la ripresa biso-
maggiore di Condotta cantona- aziende - cui da martedì saran- chi di confine sono stati sanzio- calano i pazienti gravi. Il dato do”, hanno fatto sapere dal gnerà guardare anche a ciò che
le, Matteo Cocchi, ha fatto no- no concesse timide deroghe nati un centinaio di conducenti dei contagi a livello federale re- Consiglio di Stato. Soprattutto i avverrà nelle prossime setti-
tare che il traffico in direzione (consentiti sino a 10 dipenden- che cercavano di entrare nel sta comunque elevato. Il medi- grandi centri urbani - come Lu- mane in Italia. Gran parte della
sud (dal Gottardo) è diminuito ti contemporaneamente sem- Cantone di confine senza “giu- co cantonale Giorgio Merlani, gano - hanno deciso di procede- manodopera qualificata pro-
del 90%. Discorso questo che pre nel pieno rispetto delle re- sta causa”. In Canton Ticino i che giovedì ha annunciato di re in proprio, chiudendo al viene da lì». M. Pal.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/o13vhz7hLLhs=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 15

La proposta «Como merita una propria cabi- partire dalle procedure per Working da soli 4,5 milioni di partisan guidata dall’ex presi-
na di regia che dovrà far riparti- attivare la Cassa Integrazione in euro non è sufficiente e i fondi dente dell’Inps, Tito Boeri, a capo
Cabina di regia per la ripresa re il nostro motore economico
fatto da imprese, turismo e
deroga che risulta particolar-
mente lunga e laboriosa».
sono già esauriti: i contributi
regionali devono essere più agili
del piano economico post-Coro-
navirus. «Da questa dovrebbero
Il Pd: «Va affidata a Boeri» cultura». Parole del consigliere
regionale del Pd Angelo Orseni-
Anche sui bandi, il consigliere
dem sollecita Regione Lombar-
e i bandi destinati alle imprese
resi più semplici e accessibili»).
dipendere delle cabine di regia
specifiche per ogni provincia
go. « Abbiamo bisogno di snelli- dia a cambiare passo («il recente Il Pd ha proposto l’istituzione lombarda» spiega il consigliere
re la burocrazia regionale, a Bando regionale per lo Smart di una task force regionale bi- comasco

Mascherine lavabili La “Linea Diretta”


e più protettive per chi si cura a casa
Progetto comasco corre su WebApp
La storia/1 La storia/2
La Tecnofil di Lurate Caccivio Il sistema di videosorveglianza
ha messo a punto “StaySafe” della Challenge Engineering
Superati i test in uso alla Pediatria del S. Anna
sulla sicurezza «adattabile a pazienti Covid»

Un’altra realtà coma- Nato per bambini in


sca converte la sua produzione fragilità pediatrica e in uso pres-
per far fronte all’emergenza so il reparto Pediatria dell’Ospe-
Covid19: Tecnofil, società con- dale Sant’Anna - ASST Lariana
trollata dalla Tessitura Attilio dallo scorso giugno, l’Applicati-
Imperiali, ha messo a punto vo WebApp “Linea Diretta” po-
delle mascherine ad uso civile trebbe, con pochi aggiustamen-
il cui nome è “StaySafe” , essen- ti, essere utilizzato per far fronte
ziali per contenere la diffusio- all’emergenza coronavirus, ga-
ne del virus, se utilizzate insie- rantendo la vicinanza e la comu-
me a tutte le altre forme di con- La mascherina “StaySafe” nicazione strutturata fra i pa-
tenimento indicate dall’ISS zienti Covid-19 non ospedaliz- Marco Cavezzale INGEGNERE
quali distanziamento sociale e nessere del nostro territorio. Il zati, ma in isolamento domici-
disinfezione personale. prodotto è 100% Made in Italy, liare o già dimessi e i medici di creando applicazioni per la digi-
«Ciò - spiega Giovanni Di anzi Made in Lombardia, dal medicina generale. talizzazione, l’efficientamento
Gristina, amministratore di tessuto fino alla spedizione. Attraverso una piattaforma del personale professionale tra-
Tecnofil - è stato possibile gra- Abbiamo cercato di fare le cose web la tecnologia, sviluppata mite integrazione di dispositivi
zie alle competenze acquisite al meglio: il tessuto è stato sot- dalla Challenge Engineering in digitali e di assistenza domicilia-
dalle aziende del Gruppo Im- toposto ad un serie di test pres- collaborazione con Angelo Seli- re per la gestione clinica del pa-
periali nel campo tessile e dei so un laboratorio di analisi ac- corni, direttore dell’Unità Ope- ziente, la videosorveglianza, la
finissaggi tessili. Abbiamo creditato Accredia (Ente desi- rativa Complessa di pediatria telemetria di base e la medicina
messo a punto un particolare gnato dal governo Italiano ad della Asst Lariana, supporta l’ag- condivisa. «Con la collaborazio-
tessuto composto di poliestere attestare la competenza, l’indi- giornamento costante tra fami- ne e l’apporto scientifico del dot-
che garantisce protezione gra- pendenza e l’imparzialità degli glie, medici generici e ospedale tor Selicorni abbiamo sviluppa-
zie a trattamenti idro-repel- organismi e dei laboratori che tramite la compilazione di un to un sistema per il monitorag-
lenti, emo-repellenti e antibat- verificano la conformità dei Diario clinico in cui vengono ri- gio della respirazione e del batti-
terici: di conseguenza, un tes- beni e dei servizi alle norme) portate note e problematiche to cardiaco in remoto per la Casa
suto (e quindi una mascheri- ed è quindi disponibile una cliniche relative all’andamento Di Gabri di Rodero, una struttu-
messo solo lo shopping online rezza. E con una filiera tutta na) in grado di proteggere dal scheda tecnica chiara e detta- del paziente. ra socio sanitaria gestita dalla
oppure la consegna a domicilio. italiana». La tensione insom- contatto con la saliva o altri li- gliata con tutte le caratteristi- Se, dopo la valutazione at- Cooperativa sociale Agorà97
Peccato che all’inizio della set- ma ieri era alta, proprio perché quidi corporei e abbattere la che del prodotto finito. tualmente in atto, si decidesse di che ha in cura bambini con gra-
timana apparisse un altro cam- non importava solo la decisio- carica batterica. Inoltre, la ma- «Per StaySafe abbiamo inol- utilizzare l’applicativo anche vissime malattie genetiche»,
biamento ancora, di fronte al ne del decreto, ma la sua decli- scherina è riutilizzabile più tre scelto un layout di masche- per il Covid-19 si alleggerirebbe spiega Marco Cavezzale.
quale i florovivaisti hanno nazione in Lombardia, le suc- volte in quanto lavabile a 30 rina che si adatti perfettamen- il carico comunicativo degli ope- «Visti gli esiti positivi, insie-
scosso la testa: le vendite di cessive diramazioni territoriali gradi, facilmente, in lavatrice te alle curve del viso, non solo ratori sanitari e sarebbe possibi- me a Selicorni, abbiamo poi
piante e sementi sono sì con- insomma. Con tutta la loro in- dopo igienizzazione». per un piacevole effetto esteti- le registrare e conservare una pensato di modificare l’applica-
sentite, ma solo all’ipermerca- certezza. E anche per la manu- «Grazie alla nostra masche- co, ma anche affinché l’aderen- traccia dell’evoluzione storica zione web rendendola uno stru-
to o al supermercato. tenzione, la grande assente di rina protettiva StaySafe voglia- za del tessuto al viso garantisca del paziente subito accessibile al mento di comunicazione utiliz-
Questo in virtù del principio questi tempi e così urgente tan- mo renderci utili e certamente una migliore protezione da in- personale ospedaliero in caso di zabile dalle famiglie con i piccoli
per cui in questi centri non si va to più considerando la prima- anche sostenere le nostre atti- filtrazioni». eventuale ricovero. in cura domiciliare. Nostro
appositamente per l’acquisto di vera esplosa. «Finora sono con- vità in un momento così diffici- «Ma non vogliamo fermarci Ingegneri elettronici ed obiettivo era creare un sistema
verde, ma se già si è lì (regola- sentite queste attività – precisa le e complicato. Speriamo ov- qui: stiamo anche lavorando, esperti nel campo dello sviluppo strutturato di gestione del flusso
mentati) per altri acquisti. Al- Roberto Magni - solo per ur- viamente tutti di tornare a fare conclude Di Gristina «su altri di soluzioni HW e SW industria- di informazioni che mettesse in
tra discrasia secondo la catego- genze, pericolo sanitario (ad quello che facevamo prima». materiali innovativi e verifi- li complesse Marco Cavezzale, comunicazione diretta il terri-
ria, perché ad esempio ci sono esempio allergie), cure fitosa- «Il primo lotto di mascheri- cando le certificazioni neces- Marco Colonna e Francesco torio (famiglia e pediatra di libe-
garden che vendono alimenti nitarie improcrastinabili (co- ne StaySafe - prosegue Di Gri- sarie per una produzione an- Meroni, cofondatori dell’azien- ra scelta) con l’ospedale (UOC di
per gli animali. «Eppure – com- me nei parchi storici e tutela- stina - sarà donato al Comune che di dispositivi medici (DM) da che nel 2012 ha vinto il bando Pediatria dell’Ospedale San-
mentava sempre Magni - I no- ti)». Questo con la prescrizione di Lurate Caccivio dove la no- e dispositivi di protezione indi- “Dall’idea all’Impresa” offerto t’Anna), nell’ambito del percor-
stri centri sono molto estesi, di fare comunicazione al pre- stra impresa ha sede. Ci sem- viduali (DPI)». Per informa- dall’Incubatore Tecnologico so assistenziale di bambini af-
con la possibilità di una gestio- fetto territorialmente compe- bra importante contribuire zioni giovanni@tecnofil- Como Next, si occupano fra il re- fetti da malattie ad elevata com-
ne della vendita fatta con sicu- tente». M. Lua. per quello che possiamo al be- srl.com S. Bri. sto anche di Sanità Territoriale plessità assistenziale». E. Lon.

Con la spesa “sospesa” segnati - gratuitamente - for-


maggi, salumi, pasta, conserve
di pomodoro, olio, farina, vino e
sito di Coldiretti l’elenco delle
imprese che effettuano la con-
segna a domicilio nelle province
dizione diffusa soprattutto in
area partenopea. «La spesa so-
spesa di Campagna Amica è sul
to». Ora si continua nei giorni
della Settimana Santa: sul terri-
torio lariano, i prodotti acqui-

gli agricoltori lariani naturalmente frutta e verdura


per aiutare a superare l’emer-
genza economica e sociale pro-
vocata dalla diffusione del coro-
lariane». La consegna gratuita
di generi alimentari di prima
necessità esprime alto senso ci-
vico e solidarietà sociale. «Un
modello dell’usanza campana
del “caffè sospeso”, quando al
bar si lascia pagato un caffè per il
cliente che verrà dopo - ricorda
stati con le donazioni saranno
consegnati alla Caritas di Como
e alla Caritas Ambrosiana di
Lecco, che proprio ieri ha con-
in aiuto ai più deboli navirus e dalle necessarie misu-
re di contenimento.
«Si tratta di un risultato – sot-
impegno per la raccolta e la di-
stribuzione – spiega il presiden-
te di Coldiretti Como Lecco
il presidente Trezzi -. In questo
caso i consumatori che ricevono
la spesa a domicilio, ma più in
fermato l’adesione all’iniziativa.
Ma come si può contribuire
al sostegno della “spesa sospe-
tolinea la Coldiretti in un comu- Fortunato Trezzi - che ha già generale tutti i cittadini, posso- sa”? É sufficiente fare un bonifi-
Il riferimento è alla stati donati in una sola settima- nicato - ottenuto grazie alla ge- coinvolto 250 realtà sul territo- no decidere di donare prodotti co al seguente Iban:
tazzina di caffè pagata per chi na, in tutto il Paese, a 22mila fa- nerosità degli agricoltori e dei rio nazionale attive per fare in alimentari e cibo alle famiglie IT43V020080536400003008
non può permettersela. Ma in miglie bisognose direttamente frequentatori e sostenitori delle modo che macchina della soli- più bisognose. Peraltro, le ero- 7695. Secondo la Coldiretti, con
tempi di coronavirus, la “spesa dagli agricoltori di Campagna fattorie e dei mercati di “Cam- darietà sia capillare anche con la gazioni liberali in denaro effet- l’inizio dell’emergenza corona-
sospesa” è qualcosa di molto più Amica. Anche i produttori di pagna Amica” che continuano collaborazione tra gli altri di tuate nell’ambito del progetto virus sono salite a 3,2 milioni di
fondamentale: il primo, vero so- Coldiretti Como Lecco aderi- dove possibile a lavorare, anche Parrocchie, Caritas Diocesane, “spesa sospesa” sono detraibili persone che in Italia hanno bi-
stegno alla povertà. Ben 96mila scono all’iniziativa nazionale. con consegne a domicilio, per Banco Alimentare e Ammini- dalle imposte sul reddito delle sogno di aiuto per mangiare è
chili di cibo 100% italiano, di Ai nuclei familiari in condi- non far mancare cibi di qualità strazioni comunali». La mobili- persone fisiche nella misura del importante incentivare le do-
qualità e a chilometro zero sono zione di povertà sono stati con- sulle tavole degli italiani» (sul tazione mette radici in una tra- 30 per cento dell’importo dona- nazioni».

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/ojjdQqztBKhw=
16 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Coronavirus Il Made in Como fa squadra


L'INTERVISTA LUIGI PASSERA. L’imprenditore al vertice di Lario Hotels legale (cause di forza maggiore)
per procrastinare il rispetto de-
re coerenti con le parole spese
nei momenti meno problemati-
lancia il manifesto etico “Paghiamo noi stessi” per tutelare le filiere gli accordi assunti in fase precri-
si.
ci. Vedremo chi alla responsabi-
lità sociale crede davvero e chi
pensa sia uno slogan da mettere
Fare i furbi non paga in questo mo- in vetrina solo sul sito web.

PATTO DELLE IMPRESE


mento?
Fare i furbi non paga mai, ora E gli altri concetti chiave?
meno che mai. Da questa situa- Creatività e coraggio. Le impre-
zione le imprese possono uscir- se dovranno misurarsi con un
ne solo insieme, non sono am- contesto inedito in cui sarà ne-

NIENTE FURBIZIE
messe scorciatoie. cessario ripensare la propria at-
tività. Siamo entrati in una terra
Quale riscontro ha avuto il manife- sconosciuta, dove nessuno – ne-
sto? anche la generazione che ci pre-
Molto ampio e questo esito rin- cede – sa indicare la strada. Que-

SUI PAGAMENTI
cuora. Non è scontato esporsi sto fa paura. Occorre coraggio
pubblicamente su temi così de- per vivere i grandi cambiamenti
licati, “metterci la faccia” in un che ci aspettano e tanta creativi-
momento tanto complesso. tà per dimostrare di saperli in-
Hanno aderito per ora più di 80 terpretare nel modo giusto. Tut-
aziende. Grandi e piccole. Insie- to ciò – mi consenta un pensiero
me rappresentano circa 4 mi- privato – accade a pochi giorni
liardi di fatturato, direi che si dal settimo anniversario della
tratta di una quota significativa morte di mio zio, Antonello, e mi
dell’economia comasca. Sottoli- piace pensare che lui avrebbe
ENRICO MARLETTA neo inoltre con soddisfazione affrontato la situazione allo
che sono coinvolte tutte le prin- stesso modo.
nsieme. In una situazione di cipali filiere produttive (dal tes-

I drammatica emergenza,
qual è l’attuale, l’unica possi-
bile via di uscita è quella di
una strategia basata sulla coe-
sione sociale. Vale anche per il
sile al legno-arredo, dal turismo
all’alimentare) e che, in ogni ca-
so, la raccolta di adesioni conti-
nuerà anche nei prossimi giorni.
Si può fare con un’email a parte-
Rimane la fiducia di uscire da questo
tunnel.
Certo, l’emergenza va colta an-
che come un’opportunità per
rimettersi in discussione. È un
sistema delle imprese dove alto cipa@paghiamonoistessi.com discorso che vale per le imprese
è il rischio che con il corto cir- ma anche per la nostra città che
cuito dei pagamenti saltino in Le associazioni di impresa vi hanno tante volte ci ha dato nel passato
aria interi pezzi delle filiere pro- sostenuto? l’impressione di essere tanto
duttive. Un danno, in prospetti- Molto e di queste le ringrazio bella quanto addormentata.
va, ancora più grave delle mace- anche se rispetto a questa inizia- Possiamo ritrovarci più forti di
rie del presente. Nasce da questa tiva hanno deciso di stare neces- quanto lo eravamo prima e sono
consapevolezza il manifesto eti- sariamente un passo indietro. Io convinto che ce la faremo.
co che è stato messo nero su stesso l’ho promossa come sin-
bianco nei giorni scorsi da Luigi golo imprenditore e non come
Passera, amministratore dele- presidente dei Giovani di Con- L’iniziativa
gato di Lario Hotels, insieme a findustria Como.
un folto gruppo di imprenditori Il documento
locali. Il documento, articolato Lei lavora nel turismo, uno dei set-
in quattro punti
in quattro punti, è stato già sot- tori più colpiti dall’emergenza. In-
toscritto da oltre ottanta impre- travede qualche elemento di fiducia
se e la campagna di adesioni ha per i prossimi mesi?
avuto il suo simbolico avvio ieri Lascio le previsioni ad altri an-
con una pagina a pagamento sul che se, va da sé, si prospettano
quotidiano La Provincia. molte difficoltà in relazione so-
Luigi Passera è amministratore delegato del Gruppo Lario Hotels prattutto all’interruzione dei
Come è nata questa iniziativa? flussi degli arrivi dall’estero. Ma
Mi consenta una premessa: il voce - che hanno deciso di assu- Qual è il contenuto del vostro mani- più che prefigurare scenari futu-
mio primo pensiero in questo mere un pubblico impegno a tu- ri in questo momento credo sia
momento è a tutte le persone tela del distretto comasco e della n «Fondamentale festo?
Quattro punti, semplici e chiari. prioritario concentrarsi su tre
che sono state direttamente col- comunità. Ci anima la convin- la liquidità Primo, “chi può deve contribui- grandi concetti chiave.
pite dal coronavirus attraverso zione che in situazioni come re a mantenere le filiere e i di-
la perdita di un parente o di un queste bisogna davvero giocare per garantire stretti liquidi”. Ovviamente, in Ovvero?
amico che il più delle volte non di squadra, pensare con il noi e l’integrità questo momento, ci sono delle Generosità, creatività e corag-
hanno nemmeno avuto la possi- non con l’io, uscire da una visio- imprese in oggettiva difficoltà, gio.
bilità di salutare con un sorriso. ne d’impresa limitata al profitto delle filiere» ma chi può lo faccia senza ac- 1. «Chi può deve contribuire a
E ancora, il mio pensiero è per e operare in una logica di siste- campare scuse approfittando Generosità in un momento così cri- mantenere le filiere e i distretti li-
le persone che ai vari livelli, co- ma del momento. Secondo punto, ci tico? quidi».
minciando dagli operatori sani- assumiamo un impegno che ab- Sì, è questo il momento per di-
tari, si stanno adoperando in Perché, lei dice, è utile a tutti ragio- n «La generosità biamo definito etico a tutela del mostrare, nei fatti, quanto con-
2. «Il nostro è un impegno etico,
prima ancora che economico. È
prima linea per contrastare nare in ottica di distretto? è un tema chiave nostro distretto manifatturiero, tano le persone all’interno delle nell’interesse di tutte le aziende
l’emergenza. A loro esprimo gra- Si tratta dell’unica strategia che l’integrità delle filiere è un valo- imprese. Il destino di nostri col- che le filiere, e il distretto nel suo
titudine, è soprattutto merito alla lunga paga per tutti. Vede, La sorte re fondamentale per tutti. Ter- laboratori è il primo elemento insieme, escano dalla crisi nella
loro se il Paese riuscirà ad uscire il rischio è che, in assenza di una dei collaboratori zo, assumiamo la responsabilità di preoccupazione, vale innanzi loro interezza».
da questa situazione. risposta forte e condivisa, le dif- di promuovere lealtà e corret- tutto per me, per l’azienda della 3. «Ci impegniamo a onorare tutti
ficoltà si propaghino da al primo posto» tezza, in particolare onorando mia famiglia dove consideriamo gli accordi di pagamento».
Una premessa che sa di richiamo un’azienda all’altra, esattamen- tutti gli accordi di pagamento. E prioritaria la serenità dei nostri 4. «Non utilizzeremo argomenta-
anche nel caso di un manifesto etico te come è avvenuto nel caso del- quarto punto, ci impegniamo a cento collaboratori e delle loro zioni pretestuose di carattere
che si rivolge alle imprese… l’epidemia. La liquidità delle fi- evitare argomentazioni prete- famiglie. commerciale né tantomeno legale
Il nostro è un patto tra impren- liere è il primo antidoto alla dif- stuose di carattere commerciale Nelle situazioni di difficoltà bi- per procrastinare pagamenti di
ditori – io ne sono solo il porta- fusione della crisi. (morosità subita) né tantomeno sogna saper dimostrare di esse- impegni pre- crisi».

Da Confindustria prosegue – vogliamo dire no


alla logica dello scaricabarile
del grande verso il piccolo».
parte della Regione – dice an-
cora Parolo -, del sistema ca-
merale e delle banche: il credi-
ria richiede discontinuità e un
vero e proprio shock nella di-
mensione e nella qualità degli
in queste ore in alcuni territori
lombardi, e sostenuto da fac-
simili di lettere precompilate,

all’allarme di Cna Nello stesso tempo, tutta-


via, l’organizzazione degli arti-
giani sottolinea come sia fon-
damentale, proprio perché
to deve essere supportato nel
lungo termine, perché la con-
valescenza che ci aspetta non
sarà breve».
stanziamenti e delle misure da
mettere in campo”. Da qui l’in-
vito di Cna Lombardia anche
alle banche che, come afferma
a rinviare i pagamenti ai forni-
tori: non è possibile pensare di
scaricare i costi di questa crisi
sugli anelli più deboli delle fi-
«I piccoli rischiano» tutte le imprese siano messe
nelle condizioni di pagare i
propri fornitori, applicare in
In particolare, l’organizza-
zione chiede misure anticicli-
che e straordinarie di promo-
ancora Binda, “non possono
essere né rigide né timide, ri-
schiando di segare il ramo del-
liere».
Secondo Binda, infine, «è
importante risolvere questa
modo automatico gli strumen- zione e agevolazione dell’ac- l’albero su cui si regge anche il situazione con un intervento
Si moltiplicano gli ri la Cna regionale ha diffuso ti di supporto alla liquidità che cesso al credito, in una logica loro futuro: al momento ve- istituzionale, per evitare di
appelli di singole imprese e un comunicato in cui il presi- sono stati messi a disposizione di ammortamento almeno diamo poca discontinuità nel produrre una guerra tra im-
delle organizzazioni di catego- dente Daniele Parolo lancia un dal governo, semplificando le quinquennale. mondo bancario, soprattutto prese per quanto riguarda i pa-
ria per non interrompere la nuovo allarme: «Sono in circo- modalità di richiesta e velociz- «Non possiamo pensare di per quanto riguarda i tempi di gamenti che rappresentereb-
catena dei pagamenti in que- lazione – evidenzia – gravissi- zando le procedure. La richie- utilizzare gli strumenti in vi- ammortamento». be un ulteriore grave danno
sta fase difficile. Un messaggio me lettere di medie e grandi sta della Cna Lombardia è ri- gore prima della crisi – aggiun- In questo contesto, conclu- per il sistema economico lom-
rilanciato anche dal mondo industrie che comunicano ai volta anche all’amministra- ge il comasco Stefano Binda, de il presidente Parolo, «suona bardo chiamato a superare
confindustriale attraverso fornitori dilazione e rinvio dei zione regionale: «Servono segretario regionale di Cna – a maggior ragione pregiudi- una prova pesantissima».
l’hastag #iopagoifornitori. Ie- pagamenti. Con decisione – strumenti inediti e potenti da perché questa fase straordina- zievole e grave l’invito diffuso G. Lom.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/oZ4+k7GqKcOA=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 17
Coronavirus La situazione sul Lario

