Sei sulla pagina 1di 2

UNITA 8 - LA CONTABILIZZAZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

1 Gli avviamenti già iscritti nei bilanci precedenti a quello 2016 devono:
Possono continuare ad essere ammortizzati in base al loro piano di ammortamento originario
2 La quota di ammortamento dell'avviamento deve essere classificata:
In avere dello stato patrimoniale nella voce B 10 a)
3 I costi di impianto sono rappresentati da: Spese relative al periodo iniziale della vita
dell'azienda in cui vengono effettuati gli adempimenti previsti dalla legge e predisposte le
strutture necessarie per poter intraprendere l'attività aziendale
4 In sede di contabilizzazione i costi di impianto devono essere iscritti: In dare e
generano IVA a credito
5 I costi di sviluppo sono rappresentati da: Costi del personale impegnato nell'attività di
sviluppo
6 In sede di contabilizzazione i costi di sviluppo devono essere iscritti: In dare e
generano IVA a credito
7 I costi diritti di brevetto sono rappresentati da: Costi relativi a un diritto di brevetto
industriale
8 In sede di contabilizzazione i diritti di brevetto devono essere iscritti: In dare e
generano IVA a credito
9 Le licenze d'uso sono: Atti di derivazione privatistica e hanno alla base un contratto di
cessione del diritto di utilizzare, con possibili limitazioni spazio-temporali, su beni immateriali
(brevetti, know-how, software)
10 I costi di impianto e i costi di sviluppo sono ammortizzati: In quote costanti secondo la
loro vita utile o se non è possibile stimarla entro un periodo non superiore a cinque anni
UNITA 9 - LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI SECONDO IL CODICE CIVILE
1 L'art.2424 del c.c. considera immobilizzazioni materiali: Terreni e fabbricati, impianti e
macchinari, attrezzature industriali e commerciali, altri beni, immobilizzazioni in corso e acconti
2 L'ammortamento: È un costo continuo
3 Il valore da ammortizzare è costituito: Dalla differenza tra il valore di acquisizione del
bene e il suo valore residuo che si presume di realizzare al termine del periodo di vita utile, al
netto di eventuali spese di rimozione
4 Il piano di ammortamento viene formulato extra-contabilmente e se ne deve dare
informazione: In nota integrativa

5 Il criterio di ripartizione dell'ammortamento prevede la possibilità di scegliere tra:


Metodo a quote variabili, metodo a quote costanti, metodo a quote decrescenti
6 Negli immobili il valore di realizzo è quasi sempre:
Superiore al valore originario di acquisizione
7 I principali fattori da considerare nella stima della vita utile sono:
Il deterioramento fisico e l'obsolescenza conseguente alla continua evoluzione tecnologica
8 La svalutazione di una immobilizzazione deve essere operata:
Quando il valore contabile residuo non può essere ricuperato
9 Il piano di ammortamento deve tener conto: Dell'obsolescenza del bene
10 Un macchinario, il cui costo storico è pari a 10.000 euro e ammortizzabile in 10,
alla fine del primo anno ipotizzando l'utilizzo per l'intero anno, prevederà l'iscrizione
in conto economico: Di euro 1000

UNITA 10 - LA CONTABILIZZAZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI


1 Il principio contabile OIC 9 definisce il valore recuperabile:
Il maggiore fra il valore equo (cioè il prezzo di mercato ottenibile dalla vendita in una
transazione ordinaria) ed il valore d'uso
2 Gli oneri accessori: Devono essere iscritti nell'attivo dello stato patrimoniale e ammortizzati
3 Il fondo ammortamento deve essere rilevato: In avere dello stato patrimoniale
4 Se il valore contabile dell'immobilizzazione risulta durevolmente superiore al suo
valore recuperabile si deve: Svalutare il bene
5 In caso di cessione di un bene iscritto fra le immobilizzazioni materiali ad un valore
superiore al suo valore contabile: Si genera una plusvalenza
6 In caso di cessione di un bene iscritto fra le immobilizzazioni materiali ad un valore
inferiore al suo valore contabile: Si genera una minusvalenza
7 Ai fini fiscali se il bene ceduto è posseduto da più di tre anni, la plusvalenza è:
Rateizzata in cinque quote costanti
8 La realizzazione di una operazione di permuta:
Può non generare una plusvalenza tassata se il bene ricevuto viene iscritto allo stesso valore
contabile del bene ceduto
9 Ai fini IVA la permuta la permuta è considerata come:
Una doppia cessione, e pertanto entrambi dovranno emettere fattura con IVA
10 Se il bene A acquistato 100 (con fondo ammortamento di 60) viene ceduto a 50 in
cambio di un bene B che vale 50, le voci che si movimentano sono:
IL bene ceduto ed il suo fondo ammoratamento, il bene acquisito, l'IVA a credito e a debito e
la plusvalenza