Tantinuovicontagi I casi positivi in Lombardia


IERI
GIOVEDÌ
SONDRIO
651
Lombardia
56.048

Masidimezzano COMO
LECCO
42
1.838
1.805
11
637 54.802

imalatiinospedale
Varese Guariti
Bergamo
27
1.589 1.686
23 in provincia
10.151 Brescia di Como
1.491
23 1.605
11 10.369
9.931 413 61
10.122 Defunti
12.748
361 3.424 in provincia
Monza
12.479
267 3.355 e Brianza di Como
Dati. Da tempo non era così alto il dato dei positivi: +81 Milano 234
I comaschi ricoverati sono 240, dieci giorni fa erano 500 2.419
811
413
2.963
221 2.376
739
182 4.562
Mantova
Si è dimezzato, in no sintomi ma non hanno ef- re solo nelle ultime ore i test 2.889
180 Lodi 4.489
dieci giorni, il numero dei co- fettuato il tampone e non in via Castelnuovo per i pa- 2.355
Pavia Cremona
maschi ricoverati per coro- rientrano quindi nelle stati- zienti in via di guarigione. I 2.277
navirus. Ma torna a salire il stiche. tamponi sono insufficienti, I CASI POSITIVI IN PROVINCIA DI COMO (dall’inizio dell’emergenza)
dato dei nuovi contagi. E i po- In provincia di Como sono una cinquantina a settimana
228 16 7 Castelmarte 1
sitivi in quarantena a casa so- stati otto i nuovi decessi per al momento. La speranza è Como 49 Bellagio 3 Binago 1 Colonno 1
no almeno mille. coronavirus. Tutti maschi: che a breve grazie a dei nuovi 86 Cernobbio 2 Brunate 4 Faggeto Lario
I dati della Regione ieri se- un anziano di 99 anni di Bre- laboratori cresca l’offerta dei Erba 9 Olgiate 1 Bulgarograsso 1 Gera Lario
gnalavano un lieve calo, in li- gnano, tre uomini in città (di test. San Fermo 2 Carlazzo 3 Locate Varesino 1
85 Guanzate Lurago Marinone
nea con la situazione dei 48, 62 e 80 anni), uno a Inve- 15
Cantù 10 Senna Comasco 1 Pianello del Lario
giorni precedenti, Como pe- rigo di 84, uno a Montano Lu- L’appello della Regione Carugo 1
77 Villa Guardia 3 Sorico Pognana Lario
rò è in controtendenza: 81 cino di 78, un uomo di 75 a Tornando al bollettino della Albese 2 Torno 2 Pusiano
14 Valmorea 2 Ronago
positivi in più nelle ultime 24 Tremezzina, più un caso nel- Regione, il vicepresidente 59 Asso 2
ore, non accadeva da tempo. l’Alto lago. Fabrizio Sala ha sottolineato Mariano 12 6 San Nazzaro
Bregnano 3 Valsolda
E il totale dei contagi accer- Il numero dei pazienti uf- che a livello di media lombar- Cabiate Longone al Segrino
38
Montano 2 Maslianico 2 2
tati sale così a quota 1.686. ficialmente guariti è fermo da «il trend è anche oggi in Inverigo 7 Montorfano 1 Anzano del Parco
Con altri 8 decessi solo nella da tempo a quota 61, per diminuzione, ma l’obiettivo è 36 13 Orsenigo 1 Campione d’Italia
giornata di ieri. quanto riguarda la provincia arrivare il prima possibile ad Fino Mornasco 6 Grandate 4 Barni
5
Mozzate 1 Faloppio
La buona notizia, come di Como, d’altra parte va te- avere meno decessi, meno 35 Beregazzo 1
Gravedona 3 12 Blevio Lasnigo
detto, riguarda i comaschi in nuto presente che per guari- positivi e meno ricoveri». Per Arosio 2 Luisago
Tremezzina 10 Carimate
gravi condizioni, in ospedale: re del tutto ci vuole tempo, centrare il punto, ha ribadito Lambrugo 3 Cucciago 1 Nesso
25
il primo giorno di aprile i co- almeno due settimane senza Sala, c’è solo un’arma che è Rovellasca 3 Grandola 1 Novedrate
Turate 1 Rovello Porro 2 Plesio
maschi ricoverati per Covid- più sintomi. Ma soprattutto quella del rispettare le rego- Limido 1
24 Sala Comacina 4 Musso Veniano
19 negli ospedali (compresi i bisogna fare due tamponi ed le: «A Pasqua dobbiamo stare Dongo 2 Vercana
11 Uggiate 2
presidi oltre i confini lariani) entrambi devono essere ne- a casa, solo così i numeri po- 23 1
Alzate Brianza 4
erano circa 500. I dati aggior- gativi. tranno continuare a decre- Canzo 5 Centro Valle Intelvi Albiolo
Alserio 1
nati hanno visto una forte ri- Peccato che i test ancora scere». 20 Eupilio 2 Alta Valle Intelvi 1 Blessagno
duzione, siamo a 240 coma- scarseggino, i medici coma- Il vicepresidente ha quindi Albavilla 4 Figino Serenza 3 Cassina 1 Brienno
schi ancora ricoverati (i nu- schi e l’Ats hanno fatto parti- voluto ringraziare «i medici, Lipomo 3 Ponte Lambro 2 Cirimido Carbonate
Tavernerio 2 Vertemate 1 Corrido Cerano d’Intelvi
meri in entrambi i casi sono gli infermieri e tutto il perso- Dizzasco 2 Griante
19 10
relativi al territorio dell’Ats nale sanitario che dal 20 feb- Appiano 2 Domaso Livo
Insubria, non comprendono braio lottano senza sosta, 24 Lurago d’Erba 3 Magreglio
quindi i Comuni dell’Alto la- n Un migliaio ore su 24, contro un virus ter-
Merone 1 Colverde 1
Lurate 1
Fenegrò
Garzeno Moltrasio
Monguzzo
go che fanno parte dell’Ats in isolamento ribile. Il grazie va anche ai
18
Lomazzo 1
Menaggio
Porlezza 1
1 Lezzeno
Proserpio
1
Musso
della Montagna). nostri ricercatori e alla co-
Ma le statistiche munità scientifica lombarda
17
Cadorago 3
9 Oltrona
Solbiate
2
1
Peglio
San Bartolomeo 1
Caslino d’Erba
Ancora lutti non conteggiano che sta facendo di tutto per Capiago 2 Valbrona 1 3
Schignano
Zelbio
Quasi mille i comaschi certa- arrivare a un vaccino e per Casnate 5 Argegno
mente positivi e in isolamen- chi non fa il tampone conoscere di più questo vi- Cermenate 2
8
Brenna 1
Bizzarone
Caglio
to a casa, bisogna poi aggiun- rus». San Siro 1 Carate Urio Fonte: elaborazione su dati Ats
gere le persone che presenta- S. Bac.

Il primario: «Vediamo i primi spiragli» Pazienti positivi a casa


Unità speciali per le visite
Pronto soccorso ormai non c’era più nulla da posti letto, nell’area del Pron-
Il punto dal Sant’Anna: fare. L’aspetto più doloroso, to Soccorso si è arrivati a 59. Inizia l’attività ronavirus». «La prossima
poi, è stato l’allontanamento All’aumentare dei casi di Co- Annuncio della Ats Insubria settimana partirà quella di
«Siamo saliti a 59 letti dei parenti”. L’emergenza è ronavirus è corrisposta la Erba e poi quella di Cantù. In
Contagiati anche 4 colleghi, Parte anche il servizio
iniziata a fine febbraio con il “scomparsa” degli altri acces- base alle necessità epidemio-
rispettate tutti le regole» primo invio di pazienti arri- si, in particolare dei cosiddet- riservato alle persone logiche, le Unità potranno es-
vati dal Lodigiano e successi- ti codici minori, consentendo dimesse dagli ospedali sere aumentate o ridotte. Ri-
Oltre 500 pazienti vamente dalla Bergamasca e così al personale di potersi cevono via mail, dal medico
dai primi di marzo ad oggi so- in questa prima fase ha inte- concentrare sull’emergenza. «Molto è stato fatto e di medicina generale, la ri-
no transitati dal Pronto Soc- ressato soprattutto il reparto Problema nel problema, molto rimane da fare con la chiesta di attivazione e con-
corso dell’ospedale Sant’An- di Malattie Infettive e quello quattro dei medici che lavo- collaborazione di tutti gli at- tattano i pazienti telefonica-
na. Tutti pazienti con sintomi di Terapia intensiva. rano in Pronto soccorso, no- tori del sistema per superare mente per concordare la visi-
riconducibili al Coronavirus, Già ai primi di marzo, tut- nostante siano stati sempre una situazione complessa e ta durante la quale vengono
febbre e tosse, soprattutto. tavia, i pazienti del territorio adeguamente muniti dei di- imprevista. I dati in possesso rilevati i parametri vitali es-
«Ci sono stati giorni in cui hanno cominciato a crescere. spositivi di sicurezza, hanno di Ats Insubria evidenziano senziali. Le informazioni ac-
abbiamo avuto fino a 60 ac- «Abbiamo dovuto riorganiz- contratto il virus e uno di loro una realtà, sul territorio di quisite vengono inviate al
cessi - spiega Roberto Pusi- zare gli spazi - spiega Pusinel- è stato ricoverato anche in competenza, che necessita di medico di famiglia del pa-
nelli, primario del Pronto Roberto Pusinelli li - ed aumentare le aree del Rianimazione. un’attenta vigilanza ma me- ziente».
soccorso e direttore del di- Pronto soccorso dove acco- «Ora fortunatamente il no grave che in altri territo- «Si è attivato anche - fa sa-
partimento Emergenza, Ria- sì evidenziati e senza aspetta- gliere le persone. A parole collega sta meglio - conclude ri». Così, ieri, i vertici dell’ex pere l’ex Asli - il servizio “ADI
nimazione e Anestesia di Asst re il risultato del tampone si sembra semplice ma la realtà Pusinelli - e il peggio sembra Asl. L’ente riferisce poi che è Covid”, a domicilio, su chia-
Lariana - Da subito, oltre al poteva iniziare a prestare le non è mai così. L’organizza- essere passato. Direi che in partita a Como, come aveva- mata del medico di medicina
tampone, abbiamo sottopo- prime cure». zione che ci siamo dati e la generale sembra vedersi una mo già riportato, «in stretta generale, a Como, Lomazzo e
sto tutti i pazienti fortemente Pusinelli, comasco, classe pianificazione della gestione luce, uno spiraglio ma l’atten- collaborazione con i Medici Cantù». Si tratta di un servi-
sospetti a radiografia e Tac 1960, da sempre lavora al della crisi definita con la dire- zione deve rimanere ancora di Medicina Generale, l’atti- zio di monitoraggio e cure do-
del torace. Tutti i casi di pol- Sant’Anna: «Non ho mai visto zione ha funzionato per la alta e si devono continuare a vità delle Unità Speciali di miciliari per pazienti positivi
monite interstiziale, tra le così tanta gente soffrire e mo- professionalità e il senso del rispettare i divieti per evitare Continuità Assistenziale dimessi dagli ospedali, oppu-
principali conseguenze pro- rire insieme - osserva - Per dovere del personale, medico di ripiombare nell’emergen- (USCA), per le visite domici- re positivi e già in isolamento
vocate dal virus, venivano co- molti pazienti arrivati da noi ed infermieristico». Da 24 za». liari ai pazienti positivi al co- a casa.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkjL7IYDl+/oepAAiJEeV40=
18 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Coronavirus Gli aiuti ai sanitari

Donazioni, il grazie del Sant’Anna


La nostra campagna. Dai telefoni alle opere d’arte, dalle colombe pasquali agli apparecchi medicali
«Sorprendenti tante offerte personali, che coniugano la propria attività produttiva con l’aiuto concreto»

Proteggiamo chi ci protegge


Una delle emergenza più serie all’interno dei nostri ospedali è la carenza di presidi di autoprotezione per medici, infermieri, operatori socio-sanitari.
Questo mette a rischio la salute del personale ospedaliero chiamato a difenderci dal virus

L’appello è rivolto a tutte le aziende che producono


materiale di questo tipo, che hanno in magazzino scorte PER CHI AVESSE MATERIALE GIÀ CERTIFICATO CE
di materiale di questo tipo, che stanno valutando ECCO L’ELENCO DEL MATERIALE MIGLIORE CHE SERVE
di riconvertire la produzione per realizzare materiale
di questo tipo Mascherine ffp2 o meglio ancora ffp3 Guanti in nitrile
lunghi
Per le aziende che avessero ri- tazione per l’utilizzo in deroga,
convertito la produzione per limitatamente a questo periodo
realizzare presidi di autoprote- di emergenza, di maschere fac-
zione, un decreto legge ha con- ciali ad uso medico anche prive
sentito di fare ricorso anche a del marchio CE. Per la presenta-
mascherine prive del marchio zione delle Istanze inviare una
CE previa valutazione da parte PEC a mascherinecovid-19@
dell’Istituto Superiore di Sanità. pec.iss.it. Per richieste di infor- Calzari monouso
A tale scopo all’interno dell’Isti- mazioni inviare una mail a ma- al ginocchio
tuto Superiore di Sanità è stato scherinecovid-19@iss.it.
creato il “Gruppo di lavoro di- (ulteriori info www.iss.it/pro- Tuta integrale in tyvek
spositivi medici COVID-19” in- cedure-per-richiesta-produzio- o in materiale idrorepellente
caricato di effettuare una valu- ne-mascherine)

Calzari monouso
A chi donare ALTRO MATERIALE UTILE
Ospedale Sant’Anna rif. Dr. Matteo Ferlin
matteo.ferlin@asst-lariana.it Mascherina
chirurgica
Ospedale Valduce rif. Dr. Giovanni Borin
direttore della farmacia: 031 324193
Camici chirurgici
Ospedale Fatebenefratelli di Erba monouso
rif. Dr. Francesco Stellini fstellini@fatebenefratelli.eu

Ospedale Villa Aprica rif. Dr. Pasquale Farina


dir. sanitario pasquale.farina@grupposandonato.it Guanti in nitrile
standard
Altri ospedali del territorio che volessero essere inseriti
nell’elenco possono farlo contattando il nostro quotidiano
Copricapo monouso

MATTEO FERLIN* nostri operatori per fronteg- un’emergenza epidemiologi- Qualche esempio, non sinfezione, e poi ancora ma- fattori dell’ospedale, tutt’ora
Se oggi la parola che giare insieme l`emergenza da ca senza precedenti. esaustivo delle donazioni e scherine, guanti, calzari, tu- viva e nelle cui file il Sant’An-
gira più in testa è coronavi- Covid-19. Ma l`aspetto meno sconta- dei donatori, riguarda la con- te, fondamentali presìdi di na è onorato e fiero di inclu-
rus, la seconda è di certo ge- La Fondazione Provinciale to e più sorprendente è il mo- segna di beni di prima neces- protezione individuale, per dere i donatori.
nerosità. della Comunità Comasca ha do con il quale si concretizza sità (acqua, bibite, capsule di tutto il personale. Ora purtroppo l’emergen-
Da subito, e poi anche gra- donato immediatamente una la generosità. caffè, barrette energetiche) e O, recentissimo, il dono di za continua e l’impegno di
zie all`appello di sensibiliz- ambulanza attrezzata per la Oltre alle donazioni perve- di telefoni cellulari e tablet colombe e uova pasquali, per tutti noi è concentrato a ri-
zazione veicolato dal quoti- rianimazione mobile e tra- nute sotto la classica forma di per permettere agli ammalati testimoniare un segno di vi- solvere le molteplici criticità
diano La Provincia di Como, mite il Fondo Sant’Anna ha contributi economici ed ini- di comunicare o far comuni- cinanza, in tempi di necessa- che ogni giorno si affacciano.
cittadini, fondazioni, club, promosso un appello coin- ziative di raccolta fondi, fon- care ai propri cari le proprie rio distanziamento sociale, Avremo poi modo e tempo di
piccole e grandi imprese, im- volgendo tutto il territorio damentali e necessari per condizioni. offrendo un momento di lieta esprimere personalmente ad
prenditori e professionisti, comasco, appello che non è l’acquisizione di strumenti E ci sono artisti che hanno normalità. ognuno di loro la nostra gra-
gruppi di volontariato e cul- rimasto inascoltato. diagnostici e medicali, si è messo in vendita anche le lo- Di tutti questi doni che te- titudine.
turali, supermercati, farma- manifestata e si manifesta ro opere. stimoniano la gratitudine e la Insomma, grazie a tutti co-
cie, associazioni di categoria, Lo spirito comune una via diversa, attraverso la vicinanza di una intera co- loro - e siete tanti - che hanno
il Calcio Como e gli Alpini Le donazioni hanno uno spi- quale il donatore, in un modo Aziende e privati munità, l’Azienda ospedalie- alzato la mano e hanno detto:
della Provincia di Como e rito comune, l’aiuto all’ospe- spesso molto personale, co- Ci sono sia aziende sia privati ra ringrazia commossa per- “Ci sono anch`io”.
non da ultimo le forze dell’or- dale, ovvero a pazienti e ope- niuga la propria attività pro- cittadini che hanno donato ché è rappresentativa di uno
dine, si sono mobilitati per ratori; un aiuto per fare in- duttiva ed imprenditoriale saturimetri, termometri, spirito che si richiama alla *Responsabile della donazioni per l’ospe-
aiutare il nostro ospedale e i sieme la differenza contro con l’aiuto concreto. prodotti per la pulizia e la di- tradizione illustre dei bene- dale Sant’Anna

Fondazione Pro Elisoccorso e Rotary


Protezioni per chi lotta contro il virus
Doni importanti soccorso - 118, da oltre trent’an- tary International, che ha preso no prodigati e che tuttora sono
Con la collaborazione ni al fianco del sistema di emer- contatto con i fornitori sia in Ita- impegnati a individuare altri ti-
genza-urgenza regionale, ha vo- lia che all’estero, Cina in partico- pi di forniture per andare incon-
del Distretto 2042 luto dare il suo contributo. L’eli- lare. Le spese sono state soste- tro alle esigenze di un sistema
è stato recuperato cottero in servizio nella sede di nute dalla Fondazione Pro Eli- che è in prima linea e ai suoi ope-
materiale per gli operatori Villa Guardia, infatti, è l’unico soccorso finora per 14 mila euro ratori. Ci auguriamo che tanti
dei cinque in servizio in Regione e anche dal Distretto Rotary, che altri possano dare un piccolo o
Mille mascherine, al- Lombardia a essere utilizzato procurerà a breve alcune altre grande contributo». Ecco le co-
trettante tute, tremila guanti in per il trasporto di pazienti affetti centinaia di mascherine di tipo ordinate bancarie per chi voles-
nitrile oltre a tre generatori di da Covid – 19. diverso. I dispositivi sono stati se donare: Iban IT55 A056 9652
ozono per la sanificazione dei «Il materiale – spiega Cesare smistati tra il 118 di Como e quel- 1100 0000 6118 X83, conto inte-
mezzi di terra e dell’elicottero. Cardani, presidente della onlus lo di Lecco». stato a Pro Elisoccorso – Servi-
Anche nel corso dell’emergenza - è stato recuperato tramite l’at- I soci sono sempre al lavoro: zio 118 onlus. Causale: “Elargi-
Covid-19, la Fondazione Pro Eli- tività del Distretto 2042 del Ro- «Ringrazio tutti coloro che si so- zione liberale non vincolata”. L’elicottero di Como trasporta un paziente contagiato dal virus

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkJeDM8n32nArvDabmyWZyM=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 19
Coronavirus Scienza e solidarietà

«Ecco il test per capire chi è immune»


L’intervista. Al San Matteo di Pavia il professor Fausto Baldanti ha coordinato gli studi per l’esame sierologico
Consentirà di individuare gli anticorpi legati al coronavirus: «Così sapremo quanti hanno sviluppato le difese»
in arrivo la «patente» mondo. I test hanno per i primi

È di immunità per quella


che viene definita la
«fase 2» dell’epidemia
da Covid-19.
Sono stati completati all’Irccs
Test sierologici e tampone, cosa c’è da sapere

Il test dimostra I test sierologici Il tampone serve per


due gruppi identificato la pre-
senza di anticorpi e per il terzo
no, in base a questi studi il test
è stato validato dal laboratorio
di Virologia del San Matteo e
Policlinico San Matteo gli stu- la presenza nel siero rapidi hanno diagnosticare la presenza ora DiaSorin sta lavorando per
di necessari al lancio di un (fase liquida un costo che varia del virus nell'organismo e ottenere il marchio Ce e l’auto-
nuovo test sierologico, si tratta del sangue) dai 12 ai 25 euro, quindi l'infezione in corso, rizzazione all’utilizzo dal-
nello specifico di studi effet- del paziente di alcuni ma presentano basandosi sul muco l’Istituto superiore di Sanità.
tuati dai ricercatori del San anticorpi che ampi margini di errore presente nella bocca
Matteo e della DiaSorin, si formano dopo o nel naso. I test sierologi- Il presidente della Regione Lom-
l’azienda che ha messo a dispo- che una persona ci, invece, servono per bardia Attilio Fontana ha annun-
sizione il kit per il test. è stata contagiata capire se una persona è già ciato che a breve si potrà partire
Si ritiene possibile che già en- entrata in contatto con i test sulla popolazione che
tro 10 giorni si possa arrivare con il virus esaminando misurano gli anticorpi neutraliz-
alla commercializzazione in zanti che certificano l’immunità
il sangue
tutta Italia. È il professor Fau- verso la malattia. Come si proce-
sto Baldanti, ricercatore e di- derà?
rettore della Virologia del- «Sì, con la commercializza-
l’Irccs-San Matteo di Pavia a Se gli anticorpi Nei test rapidi, I test sierologici non zione il test potrà essere di-
spiegare come funziona il test, sono presenti significa la risposta arriva in sostituiscono il test sponibile in tutta Italia, ed
e che ruolo potrà avere nel che il sistema genere in 15-20 molecolare fatto essere di utilità perla “fase
«governo» delle prossime fasi immunitario è già minuti dall'effettua- sul tampone 2”dell’epidemia. Ma va chiari-
dell’epidemia. entrato in contatto zione del prelievo to che questo test non è certa-
con il virus, anche effettuato mente una patente di sicurez-
Come funziona? se non è possibile con una semplice za per tutti. Potrà essere uti-
Tutti noi, colpiti da virus, pro- stabilire quando puntura sul dito lissimo per mappare i guariti;
duciamo anticorpi. Esistono chi ha gli anticorpi può rite-
diversi modi per capire se una nersi immune. Ma avrà anche
persona ha avuto contatti con un’elevata importanza di
il Covid-19, e differenti tipi di screening: verificare lo svi-
test sierologici. Che sono cosa luppo degli anticorpi in chi
diversa dai tamponi: i tamponi non ha fatto la malattia servi-
dicono solo se il virus è presen- rà agli epidemiologi per misu-
te o no nelle prime vie respira- zanti. in Terapia intensiva, uno dai rare la percentuale di popola-
torie , ma non se il nostro orga- pazienti guariti e uno su pre- zione che ha sviluppato l’im-
nismo ha combattuto o sta Dà informazioni sull’immunità? lievi di sangue già “stoccati” munità. Più si alza la percen-
combattendo contro il virus, Individuando proprio gli anti- per altri studi 3-4 anni fa e che tuale più si procede verso un
producendo appunto anticor- corpi neutralizzanti, ci dice se quindi non potevano contene- percorso di immunità di greg-
pi. I test sierologici si eseguono una persona ha sviluppato le re anticorpi contro il Covid-19, ge, come nelle vaccinazioni.
attraverso il sangue. Un tipo, difese contro il Covid-19. E perché allora non esisteva nel Oggi, siamo lontani: solo so-
diciamo simile a quello per quindi se questa persona ha pra l’80% di immunità della
verificare la glicemia, cioè il maturato l’immunità. popolazione ci si potrà ritene-
test rapido su qualche goccia re protetti nei confronti del-
di sangue, fornisce come re- Come si sono sviluppati gli studi? n Il tampone rivela l’epidemia».
sponso un sì o un no. Ma questi Vanno precisate alcune cose: se il virus è presente
test hanno una bassa sensibili- molte aziende hanno avanzato
tà e per questo l’Iss, Istituto le proposte di kit per i test, nelle vie respiratorie Quindi, se la «fase 2» arriverà,
sarà sempre con rigide limitazio-
superiore di Sanità ha stabilito DiaSorin è stata individuata Non se l’organismo ni.
che non possono essere utiliz- perché è un’azienda italiana e «Lo screening potrà servire
zati a uso diagnostico per una può garantire, a regime, un ha combattuto anche per verificare le modali-
verifica attendibile. Altri test, alto volume di processamento tà per avviare una ripresa delle
che invece richiedono un pre- dei test che può raggiungere attività, come tutti auspicano,
lievo di sangue, come questo migliaia e migliaia di italiani ma, nell’attesa di un vaccino,
studiato e verificato al San al giorno. Il nostro lavoro di n Solo sopra l’80% che dà l’immunità senza fare
Matteo, misurano gli anticorpi ricerca è partito dall’idea di di immunità la malattia, le sole armi per
che una persona ha sviluppato costruire una proteina sinteti- arginare i contagi sono e re-
contro il Covid-19. Per dirla in ca simile a quella chiamata nella popolazione stano le mascherine per tutti,
modo semplice è come se si spike che il nuovo coronavirus potremo dirci il distanziamento sociale an-
dovesse cercare da un mazzo utilizza per replicarsi nell’or- che nei posti di lavoro, e il
di foto di tutta la Terra solo ganismo. Quindi il test è stato davvero protetti divieto di assembramenti, fino
quelle dell’Asia. Ecco, questo confrontato con tre gruppi di a quando il virus circolante
test cerca e trova quelli che si prelievi di sangue: uno deri- sarà molto basso».
chiamano anticorpi neutraliz- Il professor Fausto Baldanti vante dai ricoverati su pazienti ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trenta ventilatori polmonari lesse, può effettuare un bonifi-


co, a scelta, su uno di questi
conti intestati alla Fondazione
Provinciale della Comunità
dme” dalle comasche Lara Si-
gnoriello ed Eleonora Gabriel-
li per la terapia intensiva del
Sant’Anna ha superato l’ambi-

grazie ai fondi dei comaschi Comasca onlus, indicando co-


me causale Emergenza Coro-
navirus: IBAN IT96U0843010
900000000260290 (Bcc Cas-
zioso traguardo dei 350mila
euro, puntando a quota
370mila.
Restando sulla stessa piat-
L’iniziativa raccolte con la campagna solidarietà dei medici della sa rurale e artigiana di Cantù); taforma, il Lions Club Monti-
Attrezzature acquistate “Dobbiamo restare in casa ma nostra provincia che, oltre a IBAN IT73V08618514 cello, in collaborazione con
non basta”, lanciata dalla Fon- essere impegnati in prima li- 10000000008373 (Bcc di Lez- l’Asst Lariana, promuove il
nell’ambito della campagna dazione Comasca. nea, trovano il tempo per mo- zeno); IBAN IT61B08329 crowdfunding in memoria del
di Fondazione Comasca «Fra queste - scrive la Fon- strare la propria generosità. 10900000000300153 (Bcc pneumologo Raffaele Giura.
e già donate agli ospedali dazione - di vitale importanza Sono tanti infatti i videomes- Brianza e Laghi). In alternati- È possibile aiutare anche il
sono stati i trenta ventilatori saggi in camice bianco a soste- va sarà possibile donare anche Valduce: sempre su Gofund-
Lo sforzo continua e polmonari già consegnati e at- gno della nostra iniziativa, co- online, recandosi sulla piatta- me, è stata attivata una raccol-
sta producendo importantis- tualmente in uso al Sant’Anna, sì come le loro donazioni. Da forma di crowdfunding della ta fondi per l’ospedale cittadi-
simi risultati concreti. È sem- al Valduce e al Fatebenefratel- segnalare il contributo di Fondazione al link “dona.fon- no: superati i novantamila eu-
pre più esteso, infatti, l’elenco li». Per gli apparecchi donati al 10mila euro ricevuto proprio dazione-comasca.it/emer- ro con più di novecento dona-
delle attrezzature mediche ac- Valduce c’è stata una donazio- ieri da un noto ortopedico co- genzacoronavirus. tori, l’obiettivo dei centomila è
quistate per gli ospedali del ne della Ratti. «È bello – conti- masco». Le donazioni sono fi- Fra le campagne, quella vicino.
territorio, grazie alle risorse nua l’ente - segnalare anche la scalmente deducibili. Chi vo- Gli apparecchi donati al Valduce promossa sul portale “Gofun- A. Qua.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkJeDM8n32nArZqZYDW5Zpg=
20 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Coronavirus La situazione sanitaria in provincia

«Croce di Malta, 22 morti da inizio marzo»


Canzo. Le organizzazioni sindacali puntano l’attenzione sulla casa di riposo: scomparso un degente su quattro
La società proprietaria della struttura: «Non forniamo dati al pubblico». Ma Comune e Ats non sanno nulla
CANZO mortalità degli anni precedenti, sono poi dieci operatori su 34 in
GIOVANNI CRISTIANI lascia aperti molti interrogativi. malattia con sintomi riconducibi-
Ventidue morti tra mar- Anche il Comune di Canzo non li al Covid-19 e tre persone del
zo e l’inizio di aprile su poco più di aiuta(i cittadini) a capire che cosa personale infermieristico».
ottanta ospiti, in pratica un anzia- accade all’interno della casa di ri-
no ogni quattro. È molto più che poso. Solo dopo numerose solleci- Le spiegazioni
preoccupante il dato che emerge tazioni il vicesindaco Ileana Va- Com’è possibile questi dati non
dalla casa di riposo “Croce di Mal- nossi ci ha detto: «A seguito delle emergano tra quelli ufficiali?
ta”, una delle 44 strutture italiane informazioni acquisite e ricevute «Credo semplicemente, come ca-
appartenente al gruppo Korian. E negli ultimi giorni, il sindaco e pita, non siano stati ritenuti de-
non ci sono soltanto i decessi: so- l’amministrazione comunale si cessi legati al coronavirus, diverse
no 12 gli operatori in questo mo- sono già attivati per acquisire le strutture hanno scelto di ritenere
mento a casa in malattia. necessarie informazioni per alcune morti non per il Covid-19
quanto di propria competenza». ma con il virus, come concausa ad
Silenzio assordante Insomma, politichese puro. altre patologie. Se però abbiamo
Eppure questi numeri fino ad oggi Più propensi a raccontare sono 22 decessi a fronte di una normali-
erano pressoché sconosciuti, no- gli operatori sanitari che si sono tà in cui ce ne era appena qualche
nostante le indiscrezioni che cir- rivolti ai sindacati per vedere tute- unità, è statisticamente realistico
colavano in paese. Anche La Pro- lata la loro salute. E da Fp Cgil, immaginare che il dato sia diverso
vincia, in più occasioni, si è rivolta Fisascat Cisl, Uilfpl e UilTucs è da quello fornito».
alla struttura ma, alla fine, l’ufficio partita proprio l’altro giorno una E com’è possibile avere una
stampa del gruppo Korian è stato lettera inviata ad Ats Insubria e percentuale così alta? «Ci sono
lapidario: «La nostra linea è di agli altri enti tra cui il sindaco di molte mancanze che portano a
fornire i dati agli enti preposti e Canzo Giulio Nava. Nel docu- queste situazioni, la Regione non
non divulgarli alla stampa». mento si chiede l’introduzione dei ha per esempio dato la possibilità
Doppio mistero, perché le ta- tamponi: « ...considerato l’elevato di realizzare uno screening delle
belle dell’azienda sanitaria però numero di decessi degli ospiti e la case di riposo con i tamponi in
riferiscono di cinque morti a Can- probabile presenza di ulteriori ca- modo da isolare i casi positivi e di
zo riconducibili a coronavirus e la si positivi di Covid-19 tra gli ospiti evitare il contagio anche attraver-
differenza con i 22 complessivi, e operatori della casa di riposo so gli operatori – spiega ancora
soprattutto se rapportata alla Croce di Malta». Callisto -.Si poteva inviare del per-
Proprio il segretario Fp Cgil di sonale per i controlli, cosa che per
Como per la sanità pubblica e pri- altro si poteva fare anche all’ester-
vata Giuseppe Callisto offre un no con i medici di base. Poi ci sono
n «Non li contano quadro esaustivo di quanto acca- errori gestionali, impreparazione
come vittime de a Canzo: «Noi i dati li abbiamo e approssimazione in diverse case
dagli operatori in struttura ma di riposo. Se invece di chiudersi
del Covid 19 dovrebbero essere abbastanza re- avessero chiesto aiuto si poteva
Ma le medie alistici. Si parla di 22 decessi tra trovare il modo di gestire la situa-
marzo e aprile su un numero di zione, ora si deve cercare di salva-
dicono altro» ospiti tra gli ottanta e i novanta. Ci re i sani ed evitare il contagio». L’ingresso della residenza Croce di Malta di Canzo

Un anziano deceduto al giorno Villa Menni, i decessi


Ora tamponi a ospiti e operatori potrebbero essere 12
Albese con Cassano
Cantù Ed è proprio seguendo il filo L’ultimo bollettino
Saranno effettuati dei tamponi a Cantù, che si ar-
certifica che 80 ospiti
riva ai dettagli di quanto sta av-
oltre 550 test sono risultati positivi ai test
venendo all’interno della Rsa.
I sindacati: «Positivi Sempre in città, al test, sono Quasi la metà dei degenti
alcuni dipendenti» stati sottoposti i circa 30 di-
pendenti de La Cascina Global Dodici morti di cui cin-
Negli ultimi tre gior- Service, impegnati in varie que certamente legate agli effet-
ni, alla sede di via Galimberti mansioni all’ospedale San- ti del coronavirus, altre sette in-
della Fondazione Rsa Garibal- t’Antonio Abate di via Domea. vece in cui il legame è probabile.
di-Pogliani, ci sono state 3 Per le Rsa, tra i sindacalisti, è Sono invece 19 gli operatori del-
morti sospette. E in totale, il Alessandra Ghirotti, Fp Cgil, la casa di riposo Villa San Bene- Villa San Benedetto Menni
numero dei deceduti del perio- a riferire il clima tra i lavorato- detto Menni risultati positivi al
do più recente ha già doppiato i ri. «Si stanno effettuando tam- tampone, mentre sono 80 gli particolare, possiamo ricondur-
morti di marzo: 4 il mese scor- poni ai lavoratori che devono ospiti risultati positivi al test. re a Covid con certezza 5 decessi,
so, nella normalità degli altri rientrare dalla malattia - dice - L’ultimo bollettino della per altri 7 il sospetto di legame
periodi, 8 nelle ultime due set- Sappiamo di qualche positivo struttura sanitaria è stato reso con il virus è probabile. Sono sta-
timane circa. La direzione tra gli operatori. Abbiamo La sede della casa di riposo a Cantù in via Galimberti pubblico dal Comune di Albese te invece 2 le persone che sono
avrebbe voluto cominciare chiesto di sottoporre tutti a con Cassano e porta come sem- morte per cause non riconduci-
ben prima con i tamponi. Ma tampone». l’ospedale Papa Giovanni XXI- pre la doppia firma della supe- bili al coronavirus».
solo qualche giorno fa è stato Se di positivi si tratta, per il II di Bergamo, che ringrazia- riora locale suor Agata Villado- Grazie alla collaborazione e al
possibile avere la collaborazio- momento, come riferito dalla n La direttrice mo - prosegue Rubatta - Tra la ro, e dal direttore generale dot- supporto dell’ospedale Fatebe-
ne di Ats, in un periodo non direttrice della Garibaldi-Po- «Ci sono stati fine di marzo e l’inizio aprile in tor Mario Sesana. nefratelli di Erba è stato possibi-
semplice per nessuno. gliani Giovanna Rubatta, non via Galimberti c’è stata un’im- Il report è molto completo le effettuare i tamponi: «Sono
Da capire se i tre decessi, vi sono attestazioni scritte. «Ci casi sospetti pennata di decessi, persone anche rispetto a quelli forniti nei stati effettuati i tamponi anche
tutti improvvisi - infarti: si è sono stati casi di diversi dipen- C’è un’impennata anche senza febbre, infarti primi giorni dell’emergenza: ai collaboratori in rientro da
letto che il coronavirus è forse denti sospetti, due di questi, anomali, 3 nelle ultime 72 ore. «In Villa San Benedetto sono at- malattia o tra coloro che si pre-
in grado di attaccare anche il sottoposti a tampone negativo, dei decessi» In totale, 8 morti negli ultimi tualmente presenti 158 ospiti. sentavano in servizio con sinto-
cuore - abbiano causato, in sostengono di essere un falso giorni, quando la media dei de- Sono stati effettuati 114 tamponi mi riconducibili a coronavirus. I
precedenza, contagi. Lo si sa- negativo. Un altro dipendente cessi si attesta attorno ai 4 o 5 il cui esito è risultato positivo collaboratori che hanno effet-
prà nei prossimi giorni: si stan- è stato informato telefonica- n Il bilancio al mese. Qualche ospite è in per 80 ospiti e negativo per i re- tuato il tampone presso la strut-
no effettuando i tamponi a tut- mente della positività, ma al in città isolamento per febbre alta». stanti 34. Al momento si è in at- tura o esternamente sono stati
ti i 300 ospiti, tra le strutture di momento non c’è una docu- Dai dati a ufficiali, a oggi a Can- tesa di altri 44 tamponi, così da 35: di questi 19 sono risultati po-
via Galimberti, via Fossano e, mentazione legata al coronavi- Sale ancora tù si conta un morto in più per completare lo screening di tutti i sitivi, 9 negativi e 7 sono in attesa
fuori porta, Capiago Intimia- rus utile anche a fini Inail». il numero coronavirus: 10. In crescita an- pazienti. Purtroppo, la diffusio- di referto». Numeri che confer-
no. E a tutti i 250 lavoratori e «Portiamo quotidianamen- che i contagiati: 85. ne del contagio ha fatto sì che si mano la gravità della situazio-
collaboratori della Rsa. te i tamponi di giornata al- dei contagiati Christian Galimberti verificassero alcuni decessi. In ne. G. Cri.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkJeDM8n32nAEisCwbnT6rg=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 21
Coronavirus La situazione in provincia
Al bar edicola Maddalena a Sol- viaggi magari per sognare mete anche il servizio che facciamo sia
SOLBIATE CON CAGNO biate che è un’attività che va lontane e anche di giardinaggio per l’edicola che tabaccheria e per
avanti da 35 anni a gestione fami- adesso con la bella stagione e do- i pagamenti delle bollette, ricari-
Voglia di sapere gliare, è aumentata la vendita di vendo stare a casa si dedicheran- che prepagate, telefoniche. E non
e di rilassarsi giornali. Oltre a quelli locali, si
scelgono le riviste di viaggi, giar-
no al giardino, oltre che acquista-
no riviste di gossip – precisa –
da ultimo per la sicurezza di tutti
vendiamo anche mascherine di-
«L’edicola dinaggio e femminili. abbiamo dei bravi clienti e la sinfettabili e riutilizzabili, gel di-
«La gente ha voglia di rilassar- maggior parte rispetta le regole sinfettante, guanti in nitrile e lat-
è un servizio» si – dice il titolare Fabio Galli – del Ministero indossando ma- tice». L’attività è aperta dalle 7.30
e in tanti comprano giornali di scherine e guanti e apprezzano alle 12.30 e dalle 15 alle 18». L.TAR.

Erba, in seimila hanno salvato l’ospedale


La lettera. Il priore Luzzato non ha nascosto di avere pensato alla possibile chiusura del “Fatebenefratelli”
«Pochi farmaci, mascherine, camici e occhiali. Poi gli aiuti della comunità e dei comaschi ci hanno dato forza»
ERBA Tra i tanti benefattori il priore
LUCA MENEGHEL cita «la Fondazione Provincia- Morti in corsia, condannato per favoreggiamento
«Sono stati momenti le Comasca, la Protezione Civi-
terribili. La carenza di farmaci, le che ha messo a disposizione
ausili come mascherine, cami- le tende, tante associazioni e
ci e occhiali mi ha portato più aziende», oltre alla comunità
volte a chiedermi alla sera pri- internazionale dei Fatebene-
ma di dormire “cosa succederà fratelli: dalla Provincia Roma-
domani? E se dovessi prendere na, in particolare dall’ospedale
la decisione di chiudere l’ospe- dell’Isola Tiberina, è arrivata
dale?”. Poi l’abbraccio della co- una squadra di infermieri per
munità di di Erba e della Brian- la terapia intensiva, dalla Pro-
za ci ha aiutato, sostenuto e da- vincia Austriaca materiali tec-
to la forza». nici e strumentari, dalla dele-
Il priore dell’ospedale Sacra gazione della Repubblica Ceca
Famiglia, fra Giampietro cospicue donazioni. Roberto Cosentina, ex direttore sanitario della Asst Valle Olona
Luzzato, inizia a vedere un po’ Non vanno dimenticati però
di luce in fondo al tunnel dopo i momenti più oscuri, quando
settimane drammatiche per il
presidio erbese dei Fatebene-
l’ospedale - al culmine del-
l’emergenza - faticava ad acco-
Da Saronno processo sui “morti in corsia” il
cui primo giudizio si è concluso
con la condanna all’ergastolo
fratelli.
Il frate ha scritto una lettera
gliere nuovi malati e ha rischia-
to di non avere farmaci e dispo- Fra Giampietro Luzzato con Pierpaolo Maggioni
ad Anzano dell’ex medico del pronto soc-
corso di Saronno Leonardo
per ringraziare le oltre seimila
persone e aziende che tra boni-
sitivi di protezione sufficienti.
Pensieri che hanno tolto il son-
Bufera Cazzaniga. Il medico è stato
giudicato colpevole della morte
fici e versamenti online hanno
donato 825mila euro, senza
no al priore e che hanno spinto
la Provincia Lombardo-Veneta
su Cosentina di 12 persone, numerose delle
quali comasche e tra queste il
contare gli aiuti materiali di chi dei Fatebenefratelli a scrivere padre e il marito della sua aman-
ha rifornito il presidio ospeda- una lettera al Consiglio dei mi- «È evidente che in queste condi- te, l’infermiera Laura Taroni che
liero di mascherine, tute e nistri e ai vertici regionali chie- zioni il pronto soccorso di Alzano invece è stata condannata a 30
guanti. dendo pari trattamento rispet- Lombardo non può rimanere anni per la morte della mamma.
to agli ospedali pubblici, che aperto». Roberto Consentino a fine gen-
Il ringraziamento hanno avuto meno difficoltà a Il 25 febbraio scorso, appena due naio di quest’anno era stato
«Ogni giorno - scrive - preghe- rifornirsi della materia prima. giorni dopo la chiusura e l’im- condannato in primo grado
rò e chiederò a tutti di pregare provvisa riapertura nel giro di insieme ad altre persone, in
il Signore per i benefatto- La mano da stringere poche ore del presidio sanitario, quanto componente della com-
ri. Non ci sono molte parole per Oggi l’ospedale di Erba ospita diventato poi focolaio di corona- missione medica interna del-
esprimere il più vivo ringrazia- 73 ricoverati Covid-19 di cui Gli infermieri arrivati a Erba dall’ospedale dell’Isola Tiberina (Roma) virus nel territorio bergamasco, l’ospedale di Saronno.
mento a tutti coloro che hanno sette in terapia intensiva (i po- il direttore sanitario della strut- Quindi il trasferimento dalla
preso a cuore l’ospedale, la co- sti sono esauriti), mentre i ri- priore, dopo aver dato il giusto ha però bisogno di una presen- tura, Giuseppe Marzulli, aveva Asst Valle Olona alla Asst Berga-
munità di Erba e della Brianza coverati per altre patologie so- merito al personale e ai bene- za». messo nero su bianco la sua mo Est di cui fa parte l’ospedale
ci ha sorpreso e commosso». no dieci. Nel giro di due setti- fattori, va ovviamente anche ai I malati di Covid-19 sono contrarietà alla riapertura con di Anzano. La lettera, nella quale
mane il direttore sanitario malati. persone che «non attendono una lettera inviata alla direzione Marzulli chiedeva un «interven-
Pierpaolo Maggioni conta di « Ai pazienti ricoverati - solo una mano competente che generale dell’Azienda socio to urgente», è stata pubblicata
riattivare parte delle presta- scrive - che rischiano la vita a “faccia”, ma una mano da strin- sanitaria Bergamo Est. dal sito Tpi.it. Sull’improvvisa
n Dai bonifici zioni, a partire dalle operazioni causa della loro malattia e alla gere, che gli dia sicurezza e che E al vertice dell’azienda sanita- riapertura del pronto soccorso e
e versamenti online chirurgiche programmate. Per loro condizione emotiva, sen- gli tolga quella paura inconscia ria orobica c’è Roberto Cosenti- sulla gestione dei primi pazienti,
mesi, in ogni caso, bisognerà tendosi lontani dalle proprie che la medicina molto spesso na, volto noto della sanità della come su altri filoni come la
825mila euro convivere con un ospedale di- famiglie. Spesso il malato, pro- non sa cogliere. Questo è quel- provincia di Varese e di Saronno. mancata ”zona rossa”, ha aperto
«Siamo sorpresi viso nettamente in due: nel pa- vato dalla sofferenza e dalla lo che chiediamo a tutti i nostri Una figura apicale che è stata un’inchiesta la Procura di Berga-
diglione A i malati tradizionali, malattia, non attende qualche collaboratori». Curare il corpo, condannata a due anni e sei mesi mo che avrebbe anche iniziato a
e commossi» nel padiglione B quelli colpiti cosa, attende qualcuno. Sa già e alleviare i tormenti dell’ani- per favoreggiamento e omissio- sentire i primi testimoni, tra
dal coronavirus. Il pensiero del di quali prestazioni ha bisogno, ma. ne in atti d’ufficio nel clamoroso medici ed operatori.

Mariano, aumentano morti e contagi scoperta vulnerabile al virus.


«Andava fatto, ci sentivamo di
farlo e, forse, avevamo bisogno
di farlo andando nei posti sim-
mail a distribuzionemascheri-
ne@crocebiancamariano.org,
ma anche ospitando un reparto
per i pazienti in via di guarigione

«Trasgredire le regole non è da furbi» bolicamente di maggior soffe-


renza, tra cui il cimitero» ha
spiegato Alberti sottolineando
come i campi santi restituiscano
dal coronavirus. Martedì ver-
ranno inaugurati i 27 posti letto
al “Felice Villa” che, una volta
passato il periodo, rimarranno
Bilancio mentre la città si trova costretta dere alla regole Pasqua. «Uscire trasettantenne che ha perso la la tragicità della pandemia, in dotazione al presidio per cure
I decessi salgono a 12 a piangere la sua dodicesima vit- per ritrovarsi insieme ad amici o sua battaglia per la vita. chiusi alle funzioni da inizio e trattamenti a bassa intensità
tima nella battaglia per la vita. I altri non vuol dire essere furbi, «È un pezzo della nostra sto- emergenza, senza permettere a assistenziale, come puntualizza
mentre i “positivi” sono 61 numeri sono messi in fila nella ma significa solo compromette- ria che se ne va» ha commentato nessuno di salutare il proprio in una nota l’Asst Lariana.
Il sindaco Alberti promette tabella disponibile sul sito del re il sacrificio degli altri - ha det- Alberti che, ieri, ha reso omaggio caro. «La città soffre e affronta L’azienda rassicura come il re-
controlli anche a Pasqua Comune dove, ogni giorno da to con forza Alberti - Il virus ai defunti in una via Crucis in centinaia problemi che io mi parto sarà isolato dal resto della
quando è iniziata l’emergenza, il cammina con le nostre gambe». con il parroco don Luigi Reda- sento addosso perché, anche se struttura grazie all’innalzamen-
Rallenta, ma ancora sindaco Giovanni Alberti in- Da qui il rinforzo dei controlli elli. Articolato in cinque tappe, non ho la responsabilità di tutti, to di alcuni muri, la chiusura di
non diminuisce, la curva dei forma la comunità sulla situa- fino a lunedì. «Servono dei sacri- il percorso è partito dal Lazza- me la sento per tante cose». scale e la programmazione degli
contagi a Mariano. Una linea che zione locale. fici nel presente per il nostro fu- retto in via Matteotti per chiu- All’emergenza il Comune ha ascensori. Contromisure prese
restituisce i dati dei positivi in Un breve nota accompagnata turo» ha aggiunto il sindaco alla dersi in piazza Roma, dopo aver risposto distribuendo le ma- anche per non compromettere o
città , ieri 61 residenti, ossia due dall’hashtag #restiamoacasa guida di una città che ha pianto toccato la residenza per anziani scherine chirurgiche nei negozi impattare sull’Hospice.
in più rispetto al giorno prima, per invitare le famiglie a non ce- la sua dodicesima vittima, un’ul- di “Fondazione Porta Spinola” o a domicilio, scrivendo una S. Rig.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkJeDM8n32nAOX0IkUX/ATk=
22 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Coronavirus Le storie in provincia

«Febbre alta, tanto freddo e poi il buio» COLVERDE


Messe in streaming
anche da Gironico

Così Luca è finito nel tunnel a 38 anni Anche la parrocchia di


S.Nazaro e Celso a Gironico
trasmette le celebrazioni in
diretta streaming. Oggi alle
20 veglia Pasquale e doma-
ni alle 10 Pasqua del Signo-
Fino Mornasco. Consigliere comunale nel suo paese è rimasto intubato per una settimana re collegandosi al link ht-
tp://parrocchiagironico.gi-
«Una malattia schifosa, finalmente ne sto uscendo. Che gioia poter andare in bagno da solo» thub.it. L. TAR.

COLVERDE
FINO MORNASCO Luca, che è anche consiglie- menti e ho bisogno di un aiuto Scatta una foto
DANIELA COLOMBO re comunale di Fino, sta vin- costante – spiega il ragazzo, per la biblioteca
«Oggi finalmente mi cendo la sua battaglia, final- che ormai è faccia a faccia con
sono alzato dal letto, comple- mente è fuori pericolo anche il virus da un mese – ho 38 an- Amate la lettura? Per te-
tamente eretto. Un grosso se prima di uscire dall’ospeda- ni, non 90, ma se il virus ti nerci compagnia durante
passo avanti considerando da le e riprendersi completamen- prende bene è così, può capita- questo periodo di chiusura
dove arrivo. Mi hanno fatto se- te, ci vorrà ancora un po’. «Sta- re a tutti. Questa situazione ti della biblioteca di Colver-
dere su una sedia, poi ho cam- vo bene, poi ho cominciato ad fa capire tante cose, ti apre gli de, potete scattare una fo-
minato con le mie gambe fino avere brividi di freddo nella occhi sulle persone. Dimenti- tografia mentre state leg-
al bagno. Ho raggiunto un notte – spiega Luca, riavvol- chi tutte le stupidaggini, te ne gendo, oppure del vostro
grande obiettivo, sono felice. gendo il nastro dell’incubo che freghi di tutto, dici in faccia libro preferito e inviatela a
Pian piano sto tornando a fare ha vissuto – mi è salita la feb- che vuoi bene. Il coronavirus drezzo@ovestcomobiblio-
le cose più semplici che per bre oltre 39 gradi, ho quindi mi ha fatto male, ma mi ha reso teche.it; oppure gironi-
me, in questo momento, sono chiamato l’ambulanza che mi più forte, più umile, attento ai co@ovestcomobibliote-
quasi impossibili. Questa ma- ha portato in ospedale. Dopo sentimenti degli altri». che.it Le foto saranno pub-
lattia fa schifo e per me è stata poco tempo è arrivata la dia- blicate sulla pagina Face-
durissima: a chi sta bene dico gnosi, era coronavirus, non ho Il pensiero book della biblioteca. L.TRA
di non prenderla sottogamba, idea di come possa averlo pre- Il pensiero di Luca va anche al
rimanete a casa il più possibi- so, per fortuna mia moglie e i personale sanitario dell’ospe- LURAGO MARINONE
le». miei figli sono stati bene». dale Sant’Anna di Como, che Mille mascherine
Luca Vanzin non è un an- nell’ultimo periodo si è preso dai farmacisti
ziano, non aveva patologie La ricostruzione cura di lui. «Ci tengo a ringra-
pregresse e fino a un mese fa All’inizio sembrava che la si- ziare tutto il personale, dal Mille mascherine sono ar-
era nel pieno della sua forza fi- tuazione fosse sotto controllo, primo all’ultimo, stanno fa- rivate in dono al Comune
sica, come tutti lo sono a 38 an- con una buona reazione di Lu- cendo un lavoro eccellente dalla farmacia di Fenegrò
ni. Un ragazzone di un metro e ca alle cure, poi tutto è precipi- Luca Vanzin, 38 anni, consigliere comunale di Fino Mornasco con tutti. Sono persone squisi- della dottoressa Sarina Pe-
novanta per quasi cento chili, tato. Ci sono infatti state delle te, dolci che ti aiutano dall’ini- sce e del dottor Giancarlo
con una bella moglie e due figli complicazioni dovute al coro- zio alla fine». Nicoli, titolare anche del
a Socco, Fino Mornasco. Ep- navirus al polmone destro, e Luca dovrà avere pazienza dispensario farmaceutico
pure il coronavirus ha colpito così i medici sono stati co- ed essere forte ancora per un
anche lui, lo ha colpito quando stretti ad addormentare ed in- n Alto un metro e 90 n «Al Sant’Anna po’, ma è pronto a ricomincia-
di Lurago Marinone. «A no-
me di tutta l’amministra-
meno se lo aspettava costrin- tubare Luca, per una settima- senza patologie sono stati re una nuova vita insieme alla zione comunale e dell’inte-
gendolo a un mese d’ospedale, na. Parenti e amici sono stati sua famiglia che, mai come in ra cittadinanza – afferma il
una settimana intubato in te- col fiato sospeso, ma poi il fi- «Non ho ancora tutti squisiti questo momento, gli sta dando sindaco Luigi Berlusconi –
rapia intensiva privo di cono- nese si è risvegliato e pian pia- capito come abbia Li ringrazierò la forza e alle tante persone voglio pubblicamente rin-
scenza, a combattere con tutte no sta guarendo. che non lo hanno mai lasciato graziare di cuore il dottor
le sue forze per la vita. «Ora non riesco a fare movi- potuto infettarmi» tutta la vita» solo, seppur con il pensiero. Nicoli per il prezioso gesto
compiuto». In queste ore
verrà quindi organizzata da
parte del Comune la distri-
buzione delle mascherine

Mascherine ai cittadini: «E c’è chi protesta» «In tre giorni abbiamo distri-
buito circa 700 mascherine a chi
non ne aveva – spiega il sindaco
che sono state donate con
quelle che sono state nel
frattempo messe a disposi-
Daddi - con l’aiuto dei volontari zione dalla Regione. G. SAI.
Bregnano stati solo capaci di giudicarci sui tutto si è svolto regolarmente,
Un residente ha segnalato social. Da quel che mi risulta, c’è con al massimo 3-4 persone in CARUGO
l’iniziativa del Comune
anche chi ha persino inoltrato code scorrevolissime. La piazza Il fronte comune
una segnalazione in prefettura, è stata presidiata e costante- nelle difficoltà
che consegnava accusandomi di aver violato il mente controllata dalle forze
le protezioni in piazza divieto di assembramento. Pen- dell’ordine (2 agenti della poli- Le limitazioni alla libertà di
so insomma che l’ignoranza zia locale, 3 carabinieri in conge- movimento, l’isolamento
«Fa un po’ sorridere unita alla presunzione possa fi- do, 4 volontari e altrettanti ope- in casa, ma anche l’impossi-
che mentre tantissimi bregna- nire per fare brutti scherzi». ratori della protezione civile) as- bilità di dare l’ultimo saluto
nesi hanno collaborato in vari Così il sindaco Elena Daddi sieme a noi amministratori e al proprio caro. Le norme
modi alla distribuzione delle contattatada un funzionario consiglieri comunali, tutti ade- per contenere il coronavi-
mascherine, offrendosi come della prefettura dopo che un cit- guatamente distanziati». rus hanno allungato le di-
volontari, diffondendo la noti- tadino aveva chiamato il palazzo Altre 500 sono state conse- stanze, ma solo fisicamen-
zia delle modalità della distribu- del Governo per segnalare “as- gnate a casa agli over 65 e circa te, perché Carugo si è risco-
zione, addirittura acquistando- sembramenti” causati dalla di- 200 sono state date a famiglie perta unita in nome della
ne dei quantitativi per integrare stribuzione delle mascherine. con problemi sociali o in qua- solidarietà. I gruppi di mi-
quelle da distribuire, altri siano Caso subito chiarito. La distribuzione delle mascherine a Bregnano rantena. G. Sai. noranza, “L’Altra Carugo”
e “Carugo Insieme”, infatti,
hanno scelto di unirsi al
gruppo di maggioranza
“Partecipo per Carugo” per

La pedagogista: «Ditemi le vostre storie» ro uscire storie intense; ai bam-


bini, invece, credo sia opportu-
no raccontare la verità, con l’af-
aiutare i cittadini ad affron-
tare i risvolti dettati dalla
pandemia, anche dal punto
fetto e la protezione dei genitori. di vista psicologico. Così è
Porlezza gendo l’esistenza di molti e con- stanno ricavando». Le tante vit- A risentire maggiormente del- nata l’iniziativa che racco-
Laura Romano sta cercando dizionando quella di tutti. «Vor- time che si contano sono so- l’isolamento forzato, comun- glie una serie di psicologi
rei che le nostre storie “ai tempi prattutto anziani, come quelli que, sono gli adolescenti. I so- che vivono in paese pronti
di raccogliere testimonianze del coronavirus” diventassero con i quali ha lavorato Laura a cial stanno diventando impor- a mettersi davanti a una te-
«Un diario del virus un libro di memoria collettiva – Porlezza; gli altri sono chiusi tanti per gli adulti, che ne sco- lecamere per dare il pro-
per un domani migliore» dice – Sono convinta che noi nelle strutture e non vedono da prono le potenzialità, mentre i prio contributo alla comu-
tutti, ciascuno in modo irriduci- oltre un mese i parenti. Sono lo- giovani forse ne individuano i li- nità locale, sondando le
Il coronavirus, con bilmente soggettivo ma altret- ro che rischiano e risentono più miti. Usciremo tutti da questa emozioni innescate da que-
tutti i suoi drammi, le paure e gli tanto condiviso, stiamo vivendo di ogni altro di questa delicata battaglia più maturi – aggiunge sto periodo. Ad aprire l’ini-
interrogativi, in un libro. Anche in questi giorni un momento fase, ma il coronavirus sta se- Laura Romano – e io spero che ziativa è stata la dottoressa
le esperienze più terribili inse- cruciale, un’esperienza apicale. gnando la vita di tutti. «Ognuno quando tutto sarà finito ci siano Claudia Guerra che in un
gnano qualcosa e Laura Roma- Invito tutti, di conseguenza, a elabora gli eventi in maniera di- i margini per ripartire all’inse- breve video, oggi disponibi-
no, pedagogista comasca che ha raccontarmi la propria: come versa in base all’età e al vissuto – gna di un nuovo sentire comu- le sulla piattaforma di You-
prestato consulenza anche alla stanno vivendo questi giorni, riprende la pedagogista – . Gli ne». Chi intende contribuire Tube, parla dello stress ge-
casa di riposo Lina Erba di Por- che significato che attribuisco- anziani vivono innegabilmente con le proprie sensazioni può nerato dalla situazione che
lezza, intende far tesoro di que- no a questo tempo sospeso e di- le situazioni più difficili e da una inviarle all’indirizzo e-mail lau- si sta vivendo. S. RIG.
sta difficile fase che sta sconvol- verso e che apprendimenti ne struttura che li ospita potrebbe- Laura Romano ra@lauraromano.it G. Riv.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDkJeDM8n32nAYOH54F6P5+k=
Como 23
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Il vescovo affida la città al Crocifisso


Verso Pasqua. In Duomo la Passione davanti al simbolo religioso trasportato dalla basilica di viale Varese
Monsignor Cantoni:«Come un tempo ha sciolto le catene, oggi liberi tutti noi». Questa sera la veglia pasquale
GISELLA RONCORONI
Il vescovo Oscar Can-
toni ha affidato la città al Croci-
fisso miracoloso proprio nel
giorno in cui i comaschi si ritro-
vano solitamente per le strade
per seguire il passaggio della
processione rinviata, con anche
il rito il “bacio” , per la prima vol-
ta dopo 153 anni. Segno della
straordinarietà di questo perio-
do se si pensa, appunto, che l’ul-
tima cancellazione (comprese
le messe) risale all’ 11 aprile del
1867 «per visite sanitarie», come
recitano i giornali dell’epoca. Si
trattava dell’epidemia di colera
asiatico che investì l’Italia e il
Comasco proprio quell’anno
causando tanti morti.
Il Crocifisso del miracolo
(quello dell’anello del 1592) ieri
ha virtualmente abbracciato i
comaschi. Il vescovo, in accordo
con padre Enrico Corti, priore
della basilica di viale Varese, ha
deciso infatti di celebrare il rito
della Passione portando il Cro-
cifisso in Duomo, la chiesa ma-
dre di tutta la diocesi. E così ieri
mattina presto è stato traspor-
tato per le vie della città murata
fino alla cattedrale, dove è stato
collocato accanto all’altare. Alle
15 la celebrazione presieduta dal
vescovo, con una decina di sa-
cerdoti (tutti mantenendo le di-
stanze).
Appena entrato in Duomo
monsignor Cantoni, si è fermato Il Crocifisso portato ieri mattina per le vie del centro storico verso il duomo FOTOSERVIZIO ANDREA BUTTI Il Crocifisso è stato donato ai Celestini comaschi nel 1401
in preghiera proprio davanti al
simbolo che ha poi più volte ri-
cordato nella sua omelia. Ha au-
spicato che «l’emergenza sani-
taria si trasformi in un’occasio-
ne per andare all’essenziale del-
le cose». Ha ricordato le fami-
glie, gli ospedali, le case di ripo-
so, le persone più vulnerabili e i
senzatetto. Ha citato papa Fran-
cesco durante la sera della pre-
ghiera, da solo, in una piazza San
Pietro deserta, ribadendo che
«questo è il tempo di scegliere
cosa conta e cosa passa». Si è poi
rivolto al Crocifisso «che ci rag-
giunge nelle nostre case»: «Co-
me un tempo ha sciolto le catene
che impedivano il passaggio - ha
detto - oggi sciolga le nostre ca-
tene, quelle dell’egoismo e ci li-
beri da orgoglio, desiderio di
successo, bramosia e rabbia se-
greta» per arrivare a una Pasqua
«più vera». Stasera alle 20.30 la
veglia pasquale e, domani alle 17
la messa in diretta su Etv. Il Duomo senza fedeli e senza banchi, durante la celebrazione di ieri pomeriggio Il vescovo, con la mascherina, in preghiera davanti al Crocifisso

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6r7DQ72Ksjn0Y=
24 Como LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

La polizia fa festa, ma a porte chiuse Un pompiere


contagiato
Reati tutti in calo. Non solo per il virus «Ora fateci
i tamponi»
La protesta
La ricorrenza. Cerimonia senza invitati e con poche persone ieri mattina in Questura Un caso positivo in caserma
al comando di Como
Il questore: «Siamo chiamati a combattere un nemico diverso, subdolo e invisibile» I sindacati: «Verificare
lo stato di salute di tutti»
«In un momento così incidere sulla diminuzione dei
difficile e complicato in cui reati non è stata soltanto la Un vigile del fuoco in
siamo chiamati a combattere chiusura forzata delle città per I numeri totale* totale* servizio al comando provin-
un nemico diverso, subdolo e contenere il virus: «Il trend 17.362 14.951 * il totale comprende reati ciale di via Valleggio, a Como, è
invisibile, ammiro e mi com- era già stato sottolineato an- non compresi nella tabella risultato positivo al coronavi-
piaccio per come le donne e gli che a inizio anno» evidenzia- 2018/19 2019/20 %
rus. Un contagio che, ovvia-
uomini della Polizia di Stato si no dalla Questura. In partico- mente, ha fatto crescere l’al-
stanno spendendo e lavoran- lare un quinto in meno i furti Furto con strappo 55 44 -20 larme tra i suoi colleghi. Al
do». Festa della Polizia a “por- in abitazione. Addirittura di- punto che le organizzazioni
te chiuse”, ieri, in Questura a mezzate le estorsioni. Calano Furto con destrezza 648 489 -24,5 sindacali dei pompieri hanno
Como. Quello che è il tradizio- anche le truffe informatiche. Furti in danno di uffici pubblici 0 0 - formalizzato una richiesta
nale momento di bilancio e di perché tutto il personale ven-
ringraziamento per un anno L’attività della Questura Furti in abitazione 2.465 2.003 -19 ga sottoposto, urgentemente,
di lavoro, è stato stravolto - e Qualche numero sull’attività Furti in esercizi commerciali 789 555 -29,6 a tampone.
non poteva essere altrimenti - di polizia. Nell’ultimo anno gli In una lettera inviata al co-
dall’emergenza coronavirus. agenti della Questura di Como Furti su auto in sosta 948 756 -20,2 mandante provinciale, i sin-
Nessuna consegna di encomi e ha arrestato 169 persone e ne Furti di ciclomotori 69 38 -44,9 dacati chiedono «di far effet-
riconoscimenti, nessuna ceri- ha denunciate a piede libero tuare quanto prima i tamponi,
monia pubblica, solo un mo- più di 1.400. Sono stati rila- Furti di motociclo 58 48 -17,2 o ogni altro sistema sanitario
mento quasi privato a cui ha sciati 22.477 passaporti, 1.500 Furti di autovetture 359 285 -20,6 idoneo, per verificare lo stato
partecipato il prefetto di Co- porti d’armi (uno dei pochi da- di salute dei lavoratori sia a tu-
mo. ti aumentato rispetto all’anno Rapine 176 142 -19,3 tela loro e delle loro famiglie e
precedente, così come rad- Ricettazione 97 73 -24,7 sia dell’operatività del coman-
Il grazie ai poliziotti doppiate le revoche dei porti do». Una richiesta che si colle-
In una lettera il questore, Giu- d’armi). Quasi 16mila i per- Estorsioni 91 46 -49,4 ga anche a quanto effettuato a
seppe De Santis, ha voluto pe- messi di soggiorno rilasciati o Truffe informatiche 1.306 1.058 -17,2 Milano dove, scrivono ancora i
rò ringraziare tutti i poliziotti rinnovati dall’ufficio stranie- sindacati comaschi, «è stato
di Como in un momento in cui ri, che ha anche proceduto a Danneggiamenti 2.377 2.190 - 20,6 istituito il nucleo nbcr (nucleo
«ci si espone a rischi quotidia- 376 espulsioni. batteriologico, chimico, radio-
ni», per un lavoro che svolgo- La polizia stradale ha inve- attivo ndr) per effettuare i
no «se possibile con maggior ce elevato quasi 6mila sanzio- tamponi ai colleghi».
energia ed entusiasmo, sapen- ni e sequestrato quasi due vei- Già nelle scorse settimane i
do che è per il bene della col- coli al giorno. rappresentanti dei vigili del
lettività». «Infine chiedo di trasmet- fuoco comasco aveva solleci-
Come detto l’appuntamen- tere il mio ringraziamento più tato un intervento, da parte
to è anche l’occasione per for- sentito a tutti i comaschi» so- dei vertici, a tutela della salute
nire i dati di un anno di attività prattutto in considerazione dei pompieri, visto l’incre-
e di reati in provincia. Su que- del periodo di grandi sacrifici a mento dei casi positivi segna-
st’ultimo fronte i dati sono, ov- cui sono stati chiamati lati anche in provincia di Co-
viamente, tutti in calo. Ma a P.Mor. mo.

COME FARE
Autosili, il rinnovo Nuovo piano
degli abbonamenti
Per il rinnovo degli abbo-
del traffico
namenti negli autosili ge-
stiti da Csu, vista l’emer- Conclusa
genza sanitaria, chi non
avesse la possibilità di re- la seconda fase
carsi allo sportello cassa
potrà effettuare l’opera- Comune
zione di rinnovo retroatti-
vo quando la situazione sa- Nel contesto del pro-
rà tornata a regime. Per le cedimento per il nuovo Piano
lampade votive, invece, del traffico è stata presentato
non sono ancora stati tra- alla giunta, nell’ultima riu-
smessi gli avvisi di paga- nione, il documento “Analisi
mento e si chiede di aspet- degli obiettivi e delle strate-
tarne la ricezione per pro- gie di Piano” e si è così con-
cedere con la correspon- clusa la seconda fase del per-
sione del canone. corso. Lo fa sapere il Comu-
ne.
CANTIERI IN CITTÀ Il nuovo documento con-
Asfaltature sente a questo punto di avvia-
re la procedura di valutazio-
Nuovi interventi ne degli effetti degli inter-
Il Comune ha fatto sapere venti sulle componenti am-
che dal 14 al 17 aprile si bientali correlate (la cosid-
interverrà per riasfaltare detta procedura di Vas).
tutta la zona di via Foscolo È prevista la divulgazione
- piazza Matteotti (zona dei documenti secondo rego-
dalla stazione dei bus alla le codificate. Per questo -
stazione Como Lago) men- spiegano da Palazzo Cernezzi
tre dal 20 al 24 aprile sarà - nei tempi previsti dal rispet-
asfaltata via Pessina. Nelle to di tali regole, i documenti
ultime ore sono stati effet- saranno presentati alla città,
tuati lavori di sistemazio- ai portatori di interesse, ai
ne provvisoria della pavi- componenti del Tavolo infor-
mentazione stradale in via male di consultazione per la
Napoleona sulla corsia di- Mobilità urbana e il traffico,
scendente, lungo tutto il nonché ai consiglieri comu-
tratto da via Pino a via Tu- nali, così da poter raccogliere
rati, e in via Giordano Bru- osservazioni e suggerimenti
no (Sagnino) nel tratto da per la successiva fase di ste-
via Pio XI a via Calvi. sura del Piano con le sue scel-
te progettuali».

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6r1KL2qVaS05c=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 25

Noilettori Farmacie di turno


Como
Bani - Via Giovio

Provincia
Cermenate - Melli Petazzi
Olgiate O. - Buon Gesù
Saronno - Al Santuario (sino alle
ore 20)
Come partecipare Cirimido - Defilippi San Siro - Camozzi
Le lettere, firmate con nome, cognome e indirizzo, vanno inviate a: Valsolda - Orezzi (sino alle ore
Lomazzo - Pizzi
La Provincia, rubrica Le Lettere, via G. De Simoni 6, 22100 Como; 15.00 e dalle 19.00)
oppure al fax 031-50.50.03; via mail lettere@laprovincia.it. Carate - Sala
La redazione si riserva il diritto di sintetizzare i testi troppo lunghi. Porlezza - Caso (15.00-19.00)
Magreglio - Tagliabue
Per veder pubblicato il tuo SMS invialo al numero 331.676.14.19 Sorico - Gloria
L’invio del messaggio non garantisce la certezza della pubblicazione. Arosio - Fois Bellagio - di Bellagio

Le vostre lettere
Cara Provincia
CORONAVIRUS

Il rischio
Grazie farmacisti
Farmacista sia indenne da
delle zanzare possibile contagio? Perché
non dovremmo stupirci
Buon giorno vorrei esporre quando questa meraviglio-
due problemi
Io chiedo al comitato scientifi-
co che studia il coronavirus se Sono competenti sa equipe del Dr. Verri
rimane basita se chi acce-
de alla farmacia in questo

e disponibili
è vero come detto che alla momento, è per chiedere
temperatura di 37,5 gradi il una crema anti rughe o
virus muore , ciò vuol dire che addirittura è pronta ad
con l’arrivo della primavera / insultare chi ha di fronte?
estate ci sarà un picco altissi- Per favore, pensiamo
mo di contagi anche con l’aiuto In questo periodo tanto disponibilità alla spiegazione anche a loro e ringraziamo
del vettore piu potente al mon- difficile sento doveroso e al consiglio, dove esso fosse la loro presenza continua
do ( le zanzare) NON TROVIA- ringraziare i farmacisti. necessario. Sono dunque a fronte della loro stan-
MOCI IMPREPARATI Figure sanitarie che si figure che oggi abbiamo più chezza...Procurano bom-
Carissimo presidente della occupano,oltre che della che mai il dovere di rispettare bole di O2, mascherine...e
repubblica MATTARELLA distribuzione del farmaco , ed ammirare. Nell’emergenza è centrale anche la figura del farmacista tutto cio’ che possa essere
chiedo a lei di mettere un po di essere consulenti di Mi sento in dovere in qualita’ d’aiuto ai pazienti amma-
d’ordine in questa giungla fiducia, a cui molti di noi, di sanitario di espormi non una minima e possibile pro- essere prive di mascherine o lati e a coloro che devono
politica,occorre urgente un se non tutti noi ,ci rivol- solo in favore dei miei colle- tezione contro il contagio. che possono darne solo 4 per essere protetti. Un plauso
commissario straordinario che giamo ponendo i quesiti ghi infermieri in prima li- Non si risparmia, come non si nucleo famigliare,trovandosi da parte mia al Dr. Verri, e
collabori a stretto contatto con più differenti. nea,dei medici che combatto- risparmiano le Sue dottores- di fronte talvolta persone che un plauso ad Alessandra,F
il comitato scientifico, Il ruolo del farmacista è no questo Covid 19,ma anche se. Che dire di Alessandra, si “scandalizzano” conside- rancesca,Linda Daria per
un unico portavoce con poteri quindi cambiato,ovvero è per i farmacisti appunto e, Linda, Francesca, Daria che rando il loro “possiamo dare come non si risparmiano
speciali che possa usufruire dei anche colui il quale si nel mio caso va’un grazie alla ogni giorno hanno a che fare solo questo” come un’affron- nell’aiutare e nell’ascolta-
fondi stanziati senza tanta pone al servizio del pa- Farmacia San Martino di con richieste incessanti di to personale... Perché non re, tenendo dentro di loro
burocrazia perché tornando ziente, del cittadino qua- Como, il cui titolare Dr.Guido mascherine,di guanti o quan- pensare al farmacista ucciso la paura,la stessa che è in
alle zanzare gia da anni i co- lunque, a cui deve garanti- Verri ogni giorno si informae t’altro? Che dire quando dal coronavirus a Nettuno ,o ognuno di noi.
muni piccoli e grandi non re non soltanto la cura aggiorna su vari presidi in pazientemente e visibilmente il secondo deceduto per la Antonella Setti con pre-
hanno fondi a sufficienza per nella gestione del farma- ogni modo per far si che stravolte a fine giornata non stessa causa? ghiera di pubblicazione
una sana opera di disinfesta- co,ma mostra la propria ognuno di noi possa avere riescono più a comunicare di Perché dunque pensare che il _ ANTONELLA SETTI
zione.
Grazie attendo risposte.
_ PATRIZIO PIATTI sparare ora sul Governo Conte. ne metta, con un Dpcm al tum” bisogna poi entrare nel sole aziende che non ne hanno eucarestia. Grazie.
Valmorea Le considerazioni, che espri- quale ne seguirà un altro si merito, sgombrando subito il bisogno.
mo riguardano le imprese, vedrà quando e come. Ora, la campo ad un equivoco: bisogna _ GINO STUFANI A ROSSELLA
DECRETO LIQUIDITÀ soprattutto le piccole e medie Germania che ha un Pil poco distinguere tra garanzie date A rossella alla mia meraviglio-
imprese che, diversamente da più del doppio del nostro, ha dallo Stato e liquidità vera alle sa mammina un sacco di augu-
Soldi a chi Germania e Francia, costitui- stanziato per le imprese 550 imprese che, alla fine, viene Dillo con un sms ri di buon comèleanno. I tuoi
non ne ha bisogno scono il tessuto portante del-
l’industria manifatturiera
miliardi, questo potrebbe dare
la dimensione del fabbisogno
ancora erogata dalle banche.
Non mi dilungo in eccessivi A SUOR EUFEMIA
tesori più grandi Alice e Davi-
de.
Non voglio qui parlare del italiana. Sappiamo tutti che delle aziende italiane e credo tecnicismi ma posso dire con A suor eufemia che purtroppo
coronavirus. Né esprimere sono stati stanziati 25 miliardi di non sbagliarmi di molto se assoluta certezza che, se resta- in questi giorni ci à lasciato la A STEFANO
considerazioni politiche per- di aiuti a famiglie, imprese, parlo di almeno 250 miliardi, no questi criteri, il risultato ricordo per il suo amore per gli A Stefano buon compleanno
ché mi pare sin troppo facile Partite Iva e chi più ne ha più non di 25. Detto del “quan- sarà quello di dare finanza alle ammalati mentre ricevevano dai tuoi nonni auguriiii.

Ariete Toro Gemelli Cancro Leone Vergine


21 MAR - 20 APR
Oggi potrebbe accadere Prestate maggiore attenzione Oggi sarete fortemente ispirati Vedete un vostro familiare Siete sempre molto sicuri Il partner ha bisogno di
qualcosa che stavate alle richieste del partner. dal vostro istinto e dalle molto spento, ma non riuscite di voi, spesso anche troppo. conferme da voi, ma voi
aspettando da tempo. Siate Ultimamente siete stati sensazioni che proverete. a capire il perché. L’unica cosa Questo a volte può portarvi a temporeggiate: se siete
pronti a cogliere l’attimo e piuttosto assenti, anche se non Buttatevi e averete importanti da fare è provare a parlarci e fare passi falsi. Fate un po’ di davvero innamorati è il
sfruttare l’opportunità. ve lo è stato fatto notare. sorprese. farlo sfogare. autocritica. momento per tranquillizzarlo.

Bilancia Scorpione Sagittario Capricorno Acquario Pesci


Un gioco in scatola può Non permettete a nessuno In questa giornata potreste La vostra giornata sarà Guardate al futuro con più Non potete chiudere
scaldare l’atmosfera familiare: di trattarvi male, anche se imparare molto da una costellata da litigi con il ottismo. Solo così riuscirete un’amicizia soltanto perché
cercate di rendere questa voi avete commesso qualche persona che è appena entrata partner. Questo atteggiamento, a sfruttare tutte le occasioni non volete sentirvi dire certe
gironata più felice con qualche errore. La vostra dignità viene nella vostra vita. Il suo da parte di entrambi, non che incontrerete sulla vostra cose. Dovete essere pronti ad
risata. prima di tutto. esempio è molto importante. porterà da nessuna parte. strada. accettare le critiche.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rzgy+0QuSB0k=
26 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rkw76NMbV56I=
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020 27

Cintura urbana
Protezioni
per tutti
Il Comune
“raddoppia”
Maslianico
Potenziato il numero
delle mascherine
per far fronte alle esigenze
dei residenti

Non solo le mascheri-


ne inviate dalla Regione al Co-
mune, a Maslianico l’ammini-
strazione ne ha acquistate an-
Campione d’Italia sembra essere diventato un paese fantasma: anche le commissioni più banali sono difficili che 2700 in più. Il tutto per ave-
re la certezza di destinarle a tutti

Campione si scopre
2700 casi su 353mila abitanti. Non solo. «La istuazione è i residenti. In questo modo è di-
Il 24% della popolazione co- peggiorata da quando la Sviz- sponibile anche una scorta per
masca ha più di 65 anni, il 23% zera ha vietato agli under 65 di eventuali situazioni di emer-
tra i ticinesi. L’ala politica più fare la spesa. Ci siamo orga- genza.
estrema dei ticinesi ci ha chia- nizzati per aiutare chi è da so- Il Comune ha così provvedu-

ancora più isolata


mato untori. lo, per rifornire pensionati e to a far imbustare le mascheri-
«Ma può anche essere un anziani. Occorre dire grazie a ne, allegando le istruzioni per la
dato di fatto – ribatte Zanzi – un gruppo di volontari resi- sanificazione. Ogni famiglia ne
se l’epidemia passando per denti, anche parecchi giovani ha già ricevute o ne riceverà nei
l’Italia ha seguito la strada del paese». prossimi giorni due. I dispositivi
percorsa dai 60mila frontalie- di protezione vengono inseriti

«E senza i negozi» ri. La forza lavoro di cui la


Svizzera ha bisogno. Compre-
si i 3mila italiani tra medici e
infermieri che stanno curan-
do i malati negli ospedali sviz-
zeri».
Norme in conflitto
Paradossalmente in Italia al-
cune catene della grande di-
stribuzione hanno una corsia
preferenziale per gli anziani.
«E’ solo uno dei tanti parados-
nelle cassette postali a cura di al-
cuni consiglieri comunali e della
protezione civile. Come detto
con l’acquisto di ulteriori ma-
scherine, in aggiunta alle 900
consegnate dalla Regione, è sta-
La storia. Soltanto un “positivo” nell’enclave italiana Durante l’isolamento la dif-
ficoltà maggiore per i campio-
si con cui siamo costretti a
convivere – spiega ancora il
ta creata anche una discreta
scorta per eventuali emergenze.
Ma è l’unica buona notizia in una situazione difficile nesi è quella di fare la spesa.
Problema ancora più sentito
commissario prefettizio –
Campione d’Italia deve segui-
In queste ore il Comune sta
provvedendo anche alla distri-
mentre il commissario dice: «Un problema fare la spesa» che nel resto della provincia.
«E’ un problema molto con-
re le regole e le restrizioni ita-
liane e insieme le ordinanze e
buzione dei buoni spesa dell’im-
porto che varia da 200 a 400 eu-
creto – dice Zanzi – in paese le leggi svizzeri. Peccato che ro in base alla composizione del-
CAMPIONE D’ITALIA «Fortunatamente noi no, non un tasso di anziani molto ele- non abbiamo supermercati, spesso non coincidano, anzi le famiglie. I richiedenti sono in-
SERGIO BACCILIERI siamo stati toccati – spiega vato, come del resto accade c’era un negozio di alimentari, alle volte confliggono». In fatti nuclei con anche più di due
Campione d’Italia Giorgio Zanzi, il commissa- nella popolazione campione- ma ha chiuso mesi fa. Non si questo quadro, tutt’altro che figli, così come single che hanno
sembra immune dal contagio rio prefettizio alla guida del se. Forse noi ci siamo per ora può comprare neanche un pa- rassicurante, si inserisce - co- fatto domanda perché in un mo-
del coronavirus, eppure è in municipio dopo la crisi finan- meglio difesi rispetto ai nostri nino. Dunque bisogna andare me detto - anche la profonda mento di difficoltà. In questa
mezzo a due fuochi. Salvo un ziaria che l’ha messo in ginoc- vicini di casa perché abbiamo a fare la spesa in Svizzera, ma crisi finanziaria che ha coin- prima fase di possibilità di otte-
caso rientrato che ha coinvol- chio – risolto un singolo caso messo in pratica le ordinanze con il cambio e il caro vita non volto il paese dopo la chiusura nere un aiuto economico per
to un cittadino straniero, l’en- con la quarantena non ci sono e i decreti italiani che sono ar- conviene affatto. Grazie a per fallimento del Casinò - l’acquisto di beni di prima neces-
clave italiana in Canton Tici- stati focolai. Eppure noi sia- rivati con quindici giorni d’an- un’intesa con le autorità ita- unica fonte di reddito per la sità i richiedenti a Maslianico
no dall’inizio dell’epidemia mo nel bel mezzo di due grossi ticipo rispetto alle restrizioni liane a noi è permesso fare la maggior parte dei residenti - e sono stati 45.
non ha registrato residenti fuochi. La Lombardia da un svizzere». spola in macchina per rag- il conseguente dissesto del Dall’amministrazione fanno
positivi al coronavirus. lato, la regione più colpita del giungere i supermercati di Comune. anche sapere che alcuni opera-
Il paese italiano è isolato nostro paese e dall’altro il Ti- I numeri Como, oppure sul lato della Per Campione d’Italia, per tori sono stati al cimitero, chiuso
dietro a una minuscola fron- cino che per numeri ha un Como conta più di 1600 con- dogana varesina. Non è como- decenni considerato una sor- in base alle disposizioni del go-
tiera posta sull’unica strada contagio molto preoccupante. tagiati su 599mila cittadini, in dissimo. Sono trenta chilome- ta di paradiso, l’incubo sem- verno, per assicurare il decoro
d’accesso all’inizio dell’anno. Sono due terre entrambe con Ticino il conto ha superato i tri». bra davvero non finire mai. del campo santo. F. Gui.

LA STORIA IL SODALIZIO DI MONTORFANO SCIOLTO NEL 1992


colare e con la collaborazione

“Torino club”, tifo e non solo dell’associazione genitori alle


“Olimpiadi montorfanesi”, an-
che attività culturali e ricreati-

Nostalgia dello sport pulito


ve.
Collaborazione e spirito asso-
ciazionistico permisero di abbi-
nare all’agonismo manifesta-
zioni estese a tutto il paese co-
sicchè il club granata a poco a
poco divenne un vero e proprio
PASQUALE SARRACCO maggiore impulso al club pro- sidente-segretario Alberto Mo- veicolo promozionale per l’atti-
muovendo iniziative sportive e schetta, vice presidente Giu- vità sportiva dei giovani locali.

S
ino al 1992, quando ricreative atte a tenere alto il seppe Paino, consiglieri Gaeta- A distanza di trent’anni dallo
con gli ultimi soldi glorioso nome del Torino, Fasa- no Bin, Lorenzo Capuano, Pier scioglimento del sodalizio an-
rimasti in cassa ven- na e i suoi collaboratori si sono Giorgio Castelletti, Vincenzo cora oggi molti montorfanesi
ne organizzata la adoperati per allestire nel corso Gino, Egidio Gottardi, Angelo ricordano i bei tempi quando
prima “Festa dell’anziano”, degli anni iniziative che potes- Molteni e Renato Trezzi, colla- Antonio Fasana e suoi collabo- Antonio Fasana con una maglia del Toro
grazie all’entusiasmo di An- sero coinvolgere ed interessare boratori Santino Pesce, Walter ratori predisponevano le gite
tonio Fasana, un vecchio oltre ai ragazzi impegnati nelle Radaelli, Italo Sibilio e Pietro domenicali in pullman per se-
cuore che batte granata, il varie discipline svolte dal club, Tosetti, hostess: Costanza Got- guire nelle varie città la squadra
Torino Club “Gigi Meroni” anche la gente del paese e in tardi, Tiziana Lazzaroni e Gio- granata e vedere all’opera il loro
riuscì a favorire uno spirito particolare le famiglie degli vanna Paino. beniamino Gigi Meroni, non-
associazionistico impensato iscritti. All’interno del gruppo, sino al ché i ricchi e ambiziosi pro-
per la gente di Montorfano Insomma, un club ispirato al suo scioglimento che, come grammi per vivacizzare duran-
il cui carattere generalmen- cuore Toro trasformatosi nel detto, è avvenuto nel 1992, era te tutto l’arco dell’anno la vita
te schivo mal si concilia con tempo in qualcosa di più. E di fortemente sentita la necessità del calmo e ridente paese brian-
il vivere insieme una realtà molto importante. Negli anni di abbinare alla pratica sportiva zolo.
non solamente sportiva. ’80 il consiglio direttivo del club fra i giovani locali, impegnati Un amarcord, per moltissime
Sorto con la finalità di segui- granata era composto dal presi- nei tornei Csi provinciali, nei persone non più giovani, diffici-
re la squadra del cuore, dare dente Antonio Fasana, vice pre- tornei di calcio serali in parti- le da dimenticare. Una formazione del Torino Club anni Ottanta

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6r3HGd3JcqC1Q=
28 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

GIAN ANDREA e NADIA sono Il Presidente con i Consiglieri Il Presidente della FEDERA- ANGELA e ROBERTO, ROCCO,
= vicini a Tullio e famiglia in e i Soci dello YACHT CLUB ZIONE ITALIANA MOTONAUTI- = PAOLA e FEDERICO sono vicini
questo triste momento per la COMO sono vicini ai familiari CA VINCENZO IACONIANNI, a Danilo e familiari per l’improv-
È mancato all’affetto dei suoi scomparsa di un caro amico per la scomparsa dell’amico con il Consiglio Federale e la Coloro che amiamo e che abbiamo
visa perdita del fratello
cari Motonautica tutta, piange la perduto non sono più dove erano,
Tullio Tullio Abbate ma sono ovunque noi siamo. Roberto
TULLIO ABBATE morte di un grande uomo di
Villa Guardia, 11 aprile 2020 grande campione nello sport e sport (Sant’Agostino) Casnate con Bernate, 11 apri-
Con profondo dolore lo annun- nella vita. È mancato all’affetto dei suoi
Tullio Abbate le 2020
ciano i familiari tutti. Como, 11 aprile 2020 cari
Chi vorrà salutare Tullio lo po- FRANCO e ROBERTA BRENNA e porge alla famiglia le più
tràfare presso la Sala Commia- con i ragazzi si uniscono in un sentite condoglianze.
to dell’Impresa Soldarini in Len-
commosso abbraccio al dolore
di tutti i familiari in occasione
Sono vicina a Gabriella e fami-
glia per la scomparsa del caro Milano, 11 aprile 2020 =
no nel rispetto delle ultime È mancato all’affetto dei suoi
della scomparsa terrena del Tullio
normative per l’emergenza sa- loro Il Presidente EDOARDO CE- cari
nitaria. MARIELLA. RIANI, il Consiglio e i soci del
La salma lunedì 13 aprile in Tullio Grandate, 11 aprile 2020 PANATHLON CLUB COMO si
mattinata verrà sepolta nel ci- uomo di cuore, uomo sempre a stringono forte ai familiari per
mitero di Tremezzo. tutta manetta. MICHELE e ANTONIA si strin- la perdita di
Si ringraziano anticipatamente Bolvedro - Tremezzina, 11 apri- gono commossi alla famiglia Tullio Abbate
tutti coloro che parteciperan- le 2020 Abbate per la perdita del caro premio Fairplay Panathlon
no al lutto. Tullio 2019 alla carriera e ambascia-
Tremezzina, 11 aprile 2020 CNA PRODUZIONE NAUTICA tore nel mondo di ingegno e
di cui ricorderanno la brillante ROBERTO FERRARIO
(Impresa Soldarini) con il Presidente MECO LILLIA, personalità. sportività.
e la Dirigenza dell’associazio- Tremezzo, 11 aprile 2020 Como, 11 aprile 2020 Ne danno doloroso annuncio la
ne CNA DEL LARIO E DELLA moglie YANET, i figli LUCA con
Il fratello CHICCO, la cognata BRIANZA si uniscono al cordo- PAMELA, ILENIA e LORENZO,
ALBERTINA, il nipote SIMONE
con immenso dolore piangono
glio della famiglia Abbate per GERMANO rattristato dalla
scomparsa del vecchio amico
= la mamma ROSANNA e il papà
BERNARDINO FASOLA
la perdita dell’indimenticabile LUIGI.
la scomparsa del caro amico È mancata all’affetto dei suoi Bernate, 11 aprile 2020
Tullio (Dino)
cari
Tullio Tullio partecipa affettuosamente al (Onoranze Funebri Tagliabue)
di 80 anni
Tremezzina, 11 aprile 2020 Como, 11 aprile 2020 dolore di tutta la famiglia e in
particolare di Cristina. Lo annunciano con dolore la
Caro sorella MARIELLA, il fratello
Monte Carlo, 11 aprile 2020
Con infinita tristezza salutiamo JEAN-MARC DROULERS assie- Roberto PIERANGELO, la cognata e pa-
il nostro caro me a suo fratello PATRICK pur con profonda sofferenza renti tutti.
ricordano la loro lunga amicizia CHRISTIAN NESSI ricorda con La salma verrà cremata.
zio Tullio commozione resterai sempre nella nostra
con mente come "l’eterno ragaz- Si ringraziano tutto il personale
Tua cognata NICOLETTA, tuo Tullio Abbate zo", allegro, esuberante e tra- dell’Hospice di Erba e
Tullio Abbate
nipote MARCO con CINZIA, scinante. dell’Ospedale Valduce, il Dot-
e participano al lutto della sua ed esprime le sue condoglianze
BRUNO e NOVELLA. ai suoi familiari. Proteggici da lassù. tor Mattiroli e tutti coloro che
Tremezzina, 11 aprile 2020 famiglia.
Cernobbio, 11 aprile 2020 Como, 11 aprile 2020 Tuo fratello DANILO con FRAN- ci sono stati vicini nel periodo
CA, ROBERTA, FABRIZIO con della malattia.
CLAUDIA e DELZIO sono vicini Il Consiglio di Amministrazione MARIA CRIPPA CRISTINA e SAMUELE. Ronago, 11 aprile 2020
a tutti i familiari per la perdita Siamo vicini in questo triste Bernate, 11 aprile 2020 (Onoranze Funebri Cincera)
momento alla famiglia Abbate e la Direzione di VILLA D’ESTE ved. ROMANÒ
del caro amico esprimono cordoglio per la per-
per la perdita del caro amico di 91 anni
Tullio dita di Non abbiamo parole in questo Il Consiglio di Amministrazione
Tullio Con profondo dolore ne danno momento, solo i migliori ricordi
Ciao, non ti dimenticheremo Tullio Abbate della SOCIETÀ COOPERATIVA
GABRIELLA, MARGHERITA e l’annuncio i figli PIERANTO- di CONSUMO RONAGO partecipa
mai. MARCO, RANIERI e ELENA. Cernobbio, 11 aprile 2020 NIA, DANIELE e MARILENA
Tremezzina, 11 aprile 2020 con le rispettive famiglie, nipo- Roberto al lutto dei familiari per la
Capiago, 11 aprile 2020 scomparsa del caro signor
PIERGIULIO TURATI e famiglia ti, pronipoti e parenti tutti. una persona che ha saputo
piangono la scomparsa del I familiari ringraziano sentita- apprezzareognimomentodella Bernardino Fasola
Al caro amico Ciao grande amico e maestro mente tutto il personale medi- vita, con ottimismo e una forte (Dino)
Tullio Tullio co e infermieristico della RSA energia che irradiava tutti noi.
Tullio da molti anni socio e Vicepresi-
nel ricordo di tanta sperimenta- cimancherannolatuagenialità Garibaldi - Pogliani di Cantù Via Ci mancherai...
ricordando i tanti anni trascorsi Galimberti per le premurose PINO, GIOVI e DIEGO dente della Società; persona
zione nautica e di gare offshore il tuo coraggio e il tuo gran attenta e sempre disponibile.
insieme. cure prestate. Bernate, 11 aprile 2020
vissute assieme, un saluto af- cuore. Argegno, 11 aprile 2020 Una benedizione verrà imparti- Ronago, 11 aprile 2020
fettuoso e alla famiglia Abbate In questo momento di dolore ci
ta, in forma strettamente priva- Partecipano al lutto:
le più sentite condoglianze. stringiamo con affetto a Gabri, Le nostre condoglianze alla fa-
ROBERTO CLERICI con MA- ta, sabato 11 aprile alle ore - I Gestori del Bar e dello Spaccio
RICCARDO MAMBRETTI. Monica, Paola e tutta la fami- miglia Ferrario per l’improvvisa
glia. RIO CAPPELLETTI e tutti i di- 10.00 nel cimitero di Brenna. Alimentari
Fenegrò, 11 aprile 2020 perdita di
GRAZIELLA, CRISTINA, CAR- pendenti del GRUPPO CLERICI Olgelasca di Brenna, 11 aprile
AUTO partecipano al cordoglio 2020 Roberto
LO e famiglia; ADELE con tutta Ai familiari tutti dell’amico
Titolari e dipendenti della ditta la famiglia. della famiglia per la perdita del (Impresa Zanfrini) Che Dio lo accolga nella sua
MGT partecipano al lutto della signor gloria a braccia aperte. Dino
Tremezzina, 11 aprile 2020
famiglia Abbate per la perdita Tullio Abbate La famiglia RONDAN BOBADIL- le nostre più sentite condo-
del proprio caro
La famiglia ERBA partecipa Lurate Caccivio, 11 aprile
= LA. glianze.
Tullio 2020 Gli amici in Perù si uniscono al ANGELA BERTINO e figli.
con affetto al dolore dei fami- È mancata all’affetto dei suoi
cari dolore per tal grande perdita. Ronago, 11 aprile 2020
Cantù, 11 aprile 2020 liari per la scomparsa del caro
Arequipa, 11 aprile 2020
amico PAOLO DE SANTIS con tutti i IRIS LUPPI
Tullio Abbate collaboratori del GRAND HO- ved. MASCETTI Il GRUPPO ALPINI di Ronago
Amico da una vita, hai lasciato Ci stringiamo in un affettuoso partecipa al dolore dei familiari
Porlezza, 11 aprile 2020 TEL TREMEZZO partecipa con
un grande vuoto. Ne danno il triste annuncio i abbraccio al dolore di Danilo e per la perdita del socio
affetto al dolore di Tullietto e
La tua esuberanza, il tuo modo pronipoti PAOLO, ANNA e MO- di tutti i suoi familiari per l’im-
di tutta la famiglia per la perdi- Bernardino Fasola
di essere unico rimarranno EUGENIO si stringe ai familiari, NICA con FABIO. provvisa scomparsa del caro
ta del caro, grande
sempre nei miei ricordi. con affettuosa commozione, Un particolare ringraziamento e porgono sentite condoglian-
Tullio a tutto il personale della R.S.A Roberto ze.
Ciao per l’improvvisa perdita del ca-
ro amico che ha onorato, come impren- Le Camelie. Di te ricorderemo sempre la Ronago, 11 aprile 2020
Tullio ditore e come sportivo, la Tre- Monte Olimpino, 11 aprile tua contagiosa allegria.
Il tuo amico TINO. Tullio mezzina e l’intero Paese. 2020 LINA e famiglia.
Cantù, 11 aprile 2020 Cermenate, 11 aprile 2020 Como, 11 aprile 2020 (Curcio & Broggi) Como, 11 aprile 2020 CONTINUANO A PAG. 42

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rHbT4oR5XS04=
Cintura 29
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Soldi dalla California per chi non ce la fa


BLEVIO
La Via Crucis
senza fedeli
Una originale Via Crucis.

Dal filantropo che ha Brunate nel cuore È quella che ieri, stante la
situazione sanitaria, siè te-
nuta a Blevio per celebrare
la Pasqua dando contem-
poraneamente un segno di
vicinanza alla popolazio-
La storia. Blaine Pollock è anche proprietario di una villa in paese e ha deciso di rendersi utile ne. Il parroco don Sandro
Zanzi, ha portato la Croce
«Ci ha dato più dei fondi statali» dice il sindaco. Serviranno a incrementare il conto di solidarietà da solo percorrendo le vie
di Blevio. Nessuno, ovvia-
mente ha potuto uscire di
BRUNATE to corrente dedicato alla emer- casa o seguire fisicamente
PAOLA MASCOLO genza Covid-19 presso la Tesore- la processione ma molti
“Thank you Mr. Pol- ria Comunale. E’ un conto per le hanno acceso un lume. G.
lock”, grazie mister Pollock. Ecco persone di riguardo, ovvero per- VAL.
l’insolita storia che vede come sone a cui dobbiamo assicurare
protagonisti i brunatesi ed un fi- sia generi di prima necessità, sia SAN FERMO
lantropo statunitense, il suo no- materiale per poter operare in Il campanile
me è Blaine Pollock, nato e cre- sicurezza. I brunatesi stanno ri- illuminato
sciuto nel Nebraska, attualmente spondendo a questo invito in mo-
residente a San Diego, in Califor- do generoso e li ringrazio, quanto Il campanile della parroc-
nia. ringrazio il signor Pollok che ha chia di San Michele Arcan-
Blaine Pollock, uomo d’affari effettuato una cospicua donazio- gelo di Cavallasca illumi-
americano, conosce ed ama Bru- ne, tale da consentirci di incre- nato con i colori del Trico-
nate, dove ha acquistato una villa mentare sensibilmente l’am- Blaine Pollock, filantropo lore, anche questo un mo-
in via Pissarottino ed è entrato in montare dei buoni alimentari e do per dare coraggio e spe-
contatto con la realtà brunatese di prodotti di prima necessità». ranza in questo periodo
grazie all’ex sindaco, Davide Bo- Non si fanno cifre, in questi difficile per tutti. «Ce la
dini. casi. Di certo, il signor Pollock ha faremo – dice don Teresio
donato a Brunate più di quanto Barbaro, il parroco di Ca-
Vecchie conoscenze abbia dato lo Stato. «In questo vallasca – San Michele è
Ebbene, qualche giorno addietro difficile momento assistiamo ad baluardo contro il male
il Comune, come tanti diversi al- atti di solidarietà tali da infonder- che ci affligge, dopo tutto
tri paesi della nostra provincia, ha ci speranza, sentimento che dà il suo motto è defende nos
lanciato una raccolta fondi per far senso alla nostra vita», commen- in proelio, ovvero difendici
fronte al difficile momento che si ta il sindaco. Una panoramica di Brunate: in alto il faro, simbolo del paese Il sindaco Saverio Saffioti nella battaglia». P. MAS.
sta vivendo di emergenza sanita-
ria e dei suoi “effetti collaterali”, Tra laurea e master «La sua è un’azione ad ampio dicato alla sua causa come opi- COLVERDE
tra cui il sensibile decremento del Blaine Pollock ha una laurea in raggio – spiega Saffioti – ha fatto nion leader nel campo della sani- La distribuzione
reddito di tante famiglie e quindi lettere e un master in teologia. n Già consulente donazione di una struttura alber- tà e delle discipline educative. a domicilio
la conseguente necessità di at- Dopo la laurea ha lavorato come in Football League ghiera per l’accoglienza di rifu- Tuttavia – aggiunge il sindaco -
tuare interventi di sostegno. consulente a contratto per la Na- giati ad Andorra e la realizzazione non sappiamo quanto durerà Distribuzione mascherine
A Brunate dallo Stato sono ar- tional Football League Players ha abbracciato di un importante progetto di sup- l’emergenza: questo mi induce a a domicilio. La Regione
rivati poco più di 9 mila euro per Association, entrando in contat- le cause dei rifugiati porto ai bambini ugandesi. La sua rivolgere alla cittadinanza un ca- Lombardia ha consegnato
le esigenze delle persone biso- to con atleti di livello mondiale e attività riguarda anche il soste- loroso invito ad effettuare un ver- 1.500 mascherine di prote-
gnose in paese, «Fondi che non con i campioni del Super Bowl. e delle emergenze gno ad una rete di più di un milio- samento solidale a sostegno di chi zione al Comune di Colver-
saranno sufficienti per far fronte, Negli anni mr. Pollock ha creato ne e mezzo di centri sanitari. Ha merita riguardo ed attenzione.” de. La Protezione Civile di
in modo dignitoso, alle esigenze un’organizzazione no-profit che anche finanziato iniziative di so- Il fondo istituito dal Comune Colverde sta distribuendo
che stanno emergendo – spiega desidera migliorare la vita della stegno agli studi, di accesso a cure di chiama Pro-emergenza Covid- a domicilio le mascherina
il sindaco Saverio Saffioti - per- gente che non ha accesso a cure di qualità e alla ricerca medica su 19 (Iban: IT17 E 05696 10900 ai cittadini over 65. L. TAR.
tanto si è deciso di aprire un con- qualificate. scala globale. Mr. Pollock si è de- 000013586X36).

Il Comitato Genitori tempi, non è stato possibile an-


nullarlo».
Cosa e come fare, anche a

distribuisce le uova causa delle limitazioni e dei di-


vieti di assembramento? Come
rispondere alle necessità e ai

E aiuta gli ospedali


problemi che la crisi sanitaria
ha innescato? Queste le do-
mande che si sono fatti i genito-
ri di Montorfano e ne è scaturi-
ta una decisione rapida e so-
Montorfano prattutto dal grande cuore soli-
Le avevano ordinate dale, nonostante le difficoltà
del momento. «Abbiamo quin-
già all’inizio dell’anno di pensato per arrivare a tutto il
Cambiano i destinatari, paese, chiuso giustamente nel-
non la generosità le case, e di utilizzare il canale
della pagina Facebook “Se di
Comprano 200 uova Montorfano se” per lanciare un
di Pasqua per sostenere i biso- appello a favore delle realtà sa-
gni del paese e delle sue realtà nitaria, che operano in prima li-
educative, ma l’emergenza sa- nea in questa emergenza –
nitaria Covid-19 stravolge i pia-
ni. Il gruppo genitori di Mon-
torfano, che raccoglie mamme
commenta Civati - Il ricavato
verrà devoluto agli ospedali
Valduce di Como e Sant’Anna e
Casa di riposo, telefono ed auguri
e papà sia dell’asilo che della al nostro comitato di Croce
primaria, si adatta ai tempi di Rossa di Montorfano. Siamo San Fermo. “Andrà tutto bene”, anche gli 88 per consentire a tutti di poter incontrare i loro
emergenza e, pur nelle difficol- consapevoli che la cifra che ver- ospiti della casa di riposo Villa San Fermo passano parentiattraverso videochiamata– dice il direttore
tà, lancia un appello per una Il banco con le uova pasquali rà devoluta e divisa non sarà almondounarcobalenoedunsorrisorassicurante. Simone Moneta – il morale resta alto così».
raccolta fondi a favore degli nulla di grandioso, ma non sia- Gli anziani che risiedono nella casa di riposo sulla Altra iniziativa: “L’arcobaleno”, il giornaletto in-
ospedali Valduce e Sant’Anna di mamme del gruppo – L’iniziati- mo riusciti a scegliere una real- collina di via Bignami non si demoralizzano, anche terno che si fa mensilmente a Villa San Fermo è
Como e del comitato della Cro- va era andata bene ed era stata tà a discapito di un’altra. A chi se in questo periodo i parenti non possono fare loro stato inviato in forma digitale a tutti i parenti. «Un
ce Rossa di Montorfano. apprezzata. Anche quest’anno, avrà voglia di abbracciare l’ini- visita. Stano tutti bene, fortunatamente, nessun ambiente spensierato e sorridente aiuta molto –
Il grande cuore delle famiglie quindi, avevamo pensato di fare ziativa, in accordo con le istitu- caso, e gli anziani, grazie all’equipe di animazione osserva Maurizio Cairoli – cerchiamo di mantene-
si vede anche nell’emergenza, lo stesso, destinando i fondi a zioni locali, le uova verranno della casa di riposo coordinata da Maurizio Cairoli re saldo il rapporto con i parenti che stanno un
che ha stravolto tutto, anche un altro progetto sempre legato consegnate direttamente a do- e grazie all’organizzazione del direttore Simone pochino soffrendo per la situazione attuale».
l’ordine delle uova e gli obbietti- al nostro territorio, ignari però micilio, solo ed esclusivamente Moneta, bypassano il diniego obbligatorio di visita A Villa San Fermo ogni giorno si lavora alacremen-
vi che erano stati decisi a gen- di tutto quello che sarebbe ac- all’interno del territorio comu- con la tecnologia e con la creatività: due videochia- te e, grazie alla collaborazione con il Comune, si
naio. Inoltre la situazione at- caduto. Volevamo in particola- nale». Chi vuole può contattare mate per ogni ospite a settimana. preparano anche i per i pasti per tutti gli anziani
tuale ha reso impossibile orga- re raccogliere fondi da donare tramite Facebook. Un’attenzio- Non ci si può abbracciare, ma i sorrisi e le carezze soli e non autosufficienti che sono seguiti dai servi-
nizzare il banchetto benefico in al parroco, don Alessandro Ca- ne sarà data anche a chi è in dif- arrivano attraverso i tablet, così come i saluti e la zi sociali del Comune. La casa di riposo prepara i
Piazza Roma. «Lo scorso anno sartelli, per la sistemazione dei ficoltà economica: «Daremo al- gioia di vedersi. E per Pasqua ai parenti arriverà pasti ed i volontari della Protezione Civile lo conse-
le uova benefiche avevano per- locali dell’oratorio. Le uova era- cune uova, tramite il Comune, a anche un video di auguri fatto da tutti i vecchietti gnano a chi ne ha fatto richiesta chiamando il Co-
messo di raccogliere fondi per no già state ordinate a gennaio chi non può acquistarle. Un se- per i parenti. mune al 031 5440032 dal lunedì al sabato, dalle 9
la nostra scuola dell’infanzia – con consegna la prima settima- gno di vicinanza». «Abbiamomodificatoilprogrammadianimazione alle 12. P. Mas.
spiega Sara Civati, una delle na di marzo, ma l’ordine, visti i Simone Rotunno

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rbUlTbha/OWQ=
30 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Lago e Valli

Abbate, il mondo dello sport si inchina


Tremezzina. Centinaia di telefonate e messaggi di cordoglio per la scomparsa del grande pilota e costruttore
Un coro, da Riccardo Patrese a Charles Leclerc e Loris Capirossi. Il figlio Tullio jr: «Ha lavorato fino all’11 marzo»
TREMEZZINA Abbate. Il mondo dei motori si mondo nel campionato Of-
MARCO PALUMBO è mosso come raramente visto fshore classe 1. Quanti ricordi
Questa mattina Tul- in passato. Impossibile citare da condividere con Tullio Ab-
lio Abbate tornerà nella sua tutti quelli che hanno telefo- bate. Più volte anche ieri Gui-
Tremezzina, la terra (e il lago) nato e fatto sentire la loro vici- do Cappellini - dieci volte
che tanto amava, sotto choc nanza ai figli (Tullio jr, Cristi- campione del mondo di For-
per la sua scomparsa, avvenu- na, Lucia, Paola e Monica) e ai mula 1 di motonautica - da Abu
ta nella tarda mattinata di gio- famigliari. Piangeva Riccardo Dhabi ha voluto testimoniare
vedì all’ospedale San Raffaele Patrese, 256 Gran Premi in l’affetto nei confronti del “Mi-
di Milano. Avrebbe compiuto Formula 1. «Lacrime dettate to”. Telefonate, messaggi e
76 anni il prossimo 14 luglio. dal cuore. E’ stato il mio padri- post via social sono giunti fa
Il “Mito”, il “Condottiero” e no di battesimo», dice Tullio tutto il mondo: Cina, Egitto,
semplicemente “Senior” co- jr. Anche Charles Leclerc, pi- Brasile, Libano, Emirati Arabi,
me lo chiamavano i collabora- lota monegasco dal 2019 alla Spagna, Francia, Germania, il
tori a lui più vicini dalla tarda Ferrari ha voluto far sentire la già citato Giappone, la lontana
mattinata di oggi sarà a Lenno sua vicinanza alla famiglia Ab- Nigeria, il nord Europa e non
presso la Sala del Commiato bate. Non poteva mancare poi da ultima la Nuova Zelanda.
dell’impresa Soldarini. Nel ri- il tributo di un altro grande Impossibile come detto citare
spetto delle norme sanitarie - Jacky Ickx, lui che con Tullio questa onda lunga d’affetto
dettate dall’emergenza in es- Abbate aveva un legame spe- che è arrivata forte qui in riva
sere - si potrà tributare l’ulti- ciale. Il “Jacky” ad Azzano di al Lario.
mo saluto all’uomo, all’im- Mezzegra era di casa.
prenditore che ha saputo rivo- Si è mosso e con tutto il ri- Villa d’Este Afrodite
luzionare con le sue linee e il spetto possibile anche il mon- Anche sui profili social dei figli
suo estro nautica e motonauti- do delle due ruote con Loris sono giunti messaggi di cordo-
ca, dando lustro nel mondo al Capirossi, il popolare “Capi- glio da ogni dove. A “La Pro-
nostro lago con largo anticipo rex” e il ds della Ducati, Paolo vincia”, Tullio Jr racconta gli Una fotografia alla quale Tullio era particolarmente legato: quella con il pilota brasiliano Ayrton Senna
rispetto all’attuale boom turi- Ciabatti. Dal lontano Giappo- ultimi giorni di cantiere, in
stico. ne anche la Bridgestone ha vo- quel di Schignano, di Tullio
luto far sentire il suo affetto Abbate: «Stavamo ultimando
L’omaggio verso un «grande innovatore una riedizione in composito
Lunedì è prevista la tumula- come Tullio Abbate». Anche la del Villa d’Este Special, la cui
zione nella Cappella di fami- Suzuki non ha voluto essere da prima versione era in legno.
glia nel cimitero di Tremezzo. meno, mentre dal Belpaese Dieci metri di pura eleganza
Da giovedì, qualche minuto tecnici e dirigenti della Ferrari pensati per un cliente specia-
prima di mezzogiorno, i tele- hanno salutato Tullio Abbate le. La barca è finita al 70%. L’11
foni della famiglia Abbate han- con la stima che si deve ad un marzo, l’ultimo giorno di lavo-
no squillato di continuo. I cin- pilota e costruttore sempre ro prima dello stop per l’emer-
que continenti hanno tributa- avanti nelle linee e nelle idee. genza sanitaria - decisione che La notizia su un sito austriaco
to il doveroso omaggio a Tullio In fondo, con il Drake - Enzo abbiamo subito posto in esse-
Ferrari -, Tullio Abbate aveva re - il papà aveva pensato ad
un rapporto speciale. alcune modifiche da apporta-
Anche la famiglia Castiglio- re al cruscotto. Appena si po-
n La tumulazione ni - i patron della Cagiva - ha trà, ricominceremo da qui.
nella cappella voluto esserci in questo lutto Credo che completare quella
che abbraccia tutto il mondo barca - che è stata ribattezzata
di famiglia dei motori. Dal Regno Unito è Villa d’Este Afrodite (dal no-
prevista giunto il messaggio di cordo- me della Dea greca della Bel-
glio - carico di significato - di lezza, ndr) - sarà per noi un
per lunedì Steve Curtis, otto titoli del qualcosa di speciale». Il famoso motoscafo Senna 40 dedicato al pilota Un omaggio dalla Germania

Gente di corse, Merzario in lacrime quando sostituì il legno con la


vetroresina, cambiò il mondo
della nautica». Si conobbero a
Bellagio, in balera: «Andavamo
aerodinamica applicato su una
barca. Poi lui andò avanti a fare
prove rimodellando quel con-
cetto con parti aerodinamiche

«Genio, il suo nome sulla mia tuta» a ballare al Lido, lui era il figlio
del grande Guido, maestro
d’ascia, io uno scapestrato che
sognava di fare il pilota. Ci in-
create apposta». C’è anche un
ricordo tragico: «Quando morì
suo nipote Guidino in un inci-
dente, il figlio di suo fratello
tendemmo subito, siamo di- Bruno, eravamo assieme per le
Il ricordo folla di amici e clienti che sa- ventati amici. Poi ho preso del- vacanze di Natale a Cervinia».
L’ex pilota di Formula 1 rebbe arrivata a salutarlo. Que- le barche da lui, e ogni volta era Di Tullio, Arturo ricorda so-
sta cosa mi mette addosso una una novità». prattutto la capacità di innova-
lo aveva conosciuto
tristezza infinita. Non lo meri- Ci sono episodi curiosi che zione: «Ogni barca era avanti a
al Lido di Bellagio tava. Perché era un genio». hanno unito i due: «Ogni tanto quelle della concorrenza e
«Cambiò la nautica> Merzario uomo dei motori, veniva a vedere le mie corse, e chiedete pure a qualsiasi
non sappiamo quanto si inten- ricordo che ai Gp di Italia del esperto o appassionato di mo-
Ci sono gli intervista- da di barche, ma di geni sicura- 1978 e del 1979, quelli che ave- toscafi, e vi dirà che molti co-
ti, quelli a cui chiedi un ricordo, mente sì. Ne ha conosciuti tan- vo corso con le vetture che por- struttori, poi, prendevano
vivo o commosso. Ma ci sono ti: «Tullietto - mi viene da chia- tavano il mio nome, misi il no- spunto da lui. Ricordo anche la
anche quelli che ti anticipano. marlo così, come lo chiamava- me Abbate sulla tuta e sulla gara che organizzò a Villa
Come Arturo Merzario, l’ex mo da giovani, prima che na- macchina. Così, un gesto di d’Este con i piloti di Formula 1,
pilota della Ferrari e di Formu- scesse suo figlio (tira su col na- amicizia, una sorpresa per lui le sue grandi passioni. E poi era
la 1. Chiama lui, per sfogare il so, ndr) - era un genio. Ha rivo- che veniva ai box. E poi ci fu la grande amico della famiglia
suo dolore. In lacrime. E Artu- luzionato la nautica. Un uomo questione dell’alettone». Grimaldi».
ro non è uno da lacrime facili... come l’ingegner Valletta della Quale? «Avevo ancora in Arturo chiude con una bat-
Un duro. Un guascone, uno che Fiat, che diede un’auto a tutti magazzino un alettone della tuta, che fa in tempo a trovare
recita la parte di quello che non gli italiani, con la prima catena mia Formula 1 e sapevo che lui rovistando nei suoi singhiozzi.
prende mai la vita sul serio. Ma di montaggio per fare la Topo- stava facendo delle prove di ae- «Chiedete a quelli della moto-
stavolta non è così: «Povero lino e l’idea dell’automobile rodinamica sul suo Offshore nautica chi era Tullio Abbate e
Tullio. Andarsene via così, sen- per tutti. Oppure come Piag- Gancia. Allora mi venne l’idea vi diranno così: “Bastava infi-
za nemmeno il conforto di un gio, che fece il primo scooter e di montare quell’alettone sulla largli una matita nel sedere e
saluto... Chissà, magari non mise sulla ruota anteriore una barca. Era logico che non an- lui avrebbe disegnato una bar-
possono fargli nemmeno il fu- sospensione come quella degli dasse bene, ma volevamo solo ca da urlo...”».
nerale, e comunque senza la aerei. Abbate era uno così: Arturo Merzario, pilota e grande amico di Abbate vedere il concetto di portanza Nicola Nenci

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rFKUc0E1x6TA=
Lago e Valli 31
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Anziani e infermiere
Cervi e cinghiali ovunque Un fiore in omaggio
«Agricoltura in ginocchio» dai commercianti
Dongo
Molti negozianti
Carlazzo. Chiusura della caccia e restrizioni: le coltivazioni compromesse hanno aderito
all’iniziativa: allegato
«Branchi di animali che girano tra le campagne: mais e verdura a rischio» anche un messaggio

CARLAZZO Un fiore per chi è so-


GIANPIERO RIVA lo. Un’orchidea per chi è co-
Troppi cinghiali in gi- stretto, a causa di questa
ro. La chiusura della caccia e le emergenza sanitaria, a tra-
restrizioni in atto, con le presen- scorrere la Pasqua in solitu-
ze antropiche ridotte al minimo, dine. Denota una sensibilità
la selvaggina sconfina e le semi- notevole l’iniziativa di un
ne del mais rischiano di essere gruppo di esercenti altolaria-
compromesse. ni che, in questi giorni, sta di-
Ma l’allarme non riguarda so- stribuendo fiori a persone
lo il granturco, produzione stra- che anche domenica non po-
tegica per il territorio; dai vigne- tranno stringersi ai parenti e
ti alle ortive, fino alla situazione a coloro che anche il giorno di
allarmante dei prati stabili, il Pasqua saranno nelle corsie
bollettino di guerra tra Valle In- ospedaliere a prestare cure ai La confezione regalata
telvi, Porlezzese e Val Menaggio Luigi Casarini pazienti.
è drammatico. «Lo facciamo in vista della mostrate. Speriamo, con que-
Pasqua pensando a tutte sto piccolo gesto, di farvi tor-
La Coldiretti quelle persone che dovranno nare il sorriso per continuare
Angelo Crispi, allevatore di trascorrerla sole – interviene a lottare fino a quando non
Carlazzo, ha il morale a terra: Fabio Daina, titolare del avremo sconfitto questo ma-
«Nemmeno il tempo di ripristi- Newton Rent a Boat di Dongo le».
nare i danni dell’inverno e il ciclo – in particolare a quegli an- Aderiscono all’iniziativa
è ricominciato – afferma – . Ho ziani che non avranno modo anche “Orchidee del Lario” di
completato i lavori e in un giorno di vedere nemmeno figli e ni- Gravedona, la cartoleria
solo cervi e cinghiali mi hanno poti, e poi alle infermiere del- “Briciola” di Gravedona, e , a
distrutto tutto. Indisturbati, alla l’ospedale di Gravedona, che Dongo, la macelleria “Maz-
luce del sole, perché qui nessuno invece lavoreranno anche in zucchi”, il supermercato Co-
si preoccupa di contenere il pro- questi giorni di festa partico- nad e l’alimentari “Zazà”. I ri-
blema. Sarebbe il momento mi- Un branco di cervi nei prati coltivati di Carlazzo Angelo Crispi larmente difficili. Offriamo storatori del territorio, in-
gliore per cacciare la selvaggina, loro un’orchidea con sincero tanto, continuano a prepara-
invece alle promesse degli ultimi e ai cittadini. Con l’emergenza agricola e anche un altro im- sentimento di gratitudine, re pranzo e cena per il perso-
mesi non è seguito nulla».
Con l’emergenza in atto, i sel- n L’allevatore sono stati sospesi i servizi di
contenimento sul territorio na-
prenditore agricolo del Porlez-
zese, Luigi Casarini, esprime
per cercare di condividere
con loro un po’ di vicinanza
nale Codiv 19 dell’ospedale.
Ai ristoranti “Spluga”, Biffi”,
vatici si muovono indisturbati e Angelo Crispi: zionale e chiusi gli ambiti terri- tutto il suo rammarico: «Si nota- in questo periodo di forzato “Mera”, “Beccaccino” e “Gia-
non sono rare le segnalazioni di
cervi a ridosso delle strade e del- «Avevamo appena toriali di caccia, con la polizia
provinciale impegnata nei con-
no branchi di animali con centi-
naia di capi che girano fra gli
isolamento».
Il biglietto allegato al fiore
comino” di Sorico, al “Cinque
Case” e al “Lario” di Gera La-
le abitazioni. «Il coronavirus sistemato i danni trolli stradali per la quarantena. abitati e le campagne. Io ho atte- per le persine sole recita: rio e al “Maloia” di Dubino si
non può e non deve essere una
scusa per giustificare l’escala- dell’inverno» Il territorio deve sentirsi re-
sponsabilizzato e darci una ma-
so fino all’ultimo i lavori di pre-
parazione dei prati per limitare
“Stiamo vivendo tutti un
brutto momento e vogliamo
sono aggiunti il ristorante
“Dongo”, l’hotel “Lauro” e le
tion di un problema che noi de- no, per dare garanzie agli agri- al massimo i rischi, nella speran- regalarvi un sorriso. Se tutta pizzerie “Al Ponte” e “Garba-
nunciamo da mesi, anzi, da anni
– dichiara Fortunato Trezzi, n Luigi Casarini: coltori di poter falciare i prati e
raccogliere quanto seminato nei
za di poter effettuare il primo
taglio a maggio. Ma ora ogni cer-
la comunità si stringe in un
abbraccio simbolico, ne usci-
tona” di Gravedona ed Uniti,
l’osteria “Monti”, l’“Ajo drink
presidente della Coldiretti co- «Speriamo campi». tezza viene meno, perché la pro- remo più forti e uniti di pri- & food” e il ristorante “La
masca – . Stiamo pagando caro
ciò che non è stato fatto negli di riuscire a fare I problemi
babilità di invasione dei selvatici
rimane altissima. In una sola
ma”.
Il messaggio per le infer-
Ronde” di Domaso e l’hotel
“Britannia” di Cadenabbia.
anni passati e ora occorre pren- il primo taglio Sono a rischio i raccolti e anche notte può essere mandato a miere, invece, dice: «Un sem- Una catena di solidarietà che
dere in mano al più presto la
situazione e dare risposte ur- dei prati a maggio» la fienagione, che entrerà nel
vivo il prossimo mese di maggio.
monte il lavoro di settimane e
non possibile lavorare in queste
plice grazie non potrà basta-
re per tutto ciò che state fa-
diventa, giorno dopo giorno,
sempre più solida.
genti e concrete all’agricoltura Si tratta delle basi della filiera condizioni». cendo e per il coraggio che di- G. Riv.

«Nè cassa integrazione nè il bonus» no dal 2 marzo quindi non gli


spetta. Credo siano due falle
temporali che colpiscono mi-
gliaia di aziende e persone in
di è una cifra ipotetica ma se si
aggiungo i contributi la cifra è
decisamente meno ipotetica.
«Abbiamo ridotto ai dipen-

Ristoratori beffati (con i lavoratori) Italia. Per altro il Governo ci


ha fatto chiudere il 10 marzo,
quindi noi abbiamo operato
regolarmente. Io ho sentito
denti il numero di ore ma per
adesso sono ancora in teoria al
lavoro, ci sono formule che mi
permetterebbero di pagarli
Confcommercio e la loro ri- poco o nulla ma loro poi non
Bellagio in considerazione - i titolari chiesta e speranza è vengano percepirebbero alcun stipen-
I titolari de “La Fontana” Raffaele e Mario Patroni corretti questi errori di forma dio e neppure l’indennità. Per
hanno assunto cinque stagio- da aprile, spero il Governo in- altro tre persone sono di Bel-
avevano assunto 5 stagionali nali per una durata del con- tervenga perché il danno ipo- lagio ma due sono di Chignolo
sin dall’inizio di marzo tratto di otto mesi. tetico per noi e anche per i no- Po e sono ferme in paese per-
E le date li hanno “traditi” «Il problema è proprio la stri dipendenti è ingente». ché non possono neppure
data di assunzione, perché il Si parla di oltre mille euro rientrare nel Pavese a causa
I ristoratori, i fratelli primo decreto che stabilisce per dipendente: «Il problema del decreto».
Patroni de “La Fontana”, ri- gli aiuti, mi pare fosse chiama- è che queste persone sono sta- Patroni è preoccupato:
schiano di rimetterci anche fi- to “Cura Italia”, sancisce la te assunte regolarmente per «Abbiamo fatto degli investi-
no a 50mila euro, solo per aver possibilità di mettere in cassa otto mesi ed è giusto vengano menti sugli interni: sia in sala
assunto cinque persone pochi integrazione anche nelle ditte pagate, anche perché non han- che in cucina, su una pedana
giorni prima scoppiasse con meno di cinque dipenden- no nemmeno l’indennità – all’esterno. Noi lo scorso anno
l’emergenza sanitaria. Il mo- ti – spiega il titolare Raffaele spiega Patroni - Ogni dipen- abbiamo lavorato moltissimo
mento è difficile ma al danno, Patroni - I dipendenti devono dente ci costa oltre mille euro e investito in proporzione. Ora
in questo caso, rischia di ag- essere assunti però prima del più i contributi, che sono pro- ci troveremo con l’investi-
giungersi anche la beffa. 23 febbraio e noi non possia- crastinati ma che poi devono mento fatto da pagare, l’affitto,
La storia, per cominciare. Il mo quindi dar loro la cassa». essere pagati comunque». le tasse, le utenze e anche i di-
Ristorante “La Fontana” a Fortunatamente per loro ci Si parla insomma di almeno pendenti. Abbiamo già chiesto
Bellagio è in pieno borgo, un sarebbe il bonus di 600 euro, 5mila euro al mese, ma in teo- un ingente fido ma dubito pos-
piccolo locale che lavora tan- ma è troppo semplice così: «Il ria molto di più, per il solo sa bastare. E’ una situazione
tissimo, per questo motivo al- bonus di 600 euro i miei di- marzo da moltiplicare per otto complicata per tutti». Per i
l’apertura dello scorso 2 mar- pendenti lo possono percepi- mesi: quindi 40mila euro. Poi due ristoratori, in realtà, lo è
zo - quando la pandemia non re, come tutti, se non risultano si spera si riprenda il prima un po’ di più.
era un’ipotesi neppure presa assunti al 17 marzo. Loro lo so- Uno scorcio del centro storico di Bellagio GANDOLA possibile naturalmente, quin- Giovanni Cristiani

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rodXg2SRxU2k=
32 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Olgiate
PROVINCIA@LAPROVINCIA.IT Ernesto Galigani e.galigani@laprovincia.it 031.582354, Emilio Frigerio e.frigerio@laprovincia.it 031.582335, Nicola Panzeri n.panzeri@laprovincia.it 031.582451, Pier Carlo Batté p.batte@laprovincia.it 031.582386,
Tel. 031 582311 Fax 031 521303 Roberto Caimi r.caimi@laprovincia.it 031.582361, Raffaele Foglia r.foglia@laprovincia.it 031.582356

No al “fast food”
accanto alla piazza
È battaglia legale
Olgiate Comasco. La società proprietaria dell’area
si è rivolta al Tar contro il diniego per un Burger King
Il Comune ha scelto il legale per resistere in giudizio
OLGIATE COMASCO il pratone) e a destra uno più «La previsione urbanistica
MANUELA CLERICI piccolo per accogliervi un pun- per quel lotto (destinazione
Discount e ristorante to vendita Burger King. Si tratta prevalentemente residenziale
fast food in centro, è sempre più del secondo lotto del program- con una porzione di commer-
battaglia legale. La società Nuo- ma integrato d’intervento del- ciale, ndr) oggi non è più realiz-
vo Spazio, proprietaria dell’area l’As2, di cui finora è stato realiz- zabile – sostiene Valli – Il mer-
As2 in via Roma interessata dal- zato soltanto il primo lotto, su cato chiedo altro ed è il motivo
l’intervento, ha presentato ri- cui sorge il complesso “La Piaz- per cui la società rinuncia alla
corso al Tribunale amministra- za”. edificazione di una quota di vo-
tivo regionale contro il Comune «Valutato un po’ il tutto con i lumetria, per realizzare due di-
di Olgiate e lo Sportello Unico nostri legali, riteniamo ci siano i stinti immobili a uso commer- L’area interessata dai nuovi insediamenti, sullo sfondo Piazza Italia
per le Imprese (Suap) per l’an- presupposti per vedere ricono- ciale».
nullamento, previa emanazio- sciuta l’autorizzazione a porta-
ne di misura cautelare, del di- re avanti il progetto presenta- Il giudizio
niego alla costruzione di un im-
mobile dove insediare un risto-
rante della catena Burger King.
to» dichiara Massimo Valli,
amministratore della Valli Co-
struzioni, figlio di Roberto Val-
Il Comune di Olgiate si è costi-
tuito in giudizio e ha affidato al-
l’avvocato Riccardo Anania
Bloccato anche il discount
Una precedente istanza,
avente analoghi contenuti, era
stata inoltrata nel luglio 2019
per chiedere l’annullamento
li, già amministratore di Nuovo
Spazio, società in liquidazione.

Le novità
l’incarico di assisterlo anche in
questa controversia legale.
«Manteniamo la linea del di-
niego legittimamente disposto
«In quell’area previste case»
del parere negativo espresso «Sono cambiate molte cose da dagli uffici comunali compe-
dal Suap alla costruzione di un quando fu approvata la conven- tenti, poiché la convenzione ur- OLGIATE COMASCO prietaria dell’area, ma è stato locali per la ristorazione) –
capannone in via Roma, dove zione relativa all’area di via Ro- banistica relativa al comparto La battaglia legale sul promosso da Lidl. spiega il sindaco Simone Mo-
aprire un discount Lidl. ma (As2), ma alla fine gli impe- As2 e le Norme tecniche di at- futuro del secondo lotto del- A febbraio 2019 era stato retti - L’amministrazione co-
La società punta a realizzare, gni sono stati rispettati. Manca tuazione vigenti non prevedo- l’As2 era iniziata lo scorso an- formalizzato un compromes- munale non ha fatto altro che
nel terreno accanto a piazza l’ultimo tratto di fognatura che no e non consentono la possibi- no. Il 28 febbraio 2019 Nuovo so di vendita a Lidl di 1.300 confermare la validità di una
Italia, due nuovi edifici com- è stato appaltato; tempi buro- lità di realizzare la media strut- Spazio srl aveva presentato metri quadrati di terreno edi- delibera di consiglio comuna-
merciali: uno più grande da de- cratici permettendo, dovrem- tura di vendita, oggetto della ri- domanda allo Sportello unico ficabile nel comparto As2 per le che definisce già cosa si può
stinare a sede di un supermer- mo riuscire a terminarlo – ag- chiesta da parte della società attività produttive di permes- insediarvi un proprio punto fare e cosa non si può, tenendo
cato del marchio Lidl (sulla si- giunge Massimo Valli - Nuovo Nuovo Spazio – afferma il sin- so di costruire e autorizzazio- vendita. Il ricorso non è stato conto degli interessi del pub-
nistra, guardando dalla statale Spazio ha trovato un modo per daco Simone Moretti – Non è ne commerciale per realizzare ancora discusso nel merito, blico e del privato».
completare il comparto in ma- una linea di cattiveria contro un capannone in via Roma, ma il Tar non ha concesso la «Ha confermato - specifica
niera differente da quella che qualcuno, ma di rispetto dei pa- dove insediare un punto ven- misura cautelare. ancora Moretti - la possibilità
n In precedenza era stata la prima previsione,
ma riteniamo che sia una pro-
rametri urbanistici stabiliti nel-
la convenzione del 2007 firma-
dita del marchio Lidl. A fronte
del parere negativo del Suap,
Anche in quel caso il Comu-
ne si era costituito in giudizio.
di insediare un’attività com-
merciale, ma che si possa inse-
bocciato posta valida e compatibile». ta e approvata dal consiglio co- Nuovo Spazio era ricorsa al «Da convenzione, sul se- rire nel contesto già approva-
anche L’obiettivo di Nuovo Spazio –
come conferma Valli – è portare
munale».
«Nessuno vieta di realizzare
Tar per chiedere l’annulla-
mento di tale provvedimento,
condo lotto sono previsti più
complessi residenziali, con
to, quindi mantenendo i profi-
li prescrittivi e di accesso indi-
l’insediamento a compimento il programma un Burger King - conclude Mo- previa sospensiva. Il ricorso è verde annesso, e una quota re- cati nel programma integrato
di un Lidl d’intervento e poi chiudere la
società.
retti ma all’interno del contesto
previsto dalla convenzione».
stato presentato da Nuovo
Spazio, in quanto ancora pro-
sidua di parte commerciale
(negozi, media distribuzione,
di intervento».
M. Cle.

Morta la storica ostetrica Vedova di Renato Brusa e


madre di Alberto, Carmela e
Gabriele, lascia un grande
vuoto nei suoi familiari.
noscenti chiedevamo a lei di
fare da madrina al battesimo
del loro figlio».
Una donna moderna.

«Ha lasciato un bel segno» «Tante persone se la ricor-


dano ancora – conferma il fi-
glio Gabriele - Ho ricevuto
una chiamata da un’amica
«Una delle prime auto a Bi-
nago è stata probabilmente la
sua, che aveva acquistato ne-
gli anni Settanta, in sostitu-
Binago rata da circa sette anni. bambini a Binago e circonda- per le condoglianze, che mi zione della bicicletta con cui
Adriana Ronchetti Originaria di Como, si era rio, tanti ancora si ricordano ha ricordato che mia madre girava per andare a casa delle
trasferita a Binago proprio di lei con riconoscenza e af- ha fatto nascere lei e i suoi tre donne che seguiva – ricorda il
aveva 94 anni per svolgere la sua attività di fetto. Ha assistito signore nel fratelli. A volte capita, par- figlio Alberto – Aveva fatto
«Ha fatto nascere ostetrica. parto anche quattro, cinque lando con persone di Binago parte anche del Collegio delle
centinaia di bambini» «Dopo gli studi a Milano, volte. Con molte era rimasta e del circondario che scopro- ostetriche di Como».
aveva iniziato a esercitare in amica. Le seguiva sia prima no di chi sono figlio, mi dico- Ha lasciato il segno.
La comunità piange Brianza e, a seguito di con- del parto, sia dopo per istrui- no “Mi ha fatto nascere, ha «Era l’ostetrica di riferi-
Adriana Ronchetti, “stori- corso, era stata assegnata alla re le neo mamme. Una signo- assistito mia mamma, mia fi- mento in zona – afferma il
ca” ostetrica del paese e del zona di Binago, Castelnuovo ra che era venuta a casa per glia, veniva a fare le iniezioni sindaco Alberto Pagani – Ha
circondario. Bozzente, Beregazzo con Fi- una visita ginecologica ha a mia nonna”». lasciato un gran bel ricordo,
Si è spenta a 94 anni nella gliaro e Solbiate – ricorda il partorito a casa nostra ed era «E tutti hanno un bel ri- tanti le sono ancora oggi rico-
residenza per anziani di Ve- figlio Alberto Brusa – Ha rimasta da noi una settima- cordo di lei - aggiunge con or- noscenti».
dano Olona, dove era ricove- fatto nascere centinaia di na». Adriana Ronchetti goglio -Molte mamme rico- M. Cle.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rJmD6dXUlYTo=
Olgiate e Bassa Comasca 33
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Contatti umani sospesi


VALMOREA
Le uova solidali
dei Cuorieroi
Stamattina i volontari dell’

Il Ticino e l’Unione associazione Cuorieroi con-


segneranno le uova solidali
di Pasqua prodotte artigia-
nalmente dalla N.I.D.A.

mai stati così lontani


onlus con cioccolato di otti-
ma qualità. Un gesto per so-
stenere i progetti dell’asso-
ciazione a favore dei bambi-
ni in difficoltà e delle loro
famiglie. Con un’offerta mi-
nimadi10euroavreteunuo-
Il caso. Saltate le storiche processioni di Mendrisio vo da 200 grammi fondente
oallatteperbambinoobam-
dopo che non si era tenuta quella di Somazzo bina con doppia sorpresa.
Per prenotazioni telefonare
E niente gita fuori porta sulle pendici del Generoso a Antonino al numero
338/16.56.305 o a Manuel al
UGGIATE TREVANO In questi giorni, a cadere sotto alla fine del 1.500, a conferma 349/23.26.869. L.TAR.
MARIA CASTELLI le restrizioni alla libertà di circo- degli intrecci di confine.
La pandemia da coro- lazione, sono state le grandi pro- Sospese, le Messe, alle quali UGGIATE TREVANO
navirus ha sospeso anche i rap- cessioni storiche della Settima- assistevano fedeli italiani in Le mascherine
porti umani lungo la linea di na Santa a Mendrisio: risalgono Canton Ticino e fedeli ticinesi cucite da Ricreo
confine, quella fascia tra la Lom- al 1.600, sono nella lista Unesco in Italia, quasi a ripercorrere le
bardia e il Canton Ticino da dei Beni culturali immateriali, tracce degli antenati apparte- Il santuario di Somazzo a Uggiate, meta di fedeli italiani e svizzeri I volontari di Ricreo- Centro
sempre considerata come un organizzati da un’apposita Fon- nenti ad un’unica Diocesi, la riuso dei materiali si sono
unico territorio. E li ha cambiati, dazione, schierano centinaia di Diocesi di Como che arrivava armati di ago e filo e hanno
trasferendoli dalla rete alla Rete, figuranti in costume e sono arti- fino a Coira, due secoli fa. realizzato delle mascherine
cioè dalla storica ramina al Web. colate in due giorni, il Giovedì e lavabili e igienizzabili a di-
Per le terre di il Venerdì Santo. Le gite sposizione per la comunità.
frontiera lombarde, In anni lontani e L’altra tradizione spezzata, nel- Saranno disponibili all’in-
il Canton Ticino è vicini, era tradizione la Pasqua e nella Pasquetta del- gresso della Cooperativa di
un proseguimento radicata la parteci- l’anno del coronavirus: le gite e consumo. L’offerta sarà de-
verso Nord di rela- pazione di devoti e le escursioni, con meta partico- voluta ai volontari della Cro-
zioni, oltre il lavoro, di semplici curiosi lare il Monte Generoso, con la ce rossa di Uggiate . L.TAR.
l’economia e le gran- alle processioni di vetta dominante sulle Terre di
di questioni inter- Mendrisio, raggiun- frontiera, il pic nic o la sosta ai UGGIATE TREVANO
nazionali o fronta- to a piedi, un tempo. Crotti. E poi, gli sport: anni ad- La consegna
liere. D’altra parte, sa- dietro, tanti giovanotti erano re- di indumenti
Viceversa, per il livano sul colle di clutati dal Calcio ticinese e molti
Canton Ticino, le Dante Peverelli Somazzo, in proces- nomi comaschi sono ancora La ramina, la rete che delimita il confine La Croce rossa italiana orga-
terre di frontiera Maestro di musica sione a piedi, da Riva iscritti negli Albi d’oro. nizza per i residenti nei co-
lombarde sono un San Vitale, i pelle- Ma sono rimaste le amicizie di qua compagnie a fiere, feste seguito da queste parti, ora si muni del Comitato, il servi-
proseguimento verso sud: la do- grini che perpetuano storie e che ora passano dalla Rete, cioè e sagre, rafforzando legami, co- allenano a casa e tengono con- zio di consegna e ritiro indu-
gana non è mai stata una barrie- leggende legate al Santuario di dalle nuove tecnologie. me una volta portava di là com- tatti telefonici con amici, diri- menti o effetti personali, per
ra, ma un contatto, tant’è che alla San Giuseppe. Un tempo, oltrepassavano la pagnie nei locali: le città lombar- genti ed allenatori. le persone ricoverate di Co-
proposta di abbassare le sbarre Preclusi anche i pellegrinaggi “ramina”, la rete di confine, ma de erano lontane; Chiasso, Men- Torneranno, quando anche la vid-19, in ospedale della pro-
di notte, i sindaci del nostro ver- da questa parte del confine al da dieci anni non ci sono più drisio, Lugano e dintorni erano Filarmonica Santa Cecilia di Ug- vincia di Varese e di Como. Il
sante sottolinearono le conse- Santuario della Madonna dei neppure i cancelli doganali a li- più vicini e più attraenti. E an- giate Trevano ritroverà il suo servizio è prenotatile dal lu-
guenze sulle relazioni umane. Miracoli a Morbio Inferiore, mitare il via – vai, né di giorno, che le giovani leve che varcavano maestro, Dante Peverelli, tici- nedì al venerdì, dalle 8 alle
prodigio attestato dal Vescovo né di notte. C’è il franco super- la frontiera per cimentarsi con nese, frontaliero alla rovescia 15, al 344/22.53.150. L.TAR.
Le processioni di Como Feliciano Ninguarda star, a dire il vero, che però porta l’Hockey, sport tipico del Ticino per amore della musica.

Campane mute che una tradizione, traman-


dato di famiglia in famiglia
per fare poi da colonna sonora
La “bella macellaia” gli avevano detto. E lui : «No, non
aspettatemi». Chissà quante
volte aveva detto quelle parole,

Ma il “ghireghè” alle celebrazioni della Pa-


squa.
Quest’anno, però, per
Il marito Ercole in famiglia, dopo un giorno di la-
voro in negozio: doveva andare
ad accudire le bestie, le allevava

suona per loro accanto a lei in cielo


l’emergenza sanitaria in cor- e soprattutto le “indorava”, co-
so sarebbe stato impossibile me gli rimproverava la moglie,
girare per le strade con il “ghi- pur con malcelato orgoglio.
reghè”, facendo scorrere il «Manca solo che dia il miele,
bastone nel dispositivo den- alle bestie», sospirava Rosange-
tato, con il tipico rumore di la, la sua bèla macelara che lui ha
uno strumento che qualcuno “indorato” fino all’ultimo respi-
chiama “tric e trac” e anche ro, perchè le voleva proprio tan-
“garganella” e chissà qual è to bene, si volevano tanto bene.
l’origine di “ghireghè”, parola E lui: «Per forza, se la carne
che riproduce il suono. dev’essere buona, alle bestie bi-
La Pro Concagno l’ha di- sogna dare roba buona», perchè
stribuito ai bambini che, dai la carne era destinata prima di
balconi, dai giardini, dalle tutto ai bimbi dell’asilo, fresca
porte di casa, l’hanno utiliz- tutte le mattine. La sua carne,
zato, quattro volte di venerdì sulle tavole delle fiere e delle sa-
e tre di sabato, alle 7,30 per gre, le sue bresaole, i suoi pezzi
annunciare che “l’è l’Ave Ma- per il bollito e per l’arrosto, sono
ria”, a mezzogiorno che “l’è state premiate tante volte. Ma
mesdè”; alle 15, che “l’è la via per Ercole, il premio era la sod-
Crucis” e alle 19 che l’è l’Ave disfazione della gente. Chiude-
Maria. va bottega, andava a casa, lo
E ai bambini di Solbiate, chiamavano: «Non è che mi dai
Cagno e Concagno, quest’an- due fettine?» e lui tornava in ne-
no diventate un unico Comu- gozio, riapriva, tagliava le bistec-
Un grupo di ragazzi mentre suona il “ghireghè” ne, sono state distribuite le Rosangela ed Ercole Livio che, quattro chiacchiere e tanta
uova di Pasqua, procurate da- cordialità. «Se vuoi mangiare
Solbiate con Cagno tolto da qualche angolo della gli Alpini di Solbiate e Cagno, Ronago Rosangela, partita per l’Eternità genuino, vieni da Ercolino»: la
Niente processioni casa e non sia stato fatto ri- dall’Associazione Noi, dalla II suo cuore solo venti giorni prima. verità è questa, stampata sul car-
suonare per le vie del paese, al Pro Loco di Cagno e dalla Pro- Dopo una vita insieme, sei fi- tello in negozio.
ma il tradizionale posto delle campane, legate
ha cessato di battere
Concagno. gli e 13 nipoti, cinquant’anni Una figura storica, l’Ercole,
strumento. dal Giovedì Santo per il silen- Trecento uova di cioccola- Quello di Rosangela Livio esatti fianco a fianco nel negozio mite e bonario, legato alla Socie-
è stato comunque usato zio sulla Croce e sul Sepolcro to «per stare vicino ai nostri venti giorni prima di macelleria del paese, non tà Sportiva Gs Ronago, mai
di Cristo. piccoli guerrieri: sono stati avrebbero potuto rimanere se- mancato una partita, ai Fooc e
Il suono del “ghire- E quando non c’è più, per- bravissimi ed è giusto pre- «La bèla macelara ha parati a lungo e quando i figli Fiamm e quando smise di “indo-
ghè” ha scosso l’aria anche ie- chè può capitare che si rom- miarli». chiamato suo marito Ercole, l’hanno visto per l’ultima volta rare” bestie in proprio, andava a
ri, Venerdì Santo e lo farà an- pa, il “ghireghè” viene rico- Bravissimi con il “ghire- perchè lei, da sola, non voleva in videochiamata con l’ospedale cercarle nei posti migliori. E ha
che oggi, Sabato Santo. struito, nelle forme che ha ghè”. Soprattutto, bravissimi stare su »: così, ieri, una parente Valduce, Ercole sentiva già forte ritrovato la sua Rosangela nel
Non è mai passato anno, sempre avuto: è un vero e pro- nei giorni del coronavirus. ha fatto sapere che Ercole Li- e imperioso il richiamo dal cielo. posto migliore.
nei secoli, che non sia stato prio rito anche questo, prima M. Cas. vio, 82 anni, ha raggiunto la sua «Papà, ti aspettiamo a casa», Maria Castelli

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rujAmxfeWe0M=
34 Olgiate e Bassa Comasca LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Dopo 21 anni sospesa la vigilanza privata Parcometri


La sosta
«Impossibile raccogliere i versamenti» gratuita
è prorogata
Appiano Gentile
Appiano Gentile. Il servizio era stato istituito nel 1999 dopo un’ondata di furti nelle case La decisione del Comune
arriva dopo
Il presidente: «La maggior parte dei nostri iscritti, circa 300, rinnova l’adesione ai banchetti» il prolungamento
delle restrizioni
APPIANO GENTILE strade da parte delle forze del-
Dopo ventun anni è l’ordine e le pochissimi persone Prorogata la sosta gra-
stato sospeso il servizio di vigi- che transitano nelle vie hanno tuita nel centro storico, con la
lanza privata. Non accadeva fatto sì che i furti, in generale, sola eccezione di piazza Libertà
dalla sua istituzione nella pri- si siano drasticamente ridotti. che resta a pagamento. Estese fi-
mavera del 1999 quando partì Pertanto il direttivo del Co- no al 3 maggio le restrizioni negli
per reazione all’impressionante mitato sicurezza ha deciso di spostamenti per contenere
recrudescenza di furti che allar- sospendere temporaneamente l’epidemia da coronavirus, il Co-
mò la cittadinanza sul finire del il servizio di vigilanza dal mese mune ha deciso per un altro me-
1998. Da allora non aveva mai di aprile fino a data da destinar- se – fino al 4 maggio - la liberaliz-
subito interruzioni il servizio si. zazione dei posti auto con stri-
notturno di sorve- «A parte pochi sce blu.
glianza privata del- che effettuano il bo- «Il precedente provvedimen-
le abitazioni dei so- nifico in banca, la to scadeva il 3 aprile – spiega l’as-
ci del Comitato ci- gran parte dei nostri sessore Pasquale Vergottini –
vico per la sicurezza iscritti (circa 300) In linea con l’estensione del
dei cittadini. rinnova l’adesione ai lockdown fino al 3 maggio, ab-
A determinare banchetti che orga- biamo posticipato di un altro
questo stop mo- nizziamo – spiega mese la gratuità dei posti auto
mentaneo non un Carlo Vassalli, pre- blu. Dato che circolano poche
calo delle adesioni sidente del Comita- persone per le limitazioni in at-
tale da non render- Carlo Vassalli to sicurezza – Non to, le aree parcheggio in centro
lo sostenibile eco- Il presidente abbiamo avanzi di storico sono pressoché quasi in-
nomicamente, ma cassa che ci permet- teramente vuote. Pertanto non
l’epidemia sanitaria che non tano di proseguire con il servi- c’è necessità di favorire una ro-
consente lo svolgimento del rin- zio per un po’ di tempo, in attesa tazione degli stalli con il sistema
novo-iscrizioni per il nuovo se- di effettuare la nuova sottoscri- Il comitato promotore raccoglie adesioni per il servizio di vigilanza, era il 2000 dei parcometri, fatta eccezione
mestre. In questo periodo, in- zione». per piazza Libertà, dove infatti
fatti, sarebbe dovuta iniziare la stesso costo (45 euro per sei da sempre un contributo) sono dere attraverso una telefonata resta in vigore la sosta a paga-
nuova campagna sottoscrizioni Il futuro mesi)». una ottantina i punti sorveglia- alla centrale operativa dell’isti- mento».
per il periodo aprile - settembre «Non appena sarà possibile po- Fino a data da destinarsi è ti, per raggiungere i quali la tuto di vigilanza un intervento Intorno a piazza Libertà si
2020, ma le restrizioni disposte ter organizzare la nuova campa- dunque sospeso il servizio di guardia giurata transitava in immediato della guardia giura- potrà posteggiare gratuitamen-
per il contenimento dell’epide- gna sottoscrizioni - conclude lo vigilanza svolto da una guardia tutte le zone di Appiano, com- ta, come normalmente avveni- te. Si continuerà invece a pagare
mia non lo permettono. stesso Vassalli - sarà nostra pre- giurata che, in media, tre volte piendo ogni notte circa 150 chi- va. nella fascia A, piazza Libertà, do-
mura attivarci immediatamen- a notte percorreva le vie del pae- lometri. È invece rimasto attivo il ve sono presenti 35 stalli a paga-
Furti ridotti te sia nel ripristino del servizio se dove risiedono i soci del Co- Per il periodo in cui non sarà servizio WhatsApp (circa 150 mento dal lunedì al sabato dalle
Inoltre – fa presente il Comita- delle guardie giurate, sia nell’or- mitato per controllare le loro effettivo il servizio di vigilanza iscritti) per gli aderenti al Co- 8 alle 12.30 e dalle 14 alle 19. Par-
to sicurezza dei cittadini di Ap- ganizzazione e comunicazione abitazioni. notturna, in caso di necessità mitato sicurezza dei cittadini di cheggiare in piazza costa 1,50
piano Gentile - le restrizioni e dell’inizio della nuova campa- Tra proprietà private e co- (rumori, persone sospette e si- Appiano Gentile. euro la prima ora, 2 euro la se-
i controlli posti in essere sulle gna adesioni semestrale allo munali (il Comune corrisponde mili) i soci non potranno chie- Manuela Clerici conda e 3 euro la terza. M. Cle.

Farmacia e Comune reperire le mascherine chirurgi-


che soprattutto per chi è impe-
gnato in prima linea e non ha an-
Alla Croce Rossa contenti di questa consegna in
quanto andiamo a supportare
due realtà che sono in prima li-

Una dotazione cora i dispositivi di protezione


necessari.
«La farmacia ha donato al Co-
mune di Fenegrò la prima tran-
1500 protezioni nea nella guerra contro il Co-
vid-19».
I Lions al fianco di chi è im-
pegnato quotidianamente nel-
di 5200 mascherine che di una fornitura di mille ma-
scherine chirurgiche. Sarà il sin-
daco di Fenegrò, Claudio Ca-
In dono dai Lions la lotta al coronavirus.
«Tutti i Club Lions del Di-
stretto 108 Ib1 hanno fatto un
nobbio a decidere a chi inoltrar- lavoro fantastico con donazio-
le: servizi sociali, Polizia Locale, ni alle varie organizzazioni che
Carabinieri della stazione di Lo- operano sul campo, ma anche
mazzo, volontari, ecc» ha detto il con l’impegno diretto attraver-
dottor Nicoli nel consegnare so i propri soci medici – sostie-
simbolicamente in municipio ne Mario D’Amico presidente
una confezione di mascherine dei Lions Club di Olgiate - Il Di-
chirurgiche al sindaco Claudio stretto Lions 108 Ib1 compren-
Canobbio. de cinque province: Como,
Il primo cittadino spiega co- Sondrio, Varese, Monza Brian-
me sarà distribuita questa pri- za, Lecco e alcuni Comuni del-
ma tranche dei dispositivi:«Rin- la fascia nord della provincia di
grazio di cuore la farmacia per Milano. Sono stati devoluti ol-
questo gesto di generosità. Le tre 500.000 euro a favore di
mascherine donate al Comune ospedali, case di cura e altre re-
saranno distribuite a chi opera altà dislocate sul territorio».
per il bene comune di tutti noi. Il presidente D’Amico ag-
Abbiamo deciso a nostra volta di giunge: «Dove c’è bisogno, lì c’è
Il sindaco Claudio Canobbio con il dottor Guancarlo Nicoli regalarle alle due stazioni di ca- La consegna dei dispositivi alla Croce Rossa un Lion pronto a servire. Ri-
rabinieri che operano sul terri- cordiamo anche il grande im-
Fenegrò operatori sanitari e le forze del- torio delle due farmacie che Lurate Caccivio ne ha donati cento alla prote- pegno della nostra Fondazione
Mille le ha regalate l’ordine. hanno regalato le mascherine, Mascherine professionali zione civile di Lomazzo. Pre- Lcif (Lions Clubs Internatio-
«Sono mascherine che il Co- ovvero 300 ai carabinieri di Ap- senti alla consegna, oltre ai nal Foundation), che ha messo
il dottor Nicoli già consegnate
mune dona a tutta la cittadinan- piano Gentile, 300 ai carabinieri rappresentanti dei due Comi- a disposizione dei Lions italia-
Le restanti le ha acquistate za come ausilio fondamentale di Lomazzo, 300 alla Protezione La Cri ne ha donati cento tati, anche i tre soci del Lions ni 350.000 dollari per la lotta al
direttamente il Comune per l’uso quotidiano. Sono lava- Civile di Cadorago con cui ab- ai volontari di Lomazzo Club di Olgiate Comasco Covid-19. Grazie al lavoro svol-
bili, con una tasca per inserire biamo una convenzione e che Francesco Gallo, Giuseppe to da un altro socio del Lions
Il Comune ha acqui- un ulteriore velo» spiega il sin- opera sul territorio comunale e Il Lions Club di Olgia- Agostinelli e Gian Luca Sala. Club Olgiate Comasco, Ga-
stato e distribuito 4200 ma- daco Claudio Canobbio. 100 alla nostra polizia locale». te Comasco ha donato 1.500 Quest’ultimo in duplice veste, briele Necchi, responsabile
scherine civili alle 1400 famiglie Il Comune ha poi ricevuto in Un gesto concreto, ma anche mascherine alla Croce Rossa di in quanto responsabile anche della Fondazione per il Di-
del paese: i ragazzi del gruppo dono dalla Farmacia Nicoli di simbolico per dire grazie a chi Lurate Caccivio. del centro operativo della Pro- stretto 108 Ib1, anche una
giovani e altri volontari hanno Fenegrò e di Lurago Marinone ogni giorno è chiamato a difen- I preziosi dispositivi di pro- tezione civile di Lomazzo. struttura del nostro territorio
recapitato nelle cassette postali ben mille mascherine chirurgi- dere il bene della collettività tezione individuale FFP2 pro- Francesco Gallo, responsa- potrà usufruire di una dona-
un set composto da tre dispositi- che. Il farmacista Giancarlo Ni- mettendo a rischio la propria sa- fessionali sono stati consegna- bile del Gst del Distretto Lions zione della Fondazione Li-
vi. Da parte sua la farmacia Nico- coli ha voluto contribuire con lute. ti l’altro ieri alla Croce Rossa di 108 Ib1 (Global Service Team), ons».
li ne ha regalate altre mille per gli questo gesto alla difficoltà nel L. Att. Lurate Caccivio, che a sua volta dichiara: «Siamo veramente M. Cle.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rMdA6la8rXBw=
Olgiate e Bassa Comasca 35
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Mozzate, la tragedia di Davide Fondo contro la crisi


I cittadini in soccorso
«Sono vicino con la preghiera» a chi è in difficoltà
Cordoglio in città. Il giovane operaio, 24 anni, è morto nel sonno Limido Comasco
Il sindaco Danilo Caironi
Il dolore di don Vinicio Viola: «Siamo tutti increduli e dispiaciuti» «Segnali negativi
Ma noi stiamo facendo
MOZZATE la nostra parte»
GIANLUIGI SAIBENE
«È con la preghiera che Il Comune ha costitu-
in questo momento cercherò d’es- to un fondo di solidarietà comu-
sere vicino alla famiglia di Davi- nale e invita tutti i cittadini a da-
de». Il parroco, don Vinicio Vio- re un proprio contributo.
la, conforta i familiari di Davide «L’emergenza che ci trovia-
Fioramonte, 24 anni, scomparso mo tutti insieme ad affrontare
a causa di un improvviso malore. non è solo di tipo sanitario ma
Un tragedia che ha sconvolto la anche sociale – è la riflessione
famiglia del giovane attorno alla del sindaco Danilo Caironi – Danilo Caironi
quale si sta intanto stringendo in sono infatti già tanti i segnali che
un abbraccio ideale anche tutta la purtroppo annunciano un peri- 030 intestato a Comune di Limi-
città. odo non breve di crisi economi- do Comasco, causale “Fondo di
ca ed occupazionale che pur- solidarietà comunale per emer-
Il cordoglio troppo peserà soprattutto sulle genza Covid-19”.
«Siamo rimasti increduli, è di- fasce più deboli della popolazio- C’è infine da ricordare che il
spiaciuto a tutti tantissimo per ne. Come amministrazione co- Decreto legge “Cura Italia” pre-
l’inaspettata tragedia che ha col- munale siamo in prima linea nel vede incentivi fiscali per i sog-
pito i nostri concittadini – prose- rispondere alle richieste di aiuto getti che effettuano erogazioni
gue don Vinicio – penso che in di famiglie in difficoltà e ci siamo liberali, in denaro o natura, a so-
questi giorni, in cui non è purtrop- da subito attivati per la distribu- stegno delle misure di contrasto
po possibile officiare le esequie Via Porta a Mozzate dove Davide abitava con la famiglia Davide Fioramonte zione delle risorse del “Fondo di all’emergenza Coronavirus, pari
funebri, un modo per non far sen- solidarietà alimentare” erogato ad una detrazione del 30% per le
tire sola la famiglia nell’affrontare parole l’intera cittadina. profilo Facebook dei brani musi- della Protezione civile». persone fisiche ed al 100% per le
il dolore che stanno vivendo, è cali, video e i testi delle canzoni. Dal Comune si sottolinea pe- imprese. «L’emergenza ha fatto
certamente la preghiera. Ritengo n Riservato Il lavoro Davide era riservato, ma sem- rò la necessità di poter integrare affiorare tante forme di aiuto
che ci potrà comunque anche es- e gentile Davide lavorava come operaio già pre gioviale e gentile con i fami- il fondo in questione al fine di della cittadinanza che speriamo
sere anche un momento per ritro- da alcuni anni, in una ditta specia- gliari, e in particolare con le sorel- poter garantire anche interven- durino nel tempo – conclude il
varci e potergli così dare l’ultimo lavorava lizzata nella stampa di materiale le Sonia e Monica. ti di assistenza a di più lungo ter- primo cittadino - questa è una
saluto». in una ditta plastico della zona. Dopo aver fre- Mercoledì, vedendo che a me- mine e di maggior respiro quali, nuova occasione per esprimere
L’invito del parroco è quello di quentato le scuole superiori, Da- tà mattinata non si era ancora ad esempio, il sostegno al regola- la solidarietà all’interno della
superare i limiti imposti dal- della zona vide aveva sempre lavorato, ma alzato, i famigliari erano andati re pagamento degli affitti, delle nostra piccola comunità. I fondi
l’emergenza sanitaria con la pre- era rimasto in contatti con alcuni nella sua camera per svegliarlo, utenze e altro ancora. Quanti donati saranno interamente
ghiera e far sentire il proprio so- dei coetanei conosciuti sui banchi rimanendo increduli nel rendersi vogliono sostenere le iniziative utilizzati dai servizi sociali co-
stegno ai familiari dello sfortuna- di scuola. conto di quel che era purtroppo comunali rivolti alle fasce più munali a sostegno dei cittadini
to giovane, familiari che hanno Era un grande appassionato di avvenuto. fragili della popolazione posso- che si trovano in condizioni di
intanto dimostrato grande digni- musica e in particolare della band In sindaco Luigi Monza, da no effettuare una donazione sul indigenza a causa dell’ attuale
tà e forza morale nell’affrontare americana dei Linkin Park, di cui partesua, esprime il cordoglio del- conto corrente all’Iban: difficile situazione».
un dramma che ha lasciato senza postava abitualmente sul proprio l’intera comunità di Mozzate. IT08F0503438201000000000 G. Sai.

Addio al volontario tifoso nata una bella amicizia, che an-


dava appunto oltre al calcio, che
era però anche la passione che
avevamo sempre condiviso».
mo; siamo vicini ai sui familia-
ri”»
Lo ricorda anche il sindaco
Giovanni Rusconi:«È sempre

«Una colonna dell’Esperia» Un impegno e una disponi-


bilità diventati quindi preziosi
per la società, la cui prima squa-
dra gioca in prima categoria, at-
stato un volontario al centro
sportivo e con il proprio costan-
te impegno ha dato molto alla
nostra comunità. Era una per-
Lomazzo amico, l’unico rimpianto è di persona. Tifoso della squadra torno al quale gravitano com- sona gioviale e sempre disponi-
Commozione in città non essere riuscito a parlargli lomazzese e ogni volta disponi- plessivamente oltre un centi- bile con tutti».
per un’ultima volta». Paolo bile a darsi da fare, in passato naio di atleti, in diverse catego- «Ci conoscevamo da molti
per la scomparsa Corbetta, vicepresidente del- aveva collaborato anche con il rie e attività che vanno dai Pri- anni – conclude Rusconi – ri-
di Giuseppe Iannì l’Esperia calcio, ricorda con af- Gs Arco. mi calci e Scuola calcio, agli Ju- tengo che tutti ricorderemo
«Era sempre presente» fetto e commozione Giuseppe «Da 2005, quando avevamo niores, Allievi, Giovanissimi e con rispetto e ammirazione la
Iannì, 70 anni a luglio, che la- riavviato le attività dell’Esperia Esordienti. passione, l’attenzione e l’impe-
«Come me, era da scia la moglie e due figli. lui c’era sempre – racconta an- «La sua voglia d’essere sem- gno che Giuseppe ha sempre in-
sempre un appassionato di cal- Per tanti anni era stato parte cora Corbetta – anche in setti- pre presente e vicino alla socie- teso dimostrare nel seguire le
cio ed era stato anche lui arbi- del gruppo della società cittadi- mana capitava abitualmente di tà era un esempio per tutti noi – attività del locale mondo spor-
tro: era un tifoso, un collabora- na, sempre pronto a dare una sentirci, era simpatico e sempre aggiunge ancora il vice-presi- tivo».
tore ma anche e soprattutto un mano e a impegnarsi in prima gioviale, tra di noi era insomma Giuseppe Iannì dente – ci mancherà moltissi- G. Sai.

Consegna biancheria da lunedì al venerdì.


Gli ospedali nei quali l’attivi-
tà viene garantita sono per il mo-
Il numero verde Cri mento quelli di Cantù, Como
(Sant’Anna e Valduce), Saronno
e Tradate. I volontari sono quin-
Lomazzo di concretamente impegnati a
Il servizio è organizzato fare tutto il possibile per limita-
re i disagi che l’isolamento sta
dal comitato lomazzese provocando a molte famiglie.
per le persone Per saperne di più è possibile
ricoverate in ospedale inviare un’email a info@crilo-
mazzo.org. Da segnalare che, tra
La Croce Rossa orga- le raccolte fondi che sono state
nizza, per i residenti nella Bassa promosse in queste ore favore
comasca, un servizio gratuito di dei volontari lomazzesi, in pri-
ritiro e consegna di biancheria o ma linea nella lotta contro il co-
effetti personali, per le persone ronavirus, c’è stata la raccolta
ricoverate in ospedale. Per po- fondi portata avanti dal Gruppo
tersi avvalere dell’utile opportu- giovani Fenegrò, che ha messo a
nità si può chiamare il numero disposizione 420 euro.
verde 800605905, dalle 9 alle 18, Un’ambulanza della Cri G. Sai.

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDsMzIwOsYn6rwRZwulQ8iGM=
36 LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Erba
REDERBA@LAPROVINCIA.IT Ernesto Galigani e.galigani@laprovincia.it 031.582354, Emilio Frigerio e.frigerio@laprovincia.it 031.582335, Nicola Panzeri n.panzeri@laprovincia.it 031.582451, Pier Carlo Batté p.batte@laprovincia.it 031.582386,
Tel. 031 582311 Fax 031 521303 Roberto Caimi r.caimi@laprovincia.it 031.582361, Raffaele Foglia r.foglia@laprovincia.it 031.582356

«Spesa di almeno 8 prodotti o multa»


Erba. L’ordinanza del sindaco Veronica Airoldi (autorizzata del prefetto): «Troppi in giro con la scusa degli acquisti»
«I casi di persone positive sono raddoppiati in pochi giorni». I decessi sono 14. Previste sanzioni da 400 a 533 euro
ERBA passeggiata per acquistare il pa-
LUCA MENEGHEL ne tutti i giorni.
Fine delle passeggiate Si arriva così all’ennesimo gi-
per comprare un panino o un ro di vite. «Lo spostamento delle
pacchetto di sigarette. persone fisiche per recarsi a fare
L’ultima ordinanza firmata la spesa - ordina Airoldi - è am-
dal sindaco Veronica Airoldi, messa sul territorio comunale
in vigore da ieri mattina, preve- solo per l’acquisto di almeno ot-
de che si possa uscire di casa per to prodotti alimentari e non».
fare la spesa a patto di acquistare Il riferimento al territorio co-
almeno otto prodotti: la misura - munale è importante: il sindaco
che non si applica alle farmacie - ribadisce che non si può utiliz-
è stata autorizzata dal prefetto zare la scusa della spesa per var-
di Como ed è pensata per evitare care i confini erbesi, perché in
che i cittadini escano tutti i gior- città ci sono supermercati nego-
ni per i rifornimenti alimentari. zi. Chi non rispetta l’ordinanza
L’ordinanza, molto più re- rischia una multa da 400 euro se
strittiva rispetto ai vincoli impo- pizzicato in giro a piedi e da 533
sti dallo Stato e dalla Regione, euro se fermato alla guida di un
deriva da una serie veicolo; in entrambi
di considerazioni. i casi è prevista la
Prima di tutto, spie- possibilità di saldare
ga e scrive il sindaco, entro 30 giorni con il
«dall’incremento 30 per cento di scon-
dei casi di Covid-19 a to.
livello regionale e Che cosa cambia,
soprattutto comu- di fatto, per chi fre-
nale, con i contagi quenta i negozi del
raddoppiati nel giro centro città? Chi
di pochi giorni». Veronica Airoldi usciva ogni mattina
I numeri parlano Sindaco di Erba per comprare due In attesa di fare la spesa al “Famila” di Erba: tutti in fila con il carrello BARTESAGHI
chiaro: il primo di panini e un pacchet-
aprile gli erbesi positivi erano to di sigarette dovrà riorganiz-
42, oggi - complice la situazione zarsi, e uscire una o due volte alla
preoccupante di Ca’ Prina - sono settimana acquistando riforni-
80 e la conta dei morti è salita a menti per i giorni successivi.
quota 14 (gli ultimi sono due uo-
Scattano i controlli della polizia locale no anche che siano stati com-
prati almeno otto prodotti.
La nuova ordinanza arriva a
mini di 75 e 82 anni, oltre due Florovivaisti nei cimiteri
donne di 82 e 80 anni). L’importante è che i prodotti nel «Ispezioni o scontrino su WhatsApp» poche ore da Pasqua e Pasquet-
ta, due giornate calde anche per
sacchetto siano sempre almeno i vigili erbesi. Il comandante è in
Presenza ingiustificata otto (vale per i negozi di vicinato ERBA to alimentare come una scusa che le cose stiano proprio così». attesa delle disposizioni da Co-
Eppure, continua Airoldi, «per- e i supermercati). Il sindaco ha firmato per andare un po’ a spasso. Ed ecco che entra in campo la mo per organizzare pattuglia-
siste una presenza diffusa e in- Non mancano le novità sul l’ordinanza e gli agenti della po- «Se qualcuno dichiara che è tecnologia. «Gli facciamo com- menti e posti di controllo, certa-
giustificata di cittadini sulle fronte dei cimiteri, chiusi ormai lizia locale sono già in prima li- stato a fare la spesa - dice Giglio - pilare l’autocertificazione con mente verranno i controllare le
strade, in macchina o a piedi, in da settimane. Airoldi spiega che nea per far rispettare la norma- chiediamo di vedere i sacchi nel cui dichiara che sta andando a strade che portano verso luoghi
particolare negli orari di apertu- la cura delle tombe verrà garan- tiva. bagagliaio. Il problema è quan- fare la spesa, ma chiediamo che sensibili come il lago del Segrino
ra dei negozi e dei supermerca- tita dagli operatori. Il comandante Giovanni do qualcuno ci dice che è appena ci invii attraverso WhatsApp o piuttosto che la Valle Bova.
ti». Gli erbesi potranno inoltre Marco Giglio ha preso molto uscito di casa e sta andando in la mail copia dello scontrino fi- Luoghi, insomma, ideali per
Giorni fa il vicesindaco Erica prenotare nuovi fiori dai florovi- sul serio l’emergenza sanitaria e un negozio o al supermercato: scale entro 48 ore: se è tutto in fare una bella passeggiata o un
Rivolta ha aggiunto un detta- vaisti della città, che si occupe- ha escogitato un modo per con- ovviamente non possiamo per- regola, nessuna sanzione». picnic primaverile. Pratiche
glio interessante: sono proprio ranno in prima persona di por- trollare che le persone si rechi- metterci di farlo seguire dagli Fino all’altro giorno bastava vietatissime e molto pericolo-
gli anziani, ovvero la fascia più a tarli al cimitero sulle tombe in- no davvero a fare la spesa, senza agenti, ma allo stesso tempo ab- lo scontrino che certificasse se.
rischio, a non rinunciare alla dicate dai familiari, utilizzare l’approvvigionamen- biamo la necessità di verificare l’acquisto, ora gli agenti verifica- L. Men.

L'INTERVISTA GIOVANNI CICERI.


consegne a domicilio, funzionano Io spero che i cittadini si stiano
Avvocato, presidente Confcommercio Como, ex presidente Lariofiere
benissimo e sono garantite sem- rendendo conto di quanto siano
pre dai piccoli negozi di vicinato. essenziali i piccoli negozi per la
vita della città, e che se lo ricordino

«Organizziamo gli acquisti Davvero troppe persone in giro?


Sì,levedoancheio.Perquestodico
che sono d’accordo con il sindaco
Airoldi. Come Confcommercio
anche quando l’emergenza sarà
passata. Approfitto anzi per rin-
graziare chi è aperto e lavora tutti
i giorni in prima linea: spero che

Per ripartire prima e meglio» siamo stati i primi ad accettare


tutti questi sacrifici, per un motivo
semplice: se vogliamo ripartire,
presto si possano aggiungere an-
che le pasticcerie che per ora pos-
sono operare solo con le consegne
prima dobbiamo sconfiggere il co- e domicilio.
ronavirus e possiamo farlo solo
ono d’accordo, si vedono e presidente di Confcommercio che sono in prima linea in questa restando a casa. Pensiamo ai bar: Il commercio si riprenderà?

S troppe persone in giro e li-


mitare i contagi è l’unica
via per far ripartire il com-
mercio.Glierbesicontinuinoperò
a frequentare i negozi di vicinato,
Como, sposa la linea dell’ammini-
strazione comunale.

Questadecisionenonrischiadiessere
penalizzante per i piccoli negozi?
emergenza. Anziché acquistare
prosciutto e latte ogni mattina, si
può comprare una quantità mag-
giore che basti per 3-4 giorni. In
fondo è una tutela anche per i ne-
quando potranno riaprire, per un
po’ dovranno lavorare con ma-
scherine e tenendo le distanze mi-
nime, non sarà certo una passeg-
giata. Ecco perché arrivare al più
Il periodo è molto difficile, ma
proprio per questo dico che dob-
biamo stringere i denti ancora per
qualche settimana: una volta az-
zerato il contagio, si potrà riparti-
comprando più prodotti insieme Non credo, il concetto di fondo è gozianti: avere meno persone che presto a zero contagi è fondamen- re con tanta voglia di fare e senza
e sfruttando l’ottimo servizio di chiaro: il sindaco invita ad acqui- vanno e vengono è un modo per tale per tutti. paura, mantenendo comunque le
consegna a domicilio». stare più prodotti in una volta, ri- ridurre le possibilità di contagio. necessarie precauzioni».
Giovanni Ciceri, cittadino erbese volgendosi comunque ai negozi Poi invito tutti a usufruire delle Resterà qualcosa di positivo? L. Men. Giovanni Ciceri

rj4nahuqL7IKDFmC+mbfDhe0u3DIdgYoov6rpVDJLW8=
Erba 37
LA PROVINCIA
SABATO 11 APRILE 2020

Chef stellato Conforto


ai bisognosi
Da alpini
e crotto e associazioni

Pranzoservito
Canzo
In prima linea come
sempre gli alpini ma sono di-
versi i volontari impegnati a
Canzo coordinati da polizia lo-

a chi è solo cale e Comune, tra di loro il Sos


e carabinieri in congedo.
Gli alpini in questi giorni
stanno facendo tre turni a favo-
re degli anziani, dei malati del-
le persone insomma più fragili.
«Il nostro impegno è inizia-
Albavilla. Mauro Elli e Luca Vaghi to da un paio di settimane, que-
sta è la terza, sono 13 i volontari
aderiscono all’iniziativa del Comune